Page 1

1921

Fase. 52.

IL . .

,

PERIODICO DI MEDICINA, CHI URGI ED IGIENE FONDATO DAI PROFr.•""SClRI

GUIDO BACCELLI

FRANCESCO . DU ANTE

l{EDATTOR!i~ CAPO : PROF.

VI

ORIO ASCOLI

SEZIONE PR AT C •

f

Voi. XXVIII nno 1921 -/

.., J

ROMA N. l.4

-

Via.~

S i s t in..a -

1921 •

N. :1


COLLABORA TORI EFFETTIVI DELL'A SEZIONE PRATICA per il 1920. .Aiello ùott. Giuseppe. - .Vienna. .Alessandrini prof. Giulto ·Roma. .Ate1s&~drini prof. Pa.olo - _R.oma.. .Almasio dott Paolo - Torino. .Amantea dott. Fausto - Ro~. A.m&ti prof. Alfredo - Naipoli. .A11rlalò dott. Luciano - Bologna. An~el i dott. Aurelio - Imola. .Angeli dott. Rodolfo - Roma., A ngelini dott. .t.. rnaldo - Fros1nooe Aresu dott. 1'-Iario - Ca.gliairi. Arnava.s dott. Giuseppe - Spezia. .A rrigoni dott. Costanzo - San Zenone al Po. .Arrigoni dott. Prospero - Bergamo. .Artom di Sant'Agnese prof. Valerio -

Roma..

A8c&relli prof. Attilio - Roma. Ascoli dott. ?ifanfredo - Roma. Ascoli prof. Vittorio • Roma. .Attllj dott. _sordello - Roma. A uriti dott. Filippo - Roma. :Baffoni Luciani prof. Filiberto - Roma. :Balduzz.i dott. Attilio · Alghero. Jlancbieri dott. Emanuele - Sampierda· rena. :Bani dott. Ugo - Roma. :Barduzzi prof. Domeni~o - Siena. ~arzilai dott.sa Gemma - Roma. Bas ile prof. Carlo - Roma. Battaglin prof. 1\1ario - Napoli. ~en edettelli dott. Ernesto - Roma. :Bersan i dott. Iginio - Cuneo. l\ertani dott. To1nas ulo - Napoli. :BbH1ch1 pl'of. Gino - Parma. :Bi ffis prof. Pietro - Torino. "Ril a ncioni prof. Gu{{lielmo - Roma. "ftil otta dott. ' 7 in cenzo - Pizzo. ~ini dott. Guido - Roma. -:aivona dott. Sa.nti - Menfi. ~lueh dot.t .ssa Elena . Roma. l\olaffio prof. Michele - Roma. Roralli dott. Edoardo - Genova. J{o-;isio dott. R. - Sassari. bruni dott. F elice - Ceccano. Caforio prof. Luigi - Napoli. C1tlca..terra prof. C. - Pavia. Cl\ndido dot~ . Gennaro - Lecce. Cn.miniti·\1 inci prof. Gi()vanni - Mes · sinn. Capo~rossi prof. Achille· - Ascoli Pireno. Capuani dott. Gianfran co - Chignolt> Po. Carnelli tlott. Riccardo - Modigliana. C1trossinl dott. Giovanni - Firenze. Ca.rrnccio prof. Mariano - Roma. CAsati prof. Eugenio - Ferrara. Cassini s dott. Ugo - Roma. C'a ~s uto dott. Augus to - Roma. Cataldi dott. Pasquale - Roma. C'lltterina t>rof. Att ilio - GEJnova. Caucci dott. Alberto - Ancona. Cl\vazza dott. Ernesto - :\fodena. Cel'chetelli-Ippoliti tlott. Tullio - Roma. Cern!'17.i prof. Altlo - P avia. C'e-.ctti clott. Pietro - Roma. Chia...c:;serini prof. Angelo - Roma. Ohiesn dott. Giuseppe - Udin e. ('hin1>?ò òot t. An s,?e-lo - F orll. Chi st oni pro f. Alfredo - Napoli. Cil.{nozzi prof. 0!'E'ste - Grosseto. C'i11~olani dott. Ermogene - ' 'e rgato . Ciotola <lott. \lberto . Roma. l'iulla prof. '[nrio - P a lermo. Cnn\ino dott. Edmondo - Torre l\fontlovl Con1l on1 1\i c\ott. T. ui~i - Roma.. l~1lmncchion e dot l. n ,tffacle - P icerno. f'nrrndi 1lot t. T. - ''eronn. f'n cera 1lott. \ 11\n - Pi ~ I\. t n tn chltt. 'P 1 tro . Fir~nz~. ~111•t.•ln d11t t ' ll •l - 'Pa lf'nno. •'urfttol • 11 • 1 l ruue ·o . l toma. Ue 11.:cli •h>I t. '1t•'Tl\nni - Rolo~nn . ne hl ra 1lott. l)nme 1ico-nnmn. ,. Po 11\ li t.t. Rf\nato - Tne-.te el \" hto <\ot t. Pll qouh• • l> i.1?11.1\t.1• ro l\1 uator . I • n<'ta dott . I jlo • nornl\, Ton1nl 1 dott Pietro - ttnmn. Toni lott. Glo~ nul • Pndova Villa prof. h il re . Rotn :

Dian prof. Antonio · Venezia.. Diez prof. Salvatore - Roma. Di Pace dott. Ignazio · S. Marco in Lamis . Dominici prof. Leonardo · Roma . Dorello prof. Primo - Roma. Doria dott. Raimondo - Roma . Dragotti dott. Giuseppe · Roma. Ducrey dott. Cesare - Roma . Egidi prof. Guido - R~ma. Fagiuo •i prof. Antonio - Verona. Falcioni dott. Domenico - Roma. :IDalzi dott. Ormisda. - , , erona . Fasani-Volarelli prof. Fran cesco · Siena. Faitichi dott. Giuseppe - Firenze . Feliciangeli dott. Guido - Roma. Ferraresi prof. Oreste - Roma. Ferrarini prof. Guido - Pisa. Ferretti prof. Tito - Rom a. Filippini dott. Azeglio - Roma. Formiggini dott. Benedetto - Castel S. Giovanni. Fornara dott. Pietro - Novara. :F'rancioni prof. Carlo - Bologna. Fumarola prof. Gioacchino - Roma. Gaifa.mi prof. Paolo - Roma. Galatà. dott. Guglielmo - Roma. Ga.ndolfi dott. De.ci<> - Cadeo. Gasbarrini prof. Antonio - Pavia. Genoese dott. Giovanni - Roma. Gentile dott. Nicola - Roma. Genuardi d ott. Giuseppe - Roma. Ghilarducci prof. Francesco - Roma , Giannelli prof. Augusto - Roma. Giglio dott. A.. - Roma. GHberti dott. Pietro - Clusone. Giorcelli dott. Attilio - , ,alle Lomellina. Giordano dott. Gius.e ppe - Roma. Giorgi dott. Giorgio - Roma. Gioseffi prof. )[auro - Pare.nzo. Golini rtott. Oreste - ' 'enezia. GTossi dott. Ennio - Roma. Guerricchio dott. Antonio - Napoli. Indelli dott. Antonio - Bozzolo. Ilvento prof. Arca.ngelo - Roma. r~a.r prof. Guido - Catania. Jona prof. Giuseppe - Venezia. Leotta prof. ~icola - Roma. Levi clclla ' 7 ìda prof. ?11ario - Roma. Lo llini dott. ~a Clelia - Roma. Losio prof. T.i vio - Carate Brian~a. Lovero dott. Nicola - Napoli. Lucri dott. Tito - Sa.rzana. Lurà prof. Angelo - l\Iantova. Luridiana dott. Pie·tro - Sassari. Lussa.na dott. F eli ce - Bergamo. 1\Iagaudcla rlott. Paolo - Messina. !\iaggesi dott. Bruno - Imol a. )faggiore prof. TJuigi - l{om a . Man cioli prof. Tommaso - Roma. l\f antelli cl <>tt. Candido - Torino. :Mantovani dott. l\Iario - Rologna. Mar ~hiafava prof. Ettore · Roma. )fare. ra prof. Ferruccio - Roma. Marras .:;ini prof. Alberto - F errara. :\farengc rtott. G. - Genova. )fartelli rJott. Pier Nello - Grosseto. 1'-Iartinelli I dott. Alfredo - Tirano. ~lfartiri dott. Adolfo - Firenze-. 'fasci dott . Bernardino - Roma. ) f aselli clo~t. Domenico - Roma. )fa trono la ·lott. Girolamo - Tolentino. irazz~ani dutt. Domeni co Antonio Tripoli. 1\fazzone prof. F ederico - Firenze. :\fa.zz.orri dott. Luii?i - Firenze. ~[ein eri dott. Pier An gelo . Torino. )feldolesi cl ott. Gino - Roma. )fendes prof. Guidò - Roma. i\'teni;?~ctti rlutt . Silvano - Perugia. '\f~rohllo tlo't . Giuseppe - Camigliano. ) l !<'he li prof. Cesnre - Roma. \f~l~i. prof. Eu,genio - Roma. \f ~ han1. no• t. ..\ ntonio . Firenze. 'ftnt!rhl. ~ror. r ·-.nre - Ferrara. :\I\n~v1.1n1 r>rof. Oiov:in·ti . Roma :\tondotfo prof. Emnniu 1.. Pi c:a • · \~ontcru~co nror. Al!o"'sn . "'i a~~li · ont\:lcnne 1lott. Remo . Rom · ~ror~ante 'lott. T..111'll • Grotte a. 'lor-. Ili prof. Enri<'o - Ot·nov~

IYioschini dott. Cesare - Pederobba. Mosconi dott. Filippo - Ro1na . ~lotta. dott. Giovanni - Catania. N.ardelli prof. Giulio - Roma. Niola. dott. Salvatore - Treporti di Buraino. Ollaro dott. Gugli elmo - Torino . Ottolenghi prof. Salvatore - Roma. Ovazza dott. Vittorio Emanuele - Roma. Padovani prof. Gaetano - Ferrata. Palumbo dott. ' ' incenzo - Firenze. Pansera dott. Giusepp~ - Bergamo. Pansi:t:li dott. Giovanni - Montottone. Panta.leoni dott. Pio - Forll. Pedi coni prof. Pio - Roma. Pentimalli prof. Francesco - Napoli. Pergher dott. Leopoldo - Trento. Pergola prof. .Mazzini - Roma. Perilli dott. Giovanni - New York. Piccinini prof. Guido lV[aria - J3ologn;i Pieri prof. Gino - Roma. Piperno prof. Arrigo - Roma. Pleth dott. S. Francisco. Pi rondini iprof. Eugenio - Roma. Pittarelli dott. Emilio - Chieti. Pollacci prof. Giuseppe - Palermo. Pollitzer dott. Renato - Roma. Ponta.no prof. Tommaso - Roma. Porru dott.sa Carlotta - Sassari. Prel>il dott.sa Maria - Viterbo . Preti prof. Lni~i - Milano. Provera dott. Cesare - Intrn. Puccioni prof. Giuseppe - Roma. Pulvirenti dott. Salvatore - Roma. Radogna dott. Giuseppe· - Roma. Ranucci dott. Felice - Roma. Regoli dott. Giu lio - Siena. Ricci prof. Omero - Roma. Roasenda dott. Giuseppe - Torino. Romanelli d ott. Enzo - Napoli. Ron chi dott. Armando - Roma. Ronco dott. :\farcello . Pineta di Sortenna. Rosica dott. Alfredo - Chieti. Rossi prof. Ottorino - Sass·1 ri. Rusca dott. Paolo - Roma. Sabatini prof. Gin sepp e - Roma. Salazar dott. TJ. - Cagliari. Sala dott. ATmanòo - Ror>,.iglione. Salvetti dott. Guglielmo - Torino. Salvolini dott. Urbano - Anrona. Sarnguinetti dott. Angelo - Bologna. Saraceni prof. Filippo - Roma. Sberna prof. Sebastiano - Firenze. Scelba dott.sa Maria - Roma. Sciavo prof. ..\ chi Ile - Firenze. Scorza dott. O. - Catania. Rebastiani prof. Antonio - Roma. Sega:mi prof. Siro - Torino. Senigaglia ciott. Augusto - Roma. Rigurth dott. Giov. Datt. - Milano. Si lvestri dott.sa Martzherita - Roma. Silvestri prof. F3ilvestro - Roma. Silvestri prof. Torindo - Modena. Rimonini prof. Riccardo - Mode-na. Si sto prof. PiPt.ro - 'l'orino. Stretti prof. Giov. Batt. - Bologna. Tenconi dott. ..\mbrogio - , ,.arese. Tilli dott. Pietro - Gessopalena. ·Timpano dott. Pietro - Cotrone. Tocco prof. T... 11igi - :\IIessina. Tommasi-Crudeli prof. Corrado - Rom'l . Torchi dott. Etzidio : Bologna. Trenti dott. Enrico - Ro'Tla. Trogu dott. Gaetano - Cremona. , ..acéari dott. T..uigi - irodena. , . allardi prof. CA rio - l\1ilano. 1 ' ecchia dott. Enrico - Trevlazer (Albania.). , .. ernf•Y dott. Lorenzo - Roma. 7 ' eronese dott. I~opoldo Dino . Padova.. 1 ' etri dott. An~elo - Castrogiovanni. ' ' igo avv . .-\ lherto - Ro'Tla. ' rin ci prof. Gaetano - .?tfessina. ' 'iola dott. Francesco - Torino. \\'altan rlott. Ottone - Genova. Za.morani clott. v'"ittor.e . GenoYa. Zambler dott. Adelchi - Padova. 7.anotti dott. Pietro - Frassinoro. Zapelloni prof. Lor.enzo Cesare - Roma Z11 ccola prof. Pier Francesco - Cuneo.

,r, -


-

.E RALE ,Voi. XXVIII - 1921

Indice per rubrica

Pag.

LAVORI ORIGINALI.

Pag.

Ma zz-Ond. L. e 1Palumbo V.: La ·de:i>i:lazione col r.aid:iium ~p1ioata 1alla .cura dei ti-

Amati A. : Una nuova in dagine sull,e urignosi . . . . . . . . . . . . . . . . . ne per la diagnosi di nefrite e di tul\.leineri A. : Sl1ll'i1npiego del metilato di more maligno. Ricerca diel coeffi·ciente sodio nella cura di ,aJlicu.ne affeziOIIli C'Uuro--emolitico . . . .. . . . . . . . . . 287 tanee e v·e neree . . . . . " . . . . . . Bianchi G. : Sulla .cUJra al·seni·cale ad alte Mandolfo E. e tCoacera A. : Ri1ceT1che sul1a dosi in tallume malattie nervose e mencutiireazi.one regrion.aJe . . . . . . . . . t.ali . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1645 P edi coni P. : La spirochete deLla sifilide · Eolaffio l\I. : ,sindrome ·d a fame nei prie il suo polimo,rfìsmo . . . . . . . .. . ,gionieri di guenra italiani in Germa,n ,i a 1227 . Pergola M. : N.uQvo metodo per la dtaBosisio R. : Sulla die terminazione ·della gnosi batteri olo.gti.oa dehla diifterite con la Cl1ltura di arricchimento . . . . . . pe;psin a e del lab nel su·cco gastrico, Pontano 'I'. e Trenti E . : · Sul singhiozzo !4eco1ldo il ineiodo di l\1ic11 aelis . . . . Cami11iti-V:Lnci G. : La gastroienterostoepidemico . . . . . . . . . . . . . . . rnia con esclt1sione del piloro alla ParR1amuoc:i F. : L 'azione: della ;ra;chjyànestel<L. veccl1io nel carci110111a gastro-entesia sulLe funzioni ·del ifeg.ato 1e del rene 1· lC O . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1683 Boasenda G. : Invensione del ritmo del Colture 111icrobiologiche per la rioer.ca sonno, con agi nazione ipisico-motoria deg1li z11ocheri nelle urine . . . . . . . 242 notturna (Sindromei post-encefaliti-oo) . Cassuto A. : J./eosincxfilia del sang.ue nelSab atini G. : .S aggi di cutireazioni con 1'ipertrcma prostati.o a ~ . . . . . . . . 1195 p.ootein.e spe·cifiche asmo1g ene . . . . . Chiasserini A. : L 'eisame· fr azi.oniato del Sanfìlifppo E. : Appendiciti e ,pseudo-B{Ppendi•citi .d i origine ameb.t ca . . .. .. . s11cco gastrico dopo colazione di prova • 647 \i etri A. : Dell a narcosi per gl'interventi Condo 1·ell i L. : Antiem-01isine ed emoJisin e 1nel1le urine . . . . . . . . . . . . . 1000 operatdrvi endorali nei b·ambini, jn s\peDe Villa S. e Roochi A.: I metodi S'ievocie per le plas,t iche . .. . . . . . . . . chimi,ci cc così detti equiv.alenti » della reazione di Wassermann . . . . . . . 811 NOTE PREVENTIVE. Dorello P. : O,s servazioni soipra lia legge di She.rri.ngton detll 'inneirvazione re.ciC•aiUJOCi A. : Il trElU)tanto d .ella valvo·lia ileo- · cecale . . . . . . . . . . . . . . . . . pro·ca dea muscoli ant~gonisti . . . . . 611 Fi.iancio111i C. : ,Stu di una tpartilao.1arr.e sinPo,llitz er R . : Tub erco looi e sintomo di Chvoistek 11ei ib.ambini . .. .. . . . . . . drome me·n tale con secutiva a ll'encefalite ~etargica . . . . . . . . . . . . . 575 Stretti G. B. e Mantovani M. : Contributo all'eziologia d·el Sodòku . . . . . . . . Ga ifai11i P. : 1·agl io cesareo de1r1olitore p er pootumi dii \nentrofi&sazion.e ·dell'uOSSERVA.Z IONI CLINI·CHE. tero . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1607 Losio L. : Ptos.i 1della pars pilorica d·ello 253 Angeli A. : .L\.sceisso perti:a{Ppendtcolare .con·stomaco e ·coliche biùiari • . . . . . . . 1secutivo ,a ri·d·uzio1re dii ernia inguinale' Lurà A. : Contrributo ,aJJo studio1 dell'a,destra, ·Con infiamm·azione 1del sacco . scoltazione oI'la1e. R·runt0l1o e soiffio orale 395 Airrigoni C.: Un 1caso di ~resiJpela miLu.r idtana IJ. : Valore ·c omiparativo delg·rante trattato cor1 iniezi·o ni di 1fen1olo 1' intradermoreazione CO!Il altri metodi Ba1d11zzi A : Ernia inguinale de.stra ed biologiici u:sati .p .er la .diagnosi di echi·eciotp:iia inguinru1e· 1del testi00 lo, sinistro. 41 n ococcosi . . . . . . . . . . . . · · · .,. - M onoreh 1a1a . . . . .. . . . . . . . · Lussana F·. e Airrigi0ni P. : Dall'edema Banchi.eri É. : Spondilosi rizomelica con 1soitto,clltane·o, nella !J)leu.rite 1si1erro-fi,b ris indrome cli Fròin . ., . .. . . . . . .. · n-0sa . . . . . . . . . . . . . . . . ., 217 Bel'Sani I. : Crisi leuieemioillde ·im m .a>larico Magal1dda P . : La terapia arsenicale ad rul!te dosi r ·elle .contrattur~ organiche . 147 Bersani I.: Tic c1oni1co del ·d iaframma . Bianichi G. : Psicosi .allucinatori·a acuta Marassini A. : Contributo SiPer·imentale conseclitiva a;d atto1 -OfP1e:riativ·o con raaH-0 studio ·d·ella p!'essio,n e al't:erio sa del 1chianestesia in ·a1coot1iJSta . . . . . . · sang~e . . . . . . . . . . . . . ·' . . 1259 1

1391 1571 1323 1355 1163

323 181

1

1

1

539 1715

77

1·86 1067 875

915

1612

1

850

715 1009 1576


-

IV -

Pag.

Pag.

509

M·onteleone R.: Un oaso di. aisc:esso del lobo fr0J1tale ·destr:o da StlnUJs1te P·Ostmorbi:Uosa · . . · ·· · · · ·. : ·. · · · · Pansera G. : Ileo da ca1oo11 b.iJ11.ar1 . · . : Pir·ondini E. : Deù1e febbri u.rinose fulnl1na:ntl. . . . . . . . . . . . . . . . . . Porru c. : S:ull'·uso dei ~repar·SJti al'senicali n·elle forme spastiche . . . . . . Piulv·i renti S. : ,S opra un c·a so non comu.n e di 1ei.sa.i.ntema ib·r .omico ·ctrcoscr.i tto (bromo derm.a ) . . .. · · . · . . . . · . Regoli »G .: Su le ferite da impalamento deJl retto . . . . . . . . . . . . . . . . Rosica ·A. : C-0ntributo c;1inioo alLLa questione della cherat:i.te parenchimatosa tr.a11m a ti·ca . . . . .. . . . . · .. . . . Rossi O. : Note clin·t che suhla Encefalite leta\rg:ica . . . . . .. . · . . . · · · · · Sala A. : ,S u ·d·u.e rare •Com;pdicazioni se.condiar'i·e a innesto vaccinic·O . . . . . SM1filtppo E. : Sui 1p e.r icoli nell'uso del ,caoodila to ad ru1 te •dosii . . . . . · . . Seg.agni IS.: Su una .:forma ·di peritonite ,p 1asti ca · . . ·· · ·· · · · ·· · · · · · · To\CC01L.: Sop1na u.n caso di orina ~·lant_e Tro\g'u G. : L' anestesta del nervo tn·getm.1,no nella chirurgia ·deJLa f,a ocia e la C1Ura 1r.aidicale .d elle nevra1gie ribel1i . .. . · Vaocari L. : Steno·s i mediQgastriica deterIIll·i nata da ffiìilia ombelicale indiretta incomplieta . . ~ . . . . . . . . . . . . · Zamor.ani V. : ,Su}ll,e infezioni par.atifìche, partioo·l armente sull'tnfe~ione da paratif10 A. . . . Z·UJCcòla P. F.: ,S1u 1dd. un caso ·d'avvelenamento da ic];orato p.o.t as•s ico . . · · · Zuccòla: P~· F.: S.u lla « l\tiyastenia g.oo.vis »

684

CONTRIBUTI ORIGINALI VARII.

Biffis P. : Sulla sin·tOJ!latologi~. delle vie digerenti nell' an·em1a ip.em1c1osa p•rO · 877 gressiva · · · · · · · · · · · · · · · Bilotta V. : Un .caso di « Corea ,g rave » curato e guarito col N-0vo-Arsenoben545 zolo · · · · · · · · · · · Bivona. s:: ·L~a~~ges:La cooain·i~~ per ,la espulsion,e .di oa1coli ai~t~tis1 D:ell uretra. adoperata in .sost11mz1one d1 malllOVT~ strumentali . . . · · ·· · · · · · 365 Bivona s. : lr na strana lesi one proìVo.cata al testicolo . . . . . · · · · · · · · · · 854 Bore1'li E. : Lussazione dor.sal_e complessa dehl.'indice destro. D.upl1.ce meocanismo di irreducibilità. R1duz1one cruen115 ta · · · · · · · ·· CarneNi. ·sÌfiÌiide ·ey.ati1ca. Contribut~ alla diagnosi ·diifferenziale dei tumori 1

R..:

~00'1..ilrlali

• • ·- • •

•I

.!

Carossini G. : Di un non 001IDune OOJ'IPO estraneo déllo stomaioo . . . · · · · · Caoo.ti E.: Un ·oaiso ·di frattur.a in toto ·dell'acetabolo . . · · · · · · · · : : Catterina A.: Ca'lcolo ·d~lfl:'uxetJere sm1stro. Rimozione - Guarigione . ., . . · Cavazza E.: .Sullla gastro:p tosi. Osserv.azioni radiologiche e teniapia . . . · · . De Tommasi P.: Lesi001e luetica del .cono midolLaire . . . . . . . · · · · · · · · · Falzi O.: Sindromi parkdnsoniane quali post11mi ii .encefalite epidemi~ . .. . . · Felicia~i G.: S!U d~ un ca;so d1 ,angina di L ucliwig . . . . . . . . . . . . . . . FormLggilllL B. : Contributo al~o s.tu·di·o· delle produzioni cistidhe delle piccole·

1291

1107 118

1040 47 406

1264 8

1

labb1·a . . . . . . . . . . . . · · · . ·

Fornara P. : S·opra 'UJil caso di meningismo tifico . . . . . . . · . · · · · · · Guerricchio A. : Contributo .clinico aJlo stl1dio delle sindromi post-tencefalitiche Izar G. : Forme ·ra~e dii a1m.e bi1aisi latente e cronica. La ·s indrome .p seudo-m·alarica e la sindrome pseudo-tifica . .. ,, . L urui E. : Su di un caso di asceSISo cerebrale del lobo ,f rontale sinistro, postumo a ferita da saheggia di granata . Maggesi B. : Di Ulll raro ii.nizio della polisie:rosite . . . . . . . . . . . . . . Manteldi C. : La 1sutura vasale nella ·cura delle ferite dei seni ·dlu.Tali . . . . . . . ~In.rengo G. : Oo·n tributo allo studio delle de.rmatosi simulate. Patomimia cutanea. da corrente galvanica . . . . . . .. Ia rtelli P. ~I. : Considerazioni ·s u ta-luni casi di chirurgia splenica . . . . . . 11a.sci B. : F ebbre criptogenetica ad accessi ritmicamente ricorrenti; esito in iearhessia. e morte . . . . . . . .. . . . nlo. ci B. : Sind1·ome di pa:i1creatite cronica consec11tiva ad ulcera gastrica . .1: In elli D. : opra t1n caso di sifiloma inizia le dello ton--illa palatina . . . . . . l\lo Lronoln G. : To1 sion e spontanea del t ~t.icolo i11 lln bambino di quindici 1

1266 939 259

1008 618 1432 1199

17 1685 404

m i . . . . . . . . . · · · .. · · · · 1392 Iilia 11i .\. : Ferita del ramo sinistro del111\.. p oln1011nre e intervento chirurgico tti va i .:,t1ccla\'i dello stesso lato . . 976 1 nt-0leo11e R. : I...a terapia della pustola

ca rboncl1io"'a nell't1omo . . . . . . . .

1613

616 475 816 1326 1427 11{)5

289 ·324

151

544

651 1542

1

436

1

•i

••

225 747

82

1358

Angeli R. : Il sruJ.v,3Jrsail ar.ge ntico . . . . A1masio P. : Rilievi statistici in Tapip·orto .a l ip1robiliema eziologico· de.Jl' encefalite 1 letarg.i:ca . . .. Andlruliò L. : Disturbi da urotrop1ina . . . Arnavas G.: L'aic~do· -0smico nella cura dei •r itardi di consol:iidazion~ ·delle friatture ossee . . . . . . . . . · · · · .. · Bersani I.: Lo schema di Arneth in TapIPOrto aill 'infezione tubercolare . · . · Bini G. : La ·cin·conina può sostituire la chinina . . ., . ,, . -~ · · · · · · · · Candi·d·o •G .: Una .rara ferita d:el cuore . CasS'inis U. : Osservazioru su .alcm·n i oasi di .pne11motorace artificiale ooo speciale mguardo aJhle ;forme ·di tubeircolosi bilaterale . . . . . . . . . . . · · · · · Cata.1di P. : L' a;scesso di fissazione nella cuT1a del tifo ad•d.o minale . . . . · · · Ca v,azza E. : Sulla ·estraz.i one idi taluni co:rpi estran·ei dall'es0tf3'go .e 1dalle vie aeree . . . . . . . . . . . . . · · · · · Cernezzi A. : La variante Duval-ToUJpet nehla gastroenterostomia posteriore transrnesoco·l ioa . . . . . . . . . . · · Ciul~a M. : L 'isteropessi ool metodo Parlavecchio nella cura delle retrpdeviazioni e del prolaisso dell'utero . . . · . . Comino E. : Sulla cura d·e1le pleuriti essudative cal pne1unotoraice artificiale . D '.~roma A. : I . .e niezioni di etere :nella p ertosse . . . . . . . . . 1

.i

..

t

439

222 119

72-0

655 919 155

582 787

293 152

154 1135 788


-

\

v-

Pag.

Del Vecchio P.: Intorno ad un caso di col ostsrorrea gl"'avidi·ca . . . . . . . . . 262 De Toni G. : A proposito ·della 's indrome da fame nei prtgionieiri di guer :na ita11a.n.1 · . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1439 Gaifami P. : Il tagli-0 oosa1~eo transperitoneale sul segmento inferiore d1e1l'u-

Pag.

CONFERENZE E LEZIONI.

1

1

1

tero

. . . . · . . . . . . . . . . . .. . .

682

G<1latà · G. : l . . e iniezioni di calomelano nel tifo . ., . . . . ~ . . .. . . . . . . 942 Genoese G. : J1l trattam ento d ei1:1a tosse con vu11.Ba con lie iniez:Looi di ete·re . . . 187 Giorgi G. : Contributo clinico alla sutura ·della vena :porta . . . . . . . . . . . 1361 Izar G. : Sulla d-0lorabilità alla percussione dell'addome . .. . . . . . . . . . 1545 MeroliLio G. : Un toraoopaJgo novissimo . 263 l\Iorgante L. : Cura degli aiScessi ·ca1di con punture evacuative e coosecutivi la\'aggi con .alcool . .. . . . . . . . . . 511 P~sini G. : Atoni3: muscolare lM"inig.ea ln sog·getto 1na lar1co .· . . . . . . . . . 1688 Pantaleoni D. : L'acariasi da ,g rano in R0111agr1a nel 1921 . . . . . . . . . . 17 Pittarel-li E. : S,opir a una inavvertita e singolare causa d'er.rore n.e'tl'.a naliSi d1e ll 'acetone e srW. m ·odo di lilpararvi . . . 621 Pleth V. : L'uso dell'alcool ipro1pi1ico e delle so1uzioni propiJi.che di .alcune sostanze coloranti neil1a terapia chirur• 1

g1ca . . . . . . . . ., . . . . . . . ., .

Pt1lvirenti S. : Il neoeailvarsan .si può iniettare nelle vene varicose . .. . . . . 1043 Ricci O. : Relazjo.ne medica finale sulla :26 Campagna Antimalarica al1l' cc Ac(111ataccio » . . . . . . . . . . . . . . . 265 I-licci O.: ReJazione s11lla Campagna 4L\.ntimnlarica nf'lle località: Capannelle, Torre cli 1\fezza,,ia, Fiorano . . . . . . 265 Romanelli E. : DiaignoiSi differenziale tra varicella e vatuol-0 . . . . . . . . . . . 978 Salvetti G. : Sulla Vi31ccinoterap:La degli stati tifosi ne1l 'infanzia . . . . . . .. . 884 Sangl1inetti A. : Cinconina e malaria . . 1652 Sentgagilia A. : Per la ricerca de11l'albumina nelle urine . ~ 172 Senjgagli1a A. : Sul valore dello staTnuto negli .ac·certamenti m .edico-legali di affezioni doJoir ose . . 477 Si.lve6tri T . : D·el fattore .renale in .certi casj cl i emoglobin11ria i1ar·ossistica . . 1203 1'in1pano P. : Dermatite da canna (Arund-0 .donax) . . . . . . . . . . . .. . . . 6 Vecchi a E. : Contributo a:llo studio della cura abortiva d ella lue nel periodo della prima incubazione . . . . . . . . . . 366 Veron.e se L. D. : I·l valore del 1segn.o del f.aiccia le nei bambini della se 0on1da inr

I

)

44

..

r

1

1

7

fanzia . . . . . . . . ., . .. . . . . . . 1465

Viola F. : L·o zolfo coùl.otdale per via e·n d ov.enosa nel Teum.ati1sm.o .articol a re

ac11to . . . . . . . . . .

123·5 Wal.tan O.: L'audizione nei neo:nati . . 1-010 -i

Zuccòla P. F. : ·D osaggio1 degli antic01ripi neLla prova ·d i W aJsserm,ann . . . . . 1463 Zuccòla P. F. : Sul·l ' azione1 terapeutica rlell' ouab a1na · . . . . . . . . . . . . . 401 Zuccòla P. F. : Rigtu.a~do al signifi1cato del.la po1igilobulia . . . . . . . . . . . 756

J ona G. : La tinta dei malarici . . . . . MaJnaJgliano E. : L'insegnamento ·d ·ella clinica medi1c a . . . . . .. . .. . ., . . . . Menrd·es 1G. : L'organizzazione antituber·col0a re in Francia e nel Be~gio . . . . Minerbi C. : Alc.rune 1oon:siderazi,oni sintetiche intorno all '.ar.chitettu·r a ·deJlle ·g randi v~e di comn essi·o ne del oeTvielletto, ravvisato come ·c entro rifl.ettorio . . . . Philippson L.: l,a neazione di vVasser111ann impostata a tempo . . . . . . . Pi:riquet V. : I1l metod-0 alimentar.e di Pirquet nehla cura d.ella tubercolosi . . .

971 673 12

1

359

722

551

RIVISTE SINTETICHE E ORITICHE QUESTIONI DEL GIORNO DAI,LA PR.t\.TICA, PER LA PRATICA. Aiello G.: L'ocìi1erno o·r ientamento nella tie rapia del ·diabete . . . ~ . · . . . . . 1689 Aie~1o G. : Urea .ed .azoto residJuo ·del .s ang·ue nell·e affezioni renali . . . . . . . 1329 Chtasserini A. : L '.o•steo-co.ndrite 1def·ormante dell' anca. ·(Mailatt:La id i LeggCalivé-P.erth·e s) . . ~ ., . . . . . . . . . 1394 Cor.raidti I. : Sieroterawia e Vaccinoterapia anti:streptococcica e antistafilococ- · · cica · . . . . . . . . . . .. . . . . . . 14.34 Ourato1o F. : Arteriosclerosi ga.stro-tntestina.Ie . . . . . . . . . . . . . . . . 946 Diez S. : Glicosuria, ·diabete e traiuma nell ' inf ortunist:Lca . . . . . . . . . . . 431 Drag.otti G. : Cooaina e cacoinismo . . . 1099 Drag·otti G. : I pie di dolenti . . . ~ ~ . . . . 585 Eg·idi G. : Le l esioni traumatiche del mid·ollo &p.jn3Jl e . . . . . . . . . . 1'539, 1581 Fa,s ali-Volarelli F. : Le .t in turie , .. .. . . 54..6 FilipJ)·i ni A. : L 'olio di ·ch1enop,od.to nel~a J.otta contro l'anchil,asitomiasi . .. . . 1268 Gilberti P. : I .c.riterd ·che .reg-011 ano la cura medica e l'intervento chiruJ'lgi·co in ·aJcnni casi ili patologia addominale. Lntroduzione . . . . . . . . .. . . 679 La iperito,n ite ·cronica . .. . . . . . . 789 L'app.e.ndicite . . . . . . . . . . . . 1110 L'ulcera gals tro-duOJdenal e . . . . . 1466 Gi11diceandrea ' '· : Note ematologiche . . 190 ::MancioJi T. : Fisiop1atol.0igia de·l1e ·cavità na;sali . . . . . .. . . .. . . . . . ., . . 1653 Meld·o.Jesi G. : La ter,apia ·chininica del.1e mailattie di cuore . . . . . . . . . . . 330 lVIenghetti S. : C1an.c ro: our.a ,chi:ru:rigica - R aidio,te.r api a . ., . . . . . .. . . . . . 757 Ming"azzini G. : Le tl.1JUtove ric1ereh.e sulla amus1a e Ri1lJ 'a calcolia . . . . . . . . 1131 lVIon te fusco A. : \ Sulla ,sierG>terrupi a anti1d1iifterica . .. . . . . . . ~ . . . . . . t.297 Moschini ·C. : Diatesi s,pa;smoifila - Sulla br.o ncotetania . . . . . . . . . . ., . . 1616 M·osconi F. : Si-ste111a nervoso e secrezione interna . . . . . . . . . . . . . 467, 513 P rebiJ M. : S'l11l'atrofia acuta 1del feg;ato . 724 Zuccola P . F. : A proposit.o di una :nruiova fonnfa di ence.lfalite . . . . . . . . . . 113 1

1


-

VI Pag.

Pag.

IGIENE E ?\IEDICINA SOCIALE. Bcrtani T. : Il libretto sanitaTio~ scola-

. . . . · · · · · · · · · · · · · 1578

stico

Carlini ·P.: Ricerche éij)erimentali sul lavoro e sulla fatica· nello stato p uerpei·aJ.e . . " . · · · · · · · · · · · · · · · Co.;;ta P. : L ,esame del1a .g ola, naso, orecchi nei bambini. .S ua importanza· per la scuola . · · ·. · · · · , : · · ·. · Diez S. : S\1lla val'Utaz1one e l 1ndenn.1zzo delle .inabilità .residuate agli inifortuni sul lavoro . . . . . . . .. . . . . F ·alcioni D. : Su11 'esito 1c1i una 1pi·ooola bonifica. 1Contributo .allo studio del1la diffusione d·elle anof.ele . . . . . . . . . Ciooeffi M. : P er una più intensa vaccinaz.iQne Jenneriana 1delle popolazioni ii.rrali . . . . . . . . . . . . . . . · · Golini O.: La deTatizzazione e disinfestazione delle navi a mezzo delJ'a;cido cia.nidTico . . . . . . . . . . . . · . Golin!i O. : Proposta d.elia v.i sita dJi revisione a tutto il .personale navigante al 45° .anno di età . . . . . . · · · .. · ·· Ilven.to A.: Si l)UÒ vacci.nate cltirante t1na epidemia di vaiuolo? . . . . . . . . . Lovero N.: L ,organizzazione •antitub·eroola,:r.e a Napoli . . ., . . ~ . . . .. . .. . Marchiafava E. : La medicina So oiale del prof. Ettore Lervi . . . .. . . . . . . . lVIazzone F. : L e assenze dal ·l avo;ro per malattia del personale nei t~efoni dello tato e odierno rpir-Oblema soci.al.e sulla assicurazione obbltgatoria contro le malattie . . . . . . . . . . . . . . . . Montesano V. : Conferenza internazionale d ella Federazione internaz1.onale abolizioni sta . . . . . . . . . . .. . . . . l\Iock H. E. : Problemi ginecorlogici nella , medicina indust1iale . . . . . . . . . Ovazza V. E. : La profilassi ;post-bellica della l'abbia . . . . . . . . . .. . . . . Ranelletti A. : Gl, isrpetto~am medici del lavoro comunali e provinciali ·a d integr.azione d ell'azione di 1Stato sUIJ.1l1a vi•gilanza igienico-sanitaria del lav·oro . . Relavo A. : La .p ropaga.n·da ig~enica e la

Ferrarini G. : La c•ura 1deJle tJUbercolosi chicr.ungicbe sull~ S(piagìge . . . . . . . Indelli A. : P er una critica al mio cc Nuovo metodo di chiusura plastica del canaile crurale » . . . . · · . . · · . . . J ona G. : Anoora su lla tinta deri malari1ci . .. . ., . . . . . . ,, . . . . 1301, MàrtirJ A.: A 1pro1posi1to· di un nuovo·metod-0 .p er diis ttnguere ,gli essrud:ati dai trasudati . . . . . . . . . . . ., . . . Mila.ni E. e Attilj ,s . : A .p~op 1 osìto di rad!ioteir&pia intensiv.a . . . . . . . . . . Pi,ccardi G. : Anc-0.r a sug·l i effetti de11,ar·g irina suli'UTetra d€1l'UOID? e del san~ Pi ttarclli E. : ,S.ul·l a ·d.epnJ.Iia.z1one diell onr1 a « a lla Patein-Dufau » . . . . . . . Polla-ci G. : Si può v.aiccilliwre durante una . di vruuo . Jio?. . . .. . . . . . . 1epJi"d erru.a Sbema: Ancora sull,acariasi da .g rano . Sberna S. : Prostituzione e aboliziontsm-0 Sigurtà G. B. : Il cateterismo nei prostatici . . . . . . · · · · · · · · · · · · T•ill.i P. : 11 .cateterismo dirffìc:o ltoso dei p ros tati·ci . . . . . . . . . . . . . . .

296

1589

1

1373

1

1137

779

1

120 50

88

1071

1551 920

1491 10

1045 11-08

m

1073 297 443

STORIA DELLA ME D·I CINA. 1

843

368

C·ecchetel1li T. : Medici ebrei .oel~ri durante la .dominazione ~1001ii·ficia . . .. 1405 Di f'ace I. : Antichi medici italiani in 590 FTan ci,a . ~ . . . . . . . . . . . . . ~~""'-DIVAGAZIONI.

907

Bruni F. : Propi0sta di una modifi.eazi·o ne nella nomenclatura medi.ca. - I composti in -g·eno . . . . . . . . . . . . . .

442

1

1

408

1

1639 485

478

Coil'.1gre&So Itailiano (XXVII) di Medicina In.terna . . . . . . . . . . . . . 1491, Congresso (XXVIII) 1d.e1l'la .So·ctetà Italiana di Chirurgia . . . . . . . . . . 1'510, Congresso (XXI) del1a s .01ci€tà Italian.a di Ostetricia e Ginecologia . . . . . . .. . Congresso (XI) della .Socie·t à Italiana di Ortopedia . . . . . . . . . . . . . . · Congiresso lXiI) della Società I·taliana dj 0 ,rtopedia . . . . . . . . . . . . . · Congresso della Sociietà Fr.001.iatrica I ta.lian.a . . . . . . . . . . . . . . . . · CQngresso (III) degli Igienisti e on·oranze a Luigi P ~gli ani . . . . . . . . . . . . Co11g r esso (I ) n azionale delle dottoresse in m edicina . . . . . . . . . . . . . . Congresso (II) n a zionale per le industrie 1

764

smiola . . . . . . . . . . . . . . . . 1035 . . . . . . . . . . 339 ' ' erney L . : I-1 VlnlSinO . . COMMENTI - NOTE POLEMICHE. RIVENDICAZIONI. Bn rcluzzi D. : I.ia nuova lega abolizionista clei regolamenti contro la prostit ttzione . . . . . . . . . . . . . . . . . 967 Battaglia 1\1. : Prostituzione ·ed abolizi onismo . . . . . . . . . . . . . . . . 1399 C:ùforio I..1. : .. proposito di una strana lesione pro,·ocatn. al testicolo . . . . . 1012 Cn pogrosm A. : A proposito di « urina .fi1onte >l • • • • • • • • • • • • • • • • • 17 Cn.pt1 n ni G. : A prop osito della tinta dei mnlari ci . . . . . . . . . . . . . . . 1205 <:.tµua.ni G. F. : Ancora sulla tinta dei

111n.larici . . . . . . . . . . . . . . . . 1551 taln.no O. : indrome da fame nei prigionieri di g11erra . . . . . . . . . . . 1363 J:-n, a11i-\ ole1rtlli F.: !\11cora .ugli effetti cltll 'arg-irinn nelr11rf't ra delrt1omo e del i.lll . . . . . .. . . . . . . . . . . . . 10 1

ACCADElVIIE, SOCIETÀ l\!IEDICHE, CONGRESSI . .

1521

1521 1097 60

1668

25

893 1560

~sa;m tarle

. . . . . . . . . . . . . . . . 1052 Congresso {I ) .n azionale per la protezione ,della .p rima infanzia . . . . . . . . . Convegno della Società Italiana «Pro anomnali » . . . . . . . . . . . . . . Convegno d'Igiene Sociale della Liguria Congl'eSSo (VI) Medieo Siciliano . . . . . Congresso (I) internazionale di Medicina . m il'ta e F armacia i re . . . . . . . . . . Conwesso (IV) internazionale di Urologia Conferenza (III) della Federazione internazionale abolizionis.ta . . . . . . . .

1640 26

102t 828

1008 1179 1869


-

VII -

P ag.

Co11ferenza i11ternazioDJale l)er lo studio e la lotta contro le epizoozie . . . . . . Congresso (VI) degli Ordini dei Medici . Congresso (I ) dei i11dacati medici . . . Co11gresso (XX\1 ) nazionale dei Medici condotti . . . . . . . . . . . . . . . . Cong·resso clei ~1ecl ici Os11italie1i .· . . . Congresso (XIX dell'Associazione Fra11cese di Chirul'gia . . . . . . . . .~ . . Congresso tXXIX) dell'Associazione Francese di Chirurgia . . . . . . . . . . . Congresso (XXV) di medicina a lienistica. e neurologi-ca di Francia . . . . . . . . Congresso deillp. Società T.edesc.a di M·edici11a interna in \Vies.baden . . . . . . . Riunione (XI ) della Società I taliana rper il progresso delle ecienze. Sezione di anatomia, fisiologia e p atologia . . . .

933

1707 1711 1482 1709 29

133

1409 956

1474

TELLA \ 1 11' ..\ P llOFESSIONALE.

( '}1ie. a G. : l"')cr i concorsi a posto di medico condotto . . . . . . . . . . . . . 670 Cingolani E . : Sull'a~si r urazione malatt..ie . . . • . . . . . . . . . . . . 386, 704 Cornacchione R. : Per le agevolazioni di viaggio ai medici condotti . . . . . . . 707 315 Dian A. : ~ledici e cc Réclame» . . . . . . Falcioni D.: L'assicurazione obbligatoria contro le malattie e la sistemazione del ser, izio di assistenza sanitaria . . . . 803 <~ a11<l o lfi D. : In 1f'1na di concors i. L egge comt1nale o legge sanitaria? . . . . . . 457 ,e1111ardi : .... ug li l.l-..a111i i)er i i11edici di bordo . . . . . . . . . . . . . . . . . 1453 lndc.r: La riforma dei servizi di vigilanza igienica . . . . . . . . . . . . . . 493 1vstitia (Doctor) : In tema id i ooncorsi. Per i concorsi a posti di medico condotto . . . . . . . . . . . . . . . 457, 670 J1J.Sfifi((, (Doctor) : Le modifiche della legge 1

sulla Cassa dii Previicl.enza d.ei medici con dotti . . . . . . . . . . . . . . . . 1125 Jus titia (Doctor) : Cassa di previdenza dei medici condotti . . . . . . . . . . . _ 995 Martinelli A. : S l1ll'Assicurazione-malattile . . . . . . . . . . . . . . . . . . 244, 424 ~J.Qzzolani A.: Per i concorsi a posto di medico C;Qndo,t to . . . . . . . . . . . . 670 Niola rS. : Per i coniCX>rsi sanitari . . . . 604 Pangloss: Burocrazia ,e libera professione 869 Pangloss: Clinici ,ed, ospedalieri . . . . . 1315 Pangloss: Di un,utile funziane degli Ordini dei m edi·ci . . . . . . . . . . . . 1253 P angl oss : I medici -0sp~dalieri . . . . . 142 Pangloss : I r.aa>ip.orti cu·L turali italo-arg em tini . . . . . . . . . . . . . . . . 279 Pangloss : La via •P iù ·l unga . . . . . . . 350 P anglosiS: Le agevolazi:cmi .di viaggio ai Medici condotti . . . . . . . . . . . . 566 Pangloss: Sfruttamento professionale . . 1528 P rovera C. : Proposta di un cia pitolato per i medici ospedalieri . . . . . . . . . . 1187 Verney L. : C-0ngressi . . . . . . . . . . 67 Verney L. : Corsi1 di perfezionam~to . . 32 Verney L. : L'i.m;p:osta sui malati . . . . 739 Verney L . : Mutue di m edici . . . . . . . 773 Verney L. : Per le autopsie . . . . . . . . 106 Verney L. : Pletor.a pTofessionale . . . . 1090 ' ' erney L. : .S ull'assicurazione malattie . 245, 386, 421, 707 Zambler A. : Verso un sindacato medico? 901 1

1

NOS'fRE CORRISPONDENZE. LITORA ALIENA. Dian A. :Il corso Mimich a Venezia . . . . 1608 f>e ril li G.: Una visita a Colorado Sprjngs 1385 Saraceni F. : La lladioterapia intensiva nelle Cliniclle tedesche . . . . . . . . . 1421 i11 . a. : L,Italian Benevolent Institute and ~Iospital di New York . . . . . . . . . 354 •

Indice alfabetico delle Materie •

Pac.

Pag.

A Abitazione del contadino italiano . . . . Abitazione del medico condotto . 4-01, 1418, Abitazioni : vedi a n che Case. Abolizio11isn10 e prostituzione . . 1073, Abolizionista : Congresso della Federazione italiana . . . . . . . . . . . Abortive : sostanze ritenute - : perico1li . Aborto artificiale: indicazioni . . . . . Abo11.o : ìimitazio11e cl el rasc·h iamento dell'utero . . . . . . . . . . . . . . . Aborto mancato e morte della madre per ingestìone di solfétt o di rame come abortivo . . . . . . . . . . Aborto st1·\1ment~1e . . . . . . . . . . Aeialcolia ed amusia . . . . . . « Acanthosis nigricans » . . . . . . . • . kca riasi cla gr ano . . . . . . . 301, 2a8, Ace1abolo: frattu.r a iri toto . . . . . . Aceto: anguill11la . . . . . . . . . . . .

994 1485

139!:1 1639 312 1631 1734 451 929 1131 1084. 1724 118

1675

1\ cetone: ca11sa inavvertita e singolare d' errore nell'analisi .teli' - e modo di ripararvi . . . . . . . . . . . . . . . 621 1\cido cianidrico per la deratizzazion•e e ga disinfestazione delle navi . . . . . . . .:~cido fenico ; vedi F enolo. Acido nitroso-nitrico: preparazione . . . 1481 Acido osmjco nei ritardi di consolidazione delle fratture ossee . . . . . . . . 721 Acidosi ; il problema dell'- . . . . . . 301 Acne giovanile . . . . . . . . . . . . . 1~3i .t\ cqua potabiJ e; vedi Risana.menti idrici. Aco11e minerali: per l'utilizzazione e l'esame delle - . . . . . . . . . . . . . 1127 1\crooef alosindattilia . . . . . . . . . . ~91 .'\d ams-Stokes; vedi Morbo di -, Sindrome di --. Adoome : affezioni acUJte . . . . . . . . . :\.ddome: ascesso della parete anteriore rl'origine appendicolare . . . . . . . . •


-

VIII P:\g

Pag.

Acldomt">: criteri che reg.olan~ la cura m-edica e l'inter\ ento ch1rurg1co nella patologia dell'-- . . . . . 679, 78~, 1110, .Addome: dolorabilità alla percu~s1one . Addome: palpazione e inner':az.1or1e reciproca dei n;tuscoli a~t~on1st1 . . . .. ..A\.cldome: significato clinico d·el dolore nei bambini . . . . . . . . . · · · · · Addome · vedi anche Affezioni addominali Cri~i addominali. Ad~nite· vedi Adenopatie, Lin;fadenit~ . . Adenop~tie pelviche primitive: condizione g.i11ecologica •n on ancora osservata ..t\dolescenti: tarsalgia . . . . . . . ·. · · Adrenalina: azione sulla circolazione pol1nonare . . . . . ~ . . . . . " . . Adrenalina e ipofisina: oftalmo reazione con -- I1elle malattie del sistema endo1

1466 1545 450

521

890 666

1597

. . . . . . . . . . . . . . . · · 347 1342 1\drenalina : è un ormone? . . . . . c:rino

Adrenalina per le vi·e digerenti . : . . . Adrenalismo cronico in un asmatico . . Affezioni a ddon1inali acute . . . . . . . Affezioni addominali : insufflazione J)relimirlare del perito11eo per la diagnosi radiologica . . . . . . . . . . . . . Affezioni cutanee e ve11eree: cura. col r..oetilato di sodio . . . . . . . . . . . . . . Affezioni intestinali: caolino nelle Affezio11i fenali: urea ed azoto residuo del sa11gue . . . . . . . . . . . . . . Affezioni; vedi anche ì\ilalatti•e. Aggl1tti11azione del sangue; vedi Emoisoagglutinazione, Sangue. 1\gl1i cl''l.cciaio per la pltntura delle vene ALB u A. . . . . . . . . . . . . . . . . . Albumina: ricerca nelle urine . . . . . Alcool: lavaggi con - consecutivi a pu11ture evacuative per la cura degli ascessi caldi . . . . . . . . . . . . . . . . Alcool metilico: sintomi diell'intossicazione da - . . . . . . . .. . . . . . . Alcool : pasto di prova di Ehrmanni ali'.t\ lcool propilico e sol11zioni propiliche ~i sostanze coloranti: uso nella terapia chirurgica . . . . . . . . . . . . . . Alcoolismo: co11tro 1 J\lcoolismo : psicosi allucinatoria consecutiva ad atto operativo con rachiane .. stesia . . . . . . . . . . . . . . . Alcoolismo; vedi anche Vinismo, Vino. Algie a clistanz:.1 nell'enterocolite . . . . Algie; vedi anche Dolori. Allattamento e malaria . . . . . . . • 1\lloggio; vedi Abitazione. 1\lluce; vedi Pre-. .r\ lopecie rJost-infettive: trattamento . . Alopecie: sulle - . . . . . . . . . . . . 1

1 -

1373 344

1333

1692

1391 1413 1329

1704 '310

172

511 1055 309

Amusia ed acalcolia . . . . . . . . . . 113i Li\naeromycosi : bronco . . . . . : . 1666 Anafilassi e accidenti da arsenobe11zol1 . 27() Anafilassi: fenomeni da - nel campo dermatologico . : . . . . . ·. . . . . : 1272 Anafilassi per la chinina: antianafilass1 e desensibilizzazione . . . . . . ·. . . 760 i\.nafilassi; vedi anche Choc, Autosierote• rapia. . . J\nalgesia cocai.nica per l,espulsione di calcoli a.rrestati nell,uretra . . .. . . . 365 .t\nalgesia da. rizotor:ni0: P.0steriore . . : 1694 Analisi gastrica: pr1nc1p1i fondaJmental1 1046 t\.nca dolorosa dei vecchi . . . . . . . . 830 Anca: lussazione traumatica inveter~ta 1?77 Anca: osteoartrite ·deform,a nte giovanile, coxa plana . . .. . . . . . . . . : . . .. 484 Anca: osteo-artrite deformante giovanile mome.n ti eziologici e decorso . . . 378 Ano'a: osteo-ccm.drite def.o rmante: sull'- 1394 Anchilostomiasi · olio di chenopodio nella lotta contro l'- . . . . . . . . . . "1263 Anemia grave nella 11efrite azotemica . 240 Anemia peTntciosa : l' . : . . . . . . . . 1115 Anemia perniciosa progressiva: cas1st1ca ricerche . . . . .. o • • • • • • • • 560 Ane.{uia perniciosa progressiva: sintoma- . 877 tolo.g ia ·delle vie digerenti . . . . . . . Anemia per.n iciosa: trasfusio.n e del sangue nell, - . . . . . . . . .. . . . . . 1242 Anemia spl·enica: cura chirurgica . . . . 493 Ar1estesia del nervo trigemino nella chirurgia della faccia e cura radicale delle nevralgie ribelli . . . . . . . . . . 436 :\.nef-'.tr-sia locale in età giovanile . . . . 383 Anestesia pe.T estrazioni d1entarie . . . . 1480 Anestesia; v edi anche Nrurcosi, Rachianestesi·a. Aneurisma aortico: edema della .g uancia 416 Aneurisma dell1arteria epatica . . . . . 1401 Air.11eurisma embolico delle arterie p·eri62 feric!he nell'endocardite ulcerosa . . . . 64 Aneurisma : trattam.ento medico . . . . Ar1el1rismi delle arterie epatica e liena62 le: clinica . . . . . . . . . . . . . . . 8 Angina di L ud ·vvig· in sogg·etto malarico Angina di petto: sclerosi delle coronarie 926 Angina di petto: trattamento chirurgico con la resezione del simpatico cervicotoracico . . . . . . . . . . . . . . 795 Angiocoliti tifose . . . . . . . . . . . . . 1310 Anguillula d•e ll'aceto . . . . . . . . . . 1675 A·nilina : colori di - in terapia . . . . . 1736 Annessite ed appendicite: diagnosi dif736 ferenziale . . . . . . . . . . . . . . . Annessiti : cura . . . . . . . . . . . · . 1733 Anofele: diffusione. Esito di una piccola bonifica . . . . . . . . . . . . . . . . 120 Anofele: può trasmettere la malaria diretta•m ente? . . . . . . . . . . . . . . 1380 Anofeli che non pl1ng·o110 l'uomo . . : . 1087 Anofeli: durata della vita e abitudini . 797 A11ofeli: osservazioni sulla biologia . . 1479 Anofeli; vedi anche Zanzare. Ano preternaturale: creazione di uno sfintere . . . . . . . . . . . . . . . . 1412 Ano; vedi anche Ragadi anali. , Anormali: convegno della Società Italia26 na pro - . . . . . . . . . . . . . . . _i\.nticorpi: dosaggio nella reazioJ1e cli assermann . . . . . . . . . . . . . 1463 Antiemolisine ec.l e111oli ~i11e i1e ì le ltrine 1003 1

1

44

1190

1459 700 30

73ì 1480 • 1nbulatorio privrito . . . . . . . . . . 1027 :\n1ebe ; \Pd i 1\n1ebitisi, Appendicite, Dis~entcria, « Entan1oeba histo.lytica ». ..~1l1cbia.si in Sicilia . . . . . . . . . . . 309 .~111 c bia s i lnte1tti e cro1licl1e: forme rar . . . . . . . . . . . . . . . . 308, 346 1\ ru 11orr a ace td entale . . . . . . . . . 163 "\ 111111i1ii lra:.1011 1'> 'ìanitaria . . . 352, 423,709 1.\ 1111ni1Li.'ìlra:.ionc san.itaria: ,·edi anche Co1isiglio ... uperiorc di a?iità, ervi:.i .,~11iita ri.

An111 sin verbal e pura . . . . . . . . . 11... 15 1111}u tazioni ci 11eplasticl1e . per la ' ' i talizza.zi 11 llel le 111c1l1b1 a artificiali . . . 555

'V


-

lX -

PaJ.

_.\ntipiri na caus,1 di. edemi dei ger1itali 1737 ..\11tisettici nttovi . . . . . . . . . . . . . 1336 ..\11tisettici; vedi. anche Colori di a11ilina, l .. iqt1ido di Ziehl, Sostanze coloranti. ..-\ntropologia criminale : insegnamento . . 987 .\nl1ria eclan1ptica: nefroto111ia . ·. . . . 103 A11111ria: 1' - . . . . . . . . . . . . . . 1598 At,ice: diagnosi de1la pl et1rite ttrbercolare saccata . . . . . . . . . . . . . . . 203 ..\11ice: ferita del ran10 sin istro clell' - ; ir1 terven to cl1ir11 r:giro s11i v.asi Sll ccla vi clello .stesso lato . . . . . . . . . . . . 976 Apice: lesioni P stenosi mitralica . . . . 927 ..\pire; vedi anch e Ott11sità g,picale, Rt1mol'e di c;offi0 ~i1cclaveare. _.\ol'tn: r-eazione di Bordet-Gengott n1e lle le~IOili

. .

.

.

. .

.

.

.

. ..

1121

............ . S30 ereditaria . . . . . . . . 63 _ ortite c:.ifilitica: lesioni d1elle vn.l,·ote • l o rti c 11 e . . . . . . . . . . . . . . . 416 \pp<trato ger1ito-11rinario: rifle~si dell'~58 J\pper1dire ileo-ceca le: f11r1zioni . . . . . 1480 ~\opend ice \ ermiforme; ved i ancl1e Ple11rit e appPnc1ico1are. -~l)J1 1 r1dicitr ac11ta e ostrl1z.ione nppenclirolnre acttta . . . . . . . . . . . . . . 372 ~Jipcndicite · criterii che regolano la c11ra rnr.r11cn P l1intervento chirurgico . . . . 1110 \ ppe11cl i e i te: dobbiamo modificare le nof l'e verll1te ~i1ll'etiologia dell' -? . . . 1441 .\pp<'11dir.itc ed annessite: cliagnosi differe11ziale . . . . . . . . . . . . . . . 736 \)>IH3t111i<'it<• P(} O'lSÌ11Ii . . . . . . . . . . 991 . 1 \p1>01tdiciti e 11seudo-appendiciti di origi. \01 titr sifilitica ..\01 t1te ~ifil1 tica

,,

1

11 e

n1nebica . . . . . . . . . . . . . .

1715

_i\1>pc11dicite: pseli-do- nella dissenteria ~ t1r1el>ica . . . . . . . . . . . . . . . . 1248 .\pprndicite; su l l'opportunità dell'operaz.j (}11(.l

.

\ 1JJ)e11<lieit.i; \ 'edi anche Ascesso i)eriapJH111rl irolare, 1Pseudomjxoma, Si'ndron1e n1.>nendicolare. . \rg illn ~ " '"'cli Caolino. \ rg-irir1n: effetti st1lla m11cosa uretrale . ' . \ritmi(' cu.rcli.acihei : uso della chini.dina .

1412

10

899 .1\rn1r1rlio frrrmnceutico . . 996, 1285, 1485, 1532

i

1\rneth; vecli Schema. di -. Aisenicali 11el1e forn1e Si)iai.st1cr~ . . . . 1326 ,,\rse11irti.li ad alte dosi in talune malattie nervose e mentali . . . . . . . . . . . 1645 J\1·sen.1~:1li acl alte dosi nelle affezioni polrnonari . . . . . . . . . . . . . . . . . 1737 ~ \rser1icali ad alte dosi nelle contratture or{!aniche . . . . . . . . . . . . . . 147 \ l'"'enicali; vedi anche Arsenobenzoli, Ca"odilato di sodio. _\rsei1obenz.01li: accidenti da - e anafi-

't

I •

)

I"

~

)

) ~

I

(

9

2

.6

1assi . . . . . . . . . . . . . . . . • • ~~rsen obenzoli: ·acci-èLenti veirifi.catisi nel tl'attn.mer1to con gli - . . . . . . ,. . . Arsenobenzoli: a zione . . . . . . . . . . •..\.rsen0Ler1zoli .causa ,d 'i.n toesi·cazione . . ..\rsienobenzoli e merc11rio : valore comparativo . . . . . . . . . . . . . . . . . j\rsenobenzoli: intossica,zione da - . . . /\.rsenobenzo li l)er 1n.iezioni sottocutanee .L.\.rsenobenzoli per via intramuscolare . . _i\rsenobenzo lo nella cura delle suppurazioni fetide . . . . . . . . . . . . . . •

2 •

276 1554

104 1137 276

1154 1344

1025 166

Pag.

Arsenobenzolo llella ct1rs. del tracoma . . 770 Arsenobenzoli; vedi anche Neosalvarsan, N ovarsenobenzolo, Sa.l va.rsan. ..A.rLeria epatica: anei.1risma . . . . . . . 1401 . .t\rteria polmonare: intervento chirurgico per ferita del ramo sinistro . . . . . . 976 Air.teTie; vedi anche Aneurismi, Va,si sangu!Lgni. · Arterie coronari1e: anastomosi . . . . . . 156.} Arter.ie coronarie: sclerosi nell'angina di petto . . . . . . . . . . . . . . . . . . 926 ve(li ancr1e Anet1rts·m i, Vasi san...\rterie; • • gu1gn1 . 1\.rteriosclerosi cerebrale : esame funzional1e dell'organo t1clitivo per la diagnosi e per la prognosi . . . . . . . . . . . 127 .\rteriosclerosi: em·ate111esi da - . . . . 1214 .1\rteriosclerosi e nefrite: rappofto ed etiologia; significa\to rlell 'ipertensione . . . 268 946 Arteriosclerosi gastro-intestinale . . . . 200 .t\.rte riosclerosi : l' - . . . , . . . . . . . Arierio e nefrosclerotici: ipertensione ob102 t ligatoria . . . . . , . . . . . . . . . i\.rterite acuta obliterante nell'influenza 897 Articolazione mandibolare : struttura e 927 f unzio11i . . . . . . . . . . . . . . . .. Articolazione temporo-main(libolare : struttura delle ossa . . . . . . . . . . . . 1559 Arttcolaziioni; ve•di anche Artrite, Lu ssazioni, Ossa. Arti: vedi Acetabolo, Articolazione, F emore, lVlani, :\lembra, Omero, Piedi. 454 1\rtrite deformante: trattamento . . . . Artrite gonococc:i.ca 1netastatica . . . . . 1561 A1·trita go11ococcica : vaccino-sieroterapia 603 Artrite nella dissenteria . . . . . . . . . 1075 J\rtriti bleùl().t'l'a~jche : trattamento . . . 1562 Artriti cro11iche: trattamento con lo zolfo 1562 Artriti; ·v edi anche Coxite, Osteoartrite. ASCARELLI p. . . . .. ., . · . . . . · · . . 1257 t\ scarid iasi ca usa di ittero . . . . . . . 1411 « .Ascaris lumbricoides » : jn1portanza patogena . . . . . . . . . . . . . . . . . 1726 Ascella; vedi Cavo ascellare. Ascessi caldi.: c11ra con p11nture evacua511 tive e consecutjvi lavaggi con alcool . . Ascessi delle gl1iandole linfatiche: trat562 tamento . . . . . . . . . . . . . . Ascessi polrr1onari: diag·nosi . .. . . . . 1672 991 Ascessi rettalj : c11ra . . . . . . . . . . 658 Asoessi subfrer1i ci . . . . . . . . . . . . Ascesso cerebrale del lobo frontale sini: stra, postt11no a ferita da scl1eggia d1 o·ranata . . . . . . . . . . . . . . . . 259 A;'cesso dellè.1. parete anter1ore dell'addome d'origine appendico lare . . . .. . . 12.48 Ascesso del lobo frontale· destro da s inu616 sjte post-morbillosa . . . . . . . . : . Ascesso d i fissazione nella c11ra del tifo addominale . . . . . . . . . . . . . · 787 1\scesso periaprJenflicolare consecutivo a 915 riduzione di. ernia inguinale destra . . 1\ scesso tonsi ll are seguito da morte , . 1344 599 _A.sèite gelatinosa: ~enesi . . . . . . . . . · Ascite: patog·enesi nei fibrorruom1 ute311 rini . . . . . . . . . · · · · · · · · . Ascoltazione orale . . . . . · · · · · 99 ' 395 J\ sistol ia reci<liva11 te: terapia preven630 t.i V a . . . . . . . . . · . . . • • • • • • Asma da fieno . . . . . • • • • • • • • • 532 1

1


-X-

Pag.

B

..i\.sn1a da fieno; vedi anche Catarro pri-

maverile. Asma e adrenalismo ctonico . . . . . . 344 .~SJ11a e se leros i polmonare . . . . . . . 595 1\ sma e stati asmatiformi: valore pratico dell'e5ame citologico e cl1imico d ell'espettorato J)er la diagnosi . . . . . . 458 Asma; vedi anch e Cl1tireazioni. .4.spettat·i v c . . . 108, 210, 996, 1027, 1286, 1637 Assicura,zio1ie -contro le lino . . . . . . . . . AssictLraziorie i.:onfro l e ve gno d·i Trieste . . :\ ssicura:iorie contro le titi . . . . . . . . . .

malattie . . . . . malatt·ie .·. . . . malattie: . . 244,

a B er. . . . : Con. . . . di bat-

1095 1739

384, 421, 704 Assict1rn.zi.one contro le malattie e assenze dal lavoro del personale dei telefoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . 907

.-\ ssicura zione coritro l e 111 alat tie e sis teniltzi 011 e d el sPrPi:.io di assisteriza sa· n1·1arta . . . . . . . . . . . . . . . . so·.~,.) .4.ssicura-:.io1ie contro le malattie in Francia . . . . . . . . . . . . 176, 1319, 1739 .\ss i curazione cnntro le 11ialattie i n Olan- · da . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1350 rl ssicitrrizioni contro le malattie in rap pot·lo all' a ssistenzci ospedaliera . . 350, 38U A~sic1trozione contro le malattie in Sve-

zia . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . .l ssicurazivn e ~01ltro le malattie nella C:.eco-Slovacchia . . . . . . . . . . . . .tl ssicttrnzi one cuntro le mala tti e : per l '-

390 640

1093, 1126

...1ss icitrar.ion e dPi m edici contro g l'inf orfltni; vetli Inlortuni. .4.s sic u razioni socia l.i: p er le - . . . . . A s:ist enti 11ni1 ersit ari; ved i l risegriamento superinre . •1sslstPn'!ill sr.tnita~· ia: sis temazione del Sfrvi:,io d1 - . . . . . . . . . . . . . _.\ssislenzn sanitaria; vedi anch e Assicurazio H e con tro le malattie, P1· estazioni, ·ervizi sanitarii. '" l s.\istenza social e; vecli I stit uto. .·\to11ia mt1scolare laringea in malarico

.\t rofi:\ giallo-acuta del fegato 724, 1047, .Abrofia. giallo-acuta del fegiato ed ittero i11f ettivo spirocl1etico : r apporti . . . . :\lti parla1n.ent ari 143, 174, 208, 1.211:, 965, ..\.uclizio11P n ei neo11nti . . . . . . . . .\uto1)l:1 ~ tica cra.ni.ca . . . . . . . . .

569

803

1688

10'1·8

1047 1158 1010 73'1· .\ut opsie: facoltà di ese r cita1·le . . . 997 .\ utopsi1': p er le . . . . . . . . . . 106 .-lut oµsi~,: vedi anche 'i'lecroscopie. 1\11t o iero ed n.l1to'"' ieroterapia . . . . 83.i .\ l1 t o ie rotcra1)ia n11ti-anafilatizzante . . 4.15 .\v itn1ni11osi da ifon1iceti . . . . . . . . 1277 .\\•ita111ino. i: vPdi anche Carenza, Cibo tlrv ita11li11 izznto, Edemi da fame Ra':l1iti, u1 0. \ ' ita1ni11e. ' .~ vv ') 1 na n1e nit i t1a viper a : negli . . . 602 .\,·yele11an1e11ti: trattamento d'urgenza . 1478 .\\' "'lc·1u11ne11ti · tlRO del carbone animale 1056 1\' ' l'l 11a n1t"'11to da borace . . . . . . . 1055 J\ ' '"' 1\11,ltl1 c 1lto rla elorato potassico . . . 82 ..\ ,·v lt"l tn nle11to tla fosforo: degenerazio11 l'H ss a . . . . . . . . . . . . . . . 1596 I 1u11n P 11to J)rofe~ .. ionale da mercurio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1082 ~zotu r '!"irluo del _nng11e e urea nelle afft zioni ,. nn li . . . . . . . . . . . . . 1329

,,.y

Baccelli; vedii ì\1tstura antimal.al'i.ca - . Bacilli dissenterici: mutazioni . . . . . . Bacilli tubercolari: colorazione . . . 564 Bacilli tub.ercol ari isolati da differenti' forme di t11bercolos.i umane: caratteri Bacillo di Bang·: influenza di alcuni sali Bacillo difterico: comportamento nella bile e n·ella cistifellea .. . . . . . . ~ . . Bacillo- difterico: perfezio.n amenti tecnici per la r.ice·r ca . . . . . . . . . . . Bacillo difterico; v·edi anc·h ·e Difterite. Bacteriumcoll; ve·di C'o liba-cilli. Bagmi 1d!L mare: influenza sull'orecchio . Bagni e igiene della pell e . . . . . . . . Baliatico: rachitismo s ifilitico da - . . Baliati:co: stfilid.e da - . Infoirt unio o mal attia professiona le? . . . . . . . . . . Ballin; vgdi Metodo - . B ambini allattati al seno : diarr:ea . . . Bambini d·ella seconda infanzia: valore clinico d.el segno del fa cciale . . . . . Ba:mbini: esplo·razione rettal e . . . . . . Barnbini: ipercloridria nei - . . . . . . Ban1bini: peritonite pneumococcica idio-

45()i

156S

313

451

14-0& 23T 108,_ 1313 863

7ìl . 1153

146f'> 76:3 98!)

patica . . . . . . .. . . . . . . . . . . 1311 Bambini: prognosi della nefrit~ nei - . B ambini: significato clinico del dolore addo,m innale . . . . . . . . . . . . . . Bambini : tt1berco los i e sintomo di Chvo-

66i

521

stek . . . . . . ., . ., . . . . . . . . . 106ì

007 Bambini. : tubercolosi nei - . . . . . . 668 Ban1bini : vaccinoterapia n ei - . . . . . Bambino di 15 mesi : torsione spont3Jnea del testicolo . . . . . . . . . . . . . . 1392' Basedow ; vedi Morbo di - . Batteri difterici; vedi Bacilli difteri-ci . Batteri in simbiosi causa -9.i polmonite sp.erimentale e patogenesi dell'inflv.enza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 863 Batteri rnella carta moneta . . . . . . . lffiB Batrteri: .s ignificato c:Lella capS11.1la . . . . OOiS Batteri; vedi a nche Bacilli, Coltivazione, Emocolture, Go,n o1c-0,oco, M1eningoco1cco, .M icror:ganismi, ·P n eumo1co1cco, Stafilococoo, Strept otrìrea. 2•4).> Batteriofag·i : i. . . . . . . . . . . . B atteriofagi : sui cosidetti - . . . . . . 144& BEA UNIS H. . . . . . . . . . . . . . . · · 1489. Be11zo,ato di bem.zi Le : .rupplicaz1.-0ni tera953 peutjche . . . . . . . . . . . . . . . . Benzoato di benzile nella pratica pedia1

668 B enzolo : come agisce n.e lla leucemia . . 105:, Bibliografia: indicaztoni: Alcoolismo ·104, Clinica m.edica 1281, 1565; De rmosifilografia 669, 1 0~8; Dietetica 1088 · E 1iot.er apia 1125; Endocri.n·ologia 34H; f 'or:nulc:tri 141 ; Ginrtastica medica 1636 : .f m})al sam azione 868; I gien e 1088, · 1185, 1415; ~Ialattie renali 1284 ; Odontologia 278, 962; Ostetricia e ginecologia 243; Pediatria 1347; Pneumotor ace 314, 1088; Racliologia 1 01~, 278, 738, 1095; Storia della medicina 669; Uffi-ci a le sanita rio 348, 738; UTol ogia 382. B~le : azione sull'intestino . . . . , . . . . B1le: comportamento del bacillo difterico nella - . . . . . . . . . . .. . . . .

trica . . . . . . . . . . . . . . . . . .


-XI -

...

Pag.

Bilharziosi ve.sci.cale . . . . . . . . . . . 1214 BISLERI F. . . . . . . . . . . . . 1388 Bismt1to: a quali dosi si deve somn1inis trare? . . . . . . . . . . . . . . . . . 139 Blastomiceti: infezioni da - . . . . . . 1520 Blenorragia e matrimonio . . . . . . . . 104 Blenorragia: trattam enito dell'artrite da . . . . . 1562 Ble11orragia: vedi ancl1e Gonorrea. Bocca; vedi Cintomi oil'ali, ·S tomatite. 1

•t

0

••

O. . . . . . . . . .. . . . . . .

BONFANTI

Bonifica: esito di u na piccola - . Diffusione cd elle anofele . .. . -. . . . . . . . Borace: avvelenamento da - . . . . . Bordet; vedi Reazione di. Wassermann. Bos1 C. . . . , . . . . . . . . . . . . Botriomicon1a : pseudo - . . . . . . . . Bowen; vedi l\ilalattia del - . Bozzolo; vedi lVIorbo di Kahler -. Bromodern1a ; esantema circoscritto B ro111oder1na tt1beroso . . . . . . . Bronchi: fistola con i dotti biliari . Brollcl1i; vedi anche Vie aer ee. Bronco-anaerornycosi . . . . . . . . . Bronco-11olmo11ite e ipolmonite : sianguisu-

841

1

120

1055

Capelli; vedi Alopecie., S·e~ol'rea, Tintu·re, Tricofiziai. Ca.pitolati . . . . . . . . . 535, 570, 871, 966 Capitolriti; Vèdi anche Condotte mediche. Capsule surrenali; vedi Surrenali. Carattere: educazione . . . . . . . . . . 1185 Carbo!Ilchio: tr.attamento . 602, 1312, 1346, 1613 Carbonchio; vedi anche Antrace, Pustola maligna. Carbone a nin1ale per la cura di a vvebena1nenti . . . . . . . . . . . . . . . . 1056 Carceri; vedi ]}[ eclici delle carceri, Servizio medico.

Carcinoma del r etto : diagnosi . . . . . Carcinoma gastro-enterico: gastroentero841 sto1nia con esclusione del piloro alla 1520 Parlav.eccl1io . . ' . . . . . . . . . . . . Carcinoma inopera.bile: radioterapia . . Carcinoma inammario: recidive . . . . 142'7 Carcinoma l)rimit ivo dello sto1naco: in1083 tervento demolitore . . . . . . . . . . 1084 Carcinoma pri·111.i tivo del pancreas: ittero cl1ir nrgico . . . . . . . . . . . . . 1600 . Carcinoma ul cerato della faccia: trattamento co11 la radioterapia associata al278 g I O . • . · • • · • • • · • • · .. • · la ionoforesi arg·entica . . . . . . . . Broncotetania . . . . . . . . . . . . . 1616 Carci11oma 11terino: diagnosi pnecoce . . Bulbo spinale; vedi Accidenti bulbari. Carcinomi cervico-vaginali: radiumteraBurocrazia e libera professione . . . . . 869 pia . . . . . . . . . . . . . .. . . . . Carcinomi del collo l1terino trattati col radium ,. . . . . . . . . . . . . . . . Ca r cinomi; vedi ancl1e Cancro, Tumori. e Cardiologia: la n1anovra di Valsalva in Cacl1 e s~ia

tubercolare dei bambini: teinoterapia . . . . . . . . . . . Cacodilato ad :llte dosi in terapia: coli . . . . . . . . . . . . . . . . CacodilRto di sodio e stricnina per • • Zl0111

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

pro. . . 1217 peri. 104, 544 inie.

.

.

Cacodi lato di sodio: somministrazione endovenosa nella febbre ricorrente . Caff r: eRarne . . . . . . . . . . . . . . CaffE1 , tabacco e tè . . . . . . . . . . . Calcio per la c11ra dell'epilessia . . . .. Calcoli arrestati nell'uretra: analg.e sia cocainica in sostitl1zione di manovre sperin1entali . . . . . . . . . . . . . . Calcoli biliari cat1sa di ileo . . . . . . . Calcoli dell't1retra: rimozione incruenta Calcolo ca11sa di emottisi a ripetizione Calcolo dell'11retere sinistro: rimozione, guarigione . . . . . .. . . . . . . . . . Calcolosi biliare: operazioni e rioperazioni . . . . . . . . · · · · · · · · Calcolosi e gotta: iper11rioemia . . . . . Calcolosi. renale: chirurgia . . . . . . . Caldaie: rimozione di sali calcari . . . . Calomelano per i11iezioni n el trattamento del ti f o . . , . . . . . . . . . . . . . Canale crurale : nuovo metodo di chiusura . . . . . . . . . . . . . . . . . . Cancro : c11ra chirt1rgica; ra.dioteir.apia . Cancro del colon: diagnosi . . . . . . . Cancro; vedi an,c he Ca rcinoma, Tumori. Canfora nella emottisi . . . . . . . . . . Canfora: pericoli nell,i11 sufficienza cardiaca . . . . . . . . · . · · · · · · · · Canne (Arundo doriax) : dermatite da Cantani; vedi Sintoma di -. Caolino n elle affezioni intestinali . . . . 1

418 417 701

1281

1378 365

475

1599 866 1040

951. 981 730 900

942 1580 757 989 866

631 6

1413

. . . . . . . . . . . . . . . . .

Cardiolog·ia: principi cardinali nella prat ica della - . . . . . . . . . . . . . . Cardiopatie: disturbi .psichici in rapporto a l fe11omeno di Oheyne-Stokes . . . Cardiopatie: il dolore addominale . . . . Cardiopatie: il lJroblema socia1e delle Cardiopatie : r adiologia . . . .. . . . Ca1ie ossea non t11bercolare . . Carotinemia . . . . . . . . . . . . . . . Carta moneta vettrice di batterii . . Cascara sagrada : azion e . . . . . . . Case coloruicl1e . . . . . . . . . . . . . . Case per tubercolotjci: condizioni igieniche . . . . . . . . . . . . . . . ~ . Case; vedi a nche Abitazioni. Caseina: digestione per opera del succo en terico e dei tessuti . . . . . . . . . Cassa di n?/ltluo soccorso tra i ?nedici condotti . . . . . . . . . . . . . . 107, 963, Casse cli ?ìiutito soccorso; vedi anch1e Mutue. Crtssa "di prev iden::.a dei medici condotti: 1riodificlie d.ella legge . . . . . . . . . Cas1sa di p1·evidenza d~i rriedici co1idotli: proposta di modifìche . . . . . . . . . Cassa di previdenza: var ie . 177, 209, 361, 461, 093, 1093, 1094, 1222, 1316, 1454, 1676, Cassa rli previdenza; v.e di ancl1e Perisiorii.

Castellani: vedi 1VTa.lattia di - . Castrazio11e d ei del incp1en ti . . . . . . . Catarro primaverile con com1)lic anze corneali . . . . . . . . . · · · · · · · · · Catarro prima,veril e.; vedi anche As111a da fieno. Cateterismo difficoltoso dei prostatici Cateterismo d'urgenza n ei prostatici . . Cateterizzazione ureterale: perjcoli . .

138 1683 1731 1634 733 171

926 311 598 1408 630

687 1477

1122 1472 1368 1077 243 1058

701

1183

419 1559 1348

1125 995 424, 1713

66 343 433

297 72D •


-

XII -

Png.

e:" usal ità

. . . 819 o co11cl izion is1 110? . Cattedra ambu lnnte d'igiene e biologia . . 1281 sociale . . . . . . . . . r avalcatura; ,·ed i Ind P1inità. (:A \ 'AZZANI l 1. . .

. .

.

. .

.

.

. •

712 1653 380 1470 412 1377

(:avità nasalj: ti iopatologia . . .. Cavo ascella re· 11nova zona di allarme Cefal ea per ingorgo linfatico . . . . . . Cefalee da eteroforia . . . . . . . . . . Cellule nervose : ricercl1e . . . . . . . . Ce1 lt1le: prodotti della decomposizione: nzione farmacologica . . . . . . . '· . 761 Celiotomie ginecologiche . . . . . . . . 1732

Centri sariitari negli tati Uniti . . 317, 1000 Cerio: $ali cl i - J)er il tratttamento della

t11bercolosi . . . . . . . . . . . . 1086, 1481 Certificati sanita.ri . . . . . 177, 640, 741, 965, 966, 1004, 1093 .t· rvc 11"'tto considerato come centro riflettori o: arcl1it ett11ra delle grandi vie di eon11es .. ione . . . . . . . . . . . . . . 359 t:crvclJetto; vedi anch e Verme cerebellare. Cervello: localizzazioni secondo la teoria di ~Ionnkow . . . . . . . . . . . . . . 482 Cerv.ello: t nn1ore . . . . . . . . . . . . 1083 Cervello; vec li an-ehe Emorragia cerebrale, Encefalo, I_.obo frontale, Nu.clei opto"t 1iati, N11c leo lenti colare , Plac·cre senili, • islen1a Jlervo. o, Ventricolo laterale. Cha u1n1 oogra : olio di - . . . . . . 202, 601 CltPtt10- e immunoternp ia delle malattie i nfcttive . . . . . . . . . . . . . . . . 523 Cl1et1opodio · olio di - . . . . . . . . . . 1268 Cl1ern.tite pn ren r l1i1t1 a tosa traun1atica . . 289 c:heraton1icosi: forma benigna con ifolll i ceti . . . . . . . . . . . . . . . 1083 Cl1r•) rie-.. ' tokes; ,,ed i F c110111eno di - , Repirazione di - . ( ~ 1-IIAR l 'TTT~ I E. . . . . . . . . . . . . . . 574 Chill1ria: s11lla - . . . . . . . . . . . . 603 l:l1i11id i11n nrlle aritmie cardiache . . . . 899 :l1inina: nnafilassi per la - ; aintianafilass i " de ensibfliz1azio11e . . . . . . . 760 Cl1i11i11~1: azior1e loc::tle . . . . . . . . . 961 <:l1ir1i11H : lcRioni paralitiche dello sciatico <l n inil.>Zioni cl i ·- . . . . . . . . . 166 Cl1ir1ir1a. i1ell i11alattie di c110.re . . . . . 330 t :h i 11 i11 u p er iniezioni : effetto sui tessuti 833 t .h in i 11a so t it11ita c.lalla cinconina . 019, 1652 ' llini110: \·ecli anche Chinidina. t.11 i r111·gic1 : Co11greg~o itali ano . . . 1510, 1521 t : h i 1·11 rgin cl?.1 c11ore e dei grossi vasi : co11trib11to itali ano . . . . . . . . . . 298 <.l1irurgi a d ella cnlcoloRi renale: os.. erv:t'.l.ion i . . . . . . . . . . . . . . . . . 730 C'l1il'urgi:.1 d t>lln fnr.~in: nne~tesia del 11Pr' 'O t r i ~t'tn i no . . . . . . . . . . . . . '1·36 11ir11rg-in cl l re11e e cl;)ll'11retere: recenti progr:\~si . . . . . . . . . . . . . 57, 231 Cl 1i1·u r [)'in : uso di alcool propilico e di l; lu7. ioni prnpi I ic11e di alcune sostanze

colora..nti . . . . . . . . . . . ·. . . . . 44 <:l1 i r11 rgia; vecl i a11cl1c ddome, Crisi adn1i 11n li ac11te. ecc hoc n r1afilaltico e choc 1)rolcinico : crisi ern cln icn; ~intorno urtica ria le . 519 }\\'O t k ; ,. li '""i11to1110 <li - . il 11osi f P11nc tina . . . . . . 13 i 7 < in11u~i: . . ulln ùottri11a della . . G1

.Pug_

'

Cibo d evitaminizzato: inft·n enza ~11ll'im1nunità naturale . . . . . . . . . . . . 41tl Cicatrici viziose: trattamento . . . . . . 001 Cicl1tina: bromidra to p er il trattamento delle mioclonie consecutive a ll'encefalite Letargica . . . . . . . . . . . . . . 832 Ciecl1i di g11erra : provvedimenti . . . . 424 Cinconina e m a laria . . . . . . . . . . . 1652 Cincor1ina: la - può sostituire la chin1na . , . . . . . . . . . . . . . . . . 919 Circol azione: forza di resisten,za alla .g ravità . . . . . . . . . . . . . ~72 Cirrolazior1e 1jpolmonar.e: azione djell'adrenalina . . . . . . . . . . . . . . . 1597 Circolazione; vedi anche C11ore. Circoncisione : p~eviene la sifilide? . . . . 1706 Cirrosi di Laennec: accentuazione del polso n egativo Slllle giugt1lari . . . . 452 Citrato di sodio per iniezioni endovenose 11Jelle emottisi gravi . . . . . . _. . . . 867 C.:istich e: prod11zioni -- delle piccole labbra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 509 C:isti da echinococco endocranica . . . . 1277 CjBti d a echino-eocco voluminosa del fegato . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202 Cisti dermoide ovar~ica e malformazioni genitali congenite . . . . . . . . . . . 733 Cistifellea e bile: comportamento del bacillo d:iifte rico . . . . . . . . . . . . . 1408 Cistifellea: modific azioni sper.im entali . 1081 1633 Cisti ovariche . . . . . .. . . . . Cistite: trattamento . . . . . . . . . . 1599 Chstotl itica; ve1dj Reazione - . 1633 Cistopielite in gravidanza . . . • • C,i telli; vedi ìVI ertDèLo -. 673 Clinica medica: l'insegnamento della 9111

1

Clinici ecl ospeclalieri . . . . . . . . . .

1315

Clo110; vedi Tic clonico. 82 Clorato potassico : avv,eJ.enamento da Cloro11arcosi : n.zione sul ricambio azotato e sulla funzione epatica . . ., . . . Cloruri : eliminazione negli stati patolo456 ~ gi ci afebbrili . . . . . . . . . ·. . . . Coag-nl a zione sanguigna: ricerche . . . 309 Cocaina: co11tro il commercio abusivo della - . . . . . . . . . . . . . . . . 1031 Cocaina e cocainismo . . . . . . . . . . 1099 Coda equina: tun1ore operato e guarito . 202 COLAJANNI

N. . . . . . . . . . . . . . . .

1353

Col azione di p rova: esame frazionato de1 st1cco gastrico . . . . . . . . . . . . · 647 Colecistectomi a : complicazioni consecutive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1402 Colecistite e u lcera del duodeno: diagno734 si differenzia l e . . . . . . . . . .. . . . Coledoco: atresia congenita e dilatazione 60 cistica . . . . . . . . . . . . . . · · · Coledoco-enterostomia e dilatazione postoperativa dei dotti biliari . . . . . . . 446 Coledocotomia retroduodenale e coledoco378 tomia transduodenale . . . . . . . . . Col elitiasi con dispepsi a gastrica: pre490 scrizione . . . . . . . . . . . . . . . · Colelitiasi e sistema nervoso v-egetativo 1401 170 Colelitia i: influenza sullo stomaco . . . Colelitia.si: trattamento chirurgico . . . 1663 Colelitiasi; vedi anche Calcolosi, Coliche. 532 Colesterina : ricambio . . . . . . ' . . . . Colibacilli: setticemia da - . . . . . . . 561 Colio'he biliari e i)tosi della pars pilorica dello stomaco . . . . . . . . . . . 253 .

-


-

XIII -

Pag.

Collegio-convitto per gli Orfani dei Sani&ari . . . . . 459, 64D, 1027, 1254, 1521, Colo11 ascendente: defon11ità, sindrome appendicolare e di strozzamento . . . . Colon : diagnosi del ca11cro . . . . . . . Colo11 ;. vedi a n cl1e I ntestino, Sigmoidoscop1a. Colonie i11dustriali per tubercolotici . . . Colorina vert.ebrale: interv·ento per ferita d 'a1ma da f11oco . . . . . . . . . . Colon11a vertebrale; vedi anche Spina dorsale. Colorado .,prings: llna vi-sita a - . . . Colostrorrea gravi dica . . . . . . . . . Coltivazione cc in vitro» dei parassiti malarici . . . . . . . . . . . . . . . . . Colt.ivazio11i di batteri ; vedi Emocoltur e. Coltztra : rapporti italo-argentini . . Coltura sup eriore; vedi ln.segnamento superi ore. ('olt u ra e la r iff e postali . . . . . . . . . Competenze professioriali . 71, 282, 740,

1566

Paa o

Cornea: tint.ur-a di i.odio per .Ja cwa delle uloeiriazioni . . . . . . . . . . .. . . . . CORNELLI

769 E. . . . . . . . . . . . . . . . 1193

1376 . Coro·n,arie; vredi Arterie. 989 Corpi estranei: estrazione di taluni - dal-

l'esofago e d a lle vie aeree . . . . . . . 293 Corpi estranei n ell'esofago: estrazione . 698 Corpo estraneo nell'esofago .estratto a di .. 603 stanza di tin m ,ese per via n aturale . .. 97 799 Corip-0 estraneo .n on oomu1'1e n.ello stomaco. 1107 Oorpo luteo: estinatno 111'ei vomiti della gU'avidia11rZla . . . . . . . . . . . . . . . . 1026 138D Corpo luteo : 1·i,c ierohe . . . . . . . . . . 1732 262 Co rpo sanitario militare americano: piano per la rio rgani::.zazione . . . . . . . 567 1448 Corpo sani.ta.rio: vedi anch,e Sanità. Corpo strilato: sindromi a n atomo-clini cl1e 694 Oorirente 1g ;alvainica: lJ1at01mimia cuta:11.ea 279 da . . . . . . . . . . . . . . . . 1432 Corsi di perfezio·n ame1ito . . . . . . . 32, 671 Costa; vedi OpeT·azilOOl e di 1676 Coste: morfo101gia . . . . . . . . . . " . 871, 1026, 1027, 1454, 1637 Costituzicm1e : s t1at10 att11al.e d1ella d ottrina dle'11a . . . . . . . . . . . . . . . . 123 Comple111 e11to; vedi Deviazione del - . Com plMla; vie·c:Li Oste~)art11.'ite dell'anca . 484 Con.ce11tra ti di pomodoro : cor1trollo ameCoxite: Ju·s sazi.oni verie dia - : n 11ovi p11nricano e j) l'Ol)Osta di 11n nuovo metodo 1343 ti d ' aip po,g,g i·o ·c:hiru r g·ico . . . . . . . 1471 C:ONCE'ITI 1.. : co1n n1e111orazione . . . . . . 1277 734 Concorrenza prnfessionale . . . . . . . . 1484· C1:vani10: autorpLasticra . . . . . . . . . . Cran~o : tDa11n1-aiti$11.1i . . . . . . .. . . . 528 Corlcor.r;i 1nf'dici: hoicotf(.tggio in Inghilterra . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10'7 Cranio; vedi a 111che 0 1:--s10 tem1Jiorale, Pla giocefalia. · Corico1·si: in t e11tll di - . /Je ga e comunali! C·risi addom~nali a.c11te: i1ote cliaga1·osti. o legge sanitaria? . . . . . . . 457. 601, 670 che 269 Co 1ico1si niedici (lin1iti d'f'lrì, docu1neriti , Croce R ossa Italia no e I''ed e ra~iori e d egli termi·n i, esiti, graduatoria, sospen sioOrdini d ei NJ erlici . . . . . . . .. . . . 1330 11e, ecc. ' . . 108, 1 '~4, 209, 210, 316, 317, 318. Croce n ossrt ; vedi anche M edici della-. 421, 461 J ()()6, 672, 709, 741, 775, 807, 932, 933, Cuo11e: d iagno· i l)11eco ce d·el.la teTuosi miOO::J, DOO, 997. 998, 1026, 1027, 1061, 1222, 1254, tflalica . . . . . . . . . . . . . . . . . 599 1318, 1118, 1 '~19, 145i1·, 1484, 1485, 1531, 1532, 1567 0uOO'le: echin ococcosi pl"imitiv.a con i11et aisitt3J i . . . . . . . . . . . . . . . . . 988 Condizior1isn10 o dottri11a della causalità? 819 Cuore e grossi vasi : ,chi.rt1 r g ia. . . . . . 298 C(Jndntlf> 1nedich.e: sdop11iamento, trasforCuore : ,ferita 1r.ai1"'a . .. . . . . . . . .. . 155 rnazione, 'L'ariazi one rli cir coscrizione, Cuorie: ipertrofia i1ei t1orti 1b·evito1ri di v ino 927 abolizione, abbandono . . . . 210, 282, 317, i·pot1011ia e rn'lnori·i sistolici aèci3GO. 535, 569, 673, 708, 775, 837, 964, 1286. Cuore: d e n ta li: i1appo1rti . . . . ·. . . . . . . 1 1~16 1392, 1531, 1532, 1742, 1743 Cu ore: oual)air1a 1n.e1g.li .sco111µe111s i con taCoricl oltr· 11iedi·!: h e piene e residen.ziali chi·c-a.1·d ia . . . . . . . . . . . . . . .. . 1314 422, 534, 1532 Ct110ir.e : panrulis i tJra.n s'itorie a ri1P etizion1e Con(lntte 1neiliche)· v·cdi ainch e M edici connell e affezioni del - . . . . . . . . . 41t1 dotti. Cu.orr e : J)ercusshone ùelimitativa . . . . :>92 Cor1gedati mn la 1·ic i ; vedi ì\!Ialarici. Cuor.e: p r1ognosi e cn.1 ra dell 'ex t rasistolia 629 Congedi . 210, 160, 1095, 1454, 1484, 1676, 1743 Cl1are: semii0tioa . . . . . . . . . .. 165, 166 Congestione p0Jrr1onare latente: imporC1uo1"'e st.aooato: m anten i n1e11to d elJ'atititanza, co11. egnenze immediate, natura. tvi t à . . . . . . . . . . . . . . . . . 1 '~46 La Jin ea sfig·mo-s1)ir a loide . . . . . 1022 Cucire : st 1•n tt11r a . . . . . . . . . . . : 799 Cnngressi . . . . . . . . . . . . . . . . 67 Cuore : te,rap.i a chin-inica . . . . . . . . B30 Cono midoll èt1~e: lesione lt1etica . . . . .. 406 C1100'e; vedi ainch.e Aritmie cardiacl1e, ArConsiglic1 S·u pe'riore di .Sanità . 70, 634, 1095 t,eriJe ·coiroo1a1~i.e OiJan ,o si , Digi1t1ale, E ·11Contratture organich,e: terapia arsenicad-0·car cli te, Ip erte111si-011e, l\'Iio·rardto·, 0le ad al te dosi . . . . . . . . . . . . . 147 recch i ett.n, S.te11.os.i rni t ·a.J.e, Ta.chi·ca1rConvulsioni nell a p1·ima infanzia . . . . 1404 dia. 202 Cordone spe rmatico : torsione sponta n ea Cupressus n e·lta c t1r'a ct.eJle en1'01r1·oid.i . . . 190 Co1"1.e.a ac n1,é'l di Syd·enha111: e~am·e ist~J.lo Cuite : ·Oambiam·ento di co l o1~e ne·l la pan.65 gi·co d ei cientri n.erv·osi . . . . . . . . cireatite . . . . . . . . . . . . . . . . 124·7 Corea: cura . . . . . . . . . . . .. . . . 1021 C11te: eura d·e1Jc nffezi on:i eoì tn eti·l ~.1 •li Col'~a g·1·rn.ve c11Ttata..e g11arita ool tr10voar.sodi o . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1391 sen1obenzolo . . . . . .. .. . . . . . . . 545 Cute: plT1epa:razione ohir11rgi ca i)reo 1Je1T'aC-Otre a :gi·ruvidica ed ·ence]alite imf ettiva . . 731: to,ri,a . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204 Cornea: ca11terizzaziuni die:l1e ulc.e1azioni Cute; \'edi ainch e P elle. $t1perficiali . . . . . . . . ~ .. . . . . . 768 Cutireazi-one rtegioniale: riceral1e . . . . 1571 · Co.rnea: 0on1plicanze d el1a - in Cc'"\.1:.a1·ro Cu tirieazio.ru co1J1 i11·o·te i ne &J.)ecifi·cfu.e .as1110p ri m averi1e . . . . . . . . . . . .. . . 343 g·e11:e . . . . . . . . . . . . . . . . . . vi;39 1

1

.#

1

1

1

1

1

1

1

1

..


-

XIV -

Pag.

Pag.

D l) ' A CQl' APENDENTE F · . ~ . · · '. · · · · · Dal ionismo; 'edi l)iscromaptos1a. 1J anza : 1psicologia della - : . ·. : . · ·

Degenerazione .girassa nella 1nanu1one acuta e i1el·L'a:v, ·elenamento da fosf.oro . l)elilnquenti: caistrazione . . . . · . · . Demenza ebefreni ca-paranoide dei fa11c it1lli . . . . . . . . . . . . . · ·.·. · l)em en z,a i>reooce: J·epeirti i.stopatol?g1c1 . Demografia: est1beranza .rl1 maschi . . . J)e111-0.giiafia sa.n i ta,ria 11-apoletana . · ... l)en1ograifia; vedi .anche Le~a! Mala~t:e infettiv e i11 Ital1a, :.VI ortal1ta, San1ta, Statistica. l)e nti: a11e~t esi e i)e r l1 estrazione . . . . · Der1ou t it e da canne (A run.do donax) . . JJermatiie c.lict a 0ai1·iasi cln. grano . . . . . t le rmn telo J.ia: fenomeni anafil1a t tici . . De1·n1atosi ~ ~n1ulata: patomimia cutanie.a ùtL corre11te gialva.n i r.a . . . . . . . . . n ern1iti ir11fe ttive: 11so diel licruido l(li Ziehl. J)e,·i nzione del co m1)le111en,to n elJa 1·-a:bbia. Deviazio11e del co111pl.en1ent-0; v·e.d i anche Reazior1e di Dordet- Gengou- vVaaser111ai1111. l)iabete e glaJ1dole endocrine . . . . . . l >iab ete ~n gi·a:,·idanz<t e glicost11ri.a g·rovi<li ca: ·di aignosi differenziale . . . . . . Di abete insiip:Ldo co11secl1tivo a dtstirt1zi.o11e del lobo posteriore d1ell'ipofisi . . . J1inhr t e in ipido: oontribnto a llo st,1di-0

1271 835

1596 66

1

1

926

li75 141

1376

1480 6 30

1272 1432

1736 526

37D

1338

1305

cle l -- . . . . . . . · . · · · · · · · · J)in bete n ell 'it11fcxrtu111i... tica . . . . . . . . l) i<"\lhet(\ : oc.li ern o 1ori.entan1 en.to nel la t ern pi a · . . . . . . . · · · · Di a l)ete: preven.zion.e . . , . . . . .

Disinfestazione e -deratizzazione delle navi 88 con 1acildo ci,anidri·C-O . . . · · . · · · · Disinfezione d.egli spt1ti tubercolari . . . 668 Dtsinfeziione intestinale . . . . . . . . . . 1250 Dispepsia cronica infanti le: le feci nel1a · · · · · · · · · · · 1311 Disp.epsÌ.a · ~a~t~i-~a. r011 colelitiasi: pr€490 scriziil()l1e . . . . . . . · · • · · · · · Dispepsia i11-f anti.le da nervosismo . .-. . 1215 :e ispepsia; v1edi an-che Imbarazzo gast~1~0. Diss.enteria .amebi-ca: pset1·do.a·ppei:nd1c1te 1248 nella . . .. · · · · · · · · · · · Dissenterria: artrite nella - . . . . . . . 1075 Dissenteria t>aci:llare : cura s1:>iecifica . . 1346 Di.s senteria bacillaire: terapia . . . . . . . 1058 Dissenteria cronica: sigmoid-0s.copia i1ell a di aio-nosd . . . . . . . . . . . . . . . 1553 450 Dissent:ria : m\1tazii0ni dei baci.Il.i . . . . DissenteTia; vedi anche An1ebi.asi, Diarr.ea d-isseinteri forme, Entarn.oeba. 29· Dist1·ofia e mix ed e.ma n1ell, acliulto . . . . ' Disturbi psiiichici im rapporto al fenomeno di Ohey.ne-St.okes in m·alati di c110.re . 1477 Dita; vedi Alluce. Di t1re .;.i da ll'l'ea. . . . . . . . . · · · · · 1182 Div1e rti·c.dLi del tenu.e diYerrsi clal dive:rticolo, ·di Meckcl . . . . . . . . . . . . 334 .Divertioo1o del di11o·deno dai trazion·e .diagnosticato e asportato operativam1ente 1371 Do ce n :.a; ve.di Li be rlt cloce11 za. DOllora:bilità alla perc,1s:sicm.e d.ell' addome 1545 JJoJ.ore aidd1ominale nei bambini: significato clinico . . . . . . · · · · · · · · 521 Dol1ore aò dominale 1\ell·e malatti·e cair1

28

431

1

Tli abe t : retinite . . . . . . . . . . . I >ia hPte : ·t ato a.tt t1n le cl elle co llQsce.nze

e terapia . . . . . . . . . . . . . . . .

Di n.bete ti roid eo . . . . . . . . . . . . . I ia f or esi : infl nenza ~ ull'u rea e s ni clor11 ri drl ~a 11Jg ue . . . . . . . . . Din fare. i: vedi an rl1e Sl1·d ol'c. l)ia f r n nln1 a : in ov.ime11ti pa 1·aclo... si . . lJi afrn mn1a : ti c clonico . . . . . . .

Diarr.cn clei ban1bi ui a llatta ti nJ sein o . 1

11i a.rr~a.

tlissen te riforn1 ~ e cl i. ~en t.e:ri.a . Di ~t rn e tlei t11l1rrroloti«i : cnrn . . . . . 1 inl lr111in: i n ft l1e11zn &ul ln fun zio11.e .en1 011oieti cn . . . . . . . . . . . . . . . .

1689 28 768 956 345

1082 1432 lf>76 1153

138

10 ~ 6

988

1

ll iff•"rile: p r o fi lnf' i e r eazio th" d i

cl1ick . 1 l5:l 1 igital ·: azi one <'O tnp n r a t ivn clelln tiiin lurn 1lell' infu .. o . . . . . . . . . R9 l>i itnl : 1nortP lla -. . . . . . . . . . 98

DiaiLn l e : ll ll O\"t" \·ecln tt> ~11ll 'u~o ò ell n - . 229 ] i 111ar!11 i nu 11 t.o ll \a ~l.('7.Zfl . . . . . . . . ~~ J)io1i. \lOili . . . . . . . . :13, }9Ì . :->69. 6'.Q

sin: \ i"1011e clc.i l"Olt)ri e C'll f tl r l la . . . . . . . . . . . . . . . . I 1 f i t 11PJla t t1l> •rcol si l nri 11~en: con1e ' , Ia . . . . . . . . . . . . . . .

.

. . . . . . . . . . . . . . . ·'

1122

J)olol'e alla spalla: s]Jgmific.ato cliini co ID.lelle }.esioni d.ella rne.tà sttperioire deùl'acl. . . . . . . . . . 1273 dome . . . . . . l)oJ-0r:e: vall()re d1e11o istar11uto neg~ti aocertiall1€nti medi·cio-l'egald di .affe.zi.011i ac477 comp,rugniaite da - . . . . · · · ·. " · : 960 Do1ori matt11ti11i iln malati di ,ne frol1t1as1. D-0lCYri · v.edi Ai1ca cl1ol.o:rosa, Algie, Anal1gesià, Anestesia, Iperalges.iie, Nevralgie, P11nti dol.oro·si, Rachia1gi~. . Donne: in·f tuenza dei lavori ttpogirafic1 s11l l' origanism10 d1el te - . . . . . · · · 632 Dotti bili.ari : dilatazione i;,ost-ope11·a.tiva . 446 Dotto di S tenone : 1reseziione ·del nervo auricolo-ten1poraJe per iJ tratt.amento 97 clelle fistole 'Permia.nienti . . . . . . . · Dt1-0deno: corntem11to niell'ulc.eir a g·a·strica. 1411 D11od eno: diagnos i e trattament.o dell'o137 strnzi on e c.r1onic.a . . . . . . . . . · · Duodeno : cli\·erti col10 d a trazioo,e clia.'2.n osticato e aspOfrt ato 01pe1T1atii"·an1ent.e . . 1371 l)t1odeno : ntrera de'l - e c o1ecistite: dja734 gnosi ~iff e renziale· '· . . . . . 137 Dl1 odeno : \11c e1a •11,el satnTnismo 1146 Dl1 octeno: 11 lcer n J)osto;peratoria 1004 • . . . . · 11 l . PRF.. E . . . . . . . 1

\

·~

1

·,

1

I in.tesi sp n ~n1 ofi In . . . . . . . . . . . . 1616 J)ifterit0 · nrri cc~hit\1 i1to eultnra le 1lella cliu. mo. i lnttt eriologica . . . . . . 629, 13:>5 Di fter ite: lliagu o"li ha tteri ologi<' a . . . . 1057 J) ift.eri te: }le1·fezinna r11e-1lti ter11.i r i 1pc r la r i rc n cl e1 bacillo . . . . . . . . . . . 2.3i J iftc ri t : p1'ofi t n~~i . . . . . . . . . 'i5-j, 832

l)is

diac~he

t'Olllf\Jll

771

.j 1 1 f

E E E E

E

E cri!nococco; vedi Ci ti cla -, Echinoco ccosi. E chin oc occo~i primi.ti' a ,d el cuore ('On metasta~i . . . . . . . . . . . . . . . E chinoC'QCcosi : valore comp ar ativo <lel1'in t radiermor eazion e <'On altri metodi b iolog i ri p er ln clingrn_osi . . . . . . . .

Er' tr

1

41


L

-

X\ ' -

Pag.

E ..:la,mpsi.a; vedi. A1111Tia ·~JC1a.mp.tica. Edema angionevrotico: cura . . . . . .. i:65 - Edema : cu ra e.on l'opo_terap::ba tiroidea . 1026 Edema della guancia n1eJl 'aneurisma aotrt i CO . , • . . • • • • • • . · 416 Etlema sottoct1tai1100 nella pleurite siieT'O1

ffi> r iDQ'SQ . . .. - . . . . . . . . .. . .

217

E .lemi d a fame; vedi Sind1~ome cla fame . 1

E rlemi dei genitali dia antipi1inia . . . . E• l u.cazi-Ollle del ca.Ta tteTe . . . . . . . . E tu-caziorne fisica; vedi E·s-ercizJo IDUl$'COlare. El1rmann; vedi Pasto di prova - . EICHHORST E. . . . . . . . . . . . . . . . EleggilJilitii a cariche ci·ni11iinistralit'e . . .

1737 1185

1388

35,

210, 708, 71-1 , 838,

1094, 1254, E' ettrocoagt1lazi-0ne dei J)èlipillomi della • v-esc1ca . . . . . - . . . . . . . . . . Elioteraipia in lesione ost-eo-tubercol.are ..trave e poc-0 comtme . . . . . . . . Eliote1·apia nella tllbercolosi . . . . . Elioterapia: tecnica . . . . . . . . . E lminti parassiti dell'oochro . . . . . E1na1.en1esi da a•rteriosclerosi . . . E in.aitoJ.iogia : note . ~ . . . . . . Ernat.oporiesli ,e fe1rro . ~ . . . . . . . . Ematopoi : inftul8nza .della diatermia . . Ei11atozoi; vedi Para:ssi'ti. En1atl1ria ed jclronefrosi . . . . . . . . E1natU1Iie in g ravid.a111za . .. . . . . . . . En1bolia grassosa ed emor11agia cerebrale En1brione: signi·f icato del gli.c ogeno . . . Ernbrio ne: mostr't1osità . . . . . . . . . En1etina : intossicaz:iJot.ne da - in teTapia r·:1netina: sull'uso de.li'- . . . . . . . . E1netina; vedi anohe Amebiaisi, D:issen1eri e. Err1i<ttrofia c e1~b1J.io-sp.ina1e crooi·ata: po1

1532 767

988

127U 1345 768 121'1· 190

241 98-8 1214 771 163-6 1277

00.1. 564 1380

1

ren cef.alia con -

. . . . . · . . . . .

1

1

1

ri.-clw .

--,6-,

867 734·

. . . . . . . . . . . . . . . .

1407 EmottiEJi tubercol·a ri: ti•attamento . . . 1279 E 1110tti-si: uso della can.fora . . . . . . . 866 En1pi.en1a !slfien o.i.d.aile :e febbre oeretbrospinale epi.d emi.c a . . .. . . . . . . . . 1369 E111'pioo1i plet1rici trubeToolarri: t:ro tta,.

. . . . . . . . . . . . . . .

Encefalite -epidemica (letargiiea) a de-co~~-0 oro n ire.o . . . . . . . Enoe.falite epidenrica : bromtr1rato d i ci.cutina per il tJrattamemt-0 delLe mioclon.ie 1

.1

.,

1627 767

1

c0i11se.cu tiv e . . . . . . . . . . . . . . . 832 Encefa.lite epi.demi0a : cura . . . . . 669, 1216 Eocefa.lite. epi1diemica e ([.}Sli cosi infettive. 767 Encefalite ·eptd.emica e sindromi park in1

soniane . . . . . . . . . . . . . . . Encefawite epidemica: eziologia . . . . . F;n,cefali te epid.emtca: l '- . . .. . . . . . Encefalite eipidemic·a : 1atte per iiniez.i,o nt. FJ11c.efalite epiden1ica: 1iqt1tdo cefa lo-rachid~ano . . . . . . . . . . . . . . . E11cef.alite ep1demi1c a .n el 1921 . . . . '.' . Encefalite ea>idemirea: oota clinico-ep:iderni o.J1ogic a . . . . . . . . . . . . . . . Encefalite eipidemica: nate cliniche . . . Encefalite e pidemtca poJimorfa . . . . . Encefalite epi·den1i.ca: postumi . . . . . Encefaljte epidemie-a: poott1mi pa·r k iinsoniani . . . . . . . . . . . . . 451, 927, Ence·fa.lite e1.)iclen1i-ca : 'rea·Z<i.one mi-0cloni ca m1eooani-ca ed el·ettrica . . . . . . Encefalite epidemiC-<'1, ril iei\ri ,statisti.ci in r apporto a l problema ez.iologi·co . . . . Ence faltlte epidemica : segn.o d·ei pl"olabii. 1

1

E1ni-crania n ·ei f.&nciul:li . . . . . . . . . 1216 E111iplegia da emorragia oex.eJb ra1e: prognosi . . . . . . . .. . . . ~ . . . . . 1024 E1noaggluti11azione: fisiologia e patologi a del &angLiie . . . . . . . . . . 441, 657 "8111oagglutirnazione: tecnri-ca . . . . . . . 66-1: Emoa.g.gll1tinnzione; v.edi anche Emoisou gg·l utinaziione. E111oc1asira digiestiVla iirl g·ravjd.a nza . . . 11!0V Emoclasia digestiva: pa·st.o per l'- nel}'inemfficienza epatica . . . . .. . . . . 1380 F..mocl.asia ed 1n-suffici€lnza epatica . . . 11121 Emocol!t11ire: t.i.nte<rpreta.zrion.e eta.Ila rea867 zi1onie diel vi•raggio globt1lare . . . E.tnog1obinl1ria ·p aroossiisiica a frtgoi~e . . 415 E1no;sà obin1rria parross1sticn : f a,t t,o·r.e rrei1.al e . . . . . . . . . . . • . .~ . . . . . . 1203 Einoisoagglt1·t inia2i.one : fattori . . . . . . 958 Emoli·sriine ecl .antiemoliisi111e nelle urine . 1003 Emorragia ce<relbTale ed embolia grassosa . . . . . . ., . . . . . . . . . . . 1636 Emorragia iee:re·bcral'e cal1sa di emipl·e gia: p l"Ogtn o&'i . • • • . . . . . . . . .. . . . 1024 ErnorraJgie grav.i n·ella to.nisiJ.lotcimi:a . . 865 ctnorrag~ie; ved i a,n.che Malattiie emorrag iche, Sier'() .an t1·emorragico, Sin·dr-0me emorrag:i•ca. 7i01 Elno·r .roi cli : contro l·e- . .. · ,, . . . 490 Ernorroi.di: cnra c-01 cupress1ts • 1

Emostasi meldttante iniezioni endovenose di citrato dri. sodti-0 . . . . . . . . . . . Emostasi nell~ feritei dcl ren.e . . .. . . . Emottisi a ripetizione, provocata dalla presenza d i um. ca1oolo . . . . . . . . Emottisi: rappo1-.io c001 le .condizi-0nJ pleu-

1nffil.'to

2!.t-9, 641, 807 El,,1icn clei JJOt·e ri . . . . .

Pag_

Encefalite er,idemiea ~ si m11J.ata da .~n·tos­ sicazion,e da veronal . . . . . . . . . . ffin:cef,aJ ite epidem iic a : si1n.dirom.e mentale con·secl1tiva part.icolare . . . . . . . . Encefali1,e epidemica: sindromi pa:rk inso-

niane IJ) ostu·m e . . . . . . . .

451, 9271 Encefalite epidemica : stOII'i a . . . . . . Encefalite .epi,demica; ved.i .anche Sindromi post-en·cefalitiiehe. En cefa;lite infe1tiva e corBa g'ravidi-ca . . En.cefalite: ·nl1ova forrna . . . . . . . . .

1120 1213 15Ò4 703

343

733 343 324

1121 97 1264

167 222 165

i34.5 575 1~

9fi2

734 113

FJn ce falite: ved·i anche Occhi. Ernc.efalo: pr~senza d i spirochete nella parali~d.

generale . . . . . . . . . . . E11 cef al.o; ve cli anch.e CeTV·elleto, Cerv·e·l lo, Ponte. En·docardlite gonoicoccica . . . . . . . 927, Endoca rdite 11lcerosa: an.eurisma ·embolico clell,e n.1~terie 1perife:riche n ell Bndoteliom a rJ.el P·alatio . . . . . . . . . « E1Iltwm·o1 eb.a histolyti:c.a » ed altri 1p·a.rasint,estin1ali : importanza de:lla mosca domestica com,e vei.colo . - . . . . . . . Enrtierooo1i te : algii e a di'Sianz.a . . . . . . Emiteirostomia n.el tr.attameJlJto d1ella pe.ritonii te . . . ~ En11resi : cuii~a . . . . . . . . . . . . . . Enuresi jnfanit ile . . . . . . . . . . . . Enzimi: ricer-che . .. . . . . . . . . . . EosinlOfilia .ctel sieri0 idei v.escica11ti netl tuben~colotici . . . . . . . . . . . . . . . 1-

r

375

14·76

62 309 381 70t}

1727 632 1019

14-4.S 6g9


-

X\'T - -

Pag .

Pag.

E ùsino filia n-ella i1)ertrofia p~ositatica . . 1195 Epide111ie : can1biaimento de•l tlpo . . · . ·. 1673 Epidemioloo·ia : cronaca . . . . 498_, 842, 839, o 968, 1126, 1350, 16-ll , · 1744 Epidii.di1no; vedi Tuber colosi. EIJile.;;sia a cic:Losica . . · · · . · · · · · · · · }~~ Epilessia: .cura oon dl calci o ... · · . ·. . . Iùnilessia ess.et1zial-e e 1sipasm1 Jackision1auu 1378 ~.t-' 232 E pi l e s i a ed tsite:cismo . . '. .. . · · : : · · E1)ilessia j ack·soniain,a; ved1 S'Pai~1 JaCksoniailli. Epiléssia : rica11wilo .interm€dio . . . . . 1509 Epi1essia speiiin1entale : lurr1i.11.al e n ell' - 1558 Epilessia timica . . . . . . · . 412 Epilessia: trattamento . : . . . 529 F.pip.10011 (gr and·e ) : tumon1 . . . 1122 EpL tais si r ibehle: nella. - . . ·. . 1001 Ep izoozi.e : Confer enz a in terna z1,01n.ale l)eJ: lo studio e la •lotta oonwo le - . . . . 933 Equiùib1io : l)erceizi-0r1e della p-0sizi one e 12R d eg1i postaime·n ti del cor po . . . . . . Eredità m orbosa . . . . . . . . . . . . .. 856 En·eid1 ta1Uietà : c ondizji oru 11:ell'itter o oro15·91 11i,co, eredita1ii10, e111orriti>CO . . . . . 834 Eredo-lue: semiotica . . . . . . . . 1123 Eredlo-Lue : aura d1ella sordità da 1612 ltresipela : tr a t.t am.ento con f eoolo 600 E ritema r10idoso : natu•r a . . . . . . Eri tiioblastosi r1Jella leu c.emia . . . . ~ 1.213 E rn1 a fro.di1a: })seru d o-tor sio11e del t e t i rolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1081 ~~ 1 ·n i a c t·u1·a le: cl1iu llll'a l)]Hstica d·eù cp.na1e . . . . . . . . · · · · · · · · · · 1589 Rl"Ti i.,n ·f.em or a le : cm·r a ·C1ol inetodo P a r.la1

\ ' e0<: h.iio

. . . . . . . . . . . . . . .· . Enni a i·ng·ui11a Le co11gieruita destra ed ectopia del testicolo si111s.t•:rio; 1111on on~chidi a .

1520

850

I~ rnia

inig·11i.J1,a le <l es tra : ascesso peria1Ppen di co1ar e con se r'uti, ·o n r id11zio 11e . ' . . . . . . . . . . . . . . . .

E11111ia lo111bare . . . . . . . . . . . . . 1·: rn in, ombelica l·e indi r ett a i I1ro111p lieta r-ausa di ·te110, i i11ediogastric-a . . . . EroiJnia: a.ziorne a r1titer1nioa . . . . . . . J~ ~ fl i11.en1a b 110n 1 i co <'ir c os otùltto '( b rom od rm a) . . . . . . . . . . . . . . . . . Ec;nnteru.1i pap ttlos i, p u s tol-0.si, m o r hi 11 i-

915 66.1. 225 202 1 tZ"/

1

f urmi

~n. 1 1lnttinif o1·m-i

e . . . . . . . . Esercizio 111 u. colare i1ei f::l 11.c·iulli : co11t r oi 11dicazio1n i . . . . . . . . . . . . .

1..~2

l 7'04 /~i;;e tri zio pr of e .~sin 11 n l P a b11 si 1•0 . . 318 . l '! 1 86, 1532, 1712 li s e rei ; i o JJr uf es s i u n a l P al1' Est ,~ r o 111. , 1060, 1~ 31 1-:.-;rrcizio profrssinnfll f> n cl l t" 11u or P Pro'l' ince . . . . . . . . . . . . . . . . . 1-.: . 1•1ri-:.;o JJ1'0 f t>. sinnulf'; vedi ancl1 e Jf Plli-

1 :3~2

ci. Od on t oj a fri a. T:--o fn1?0: e-st t azio11e d i corpi est 1·a11ei . 293, 698 1\ &>f:.tgo : f\c:rlr nzio n€ d i g·1~0$ SO co rpo e-st ran o a <l i ln nzn rli 11 n n1 e ~<' . . . . . . . 97 1

E sofa go : 111alatt ie . . . . . . . . . . . . i89 E:of«tg-o : ' teno i i nfìan1m n tor i a cr on i<'a d :\lla regi o n~ ca.1 clinca . . . . . . . . . 1i l l E - ft·lhl10 p 11 J~a11te t,1a un1ntico . . . . . .- 9 Esp ttorn.to : t111ovo ge1111e . . . . . . . . 1 't.07 E~1) tt rn t o : vn lor c it ologi co r cl1in ti r o r Jn din an ~ i <l tl)l'asm o e d C' 'l. li stati n. 111 a ti fo r1 11 i . . . . . . . . . . . . . . 'r ):'

204 763

1

920 832" 788

187 412' 629

-

F F.accia: 1anestesia d·eil nervo trig·euni110 ne~il·a chiru:rgia <:Lella . . . . . . · · Faccia i1rn1.an1a: Lo stu1dio deillu -· . . . . Facciale; v.edi N el·vo - . . . . . . . Fame : sin1d110lffi1e ·d a- n·ef pr1g·1( ·111e 1'll. ·d1 gu·e rra italiani in Germani.a . 1227, ~363, F1a1n.ci.t1,l 1i: d emeinza eib1ef,1en1c:a-p·a1 ano 1de Fanc:iulli: emi crani1a . . . . · Fancliwlli: pteliti . . . . . . . · F anc i11lli : tu!be1r.aollosi . . . Farmacie . . . . . . . . . . . . 1286, F8Jl"m·a.Cli. va sodilat.atari: oppori~1nità 0111

1

1

r a.ti va . . .. . . . . . . · .. · · · · · · F1a•r 1n1aooil.og;:ia : ·qillesi ti . . . . . .. · · · · Fastcia lata: tr.apiarnti .iri1 ohi.rl1rg.i a . . . F .a1.i ca .e Ilav·or·o nel p11,errrp1erio : li cen·ch-e sperim·e.n tali . . . . . . . . . . . . . . F eb b1·ei oell'le1br-0-sipinaJ.e e pid e111ica ed em:pi•emia · sf-enioi1da1e . . . . . . . . . ·. . .F.ebbre crriptogenettca ad a cc essi 1·1tm1camente .ricotrren.ti . . . . . . . · · · F eb1b re m·eli·tensie : pro.teim,ote1 a.p i n . . . F·elblbre melitense: sderiodiaig'll.osi, ieil"oterapia , va0cin101teirrupia . . . . . . << F ebbre re11m·atti!ca n . . . . . . . · . :B""ebbre ri.oormente: so111ministrazio111e e11dovrenos a del cacodilato di sodio . . . 1 1

1

(1i -

Eapettova:zione purulenta continua nelle su1p pura.zioni pleuro-po.Jn101.0arri. . . .. E1&uetL.otr:azione E9\Pettorato; ,·ed1 anche '. Sputo. . Esplorazione t ettale i1el bamb1n<> . . . . E ss n1dati e tra.SJU dati: n 11!0,-o metod.o peidis tino·u.er.Li . . . . . . . . . . . . . . E.s1s:uaai~ .e uriasudati: meto.d-0 ·Sohansky pie r diffeine n zi air.l.i . . . . . . .. . . . . . . Etere p.eir jniezrioni nella perto1sse . . . . Etere ';p:er i!Iliezioni nel tra ttam.en to ·d·ella tosse oonrvullsa . . . . . . . · . . . . . E te1..01~ooc'liia: oefalie e dia - . . ._ . · . . . ExtraSlistol-a c1aT1dia oa: pcr<>gnos1 e c11ra

1

F·ebb11~e

~36

105

14.39

~26' l,.,1o

1311 1278 1-1.54 ~1

1675 1275 1373'

1

1

1369 1719' 308"

98' 1314 417

t ifoide: i11,ft.t1enzia cl·ei 1·iisan ia11le r1t i

i:d1--jci sulla mortalità dn·- i111 Italia 61, 1635 F.e\bbr.i Uirin·o·s e fu11niin~iti . . . . . . . . &16' F.e ci nella di,sipe1)ista 1Cir·on:iica infanti1'e . . 1311 F eici : metoidlo di co·n ce111tra.ziion1e d·elle 11t()rva

di pacr.a;c::1siti . . . . . . . . . . . . . . : 31Q F eci: v·alore compwr a tivo dèle reazaon1 perr la rioeT.cn, d.el sang-t1 e . . . . . . . F eoond1azion1e a,rtificiale . . . . . . · · · F e-con llit à . cult-0 preistoir ico pr e~sio gli. Osci. . . . . . . . . . . . . · · · · · · 1734 F egato : at rofi a gi.C1.llo -"fl.c:t1ta . . 724, 1047, 1048 F egato: azione della ·radhiane.stesia s11lla fumzion a 1i.t n . . . . . . .. . . . . . . . F egat o : azione .eJla rachia negtesia stùla

funziona1ità . . . . . . . . . . . . . · F~gat o : c.isti vol11min o.$ n da echinococco. F egato : insn ffi cien za d -el - ed emoclasia F e'!ato ; ved i anch e .~rteri a epatiea, Cal col osri bilin re , Cisùifell &'l, Malaria, Sifì licte e1Jatica. \ Ten a ca.''a, Vi e 6 iliaJr!i. I "en1-0r e : J'1t1ovo 111et.('1do cl i tra t. t an1 ento <1Plln p se11do-nrt 1·o~i fl el roll o . . . .. 1

323 ?O? 1121


I

-

-

XVII --

,. Pac.

Pag.

t

fi,e11acetiina e cianosi . • . . . . · . . . . 1347 1612 Feinol-o nel tl'attaJn,e nto deltl '.erisipela l1"'e•n o1neno ·d1egli «occhi di b~b1 oJa ~> • .• 140J Feno1neno di Cheyne~Sto 1kes: ddsturb1 ps1c!tlici in rappo l tO ta l ir1 m1alaJj · di CUO!fe • • • . • • . . . • . . • . • • . 1477 11'enom1en10 di Ko1·anyi . . . . . . . . , . . 1022 Ferita d' arma da fuoco : inte·r ven1tio sulla c-010'1.ma vertebra~e per- . . . . . . . . 700 Ferita. da scheggia di giranata: ascesso cerebrale postum10 d1el lobo frontale s.inist1 o . . . . . . . . . : . . . .. . . . 259 Ferita del r~amo ·Sir1istro dell'a: poùmonane ~ intervient.o chirurigi.co neJ vasi sucoln.vi dello ste~iso lato . . . . . . . 97'6 l~e;. Ferita l"aa"a del cuore . . . . . . . . vv i~., eri te da impalame·n to 1c1el 1 etto . . . . . 11-06 1 erite del relllie: en1ostasia . . . . . . . 731.F'er ite dei senti. d·u ral1 : sutu1~a vas.ale . . 618 l•'erme11t.i: ilnfluenza d ella pre1S•sione st1lla velocità di rea.zionle . . . . . . . . . . 628 li'ermento intestinal e nuovo : fosfoglioerasi 1213 I1.,er111e11ti; vedi anche Enzimi. • 1194 l~,ERRALIS RIDDAU A . . . . . . . . · · 241 I•',er1·0 ed en1atopoi esi . . . . . . . . 241 1 eirro : piiesctriz:i on e . . . . . .. . . . . Feto: cause clella n1orte dt1•ranJte la gestazionie . . . . . . . . . . . . 735 1 ~r~z Feto difallo . . . . . . . . . .:>-< I•.,Pto: mo11te int.Tal1terina . . . . . . 1181 f',eto: n 1Qf\1imcn.ti . . . . . . . . . . . . • 104 l 'eto: S\ il11ppo extrac-0ria1e . . . . . . . 1120 11,eto; ,·edi an ct1e Acror·efalostndattili.a, . Embrione, Toracopago. 491 I"il)I) e elu ~ ti'Ch1e : ciol()(fazione .n€11o sipu t o. J 'ibrc· 1nt1scolar-i striate: rigemer.azione . 1377 J1'il)flon11i1orni /u.te.riini: patogene1s!i ldell'as c·i f.e n·e i - . . . . ~ . . . . . . 311 Ji'ibrc.miomi; vedi anche Ute1·-0. f?i.eno; ,·,e1di Asma dn - . . . . 532 f'irn1e illeggibili di cert1 medici 1707 • • • • l 'i ~ionom ia; vedi F'accia. Fi~t,nla 1Jr~on1c-01hdljare . . . . . 1084 Fi &tole pe1manienti ~1el dotto di ,Sten1ocr1Je: trn tta1nento con la 1·esez.rione del nerv-0 aul'ic>aJo-tem'Pora le . . . . . . . . . . 97 Fist o Ie po lm on.a 1tl. . . • . . • .. . . . . . 1176. I•'i-.;to1e ,·escico-ut.erine: operazione da Dittc1il-Forgne . . . . ·. . . . . . . ., . . . ; 730 Flel)iiti : tron1bosi venose d·ell.e - da sfo1rzo 6~ FlPmmo ni i>enitonsil•1ari ~ . . . 865 fi' ore i;p e ·di K i el l a 111d . . . . . . . . . . . 1732 Formale dìfetto~1e . . . . . . . . . . . . 1737 Formulario . . . . . . . . . . . . . . 24·1, 99~ FORTl NATI A. . . . . . . . . . . . . . . . 76 . F'os•fotro nella rraahitic11e . " . . . . . . . . 134.S F10.sfio·ro; vedi ainche AYve1enamento id.a -. Franck; vedi T.r omb op1en ia. Firntt11ra in toto dell'acetabo1li0 . . . . . . 118 Fratture~ ·aici.do osmioo n1ei .nita!'ldi di oon so1ti.daziione . . . . . . .1 . . . . . . . 72.0 Frrut.ture: immobi1izzazione e kine.~1i:teria .. pia nel m o1derno trattamento . . . . . 378 Fratt11rr:e: tll'latitamen1to . . . . . . . . . 1381 Frenastenici: istiituii per - . . . . . . . 868 Fre.ntatria: CotI1gr1eisso .a.ella s~o.ci.età Italiana di . . . . . . . . . . . . . · 25 Freniatri.a; vedi an!Che Psiichiatnia. Froin; ve1di Sindrome di -. 1

1

1'

l

1

1

3

1

D

19

1

I'

;::>

.6 1

1

1

..>3-'

3

1

1

G G. . . .. . . . . . . · . . . . . Gang:riooa. po·ln1r0na1'e : cur.a 10011 sa.1 v.arGALEOTTI

san .

. . . . . . . . . . .

.

645

. . . 1154

Grustrioe!I1tero·s tomiu. : co1 npli·cazi,0U1i postopena torie . . ·. . . . . . . . . . . . . Gasrl:Jroentel'·ostomia com esclu&io.n:e .cliel pilano .alla P arr la'V.eoci11o ;oo1l ·c arcinoma: 1gaB1't:Joo~erruterioo . . . . . . . . . . . . 1683 Gastro•ente.irostomia o res~zi.one nelle ulc1e1!ìi gastri·c:he .dista>nii dial pilQiio·? . . . 1412 Gaistroenterostomia poste!l'io·r e tr:ansme·so·colica : modificazi-one cli tiecniiea .- . . 863 GastrioentelrOtStomlia rpoiscteriorre .transm·eSOtco.licia : v.a•riante DuvaJ.-Toru1p et . . . 1ò2 Gastroipa tie ne.u1·ogeneti·che . . . . . . . 332 Gastroptosi: osservaz:ioni radi'O.!o·g ich,e e teTapi:a . . . . . . . . . . . . · . . · 47 Gastroiptooi : sintomi resp·iratoll'i . . . . 489 Geru.t.ali; ve1di 0 ,rgani - . Germie 1deill' e·spett0trato : nu1ovo -· . . . .. 1407 Gestazi()lllie: cau&e della morte del feto duram te J1a - . . . . . . . . . . . . . . . 735 Gestazione; vecli anah·e Gravid,anz.a. Ghi·andole; vedi Gland·o1e. Gin·e.cologj a : enic)ir:i dri.aignosti·ci per SlPOstamen1o di orgiani . ., . . . . . . . . 858 Ginecol0tgia e ostetricia: trasfusione del 1

san,gtie .

. . . . . . . . . .. . . . . · .

1240

Ginecollogia: il len1bo i)e11·itoineale ye,scicouteri.n() im- . . . ~ . . .. . . . . . . . 1559 Ginecoil ogia; v,e di anche. Donne, Ostetrici.a, Vie genito-u rinat·ie. .. G:Ln·o cchio : ei.Sp'lorazi.ofll e . . . . . . . . . j 1i8 Gino1ccmo : sd~no,vi.t.e trau·m atica ain·chi,Losante del-; ìn ter\·ento . . . 1343 ·112 G IOVANNINI S. . . . . . . . . . • Giu·gulari; v·edi Vie ne -. 930 Gù.ando la interstizi.a.Le . . . . • 793 Glandio·l a pinea1e : fu·n zione . . . GlandJola pine·a le: f11inzio:n.e e m 1alèl1ttie . 1302 Giando1a tirai.de; vedi Ipertir.odismo. Glandolie: azione .dello iodio sull '-0rg·anismo ed in :p1arti·C01lare ,s11lle - . . . . GI and ole endo.crine e diabete . . . . . . G1~an1dr0il e 1 enidocil'ine; v•e1Cli nn cihe Aclrel!1 al:ima, Corpo.111t.e'O, G1a11do1 l a interstiziale . Glan.dola pinea1e, Gozzo €.&oftalmico, Iperti1·oiclism10, Ip ofi~i, lYiilza, Opotera1Pia, O·vaie, Parotinoi•cli,, Testicolj, Timo. G1an.dole linfatich1e: trattamento degli ascessi . . . . . . . . . . . . . . . . . 562 Gt.u n dole pa1 attroi1di, 11e- . .. . . . . . . 1692 Glando l·e sess'l1ali : ele1n·e1:J·ti i 11terstizi aJ i . 172 Gl1and10.Le sess nali: ra cl io1eecit.am ent.o . . 731 Glando1le s.css11ali; vedi a n ch·e1 Orgu.ni genito-urr.itna ri, Ovaie, ecrezioni ir1tenne, Tesit:i co 1i. G la n1dto1le t raC"he-0-b rio,11ch i ali : tt1n1e f :i.z.i o·n.i ,e :oa1'ci:fìc: azi.oini . . . . . . . . . .. . . . 1672 G.lau co.m a: ntlOiVe v1ed11i1:e 1su.ll'eziolo·g ia . 14·08 Glaucoma: patogieniesi e. f,o.r m·e cJiniche . 31.3 Glii oemia : ric e l'lc11e . . . . . . . . . . . . 144·8 G li·cogen.o: s1i1gD ificato i1ella vita 1embrio.n.a le . . . . . . . . . · · · · · · · · · 1277 822 Glicos11ria: alla soglia cleilla- . . . . .. Glico1~11.ri.a, ,diabete e ti a11ma nel] 'info.ritunisti-ca . . . . . . . . · · · · · · · · 431 1

1

1

1

1

1


-

XVIII -

'

Pag.

Pae.

Glic-0.suria ed aJliterazioo.i epatiche nella malaria latente . .. . . . . . . . . . . Glicosuria gravidioa e diabete in gr.avi•

danza; diagDJosi differenzaal-e : . . . . GlobuJi bianoh.i : rapporti ooJ timo e con 1a IDi!l..z.a, • .. . · • • · • • · · • • • •

348

1338 342

Globuli biamchi; vedi ·anche Leu.oociti. 1562 Gonococco : artrite da: - . . . . . . . Gonococco: em.docardltte da -. . - . . . . 1'476 801 Gonoooooo: ·pe:ni.prootite 1d!a - • . . •. Gonooirea.: terapi·a oombii.naia dli siero am.tigooococoico e iprorteimie a.specifiche n el521. le oomplicaziOJlJÌ . . . . . .. . . . . . .. Gonorrea; vedi ·anche Blenol'fl'aJgÌ.a, Ure-

trite.

Gola, 01,ecetl1io e naso: impo:rtamz.a dell'esame nelhl.a scuola . . .. . . . . : . . .

1137 981

1

..

(1ravida11za; \'edi anche Corea g.ravidica Ecilrunpsia, F eto, Gestazione Parto Pla~ centa previa, Pl1erperio, Siiifisiectbmia T aglio cesareo. ' GripPe: n1e11i11gite })Uro:lenta pn1e11mococc1ca nel eorso della - . . . . . . . . . 7.28 (irippe; vedi ancl1e Inft11enza Gru 1>po rnedico parla1ne1itare . . . . 459, 1093 Guai11e s.inoviali <lella mano: no1me tecni ·l1e per i11ciderle . . . . . . . . . . 2n Gua.11cia: edien1a neJl'aneurisma aortico: 416 GUELLA I... . . . . . . . . . . . . . . . . 146 Gt1enra cu i:opea: genesi . . . . . . . . . 633 Gt1erra: morbosità del personale f emmi1

. nilie op rnio durante la - . . . . . . . ( .uerra.; vedi anche Ciechi Invalidi Malarici, Tubercolotici ' '

Idrati di car.bolllii.o: malattiie da eccesso

d'i- nel poppa.nit e . . . . . . . . Idrologti.;a ita·.Lta.na .a.J:l 'Estero . . . . .

Idronefrosi .ed ematurti..a . . . . . . I1drroneFrosi intermittente p.acrziale . {tomiceti: avitamiinosi da - . ·. . . Ifomi·ceti nella eh-eratomiJc.osi di .foima nigna . . . . ~ . .. . . . . . . . Ig~ene id .ella ·casa per tubercoloti.ci ·. .

Lgiiene della peJ1e e ibagni . . . Igiene : diplomi eh 1auTea . . . . Igiene prati.ca: quesiti . . . . Igiene sooial·e: convegno .

Gotta. e iea.1ooil osi: iperu.ni:cemi.a . . . . . Gozzo: cau se: t:Lpi e tr.atitameocl'to . .. . : 1305 492 Gozzo: our a oon inieZlÌ.O!Il·i parenchlmatooe Gozzo: ottusità a picale . . . . .. . . . . 3&1 Gozzo 11,etrosternale . . . . . . . . . . . 699 Gozzo: trattamenito . . . . . . . . . . 340 Gozzo eso :ftalm.ico. : trattaroen.to ·C'h~ruiigi•OO 1(}49 Gravidanza: cistopielite i.~ . . . . . . 1633 Grwvr.i!d,amiza.: oolostrorrea . . . . . . . . 262 Gravidanza: eontri bu,t o ·aJ.lo studk> de.i ~ .; .,....t-oon1· . • 928 Grn.vidianza : ct.i.ra della malaria in- . . 160rl C'tr avidai1za: .diabete e glicosurr·ia in-; diag'Ilosi differenziale . . . . . . . . . 1338 Gravidamza: diagnosi . . . . . . . . . . 1181 Gravidanza: ematurie in- . . . . . . . ni C7ravida11:1a: emoclasia dtgiestiva in -. . 14{)9 Gr avid,t11za : e.stratto cli cooipo luteo nei vomiti dell a - . . . . . . . . . . . . . 1006 Gr avida1lZa e tuberco1osi . . . . . . . . 1660 Gravidanza i1ormaàe e patoil.ogica : funzio11a·li tà dei rel1li . . . . . . 10-2 Cira~danza: pielite . . . . . .' ." .· ." 662, 1700 Gravidanza: 1 en·e pol1cist.i,co im - . . . 1731 ..::>IJlJ. 1

I

29

1215

772 1214 . .

. .

699

1ZT7

be-

. . .

1083

. . .

1313

419

. . 1601 . . 314

. . ·. . 1020 . . . . . 1183

Igiene r.ura·}e . . . • . . . . Igi ene; v€'di Istituto d ' - . LgilieniJSti: Co ngresoo e omoramze a Luigi p ag1i.ru:Li .. . . .. . . . . . . . . . . . Ileo ,d a 1oalcoli .b.iiliruri . . . . . . . . . . . Imbamazzo gastrico ·aou t o : .cura . . . . . Immu nità naturr.ale: inftu,e nza del cibo 1

1

1

1

,devitam:iln:lz~ato .

. . .. . . . . . .. Imm'UJilJO e ·ciheni-0ter.aa>ia d·el1e m1a .latti,e fettive . . . . . . . . . . . . . . . I·m peti·g:inie e Illèmte . . . . . . : . I1mpotenzia funzio.nrulie . . . . . . . . Impos ta sui malati: l ' I1npo~;te;

. .

893 475

139 ' 415

in- . . 523 . . 959 . " 993 . . . . . . . 739

ve di Tasse. Inabili,t à ~esiduate agli infortuni sul lavoro: valutazione e inden.n izzo . . ~ . . 779 linan.i zione acuta: dJegeiille-raztone gmassa . 1596 lncon·tin.enza .d '.urin.a : 01perazii.1Qne di Gobell.,Srtoeckel . . . . . . . .. . . . . . . 1 ì31 Incontinenrza d'uri:Bia; ved.i anche Enuresi.

Indennità caro-viveri . . . . 35, 71, 108, 209, 210, 209, 424, 425, ·461, 570, 606, 741, 837, 871, 932, 963, 964, 997, 998, 1026, 1027, 1060, lJ61, 1-094, 1095, 122Q, 1264, 1285, 1286, 1348, 1418, 1419, 1454, 1484, =14185, 1430, 1531, 1532, i:.oo, 1676,- 1742 Tndennità varie . . . . 35, 318, 4-60, 461, 641, 807, 902, 96i-, 900, 1095, 1285, 1382, 1676 I·n•d.ernnità; ved·i anche Inforluruio. Ind~ ce destro : luS'sazio!IlJe d!o,rsale . complessa; J>iduzio.n e cruenta . . . . . . . . 115 Lnduramenti m u scolari . . . . . . . . . 1561 Industr~e sanitarie: Congresso nazionale 105~ Indu.stne; vedi aTuChe Lavora 11ti. Inezie (Le) nella medicina . . 1156 • • Infantilismo; vedi Ipofisi. Inf,amzia : Congresso per la protezione della ;pmma - . . . . . . . . . . : . . ·. . 1640 lnf.ai11z,ia : conivu1sioni nell.a orima - . . . 1404 Infanzia : cuira .del J)rolassiÒ del retio . . 1704 Infanzia ·. p le · 1·t· 1 1 . . . . . . . . . . . . · 1311 Infanzia : nerumatismo acuito .n .eJl'- . . . 666 Infa11z~a : viaccin otera.p ia degli stati tiiosi 884 Infa n z1~; ~eidi ancl1e Baliati:oo, Bambini, Frunc1u11i, MaJa1ia OO'ngenita 1\1:utismo, ~arco-si nell'.imfanzia, Neolil~to, N1ervo-

I

1

H l 1ENOl:~R o~ D. . . . . . . . . . . . . . . li 1 l 1 e yaricç la . . . . . . ??1 Ji. r1> ~ tcr qut1le i.nton1rt di proce5si l Il l rJ l l . . . . • " 11 terakis inflexa n; I. u .: in~1{1sio;1e: n.el·) tJO\ a di al li11a '"'i . . . . . II ll(i 11ò i·: v di Prova di - . · e l [ ~ lOd rr11a. » : larva Il el I' O Cl io . . . .

1258

, 23~

1662 14/ 1083

s1 mo, Poppante, Sifilide cono-enita ecc. l nfe~miere : A ssocifl =ione ri~:.ionaie e cuole per - . . . . . . . . . ., . . .

I

I

674

Infermiere i·isitatrici: sciloie per assit e H ti su n il ari e . 743 lnfez!oa1e puery eraie :. ~~zi~~i ·g~r1~r~ll · 310 Infez~on~ sperm1e11tale delle i11en ing·i . . 1209 1nfez10111 acute: Jlrotei11ot era1)ia . . . . 1310

I: •

l


-

XIX '

Pag.

Infezionri remptagemretidhe : rella.zitQm.e oon I' a,natamila, fi.siJolog;i,a. e paitologia · d.elle to:'D.s:tlfle • • • • • •

e

•I

888 1520

Infez1oni ·da blaJStomiceti . . . . . . . . Infezioni paratifiohe, p:aTtioolarm.ente da parati·fc;. B . .. . . . . . . . . . . . . . 747 Infezioni puerperali: patogenesi ~ c11.r8 1752 Infezioni puerperali; vedi anche Ser ~i puerperale. · · Infezioni quri.eS100nti : ositeomieliti recidivanti, rfrumoci flogisti.ci . . ., . .. . . . ·. . 80) Infezior1i tifose a ddominali 'nell'infanzia : vaccinoterapia . . . . . . . . 884 In!ezioni tifose: angiocoliti - . . . . . . 1310 Infezioni: tonsille quale porta d'entrata 91 J nfezioni : trasmissione per mezzo di posate e stoviglie . . . . . . . . . . 1280 Infezioni; vedi ar1che Febbri, Malattie infettive, Sepsi. Ir1fluenza : arterite acuta oblitElrarltP nell'. . . . . . . . . . . . . . . 897 lnflueriza: eziologia . . . . . . · . . 1626 Influenza: idee odierne sull'- . . . 1625 Influenza: inununità acquisita . . . . 343 Influenza: lesioni nervo~e da - . . 166 Influ·enza: lombaggine . . . . . 1058 l11ftt1en.za: patogenesi e polmonite cperimentale da simbiosi batterica . . . 863 . 1154 Infl11enza: terapia . . . . . . . . Infll1enza; vedi anche Grippe, Polrnor1ite' influenzale. 1nfortuni a catlsa di servizio . . ;oo, 570, '

672.

Infort11nio sul lavoi o: indennità peir Infortuni sul lavoro: valutaziong e in,.. dennizzo delle ir1abilità residuate . . I11/or~itni sul lavoro; vedi anche Certifi,ca tl, Competenze, Presta:.ioni. Infortt1nistica: glicosuria, diabete e tra·ùma

. . . . . . . . . . . ., . G. . . . . . . . . . . .

. . . . .

ns

1381 779

431 1489

I NGRAO Iniezioni di cacodilato di sodio e st?·icnina . . . . . . . . . . . . . . . . 41~ · Ini·ezior1i di calomelano per il fl"attamento del tifo . . . . . . . . . . . . 942 Inriezioo.i di chinina : reffett.o sui tess.u ti . 833 Iniezioni di chinina; vedi anche Chinina. Iniezioni di etere nella pertosse 187, 788 Iniezioni di latte sterilizzato . . . . 1564 Ini•e zioni di latte nell'encefalite epiJemiea . . . . . . . . . . . . . . . . 703 Iniezioni di siero terapeutico : ac.~identi 417 Iniezioni di zolfo colloid ale nel re:imatismo articolare acuto . . . . . ., 123.J I11iezioni endovenose di cacodilato di sodi.o nella febbre ricorrente . _ . . . ·417 Iniezioni endovenose di citrato di sodJo per l'emostasi . . . . . . . . . . . . 867 Iniezioni endovenose di s ilicato di sodi o 447 Iniezioni endovenose di sublimat0 nella . t r1'te po11ar . . . : . . . . . . . . 45f._; Iniez.il()IJ}.i emdov.en;ose .di urotropin a: preparazione della soluzione . . . . 42ù Iniezioni intramuscolari di arse nobenzoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102:) Iniezioni intrarachidiane di novoarse110benzolo per il trattan1ento della sifilid·e nervosa . . . . . . . . . . 528, 529 Iniezioni parenchimatose, per la cura del gozzo . . . . . . . . . . . . . . . 492 Iniezioni soitot;utanee di arsenoh'='-r.zol i 134.1 :

P ag.

Inscrizioni n el'l'A lbo degli Ordini; vedi Ordini. Insegnamento dlella ie!.lini·ca medica· . . . 673 Irisegnamento dell'antropologia crir11i ~ nale . . . . . . . . . . . . . . . . 987 Ir1segnam.ento dell'ostetricia e deJla ginecologia . . . . . . . . . . . . . 1734 Ins egnamento superiore ·= ·pers onale insegr1.ante. e assis tente. . . . . . . . . . 249, 281 Ins egnamento superi0r e; vt<li ané'llte !_1iplomi, lstru:,ione s'ltperiore, Università. In.s onnia: trattamento . . . . . . . 831 Insufficienza .ei>atica ed ·emoclasia . . . . 1t 21 Ins ufflazione preliminare del lJer.ito1Leo per la diagnosi radiologica d·el 1€' ::l~flzioni addominali . . . . . . . . . . j 692 Interinati . . . . 209, 249, 3~0. 5~5, €41, 74t>. 80Z, 963, 964, 997, :.G~7, 1676 I nterinati; vedi anche Stabilità. I11testino : azione della bile . . . . • • 526 Intestino: azione dell'òp,pio e de~ s1 1r 1 ' derivati . . . . . . . . . . . . . . . . 490 Intestino: caolino nelle affezior:.i delì -- 1413 Intestino : disinfezione . . . . . . . . 125f) Intestino: f oS'fogli-0er.asi . . . . . . . . . 1213 Intestino: potere battericida del 1.C:J. mu cosa . . . . . . . . . . . . . . 1337 Intestino : r esezioni estes.e . . 9b, .97 Intestino: tubercolosi iperplasti~::t . . 628 Intestino; vedi anche Colon, Dt1.ode1io, Ileo, Retto, Stenosi ileo-ce.cale, r'ubercolosi, Valvola ileo-ceca1e, ece. Intossicazione da alcool metilico · ~i11 ~ùIni . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105~ Intossicazione da arsenobenzoli . 1154 Intossicazione da veronal simul .,11te la enoefa.lite -le~ar·gica . . . . . . . . . . 1345 Intossicazioni; vedi Cl nche Avvel·e namenti. Ir1vali.di di gt1erra : g'inden11izzi a~li - . 173 Iodio: azione snll'organism-0 e in p!1.r'ticolare sulle ghiandole . . . . . 56fl Iod!i.o; vedi Ml che Tm tura di - . lodliro di potassio : esatto valore tera peutico n ella sifilid.e . . . . . . . . . 419 Ionoforesi argentica associata a ll u. radioterapia per 11 trattamento rl~ i1:c. carcinoma ulcerato della f ace id. . . . 92i Ionoforesi argentica: radiazioni secon darie ottenute per mezzo della ·- ; az1one biologica e c11rativa . . . . 147·1 Iperalgesi•e : ip er eftessività nelle - . . . 1591 IrJercloridria n.ei bambini . . . 989 Iperidrosi: trattamento . . . . . . . 1705 I pe.rsEIDS:i!bilità e t1lbeiroolinoter.apia . . 1077 Ipertensione: cura . . . . . . . . 1248, 1478 Ipertensione obbligatoria dei nefro- P drgli arteriosclerotici . . . . . . . . . . 102 Ipertensione: significato, rapporto ~ ul­ l'arteriosclerosi e con la i1efrit~ , eti0logia . . . .. . . . . . . . . . . . 268 I pertension•e ; vedj anche J> ress ir1r1e a.r.teriosa. 949 I r>ertiroidisn10 . . . . . . . . . . . • 1312 Ipertiroidismo della pubertà . . . . . 29 Ipertiroidismo: radioterapia. . . . . . Ipertrofia cardia~a e aumPnto èi p: •;ò · 17 sione san,guigna nella nefrite : ·,P.u-?a . 1195 Ipertrofia prostatica: eosinofilia . . 172 Ipnotici: gli - . . . . _ . . . . . • 1152 Ipocondrio sinistro : tu1nori . . 1

'


-xx'

1pofisi: classificazione dei distwrbi da. 194 lesione dell'. . . . . . . . . . . . Ipofisi: diabete insipido consecl1tivo ~L di trnzione del lobo posterior13 . . . . 1305 Ipofi ina e adrenalina: oftalm·oreazione . con - 11elle n1alattie del sjstema endo-

! .. atte . per ini·ezioni

mica

Pag.

nell 'encefalit~ ·t:.pid~-

. . . . . . . . . . . .

