Page 1

PITTI GROUP

IDENTITÀ VISIVA. VISUAL GUIDE

LOGOTIPO ICONA

3/4 ICONA 1/2 ICONA

1/4 ICONA

YPE ZAPFINO

TAGLINE: LINOT


PITTI GROUP

IDENTITÀ VISIVA. VISUAL GUIDE

Revisione documento: VERSIONE 2.0 Data di realizzazione: SETTEMBRE 2008 Documento redatto da: Francesco Zorzi per ALIAS srl


PITTI GROUP

IDENTITÀ VISIVA. VISUAL GUIDE

INDICE

1. 1.1 1.2 1.3 1.4 1.5 1.6 1.7 1.8 1.9 1.10 1.11

L’IDENTITÀ Lo stato di fatto: il “sistema Pitti” Logotipo. Sense and sensibility Logotipo. Design di icona: estratti dal processo di ricerca Logotipo. Design di icona: definizione della proposta Logotipo. Design tipografico: proposta grafica Logotipo. Tipo 1 (con tag e senza tag) Logotipo. Tipo 2 (con tag e senza tag) Logotipo. Tipo 3 (con tag e senza tag) Logotipo. Colori Logotipo. Versioni del logo (tipo da 1 a 3, con tag e senza tag) Caratteri •

2.

APPLICAZIONI

intro: Gli standard della carta (formati UNI) Griglia di impaginazione Carta da lettere Carta da lettere - scala 1:1 Fax Fax - scala 1:1 Biglietto da visita Busta Etichetta per CD-Rom (2 tipi) Folder A4 - Esterno steso Copertine per documenti (5 tipi) Modello per impaginazione di documento. Frontespizio Documento: esempio di impaginazione. Doppia pagina (2 tipi)

2.1 2.2 2.3 ## 2.4 ## 2.5 2.6 2.7 2.8 2.9 2.10 2.11

Elementi di cancelleria


PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA

1.1

Abbiamo cercato di schematizzare il “sistema Pitti” evidenziando la LO STATO DI circolarità, più che la FATTO: disposizione gerarchica, IL SISTEMA PITTI delle varie entità che lo costituiscono. La tavola si propone quindi di rappresentare, come un ulteriore insieme, una tavola sinottica delle singole identità visive delle stesse entità. Analizzando l’esistente cercando di capire se e come partire da alcuni elementi preesistenti nelle due “forme” 8-06-2008 per crepitti_group_stato_attuale.pdf

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

1. L’IDENTITÀ

Tavola nº 4

arne di nuove, notiamo che forse non è nella “forma” del logo delle varie (e diverse) entità che dovremmo cercare la chiave progettuale che ci permetta di costruire il macro-sistema, che al tempo stesso le raccoglie e sovraintende ad esse (quale Pitti Group è per sua natura). Pensiamo che sia più efficace pensare alla identità visiva di Pitti Group per quello che il gruppo rappresenta, cercando di18:50:48 definire una identità

che sia in sintonia con gli stimoli che ci hanno permesso di creare strumenti di comunicazione (ad esempio il filmato “PittiWorld-PittiWords” tuttora in costruzione) e che, semmai, faccia da “apripista” per una serie di elementi coordinati (struttura di documenti di comunicazione, brochure etc.) che possano essere adattabili e scalabili per tutte le varie entità del “sistema”. Un sistema di identità visiva condiviso tra identità

visive diverse, queste è l’obiettivo; cercando di riassumere in poche parole la nostra ricerca, parleremmo di: molteplicità, circolarità, movimento, dinamismo.

a

PITTI GROUP C

LOGOTIPO

MONOGRAMMA

3

M

6

6

6

6

6 6

4,5

10,5

Y

b

c

6

1

1

6

3

3

3

3

PITTI DESIGN

3

CM

MY

I.H.D

CY

CMY

PITTI ITALIAN HOME DECORATION

K

4

d


LOGOTIPO SENSE AND SENSIBILITY

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

1. L’IDENTITÀ

Tavola nº 5

Lasciandoci suggestionare dagli elementi su cui ci eravamo basati per realizzare il filmato “PittiWorld-PittiWords” (tuttora in costruzione) e cercando di ampliarne il senso, cercando di estrarre l’essenza di quello che volevamo comunicare di Pitti Group con quella successione di immagini animate in forma di racconto, abbiamo ampliato il repertorio iconografico e iniziato a cercare quali potrebbero essere gli ele-

menti grafici più rappresentativi per esprimerne il senso e il significato, procedendo per associazioni di elementi. Le parole cui abbiamo fatto ricorso alla tavola precedente (molteplicità, circolarità, movimento, dinamismo) sono consonanti alle sensazioni che avevamo cercato di evocare nell’animazione, e cioè quelle di classicità ed eleganza naturali, non ostentate, di leggerezza e ironia consapevoli, di una bellezza data dalla

rotondità, dalla prosperità e dall’armonia dei rapporti proporzionali. In questa tavola raccogliamo alcuni dettagli di una serie di immagini, alcune delle quali abbiamo utilizzato per trarne spunti per progettare un elemento che nelle intenzioni dovrebbe avere, anch’esso, un utilizzo molteplice: icona da associare al logotipo, sfondo su cui inserire il logotipo, ma anche elemento per pattern decorativi, segno grafico

semplice, elementare, significativo nel suo uso associato e nei suoi usi plurimi. Altre immagini invece le abbiamo raccolte come esemplificative del percorso di ricerca per lo studio del nostro logotipo: il dettaglio del logo della Vespa Piaggio è il simbolo di un design tipografico cui tendevamo. Una composizione tipografica apparentemente semplice, rotonda, senza asprezze, caratterizzata da legature che la rendono unica.

5

1.2

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA


1.3 LOGOTIPO

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

1. L’IDENTITÀ

Tavola nº 6

La forma semplice, rotondeggiante che cercavamo per rappresentare quell’elemento che, dicevamo alla tavola precedente, nelle intenzioni dovrebbe avere, anch’esso, un utilizzo molteplice: icona da associare al logotipo, sfondo su cui inserire il logotipo, ma anche elemento per pattern decorativi, segno grafico semplice, elementare, significativo nel suo uso associato e nei suoi usi plurimi, abbiamo

iniziato a definirlo cercando di estrarlo da due rappresentazioni grafiche (riportate in questa tavola): lo spazio quasi circolare visibile in pianta nella Basilica di Santa Maria del Fiore a Firenze nell’area abside/ transetto/cupola, e un dettaglio del disegno della pavimentazione del Battistero di San Giovanni a Firenze. Quello che ci interessava era di cercare di trasferire in un segno grafico caratterizzato da linee

curve o rotonde, le sensazioni di dinamismo, di movimento continuo. Poiché la forma circolare, nella sua conclusione, rappresenta la perfezione, e quindi più una meta cui tendere che un risultato raggiunto, ciò che volevamo era piuttosto una forma che “tendesse a”, o che avesse una geometria latente tale da restituire all’occhio la percezione della rotondità pur non essendo tale. Le forme grafiche

definite in questa tavola sono lo spunto per una semplificazione che porta alla nostra proposta progettuale (alla tavola successiva).

6

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI, FIRENZE: PAVIMENTAZIONE

SANTA MARIA DEL FIORE, FIRENZE: SEZIONE E PIANTA

DESIGN DI ICONA: ESTRATTO DAL PROCESSO DI RICERCA

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA


LOGOTIPO DESIGN DI ICONA: DEFINIZIONE DELLA PROPOSTA

a

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

  Questa proposta è un tentativo di far coesistere in un segno grafico tanto la circolarità “che tende alla perfezione” del cerchio, quanto quella che Bruno Zevi definiva il simbolo del dinamismo e del movimento continuo, ovvero “l’interpenetrazione delle forme geometriche”. I passaggi evidenziati contengono anche una schematizzazione del “sistema Pitti”, da cui eravamo partiti nel no-

stro studio progettuale, quasi a voler “chiudere il cerchio” (rimanendo nel campo delle metafore).

