Vorrei Volare - Alberto Sergi & Arakne Group

Page 1

Alberto Sergi & Arakne Group



Alberto Sergi è nato e vive nel Friuli Venezia Giulia. E' un giovane di origini salentine, appassionato interprete del repertorio tradiziolnal-popolare salentino e del sud Italia, la cui necessità di inseguire l'identità culturale a cui sente fortemente di appartenere lo porta con naturalezza, attraverso la musica popolare, a creare una sorta di ponte di congiunzione col Salento. Dalla pulsione emotiva di esprimere i propri sentimenti, tipica della sua musica, nasce la necessaria condivisione con altri musicisti del territorio in cui vive: Arakne Group porta la musica popolare del sud Italia al di là dei suoi confini geografici e culturali intrecciandola con sonorità fresche, ricche di colori e sfumature che sfociano in un mare che lega diverse culture e stili musicali. Questo lavoro rappresenta un viaggio tra i brani della tradizione popolare del meridione d’Italia che vengono proposti al pubblico conservando “l’umiltà’’ e la natura originaria del significato e del messaggio profondo dei testi tramandati, rinfrescandone però la struttura sonora. Un percorso ben preciso improntato su arie d’amore, ricco di omaggi a cantori e cantanti del sud Italia. Un’onda di sentimento continuo che passa da brani di estrema vivacità a brani d’ascolto. Attraverso i ritmi e le melodie di serenate, pizziche, tammurriate, tarantelle e stornelli, si vuole esprimere, in modo semplice ed essenziale, uno degli archetipi più ancestrali come quello dell’Amore. Ogni musicista ha arricchito i brani con personalità e sensibilità attingendo al proprio bagaglio sonoro e culturale.


La pizzica, il ritmo del salento, il battito del cuore. Composta da endecasillabi sciolti del repertorio salentino sulla melodia della pizzica di Aradeo...

Pizzica La donna ci de amanti ne tene doi la vidi sempre allegra e mara mai. Na na na na na na na beddhu è l’amore e ci lu sape fa. E quannu amava tie amava centu e amava puru a tie pe passa tiempu. Na na na na na na na beddhu è l’amore e ci lu sape fa. E aggiu fare l’amore cu na piccinna se nfila ntra lu liettu e chiama mamma. Na na na na na na na beddhu è l’amore e ci lu sape fa. Com’aggiu fare ca lasciato mi hai porti lu mercu miu vanne a ddhu voi. Na na na na na na na beddhu è l’amore e ci lu sape fa. L’amore no se face lassa e pija se tene fermu comu na tenaia. Na na na na na na na beddhu è l’amore e ci lu sape fa. E nun aggiu vistu mai doi cori uniti e comu simu nui doi li sventurati. Na na na na na na na beddhu è l’amore e ci lu sape fa.

Pizzica La donna che di amanti ne ha due la vedi sempre allegra e amareggiata mai. Na na na na na na na bello è l’amore e chi lo sa far. E quando amavo te amavo (altri/e) cento e amavo pure te per passa tempo. Na na na na na na na bello è l’amore e chi lo sa far. E devo fare l’amore con una piccolina si infila dentro il letto e chiama mamma. Na na na na na na na bello è l’amore e chi lo sa far. Come devo fare che lasciato mi hai porti il marchio mio vai dove vuoi. Na na na na na na na bello è l’amore e chi lo sa far. L’amore no si fa lascia e piglia si tiene fermo come una tenaglia. Na na na na na na na bello è l’amore e chi lo sa far. E non ho visto mai due cuori uniti come siamo noi due gli sventurati. Na na na na na na na bello è l’amore e chi lo sa far. voce e tamburreddhu: Alberto Sergi fisarmonica: Aleksander Ipavec oud: Zoran Majstorovic contrabbasso: Simone Serafini tamburreddhu: Emanuele Liquori


Serenata della tradizione salentina: l’innamorato canta all’amata bramando il suo amore “sinu a murire”.

Beddha ci dormi Beddha ci dormi sulli cuscini ca de qua fore minu suspiri, minu suspiri sinu a murire aprime beddha e famme trasire. Ora si si, ora no no sopra l’amore pazienza ci vuol. Beddha ci dormi sulla bammace ca de qua fore nu me dau pace, nu me dau pace sino a murire azzate beddha e famme trasire. Ora si si, ora no no sopra l’amore pazienza ci vuol. Beddha ci dormi ‘ntra li lanzuli ieu de qua fore minu suduri, minu suduri sinu a murire apri le porte e famme trasire. Ora si si, ora no no sopra l’amore pazienza ci vuol. Beddha ci dormi stiddha de core ca de qua fore ardu d’amore, ardu d’amore sinu a murire aprime beddha e famme trasire. Ora si si, ora no no sopra l’amore pazienza ci vuol.