. . .

76?

Latte puro e sano : approvvigiona 111t:r1 ~~ 1 41 ~ I.atte sterile per proteinoterapi a : p reparazione . . . . . . . · . . . . . . . . 1415 Latte sterilizzato per iniezioni .· . . . . 1564 Latte: sterilizzazione con l a t int ura di e rin o . . . . . . . . . . . . . . . . 34 . j odio . . . . . . . . . . . . . . . . . 451 I spetto l'ati ruedici del lavoro comt1nali e 764 Latte; vedi a;nche 1 C1o lostr0ir1~a, Y·ogu rt. provinciali . . . . . : . . . . . . . . 232 Lavoranti dell'industria ch tmica: 1·u m o- · Istetismo ed epilessia . . . . . . \ . . . .. r i .d ell a ves.ci·ca . . . . . . . . . . . . 1056 Ibteropessi col metodo Parlaxecct110 neiLavori tiJ)Ogr afici: inft11er1za s11ll'o r g·a11i la cttra delle r·etrodeviazion,i e clel l-11'0smo muliebre · . . . . · . . · . . . . . . ·632 15tlasso dell l1tero . . . . . . . . . . . I.avaro e fatica nel pl1er perio : rieerch·-e Istitl1to di Clinica m·edica di Pisa P. 01.. 0· 675 sperimen tali . . . . . . . . . . . . . 1373 ranze al 11rof. Queirolo . . . . . . I .. avoro (infortuni s11l) : val utazione. f' j,D ~ lLstit11to cl'lgienie, Previdenza ed AsP istendenniizzo delle i11abiliià residuatu . . . za soci al e . . . . . . . . . . . . 1385 Istruzione superiore . . . . . . . 3!"1, 422, 1283 I.a\roro mi.1scolare: variazio11i ematocr1Istruzione superiore; vedi aneliti In.;~ tich e . . . . . . 1. • • • • • • • • • • gnamento si1periore. Lavoro; vedi ancfhe Infortl1ni, I spettor a. 691. Itteri infettivi primitivi: forn1e heni~11e ti m edici, M.edicina industrial e, ~if i11aItteri in f P.ttivi primitivi: tenta ti, 0 di tori, Navigazione., Op€1rai. 168 cln.ssificaziolle . . . . . . . . . . . . Legamentopessi.a r1elle dev1azior1 i 1Jter1llf tcri: tratta11tento con la 1)roct0c l1si ne col proces30 Aree . . . . . . 450 563 zucctherata e llrotrop1nizzata . . . . Legge di Sh er ringt on della inncr vu.zioItte1·0 cl1iru rg·ico da carcinoma pr11r1jtine recjpr oca de : rn11scoli antagou i ~ti: 171 vo flel J>a1tcrea s . . . . . . . . oRservazi oni . . . . . . . . . . . . . 611 lttero cro11ico e1'editario e111oli t ico: co11. · l . eishman•iosi interna . . . . . . · . . ~2t:. 1591 Leonardo da \ in.ci ; vedi Storin. della dizioni cli ereditarietà . 141i Ittero da. ascaridiasi medi cilna. , . 170 Ittero emolitico . . . . . .. . . . 9'-' 1503 Leucemia acuta : ·e ziologia . . . Jjte1·0: genesi . . . . . . . . . . . 1115 Leucemia : azioJ1e clei. r aggi Ron t~..j'f~11 . Ittet·o infettivo cli origine tifica e 1)·\~·:t10 ....-~:"'.. Ce\lCemia: cor:p.e agisce il benzo1c . . . 562 tifica : rarità . . . . . . . . . . . . . 121S Io1eucemia con eritroblastosi . . • It tPro infettivo spirocl1etico : rapp0rl1 con I..eucen1i a: varia zioni durante Ju cur a l'éltrofìa giallo-aie11ta del fegato . . . 1047 1117 dei mtelociti r:.eJ sar1g~10 . . . Ittero: rap])Ot'tG con Je malattit> delle 17:) r,P ucemie; vedi anche ~'Ialaria. vi e h il ia r i . . . . . . . . . . . 632 Leucociti : spostamento ntel sang11 e 31.: I.eucorrea : trnttaime11to . . . 31.3 Leva : ris11ltati. ir I talia . . . . . J • 1

1

1

1

1

1222 LeiJatrici condotte . . . . . . . 1219 Levatrici: la questione delle - . . . Levatrici; vedi anch e Es·ercizio aùtlsi?'O . 368 J.,evi· E.: la medjcima sociale di - . . . Libera docen-za : per la - . . . . . 1'7tì

,Jar· kRot1: ve cli l\'Iembra11a di Jodi o; ve "li Todio. Jocll1ri; ' ·di _od11ri. J0noforr~ i; veùi Ionofore~i.

Liberazion·e » oelle funzioni del s1t>tem a 173!:; nervoso . . . . . . . . . . . l,]bretto sanitario scol astico . . . . . 1578 .a.) I,inea sfign1.o-spiral otde . . . . . . . 10t:..f.J 561 Linfadenite mesenterica . . . . . . · Linguaggio : peir la pur.e.zza e proprietà . 1565 1,ipoidi. e siero: osser vazioni inimu.nolo1408 g iche . . . . . . . . . . . . . . J8 Lipoma ' ' Ollm1inc so del dorso . 1210 Liquido .cefa1o-rachidia.no: ·esame . · Lic111ido cefalo-rachidiano : co1·p Ut~cu; azione fJer u lc~razion1e di tl1rnu: => r1e l ventricolo laterale destro . . . . . . . 1408 Liquido •Cefalo-rach:iidian10 : .autocromia . 1086 Liq11ido cefalo-rachidiano nell'er1e(>f ali te 3 I.h)'" epidemica. . . . . . . . . . . . . . . I.iql1ido cefalo-racltidia110: reazi 1 11l~ col permanganato . . . . . . . . . . 1.tG2 l.iq11ido cefalo-1·acl1idia110: renzt<.'11f di \'le.il e Kafka . . . . . . . . . . . 69~. 1124 l i .1 uido cefalo-racl11dinno : sierof!iaE'1101 71}?) si di \\. jdal . . . . . . . . . . . . 1088 LilfUOre di Uzara . . . . . . . , I .itiasi renale; vedi ì\efrolitiasi. I.obo frontale .cstr0: a~cesso d:l si1j11site post-moroitlosa . . . . . . . . . . 616 «

K I~a fka

: vedi

l~t·a zìo11e

di l\al1le1·; vedi :\Io1·ho di -· Bozzolo. l\.ir1esiteruip in ed i1nmobilizzazion e 11e l t11ocler110 trn tt<l n1er1to cl elle t'r~ t t 11 r? . . J\ ornny i: 'c>d i Fertonieno cli

376

L f.cthirintn: nffetio11i Vft"ali e loì·,~ 1G.p11orlo co11 lu :-: i11clro1ne cli Mé 1 1 iè•'i_~ . 1.i:tliiri1ltn; \Pdi , ncl1e (Jecl1i, Orecchi. l .E entt ;')c ~ \ f\rli C11·rosi di. - . 1.a r i ug : a t o 11 in 11e i 111 t 1. r o1i i n ~ o g g et -

to n1u larico . . . . . . . . . . . . . . 16

J.#n ringe: spost,U11'6nto laterale r1ei versn1nenti pl •urie i . . . . . . . . . . . . . 1 I ring.,: vnd i a.11 cl1e I~aringoston l l ~l ·ru1) reolo~i l:1ring -a. , .ie a eree. l .~ 1·i11go (on1 i:t : ra•·d:--tic,1 . . . . . . . l .at a11t : tilirliezza ( ""'e11zial ~ ... J ~nt tnnt : ,, di n11 ·he 1~ <1n1lJi11i. t>op[':·ntc. l.utt ( lllluto rualc: c o natl! ~tt!)illlà? .

lS

...

~)(' ,), )

!)

I)

•)I o

- 1,,,

..


-

XXI ..._ \

Pag.

LocalizzaziorLi '.~ arebrali seco11dù .lcl. LC<Jri a di l\1ona·'<ow . . . . ". . . . . . Lochi: azio11e batterioliitica nei p11e t-peri normali e l)atologici . . . . . . . . . . I .ombaggine influenzf~le . . . . . . . L11d ,,·ig·; vedi ...\,1gina di --. Lue: contributo alla Clll'a abor 1 ~ vc.1 i1el periodo della .)rirr1a iI1ctl; ·az1-011e • • • I 11e refrattaria al mercu rid . 1(83, IJue; vedi a,nche Sifilide. JJuminale nell'eipileei:;ia sperimentale . . I..11ssazione ahit11aJe della rot11la : i11te1·vento operativo . . . . . . . . . . . . J,ussazione dorsale co1111)lessa dell'indice rl estro : rid llZ iorJ e cruenta · . . . . . . L11ssazionE· tl'aurr>atica inveterata dell'anca . . . . . . . . . . . . . . . . . J,11ssazioni vt·re da coxite : nuovi punti

4ò;<

1674 10 ~8

Pag.

l\1alattie cutanèe e veneree : cura col n1etilato di sodio . . · . . . 1391 Ma1attie ·da « ·Carenza»·' ~e«u. ~it~:r~ri~ . . nos1 . .

A

iVIalattie di cuore : terapia chininica . . Malat~e di cu.01re; v ed1 ,a;n che ,cardiopatie. Malattie emor1·agiche : .dia·g mosi e tratta~

330

mern to . . . . . .. . . . . . . . . . . .

239

1

366

108:

Malatti~ emorrrugiche · vedi an·clle S in·d ro•

I

m1 1e:m orrao-i,che. 0 M~lattie · infetti ve acute : importanza 'p er 11 decorso di - del midollo emopoie183 t ico d elle ossa . . . . . 1674 i\lalattie infettive e scuoia : '. : ~ : : : ~ 992 115 Ma).attie inf et.tive: immuno- e dhemoterap1a . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . 523 1277 ì\Ialattia infetti ve jn Ita lia . . . . . . . . 353 infettive; vedi anche J.nfezioni. d ' n1)poggio cl1ir11rg·ico . . . . 1171 ìVlalattie • • ìVIalatt~e interne: influenza reciproca . . 1661 • Malattie nel pop pan te da eccessi di idra• M ti di carbonio . . . . . . . . . . . . . 1215 ìVIa Jatti~ nervose: cause . . . . . . . . . 193 ì\Iagrezza e di111agrin1e11to . . . . . • . Malattie nervose e mentali: ct1ra arsie ni314 ì\Ialaria : carnpagne co11tro la - . . • . cale ad alte \Ìosi in talune - . . . . . 164;) 26:, l\falaria: cal1sa dii at001ia mu sco~al'e 1al\1.alatt:1e nervose e mentali · vedi anche • l'lngea N1euro-p1s iohiatiria. ' • • • • • • • • • • • • • • • 1688 Mala1·1a ot1i-J1in 0-resistente.: rn etodi di Malattie polmonari : percussjone della rècura . . . . . . . . . . . . . . . . . 1686 gion e paravertebra1e . . . . . . . . . . 1310 l\.Inhtrin: colt1 1ra clei par assit i <e ir1 vi1Ialattie: sinton1i orali . . . . . · . . . . 800 tro » . . . . . . . . . . . . . . . . . 1148 i\Ialattie veneree : profilassi . . . . . . . · 1451 !\Ia.Jaria cor1g f)nitn . . . . . . . . . . . . 11.!)l ì\Ialattie ven:enee; vedi ,anche Blenor.ral\T~tlarilt : cor1trì1n1to :tllo s t11dio della ùifgia, P omata di M·etchimikoiff, P.r-0stituftt ione ~elle a11ofele. E~ito di ltna piczione, Sifilide. · cola l1on1fica . . . . . . . . . . . . . :V.I::tla ttie; v edi nr1cl1e Affezioni, lVIorbi. 120 .i\Ialal'ia: crisi leucflmoi(l e . . . . . . . 106H 530 :\!Ial di mare: Cllra . . . . . . . . . . . . ~iularia cronica: cura co11 la •t·1jJ_:rjnu 1509 Nlammella : recidive d el ca1·cinoma . . . 1634 ~lala I' ia cronica latente: diagr11)..-i . . 73;; l\1anun°ella: iurr1ori . . . . . . . . . . . 762 Mal:i1·ia cro11ica: sen1iotica .. 1509 l\'Iandibola: str11tt11ra o f11nzioni dell'ar- · Nal a ria: cn ra della -- . . . . . . . . OOl: ti-colazione . . . . . . . . . . . . . . . 927 !\la!a1 ic.t : di t1g11o~i cl ei parassi ti in g·L CMandibola: trapia11ti ossei . . . . . . . 1082 c1a Hpessa . . . . . . . . . . . 31 :-, ì\1al'1:icomi: p er la r iforma della legg.e !'1Ialaria e allattamento . . . 3(1 Slll . . . . . . . . . . . . . . . . .. 968 j\ la1:.tria e cinconin a . . . . . . . 1652 l\1ano: norme tecnich e per l'inéisione dell\lalaria: epidemio1og ia e proitl[ts ~;i . 1562 le guaine sinoviali . . . . . . . . . . 2.77 . 1\1aln,ria in g1·t1vidanza : cura ~ . . . . . 1601 Manovra di Valsalva i:r1 cardiologia . . . 630 :\1a1arja: l'anofele p11ò tr-asn1'3 tterJ<1 ùiMastoidite ed otite media nei bambini . 1450 t'ettam~mte? . . . . . . . . . . . . . 1380 !\'la trimonio e blenorrag-.ia . . . . . . . . 104 ~\ Ialaria latente : alterazioni epatic.~1 c f.: lVIediastino sinistro: estra zione di proietglicosuria . . . . . . . . . . . . !l48 tile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 450 !\'lalaria latente e congenita . . . . 23~ Me.diastino : tumori di difficile interpreta~1alaria: migi11 ra Baccelli . . . . . 386, 603 zione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 927 ~vTalaria: scuola d'applicazion . . rJer ln. ìVIedich.asse: . Congiresso . . . · . . . .' . . 1560 lotta cor1tro 1a --- . . . . . . . Medici ita1 i ani aintichi in Francia . . . . 590 128~~ Malaria; vedi anche Anofeli, Malarici. lWedici: assicurrizione; vedi Assicurazione. Alalarici congedali: àssistenza ~ cura . 424, Medici: associazioni varie . . . . . . . 605, 996 M erlici condotti anziani . . . . . 535, 606, 1676 G37) 1188, 1742 :v~alarici congedati : pei . . . 142~ 175, 794. Medici condotti : per le agevolazioni di viaggio ai - . . . . . . . . . . . . 566, 707 935, 965, 971, 1028, 1095, 1126, 1158, it61, 1

1553

t

I

1

1

1

1

1284, 1301, 1317., 1383, 1419, 1711-6

Malarici: la tinta dei-· . 1205, 1301, 15S1, 1552 Malarico: an.g ina ·di. L11d,vig i11 :--.og~ . 8 getto . . . . . . . . . . . · ; :-i stf. ·• - . . 1·" •. n 111 t·t . z··im1Jo 7J',; 1 153 l\!Ialattia .alimentare delle ossa ... Malattia de} Bowen . . . . . . . 600 ì\lla1attia di CaRtellani . .. . . . 888 ìVfa lattia di J )eg·g·-Calvé-Pertl1es 1394 Malattia n .. 9 . . . . . . . . . . . . . . . 900 Malcittie: assicurazione; vedi A ssicitrazi o~

ne contro le mal atti e.

::viaJattie:

'

cl assificazi one su ll'indice del

inetaboligmo basa.le

. .

"(\ l {i) J•

Medici con.dotti: Associazioni, Federazioni, S ezio1ii . 107, 28t, 389, 741, 870, 932, 963, . ·997,' 1093 ll1. edici condotti : Cassa di previdenza (Cassa di Mutuo soccorso) ~ . 107, .963, ·995, 112.5. 134-8 Medici coridotti: Cong 1:ess.o . . . . . 1282, 1482 Medici condotti interini; vedi I n teri11ati. · M e(lici · co.11 dotti : le attitali aspiraziorii dei - . . . . . . . . . . . . . . . . . 566 Af. e dici condotti 1Jensionati . . . . . . 207, 534 Jl1 edici condotti: per i concorsi a posti di· - legge comttnale o legge sanitaI

ria

. . . . . . . . . . . . . . 4.57, !107, 670


-

XXII Pag.

Pa1.

Medici condotti: residenza . . 535, 997, 1567 Me dici condotti: sciopero . . . ~ . . . . 1529 .ll edici condotti: trasferimento . . . . . 1532 Medici condotti: varie • . . . . 282, 461, 1743 Medici condotti; vedi an.che Aspettative, Cassa di previdenz a, Competenze, Concorsi, Condotta medica, Indennità, Interinati, Nomi1ie, Pensione, Prestazioni, Supplenza, Tasse. !ledici delle carceri . . . . . . . 318, 424, 709 . Medici della Croee Ros.'\a . 177-J 567, 806, 12.83 Medici delle Ferrovie . . . 69, 282, 317, 318,

390, 425,

~09,

1532

Me dici deputati . . . . . . . . . . . . . 995 Medici di bordo . . . . 42~5, 4-61, 700, 836, 871 Medici e « réclame n . . . • . • • . . . . 315 Medici (I) e le Stazioni sperimentali . .. 1282 Medici infortunisti e stitrliosi di assicttrazioni sociali . . . . . . 148, 315, 316, 460 Me dici italiani: reciprocità i1i Russia . . 1316 "Jt!edici italiani: Unione Nazionale dei 68 Me dici iiberi profes sionisti . . . . 33, 69, 143,

2-07, 2&1, 389, 1-069 M edici: la « réclame» e i - . . . . . . 315 Medici militari: sei-vizio di R. Commissario su transatlantici . . . . . . . . ~ledici morti della malattia ,c he h1 a.nnAJ

sttlJdiato . . . . .

~

"ltf edici: Mutue di - . . . . . Medici nelle Colonie francesi . ~fed~ci nel periodo dei Faraionj Medici ospitalieri: Congresso . M edlci ospedalieri e clinici . . A-1edici os peda lieri: 1 - . . . lllrdici ospe>da1iPri : prop osta di lato . . . . . . . . . . . . . . ~1 edici nsperlalieri: va rie . . .

. , . .

1222

;

1316 1709 1315 142

capito~ . . . . 1187 518 ' 603 , 709 ' 775, 1060, 1187, 1348, 1742 ill edici: pletora . . . . . . . . . . 1()90 .\f rd~ci rc>rl ~ci dalla zona rl.i guerra 107 lJ ed1ci socialisti ì41 Jlcdir i teatrali .· .· ~ .· · · · · · rittime del '. ·. .lf edic1; \·edi n·nche Sanitari. , · l\1còirina a lie11i ·tica e net1rologica: Coin-

~ledici

dover~ ~

~

~

1~§~

. .. . . . . . 1409 lli!ed~~na e farmacia militare: c~~~e~s~ 1308 o-1·Psso

francese

Med.1~1!1-a industriale: problemi g.iMoologne1 nella - . . . . . . . . . 4&5 ~1ed.~c~na inte1ma: Congresso italia~o· t49Ì, 1521 Med~c~na lega.le: comunicazi1o ni . . .1021. 1597 l\ted1c.1na legale; vooi anche Perizje Re-

fe1:li: Tanffe medioo-legali. ' :\lerl101na: l(> inPzie n{>llla - . . . . . . 1156 ilf r.rlicinnli: soni rninist ra~ione . . . 282, 1061, 1453, 1531 1567 . . . ,f • r.t i ~c1.nal1.: vtt~·lita . . . . . . . . . . . ' 606 ~Jr.~J1_c111al1; ved1 t111 0he Arn1adi far1nacrutir.1, Farn1ucie. .

~Ie~c~na octale: la - di E. Levi . . . ~fe1.l1 c1na nn1ana e veteriina.ria: coop-era-

ZlOne\. . . . . . . .\ledico l))rnti ·o : il ___: ~ l'11~0Ìogi~ · · · · IELTzER P. J · · · · i\1en~bra. artIBci.n I.i:· a:n~p~t~zioTI:i · cin~J)Ìa~ st1che per 1f1 vitnlizzazione delle - . . f mhrana d1 Jackson: intet"Pr tazione patogeneti ca. . . . . I nj : \' Ccli "in(iron~ . d.i ·_ · . . . f in ·: infezion~ speMn1e11t~le . . . . • •

6i4 528

r27

1735

1

1

1

1

31

1

l~S

'ì'28

1208

1085 1278

145&

12-0G 1082

276 1084 303

501

1

. . 1347 773, 836

. . . . .

:Yieruingi spirnali : diagn-0si d-ei tun1ori del},e - e. sua importanza. pretica . . . . :Nleningismo tilfioo . . . . . . . . . . . . -:\feniingite cerebro-spinale epidemica; vedei Fiebbne !Q&~ro-spinal-e epidemica. Meningite da or.e·ochioni. . . . . . . . . Meningite : f onne varie . . . . . . . . . M~te : nuovo sinitomo . . . . . . . Menri.n1g;Lte1 plm"Ul1ecr1ta pneiu.imQcoc ci•oa nel . oori90 della ~P p.e . . . . . . . . . . . Meningi te , tub,eroollare . , . . . . . . . . MootngtLte tubercola.i:e : forme 1 clin~·che . ì\1 enin giie tubel'coli3Jre .~,li aJd ul ti Meni:ngiti midollari e ceTebrali : l11so dei rti.V1ilsi vi . . . . . . . . . . . . . . ~ood.ngiii n·e 1la sifilide . . . . . . . ~Vliericurio ·causa di a'Vvel.ea1Ull1en.to l)l'Of.essiQIIlia1e . . . . . . . . . . . . . . . Ylerourio ed .arsenobenz.oJi: valore co1npar.atirvo . . .. . ., . . . . . . . . . . M.eJrcurio : 111.e refrattari.a al - . 1083, Mercurio: ~stomatite da - . . . . Mereulri·o; vedi anche Stifiliid:e. Mesentenio : lin:tiadenirt.e . . . . . . . . . :vr,eistruazionie : infl11€1Ilz.a del sistema endoorino im. al·cuni disturbi . . . . . . M.etabolismo bas:ile : indice nel.la C·las sifioa delle malattie . . . . . . . . . . . .11etast&si visc.eri·:aJ.d. 1e pwferich-e nell 'edhirnoooocosi primitiva del c11-0re . . . Metchruikoff; vedi iPomata .di -. :vre1tila.to di sodio ·nella •C11ra di alieu11e af-

363 1481 1598 180

--;}.)V

1376 · 1209

199 ·

794 988

fezioni cutanee e vemieree . . . . . . . 1391 ~etodo alimentare v. P!Wquet nella c11.r:a della tu!bercolo~i . . . . . . . . . . . 551

. .

Metodo Ciitelli per il trattamen•to di u11 s~ooma della ~toooillla palatina: giuangi.on.e .

. .

•' . . . . . . .

. .

. .

. .

:.\!et.odo di Ballin per 1a diag·n osi djffeoonztale di tUlbar.ooltosd. ~oduttdva e pneumonite ·caseosa . . . . . . . . . . :vtetodo di Michaelis per la rice:rx:a del.l a pepsill1a e diel lab nel su oco gast.ri-co . M.etodJo di Par1avecchio per 1a giastroen~ostomia n.e l oancinoma gastr1c)-e.nte1

r100 . . . . . . . . . . Me~dio di Prurlavecchio

. . . . .

. . .

987

\ 023

3 ~3

per l'isteropess1, .nella curta delle retrodev.iazioni e del

poolaJSso deJl 'ut&o . . . . . . . . . . Metodo Parlavoochio n·e lJa cura delJ'.er-

154

nia femorale . . . . . . . . . . . . . 152&

:.\1etodo d~ S~arnsky pe·r distingu,e.re glj essudati dai tras11dati . . . . . . . . M;rtod~ siero-chimici così detti « equivalenti» dell a troo.zione di 'Vasserm.a.n n M~cha~lis; vedi Metodo di -. ~11c~rga'Ili~~i; vedi Amebe, ,. i\ naeromyc~, ~ac1ll·1 , Bat.teri, Blastomiceti, Bo.tnom1.co~, Germj, llfomiceti, Spiro~hete, Sp1ronemi, Streptotricea.

832

1

1

~I~oroscopi.o

11ltra-potente

811

148?

M1doJ1o emo:poietiiC·o delle ·o'~~:. i~p~r~ t~nza p eil' il die·conso di In·alatti.e infettive .acutie . . . . . . 1674 :.\1idio1lo lombare; vedi T~r~pi~ ~ndo.lom~ bare.

\l~dollo spi~a1e: lesicmi trat1matiohe

1539, 1581 \fidollo spmale; 'edi anche Cono midolla.re. :\li~lo~ti nel sangue lencemic-0: variaz1oru duramif.e la c11r.a . . . . . . . . . 1117

1 J

h ~

J '.\l

M à1

~I

A1


' \

J

-

XXI II •

Pag .

Milza: -0hirwgia . . . . . . . . . .. . . .Milza: searerz.iio111e intern a . . . . . . . . .Mi1lza: N.&.piporti ·oc•l timO e coi g.l obuli h'i . . . . . . . . . . . . . . . · . b ianc Minatori ; vedi Nistagmo. ~Winistero di Sanit&: sulla i stitil;;i.one di

1199,. ,

170J 342

un -

. . . . . . . . . . . . . . . . . ~Itocantio : ,a1Ji.one del Lo strof a:nito . . . ).fioca.I'dio; vedi amJdhe Cuore.

yfiioc10tDsie, specie ,oonsecutivie .all',e ncefaliite letargica: trattamento con hromi-

Pac.-'

iVIuscoli; vedi an ,ch e F ibre m uscolari. Musica; viedi Amusia. Mutil~ti operai : rieducazione . . . . : . Mutismo in n.eu ro-p1slichiatria infan til.e, .

390

60 Mutua di assis tenza sanitaria : per u n a 34 Mutua sanitaria a Londra . . . . . . . 1284 Mutue di m edici . . . . . . . . . . . 773, 836 Mutue di medici; vedi a.lI'l-Che Cassa di mutuo si0ccorso. · · Myastemia igravii.S » : sulla -

. . . . .

1358

Naocosd. per gl 'in terventi operativi endodural!i. ne.i b ambini, in .specie per le iplastiche . . . . . . . . . . . . . . . Narcosi; vedi amiche Anesteria, Cl oronar•

77

NBJso : fisiopato·l ogia .dJel1e- .cavità . . . .

1653 ·

cc

1

dma.to cli ai!cuti·n a . . . .

83i>

. .. . . . .

~

\

'Miopa.tia primitiva ipert1xmca ·poSJt-infet'twa . . . . . .. . . . . . . . . . . . .

61 383, 603

Nlistura antimalarica Ba>ooelli . . . Mixedema e d.tistrofìa nell'adulto . . . . Mixedema : il primo caso tra tJta to . . ~Cixoma; vedi PReudo. Monak-0w; vedi Teor.La di - . l\1on01I"childia da eotop1 i.a del testioo\Lo sinistro ron enruia inguinruLe congerui.ta MONTI A.: petr 11 xxv anno d'insegnamento . . .. . . . . . . · . . · . · · · Mo~bo di Adams-.Stokes . . . . . . . . . Morbo di Basedow: cura . . . . . . . . Morbo di Basedow: rteTlJSi-OIIl.e .arteriosa . .:v.Iorho di Kahler-Bozzo1o . . . . . . . . ~Iorbo di Parkins0tn: disturbi mentali Morbo dii Pa1·kinso1n; ,·edi anclle , l'Ence falite epidemica, Oochi, Sindrome pair -

29

31

COSl.

850

1

493 598 771 344 7tr7 126

C. : commemorazio11e

MORESCHI Ci. : newo1ogia . :\1 ORETTI T. . . . . . . · · ·

19 454 '1~1 92 1246 809 1193 530

• •

· · · · ·

Mor.finomania: traJttamen to . . l\10RSELLI ..\11g . . . . . . . . : . . . !\1nrtalìtà 1d·a febb.r.e tifo·i de jn Italiia: inflrueiltLa. dei risanamenti idrici ·sulla Mortalità in Italia nel 1916: statisti•ca . M'Orte: a eh.e oTa a''Viene cli ·p referenza

712

61 42-0 931 S98

Morte d·a digitale . . . . . . . . . . . . Morte da s~lvarsan . . . . . . . . . . . 1471 Morte improvvisa: a1cune cause meoo

note . . . . .. . . . . . . . . . . . . .· 1344 1

Morte intrauterina del feto . . . . . . . 1181 Mosca d.iomestioa: impo1rtanza CiOIIDe ,·edcoJo detll' cc Entamoeb.a histo,l i·ca ,, .e di altlli. parassiti intestin0Jli . . . . . . . 381 Mostru·o.sità; vedi A·c·rocefal osindatti'lia, El'!llllaftio dito, Feto difa1lio, rf-0raooipl8.lgio. Motilrità d.eiJlLe palpebre : di~ tu11bi . . . . 897 M-0itoclclisroo : p.ro e •OOn tro il - . . . . 1381 Mu·cosa intesmn·a le: pno.tere b.attericid·a 1337 M~heltto : etio logia . . . . . . . . . . . 382 ~11000J1atura venosa : foo1 zi10ne nelle surrenali . . . . . . . . . . . . . . . . . 899 Muscoli : altenazioni de:l tion-0 . . . . , . 820 M11scoili anta.oO'fOni~ti: l egge dii ·Sherirti.ngtorrt della innervazi001e dei - . . . . . . . 611 MuscoJi e ne.mvi: eccitabd.Lità .elettri.ca nel1

1

1

1

le ine11mti . . . . . . . MiuscoJ-i: lfisi0,Iogria . . . . . Musco1li: indur:am.enti . . . . Muscoli vo1ointari: tono nei 1

• •

Naso e orecc.h.io nel sistema ~trop-0metrioo di Leonaroo da Vinci . •. . . 309 N a&>, orecchio ·e gola : importanza del 1' elSame n.el1a .scuo1a . . . . . . . . . 1137

N.a:so: sarcoma melanotico oom.secutivo a ferita . . . . ' . .' . . . . . . . . . . . Navi: d.isinfestaziooo e der.a tizzazione a mezzo dell' acd do aianiJdri100 . . . . . . N·avigazione; vedi Personale navigante.

. . . . . . 1057 . . . . . . 527 . . . . . . 1'561 tube1:ric0llosi 1407

341

1

Necroscopie; ·vedi

kinsoni8.Ill8.. ::\'1.orbo di Pott: Qperazioni a11chilosan1ti . MoJ'bo di Pott sifil·ittco subooctpita1e . . Moroo dli Pott : sul - : . . . iYio rb o di W hl son . . . . . . . MORESCHI

N

Autopsie,

88

Oertificati,

Morte. . \ Nefrectomia : prQgreissi . . . . . . . . . . 195 Nefrectomie . . . . . . . . . . . . .. . . 1310 Nefrite a.zotemtca: anemia •g\rave nella . . . . . . . . . . . . . . . . . 240 Nefrite : cau'Se dell'iper.trona ·cardi.aca e d·ell'aumento ·cte.lla p~eissione .srunguigna 17 Nefmte ed arteriosclerosi: rapporti, etiologia -e significato· dell 'i.pertien&ion.e . . 268 N·efri te 1ed · impetigine . . . . . . . . . . 959 Nefrite oeanor.ragica: c1ini·ca e diagnosi ·differenziale . . . . .. . . . . . . . . 625 Ntefriti e sindromi uremigen.e . . . . . . 1179 N·efrite neri. bamb.i ni: prognosi . . . . . 667 Nef,rite: nu.o va iJ!l,d agin.e ur1inari.a per la cli agnios i . . . . . . . . . . . . . . . 287 Nefriti postscarlattinooe: forme, sintomi e

. . . . . . . . . . . . . . . . . N efrio e d ·arterioscl.erotioi : ipertension·e ~r.a

379

1

obbli:gatoiria . . . . . . . . . . . . . . Nefrolitiasi: dot·ori m,a ttutini in malati ·d·i - . . . . . . . . . . . . . . . . . . Ne,f ro-tomia nell'am uria 1eiclampttca . Neonati asJì.ttici: per .r avvlivare i N ecmati : . audiz.io1DJ0 nei - . . . . . . Neonato•: polineurite .dfilteri.ca fatal e . Neonato : trattamento, 1d·el1a 1sifilid·e . . Neoipla:smti e tessuti 1sani circostanti: mo'"" 1difi·cazioni indotte dal padi·um . . . . . Nèo'Plasmi intriatoraoici : 1diiagnos.i . . . . Neo1s a1varsan: si può ini.ettare n.elle vene v ari·cois e . . . . . . .. . . . . . . . . . Neo~·alvarsan; vedi ~1'che Arsen·obenzo.Ii, Nevriti ottiche. Nerv'i e muscoli: .e1c1Cfitabilità ·elettrica nelle neuriti . . . . . . . . . . ,. . . . . Nie:rvi: ris11ltati ·della sutura dorpo gl'insegnamenti d ella gu·erra . . . . . . 1

1

. 102

960 1-03 312

1{)10 1312 1123

987 1016

1043

1087

1

626

I


-

xxrv -

Pag. ~ervi

spinali; vedi Rizotomia. . ,. ervo nu·cleo accessorio d 'o. . éthducente: . . . . . . . . . . . . . . . . 664 1·1g·1ne Nervo facciale: sistema sensitivo . . .. 1601

ervo facciale; vedi Segno del faceta.le. Nervo radiale: parai isi da frattura d el-

i

.165

1·ome1·0

. . . . . · . · · · , · · · ·· · Nervo ricorrente: paraltsi nella s te·n osi mitra I i ea . . . . . . . . ·. . . . . · .

r

898

~ervo

sciatico: lesioni par·alitiche da iniei;ioni cli chin11no . . . . . . . . . . Nervo ciatico popliteo esterno : to.p o.grafia fascicolare . . . . . . . . . . . . . ~ervosismo cal1sa dii d.ispepsia nell'in-

166

1 -

166 1215

Nervo trjgemino: anestesia nella chirurgia della faccia e cu·ra raidicale delle nevralgie ribelli . . . . . . . . . . . . Nervo vago: esam1i fisci·ci . ~europatie organihe e psicosi: trattamento . . . . . . . . . . . . · · · · · . et1ropatie; vedi anche Neurosi. Xet1ro-psicl1iat.I'ia infamtile ~ il i1111tismo . in . . . . . . . . . . . . . . . . . . euro-psichiatria; v~di anche :.\Ie.diC'ina n.l ien ist ica. e n1enrologica, N euroi)a t.i e, •

4.36 17 598

60

1

P~irhiatria.

d'angoscia: cura . . . . . . 737 d'angoscia: la - . . . . . 374 • Nevralgia sciatica· vedi Sciati.ca. ~evralgie intercostali: cura rapid1a . 1313 1. evralgie ribelli del trigemino: cura radica le . . . . . . . . . . . . . . . 436 Nevriti: ecritahilità elettrica ·d ei n ervi e de i in lh~cCF1i . . . . . . . . . . . . . . 1087 ~evriti ottiche sifilitiche e n.eosalvarsan 275 ~e\·roglia ri ei lol)i ottici degli u c.celli ... 1121 . i~t n° n10 de i 111 ina tori e leggi delle otto ore . . . . . . . . . . . . ~ . . . . . 1700 '\"01nenclatnra medica: proposta di n1ndificnzio11e . . . . . . . . . . . . . . . 4·08 ~orn<>nc1att1ra 11G ... ologica: la . . . . . . 1251 '\on\~nclatu.1 a; Yecli n11cl1e Termin·ologta. .\'0~111111,: l' al'if . . . . . 1{)8, 209, 210, 390, 424, I:?.). 160, ~Oi, 369, 003, 964, 1Z2.2. 11.18, 1485 '\ ovou 1· enohenzolo ra ll c:a d ' imci1dienti i1n111 e cl i a t i . . . . . . . . . . . . . . . . 73 3 '\"ovou r~en obenzolo: g-11n 1igione da cor. "a . g r a,, e e o1 . . . . . . . . . . . . . . 545 '\n\'1)(11 so11ohenzolo: iniezioni in trarfl cl1i<1 innt" l> r ln. r11ra 1lella sifilide ner~ e111ros i ~enro. i

vo~n

. . . . . . . . . . . . . . . .

G2~

'\o\arscnobe11zolo · t o~ icità . . . . . ~ llt 1 ·i optn-. trin ti: ri ce1·che . . . . '\111cl ·o a cl'e c;;.orio <1'01·igine <lel ne1 YO nbd 11 ·e 11 te . . . . . . . . Nu J no le nticol<1 t' : tun1ori

. . . .

.

~2D

1035 923 ~

924

o e t :-ità: '11 ra . . . . . . . . . . . . . . 669 u O cl 1i d i l a 111 bo In u : f e no 111 e i1 o de g I i 1 WO crhi : di~tttrhi <lei n1ovin1enti n -òciati 11 i t·1hetici. pnrkin 011inni. e11eefaJiti ' i labirintir.i . . . . . . . . . . . . . . 1725 chio: pre' 11zu <li larvn di u IT:vpodern1n n . . . . . . . . . . . . . . . 10R3 hi : lt di nl ·uni e li11i11ti para~siti . 76

.

I

1

f ar1zia . . . . . . . . . . · . . . · · ·

.1

Occluo; v,edi anche Cherr atit.e, Ch.eratomi·oosi, Cornea, Gla·u coma, Ni.sto,gmro, .. Oculistica, Paltpeb re. · Ocnlisti·ca: optochina in - . . . , . . . 770 Odontojatria: esercizio . . . . . 870, D13, 1222 Oftalmoreazione ·con l 'adrenal.illla e con 1'ipoifisina ne11e malatt,i e del ~ist en1a end oc:rin O· . • • • • • .. • • 347 OLIARO BoNARDI L. . . . . . . . . . . . . 841 Olio di chaulm·o ogra: azione terap-eu'iica nella tuber colot&i . . . . . . . . . .. , 202 Olio di ch a ulmoo·g·r.a l 601 Olio di ch.emoipodio .n ella lotta .contro 1:anchilois tom iaisi . . . . . . . . . . . . . 1268 . Ombelico·: di.slocaz.iome ne·l l'ulcera. ·gastrica . . . . . . . . . . .. . . . . . . . 1150 Om1b·elico: t.e·gno dell' - . . . . . . . . . 12.47 Omer;o : frattura e con seguente paralisi radia Le . . . . . . . . . . . . . . .. 165 Operaie: morbosità 1durante La gn·erra . 29 Operai m11 tilati : 1·iedU1caziorie . . . . . . 390 Operazione di Costa; vedi Sinfisiecto,m ia. Operaziooi; vedi anch·e ~1e to1dtl. Opoterapia ·tiroi.dea peir la cura d ell'e·dema . . . . . . . . . . . . . . . . . 1026· Oppio .e. s1i:oi d erivati : azione sull'intestino . . . . . . . . . 490· 770• ()ptochina in oculisti.ca . . . . Orario continuato: I' - . . . . . 129 1 Ordine ~ll'

dei

-

medici:

·u n utile

f un;ione

. . . . . . . . . . . . . . . .

1233 Ordini dei medici: Con,gresso . . . 1 5~9, 1707 O tdini dei me·dici: vrt ri e . . . . 64-0, 6 ~.1 , 671 , 672, 741, 871, 99'7, 11026, 1091·, 1417, 1532" Orecchietta destra: pa1·a lisi; polso venoso relativo . . . . . . . . . . . . . . . 18 Orecchio e bagni di mare . . . . . . . . 10 s Orecchio e naso nel siste111a. antropon1etrico di Leonardo da Vrunci . . . . . . 309 Orecchio : e.same funzionale ·u er la djngnosi e la p.rognosi ,dell'a11.eriosclerosi ce reb ral.e . . . . . . . . .. . . . . · . 127 O!leochio, naso e gol a ·: importanza dell'esame nella sc1101.a, . . . . . . . . . . 1137 Orecchio; vedi anche Labirinto, Otite, Otologia. Orecchioo.ri : meningite dà . . . . . . 528 Orgam_i diger.enti; ve1di Bocca., Colon, l) ic;pepsie, Er1teriti Esofag-0, Ga striti , Intestino, Pessie, Ptosi, Sto1naco, 'r 11ho ..a.,n~ro.. enteTico, Vie dige re11ti. Organi- genitali : edemi da. antipiri11a . . 1ì3 ì Organi genitali : n'l!al!fo1rmazioni congenite e cisti dermoiidie ovarica . . . . . 733 Organi genitali: ricerche . . . . . 1447, 1448 Organi genito-urinari: \'ecli ....\r111essiti, A pparecchio genito-urinario , Glandole ses. 11a 1i, P iccole lahhrn, Prostata, Re:n i, T11b er colos i genito-t1t·inaiia. Utero, Vagina, \ 1 ari cocele, Vec::.c icolite Vie 11rogen itali. ' Organi: . p0stamer1to ca11 a cli errori nel.)~ la di.agnosi gi11ecologi<:a . . . . . . . .

-

1

1

1

1

-

Oraan1:.za:inni n1Pdicflp: nuove ditetlivP Ori11a; ,·ed i t; rin a . ,

Or111 on i; verli ~L\. cl t en nlina. Orticaria: cai11se e c11ra Orticaria: cura . . . . •

.

. •

~

29

600 1182

'


-xxv Pag.

Orticaria; Yedi a11cl1e Choc ai1afiJattico. 011opedia: Congressi . . . . . . . . 60, Ospedale e Istituto Italiano ·di beneficenza a Now-York . . . . . . . . . . . . . . O.speda1e italiam.o di Londra . . . . . . Ospedali: Corivegrio di presideriti . . . . Ospedali: crisi . . . . . . . . . . . . . . Ospedali: per risolvere la crisi finanzia. ria degli •. . . . . . .. . . . . . ... o.~ped ali; vedi anche Assici1,raziorie co1i-

tro le

1668 354

1452 1483 350

1482

nial.att ie

acute

. . . . , . . . . . . . . . . . . 1674 Ossa: i11alattia alimentare delle - . . . 1153

Ossa: !)Unti dolorosi e loro i111pwta.nza diag11ostica e terapet1tica . . . . . . . 237 U;:,.:;a: trapianti sulla ma.1 rdibola . . 1082 t)ssiul'i : contro gli - . . . . . . . . 140 ()ss1ur1 . . e d appendi c1't e . . . . . . . . . . 991 (>sso te1nporale nell 'uom 0 : p1·oce ·so articolare poste-r-iore . . . . . . . . . . . 1213 Osteoartrite 1deformante g-iovanile d·ell'anca, o~teocondrite dE:·fo1m.ante , coxa })la1

. .

. . . .

. .

.

. . .

.

.

.

.

. .

.

484

l>s1eoartrite cleforn1a.nte giovanile dell'anca: 1r1omenti eziologici e de corso . 378 '> teoartri te tubercolare: cura . . . . . . 1218 (Jsteoco11clrite .deformante dell'ai1ca (n1aJ{t ttin. d.i Legg-Cal,·é-Perthes) . . . . . 1394 () t.eo.condrite deforn1ante clell'ar1 ca e re.azione alla tubercolina . . . . . . . . . 1278 Osteocondrite; vedi anche Osteoartrite. () e; teoma 1ar1. a : cura . . . . . . . . . . . 1026 O.steon1alacia e cellule a secrezio11e interna de I J'ovaia . . . . . . . . . . . . . . 1732 ()stP01n ie li ti l'ecid iv.ar1ti e tu1 1100."1 flogistici e.La infezioni quiescentj . . . . . . . . . 801 OsteoporoiSiR alimentare . . . . . . . .. . 1153 Ostetricia e ginecologTia: t1·alSlfusione del

sangue

. . . . . . . . . ·. . . . . . . 1210

<)st-etricié1 e ginecolo gia; V·edi w1cl1c (~i11ecol-0gia. · Ostruzione a iJ1pet1clicola1·e act1ta; vedi Appendicite. Ost1'1lz.ione dlllodenale cron ic.a: diagmosi e trattamento . . . . . . . . . . . Otite i11edi.a ·e mastoildite nei hamhini . . Otolog·ia : vaccinoterapia in - . . . . . Ot.tttsità apica~e in caso di ~ozz.o . . . . 011abaina: azionie terapeutica . . . . . Ouab.ain.a ;ii.egli soom:poosi 1Ca>rdiaci coin t a chiiea.rdia . . . . . . .. . . . . . . . Ovaie : crLsiti . . . . . . . . . . . . . . . Ovaie: elementi intestiziali . . . . . . . Ovaie; vedi anc'h e Cor.pi0 luteo, Osteoma. Jacia. p 1

L. : ono·1·anze . . . . Palat-0: en·Llot.elioma d·el . PALLADIN I C. . . . . . . . . . . . · · · · Palpaziotne dell'addome e innervazjone reciproca died muscoli antagonisti . . . Bfjlpebr-e: ·disturbi di m·o1tilità . . . . . . PAG LJANJ

Pag:.

I

Pai1c1~as:

Ospedalizza:.io1ie: spJ"JSe . .- . . . . . . . 351 ()ssa: carie i1on tubercolare . . . . . . 10i7 Ossa d-ell' articolazione tempo1·0-mandibolare: .s truttura • . . . . . . . . . . . . 1559 Ossa: eliotara·p ia i'l1 1esione tuberco1are g1 ave e poco comu11e . . . . . . . . . 988 Ossa: i1n1)01ianza del midollo emopoietico n€l decorso ·di malattie tnfettive

Il ll

car. c.ino111a pri111itivo. Ittero crururgìco . . . . . . . . . . . . . . 171. P ,ancr.eas: diaig·n.c)si di malattia del - . . 1364. Pancreas: effe.tti dell'asp.ortazione sperimentale . . . . . . . . . .. . . . . . . 664. P .ancreatite: cambiamento locale ,di colore ·della cute . . .. . . . . . . . . . . 1247 Parn,c!'leatite cro1n i.ca·: f.r·equ·einza, ·diagnosi e trattamento . . . . . . . ., . . . . . 594~ Pancreatite croni·ca: sindrome di - oonsecutiva ad ul1cera .gastrrl.·ca . . . . . . 1685, Pélipillomi della vescica: elettro1co.agulaZ11.one . . . . . . . .. . . . . . 767 Paralisi ·del 'radiale d ia frattmr.a d·ell'om,eiro 165. Par,alisti del ri<::orvente nella stenosi mitralica . . . . . . . . . . . .. . . . . 898 Para-lisi g'ene.rale : diagnosi . . . . . . . 1379 Paralisi generale: presenza di sipiroch.ete n-el ·Cervello . . . . . .. . . . . . . . . 1375 Paralisi 01·g~aniche : nuovo sintomo: la contrazione a scatto del piJede 378 Par.alisi transitorie a ripetizion e nelle af.f ezton•i cardiache . . . ., . . . . . . . 416. Parruss1ti dell'occhtio: elminti . . .. 768 Para.sslÌ'ti intesti·n ali: n1etod'O ·di concerntr.azion1e ·Clell€ uova nelle feci . . · . . . 312 Parassiti intestinali: mooca don1est.iJca vettrice di - . . . . . . . . . . . . . . 381 P~rassiiti malari.ci: co·ltur~a «in vitro, » . 1448 Parassi.ti malarici in goccia ·spessa : ·diagnosi . . . . . . . . . . . . . . . . . 313. Paratilo B: infezioni p.aratific·l1e, . particolarmente da . . . . . . 747 P _a ratifo : nisservaziorni . . . . . . . . . 863. Para tifo; vedJi. amebe Tifo. .PairckinS-0°11; vedi l\1orbo id i - . PARENTI C. . . . . . . . . . . . . . . . . ParlaV1ecchio: vedi :Vletodii - . Parotiid ectomia: tecnica , . . . . . . . . 342' Parto g.em.e llare: diritti 1di ip1~in1ogenitu.ra 456. 1 P .arto .r apido n1ed ~ante à.ncisio.ni prof01I1de del ,00Jlo1 . . . . . . . . . .. . . . . . . 735 Parto: rottura ·della vesic~ca durante -il 11-82' Pastia; veCLi 1Segno di - . Pasto di prova di Ehrman11 a ll'alcool . . 309 Pasto per l'emoclasia .dig·estiva iniell'itnslLfficienz a ·ep atiiea . . . . . . . . . . .' . . · 1380Patomin1ia c11tanea. da co1r r.e11te g·alvanica: d e r111atosi simulata . . . . . . . 1432" P ediatria : l·icette culinauie . . . . . . . 565 Pediatria: us0 di benzoato ·di benzile . . 66c Pediatria; v ed1 anche InfaJ1zia. Pellagra fra i prigicmier!i tu.r chi e tetieschi in E g·i tto . . . . . . . . . . . . . 205 P e.llie; ,·e di A·ca.r1thosis n ig·ricans, Bromo·derma., Ca,pelli, C:t1 te, D·e rmato1o·gia, Dermatosi, Igi ene della - , Im.pietig.ene, Ortica:ria, Prurit.o, P s.ori~si, Scabbia, Seborrea, Sporotrtco·s i, Tinta, T11bercoli·di. Pelvi: ad.e·n o1)ati e prin1itive 1e co.n·dizione . g inecologica non ancora 01sserv.c1ta . . ·. 90 P ensioriati; vedi JJledici co11dotti pensio11 at i. P ertsioni (co11.tril>11ti, reversibilità, riscatto di ,ann,i di ser v i:,io, ler11iirii utili, · ecc.) . . . . . . . . 35, 108, 209 210, 249, 2S1, 350, 4-60, 535, 569, 570, 606, 74-0~ 741, 838, 933, 003, 964, 996, 997, 1·026, 1027, 1094, 1222, .i

,,

!.

1

0

137 145-0 1448 381 401 1311·

1633 1731

.893 3{)9

1290 4.JO D7

1285, 1286, 1316,

1 3~8,

1392, 1418, 1434, 1531, 1532, 1637, 1676, 1742, 1743


-

XXVl

..

Pag•

Pa-g. •

Pe 1is ioni· vedi anche Cassct pens io n.i . Perct1ssibne <lell,addomc: dolorabilità Percu ione della regione paravert~brale ne.Ile malattie polmonari . . . . . . . f>erforazioni dell 'ulcera gastrioea e dt10denale: trattan1ento . . . .. . . . · . . I)e 1·icardio: . eg110 riscontrato in casi di versamento . . . . . . ·- . · · · · · · Periprootite gonococcica . . . . . . . . . Peritoneo: il lembo vescico-uteri!Il-0 nel la chlrurg'Ìa gin·ecq.logica . . . . . . . . . ·. Peritoneo: insufftazion·e per I.a d1agnos1 radiologi ca d elle affezioni addominali . Peritanite acuta: valore 1del sintoma del Cantani . . . . . . . . . . . . . . . . Peritonite cronica; peritonite tt1be.rcol are Peritonit-e: enterootom.ia 11el trattamento della . . . . . . . . · · · · · · Peritonite p1astica: una forma· di - . . Peritonite pne11mococcica idiopatica il) hambini . . . . . . . . . . . . . . . Peritonite tt1bwcolare: :inizio improvviso dei sinton1 i . . . . . . . . . .. . . . .

154.5 1310 11 18

1671 801

1559 1692

452 789 1727 651

1311

Peri:.ie medich e: vecli anche Ta1·iffe medico-legali.

P c1·man.gartatc di piotassio applicato ester11ame11te J)el' il trattan1ento del vai11-0lo 1312 P err11angnnato: reazione al - nel liql1ido ce falo-tl·a.chidiano . . . . . . . . . . . 1152 ~)ersonale nnvi·gante: viSlita di revi. i c~n e 1071 P e rtosse: iniezioni ·di etere . . . . . . 788 Pcl'tosse: vaecino . . . . . . . . . . . 205 Pe11osse; i anche Tosse oonvulsn. Pe. ie d el t nbo gastro-errteric-0 . . 1512 PF1'. l FFER 1.... . . . . . . . . . . . . 1033 Pia!'tl·i11e del sar1g\1 e . . . . . . . . . 527 f>it\gtrin e: 11nn1erazio!Ile . . . . . . . . 1151 I)i UBt rinogen esi e ten1po di coagt1laz·i0Tle n~lla tro1111Jo i extra,· a a.le: 101·0 impor-

voo

tanza chin1rgica . . . . . . . . . . . . . 11-09 J> it<;ule labl)ra: procluzi-011i cisticl1e . . . 300 Pi t~de: co11t.razio11e n scatto nelle paralisi o i g ani.cli e . . . . . . . . . . . . . 378 RiflP~~o

plamtnre. Pif•cli clole1)ti: i - . . . . . . . . . . "'' l)it·lite gra.nulosa »: casistica . . . . l'ielite 0 l'HV idi ca . . . . . . . . . 66?, Pil'l it i ltell'infanziia e n ella fét1tciullezza . l)i ~toi~rafi:1 . . . . . . . . . . . . . . . Piloro: e~arl'l • del co11tennto grt. trico 11elle sclt'r~i hr11ig-11e e J11aJig~e . . . . . P i 011 ri li 'i . . . . . . . . . . . . . . . . Piran1itlo11P per la. riee1·ca del sa11c-rue . 1>irt>lir1a: l'on1portan\e11to i11tl'aorp:n~ico . J>i rqu t: ,. di ".\Ietodo . J>itl1itrir1a e rottura dell ' utero . Piu1·in. n~rtti e él . . . . . . . . . 11 ittriu: t--.ttllu . . . . . . . . . f> I H t·c}1r• s • n il i di l1 ~cl I i cl1-Fi. eh e r Pln "'enta : I Ì})Oicl~ . . . . . . . . . J>Ju cca1tn }>t ' \'in: anali i di 100 co . . i . 1> 1n 11t«L prt'Yin: trattn1t1ento . . . . ì36, J'lJ[t · lta: ve<Ji nncl1e ~a11gt1e 1et.roplnntar . I >Jn i(>eef a lia . . . . . . . . . . . . . . Pla i "}u"' l:Oll cnnali <'llt~1 11 ei 1>reformati J>ln li hc: v r..<li a11r.he Autnpln .... ticl1c. ~ar-

385

S31·

1(()0 1311 1180 1175

n39

1 2~0

108't. 11 ~ i 102

959

1!~73

1732

92} 1ì33 799 1521

"'"""' I.

/1 ra l'' oft'~·"'iuna/1•

. . . . . . . . . .

rapporto delle emottisi con le condizioni delle - . . . . . . . . . . . Pleure: trattame11to clegli empiemi tnber-colari . . . . . . . . . . . . . . PJJeurite· appen1d i·c olare . . . . . . . . . Pleurite c-0n versamento. . . . . . . . Plet1rite con versamento : morte improvvisa i1ella ·. . . . . . . . . . .. . . . Pleurite secca : punte di ft1oco . . . . . Pleurite s i ero-fibrin06a: edema sottocutaneo .nella - . . . . . . . . . . . . . P1el1rite t11bercolare \$accata dell'apice: d1agnosi . . . . . . . Plie11riti : cura col pmeumotorace . . . . Pleurit i purulente: trattamento . . 1521, P .1 euriti ·p l1rulent.e (escluse le p leu·riti tube:r.colari) : trattamento . . . . .· . . . Ple11riti: spootam.e.nto laterale del 1aring-.e nei viersa·m enti . . . . . . . . . . . PleUiriti tubercolari . . . .. . . . . . . . Pleu1~01Pneumoli si extrapleurica nella cu-

14-07. 1627

_203 1672 1023

204

'

1

1085 P erizi e 1nerlicli e . . . . . . . .. . . . . . 1419

Pi de; veùi a11cl1e

Pleure:

J090

w

• •

217 203

113.5 1673 133

452

1671

ra della tubercolosi polmonare monolaterale

. . . . . . . . . . . . . . . . . Pn-eumococchi; vedi Vaccino antipneumo·o occico'. Pn.ffilmococcie me.mingae parapneumoniiehe e 1settioemie pneumococciche prin1·i-

1375

tive . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pneurnococci.e polmonari cc st:r.ascicat-e » e i:>rolun·gate . . . . . . · . · · · ·· · Pneumo ni te; vedi Polmonite.

801

562

1

1151 Pneumoradiog·rafia del r~e . . . . Pneumotora-ce artifieiale co.n particolare riguarclo alle forme -di t11berc-0losi bi582 laterale . . . . . . . . . · . · . . · · Pneuanotorace nelle c11re {lelle ple11riti . 1135 Poliartrite: .s.t1blimato per iniezioni endovenose . . . . . . . . . . . . . . . 456 Poliartrite: vedi a i1 cl1e Ret11na tismo art icolare . Poliglobulia: significato . . . . . . . . . 756 Polineurite dtfterica fatale i11 tun neonato 1312 Polisi.erosite: inizio raro . . . . . . . . 1008 Politica ed ese rci:.io profes sio1ial e: rappresagl ie . . . . . . . . . . . . . 317, 837 Polm on e: cstra.zi ope di 1111 proiettile . . 450 Polm o ni: riiagnosi degli a,scessi . . . . 1672 Polrnoni : fistole . . . . . . . . . . . . . 1176 Poln1oni : strepto~ri cos i . . . . . . . 305, 1606 l>oJm oni; vedi anche Afiezjo11i dei polmoni, .Circolazjon e n olmonare, Congestione polmonare, ~cl erosi polmonare. Polmonite caseos.a e tubercolosi prodl1ttiva: dia1gn'Osi differenziale see-0n.do il metodo di Ballin . . . . . . . . . . . . 1023 Polm<:>11ite e bronco-polmonite: ~angu1-

.s ugio

. . . . . . . . . . . . . . . . . Polmon ite inflt1enzale: cura col siero di conva le cernti . . . . . . . . . . . . .

278

1

Poln1 on ite sp.erim e11ta.le d .a s i1nbios·i batterica e J)atoge11e i dell'influenza . . . P olmoniti; V'edi an-che Pn etunococcie. Polso negativo stùle git1gulari nella cirrOSti di Laennec : a.ocem.tuaziooe . . . .

J->o] o ve11oso da p.aralisi dell'orecchjetta dr rt. ra . ... . . . . . . . . . . . . . . Pon1ata di :\letcl1nikoff . . . . . . . . . Pon1odori : cont1·oll o a.merica,n o dei c.oncentrati e i1ropo~ta di lln nttO\'O n1etodo

523

1

p p p p

P1

Pr P1 Pn Pn P1t

Prc Prc

863 Pr<

(',

452 18 1481 1343

z.i

Pro ZÌ1

Pro Jn


-

XXVII -

Pag.

Ponte : tumorie granulomatoso dovuto a sl:reptotricea . . . . . . . . . . . . . · 451 Poppante: malattie <la eccessi di idrati <li carbonio . ~ . . . . . . . . .. . . . 1215 Poppante; 'edi .an.che Lattante. , P orencefa lia con en1i.atrofia -oerebro-spi76...., . ta . . . . . . . . . . . . . 11a1e oroc1a Pooate e stA1viglie: mezzi di trasmissione d' infezioni . . . . . . . .. . . . . . . 1280 Posizio11.e del corpo e suoi 1spo.sitan1enti : percezio n e . . . . . . . . . . . . . 128 Posta: servizi di - . . . . . . 212, 319 Posta; vedi anche Co ltura . 19 Pott; vedi n1orbo di - . . . . . . • Poveri: cura; ved·i Presta:.io11i . . . 1218 Prealll1ce nell'u omo . . . . . . Prelevamento di ca 11i pi oni . . . 1531 • • Prese ri:io1ie; ve.di Carmpete nze. P1escrizio11i: vooi Fo1·n1ole. Pressio11e arte11o.sa: contributo allo studio della - . . . . . . . . . . . . . . 1259 Pressione n rterio...~'l : d.eter1ninazione . . 1148 Pr~&i011e ~"an guig11a: causa 1 d-ell'aumen17 to della - e ipertrofia cardiaca . . . . P1 essior1e: vedi anche Iipertensio·n e, T en-· ~one .

Pre.c;fazio n i . . . . . . . 7-0, 108, 144, 318, 351,

39-0,

~21., ~2.J,

Prt>sla;ioni:

100, 61-0, 670, 996, 1027, 1060, 1067, 1286 \'etli a.nch-e Co1npc ten:e,

Sf ritlta1n.e11lo prof Pssion ale. Pl'evi<le11za socia.le; vedi Istituto. · P1 igionieri (li gue1~ra: sindron1e da fame

1227, 1363, 1439 P 1 O<:P S<l .\ree per la 1-egam·entopessia 1telle de-vjazi-0ni uteri11e . . . . . . . . 450 Proctite: trattan1ento . . . . . . . . . . 1703 P1·octite: vedi aa1che P erirprootite. P1 octorlisi zucch er ata e urotropinizzata per il t rattamento -degli itteri . . . . . 563 Prodotti della decomposizione cellula r e: a.zi 011 e f ~1rm aoo logica . . . . . . . . . 761

P1ofessione 7i1>era e burocrazia . . . . . 869 Prof e.~si01ie 111edica: sfruttamento . . . . 1528 P1ofessione mP-dicu; v·e<li anche E.sercizio urofPssionale. Proiettile r1el i1ol111one (l i1el mediasttno c:;i11istro : estrazione . . . . . . . . . 4-50 Prolasso ·del r etto nell infanzia: ·Cl1ra . . 1704 Prolasso urtero-vaginél.le: patogener-:i . . 312 Propaganda igiemica e J ~1 scuola . . . . . 1035 P1·opngan·d a ; vedi ancl1e CattedJra <1mbu1

la11t.e, I stituto. 1193 1195 4.10 Pro.statici : cateterismo ·difficoltoso . . . 11.1.3 Pz-ostatiri: c;afeterismo d ur.g'enza . . . . 297 Prostatismo senza prostata -. . . . . . . 767 P rostitt1zione e ,aboli zioni1S1111-0 . . . 1073, 1399 Pt·ostitl1zione: l a nl1ova lega abolizi'onista ed i Tegc0lamemti Gontro la - . . . 967 Proteine aspecifich e e siero antigonoccic·o: terapi a combinata nelle compli-0azioni .gonocoooich e . . . . . . . . . . . 524 P roteine specifiche asmoge.n.e : cnttreazioni . . . . . . . . . ., . .. . . . . . 539 Prot.eiJ?.oterapia ·diella cacheS8ia t11ber.coJf\ r€ n ei l)n mbit:ni . . . . . . . . . . 1217 E. . . . . . . . . . . . . . . . P1·ostruta: iper11'ofia della - ed eosi11ofLlia Pt·ostatecto·mie 8oprnpt1b irh e . . . . .

PHOST>f.:Rl

1

Pag.

P11·oteinotera1:>ia della febbre melitense . Protein.oteTapia nelle form e .infettive a<!Ute

·

.

.

. •

• .

. ..

.

.

. .

. .

.

308

1310

Pr-01:einoterap.i a: preparazione d·el latte steri1e . . . . . . . . . . . . . . . . 1415 Prov1a di H ollaender nella tuberco1osi . 8, 699, 864 . Pru1·ito: trattam.emto lo·cale . . . . . . . 1450· P seUJdoartrosi del collo del femore : nuovo metodo ·di t.ra t.tamento . . . . . . . . 237 P seUJdomixoma addominale di origine appendi1colare . . . . . . . . . . . . . . 1121 Pseudotubercolosi vermiJ1osia . . . . . . 112-0 P sichia tri a; vedi Frèniatria, ni edicina a lienista. P1sicologia ·d ella d anza . . . . . . . . . 835 Psiicon etrr.osi: il .s impati·CO· ed il s istem a n ervoso centra le n elle - . . . . . . . 54 Psicooi a ll11 cinatoria acuta consecutiva ad .atto operativo con 1rachian estesia in a l·cooltsta . . . . . . . . . . . . . . . 1459 Psicosi e r1europ atie organiC'he: tr a.Jttam ento . . . . . . . . . . . . . . . . . 598 P sicosi infettive ·Con partiooli111e ri g11J3 rdo a ll'en cefalite .l!e1a.rgi-ca . . . . . . 167 Psicos i \9ealil'i . . . . . . . . . . . 445 Psoriaisi : pse11.dospironemi . . '. . . . . 733 Ptialina : ricerche .s ull 'attiv·ità . 342 Ptosi della pars pilorica 1dell-0 stomaco e .co~~ch.e b ilia·r i . . . . . . . . . . . . 253 P tosi gastro-inte-stina li . . . , . . . . . 1510 Ptosi ematiea : forza ·di resisten za alla g r avità n ella c1r.ool azionie . . . . . . . 372 P t1bertà: ipertiroi.dismo . . . . . . . . . 1312 - ' Puerperi normali e patologi.ci : az ione ba:tteriolitica dei lochi . . . . . . J 674 P11erl:>eriio : ricer che .sp erim entali s11l lavoro ·e sulla fa tica . . . . . . . . . . 1373 P11eq>e rio; vecLi anch e I(l1fezioni ipuerperali, Lochi. P unizioni rlisciplina1·i . . . . . . . 710, 282 Ptmte di fuoco n ella rplet1rite secca . . . 204

Punti dJolo1r osi r ena-ureterali . . . . . . 1279 te P 11nli ossei dolorosi » e lor.o· importanza diagn·o,s ttca e terapeutica . . . . . . 237 Puntura capillare della vescica : peri.col i 379 Puntuna delle vene : uso ·degli a ghi di acciaio : . . . . . . . . . . . . . . . 1704 Punture ev'.-1Clta tive e l avaggi .con a lcool per la c·u ra degli ascessi caldi . . . . . 511 Purg·anti: uso ed abuso . . . . . ~ . . 700 P11stola c.n.rbon.chiosa; vedi. C.arbonchio.

Q Q11ErR0Jo: onoranz:e al prof. - ed in augt1razione del l 1I.stit11 to ·Cli Clinica n1ecli·cadi P tsa . . . . . . . . . . . . . . .

675

R R abbi a: deviazione del complemento 526 Rabbi a : .pirofilassi p ost-b elli ca . . . . . . 478 Rabbi a: vedi anche Virus rabico. R.achialg;i.e a:cu t.e a .cfl.I\atterre particolare . 1475 Ra;chianestesia: azi'OJle sulle ft1nziorni del fegato e del ·r ene . . .. . . . . . . . . 323 R achianestes:i.a: m etodo di d.i fooa con:tro gJi accide11ti b11lb airi. . . . . . . . . 1379 1


-

XX'' lll P ag_

P ag. ~

Racl1ianestesia: psicosi allucinatoria co11secutiva ad atto operativo co11 - in alcoolista . . . . . . . . . . . 1i59 Rachitis1110 : il - . . . . . . . . . . . 665 Ra~hitismo , malattia da carenza 491 Racl1iti ·mo sifilitico da baliatico 527, 8 63 Ra.chitismo: uso ,ciel fosforo . . . . . . 1345 Ra.diazioni serc ondarie ottenute per m ezzo della ionof,o resi argienti·ca: azion e . ",....." biol ogica e curat iva . . . . . . . . . . l :1r1 Raidiazioni second.arte; v1ecti a11che Ra.dio terapia, Raggi secondari. Radioeocita111ento delle g.Landole sessu ali 1731 Radio e radinrnrt erapia i:n .ginecologi.a . . 1731, 1

1732 Radiografia a servizio della chirurgia . o.13 Radiogramma dello «stomaco nervoso» . 82?°>

Radiologia: diagnosi 1dell~ a ffezioni addomi11ali dopo in6ufftazi-Olile preliminare . del peritoneo . . . . . . . . . . . . .1692 Radiolog ia 11ell·e cardiopatie . . . . . . . 1368 Radiologia; vedi anche Ragg·i X. Radioterrupia assoc~ata aJla ib'l1oforooj a rgentica 11el trattan1ento <li un ca1,cino926 n1a ulcerato della facc ia . . . . . . . . 29 Iln.ù io terapia clell ' i perii roidiSino, . . . . . I\i1d iotr i·ap i a e c:nira cl1irurgica del cr.J1cro . . . . . . . . . . . . . . . . . . 757 l{OJdio terapin intensiv.a: a propos ito di 1510 Radioterapia i1nt ensiva n·elle Clini che tedesc11 e . . . . . . . . . . . . . . . . 1421 734. Ra.ù iotcrapict: tato attuale . . . . . . . Radioterapia; ''edi an che R a·d:iazioni seco11d.a.rie. Rn cl i nn1 : accaipan.. amento inglese . . . . 1452 Rndiun1: inodificazioni indotte nei neopla ·n1i e i1ei tessurti sami circosta11ti . 987 R<ld i un1 per la ·cura c1ella tigna . . . . . 503 Rnd i 11mterapia: casistica . . . . . . . . 1343 nact iumtPrnpia dei caircinomi cervico-vaµ-i11a l i . . . . . . . . . . . . . . . . . 598 Il udit u1tterapi è1 dei carcinomi del collo t t teri11 o . . . . . . . . . . . . . . . . 14·08 naffl'PddRmer1to: a lterazioni r>rodotte 111 • ~(> )\\. ................ . 1057 J~agadi anni i: t1•att c_1111ent-0 . . . . . 140, 490 }{a ga cli dr. I ·c110: t rat•ta111ento . . . . 602 na.uµi \"-('l'Ulltlèl ri: f\Z ÌOlle antibatterica . . 629 Il nggi r-.pr·onclH1 i: Yedi amche Radiazioni s '«onda r ic. llnggi \ : azio11e 11el le Let1cemi& . . . . 1115 lla ggi \; v di Pi elngrnfìa, Radiologin. Ila.cl in t ern pi a. Itantolo e 5offlo 11ell ' nc:coltazione orale . 395 ll:t"'chia111 11to d ell 'u tero: 1in1itazione nell'nhorto . . . . . . . . . . . . . . . . 1734 I t~azio11P- a li n tu he rcolina ; vedi Tuber ··o1inc. J{ :-oaz.ion1 al pern1n.ngn11n to n0l liqt1tdo cefnlo r:ichidinno . . . . . . . . . . . . 1152 I t l' tizi o 11 f' <• 1~ t o I i t i en . . . . . .. . . . . . 1621 Il nziollt' d •l \·i 1·ng-g io glol111lnl'e: interp1 tnzi ont• d pll PlllCX'oltnre rlnlln - . . ( 67 lt1 a1..io11 di J{o1 clt>t-Gf•ng-011 t1elle le io11i aorLi ']H• • . . . . . . . . . . . . . . . 11 ~2 1

1

1

l~en.zi >11t• di

J~

eh, uzion

. . .

Il

I

let-\\·a ...

Cf'llHll1Jll:

ricer-

r

336. 338 Reazi t)11c di\\ eil

. . . . . . . . . . . .

di I\ 1fka:

\·~cli

J\nfka . P .. zion {li ='a t '1'°>-(iPorg-i lJe1· la ctinguosi d lln ~ifilicl : \ 1101· delln - . . . . .

69

Reazione di S chick e p1·ofil.assi della difteJ-ite . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1155 Readione .d i Schick: la. - . . . . . . . . 48(). R-eazii001e ·di "'' assermann : dosagg-io degli ant.i:corpi . .. . . . . . . . . . . . . . 1463 Reazione .di \\-asser111an11 e dati clinici . · 1703 . R1eaziooe di ~TélJS8e rrnar1n imu ostata a tempo . . . . . . . . . . . . . . . . . 722 Reazione ·di Wassermann : inet·o.di s ierochimi1c i c.01sì .d etti «equivalen t i » . . . 811 R eazion,e di ·v.l assermaJnll nel ·sang·ue re- · trop1la1cem.tafle . . . .. . . ~ .. . . . . . 1214 Reazione di Wassenn.amn: sulla - . . .· 993 Reazione ,di W 1assermarun-Kau1) n1o·dificata : ricerche . . . . . . . . . . · . . . . Reazione di ' '' assermann; vedi anche R eazio11e cli Bordet-G·en·gou-\'Tassern1am.n. R eazione di \\'.eil e Kafka nel liquido cefalo-rachidiiano . . . . .. . . . . . 698, 1124 R eazi one di \Vildbolz per l a tubercolosi 864 R.eazi-0ne mioclMica meccanic.a ed eftet167 tl':i.ca nell'encefalite letargica . . . . . R1eazi·oni per la ricerca d el sangt1e neJ.lie . feci: valofle c-0mpar,at iv:o . . . . . . . · 029• Re1azioni tubercoli.n icl1e p,e r. l a 1')1l'og·nosi ed il ·g·iudizi o .della tulberco lo,,si R ecidiv.e: il ·coLncetto delle - . . . : . . « R éc lame »; la e i medici . . . . . . 1

1

R eferti

. . . . . . . . . . . . . . . . .

R eg·io11e l)a ra vertebra le : pel'cu..c::.sio11e 11 elle inala ttie ,p o'1n1onari . . . . . . . . . . 1310i Re11e: alteJrazioni istologicl1e l)l'Odotte cla1

. . . . . . . . . . . 1057

raffred1dan1e111to

R e11e: azioLle della rnchia.1 1estesia Slllla · funzional ità . . . . . . . . . . . . . 323 l{e11e ed nretPre: r ece11tj l)l'ogressi della cl1i11.1rgia . . . . . . . . . . 57, 231 Rein e: emostasi a l1elle f Pl'itc . . . . . . . 734. Rene grinze: diagnosi precoce . . . . . . 92·0 n on e: la cura m e1~e1t1·io-!:>a l\'a1'. a-11irè1 lo . 276 danneg.gia? . . . . . . . . Re11e: i)neu111oradio graftn . . . . . . . . 1151 Rea1e ~)oli cist i co ii1 g·r~tv i dnil1zu . . . . . . 1731 Rene t11beroolioitico: i11di\'ict11alizzazione . . 3ì9' Re ne t11beraoloti ro : ter1no1)11·ec:Upi tazio11 e pe1· ln d i a.gnosi . . . . . . . . . . . . 450 Re11i. e(l e111oglobi11uria })Hro~sisticn . . . lZ.03 Re11i: fn11zionalità nella graviclnnza 11orn1ale e oatologicn . . . . . . . . . 102 Re11i: t11bercoJ.osi . . . . . . . . . . .1516 Re11.i : urea ed azoto 1 e~irl11 0 rl I sn 11 gne 11Plle a.ffez ion i dei - . . . . . . . . . 13?9 n e11i; vedi a11cl1e l: alcolo~i rer1ale, Idronefrosi, X efrecto111in, • e frolitia~i, Pio11 p-frnsi, P11nti cloloro. i, Ol'g·a11i nro-.ge. 11 i tali.. 1

R Psi dpn:.a; vedi Condottr 1nr rfiche. 1

Re piraz ione « a \1 alvoJ a » . . . . . . . . 156 R rs p onsabil ità cir il e 7Je t r·i t ardril a o pp1·a: i on e eh i r urgi ea . . . . . . . . . . . . 807 Re t1·i11 gimenti t11·e trali: r1ei - . . . 1480 lle t.ri11gime11ti; vedi a ncl1e tenesi. Reti1rite nel diabete . . . . . . . . . 76~ J=tetto: cura d egli a.sce. s i . . . . . . .. 991 Retto: L~11ra del proln .... o nell'infanzia 170l Retto: diagnosi d e l carcinoma _, . . . . . 138 Retto: e .. 11lorazione 11el ban1bino . . . . 763 Retto: ferite da impalamento del - . 1105 Ret to: vedi ancl1e Proctite. Rel1n1atis1110 ac11to infa111tile ... . . . 666 1


~

XXIX··-

'

Pag.

Pag.

Reum.atismo articolare a,,cuto: tratta.mento con lo zo11o oolloidale p er via endov e.n <>Ba . ., • • . • • • • • . • • • . 1235 Reu·m .ati&no articolare acuto; vedi anche P o l i artirilùe. Reumatismo tubercolare . . . . . . . . . 830 Rtcadute; vedi Recidive. Ricambi.o azotato: azione {lelfa c1oro11iar-

SaJ?-gue: trasfusion e nell 'anemia pernici.osa . . . . . . . . . . . . . . . . ~ "1242 Sangue; vedi an.che Cianosi, Ematolo.gia, Em.aJtopoiesi, Emooolture, Emoagglutinazione, Emociaisia, Emolisina, Eo.sinofilia, Eritroblaistoei, I pertensione, Lavor-0 musoO'lare, Leu.co·citi, P iastrine, Poltglobulia, Ptoisi ematica, S·C'hema .di Arn eth , ·rrasf11sione, Tro·m bop·e nlia. Sangui.sugior nella polmo,nite e n ·ella bro,n co-polmonite . . . . . . . . . . . . . 278

C@Si

.

. .

.

.

.

.

.

.

.

. .

.

.

·

·

45{>

1419 Riflessi dell'apparato ,gienito-urinario . . • 858 Riflessi nelle :iiperalgesie . . . . . . . . . 1591 Tiiftessi o·culo-cardiaci e v.a g.g-simpatici . 346 Riflesso oculo-cardiaco nelle steinosi nasali . . . . . . . . . . . . . . . . . . 627 Rifle550 plantal'e controlaterale : significato clini co . . . . . . . . . . . . . 557 Rifles o plantare patologico . . . . 1 ~1-D Rinite; vedi CataNo p.rimaverile. • Risanamenti idtrici e febbre tifoide . . 1635 RiYulsivi nelle meningiti mi.dollari e cerebrali . . . . . . . . . . . . . · . 1450 Rizotomia 1posteriose a scopo analgesico 1694 Roseola cliel tifo esan·tem ati·co : osservazioni istopato1logiche . . . . . . . . . . 14-0 Rottura dell'utero e ·pitt1itri111a . . . . . 1181 Rottura della ves cica .d:u-r:ainte il parto . . 1182 Rotl1la: ope11,azione nella lussazi1one abi tua le . . . . . . . . . . . . . . . . . Rumore .di soffio succlaveare nelle lesioni periapicali . . . . . . . . . . . . . . 452 R11mori sistolici accidenta·l i: rapporti col1'ipotor1ia del cuore . . 14.76 R l'SCA c. . . . . . 38 • • R t SCA p. . . . . . . . . 1()33

Sarcoma -della tonsilla palatina gu.arito col metodo Citelli . . . . . . . . . . . -Sarcoma me1amotic,o della iossa nasale sini.stra oonsecutivo a ferita . . . . . . SaturniBmo: ulc•era ·diuoden.a Je nel - . . Scabbia: trattamento . . . . . . . 601, Scabbia; v.e di an:che A.e.ari.asi. Sca1--laittina: valol'e diagnio stico del segno di ,p asitia . . . . . . . . . . . . . . . s .c arlattina: Yedi anche N1efriti. Schema di Arneth in 1ra.p porto a ll 'infezione tu bercolare . . . . Schick; vedi R eazion·e di -. SCHMIEDERRERG 0 . . . . . . . . Sciatica: ct1ra . . . . . . . 1281,

s

Scioperi nei pubblici servizi e Ordirie dei medici di Roma . . . . . . . . . . . . Sciopero di medici . . . . . . . . . . .

Ricorsi

. . . . . . . . . . . . . . . .

1

1

'alt1te I>t1bblica nella Russia dei Soviet . 206 Salute p11bblica· ve.di anche Demo.g.raiìa, Sanità pubblica, Vigilanza igi€nica. alv airsrun argenti·co . . . . . . . . . 125, 439 Sa lva.rséln: morte da - . . . . . . . . . 1471 S<1lva1·sa11 nella cura d el1a gan.g·l'e n a po1 1nor1are . . . . . . . . . . . . . . . . 1154 Sfl lvarsan; \'edi .anche Arsenobenzoli, Sifilide. Sanatori ·p er tl1bercolotici in Italia . . . 931 . angue: coagulaziorne . . . . . . . . . . 702 Sangue: dosam1ento dell'urea . . . . . 1156 'a.ngue: fisio101g ia e .p atologia ne·Ll'emoagg'l wtinazione . . . . . . . . . . 1144, 657 Sangue: infl11ell2 a d·ella diafi0·r esi sui cloruri 1dell 'ur ea . . . . . . . . . . . . . 1082 Sa.i1g11e : m etodo chimico per il do saggio d egli zuochieri . . . . . . . . . . . . . 242. . '.an1g:ue : mierro. .me to1do per il ·dosa.g gio dello zu.ech·etro : . . .. . .. . . . . . .. . 1665 Samgi.1e r.nell·e feci: valore comparativo de'J.le reazi·otn i . . . . . .. . . . .. . . . 929 aJl,gu.e·: piastrine . . . . . . . . . . . . 527 SangUJe r·etr.oplacentare : reazione di 'Vas,s eirrn.ann . . . . . .. . . . . . . . 1214 SarigQ.1e : ricerca iper mezz.o .del piramidooe . . . . . . . . . . . . . . . . . 1280 Sanfn1e : ricerch e sul1'a coagu.Lazior:ie . . . 309 St· .-..~ .. · . ~posta.metn.to ·dei l eucociti . . . 632 Sangue: tras'f11sione in ostetri·cia ~ g inecologia . . . . . . . . . . . . . . . . 1240 I

1

1

1

1

Sanità militare: riord.ina1Tierito . . . .. Sanità militare; vedi anche Corpo sanitario, ll1edici 111ilitari, Servizio 1riedicomilitare. Sanità pu,bblica; vedi A niministrazio1ie sanitaria, Salitte pubblica, Servizi di vigilan::;a igienica, Servizi sanit ari. anitari direttori di I stituti Ospedalieri .

1

crerosi a piastre: ricerche s'Perimentali .s u'l la 1pat,og·001esi. . . . . . . . . . . . . Scler.osi bemigne e n1a.ligne del p-il·0iro: &Same del contenuto gastric-0 . . . . Sclerosi polmonar.e ed asm a . . . . . . Scleroisi prrec~p ill aJI"e . . . . . . . . . . . Scolari: esame .del la go1la, ore"Ccl1io e n aiso . . . . . . . .. . . . . . . . . . Sco111olamin a r1ell e .s indromi parkinsoniane . . . . . . . . . . . . . Scuola e· maJattie i1nfettive . . . . : . . Scu ola e p 1ro.paganda jgieni.ca . . . . . . Sct1ole; vedi an.che Libretto sanitario scolastico. 1S·e borrea: cura . . . .. . . . . . . . Secreto intestinale: fosfogli·ce1"asi . . SecTezione interna della milza . . '. Secrezion.e interna e sistema nervoso

70

106, 1060

987 341 137 1451 343 •

655 1289 1314

1094 1529 984

1475 595

1477 1137

1

1

1249 992 1035 891

1213 170& 467,

51B

Secrrezio·n i interne: .i nfluenza in alcu1ni di1sturbi m·estru.ali . .. . ., . . . . . . . . 19@ .S ecrezioni interne; ve.di anche Gl.andole eindo1crine, Mi1lza, Oftalmi0iie·a zio1n e. Se·gn.o dei p.r olabii nell'.encefalite letargica . '. . . . . . . . . . . . . . . . . 166 Segno ·del f.ac·ciale· nei bambini d.ella seconda infanzia : valo1re clini co ·. . . . 14-05 Segno .dell 'ombelico . . . . . . . . . . . 1247 Segno ·d'i Pastia nella scarlattina: valore diagnastioo . . . . . .. . . . . . . . . 343 Segmo riscontrato iin casi di versamento pericardico . . . . . . . . . . . . . 1671


-

egrelo profess ionale

xxx-

Pag.

i 'ag .

. . . . ... 640! 902, 1096

Sifilidle : èSatto \·.a lore teraipeiutioo de<llo 419 ioduro di potassio . . . • . • . . . . . . Stifilidrè : frequer12a n.egli 8JJTI hi-enti r u r a li 564 Si·filide: la ieura me~cu nio....saJv.a.rsan dan. i·1 .ren e.? . . . . . . . . . . . . "'l761 n,eggia S,ifilide Jaten :te ,. . . . . . . . . . . . . 275 Sifilide nervosa · e su.a •CU>ra . . . . 1013, 1015 Si.fìlid e nerr vosa : tintemooi i1rutraracl1i·c1iane di novoars enobenoolo 528, 529 S,i fili de: :rachitisn1·0 da - . . . . . . . 1627, 863 Sifìll.id.e: (I"ec;em t i ·rii-ce'f!che . . . . . . . . 553 Si.filid1e : st11peru1.fezione . . . . . . . . . 1083. Sifilide; vedi ,anoh1e A1ortit e isi..fiL~ti c a, Ci r ·OOincisione, L uie, M·alattie ven eree. Mentngit i sifilitich·e, Nevri·ti ottich1e, R eaziicmi, ,S ifilo111a, Sordità, S;piroch ete pallida, Tube.r col oti·ci. 4-0i Si.fìl oma JiniziaJie dehla ton1s il1a palati n a ,S~gm-0d1doscopta niella di a.g·oo·s i deilla dis.senteria .crontc.a . . . . . . . . . . . . 1553 .Sili•c.ato d i sodio ·per r1niiez1o1ni end-0ve11lo.se 41-ì S im·p atico .ceTIViiioo-tor31cico: .resezione per il trattam enta ch irn.irgico dell'angina ·di p1etto . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79S. Simp ruti1c-0 e sistema neryo so ce.n tral.e nelle psiooneurosi . . . . . . . . . . . .. 54 Sirnp.ati1co .e vago: ·esclltsi•one n·ell'uilc.el'\a g.astrioa . . . . . . . . . . . . . . . . 1146 Sindacati medici : Corigresso . . . . . . 1711 Sindacati niecl ici: varif. . 176, 460, 1382, 11i-1 ì

Seni durali: sutura yasale nelle ferite . . eno: 11elle ragadi del - . . . . . . . . eno; vedi anche :\Iammelle. . e11so musicale: ved'i Amusia. .,epei puerperali: flebo.elisi ·di soluzioni glucosate ipert0tniche . .. . . . . . . . . epsi rpueri_Jerali; vedi .anche I nfezioni pt1erperali.

618 602

1

1732

. ervizi cli viailanza igienica : la riforma

1

de i . . . . . . . . . . . . . . . . . 493 ervizio di assistenza sanitaria: sistema.::ioné e l'assicuraziorie obbligatoria coni ro le malattie . . . . . . . . . .. . . 803 Servizio medico-111,ilitare . . . . . 35, 209, 282,

{)06, 6tl, 775, 871, 965, 1095, 14-85, 1637 Servizi sanitari al enato . . . . . . . . ervizi sariila rt: vedi anch.e Aniministraziorie sanitaria, Sanità pubblica, Tubercolotici.

208

. etone: valore tera1)eutico . . . . . . . 8etticemia colibacillarie : ·Casistica . . . . ettice111ie p11eumococciche primitive e pneu1nococcie menimgee pa.rapneum-0nich e . . . . . . . . . . . . . . . . . . • finte1·p: cr eaZAione nell'ano preternatu-

1250

1

1

561

1

801

ral.e . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1412 Sfrutta1ne'n t o prof essionale . . . . . . . 1528 Shock; v-e·di Choc. ie1ri e vac.cini n ell'uretrite gonococcica e sue complicanze . . . . . . . . . . . . 8-02 iero a11tidifte1i.co ad alte dosi . . . . . 1736 Siero antie1norragico . . . . . . . . . . 867 iero antigooocoecico e proteine aspecifl ch e: terapia combinata nelle complicazi0111i gon.o cocciche . . . . . . . . . 524 'iero antis treptococci·co e vaccini streptococcici . . . . . . . . . . . . . . . 802 iero c11rativo di conv.alescenti d i polmonite ir1ftl1e11zale . . . . . . . . . . . . 523 iero dei vesci caJ1ti: eosinofilia del n ei t11bercoloti ci . . . . . . . . . . . . 699 . ierodiag11o"i della. febbre maltese . . . 98 . ierodinglll()Si di "\\"idal nel liquido ce·falorachicliruno . . . . . . . . . . . . . . 1705 iero e lipoidi: osse:i;vazioni im111u11ologirhc nei rn.•p po 1--rti . • • . . . • • • . 1408 iel'ositie; Yed i Poi i - . ,....iero tcrape·11tico : a.cci denti delle i111ezioni en doveno~e di - . . . . . 417 • ie1 ote rapia : acr irlenti consecutivi . . . 1078 ieroterapia antidifterica . . . . . . . . 1297 ieroterapia della febbre ma.J~ese . . . . 98 .... ierot~rapin e v~ctinoterapia anti6treptococc1cu. -e a11t1stafilococcica . . . . . . 1434 • ierotcrnpia; vedi anche Auto-, S~eri. Sifilide ca11sa cli n1orbo (li Pott s11bocciil) i t n l ., . . . . . . . . . . . . . . . . . 1·5~ • iftlid"' r·au!Sn rli ra cl1iti mo . . . . . 527, 863 •' ilìlid t'OO t) 'lnitn della e 011da gener azione . . . . . . . . . . . . . . 275 " ifilid concr nit.a. : rivi. tn 1ia untiYa : 1695 . i li 1id e : "111·:1 ne I In Jl l'a ti cn . . . . . . . 'i. 13 ~ifllidP d:t l>adiati co: i11fortunrio o n1aJattia, profe ... ional ? . . . . . . . . . 771 siflli le dt I t·unu n1idollare . . . . . . . : .iOG ifllide r1 1 11 "'Onaio: trntt.an1 nt.0 . . . . 1123 ifllid pnti ca: rli a.crno i differenzial e clei tu1r1 ri nA.lciomi11ali . . . . . . . . . . 1301 s!fi l id r r• l itnria: nortite . . . . . . . 6.'3 1flliùe retlilal'ia: \·e li a.i1cl1e Ere<lolue. 1

1

Sindacato medico: verso un -? . . . . .

Sindrome appendd.co1ar e e di str-0zzam ento1nelle defiormità d·el .colon asciendente . indrome da f a:me nei .p rigionie·r i di .guerra . . . . . . .. . . . 1227, 1363, .Sindrome di Ada.ms-.St-0ke.s . . . . . . . .Siridrome di FToin e sponid.ilosi ri.zom,elica S in1d irom1e di ì\1:é11iièr.e: rap1po,r1t-0 ·com le affezriorui va.sali del labirinto . . . . . Si11 dr-01n1e ·d.i pancreatit.ei cronica coa1se·cutiva ad uJ a€ffa gaistrica . . . . . . . Sindrome emr01·ragica .e tirofidina . . . . 18'i11drome me11taJle p·art~ool.are oon.s.ecutivn. all' enrcefalite epid•e111ica . . . . . . Si11d·r ome parkinsomi1ana consect1tiva all 11e.n ce f;aJi te I.e tar,gi1ca . . . . . . . . . ~indrome pos t-.enoefalitiica; vedi Sono.o. in·drooni an atomo-cLindche derl oorpo s t ria.to . . . . . . . . . . . . . . . . . Sindromi en10Nap:ich·e: viedi ~Ialattie en1orragic,h e, S:imdrome. S1'n1d:Iiomi r>arkinsoniane : le - . . . . . indrr-.mi parkinsonia11e: ~·copo lamina ne lle - . . . . . . . . . . . . . . . . Si11dooim:i pArkin·sionJia11e quali poistumi .di encefalite ietargioa . . . . . . 1120, S1ndromi parkinson·iame; ,·.edi an,che Encefnf1itei epidemica. Sindromi cl. . . J)Ost-en refalitiche: COIIlltributo 1nl CO . . . . . . . . . . . . . • . . . Sindromi })OOt-encefaliti,che cosidetrte letaTgi che . . . . . . . . . . . . . . . . Sin·dromi 11 r emigene .e nefriti . . . . . . info iectomia parziale alla Costa . 733, Singhiozzo: cura . . . . . . . . . . . . Singhioz7.o epidern ioo: ricerche sperimentali: note critiche . . . . . .' . . . ~nghiozzo: meccanismo . . . . . . . . . ing hiozzo; vedi anche Diafra1nma ~ino,·ite t.rn11matica anchilosante del ginocchio: intervento . .. . . . . . . . .

901 1376

1439 1124 709

1372

1

1689 29

575 45 t

·69 i 1339

12f.9 126~

1266 1377

1179 1730

831

s s 1343


-

XXXl -

Pag.

Sinioma del Ca.ntani: va10ire nella peri-

wrute

~int.01na

aau~

t. . . . . . . . . . . . .

452

di Chvootek e tuberrolosi nei bambinj . . . . . . · . . . . . . . . . 1067 Sintomi o.rali delle malattie . . . . . . . 800 Sinitomi respiratori a.a gastrop·t osi . . . 489 Sinusite post-morbillosa: ca usa di asces8'0 d~l lobo f·rontale destro . . . . . . 616 Sistema digerente; vedi Appendice, Dispepsie, Gasitl'l()(patie, Imbarazzo gastrico,, Organ·i digerenti. Si<8'tie1n.a nervoso .centrale e simpatico nel- · le l)SiconeuroSi . . . . . . . . . . . . 54 Sistema nervoso e secrezion·é interna 4-67, 513 ~i ~ tema nervoso: lib2razione del1e fun• • ZlOOl . . • . • . . . • . . . . . · . · · 1735 Sist.en1a 11e1voso: ricerche istologiche . 451 Sistema nerrvoso: uso di arseni-cali nelJe fo1me spastiche . . . . . . . . . . . . 1326 Sisten1a nervoso vegetativo e ccxl.ialiti.asi 1401 Sistema nervooo; "·edi anche Encefalo, Nervi, Sifilide, Simpati·co. Sistemi.; vedi ar1che Apparecchi, Orgaini. She•·,·ingt-011 ; , .e,di L egge di . Societcì mutitP; vedi ll1utue. Sodok u : eziol o•gia . . . . . . . . . . . . 875 Sodòkl1 : terapia . .. . . . . . . . . . . 415 Soffio e 11·,a ntio lo 11ell ascoltazione 1o rale . 395 Soffio suoola.v.eare: rumor.e di - tnelle lesioni periayicali . . , . . . . . . . . . 452 Solumsky: V1ed1 Metoclo - . Solfato <li ran1e come abortivo: mancato aborto e morte della madre . . . 451 !':ionde 111·rtrali: ste.1ilizznzione . . . . . 141 Sonno: in,·ersione del ritmo -con .agitazione p&ico-n1ot0Tia notturna. (Sindrom.e nost-encef ali t.ica) . . . . . . . . . . 181 Sorclità eredo-sifilitica: Cl1r.a . . . . . . 1123 Sordom11ti: edu,cazione . . . . . . . . . 1218 . ·o.~ta.nze coloranti in svluz.ioni p.ropiJiche nella terapia .chi·r urgioa . . . . . 44 Spn.l Ja: .RriJZ'11 i fì{·at-0 o1inico 1del dol01re alla - nelle lesiom della mertà superi.o re rl e11 'ad cll()l"l'1 e . . . . . . . . . . . . . 1273 S,p aisrni jackoo11iani ed epilessia essieinziélle . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1378 Sipasn1oifillia : diatesi . . . . . . . . . . 1616 Spina domale; vedi Spondilite, ·S pondilosi, T11nlori spinali. « Spirochaeta f:!f)oroge na psoriasis » . . . 272 Spirochete p-allid.a: ooltl1ra . . . . . . . 1738 Spirochete della sifiliide e sl10 polimor.fiis'rn,o . . . . . • . . . . . . . . . . 1323 Spia-ochete nelJ '.enrefalo dei paralitici . 1375 Spironiemi (·psellldo -) nella pS01ri.a'Si . 733 &plenomeg'\a:lia emolitica . . . . . . 1596 • Spondi lite: dia.gnosi . . . . . . . . 456 Spon.c1 il i·t e ti f r.s a . . . . . . . . . . . 1074 Spondilite tubercolare : ·c ura . . . . 1665 Spondilo1s i .riz()llllelica con sindnome di Froin . . . . .. . . . . . . . . . . . . 700 Sporotr1oosi outanea . . . . . . . . 308 Sporotricosi sp·er1n1en tale . . . . . . . 1004 SputaTe: il divieto di - per terra . . . 1250 Snuti tubercolari: disiin:flezione . . . . 008 Sputo : colo.razione delJle fibre elas •ti·che . 491 Sputo: metodo di <:olorazio.n e dei baicilld t ub e:ric.:ol ruri ;, . .. . . . - . . . . . . . 1563 Sputo; v edi anche EspettOrato. STABILINI C. . . . . . . . . . . . . . . . 1226 1

1

1

1

Pag_

Stabilità . . . .108. 009, 249, 318, 390, 423, ~1 497, 6~1, 741, 775, 888, 997, 998, 1027, 1095,

1254, 1286, 1392, 1485Stabilità; vedi anche Interinato. Stafiloooochi; vedi .Sieroterapia 1e V·atccinooorapia. Starnuto : valore ne.g·li a·ccerta.m enti inedilco-lega:Ji di affezioni dolorose . . . . Stasi i•ntestiTuale cronica: ·cu.r .a c·h iru1'"• g1·ca, . . . . . • . . . . . . • • • • • • S t.a tistica d1elle ca ll se di mo·r te in Itali a

nel 1916 . . . . . . . . .. . . . . . . . St~ no&i ,filoo-t:oli-che da l)Oigjz:i.on.e: di-agt"l.OSI. • • . • . • • • . . . . . . . ...: . Steniosi infi·a tnmaioria ·<F.Qt11ioa d etlla regione cardiaca dell'esofago . . . . . . S·tenosi m.ediogastrica determinata .d a ernia t0mbelicale indiretta incon1pleta Ste'I10si n1itralioa: tliagno&i preooice . . . Stenosi mitra!lioa e lesioni apiooli . . . Ste1I10si mistralioa: para lisi deJ rico·r t1·ente . . ., . . . : . . . . . . . . . . Stenosi nasali: riflesso oicuLo ca:ndiia;co . Steniosi .sp.erimentaJe cLei v·asi sangu-igru . . . . . . . . . . . . . . . . 1083,

477

98 42CP

1082

0

1411~5

599'

927

898-

627

12'13:

.S tenosi; vedi a.n.cr1e Restringim,e nti, .ScLe-

oosi. Sterilizza.izim1e del latte ·con la tintura di i odio . . . . . . . . . . . . . . . . . . 451 terilizzaz.ione delle ·s ond·e uretnali . . . 141 Sterilizzazione frazjonata: f.en.o meno pal'laidosso . . . . . . . . . . . . . . . . 1343 Sterilizzazione; \ edi ancl1e Antisepsj, Disinfezione. .Stip endi: ait1n e riti . . . . . 144, 200, 210, 289r _ 318, 390, 425, 496, 606, 775, 838, 871, 932, 964, 998, 1061, 1254, 1397, 1418, 1566, 1637, 1713· Stip endi: v arie . . . . . 70, 4-60, 496, 497, 600, 741, 1316; Sii.p si oronica: considenaz.ioni . . . . . 1274 Stit1chezza .essenziale nel lattante . . . . 989-' Stittch.ezza; ve:di anch.e Stasi intestin1ale, Stipsi. Stoma;co : ·carcii·n o·m a prin1itivo; interven.-· to d em•oJ.d tore . . . . . . . . " . . . . 733" ,S·tomaoo: ·influenza dell·a colelitj•a-si . . . 170 cc .stomaco nerrwoso » nel radiogr.anirna . 825 Stom·a.oo : ·n.on ·cornune corp·o estraneo . 1107 Stomaco: ptosi della pars piloirica ~e coli-Ohe bilia ri . . . . . . . . . . . . . . 253: Stoma,oo : recenti progressi nella fisioltogia del~o - . . . . . . . . . . . . . . 23.4.S to m 3/C".iO : terapia . . . . . . . . . . . . 1183. tomaco : ull1ce.ra delJa pi-c cola cu.rvatu1r a 99· Stomaco; vecli an che Analisi g-:a~rti•ca, Gastroptosi, Stenosi rn·e di.og.a:strica, Ton6 a:nu·soolair.e, Tutberc.oJosi, Ulcera. Sto:n1atite me1 curi·a le . . . . . . .. . . . 303: Storia della in,edi·cina: anti·chi n1edici ital.i ani in Francia . . . . . . . . . . 590· Storia d-etlla medicina: Fabrizio d 'A-0quai)endente . . . . . . . . . . . . . . . 1271 Sitoria d:eilla n'1edi·cin.a: l'ore.cchio e il naso ne·l sistema antro,P01In·et1"j1co. di Leo309nardo da Vi!lci . . . . . . . . . . . . Stor,ia clell 'enoefalitie ],etargi•c a . . . . . 962 Stoviglie e posate m ezzi di tra.s mission.e d · in fez'ÌO'l1i . . . . . . . . . . . . . 1280., 1

1

1

1

1


-

XXXll

P ag.

Pag.

trepto-coocl1j; vedi

Sieroterapia~ e vacc1-

11ot~r"ipia.

causa di tur11ore granulopo11 te . . . . . . . . . . . 451 po:lmonare . . . . . . . . 1666 11mana con riguardo alle localizzazioni po'l monar.i . . . . . . . . 305 tricni11n e c:acodilato di socli-0 t>err iniezio1vi . . . . . . . . . . . . . . 118 . 'tric·n ina: la - . . . . . . . . . . . . . 171 -Strofwnto: azione sul mio-cardio . . . . . 1087 ubl1iallnto perr iniezioni end01Veno·se 11ella palilarlri te . . . . . . . . . . . . . . 4:56 -.;liceo gastrico : de-terminazione della pepf'ina e diel l nb ~1econdo jl metodo cli Streptotricea n1at.o o del Streptotrioosi Streptotrico i

-

:\Iichfaeli~ .. . . . . . . . . . . . . . . Succo gastsrioo: esame frazionato . .dopo

3

colorazione cli llrova . . . . . . . . . 64 7 ... udore; vedi Diaforesi, Iperi1drosi. . 11ggesitione in terapia . . . . . . . . . 1443 . 'up ple1ize . . . . . . 461, 740, 997, 1454, 1184 . l1pp1lrazio1n i fet.id.e: c11ra com l'arsenobenzolo . . . . . . . . . . . . . . . . 166 811pp11razioni p Je1tro-poln1onari: ·esrpett.01 nzi "n~ pnrnlPnta continua . . . . . . 204 :--\111·re~nn.li: funzion.e {]ella m11sooJat11ra ·vel1 osa . . . . . . . . . .. . . . . . . . . 899 itrroqo zio rii; v1edi Prestazioni. Sut11ra dei nervi: ris111ltati do,p o gl'insegnan1 ~n1 i de 11 a gl1.en a . . . . . . . . 626 ~~·d enham; '1 ~di Corea acutn di - . .N

T . . . . . . . . . 12 1 Tabe dorsale : c11ra . . . . . . . . . . . 2-05 ·rab, clorsale incipi ente . . . . . . . . . 415 ·ral)e clo1~ n l e ; vedi anche Crisi gastricl1e, Occhi. ·rachicordia parossistica: etiol01!ria e cli. o lllt'[\, . . . . . . . . . . . . . . . 417 Tachi cardia; vedi anch e Ouabaina. rrngliri c.e~n reo rlen1olitore . . . . . . . . 1607 737 Tagli.o resaxeo extraperitoneale.: tecnica 'J'nglio resn TflO e ventroifìss·aziorne de·ll,11t ero . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1607 'fn glio. re~'tl'e.o transperitoneale soprnsin1fì~n rlo . : . . . . . . . 86-1 Tn a:li o e -..air eo tran perito~e.al·e .s1~J · s~O'~ t11 ento i11feriore dell'l1tero . . . . . 68'> 'I'nriflr> rn r.'lico-leya.li . . . . . . . 69. 17't, 708 Tnrs~1l~ia clegl.i ndoJesre.nti . . . . . . . 666 Tn.'is a tl 'rsr•rri~io: a111>l;ca:.ione ai 11ierliCi fA ha ero, tè e caffè .

238.

no 1n a

1'026 7'oss;> r, i1 11 un sfr . . . . . 1 0..~. 177. 209 210, 317. i ~i. ~GO. ~61. 53.5. 569. 606 6'i0 G'tl 708 - , 1 •} - f\f\o.) (\ ' ' , • r.t . •l i , ;Ju_, u::l2. OO'J.. 997, 99. 1027, 1060, JJ~):? , 1i l . l ~.. :l. 1;)32, 1567, 1637, 1676, 1742. 1743 :r rttna.g rio: per toglierne i segni . . . . 632 fè; \•ed.i Caffè. 'J, 11 ~ioilll\ arteriosa nel n1orbo di Baselo ',, . . . . . . . .. . . . 3W. 'f 1 1011c n rt '> f'i O'-'l: ,·edi an cl~e· Pr~c:;~i~n~ a rt eri s:1 . ·r 11u : div rti c li diversi dal cli\•erticolo d i l\I k 1 . . .. . T ria cli ì\lon ko,,· ~~11ie. l~c~lLz;.a~i~ni <' ~ }l ra I i . . . . . . . . . . . . . . . . 'l c 9.... di

. . . . . . . . . . . . . . .

rf erapia arseni-0ale: vedi _..\.rse11icali. 'fempia endolomba·r e . . . . . . . . 529 ·rexapra : la suggestione in - . . . . . . 14-IB . 9 "( 6 ll, 811:! I. . l ""' . Illed lCa • · · · 689,.., 1~~~. U} T efllllllOJJVgla 1'ermino1ogia medica; vedi anehe No111e11-clatura. 1ìermostati : termoreg.ola tor e per - . . . .863. Terpichi.na ne'l la cura ·dell e annessiti . . 1733 Tesisuti: mo1difìcazioni indotte d al r a di11m nei ·n eoplasmi -e nei - sani cireost a:nti 987 T·esti-col10 : ~ctopia d el - 1sin1stra. ·eid ernia inguin1a:le ao ngie nita de.st:l·a; monoirch id ia . . . .. . . . . . . . . . . . . . .. 850 Testicolo : strama lesi one provocata . 854, 1012 rresticol10: torsione in un 1p seudo...ern1afrodi ta . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1081 Testici0io : torsione s110.ntanea in un bamb ino di quindici mesi . . . . . . . . . 139'2 . T·esti00ilo: trapianto . . . . . . . . . . . 1377 T~ti1oolo; vedi ai1che- Tuber:c.o·losi d·el - . T·etani.a: tronco- . . . . . . . . . . . . 1616 Tic cl0J1ioo d,e l diafrainma . . . . . . . 1576 Tifo a-d·d-0mina1e: ascesso di flssazjorue nellJa ouira del - . . . . . . . . . . . 787 T1f.o .aiddominale :. decorso ·ùe1 la recidiva in sogig.ertti v.a;ccina ti . . . . . . . . . . 167 rf ifo addominale: trattnroento •Con le ]nj ezi1on~ di caJ.omelano . . . . . . . . . . 91~ Tiifo ·rud•domin1alle·; vedi anc·h e Infezio·ni tifose, Spo.rl!clili te, Tifo. Va c1rinA zio ne amJtitf fi,c a. Tifo .e paratif,o cat1sa d 'ittero infettivo: rarità . . .. . . . . . . . . . . . . . . 562 ~ifo .e.S1antemat.ico: osser,·az.in11i i$itorp atoJ.og,iche s11lla Toseola . . . . . . . . . 140 Tifo .esa.Illtematico: sieTologia . . . . . 161-182 Tignosi: cura col r n di11m. . . . . . . . 563 Ti.mo: rappoa1i c"on la milza e <'oi glob1rli bianchi . . . . . . . . . . . . . . . . 342 Timo; vedi a:nche Enil es ia tin1i ra. Tinta dei malarici .- 971, 1205, 1301, 1551, 15fl2 TintuTa di i!Odio in.alterab.ile . . . . . . 1124 Tint.11ra di iodio per In sterilizz,a.zione diel J·atte . . . . . . . . . . . . . . . . . . 451 Tintura 1dii iodto per via int.erna . . . . 961 Tdntura di iodio : t1so intern10 ad ailte clos.i . . . . . . . . . . . . . . . . . . 418 . 5~6 Tintu l'e 11er capelli . . . . . . . . . . . Tii:oide; ' edi Di.abete tiroideo, Opo_!ern.pia tiroid ea , Seorezioni interne, Tiroidina. Tiroidina e sind.r ome emoITagioa. . . . . Tisi: diagmos.i ddfferenziin lie trfl lformn 1

1

1

1

1

1

1

1

1

t11berrolare e forn1n • ruca . . . . . 'rOLDT C. . TONELLI A .

ca~iSO-pne1uno-

10.3 76

. .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

' 76

T ono muscolare e sue alterazioni .. Tono n1usoo1.are gastric-0 . . . . . . Ton i1la J1al a.tina: sn.Pcoma gt1airito col metodo Cdtelli . . . . . . . . . . . . . Tonsilla pal·atinia: sifiloma ir1izla1e . . . Tonsille: .anatomia.. fisiologia e patoJogi '1. in rapporto con le infezi-0ni criptogenetiche . . . . . . . . . . . . . . . T on.~ill e come porta d 'e11trata delle inf.e•

z1om . . . . . . . . . . . . . . . .

T onsille: 111ort.e per asres~o d elle ·r on..c:;illt> : vecli anche Flen1moni. Ton.sillotomi a : emorragie gq-avi • T orncopag-o i10,·is"imo . . . . . •

• •

8-90 864 987 404

888 91 1344 865 263

1

1

1 T

1 1ì


-

XXXII! Pag.

Torc.icohlo . . . . . . . . . . . . . . . . Tosse conv·ulsa: tr.attamento con le in·iezion.i di etere . . . . . . . . . . . . . Tossa ieonvuiLsa; vedi .ari.che P ·e rtosse . 'fosse e< sotto ii:Ì. cuscino » . . . . . . . . . Tossicità .del novoo.rsenobenzolo . . . . . 'f ossioità; vedti. anche Into·sstc~i-0ni. 1'rachea; \'edi Vie aeree. Tracheo-bronchiali glandol.e: tumefazioni e ca.Lcifì.cazioni . . . . . . . . . . . Tra.coma: cum oon ·rursenobe1I1.Z1olo . . . 'l'raccxma: pro•filaSIS.i . . . . . . .. . . . . Trapianti della fa.scia lata in. ohiiruTgia. 'fpapia.11.ti ossei sulla mandiibola . . Tirapian to della val:roLa ileo-ceca:Ie . 1'rap4an to del test.ico1o . . . . . . . . . rrrasfus1one di sangue in ostetricia -e ginecologia . . . . . . . . . . . . . . Trasfusione di samgue nell'amemia perniiciosa . . . . . . . . . .. . . . . . Trasfusione ·di .san·gue: precauzioni n eceS&'lrie nehla sceilta cli un datore : . . Trasfusione di sangue: lf'ioerche . . . . 'l'ras11da.ti ed esst1d ati : metodo So~1anky per differenzia.li . . · . . . .. . . . . . . Trasu•dati: n,u·o~-0 n1etodo per 1d1 ·tiig uerli dagli es.su dati . . . . ~ . . . . . . . Tra.11matismi oramai . .. . . . . . . . 'Tuia11mi 0011,'uretra . . . . . . . . . . 'l'rauini: del i11idol1o spinale . . . 1539, Tra111ni nell'infortunistica . . . . . . 'I'ra1uni; vedi anche E.softal.smo, Fer·ite, Fratture, Lussaztoni. Trementina nella cura delle forme intiam1l1a tori.e annessiali . . . . . . . . Tricofiz1a: coltlllI'a ool « TricQphyton » " '"fri·co 1>l1yto·n »; v edi T1rti.cofizia . . . . Trombopenia essenziale di Fran.k . . . . Tromhosri PXt1'avasale : piastrimog.enesi e te1n1)0 di coagulazione e loro i1n1)ortanza chirurgi.ca . . . . . . . . . . . . . 'l'roon})O~ii v.enose clel1 l e ft.ebiti da sfon·zo. TROVATI P. . . . . " . . . . . . . . . . . 'l'11be l'Ool id e migliHn·iforme microipapulosa Tubercolina per ril trattamento della tuberc o·lo ~ i genito-l1rinarlia. Tube1·coli11a: reaziome alla - nell'osteoco11d1riLi.c; .i uv.eiruili 1deformans . . . . . . Tubel'Colmo 1re1a.zd.01n e; vedi Tubell'loo'l ina. Tubercoli11.oterapta: ipe:rsensibiiliità . . . Tubercolosi bilateral·e : p1Deumotorace M'tifi eiale . . . . . . . . . . . . . . . . TtubeoooLosi ahirur.gioa . . . . . . . . . . T11beircolosi chiiru ~giche: .cura is ulle is piag1

Pag.

Tube1"·colosi ~enitaLe femminile . . . . . 1'ubercolosi g·enito-urinariia: trattamento ca.n. la tubereolina . . . . . . . . . . . Tub.erco.lo·si i nei pi ente : cura . .. . . . . Tubercolosi iperp'lasttca d1ell 'intestino . . 'l'nbe-vcolo,s i: I s tituto di aiccertam1eJ1,to 1cl.ia,gnostico-profilattioo di lVlilano . . . . Tuberoolosi la:rin.gea: c-0me vmcere la dis f ag.i,a . . . . . . . . . . . . . . . . . Tub.ercoLosi laringiea: trattamento . . . Tuberco1o&i : lotta contro la - ; cortesie americane . . . . . . . . . . . . . . . Tubercolosi: i11e1od<> alim entare di v. Pirquet per 1a •Cure .del1a - . . . . . . '1-,ub·e·r co l-01si nei bambini . . . . . . . . Tub.e r·coù.osi r1ei fanciulli . . . . .. . . . TubeDoolo.si: nuo·v e lJrove diagin.o·stich e.

453

187 493 1055

1672 770 770

1275 1082 186

1377

1240 1242 1240 1521 832

920 528 1179 1581 431

1733

1132 1152 410 1409 ·65

me.n to . . Tubercolo,s i: Tuber:oolosi bambi11i . Tuoorcol-0si: Tubercolosi chtrll·rgi.ca

1413, 1416

Tlll)er r.01lo1si : organizzazion1e contro laa Napoli . . . . . · . . . . . . . . . 442 Tub·ell'COilOfSi: oo~ganizzazione oont.ro lain Francia e n·el B·elg.io . . ~ . . . . . 12 Tubercolosi ost.eo-articolare : cura della Tub1ei:·co101si osteo-a.rticolal'e : diagnosi . . 836 TU!b,erc ok>sli pleuriica : patolog·ia . . . . . 1671 Tubericolosi polmonare: di,~crnios.i tub.eircolinica . . . . . . . . . . .. . . . . . 103 Tt1hercolos i po.l111ona.re mooolateir ale: pl.europaleumolisi extra-olerurica . . . 1375 1~11be1"c olo·s1i pro.duttiva e pn1 eumonite casoosa: diagno·s i 1diffe·r enziiale se1co111.d ·o il n1etordo cl i. B.a Jlin . . . . ~ . . . . . 1·023 Tubercol·osi: prov a id i Hollaiende.r . 8, 699, 861 1

1~ ub1eTc ol10.si: Tuberoo~osi: Tuberco~o.si

l)Seudo- ·v·erm.ino·s a . . .

1120

reazione di v\ìildbolz . . . 864 renale . . . . . . . . . . . 1516 Tuber·colos1 irena.Le: J101calizzazd.one 1d1el rene ma1a t o . . . . . . . . . . . . . . . 379 Tubercolosi renale: tetrmoprecipitaZii·o11e per Ja djagnosi . . . . . . . . . . . . 450 Tube1rdolosi : ricerche . . . . . . . . . . 1375 1'u,bercolosi: rii(,nione del Co1nitato G e-

423

378

T11berool o1si: che111a di Airn•e th . . . . Tub erc0Josii : sulla . . . . . . . . . Tll.b,e rcolos1i : te1t 1ap1ia imm11nitaria . . Tubereolosi : toiillo dei m ·u scoli V10J01n tari . T1ib.erico1l101s.i : t1·attamen.t o ·delle 1en11o•ttisi . T nbe.rco 1osj : 11.so cli tem-e !'arie . . . 1086, Tubercolosi: valo!l're d1elle reia zdoni tUJbercoliniche i1 e.r la prro.gn101sli e il gtl11dizio. 1·11bercolosi; ,,edi anche Bacilli tubercol ari, c .aicl1essia tub·erco.J,are, 1\1.eningite tt1be:r.00il1are, Perito·niite tubercolar e, R eumatismo tu·b ercola:ve, Spon.dilit.e t11b ercola;rie, Tisi, T11ber.colotici, Vaccino anti tuberc'ola1·e. T11·b ercol.o tjci: co1onie i·n 1d ustrjali ·p.er - . Tub e;riCO!lotjc i: oon1d1zi·o ni igie'n 1i.cl1e de1lla e a sa, . . . . . . . . . . . . . . . . . Tub1e~co~otioi: cu1 r .a d'e,Jl·e diiiar11·.ee . . . . Tub1er.co1otj ci : c11.r e antisfiliticl1e nei - . TubercoJ•o,t ici : e101s'i·n ·orfi.J,i a ·del s iero dei vescicanti . . . . .. . . . . . .. . . . Tuberco1Loiti1ci: s·anatori pe·r - in I ta.lia, T11 b·e r c10 lo t i r i : ve cl i a n eh e in Co lo r n d o Spnings, T'Ubwooloisi. Tubo, ,gastro-enterico: pessiè Tumtore1 ·Cere h ra l.e . . . . . . Tumoir e del ·Cellulare i:>elv1ico

655 1495 988 14·07 1279 1481

1

1278 1077 582 828

52

1

. . . . .. . . . . . · · · · · · · ·

Tul}eir-colo·si : ,effetti .cmr·ativi de.Il' o•ld.o di ohaulmoogra . . . . . . . . . . . . . Tuber·colosi e gravidanza . . . . . . . . Tub.el'!co1osi epddi1dimo-teisticolare: tratta-

1278

nerale . . . . . . . . . . . . . . . .

380 'fubericolosi 1del1e me'.Illingi negli adulti . 1278 Tub.ercolo1si: ·d isinfezione .d.eg1 i sputi . . 668 gi ca

551 667

1193

.

1279

1

'f11heircolosi del testicolo : terapia chir11r-

.

1503

.J

296

• • • • • . • .

1310

1

. . . .

. . • . •

1279 993 628

1

1

gle •

1~97

202 1660

. .. . . . . . . · · · · · · · 380 elioterapta . . . . . . . . . 1279 e ·sintomo, ·d i ·Chvostck ne·i . . . .. . . . . . . . . . . . 1067 fattore di 1r€isiste:nza . . . . 1346 gast.ro-int.estin.al·e: ter.apia . . . . . . . . . . . . . . . 863

1

1

603 41!). 1086

1281 699 931

1

1

1512 1083

1731


-

XXXIV -

Pa.~.

1,umore della coda equri11a operato e guarito . . . . . . . . . . . . ~. . . . . . 202 Tnan·o re gTanu.Joui-atoso d.el ponte c1ovuto ad unia strepitotricea . . . . . . . . . . 451 'J' umoretti sperime.n tali: 01.rel"che . . . . 1521 Tumori addominali : cljagll1!osi differenziale dalln, sifilid.e epatica . . . .. 1301 ,.r l1ln-0r-i d.el gnan1de ,erp:hploon . . . . . . 1122 T111no1".i della m.a.mrrnella . . . . . . . . . 762 Tumori della veS1Ci1oa: alta frequenz1a, clia.tern1ia . . . . . . . . . . . . . . . 1520 1' umo,r i della vesciic a in !lavioranti ·d re1l1l inclustiria chimiica . . . . . . . . . . . . 1056 T11n1ori dell e.i vescica maligni: t r atta111e11 t·) chi11'1 1rgico . . . . . . . . . . . 600 1"un1ori della v.es.c.i~a: t.ro.ttament o·, stu- · d io .analitico . . . . . . . . . . . . . . 823 TumQ!ri de1le me<n.:1ngi spinali: ddagnosi e su1a importanza pratioo . . . . . . . 158 Tumori ·dell 'ipocondrij.o stnis:tro . . . . . 1152 Tn1n o1ri del mec1iastino d'i clifficil e .inteir pretazione . . . . . . . . . . . . . . . 927 Tt1mori del nuolieo J.en ti-oolaire . . . . . . 924 Tumio ri ft ogist~ci e o· steomieli t~ reicidivantj rla i11fezion1i q11iesc.ent.i . . . · . . . . . . 801 Tlllmori inali gni : eziologia . . . . . . . 1.114 TnmoiJ·i maJ i Q',tlJÌ: n11ova i111dagiine l1rinal'iu p er la d.ia,gmosi . . . . . . . . . . 287 T1unor1 1Spina1i 1d·a1 ·p unto id i vasta ·chirlrrgico . . . . . . . . . . . . . . . . . . 982 T11m01~i; vedi anche Oarcinomi, Endot.eliomi, Neoplasmi, P a.pidJomi . 1

1

1

Pac.

Ulce ra g;astri 0a : esolusion.e del va.go e d el s im·p atico . . . . . . . . . . . . . Ulce·r a g·astri.ca : sinidirome di p ancrieatite

1146

crorui:ca ooooeoutiva . . . . . . . . . .

16i5

Ulc.eTia .g astrica; ·vedi a nch·e Ul.c.e:r.a della p:iiacola curvatura, .U1oe~a inediogiastri1c:a, Ulceira 1p eptica, Ul-cer;e gastricllle. U Lce:oo med.iog.a:strica: diagnosi .1e ,cmr,a. '1277 U1cena p.eptica : tl1attt1am ento chirur.gico. 1145 U1c&azione idi tun101ie .nel vierutriioolo latera:le d estr10 e ,conseguente ·Co1rpusco1.azio!D1e .de l ~i·quidQ ·oefal()-r:achid1an'01 . 1408 U1ce:raziofll.i cocneiaJ.i supe1fì ciali : oauterrizzazioni . . . . . . . . . . . . . . . 768 Uloe:raziG!Dli ·oorn,ea.11~ : us10 ·dieJla tintu:va cli io1dio . . . . . . . . . . . . .. . . . 769 Ulrc&e gastrilahe distanti dal pilor:o : resezi one o ga!stro-enterootonria? . . . . ., 1412 Ulcere varioose sem1p1ici : ·Curro . . 631 [J11:ione N azior1.al e M edici Ita liani . . 68 Università: dotazioni . . .. . . . . . . . 1188 [}11i1 ersitd: personale inseg n.ante e assistente • . . . . .· . . . . .. . : 249, 281, 570 U'nive rs~tà ; vidi .a n chie I struzione superiore. Uov:a di gallinarni: iniclusionie di « H eterakis inftexa rud » . .. . . . . . . • .. 1.448 U,1'ea come dli11JJre,t ico . . . . . . . . . . . 1182 Urea : dosaggi-o nell'urina . . . . . . . 1509 Urrea ,e aZio.to resid'l10 del sang11e ne 11.e affezioni renali . . . . . . . . . . . . . 1329 UT1ea ·e icloT'l.1,r i del sangue : 1nftuenza del[a di1 af:o~e.si . . . . . . . . . . . . . 1082 Urrea nel sangt1 e : dosan1einto . . . . . . 1156 U r.emia: ·l ' - . . . . . . . . . . . . . . 4.-81 Uremia; Y.edi a:n,cl1e 1S incl romi uirernigene. Uro.eterr:e e rene: r ecenti pro1gT1essri. n·ella 1

1

1

1

u u .dito; V·edi Audizione. Ll fficinl.i tnedici dell' E sercito: smobilitazio11 e,

dhiTurrgia . . . . . . . . . . . . . . 57, 231 Ureteire sin istro : :riimozionie e gi1arigi one

inrl ennità, posizione ausiliaria.

1

107, 390, 1286 Uf {ìciali merli ci.: veid1i antC'.h1e i\tl eclici 1nilitari, Medici della Croce ll ossa, Servizio sanitario. Ufftciali merli ci della Crosa Rossa · ·vedi ' Medici della Cr oce R ossa. 806 [ Tffi ciali snrtifari capi d.'1.tffìci d'igiene . . Uff!ciali sanitari (nomine, incarichi inrompa t1.bilità , servizi o provvisorio ' visite, ecc.) . . . . 108, 200, 249, 318, 390, 424·.

425,

~61 ,

469, 535, 570, 606, 708, 709, 740.

it1, 807, 902, 963. 961. 965, 1026, 1091, 1286,

1}18, 1419. 1566, 1713, 1742. 1743 Ulc.era dfllln piccola c11rvat11ra . . . 99 1144 l"lcern dt1oclennle e coJ.ec1etite: diagmo~i 'ff erertz1nle • I . . . . . . . . . . . . . . <l t 734 Tjlcern d11oden~le rel ~nt11rnismo . . . . 137

Ul<"ern <l11odenale postopPratoria . . . . l116 l llrern . rl11oncnale; \ 'edi anche Ulcera oaa-

s tr1ca.

l le rin l?a~trirn: di$locazio.ne della cicatrice ombelicale . . . . . . . . . . . . l~er·n gn~trirn -e contenut() dn.ode:nnJie . UlcP.ra gnstrica e dl1oifenale: 1ora lizzazione. eziologi 1 . . . . . . . . . . . . Ulcero. gac:.trir..a e duodenale: trnttam.ento d I le nerfnr!"l 1.ioni . . . . . . . . . . . Ulcern gastrica e d11oclenale: forme. cliagno i . . . . . . . . . . . . . . . . . l .. 1 ro. gastri ca e. d11o<l 11n le: criteri c11e reaolnno ln c1rrn mc<lica e 1'intenrento chtru rgico . . . . . . . . . . . . . . .

1150 1411 1143 11~~

1130 1 i66

di

·Ca l CO 1O

.

.

.

.

.

.

.

.

. •

.

. •

.

1040

UI'ieteri: peni.coli deJLa ·cateterizzaz•i on1e . 729 l Treteri; v·e di 1an.0he Punti dioloro·S'i. t Jretra: eff.etti dell'argirina s11lla mucos•a 10 Uretra: r estringti:menti . . . . . . . . . 1480 l Tret:ra: rim·o'7.iome iniert1·e·11,t.a di calcoli . 1599 Ui:rietria : tra 11mi . . . . . . .. . . . . . . 1179 1

1Tretra; v"edi a nohe Ca1ool!i, Uretriti. Uretrite .gonococcica e sua 1compliieanze : i1si dli vaccini e si eri . . . . . . . . . Uretriti gono,ooc-ciic·h e .croniche: tratta-

8@2

mento . . . . . . . . . . . . . . . . . Uretriti~ v·edi anche Blenorragia. Uricemia: l 'i'P·eT- niella .g otta e nell a

1025

oalootlosi . . . . . . . . . . . . . . . t Tr ina: d·ep11raziione nll a Pat.ein-D11fa11 1-1 inn. filante . . . . . . . . . . . . . Urin.a fiJlante : ,a proposit-0 diedl ' - . . . .

~81

1045 1548 17'24

TTr ine: anti.emolisine ed em·oldsine . .. 1003 Urin.e: nuova in1dagin1e per la dingmos.i rl i n ef ri te e cli t11m çme ma 1i gni0 ( coefficiente 1.ll1'o-em<>ldti.co) . . . . . . . . . . 2S7 Uri'The : ric.e:rea degli zuccheri med·iain1:e ~2 ro l t ure miorobiologi.C'h e . . . . . . . . Urine: r1oorrca d e.ll'alh11mina . . . . . . 172 Urine; vedi anche An11ria. Cl oruri, Emat11ria. F ebbri uriin o·~e, Glicosuri·a, Piuria S11dore, U1-icemi.a, Urologi.a, Urocrom o. Urocromo: 1 ' - . • • • • • . • • , • • • 277 Uirologia: caiSistica . . . . . . . . . 415 Uro 1ogi a: Congre 80 . . . . . . 11·79 lTrolo~ia l ' -

e 1 medico pratico

..

1591

-


- xxxv -

L rotT·o pina: dtsturbi ·da uso ù i -- . . . . T; 1~0itropina per proctoclis i neJla cura degli !itteri . . . . . . . . . . . . . ~ . . Uil~tropma: poopanaz.ione ,d eilla soluzi·one per ·u so ei1dovenoso . . . . . . . . . . U rti-caxia; vOOii Orttca'l"i·a. Ut·ero : i1I1ci Sil()llli de~ oollo pel' il par to ra-

i>ag.

Pa~ .

119

\ . aJuolo : v ac.cin.a zio11e dur1a nte l,e eiptdemie . . . . . . . . . . . . . . . . 843, 11 ~ V.aiolo; v edi anche Vaccinazi·otne jffiliiler i ana, V airi cel la. V.atlv-0la ileo-ce.ca le : tréllpd.anto . . . ~ . 98, 186 Valvole aorti.che: lesi·o·nd nelll'1aOO'ti·t e s.ift1i ti oa . . . . . . . . . . . . . .. ·. . . 416 VaJ.&a.Jrva ; v1eidi iYlano·v ra dd. - .

563

420

1

pido . ·. . . . . . ~ . · · · · · · · · · {jteru: tstet·o1p essi ·aol m·etodo Parl1a vecchio nella ·CUl"a d·elle retroiele·viazioni ·e (lel .prolasso . . . . . . . . . . . . . . Utero: leigian1.en1to pessi-a co l p·rocesso Arice nelle deviaziioni . . . . . . . . . . . . l .. tero: r apporti t 1'a Iibro111a e cancro

735

1

154

1

1

dell' - • • •

450

1731 Utero: ll~ottura c1ell'- e pituitrina . . . 1181 l rtero: Tntt11ra per jni.ezione di pit uitI,. 1·na . . . . . . . . . . . . . . . . . 1181 l}tero: rottura sJ}O[l,ta11ea . . . . . . . . 1730 l Ttero: taglio cesareo transperitoneale s ul segmento inferiol'e . . . . . . 238, 682 Vter-0: ventro-fissazi-0ne e tagli.o cesareo. 1607 l'tero; vedi ancl1e Carcinvoma uterino, Gi+

e

t

I

Varicella ed he·r pes z,o ster . . . .. . . 228, 238 Va1i·cella e v aiuo1o : diaig'nosi diffe1renziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . 978 V ari.ci; v1ed.i Uloere varioose. Varic ocele·: nuo vo processo ·o peratorio . . 987 Vasche : r!imozi,0111'e ·di sali cal·cari. . . .. . 900 Vasi sang·uigni: ste~nosi ,spierim~ntale 11083, 1213 Vasodil·atato<ri: op11ort11nità ·curativ·a dei ifarmaci - . . . . . . . .. . . . . . . • 241 V·et0el1li : anioa do lor osa . . . . . . . . . . 83·0 Vecchiaia; vedi ,runc·h e· Psicosi senili. ·

V . . . . . . " . . . . . . . .. . . . Ven a .cava inferiore : ·Oibliteraz·i·o ni . . . Vena porta: i.Sutura; c ootrfubuto ·clinico . V en,e : aghi .d ' ~cci aio 1p ·e!r 1.Ja p unrtJU.Jra . .

VELLA

della muscolatura . . . . . . . . . .. . Vene g·iuglllari : aocentuazr1on1e del pols-0 negativo neltla ·cirrosi di Laenn1ec . . . Vene vanco,s e1: .hl neosa!lrvarsami si può 1

,

V

530

, ·accin.azione antitifica: s ulla - . . . . . 698 ' ' •tccinazicme j enner.iana clell·e pop·oi1.1azio11i rurali: per u1ia più intensa - . . . 50 1 \ fl ccinazione j ennerinna ll11rante le epi<lemiie di vainolo . . . . . . . . . 843, 1108 l ' accinazioni: prestazioni, sanzioni . . . 988,

1026, 1095 \ ' aocjni e sieri nell'uretrite gonococctca e suP complicanze . . . . . . . . . . . 802 , ·aocini streptococoiiei ,e ster o a11tistmeptocoociieo . . . . . . . . . . . . . . . . 802 \ Taecino antipneu1nococci co . . . . . . . 1077 \·acoi1w ant itnbercolare Calm ette . . . . 1738 Vaccino oontro l a pert-0sse . . . . . . . 205 Vn ccino jenneriano: d11e rare 1compli cai ioni secondarie . . . . . . . . . . . . 151 Vaccino jenmeriano : d11r atn . . . . . . 738 Vaccino-s1erot.erapia n.eJl'artrite gooocoocioa . . . . . . . . . . . . . . . . . 663 Vaccinoterapia degli s1ati tifosi n el:l'infanzia . . . . . . . . . . . . . . . . . 884 Va.ccin oierapia della febhl'e mail tese . . . 98 ·~/a rcinoterapi a e sieC'otera.p ia ant.i,stre·p tor occjca ,e a ntiisafìlo,ao·c cica . . . . . . 1434 Vaccinoterapia im otolog1a . . . . . . . 1448 ' Tnccinoterapia 11.ei b ambini . . . . . . 66R , .ag.ina; vedi Prolasso utero-v agin a:le. Vago e simp attco: esclu1s1io,n e ll1ell' ulcera gas tr i1ca . . . . . . . . . 1146 Vago : esami flsici . . . . . . . . . 17 7 \ aò.uru.o : ·cura . . . . . . . . . . . . 278 VaiuoJ.o,: i l - . . . . . . . . . . . . . . 1600 Vaiu-01o : tra smissi.o!Ilte .ai .g{aillina.oci . . . 1343 V nitt'Owo: trattamemto 1oo·n 1rupp·licazd.oni esterne di p.ermangian,a to ,èf.j po·t assi.o . . 1312 1

1

1361

1704

1

schiamento. i ·zarit: ·\ 'erli Liq11ore di - .

1

1477

V ene. d eJ1e oapsru1e sumrenali: funzione

11eco.logia, P1'01asso utero-vagina1e, R a-

\ ' rlCCir1~1zio11e antitifica nella p.ratica pri. . a ta . . . . . . . . . . . . . . . . . .

429

iniettare nel.le - . . . . . . .. .. . . . . v .ene; vedi a nche Vasi sangiud.gn1. VENERE E. . . . . . . . . . . . .. .. . . . v .entro-fìssaziiome deil l 'uterro 1e taglio ce-

899 452

1i0'43 429

sareo . . . . . . . ., . . . . . . . . .. 1607 Ventri1col o laterale cl es tiro: u1oe.raziJOn,e .di tumore nel- e con1se,giu81Thte •C-OII'ipooco1azitone del liqu·i do c1eifalo-ra chi.di.amo . 1408 Verme ·cerriebellia re: clinica del:1e ·affez.i oni 528 VERNOCCHJ A. . . . . . . . . . . . . . . 1388 Veronal: intossicazione da - s imulante 1

1

1345

l'encefalite Jietargica . . . . . . .

Versamentii. pleurici . . . . . . .. . . . . 1672 Ver"',ame11to pe.ni.carctic.o: segn.o . . .. . . 1671

Vertenza tra colleghi . . . . . . . . . . 535 V ertenze; ve.di an·che 111.edici condotti, M e- . dici ospecl.alieri.

Voocdca : bilhM'ziooi . . . . . . . ., .. . . 1214 Ves0tca: elettrroc10agulazione idei papil767 lomi d~ù.a - . . . . . . . . . .. . .. . . . V esicllica : pericoli della pUJntu ra aapi11are . 379 V.escic.a: rottura darrante il pa~to . . . . 1182 Viesci oa: tratta.meinto chiJ'U!',gtico dei tumori m aligni . . . . . . . : . . . . . 693 823 Viesiai ca : nr:a:ttamie n t.o dei tumo1ri . . . . Vescica : tumor.i i·n l avoranti 1deJl'industria ·chimiic a . . . . . . . . .. . 1056 Vesici•oa llrqn·ruria; ve,di an·ahe Cistite, Gin-ecolo·g ia, Ur ine, V.ie urd·n ia:ri e . V:esci·canti ~ 1eo1sinofilia nel siero· dei - d.ri 699 tl1h eir ·collo t ici . . . . . . . . ., . ., . 921 Vesicioolite iSeminale . . . . . . . . . . . Viaggi; ve.di Mecli ci condotti. Vie aeree.;. 1estrazir0ne d1 'c orpi es·t ranci . 298 Vie b ilialI'i_: irappo1rti dell.l.e malattie d·e1ll.e - .c·oJl 'itteTo· . . . . .. ., . . . . . . 17t Vie bi1i·a.i-..i; ve.di ancll1e Angi-ocoltte, CtaJ.col()-si bilia·r e Cistifellea, Co1edectom.i a, 1

1

0

1

.1

1 ,

.colelitiaiSi, Fi,sitoliei hron.·co-biliari.


-

XXXVI -

-

Pag.

Pag_

w

~

Vie digerenti: sintomatologia nell'ane1nia 877 perniciosa l)l'Ogressiva . . . . . : . . . . , . ie digeremti; ·vedi an che Organi d1ge... ren ti. Vie spermat iche: sconti11uità sp erimen1445 true . . . . . . . . . . . . . . . . . . Vie uoo-g·enitali; vedi Ctsto1pieil.ite, Febbri urinose, Organi gienito-urim.ari, Pielite, Pielog•raJìa, Vesci-ca urinaria, V1e srper-

1uati•c he.

\ ' i{Jilan::.a igienica : 1:ifor'nia dei

\i\' ALDEYER (van) w. . . . . . . . . W.assermann; vedi Reazione ·di -. W1dal; vedi ,siierodfi.ruoonooi id i -. Wi·Ld!b-011z; v·edi Reazione di -. \ViJ.son; VrOOi molfbo di - .

.

. .

321

1

X

x.a nti drrolo 11cl dosaggio ,dJeM.'urea . . . . 1509 XruntoicT·omia 1del 1iqud!do1 .ceretbTO-S1piillale. 1086

. .

1

serv1z·i

493

di - . . . . . . . . . . . . . . \ .i 11 i Slll.O : il - . . · . . · · · · · · · · · \ ·ino e 'd uuata della vita . . . . . . . . Vi11,o ; ved i an1che Ipertrofia deJ. cuore. \ ·ipe1·a: n1egl i avvelena111enti da - . . , .i1ru · batteriofag·ico; vedi Batteriofagi. \ ·i1·us f1Ltra.b ili ne11rotropi . . . . . . . \ ·irus r abico: t1nicità? . . . . . · . . . . \ Tirus va1ccin o : coltivazione artifi·cia·Le Virus vaccino; vedi anche Vaccino jen-

33D

y

14· 16

. . . . . . . . 1087

\ TogìUrt: J)Peparaz1one .

z

1452 342 598

Zolfo coll oiclale per via endovenosa 11e•l r,e umati smo arttcolaire ~c.uto . . . . . 1235 Zolfo lJer il trattam·Mto cle.ll1e BJrtriti cro1582 niche . . Zanzar e : uso delle J·eticel1e contro lie - . 16ì:> Zanzare; vedi anc!1e An1ofeli. 1

1

11er10.

r

' 'isionie ·dei colori •e cura clell.a di~cromaptosiu . . . . . . . . . . . . . . . \ 'is·i l a di r evisione al personale navi ga·1lle l ?is ile niedichf'; vedi Prestaziorz i. \ ' i1a111ine; v.edi Avitaminio si, Cib.o cìevi1tan1 in izzato. Vitèt l1Il18JU1a: il ,·a.lote della - . . . . . ViziatuTa pelvica gra\rie: sri11tfl:siie cto111ia parz ia le pe r - . . . . . . . . . . . . Vomica interlob are . . . . . . . : . . . \ ' on1iti nel la gravidanza: estratito di co1·J)O luteo nei - . . . . . . . . . . . . . 1

1

1

771 1071

ZUBIANI A. . .

. . . . . . . . . . . . . .

538

Zucic heri n eill1ei u 1r-ine: .r i1oenca :mediante le 212 colture m i·crobio logtcl1.!e . . . . . . . . Zuach:eri ,:n el .samig·ue n1eto1do •Cl1irnic.o p er 242 .il closnggio . . . . . . . . . . . . . . Z11.c.cl1eiro : errori nella ·determtn.azione 1664 ·col n1eto do ·della fermentaiiione . . Zucche1ro: mioro-metod·o cli d osag·,g io riel ,s angue . 1Q65 Z l'CT\EHKA~DL Q . . . . . . . . . . . . . 1388 1

1

1025

733 1174

:

1

1026

Indice alfabetico degli autori italiani e dei collaboratori •

Pag.

A

And:vei . . . . .~nctreoni A11ge1i A. Angelini . Angeli R. . . . . Antonini . . 1310, .i\.nzillotti . . . 1519, Arcangeli . . . 61, 629, Aree . . . . . . . . . Arena . . . . . . 1508, .\.resu . . . . . . . 988,

1\ b ba

. . . . . . 893, 895 .\hbruzzetti . . . 767 1\ g o ·ti11i . . 274, 451 \gostin11 cc i . . . . . . 1560 \i f\llo . 956. 1329, 1509, 1689 J\ic,·oli . . . 277, 893 1\lba11ese . . . . . . . 1669 1\ lbertario . . . . . . 699 1\ les andri

. . . . 450, 1277 \l e .. ~ andrini G. 30, 22 , 1415 \I( sa11clri11i P. . . . . 2.36 .\IP· io . . . . . . . . 1519 \lftcri . 59 , 663, l?'t.6 , 1699, 1732 .\lrnnsio . . . . . . . 222 . \ l icsi . . . . . . . . . 1520 \ n1nnte . . 1520, 1526. 1669 \111nt1tea . 11 i, 1337. 11-09, J ~9. li- ?. i.; O, 15:1n. 1563. 1601 .\ 11 1nli . . . . . . ...~7, l~~ìì n1brosoli . . . . 1 ~, 1152 \11 l ) Q. • . . . . . • 415 11dnlò . . . . . . . 11!l • 11 d r a11 I Ji . . . . . . 11? 1

,_\ T11avas

.

. .

.

.

.

.

Pag.

Pag.

1520 1669 915 429 439 1409 1520

g~o .. . . 1020 . . 716 &34, 1146 . . 967 Bargellin i . . . . 378, 1669 599 Barinetti . . . Barl ooco . . . 1501, 1509 . . 1121 Bartoli . . . . 1509 Basilico 598, 767 Bassi . . . . . . . . . 836 r~as ' Oil1 i Basti anelli R. 00, 237, 1525, 1668 Battaglia . . 1399. 1519, 1520 Bedeschi . . 734 I~ e11 a.n d i . . 1565 Bel.Javitis . 238 , 734 Bellazzi . . . 1597 BellUiSSi . . . 1021, 1597 Benedettelli . 519, 802, 833,

1502 450 1509

1377 720

1347 ..\rrigoni . . . . . . . . 1612 rtom di Sant'Ag·n ese. 771, ..\ rpo

.

. . . . . . .

737 ...\ ·coli A. . . . . . 59, 45-0

.\ scoli ' '· . 450, 628, 731, 809, 863, 1221, 1246 .-\.ttilj . . . . . . . 1527 ..\.11 riti . . . . . . 1594 B

Bacca rnni . . 29, 734·, 1121 11 H ffo l IÌ - I, li <: i i.l 11 i . . 17:~:i Raggio . . . . . . 312, 121 i

J3a·1dU.ZZAi Baillerini B,ancihieri Bani . . BardJUzzi

. . . . .y . . . . . . . . . . 659, 762, · . . . .

'

I l

928, 959, 1174, 1240

Bentivegna

Berenini Bernabeo

.,

. .

. .

. .

13ernardi . . Bertani . . .

. . .

829 1560

I

987

I

166 1578

( (

~


,

'

-

XXX\ill •

Pag.

Bertarel·l i . . . . . . . 1343 Bertelli . . . . . . 527, 1506 B ertani . . . 655 1009, 1576 Bertino . . . . . 1699, 1700 .Bertoloni . 1698, 1732, 1733 Besta . . . . . . . . . 1246 B:Lanchi . . . 637, 1459, 1645 Eietti . . . . . . . . . 1-083 Bif:fis . . . . . . . . . 877 Bi1lanci-0n.i . 128, 309, 341, 888, 1058, 1218, 1244, 1595 Bilo1 ta . . . . . ., . . 545 Bini . . . . . . . . . . 919 Bivo na . . . . . . 365, 854 Blu1.:l1 . . 481·, 485. 730, 1145 Bolaffi . . . . . . . . 1509 B olaffio. ·163. 415, 1227, 1731 Boldrini . . . . . . 1021 Bologna . . . . . . . . 1509 Bon a non1 e . 1180, 1518, 1526 B onomi . . . . 1560 Boo-elli . . . . . . 115

Borini . . .

. . 1509 . . . . . . . 156-0

Borxino Bortolotti . Boschi . . Boselli . . . B osellini . Bos i t:.i-0. . . Boveri . . . Bovi . . . Botti . . . B ozzolo . Btraccini . Brancati .

. .

. . . . . . . . . . . . . . . .

.

. . . . . . .

. .

. 343, . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.

378, . . . . . . . . .

599 165 893 925 3

1152 560

1376 1080 895

1521 Bravetta . . . . 1375, 1475 Breccia . . . . . . . 1557 Brugnatelli . . . . . . 1731 Bruni . . . . . . 408, 1520 B.rl11sruto1 . . • • . . . 841 Bucco . . . . . . . . 1508

Buis aoohi .

. . . . .

Businco . . . . . . . . B urruano . . . . . . .

Bussi . Buzzi .

698 988 828

. . . . . . .

1560 . . . . . . . . 1734

e •

Cadeo . . . . . . . . . Caforio . . . . . . . c .alandrra . . . . 1521, Calcaterra . . . 864, Caldarola . . . . . . . Calic.eti . . . . . . 309, Ca11ari . . . . . . . Cambtasei . . . . 1501,

457 1012 1669 1475

Camintti-Vinci .

. . .

C1amptgliio . . Candela . . . . . Candid:o . . . . . Canestrini . . Cap.nata . . . . .

. . . . .

1683 1408 1509

ean telli

. . . 698 . . . 1520 . . . 1724 . . . 1447 . . . 1515 1205, 1551 . 34e, 767

. . . . .

.

. . .

863 1448 238 1508

155

1083 828 Cantani . . . . . 1500, 1508

. . . Cantelmo . . Capoigrosai . Clanparel•li . Cruprpelli . . CiapuanJi. . . Carbone . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

Pag.

C.arCIU·P·i no-Fenraril Cardarelli . . 487, Crurlini . . . . c .armona . . . . . Carnelli . . . . . . Oaroooini . . . . . Carraro . . . . . .

Carrerrra s

carruic cio

. .

1560

1491, 1506 . . . . .

. . . . .

1373 1521 1291

1107

2.02 . . . . . . . 1507 . . . . . . 1308

C1aruso . . . . . . . . . 1448 Caisag.iian·d i · . . . . . 893 Casassa . . . . . . . 34.3 Ca sati . . . . • . . . . . 118 Cascino . . . . . . 1520 Cassinis . . . . . ~ . 582 Crussuto . . . . . 1195 Cast ellino . . . . . . . 1495 Castiglrioni . 307, 863, 1152, 1310 Castronuovo . . . . . . 1502 Catalano . . . . . . . . 1363 Catald·i . . . . . . . . 787 Oattan-eo. 488, 1121, 1508, 1560 Ca·t terina . . . . . . . 1040 C·auicci . . . . 98, 186~ 1151 Cavazza . . . . . . 47, 293 Cav,azzani . . . . . . . 165 Cavina . . . . . . 699, 1082 Ceochetelli . . . . . . 1405 Centan,n i . . . . . . . . 1667 Ceippellini . . . . . . . 894 Ceramicola . . . . . 1348 ~resoli . . . . . . . . 131 O Cemezzi · . . . . . . . 152 Ceruti . . . . . . . . 309 C€s 8Jri . . . . • . . . 1406 Cesetti . . . . . . . . 64 Cihiarolanza . . . . . . 1521 Chtrusserini 617, 1394, 1519, 1520, 1525 c ,h ieBa . • • • • • • • • 6...,o Chin:iigò . . . . . . 1388 Chiri . . . . . . . . 61 . . . . . . . 1178 Chironi t llis1.oni . 526, 799, 9~7, 1277, 1

1342 Ciancio . . . Cimino . . . . . Cimmino . . . Cingolani . . .

1

•01olftfì

. . . 1509 . . . 1'520 . . . 1374 . 384, 704

. . . .

. . . . . . 1501, 1508

CiotoJ a . . . . . . . . . 1692 Citelli . . . . . . 309, 1448

Ciu1la . . . . . . . . . Cleinenti . . . . 1213, C.Jerico . . . . . . . . . C1j vi10 . . . . . 1698, Col10,m bino . . . . 1310,

1

154 1559 1560 1732 1702

Comino, . . . . . . . 1135 Comhsso . . . . . . . . 1668 C1o ndorelli . . . . 1003, 1448

1

C,o nti . . . . . . . . . .

1375

c ,ornacdhione Corra·di . . . Corti . . . . . C OtSC er.a ·· .

707 1434

1

. . . .

. . . . . . . .

G-Osta . . . . . . . C·ostantini Cov.a · . . C·risp in-0, . Cristalli .

. . . . . . . . . . . .

. . 927, . . . . 1137,

1082 1571

1730

988, 1508 . . . . 1700 . . . . 1 507 . . . . 274 .

Pag.

Crossonini . . . . . . c .rosti . . 733, 863, 1310, Cuccia . . . . . . . . . e ura tolo . . . . . . . Cuncio . . . . . . . . . .Cu'tore . . . . . . . . Cuzzi . . . . 488, 1699,

1020 1515 722

946 1668

1448 1732

D D 'A·g·a ta . . . . 1084 D'A·g.ostino . . . . . . 1521 D 'Aj utolo . . . . . . . 698 D'Alessandro . . . 98, 238 D ail1a Vedov a . 60, 166·8, 1669 D allem ·. . . . . . . . 1733 D'Al1locco . . . . . . . 1507 D'Amato . . . . 164, 1502 D'Aroma . . . . . . . . 788 De Angelis ..· . . . . . 129@ D~ Battisti D~ Chiaira . Deci~ . .

. . . . . .

