Page 1

QE-MAGAZINE WEB #15 Anno 3- 28 aprile 2018

Nella foto, da sinistra: Didier Viltart, SEM Bernard Fautrier, Thierry Bisch, SAS il Principe Alberto II di Monaco e Louisette Levy-Soussan Azzoaglio. Credit CREM/ Philippe Fitte


Edito

QE-MAGAZINE #15 28 aprile 2018 QE-MAGAZINE #15

In occasione della ricorrenza della nascita di Leonardo da Vinci (15 aprile 1452) la Farnesina ha promosso la prima edizione della Giornata della ricerca italiana nel mondo, al fine di valorizzare e divulgare ovunque la ricerca e le eccellenze italiane . A far eco all'iniziativa anche a Monte-Carlo, con il patrocinio dell'Ambasciata d'Italia nel Principato di Monaco, è stata organizzata il 26 aprile scorso una serata dal titolo "RICERCA, TECNOLOGIA E SOSTENIBILITA’ ITALIANE IN MOSTRA A MONACO" durante la quale sono intervenuti due imprenditori, Gianluca Gottardi e Daniele Fabiani nelle vesti di titolari di società innovative per il loro settore. Introdotti dall'Ambasciatore Gallo che ha indicato i due invitati come " esempi dell’altissimo livello produttivo e qualitativo espresso dalle aziende italiane e frutto del felice connubio tra tecnologia e design”, è apparso abbastanza chiaro come, indipendentemente dal prodotto creato o trattato - il vetro per Gottardi e la malta ecosostenibile per Fabiani - la passione e le competenze possano creare nel tempo prodotti unici, in grado di conquistare in qualunque momento il mercato internazionale. L'esempio lampante è stata la testimonianza di Fabio Lamborghini, nipote del più noto Ferruccio , colui che ha fatto conoscere al mondo l'autentico genio italico esponendo a Ginevra, nel 1966, la mitica Miura. Tra un aneddoto e l'altro, l'illustro ospite è riuscito infatti a delineare il carattere geniale dello zio il quale, dalla trasformazioni delle jeep da guerra, utilizzate per assemblare Carioca, il primo trattore low-cost, ha costruito un impero al pari del suo antagonista diretto da Enzo Ferrari. Eccellenze italiane, insomma, di cui andare fieri e non solo perché riescono a lasciare un segno tangibile del loro talento. Più discretamente e con modalità diverse, invece, segnaliamo l'attività di un altro italiano, il Prof. Franco Borruto che, da Monaco, porta in giro nel mondo la sua conoscenza nella ricerca medica in campo ginecologico. -Ultimamente il suo impegno lo ha condotto in Lettonia dove, nel corso di un congresso, ha ricevuto una targa destinata a SAS il Principe Alberto II di Monaco per avere accordato il Suo sostegno allo scambio culturale tra la società di ostetricia e ginecologia lettone ed il reparto di ginecologia del Centro Ospedaliero Princesse Grace. Insomma è alto in nostro orgoglio italiano, soprattutto in questo numero, nel quale vi abbiamo raccontato la storia sta fetta Meghi che, a fiancata da Margherita Fenoglio e Lorenza Balbo - figlie rispettivamente dello scrittore Beppe e del comandante partigiano «Poli» - hanno contraddistinto le celebrazioni del 25 aprile a Valdivilla, frazione di Santo Stefano Balbo (CN). Insomma, ancora della buona lettura con QE-MAGAZINE, nella versione stampabile destinata agli abbonati, o in quella digitale, sfogliabile direttamente su www.issuu.com/ampmonaco e sul sito QE-MAGAZINE.COM

.................................................................................................................................................................................................... 1


2


QE-MAGAZINE WEB #15 28 aprile 2018 Sommario

PAG 4 Inauguration des nouveaux locaux de l’Office de la Médecine du

Travail // Un mur anti-bruit et 'rose' en test à Fontvieille // Passionnés de botanique : la Direction de l'Environnement vous invite à participer à un programme de repérage!

PAG 8 Il futuro presente del Principato di Monaco PAG 10 Il PIZZI(no): Nessuno ha colpa Nessuno ha colpa PAG 12 Non solo tulipani in fiore, a Pralormo... // DAL CINEMA ALL'AMERICAN DREAM: se ne parla a MADE IN ITALY

PAG 14 MO MO i TO: TO cocktail metafisico da gustare senza moderazione: i ricordi di una donna straordinaria, MEGHI // Thierry Bisch: PIU' CHE GLI ANIMALI DIPINGO LA LORO ESTINZIONE

PAG 22 Artmonte-carlo: e sono 3!

PAG 24 Rolex Monte-Carlo Masters 2018: Nadal, 11 volte campione PAG 26 GEMLUC Monaco: sempre più generoso...

NE W

www.fishow.org

FISHOW supporta PASSION SEA

B OO K

PAG 31 MONTE-CARLO HEBDO-AGENDA

www.passionsea.com

3


#15 28 aprile 2018

Inauguration des nouveaux locaux de l’Office de la Médecine du Travail

Lundi 23 avril S.A.S. le Prince Albert II a inauguré matin les nouveaux locaux de l’Office de la Médecine du Travail, - dédiés au suivi « santé-travail » des fonctionnaires et agents de l’Etat et de la Commune - en présence de Didier Gamerdinger, Conseiller de Gouvernement-Ministre des Affaires Sociales et de la Santé, du Directeur de l’OMT, Pascale Pallanca et les membres du Comité Directeur, du Président du Conseil National, du représentant du Maire et des salariés de l’office. Le Père Di Léo, également présent à cet événement, a béni les locaux. Situés dans l’Immeuble l’Aigue Marine, 24 avenue de Fontvieille, ces nouvelles superficies qui ont fait l’objet de travaux d’agencement importants, permettent de donner un nouvel élan au suivi médical de plus de 4800 agents publics. Parallèlement, un renforcement de l’équipe médicale a été opéré et il sera possible que chacun soit désormais vu au moins tous les trois ans et même de manière beaucoup plus rapprochée pour les postes particuliers, comme ceux liés à la sécurité par exemple. « Les médecins seront aussi à disposition des administrations pour les accompagner dans la démarche qui consiste à veiller au bien-être au travail. » a déclaré Didier Gamerdinger.Crédit photo: © Palais Princier – Gaétan Luci (Source: Direction de la Communication) 4

.....................................................................................................................................................................................................