Bella che dormi Bella che dormi sui cuscini che da qua fuori caccio sospiri, caccio sospiri e fino a morire aprimi bella e fammi entrare. Ora si si, ora no no sull’amore pazienza ci vuol. Bella che dormi sulla bambagia che da qua fuori non mi do pace, non mi do pace fino a morire alzati bella e fammi entrare. Ora si si, ora no no sull’amore pazienza ci vuol. Bella che dormi dentro le lenzuola io da qua fuori butto sudori, caccio sudori fino a morire apri le porte e fammi entrare. Ora si si, ora no no sull’amore pazienza ci vuol. Bella che dormi stella del cuore che da qui fuori ardo d’amore, ardo d’amore fino a morire aprimi bella e fammi entrare. Ora si si, ora no no sull ’amore pazienza ci vuol.

voce: Alberto Sergi fisarmonica e voce: Aleksander Ipavec chitarra e mandolino: Zoran Majstorovic contrabbasso: Simone Serafini


Personalissima interpretazione di uno dei ritmi cardine della tradizione campana...

Tammurriata Bella figliola ca te chiamme Rosa che bellu nomme mammeta t'ha miso, t'ha miso lu nomme bell de li rose lu meglio sciore ca sta 'mparaviso. Lu paravis è fatt pe li santi l’infern è fatt pe chi fa l’amore, l’ammore è fatto comm na nucella si nu ta rubb nu ta po’ magnare.

Tammurriata Bella figliola che ti chiami Rosa che bel nome tua mamma ti ha dato, ti ha dato il nome bello delle rose il fiore migliore che sta in paradiso. Il paradiso è fatto per i santi l’inferno è fatto per chi fa l’amore, l’amore è fatto come una nocciolina si non te la rubbi non te la puoi mangiare.

voce e tamburo a cornice: Alberto Sergi fisarmonica e voce: Aleksander Ipavec oud: Zoran Majstorovic basso acustico: Simone Serafini ospiti speciali: tromba: King Naat Veliov castagnette: Laura Nascosto


Canto d’amore siciliano conosciuto grazie alla splendida voce di Rosa Balistreri, grande cantastorie siciliana.

Cu ti lu dissi Cu ti lu dissi ca t’haju a lassari megliu la morti e no chistu duluri. ahj ahj ahj ahj, moru, moru, moru, moru, ciatu di lu me cori l’amuri miu si tu. Cu ti lu dissi a tia nicuzza lu cori mi scricchia a picca a picca a picca a picca. Ahj ahj ahj ahj, moru, moru, moru, moru, ciatu di lu me cori l’amuri miu si tu. Lu primu amuri lu fici cu tia e tu schifiusa ti stai scurdannu a mia. Paci facemu oh nicaredda mia ciatu di l’arma mia l’amuri miu si tu. Ahj ahj ahj ahj, moru, moru, moru, moru, ciatu di lu me cori l’amuri miu si tu.

Chi te lo ha detto Chi te lo ha detto che ti devo lasciare meglio la morte e non questo dolore. Ahj ahj ahj ahj, muoio, muoio, muoio, muoio, fiato del mio cuore l’amore mio sei tu. Chi lo ha detto a te piccolina il cuore mi si scricchiola a poco a poco a poco a poco. Ahj ahj ahj ahj, muoio, muoio, muoio, muoio, fiato del mio cuore l’amore mio sei tu. Il primo amore l’ho fatto con te e tu schifosa ti stai scordando di me. Pace facciamo oh piccolina mia fiato della mia anima l’amore mio sei tu. Ahj ahj ahj ahj, muoio, muoio, muoio, muoio, fiato del mio cuore l’amore mio sei tu.

voce: Alberto Sergi fisarmonica: Aleksander Ipavec chitarra: Zoran Majstorovic contrabbasso: Simone Serafini


Canto d’amore dagli endecasillabi sciolti ricchi di allegorie velate...

Duminica te portu allu sciardinu Ci te l’ha dittu beddha ca nu t’amu duminica te portu allu sciardinu. Ddha nc’é lu pede de lu verde ramu li purmanceddhi caccia de oru finu. Accorta cu nu tocchi cu la manu ci nu cerchi permessu a me lu primu. Accorta cu nu cappi comu Adamu ca pe lu fruttu perse lu sciardinu. Ci te l’ha dittu ca no tegnu dota ieu tegnu na cuperta rapazzata. Beddha allu to sciardinu nci su statu de la porta segreta su trasutu.