1214 . . . . . 17, 95 . . . 1409, 1733

n .eclitch . . . . . . . . . 4~1 Dei G.aetano . . . 1376, 1'520 ·De Gri·s ogono . . . . . 1731 Delfino . . . . . . . . 1520 De .Lisi . . . . . . . . 1377 Del:iitala . . . 378, 1668, 1669 Della V.al1ei . . . . . . 1492 Del Vecchio . . . . . 26.2 Denti . . . . . . . . . 895 De Nunno . . . . . . 12~ 2 De P ace . . . 1699 De P orrein ta . . . 173 D' Erchia . . . . . . 1699 J)e San·ct.is . . . 60, 926, 984

D.Es te

. . . . . . . . 1669 D e-1'ommasi . ~ . . .. . 406 De To·n i . . . . . . . . 1439 D e Vill a . . . . . . . . 811 Devoto . . . . . . 1082, 1246 Dian . . . 315, 767, 1596, 1003 Di ,C rìstina . . . . .. 828 ' Diez . . . . . . . . 431, 779 Di,onisi . . . . . . . . 829 Di Pa1ce . . . . 590 Di S1calea . . . 828 Di .S<}ord i a . . . .. .. . . 828 DoLcetti . . . . . . 5913, 1084 D·on1ini ci . . . . .· . . 565 DOIDati . . . . . ., 1510, 1515

DO!r.el'l o . . . . . 341, 450, 611, 863, 927, 1213, 1559 l1·or ia . . . 57, 195, 231, 269, 334, 372, 626, 795, 860, 14.01, 14()2, 1449, 1470, 1476, 1521, 1725 D1rago tti . . . . 532, 565, 585, 1

737, 771, 820, 1024, 1087, 1099, 1281, 1443 D11·cr ey . . . . 272, 1032, 1471 D·ura,nte . . . . . . . 60, 237

E E gidi . . . 158, 410, 693, 729,

823, 1074. 1176, 1305, 1539, 1581, 1595, 1627,

1630, 1631 Epifania . . . . . . . . 15'09 Etto!"I'e . . . . . . .. . 1670


I -

XXXVIII -

Pag.

P ag .

Gentile . . . 29, 63, 171, 194, 199, 229, 241, 266, 277, 344, 372, 444; 561, 592, 657, 793,

La11clolfi . . . . 1501, 1508 I.asio . . . . . 1519 Lauro . . . . . 1730 Lattes . . . . 663, 958 L azz ar-0 . . . . . . . . 828 Lav1e:rm te 0 1oca . . . . . 1670 Legnani . . . . .. . . 97 Leone . . . . 1508, 1509 Levi E. . . . . . 1385, 1534 Levi G. . . . . . . . . 664 Levi I. . . . . . . . 415, 599 Liebma.nn . . 1084, 1732 Licciardi . . . . . . 1509 Limentani . . . : . . . 450 Lollini . . . . . . . 1560 Lombardi A. . . . . . 1509 Lombrol8o . . . . . . 663 Loschi . . 733 Losio . . . . . 253, 1226 Lovero . . . . · 442 Lucatello 1502, 1504

.Pag.

F Fabozzi . . . . . . . . 526 Fagiuoli . . . 560, 927, 1214 Falchi . . . . . . 1246 Falcioni . . . . . . 120, 803 Fa,lcone . . . . . . . . 1520 Falzi . . . . . 500, 827, 1264 Famt1lari . . . . . . . 1507 Faretin . . . . . . . 1084 Fasa11i-''o lnrell i . . . 10, 546 F~an o . . . . . 1515 Fatichi 34 Favare . . . 238 Fecondo . . . . . . 599 Feletti . . . . . 8ZS Felicianrreli . . . . . 8 Fermi . . . . . . . . . 164 Ferrannini . . . 24, 1501, 1508 Ferrari . . . . . . 599, 1084 F e r.r.a ri11 i . . . . . . . 296 Ferreri . . . . . . . . 500 Ferretti . . 132, 376, 596, 1178 Ferro . . . 308, 144.S Ferrol11i . . . . 1699, 1702 Ficl1era . . . . . . . . 1521 Filippi . . . . . . . . 1084 . . . . . . . 123, 4-!. 20, !400, /, ,., ,., F i·11pp1n1 321, 523, 7-01, 763, 893, 953, 991-, 1088, 1183,

F i 11i . . Fiorito Fla1nini

Fl a rer . Foà . . Fo11ta utt

1210, 1268, 1280, 1675 . . . . . . . . 698 . . . . . . . . 308 . . . . . . 862, 1406 . . . . . 1407 . . 4i , 12.24 . . . . 733

For111iggi11i Forn n r~l . . . Forne ro . . . . . . For11i . . . . . 377,

. .

509 684

. .

i51

. .

791:, &22, 858, 890, 899, 9'21, 929, 948, 1079, 1115, 1156, 1208, 1218, 1240, 1273, 1368 C:renua1idi . . . . . . . 1453 Ger ardi . . .. ~ . . . . 1509 Geremtcca . . . . . . . 1491 Ghilarducci . . 629, 926, 1474 Gl11ron . .. . . . . . . 1213 Giannelli . . . . . . . 1257 Giglio . . . . . 13'2, 376, 555 Gilberti . . 679, 789, 1110, 1466 Giorcelli . . . . . . . 429 Giordano . . . 1046, 1515 Giorgi . . . . . . . . . 1361 . . . 50 G ioseffi . . . . Giov.annini , .. . . . . 167 Gi11dice.andrea. . . . 190, 956 Giuffrè . . . . 829, 1'501, 1053 Gog,gia . . . . 24, 487, 1051 Golini . . . . . . 88, 1071 Gortan . . . . 1084 Gosio . . . . . .. . 869 Grooenigo . . . 526, 9&7 Granizio . . . . . . 1509 Groosi . . . . . . 732 Greco . . . . . . . . . 1448 Grossi . . . 60, 2.37, 341, 45-0, 628, 863, 926, 1213, 1277, 1ffi8 Gua1di . . . . . . 828 Guerricchio . . . . . . 1266 Gt1errini . . . . . . . . 1151 Guidone . . . . . . . . 1521 Guzzoni . . . 1700, 1731, 1734

827, 843 1589 . . 493

II1:d ell i . • lnd e.t . I11g·ran I t1spa . . . I zar . . . .

. . . . . . 1502

Fl n ''i . . . . . . . i 8. 1152 I~ t eu11d . . . . 399, 1083 1081 I• t fl-g-0111 . . . . . . . . 415 . 3,l. 11<)1 .... 1't1·'d • . . '>3 .... ' .,, ... . 1'!(.)

I ellertiz . .

1508, 1545 . . . . 599

Ft11tl\tt'ola

Jaco110 . . . . . . 1507 .J ern111 n . . . .4 . . . . 15-01 .J ona . 767 971J 1301, 1551 J11ra . . . . . . . 1.319, 1727 Justifi(( (Doctor) . . . 36, 70, 108, 177, 209, 249, 281,

Fortu11uto . .

988, 1081 . . . . 1508 . D6, 173, 376 . . 699

F1·ane<' cl1 ini . F1·n11 cl1i11i J?l' a n C' ion i . .

. . . .

5 75

Frn~c h clt.i

. . . .

89-1

..

. .

. . . . . 309 . 308, 939, 1448,

l

J

1

. . . . .

6D1, 9?3

C1aifnr11 i . . . . ~3~. 6~?. lOJn,

l ,j:>G. 1607. 1702, 1 i:~2 I • • • . . . ~ 6i, 13ì5 c;nlnlù . . . . . . 9t'"2 ( rf.l lt a.zzi . . . . L66n. lGTO c.~111 . . . . . . . . . 1ì3:? 1 ( lii .. . . . . 6:?!1, 663 r;a n<t ·1ri . . . !37 (...' ", I•1.l

.

G 11dusio

(:ran it<

11

. . .

. .

113

• • • • •

' 29

. . . . . . . . 1:1~1 .. J>arri11i . . . . 61. 9-, 5!1.>.

) • 11 • • t·>..... , l'"!V , 1,,_l..:, ·) .3, 1371 11(),, 1:)0}, 15( ...... 2. 127ì. 1:310 . . . . . . 1 ì. l 1{l7

:~ l 7'

390, 12~, 'i®, 400, 535, 569, 61·1 670, 672, 708, ì75, 07, 837, 71,

:~3 1,

107. 600, 740, 902, 032, 963, 995, 996, 1026, 1060, 1091, 112.5, 12'2.3, 1 ~.)1,

13X2'

1285, 1316, 1348, 141 ' 1 ~53. 1481 ,

1331, 1566, 1637! 16ì6 L

I . .a F l'la . . . . I an1h1·a 11zi r, :tr l) I) t I ~ ) la n i

. .

217

L ll.SSO

.

.

.

.

.

.

.

16ì0 f'\.."')~.... /

1733

.

.

.

. .

.

.

.

.

1'560

LurStig . . . . 827 L 11zzatti . . . . . . . 1019 Luzzatto . . 165, 166, 167, 1084

M -

:Jlaestrini . i\,1 agaudda

. . . . . .

l\Iaggesi .

. . .

~Iaiggiorn

~ !aggiorc ~Ia:i.occhi

. . . .

.

l\Iagrassi

I

r1v.e11to

Lurà . . . Luriidiano. P. ~ L ussana . .

259 395 41

Lll CTi

.

Ma1lca.ngi 1\1.ancioli .

. . . . . . . . . . 2(!2, . . . . . .

.

342 147 1008 1-088 1591 1526

1019, . . 1088, . 1519, 31-2, 378, 108~ . . . . 1509 . . . . 1653

l\1angiagalli . . . . 671, 1699, 1730, 1731, 1732, 1733, 1734 Ma11te ll i . . . . . . . . 618 1

:\1a11tova11 i . . . . . 875, 1597 ~'Ia11zutto . . . . . . . 1-083 ~I ara.gliano . . 673, 1492, 1495, 1502, 15-0 ' 15ò9, 1520, 1668 ~Ia rchiafa vo. . . . . .· . 368 .Jlarcora . . 1051, 1504, 1507 ì\Ia.r engo, . . . . 1432 :\Iarfori . . 574, 134.2 :\Ia1 garu(}ci 628, 1519 .Jia ria n i . . 147.) i\1a r ogna . . . . 1516 ~Ial'ras~ini ~Iartelli .

ì\1artin elli .:\1artiri

165. 12.19 . . 161, 1109 421, 211. . . 9:20

M1ru.c;n zza . . . . . .

1733 :\1asci . . . . . 10, 1118, 11 i-8. 1685, 1712 . . . 563 .J1asel li :\f asj eri . . . 1731 . . ., :vfa.;;:nata . . . 98 1021. 159... :\1assari . 1377 ~fa enti . . • • 1892 :\f n trono la 310 :\I atti 1·01 o • g}l.'J :\I.a nro . • • • 1-1"• .. ti J ?\f azzci . . " . . .

Md .\fo ~d

Aloi

.\Jo1 Mor .\foo ).{0$1

~o~

Mou .\{ llq

~h1s


-

XXXIX -

.Pag.

Ma.zzo1la11i

. . . . . .

M8.zz.one .

. . . .

Mazz.oni .

. . .

Medea . . :U:eineri .

.

f i'O

Neri . . .Nicastro Nictletti Nicolich Niola N io1si . Nt1zzi

~07

. .

:J"3 200, 733, 7f\7

. . .. .

1391

Melctolesi. . . . . . 330, 1628 Miendes . . . 12, 567, 931, 993 )\1.enghetti . . . 451, 734, 757. 14.08, 14.09 Menstron . . . • . . 173'-l Mercurio . . 1 .'i~~7

Merolillo . .

Messeda;glia . . . . Mestron . . . . . . . . Micheli . . . 1697, 11:~0, ~ieli . . . . . . . . .

~ilani . ~Iiliani.

Monesi

. .

698

. . . 4·1:1 Montnnai·i . . 1:3}, 1514 ì\fo11tefusco . . . . . 1207 l\Jion teleone . . . . 2.3, 27. 64, 10~, 103, 168, 203, 242, 275, 303, 313, ;{14, ~i4:1, 31.6, 379, 453, 453 :,9 J 330, 616, 665, n9•, ~ r·o; 831, 856, 866, 9.::18. ~t4' 081, 1013_ 1029 1057, 11:5.'3, 1206, 1414, 1415, 1179, 1613, 1636. J63!l, 1673 Mo11tesano . . . 1-04, 11:2, 225, r.9 ,luJ, . . •.)"' 336 533 632 f.,JQ, 834, 891, 1025, lf!~~. 1 281, I

,

1

1180, 17U5

Mo11ti . . . . . . . . . 697 Morelli . . . 1375, 1407 t514, 1522, 1527 Mo:rgante

Mori . . . .

.

. . .

511 452 97

Morone . . . . . . . Ma.rselli . . . . . . . 59 ~(oscati . . . 150'2, 1507, 152.6 Moschini . . . . . . 1616

Mosco.n i . . . . . . .167, 513 Motta . . . . . 276, 3R1, 1015 MUJglgia, . . . . . . . 15{)9 M usazza . .. . . . . . . 1732 N

Namias. . • · Na~del1li . . . . Na~etti . Nastruoci • Nava . . . N aza1i . . . . . Negro . .

1699, 1733 565 1087 1083 1670 • 1120 . ' 895 97

1082 1521 1669 1518 604 . . 152-0 . . 1670

Pirondini . . . 383, 816, 1081,

. . . . . 1-0fl3,

.

. . . . 1084 . 1382, 1482, 1529 1730 988

Oresu . Orlando . . Ottol engl1 i Ova.zza . Ovio . . . .

1734

&~::;

. .

Oliva

108·~

Montagnu11i

J

Oli ani Oliaro .

12; 4

. . . . . . . . 1527 . . . . . . . . 976, Minerbi . . . . 163 166, 359 MineTvin i . . . . . 987, 1277 Mingazzi11i . . . 623, !m>, 1131 Mioni . . . . . . . . 105 ~fira1lda . . 799, 12!9, 13~2. 1376, 1491, 1700 l\1issiroli . . . 1277 Mo1dena . . . 731· Moncalvi . . . . 313 •rl' • 1/, '"5 M l Ol.11ulDI . . -1·1. M:ondolfo . . 157 t

Pag.

o

263

. .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 415, 599, . . . . . . . . . . . . .

P ag.

828

1597

478

. .

1594

p

. Pacchio11i P acinotti P .a dovan1 P1ais . . .

1020 . . . . . . 1084 . . . . 165 . . 1731, 1732 Paltr~cca 1408 Paltunbo . . . . . . 513 Pane . . . . . 1526 P a negros si. . . . . . . 597 Pangloss . . . . 112, 279, 350, 500, 869, 12:'53, 1315. 1528 P an.5<era . . . . 475 Pans ini . . 1988 P anta•leoni . 1724 Paoll1cci . . . 1515 Pari . . . . . . . . . . 15-01 Parlavecchio . 829, 1512, 1520 Pa;scale . . 1343, 1525 P.asin.i . . . . . . . 378 P .asserini . . . 1222 P 1avone. . 1119, 118'0 p ,ed i·co n i . . . 13.23 P el·lecchia . . . 1520 P ende . . . . . . . 1506 I)ennato . 238. 1596 P en.timalli . . . . . . . 645 Pergola . . . . 237, 629. 13·55 Perill1 . . . . . . . . . 1385 Perroncito . . . . . . . 527 F errone . . . . . . . . 166 Pe ~ talozz.a . . . . 1539. 1697, 1700, 1702, 1730, 1731 , 1732 P etella . . . . . 559 Pettagnani . . . . 415 P ezzani . . . . .. . 1509 P ezzi . . . . . . . 1341 Piazza . . . . . . . . . 1507 Piccinin.i . . . . 698, 988, 1081 P i1coo li E. 4.g,7 Pi:c~-0ù.i S. . . 117'3 Pidone . . . . . . 308 P ·irert'aiccin i . .. . . . . 129 Pieri . . . . 1668, 166D P-ig-natti . . . . . . . 1081 Pi1gorini . . . . . . . . 1282 Pilotti . . . . . . . . 927 Pin.cfherle . . . 1152, 1310 Piperno . . 383, 1095. 1124, 1480, 1375 Piran i . . . . . . . . . 1408 . . .

1179,' 1180 Pirquet . . . . . . 551 Pittarelli . . . . 6~ 1 , 1045 Pizz1goni . . . . 895 PoJri . . . . . . 894 Polim anti . . . . . . . 449 Po1Laci . . . . . . . . 1108 Pollitzer . . . 17, 28, 62, 103, 127, 156, 275, 338. 348, 523, 625, 632, 761, 819, &'3-0, 832, 899, 960, 980, 11022, 1022, 1048, 1067, 1'077, 1154, 1182, 1274, 1278, 1404, 1411, 1412, 1449, 1450, 1476, 1477, 1478, 1591, 1593, 1625, 1636, 1660, 1661, 1664, 1666, 1671, 1672, 1674, 1695 Pomini . . . . . . . 1214 Pootano, . . . . . 1163, 1526 Po.roota (De) . 415, '599, 1003, 1004 Porr u . . . 1326 Poz.zato • • . . 343 Prebil . 724 Preti . . . . . . 342, 1082 Probizer . 893 Prezzolini 698, 988 P vovera . . . 1187 Pt1ccioni . . 76, 1277 P l1lvirenti 1-043, 1427 Plmtoni . . 61, 342 P t1rpt1ra 1520, 1526 Putti . . . 1668

Queirol o· . . 1495, 1500, 1501, 1507, 1526

R 1020 1117, 1705 1020 Ra1I11oino . . 102.0 Ranelletti .. . 764 Ranucci '-. 323 Rapisal'd i 309, 144.8 Ravà . . . 699 rRazz,a boni . . . 376 R.egoli . . . . 1105 Rein,a . . . .. . . 1120 Ri cc i . . . . . 26·5, 986, 1730 Ri1d ella . . . . 11f.75 Rieth . . . . . . . . . 167 Rig·hetti . . . 4151, 734, 14.J()8 fladae•l'i . . . . . . . . Ra:dog:na . . . . . 1016, 1122, 1564, 1692, Rag·azzi .

1

Rig·nano . .. . . . . . . Ri·g obe llo1 . .. . . . 1407, Roasenda Ro1an·d i . 1

Rolandini

.

Rolando . R o.manelli Roncato . . . R onchetti . . . 598 iRonc.hi . . . . . . .

798

14-08 181 343 894 1519

978 527 863 811

'


-

A

XL-

::-=

Ronco .

.

. . . . .

Pag.

538'

. . . . . . 1520 Sgao1bati . . . . . 699 Sigt1inolfì 297' 767, 1520 1S iglll'tà . 28, 412, 1156, Silvestri . . .

. . . . . . 1310

Ronzoni Rosi ca . . Ros.si B. Rossi F. RoSBi O. n usca . Ru so .

Pag.

. . . . . . 289 202, 733, 1310

. . . . 376 451, 698 . . . . . . 324, 1150 . 164, 596, 600, 841 . . . . . 1447, 1448

s Sabatini . . . . 307, 532, 540, 861, 951, 125{), 1506 Sacca1,di . . . . . . . . 1084 Sacchetto . . . . 151, 1596 Saggtore . · . . . . 1508 Sala A. . . . . . . . 151 Sala ·G. . . . . . . 1120, 1475 Sa1azar . . . . . . . . 527 Sa..lkind . . . . . . 699, 864 Salpietra . . . . . . 829 . 'a lustri . . . . . 22 , 1475 Salvetti . . . . . 884 Salvioli . . . . . . . 1596 ... alvolini . 9 , 734, 238, 1121, 1475 S amn.j a . . . . . . 699 . au11)ietro 314, 1080, 1087 Sanfilirppo . 309, 544, 1715 ~ a tlguinetti . . . . . . 1652 · antangelo . . . . . . . 1213 a11ti . . . . 1730, 1731, 1733 Saraceni . . . . . . . . 1421 Sarpi . . . . . . . . . 1558 Sberna . . . . . . 228, 1073 Scalese . . . . . . . . 1509 Scalone . . . . . 1519, 1670 · celba . . . 99, 133 298 113~ ... cli~oosi_ . . 1514 l521, 1526 • eh lbon1 . . . . . . . . 926 "-'C"l1t1pfe1·. . . . . . . . lS01 rlnvo . · . 893, 894., 895, 1035 co1nazzon1 . . . . . . 1083 Scorza . . . . . . . . . 1447 Sebastiani . . . . . 268, 446 594, 687, 23i, 982 1075' 1145, 12i2, l3<Y'2. 1333: 136'1. 1369, 1i72: 1663. 169.'i echi . . . . . 1377 eaa gni . . . 651 cp,re . . . . 663 e lendari . . . . . 112 . l ' 1 • >t11gnç In . . . . 172, 477 1

1

s r~t fin 1 · er1n . . .

·

·

·

.

Silvestri.11i Simeoni . ,s i.In OiI1Uri

.

Sinvelka Sisto . . Sivori . s off re' . olieri .

. . . . . . . . . S01p~ana . . Sorrentino . S o·r ret in,o . Spanio . . . . Spirito . . . .. 1S1polverini . Stan1g anelli . . Stefan1 St.inelli . . . . Stretti

. . . . . . . . .

527' 863' .. . . . . . . . . . . . 1520, . . . .

1277 1509 527 152-6 875

T

T a.echini . . . . . . 1~75 Taiddei . . . 1515, 1519, 1526 T am.fa.ni . . . . . 166 Tardo . . . . . . . 1519 . . . . . 1506 T arazzi Tata . . . . Tenconi . Terni . . Tescol a " Ti1lli . . . . Timpano P. Tizio Tocoo . . Tomase1li rro1-.ra ca . Toschi ." . Trernti . .

. . . . . . . . . .

. . : 896 . . . 410, 412 . . . . 663 . . . 698 . . 443 . . . 6 . . . . 422 . . . . 1548 . . . 598 . . 1521 . . 712 . : 29 ·91 94

162, 169, 561, 602, Ì047: 1143, 1163, 1209, 1510.

1525, 1624, 1626

Tricomi . . Tri filetti . Trogu . . . . . Trossarello . Tr11zzi .

. . . . . . . . . . . . .

. .

828

165 436 733 16n9

u

1~

988

. . . 799 . . . . 1506 . . . . . 1733

..

C6.1, 1699

.

1203 . . . 451, 452, 1408, 1502, 1507 . . . . . . 1519 . . . . . . 450 . ~ . . . . 1-084 fJ7' 343, 598, 664 . . . . . 1508 . . . 1507° 1515, 1521 . . . . . 1214 . . . 238, 1520 f

L ff l'r;)dllZZi .

598, 1519, 1669

Pag.

V

Vaccari . . . . . . . . 225 202, 378, 488, Vallardi . . . 598, 733, 767, 8,63, 1082, 1151, 1310 Valobra . . . . . . . . 97 Vannini . . . . . . . . 698 V rusta.:tni-Cresi . . 799, 1277 v .eoch1a . . . . . . . . 366 Venturelli . . . . . . . 1631 Veratti . . . . 894 ' 895 , 1246'

1475 Vercesi . . . . . . . . 1731 Verga . . . . . . 1519, 1670 Verney • . . 32, 67, l06, ~ 244, 339, .384, 421, 671, 704, 739, 773, 1090 Veron ese . . . . . . . 1465 lii

Vetri . . . . . . . . . 77 Viale . . . . . . . . . 598 Viana . . . . . . . . . 560 Vignolo . . . . . . . 1514 Vigo (Doctor Justitia) 525,

1244 V.inaj . . . . . . 1082, 1151 Viola . . . . 1235, 1500, 1502 Vol,pin.o . . . . . . . . 598

w w .a lta n • W eiss • • \Vel pon,eir Wi-g.eit • •

'

.

• •

1010 896 1732 450

e::

co. .~!I

tI'

Il~ CLI

Nt

ti

!I J

,,

X

Xilo . . . . . .

699

z

1a fc y

1507 465

Zagari . . • • • • • • • Za notti • • • • • • • • 901 Zamb1er . . • • • . • • 747 Zam-0rani • • • • 1213 • • Zannelli . • . • • 1213, 1277, • . . Zapelloni 151g. 1521 451 Zib0irdi . • • • • • • • 1246, 1475 . • • Zoia 799, 987, 1521 Zuccarelli • Zucchi . • . • . • • • . 1310 Zuccòla • . • . 82, 113, 401, 756. 13~8. 1463

11

tli

,,,

Il{

l

81Jf U[J/'6

ro e utj

mni • zuun I

rfr.cr

'

Cli11 it

b i1 e


ANNO XXVIII

Fase. t

Roma, 3 Gennaio 1921

fondato

'~ai

professori:

GUIDO BACCELLI - · FRANCESCO DURANTE SEZION g

PRATICA

1

R EDATTORE CAPO: ] ROF.

VITTORIO ASCOLI I

Per il 1921. Ai Medici Italiani, f)ntra1l<lo o> niai riel suo XXl~III wntio ut rii a,. il << Policlinico», clie lia tenuto fede costa nte al suo programma di se1·v-ire al r1ieclico pratico 1iell,esercizio co1npleto dell)arte SU!(.l _. e o~oè) c?.·ì al letto dell'i11fe1··1no) conte 11ci se1ripre tJiil complessi 1·appo1·ti sociali) pot1·elJb c J'ltiun ~tare a cs11or1·e 0Aico1·a 11,n progra1111na JJr1· l'an110 192J: tittti i 1nedioi d'Italia 8<111no con quale solerzi<1 li t'ie11..c ai oorr<''l1t< (/i qua>ito di rriegl1·0 si tJroditce n el- campo scil'ntifico, cu11 'lua1ito a1nore so8tic 1tc i lo·ro intcJ'e::;si iri ogni cam,po clell 'atti vità loro. _ La JL<:O< 8:._;ilà del progra11t1na 'Iloti p1 o viene d(zlla con8ttetudi11e; JJro11tana dalla i1itima r:08ti tu~ ir>ll e d<·l rios t ro }Jeriod ico) dallo s }Jir ito stc sso clie lia irifor;nato tlttta la sua vita e 1tc ha faro1 ito l'evolu;~;ionc 1 ren.de111dolo se>i.~a uOJltestazio·rtc nori solo il 11iù difjitso, ma a1Lclt e il 1111ì uucrediluto /Je1·iodioo 1nellico ita lil11110. Oli è che il« Policl'i1iico » Jia sempre vissuto la o·ita <l<·/ ì1tcdico italia1io: 11o;t lia solta1tto acco1n1Jagnc1to il ·J>i <'llico n elle difficoltà rl1 •l ca11t11ii1Lo; lo lta pe>· lo pi-ù JJrc:cccluto ) sorretto) lo lia spesso illu111i1iato e guidato,. lJa lteda.~ iorte e l '.d.;11 rriin istrazio1ic lian no fatto o,g Jl i sf01·zo e sa crifioio d u ra·n te la gra1tdc yucrra di u1tijioazione _d ella no.~t1a Italia) e sopratutto i11t questo tornie111tato e rlifficil<J dOJJO guor1a) µer adattar6 il cLJ1ite 1buto alle esigc1ize del rrio1n erito) pe1· 1riantene1·e la 'uyularità df'lla puù·blic~io1ze) per ~aguirc il n1ocinte1zto della cita scientifica e proJ<'s8ion,ule t1·a 1toi e all'estero. j>ttrtro1JJJO la cigil ia della pace è òtata per l'ltali'a pi't~ fatico sa e dlllra c~e non la q;·igilia. dl'lla g·u orra, ]Jiù penosa jo1·se oltJe 1tori lCAt stai)sa guerra per il malesser·e) a1·eato dalle iri::;idic i n,.terria1Zionali e da,i dissidi i iriter1ii, :; fom e1itato dalle tr·isti condizio1vi economiche. Oltre dile a1tlJ'ti di te·r ribili pe1·ipezie lia1i ;io minaccia.to di esaur·i1·e le fo1·ze del nost·ro disgra.~iato Paetse 1 olie pwre lia prorriosso ed ass'i curato la 'l?ittoria dei 711·iric·ipf, di libe1·tà 1iel tno rido. M ent;·e la pace sta per concludersi co1i gli st1·a1iieri) si 1na1iifestan,o sintorn,i anche di 1>uoificaziotie iriterna; l·'Jtalia con il suo largo unian,istico positi co senso politico) pre·tide 1.>arte diretti11:a nei Consessi internazio1tali. >":Jperiarno oomi1ici l'èra della riparazio1ic sui flagelli ol"e àlla guerra so·rio seguiti. Uon questa spera1iza nel cuo·re) noi voglianio irii~'iare il JJrossirrio an'no. E co1ifidiarrio clie 1ivlla coscienza più sicura delle vii·tù della nostra stirpe) anclie la 11iedicina ital ia1ia, 11Jelle lotte più nobili per il progr·esso scie1itifico 1 p·rmida la posiziorie cltJe il gen.io del passato e la tenacia del lavor·o le assicurano. 1'1 0,i siamo fier·i di contrib1ti1·e a questi ,i ntenti, a.p1·endo le porte agli studio·s·i d'ogrnri scuo'la. P1·omettiamo be1is·ì di scegl1·~re C·On il p11ù se· ve1·0 discet·nimento ) ma con largo c'r iterio J il fiore della produz io1ie stranie,,.a per fa1 ·lo con • esattezza e 'r apidità conoscere agli Ital'ta1i1 come lievito del p'rog1·esso 1iostro; nia speo1almente desideriamo il contributo delle scuole ,i taliane per d-ifjonde·rlo fra noi, clie ci apJJrezziamo troppo poco, per diffonde1·lo all'estero ove la produzione italia11a conii,nc·ia ad e8sere 'r icercata e tert1Uta in pregio. _ . . A tale opera di aff1·atellamento nazionale e cl i calo ri.zzaziorie -internazioriale il «Policlinico» sente e sa di avere molto contribuito; ma molto più v1"ole e sa di pote1· c~1it1·ibu ire con il credito acquista.fo8i e con ;l grande n ilniero di abbo11ati. . 1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

,.


,

2

[l\NNO

IL POI.ICLINICO

X.\\'III,

FASC.

1)

Oresoeremo le Riuistrx sintetiche sugli argorn,e1iti clie a 1'n ano a n1.ra1to accaparra110 l 1 atten.z:ione degli stztdiosi e 'r innovano di CO Jlt irlllO la nif'llicina. 1on siamo nè paghi del sitccesso) nè a1icol' soddisfatti dell'upe1a 1iostra. Dil'igiamo f er,v ida preghie ra ai riostri profe::;so1"i alie 11.ron VO[J'lia'rto Zitnitare i benefici dei loro iriseg 1ia1tie1it i 1iella ce1·chia dci lo1·0 st'lide-nti 1 rn a si C"OJ>lr<JJ laccia rio di sJJa1·gerl1: <tiel grande aJ;ib i t-0 de i 1">1 ed ici i tal iati i clie li i1i voca110 : og·n,i solleait udi11e noi pro111ettianio ai 1naest·r i clie onorario le catted1·e d 1 Italia) pcrcliè ceda rio al deside1~io di coloro olie furon,o allievi e aniano 'fton perdere il contatto cori la scltola clie li foNnò, e preferiscono acqiiistare nuove co1ioscenze trave·r so l 'e labo,razione dcll? 1nenti nost1·ar1:c, 11i,i tttosto che n.e ll'ope1·a di scrittori stra;riier·i. In quest'aspira:~io 1t e elle traiamo dal 1:ivo della coscie1iza de.qli ajjezion.ati artiici del « Policl·iniico >>, tioi tro e ia 1rio ·il fondaniento pe1· zjrog redi1 ·e anco1·a e se1np1·e con ia coopera zione di tutte l e scuole ital iane) con la coesio rie di t utte lo categor,i c di m<.:<lici, con la fusiortc di tutte le energie della veccliia e della 'r edenta Ital,ia,. l .1a concoJ·dia asstcilra sempre la vittoria alle geriti italiclic . Il « Policli'nioo >> vi po1.. ta non solo l'au.g·u rio ed il buon volere, ma la fo1·.'::a del la·uoro e la rirtù del sacr·ific1:0. Tittti i Medici Italiani lo ai-it.tino. LA REDAZIONE. 1

NI

((

8c

1

1

1

1

Due ,~ie si aprivano all'Am1ninistrazione del cc Policlinico» per affro11tare le aspre diffiooltà inerenti n llo str..1orclin.ario rin~aro della carta. e della m uno d'oper<l tipografica 1lonchè all'incremento continl10 d~lle spese generali: ridurre in modo notevole 11 numero clelle l)aginc ovvero accrescere i prezzi d'abbonamento. Lu prima ~-oluzione è stata risolutamente scartata, per<!llè avrebbe signific:ato oomproruettere il valore prati<.'O. il prestigio e iJ credito del giornale. \lentre la vita sci€nlifica. riprende ovuuql1e con sl.tncio là sua febbri le a ttiYittt, inei1t'rc le conquiste com1>iut~ dalk'l medicina durante la guerra vengono sottopo te a revii:;ionc e ~'e i1e preµarano e se ne oorupiono ogni giorno di nuove, mentre 1a vita professionale si ridesta e le .si parano innf.lnzi vasti problemi J>rirua neppure sospettati, che investono tutta la vita sociale, non era llOSsibile oostrin,ge1·e in un numero ristretto di 1>agine l'immenso mater1nle elle ormai alimentà il nostro periodico. Ciò sarebbe ~tato incon1patibile con le e igenze dei nostri lettori e con quelle del1n redazione. l'cr accogliere con liberalità. il covioso materiale che affluisce nlla rellazionc, per rispecchiare oon feù<,ltit, nelle inollepliei rub11che delle recensioni, il movimento -sc.:ientific~> (\ clinico dell'Italia e del1'.Est<' ro, per far J)()Sto ai nuovi problemi ec.-onomici e n1edioo-sociuli, u blliaLLLo anzi dovuto aume11tare gratlatamente, iu qu~sti ultiimi tempi, il numero delle pagine. Il succe ·o del «J.>oliclinico» si è sem1)re più affermato : dlf<1lti il i1un1ero degli abbonamenti raggiun,ge orrnai u11a cifra c:lle qualche :1nno addietro no11 avremmo osat-0 U<·I>l)ltre sperar<.!. Que ·lo risu l tu to J>erò si è raggiunto a spe e di gru vi sacrifizi, c:l1e l '1\11uninistrazio11e i1on potrebbe l>iù soslenel'e: i nost1i abbonati non si sorprellJdeta lino <lw1que se d-0bùi<1lll<> elevare il prezzo di abbonamento. Solb1nto quest:a. misura ci con~entirù di mantenere il giorna l~ uJl'c-1ltezza conquistata e di Slll>erurla ancora. 'l~cujamo a rileYare c:he l'aumento cla noi portat:o è del tutto a1>varentc e(l illusorio; esso resta di g1·nn luugu inft'riore ai coefficienti di aumento della cnrta e delle svese ùi stùllll)U : ll<n1 è neppure J)roporzioll~\ to al rinYilio genern le del denaro. osi ~tanclo le <·o~, noi abbiamo ferma fiducia che i no ·tri lettori np1n·ezzernuno la moderazione (]elle nostr' ric:hieste. Essi c:o11linuerH nno a da1·ci 11 loro appoggio inc-on<.lizio11a to e lu loro i>rezio&'l sol lela rl ) lit. L' A ~1 ?\l INISTRAZIONE.

I :

'

I

(

ABBONAMENTI PER ·IL 1921. Sinuol i : (1) Alla sola sezione pratica (setti111anale) ( 1a) Alla sola se1.ione 111edica (1nensile) . . . ( lù) Alla. sola sezione chirurgica (1nensile) .

(2) (3) (4)

ITALIA

. 1.J. 50 . L. 25 I.J. 25

Curnulativi: .~Ile due s ezioni (pratica e 1nedica) . . . . J_;. Alle due sezioni (pratica e chirurgica) . . . L. Alle tre sezioni (pratica, i11edica e chirurgica) L.

ESTERO

Fr. 60 Fr. 30 Fr. 30

65 65

Fr. 80 Fr. 80

80

Fr. 100

19

E.'abbonamento è impegnativo pe-,. tutto l'anno, ma pu6 esse"" paqato in due rtate semestrtali antf~fpate .._

. . Saremo assai grati ai Signori abbonati che vurranno rinnovare l'abbonamento avanti che cominci Il nuovo anno. Ciò agevolerà molto il lavoro amministrativo e la puntuale spedizione dei fascicoli. ~ lndiriz2nre 'arto liu e-Val~lin ('bèqncs e\·a,,.ll:1 :iantarl ~ 11~Eclitore <lei ''Policlinico••

( 'al'.

J, IGI l'()ZZJ .

'


[_i\.NNO

XXVIII,

FASC.

1]

o •

I

l •

Il

I t·

3

SEZIONE PRATICA

SOMMARIO. ILavori originali: R. Bosisio: Sulla deter1ninazion e della pepsina e del lab nel s ucco gastrico, secondo il metodo di JVIi· chaelis. ' Note e contributi: P. !i1npano: Dermatite da c anna (Ar undo tlon ax) . IOsservo1jonl ellnicbe: G . .Feliciaogeli : Su di un ca so di angina lli Lud"·ig in sogge tto emofiHaco. 1 Commenti: G. Piccardi e F. Fasaoi-Volarelli : Anco ra sugli effetti ù.ell 'argiri oa. ~n ll ' uretra dell'uomo e del cane . Conlerenze: Cì-. ~1endes : L 'organizzazione anti t uberco lare in Francia e nel Bel~i o . 8ootl e rassegne: Sr:M1·:1or1cA: T . i\fos ler e G. \\TerJich: (~li esanti th;ici d el vago. - MEDICINA: Ja,vein: Sulla causa ciel· J' i pertrofi a cardiaca e dell 'au1n ento della pressi one sang uigna nella nefrite. - F . F'ranchini: lntorno alla. paralisi · dell'orecchi etta <ld~tra e al polso vE'oo so relalivo. - CH I· R U R<HA.: ~1 . Lance : Le operazioni aa chi lo santi J..el I ral ta1nento del morbo di Pott .

Questioni dcl giorno : V. Pun toni : I batterio fagi. Cenni bibliografici. Accademie, Società mediche, ~ongressl : J J Congresso della S ocietà Frenia t r ica I taliana. - Convegno de ll a Socie·à I taJiana « Pro anormali » . 'ppuotl di medicina pratica: CAs1s·r1t:A E TJ<~R APIA : L 'infanti lis1no tardivo dell 'adulto dì ori g ine ipofisaria - Contributo allo studio del diabete iusipi do - Sul m odo di prevenire il diabete mellito - U n caso di distrofia e di mi xedema degli adulti - La radioterapia dell'ipertiroidismo - Sindro me emorragica e tiroidin a. - I GJ BNE .: La 1no rbosi tà del persona le fen1minile operaio dura nte la guerra. - PosTA DEGLI ABBONA'fl. -

VARIA .

Nella vita professionale: L. V E\rney : Corsi di perfezionamento. -

Cronaca del movimento professionale. - r\tti parla mentari. - Risposte a quesiti e a domande. - Concorsi. - Noinine pr omozi oni ed onorificenze . Notizie diverse.

I n1lice a Ilabetico per materie.

E' uietata la riproduzione di la uori pubblicati nel POLICLINJ()O e la pubblicazione di sunti di essi senza citarne la fon te. .

OlrHU di proprietà rlserva&l. ::

D· ri

LAVORI ORIGINALI.

re

!STITT JTO lll PATOLO<; L\ it: CL I NI CA l\!EDICA

lt. l lNIVI'.RSITÀ DI SASSARI di 1·etto tlail !)J'01f. C. :.\f OREscu 1.

DELL.\

' ti B·

1

Sulla de1erminazione della pep~i11a e del lab 11el s11cco gastrico, seco11do il metodo di ~Iichaelis.

re "·

1

I\fiot1a1el i1s, netl1a D eut. !Jfedi :.. Woc7L, d el 1Ul8, pro1Jo11e nin n11 ovo metod-o p er la det1errninu-

zion1c d eil la p1efP!sin.a 1e del fe.nr111ent10 d el la l), il •111nlc, !)C l' quanto arbitrario nello stabilire il \ n,!or e di queùla c.he1 ·egli C'hia111a t1nità di J}8 lJ~in1•n. ei di iab, h a ip1 eu·ò il g· l'a,,n cl.e vu11tagg j n di ()S..':ie1re 9em11)ltce, r a1pirlo, e d i richiede:re picco le qu.a11ti tà di succo gastrico. L 'A. chi.aann lln i tà di ·p epsinia, quella cl1c è contenuta in 1 cc. del suo preparato (P e1>s i 1tu11i llq uill u11i lliick<'rt-Mioh alo1os lr.i 1dilUJita U.{l 1 I 5 0 ) ,e ·ch e c,o rrispo11de 3'1 ,su cco gaetrioo 11 01mal·e 1cl~ ltti to ad 1 / 15 ; unità cli lab, qn ehla c1 1111.t enutn i11 1 cc. tli una so'l uzi1on1e .in 2.5 ac. 1d1 n oq.u a <l i1fl1t..iil.La tt1 cli 'lln a tavo1etta di fern1e11.t•o cleJ quagl.i o (l\tl.er ck) . Il succo ga1stn-tco n o,rma Jc ·coo1tio11n in 1 oc. 12.5-100 ·11ni tà 1d i' lab. N·on p otendo .avere i ·prep a:riati or'igi n al.i, ·1ni so11 0 servito p1er le ri aeirche, .c.ome 1constglia lo 6Ue~·so Mi1oh.ae1~s, idi siu·dchi ,gia.s tri·oi n1 orm.a l i dil11iti 1: 15 e 1: 60 ·rispettiv.am en te p·e r la Pe p.sin a ·e IP elI' tl ùab, o.n .d1e 1s;ta·b ilti.:r •e 1a q l l u111 t i1tà dii f erm•e11tJ di •contT'o hlo ·ded 1plf'eparat.i a 1

1

1

1

1

1

1

1

1

Dott. !{. Bosrs ro, aissistente.

Il

Al1l'a·mm.rul1ata fu somm i11istnata 'La coJ~zione (li E'va 1 d e l 'e trazione fu fatta dopo un'ora <lnJl' j11g1estioin1e. L 'aaid10 .cloridriicio 1ilber10 1éLeit1eir1niinato col 1dim1etil.a.miJd.oazobemzolo fino• a viraggio dal crosso 1al .colow1e salanonie;· l'acidità 1ota.1e oohl•a fe1110l1ftnU1etna fin10 ,a ~01l·or.a.zio11·e r tJisso-vioùace,a ]1eg·g'era e pe1~anente. D eterniina;·i one ll ei la p epsina. - La soluzir011·e ·dii 1Jiep si1111a A1rm1ot1r al 3 o/o d1eve essere rinn,o vata 1di freq11e11te, poichè in _,olt1zi one, ;per crt1anto tenuta. i1n gh.i .acciaia, ip e·r·de in va101'e. I tccc11tc111e11tc il l\li cl1aelis ttsa, la11to per la p eipsir11a con1e ·p er il lab , lo .stiesso 1oaim1p1i1one ,d i p·e1p·sim a 1della f.abb.ricu. G1rubil1e·-r: opiportun1am'en, t.p, ·di·Iuito, e co11s1erv ato in .g1ioerjna seoon.clo il p1ro1res~.o d,i 1\1.oir g:en.roth, f,o,11s1e ll)artend·O dal concietto del~a id1entità dei due f e1rm1enti. Come S'Olrl1z,i10111Je dL .albumina mi sono iSter viito d i u rtiu1n. al·b uminosa .oonsierv.ata con c1oroformi o ch e dilt1ivo ia l momento dell 'uso con Hcqu.a ,({istill.atn l1,o rtan1d.o il .oont.eniu to in al ht11n·e nil lh 1p1er n1ill,e . 4·8 -e.e. ·d i qu.est.a dill1izio11e :so110 a·ggit1nti con 28 goccie di .soluzjon e 1 di ,a·c iid·o ·soìfosali cili•co .al 10 %, in m'Odo da, a \ne,r si 1tn ti111torb.iid aJ.n1ento •Con :ainnen . - - a lt:n 1egg·cro precirp1itato dop.o alcund minuti, e il li<1ui.do s aggjaio colla .cart.a a l ro sso Congo 1·ca,gi1sca co11 color.azione leggermente vi.o 1.a, n ·Otl b,1etL ·è o1 n1e 0011 s11cc.01 gastiri1c.o n°o rmal1e.

1

. 1n in cl i c;.·ip-0)siziion e. 1 cc. ·di pepsina Armour diluita 1al 3 % equivale aJl'u.nità. P ier il 1rub ho t1sato il qt1a,g·lLo 111 el oo:mmencio, 1dis•tJribuito i1n1 v.DJnte b1oc.cie, .conserv.ato in .g hiaicci'ai1a; 2 cc. ,dJi una .s oluz:iJone all ' 1 : 500 di ·detto quaglio equivalgono .a ll unità. 1

1

1

1

1

1

1

J /e ~ip·e ri.en za.

si ielri1 p one1 così: Tubi da saggi o

1

1/2 1/4 1/8 1/16 1/32 di cc. di SllCCO gastl'iCO in esame i n 1 cc. di

5

Rcq l1a ._di stil lata.. cc. di soluzione dj a lbun1ina al 0.5 per mille con acido solfosali-

5

5

5

5

5

cilico al 10 %.

'


(ANNO XXVIII, F ASC. 1)

IL POLICLINICO

f">er ottenere la diluizione~ clel st1cco gc..tstrico si fanno 1e solite diluiziQni in serie ottenem.do'sì i11 tutti i tubi 1 cc. di st1cco dil1uito. In un 7° tubo si nlette l uJtità cli pep&i.na e, dopo l'~g­ Qiunta della soluzione di a lbumina, sti. porla il o tulto a bagnon1aria per l ò' ; l'indicatore è rapprcscr1tato dal'l'a1cido solrfosalicilico çh,e dete1·n1i 11n 11n intoirhirlamento <led.la soluzione ail..bu1ninoidea, il quale .scompare .aip1punto p·er l 'azione digestiva <le111'1 pe1p~ina. Si legigono allora i ris11lt.ati della reaz ione: quel tt1bo più diluito che> dai à chiarificazione uguale a quella del tubo contenente l'unità corrisponde al conte1111:0 in unità peptiche del succo in e.sam.e. Per avet'e dei risultati più esatti, :i\1i chae1is conc;iglia una seconda p1-0va partendo dal .tubo rhe l1a dato chiarificnzivne Ul)·I>ena maggi-oTe di quella 1dieù. control1lo: 1

1

1

10

20

qO

30

Provetta

1 cc. 0.8 064 0.52 della diluiz. appena superiore . 0.2 0.86 0.48 acqua dist. per r1- Peptica portare a 1 cc. 5 5 cc. di soluz. di al5 5 5 bumina acida.

Le e~pei1'ie11ze vennero sem·p~e fatte eseguiendo le dl1e prove. Delet1ninazione del lab. - Il succo gastrico djlni.o., l1el \ Ltlume di cc. 2.5 e partendo da t111a dill1izione cli 1 : 10 è 11lte1 iormente diluito ' COll UCLllltt ui:::tillata in tlive1 Si ttlbi fino aù 1 :320. Ad ognu11a delle provette si a,ggiungono l)Oi cc. 2.5 di latte fresco addizit0nato pri111a co11 soluzione di cloruro di ca1cio al 10 °/.) i1el rapporto di 5 di soluzione di clo1"l.1ro cli calcio in .1.- cc. di latte (10 ~o). Anche n el controllo la qi1a11ti tà di latte è di 2.5 cc. Metto11do la serie deUe provette in teirmootat o, 1

cc.

oppure n nche a ten1per.at.u ra ambi1e:nte, si oése1·va, i llrl i nn11rlo l gge rmente il Sllpporto, qunle rli essi coagula. co11ten1pora11eamente col tubo tli contrdllo, 011pure precede di poco. Come i1er la. pep ...ina., iSi può disporre u1Jn, ~ onda serie pnrt i1do dalla diluizione che 11a e n.gtùnto .D.i)pena prin1a dell'u11it~t. e si diF- pone Cc"'c::t: 1'uhi d1

DiJuiz. (lel

R

t>llC '<>

gn:--trico cc. 2.5 2 -

Acq11n dist. p •r riport~tr 25 t•l<>t'Ul'O lii calcio ~1 i

l

-o .)

~)!i o

•) :-" ....... _,

n.fi '.)-

;;.i.•>

1.\i L.B Uni1à

0.9 1.2 di lal1. ~.5

2.5

25

ha li ro11 qu te; u11ità di lab <li cont1·-0l111 t t ti I e p to lalJ vH ;riazio111 lLe1la

foaigulabilità dei vari ca1npiolili ,d i latte, evita qtlellie cause di errore che avevano Stpinto . Blu1n e Fuld a ipToporre 1·u so della polvere di Ekemberg, ovv ero -1illl Jl1atte ISCll"ellllato 1oonser1

1

v.ato. Queiste ragiorui ch e mi'l.itano a fav ore diel i111etodo di Mi·chae.lri.s par ritl .fermen t o del lab , Yalgo110 n11•ch e per 'ill dosaggio detla pepsi.Illa; ed invero tutti i m~todi prop10.sti dai viari autori o sono tro1ppo co1m rplicati, o lrllerceseit.ano cli sotSitanze 1diifìcrilli a .p:riocu11a:I'S'Ì, .o t1iichi1e1do~n o lln tecnici&mo trcwi>o I"Ì)gj.Jdo. Si rpuò obbiettare che i:l m,et odo di MÌfclhael1is non dà valmi aiss·olutamente 1e.satti, .come d el resto antche g.l i altri metodi propost:i, 'buttavi.a è pii1 ç.he suffici.emte 1J eir esseT·e tvtilizzato a scopo clìn1co. P.er l'rulbu·m ina Mtahaeliils fa intervenire un a.cid·o come ill sollfosa.J.iicilico e non neutralizz.a ill s.u ic co gast.ri,oo prima ,di sottoporlo alla d.igestione; il vantaggi.o tlell'aggi1unta d·ell achlo soli1osali ci1ioo i1I1Jvece dell a.ci•d10 1clo ridrioo uisato ,dai m~todi 1precedenti, consiste non t.anto n1e1 mantenel'e l'.an1biente d.ella digestione aicido, quanto n •ella st1a prop!I'l1età di rendere 01Pa· 1esoenti l e soiluzioni albun1id.1oi1dee,, qi>ialeis1oen.za 1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

ch'e scompare pea-- ,effetto della digestione. Quindi l'aoi·do s olfo$aJliCi1lico ha in questo oaiso •a11ch1e rufficio di un ilni:ticat1oiie. Secondo 1a definizione di Boas isi 1determin a insùen1e al ferme11to c.lel lah, a11cl1e l o z:imo1gien e suo, poichè si opera i11 presenza di sali di cal· ciò: i1011 tutti i fisiolo gi convengono in ciò, a11zi sostengo110 cl1e lo ZJimogeme del 1lab 15.i attivi per J,a pre,s.e1lza ,d,i acj 1do ·c10.rj1drioo. N el corso d·elle es1)erienze provai, nei oasi di ip-0 e u;11acloridria, 1sia il succo gastrioo puro, sia aggi111nto <li ar.ido c'ori1driro ftno ad avel'ne 1p1ccolc qua11tità libere, e non ebbi alcuna modifìcnzion'e 'neJ con1t.en11to in pepsi11a nè in }iM), 011tlp è probahile c11Cl l uci diti1 ciel SllCCo grustr.icu 1101Il abbia (per i pd.ccoli vaùuri ohe .si hann 0 <·on1 u11e111ente) alru 11a i nft 11e nzn <:\U 1lo svolgersi della reazione per il lal> 1e 11lCll" la i)cpsin.a. Pier le ragioni sopradette io crerlo cl1>e il met.odo così facile e i-.opra i i1tto napido possa contribuire molto ad a1u1lizza 1 e 111itt rnm1>letame11fip 1

1

1

1

1

1

ga~tropatie,

pecialmente que lle cl1e offrono una cl i~!>oci azione ·cl.ella secrezi 011e clorirJ rica in c'in fr:onto cli c1u ell tt <liei fermen tii ga-

parecchie

~trici.

l.. :t t'i<·erca. <111an f,i t a ti va della i}€lpsi11a e d el l;tl, nel 6ucco gwstrico 11:1. gtt'<t.11cle iinportanzn i11 certe cond izio11 i 1)er la ùiagn-osi clifferenziale tru f nr111 0 orga11iclle ell a.i1organicl1e dello sto1n<1co .e con1e •<lato clic i11t.eera i ri .. l1ltatj dell"e ... anle C}JÌl lii • (l ei Il'{ u '._ \t. l l"Ì o; }1U Ìtnpor-

-

-


.

X:\' ·111,

[ ..\NNO

J

1]

F..\SC.

SEZIONE PRATIC:\

tanz.a 1pure dal 1p unto. dii ViÌlsta ter,apeL1ttco in1dicandoci un deficit o u·n e•coesiso 'cui i:>oss itb il-

o

e

(.)

.

z

....

-

o tI:

I

23

1

·-·<

1

.OI}

..... ..... p

ero

15 .6

Carcinoma gastr. (pep. si.na ass. a11che dopo agg. HCl 28 % )

125

Nevrasteni a

I

• 3

27

4 - 44

50

ero

15 .8

,

Nor1nale

15

2 - 28 30 % Pres. t

DIAGNOSI

i:;

Q

57

6 % Pres.

1. 5

1

5

l

(i

23

43 %

20%

Carcin . pilorico (pepsin a ass . dopo agg.

16

-

125

Gastrite sem plice

15

Febbricitante (a8°.3)

7

fl2

48 %

26

40

U l cera gastr.(ristagno)

7 bis

40

67 %

30

100

Ulcera g astr . ( colaz. di E~"ald) dopo cura di etetica prolungata

13.5

100

Dispepsia

8

153

DiRpepsia

~

10

42

·me[[lte ripaD8're. Ho .d·o oato lJl l1ab e l1a ipeipsùn.a in ammalati di. affezioni ·gaistJrii dhe, in quaLche febbricitan te. e ancihe in sani; ii dati riiuniti n·el'la tabella ..permettono ·di osservare ohe valori al ti di pepsina i hammo n·elle Jorme ·dii ulcer a g.aistrtca (1contenuto .ancl1Je ·dlOfPIPLO del no·rma1 e) con cordem en te a lle esp·e rienze in vitro che dimostrano per valori alti idi aci1d·<} aloriidrtco a.nch e tma mag1gicxre 11tilìzza zii 0011e di pepsi11a (Ro,g er) . Nella gìaJStrr·osuco.rrea, 1~p1esso 1ca1r.atte1rizzata 1p iù dhe 1da una maggioT.e c001Jcen1tria21ione di acido c'Loridrioo, da un eccesso d'i srtteco gastr:Lco, la maggiiorel uti.liz.z.az:ikmie 1peiptiica non .sar eib be cosi spiccata (Furno ), ed in ciò concordano due mie osservazioni. (V.edi casi n. 25 e 33) . 11 fe·i-mento d el lab è in r•aJp'poirto ool1'à1ci~ dità e colla pepsina, ma n·on in modo assoluto, p.oten11 osi av€cre vrul-0.ri ;normaJri, di pepsina e di aiciido (caso 28) e dimin uz1i10.n e1 id i lab (m età de1la n·o rma) . OelI'to ,è 'J) erò ah e n,e i 35 ca.si eis aminati., ,assenza asso·Iuta di lab sd ebbe oo1am ente in du.e (14 e 18) c·on contemporanea mancanza d.i pepsina e ac~dità t'Otale scarsilsisdma (6.7-2.5) d·n a.mm.alati di g1astr.ite cron1,ca iipoacida, e in due e.asi (2 e 4) di carci11oma gastrico con traiccie di acido lattico si ebbero .dei va lori di lab di 1.5 (4) e di 15. 6 (2) . . Ne·i febbniicitam.ti accanto a1d una bassa mcid,i1tà sii h a aissienz·a o so'lia·m en te tracci1e di pepsina .e anche il lab è moiltiJssimo ·ri·dotto. 1

H Cl 44 %)

l

5

%

1

10 - 16 30

.133

13

153

Catarr o gastr .

12

B6

6!) o/o

12.5

153

Ipersecrez.,dila taz ione gastrica

13'

;;1 ..,

,.~

01 ·,o

12.5

153

Ipersecr ez.,dilatazione gastrica

14 -

:

Cata1·ro gast.

ll

I

77

8%

*'

15

20

16

38

17

18 1~

),J

2.5 % 46

Gast1·ect., acloridria

ero

15

160

Dispepsia

HC%n

15

160

Normale

2i;

49 %

1

66

28

50 %

1

40

,-edi caso precede11tè

-

Acl oridria e achil ia

- 26.6 G.7 %

20

47

67 % Pres.

21

47

76

28

62 % Trac-

%

Febbricitante rn alaria

3. 1

15.6

Vedi caso precedente durante l a cura

15

125

N evrastcn ia

15

120

\·edi caso prec. dopo 20 giorni di cura

cie

23

30

58 %

15

15.3

Norma l e

24

14

51 % Trac-

10

153

Gas troptosi

G2%

20

160

Gas trosucorrea

6.) %

16

320

U ri cem i co

8

160

Neoplas ia gastr. (sangue pres.)

lG

80

Gastroptosi, e11teroptos i

6

160

Gastr ectasia, gastrite

cie

25 26

36

27

00 % Traccie 12

49 %

2!)

26

61 %

30

10

30 %

8

100

Malari11 cronica, i pocloridria, gastr optosi

31

25

55 %

15

150

Norm al e

32

13

50 %

8

125

Gastropto;;i

33

23

71 %

20

125

Gast.ri te acida

12 .5

100

Gastr optosi

125

Ulcera gastrica

il4

35

1•

- 10 40 %

65

94 % '

N .B. - Il segno (-) precedente i.l valore dell'acidità cloridrica libera i11dica il de.fici t.

1

1

,.,,.

1

1

1

1

1

Il F:1~cicolo 11 (~O novembre) del nostro 11eriod.ico

Le malattie del cuore e dei vasi diretto dal Prof. VITTORIO ASCOLI Redattor e Capo: C. Pezzi .

oltre .a n11merose Ra ssegn~ di importanti argomenti cardiologici, contiene i seguenti notevoli lavori : rrof. c. P EZZI: L'allunga niento dello spa .~· io irttersistolico A.s-Vs. nel r ·i t rno di galoppo presistolico. Dott. C. TALENTONI: .Lo sfigmofotografo. Prof. A. RocoAVILJ.A: O·rno•r itmie ed allor~t1nie cardioresviratorie . Oont'ributo clinico alla fisiopatol ogia del cuore e del respitro (contin11uzione e

fine). ~ l'unico periodico clel genere che si pubblichi • in Italin. in fascicoli mensili illustra ti, e rammentiamo che, agli associati del «Pol i clinico ,>, es..,~ è C'edt1 to per sole

L. 16 per l' I~alia, anzichè L. 20 e Fr. 20 per l 'estero, anzichè Fr. 25 N. B. - I nuovi abbonati del 1921 a 11 LE MALATTIE DEL CUORE E DEI VASI ,, potranno altresì ricevere l'Intera annata 1920 del perlod lco stesso per sole 1O LI re ~I n ltalla e per soli Fr. 15 se all'Estero.

Per otte nerlo inviare ' il predetto importo al

Cav. J/OIGI PozzI, vll'l Sistina . 14, Roma.


6

NOTE E 0

l ~.\~?\O

IL POLLCLl NICO

CONT~IBUTI.

Dermatite da canna (Arundo donax) Til\IPANO.

È u11a malia ttia della pelle, cl1e si riscontra

nei lavoratori di ca11ne. CoLpi ~c e di solito La fronte, le pal1?ebre, l e g11a11ce, il naso, le parti antera-laterali d el .collo, il d orso delle mani, lo scroto. La cute ·si presenta tumefatta e a1·ros$ata, se11za lii11iti ' precisi. A volte si formano delle vescicole c:on• tenenti un po, di liquido leggermente COl'lJllsco lato. Gl.infermi •Si lagnano oT.a di bruciore, ora di l)rurito e e.li i11odi.co d olore . Otcli11aria1ne11te non dà lt1ogo a fenom e11i reattivi gP.nernJ i, r11a. poss ono verificar si ii1 talt111i i11 fern1i elevazioni termi che di v·aria t11te11sità e talvolta albuminuria. La congit1ntiva partecipa spes~o a questa malattia, dando luogo a iperemi a , fotofobia, laicrimazione. Anche la mt1c osa. nasale può essere colpita, e .allora ·si ha prurito, bruciore, e, nei oaJsi di maggiore gravità, cefalea frontale. La prognosi è favorevole. La cura · ·consiste ne.I .r ip·o so, .aippliciazio11i di t111gu.enti a base di analgesici, ossi do di zin.co, acid.o salicilico, ittiolo, ecc. I4a d ermatite g11arisce in pocl1i gio r11i, se11za la sciar traccia. N el1'' apri le d el 1D13, i1ell1a Rivisto. "lll alar fa e 111 al alt ie dei paesi cctldi, fòn.data. e diretta dal i1rof. U, Gabbi, !)llbb1icai le mi e pri111 e o~serY a­ zio11i clinich e sull<:t d.er11icit i t e da ·can 1ia. _.\ltri a11to ri si occup1aro110 dello stesso argo111cnto: Cn 1111a r&a, Ara var1cli I1os, ~1i11à, Pàl111nbo, Sfan1en i, ergi, Thibi erg~. Rigt1a.rdo all'etiologia, tutti, o qua $i tt1tti, ~0110 d'acco rdo n el riten·ere cl1.e la 1nalattia s i co11t l'ae l1avorar1.do l e cann e · ri1naste a m1n.a sate per un tempo più <> m e110 lungo ir1 ambient i umidi, p erçh è allora dalle foglie 111acerate cade una speciale polv·er e i1era, ch e i11 co11 tut to della pelle è capace di p1'ovoca re la tlern1·atite acce1111ata. Il Gabbi nel 1 ll O Trattato el e11ienta r e di Pat11l oa itt eso tioa così riasst1me lo stato a ttlla le tiel le conoscenze: « ...• la p olvere 11era è il prodotto delle foglie i11 m acel'azio11e. f; i11 questa Jlnlvere cl1e s i ~ 0110 t rovate: 1111a cocciniglia (.·l cle.rtla berlesie), \lll acaro (Leptus autumna1is . tl egli ifomiceti (Dendroch i uni, pirotr.i1;1l u 11l ), d ei quali fu discusso il rapporto con la "'e11 ~si d ella d er111atite. T impano da1 ebhe importn11za agl,ifomi ce ti, fa m eni ritiene ·v i abJli:1 1111a J)n1te p1·e1)0I1llera11te, ,e J1011 es..:;e11zia1

• •

FASC.

1]

l e, l'a1i,afìlassi. L,a qui s t io11e. è sub-judice, n1a d a l con sideral'e c:.J1e il qt1adl'o _clinico riprocl\1 ce quello d.ato da altri acari noi abbiamo cr edl1to , temp o ranea1ne11te, di a.scrivere all ' acaro (Leptus a·u tu11inalis) la genesi del quadro in discuoSisione » . Poco do1Jo la !JUbblicazione d ~ ile i11ie os ·e rvazio11i cli11iche, iniziai lo stuLlio della polvel'e i1 era , 011de conoscere la natu,1·a e il s\10 mecca nis1no d azione . Le lJl'ime ricerch·e mi.oroscol)i cl1e mi fecero rilevare cl1e la polvere nera · è• costit nita p1 incipalmente da del'r iti di ifoniiceti da spore e da cristalli di silice. Tali cri' staJJli n1in11tissimi, a cuminati e tagli1enti, che s i trov.a.n o .a.11che i1el grant11rco .e n.elle grami11a 12ee in g·ene·re, venendo in contatto della pelle, determine.r ebbero delle lesio11i sottili, in c11 i 1Jen.etre1 ebbe ro le .spore, co·ntenenti come quelle cli Ustila.go carbo, sostanze pi (1 o meno irrita.riti a seco11da dell e n1 odifi caz io11i chin1ich e che -nossono subire in co11dizio11i sneciali di ambiente e di temperat11ra, e· capaci di dar 111ogo .a fenomeni re.attiv i locali (dern1at.i te) o, ' se l)·e11etrau10 nell'organi smo , a fe11n1neni reattivi generali (febbre , alb11min11ria), come r•otei co11statare in llno . dei .ca s i d a m e })llbbli c.a t i (JJ(tlaria e 1ncilatt'i e dei pltes i ca ldi, ·anno I,,, f asc. III, 1913). P iù tardi ,·olli accertnl'mi se la l)Olvere i1era doveva co11 ... iderarsi co111e prodotta escil11 5iva. rnente dall a de com1)tosizio11e d ell e foglie delle ca nne .ammassate i11 a1nbie11ti 111nidi 1 o dov eva co11sidera l' i c<>m e il rirodotto, d i•l"Ò così, ter111i11ale di u11 a sostanza cl1e comi11 cia .a formarsi ne lle fo·g lie d elle .ca1111e ve•l'di cr11a11do sono colpite da malattie i)ara,ssita.rie. Nelle fa.glie di ca11ne verdi 1accade spesso di o ervare delle zolle di so tanza nera, e qt1a e là dei p iccoli parassiti di colorito gi al lastr o (anell idi). E sa111i11ando· a l micros1co1; io a.e]l.e ,sezio11i di ta li foglie, si prtò notai e cl1e n egli s1)azi del trabecolato occn1}ato dalla s11ddetta soistanza rLera esiste lltll grovig·lio di filamenti, cl1e, osservati a 1111 iI1grandimento maggiore, l ascia.no ' 'edere dei rigonfi.am enti n odali ·e terminali (ifomj ceti e spore). Tale reperto diviene più chiaro e di1nostrativo se si esami11a isolatamente un pi.e· colo fr a mm ento della .sostanza nera. L aiscianc.lo seccar e queste foglie, la sostanza nera si l·ompe, si .s11ddivide e polverizza facilmente. Ql1ando le ca11ne, tagliate e disseccate, vengono i1er q11alsiasi ragion e mosse o battute, allor a gra11 parte della })Olvere nera cade tra le foglie e i nodi del.le cann e s tesse me.scolandosi a n\1mero$i cr jstalli di silice. Esaminanclo la l)Olve r e 11era otte1111ta dalle foglie fatte seccare e l111ella 1 ac -·olta da IJe ca11ne , ·erchie e amI

'PEDALE INTERNAZIONA LE l\1ARITTI~IO DI COTROì'\E.

per il dott. P.

:\X\1 III,

1

1

'


[...\.NNO

X\\1111, f'.\s1:. l ]

SEZ lONE PRATICA

111a ... sate i11 a111bie11ti umidi, si osserva cl1e è se1111)re costituita da de.triti di ifi, da spore e aa cristalli di silic-e. Solo che le ·spore sono p ii1 svill1ppate e i11 maggio·r numero i1ella. polvel'e ·racl'.o lta d a ll e c<11111e vecchie. La 11rima co11.cl11sione cl1e scaturisce dalle su acce1111ate ricerche è q11esta: « La costitl1zio.11e della !)O.lvere i1era cl1e si trova 111elle fogli e e 11ei 1lodi delle veccl1ie canne <11npia.&sate i11 ambi e11 ti umidi i1on è diversa - morfologi ca1n e11te - da quella delle zolle di osta11za nera che si osse1·va110 i1elle • fogli e cli ca1111 e 'e 1di co lJ)ite da malattia i:>ara--si te:Lri a, cl1e l}l'e !l·~tr e r ebb ero il te rre11 o alla f or111azio11e d ell e 111uffe ». 1"' utta:via 11011 volli arrestarmi a questo puntJ con le rice rcl1 e. t11diai s11ccesstvam ente i car,1tteri cl1lturali, 1110 1tologici e i ·azio11e patoge 11a cl egl'i fo111iceti, ù ei quali s arebbe co1st itt1ita 11revale11te111e11te 11on s olo la s ostanza 11era cl1e s i 1· i~co 11t1 ·n 11 elle fo glie di ca1111e verdi, n1a a11cl1e. la l)Olve1e i1 era cl1e si trova 11·el le ca11n ~ vec·cl1ie. 1'ale stu dio l)Otei. esegl1i.r e n ella pri Jl1a Yern de I 1017 11el L al}oratorio ba tterio1 ogico d e ll :.t 'tazione ~an i ta1 ia marittima di Cotro11e. I ca rn tteri cu lt11J·a li e mo1 fologi.cj riscontrati, e r l1 e ]>er lll'ev ità tra lascio di descr ivere, conf errr1u n o il coucetto d ella icle :itità cos tiliL=io·11 a l e ùcll e zolle cli ~ostanza nera che si oss.erv~tn1l i11 tal11ne f.oglie di ca11ne verdi .e d ell.a p tilvèl'e ne1n c l1e s i t1ova nelle .canne vecchie. La. rliff C' i P11za fra ql1es ti due prodotti è dov ut (t ~li fatto ch e la s o tn.nza nera .che s i risco11tra 11 el le tog lie di canné ve1di non h8 azione ]H1toge11a P-e venga in contatto con la pelle, 1r1 entre la i)o1vere 11 er,a che si tro·va nelle ca1111e sercl1 e, Cih e sono rin1a,ste am1na ssut c in }Hl l ti colari condizioni di t emperatura e di 11midità, 11a .azione patoger1a. Ciò si pu ò s1)iegare a111111ettendo che la sostanza n.era, l)Ur es E.ttdo i clentica. morfo logi camen t e alla l)Olvere 11e ra, 1

.<;uhisce col t empo e in condizioni speciali rii t en1peratura e lii umidità quelle 11iodifica::,io1ii ch iniicJie che servono a renderla irritant e.

Al cu11i .autori, com e .s'è visto innanzi, hann o i11col1Jato 11na .speciale co cciniglia (.4 cle rda berlesie) come causa della d.erm.atite da canna, e un acaro (Leptus aittumnalis). Volli p·o rtare ratte·n zionie .anche su questi parassiti. La co.ocinigli1a non vive nella polvere nera, ma vi capita per caso. Essa viv.e attaccata .al nodo della canna. T.J'acaro, piccoli ssimo, appena visibile 1àd occhio nudo, n on vive 11emmeno nella polvere nera, ma nella regio·n e interna delle foglie secche di caillna, immerso nella propria secre• zione filamentosa, come il rag110 · 11ella tela. 1

7

Non si trovçi. ic on molta frequenza. Durante la lavorazione dell.e can11e non è difficile che qt1alc11no si staccl1i e cada i1ella p·o lvere nera. A i11 e non è mai riuscito di osservarlo in mezzo alla polvere nera, e neppure, come vedremo , nel cle1·ma della cute affetta dalla dermatite da canna. PROVE SPERil\iENTALl

PER RIPRODURRE LA DER.\fATITE DA CA.NNA.

Con culture fresche degli if01niceti coltivati.

- F·rizionando ,s ulla pelle i11tegra del dol'so della mano e sullo scroit o un'ernul1sione ·d'"ifomiceti, e pl'otegge.n do poiscia le paTti con garza steril.e, i1 011 si ottie11e, nè pre.sto nè tardi. alct1na reazione. Frizionando sulla pelle, dopo a vere prodotto con uno spi Ilo sterilizzato de Ile fi11i S€ime ab1,asioni, si riesce aid ottenere quaJcl1e reazior1e di r1ess una imp0rta11za. Con culture vecc hie . A pelle integ·ra. si ottie11e·, dopo 8-12 ore, llll lieve arro·ssamento della parte, .a cco1npagnato •a prurito. Tale ar' r ossamento ·scompare ·Completame.nrte dopo q11t1lche giorno. A pelle con piccole ,s oluzioni cli continuo s i ottiene una l eggiera tl1mefazione d ella p·arte, senza tendeniia diffonder.si, con .arro same:n to a lieve bru.ciore, che scompare dopo 2 o 3 giorni. 'f a 11to le cultur e 11t1ove quanto le veccl1ie, di sseccate, po lverizz ate e insufflate ne1le narici, i1on producono al cuna reazion.e. Con, sostan::.a n.et l l dell e f ogl ie di canne verdi. - A pelle i11teigra ne.ssuna reazione con tre frizioni successive. A -pelle con fini abrasioni : . Jeggiero .a·r rossamento d ella lJarte dopo 10 ore tlall1a prima frizione, che .scompare completam e11te dopo un giorno. · Con la stessa sostanza, do.p o .av.er fatto disseccrure le foglie all 'ombra e tenute no·scia in • termo:stato a 20° ,p er u11 mese. - Friziona 11do la polvere a pelle integra si prod\1ce un leggiero arrossamento accompagnato da pr1irito , <lopo la terza frizio11e, fatta a intervallo a ··un , giorno. A pelle con fini abrasi·oni si produce t1na legge·ra reazione dopo 8 ore dalla prima frizione, che aumenta d 'inteDJsità dorpo· 10-12 ore, dando luo·go .ad arrossame:q.to, tumefazione, prurito. La reazione scomp a re a.opo 3-4 . . g1orn.1. Con la pol'l.:e re · nera raccolta dalle canrie etm1nassate da vari mesi all' apei·to . - A p ell e i ·n t egra : D·oP.O 5-8 ore s i prodt1ce un lieve .arrossam ento della p.~rte, che non ha tendenza ad aumentare. A pelle con a brasiorie : Arrossarnento e legg.ero gonfiore dop<> 4-6 ore, che aumenta progressivam ente fino a che la reazio11 e presenta tutti i caratteri della dermatite da ca1111a.

a

1

0

t

1


11.

Con i·a1)1)licazior1e della cocèiniglia intera o tri1tt1rata, o degli acart, lasciati in posto pel' 1-2 gi orni, coperti da n1t1"'sola fissata in giro da strisce di cerotto adesivo, no11 si è mai otte11 nto alcu11 ~egno reattivo. L · esaina ripetuto di brandelli di tessuto cuta11 eo non fece mai rilevare acari o altri parai~siti, ma solo delle spore .alterate. J.,a 1:1econda conclusione che scaturisce ·dalle os ·ervazioni cli·nicl1e e dalle prove di. laboratorio è questa: « Che 1a derma ti le da can·n a è c1ov11ta al 1 aziorte chimi ca della polvere nera che si trova ne lle foglie di ca1111 e vecr11ie e am• ma sate in ambienti um~cli, pol,·ere che a cqt1ista azion e 11é\togena a cuu ~ a delle particolari modificazioni cui \ a in contro i11 011ìJ01 tllne conclizioni di tempo, d'.ambie11te e di 11r11icl1rà ». l3ova :\Ia ri11a (Reggio Calahr n ' .

OS~SERVAZIONI I

1

1

BIBLIOGRAFIA. IlLANCHARD. rarltSSites cégétaux. (Trciité Palli. gé1i. cli Bo11cl1ard, P arigi, 1897). STRASB l TRGER. Iruttctto di Botttnicct. iVIila110,

11897.

La P rcttì<J. lle De l'matologiqite, art. Der111ato1)'1ites, vol. I . - l\Ia.sso11, PaParis, 1910. Bn Ul\IPT. P réci s de Parctssitolug i P. - iVIasson , Paris, 1900. CASTELLAN r. 2\1 a nit al of Tro pie al 111 edi cirie. I~o11clor1, 1910. 1.. t: STIG. Jlala. ~fic irifettii·e clell'u,omo e degl·i fln;1n.rtli, YOI. I. -- F. \' all artl~ , :.\!ilano, 1913.

L .\DO(TR.\No-Doo1N:

AR.\VANOINO.. .

uno der11iatite da canna che in Grr cia. (lVIalaTia e malattie dei ' ll

i ncoritrasi pn e~ i caldi , n n110 III, n. 5-6, 1912). SERGI. Df>rrnatite e febbri da canna in Calal>ria. (I.l>ide1n, a11110 III, 11. 9, 1912). FAì\rENI . ...:01Jr(i alcuni casi cli dern1atite ria

cunna in Si l1ilia . (ll) icl em

1912).

'

a11110 IIT n . 9-10

' '

'

Di nlcu.ne der1natiti professioriali co1npresa lu <lrJr1natit e da can.nCl. (l bicl. an110 1''· n. 't-3, 1D13). ' · ..,. F.\l\IENt. .\li i della ."'o cietd ltalirln(( di P<1tol6gi11 esolicn, Jl essino, 191 }. - R oma, Ti1)0grafìa :\Ioclerna.

SFAlVIENL

d Ps o urrifrs en can ·nP. , Prr1t1que <1er11iatoloyif(H<' , vol. Il ). (;\BRt . Trr:ff fl lo ezeni. di Putologia esotica. nomn , 1D13. ·r1-1 l ntf:R C E.

I~ ruption,,·

Dott. ELIO FABBRI.

Guida ali' esame dell'infortunato (~{nnttale

\

di Semeiotica Speciale)

Un volun1e di 16-1 pag., in-16 , con tavole fuori testo. In con1ruercio L. 2.50, · piì1 le spese rli spedizione. I nostri associati che desiderano provvedersi tl i qu esto t1tile 111anualetto , lo riceveranno 1n·o ntan\e11te. franco di porto e raccomandato, SJledendo cartolina-vagli'l da L. 2.40. no1ninati,·nn1e nt e :.i l "": n,·. Ll-IGI POZZI. \' ia Sistina. 1.1. n rna. •

XX, TIII, FASC. 1]

CLINICHE. .

Su di un. caso di angina di Ludwig in soggetto emofiliaco

1

[_i\N~O

POLlCLI~ICO

1

i)e-r Gu1no FELIClANGELI, maggiore medif'o g·ià &sststente negli ospedali di Roma.

I

11 decor so l)O·stoperato rio dj un caso di angi11a di L udwig ,operato d '11rgenza ed i tentativi terap&utici esp·eriti per l'infrenabile emo.rragia eh.e i1e .seguì mi so110 sembrati ·di un qualche i11teresse e d egni di nota.

Bi11i E1?-g·enio, di. Gan11a, ricoverato il 7 dicembre 1919 .p er scabbia n el re'Parto misto del1'infermeria presidiaria di Riva, presentò al m attino d el 14 dicembre una turnefazio11e di 11on grave entità ·alla regione sopra-ioidea ed ederr1n del pavimento della bocca. L'ammalato asseri.va che mentre la sera precede11te era in ottime .condizio11i di salute, tanto da. prende.re il consueto bagno, durante la notte, senza causa ap·p rezzabile, aveva avvertito c111alche dolore alla regione 's otto-ioidea e la mia ttina si era ace.orto della tumef.azione e di difficoltà nel par·lare. Alla. visita d.el ma.t tino f111·011 segn.ate poche note, nelle quali si a ccen 11ava al fatto . che, s e11za la manrnnza di tem1)er at11ra, si sarebbe pensato acl un'angina di Ll1dwig. Il q11~dro però andò ass11mend10 nel pomeriggio t1n carattere di eccezionale gravità, la te1nperatt1ra salì ra1pidamente a 38°.4, la ti1mefazione andò aumentando di ora in ora, la lingua alle ore 16 era abbatt11ta contro il palato, il pavimento 1clella bocca era rosso-ner.astro, tumefatto, d11ro, dol ente; l'ammalato e.r a irr1possibilitato ad ingerire lic111idi ed a parlare: anche l a region.e sotto-ioidea ed il collo erano in toto fortemente tumefattj. Verso se1,a la resuirazione era fì~chiante e stertorosa. la cian 0R:f inte11s~t, il p 1olso fre quente {115) con 38°.€ cli temperatura, tanto che si cl.erise l 'inte.rYento, cl1e f11 eise.guito alle ore 20. La cloronarcosi iniziata fu smessa dopo 2 minuti e 5 soli grammi di somministrazione di cloroformio per i fe11 omeni di asfissia grave, rhe fecero pen~are a l bisogno di lln a tracheo .. tomia, che fll evit ata con l a prestezza dell 'eser11zione d.elle due inctsioni paramediane di 6 cm. 111ngo i margini interni dei ventri ant eri ori. dei di·ga ~trici interessanti a tutto spess·ore i lni'lo-ioidei ed i. rre·nio·ioiiclei che erano com1)letarnente asfittici e nerastri . Durante ' l'incjsjone del flemmone pochissim.a quantità di sangue nerastro defl11l dalle ferite e si appli.raro11-o t1n drenaggi o di gomma ed uno st11ello cli. garza iodofo,rmica a ciascuna ferita. ~on vi f11 .a l cun bisogno di emostasi; l'i11fermo dopo 5 mint1ti e·r a svegli o in buone condizioni e co11 le bende asciu,tte • · Do110 11n'ora dall'intervento fui uerò clliarnato d 't1rgenza dall ' H$Si ~t e11te all 'a-tto operatorio, r:e rcl1è l'ammnlato })ercleva notevoln1ente . an ~ u e . Rimo"'si 11l1ito il ))e11claggio , i clrenag· µi e gli . tuelli. e clo,·etti notare cl1e realmente dallt-> tl11e feritr rleftnivn unn nnteYol e q11antità

e s

a

d

s ~

t

D

s

1

1

1

1

I

1

J

h 11

d f1

li.

I

h f(

In

a

SE

ft1


'

[AN~J

\S\ 111, 1

1;.\SC.

l]

. z 10:--JE

s~

di ~ <:1ngue per un'emorragia cl 11<.ll)iJO cl1e aveva lino strano carattere d'impone11za. Pur pote11do escludere per 1'11bicazio11e delle incisioni nella regione che si trattasse di Qllla1che vaso di entità, asciugai e cerGai di vedere se si potesse eseguire l·emostasi, ma dovetti accorgermi che il sangue non veniva dal fon do delle ferite che arrivavano jmmecliata111ente sotto il pavimento della bocca, ma sopratutto dal ~ottocutaneo e da tntta la superficie dei tes811ti incisi. Eseguo, a mali11cuore l)er il flemmone, e di nece ... ità per l'emorragia, u11 tam1)ona111ento stivato con garz,a iodoforrnica, e faccio eseguire lln 'ipodermoclisi. Il ca ratte re dell'en1orragia era strano: e no11 pote11do l'infermo parlare ed essendo la ·cartel1<.l clinica muta, con solo pocl1i cenni, trattandosi di ricoverato per scabbia, non riesco a ren,lermi ragione del fatto. ~elle prime ore del mattino il bendaggio dell 'i11fermo è di già bagnato di sangue cl1e fuorie~ce, malgrado il tampona.mento, che si cerca di rendere più stivato con 1'ag.giunta di i1uove strisce di garza e co11 l 'irupplicazione di rl11e c11scinetti comprime·n ti le dt1e ferite operato1"ie. Il n1attino seguente alle ·ore 10 gi1111go110 i pal'e11ti dell'infermo, che erano stati telegrafi,. came11 te chiamati. Lo s tato generale ~ell'ammalato è buo110, ten11>eratu ra. 37°.6, edema del pavimento dimi11t1ito 11otevolmente, polso 102. ~i a1ppl'ende dai parenti che l'i11fermo da bar11hino, IJer un tra1·1 ma al capo, stava l1el' di<::. a11g·11arsi e che i medici soltanto dopo d ne giorni erano riusciti a domi11are l ' en1orragia, e cl1e anche da piccole lesioni l 'in fe1·Jno aveva fin da rag~1zzo ~empre perd11to 1nolto sangue. Sn1)11to di trovarsi di fronte ad un emofiliaco, s'inizia110 le iniezioni ed i clisteri di gelatina, l'applicazione ·di comp l'esse imbevute di so.tu~ zio11e di a11tipirin,a ed i soliti rimedi a potere coagulante e vaso-costrittivo. ~fa nè ergotina, nè adrenalina, nè gelatina, nè pepto.n e, n è 1siero antidifterico (usato in n1a11canza di siero sem1)lice), in dosi varie e per vie diverse, danno al cun giovamento per secl a re l'emorragia, che nonostante il tampona mento ha già notevolmente anemizzato l 'infe1·mo, che nei cinque giorni .successivi all'atto operatorio ha estenuato medici ed infermieri per la contint1a lotta di11rna e nott11rna contro l'esasperante rigagnolo di sangue che si fa strada tra le garze. il collodi-on e perfi1no J,a l)ece bollente da calzolaio, usata per contenere l'emorragia intorno ai tamponi. In sesta giorn.ata, trattandosi ,di cai;o disperato e dovendosi tener più co11to dcl fntto1·e dissang118JIDento CJhe del fattore 'infiammatorio, decido di suturare con catg,ut gro.sso· le due ferite profondamente. Il risultato immediato f11 bu,ono ed il te11tativo rit1scì in.qua11tochè nelle due sere succ·e ssive non si ebbero che 37°.5 .e 37°.4 di temperatura, nessun at1mento nella tumefazione della _ regio11e sopra-ioidea .e soltanto un lieve ·a.umento nell'edema del pavimento della bocca a destra; l'emorragia parve domatR e non essendo\'i stata, come si aspettava, forte reazi o11e flogistica, si spe1·ava di aver ottenuto lo scopo 1

9

PRATI C:\

e l 'i11fermo era. n1igliorato come })Olso e come stato generale. Al terzo gior110 dalla sutt1ra l) erò le bende tor11ano a bag11arsi e t ogliendole si notavano due .gros si eoagllli che avev.ano in parte rotto i punti di sutur.a mentre in .alcuni pu11ti la cute alquanto macerata aveva ceduto, e di ti·a i coag11li, .s1)ectalmente a destra, defluiva abbonda11te1nente sang11e. Si sostituiscono di nuovo i coag·t1li co11 tampo·n ·a ggio stivato, me·nt.r~ si r1ot(.t cl1e a sinistra la cavità, di forma scode.1la1·e, colla sut11ra si è ·di molto riid·o tta e sanguina meno. · Nella notte si deve di i1t1ovo correre al letto clell'i11fermo, cl1e ha perd11to ancor.a molto .sang,ne ed è in co11dizi-0ni gravissime, e si cerca di ovviar.e con i oliti mezzi. .l\l matti110 segue11 te no,n a vendo potuto trova.r e cl1i si prestasse per u11a trasfusione di . a11gt1e umano, all'infuori dei familiari che i1011 ritenni per O\'Vie ragioni .aéLatti, raccolgo in un grosso vaso ·di vetro sterilizzato ed i~1 maniera asettica due litri di sa11gue dalla iugl1lare di un cavallo de11·os peclale e ])rima d i medicare l'infermo, gli inietto 200 cc. di siero lJer via en·c1ovenofs a. 1.J 'effetto ft1 realmente so.rprendente e nei cin{{tt e giot11i Sl1cces.sivi 1'i11,f ermo è .an,dato perde11d o se1np1:e minor quantità. di sa11.gu.e e si iniettarono gio1·11almente da 120 a 200 cc. di .:iero fre co di cavallo. .i\.l s e1tti1no gior110 si smette .di i11iettar siero, e clu1·a11te la ilotte dalla ferita di destr.a ~..;i ha u11'emo·r ragia di .. creta che m 'induce a suturare cli 11t1ovo la. ferita di de stra a p11nti staccati 'in . eta, e ad iniett.are ancora 200 cc. di siero fre8CO, cosa -che si 1p1~atica a11co1·a per tre giorni consecutivi, durante i q11aJi l'infermo non perde che minime qu.antità di sang11.e e eomincia a mig·lio ra.r e come ;polso (da 110 a 94) e come :tato ge11erale. Dopo sei gio·rni dalla .sutUTa, che non l1a provocato rialzi termici, si tolgono i p11nti, si sm ettono le· iniezioni di siero e si ha ancora CJl1a lche tentativo di' fuoruscita di sangue da una l)iccola soluzio11e di continuo rimasta t:lll '.angolo inf.eriore della ferita di destra e dai dt1e fori dell'ago, come era .avvenuto anche il giorno d.ella sutu,r a, ma si ha fa cilmente ragione della piccola emo.r ragin e 1'inferrr10 entra in convalescenza ed e ~ -e dall'ospedale perfettamente guarito dopo 35 giorni dall'inci~ione d el flemmD11e. 1

1

Le deduzioni di qualcl1e titilità che si possono trarre dal caiso, oltre alla ormai in·discussa opportunità dell'intervento immediato nei c.asj graYi di an gin.a Ludwig, che evita una tracheotomia s permette una rapida guarigione, come• sarebbe ,avv.enl.1to nel ·c aso descritto q11alora i1on si fo,s s.e trattato di soggetto emofiliaoo, consis t8no .a nche nella constatazione che in un flemmon e ,ad andamento t ..u1t o acuto può riuscire il tentativo di una st1tura senza gravi consegt1enze, a soli 7 gi or11i dall'incisione, e, data la intima co11nes io11e nel fattiSJ)ecie del rapporto tra cat1sa ecl effetti, nella 1

I


10

,

Jl POLT CLlì"iI CO

constatazion è :Iella grande a zion e benefi cn ese rcitata dall e forti dosi di siero fresco di cavallo nell aumentare nel soggetto emofilio ro il l)Otere coagt1lante 1del sang11e, tan to da poter salvare lln paziente che si credeva ormai irremi~sibilmente percl11t1o, non·ostante 11na lotta inclefessa di tutte le ore, di cui no11 s~no stati descritti tutti parti.colari, ma ch e, a nche i1er ia pl·eise112a dei familiari dell 'inferm o, assunse in qllalche momento t1n certo carattere di dram\ ma ti cità. Riva di . Trento, 8 febbraio 1920. 1

I

I

COMMENTI. Ancora sugli effetti dell'argirina sull'uretra dell'uomo e .del cane. Al m a ggiore med.i.co dott. Fa1sani-V0Ja,1·e11i C' h e 11li fa a ppunto di i1,on aver att·eso la. l) Ub bl cazione de,glì Atti clell'Accade.mi.a d·ei F1sioc.riti1r i per cono~ceee i partico lari dei suoi csperi inen ti

con l 'aJr girina sul·l'·uretra del can e, ti'31)ot1do cl1e tali esperimenti mi sembrano ner l'o n1eno s11pe rflui .se hanno lo scop·o di cond é't nn.are qt1esto ·ale a·argento, dopo che, esso, in • olu zion-e all 1 °~ ed anch·e in magigiro1· con centi azione, isi è din1QstratQ ass solutamente i.n,nocuo sulla mu cosa t1retrale normai.e dell'uom o e-cl anche, ch erch è ne ·clican10 gli Op·po·s itori, i1ell a 1nassi.n1 a '.1art·e dei casi di .blenorra.g·ia 111 et ra lei ac uta e ,cronica. .\ . J:>iegnre il contrais.to fra i. ri ~1ultati ott.e11lLt i ~ ull'l1 1rPtra 11m ~vn a e q•u ella d1 el ca.n e n·on ·v ed evo alt1'a 1,agi•o.ne ch1e una sp·e·cj.a]e sie11 si•h ilitA. cli que.st 1t1Jtim·a, cosa di nessuna importanza cl8l lato pratic.o, es3endo l,a1·gijf'ina clestinat a all'uomo e n on al ca11.e, che n·0in contr rue la l1l enorrag~ia; od . l1n errocre di. tecnica, n1olt o fn ci le e (rnn .. i in evital)ile, mancando nelle iri11gazio11i fa1te sul can e l'apprezzamento della sensi h i1i t à do lorific.a e ri t1~ceI1do d ifficile determi 11n re l a quantità di. liquid10 neces ari.a a bap.'l1n1e la m11 cosa enza di tericlere ec c1 es~ i ' nme11 te l 1111·etra , i1 on essendon e 11ffìci en temente nnta la capacità, ch e in,1ece è sta ta e~attamente cl et e1r11i11utu i1 ell' uomo. 111 quant o a i r1sul t.aiti -con trari ott e11uti cln nltri pe1·in1 E>·n tatori c-11i ~i 1ifer !, re 11 dott. Fn... .ani--\ 7r.-lo. elli, n i q ali. ~·n trei oppor·r e gi11clizi ~rritt i t~ \erbali di tned ici n on rn en o a11t()T'e\•01i ~omneten.ti. fa.crio notare ch P alln ~,- y Riu 1ii nn e cl .. Il t ~ or i Ptà 1) :a rma tolog-= ca f R 01n :1 1 -~t i rlict.. n1hre 1n1n) n e-=~uno ha pn.r1nto degli effetti

dell' al$irina sulr uretra i1ormale, rr1a ben_ì sul1'uretra affetta da bleno.r ragia. ·Si compreI1de rh e in tali con·dizton.i si l)OS~1ano trovare dei ras·i in Clli ral'girina, come qua.~11nquie altro prepa1 nt.o a.nt.iblen o1rragico:, p0ssa r iu scire irritante, clare reazioni violente e r.iac.oensi·one d·e·l proces,so blenorragico . B.u,st a, r:icardar·e il ra·so rhfer ~ to da Lu·cat.elli per pe·r sru a d1e.:r\Si con .q uali crite1ri fu giudicata l'argiri.na: « l Tn· arnmnla to cli uretrite eron ica con << 8tenosi t1retrale corris1)onclerite al n. 13 Char« ritère a\.·eva fatt o (.da sè?) Q1U.alch:e iniezi·oil1e cc (di ·argi.rina) {'h e fu se.g'l.li.ta ·da violenta reacc zio:Il e, tenesm o vescicale, prostatite acuta e cc cistite». Ora io clom.and·o se è logico attribt1ire queSit e complicàzio·ni all'airgjrina un ca~· o simile, ove il liqlli·cl o malame11te inietta.te clnl ma.lato, probabilmente non è arri ,·a to nè all 'l1.ret.va pro_ ·s tatica, nè alla v,e ~ci ca . D'altronde non è 111i.o inte11dinler1to di ditS•Cllte•re OII'a s11.1ll'efficaie ia teirapeuti·ca d.i qi.1e1s.to sale d'argento che è stato vn rian1ente gi•u.dà.cato e l}Urtro·pp-0 n on sem1)re ser enan1 et1te, poi1chè n1 ~U :) gi11 .:t o app1rezza.rn.en to hanno molto n ocitnto i metodi poco se1rii con cui è stato pre•$en t 'J.to aJ l)Ubbli co e contro i q11àli io ho protestato con · tutti i mezzi di c11i :potevo d.hspOlf're, comp rese le ,·ie legali. r>oirl1è l a réclanie era as.soci.a.ta al mio nom e. ì\1a le os·s erva.zioni. d·ocu rnentate di -centinai.a cli ca.s i di blen9·r ragia arntn e c.-1·on:ica, anterio,r e o totale, in mo1t.i dei crua1i è ri11scit.a la c11ra aboirt iva con guarigilo,n e jn 8-10 .giorni, e# g1li a lt.ri g11ariti q11as.i tutti in i1n tiermi n,e rel a ti\~ am.ente breve, senza comp·li cazioni e S'enza l)01s.t1lm.i, n.on p.ossio·n o essiere distruttie dai pochj e.asi i;n cui il risultato fu .s fa.vor'·e,role. D'altrond e solo 11n pii1 la rgo e ~ ereno e1sperim e11 to di q11esto .sale cl' a rgentc. che io continl10 ad l1sa re regolarment e, p er ch è no11 ne conosco uno migliore, potrà dire. se esso debba essere conda11n a to all 'ob lìo o se debba rimanere comie rimedio prezi.o o nella cura ·della b Le11orragia 11retra l·e . E ~o no certo che, se i J mag·g·iore dott. Fasoni\ 10 lare ll i es11erimenterà s11ll'l1omo, si persuacl1erà che le soluzi,on.i di <irgirina a11 ' 1 "(, ed ..... an r l1e più con,centratr , iniettai.e nell'll•r et.ra in qu an tità 11on s11peri ore ai i·-3 eme., ~ econdo le modalità indi cate n elle mi e p11bhlicazioni, so1' 1 perfettamente inn or11e p er la m11rdsn. 11retral~ e per i tessuti sottostanti. In at tesa di ciò, di chi aro i1er 'mio conto chiu~ a lfl cl i. cussione. Dott. G. PI CCARDI . •

'in


11

SEZTONE PRATICA

* ** Il prof. Piccardi afferma, soltanto ora, <=he i miei esperimenti s11ll'arg·irina gli sernb1·a.no Sl1perfl11i perc:hè, a suo gi11dizio, q11esto metlicamento si è ctirno · tl'ato in11ocuo alle o~ss.~rva­ zioni clini ch e. part.e che ql1e ·ta opinion-e i1on è divis.a cl ct aJtri s1)ec iali.sti, lo ste·sso l)rof. Pi1ccarid1i scriveva nel 1900 (Giorri. it. mal. ven. e pelle, p. 242) : « ciò diniostra anc,ora itna vo lta corne 4 -\.

' sitlla base di se·mplici osser1'a:.ioni cliniche. rio11 sia possibile dare un, giildi:.io: solo l 'esa1rie. lsto1oyic() pu<> rlirci fì1i do1·e l'a:.ione del caiL~tico a.rrtrl ». Potrei ris1)011dere così e chi11dere fin t.l' ora

• cp1e~ta c.:ortese ma $terile discussio11e se nor1 fo~:--i obbligato ad aggit1n1 gere q11alche s cl1ia l'imento per illuminare i'I lettore che indubbiame11te è· stato tratto in errore daJle n.arraz'ioni incomplete ed inesatte del Pi10caI'di. Ho peri 1ne11t a to J •<l rgiri11a sulla mucosa t1 1·ei ral e sana. dei can i l)er in d ag,are solan1e11te l e 1nocl ifi·rnzion i i stolog'ic: h e prodotte da q ue .. to medica1111en to e confrontarle con quelle otte n11te co11 aJtl'i protei11ati ~t11diati l)reredenterr1 e11t e collo · te~o metodo. Fu i in,dott-0 a queste rice.rche dal fatto che i di vel'Si pro te i nati si diffe.r enziano principaln1cnt e fra loro per la combinazi one più o 1neno ... tahile <lella })rotein a e-0ll'argento. La dissoc iazione d e l rnetnllo i11 i o11i (cli. !'ocinzio11e ~t co11tatto dei t~~11ti) lenta o ra1)ida, caratte rizza 1',tzione d cl rnedi ramento , 11el pr:irno ca$O J10.co dannosa e lle I seron d-0 ca11Jstica. 1

l

1

)I ~

Il

,)

j

n

e 1

e

·Co11 c1ues.to ùet.ermi11ismo fn rorlo g·iù .~tnd i Hti l ' argonina, il i>roiargolo, l ' albarg·ina e 1noltl a Itri J>l'~pa rati ecl il risultato, in gene.r<:t le, !10It f11 dii. corde d[t q11ello clinico. E )JUr facile comr>ren1d.ere che se t 1n meclicaimento riesce causti co per un 'tessu t.o ·:;.a.11o, lo sarà di più, nella maggior parte dei c.a,~i. ller un tesst1to malato: se è cau stico per l l.t mucoaa 11rctrale del ca.ne, lo sarà l1gualménte, sia pure in diffe·re11 te misura, per 1a rn u cc.sa 11retrale dell'l1omo. Ciò anc:he per rispondere a.ll.egreg1o ·CO! lega che non veid1e l1ei rr1iei ·e S1pje rimenti a lcuna, im, portanza dal lato pratìco, n'o·n essenclo (e~ me ognuno sa) l 'argj ri1n a ·destinata. al cane. ·Orbene, le mie ricerche si so·!l.J li1nj t!1J 2 J. fJl'e·c~r-;a1·e, pe r 11n ' indagine compia.r ati va, ql1ali moc.lificaz.io11i istologiche determinava l 'argirina st1ll1a ni11cosa uretra1le sana di un a.n irnale t e' nen·do conto pri11ci.palmente, cl1e i1on si deve cer•care cln lln med icarnento antib leJ1orragiro

la sola azjone rt1i.crobi·cida, ma ch·esso riesca anche del m1rior ·danno pof=sibile aJi tessuti. I miei esperimenti, praticati ron t.ec11i1ca Errul)Olos.a, in mo do da e.sclt1·dere ogni ca111s.a d ' err ore, cli•mostrarono elle 11 na sol11z ione di argirina iniettata e mantenuta per. cinq11e m!.nuti nell't1retra di un can.e, nella ·con centrazione 0.G0-0.15 determinò già azione cruu sti ca, e · nelld co11ce.ntr~ttz i one ·d ell' l % 1Jrc1d11sse diistr11zj.one totale deJ l 'e1:>itelio . insi e·m e a notevoli alterc1zi oni a.el connettivo. e·bbene il Phcca.rdi assicuri di possedere dicttiarazioni di medici esperti., pur.tuttaivia fino a c111a11do non saranno note, se una di1E1cussione scientifica de1v e· rim.anere circoscritta a1l'e same di lavori pubblicati, ri l1lta C'h·e , nei riguardi del'l ' azione dell'argirina snll'111·etra uman a aJfetta eta blenorragia, i pa,r eri restano ancora discordi. Egli sostiene che l ' a1,girina non riesce irritante, a.Itri (Fio·oco, De Na1Po1i, Loicatelli) invece ritengono che provoca rea.zionii piuttosto violente. · No.n d11bit.o ch e i l ragionamento clel Pi cca rdi voglia avvanta1gg·iarsi 1nArmando 1a ser e11ità di ql1es ti· a11torevolì g·i11dizi , non fosse altro per la fa cile ritoPsione tt c11i J)UÒ prestarsi. 111 q11eé'ta .cliisco11danza di i1areri io c1. edo col Pi1c~c al'di clel 1900 che solo· re.s ame i1st0Jogjco po~sa venire in a.i u to a riis.ol vere La c1t1est tone. Qu e t'esame inf.atti di,m ostrò che l' a J10'irina o pro cl1tce gravi a.Iterazioni i1ella m11001sa ltretrale sana de:l ca.ne, e sono convinto che ·questo reperto, per le de,duzioni che .n e p0€1sano, scatu• rj 1·e, frvrà tutto il ·st10 valo·re almeno firto a q11ando ii prof, Picca1~dri non nroverà .altrimenti, non però com. .s,emplitci ·affer1nazioni, ma colla p11bbll cazi.one di reperti iistologici dim·ostrativi. Ed in q11e.sta attesa, per mio conto, dichiaro esaltl'ita la polemica . 1

1

1

1

FRANC. FA A.Nl-VOLARELLI.

1

1

Recentissima pubblicazione

A.i nostri associati offriamo a prezzo di favore:

L,esame degli organi del petto e dell, addome

dBl pr.of. VINCENZO GIUDICEANDREA Pareggi ato di Patolog·ia speciale medica nell a R. Università di Roma. ~

una. !ucida e ordinata. esposizione dei metodi di esan1e obiettivo e funzionale dei vari organi, con le indispensah1li nozioni di anatomia clinica e con figure schematiche, come una. Guida pel medico pratico e per lo stuùente. La J?rande sempli cità e praticità. dell'esposizione, oltre alla comoc1it:'t del formato, rende $lUesto libro sommame·nte utile ai m~clici ed ai?li studenti. Per questi ultimi è molto consi· gliabile pel nuovo anno unversitario. ' 'olume in-160: di pac. 254, corpo 8. In comm~rcio lire 9. Pei nostri associati lire 8.00 fran co di porto e ruccomaudato.

Inviare cartolina-vaglia diret,tamente al Cav. f,i UIGI POZZI, Via Sistina,. 14 - Ro1na.

I


12

CONFERENZE.

[i\ NNO

JL POLICLI NICO

:\:\VIII, FASC. lJ

Ess.i so110 disti11ti i11 tll1e sezio11i .connesse, r11 a befl s~ 1)arate tra loro : de.stinat a l \una alla L'organizzazione antitubercolar@ in Francia funzione e.ssenzi·almeID.te i11edica ·e l '1altra al'l a 1e11zione e e nel Belgio. funzio11e soci.ale di pre, di ·p roip a• ganda: ed. è questa ~ieconda part e che è l a !)ÌÙ Dott. Gt:-rno NIENDES. i'm portante. ((:0 11 fe i-211zu a gli u fficiali m edici del pres idio Tutti ~ mala ti che si presentano alla visita o di R o111a ). c11 e vi ~ren go·n o n.cc ompagnati d a ~le visitatrici In 01naigg1io al cortese invito del nostro Dicl1e lllelle l oro i1n·c hieste a clomicilio li hanno • 1 r etto re d i Sa.ni tà, .d.irò di queJllie aose cl1e mi 1~ co.perti;, sono a·c,coilti anzitutto r1e1la sala d ap a r v1e ro più noteivoli circa l'o·rg·ainizz.azii1one dei ·s1)etto d·e~ lra seziio ne ·c01si d .etta sociale : s 'in t ern de .servizi a11t iltub1e:rc0Jiari n.e l mio via.ggio in F .r anch·e già in q11esta sala, du i-ante il periodo di cia ecl i11 B elgJo, compiuto per inçarico del siattesa., ogni infermo ha il t e111po e d il modo di gnor direttore generale della Sanità P ·u bbli·ca. o.s·servare n11merosi carte1li e m a nifesti di proDura nte qu1e.sta n1ia pwegrinazione ho avut o p a g.a nida e d 'ist•ruzione igri enica. ca1npo di parilruDe con la magigi'orr parte degli D a questa sala g li infermi p3ìs sano dir.ettal1 om i11i qua li i1 Teissieir, il Kii:ss, il Guinaird, n 1ente ad ·u n uffic io ov e una segreteria (Enil Dum a r est i.n Fra n ciia, il l\il.alrvoz, il Gein1g ou, auetenise) .compi·ta un p rimo n oti ziariro anarmneil \ ran B eneden nel B el.gio, ahe n.elle s uddette stiioo personale che rim3ìne poi nn documento n azion i h a nno o·rganiz21ato ie diiiretto la reamdi b.a se per tutte le ul:t01ri~)ri ri cerche e ·p rrovvip aig.na. a ntituber colar,e : le difficoltà che i10.i ind1enz·e in fav ore d-e ll'inf erm10. D h lì esso11 • rq1uco11triamo, essi le. hanno riJnc o•n .t rate ed, in 11ito della sua scheda notiziaria, p1assa senz'alh 11o·n a i).arte, vinte, gli ·ostacolli ·0he11cj attraveir tr,o .a 11a sala d·el1a c 0111s1n.ltazi 0tn·e m iedi·ca: i sogsan o lia via, essi .Ji1 hanno .superati, 1ed io ho rio· o , etti da esaminare vi ac.cerlo·11-0 .attravie rso d-ei t enJut-0 utile far tesoro della 101ro esp·e rie.:n za, piccoli .spogliatoi .sep~·rati , ove d·e1)ong.ono le tan to più èhe il nostro popolo ha molte analoro vesti, irn manie ra oh e .g li i!l1fe rmi ·s i presenlogi e eo·n queìtli a b en efi cio ·d ei quali si è .sv olta tano tln<> dopo l'altro al m e die-o già .p1ronti l ' op e r a I aro. per l'esame obbiettivo. Jl vrin10 m ezzo di lott a, il più va.lido. da eis si La. sala di visita è im. g e niere aissai semplice: im p iegato è stato anzitutto la 1propag anda della 11na bila ncia, 11n a11trop om 1etro, uno s gabe1ll{1 i t r t12i1011 e .antitube.roolatre. Questa propaga·n da da pi'ano1o.rte gi1r evo1e ed un l'ett11ccio ne coms i è effettua ta e sj efftettua t.utto:ra a m ezzo di piono tutto iQ S'emplice a m111o hig Jia:i11ento, oltre p ubb·l i1ch e coruferenre, id i lezioni n eJl e .scuole, la tav-0l a del medico e d e1lla capo-vi sitatriC€, di e ~ p o$iz i o.ni ambulanti, idii pt1bblicazi.oni posempre presentP alla cons11,1t.azi o1n1e. p ola ri , di m~ifesti e perfino di cartoline illuI.l m 1edi co, o,sservato ia malato, quando tratst r a te. tasi di una prima vi1sit!).., t1on f 0 1rmruJ.a 1Sempr-e T.Jon1 i ni di alto val or e scier\titìco i10n disd.ela, sua diagnasi 1 e Si 1imita. a comipletare ia g11aron o di aibbam.d'Onare .p ·er qu a lc he t em .p o i s cheda c o ni le sue osserv.a.zioni obbi1ettiwe. L 'in~ eY e r i tt1di, i laboirator i, le cliniche e·d i clienf.ermo è munito di 11'n vasett o ohie dov·rà riti, }Jel' ~ c endeire Ln. mezzo alJ. ipopo1o d ei sobborportarie con il suo espetto·r:aito, e inviato alJl'eghi e d ei villag"gi e farvi opera di e dt1 cazione, same radiios copic·o ed a qlrello larin.goiSCopioo, ll'ii propagand.a e di peTs11a~ione , oper a umile, che si oompi-01n o i.n certi dts1)ensarl addiritJl•a fo l' e .p iù utile a lla umanità di una qualtura n·elle sale attigiue, ed ilnv itato poi .a ritort·li e 11r illan te scop erta soiientifica. nare a giorno ed oTa fissa, quando qioè ~ano r. econdo e non m eno utile mezzo di lotta comp1etatie tutte qt1est·e ricerche acoe.ssorie. a11t it uber col a r e, tanto in Francia che nel BelÈ per solito in una i&eCO'Il1da visita, che si g io, l 'is tit1uion e dci così d ietti dispensari d' icompie do.p o uno o due gtorni , che 1'a diagnosi y itc•ne sociale. Yiene fo-rmuJ.ata e da a llora 1'infe rml()., ricevute Col n ome di di p en is ario .antitubercoliane non :tlc11ne pneliminari i s tr112itoni, mun.i to ·di un :-t d CY<.' i ntenderrs j un comune a m 1bl1l a t ortio, ove ·sputaoohiera tascabile, di m ie rlicine, di diain.fetgli i nfermi si recihino peT $0•t topoir si a pirù o t a nti ie dii buoni alimentari , è p-01$to sotto la n1e110 11t.ili con. lilt a zioni o p er ot te n ere ricette s wveglianza di urn a delle vi si'tatrjci~ che si r ecn. o n l ed icin e. a Lla sua casa e v i compie 11'11a v€Jra e propria I l ·011cetto d el d i.. pen a1·io è t11t t ' affatt o diin chieis.ta niella cn1a le v eng ono prese in com.sivc r.'o : tutti qu e .. ti ismtu t i sono i11od ellati su d er .a1Ji one tutte le cirro~tanzie c he , possono a\"ere (f\1el li tipici ch e da 11a r e r cl1i a nni fl111z.i onano inte r es se , non tanto p 0 r la ct1ra dell'infeirmo. a L.illn, }ler oper a d el p r of. Ca ln1 e tte ed a Liegi q t1ant o per l a iprev enzi one d ei s nni che evenJler opera d~l p rof. l\Ia1voz. t ualm€11te lo circondin o e !1er ]'a cce rtamento

-

1

1

1

1

1


.-\~?\o

xx\·111, F'Asc. 1]

13

SEZIONE PRATICA

.

di altri1 irufermi defila fa:rnigLia ·che tSian10 stati g·1a ~ointagi.at1.

Il num.el'o d·elle stanze della casiai, 1a loro esposizio·n·e e dispiosizion,e, il sistema di smaltim·ento delle ùmmondizie e d1el1e acqu e lu.r i·dt), tutto vti.ene siJstemati.came·n te annotato nel n·otiziario e ·ripo.rtato alla Di1re.z ione del dispoo~ari-0, ed è ·da questo plinto 1 Ch•e cominci.a l'opera di rli! e·s a .e di prev1enz:Lone ·d·el d1spe111sario 0

~esso.

Infatti, persua>.si J alle esortazi1oni ·della visi1a triee ed .al1ettati anche dal1e distr.ib.u zioni d1 ooccotisi di vario g1er1etrei (1s i v·a dalla distrib uzto11e di ·b uoni .alimentari, di medici)nie, ·di di~infettar1ti, .a quella di l•e tti, quandio occorra s·elJarare cli giaci.glio o di stanza gli in·f·e.rmi da i sani, e si giumige a provvede.r e del de.n aro }Je:r ca.111biaire allog\S·.101 qu3iClid.io .l;'.at,tu·al.e sia ::>ri.udicato troppo rist1-.etto.), gli i11Jfermi nien1 solo iorna110 spesso al disipen8ario ~ srl. •p ongono ·1sotto la sua 1)rotezione igienica, ,, ma vi cond11co1I10 tutta la loro famirg lia, specialm·ente i propri J1ambi11i, onde accertarne lo stato di salute. ì\lolti si dec:1d01I10 a entrare i11 un San.ato1rio • in un 0<..pedale e il 1.ispensa1io provved·e, in ia l caso, tt far le pratiche p·er ta,li internamenti .irLdica111do l'Istituto più arl,a tto ai iSiilngoli, caisi. ...\ltri acco11sentono a.Imeno a far ricoverare 1 r1rO'l)ri1 bambini il1 Istit·t1ti d1 prevenzio11e o in Colo11ie campe3tri o mari11e i n modo da s-ott1·ni~li al contagiiio. 'futti ip oi Pestano sotto la lH:11nefJou itnfltl.enza del diSJpen sa'r io che, con le 1~ pezii011i p•er.io·dirhe dalla ,·isitatriioe, e con le o,n Jtn zioni pure periodtche alle ·quali convoca l'i11fP.1·rno, riesce ad orie11t2rne la vita e le ,.abit11clini in m1aniera da renderlo meno perioo.l'.<l'So "f.~lla società r a damgli la sen1Sazi cme di esse.ve <: ontinuame11te gui daJt.o e protetto da un.a ener~·in ì>t1011a rt1e 10 ~t1ra, che ·s rulv.aguarda la -Bua farr1i.1gl~a e iperfino il suoi inteTess1i e che lo sorcorre in ogni nieoeissit:\. Molti dd;spens.ari sonio muniti .p1erfino di una 1a'VMl!deria, ove tutte le biancheJ'ie sudice deil.1,infermo v·eng·ono gratuitam,entie disi1nfettate e lav.ate. L'impulsio d1at.o in Francia :Ln questi ultimi nnni alla fondaziion e <le.i dispensari .antitubercolari è stato notevolissimo, tamto che mentre àu-e runni or ·s ono ,sie ,n e ·Contavano solamente tre1dici .im t.utt•o il .paese, .ogigi -ra1g giunig1ono il r1t1mero di centottMltotto ed a11a fin·e dii q11e1s,to ·anno arri'Veranno al num·eTo .di duec ento. In Francia la Fondazione AmerrLcana Roke·fell·eir ha irnmemi~am1e1n:te co·ntri11Jui to a ll 'in,crem,einto di qiueisite i1sitituzi1oni, finanziandole 1ampiam.ente (.st ca10ola vi abbia già $peslQ ci.1,ca 20 milioni) 1e ooistitue.n1o in Parigi., in via 'Ber:ri1 3, un vero picc.G>1o ~\'Iinistero, che ha il 1

1

1

2

1

solo scop.o c1i 601vveinz.to!l1:are tutta 1 o·p era ·di lotta antitu:be:rco1a:ri~ e .specialm.ente .qu.eilla diei di·srpensàri, e di di·ri.g1er~e tutt.a l'azi,one· di p.ropag.and.a a hase di una 1·écla'fne a ti·po v.8/I'a1r1.einte am.er.i-can,o,. i\J'el Belgi10 ,a nc·o ra i disp1ensari non 1sono .oasi a.1umerosi; se n·e notano tre o quattro .p er ciascuna delle principali oittà : , ..e ne e·rano solo :2i nel 1914, e·d oggii 5e 9.1Je conta11,o 97, in oompjenso so110 assai J)ene org·anizz.ati .e ifianioheggilruti da p.rovvicle tstituzioni che ne .comp'1etano l'opera. Eid è soip·ria.tutto a L1egi c.he l'orga11izzazi·one a nti truber.colar.e ha .a.s su:i1to la lna.grgior ·p.erfezio1n e peT ·OIP·era 1d1eJ prof. i\·I alvoz cl1e ne• è stato il precooilzzatore 1e l'apostolo. P.1jemietto .che .a Li1egi non sol·o le itstituzioni ' a11titube:nco·la ri, ma tutte le istituzrtoni san-itiarie del g·enerre h a nn°0, mal1g1 ado i danni della di'sastrois'a guerra, Tag1giu11to 'U ll ainmirevole g·radD di pel"'f1ezione. Vi si nota.mo arnbullatori specializzati contro la ~ifìli1d1 e, ·Ch·e funzto111an.o co11 le stesse modalLtà cli prevenzi1011e so·ciia·le descritte piei dhsrpensair~ antitt1hercolar.i, an1bt1latori cantr-0 l 'anchilo. t cn1ia1s~ e ·l)erfino ambulatori contro ii.il. nis t.a;g·mo .dtei minatori . l\11éL, i)er to111 Ett1e alla or,ga11izziazio·n•e ain tit,u bercola·r e in quella ·città, ·dirò che il .dts1yensario cenb.~ale .a11titube'l:colare H·o.rte111Jsia i\1-0ntefiore 1dliJ Lieg,i, i)er poter ben .comp~e11e la LSua azijoine ·di ip1rofilas·sà 1soctal1e, si ar)p10ggia: sul gra11 Sanato·rio di B·o u.rgmont p·e~ 1

1

1

1

1

l11(1m1ni;

"S11l Sanatorio non meno grand·e di ~VIayn­ r1ee IJ1er dorn11e ·e per bambi111i affetti da tube1rcolosi polm·onare; su.Ila collonia di Th·eu (Spa) per i bambini gangli1o!Il!ari 1deille scuole comuiliali; sull '.asilo Montefi·or.e di Esnet1x pure peit ]'1amlbini gaingli!onari delle sou.ole ·pr.i vat1e; sul .S ana,to.r io mairino di La Painne per baml"ini nffetti cla tuberrcolos'i chi1r11rgiica in genere; sull'lEtlvre des mères et cle s tout petits, s'pecie ·d'i crècJie r>e·r l1e mru1·ri tl11b ercolose; e·d ~nfine ·s:t1lil'opera di Placement f amilial r1er i bimbi $ani fi·gli dii 1genit.01i tt1berc.01osi. Questo .siste1na, che .co11sLste n°e1l'.ahlog.are illl case cli cocr:1tadi111i in1 ~ampagna i picci·ni sani che .ocic1011're .sottrarre alLa 1com1tami1~azion·e d a pa;rte di ipa r e11 ti t11b·er.0ol·o1si, è m1ez210 ·di di.f·eisa l1sato a:n.cJ1e .in F:ramcia, o'\·e i bin1hi da p·reser·va;re si invi1ano pre.sso f a·mig·1ie c.arrupag·nu1 ol~ d·ei Pi.reneii. Ess!O f o.r··se 11 011 ,è l 'i,d·ea 1e dei mezzi d .i ·di-feisa p1e1'Chè, p1e1r O·vvie ra1gil()lni, occoT·rer e;blb1e un.a continua 1S0Tveg1i'a11za 11on semq)re possi'bile, ma è tuttaJVia capace ·di re·11dere utili s·en·ig·i qu an clo le co'1oni1e campestri, le scuo·l1e 1

1

1

'


[ANNO

IL POLICLINICO

XXVIII, FAsc.

l ~'

e n1e1i quali feci anche delle i:>ermanie·n ze p 1iù o. all'.aiperto e ùe .a.l tr·e .con·s imili tstituzioni non meno 1ulighe, per rendermi conto d1eJ1e modasiano sufficienti al bisogno. lità gio 1rnalie~e di vi:t.a e di cur:a sanatoriale. E veniam,o a pa1r lare infine d el terzo mezzo • Da pee tutto, a Bli.g:ny, .ad AngicouTt, a Jierd11 dJf&5-a a11titubercola.r e, agli organi.snu cioè re·s , iad Otsse1, ad Hauteville in F·rancia, ad . l\l. destinati a ospitalizzare e cu·r are gli infe.r mi: se•n1l>erg ·e- Borgoumon t nel Belgio, ed in ~­ ospedali per tubercolosi e sanatori. guito an.ohe in qualche 1sa.natorio s:vizz.ero, che· N·ei paesi da m~ visitati ho notato u11a ben visitati .n.el viaggio di ritoI'no, ho potuto o•s ser11etta disti1nzi1one tra queste istituzioni. ' . vare che nei tSanatori si evitaoo se.m ·p re le Non tSi sono creati dei grandi ospedali per gr.amdi a·gg·lomerazioni dii infermi. tu bercolosi gravi, com,e sti. è fatto .da noi, ois;peTutti i :Ciretto.ri coi .qu.ali ebbi. campo di pardali che , in contrapposto .ai Sanatori, tSi dol·aI'!e affe,r mano i1n tatti che bi1so1gnia gua1rdarsi 'rebbero chiamare in ma.nfe ra op.p osta. dal c1rea1 ·e .degli iisti·tl1 ti tr01pip.o .graJThdi. Per i malati di petto che sono giunti1 a tale Un S·acnatorio per ·pote1r b·en ;funzionare deve· s!Jailio della loro malattia da esiser·e rite.nuti e veramente cost1tuilre un .ambiente ·ristJrett-0 ing·uaribibi, si è provveduto dotaIDdo molti \ fami·glirure·: da c·ento a ·cen.tov·einti posti-letto. gra.n di ospe.dali comuni di speciali quartieJ'i o sono più che suffiic tenti a1'1~ scopo, ~ io non repart~ d·estiinati a essi. 1Così in Francia l'osp1edaJ!e1 Laien.n .e c, l'osrpeì10 veduto, 111 tutto il n1i'O vi1a,ggio, un Istituto àale Beauy.on, l '01spizio de~ c1r-0ni1ci 1dti. Brevandel g.enere c1h1e aV1e2se un' e.ffì.cienz.a surp1e!l'iiore11es ,e molti ,aJltri simili sorrlio ,Sftati amipliati me- .ai 150 posti; viceversa n1e ho visti ·p arecchi' che· diru1te g1ruippi di ipa;digli·oni ,s iltuati in ge nerre n·on po·t evaino oontem.e re l)ÙÙ di 70 od 80 infermi. Si ·pQJò obbi ettare che in que·s ta mani.er.a i n.ei parcihi e nei g.i1ardlin:i, ov·e v·engiono .aie.coliti e circo.i1 dati daJlie po1sisi1bild cui"e qu1esti mo+rituri 1 malati oosta·n o id i più ·e .ohe i vari Se1rvizi gen.erali (cucina, f1arm.acia, lavan•d,eria, disinfecl1e n1o n ha1J1110 l'imp.re.ss·ilO·n e, faoen·d·osi ricoverare i11e ll'osipe d.ale., che ha 8Jltri quartieri di inzione, eicc.) vengo.no• po·oo utilizzati.. fermi comruni, di' entrar~e in t1n luO!gio ·dove l'eMa ift 11eve danno eoon10mic-0 è laTgamente Ri to delle malatti.e che vi si cu rano isìia $empre · com'P,e•n sato, in queste formaziioni leggeTe, dalla i11 f.austo. maggiior frucilità di sorvegliiare e rep.r imeire i.eÈ una <fll1estuone di psi·cologia i:n f01I1 dio, della dispensioni involontarie e... voloiiltarie, ie S-0quale è bern .e però tienere li-n debito' conto. }3ratu.ttQ, per ciò ahe •concerner il se'fvizio d.i cuI San·atoiri invece presentano un rus'Petto tu tcin1a, c•h e ta11ta importanza ha per qt11ert,tiJ .J.nt •affatto diveris o e .p oico o .n ull1a baJ11n,o d.eJI'an1fermii, rClall.a p1o ssibilità di fiornir.e t1.11 vitto •Conbiente ospitaliero. fezio1nato aiocuiratarrieTute, e tale ·dia riusciire YeRicordano essi p,iuttois to que.l lo drel11a scuola l'am.ente gra1dito. o nl eg~li o dici collegio. I gfl~ndi impianti di •Cu·cina, dallie enormi calDur'a11te e dopo 1a guerra non si sono oorto da.1e .ove boJ.l·e il m~nestr,on1e ·ql1.o.t;i1diiano o,d il • p otuti costiit11ire .firn.o a·d ora dlei nu1ovi i·r n'Pi'anti 1esso più o meno in1si.ipido, ottimie per fornire s anatoriali, ma approfittando di locali ben l 'alim entazi1one u.n tforme .a p iù oentin·a ia df scelti, si sono fatti ·diversi fel1oi ·3.Jd,attameip.ti. in~el!'Illi, se p1osson-0 t1tillm1ente servire rp1eT un Le località .p rescelte sono .i n geniere e1evate, gr and·e ospedal:e comll!l1·e, :n ,on potrann-0 mai ma se vi .sono ·d·ei Sanatori di alta montagna, co.rrisp ond e:ne ad bilsogni ·di un .Sanato·r io, ovei11 oma,ggio ai n oti primcipi de1l'utili.ta della i l vitto deve ·e~e c·onfezionato in marldiera. <lirruinui.ta pr:essi one atrnosf.erioa, ·d·e'll'.attivapneSJsooh.è ·casaling.a, e V·einir qu'Otidilan1amentezione degli s c·amJ)i calo·r ifi1ci per 'l:a mi.n1or teinvar:Lato 'Per rilusciire wcoettio agli ilruieTmi. ~i one del va por d 'acqua, della maggior pt1.rezza l\!Ia, ancher a p •r eiscind.e·iie da qu1este n ·ecessità tlcll'n.rin e d elle a t1mentate radiazioni solari, rli so.rvegliJruriz,a e di accu ratezza j!ll certi ser. . ' . 11011 111anc a110 ottimi. Sanatori in collina: An·v tz1, e ovv1.o c.ompre.11d·ere ch·0 qu a n t o :9 i ù l' rt n i gicourt è a circa 200 m.etri, Blig11y è a 400. bì,ente san.ator iale •Si a1'lo11ta11 a .dal tipo ospita Borgoumont a 450. liero e 1si aivvi1c ina inv·eeie a ll'amibi·ente fami-· Gli infermi s o110 nei sanatori a ssogg·ettati ad gliare, tn.nto più g:li infermi vi si t.rova110 ben e, nna di cip1ina piuttosto rigida, ma quantunque dim e11tif' ano i lor P tnali , e d a1prono il cuore alla lati11i ,.i si a "'oggettano volentieti perchè con~p e.ranza, p1 r i'lno, fatto.re dii .gt1ruri gion,e. vinti del buon ~to. Il prof. G11inrurd, ohe •:negge il .sa:natorio di I..'opera che vi si com1p ie del resto è sopraJ{li·gtn.Y p~ooso Lim1oor.s, .sd è r.eso tanto oonto t ut.to di ed ncazior1e e, tairei per dire, di sugge- di ernie.sta verità c.he, ·piiuittosto di ia1r c0Slt1"'1.1ire ~t ion e. lln gra nda sanatorio ·capace di 300 itruf errmi, .coXon \'og lio tediare co11 la deEcrizi·one 1nint1ta mie oocorveva per la regio111e, ne ha fatti ·ci0dci Ya 1 i sau rtto rì c11e el)bi il campo di visitare, ~:1.1~ui.re tre, i11 padiglio.t1i con1pJ1etame11te se11a 1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

l 1

t


( •.\.NNO X~v-111, FASC.

1]

rati 1 u·o o .dall'alt1~0, c~pac.ei cia·scuno di cento letti, co11 tutti i relatirvi serviziJ .ama11e·s si, compreso naturalmente quello ·di cu·cina, di refettorio, di sala di ·riuntone, di farmacia, di medicheria, ecc.; .sollo i'l servizio di, d1sinfez.ioJlJe è .c.omune per tutti i tre padi glioni. s.ono d·u·nquie ~11 tm I stit1l1to tre cucin·e, trr.e 1refettori, tre sale di riiuniione, tre 1nedich€lI'ie, ~;cc., 1e d il prof~ GuinaT d ·che, olt'Iie ·ad esise·r e t1;r101id.ed 1:>i:ù reputati tisi·o1logi di Francia, è a11che un oculatilssimo amministDa tore, ~ome lo p1·ov.a il florido ~tato finanziario del suo istituto: non teme davero cli essere accu sato di spe1r1'le;ra r11" i e.api tali! E ct.el resto, se l'azii0!11e del Dire.tto1·e deve esplica>rsi come una benefica SIUggestione sui . uai. in.f ermi, se egli dev.e e sernte, oltre ch e il medi1ro il co11,..igliere e ! 'amico, come può fJretencler~i che l ope1~a sua si oom[\ia. senza ùi1ttirsu e diveni1r v·ana olt-~e un numeiro ragio1t.ev-0le cli amn1alati? Co111e evita.ire che l' a.mbi1enite f ami·g.Jia1·e e ra:c ralto non s1 t1·ar;forrr1i i11 q.t1ello di un .f1alanis terio informe e djs·oriclinato? .\ncl1e i1ella di~posizione inter.n a de[ Sanatorio ho notato sem.p.1-e la tende11za a;d osser' ·are il medesimo prin,cipio. Le gra11di corsìe, i dormitori, le ·Camerate a tipo O<.:J)italiero o di caserma, peir quanto gu-andi, ~pazios e ed aereo.te, non son fatte pei tul)ercolnsi 1f=:a11atorilandi. Iu1 Ll uasi tt1°tti i samatori della Franci.a e del l:lel•gio e, i1atl1ralmente, anche in quelli della Svizzer:t, ho semip.re v·eduti gli infermi surddivi.s i in carne-ne che hann-0 l'e1fficienza di un'O o due. fi1no al massimo dii setl. I.etti. L.e cam1e1fe cli otto 1letti ~10.no ecceziOinaJ11 ·e per unian4ime pairere riei Dli.rettorri i •sei ,e.d .anche i quatti~ letti sono già troppi. Ogni .ca1n•e r1a non dov.r ebbe conte.n el'e più di due o tre '.letti, pur disponendo, pen.· 1i v1a.iri1 caisi che lo richiedono, an·che di diverse came~e ad ur1 letto solo. Sii intende che tutt..e I.e 1s.ta,nze si arorono in u11 corri<loi•o posterio.r e sul quale dà la cam,er.etta del•l'in1fermi ere di seirvi1zi•o, pronto ad .aiccorrere .a;i:l <J1gni ·chiamata islegnalatagli da una scmertia elettr)1aa che corrrisrooJDJdie aid un ·qru1aid.r o 1n1 rnieraito. In qu•e.s ti .ambienti orv e il Divetto.re tiene v·eram.ente in pugno .tutto .l'andamento. del ·Se rvizio, la di.Jsciplina è con seirvata ·n!atuirallmente assai più aigievolmente. P.resso di n,oi j1nvece, ifatte le deibit.e ·eid onol'evoli eccezioni, tiroippo spesso, in omaggio ad un mn.limteèo sen•SO di libertà individuale, nei Sa.11atori gli infermi sono lasciati trop·po liberi 1

1

1

1

1

)

1

1

1

0

1

4

1

1

1

1

1

1'5

SEZIQNE PRATICA

di fare. o non fare le oure d'aria, di paisseg.giare o di star feti;ni, di stancarisd. ,senza tScoipo o di

fa.r e degli .esagerati Tip0ts:i. Ne co:nsegl1,e che molti ·d~ .e&Sli, ·anz:L .1ia maggior.a nz,a , non ritraggon·o dalla vita sanatoriale tutto il van tagigiio ohe potreb·b ero. Ce1rt-0 il iSiogglliorno i1n campagna, J.'.a:lim.erritazi1one sostanziosaJ .eioc., fa1tno migli()lfarie fino aid un ce:rto .p,u nto le 1eiondizioni di .s alute della maggio1r p.a rte, ma .po.i ·q uesto 1~Jtato1, che non è q.u1ello cd.ella gu,arj1gio.ne: .~elSit•a sta,zil()1IlM'i10 p er mesi eid anni, ed i foicolai tube·:f'c1ola.r i ·a.s1s101Jiti contin1UaJ10 11na le.nta ev?luziion.e, clh-e n·on dà grandi .distu.r bi, ma .~ono p1ronti 1a riac·oe!lli::Le1re i loro fu-0 chi .appena l'infermo" ill t1 so dal relativo benesser··e, va.glia abb.and.on3Jrie il Sanatori·o, ri·e.n trare in città, rimiettersi a rfar t1na vita un ,po' più iattiva. Ben priù reigiolata e logica è !la v.ita che si r11ana in qu.esti r;anatori d'Oltra:lp,e, •QIVe ·una di. . ciplina ,razion·ale i·eg·ola tuttie 1e QlpielI'azio,ni d1ell1a giOlrJl·ata, e, f r.a qu.eiste, le 100'.'e idi •cura nielle V'e11-,a1n d1et Chi motn vuOil.e aissoggettrurvisi ·esoe dal Sana torti. o. All'.o ra \Stabitlita, per tr·e o quatt.Tlo, ·ed an1che 1più volte a g'i1orn.o, gli inJeir mi, a 1sie1c-0·nda dei loro stato, son·o convocati d.alla campana ohe seg·n.a l'inizi!() della c.ura, .e non vi ·è nessu110 che senza il permesso del m edico manc!hi al1' appello. Alm·eno dll•e vo1te nella gi-0rnata la eu~.a del ripo·s o in c1iaise-longue è &."!Soci.lata alla cura ·de~ perfetto sil1enzio1. E, c.om,e sono dtsc pliln.at.e le ore di cura, eono iprure regolate l e or.e ·di ·pa.isseggiata in ·Camp.a gna fu·ora.. del S.an1a.to:r.io, 1a OflP. di rip10SO i·n liettJol> l a •Sve·g.lia, il ·s ilenzio e lo .s pegnim1ento d1eii lumi. Non ·Sono q11este pe·d.anteache ip,re1sarizi·O·n i di li·b ertà, ma cnecessiià idi c1J.ra afil.e qualiJ tutti si soit tomettooo vo1lein.t ieri, pe:r.chè son.o abb.a sta'I1Za oosici•enti pe-r comprend1eirne l'utilità, e1ffa esip.e• rimen tan·o ·del resto ·POrCo ·d.op.o tempo isru sè stessi. Questi .s anatori ricmneranQ ind'i·s tin.tam.e·n te e con .egual disciplina civi:li, militruri ed .ex-mi'Lita.r.i rifò·r mati, perchè in Francia.i e ne! Belgi•o le autorità millitari·, che du.rante la gue1rra .av1evamo istituito n1l1rnet1osi .osp·edali ·di smi·stamento, e dli pirim 0 ri.ctovero ip·e r i ,soJ,dati tuibercolosi, hann·o o.gigi ri d'Otto al minimum qu•ooti isti1turti, e l1e n·u me1ro s1e stazjjo·ni .sanatoriali cihe du1r.a nt.e la guer.ra a.c 00.gli·evano i militar.i tubercolosi :f.u ir ono semp·l,,e g1estite ·dall'Autorità Sa.nitaria civile e lo siono .anche a,t tualmeinte . . 1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

0

.

1

l

1

1

* , * *

H·o voluto dare a11che un ràpid·o S·giu·a1~do aJlle ,·arire ter:apie amtJilt11be1rco lari 'P'iìù co·mu.niemente ' prati0ate. 1

'

'


( _l\.NNO

IL POLICLIN I CO

16

_.\1l 'i11fuori della cura di riposo, di aer eazione € di t1na .a1im entazion e •s ostanziosa e .r azionaJ.e , lna n on sovrabbondante .poiohè la oosd. detta i1>eira~imentazior1 e, a base di uorv.a o ·di1 altre 80('>tanze azotat~ è i·n gene•r e proscritta .C ome più clannosa ed iinto.s sicante ·che utile, u·n sol.o metodo di cm1r a ho visto usato ovunque .co•n f,ede e con successo, ed è m etodo e ·g loria italian.a: il vneunlotorac e. Si 1S'o1r1!0 fatte :modificazioni div1e·r.se, e che l!On sempre mi sono a•pparse u ti!li, .a l primitivo uppa reccroo di Forrlanini, ,Sfi. 1s on ideati nuovi strume11ti per l a punzione 1die'lLa pleull'.a , si .aid 01Jeran-0, 01ltl'e l'azoto, ini1soele di gas ·diversi, ma il metod-0 è ' sempre qu.ello ·d el no,s tro illiustre c.ompatriota. In Svizz.era e in Belgi10 si 1ciontinuaino a·d adiol'e1,ai.re con m o.Ita prud.enza le v.airJ.e tUtbericoline, ina limitan.do1e ia qu·ei ca.si rl.ln cui J focolai t.uJJercolari fibl'o -caseosi hanno acqu~stato un cert e g"rado di torpi·dità che occorre :in 1qua1che 111odo rnl(J·dif1ca1ie. 111 qual1ohe srunato.r i.o ,ffi1 e te.ntiata 11na is pecie rti .aut.ottlJbe:voo[izz.azion,e, }Jl'O\noca11dola .con l'assoggettare ,gli 1inf é.rmi .a Lerte grar.lruali fati·che (cura di fatica). I m·a lati sono fatti ],ruvorare p er solit.o a costruzio,n i . ·tradali, ma ipiù ch e altro tali pratilahe h .a.n.no }') sc0po ·di riadattare i convalescenti a riprencle\r'e qt1alch.e attività e di 1saggiar!l1e 1a vesi<- te11za. 111 Fra.nicia oggi la tl1boooolri.·n oterraipia si all01p era poco nei sanatort, eccetto che in qu·ello di Gt1i111ard a Bli1gì1y: dipende forae u n poco clall'ori1g ine BOc1ie del metodo, ma è cosd. D el resto anche il famoso m .etodo idi ricalcificnzion,e clel F erri.er , quan.t unq.u1e preconizzato tl a monti autori fraincesi, è poco u sato og.gidì. I o ~t ec:so dic:Lsi d ella opoteTapia e1pati ca0 ch e i1ure i)er oper::i. del Ge•r aTd e d e•l L emoine ·ebbe ~ lt F1 a11cia qual che seguace. Si ~tanr10 ora esperim entando i1n a lcuni Sa11 atori framce&i ·l e i11iezio11i en.doveno·s e d ei cosi detti solfat i di terre ra1~e (n.eodimio, p raseodin Jio, samar1o) ·~h e cletermin1erebber-0 un'intensa noncl1è dure, ole l e11cocitosi mono·n ucleare con n1jone battericida; ma i risultati sono, per ora, assai incerti e poco conferm ati. In conclusi1one i1t1lla di nuovo i.n questo campo, e 10 specifico antitt1berc0Jare restia ancora :l a trovarsi 11urtr oppo, ecl è appunt'o p er qu·e sto eh occorre da re ~e1n1pr-e maggiore increm ento ~ ·Tli Istituti di cura igienica e razionale ch e son o i _oli cl1 e abbia 110 fatto bt1ona prov~. Cii·ca la cura elioterapica, che lln autoir e ' frn nce&, il !\1al.gat, ' '01le applicata a nche alla t ubercolosi i11terna, è ora lin1itata qu.a.si 00 1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

4

1

XX \ 1 111, FASC. 1]

tu.ttu solo al1e forme chirurgìcl1e i1e1le quaili dà natu1/-a.lm·e.noo bril1lanti r isu ltc:tti ma è l'iten uta molto ispesso più p eiri coJ.osa ch'e utile .ne[11e forme polnion ·a1ri. I1l .s ole è invece lar g·amente im1Jieg~ato oomie mezzo di reielenzi one e di S·a lute n1ei numerosi istituti di ·OUTa .p er iJ bambini }:>1 edisiposti. L ' organizz,azion1e dei. preiv•ent•ort infa111tili, ben co.s.titUlita.. 1aDJCh•e in 1Bel1g'io, a ss.u rgie in Fr.ancia ad um m aasim 0 di 1sviltt·p po ,e di perrfezion·e. Questa provvi.da .azione, l'·esa t a r1to più n·ecessariia .i n Francia 1daJla mtn aiccia ,s empre tilcombente ·d el la diminuzione del'le n aiscite raie' coglie itil un solo fasic io m o·l te istituzioni clle si .oomiplieta:no a vi1ce·n d1a,, e m erita ogni ammir.a.zio,n ·e. Vi .so.i10 stabilim enti id i rrco1ver-0 ·p1e,r i .f anciu'1li di tutte le ·età, 1sani e min.acciati d.all'i-nfezione ipeir tla ma1attia dei par.e11 ti, e1'èclie'S, nidi, case matern.e, 1oolonie e scuole camp estri; vi sono istituti di cu Pa i)er i ban1hini 111alati de' b~tamiente cli sti r1ti in l'iiC0 e1·i ~_)er i fanciulli aff,etti da t.ub e•r col101s1 non evol11tiva, i)er qu.elli afiet.tf 1èLa form e ossee, dia forni.e gnng·lio1n a,ri e da forme ,p olmonari. L 'l1f:ficio pubblico d'igienie soc:iaJe della città di P a rigi isoltanto c1i1s1pon•è cli be11 ventisei dit qu.este 'V·ari1e orr>ere ·di red,enzio11e clell'infanzia, ed è e.s.empio che 0 1oc.ori:r e arug,u.ra1.,si venga pre·sto imitato· p resso d.i n•o.i itali a i1i, cl1e rposisedi aano, come uni ca e iinviéliata r icch ezza ta.nto !Sple·ndio,r e ·di s d1e e t aJ1t e salt1J)ri ·e glocond·e camp~giille .e spi1agge marine, pe11chè soltanto col sottrarrie e difendere da·l la co,11tami n az.ioine tubierco lail'.'1e· i ·p i1acoli .esserii 1cho r.ap,11reise:ntano t:t1tte 1e .1101stre m~1g'l.iolI'i .stp.er anze, p1ot1remo 1com,.. tare di c11 ebrella!~e veramente . jl mo1rbo cl1e .min ac·cia e miete ta11te vittitme 1e contvo il quall1e ogni altro sistrma di lotta è tro·pipo s pesso valJJJO e m.al sicuro. pC:F

1

1

1

1

1 \

1

1

1

1

1

Il fasci colo 1° (1° gennaio 1921 ) della nostra SE-

ZIONE 1\:!ED TCA con tiene:

\

Rapporti tra tubercolosi polmonare infantile e tubercolosi degli adulti (con 10 radiografie in tavole a p art~).

PAOL(J ALESSANDH I NI:

F.

DuMAREsrr

e F. PAR ODI : Sulla patogenesi dei

versamenti che sopravvengono nel corso di pneumotorace. .

un

,

Contributo alla cura della tubercolosi polmonare col pneumotorace artificiale.

FRANCESCO RODANO:

G. ìvf_ENDE~ : Osservazioni sulla meceanica respira-

toria dei tubercolotici con pneumotorace Forlanini.


( •..\NNO

XXVIII,

FASC.

1]

SEZIONE PRATICA

17

SON.T I E RASSEGNE.

. 1° L ,a ritn1ia respiratori.a. Nei ~agoto•nici l 'i11spirazion1e priovocherebb.e lln acceler.am•ento del piodiso e u n a diminuzione dell 'onda ·dif ·esso, SEMEIOTICA. l es;pir az i·on·e un r.allein tameDJto d1el 1p olso e un Gli esa.mi fisici del vago. raffo·rzan1en to d·ell'o·n da. \Vd·e111sma ha p1e rò os1serv1ato, ·che indipood•e:ntem·ente ·dal la vago to(T. !\1osr.ER e G . ' ' ' ERLICH. ll1ilnchn. Jl ed. Wonia tale com1p ortamen to si 01sserv·ere.bb1e· quaooo chenschrif t, n. 41, 1920) . l'atte;nzione. è ·deviata o l 'attiv i tà psichica m en o I proceiss i c.lella ,-ita o·rgani.ca .sono retti n el- · inte111siva, · du nque sp·eciaJme,n t~ nel son.n o prol'u·omo dal siistema nèrv,o.s o centrale, dal sistef0I1;do, nei bambini e nei nevrastenici. Ciò d ima ,·egetativo -e dal co1npl·e1S1~·0 delle glandole minuisce il valore dell 'aritmia respirato-ria endocri11e. ~Ie11tre il primo sistem.a cooiddetto come indlice di vag·otonia. sistema i1ervoso .animale d irige principialmente 2° La P ·r &Ssi!()[fil0 S'U·l V ~go (e z erm ak) . i roll·. coli striati, il siis tema vegetativo regola La p1~e.S1si1one 1sul vago al collo ha nei v.agotoin $lretta canne sione con le ,secrezioni interne 11ici un' azione negativame·n te cronotro~»a. Molti gli orgcll1i la c11i attività non è sottoposta al1a autori C'Vienckeb.ach, Weid, H .eir.ing) attribui\'Olo11tù, dn11t1ue quelli a muscolatura liscia e ~c ono tale fenomeno non alla va,gotoni a,~ ma ad le gla11dole. altri fatto ri. (stato d·el m1iooa:rdio). Il siL';f en1a vegetativo si com·p one ontologica3. Il rifi~sso 01cuJ·o, oavdiaco (Aschner). n1e11te, n,nato1nira1nente e fisiologicamente di 2 Xei 1 agotonrici la p1 1e~1si1o·ne .su-i bulbi oculari cn111rJ011cnti 11e11 clistinti, il sistema 1sim·p·atico e prov.oca una bradiarurd·i•a talorra intensa. Qu1es1to il sistema a11tonomo. La di ff-erenza fis iologica riflesso come lJ·u re gl,i altri rile.v abili al!l' esame di q11est i d11e sistemi .si dimo st1·a i11 spie cial fisico a.el va~,o, non è in tutti i mo m.entti. comodo ii elle r eaz ioni farmaicologiche : alcIUni :far- stante nè uniforme; in ce1·ti l)erio,d i i vagoton1a1ci agi . . cono in modo elettivo sul sistema sim- 11ici possono nro n i)1 1esentaTe ·il ri.fl1etSso. Jlatico (aid1·enalina), altri s u quello a11tonomo 4° La prova del rannicchia.m ento (Erben ). ( Jlil oc ai-1) ii1a, n t l'Opina). e si f.a sedere u11 vagotonico coi ginocchi cam. '1 tllH. ha e di qu eBti fatti fisiologi ci r f armal)letamentie fles.sii .e I.a testa ripi·egiata sul pento, cologiei Eppingher ed Hess costruirono la loro ~i 01sgerva lln iJn1tpTO\·,iso i~al~e·ntamento d erl poldottrilltt della Yngotonia. Essi trovarono in un so, che p11ò dura.r e fi·n .o ad un minuto. dl1te11rr1i11~tto g r11ppo -cLi n1a1ati t1n'alterazione POLLI TZER. <l-ell'ccruiiJiLrio i1orrnatl e del sist em·a. nervoso vegetativo, cioè pern1anootA aume11to o climi11uMEDICINA. Z1ione di to110 i11 t1no dei comT)'onenti d•i esso, Sulla causa dell'ipertrofia cardiaca e dell'auviag{) e ,'-iitrl})atico. m~.S\i divisie.rro ·i loro ma.Iati in d11 p gn· u1l1>i J)en cli~tti·11ti: il g·ruppio clei vag·omento de1la p1·essione sanguig11a nella nefrite. tmiioi (in cliv il u i i pe1rse·11si bili nlJ a 1) i 1o·cn l"nin n, (Prof. JAWEIN. Berlin. Iilin. Woch., i1.. 37) . ipos<•n,ibili all,8Jc.lre11alina) e qt1ello dei simpa• ticortoni c:i l ipcr~e1li. ibJili all'adr·ena~i11n, ip osen _ ::\Iolte sono le ipotesi ·per .spieg;are l,tpertrofia sibili aJln })ilocaTpi n1a). cardiaca e l'all.1Il1ento di pre ssione san.guigna . ·e u U·l' he g li . . . t11d·i s·11ccessi\·i 11011 llan110 in nelle malattie re11Etli: Trat1be, Coh·n heim ed altutto (l<tto ragio11e ad Ep~Jingl1e 1· e{l Hess (p. es., tri 11e nicercal'o110 la causa 11ei m omenti mecraè ~tato 1din10:-.trnto c11e 11n aumento cli tono 11 ici, J ohnison, Sen.ator, Hu cll a.rd e altri 11elle nel si bt~1r1a a.t1tonomo i1on deve e~sere 11ecessa. ostanze clli1miche, .che eleva 110 il to1110 dei vasi ria.m e11 tP nC'compagnia to da 1111a cl in1i 1111zi 011e cl i periferic i, Gull e Sutton in u11n. fibrosi 1èelle to110 in q11elrlo sirnp ntico) pt1re la cleterrhinazio- l) i ccoJe .arterie p eri.ferich e, Bol1l, Debov1e. e Lene dello stato d el sistema nel'vo1s•o· veg·etativo h·a tuJle in a lcuni pro.c essi ii1fiammatori del c11.ore stesso. conise t•v1ato, per varj·e ma1attie, un va1o•re indit:•C'l 1sso. :\l euni mieto di iìsi·ci, ·p 1e1rmett1on10 una Le soil e teorie che so11 ri1naste, e di m aggiore ta~e ùete rmi nazione in modo ra.picl10, co1si da in,tei-es1se, 1Sotl1 0 Ja me ccani.ca e la cl1imiica; ma, ren cl~rla l)OJSsitbi11e an·ol1e cll1r.ante le co11su.1taseiconclo l'A. nè l' un.a nè l 'aJ.tra valgono .a spiezio·n i. ga r e fino1ia le a lteraz1ioni ca rdiacl1e e l 'aume11ta.ta preis·s ione \'elsa.le. Gli e ami fisii ci tl1el y,a go so110 basatj tutti BlL 111nn. ·~tlin1 o laziio11•e .di.retta ,o indin~etta d.el nervo; Gli e~1I}er i me11t1 fatti J) er la teoria chimica l'effetto cl i ta l e stimolazione (eccitabilità del .sicli1nostr e1·ebbero cl1e la l'itenzio11e ·di prodotti stema n ervoso autonomo) si studia Slll cuore. azotati }Jossa determi11al'e 1111 a.11111e111to di presGJj e1f'n 1ni r>rinciparl i sono _quattro: · ~ i o 11 e e c1t1.indi la ilpertro1Qa cJ e1l Ye n tricolo sini1

1

1

1

0

1

1

1

0

1

1

1

0

1

\

1

1

1

1

;


l I. POLI CLINI CO

18

["L\NNO

XXVIII,

FASC.