#15 28 aprile 2018

Un mur anti-bruit et 'rose' en test à Fontvieille Dallo scorso venerdì delle pareti fonoassorbenti sono state installate per un test su una porzione della banchina del porto di Fontvieille. Secondo quanto comunicato dal governo, il progetto, che prevede inoltre la diffusione, ad intervalli di 15-30 minuti, di una banda sonora chiamata "bruit rose", che simula lo scorrere dell'acqua di un torrente o di una cascata, è condotto a beneficio degli abitanti dell'area interessata da settembre dalla prima trance di lavori per il riassetto del molo che sarebbero dovuti terminare entro la fine di marzo. Vendredi 27 avril, à 6h, la Direction de l’Environnement a conduit un test pour mesurer les niveaux de réduction sonore de murs anti-bruit installés dernièrement à Fontvieille. Un haut-parleur diffusera en continu, sur une durée de 15 à 30 minutes, un son normalisé appelé « bruit rose », s'apparentant à celui d'un torrent ou d'une cascade. Des mesures acoustiques seront réalisées de part et d’autre des panneaux de protection. " Nous nous efforçons de réduire les

nuisances au maximum et recherchons de façon permanente de nouveaux dispositifs pouvant contribuer à les diminuer " précise Jean-Luc Puyo, Directeur de l’Aménagement Urbain (DAU). Valérie Davenet, Directeur de l’Environnement, précise : « Pour évaluer avec précision l’efficacité de ces panneaux anti-bruit, il est important de réaliser ce test très tôt le matin, dans un environnement neutre de toute pollution sonore ». Ces murs anti-bruit « Green Walls » (société Esion X) ont été installés par la DAU, parallèlement à l’avancée de travaux de voirie réalisés, Quai Jean-Charles Rey. Leur objectif : réduire les nuisances sonores qui peuvent impacter les riverains, les usagers du port et les passants.(Source et image: Direction de la Communication)

....................................................................................................................................................................................................

5


6

....................................................................................................................................................................................................


#15 28 aprile 2018

Passionnés de botanique : la Direction de l'Environnement vous invite à participer à un programme de repérage! La Direction de l'Environnement propose à tous les passionnés de botanique de participer à un repérage de la Nivéole de Nice, espèce végétale endémique restreinte des Alpes-Maritimes, protégée en France et en Italie et inscrite à l’annexe I de la Convention de Berne. Un « Plan Local d’Actions pour la sauvegarde et la gestion de la nivéole de Nice » est en effet développé sur 3 ans (2018-2020) par la Direction de l’Environnement, en partenariat avec le Conservatoire Botanique National Méditerranéen de Porquerolles (CBNMed) et l’Institut Méditerranéen de Biodiversité et d'Ecologie marine et continentale (IMBE). Ce programme comporte plusieurs volets parmi lesquels un repérage exhaustif de l’ensemble des populations de nivéole de Nice, à Monaco. Pour les zones difficiles d’accès, notamment sur les diverses falaises de la Principauté, ces recensements pourront être effectués grâce à un drone. La Nivéole présente également une très forte valeur patrimoniale à Monaco. En effet, des résultats récents ont montré que les populations monégasques forment une Unité

pour la conservation et l'évolution de cette espèce rare et localisée. Certaines populations existantes seront par ailleurs renforcées et deux populations seront réintroduites sur des sites où elles ont disparu. Si vous, chers lecteurs, avez la chance d’apercevoir la Nivéole sur Monaco, faites parvenir vos observations à la Direction de l’Environnement en mentionnant les éléments suivants : localisation, photos, date, nom des observateurs ! Plus d’informations : environnement@gouv.mc

Evolutive Significative (ESU) unique. (Source: Direction de la Communication, image © Leur préservation est donc prioritaire Direction de l'Environnement)

.....................................................................................................................................................................................................

7


#15 28 aprile 2018

Il futuro presente del Principato di Monaco

Sosta e lavora da diverse settimane in prossimità dell'ansa del Portier, creando non pochi disagi agli abitanti che abitano nelle immediate vicinanze. Il 26 marzo scorso, inoltre, ha anche avuto un guasto idraulico rilasciando in mare degli idrocarburi dichiarati biodegradabili - e comunque assorbiti prontamente da una barriera di protezione. Ma non per questo le sue attività si arrestano, anzi. Per quanto se ne dica, la nave "Simon Stevin" è diventata parte di Monaco, almeno fino a metà di giugno, da come apprendiamo nel comunicato qui di seguito riportato. Impiegata per creare le fondamenta sui cui poggeranno i cassoni, 18 per la precisione, la M/V "Simon Stevin" è all'origine di necessarie e non semplici manovre, il cui funzionamento è stato spiegato nel corso di una visita stampa dedicata proprio ad illustrare quali e quante attività siano necessarie affinché non si ripetano derive antiecologiche a danno dell'ecosistema marino.

Crédit photo : © Manuel Vitali / Direction de la Communication

8

....................................................................................................................................................................................................