SANTA MARIA DEL FIORE, FIRENZE SPAZIALITÀ DELLA CUPOLA IN PIANTA

b

Tavola nº 7

PITTI GROUP SISTEMA DI GRUPPO: INSIEMISTICA

7

1.4

1. L’IDENTITÀ

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA


PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

1.5

I passaggi evidendelle lettere. Il disegno ziati dalla sequenza risultante è una sorta di fusione di caratteri in un corrispondono alla LOGOTIPO ricostruzione del procesunica forma, con l’allegso compositivo. gerimento della lettera DESIGN La scelta del carattere: P, che perde la chiusura TIPOGRAFICO: poiché volevamo creare verso l’ascendente, PROPOSTA conferendo unicità al una composizione GRAFICA tipografica interamendesign tipografico, e te fatta di legature, mantenendo inalterata abbiamo individuato nel la lettura, suggerendo la ricomposizione mentale carattere Mrs Eaves* il più adatto allo scopo. della parte mancante. Si tratta infatti di un La stessa famiglia di font carattere le cui grazie è corredata dal Mrs Eaves Just Lig, un carattere bilaterali a becco si interamente composto offrono naturalmente ad un accostamento forzato 8-06-2008 da legature, che ci sono pitti_group_logo_shaping_mrEaves.pdf 17:32:16

a

1. L’IDENTITÀ

Tavola nº 8

servite da ispirazione per crearne di nuove ed assolutamente “non canoniche”, quali “Pg”, “ou”, “up”.

* Mrs Eaves è stato disegnato da Zuzana Licko per Emigre nel 1996. Artista grafica cofondatrice di Emigre, fondamentale rivista di grafica, e della omonima fonderia digitale nata proprio dalla rivista. Il carattere si basa sul tondo e corsivo di John Baskerville (1706-17775), e prende ironicamente il nome da Sarah Ruston Eaves, che fu, nell’ordine, sua governante e amante per sedici anni, ed infine sua moglie per undici.

b

Mrs Eaves Bold

Mrs Eaves Roman

Mrs Eaves JustLig

C

M

Y

CM

logotipo

MY

CY

CMY

8

K


LOGOTIPO TIPO 1

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

La tavola riporta il diagramma costruttivo della composizione di logotipo.

I rapporti dimensionali e proporzionali sono esplicitati nella tavola per eventuali ricostruzioni del logo che non si basino sull’uso dei file esecutivi che fanno da corredo alla visual guide.

1. L’IDENTITÀ

Tavola nº 9

9

1.6 / A

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA


LOGOTIPO TIPO 3 CON TAG

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

La tavola riporta il diagramma costruttivo della composizione di logotipo ed eventuale ‘tagline’ (ovvero l’ulteriore testo ad esso associato).

I rapporti dimensionali e proporzionali sono esplicitati nella tavola per eventuali ricostruzioni del logo che non si basino sull’uso dei file esecutivi che fanno da corredo alla visual guide.

1. L’IDENTITÀ

Tavola nº 10

TAGLINE: LINOTYPE ZAPFINO

10

1.6 / B

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA


LOGOTIPO TIPO 2

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

La tavola riporta il diagramma costruttivo della composizione di logotipo e icona associata.

I rapporti dimensionali e proporzionali sono esplicitati nella tavola per eventuali ricostruzioni del logo che non si basino sull’uso dei file esecutivi che fanno da corredo alla visual guide.

ICONA

1. L’IDENTITÀ

Tavola nº 11

LOGOTIPO

1/2 ICONA

1/2 ICONA

1/7 ICONA

11

1.7 / A

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA


LOGOTIPO TIPO 2 CON TAG

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

La tavola riporta il diagramma costruttivo della composizione di logotipo ed eventuale ‘tagline’ (ovvero l’ulteriore testo ad esso associato).

I rapporti dimensionali e proporzionali sono esplicitati nella tavola per eventuali ricostruzioni del logo che non si basino sull’uso dei file esecutivi che fanno da corredo alla visual guide.

ICONA

1. L’IDENTITÀ

Tavola nº 12

LOGOTIPO

1/2 ICONA

1/2 ICONA

1/7 ICONA

TAGLINE: LINOTYPE ZAPFINO

12

1.7 / B

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA


LOGOTIPO TIPO 3

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

La tavola riporta il diagramma costruttivo della composizione di logotipo e icona associata.

I rapporti dimensionali e proporzionali sono esplicitati nella tavola per eventuali ricostruzioni del logo che non si basino sull’uso dei file esecutivi che fanno da corredo alla visual guide.

ICONA

Tavola nº 13

LOGOTIPO

1/2 ICONA

1/4 ICONA

13

1.8 / A

1. L’IDENTITÀ

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA


LOGOTIPO TIPO 3 CON TAG

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

La tavola riporta il diagramma costruttivo della composizione di logotipo ed eventuale ‘tagline’ (ovvero l’ulteriore testo ad esso associato).

I rapporti dimensionali e proporzionali sono esplicitati nella tavola per eventuali ricostruzioni del logo che non si basino sull’uso dei file esecutivi che fanno da corredo alla visual guide.

ICONA

1/2 ICONA

1. L’IDENTITÀ

Tavola nº 14

LOGOTIPO

1/4 ICONA

3/4 ICONA

TAGLINE: LINOTYPE ZAPFINO

14

1.8 / B

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA


LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

COLORI

La tavola riporta i colori utilizzati nella costruzione del marchio. La tavola vede riunite le tre versioni standard del logotipo (nella versione corredata da tag) cui se ne aggiungeranno altre (per diversi utilizzi) visibili alla tavola successiva.

LOGOTIPO PROPOSTA GRAFICA

PITTIgroup Black CMYK 20%

40%

PANTONE Black U Cyan Magenta Yellow Black (K)

60%

30% 30% 30% 100%

Tavola nº 15

PITTIgroup Black RGB

RGB

PITTIgroup Light blue RGB

RGB

PITTIgroup Brown RGB

RGB

Red Green Blue

000 000 000

80%

PITTIgroup Light blue CMYK

PANTONE 536 U

PITTIgroup Brown CMYK

PANTONE 477 U

TIPO 1 (usi speciali)

1. L’IDENTITÀ

Cyan Magenta Yellow Black (K)

Cyan Magenta Yellow Black (K)

031% 020% 005% 000%

050% 085% 100% 035%

TIPO 2 (standard)

Red Green Blue

Red Green Blue

187 196 218

108 049 027

TIPO 3 (microscala)

15

1.9

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA


LOGOTIPO PROPOSTA GRAFICA

TIPO 1 SENZA TAG

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

VERSIONI DEL LOGO:

  La tavola raccoglie tutte le versioni fornite ed allegate alla visual guide, e funge anche da indice per recuperare i file vettoriali contenuti nel cd. La nomenclatura usata per i file ne evidenzia le caratteristiche: PG: PittiGroup full: più colori mono: monocolore sp: special usage stnd: versione standard inv: versione inversa

TIPO 1

1. L’IDENTITÀ

Tavola nº 16

FULL COLOR standard La versione Full Color tipo 1 è da considerare come la versione standard per utilizzi su fondi di colore bianco

file fornito:

PG_full_2c_stnd.pdf

FULL COLOR standard La versione Full Color tipo 1 è da considerare come la versione standard per utilizzi su fondi di colore bianco

file fornito:

PG_full_2c_inv.pdf

MONOCHROME (scala di grigio) La versione Monochrome è una versione che prevede i colori della versione Full Color convertiti in scala di grigi, con una gradazione che ne mantiene le ombreggiature. Ne è consigliato l’utilizzo sia per documenti stampati ad un solo colore oppure su elementi che necessitino una presenza più discreta del marchio file fornito: PG_mono_1c_stnd.pdf

SPECIAL USAGE La versione Special Usage è prevista per utilizzi in stampe senza mezzitoni oppure per la realizzazione di grafica che non preveda l’uso di inchiostri (ad esempio incisioni). Questa è la versione in positivo file fornito:

PG_sp_1c_stnd.pdf

SPECIAL USAGE inversa La versione Special Usage è prevista per utilizzi in stampe senza mezzitoni oppure per la realizzazione di grafica che non preveda l’uso di inchiostri (ad esempio incisioni). Ne è ammesso l’uso anche su fondi colorati. Questa è la versione in negativo file fornito: PG_sp_1c_inv.pdf

16

1.10 / A

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA


LOGOTIPO PROPOSTA GRAFICA

TIPO 2 SENZA TAG

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

VERSIONI DEL LOGO:

  La tavola raccoglie tutte le versioni fornite ed allegate alla visual guide, e funge anche da indice per recuperare i file vettoriali contenuti nel cd. La nomenclatura usata per i file ne evidenzia le caratteristiche: PG: PittiGroup full: più colori mono: monocolore sp: special usage stnd: versione standard inv: versione inversa

TIPO 2

1. L’IDENTITÀ

Tavola nº 17

FULL COLOR standard La versione Full Color tipo 1 è da considerare come la versione standard per utilizzi su fondi di colore bianco

file fornito:

PG_full_2c_stnd.pdf

FULL COLOR inversa La versione Full Color tipo 1 è da considerare come la versione standard per utilizzi su fondi di colore bianco

file fornito:

PG_full_2c_inv.pdf

MONOCHROME (scala di grigio) La versione Monochrome è una versione che prevede i colori della versione Full Color convertiti in scala di grigi, con una gradazione che ne mantiene le ombreggiature. Ne è consigliato l’utilizzo sia per documenti stampati ad un solo colore oppure su elementi che necessitino una presenza più discreta del marchio file fornito: PG_mono_1c_stnd.pdf

SPECIAL USAGE La versione Special Usage è prevista per utilizzi in stampe senza mezzitoni oppure per la realizzazione di grafica che non preveda l’uso di inchiostri (ad esempio incisioni). Questa è la versione in positivo file fornito:

PG_sp_1c_stnd.pdf

SPECIAL USAGE inversa La versione Special Usage è prevista per utilizzi in stampe senza mezzitoni oppure per la realizzazione di grafica che non preveda l’uso di inchiostri (ad esempio incisioni). Ne è ammesso l’uso anche su fondi colorati. Questa è la versione in negativo file fornito: PG_sp_1c_inv.pdf

17

1.10 / B

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA


LOGOTIPO PROPOSTA GRAFICA

TIPO 3 SENZA TAG

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

VERSIONI DEL LOGO:

  La tavola raccoglie tutte le versioni fornite ed allegate alla visual guide, e funge anche da indice per recuperare i file vettoriali contenuti nel cd. La nomenclatura usata per i file ne evidenzia le caratteristiche: PG: PittiGroup full: più colori mono: monocolore sp: special usage stnd: versione standard inv: versione inversa

TIPO 3

1. L’IDENTITÀ

Tavola nº 18

FULL COLOR standard La versione Full Color tipo 1 è da considerare come la versione standard per utilizzi su fondi di colore bianco

file fornito:

PG_full_2c_stnd.pdf

FULL COLOR inversa La versione Full Color tipo 1 è da considerare come la versione standard per utilizzi su fondi di colore bianco

file fornito:

PG_full_2c_inv.pdf

MONOCHROME (scala di grigio) La versione Monochrome è una versione che prevede i colori della versione Full Color convertiti in scala di grigi, con una gradazione che ne mantiene le ombreggiature. Ne è consigliato l’utilizzo sia per documenti stampati ad un solo colore oppure su elementi che necessitino una presenza più discreta del marchio file fornito: PG_mono_1c_stnd.pdf

SPECIAL USAGE La versione Special Usage è prevista per utilizzi in stampe senza mezzitoni oppure per la realizzazione di grafica che non preveda l’uso di inchiostri (ad esempio incisioni). Questa è la versione in positivo file fornito:

PG_sp_1c_stnd.pdf

SPECIAL USAGE inversa La versione Special Usage è prevista per utilizzi in stampe senza mezzitoni oppure per la realizzazione di grafica che non preveda l’uso di inchiostri (ad esempio incisioni). Ne è ammesso l’uso anche su fondi colorati. Questa è la versione in negativo file fornito: PG_sp_1c_inv.pdf

18

1.10 / C

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA


LOGOTIPO PROPOSTA GRAFICA

TIPO 1 SENZA TAG

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

VERSIONI DEL LOGO:

  La tavola raccoglie tutte le versioni fornite ed allegate alla visual guide, e funge anche da indice per recuperare i file vettoriali contenuti nel cd. La nomenclatura usata per i file ne evidenzia le caratteristiche: PG: PittiGroup full: più colori mono: monocolore sp: special usage stnd: versione standard inv: versione inversa

TIPO 1

1. L’IDENTITÀ

Tavola nº 19

FULL COLOR standard La versione Full Color tipo 1 è da considerare come la versione standard per utilizzi su fondi di colore bianco

file fornito:

PG_full_2c_stnd.pdf

FULL COLOR standard La versione Full Color tipo 1 è da considerare come la versione standard per utilizzi su fondi di colore bianco

file fornito:

PG_full_2c_inv.pdf

MONOCHROME (scala di grigio) La versione Monochrome è una versione che prevede i colori della versione Full Color convertiti in scala di grigi, con una gradazione che ne mantiene le ombreggiature. Ne è consigliato l’utilizzo sia per documenti stampati ad un solo colore oppure su elementi che necessitino una presenza più discreta del marchio file fornito: PG_mono_1c_stnd.pdf

SPECIAL USAGE La versione Special Usage è prevista per utilizzi in stampe senza mezzitoni oppure per la realizzazione di grafica che non preveda l’uso di inchiostri (ad esempio incisioni). Questa è la versione in positivo file fornito:

PG_sp_1c_stnd.pdf

SPECIAL USAGE inversa La versione Special Usage è prevista per utilizzi in stampe senza mezzitoni oppure per la realizzazione di grafica che non preveda l’uso di inchiostri (ad esempio incisioni). Ne è ammesso l’uso anche su fondi colorati. Questa è la versione in negativo file fornito: PG_sp_1c_inv.pdf

19

1.10 / D

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA


LOGOTIPO PROPOSTA GRAFICA

TIPO 2 SENZA TAG

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

VERSIONI DEL LOGO:

  La tavola raccoglie tutte le versioni fornite ed allegate alla visual guide, e funge anche da indice per recuperare i file vettoriali contenuti nel cd. La nomenclatura usata per i file ne evidenzia le caratteristiche: PG: PittiGroup full: più colori mono: monocolore sp: special usage stnd: versione standard inv: versione inversa

TIPO 2

1. L’IDENTITÀ

Tavola nº 20

FULL COLOR standard La versione Full Color tipo 1 è da considerare come la versione standard per utilizzi su fondi di colore bianco

file fornito:

PG_full_2c_stnd.pdf

FULL COLOR inversa La versione Full Color tipo 1 è da considerare come la versione standard per utilizzi su fondi di colore bianco

file fornito:

PG_full_2c_inv.pdf

MONOCHROME (scala di grigio) La versione Monochrome è una versione che prevede i colori della versione Full Color convertiti in scala di grigi, con una gradazione che ne mantiene le ombreggiature. Ne è consigliato l’utilizzo sia per documenti stampati ad un solo colore oppure su elementi che necessitino una presenza più discreta del marchio file fornito: PG_mono_1c_stnd.pdf

SPECIAL USAGE La versione Special Usage è prevista per utilizzi in stampe senza mezzitoni oppure per la realizzazione di grafica che non preveda l’uso di inchiostri (ad esempio incisioni). Questa è la versione in positivo file fornito:

PG_sp_1c_stnd.pdf

SPECIAL USAGE inversa La versione Special Usage è prevista per utilizzi in stampe senza mezzitoni oppure per la realizzazione di grafica che non preveda l’uso di inchiostri (ad esempio incisioni). Ne è ammesso l’uso anche su fondi colorati. Questa è la versione in negativo file fornito: PG_sp_1c_inv.pdf

20

1.10 / E

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA


LOGOTIPO PROPOSTA GRAFICA

TIPO 3 SENZA TAG

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

VERSIONI DEL LOGO:

  La tavola raccoglie tutte le versioni fornite ed allegate alla visual guide, e funge anche da indice per recuperare i file vettoriali contenuti nel cd. La nomenclatura usata per i file ne evidenzia le caratteristiche: PG: PittiGroup full: più colori mono: monocolore sp: special usage stnd: versione standard inv: versione inversa

TIPO 3

1. L’IDENTITÀ

Tavola nº 21

FULL COLOR standard La versione Full Color tipo 1 è da considerare come la versione standard per utilizzi su fondi di colore bianco

file fornito:

PG_full_2c_stnd.pdf

FULL COLOR inversa La versione Full Color tipo 1 è da considerare come la versione standard per utilizzi su fondi di colore bianco

file fornito:

PG_full_2c_inv.pdf

MONOCHROME (scala di grigio) La versione Monochrome è una versione che prevede i colori della versione Full Color convertiti in scala di grigi, con una gradazione che ne mantiene le ombreggiature. Ne è consigliato l’utilizzo sia per documenti stampati ad un solo colore oppure su elementi che necessitino una presenza più discreta del marchio file fornito: PG_mono_1c_stnd.pdf

SPECIAL USAGE La versione Special Usage è prevista per utilizzi in stampe senza mezzitoni oppure per la realizzazione di grafica che non preveda l’uso di inchiostri (ad esempio incisioni). Questa è la versione in positivo file fornito:

PG_sp_1c_stnd.pdf

SPECIAL USAGE inversa La versione Special Usage è prevista per utilizzi in stampe senza mezzitoni oppure per la realizzazione di grafica che non preveda l’uso di inchiostri (ad esempio incisioni). Ne è ammesso l’uso anche su fondi colorati. Questa è la versione in negativo file fornito: PG_sp_1c_inv.pdf

21

1.10 / F

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA


1.10 CARATTERI

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

1. L’IDENTITÀ

Tavola nº 22

  I font scelti come caratteri istituzionali sono due tra le complete famiglie di caratteri: l’Univers e il Palatino, di cui qui di seguito si dà una sommaria descrizione. UNIVERS:   Disegnato da Adrian Frutiger nel 1957 (la versione digitale è distribuita da Lynotype.com) è uno dei caratteri che ha fatto la storia della tipografia del ventesimo secolo. Si tratta di un font di alta leggibilità e

che permette un utilizzo in molteplici campi, dato il considerevole numero di “pesi” (regular, light, extra black condensed etc.) in cui viene fornito. Palatino:   Disegnato nel 1948 da Hermann Zapf, la famiglia fa parte della Abobe Font Collection (distribuita da Lynotype.com). Costituisce una famiglia di caratteri da testo tra i più ammirati tra quelli cosiddetti neoumanisti; nella composizione permette di inserire qualche

carattere in più per riga, in ogni cospo, rispetto alla maggioranza di altri caratteri da testo, senza apparire schiacciato o compresso.

  Le due famiglie di caratteri sono contenute nel CD-ROM allegato alla visual guide esecutiva

UNIVERS LT 55 REGULAR

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789

PALATINO REGULAR

ABCDEFGHIJKLMNOPQ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789 !”£$%&/()=?’^éè*+çò@°à#§ù;.->

UNIVERS LT 55 BOLD

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz

PALATINO ITALIC

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUV abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789

UNIVERS LT 85 EXTRA BLACK REGULAR

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXY abcdefghijklmnopqrstuvwxyz

MINION PRO BOLD

UNIVERS LT 55 ITALIC

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789

UNIVERS LT 45 LIGHT REGULAR

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789

UNIVERS LT 45 LIGHT ITALIC

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789

UNIVERS LT 57 CONDENSED REGULAR

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXY abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789 !”£$%&/()=?’^éè*+çò@°à#§ù;.-><

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUV abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789 !”£$%&/()=?’^éè*+çò@°à#§ù;.->< 22

UNIVERS LT 59 ULTRA CONDENSED REGULAR

PALATINO BOLD ITALIC

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUV abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789


2.1 GLI STANDARD DELLA CARTA: (i formati UNI)

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

2. APPLICAZIONI

Tavola nº 23

  Poiché si tratta di un oggetto che quotidianamente abbiamo sotto mano (il foglio di carta di formato A4), per una maggiore consapevolezza ne riassumiamo la storia e il principio su cui si fonda.   Un fisico, Lichtenberg, constatò circa centosessant’anni fa che un foglio di carta i cui lati fossero nel rapporto esistente tra un lato del quadrato e la sua diagonale, permetteva di ottenere, mediante dimezza-

mento normale al lato maggiore, dei formati nei quali il rapporto tra i lati rimaneva costante. Questa è la base del formato UNI: come base è stato scelto un foglio che avesse tali caratteristiche e superficie pari ad 1 mq, chiamato formato A0 (rapporto tra i lati pari a ⁵/₇ e dimensione 841x1189 cm): il lato lungo è uguale alla diagonale del quadrato costruito su lato corto. Tutti i suoi sottomultipli si ottengono per dimez-

zamento normale al lato maggiore, e costituiscono la serie A. Vi sono poi i formati della serie C, in proporzione con la serie A, destinati a contenere i prodotti della serie A (es. cartellette, buste etc.), infine vi sono anche i formati della serie B, in proporzione con la serie C, della quale sono destinati a contenere i prodotti. Grazie alle tre serie, avremo che una lettera in formato A4 può

essere contenuta in una cartellina in formato C4 e questa in una busta per spedizione in formato B4. I formati della serie B e C si ottengono in progressione geometrica dai formati della serie principale A. Il numero che segue la lettera dell’alfabeto indica nella convenzione internazionale, quante volte dovrà essere tagliato e piegato il foglio per arrivare al formato desiderato.

A0

A1

A2

A3

A4

A5

A6

A7

Serie A

Serie C

Serie B

A0 841 x 1189

C0 917 x 1297

B0 1000 x 1414

A1 594 x 841

C1 648 x 917

B1 707 x 1000

DETERMINAZIONE DEL FORMATO A0

A2 420 x 594

C2 458 x 648

B2 500 x 707

A3 297 x 420

C3 324 x 458

B3 353 x 500

Il formato A0 è un rettangolo con superficie pari ad 1 mq. Il lato lungo è uguale alla diagonale del quadrato costruito sul lato corto: Gli altri formati si ottengono dimezzando il formato superiore e sono direttamente proporzionali tra loro: lato lungo sta a lato lungo come lato corto sta a lato corto.

A4 210 x 297

C4 229 x 324

B4 250 x 353

A5 148 x 210

C5 162 x 229

B5 176 x 250

A6 105 x 148

C6 114 x 162

B6 125 x 176

A7 74 x 105

C7 81 x 114

B7 88 x 125

A8 52 x 74

C8 57 x 81

B8 62 x 88

A9 37 x 52

C9 40 x 57

B9 44 x 62

23

FORMATI UNI (misure espresse in millimetri)


GRIGLIA DI IMPAGINAZIONE

pitti_group_21x29,7_griglia_2nd.indd 1

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

  La carta da lettere è impostata sul formato A4. La griglia di composizione è stata disegnata seguendo un criterio compositivo che garantisce che moduli e sottomoduli proporzionali siano in millimetri senza decimali. I margini della pagina sono stati decisi a posteriori, dopo aver effettuato la la griglia interna in base al numero di colonne e alla loro dimensione strutturale.

Abbiamo scelto una griglia di 12 colonne (denominatore comune 2, 3, 4, 6) intervallate di 5 mm (avremmo potuto scegliere 4 oppure 6). La griglia che abbiamo ottenuto è quindi di 12 colonne e 18 righe, e il modulo proporzionatore è di 9x9 mm. Evidenziamo due possibili layout di impaginazione che vedremo riproposti nel disegno della carta da lettere e di altri documenti esemplificativi.

22-09-2008 16:00:39

pitti_group_21x29,7_griglia_2nd.indd 1

Tavola nº 24

22-09-2008 15:59:51

24

2.2

2. APPLICAZIONI

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA


2.3 CARTA DA LETTERE

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

2. APPLICAZIONI

  La carta da lettere è impostata sul formato A4: considerando che i formati UNI si ottengono costruendo un quadrato sul lato corto e dando all’altezza la misura della diagonale del quadrato, disegnamo un primo modulo di 21x9,7 ed un secondo di 21x20 cm. La linea di separazione evidenzia il rapporto 5/7 della costruzione e rappresenta la divisione tra due aree. I rapporti tra i margini individuano la gabbia

utile. La linea di separazione individua il punto in cui avverrà la piegatura della carta per l’imbustamento. Suddividendo ulteriormente lo spazio superiore in 2 moduli disposti su quattro righe otterremo degli spazi destinati a contenere gerarchicamente le varie informazioni. L’ampio fondo pagina permette l’inserimento dei dati legali, lasciando ampio respiro alla composizione della pagina.

Le pagine successive alla prima hanno un diverso formato: scompaiono tutti gli elementi grafici che erano riservati all’inserimento di destinatario, mittente etc. lasciando spazio al contenuto della pagina.