Domenica ti porto al giardino Chi te l’ha detto bella che non ti amo domenica ti porto al giardino. Li c’è l’albero dal ramo verde i bei frutti nascono d’oro fino. Attenta a non toccare con la mano se non chiedi permesso a me per primo. Attenta a non capitare come Adamo che per il frutto perse il giardino. Chi te l’ha detto che non ho la dote io ho una coperta rattoppata. Bella al tuo giardino ci son stato dalla porta segreta sono entrato.

voce e tamburreddhu: Alberto Sergi fisarmonica: Aleksander Ipavec saz: Zoran Majstorovic contrabbasso: Simone Serafini tamburreddhu: Emanuele Liquori ospite speciale: tromba: King Naat Veliov


Andrea Sacco, grande cantore del Gargano, raccontava che questo “sonetto” gli fu cantato durante la raccolta delle olive da una donna a cui aveva fatto intendere di desiderarla...

Lu pover cor mij feritë feritë Lu pover cor mij feritë feritë, tuttë n'sanguë lu vedë n'sanguinatë, l'ammantë mia fidelë m'evë traditë, ij non l'hai fattë nentë e ce në ijutë, ma ij lu saccë purë addunë è ijutë, n'ammantë meglië de me non l'eve trovatë, ij më vogghië pë n'anima risirevutë, sëgnë che noi dë corë non simmë amatë.

Il povero cuore mio ferito ferito Il povero cuore mio ferito ferito, tutto in sangue lo vedo, insanguinato, l’amante mia fedele mi ha tradito, io non le ho fatto niente e se n’è andata, ma io lo so dove è andata, un’amante meglio di me non l’ha trovata, io mi voglio per (stare con) un animo risoluto, segno che noi di cuore non ci siamo amati.

voce e tamburo a cornice: Alberto Sergi fisarmonica: Aleksander Ipavec oud: Zoran Majstorovic contrabbasso: Simone Serafini ospite speciale castagnette: Laura Nascosto


Omaggio alla Sardegna e ad Andrea Parodi, cantante storico della musica Sarda e Italiana. Tratta da “A Diosa” poesia dei primi del ‘900 scritta da Salvatore Sini...

No potho reposare Non potho reposare, amore 'e coro, pensende a tie so donzi momentu. No istes in tristura, prenda 'e oro, ne in dispiaghere o pensamentu. T'assiguro c'a tie, solu bramo, ca t'amo forte e t'amo, t'amo e t'amo. Si m'esseret possibile d'anghelu s'ispiritu invisibile piccabo, sas formas e furabo dae chelu su sole e sos isteddos e formabo unu mundu bellissimu pro tene, pro poder dispensare cada bene. No potho viver no chena amargura luntanu dae tene amadu coro. A nudda balet sa bella natura si no este accurtzu su, meu tesoro e pro mi dare consolu e recreu coro, diosa amada prus 'e Deus. T'assiguro c'a tie, solu bramo, ca t'amo forte e t'amo, t'amo e t'amo.

Non posso riposare Non posso riposare, amore del cuore, pensando a te sto ogni momento. Non essere triste, gioiello d'oro, né in dispiacere o in pensiero. Ti assicuro che bramo solo te, che t'amo forte t'amo, t'amo, t'amo. Se mi fosse possibile dell’angelo lo spirito invisibile prenderei, le forme ruberei dal cielo il sole e le stelle e formerei un mondo bellissimo per te, per poter dispensare ogni bene. No posso viver no senza amarezza lontano da te cuore amato. A nulla vale la bella natura se non è vicino a me, il mio tesoro e per darmi consolazione e ristoro cuore, fortunata amata più di Dio. Ti assicuro che bramo solo te, che t'amo forte t'amo, t'amo, t'amo.

voce: Alberto Sergi fisarmonica: Aleksander Ipavec chitarra e mandolino: Zoran Majstorovic contrabbasso: Simone Serafini


Una pizzica originaria di San Vito dei Normanni generalmente utilizzata per la terapia del tarantismo.