#15 28 aprile 2018

Construit pour le groupe belge Jan de Nul, spécialisé dans les dragages et remblais par voie maritime, le "Simon Stevin" est le navire d’installation sous-marine de roches le plus imposant au monde (192m). A l'issue de la visite, un Point Presse s'est tenu en présence de Valérie Davenet, Directeur de l'Environnement, représentant l'Etat monégasque, Régis Adeline, Directeur Général de la SAM l'Anse du Portier et Christophe Hirsinger, Directeur de Bouygues Travaux Publics Monaco. Ont été évoqués les thèmes suivants : les nombreuses actions environnementales menées et les dispositions relatives à la turbidité de l'eau, à la qualité des eaux de baignade et aux mesures acoustiques mises en place. Le phasage des travaux a également été abordé. Les activités de remblais, qui nécessitent la présence du "Simon Stevin" et constituent la phase actuelle des travaux, devraient s’achever au plus tard au cours de la première quinzaine de juin 2018. Le navire "Simon Stevin", en charge de la réalisation du remblai d’assise du projet d'extension en mer. L'Elimination de la nappe d’hydrocarbure sur le site balnéaire du Larvotto. A la suite d’une fuite d’huile hydraulique survenue lors d’un problème technique à bord du navire Minar Sinan intervenant sur le site de l’opération d’urbanisation en mer, dans l’anse du Portier, une quinzaine de litres d’huile s’était propagée sur le site balnéaire du Larvotto le 26 mars. Selon les éléments fournis par les opérateurs, l’huile utilisée est de type « BioBar 68 » biodégradable. L’irisation de la nappe s’est étendue sur environ 800 m2 et s’est stabilisée au niveau du T central du Larvotto. La société Jan De Nul, propriétaire du navire Minar Sinan, a fait intervenir deux bateaux de la société Eco Tank afin d’éliminer la nappe. Cette opération s'est achevée vers 16H30 le 27 mars. La Direction des Affaires Maritimes a constaté la disparition de l'irisation sur l’eau, et des prélèvements de contrôle de la qualité de l'eau ont été effectués par les opérateurs le 27 mars en fin d'après-midi après nettoyage de la zone et le 28 mars.

.....................................................................................................................................................................................................

9


#15 28 aprile 2018

Il PIZZI(no) Opinioni e pensieri in libertĂ a cura di Riccardo P.

Nessuno ha colpa Per lo scorrere dei giorni siamo tutti quasi uguali. Per le cose inaspettate ci son momenti meno giusti, o forse non lo sono mai...

10

....................................................................................................................................................................................................


#15 28 aprile 2018

Una mia cara amica mi diceva domenica una sua cosa dolorosa e sottolineava come troppo spesso spendiamo tempo in sciocchezze farlocche, come falene intorno a un lume. Poi in un secondo la tua vita cambia, la tua percezione delle cose importanti muta, ma prima non lo avresti immaginato. Ecco che si cambia casa, ci si improvvisa samaritani, ci si confronta con dolori che non volevi, che non pensavi possibili. Parlo di incidenti, di malattie, di cose orride che spesso la nostra mente rifiuta per convenzione o per un intenzionale distacco. Poi una mattina tutto diventa frenetico e così amaro, ma sai anche che nessuno ha colpa davvero. Questa mia amica lo è da sempre, anche se per decenni non ci siamo più visti. Lei ha intorno una magia buona ed è una persona che sento speciale davvero ogni qualvolta mi succede di parlarle. Le nostre vite son sempre piuttosto incasinate ed è bello davvero l’oblio della leggerezza quando te lo puoi permettere. Non pensiamo che tutto può cambiare, che certe cose orride possano succedere, per il solo fatto che sia meglio godersi i momenti felici senza rovinarseli con l’amarezza per il futuro o con i fantasmi di angosce di là da venire. Non è sconsideratezza, è naturale autodifesa...questo pensavamo con la mia amica.

....................................................................................................................................................................................................

11


#15 28 aprile 2018

Non solo tulipani in fiore, a Pralormo...

Come per quelli appena trascorsi, anche questo nuovo weekend, a partire da oggi 28 aprile fino al 1 maggio, al Castello di Pralormo sono in programma numerose iniziative che rendono MISTER TULIPANO un evento che vale la pena di ricordare. E magari ci scappa pure la gita fuoriporta...

Iniziamo da sabato con le dimostrazioni di pittura naturalistica a cura di Dario Cornero, che si alternano momenti musicali a cura del maestro Stefano Pionieri, impegnato al pianoforte con l'esecuzione di un ricco repertorio che spazia tra la musica classica e quella moderna. Domenica, invece, è atteso al castello un particolarissimo Go Kart di colore rosa, appositamente decorato per Messer Tulipano, esposto al pubblico per l’intera giornata. Segnaliamo anche le varie iniziative l'interessante laboratorio aperto al pubblico "La Rosa in aromaterapia" a cura di Mùses – Accademia Europea delle Essenze: ai partecipanti sono svelati i segreti dell'erboristeria, della cosmesi e dei profumi dedicati alle rose. Poi, ancora, un intrattenimento sportivo per bruciare calorie ai grandi e divertire i più piccini: si tratta di partecipare al noto gioco "cerchio alla vita" che negli anni 60 fece furore negli Stati Uniti, con tanto di hula hoop a disposizione di chi ha voglia di cimentarsi nel parco a ritmo di musica alle ore 11 alle ore 15 e alle 17. Inoltre è possibile assistere anche alle dimostrazioni di intaglio del legno a cura di Dino Negro. Durante l’intero fine settimana spazio anche per i bambini: per loro trattorini a pedali e altre animazioni sono organizzate nella zona ludica a cura di New Holland. Infine, per tutti, degustazioni a cura dei Maestri del Gusto di Torino e Provincia. Infine, da non dimenticare che il 1 maggio alle ore 15 e alle ore 17 ai visitatori di Messer Tulipano sono proposte le danze del Gruppo Storico "Il Ventaglio d'Argento". NON SOLO TULIPANI al Castello di Pralormo Passeggiando per i viali del parco,è possibile ammirare anche la rosa, "regina dei fiori", che ispira il tema collaterale di quest’anno di Messer Tulipano. La rosa è il fiore che ha regalato all'arte, alla letteratura, al design e alla moda ispirazioni e orientamenti di stile. Il rosa è il colore che regna all'interno delle dépendance con abiti, quadri, interpretazioni in pittura, arte e in cucina. (Informazioni tratte dal comunicato stampa MISTER TULIPANO) 12

.....................................................................................................................................................................................................