Tavola nº 25

Enisciduisit do od ting eu feum zzriure dipit lutpat. Ex eu facinci llaore mod tionsequisim aut do cor sequametum do euis aliquis nullaore magna feugiam, veliquam zzrilit nostion umsandiam, commodo loboreetue ming et lum vent aliquat nos nonsequat inibh ex enim in vel essenim vel delis num veros adio od ming ese venis numsandrerit lum eugait utat inciduisci te velis nim zzril utpat, quipsusci et alisl dolore conum euipit in ut vel iureet lor summy nim vel eum quatio dolestin henim nibh elit nis numsand ionsequisim iurero essis dolor aut lamcommy num qui blaore facipisi. Dolor adit aliquip erosto conullu ptatue voleseq uiscidu isciduisi bla augue facillum quisit am vel do euguer sit luptatissit adio od duis autpat, consequatum nonullut ut utpatie mod magna faci blaore dolor si tat inissit landigna augiat niamcon henis nos aut er at. Ut aciduismod tem ing et lore vendre ming exer sum ipsum illum del exeros.

All’attenzione ALIAS srl Via Cennano, 25 52025 Montevarchi (AR) Oggetto: Prova di formattazione testo per redazione lettera di tipo istituzionale

Spett.le Alias srl, facin et, quam vel utpat, vero commy nim num zzrillamcor aci te veliquat velisissit at wis nulputpatin eugiat. Ut velendi atumsandre facidunt augiamet, ver sed minis alisi bla feum euguer aute elisiscipit, quiscil euguero dolobore molent prat nulputpat. Tat, con elit utatem inissim zzrit atet ulputpat non utatem alisit vent dunt il dit vent wisi. Te tet doluptat. Ut nibh esto consequisl eu feuip eummy nim del iuscing ex exerci ea facilisi tinim accum zzriusto delisim autatis am, consenisi bla cor incidui essi. Min veliquis nos eros nibh esequis aliquat. Duis estrud esecte magniam dolore dolore do eugait lortie mod tio odolor sequis nonse tisi. Cummy nonsectet lutat auguerc iliscipsummy nim enisi tatum ilit lam, vero et nonsequam, veliquip etue ming exeraesto del irit non velis nonsed tincip et, qui esequis nim zzrit nis nullum ing ex esto etue tem il do eu facin euismod olumsandip et accum vulputpat. Dui eu facidunt ad digna feumsan veniam vullut augait ip et venim nim ero dolor inim at, quisis ex eu feuisl delenis eu faci te min er acil ea atum dolessectem zzrit acip eum zzriureriure do odoloboreet, vulput ea feu facilla at ipit init ullam, velit ea feugue do od ex eugait laore feugue volenim zzrit wis dolore mod tisit dolortionum aliquat alit irit utpatisi eum acin ute modigniamet, summolorer iriliquisit iriliscip et am velesecte velis nonse feugait, quisl duipit lore modigna ad exer sum dolore mincidu ismolortin utpat. Oborperos adigna at alismol oreril iuscidunt wis essecte vel iustrud dit adigniam inciduisit wisit utat luptat adip et exer sectem nullandre miniat.

Tat veliquam, consequat elenim il utpatem augait augue dolore facipiscip ea feuismodo dunt acinibh euis alissim do dolore consequat. Nullut et wismod magnit, consequat. Duissi. Ummy nibh et loborti onullam, veliqui smodolent niam irit vel utatis nissim zzriure consequatue cor ipis alit eugue feu feugue feu faci tat, vel ing eliquat exerci eum zzril ercip eum eu feugait lute magna ad magna commy niamconsed doluptatin enisim dolobore vel doloreetum vel iure tinci tat. Duisiscil et el et am, venibh ero odolore doluptat. Iquat. Sandre feuis ex eugiam zzrilisi. Na commy num nos aut wismod modoles tionullaor sed molent vent loborpe raesectem dolore el digna corem euis nit et amet dignis augait lam nit lamcoreetuer ipit in eugiat praesse quatumsan ulput wis alisl dunt autpat nit aliquis etumsandreet ilisi. Ugait ulpute magnim veriuscidunt iliquat veliquat. Urem dunt praestrud duis autat. Iquat lutpatue conse faccum vulland igniscip esse tat velenim iriuscilla aut prat ut lore deliquipis alit lum quipsum quatue min henim alit ut dolore facilis at lore dipisi tion exer si. Equat. Voloreet, sustie tie tem quismolobor susting ero consequam ex ero consectet, quiscing esectem iuscili quissi. Os aciliquat. Unt la accum dolorperat praesse tatumsan erilluptat, consequat prat deliqui tis adip ea faccum vulputem vel eumsandigna

PITTI srl

pitti_group_21x29,7_griglia_2nd.indd 4

T +39 055 310607 F +39 055 310637 info@pittigroup.it www.pittigroup.it

22-09-2008 15:59:55

pitti_group_21x29,7_griglia_2nd.indd 5

22-09-2008 15:59:55

25

Via Lucchese 39 50019 Sesto Fiorentino (Florence) Italy P. Iva 01648260519


Allâ&#x20AC;&#x2122;attenzione ALIAS srl Via Cennano, 25 52025 Montevarchi (AR) Oggetto: Prova di formattazione testo per redazione lettera di tipo istituzionale

Spett.le Alias srl, facin et, quam vel utpat, vero commy nim num zzrillamcor aci te veliquat velisissit at wis nulputpatin eugiat. Ut velendi atumsandre facidunt augiamet, ver sed minis alisi bla feum euguer aute elisiscipit, quiscil euguero dolobore molent prat nulputpat. Tat, con elit utatem inissim zzrit atet ulputpat non utatem alisit vent dunt il dit vent wisi. Te tet doluptat. Ut nibh esto consequisl eu feuip eummy nim del iuscing ex exerci ea facilisi tinim accum zzriusto delisim autatis am, consenisi bla cor incidui essi. Min veliquis nos eros nibh esequis aliquat. Duis estrud esecte magniam dolore dolore do eugait lortie mod tio odolor sequis nonse tisi. Cummy nonsectet lutat auguerc iliscipsummy nim enisi tatum ilit lam, vero et nonsequam, veliquip etue ming exeraesto del irit non velis nonsed tincip et, qui esequis nim zzrit nis nullum ing ex esto etue tem il do eu facin euismod olumsandip et accum vulputpat. Dui eu facidunt ad digna feumsan veniam vullut augait ip et venim nim ero dolor inim at, quisis ex eu feuisl delenis eu faci te min er acil ea atum dolessectem zzrit acip eum zzriureriure do odoloboreet, vulput ea feu facilla at ipit init ullam, velit ea feugue do od ex eugait laore feugue volenim zzrit wis dolore mod tisit dolortionum aliquat alit irit utpatisi eum acin ute modigniamet, summolorer iriliquisit iriliscip et am velesecte velis nonse feugait, quisl duipit lore modigna ad exer sum dolore mincidu ismolortin utpat. Oborperos adigna at alismol oreril iuscidunt wis essecte vel iustrud dit adigniam inciduisit wisit utat luptat adip et exer sectem nullandre miniat. PITTI srl Via Lucchese 39 50019 Sesto Fiorentino (Florence) Italy P. Iva 01648260519