1]

q

st ro; però si sa che in mol te nefriti act1te e cro11iche, come anche nel rene a l't eriosclerotico, nor1 v'è ritenzione a lcuna dei prodotti azotati e pure esi•s te un notevole aume·n to clella pressk>ne ed irpertro1fia del ventnicoJo .sinist ro. Si sa in.o ltre che nelle n1efri ti si ri1scQntra non oolo l'ipe1·tro.fia del v.entri·colo sim.istro, ma qu·ell a .di tt1tto il cuio re. La teo·r ja m.eocan iica non vale neianche a spi·eg.are il f.~tto, po:i1chè pon solo non è sufficien.te La SOIPfPressiQne di molti pic coli vasi del ren.e, ch e ren.d ono difficile il circolo nel ststem a ven.oso, ·p er determin·are l' a umento della pressio·n e .s anguigna generale, ma questo n-0n si verifica n eanieh e co•n l a completa legatrvra d·elle arterie ren.ali. Secondo i·opinione cli Traube la ritenzione di acqua n el sa11.gue i1 elle nefriti s•a1iebb.e causa di un maggior lavoro ·del cuore e quin·di dell'i1p ertrofia; ma ·oiò non è eis atto, per.c hè si sa 1com e nel l a. nefrit e inter,s tizi"ale, do·v·e si 01sse,rv.a t1n.a alta i)ression.c srungu·1gn.a ed impl()nente irpeTtfo:fia cardia ca, esi.ste ·se•mp·re poliuri,a , ctoè n e:ssuna ritenz.i.one di aoqua. L e osservazioni e g·li studi fatti p er lu11gl1i a1111i dall ' .~. , già pl1bbli cati, lo a11to1izzano 1ad a ff ermare che la vera causa fonda.m·e11taJe del .. l 1a u1nentata p reiss.im1e e dell 'ip ertrofia di tlttto il rt10,re $ta n.ell•a. ralleintata eliminazione del1' a1·t1t1a n el rene. Non v'h a dt1bbi 0 cl1e 1a ip ertrofia t8 nto del ver1trio0Jo destro ohe deil ~i11itro è dovt1ta al maggior la'\·oro del cuo r~ e cl1e la i1)ertrofia "-ti tutto il c11ore h a luo:go q11aindo La qt1antità del sang11e, ch e lo attr.a' "el'sa, è notevolmente ~ permanentem.entei aun1entata, e i)erò ha grar1dissima im1p1orianza e1d i11flt1enza su l lavoro cardiaco },a quantità di a cq11a cl1e si i11gerisc.e. Se a reni n,ormali 1500 cc. di acqua vengono elimina ti in 2 lh o 3 ore, i11 n lcun e affezioni renali occorro110 i11ve ce 1, 6 oct ore e talora di più; è evi•d ente qui11di cl1e se per cattiva eliminazi o11e fi.e} l 'aC'q11a dal r ene e~~a rin1ane 11el sn.J1gue :2 ore di l)iì1 ... ara per qt1esto a1une11tato il lavoro d el r11orc e n1aggiorment e lo sar à per qt1anto rr1a1ggiore è il Len1J})0 in Clli racqt11a permane n e.I u11 g ne..... e si considera la enorme qt19.ntità d i arq11n r J1e gli amm a lati di di abete in.sipi1do introrl u<·o110 e l<.t • o lleritn,dine con c11i e~sa vjene eli 1ninata clai l'eni i si nota come il sangue è enlJ>l' pov ero .di 1acqua, cl1 e gli ammalat i son e1111)re a setati e che il ot1ore, malgrad.a tale 11ot e\ ol~ i11trodt1zio11e di arqua, 11on at1menta il ...,tt o la\ 01 o, 11 on è affatto ipertrofico nè è au111c11tata 1,t lJre '-i one a.n gt1igna. Ciò sta. a d i nln .... t 1a re cl1e il 1naggior lavoro del e uore 11011 clov\1to ta11to alla quantit<i di a cqt1n i11lt'odottu quanto allé't sollecitudine con cui essa 1

1

viene elhinata dai reni. L'A. conlferma questo con·cetto e6aiminando il modo di eliminazione de11 ·1acqua in tutte l e glomert1lone friti act1te e croni·che, nei r eni arteriosclerotici, nella asi}()rtazi1one di un rene . nelle neifrosi acute e ~ro­ nich e, n elle nefro1so. . n.efriti di .acute. Con·clu,dendo, l 'A. àff.erm.a che in tutte le malattie renald, i1 elle quali è diminuita !'.attività ,di eltniinazio!lle dell'aoqu.a e i11el1e quali per ciò essa è ritenuta in quantità maglgi.ore del i1oxm,ale nel san1gu.e, si os.serv.a i1p értrofia cardiaca ed aumento ·della pre·ssrione sanguigna. Tanto la ipèrtrofia quanto l 'elevazione della pressione · manoano tutte le volte eh.e non è alter.ata la funzion e r enale di eliminazione d ell' acqt1a e oh e, p·er coniseg11enza, il sa ngue rapi.damf,nte si libera dell'e.ccesso d·e ll'acqua stessa. l'J'ella rallentata elJJminazione dell'acqua ne11e ma1.attie r ena.li si de•v e riconoscere ql1in1di la vera causa della ipertr ofia ca rdi a.ca e della auraentata pression·e sang11igna . DE CHIARA.

e ~

1

r

g

il p

1

r.

Intorno alla paralisi dell'orecchietta destra e al polso venoso relativo. .(Dott. FILIPPO FRANCHI NI. L e m alattie de'z c·uo re e dei vasi, n. 9, 30 settembr.e 1920).

1

L ' a utore present3 daippr1:ma tracciati v enosi di ltna malata di JStenosi mitrialica (correcLati dai risipetti'Vti tracciati car1d ia.ct ed .arteriosi) i quali mancano costantem ente dell'onda auricolare, mentre, nel rimanente tratto delJ.a curva, non si dits.costano senisilbilrmente. ,d al nomnale . Ritien e che questa .si.a la forma di .p olso v.enoso esiprimente la pa!'alisi 1d ell'ore c•chri.etta destra . A conferm a di 1questa suippo1sizione ri•p orta la storia cli.n i-ca e·d i tracciati venosi d i un altro matlato di ,c uore (pur essi corredati dai tra·cciati cardia.ci ed arteriosi ). Questi most.I"arono, .fino agli ultimi giorni di vita, l'intera curv.a completamente normale. P ochi giorni prima della morte i l p·olso divenne lento, irrego larie e dalla curva deille ,.eìl1·e sparì l'onda auricolare, sicc.h è il polso venoiso cl ivenne simile .a quello1 del primo malato. L ',autopsia mo trò una vasta trambosi d ell ' at r io 'd estro; il trombo i·iempd.va t utta l'.aur1cola ed una buona parte dell' orecehietta. Porchè il !)OO:so ·del mal at o, qt1ale era di,,entiato pochi giorni'. rprima della 1nort e, era de) tutto sim1le a certi .p olsi ·yenosi riportati dal l\1a,ckenzie e d a lt1i e da altri g i à inter1)ret.ati come dovuti al ritmo nodale, i·a. ritiene che per il suo caso, I

1

1


l~.\NNO

XX\' III, FASC. 1]

q11 est.a spi egazion e n·on sia .soste.n1ibile perchè la co11trazion e simt1ltan-ea d.elratrio e del ve11tricolo, la quale è la Cir1CO tanza rdetermin an te del ritmo nodale, non p'Oteva .accadeiie in caJU!sa d el grosso trombo il quale doveva evi.denterr1ente in1pedire all '.atrio di contrar.si. L 'ond,a positiva 1)rotoststolica con cui .comin·ci.ava il I o1so ve11oso doveva pe.r ò rigua!'ldar.si , non coone dovuta .ad.la contrazione .del! 'atrio, m a com e· r a1)p rese11ia11te 1dell 'onda e ·del .po~so venoso normale. L'autore confuta l'opinione oggi .p revalente cl1e il polso venoso 100.. par.a lisi a uricolare sia ca1·a tterizzato dalla .s comparsa del ·collasso vr.noo ·sb,toli1co e dalla compavsa di un'on.da sjstolica posi ti•Ya in .p osto di quello. L' ar.gomento princiyJale è jl seguente. Il .co:lla~so venoso si-Etolico fisi ologico è ddVllto no.n !Solo a lLa <li a..:tole de~l'atrio, ma an.ch e alla siistol·e del ventricolo. D i (Jl1esti ·d11e fattol'i, l'ultimo è il J)ÌÙ .impo1·t a11te i11 q11anto fl più vaJtdo, più r>ens.istente e me110 mutevole. La sem'Plice1paralisi auricolare uo11 hasftt p erta11to a f·are sparire il collasso ve110 . .u siis to lico. L 'eff etto d ella paralisi al1ricolare s1t} pol~o veno~o ·è la sicompa rsa cleùl'onda positi\' {l presi ~tol i1 ca. Quando sparisce anche il COllaF~O siJ~tol i co \·t1ol dir.e ch e ' 'ien m eno l'energia lella .sistol~ ve11tricolare, J.a quale, come è noto, i c1n1\·erte, rispetto .aùl e vene, in t111a aspirazio11c tli .sangue d a qt1este n elratrio. uuan·do l 'alri o è IH11·.al izzato e s11.cce~si v1 a.mente è ve1tuta 111 ... 11 0 a11et1e l'en erg ia sistolica de1 l ventri co 10, il ç;nllgne, ·rlur~tnte l ét si1stole, si aicc11ml1la r1ell e vr ne: dor1de la .scompa:rsa del c ollasso si1s.toli co Ye110~0 e ln ronl]larsa. in s11a veice di un 'o nda

CHIRURGIA. Le operazioni anchilosanti nel trattamento

1

1

1

i1o~itiva.

Se, f>Cr eff etto .anc t1 e l)ÌÙ grave d e11·.ais.istolia

e11tri.colare, si sia formata insufficienza tricu..<sIJidale, si 1potrà aver e a nche un rig11rgito ~, stolico dal ventr1colo destro .nel le vene. L 'a11tore .c·recl e cè1 e non si.a sempr e p ossibile distin1guere il po1so veno•so positivo, così detto da paralisi a1trirolar.e, 1ci-0è d.a as~stoli a ven tl'i colare, dal vero rig nrg ito trj cr1JS1pidale. Le dl1 e C'agi oni J)os.sono heuJi·s s imo sio mma·nsi. L. ·autol'e riporta infine passi del lVIorgagni dai quali ri•s ulta eh.e Egli noin solo aveva cle,c:.critto con ch] a.r ezza wmma il p·olso ve.noso fiisiologico, e 1distinto .q\1e,sto dal p olso di tipo ,·entrù.cola re, ma anc11e valutato in m·oclo esatto 1' effetto idraulico della paralisi .auricolare .s ul -cor so del ~·an.gu e nelle vene e s111la form a clel -polso di queste. \

19

SEZ CONE PRATICA

1

L . P. I

del morbo di Pott. 1

(M. LANCE. Gazett~ des Hopitaux, nn. 34 e 36, 1920).

Due imp,o rtanti indi·aaz1oni nel t:r.attam€nto 1ocal.e .del morb.o· di P.o.t t sonio : m1ett1ei:r.e a rilp osio i·L f·ocolai·o tuberoolar.e· 1e.d l()J>·P·O·r sli ailla flessione d el raahi·d·e, fì·n cthè si .atte111d1e J.a r i.parazj1one e Ja conismidazio[}Je 1spio1n tan.ea. L a r~p:ar.azi·OJl·e del f.ocowai·o ri·ahi1ecLe de·g li anni ,e ncm .s i effettua .C1he ,qu an<l!O c'è il co11tatto fra la vertoo:ra 1su1peri1ore e quella: inferior e : gli archi vertebTiali ·s i .sa1da.n o spoi p·roduoend.o •COSÌ um.'im.m obiJizzazic1n e sp.ontant!a. d1efini tiv a.. S-0n10 state studi.ate que.s.t e salda.ture sip ontaniee ·e .si è pensato dli affr~etta.r·le con un atto operatori·o. La prima ope•r azi.on,e di l€g.at:L1.:r.a c1ellie1 a~) oft si spin·o19e è st q;ta teint~ta .da 1-Iadna (U. S.. A. ) n·el 1891; ·p1oi tn F.r~an1ciia nel 1893 da Chi1)atùt; n el 1910 da Lan•ge (di Miinich ). È nel 1911 .con Hib1b s e A'libe1e di New Yo.r k ohe l'oisteoointesi de'lla C8lonna ·v.ertebralle nel mor'bo di P ott entr.a veraro.ente n.ella pratiaa. Da questo momento 1operaztiioni e -pubbli·cazioni si m olti-p•l icano: 11 costante splendido ri•sultato, cioè la ripre-sa della vita 01rdi.!I1aTia, senza atpparreochio, alllia fin e di 1qua1cthe settlma11·a di letto, ha fatto ra-pid1amentei p:rio•g redire il rn1etoclo n egli 'S ati Uniti .eJ di lì per tutto il mo1n do. 1

1'e cn.ica ope rator ~lt. ·- "A!l etodo di H ibbs . In 11n.a prima. de1s crizione, H1btb-s (1D11 ), con una incisi.01ne mediana d el•l.a pelle, .s copriva .g·Ii

apici 1de1le 31poifi·si ·sipin.ose. Ouesti e le faJcce. rlater.ali soin o inte:riameinte .... clenu da ti di tutti i t ei&siu:t.i, C·omp.veso· i.I p eiriosti.o, .e ciò a ·l iv.ella del'Ue v1eTtebire malate •e di una verteb·r a .sruna ,al 1dis1otto .e al di sopra. .S i pratica p.oi 1oon ,pim.za taigliente UJna sazio.n o inoom•pl1eta .d,all'alto .al bruss10 dlella base de.lll'.e rupafisi spin.o s·e. Si comprJ,e;ta .1a ·f.:nattura en bois vert in mold o cla far cad.eire l' ~p· olfisi v,eJ'lso il ·baiss!o. e co ndur' e la nillnta della 1c:1u1-oeri,o r·e a <:<01r1tatf:o della s1 1·p e,rrficie di crt11el.la clh e• è alt .cti s.o tto. J. . ,a f·eirita è ,chiu1sia in 1sie1gmito· oon s11tt1.r a cle i pi·a:ni musco 1l1o~fibrrosi 1e ·d ella ·p elle. . Nel 191·2 H iJbbs oom•p.leta •q uesto ·n1oielo di fare, n.n 1.)0'' insufficiente, 100[ .denu1d a:rp la faccia ·p,ogteir:Lore dleill1e I.a.min·e ITT.n10 a1la ba.se delle apoffisi tr asv.er se. iDi ipliù egli cons i1gilia, .co·n 111n ra.s1clhiatoio cur,·o, .di den11dar e, ,pa1~1~ a11·do sotto l'o.rlo inf<>riore delle lamin e, la ba~ e della loro fac cia ,

1

1

1

1


[ANNO XXVIII, F ASC. 1-

JL POLICLINICO

20

anteriore (quella che fa parte J .el canale rachidia'IlJO), di i;om.pere un po ' questo bordo i11feriore delle lamine i1n modo da colmare lo spazio compreso tr.a Je ·d11e lami,ne sov.rap1poste oon c1elle p a rti·ce11e ossee. :N.el 1914 Hilbbs p o11:.a una nuov.a modillfica 1

zione. Per ,produri--e l'anchilo.si delle articolazioni verteb.r ali, dtopo totlti i 1ega.meinti, si ce·r ca suù1la baise delle aipofiisi trasvierrse J'interlinea articolare. Con u1n a f orbi-ce 1str.etta, afionda.ta o.rizzontalmemte, si tagliano 1e s'Ulp erfici articolari. Basta dare uno sguard-0 al cama1e rac'h i·diano, peir r ende.rsi 1Conto1, i11 caso cli s '.i11ucci olamento .rlel neir 1c'ol.o a cui son.o · eeposti il mi' dolo, le raidiici, le r eti venois e con simile tee. nica. Hilbbs sembra averv1i rinuncik.to, p1e1r ch è ·dal t91'6 so1stitui.sce a>lle fo rbici una piaciola; curett e che distrugge le cartil agini. Ino lt re pgli !)en a ch e J' an,c hilosi r a chidiana ottenuta colla saldatll.r a a.elle 1aipoifisi spinose. d1elle 1an1i11e, deùll e a f).ofisi a r ticola.ri b~sta S1e1n7'a alCl1n innest o. Allbee, jnv€ce , dice cl1e 1a prese·nza di un in1

1

n~

to è n ecessa1'i a .

Op e ra~ione

Qn·esta

op.er:a.zione constsite 11el fender e 101111g itu,di n alm~ente le a ·po-. fisi s pi11o se s111Qa lin.(}a n 1eidiam u, clalil a .s ommità a lla ba se, rpoci n el fratt l'war e eri bois vert una dielfle .m età, rovesciand-01a di Jato e.oll·e iprurti m:olli. I... 'ins i ein1e forn1a l1111,a d o·ccia p.rofolllld:a limitata. a.a lle sez iorni d1ei.1i~e ~pine. Un innesto è pr ro1e,·ato s.uillla tibia., p oi solirdam e.n te fis s at o nella g r onda ron d ei ,pun ti dii te!I1liiin e di ca.ng u r o, inrfin e, le m età del1e 'a,1)01fii=:i sipi11osie s o110 r a\'\1 iicinate aJ m assini .o c-01i1a et1tura d.ei ·n1uscoli e d ei le,giamenti s oipras1)in,osi. Da pp.r ima Albee faceva la sezion,e d elle aDofisi e d ella tibia coli~a ·s gorbiia e coil ma M1e.l lo. ...\.lhr·e e ln 1nag.gior 11::1.Tt e clei r1hiT11-ngi ·h anno .a poco a p oco sostiLl1ito la for bi ce con una sega circolare (m oto·r e elettri co o a ma110), piì1 rapid.a, n1e110 traumotizzante. P er il taglio d ell' jr111esto, invece ·di a.11e tratti di sega l1araJle1e, ~.\111ee a1d-0pera due . eg·he accoppiate. L 'in11 c~to, com e lo taglia .t\.lb ee, è n11n li ...terella d i 11 111g·hezza 'ra1·iabile; rln. 15 a 1R i11111. cli ln rg11ezza s11 8 a 12 mm. di s pessore. Ccrlr\'"Olp ucl fn 11ci11 l o n,e•ll'.a. llo' è r io·ic ~ d tilt o. .;\llnl'n t1011 !)ll ò nduttar$i n.11a cu r,1 at11 rn della e:illlio.:::.i tà e lii "Og r1 a f'eziona1..lo parzialm ente <ln.l lnto oppo to al l1eriostio. Oue. t'ultimo d eve '~1l111re s .:::.e1· t i'!)Ottato, pPreJ1è è llti lr al la ' rit~ litù llell'inne-...to. Si \ < rir1'nto t1i 'l'lll}}lific<1rr ]a !Jre a cle.l l 'i11ne ... to (J;ei rn ett. \\11itrnn1111. c;:.1llie). E co 1 h a rl'A lb ee . -

1

1

,~·ari.ato

il m odo di prie1pa:riare il suo. •

ancih e

1

1

i.etto (Halst·ead, Lambert, Duval, Hendenson . I>uj arier). S,1i tende attualmente : 1° ad ·aumei1tar·e al· rn.assimo 1e su·p erfici ·di ·d ·e niudazione; 2° a fis -. sarie O. 'iTunesto· nelLa 1d!oocia vertebra1e. Si vien.e insomma ad una combinazi·onie dei n1etodi Hibb5 e Albe1~. Si tende .pure a ·f are la .fissaz ion,e rpiù Junga.., ialmeino du.e v·ertebre san.e al di,s opxa .e1 al di~ottto .d.JeQ ]01o olai 0 ·Clinicame11tJedelin1itato: ~ ciò !) er· prudenza, perchè il .foco1a j o è sem·p J'e ipiù e,stes o di queJ. che llon 1 . i1ens1.

ai

1

1

\ ·alore co·nipa1'ativo delle due ~ecn'ic lie. I~'op e razioin,e d i _!\ùb e.e ha 1avut.o inolti più p a r 1

tig·i cln i .

Si acc:usa Hi·bbs di ,e1spo rsi di l)iù ad a:p1·ire jl fo1c1olai·o tt11b e·r!colla.f!e1, ,e di far ave·re· n ell'aùulto u1n ca1lo p1000 f.orruto. Al .cont.rari.o 1altri p·retferiscono il metodo Hi.b bs, perchè la Slllperficie di .a;coolJ1amento oS5eo· è più eate·sia e !Si ravvicina .di più a.1l a ,g"l.l arigion·e· :natural~ : ~1pe ci.e nei fanc1ulli si hanno deii .buoni ri.sultaiti _ I rufìn·e, s i n:ota c1h ie· iil. miet101dio di Albee1 s i a1)])l ioa sopratutto rulla r egione l·orrnba.r e e ·d 01·solombare, do,v e il gibbo' è poco voluminoso, e le d1oc.c:e vertelbr.aJi .stTette ie.i ip1rofi0nde Il m ietodo di Hibb.s oonvi1en e •piu•t tos to al ·dDr ·so, 1'uogo di grossi gi.b,b i, dov.e 11e lamine €·r nbricate si toc·oanro e ·diov,e le <10 C'Ce son ·o larg~l1e e 1

1

1

1

1

1

1

1•

1

1

1

p.o co prof()IDd e. . Co11iplicazion.i. -

Operatorie: 1° Mortalità operatoria ( ainesteisi~, sho ck, 1emb olia graS8a) è cr11a9i n11~lra r1.1 .a 2 %) ; 2° Apertura del canale rachidiano; 3° . i\p . ert11·r a d€11 lfo100Laio tube.r c·olare.. Post-operatorie : , 1° F.rattru.ra 1die1ll iil1I1e sto; 2° N.ecrosi. Eliminazione de.l:l'in,n iesto; , 3° SpoiTig.enza deglti. ·estremi 1d1ell'jnn esto ntt rave·ns·o .l a p1el1e; ' 1-° F·r attura d.ella iibi a . Evoltlzione dell'innesto e dell' an.cliilosi ossrri_ L 'inn.esto ~ i riassoirtb e a poco a p oco ed è r irillJi.azzat o, d,a osso nuovo a c ui e~•SO for11isce 1111 a parte d eigJi elemie nti nece1sisa1i (i sali id i ·c.alcio). I ] ria1sisorbim1ento .a.eil'i1 nm,es to ipuò nei 1g iovani 1

1

1

n vveni;re .niù r aDiic1amien1te della. formazion e <lell'osso nU!()Y•o. L ' innesit o si srulda .e .ad1eiri ~re i i1 timamente a ll a fi11 a di qua.Lche s ettirrna.n a . Oues.ta fUJsi001 e' s i f.a .a m·ezz;o di un calllo fib·r o-.:rr rh e di,·i en e o ~'Sco solo .rl.0in o roiù di 6 m esi. L ' i11 _ - nesto s ' all unga frgli estl'emi , sop rat11tto se crt1ef't i non s ono stati fiSJSati a delle aipofisi spinose , fa 1sipor gernza e necr osa la p elle. L'innesto seg:t1e ila cresciuta di chi l o port a . E sso s·'ispessi~ ce, iRi allar ga e fo rn1a una massa °'-"Sea a n ch e {lll{'" o t r e volte !)i11 voluminosa dell'in11ei.Si o p r im i·t i\10. I l focola io tuber colare r esta in atti,·ità 1

1


[ANNO

XXVIII,

FASC.'

1]

l)er mesi ed a1111.i ed a110he può a;:>rog·redire maJgra>do l'imm'obilità. lVIa,ragliano ·ha dimostrato con una se ri,e di :nadiogrrufiie 1' 1ev oluzi o~ deJl'inne,s to . . .\.ppe:na . i11seeito, l'innesto è molto -0ipaco e quindi molto visibile .r isp.etto a la e vertebre .diecalcifilcate ·dalla tubercolo1si oo cui è imìPia11tato; rpoi questa diffe1--enza si attarliua fino a scomparire, perdhè 1esso .dà allle 0ssa vi·c ine1 i sali di 0al~io n.oceslsa1~ì a-Ila lroro ricostruzione. Co nstatazioni cli1tic1te. - Si p,u ò con·sia.tJare RadiOgrafi,e.

1

colla n1ano eo colla vista l'ipertrofia d~1' i·nnesto dopo alcuni mesi, e il conservarsi della mobili· tà clel d.oTso malgrardo l'inn esto. L a ,s al1datura di 5-6 vertehl'e no11 11.reg·it1dica affatto la funzione de1 ira chi.de. \ 'alore rrieccflnico delL'u1icliilosi d egli archi pu~teriori. L'ost eosintesi degili a rchi posteriori 11el i11oebo di Pott mira a ,due s co1pi meieca11ici: 1° l'iminl:obili:zrz,az~«ID'e· assolutru ideJJ1e ve11.ebre malate; 2 far e osta colo a.ll 'i11fl-essione verteJ)ral e ~otto i.I ne - so del trionc.o nelLa 1stazio11e \ e i·ticale, donde sopp:ressione del deic U· l1ito e clel 1po11·tarre ltn appa1·e1c,ch1o di sostegno. 'l'ratta1n ento post-operatorio. - Trattamento locule. - 1° peri.oùo: Decu,J1ito. Tutti gli autori ~lm1nettono che dopo l '01per.a.zio1 n e il riposo a J ett-0, co11 o ·~e 1iza im.1mobilizzazion1e, sia neces~n rio. ~la. ·\'aria. la clr1irata {l1el ri,lJ OSOJ : chi di~e U[l lJ IIèl. f1 .cl i e.e i aS'ettirnane, ohi •da 3 a 9 m e,Si. 2° i1e.1·iodo: :\!ppareochio ·di soste,gno. AJ.bee ,,. 1

1

1

1

1

proclfu111a l'inutilità di og11i apiparecchi o di sosteg110. ~fa nel con,g re·s so <li Berlino· d,eil 1914 si è conv.enuto ahe il malato porti un busto qt1a.nt'l o romjnicia a oarnminare E qu,e sto pe,r settiJ.11a r1e e mesi e talvolta per anni. Trattoniento aerie rale. - E necessario che pe1· var1 m1 e~i ed tlnClhe 1p ,er 2-3 a nni .l'.a.m:malato \Ti"a iJ !Jiù .pos!='ibi1e a1l'1aria aipe1·ta e prar ti0J1i l' etliote.rapia. Risultati. - :Vlo,l te stati\Sltiche1sono, s tate !Pubblicate; in.1a esse non ha.u n.o gmanide valore,, 1per_ c11è i div,e·r si •chi:1·nrgi e1--an,o .posti in condizioni <live1·se. Noi ci riferivean,o a 1'59 ~asi 1pu·b bli cati dagli a11tori : Gallie, I ohn, Gird·le1Stone, M,arn.gliano, Rttgh. }J01·trtlità. Ope1·atoria: Può esser va1utata fra 1, f. e 2 per 100. Post-operatoria: Vi si compr.endo.n o1i die cies,si ra.pidi e a dis tanza. ~.ei pri:mi 3 miesi siu 144 crusi s i ,s,o no avuti 1

1

'

21

SEZIONE PRATI CA

6 morti per m e;:i1Jin.g ite o t11J)iercolosi gernerailizzata. D o~)O 11n anno fino ·a 5 an11i dopo 1l'o1p enazione ab·b iam,o 17 morti (7 di m.en'in,g ite, 3 di. ' t11be.rc olosi genielI'lcii zzata, 3• di tJUbeT'1colo·si polmona.1ie, 1 d i de~'e.n er,azi•o11e ami,loi1cl e, 3 .di ma-

I.atti.e in,tJereorreinti). Quindi l a, morta[ità totale ope ratoriia ·e 1po1st-orp1e.r~toria stu 144 ca;si si eleva a 17,4 %, cli cui 15,4 di mio rte oipe1ra.totia o di t.ubel'.colosi consecutiva. Risultati seco1ido l'età. -

Su 119 osseirva-

zioni troviam<> : ,a l di sotto •di 5 anni 59 ~6 di migliot·a ti o gua_ riti, 2.9 % n1orti; 1dà 5 a 12 anr1i 63 % .fil ,gtl.ariti o miglioirati,_ 18 % morti ; d a 13 .a 20 anni 66,6 % di guariti o' n1ig':lio·rati, 22 % morti; . adulti 86.? n~ gi.1ariti {) inigili,orati, 10,4 % 1

morti. D·unqu e la 1l1ortalit.à è m1olto gr·u.nde 1p res1s.o i piccoli f.anciUJlli, dirni11t1hsc.e più ta;rdi e di''ie11e quasi l a m età negli adulti. Risultali secorido la sede. -· s ·o·n o mDlto buoni ,p er lesioni. cl ellu, i egione 10111bo- acr,a le. P er le regioni lon1bare, dorso~lon1bare, dorsal e media i risl1ltati si equivalgono, un ~10' in f,e·r iori a quelli deilla i~egione 1lombare, a eia.u sa d e.Lla fre,qu,ein za di ca.si Q'.Pel'ati. co11 ,asoeis i o filst101 ~. I casi op e1..ati all a r ejgi one dorsale superiore son,o rariJ ,e i i-i-.;ultatL medi.oc1i. A·l·b ee ail cong-res so . cli B,e,r linio ha fa tto n~ot.are ·ch e i ipiù b,ei s11cce•ssi si ott.eingono nelle lesioni ba5s·e d e11a oolo11na v.ertebrale anzic1h è i1ell~. a lte. Risultali secondo la d11rata d el 11i.orbo di P oti al 11101ne11to delL'opera:::ione. - Di f:flo.nte a '1 esto11i .egua1i il c.oe1fJìctem.te (li curabilità 1aun1 entJa a. inisu.ra che la le,sioine invecchja . La i11ortalità è grande se i o pera trop1)0 l)r:esto , in -n eitio:d'O idi attività, com1e in I tt1tte ]e tlUbierco.l(Jsi o~ e'e. Do!1•0 il eco·n do a11110, 1 ~1 pe·r centuale delle gn1arigioni ' ~i a1lz 'l •211·e~ 1t.o, e r ag·gitm1~e i:l ~uo maRsj1no nei c~,si Ir1oltn a,nti{~hi, mal ,g1·a.c10 1:.-t -i:> 1 ef-;e11za <li -e11i fL tolusi e cll tuJJ.e 11cal10 'i }) o l•n1io.n tt re. .-i ::: i ori e su rJli fl se essi e Ie fi. s t fJ 7e. - :\ei m·ala ti operati e nl1e han.n o d egli asces~si, t1uesti g;uariR•co 1110 spn 11 tan·ea1111 e11t1e, . ~ nza ~vuot arli 111-:. far\·i i1niezi•o1n i 1·ia1sso1 l)e11ti. Pe1 ò 11on t,1 1tti: anzi .certe volte, rnalgrn1d 0 1'01 teo- 1intc1s\, ,d,e1gli asceP>si sono con11~Jar~i do1:>0 l'op.erazione. Du11qit1e se l'immooi1li zziazio11e 011 )eJ:atoria del tf10100laio esercita t111'n.zio11e J)ene fi0a iSti.gli aisces sf ' già esistenti, i101n iim p,edistcei 1però a l foooJaio di conti111u 1are 11 fiU 0 1dero11so) e a 11uovi asce, sì di form1ansii L 'azìone Slll·lle fìistole è tras•c,u rabile. .4zione suLla gibbosifcì. - Suùla gibbosità sf agi c:.c e i11 d 11 e 1n11oifi = 1° azio11e p1ieventi.v a: s!e si o.perano dei m,a_ lati ,ail princi1pd'o, con u11 g1~osso i,11ne sto 11111ge> e soli d10, n1on si fo,m nan.o, gibbos ità. 2° ...\z i 011e di ~osteg·no . Hiibbs n o11 cer cn cl i 1

1

1

1

1

1

1 •

0


[ANNO XXVIII, FASC. 1]

l L POLICLlNICO

J'i·<lu rl'e la .d.~via.zione, n1a di fissaa.~1ét sem1plioe. . dor'sali e J d or.siali superiori sono qu.elli che formente cosi com'è. A1bee consi1g·lia il raddrizza11iscon,o 1e grosse .g ibbosità e le par:~plegie. È mento dolce al mo1n·e nt-0 dell,operazio1'le. ~·e·r­ in queste regioni che sarebbe i11tere5sante d'i-ntervenire a titolo preventivo. chè l'innesto possa .av·eDe azione di sosteg'no ocEta della lesione. ---- La m~ggioira02.a degli covre che sia rigido e che l ,individruù porti l)er lungio tempo un 001~seitto o a.I tro mezzo di conautori oon·s iglia di operar·e il m ·o rbo ·di Pott t·en.zione d!Qpo op1erat.o : ailtrimenti l 'espe.rienza a.ntico; altri inv1e ce oper.ano subito, cerr~cando 1nostra che le gibbosità raddrizzate o mtgiio- ,s.opratutto ~' a.zion·e' p.r eventiv.a •del! 'innesto SUtlrate recidivano in tSeguito. È possibile miglioJa gibbos·i tà. Cont.r oindicazioni. - Nè la pves~nza di ~cesrane isol tan1to Je 1gibb·osità. recenti nell ',a1drulto n·el fanciullo e n.ei1.1e gibbo,sità viol·u·n1in1osie ie a1n_ 1si (1S:e non po,s te•rio1ri) nè .qu1e•lla di fistole (se tiche è rr1·o ltu .p1·oblematico. sono Lontane dal tc am1)0 op·el'latorio) sono oonAzio11e siLlla JJ araplegia e i f enomeni spas1mo- . s irlerate come oontroinclicazioni. La pair.a,p legia (lici. al,·o qL1alche ·oaiso m 10lto felice cli ra- {la alcuni è considerata come recmtroindicaziopida guarigtone della para1J>legia, la maggioe 11e, ·da ,altri come indicazione d'intervento. Alc L1ni chirul,gi non opera;no .l e grosse gibbosità. parte d·egli autori conviene ah·e l 'andam e1 tto . i sono plliI1e ope1'jati po·r tatooi di l·ooioni rpoldell-a pa.ra,plegia è ipoco o p.u nto inifluenza.t o cl•rull'i11n8'"to . N.cm si .comiprendeirebib·e d' altr.a :n1onari e a·n che co•n coesistenza di cox.aJlgia. l)arte ur1' azione di:netta OO·l la .p,a·raiplegia: L1l1eLa .so1a <:onJtroiilldicazio11e f.o:rmrule è il e.attivo stato d,el m1aJato. ·ta è nella grian m aggior.anza die i oasi clov11ta CONCLUSIONI. a.cl un a..scesso intraracihi1deo; la sua ·scc1nparsa l d1unqu.e le1 g.ata .a.ll'ev101luzione .cl·e.l ·f oco•1 aio meI risultati c.he. .si traggono dalle ope.razi1Qni cl e 'irno . ancl1il osanti nel moribo di Pot.t, non sooo .affat.-izio?l e s·u l dolore. - co.l l 1innesto che i1mm10t.o trascura.b ili. lJilizza l tantaneame11te la 1colorma vertebrale Ciò che r10n b i1sogna pe.rdere di vista è eh.e, .si ottie11.e 1'a ce sazio1n e del do1ore Albee .dis enza azionie 1s ul:l' e,Tolt1zi·one, la ·d·UI'lata ·d·el fool1iara che il do101re scompaTe in 3 giorni. Quecolai·o, il trattame11Jto locale 11on p.u ò per n1ensta ra picla azione è n-0tata .dia molti altri. Mat.e rnodificare il trattamento gien-e·r.all.e ba,s e 1delrag1iano fa notare che non è solo il dolor.e 'Sponln ·C ura. taneo che sco·m pare, ma aniche il d oLor.e proP oche e di eff.ettio 1d11bbio sono l·e indi1caztoru vocato da.ll.a 1J1·essione. Però· quest'azione non cl'intervento nei fa11ciulli, inve.ce nell'aidulto è ~sooln 1ta : .a volte, il ,d10lo1re •Scom:p•are doipo qt1oote op e·r azio11.i sio110 t1n co.efficientie p rez.ioso m esi. · a 1 tratt.amietilto cla ss1co. P .e1· la loro azi.on e sul 4 :;io11 e sul fo colaio ftlb e1·colare. - . L , anchicloJorei, per J'abbreivi.nment.o del })e1·i,o•do· del losi ve.rt.e1brale se .r aaco·r cia La .c111rata c1el tratclec•u bit.o, p.e;r 1a ri11)re1sa ra1pi.d a deila d·eamlbutam ento lo1c aJ1e 11'0 n modifica in ntilLa. .qu.e.ll a l è.LZion.eb es·se l)erm.etton10 al malato id i .g uaidaclel t1 att.a1m•e11t.o ge11erale : ·Ciò siu-ppo.ne ch'e.ssia g·n a~s-i la vita ·e di f,a~e !\In tnattamento geneagisce poco ·$111.l l'e,·olt1zione e J.a 1d.t1rata ielel ·forale che la sua condizio111e ·socia le gli vi·eJta colai.o tuber colare. trop1p.o spesso. Colla c\e~l8azio11e clel clolore, e s a lJermette al B. MASCI. malèlto di d0Pn1ire, i11oltre gli permPtt.e cli cam_ ' 1ni11are al l) iù p1 e to e d.i ·vivere ,aJl ' aria libera, in,·ece cl1r in llnn _ala cl i ospedale. nott. SERTO RIO )lARIXACCI Libero docente di Patologia Speciala Chirurgica L'azi on e ·-n1ll o "tato ge 11eral e è nerciò indichirurgo negli ospedaJJ di Roma. retta. lndi ca:ioni. - I fatti 11an110 clirn.ost1·ato clic OCCLUSIONE INTESTINALE \ 11eee... a1·io ùi ·ceigliere g·li an11nalati da, o11 lavoro è diviso in due parti. Nella prima parte è trattata 1)erar i, ha a11do.: i ~t1ll età, 1Jll.a ecle, sull' an_ · In modo chiaro e conciso, in dodici capitoli, la patologia del· 1i-cl1ità d f' lla le. io11e. l' Occlusione: è esposto quanto dallo studio clinico e spert· 11) Efri. - Non ~ i cle,·ono opera.T"e i fa11ciulli mentat e dell'importante argomento si è desunto, riguardo al· l'etiologia, alla patogenesi, all'anatomia patologica, alla ain· 1.rop1>0 i1il'coli: ot to i 5 a11r'li i . . 01)porta m·ale tomatologia, alla diagnosi, alla terapia. l'OpCl'fl ZÌOll ) e le r eci rliYe SOilO frequenti. ..\1Nella seconda parte l'Autore studia le cause della morte 1'ad n l t o i11Yece . . j dù la possibilità di ri1)re11n ell' Occlusione: messo in t ili evo l lmportanza dell' argomento, <l r sul,ilo il cn11ln1ino il che è cli llna imporsolo di recente svolta, in rapporto alle sue applicazioni pra. ti che, aggiunge un pregevole contributo personale, facendo se. ta riza g 1n11de te1·n·11 ~11tica e ... ocia le. guire le deduzioni delle sue ricerche . . ,.,cl,, - • i c:;.0110 ~oorntutto onerati rnorl1i di Cn volume in-8 grande di 182 pagine L. 13. - Per i nostre P tt lon1lin ri e ll o 1·~n -l on1hari e in,·ere i cer,·iconbhonati sole L. 10.75 franco di porto e raccomandato . 1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

I


23

SEZfONE PRATICA

.

QUESTIONI DEL GIORNO.

]>one ·a l batteriofago il no.m e di

cc Bacterio11ha-

yu111 i11testinale ». 1

I batf;eriofagi. 7 (\ •

P UNTONI, An.11,a11: d'Jyi eri e,

1920, n. 10) .

Xel 1915, Tw.ort ooser,·ò ct1e a lcun,e •cultu·re in <i.~·a r ·cli microbi d ella linfa vaccinica gliceri11ata, }Jr e. e11tavano del-le a1'ee traJS11arooti. Se i11 tali Cl1ltl1re vi erano coloni e di sp eici a l1 micrococcl1i, queste risultavano niel .suc:C'eStSivo inJ1e..., to i1es o inorte o, se , ·iv-e, dava no o•r 1gine .::i. 11t10Ye co l,o nie uras 1>ar·enti e cli a petto vitreo. De11011e11(lo ·sopra una colonia no1male di que~ti co~f' l1i, llna traocia di materiale proveniente da t1nn. coloniR vitrea, qt1est.a diveniva a sua '\'olta, vitre<t: il materiale vit1·eo in assenza 11~ col11nie 11ormali di coccl1j i1on cresceva mai e co11 ~e rvnva la ~l1a attività ])er oltre sei mesi.

Xci 1D17 D'Here ll e notava ch e i fil trati di deiezio11 i cl isse11 I eriche h aa1n-0 la proprietà .d i uccic.l.ere e di czc iogliere i h. tlissenteriCi e che il -< 1111 i (l » 1>atteriofagn si corr1porta com e un es~1 ·r • cl 1P si molti1Jlica., 0111<.l e i li sat i .cli b . .S,!tiga, .a1l. es., ye11gono aid acqi.1ist.are il valore di '·e:re <·11lturc di batte riofago. 1

;\' orrr1a 1111e11te i 1 batte riofago si ritrova nel fi eri oclo cl1 c })recede la conval esice112a e dile~n =t s11hito all'inizio di que~ta; per isolarlo i emul• io11a110 lJOclte gocce di feci liq11i·d·e i11 brodo ie si filtra per candela Cl lnmbe1·lamd; il filtrato, terile d~tl pl1nt<> di vista ])atter'"ico contiene ' Jlllro il battel'iofago. Il D'Herelle l1a di1r1ostr,tlto la preise.n za d el JJtlttel'iofag·o in ùive:rsie ma1attie ,e l' attività di t·s-..o ver~o mo ltei1Ylici batteri: b. ,S.h ig·a, b. Flex11er, 1). Hiss, b. tifico, paratifici ..i\ e B, b. enteritidts, lJ. d1~1 l'Hog Cho l.e r.a, b. coli, prote11.8, }). ~a11gl1ir1ar11m, b . IJl1llorn.m . Posta la c1uestion.e dell 't1nicità 0 die lla pluralita flel battariofag·o, il J)'H erelle h a os. er-\ ato <'l1 e 11n batteriof ago a:nti- higa, attivo an1ch e sul tifo e sui paratifi, ha conservato tale proprietà dopo un migliaiQ di J)ai~saggi eseg·11iti su emulsi-0n i di }). Shiga; è evi de11te ch e .se si fosse trattato di l1na miS1cela di batterioffagi div ersi, solo· l'an ti-Shiiga avr ebbe ·d ovuto conseìl'V1arsi per ~ 11 ccessive c11lture e gli a ltri avrel>bel'o~ d ovuto e.sa11rirsi p er l.e successiv.e d~luizioini . L a s 1')ecie sa1·ebbe q11i11di uniic a, 1&eanpre e·sistente niell 'intestino ed attiva m edioc:r:enient.e, in condizioni 11-01m al i contr o il colibacil lo. Il D 'H e r ell e i)ro1

Nei d~stuirbi i.n testinali banali cr esce l attività anti-coli; nelle affezioni .. pecifiche dopo un at1mento dell ' attività anti-coli si a·vrebbe una manife.s tazione di a ttività verso il germe 1sp·e €ifico, e talora ver.$() parecchi g·ermì diversi. . ') Tutti i tentativi di cultw·a del batte.r i·o·fago su terreni di ,culture 1 sp~ciali, h.a nno tallito, 1cos i1ccl1è il batteriofago può con side1~ars.i run ·p ar.aSISlita O!bblig.a.to: .oasì .cOlffie il viru·s rabico si conse.rv.a in seri1e .sui oonigJi, esso ,si rilprod11ce in seri e s ui b attetri ip ei quali è patoge·n o : solo i batteri viventi forniscoino un p cr bulum adatto pel batteriof.ago: i batteri morti non vengono disciolti ·e 1si . con'servano inalterati. Il batteriofago è r esistentissi mo agli .antisettici n·è è alterato dal l'alcool, acetone, . etere, clo- · ro.f ormio. Il D:H er elle p ensa che il batterioféllgo sia un vin1s patogeno fi gurato id i dim~nsioni pi.ocolisime: le picco le ar"ee tra.sparenti, non coltiv.ate, che Sii osserva.no .n elle .agarculture d ei b atteri attaccati dal batteriofag~o l'ap•p reseintano altrettamte colonie derivate ognuna d.a un si11J..golo i11dividuo e baisterebbero 1-2 batteriofagi semin a ti in llil1Ui em11lsione baci lla:ne p·er distruggerla. Le clime'l1Jsioni, dalle prove ese•guite dal D H erelle, risl1ltereib b,ero pro:ssim e a qt1elle della m o Lecoia .alb nnninoide . Kabéshin a r itiene il batteriofago un fermie nto solubile: ne starebbero1 a riprova il mod.o rapidissimo di azione, La 11eisi1sternza a te1m perature assai elevait.e ed agli .antisetti ci, J.a con.servabilità per anni, la precipitabilità con acetone e l ' estréttti vi tà oo;n ete l'e; p r opone 1)oer e1sso il nome di f er1riento d ' i·m11i-u,n~ tà batteriolizzante. L,a presenza d el batteriofag·o coin ci1d e sem pre con i miglior.amemti 1d,e l m.alato: secondo D 'H el'elle questi sélJrebbero la ccmsegueiD..Za di 11na aUJlllen tata distruzione dei baitte.r i patogeni per !parte d•e l batteriofago : in·oltre esperimenti e eigi1it1 ,sugli anima li dallo ste.ss 0 D'H e rel1e avr·ebbeo:·.o dim ostrato il potere · curatfvo e pre- , ven1tiv 0 dei liqt1ìidi batte.r iofagici: i1on r is11lta i»et'ò sian10 stati fatti ·0spe rime,11ti s11i mala.ti. 1

1

1

1

1

1

1

MONTELEONE.

Doveri morali degli abbonati : aiutare Il periodico a auperare le gravi dlfticoltà del dopo· guerra; pertanto : dlftonderlo tra I colleghf, facendolo conoscere ed apprez· rare; provvedere al pagamento della quota dovuta all' Amm InI· &trazione, senza farai 101 lecltare.


[ANNO

IL POLICLINICO

L 'autorità dei numerosi collaboratori assicura il valore die i lo·r o 0ootributi ; il r:ome dei tre direttori garentisce la con cezione sin-t etica e l'armoniosa u11ità dell'insieme. I volumi saranno venduti separatamente,. i)et· a·gevolarne l' acquisto (tutta l'opera n el s uo in,s iem e ve.rrà a costare poco meno di u n migliaio di fra11chi ). Il primo volu1ne è consacrato a lle mal attie i11fettiv·e: nozioni gienerali st1lle infezioni, setticemie, stueptococcia ed eresipela, p11eumococcia e pneumonite, stafilococcia, i11fezioni cla tetrageno, d a enterococchi, da cocco-bacillo di Pfeiffer, ·da ·diplobacillo di Friedlander, lJsittacosi, infezioni da ::>rotei, infezioni putride, meningogocei a, gon·o cocria; è redatto d a Roger, . Sacquépée, Dopter, :\lenestrier, Stévenin, Macaignie, Veillon, cioè da batteriologi' e patologi cli valore e quasi t11tti di autori tà n1ondiale. .. i.\lle malattje i11fettive e pa,rassitarie !=;aran110 destinati altri quattro voh1mi. Nell'insie1m e, questa. mo11u111entale enciclo:pedia m.edica risponderà pienamente allo sco1)0 id i far profittare i m.e di ci OO•l ti ·degli imme11f'i progressi compiuti dallE> ~cienze mediche.

CENNI BIBLIOGRAFICI

~

(Non li recen1i"8cono che i libri pervenuti in dono alla Rtdoeiofle

"i\1 ouveau Traité cle Jl édecine, diretto dai prof erro.si G. H. RoGER, F. ,,-ID.~, P.-J. TEISSIER,

segretario 21 vol11mi Parigi. e 3 tavole

XXVIII, FASC. 1]

di redaz. : Prof. M. GARNIER. 111 in-8. - ::.\Iasson & C.ie, editori, Vol. 1°, di pag. 482 con 55 figure a .colorj. Rilegato. Prezzo fr. 35.

Si è ora i11iziata la pubblicazi,one di questo grandioso trattato, cl1e continua le tradizior1i gloriose di quello cliretto d,a Charcot, Bouchard e Br1ssautd il quale è già invec1c.h iato in quanto che 1a medicina progredisce, con rapidità ·traordjnaria e la guerra, con le sue tlolol'ose esperienze, ne ha accelerato i progressi. La nuova pu.bblicazione climostra l1I1a vata e com1)lessa organizzazione, che permetterà di a;,lprontare in llJ1 paio d'anni - quanti ne so110 previsti - 11n •così ingente e poderoso lavoro. oltanto la ce1·tezza cl el s11ccess10 11a potuto ir1durre in Ca·sa editrice e i ·direttoTi a d affro11 tare le spese ed a sostenere la somma di lavnro c.:he l tn i11trapresa clel genere co111porta. L irnma11cabite succe·sso è inerente a ll'universalità della Jing·ua francese, co11osci11ta dalle per:3011e co lte di tutti i -un esi civili . ovratutto l' ..i-\mec'ica lnti11a assorbi1'à, certo, quantità r1otevoli della grandiosa edizio11e; m::t questa ot1errà indubbiamente anche i11 Italia t111 Sll<'Ce o in co11trastato, inalgrado il prezzo elevéttissimo. Da pal'te i1ostra i1on po·Ssia1no cl1e. cor11piace1·cene, an·che perchè la lingl1a fra1t ee.se è i11 u11 certo se.i1so lingtLa nò!>tra, tu11to po1co {liffe1·i..,ce da quiella italiana (ci ò J.1oi dicia1110 1nalgrt1clo la diSiparità d 'inc1olie ed i 0011tra "Li d 'intere · i che ci divid-01110 .ancor;.,_ dal i1op0J o fratello): es ci co11tinua la li11o0 ua dei no tri padri ec.l è la piì1 diff11sa clelle lingue 11eo-latine. 1

1

d 11

}J

ttrn11cito).

.

'

di d<

q1

e

I

L . V. C. P . GoGGIA: Ques,i ti di diagnostica 1ned·ica_ Secoindla ·eidizi,one. - Casa Editrioe1 Libraria V. Iidehson, N avoli. - Prezzo: L. 2-8.

Il giflldizio sU!L lib.r'IO d·el Goggia è stato già dato ·da1 :p ub.b lico medico: la prima .edizione si .è J'aJpi.d.am.ente esaurita.. La sooond1a, ·Che è .' . l)lU r1cc1 a ·di noitizi1e e cl'illl1s trazi·oni, ch e ha; un indirizzo ptrati•co a111c•o,r più spiccato, · .avrài la n1edesima fortuna. Se il tito lo diell li·b ro .p uò far •Ciì8fd.e1·e ad un rnanruale tCli tp.reipat1azione ag·li ,esami i)er ·gli studenti'o D ai ieonoor.si per i miedici neo-launeati, in effetti eisso costitt1isce un·a g·uida per l 'orienitamento, 1del m1e<li,c-0 i1ell'esercizio ,p ratico. I~ lib.:r:o è ricco di· 11oitizie, ohe si i-iceroherebbeiro invano anche nei pjù \ olumi11-0.si trattati. a. a. 1

1

:\€11 l}rugra111111~l llellu Ca ·a editrice il Nnovo. 'f 1 n.tt:tto di :\J edi ci11a è de tinato ~ rispecc: l11 art~ cl egi1(une11te la scien:.a franc ese, c.lllttsi che la r:;C'ie11za nve. se frontiere ... Per quanto gru11de !)O~~n c~se re la i10. tr(t estimazione della. u1cdici11a, fra11te e, credia1no che Ju 1larola

I.a li ... ta <lei eol lahoratori i11cl11de 1?9 i1on1i, q11a .... i ·111 . . i' a111e11tc f1·a11~esi (\'i figl1rano unn. cl zzi11:-t 11 ~ trnuici i , tra rni due italiani i

o~

1

1

ahhin tradii< il !)el1$iero : i1011 (lnbifjan1o cJ1e il fr:lttatu r iflctt erù. i progL·e~~i $r ie11ti!i ci com})illt i i11 tutt i i 1 1a esi~ P so ci offtil'à 1111 qtiad ro t'Olll'Jl eto della ~cie 11z a niedica r o 11teml nra n :ia.

bI se tii

1

I

l

L.

·

I mediccrnierifi usuali. Li c~ Caippelli , editotre, ·BologJlla, 1920. - L. 6. FERRANNINI:

Il libro n·ella su.a 1secon1d a ·eidiz,t on€ se· l)Ur i11a11tie·n1e il caratteire di Prontuall'iio di arm .a coteraJ})ia ao.rrente cc qllalie alcuni an.n i fa lo vo1lero le nece· 'Sità e i d.esidel'i di molti medici pl'atici », esce a.rricchito di alcu11i carniioli ~o' ine queJli deilL'o rganoterrupia, della 'siero e della VHccinoteirapia.., di l'in1r rli, nuovi e già .accreditati dall'usQ e (lall'e-..perienza.

f

r

j

]

t

I

1. (

J


,

(ANNO XX''III, FASC. l]

SEZIONE PRATICA

, •

9.:> paragrafi l'_t\. condenisa, con sapie11te brevità 1 quanto per il m.edi.co 1piiatico raip };l.I'lesen ta le i1ecessità quoti dian.e. I inezzi· tei:ra·p eutici sonlO elencaJti peir ordine alfabetico; di ognUDJo son.o e51Posti i cruratteri, l 'azi.cme, le indicazia1li e controindicazioni, i prepairati e le dosi, le fonmule1. A chi sc10rra il manu,aletto no11 sfuggirà <ft1a11ta ,s icurezz1a sia nella 1s0elta ctel:l'A. nell 'abo1ire il suip·erftu-0, nel fìisg.ar.e il 11ec essa·ri-o; quanta ,diligenza ed accuratezza n1el prtoiponrie le fo-r111l1le più aicoreditate dall'u·so e dal con~ enso dei migliori teraipisti. Il libro è p e·r i medici rpratici. Il favare già inco11trato daJl.a prima è si1curo augmrio per ql1e·s ta •second·a ·edizio'l1le, che comrpleta e n1igliora il frutto di un'utile iniziatiYa. 111

1

1

1

t. p.

ftGGftDEMIE, SOGIETA MEDICHE, GON68ESSI. (Nostri resoconti particola1·i).

Il Congresso della Società Freniatrica Italiana. . Il n e 1O novembre s i ten11e a G<.'ll<>Ya, sotto la l •t ·esi<h.•117~1 dcl J•rof. Enrico Morselli, un Convegno ~t rnordi11nrio {lella Societri Preniatrioa Italiann, rioost i tu i t.: 1ffi dopo la. lunga tregua im1:>0sta dalla .!Uerr:t. Il C-011,"egno. i11detto per desiderio espres<l <1~1 : t 1111 ~no 240 nlifl'nim e ne11ro1)a tologi iUl.lin11L !Jl'{;\C1p11n 1n~nte i11 01naggio al :\Iorselli. di cui ric:Ol'J'~\TH il 40° 8Dno cl 'i11segnamento clinico, ha I•1d1111Hto oltre ()O inter.rent1ti, superando il n111u e l'•> di InQlti Congre~si ord~'lrii .ontececlenti. f.,(\ yua ttro sedute as~gnate alla Riunio11e hanno a vi1to S<lde nel n1agnifico Palazzo Spinola., clella Pro, ·incla, e non sono bnstate allo svolgimento con1I '1eto clel progra lnma, di modo che i111Illerose co1n1111i r·nzioni J)reeent.a.te e annUJJ.clate saranno aggi n11tp agli .4 tti che com pariranno sulla « Ri,·ista ·""r>erin1entale cli Freniatria >>, organo ufficiale della 1

~ocietà.

Nel prin10 g1orno del Convegno il presidente fece lllUJ. conciRa t~lazione sulle YiC'€nde storiche, 1norH1i ed eco11omiche del Sodalizio e commemorò ltJolti alienisti e 11eurologi venuti a mancare dopo il Congresso di I,erugia (1911) : Augusto Tambul'ini. P Jc numerose vittime eroiche del patrìottismo, come G. Perusini, D . . Carne,·ale, C. Livi, FJ. Heusch, U. T.JOmbardi, E. De Ambris, e chi si sacrificò ul proprio dovere. come G. Esposito; rioordò 1mi ~li ill11•S'tri stranieri soct onOTarii perduti i11 questi a~ni, fra cui Déjérine, Raymond, Gowers, I~enedikt, Nissl, Schiile, Alzheimer, Magnan, Ballet. Kurella, Soury.

11 l)l'Of. F. Bonfiglio, della Scuola di Roma, riff:rì ·Sulla « .4.natomia ed istologia patologiohe delle psicosi dell'età senile, speoialm.ente della <lP · 1ne1iza senile», u.ppoggiando le sue conclusioni Sll

di llll imPonente numero di nitide e convincenti :riroie?.ioni istopatologiche. Alla diiSCt1ssione preser~>

\

.

parte C. Col11cci, (}. ~lodena, G. Pell<1cani, E. l\1Iol':-:e1li, G. J\tlontesauo. "\"ennero poi f.a tte nelh.1 n1attinata e nel pomeriggio del 9 ·novembr<! nun1erose comunicazion isolate ùi anatomia ed istologia i)at-0logiche del sistema nervoso, di eziologia e patoge11esi e di clinica neul'Ol)Sichia.trica 1d a i>arte dei .soci Gtt•S ta,ro 1\Ioclena ·d i Ancona, G!-0va1llli Pilotti {li Roma, Vincenzo Neri di B-0l-0gna, Eugenio J)!Jedea cli Milano, Gerolit1no Ot1n·e o di .Ge11oy·a, I..,11igi Rom,010 Sanguineti fl(:\lle Clini<'ll1e idi. Pa1'igi ~ Genova, Eug·enio Duse cli Tre,~iso, Ug·o Cerletti di l\1ombello (Milano) . Erano ann11nziate e ft1rono i>re.·entate per la stamll<l negli Atti parecchie ~' ltre com11nicazioni dei soc:i Lt1igi Ronco1ioni di 1><11111a : Riccardo Lombardi ili .Ka.polt; Angel<> Zucc«l relli di Napali; Eugenio Pio di Im·o la; F. llnndetti11i cli Ge110,-a; Manlio F€-rrnri di Geno"'·..1 ; E . ì\leclect cli :i)lilano: Aldo B ertolani cli Reggio Emilia. Nella sed11U1 del 10 noYembre si tra ttarooo di l•l'eferenza argome11ti di J)Sioologia normale e pn tologica, di i>rofìlassi, di psichi.a.tria fol'e11se e sociale. Al mattino, il prof. padre Agostino ~me1Ii riferì. sul ·sec~onclo tema generale: Rapporti fra 1·.~ioolo{Jia e P 8ir::ft ia tria, co11cludcnd-0 in manier.a n1olto riserv.ata s ull'applicabilità clei metodi nor111uli (P·sii.cometrici, fìsiopsioologici, psicofisici, testi u1entali, e<:c., ecc.) alla investigazione diagnostica e individuale nel campo 1). icl1iatrico, e ponendo i11 vist.a la s uperiorità del cla•ssico metodo clinicosiutetico. Ciò diede occasione ad una lunga di.·cu sione condott:a da Enri~~o ì\1orselli. Giuseppe i\lo11tesano di Roma, A. Salmon di Firenze, dall'ing. E. Rignano di l\Iilano, direttore del noto periodioo « Scientii1 )), dn. C. Oolucci df Napoli e du a ltr'i ai quali t11tti rispose il Gen1elli, chiarendo le' ragioni e i limiti della sua revisione criticn. ...~l terrut suddetto erano connesse a lcune co111unicazioni isolate di psicopatologia, dei soci E. Rignano, S nlla incoerc1i~·a ell ill,ogioità nel sogno e nella. pazzia ; A. Salmo11, f~ulla psicologia de·l sog11i~· C. Oolt1cci, Sui progressi 'l·eoenti della Fi· .~iopsioologia, destinatu ~ 1 1simt1ltanoo Convegno clella Società Italiana cli P s icologia che per ragioni {li opportunità Ri tr<,Yò fuso cogli altri due (,onvegni scientifici \.l ella Società Frenia tric.a e cl~Jla Societ.:1- «Pro anormali». Erano annunziate co1n11nicaz1oni di l.J. R o11coroni <li Parma, Eugenio 'V"eis di Trieste, Giovanni. Can1pora di Genova. Nella &~d11tc'l pomericliaua, oltre ulla continuazio-ne del dibattito l>Sicologico, v~11nero uditi ì soci Giuseppe 1\1.uggia di Soncll'io, TJ. Cerletti, Lorenzo Gualino, çhe «commentò l'a1t. 595 ùel nostro Codice di Proc. Penale » : s 11 q11esta comunicazione djscussero parecclli ·soci e si con.eluse co11 u11 ordine del giorno diretto nel otte·n ere .elle nessuno sia tlalla autorità giudiziaria in Yin to a 1 Manicomio, n11che se prosciolto 1da u11 'im1)t1tazione per allegata pazzia, senza intPrvento cli J'>eriti alie11isti compote.nti. Fu poi pre~nita 1H1 una memoria del dottor Alessandro Tro.ncoJlJi, di Treviso. «La SJ>edalizzazione dei crjmirutli». Er.ano state J:>ireannunziat;e i)arecchie altre comunicnzioni dei soci Placido Con~iglio di Ro1na, IJ11igi Za non del Bò di Treviso, Piero Ricci di Treviso,. G. .<\ntonini cli l\Iilano1

1


[_~NNO

TI. POLICLINICO

26

XX\llII, FASC.

lJ

I

\

~f<>mbello.

Gerolamo ~lirto di Palermo, l\il. Kobylinsk)· della Clinica di Genova, Stefano Gatti di Treviso. ~la il tempo mancò a. tanto la,·oro. - Il Comit~to clelle proposte, forma.t:o dci proff. C. Besta, A. Giannelli e dott.a. Bonarelli-Modena, propose che la Società si radunasse PoSffibiJmente ogni anno, :tlternan(l-0 la sua sede fra Roma ed altra cittit del Regno, come già si pratica dalla Società Italiana ai ~Iedictna interna.. La proposta venne aj:!colta dall'ltnanimità dei presenti. Unanimemei1te approYH ta fu la scelta dei temi generali per il r•rossin10 Congresso. Venne infine presentato e approvato da11·aduna11z.:1 un ordine del giorno redatto cla i1urnerosi convenuti, nel quale, dopo un salt1to cordiale a i colleghi della Società Ita'liana di Neurologia, « c'<>n« siderato ~l1e per il progresso completo del1a Psi«chi.a tria e 1.lella Neuropatologia è necessario riu« nire le energie dei ct1ltori ,d elle d11e branche, «che hn,n no legami cosi intimi: con.siderato che l::t « t-- lezione a P11~idente della Società Frenia trica «di Enrico l\i!ol'Selli, l\1aestro. .. co,si nell'una co . «me nell.3ltra <lisciplina, ha avut<> il principaìe « sig-niticàto di non volere sci11dere più oltre i «loro cultori, ma di collegarli in un'azione armo« nica e proficua ai progressi dell.:'l l\ledicina ita« liana: i preRenti .ai Convegni ~ientifici di Ge« nova fanno y·o ti per la fusione delle dt1e Soeietil «di "F're11ièl tri<l e N~>urologi.a, .a11cl1e in ra.gione del « l'esempio tlegli a lienisti e neropatologi di tutti «gli •li tri i•aesi, e <.:lanno ma11dnto •llla Pre~dde11r.a «di voleré 8 \ olgere un'azione in tale senso». Il Presidente prof. )!orselli osservò che a questo fine aYeva già fatto alcuni passi, sfortunata1uente non ancora riusciti per una opposizione che egli i1on pr~Yede,·a. in.a che sperava pòtesse cessare do1x.> un. ·voto e1ne "'O da t..a n,t i distinti cultori <lelle ùne branche consorelle, unite quasi dovunque · nell'i.I1~ 0·~1me11to e nell'esercizio professionnle; dicl1iarò <li ncc~ttare l'onorifico mandato e con un brcye rin. l1nto del forte lavoro compit1to dal C-On,,.eg110 in soli due gior11i, salutt> e ringraziò tutti coloro che con notevole disagio a Ye\ano voluto p:11·tec-ipnrYi, a ugnra11do <li ritroYarli tl1tti, sempre a nimn ti dallo ste. , o ardore per la Scienza nel1·autu11no del 1921 n Ro1ua. ' B. 1

Convegno della Società Italiana «Pro anorm-ali )> Rnl1itl> (.1~)1)0 qu "\Ilo Frenia trico, n~i giorni 11 e l~ uoy ~mbrc, fli tenne il Conv~gno (lella Soc-ietri ltaliaun « Pr1J anormali )), organizzato dai profei::r sori ". Col U<.'(:i e G. ('. 11..,erra L·i, ~ per loro cortesP i11,·ito qluisi n111re pre.~ieduto do.1 Enrico ì\Iorselli. 11 ~>IlY~no si ~vol alla presenza di l1na 11t1mern~1

rnppre9e11tani',.l clell:1 Scuola Normale }!agi~trnle t' delht Scuola P L'.lilngogica 'CniYersitaria. Si t•n <'<.><li. >ro 1 11otizie sul mo-rimento a fa Yore del1·ist.ruzi<lne t><l ecl11cazio11e degli anormali e sulla •·1 <azlone tlelle 11<>c-e. ~'\rie clas.c::i (lifferenzi~ Ii <."' ~«Ui>l<.! •I utt>IH>llle nelle <li verse regioni d'Italia: il JH'4 >f. ' )luc<:i rift>rì sn Xnpoli, il dott. .-\lbertini. il . lJJ"i)f". r.~ l"l'<'l'O e ht si~norinn :\I. , ,..nlenzan-0 su l\l1la Il<>. 11 IH't>f. r~oll'lA) su Torino, il prof. G. )lon4

tesano su R oma, il <.lott. Ragazzi ~u Genova, la signora Pedo11e Stl Bergamo. il l)l'Of. G. C. Ferrari su Bologi1a e Ron1ag1Ut, risultnndone che purtrop110 le Arruninistràzio11i i>11bbliche, dallo Stato ~i C!omuni, no11 si sono ancora in Italia preoccupate,. come dovrebbero, del g'raYe l)roblema didattico....socia le degli nnornk'lli di intelletto e cli carattere. non rifiette11do cl1e essi sono il vivaio dei candidati a lJa l)azz:ia, al parassitismo, alla im1noralitit ,. alla deli11qùeD7Al, e perciò bisognosi di assistenze,. c11re e pre,·idenze .s peciali, .a11che in r~pporto alla clifesa e alla t'igeneraztone della razza. Si discusse lungamente sttl Jnodo inigliore di- organizzare una nttl,ra i>ro1)aganda n~l Paese, e si tracciarono le linee di t1n'azionè più larga ed efficace- del sodalizio, non tanto a favore di questa categoria sventurata cli .soggetti, quanto a va•n taggio fisico e mol'ale della stessa compag·ine sociale. Si formularono parecchi voti di Clli ·vorrà tener conto il prossimo Congresso della Società, che ·si :farà a R o1na, do,-e le be:ll issime istituzioni dirette dal De Sanctis e dal l\ilont:esano si prest8no a prova rerLe visit agli ortofren1sti 00. a.i neuro-·psicl1iatri In i1llpo1ii..'lnza e la nobiltà <lei fini del movimento« pro a.norma li ». Si lessero poi alcune relazioni del prof. Miche le Sci11ti di Napoli, nnche .a nome del prof. A. Mendicini cli Roma, della signorina Valenzano, det dott. Gnriffi, del pedagogista. argentino prof. Victor ~!ere.ante. Si dispose che altre comunicazioni fl nnunzia te venissero ri1nandate . al Congresso di Roma. Il prof. Mouselli chiuse anche questo Convegn<> con un ringrtiziamento agli intervenuti, e compiacendosi ebe la stessa data. di quaranta anni fa ric-ordi la i1tiziativ.a che egli prese per il primo in Italia (nel 1880), uffinchè venisse anche da ru:>i i1rovveduto, come già si f.aoova nei paesi più civili <li Europa e di America, all'istruzione ed educazione dei deficie11ti, degli anormali, dei tardivi e dégli epilettici. Il problema è fra quelli che la ~euro-psichiatria, cl'accordo coll'Eugenetica, de,~~ collocare in primissima fila fra i suoi oggetti cli ~tt1dio e fr.a le su~ forme più vantagg·ioSfl di n tti,-ità oociale. B. 1

PROFFERTE AGLI ABBONATI. A quel nostri associati che non raccolgono In volume I numeri del « POLICLINICO » e che vole6sero gentilmente restituirci i fascicoli 4, 9, 10, 11, 12, 14, 15, 16, 19, 20 e 27 rtella Sezione Pratica dello scorso 1920, esauriti in seguito ai molti smarrimenti verificatisi pel disservizio postale, noi daremmo in cambio: MENDES: « Manuale di Mecl1cina e Chirurgia di guet'ra ». Volume di 255 paginP. con 20 figure intercalate n~ testo ed una tavola in tricromia. Ed a chi, oltre ai suddetti 11 fascicoli di Sezione Pratica, ci rinvierà anche i numeri 2 e 8 di Sezione Medir.a (1 ° Febbraio e 1° Agosto 1920) ed il numero 2 di Sezione Chirurgica (15 Feb. braio 1920), noi, invieremo anche : FERRERI: «Chirurgia dell'orecchio, prime vie respiratorie '! loro complicazlonl lntracranlche ,,, Volume di 392 paslne con 14 figure Intercalate nel testo. , Coloro che vo,liono profittare di tale proposta, sono pregata d' r:manaarc1 subito I fasclcoli ' auddettl, In piego raccoman· dato, accompagnati da carta da vi1lta.

L

u d r

E


27

SEZIONE PRATICA

CASISTICA E TERAPIA. L'infantilismo tardivo dell'adulto di origine ipofisaria. Con tale nome Brissaud e Bauer defini'Scono l1no .stato distrofico parti.colare osservato in adulti e caratterizzato da atrofia deg·li organi genitali e da 1p erdita della caQ.)aicjtà di generare e degli attribt1ti secondari se1ssu.ali. Eleme11to e senziaJe du11ql1e (Lereboullet e l\fo11zon1: Paris Jlédical, 19.20, n. 42) è la .p erdita dei caratteri se su ali dell'età aidt1lta; elementi acce sori 0110: alct1ni caratteri dell'abito· mixede1nato. o (ipallore cereo, to11Jo1 e i.n te.hlettuale ca<.ll1ta p~trziale o totale d.eJle sopr.aioci.g lia), ' lea-, cri si di st1dore, poli.diipsia, poliuria, gicefa 11eco1nastia, pi·c colezza de lla tiroide ed infine la e. i. tenl'a clella ~ifilide n egli antecedenti. Si cliffere11zi a tale sindrome dal miss edema f rttsfo i1er il predomini-0 della regressione geni tal(_), dal niisserlc nia post-operatorio, 111tè iamJlO('O s i vejrifica con l' a s11ortazion e della ti1·oide 11egli a11imali rucl t1lti ; dal mix edema infantile a 11<' he si diffel'e11zia perchè ill1 que te lllt.irr1e for1ne 11on si arresta lo svilup1)0 essu.al·e; infiue a J <·ontrario cli ciò c.he si osser\·a nel mixr.clerna sponta11eo dell'adulto, l'j,nflt1enza del trattna11e11 to ti roi1c1eo sull 'infan tili·smo ta1'd i vo è ~e1111) 1 ·e limitata ql1asi nulla. Pe·rò si aivvicin a •tll'irt.fa11tili ·mo ta l'clivo, la sincltonie adiposogenit.al1' i1e r il g raido di atrofia 1genitale e per i dit.stu r])i selSlSll ali: manca però l 'obesità, Ja y:,oJ isarci·a, eleme11to es ·e11zjale. I..'i11ter11 r etnzione l)aJ·ogenica dell' infa11tilismo ta1·divo h<t d.ato 111ogo al lei più cliv ers1e Ì[})otes i. . 'i aJ11mi1se i)ri.m a la origine genitalf e più preçi1Sa11nei1te tes"ttcolare: lesioni testicolari prim iti\·e, q11ali le atrofie post-tra11matiche, leoio11i sirtilitit~he clifferenti dalla abituale orchite speci:fica sl cl'edette potessero portare que•s ta sindrorne 1ùi et1rnuch ismo. Gandy 1scarta la teoria genita.11e ed ammette unri illsufficieriza tiroidea .a·pp-01gigiand 0 tale il)Otesi: 1° sui sintomi i;potiroJdei ri1scontrati nei malati; 2° sul reperto di· atrofia ·della tiroile con'Statato in Uil1 caso. Tuttavia ammette che l'ori•gine ·p ossa 1esise1·e rnen·o sem1)li ce e ch e si tratti di 11n perturbamento generale e comp le.sso clell'equ ili'])rio ·de.I le 1secrezioni imter.ne. L·origi11e ipotiroirdeia non .s1)iega la rarità dell'i.11fantili-srno tardivo e i·i.n effiicacia 1c:Lell'orpote1 apiu. Belfield i11 un caso ottenne consi1derev·ole migliora,meinto con l 'opote11a pia s11rr enale ed e1n ise l'i·dea di 111na 01igine surrenal~ , • : . Rénon e1cl .a1t1'.i a1m mi1sero a ba~.e d ei ùi~iu 1·b1 o~r~ ervati 1111a leisioa1e simultan.ea di tutte le ghia11dole va~.ca la.r i sang11ig11e, ossia fec er o 1

11

1

1

1

1

1

1

rient1·are le osservazioni ·di infantiliismo tariiivo in uno d·e.i tipi ·di sindrome plurialandolare da essi de:s·critti. Questa nozi·o,n e di 1sindrome pluriglamdolare si a;p.p lica booe .rud alcuni ·di.sturb.i eindo,crini diffusi, l egati a stati grarvi d ·i1 c.acheis si,a tubercolare, di .caches1sia pigme·n taria,, di se·n ilità precoic e p,er 1P01isiclerr·o1si, con .a:s t eni.a fisica e ,p1sidhi'ca, ·con modi1fi1cazione delLa ten.s ione arteriosa, com. pi·gmentazioni, ·m a non ci so.ddiisfa allorchè si tratta di disturbi •strettam ent~ limitati aid ailcune funz.iJoni e aid alcuni caratteri mo.r foloig:i.lct che sopravvengono in ,g iovani senza proc1e1Ssi mol'bosi gravi cap,aci di im.tere1ss-are s i1m ultaneamente numero.se g-hian1dole tamto di. tanti e trunto d.i·verise quali la tiroi de, i testicoli ,. l 'ilpoJl i, i st1rreni. Certamente il distu1·bo è plUriglandolare dal punto di vis.t a fisi·olo·gireo, ma. dal punto di vi sta anatomi·co una è la ghiandola priimi.ti!vame•n te les,a e d·a que1sta 1es·i0011e l)l'imitiv.a veng·ono le altre altel'.a zioni1 sia anatomiche che furnzion.ali. . e studiamo alcttne si111dromi "adi1poso-geinitali dell'inf.anzja nei rig11ardi delle quali at1tori italiani (Nazzari) e americani (:J-Iiater ed a .) già i)arlano di :Lnfa11tili1smo i1elle sin·d romi ip·o fisarje; ·se analizzian1.o i ca;si di Sou1qu•eJs -e Chauv,et, quelli .d i C,arnot .e D11mont e di Flet1roit L ereboullet, di Ga·n 1dy, ritroviamo in un gran numero ·di essi e l)recLsrun1ent.e in quelli ove man.ca l ' a tenia IJ.)Siohi1ca e fìs.i·ca i!)ermane11te e prog·ressi1v.a delle .sind1 orni pluri1g·1Mlldo1ari, sintomi impressiona>n ti in favore del1 'imp1o·r tanz.a de·l-la l esione p1·i1nitivlt ipofisaria i1ell'0Tigicne ·deil'infantili's mo ta11clivo. Da notare è la frequrenza della .s ifilide ne,g li antece1dtenti: l:a lesio111e ipofisa1i.a pt;lò esser ·ditru ttiv.a, può alterare grav.eme:i1.t e gli el.eme.n ti che assi·cur.a.n o la .p erma111enza d eigli attributi seiss·l lall i 1pri•m a.ri e seco111dari se1n za dar luogo .a tu1nef.azioni; qui ndi J1essuna compre.s:stione encefa liica ne1ssl1n fenomeno chiasm.atico quali ' })o:ssono dare sarcomi, ep,iteliomi, ciis ti che ge11eralrrne.nte sono La causa ·d~lle 1Si1J.1 dromi iy1ofisruri e acromegalicl1e o adiposo-genitali, quin·di 11011 emia.noipsiia bitempor.ale ne li<JUO't in ipe·r tensione. Ri,guar,do alla spe.cie del pl'oces.so sifilitico, 1lltò tratta1·si di go•m ·m e o .di proce1ssi scleroatrofi.ci , ma noi pO·S'S ia1no a,gg.iu.ngere l '·osteop e riosti.te della bais e del cranio e d el corpo dello , ~e111oi·de, come in un ·caso degli ..L\A. ecl i·n un altro di Gan·dy. Gli AA. con1cl11.dono affer.man do cJ1e fi11 d ··ora l'infa.ntil i1smo tardivo dell'aid ulto di origine ipo1

1

1

1

1


li . . a ria l1a il Sl10 !}Osto in patologia e si può definire la reg· rc~.,io11e . fu11z ionale e morfologica rl ello sv il ll·J)PO ·essn ale sopr.aggi11nta neil' età éiclulta, in IJie110 periodo di atti,·ità genital·e .e realizzante 1·a trofia cl egli attributi sessu a li P rim a ri e la 1scom1)a r a degl i attributi sessuali secondn,rj, ind i1)e1lden ternen te da ogni le .:; ione ineccani oa ed infiammatoria interes.sa.n te in modo diretto La gl1ia11clola se.ssua.le, regressjo1i-e aceompa1gnata. o no da adiposi. :\IONTELEONE.

Contributo allo studio del diabete insipido . E. Ilecl1t (ZCitschr. fur E..liri. j)1ed., i1. 1-2, J3 a 11cl 90, 1920), i11 $egui'to a ri0erche e.seguite s u u11 amma la to cli cl tnbete insipi·do combi11ato ~1 cli.:trofi a acli1)0~0-g·e11itale, affe1~m a : 1) cl1e 11el clial)ete ]11sipido è ma:i11te1 1 1uta la c·anac it à r elativa di coucentriazion1e; - 2) e.rie l'azione a·ntidiuretli ca d.el.l' e.st.ratto i1)ofi sario i1011 di1) eoù e ùa un 'i·nibizio11e ùella 1)e rdita d 'ncq11n icla j)arte d.ei t.e1ss.u ti; :3) eh e 1n, coJ1ee11trazi.one n1olare ·diel sangu·e ~i n1a1 1tie11e i10,11 os t8J1te u11agg"ravio· 1cl el ricamhio. Egl1i afferma i1noltre, ch·e La l)Oli L1ri1a diell diabete j11s ipi{lo i1on Ai p11ò co11sid1e.i·are come i1J1 f e110,111euo d i com1Jenso, perohè: a ) 11011 si i·L. . ro11tra mai l' appiattime11to <l egli ep it eli i clei tt1])11li, l)reseinte in t.11tti i cas i cl i l)Oliuria co m1} en~at.0Tia; IJ ) r)errl1è il i) e so s1)'e·cifico dell '11 ri11a è i11feri ore a q11ello d el .sangu.e. 1

POLLJTZER.

Sul modo di prevenire il diabete mellito.

I

[.t\NNO

lL POLICLINCCO

28

s ovente al medico, cla lJe.r sone che hanno aY nt o casi di dia l1 ete in fami glia o cl1e te1110110 cli cliYe11ire cli8beti cl1e, si pone il c1ues ito !'e f1 l)O .. i bile fa r e c.rualche co1Sa })€1' 11re\·p11i rP il clinb ete o ritardarne l 'insorge11za. ~on è po .. ibile og·gi, osserva R. T. \\.illian1 011 ' Tlt e f)r actiti one r, ot tob1r e 1920), dnre 1111 rn et oclo ~ i cnro }ìer prevenire il cliabete, . 1n11to piu clte lnolt e ç,ose a 11cora ~ono o ·cure ~ t1lla ])ntoge11e. i cli ql1esta malatti a. I /o· ... crvnlio11e e 1 es1)erienza clini ca l) el'ò ci li 11n no i11~eg 11 t1to cl1 e rll olte catise a g iscon o fa, ·o rc\ ol 1n nte 11 elln :)a toge11 esi del diabet e, e flll in1 l i, co111hn ttendo q11e te ca11se, si potran110 co 11 gra11c1 e nro])abilità rimt1over e le concl iz iuni fn\·o r cvoli al Bll o s viluppo. :\'ella -..tn ri a el ci di abetici ~pessis~ in1 0 s i ritru \ n110 ca'i fan1iglinri cli diabete, o ~i rileva che In 111nlnt ti~ i.· i11f:orta cl or>o gravi ed imrrov\·i i t 1·a u1ni i~. icl1iç,i, o i11 l)erso11e sottoJ•n-..te a fort e ci 'llr111é11nge » intellettuale, o c-Ja aveva no (lhusnto di cihi e di l)e\·a11de ricc l1 :\ d i < tu11ze z11ccl1erine ..... :pe so ~0110 . tnti 1

.

~

XXVIII,

FASC.

1]

forti mangiatori, obesi, ed avevano condotto vita sed~ntaria, senza esercizi fisici . R naturale quindi Ghe si dovrà consigliare . di evitare tutte queste cause, che spesso si riscontrano nella .storia di molti diabetici. , Cosa t1tile è di saggiare la capacità dell'oroaanismo di fronte agli z11ccheri e alle sostanz~ amilacee. Nell'uomo sa110 l 'ingestione ·di zUJocher10, in quantità superiori a 1qu-elle sta. bilite da v. Noorden e cla altri ricercato:t i, de· termina una glico suria te.m ')orarlea, :{Ilentre nei soggetti .sa.ni l 'ingestione anche di gr:andi qu.antità di cibi ricchi cli a mido 11·o n d eter1nina g·lic-0st1ria. Se l 'ingestione di z11cchero, i11 quantità inferiori alle dosi-limite, actermina glicoouria, è nec essario 1in1itare gra11 clemente l'uso delle sostanze zuccheri11e. Sicuramente lo zucchero consl1mato in quantità gra11di cl eve cont.ri}) Uire allo svilttppo del 1diabete. In q11ei pa,e si clov.e s i co11sil1r1~ano grandi quantità di zt1cchero, la mocrta1ità p,e r diabete è inolto RJlta, .e da riUevi s.t atistici si è osservato u11· pa,rallelismo fra l'aumentare . del c-0.ns umo• dello Zl1 ccl1ero e· 1' aumentare dei casi di diabete. Joslin 11a dimostrato che i:n lloston la mortn.lità i)er diabete nel 1918 è ~tata 4 volte m q.ggiore ch e nel 1890, e 2 volte maggiore che n el 1900, e che il consumo an1111ale di zuccliero in questi anni era aumenl<:Lto grandemente. Si sarebbe anche osservato che n1entre il diabete è freque11te nei IJaesi dove si oons11111a J11olto zucchero, non sarebbe molto di~­ fuso nei :paesi dove s i consrin1ano sostanze a n1ilacee. L 'e perienza çdinica 11a dim ostrato che n~i casi di rliabete iniziale o di media gravità basta togliere lo zucchero dagli alimenti per 1111 ])reve periodo per avere la scomparsa della glicosuria e vedere i1el paziea1te .aumentata la cauacità di bru.cia.re lo z11ccl1ero, in modo cl1e dopo essersi sottoposto al periodo di dieta priva di idrati di carbonio, può consumare l1na quantità di ca.r boidrati cl1e l)rima gli avrel)be determinato la glic.osuria. e tale vantaggio porta u11a 1)iccola restrizio11e nella ingestion e degli idrati di ca~bo­ nio, è giusto il p1e11sare el1e la rerstriziona dello zu.cchero, nella dieta id i coloro che per ragioni di eredità o rli costituzio11e hanno tencle11za al dial)ete, Sia utile i'.)er allontanarne la co·n111area. È cruindi cons igliabile evitare cibi e bevand e riccl1e di Zllc.Chero, combattere l'obesità, ri corcla11do'"' i i 1 apr1orti che intercedono spasso fra obesità e diabete, raccon1andare un suffi cient e esercizio fisico ed e\·jta.r e un eccessivo ln,·oro mentale. S. SILVESTRI . 1

1

1

1

1

1


.. SEZIONE PRATICA

Un caso di distrofia e di mixedema degli adulti.

Sindrome emor1agica e tiroidina.

Il Bottaro (E 1illucririolog y, ll1glio-settemb re Heldenbei:gh (Le ·calpeL, n. 12, i11ai1·zo 1920) 1920) in 11na signora sofferente cl i rnenorr ~1gia riferisce di un caso di mixedema deg·li aidt11ti, d.e lla 1durata ordinaria cli ·dodici gio1rni, cui rigu~rda11te una d0i1111a di 55 anni, e car.atspesso era co.n comitante l 'epi.stassi, adopel'ò la terizzato llall 1ede1m a diff'Uso, ·dal torpore intiroidina, e. otlenne la gt1arigio'l1e dei di.... turbi. tellettl1ale, dald.a pe~dit.a. dei capelli e dei ·denti, dei })eli clelle ascelle . e del pube, da l1na ec- · Egli vi fll · g11i dato dall a co1nstatazion·e : 1° ide l cessiva sen ibilità ad freddo e da l111a invin- \'iso pallido e gonfio della paziente con un ' anorma·le· tend'e nza a vasodilatazione sulle gote: cibile tendenza alla sonn·olenza. Nell' a i1n111nesi dell'inferma si notava solo 2° dalla carlt1ta dei p·eli delle s·o pracciglia. Que1ip o-. sti ison-0 piccoli se. g ni di ipotiroidismo. L una coxalgia nell' infanzia e un notevole aftiroi1dismo è stato dimostrato che può dar 111ogo fnticèlmento r'rolt111gato che poteva avere agi.a discrasia ·e1norragica, e ·1a titroidina i·n cas.i to co1ne C<l ll Sèt predispon ente. di emorrag·ia an1che non apparentemente · in Co11 .l 1a1)plicazione del! ' opoterapia tiroi~lea ' raipporto ad un'origine tiroidea, ha dato s't.1ctutti i . i11ton1i regrediro110 i1etta111 e11te, e la cessi notevoli. Nel caso de·l Bottaro, q11a.n do son1n1in i6trazio11e di tiroiclina alla dose di 30 ce11tigra111mi al giorno fu co11tinuata per pa- la sign.o r.a non ,p rendeva la tiroidina, i si·n tomi ri·a ppariva110 e si aggi-11nsero dopo a:nche e11terrercJ1io te1n1)0 se111za che determinasse distt1rbi l'Ug·i a, en1orragia sottocongiuntivale, e .fin emotdi so rtn. TRENTJ. tisi con p1or1)ora. L 'opote1·rupi.a tiroid1ea fu effiLa radioterapia dell'ipertiroidismo. cace ad arre. tare l'e[no1·r.agia. Se i picicoli seg11 i dell 1i1)oti roidismo fo.sise·r o più accu eataLa maggior parte dei sintomi del morbo di Flajani-Ba::,edow dipende dalla funzione esa- n1en te rilevati, s i sarebbe in condizione di fare l111a diagnosi positiva un numero di volte aE+rs ai gexata della tiroide, cioè dall'ipertiroidismo; i buo11i riErultati, ottenuti con la legatura delle e1evato, e in numero di \'Olte assai maggiore , arterie til'oidee o l 'asportazione di parte rlella q11in1di, noi .s aremmo in con,dizio11e di ad-0ttare ghian(lola stan110 a comprovare l ' azio11e del- una ter&pia, i·.azianale e d efficace. Se l'ormo11e tiro~deo opel'i peir altel'azione della crasi 11mo11jpert ircidisn10. Oltre a ll'interve11to chirl1rgiço, si può dimi- raJe ovvero l)er il mecca11 ismo della conge~tjo­ nuire }'.attività es.agerata ·della tiroide e ricon- ne, no1n si pllÒ aff.e rma>rlo. Ciò, che è praticadurla alla norma con la radioteirrupia. L 'uso .m ente i.m:porta11te, si è che la tiroidina opera di r111esta è i1articolarmente fecondo di risultati molto bene, r:n·ell ',arre tare le emor1·agie. 1

1

nelle forme più acute e più intense, nei casi in cui è in pericolo la vita dell'ammalato e più a rriscl1iA tu l'intervento chirurgiço; essa deve essere pure jl trattamento di scelta, nelle. for• ine bPnigne, sempl1ci, fruste; indicata è pure nell'ipertiroidismo cronico, in cui, però, esige 1111 tempo più lungo ed agisce mBno completarnente • D ' altra })arte, la radioteratpia deve mirare meno ad ottenere una modificazione anatomica che una modificazione funzionale de·lla t iroide (E. A1scheck: Th èses de P a.ris, in PrPsse médicaie, 3 lugljo 1920). I.a frequ e11za e l 'instabilità del polso debbono essere i criteri principali su cui regolare la d11rata del trattamento: meglio no1n r.aggiun,gere com.pleta1111e11te cl1e sorpassare lQ scopo, col tin1ore di trasformare l 'iper- in ipoti.roidismo; quindi non appena la frequenza del ipolso è ritornata quasi i1ormale, conviene sospendere il trattamento, salvo a riprend.erlo, in caso di biS<)gno. L ' intervento cl1irurgiç-0 va riservato ai casi • in ct1i vi sia U·n t11more emdot iroideo propri.a. mente eletto, cori. ipertiroidismo, ed ai gozzi endotoraci ci con diRt11rhi re&::>iratori da comfi,l. I>l'essio11e.

GENTlI i::.

IGIENE SOCIALE. .

La morbosità del personale femminile operalo durante la guerra . Le .osservazioni fatte · in proposito hanno sopratutto il valore di ten·de.re alla s~luzione del problema .se l'elemento femn1ini1e, .che durante l a guerra, per necessità di cose, h a fJrastato 1servizio negl1i stabili·m .enti industriali, possa o no·n ess.ere largamente .adibito all e officine, e se esso sia senz'altro adatto e di 11roficua ca")acità lavorativa, . E. T·ed·e•sc·hi (Il Lavoro, mrugigio 1920) .ha condotto Ie ·SU·e os.ser•vazi'Dni in -&tabilimenti l.iig'uri su donne, .adibite ai torni, con dieci oce giornali·ere di lruvOII'o, e servizio alteTnativamente dit1rno e notturno. Non vennero. osservate malattie soeciali: re- . lativamente fre.quenti furono i casi di 1deperimento generale, .con an,or.e.ssia, cefalea, stato ol igoemico; \facile esaurib:ilità., diminuzione della capacità lavorativa. Softanto l'abba11clono del lavoro, p·e r un p.eriod-0 più o m e110 lt1ngo portava lin reale v.antaggiio. Talvolta il òecarl·im.ento orga 11ico era solta11to sintomatico d el1


J

l' i11feziun e sireciflca, e l'esame obbietti~o, negativo all 'inizio; mettE>va in rilie,·o i primi se..: 11 i dPlla infezione t11bercolare, fi110 allora la tente. Il co11fronto co11 l'elemento operaio maschile di 111o~trn \' a che quello femminile, oltre a po~­ se1lere una resistenza fisica as~ai ]llinore, ri1na11 eva p.iì1 facile e duratur·a preda dell'infer,i one specitìcn. \ ·arie sono le cause di tale morbilità, fra cui , anzit.11tto, il n1ancato .allenamento al lavor o e poi il f<1tto che, -p.er la necessità e l'llr!?'. f' nza della massima pro·duzione, gli ambienti ('rnno ~ovraffollati e1 in 1cattive condizioni i!!.i eni clte. :\Inl tollerato era il lavoro notturno, <'lt e prc curava jn poche notti una prostrazio11e a ~sai maggiore che non l 'intera quindicina di giorno, é;E:bbene 9ermettesse maggiori pa11~e e rall'entamenti che non qu.ello diur.n o. Come conse·guenza di tali osservazioni, l'A. eo11siglia chr l' impiego del personale femmi11ile nelle it1d·u strie debba essere circontdato da molte preca11zioni, quali le visite periodiclle ohbli.gatorie, l1na limitazione delle ore di lav·o ro, maggiore che non per i maschi, e l'n~t e 11sionP dal lavoro nott11rno, salvo casi .eccezionali. 1

-

• '

'

IL POLICLINlCO

3)

1

POSTA DEGLI ABBONATI. . (1.212) C11~·a clell' acaria:si cltt yr<tno. All' abb. n. 336: Per qu,esta dermatosi, determi11ata dalle p11ntt1r.8 del Pediculoides vent ricosits (New1Jost)J non esiste cura specifica. Q11e~to acaro, allo stadi:o dì ninfa ottopoide, si rinvi.ene st1l grano, gi,rucc.hè tn ,que.sta fa·s e idi vita, avendo bisogn-0 cli a lime.nti liqu1cli, si attacca. al le larve '·ed 1 alle ninfe di molti insetti e sc·p t·a t11 tto deJle Tignt1ol1e del g·ratno. Qt1anido lYerò le ninfe non tnovaino ip.iù idi che n11tr.irsi .. 111 g.ra.110 e l'uomo capita alla ~oto portata, }J0$1S0110 ~tssalirlo p,e·r nt1trirsi .alle Sll e s pe-se . Con la puntura in0cula110 u11n saliva irritante ch e d.etermi'11a e iJ prurito intenso e la lesiorne ct1ta11'ea . Il loro oarassitismo st1 ll'11omo è qt1i11di tem• J)Oraneo e p11ran1ente .acci1de11tale. I di$t11r.bi, generailmente di bre,·e ct:11 ru t.a, s com1)a1ono SJ>ontaneamente. In ogni modo la c11ra ncm 1)11Ò egse1 e cl1e sintomatica e deve tende.r e a climi11ttil'e il 1JJ'Urito. Io con1siglierei inna.nzi tl1t to cl i far prendere al ma1at.o un b.agno .caldo i1rec eclnto da una bt1011 n. s a11 Jonata. Le bia'Il cl1€1 ·ie l)ersonali e le lenz11ola ·debbono e~sere rimos5e e lavate a.il bu cato e la sui::>erficie c11tanea d E>ll 'i11fermo jnumiclita con b.agnoli cli : I

Fra le cat1se rnorbig.en.e ·di particolari in dll · "-1 rie , l'A. accen11a ai torni americani, lubrific a ti con .olio di balena, çausa di esalazioni r. tn1tin11e, ri1Jug11anti ed irritanti. Esso -,ro·vot•1'> p e rt11rbarnenti locali e gen.erali dell 'orgao·r • 2 Acido fenico . . . . . . . . . . . . • !::' ni c:1no: l'azi one lc1cale si dimostrò con derma. )) 20 Glicerina . . . . . . . . . . . · • t i t i n form a e rit emato~a ed Pczematosa, alle )) 200 Sol11zione alcoolica di me11 to lo 2 °{, n1nni , all ' a ,; ambra.ccio , a1 braccio, il d.ecorso opp11re s.p&lmat.a con 11.na pomata di: clel }Jro cesso e.sigeva c11re e riposo ed era spesMentolo .•. J • gr. ~n rihellE> a, cn re e tt'attam enti. [Trattasi del10 . . . . . . • • Olio ·d oliva • 1' ~1 ff ez io 11 e c1 t t n.n·ea i cl e.se r·i t ta da.gli ai1tQlr.i 1s·o t)) 20 . . . . t o i I 11u1ne di l>otto·np d ' oli o che prendeva. non Lanolina . . . . G. ALESSANDRlNT . • 0 10 il p erf;n11al c~ femminilP , ma anche quello, nn11 nl1it11ato al lavoro, c11e si era improvvi(121-3) A llatl lLniento e ?Ha lari lt. •.\ll' abbo7 . . oto 01')eraio. -:\ • d. Redat. ]. I l so•ggiorno negli · 11ato Il. 12296, Treviso: talè 111brifìcazione nn1h ie11ti, in c11i s i fa.ceva • S11l problema allattamento e mnl.aria l)Cl-CO Pr n n e n of.o e det e rmina·ya anche se di breve ' cli n11,o vo si l)llÒ aggiunger·e a q11ello che in dt1l'~ta, . e n~ o di nal)sea, ed in segl1ito, ano• pa sato si .conosceva. 1'(1-.,-. i n, vom iti , con conseguente $tato rlis"Depti:JI.alari.ch€, affette da mailarin. a c11tt1, possono co. <'l1e condure,1 a all'accent11amento dell'oallattare i loro bambi11i senza in convenier1te l iµ-\) ~n1in e clel deperimento organico. di sorta. La c11r:a. pronta e g~11eroga in ette :l'or'fil. clinario in po chi gior11i la in a l ~1ta, in nn'Jne c.ondi.z io.ni generali: la secrezione lattea poco • Sono rimasti disponi hili alcuni esemplari s offr·e e l'apida1nente .s i t·ipri tina. I~ a cura t.:ì1i1estratti dal" Policlinico, -Sezione Mt>di ca) delle ni.n ic a 11011 ha. i11f111~n zn a pp r ezzab ile gu Ila qi1a"'PgttPn ti monografie: l i tà e !)are a nr t1e sn ll n crnantitil. 1 ..a chj11ina A. ~1 URRI, Del medici futuri ( L. 2.50). i1011 !la ... sa nel latt e. C. F.coNol\10, Sull'encefalite letargica (L. 5) 11a ln r iir l1e c roni c:he c acl1ett i C'lte / ... ono poco a llatte per l 'a l lattamento. Il latte ri ente <lelle o lo ro ~he desiderano averne copie, mandinc C'undizi o11i generali, l1a , t:Ul'~ o val o re n11tritivo. la rt>lAtiva cartolina-vaglia all'Amministraz1on~. 1

1

))

I I

I


[_.\NNO

X:\\'111, }i'Asc. 1]

31

SEZ lONE PRATICA

B co11siglia.bile q11incli o l'aggit111ta delrallnttamento artificiale o l'allattamento mercenario. Tali I1'0rtrl e .. ono , come è nat11rale, nor ~11 e g'e11erali: il n1e1dico dovrà gi11dicare oaiso per

11110 stt1dio acct1rato delle fonti 1)a1:>iracee potrebbe i•llumi 11.arc.i Sll rnolti punti oscl1I'i&simi degli a.l bori delle conoscenze m edich e. (PatJiolog-ica) .

e.a.so, tenend o conto di pec11liari tondizioni ; le c111ali atte1111a110 -o nacentiuan.o i)roi.bizio11i e

Il primo caso trattato di mixedema. •

1

concessioni.

..

t. 1J .

{121-1:) Al 1dott. A. T. cli Na1)oli:

,)Jon con o:·ciarno libri ch e trattino deJl'e11docri11ologia e clel sim})tttico in. ra1)1101·to alla co... tit llzion e fisica ed .a l valo re c11 rati \"O dei ~:eri. Co11 , igliar110 la 1)a tologia del impatico di Castel l i110 e Pende e l'end.oc rin olng·ia cli Pendfl t. 1>.

l\lurray ricorda che il su ~ primo caso di mixecle ma tratta t-0 CO!l opoterar>ia tiroidea è morto nel 1H19 a11·età di 74 anni. ~i trattava di llna donna ehe conti nuò per tutto questo periodo a intro<lurre estratto fre~co di tiroidi di agnello per sei ;riorni clella settimana ma]1te11endo costante le buone co ndi~ioni ùi sn lnte. Solo 11el 1918, data la difficoltà tli avere tiroidi fre$ehe, uoo t111 estratto dis~eccato.

NPJ 1919 c01ninc:iò n p1·ese11t:t re ede1ni 8gli arti

·uferiori ~ morì per insnfficienza cardiaca. ( Path ologioa J•

.

VARIA

PUBBLIC AZ ON I PERVENUTECI.

I medici nel periodo dei Faraoni. 1k .\dcy, nel 1ll ell . Jnur11. of Australia, rin ·t11ne le 110 tre c o ~11izi011 i tùle oonclizio1 1i clellH i>rofe~sion e 1necLlcu i.11 Eg·itto. Ci 1·C'a 6000 anni 01' ono . ,i di stingueYano ti·e cnte~ro,rie rli c;a111ital'ii: qu e lli ch e avevano t1r1 corso r egolare cti studii · ui li.bri e di piratica s t1i 1nal.at.i, CJ.1Uelli ct1e guarivat !O eon esoJ·cii n1i e mag.ie, e t1uelii che rin1et te\·a110 <t l>O ·to le oc: ~a etero101,izzn te da qua1lche tra u n1a. I 111edrici veri traev.ano la loro cu itu1·a. d allo . t11dio di lil>ri f'}l~ si r iteneyano scritti sotto la i l>i,rnzi one divina e di 4t1 e·sta levatuira i11tellct tnalr a\'evar10 ~t1sto i)rernio n·el p'Oter m ~1 11tencre <'alza.ti i sandalli davanti i Faraoni e nel1'e'-serc n.ut.orizzati a bacjal'e loro Je 1g,inocci1ia anzichè i piedi.. I 1neclici ~1i div~de·v.ano in generici e ~ peciali sti; t 1·u questi ultimi n1l'meoosi gli oculisti che dovPvn11.o conoscere almeno trenta m a latt ie oc·u,1a.1·i. l.,tt imbalsarnaz·jone d ei caidaveri non .eJ·n f11nzior1e cl e.i medic i ·onde essi aveva110 i1-0zi,011.i anat-0 rni~t1e en1p.~riche e vagl1e co ì. come e.rn nebrnlo~a la fisiologi.~1. S i arnm·etteva cl1e lo spi rito, vit,ale penetra.~s,e per il na~.o o gJU. occl1i e pervad·e.;- se !)OCO a l}OCO tt1tto il cor1Jo rh e e1 a 111 e~1so in .a zi,o·n e dal cu·or e. Al mom ent,o d0l'a m·o rte lo spi1iito , ·itnlP ::>e n~ a.ndava e i l 1

1

1

sn11gue cong11lava.

Pinttosto avanzate inveC'e le noz.ioni cli pat J lo~:ia;

l:>are ch e s i l orittlizz;assero m·a l attde dell 0 sto111a co, dell a \'escira, el min t ia~i, vari ci, ecr. La terapia er a d .i Bolito ene r"gica; il me,dico ~t es1 s-0 prepar:tva i rimedi. J . .n. medJ.ciin u g·recti, a rn hn e.d ebrea J1anno probabilme11t.e tTatt o la 101'0 pri m .a ispirnzio110 da l la mecliri11a ·egizi a11a, onde l 'A. ritiene ch e 1

1

1

p

l)0~1 E~.rco.

I•'.\ cc 1os1 d1o tt.

pust- i11ffue11 .~a le.

-

Ainoora, su ll' i1n,r11 un,/à

Napoli, 1920.

l1'.\:-;.\x1-,·01,An~LLI

111. f ,e iniezionJ oos1n etiohe di patfff/i11fl. f4ielùl , 1920. .. \ xc a: r.1~ r l!'r1J PPO. 'ui tra-tta 1n,ento delle f erite cli ar111fl do fHuco in./ e,,·essan-ti l' enoefa lu. BeneYl\nto. 1Hli . I •.\X'l'.\ Lt:ox 1 Pro. L ·encrfalite epidc1n ico nel fl'orlir f' s<·. I \1 r1na, 1D20. 1

l>l 'l'o~ 1 ~r.,s1 IiJ~ttLIO. Idrarto clell'articula z ion(J del •

f/<1n1i/(J .<;i11 i slro i11 un, caso di sifilide recen,te. )\ <l pol i. I !>20. I l J ·ro ;..1 Ì\L\sI J~ ~t I r.1o. Oon,.., i rl rraz i on i sopra un ca .c;o ' rl i sel eroder n1 ia. - Nìtpoli, 1920. ~1Iox 1 G1t - sEP Pt:. S ulla . oura, dei

tuniori con i ra,ggi

Bruxellef-1, 1920. .. I•J . .-!cariasi cla.r gra110. - RHYe11na, 1920.

Riju f f/r'H e c·ol ·r nd io. J11[P.\HA'r1

(il!.\ss1 I<JnxE~TO. 131'<'/otrojio Proi: inc-iale <l-i ~Iila 'no.

ltf'7o ::·i''"'' yenero l <> per l'a11110 191f). -

l\lilàno,

19·>0. l'c s~: :\'J'f (.}tTHT.\VO. &i an10 ?tOi ]Jf(' JJOl'flfi

df'll<' as ... ic11ra .~i·>11i socia l i ? -

all'f?.'\(' 1"0-ÌZiO

R<n11;1, J920.

.J nsu~; ('. et l)AH'l' U R11'; n ..~l.\UHTCE.

Les .<;:yn,d'r o·n1es 1·&· 11olfr <l<' l'a .'i// 8/olie. - l)nris, 1920. ('.\ uccr .r\ r.nERTO. L ·a.v pend ir·osloniia. Tecnica, indica~i<111 i, riR11/tafi. 1\Jila no, 1920. ('If't '.\111<:1~1 , 1 11, JT.IPt>t ).

poli.

/./r•nf f' l'O l!Jià 111oloricu. -

Na -

1!>~0 .

.ToH<: ~~ l{ICC.\HOO. 1,a fJrippe. IJisbon11<:\ , l!>l!l. .Jonc:i.: l{IC'C'.\HOO. f ,e t1Jphl11 ~ Cfl'rt 'ntli én1atiq11<, <ì J>orto. 7~J1?'- /919. -

fJiSb<>nne, 1920. IJ ieiolto ?Jl,('8~ <li

.:\f.\ (' HO .'.\1 \HIO. la1 l (J/'() cli i·r11 rr1ico i11 ,,,, r·a111JH1 di pri!Jionieri in, .4-11stria ( 191;)-1911). l?<""uco11 to .~ta t i s:f ico-c7-in.ioo. ~ C''itu\ di OH~tel­ l o • 1!l20. ~\lf Azzox .K ti~fi~D:t~n reo. Jf ".1.;()0011 to , s f a.t·i s I i co s 111- $<' rvi~; u c:i r il<> rl·i. pro fil a R·"i oon t ~:<> le 111a7 atti<' 're n r' rrJe e l a. .r;ifilide svolf,o.~·i n.r' l trie·rvnio 19.lG- 191!), du.rante la guerra nell e prori11 cir. nell e quali aPev a sr cl P l'T "fTI Oo1·po ri'Arr11f1to. - F i1-enze, 1920.


TI

32

POLICLI~ICO

[_.\K~ O

\\\.III, FASC. 1]

NELLA VITA PROjj-,ESSION ALE. Corsi di perfezionamento. La medicina è forse la più assorbe11te di tutte le professioni. Reclama dai suoi aqepti una perseveranza assidua: per metterli ne 1Ja impossibilità di diveuire inferiori al compito che si sono libera1nente impoGto, di sminuir-0 la propria missione sociale, ·essa li coisitringe ad un lavoro contin110, tenace, ad uno studio i11cessante, che i11tegri e rinnovi le lorò conoscenze e la loro e perienza. Vasta e complessa, a'llarga11do ogni giorno i suoi orizzonti già immensi, segnando ogni tappa della st1a evol11zione con sco1p erte benefiche, strappando alla natura., con ammirevoli ricerche, i più intimi segreti, rivelando di continuo, nel Sllo cammino ,·erso la perfezione ideale, nuove vetità prima non so8pettate, essa esige dai suoi discepoli una devozione inaJterabi·le, una pazienza a tutta pro.v a, un' ab n e g·azion e · te·n ace, t1no sforzo di lavoro continuo e.d instan.cabile. Li obbliga a ma11tenersi al corrente delle soluzioni portate ai problemi più .svariati; li indl1 ce ad un allenamento intellett11ale che impedisce alle loro fa.coltà di arrugginirsi ed al loro dovizioso i)atrimonio di cognizior1i di restare improduttivo o di esaurirsi. È interdetto al meclico d'ignorare i ~:lro.gressi che si compiono, senza t11egt1a, dalla m edicina! 1

No11 può aversi la ridicola temerità di sostenere che il medico debba CllspiTar.e alla conoscenza perfetta e intera clella medicina nell'ltniversalità dei suoi domini, per afferrare, comprendere e penetl'are tutti i progressi compi11ti; nessun cervello, per quanto superiorn1ente equilibrato , potrebbe bastare a questo formidabile lav·o ro. Ciò che costituisce una necessità impre cindibile per il medico pratico, è soltanto di familiarizzarsi con le conquiste Y) iù in1portanti, di as~imilarn e 1-0 spirito, di apprezzarne il valore, di sperimentarne le applicazioni ipiù accessibili o .p iù utili. Il n1 eclico i1on 11\1ò a n1eno, o,g gi, di consarra.re 11na pa1ie notev·ole del suo tempo, della sua attività e é111che delle s11e risorse econon1icl1e, a soddisfare qt1esto ineluttabile dovere che gli è impoc:to clnl c;uo ste so prestigio, dalla s11a dignità, dalla sua coscienza, dalla sua 1n1s ione un1a11itaria. ·Gio\'atno molto allo SCOJ>O i periodici, ..,ul tipo d I Policlinico, i q11a li ri peccl1iano il inovi-

I

ine11to m.e dico ·di tutti i pae.... i: c1111aJu11qt1e l)l'Ofession~sta cosci.enziosQ e di valo1·e a.vverte. seml)l'e più impellente il bisogLto .d i abbonan;.i no1n aLL una solla., ma a pare.cchie di tali ri,·iste. J)i solito però la « carta stampata » i1on offre che con.osce11ze astratte o generali, no11 direttamente l1tilizzabili. Per cernere le nozioni. •p iù 1sict1re e1 per cimentarle a ragio•11 veduta nella pratica correl;lte, per apprendere con esattezza e con p1·ecisione le manualità. operatoir ie, pe·r valutare la lJOrtata effettiva clei nuovi procedim e11ti, è utilissimo di. m.1r1tenersi in r.apporto con ospeclali, con clinicl1e, con laboratori. Ma il mezzo :più .sempJice e })Ìl l a 1 p ort.ata per rag'giunge1"e questa ft11alità, •consiste nel frequentare i corsi di perfezionament-o. I quali sono dl111CJl1e in g.rado cli nclempiere una funzione molto elevata: di contribuire 1e fficacemente ad in.nalzare la colt11ra dei m eidici; a ri•n s·aldar111e, rinn.ovar11e le conoscenze clinicl1e, scientie ao··CTiornarne bo · fiche e tecniche; ad arricchirne la mente e a edu ca1ne i sensi e la mano·; in una ip arola, a forn1·are i11edici 1:>iù t;1 e11ati e ~)iù etffi1cier1 t.i.

***

Qt1esiti corsi si te11gono orinai in g·r.a11 11 l1mero in tutte l1e N1azioni civili. Ve11gono costit11i te perfi·n o .aisoociazioni potenti, allo scopo di promuove.r li ed orga11izzarli (così la Post Grlld-uate ..-!ssociation e la z~.,elloivs liip of ~f e(licine in I.n ghilterra); ·ve.11.g·o110 pl1bblicati periodici cl1e vi son-0 esclusivamente consacrati (così i "A1.un.atsh,efte fur J?ortiùildungskurse in Ge·rmania e The F elloship Weekly Bulletin in Inghilterra). V 'è di più: alcu111e Scuo'le ì\IIediche degli _ Stati Ulfliti e ·d·ella Ge'lmania han110 la sola mis1sione di tenere corsi di pe·r fezionamento. Allo stesso scopo avrebbero .dovuto sel'vire anche g.li l stit·u ti Clin;ici di Milano ma pur tr-0ip1po · so110 ' ' scop-0, per.chè comf.alli.ti in gran p~rte allo 1 prendono due sole cliniche (del lavoro e ginecolog·ica) e perchè molti insegì1anti dei così è.etti corsi di per{ e:.ionamento non ·vi sono che ospiti temporanei e di passaggio, me11tre invece i cor.si, per riuscire proficui, richiedon,o un'attrezzatura -CO!U1'Pl-ess,a ad lioc, un corpo russistente nu1nerosio e a.llenato, m·ezzi ca.pio.si, condizio11i t utte ohe possono aversi solo in Istituti sp€cializzati e stabilmeID.te orga11izzati. n·altra })arte è ovv·io che a Milano non potreibbe accc11tra rsi il })e1·fezionamento medico di tutta l'Itrtlia. / 111 origine a11 che l'Istitt1to ltperiore di Fire11ze doveva avere carattere post-t1n iversita-

I (

d f

n o

è


J

SEZIONE PRATICA

rio; i11a ora è assimilato alle altre università

del Reg110. Alc.u ne delle nostre scuole mediche provveclono ormai ad in tat1rare, sempre '.)it1 nl1merosi, i corsi di i) erfezionamento. Ql1esto rinnovato fervore merita un plauso jncondiziot1ato da 1Jairte dei i)ra1.ici, i qllali non chieclon1> di meglio che profittarne.

*** Se i1011 che, i i10 tri corsi di p erfezionamento p1 ese11ta110 t1n i11conveniente gl'ave, sul quale desideriamo di fe rmare l'attenzion e : pooso l a loro dt1ra ta è eccessiva, di 3, di 4 n1esi. Così a Roma i corsi cli n1edicin a del lavoro, di gi11ecologia e di nel1ro-patologia sa ranno t l'imestral i; i corsi di pediatria e di oto-rinolaringologia saranno quadrimestral1 . 'Jn e~tn lungH durata è in deciso contrasto t:1n1 le esige11ze del uratico, al qual e i corsi 1r1 e d e~ imi dovrebbero essere destinati. E ssa ri\1ela 11no stra110 atteggiam.ento dei nostri diretto ri di cl i11ica, di fronte a lle n ecess ità.i dell a prn.t i eH : far11e astrazione. ~on 1~ co11ce1)i})ile, infatti, che un medico !lO'"'u a hlJH ndo11are faciln1ente per tre o quat1ro rne~i In :s11n <·011 (lotta, la sua clientela; ciò gli recl1e1·ehhe CJl tanto meno un grave cli g~e­ . . tn; i11 n1011 i ca~i gli sarebbe materialm er1te irnpo ibj}c. rJ11a o du e se ttimane. inve·ce, si troverebbe i I JnoclfJ di sottiarle: è Qllesta la dt1ra ta nor 111rile ct1 e sogliono a vere i corsi di perfezio11c.t111ento in Germania, ir1 Austria, negli Stati L"11iti, i11 F1r1t1cia, ecc. <: rediarn o che noi non tl11v 1·p1n1no rli1)n t·tir•ci clalla ~tessa misl tl'a, i1011 già ]'et t1n i11co11sl1lto s 1)irito cli imitazio11 e, n1n l>er i~11il'a,rci. alle 11ecessità impre6cir1clil1 ili cleJJa pratica, per indl1lgere v er o i b i oan i rcr1li clella generalità dei m edi.ci. 1n fo11<lo, un a durata cli due o tl'e setti1r1n11e hnsta, ir1 q11anto ch e i discenti non sono dei l1 ovizi , non sono degli indotti, ma già 1 repara ti ad accogliere e fecondare gl 'inse~r1an1 e11t i ch e ve11gon0 lo ro imp a rtiti; poch e le. zioni, 1>revaJe11temente 'Pratiche e di esercitazion i, po~sono rill$Cire preziose, senza avere con qu est-0 Ja i)retesa .di creaTe degli spec ia listi - pretesa ass11rda - ma s,0 10 di rinvig·ori re e rinnovare conoscenze stanti e di ad<lc5tra.re i1 ei man11a.li 01p e.ratori, di 'fermare la rne11te su noi ioni definit e, precise, ]imita te, indi spe11c;abiJi e d'insegnare le te cni che n11ove pi tt acref'sibili e sic11re. P o$sono freque11ta r~ i contemporaneaniente con vantaggio due o pià cors i, i q11al i l)Csso '-i completano. Purahè i discenti 6iano animati da decisa volo.n tà di ap1)re11dere e da sagacia, }Jl11·ch~ 1

lavorino seria.mente e intensamente, purchè non ozino e non si trastullino ·_ com e .ac~ade nei e-orsi troppo lunghi, i quali stancano e s m orzano l'entusiasmo ed offrono ·u n1camente il 'Pretesto .di un lungo soggiorno in città noi crediam10 che il limite di rma o due sett imane s ia bastevole. olo se i corsi sara11no di questa breve dura tn p otranno essere continuame nte alime~­ tati. Dalla Tinnovata frequenza deriverà il 1na.ssimo vantaggio, poichè le nuove verità verranno bandite al massim 0, numero di voìenterosi. La brevità offre du11que la garenzia di un pieno sttccesso, il quale co$tituisce un motivo di co1I11piacimento per chi ese.gue i corsi e per chi li frequenta. P eT gli a spira:nti specialisti poC'.lsono istit~irsi corsi p iù pod€rosi e più profondi - a parie la necessità di perfezionarsi per conto proprio, in clip~ndentemente da qu al i asi ·corso ufficiale. Noi . abbiamo vol11to farne interamente astrazione e •p rendere in esame il problema solo clal p11nto di Yista d el m edico pratico. 1

1

.•••:. * *

,

Confidiamo che il bl1or1 senso di queste cons icl eraziopi sia ri cono~ci11 t o: ehe i cor si di perfezionam ento d estina ti ai i11edi.c.i -pr ati ci vengano san ati dalla incon gr11enza di essere qtiasi inacceB ibili a coloro cui sono destinati; che la. mentalità ·dei nostri i11segnan ti u,ffici.ali, • • i pirat a a·d l1na troppo alta va ll1taz1one cielle . .' loro discipline, ceda ad t111a con,cez1one p1u r oncreta e più in armo·n ia con la realtà. L . VERNEY.

Cronaca del movimento professionale. 20 Congresso della Federazione Nazionale ·

dei

me~ici

Firenze 1'11 e 12 gennaio. Il prof. A . Filè-Bonazzola, presidente della Fe<1~rc-1zione (L'l quale ha sede a l\ililano, via S . Paolo 10) . ha diretto un invito ~1 tutte le Sezioni e a t11 tti i Soci liberi profes ·ionisti : n e riportiamo È

indetto

chirurghi liberi professionisti. '

:i

parte : È stato cla tutti rilevato che nella tra,'agliata <' na cl1e volge una se11 azione l}reciisa e ddffn.sa 11a uccelerato i1er tlltte le clas"·i U•n ritmo di movi1ue11bo d'orgn11izznzior1e di categ·oria ed un altro più intf\11so siI1clacale. A Ul le m oYiment<!>, che è 1111 sicnro i11dirf\ di una ferYe11te asprirazlone ad f' le,·a re .sè stessi nella OOD·'ide rn zione dei dtv·er si valori sociali, i nostri oolleg11i. in buona parte rer l'indole spec-iaJe della professione ed a nche per un 'infi11enza :1 ttl YiCà ùi c·lasse. riSJ)OSer o assai t;1rcli e occor se il min.accioso a \·anzare di 11na l ~g-e lede11te i 11_o~t1i più l::l<l t.-ro~a nti diritti per (lirno~t r•1 l'P nlJa 11o:;;tra (~l tegori~1 che era necess~1 rio nrg'tl 11i7..%<l r~i per lotta r e l1niti, od essere tral;1rg·a

\


IL POLl CL LNI CO

34

v-0lti Da questo llel'icolo n~1 cq ue la no~trn Federa zi<;ne, ("be già fin d'ora con~'l m~l te Rezio11i e inolt~ <lltre <1DC"<)ra, qua j a l tern11ne ll<.' lln. lo ro 1n·epat<1zione, ~nranno 11r~to eon n oi. ~la o ra non basta chie<lere elle la nostra ca' tegoria si avvalo1i .attrav~r:::;o 1'<1zion e delle 111'0prie r~t ] )pre. e n ì.c:'1 11ze, non bast<l cl1e q11este de leghino n lle rn1)1>r~~entanz-e feclera li il Dl<'lllclnt<> d<.'ll'~1 zione fattiY< I e ren.li7.za.trice; oggi oc:corre h1 eolh1ùornzione f;1 ttiv~1 etl opero~a d ei collegl1i tutti, i quali c1eY011 0 ~-entire cl1e in un'o11ern coll+>ttiva <li con corcl in e tlj co lln borazion e ri1.>0sn l~t · po. sibilitit di nttnare vresto o ta1·di q11e i Yoti e quelle a. pirazio11i cui la nostra cnt egoria te11ac..x·1ue11te tende . l,\>l' quc~to noi in,itinn10 ogni S o · c:io a ]lortnre In llro11rin eollabo1«1zìon e ecl jJ i>ro1n·io con tributo tl i opere, cli energie, e.li l >en siero al no tro prossimo 2° ('-0ugresso. In~ie1n<~ ai delegati di ti1tte le i1ostre Sezioni coRtituite e in formazio ne, ~ouo vivamente i)regati a<l interve11irvi t utti i Soc:i liberi professionisti d'Italia, poicl1è i eollegbi 1d~vono compre ndere ch e la loro atle~ione di solidarie til e il lo:r o con<'o1·~0 f a t tivo eCI a utoreYole sono c·o11dizioni essenziali per co nf~rire a l nostro 2° Congresso un g:r~1 n<le r>re~tigio e poter ria fferru.n re co11 u110 sole n11e 111anife~tnzi·one i <liritti e le ~spir.nzjo11i clella no~tra c..1tegorin secondo qt1ella ev-0lu r,io11e cli 1> ~11~ie-ro ehe, n1a turato iù q11esti an11i di riYolnz.iouari eventi, si è oggj concretato in una vi- . . io11e viù 1>rcc:i &'l clel contenut o della nostra qualità <li libe1i professioiu~ti. L<t nostra c.<1tego1·ièl (sa Jyo eccezioni) non sorretta· da tipe11di fissi. f)f'nza niuti in ~'\SO di malattia, enzn pen1s io11e, inRi<lhltn dn vieti p1·egiudizi a utiel1i e da pericolo~ <:n1>icli~ i () recenti, n ttra \ èI'Sil i.111 J>erioclo rnin:tc•c:ioRo <1 <>11<1 pro1)ria esistenza . Occorre cl1e ogni ....:ocio f.\<? 11e rflnda oonto e com1)re11da cl1e i11 qnti-st'orn di l'Al>ida evoluzione .s ociale og-n11110. cleve tr<)Yèll'e il s no r>osto cli combnttimento e òi ~zioi:ne. C'hi <lisertu il campo della 8oljd~1rietit pro.f essionn 1~ . ('bi si <1P1)a r ta i11 ~n egoisn10 1niope e indi~ Yi<111ali~t.1, indeb<,.Jic-,s e la i 10 1 ti·a c:om11ngi11.e no11 ~olo, n1a con111rome tte p u re la propria esistenzn Jirofe . . ion..'11<'. 11 uo.:tro 2° C'-0ngre~" o ~ia acl·nnque la buon ..1 l)l'OY•l d(\lln n ostra forza , delilì nostra operositit, delL'l nomrn iuti1na unione. <)ltre l' ade~one del le n<.)Stre Sezio11i, i1oi attc.•1Hl in n10 c-011 fiducia numero~-e quelle ind~'·id11ali. Sf\ rù utile che i colleghi ~i rivolcrano direttaò n1Pnt(' a lla 8 zionf\ di Firenze, i1elh1 persona dt-1 Jll't\f. O.· ·ar :\Iarchet.ti (Ospetl a le di Rn11ta ~I<1ria °NUOY<l ), ]ll'€'$i<leu te de })a S~zione fiore ntina, llel' tn tt~ le infor1nnzioni rigu.;1rcla nti l 'ulloggiQ, il soggiorno <><1 nltro in Firenz(;'. 1

A proposito del Congresso dei medici condotti. /fÌ('('l" Ì(lJJl():

Firell%;{>, 1g di c·embre 1920. l l1. n10 ~iJ!' . Di r~tto1·~ <1~1 « P oli<.:linico )), \~t.'il o

or:t eh ne l re8o<.~~nto del l~ongre~ dei :\I,-.lit·i ( '01ulotti iu X<l}JO]i, ('()Jlll><ll'W nel (( r•oJiclilli<'O n tlt>l fi <llt'elllbr , 1ui si f.n <.lire eh€ 110 <.:on1b.1tt11to il in·t>gPtto I.nbrÌo Ja. <).~~u il forfait. Xo11 c..-orn-

11u ttei il 1'rogetto l .Ja brio la 11erc.:hè non 8i c:ono:ce. l'a~~:t i in r iYi ta i ya rii pro~etti, combattei il forfai t, n1a sopr ati1tto u1i sc.:l1i~ra i co11tro il i1rogetto

<lt-11<1 Con1111i s.:--io11e 11atrocin<lto <liti pre ·identi SilYngni e ~lartinelli. 'Terrni1lài 1>rese11tanclo un ordine <l e 1 giorn•o c-h e il (( P oli<:li nico )) riporta. ~ei Congr essi di Na {}()li e (li Ro1n~1 sono s t i1to il ~olo a sosten,e r e l a neçessitù della ~0is1)e11siY<l ùell;:l leg·ge n el l)eri oclo <lifficile .o t.tn.ale; e il G-Overno. del J'est<», procrà:sti.1;1ando ];1 i1r0~~11tHr-io11f' ~ discus.sio11e de l progetto d i legge, vi ~i <i ttie11e. Ilo soste1111to rioi in caso di iigett<) (lella ··Ros11e11sivn o dol)o ài essn i l progetto xninin10, cioè in<.le-nnit~t tli n1alatti.1 <tll"élssicurato 11ii1 e levH ta, dovf'ndo questi p1·ovvecle re da sè all'c1.·~i.stenza i11eclic:o-f<Jr111nce11tica, e istituzione cli m e dici co11t r ollori e libl-'ra scelta è as~istertza ospitalif>ra.

In caso di

so~'peu1siva

o di progetto n1inimo in~i stei a che il Gover110 i1so1Yesse immecliatan1ente ln qt1estione os1)italiera pro1lonendo una. speciale soYra impost.a fondiaria d esti11ata n l funzionamento (legli ... ospedali , provvedi1uento tnnto pri1tico, che lo riten11e attuabile l'on . G io l'itti, vnrln11<lo l'altro giorn o a lla CanH~l'a 11<'1la se<lntfl 110111. òe l 14 cor-

rente. ("on

o~

e rvnnzn J)ott. G.

l~ATI C HI .

Per una mutua di assistenza sanitaria. li ('011~i2Jio (li <'ilu111ini~tra7.i-011e <le ll' l:rnio11e :i\Ii. . lit<ll'P inYiaYa a i pro1)ri soci u11n circola r e con cui li ay-vertiva ch e «dopo accordi z> r<'si co n, l'01·dine rlri J l r di c-l» <.li R o1na , In ('001~r:iti'a nvey·a o rga·

uiZZ<lto un ser"'\-izio di HS. i ~ttl'11z~ iu~clic:a alle coucli/".jr,ni ~gllenti: l)l'E>rnio ~1nnuo · di ;1bb-011a111ento l)er ogni persona, I J. J O: on or:11io per ogni Yisita :l.50. P oicl1è l '"Cnione <1Yev~1 riten.11to di v oter con sidPrare come accordi l) l'esi co11 l ' Or<liue è1 lc t1ne infol'lll<lzd.oni ge11e ricl1e date d <l u11 i11e1nbro de l Consiglio iu una conve 1"snzione 1)1ll':-t111e ute privata 0011 1111 n1e1nbro ùe lla l 1 11ione il l)1·e~ic1e11te <lell "Orcliue ' in·ote~tò v re~:oo 'i l r•ref.:.ide11te de lla Co-operativa . _\ Yenllo qt1esti fl oma11dato uflicin lme11te il b en e t:ir<i sulle diS!}Osizioui clellu (jircolare s uddetta. la Jlre~itlenza dell'Ordine, per <lt'liberazione d e l Con;igliq . 11a ris1)osto con 11nn lette1·a , in data ~ di<:e1ubre 1920, n~lla q11a le dicl1iara ch e jl ConBig·lio tlell' Ordin0- 11a for1n11lat.> le più precise rimosttanze llel' il 0onte11uto della circolare in c11i si pro;-.;11ettano accordi ~ ;1utorizzazio11i <.le ll'O:rdine, s ulle qu~1l i il Con 8'iglio stesoo run i è ~'lto cl1iamato a r1ro11un<;iar.s i e, <1uindi, in i·ealti1 inesigtenti. Nel me1ito, l)Oi, il Con siglio OR8erva cbe, in eo11~i dernzi-0ue della natura e.~'<'lu sivamente con1n1e rc·i•1 le clell "Cnione , e della speciale o rga niz.z azione clel servizio di a ssiste1lza, cbe 1~r nulla si ide ntitica con i fini cì.e 1lu 001lera ti ,~n. e al quale hanno diritto olo quei soci cl1e i1e fanno lll'<1Ci&l ù oman(la e l)agano un' apposi tn ta sa, h1 iui su ra del prentio annuo ca1>i tnrio dovrn ~:-:ere n1olto più e letc1 di quella, minin1a, tì , :~at.1 da11· . .\ semblea gelftll'a1e tle11 ' 0rcUne per le ....\:'\~O~iazioni di benefì<·enz.-'1 e di mutu,l ~oc<:or~> : qu11Hli ~u11eriore a quella che si er.1 c·red11to cli fi~~1re nella richià· 1

,.,1

i1u1 ta

circolai-e.

l

D

I

1


.

[..t\.NNO XX\ TIJI, F'"ASC. 1]

I

~l':Z lO~ E

ATTI PARLAMENTARI. Per I' insegnamento universitario. i/011. l'~ru1enati ll<l presentato .;1lla C;1111era la 1u-0zio11e ~eguente : « La Oamerà, i>reso atto tlell•• nobile e<.1 0111>0rtn11a petizione al Parlan1ento DHzionial~ Ù<~ii }ll'Ofes Ori delle ul1i\el'Sitil ita lia11e,

pienn111ente couYint<t ebe la ricerc.i scie.i1tific.a e l'i11~guan1ento ~uperiore, corue le foa1ti più }Jure e più ri ·elle <lo11cle può attingere il i)atrilllo11io i11tellettunle. n1orale e materiale dli. un popol o,, sono ~r 1~t Xn r.ione titolo di ogni m<1ggior grn n<lezzn c·jy ile <' 01 ig-ine <.li ~icnra prosperità economica : c·nnyi11tn cl~l 1><1 ri c·l1e c<>sì qua-le è . tntn ridotta 1·1·11iYtll'. itit nostra unn è l>i\1 cli<..) un 111~diocre 1't111111r>nto cl'i~truzio11e profe~ ·ionnl~ <' non i>0trà <'llP f~>r11ir<' t·itt.1dini e profe~sio11isti lllal pre1»1r;1 ti n1orn ln1e1,te e tetnic<1ruente: inYiD1 il GoYerno ad <'1ll;t 11;11·p ~11llE>eiti pr<Yvveddruenti ver<"hè le t:11iVttl''-'itit d'Ttalin, c·l1e I'<lJ)}>resentn110 i1el Ill<Jnclo UIL'l. gl<n·io~1 t r•t<li~ione di SèlJ)ie11za, siano n1e s~ in g1·;1<lo tli in1p.arti1c <l.alJe cattedre in ·egna111enti 'Ter.a n 1p11tp <·ftic-.1 <'i, e di prosegui re n ti 111 · (lJl t<> nei ln l 1·:1tori );\ ric'<'rc:~1 cle l là veri til S(·i('ll tllien )>.

•o

l{ISPOSTE A QUESITI E ADOMANDE. /11rlc1111itri curu-ri-,;eri. Dott. ~.., ...-\. da . \,l!Ji i11111i<>gati J)I'Ovvi~ti di . tipen<lio di li -

1~:tfii1

F. r<· 10.000 " piu. l'indennità caro-vi,·eri è ridotto in 111odo dn Pguagl i<11·e co11 lo sti1>E>ndio origi11a rio q nt•llo <'h(' ril'll lt<1 n n111~nta to della i1Hl<>nnitit. XP un fnnzin11:1rio h<l per ~tipendio lire 10,200 l'ind<:·nnit~1 <':l ro-Yi,·eri è cli lir~ mill<3 e i1on cli lire 1200. Jll'l'C:hè appunto ini1le lire occorrono i1er fn1·1 11;1rp la son1n1n cli lire ]1,200 con le 10,200 lire di stlJ1P1Hlio "be ~,jù si possedevano. J..o tesso non Jin t, <lirsi i.er l'nn1nento di stipendio di lire 1200 "01H·Ps~o :1gli t'iT()tti tlel D. I,. 19 giugno 191D l)er<'hP l';irtil'olo 2 ùi eletto decreto non an11n('ttf' <1 1c•un liuJitP <li stipenclio, :inzi, consente c:l1e i1 li1nlt<.\ Hht s~ imo <11 :-:.tipe'nd io i:;tn bil i to dulle <.li~1:>0~izio11 i Yig-enti l">el' il diritto alla inde1111itit nien~ilf' di <·aro-YiYeri ri1nnngtt fi~~nto iu relnzione al· J'èl nn1euto previsto da esso decreto. Ella, Qt1indi,' doYrt~bbt- ba ar. i, non su lire 10,000, ma .~u lire J t .200 <' cl<>YJ'phb(' raggiungere, se è l>oS.'ibilc, con il c-aro-\i\'< ri la somma di lire 12,400. (~:ili~) T~lezio11i arnrninlstrative - Dirnission,i. J)<~tt. ). . <la J{. Perchè un impiegato comu1ulle <li,·e11ti eleggibile a Consigliere provinciale occorre che Je c1inJiF;sioni dalla cari ca sieno n,o n sol'> 1u·esP11tu te, ma nnche accetta te IJrirua della elezio11P, j11 quR11to che, trattandosi di un vine<>l<> eontra ttn<11e i1011 vuò rite11ersi sciolto che con l'e~J•lirito consenso di tutte e due le p .a rti contraenti. (8:)(;!}) J)i,1n i.ssiun'i. -· Dott. A. G . cl<l P. - l.1a lcgg<' i1on detern1ina il tentpo i n cui s i l)Ossono ra~~<'~na rp 1<' di1nissioni da11a cn.ricn di medico co11dotto. Orclinariamente tale termine è fissato 11<-~l eapitolnto. Se nel capitolato non vi è a lcuna <li~1)()~izio11t> al ri~ardo E lla, dimettendosi, non doYreb~ ri<;o111pensare a l Comune alcu11 danno, e. ~ncloffi avvalso di un suo diritto. Cbe s~ nel capitolato è fissato apposito tern1ine, deve rispet1

'

'

1

I

33

PRATICA

tarlo o, in 1nanc<1nzn, vrendere 1:>011a rii aceordi con l'Amministrazione. Ad ogni u1odo quell<> elle è dis11osto a dare ci sen1bra più cl1e sufficiente. t~571) I11den,1iità caralcritura - Insu,ffìclenza . l>ott. A. C. da C. S. l'>. - AYendo dal Comun,~ la indennità cavalcatura 11011 i1uò co~tringel'e i clienti a pn'g are il n1ezzo di traspo r to, senza C'OlDrnettere un abuso, cl1e J)Otrebbe compromettert.1 c·on l' Amruin istra.zione municipale. Qt1alora la in·· ùennità sia insufficiente spetta a l don1une pensare ad aurnent:'lrla congruamente ed in ca.so di rifiit1to, :l ll<1 G. P. A.. <:h(' ha fnto l tà di a llocare in bilnncio. tutte le svese obbliga torie e di auruellL1re i relati\i ~t<1nziam enti qualora risultassero in~t1f­ ficienti. l4l ~pesa per le disinfezioni obbliga tori e è a carico del Con1uue, a11che per le pcr&one <lgiate, rientrando es~e nf\11<1 dicitura generica dell 'articolo 201. lettera f) della legge sanitaria. Xon è lecit-0 usufruire ora di un residuo di congedo dell'anno decorso essendosi estinto ogni diritto al riguardo col ?,1 dicen1bre 1919. (8572) l'Pnsioni - Jlcrli.ci an.ziani. - Dott. T..i . G. da C. - Ella potrebbe iscriYersi ora alla Cass;.t p~11'~ioni eome medico n11ziano ai termini dell'atticolo 42 dei testo 11nico <lelle leggi s ulla Cas~l di pre·v idenza. Occo1·re cne resti inscritto a l n1i· 11j1uo per dieci a 11ni e clovr~1 pagare entro tal terJilin~ un.a som1un cl1e ~i ngg!ra fra le 4 o le ~. 1uil<1 lire. o ltre i co11trib11ti orclinarii. Riscatte rà tanti n11ni <ti ~erYizio quanti ne occorrono per for- • ma re u11 quinclic•l.\nni<> ln·in1n della in.scri zione. PotrElbbe liq11idare la pen•s ione lorda di lire 1451. r.,~ ;tltre CÌl'CO~tan7,,e addotte non hallilO YHlore. rér j-=-criYer~i alla C<1~sa di previde11za occorre farne <loman<lt1 all'l~ffieio provincial€' sanitnrio, in\o{·n nclo 1'<1rt. 42 di so1)ra indicato . Doctor .JusTJTL\.

Se1·vizio 111r·rlicfJ-1nilitare. -

A ll '<lbb .

11. 1~~1:

·JJe . di111i~sion•i <l.nl grndo -

i1er gli ufficiali n1~ ­ diei cli c:on1vleu:e11to - 1X>$SOI1<) essere aceetL1 te: ba sta cl1e IiJlln. 11€' f <"l cria J)t-1·yenil'e domanda ::::u carta <la bo Ilo .tla L. ::? n l lVlinistro della guerrn, J>er il tramite clel Distl'<-'tto n1ili tar~ c11i avvartie11e.

Ali'a bb. n. 9-!-10 : Se a lla Ùc'l ta :~1 iuHggio 1H20 Ella era passato ufficiale i11 R. A. i•. si è d'avvitSo le spetti il trn.tbt1uento fatto .1gli ufficiali (]i tale cn tegoria : diver amente, quello degli uflici<1li cl elle ca teg'<>rie i11 congedo. .itll'<1bb. r... F. tl a :\I.: ~OilO ,a llil l1 n cia. ti i 11 lllll nen ti lllÌ-g li01'<1111€'llti euOI10· lllÌCi l}el' tutti gli ufficiali in s. l\ . r. I.e 11l"'Oll10zion i , invece, 00100 sospe~e s ino Hl genna io l~t~3. A ll 'a bb. n. 8834: i~er

otte11ere il 1·icoY<3ro in sa11.atorio militare di un ex-111ilitarc occorre $iR fatta a11nJo.g.a domanda alla Delegazione proyinci<lle dell'Opera Nazio1u1h· per gl 'in·v alidi di gnerrn. ..i\.l <.l o1:.t. .A. B. da B. <li I.J. : A bre,·issima scadenza SC:l rà bandito un 1~r

ooncor~o

tenente medico in S. A. P. Stivendio-bàse lire 4800, più e.aro-viveri e indennità profe ionale. M. G.


[ANNO

JT, POLICLINICO

:\X\ :III , F ASC. l] [1

CONCORSI.

NOMINE,. PROMOZIONI ED ONORIFICENZE.

orooe T erde. - Al 15 genn., ~re . di medico per laureati nell'ultimo triennio; j)OSt I • b· · possono parteciparvi anche i la ureat1 nel ..1enn1? 1•1·ecedente' qualora abbiano .prestato serv1z10 m1. litare durante la guerra. N-0mine dal 1°. febbr~10 al 31 dic. Indennità. .annua di L. 1200 e lndenrutà cli L. 5 pe.r notte di set ' rizio cli guardia, a turno; tamera mobiliat..'1, illuminata e rtscald:1ta; ~ro­ YE->nti di certifica ti e 50 %. dei proventi dell ambulatorio. • CORCIANO (Perugia). _L\J 15 genn. tre condo~te residenziali. Saranno preferiti titoli di pratiCà tibirurgjca od os~tricn. Capitolat-0 in corso di upvroYaz. in base a l tipo proposto dall'A. N. M. C. f'tip. J-'. 6000 lorde inizin li, per i primi :ooo P~­ \""eri; ca'ro-viveri; tre quinqt1enni del decllilo; 11re 2 per ogni l)()'·ero in più. Indennità di resi~ clen7~ di L. 1000 se gli abbienti fossero meno d1 300. L. 1000 per mezzo di trasv. All'11ff. san. L. 360. Ric111zione del 50 C:~ sulla tariffa dell'Ordine per i semi-,abbientl. Servizio entro 15 giorni.

In sernito a.i risulta ti del coucorso straordinario per esa~i bandito per la Facoltà. di medici~ ~ l{oma ai P ·r emi Fon<J.a .~ione Rolli, sono stati d1chiar~ti vincitori i dottori Doria Raimondo, Monteleone Remo, Pedroli Giu.s eppe, Lucherini Tom1naso e . g·Ii studenti Bignami Francesco, Emico C~sare, Pavone Raffae le. S~reni Enrico, Stirpe Giulio. Il ,d ott. Sacco Rosario, del 4° Alpi'ni, è stato c·oma11clato, in seguito n concorso, all'Istituto Ortopeclico Rizzoli di Bologna .

BOLOGNA.

_

FIRENZE . -

R. Ar<:isvedale <li S. JJJc1;ria N1"ova e

,-.!frrbilimenti Ri·uniti. - Concorso per titoli ed esa111 i a cinque posti di ì\1edi<:o-Chirurgo-Assistente, <lei quali tre per 1() Spedale Infantile Anna Meyer. 1':th lnassima anni 36. Gli e letti sono soggetti alla

conferma dopo un periodo biennale di pr-0va ed aYYenl1ta. la confern1a restano in carica per altri 2 <l11ni; ve1ranno assegnati ~i diversi turni ospit:<1lieri di medicina e dd chirurgia. di malattie cronjche od acute secondo le esigenze del servizio, e per gli assistenti de11·osp00ale ::\leger l'assegnazion(l Pd il servizio ~a ranno r~gola ti n norma delle cx1uYt>nzion.i esili::it~nti c:ol R . Istituto cli Studi Sul 1eriori. Tutti à vrann~ un assegno annuo di lir~ 3000, con riten11te a termine di leg·ge, oltre le i11<lc•1u1iuì di caro-,-i,eri e di g11arc1ia. n11 n~piranti d0Yrn11no aver de11o~it~1to nella Se!!l't.ltc>ri1l dell' An11ni11i~trazione, entro le ore 18 ~lel 10 ~ennaio, In lo~·o domanda corredn ta dai docu1ne-nti. Chiedere n nnunzio . )l.\IOLATI

(.4ncona). -· Condotta 11el capoluogo:

T4. 11.300 lorde, ol tre i11dennità caro-vtveri, indenni tù en v·alc. anche J)(lir gli abbienti in L. 2400 e I.. n.;o uff. san.: <:umoda ca &l con giardino. I'e r gli .abbienti tnrifr:1 cle11·0. a. ì\1. con rid11z. •l~l :>o 0 f, . Servizio enti-.) ~o giorni. Rcad. 15 g~nn.

:\IP<lit•o- hirnrgo-Oùontoiatra. con diploma Spe··ia li~ta-~tollUl tologo, ll1nga pratica all'estero, ce.rt·a ~ituazione come niuto, associato. Farebbe lun.ro inte1in;l to. Sc1'ivere : Bernasocchi, Fermo rosta. ~AllOli.

~I~li<-o-Cl1irnrgo gi0Yn11e.

attivi simo, assumerebt' intr\11.nnto 0Yu11qne. ~c1i,e1-e: Dott. Zinconc· l'iPtro, Via PriJ1eipe .\111edeo. 77 - Roma. l>i f/id c. '\ uo,·p diffide: c·.:tstl1 l cli l'ao.o cio <Dologna), 'Tncri 11'hi ti>. ~ - ,.ito al 'l'aglh1111e11to <L'<line), ~1011dn ­ ·i·>. 'nntiano e S l1 l't'11ngllt>rin;1 (Pe&'lro), San Gio,··11n1i l)~tf>lln to 'f'(\l'l'~t 1-:.t >. Ralncll"\f'in. )fondnino ~ =',,1,intt (l•'orll). ,·,~rnatP C ~Iilano ). 1

NOTIZIE DIVERSE. Corsi di

perfe~onamento

in < Medicina del lavoro ».

Presso gli Istituti di Clinica 1\iledica., di Igiene e Medicina Legale della R. Univel'sitit di Roma, sotto la direzione dei profes...~ri A·scoli, Ottole.nghi e Sana.relli, si svolgerà per l'anno accademico ] !>20-21 11n cor,s o dii perfezionamento che avrà lo i::copo di fornire ai medici le nozioni J)iù indispensabili pe1~ l'esercizio della professione medica p resso gli stabilimenti industriali, le ferrovie, i l a Yori agricoli, gli istituti assicu·r atori per qua.n to riguarda la Patologia, l'lgirne, la Levislazione e la 1lledicina legale del la voro .

Il corso si svolgerà con lezioni, colloqui, dimostrazioni ed esercitazioni pra tich~ e conferenze. Si terrn11no i seguenti insegnamenti : Patologia medica del lavoro (proff. Ascoli-Ranelletti) : Igiene generale del lavoro (proff. Sanarelli-I>t1ntoni): Legislazione del lavoro (prof. Lotlga): Patologia chirurgica del lavoro (prof. Diez); ì\Iedicina. legale generale (prof. Ascairelli); InfortunLstica medico-legale (p1·of. Ottolenghi) : Conf~­ rertze sulle varie specialità, dei proff. Alessandri, A scoli, Baglioni, Bignami, Chi-0 vn ro, Oirincione, !)alla Veclova., De Sanctis. Dl1Ctèy. Ferreri, Ga · glio, Gh1la-rdt1cci , Marchi-:1f.a va, Mi11gazzini, P estalozza, Zeri'. Il corso a \rà principio il 1° febbr.aio 1921 (..i{l aYrà la d11rata di tr~ mesi. Alla fine (lel COI'ISO a quelli che lo avranno frec:t u enta to assiduarnente ed avranno superate le relative prove' di esame sarà assegnato un diploma di perfezionamento. Per esservi ammessi si deve fare domanda su C'artn da bollo di \L. 1 al Rettore della R. UniYersità, non più tardi del 13 gennaio 1921, presenta.ndo: a) fede di nascita, clebitamente legalizzata. dal Jiresiflente del Tribuna le; 1> ) di11loma o certifi~"'lt-0 di la11ren in medicina e chirurgia (anchè di U·n'iversitit estere) : o) qt1iet:1nza di I.i. 250 rilasciata dall'economo c1E-lla R. eruversità. Si doYranno pure ve1's.n re 11ella Cassa universlta ritt L. 78.90, occor1·enti i>er ~opra tussn. d ·esami, 1.er gli esercizi di laboratorio, I'ler bollo ed inden, nità . Per ritirate il diplomn. gli inter~'"lti d-0Yranno in segi.1ito pre::-entare donl.U11dn su C':l rta da I .1 . 1 e Y(\rsare alla C~Rc::-.t1 llili,·ersitnri.a J •. 10.no. J,e i"Crizio11i Si riceYnno fino nl ]0 g~n11:1io 1921.

d1 d'. i/' /( Il

cl

1 \


• /.

[A NNO

XXVIII,

FASC.

1]

.-

l'orso per ufficiali sanitari.

37

SEZIONE PRATI CA

'

Si do\rranno i>u re YCr8nre 11elln Cas..~ UniYe1mtaria L. 78,90 occorreuti ver ~'Op ratassa cli esan~c di diploma., I>er g li eser<:izi cli JJaboratorio, per bollo e indennità. Per riti rare i l D iploma gli interessati dovranno in seguito 1}1'~8entare domanda su carta bollata òa IJ. 1,00 e verN.'l re a lla Cassa Universitaria IJ. 10,60. T..e iscrizioni si r~cevono fino <1 1 J o gennaio 192J lin1itnt.amente .a ~ nun1ero d i 30; i'11 1~egl1ito a.'r1·à t.11 ()go altro 001,so trimestrale.

Dal 15 gennaio a l 15 marw, nell'Istituto d'Igiene <lella Il. lJniYersità di Roma, avrà luogo i l corso di abilitazione ad ltffìc.iale sanitario per la11reati in J f edioiina e fJll i.rurgia, ed eventualmente per la 11 reati in Vaterinaria cl1e desiderino perfezio1utr si in lgiene. Gli insegnainenti che si impartiranno sono : Epi<len1 io logia, Batteriologi~, Sierologia, Micr-0scopia, i •t{)tozoologia, Parassitologia, Chimica e fisica avp liC-ètte, Igie11c c1€l m1olo e dell 'abitato, Legislazio11e e polizia s.111itaria, Igiene delle carni e legislazione sanib1rL-'1 Yeterinaria. 11 corso ~1rh ~·-0lto 1>re,~a1entemente nelle orP a11tin1e11cliaIH\ ~llYo qualche insegnamento senza (\~t·<.:itftzioni, che sarà ten11to nel pomeriggio. _\ chi nYrÌl freql1eutato regolarmente i l corso '"•rri1, in seguito H i>roYà d'eRO.n1e, rilasciato un <-t!rtificn t.o <leg:li Rtl1<1i f t1tti. fler essere au1u1es~i si <1ovrà fare domn11da (su ca rt:\ bolla tn <la li re l1nn) al Rettore. presentnndo : I )it>1oma () c~rtifi('ato cli laurea ; Fede cli iu1~cita legnliz7..:1U1; Ricevuta cli 11. 250, r ilnsci.nta fl.nll 'l-0.._,.01101110 del!' Uni ' 'euffi ti1 • Inoltre Ai dovrà ve rsn r<' :1 lln cassa dell 'UJ1iyer~~dtà la so111ma <li I.1 . 78,90. oc<·<.i·1·cntt p<'r soprnt.nssn di c~ame, di diplo1nn, per ~1i esercizi di •J,nboratorio, per bollo e inclen niti1. l't~ 1: 1itir:-irc il <liillo111n gli intere~~ftti <loYranIHJ i11 seguito prec;;entRre <101uand.a Sll enrtn hollnta da L. 1,00 e Yersare all<.1 Ca. ~'l Uni,·e1·sitJJ 1·i:l I.1 . . 10,GO. I.<! iscrizioni si ri0evono fino al 14 gennaio, e-cl c~senclo l irnic1 t:o 'il n11n1ero dei po~i disponibili, 1~ n n1n1issioni 8 vranno lnog<> secondo l'<n'Cline cli prese11tazion~ delle domandf>. Coloro C'hf' J)()Rseggono il u1ic-rosco1lio, 00110 1n·c•gnti, 11el )oro intel'PRse, di port~1 rlo, per uw P<\rF3onale. ~1 l 1n·od<.'tto

Corso di perfezionamento i

t

Otorinolaringologia.

11 10 gennaio hVI'à jnizio l1n corso di perfezi()n:11uP11to di Clinie;1 Otorinola ringologica nella R e~in Uni-versità di Nar>oli, co;1 (\~rcitazioni prati<·he e d'in1ostrazione di operazioni. A detto corso lJOssono pre11clere }>arte i la u reati in 1'1edicina e Cl1irurgia, che debbono farne d-0n1anda al Direttore dell 'Istituto di Clinica Otori I!olnringologiea (Ospeclale Gesù e l\furia) entro il µ:iorno 8 gennaio 1921. Il numero degli inscritti è limitato . J;a t..'lssn. cli iscrizione è di I.1 . 200 (·d11ecen to), d a vel'sare a ll'Econo1no dell•a R . Università . Alla fine del corso surà ril~sciato un certificato • com provante la freq11en?J<l ed i l l)l'Ofitt:o.

Istituto di Bibliografi.a medica. :fJ sorto a Napoli un Istituto di Bibliogr.a:fi~ l\1e~ <lic·a , con sede in ' ria Francesco del Giudice, 18. lDsso . si OCCUPèl cli redigere sunti della sta n1pa 1u1~clica q1totidia11a ed estera, di raccogliere biblio~ra:fie Jnonograficne , di eseguire traduzioni i 11te~rali nelle pr1ncipnli li11gue. ·I11via saggi e 11reventiYi a richiesta. Ne s arà -0rga11-0 la «Rivista dell::1 Stam1:m medi1·, \ », pubblicuzio11e me11sile . lùra :-.ientito i l bisogno in Ita lia cli 1111 Istituto • cl< l ge110re, e per i l .s uccesso <l~ J l'·i.n i zi~1ti,Tn fo1·1ual i ·1 111 o i n1ig lio1·i n ugu rt.

<·or8<J.

1

Corso dì perfezionamento in clinica ostetrico-ginecologica. .

Onora11ze ad E11rieo Morselli.

r-;colastico 1920-21 avrà luogo, per i / ,<illl'<' afi in 1lledicina C' Chirurgia, presso la Clinic:n ostetrieo-ginecologi<:a della UuiYersità di Roniu, ~tl Policlinico U111berto I, un Corso di Perfe~(·Jl'nnno

zilHUl iueuto tri.1ne~trale,

in Olin,ioa uste! rico-gi-nc-

<·oloqica. , ~

11 cor8o s'inizierit il 10 gennaio 1921 e saranno i 1n1>n 1·titi i seguenti in. eguan1enti : 10 Confcre1izc <'li 11 i<"hc <li ostetricia e ginecologi<l; 20 Di~gnosti ­ (·a , igiene.. e terapia 10stetric.a e ·g inecologicà; :;,, .MHereitazi <>lli clinicl1e. AJ la fine de l 001~00, qi1elli che l'avranno fr<• -

q ue n tato regolarn1ente e . .Chù a vrarn10 -s uperato la J>r<>va d i esame, ricève-ranno un Divlom~1 di perfezion~tmento in Cli11ica -o~tettico-ginecologica. I•er esFJCrvi am1nesso S'i deve fare dom.nncta su carta bollata da I.1. 1,00 a l Rettore della Il. Università, non più ta ridi del 10 gen·n aio 1921, presen tando : a) Fede di nascita debitamente legalizzata da1 presi<lente <:lel Tribunale; b) Diploma o certificato di la11re~1 in l\lec1icina e Cl1irurgia (anche di UniYerRiiti1 estere); e) Qn ietn11zn cli lire 300 ri1aiscia tn tlal1 'Eco110ID0 (le Ila !{. l T11 i yersi ti1.