#15 28 aprile 2018

DAL CINEMA ALL'AMERICAN DREAM: se ne parla a MADE IN ITALY

“Made in Italy” non è una stazione radiofonica ma non è nemmeno una web radio. Potremmo definirlo un programma radiofonico settimanale in cui vengono presentati, con la formula del talk-show o infotainment, argomenti e tematiche raccontati da selezionati protagonisti delle eccellenze italiane del made in Italy. Nell' ultima puntata on line, la 188, parliamo di cinema e per farlo Generoso D’Agnese ha incontrato Paola Cipollina, imprenditrice in ambito cinematografico, che sulla costa

occidentale americana, a Los Angeles in California, ha portato la sua passione per la moda e il cinema senza dimenticare il suo impegno per il sociale. Tutto questo si è trasformato in un gruppo virtuale, lafirstep, che aiuta e consiglia gli italiani che decidono di affrontare il sogno americano. Per ascoltare questa e le altre interviste realizzate da MADE IN ITALY, basta cliccare su www.madeinitalyradio.it

.....................................................................................................................................................................................................

13


#15 28 aprile 2018

MO i TO MO TO: cocktail metaďŹ sico da gustare senza moderazione.

Ingredienti base della pozione di questa edizione: i ricordi di una donna straordinaria, MEGHI

di Silvia Giordanino

14

....................................................................................................................................................................................................


#15 28 aprile 2018

Siamo stati nelle Langhe (Cuneo), terre di grandi vini e cuori impavidi. Qui la lotta partigiana nel periodo fascista è stata crudele fino all’inverosimile. Lo scorso 25 aprile abbiamo incontrato Meghi a Valdivilla, frazione del comune di Santo Stefano Belbo (CN), in occasione delle celebrazioni della Giornata della Liberazione. L'intervista è firmata in collaborazione con Irene Conte.

Meghi ha gli occhi grandi e fieri di chi ha saputo fronteggiare le avversità con grande coraggio, l’entusiasmo di chi sa di aver nell’anima un patrimonio di memorie e speranze e il sorriso semplice e vero di chi rimane umile anche nell’eroismo. Margherita Mo è nata a Lequio Berria, il 22 febbraio 1923, ma per tutti è semplicemente 'Meghi', una valorosa staffetta partigiana e prima ancora una donna carismatica, con un inestimabile desiderio di libertà e di giustizia.

Tutte le foto, copyright Irene Conte

.....................................................................................................................................................................................................

15


#15 28 aprile 2018

Qual è stata la sua esperienza con i partigiani? A vent'anni, sono stata staffetta della II compagnia a comando di Poli, al secolo Piero Balbo, autonomo, capo della II Divisione Langhe: è lui il capitano Nord nel libro il partigiano Johnny di Fenoglio. Non si parlava di politica, anche perché non me ne sono mai interessata. Io portavo ordini, cercavo di spiare i fascisti, i loro nascondigli per i prigionieri... Ho pedalato tanto, fino a Genova, Torino, Savona, Cairo Montenotte... E i suoi genitori? Mio padre è morto di incidente quando io avevo due anni. Sono cresciuta con mia madre, che era preoccupata per me, ma io ho sempre voluto fare quello che volevo. Da quando se n'è andato papà, ho imparato a difendermi da tutto: è l'arte dei testardi. Che lavoro faceva? La sarta, un lavoro che amavo e che facevo molto bene, ma non ho avuto dubbi per mollare il lavoro durante il periodo della resistenza. Poi, ho anche fatto da segretaria a mio marito, che era direttore didattico. Ha mai rischiato la vita? Una volta, fui catturata dal colonnello Languasco, che si occupava dei rastrellamenti: stavo 16

per essere fucilata. Mi rasarono i capelli, mi misero al muro; mi liberai fingendo di essere ignorante e inconsapevole, perché spesso sono le cose semplici a salvarti la vita. Mi risparmiarono grazie alle storie che mi inventai, promettendomi di poter lavorare per loro. Io finsi di accettare, ma, una volta mandatami in missione, non mi videro più: mi feci preparare una parrucca e me ne tornai a casa. Lì, mi attendeva la notizia della morte di mio fratello, ammazzato in Germania per una rapa. Ma la vita non è finita allora: i capelli sono ricresciuti e io sono tornata dalle ragazze partigiane. La soddisfazione di vedere in galera chi aveva provato a togliere a me la libertà, poi, non ha avuto prezzo... È contenta di ciò che ha fatto? Se rinascessi, rifarei tutto. Non esiste paura: se sei destinato a vivere, ce la fai. Sempre. E io vado ancora avanti, perché non mi sento gli anni che ho. Li vivo, come ho sempre fatto, assaporandoli a pieno. In fondo, soffrivo di reumatismi già da piccolina, ma ho fregato anche quelli.

....................................................................................................................................................................................................


#14 21 aprile 2018

.....................................................................................................................................................................................................

17


#15 28 aprile 2018

Thierry Bisch: PIU' CHE GLI ANIMALI DIPINGO LA LORO ESTINZIONE

"Tutto nasce da una autentica passione, ed il successo è una naturale conseguenza". La dimostrazione, nei fatti, di questa ottimistica teoria è l'artista francese Thierry Bisch, classe 1953, invitato al CREM lo scorso 23 aprile in occasione del dono di una tela raffigurante la foca monaca mediterranea (in via di estinzione) realizzata per i 60 anni del Principe Alberto II, presente alla cerimonia insieme ad un ristretto numero di invitati tra cui SEM Bernard Fautrier, Vice-presidente della fondazione intitolata al Sovrano.