T +39 055 310607 F +39 055 310637 info@pittigroup.it www.pittigroup.it


Enisciduisit do od ting eu feum zzriure dipit lutpat. Ex eu facinci llaore mod tionsequisim aut do cor sequametum do euis aliquis nullaore magna feugiam, veliquam zzrilit nostion umsandiam, commodo loboreetue ming et lum vent aliquat nos nonsequat inibh ex enim in vel essenim vel delis num veros adio od ming ese venis numsandrerit lum eugait utat inciduisci te velis nim zzril utpat, quipsusci et alisl dolore conum euipit in ut vel iureet lor summy nim vel eum quatio dolestin henim nibh elit nis numsand ionsequisim iurero essis dolor aut lamcommy num qui blaore facipisi. Dolor adit aliquip erosto conullu ptatue voleseq uiscidu isciduisi bla augue facillum quisit am vel do euguer sit luptatissit adio od duis autpat, consequatum nonullut ut utpatie mod magna faci blaore dolor si tat inissit landigna augiat niamcon henis nos aut er at. Ut aciduismod tem ing et lore vendre ming exer sum ipsum illum del exeros. Tat veliquam, consequat elenim il utpatem augait augue dolore facipiscip ea feuismodo dunt acinibh euis alissim do dolore consequat. Nullut et wismod magnit, consequat. Duissi. Ummy nibh et loborti onullam, veliqui smodolent niam irit vel utatis nissim zzriure consequatue cor ipis alit eugue feu feugue feu faci tat, vel ing eliquat exerci eum zzril ercip eum eu feugait lute magna ad magna commy niamconsed doluptatin enisim dolobore vel doloreetum vel iure tinci tat. Duisiscil et el et am, venibh ero odolore doluptat. Iquat. Sandre feuis ex eugiam zzrilisi. Na commy num nos aut wismod modoles tionullaor sed molent vent loborpe raesectem dolore el digna corem euis nit et amet dignis augait lam nit lamcoreetuer ipit in eugiat praesse quatumsan ulput wis alisl dunt autpat nit aliquis etumsandreet ilisi. Ugait ulpute magnim veriuscidunt iliquat veliquat. Urem dunt praestrud duis autat. Iquat lutpatue conse faccum vulland igniscip esse tat velenim iriuscilla aut prat ut lore deliquipis alit lum quipsum quatue min henim alit ut dolore facilis at lore dipisi tion exer si. Equat. Voloreet, sustie tie tem quismolobor susting ero consequam ex ero consectet, quiscing esectem iuscili quissi. Os aciliquat. Unt la accum dolorperat praesse tatumsan erilluptat, consequat prat deliqui tis adip ea faccum vulputem vel eumsandigna


PITTI srl Via Lucchese 39 50019 Sesto Fiorentino (Florence) Italy P. Iva 01648260519

T +39 055 310607 F +39 055 310637 info@pittigroup.it www.pittigroup.it


FAX

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

2. APPLICAZIONI

  Anche il fax utilizza le medesime impostazioni della carta intestata. Impostato sul formato A4: considerando che i formati UNI si ottengono costruendo un quadrato sul lato corto e dando all’altezza la misura della diagonale del quadrato, disegnamo un primo modulo di 21x9,7 ed un secondo di 21x20 cm. La linea di separazione evidenzia il rapporto 5/7 della costruzione e rappresenta la divisione tra due aree.

I rapporti tra i margini individuano la gabbia utile. La linea di separazione individua il punto in cui avverrà la piegatura della carta per l’imbustamento. Suddividendo ulteriormente lo spazio superiore in 2 moduli disposti su quattro righe otterremo degli spazi destinati a contenere gerarchicamente le varie informazioni. L’ampio fondo pagina permette l’inserimento dei dati legali, lasciando

ampio respiro alla composizione della pagina. In caso, le pagine successive alla prima hanno un diverso formato: scompaiono tutti gli elementi grafici che erano riservati all’inserimento di destinatario, mittente etc. lasciando spazio al contenuto della pagina.

PITTI srl Via Lucchese 39 50019 Sesto Fiorentino (Florence) Italy P. Iva 01648260519

pitti_group_21x29,7_griglia_2nd.indd 8

Tavola nº 30

PITTI srl T +39 055 310607 F +39 055 310637 info@pittigroup.it www.pittigroup.it

Via Lucchese 39 50019 Sesto Fiorentino (Florence) Italy P. Iva 01648260519

22-09-2008 16:00:41

pitti_group_21x29,7_griglia_2nd.indd 8

T +39 055 310607 F +39 055 310637 info@pittigroup.it www.pittigroup.it

22-09-2008 15:59:56

30

2.4

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA


PITTI srl Via Lucchese 39 50019 Sesto Fiorentino (Florence) Italy P. Iva 01648260519

T +39 055 310607 F +39 055 310637 info@pittigroup.it www.pittigroup.it


PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA

BIGLIETTO DA VISITA

Tavola nº 32

Il biglietto da visita è progettato come un mini-pieghevole, per ottenere un effetto di essenzialità e allo stesso tempo di completezza. il fronte chiuso presenta il logotipo attraverso una fustellatura che definisce la forma dell’icona. Aprendolo appaiono i dati personali: l’anta interna aperta può all’occorrenza essere utilizzata per contenere la tagline. Sul retro il fondo colorato scompare.

CRISTIANO BACCIANTI

CRISTIANO BACCIANTI

CRISTIANO BACCIANTI

GENERAL MANAGER

GENERAL MANAGER

GENERAL MANAGER

M: +39 335 697 5572 T: +39 055 310607 F: +39 055 310637 cristiano@pittigroup.it

M: +39 335 697 5572 T: +39 055 310607 F: +39 055 310637 cristiano@pittigroup.it

M: +39 335 697 5572 T: +39 055 310607 F: +39 055 310637 cristiano@pittigroup.it

PITTI srl M: +39 335 697 5572 T: +39 055 310607 F: +39 055 310637 cristiano@pittigroup.it

Via Lucchese 39 50019 Sesto Fiorentino (Florence) Italy P. Iva 01648260519

T +39 055 310607 F +39 055 310637 info@pittigroup.it www.pittigroup.it

GENERAL MANAGER CRISTIANO BACCIANTI 32

2.5

2. APPLICAZIONI

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE


2.6 / A BUSTA

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

  La busta di formato legal (11x222 cm) presenta tutti i dati istituzionali Pitti Group nella stampa sull’aletta di chiusura, mentre nella parte della busta destinata a contenere il destinatario è presente il solo logotipo. Un effetto di lucidatura conferisce eleganza alla grafica minimale della busta (soprattutto nel fronte). La formattazione del testo è, come per il precedente biglietto da visita, la stessa della carta

intestata, e sarà la stessa anche nei successivi elementi (ad esempio il ‘folder’ A4).

2. APPLICAZIONI

Tavola nº 33

Via Lucchese 39 50019 Sesto Fiorentino (Florence) Italy PITTI srl

33

www.pittigroup.it


PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA

ETICHETTA PER CD-ROM

2. APPLICAZIONI

Tavola nº 34

  Il rispetto della griglia modulare e delle proporzioni nelle misure dei caratteri sono alla base anche dell’impostazione dell’etichetta per cd-rom o dvd. In basso lo spazio vuoto è pensato per essere utilizzato per la descrizione del contenuto del supporto.

PITTI srl Via Lucchese 39 50019 Sesto Fiorentino (Florence) Italy P. Iva 01648260519 T +39 055 310607 F +39 055 310637 info@pittigroup.it www.pittigroup.it

34

2.7 / A

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE


PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA

ETICHETTA PER CD-ROM ALTERNATIVA

2. APPLICAZIONI

Tavola nº 35

  Il rispetto della griglia modulare e delle proporzioni nelle misure dei caratteri sono alla base anche dell’impostazione dell’etichetta per cd-rom o dvd. In basso lo spazio vuoto è pensato per essere utilizzato per la descrizione del contenuto del supporto.

PITTI srl Via Lucchese 39 50019 Sesto Fiorentino (Florence) Italy P. Iva 01648260519 T +39 055 310607 F +39 055 310637 info@pittigroup.it www.pittigroup.it

35

2.7 / B

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE


PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA

2.8

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

2. APPLICAZIONI

Tavola nº 36

Il folder A4 multipiega una volta chiuso acquista valore di confezione a scatolaa, essendo chiuso ad incastro su tutti i suoi lati. Sarà stampato su carta pesante patinata lucida, con effetti di plastificazione opaca interna ed esterna . Logotipo e tagline saranno poi evidenziati con vernice UV e rilievo a secco. Semplici elementi fustellati verranno usati per contenere cd e biglietti da visita.

Via Lucchese 39 50019 Sesto Fiorentino (Florence) Italy P. Iva 01648260519 T +39 055 310607 F +39 055 310637 info@pittigroup.it www.pittigroup.it

PITTI srl

CARTELLINA FOLDER A4

SINTER ingegneria | Sistemi Integrati Territoriali

CRISTIANO BACCIANTI GENERAL MANAGER

36

M: +39 335 697 5572 T: +39 055 310607 F: +39 055 310637 cristiano@pittigroup.it


COPERTINE PER DOCUMENTI TIPO 1

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

2. APPLICAZIONI

Gli stessi rapporti dimensionali usati per definire la griglia di impaginazione della carta da lettere sono alla base di questa composizione grafice che rappresenta un modello definito ma riproponibile e riutilizzabile per più scopi e per pubblicazioni di diversa natura: presentazioni aziendali, rapporti di bilancio, pubblicazioni monografiche, house organ. La chiave interpretativa è quella della de-costruzione

dell’immagine globale attraverso successive ripetizioni di tagli sempre leggermente diversi di dettagli fotografici (ma potrebbero anche in futuro essere elementi grafici o pittorici, o dettagli progettuali). La tagline potrebbe “vivere” di vita propria, slegata dalla monolitica associazione definita col logotipo, per donare vibrazione alla geometria della pagina. Tutti i testi saranno composti con caratteri

istituzionali. Usi di caratteri diversi saranno possibili compatibilmente con la natura del progetto (ad esempio le sezioni “sperimentali” di un house organ).