}

'

J>romosse cla un C<>n1i tato di coll~gl1i_, a llievi ecl e~tirua tori, i l 10 n0Yen1bre n1rono rese solen11i e cordiali onoranze al i>rof. Enrico .l\lor~elli per fes t ·gginre il XL n11no· di insegna111p11to (lell'illu~tl'e c·n1n1)ione it.:1liano della J)Ricologiil. clell<l neu rolopn tologia, <ll·lla psi eh in tria, 'dell'.n11tro1)ologia. I medici a lienisti e i1enr(>logi conYe11uti ·d a ogni imrte tl'Italièt .al Conypg;no Freuia trico (adllmt tosi ;1 Genova i11 OII)aggio :Il l\f<>rsPlli). medici, allievi cd amici dell'esimio1 .l\1ae8tro, i11 11un1ero di oltre 1111 centinaio, si r i111lirono <t <l l ll1 bnn<·l1etto nel IWlgnifì'Co locale dell' « Olin1p iit1 >>, Fu1·0110· pronunziati i11olti cliscorsi; il 1VI~1 P~tro r i Sl)OS<' ringraziando, e clic11iarò che avrebbe A<'g;nita to <l clnre tutta la sua overa per i fini ~1111~111i d~lht c·oltl.1ra italiana , ;Jve11.do per ooL'l guida il 8<'nti1llf'nto cli Patria, che è la indi.spensabilc bn~e p~1· lo ·~vilnv1)0 civile de ll'Umanità. Al l\lorselli gi11nsero il. sa l11to del ministro Benccletto Croce, òell'ou. A. SJ)ernnw. (c:he a11gurava n 1 festeggiato il roerit..1to la ticlaYio), di Gabriele D'Annunzio, di moltissin1i ~cien7.iati da ogni lJar -


[.\NNO XXVIII, FASC. l ]

lL POLlCLINlCO

38

..ris1Jecchia

logia e il 111ovime11to clell' Associazione. Hi raccom.anda <:l ll'a tte11zione <li tutti gli studio..::;i , tli igiene socia.le.

le del Rcg1H"> e clell'E8tero, con11>rese le loutane .\ruericl1e. t\>1ue rioo1·do <lelle onorànz-e tributategli, Ye1111c ('on~gun to al ~I<>rselli un riec<> artistico dono, ac11u iHt.ct to co11 i>ubblica ~otto ·criz1one e eonsiistc11te i11 n1u1 c·opift })re~evoli~sirna della p~tturu del Rnff~tc>llo: J,a ·lrfar7.onria. elci. oanif.elabri., raccl1iusn i11 eor11ic:c genuirl.èl clcl 1600.

I voti del Congresso nazionale della stumpa periodica non quotidiana. Si è adunato il primo ( 011gresso Nazio11ale clella Sta.111pa perio(lica i1on quoti(lbt1ia di cui hanno tc11uto la presi<.lenza gli onorevoli Sanarelli e M<1rnngo~i ed al quùle 11~111no {1.a.to la loro adesi,o ne i l ini.J1istro ~1i1 t'heli, I1uu1erosi dept1tn ti e oltre druet.:en,Lo riY1ste e giornali no11 quotiùia11i clella veni.sola. 80110 stati a1>vro,·ati vari ordini del giorno: uno, ~ulla forriit'll ra dellrt, carta, col qt1ale si richiaru;1 il Governo <11 suo preciso dovere cli estendere i! suo interessc.1111ento a tutte le forme di giornalisu10 elle sono emanazione di pensiero e di colt11ra; sulle oon.oes."ioni posttJ l egrafonich e e. ferroviarie, col quale si chiede che il Governo non neghi la Sll<l itssistenr.a agli organismi di stampa ai qua li, in condizio11i di minore forzi1 economica, · è affi· tla ta la ini·s~done di integrare e rasAOdare le c-0n1111iste del pen·s iero i1ella scienza e nell'arte, e ~lfl· oontrcitto ài lavoro per la nominn di t1na Coin~ 111is.::.'1one incaricatn. cli redigere uno ~cll~1ua di contr~1tto da sott-Oporre all'approvar.ione ùi un pros:-;i1110 Congresso. I ia Conunis~ion~ è sta t.'1 no1n1nn ta i1elle pe1·sont> 1legli on. senato.re I,Jucchini e l\tlarangoni, avv. Cott1ni, cav. Caimi e signorina ~1arin A. Loschi. 1

' Il Calendario della Croce Rossa. ; A11che pel corre11te anno, la C . R. pubblica il :-.<u c> l ,a lcndiu.rio, ideato per i}1·oct1ra re all'Associazio11<• i1uovi pr<>,·enti e ye1· inteustificare la lotta antitubcr<:olare e curare l'attt1azio11e di altre forn1e di a8sistenza ~auitari<l oocic'lle. J,a 11rcgevole p11bblicuzi-0ne, nonostante le nat11rali difficoltà c11e ogni intrapresa incontra nei s11o·i iuizt, si è subito clan1orosamente affermata, e d~l ~nCC('SSO fi1n fede le richieste, pervenute dai pi1) 1011tnni Pllesi e dalle più eminenti personalità dell 'ltà 1ia e dell'E::1tero. J;'cdizivne è di tre tipi diversi e cioè: tipo proJ1"ga11,da: p lacca in stile trecentesco eo11 pregevole i !lustrazione a colori, blocco a sfogli:1 rc, r,. 8 ; tipo di lusS;o : JJ. 20; tipo d i g ra·n lusso: L. 00. Raranno as8eg11.a te n1edaglie d'oro, d'argento e clii>lotni ~• eolorn che commetteranno, per sè <.> ver aclesi-0ni raccolte, non meno di 500, 100 e 50 <1SPU1J>1ari clel l 1<'llendè1rio. 1

1

Nel giornalismo medico. I Ji\ « l~iYi f'tn cl<. .lle Riviste l\1e<liche >), direttn. d81 i 1rof. ,~jlo i\l;1s~nrotti," pubblica. t1na diligente raR · l:-\<'~1i:1 <l nnliti<'a delle pubblicazioni di medicina, ordina t:t l> \r HJ><\c·ialit~; fa anche !)Osto a trattazio11i :-;i n~tich<' I)('r Jp singole branche. Nel c-01nitato di redazione rnc:<:n~lic valorosi scienziati e clinici.

'fA>tt:i antit11be1·coloR.re » è una pt1bblioozio1H' JllPn1silp tl i 1>rov~tga11<la. l)f!l' I ''igiene e la profila s~i :-iut'iale c-011t1·0 Ja. tubercolosi; viene édita d.a.11' 1\ "::~neiar.ionc Nnzionnle clE>i t11be1·oolotici òi gi1~rrn < :\J il;tllo, vin <lel hl Sig1\or.a , . ) : <:on tiene In Yori o ri· . ~inali l>l'<'g<'\'(>li~s.i1ui di ,·alé11ti C:ltltori (l(l]Ja ti~io- · e<

Il 11ostro collaboratore dott. Paolo Rosea ha avuto la sventi.1ra di pertlere l'amnti~si1uo fratello dott. Carlo, p1in10 assistente d.i ('linica Peclia trica i1ei RR. I~tituti Clinici di perfezion.arne11to d•i l\lilano, rapito ful1uineamf'nfu - np11enn trentndu€'nne - alla scie117..;1, nella ql1:1lc ~'<'ru già affe1111nt.o con i-.'01.iidi, g~ni.a li la vorì b".1,)eri1n('ntfl li e clinici (ci 0rn vamo on·o ra tj (1i -0s11it.a.rnP q11alc:un10 , pregevolis~ i tno, n e lla niostr~t Srzione ì\tle<lica). Al i1ostro alnico, così clt1ramente p.rovato, f.acoin1nC> dal cuore le nostre oondoglinnze. 1

..

Indice alfabetico per materie . J.>a g . . \ t«t t·insi tla gra11n: c:urn. )) . . . .\ lhttlant<\nto e 1nalarièl . \11 ~i 11~1 cli t,ud,,·Le_ in 8oggettu 1nalarico . » 1\n orn1a li : c:onY~gno cll'lla . :1: ocietit Italia)) na µro )) ..\1·g-i1·ina: <.\ffptli snll:t llll1Co~n utetrule ' · )) I ~n ttel'Ìl}fa~i : i )) ('orsi di Jl< rfczioHn n1e11to . . )) J l('Jlll <tli~ <.la <:•\llJH' (.\ t·n1H.10 c1011ax) l >in l>l'lP in-.:ipido: eontrih11 to n Ilo st11clio )) . . . <lcl • )) l >in lx'te nt('l lil o: prt'\ t•nzio11e . . . • 1•'1 <-nia tria : <-.l11g1 <.•...,:--;.•) dPll•l ~ oc:ietù Ib1 lia ll<l cli . . )) • 1nfn11tilisrno tn r<li' n tlell \1tlulto di origine i J)()fÌ "tl 1' i•l • )) •

Tip. Cartiere Centrali.

t

30 30

R 26 10 23 32 6 2 2.

23

-' 9-

Jpp1·Uroidi~u10:

. Pag. 29.

r :1tli1ltl' rn11ia

~lix.etlen1.a

e tlh.;trnfia ncll'<ttlulto ~Iorl>o cli rott: Ol l<..'l'<lZlOU i nncl1i l u~111ti ~efl'ite: ca11se clt>ll'ill<'rtroti~l <A:tl'<li.tc«t e dell '<t11men to dt•lla Jl l'C'f-'::->io11( sn uµ;u igna Operaie: ll1'0tbositlt <1u1·:111t<' l<t guerra . Orccc11ietta de~tl'cl: llHl'<l)i~i; vol:-;o YCll<.>00 relati\TO ~i11clrorue emorr.1gie;1 e tiroidina . . . ~t1c.-co g<Lstri<:o: ùµtpro1inazione d0lla tJepsi141 e <lel l~1b seennclo il 111eto<lo di l\Iichaelis / • "l"ubercolo...t:i: organizz<thion(• c:outro la i11 Francia P 11Pl l~Plgio . \Tngo : esan1i fi.~iei • 1

1

))

))

))

))

)) ))

))

» ))

L. Pozzi, ed. resp.

29 19 17 29

18 29

I} r.)

12

17


ABBONAMENTI CUMULATIVI con il ''Policlinico" pel 1921 Le Malattie del euore e dei Vasi (A 1-:>.1-io V)

periodi co mensile fondato dal prof. F . l\IIARIANI della R. Università di Genova e diretto dal prof. VITTORIO ASCOLI, Clinica Medica di Roma. , Re.dattore .Capo 1J1--of. CESA RE PEZZT. LE J\1ALATTIE OBL CUO~B, al pari di altri periodici simili dell'estero, si occupano esclusivamente di questa speciale parte della medicina interna, che oggi per i nuov i studi fatti ha acquistato una grandissima importanza, e si propongono di diffondere il pensiero e l'opera dei n ostri sommi clinici intorno alla cardiolo1ia, e di tenere nel tempo stesso Informati i medici pratici di tutto il mov imento scientifico internazionale sullo stesso argomento. Ogni fascic olo si compone di 32 pagine di testo distinto in 3 parti : a) lavori originali, lezioni e conferenze ; b) riviste, e raasegne; e) terapia e consigli pratici per i medici e gli stessi ammalati.

Abbonamento annuo a « Le Malattie del Cuore » : per l'Italia, L. 20 - p er l'Estero, franchi 25. Per gli associ~ti al Policlinico: per l' I ta lia, sole L. 15 - per l'Estero, soli franchi 20. _.. Im.portante. I nuovi abbonati del 1921 a ''Le Malattie del Cuore e dei Vasi ,, potranno ottenere l'intera annata del 1920 del periodico stesso per sole L. t O in Italia e per soli Fr. I & se all'Estero.

Rivista di etiniea Vediatriea T.~a

Rivista di Clinica Pediatrica, periodico 1nensile illustrato, si pubblica a Firenze. 11,ondata daj proff. Gi\1sPp1)e M~ra e Luigi Concetti J1el , 1 ~03, n on ha 1nai interrotto le sue pubhliC'azioni, anche nei mo1ne11ti piu difficili dell:t gt1erra. E o ra, diretta dai p r 0ff. CARLO COMBA, G. B. ALLARIA, CARLO FRANCIONI, DANTE PACCHIONI, ordjnari di Clinica, P ediatrica rispetti va1nen te a li"'irenze, Torino, Bologna e Genova. Con fin uando a pubblicare inemorie originali. la Ri'l:i8ta di Cli nica Pecli.atrica nel 1921 darà. speciali cur e alla t·ubrica della rassegna della sta1npa preoccupandosi di foruire a l lettor e una raccolta, per qttanto è possibil e con1ple1a, ili cii'> c-he s i pubblica in Italia ed alL'EqLer{1, i nto rno alle n1a.lat.tie dei bambini. Essa si preoccuperà delle 111tporl a ntissi 1ne qt1estion i social i ch e han n o rapporto coll' i11fanzia e n e terrà informati i s uoi lettor i. :-,.;arit poi corrisposto alle esigenze dei lnedici <'sercent.i inediante la tr attazione di argo1nen ti e la raccolta di noLizi~.

che hauno attine11za più stretta. colla prati ca professio11ale. La RioiRt't di Clinica Ped.iatrioa nel prossimo a.n no 1n auterrà la sua elegante e 11itida v este tipog1·afica ed a ume11leru. nei liiniti del possibile il num er o delle sue pagine.

Abhona111ento ann110 pel 1921 alla "Rivista cli Clini ca Pediatrica,, : per l' Italia L. 30 - pe r J'l1:stnro l.J. 50. l->er gli associati al "Policljnico,, : per l'Italia sole L.27 - perl'EsterosoleL. 45.

Giornale Italiano delle Malattie Veneree e della Velie i l piu fllltiC'o iu. rio<tico della sperialità in Italia ed all'Estero, fondato da l Dott.. Cav. G. B. Sor esina nel 1866, pubbl ic-ato dal Dott...\1nhrogio Herli:trelli co11 Ja collabor:izione di tt1tt.i i profeHso1· i delle Cliniche Dermosifilopatiche italia11e. Ri 11ubbl ica ogni dLte rn ~s i, in sei ragguardeV'Oli fascicoli annuali, ricca1ne11te illustrati, e r accoglie l 'attività C'he si svolge in I talia ed all'Estero nel ca1npo dell a Dern1osifi lopat.ica con la p ubblicazion e sia di lavori orig inali che di nu1nerose, selezionatie r ecen s ioni. Pubblica altresi gli atti della Società Ital iana di Der1natologia e di ~ifilo­ grafìa. È l'unir·o periodico della specialità i11 Italia. Abbonamento annuo pel 1921: per l'Ita lia L. 50; per l' Estero Fr. 70 (oro). Per gli associati al "Policlinico,,: per l'Italia sole L. lJ5; per l' Este ro soli Fr. &5. 1

1\nnali d'Igiene Periodico me11s ile diretto dal prof. sen. G1usEPPE SANAREr.r.r, de lla R. Un i ve1·sità di R o1na. Accoglie 1ne1no1·ie originali, studi riassuntiv i, questio11i del gio r no; una copjosa r 11brica di recens ioni ris pecchia tutto il m ovimento igie1tico internazional e; i·eca in forinazion i di legislazione, a1n m i11i s traz io11c e gi urispr ndenza san i tar ia e notizi e vari e. E' ricca1nente corr edato di tavole. Aòbona1nento annt10: Italia L. rie ; Estero Fr. &C . Per gli associati al" J>oliclin ico,,: Italia L . 36 ; Ester o 1•'r. 55 . Ai medici condotti, assoc-iati al "Policlinico,,, gli "Annali d'Ig iene ,, sono oft"erti al prezzo di ecc-ezion al e favore di L. 30 ; ma per ottenerP ciò essi dnvra11no rivolgersi esclusivamente a lla n ostTa Amministr azione, in via Sistina, l!J. A tutti i nuovi abbonati verranno inandati in dono i · due s upplementi: Sen. B. GRASSI e P rof. l\iJ. SEI.iLA - Il " Relazione clellrt lotta antimalarica a Fiu-niicino (grosso volume in-8 d i pagine v111-314, con 12 tavol e e con figure i11tei-calate nel testo); Prof. C. FERMI - Sugli ano.fel1 e snlla ma la-r·ia in rel('(zione ai risananienti antiano.felo-rn.alarici (ltn op. in-8 di pagine 157).

La etiniea 0stetrica

C<i vista mensile illustrata di ostetricia. ginecologia e pediatria, per i roeòìcj prati ci, diretta dal prof. F ELICE LA ToitH.E, della R. U11iversità di Ro1na. • Abbonamento ap.n uo: Jta1ia L. 20, Estero Fr. 25. • Per gli associati a1 "Policlinico,, : Ttalia TJ. 16, Estero Fr. 20. Per ottenere quanto sopra i11viare Cartolina-Vaglia esclusivamente al Cav. J,UJGI POZZI - Vill Sistina~ 1-1 - ROMA


Fase. 1

Anno XXVID

A

. •

SEMl..-PREMIO esclusivo pei soli abbonati al " Policlinico " d.01 :192:1.

~IN

CORSO DI STAMPA: Dott. Cav. Uff.

ALBBR1'0 V100

(DOCJTOll JUSTITl.il)

La legislazione sanitaria in rapporto all'esercizio professionale

Questa pubblicazione coln1a u na lacuna vjva111ente sentita e corrisponde a un desiderio più \rolte 111anifestatoci da.1Ja classe l11edica, poich è illustra, commenta e co1nP,endia t11tta la vasta giurisprudenza e Je leggi cl1e si i·iferiscono a11·eser cizio professionale. ln essa ve11gono risolute molte questioni che diuturnam ente si manifestano fra i professionisti e le pubbliche a111ministrazioni, essendosi tenuto conto dei molteplici e svariati quesiti che vengono proposti per la Jegale soluzione dalla generalità di colorn che esercitano. [] n1anuale, cl1e sarà pronto tra bre\re, /r iitsoi1·ù, pe1~tanto prezio ·~o a tictti i 11iedioi. N.B. - Gli alti prezzi clella ca1·ta ai obbligario et li111,ita1"e lei ti,ratzt,1·a cli questo nia·r iuale, pe1· qita1ito di tct,1ita i1npo1·ta11za, al 1iu1Jtero di copie 1ieaessa1·io per le sole richieste dei

=

o 1 @

nostri abbonati. Gonsiglianio qui1idi oo lo1"0 olie 'Jllo1i ne voglio·rio resta1"e pt·ivi di man({(t J'O i subito la pt·e1iotazio1ie d'acquisto, insie11ie al prezzo cl'abbo11aniento pel 1921 <t1'1'e rte1trlo ohe, unicamente per le richieste che ci perverranno prima del 31 corrente, il uoliin1e ter rà, cecl11,to AL PUR.O PR.EZZO QI COS'rO. 1

1

_... D'IMMINENTE PUBBLICAZIONE:

'

,

Dott~ 111 ..\ RIO FL.~lllCWI )ledico i1el l~rPf'ot1·ofio ~rov i ncial~. già assistiente a ll a R. Clinica Pedi atrira d ell'Università di

Direttore

d~lla

Roma

Scu ola di Assistenza all' l nfan.zia

Manuale di Pediatria Pratica (Seconda edizione)

.

I

\ olu1ne di ol tre 350 pagi ne, in-1 6 g ran de, corredato di una es tesa POSOLOGIA INFANTILE e ron 74 figure inter calate nel testo. - Sar à posto in 001nmercio al prezzo di L. 18; ma agli associatj a l "Policlinico,, che aggiun geranno sole

ar L. :1.2.sc) - .

all' i tnporto del loro abbo1Jam ento pel 1921, il volume verrà loro inviato franco di porto e racco111andato. ~. 11. - SI avve1•te t'ltt.~ •111este speciali a~el'olczze ••cste1•anno In vl:;o1•e soltanto sl110 al 31 co1•1•e11tc e clic 11011 sa1•anno p1•01•o#;ate pe1· ness11na ragione.

Recentisslnia pubblicazione :

l

Prof. RINALDO ~IARCHESINI docente d' lstolog·ia e di Tecnica microscopica nel1a R. Università di Roma.

~f)MVEND ·lf) DI EM1\ TeLeGI1\ ad uso dei medici pratici e degli studenti con prefazione del prof. '11TTORIO ASCOLI · •E: un ria~sunto delle. attuali cognizioni riferentesi al sangue normale e patologico, con tavole sinotti che che chiariscono la d?n vazaone, 1 rappo~i, ~ va lore dei diversi elementi del sangue. Vi sono inoltre tracciate le varie malattie del sangue - le d1vE'rse fo~n1e para~s1tar1e - le proprietà dei sieri, con la t ecnica appropriata per la ricerca di t utto ciò che' si può presentare di patologico nel siero e nei corpuscolL sanguigni. L"n pic~olo .Yocab?lario_ ematologico fa. seguito al lavoro, con ri chiami nel testo, che facilita il ricordo e la significazione dei n.umeros1 e .vari nomi dat1 alle cell~le del sangue, nei vari stadi di matu razione e di alterazione patologica, facendo rilevare la sinonimia di una. stessa. cellula, des1gnata variamente a seconda dei vari Autori. Due tavole illustrative mostrano le varie forme cellulari che possono far parte di un reperto sang uigno e le forme di alternzionti1 pntologlca rhe vi si possono riscontrare. Quest'op.era, e.be ì1 chiaro Autore ha preparato esclusivamente per i nostri abbona.ti, riuscirà indiscutibilrI)ente di grande ,·untogg10 sia. aglt etuùenti che ai meùici pratici. Un volume ln-16 grande, di cir ca 200 pagine, con 74 figure e relative spiegazioni, su due doppie tavole in fototipia .

In commertio L. 10 - Per ~li associati al POLICLINICO sole L. 7.GO, franco di porto e raccomandato.

Indirizzare Vaglia Bancari e Cartoline-Vaglia sempre al nome del Cav. LUIGI POZZI . . Vi& Sistina, 14 - ROMA

Cj

Q

a

z


Roma, 10 Gennaio 1921

ANNO XXVIII

Fase. 2 ·

'

fondato <lai professori ':

GUIDO BACCELLI - - FRANCESCO DURANTE SEZIONE PRATICA •

REDATTORE CAPO: · ] 'ROF.

VITTORIO ASCOLI

SOMMARIO. Lavori originali: L. Luridiana: Valore comparativo dell • intradermoreazione con altri metodi biologici usati per la diagnosi di echinococcosi. No&e e wntrlbutt: V. Pleth : L ' uso dell'alcool propilico e delle soluzioni propiliche di alcune sostanze coloranti nella tera pi a chirurgica. Ossenadonl dlnlebe: E. Cavazza: Sulla gastroptosi. Osserva1ioni radiologiche e terapia. Igiene: ~I. Gioseffi: Per una più intensa vaccinazione jenne· riana delle popolazioni rurali. Sond e r&B1erne: hiEDICINA : A. Cantani: Sul valore delle reazioni tubercolioiche per la prognosi ed il giudizio di stato Jelle lesioni tubercolari. - NEUROLOGIA: D. Orr: 11 si mpatico ed il sistema nervoso Ct!ntrale nelle psiconeurosi. - CHI· JL URGJ~ • D. Eisendrath: Recenti progressi nella chirurgia ùel rene e dell'uretere. C:ennl blbllograftd.

Accadem.le, Sodetà mediche, Congressi : XI Congresso della Società. Italiana di Ortoi>edia. - R . Accademia ~fedica di Roma. Società. Medico-Chirurgica. di P a,·ia. A••nnd di medldna pratica: CASISTICA E TERAPIA: Contrib uto alla clinica degli aneurismi delle arterie epatica e lienale - .'-\neurisma embolico delle arterie periferiche nell 'endocardite ulceros a - Il trattamento medico dell ' aneurisma Aortite sifilitica eredit aria - Le trombosi venos~ delle fle- . biti da sforzo. - NOTE DI MEDICINA SCIENTIFICA: Esame istologico dei centri nervosi in un c aso di corea acuta di Sydenha.m . - POSTA DEGLI ABBONATI. - , - ARIA . Nella vita professionale : L. Verney : Congressi - Cronaca del movimento professionale. - Amministrazione sanitaria . .:.Servizi sanitari. - Risposte a quesiti e a domande . - Concorsi. - Albo d'oro. - Parole di gr atitudine. Notizie diverse. Indice alfabetico per materie.

'

Diritti di ,,o,rte&à rlsena&I. - E vietata la riproduzione di la'Vori puhbUcati nel POLICLINIOO e la pubbUcazione di sunti di eR8i senza citarne la fonte.

Memento•

Quei pochi associati che per economizzare Ciempo e spese postali riman- - - - - - - - · darono il versamento della quota integrativa dovuta pel loro abbonamento del testè trascorso 1920- al momento del pagamento dell'importo pel 1921, sono caldamente pregati di volersene ora rammentare. La misura della snddetta quota arretrata è : Di L. 8 per l'Italia e Fr. ., L. 12 ,, Fr. ,, L. 12 ,, Fr. ,, L. 15 ,, Fr.

10 per l'estero per ehi ricevette la sola Sezione Pratica. 15 " ,, ,, le Sezioni Pratica e Medica. 16 ,, ,, . ,, ,, ,, e Chirurgica. 20 ,, ,, ,, ,, ,, Medica e Chirurgica.

L'AMllllNISTRAZIONE • •

LAVORI ORIGl.NA·LI. lsHtuto di Clinica e Patologia Medica della R. Università di Sassari •

di·r etto nal proif. C.

~IORESCHI.

Valore comparativo dell' intradermoreazione con altri metodi biologici usati per Ja diagnosi di echinococcosi. Dott. P.

L l ' RIDIANA,

a&5istente.

..\ complemento di ialcune ri·oe:nche ·Sufila intrader1n~·reazione nelle echinoc.occosi pubblicate in questo giornal.e ·ed i·n v-ista d1e~la utilità pratica di questo meto·d10 biologico credo opportuno di 11.feririe n1tov·e i1ndagini ,s ullo stesso metodo com,arativamente ,studiato , con altre r.eazioni. Il metodo, ove si seguano l·e norm.e date <Lal Ca·soni, nCYn offre d11b·b i 1sul1a .s ua val11tazione : è facile, ~nfatti, discernere 1a vera reazJone anafilattica dalla reazione fuga oe dovt1ta al·l'azione inr·itante ·Cl1el liq•llid·o. ,

La I'eazion e, se h a valore aissolu to 1·iguard.o alla 5\l)ecificità a ltretta·nto non può dirsi n ei rapp orti d1ell.a sua costanza. Inrfatti il Casoni La \·ide mancava in un oaiso certo ,di echinococco, e ne ·spi1egò l' assenza per uno stato di antianafila,ssi; il Gasbam--ini ebbe lo stesso risultato in un ecllin ococco supptl.rato, ed un caso simi1e re1giistrai i.o nella mi a precedente nota. In qu·esta illu1str ai pure t111 aìltro ca,s o di echi_ nococ oo con reazion·e negativa, che cercai sp•iegane, sttlle orme del \t\'ieinberg, per le partiooLa·r i con·dizioni ania tomi che della parr ete ctstica, che im1p·e.diva l'aJssorbi111ento ,del liquido idati-deo, pnùmo ed indis·p ensabille elemento per l'esito della reazione. Pietravalle recein temiente la trovò positi\·a 5 v1olte su 6 ·casi, mentre trovò po1sitiva costantem~nte la deviazione del comp1e1111ento, per la quale consiglia di dosaPe pl'eventiyamente il cloruro ·d·ell'anti,gierne .e aggittngerne se è in di-


1L POLICLl~ICO

42

fetto, 011de ,impedire che la carsa co11centrétzione molecolare favori·s ca l'e111oli·s i. Pe1· q11este considerazilQni mi lJroposi cli stud i8 r e t}U esto metodo parail~elam e11 te a }'.)a re echi altri meta.di bioJiogi·ci già i'll tltso nella dia.gnosd. di ecbinococcosi: la precipitoreazio11e, la devia_ zio11e d el comlpemento, J',eosr.i.n.ofilia.

l

Il \ \ ' ei11be·,·g 11a ce1l'Cét to di spiega re l 'a ...~e11zcl cl,e gli ,anticorpi in cJrcolo ed ha potuto dimostrare cl1e l a vera cau sa talora riis·i·e·d·e: a) 111 particolari condizioni della parete cistica, i:>erm·eabile p er certe sostar1ze, imp·e·r m e,l_ ' 11ile p eir altre. Cita il C•aso di Gl1edini, che dimos trò la pre·se11za di tifo-agglt1linine nel liqiuido cist1ic.o di un i11divi dt10 affetto da echin ococ.oo € i11tfettatosi 1cli tifo, mentre Trotsier n0rn 1'.)-0tè dimostrare le stesse siolstanzie nel li• quid,o cistico di un iJn.di\'iduo a ffe t to da echino• cocco con effi()Cultura e \\ i1d,al positiv,a, nè antic1o·r p.i d evianti iù complemento ne1 1s ie1ro di ·Sa11gue. l> ) 111 lino .sca1'1Slo assorbim·e\11 to di am ti ge11e (cristi n.ei p.rimi sJta,dj•i d1eliio svii.u i)1po). Infatti .sie·ri di individl1i ilffetti da ·e·chinococco che r ea gi.r·on o i1e1gati va1nente prima d enl '.operaz 1io~ n e, died·ero u11a 1·eazior1e chiaramente positiva 6-10 giorni dopo, ie ciò t1l1tt.e le ' ' olte che, per r10·11 ,essere .stata a spo ri ftt a 1completamente la c~tsti, l}iù facili 'P Otero11,o di vei1tare i rwppo·r ti fr a questa e org·a.nisrno, e l)iù forte l'as.s·orbirn ent:> d ·ari tig·e111e. ::.\'l e11tr.o l a reazio111e, n ega ti va p.r ima, 1o era .an.cora dap·o l'ope1~azio11e n ei casi in cui la ci1sti fu elin1:ina.ta con1pletam·ente. e) N·ella sciQmp a rsa del pot ere anti.gene. Si ha spesso nelle forme sup-pt1rate. Resta .cìlas,s ico il caso di .P utzu , rhe n on potè trovar.e anticorpi nel ·siero, nè prima n è dopo l'operazione, che non portò a ll "e!lll..1cl1e::tz ione del]~ cisti. L e form·e suppurate però d a uno s rle·s si1ssimo d1~l l e 1r.eazioni l)Osi.tii,,e. I l \\. ei nil)erg opina che · l a ~ ltp.purazio·n e jin qtJ &sti cas1i è avven1.1 ta tardiva n1ent e, e cioè dopo cl1e er n110 stati fa])bricati in g r an q11antità g li a.nti corpi. Recentemente altri .u .11t.01'i l1 a 1111 0 illustrato r asi con Peazione nega.ti-va. A11che questo n1.etoc1o qittin·ili non ha v a lo·r e a.s.solt1to e la tecnica non è certamente sempli ce. 1

La }Jreci·p itorearion·e, fa llita c?mplietamenit e nelle m ia ni di chi, primo fra tutti, l'applicò .all'echinocooco (J.oest), el·ev.ata a p o·r tata ve<r.an1ente pratica i;>er . opera di Fleig e Liisbo•nne, di We1cks e Kapm·ann, dj·ede risultati s·con.fo1r1anti con altri .autori (Gherardlini, Bettenkourt, Bernabei), più incoraggi;anti con Pt1ntoni, I srael, Maramon, De Gaeta1J110, Abbadie. Putzu ebbe risultati anoo,r più favorevoli , ma notò c1u a lche reazione aspecifica. Dall'ampia statistica del 'Veir1b•e1r.g (166 C[l.Si) rjsulta che la ·r eazionie è pos itiva solo nel 30-35 ~b ; che la con1·p arsa delle priecipitine nel siero degli infermi n1on ha rap1)orto a.1cuno co11 la grar1dezza della ctsti. Nell e f orme t3Uppu1~ate talora è positiva, talo:ra neg·ativa. Il m etodo quindi non è costant1e, nè 1.Spec.ifìco. Cile non dia troppo affid amento .l o d1mostrano le 1nodificazioni appc'rtate da va-ri autot~i, n-1<"' dificazioni riguardunt.i sopratutto il q11 a ri.t.Jtativo di antigene d.a u.sar.e ( l~qruJ do er hinoc·Jccico)• : a) Fleig e Lisbonne a 2 c111·c. di liqt1ido idatide10 aigigiungono 12 goc-ci1e ·di ,s.i ero e tengo110 le -provette a 40°-42° per parecçhie ore; b) \Velks e Kn.pm·ann a 0.7 rfli liQ'u iclo aggi t111 go.no 12 goocii-e di siero e 1ascian ·o 1e p.r o,·ette a temperatura ambi.ente; · e) \Veinh·eirg co.c;tar1te·mente a · 1 em e. di J.i quLdo aggill1n.g e 1 d.i. si.ero, in l1na pro\ etta; in 1111'altra, a 1 di antigene, lh di siero: le mette c1ue o·r e i!n termois tato e p oi. ta te1n ·p ·er.atura am_ ])iente; rl. ) Pcf•eiJ,er llSa la reazion,e zo11ale; al contatto de[ si·eir o e antigene Sii fo1r1na t1n a nellinio 11 i·::Fn castro. ~on è quimdi <la ·escl11der si ch·e la di,sco·rdanza clei reperti s i.a dovt1ta alle difficoltà che si li.ncontrano nel titolaire l' antigene, oc-a:pv1~esentato i11 J'.)rima 1imea dal liq.u ido echin.o.coccioo (g.Ji r tratti .alcoolici si son,o dim o~tr.ati più inco$t a nti) poiiohè l'efficacia varia d·a liquido a liql1i,do. 1

1

l~<t

deviazione d el complem e11to applicata alla ii cerca di anticorpi n ell' echinococco cla Ghecli11i, e resa pratica dal Weinberg, <:l ied.e r1sulta tj !)jù sic11ri del n1 et-0do prece doot·e. ::\lea11che 1i11cst o m·etodo però è costante. Dalla stati,s ti.ca del \\' ei nberg (306 ca i) ~i 1ileva ch e è negativo nel 17-1~ ~, dei r:l.-.i.

1

L' eosti11.ofì1lia, alQa .qu.a.le ·1&i voll1e .dare \1.al ore pfLlogno111onjco, si ha come 1 eperto in molte f orme pai1,assita.r i·e e talora fa difetto. •. \\ 1 val·ora la diag11o·si se il suo reperto coinci·d e co11 altri metodi biologici. 1

1

La reazio11e m eiostag1111ìcét dell,Asicoli se diede risultati favorevoli per opera di Izar, BI"ugn,o telli, fu tro.v a ta molto in.c}ostante dal \\ · e-i11b er g , che i1on l a potè ottenere mai con liquido echLnococoico, cl1e, se·tondo q ues t'autore, rimane finona [ 'antigene !)iù efficace. L a reazione di Abderhal d€10, applicata favorevolm ente d1al G i.a11.i e sfa "oiievolmete d1al , P e·c:; r i , ba bi1sogno di t1.lteriore conf ern1a. >Jelle ini e r] cfl· cl1e, rin (;:c iti Yn11i i tentativi nel' o tte11e e 1 ~ 1 tst entt o n.l l'oo l!ro co - ta11te e1l 1

t

l {

1

I I

1


, (_.<\NNO

XX\"Ill, :b'ASC. 2]

SEZ I O~TE

efficace (dal liqt1ido cl1sse.c.oato e dalle me111bra11e). ho usato il liquido echinococcico di pe cora -0 «ìi bue prel.eYato di fresco, sag.griando11e volta per volta iJl potere anticompleme11tare. l\Ii o,n .o atten.11to alle i10Pme d·el ,,.. einberg u, sando come do.se massima di siero 0.3-0.4. Nei ri·gnardi d·ella prec·i pi.to·reazion1e ho eseguito sem·p re i metod•i esposti. Per i 1si·eri .i n esame fu1'011n pratica t e Je re 1a~ zio111i di Wasse.rm·ann, Sacl1 ~-Georgi e ì\Iei11iick·e, che si mostrairono negative. .

-:...=

~

o

·e Il) o

q)

""':...C'd

- •••

~

Cl

1.

l-~c h1 ooc.

2,5 %

ft'gato

q)

Q

.-.>

·-......c..

.,..o N

·->

(J G)

C'd

'-

~

es)

A

....oo '-

~

Q

o

u

.

+++ ++

±

operaz.

2.

- -

-

~

3.

17 %

milza

»

milza

})

49

%

,,

G.6 %

fegato

5.

I>

8.

»

2.2 %

fegato

»

7.

3.0 % -

polm .

l!)

H.

-

polm. !iUppur.

1.9

fegato suppur.

1.7 %

+++ ++

+

puntura liq. vres. uncini

++

o

opcraz.

++ + ---o +

o

operaz.

o

+++

- -o

vuntura liq. pres. uncini

o

es. radio· scopi a

o

+

o

operaz.

o

++

-+

operaz.

+

opera.z.

++

- -

-

\!.

I>

multipl. fegato

10.

~o

-

-

1.6 %

l

-- =

in due d•e.i qt1ali (ciis ti su 111)u·rat e) u11a a11am11resi accurata rilevò che i1011 .appena gl' i nfermi a vvertirono i !)rimi di Sitt11rbi, ·c omp a ~v·er.o accessi febbrili, d11.rati a 111ngo, co11tro i quali flt compiJ.etame11te jnefficace la cu1·a chi1un.i ca. Pllò cl arsi q11in·cli cl1e q;ià p1rima eh.e si fo·r m a ~ e ro gli a 11tricotipi a11.a.fìlattici, la cisti p•erdei&se ill s u o p ctl 2r e .a11tigen·e. Infatti m.ai in. 1questi individt1 i, 20-30 giorni dopo l'operazione (11on fu potl1ta fare l'enuoleazione cistica), si potè otteniere con vari liquidi la reazione anafilatti ca. Di dii.f.ficile inte1·pretazione è l1a mancata re1azio.n1e ne] 3° ca.so (tre vo·l.t1minose ciisti al fega.toJ du e limpi1d•e e un1a tinta da pigme11ti biliaricri) . Qui u,on p.os siamo invoca1'e cau ._e i11.eirenti La ')a r ete cis.t ica c. he impeclissero l' a.ssorbimen to del liqt1ido idatideo, !)ercl1è le pareti erano esili . . s~m e, poi per il fatto ·Cl1e 1 intrad ermo11e.azione fu semprè n egativa, ·dopo tre interventi O))eratori, nel q11a1 ca-so si era.n o create le migliori condizioni per la reazione anafilattica. Non po1Ssiamo invocare la scompa.r sa della propri età antigene, rna11ca1lclo ogl'li tracicia di 11ppurazione. Pll ò darsi inve.c·e c:h e u·n e·coess.iv 0· assoir bii mento .di a11tjgea1e abbia clan11eg~gia.t o talme·n te l'organismo da ge11e ra re un o s.ta.t,o .anti1analfìl1attico (Besredka). Infatti il sog·.g eito sofferente da molto tempo si presentò a i1oi i11 condizdoni di gravissimo de')erim·e nt o, in piena ca;chessia, e, pe·r djrla col Tes ti, in t1n vero stato « ti si idatidea n. 1

o

+

I I I I

+++ 1++

1

1

CONCLl:DENOO :

-I

6.5 %

r ene

43

1

~

4.

PRATICA

operaz .

-

1 ca,si esam hnati ~o n o dieci, dei quali sette uere1iati a ll'atto operatorio, due con la p11·nt11ra es1)lorativa (liquido limpido e presenza di llncini), ·Uno contt1o ll<1t.o ·con la T1adi0:sco1).ia. Co1ne si rileva dall 'unita tabella, in cinque ca,si (dru.e del fegato, clu·e de1'1a milza, uno clel r ene) l 'intl'la,dermo co11c01rda rposi tivamente co11 la d·eviazi<>n e d·el con1ple:rr11ento; 1degli altri ·cinque, du1e (l1n echinococco 11olmonar.e ed l1110 del fegato ) diedero l'intradermoreazion.e po.sitiva, ris";)ettivan1ente + e + + +, mentre negativa era La deviazion e del complemento; tre (due echjnococçhi s11pp11rati ed uno non 1Sll1pp11rato) presentavano positiva Ja deviazione del compl1em ento (rispettivamente + , + +, +) e negativa Ja intradermoreazione. 1

1° I m eio·d i bi-0logi·ci che dan110 in igJiore af-

fidame·n io nella dia gnoisd cli echj•11o·c.occo·s i soin o la d1eviavi·one del co111plem-ento e l'intradermoreazio11e, in <:t nessuno di q1 l~sti. è costante1nente positivo•; 2° I due n1e1todd. p1osson o con1'11,eil1sarsi a vicenda: dai mi ei ca si risl1lta che ove l 'uno fu n ega tiv.o, .l 'alttro fu pOlsitivo; 3° L'i•n tra1cle1·moreazian.e :~i pres11me possa n1an.care: a ) per iID!)edit-0 a1s.s,orl)ime1 11 t 10 ii a•11tige11Je (cau se in erent.i la pa1,ete cistica); b) p·er scomuarsa dell a IJT0!11rietà antigene (.su })P uir azi on ,e e.i stie a) ; e) per e.cces1, ivo a~·s·orb i1111ento d.i antig·ene (staio antia11afiJattico 1

1

1

1 )

.

1

La priercipito.r eazione positiva in due casi a sce:~en1e 1 a11 e adtre du.e; in .un altro caso ru~sd.eme al1a deviazi,one 1deil .comp1ement-O; in dt1e clutbbii·a e ne.gatiJva nel resto. L'intPaderrtrn101reazi1one f11 n egativa in 3 casd, 1

BIBLIOGR.i\FIA. :B" olia cl i11i ca, cl1i11L e n1icro. c-0p., 1902, V·Ol. IV, fase. III. GASDARRINI. Policljni1CO. 1919, !'l. 12, Sez. l\iie dica. TESTI e ZOLI . Ri,1ista C1 r itica di clinica medi10a, 191'9, n. 51. 1 \ \ ErNBERG. H a11dbu.ch der 11athog. :\Iicrorg. , in Kolle-'''a ssern1an11, Bd. , .III. C :\ SONI.

1


11~

POLICLIKICO

[,...\NNO XX VIII, F ASC. 2]

Pt Tzu. J3iochin1. e tera1). s peiriment., 1909, fa- ftcie è molto bassa, e se è dilt1ito con acqt1a scicolo 9. detta te.nsion.e viene grandemente ridotta. TutRiGrrEnl'\ 1. l;azz. Os1)erl. e Clir1icl1e, 1906. te le ql1estioni .di ·osmooi e di na.I'lcosi dipendono f0Yn1a merliea , 1910. da questa tensione i11 1superfìcie, la quale viene P1 rNTONC. ·Boll eittino Scienze m·ediche, 1910. calcolata .a mezz o del comun·e stalagmometro. BR CGNATEL LI . P a thologi.ca, 1910, D. 13. AcHARD e LA GBRY. Compt•es R. Soc. Biol., 1901. (Può t1sar.si tanto lo stalagmometro di Traube, Asl:OLI ~[ ~\li.ln ch. ined. \Voch .. 1910. CHAttFFARo-Bo101N-LAROCHE. Com1)tes R. S. B., qt1anto quel.Io di Amann). Se la tensione del1'.alcool propilico in acqua (1 ,a 3) è uguale .a 1909. - Société 1nécl. cle.s I-lò1)., 1907. ' FLElG, Li1sbo11ne. Com1)tes R. S. B., 1907 e 1908. 0.4 , all1o·r a lo .s talaigmomeitro con questa 1solru- R cvu e m ~cli cale, 1909. zione rende 2M> 1gooce di alcool propilico al DE GAETANI. Riforma medica. anno 26, n. 39. 25 %, a 15° C.,, eC1c. eoc.. IZAR. Munchen. mediz. \\"' ocl1., 1910. Cz apek ha 1dimostrato che per un certo nuìVIE!VJl\[f. Rivi . ta critica clinica ~n eclirca, 1901. P ALAZZO. Ga.zzelta internaz . del la in edie.,. 1901. m el'o cli sostanze la tensione in su.pe:rficie deve TROISIER. Con1'J)t. R. S. B., 1909. ZAPELLONI e RTCCIUTTI. Biochi1nica e te ra1). S}>e- essere di 0.68 perchè esse possano penetrare J1ell'int.eT110 d'el1a cel'lt1la vivente ed ucciderla. rjmentaLe, anno 2°. · ' '"El SR e. KAPl\I ANN. I .aneet, 1909. La tensione in superfi cie degli eritrociti è. di , ZAPELLONI. P olicl. , Sez. Chirurgia, 7, ', D, 10, 11. ' circa 0.6; de.Ile cellu1e d.i ferme11ti di circa. 0.5, PIETRAV.\LLE. Il ~fondo :.\Iecùico' g•it1g·110 1920. GIANI. Cit.ato in Ri,~i,sta oriti1C.~a di cl.inica ine- e Qhriistiansen calcola q11ella dei baJtteri in circa 0.4 e de.Ile spore in circa 0 .3. dica, 1919, 'Il. 51. PESCI, citato con1e sopra. La tensione in superfi cie deve essere acc11ra- ' tam ente stu.diata quando si abbiiano .a praticar e iniezioni intrave.n oise. La cifra b.&ssa, di 0.3, NOTE E .CONTRIBUTI.' spiega perc:hè 1 ahcool no n uccide le spo,r e anche do1)0 un azio[}e ptoJ11ngata. Ampie ricerche L'11so dell'alcool propilico e delle soluzi9ni Sltlla tensione in s111)erfi rie sono state fatte da . \ propiliche di alcune sostanze coloranti nella D11cleaux , Tr.aube, Kil'ch, Ram.say e Christia11se11: tera pia chirurgica. \ \ · irg·in co.n clt1de che l ' a-Icoo l l)l'Opilico è quelV. PLETH, _I\.. B ., Pli. B. :.\I. D. ~ c~11?ita n n :\I. C., lo che agisce più profonda1nente e che nessuna l '. S. A. ), ..)onora, C ali.forni a . spee;ie di alcool, se assoluto, esercita azione . L 'azione clisidrata11 te delr alcool in ge11era le disin.f etta nte su .d i· un cor!)o ~ecco. Christi.a11sen è co11osciuta da ll111go tempo. E i1oto infatti cl1e 11a dimostrato che .a 25·!> C. il tempo impiegato l'alcool della dif't illazio.ne clel leg110 (111etilico) i1er la disinfezione è di m·ezzo minuto, con -una . si ro1nbina co111 rlu e 1nolecole . d 'acqua; c11e l'al- te.n sione di st1perfici,e cli 0,45 per J',aJcoo.J meticoo l elci fru1ne11to (et ili·CO) si con1bi11a cor1 qun t- ltco; Q.4·3 l)er l'alcool ·etilico (l'a1cetone ha 0.42) . tro; il l)l'Ol)ili co, co11 otto; il bt1tili co, co11 sedici; Di tutti gli al,c ool .solftrn ente il propilico eser- · l 'an1i li co, co11 t re11tacl11e , ecc . Fi110 .a d oggi . olo ci ta azi.one dfsinfettante a lla te;rnperatura di l'al cool et ili co è stato 11sato nella tecnica chi- 0°, in clilt1izione dal 30 % .al 100 %. Come si è. 1 llrgi C' a e J)ri11 c i1)a11n1e 11t f.:~ c01I11e cli•s infeftante <!el{letto l)i\1 Sll , l' alcool u c'cide i batteiri solamente le r11a ni (..\l1lfelcl). L a sua pro1)rietà di preci pial lo stato umido. Sotto u11'adatta tensione cli • ta1 e ralbumb11a è ben n ota e Beyer cr ede che ... uperficie l' alcool pe11etra nel corpo del br.. ttela ~1 1 a azio11'e terapel1tica si fondi su questa r io ed ait1 tato dall a i1resenza di sali nel proto})t·o prietù ve 11efìt ·n , la q11aJe è controbila11ciata pla.s1na, lo precipita; ina nello stesso tempo r .altlalla })t'Ol)t·ietà igr o, r·o1)ica del l' a lcool. l,a l)l'ecoo l sottrae l'acqua d.al protoplasma, fa.tto cipiln.zione dei l)l'Odotti all.n 1111i11oidi per azio11e Cjllest.o che pt1ò s alvàr la vita ·del batterio. Che llel l' a lcool di1) e11Jde dalla. IYrec;;enza di sa li (Fi- l'a lcool propili co ll cr ida a.niche alla temperatucl1 er), P qua.11rl o l'al rool a g ic:re $.lli })n.tterì .(in r a di 0°, signifi.ca cl1 e l'azione d ' assorbimento 1111 r11 ez7o HL'L!UO, o) e'"',o r1 rocln ce t1na i>rec.; i1)icl elr.a.cq11a si estrin~cra così rapidamente da tazion e dell a loro albt1mina e così li '\.1ccicle. op raffare quella .p rotettiva. La precipitazione ' Gli e~1) c ri1l1e11ti l1a11 di1no tra to cl1e l ' alcoo I del protoplasma n ei l1a tteri di1)ende, come già i1rOJl ili co a l 16 '"',, uc cid e i })atterì lJiù l) r e~t o cl1e si è detto, clal:la qua11tit à e.li ~a li cl1e esso co11l'alcoo l et ili co al 21 ~o o l' alcool metilico é.ll ti e11 e, Jn a 1\r use h a ùi r110 tra to cl1e quello delle :..,:? '\) : 111n ,.i è lt11 a ltro fattore che dete1n1inn spore è po,·e ro di ... a J i: ecco p er rh è l'alcool non il l)Ot.eJ'e ::t~·111i rida. e questo è il ~r a do cle1la t1ccide le ~!)O re , com e 11 rc id e i hatter1. Saul llC (( trnsion,,• in ·"upr1 fi ri 1, n dell'alcoool in c111 e- cuse le pore face11dole hol lire in "alcoOll propi-..tio11 e. Tl'anhe e Cz ·t1)ek 11unno din1o..c: trato ch e lico, al 30 °,~ . Siccom e la tensio11e in superficie se q11c-..t o e .a .... olnto. •l n ten-..i1'l11e i11 . t1per·- delle spo re è n1olto bassa (0.3) e q11ella dell'nl1

~

1

1

1

1

1


[ ..\.N"NO

XX\7111.

l•' \SC.

;2]

cool proviltco (2;) %) è. dj 0.4, così ques to i1011 . è caipac.e di penetrrure n·el l'i11teo."110 delle "" poQ~e . ' La proprietà disinfettante degli alic ool dipende dalla diversa tens1one in st1perficie. .~lla te11sione 3Jdatta, J'alco.ol propili co disinfetta q11attro volte megilio dell'etilico e sci-oglie il grasso della cute; applicato s ulla p elle si .assorb e r a pidan1ente senza essere per altro vele11 0 ·o. ·Es.'o eccelle, inoltre, in dilt1izio11 e più alta del 3.) '1o , pw· non essendo primo }) Cd s110 })Ote re j,g roscopico l uria molecola di alcool propili co s i 1niscl1ia con otto moliecole di acqua). La co11c·e11trazio11e d'isinfattan te oCle Il '.alcool :propà.liro è lJl1i11,tli al di sotto del 33. ' lili a1cooJ ..superiori, com e il butilico, l'ami-. li co. ecc., sono poco oltllbili i11 acqu a. (ili e ~ pe_ 1·in1ent i dimostrano che l'alcool propilico è n1irab i l111e11te aclatto pe r l.a d1 si11fezio11e d ella. })elle, 1>ert·l1è ha llfl él te11sione i1l :11perti cie bassa é i111ò 111ischiursi faciilm en1e eo11 l ' acqua e coi lip11i1li, t11ttavia, fir10 acl oggi, e. so è tato soltanto J)O CO 11tilizzato in chirnrg ia. · Saul lta 5terilizzato le s1)ug11e, p cl' u o chir11 r~iC'o, face11ùole bollire co11 alcool }Jropilico 1

il I

30

1' ru. ·oloro cl1e si so110 Ol'C U!>ati dell'uso del1·a l nool 00111e 111ezz.o di ste r il izzazio11e d·ebbono e~sere ricordati Bu c11ner, Fl1 chs e \i\'irgin. Per <'io che t->i .rif Prisoe all'aJcool propilico, si deve rarn111e11tare che esso perde le .sue virtù antisettil'l1e . e lo si n1isirJ1ja ron l)it1 cl i 4 volte jl suo vol 11111e d'acq11a (diffe1·enza di coeffi ci e11te d ella 1P u:sj une di superfici.e). Il valo re degli alcool è l1ét:5etto s ul1a loro capacità di penetrare gli ~trati di g ra su cl eposi tn.ti srulla .p elle, nei <.J11 a li ~i trova110 i batte r1, 1 e .ail:1o stesso te111·p o cl i ucciderli . Ciò, .come 1Si disse, dipend~ da ul1a ba sa te11sione di s11perficie e da 11na gra11de cal)a•cità a combi11arsi con l acqua e co11 i li1)oidi. Pertar1to una soll1zio11e a l '5 0 % di alcool propilico è 1111 miglior deters ivo d'e lla pelle, che noi! s ia una ., ol11zio11e di nitrato d' argento al ? %. L ' a,10001 etilico è stato u sato largame11: e in chil'ur.gia e la sua più ef.fioace azio;ne pat:·e si ottie n~ga con una soluztone al ·70 %; ma se q•u esta viene diluita dalla .s ecrezio1le 11 a.t11ral e del le ferite, perde le sue proprietà di pene t1~az ione; per eo11tro, se L'a lcoo l vien e 11.sato in soluzio11e più ronte.n trata d·el 70 %, diventa do.l oro-:;o e precipita Je sostanz·e· albuminoidi (Phul, Wol1l). Chl'i s1iansen esaminò .anche l'azio·n e 1d!el siel'o in i·eluzi one con l 'al cool propili.co: una c11lt11ra i11 b1,01do di strufilo·oocco vi·oig en·o aurie o, vecchia. di 21 ore, fu mi:sohiiata con 3 volumi di si·ero di • cavallo ,e ad un eme. di questa mesco'1anza (in due provette) ful'or10 aggi un te parti egu.a1i di una s oluzione di a l cool pl'opilico, a l 50 ~G E. d al 1

1

1

1

1

1

70

%.

.'!.. hJ

SEI. IO~E PH \ f J l .\

u11 t11t11·tLto· e.d .a 20° C. tuitti i ·b atte-ri fll · ro11.o u ccisi; .c111cl1e il i1i tirato d'argento ·d·ettie il J11edesi1no i'i siultato i11 una pro\ a jclenti C·a, m rt 11nn sol11z.i o ne a.Jl' 1 ~~ di l1itrato d'al'ge.11to e l' n lcool etil~.co i11 c111als1ia.si co11lcentr1azi,011.e non urc.: ~ero wltr e t,ta.11 ~ 0 ,.ra,p i.darrien1te i b atteri. Il ini g lior a lcool 1p 1·o!Jilic o sembra qu·ello di Kal1lba l11n (n-pro·p il .alcool); ·n egli .s t a ti Uniti, Eim ei1· e .i\..m en,d C0 cli N e\\ ork forn] sre 11 n p.roclot to alt retta ll lo ]) u o 11 o. Xoi .ab})1iarno 11tilizzata. J.a pro1pr~età, eh-e ·11a l' alcool propili co di sc io1gli,e re i gr.assi, per la di-.. i11fezione del·l.e n1ru1L Q·u·e~ tie vengo110 sc opettate cJ11 .i c.o,n111,11i &11JazZ<lli11i siterl"ilizzati, u san.cl o· aoqu.a oalda e sa11)one Yerde o di Cn.~tiglia e adoi:)erando ipa•1,eccl1i :pazznl.ititi per la st.ec::sa lavatura. Pos.c1a si aJifplica una so11.uztone da ailco10[ .p ropilico al ;>O "{, per lo sp nzio f.o tto-1111 g·ue.~tJ e, seg1uita s11bito d.opo d·a una. al 2G 0 {-, . Fri.1n al11n e11te le ma11i i.11tere vengono strofina te ron 111I11a sol·uzione di a lr·ool 1)1~01Jilico ,a l 50 %. . ·r nLe ~r.a i1tan1e11to 1ais.cia l·a 1pe1le 1seoca, n1a Ji.·cia, e inettend.olo in l)r3Jtica abbian10 01) erato, se11z ~t 1i. U! e . g11nn1 ·, 1111 gra11 nl1111ero di l)azienti, senza a.l<..:u11a t.J accia d' u11a qual 111

1

1

1

1

1

, .

1

1

,

Rino..i i11fezio11 e, e ciò si a rhe si prati ca.sser o le :- Utl1re e l·e a llacci.atur.e co11 Jn . Pta, Ria cl1 e le i praticn,::1~cr o co1 Ch t 1 u t. De\'u11, ne:ln "'11~1. « Cl1iru1~·Ja Ge11erale » f ct i11e1)zio1)e cl ell a 1J1rova dii I-Iae1gler, co,n 1a .qual·e si ad-0ipera ln t.i11 t111•a ('•i n eis e 1;.qui.d.a p1er ·contr'o 111a;r.e La p·e1rrf e.zi 0111.e cl eJ_ l n :-;t eriljz7Fl zi 011 e. . 1

1

..\ <1ua.11to l)ft re , Ja p.elle più d eli<::ata l)UÒ toller rure l' u s·o cl.ell'a~éool propi!li-co, alla 0011_ oe·ntrazio11e sn menzionia ta, e l'A. eid · i suoi ai11ti ['l1a11no adop.e•rato f'e1nrp1r1e co.n b·~on.i ri. ultat.i. An ('l 1e nei casi d 'i11fezio.n.e !Ji"l1 ,gra·ve. Il . in,i g.111or ri llltatc i1el tratta·111 e11to del1·e fer,i1 e si è. a\·uto coJ.1 la, so1t1zione 1Ji aJrool ·'l Jl "O- , J)ilico al 25 ~{) . L '.A... av e11ido usato P'C'r u11 certo 1111mero di anni l1e cliiv e11se sosta.nze color a nti nel trattam elilJtO de1l'1e fe,r ite, tp ensò idi 1~0.. pe11de1re queste so.sitai1ze c:od10 1~ainti i,11 sofl11zio11i d·i nl1eool pt':orp·i- · lico .al 25 %. l\1olte \·.olte usò dive rse ·s ostanze colorainti in un'uni ca s.0J11zion e: ad es., 2 ?~ di ve 1,d <> mala chite co11 o se11za l'a.gginTlta di u11 a egu•cm qu~niit à di clo r111·n <li. J11erct1rio (1 % o 2 ?~ ) in a1cool pro11:>ilico al 25 %. I.l ·veJ'd·e n1Jalachi t1e i'11 alcool ,pr.o·p .illico: senz.a l 'a1drd iz.t on1e de1l c1o 1~ro di i11 ercurio, !1are c1l1e agi s-ca u g·11·1l m·ente b e111e. Tildes a v eva ,già in pasisato l1sato q11este .sostianz.e chirni ch,e, disiciolte j,n .allroo~ et.il1hco al·l ' 8() 0 (1 . L a mr:i·R·COlanz.a d e·l cilor.u1•0 d~ n1erct1rio ,e d-el verde i11alachLte for111a un 00111posto doiprpiio, di 11n•a n110llecoll.a di mal a chite e flue m ole•col.e cli. n1 erc11Tio, il quaJe è t111 leuco 1

0

1

1

1

1

1


46

'

invi~ibile

ulla ferita, ma che p11r no.11 "J1i in eno n11an1tiene la Silla attività. Oltre il Yer de n1alachite, alt1·i 1 a•ppresenLa11ti d1el gru1>1>0 del dia1nidotrif eJ1il1netarie (verde brillante ) fu1·ono so pe1si in aJlcootl p1·101r>iùico al 25 ~o ecl i1nr1iie.gati (Ehrli·ch) i1el trattame.nto dieJle ferite i11f ette (D a kin, Bro,v11.ii11g). Noi alJbiamo ter11nt.o an1C'Ìle l·e f11xi11e in n101cl·o anal·O·got) C1on1.c il vi oletto ct1sta1lo e:el il vi-0iletf10 di m.etile ' ( Drye1·); le nostre os se.flvazio11i ci han po.rtato a lla ccn1cù11.sione cbe tle ferite i11fette., tr.attat.e co11 alcool iìrO•])ilri co o con al1c nn e s·o·s ta.n z e c-0loranti, clisci.olte in alcoiol iprol]_).ilico, gt1arisco.n o i:>iù 1 a~)idon1e11te che qu1an1do ·ve111go110 tTattate seooncl·o il metc<l.o di CarreJ-Dal\in (i;poolorito) o con alt1i prooedimenti. L'ra lco o'l prophl~co è stato l1sato i11 odontoja.t ria 11er cli~i.11fettare 1rapi·dameinte i canalic oli delle radici: eSSio ag·isce ra.picl,a_im.eJ1t 2 11er ,.i rt ù cl elle ·tl e l)f01l)l'i1età d.isid r.n tanti 1n 1110 l ti casi di fi 1,t ole d' anticia data I' a1lc·oo1l p1·r ipi licio ftt 1d'ai'uto cl.ecisivo ne1l dete1'1ninare 11na ra1Jida gl1arigione. Da prima fu inrli:g.ato il seno fiistoloso con alc·ooil. propili co al 50 %, indi ron n11n ~ol11 z~o11" clj m,a]achite in ailco,oil })l'Opili.c,o ·al 2.) 0 .'i : quand.o po.i s'era as•oit1garto, lo ~i ri1emr>;Yél con 'la miscela del Calo t, alrra quale eré1 .stata ag·gi l1nta 1111a picco·l a quantità di Yercte ma ln chjte. Pareccl1i cn.si .cli -ole11rite ' 1)11r11len.1.fa furono curati co11 la p11nt:11 ra, seguita da t1n a i11i.eiion e, a.ttnavem.·o la cant1l1a del treq11 arti, d1 30 gr. o pi11, di un.a $Ol nz1i1on·e idi v.i oletto di rn.eitil·e in nil 000[ prOJ.Jilico: il tratta:rr1e.n to ve nilva ri1petl1to Sf.l le ·cor1clizi 0111i lo richie"iievano. :..\IoU.t i cleti ·C1a1si n.011 rich1e et'o cl1e u11u so1a i>u11ttlr.a; i·arumente fu ncic flssario fnrn·e tre·. Dive1·si ca!:'i d'i11~fezi o ne dell'art.jcolaz110.i1e de·l ginoccl1i.o furn,n.o trattati ool vuota tnen to· 1del liq11i<lo, il ln,·a~gio dell'arr-tico1azione con etiere e fì11almenlr 111ùa iniezione di violetto di trnetirre i11 allcool l)l'O!Jili co, a l 25 °:,, medicando po eia 1a ferita ~enza drenaggio. lTn ca. o l 'i n "ezi.one delrA1iicolazio:i11e del iQ'Ìo noccl1io, i11 egnito a. ferita pe11etrante, da p.aJ' la d 'Ltnn C'a rahina ~Iau . er, f11 ·Cllrat.-0 col1 l n . <.'1111plice ril11ozi o11 e e.l e] liquido fatta ci0n 'lln pirrolo tre.quarti Pll inietta1r1do at.t.l'aven·go il n1edr~i111n tre({tMi.1·t.i viole1tt o rii 111eti1 l e jn allcool prOJ)ilil'o. T.11 q11 el ne11iodo i1on e>1·a, po sibi·le t.ro\'are c.1C\ll'etcrc: l<t ferit.n fn medi:cat.a . enzn d~enaggi 10 crl il pnziente g' ll<lTÌ C011 lln·articoln1i ne 11e11 fu117ionn11t e. :\ltro ca~o i11teirp,..._ante è quello cli un goldato con nnn ferita infetta da })aio11etta 1n ' q11ale g~li ' ' '' (\\'fl nttraver~atn il l1rnccin e' ltl ptl t ti n1o11i nel to1 ace. <)n e ta feritn re".::i .. tette co111poslo

[ANNO XXVIII, FASC. 2]

CL POLICLJKiéO

1

1

1

1

1

1

1

per lJiù• di tte me1i al 111.etoùo d·i disinfezione con ri-pocloriro; ve nne !)OSCiilt. tl'attata con UJla solt1zio11e di verde 111alacl1ite in alcool pto!Pilico al 25 % e. successi v"amen te con semplice ailcoiol :ryro.pilico al 25 ~~ ,- nel m entre la IJelle i nto1rn o alla a ferita ve.ni va D·e11nellata con .alcool p1·0,pi..li1co a l 50 %. In meno di d·ue g,e1Jtimane la s t11ppur1azio,n e 1e:r.a domiinata e i1l sen10 fisto1ois o residuo v;einiva l'iempi:to co.n la :rriiscie la del CaJc-t, .guairien1do ooa1 u.n a sola meid1icatur·a. Pare e.erto ci11e ralcooil n-11ropilico avrà un ·g' ran·d e avvenire1 nel1a .oor.a .delle .affez1i0J'lli cu_ tan ee: due casi di b1rust•omic.osi d·e!tle mani ri. . ~)O· S·ero ipro111tamente al tirattam ento con l 'aùcool n-propiliico, do1)0 av·er re.sii:stito pOO' m ·esi a tt1tti gili altri mezzi di Cll.l"a; parecchi oàsi d.i acti11omicosi guiarirono an1che 1comipl.eta.mente. l Tn gran numero di casi d 'in.fezi1on1e del cu·o1o cap1eJluto si modifìoaroin o r::1.p i.d.Jairniente coin J'rupPli1caz1ione di llna so~tia.nza colorante, sciolta in al co.ol n-p.r o1p ilico al 25 °[1 . Grandi zorue· cli cru te furon o ri10olp.0rte, .p er aJl1cun·i gìovni, con comp l'esse imbevute, id i ·al,oool n-p1rop~J.ico aà 2'.5 %, ~e11za ch e i1.e s ja cle,rirvata alcu:n a reazi.one loca.le. L/,t\. ha praticato numero8e esp·erienze .&U1la di infezi001e de hla seta i)er sruture Jn a,lcoo~ ' n-i:>ropiltco al 25 e 50 %, con l'aggiunta o meno d'l1n colore c1'an ilina. Il . 0Uo a!1cool n-4J)l'op.il~·co, al 25 °{), senza raggit1nt'l di alcuna so1sta;nz1a colorante, ha dato g.ià buoni 11isult.ati. Il me,toidio seguito è stato q11ellilo di cons•ervrure sern·1)li 0e1n1Pnte, p er una . ettiri11ana o pre·sso ·a poco, ba s,e fa niella solu?1io111e ip1resc.elta. J_.,a seta, 1pre1p arata .a q11·esto m:()ld·o, è stata 'l1ar1gam1ente aidloperata per .suture p e t"d ute, S'enz:a che al suo uso abbi1a p•otuto attr1bll.iI\Si a.1mm iJn.co•n v.eni.en te. I/~!\.· ha trattato pare1Cchi1e centinaia di casi cli ferite infette, priù tO m1eno gravi, dhe n•on pos. on.o esse•r.e 1eniurrneirati in Lln a.rticolo come qiue, to , con rist1ltati così eccezionalmente bt1oni cl a in1pres~io.nare e con tale. riisparmio di tem,p o nella sterilizzazione 1deflle ferite che ritiene il ' metodo meritevole di essere g.eneraliz.zato. (tr. T . F. )

f.J

V E

1

FI

1

1

Fl F

F l\

Il

F l I

1

1

1

1

1

1

1

B IBLIOGR1\FIA.

1

D·ent eh. Me·d. \ì\loc·h ., 1895, pag. 861. AHLFELD. Z. f. Geburt~.cl1i1] .f1e, 1914, pag. 504. BEVAN. Genera1l Surge,ry, 19110, p.a,g. 55. BEYER. Z. f. H)rgj ene, 1911, pag. 2515. BROV\' :\TNG. -~ l'cl1 . f. Hygie111e, 1901 , ipag. 347. IlROWNI'NG. Brit. ~led . .J., .Tan. 20, 1917, pag. 73. AHLFELD.

Ho !)it.alstidende , 1918, 61, n. 2 e 3. Bericht. d. d. hotan. ;Gesell., 1910,

CHRrsTTANSEN.

CZ\PFt\. . 1 O. T) " K rN . B r i t . ~I. .} . , 1f) 15 , p R g 31~ . D>.1~1~ and Dt ·~HA:\1. flan1dhr>ok of . 1C)t7, -nag. 66 ._ •

n1.is~ptics, •


SEZIONE PRATICA

D L CLEA t ·x. ..\1111al. cl. Cl1ini. et de Phys .., 1878. EJIRLICH. eh l1 ni ical Co1istitutio n, and Pliarmacological action, 1898 (in von Leyc1en's, volu1ne 1°). FISCHER O. ·Bericllt. d. Deutsohei1.1. Chem. Ge~elL,

1 7 .

FlSCHER FISCHER

~l.\RTT"'\. ~, ep liritis and Oed ema . :\lARTlN. Pii usical Cheni. iri the

n.11d a.n1d

service of 111edicine. FliHNER.

z.

f. •BiOll. 191::?, pa.g·. 46:>. I

Z. Bjo c.11 eill. , 1012, pa1g . 153. l~R r · ~E. ..\.llgem. .\I ik robi o I., 1910, p.ag. 33. . P 11 1 1.. Z . 1. I T~· t~·i en e, 190 1, p a g. 313 . R\\f8 ·\' . Pl1il0Rll1}1l1. t1a11sact., t 893, prtg'. 64.7. S\l L . .\r<'l l . f. L\tin. l :hir., 1 98, pa.g. 686. TILDE~ . T.atll'et, 191.J, 11, })ag. 165. TR.\t nr~ . .:.\1111n l. d e.1 Chei1ti. , 1-. 91., pag. 27. '''rRGr ~. Z. f. II\g iene, 190't, i)ag. 149. ,,·01 1L. llentsc l1. ~lecl. ,,.ocl1. , 1901-, :30, 1, S. 211. KIRCH.

1

OSSERVAZIONI CLINICHE.

47

ch e i)1·esenta talora la delimitazione dell'aia gastrica e senza V·O l ~r neg.a r.e la b ontà di taluni metodi iaeati p1er determina,·r la (quale, ad. es., ql1ello di Queirol 0 e Lan,d i) ai quali si pt1ò ri ('Or 1 ere agev.01rne11te i.n u111a clinica o in u11 osp edale, ma no.n abitualm ente nella clie.i1t.ela • priYata, e p rescinderl!d o anch·e ·dalla fre1quente con,fu ioiI1a semeiolog·ica fr,a gastroptosi e rd ilatazior1e g·astrica, non deve i)erdersi di vista che i· e "arri e deJ inalato, faoendo,s i ordinari·amente in posizior1e oriz.z.ontélJle e1d a.ssa.i .s pesso ,a sito111ac:o \' u ulo, iton dà aff atto l 'idea id1e·l1a po·sizio11.e ch e il \'isce:re ·01ccupa nel'l a ,s tazione eretta ed a t.01m,aico !)Ì·en o, i1ell1e ·con1dizioni, cioè, ch e sono lJiit .abituali e n·elle quali aippunto r.a .ga. stropto1i 1si aocentua m ag"'giorm.ente. Chiun.que abbi.a ·1) 1·atica di esarrni radiologici dello stom ruco si re.11d·e facilmentie ·conto di ' tali asserzio11i, ~ ertsan do alle differenze talora enormi cl1e h a i•l livello gastrico in p,0sizion,e ,e.rett.a e i11 l)O'iz'one orizzontale. Il 11n1nero cl1el1le osser1.:a~ioni cliniche fatte fì11ot'a a111nionta a 298, e buona parte di esse ' è cor-l'eduta dai. necessari esami di controllo, climoclocl1è le 1conic lusioni a ct1i giu,n si fi110 clal 191 ~ e ch e sono clalle Sll!Ocessive ri•ce·rche pien.n.rn e11te confermate, r>osso,n o orrrnai avere, per 11nmeros i infermi rivedl1ti an1ch1e dopo m olti a.nni, il conforto deJla stabilità dei v.antag·1gi o~ te111t ti ro l metodo di terapia 1da me i cl ea to. 1

1

1

Sulla gastroptosi. Osservazioni radiologiche e terapia.

..

Dott. ERNESTO C.\ \ .\ ZZA li})Pl'O doce11te di l)atologia 1 speciale m edica 111•lln R. Univer::;ità di :.\Ioclena. rTel 191 ~ , nl Conr:!ret- o rli medicina i11terna

te11111os i a Ge11ova, pi cse11tai i11 una nr0.t a p•r€-vc utiva. nlc.:ttllCJ co11~i lerazio11i s111,i.a ga~troptosi ed e 1posi 1111 rn rtodo di terrupin sul qt1ale de. ictc1 o oggi, .. 11 Ila sco1 ta di nuo,·e numerosi. ·~ ime r1..:~er\:1ziuni, ric·l1iatt1arr di n 1 u ovo l'attenz.io11e. Il f<1fto cl1r rlistnrbi a tjpo clisp eptico e nel1raste11i1·0, n1lcl1r. g 1a ''i, siaoo le.gati ud u,11 abltns~a111e 11t.n ntn'-!giore o min.ore del ma1'gine infer iate dello 't.0111aco, è' clive11uto certo a11cor 1>iì1f1,eq11r.ntc 1cl1e l)el' l' in.n,anzi n el perio1do b,eJJiro e i1ostllPlliro. Tn nto in coloro che vi h anno di11ettarneutc par trcilpato, qu anto in quelli che ne l1un.rto i1Jdirett·11J1ente soffet'to re.s t.ando nelle lor car--P11 Ja gller rn , con le fatic,h e, coi }Ja.i'Lemi cl'nnin10, colle ~) l'i\' azi.on i , i lt1tti ·ecl i dolori ch e r l 1a uno arromr>agn nta, ha ce rtnmen t.e re.c::10 più frequentp rp1p.~ ta a ltenazione anatomica cih,e si 1nn.J1if"sta con 1111a ~i11clrome m-0rbos1a abbastanz.a rarat1e·ri. tica: CO<SÌ caratteri1sJtioa, 1SJe-f'OTlflO n1e, da costitui·re un quadr.o clini co ohe cl'J\ 1~ehhe .essere 1p iù u11ive1 :f.satmem.t e n oto, e 1p .i ù ~pe'5so rlingnosticato di qu.anto in realtà lo sia. Ep1)11.r r lo. ga.strioptooi no1n è f requ1entemenite ricon osrin ta rial mec11c«o pi·ati,co e r>o.ichè i 1me1z_ zi teTrrpe·u.tici rom1111i sonio tn eis sa assai ·p o,co efficaci, queisti pazienti trruscin an o a lung,o le loro sofferenzie .e non cli r a•do sento110 ag•gDa\'ll rs€le. 1 riò ch e condu ce a rj1pie(l:·cu,ssioni d1e1pre.ssi v.e st1i sistema n ervo.s o , che Tendono -più comP1l ess~ il quaidro clinico -e 1.0 fnn.n o s:p1es1so con· fondere con quel•l e fo'!Til•e che vanno 1sotto il nom,e di « neura,stieni e dispeptiche n. Pur •n. rescindendo dalla inn eQ'abile diffì eoltà --

1

***

1

1

L<:1 sinclro1ne clinica ch,e corl"isponde alla gast r<.1J>to1s i 1IYUÒ ·eisise:re ri co ridata in br ev.i tratti: gli infe1111i, d1opo il •pasto e s pesso per }Jarecch1,e ol'e sono 1nol estati d,a u n sen so di ripi.en1ezza e di i:>eso all' ep1gastrio, che è in gener.al,e rtanto 1p iù pen-0so quanto più .abb o11cla11te fu il p,asto e ·S·QP ratutto quanto maggio.re ft1 l ' ingestion1e di liquidi. Tal<}ra il m a lato accu ..a t1na.. 1pec ie di costriz.ione e1pigastri c.a o di cran1po, com e se esistesse un o.staoo·lo me ccan;ico al lo .svu,o tam ento dello stoim a co. È a·s sai r aro che ·egli Eenta bruci.ore, .o dolo·re, o gonfiezz.a, • 1 me.11 tre è fI'eql1enti.ssimo ch·e l 'intf.ermo riferisca d i trorv are vantaggto i1ell·o sta r ·Coricato, specia.1mentie •$111 fian,co destro, dop10 i !)asti. Il vomit10 è 1u.na ra:ra evie ni.enza, sp·eci alm ente perch è il malato sa id i non· poter oltre1Jassa.re lhmit.i 1as:sai ristDetti di àli·m.entazione senza ri~entire 11na. ripien.ezza ed 11na opipression·e mo1e.sta. L e cat1se pa•tematich·e, malatti e rpiregresse croniche o d1et e r1n.inanti un forie dep1e 1imento organic.0, jl surmenage fi•S'ico ·o initelleittnale11 ent'rnno oecnasi co.s tantiem·ente n1ell'anatmnesi. Così ·pl1re , .i .figu1~ano ta;lvolta cau.s e traumat.iche, erl in 1p .arti.c011are •Cadute dall'alto, l)attendo sui tal loni o sul1'e n1ati1che. · 1

1

1

1

1

1

1

1

1


I

U11 primo fatto cl1e si p oteva de l1me1·e dalle priJ111e os ·ervazioni p ubblicate e che 11a avuto p1e11a c;0 11ferma clalle successive, è la pl'ej..d omj11anza della gastro1)tosi nel sesso ferm11ini.tle . Dei ::2~ casi osser\'ati 221 rigua.rcla110 dorL'.Ille e 77 l1on1i11i.. Fra ~e donn'e i caisi più frequenti 5.1 riferiscono a pJru ripare ·e J',aff1ezione sp·erSLSo sd riscon tl·a 3Jl.l' èipoc.a ·della n'1enopau.sa. In generale l e l)ersone ~iù fnequ1entemente 00Lpite soillJo quelle cli coirpo1r.wtuira .alta ed eisile .e q11ell1e, :sopratutto, ch1e hanmo .subìto un r.api·d o, ,progressivo di1nagramento, specialmente quand.o vi ·sd.a· concomitanza di caiuse deprfu11ie11ti sul sisitema n er\ o o. 1

1

1

b?

I.Ja s1ntomato.1ogia clinica ed ,aJ.1che i disturbi soggettivi trovano una perfetta spiegazione nei reperti radiologici, i quali permettono di rileral~rentame·nto

111aggior·e o mjnore d·ella evacnazione gastrica. Tale lentezza, che dete1·111i11a a sua volta un peggio ram.e11to n.ello s tato cli 1111trizi on e dell'infe·r-m,o, no n è tanto in rn,pporto coll'entità dell'abbassame11to d·el margine i11feriore d ello stoanaico, quanto col disl1ve.llo esistente fr'a tale mar.gine e il piloro; nellv ... tesso 1nod10 i distul'bi lamentati clal pazi,ente posso110 esS'ere ntolto più m odwati i11 gastroptosi pronunciatissime quando il piloro è cont emporaneamen1te abbassato, che in fonne .apparentemente più li e\ i dal p·u nto di vi..:ta anàtorni co, ma nelle quali il pilon·o è fis·s a to in alto. _i\llorquando il idislivelJo fra poo.·zjone ima cl e1J.o stoona,co e .rp i1o·ro è f.orte, si n,ota frequ en 1e111 e11 te una tperiistalsi ·esagepata, c1ò cl1e ·srpjega ben e lt=> mag·gio ri soff·erenze d1el 'Paziente jn tali 1

1

1

1

1

1

1

1

1

casi.

I... e l'i•ce11che radj,ologicbe da me istituite hanno off erto .risultati costanti coI1 varii g.e neri di pasto opaco : pasto di Rieide1r, <pasto amiericano, e , di recente, col Citobaryum ~I e.rck. Qu.e~t 'ulti1uo i1re1)arato opaco si è dimostrato eccellente, sopratutto per l·a omogeneità dell'ombra cl1e fornisce, per la sua I a·p i·d.a preparazio11 e e l)er la eccell€rn te toi111eranza pe·r parte degi!i inf Prmi. Le ric·erche di controllo· e eguite nei Ya rii infermi fuTono s empre fatte con pasti <li p1 o,·a id•entici, ad ore ·costanti e R,rl i1g.l1ale di~tnnza d1all'nltimo p1 asto. ,;.:

*'* f: (H~ (\ ll1 e 1'<1diologi CO

,.i è differenza <:1]))1rezzabile , per

quanto riguarda il too1po ·di sv11otamento dello stomaco, fl'a la posizione in piedi e quella a. se il ere. e) Nel d eorubito laterale destro la evacuazione gasit:rica avviene di solik> l)iù raiptd·amente cl1e i1eUa p o.siztonie 1suipina o bocconi e quasi sempire l)i.ù raipid,amen.t e .ch·e niel .d.eic ubito l•ateinale sini.stro. d ) Ne11a tposizi 011e di Tre11Jd.el enburg la ev.acuazion.e gastrioru ·è l1iù soll ecita ·ch·e nella pos izion e· s11pina .Sll t1n pian.o orizzonitrule. e) Lo svuotamen.to dello stomaco avvi·e.i11e in generale ta11to più lentamente quanto m8 ggior quantità di J:iquidio (acql1 a) si dà .a bere al p az;i ente cont.em1poran.eament.e o ·do.po l'iDJgestione d1el pasto idi ·l)rova. L 'iniroduzi.o;ne di liqutclo su1piplementa.r e determi11.a un ulterio1re a.bbas~an1ento d1e1 l margin1e infer1011e dell'ombra, il q·uale, in gien.erale, si ahbaSJsa q_Yroporz:i.on,aiLmente aJla qiu.antit8 cli p ~1~ tio oipac.o som. n1i-nistrato. · . f) La drurata della ev~ru1azione g.astric.a è, -di solito, tan·to più lunga q11anito masggio.r.e è jJ di Silivell10 fira i l m.airgine inferiore dell' a.ntro • pilorioo ed il piloro. g) i\tl·ediante l'a1p plicazior1e di 11n ClJdatto a.ppareicchi-o contentivo, dhe sollevi il margine inferi·O•re dello stomaco, lo s' 'llOÌMl.1-ento gastrico avvieine, in ge11erale, ta11to l)iù rapidame.nte quanto maiggior\e è l'el·evazione che si riesce .ad 1

1

1

va1'e u11

~011

1

(•.\N);O XX\i lll, FASC. 2]

lL POLICLINICO

48

~istemat.ico della

e'\'UCll a-

ZlOlle gas trica nelle di,rerse i1osizioni del col'po 111i hn 1·ondotto alle eguenti con1clu io11i i11 ir.dividtti affetti da gastroptosi: n) I.o vuotamroito dello tomaco a,·viene 11101to 1>iù prontamente in po . . izione orizzontale cl1 0 11el1u ~tazio11e eretta.

1

1

ottenere.

*** P.al'te.J1do .da tali os1Ste.rvazio11i., ho i·lleato un mertord o di. terapia che ha recato, nella qua:~i totruli.tà dei rasi non com 1pljcati da l·esioni conc.omitanti~ vanta1ggi tanto i:>iù notev~oli, i.n quanto essi .p oss,ono ·e.s·sere co·n siderati con1·e dur.aturi persino parecchi .a11ni dor,>o la cura, oome risulta dall co.nt11~01Jo de.Ile prime o&se,rviazioni eseguite nel 1913. I concetti informativi di tal·e metodo ·sono i segt1enti: 1° Favorire, qua.nto J)iù è ,l)Ossiibile, l 'innalza.men to de llJo stomaco, dan1do .al malaito l1na posi zione accon eia a r8 ggiungere taJe I

1

SCOPO.

2° Favorrire qua11to più è possibile l'a1d-ipoge11.eisi, sia e.olla i.p e·ralinnentaztone, sia con cure dige.stii..rv·e e rico•s titu·enti . 3° Rendere stabili i vantaiggi raggiunti, mantenen.do in .alto lo 1stom.aoo nella nuova posizione ch·e esso ha rag,gi11nto mediante l'uso di un 8JP'.POsito aippa:recchio contentivo. Il prim·o scopo, quello di favorire qua.sii n1e·ccanican1e11t.e il solle,rame.nto dello stimaico, si raggiunge nel miglior 1noc10 p o11Pndo il n1alato, presso a poco in po izjone di Tre11<lel€11l)lll'g, in lin letto piuttosto du ro e liscio incli1

<l

I (

l


.t\NNO

XXVIII,

I•~ASC.

I

2]

SEZIONE PRATICA

49 •

con1c ellare fra un pa sto ·e l' altro ·d olci ed altre "opraeJevato di circa 40 cm. rispetto al lato st1 lecoorrl.ie. -.cui •poggia l a testa . Ciò può ottenersi .prefe i' iUn -esempio di d1eta che perrneitte l a smnmibilmente interponendo fra il fu.sto e la r ete m-e- 11istrazione 1d 1 un .e1l1evato num.ero di calorie ed • tallica un semplice telaio di l egno, clle viene una certa vaTietà dei ci.b i è il seguente: Ore 8 e ore 16. - c .affè e ~atte o cio1coalata .fissato alla parte inferiofl'le d·el letto, od anche rou pan.n a o bt1rro, i1ane a1b brustolito o grisponendo sotto i piedi inf e•riori del letto due c;upporti adatti, di ci1"1Ca 40 cm. di altezza. I sini o bi.scotti, mi ele o ·conse.r va di frutta. Ore 12 e ore 20. - Riso o pasta a5ciutta oon paziente può benissimo tenere sotto il capo un c:uscino., sù•l quale però no11 debbon10 poggiare bt1rro e form.aggio o riso al . latte o risotto o n1i11estl'a poco brodosa con erbag·gi; carne o Je spalle p er non dimint1ire la inclinazione del piano del l etto. Naturalmente è d a proibirsi ·p esce o pollo .alle,s so o a rrost o o in graticola a ll'infei1 mo di scendere dal lett.o o di m ettersj o uo,·a; 'Patate in insalat.a o purées di l egumi, a sedere: conv-errà quindi, nei frequenti caqi pane ·O gri~si•n i , frutta cotta, dolci, un biochier -<li stipsi, aiiutare lo s\ruotamento dell intestinc di , ·i 11'0. Durante la notte. - Cr·ema -e biscotti o za1nediante clj steri stimolanti ed in caso di n eesisitù con purgariti, e c h e l'infermo si serva baj one o eaffè ·e latte o •lLova. :sempre della padella per le occorrenze corp,oÈ 1raccomanda])Ì'l'e far bere agli infermi quan_ J'ali: nei casi di assolu·ta n ecessità ·p rima di to meno li1qutdo è p oissibi1'e, ciò che con.traista ifar discendere l'amma lato s i dovrà semp,r e apcolla sete spesso i11estingu·ilJiJe agli vtosici. Di ~)licargli l a v·entriera contentiva. Ciò non escluso lito la sete diminuisce assai du1r ante il S101g e tutta via che l'infermo, pl1r rimanendo nel la giorno in letto; tuttavia, ii.n qualche caso è posizione i1nclin.ata descritta, possa .distrarsi., utile far bere con una cannucci a di ve tro o di sia leggendo, sia dedicandosi a picc0t1e occu1p a. paglia, il che permette a l malato di diissetaJI\Si 2ioni cl1e gli permettan-0 di sopp ortare n1eglio con minori quantità di liquiJdo. e niù vol•c11tieri l.a C'UTa, ch e nei primi giorni È <JVVi o C'h e n-0n si d·ebb·a trascurare 1'.auisi1io :r iesce nJquanto fastidiosa di cure .adatte da un lato ad aiumentare i1 Partcn1do dal 1concetto 1CJh e nel decubito late- Sei111s10, ·di solito .assai scai:r.so, d ell '·aip~)etito rale destro il tempo di evacuazio n e gastrica, a (aim.ari, papania, orexina, ecc.), a favorire la T1arità di cibi, è ipiù b:reve •Che in qua lsiasi altra caprucità di·gerente d·ell1o ·st omaco e d·e1lJ.e glan1)osizione, è sttet.tamflnte neoessario che dopo doI,e an.n esse (·p epsin•ei titolate, l)a11.creatina,. Ta·iac;cu11 paisto l'infemm o s i corichi sul fianco kaJdiastase), a favorire l' adipog.e·n esi (f-0sforo, cl~~tru: ciò, rende11do .J'inferrm.o caipace di diarseni,co), il tono n erv·oso e muscdla.re (stricni-cre.rirP maggiori q11antità di cibi, fa\·oriace qu-el- n·a, caffeina,, k!oila, fiormiati, ecc.) :ed occorr.en1do l'in1g·russa1nento del çorpo ch e renderà poi sta - La emorp·oiesi (ferro). Le cm re, quando è possi)ili e l)l'Ogre5sivi i vantaggi ottenuti durante il bile, veirrainno f,a tte preferibilmente :peir viia iipo. •oczgi orno in letto. · d·ermilca, .s ta prer la p.ron~ezza dei riJsUJltati, ·s ia I pn c;ti .c;ono . ortlinruriamente 5 nelle 24 ore: perr evitane inu.thle l a,1oro allo stom·aco. rruattro dl1rante il gi orno (un o ogni cirica 4 oTe) T1ermina;to i·l p eriod o .d ella cura in l etto, che ed 11no nella nottata. si ruggir.a, di solito, intorno al'le 4 o 6 settiF..iSsendo 1de11a massim a ·imrportanza farv-01rire mane, l'i.l')Jferm·o .s arà f.atto a;lzare dal letto, l' adipogenesi, si sommin4strerr anno cibi adatti· previa a{Pplicazion•e di idonea v·entri-ea-a (1), e.ola ragigiw1gere ta·l e sco~1 0: n.e Lla di·eta e!Ilitrele dovute cautele,. rann o quindi in co 1ns~detrervio1l e ql1 a ntità i girassi .a basso punto di fusione (pan e S'Palmato di (1) La ventri·era d a me co&tr.uita con siste in bu1·ro, pamna, ·Olio in abbondanza sulle verdu- t1n dop1p io 'cingo·l o pelvico, ,ch·e vten-e tenuto in re cotte) e gli idrati di carboniot) tanto sotto b.a~lso ,dalle spine ilia.r h e a,11t. SUJperiori e da foTma di arm,idrucei qt1anto s.otto fo.r ma di z.uc- d111e sottoic oscte di tessuto e~a.stioo.. Al 'Pri·m o gi.ro di f.ruscia, ela.sti·oo .nella soLru po1rzi0J1e. oorcher.o., ed an1ohe qualche poco di vino genero~"· ri1spondente ai fianohi e p o1:ritante anteriorm ente Saranno natur.alroentie da p,r efe.rirsi i fa ri- 11na niastra m.etallli.ca, è .appJicato· un ·c u scin.acei talliti, oom·e crosta di p ane, ·gfiS!Sini, bi· netto -spe1ciale, con g1i 3'J)ici rivolti in alto, ·d estinatio .a so1sten1er·e la 1porz:i001ie i'1ll a deJ.lo stos·cotti, eioc. Quanto a1l a q.l 1antità dei ci•b i somministrati, m•a.c.o Tale1 ·CU1Srcinetto, id i gran dez:za va.r iabile a seoonid a ded ca;si, viene fìssato m edian1te viti essa dovrà esse:ve p.rioiporziloniat,a .alla ca.pa.1ciità a lla piastra m etallica n·e lla iposizi,o.nie 'Più .rudat·dig-erente del sogigetto, che potrà anche veni.ire ta e sotto i~ ·contiro1l1o d·ei raig.gri X. Il se!cocndo utilment·e ooadiu\rata e stimolata m ediante Ja giro di f.aiscia ser ve di ·r i·n f.orzio ,aJ p.rimo: è a.n' sommj nistraz1on,e di p·epsine titoliate, rpan1crr<e1a-· ch 'eSISO in parte ·ela stiico ed applicato quanto più in h.a;sso è poosfil:>i11e iri.sipetto aJ p r imo , tri~· tina ed in casi idi dispepsia ft.atJUlenta di T a ka- tenutovi da un apposito gancio posto al d1 dia1Sta~e. E be.ne piroibire all'infermo di Stb.oiesotto della piastra meta11ica. i1ato in modo C'h·e .dalla parte dei pi·edi esso sia

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

2


50

[AN).iO

lL POLICLINICO

xx,·1 II,

FASC. 2~

di u11a piccola epidem.i a cl1.e si SYO'l se du1r~nte il 1919 nel nostro ci·r-condario. TTa alt ri ca.si i11 località di~1perse, 5'il notarono in t1n siolo vi}.. _ lag.gio di circa 200 a1bitanti 25 casi di vaiolo. 11 p·r:iim.o c:aso ema stato fm·:!JiOrtato cla ttn prigioini.e.ro affietto d a forma le1g,gera, ambulantie , red11lce da Odessa : egù.i era già g-uarito, quando· a1nma.1avan10, il 3·0 noyembre, la. tnogli1e e succe~c:;iva mente altre ·23 perso11,e : 16 femmine e 7 111n,scl1i. 1Jell·e ryrirne 8 e l'ano tra i 30, e 50 anni, . ' 4 s otto i 30 .anni, 4 fra 6 e 1·0 anni~ dei mrus.ohi 2 etl'aino sopJ:'a i 70 ari!l.1i, gli altri contav:an10 47, 7, 34 e. 21 anni. Ne-~·Sll1·no dei col piitil era ri'·accin,'t.to. M.o :nirono i due vecch.i. una r.a,gazza di 28 · anni, un bambino di. 5 amni. In una soJa. ca.sa si ebb1ero 4 mala.t i; in tre case 3; im tre ca.se 2; in cin1q1I-e c·a~-e 1 so1o m alato per ciaE::cuna. I dt1·e p.r imi casi risa·li\ta.110 .a.i i1ov.emlbre, 3 si i1otwono nel dicembr·e, 17 nel gennaio, 1 n 1el f el)brai o . RisuJ.ta•n o co•sì co1Lui . ti I.e donl!le e i i1on ri vac-ci·n ati . 1

I risultati ottenuti col n1etodo di cura te\$tè riferito so110 in molti casi superiori a qualsiasi aspettazio11e. Senza riferire Je stor,ie cliniclie, che potranno trovare più ruclatta sede i11 un lavoro di carattei:re mo11ograJfìco, 11asti ric,ordaJre che, oltre ad infern1i crescinti di peso di kg. 8.800 i:n i2 gicllrni di letto e persino kg. 10.600 in 40 giornt di letto e 35 di c.011v.alescenia, 51ono fre1ql1erriti•ssillmi i ·Casi di aumento di o'1tre 5 k1g. dJu.rar11te il so1o ·p eriodo di soggiorno in letto. Ta1e ingrassamento, di solito, si continua nel 1periodo succcssiivo alla èUII'a e la 1guarj1giiotne si mantien'.e, neil m.a,ssfu.n·o1 i1~1mero clei casi, duratura o defiinitiva. , 1

0

IGIENE.

..

Per una più intensa vaccinazione jenneriana delle popolazioni rurali pe·r il cLott.

~\I.

GIOSEFFI.

P enso p,e1·c.iò che i1ella i1ostJ:a l·e:gi-slazione S<1nita;ria rigu.arùo allla ri'v·a·cciinaz:o11.e, cLopo le L 'a11no 1919 · è stato fia tale peu:' 1a diffusione (l eI vaiiuolo, doiVt1ta i)lrectpuamente a l rito,r~o • esperi·enzie analo.ghe raccolte in CJllesti an11 i a11che altrove, s i 1JJ1ot.rebbe i11tr.odun·ie un.a rlidi p 1 igi 0•11iieri id ai paesi nemici infietti. N18ii. spo sizione rela.tiva alla ol)bli,_ ·ato1~i1eià de!lla rjce11~ri urbani, me-rc è le p1~onte milsru1 re pl'ecan1va.ccin1azi10n1e, jn rr1odo che non ·Si •p osoo sotzio11ali (iso'lamento, di:si·11f1ezione, vacciinaziohe ,. tl'a1·re neanch·e tJLtona 11a:rte della popolaz1ci.rH~ su larga se.ala) iprontamiente preise, il vi.ru·s vaagriooJa, in parti·cclar m1od.o l·e dom.n-e~ Je '-luali ioloso trova in prevalenza so,g ,getti nef·r attari danno il .maggior ccntriibuto di per'&on·e suscetall'ilnfezio1n.e; vi contrilbuiscono le vaccinazi,oni tibili atl'in~ezione, e.d i ra1g·azzi d'ambo i se1ss1, stlbiJt.e ·dureante i1 p·eri 0 do sc.oJast1co, nell'o>Ccach1e per un,a ragiJone o l'altra i1on fr,equientanv. ~ione di .ammissioni a .pn1bbli.ci impi1e,ghi, p egli la scuola. opifici! ,i nd n striali e (n1el1e città marililare) pri..\.vanz.1rumo ql1a.l·che prropo1sta pratica i.n ooc:,ma degli i1nba.rchi. Non co1~ì p,rotette troviam-0 sione d·el m,atrimb110, se no·n vogliamo a'l1!oora le nostre p,o ,p olazioni 1rt1rali: se arn·c h·e 1a p.rima s1:>ing.e1re i po·stùlnt.i igtlen,:iJCQ-;soci.ali fino a ll.i. \·nccina.zion1e, qu,elJla di tt1tti i ba.m1b i·ni n,ati presentazione del certilfic-ato m .ediico pr~atrir•ell'anno sola.re~ p~1ò riten,er:$li, per i!l numieTo 1noni:tlle, p.otremo ilmiporr·e, per legge, la preclei lnttnnti che vengono portati ai turni di vaccinazio11è, soddisfacente, non cosi :pt1ò dirsi sentazionr di 11n ce-rtificrutio .di riva·ccin.azin11e s1lbit a . ·q·J.alora Q'l~·esta noo ·s.iia ,stata eise.gulitA. per la rivacci11azion e nell'epoca sooJastica, co11 succes.s.o neg·li ultimi sei anni. Il quoziente ryer1cl1è .b l1ona parte deg-J.i scolari obbligati a freque11tare la scuola la diserta.no per varie di nuzia:l i1tà nelle r1ostre cam1p.agmie è abbasta11rngiorli pi-L1 o n1e110 giustificate; cosi pure per . _za elevato e buona pa.rtie ·d~lla po·po:lazio11r, q11ella negligenza e indolenza proprie di , poagricola, anche femminile, verrebb~ così acr poln.zio11i che si ti-avano in 11no sta-d..i·o primi- eissere ri~ac 1 · inat 8. tivo di colt11ra: n1olti ragazzi e ragazze Stfug.Date l e consuett1d.ini religiose n.e lle nostre gono du11que alla rivacci11azione. I maschi cam pagne, si !)otrebibe f aT c hi.edere da parte arrivati all'epoca in cui prestano servizio mi- diei parro-ci la preseruta!Zdlon1e <lii un ~ertificato litare. ve11gono rivaccinati; ma gli inabili che di rivaccinazione· da prurte id ei .r agazzi e delle r1n1ango110 a casa e tt1tte le donne dedite ai ragazze che chiiedo110 di essere ammessi alla la\·ori ca111pestiri , all'economia domestica agrafrequentazione d-ella chiesa ed a.Ile pratiche ria e rurale, non "'ottostanno più ad. alcuna religiose. Così non sfuggirebbero alla rivruC'.cirivaccin nz.ion·e obb I igatoria. nazione neppure i bambini che disertano la Ln nec·fs~ità cli e;;cogitare 1111 mezzo pratico ~·CUO}a . , i>er ottene11e u na p :.ù inten a vaccinazione delle Negli ospedali potrebbe ·essere pr-0ibi)to, salvo popol.azioni rurali mi Yiene dall'ossiervazione casi urgenti, l'a.rcoglime11to di malati non ' 'a.e1

1

0

1

1

0


[ANNO

S.X\ll l I,

FASC.

2]

ci.nati durante gli ultimi sei anni; e cosi .p ure l'accesso ai parenti nr0r1 forniti di certificati di rivaccinazione, che volessero visitare i loro congiunti. In tale guit5a potremo o.t tener.e una buona rJ.vaieci11azione .anche d ella m ·aissima parte deàie nost.rie popolazioni rura:li1. Quando con l' assi.curazione p.bblìgatoria ·contro 1e malattie, estesa anche alle c1asSli ag.ricole, noi avr.emo sotto m.ano questa ·p arte ·della nostra 1p·opola ztone, si poirà riclli·edere la ri.vaoci.nazione obbltgatori·a al momie nto de1·~'iJ­ scrizione rulla cassa ammalati, a:ll'.atto diehla conseg11a del libretto di lavoro, ecc. Se malaugulfatamente t1n gimno il virus vaiolo.go verrà importato in una borgata rurale, questa trov.erà la popolazione immunizzata o quasi e se anche l'itntf€2iione attecchirà in .qualche soggetto, ]a catena delle 1nf.ezioni verrà rapidamente spezzata con i consueti mezzi dii p11ofi1assi, l'i1solam.ento. le d.i sinfezi.oni, le rivaccinazioni di necessi:tà. 1

..

I

Nell'occasione della com1parsa de.I vaiolo anche i11 Istri.a, il Coonmissariato Gemeirale iaiveiva disposto lJOO' u11a rivacciinazione gen•e.ralie di tutta Ja po.p ola.zione. In questa -occasione ho preso a s tudiare più accuratamnte ii ri.su·l tati della rivaccinazione in una scuola primaria ed in un gruppo di imipiiegati 0 attoo.o che da ql1este clue categorie di i•n dividru.i ·e·r.a possùhjle aver.e esatte inrli.cazioni sulle vaccinazioni precedentemeirite subite e SUi risu·l tati ottenuti>. N1e riporto qu.i 1 risultati prir1ciiprulù aro.ti negli scolari : Nel 1919 dieder.o risultato positivo negativo I

~I a

i p re c e de n t emente vaccina.ti

Vaccinati con ri sultato positivo Vaccinati con risultato negativo

a>

o

. 26

=

86.6%

107

=

83.5o/0

189

145

= 76,7%

g

9

=

9

9

= 100,%

30

'Q

·-E!

·.e -o c:I e:! 125 ''"" ~ ~ a> d

...... ·-e

4

=

J3,3%

18 = 14,4% 44

= 23,2%

a>

d

Q)

Cl

c::l

'Q ~

Vaccinati con risultato positivo

Q.)

(.)

Q.)

..

J.4 .... ~

100,%

o-o o Q)

"O

Vaccinati con risultat,o nega.tf,vo •

·- ::I

~"O

·o ~

d~

51

SEZIONE PRATICA

'

....

I 1'imrunem.ti1 43 scolari rivacci11a'.ti con esito negatirvo alla prima revisione· dopo 8 - gtoirni, fuoomo di n uavo sottoposti ad w1a secontl.a riv accinazi one nella ooc.asio11°e d ella 2a revisione ed anC'he qu.esta volta 40 ave.v·an.o dato risultato negativo e soli tre un risultato po sitivo. Degli .accennati 40, 33 ·erano stati ·s empre vaccinati con esito negativ·o anche gli . . anni precede11ti, in·entre soli 10 erano quelli che avevano reagito positivamente gli ultimi ciuie anni. Le riivaccinazio ni neg.ative hanno dato semp:oo an.cQlra una cif.r,a tropip.o eLevata, n1eno el.evata l)erò P·er que•g1i alliiervi i qu·alil n.egli .ultimi diti.e a:nni era no stati vaccinati con successo, ch·e p er quelli vaccinati con esito ne·gativo. Notev.~i.e il fatto che qu1egli scolari la CUÌ Vaccinazio11e l i .~fclJliv·a ad U·n peTÌ()do prece·lente ai d·ue ·ultiimi .anni, diede.ro uil:a perc~ntil11ale del 100 ~~' fatto questo che mi sembra p.otere invocare per .s;pi·e·g aire i risultati ottenuti. non già con u-n.a tecn.i.ca ora più ora rr1.eno acoo.r aii:>a, eh e n 001 p.i ut too-to con un~ 10011d izione immunitaria ilThere·n te .all'organiSIIllo stesso de.g·li alii1evÌl, ta·n to •pi~ -che be:11 1~85.5 % d.egJ.i scolari vaccinati icon ri1sultato ,p ositivo nel 1917-191'8 aveivano dato una re·a zion1e positiva an.dhe ·neil 1919. Per aver un confronto con gli adulti ricorsi alla rirvaccina.zion·e di 29 impiegatii in.egli uf.fici, i quruli ad u·na P·:rtlma vaecinaz1io11e .av·ev,ano dato risultato negativo. Di questi 29 reagirono aJJ,a rirvaccinaziome dop10 otto giorni po1sitivamente 16, ·n 0gativ.am,enite 13; quelsti ultimi érano stati vaccinati anche in precedenza, dl1rante il servizito milita.re sem.prie e.on ooito negati·v·o. Co·n veniva oer.care dii darsi ragio:ne "dJeil p.e1rcl1è d1el11e diff.erre·n ze n.oteivo.l i 01sserrvate n.ei:llla porpolaz.iione 1ScO'la sti.ca tra i :risrultatì ottenu.ti nel 11919 1e que1·1iJ aro.ti aieig.Ji anni 1p·r eeed.enti in propo1rzilone. cosi eJ1wa.ta con esito negativo. (189 negativi di fro•nt.e a 125 pooit.ivi). Osservierò anzi tutto che la vacciinazione, rispettivta.mente la ,r ivaccinazione, .si · svo~geva nel 1·919 duran.te i mesi i111vernali; i turni obbligatori di pr.esçrizion e ca;d·ono di solito nel1'.estate, .c h1e nei nostri climi s•l11btropi1cali è tadvolta :Preooce, poichè g.i.à nel maiggi10 e ·n1el .giugno abbiamo temperatl1re quasi canicolari. N·o i .sappia.mo infatti che il ·calore estivo ·esercita una iJnftuenza damn,01sa su lla produzj1on·e dcllai liruf.a ani mal:e . .Gli fnnes.ti sugli an.im.a.li non ni1e~ieono ·uLformi1, ·le pu1stoil.e tend1o no a f-0rmare la ·crosta e danno una linfa ·d i virulenza incostante clie rapidamente si attenua, ·donde gli iJnsu.coessi. Ancihe la clicerin.a ·(1) altera il 1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

d

Dei 66 scolari -eh.e avev.an-0 d.ato rri1sultato negativo furooo ri•v:accinati al1a revisi.one .cto:po 8 giooni 518;, .di questi !'ieagiiTono positiv.am.ente alla tlÌJVaocitnazione 15, f.r a i quali 4 che erano statd già vaccinati con esito positiV·O negli ultimi due a:nrui, mentre 11 erano istati .p rima vaccinati sempre con esito negativo.

(1) Sp-ecialmente queli·a non pura. qualche volta acidia o cantenen.te acroleina che veniva fornita dUJranite la ig uerr.a.


[ lL

- ·> J-

POLlCLl~ICO

SUNTI E RASSEGNE.

virus vacc1n1co sp ecialmente se conservato a temperatura elevata. La linfa gliceirirnata teriuta nel termostato per 24-48 ore a tempera1''1EDICINA. tura di 37° d~venta inefficace. Nelle r-eg1io·n i Sul valore delle reazioni tuberoolioiche per la t r01picali la prodrt1z.ione di ~nfa anim~le , ~ua.sii prognosi .ed il giudizio di stato delle lesioni imi:>ossibile. L'Istitt1to vacc1nog~no d1 \ ienna jn · pcnclizioni normali .~ospen~eva per qu~te . tubercolari. ragioni la p.roduzi:on e d el vaccino durante 1 e, Sotto qt1esto titolo Arnalclo Cantani pubblica state . Il pus estivo non ,s i ma.n tiene be·n e, sopin Studium (20 ag,o sto 1920) un arti colo espo nen1)orta anche male i trasporti con l a posta, la te i risultati .di 4422 osservazioni intraprese con 1 li1n f ét dev·e esse1~e subito uti lizza.ta. Non o5tante lo sco·p o di vedere se effettiv amente ·e fino a qu este di1fficoltà le condizion1 belliche avevano qual punto .ci Bi pos·s a avvalere delle reazioni richiesto all 'Jstituto vac.cinogeno una produtubercolinirche 1per il gi11dizio prognosttco e di zione continua senza interruzione (1) . Ora dei stato delle lesioni tuhencolari. calori irnten•s i e prol1.11ngati del 1917 ·~e ne risenIl vasto materiale id i esame 1si è offerto alJ'A. tì anche la li•n fa prorliotta i11 quell'estate nei durante il servizio di Direttore del Centro di 1nesi di luglio ed agooto. Da qui la notevole .AJccertamento pe·r la tubercoloSli del X Corpo c.liffer~nza tra i risultati ottenuti nel 1919 e gLi d 'Anmata .n ei' 2 an11i in ct1i esso ha funzionato i11succe~1i nel 1917-1918. presso la I Cliniica Medica di Napoli. • Il i·i s1u ltato e l'an.d amento delle reazio1li so.no stati 1sempre 1cQl1lfortati da uno studio clini1co Conc1usion.e. completo · del malato e da tutti i po1ssibili mezzi .t\d Jnt·ensifìca~é la vaccih,azi·one jenn·erriana d'indagine: sopratutto quello della rice!'ca rapre ~ so le pop,o·laziioilli rurali con·v errebbe intro:diologtca. · cl11:rre l'obblig~atorietà della presentazi1one de] In questa completezza di ri cerche e nel nucertifica to di rivruccinazione per il matrimonio e mero ·rilevant~ ·della casisti·ca sta l'i11teresse d.ei ner l'~mmissione alle pratiiche religiose e .stalavori del Ca.n tani. llilire i ttlrnrl. dii•vaccinazione (e rivaccinazion€) L e moderne r~cerche sulle reazioni tubercoligener ale nei mes.i primaverili o preprimave-. niche, essendo di.m inuita l'importanza ,pratica I 'il i. di queste •a t.Scoipo diagmostico, hanno mirato al Pa renzo (Ist1·ia). fine russai più irr1porta11te, da 1t11 certo pt1nto di vista di determinare f attività dei focolai tu' bercolari e la crupacità di questi, quando si.ano (1) Dalla relazione Meder « St1ll' attività aegli i --tit11ti vaccinoge'Di tedie schi dura.n te la guer: ancora late.nti a d.are cc la 1nalatlia ». Si pensò ra tenuta al Congre-sso dei direttori d·egl1 ch e la rispo,s ta' potesse esser data d ai vari me1sti1tuti vaccin.og;eni ted.eschi (Monaco di IJ3atodi di reazioni usati (cuti, intraderm.o, oftalYier~1 . :>-6 settembre 1918) . rileviamo che il solo mor.eazi.one) essendo l'uno più aidatto dell'altro Istitnt o viennese for11) durante la guerra 35,571.61:> rlosi di linfa vaccinica. 1a rivelare focolai in stadi ·d iversi; ·m a questa siperanza è stata vana; non mi.glio re fo-rtuna si è avuto con l'uso di diluizi.oni di diverse tuI oteressante pubblicazione : bevcoline, o con il criterio della riipetiziol1e a breve intervallo della reazione. Prof. VALENTINO BARNABO' Vari AA. si son valsi della .diversa rapidità ' I poteri defensionali e l'officio protettivo degli organi viscerali con cui si suole verificare nei diversi casi la e parencbimali contro i germi delle infezioni tbirorgicbe. reazione per emettere un giudizio sullo st.ato della lesi.o.ne. Co's i seconid o Muller una reazione Data. la notevole importanza dell'argomento, trattato esaurrup~da starebbe ad indtcare una infezione rerientemente in questa. estesissima. monografia, in cui sono cente; una reazione lenta, una infezione anttca, rla.ssunt c le più moderne 11ozioni anatomiche, istologiche, clinic:he e sperimentali, ed esposte le svariate ricerche e le più tol'piida. A queste reazioni trurdive Wolffconcezioni personali dell'autore, ci siamo procura.ti, certi di Eisner assegna un significato prono.s tico imporrnr cosa J?rnditn ai nostri abbonati, il mezzo di offrire a tanttssillllo e nettamente favorervole. condizioni vantaggiose un libro indispensabile non solo per Agli cStessi scopi è ·stato utilizzato il criterio . chi el occupa dl Patologia speciale chirur.gica, ma altresl per chi tudia. ln Patologia in genere delle malattie infettive. della initell!Sità della reazione. I dati di osservar o ' 'olume in·S grande, di pa.g. xvi-922: in commercio zione non sono però a questo riguardo molto L. to; pe1 nostri nssociat1 sole L. 15, fra.neo di porto e racnumerosi. G1i AA. in genere dimostra.no 11na. comandato. tendenza a pronosticare faustamente in seguito Jnviart: Cartolina-Vaglia al Cav. Luigi Poz1i - Via Sistiad una reazione intensa, espressione di una ~ oa, 1-t - Roma. 1

1

1

1

1

1

1

1

'-

)l

/

a s

o

c. il

D

l

e e

e


· SEZIONE PRATICA •

attiva difesa dell'organismo contro l 'infezione; sfavorevolmente in seguito a reazioni negative o leggere. ~Iac \\'erney s i esprime al riguardo dicendo che la intensità di reazione è proporzionalm~nte inversa all 'inte11s ità del processo tubercolare. l\fa è 'lln fatto che la ct1tireazione può esser negativa o quasi in indi\·idui malati di tubercolosi ed i'i ria di yuarir1io11e o già guariti, il che comporta u11a p·rognosi fat1,s ta. È un fatto anche che la cuti reazione p11ò essere negativa i11 malati gravi di tubercolo, i: l a prog11osi in questi ca i è quasi sempre letale. Contrariamente, c._lt1·n que, a qua11to Holle11 .. en sosteneva, la cutireazione negat i\·a non significa che in individui cliniicame11te ~a11 i al momento de11·e ~ame mai si è avt1ta infezione spec:iftca. Stando così le cose le riC'er ehe .. istematiche i11traprese dal Cantani suscitano u11 interesse grande. Egli si è t;>81'\·ito della cutireazione fatta con tubercolina. non diluita e di un controllo s enza tubercolina; distingue .} g radi di inten ... i tà di rea.zio-11 e (nega ti va, 1~ggera, r hiara, inte11. . a ) : i ristiltati so110 sta ti l'eg11ati dopo 48 11. se positivi, dopo 3 e 1)ii1 giorni ... e i1egativi; in speciale considerazio11e su110 stati tenuti qualch e lieve sposta1ne11to felJbrile, qualche ingorgo d ell e ghiandole ascellari, ùelle lievi irritazio11i dei lin èa tic i del braccio, di lln event11ale risYeglio d ei fatti ollicttivi. I da.ti rn ccolti riguarda110 solo i tub e r <·olotici cl1i11 si. lJall e statisticl1e i) r esentate dall ' ..i\. un primo fatto importante <!he scat11ri...ce è che circa il iU 0 & degli in1lirvidui dichiarati non tubercolosi (escl11d cndo i late.n ti, inattivi , iniziali) ha a\1 uto reuzio11c i1egativa: il che i·J1(1i ca co1me nell e contrarle (l cl Naipoletano la t11bercolooi è clifft1sa assai meno che in altre regioni. Nei militari dicl1in1 n ti sosp etti (co111prendendovi i latenti, in a itiv i, i11iziali ) le reazi-011i furono po siti ve in circa. 1'85.77 °'o : le negative, è da notarsi, si ebbe1·0 i11 ir1divi dui oligoemi·ci, cachetti·ci per .e.lt ... e affezioni o « già tube·r coloti·ci e guariti » al momento dell 'osservazione e .dichiarati sospet~i ai fini dell'accerta.mento militare, per scru~1olo · • maggiore. Se cosi d .a questi crusi sospetti si eliJmi:nano alC'Uni casi d a includere più giustamente in una categoria a parte, i.n quella dei latenti in!lttivi iniziali ( 't·ll ca.si tutti positivi), sottraendo cioè i casi più dt1bbi e ridu.cendo i1el concetto di sosp.etti quello di « realmente mal.a ti » ( re li quati attivi; attivi iniziali) la percentuale de·i positivi sale alla totalità o quasi. Nei reliquati in, fase di guarigione (,compresi nella statisti ca dei sospetti) le reazioni negative a mmontano al1'88.48 %. Risulta, du.n .q ue, dai d·ati statistici dell'A. un a.ccnrdo armoni,co tra lo stato della infezione o 1

1

1

della malattia ed il risultato della reazione tt1bercolinica la quale è positiva qu·asi sempre nei t11bercolotici con reliquati attivi e sugli iniziali atti;vi; positiva è ancora negli iniziali inattivi; negativa nei reliquati di t11berc0Josi in fase di guarigione. ' L A. h.a cer cato inoltre di vedere se elementi ancora più precisi si potessero cledurre dallo stu1dio della inten sità di reazione. St1 3255 cuti·reazioni positiv e si è avuto 11n numero prevalente di r eazioni l eggere (58.37 °1o) ed UJ.1 nurnero assai scarso di marcate (i.80 %) . Xei dichiarati non tt1bercolotiai le reazioni leggere so·n o state del 66.58 °~ : le in edie del 32.11 %; le marcate dell'l.30 %; nelle for·me attive inizi.ali le reazio11i legger e si so11 risco·n trate nel 13.92 ~la e 'le m edi e e m arcate nell'82.84 ~~ ; 11ei reliquati inattivi (inattivi clinicamerite) le reazioni leggere raggi11ngo110 ·il 00.22 % e le medie il 9. 77 °~ nle11tr e cli r eazioni marcate 11-0n ve n'è nessUJ1a; n ei reliquati in fa se di guarigione le leggermente positive sono appena a ll 'll.51 % e pr2valgono in modo netto le r1 egc1live (88.48 %) . Il che sigi1ifica che le reazio11i i1egative e leggerme11ie p ositi,·e s o110 esponente risp ettiva.m ente di t11bercolo1Sli g uarite o in via di guarire; le reazio11i chiarame11te o marcatamente positive sono indice dell a inizialità ed attività del processo. La s1>iegazio11e del graclu al.e affievol i l'Si della reazione t11bercolinilca fi110 alla completa scompa1·sa a 111a110 a mano che il t11bercolotico entra n efl.a fase di cronicità e si avvia alla gt1arigione defi11itiva va ri cer 1cata nella quantità minore o maggti.ore dii tlntiic orpi circola,n ti nel sa11gue dei malati e del \'al'io modo di reazione di qt1esti verso la tu heTcolina; la manrca11za o l ' affievolim ento d ella r eazione s arebbe da attribuirsi alla prese11za di t1na notevole quantità di anticorpi (t11be1·colosi tor;pide, i11 fase regressiva, ecc. ) ; n ell e form e inizio.li, iJ.1ve1ce, e n elle floride i·n cuì l'organ h..~o non ha ancora r eagito co11 l e dife ·e, la reazio11e 1·i ultiereibbe posi ti va. L' inond.azio·11e tl i ,-,eil eni tub1eircolairi r1elle fa, i fi11ali delle tubercolosi ga:avi, la manca11zia di .antico.r pi nell 01 ganiSIIll10 ia.1caipa;ce di re.a gi1·e, s ono tali che n essll'IllO stimolo più è capace di prodlui1--re la pic.co•1a quantità ·d i tubercolin·a i11trodotta. È da 9pi1e1ga.r si così l'ap,pUJre11te cont ralidizion.1e tra quello c1l1e a \'\'lene nel tubercolotico .aJl i11izio e quello alla ·fin e. Nei casi i11iziali, gli antic-Oi!"pi c.fl,!Ja.ci di neutraJizza,re la tubercolina, sono i11 mi11or nu111ero e la reazione ris.u lta ~~Jiccata; nei processi · toTpidi le rewzioni sono più leggieire p erchè maggiore è il n11mero di anticorpi; so·n o negative per la stessa ragione niella fo1rme di guar1gione: nei ca.si molto .avanzati s i pt1ò avere la mancanz.a di reazio·11 e !ler i.n1·p o·s sibidità ormai acquisita da~J'OII'·g:a11i~mo di r~agi 1·e. D. ~1' . 1

1

1

1


NEUROLOGIA. •

Il simpatico ed il sistema nervoso centrale • • nelle ps1coneuros1. (D. ORR. E clinburg l i 1'1edical Joitrnal, ottobre

19'20). Il sistema

nervoso centrale ed il sistema 11erv0&0 vegetativo h a nno fra loro relazioni funzionali Teciproch e: i due sistemi costituiscono un 'unità fL~iologi.ca Ì)er modo che i disturbi dell'uno si tipercuotono sull'altro. Questa i11terdipendeuza è stata chìarapiente messa iI1 evidenza dalle psiconet1rosi di guerra, la cui sinton1atologia clinica è primitivamente la consegt1e11za cli fatti emotivi, ch e sono a ccompa;gnati 0 so110 l'esp:r e·s sione di disturbi di varie parti del sistema endocrino-simpatico , distl1rbi che sono jn molti casi persi·s tenti e tendo11-0 a mantenere .o ad aggravare le devja.zioni del meecanismo mentale. Questa con cezion e a,.p pare più chiara alla luce dell e nostre {lttua.li cono.scenze sulla fisiologia del sistema endocrino-simpatic-0 e delle sue relazioJ:1i col sistema n erv·oso centrale. Il sistema nervoso simpatico con siste di due parti che sono fisiologicamente antagoniste. L'l111a, il vero simpatico, è çt0stituita dai g_angli vertebrali ed intra- ed extraviscerali e-011 i1ervi coml1nicanti con i centri midollari; l'altr::l, nota come sistema al1ton?ffio, ha due orig ini , cef alica e sacr Ale, e le sue fibre raggit111gono la loro destinazione attraverso il 3°, 7°, 9° e 10° nervo cranico, ed il 1°, 2° e 3° nervo sacrale: La funzione di questo sistema nervoso involontario è quella ' di regolare le fu11zioni -0rganiche e nutritive e di mantenere l'eql1ilibrio fra le ft1nzioni dei vari organi ai qnali si distribuisce. La funzione antagonista delle d11e parti normalmente raggil1nge l' equìlib rio. Ambecl"ne son o in $trette re1azioni a n atomiche co11 le gland11le en·docrine d i cui regolano l' atti,·ità, e d'altra parte la secrezion e {li queste l1a. una infl.11enza _elettiva su le due porzioni clel sistema nervoso involontario. Ad es., l'adrenalina eccita il sistema simpatico, l'ipofi .. ina i nervi pelvici derivanti dai primi tre nervi ~aerali: la tiroidina acçelera il ritmo

card i a.eo. Olt1·e a •

(ANNO XXVIII, FASC. 2)

IL POLICLINICO

54

~ i ò,

anche nel istema glandulare entlorrino e i tono correlazioni speciali e comJ)le e di sil1ergia o di antagonismo, così che J)er il perfetto equilihrio dei E'istemi simpati co ed a11tonon10 è neres~aria una perfetta n rmonia de1le relazioni intraglandul a ri. La 1)revnlenza o la deficienza di una glandola, ,·osti t uziona lf' o a cqt1isita, turba tutto il si-

sterna ed è il pu11to dj partenza di uno squilibri-0 organico e m entale. . Il sistema nervoso veget ativo, involontario 0 simpatico, regola lo ·s viluppo e l'equilibrio nutritivo. Questa az jone trofica si esiplica a mezzo di un m eccanismo riflesso, il cui aroo nella prima porzi-0ne è formato da.Ile fibre sensitive della p elle, delle .n111cose, delle sierose, d ei varì visceri e tessl1ti della vita vegetativa, ed il suo pi-Lt im1p ortante centro trofico è sito nei gangli spinali. Ma oltre a q11esta funzione di oonduzione dei riflessi, le vie sensitive han• no quella di trasmettere al sistema nervoS-O centrale quelle impressioni subcoscienti che con trollan·o il ritmo della vita vegetativa• e che possono diventare coscienti raggiungendo in certi stati patologici i. più aiti centri. Quan- ._ do le vie sens itive di, entano più pervie, e gli stimol i, ben1chè normali, p assano più facilmente o in più grande quantità, o quando gli stimoli siano di particolari intensità, allora si .stabiliscon o intime relazioni tra gli organi e la corteccia cerel)rale. Quando poi gli .s timoli provenienti dagli organi della vita vegetativa ·raggiungono la coscienza come sensazioni corporee, tendenze o istinti, hanno 11na parte molto importante nella formazione della psiche. D'altra parte, è ben noto che le a lter azioni p sichiche possono esercitare una grande jnftl1enza sull'attività del sistema vegetativo. È probrubile perciò che non solo nei bassi centri , ma anche n ella .corteccia stessa vt sian o fibre s impatiche centripete e centrifughe. Quelle centripete con{lucendo gli impulsi della vita vegetatiya determinano c1uel complesso ·(li sensazioni noto &otto il nome di cinestesia, t1na ·s ensazione incosciente, ma fra le più importanti per l'organismo; mentre quelle centrift1ghe completerebbero il èircl1ito per il mantenimento del ritmo nutritivo. Tanto ciò è vero, che quando j} sistem~ simpatico è sperimentalmente staccato dal si.ster11a nervoso centrale, esso agisce ancora, ma la sua azione è men o energi9a; in altri termini, l'equilibrio della vita è niù labile. ' Si deve però i1otare che la volontà e la coscienza normalmente non hanno alcuna inftuenza sul sistema vegetativo, n è s11 gli '?rgani che esso controlla, e che la soglia della coscienza non è normalmente varcata dagli ~ timoli provenienti dagli organi stessi. Tuttavia la corteccia {?erebrale !)uò in condizioni straordinarie trasmettere impt1lsi agli organi e diventare ipe.r sensibile alle modificazioni ve, rifìcantisi in e&si. Per esempio, ·d11 rante l'ipnosi si possono provocare modificazioni in .certe funzioni della vita: variazioni del polso e 1

1

-

{

' '

(

.

1 I


.

SEZlONE PRATICA ,

variazioni .nella secrezione delle lagrime, dei sud<>l'e, del latte e delI1urina. Tali fatti dimostrano l'esistenza di relazioni ce11trifughe e ~entripete tra Ja vita psichica e vegetativa, le quali possono ·assumere un gra11rle signifì..cato in condizioni patologiche. Qt1este relazioni trovano tin'esemplificazione n~lle emozioni, che hann o la l<>ro espressione fisica, in reazioni del ~istema vègetativo a . stimoli psicl1ici. In seguito nd emozioni si possono avere modificazioni del ritmo cardiaco ed ancl1e fatti di maggiore i1nportanza, come m odificazioni della secrezione gastrica, e quel che più importa disf11nzioni delle glandole endocrine. È ben noto che in seguito ad un eccitamento psichico si ha at1mento della secrezio11e dell'ad1 enalina, la quale ha una specifica azione ecritR11t.tl s11l simpatico, la cu1 Rtim-0lazio11e eccita le glandule sur.r enali: s1 ~tabilisce così un .circolo vizioso tra l'azione 11ervosa e glandulare, le cui relazioni sono çosì s1 rette che fisiologicamente posson,o con~idern rsi co1ne unica azione. Alla luce delle i11oderne ricerche lo stimolo psiChico con i] suo conte11t1to emotivo forn)a il punto di parf enza del fenomeno, e daJle modificazioni dei ' si,tema. e11doc.rin<>-simpatico deriyano fatti che '<' gifleono sulla nutrizione ge11erale de11 'òrga11is1no ccl i ndt1cono tal i al te razioni nel siste111a nervosn C"ent rale rl a facili tare le devia zioni del meccanismo mentale e tendere a.Jla produzione ed al manteniil1ento di azioni net1roniche pat-01ogiche. Se l'adrenalina reag:ilSce s11l simpatico eccitandolo alla p,r oduzione d1 ::-l ltra n drennlina in moclo da produrre lln cir· "<'Olo vizioso nel -livello basso del sistema, s1 rle\'e ammettere che nn a analoga ripercussio, ·ne da alterazi<>ne della ft1nzi{1ne endocrina .s1 l)OSsa stabilire st1i net1roni di Diù alto livello, -s1111a corteccia cerebra1e. Si comprenderà q11indi come fattori psico-emotivi in condizioni pa·tologiche e specialmente in quelle nelle quali sono già p.resenti disfunzioni enà<>crine, possano produrre profonde reazioni vegetative. E solo recentemente che sono stati p.resi in considerazione gli effetti delle anomalie co~tituzionali e acquisite del sistema simpaticoendocrino sul si ~ tema nervoso centrale. e vireve1·sa, benchè la importanza del f~tto sia c::tata messa· in evidenza dal ·ne Giovanni Qna cinquantina di anni fa. Gli studi, stilla patologia del sistema simpatico ha.nno rivelato alcuni fatti molto jntereseanti, e tra questi uno molto importante· 'per la etiologia di malattie mentali, che, cioè, il .sistema endocrino-simpatico ha una gran parte nella for·m azione dei ien1peramento in·d ivicluale e quindi della reattività individuale ai fattori esterni che pro-

. 55

vocano disordini nell'òrganisrno. Sia nei riguardi del sistema nervoso centrale, sia de1 vegetativo, i :fattori dei disturbi sono i medesimi, esterni ed interni, ma questi ultimi predominano nel sistema simpatico. Nel sen.so et1olog·ico il fattore interno può essere definito come un complesso di fatt-0ri comuni a speciali organismi, in virtù dei quaii jl sistema vegetativo di lln dato individuo di1nostra una speciale morbilità a lle cause occasionali che hanno poco valoT"e in un i11dìvid,uo che ha il sistema vegetativo integ.ro. La esemplificazione di questo concetto è. data da'lle reazion i del simpatico con fenomeni vasomotori e secretoli ·nel dolore, nella pat1ra e nello sliock. Rispettivamente al temperamento indìYicluale Si ha llDa gran varietà di Sintomi, pallore, Iossore, Sl1dorazione in alçune ·parti dcl corpo, ittero ddpo q11alche ora, dimint1zior1e dell'ap.petito, vomito, bradicardia, ta.chicardia, gozzo esoftalmico acuto, clorosi acuta, g-licosuria transitooia e soppressione di urina. È chiaro che. la diversità dei sintomi è in relazione alla anomalia generale o locale del sjstema endocrino-simpatico, cioè ad una predisposizione, ad t1n difetto di reazione agli stimoli estern i. De Giovanni è andato ancora più in là, ed ha affermato che la diatesi neryosa individt1ale è sempre più o meno in rapporto a:d anomalie di struttura del corpo, ad anomalie dello sviluppo mu~olare, del grasso $ottoct1taneo, dello .scheletro e dei visceri. È degno di rimar-co che le due parti ·del sistema nervoso vegetativo esercitano la loro n1assima funzione elettiva in differenti periodi dello sviluppo. Il simpatico provoca, ecoita, accelera ed attiva; il vago <> autonomo ritarda, deprime, inibisce. ln altre parole, i'l pr1 mo favori sce la produzione e l'espansione d1 energia, mentre il second·o l'accumula e la conserva. Perciò lo svil11ppo dipende dall 'integrità funzionale del simpatico, mentre du• rante il periodo regressivo della vita prende il .sop ravvento il sisterna at1tonomo. Tra q11est1 . clue periodi di sviluppo e di involuzione c'è 11na lunga fase nella ql1ale le attività dei due sistemi si bilancian-0. R irl. questo periodo di equilibrio fisiologiYQ ch·e la prevalenza · di uno dei due sistemi i.n t11tto o in qualcuna del}e sue parti provoca distl1rbi locali o costituzionali, di cui i più tipici sono la yagotonia e , la simpaticotonia. D'altra . pa.rte, dalla nascita fino alla eis trema vecchiezza si verificano durante. i vari . periodi della vita processi evolutivi ed involutivi delle glandule endo.crane. Ciascuna d1 qt1este ha uno ,s peciale ciclo che è strettamente legato allo sviluppo fisiologico delle altre.

..

I


(_.\~:'\O

JL POLICJ 1.:-.;1co

56

XX\.lll, FASC. '2_

Il ti1110 è bene sviluppato nel feto, si ingrossa

nel ba1nbino fino alla età di due. an11i, rimane (ru indi stazio11ario fi110 alla pubertà, epoca :iiella quale Sllbisce t1na rapida involt1zione. Il tessuto cron1affino parasimpatico, che è bene sviluppat.o nel feto e nel neonato, dopo il parto regredisce e nell'adulto è ridotto a rochi gruppi cellulari sparsi tra i plessi ed i gangli ·s impatici. La .s ostanza .midollare delle ~11rrenali raggiunge un alto grado di sviluppo dopo il parto, e la sua ç.ostitl1zione e la sua t'11nzio11e sono differenti da quelle del tessuto cromaffino embrionale. La sostanza midollare delle surrenali, i follicoli glanclulari delle ovaie, le g1landule seminifere dei testicoli, la 1iroide e l'epifisi raggiungono la loro masai111a attività ft111 zionnle d11.rante la pubertà, qua11do i n1uscoli e g·li arti si sviluppano. Così nell a fa11cit1llezza t111 gruppo di orn1oni stimola i nervi autonon1i cl1e governano la vita di nutrizione, me11tre i1ella pubertà 1111. a ltro gr111Jpo stimola lo svil11ppo della vita di relazione. I p1•imi sono orcnoni secieti ·dall'ipofisi, dalla tiroide, dalla paratiroide, dal timo, dal l)ancrea~, dal tessuto corticale delle surrenali e clalla gla11ù11la pineale, mentre gli altri son-0 secreti dalla ostanza midollarè delle su.rrenali e dalle glandul e s.'Urre11ali, ed anche, '}er cp1anto di diverBa. natura, dalla .stessa t iroide e dalla stessa ipofisi. Lo sviluppo ar1nonico <lei cl11e gistemi organici, ossia della vita d1 nt1trizione e di relazione, dipende dall 'equilir•rio e dalla ritmiça azio11.e dei due detti gruppi di ormoni nelle varie fasi della vita. L'adolescenza e la pubertà sono i p e~iod1 i1ei quaJi i due grt1rppi svolgono la loro massin1a. attività, e isi S'Piega q1.1indi come nei perind i ~tessi siano r>ii1 evide11ti i disturbi del ic:temn endocrino-simpatico. corr1e la clorosi, i I gozzo esoftalmi co, il rnorlJo di ..t\ddison, i ·di.. t11rbi ipofisari. Le cause principali de'l l e affezio11i s i111r>atiche so110 i tra.l1mi ·n sichici i lJa temi d' animo, le jnfezioni, le intossi.c azioni e !liii rara111erl te i tra l1n1i fisi~i. Thla l'esperienza dimQ"tra. cl1e l 'agente !>iù efficace è il trauma psichiro. È di os. e1·vazio11e comune cl1e dopo 11no spavento o forti sofferenze morali si può nvere lo svil11ppo della clorosi, del n1orbo di :\cldison, dell 'e1nicrania, delle i1eurosi renal1, del diabete, clel'iperidrosi , detl'angina pectoris e delle ernzio11i angio-neurotiche. Se si ammette - e non c'è ragione per negarlo - che la corteccia cerebrale 9t1ò esercitare l111'azione ecrita11te o inibitoria sulla fnnzio11e del sit--te1na vegetativo, appare ben chiaro il mecc a11i .. 1110 di 1 roduzione delle neu.r osi. Quando c:i considerino l e inti1ne relazioni anatomiche -

J

-

e funzJ.onali tra il sistema nervoso vegetativo e l 'asse cerebro-spinale è unpossibile conce!) i re una sindrome si1npatica senza la com1)l1cità morbosa d el ststema ner\·oso ce11trale, e viceve1·sa. È ·b en noto cl1e i clistt1rbi psicl1ici, l'astenia~ l. a tonia, la tetania ed a ltri processi n1orbos1 so110 costa.nteme11te flCCon1 pagnati dn. c.l isordin1 clf\1 siste1na e11docl'ino-si111patico, fatti i qu a11. provano che qt1est'ultimo regola. i1on solo la vita Yegetativa, ma a11che qt1ella di relazione. E .c on t11t ta l)l'Obabilit à il trofismo c.lel cervello e clell'appa.rat o rnoto.r e volontario è reg-0lat0tda or1no.ni e11cloct"ini, i qua.li tnvoriscono o )nil1iscono gli $Cambi di sostanze che sono indispe11sabili IJer la loro no1male f11nzio11e. Così i l)poidi della cortecci~ surre11.ale sono necessa r ì per la i1ormale funzio1le del cervello~ il CCI lcio, il .mag11esio il glicogeno, il .cui ricambio è reg·olato dalle s11rrenali, dalla tiroide e dalle paratiroidi, sono neces arì per la funzio11e clei n1u scoii striati e dei loro centri . . F..: . si ritiene da i11olti che a l c11ne affezioni muscolari (atrofia mu~cnlare progressiva, mioto11ia, paralirs i agitriris ) ed alr1111e for111e di de1t1e11za siano c.letetn1i11ate cln. disft1nzioni enrlocTine. I traumi r1siC'l1ici in rig11ardo al loro contennto embtivo i1roducono alterazioni del meccanismo end ocl'i110-si11111utjco, le qt1a li si 1' 1percuotono sul sistem a nervoso re11tra1e co11 ' e ffetti immediati o a distanza. I fatti rhe_ più· co1llll11e111ente si verifica110 sono i I tremore. la tachicardia le 111odificazib11 i dei riftes i oc11Iocardiaci ed' a l tri fenomeni sirn:1aticr rhe r)ert3isto110 l)e·r ll111go ten11)0 dopo il tral1111a l)Sl chico determi11ante, e che ai esagerano aa ogni nuova emozione anche lievissima. i\ qt1esti disturbi funzionali pare corrispo11 dano alterazio11i anato1niche. Buscaino è riuscito a dimostrare alternzion i istologiche nel sistema l1ervoso, nelle glandule endocrine ed in; altri . organi di a nim ali snaventati: le ltri11 e conte11gono z11cchero, il potere ossidante del sang11e è diminuito, 1'affinità de.gli elementi ner,,osi pe.r i .colori di anilina è ridotta, la tiroideanmenta di volu111e, 111entre 6i ha una grandeVRrietà di alterazioni nel fegato, nelle s u11rer1ali e i1el tesst1to interstiziale dei testicoli edelle ovaie. ~ più che !)roba bile che lin 'emozio ne inten sa incl11ca delle 111odificazioni del sistema endorri no-sin1pati co, !1er 1nodo che gli ormoni sec.reti si alte.rana qualitativamente e quantitativamente e produca110 gravi di~t11rbi clella cir colazio11e del sistema nervoso centrale, .con l~ ro11se~·uenza finale che sono ma11te11uti o aggravati gli ori~inari perhurbame11ti psichici 1

1


5'7

SEZ IONE PRATIC\

Pig·I1i11i 11a b1· il ln i1 te111e11 te ùin1ostl'a,to iii casi

di psico11eul'osi di gl1e1:rn l'i11ftue11zn e.lei traun1i l)Sicl1i ci i1elln 11 rocll1zion e cli al terazio11i endocri11e-si111pa til' l1e, le qua li a loro volta so110 la cat1sa dei distt1rbi 111e11ta.li . n·~tltra parte J-:!us~a i 110 ha fn.tto osse.rvazio111 n1olto i11ressanti i11 soldati co11 lJrofondi disturbi del siste1.11a vegetn 1i\·o, i q11ali si accentua ro110 i11 ~eguito ad e1nozio11i e freqt1enteme11te si <.1 ... t'0Cit1 ro110 n. d isorLli11i l)Sichici. Una incl1ie . . tu ~nlla. s toria di q11esti pazie11ti svelò pt111ti molto inl!)Orta11ti. Essi era110 i11dividt11 a te111pern111c11to irritabile,, facil i a lle reazioni, i1 1tollern11t1 d e lltt Llisc:i')lina, clell'alcool e clelJt! a 11 e t e1111)e rn tu re: p r ese11 tu v nn o tre111ori, a cce 11110 al Ro111he.rg·, d e r111og·ra fi 1110, ristringin1e11to eo11cent.rico del ca111po Yisivo, riflessi fa t'i11geo e co r11eA le (ieboli, patellare vivace, per 1ti l)it1 tacl1icardi~t, pi(1 raramente braclicn rdia., ill\"t"rs ione del riflesso oculo-cardiaco. Qu est i }Htzie11ti e 1a110 111 o lto e111otivi, passio1t<1li l" violenti, co11 1e11id011za agli in11)t1lsi etl nllP. fobie. ft1tta la s into111atologia cl enotava linn i11to"''ÌC'ctzio11e e111Cl or ri11n. di111ostra11do cl1e, nt•lln in (abilità costituzionale clel s enso ce11e~tl't ic·o, il ~i..,1e1na vegeteltivo ern profo11dan1e11t 1:1 di-..f111hato d11r;.t11te u11a fase scl1i1~orfrenica. Si f1·altél , i11.,.0111n1a. di l111a disairmonia del siEt en1n, e t idocri n o-sim1)fl ti ro che si estrinseca con un 'H lterazione d ella costit11zione chimica degJ i or11101'ii o forse ro11 1111 disturbo clel loro ci rre lafivo equilibrio fisiologico, cl1e f'i ripe1·c 1101 ~ 'lllla Jl Si l'he del !)HZie11te e te11de a n1n1lt1111 erP lo ~tato 111ol'l)O'-'O J11e11trrJe cl1 e l1n cletern1it1:.ito 1'1ntero tre110 di eve11ti e tiene co11centrntn t11tta l'attività psi cl1ica :-;t1l te111a origi11n le, ~1 11 tr[t11n1a. psic11ico d etermi11ant e .

dr...•

CHIRU RGIA. Recenti progressi nella chirurgia del rene e dell'uretere. (I>.

E1sE~UR\TH. Jl ell. R ero r <l,

16 ottobr"e 1920).

la 1·aLiiog·rafìa a•p1plicata ,alle vie uri11arie, <l ella cl1i111j ca clel 1sa11,gti:e pe1· la. l)arte cl1e rig·t1al'iJ.a i·urolog·o, e lo studio batterioilogico delle i i1 f ezio11i i1e111ali. \ 7 oelcl\:er ft1 il llirj1no a n1ostrare ,che ceirie oluzioni cl1e .da1u10 urt 'o.n1bra radiografica, lJUa11do ve11gooo i11iett~te nella veisci,ca, nell '11ret.ere, e nel re11e, posson 0 fornire un 'ap1)1·czznbile i1otizia cle·l le mo,d ificazio11i de l lume cl i cr ue .. te str11 ttu l'e. I l collarg·oJo, in1piegato d apprin1a i11iettandolo con lJ11a iri11ga nella. l)el\·i reniale, fu subjf-0 s cartat-0 i)e•iichè se ven iva s':>i11to- co11 tro1)1-)a forza na. - sava nella c i rcolazio11e generale e cag·io11ava la morte, ed a11cor<1, se s'aclope1·a,·a l)OC8 forzn, ve11iYa ra""'. plcla111e11te asso1·bito clanclo origin~ a l111a peri co lo ~a e Bl)es~o fatale to88i en1ia. · Il to1·io ftl gene.l·aln1ente i•n1rp ie@ato in sua sos tit11zio11e, ma il lavoro di :\I ago11n ha most..rato che an1ol1' esso è rapi dan1·ente a·sso1I'bito e i:»u ò re1n,c1ersi fata.le, eo.m e i'l1 lln 1·eceTIJte 1caso riportato da v\'e·lcl. L'A. in ~eguito al riisulta,to di questa esperienza, h n ndott.ato una soluzione (li hr-0 muro di sodip al ve11ti p·e1· cento, comie ill n1ezzo me:no to. . .sico l)er la pielo1g·r a.fia, e .1,a lèlscin-: sco,r rere ne•l catetere 11rete·r al.e per la. i>ressione della gra\'ità. Il pielogran11n1.a di ll.Il rene nor111ale m.01stra. o l tre la porzione ampo11ar e, tre caltci maggiori, il s1èperi.ore, il m·edio e l 'i11fe.riore, ·da c iascuno dei qt1ali h.a o:rigin e un certo nl1m1erio d.i calici minori. I .. e val'iazioni cla.l pielogramma i101n1ale non ~ono cliffìcjli a d isoeii."'11e.re, co ~icc'hè la pi·elografia è il più grande ai 11to nella di~gn.osi di n10Li e affezioni chir u rgich·e dre1l 1reu1e. L '.a.um:em•to di g.ranclezz.a delle on11)re .con aYlrurgame1I1to clelle parti stnette ·dei calici maggi ori, e la ,ctilatazione a clava dei calie.i minoTi ci fa ricoJ1osre1·e llna d ila tazio11e infiammatoria o meccan i ca (id ronefrosi) clella pelv i renal e. N elJa tubercolo.si ren.aJ,e l' 8.'ppa.r enza eros.a d ei ca lici , o la pre$,enza cli omhre largamente spar~e è n1olto caratterjstica. S.arebbe i.mp 0SS1biJJ.e dire i n dettaiglio delle yarie inaJa•ttie 1a diag nosi ·d.elle qt1.aJi è diven,1ta asisai l)iù facile d.a. quando ,s'impiiega 1n. pielogra fìn co1ne 11n .n 1ezzo dia gnos tico di ro11tine. T. . 'urete r ografia., il catet.eire 011)a00, e l'.ap plicazi.o.n e fitiere.o·scoipi·ca .d ei ra,.ggi X ha11:n 0 fatte> diminuire la pe1ieem.t11al{3 di .errori n.el .differeJ1zi n1re l,e omhre Viere (i11tl:"auret.eralj) ,dalle faJlse (esibra ureteira.li ). In t 1n recente a;rticolo l'_l\.. ha chiam.ato l' nite11!Zio11e s.u 1lla i1ecessità di a,p pli1care tutti cp1esti metodi. coim e 21rocedimem.ti più o meno d i 1

1

.

1

1

. 'oltttnto colo1·0 che son n al corre nte {lei iprogrC',~·"i ilei u1etodi diagrmstici e te·raa;)eu ti ci imp i cgn ti in l1rologia, po·sson1.o app•r ezz.aire i vasti uarnhia111cnti che hann o av11to luo.go negli ul1i·111i cliec.i an11i . i so110 co11seg11ite tre ·specie di l) rogi1'es·si: 1° :n-ei m·etoidi .rJ i1agnosti ci; 2° ne.Iila tec11ica 01perrLtoria e nell' applicazione .dei metodi 111011 op·err atoirì di cura; 3° nella più a.oc11rat.a i11ter1)retazione cli certi .sintomi clini·ci com11ni, co1ne l1a colica ureteriale, la ·11iu:rda e l 'em a.t.u l ' i a. 1° Progre ss i dei ?net odi diagnos lici. - iSono sopratutto il ri ultato del perfez.ionamento del1

1

1

1

ro1ttine. 3 •

·


1 L POLICL1XIC0

111 u11 Luon 11 L1111el'o cli casi c.l1e prese11ta110 i1l q ua<lro cl i11 icu cl ella cc.tlculosi urete11a.1e, la l)resenza. ti i. ou1b1·e r11ulti1)le l UJlgo il tragitto

dell,uJ.·etere co1111)11ca sir1goln,1me11te il pr9ble111a. 111 .alctn1i di tl lLe:-;ti c:U>Si im un11·a zza•11ti so.l o il ca tete.re •01)aco, co11 o s1e11z1a Lastre stereosco})icl1e , reuid·e l)0 ssibiJe de.cidei-e quale 01Il1.b.1 a è 1lovutu a ca1lco'lo, e qt1.a1li .altre .sono clovute a \'ctr'ie coniclizioni (fleiboliti, linf,ogla.ndole c.alcifi.ca te, oaJc.oli ])il1ru.ri, ec.c. ) che dallll L) oriigri·n e ad omone estraurerterali. In aJlit.1i ·Casi è 11'eces.saria 1l'u11,eteiuografia cil1e1 rive·1a. se vi è u111a (ltla.taziorne no,dul·fùre rJoel 111ogo de!! oalcoJo, o s·e yj è u •11<t .clilatnzio1111 e rili11drica a mo11te cli e1ss10. P er ri,co:i1oscere l·e vn:r1e a·n omalie co11·g·e11ite <lel rene e clell 11rete1re, la piel0igrafìa ,e J'ureter og rn.fin 11ar1n·o t·eso s•ervigi ·die:l pi1ì g'rancle ·v alore. I.a 0011cliztone cori.1os ciuta sotto il i1o·n1e di cli st-01)in co1~g·enita del rene, ol1e rapprese11:tn l1na ipe r~i stenza. dell'o1·igir.1 ari~1 l)Osizion e ern])ri onu le clel rene, per l.a pr~ese11za di l111 '01111).ru. i>ielogr~fica nella. pelvi proprinme11te detta, o 11ella fo~sa jljaca; l)llÒ esser sospettata. r["a lo1·n "')UÒ e~ser d elln maSRima i111po1·ta11ZD. il rjcono~cre l111 rene a ferro di. cava.llo. 1111 rene fn <1to, o J ,op·pio, o solitarj o. Altret1n11t.o .cli ca~i clella 11resrnza, co·11genita 10 ac.qui~itu, di e'l1trrun1tbi. i r.e11i s1111.o stesso lato. Ciò i-i l)o. sibile co11 la l)ielo ~·1·afia e1d. i111,ete1.,og·rafia. e dà m ncl<:> cli pre..t:lf..al1ili.re il piano opel'1atorio. J.. a. t·ucljo,gr;.1fìa da so,la gi à bnist.n. 1a 11ocalizzare oon s11ffìc ie.11te a.p1pr oissim1azio11e l1,11 cn1co[o <lel re11e, ·a e.lire ci·oè 1S1e sia nel hacme•t.to, i11 1111 <'aljc-e, o nel par.enchin1a. In casi ol1 e .cl.anno 11nn ~toria. ti1)i ra di calc olo fl e1l e alte vie urillt1ri0 , è sri1e...c.iso possiil)ile Den·dere più int.en~n l1n'on1bra debole o cl111b hia irn11)1·pg11a11Llo il calc·olo •C01n 1J111a s,ol11zion e op.acu. a i raiggi X n'1errè 11 ca ieter i~1no llreteral e. . i 11a u1l a recidiva cli calcoli. re11ali .clo1)0 roJJerazi-011e 11el 10-15 p. 100 d ei caf'i: i1 011 s i sa,11110 $C1n1Jre con i)reci. ione le cau.se di quest e· re cjdive, ma In fl11 oroscopia ren.a le 0ome f11 1·ere11ternente })l'Ol)Osta da Braasch e Cur1na11 \ .J. of 11. lYl. A., 6 dd,rerrnb·r e 1919) pl1ò i1reven il'e ~lme110 le re<'idive cl·o,·11te a ca l coli sf11ggiti all'o._ er\·azione. :'\cl1n t11l)ercolosi r enale ,la racliogrn.fìa d a ~o la t.l di g·rancle ai11to nelln dingnosi quando ~ irnpos~ihile o da1111oso il rateteris1no degli 111 e f eri. (\"·. ,<:;u rg . Gynec. a nel obs t., gi11gn o intn. e T~ull ..]nhns HoJJki11s ll os7J., XXX. 26R 'lel in1n . 1

1

1

1

1

1

1

1

°2' l'r uyrt•.\si 11r' llt1 ft>cnicu O]JPratoria e 11ell'111>11lict1::ion<> 1/<>i ·n irtorli ·n nn opera t ori. - Di 9: 1' it nde i11tcre . . se &ono lo $tu elio delle a11on1n lie <1ei ,a.._ j r enali. e la q11n~i ge11ernle so.ti t11zione tl cill:1 pÌi"'lof<1n1i:1 nlln l1 cfcotomin.