18

....................................................................................................................................................................................................


#15 28 aprile 2018

Thierry Bisch nasce artista senza che lui stesso se ne rendesse conto. Dal 2008 è impegnato a amplificare il monito lanciato dall' Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (in inglese IUCN, International Union for the Conservation of Nature), raffigurando artisticamente su grandi tele le specie animali minacciate di estinzione, iscritte regolarmente nella lista rossa aggiornata periodicamente. Di queste a Monaco, lui che si sente un orso polare "è il mio autoritratto" afferma sorridendo, una selezione di venti dipinti è sbarcata all'Opera Gallery per dare vita, nel 2016, al progetto DELETE. Organizzato a sostegno della Fondazione Principe Alberto II (FPA2) DELETE è inteso come opera artistica diffusa volta alla sensibilizzazione della popolazione urbana.

Ecco la nostra intervista esclusiva. “Ho iniziato la mia carriera artistica per merito di un mio amico di Strasburgo, Thierry Mugler. Nonostante con lui collaborassi da anni, ogni occasione era buona per incitarmi a dipingere, diceva che quella era la mia strada. Ed in effetti, fino a quel momento, anche se facevo cose interessanti, ero sempre insoddisfatto. Poi, un giorno, ho preso il pennello il mano ed ho capito che questa era la mia missione. Sono trascorsi più di 30 anni e non ho mai più smesso." Quali sono i soggetti o le tematiche con i quali si è cimentato agli inizi della sua carriera? "Ho sempre amato il mondo animale tuttavia sono i ritratti di bambini che ho scelto di raffigurare sulle mie tele agli inizi della mia carriera. Probabilmente, essendo la pittura una espressione artistica che coinvolge

.....................................................................................................................................................................................................

19


#15 28 aprile 2018

indirettamente anche il mio inconscio, devo aver trovato la maniera più facile per esorcizzare la mia infanzia. E difatti, quando di colpo non trovavo più figure fanciullesche in grado di raccontare il mio passato, ho iniziato a ritrarre gli animali. Concentrandomi poi, dalla fine degli anni Novanta, su quelli che conoscevo ma che, in futuro, rischiano di estinguersi definitivamente come indicato nella lista rossa elaborata dall'IUCN." E arriviamo al 2016 quando, con la FPA2, il progetto DELETE ha avuto un buon successo..."Esatto, il mio lavoro è stato apprezzato tanto che sono impegnato in questi mesi a completare la collezione destinata a Singapore, con debutto a novembre 2018. Che poi, a ben guardare, è come un naturale proseguimento del progetto monegasco di due anni fa." Che cosa significa per lei DELETE? "Ho impiegato una decina di anni per creare le tele (una ventina, n.d.r.) inserite nel progetto monegasco, che poi sono state esposte nei luoghi più iconici del Principato.In realtà, anche selezionare gli animali da dipingere richiede tempo perché, oltre alla loro funzione simbolica, a seconda di come si presentano, possono essere un veicolo efficace per allertare il pubblico sull'importanza di preservare la biodiversità e l'ambiente. Le mie opere nascono su un fondo di colla e colore su cui dipingo con pitture ad olio, ma sono di grandi dimensioni e, anche per questo, richiedono settimane di lavoro. Inoltre, sono molto attento ai dettagli. Infatti nel raffigurare i vari soggetti, scelgo di non completarne mai il profilo. Non è un azzardo ma nemmeno un capriccio perché l'idea di fondo riposa sul fatto che, nella realtà, una parte di loro è già scomparsa. Ecco, io voglio cogliere il momento in cui iniziano ad estinguersi, e questo per me è il modo migliore artisticamente parlando."

SEM Jacques Boisson, M Claudio Senzioni, SEM René Novella et Paolo Lingua: foto, copyright AMP Monaco Da sinistra: Robert Bartoux, Didier Viltart, Thierry Bisch e SAS il Principe Alberto II

20

....................................................................................................................................................................................................


#15 28 aprile 2018

Ritiene sia facile essere un artista al giorno d'oggi? "No, assolutamente ma nessun lavoro lo è! Non credo nei geni tuttofare e nemmeno in quelli che lo diventano! Nel caso di un artista, è ancora più complicato perché per creare un opera vale la stessa regola del vino: è necessario del tempo affinché la sua creazione diventi un capolavoro. Per questo non capisco come gli altri possano essere così veloci a dipingere, come la vita frenetica che scorre anche sul web. No, questa non è arte ma solo speculazione." Qual è un artista del passato che ammira ed un contemporaneo che apprezza particolarmente? "Rembrandt , un grande talento che è stato riscoperto solo nel '900. Ho sempre amato le sue opere. Martial Raysse, invece, per quanto non sia troppo conosciuto al grande pubblico, rappresenta al meglio quella che è la mia filosofia: io sono nato, vivo e devo morire, esattamente come ho indicato nella mia biografia pubblicata sul mio profilo Facebook. Sono assolutamente convinto che la responsabilità di un artista sia quella di dare voce a messaggi che non possono esprimersi diversamente. Anche i capi di Stato, anzi soprattutto loro devono esercitare questo potere per migliorare il nostro mondo. Per Da sinistra: Bettina Ragazzoni, SEM Bernard Fautrier e Lousette Levy Soussan Azzoaglio, presidente del CREM esempio con il Principe, che ammiro tantissimo, ho un ottimo rapporto, ci comprendiamo perfettamente. Sono convinto che lui, come pochi altri uomini su questa terra, abbia la possibilità di tracciare un futuro più ecologico perché il suo impegno per la protezione e salvaguardia dell'ambiente non è un atteggiamento di circostanza. Ci crede davvero ed io non posso fare altro che inchinarmi alla sua lungimiranza..." (Foto: copyrigh CREM/Philippe Fitte) .....................................................................................................................................................................................................