Tavola nº 37

ET NUNQUAM VEL ULL SO, WELCOME HOME LOREM IPSUM T NUM VER SUM NULLANDIAM VULLAM, VOLENIM ILIT

welcome home

pitti_group_copertine.indd 1

22-09-2008 16:10:15

37

2.9 / A

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA


COPERTINE PER DOCUMENTI TIPO 2

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

2. APPLICAZIONI

Gli stessi rapporti dimensionali usati per definire la griglia di impaginazione della carta da lettere sono alla base di questa composizione grafice che rappresenta un modello definito ma riproponibile e riutilizzabile per più scopi e per pubblicazioni di diversa natura: presentazioni aziendali, rapporti di bilancio, pubblicazioni monografiche, house organ. La chiave interpretativa è quella della de-costruzione

dell’immagine globale attraverso successive ripetizioni di tagli sempre leggermente diversi di dettagli fotografici (ma potrebbero anche in futuro essere elementi grafici o pittorici, o dettagli progettuali). La tagline potrebbe “vivere” di vita propria, slegata dalla monolitica associazione definita col logotipo, per donare vibrazione alla geometria della pagina. Tutti i testi saranno composti con caratteri

istituzionali. Usi di caratteri diversi saranno possibili compatibilmente con la natura del progetto (ad esempio le sezioni “sperimentali” di un house organ).

Tavola nº 38

ET NUNQUAM VEL ULL SO, WELCOME HOME LOREM IPSUM T NUM VER SUM NULLANDIAM VULLAM, VOLENIM ILIT

welcome home

pitti_group_copertine.indd 2

22-09-2008 16:10:18

38

2.9 / B

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA


TIPO 3

2. APPLICAZIONI

Gli stessi rapporti dimensionali usati per definire la griglia di impaginazione della carta da lettere sono alla base di questa composizione grafice che rappresenta un modello definito ma riproponibile e riutilizzabile per più scopi e per pubblicazioni di diversa natura: presentazioni aziendali, rapporti di bilancio, pubblicazioni monografiche, house organ. La chiave interpretativa è quella della de-costruzione

dell’immagine globale attraverso successive ripetizioni di tagli sempre leggermente diversi di dettagli fotografici (ma potrebbero anche in futuro essere elementi grafici o pittorici, o dettagli progettuali). La tagline potrebbe “vivere” di vita propria, slegata dalla monolitica associazione definita col logotipo, per donare vibrazione alla geometria della pagina. Tutti i testi saranno composti con caratteri

istituzionali. Usi di caratteri diversi saranno possibili compatibilmente con la natura del progetto (ad esempio le sezioni “sperimentali” di un house organ).

Tavola nº 39

ET NUNQUAM VEL ULL SO, WELCOME HOME

ET NUNQUAM VEL ULL SO, WELCOME HOME LOREM IPSUM T NUM VER SUM

pitti_group_copertine.indd 3

22-09-2008 16:10:21

39

COPERTINE PER DOCUMENTI

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

welcome home

2.9 / C

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA


Gli stessi rapporti dimensionali usati per definire la griglia di impaginazione della carta da lettere sono alla base di questa composizione grafice che rappresenta un modello definito ma riproponibile e riutilizzabile per più scopi e per pubblicazioni di diversa natura: presentazioni aziendali, rapporti di bilancio, pubblicazioni monografiche, house organ. La chiave interpretativa è quella della de-costruzione

dell’immagine globale attraverso successive ripetizioni di tagli sempre leggermente diversi di dettagli fotografici (ma potrebbero anche in futuro essere elementi grafici o pittorici, o dettagli progettuali). La tagline potrebbe “vivere” di vita propria, slegata dalla monolitica associazione definita col logotipo, per donare vibrazione alla geometria della pagina. Tutti i testi saranno composti con caratteri

istituzionali. Usi di caratteri diversi saranno possibili compatibilmente con la natura del progetto (ad esempio le sezioni “sperimentali” di un house organ).

Tavola nº 40

ET NUNQUAM VEL ULL SO, WELCOME HOME

T +39 055 310607 F +39 055 310637 info@pittigroup.it www.pittigroup.it 22-09-2008 16:10:25

40

pitti_group_copertine.indd 4

Via Lucchese 39 50019 Sesto Fiorentino (Florence) Italy P. Iva 01648260519

TIPO 4

2. APPLICAZIONI

PITTI srl

COPERTINE PER DOCUMENTI

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

welcome home

2.9 / D

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA


Gli stessi rapporti dimensionali usati per definire la griglia di impaginazione della carta da lettere sono alla base di questa composizione grafice che rappresenta un modello definito ma riproponibile e riutilizzabile per più scopi e per pubblicazioni di diversa natura: presentazioni aziendali, rapporti di bilancio, pubblicazioni monografiche, house organ. La chiave interpretativa è quella della de-costruzione

dell’immagine globale attraverso successive ripetizioni di tagli sempre leggermente diversi di dettagli fotografici (ma potrebbero anche in futuro essere elementi grafici o pittorici, o dettagli progettuali). La tagline potrebbe “vivere” di vita propria, slegata dalla monolitica associazione definita col logotipo, per donare vibrazione alla geometria della pagina. Tutti i testi saranno composti con caratteri

istituzionali. Usi di caratteri diversi saranno possibili compatibilmente con la natura del progetto (ad esempio le sezioni “sperimentali” di un house organ).

Tavola nº 41

ET NUNQUAM VEL ULL SO, WELCOME HOME

T +39 055 310607 F +39 055 310637 info@pittigroup.it www.pittigroup.it 22-09-2008 16:10:28

41

pitti_group_copertine.indd 5

Via Lucchese 39 50019 Sesto Fiorentino (Florence) Italy P. Iva 01648260519

TIPO 5

2. APPLICAZIONI

PITTI srl

COPERTINE PER DOCUMENTI

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

welcome home

2.9 / D

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA


DOCUMENTO ESEMPIO DI IMPAGINAZIONE FRONTESPIZIO

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

2. APPLICAZIONI

  In questa e nelle tavole seguenti presentiamo alcuni modelli di documento che partono tutti dalla stessa implostazione: formato carta UNI A4 e griglia di impaginazione identica a quella utilizzata per comporre la carta intestata (vedi tavola). In questo caso si tratta della composizione di due pagine interne affiancate. A destra un esempio di frontespizio.

La formattazione del testo in blocchetti separati ne rende possibile l’utilizzo anche con software di videoscrittura non professionali. Ad ogni modo nel cd-rom che allegheremo alla versione finale del book inseriremo i imodelli sorgenti realizzati con Adobe InDesign CS2 (compatibili anche con Quark X-Press), nonché i file vettoriali da essi derivati (eps e simili) utilizzabili con altri software quali Adobe

Illustrator, Corel Draw, Microsoft Publisher.