La presenza ,d i arterie o ,·ene accessorie che va11no cli rett a.men te clall' aorta, clalla ra Ya, o clai vnsi iliaci a l polo SllJ})eriore o i11feriore del re.11e, costri11ge 1"01)eratore a. mettere i11 evidenza co11 cura questi poli i)er evitare serie emorr agie d11r.a11te o do1)0 l'operazio11e. La nefroitomi.a i)er asi11ortazio11e di calcoli è ~egl1 itu al1b·asta1 nza s1)eS.$O da emorra·g ia secondaria, c111indi ':ie11e t1sata sempl'e .n1e110. La via cli elezione è a trave.r so ur1'i11ci1sione nella faccia })O.sterjore ctelle Ye11e re11a.li, dove il pericolo de 11' eni.o rra.gia è riel otto al minimo. · ..... Il tra1ttame11to delle infezioni renali, di qt1elle sorJ) l'El t11tto cl1e i11teressa110 .la. pelvi, è stato n1olto se 1ni)lificnto dall'i11iezio11e cli antisettici dirett.ameiI1te nella pel,·i attraverso il catetere llreterale . Con q11esto lavaggio })elvico $i possono c,u rare severe for111e di l)ielite, che resisteva110 agli 011di11arl trattamenti. ~elJo st11dio })atteriologjco delle alte vie urin.~r.ie, gli stri1sci del seidi1 ment.o otten11ti co.n cent1·ifng·he rtcl altn p ote11za hn-11no quasi , completamente ~01)pia11tato 1e cu lt11re e le i11ocl1lazioni 11 eg.Li ltnim.ali. I 111etodi i1on onerato1·1 cli libel'azi.011e dei cnlcoli. l1reternli !)e1·mettono s1)esso di eYitare ' lln ' op e razione, e va11no 1)rovati. se ri.a111ente prin1a· di decidersi ';)er l 'atto ope,r ativo . 3° Più occurata inler1>re.tazionr di certi co1n1tni si1ito1ni clirt.ioi. - l:A. si l·li11romette di p11bbli,ca re l)ro,s.si.mam cnte t1n l1nvo1·0 s11 quest1aJigome11to. Ricl1iama i11tanto l ntte11zio11 e s111 fntto che n è 1'en1'nl11ria, nè la l)i11rin, l1è le colicl1e t1ret.erali devono ritenersi ·patog·11omonicl1e di al.. r1ma affezio11 e ·p articola1·e cl e1 rene. Solo l1no €'t11clio aiocur.ato di og11i c.a.~o })llÙ evitare di cade1re in errori, q11i pi tt freq11.enti che in o·gni altra regione <le I co1110 . 1

1

DORTA. •

I>ntt. ALE -. SAXJ)RO PEXXISI l'hi rurgo aiuto negli Ospechtli di ftoma .

Trapianti di tessuto adiposo a scopo·chirurgico. SO:\ilIA RIO: Trapianti di tessuto adipo.o per la eosn1esi dt>I viso, del seno. dello scroto · p er cura delle t>rn\e · DPlle perdite di sostanz e durali e d11ro-cerebran con e senza pia· sti ca. ossea - per l'emosta s i degli or j!nni parenchimatosi · per l'obliteraz ion e di cavità ossee . nelle artroplnstiche ed osteoli si · periva ali. p er itendinei e perinerYei . nella collassoterapin polmonare (plt'11ro-pne11 moll si) e <'a,·ità tora('ich e. Questi argomenti sono trattati in si ngoli " apitoli c•on l'e· sposizione di tutto quanto ftn'orn è stato fatt o clinicàmente e s perio1 entalmente in que.-to importante ramo <\ella chirurgia pla stica mettendolo a paragone con altre pln stiche ad<>perate e d:indone la tecni ca gent>rale e sp eciale. li lavoro è corredato dn numerose- o serYazion i clini ch e originali e da un an1pio st t11lio -;peri meu ta le s u questi trapianti a scopo ehi· rur!!it.:o e sul destino in seno <li tessuti ospiti. l'n volum e in- arnnde di paa. 40 t•nn 16 fignre orij!inali in fototipia e tri cromia in :; tn,·ole e nitre 7 tì~ure nel testo L. 40. ' P e r i no tri Ahbonati ~ol ~ L. 30.75 fran co di porto e ract'omandato.


ANNO

xx\·111 .. l.'ASC. ;!]

SEZ JO~E

. CENNI BIBLIOGRAFICI (Non si recensiBcono che i libt"i pervenuti in dono alla Redazione

E.: J/ <1111/l,uch

ller ùioloyiche1t : lrbeifs111 ethoclPn Ji,infiill:u1ir; - \ rie1111a, Cr-

..\BuERHALDE:\

ba11 und Scl1\\ arze11bel'g·, 1910.

-

J1ui~::H.:e

CQll c:ezio11e

raggio editoriale tecleschi. :~scor,1:

A. ' ' ·

Ele1n eriti cli serologia. -

. 11elli, editoPe, Bo],ognn, 1920. -

i

1

·t . p.

I . . a Casa Edit t'ice E1nail111el l\Iari11 , di Ba ree Ilo11a, ha pubblicata t1'l1.a tra.dt1zione in li11g11a spagn11ola 1del Trattat o di J?at1na co logia '?Terrr11ia dei prof. Pio l\Iarfori. La traJduzi one è ~tata c11rata da.I dott. Fra11Jci.sco Tons Biagg·i st1lla 2a eclizionie italiana.; aompren1de anrl1e nlc11n e ]Jr.evi aggi11nt~ · dell 'A. E or a aDìI1unziatu i1na t r a.d uzionie i·n lingua tedesca c1ello stesso t.rn.ttato, a cura del l)tof. C. Bachem dell'Un iver~ità di Bo1111: ''e rrà edita dal Ta11cl1nitz di I ,ipsia. Ci compia cciamo vivamente cli qt1esta IDétg-n ifì.ca affermazione di 1111 laYoro italian.o, de.I c111ale abbiamb già avuto o.cra.sio11e d i Tilevare i })regi intrinseci e di forma. 1

<.

1

:\. ~IORSET.LI :

i11anur1l<) di PSicliiatria. -Eclit1·i1c.e L i br1R,ria V. Idelso·11, Narpo.Jj. -

1

A.

edim.e·re stt1de111'ti e studiosi italiar1i {la u11a serYiti1 cl1e sen1brava pesa.ve crun·e 1111 , fa l c1 ello fa tale sulle spa.11.e d eigli. italiani. P0icl1è i11 CflI1esta 3:i eclizio11e (23 italiana) cl1e \' ede la lu ce nello s1Jazio di 1111 decen11io, gli elementi di serologia es1)osti clall'A. son o n1 esisi nl cor rente dei 11ll1ovi i11.seg1)am.e11ti e s1pei5'50 ancl1e d·ei nt1ovi orientan-i.e11ti rhe le rioercl1e serolog icl1e vanno .s11bendo . . N·nzioni te.oriche e p·r ·ati.ca -clir·etta se1r101logica ~ono arm1011i.ta1ne·111te. svilup1)ate 1)1 el:I.a trattazio11.e: 11.on i11a.11rn110 r icorrli di uttli 3Jp·p·l irazio11i rneidiahe e ,·enerinarie. L.a brevità no11 ' 11nore alla chiarezz,a; o.p portu11.e tnbelle e fig11rr com1)letano la parie di da itic.n. a

1

della cl1i111ica biolo~i~a 1'i 1l~i~.{1t tedesco .Abderl1allle.r1 ..... e lìsiologo ..... ·tveva tiiret~u 1111'011era gra11diosa in 8 volumi r1ei qtl(lli era110 e~1)osti e.d ill11strati nei loro fo11tltt111en ti <:i~ntifìri, J1ella loro tec11ica e nelle l u1·0 n:)1)licuzio11i nl1e indu.s tri e. alle scienze -1•1ire e alla r11edi1"inn tt1tti i metodi cl i biologia . -pertino11ti al cn rn1) 0 fisico e chimico. <.J11e ... 1'opera, in 8 volun1i primn della g11er1·a, cur~e il rr1ouclo, in,·ase i labora to rì più svaria ti e reclizio11e si è e~a11rita. :\P.l t.:011c·erli re ·1111a i111ova edizio11e Abderl1al(le11 hét allargato a11col'a, e di molfo, i c.onIini rlt'll ,01Jern. fnYece di. Jedical'l n ai 'H1etodi b;u{·hi11tiri, l'ha estesa ai 1netncli l>iuloyici in. ('l11<lt)111lo,~i tutti i 11itL fini e i pi11 cleli1cati proce:--. i d ·i 11d ng i11 t> rui la biologi n esplora. I metodi l)<'r lo "-tudio f::r ientifi co dPll'eredità e · dello svilt1 1) ~lo iudiviùnale nel cam·p o beta.nico. 'l.11nfogieo e llTllét110 ) i 111etocli d'inc.1agi11e pe1· 1P r1111zi1lllÌ })Sl<'llÌC}te. tllleJ} j l)el' J'eS})fOl'élZiOne .< Je1Je atti\ itil t11nzio11ali di tntti gli esseri vi' e nti , i>er la tPrn1>in. ecc., ve11g·o110 ad aggi11n.c--ersi a i 1ni:)todi strettan1ente fisici e chimici l1e ~nJ10 adOJ)Crnti nel can11)0 della biologin. I...· opP r ;1 i' di ,·i~a i11 13 sezio11i de11sissi1ne <li n1:ttP1·in. C)g11i •ca pitolo è affidato n ])er. one ·onq1t'.'1f'tlli e s1>ecinUzznte. E~~n ~a1·ù fot'Re rr1n.. . tutloJ1fil'n, TlJ<t i_.• c:crtu111ente J>e ll''-'él1H (·on 1111n \'i io11e si1 1f 0tiea n1:ga11ica e cJi st.ril)uita, 1con c ritel'in rnzionn.Je. l.)1 ·1· n1geivolar11e l:.i diff\1 ~i o11e, }\editore, che :iss11n1e lu resiponsal1ilità d'un'i1n1)resu vasti si11t<1. "011err1sa., a.r.ro,rcla la i)ossibilità rl el l'n.rr111i.1o cli 11:1rti si 11g·ole ~el)nratamente. Non vj :nr:'1 11Hi11cli nel mondo i'Stituto scie11tifico in c ui 1'01)ern i1011 })e11etr.e1·ù ; gioverà u diffo11del'e " fi110 acl 1111 rel'to p11nto a rendere TLniror11li i metodi cli ri<'erca t·aggi11ngendo l'alt i~si rno l>f'llL'firio cli cliffonclere la ricerca scient ifi1·:1 P Hftn e <li rendere meg·ljo co1nparabili 1 l'isuliati dei. ·<liversi a11tori . '\oj ~egnale remo le si11g·ole parti a mauto a rnnno rhe ci perverl'anno, m a abbi amo vol11to nn111111ri a re con qualche larghezza que.st' o-pe, rn g·1·n11ctios[t, c11i n1 ett.e ma110 nel suo ])rjmo . clor)o-guen'a la metoclo1ogia srient1fica e il coC:on l<t rgrt

59

PRA1'1CA

Li c. Ca})J~ire 18.

T.n l etteirat11·ra itnlia11a si arricel1is ce rollillro <li A. Ascoli cli t1n man11ale, che co11 tri1

C:=t - <L

P1•ez-

zo L. 30.

.t\.cce11nn.m mo a i ~)r81gi ·d i q11 esto li bro qu.a1c11e a11no fa, a p·ro·p osiio cle·llu 'P111hbli caz.i.0Il1le d ella prima ediz1one. Le -rug'giunt1e ·e·d i rito CC'lii 110..n han.no m11tato so1sita4nzi ulm er1te la tessì~l1ra ~leI rl1a11111a.le, che , b.e11cJ1è di lliiC1rola mol e, è coni ])leto eicl ar.n1.onico in og11i s11u ·l )artei. Il vol11n1 ' fn onore all a l})Si,chia.t ria it.aliania, di cui il ~101,~r J li f11n ior è l1no <l,ei .p i1'1 valenti campioni. cl r. 1

1

1

1

1

PUBBLICAZIONI PERVENUTECI. ...\LO! ,~TNCENZO .

J,'eterht.-:·a;;ione 1>e r via rettal<>. Rturlio critico e riC'rrcllr spcrin1<'ntoli. - Nnpo- ·

1i. 1920.

1\IoxcALYI J,ooovroo. Encefaliti e<l in.fi 11r•11 z·a. - 1\Iiln no. l!l20. l\'1oxC.\L\'I J . ooo\·rr•o. Rn ppo1·1 i fra encefalite epi<l<'. 111;ca ed 'infl.uen .::a . - ~:Iilnn<>, 1920. Dr GPGLIEL~Io Grnr.\?\~I. JiJrifrol elfC'<'Jnia e pia. tri11c>n1i.c1. -

Xur>oli,

Gl. . GI.IEI.~ro

1n:.:o.

Gil)\'A:;'\~J.

.l/e!facariociti e piastrina 11rffli n1·r1r1ni .en1opoietici e nPl .~a11.q11e circolante. - Napoli. J 919

J)1


60

11. POLICLl.:\lCO

I.e ancl1ilosi 0 "sce delle grandi •t rticol•lzioni, fin<> <l i10chi an11i <1d(lietro t rasc11 r.1t~ dagli ortol)e{li<: i. J>ossono ~ra eRsere · co11s ide·r<1 t<' oou1e suscettibili cli gu arig-io11e a llo !:\tnt<l att11Hle della Chirurgia. 4.\. port ar0 n1a g·g-ior l u ce ~nll'nrgom ento , il professor "\r. I' uTTI ( Boloqna,). espo n~ la ~ un tecni<'.a snll 'artrotomia tl<'l p;inoccll io, cl1e r i s}.Jo11de a lle pii1 con1r1le:~~ esip:e11ze (l e lla r ioostruzione artico lare. ~ 1 con 11roi07iioni n1ostra i \ari t en1pi oper a tiYi del s no metodo. l:)rcnclono viva parte <.tlla di8cussione il prof. R . IlASTIANELI .I (Ron1al e G. l,1F:11 1 (Rorn a,) , i quali lt~111no eseg11ito \<l l'i f\ artro})ln stiche e po1tano sull'argonre nto larg·o ~ontr ibuto cli personale , esperienza . ()11indi in l1Ila brilla 11te coi1fe renza il prof. R . GALEAZZI, di 1llilat10, e~pon{' il f'llO meto·d o sul' rarld.riz:r,nn1pnto fo r zato cle lln sooliosi e lo illustra <:on nn1uerose i1roie;r,ioni e n1ostra infine un grazio~o inodellino del s110 R·DP<trecchio riduttivo. ~ifolt<" a l tre co 111unic~ zioni di. 11otev-0le interesse-l1an110 ric-en1to 1111iYe1-s11 le pln usò dall'assemblea per l'in1pol'tante contrib11tD cb P hanno portato i (·011f{lt011ziC' ri allo ~Yilnppo sen1 p re più geniale del1'0rtope<1ir1 Ita liana. P e r il XII Con gresso Yengono nrovosti e d accett.-; ti i st>gnenti ten1i : • 1° TrR tta1nento dell:1 spondilite. 20 ) Iecca11ica e trattamento ·d ella scoliosi.

fttCffDEMIE, SOCIETA MEDICHE, CON6RESSI. XI Congresso della Società Italiana di Ortopedia. . 'e<lllf(I, del 9 llCJt: C:Jll fJJ' CT 1H20.

cou1u11ic·;1 ~ti <..:011gressisti -e h~ il Cousi~li-0 ~uperiore dell'Istruzione Pubblica h<\ fa,'oreYolrueut0 <l Ccolto il \oto clelle l~ncoltà l\ledicl1e r e nden<lo obblig-a toria ;lgli stude11ti <lell 'ul11

1n ·c~i'l l e11te

tin1<.) bie uu io della Facoltù cli :Jledicina, la fre . 'Jnenz•1 Lle lr inscguamento <.li Ortopeain. Con11neu1or<l la sco11111;.11~:sa <1-ei so<.:i <lefn11ti J)rof(':""\sori l{oth, !'.;011pi, h UC<:aro, Cim-0ro11i, all<l c11i

DlPtnnria

l'rlR!'\fllllbl<?a

11na11in1e me nte riYolg·c u11

e;1f-

t'l~·ttno~n peu~iero .

<)ni11di pre11<le h1 parol<.t i l i1rof. G. A xzIL OTTI, cli f ,iror110, ~ul tr•1na: Cura delle parulisi ."pci~ti­ <·lt r. I /O. ri~1 s~'11111 0 le conosce11ze n10Ll crn <' nel11·0p;t to loµ;ic-hp fl{.·c:eanan<.lo n ll t" teoriP pa toge ueticl1<' dc Jl<l c·ontl'nttur:1. Parla degli interYe nti tendinf'i f' ili qner ti ac:c-etta ù1 te notomia 0 pi11 s11eci<1ln1t"11 .. tt-- 1':1llung·a1ueuto plastico come sistema iuiglio r e tH•i casi a bi tua li e dice ir1oltre ch e i trapianti te11<li11(\i :::ono ut ili i11 itlcuni ca.si . R are indicazioni ha11110 gli int<'r vcnti ossei ed nrticola1i e . coBì <JU Ili c·ra111l·i. ·y"iP.ne a ctisc:ute r e g·li i11terventi su i n ('t\i <'SC'l11tlf'n<lo le p lastich e n·e l'Yose, ammetten<lo eo1nc ~C'<l l'R<t u1ente i11dicata la neuroton1ia. InY~C<' ~1<.:cetro in speciali casi, che lliscute, l'operazione lli Stoffe!. · · P a rla ÒC'l l'inll)Ol't:'1DZ~ cle lla Clll'a JX>Stope ratoriH C'Oll ill(IZZi tiRi<·i. n1a ~aggio, r ied11cazio11e ed appliCH~io11c di n11pa rcochi. Pl'e11<1011n Quindi , ..i,·a l}nrte a lln disc:11ssib11e il prof. <J.\LE.\ZZr. <li .liilano. prof. l>.\L.\C~I . P UTTI . ~ll'Of,~/l'TI. I t\ll(:t:l.LI:\ r, l)!KHl . e c~IlL\ SSJ·:BlSI . port..111tlo <:i<1H ·11110 un h11-.~·o ('ontrib11t() ~~co11clo la

..

propria

Q~perie n za.

rrof . . •\ . ~ERR.\ ( Bolo.<111a) . Espoue in llll<l brillant(' re ln7.ione il t1·;1ttn111c~11to ort-0pedi<.:o <lelle rigiditil c. delle <1nchilosi. ln fi~ioter<1pia d e lle rig-i<litù nrt ic"Olnri, le o[>(\1·azinni. <liret t e a corregg-crt\ l<: n11 ·h ilo~i i11 posizioni <1~ nnose, l~ u1obi liz7.•1Zioni ehirn1·g-iC'l1e e artrop lastic:l1e. •\ et•euna n l lt" bn "i sp~1·in1('11 t<.1 li tlell'i i1ter11-0si~in­ n<' (li l<'nl hi. al l•l teeuica gC' n0tal(\ <1011 ·artro11l<l ~ti ­ <'<l. a l trnttntllc.' nto ]K)~t--Op(' t·atorio. <1gli errori tli t <'lli <·•l e· c·onlp liear.ioni ed ~11 tle~tino d e lle n eYronrtro~i. .\ 1u·opo~itt) <li qnest0 ultin1f' afferma cl1e- il ttt<)Y itll('nto artiC'olarc' . cl1e ~ i è raggiunto n e i 11riu1i lll('~i <l<1po l 'op('1·~1 ziouc. . i iun11tie ne e Sl1eSS.<) ·rcs<:('. I ..e nPon rtieoln?Jioni I H."rntQttono agli op~rn t i iii c.·nn1 1ni11are ;\ Jnn~o e d i (·~g-i1 i r~ lnYori fati<·o~i. f~o st:lto Illll'-'tolnrc• lnigliora not()YOln10ntf' ell il P< 1·i111Pt1·0 <ll ~li n li i r:1~ginnge sr>esso le dimen~ioni dt•ll';1rto S.'1llO. l .'int~·r11i1~izio n(' .Ji un l ' n1bo lih(' ro di fascia lntn .. prefPrihi h:> al lt'tnl>u Jl{\{1unco1:1 to e d. nlla interJx,...:iz.hlne di a lt1·c." "o~tnnze organiche e in.organi ·hc.

-

u~

,

R. Accademia

~fedica

Ftrrl11ta orrli11a1·ia. drl I)l'( 1 ~ iil e11 za

28

di Roma.

n101~em b1·e

1920.

llt"-1 r rof. F. D UR.\XTE, presidente.

J trP8in co 11ge·11ita < clilr1ta .~:irJ'nP ('i8tica d el coledoco.

l)rof. R. B .\ STI.ANJ<.;LLI. - Riferisce su di un baruùil10 cli n n nn i, n1al.a.to d·n tre mesi con clolo1i al fi<ll\C:O l.'<1 <lll'illOC.:Olldl'ÌO C leStl'i, riCOYel'cltO Ul 1° I->atli~·JiOll(' d e l t•oJ ir·lini<.:o i1el n1uggio 1919. Prese11t;1Yn un gl'o~~o t t1111o l'e i1ell'i11onco11drio !l. a resi:-;te11za cla ~tica ti11ttn:111te e leggerè't tinta itteri ca delh. cong·iuntiYC'. '. rutto f;t('ev~t i)en~·are ad una cisti (li ecl1iu-0cocco <le llH facclà infe riore de l f~­ g,1 to. _\ll ' over~ zione ~1 troYè> u11H cisti dalla quale111c-< liante llil treqnatti s i estra ~~ liquido biliare . ~i tr<1tt<l,·i1 (li 11u'ntresia co11genitn e clilata7.ione c:i~ticn '1c l cole<Loc·o. e poich è i11 pre<:cdenza. l'infer1110 non <1 ye·v•ì aYn to òistn.r bo a lc nuo. bisog 11n .an1 1uettert) elle Yi. foss(" u11'<1ltr<l Yin biliare. 1

ll 11111/f,'{1110 in 1L e1tro-psicltiatria f1nfa·n tile.

.

l•rof. R. DI<' S ,\ NCT r:-; . I;o. espone i risultati ll()lLt sna ~:-;J H.' J"Ìf'll7.~l per util i til de i IteY rolog·i J)l'<l tici cl1e SI>PS~o i1011 pocl1e d iffi<'oltit i11c·ontra110 :t

<li:ig-noi:;tic-are tlift'01·e11z inl1nf\Hte i n1uti~111i , organici .... <lei ba n1 bini c.· fn11ci.u 11 i. I/O. così c.1<l"i~i1if'n i J11uti~n1 i org·:inici cl ell'infanriin (1u11tis1n o iRtPric.:o e c·;.1tato11ico <1 11arte) . ~JntiSJ.lli ~n za in "llffi(·ienza int.f'llettua le: ~or­ <1011111 ti:;:n10 : :\Inti i::1110 o tog(\110 ~111f1lice : ~.\.udin1uti­ " 1110: . \ fil :'i<t : ~\ 11;1 rtri<l.

d li

e r

b p t'l

n: }(

ti b T.

a &

a i1


[ •.t\NNO

XXVIII,

FASC.

2]

~\Iutismi

qon frenastenia : Frena ste11ia afasicn (idiozia afasica (legli autori): a) prenatale agénesica.; b) prenatale parali tica ; o) P<>Stna t:ale precoce paralitic.a; d) postnatale tardiYa aparetica. Oltre a.I criterio tagsinomico fondamentale del deficit 1~ntellettuale, l'O. espone altri criteri da utilizz.n re per la diagnosi differenziale, di cui i principali sono: l' epoca d'inizio, p1·esenza di fatti paralitico-spastici, 1tdito, 11ooe.

I mutismi organici infantili sono bene localizzabili anche in vita; in qt1anto alle malattie che li producono, si tratta di agenesie (rare), ovvero di ra1nmolliruenti, emorragie ed encefaliti, che in molti ca si finiscono con .s clerosi lobari. Nella etiologia di tutti i mutismi domillco'l la sifilide. Un'accorta e pazient:e educazione e cure antiluetiche correggono quasi sempre il e<>ntegno dei bambini muti, che è più o meno grave.mente instabile. r~ parola. si sviluppa benissimo nei muti-otogeni; • abbastanz:1 bene negli audimuti : con diffie<>ltà nei sordo-mt1ti : con maggior difficolt:à. ancora negJi a fasi ci semplici. Si otti~ne r><>co o niente negli idioti-afasici e niente negli anartrici. , u,lla <lottrina della

'

SEZIONE PRATICA

« e;ianosi ».

61

com11enSàti •1 questi fattori si nggil1ugeranno gli effetti <lel rallentamento della circolazione capillare -0 Yenosa per aume11to di pressio11e nelle grandi ,~ene. · <;0 Xei carcliaei

Inftu.en,z·a dei risanarnenti 1"drici su lla rnortal·it<ì peir febbre tifoide in Italia. 1

Prof. V. PUNTONI. - Da confTonti eseguiti tra Comuni che hanno compiuto risanamenti idrici e quelli in cui tali risanamenti non sono stati compiuti è risultato H.11'0. cbe i risanamenti idrici non hanno apportato 11otev0Ji e<1mbia1nenti nel movimento della mortalità t'ler f. t. T..1a diminuzione più , forte è gta ta quitsi dovunque da I 1885 ·al 1904, e coincide e ~gue nll'epoca clelJe . grandi sc-0perte botteriol-0giche, e all'inaugt1rarsi di una nuova èra igienica l>a.s ata sull'adozi-011e di mezzi profilattici J)iù idonei, <1esunti dalle Hcquisite nozioni etioJogiche e clist1plinnti dalla nuova legge sanitari.a de l 18R8. E . GROSSI. I

1

Società medico-chirurgica di Pavia. Seduta del 18 dicembre 1920.

Prof. U. ARcA~GELI. - Di recente sono sta te eseguite in A1nerien, nell'Istituto R0<:kefeller, ricerche sl1lla cianosi, che hanno fornito dati di fatto che <:hiariscono le condizioni nelle quali si produce il C'O lorito cian,)tiCO della cute e delle mucose. Questi <lati confermano le idee sulla genesi e sul significato d(llla cianosi, che l 'O. espose giil 21 anni fà in tina n1emoria ignorata dagJi autori delle attuali ricerch<>. · Sin. <la :tllora l'O. concludeva: 1° Il pri-mtim movens de1L1. cianosi nei vizi con~enlti di cuore ecl in altre malattie di cuore e di I>uhnoni i! la diminuz.io11e di ossidazione d~1 snngue n<•i i)olmoni. 2° ~~nono fenomeni di compenso, quali la <lila tazione dei ,·asi cutanei, la pletora, Ja Poliglobulia. 8° I.ia cosl detta sta si capilla.1·e nei inala ti se.nZ.'l scompenso cardiaco non è l'effetto di aumento di pressione nelle .grandi vene, u1a di :luruento delJa quantità relativa e(l assoluta del sangue nella grande cireolazione, della poliglobulia ed ancora più c~lla dilatazione attiva dei vasi cutanei di <1rigine '"'aso1not.oeia, divenuta poi })ermanente. 4° Diln tazione clei ,,asi cutanei, poliglobulia, pletor3: fa vorisoono gli soambi ga.ssosi e particolarmen t~ la respirazione cutanea : questa notevolrue.nt:e aumentata te11de a compensa~ l'insufficienza di quella :poln1onare. 5° Il colorit.o cianotico della pelle e delle mucose esse11do pro1)()rz~onale alla qt1antità di emoglobina ridotta nel &'lngue de i capillari e delle piccole v~n~ della cute e delle mucose visibili, alln ' quantità di sangue, alJ'nrupiezza e ripienezza deJ letto venale, :ne segue cl1e ln pletora, Ja poliglobulia e la dilatazione dei vasi cu1:a11ei (la cos·i d<letta ~tas.i eap.illnre) eo11tribùiranno alla cianosi (fa toori secondari). 1

••

• •

Di zin caso 1>iuttosto · ra-ro d; n1 i() µcit la prl1niti,va ipertrofica post-infettiva.

Dott. CAMILLO CHIRI. - J}O. presenta un amn1alato di forma miopatica ipertrofica insorta da cinque anni C'ircn. clopo u11 ileo-tifo. Non s i riscontra predisposizione ereditaria e famigli~re. I reJ>erti della biops.ia c-011fern1erebbero tra ttnrsi d'una miopatia ipertrofica i11 V'ia di eYoluzione A.

GASBARRI~I .

Il Fascicolo 11 (30 novembre) del nostro periodico

Le rrialattie del cuore e ·dei v·asi tliretto dal Prof. VITTOH IO 1\_SCOLI Redattore Capo: C. Pezzi

oltre a numerose Rassegne di impor~ti argomenti cardiologici, contiene i seguenti notevoli lavori: I,rof. C. PEZZI: l.1'allu,nga1nen·to dello spazio_ itnte'1·sisto11co ~4..s-V s. nel 'l"itrno ài galoppo presistolico_ Dott. c. TALENTO~I : DO sfigmofotografo. Prof. A. RocCAVILLA: Orn,oritmie eà alloritmie car-

dio1·espiratorie. Oontrib1tto clinico alla fisiopatologia d el cuore e del respi1ro (continuazione e

fine). E l'u11ico ·perioclico del · ~nere che si pubblichi in Italia in fascicoli mensili illustrati, e rammentinmo che, Rg1i associa ti deJ «Policlinico»,, esso è ceduto per sole

L. 16 per l'Italia, anzichè L. 20 e Fr. 20 pPr l'estero, anzichè Fr. 25 N. B. - I nuovi abbonati del 1921 a u LE MALATTIE DEL CUORE E DEI. VASI ,. potranno altresl ricevere l'Intera' annata 1920 det periodico stesso per sole 10 lire In ltalla e per soli Fr. 13 se all'Estero.

Per ottenerlo inviare il predetto iu1porto al Cav. JJUIGI Pozzr, via Si~tina, 14, Rom8 . .


[ANNO XXVII I,

fL POLICLINICO

CASISTICA E TERAPIA. Contributo alla clinica degli aneurismi delle &rterie epatica e lienale. .se ne occupa F. Hògler (Wien. A_rcliiv · f flr in.nere Med., i1. 3, 1 ff.~) . /

A)

ANEURISl\•I l DEI.1.'ARTERIA EPATICA.

.

.

E~iologict.

- GJi aneu'l·tsrni die·l l'a. epatica sono nel 50 °/o dei casi di o,rigine e.mbolico-ba tter-ica (ir1 seguito ad endocardite, osteomielite, .tifo, polmonite). La colecistite, la colelitilaist, fo:r.se anche l'ater0-c:.cl1ero.si (Benda) e dei trau·m i (~Iester) ,possono 1p ure dare or1gine .ad anaurtsmi delle aa. •

I

epatiiche. Sintomi. - Si 1)uò d'ivide1~· 11 ·d·ecorso delf aff.ezion,e in 2 stadi : l1n-0 stadio sema rottura ed uno staditO ·COD rottura d.el va.1so. Nel 1o stadto .i sintomi sono spesSo poco caratw~tici, di r11odo che è impossibile la di:;i.gnosi; a.it1·e volte • essi sono pii1 .evidenti e oonsi.stono in 1dol 011i acces3uali, in f.enomeni .fil compressione (ittero, atrofia ··d.ella .cistiJfellea, aseite, tunwrl:'di milza , ' e din fllogosi reattive nei tessuti vi-cini -all'·aneJUrisma. I l 1° stadio può d•urare molti .anni. In casi rari è possibi1e la gruarigione in seguito .a trornbizzazi'One .e -consecutiva caloificazione . d·ella &acca aneuri1Smati-ca.. Il 2° .s tadio è caratterizzato dalla rottura dell'a116Ur:ism a e 'Perforazione in origa:ni vicini (re-sisi .aderenti all'an'€'Urisma.). Le perforazioni a vven·gono: 1° nel cavo peritoneale. In tal case> la morte è rapida •e i sintomi .s0010 qt1elli del~'a­ nemia act1ta: 2<> nel tratto gastro-intestinale. 1.'ra i segni dell'anemi.a acuta 1' an1malato m,uore in breve tempo. Al momento della rottl1ra 1·ammalat.o ha de.i do1ori colici intensi .e fe110meni di sliock. 3° nelle vie biliari. In tal caso i ~intorni S< no caratteristici: a) dolori accessuali r..el1a regione epatica, eon irrarliaziQni nella l'C'lgione ptrbica e sa orale (ciò .C·h e l.i distingue dai dol'Ori da colelitiasi); b) emorragie intestinali (ematemesi, melena). L 'emorragia segue <li solito all'accesRo doloroso; e) rumori sistolici ascoltabili nella regione cistica. A tali sintomi si aggiunge spe so l'it1t.e1·0, che € a, sente si)ecialm·e'Tlte negli aneuriismi dell'arteria ci, tira. La prognosi è infausta perchè l' ane11risma flni·sce qt1n i fataln1 e.nte colla rott.u ra e l'amn1alat'° muore per anemia art1 ta. Q11anclo , i è fa ttc:t l a diag110s-i e atta si pt1ò tentare la leg<.1tt1rc1 ~leJl'arterin epatica JJropria. 1

' •

1

FAsC.

2)

lJ ) ANE UR.lS:L\Il DELL' ARTERIA LIENALE.

l\Iailatti e infettive, aterosclerosi, forse anche c.a;use meccaniche (Selt.er). Sintomi. - 1. Dolore. - I l dolore dia p~inci­ pio vag·o, negli stadf avanzati meglio ca ratterizzato, può essere accessuale 01 continuo : nel 1".' ·CS>so esso è IocalizZ<'lt.o alla regionie ipo1oondri<Vea 1~·inistra, è sirrtile ai dolori colici, e si accompaigna a fenomeni di sliock; nel 2° caso è diffl1s·o a tutto !'.addome .ed ~ !)Untorio od u1-ente: · 2. Sintomi i)alpatori. - La milza è ingros.: sata (compr~ssione della vena lien a le da parte clell'anet1risma.1 . Talvolta si può palpare l 'a- . nel1risma stesso com·e un tumore pulsante, a pareti liscie, dolente alla pressione. 3. Sintomi a's coltatori. - Si o..soolta ta.lvol~a sulla regione s-plenica un rumore sistolico. 4.. Si11tomi rontgerliol.ogici. - Si vede vicino a llo ·stomaco, reso opaco, un'ombra pulsante che talvol ta deforma l'ombra gastrica. L a malattia può d·u rare mo lti anni, la prognosi è infa t1sta. È indiça to !'intervento operativo .con l'estirpazione della milza e d.ella . sacca a n eurismatica. Selter e ' Vinkler hanno ottenu to delle gt1arigioni permanenti. L' ~.\. riferisce un caso di aneurisma ·dell'arteria cistica e uno di aneurisma ·dell'arteria lier1 a le. i primi n-ei quali la diagnosi esatta venne fatta dura.n .t.e. la vita dei pazie11ti. La diagnosi f11 p.oss,i bile sp~ialn1.ent.e per il repe-rto a>scoltatorio ne1Ja regi<me del v.asi le5i; e ahl'aisc.altazjon,e si·stematica dei va!si dell'addorme l'a,u tore attribuisce per.ciò u n gran.de va 1·9ire·. Etiologia. -

1

POLLITZER.

Aneurisma embolico delle arterie perifetfche nell'endocardite ulcerosa. L 'an·euri.sm·a de1le arterie p eritferi1che è una evenienza piutitosto J'.c'tra, di cui K. Adams (Glasgo1v. liled. Journ., 1920, ipag. 262) ha a.v.u to occa.sion.e di o.5Servare d1ue oasii. Il .primo concerne un indivi!(}/uo di 29 anni cl1e soffriva da 4 ann1 .di d'olo1i reumatiici e clispnea; .erra i·n cRttivo ,s tato di n u trizione., di co.loritJo p a.llido, con ·l e dita .a clava,, 'Vi era t1n ce.rio gi~ooa di aumen.to dell '8JI'lea cardiaca, un soffio sistolico dolce drull'apice fin o a ll'ascella; t111 soffii0 siistoilico as1)10 dall'aorta .ai \·asi ·de.l collo : il s~condo tono a.ort.Lco era sostituito da ttn soffio dolce. Il paz. si Ia.mentava di dolori r,eumatici generalizzati, che vennero calmati con sommi~istra­ zione di a:sipirina e rli ~alirilato di sod~lo, l'emocCJltura .] u negat i ,·a: qualche giorno dop-0: ~-:. lamentò di dolo1i ret1matici dalla natica alLa 1


, i.t\.NNO

~.\'\"III,

FASC.:.

2]

SEZIONE PRATICA

co-s-cia ~iri.istra: in se.guitto si sviluppò, fra il gran tl·oca11te1 ~e e la spina iliaie.a posteriore superiore t1n t11111ore ft11ttt1ante e pulsa.tile della g·rossezza di un uovo di ga1Ìi'l1a, per oui venne diagnosticato u11 aneurisn1a d ell'arte.r ia glutea. Co11 l'al1lacciatura della branca posteriore del1'ilia.c-a in·te111a sinis~ra scomparve la ptùsazione d.el turpore. D o1)0 l 'operaz·ilone però, il paziente ehb e vomi•ti, tensione e dolori all'addome, dispnea. Ije sue condizioni peig·giO'ral'ono rapi .. damente, e il .paziente venn-e a n1orte pe.r i11sruf _ :ficienza. Cc..tl'Cliaca. ..\..1 l' a11 to1}3ia, sii .:riscontrò p.ericarrdio i·n spe.ssito co11 es!'udato tìblrinoso: cuore in.g randito con ii:>ertrofia di entrambi i ventricoli : sulle val'' o le ao1-ticu e mitrtùe erano .abbondanti ·v e•g.etazior1i, di \!ui n !cun e recenti: vi erano s e.gni c1Harte:ri-oscle1·osi albl base dell'aorta. All'arteria glutea sinistra si ri scontJ'ò un aneurisn1a contenerit~ coaguli str<t.tificati. Nell'altro cruso s i trattc'L·v a .d.i un indi\' i.duo di 3:1 an11i, in cui s i era avt1ta. tre mesi prima en1i pJ1egia s ini stra; fria i p.recedentj ta.r11amniestici degni di n Oita, la malar~ lia d.i5'c: : enteria, 1111 attacco di reumatismo e la pheurL te. Il paziente erra in brt1onQ .~tato di nutrizione, · mu. pallicw ed a.nemtoo. Area ·car.diaca alquanto a tin1e11tat a: a lla mit1'13.le, soffio sistolioo basis·o f:' d ias f,)lir' rucl.e; all'aolifl, soffio sistolico ;1s-i)1·0, J11 e.n tir P il secondo tono e1~ sOS'tit.niito Jj,a t1n rt1rno re dolce, soffiante. Emipl egia degli arti (li sjnistra ron aiumento dei riflessi tendiniei. p resenza di liquid-0 nell'artieolaz.ione del ginocch io ~if.1i 4... tro; l'Nl.7.iqLe di \Vasse.rmann ·p ositi, a. Poelii gio1·ni clQpo l'rummi>S6iione si notò aum ento dell 'aJ'e H epatica e del versamento a l fi:inoc<: h i10: 1a, tem!)e.ratnra sali .a 38°. Con una prin1a emocoltt1ra si ottennero stafilococchi e 11aci1•U gtram-riegrutivi, .p roba! ~llT'P-ute .pier inql.1in rtn1ento, la secon1dla fu neg.atiY.a. Q11a:Icl1e temi.~o dopo,, il J)aziente si lamentò di do1'ori aJ. brac-cio destro , dov~ ·sU notò paralisi .n el territorio d~Jr11111~re e scomparsa delle eminen.z~ te_ nare, ipotenare e ·dieg1i interossei, mentre si o~ervò 11n tumore f118iforme pulsante, al terzo medio dell'.aviambracci:O, ·peT 1cui vennie diag.no.. ~tcato un aneu1ri·S1II1a .mnib olioo, dell'arte.r1a 1rlnare de.stra, .che, all'atto opeirativ-0, ven:ne1 difa,t to riscontrato stretiam·ente ad·eil'énte ai1 n.ervo ulnare. L ' arteri1a· venine allacciata !S·op~a ~ sotto · 11 sa;rco, che venn1e reciso in parte. L'amm.aJato rn n1·ì poc.'111i giorni do:p-0 per in1sufificienza carrl i aca. 111 aim.bedue i cru.si si avev.aino -p.re-0eidient.i a. namnestici di 1reum,a ttsm.o, oon em.ocoltu-m negativR ed embolilsmi delle a:rteriie perilf1erriiohe. ' cita ti da Siimon e ..\ltri ca1si consimili son'O rig'Uardano l'arteria sciatica, la radiale, l't1l-iare, l,a f.emooole,\ la · poµlitea. · , fil. 0

1

63

Il trattamento medico dell'aneurisma. \' ·. G. l\Iaclachlan (A 11i. J ourn. of medical sciences, aprile 1920) ritiene che il 90 % degli aneurismi dell'aorta toracica riconosce come causa la sifilide e si oçcupa, nel suo lavoro, soltanto degli aneu risn1i in cui è dimostrabile la relazio'n e con la sifilide. Nel tr.attamep.to egli considera : a) Il r·i poso, ch e dieve. essere completo,, a · letto, delJa d1.1rata di almeno tre mesi: in seguito il paziente dovrà limitare la sua attività, evitando sfo.rzi fisici e mentali, ed eventualn"J ente cambiando professione. b) La clieta. - Per quanto molti autori .abbi ano indi cata una dieta ridottissima, non vi è alct1n fatto che dimostri _c he con ciò si possa aumenta r e la coagulabilità d1el sangue; la nutrizione generale ·d el pazi~nte va tenuta in b11one condizioni, ptescriv·endo t1na dieta legger a qu a 11do vi sia 11n a11m•e nto· di pressione. Quanto al salasso, co11sigliato sistematicament(' da V~lsalva, va limitato ad in·dièazioni d'ur~·en.za , come,, p, .e., la ·di·s pnea grave. e) Trattnmento antiluetico. - Va iniziato con il periodo di riposo: l 'A. consiglia 12 iniezioni di arspl1enaimina (·s ei da 20 e sei da 30 cg.). lVIinore importanza ha lo joduro. L'A. riporta le storie cliniche di casi da lui trattati con questo metodo; mentre la durata • media dei casi di aneurisma non eccede uno o due anni, i casi dell' A. si mantenevano in vita clo.po tre anni, , in buone condizioni ·ed esercitando anche lavori manuali. Di .p articolar-e importanza, oltr.e il trattan1ento antilu-etico, è il riposo, che fa rapidamente ~comparire i sintomi obbiettivi e s11hbiettivi.

fil. Aot1ite slftlitlca ereditaria . .

.

GJi. spirocheti nei vasi sari.guigni e nel cuore sono stati trovati in molti casi di sifilide ereflitaria dei feti prematnri, dei nati-morti e dei feti morti subito dopo la nascita. Si conoscono casi ·di reperto positivo fino all'età di un anno; man·cano, però, casi di bambini in età st1peiriiiore. Le a lterazionj iistopatologi che consiston o in 1n;fi1trazJone cellnJare (linfocjti, l.eu·cociti. mono e polinucleati, cellrule epitelioidi e r.eill111 i.~ oon·n ·ettiv-a li) de1Jta tu n.ica med i1a e tn parte dell'avventizia, con iperemia e anche trombosi dei vasa vaso11.tm. Non tutti gli autori · ammettono l·a speci·fici tà dii ta lii l1esioni. Essendo, verò, ormai indisc11tibile l'aortite eredol11etic.a dei bam.b ini grandicelli, dei ragazzi, e specialmente degli adulti (i.I così ·detto aortism0 eredjtario · di Huchard), è possibile diagnosticarla clinicamente? È estremamente difficile, dice E . J. Stolkin:i (Th e British Joitrnal of Children's Diseas, lu-


(A}';NO

lL POLICLINICO

64

XX\llll, F ASC. 2]

I

glio-setten1bre 1920). I sifilodern1i ulcerosi, la \i\.. R. positiva i.on accennano che alla natura luetica dell'affezione, non alla sua ereditarietà. L 'insu·f ficienza aortica, l'epatomegalia, l'ascite, l'alburninuria e la cilindruria jalina e granulosa possono e.ssere dovute ad altre cause. I .denti di I-IutcJ1inson possono essere in rapporto col rachitis·:ino, ovvero con lue eontratta mercè • l'allattamento dalla b alia o dai parenti in un'epoca cor.riSl})'Ol1dente ai p1~imi mesi di vita extl'n.ll te1·ina, c1t1indi con ~essun fattore ere·ditario . Ciò I' A. d imqstra con casi propri e cli altri, conchi11dendo che la vera aortite eredoluetica abbisogna di studio ulteriore, mentre attun.ln1ent e i1011 può mai essere sicuramente affermata . 1

GENTILE.

Le trombosi venose delle flebiti da sforzo.

Le tru11lbosi ve1101se (J. L. in Jour1ial des Praticier~, 17 ge1u1aio 19'."2i0), sogli·ono manifesta.t si improvvisar11ente co11 un vivo dolore dli. breve durata, cui segue a11m.èmto .di voJun1·e, co1oraz:1one violacea della cute, raffr.e1d·damento ·e impotenZJa dell'airto colpito; 1e vene ·appaio·n ·O· in prin10 te.In1>0 turgide e dilatate, l 'aTto è teso come se f os. . e contratto e co11 la pressione non vi -si detcrn1i11Ja · l'impronta digitale. Più tal'di si i11anife ~ta l'ederna, le vene si pal·p ano come cordoni fibrosi, spesso si produce iclartro. ~ei gio1ni segu.enti i disturbi va.uno di solito •U. !)OCo a poco dimin11endo, l'arto diviene caldo, la tin · tu violacea va di111inuendo, la funzione comir1cia a ris tabilirs i e dopo un periodo di tempo più o n1e110 lungo, l'arto r~torna normale o q11asi. 11 nt1me ro ·d elle t1·ombos i v e111ose finorou p11bblicate è di '22 e di queste 2 co,lpii·o11-0 l'arto inferiore , inistro, 16 l'arto supe.r iore dest1·0 e 4 queJllo superio1 e in istro. · Il t1~ trato a11atomo-patologico è i11cli s.c.t 1tibilmente u11a trw.11bosi della ·yena pri11ci1)ale d·i un arto. La causa. di qu.esta tro111bo·s i è pel'ò l)iuttosto oscura. ecQ.111do Lenormant co11 ' isterebbe in t1nlt lesione minima della tunica interna del vai o, l)l'odotta daJ tra1m1ati smo o da. 11na semplice contrattura. Esamir1ru1do i 22 casi pt1bhli1cati, c:fi Y E>~ le cl1e g li accidooti non si sono sempre manif.esta ti nello ·.stesso modo. In tre casi potrebbe incrimin1a,rsi un~in1fezj o ne febbrile, in altri tre casi la sifilide, in d11e un traumati mo i1niportant-e, ma n e-g11 altri d(){lici non si ril~va una cal1sa 9recisa. In q11f1 .::.t i ultimi casi suole attribuirsi la tromh t i n u1lo sforzo, ma anche que.~to spesso vienr a'S<•Jutannente a -mancare. T.'ohliterH1iorne ~11bitane::i ed e~tesa della vena prin cipn.Je vier1e da )focquot l'piegata con 11n

forte ~as.mo vascolare passeggiero, che interrompa o quasi la circolazione e peirmetta la formazione di un coagulo che renda definitiva • I'ostruziop.e senza provocare .embolia. Il prognostico di <}'lleste tro.rnhosi è secondo Rochard, semip;re f.avorevole, ma se esi·stono ca.si, nei qualli si è 1»r.esto avuta l a guarigi001e, ne esistono altri inv-eie~.e n.ei .quali i distur.b i più d men.o sipi.ccati ,persistevano a nich e dopo m olti

mesi.•

~ic •

1111 '

J

la

1 tcll

J

vel du I I

CESETII.

NOTE DI MED ICINA SCIENTIFICA.

t:lO •

1

Esame istologico dei centri nervosi in un caso di corea acuta di Sydenliam. Pierre j\farie e Trétiakoff ren·dono noti (Re vue neurologique, n. 5, 1920) i risultati degli esami istologici praticati i.n un .caso. di ·c orea acuta, e;samie interessa:nte in quanto ba rivelato la ohiiara rassomiglianza fra le J1esioni che costituiscono il substrato anatomo-p atologico d ell'en cef alite letargica e quelle trova.t.e nel icaso in es.ame. .Si tratta di una infhltraz,ione ·dielle · guaine peri vasoolari e del paren,chima nervoiso con d~struz.ione d1eg1li elemie11t1 nobjli i11 alcune re• • g1on1. Il proce~so diffuso irregolarn1 ente, in teressa tl1tto l'asse cerebro-spinale, eccettuato bulbo e cerv elletto e ra@git1nge il n1assim-0 di intensità n1ei gamiglt grigi della base : -sede elettiva è Ja .sosta.nz.a gri gia e deve dun.que esser oonsider·ato come una p·olioencie falite. • Le l1esioni vasoola;rii consistorno iin jpeìremia,. rna .. .specialrnente nell'intfi.Jltrazione delle guaine · avve11tizi e da pa:rte id i ·elen1enti cellular.i infiamm·atori . .sovr.atutto ·g randi mononucleari. Pi_ù co1Sta:ntemente sono colip ite .ie vene : alI'i11rf uori <lei vasi gli stessi elem-e11ti infiltrano irr.egolarmente il parenchima ed hanno tendenza a - form.a.r e noduli infiamJ11.a.tori. Gli elementi della nevroglia si trovano fortemente prolife\ati: mancano le cellule giganti d·i nev.rog1ia. 1

1

I

ce1 nu r~

n l

e

1

1

1

La più f·riequente alterazione clelle • oellule ' nervose è la neuro11ofagia. caratterizzata dalla formazione di noduli infiammatori attorno ad l1na ·Oellu1la nervo·s a più o meno alterata di cui talora non resta ch·e un ammasso protoplasmati..co. Nll!llle~ose cellu·le dei nuclei lenticolari e caudati sono in via di degenerazione granit"losa. Altre alterazioni delle cellule nervose sono 1a crQmatolisi e il rigonfiamento edematoso. I cilindras~i so11-0 altera1i specie nei gangli della base.

J

1

1

a li

Cl

va {a

il

ne in· zie

f'n rie

vo

ca

CO fe

CE

-~ \l


SEZIONE PRATICA

111 01·diI1e ·decrescente idi intensità delle lesio11i si l1a: nucleo Cli udato, putamen, locus 1iiger, strato ottico.

POSTA DÉGLI ·A BBONATI. .

Le lesioni son·o ug1 talmente i11te'1lse su tutta la corteccia cer ebral e. L ' in·f iamm azio11e è inten sa ii-ella prot·u be1

ran:.a. Il bulbo ~ sensibilmen te rispettato, ma a JiYello del rni4ollo si trovano nuovamente no-

duli infi·ar11111atori. I l cerve l letto è llel1a s ua totalità col1pito. Riasslunendo ci tro\·iamo din.anz.i ad un ' ' a lo tel'ritorio infiammatori o i'l cui 1naximum ~i 11a nei gangli grigi della b ase. L "i11fiammazione è i nitensa n ella corteccia. ' cerebrale, ma a misura che si discende nel n1esencefalo il piroces.so · ·Si ,a ttenua. I l processo è sovratutto iirritativo con ipe rPmia ed infiltrazione dei tessuti e prolifera:zinne degli elem•enti n evroglici e connettivali. 111 seco:nda li11ea vengono l e 1esì oni ,degenerative, foI\Se perohè è difficil1e oon i mezzi cli c nj di~poniam o m·etterle in evidenza. .. · l . e lesioni trovate conco.rdano con quelle seg nala te da Mer)r e Babonneix, D elcourt e Sand e d altri. B fa cile distinguerle da quelle d ella polio/Il i el ite a cu. tf1 infanti! e dove pi* intensa e n ett a è la di t·1·uzio11e d egli elementi n-0bili e d1o ve la gravità delle lesioni midollairi rende chiara Ja diagrtosi. Quest'ultimo fatt-0 rende anche impassibile l lt confusione fra l 'encefa lite coreica -e l 'ence/alo mielite da lis sa o da t et ano e quella che t<:ilora si ooserva nelLa malatti a del Landry. ~feno facil·e è la diagn.osi differe11ziale con l ' encefalite secondaria ad °influenza, a tifo e ad altre infezioni. Tuttavia q1u i si tratt,a ge11eralmente di ifa.rme fortemente emorragiche con zone infiam1natorie assai circoscritte e con variabile localizzazion.e. Impossibile quasi è la diagnOE!i e-on l'encefa lite l etargica in quanto sotti1e differenza è il ·!fatto che le lesioni coct.icali sono più estese i1eTia corea che i nuclei del III paio sono q.ui intatti, oh-e il centro d ella zona d'infiammazione che occupa i p edunooli ·cer.ebrali nella f'ncefa1ite letargica, ~ i trova .r isalito ai g.angli flell a base n.ella oorea. Gli A.A. insistono st111 a somiglianza ooitevole fra la to,p ografia ·delle .i.esi·oni trovate ne l caso in e same e quelle ch·e si osserv·a;no nella cor ea cronica di Huntington: in .ambedue i fenom•enri colpi:Scono S10vrat11tto la corteccia · (·ereb:rale e il corpo striato: ciò secondo gli 11.A. è i1nportante in quanto può cois ti.tuire una prova in più in faivoTe del compito che spetta al 001f1P-O striato nella gen·esi doe.i IlliOvimenti coreici. MONTELEONE. 1

1

1

65

(1245) F onendoscopio. bonato n. 7690:

Al dott. G. P. , ab-

Tra i tant i modelli di ·fonendoscopi il model1o Bazzi-Bianchi è 11no ·dei Diù sensibili. Circa i vanta.g gi del fondoscopio ·s ullo stetoscopio n on tutti sono d'a.c_.cordo; tanto che al1neno in I talia la m aggior :parte dei medici pre~erisce il vecchio steto·scopio cavo ~i Piorry; e·d invero con esso tutte l e fin.ezze semeiologi·che . d ell'ascoltazione pos-s ono essiere m e:sse in 1 )1ena evi1d enza.

t. p . ,.

(1246) All'abb. n. 2917:

L ' ctpparecc liio del Gones per iniezi oni 'el11dOvenose di io1d11ro di sodio o :li. potrussio è comIJOsto d1 2 tl1bi A e B .d i 50 ·ernie. cia·sc11no; al1'estrternità s11p eriore di questi tubi è una dilatazione ove Si ])One del cotone ste1ile n1el caso si vog~ia far pein1e't rare aria sotto pression,e. I 2 tllbi· li e B comun icano, nie lla p.arte inf.el'iore, con un u11tco tubo di scarico D al quale è leg·ato un tubo ,p ortante I' a:;go. Nel punto di comunicazion1e fra i 2 tubi A e B e1d il tubo D esiste un rubi11etto C disposito in tale modo che esso, per i suoi orific1, fa comuni.care il tubo D oon il tubo A oon il t ubo B, o im·p edis.ce. assolutamente il 1passaggio dei Iiqui·di. 1

o

1

N.el tubo A si pone soluzion .e fi·sio1ogica; nel t11bo B sol u zion e i·s otontca in acqua bi1di1Sti11atJa e recentemente sterilizzata di toduro di sodio o di potassio. Si riempje il tubo D, fin·o· all'ago, di solt1z.ion e fistolo gi•ca; in-trodlQ.tto quindi l'.ago n elJ.a viena si IPOne la comuniicazi·o ne <li D con A e, ,r.e.rificata l'introduzi·one d1re,tt.a della soluzi1on1e fìsiolo·gica nell,a vena si p·o ne ·l·a comun icazione di D oon B. Dopo eseguita la in.i ezion.e vo l1tta di io·d.uro si rimette la comunicazione di D -0on A., quindi si cihiud,e· il ru.b inetto e in modo tale d.a i1m pedire il p aooa;ggio di qualsiasi liquidi() m entr~ si toig lie l 'ago dalla ven.a. Il tu t to pr.00ede colla massima aseps i. P er indicazioni comp·1eie etiolro gtoh e, clin iche, anatom·o-patologilche s u11e Mico·si e ·Sull1e 1S1pirochetoiSi Ell•a può co neuLtar-e: « CaS/telJ.ani e OhalID·81I'S. Ma nua1 of Tropica1 l\iedicin,e. Baillière e Tin:d.al~, L,o ndo n. III edizdone. La p,ubblic~zion e .del MagiaLhae•s s·ull'ia:ngom ento dell1e Micosi, di cui Ella richiede, è la seguente: «Nova Mioose Humana » . M-emorias 1d o In·s tituto Q,swfl>l'd o Cruz. Rio d e· Janeiro, Ma.niguinhos. ·TO·ffi·O X, fase. I, ann,o 1918. 1

1

1

1

1

C. B.

f


66

IL POLICLINICO

(_.\NNO

XXVIII, F ASC. 2J

mentali dell'individ.uo sottoposto ad esame ne sC<)nsigkno , la discendenza, i chirurghi passeranno al necessa1·io atto opera tiYo ». La castrazione dei delinquenti. Si de\e aggiungere che in certi Stati non ba\ sta il responso unanime della Commissionet ma In America (S. U.) dove, come si sa, non si viene altresi richiesto il consenso del parente più frappongono t.nnti ostacoli tra l'affermazione di prossimo, o. in ma11ca nzn, quello del tutore delun principio e la sua applicazione (l'avvenir~ 'dil'operando. Però i1ei c1·in1inali recidivi. e soprarà se coli1 gli uomini non furono troppo semplitutto negli stupratori, la legge viene applicata di cisti ed orgogliosi interpreti dei fatti biologici e ufficio, senz'altra formaàità. sociali), non si· poteva non assumere attit~dine ~varrtanamente radicale di fronte a lla delinquenza Le statistiche che a bbiamo avuto sott'occhi~> cronica o eccezionale. Castratura, quindi, sotto vanno solo fino al 1913-14: in seguito i primi envarie forn1e e C<)i rrieizi sicuri éd eleganti che tusiasmi si ca lmarono, oltre che per aspri conl'arte meùjca oggi può offrire. trasti polemici che si accesero tra la stampa del paese dello Zio '.rom, sop1~atutto per il fatto che Gli Stati della Confederaziol}e nord-ameticana, che hanno introdotto quel radicalissimo sistema i rapists, cioè proprio la categoria colpita in pridi eugenetica, somma.no ad una dozzina. Li ci- ·ma linea dahla legge e cont ro la quale tutti eran tiamo in ordine cronologie<): Indiana (1907); Ca- d'acC<)rdo, potevano, u scendo dal carcere, ripetere a llegramente le loro gesta . Perchè, in fondo, lifornia, Connecticut, · Washington (1909); Iowa, a che C<)sa si ri:d uceva o si riduce l'intervento New J ersey (1911); New York, Nevada (1912); chirurgie<)? Nell'uomo alla Yasectomia parziale <> Kansas, ~Iichigan, North Dakota, Wisconsin (1913). alla legatura dei canali deferenti; nella donna (a seconda dei dispositivi di legge dei vari StaVariano però da Stato a Stato le categorie di individui a cui è vietato il diritto di aver prole . ti), alla ooforectomia, alla salpingotomia o · a11a. Nel Nevada, nel Washington, nel New York e legatura delle tube falloppiane. L'uomo, quindi, nel New .Jersey il veto colpisce soltanto i crimiconserva, pu~ C<)Si operato, ogni suo ro l e antico . . nali recidivi e gli stnpra tori che abbiano· consu- ' Pi1ì radicali, dunque, gli skloptzki, la setta remato violenze carnali su fanciulle a l di sotto dei ligiosa degli :tutocastra tori del bel paese ·d i l,0 anni . Ne-I Connecticut, a queste due serie di 1-tussia. · procreatori u nclf'sidera,ble sono aggiunti gli idioLe prime statistiche ci danno dunque, press'a ti, i deticie11ti, gli affetti da pazzia ereditaria, I>QCO, • questo riStùtato: dn mania cronica e da stati demenziali. Nel :NliNello Stato di Indiana si ebbero, -dura nte l'anehigan, nell'Indi~tna e nella California la legge no fiscale 1907-1908 (cioè dopo ·dodici mesi da lcomprende all'incirca le medesime '<<voci » elenl 'entrata in 'rigore del decreto), 119 operazioni,, ca te da Qttella del Connecticut. Nel Kansas e nel · che furono tt1tte eseguite su ricoverati del pub'Vi consin sono jnclusi anche gili epilettici. Nello blico e< Reformatory )). La cifra degli interventi J owa, in più degli €'pilettici, i sifilitici. Infine, scese però a 39 nel 1908-1909, a:d 1 nel 1909-191() nel North Dakota non si hanno singole specificaed a O nel 1910-1911. La ragione di questa caduta zioni di 111nlattie : la legge ordina, in termine gesta nel fatto che il. governa~re dello Stato aveva nerico, che debbono sottostare a ll'intervento chidichiarato la legge incostituzionale. rurgico tntti coloro che si trovano rinchiusi nelle Nel Connecticut, 30 uomini rinchiusi :r:ieilo «Staprigio11i, n~i riformatort, nei manicomi, negli ote Penitentiary )), vennero giudicati passibili di spedali e in qt1alsiasi pubblico a s.ilo·, « la cui diatto operatorio; ma non si diede mai rorso alla !IK!en·clenz..'1 no11 si<l ritenuta opportuna >). sentenza. Per dare un'idea clel tenore di questi decreti. Nella California si ebbero, in totale, 300 operariportiamo quello dello Stato di Indiana, che fu zioni - il trionfo massimo toccato dal bisturi. stedel re to il padre di tutti gli altri . Ha per titorilizzatore; il quale, del resto, non tardò anche lo: .4.ct t o Prevent Procreatioti of Confir1n ed Crilà ad arruginirsi. rninal., Idiots, Irri beoil es and Rapists. Z~ro, invece, nel Wa shington. E pure zero nel « Attesochè l'eredità occupa il posto più imporNtvw J er sey, ne l ~~w York e nello Iowa. tnnt<> nelln trasmi sione del delitto, dell'idiozia e dell,irubecillità: In Europa si espresooro giudizi molto severi. In Germania,· in rit1nioni mediche, venne fatta una Si vroYYe<le con la presente legge ad impedire es."luriente descrizione del deplorevole stato fisiola procreazione dei criminali recidivi, degli idioti psicologico in C1li ~a dono tt1tti i mutila ti dell'a·p e degli stupratori. parato genitale. In molti di essi si manifesta I direttori e i sovraintendenti degli Istituti do11na vera {leg~nerazioue inora le, peggiore forse ve ~'lli individui sono raccolti. nomineranno una talvolta di quella cui il «bisturi americano >) vorCommissione 'al periti, composta di due medici rebbe rimediare. specia listi. 1~1 quale dovrà esaminare lo stato :® vero che una quantità di grandi uomini tepsichlro dei ricoverati. Questa Commissione. di deschi, tra cui molti medici, fece poi l'apologia cui farà parte il sanitario dell'Istituto ed altresi della. castrazione definitiva di milioni di indivi- . Il direttore o il M.vraintendente di esso, sceglierà dui sui campi di battaglia . due chirurghi di notoria abilità. Quando la Commi. sione a vrit tabilito che le condizioni fisiche e (IZ M ed. It .).

VARIA

.;

I

o d

e

n

a

e 1


( •.\NNO

XXVIII,

FASC.

2]

SEZIONE PRATICA

67'

N R L LA V I T A P l~ O jj-, E S SI ON AL E. CongreSF..i.

~

altro lln valore episodico. No11 dobbiam9 di·scoJi·'Jl9Cere p1erò c11e le discussioni pr-0·v ocate riel\ient1 e il Co11g·re so di n1edicina i11te1·111a, scono utili; che molte n·ozioni ne risultano il<1uello dri chirurgia .e alt11·i delle specialità si lt1minate ed avvivate; che, di più, i Cong.re~si sono tenuti e:t. Ro111a sul principio dello scorso adempio·n() il comp~to di avvicin·a1~e e .a:ffratel-_ no·ve!l11bre i medici co11dotti e gli ·Or+dini dei lare i inedie.i, di m.a.1tiipl.1ca.rne .a strri..n 1gerne le ' in•edici ·Si •s ono aidun.ati sulla fine d·ell.o stesso . 00.11ioscenZte p·ema11a1 i. ·· 1n.e1se a N a'.Po[i e a Ro•n l'a._ Sa.reJ:fb.e destdierabile .dunque che queste proÈ c:l1iaro che ne 1 c-011cetto de1g·l·i ol'g•anizzatoa·i fi ct11e· .ga1·e fossero molto freque11tate e nutrite~ n\llla 1d·ev'esservi di con1t111ie tra i 00·111g1~ess1i 1clin1·e11tJre a11e vo~t.e1 riman1gono qu·asi 1dese1r.te; ni1·i e quelli })rofes~ ion·ali : i t1·a tta di due cam'80\'"l'U tutto !Sarebbe raic comandabi·le. che ai conpi cl1i11si, u11a clemarcazio11e netta li sépara e gre;ss'i ·Clinicd jnterv·&niSISero nume.rosi e pU'ennessw.1 conita tto può stabilir-si tra cli 101ro. de.ssie-ro 1)1arte fatti'Va i n1edici di tutte le cat.eÈ inar11111i1- ~ilJile, drilfatti, che u110 i.Steis•so meg·or1,e. <li•co fa ccitL 1.ll1e volte, a pochi 1gior11i di .djstaJ1eco11do noi~ S·i farebbe ·U n p.asso \1 ers10 il a za, u11 \'iag,g'io che ·p uò .eSiSerre moJto lung·o e direalizz'a zione rli tal.e ·p ro.g ramma, se qiueste-lf'iu-sagevole, rpex interv.enire a ques1e ril1nio11i, le nioni fossr~ro P•reistrubilite e -proordiinate in m.oqu1aJi sogliono inter~rsa11o madiocremente: a do ch·e i cotngir-eiss1i cli·11iéi e professionali - a l-pa.Iie le difficoltà ine1,enti aJla sip.eis a, alla i)ien1,eno quelli id i caratterie più gene r:ale - cadesnu1·)a de·g li albe·rglhi, eicc., è da te·n·e1· OO!l1to se.r o qurusi 1COJ1temiporan1eiame•nte, g1l:i uni s1ubito del distn·r ho che .egli ne risentir~ebbe i1elln s1ua d 01po gli .aitr.i, i1n unia .stee.sa città 01d in 'Città atti'Vità 1profeissj1on.al e. prossi1uio·ri, {'IOsì d,a l'id·u1nre ·al m:ini·m ,o 'il di1\f e11tre i può i·11te rven i·1 ~e s-e11za g.ra vi sacrisa1gio 1e da .elimina.re 1lP 1diffico.ltà di 1p1arte0ip_are ftz i n clue C:o11gressi immediatamente SllC,cesa gil { ·u1n i ed aig1i a l f.r i . ~ ivi, n11C'l1e . e !-ii te11gono i11 città diverse, è dif:\e sarebbero fa cilitate an1che le praticl;le pe·r fic.;i·le e tul,i;o lta inJ1pos1sibile iparteMJpare a conotte11€~e con·aes&oni' spec,i.ali (.ri.duziorni .d4 viagar essi cl1e ~.i a clu111ano a.d a•1c11ne sett•i ma.n1e di gio e di a lbeflgo, v1site ·di fruvo1~e a musei, eoc. ). distanza. olleviaimo il p.rob 1em.a senz.a ipiresumere di :f• risolverlo. Fo-rse La .soJmz.iione è m·o lto sempli·ce: * * baste-riebbe ch·e i Comitati m ,g anizzatori n1on I {}Ue ordi11i cli Con.g ressi sono, dunque, ris'.ignocaJSJS'eiro; che inv.ec·e ·d1 lavo•rare in mo·do maisti .effettivainente separati nello scorso anindi,p e.ndente, veniis sero di v·o'lta in. volta .ad no , niore solito' come se fos sero il1lConcili.abili. un 'intesia; ch·e co.or~dinaissero •e armon1zzas seV?' Per i clind·ci, rper i .p.atoJogi, per gli sp·ec1alii Jo.r o pii1ani, mo1diifican1dio la ~1e1de• di riu·n ione, ~ti, i 11i-edi·ci cond10ttli 1Solù0 :c.o.Jl.e1ghi miiIJ.o,r i, d·a oorregigen.do ilie ,date, ·e·oc., tutte l·e vo:lte ch e fos _ abbandonare alle loro beghe professionali e da. ISH ll81C.ei&&ar1 1• O.• non f air entrare in con.siideraz.ione nel prediSi potrebbe rag.g1i•t1nge·r e l 'int.e11to a>nch.e· sen<;p orre le .p r.oprie .aduna11Zie ai1nua.Ji; per i meza co•s tituire 11n organo central1e co01rdinato Pe, dici condotti le questioni trattate da patologi, i l qu.a;le ieoanip-0rtere.bbe ru~a disci;p lina che è difda clinici e da specialisti con lusso ·di scienza flci1e a trov•arie n.el n10.st~o paese, dato il nostro e con copia di detiagli0 nei loro Cong:vessi gete1np eramento poco docile, se non ana;rcoide. nera! i, li riguardano sol o molto da lontano. Elpfpiure sarebbe d1ooiderabi1e .che i medici cr0n_ <k>tti e in g·ene1·e i !liiberi ese.r.oenti interv.e:Di·sCi semb.r .a lo·gi co o.idr0titare qu1est.o ,criterio di sero num1erosi a~Le assi$e dell:a medicina clinica e sciernti!fì•ca; che ·prem,d·essero parte attiva a.1- unificazione da.I mon1ento che esiso recherebbe v·a.n taig1gi ,ovvii. 1'.anrilJ'lgo e vi p1ortassero i!l Loro ·oonit rtbut.o preP ·uò 1r.e·1)utair1Sd i11:temipeistivo idi ooJl.evare il zioso di ois servaz,ioni vi,ssute, di . constder.azioni e di rilievi dettati diail l·a lo~ riicca e varia esipe- pr.ob'1eana og:gi, a 1con,g~essi ·a.ppteirla ·O~iusi. · ~e rienza• n io n ,ch e gli . u.ltimi Congre1ssi, alp!p unto, ha nno • Non vogliaimo esage·r~ne il valore dei Con- 1po•s to n·e ttamente in .rilieiv.o l 'inoonveni ente segressi; anzi crédiamo che qu esti non abbiano .gnaliato; e le ·c001si.deraziooi :sopra svolte po- mai risolto un solo problema im";)ortante e ch e trebbero valere - auguriamocelo - a co·rregl'annunzio di qualche scoperta 11otevole, avvegerJ o in tempo per J'anno ora inizi ato. nuta in s~no ai CongTessi, abbia aVt1to più c h e L. VERNEY. 1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1


IL POLICLINlCO

68

Cronaca del movimento professionale. Unione Nazionale Medici italiani. l/C. ~. ~I. I. (~e cli ) lilflnO, \ic.1.

s. Paolo 10)

ha dirc-1111.ato un'intere~sante circolare. che non abbiamo rn1ùblieato prin1a, a e:'lusa della defic:ienza di spazio : .4 i Coll eghi italiani,

L'l"nionc Nazi-011ale dei ~'.ledici Italiani, sorta dal C;-011grcs~o di GenoYa (maggio J 917), nel qu~le ' -0ltre :JOO n1eclici di ogui parte d'Italia affermar-0no l<l i1ec:c~sità di organizzare la collaborazi-0ne della <:lasse 1nedica. ai fini della resistenza interna, in i'€luzione alla propria ind-0le definita. an<!lle r'er statuto ( ... nel dopo guerra collaborare al.la elevazione materia le e m-0rale del Paese), 11a testè iitenuto opportu11<) di determinare l'odierno suo -0rie11tc1111<.)llto Sl1lla. ~'1se delle attuali contingenze J)Olitico-sociali della Nazione. In una rit1nione ten11tasi a ~Iilano il 14 novembre 1920, i numerosi coll~ghi convenuti (150 tra J)resenti ~ Hderenti), hanno \Ota to qt1e8to ordine dc·l giorno: e< l/U11ionc Nùzionnle ùei :\ledici riu11iti in assen1blea lu scrn del gior110 14 n-0vembre, approvata l 'opera svolta dalla Commissione direttiva nelle pas~ate elezioni a mminitStrative della città, 1·iaffcr1nn tn la pl'o11ria finalità l)Olitioo-sociale, clelibera cl1e l'.\ ~oci<1zione, nel futuro, pre11di1 uarte ~ttii;-a a tutto quel lavoro di difesa sociale che ba ver i~c:opo di riportare l'a11iu1a italiana alln. esatta Ynlutc1zio11e delle ferree -realtà della vita socia le e nazionale )) . Ben lontani c1al ritenere di essere .in possesso di forze, n1eriti e car>acith sufficienti a sostenere la parte 11rincipale n<'ll '01:>era di ricostrl1zi-0ne del nostro Pa e~ . noi medici facenti ca.p-0 all'Unione siamo tuttavia ronvinti cl1e il. nostr-0 disinteressato ed ('ll<'l'giro contributo non n1nncherà di dare bu~)­ ni frutti, . opratntt-0 in vista della autorità e fiducia <li c:ui godiamo in ogni cet-0 sociale e della e:o1npetenza che l e no.~tre stesse funzioni ci conferiscono, ~pecie in riguardo a quegli elementi loorali e psicologici ehe sono base di qualunque manifestazion~ sociale. T~ nostra 11zione deve naturaln1ente inquadrarsi in guclln df\lln restante cla~e media cui noi appa rteninn10. f..(\ condizioni odierne della media clàsee italiarut i1on . on-0 delle pi1'1 liete. Angariata dalle misure fi~ca li eh.\.' , <li rette contro le grandi ricchezze, finis00110 col riC'<\dere specialmente Sll di essa ; ricaY:i nte 11roventi professionali inadeguati alla ascesa fantnsticn dei prezzi delle merci, essa è lidott:a ~J>e,. o nd tllU\ "·ita. di re.:'1li sacrifici, per quanto o~uri e sopportnti con rasst'gna7.ione; dnl punto <li vist.n 1norfl le C'd affettiv-0 poi, è in preda alle J>iù lllnili:1nti ~01·prese percbè ve<le il pr-0pri-0 rae. trn~innto nlla rovina e vede se ~te~sa investita e n1i11n(·<:ia ta da quell'odio ehe ~ 1'l base dellP predit'.t\7.ioni e tremi..,te. IA!. cla se media 8i trova oggi tra l'incudi ne e il n1i1rtell-0. tra l'affarismo r>Iurocr.1 tic·o P la dis8(>nnn tez1..-1 J)roletarin. Eppurt). ntTer1ninmolo ~n f-0rt~. la cla ~~ d~li in11lieg:1 ti. p1x..f~~ioni~i. ruagistrn ti. insegnanti,

tecnici, e.cc., è la spi.ria dorsale del1'1 società., la fucina di• tutti i tecnicis1ni che tengono in vita la Nazi-0ne, è la t1epo8itaria dei due elementi che, cl.a che mondo è mondo, sono il cemento di ogni \iYere s-0ciale : l'amore per la famiglia. l'amore per il' proprio Paese. lVIa tutte queste virtù sono rese nulle, in questi tempi tragici, da una grave c-0lpa: l'assenteismo daJla cosa pubblica. Noi tutti, professionisti, impiegati, tecnici, ecc., assorbiti nella n-0stra piccola \·ita famigliare e professi-0nale, abbiamo dimenticato che in regime democratico non basta vivere second-0 le leggi, ma ehe di queste leggi bisogna esserne anche i gel-0si cust-0di. si im1\bbiamo lasciato che della c-0sa pubbliea • vadronissero troppi chinccl1ieroni, troppi 1·abagas della politica. Una Yolta l'Italja era messa a soqquadro dai capitani cli ve11tt1ra; oggi lo è dai cosiddetti organizzatori. cl1e traggon-0 la loro ragion d'essere dal disordine partigiano e che si tiran dietro le masse, come i loro predecessori, colla promessa del saccheggio e della baldoria, infiorata r.>er uso dei gonzi di tartufisn1-0 umanitario. · Nella nostra società attuale T"i è Yeramente qualche oosa · che sta i)e1· tramontare. I socialisti dioono che è la borghesia che tramonta e che il proletariato sta per salire alla direzi-0ne della cosa p11bblirn. No. Non ~a ranno mai le folle deboli e mutevoli, -schiave dell'ignora n7~ e del desiderio, assorte nella vita del inomento, incapaci di un'ot>era intelligente e perseverante, che d-0mineranno : la lor-0 funzione non 1>0trà essere che quella cli produrre delle élites di ll-Omini che imprimeran110 a ll 'epoca le caratteristiche della loro potente inrli\iclualità . Quello che sta tram-0ntando oggi è il regi111e democratico, quale è stato c-0ncepito ed a1)pliea to dall'aristocrazia. industriale e curialesca, ed a l sl.10 posto si avanza quello che sarà determinato da una arlst-0crazi.a intellettiva e m-0rale. Essa tiseirà dai nostri ranghi, d<>ve son venuti ad ::t ffolJarsi elementi selezionati di tutte 1e clarSsi e di tutte le gerarehie. Ognuno al .s uo posto oon fede e oon disinteresse e sopratutto collo spirito di sacrifici-O. · In que~ partecipazione alla grande l-0tta cui la classe media deve per necessità. partecipare, noi inedici dobbiamo rivendicare uno dei primi posti . • , Noi medici dobbiamo ricordare che <!iò che travaglia l'umanità non è sol-0 una eri.si economica., com-0do pretesto dei filibustieri della politica, ma sopratutto una profonda crisi m-0rale. Difatti, quando mai economica.mente la società umana, fino ai l)iù bassi strati, ha goduto di maggi-Or benessere dell'attuale? T.ia democrazia li.a posto i dirigenti in una ca.sa di vetr-0. È passato il tempo in cui i dominatori apparivano esseri sovrumani dai loro castelli e dai loro templii, d-0ve spe'sso rifugiavano la l-0ro pochezza e la l-0ro <.4<>rruzione. Oggi la vita intima di tutti gli appartenenti alla ~lasse dirigent.e, il valore vero del loro carattere e della loro anima, son-0 in vista di tutti. e sopratutto ' contr-0llati dagli occhi a vidi di coloro che stanno in basso. E come dai co...qtumi e dalle tendenze del figlio risaliamo ai costumi ed alle tendenze del padre e della famiglia, cosi nella società da governati a I

1


(ANNO

X>.._\'III,

l~ \SC.

2]

govel'nntori. Se il l)Opolo ba pel' o la netta vi~ , sione della realtù della vita sociale è perchè noi tutti no11 abbi~mo fatto a suo tempo il no. tro dovere. In questc-1 risipis::ce-nzct della pnrte con --apevole e responsabile della società , noi medici pos. siamo a vere . una parte onorevole, perchè la no- · stra fu11zi one ci ha permes o di conserYnre llna suffirientt• ])Urezzn d'animo e ci ba. abitua ti a scol)l'ire le c·a use dei n1orbi fisici e morali. Bisogna far tabula rrt..sa dei disonesti che si a11nidano in tutte Je cln i::isi; C-Oalizzarsi contro il J)ara"'sitismo e la venalità; costituire il nl1cleo degli uomini che sentono e provano <li entire l'imperativo del dovere, contro le legioni degli individui bassan1ente egoisti, pronti a l)roe;ternar~i <lavanti a qualunque trio1nfatore. · La perfezione discende daJJ'aJto in basso, non viceversa. ~ inutile il benessere econo111ico; inutili, anzi òannose. l'i truzione e Ja cultura, se la vit:a non è illuminata òal senso morale. cl1e è elevazione de Il 'indi ,· id110 e cemento della società e che . i in. . eg11a non c:oi libri nla coll'esempio. Epurare le cl~1 s. i inedie, allargare il loro orizwnte p~icl1ic·o. far capire la necessità di una rigorosn di~ciJ)lina interiore, questo è salvarla e con e sa ~ Iva re la Nazione. È questa la 11ostra t'e1·a pfJ1 it icn. 'I /illtra, la contingente, la quotidiana, quelln <l<>i circoli, dei partiti, dei giornali e delle lllè.L 'S(~, è lR derivazione e lo ~pecchio della prima. Qu~st'nltima politi-ca corrente dovrà essere ten11t.a cli mira i::-010 da questi tre punti di vista: 1° • m~.L_ ,;he1·ar~ e <1nnichilire questi uomini amon1 li 1·ll<>. <->rigPnclo!zj_ ad apogtoli e inno-va tori, sanno con mo1t:'1 prudenza conciliare il loro facile •~roisn10 colle comoclità della vita : cl1e facendosi arme dell:i C'nltura e delle doti dell'intelligenza, sfruttano, a i fini del ~t1ece. so J>erson.aJe, le cocienze ingenue e inquiete delle masse. 2° Porta re alle J>nbbliche C'~1 ri<Che 11 omini nuovi ed onesti, non inquinati da pregit1diziali di partito e opportunamente istruiti del mecc-anismo dell'esercizio del Potere. 3° DnrP forza alla legge ~ enza n4:1ssuna pietà, senza falso umanitari:s1no. L'inòividuo deve sco1uparire da vanti alla legge, che è l'espressione del ''alore spirituale dell'epoca, e l'ha insegnato Socrate morendo·. L'Unione Nazionale dei Medici, questa raccolta di anonin1i cittadini che già all'epoca di Capo-retto ha collaborato colle sue modeste ma volonterose forze a superare iJ pericolo in1media to, o·ggi ricorda ai colleghi italiani che l'opera civica della classe è ancor i1ecessaria, e come allora, o~gi pure invita i ' 'olonterosi delle città, borgate e paesi h cl organizzarsi in nuclei, e per rendere quest'opertt più efficace, coordinarla con quella di cittadini di tutt,e le classi. Segni <li risveglio nel paese non manc:ano. L'occasione è delle più favorevoli, e forse non si presenterà 11iù. Come il dtsastro di Caporetto trovò per fortllll{l l'Italia già prepa rR t :1 n RUPfll'tll'lo per l'opera di resistenza dei molti che lo presentivano, così la crisi che noi · sent'iamo avvicinarsi ci trovi pronti coll'arma in pugno e col cuore fermo. Il Consiglio Direttivo dell'U. N. M. I. 1

60

SEZlONE PRATICA

Congresso dei Medici ferroviari. Il Congresso dei medici ferro·v iari di l\:Iila110, cl1e i dovette sospendere l'est:ate scorsa per causa dello sciopero ferroviario, ba e-011tinua to i suoi ~ la v-0;ri a Roma occupandom di argomenti di interessi pro · fessionali . . Il numero degli intervenl1ti è stato note1·ole. Ad assumere la f1.1nzione cli presidente dell'a. ·semblea è stHto chiamato il prof. G. TedeS<:hi di Napoli. La discussione è stata ampia ed ordinata. Ranno Il.arlato i dott-0ri Cornelli, Targioni, Fabiani, Blal'\i. ì\1arsella, Canger, :\logliazza, Carignola, Giannelli, !)alla Valle, Gnmberini, Pandolfi, Reccbi, Roseo. Bennucci, Mu.santi, Pezza, l\1arinucci, Itali, Tanturri, Buda, ChiapPoli e molti alt1i. È ,s tato approvato un ordine del giorno, nel quale so110 esposte le l'icl1ieste ùella classe, richieste cl1€' iueritano di trovare favorevole a.ccoglimento specie pe1' quel che riguarda i nledici di grandi centl'i. .ai quali, in rapporto alle delicate e faticose pre. tnzioni, 'Tengono corrisposti compensi irrisori. È stato eletto !)residente generale dell'Associazione il senatore prof. L€onardo I~ianchi; so110 sta.ti eletti vice-presidenti il pro·f . Burci ed il dott. Carnelli; segreta rio generale il dott. De Nicola Ignazio e segretario della Presidenza il professore Tanturri. È stata desig11ata come sede del J)ros&imo 0011greR~o la città di Palermo.

Tariffe medico-legali. l .a I>re:·ide11za <lella FP<l<.'l'nzione degli Ordini dei 1\1 <:<lici, ttl V· 011gre:-:;..~o li"<?<lern le, test.è conv-0cat0 ::i Roma, <lfilll1nci<> im111i11e11te la })resentazione del progetto ·lli le~gf\ per la n1ocli:ficnzione delle tariffe u1 dico-leg<1li per perizie ~il1diziarie. L'annuncio dato allo1·c.1 è confermato dal telegramma .s eguente :

«Prof. J;uigi SilY<tgni -

BolognH.

e< As.9icuro

avere testè presentato Camera Deputati progetto legg~ per riforn1a tariffa penale civile relativamente onorari pe riti incle1mità testimoni giurati. Cordiali salnti . Gl1ardasigi lli: FERA )). Il progetto di le~ge &i.rà al più presto esaminato dalla Presidenza Federale, e, se possibile, OOlilllnica to agli Ordini per la parte che riguarda tl1 tte le prestazio1n i mediche giudiziarie. Associazion~

fra i medici-chirurgi liberi esercenti nella provincia di Roma. ,

Il C-0.n.sigli{) dell'Associnz!ione fra i l\lledici-chirurgi liberi e ercenti della Pro\incia di Roma, in seguito a nu1nero8i Teclami pervenuti sulle tassazioni della ticcl1ezza mobile (eser0izio professionale) fatto dall'Agente delle Imposte - tassazioni cl1e non rispondo110 ad ulcun criterio di eq.uità e nemm~o forse a~sicurano a ll'Erario quanto ql1esti potrebbe a $J)ettarsi - , delibera di promuovere un'agitazione 11ella Classe e di svolgere azione diretta presso le varie Autorità preposte perchè


IO

[ANNO

rL POLICLINICO

yr•11ga u1od ifi c·a to l':t ttuale orclil1;1 llle11to in rapporto alle tas&1zioni istit11endosi l..,ommissioni comPo.... tt" ài <'OllOS('itori e tecnici. con larga ra1)prese11t;111za t1elh1 ( ']•\ H5e, le qnali <1 bbiano l'incarico non :-.olo di es;1n1inare e'entuali r ecln 1ni. ma di dare il lo ro parere Hll '..t\ gente pri111n C'h~ questi con1pili lt> n ote cli til~~i17:ioni.

AMMINISTRAZIONE SANITARIA. Giunta del Consiglio Superiore di Sanità. Xpj g-ior11i lR e 14 11anno a \nto luogo le riunioni c1ella Giunta del Consiglio S:n11eriore di Sanità, ~otto l.tl pre iclenzn del ~enn tore prof. C'amillo Golgi. p ('on 1'inter"ento cli tutti i c·orn11onenti. , 'i f'on1inciò col vrendere jn f•.;:n1ne numero i ri"ot-.·i ù YYerso proy,·eclin1euti delle •l n torità provint:in li ritlcttflnti ra1)plicazio11p tlella legge ull'eser<:izio clella farmacia 22 rnn~:p;io 1D1 :-3, Il. 4() . Fu rilr Yn to. c·on 11n certo Sf\n. ·o di <'onforto, che la si~t@tn<t zio ne cli tal~ import.1nt(:1 I«1 n10 cli se1\Tizio ~n ni lil ri 0 si , ..a effettnn ndn o,·u11q ne . sebbene il tra Ycrso i1011 lie,·i clifficolti1 l 1>cn li. TJ Direttore gener;1 le cle ll~l Saniti1 pubbl Lcn cliede n ~~icu1·azion~ 1·h t-' 11 :.\~ ini~tf)ro tp1·r ù eo11to di ogni suggerimento tlt•lht (}i 11 nta. tende11te acl affrettare e facilitare il <·un11> IC't;111l0nto cleJ1n ~iRtf\1 1~ 1\%ione d-elle far1

111n {'iP.

ordine nl servizio medico e Yeterinario ftt emes. o prov,·edimento su vart rit-or i di Co,m uni <:<>ntro determinn7.ioni dell' A11torità competente, J14 ' 1' ç;;ta bil ire la n1isnra .degli st]pendi .-1d ufficiali ~n nita ri, medici condotti e vete ri11ari condotti . Fu 111

rilèY<\to cl1e n1~rcè l'in1pulso effitc1 ce delln Direzione p:{>nernle ò~ll<i Sa11i tit p11bblic.a ~1 È' conseguito un not<'Yole mig:Iiora1uento d e l le eo11dizioni eco1101uie he .tlel <·orl)o &lnitnrio comunale elevandone c>u11tP1111>0rn11ean1eute le c•o11dizioni morali con l'all41lizio11e del le oondott<:a pi<'nf'. ~ul l 'og-getto ft1 rilevato. cl1e, 1nentre lln anno f :1 ~oJn tr<' pTovincie del R egrio, Parma, Piacaenza e Reggio Emilia, avevano tra~forrnat-0 tutte le <:011clotte pie11e in libere, in qu est'ultimo anno la f'o ndottn J)icna è stata gin com1lletan)ente abolita in altre 37 pro,·incie 0a iu altre 12 il contpletaIllento della t1-a ... forma ziou0 è imn1inente: soltanto in 10 pro,·incie ~i deve anc-or.1 '-p ro,·yedere per più "'101nnni: 1u~1UC'a110 i da ti st:t ti8tici concreti solo 11e1· 7 proYint·ie. Qnn11to alle c:onclott~ Y<'te rinarie . i 8t<l provve'1~11nn C? non si inc'-011t1«1110 n ot eYoli difficoltà. II Direttor<:' ge11ernle 11<"t poi inforn!a to la Giunta <'11~ HOUO in C<)r~ di iRti tnzione ~L1zioni sperilllt'nt:1 li C'ontro 1e iualn ttie infettiYe del bestiame in ~il'ilia <>tl in Surd<-'g:llfl. i1iù t1nn filiale dell<l ~t.1 7. ion<> J1r s. o l'T Rtitntn Zo oteeniC'o di Biella ed :1 lt1·a in C1n ~rt.a. 111f\ntrP Hll<1 fili<l l(' cl ella Stazione <li :\Iilano è in c·orgo cli i1upinnto in Rre8eia. ~i è pro"\'"Vecll1to infine n Ila no1uin~1 di t1fficio dei 1 ·01111>onenti del <•n~igUo di a n1n1inistr<lzione del t 011 gio-0011,~itt{) J)(.>1' gli orfani dei sa nitari in I \'l l' ll ~i :1 in •tppli(':tzio1h" deir.trt. t, .c lello Rtatnto, 111111 t·h <' ;\ Yn r i ric·nrsi <·ontro 1:1 ,.;\ licli tìt cle11~1 l ziouP cli 111ernhri cli C'on~i!!li <lell'Or<line <l< i F.1rn1nt.:i"ti tli , ..~nf'zi:t P l,ort n :\I:t nriz!o l' <ll•i '"'0tcriun ri <li ~ tl ..... ari.

{.

XX\TIII, FASC. 2]

SERVIZI ,, SRNITARI. 1.\ -ella ~anità 111iti.fa1=c. [ ,;\ <'01111uis~ione inear ic::1 t•t c.lr1 l .\lini~tro della :,rn '1'1'a di ·tndiare il r iordi11:1111ento clei servizi ~n llita 1ii 1uilitari ha preRe11t<.t lo, or è .. quHlcl1e ten111e>. la sna relazione. • 'ec·o11do tale r0lazione ln Cu1IY.ioue clel nuovo Corvo ~;11lit11rio deve essere <•splic:ata da un or-

ga i10 centTale e cla organi i1eriferici. li' or~·ano c:~ntra le prende i l i1on1e d i Direzion e c<•Htral{' <.lel Servizio sanit<trio u1i l it~1re, con a capo l1Il direttore col gr,a do di 1n!tgg·iore ge11eral-e medi<:o ecl àYl'à in vn1i tempo fn11zinni ..1111ministrati,e, tecnicl1e, medico-legali e is1>ettiYe. Quanto n gli {>rg·a1li clirettiYi periferic·i. l;l fnnzi<lne sarà doY11t11 <111e attnnli Direzio11i cli ~.t11ittl dei C<:>ma.ncli cli ('orpi ll'Arn1at<:1, ll :n ;1 c-in·~rnno di essi sarù èlgg:i11nto 1111 igienista. ll 'Pntre s:;1ri1 rliminuito il n111llero clelle ('ornmi~~i oni 1li Hppello. De g·li o: pec1aJi Jlli lita ri :;;n rn 11110 (·011. erY<l ti solta nto que lli vrincipali esi stenti. el<',·nnllo qualche inferrnf'ria imvortant€ al grnclo <li 0~11erl11le succn rsn le e cl1i.n u1nnclo a consulen7.a. o-re occorra, clirettori di c:hlniel1e e prin1nri cli os11e<la li civili. TJ<l ~cl1ola cli -~a11itit :\Iilit~1re è C'011. t'rYatn solo })flr g·li llfficial i 111~<1'ic·i C'l1e vogliono cl<11-. i alla carrie1«t 1nilitare e per qnelli <'ff<'ttivi eh~ debbono perfev,ionarRi in <Jn~1 lc:l1<.) l'<l lllo ~ei e ntifico meòia ntl' C'o r:i di iutegrnr.ion0 <' tli r·t1ltnra ecl avrà l;l tln 1'<1 ta <1i sei nle ~ i. ~n 1'it el(\Ynto jl tl·attan1ento ec·onon1icÒ dell'ufftc-i;;1le iuedico i>1·oponPn<.lo u11 'i1Hlt>11nitù professio11al~ cli I . . HOOO per h1tti oltr(l Jo f'tipendio, •'d n ltn~110 (li T,. 2000 '[X'r gli nftiC' in li '-nperinri e gellf'r~1li. e cli J J. :3000 Jlfl'L' tPnP1 nti P c·apitn ni. Inoltre si è pensato n ncl1e ad abbassare il li1nite cli etit per l'aYnnznn1~nto. I>t!r il J)erso.nale di ns~itenza -0sved.Rlier1t e 1>rofih1ttic-o, un terzo nlmeno &<:'lrà. costituito cli rnilitu ri <li carriera .appo~it.H 1nent~ arruolati ecl istr u iti. A c:cant0 ,~1gli inferu1ieri profef;~.donisti ve..rrà cre<1to un cor.so «li d is:infettn t-01·i iuilitari. I/organjco pre,risto sarebbe forn1ato di 1111 maggior ~~· 11<:'1'11 le, di 3 brigadieri gener~ li, di 21 colonnelli, di ~O t enenti colqnnelli, di 180 magg-io1·i. cli 3()5 caJ•ita11i e <li :100 8 1balterni: in tutto 94G ufficiali

('

:ti iIl

h8 fl ll

lr

m<

ra

I

t

I

r 111

1\1

h1

1

li

fa

irn

I

ln~clici.

J•l

ltlSPOSTE A QUESITI E ADOMANDE. ( :-73) F~tipendlo - P .a gamento. - Dott. G. B. da R. - r~a ,-edovi1 del defunto collega ha diritto ad esigere lo stipe11clio per i quindici giorni di l icenza di cui godette il ma rito. Altro non ha diritto di esigere sia perchè tr<1ttava.s i di interino, sia perchè i d11e mef'i furono tr:-1scorsi f-i1ori servizi<> sPn7.n alcuna a utorizza7'ionf\ o jnte8<1 della Ammi· nistrazione municipn le. , (8;)74) P11niz ion i di.sci pl ina ri - I? i corso. Dott. abbonato 129 • ~. - Il ricor~ <.-ni a1l11de va scritto ~u ca rt<l da l)ollo òn lire 2. Non ,,deYe PS. ere noti ficn to <' non hn effetto RO. p0n~i,•o com<' tutti l r ic·ol'~i amministrativi nei cn~i ordinnrii. (R177) Cura d ei poveri. - J)(ltt. f ,. F. <la :.\1. .\ncorchè la malattia . i.a ~tnta c·a11~'1t'l dn un a bl>iente, chi è iu.·critto nf\11~> ~lPnco dei poveri lta ~n111re diritto alln c nri1 ;?l'<l tni tn.

dc1 r1ia

f1a1

' 'I

ila Ot f

1'11 ( IJ

Co

tr n

e ò

d


(..~""lNO

XXVIII,

FASC.

2]

71

SEZ IONE PRATJ C.-\

(._ 578) ln<l ennitrì carQ-viveri. - Dott. G. L . cla (t. :fi"'ino allo ~"ti1>endio di lire 10,000, non vi è u lenn;t <li:..;tinzi<lne a fnre per la concessione clelln in<lenniti1 <·•\ ro-YiY0ri. Tutti i medici co11d<>tti ~i hanno cliritt<> qun ltinque s tipe ndio verce-piSC<'lDO e qnn h11u1ue ~i a l~l lor-0 r1osizione giuridica. N<>n lt• t·o1Hplt•t<' i nclen nità :upplementa re perchè le pe:·son<• di fn nliglin a carico non suverano il n11lllf'ro di qnnttro. t-Oll!e tnssHtiYa1uente prescrive r~1 rtl<:OLQ :J , <:ù ll0Y(:'l'$0 11ltimo, cJe l Decreto IJuognt<.~11enzia le 14 Retteml;>re 1918, n. 1314. (. :J7H) lndr·nnittì caro-1:iver i. - D ott. abbonat-0 u. :::"?7ti. .\ ,.(;) ll<lo 11n quart(l figlio, h a diritto , a pre~ci11dere clalJo stipendio ~he i1er cepiscie, a lla iudt>n nità ~'lIJlllle1n~ntu1{> in bèl, allo a rticolo 3J d•~l I>. l •. 1 ~ s~ttP111llre 191<-, n. 1314. (!'\.-,so1 f11<lt ·1111it1i <-aro-riveri. Dott. abbonato n. :~:;1 . - J>pr c·ol{>l'o ch e sono fo·r niti di •stipendio e gu:.1 l<' o ~llJl('l'ior(> a lle lire 10.000 l 'indennità caroYi\Tl'ri_ è rnJlpl'P~·11tata d<1 lln somma ch e, 11nitn ~llo ~tif)Cll<lio inilin le. form~1 lo stivendi o nc<:re_cinto tlPlht i1111Pnnitil norm::tle. 1s:i,:! i <1 onr1·11i1·11-:r 71roff'-·.~ ional i. Dott. ( '. R. ila ~I . I>. ~i fatti a noi e~po~ti relntivi Hl co11t'•J!UO l'h~ l<'H~ono vt>rso cli le i H]<·uni snoi coll~ghi n1olto più <l! >JIOI tuna1neute <l~Yl' infor1ll<1rn e il < '011 -.:i~lio <IPll'Or<l ine della Pr0Yh1c-in. (~!il-'::1 • 'la/Jilitu. l)olt. ~lhbon,a to n. 8401. I~a 111·0,·yisoriPtì1 P l'interina l<>, od a ncl1e i .servizi 11rP~t.:1 ti cln1·.1nte il r1eriodo della g u erra, non ~1110 llt:ti 11 ti li p •r l'aeC)u i to <lelln sta bilità non l'o1()JlO "'<'!!niti ùn 11omina rPgol11re fàtta in ha 8\'l :i <'Ollf'Ol'~t>. Con1prenderà f<1C:i lmen te cll(l' se ftp•~c· cl i \'Pl':.:a llH-'nt~· 11011 ~i farE>bbero più concor, i . t ;s~1 ·"ana r• ,-obu. la co.~ t i f l(:ion e. - Dott. abho11n lo n. l:?fiO{i. ~i p11ò ben essere <li ~fi nn e rohn!òif:i <:ol'tilnzione f>d n,-ere u11.<1 le~ion<-' J1<~l'111a 11•i11tP a cl 1111 gi11occhio: la co titu7-ione si h è.l clfl lh1 lln<"it:i : l<• 1111perff'zioni fi.!=;iehe si po~sono, :.1

l1n·•·<·1\ <·onsl'~nire anchP clopo. ~~ d('v~ ril~'l sciare un ec• rt i tu ·n t o rl i sana e rn hu :-- t n ('O!';ti tn z i 011e J>ll <> farlo. \;{•, inY<'C'f\ <lev rila ~c·htl'<? un rertifìento cli ("l~ ~·r<· ~sentP clH in1pPrfezi<>ni fì~if'he. non può fu rl1J, p<>r<·h(• la lc·~ione c·or-:tituisc-c•. :i p1n1nto. llll<l in1p+·1·fP7.ionc• fisic·a . ( :;,:;, Co111 11<'f <•n;,r.1 nrofP .~.{,:i f1Hflli. Dott. R . F. da <}. - ~e rospeodale nell t1 <li<tri~1 cl1e h a vercepito hn c·ou1nre~ nnche il compenso a ll'o1>era tor<>, deye ri,·olgere L'l sua richie~ta cli compenso alla r,in .n 1nministrazione. ~e . per con,-eroo, non Si è png~1 to n li' ospedale ehe la ~u1pli ce degenza, non , .. h n <I 11 hbi<> eh e Ella :-t bbia diritto a compenso da P<lrte d()lJa famiglia o del Coml1ne d1 origjne o (li soccoroo d e llo infer.m<>. _t\.i-;sodi tal circostanza f' <111::tndo n e sla ben sie·n to pt1è) c itare l'ulli:'l o 1·a1t1·{) innanzi 1'o r·ùinaria autorità giudiziaria. . (, :JR7) ,<:;Pr1; i z'io ostetrico - Ol)blighi d el 1ned·ico cunrlofftJ. D ott. G . A . D. da B. - TI i11edico co11d-0tto è obbligato . anche alle prestazi oni ostet ricl1e nei c-n.si prescritti dal Regolamento, ma non a lla a•ssiRtenza de i parti no rmali, in luogo e vece de lln l~,~atriee. Se compie tale aissistenza deYe essere pngato dal Comlme, quando tr.1ttn ~ di ~r~na o famiglia inscritti"l nello e le11co dei poYeri. Doctor .JUSTITIA .

,

CONCORSI. •

(Bari). - Condotta per il t e rzo rione·; I.. 7:150 e quittro quinquenni di L. 525; L . 1000 d 'indennità di la.l1rea ; obbligo ... a turno di -servizio gratuito no tturno in ap1)osito locale; altri <>bblighi, con retribuzione annua inferiore a l;J. 2500; serYizio .annuale a turno n e lla frazione di ~lontal­ bi11<> con jnd~nnità d1 f.;. 500. Età limite 40 anni. Scn cl. 2.5 genn. rei> maggiori schjarime nti ri volg·er8i n 11<1 Segrete ria municipale. BJ.RLETTA

Go -.·oLA (O r e111 ona). -

Cond otta : L. 11,000 (li-

r e H:>OO in<len11itfa reside nza , J.;. 2000 per i ])rimi 1000 l)o,·eri, L. 1500 IJer mezz<> tra porto. L . 500 qnHle llff. san.: IJ. 2 t>er ogni po\ero oltre il mig liè1io. Rcad. 15 gennaio. ~1 ... r.TrXESG0

Condotta: L. 6500 per 1000 po,e ri: jddizionale di I.i. 250 per -Ogni 100 in i1i t1 ti110 ni 2000, J_;. 400 per ogni 100 in più oltre i :2000. ~eà cl. 15 gennaio. (B crganzo) . -

A tutto 15 genna.io oon<l ott~ I e II . Reparto. I1. 6000 per 500 famiglie poYerc-: tre quinqueuni del decimo; L. 5 pel' ogni fau1ig·li.a i11 più; L. 800 indennità (provvisoria) di iua lar ia: L . 1800 per mezzo di tras1)orto; caroYi\·eri. E tà 25-44 anni, ~alvo, ecc. Ove gli eletti 11on u ssnmano il posto nel termine ch e verrà lor".> indiC'n to 11e lla pa rtecipa zi-011e di nomina . saranno , enz'a Jtro diiehiarati dimis ionari . l\fl'::-iTRE

(Venezia). -

•ootlotta frazione Torre; ·ir(·a -4000 •lb. Scad. 25 gennaio. Stipendio L. 6500; inclennità ca vallo- T1. 2000: L . 1 per ogni povero oltre i 1500; caro-vive ri giusta D. L . 9 marzo 1919, IL 30 : <1llllle nto del 25 ?b sullo stipendio attuale e l1na seconda indennità di e.aro-viveri in corso di approva?::ione : tre aumenti quinquennali. Per sch~­ ri 1n0nti rivolge r si a lla Segrete1:ia municipale. [lonoE~O~E

(l:àine) .

Il comnne di Tavennn (Camr>0basHo) cerca interino con probabilità dti. nomina stabile. Paese riuni to, nbit:anti 2500. ~ta zione f err oviaria Term•>li o ì\lontenero. Servizio al1toruobili~tico e di corriera. P er schiiarimenti rivolgersi al dott. Suri.a no Ang·f>lo in Pianiga. pr<>v. ' renezin .

J) iffide.

Nl1ove diffide: <Jonsorzio medico l 1esara-Non'IlioArola (Novara), Mercato Snruceno (Forlì). Berna reggi o (~filano). R evoca di diflkle: Saludecio (Forlì), ~ . Vito al Tagl iamento (Udine). •

ALBO D'ORO. Il prof. Alfonso Neu·scbi:iler, asses ore per l 'Igiene nel Comune di R oma , con recente decreto è stato insignito di una nl1ova C roce di guerra, in consider azione delle sue altre benemerenze acquistél te dl11«1nte il ser,~izio 1>1'€' ta to i11 zona di opPrn~d()ni.


IL

72

PAROLE DI GRATITUDINE. Pochissimi abbonati al «Policlinico» ll<"lllllo <lPfezionato, malgra<lo l'aumento <:he, 1)€1' ragioni amministra ti ve im pre ~cindibili, siamo sta ti co tretti a portare nel prezzo dèl giornale. Le disdette ~i mant<>ngo110 in limiti normalissimi. Diremo di !)iù: l(> reclute nuové che di ' couti11t10 atflt1iscon<> a noi, 11on ,soltanto hallilo col mato i rari vuoti i1r0<.lotti i 411 nelle comr.>atte :file (lei vecchi abbona ti, m;1 11anno già portato un ulteriore e imprevisto increrne11to nel numero totale degli abbon~1menti. Le no tre previsioni più . ottimistiche Yengono, pet tal modo, ~'l1pe).'a te. Ne siamo· doppiamente grati a i nostri <-1 bbona ti. 1n quanto che essi banno dato una })rova cli :fiducia nella. le<1ltà dell'amministrazione che non era assolutamente in grado dii portare lln aumento n1inore . enza .-1ndare incontro a una passività o ridurre ln n1ole dei fasçicoli : e, al temPo stesso, hannò co11feru1~1 to il loro attaccamento a l g1ornale. I no tri letto1i ·non potevano non rendersi conto che l'aumento di prezzo è stato 'SOlo forn1a le ed apparente, molto inferiore allo s'T~l11tame11to del denaro e soYra t11tto ai formida bjli rincari dell<"t I carta e della mano d'oi)€ra tipogrnfi:cn. In realth si è nYU t<1 l111:i diminuzione d~ l)r~zzo ! · La 1uaggiorn 11za clei medici it.'lliani no11 l'inuuzierebbc ~11 « Policlinico )) per llll<l rngione così inconsistente e<.l illu .. ol'ia, quale è un aument<.r n()mina tivo nel in·ezzt) <1i abbonan1ento. Il :!rnndio~ ~uccesso del «Pol iclinico>), che ~i afferu1a e si consolida in ques~1 occa·sione, mentre co. titui~e un moti'o di legittimo compiacin1ento 11er l<l f:11uiglia redazionale, a eui il giornale è affid<1 to, 1:.1 indurrà a consacrarvi cure . eu111re maggiori.

In que "ti gior11i ci sono pervenut~ molte lettere Rigniti(·atiYe dai nostri abbonati. i quali ci esp1·imono 11n pl~ruso incondizionato o appena tem11erato da critiche blande e benevole. Color() c:he ci abbandon~ no - in numero esiguo lo fanno QU<l ~i tutti a malincuore : alct1ni anzi ci l1anno riservato il c:om1>iacimento cli vE>derli ritornare subito a noi. Tra le lettere ricev1-1te ci sia perme so di p11bblic.arne una, che vale forse per tt1tte. Il dottor G11ido ~Iaggia da Biella (Yia Un1berto I, 9-1) ri ~crjve: «Con n1ia cartolina. del 28 novembre u. s . io di• « sdis~ l ';1 bbonamento al «Policlinico» per il 1921. « Orn, pe11&1ndo che resterei privo di 11na ·vera gui« da rii Rfudio e di lavuro, ohe avevo sr'1n1>re av·u to « tlalla 8ua. fo11ida .~ione, mando vaglia per rinnoYn~ « zione dell'abbonnruento pel nuovo ani10. c-on pre« ghiera di prenderne notn e <1 i J1co1 so~pe11dcre « l' in ,. ìo de 1 g io 1·n al e >). · Ci ri~rvinmo di <lar ~·or. o ad altre lettere in uno Ò(\i pro~sin1i

lA?\:\O :\:\\-I II,

POLICLl~ICO

n111ueri.

lnt:1nto. in no111e <lella red-.1zione f\ nostro, nb bh1mo ~11titn il bioogno di e --primere i nostri ..ensl corclinli. ~i1ni di r ic-onoscenz~1 agli amici Yeccl1i e 111t()Yi. che ci "(ID<> ro~ la rgh1 di ~in11)[1 tia e di' appo!!~io.

L'A mministrazione.

" ~ NOTIZIE

F.\~C. ~]

1 d

DIVERSE. -

Congresso internazionale per la nomenclatura e la statistica delle malattie. -Su richiesta della. L<'ga rlellc Società di G1 rocc Russa (Gine·vra) il Governo Francese ha inYitato tutte le Nazioni a fal"si ra1)presentare a Parigi <llla Sessione della Coinmiissioue Internazionale ver la revisione del ta 11omenclatura. d e lle malattie, onde r ivedere ecl even t11a l111ente introdurl'e nella C-0nvenzio11e "1gente lE> inoclificazioni rese necessarie dal progresso della s<.:ien~'l e dallo m·i11.lI).PO (lella. viL1 ·$ùCiale. · (~uarruntaclue

Governi l1;1nno risposto a ll'.appel· lo. A.llea.ti e nemici di ieri si incontrar ono p-er la JH·jma volta dopo la gt1erra per discutere di proble1ni scientifici. 11 Co,ngresso fu inaugurato <.l a Breton, Ministro dell' [giene _in Francia; seg"Uirono discu·s sioni anin1a ti~sime e furono prese importc1nti deliberazioni. J_ia n11ova nome11cla tura delle lllalattie, da servire <li base alle statistiche, è andata il1 vigore in tl1tti i paesi col 1° gennaio 1921.

il I

Il !"~

f( l1l

fi

pi

se Ul

te

l

1

I Congresso Nazionale per le Indus&rie sanitarie. Sarà ultimata fra breve la st<.1mva <legli « ....\_tti del Primo CongI'esso Nazion3 le i.>er le Industrie ~;1 uitarie )), la cui p11bblicazione yenne r itardata ver nnn serie di circostanze del t11tto indipentlen ti

dalla volontà , degii orgaDJizzatori. I l volume vel'.rà d·n via.tQ gratuitanJente a tutti i congressisti; esso sar à posto in vendita per il pubb1lco a L. 15; però sarà ceduto (oltre la copifl gr:1tt1ita) a r_.. 8, Yale a dire a11·iucirca al prezzo del costo, ai Congress1sti. regolar1uente inscritti, <-'<l a t11tti i ben~.merii ti cbe Nntribuirono a finanzia re il Congresso. I.-'eventu.ale inca~so otte1111to dalla vendita del v0lt1ipe a ndrà a far parte dei fo,n di necessari per il fu11zionamento della « Commissione Permanente», specie per chè que9Ut deve partecipare, per quanto più è possibile, a l fina11ziamen to dei (1<)ngressi futuri e in particolare del ptossimo éhe, in conformitit a lle cle liberazioni J)rel'e cù1 qu ello i1recedente, sarà tenuto a Parma. Q11nlora interessusse ai Congres:'iisti di ..1,ere degli «estratti )) di qualche loro memoria compres..1 i1egli «Atti» essi sono ancora in tempe per riyolgersi alla «Unione TipografiCà >) (Corso Rolll~l­ na, 98, ~lilarlo) e trattare direttamente. Per le informazi-0D!i r ivolgersi alla sede del Comitato JDsecutiv-0 in Milano, v"ia ~ . Paolo, 10.

Congresso lotemazionale di Psicoanalisi. I l VI Congresso. dell'Associazione Internazionale 1•€1' la Psicoanalis1 s i è te1111to cla ll~R a ll'µ settembre 1920, a ll' .·\ja ; ' ri p.arteciparono c'irca 130 congre "Sisti; presiedeva il dott. Ferenczi d i Budapest; }~reud descrisse le Sl1e ultime ricerche sull'interpretazione dei ~gni. Il venturo Congres.s o si aduner~l i1el 1921 a Rerlino . ,

Esposizione d' Igiene a Monaco. 'X~J

Principato cli :\lonaf'o i • ~tata organizzat.n u11'E. po ·i;:ione di Clin1atolovia ' d'Igiene a lla qu~1· }{\ 1'1Ì<'l11a i1art c-ill~ llffic::1In1~11te , cooJ>erando al•

l (

I ~

t

R

te

re J1i

lii

f>i (•

Ili

h


SEZIONE PR.\TICA

i ·urgauizzazioue ~ieutiti{;a e igienica dei luogl1i d i cul'a e di soggior110 delle nazioni alleate. J/e~1H>~izione è l;t continu~1zione (1el Co11gresso i11tcralle.ato <tenuto nella primn Y~rn dello scorso a11110, llal 15 al 24 aprile), che comprendeva Je ~ezioni: Idrolog i.o; Oltlà d'Aoque: Ig iene e Gli1natolo.qia: Tala ssoterapi.a. L:esJlOSizione <.li l\loru1co 11a t1na ~-ezione d estiu.a t•l ttll'Italia, ol'gn 11izzatà dal Touring CluJJ Ita l ia11rJ. f;~ ·a ò<'cnpn n l t· n11e

'nle de l palazzo del princi 11e, i1ella cittù di )lon.aoo, e t1n ll<ldiglio ne che ~or~e ~t1ll a terrazza dello Stabilimento delle T er111e <l :\1ont€tarlo : il i>adiglione è occupato per intt'1 0 cla una ruostr:1 'clt>llP FerroYie dello ~tà to . Il 20 <.licembre e l>l>e luogo l'inaugurazione della ~ezioue ita.lia11n. Pa rht rono il ministt-0 di Stato, on. J.Plinnrùou. e i 1 d~lega to de l GoYerno italiano, ~PIL ~a ua relJi. T: Iti1 lia e ra anche rappresentatn da 1 di rettore gP11èra le delle Ferro,·ie dello Stato, <l<ll cl il'ettore geu\·1'<t lt' <.l e lle Dogane e cl <l <iltre spiccal<- Jtt>r:-:onalitit. Cl ~n. ~ annrelli i·ile,·ò che la 11.nct.i dt>Ye segn<ll'~ 1·iuizio di un'eru di laYoro, di con"or,1ia e {li cli~c-i1lli!4'l e che l'Itali<1 . aprà mettere in Yn lore J._1 :-:ne CO:'lio~e e 111olteplici riccht'z · z•· n11 tn1·<tli. di <:ni In ~Iostra monegascà illustra '111 J'is.tretto cnrupo quello de lle cittù cl ~acque e del t11risu10: ri lP,.;,' <:on fierezza e con compiaciuient~> come d11e rt"}>arti clella M~tra s-iano riserYati <l lla pr0Yi11c-ie rede11te, ' 'enezia Giulia e ,·e11Pziu Tridentina. Prc•:...~in1an1p11tt-- ,·erranno inat1gurate la Sezione n10HPg-n.·<·.1 ~<l :i.lc·11ni reparti della 1\1ostra fran1

c~su.

~ el

oloro c·hP

<le~iderano

informazioni per Yisitare J" pspo~izion<... si riYolgnno nlla sede del To11ri,n g l'l11lJ in ~Iiln110. Cor~o ltnlia, n. 10. 1

giornalismo sclentitlco.

8i è pt1bblica to il 10 fascicolo d1 « Ricercl1e di • • l\lo1~fologia », a cura de l prof. Riccardo ' rer snri. <li rettore de l R. I~titu to Anatomico . di Roma. Clu P~ta p11bbli<-nzio11e continua le « Ricerche fat· tt> llt:>l I~<lboratorio di Anatomia Normale {lella R . r·ui,-er~ità (li H o1ua e in alt1i La boratori biolojrici ». c-he ,·a1vt<1 u11a tradizione di quasi mezzo ~ecolo: era stnt-0 fondttto ne l 1873 dal prof. T odaro. Il faHc1.c:oJ.o, in-8 g·r., d i J)llg. 128, in 111.ng:11ifici1 Ye~t(\ tipografie.a, col'redato cli sei tavole e cli. fig··nre. eontien~ La co1uu1e1uo1·azio11e integra le llel e:omJiiauto r-;en . Todarn. fatta dal "\rersa ri. ed nna "'e1·ie ù i c·i11q 11e 111eru'°rie pregevoli dn\'lltf' n Dorell0. D~ntic i, r"un<1, l'atta11~0. Arto111 ('. J4a pubblie<1zione onora 1<1 •scie11z11 ad u11 tem1:0 e l 'arte tiPografica itnli;111a. ,.,.i~11e edita da ll'A111ulinii:;trazione del « Policlinico)) . J1"orm11lian1•) cotdin li n n ~nri' 11er lll1<l eresce11te n ff(-l>rDlèl zione di e~sa.

Io onore del prof. Queirolo. X~i

primi mesi del 1921 verrà i:t.41 ngurn to. i11 Pi· sn . il 11110,-0 I stitot-0 di Clinic-a :iYiedicn Generale c1ella R. U ni versitit. cl ov11to allo s pirito i11izia tore cl~I s<-'n. G. B. Queirolo 111 tnle orca ~io11t> i ,·ecchi

73

tlb·-ice1>oli di GenoYa, congiunti àg·Ii a llie vi di Pisa e ;1 molti allJici ed ammira tori, hanno deliberata l111<t Fondazione perpetu<;1, intitolata. a G. B . Quei1·010. elle a ssicuri, l)l'esso la n11ova Clinica, la pre't•Dza di un giovane medico, il quale nell'anno del·1~1 sua educazione post-universitaria, e dopo, sia l 'espo11ent.e delle intenzioni rlei sott o seri ttori :· servire l.idea che riuniva in t1n consenso· affettuoso, l}t1~1si famigliare, Yecchi e giovani figli de i due glori o~i Stt1di di Geuovu e di Pisa, per far vivere in un'opera perpetua i moniti di vita austera, provvicln e generosa del l\lae tro insigne. Il Comi tato d'onore è p resiedutò dal sen. :iY.Laragli.ino. Presidente del Oomitato esecutivo è il profes ·ore De,·oto : presidente del Comitato pisano è il prof. G. :Mazza. Le adesioni e le sottosc1izioni si dirigano al Cassiere generale, prof. A. B arlocco (Genova, I stitqto . Clinica me dica), o al Cas iere del Comitato locale di Pisa. l)rof. n.1,. Niissin1. 1

1

In onore di un medico francese. Il :\lnnici1)io di Bucarest ha can1biato il nome di t1nn. strada in onore del dott. J. Clunet, che si con.,, c:r ò per ~nni alla lotti\ contro le epidemie in Ru111c.1nh1. i11 ·s pecie a Jn ssig, ove egli promosse effic:ic:eruente la fondazione di t1n OSJ)€-cla le; in qt1esta città è se11pellito.

Di corso inaugurale. Il prof. Camillo Negru 11a SY-Olto, nel suo di~orso i11a. ug nra le all'U11iYer. ità di Torino, il te1u.;.1 : « Net11 01Jatologia di guerra)). Egli ha posto iu e ,·id€nza la n ozione cl1~ a 1)r0Yocare l e val'ie si11d romi i1er,·o ·e sono. per .ioli to, insufficienti le ,·i ei s~itucl ini clell<l guerra. ma occorre una predisJ io:·dZ iùlH~ o rigin;1l'i<1 ; i colpiti poterono essere ~ 11 ~r.1 ncli s~i~t i1n rte guariti. 11 eclinnte le premurose t> sollee:ite cure 11testate l1J~·1i c1ai nit>dici. J.... o. hn i11tid1..>11tn lrnente os~r\ato cl1e la . h1rg·<1 llistrib117'iu11e e sornmi11i ·trazi one cli siero i>reYe11tivo ha clebell;:tto il teta11!), cbe r1ei primi m esi della guerl'•l n YeYa assunto i1ro1.orzioni inquietauti :. contro l~ lll<111ife "'tazioui clelln n1.;.1lHttia l'O. ha ideato l11f:1pplicazio11e delle correnti elettriche. la quale gio,·,1 a opprimerle. I"a perc:entuale di "imula tori ft1 r~lnti\umente scar sa : e sicCQille la silllt1luzi-0ne riv~\la per lo più 11110 s tato .di debolezza mentale o cli Ye ra dege11erazione, il fatto è indice della ~a lu te 1) icl1i0a d~l nostr-0 popolo. 1

Conferenze d'igiene. J.n « R eale ~ocietà Italiana d ·Igiene » di l\lilano, preisieduta dal prof. Icilio :Uoni. ha o rganizzato un c•iclo di conferen?Je d 'igiene e di riunioni tra i soci per disc-11tere aJ·gomenti d ·igiene cl.inte resse genel'Hle.

Corsi di perfezionamento a ·Vienna. 1...1 Facoltà n.Iedica dì Vienna 11a organizzato una serie di corsi di perfezionan1ento per medici JH'•ttici . Il primo corso di medicina interna e zone limitrofe, con .speciale riguardo a lla terapia, .a vrti · laogXl c1<1l 7 al 19 febbraio '

I

I


74

'

IL I.>OLlCl l :S l CO •

Il i>r«>grarnma include i seguenti inseg11n111enti : carclio-angiologia. g;astro-e:nterologia, nefriti, tubercolosi, malattie · del ricambio. ed endocrinologia . malattie cle l :--angue, malattie del fegato, malattie nervose e tc1ni speciali, del oorpo insegnante fanno })arte molti maestri di valore: W(>ncke11bacb, Eppipger, Sternberg, Falta, Economo, "\\Tagner-Jauregg, Ta11dler, Jugic, ecc. Tassa 1000 corone . I/Ufficio (lei corsi di pe rfezionamento ha ede a ' rienna IX, Frankgasse 8 : per informazioni relative sugli alloggi rivolg~rsi alla red.azio.11e della Wiener ;JJcclizinische Wochensohrift, ' rienna IX, Porzflllangasse 22. u lteriori e-Orsi di perfezionn mento si terranno in giugno, settembre (special~ per meò.ici rurall) e dicembre.

L'ortopedia. materla-obb ligatori a. In seguito <li Yoti espr~si dalln Società Italiana di Ortopedia e dalle Fa~ltà di Roma , Bologna e Torino su J)arere del C. S. della P. I._, il mini' f'tro .d ella P. I. ha adottato una me.zza 1n1sura : ha ·s tabilito cioè che l'insegnament:-0 della clinica ortoi>edica sia O·bbligato1·io per frequenza, inia non nP è fatto obbligo di esan1i per conRe:,?ni1·f\ la lauren. -

Gli stipendi dei professori universitari. In .l\.ustria sono stati portati a 14 mil~t é 26 mila corone, secondo che s i tr.att1 di straor{linari od ordinari; è <la aggiungervi un' indennità di caro-viveri <!he -va da 21 a 36 mila corone IJer i professori ordinari e da 14 a 24 mila corone per i profe$Ml'i straordinari. Inoltre una parte delle tasse df'~li ~tude-nti sarà devoluta ai professori.

* **

Con1e abbian10 giù annunziato, in Francia i professori uni versata ri so·no sta ti distinti in due classi, a seconda degli alll11i d'insegnamento. I professori di prima classe a Parigi hflnno uno s:ti1~nclio di Fr. 25 n1ila, ·quelli di seconda classe di Fr. 23 mila . Nelle Università di provincia i profe so1i cl.i p1"in1a classe hanno Fr. 23 mila e quelli di seconda classe Fr. 21 mila. I11 Ingbi lt<'n·a lo s tipendio dei profef\sori univer. ita~:i è stato portato a s. 21 miL'l.

All'Università di Londra. T..:1 Fondazione R ockefeller, che ha per i sco1)0 «di 11ro1u110Y re il benessere dell'umanità in qualsin$i J)art0 tlel mondo» e le cui benemerenze son0 a t11tti note (a ttualmeute è impegnata tra l 'altro nell:t lotb1 eont1·0 la tubercolo$i in Francia, contro la malnrin negli Stati Ameri<?<'lni d el ~ud, contro a ltre ma lattie epidemiche nel Bra©Je e in Au tria, e ~'\ cre}tndo n n grauclio o ce11tro di ricerc:l1e me~licl1e f'l P<'chino), ha donato uu grandioso istituti) annto111iro a ll 'l'Tniversity College di I..1on(ù·a . I JH'o n1nt~ri cl Ila donazione sono l)artiti dal conCl•tt{) ·hc l'in. gna1uento dell'an~toruia è di fonda1u~11tJ1 le in11>0rtanz•1 per il medico pratiro, ma che JW.l' <'~~· ~ Ye1~nmente proficuo deve abbracciare tutti i nnoYi r~n1i <li que. ta .. cienzn : embriologia, ero-

briogenia .speriment<.1le, aua ton1ia radiologica. fi si0ana t omia del. sistema ner·vo~o, ecc. . e<l e&.~rt- ()~­ senzialmente dimos tra tivo. Direttore dell'Istituto nna to1nico t.li I~ondra è G. Elliot Smith.

Un Istituto actilioterapico a Napoli. Il prof. Rodolfo Stanziale lt.a pre. o l'inizia tiv•t di fo.11dare a Nàpoli u11 I stituto foto-radio-terapico, ohi.edendo il concorso di Enti e di generosi. La sottoscrizi-O'Ile, iniziata dflllo Stn nziale eon lire 5000, ha raggi u 11 to la 1~omJna cl i L . 200, 000. grazie a l concor~ generoso della J>royiJ:lcia, del ' Comune, di Banche, .di commercianti, di mellici, I ecc. ; ma occorrerebbe poter lll.Oltiplie<1re questa som.m a. Chi volesse conoorrere può inclirizzare le offerte al prof. Stanziale, '"'i<1 Ro1na 3H8 2 Xapoli.

Nuovo dispensario antitubercolare a }filano. stato aperto in Milano un nuovo Dispensario antitubercolare comunale, in via S. Vittore, 32; potran·o o aiccedervi i tubercolosi e le loro famiglie ap1>artenenti al mandamento terzo. Il Dispensario centrale di via Statut:-0·, 7, attende ai u1.andame11ti 1, 5, H e 7; n1entre- i mandamenti 2. 4 e 8 convergon· o Yfll'So il Dispe11~a rio dell'Asso, l'i-e.17.io-ne lVIila n ese contro lH tu bel'rolo~i in via Berg'i1mini. È

1

Istituto per la biologia1 delle razze. Il Governo Svf.\dese ha approYa to llll progetto 1>€1' la fondazione tli un Istituto sulla biologia delle ra7.ze umane ed l1a incaricat:-0 la Facoltà .i\ledica di Stoccolillla di l)1·ovvedere all'ei;;ecuzione del progetto. f,u Facoltà. ha nominato nll't1opo una Commissione, èomposta dei proff. ~1iiller, Johansson, J"'f111nmalm e Gadelius, titolari clelle cattedre di }lll<1tomia fisiologia, net1rologia e psichiatria, risvettiv<:1m ente. \

(J O'ltrnal .A. M. A.)

Nuovo ospedale per bambini nel Messico. .l\.l Messico è stato costruito un ospedale per b~tmbini che sarà mantenut:-0 in parte dallo Stato e in parte da carità privat.a. · Riceverà una perce11tuale dei profitti derivanti lla lotterie naziona li, che, abolite dal precedente governo, sono state ris:tabilite con alcune restrizioni. Sono già sta ti fatti pareccl1i don;1 tivi di oggetti necessari i per il l!novo os1led.1 lt.l.

Donazione. J,n s ig.a Itala ('remona., ved-0Ya del compianto prof. ' rincenzo Coz7A>lino, l1a , donuto a lla Clinica ot0-rino~lR ringoiatrica <li Napoli, che fu fondata d nl WlZ-Olino ecl è ora diretta da1 Gradenigo. uu ·1 raccolta al1<'1to1nica e di materiale didattico, di proprietà dell'esti11to·. 11 dott. l ..nigi Perozzi, nipote del C-0zZ-Olino, che fu autore di molti prepar~1ti a natomici ~ di molti qn.ndri. h::t donato alla stel{.~1 C'lini~'l unn raccolta cli negative fotogràfiche, utili i111e per proiezioni . ~

I

s

ò

s t· s e l

t


SEZ IJNE PRATlCA •

La rubrica della beneficenza.

Il co11te corum. ~laterazzo, un ita1i:1no che i1cl Bra. ile hn c.:onquist<l to una splendida J)osizione, h<l offertn trf\ milioni cli lire per l'a rnplia n1C'nto dell'Os1)e<.lale Ital]n no di San Pa ulo (Bra "'ile l.

l/industrial<' Grn7.in110 A1>1)iani, caYaliere llel laYoro ed ex-<le}1l1tato, è mort-o a 'I'rtlYiso la scian<.lo 200.000 lire i11 benC'fi<.:enza. Il c:o111m. .rean d~ Ferne:x, nelln ricorr()I17.<1 cl() l le nozze d'oro clei suoceri dott. G. B. Casati e ar0Iina Ceresole di 'l'ol'.ino, ha elargite 50.000 lire al. l '011era di preYenzione antitubercolare i nf,1 ntjle.

La Croce Rossa Italiana per Fiume. In c-011forruiti1 de1-?:li aecordi interyennti fr:1 l'ou. Ministro <.lella guerr<i e l'on. Pre iclente generale dell<i Cro<:t• Ro~sa Iwliana. purtiron<> subito per Trie te tl ~i 1nisero a disr>osizione cle 1 genern le C'St\iglia. i segucuti ufficiali chirurghi della Croce Rossa Itn li,111~. nlc11ni dei quali sono nccornr>agnati dai prOJ)ri assist~nti : prof. Enrico Burci, profe Mr Bartolo Nigrisoli, prof. Baldo Ros~i. dottor Torqun to Ri ro11i, J>rof. Nicola Giannetta.sio. Partì <la noma ver Fiume il personale direttivo ~" di ns iRtE>nr.n d(lll'ospedale n. 65 (100 letti) : f)rof. Rnffa 1(' Bn~tinnelli, i>rof. Guido Gi~111n11zzj, dott. Vittorio Pn r·rinelli, dott. Piero Cnccinl11pi, dott. Enrico OncC'fnJupi, dott. Enrico Bardellini, ufficiale <li nn1n1iai~trazione sottot. T.inn1berto Ca njggin, ,.Hric infe:rmiere volontarie . . E anche partito da Treviso tntto il 1ll;1 t01·ia l e <lell'o::\J){l<lHll· n. 6:). cli 100 letti: affi<lRto <"lllc\ c:ure del co1n ruil'~a 1·io I..1elio Bressan. ~ a1tre~ì partit<) Vflr Fiume jJ c·olonn. )11'nf. \·incenzo ~Iorini, <l<>J<'g::1to straorrlinn1'io <1..-11:1 I>1"<,)xidE>nzn clf'll:t ('. l?. I. per gli npproYYig io11à111enti per la citti1 <li 1',in1ne.

Chinino di Stato. Co11 D. R. n. l ()7() viene disposto il pasS<1ggio dei servizi di fn bbticazio,n e e prepara zi-0ue deJ chinino <li Stato ùella Farmacia Centrale :\1ilital'e di Tori110 aJJ~ d1retta dipendenza dell'_\n1n1inistrazione del1c li.,inanze.

La peste a Parigi. Il Con igli•) .\I nnic:i]Jale di l:'a1·igi ·i è riunito in seduta a porte c-lljn~ per oonside113re la Ritnnzione della cittit a 1>roposito della 1.>este cl1e 11a f:t tto 1<1 sua app.nrizione nei sobborghi di P arigi. Il Prefetto di polizia, interrogato in proposito durante la seduta <la 1111a Corn1nissione parlamentare, ha dichiarato che il numero accertato dei casi no n ha superato le 150 vittime in questi t1Jtimi quattro mesi. Ln n1alattia è totalmente iIDJ)Ortatu <.lai profughi ebr0i po1::t (·Chi· e rusSi, eh~ rag.giungono· alct1ne migliain. Il n1ale è già 1st.ato circoscritto, e le colonie di profughi 'S Ono chiuse da un rigo,1·oso 1

col'done

75

~nitario .

L'igiene dentaria, nelle scuole francesi. Il Senato fra11cese ha rinviato ad una speciale Commis~ione, incaricata dell'esame <l'una propo~ta cli legge tendente a modificare la legge 15 feb-

braio 1902 s ulla vrote:.r,ione della sa lute pubblica. la seguente provosta relativi\ all 'igiene dentaria ne lle sc11ole pri111arie : /'lrtioolo uriico. - ~ i~tituito, in tutte le scuole primarie J)ubbliche corue com1)lemento a ll'ispezione llledica, tm servizio ~pecia le d'i ·pezione e Cl11·a dentaria.

Campagna antimalarica nella Spagna. Come riS'l1lt<1 to di lllla t e lt1zio ue de l dott. Ri~l1nrcl P. Stl'ong, gener:1le 111 e tlico, clire ttore t1eli.:t 1,.ega clelle Societf'l della C. R., la C. R. Spag11l10la ha intràpreso l1ll<l ca1n1)agua antimalarica n e lln. S1)agna . L'esecuzione del 11inno è stata grandemente facilitata ,d alla ge11erosi ti't de Ila C. R. 4..\.mericana (capitolo di ~ladrid), i cuJ fondi cos1)icui resi- dua ti dalla g·uerra sono i::t.'l ti messi a c1i sposizio11~ della Lega. La C-Omn1i ssione è di l'etta <.la 1 ptof. ~Ia"'siru1) Sella, coadiu,-ato dal })rof. Giu ev11e Pit~alug·a. Verrà applicato ln rgan1ente il metodo del dottor Antonino Pais. Il l)ittal11ga si è re('nt-0 in mi~sio­ ne in Italia ver rentlersi ei~atto ·conto delle basi d~lla tecnica e dPi risult;1 ti <lel mc..toùo. I Ja campagna co111ince1'<1 n{l essere intrap.r e&1 nella ConJn rea, la JH'OYiUl'Ìtl l >iù u1<1 la rica della

Sp<lgna.

La mortalità io Russia. Il Commissario bolRcevjco della salute llUbblic·a ha comunicato le segnenti cifre : Numero dei morti. n ogni 1000 ,1hitn11ti: 11c;l Jn11. 2l lh: nel 1918, 43 ~12: 1H:•1 1f)l9, 7.1. .:\Tun1ero clei nati sn (lg·1ii 1000 <1bitnnt i : n<l119J I . ' 291h; nel 1918, 15: 11e l lHJH, 13. ,

Massacro di medici armeni. J.. 'Unione dei mediti a1·1ue11i 1111bblie~1 1111 OJ)nscolo nel quale. dopo :i vel' nJ<ostl'n to el1e i 111edici turcl1i organizzar ono le tl'e portaziD11i <li migliaia ·e migliaia di armeni di ogni età e sesso, vn rt~cipando ai massa cri, specialmente di n1olti Jol'o colle~l1i arm,e • 11j (sio), riporta un elenco nominativo dei p1incip~1Ii medici colve-voli che hanno partecipato acl assassini ordinati frecl<lt1n1ente, ·eyizie, Yiolenze. esperi~nze pratica te sn sani con un i>re teso Yac:cino di tifo esante1n<1 tico. ecc. Si ebbero 67 medici armeni massacr;-1 ti P 52 n1orti di tifo esantematico : 54 farmacisti e 10 denti~ti massa eri\ tj. ecc. : totali: 221 membri del corpo sanitario. Si aggiu.i1go1Jo parecchi medici greci cl1e nP <liYi. ero la sorte. Molti medici a.ell1eni clov1·ebbero 1<1. loro salvezza • a l fatto di essere incli s1)e11~abiJi a ll 'esereito per il servizio sanitario, che era defìcieutii~sfmo' .

Medico centenario. stato festeggia t-0 i1 ceDten.<:i rio clel dott. J arnes Scarth Spence T_Jogie , decano dei membri dt>J corpo medico d ell 'Inghiltetl'<l. 11 T..1ogie è nato a Kirk\\·all l'll ruag·gio 1S20. Egli è il primo n1e·dico ingle5:e che :1 bbia prati<::1 ta l 'ane tesia. al cloroformio, cloro una confeÈ

..


IL POLICLINICO

..

76

ren1.;8. fa tt~1 a~1 uno dei suoi maestri. il prof. ir .J ame Simpson . I membri del corpo n1eilico di Orkney, il presidente t.lell "(Tniverffitit di Edimbt1rgo. il presidente del Collegio reale dei chirurghi e l'Associazione 1HediCc'l ing·le~e banno felicitato il collega per aver dato al suo pa eRe Ul4'l così lunga T"iù:t di lavo ro e di onore. Il re gl i l1a diretto lIU telegramma di ral legTa111<•nto. 1

Aspet' a ndo che i prezzj discendano. ~ell' A.nnuurio storico statiistioo della città di ~!i­ la no è pubblicato lino studio di Galletti sulle oscillazioni <lei i>rezzi conseg·11enti ·a lle guerre. L' A. consta tu che il rito rno appro"· imato alO.u norma dei Jlrezzi uel 1815 ~i è ~Y11t n dòpo l1ndici anni; e nel J~IO (ùopo la cri~i del 1874) il ripristino della 11-0rnh1 s i ebl">e ~<) lo 11el 1LS8 cioè dopo 18 anni. Dato il ùi<1gr~11u t11,1 (le l r ialzo att11ale dei prezzi <che 11<1nno raggiunto il 430 ~~ ) se il ribasso seg11is. e 0011.a ste "Sà rapidità dell'ascesa: non potren1mo ritornare alla norma che n el 1926, ma

I

[ANNO

XX\TIII,

FASC.

2]

F11 di nt10\o aiuto di Clini~a oculh~tica dal 1898 a l 1906. <_aondiuvando il Busine lli nell'insegl:l-amento e nelle opera zioni, dimostrandosi a bile -Operato re. Durante questo periodo p11bbli<:ò molti la ,·ori, fra i q uR li meritano di essere ricordati quelli sul 1.'ratta'fnento chirurgico del t1·aooma, sullo Studio 8perime1'ital e della oongiitntivit e primave1·ile e sul D iR ta coo di retina. P er l'a nno 1907 ebbe dalla Fa-

coltil di Ron1a l'incaric-0 ufficia.le dell'insegnamento per la cattedra qi Clinica oculistica. Nella pratica pri,rata esercitò la .Professione con nobiltit e sentimento. È morto per polmonite influenzale il 23 dic-embre 1920, la.séiando nell'anima dei colleghi un senso di vuoto e di tristezza. Ai nipoti che lo ·am.ava110 come un padre sia di conforto sapere che l'Estinto godeva la stima e l'affetto d e i colleghi e la fiducia illimitata dei clienti. · l)ott. G . Puccro:\"I.

-

I del

tut

Un male implacabile 11a troncato la vita del prof. ALBERTO TONEI.JLI, per quindici anni retGalletti os erva che in genere per la diiscesa octor~ dell'Unive1~sità di R-01n«l. Fu assertore tènace <..-<n·re un tempo tri1)1o che per la a. ce&ri . delta città 1111iversitaria, il cn1 programma venne Speriamo bene.. . (Dai J>athoZogioa). • . con.cretato in un pr-0vvec1.in1~n.to legi~Iativo nel J 907 ed ebbe il principio de lla sua. realizzazione 11 ]>rof. A.T,FRJDDO FORTl:~.._-\.TI nacque a Spodi fatto nel 1912 con la posa della pl'ima pietra leto il 2<.: marzo 1 53 e si la11reò a R oma in medell'edifizio per la Clini~ pediatrica. <licia'l e chirurgia il 30 giugun 1, ~1. Poco tempo ...t\.niministra tore del Comu11e. durante la guerra tlopo f n nominato a ·si sten te a lla cattedra di F.arspiegò opera a lacre e fattiY~1 per l'organizzazione ma cologi a tenuta dal i1rof. Francesco Scalzi e fino civile, nonchè in varie i~ih1zioni di beneficenza . <la a llo ra dimostrò <1.ttitu clini didattiche. sostituen· Era circondato da vive si1111)atie e a.1 larga estido il t itolare nell'in s~gru,1 n1ento e coadiuvandolo ruazione. G. 1telle rieer cl1e di la born tor io. Xe 1 1894-95 fu assistente i1e11·1 titut<) di Clinica oculistica diretto dal È morto il prof. CARI.i TOLDT, che tenne la eoIDJ)iti11to l)l'Of. Bnsinelli e nel 1895 9tte nne brilcattedra di nnatomia umana a , ..if\nnu . poi a Prala nte1n(>u te 1>e r esnme la libera docenza in Clinicn gn e infine di nuovo a '1~iennn. ocl1listlc:u e Patologin oc·ulare . Da quell'epoca tenJ.;nscia t1na serie di ricercl1e apprezzate di anane se11za i11terruzio11e nella ClinicG oculistica il tomia pura. di anaton1ia t-0 pogrnfica, di i s tologia C'()l'SO libero 'di Pùbologia oculare . freq11entato dtt e tli antropologia . 1uo lti ~tt1clenti. <l cquiRtil i1closi fn ru~1 cli insegnnn t~ <-'h ia ro e d efficace.

pl

ne dl <Il

il

--

I-

e( <lSl

1

Indice alfabetico per materie. •

•\lcool vropilico e .. oluzioni pr-0piliche di sostanze c:oloranti: n~n 11el1u terapia

chirurgica

Pag. ·14

.\ nenril:'ma embulico (lelle arterie perife. r i<: 11e i1e11 ·endo~'l rtli te ulcerosa . •.\n eur i~ma: tratta111enfo medic:o . • • ,.\ U (.l.U ri s w1 delle a l'tt>rit> epa tiea e lie11n le : (·li nicn . , • ..\urti te ~i ti litieu e redi tnri~l . "flstrnzion ~ de i de linc1ne11ti . •

< 11irnr~ia ùel rene progre~ ,

~

i

f'ou .... i!ll io Nu1u ,.;,,,., di . . . . nnità • ('or<"~ •lt:Utèl di 8ycle 1111..11n : eS•ln1e i.. tolo-

dei (•entri ne1·yo-.:i .

Roma. 19".?l

G2

))

64

))

62

))

6·J

))

66

)) ))

57 '31

dell'uretere: recenti

t 'ianosi: ~ulh.l clott1ina clell•l- . • ( '11 h' <lol'n: ~1tre~ia l'Oll!!t'n it~t e clilnt~1z . ione <·h~t il·:• <',' 11 !I re N ~i

~i l'o

»

-- -

Tip. Cart iere Cent r3li .

» ))

HO 6i

))

70

Echinococeosi: valore <.>OllllH1rati,?o dell'i11tradermorenzione con nitri m e t odi biologici r1er la diagnosi . . Pa,g. 41 F ebbre tifoide: influenza dei ri anamenti )) 61 idrict sulla mortalità da - in Italia Ga troptos i: osservazioni r.acliologie;he e t e rapia . )) 47 . :J\liopatia pri1nitiva ipertrofie.a post-infet)) 61 tiva lVIutismo in n euro-psichia tria infantile : )) 60 )) 60 Ortopedia: congresso . P iconeurosi : il simpatico e<l il sistema )) 54 nervoso centrale nelle . . . • •anità 'tnilitare: riordinarn<•nto T rombosi \enose de lle flebiti cla

.

f orzo · Tuber colosi : \ n lore delle reazioni ' tubercoliniche per la prognoSi e il giudizio . , ·accin.azione jenuerian..'l delle popolazioni rl1rali: per una più intensa

)) ))

70 65

))

52

ma ~.

-...

den d1v1 di

lllJ( 1101

ru

... ))

L . Pozzt, ed. resp . •

all

50


eAnno

Roma, 17 Gennaio 1921

XXVIII

'

Fase. 3

SEMI~PREMIO

esclusivo pei soli abbonati al "Policlinico" de1 :t..·9 2 :I.

~IN

CORSO DI S TAMPA: Dott. Cav. Uff.

ALBERTO

V1ao (DOC TOR JIJS TITIA.)

La legislazione sanitaria in rapporto all'esercizio professionale Questa TlUbblicazione col111a, una lacuna vjvamente sentita e corr isponde a un desiderio piit ,~olte i11anifestatoci dalla classe 111edica, J)Oicl1è illustra, comn1enta e co111pendia tutta la \rasta giurisprudenza e l e leggi che si riferiscono all'esercizio professionale. in essa 'rengo110 risolute n1olte questjoni cl1e diuturnan1ente si manifestano fra i tJrofessio11isti e le pubbliche a111111inistrazioni. essendosi tenuto conto dei molteplici e svariati q ue~iti cl1e vengono proposti per la legale soluzione dalla generalità. di coloro (·l1e esercitano. . TI 111c.t11ua,le. cl1e sarà pronto tra breve. 1·iitsoi1·cè pe1·tanto p rezio '">O q, tutti i 11ieclici. N. B. - (;/;alti P'~ezzi clellct cct1·ta ci obbliga1io a li111,ita1·e la ti 1ratu1~ci cli questo 11ia1z1tale> 1Je 1· q zt et 11 lo ([i ta 1z ta i 1ripo1·ta1izct) al 1i1i11iero cli éopie 1iecessa1·io pe1· le s ole richies te dei nostri abbonati. C1orisi.glia11io qiii1icli oolo1~0 che 1l01l 1ie vogliono resta1·e p1·ivi di 111a1zcla rci .sitbito la JJ,·e1iotazione cl'aoquisto, insienie at p1~ezzo (l'abbò1ianiento pel 1921, <ttn·e rfe1zrl(J che. unicamente per le r ichies t e che ci per ver rann o p r ima del 31 corrente, il t·ol11111e ~ ·crrà ceclttfo AL PUR.O PREZZO DI COSTO. ~ D'IMMINENTE ~Jedic11

P UBBLICAZIONE : Dott. !111' RIO

FLAllI~I

Hel Brefotrofio f>rovi11ciale, già assistente alla R. Clinica Pediatrica dell'Università di Ro1na Direttore della Setto la di Assistenza a ll' Infanzia

Manuale di Pediatria Pratica ( Secomda edizione)

·

\ olt1111e cli oltre 350 pagine, in- 18 grancfe, corredato di una estesa POSOLOGIA INFANTILE e co11 74 flg·u.re i11 tercala te nel testo. - Sa1·à posto in commercio al prezzo di L. l.8; ma agli associati a] '·Policlinico,, che aggiungeranno sole ·

llF L.

:1.2.eo - .

all'importo del loro abbonamento pel 1921, il volume ·v errà loro inviato franco di porto e racco1nandato. --------------------------~-------------------------------------------~ :N. B. - S I ayve1.•te e lae que ste s peclall a=-ev ole zze 1.•est e 1•anno 111 viA;'ot•e soltanto s ino al 31 c o1•1.•e 1ate e che nota saranno p1•01·•~A;ate pe1.• 11esst1na 1·a~io1ae. Recentfsslnaa pubblicazione :

Prof. RINALDO J\.IARCHESINI docente d, Istologia e di Tecnica microscopica nella R. Università di Roma.

eeMVBNDI0 DI EM.1\ Te L0G 111 ad uso dei medici pratici e degli studenti con prefazione del prof. 'VITT ORIO A.SCOLI J 2 un riassunto delle attuali cognizioni riferentesi al sangue normale e patologico, con tavole sinottiche che chiariscono la derivazione, i rapporti, iI1 valore dei diversi ele,menti del sangue. Vi sono inoltre tracciate le varie malattie del sangue - le diverse forme par&ssit a ri e - le proprietà dei sieri, con la tecu ica appropriata per la r icer ca. di tutto ciò che si può presentare di patologico nel siero e n ei corpuscoli.i sanguigni. On piccolo vocabolario ematologico fa. seguito al lavoro, con richiami nel testo, che facilita il ricordo e la. signific8:zione dei numerosi e vari nomi da.ti alle cellule del sangue, nei vari stadi di maturazione e di alterazione patologica, facendo rllevare la sinonimia di una stessa cellula, designata. variamente a seconda dei vari Autori. Due tavole illustrative mostrano le varie forme cellulari che possono far parte di un reperto sanguigno e le forme di alte· razione patologica che v.i si possono riscontrare. Quest'opera, che il cbliaro Autore ha preparato esclusivamente per i nostri abbona.ti, riuscirà indiscutibilmente di grande vantaggio sia agli studenti che a.i medici pratici. Un volume in-16 grande, di circa. 200 pagine, con 74 figure e relative spiegazioni, su due doppie tavole in fototipia.

In commercio L. 10 - Per gli associati al POLICLINICO sole L. 7.50, franco d1 porto e raccomandato.

_.. Indirizzare Vaglia Bancari a Cartoline-Vaglia sempre al nome del Cav.. LUIGI POZZI ~ Via Sistina, 14 - ROMA •


Le Malattie del euore e dei Vasi (A.r:t.1~0

V)

l)erioclico n1ensile fonclato dal prof. F. l\tIA.RIANI della R.. U11i,rersit~l (li Ge110,ra e (liretta dal prof. VITTORIO ASCOLI, Clinica ~1eclica 1i Ro111<1. Redattor e Capo pI'of. CESARE PEZZT. LE hlALATTIE DEL CUOJlE, al pari di altri periodici simili dell' estero, si occupano eselusivan1ente di questa speciale parte della medicina interna, che oggi per i nuovi studi fatti ha acquistato una grandissima importanza, e si propongono di diffondere il pensiero e l'opera dei nostri sommi clinici intorno alla cardiologia, e di tenere nel tempo stesso informati i medici pratici di tutto il movimento scientifico internazionale sullo stesso argomento. Ogni fas cicolo si compone di 32 pagine di testo distinto in 3 parti: a) lavori originali, lezioni e conferenze ; b).riviste, e rassegne; e) terapia e consigli pratici per i medici e gli stessi ammalati.

Abbonamento a nnuo a « Le Malattie del Cuore » : per l ' Ita lia, L. 20 - per l' Estero, francl1i 25. P er gli associati al P oliclinico: p el' l' Ital in. sol e L . 15 - j.)er l' Estero~ soli franchi 20.