21


#15 28 aprile 2018

Salon Artmonte-carlo: e sono 3!

L'arte, secondo alcuni, stimola sensazioni diverse a seconda dei colori e forme utilizzate per le opere create dagli artisti che interpretano la loro realtà. Volendo, è possibile ammirarla anche mettendo insieme tutte queste cose ma non è un'operazione facile. Per questo la riuscita del salone ArtMonte-Carlo, giunta quest'anno alla sua terza edizione, resta sinonimo di successo, oltre al fatto che rappresenta un naturale proseguimento di quello più consolidato di Ginevra. Dopo la preview di venerdì 27 aprile, ArtMonte-Carlo apre dunque le porte al pubblico il 28 e 29 aprile al Grimaldi Forum curata da Thomas Hug sotto gli auspici di SAS il Principe Alberto II di Monaco. Ma conta anche il tocco magico di Safia El Maqui che di questo salone ne è l'ambasciatrice fin dalla sua prima edizione, nel 2016. La formula da quest'anno si arricchisce inoltre anche di un tour organizzato a beneficio del pubblico che sceglie di visitare anche una decina di gallerie monegasche aperte dalla giornata già dal 25 aprile per svelare capolavori di ogni genere e provenienza, dalla gioielleria firmata alle opere moderne, dai quadri antichi ai suppellettili o miniature di altri tempi. Chi ha avuto la possibilità di Da sinistra: Paolo Rosa, direttore della Art Contact, SEM l'Ambasciatore Cristiano Gallo, e Maurizio Piumatti, direttore generale della Wannenes Group il quale ha organizzato una preview il 25 aprile 2018 in occasione della Monaco Art Week, uno dei vari side-events della Art Monte Carlo

22

trascorrere questo weekend a Monaco,

....................................................................................................................................................................................................


#15 28 aprile 2018

l'appuntamento è dunque al Grimaldi Forum ma anche presso molte location che, per l'occasione, hanno accolto istallazioni effimere da non perdere. Qui in immagini riportiamo quello che a noi è piaciuto di più. Di fianco alcuni highlights che faranno parte della prima asta monegasca organizzata dalla Wannenes (ART CONTACT) il 13 luglio prossimo. Abbiamo visto ed apprezzato dei Picasso, Modigliani, Giacometti, tanto per citare i nomi di chi ha firmato alcune opera d'arte scelte per l'esposizione monegasca dalla storica galleria francese Jean-François Cazeau,. Sono opere di assoluta bellezza che meritano una visita e magari qualche minuto del solito mordi e fuggi. Eleganza, armonia e passione: per Ursula Casamonti (Tornabuoni art) partecipare ad un salone d'arte non è una banale azione promozionale bensì l'occasione per mostrare al pubblico pochi pezzi ma di gran qualità. Quelli a Monaco sono davvero splendidi! .....................................................................................................................................................................................................

23


#15 28 aprile 2018

Rolex Monte-Carlo Masters 2018: Nadal, 11 volte campione Anche durante il torneo di Barcellona, in

Vladimiro Bizzocchi

corso in questi giorni, l'astro vincente del maiorchino Rafael Nadal continua a brillare, poco scalfito dalle fatiche del Rolex Monte Carlo Masters dove i suoi record lo hanno consacrato, ancora una volta, una leggenda vivente. Ricordiamo infatti che, proprio sulla terra rossa, Nadal ha conquistato per l'11a volta l'ambito trofeo, il che gli ha consentito di entrare nel circolo riservato alle leggende dei campioni che si sono distinti sulla terra rossa del Country Club. Nel corso delle varie partite qui disputate, infatti, Nadal ha dato prova del suo talento rimanendo sempre sempre concentrato sul gioco e come un martello ha annientato ogni resistenza puntando con forza dove trovava i punti deboli degli avversari. La sorpresa, ma neanche troppo imprevista visti gli andamenti degli altri match, è stata quella del giapponese Kei Nishikori, in piena ripresa dopo l'infortunio al polso che forse, ma non abbastanza a Barcellona dove si è ritirato ai sedicesimi mentre perdeva il primo set contro l'iberico Guillermo García López. Chissà, complice forse la magia dei campi monegaschi e dal supporto del pubblico, il nipponico, sconfitto da Nadal alle finali, ha mostrato di essere padrone della racchetta assestando alcuni colpi da maestro, che non sono serviti ad annientare gli attacchi di un Nadal determinato, fermo a fondo campo per controllare le esuberanze dell'avversario. Per quanto riguarda la compagine italiana 24

l'altoatesino Andreas Seppi ha avuto il merito di essere stato l’ultimo italiano ad arrivare agli ottavi sconfitto da Nishikori, mentre la coppia Bolelli–Fognini, nel doppio, non è stata capace di regalarci altre emozioni perdendo in semifinale contro la coppia americana composta dai fratelli Bob e Mike Bryan, contro i quali non hanno mai vinto. Inutile soffermarsi sui soliti colpi di testa che caratterizzano ormai il modo di interpretare il tennis di Fabio Fognini. E comunque,detto questo, per l’Italia il bilancio non è stato dei migliori pur avendo il merito di fatto registrare una sempre più alta presenza di spettatori italici amanti del tennis.

.....................................................................................................................................................................................................