Tavola nº 42

Lorem ipsum dolor sit amet

TITOLO DELLA PRESENTAZIONE Sottotitolo esplicativo della presentazione di Pitti Group, e lorem ipsum dolor sit amet sadipiscim elit Rerci blaor ilisim nim dolor ad molore tie magnim am eum ex ea feui tat lor seniat, sis aute duis dio diatum zzrit wisl

PITTI srl Via Lucchese 39 50019 Sesto Fiorentino (Florence) Italy P. Iva 01648260519

pitti_group_21x29,7_griglia_2nd.indd 9

T +39 055 310607 F +39 055 310637 info@pittigroup.it www.pittigroup.it

22-09-2008 15:59:56

42

2.10

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA


2.11 / A DOCUMENTO ESEMPIO DI IMPAGINAZIONE DOPPIA PAGINA

Prova di formattazione testo per Testo composto in: Palatino italic 12/18 Pantone 357U

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

2. APPLICAZIONI

  In questa e nelle tavole seguenti presentiamo alcuni modelli di documento che partono tutti dalla stessa implostazione: formato carta UNI A4 e griglia di impaginazione identica a quella utilizzata per comporre la carta intestata (vedi tavola). In questo caso si tratta della composizione di due pagine interne affiancate. A sinistra un esempio di inizio di capitolo, con gli elementi della gabbia grafica

ben definiti e articolati (titolo, sottotitolo, corpo del testo), a destra un esempio di impaginazione di una foto. La formattazione del testo in blocchetti separati ne rende possibile l’utilizzo anche con software di videoscrittura non professionali. Ad ogni modo nel cd-rom che allegheremo alla versione finale del book inseriremo i imodelli sorgenti realizzati con Adobe InDesign CS2 (compatibili anche con

Quark X-Press), nonché i file vettoriali da essi derivati (eps e simili) utilizzabili con altri software quali Adobe Illustrator, Corel Draw, Microsoft Publisher.

Tavola nº 43

Prova di formattazione testo

per Testo composto in: Palatino italic 12/18 Pantone 357U

C

ip exerci tisi endio conum dolor sequis dolore tin eugiatue essim velenit velis exer irilla alisism olor-

periusto dip elit lutetum venit alis ex ea ate consectet acilit la aliquat velis amcon volobor inci blandip sumsan verosto odip exeraessecte dui euisl ent nos dolore er sim quatis am, vel ercilisit la ad tio odolorp ercillam zzrit venibh

Lorem ipsum dolor sit amet et nunc

elis eliquat. Del ut praesent lorper iusci ea acillaore eu

TITOLO DEL CAPITOLO

faccum irit ipsusci eugiam

Progetto di recupero e lorem ipsum dolor sit amet sadipiscim elit

tie dui blamcore facidunt

dolenit nulputat iure tie er sim vel ullum alit, venisis adignis ad tat, consent alit amconse ndiat. Ed te-

tum dunt lore exero et, velent iureet luptatum delestrud tatumsa ndrerosto od tie del ex eu feugue magnim velit ut voluptat. Ut exerate tetue commy nim quamcon ummodigna consequisi. Agnis aliquis sequiscil illa consenis aute dolobore tet auguero dolenibh eliquis aute consequisl doleniat. Modolorem non ex eraestin ulput ad tie eumsand ionumsan utpat. Na atet accummy numsan hent init delessi. Et nuntiatina erat mea zea at nos dolutatie modo commy niamet ad te consequis adio odignit in ea aut in ullamet wis nim do do cor summodolore faccummy nis er suscidu issecte-

A fianco: didascalia dell’immagine et magnis nulput alit endiat

C

ip exerci tisi endio conum dolor sequis dolore tin eugiatue essim velenit velis exer irilla alisism olor-

periusto dip elit lutetum venit alis ex ea ate consectet acilit la aliquat velis amcon volobor inci blandip sumsan verosto odip exeraessecte dui euisl ent nos dolore er sim quatis am, vel ercilisit la ad tio odolorp ercillam zzrit venibh

Lorem ipsum dolor sit amet et nunc

elis eliquat. Del ut praesent lorper iusci ea acillaore eu

TITOLO DEL CAPITOLO

faccum irit ipsusci eugiam

Progetto di recupero e lorem ipsum dolor sit amet sadipiscim elit

tie dui blamcore facidunt

dolenit nulputat iure tie er sim vel ullum alit, venisis adignis ad tat, consent alit amconse ndiat. Ed te-

tum dunt lore exero et, velent iureet luptatum delestrud tatumsa ndrerosto od tie del ex eu feugue magnim velit ut voluptat. Ut exerate tetue commy nim quamcon ummodigna consequisi. Agnis aliquis sequiscil illa consenis aute dolobore tet auguero dolenibh eliquis aute consequisl doleniat. Modolorem non ex eraestin ulput ad tie eumsand ionumsan utpat. Na atet accummy numsan hent init delessi. Et nuntiatina erat mea zea at nos dolutatie modo commy niamet ad te consequis adio odignit in ea aut in ullamet wis nim do do cor summodolore faccummy nis er suscidu issecte-

A fianco: didascalia dell’immagine et magnis nulput alit endiat

22-09-2008 15:59:57

pitti_group_21x29,7_griglia_2nd.indd 11

22-09-2008 15:59:58

43

pitti_group_21x29,7_griglia_2nd.indd 10


2.11 / B DOCUMENTO ESEMPIO DI IMPAGINAZIONE DOPPIA PAGINA

Prova di formattazione testo per Testo composto in: Palatino italic 12/18 Pantone 357U

PITTI GROUP IDENTITÀ VISIVA

LOGOTIPO PROPOSTE GRAFICHE

2. APPLICAZIONI

  In questa e nelle tavole seguenti presentiamo alcuni modelli di documento che partono tutti dalla stessa implostazione: formato carta UNI A4 e griglia di impaginazione identica a quella utilizzata per comporre la carta intestata (vedi tavola). In questo caso si tratta della composizione di due pagine interne affiancate. A sinistra un esempio di paginatipo, con gli elementi della gabbia grafica

ben definiti e articolati (titolature aggiuntive, didascalie etc.), a destra un esempio di impaginazione di una foto.

Si noti l’inserimento, a mò di illustrazione, di un’elaborazione grafica che fa un uso “creativo” dell’icona. Si tratta di un esempio di quello che auspichiamo sia possibile fare per procedere nella direzione che avevamo indicato come quella da perseguire, all’inizio del nostro lavoro, e cioè: un segno grafico semplice, elementare, significativo nel suo uso associato e nei suoi usi plurimi.

Tavola nº 44

Prova di formattazione testo

per Testo composto in: Palatino italic 12/18 Pantone 357U

C

ip exerci tisi endio conum dolor sequis dolore tin eugiatue essim velenit velis exer irilla alisism olor-

periusto dip elit lutetum venit alis ex ea ate consectet acilit la aliquat velis amcon volobor inci blandip sumsan verosto odip exeraessecte dui euisl ent nos dolore er sim quatis am, vel ercilisit la ad tio odolorp ercillam zzrit venibh elis eliquat. Del ut praesent lorper iusci ea acillaore eu faccum irit ipsusci eugiam dolenit nulputat iure tie tie dui blamcore facidunt er sim vel ullum alit, venisis adignis ad tat, consent alit amconse ndiat. Ed tetum dunt lore exero et, velent iureet luptatum delestrud tatumsa ndrerosto od tie del ex eu feugue magnim velit ut voluptat. Ut exerate tetue commy nim quamcon ummodigna consequisi.

Lorem ipsum Ming eum doloreet adiat, consequis num iriustrud dolut in ut alis ex ero dipit enit numsandit atuerostrud et nos. Welcome home.

A fianco: didascalia dell’immagine et magnis nulput alit endiat

C

ip exerci tisi endio conum dolor sequis dolore tin eugiatue essim velenit velis exer irilla alisism olor-

periusto dip elit lutetum venit alis ex ea ate consectet acilit la aliquat velis amcon volobor inci blandip sumsan verosto odip exeraessecte dui euisl ent nos dolore er sim quatis am, vel ercilisit la ad tio odolorp ercillam zzrit venibh elis eliquat. Del ut praesent lorper iusci ea acillaore eu faccum irit ipsusci eugiam dolenit nulputat iure tie tie dui blamcore facidunt er sim vel ullum alit, venisis adignis ad tat, consent alit amconse ndiat. Ed tetum dunt lore exero et, velent iureet luptatum delestrud tatumsa ndrerosto od tie del ex eu feugue magnim velit ut voluptat. Ut exerate tetue commy nim quamcon ummodigna consequisi.

Lorem ipsum Ming eum doloreet adiat, consequis num iriustrud dolut in ut alis ex ero dipit enit numsandit atuerostrud et nos. Welcome home.

A fianco: didascalia dell’immagine et magnis nulput alit endiat

22-09-2008 16:00:02

pitti_group_21x29,7_griglia_2nd.indd 13

22-09-2008 16:00:03

44

pitti_group_21x29,7_griglia_2nd.indd 12

Pitti Group Identità Visiva  

Pitti Group

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you