Pizzica di San Vito Nun c'era da vinì, e so' vinutu, so' li sospiri tua m'hannu chiamatu. Ah uellì, mo lu vecu ti vinì, mo lu vecu ti nchianà, mi da la manu e si ni va. E sì chiù bella tu, ti na cirasa, iata all'amori tua quannu ti vasa. Ah uellì uellì uellà, la pacchianella mea quannu chiamu ha da vinì. Na maranceddha npiettu t'agghia tirari, la vanna ti lu cori t'agghia feriri. Ah uellì uellì uellà, quante chiù paroli dici, mo di me no ti scurdà. De li capelli tua so ‘nnamuratu, li vecu di vulà ntra lu vientu. Occhi cu occhi, cu deggi perdi l'occhi, a ci tici mali nuestru scatta lu cori. A dò te pizzicò, la tarantella, sott'allu giru giru di la gunnella. Ah uellì uellì uellà, quante chiù paroli dici, Mo di me no ti scurdà. Quann'anti m’agghia fa nu iavuncellu, n’imma chiamà lu cori manu manu. Occhi cu occhi, cu deggi perdi l'occhi, a ci tici mali nuestru scatta lu cori. Te lu ritornu a dì pi n'ata fiata, alla cumpagnia va sta sirinata. Ah uellì uellì uellà, n'ata vota statti bona tu ti me no ti scurdà.

Pizzica di San Vito Non dovevo venire, e son venuto, sono i tuoi sospiri che mi hanno chiamato. Ah uellì, ora lo vedo venire, ora lo vedo salire, mi da la mano e se ne va via. Tu sei più bella di una ciliegia, beato il tuo amore quando ti bacia. Ah uellì uellì uellà, la mia ragazza quando chiamo deve venire. Un'arancia nel petto ti devo tirare, la parte del cuore ti devo ferire. Ah uellì uellì uellà, quante più parole dici, di me non ti scordar. Dei tuoi capelli, mi sono innamorato, li vedo volare nel vento. Occhio per occhio, che debba perdere gli occhi, a chi dice male di noi gli scoppi il cuore. Dove ti pizzicò la tarantella, sotto l'orlo della gonnella. Ah uellì uellì uellà, quante più parole dici, di me non ti scordar. Qui davanti mi devo fare un posto per sedermi, e sempre ci dobbiamo chiamare il cuore. Occhio per occhio, che debba perdere gli occhi, a chi dice male di noi gli scoppi il cuore. Te lo ritorno a dire per un'altra volta, alla compagnia va questa serenata. Ah uellì uellì uellà, un'altra volta stai bene tu di me non ti scordar. voce e tamburreddhu: Alberto Sergi fisarmonica: Aleksander Ipavec saz: Zoran Majstorovic basso acustico: Simone Serafini tamburreddhu: Emanuele Liquori


Una nostra interpretazione di una matinata in griko (dialetto di provenienza greca che ancora oggi qualcuno parla nel Salento) scritta dal poeta calimerese Vito Domenico Palumbo e musicata per la prima volta, nei primi del ‘900, dal maestro Costanzo della banda di Calimera.

Kali nifta Ti en glicèa tusi nifta, ti en orria c’evò e’ pplonno pensèonta s’esena c’ettumpi’ sti ffenestrassu, agapimu, tis kardi’ammu su nifto ti ppena.

Buona notte Com’è dolce questa notte, com’è bella e io non dormo pensando a te e qui dietro alla tua finestra, amore mio, del mio cuore ti apro le pene.

Evo’ panta s’esena penseo, jatì sena, fsichìmmu, gapò ce pu pao, pu sirno, pu steo sti kkardì’ammu panta sena vastò.

Io sempre a te penso, perchè te, anima mia, io amo e ovunque io andrò, vagherò, starò nel mio cuore sempre te porterò.

C’esù mai de’ m’agàpise, òria-mu, ‘e ssu pònise mai puss’ emèna; mai cìtt’oria chili-su ‘en ènifse na mu pì loja agapi vloimèna!

Eppure tu non mi hai mai amato, bella, nè mai avesti pietà di me; mai apristi le tue belle labbra per dirmi dolci parole d’amore!

T’asteràcia pu panu me vlepune, ce m’o fengo krifi’zzun nomèna ce jelù ce mu lèune: ston ànemo ta traùdia pelìs, ì chchamèna. Kalinìfta! Se finno ce feo, plàja esù ti ‘vò pirta prikò, ma pu pao, pu sirno, pu steo, sti kkardì’ammu panta sena vastò.