#15 28 aprile 2018

L'addio di Benetteau. Se il francese Gasquet è riuscito a spingersi lontano fino ai quarti di finali, per il suo connazionale Julien Benneteau invece, a 36 anni, è giunto il momento di concludere la sua carriera tennistica. Quest'ultimo, infatti, ha disputato la sua quattordicesima ed ultima partecipazione al Rolex Monte-Carlo Masters

indiscusso sulla terra rossa del Country Club.Tuttavia, se il serbo non ha perso il sorriso proprio al torneo Godò di Barcellona in corso in questi giorni da cui è già stato escluso, ricordiamo come in più occasione lo stesso Nole ha ricordato il fatto che, recentemente le priorità della sua vita sono cambiate. Che sia un modo

giocando contro Borna Coric, giovane elegante per dire che al chiodo, insieme al promessa di 21 anni parte della « Next Gen » cappellino, ci appenderà anche la dell’ATP il quale, vincendo non ha avuto racchetta? alcuna esitazione a sfoderare i suoi colpi migliori.

Rolex masters? Un must! Da partecipanti e osservatori, bisogna dire che l’organizzazione del torneo, anche quest'anno, è stata impeccabile, i controlli Nole: dopo Monaco, fallito anche il della sicurezza agli ingressi e all’interno del riscatto a Barcellona. Nonostante il debutto circolo (molto discreti e attenti) non hanno vincente, con gli auspici di una tenuta rossa compromesso minimamente lo svolgimento e bianca che richiamava la bandiera del torneo, complice anche il tempo monegasca forse in onore del paese che da tipicamente estivo, può dirsi un anni lo ospita come residente, è di fronte alla appuntamento monegasco di successo di forza dell'austriaco Dominic THIEM che sport ma anche di pubblico! (Foto copyrights: Realis e Novak Djokovic ha messo la parola fine alla Marco Piovanotto) 112 edizione del torneo monegasco che sente come quello di casa sua. Sarà forse perché quella coppa, conquistata 2 volte, nel 2013 e nel 2015, e quasi agguantata nelle finali del 2009 e del 2012, ormai appartiene come una intoccabile reliquia al suo antagonista, Rafael Nadal, campione .....................................................................................................................................................................................................

25


#15 28 aprile 2018

GEMLUC Monaco: sempre più generoso... GEMLUC (Groupement des Entreprises Monégasques dans la Lutte contre le Cancer), è un ente senza scopo di lucro che dal 1973, nel Principato di Monaco, contribuisce a raccogliere fondi destinati alla ricerca sul cancro. Nove anni fa, a supporto della causa, si concretizza anche una nuova iniziativa battezzata GEMLUCART, volta a incoraggiare la prevenzione e finanziare l'acquisto di apparecchiature mediche all'avanguardia e cure innovative per le patologie tumorali. Dalla primavera del 2007 è la Dott.ssa Béatrice Brych (in foto qui di fianco) che dirige le diverse attività dell'associazione che conta anche sulla Presidenza d'Onore di SAR la Principessa di Hanovre, da sempre vicina alla causa della GEMLUC. Nello specifico GEMLUCART, concorso internazionale d'arte contemporanea, contribuisce inoltre a mettere in luce nuovi ed affermati artisti i quali, ispirandosi al tema proposto per ogni edizione, realizzano un' opera esposta insieme ad altre nella hall dell'Auditorium Rainier III durante un salone effimero che dura qualche giorno. La visibilità dell'evento, la vendita dei quadri, così come le quote di partecipazione, contribuiscono alla raccolta di ulteriori importi che si aggiungono alla somma indirizzate alla strutture designate dal consiglio di amministrazione GEMLUC diretto dalla dott.ssa Bèatrice Brych (qui di fianco). A tal proposito, il mese scorso si è svolta una sobria cerimonia durante la quale è stato consegnato al Dottor Jacques Pouysségur, Direttore di ricerca emerito del CRNS, un assegno di 140 mila euro come da comunicato qui di seguito riportato. 26

....................................................................................................................................................................................................


#15 28 aprile 2018

Remise de chèque par le GEMLUC à l’Equipe de Recherche dirigée par le Dr. Jacques Pouysségur, Directeur de Recherche émérite du CNRS, Centre Scientifique de Monaco, le 16 Mars 2018 Le GEMLUC, fondé en 1973, récolte des fonds auprès d’entreprises et de particuliers, fonds qui sont distribués en subventions pour la recherche clinique et fondamentale, en bourses d’études pour de jeunes médecins désireux de se spécialiser dans la recherche et les soins contre le cancer, en matériels de soins et de prévention contre le cancer ainsi qu’en soutien à des associations locales d’aide aux malades du cancer. Depuis 2014, c’est près d’un million deux cent mille euros qui ont ainsi été distribués. L’équipe « Hypoxie tumorale et métabolisme » du Centre Scientifique de Monaco, encadrée par le Dr Jacques Pouysségur, Directeur de Recherche Emérite du CRNS, s’est vue remettre un chèque de 140 000 euros par le GEMLUC, Groupement des Entreprises Monégasques dans la Lutte contre le Cancer. L’équipe de recherche du CSM, de renommée internationale dans le domaine de l’hypoxie et du métabolisme tumoral, cherche par la génétique de nouvelles cibles potentielles anti-cancer. Ses travaux de recherche sont consacrés particulièrement au cancer du pancréas, qui représente un des cancers les plus agressifs et pour lequel la médecine est en échec. La dotation du GEMLUC permettra de financer un programme de recherche visant à bloquer un des mécanismes de défense de la cellule cancéreuse et la rendre ainsi plus sensible à la chimiothérapie. Pour tout complément d'information: www.gefluc.org/regions/gemluc-monaco/ ....................................................................................................................................................................................................