Importante. I nuovi abbonati del 1921 a ''Le Malattie del Cuore e dei Vasi ,, potranno ottenere l'intera annata del 1920 deJ periodico stesso per sole L. IO in Italia e per soli Fr. l:i se all'Estero. '16 •

-

= ==== - - = =======--=-

= ::::;===== =

Rivista di etinica Pediatrica I..Ja Rivista di Clinica Pediatrica, pPri oclico 111ensi Le j J lustrato. si pt1 b blica a Fire11ze. Fo11clata dai proff. Gi u sPppe M~~a f> Luigi Concetti i1el , 1~03. n o11 11a 1n11i interro tto le st1e publJl icazioni, anch e nei momenti pit1 difficili della guerra. ~ o r a. <liretta clai i1r 0ff. CARLO COMBA, G. B. ALLARIA, CARLO FRANCIONI, DANTE PACCHIONI, ordinari dj Cli riica P ed ta.tri ca rispetti va111011 te a J:;-'ire11 ze\ T orin o, Bologna e Genova. ('ontiuuando a pubblicare m en1ori e origi11ali. l a Riui8la di Clinica Pediatl·ica nel 1921 darà ~;pec iali cur e alla rub ri ca d ell a rassegna d el la sta1npa preoccnpand osi d i forh ire al l ettore u na raccol ta, peT quanto e poss ibile co n1pl 1:·ta, di c iù c h e si pubblica in I talia ed a ll ' E stero, i11tor no ;.ille 1nalat.tie dei ban1bi11i. Essa s i preocctt perà d e ll e i1nportantissi1ne rp1estio11i soc Htli che hanno rapporto coll' infal)zia e ne terrà infor n1ati i suoi le t tor i. Sar à poi corri sposto a lle esigenze d ei n1 ed ici esercenti m edilln te la t r attaz ion e di a r go1nen t i e l a r accolta di notizie, che h an n o attinen7a più stretta colla pratica pro fess ion.al e. , La Rivist'i cli Clinica. Pediatrica n el p r ossimo an n o rnan terrà la sua elegante e 11itida vestE.:' tipografica e d al1n1enft-'r:\ nei li1ni t.i d el possibile il nu1nero de lle s tle pagi11e.

A hhona111ento a1111t10 p el 1921 a lJa " Rivi s ta di C linica Pediatrica,,: per l'Italia 1..... 30 - lJer l'EstP ro l -1. 50. I)er g li associati a l " Policlinico,,: p e r l' Italia so le l "'. 27 - p er l'Est0ro so le L. 45.

Giornale Italiano delle Malattie Veneree e della Velie

li 111ù a11liro period ico d l:llla specia li tà i'11 Ita lia ed all'Estero, fondato d a l Dott. Cav. G. H. Sor t>s ina. nel 186U, }'1tLbblica tu dal Dott. A1nb1'ogio Bertar elli con l a coll aboT<1zio11e d i tu t ti i profes sori d el le Clini che Derin osi fllopatiche i taiiane .. Si pnl1b ~ icn o~ù i due 1nesi, in sei ragguard eYol i f'ascic~>J i a1n1ltali, rirran1ente. i ll1~ stra t i: ~ r~ccogli ~ l" a_tt~ vi t~ che SL svolge in Ita lia ed all'Estero n ~l can1pn d ella D e r11108di lopatica co11 la pubbl1caz1o n e SHl d1 lav·or1 or1gtnal1 cht- di n11meros~, selez ionat.e reC'ensioni. Pnbblira altresi j!;li att i rltllla Sorietà Italiana di Der 1nnt ol l)gia e d i :::ii fil ografia. È l't1niro periodi co della speci aì.ità in Italia. Abbonamento annuo pel 1921: per l' Italia L. 50 ; per l'Estero Fr. 70 (oro). Per gli associati al " Policlinico,,: per l'Italia sole L. tt.5 ; per l'Estero soli Fr. 65.

1\nnali d'Igiene Periodico n1cns ilL· d irettu dal prof. s~n. G1u:sEPPE BA;:\AH.E1.r.1 , <ìella R. tTn ivers1tà di R o 11 HL .~CCl)glie Inen1orie ~'r~~i 1_1a l i~ st1tdi r iassuntivi, questioni del gior110: u11a copiosa rubrica di rece11s ioni r ispecchia tutto il m 0Yi 1ne.n~o 1g1en1cn 1 nter11azionale; r eca i nfor1nazion i di legislazion.e, a tn ministr azio11e e g i nrispruden za Ran i tar ia e noti z1e \•arie. E' riccarnen te corredato di tav-ole. Abbonan1~nto annuo: Italia L. lJ.0 : E s t ero Fr. &O. Per gli assoc iati al'' I'oliclinico : I tal ia L. 36 : Este r o FT. 55. Ai 1nedici condotti, associati al "Policlinico.,, g l i" An11al i d'Ig iene,, so110 offerti a1''prezzo di eccPzion ale favort: di L. 30: n1a per ot ten e re c iò èssi dovran n o rivolgersi esclusivamente alla i1ost ra A1nrninistrazio n e. in vifl S istina , llJ.. A tutti i nuovi abbonati \rer ranno n1an.dati in dono i du e supplementi: · Sen. H .. GR ..\SHI e Prof. ~1 . SELLA - 11 ~ R elazio ne nella lof.ta ctnlimalarica a Fiu7>1icino (gr osso yolume in-8 di l1llg1ne \' llt-!H4. ('011 12 taYole e C011 fig ure intercalate 1101 tegto): . . Prof. C: FER~lI - SHqli ano.felt e .ç11/lrt n1rclari('(, ·in rela.zi one rri r i8ananien.ti antianofe7o-nialarici {un op. tn-. d1 png111e 15, ).

La eiinica t)stetrica l~i ,-ista n1 r nsile il lt1s trata cli ostetricia. gin ecologia e 11ediatria. i1e r i medici prati ci , prof'. Pr:L1c1·~ I. . ..\ TnRHE. d e ll a l~. U11iversità di Ro111a .

1talia t ... 20, E stero Fr. 25. Per g·li nssociati al '· J>o Ji.cl ini co .. : Italia L. 16, E s tero Fr. b!1011a lll l:\ ll t o a11n110:

diretta

~O.

Per ot&enere quanto opra inviare Cartolina-Vaglia e elt1 ivamente al CaT. IJUIGI POZZI - Via Sistina. l i -ROMA.


ANNO XXVIII

Roma, 17 Gennaio 1921

Fase. 3

fondato dai professori :

GU IDO BACC ELL I - · FRA NCESCO DURANTE SEZION &

PRATICA

R EDATTORE CAPO : PROF.

VITTORIO ASCOLI

SOMMARIO. La,-ort orlglnall: A. Vetri: Della narcosi per gl'int.erven ti operath·i endorali nei baro bini. in specie per le plastiche. Osservatlonl cllnlcbe : P. F. Zuecola. Su di un caso d'avv~lena­ meo to da clora to potassico . .Igiene: O. Goliui: L& deratizzazione e disin festazione delle navi a 1nezzo deU 'acido cianidrico. tilODll e ras.scene : p ATOLOG I A GENBR ALE : J. C'i tron : Le t onsille come porta d'entrata delle infezioni. - NEUROLOGIA: P. L . 1'.Il\.rie : Il morbo di \\7ilson. MEDICINA : I-I. Ludke : R i· cerche sull'eziologia d ella leucemia acuta. - CHIRURGIA : ,\1. Flater e D. Sch,veriver : S ulla prognosi delle estese resezioni del tenue . ~ennl blblloeraOcl. Accademie, Società mediche, Congressi : R. Accademia di Medicin a di 'rorino. - Società Medico-Chirurg ica di Pavia.. - So-

cietà l\iedico-Chirurgica Anconetana - XIX Congr esso del1' Ass ociazione Francese di Chirurgia. . A.JJUn&i di medteina praSlea: CASISTICA E TERAPI.\ : L 'i perten· sione obbligatoria dei nefro e degli arteriosclerotici Piuria asettica - La funzionalita renale nella gravidanza normale e patologica - La nefrotomia.nell 'a nuri a eclamptica. - DIAGNOSTICA : Diagnosi differenziale tra la forma tubercolare e la forma caseoso-pneurnonica del la tisi - Contributo alla diagnosi t ubercohnica della tubercolo si polmonare. . POSTA DEGLI ABBONATI . \-ARIA . Nella vita professionale : l\1EDICINA SOCIALE : L. Ver ney : Per le autopsie Cron aca del movimento professionale . - Ris poste a quesiti e a domande . - Concorsi. - Nomine, pro1nozioni e onorificen ze .

Notizie diverse. Indice al(abetleo per maierle.

DlrH11 di proprietà rlsena&I. - E' vietata la riproduzione di lavori pubblicati nel POLl~LINICO e la pubbUcazione di sunti di l'BBi senza citarne la fonte.

Memento•

Quei pochi associati che per economizzare tempo e spese postali riman- - - -- - - - · darono il versamento della quota in~grativa dovuta pel loro abbonamento del testè trascorso 1920 al momento del pagamento dell'importo pel 1921, sono caldamente pregati di volersene ora rammentare. La m isura della suddetta quota arretrata è : Di ,, ,, ,,

L. L. L. L.

8 per l' Italia e Fr. 10 per l'estero per chi ricevette la sola Sezione Pratica. 12 ,, Fr. 15 " ,, ,, le Sezioni Pratica e Medica. 12 ,, Fr. 15 . ,, ,, ,, ,, ,, e Chirurgica. 15 ,, Fr. 20 ,, ,, ,, ,, ,, Medica e Chirurgica.

L'AMMINISTRAZIONE.

LAVORI ORIGINALI. H. Istituto di Studi Superiori di Firenze - Clinica Pediatrica Chirurgica diretta dal lJrof. sen. G.

GATTI .

Della narcosi per gl' interventi operativi endorali nei bambini, in specie per le plastiche. Dott. A.

VETRT.

~ notori 0 che fra i tanti interventi ch1ru,r0

g.ici 1e plastiche s•on .di quelli che richiedon·o una special1e p:rie1ci·si·one di tecni.ca, .al fine di otte'IlJel'e il risultato migliior t ct1e s i a po1s sibile drul l ato esteti·oo ed, a seco•n1da la s1edie, •sip1esso .a.ncihe dal dato funziion 1ale; ch·e .a lla p.T1ecisi1on·e deLl'atto operatori.o C-O·n corrono e sul auo e·s ito sommarne·nt.e ·in fl uiJsooln10 tre ·con1diZ1i o11i, diel rest-0 fondam entali per ogni inteirvento ve.ramente corretto, ma ch e nel le plastiche è necessairio siano osservate col ma:ssimo scrupolo: 1

1

1

rli&n1fie1z.i.one del .campo, emoot.a1si ed immobilità d1ell'ammalato o .a'lmen·o de'11.a parte operanda. l~ elatiyamente alle pbrusti,che •entro la cavità c1rale, es·se sii ridu.c.ono in pratica a .quell1e del palato duro e del veloipendolo : u·r anopLastica, s tafilorradìa. E d invero 1e operazioni di 1abbro lieporino (che.ilo1pl asti·ca), sia sem ,p1ice ·c·h e .compltcato .a fe1ss11°1~a del b ord'O a lv1eo1are, oom·e le plastiche della guan ei a (rrielop lastica) intereSsruno più proptfi,am.ente ]l vestibol.o della ibooca anzi ohe la ve·r a cavità orale, ·C·iioè La p.aJrte in 1Jrad1en t1ari a . Orb·e'ne, p1er .ciò ·c·h e concerne .l a di~dnf·e·z.ion.e del cami:)'o op•e1rat0irio n·egl 'interv1e·n ti e·n .d .o rali, e1ssa si ottien e., 'l"e·r qu.anto è poss~biire, elimina11,clo i catil.rri d1elle m·u·cois e.,r .spelcie '(i:eJJa nas o-fa1ringea, m·ediante collutori, p·ennel1atur e inalazil.01n i; talvolta bd.sogna far iprecedeire ' l'atto opeirativo principale da un'.a[tra operazione preliminare : drull'asportazione delle ton1


78

IL POLICLINICO

[ANNO

XX\' III,

FASC.

3=

\

sille o di ghianòole far.i11gee ipei-trofiche (vegeTl'atta~rusi di un uomo aclulto, di condizioni tazioni adenoidi). Il materiale pun1lento digen1evali discretie con organi cir~olat()(I'i, resipifatti delle mucose infette, i microbi ohe nelle ratori ed addom..inali aJlo is tatp normalie. L' an.estesia venne praticata coll 'applicazione di baoripte del te .. s'Uto adenoide trovano ottimo ritl1ffoli inzuppati d 'u·n a soluzione di ·cocain a al cettacolo, !>OOSono coli? promettere l'·esi to della plastica. Per la stessa ragione Broca (1), in decimo ,e lasciati in posto, a contatto de.11·a. tal gro1ere d'oper.azioni, si preoccupa iel.ei d enti mucosa, ipier ci.r ea 5 min'Uti. e se affetti da carie pen·etrante, n.e ·conisi1glia la E1rano scorsi pochi minuti da che s'ema coprev,enti va avulsi one. min·ci ato .ad O'p'e;ran~e, quando manilfestar.0111sli L'e1nostasi d'or·dinario vien fatta colla semg11·a vjisisim i d i·stuir.bi a ca:rico dell·e· funzroni rei:>lice con1pre1ssioll1e, mezzo di ba tuffo li J11011- .~piratorie e ciroolatorie·: re\Spi.ro affannto so, con tati. qualch·e ~auSta; bi1siogno d'ariaJ, l'ammalato si Connessa alla pratica d·ell'emostasi va q11·ella lagn.ava dicendo· dii affogare; vi1so pal!lido, polso dell'aniestesia negll'tnterventii endor.al i; in quan- p1i1cco1Jo.; ·p resenti i rifl·essi pupill:a.cre e congiunto che, in •s eguito all'anestesia completa, suole tivale . • L ·atto peratorio fu ·sosp1eso, non d~ssimula.naversi totail.e p·eirdita dei rifleissi, Pispettivadooi il p·eri colo di, perd1ei11e l'iruf·errno, e si d-0vetmente del riflesso faringeo con p ericolo di 1e·r e te' rioorr ad inalazrl.Qni ,di .ossi.geno, élld scolo sanguigno verso le vie aeree, specie nella . giacitura supina con1une, e quindi di qualche un '.ampi a aeTazion,e della •S tanza, ad ini.ez.iioni i)neumonite ab ing estis: don1die l'antica r:accori1)etute d'i ,oaftìeli.1rl:a, a is1ommini1straJZione dli 1nandazione, per tale specie d'atti operativi, di C·ognao. Pel'altro dop.o· una 1diecina di m.1nuti non spin·ge1t"e tr1oipp10 .a 1fo1n do l'an e•s tei&i1a 1e oer- . 1'1inf ermo si rimetteiv a ·e l'operaz.ione pio tè c.o mcaT· di evitar.e, cos.i faicendo, i.a perdita d~l ri- 1pletru:nsi, n1a senz1a più u·so ·d'anest.etjico. fies.so farr'inge 0; mentre d '.altra l)art.e, l'op1eraIn un alt1"0 1cas10, c1apitato aJlro 1stessio spetore, postosi di fronte all'ammalato, potrà sorcia11sta e nella m1ecle sima Clinica, in p1eir.sona vegl•iare e qui11d1 domin.arie l'em·o1:ragi.a e lo d'una giovanetta, fS i eb·b e,, in 1segudto a11'an escolo di sangu e ne[le vie ael'ee. stesi.a coca.inica ,p1er .appl1cazio1n i, esito+ letale Deve pertanto riconoscersi . il gran merito a 1a para1.i1si respi1ratoria: !'.ammalata potè esRose d'aver in\$egnato ad 01)er.are, tenend.o il s er mant·e11uta in vi ta rpeir circa tre ol'e sole e oapo d eJ !)aziente riYolto all'inrlietro e peùlzo- med~ainte J.a res1).t razi1one airtilficiale, continuata lo11i fu ori del tavolo op.e ratorio (posizi•one di col cambi.10 di .assistenti. Rose); il saf!lgue che p·e:r tal modo •s cola giù, e.erto ,i n ;pratica casi 'd isgiraziati con1'e i S-Ovralunglo la Yolta 9alat.ina, verso l'arcata d1enta- esposti non sonio f·:re.qUJenti e le applilc azion.i r i a. vien·e a segu.i:re una dire·zioTue OIJ>·P·Ois ta a locali di oo.oai.n.a, n•e1gli .atti O•p erati vi entro le quel la 1d·e.lle vi1e 1a1erre.e ·e p•ermette l'an.asit esi·a c,avità niwsallii o n.e[la .go,Ja, son·o pi l1ttosto coC'OIUpl eta , i11 decubito supino, ·sernza pet:ri.co'lo dt mu11i; ma 1se, in ogni mo1d·o•, l'u1so della ciocaina penetrazione di materiale nell' albero :re·spi1ra- va fatto aon prudenza g~en1 e.ralmente p&rlandio. to1rio. a ppunto ·p.er il suo potieire toss.ic,o, è ne1C1e ss·aniio :\lquanto più com!)le·s·s o tnvece è il problema ohe il chir.rurgo, al1orchè ha da triattare con clell' anest es.i a nel[ e operazioni endora1i, pnrti- bambini, .stia, com'è natura1e, molto più gl1arcol armen te pei bambini. dingo. E r~_ aputo l'uso frequente che fanno della Del resto, a parte quiesti eff·etti tossici , n·on coca ina, n elle operazioni, gli .specialisti di ma- sempre l'an•e stssia c-0.caiinica, per ·sem·p lice apl ati~ cl e.ll e vi e r espi.rratorie s11peri'01 r.i: co11 sem- plicazione, dà, ,a nche nei bambi·n i, -il grad:o pli ci ctpplicRzi·oni lo·cali, a mezzo di pennell.a.. d'an elgeisi1a che sie ne d1e.sideTa. L 'Eh.rma11n (1) ture ripetute o di batuffoili impreg'nati della si è occup,a to del l'airgomento in occasione d:i . oluzi one anes tetica e lai.sciati in contatto della 5 st1oi int.erventi, ·Con· questo genere d'anesten1ucosa per pa.recchi n1inuti , può ragginng·ersi sia , in ra.gazzi da 6 a 14 anni. L'atto operativo un n oteYole ·g·r:aido d'insen·sibilità. consiistev,a tn i1na stafi1J.oirrrafia, ·dia:ll'A. detta J, 'u so d1ella cocaina va pieirò, con1'è n.oto, oompleme11tare peirehè di ·comp.im·e nto ad una tutt'o.ltrX> che ooente di effetti tossici: mi piace pregressa operazion•e; in s•ostanza tale staJìin propo ito accennare ad un C<l.so cli devialorrafi.a si trid•uceva ad una sempltoe riunion e zio11 e del setto na ale, operato da un distj11to della punta del ,·elopenid olo divisa in due. La .. peciali:sta i1ella Clinica Chiirl1rgica Ge11erale soll1zi1one di cocaina al decimo v~niva applica<l i Firenze_, ed .a, cui ebbi a.a assistere. 1

0

a

1

1

1

1

1

1

1

1

1

0

1

1

'

1

(1 ) 'BROC~. Trn.t : ato di Chirurgiri lnfa11tilP.

(1) Riportato da Le Dentl1 nel Trattato di Chirurgia di Le Dentu e Delbet.


(ANNO

XXVIII,

FASC.

3]

' SEZIONE PRATICA

ta un po' prima dell'operazione e poi ancora 2-3 volte du1'ante questa, a qualche min.uto d'intervallo • Ed ecco in .compl•essq i risultati secondo l 'Ehrrnann: la :vecentazione dei mM'gini fessu:ra1i si può praticare senza destar alcuna sensJbil.ltà, il paissaggio degli aghi pave un pò più do1oTos·o; .all'atto poi di ,annodrure i fili, il paziente ·deno.ta molta ·Soff·erenza. Da qu1esti fatti il p•r edie tto C'hi·r urgo 'veni,, a alla conclusione che d'-e1ffe.tto ania1gesico· della cocaina sul velo del palato non è che sup1erfi ciale; e elle quest'ane·s tesiia loca1e, mentre può riusci re in qualche. .caso di staiì1orra.fia ,p arziale, non potrà mai supplire l'anestesia geneflale nell 'l11rano-plastica, ove occoir.rono i.Scoll amenti <laU'o:!>SO, o nella stalìlo rrafia propriamente detta' co1nnleta , in cui bi1sogna oruentare, s·ezi1onnndo tessuti J11usco[ari. Nè t;i l)UÒ pensare al1e inieztoni locaJi, iper un insie1ne cli d.1 fficoltà teoo.Lche, di per sè stesse evi1denti massim e per le pl.astiche sul palato duro e ~O\. ratutto trattandoc::i dii bambini. <luel cl1'è 1stato eletto della ,coic aina, .vale su per git1 per gli alt1ri a.nestetici locali (stovaina, novocn inn, peirfrigeraz.io1n e, ecc.) da c11i non potrelJb e ~n·er a1si, neg!l'inteTventi di cni mi sto occn11n11<lo, cqe 11n eff.etto aina1'gesic10 superficiale.. S"a ria ta c111 nque l'anestesia locale, specie per· 1'11rn1n o-plastic::l , non roota che la generale. 11 chi ru 1 go notrebbe valersi, ~e s'i trattasse di socrgctti nvanti negli anni, di anestetici genera 1i !Jer vin ipodermica, come il nuovo r1nestrfic11111 del dott. Braccio, di l\1ilano, il qun.Jc ir1 sostanza non è che una modifìcazjone del hc11 i1oto H.1\.1. C. : 2-3 iniezioni preventive del sn1ù,d etio :preparato bastano dif.atti peir vederne segui re tino stato d'anestesia generale, st1fficie11te e talvolta anche completa, come ho pot11to constatarla anch'io in un caso di mastoidoto111ia; mentre .altre volte, per arrivare all'anestesia completa si è dovuto somminist1 are in sopraggiunta alcune gocce di cloroformio o di etere. J\1a l'Anesteticu1n, 1oome l'H. :v.r. C., es·sendo a baise -urincinalment.e di jo1scina e m-Olriìna, via limi·tato ag.l i arlulti e net bambini non riuscirebbe prdvo di p1eirioolo; pesr mi·e p.a rtiool.ari. in, dagini, p·osso dire che lo stesso dott. Braccio sconsigl:ia l '111so dell 1suo p.reipa.r:ato pér indiv.idui sotto i 18 anni. N•e,l l1e ·O·p erazi.o,n i .sulJ.a testa e sul1e altre vie respiratorie ha trovato ottimo impie·go l'anest€si a generala !)er Ja via d·el retto (1). Il me1

1

1

I

-

~

to do non è 1recente e già P:ioro1g,off sin dal 1847 aveva a.vuto J,id1ea di somministrare l'etere rpe.r .il re.t.to. I primi esperimentator.i p.errò usarono ,ete:re liquido aissociiato 3ld .ari1a, poi ad ossi.gen·o; ma l'etere in tad moid o veniva aJd esercitare u·n 'azion,e irui tante sull'intestino. È recente invece, perchè fatta nel 1913, la p·roposta de.I Cumingham cLi. meseolare l'·etet·1e con ·Oli.o di .0Jiv1a , .appunto ·p e·r ridurre al minimo g1i. effetti ir'ri tanti dell '·ete·:ne sull'intestino. Quando, la misc·e:la introdotta n el retto, assume la temp,e ratura del oorp,o, l 'e,t ere comincia :a aepa!ta1 si dall'olio e volatizzanidosi p1assa lentamente nel ·S3Jngu e; 1si elimi11a per le vi,e resipiratorie e difatti .dopo già pochi m.inuti dalla sua introd.u zione, è pe,r cettìbil e ne~ reBpiro. Non debbo ii.io qui ·dilu.n .g iarmi sui d.ettagli di tecnica di siffatta an·estesia, mi preme soltanto rile\'M'e che una, volta compiuta l 'o•p eraz:ilonre si procede al vuotam.ento dell'intestino· con un Lavaggio ad acqua sap1onata; in tal modo 1si elimi.na la mJ•s cela ole,o -eterea reisi dua~ Sutta11 (1) che ha rf atto un 0 stud i·O .accurato· st1ll ' artgomento, ,dà delle1 n iCYfm.e'. p·r .a ttche; .e quan,dio l'aneiste&ia mois tra eff.etti d1anmosi (perdita d~l rifteooo pa;Ipebrale, disturbi respiratori , un oeirto gr3Jc1o di cian.o si, e·oc.), consig'Jta di ritirar.e, appunto dal r.etto, quanto vi resta della miscela anestetica; .e s,e ciò non baistasse peT vedeire scompari:re ii dist11rbi, raJccomanda altri mezzi, oome J 'introduzi.one p·e·r la booca di lma -oa11nula f ari.11gea o ancora respi·r azione artifici1ale , iniiezton.e intr.aveno1 . sa di iSier.o fisi.o1ogico...t\.ltrre volte a l contrario l'a.nastesia no.n si ott~enJe co·mip1eta; e1d allJQira iù Suttan coooiglia di ricoprire i[ caipo d·elJ',ammal.ato. con una pezzuòla che, lasctata sol·t anto dinanzi alle nari.ci. re d alla bo cca, impedii1sca p•e r il 1r eisto la diispemtcme ·d'etere; .anzi egli iiI1 ·oerti casi ri.conosce la necessità, p·eir potere ottener.e J 'anestesi1a comp.l·eta, che 1s.ulla pezz,u ola si versino alcune gocce d'etere o di cloirotformio. I... 'iniez.i1one iJlJtrarettaJl.e a.ella miscela oJeoeter.ea su ol esswe pf!eceduta ·da un trattam.ento preliminaJre: un'ini·e2i-0ne di ffi()rr :fina ed .atropina, iun srupposito,r io di clo!'o,eton·e. Il m etodo è stato aippltc.ato 1argame,n te iri America e ·non 00110 n 1eglil 1aidulti, ma an.c:h e nei bambini, riducen·dO benin tesp proporzionalmiente in .queisti ultimi la doee di eteToe ,e f.acendo a meno del trattamento preliminare succennato• Così fra le osservazioni cliniche di Suttan una ve n'ha• :rel.ativ.a ad un bambino di 10 anni 1ci·rca, opeirato d 'i d rooele e di fimosi; un 'altra riguarda una bambina di 9 anni, ope1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

(1) Presse M édicale, 8 novembr·e 1917, n. 62, pag. 641; Riforma Me dica. 1918, n. 21, pag. 436; Annals of Surgery, gennato 1919· •

1

(1) Vedi apipresso.


80

IL POLICLI)lICO

rata d'asp ortazi-0ne di vegietazi,o ni adenoidi e di amigdal•e. 'f'.r a le indicazioni l ' A. i11clude Le ope.ra.zto:~t sulla testa, sul t·ollo, sl1lle vie respiratorie. Io ho p ott1to co111statare m·irabil i .e ff.eiti. 3.ù1Che in diecine di laparotomie ginecologi che .e talvolta l'ammalata russava profondan1ente ipeo:- tutto il tempo d~ll ' atto ·opeir ativo. N·on so11.o tuttavia 'lnancate 1al inetodo delle critiche ed Msai vivaci. Il Flagig (1), pur riconoscendo ahl'Mliestesia •pe1· via rettale d·ei reali vantaggi, meitt.e ~n dubbio, qua ndo oorrtiscono effetti nocivi cf.all'iniez.ione illltr.arettale d eJla rni·sce.J a oleo-eterea, c1h e l)OS1sa .s!btlJrazzarsene facilmente con t1n 'irrigazione completa del cdlon: m.an 0V'ra, seoo·0ido lui, più teor.ica che p1ratica; egli inoltre rimpro1yera al rn•e tod·o la necessità non rau:-a di ultimrure la narcosi p,e r altra via, ed in tal caso insiste sull'incertezza, in' cui viene il chiru:rgo a trovarsi rispetto· · alla dose di anestetico (cLoroformio od etere) cl1e l)OSSa ·continuarsi a eomministrare, i·g nora11do iin ·eff.e,ttj quanto d'·etere rim ang·a an·corra neJ retto; ,senza dil'e che 11 trattamento preliminrure (monfina ed .atropi·n a, cl·oroetone) si din1ostr.a frequentemente ilil!efftcace e non sempl'e privo d 'inconvenienti, ciò .c:he. però non 11a imp oirtanza nei bambtni, d1ove, oom,e~ si è detto, ta1e trattamento di II'egoD.a ''a so·p ·p re.sso·. ~ a a parte queste critidhe mosse dal Flagg al metodo, lo stesso Suttan (2), che lo es,alta, fa delle Tis·erve avvertendo che lo· sii deve senz'altro scartare, oltre che nei casi in cui I 'eter e è di 1s olito controind~cato, ·come nei processi infian1rnatori dell'ap-para to r espira torio, anche in diverse altre ~iroositanze: lesioni del collion, emo!'r Oid1, fistole ia nali .e i'n 1giernere tutte 1e nffez~oni d ell' eistremo in.feiri:oire 1deil tubo digerente; nonchè nei casi. in oui il soggetto si lagna d'u·11. vivo d olor•e r ettale al mom,e nto dell'introduzione d1ella. m'iscela (1lp.e1re1st10sia 1d1ell r etto). Da quanto pI'ecede si può con.cludere che non sempre l'eteronarcosi per via rettale è applicabile e che quindi 1100 sempre, s pecie nei bambini, è posstbile iservi:n.c:-,ii d.i talle m·etodo petr le plastiche endor ali; tanto più che, per come si è accennato, occo11I'e non di raro. durante la narco i e qt1indi durante l'ese.cuzione dell'ope- . rnzionie, maintenere una pezzt1ola o una ma~ herina da,·anti alla b occa de11'.ammalato. 1

1

)

1

(1) The art o/ an es tll ,,.~io, !). 169, 1ì4. Lippin,., itt Co1111)n 11y, edi t0ri. Filadelfia e Londra,

1916. Pr ~sse ~féd i cale, p. 555, 1917. l2' Xel Trattato di G,,·atl1mey, .4.nesthesia, pag. 1~5- ~·6, Appleton e C. Ne"v ìTork e Lonùres, 1914.

·X-

**

Di fron~ du111que alle .s ow.ae1spos te difficoltà ed incoruv·enienze, net bambini, .anche per le pal1at-0pla1stiche oom,e peir quasi tutte le rultre ope·r aztoni in genere, .if a d 'u1op10 rioorrerie alla c-o·ml1ne cl0troformizzazion1e colla mascherina. L'uso di questa però, e6Sendo evidentemente dl os taoo1o .alle mainov•r e · operato·r~e, giuocofocza è che la clo-Poformizzazi10ne venga es eguita con interv.alli dii p.ausa ·e sru taa ·p.u nto i chi.Trurgi più eminienti son d'accordo. C-01sì in propo·Sli.to Le Dentu (1) scriv.e: « essa (la cloroformizzazione) necessita d'interrilzioni frequenti durante l'esec1Uzion·e d·ell 01p er.azione »; B,e·r gmann (2) : «s i è ·d'aocordo n·el riten.erre che l'o·p•er.azione dev·e essere fatta nella nar co·si clo.r oformica » .. e conti11ua: « le pa1lse irriposte dalle esigenze della narcosi vengiono utillizz,a te p eT l'·em ostasi c.ol tamponiame·n to e ool1a icomprressi.on·e »; e Braca (3) : cc l'emostasi deve 1ooser.e fatta a più ~ipre e durante gl'intervalli in cui si sospende la cloroformizzazione ». Con.clu1dendo, nel1le palato pl1a;stioh•e, d ei baro_ bini in iisp1eice, 1sri S'llOle dapprima dlororfo,r mizzasre il -naziente oomie ne,.i ca;si comuni, in decubito O·r izzoin ta1e supin.o: qt1ando la naircosi Sii è iraggiunta si colloca la testa nella posizione ' di R ose, tSi '.apre la 11occa, mantenendola oosi con uno idei tanti ti1)i d'ap ribocca e s'imizia I' 01)erazi.on1e, continUJando la n1airc-c~sii, . m ·a interPompendola di tratto im. tI'atto,; .i n queis t'intervalli di t empo ì'orp•e rator.e man.ovra, mentre di1rantie la sommini~1rria;'lJione del nllirooti·co si limita a f a.ire !'.emostasi ·oolla oornipression.e. 1VI1a se U.'inte·r mi ttenza del1a cl•01roform1zzazi-0n·e costituisce' in qUJesti interrv.ein ti una necessità di t.eicnica, d'altra parte no,n si può ne1gare che t ale intennitten.zia abb.i a inc-0,n veni·enti tutt'altro1 che di -noco conto. E dli.fatti non 'è rair.a l' even tualità cll·e in ~un momento inter.es1s ante d·ell'op 1 ~razi10.ne (coim e iif ·di1 stac100 d·ei ·l embi mru.. c,o si dalla vo[ta .oss·ea n,ell'u~anoplastica, durante il qrLale a'10peT1atOT€< SUOI ers ser tutto intento a qu,eJ. che esegu·e, si·a p.e r le 1diiffic0Jtà del distacco miectesimo .dia,l1a supeirfici·e ossea del p alato , ricca cli rugosità, sia per il btsog:no d'una :pr~1araz1'one aocurnata d·ei lembi, senz.a della qnale potrebbe conseiocruirre una mortificazion·e più o meno € stei~a di questi t1[timi), in tal momento , diieo, n 00 è :riruro ch·e il chirurgo debba venire intenrotto e distratto d1al suo }avar o per btsogno che si h.a di ìSommin~trare altro narcotico. E se .per caso la cloroformiz .. zazione $i sosp ende per un Ja;sso ·di tempo un 1

1

1

\

1

1

1

1

1

(1) Loco citato. (2) Trattato di BergmaIDn, Bruns e 1\1ikulicz.

(3) Loco citato.

,


[ANNO

XX\ -III,

FASC.

3]'

81

SEZIONE PRATICA

po' prolungato, i10,n è di~ffici1e che l'amma1ato frattanto si rides ti; ed allora si avrà la possti·b il1tà di :von1ito C'he in.fici eirà il c·a mpo openatorio ed i1 .0011ati di voo1i1o richiameir anno un maggior afflu·SGo di sangu.e in g-0la, a.o nde una più forte emorragia, favorita anco.r <li più d a eve11tuali grida di pianto, se trattasi di _bam1

. bini.

posto 1n u.n,a provetta r'iempita d'aoquai calda

(a ci::rca 4-0°); d1ei due tu·b etti terminali uno comunica con t111 app:a:riecchi·o s1offietto1 .g.r aduato, l',a>ltI'lo s'inne"Sta ad u n.a sio nda dQ cautchouc spinta in una de•l l·e ~airi·ci: l 'an.este.Sfia si in antien,e m edi1c111te colpi di •S·offietto, con cut di tanto in tanto si .spingono nel faringe vapori d'eter e cald 0 insiem·e ad .aria. L'ins11.fftazione i11trafaring1ea, di manovra ·p iù s eimplice, sembra p·o ter sostituire in .circa t11tti i cusi q11ella intralaringea, la quale secondo Luzoir (1) che riporta l'esiposi.zione fatta dal Flagg dei vari metodi moderni di a11estesia, così detti americani - se non pre.senta in realtà alcun inconveniente molto serio, a lmeno rii:>u.gna e. i1on vale la pe:pa di l'icorrervi senza· l1n'indi.cazione precisa. L'i111siufflazio11e sudd.etta 1s arebbe indicata per Flagg nel-le ·Operiazio111i della testa .e del colJo, dove la prossimità eccessiva d·el narootizz·ato.r e ' facenrlo 11so d ella co1n11ne n'lascheir.a, oliJI'le ohe r1U$Cire ·d 'impaccio, rischia di eomprometterie 1

Infi11e co·l le al ter11ative ·de~ somn1ini strare ·~ so spend•e1re cloroformio, si te1rm:i11a col far prendreTe i11 genar·e .agli 0'Pe.r a tij uµ1a ma.ggi.ore quantità di anestetico, .il che 11-0n è in·differente certo, nei bambi11i c::•o pratutto. Sott-0 questo pu11to di vilsta a.Ila cloroformiz. zazione i11 terrot tia è preferibile la clbrolf o.r mizzazit0ne continua; ma p·erch è de.s sa n.on ostacoli le n1a11ovr2 ·oper.atori e, è utile ricorrere a qualche ripiego modifi·catore della , tecnica com11ne, abitua.ln1e 1t·e seguita. Ricorclo la ,·ecchi.a ]Jratica, a cui a tal fine è stato solito ric0irrere 11Jegrinte•r venti sull.e vi.e aer.ee superiori, cioè la tracheotomia pr·eilimi11are, ch e eff ettivame11te offr·e il 1oppi·o van- l' a seps~ del cam p•o O'Peratoirio. l\I a d '.a1tra p1arte tu.I.e m·e tod10 non v,a ese,n te taggio cli a!=;!'i•"'111rare l'acoesiso dell'aria v·eirso di co11troindica2Lo11i: ei&so p e'l' es., non è consigi tì . uell'aJbe10 re ~pirator1o, e di permettere il tan1r>onan1Pnto, ver~o i11 su, del canale tra- gl ia bile, seoo11!ciO ancille lo tStesiso F.1agg, oltre chea le. per evitar e scolo di materiale 11ei pol- ch e J1 e lle aperaz.io1n i s ul n·a~i0 , in varie .a.l tr.e mo ni '1111 a11te l'ntto op eJ:atori o, 11e1 caso in circo.stan'.òe: nei ca si di ·O•s·tJruzion·e nasaJ1e doppi1a, nei so·ggetti ch e soffJI'lirebbero d1el passage:::an1e J a 11)a1 atop Iaistica. :\la l'inconveniente della doppia operazi·one gio di sonde per il naso .e is1ovr1atutto n.ei so1gcru r ntn, speci e nei bambi11i, è di lln'evidenza ge1.ti di tene1·a età. Trattan.closi p1oi di palatolJla_tich e, il tubo introdotto in goJa, ·oom e fa tale che n o11 \'ale la p ena di soffeirma,rmiV'i. ì\Ioclernamen te, per operazioni che interes- os~erYare il Le De11tù, !JUÒ dare ostacolo a lle ano la te!'-ta od irr collo, gli americani, con il 111a110\ re operato 1ie, m assime a q11elle sul veloCo11nel a capo, h ann,o adottato, com.e m.etio di - pendolo. Inoltre quando 1si devei inte!r v·enire sul d ' a.n e·strsia, l'insufflazion.e intralairingea 0 i.n- pal ~; to. moll·e, st corr1e fa0ilme.n t,e, il r.is·chio., 001 .. trat1·ncl1eale e l'in sufflazione end•o fàrdngea di l'introd.uzio11e dell,a sonda n·el faringe attra' 'e rso la cavità nasale - la. cui disinfezione etere (1). non p11ò •ess.ere che sen1p1re xelativa - d'inifetNel primo caso m fa a rrivare l' a 11e t.eti·co tare il campo opel"'ativo. in trac11ea attirav eT~o una cann11la introdotta Ri~assum.endo l'in.911ffl.az ton e coi m·etodi ameper la via orale; Sii tratta in altri t ern1ini d 'ttnn. ' m1p1re appl-icabil•e .e n•o n à10 è ricani n on è se1 i11t11hazion.e. Anche Doye·n (2) e più tardi n ei bambini, in particolar mo di0 quand·o si ha F. K11l1m (3) han consigli:ato l'int11bazion·e del laringe, mediar1te 11n t11bo· elastico messo in .da intervenire srul p.a lato m·ol1le. continuazione p,er 11n estremo con ' un imbuto ' ** * di 'frend.el emburg, cla cui si sprigiona..1110 vaP er le :riagiio ni sovrt3Joonoste mi sembra utile, pori di clo.roformro m ·ent-re l'ailt1ro ers tremo ' ' .ai fini d ella p·r ati·ca, riferiil"e nn p1rocesso ·Semintrodotto p.er vi a ora l·e nel canale .J•a ringeo, Vie plic1~sisim.o di Qlo rofo.r mizz·az,j1011e, ch e in questa li rond11ce. Clini ca Pedri·atica C1h i·rungica. si segu e perr le Nell'ins11.fflazi1o·ne end1ofafi.ngie.a invece il tubo p.a1atopl asti ch1e.. conduttore è intT1od1ott.o iper la v1 a na·sale. Un Si a do·! )era 11n· eon1un·e appareic.chio .a sofdtsrpositivo s·emplice, largament e usato in Amefi etto, quello da te•rm~}c.auterio; senonchè J.a rica, censi ~t e r~bbe in l1n flacon.e d'et.e·re , ter. b·occettia, sol ita di contenere benzina, oonti·ene minante ai du,3 eistr.remi .a tubo; il flac.onie va. invece cl oroformi'o, ed. a l tubo dl. gomma, a cui s:i eu.oile attaccan~e il m.anico c,avo . d1el termoaau_ (1) Jourr1a.1 ·des Pra.ti1ci1P.n1s, 1918, 11. 31 e 32; terio, s'innesta i.n v·ece u11a ·s ottile ·c.ann·u la mePresisie Méd·icale. 24 settembre 1917. n . 5. (2) Nel T.rattato rli Le Den.t u e De~bet. (1) Pre1ss1e Mé<ii.cale, 1917, 11. 53. {3) Zentral.b1. f. Chir. 1906, n· 26, pa.g. 723. 1

1

1

1

1

1

I

1

1

1

1

1

1

1

1

1

• •

1


82

IL POLICLINICO

tallica leggerme11te c11.r \·a o un comune catetere metallico , dal oui estremo l'ibeiro fenestrato fu oriesce a lieve spruzzo il cloroformio, ~pri­ giona nte i dalla bocce tta sotto i leggieri colpetti che s'imprimono al solito pallone di gomma. Dapp.rirna. si cl ororf ormizza ~eg"()larmente, col1'u so ·delln, comune mascherina e nel 1d·ecubito supi110 .or.r dinario; qiua11d.o 1a narcosi eom·p·1'eta è già otte.nuta, si disp.one il paziente come si · . su101e •p er qttesto g•enere d'in te·r v·.e nti: J)iOSiziione di R ose, .a.per~u.ra d·ella bocca ed applicazi·cm.·e d'un apribocca (p.referito in qu·esta Clin·i oa J'.apribocca di vVhiteihead) ; &i continua indi ~a c1oronrurcosi , abbandon an.d·o la mascheifina ·ed introduceudo ne1'la 0avità oral·e la cannula m etallica curv1a o catetere ch e sia, colla concavità d·ella c1irvat111r.a. riViolta verso la l·i ngt1a ed il c11i estremo libero penetri fin veirso l'istmo de1le fauci: in tal modo i v·aipori del narootico perveng·on o alle vi·e aenee surproiori. Come si vede, questo provvedimento si ap- 1 prossima all'l.ns11ffiazione endofaringea d egli americani; m a se ne distingue e d è di una tecni ca molto più semplice, in quanto ch e la sonda non giunge a penetrare fin dentro, ma fin presso il ca·vo faringeo; nè essa attraversa , p er arrivar e a ciò, la fossa nasale, ma benc:;ì l1na via pi11 natt1rale e più agevole, la bocca. P e,r esperiertza sono in grado d·i affermaire che le man.c v.r e compiute sul velope.ndolo, non sono iper nt1lQa ·ostaooJate dallia sonda oosì intJrodotta, 1&ia p·erchè qt1eista Sii scegli-e d'un ·OOlil'.) r o niccc,lo, 8empre 1sufficient,e• al pa.ssaggi 0 dei vap1ori ·d i cJ10.ro formio·, sia peTchè vi>en·e a stabilirsi qu·asd un p,aua1leJ.ism1c)i tra Ira sua leg,g i,era c11rvatura e q11ella deilla bas-e linguale. Se invieoe si d·o.vr à opeirair e istul paJlato duro, la sonda p otr1\ agev-0lmente aocostoosli alla supe·r ficie del.l a il ingua, in mod 0 da laisciaire an• cora piL1 li1bera la ' 1 olta palatina, cioè il campo ope1,atorio. In q11::tnt o ai risultati p,r atici posso pari·m enti a ff eTmare che una v·olta addOTillentato l'operanda ll ella mani1era consueta, usando La maschera, la narcosi pt1ò benisstirno, con il suesposto procedimento, essere continuata senza interr11zioni. Ric:Jrdo anzi, in _proposito, 11n .caso tipico : tratt a vasi di l1na stafiloTrafia in 11n ban1bil1!0 di circa tre anni; la c1orofo·r:m1zziaziione proceòe,·a con tint1ata, a mezzo del:Ja solita c;onda :1 f<)l'Jlla di catetere ·e già l 'operazione s volgevrusi i11 completa narcosi ; m a, per dishraziorle cl el clorOlformizzat ore, fu sospesa per qt1nl che min11 to la somministrazione del narcotico e ci fu t1n momento, in cui il r>iccolo J)nzi nte ~tnvn p er SYegliarsi; bastarono 2-3 col1

[ANNO

XXVIII, F ASC. 3]

pettini di soffietto, p eirch 'egli ricadesse in sonno 1) rof-0ndo. N è ila quantiità di .anestetico aJdopera to r isulta com plessivamente eccessiva : in questa Clinica, dove si acco~gion-0 bambini fino a 10 aani , la quantità di cloroformio consumato ordinariameni.e ·varia da 3 a 5 gr., oompne.sa la dose s.omminrstrata da ·p rin·cipLo colla mascherina. LnoJtre vtenie a conseguir.Sii il vantaggio che i m etodi d'an·es tesia p er inst1ffl·~i1 0.n.e in geneil'e si propongo no , ·Ciorè di t.en·e-re 1e mani del clopoformiz.z:atore lontan.-e a.a lla lflegion·e operanda. Colla nar oo.si ininterr.otta intanto si riesce meg1lio ad evitare il v•omito e quindi l'inifici.amento del campo openaitivo. !il.fine ·ev~tand-0 i -conati di v·omito, .si elimina .a n che l'a.ltro inecmveni1ente di un inaggior afflu sso di sangue in si tu e perciò ·d·una .m aggioire emorragia. 1

1

OSSERVAZIONI CLINICHE. . . ( :sPEDAL E SAN GIOV,\ NNI E DELLA CITTÀ Dl TORINO

Seziionie m-edic.a .ai.retta dal prof.

1

FORNACA.

Su di un caso d'avvelenamento da clorato potassico per il dott. P . F . 1

ZuccoLA,

assistente e docente.

-

eniva ricoverata nell'osnedale un'ammalata per tentato suicidi o m ediante clorato potassico. Da.I lato em atologi co e p er l'azione del sussidio teraip.eutico impiegiato il ·caso merita di venire ricordato : '

1

1

1

M ... A .. . , anni 22. Il gJorno 20 giugno v.erso le ore 21.30 ingerì in ·due riprese 60 pastiglie di clorato potassi co (all'incir ca sei grammi di sostanza) . Neilla notte n1on avyert.i di·sturbi spectali, ve1rso il matti.no vago malessere, mentre i f annigliari nota'Van o che essa aissu.meva wna evideinte caloraz:Lon·e brunastr.a dieJ.La cute, sp edialm1ente ai l obuli .delle orecchie. aJ naso ed al1e labbra.. Il malesser.e an.dò rapidam.ente accentt1andosi: ebbe ripetutamente vomiti, singhiozzo; più che ·dispnea. senso di grande difficoltà nella re·spiraztone, 10afalea intensa. L'alvo isi f.ece diarroiico coo emiissi.ione dJi f eici 1ortem0e nte tinte in 1scuro, contemporaneamente la minziione s i ri1dusse a .p oca cosa. Ricovera aill'o.spedale il giorno 1° luglio (24 ore dono l'ingestion e d1el tossico). E. O. : CoLoraz;iro n.e .aell.a fa1caiia e delle estremità intensa.mente viola cea, quasi nerastra. Tinta delle scl1ere .nettamente itterica. Non edem i. Coscien za integra. La paa;iente è dispnoica (32 reSIJ)iri al minuto primo), avverte l1na n otevole diffi coltà nell a respiTazione come se un peso la gravasse ; il ritmo del respiro è irregolare. tendente al periodico. ,, Nulla di obbiettivo ai polmoni. C11ore in limiti. toni ~curi ma p11ri. Poilso molle , 1·egol are, .ritmi~o, freqi1 e11za 70 al m'.


83

SEZIONE PRATICA

~.\ddome

turruid10, uniformemente· dol·ente, 11un tracaia di v·el'samento Libero. Non febbre. Fegato : margine supe.riore alla 6a, margine .. inferiore all' arco costal·e, .non palprubile n·eÌle prof orllde iDispd.razioini. :YliJza in limi ti. Onine ·eLiminaite nell.e Drime 24 01r1e : eme. 50· -circa, dense. quasi vischiose, di colorazione i1erastra. Densi~tà 1027. R·eazione alic.alina, ·contengono ab·b ondante albu.miinl1ria, uroibili11a in quantità. non indicano. tracce di sangue. non glucosio; nel sedim.er1t10 : c~li.nd.ri grainulosi e ia1ini, ·ceLllù·e .deili vene i-n ,p reda ad inte·n sa degenerazione; el·ementi bianchi e ros$ii in quaintità. L'esame spettroisco,ptco ·S'V·ela la p.re3enza cli metaemoglobina. u 'rre:a 6 %0. Le f·etci diarro.ic11e sono idi colorazdio·n ie intensamente nera, contengono sangue e dànno ·lJtllr e.~.se la re..azion.e delLa metaemogltobiina. Esam1e .deil sangue : il saingiue che fuoriesce dalla p11ntt1ra del clilltro. ha colorazione rier.a~ Rtra.

Emomietria 40-45; globuli ro&Si 3.100.000; globl1li bianchi 54.000; va1or-e ,globulare <>, 7. F or1nula l eucoaitaria: Polinucleati neutrofili 95 'Jv eo1sinotfiJ.i O; Jdillf-0citi 4 %; mie~ociti 1 ~lo. .i\ll~e~arne dei preparati a fresco si riscontra: nes..-:,una tendenza degli eJem.enti ·a rlispocsi in pile, una i1oteYole drregx>lairiiità .nel contenuto emogloibinjco dei sing101i el emeruti ·ed una g1iandie loro fragilità. .i\.11che col semp.li1ce esame a fresco , i11 r1 11mei·ose emazie. 1sii riiscointra.no 1d1elle gran11lazio1ni (1-2 per eJ.en1ento) ben distinte dalla massa protopla5ma ti ca, che a f l'esco si colorano in viola lJiù o meno intenso con 'UJil1a so}uzi~n.e satu:ro 1Cli Yioletto di metill e in l1.na solruz.io111e a.l 0,6 % <li NaCl; od in bleu-vi1olai ·con una sol11zio11e di 111etil-cresil-blau; me·n tre i preparati fissati ·e col·o1·ati col lVlay Griinwa1d-Gi em.s a a.ssurr1o•n o 1i 11a colorazione rossa tende11te al viola, assai ..simrile a quella aissumita .da~la resta.nt~ porzjone protoplru&m3Jtica. Queste granulaz,i )ni ;possono e~~ere clisposte centralmente, nel qual caso la porzione l)rotopl1asmatLaa circostante è qt1asrì incolore, come se fosse rarefatta. o periferica111e11 te ; molte V·Olte si russi1 s te q u n,s1i all '·esp ru1! .·io11.e di e\~se: ~arecchie si trovano libere qua e là neil .campo mioroscopico. L'1elemento che l·e 0011tie·ne è più ,p.allildo de1ll-a norn1a; 1s~ sono abbondanti lta •sostanza cromat1i1~a è ri·dotti&sima tanto che le eroa2'Jie ruppaiono quasi co1ne un, 0'111lbra; ·e ment~e in alo111Tui e1le·me.i1ti 1e granulazioni s ono poco evidenti, quasi che la massa protoplasmatica in q11el punto fosse solo 11n po' più abbon·dante e stesse ;pe·r condensarsi. in altri assnmono quasi l'aspetto di una fo1~mazione nucleare. sebbene in essi non si sia mai potuto riscontrare alcùna particolare str11ttura nè alcuna ca·r atteristica tinto·riale. Pa reccl1ie di qt1este .granulazioni espulse vengono i·nglobate ,daJi 1enco·ci.ti. Per qu·este caratteri-c;ticl1e rr1orfo]o,gich.e tali granulazioni posson·o id:erttificn.t·si a qt1elle descritte d.a parecchi AA. in ·casi ,d i intns.sica.z.ioni da veleni metamn101g~obrinizz1ant.i e noti sotto il nome .di 1col1,Pli driJ Eh:rli0h-Hed11z. La pe:ric.enin1ale Idro nel primo esame praticato oscillava attorno .a1 23 .p er cento di ·erjtrociti aprprurentemente 1n ormali. All'esarrne ,d1ei ;preparati colorati n(Jn si n ota una grande a.1,teraZJi.one oltre a q11elle. già ci1

1

1

1

1

1

1

t

tate: grande fragilità ·degli elemer1ti, leggera tendenza all'aniisòcitosi e qualche poichilo<:ita. Gli el ementi a ,sostanza granui1o-filam.entosa si trovamio 'D·ella rpeivcentuale del 2 % .circa, ,s ono r:ari i 1:>olicromatofili: gl!i 1element1 nuc1eati non ·sono moJ.to .aibbondanti: O, 77 %, que.sti prie. sentano UJD nucl eo· p.icno1ti·c o a c.cmtJorni p11i1 o meno regolari oorl n iessuna tend.enz.a alla divis~o·ne 1 d.i retta, tutti ham.no un protorpJasma nettamem.te 1aci·dofi1o. Riguarrdo agli elementi ·della serie bianca r1on si .devO'!llo fare osservaz.i.OJlli. C·oaigu.Jab1ilità notevt0lm·ente ri~ardata. Il vomito è co1stituito da 11quiido mucos•o co11tenen te 1sangue ·nerastro. Tenuto conto delle 1con·d izioni gener.ali del1' ammalata, alle ore 11_ dello ste.sso giorno si prati·c a una Drima trasfusione endovenosa di 100 icm1c. di ~angiue defil,brimruto ed alle or:e 17 uina s·e condJa di 250 di 1sangu-e tota1e re.so in1c.oagulabile mediitante l'aggiunta di utna so1luzi001e di ,citrato .sodi.co. I l gi.o·rn·o susSleguente 1e oond.Jizionrl. dell '.ammalaJta sono un ,poi' miglri.ori: •soggetti•vamente si sente 1sol.Jl·e vata, è sempre dnternsa 1a colorazicme rn·e11a1 1d·è 1la lciu te·, lat :r'€1S(I)ir.auJro!na più farnJ1e; è diminuita la d~pnea (28 rul m '); il poh.so è tSempre mollie , f.requeinte (88 aJ m '). E scomparao il vomito, .parm.a ngono le scariche sang·ui1gne, mucose. La ·colocazione itterica ·delle sci.ere si è fatta ipii.ù inte·n sa 00. una tinit a giall-aistra in\nade tutta la -cute. F~aito ·: ii.I margiine sup·erio:De è al1a 6a, l 'inferior.e deborda ·di ,dJue dita l'al'co, è molle, 1eggermen te do1el!te;. MilZla: il m.ar.gine S1UJ>eri1or-e è al1a VIII cois ta. l'inrferio!ìe all'a-rco: 1si .p1alpa il polo mferiore. m olle, g1obooo . Le ·Ori'Ille so·n o sempire 1soa:rise ( 150 eme.) '8 le ]eci mantengono i·nvari.ati i car.atteri del giorno .preood ente. Esam1e ·d el 1sanigu,e : Emometria 35-40; g1obuli roc:;s i 3,2•)0, 000, globuli bianchi 50,000; val.orQ g1obulare 0, 6. Formula J.eUJcocitaria: polinucleati neutrofili 92 % ; polinucleati eosinofili O; linfociti 6 % ; promieiloc.iti 1 %; mielo:citi 1 %; corip·i di Jolli 1 %· Il reJ)erto microsoop.ioo non ipresenta v·aria.z:idni dal .p recedente, iso1lo un.a maggiiore quantità dii ·eJ1ernen ti .m aohi idi cior'Pi di EhrJti:ch-H·einz (22 %). - Maggiore tendan.za a;ll '.aniso1c itosi; discreto aumento degli elementi a sostanza granulo-filamentosa. (4 %). Normoblasti (1.3 %) . 2 luglio. - S lon 0 ri-comparisi ~vomiti ematiic.i; è ·diminuita la colorazione oscura della cute e d·elle mucose, è a\1mootata J1a 100J..ora,z.i one itte·rica. Subb,i e<ttivamente la p.az.iente accusa nuo_ vamente difrfico1ltà neLl·a IJ'esp.1.vazrone, il .v espiro è frequente (36 1al m'), irre1golarie. Po!Rio tbuono (11() .a] m'). Il ~egato è invarliato nei l•i miti, ma dolentis·simo · 1a milza iman.t i.ene un volume costante. Le •fe'ci ·sono ·S·e!lll1pre lille:tie. Orti.ne :scaI'lse (120 tCID•C.) n.ere vischiose: il :sedii memto è costituito da emazie e c1a n'llJD1wosi g;lobt11i ·b ian·ohi, da aibbondanttssimi elementi del rene, numerosi so110 i cilind'r i granulosi e ialini, a l·cuni costituiti quaisli un·rcamente 1da elem.enti Tienali in J}I'ed.a ad inteni~.a .degiener.aziione gra1n .u ·1o-grr3JSlSosa. U:D~a 7.9 p1 er mij'le. Urobi.l ina: -reazion.e evid1enti1sstma. 1

1

1

1

0

1

1

1

1

,

1


84

[...\.~:\O

IL POLICLINICO

XX\ ' 111, FASC. 3)

\

Per l a tende11za 1della c1·asi sa11gu.igna a pe•g -

dri g l'a11ulo1s i e ialini. Ul'oibili·n a .setrnpre abbo11gtiorare, al1le ore 9 si pratica una n1Uova tra.s!fu_ dlante . prea 6.8 o/oo . .Sco1m\I)ar.e il se1l.So di am1Jasc1d. e la disp11ea (22 al m') , il polso è sen1sione endo\ enosa. di 250 c..mc. di sangu.e reso p r e frequente (104 al m ') , abbastanza valido. i11coagulaJ)ile n1edia11te citrato s odico. Esa1ne del sat1gue (prima della trasfusione) : Il fe1gato tende ·a ri1dursi : hl margine 1~1erio­ emometria 30-35; globuli rossi 2,800,000; globuli re è alla 5a, l'i11f eriol'!e ·debqrdai ,~pperia ·di un bianchi 1'8,ùOO; val1or,e gloib nlal'e O. 6. .dito l'a.r1co, è dii conisiiistoo.za infieriJore a>lla norFo1·n1ula leu,co·ci taria : P olil1fltC'~ea ti net1trofili D?U, 111eno vivo i1l ,d.o1or~ p:ro·votc ato ailla ·p a1pa93 c~c ; eosi110Jili-linfooiti 5 %; mi.e.l ooiti 2 %; proz1011e. Esa1n.e d·el sangue: ernometrJa 35 ; g lobuli 1nielociti 1 °o ; corp;i di Jolli 2 ~o . Esame mi c.roscopi1co: L'eisc.1nlie a f.n~co dimoro si 2,400,000; gL·ohuJi bianc,h i 36,000; valo re g l 01t)' U·lar:e -O. 7. stra an1cor a una 1p.iù evide11te f.r,agilità ·ùeg1i el1eme11ti rossi; alcu11i appaio110 quasi frantt1maFo rimul.a leiu cocitaniia: 1p olin ucleati i11eutrofili ti. spezzettati; una gran·de differenza nella loSo % ; eosinofili 1 % ; linfo citi 8 % ; mieloci ti ro ric cl1ezza ernoglobi11ica e una spi ccatia ani3 °( ; promi el ociti 1 ~o; corpi 1di J olli 3 %. socit.osi. Elen1e,n ti contenenti co111)·ù 1s·coli Ehr1ich-He inz Gli e1ementi conte~11ti corp,u1sicoli di Ehrtl.icl116 %. EJ.emie nti a sostanza granuiJ.o-filaiìlentoisa Heinz si sono f atti ,TIJumerosi,ssirni raig,gi1un1gen9 ~o . La ·qu a:nti tà degli elieme1n ti policromatofiJi do la perce11tua;1e d el 28 ~6 , e 1Per quanto è po s1S1i in aJntien.e immutata; n ,o n si trovano ,e lementi sibile rilevare se.mb ra 1:»ur aumentata l1a quanpunte.g1giiati. NOII'moblaisti 1.2 %. tità di gra11u lazri.cmi liber-e od incor;porate negli 5 luglio. - Lo stato ,giein,eiraJe della pazi.ente elementi bianchi. tein de a p·eg·giorar·e: avv e1-te 1ceifalea ei clistu•rbi T }J.reparati colol'a ti. oltre al conf erm a,r e ·1a della vi,sita; h a fre qu•enti e'Ptst~sSii e vomito .sangra11de cfragilità ctegli elem1enti e la lo1ro v·aria g'l1tgno. La •COl:OII'azio n,e .della cute e d1ell l·e muricchezza en1oglobinica . dimostra110 a11cora llna oose •si è fat~a .quaisi noir male, -;>erman1e solo ·u na tendenza all,aumento clegli eele111enti a sootanrza le1g ,g era tinta giallognola .d~ll.e scùeTe. gr.anulo-filam·entos·a (5 ~~ ) e la con1parsa ieli una Le ori11ie soin o 1&empre sca1'se, ha11'n 0 u11a t.i11ta discreta ' [u antità di elieme11ti poli1eromato!fi.li. i1ormal e, co,nten1gono seim,pre abbolllldante a.Lbu Scarsi so110 gli elementi n l1cleuti., tutti a cainir1a (6 %0). L e fe ci ·s cure sonç ricche di rattere nor111oblastico (1.5 %). s.a111gue. . 3 luglio. - L e con,dizion i d1ella pazie11te tenE a.i11e del saJ1gue: E111Qm·etria 35-liO 0~ ; g-lo d-0110 11l1ovame11te a J11 igliorarsi, è dim.inurita J)uJli ..rof&'Si 2,600,0DO; globt1li bia11chi 25,000; vala coloriazio11e i1era della c ute e diell·e mucose, lo1J·e globulare 0.7. stazionar'i a è a l ·contrario la colorazii.-0n ,e itteF ·orm 111J a le u cocitaria: P olinu1cleC:Lti n ie1utrofil.t rica. 89 %; e101sri111.01ftli; lin.fo,cit i 3 %; m ii.eloiedti 5 ~G; Fegato di voi1 ume invariato , UJ1 !PO' m eno dol)tio·mtelo citi 3 %; coirpi di J olli 6 %. lente; milza nei limiti so liti. L esame lnicroscopi100 iCle.l 1&angue rileva u11 Pe.rmatllc la dis'})11ea (28 ·al m ') , il po1so è u11 mig1liorallilento iel1ella craisi san1guiigì1a . Le € m a po ' p1ù frequ.ente (98 a.il m '), abbastanza buono. zie incomin1cia·n o a dimostrar.e Utl1a maggiore Le oriine ter1do no a farsi 101 po' ptù chiar e e l€·Dld·enza ,a 1cli1s p101rsi in pi1e: ·e .sebb·e11e il conte~o no meno dense : reazio11e a lculi1 na, J;. 1028; nuto em.0Jglo1bimic10 ·deri. si11g,oli €le.men ti sia annon cont1e11.go110 ·glucosio. ~L\.lb11n1ina 7 %0. R ecora ,n otevoùmentie differ e11 te , l',anisocito1si si ri_ perto micro scopico i11varjato. Le f eci sono 11 ere d u oe tTiotevolme11te. Gl1i ele1111enti conte·n enti core co11te11gono abbondante muco. Urobilina : ·r ea. Pllscoli Ehrljch-Heinz sono in continua ·dimizione evi<l1entissima. Urea 8.8 <3-~o . 11uzione (10 %) , inentre le singole g·r anulazioni Ec;an1e deil Sian1g11·e : e.n 1ometria 30-35; glob111li sono assai più piccole. meno evidenti, tanto glob11la1"e 0.7. da a11pal'ire in inolti eleme11ti quasi come un Forn111la leucocitaria: polinu c11eati 91 %; eosjsempli ce acct1m1Jlo della massa protoplasmanofili; linfoci ti 5 °~ ; m1elociti 3 nl ; rpromielotica in un d ete1·minato p11nto; rarissimi sono citi 1 °c, ; corpi d i J olli 4 %. q11elli lrib1eri , eccez..ion a.li q11elli i111glob.ati negli L 'esame n1icroscop1ico 1cl1e.i pre1p1a r a ti a fresco elem enti bian chi. ' dimostra minori le lesi.a ni a carico ·de.' vari eleL a .r>·erC'entu a l·e 1dte1gii ,elleme.nti 8. so·stanz·a me11ti, i1na minore 10 1o f11aglllità. pur aven,doSli frran 11lo-fila m entosa i~ag,gi·l1ng.e l '11 °1n . Gli elese111p1·e jnvariata l'anisocito ... i ed l1na costante menti policromatofili tendono a rliminl1ire. differe11za Jtella. riccJ1ezza emoglobiniica. Gl.i ele_ Normoblasti O. 9 %. inenti n. co1!)u scoli F.h.r1 ich-I-1Piuz sono sempre 6 lu,glio. - Continuan10 i vorniti 1 ~anguig-ni, è abho11danti (24 %) , al1m1&ntati g lj elemie nti a sonuovamente iCOIIDJParsa la 1di1s.pne·a (34 m ') ed sta11za g r an11~ 0-fil.a1n1entosa ('8 °~) ·e g li e1leme11ti ogigettivaim ente il sen so ·di d'ifficorrtà d1el re1sp i ro . policron1ntofili. Com11are q t 1al che e1emento nunL a tinta itteri1ca dell1e scleTe tende semrore a diteg~ato. N ormohlasti 1.9 %. min11ire. è al contrario nu ovamente ai1mentata Si l)l'a 1ira u11a i111ova trasf•n 1sione endovenosa la col orazione osc11ra d ella cute. Il polso è cl i 3'50 eme. cLi .s,an,g11e con citrato ·s odico. rnolJe. regolare, ritmico, frequente (106 al m ') . .1 ltt(Jlio. - Continua il mi1glioramenito d ello Le orine son o r hia re, 8carse (80 eme.). Dentato gencral e, si r e nde sen1pre meno e'1 id,ente i tn 1027, reaz ione acida. alb11mina 7 %0. net la colorazionP nera della c11te e la colorazj one $ec1iment.o si riscontrano sempr.e abbondanti ittericn, ~ono scom1pansi i vo1niti. ~1ob11li bianchi, numero.s e celflul1e renali in pre_ I.e feci c:;ono notevoln1ente più chiare, ipiù ,cl o aid intensa rle!:{en .erazione, n11,111 eros,i cilindri c 11i t1 r e ~i 0110 fatte le orine p 11r e~se11d o 1$empre g·ran11Josi e iailini. car~e (90 cmr. n <? ll P 21· ore) e ric ch e cl i a lb11mi_ T.P feci sono anco.ra di colore n.erastro. nn \7.5 %0). Xel -:eclimento c::.i ri ... rontr n110 ahF.,same dPl s ang11e: Emomet1·ia 35: glob111i bo11danti e1P1nenti hia11chi. ono <li1nin11iti i gJorn.~~i 2.300.000: g1oh11li bianchi 28,000; valore llllli r o-.-..i. nl1n1ero"e le cellnlc re11nli ecl i cilin g-1 oh 11 la re O. 7.

i

I ~

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

0

1

0

(

l e


SEZIONE PRATICA

For1nula, 1eucocitar1a: Po1i11ucleati neut1uifì1i 9"2 <Jo;. eoisinofili; mielLociti 3 %; 1in.f ociti 4 %; n1iel01bla ti 1 ~o . Ebem.1e nti conten·enti corp1UiSCOLi Ehr1tc-h-Heir1z 12 ~o . Elemienti a 1So sta:nza graut1lo-filame•1 1tosa 9 %. Si pratica una nuova trasfusione endoven osa di 250-300 cm.e. .di san1guie. 7 litglio. - Le co11dizioni ge·n erali so1110 un po' mig1io~ate, J.a co1oraziio!I:Le d•ehla cute e d·e1lle mu cose è rilto~naj.o IlOlJ'lmale; la di1sipn1ea ·è dimint1ita ·d,i·n tensità (24 al m'), scoonparsio il 1sensu d è11111,bascia, il po1so è un ,po' più vali1do, regola11-.e. ritmico. C011tinua la oef.alie a; i vomiti &0tno sempre frequenti. non più ,s anguigni. ·Il fegato deborda aJDJOOM idi 'lLil dito l '1arc-0 c'°.stale ed il marigne è palwabillie, molle, indolien.t e. I .. a 111ilza è in limiti. Le orine ·so110 1sca11Si.issime ( c.irca 60 eme.), hanno perduto il carattere di vi1SChio·s.i tà, albu111ina 6-7 %o. Urea 5-7 %o. Bsar11e del sangt1e : Emometria 40-45; g.Jobt1li rossi 2,500,000; g-lobuli b.ia.nc1h i 20,000; vatore glol1ulare O. 7. For111uLa leucocitaria: PolinudLeati n eutrofili , 6 -in : eo:inofili; linfociti 7 %; mielociti 3 %; mieloblasti 3 %; prOIIlllÌelociti 1 %. Elementi a cot1p1Uscoli Ehrliioh-H·ei·nz 5 %; e1e_ n1enti a .sostélnza gran1ul10-fiù.amentosa 5 %. S·o~ 110 scn rs i s~i111i i policromatofili: man.cano e1en1enti punteggiati. Co rpi di Joll;i 4 %. R Tuylio . Le coTud~zio ni gienerali della paziente "an110 peg1giioira'I1do. la coscien.z·a è obn u_ l>ila.ta. 11 polso è mollie, ir.reg:ola-ve, aritmico (92 a l m'), la cefalea si è fatta intensissi1roa. I vo1niti sono sempre più ill;lsistenU, nuovame~te s angi1i1cr11i. Il 1 eisipiro è .LroeioC1'()lare, teindente al l•eriodi co (S.i al m'). E leg'lgieT1Illiente aumentata la, ti11 ta itteri ca delle 1scclefle e della cute. L'esarrte fisi co n o11 ri~eva alc11n·a ooilllplic·azjone a cari co de1l'np1Jarato 1Circolatori-0 e :respiratorio. li fe g-a.to 111a11t~en·e itm volum e invariato. La n1ilz}1 i'· i11 limiti. Le orine sono sempre scarse, n e1 sP- d i1n cnt.o ~i l'iscontraino ab bondanti e1e111e ttt i 1 P11~1 li P bia.n.c.hi, nume1"osi ·oilindTi g.r ·an 11 loc:: i r in I in i: aLbumirn.à 7.5 %o. Le feci c1i co1,11~e •9l' ll'l 'O 1con te1ngio110 atbiboin .clante .sang·u·e. Esa1ne ·Ù·e1 ·sa11gt1e: Em.o mietrià 35-410; globuli roRsi 2,800.000: glol>uli bianchi 18,000; valore g Joh11la re O. 7. 1'' orrnttla l euic ocitaria : ,P()li.nucleiati n ·eutr,ofìli 82 °,, ; PosinofL1i; li'Illf·ociti 10 %; promiel-0citi 't '"~ : mi elociti 3 o/n : mieloblasti 1 %. Rfltperto mi·c roscoptco : pochi elementi dimos trano ancorn una fragilità esagierata; i coir p: Ehrlich-Heinz Rono scarsi (7 °h) e non bene i1n d1ividurulizzati; gli e1ementi a sosta:nza 1granulo-filam1entosa 4 °-b ; non si ri~1c01Tutr3Jn10 più PD·· lit{' romatafiLi. I ..' ainmalata muore il .gj:o.y:m.o 8 lugli-0 in com1a 1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

85

,

·R eni n.otev.o:lmente più .grandi: de ll·a norma, p3Jlltdi, fiacci·d i. Ca'Psula svo1gibi1e. La sostainza protrude sulla superficie del taglio, i11anca Uillla n•etta .distinzioin ·e fra la sostanz·a midollare e la .corticale, .qu.esta presenta una netta striatura giallastra. Stomaco: L·a mucosa è intensam ente ipere· mica, particolarmente in corrisp onclenza della regione pilorica, ove appare. in alcuni punti ulcerata . in altri ricoperta ·da piccole soffusioni emor.ragiche. !paremia con qual.che emorTagia ·della m ru1co1sa 1sd risoont:va in oorri1S1J)O·n de:nza deJ du·o deno e del1a ,p.rim,a rp,01rz1io·n e del tenue. Fegato legg_e rmente aumentato di volume, flacci·d<>i, to rbi>dio; 11a bil~1 è fi,l:lida, fo.rte.mente 1pigmentata. N ull1a al p ancre rus. Milza: N on rist1'lta aumentata di volUine, I.a polpa . è ·M>bondante con apparato follicolare ben eividen.t e. Nt1lla, ai genitali,. Il r eperto micrò.sco.pico diel midollo osseo è quel:1o di u·n m:Ld.olao ilI1 grande attività neoformatr,iice. Vi si riscontr.an·o albbornd·anti em.ocito_ M.a;sti, .eritl'oblasti a ;p.r otopl.aisma b asofilo e poltcromatofilo. eLe m·enti nt1.cleati .a carattere .di ·n ormociti e ·di mega1oblaisti. P·er quanto r.igiuarda .gli ·e1emeDJti a-piparte.11enti alla seri1e bianca abbondantissimi sono i mieloblasti. i promieJiociti, i miel'ociti ··e m iet.a.mielociti . .con gflande · preval1enza di quelli a granulaz.i.onj ne·t1trofili, relativamente ·s·carse sono le forme eos1inofili, non Sii 'POteron.o trov·are elementi della seri1e roast-mielociti. Rariss ime le cellule dell a serie monocitiça. Abbond3Jnti le oeilLule 1pigmientii feire. I prepa.r ati .ottenuti con le st:ritscie dell a polpa spleni.oa m.ettono i1n ·evi.denzia una ,gr.ande quantità di cellu11e globulif·ere .e pj.gm-entifere, qualCllie norrodblrusta ed abbondantissimi elementi bian0hi 1polin uic l eati . 1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

R·eperto nie croscopi.co. ' Nulla ·di parttcolare t&i -0rsseirva al .cervello . .l\1)crta 1a cassa tonacii ca •Sii nota modica "rfVccolta pleurica bilaterale, sulle pleure qualche pioco·l a F<offusio11.e .emorr.rug.ica. P·o1moni: eq·ema ac11to. legger'° istato oatarraJJe ,d·el.l a muoosa broillchiale. arteTie p.obnionialfi 1ibe.r e. Cuore: rStoffusi.oni ·emorvaigi CJhe 1sul peri1cardio . visceraJle e pari.etale. Li·quido 1peri1cal'clico sie· roso limp.iido un po' .p iù .abbondante- <Lell.a no~­ ma. :VIi·oraridio flacci·do, torbi.do, oc::tii, v.alvolaJ>i normali. · 1

Il cruso non mi è sembcr~to inde·gno di e.ssere nr0to inn·ani:i tutto dal J,ato teraipeuti:oo, r1sultando .dal ,diario cliniJoo .rubbiasta nza evi d·ent-e • 1'11tilit.à d1elle traisfusio·n i 1élnd·0 Ven ose di. s·a ngue in qt1antità m 1ass:iv·a neii. C'asi di a~1ve1l1eina­ JY11Pnti a c11ti! ,da sos.tanize foTteme·n te en101itiC:hé; t1tilità del resto già • da me ·r esa m ar;i.ifesta in 11n~ precedente nota su · di 'In caso di avvelenamento da essenza di mirba~o, nel qt1ale i miglioramenti che si potevano osservare già poche ore dopo ogni trasfusione, riuscirono assai più fruttuosi che. non nel presente, nel quale l' esito letal1e, .anzi c1h e imp11 1tarsi all'alt&ata CTaisi. sangutgn.a, veniiV·a ·d.etewm.inato dalla sopravvenuta complicanza renale. Mi è se1nbrato anche non i11degno di nota .p er il reperto e~atologioo che in qt1esto, più che in quello, si ·manifestò in modo veramente no~e­ vole: voglio ac1cennare alla presenza nelle emazie dei corpuscoli di Ehrlich-Heinz. L"Hei1nz studiando le alte.r azioni sangt1i1gne n1e•llle aniemiie 1s econidarie, ottenute sperim.entalmente mediallJte velieni emolitici (pirodiJ11a). osservò n eld'inite·rn.o degJ1j eritrociti la forn1 a zione di corpiccit1oli (che egli chiamò blau-koerper) 1

1

1

1

'


8C

l-~NNO

LL lJJLlCLlN!CO

ora c;e11trali, ora eccentrici, be11e i11tlividualiz. zat1 dal ,r.esto del p1'otoplasma, e anche 1iberi, colo1·abi•ùi ool viol.etto di m eti1le i11 soluzione satura di NaCl al 0.6 %. Fo. mazioni simili t1·ovò l '}lil·ueir e l'El1rl1oh in caso di avvellenamento da i1itrobenzo_o, se non che m.emitJre. i.l lJrimo interp1eta\ a. .la lor-0 for1naz io·n e com·e .dov·uta ad una ll1Je1cnosi de.l p1·otoplasma dei ~gto1bu1li rossi, il 1seoo1~d10 'la in1erpretò 1oome un prod.o tto .d eltla t~a1s1fo1rrn.azio11 e d ell 'ero.o.g lobina in m·eta.mio·gl.obina: d.i f.atti oon questa essi mamterretblbero UJI1 caratt.e1ie forten11ente acidofi.J:o. e non che ·oo[ moltiplilc·a rsi ·deJle rdJcerc.h e cessò l'aoC'o:nd.o ieilrca la loro eziollogia e n a tura : })asterà ri•corda:ne ohe se qua1che A. vol1le interpretarli come equi val.enti dei conp.i di J olli, 111 altri termini' ·Come fo:rmazi,oni d'origin·e nucleare, altri con Ehrli1ch (Fr1edstetlin, Schmauoh, Sch,valbe, Sulle)r) li iritennero piuttosto una n1odifilcazio:ne identica a qu·el'l•a da lui 1dei&ciritta nelle gravi aneani1e .co'1 l!llome di :eo·rpd. irnte.rini anem.i1cti, e· oo·s tituiti da metaeimo,gl·obina. Qt1,a l• c.: uin.o .c.r ede oh.e anz.i de,tti CO'I'pi sdan10 ~refo1rmati riel protoplasma. cellulare delle emazie, con ql1esia sola di~erenza, che mentre in condizioni n ormali la loro prese·n za non· è d1mostrabile o lo è ben difficilmente , in condizioni patologich e e per modificazioni ·chimiche essa si rende facilmente dimostrabile. . ..\ q11esto con cetto si avvicinerebbe Pappenllei111, il quale crede che essi preesistano1, pur 11on es9end10 n-0rma mente c·olorabili roi m ezzi vitali, come residiu o ossicromattco del n1U1cil eo dell'eritroblasta, di modo che essi sarebbero llna rrtodificazione cromatica, dell' eritrocito a, caratter e degenerativo. P ren1d·endo li1n esarm.e quanto ·s.i è verificato nel nostrò caso, e più precisamente raffrontando da u;na 1p arte il modo di c.c1mpo1iarsi degli e1e1nenti c.onte·n enti .corpi di E·h rltch-Heinz e.on g1i . ' element i a rSOStanza grainul o-:fiJlaimootosa, con <'O-npi di J olli ·e oon granulaz.ionri. .basofile e con gli elementi nucleati, mi ·sEmllbra che qua1ohe conc1UJ5iooe possa trarsi sulaa 111atura dei p.r imi. Ed iilD!anz.i tutto oaooTrerà ri·co:rda:rie coime la loro quantità abb1ia dimostraJto l1na costante cor1cordam.za ool ·g raido di iintos.sioazion·e gen·era le cliinicam1ante ri1Scontrata. La maggiore qu antità di tali elementi (23-28 °/o ) d:ifatti fu riscontrata propni·o n ei pI'limi gi,cxrni ·delrl a malattia, quando i fenomeni a •cari~o di una im11011001te {> ral!)i d1. di~tru2i one cl1 ect11 elem ent i l'01$~i eram.o inten ~·i : cn1an.d o a n cora il r eperto ~nn~rnigno non dimo trava l111a er\ ·idente tenfle11za a ll a rigenerazione: difatti, di front e alle cifre citateI devono contr appo-r i valc)lri re-Ja. tivnn1ente pioooli rapp1'esentanti g1i elementi 1

1

1

1

XX \.III,

FASC.

:3)

uucleati (O. 7 di i10111101Jl<ll5 ti) o cc.111u11que di q11elli çhe stanno a dimostral'e l111a maggiore altiv·ità da P.arte del 1mi1d·c_:>llo: ele111enti a sos tanz a .g·r a11°u1o-1i'lan1en to:'a (3-5 ~)o ) ed el-em•e11ti con co-vpi dì J oll,i (1-2 ~~ ) . Contrairiàm·ente qiuesti ultimi aoo1eJ.1tano iu un .seco·n .d·o periodo de:ll 'avvele11am·~nto, quando n·ella sua j11ten.s ità isi aJttenua e qu·ando concor. de.n1Je1nte d:i!llltnuisce la pe·r c•entuale de1gli ·eleIll•8lllti a èorp·usco·l i Ehrl1:iic:h-Hed.111z . Vi srurebb·ero quindi, fra questi e gli altri, valor:i nettamente contra'PJ>Oisti: 24-13 % di ·elementi riic chi di cor. pi Ehrli ch-H·ei·nz di f'ronte' ai! 4-11 % di ql1elli a . sostanza 'granulo-filamentosa, 4-6 % co~1 co·r pi di J olli e 1. 9 % d.i .e l•ementi n111cleati. E,d fil fatto i1otato è in 1ce1rto qual modD I.a ri. petizione di .quianto ven11ie glià da :tne •n otato nei ca.so .di avvel·e1nament.o dia minbairi.o e 1qu·anto e~perimenta1mente h o visto ripetersi, sebbene in gr13Jdo m.o'l t0 me·no evLd•e11t.e, in .animali i11tos. sicati colla steis sa sostanza. Citerò senz'altro i valori allora osservati: Nei .p .r 1mi giorni deJl'a1v vele,n ·a·m1e•n to 1si ebbero i 1&egiuenti .. . v1alori: 1° Elementi E'hrl11cl1-I-I elinz. 38-32 %; g1obu li rossi I1fllic1eati 2~4 %; re ilemenii ,a .s ostanz·a grall·Ulo-.fhlaJmentoJSa 3-12 %; 2<> Elem,e.nti Ehr1icil1-H1 e~nz 16-2.1 %; glob.t1li rossi .ruucleati 6 %; ·elemenrl:i a s-0stanza granulofi1amentosa 1-0-2.4 %; 3° Ele1nenti Ehrlicl1-Heinz O; 17-8 %; globuli r ossi nruclleati 5-3 %, ·e1lementi a sostanza gra.. n11lo-filamen1t01sa 27-20 %; 4° E~emernti Ehrli1oh- Hei11 z; globuli irt0&si .nu_ cleati .3-1 %;· elem.e nti a so.stainza .g ranulo-fi1am1entosa 12-3 %. • ·Sl)lerd.mei1taJLme11.te i risiultati ort tenuti f11rono a•ltrettanrt:Jo e f.o:r:se .p iù p ers113Jsiv.i ·poiichè 1si poter.on.o metter.e .in 1ev·ic1enza ,e1lement:i EhrlicihH·einz n10!n 1sorro n egli a11imaJiJ nei 1quali si potè d1etarmima11e una r eale alte·razione della cras.i .san·gui·g na, ma ancora in qiu·elli che non r·eagircmo 1con ii:i;nmtissi.on.e i1n cireolo di elementi Illeofor.mati e COlffirt1nqruie immaturi. In genere la quantità di tali eleme11ti ancl1e in qt1esto caso si dimostrò se1nnre coll'intensità - in ral)oorto -dell'avve len·amento i11ldi1p ie1nde11t.en1'ent,e dall'es servi o me110 in circolo' elementi nl1cleati ed elementi a sostt1n za grant1lo-filamentosa. I qUJa;li fatti p1osso110 .piermetteTci qua1che co11c1'us icme. Ed .inlllamzi tutto mi s emlb!'a d1ebba. esclucl·ersi l'ipotesi che essi ahbiano un 'origine nucleare (P rup.pen1h .eim, ..i\J1nlQ1lcl , ::.\1dxin1c \, e p er le loro caratt eristiche biochimich e. essendo essi nettamente acidofili; in secondo lt1 ogo p er chè la loro pre ema non è mai c:totn in r apporto nè cogli ele1~enti nucleat1, i1 è con q11 elli aventi n el pro1

1

1

1

1

1

)

:


87

SEZ iO.KE PRATlCA

tcplasma resid.ui 1e fl1rn1azioni d 'ortg ine nucheare, ed infu1e ancora perchè i 1co1~ Ebr1i chl l einz non $ ri!sco1I 1trano mai .conten1,p o ran1eamente a.i .nucl eo 01d a i 1eisidui ·!lJUJC1eial'i. 1

1

1

I=>:iutt.osto devono ·con&iderars[ con1e d 'ori·gine protoplasmatica (Heinz, Huber) e per la l oro affi•n ita ti1ntoI1iaJ1e e per i.I loDo probabile m.ooca11ismo di prod11zione: difa.tti~ come ho g i à avut0 occasion.e di dire, l a lor.o formazione si .accompag11a ad 11na vera e pl'op:ria rarefazione del protoplasma, tanto che l e lemento che p i ù ne contie11e appare più pallido od anche ·r im picciolito e rattrappito, e il corpo di EhrlicbHeinz è molte vo1lte oome i.tsotlato n 1ell'elemento cln 1111 alone chiaro corrispondente, con ogni JJ1·obabilità, alla man·canza di ' protoplasma ; t'1 li fatti darebbero a pensare che esso, subendcJ l '~lzione tossica, si raccolga in l)iccoli an111 1n ssi. pt1r non perdendo le proprie caratteri~ ti (' l1e fisic0-cl1in1iche. }I el11z pensò si trattasse di u111a necrosi dre l protQPliasm.a: ·ora, s e ciò f.osse, probabilmen.te le gra11l1lazioni ;peir~eriebb eiro ogni af.finità tintoriale, come avviewe in gene1re per O·gTui tessuto i 1e: c: r ot ico. i 1e1)JJ>•l ITe mi sembra, da dojve.iisi acoettare ..se r1z~t di ~c ussione l'opinione di Ehrlich, che consid e ra i corpi di Heinz n on 1coan.e una necrosi del 11rot opl n:sma, ma li i·d entifi ca cjo n i corpi interni r1,,,, r11 ioi da lui ·descritti nelle forme .g ravi di t u1 1e.1nia) pu•re aoidorf11i e 1clhe risultenebbmo ,aa t111a rnodificazione dell'emoglobina in meta(\tlloglobin1a. Se così fosse dovreblbero r:iiscontrn l'"i unicam ente o q11asi in casi di intossicazione da so'3 tanze capaci di determinare ta. le 1ra.sformazione. Or tali corpi vennero ri. scn1Ltra1i dall'Il flber e da me in casi di intoss ic·n zio11e da nitrobe11zolo; ora questa sostanza 11011 tras for111a l'emoglobina in metaemoglobi · 11a, 111a jn una sostanza corpo del n itrobe11zolo - spettroscopicamente ben d ifferenzi ale cla essa. l..'ipqtesi poi d j Schilli11g-So1·gau , ch e glf anzidetti corpi esistano preformati nell 'eritrocito ' e non siano d imostrabili e difficilmente in condizioni normali, mentre in condizioni p atol ogiche subiscono tali modificazioni morfologiche e chimiche ·da poterlo essere, non mi sembra del tutto esatta, a lmeno per q u anto riiguar~da 1a lol'lo p.ree~i stenz.a, .data J1a Jo,ro -cara tteristi ca d i i ing ersi colle sostanze acide ; ' n:iruttosto .quando_, a'l 1co.n .trario, la consriidera c·o1ne l1na modifi cazione cromatica dell'eritrocito a carattere degenerativo. E 15e {[)10i stiamo al fatto che essi a,umentano r oll'ag,grav.arsi dei, fenomeni tos.s i1ctii gie·n er aJi e c·he la 10T10 1scompairs1a coincide 1c0Jl1a sco.mparsa 1

1

1

1

1

1

'

c1i questi, dobbia1110 necessariam.e11te ·a1un1ettere un'orig.ine p 1,eva1e11tem.e11te tossi ca. P·er qt1a11to · rigruard.a l 'ef.f1c·a1cia de.I sussidio. • t e1~a:p.eutiico, im1p.i:e·g·ato , com.e ho ,già ·d·ett.o, ir giudizi.o non p1uò ch e r.1 uscire favo1ievo1e t enen., do co1nto no·n solo dei m~glio 1!'a1nenti d.ella cra>Si saniSiuigna, ma ancora di qu€Jài immed.i•ati ad c gni tra.s f:uslone che· tanto 1sio1g igettivamiente 1 qua:nto og,gettivamente po.te1\·an10 eis1s1ere rilevati; poich'è IlJOTh l' esito infausto -:- aVV·etl1!UtO· p1er Una insuffi1cienza aicuta de·l rene - ip1uò rpar1lrure in '~ u o sfavore, l ' effi1eacia re.a l e te:rop.euti<::a dovendo essere 'PJu tto,sto giu1dicata da que[ com:pleisso di Condizi.oiil.li .faiv·o:nevoli che esso è ca.nace sia ' pure tempoTaneamente, .d,i determin•are., indipen1d entffinernte dall 'i11tervent-0 id i altre c-0m1plicaizioni. LETTER..I\. TUR_i\. 1

1

1

1

1

I

1898-1 909. FFRRATI. L e e'n1opatie, vol. I. FRTEOSTEIN. Experi1nentelle J~eitraae .:. K enntniss d . Perniz. ~4.néimie. (Folia haematologica, XII, 911). EIIRLlCH. Die ....\ 1ièi1nie,

lVeiter. Beitréige z. 1cenntniss d. Heinzschen Vergiftungskorper . (Folia 11ae-

HART\VICK.

matologica, XIII, 1912). d. roten Blutkorp . durc li Gifte. (Virchow's Archiv Bd. CXXII, p. 112). ' KuNREL. Che1n ·i sche Beitréige d. Substanz d. liaemoglobinéiniischekorper. (Folia haematologica, Bel. XIV, 1913) . · · PAPPE:KHELi.\ I. 1t'ieter. M i t t eilungen z. kenntniss ri. H einzsch en li ergiftungs korper. (Fo•l i1a hae_ matologica, Bd. XIII , 1912) . SCHILLING-SORGAN. _4 rbeiten uber d. Eritro::.y ten. (Fo1Iia ha.ematologica, 191·1 1e 1912). ScHMAUCH. Ueber d . Endoglobuléire I\.orpe1·clien d. Eritrozgten d . Ko tze. (V1vche"v's . 1\rchiv. HEINZ. Mo1j· phol. Verèinderungen

1895,

'!_).

156).

SCHWALBE-SULLEY. Die m or p hologischen Veran-

derunyen d . Blutkorp. bei d. T uluylendianiinve.rgif t. (Virchow's Archiv, Bd. CLXVIII).

e VARVARO. Folia clin ica, chimica et mi- . croscopica, 1914. · Z11ccoLA. Su di un caso di avvelenamento d(l, nitrobenzolo (Il Policlinico, 1918).

·vroLA

Dott. SERTORI O MARIN ACCI Liber o docente di P atologia Speciale Chir urgica ch irurgo negli OS11JedaiY di Roma.

OCCLUSIONE INTESTINALE 11 lavoro è diviso in due , parti. Nella prima parte è trattata In modo chiaro e conciso, in dodici capitoli, la patologia del· l' Occlusione: è esposto quanto dallo studio clinico e speri· menta le d ell'importante argome.n to si è desunto, riguardo al· l'etiologia, alla patogenesi, all' anatomia patologica, alla aln· tomatotogia, alla diagnosi, alla terapia. Nella seconda parte l'Autore studia re cause della mort e nell 'Occlusione: messo in r·ilievo l' importanza dell 'argomento, solo di recente svolta, in rapporto a rre ~ue applicazioni pratiche, aggiunge un pregevole contributo personale, tacendo se. guire le deduzioni delle sue ricerche. Un volume in-8 grande di 182 pagine L. 13. - Per i nostri abbo:1ati sole L. 10.75 franoo dii porto e raccomallda.te.

'


I~

POLICLIKICO

IGIENE.

I sistemi ado ttati pe1· la disinfestazione e clerati~zaziQ11e <lel le 1lavi, sono .cliversi , molti La deratizzazione e disinfestazione delle navi dei ql1a li da tempo aibbanclonati, o perchè ineffì caci, o p e rC'h è po co pratici e dannosi. o a mezzo dell'acido 'cianidrico. • i1eri colosi . Oott. O. GoLINI, ispettore ,s anitario, Società .Si ri e.orse prima ai. veleni, poi al la , inoc11laItaliana di 'ervizi Marittimi. zione, n ei topi, di microbi pato.geni p1er provocare, fra e.ssi, delle epidemie distruttive, ma E cosa , orm li, nota cl1e 11n piroscafo, prima con soa1'.SO risultato. cl1e lasci lo scalo di costruzione e di allestiSi ricorse ai getti di vapor.e e finalmente si 1n cn to, s i è già popolato di. topi e a nt1lla vn.lricors,e ai gas: fll es oe·r imentata l'anidride gono i mezzi cli protezione, cl1e usualmente s i étdottano, '!)er impe,clire la salita a. borclo di · carb·o nj ca, m .a ri-s11ltò inefficace, pe.rohè pit1 essi (imbuti metallici ai ·cavi di 01 meg,gio , o J)esante dell'ari.a e costosa. Si è provato l'ossido d·i carboni o, prodotto scope di erica, spalmate ·di sostanze i1ocive). dalla combus1tione in completa del carbone coke: I..a nave merca11tile, l)er necessità imprescin ma è perico.loso perchè può fo rmare delle camdibili di carico e scarico , deve .affiancarsi alle bi.nazioni .esplodenti. ba n chine dei porti; è allora che, a m ezzo (leg·li Fva tutti i gas, il p.r imato rim.ase .all'anidride scalandroni o ponti v~lanti e a m ezzo delle ?Olforosia, La cui azione è in·dubbia.m ente effichiatte, e .della. mercanzia, i topi hanno fa e ile cace, s ia s ui .top.i , che su gl·i insetti. accesso nelle navi, . essendone l e calate dei Essa viene svil1u•p pata sulle navi, clisponendo porti popolatis ime. d.ei bracieri nelle ·stive, con entro del carbone Oltre ai to1)i, v'è poi la cimice, che costitl1i1sce ac0eso e .g ettandovi entro una d.ata quantità di a ltro ospite i11oppo.rtuno a bordo delle i1avi zolfo ~ · chiudeindo erm€ìtioamente gli ambienti. m er camtili, 5pecie là do·ve r1on è praticata una Questo sistema., abbastanza rudimentale, ver. . ne acc11rata e maticolosa dil1t11.r na pulizia. Essa sostit11i to· con il si t ema Clayton, apparecchio in festa le cabi.nr, i . aloni, i. dormi tori e si n a• in c11i ·Ri ,s vilt1ppa l'anidrtde solforosa-solforica. sconde oltre che negli ind.t1menti. letterecci, e• t'eti metallicl1e, anche nel.I.e i11tcrcapedini, fra, ' Tale a.p.p arecchio, .sui primi, f11 adottato per sp e.gne;re g li incendi, che si possono sviluppare le pa.ratie di Jegno P del ferl'o, ove è irrag~ n ell ' interno delle stive, m a poi trovò larga apgi11ngibile ron i m ezzi com1111i. plicazic1ne, p.er la deratizzazione e la disinfeJ.,e pulci in grande quantità e spesso anC'l1e $tazione. Con e sso si ottiene un.a prodl1zior1e di i l)ido cchi 11opolano, a p1·eferenza, le terze • a n i 1d ri'de tSÒ 1f.o r·o.sa-s o1f or ic a, nella p1r·op10 rzi on e c l as~ i. specie dop o un soggiorno più o me11 n .... i)rolun gato di emigranti, fra cui in questo cl.ell'8 al 15 %, rud alta concentrazione, e con elen1on1e11to . abl)ondano i Siriani e Russi , che travato potere di penetrazione attraverso le balle cli rnercanzia. Si propaga nei 11.l·oghi più recon~migrano ·per l 'A.metica, lasciaruclo i l oro paiesi infeBtati ·dalla peste b11])honica e dal tifo esanditi, llCCidendo i toip i e con e·ssi il b.acillo pestote1natico, che i11 T..Jeva nt e mi etono vittime s11 so; le c imici, pt1lci e tutti gli altri insetti. Ya sta scala. :.\la anc.h e il gas Clayton non manca di incon~ co11tro d11e \ agenti tras m ettitori della p est e venie.n ti. Essendo esso più pe·s ante dell'a,r ia si llubboni ca e del tifo e antematico, il to1p o e strati.A ca n.ei ll1oghi più ba.ssi e occo,r~e lungo il pidoc1chio, ch e si so110 l;ivolti t11tti gli s fo1:zi, tempo, prima ch1e sti"9'e •siano liberat e dal per cornpienne, a bordo d elle navi, llna pronta gas o re.se pr.a tic.abil i; e q11indi, .alle 24 ore, d11- _ e icura dis truzione; e questo compito , i è o rrant.e le qu.ali il gas d.eve rimanere imprjgiomai comp.reso, che i1on d oveva es er e a ffirla t o n.ato, va aggiunto il te.mpo, non indifferente, a ltro che ~d un gas. necessario per effettuare la aereazione dei loInoltre il fattore prin cipal e di c11i si doveva cal i; p er cui ci vogliono non men o di .altre 12 tener conto, 1n ell'adotta.re i vari sistemi di dio.re e più. Ino.1itr.e il gas Claytan dete,r ior'l ·le ~infes tazi one a })ordo d ell e i1avi. era la rapisto ffe color.a te e. le vernici, sporcandole e indità dell'oipera,zio11e, i1er tenere il min dr temipo gia ll1enclole; abbrunisce le dorature e le st-uccapossibile sospeso il febbrile lavoro di .carico e tl1re; attacoa i metalli dei macchinari e le arsca rico d ell rt mercP. genterie. Ro,·ina le amalgame degli specchi . )o·ai po :=-ia 1t1 dire, con , ir l1rezzn. r J1e Qltem entre d'altra parte si con.serv.a, per lungo c:.to l>rin10 intento. insieme nel altri impol ta11temp o, negli ambienti, qHe11 'odore poco gra t0 ti ... s imi , i sia ragg iunt o, co11 l'nf'o dell 'ncid11 de.ll 'ani•d1r id.e solforosa, che s i trasmette anrhe cin11 idrico, gvilt1ppat.o iu f ot·n1a lfi g·a$. A mezn.d alrl1ni ali111(\nti ( ron~erve, formaggi, ecc. ). zo di esgo nel breve Ia gso cl i ten1no - di l111 'orn I11oltr{) l e carogn e dei topi, t1ccisi con ta1 P ~ tnt:lzzn. l'operazion e è ro111!)intn. ron ri~n ltnti n1ezzo. in ll1ogh i irraggin11 g il1ili , pl1trefanno e r·orn ll et i. ctnnno d el fetore. 1

~

1

1

1

1

le

1

I

.

• •


89

SEZ LONE PR.\TI C.\

'l,utti q ua11ti (1uesti ii1co11ve11 ie11 ti tiUcciiati possono oggi essere elin1inati, usarldo, a scopi) d i disinfest<:tzi one e cli deratizzazio11e, 1 ltciclo cia,n.idrico, co11 cui pt1ò con1piersi t1ualsiasi operazione di Llisj11 fe tazione,, sia _çout1·0 i para ~ siti ùelle pia11t e, ja co11tro gli i11 etti e i t(1pi, in ospeclali, ca~e1·1l1e, i11a.g azzin1, istituti. navi, ecc. I risultati fi11ortt otten11ti so110 . taii taJi da potere orn1ai rite11ere che tale si.s tero.a sia l·unic-0 da preferirsi, ta11to per la sua indiscussa efficacia che per la sua prontezza di azior r; e queste due qualità gli co11feri co110 il va11taggio inestimabile della spe ditezz.a d ella operazione. La Direzione cle1la Sa11ità Pul)blica . e gue co11 gra11de interesse le applicazio11i di questo sistema, del quale ora in Italia si fan110 esperie1ize su vasta scala, ·ed il Direttore d ella Sa11it.il, comm. Lutrario, in seno .al Comitato del I" L' l'f i eio I11ter11azi o11ale di I giene pubbli ('èl l1ella sessio11 c id i ap1 ·il e e maggio u. s. a Pa1·igi., ne f ece oggetto di u11a cl ot ta ed elabor::l ta espos izio11e, Cll'C.:H, J"illll)Ìego del] ' acir/<;J cirtriidrico 11 P i • s P r v i z i d i p r ofil as s i. l .'in1piego dell'acido ci.anidrico, ~ scopo di dis111 f<1!-ltt1zi-011e, è conosciuto da lungo te1n})O e 1inu ùaJ 1866 i11 America dél Nord, ed i11 EuroI>a ~i adottava in a.gricÒlt11ra contro gJi i11~etti noci vi alle pia 11 te. Il ·ga.. si ottiene mediante la reazioJ1e dell'a<·iclo so1forico dill1ito in arqua; co11 il cianuro d i 1)oiassio. I~~~o è un gas lln po' più leggero dell a"!'ia; per cui, .aperti i localj dove è stato svil·u 1)pato , tentle11do esso a inalzarsi., la aereazione si compie co11 rapidità. · L.a ,slta estrema e fu.lmine.a tossi cità, u11iLa a t111a potentissima p.enetrazione .attr~ver.so le balle idi m ercanzia e d·entro i più reconditi nascor1digli, ci danno garanzia a:ssoluta che, nel IJiù breve tempo, .si ottengono imm ediati e sicuri risultati. Esso, allo · stato liquido, applicato sulla pe.lle o sulle mucose, o in ,stato di gas, aspirato, produce, colla su.a micidiale prontezza, la morte istantanea, per .asfis. ia, ostacolando lo scambio gassoso respiratorio, e :per la combinazione dell '.acid-0 cianidrico con l 'emogl-0bina de·i corpuscoli rossi dei quali impedisce l'ossidazion.e. Per la d eratizzazio11e e la disinfestazione si a d opera in volt1m.e e p.e so alle segue11ti prop.o rzi-0ni: Il sistema che .si arlotta p·er lo .s viluppo del grus a bordo dell~ n .avi è il seg11ent·e: si preparano in prim-0 gli ambj.en ti dove deve azionare il gas, chiudendo tutte le possibili vie, p.er impedire la fuga del gas: trombe a ;vento, h11bl.ots, aspiratori, griglie. Di poi si collocano, n el punto pjù remoto e basso delle Rtive, della cuimera delle maiochi·ne, nel tunn·el d ell a l_b ero 1

1

I

1

1

1

1

uell 'elica, eèc., i leèi1Jie11ti di svilt1ppo. Que sti cu11 isto110 i11 due· recipjenti, 1.no clei quali co11ti ~ ne Ja eol11zio11e di acido olforico e l'altro le tavolette idi cia.n uro di potassio. Qu.est~uìtjmo recipiente vie11e i1nper11iato con W1. suo maxgi11 e sn1)eriore ètd u11 i11a.rgine st1periore dell'altro i ecipie11te, in rnodo rl1e, assicurata u11 .-1 co rclicella ·con u11a ,s ua e tt-.erni t à aJ recipiante ro11te,n ente il cianuro, quando essa, dal!'es ter110, vie.n·e· ·co11 for za tirata, fa ca11Jovolgèr'e detto recipiente ·t1ll altro, con.t ienente la s.6111zionè di a cjdo olforic.o, vers.a1ldovi, tl.e11t1·0 tutte le ta\'Olelte 1di cianuro di, potas io. . i cl1iude st1bito anche <.111 ella piccola. apertura·, ·da 1dove i è ·f atta pa sa.r e la cordicella '°tl l' esterno, e s i lascia c h 2 i sviluppi il gas; e dopo un'ora P 1n e:.:.a ci1 <«t .si posso·no riaprire gli an1bie11ti lJer Ja .aereazi o11.e. Nell'insterno dei locali, per aprire ttttti i portelli e gli hilblots, deve olo pen,etra l'vi il persorlale tec11ico addetto~ mt111ito di ql)posita maschera. Gran.de ·deve esse.re la precat1zio11e i1el· penetrare n.e i locali, ove si è isvilnprp ato il .g as, .specie nella stiva? 11ej refrigera.nti e nella ca1nern delle maechine · e i1elle s eillti.n e, ambienti dove la ae.reazi-0ne e le:t ve11tilazio11e ... i proù1 t1ce con più difncolta, e t1u i11di sarà JJr1tdente aspettare due o tre ore dopo J'ape11t11ru. · P er mag·gior e _pre oat1zio11e sarà bene calar\· i , co11. l1na co1·rli cella , delle gabbie cò11 entro dei topi vivi e lasciarveli per qualch~ tempo. (Jue ~ te i:>recauzio11i .0110 consigli.ate dal fatto che, rSCe11dendo in un locale,. dov.e è staito svi1np.pato il gas, esso non è tanto prontamènte a vve·rtito dall'oJ.f.aitto, da evi tare gra·v i conse\ gue11ze, p·e1r la inspirazjone cli 11na esi gua quantità · di gas bastante per p1·odt1rre effetti gravi. ~Ia, ripeto, co11 una. oc11la tfl p1·e cauzione, o·g11i iniconvenie.nte è fa,ci1e ad eYit.are. J_Jn co.1 1centrazione del gas si fa, in genere, a d11e titoli : si ado'Pel'a al 3 % se si ·vuole co111piere la deratizzazio1)e, e aJ 7 °fc, se si fa a scopo ~ di1si11fesitazione per cimici, pidocchi, ])11lci, e si .è visto ch e t11tti 111noiono 11ello s.p azio dai 3 ai 5 minuti. f.,.e bl a tte presentano u11a inaggiore re.si·stenz.a , rn a a11ch'esse muoio·no in 4--8 mint1ti. S11i bructeri n.011 ha alcuna e:fificacia e c.:ol locate ,delle cult1lre in a.n1bienti do1Ve fu svill1p}Jato i1 g·as, a gl'a11de -eo11centrazione, .si è vedtuto cl1e la sua azio11 e sj lim]ta solo .a. ritand a re lo svil11.ppo d,elle c11lt11re. 1

I

l

I

\

1

L 'liso deJl'.acido cia11idtt·ico a s cop,o di disinfestazione a bordo delle navi è °'rmai entrato in 1

I

grande uso, • La So cietà Italian.a di ervizi ~Iarittimi, la Sicilia, la ì\Iarittima Ita liana, la Navigazione Ge11eraJe lo hanno già la1·g·a me11 te SJJerjmentat.0 e si p11ò ormai dire ch e q11este Con1pagnje

I


(ANNO XXVIII, FASC. 3)

Ti P OL ICLI N ICO

!>O

lo J1a11110 adottato carne il sistema pfù favorito, ptima ·clell:inizio, ~vevamo notato gran quani>er le sue qualità, cl1e gl'i conferiscono un.a sutità di cimici n el d ormitorio dei camerieri. Quiperiorità indisct1ssa sugli altri sistemi. vi fu sviluppato il gas, alla concentrazione del In primo lt1ogo, peir la .s ùa rapidità di azio- 7 %, e nonostante che, d11rante lo sviluppo del ne; ir1 sole 1 ore l'operazione è compiuta. da gas, in quell' ambiente ci fossimo .accorti che 1>ermettere agli eqt1ipagg'i di tor1i.are a b ordo un finestrino in murata era rimasto spalanca, e di rioC'cnpa re i loro ambie11ti, e di poter ri . to, pure, finita 1 operazione, quando ,p otemmo m.ette.l'e, i11 !-'Ì breve t empo, il piro1sc8Jfo sotto scender.e 11el lo cale, trova.mmo morte tutte le sca ric:o; qltes1to è il primo e gran1de v.a ntaggio cimici, le bla.tte, le mo.scl1e e qualche pulc2. ' che J1a Slll Clayton, peir il quale ci vogliono Due .g.atti che ~a:.ano rimasti rincihiu~i nel loa11ne·n o 30 o1·e p·ri1na, eh~ il pirosic af o sia abicale , della terza classe furono trovati irrig·iditi. tabi 1r. 111 .·eccndo ]llog·o non deteriora assoluA !)arte la i11discl1ssa efficacia dell impiego tamente nè .stoffe, 11è pitt ure, nè verniciature; clell'acido cianidrico, per la deratizzazi-0 r.1-e e no11 attacca i metalli, nè, ramalgama degli disin·f estazione delle navi, è necessario però . che s1Jecct1i. Non altera nessuna sostanza alimentare. Si u ·erà so.lo 1.a precauzione di allonta- l ' a1)plicazi one di tale sistema •s ia meglio ordinata e disciplinata, p e r r itrarne tutto il vannare i vasi di conserve aperti e di chiudere taggio e p er evitare ·deplorevoli cons·eguewe. bene i r ecipie11ti conten.enti i liql1idi, perch è Come prima cosa è indispensabile ab.e il perpossono disciogliere una certa quantità di gas. so11n le addetto a lle ope1·azioni sia un persoi\Ia è stato veclt1to ch e anrc he que·sta precauzior1 à le maggiornienite .adatto a lle funzion'i che è ne è 1) r esso s11perftl1a. ct1ia rr1ato a compi.ere, e . sia con.scio di tutti i No11 è infiammabile. No11 la.sci.a n e, Sl lll catg ravi pericoli a cu i e·S1)0 11e sè e gli altri pI·entivo odore. dendo tro,p .p .a fa miglia,,rità con l'uso di un veSi è a11che detto che in un animale morto, leno così t er ribilmente mici·diale. pel' l'azione tossica d ell acido cianidrico, ver1 Ino1tre, il personale dovrà esse.r e sempre vig·o110, co11 e. · o, a.nche t1ccisi tutti i germi della gilato e di1·etto da persona tecnica, che, duran11tLtl'efazion e per c11i l'animale t1cciso dal gas, te 1'01)erazione, a bordo, seg11a, con meticolosa nei suoi n.ascondigli, non cade in putrefazione cura, lo svolge11si del lavoro di preparazione ma. 111Ulllmifira. I fatti però av.rebbero a eposto d.egli a mbient i, e Io svil11ppo del gas in es·c;;i, e a l eoi1 t l' a r i o. clella. aereazione, curando che non altri vi di..\11cl1e 11e.lla convenienza del prezzo si rende scer1d1a (.se non coloro ch e sono muniti di mapreferibil P agli altri sistemi; ·di fatti l acid0 eia r1idrico cos ta circa la m età prezzo di qnanto schera) fino a. ch e non sian o scomparse le· ulcosta l'a11idride .solforois a prodotta dal Clayton. . time traiccie d·el gas. Nella pre:p·a~aziQne dei i ecir)ienti di sviluppo ci el gas s i dovrà curare :\elle !)l'ove effettuate a b ordo dei piroscafi ('lte nessun frammento di cianuro di potassio della So cietà, presso cui presto se.rviz\o, ~e n e sia dime.p.ticato in coperta, com e qualohe . volta ebbero ottimi ri·st1ltati. Sul piroscafo « Alban1 i è stato dato di co11statare. nin. » , cli c fa. gli scali del mar Nero e L evante, Esercita:re 11na v.i gil•anza scru.p olosa, a che si compiè la deratizzazion.e e la ·di•sinfes.tazione. nesst1no del personale di bordo, che rimane L' operazion~ dt1rò circa 4 ore. Lo viluppo del s ulla n ave durnnte l'operazione, incoscientega.s f11 pra.ticruto ad intervalli successivi, am ' rnente, si introduca negli ambienti dove è stato biente per a mbi ente, ciò che portò ad un magS\'il11ppato il g.ais, fino a che questi non siano giore dis1)e11dio di tempo, ma l'azione d el gas , stati convenientemente aereati e fino a quando in ogni si11golo ambiente , non dt1rò più di lln 'ora e 13 n1inl1ti. 11011 vi si.a. l assenso del dirigen te dell'operaz L011 e. Dopo due ore dall ' apertu-ra per la aereazione, poten1mo a ccedere, senza alcun peri-col0, in A11cl1e alle scai.ette, da cui si sale a bordo ogni an1hie.nte . . Nelle stive si trovarono molti o allo scalandrone (,se il pil'oscafo è ormeggiatopi uc ci, i, e m olti altr i certamente Sia.Tanno to) v i dov.rebbe esse re a permanenza del permol'ti 1101 lor o nascondiglio, ove li so·r.prese son a le di guardia, che proibiis ca , a .chiunque, · il gas. di .&alire sulla nave. Sulle porte degli ambienti ~ corutrol li, co11. i. tenti i11 topi racchiusi in ove si vilt1ppa il gas sarà buona cosa apporpi ccole gabbie, che i Medici di P o r to, che sorre dei cartelli can scritta la proibizione di invegliavano i ri~ultati dell'operazione, avevano g r esso, con peri colo di morte. collo r ~ to 11ei luoghi più ba$gi. e rE? conditi del la Occorre ch e il personale tecnico si renda , rlave, furono tro,w ati llCC'i~i. prima, esatto conto del la disposizione d egli am1\11cora un fat.to per din1ostrare la it1dt1bb ia bienti della nave, che devon o essere disinfete pronta effil·n cia dPll'acido cianirciriro ro a t ~t i , e ciò per e ffettl1are. n el modo il più comYe1nn10 ~ti l 11i ro~cn fo « ~l\lbania n. •nel ql1ale, pleto. il tamponam ellto del locale. ove deve~i 1

1

1

1

1

1


91

...

SEZIONE PRATICA •

s\·ilt1p1lare il ga ·. Ciò lo potrà n1eglio fare co11 la coadit1Yazio11e del personftle tecnico e di ,.. Lltlello di bordo, della Soci età armatrice. PATOLOGl·A GENERALE. Per abbreviare, poi, la dt1rata dell'o1)erazione, J,e tonsille è necessario, t1na \·olta terminata la preparazione degli ambienti e collocativi i re·cipienti ' come porta d'entrata delle infezioni. di ~Yilt1ppo, farvì sviluppare conteniporanea(J. CITROS . Deut. J!ledi:,. lVoch en., nl 13, mar-. 1riP. 1rt e, il gas, poichè lo svi l npparlo ambiente zo 1920) . per an1bie11te, richi·ede una perdita di tempo tripla e quaclr111)la cl1e implica un danno o riL e to11 ille peir la 101ro costàtuz.:hone anabotardo }Jer il ritorno clegli eqt1ipaggi a borcio e n1.ica e pe.1· I.a loro situazione, sfi.01rate continu a111e11te d a una cor:oonte d'aria e dai cibi per la ripresa clel lavoro di carico. Riterrei inoltrt• co11ve11iente, per riaggit1ngere più facil ; , cari.chi di ge1rmi., rapp:nesentaillo senza ·dubbio me11le l'i11tento di uccidere la ma.ggiore q11anun pu111to di a•rresto e di i!Ilgu-esso. di i1umerosi tità possibile {li topi, di procedere allo svi lt:l)PO ger111i patoge11i. Il frutto che tali ge~rmi patogeni ge11eralment1e non danno luogo allo sivicle1 g·n~. a t1otte inoltrata~ d tirante la qt1al e que...,ti 11011 ùi::-turbati dai r11n1ori e dalla prel11ppo di una imfeizioIDJe è certa.mente legato alla funzione fisiologica delle tonsille , fl1nziose11zH ~lelr11 on10, esco110 tutti dai l oro nasco1111e in gran parte linfocitogena. :E: probabile tligli e t.:i rcola110 con maggiore libertà; collorH 11rlo, 111agari. 11ei locali da disj11 festa rsi, delle ar1che che le tonsille abbiwno una vera e pri·oso~ta 11ze alinlell . ari prefe1 ite da ql1 e ti animali. priR funzio11e escretoria, e le ricerche di Frel 11fi 11e, è stato notato, nella notte seguente de1·iz i, Hendelsohn e altri ·dirnostr3Jno che 11elle al giorno ill cui s ul piroscafo f11 effctt11ata la tonsille esi6te una col'rente linf.atica dall'i:rhdP-r<.ttiZZi1zin11e, che una certa q11antità di topi terno all'esterno. La te01Tia che le tons·ille siano ~c.:0 11 ar.zava sul ponte di coperta, Questi sono un O! gano di clifesnu che protegga il corpo conto1Ji ·~ t111erst.iti, {>erol1è l1c.\nno preferito fissare tro le infezioni, non ha potuto trovare l'ap.pi·olu 101 o "-tal) ile dimora all'aria aperta, ove il gas vazione di tutti. C-ertamente le tonsilI.e nel 110J1 J1a. etticacia, na ~condendosi di giorno nelloro . tata fisiologico possono essere 11n organo 1' ii 1t1'l f i10 tlel I e lan cie di sal ,·atag·g io ecl i11 inezdi clifesa, tratte.n.endo i ge:nmi, ver.. a11doli alzo uJl'am111ata samento d'ei cavi di ormeggio. l'esterno ed. imped·endo pea- 10 meno che entriPer oYviare <1ue. to inro11\ e11iente, si rende no nella circolazione linfatica generale e i1el • nece--_a l'io cl1e, fra le operazioni di preparasangue. zione, vi sia ço111preso anche il tlis~e11diment 0 ) Inoltre l 'azio ne bactericida dei linfociti è didi tutti i cavi di ormeggio sul ponte, ponendoli veir~ca a seconda d elle viarie sp ec i·e di germi e sospt... i, e il cli~ar1no cli tutte le lancie cli sal, aparo l eg·ata a1la presenza di u11 fermento cl1e taggio, cala11dole, e ma.gari ommerge11dole in p·er i linfo1ci t~ sarrebbe 11na lirpas~, per i po1imar e, 1~ ... 010 co~ 1 ~i pot1·à snidare qt1ella qua11- nu cl1e1ati un fermento triotico ed ossidante. tità di topi, .cl1e vi,·endo all'aria aperta, non ~wrks 1sperimentando col bacillo della p este può es~ere i~aggitinta dal gas. dei suini che app~rtiene al gruppo dei paraGli n1Jparecchi cl1e. servono per lo svilu.p po lm B . notò che quando esso vi•ene me1.Scolato del gns ed il loro funzionamento, per adesso a,gli alimenti, i topi mrt10.i ono tra la 7a -e 10" (per <1uanto si raggiunga lo scopo), sono abgiornata e n el sangue già dal 3° e dal 4° giorh a~ t a 11 la. .u 1 i 111 i ti vi , ma mi eon.s La eh e per la no si ritrova il germe; mentre quando i1l millrorllllio11e cli ga, to ., ici ... i r>orrà, fra. brev ~. croho viene e.on una sonda portato airettai11 fn 11zio11e 1111 aJlpare crhio cnpare cli insufflamente nello stom~o, i:rli animaLi sop1raYviyono re rn ·i do cia11idl'ico dall'ester110 all'interno de1an('he oltre tre settimane . Secondo l A. ciò è dovuto al fatto che nel p.rimo caso i germi peln n.a ve, a m ezzo di tubi con un.a 11otevole r1 ess1one. netrano direttamente nel torrente circolatorio f~ necessario che in tali operazioni veng<t attraverso le to·n sille. E qt1esto è confront2 bile tisatu t!11a !liù lar.ga dotazione di mezzi > avendo con i dati ottenuti negli ammalati di tifo, nei notato 11na qt1alche defici·enza. q11ali ~ono ~ta ti riscontra ti i bacilli del tifo · J11 l1lti1no, .i:::arehhe de iderabile che le Com nelle tonsille. IJRg11ie .t\rmutrici di piroscafi, rivolgessero un L 'A., con le ticerche col collargolo jn a111ma maggiore interessamento v.erso questa operalati di tifo, ha notato la comparsa sl1lle tonsille di plinti iperemici ed emorragici: che egli rizjone rof'ì importante e delicata, ove è cointiene in l'apporto a piccoli focolai di tifa. E volto an(·l1e il loro interesse e responis abilità, come il circolo. linfatico faringeo rappresenta coadi u van·do a cl1e l'operazione di disinfesta• nna porta di entrata per il tifo e para tifo. cosi zione e dera tizzazione riesca. t1ella st1a pienezza . . f'rchabilmente avv~en e an rl1 e per al ~ re i11fe-

SUNTI E RASSEGNE.

1

1

\

1


92

\

zio11i i1elle quali si risco11tra110 alte1·azio11i dell'anello clel \'1aldeyer e delle tonsille ( carlatti11c.1 difterie anoaina sifilitica). ' ' le alterazioni tolJlsillari d el tifo Similme11te esa11ter11atico e dellH polion1ielite posso110 cor1siderar i come dovute ad una pl'ima localizzazione d el virus, come. sperimen lalme11te lLan 11 0 nella J)Olio111ielite ottenuto Landsteiner, Levat.liti , l)a.nule sco, tl'asmettendo l a malattia ne Ile sci in1nie, con l 'inf ezio11e dell e to11sill e. ~ e1 J1a, lJato·g en.esi · di a l cune malattie, q ti ali il ren111ati1 mo articola·r e .a cuto, la gl0mer ulon efri te e111or ragica acuta, le sepsi, le endo ~ pericartiditi, le pleuriti, h anno importanza notevole i1011 olo le affezi oni ac11te. d~ll e tonsille, i11a ·pecialrr1ente la to11s illite croni ca, che può deco ri e re senza febbre e senza alcuno speciale sii1tom o 11biettivo. L e o servazioni cli nun1e1·osi aI1to1 i sono con. cardi i1ell'ammettere non solo l 'esistenza di u na to11, illite preced eri.te allo sviluppo del reumttt i i110 articolare acu to, della nefri te e delle se1J "i Cl'iptogen.etiche, ma anche com e a lle riacutizzaz ioni di un . a tonsillite cro11i ca Sllf>èrficia le corrispon.da110 riact1tizzazioni del r eumati 111 o articolare o della nefrite.. I ndicazion e terapeutica che si pt1ò dedurre d a ta li fatti è, secondo l'A., la tonsillectomia: cJ1e speci e nel caso di to11sillite croni ca evita la comparsa di inf·eziol}i che nelle ton.si lle a ltera te troverebbero più fa~ile porta d 'ingresso, • o qnnndo una di tali infezioni già si sia stabilita, evita le riacu t izzazioni legate a lle fr eq11e11t i riacutizzazioni dell 'affezio ne tonsillare. • TREN ry. 1

NEUROLOGIA. •

:U morbo di Wilson.

-

(P. L. :.\l AR l E. La Prr.sse ·niéd., 12 gi t1g110 1920). La sindrome cli11ica nota .sot to il i1om e di m orbo di \\.ilson ch e la · identificò cli11icamente e anatomicam' ente nel 1912, era g ià stata intraveduta da Gowers, Ormerod e H o111en . E 1111a mala,t tia 1ch e colipi1sce i g"iov,a,11i, pe o è fn.n1i~ ! iare, ma non è nè con,gen it a~ n è ere-

cl itn l in. i.nto ma ti co b en cl efinito ed è l'e~ re ... sio11e di t1na les.io11ie cl el sjs.t e1nq. mrotore ex traipiramiriale : 1n·oi\7imenti iil1.vo1ontari, e. ·e11zialm e11te tre1nori, rigidità n1uscolare e rn11t rnzio·nd ~asmo di che . ai~ t ern ia. 111usr-01lare, di"nrtri<l. di fagia. dirnagran1e11to cn11tinuo, e ~pe&L o cr11ot iYit:\ e dic:ordini m enta li. T... 'affezior1e h rt l111 deoorso p r ogre i,·o più o 1nè110 rapido e co ndt1oe a n1orte. .;\ll 'n t1fopsia si trova de1?1e11e1·azio11e bi~arte­ rnle r1°i n11clei lenticolari e, qu el <'l1e è i11olto ita '> J t• ........ u111te, cirro i epatica n1o'to nl r.trcata, la È llll co111plessn

1

I

l~.\Nl\O

J L POLICLIKlCO

:\XV 111, FASC. 3)

quale ~qua>S i co.::;tu11te111e11te 1 es1a latente dura11te la vita. I s intom] car di11ali d ella i11 1:.tl~1ttia, so110 i tremo ti e la rigi 1ità musco1l1are; g li altri sintomi ltan·n o un.a im~·o t·ln.1iza Eoieco11<la.ria in quanto che sooo inolto \"a.rda·bili e la loro con1varsa n·el de co1..,so dell'affezdo·n e i10,11 11a n111la di .d·e• fi nito. I nio'1' : 11z en.ti i71,rvo lontari pQ1.:so1110. a ss11mere diversi. tipi : m ovime11ti coreiformi, spasmi to . iii.ci, tetanoicL1 o, cl.oni ci a cri~i di due o più i1'1]11uti .n10Yi.n1erlti. atetosic i, 1na il tremore costituisce la inodalità fondamentale, talora la più comune ·e J.a ipiiù P·r eooee. Il tremo;r e è l'egol are, di am pi ezza !lOCO este~1a., a ritmo i apid o e rico1·cla il t 1·e1no·r e parkin so11iano. Si esagera con l 'n.tte11zion e, cori le eccitazio11i P ~ ichi1ch.e, negli forzi e neil. n1ovime.nti iD;te111zi1ona:li; tutrt:.aviru l a ·volontà :p11ò tra.n;sito1·tame11te d ominarlo. Nor1 persiste ne] sonno. Al principio è lo cal1zzato alle es tre mit~, e si manifesta 1prercocemetDt1e con l 'alteir azi.one cleù.la •s cr,i1ttl1ra.. 1Con il p,rog1·:e1ss:o· d elll1a malattia si gene,r alizza, ;c-01\pis,c e la testa erd il t•r onco,, l' ampi·eiz.a d·elle <Ys cillaziond. au m €'llta: la màno div eìlllta m aJl•die1s tra, l' a.nrlJa.tuI'la i i1 e.e•r-t. a. T à1lv o.Jta gli a.rtti i'Il.feriori sono più co·n11prom:e· si dei st1p.e.rio.ri. Il trEmlore ,della lingTt1a differioce d a quello -d·ell a ::·a 1ali si p.1 og- re.c:;1si\..a !')()icllè si n1anifest a solo nel inovimento . di -orotrt1sione. L a r igiifi tò 11iuscolare è p1recoce, e.ostante e progresisi·va, coliptsce tt1tti i 1n 11.~1c0J i 1.e.I co~a;>o ad. ,e,ccez.ion·e dei muscolli e"'t er11i <l ell'·o cchi10. Si iniizia a1gli a:rt.i ·e si .p uò a:p1pr ezz.ar e nei movi1r,.~ti di fless ione e di e~te ns:10.n1e: ali] o s tato di riposo i 1n11sco li alla. !)R Jpazione appaiono du.r i e t eisi . In se1g ujto è i·111te1"e'~1siat.a la faceta; la f1s.oniomi1a s'i:mmobilizza, sti. . fissa in u,na m asehe•r.a inesp1iess.iv a o i11 11n ooir iriso stereo.ti11ato; la bocca è tenuta l ') •r g~amente aperta, le la1bb1 a l ·etratte scoipr ono i denti e sipe ~so la sa.lri1va cola d•al.J1e cornn e, sure ..\D.1Che la testa ed il collo si irrigidi.sco110. La rigidità d el troncn è tial·e, che l' equilibrio può essere di,ffici l1nen,te m ·antie11u.t.01. Be.11cl1è sia110 .c-Ollpiti tt1tti i mt1scoli, p t1re l'ipertoni a predomina n ei fles~ so11i, 1e dita delde ma'Ili accoll.a.te fra_loro so11-0 flesse su i metacarni. - lfl mano - Rll l'avambrace.i o e qU1esto sru.J brruccio, che è ten11to in a1dd11, z.ione. L,e ,dita d ei p1:bed .i. si0111i0 .contratte, il piede è in posizio11e varo-eq11ina , i ginocchi e le a11che S()lil!O i11 fl e.ssion e. Qne.m .'attit111dine pert;i te n el ·~on.no . La contrattura costitud~ce l ln a,ggravamen t o -1 .lla. ipertonia ooil. progredire ' della malatti ri . T.Je co11tratture, che c ominci a110 alle estremitÀ distadi degli a1 t j d et erminano atti tucli.ni ,·izi r "P r1enTiru1·enti l"'il)?l li ad ogni man ov rn di corre• z.1one . • 1

1

1

1

I

1

1

1

1

1

1

'


SEZlONE PR.\.Tl CA

La iperto11ia si UCcOllltpag11ù Selll.p•r e l'Oll Ull certo graclo di a . . te11ia i11uscot.fa1·e. I i110Yi111e·11 ti Yolo11 tari si e~e1g uo110 c.oa1 minoJ.· forzc.t, so11v le11ti e cireboli. 11 1paziet11te non può l)e11ì110 te11e1 e a ltun1go cl1i 111si g·]j ooahi e la ling·ut1 protrt1sa. ~l a t1ue "'ta, aste11~a non ha nulla cli co111l1111e roll 11a parali. i, e queist'.a.ssenz<.t di p.aral i si 1) l'OQJ ria,me n te iCl et t.a, co1111 e quieù.1a djl]_1encle.n te da l ei. . ioni ùeil l5i stem1a piramiidlale, è u111 > dei s·eig;nri. c.a1iait.t1er.iJsti1ci d el ~011·])0 di \''il s<Yll. l_.a, disartria, c.: Ila diS{ag i a so110 La espl'essio'l'le delta i 1J e.1·t o111itt c1ella. i11u~hatu1\a deJla k-t1·inge e della fari11ge. .... olo eecezional111en te i 11a11n.o d1stiu .rbi va~o1

1

1

1

1

1

111ot uri: t o ~'Ori ed eide111i t1·ar1~itor ì a lle 1na11 i, ai .pi ccli, alle })alpe-h re. 1 .di sturbi ~e11sit ivi 111a 11ra110 quasi sempre. Solo (fll~l ·h0 ,·oLta si 11anno dolo1 l'i intensi ,agli arti inf r-i rio1 ·i e c.ra 1n1Ji cl1e acc o11nipag11n11 0 g·Ji sp a ~111 i 1l1 t 1se.o ]ari. I rifl·c -.~ i i1011 l).r es·e11Ul.no fiensi.b i'li a ltel'azio11i . La, re:aziÒn1e eJiettri oa è 1l01Wa1e. I cfixf11 rhi. 11sic11ici poeS10J.1-0 m1a11ca1·e fì110 al1<L fine. 111 <>g ni ca ·o so n-0 per i11rte11sità v,a,r i1a))iJi-.1~i 11 1 i . ~,0111() cair utterizzati d a u1n. restri1)gin1e11 t o ' l ell' ttt t i\" i tà i·11te1l·et.tu ale, da 1p t1ie ri 1i·sn1 o 111e11tnle. Il paziente non si r ende conto della grétVitù del ~110 &tato, s i diverte con niente, h a u 11 'c ufo ritt :-.p eciètle a <;:socia ta ad emotività esaEiern fa. Sono stntE> 11otate crisi di riso spasm odir·o • 111 11cr11i C'.(t~o 1nia•1 1cano i cli ~ tt1rbi i1u pil lnri e cie l fonùo dell'o<·cJ1io, manca il i1i stagn10 ed Gg n,i --into1110 ce1r ebe·l1lnre, il licr11i(lo cefal o-1·<tc hirli·Hll10 è 11orn1ale, la n1otilità ~·el ,·el{> 1Jend1olo r i 11t eg.l'n., no·11 si l1 a mai a,t rofia mn sco1

1

1

lorei. f~ 11 ntcvo1e il fa t.to C'h e J,a cirro\Si er1)a tn r<l c.J1 e !'i t1·ova. rosta11te111 ent e al tav•,o.lo a.nato1n1.ico r10111 si rn a11 ife1 i::ta c·o11 t1,essu'l.11 ~egno c.:li·ni·co .•i\ llH 11 e la. •J)erditn del.l' ap11Jetito, i1 on si ha111Jl,o 1

cli~t11rhi

,a ra.rico de1l'aipparato di1ge1~e·nt e . :\Iar1r" o,g n l ~1egr1·0 (1i i ·n,~11 f.fi ci eii za e·~) a t i ea.. ~o1o i 11 <Jll•ll<·llP r8c:.o !)OCO 1)1·i1n.a dell a morte ~i è notato t111 ittrrn pa~segge ro ed ematemesi. P e r cru el cJ1e ri g1ua.11da il cle co.:r\c:.o, '.i p~:~o.nt•

n''Pre for1ne acu.t r' o subocu te e croriicli e. Nelle l'rin1e,, rhe durano da qin1allct1e miecs'e a.rl 1111 n11111 '1, ~ i Jtia 1 etn1nriaz1.one ra,1).i1di•s sin1.a, f.e1h l>1·e el evata, pi ì1 o H1c11 0 11e r~ist ei11te. I ..1R fo.1 ma ("ro11i1ra. ~) lt ò d u1r-cl 1 ~e fi no .,a se tt,e a.n ni: l·o sta,to g·e11el'.a 1e ~ i rnan·t.ie11{~. h1101110· ·a lung.o ·0(1 il dim a1

1

grimen,t.o ro11l1}J1al'e tan1divrun1einte.

I,e l·es.i1cmi a,11atomi1rh·e- deJ sis tema n-e·1-vo.so cc-nt1·n.lr ro11,istono ;n 1111R 1clegene1·azio·n e JJi1o_te1·nlr, s in1111et l'i ra, c1Pl glo 1)us pallirl11s, e soJ) • ~at11tto del pul o111P11. 1,a. i 11 te1118i t à d·e11n d e~ren1e1·a.z i o·1 1 e va ri n dnlln sem11li ee clrcol o1·nzio1ur e <la.l.lo . tntn f:t11ongioso 1

3

U3

ci el i111cleo le11ticola re fi110 alla (li i11teg·tazio11'::!

totale e(L èllla t1·c-1t;for111azio11e cuvita1·ia. L e • part i Yici11e sono 111e110 l ese ed au cl1 e d e!l tutto rispetta te. 'pesso s i trova il i1 t1cleo ca11 clè.t to lJi ù o i11eii10 atrofico., i11a 110 11 deg·e11,e1·1n.to. Il talamo è q11.aisi seimp11e i1orrnale salvo i1ella reg·ione c.o tri~ipo111d·eJ1te 1atJ,e tti·b re \ta.11amo-1st.1·ia te. La . Cé1ps11la intel'na è !11tegl'a . ~ olo eccezio11almente la tL·a;sf,0.1n1azio·n e Cél ,.i tu.ria si est e .11de wl!1c.t parte este1·ua, del tul<:t1r10 , alla capst1la i11ternc.L e•.i c.u1ùche alla so.sta11z1a !b.ianica idei lo,})i fr~o11 .t ·ali soito fo,rrr1n. di pieico1e· 1acu111e 11ettam·2 11t.e .limi1

ta t e. l .1e aìl te razioni so,11 o .sen1i]) re gros.sbl•a 11c. 1

ra.r,a:n1e nt1e i lim itano .a l1esi-0.n1i micr oscopicl1e . • Co11•sec1Utiv(tmente 1alle le i10,11i del i1ncl,eo le1J.11icoln l "e, si han.111°0 dege:ne·1,azi -0J1ii ~e1c onda1·ie 1

11e1Lu re1gione sotto-t.al a1111ic1a: deigie1-1erazion~ clell'a11 a le11 ticolaa,e, d elle fi~re strio-taaam i'cl1e, rleJ co1111>0 idi Lu~:s, 1esioni ·ceJ\lu lari d,el i1ucl·eo rosso. L ia ·p1 ~otu·be.rn.uz,a, il 1bullJo, il m.idoLlo, i i1ervi rima ngono i11·denn i . P er que'l che i'ig111a t'da gli a ltri org~a·1iii, .s olo il fegato e 1ia milz,u so11 10 a lteTati. Il fe§ato rpre~1r 11tn. l e caratiieristi cl1ie ail.te.razioni 1d.e~ha ci.1wo·i at.t·ofica. La n1ilza è arutm·ea11t.a,t a d,i vo[11me. Ll n1 o rbo di ,,.ils.011 per le ·SU e i:»e1culia1i ·carn.t.teri tiche si distin g11e n ettam ente da altre inalatti.e 11e rvose. Dal:l a tetaini1a si di·sfjngue per l'.a:ss-enza ·diei 1seg ni di Tro u•ss;eau e dl Chivo~ek , d ell~ iJ}Je.reccit.a1hilità eleittri<:.a dei 11erYi e d€i n1u.Slooli . Nelllo .sta,di·o jmiziaJe 1})0t rebbe con.fo11de.r si <'on J'iste.ri1a per i distu.r}Ji 'P i cl1ici P l' e18ager·azione dell 'ern-01tiv.ità, m.a i sintomi 111otori so·n o s 11 ffì1cie111 ti ~)€'r lla dia '.2ì J-OSj d.i ff e renz.i al'e. \ Nè 1possibile è 1a conf11 sior.n e con l a pa ralisi ~ l'oigres&iiva, co.n la p,a ra.l is i b11 lba r e, · C811 la. 1

1

1

0

1

1

1

~cl er.osi .a

l) la,c,c.J1 e .

di \\:j l so11 l1a m olta ~<>rn iiglianz<t ('01 n1orb o di Parkin 011, che del r esto è stato pur es.so m es·s o :.n ra1J1porto con alteraziooi de! l1 t1c1eo le11ti colare, m a q111e.sta 11ltima 1nalattia Il

m o 1~l)O

1

c o1l11pn r e

i1ella età ava11zatn., 11a 1111 d eco•l"SO più c1·011ico e si acco1npag·n.a a·d attitudi111i ~}Je ­ ria.I i cliffere.nti. d a quel le cl el morbo di \\-il~o11. Pi ù 1cle li ca ta è 1a diag'l1o:s i diff e1 e11zi ale 0011 I a pu ral isi })s1e11do-b11Ib.are, e1sip re~1$i one di lln.a l esio11e bi late ral.e del f a~c:;c io pi r a mid.ale n ella pnrzio11e che VA cl a ll n zo11a motrice ai nuclei rnoto ri b11ll)o -·1)rot11be~ ranzi. ali, le sione C'h e sii ma11ifestn c o11 1iisa (t1'ié1, disfasia, i1aralis i. 1del velor>e11cl olo del 1'a c"ci a le ir1fe1·jor e, riso e pia11to rs~).a.smotli co. ::.\I a a parte le differe!11zre tra la J)ar alisj d el velo~)emdol o della para1isi p seudol1nll)ar e e la r igidità della ~tessa parte J1el · n1o rho di \\"i lson r ce1·to cl10 in q1le sto i1011 si ' J1a 111ai u11 'emi1) l egiH o emi11.are i, 11è le 111t)difi<'azio11i dei rifte$Si cl1e sono freq11e11ti 11el la }) a l'alis i J1seuclo-b11lb<:tre. 1

1

1

1

1


lI.

U11'a ltra sindroi111e ch e si avv1c111a cl inica111e11te al n1orl)O cli \\"ilson è quella clj l ·agtOp1Je11hei111, cl1e è determinata da un ·atrofia del cor110 . triato, tlel nucleo cat1>Clato e S')pra t11 t to de I lJtttn 111e11. Questa sindrome è analoga a. crt1el I a. d e 1In. pal'alisi pseudo-bulbarie co11ge11 i t <1. rnu. i rnu scoli della fac cia, della. laringe e dell<.l fHri11ge 11011 so110 pa1·alizzati. E ssi •sono, co 1ne <1uel li degli a rti, ipertoil1ici co.11 dj1sf ctgia, tli:...artria e tris111a, contrattl11·a s pastica cl eg·ti a rti co11 atetosi, ri ~o e pian to spasmodico senza i>a r a li. "i ·e sie11za disturbi sensitivi e psic,l1ici. Il ca ratt ere 1co11ge11ito ed ereditario di questa affezio11e, Ja Jì!=;isità dei suoi sintomi, il decorso 11111go la di ~ tinguo110 dal morbo di vVilson. 111 yuanto alla l)atogenesi l~ oipinioJ.1i son o cli co rclan ti . Pf e ifl'er crede cl1e sia dov11 to ad l111 difetto di s\·illtppo del sistema nervoso ce11trale. Ho111 e rattribuisce alla sifilide ereditaria. \\"ilso11 pe111sa ch e il morbo, ohe porta il SllO r1om·e, si.a sempre acquisito e dovuto a d 1111<t t 01s:i11,t di natt1ra ignota, ma proba. b il.m e,nte no11 rnicrobica, la c ui produzion1e .sa.rebbe i111 rarll)Orto con la ci rrosi apatie.a. e che avrebbe 11a1,azio11e e lettiva sul nu1cleo lenticol a r·e. Bostr oem a ttril.>l1 i~ c.e una grande imp·ortanza ai di. t11rbi i 11test i nali nella ge:nesi delia intos.sicazio11e, ch e colpirebbe in prim o l'l1ogo i 1J fegato e la milza. 1

IL r_.

MEDICINA. Ricerche sull'eziologia della leucemia acuta. (H. L1 101<E. De1tt. 2\Je clic. 111ocJieri., n. 13, marzo 1920).

E stata it1vocn ta u11a ii1.f.ezio11 e co 1ne . 1

CJlJ S\.t

dello ~vilUl)l)O della let1cemia a<:l1ta, e l 'l \. ha raccolto varie osse rvazio11i n elle qi1ali a lla l euc:e111 ia n ve va 1) 1·ececl ut o o 1111 a :etti cen1 in s1at1loruacica, .. tre1)tococctra, o il tifo o l a t'ube1·co' lo~i iniliare. L 'A. 11a co11dotto 1111 a ~fl r ie di E".sp erienze i1egli ani1nali ce1·ca11clo di lJl'OYocnre i! lJl1adro leucen1ico r-on l'i11iezione di gern1i ])atoge11i nelle scir11mi0, cani e coniigli, ottene11do ~oltn.nto 11n a11n1-e11to nel i111111e1·0 cli lel1cociti ::,ino a ~0 .000. S11 lla ron1po. izio11e clel sang11 e l1a11110 i1otevol e i11ft11ea1za alc11ni ,·ele.i1 i c:h i miei e c--p eci~ la })Ìl'odi11a, i ~ieri e n1oliti{'i e i veleni tli 111·itril1e bacterica. )Ie11tre i v.ple11i hnrtcr ici c~rl'l'ita110 la loro azio11e ~111 l euco·citi , i sieri ~ n 1olit il'I, ed i ''ele11i L'himi c.i e1~1)licano l ·t loro nzio11 • ~• 1·n1·i1·0 degli er itrociti. L ce1-cò qnindi di riprodt11·rp ln le1t cen1ia ll~a11cl o cou te1n110r:111 :111H nte ,.(, l1•11i 1·l1irnici. YPll"111i l1ar1crici, e ... if•1·i eJHoliti l.'. i~ Pd 'o tte1111e 1uu:1 111ucl ifìcazior1f' <1°1 tJllHicl rn en1at0l1) gico. i11a 11011 o ........ er,·l> lo S\ 1ln1111• di 1111 q11adro 1.~11c~n1itfl chP p!?l"Ì .... tt"lt-.!':e p e1· nn Cf 1to ten1pn. l

1

1

1

[.-'\.r\~O \ \ \1 111, FAsC.

POLICLI~lCO

3]

lJ11 ·ultra serie di rie e r cl1e ebbe lJe r scop-0 di te11tare di trasmettere i.a le11ce111ia agli animali o da animale acl animale co 11 l'iniezione di sa11g·11e, o di estratti di orga11i di aru111ala ti di leu-

..

1

ce1n1.a. 1' u tte que._,te ricercl1e ebbe1·0 risultato negativo. E i ·A. co111clude da ciò che no11 è possib.i le i cle11tifiea1·e 1111 age11te s1)ec itfìco della lel1ce1

111 i a ac11ta. Elle rJnan.11 e Bang riL1sicir o110 rece.11tem ente a ri,pro1durr e in polli iSani iJl qt1a dro lewcernico i11iettan cl o i11 essi J.Je1· Yin. e11dovenosa t111a e111ulsione cli organi n.ppn r ten e11ti a cl 11n 1)-0llo 1

leucen1 ico. La n1alattia ebbe t111a i11c11bazio11è cli 1 a2 111esi. Ricercr1e di ger111i furo110 11egat1ve, e la riprocl11zione dei' quadl'o leuce1nico ft1 ottenutf\ a n che col filtrato delle emulsioni. I ,' ..\. otte1111e l)Ol il q11adr'o di una leucemia 111ielo icle iJ1 ietta11do in u11 g iovane Fox ~ ano eJnuls io11i cli rnidollo osseo e cli 111ilza di 1111 cn11e l e11 ce1ni ro. 'l'ali i'i1s 11ltati i)arl\a110 per t111a origitl1e tossica. della leucemia, ma. i1on è .n oto l'aigenie s·pecifico . L'A. 11a p r ose·guito pe1· molto tem1)0 aocut~ati e~·1)erime11ti e·d ha otten11to i11 u11 cane co11 ' i.11i ezi,011e di siero emol i t i.co, e di bact.e.r i l o svi' ' lt1ppo dapo 3 mesi del seg11ente qua.clro: 105.800 leucociti, 2,320 ,000 e r itrociti , aum em t.o n-0te\·ol.e di pol i n uclea ti neutrofili , 14 ~~ di m ielociti neutrofili, 2 % di n orm oblasti, 14 °~ di gr and i linfociti . .La milza e:ra tre volte più g r ossa del nor1na l e, il fegato i11grandito. I l midollo osseo era di colore rosso intenso, e la reazion.e del ferro i1e.lla 1nLlz.a, i1el feg.a to e nel m idollo era }Jositi va. J1111n'ctlt ra e ·· perie n z ~t f11 i11 iettato jn un ca11e pi 1·odi11a e poi J1actel'i , e dopo 3 i11esi l'esa111e • cl el sn1lgue d ied·e i segue11t i r i.s11ltati : er itr oci ti 1,836,000; e1noglo·b i11a 20, %·, le'l1coieiti 111 .400; 110 r1noblasti t %; rnegalobla8ti 2 %; grossi li11 foc.:iti e form e, di p.aissagigio 14 %; mie1ociti nelltrofili 0~ : mjelo1citi eosi11onli 1. 0 n . I11 du e altri r n,si d11e ca ni fu1·0110 i11iettati co11 ·1)i roch ete, e clopo breve ten11>0 c011 stafilococol1i i'.) e r vi a e11 d over1osa; c101)0 3-1: 1nesi l' e~ame cle1 sangue claYa i seg ue11ti ri. ultati: eritrociti 8.J2' in ila: eu1oglobi11 a 13 °~; leucociti 21..8,000; norr11 ob last.i.13 °b; megaloblasti 4 %; mielociti 11el1t r ofll i 12 °l ; lnielociti eosinofi li 2 °{; . Il fegato era ing.ra.nùito e ('O?l seg11i di dege11e1 nzio11e g·ra.~sa, la milz.a. e 1·a molto i11gro~­ snta. l 11 nltre ricer ch e s ull e l'C'im1ni e co11 i·1niezior1e di sièro em oli tico e di bacteri $i otte11ne il .;;cg11e11te cr11a.cl1 ·0 ematologico: erit rociti 2 i11ilio11i e 180 r11fla; r111ogJobi11a 30 n,' : le11cociti 131 111iln: rn ìelo('iti 11eutrofili 17 °~: .. n1i elociti. e11-.. 1 - O'• . l) o fil i. .j • : i1 o i· rn o I1 l a!=; t.i ,J Du e i10~ .. ibilita 0110 da co n .... i1 le rare 11elJ<.1 ezìolo~·i:i rlelln lP11cPn1in: o P.~; .. t•"l 1111 dirPtto rnp1

I

••


SEZIONE P H:\Tl C:\

cuu~nle

fra. i ger1ni patoge111 e la. g·e11esi (lella. 1e11ce111ia acut<.l, o le cat1se i11fetti·ve 11a11, 110 -..uln la parte di f a\' Orire lo svilll1J)r10 di quelle alte ra.z.io11i le11ce111ìche che si fo11da110 nelrattiya molti1)li 1·azio11e di cellule di 1ll1ova fol'muzi.011e. I 11 ...;eg·u i to al le rice re he spe1·ime11 tali ~sr~uite 1· •.\. aii'er111a vl1e il c1uadro en1 atologico o~~el"\'èlto i)a.1 la l)er 1t11a riproduzione di lesi o11i ~i 111ili n. LJUelle J1otute nella. l et11 cernia. I11 oltr e 1e os~e rv .Jz i 011i ~1 1g·li organi ema to1Joietiri m o· strnr10 ulc·1111e snrl'.1ig·lia.11ze co n le oo~e.rvaz i on i L·o111 p i11t e nella Jence rn ia i1111a11a (. 1})le11•0111ega] i<t, e·pato111egal ia, l'Oll d ege11e1·azi 011 e g l'assa; ~eu11i L li di.at•e-...i e1nor ragica, colo razio11e ro~sn . del 1ni{lollo clel le o~~u con Jìl"?se11za <li 111ielo1,1u~t i, niielnc-iti, globuli r of.'3i i1t1 cleati ). È l) <> ' sihile q11illdi i11 ql1egli a11imali llei q11ali .. i nota lii eo111parsa cli 1111 a le11ce1nia ~1Jo nta11 en, rip1odurre nrti1iciah11ente 1111 quadro le11 l en1ico. <.LJJprolittanclo di llllH deboJezza degl i orga·"i ern:1topoi ~·1i('i, ed u~nudo 11 110 sti 1110lo tossih,1<·te1·i<'•> • porto

1

93

tle ! t 1 011cu i1 e conrispo11'lo110 760. N aturalme11te il tratto ·Òhe rinlla11e i11011 d·eve ess.sre i11 concliz·i o11i l)atologich.e. icco111e le e ·p -erienze sug"li u11in1ali rig'ua·rdo al l i111ite 1na._1."::imo fi.110 al llllcl•le pt10 essei e so1)po rt.ata ·l a perdita del tenne n1011 sono ·co1vcordi, ha11no .m aggior valore le espe.rie11z.e cl1e e.i dia.n11t0 1111 c.Jn~etto e atto d eJ i i ca111bio mtttlerinl1e i1ell' lt·on1,o ·e della cu paci tà f1111zionale cl el tl'atto ch e resta cl o po 11na g"l·a11de r e·s·ezi01J.1'e. Dai rtsn1ltati d.i ail c11n e ri1ce1rcihe mic1.,o~scopi­ cl1e cùe11-e fecce i11 5 ca1si , i.11 <"lli era110 s·t ati n~ortati più di 3 nl. di int1oot1 i1.1•0 tenue, si rileYa cl1e· il dj ·ttr1·bo l)iù i1 otieYole era d-0vu to nl dimin11ito a...:ror hime:i11to dei g1·assi, te11endo conto della i11t ro:luzione media normate del 9.) 0~ : l"u tilizzazi·on e degli icl1rati dii ca rb~nio resta norn1a.le, Il1ét no11 p o ·sono a\·er valore i ris11ùtati ottenu ti ri.gua l1do a lJa perdita di azoto, 1)ercl1è e-ssi ,sta,nno esc1 t1 siva1n.oote in r apl)C•rto con la int,roduzion e d·eQ·li ali'menti azo1

1

t

l t.1 .

f . . 'A. rife.Pi Sic:e i n otev oli risultati delle ri cer-· rHe eseguite i11 11'en-·sona di u.na l)aziente, al l ~t CflI1ale f11 ·11rnticatn la r eis ezione m a~S'ima d el ten1Jre finora rleE:'oritta, di 5 ' 11n., cioè del 75 al1'81 ('\~ d i t11tto il tratto intestinale. E. i d.imo ~ tl'ano chi a ramente come un· a,u111e11tata eli111i11.azio11e cliell·e oo,s ta·nze · a,zotate 11ell1le fecce i p11ò err or1eam ente interpretare 1

'

, CHIRURGIA . Sulla prog11osi delle estese resezioni del ten11e. •

( \\· . J•LATt·:H JI

~.! ) .

JI

t.:1

e D.

<:H\\'ER1,'ER. B erl. K.li n.