Le stelle da lassù mi guardano, e con la luna bisbigliano di nascosto e ridono e mi dicono: al vento butti le canzoni, sono perdute. Buonanotte! Ti lascio e fuggo via, dormi tu che io sono partito triste, ma ovunque io andrò, vagherò, starò, nel mio cuore sempre te io porterò.

voce e tamburo a cornice: Alberto Sergi fisarmonica e cori: Aleksander Ipavec chitarra e cori: Zoran Majstorovic contrabbasso e cori: Simone Serafini cori: Emanuele Liquori


“Chi non ama la musica non ama l’amore”. Uccio Aloisi

Vorrei volare Vorrei volare, sulla finestrella tua vorrei venire sulla tua bocca ti vorrei baciare, fiorin di tutti i fiori, vorrei volare. Oh quante stelle, vieni ciccino mio vieni a contarle le pene che mi dai son più di quelle, fiorin di tutti i fiori, oh quante stelle. Fiorin di ceci, mi promettesti cinquecento baci di cinquecento son rimasti dieci, fiorin di tutti i fiori, fiorin di ceci. Fior delle viole, tre cose son difficili a lasciare il gioco l’amicizia e lo primo amore, fiornin di tutti i fiori, fior delle viole. Fiorin di menta, la menta caro mio non si trapianta chi esce dal mio cuore più non entra, fiorin di tutti i fiori, fiorin di menta. Fior de velluto, avevo un uccellino e mi è volato avevo un grande amore e l’ho perduto, fiorin di tutti i fiori, fior de velluto.

voce: Alberto Sergi fisarmonica: Aleksander Ipavec chitarra: Zoran Majstorovic contrabbasso: Simone Serafini


ALBERTO SERGI: voce, tamburreddhu, tamburo a cornice ALEKSANDER IPAVEC: fisarmonica, voce, cori ZORAN MAJSTOROVIC: chitarra, oud, saz, mandolino, cori SIMONE SERAFINI: contrabbasso, basso acustico, cori EMANUELE LIQUORI: tamburreddhu, cori

Voglio ringraziare Arkane Group per avermi affiancato con professionalità e sincera amicizia nella realizzazione di questo progetto. Grazie a King Naat Veliov maestro della Original Kocani Orchestar per il suo prezioso e talentuoso contributo. Grazie a Daniele Durante, Franco Corlianò, Dario Muci e Enrico Noviello, che hanno condiviso le proprie conoscenze arricchendomi e donandomi maggiore consapevolezza in merito ai brani proposti. Un particolare ringraziamento va a due punti di riferimento per me imprescindibili: Laura Nascosto fonte di importantissimi consigli e Annalisa, compagna di vita e fondamentale, nonchè paziente, supporto. Il grazie più grande è per la mia famiglia, per i valori trasmessi, per il suo sostegno morale e per il suo amore incondizionato. Grazie anche a: Alessia, Antonella Fiore, Fabiana, Linda, Manuela, Alessandro, Giulia, Ottavia, gli “Alessandri”, Marco, Michela ed Elena. Alberto Sergi

Registrato, mixato e masterizzato da Francesco Marzona @ www.birdlandstudio.it Prodotto da Alberto Sergi e Birdland Sounds Grafica: Annalisa Bettini per info e contatti: cell: 3484847012 mail: albertosergi90@gmail.com I brani sono stati arrangiati e interpretati da Alberto Sergi & Arakne Group


Il brano che ha fatto parte sin dall’inizio del mio “ponte di congiunzione” è diventato negli anni uno dei canti da me più amati.

L’ America La meiu gioventù partiu all'America e la meiu gioventu e Maria sorta mia la meiu gioventù partiu all'America. Maritama é sciutu all'America e nu mme scrive e forse ca s’ha truvatu e Maria sorta mia forse ca s’ha truvatu n'americana. Se iddu se l'è truvata l'americana e ca ieu maggiu truvatu e Maria sorta mia ca ieu maggiu truvatu nu paisanu. L' America nu se chiama chiui l'America e se chiama la ruvina e Maria sorta mia se chiama la ruvina de la casa.

L’ America La miglior gioventù partì per l’America la miglor gioventù e Maria sorte mia la miglor gioventù partì per l’America. Mio marito é andato in America e non mi scrive forse si è trovato e Maria sorte mia forse si è trovato un'americana. Se lui si è trovato l'americana e io mi son trovata e Maria sorta mia io mi son trovata un paesano. L' America non si chiama più l'America e si chiama la rovina e Maria sorta mia si chiama la rovina della casa.

voce: Alberto Sergi chitarra: Zoran Majstorovic


PIZZICA BEDDHA CI DORMI TAMMURRIATA CU TI LU DISSI DUMINICA TE PORTU ALLU SCIARDINU LU POVER COR MIJ FERITË FERITË NO POTHO REPOSARE PIZZICA DI SAN VITO KALI NIFTA VORREI VOLARE L’ AMERICA