27


#15 28 aprile 2018

AAA Ricerchiamo agenti commerciali con pluriennale esperienza nel settore dell'editoria, per la vendita d'inserzioni pubblicitarie. La rivista digitale di riferimento è un settimanale dedicato al lifestyle, cultura e società, con articoli multimediali realizzati con particolare attenzione all'attualità del Principato di Monaco ed eventi della Costa Azzurra, personaggi eccellenti, prodotti del 'Made in Italy'. Idealmente, il candidato è un professionista plurimandatario, già in possesso di un portafoglio clienti selezionati per serietà ed affidabilità. Offriamo l'esclusiva della testata ed alte provvigioni. E' richiesta la conoscenza della lingua francese. Per informazioni: info@qe-magazine.com.

28

....................................................................................................................................................................................................


.....................................................................................................................................................................................................

29


Da questo mese anche in cinese, distribuito in edicola a Monaco ed in Costa Azzurra. E sul web, cliccando QUI 30

....................................................................................................................................................................................................


#15 28 aprile 2018

MONTE-CARLO HEBDO-AGENDA Jusqu'au dimanche 20 mai, de 10h à 18h, Nouveau Musée National - Villa Paloma: Exposition Alfredo Volpi, A Tribute. // Sélection d’œuvres acquises par le NMNM grâce au soutien d’UBS (Monaco) S.A. Renseignements : +377 98 98 48 6 A partir du 20 avril, Monaco Ville et NMNM : Dans le cadre des 250 ans de la naissance de François Joseph Bosio : Avenue St Martin : "FB on the rock", promenade photographique par les étudiants de 2e année du Pavillon Bosio, Villa Paloma: Exposition de la Nymphe Salmacis par l’artiste Oliver Laric, d’après François Joseph Bosio. Renseignements : www.pavillonbosio.com et www.nmnm.mc Du vendredi 20 avril au dimanche 28 octobre, de 10h à 18h, Nouveau Musée National - Villa Sauber : Le jardin mécanique, exposition de Latifa Echakhch. Renseignements : +377 98 98 91 26 Du 22 avril au 7 mai, Musée océanographique de Monaco : C’est le Printemps ! Programme d’animations et d’activités pour les vacances : Visite insolite avec le Professeur Tentaculus, films à 360°, bassin tactile, nourrissage des animaux...Renseignements : +377 93 15 36 00 Du 23 au 27 et du 30 avril au 4 mai, de 9h à 17h, Musée océanographique de Monaco : Stage de découverte du monde marin, pour sensibiliser les 8-12 ans à la protection des océans. Activités multiples centrées sur les océans et les animaux qui les peuplent. Sur réservation uniquement. Renseignements : +377 93 15 36 00 Du jeudi 26 au dimanche 29 avril, Opéra de Monte-Carlo - Salle Garnier : Théâtre musical par Blue Man Group. Renseignements : +377 98 06 41 59 Samedi 28 et Dimanche 29 avril, Théâtre des Variétés : 13 ème concours de danse Modern’jazz organisé par Baletu Arte Jazz. Renseignements : 00 33 (0) 6 81 52 56 37 Vendredi 27 avril à 18h, Médiathèque de Monaco, Bibliothèque Louis Notari : Conférence dansée "La Danse Khatak" par Priscilla Gauri. Renseignements : +377 93 15 29 40 Du samedi 28 au dimanche 29 avril, Grimaldi Forum Monaco : Artmonte-carlo 2018, salon international 'art contemporain, d'art moderne et de design contemporain. Renseignements : +377 99 99 30 00 Samedi 28 avril, Stade Louis II : Championnat de France de Football de Ligue 1 : Monaco - Amiens. (Horaire à déterminer) Renseignements : +377 92 05 74 73 Dimanche 29 avril à 16h, Eglise Saint-Charles : Concert Spirituel avec Maria Keohane, soprano et les Musiciens de l'Orchestre Philharmonique de Monte-Carlo. Au programme : Luigi Boccherini. Renseignements : +377 98 06 28 28 Jusqu’au mardi 8 mai, Musée océanographique de Monaco : Christie’s présente l’exposition 50 Seas de Mathieu Lehanneur Collection de cinquante pièces en céramique émaillée. Renseignements : +377 93 15 36 00 Jusqu' au dimanche 13 mai, Musée océanographique de Monaco : C’est le Printemps ! Programme d’animations et d’activités pour les vacances : Visite insolite avec le Professeur Tentaculus, films à 360°, bassin tactile, nourrissage des animaux...Renseignements : +377 93 15 36 00 Mercredi 2 mai à 14h, Parc Princesse Antoinette : Lecture de contes "Le Journal d'un martinet' par Alain Plas. Renseignements : +377 93 15 06 02 Jeudi 3 mai, Yacht Club de Monaco : Conférence "Captains’ Forum", organisée par le Yacht Club de Monaco. Renseignements : +377 93 10 63 00 Jeudi 3 mai à 18h30, Grimaldi Forum Monaco - Espace Indigo : Thursday Live Session : Da Break. Renseignements : +377 99 99 20 20 // - Salle des Princes : Concert acoustique solo de Julien Doré. Renseignements : +377 99 99 30 00 Vendredi 4 mai, de 9h à 17h, Musée océanographique de Monaco : Stage de découverte du monde marin, pour sensibiliser les 8-12 ans à la protection des océans. Activités multiples centrées sur les océans et les animaux qui les peuplent. Sur réservation uniquement. Renseignements : +377 93 15 36 00 .....................................................................................................................................................................................................

31


32

.....................................................................................................................................................................................................


QE-MAG@ZINE N° 15 - by AMP Monaco  

QE-MAG@ZINE N°15-2018: les news en Principauté de Monaco by AMP Monaco QE-MAGAZINE // Notizie e approfondimenti dal Principato di Monaco by...

QE-MAG@ZINE N° 15 - by AMP Monaco  

QE-MAG@ZINE N°15-2018: les news en Principauté de Monaco by AMP Monaco QE-MAGAZINE // Notizie e approfondimenti dal Principato di Monaco by...

Advertisement