1\·oc lt. ,

iteriu ~n11· 11 t:>'te11 ·ione» p e1~111essa i1ell<L

1 sezi<J11e diel1l'i11testi110 tenue si è i1 ot.evolme11te 111ut~1to i- ·111 1Jrogire1: ~o ù ell a chiirl1rgia. ~l e n tre J~au111 11el lX~i· rite11eva cl1e u11a re:-.eziu11e di 1~11 t:lll. ult re-pa !:>US~e :hl limite m a~s i1n o e nel l~)JU ..\xlia111sen e:1~egnava il limi te <li 80 cn i. 1i110 a I c111ule l)Ote~ .. e eis&e r p ossibil e la re. ezio 11 r ~ P11za cl a 11 u o 1)er1111a11'e111te d ell a n 11 t r izio11 e, .- i r· f~gi~11 a110 fin or.a .già 59 c~si d i reseziar1i o l t.1 e i 2 n1., dei lluali Soye.;;;ima e Flech.te11111.acl1er n e li:itlll<J rn c.ro lto 57; 4 cli taili casi rigl1a1l'd a\ ano a1 1111 1rt.lati, 11ei quai ~i so110 tolti 300, 313, 1.00 e r,10 ·111. di inte~ti110 te11u·e. () a tali fatti è e\·ide11te cl1 e i l gir ado r}ri di · st111·hi J111tritivi Jlon clipe11de ta11to d <il l a lu11glu11za a...,soluta. dell'intestino resecato qt1n11t1 i cl:1 q11ellc.t dttlla vorzio11e cl1e ri1na11e. Il c1·iterio .... ulla l11 1ui.l1t>1za de] tratto i11testi11nle cl1e ..:i la ~t'iél in .\ilo è tanto i1i"L1 i111portante a stal)ilir8 in qu;111tn i rit-:11lt i.1t i delle esperienze s11ll'110111n r ...:11gli nnimnli sono .·trao rdinariame11te vnrii : secondo So,?esi1r1 a essa osci lla f r<t 'i.28 ed 892 • cen·ti.lnet1ri C11iari h·a tro·vato 1111 minin10 rli ' ]ltll,U}1ezzn. r] n } fPl1ll1e in 1111a cton.n a a :)6 .anI1i Cli :~:-<o cn 1. c1rl 1111 n1 n~~·i1110 i11 rtn uo111 0 n. .)1 a11ni rjj 1110 r· 111.: .'l è a11cl1 e trovato 1111 l'Fll)norto frn -1;1 ln11~J1pzza clel te11l1e e (fU eJlla del rorpo o <leil tro1Jco: ~c('n11·lo ne11 ck.e a 100 C'ffi . cli 11111ghezzn drl eor1)0 coi ric::.1)ondo110 387 c111. (li intes.ti110 tP1111p e ~Pron1lo ~Ii yF1k? n 100 rm. rli 111ngJ1ezzn 1

1

0

1

1

1

come 11n oatti vo as·sorbim.ento a.elle sostanze nlim e.n tari . In ba~e a tali ri1s11ltati poteva ben ·riten,er si che sU. f;arrehbe ri11scito non so.Lo a mantJeneire la p azie·n te nrell e su e c on·d izioni co·r porralri, n1a Cli ' Te1d erle an rl1e mig,liorate; e ciò s i Y·eriificò irealm einte, l)Oiol1è du.rante i 10 .gtorn i , in cui l1e furono c;o.mn1ini~1trrati giorn1a lmen te 657 ·gr. di aioto e 4.7 calorie ip:er c hi1og.rnmn1.a, el~a oo:n •&e·rvò ill ~q 1t0 p erso di 49 Kg., cl1e a11m entò d i 750 g r. clura11tie 9 giorni cl·el vit.t10 <li Schmi1dt. N·ei n1e:Si s11 rc.e~si\·i ella si nutrì 1

1

1

n casa. n~e,· a lentiemente co11 id rn ti di ca·rhonio (zu rr 11e1r o. semolino,, 1p1aiste, ecc.) e m ocleratn quant itA di. n.llì 11mi.i1a. (r.a.rni l11a.g·r e, uova). L e O.' e 1·yazi 011i frt tte dOl)O 5 m esi. cl al I'opera zi on e di1no·c::rt:r::t.n .r: il florido n.s.1)e;tto d el l a donna e i·a11n11e11to cl e.1 s•u o !1€'SO di 11 lihlìre; ha. g i or11a.ln1ente l e 1Sll1e f1111zio11i 11 1testin.ali di co,n si. t enza e cli a1S1J>etto 11ror1n ali e n,011 avverte alr •1111 a ·so ff e rie1 n z :i . TI cl eco1"c.:n rl el C<ì.-::o ncren.n ,a.to ci a11torizza a fn r•e u n a proQ.1101-=;i_ n~1~ai favorre\1ol e 11 el le gra.n <1i p 0 11~dite di i nte~iin,o tea111e. T,'~..\. al'renna n11(·l1e nl n1 01clo come il rima111ente trntto i11te~tinale ~11ò s.o~t i t11i1re fl1nzio11nl1m rnte q11ell o ::tc::~1ortato. n co11·diiion·e che ln dieta. sia r onYeni r·11tem.e11te reg-olntn. P er lèl l) e1·rl1ta di 1111n rile\·nnte 11 1rte rle11·ap1Jarntn 1

,1.::..:orh Pn t 0

l 'o r o-Fl n i'<::m o

rl1p,· P nrn,·vprl PrP

FI 11 ~


I J. POLLCl.J

t o nti11ua1.iu11L~

tlel rica111biu me11tre è assai riclot tn, Ia u til iztal i t> 1le 1ei gras ... i. Ri111an e ~t fare i11 ulti111u t1uall'l1e uc;-sei·yaziolle ulla i11 a 11iè1·n con1e 11 rill1a11ei1 t 2 trc.t tt o i11testi11ale Slll)1>1 it'ce a l1 n f1111zione. di <1ue.llo a9portaito. L'iper _ trolì<t e l'i1)e1'1)la t:i<.i del1La n1l1cosa de·l tratt o inte . . tii1ale rj1111a~5 to i11 ~ i1t o, co11\e 11a1111 0 t1 ot ato . o~'e~i 1n n ed nitri, è un a !)1'ova cl1iara <lelln sn t1 i i1e·rf 11·nz iolle. IJa 111 a.11ca.'n 2a ·cl ella mas· i1ll ét }) art •3 cl e l si ste111,e:t c1J1il i,f e1J90, cl1e l'ego la l' ass0tl'b in1en t o dei grassi 1100 p uò i11 a.1c L1n m o d o c.::~ ,,r co111pe•111S1 a.to; i11Yec.e, 11011 01s1a11 t.e questo i1otevo1e di ·tu1·bo flt1u z.ioJ.1,a le, l' a1sS'o.1tbime11 to cl eg: i iri·r ati cli ca.rbonio e dei p Yoclo·t.ti a1Lb11minoidi p ,u ò 11o rmalmeJ1te avYe11ire; 11 è s i può dete,rn1 i11a re qt1anto Yi !}a.i·tecipi la n1u cosa d1el e ras-so, . t1lla c ui f1111zionalità di a~ ru·J)in1 en,t-0 non .s i può p er ora ll11bjtare. DE C HIARA.

CENNI BIBLIOGRAFICI (Non ai recenaiacono che i libri pervenuti in. dono alla Redazior1e BREG~TANN:

ll ri nriluny.

J)i e Sclilafstorungen. ·u rid i/ir e l~ e ­

Editore l{atDg-ie.r,

-

B e1~1 i11 0..

-

Pi·ezzo u1·a·1·eil1i 12.

;:

3)

L 'Jie r éclite r o1nantiqu c d{tJis la, litféralit r e. conte 11i1Jorai111' . U11 vol. i11-l6 c1i

t:i1·ca 200 pagi'll!e. ..\ . .\lnloine et tils, P ari gi. - PreZZ!O : 5 fr. L,.a tristezza, cl1e r1011 el'a ig1 10 ta agli antichi ( tr t er1iu :i, acedill, l)e~si 111i lUO, · ecc.) sj è noteV'Olt11e11te , diffusa nell'epoca .110istira, da,I p.r o1

1

g·rersso tropipo ra1)ido, cl1e gli .a.ste11ici ,111orali i1u11 .l11a11110 sapu11 t.o segui.1 e. E1s•s a form a materj~l ·di stu·dto co. ì all ·p :s ico1)1atol·ogo, costituendo il fon11(} d·ell·e n el1.ro i d epressiv e, con1e al l·e·tte rato; OOl) l~e.ssio.n·e ..11)011 tanea di un a nimo 111&la to o virtuosit à di •s·c rittn re, la noita triste llo111i11a i11 g·ran pa.1·te ,cl.e.lla produzione l)oetica O·die·rn1a. Di\rerse -~011() le for111e sot to cui si n1 nn ifie:st.a, i l 111ale clel crep1tscnlo, la nos ta.tl.gia del la lu ce, C'he }Jruò 1r1 a 11i·f estal"si in fo/1"111.e patologich e (11ictofo})ia an$ion1a11ia ). e cl1e c1· ' cl1trte, i11 ultima ' ' - crnhrc-t, si !)Ot1·ehbe ri a nalisi, c-1 Il 'el iotropi$1110. 1

1

I n. llll cum ·p o psic lli,co pi ù el·evato trovia111.o il 111ale d ella prvviricia, cl1e 1Sri è ve11t1to .sv i·l up1Ja.11do col ~1o·rgeT€ d.eJ !·e grandi città tentacolari s ::i.n t i111e·n to nostalgico vers.o i gnandi centri,' cl ove la vita. t11 1 r~l1i11.a i11 u11 arcl ore di lotta di lavoro e di })iac·eri; h a i s u1oi. eqt1ivale11ti 11·e1 111.a le della cLome11ica, 1ei viaggi, ace . D 'indO'l·e n1eta:fì s1ioa è il ·1nale d ell'al di lit, l1ostwl.gia dell'inrognito e cl·ell'assoluto. )

CSl!)O llie cl1ic.1 ram e11te e · u cc i11tam ent e le vari-e teori.e ....1t1ll.a fisiolo.g ia e la patologia del so11110, soffe.11nn11dosi a mpia 111 ente s ui distu 1·bi 1)i1ì co111u11 i e l)iù irnpoTtanti: la i11so1111ia, il pttl'Or noclurnu, , l 'enu re1=:i nott11l'na ' la .co•ll'J10~ lenza, Ja letargia. ll11011a i)ar te ciel ji bro è d edicato alil.a te1·ar>in di que~t i disturbi e specia l111ente d el l'il1SO lllll U. d I'.

O. l ... r1:8s 1

F .\SC.

1

l/~..\ .

~1

:\.:\. \ 7 lll,

E~TÈVt: Loc1s:

1

1

l.A.2'~0

~ lC O

0

1

I .Je

co11si<le1·azi o1u di tpsicopato•J.o-g ia f orni~co110 a ll' A. l ' occasione per dimostrare, co11 abbo11d anti citazioni idi scrittori, come qu e~ ti m.c.t·1i abb ia110 l)Ot11to geneirare 1 op·e Pa d'a rte, in ('lli i l poeta, ;!)en.. lu soff·erenza .propria. assu,rge al v·er o 1lil'i,fn10. L 'o.per:a è in t er essa11te e di gra_ 1€vole lettn ra.• f'. l. 1

J1111 (' r e .',ec r et inn

un rt / )c 111 eritia. Editore J{a rger, ·B e rli no. - Pl"ez-

pra<>co.r. zo 111 <\l'Chi i·

l n <! nesta in on og I' nfia so11 o cJ1ia1·::l111e11 te e~a ­ rn i 11u te e 111 e e in e,·i cl e11za. le 1·el azio11i t1•a il . i ~1 elll<l en<lo<'r1i 110 e i l s~ ~ tern a n e 1·,10 ... o e l'i nftu enza clelle ~ecrezioJ1i i11terne sui pro{·e~si 111 en tali. I~ '. \ . qui11di spiega con1e i fatti l:>--icJ1i-

<.~ . FRA~CE;SCHI!\l. l gi eìle sess1la l <'. ~ I n1111al e Hoe-

1>Ji., di ri<tg; 203, 19'?1. -

Prezzo L. 7,50 .

1

ci ed i fcno111 e11 i son1 at ir i deJla den1e11zn p r C'tol'e $inno i11 relélzio11e ro11 la di f11 11zi o11e dell e ~1:11lclole a ~ecrezio11e i11ter11a. rlr.

ZoLr

I Ntit·:H:

/ lr•ilrit{J f

:.11r

Edito1·p \\.y.:;, Rer11a. -

J_1 t11lhf1{Ju-l -1'rr1ur·.

Prezzo franC'hi

'J..

l·:

Ja 1·accoltc.l delle \·arie r e lazio11i ~t1111n 10111 hnu.gint> lette Hl Cnngre!'~o d e i 111ecli r i i11for1n11i .... fi ... , i1i·e ri a Z 111igo n r1I 1~ 1{ . '""011 0 a111n1:1111en1~ trattate tutte le lJlli~tio11i r li11ict 1,.. e Ili lii ·o-lt·g·Hli riguardanti lH 101111l1nggi11e J·~11n1nti :1 P trUlllllllti La. {~ 1111 , .llll1Jlle l1 t?} qt.;il,• -.:n11)

di~ ·11 ........•e

<l

ttn1tl11

q11i~tio11i

t1011

IJelu 1·Jii::i1·, i1Pr la g-en il rnlità d ei 111 Lli ci.

a11c111·a

dr.

<1l1e tn at1reo ,,dlur111etto gi un ~e a 11la sua 3a e(lizione; 111a i1oi varl'e11nn10 ch e se 111e face sero a de cine lie e·dizio111i e cl1e r>e11etra.ss-e in t11tte le famiglie. 'l'ratt a un 8rgon1 e11to d'i1111)0.r ta t1 Z<.L foa1da111e11tal1e pe•r i.a alute fls ira e q).. . i chic.a degli incli\'idni e tlella oolJe t.ti ·v itù. ·e pe1· l'ayve11i1re pro .:;i n1 0 del la 11·~zzn. N e 1,l'attn con cihiareze;a e avved n tezza am1n i r e\'oJ i e co11 u uo st ile attra enfe . ' in lll1él R•e ri c di C'H1pi to1l i .. 1111·e.rf11 cazio11e, Ja fi"io lngia , Ja. i1atologin ·C l' et ic<t ~es.-suale, st1lJ 'eup;e111 ~' n, ni i·a1>porti t1·a ed ucazione ~e. s11a l.e e <Ll111>iente e .. ull'jgie11e d el ~enti111e11t o . 1

1

Il i1rep:e\-olic;simo l~v1 1 ro !)llÙ E··...:e1·p racco111nn1lato r·alda1ne11te l)e l' rcc111ru1io11e :-.e 11ale rl elln ~·inve 1'tù.

I .. , ..


.SEZ IONE PRATICA

ftCCRDEMIE, SOCIETA MEDICHE, tON6RESSI. •

R. Accademia di Medicina di Torino. •

i~Prl 1tta

del 3 d icernbre 1920 . 1

. · u i post 11 nt i. dell'encefalite epidr1n ica.

V.\LOnH,\. L 'O. aveva avuto occa.sione nel <licem bre 1919 e nei n1esi di gennaio e febbraio di osservnre l1na quindicina di casi di encefalite epi-

,

deruic<l. Ora, aye11done potuto vedere e seguii·e alcuni d'i essi, rif<'risce sui J)()Stumi della malatti<l quali si presentano !1 9-10 mesi di cli~tn11~a dall 'inizio dell'affezione. In un ~lo dei ~U<>i ca~i i-:i può l)ill'lare di guarigione completa; in tutti gli altri rier~iF:te una serie più o meno in1ponente di fenomeni. In te~i generale la malattia ba ltno sitndi<) <l(:ut0. · cl1e è quello be11 noto per le molte relazioni che Ri i.\bhp1·n :11 Jn·incipio di quest'anno, va.rio e seuzin l1n~11te a ~conda della localizzazione del proCCR-~. Qt10sto periodo dura da due-tre .~ettimane a <lue-tre mt\$i: i11 que. sto tempo il paziente deJ)e1·iRce. ~l a11e1uizza, i suoi musooli si atrofizza.no. lA> s~1dio ~ncc:es ivo è difficile a schematizza.re Jl<'rchè og1li caso assume una fisionomia sua pro~ 111·ia. 111 genere la durata e la gravitl1 dei sintomi in <JU<•xto J">eri<><lo non è in a lcuna dipendenza d~i ~intotni <l<'llo stadio acuto, e cioè t.orme lievi Pod sono <.Iure po~tumi gravi e viceversa. Anche la natura dei Hinton1i in questo periodo può essere <li,·pr~t cl}l quella dei sintomi del IJrimo stadio. 11 ' <]uacJro dt•i r>o:;;tu1ui insorge ad una certa distanza di ten1po rla <.:be lo ~taclio acuto è ~comparso., e fra tli P.~80 e il priu10 vi è un<;> stadio intermedio iu cui In sintomatologia è dominata dall'oligoemia, <ln 1 deperimento, da astenia. da fenomeni <li inl-lnffif·ieuza tiroiclen, da torpore jclea ti.vo, da \ gravi ·di~tu rbi del sonno, in generale insonni~ . speciultn<'nte nei bambini e negli nélole~enti, da fenom~ni <li paralisi dell'accomodazione con o senza n1anca11za del riflesso .irideo all'accomod·a zione . ' Qu~sto staùio intermedio dura da 4 a 6 a 8 mesi <' f>Oi può passare a guarigione, 011pure possono in.i-;orgere i veri postl1mi . .AlL'l sintomatologia del terzo stadio appartengono disturbi moto1·t e disturbi psichici. Fra i primi ho 18 massima imPortanza il tipo pa~·kin­ sonlano o e1niparkin~oniano, con rigidità muscolnri, tremori, paresi periferiche, mioclonie, ecc. 11 tipo parkinsonian<> dPi 1>ostumi dell'encefalite epi<lemiC'n no11 si pt'ò affatto differenziare dal vero morbo di Parkinson. Fra i disturbi psichici si può nYere perditn de11a memoria, torpore p~icl11co, ·Sindromi melHnc-onicbe, ecc. IAl prognosi non è c-0si grave oome a ptima vif"lta. potrebbe apf)8rire pe1'chè un miglioran1ento gr4ld11ale e Pl'<>gressivo, per quanto lento, ,s i 09S(ltva quasi sempre. I/O. consiglia per la_ terapia l'arsenico ad alte dosi. Nr~oRo. Non crede a ll'identità de1 pnrkin~­ nif'\n10 Post-encefalitico col Parkinson vero. Egli · ritiene c·be òei caratteri differenziali si ~sano trova re. .'\d ei;:;., egli avrebbe osservato c-be il cosidd~tto fenomeno della troclea dent..1 ta. c·he nel Parki11~on vero l-;i fa a sr>ese del muReoJo triti11itf'. •

in queste forme 8i fa a svese del bicipite, il che fc'l supporre cl1e dipenda da una dis . il fenomeno . sociazione nello stato tonico del muscolo. Fra i po.c:rt:umi clf' ll'~ncefalite epidemica ha pur~ osservato ltna vern inyersione del sonno: i .Pa· zienti dormivauo tutto il giorno e di notte aveYano bi·sogno <ti 'Vegliare. Anch'egli consiglia il caC-Odilato di sodio a<l · .altissi1u(> dosi. PIETRO SISTO.

I

Società Medico-Chirurgica Scd" ta rlel

~

d~

.

Pavia.

d ice rn bre 1920. 1

R e se:z iorii intest'i1iali.

T. LEG:'iA..'.-r. - In rapporto a l limite ~mo e:he si può raggiu.11gere senza inconvenienti nelle resezioni int&"'iiuali, limite ohe secondo Schla ttel' ~rebbe· di 2 metri, presenta un caso di teno~i multiple dell'intestjno di natura tuberoolare, guarito coll'asportazione di rn . 1.75 di ileo. Qtkcile _ contributo poi <1 1 Yalore della radioscoJlia nella diagì1osi <lei tnn101·i del ventre, presenta nn a ltro caso di rese~io11e clelJ'intestin-0 pe1· canCl'o s·teno~nte, c:ùe enr.fL l'inWigine radiologica i1on si sarebbe potuto altri1uenti diagnosticare. I

I

i~ul trattan1e11,to delle fistol e 1Jerniarienti del 'àott:o rli Stenonc 1noll iante la, resezlon,-e del nervo a,u ri-

colo-tempurale.

G. MoRONE. -

i:o., <lOJ.Jo

una re,·1s1one critica dei metodi conosciuti nella terapia delle fistole perman~nti del dotto di Stenone, si sofferma sull:1 clisinnervazi<>11e secretoria della parotide proposta ùa Lericbe, accenna a lle basi anaton.10-fisiologiche :ue ed ai risulta ti cl1e si sono fino ad ora ottenuti in clinica ·in un numero g·iit .significativo di casi. Riferisc€ quindi un Ci\ ~o <li doppia fi.stola i1erma nente del ·dòtto di Stenone, da lui operato di resezione del r1e1:vo a t1tioolo-ten1porale, operazione a cui Si dovette di 11ecessità · ricorrere, malgrado le ùifficoltà cbe l'esiis tenza di una ' larg'a zona cicatriziale fa'C~va prevedere, Ilerchè data la complessità del cnso di dovevano ritenere inapplicabili tutti gli altri metodi di cura allora noti. L'atto operativo fu delicato e piuttosto indaginoso: lo scol<> salivare cessò immediatamente nella fistola retromasseterina e solo doJ)() sei settin1ane in quella mnsseterina. . Illustrato il suo cnso. 1'0. ronclude innanzit11ttù n ffermando eh.e ~1 ll '011erazione di 'L eriche va 8Ssegua to un po to <li 0no re nella cura delle fistole per1ua nenti. del dotto di Stenone e dt>lla parotide, per la .semplicità. cli esPc11zione che o rdina riamente presenta, per la s11a larga a1)plicabilltà e per l'affidamento che dil di successo; d·i poii stab.ilendo le inclicazion~ che 11elle u1olteplici ,1n i·ietà di fistole per1.uanenti. del <lotto rli Stenone egli crede rdebban.o a vere quei metodi e p.i.X>Cessi meritevoli di essere conservati nelLa. cura dd questa infern1ità. . . 1

J)i un grosso corpo p.c;:t1·aneo (prot esi denta,ria.) sb(Jrrato nell'esofago to1·acioo, estratto a d·ista.nza it un 'rtiese per v ia 1iat11rale.

G. l\iloROl\~. - . A contributo della casistica dei corpi estr:ln~ i dell'esofago l'O. riferisce un eas. clinico in c-11i un <lppa1·e<:c·l1io cli p1_-ote8i dentaria,


98

ca<luto nc·ciclentalnlente nell'esofago di un indivi(1110 cli 34 anni e che si el'a barrato nella porzione

toraeic.a tlelresofago a lit'ello del punto di biforcaziou~ d~lla trachea, potè c·~sere estratto per le vie naturali <lopo una permanenza c1i un mese. _ ' f,; 'osservazione è di un certo interesse per il vo·lume note,~oJe del cor1>0 straniero, per la relativa to1leran7xl <li111Qstrata clnll'esofagq malgrado che il e:or1>0 fos~ Jl1-0lto irregolare e fornito di uncini terminali che si erano infì.ssi entro la sua parete, e fosse rimu8to in posto per un tempo piuttosto lungo: ed iniìne i1er il fatto che fu ancora Possibile l a sua e trazjone per 1e Yie naturali, malgrado ta11t.e oondizi-0ni .sfavor~voli, senza inc-identi; con 1111 .tpparecchio itnpropTio (panierino di Graefe) <lo,..uto usare di ussoluta necessità. I/esame radio~ì·nfic·o fu di grande utilità perC'hè dimostrò la sede della 11rotesi non ~olo, ma la l411a r1recisa disposizione e l'ori0ntazio11e sua entro il tubo esofageo. 1

Vol uminus() li poni a del dorso.

.

L'O. elenca i più voluminosi lipomi conoseil1ti nella letteratura. Data lu l>e11ig;nitè1 e preco<>iti't de11'1nteryento, ogg.i i liporui :\l.\.

X.\ T.\

(.tra.della I. -

Yoluminosi .sono diYe utati piuttosto rari e per queC\to ne presenta uno di notevoli dimensioni. Trnttnsi di uomo di 50 nnn.i tl'età, magnano cli ' profe~~ione : il tuinore ebbe inizio sulla spalla sini :-;tra fin da 20 anru fa. I/ace1·esci111ento fu lentis~in10 nei primi 15 an11i, si fece più rapido ·negli ultimi 4 .anni. Il uumore. nendulo, giungeva fino a Jiyello delle t1ltime vertebre lombari. A.'·evn un 11eduueolo d'impia11to cli 73 centimetri cli oirconferenza. Era lnugo 54 centi1netri e la sua l.lla~g·iore circonft~renzn. nella 11n rt(.l libera., era di 7:; e0nti1netri . '"t>nne 011e1«1to con 0sito felice. L'operazione pre~ntè'> qnn lch0 diffi<'Oltit per le notevoli aderenze del tun1ore a l derma ed all'::tvonel1rosi e per il caratt('re infiltrante degli acini lipomatosi. Il tumore e~tirpa to pesa va 1O chilogrammi. I.1'0. fa rilevare con1e il casu confermi la teoria irrit1ti,·n sull'origine rlei liJ }OtD~ dapJX>ichè il pazientfl avevn sempre p0t'tnto le peutol~ ed i pesi ~·uJln spalla siniffi;ra. .t\.ll'esame microS00pioo risultò trattarsi di un tun1ore misto, cioè cli un li1101na fibro-missomatoso. . J...'0. pre~nta quu1òi le fotogr:lfie dell'ammalato

e

(ANNO XXVIII,

IL POLICLINICO

rlt'l

tun1or~.

A. GASBARRINI.

Ouida ali' esame dell'infortunato (l\fanu a le di Semeiotica Speciale)·

volume di 164 pag., in-16, con tavole fuori testo. In comn1ercio L. 2.50, più le spese di spedizione. I nostri associati che desiderano provvedersi ai questo utile manualetto, lo riceveranno f)rontamente, franco cli porto e raccomandato, SPt ClPncio cartolina-vaglia da L. 2.40, nominativall)er1tt! tll Cav. LUIGI POZZI, via Sistina, 14, U11

1

Ron1n .

( .~ ~<:.:.117

novembre 1920).

trapi anto della va l ,vola iZeo-cecale.

· J"\.. (',\ UCOI. I/O. riferi~c-e ui primi risultati di estx>riell7~ intraprese nel cane. con lo scopo di

stabilire se sia possibile nelle anastomosi ileo-colicl1e eseguire l'impianto nel colon dell'ileo munito della Y<1 l vola ileo-ce.cale. IDgli escide una. zona ov~1l~ di 1mrete cecale intorno •1110 sbocco dell'ileo, ed es0gt1e l'impianto, con ln com une tecnica dell'enteroana.stomosi per sutl1ra. di questo disco di cieco, contenente la vaJv-01~1, iu un tr.a tto distale del eolo11 lateralmente. La vnl.Yoln ileo-cecale così trapiantata :b.el colon, u11i ta. a 1 ten11e, conserva la sua continenza, ~ì nel caclavere. che nel vivq, nel quale è possibile 111trotlurre dell'arqua nel crasso ud UU..'l. pressione di lfl-1:) cm. di Hg. , senr,a veder refluire il liquido nel tenue . 1/(). 11n osser,ruto che, sezionato l 'ileo .a 7 cm. clalln Ynlvoln trftpiantata . e dimostra ~i eo11tinente, l)Ur iispettando il ped'Uncolo mesenterico di es~a e del tratto distale dell'ileo, questa percle istantaneamente · e .definitiva1ne-nte la [";Ua conti nenza. S11 la cura oh1:r11 rgica <lel7a, stasi i 'ntestinale cronica. CAll OOI . -

Rieroifi,a on osi, sierote1·apia, vaccin ote,r apia, della ' febbre maltese.

Prof. D'ALESSANDRO. - Per la diagnosi raccon1and'a come titolo minimo la diluizione 1: 200 in primo ten1Po et a malattia inoltrata, anche 1: 250300, dos1 che valgono con stipiti a valore agglutinante 'alto (virulenti), per cui ritiene cl1e era buona pratica virulenta.re dli tanto in tanto quelli conservati in laboratorio. Ricorda che prima della 5A. g'iorna ta le agglutinine non eorupaiono nel sang11e ed il momento 01>portuu.o per 1a prova è fra la 9a e la 13a. Ritiene inutile inatti,rare il siero per distn1ggere le agglutinine genetiche, giacchè al titolo p1-opogto queste ·non agiscono più. In quanto alla sieroterapia, la raccomanda purchè fatta in do~ pinttomo alta (50-80 cn1C'.); preceduta da una iniezione antian::lfilatti<:d cl i :-) <·UlC'. ro11 . ieri otte1111ti col 11uC'Ieo1>roteide clPl gf\t1ne e di c·ni sia noto il cont~nuto in "C. T. )fettt-- p€'rù i11 gllè.ll'llia di •

,

Presenta una ragazza, operata 18 mesi avanti per sindrome d'appendicite cronica con stasi fecale, affetta da pericoli I e 1nembranosa · (.Jacl\:son) senza lesicmi macrosc-0piche dell'appendice, nella quale la rimo2ione 'deÌle aderenze oom•pri.1nenti il colon e inginocehianti l'angolo epatiro '\"enne associata a ll'appendicogtomia. Per la fi~tola appendic.a le si eseguirono nel periodo di due me~i irrigazioni isoperistaltiche <lel crasso, oon le quali si otteneva. lo svotamento biquotidiano dell 'intestino. L'operata è perfettamente guarita d'ogni disturbo, ha def~cazioni quotid~ane ed è mera T"igliosanle11te rifiorita in salute. A.

I

3)

Società .tMedico-Chirurgica .Anconetana.

1

Dott. ELIO FABBRI.

FASC.


[ •.\NXO

xx,·111,

FASC.

3]

l)rea 1111n11ziare risulta ti bri1 lauti e rapidi, potendo andare incontro a delusionli. Ha poca fidu<•ia n~ll'a11tosierot0rnpii1, che anche in altre infezioni è stata vista fallire. Pa1ssando a J)nrlare dell~ vaccinoterapia, la i·itif'ne il pro~sso più r.azionale e più attivo. Racc:omancla l'u o dei 'f'accini che si trovano i11 com1nercio (l8tit11to Sieroterapico 1\iilanese- e Casa Welcome) <losati in Rca1a cre~(·ente da 50 a 500 J11ilioni. I/il1iezion~ sottooutane~1. meglio per via endov·enosa, ~i fa in giorm alte1·n·i <?<l abitualmente non è nece~snrio r<1g-giunger~ la quarta. Bi5;0gna intervenire precocen1ente e lo si può fare in qual11nque Ileriodo ed in qualunque stadio della maln tlia. 8ecn1siglia ln lll'atica dell'uso dei germi viYi: 1'<-l ec·ou1a nclu inyec~ l'uso corn bina t-0 del siero e d~lln V<1CC'inot<?ra pi~1. Trova ffi1pe1·flua la proposta del Xewu1.a11n di un autovaccino perehè al lume delle iuoclerne teorie j,mmuniU\ rie ron 1a "\'UccinotPrnpi~t ~i vrovoc.'l. lo ohoo curntivo col meccani~1rio fl<•l4l IIJ im11111n·ità più che e-0n la formazione <1i H nticorpi. Del re~to, usa. nclo anche un Yacc-ino on1ogeneo ~i <~gisce anche in q11esto senso pro,.n<·:11Hl<> uno ~ta to i1nm11nitario pi11 resistente f:' Jiii'l <lnrntnro. tl(}ll

Sull'a.'icol/(( .~ionP

l>rof. T •

oral<'.

Egli ri\·~nclica a1 profe~­ snr f.:~n 1,·~1g-11i <lc>ll;1 ~c·1101a di ~Io<lena, il iuetodo flell'nsroltnzione ornle. 11<1 tecnica è sernplicis.. i 1ua •'d i11111111n~ <la 11eri00Ji di contagio. Dice cl1e è in1Jirn'tH ntP acloperarltt, qua n<lo mn11ca og11i n ltro ~ntn111:l pol111011are. ed è utile nella cli<1gnosi clif fèl'<'nzin 10 c·on rrPpiti i pleurici ocl altro. Dott. RALVOL1 ~1. [t.\CC.\H.\:\I. -

XIX Congresso dell'Associazione Francese di Chirurgia.

,.

L'ulcera della piccola curvatura dello stomaco. ( Rel:1 tori DUVAI~ e DELAGENIÈRE) .

'l'ra Ja~via udo tutto quello che :;;;i riferisce all'ul-

i11 g<.'nerale (etiologia, patogenesi, ana ton1ia pa t-OlogLca, 00mplicazi-0ni), Duval illustra SP<'<'e~~ivamente i quattro seguenti argomenti : frequt>nza, sintoiuatologia, radiologin, cura. 1. FnEQl'E~ZA. - Con~ulta11do una ~erie di stati~tirl1e, comprese le sue osservazioni perso1wli, il relnt.nr~ ~tabiliRce la cifra mecliu di 50'% oomc frP<]Uf'l17.à in rapporto alle altre localizzazioni delln n1aln ttia ùi Cn1Yeilhier. · 2. ~I~TOM/\TOLOOIA. La sin cl rome dell'ulcera <l(\lla piccola curvatura , come bene ha stabilito 1\1.athieu, comprende dei sintomi com11ni a tutte le u1C€r~ gastriche, ma 1nodifìcati per la specialità (lella locali7izazioue e inoltre qualche sintomo particolare. Il rlolor~ <lopo i pasti è più precoe€ che nell'11JC{\ra pilo·ro-c111odeuale. Calmato dal riposo, meno nettamente in rapporto con la sensazi<Jne di fam~, tende a lnngo andare ad assumere un carattere (lontinuo. Il vomito è molto inrostante. L'ipersecrezione a ò.ig-inno, i clist11rbi di fnnzionan1ento pilorico sono r-<·ra

gn Ht1'ica

99

SEZI0NE PRATI CA '

eccezionali. Per contro esiste frequentemente · paresi ed atonia gastrica. lJa palpazione rivela il l)iù sovente un dolol'e ben localizzato, a sinistra .della linea mediana, tra il bordo costale e l'ombelico. Pr.aticuta sotto lo schermo, la palpaziO'!le mette anche in evidenza, in certi c.aS'i, uno spasmo intermittente medio gni:rt;rico. Il dolore Bi irradia alla ' colonna vertehra le e Ri accompag~'l a contrattura del muscol•> retto. · Bisogna ricordare ancora: lo spasmo clel cardias (Guérin) nelle ulcere poste in alto, e alcuni fenomeni in rapporto con la lesione dello pneumog<lstrico, nauS>ea, sali,azione, bradicardia, miosi ed accentuazione del rifle-sso oculo-cardiaco (Loeper). 3. R ADIOLOGIA. Bisogna analizzare attentatnC'nte : I. J,r n1odijicazioni ·della piooola ourvatura: a) l\1odificazione della linea che, nella porzione sopra ~tante all'ulcera, mostra lln andamento i-ettilineo e un'assenza di mo,b ilità tutt'affatto pnrtiMlari. b) P1·e, enzn di una nicchia di Haudek, con la :ua bolla d'aria cara tteristi<'a dell'ulcera perforata e penetrante. Nei · casi meno tipici bisogna , ricercare i caratteri propri della nicchia:, permn.nl'n te. fiRsa, corrispondente ad una zona dolorosa, disegnata da una inacchi.a idi bi.smuto che rimane dopo l'e,·llcuazione dello stomaco. BiS-Ogna sempre diffidare delle false nicchie di Haudek. studiare le i1nmagini oon c11ra e non attenersi mai ad una sola radiografia. II. Lr> mod iflcflzioni della grande ourvat u-ra: fl) Pl'esenza di un'i·n clsura arrotondita, .s tretta ~ profonda, posta di fronte all'ulcera che dimqstrn l'esistenza di uno spasmo localizzato. Fissa e permanente nella forma e nelle -d1imensionl, quest'l immagine, senza essere di una costanza asHOln~'l. ha tuttavia un gran valore di diagnostico. b) Biloculazione mista (da ulcero-sclerotica delln J)iccola curvatura associata a •Spasmo della graucl~). 1cla differenziare dalla biloculazione da steno~i mediogn~trica vera. Quello che la caratterizza è la r::t pid~1 replezione della cavità inferiore, la sua continuità diretta con il tratto ristretto, i:ic-n7.:1 liv0l1o i)roprio nè tasca. ad aria particolare. I I I. T. 'a spetto radiologico generale de1lo st-0n1<1 co. ehe è generalmente ntono, stirato, con. contrazioni lente e deboli. 'L 'assenza di disturbi di motilità dello stomaco è ecce,.;ionale. Nella gran • maggioranre ,d ei CTtsi, c'è un ritardo nell'evacuazione pilorica e dilatazione dell'antro prepilorioo. Dalla sintesi di questi tre gruppi di immagini, dallo studio delle loro modalità di associazione, il relatore cerca di stabilire uno schema di tipi radiologici co1"Tispondenti alle differenti forme di 11Icera e ad suoi diversi stadi di svilt1ppo: ulcera a ll'inizio. uleéra costituita, ulcera perforata e pen~trn nt:e, ulcera con biloculazione. 4. CURA . - I. Indicaz ioni,. --- Dnlla s11a esperienza personale e dall'esame di diverse sta tistlche, Duval conclude che l'11lce1'a 1)arietale eonferIlUl ta, l'ulcera. perforata e penetrante, l'ulcera con bilcct1lazione mista, l;.tlcera complicata da emorragie a ripetizione o da ipersecrezione con iperclorld:ria, ,s ono curabili solo chirurgicamente. t

1


100

IL POLICLlNlCO

Solo le iorrnc ini~iali, con sinto1ui lieYi e ~tato genera le buono, con diagnosi ra<liologica e batteriologi<:a indiscutibile, ~no indicate per una cura medicn . I.Ja l'UH effi«n eia è reale, ma la cura non deve pro1u11g.1 rsi al di là di un tempo ragionevole : se i suoi effetti 11on ono rapidi e positivi, deve ce.: dere il posto al trattamento chirurgico. In og·nj modo avrà ~empre agito efficacemente preparando il malato e mette11dolo nelle n1igliori condizioni locali e generali. Allo tesso titolo .(lovri\ essere cnstantemente adoperata nel pe1iodo post-operatorio.II. 11:Ictodi terapeutici. - Dopo q11alche accenno ft lla c11rn medica (dieta, regime latteo, me41icamenti al bismuto, riposo in decubito dorsale, ecc.), l'autor~ tratta dei d·i versi processi chirurgici, dividendoli in tre gruppi. A) .i1!Ptodo indiretto: Gastro-entero~tomia semplice. B ) Metodo diretto: SoppreRsione dell'ulcera mediante: l ('auterizznzione <liretta <Balfour) ; 20 Escissione semplice: :3° Rese7...ione a sella · 4° Re!";ezione transgastri c<ì (l\In:ro); !)o Resezione èircolare segme11tari::t dello ston1;1 C'O (Riedel) ; . 6° Tamponamento per rjpiegah1rn (Roth). O> Jletodo rn,isto: Gastro-enterostom ia assocint.'1 ad uno dei proC€ssi di distruzione dir(ltta. Dopo aver respinta la gastro-enterostomia semplice, che ba il merito di e_s sere un procedimento semplice e benigno ma che non apporta dei mjgliora1nenti duraturi. il relatore ~i pronunzia nettame11te per il metodo diretto al quale è indicato, in a1Cl.1ni c~si, a~sociare la gastro-enterosto1nia. Espo~ti i vantaggi e gli inconvenienti dei diver. si I>IX>cessi di exeresi, Duval conclude che ciascun prO<'(l<lin1t'luto ha le SllP ind.i.caz'.ioni speciali (I pe11sa che il cl1irurgo d(>Ye ben possedere la tecnica ~i ciascuno cli essi affine di essere pronto p~r ogni eventun lità. Bas.c'lndosi sull<l propria esperienza, egli tracci<1 lo chem~1 di qu~ste indicazioni: a) Ulcera iniz1ale, ben localizzata, p()CO o af·· fatto Rllerente, BellZS gastrite ipertrofica : escissione o meglio operazio11e di Balfour; in cn so di stasi completare con ltna ga tro-enterostomia . b ) Ulcera callosa, Jarg~ ulcerazione a sella, con :iclerenze pancreatiche, Perigastrite este&'l: resezione n ~lln . A malgrado delle difficoltà tecniche <' <1~1 1n òf>formnzi<>ne el1p detern1in<1. ()11esta <>J)(>rn1Jo11~ alt<'r<1 n1 no di quello che farebbe credere la ra<lio~r:1 fia la tnotilit:l ga~rica e dtt buone guarigioni. c1 l 1 lc-era iuxto-cardiaén, poste1iore: escissione o C'Hllttlrizzazione transgastricn di Mayo. Ugualmentf' n()i rn, i di t1leera :poco estesa ma largament ~ aòer nte :ti pinni profondi. <1) 1 le<'l'<l con stenosi mediogn~ricn : resezione I)

\

(ANNO XXVIII, FASC. 3J

nlla cli tt·t1zione del1 'ulcera aggiungendo la gastro-

c11teroston1.i a se c'è stn si. III. R ·i sultati. - Variano a seconda dell'et~t clell'ulcera, del suo grado di sviluppo, dell'operazione praticata. L'operazione di Balfour nei ca i })resi ~ll'i11izio dà circa il 3 % di mortalitti e circa 1'80 % di buonf r.isultati. Il trattamento me.dico dà invece non più del 30 ?lo di guarigioni durature ; la malattia non curata affatt-0 <ià circa il 10 % di· m9ttalità. Terminando, l'autore ins iste ancora sull'importanza · d.ella dietetica e delle cur e post-operatori<'. DELAGE.i.~IÈRE,

relèl tor~, lin1ita i l suo studio all'ann tomia patologica e a lla tecnicn operatoria. Quanto a ll'an.a tomia patologica. di tingue: a) L'ulcera a c:11t.'l o recente, l' e.i: ulceratio si·nLvze.r di Die11lafo~··, che spes..c:;o è i111possibile iiconoscere macroscopicamente anche q11and°' un'emorra , gia a bbia reso necessario l 'inte1~-e11to chirurgico. I~ gastrot-Omia riesce nella maggioranza dei casJ negativa ed è da sconsig'lia1~i. La situazione esatta di questa ulcera non può essere preci•sata che nei ca~i di perforazione. b) L'ulcera cronica; ne distingu(' due tipi: l1no che evolve verso la g--uarigione (ulcera semplice o rotonda), l'altro che ba tendenza invadente e progressiva accompagnato da t111a serie di possibili <:omplicazioni (ulcera callosa) . I/ulcera .s emplice o rotonda è una 11iccola lll~­ razione, a bordi tagliati a picco e leggermente i~11eRsiti: poco prl')fonda, di aspetto biancastro e cicatriziale dalla parte della sierosa. Adenopatie frequenti, infiltrazione edematosa del piccolo epiploon, ga~t1ite nelle vicinanze dell'ulcera e a distanza. J.. 't1lcera ca lloSc'l è lo .stadio di eYoluzione che pit) !O:pesso si osserya operatoriamente. Forma allora una tumefazione retratta, più o meno grossa , in· globa11te la i1iccoh-l Cl1rvatura per 11n·estensione pi1) o meno g·rande. Ulcera profonda, a margini dt1ri. I.ia forma cli ' Qt1esta ulcera, rotondeggiante all'inizio, tende . a <livenire ovalare per esten~ione progressiva verso il piloro. · Dalla parte del peritoneo si vede un 'infiltrazione <·11l:' clà lnogo ad aspetti vari: ulcera a sella, ul(;(>J"<l <lnula.re mediogastrica, ulcera gigante. In a 1cnni ca i di infiltrazione diffu sa lH lesione asson1iglL.1. alla lini te plastica . .A. derenze dovute a perig<1strite determinano gravi deforn1azioni dell'or gano. E~istono adenopati~ <.li origine infiaron1at-0ria. Gangli ingrossati, rossa~tri. molli . Forse questa aòeno1)3tia ha per ori• g1ue l'esistenza di piccole ulcerazioni iuxta-piloricbe: 1:>erciò uelle forme c011 adf\nopatia. sarebbe consiglia bile l 'ablazione o. J)er l o n1e110, i ~esclusio­ ne de.l })iloro. J,, 'ulcera ca llo..c:;a può in . eguito n11cla re incontro ~i un <-erto i1u111er-0 òi complicazioni c:I1e è bene co•

no~ce re:

1° Cicatrici deformanti

clrc~ll:\ re.

e dol<)fORe (che debbo-

Pmorrn~ie: <l~rnzio-

no ~empre essere resecate in~iemè con la tumefa-

non è •le~tin<1tc1 C'J1e ad oricnt:tr<' 1 ~ 1 it,\rc:he e ben st.Abili~ i risultati. i~·nzion~ "hirurgif'n 'leYe, in C<lÌlcln . ione, tender~

zione stessa). 2° Retrazioni tenosanti pilo1iche e mediog;1stricl1e (è neoo.c:sario in qne ti casi praticare un:i h1 ra;a re. ezione) .

e) nf~

1C0r:1 con1plicat.'l t'on

cli Tlnlfo11r.

Qt1~st<J

el:\~~ifiea7.i<lO\'

( (

l •

~


I

[ANNO XX\TllI, FASC. 3]

101

SEZIONE PRATICA

30 Perforazione aperta e libera (che i1eC'essita la resezione t'>er poter sutt1rare facilmente, da L.'l la durezw dei margini e la sclerosi de l tessuto cir-

$eCondo le indicazioni del caso. I nsiste s ull'importnnza della radiologia post-operatoria per controllare il funzionamento dello stomaco. costante). - DE BEULE (Gand) . - Crede che bisogna anzitutt.o -to l)erfor<tzione isolata e chiusa . È la forma cercare di di-struggere .1'ulcera : insiste sulla necesi1iil frequente che si diagnostica spesso per lln sità di ben peritonealizzare la su perficie cruenta ascesso sub-frenico. 11 piccolo e1)iploon, il lobo di e ricorda l'importanza delle cure pre- e post-Ope• 8piegel, il legamento oospeµsore de l fegato, posratorie. sono essere inte.res~ati e formare il coperchio del:MoNPROFIT (A.nge1·s) . - Non accetta l'anatema l'ulce ra. Qt1ando questa si approfondisce nel pangettato dai relatori sulla gastroenter.o stomia. Tale ~re.a•s, da11do pancre.atite reattiva, Delagenière coninte-rvepto, se eseg11ito correttame11te, dà , secondo siglia di ter111inare l'operazione. con un dre naggio lui, ottimi risulta.ti. '1P1le vie bili!tll'i per evitare la persistenza, talorn '.rÉ~IOIN (B <Jurges). È partigia no de lla gastro~l~~ai lu11ga~ dei dtsturbi d'ispeptict e dolorosi . pilorectomia la r ga, sits tematica in tutti i ca.si. In:)o f../ulcera-cancro, ossia l'evoluzione cancerosa 5\i ste sulla necessità di sezionare prima dalla parte cli t1n'ulcera apparentemente benigna, è una comduodenale e di mobilizzare quindi da destra a si11licazione im1egubile e tanto più graYe in quanto nistra. s11esso è imi:>os.. ihile riconoscerla nel corso di un~ Q11an(lo esistano aderenze, specie se si tratti -.Ii operazione. .i\ 11ehe il metodo di esame istologioo ' Hclerenze posteriori pancreatiche, cominciano le difl-'~ten111ora11ro, esperimentato a R<>chester, non semficoltà. Anche qui la re.sezion~ da destra a sinistra l>ra clia i risultati che si speravano . è il metodo di scelta ~nza però insistere se l<> Il r~latore C'o11clt1de dicendo che, nel dubbio, il scollamento è impossibile . Si lascia il fondo. del<'l1in1rgo <leYe ~empre comportarsi come se si tratl' ulcera che si raschia e cauterizza. tasse cli un~ tu1nefazione maligna e pratica.l'llè HARTMANN (Parigi). - Dopo avere accennato alla J'exerP~i, Ralvo speciali con t roindicazioni (aderenpropria casistica, afferma, dal pt1nto di vista te~ ze, e~tP11sione. ('CC.) . rapeutioo, che la gastr o-entero5'tomia ha guarito e guarirà. a ncora lln certo numero di malati e ne Ilig;uflrù<> alut tecnica operatoria il .relatore, a.ccita qualcuno la eui opern zione rimonta a 10 ancennu11rlo n ll 'i11·su fficienza. della gastrenterostomià ni fa. In ogni caso la gastre11terostomia deve semse1nvlit'.e, conC'lnde in favore della resezione delpre essere un complemento indispe11sa.bile delle rel'ulcera, anclI(' nei cnsi di ulcera semplice non pe . sezioni. netrante . <)111.~~to metodo gli sembra più razionai~ PAucHET (Parigi). Ricorda che tutte le vere <~cl ,~fficnc·P <li qnelJq di Bnlfour, preferibile a quello • ulcere gastriche l1anno per origine la piccola cur<li ~Iay<>. Yatura che è la ,~ia naturale de1 liquidi irritanti; . -.,11 · u l<·~rn c·;1 llo~'l della piccola curva tura iuxtodice che le infeziollli delle vie respiratorie e digeJ1 ilori«:1. DPlngenière pratica la pilorectomia Jarga stive superiori hanno grande importanza come cau!--PCondo n11a tecnica simile a quella usata per il se predisponenti . Insiste sulla necessità di un'opec.1ncro P tcrnlinn ta cla nna gastrenterostomia (Bj llrazione precoce e cons1glia di praticare prima delroth II). l 'o11er~1zione esa·mi ra1diologici ed esami di' labor~ ­ Nell 'nl1·era cullo&i - en sell e - della piccola torio completi", 11on trascurando mai la reazione di c·nrYnlur>i, il 1>lloro è intiltt<> , la grande curvatul'a I 'Vassermann. r·o11sc1"\·n tn i11 i11tPro, e la ricostituz.ione de llo stoEJgli pra tiea. la Balfour nei casi limitati, altrin1n<'o è 1e~l.lizza bile . Ma la resezione de lla zona menti la .gastro-pilorectomia di cui però non namaL'ltn seziona la maggior parte de i nervi : Jo stosconde i pericoli. Preconizza infine ·l'uso di filo n1aco atono, cJ.iviene t1n sacco inerte. La gits1:roriassorbibile per evitare i~ulcera peptica. t=>ntf'I<>!';ton1ia c~rnplerr1entare è indispensabile. T1sSERAND (B esanzone) - Dopo avere. espost.o la Nell'ulCE'ra clella piccola '!urvatura determ1nante Cc'lsistica per.sonale e i vari ruetodi usati, conclude .la retrazione a bisaccia dello stomaoo, pra tiea la preconizzando il metodo misto : l 0 distruggere l'ulr(-'sezione Ine<'liognstrica seguita dalla sutura dei • rern ; 20 fa re la gustrenterostomia. dne capi e dn 11<1 ga.strenterostomia complementa re . · Nell'ulePra della piccola curvatura iuxta-cardiaABADIE (Ora1i). Su 54 casi di gastro-pilorecto<-n, la resezione è assai difficile. Non bisogna fare n1ie di ulcera rdello stomaco (16 caSi comprendela resezione <>n .~elle: il {!ardias e l'esofago revano ulcere della piccola curvatura) ha avuto trnenùosi, renclono la sutura malagevole. Meglio 52 guarigioni . Egli ha dovuto praticare questi lar1u resezione totale dopo la liberazione, seguita dalghi interventi per l'estensione e la profondità della si1tnrn clei òue capi. le ulcere e per le ade1'enze cl1e esistevano con gli Qu~sta forma è de l resto assai rara e il relatore 0rgani v"icini. Tutta vis egli afferma. che è oppornon nP. ha v1sto cl1e dt1e casi, uno seguito da suctuno in quasi tt1tti i casi ·sopprime re deliberatac·eRSO <resezione totale), uno da morte (I'esezione JOtl11te il piloro. ,,n .~elle, 1nor te per insuffi.cieniza di sutura). :l\l uLLER (Saint-E tienne). - Difende l'operazione di l\layo, che è una buona risorsa in certi ca.si. DISCUSSIONE. Egli ba avuto buoni risultati anche con la sola Ku~f:\IER ((fin evra). - Afferma, in base alla prooperamone di l\fayo senza ga8trenterostomia compria e~perienza. che non si può essere intransiplementa.I'e. genti riguardo al metodo da ~guìre ma regolar~i SCELBA, 1

1

!


lL POLICLJ ~lCO \

APPUNTI ·DI MEDICIN.A PRATICA.· CASISTICA E TERAPIA. ,

L'ipertensione obbligatoria dei nefro , e degli arteriose I erotici.

ris'Parmiata i1elle altre. I pu11ti p et la diag11 0 i sono i segLienti. In e11trambe lei foI"me, si os·servan.o mono- e polimorfonu cleari, i1ella ste,ss·a pr.opol'zione : però, nella t11b,ercolosi, 1essi h anno conto1·ni ir-regoJ.ari, bernoccoluti, e s1 colora11.o male ed it1egu.a1men te: most1r an10 inoltre dissociazio11e de1l protoplaisma, s1)ezzettame.nto d·ei nuclei, vac11oli, ecc., tutti caratteri che i11ancano nelle f orm.e nio n tmberco}ari. Un altro ·carattere è dato dall'an,amnesi; è affatto ec-cezion.a le c.h e nella tuJ.)ercolosi si abbia l'il'liiizio ac11 to, ·ID·entre ciò s.i osserva nel 60 % degli altri .c;a.si. Le riicadute, s,on-0 di '·durata relativamente breve nelle forme non tuber.0 olari; sintomi gravi ed interv;:t.lli di benessere si osservano n1el rperiodo di poche settimane; i11 tal·i forme si notano rapidi miglio.r amenti 1col riposo a lte tto, abbondante. ingestion1e di acqua, dieta cd antisettici 1111.nari, n1entJ·e .sii. o.s se rv.a d'altra l)a.rte il Tapid o ritor11 o cl ei sintomi, sospe·n dendo la c11ra. An·che neille forme 11'011 t11beircolari l'.)UÒ essere i.n·dicata l a nefuectomia, qua11do la piurda è nettarn.ente unilate.r ale erd il p·aziente ne soffre da anni, sì da essere reso invalido.

Ca111ot ,e Bathe ry (Paris médical, 192-0, 11. 09) co11 dati cli11 i.ci e sperimentali mostran.o cl1e l 'iper.te11siione a1·terio1s.a è sp1esso in·dis1)eor1sabile per assicur.are la ci rco·laz-ione e la secrezio11e di un rene sclerosato. Essi haruno anche stt1di-a to sperimentalmente i rapp-orti stretti che legano la pressione arteriosa, la viscosità del sanigue (?) \.·e11JOSO 0 ru: 1eimja. Ne deriva che se è necessaria I 'ipertensione i1ei i1efro1sclero1si i)e] bupn f1tnz.ionamento renale, ogni aJ)baissame11to della tensione porterà all'anutia 01d all'·o ligi1ria; l'ip,ertensione de\'e quin.di esser con.siderata come un p·r ocesso reazional1e di difesa da risipettare: è certo che l'eccesso di tensione fa correr e il risichio di emorragie cerebrali e1d altri danni, pia per evitare q11esti è i1nprud,e.nte abbassare la pret:;sione: tali pazienti ren.ali piì1 spesso mt1oiono di 11remia che ,di emorragia ce·r ebrale: di qui il precetto teraspeutitco di non ,abbassa.re l a ipertenstone di un ne.froscle·ros·o se no1n dimi1111·e ndo simult{tneamente l e resisteinze ci1)colatorie e 1s1peci1almente la visoosità del san·g ue,. r. s. Gli stessi argomenti possono ·essere consideLa funzionalità renale r,a ti per gli arterioscleroti ci: an1che qui occorre .nella gravidanza normale e patologica. consi·derare i v.antag.gi e gli svantaggi dell 'iper- · tensi<:>!Ile e guar.darsi d1al diminuirla se non di..\.pplicando 11 inetoclo dell, azoturia s1)el'imi1n uen·do parall·e1amepte le ·r esistenze vasco11l e11lale E. Trer1ti. ( Folia GynaPrologica, volari che ne sono causa. lt1111e XI CI , f. 4, 1920) ha o servato i risultati NIONTELEONE. che si otteng~ono tanto ·nelle g1·avid ~nze norrnaJi, quanto nelle gravirl'anze co111plicate acl Piuria asettica. ttlbl1minuria, o a nefrite . l)allo studio di un E 01)inio11e corre(Ilte i'che la pi·l11ri.a, in cui C'erto numero di casi (36) egli giunge alle se g1tenti ,conclusio11i: non si riesce a .dimo.st:rare l.a 1pre,s enza di .mi• 1° Nelle gravidanze a decorso normale il croorganismi, deibba senz'altro attrib11irsi a tubercolosi. B. Runeberg (Fiuska LaA·restillsre11e reagisce al la prova dell'azoturia o co11 kapets Hancllinaar e "/.!ed . Revieu1, lu.g lio 1920) un compo,r taim ento s]mile in tutto a quanto i riscontra nei soggetti normali fuori dello in 56 ca.~ i cii piuria asettica, in cni l'anamnesi era i1 egat iva per la blenorrag·ia, ne hc'\ trovato sta.to p 1erperale, o con una reazione rapida. ed in1,ensa che supera in t11tto il suo andao1ta11to lln terzo di origine tubercolare. Negli 1nento le migliori reazioni otten11te fuori della altri casi, <> erano in giuoco, m.alfo:rnn.azi,oni gr t1,~idanza ed in tali casi l' . .t\.. . parla di iperconge11it.e dei reni. opp11re la p.iuria era da $ Cn ibilità e i";)er f11nzio11e r e11ale; oppure con attribuirsi ad infezioni renali (staJfìloooochi ocl 11na speciale reazio11e caratterizzata da un a.Itri miocoorganismi) ,· erifìca~esi in uno stapo 1iciclismo nell'eliminazione dell'urea. el io i11 cu~ questi 11lti.n1i non erano dimostra2° Co11 il t11etodo dell'azoturin sperimenh il i nell'l11i.na ~on i metodi ordin·ari, trattavaisi cioè di l1t1n antecedente nefrite glomerl.1lare a tale si pongono in evidenza clifferenze be11 f ocolo io c-0l1 ~ egni clinici inosservati. chiare fra il comportam ento del rene nelle albuminurie tos iche da veleni cl-i origine ovul.1a dj~no~i di que te forme è importante. perch ;\ . . e è ne es$nria la nefrectomia nelln. lare e quello del rene nelle nefriti compliC'ate rtalla gra,·idanza stessa . f or ;1 n t11he r colnre liilllaternl e, e sa può es ere 1

1

I

1

1

1


[A~:\O

XX\" 111, ;.- .\.SC. 8]

~~:Z l ONE

103

PRATICA

Le cliffe1e11ze principali so110 iapprese11tate dal fatto \.!be i1elle a lbuminurie gravidicl1e la eliminazio11e delru1·ea procede i11 n1odo n on molto diverso cla quanto avvie11e n elle g1·avida11ze i1or111ali e solo dimostra ç,on n1aggiore freque11z a l, apparire di ma11iiesti . p oliciclisn1i; mentre 11elle 11efriti l'eliminazione l1reica ,resenta l ' a11da111e11to tipico delle nefriti ft1ori ' dello stato g ravi dico : cioè oscillazioni lente e di scar~o grado, con tendenz~ nei casi gravi ad un continuo e progressivo in11a lza111 ento della curva e con piccola differenza tl'a l'elin1inazion e 8l)i.tl1ale ~ qu ella 111assi.n1a provo"a ta . L ' _.\., anc11e i11 le<sio11i acute g 1·a\ i proprie d ella ne plt ro z1al i a e g raviditat e, 11a riscontrato reazioni con andamento che si allonta11ava a~ a i cla <.1uello delle i1efriti anch e lievi, e pros• simo in vere a quello ottenl1to n el le gravidanze i1ormali. L ' ~.\. ritiene quindi che il metodo dell'azoturia po~~n essere utilmente appli cato, sia p er lo stu di o della speciale funzio11 a lità del rene nello -:;ta t o ')ll el'!Je rale, sia per differ enzi are i casi di albttmin11 r ia tossica da qu eJli di 11efrite, r ica' anelo ne anche un elemè11to p er la prog1 1osi e. lJer l'eventuale intervento operativo. t. p.

ch e a 20 a11nì fa e cot0.isisio110 ne.lia clecap·s ulazione renale u11i o bilaterale e nella i1efr-0to1nia. ~I entre l"i11te.rvento cl1ir'l1rgico è diffuso in Germania, in Fra;11'cia è riservato a limi tat e indi-c.az.toni, anzi a l la so.la ainuria. La d.ecaipstrlazion e è discutibile : iì1 oli·gurie marcate o a n urie ha dato una m.o rtalità IJiù elevata deù 57 % delle e·c la mpsie tratta.te con memi medi·ci. La nef-roto.m ia de,congestion.a i reni · ·e produce un .abban,dJa11te salass.o lo.c ale, salas~o di sangnJ1e e .liquidi interstiziaJi ch e bloccano la circolazione re1nale . • Sui cinqt1e casi di n efrotomia pt1oblicati si notano 3 guarigio11i e 2 morti; qa ristrette statistiche non può certan1ente formul a rsi il valore terapeutico clella n·efrotomia, tuttavia non si può ch e esseir bene impr.essionati dai risultati i.n sp e.rati o.tt.en.l1ti n ei casi ad esito fe:Jice, progr·e ~sivam ente si atfen,uano poi scon1p.aiono i ·sintomi uremi.ci e i] mig·lioram,e nto coit'1cide con una diu.resi veran1.ente considerevofe.

La nefrotomia nell'anuria eclamptica.

Le fibre elastiche contenute n egli sputi dei tisici (Ballin, B er. E.liri. W ochenschr., n . 31, 1920), sono r agg rupp ate in modo diverso a seconda che i malati sia110 affetti da llna forma pr·oduttiva o da llna forma ess11dativa di tuber.colosi. I lVIentre n egli ~ puti cli ll.nalati della prima forma le fibre elasticrte sùno dis poste. a ciuffi., in quelli di ammalati cli p11 eumonite C:}Seosa esse hanno strl1ttul'a. e cli·sposizi one alveolare. Negli sputi cli n.mn1 a 1at·i che presentano contemporaneaménte la. forma produttiva e una pneumonite casl>osa si trovano o · s oltanto delle fibre ela~tich e ·a struttura alveolare, oppure si trovan o e anelle p delle altre riunite a ciuffi.

1

~1.

Géra1 ~d,

nel Jou rrial rl'ul'o l ogie r/P Paris (ton 1e I X, ti. ?, 1920), d escrive il ql1int o ca 0 elle In IPtt eratul't:t ri co1·da di a11u r ia totale t r a ttata co11 su ccesso ron la nefrotomia. tJ11a. 1Jl'in1i1)étra di 30 anni, n el 7° rr1 ese di g r avida11za i1er 11na qui·n1dici.na di gior11i lP·t edemi a ll e .ga.mbe, oltguria, dolori, e.0c. Dopo 1.) g-jor11i hn t1na cri $i oolamptica: abbondante saJa~so, i111rgante drastico e la crisi c e~sa. Dopo 'J.8 ore espl1lsi one del feto m orto, ma l' ant1ria è completa e resistente ad ogni m edicazione: l'edema si generalizza, con1pare diarrea con1pensatrice. Gérard al 7° giorno, agg.ravandosi le co11cljzioni n1ette a nudo iJ rene destro , in cide il bordo convesso, apre il grand.e ealice i11feriore nel quale n1ette una sonda n. ~. o. La seir a comincia a deflt1ire del -liquido ematico da.I tubo, liquido che raggiung,e il gio·r no dopo i 125 ·g r. : persi,s te Ja diaJrrea .e l a inattività dell'altrv . rene. . Le con1izioni vanno D?i·glioran·do: il 4° giorno il ren e integ.ro inizia la su.a fl1nzione e da tal m omento la seicrezi one urin,a ri.a pro,g redisce rapidamente ....\d lln mese di di stanza l'ammalata , gt1arita, l asc:la l'osrpedaJe. Dei m etodi cli cura per l'eclamp.s ia: medici, ostetrici, ohirurgici, gli ultimi non ri.mo11tano 1

1

1

1

I

1

1

1

~'10NTELEONE .

DIA.GNOSTICA.

·

Diagnosi differenziale tra la forma tubercolare e la fo.rma caseoso-pneumonica della tisi.

P oL.

Contributo alla diagnosi tubercotinica della tuberéolosi poltnonare. Ci sono alcuni irldivid11i Iléi qual}. la ten1peratt1ra. del corpo è fisiol ogiea111e11te più alta del normale; in. ,.. .altri una tale a.nomalia termica -. u u ò essexe determinata da labilità ter:.. mica n erv·o sa, o da stati patolog·ici diversi (piccole suppl1r.azion) , intossicazioni intestinali, stati tiroidei, ecc.). In tutti q11estj indi vidui è spesso molto difficile lo stabilire se l'ipertermia protratta non sia dovuta ad 11na. 1


J L POLICLINICO

104 tubercolosi

1)olrr1onare

incipie11te. _..\.. Ki1cl1 ( tl'ien. Klin. ~v· oche1i scllr . , n. 35, 1920) ha trovato che l'iniezione di una dose m-0lto sc;arsa di tubercolina (0.00005 eme.), men tre non modifica affatto ì 'ipertern1ia dovuta alle cause sopracldet te, esagera sp esso l ' ipertermia t11bercolare. La reazione termic Et ir1 seg11ito ad una dose 4.·osì minima di tubercolina è però possibile .:;oltan to nei tubercolosi ipersensibili; l 'identifica,zione di essi è n1olto importante, perchè, secondo l 'A., essi sarebbe ro più bisognosi di curn dei tubercolosi non ipersensibili.

[ANNO XXVIII, FASC. 3]

(12-0) AJl.ètbb. n. 11926: I l sonèagigio dell'utero deve essere evitato

ove vi sia sospetto di gravidanza pe r chè si r?s chierebbe di provocare l'aborto l1er rottt1ra o ~ rollamento dell'uovo. A . DI s. 1

(1251) Al 1d·ott. Betti da. Pt·0to :

Con rif erimeinito al.ila re·ciension·e «il cacodil ato di sodio ad alte dosi in t erapia », la .quantità di alcool fenicato a I 5 % deve essere di gocce qitattro . MONTELEONE.

, (12ò2) -~ll'abb. n. 3863: · Un trattato modern o, sia rii radiodiagnostica che di radioterapia, che non sia scritto in tedesco, è quello di Beclère, Cottenot e Laborde, POSTA DEGLI ABBONA-TI. che fa parte ·del nuovo trattato diretto cial Sergent, Ribadeau-Dt1mas et Babon11eix, 1edito da (1247) Azione degli a rs e·n obenzoli. - Al dott. ~VI aloine . .C. V. da ·C. : Dello stesso trattato -n11ò -orendere il volume . I preipairati di a.rsenoib enzo1o .non producon.o clelle mala~tie di stomaco fatto cla Rol1x, Dur.tegùi orgainisim1 i:I11de.nn1i 1da lue effeitti .fiSliiolora nd, ecc, gi-ci e tossi1ci 1diversi 1da .qu.elli ·che si verilficano P er 'la racTiodiagoostica clell'appa~·ecchio di .. scmm~ni1str.a:nd 1lli a i sti.fi'l i tic i. gerente prenda la lVTonografia del lVIanginelli, N·on saipremmo consiigliare l'us10 .d i qu1esti èhe è in vendita pre$so ]a nostra R edazione. preparflati, la oui azione I10!l è mai scev.r a di · P . .~. })eri•OOli trulvoJta gravi, a solo SC-O!pO· rioostituen(1253) All'ab.b. n. 8129,: tlf! : essi inveoo va11·no ado1p-erati solo, e 1samipre L:i1 buon tr.attato di ra cliotera1pia è quello· di con le dovute cautel~ , n ella sifilide ed in quel1e altre malattie in r11i la 101· 0 azione terapeu- . ( >udin e Zimmet'Il della Collezione Gjlbert e Carnot (Ediz. Baillière) . L e vedute rece11 ti sono tica è bene accertata. i)erò m eglliio 6V0 lte in tratit.ati I'eoen·ti tedeschi non ancora tra1dotti.

POLLJTZER.

1

0

1

(121.8) 1Jl 1'1i orrayia . e matrimonio. I'l. 11180 :

'

All '.a.b1b.

La presenza di pu1s ne.I n1at.e1 iale p,r ostati.co è s empre l 'es1) r~sior1.e di u11 p1rocesso anooira ind'ettiv? : tanto !)iù poi se l'essu.dato uretra1e, i n seiguito ad istillazioni provoc-atrici .di nitrato di a rge11tb, lascia vedere la !)resenza ·di gon.oc oc<'hi. In qt1esti ca.si il rna t.rim01ìio · ... ~ deve scon i~li a 1·e in morto ~~soluto. V. MONTESANO.

, 12'i9) ll-lovi)nrnti ,1,~ 1 f eto . Al dott. Cesar Jnnnuzzi: La intensità e la frequenza dei movime11ti attivi fetali sono éstremamente variabili: non è il caso di dar l~ro uno speciale valore pro· g11 os t ico nè è da ritenere che possano occasionare presentazioni ano rmali. Soltanto è da ric ordtlre che movi111enti violenti si hann o talvolta per un breve periodo qt1a le fenomeno cli ~offerenza fetale e poc;sono precedere la morte ,j eJ feto stesso.

P. A . ·

(125'1) Al d-0tt. N. G· 1da S . (Trevis.o): ' Sull' alcooli smo può .consttltare: Triboulet, l\1àthi1eu, L'alcool et l'acoolisrrie, · M.russon~ eid., " 1G. C'o ron·e-di, I veleni siociali, S1russruri; Parigi; G. Allevi, L'alcoolisrrio, l\!Iri.11a.n .o, HoeJP[ i; Viaud e Vasruer, La tutte contre l'alc oolis1n e, AsseJin e Houzeaiu, eid., Parigi; Harft ey V. e Starge M., .4.lcohol and the human body, lVIaomllan, ed., Londra. Non conosciamo tradl1zioni delle due memorie di Btmge. 1

fil.

(1255) All'a.bb. n. 11104:

Il \rolum1e di Sel1a e Gra.S'6i non è in commoereio. Può ch.iederrJo a1gli AA. (Istit.t1to di un1atom1a oomipa,rata deilla R. Un.i·Y ensità di Roma); 01p·p ure otte.n erlo abbo11.anclosi agli An1

11ali d'Igiene.

I ... p. (12.=)6) Al dott. G. M· da Venezta: ' ricarelli: Terapia osf Pt rica d'urgen::a. L'nio, ne tipQgrafiro-editrire, Torino.

-~· DI $. •

l. b . •


[ANNO XX\.. III, FASC. 3]

SEZ I ONE FRA TICA

VARIA _

'

Lo studio della faccia umana.

105

...\lct111i recenti Trattati francesi hanno diviso le fac.cie umane i11 tipo ·digestivo, respiratorio, cerebrale e n1i s to. Se c'è oggi una faaci.a e'" s e11ztalmente digestiva, è qu1e1hla d·ei poipo1li 11elle loro pTime fasi di civiltà, com 1e i se111egalesi. La percentuale delle faccie così dette miste è aJltissirn.a; tt1tto a l p.i ù in queiste potrà ·esse rvi unai te·n denz,a p1iù o me110 s.pdocata v1erso (Jllalcu,n o de1g •li aJtli tirp i f·on1dameintaJi, ·come neilla 1r.azrza Ebrea, in cui i~ tratto r•e1spi rato,r io è ~ 1)ref·e11~en:lla .&-v ilup1pato. La faccia diigeistiva è ciwiiatteriziza,t a 1d·a1 pired o111inio de[le ossa mas1cehla1ri e s peciahnente dellla inan1diboila. Com·e cam1piorne è la f1aooia d el Rossini. Nella faiccia resipir.ato,r ia il tratto gl&bello-aJveolar:e sup·erioo.·e spicca notevolment e , com e ne!lla figura di L1eoinardo da Vinci. 11 tipo c1ereibnal.e è crura tteir1zz.ato daJllia pTeivaJ,e.nza dal1a fronte: in a1tre parole, la ifaccja è qu.asi attutita, quqisi dominata d a l1e aan'Pie orbite; cla s1ca, sotto, qu1e1s to .aspietto, è 1a faoci1a ·di Nal)Ol·eoine I. .i.\d o·gni tipo .d i f.acicia corri~ipo11dre uma diYe1raità di fo.rme e. suiecirulmeinte ,di cu.rvaiture ossee, di traiettorie, d.i inc1d.n1a,zio.n i di piani .e , cli conseguenza u11a divers1tà di configurazio' ii,e muscolare pet:r ,ciò che conceriille ~a forma die:l ve ntre e d e i capi, se muscoli 111ngl1i; o la forma trjangolare, quadrata, più o meno geometrica , se muscoli piatti. Ques t,airticolo ti1on è che un,o ... punto, che un som~11ario : 1 it 1su o svill!upp o pot:rebble 1as.seire ro11tinua:to solltrunto i111 un te.atro anatomi.co, pt1rchè vi s i trovi110 possibilmente indici facciali incontrovertibili. B. D. \ T. (Dalla Stom,atol ogia). 1

La f orn1a e.ste·r na fa.ccia1e non è e.be i1 velan1e cl11e I1'e copre .rult1,e più complesse, più varie, 1p iù impou:tamti. Lo studio della faccia u111ana, come si esprime Alfred Pa;ul R·o1gietr, è inte1J.11samente affas1cin1ante. , Inc0Jll.S·cian1en te le facc.ie ven1g0010 c.la;ss~filcalte i11 forti o clebotl.i, i11 a ttra.t tiv1e o a11Jti·p1ati1c he, se11z.a che .::,i con·sid1erino i fattori :riesp·001sabili di qt1este condizioilli. I ban1bii11i 1che 11ari.n10·, ,p er ese111pio, la boc c1a a91e·r ta ed un10 scarso toino n1uscolare, so110, n. p1ri1na vista, giudicati i1i-

1

I

~u/ficienti.

Percl1è .questo co11·cetto essenzial.m 1ernte psicologico abl1iu u11 f0n.d ,1me11to positivo, Si do:. Yrehbe l)arti1re da u110 studio .a11atomico e fisio~ log icu delle reg:i:o ni superficial i e prof 01llde dellu. faccia urna11a. L 'ortodontologia ha già fatto uJJlJast,anZJa, ma la con cezi•o,n e del ·srtlo cai11po di lavoro è rimasta tuttora rtstrietta : dal l'nclcll'izzaJ:11.ento) lJ.er così dir.e , d ei den1ii, .esstt (leve arrivare alla correzione del ·;volto, con il1llugi11e rn etodica ed osservazione dei fatti. • I_J,i111portanza dell 'esatta funzione muscolare 11 0 11 è stata fin'ora giustamente calcolata. Epp11 re sollo i 111uscoli della masticazione e della espres ion e che, gi11stamente calcolati, esercitano s11lle t,ottostanti ossa la più grande in~ flu.onza. Se q11esti n11uscoli non si ve•n gooo a tro\' Ure, in un certo momento, sotto un giusto controllo, si a\·ranno élJlJoma1ìe .p iù o meno el eva te delle fragili strutture ossee e dentarie i11fa.11tili. Distul.'lbaia un.a volta una t,r:azioin1e od 11.11 so1lo piano di trazioni mu}scollarri, tutto 1'insie.rr1e, tutta l'umità fisiologi ca if,a;eicdaille sairà gradatament1e, e sempire maggiormente, a lte1

1

1

1

rata. I co11geg11i mecca.nici, gli archi esipMllSivi, con1e metodi di aura, non SO'll•O che mezzli. 11,n JJaterali per la correzione, poniamo, del respiro boreale. I~ 'anatom ia e la fisiologia, quanto n1EIAggiore è lo svi l1uppo delle scien1ze 1ad esse commesse, resta1110 sempre l a bas.e granitica, lfl guida .p er la comioriensione dei fenom1eni umanj, cLeùJe questiom pirati·c he, d:el1e Te1goile ierap e11ttiche e1d ortope1d iiahe. Qualsiasi forma, anche la più comune ai noistri 01ochi, ri'aioqui·srtJa un .n·u.ovo fascinlO 1se pr1ooediamo a 1COIIl·o1s1ce.n'La più intimamente.. Leona11do da Vinc i .n el ,dipinger.e l a mano e il volto senti, primo nel mon·do arti stico, il bjsogno di v.ederne 1a struttrura che si Jlrusoondeva sotto la cute, e cioipo i ,su-0i studi anatomici, egJi materializzò ·su100 te!11e ·l 'etie rn10 soTri·so indefinito.

,

Per finire. -

I/ho JH1ssata brutta; sono stato ver qualcl1e

giorno -

conia toso . E clH:• tem110 vi fnCP\"H? Df11 lo ~ta to

( Espaiia, Médica, 1° nov. 1920).

A proposito del Congresso italiano di. chirurgia.

1

1

:\Tel fascicolo -!6 della Sezione pratica del «Policlinico» (anno 1920) a pag. 1321, a proposito del resoconto s11l V Congresso Internazionale di Chirurgia, e specialmente sul IV tema « la Ra.filologia in Chirurgia», si legge che il d·o tt. M'ioni, rela-· tore dopo aver riassunta la storj:a relativa a ll'ur' gome11to, ha riferito le <)'Sservaz.i oni pott1te fare iJ?. Roma presso la Clinica Chirurgica e la Ostetrica. Ora il dott. Mioni desiclera di far rilevare, come ri.sulta infatti dalla relazione già pubblicata. in e.r;tenso, che tutta. la pa.r t c di 'radioterapia riguardante i ma lati sui q11ali 11a riYolte le sue osservazioni è stata fatta presso l'Istituto di E lettrotèra1Ju1 e Radiolog·ia medica della R. Università di Roma diretto dal prof. F. Gbilarducci. ' /


IL POLICLINICO

iOO

NELL A VITA PROFESSIONALE. • MEDI CINA SOCIALE.

Cronaca del movimento professionale.

Per le autopsie.

L'Associazione Italiana fra i Direttori Sanitari d' Istituti Ospitai ieri.

E intuitivo che le auto1ps·ie sono di somma utilità per ·chiarire le diagnosi, per giungere .alla so1uzion·e di problemi clini ci intri cati, p er scoprire nuovi veri. E1sse costftui sicon.o il complemento indisp~nsabile ,de lla clinica; 1consentono alle nostre conoscenze me:dtc·h e di affermarsi e ~di 1progredire. · La camern. incisoria è, ·dai tempi di lVIotgagni, uno dei centri della medicina; ma è destinata ad assurgere a.d un 'importanza sem1pre crescente. Eppure le autopsie non sono ançora consentite in modo incon•dizionato : le .f amig lie cui i morti a>piparten,gono, possono ora effettivamente opp or si. Così m olti · casi ahe importer ebbe clel11cidare, restano avvolti nell'ombra ed inco1np r esi . È tempo di debellare il pregiudizio dell' in tangibilità dei c;adaveri di persone care, ·dettato da un mione se11timentalismo, pernicioso all'avvenire della medicina. Occorre togliere tl1tte le restrizioni; stabilire il diritto esplicito, .asaoluto, incontrovertibile, degli ospedali , delle clinich e, dei medi ci priva.ti, a compiere le autopsie, lasçiar1do alla sola discrezi one dei medici la selezione dei casi. Questa misura, men tre risponderebbe alle esigenze ·della rr1edicina, andrebbe a benefizio di tutta l't1manità. 1

1

,

* **

Di tempo i11 tempo si sono elevate delle voci e sono state pron1osse delle iniziative per ottenere l'attt1azione di q·11esta misura ; ma le voci <'.'i sono spen te, le iniziative· sono cadute. Sappia1no ch e è in via di elaborazione un provvedi1nento in questo senso; ma esso procede tra jncertezze e riluttanze. Chiediamo agli Organi resp on abili, i quali h anno aYUtO il merito di prom u overlo, di pon desistere. E ci auguriamo che questo vecGhio desideratum il qt1ale inte ressa tutta la famiglia m edica e asst1rge ad un'alta concezione umana e civile - sin finaln1ente p er essere a.ccolto. L. VERNEY.

Doveri morali degli abbonati : aiutare Il periodico a auperare le gravi dlfticoltà del ctope· auwra ; pertanto : dlllonderlo tra I colleghl, facendolo conoaoere ed apprez. zare; provvedlt'e al pagamento della quota dovuta au• Amml11I· • trazione, 1tnza farai aollecltare•

I l Comitato ·p irettivo dell'A.ssocia.zi-0ne, a dunatosi a Venezia, h!l. approvato i ·segt1enti ordini d el giorno: 1. Con sid~rato ehe la. situHzione economica delle

Amministrazioni Ospita liere si vn facendo sempre più cri tica per l'aggravarsi inevitabile di spese, per i r itardi persistenti nelle riscossioni daii Comuni, a cui si aggiunge diruinu~ione nelle presenze dei ma.lati ; rin nova i voti più volte espressi a ffipchè prima <.'he si arrivi a do,rer limi tare o sospendere il ricovero dei malati sia provveduto: a) a fa1· riscuotel'e a l più presto alle Amministrazioni Ospitaliere t utti i loro crediti per rette di spedalità e .le somme che derivano dai r ipa r ti ai disavanzo posti a carico dei Comu ni ed a semplificare la procedura per gli addebiti e le riscos• • s1on1; , b) <\d affrettare l'istituzione delle Casse di assicu razione contro le malattie, così che i Comuni siano a lleggeriti un onere che non posson-0 sostenere; o) a fornir~ con tasse speciali - appena sanata la situazione presente - i mezzi necessari per il funzionarnento attuale e per rende re più completa e più ad.atta a l più presto l'as..~istenza ospitaliera ; · d) a d adottare qt1~i pro,·ved.imenti, come il raggruppamento delle Amministrazioni ospitalie re, cl1e permettano di realizzare economie e cooordinare l 'azione dei vari istituti; e) a da.re a ll 'elemento tecnico l'autorità necessaria a ehe l' ind irizzo di t utti gli ospeda li sia e-0rtispondentè a l progresso scien tifico ed a lle esigenze socia li . 2. Considerato come in mol~ Ospitali siano rimaste vacant·i le Dire~ion·l Sanitarie, e ancora non siano &'tati nominati nuo'\ri t itolari; insiste perchè siano regola r me11te indetti i relativi concorsi e i>erchè le Commissioni giudicatri ci si{lno foTma.te da Pr·otessori di Igiene e Direttori Ospitalieri, con prevalenza di questi ult im i, data la loro specializzazione. 3. Considerato l'attuale momento che attraversano le I stituzioni Osplt.H 1iere e la necessità assoluta ohe esse abbiano a realizzare una perfetta orgam,i~zazione ·t ecnica e che la gestione amministrativa interna veran1ente risponda a.i fini dell'Istitt1to, pur conciliandosi con la maggior possibile eeonomia ; fa voti i:>erchè in tutti gli O~'Pitali siano istituite le Direzion,i Ge1ierali, affidu te a 1\Ied.ici specializza ti, e J">ercltè in fSse sia concentrata tutta ln. gestione teonioa e am n1i11istrativa interp.a, mettendo alle St1e (1i1 >enden~ gli organi tecnici e amministrativi necessari.

ar

• •

1


107

SEZIONE PRATICA

4. Riconfer1naudo, i11 rigt1ardo agli stipend l àei Direttori Sariitari, le richieste contenute nel 3° or<line del giorno del Cooy·egno -di Trieste: fà voti perchè, in C<)nsiderazione delle inas.prite ('()ndizioni di vita. agli stipendi ivi designati venga ora. aggiunto i1 «caro-vita ». !l. C,on.s iderata la n~ce-~sità che, ad ottenere un mig-liote andamento e rendimento delle· aziende <>Sl>italiere. vengano più strettame11te interessate ·e fatte i)il.rt.ecipare alla solt1zione dei diversi pro• l>lemi amminlstratjvi le varie categorie del personale: ' fà ,·oti perchè i1 Direttore si.a autorizzato a con roca rr e p 1re.~iedere C'ontm i8sio1ii oonsultivP per voti (' pareri su, qurstioni a?nniinistrative, nelle 1

qua.li

siano 1·app1·esentate le varie categorie del

Prr~fJnalc, 7>Pr.~on((lP

elle siano noniinate, annualmente, dal n1crlesi1no, ca.tegoria per categoria.

fl. Riconferma. e ribadd.sce le i;ichieste dell'ordine ò.el giorno 40 votato dal C-0nvegno di Trieste, st1lle .~e Il r> 7f! per interni 1.ere;

e fn ,·vtl perchè ne sia sollecitata la istituzione e siano fn tti provvedimenti economici per assicu1·n rne il funzionamento, e perchè esse vengano affirli! te agli IRtitt1ti Ospit.a.Jieri. 7. Ric·onfurnia il v-0to espresso nell'ordine del giorno So <lel C-0nvegn-0 di Triest:e, {mila lstituzione sollecita clelle Oa8se di a.ssicura,zione contro le 111alattie, che po8sano venire in aiuto delle condi7.ioni econon1iche grn vissime delle J.stitt1zioni ospitaliere : e fn Yoti perehè da queste si trovino i mezr. i pf'\r ~nrantlre e far m'igliore l'assistenza ospitalier~. ~n7.n toeli<>rP Ja propri~ autonomia agli Istituti osp.itn lieri ora esistenti.

L'Associazione Nazionale dei Medici Condotti. T,e ~zloni di tt1tta Italia sono 135; gl'isc:ritti sono flfl7i. r..n sezi<>ne che ~onta meno soci è quella di l>rpne!':ti1u1 con 7 iscritti: seguono Urbino, Va l Bisenzio e Cardone Valtrompia con 8 i·s critti; Isola d'Elba con 1 O: Val Camonica con 12; Va l di NieV<>lA oon 14; Carrara oon 15; Val Sesiana e Chia,·n ri con l(ì: f1~Rena e Ci,rita Castellana con 17: Civitavecf'hin. Fan-0 e Rieti con 19, ed Ossolana e I.,iyorno con 20, e cosi via. Superano il centinaio d'i~ritti: Treviso con J02: Napoli con 103: BergaID<> eon 1 o:;: Padova con 10~ : Avellino con 108; ( o~Pn7..a con 109; Vicenza con 120: Firenze con 121 ; V<>ronn con 131 ; Bologna oon 133: Catanzaro con 1:;5: Salerno eon 150: è questa la ~zione più nun1erosa. f.,e ~ezinni <lel Mez7;0giorno peninsulare ed insula re sono 21 ron 1570 iscritti. 1

Nella Cassa di Mutuo Soccorso dell' A. N. M.

c.

Il Co·n siglio di1'e ttivo è tisultato comPosto d~ dottori Ceremicola, Danio11i, Della Valle, Oliaro, 8erafini. A presidente della CasiSa è stato proclamato 11 ùott. Ro1n.a no Cerami.eoffi di Arquà Polesine. Tutti i medicf condotti dovrebbero inscriversi s11bito, neJl'int.eresse proprio- e .delle loro famiglie. Per le H ò.esioni e le iRcrizioni rivolgersi al dottor Daniele Carobbio a Cologno Monzese (Milano).

I medici reduci dalla zona di guerra.

I

1, ·Associazione N.apoletana dei medici i"educi dal-

la zoua di guerra 11a presentato al ì\li11istro Labriolu un memoriale in cui si formulano i seguenti ''-Oti : 1° che i1e l servizio di assi'curazione obbligatoria contro le malattie vengano assunti di diritto e senza concorso, quali medici di zona, tutti i ruedict che appartengono al la Federazione delle Associazioni dei medici reduci òi guerra per avere ai loro attivo d11e anni di ,servizio in zona di gu~rra o 1mo in wna di operazione, per essere invalidi o mutilati, per essere st.ati prigionieri, è aver iiportato ferite che li at1torizzano a fregiarsi del distintivo, per essere decorati a l valor~:• • 2n cl1e giusta quanto previis to nelio schema di disegno d.i legge per le Assicurazioni obbligatorie contro le malattie, a l capoverso 8 dell'art. 14, che d<.-1tern1ina gli Istituti di previdenza sociale, ~ mantenuto- tra i membri del Oonsiglio direttivo, il delegato dei medici di guerra de lla Circoscrizione. (Abbi<.tmo riportato pt'r debito di cronaca questi Yoti, C'he malgrado le nostre vive simpatie per chi «ba fatto la guerra » noi siamo ben lungi dall'approvare. - N. d. R eda·z.).

I

Boicottaggio di concorsi medici in Inghilterra. f...' Associazione

~1edica

Britannica. la quale abbra-ccia quasi tutti i medici del Regno Unito e ·delle Colonie (annovera o1t re 22,000 soci), · ha decisQ di f<lr boicottare tut~e le offerte agli impieghi me-. clici più modesti (a.s~istente medico generale, assistente medico di tisiologia, assistente medico scoln~tico), (lt1alora lo stipend'1o offerto sia inferiore a 500 sterline annue, che a l cambio odierno corri• spondono a 50,000 delle nostre lire! Il « British mediical J ottrnal ». · organo llffic]ale dell' A5i5iOCiazi·one, il « Lancet >). che è il più accreditato giornale mcdii<X> inglese, e il « Medical Officer )), in ))iena intBsa, hanno ."tnbilito .di rifiutare ogni inserzione Pf'r posti vaca 11ti. il cui stipendi') sin inferiore a questo limite. J.1a maggioranza delle istituzioni di nssi.stenza sanito'lri.a si oono piegate a lla richiesta, eccezion fattA. per qualcunn, cl1e ha credt1to di valersi dei giornali polj ti ci J)<' 1· offrire posti n condizioni meno · vantaggiose. J\lla r Assoctazione l\1edica Britannica n-0n, disarma; e il s110 o l'gano llffieiale sollecita i giovani medici a non accetta re tali offerte ed a ri\rolgerRi, per l e jn.f o·r1nazio,n i relati,re, presso la segreteria de11' A$sociazionf'. Non è forse fuori d1 111ogo rilevare che l'Inghilterra è molto più riC'ca dell'Ita lia: che la St1a ricchezza si accresce e ·s i con,s olidn, poicl1è non 't''imperversano Je utopi~ comuniste. il i;;nbotag-p:io si-' stematico delle pt1bblicl1e an1lllinistrazioni e gli scioperi; che le Rssic1frazioni contro le malattie hanno e le·va to notevol1nente il livello medio dei oompensi 11e lla oorpora7J<>ne med1ica : perciò i giovani n1eclici ·possono conseguire simili stipencli, che· la roaggio·r a nza dei medici ita.linni deve contentarsi di guardare molto . da lontano. L. V. I


ltlSPOSTE A QUESITI E ADOMANDE. ( ... :.> ~)

Elr•nc·o dei docurnenti - Pubblico concorso. - Dott. abbonato 5.505. - La Commissione ha llk"l.le operato escl11dendola dal concorso per a \er

• '

[ANNO

IL POLICLINICO

108

presentato l'elenco dei ·aocumenti che possiede, redatto in conformità del Regolamento per la esecuzione della legge comunale e provinciale. Il medico c·ondotto è un impiegato comunale e non vi è rngione per non applicare a suo riguardo le r1orme ~ancjte per tut ti gli impiegati del Comune nel silenzio della legge e del Regolamento sanitario. La gracl11ntoria formulata da.Ila Commissione può es~re impugnata insieme a lla deliberazione consiliare con c1ti si nomina il medico con.d otto dinanzi alla 4a Sezione del Consiglio di Stato. J,; 'elenco dei documenti redatto in conforn1it1t di legge conserva sempre il suo valore probatorio. • (8600) Indenn'ità caro-viveri. - Dott. A. B. da F . - Il Decreto del 9 marzo 1919, portante la <'oncessione della indennità caro-vive1i a favore degli inJl>iega ti com un.ali n-0n fa distinzione fra impiegati che aveano stipendio fisso p.r ima della si1a dntn od a ltro. :IDsso parla di impiegati comunali in genere e di impiegati tempor~neamente assunti, cioè interini. A L€i, quindi, compete 1a indenni~ì. caro-viYeri fin dal giorn·o in cui ha assu11to ser·vizio, e può valersi anche della via giudiziaria .·e, per avventura, il Comune perseverasse nel suo ingiustificato diniego. (8601) ..4 spettativa per ?noti1;i di salute. - Dottor :m. T. da :\1. - Agli impi~gati comunali in . aspettativa r>e.r ragione di salute deYe essere corri sposta la in<lennità caro-viveri. Essendo in aspetta ti,•a 1>er l'èlgione di salute non può essere ricort<Jsci11to il servizio a scavalco che presta nella fra zione. Nei concorsi per la nomina a medico condotto non è ammessa la esibizione del certific~'l to 11niversitario invece del .diplomlft origina!~ di ln 11ren o <lella copi.a notarile di essa. <8H0:1) Pagr1,n1ento di ta.~sa, fooatioo. - Dott. R. C. tl-t1 :\f. - Il rnedi.co condotto, sia titolare sia interino, sempre che ha nel C-0m11ne la propria re~iùeny;a è tenutv al pagamento della tassa focn tico. ~e i suoi predecessori non la paga,·an-0, ~1 rà dip so da un benev-010 tra tti\1ne11to cbe loro usava l'amn1inistrazione municipale. (8604) ...l .çsisten1a ai parti ed op<'ra z ioni ostetriche - Oaro-viveri. - Dott. G. ~<\.. D. da B. - Il n1(\ò_ico condotto non è obbligato nlla assistenza dei })arti normali in 111ogo e vece della levatrice. Se comr>ie tale prest:azione deve essere pagato <lfl 1 C-01ut1ne, il qu:tle, a sua volta, non !)aga Ja l<--Y:ttrice, perchè manca . Alle operazioni ostetriche è obbli~nto 11er tutti, trattan<losi .di condotta a cnrn pienJC1. J ,n per~ona òi servizio non è mai consirlera t.1 con10 pe1' ona di fan1igliR, sia elle dorma i11 C'a a, sin che vada a dormire altr-0Ye. A I ,ei non J)UÒ ron1petere che la ind~nnità caro-viveri · di lire fl:) mpn~ili. f GOG) 'fficin1P .9a11itnrio - Pen. ioni. Dottor Itnt>hl i. - Xou è il c·n~ di togliere n J..ei l'i11<'n l'ie<) pro\"',·i~rio di nffiriale ~a nitn rio per a ffidn rlo ~l 1 colle"'n anche in linea pro-ç\irorL'l. Gli

X-"\Vlll, F ASC. 3)

anni di studio universitarii iton vanno calcolati in queÌli utili per la pe.nsione. ( G07) No'rnina a rriedìoo stabile - Periodo di vrova.. - Dott. F. G. da ~1. - Ancorchè il medico

sia conoscit1to, non l)ll\> essere nominato medico condotto effettivo senza il concorso e sen7.a aver fatto IJTeced~nteruente il periodo di prova. So110 disposizjoni di ordine generale, cui non è possibile derogare con private convenzioni. (8608) Somniinist razione gratui ta di meàioinali Oroce .Rossa. - Dott. · G. l\!I. da P. - A tutti gli ir1scritti nello elenco per l'a.ssistenza sanitaria grntl1ita debbono essere gratuitamente forniti i medicinali in base all'art. 62 del Regolame11to appr0vat.o con R. Decreto del 19 luglio 1906, n. 466. Per ottenere il certificato che Le occorre deve farne domanda aJia Direzione Gene1~ale della Croce Rossa, che ha sede in Roma. (860~)

Nornina di rncdico condotto se1iza concorso - Disdetta - Aum ento di stipendio. - Dott. abbo• nato 7413. - N-0n è possibile ottenere la nomin;1 a medico condotto effettivo senza cone-0rso . non

ostante sia1si preeedenteruente prestato per lungo te1npo servizio provvisorio. Se nell'atto ili norui11a è detto che Ella deve rim.an~re in carica fino alla no1nina del succes~ore per concorso, è naturale cl1e fino a quando tale evenienza non si verifichi non può essere obbligata a lasciare il !)()Sto. Se f u nominata a tempo indeterminato, cioè senza prefissione Ji scadenza. deve essere diisdettn ta almeno due mesi prima di lasci.are il servizio. Competono a nche a Lei gli aumenti di cu.i è cenn-0 e ben può, per -0ttenèrli, ricorrere, in caso di rifiuto , del Comune, a lla G. P. A. a' sensi dell'art. 26 della vigente legge ~.anitaria. (8610) Concorsi a inedioo condotto - Titolo di preferenza. - Dott. M. G. da B. - Il Decreto cbe Ella desidera conoscere è .del 18 settembre 1919, n. 1325. Esso fu pubblicato nella « Gaz7~tta Ufficia le» del 15 ottobre 1919, n. 245. (8612) Inde'rinità oaro-vive1,·i. - Dott. G. B. da O. - A vendo Ella cinque perso,n e di famiglia conviventi ed a carico Q.a diritto alla indennità supplementare di cent. 85 a l giorn-0 per ogni persona f>Cc~dente le prime qu a ttr-0, purchè dimostri che sia a carico e con,rivente ed inabile a l la-çoro. L'indennità dovrebbe decorrere dal giorno della nn scita dell'11ltimo figlio, cioè dal 27 giugno 1919. <8613) Conoorsii a, medico condotto - Pensionati. - Dott. G. N. da N. - I..1a legge non si oppone a che un medico collocato n riposo ed in go.dimento <li pensione prenda parte a nuoYo concorso per la nomina ad altra condotta. Anzi l'art. 29 della legge sulla Cas~a di previdenza lo prevede eplicitamente e dà le norme occorrenti pel caso che iJ sanitario voglia l'E>inscriversi a lla Cassa. (8G15) Con.corsi - Doourn enti. - Dott. G . l\1. da C. S. - 'La deliberar.ione della Commissione giudicatrice si può impugna re unitamente alla delibernzione del C-0nsiglio cou1unale con cui si procede a l1a nomina del medico cond-0tto alla IV Sezione clel C'onsiO'lio òi Stato per ercesoo di potere o viola zione di Je~g() o <li regolamento. Il termin~ imr McorTPr~ è di giorni GO ònlla notifica. Doc:tor J -csTITL\. ' •

-


{ANNO

xx,·111,

FASC.

3]

CONCORs·1. Concorso a medico di reparto delle Ferrovie dello Stato.

~

èlµel'to il co11corso per titoli i)er medico dei 'eguenti reparti: J.

('tJJJI

pari i 111enti di

Ro.,.na e Anco1ia.:

~\ll)<t110:

.A lfecle 11n, Alviano, Anagni II, Anzio I, Anzio II, ~-' rpino, Aspio, Attigliano, Avezzano I, .Avezzano II, Bas t1a, Bellani:e Ripattone, Braccian o, Ilngnara, Campo di Giove, Capistrello, Capranicà. Oèlruaiolu. Carroceto, OaDsoli, Castel di Sangro Il . <.. ;lstel Gandolfo, Cattolica. Cesano, Cineto R on111no, Cor11llo, Collarmele, Fa briano IV, Falc~111n l'<l ~I~ ritti 1n~t I, Fa no II, Fermignano, Forn no, ~""rontone, Gnlle~e. Giulianello, Giulianova IIT. Ie~i. T.1au11vio, T.ia Stort.a Formello, Lu11gl1ezz~1. i\In uzinna, ì\L'lrino. J\1arzocca, ì\IIonta.lto tli t '11!';tro II. :\lorDlo, Narni, Nettuno, Orbetello I, OrlH.? t ~110 III. Oriolo. Pesa r-0 I. P esaro II, Pettorn n-0 ~n l (i izio, Pollenza, P-0rto Ci vi tanova II. Porto S. Elpidio. rot~nza Picena, Prezza , Roccn-.:1:1cc~1 IT, Ronc:iglio11(l, ~. Benedetto del Tronto I, ~. l-4<'V{\ri110 1\ila l'Cll<', S. Vincenzo Valle Roveto, ~:1 ~~oft•rrn to II, Rcn11zano B elfi-ore, Regni, Senign llia. Sgt1rgola, Sipicciano, Spello, Stimigliano, '".roer·o Oastiglio11{'.), Tuoro, Valmontone , VaranD, ' re1J .. tri TI. ' retru lla I, Vetrallu TI. Vigliano. Vitt~ rb( 1 T. '\r itPrbo I.I, Zagarolo. 1

:.!. r 1u111pflrfi1J1Pnli di 1.-apoli, ( ) u l<1 lJ1 irt :

Bari

e Reggio

.\cerra. ...\..<.:qunfredda, Agropoli, Albano di JJu( ·:t nia . .l\t111' 1Hlolara, AT"ellino II. Ayersa I. Bagnoli Irpi11<t, I~a1,-ano Riciglia no, Barra, Battipaglia 11 , f1f•lla ,·ista, Bene\·ento II, Cairano Ca lci~no I ' ' t "l n 111ohaR~o I . fia~albuouo, Cascano I, Catanz.a ro Ra la I, CJerig11ola II, Contursi, Benevento IV. Brin ti<'<>, Bri n<lisi di ì\Ionta.gna, Caianello, Uose11za I, Foggia VII, Francavilla Fontana, Gaeta, Gn llipoli, l.rngonegro I , I . . agonegro II, J..,arino, J. .~rce I, I J(l<·<'P II. ~les ugne, Molfetta, Monasterace Stilo, ~lonopoli, ~lontoro, Nicastro, Palma ~ GP.n11a 1·0, Palombara, Paternopoli. Pontelandolfo I , P<nltfllnndolfo II, Potenza II, Ria~. Romct ~nn no Pi~tri , R occa d'Evandro, Santa Croce del Rannio, ~anta l\Iaria Capua Vet:ere, San Giorgi•) a Cremano, Ran GioYanni a Te-d11ccto, San DoDJlto di I .ecce, &in :\ila r co Roggiano I. Serjno, Solop.a<:a , Sparanise, '. ra rnnto IV, 1raranto VI, Termoli III, Torchiara.. Le domande corredate deì titoli e dei documenti ,li rito devono ~1·venire non più tardi delle ore 17 del 31 and . a1la Sezione Sanitaria di Roma per i reparti d ei Compartimenti di Roma e Ancona ed nll'Ufficio Sanitario di NaP-Oli per i reparti dei C<>mps:t rtimenti di Napòli, Bari e Reggio Calabria. Per chiarimenti rivolgersi ai rispettivi Capi-Stazi<)ne.

I stitnto Ortopedico Rizzoli. - Concorso per titoli ed esame -a medico as&isteni:e in soprannumero; L. 3510 soggette a ritenuta del 10 % 1>er la Cassa di llrevidenza dei S·a nitari; caro-viv. 'BOLOGNA.

\

109

SEZIONE PRATI CA

Etit lin1ite 30 anni (sal,·o 4 anni del servizi<> di

guerra). Prova clinica sul malato ecl esercitazione })ratica sul cadavere . Rca ù. ore 17 del 31 gennaio. Nomina per un a nno con e ffetto dal J o ma rzo. Chiedere annunzio alla Con1missione amminish·nt. CENATE SoT'J'O (Berganzo). - CondQtta consorzia!~ ·con Qe31ate Sopra e S. Paolo t1'Argo11. f4 cad. nl genn. L. 6000 fino n 1000 l)()Veri, L. 500 per uff. san., L. 1000 per caYallo, lorde ; tre sessenni del decimo. SerTizio e~tro 30 giorni . , FIRENZE. R. A.rmspedale d i , a/1vta jJJ aria Nnova e Stabilimenti Ri uri it·i. Co11corso per titoli ed esami a medico primario per la direzio11e di lln 'l't1rno l\1edico. Età massini.a, al 31 gemi . 1921, nnni 44, fatta eccezione per i concorrenti che ap, pnrte ngano ocl ·.abbiano an11a rtenuto al personale sanitario e-on ser\·izio di effettiYo presso gli Ospedali Sllddettì pe1· nou ineno cli 11n qllil.driennio, pt1rchè non abbia11-0 snpern to gli anni 49. I concorrenti d-0Yram10 avere a lmeno ·7 anni di la urea e n (')n iueno di · 5 anni di fervizio in Ospedali o (~li11i('l1e o Istituti di Patologia medica, dei q11a li non meno di tre anni compit1ti come effettivi. Sti11enclio di L. 5300 lorde. ·L '.A.n1n1inis tTazione si riserYa ·di sottoporre i concorrenti a. visita -co1leginle medica. Non -si terrà conto delle dorunnde e cl~i doc11me11ti per qual~i!l si ragione ~rYenuti dopo le ore 18 del 31 genuaio. Le pubblicazioni scientifiche di ci<1scun concorrente do\ran110 e ssere i) re~e11ta te in cinque esemplari. L 'eletto asst1merit l'ufficio dietro chiamata dell' An1ministrazione, prenderà \servizio in t1n Turno di Cronici presso lo Spedale di Bonifa zio e resterà in carica per un biennio di prova, d·opo di che potrà essere confermato per un quindieennio. Chiedere l'annuuzio. 1

1

1

Ro~rA.

Pio Isti~uto di S . Spirito e Ospedali Riu-

niti. - Co11corso a sei primnri medici e tre primari chirQrghi, per ,soli a iuti. Scad. ore 12 del 15 fe bbr. Età limite 49 anni. 'I.i. 6000 lorcle. Tais sa di L. 100; ritenuta di I.i . 400 sulle prime rate di stipendio dei nominati. P er informazioni rivolgersi alla Segreteria genera le ·

Condotta residenzia le lire GOOO e tre quinquenni del decimo; L. 1200 per caro-viv. ; L. 2000 per drisagia ta residenza ; mezzi di tra.sporto a carico del Comnne per tutti gli abitanti. Acccttaz. e ntro 8 giorni, assu11zione del servizio entro 20. Scad. 31 genn. . ' ' OLTRI tGenova). Ospedale S. Oarlo. - Concor.so per titoli e. in -caso d'insufficienza dei titoli, per esami, n chirurgo primario e chirt1rgo aiuto, con gli sti11endi ri spettivi di L . 2000 e · di L. 1200 e,sio) . al Jorclo de11'1mposta di R. 1\1:., più le retribuZioni e le percentuali di cornpartecipaz:ione ai proventi lordi e degli atti operativi e delle analisi chimicl1e e batteriologiche. Se.ad. 20 genn. Gli eletti dovranno •stabilire la loro residenz.a nella città di Voltri eti assumere il servizio entro 30 giorni dalla partecipazione di nomina. SELTJANO

(P eru,qia). -

Diffide. Nuove diffide: Cesara e Borgo Ticino (Novara).


'

110

(.A.NNO

IL POLICLINICO

XXVIII, FASC. 3}

NOMINE, PROMOZIONI ED ONORIFICENZE.

Sono nomina ti: il dott. Attilio Versari, assistente ordinario nella Clinica de11mosifilopatica della R. Università di Napoli; IDgidio Foti, assistente ordinario dell'Istituto .df Anatoru~'l umana normale della R. Università di Roma; il <lottor Giuseppe Rad-0g11a, nssistente ordinarlo nell'Istituto cli An<t tomia 11mana normale della R. Univer. ·ità <li Roma Il dott. A~anio Colucci, mellico condotto e uf• ficia le Sn n ita rio cli Sq t1i112ano (Lecce), è nominato

cavaliere nell'Ordine della Corona d'Italia, per aver debellato in pochi mesi un'epidemia di , vaiolo sviluppatasi l'anno scorso i1el comune. Il 1n·of. clott. Omero Ricci è stato nominato ca-

valiere nell'Ordine dell;t l'orona d'Italia, per meriti professio11ali.

NOTIZIE DJ'(i..-ERSh'. Per la profilassi delle malattie veneree.

Corullli.ss.ione di compete11ti in venereologia, nominata dal Ministero <lell'Interno, ha redatto uno scheIU<1 di regolamento legislativo, · il qt1ale mira ad una efficace difesa della società contro infezioni flPricolose el1e gr.-1 veruente minacciano la validittl. e la stes&l integrità del1'attt1.a le e delle future genernzioni. r,e _provYidenze in esso contenute segnn110 un progresso su quelle del Yigente re~lamento (27 luglio 1903). Riguardano JJrinciUl1c'l

palru~nte:

1° I"' 'obbligo tlelLl denu11e:L.1 di tutti i casi <li sifilicle çou manifestazio11i contagiose riscontra te nelle oc-uole. istituti di e<.lucazione, di cura, ecc.; in t1na pnrola, i11 q11al~ia-si collettiYitit, sia civile cl1e milita re. 2° I..'obbligo del clispensario celtico pe1· tutti i car)()luoghi cli provincia e pei Comuni con 30,000 abitauti, e si dà facoltà. ili istituirli ancl1e negli sta bilimentj, q11alora sic'l richiesto dalla presenzn di malattie veneree -e sifilitiche. .. 3° Si e ·tende l'obbligo del concorso per esame e titoli ~1 lla nomina clei direttori di dispensari e sale c.-eltiche. 4° Ai mediçi fiductari per la vi ita a llf\ ùonne nelle ~'ll<~ ùi 111eretricio i sostituiscono medici ,•iitatori n1>nlina ti <la i Prefetti, con maggiori garaD!Zie di competenza tecnica. Sono accordati tall111i vantc'lggi alle meret1ici, cl1e volontariamente ~i ~ottopongono a Yisite l)el'iodic:he da l)arte dei llit'tli<:i visiL1tori o dei medici nòdetti ai dispensari per la specialità. Ad assicurare una più regolare ed efficace fnnzio11e degli istituti per la p1·-0fiUI. ~i e enra delle malattie vener~e è contemplata la i~tituzi<ltle d.i 1'Iedici i~ttori dermo ifilopatici ~lit &.~li<'l'... i fra ~pecialisti di provata oompet:en7~~ lll rapporto ron Ja particolare importanza della lol'o funzione. 11 regoln mento è stato ~otto-posto al e. S. di Sanitil. il 'lll•l Je. dopo ampia (li8CU . . ione, lo ba approvato con lievi modificazioni. .

Servizio) medico del lavoro nel Belgio. Fin dal 1895 il GoY0l'no belga ave\'a assegnat<> ai medici il c~mpi to di fa re delle ricerche sulle cause generali d'insalubritù. nell'industria e di vigilare perch~ fossero rispettate le disposizioni relative a certe industrie, specialmente a quella dei .fìa mmiferì.I ·L'azione dei medici non era rimasta infruttuosa, e già nel 1914, i loro studi e le loro proposte avevano pro1nosso i provvedimenti sanziona. ti da appositi decreti sull'uso della ceru•ssa nelle industrie, st11 lavoro i1ei C<1~soni ad aria compressa, e sulla disinfezione nella tagli.a tnra (rasatura) dei peli. Ora il Governo belga, desiderand-0 allargare .la cerchia d'azione dell'opera dei medici nei problen1i del L1Yo~o e co11iferirle in pari tempo un intervento più metodico ed efficace, ha creato un « Servizio medico del lavoro». Qt1esto serYizio com1)rende un personale composto di specialisti negli studi di igiene sociale e profe-ssiona~e, e deve occuparsi: 1° di organizzare la protezione delle lavoratrici gestanti o lattflntj; 2° di assicur:l re la tutela sanitaria degli apprendisti e di •c ollaborare per avviflrli ad una confacente professio11e ; 3° di studia.re la fisiologia e la patologia der lavoro in tutte le m1e modalità; 4° di portar~ il propri-0 contributo in tutte le opere di previdenza ooeiale : • 5° di propagnre le nozioni più utili di profilassi

profes~ionale;

6° di sorvegliare l'esecuzione d~lle disposizioni regolamentari di ordine medico. Il «Servizi i> medico del lavoro» pubblica un bollettino periodic-0 nel quale si fanno conoscere i risultati tlellÙ; propria attività.

Organizzazione mobile profilattica in Francia. Il dott. J. Breton, assu11to alla carica di l\lini Rtro per l'Igiene, ha iniziato l'opera sua istituendo llllil. Organi.~za.~ione tecnico-sanitaria 1nobile che deve agire contro le ~pidemie. Essa dovrà portare nelle varie zone del tR..rritorio, ove sia minacciata la sanitll pl1bblica cla malv,.ttie cont.'1giose. il soccorso della sua tecnica e del suo materiale anitario. In tali fra11ge-nti essa coadiuva e •rinvigorisce le organizzazio11i sanitarie locali, riconosciute inst1fficlenti di fronte alle eccezionali circostanze epidemicl1e. Effettua le ricerche batteriologi<::he: necessarie e le operazioni di disinfezio11e e di <lisinfestazio11e. È agli ordi·n i ed alle dipenclen7,e del di r~ttore <lell'ass'istenza e del1'igiene 1111bblica; ecl è diretta da un.. Consigliere istruttore ' tecnico. I/intero servizio è regolS!to da un delegato del n:ù11i~o, scelto tra i funzionari medici tlel Servizio di igiene. I..'organico è stabilito nel seg11ente personale, ad ogni componente del qu<.1le è assegnata I'indenI).it:à. indicata : '

Vn consigliere ist1·uttor~ tecnico Dn medico capo . . • . • . . • l .. n medico capo di la bora torio •

mensili •

• •

Fr. 1000 )) ))

1000 1500


..

SEZIONE PRATI CA

mensili

,

111

La Mostra di ~lonaco. Dopo la Sezione itali~\ Dè1 di cui abbi.amo annunziato l'ina ugurazione nello scorso numero, a qual· che gi<>rno di interya llo sono state ufficialmente inaugu1 ate anch·~ la Se7.ione francese e q11ella lo-cale della interesSc:'lnte Most ra .

. Fr. 750 . . . . Un met1ico . )) 730 Un i>re1>a.ru tore di la bor<l torio )) ()66 Due Cill)Ì disinfetta tori . . . • )) :5R3 Un inserviente <.l i la bora torio » 53 Due disi11fett....1 tori . . • )) 5 3 Due infe rmieri . . . . . • • • ~lissione 'scientifica negli Stati Uniti. )) 500 l)ue ai11 tnnti . . • In segt1ito ad invito clel « N.a tional Board of Oltre n- tc.l li inde11nit~t ed al rin1borso <.lelle Sl)eSe :Niedical 1Dxami11ers » una llli~Rione composta di i.er il tr<1sferimen to ca usato d <l r agioni di sel'cinq11e insegnanti di scuole ·lllediche della Fran\"iZi<?>, il persouaJe riceve Ullè1 indennjtà giornacia, c1ell' Inghilte rra e dcella Scozia sj è recata lièra di li'r. ~10 per il con sigliere istruttore, l)er negli Stati Uniti :ner assistere alla sessione a nnua il meclie<>-cnpo e per il medico c~po di !ab-Oradi esami di n1edicina tenuta n Filadelfia, dopo ar torio. di Fr. 20 per gli altri . che h a compiuto un 'riaggio di stt1dio in a lcun i Il delegato <lel ~linistro Tice\e per tutta la dudei principali ce11tri (l'i11.,eg11a1uento medico degli l'<l ta clella ~ua inissione t1na indennità giornaSta ti Uniti. liera di Fr. 00. A coprire questo posto il ministro Bret-On l1n chiamato il dottor Lucien Rana11d, - In onore di Lombroso. Nel l\l11seo di Sto1ia clella :\1eclicina di Lione,. ispettore generale dei ~rvizi d'igiene e cli protead iniziativa del l)r of. I..1acaRsaig11e, è stato coll-0zione <lc-'1 la ~n uità p11bblica, · caP-O del ser\izio sacat<> l 1Il busto di Ce. nre I.on1bro~o, fo11clatore delui t<t rio tlell' ...\lgeria. l'a11tro11ologia crimirutle. Il re<.:lutnn1<~nto del personale sarà effett111Clto i-;f·condo co111lizio11i e moda lj ti1 che :saranno d€terIn onore di Roentgen. n1i11a te cln n Ill ~sito òecreto 111inisteriale. In occasione del 25° anni ,·er.sario della scoperta dei raggi X (che tanti servigi 11a nno reso a lla Assoriazl1111e Romana per lo st.uclio delle questioni scienr~ e a lla meclicina.), la Fucoltà di scienze na·essuull. tur<1li di Franco-forte &11 l\tfe110 ha nominato j} ~i ;. c0Htit11it..'1 i11 qu0sti giorni ed ha tenuto l<l prof. Roentgen c1ottore acl li onoreni in scienze na~n:i 1u·in1i1 ~1d11n.an7...'l 1'8 gennaio, n ei locali de l t11 r:1 l i. l~. Istit11to d'igiene. Istituto Cajal. l snoi scovi .su110 puramente scientifici e ''erto110 "'on recente dis1}osiz ione legislativa è stato fon·ullo st1ulio tlc•Jln vita sessua le in genere e dei dato a ~Iàdricl u11 I stituto c1i Biologia che porterà J1rot>l<-\Hli acl es:-:n inerenti dal punto di Yista igieil nome dPl grande · istologo Ra1uon y Cajal. Esso u ico, Jl\.lic:oloµ.ico, sociale, economico. giuri(lico, ruo• si compone d i quattro sezioni : istologia umana e r~t I<' Pd <'t,nico. cumpa rata, i1e11rologia, fisiologia, pa tolog]a speri...\lln societh han110 aderito numerose persone au• n1enta le. t<>t'PY<>li cl1e l'' ir1teres~ano al l'ar(luo problema. È 11rt->i-:it>tl 11 tn dn l t>rof. Gi0, anni Mingazzini, dell'UIl problema della carta 11i v<·r~i ti'1 il i TiollJ[I. diYiene .semp1·e più assill<1nte e port~1 a doyer at1nlentare in illodo st1--aor clinurio i prezzi dei lib1i e· L'asilo-scuola di Jtla1·eehiaro dei periodici. !<J ~tuta inn ugnru Lt nella ridenti~silll.a lJlag·a di L'Inghilterra, per sopperir e alla crisi della catl\1Hl'll<-hiaro - alla periferia cli Kapoli - Ja pri tél, 11a inviato u11a inissionf' a Enso (Finla ndia} 111<i S<·zionc• cli un Asilo-Sct1-0la che, secondo gli dove si è sviluppat o t1n centro importantissimo di e~pli{'iti propositi ed il vasto programma dell'ideai>roclnzione (26 fabbriche ron un capita le cli oltre tore P 1'011<1atorc dell'Op(lrR, prof. Giuseppe Troun miliardo) . peano, do,·r~t ass11mere uno svilupvo rapido ed In Francia si pr-0po11c a 1 ~Iini stero delle Coloa\•ere llllil c-0n1plet a organizzazi-011e fatta pel' sanie cli introdt1rre grandi q11antitattvi di legno di nare la capitale del Mezzogiorno, della gruvissibHobab di cui s<>110 riccl1issin1e le colonie e che rn~t, ~c·olare piaga che l'affligge: l'infanzia abserYi rebbe molto ben e a llo scopo. bandona tn. Q11esta prima sezione, visitata da tutte In Ci·le la crisi è acn ti.ssirua . le Autorità loca li, da u rui larga rappresentanza È ammesso che il conSl1mo si.a aumentato for- · <li cittuclini cli tt1tte le cla ss], dai rappresentanti te mente in India e in Cina, paesi che pri1na esporòi tnttn ln stampo. italiana, ha destato nn{l sinta vano e d ora, col forte svilUl}Po dei q11otidi:ani, cera e profonda ammirazione per il luogo scelto, 111111.orta no st1 vasta scala. I.1n produzione sarebbe· per gli eclificii gih costruiti, ~r il mirabile piano dimi1i.nita s·ol-0 d el 10 %. Il costo è aumentato del cli azio·n e t he pr omette d i dare a Napoli un I stituto <li f•<111c·~1zione elementare, tecni ca e profes- · 600 'ro · 8i preYede che unia note' 'ole quantità di periosionale per l'infanzia derelitta, veramente grandici secondari clovrann o scom·p arire; gli a ltri si dioso. salYano solo aun1entanclo forten1ente i prezzi. l/opinio11e pubblica, la stampa di tutti i colori, I la ureandi frn ncesi dovevano depositare a11~1 gli enti pubblici e privati, le Banche, le Aziende, c~1ncelleria unive r sita ria 200 co·p ie delle loro tesi tutti i cittadini insom1na, sono entusiasticamente 1e quali e r ano poi t r asmesse in cambio degli atti favorevoli a questa nuo\a opera, alla qu~le il é!P1le n1assime università straniere. Con recente deprof. Tropen1~0 si Jll'Opone di dedicare tutta In , n:1 lillera to il nume r o òi tal i copie è stato limitato f Prvida. ticlente operosità, ed il suo ineRnuribil~ a ()5 ri<luee11do in pari tempo il numero dei e.ambii _ en tu .-;i a s111 o. (Dai Patllologioa). 1

\


IL POLICLINICO

112

..

[ANNO

XX'"III,

FASC.

3]

yizi delle m..1.la,ttie contagiose, ed il colonn. Chardigny corl abbondante n1ateriale sanitario a Viln<1, per la protezione sanitaria del distaccamento internazi-0nale desti11a to a que lla zona plebi scitaria.

Per difendersi dal tifo t santematlco.

1>i~tro clon)anda fn tta nel marzo, e ll€1 giugno srorso dal Con~iglio della Società delle Nazioni, la J,ega delle f>ocietà di Croce llossa lanciò nel] 'agosto . corro un appf\ll-0 a tutte le Nazioni P<>r • mezzo delle ~oc:ietà di Croce Ros~a affiliate perI/11 dicembre scorso moriva in Torino, nell'età. chè for11is:-;C'ro j ruezzi per In lottù co11tro il tifo di (.)}) nnni. SEBA~TI.-\XO GIOYA~':\'TNI, direttore della esn11ten1atico in Oriente. I .. e offerte in danaro e C:Iinica dermo~ifilopatica in q11ella Università ove materia le hanno raggit1nto finora dodici milioni di fu cl1ian1ato fin dal 1891, dopo essere stato per franchi francesi, somma che sarà considerevolmeneirCà 12 <tnni a .ssistente ed aiufo del prof. Sante a111uentata j11 seguito all'azio11e ~Yolta nei docberini in Bolog11a, sua patria, e per un anno mini britan11ict dall'« Imperia! War Relief Funll », solo titolare della Catt:€dra. a l\1:odena. <:he agi. ·ce per conto <> colla cooperazione clella Clinico ed istologo apprezzati·ssin10 lascia nuTRga d<>lle Croci Rosse. :àia poichè malgrado quen1f\rosi lavori nei diversi rami della dermatologia : sti fa ,·orevoli re~ultati, ques ti fondi non sono anfra essi émergono sopra ttt1tto le ricer che sulle anocora ~ufficie11ti ad assicurare il successo definitivo malie istolog·iehe dei peli alle q11ali attese, si può. della cam11agna antiepiderni<!a intravresa, la Lega dire, tino .agli u ltimi mesi della sua vita ed a delle Croci 1-tos~e ha rinnoYi_lto l 'appello alle Na cui ha legato in modo duraturo il suo n òme. zioni che nnrorn non hanno potuto dare alc11n Fu maestro austero e coscienzioso, amato e sticontributo. • mato dai colleghi e dagli allievi, malgrado la riDalle inforn1azio11i fornite dalle più competenti servatezza del ~10 carattere che parve talyolta autol'ith &1nitarie risulta che il tifo esantematico ecce~siva e lo fece ritenere da molti come un soba fatto una vera strage in tt1tta la Polonia e lita rio, n1a che Jo tenne costantemente lontano tende nd estendersi sempre più, talchè rappresenda ogni intrigo e da tutto ciò che non ·si riferiva ta nna vera i11innccia per l~IDuropa Centrale ed a ll'inseg·oo.mento, ni s11o i malati ed agli studi che Occ-identale, do,,e le circostanze morali e matermli tanto prediligeva. co~titniscono un cn1npo favorevole alla sua diffuLa sua. dipartita è un vero lutto per la Dermasione. Ne~S11n paei:.-e d'Euro11a Ilnò dirsi al riparo tologi.a italiana di cu_i egli fi1 uno dei rappresendal periC'olo iii unn epidf\mia. . · tn nti più valorosi e più stin1ati. I>er incaric-o del C-0usiglio della Società delle V. l\ilONTESA~O. Nazioni. la I.1eg·a delle Societh di Croce Rossu hn in,~iato i11oltre il colonn. Sha,Y, direttore dei ser-

:

=

Il fascicolo 12 (1° dicembre) della nostra SEZlONE MEDICA contiene : F. G1ANULI : La Pseudo-Siringomielia ~ la Poliomielite cronica. G. A:rt1ANTEA: Epilessia sperimentale da eccitamenti afferenti. GusTAvo ARTorir: Sopra un caso di tumore del lobo temporale de~tro (c omprimente il seno cavernoso).

Il fascicolo 12 (15 dicembre) della nostra SEZIO \E CHIRURGIC~~ con terrà : GIN O BETTAzzr: Ulcere tubercolari simmetriche delle commissure labiali. LuraI C:f:v ARIO : Contributo allo studio dei tumori misti delle ghiandole salivari. G IUSEPPE F ANTozzr : Sulla osteomielite acuta delle coste da comuni piogeni.

Indice alfabetico per materie. Acido cianidrico 11er la der.a tizzazio11e e la di. i11fest.'lzio11e <lelle Ik'l vi Pag. 88 J.\ r. nobenzoli : azione )} 104 ~\ scolt.,'lzione or:ile )) 99 • Au to1>sie : per l e -

...\"Yelenaruento cla clorato pota ico P.1 (\llO rr<tgia ~ n1u tr imonio . J•;ncef<1lit~ epiderni<.:<.'l : postumi 1J~fngo : estrazione di grosso corpo ~~tra11eo n di. tanza di un mese Fac:C'in 111un11a : lo stt1dio della 1·' bbre n1altese: .:ierodiagnosi, sieroterapia. YacMnoter.1pL<t . l·'t•t>{_) : 1uov i men ti . . . . l 'i~tolc:' Iler111anenti del dotto di St<•none: trnltnmento con Jn resezione clel nervo n n ri('olo-tem1>0rn le . . 1p rtt,.Ill'ione obhlij:r:t torla dei nefro e de!? li nrterioscl rotic-i . J.•nc-emitl ac.:utn: eziologia. • • Roma, 1921 -

Tip. l,artiere Centrali.

))

)) )) ))

)) ))

)) ))

))

))

))

106 ' 2

10-! 97

97 105 9S 104

97 102 94

Pag. 93 Lipoma '·oluminoso del dorso • )) 92 Morbo di Wil son • • Narcosi per gl 'i11terventi opera ti vi endorali nei ba1nbi11i, in specie per le pla• )) 77 stiche X0froton1ia i1ell' anuria eclam11ticn . )) 103 l"iu1ia asettica )) 102 Reni: fnnzionnlit;\ nella gravi danza i1ormale e patologiC'à . )) 102 Resezioni estese (l'intestino )) 95, 97 )) 98 ~tasi int.estiuale c.-ronica : cur.1 chirurgica • 1.'isi : diagnosi differenzia le trn forma tub<:>rcolare e forma caseoso-JHH.> prnonica )) 103 Tonsille e<>n1e porta d'entrata delle infezioni )) !ll ' 'l'nbercolo ·i poln1-0nilre: diagnosi tul)el'colinica . . . . . . . . )) 103 "Clcera della I)ierohl curvan1rn òello sto)) 99 ma.co . . . . • , ...a I ,·ola ileo-ceca ll' : trn pianto )) 9 • • p

L. Pozze, ed re8p.


,

_... E)fferte agli associati a prezzi di eccezionale favore. Clinica oto-rino-laringoiatrica e negli Ospedali riuniti di Roma · Prof GUGLIELMO BILANCIONI aiuto ~ella libero docente di patologia generale e di oto-rino-laringoiatria. ,

La laringe e il sistema nervoso cerebro=spinale F i.si o • pa.t:o l.ogi.a e c li.rii.ca La I aringe hn rapporti intimi e complessi col sistema nervoso cerebro-spinale, cosi· che importantissimi

sono i problemi di flsio-patolo~ia che li concernono e di eguale valore sono le loro ripercussioni nella pratica. Quante volte una dfagnosi precoce di tabe dorsale non è stata sospettata o a.tfermata. dal laringologo, con una osservazione esatta d1 una carattelistica paralisi ta.ringea, nni ~o si ntoma _della l~s~one midollare? . . . . \ Sehbene 1 argomento interessi in egual. gr a_do 11 med~ co generico, 11 neuropatologo e l'oto-rino-laringoia.tra, esso era più o meno ~ugace~ente trattato nelle opere didattiche sul sistema. n&rvoso o della sp ecialità : mancava, in Italia e fuori, un'esposi· zione s1:5Lemat1ca di tutlo questo capitolo. L'A. ha. assolto al compito che 'si è prefisso magistralmente, facendo tesoro oltre che .della ri_cca l ett_e~atu ra spar~a. di_trusa. e incoordinat~, ~ella sua esperienza di laborator io e di clini ca, dando un'op~ra a r. mon1ca di sicura utilità per ogni medico colto. Ecco un 1nd1ce sommario del con tenuto di quest'importa nte volume: Introduzione. - PA&TE GENERALE. Cap. l. Centri corticali della laringe. A) Centri fonatori, dati sperimentali, anatomo-patoJogici e clinici. B) Centri respirat ori, idem. - Cap . II. Centri sottocorticali, fonat)rf e respiratori. - Cap. III. Centri bulbari, idem. - Cap. I\' . Centri cerebellari, idem. - Cap. V. Centri spin ali, idem. - Cap. VI. Sistema simpatico. _ , PARTE SPECIALE. Ca.p. I. Lesioni cerebrali . A) Lesioni prevalen tenicnte corti:;ali, disturbi fonatort e re<1piratori. B) Lesioni prevalentemente sottocorticali. Paralisi pseudo-bulbare. ~I orbo di Little. Paralisi agitante. Corea. I sterismo. Malattie mentali. Epilessia. :{eurastenia. - Cap. II. Le.lfioni cerebellari. - C'ap. III. Lesioni bulbari. ParaAisi lab io-glosso-laringea. Scleros> a placche. Siringomielia. Parali::.i laringee associate. l\fiotonia e miastenia. grave. - Cap. IV. Lesioni spi11ali. Tabe dorsale. 1\-lalattia di Friedreich. Sclerosi laterale amiotrofica. Atrofia muscolare progreesiva. Poliomielite. l\ fal :ittia. di Landry. - Cap. V. Lesioni del sin1patir.11. - EPILCJUO. - O~ni paragrafo riguard a. i disturbi fonatori e respiratorì o ~ chiude con copiosa bibliografia. 1

' rolum e in-8, di ci rca 4.80 pagine. con 37 figure intercalate n el teRto. Prezzo l.;. 18. I>er gli abbonati al "Poli cli11i co ., sol e T~. 14, franco cli porto e raccon1a11dato. 1'1·ot, VINCENZO GTUD ICEANDREA.

pare~ginto

di Patologia speciale medica di mostrativa nella R. Uni versità di Ro1ua..

L' e sanie degli organi del petto e dell'addome •

con particolari indicazioni sull'esame obiettivo in differenti forme morbose e figure schematiche nel testo. In questo libro, la l'Ui diffusione si è in pochi giorn i larghissima.mente iniziata., I' A. ha riunito, con lucida e òrdinata esposlzione, e a scopo essenzialmente pratico. le norme per l'esame obiettivo e funzionale degli organi interni. secondo l'esperienza acquisita 111 u1olti anni dcl suo affollatissimo Corso pareggiato universitario. L'utilità del libro è resa più evidente dalle nozioni di A11utf)miu. Clinica, illu~trate da. figure schematiche, chA precedono in ogni capitolo, e dagli speciali paragraiì sul modo come rilevnre l'obiettivit?J. in differenti forme morbose. :E perciò una. vera Guid a, comoda a nche p el suo formato. p el Me.dico pratico e per gli studenti. A questi ultimi è conbigliabile pel nuovo anno univeTsitario. , .ol11n1t in-16. <li pag. ~54 . 1·orpo 8. abbonati un limitnt o numero di copi e,

,f; in 11 L .

,

commer cìo per L. 9, ma possiamo per particolare combinazione. offrirne ai nostri 8 ciasc una , fran co di porto.

--•

J...-

- - -===- - =========================

Prof. GUIDO MENDES .

La diagnosi delle localizzazioni polmonari d'ìDizio della tubercolosi con speciale riguardo alle ricerche radiologiche. L'.A . e::>pone il problema. diagnostico ùella tubert olosi inizinle. va.tendosi di ogni sorta di nozioni dii indagini e di a.ccorgimeuti nel cump11 c·linico, radiologi co. batteriologil·oi imn1unologil'O. . . . . Egli porta ulteriori raf11namenti alla d iagnosi precoce; clifl'ercnzia e circoscrive la. ~indron1e ilàre; lumeggia i reperti rnd10logici. raffrontandoli con quelh d'autopsia. TI la.\orrJ. corredato di tavole mol to dimostrati' e, è destinato a fornire un vali do aiuto ai medici pratici ed o.i tisiologi. t 11 volume in -8 ~rande, di 116 pagin e. con un a tigura nel te.sto e 10 tavole rad~og rafiche In cal'ia americana. - In commer· cio L. 9 i per gli associati al e P oliclin ico» sole L. 8, fran co di porto e raccomandato . 1

.lJer s )le

I

Jt. 8. 75. l.

C. BRUNETTI, Docente di Patologia Chirurgica nella R. Università di Roma.

Le Cisti ei Neoplasmi del Mesentere

SOMMAl{.10 : Parte I. Nozion i gene-

11~ ~f ~na t~:i~e~ !t~~~t~!.i:_Pt!~t~e~ Clinica delle cisti e dei nloplasmi. -

Volun1e in-8 grJ,nde, di 359 pa,g;ne~ con I I figure, che è in com mercio al prezzo di L. 1O. ve1· 80 le

l

A.

11. 13.1s

J

Malaltie della nelle

NElSSER

e I.

lADASSO HN

rr r aclt1zione italiana d.all' origi11ale tedesco, con n ote ed aggiunte del Dott. \ T. Montesano, docente n ella R. Università di Roma. Volu111e i11-8 grande, di 752 pagine, con 52. figur~ i11ter oalatP n el testo, che è in co1111Y\ercio al prezzo d1 L. 18. •

Dott. 1\iI. CA.~IPEGOIANI , capitano medico, assistente nelhl R. Clinica oto-rino-latingoiatrica di Roma

LA DIAGNOSI DELLA SORDITA NEI SUOI RAPPORTI. CLINICI E SOCIALI Fu gi udicata una pubblieazione interessante e che si legge volentieri, uno studio clini co e medico-legale della sordità. di Volume I in -8 gran de, di circa 100 p agine, ulihtà scientifica e pratica. f; una guida preziosa. alla diagnosi della sorditl\ .

con una tavola. In commercio al prezzo di L. 4. Ai nostri associati si spect isce per sole J,,. 3.GÒ, fra nco di porto e raccomapdato.

-

Prof. Cav. GIACINTO QUARTA, libero docente di patologia speciale medica nella B. Università di Boma.

VADEMECUM DELLA INFERMIERA IN CASA E NEGLI OSPEDALI Seco11da edizion e a ccuratamente riveduta e d ampliata - Un volume di cir ca 285 pagine, riccamente illustrato. Prezzo Lire 5 . - Per gli abbon ~ti al e Poli clinico» sole Lire 4 .50 (fra.neo di porto e raccomandato) .

P-;r ricevere subito quanto sopra inviare cartolloa-vag-lia al Cav. LUIGI POZZI, Via Sistina, 1 4 - ROl\IA


O:ffer1:e aa;1i associati a

prezzi d i :fa,.,..ore.

Recentissima pubblicazione: Prof. ROSARIO CASCINO

Docente dì Medicina Operatoria. nella R. Università di Paleru10

CHIRURGIA DEL GROSSO INTESTINO ESCLUSO IL RETTO

Questo bel libro viene a ricolmare una lacuna della Chirurgia Italiaina. Con ordine ed esattezza vi è riunito tutto quanto i11 ltalia çd all'Estero è stato '>t:ritto sul diffieile argomento. Il lavoro è diviso in tre parti: • 1° Una. parte generale, utilissima. tratta.don e, in cui. dopo il a storia, l'anatomia e la fisiologia del grosso intestino, l' A. rh·ede tutta la patologia e tratta la tecnica generale. 2~ 'Cna parte speciale ch'è esclui:dvamente tecni ca e riYede tutte le operazioni poosibili sul grosso intestino e per eia scuna • operazione i vari processi. 3° Un ~on tributo sperimentale personale che spinge gli studiosi a nuove rfcercbc ed i di cui ri su ltati hanno fatto lanc'are ali' A. l'idea di un nuovo processo d'applicarsi all e esclusioni. Gia ~c unn. parte oltre ailla ricca dotazione icronografìca è completata da una estesa ed ordinatissima bibliografia.

(ln volume in-8 di 606 pag., con 50 figure e 18 tavole, prezzo L. 40 · Per i nostri abbonati sole L, 32 franco di porto e raccomandato.

- Dott. AJ,ESSANDRO J.>ENNISl Chirurf{o aiuto 11egli Ospedali di R oma.

Trapianti di tessuto adiposo a scopo chirurgico. 0)1~!_\.RIO :

Trapianti di tessuto adiposo per la cosmesi del viso, del seno, dello scroto - per la cura delle ernie - nelle p erdite di sosta nza durali e duro-cerebrali con e senza plastica ossea - per l'emostasi degli organi parenchimatosi - per l'obliterazione di cavità ossee - nell e artroplastiche ed osteoliai - perivasali, peritendinei e perinervEti . nena colla ssoterapio polmonare (pleuro-pneumolisi) e cavità toraciche. Questi argomenti sono trattati in singoli ca.pitoli con l'esposizione di tutto quanto fin'ora è stato fatto clinica mente e sperimentalmente in questo importante ramo della. chirurgia. plastica mett~n dolo a paragone con altre plastiche adoperate e d,andone la. tecnica tlenerale e speciale. Il lavoro è corredato da numerose osse rvazioni c; liniche origiuali e da un ampio stud io spe•rin1ent'S:le su questi t rapianti a scopo chirurgico e sul destino in seno ai tessuti ospiti. t · n volume in-8 grande di pag. 408 con 16 fig originali in fototipia e tricron1ia in 5 tavole e altre 7 f\j!ure nel ttiSto L. 40. Per i nostri Abbonati sole L. 30.76 franco di porto e raccomandato •

Dot t. SERTORIO l\IAHIXACCI - Lib. doc. di Patologia Speciale Chirnrgica J1ella R. U11iversità di Ro1na.

OCCLUSIONE INTESTINALE

Il lavoro è diviso in due parti. NP'la prima parte è trattata in modo chiaro e conciso, in dodici capitoli, la patologia dell'OcclU· s1one: e esposto quanto da llo studio clinico e sperimentale dell 'important e argomento si è desunto 1 riguardo all'etiologia, alla patog&nesi, a ll'anatomia patologica1 alla sintomato1ogia 1 alla diagnosi, alla terapia. Nella seconda parte l'Autore studia te cause della morte nell'Occlusion e: messo in rilievo l'importanza dell'argomento, solo di recent e svolto, In rapporto a ll e sue applìoazioni pratiche 1 aggiunge un pregevol e contributo personale 1 f acendo seguire te deduzioni delle sue r icerche. ·

Un volu1ne in -8 g rancle, di 182 pag111e, L. 13. <li po l'to e raccon1andato.

Pe r i n ostri abbonati sol e L. 10.75 franco -•

RltPe lnapoPtanti pubblicazioni 1 Prof. VALBNTINe B1lRN1lftè

I poteri defensionali e l'officio protettivo degli organi viscerali e parencbimali contro i germi delle infe~ioni chirurgiche. Data la notevole importanza dell'argomento. trattato esaurientemente in questa estesissima monograUa, in cui sono rias. 5u nt.e le più moderne 'lozioni anatomiche, jstologicbe, eliniche e sperimentali, ed esposte le svariate ricerche e le concezioni personali dell'autore, ci siamo procurati, certi di far cosa granita ai nostri abbonati, il mezzo di offrire a condizioni vantai.?ciose un libro indispensabile non solo per chi si occupa di Patologia speciale chirurgi ca, ma altresl per chi studia la Patologia in genere delle malattie infettive. Un volun1e in-8 grande. di pag. X\'1 ·922: in l'Ommercio L. 20; pei nostri asso~iati sole L. tii, fran co di porto e raccomandato.

-

O ott.

A ARIGO PIP E R N O

Docente di odontoiatria e protesi dentaria nella R. Università di Roma.

Frattura delle ossa mascellari e loro cura.

un hl\ Oro rias~untivo l'O'IDpleto. llt'I quale è raccolta eù or1llnata con mano ma~stra la val)tissima letteratura intorno allt: e frattnr~ ùellt! ossa mascellari e loro trattan1ento ... Non vi man e;\ la. parte ori.a;1nale, sia per ciò che riguarda le peculiarità anac. ••• f:

' t1&ino-lbiolo$?h·hc e l'interpretazione del ineccaa ismo dell'apparecchio dentario nell'uomo. sia. per ciò che riguarda l'uso e le moùifl· < c.1110111 dall' A. apportate ai r11etodi ortortontoiatrici nel trattan1 ento rlelle fratture riel mascellare inferiore. e '11merose tnvole t! ben riusl•ite completan o il lavoro: alcune riprodotte, molte originn.li: tutte chiaramente esplicative. Se it e lii ro ; p iù proprio agli SPPl iaJi .. ti odontoiatrici. non è meno utile ai medici pratici. per la chiarezza e la semplicità degli insegnnmenti e che ne 1leri\'nno >. Prof. Dott TITO FERRETTJ, Roma. c. •• •

r::

un trattato "eramente aureo •.

Prof. Dott. CA.ETANO FASOLI Ordinario di odo11 toi 'ltria e protei:.i ùentaria nei RR. I stituti Clinici di Perfezionamento. - ~Iilano .

lJn volt11l1e in-8, di 188 pagi11e con 118 figt1re fL1ori testo riprodotte su 28 tavole in fototipia. Prezzo I..1. 15. - PP.r i 11ostri ahhonati sole L. 13 .75. franco di JJOrto t> racco1nandato.

Per ricevere quanto sopra inviare cartolina-Yaglia direttamente al Cav. LUl61 POZZI - Via Sistina. 14 • ROMA .._


Roma, 24 Gennaio 1921

ANNO XXVIII

Fase. 4

I

fondato c\ai professori :

GUIDO BACCELLI - · FRANCESCO DURANTE •

SEZIONE PRATICA R EDATTORE

CAPO: ) 'ROF. VITTORIO ASCOLI SOMMARIO.

Questioni del giorno: P. F. Zuccòla : A proposito di una nuova forma d'encefalite. Osservazioni dlnlcbe : E. Borelli : Lussazione dorsale complessa dell'indice de::.tro. Duplice meccanismo di irreducibilità.. Riduzione cruenta. - E. Casati: Un caso ~di frattura in toto dell'acetabolo. L\"'ote e eooiributi : L. Anda.16 : Disturbi da uso di urotropina.. Igiene: D. Falcioni : Sull'esito d'una. piccola bonifica.. Contriùuto allo studio della dtffusione delle a nofele. Sunti e rassegne: ME01c1NA: I. Bauer: Stato attu~le della dot· trina della costituzione . - SIFILOGBAFIA: M. Nathan : Il salvarsan argentico. - NEUROLOGIA: Claude: I disturbi mentali nel morbo di Parkinson . - SsMBIOTICA: U. Stéin: I/importanza dell'esame funzionale dell'organo uditivo per la diagnosi precoce e per l a. prognosi dell'arteriosclerosi cerebrale. - A. Gemelli, G. Tessier e A . Galli : La pereesiooe della posizione del nostro corpo e de' suoi spostamenti.

Medicina sodale: Pieraccinì: L'orario continuato. Cenni bibllografid. A.uademle, Società medlehe, Congre;sl: XXIX Cong resso del1' Associazione Francese di Chirurgia. A.Jpun&J di medicina pratica: CASISTICA· B TERAPIA : Diagnosi e trat,amento dell'ostruzione duodena.Je cronica - L 'ulcera duodenale nel saturni smo - Diarrea dissenteriforme e dissenteria - La diagnosi 'del carcinoma del retto - A quali dosi ')i deve somministrare il bismuto ? Cura dell'imbarazzo gastrico acuto - Nella. ragade anale - Contro gli ossiuri. - MEDICINA SCIENTJFICA . - POSTA DEGLI ABBONATI. - VARIA . Nella vl&a professionale : Pangloss: I medici ospedalieri. - Atti parlamentari. - Cronaca del movimento professionale. Nomine, pro1oozioni e onorificenze. - Risposte a quesiti e a domande. - Concorsi.

NoUzle diverse. Indice aUabetico per muerle.

Dld&U di proJridà rlsenaO. - E' vietata la riproduzione di ùwori di e88i senza ci(a-rne la fonte.

pubbUcat~

nel POLICLINIOO e la pubblicazione di sunti

Quei pochi associati che per economizzare tempo e spese postali rimanMemento: darono il versamento della quota integrativa dovuta pel loro abbona- · mento del testè trascorso 1920 al momento del pagamento dell'importo pel 1921, sono caldamente pregati di volersene ora rammentare. La misura della suddetta quota arretrata è: Di L. s per l'Italia e Fr. 10 per l'estero per clÌÌriCèveite-la-sola Sezione Pratica.~ ., L. 12 ,, Fr. 15 " ,, " le Sezioni Pratica e Medica. ;, L. 12 ,, Fr. 15 ,, ,, ,, ,, ,, e Chirurgica. , L. 15

,,

Fr. 20

,,

,,

, •

,,

,,

,,

Medica e Chirurgica.

L'AMMINISTRAZIONE.

I

QUESTIONI DEL GIORNO. OSPEDALE CIVILE DI Ct;NEO.

A proposit.o di una nuova forma di encefalite. Dott. P . F. ZuccòLA, p1rima1rio e. docente. N.on sono molti gioTilli 1a stampa me dica e politica francese ha rilevato in 1aLcune regti.oni clella Francia il 1r!i1Stv~lio di 11na nuoiVa e.pi•dernia di ·enoofalite {'On caratteri sintomatici e~ -;enzialmente diff.e.rentJi da 1q1u·elli d.ella passata ; e dell'argomento si è tosto interessata l a staml)a quotidiana nostra, anzi qua~che giOTnale, com.e semrp.r € succede, ha iSJUll' argome·n to v.aga:to parlan•CLo anche d:i ·u na niuova malattiia. Questa .avre•b be lln ·decoTSo :oer 1o più benigno : si inizierebbe con sintomi non ben definiti, malessere generale, inton timento, pesan. tezza e dolore gravativo al capo, anche con lievi dolori reumatotdi al tronco ad agli artj, ra1

ramente 1ddJsturbi a oaArllco dell'appa.r.ato dtgler,ente e ro~ratoT!ia. La ,f ebbre in mo~ ti ca.sii manca od è lievissima, preceduta da lieve sen so di iperfr:i·ge1ra.zio·n e; non si avrebbero m·ai disturhi O'C~ulari ed .i n g€t!l€re distuxhi .a oarico . dei nervti cran1ci. P ocihi ,giorrui. dopo l 'inizio compare sing·l1iozzo 1a ct1i intensità sembra variare da ca1so a caso : in qti.alcuno esso è ad ac ceooi ed ogni singo.1o accesso ·~ur.a ·p.o ohi ·mi11.11 ti, tal_ volta is olo qualch e ora, oorn :pa'UJS€1 va:rie; in ·Casi più giravi è oontint10, intensd!ssimo e ta1e d a im·pooi·re in via as·s oluta la nutrizione. Anche nella f01rma benjgna varia l'intensità e la dru.rata da vol ta a volta e ciò s·empre. in·d.i~)rende:n.­ temente da fattori est.ermi : poich-è contro di esso non viaJg·ono i com·UJ!li ·esp.e-dienti, come non vale il far assumere al p. varie posizio11i, l'ingiootione rii altimen ti, nè .la compressione dei punti del fre·niico, nè infine la sormminist.razio·n e di quei rimedi comt1·oomrentei ut.ili.

..


IL POLICLINICO

Come ho già detto, val'ia l'i11tensità e la f:req uenza delle scosse da caso a caso ed anche 11ello stelSISO ; abitualrr11ente 1e contrazi oni cloruc..he si ·sussegiu ono c·olla f!'eque11za di 15 a 25 l)el' ·m',, .asso-ci andosi con 11nai ceir·ta freq·Lt1e·11z.a a quelle. del diairan1ma cloni dei muscoli del così d etto cc tonchio aidciom.inial·e »; n1ell'att.uale eipiclien1ia però e$·so mantiene quasi co,s1.a11temente 11.1 cariaitte I1e monosintomatico. Secon·do iq ual.c h1e giornale si saDetb1b·e.r101.avuti d1ei oaisi con esito letale p·er r a:pjid o scaidi.rne11ito cl1elle :torz·e datJa l 'im1Jossiliilità ~ol1uta di ;p,otJei:r ma 1te111er'e una nutriri·OOO su,ffi1ciente. Dop.o qu,anto br.ervem·e nte1 h ,o esposto, a n essu1110 sfuggirà com 1e la f orma di ,cui 1a p1·es1ent~ nota, ·DJOn possa .esser.e .accettata .oorn.e '1.ln1a f.0 r1na m otrbosa n uov•a e tanto m .eno oom .e urn:a :1Janifesiazdone niU·oiva dell'enc. i.et.: brusit a qu an_ t o è r .aiccolto n·ella l1elJt,eratu.ra medica id i casa nei~ t1 ,a è di fuori . In I tali.a, ],n certe reg·ioni, le fo1J'm,e di en-ceifìail:ite liet. !Sii ·ruoco1m pa.g mari0no coiJ.1 l1111a costanza dhe dirò assol1u tia n on sol.o .cio.n if1en 01n eni di snasmo clonico dei m11 scoli addo-. ininali tali da simulare un vero singhiozzo, n1n. ancora con spasmi localizzati al puro cliaf 11a1nma sì ·d·a r iprio.:l:uir.re integ.railmente il qua... clr-0 ·ch e ora s i 1de1scrive 1q u aisi una novità. ,s i ri oo:rdi!n10 dm p:ro·p1osito i .caJr.atteri ·p ecuiliari che c:aratt·erizzairono l,eiptdemia svilu.p pa_.taisi i1n Anc.011,a. E l'a11g.omento f•u ogg etto di i)arecchire n ote e di1scu•ssioni; per atter1wci all·e ooise nost1"';e ·Ticor·clerò so1o che ,già l '.Ai.sooli (R. .Ace. di Med. cli Roma, sed. del 25-1 -920) aveva notato for m e iri e11ticr1e insorte in ammalati degenti nella Cli 11i·c a ::\led. Genr per enc. let. e .ch ·e P on.tana· e Trent'i nell'ltl.tirno 1C'o•ngI'ieiS1Sio · d i 11.e1d. Irut. .rilfei.. rirono casi <J..i .~dng\hiozro ad in1SJOiI1genza acuta du1~ati .alcuni gio.rnd, oon <}lll·al·che riaJZio t,enmJ"O e senza oornpartecioàzione di altri sintomi; i11fìne come identiche osservazioni abbjano f atto Ronchetti Bianchini l\Ioncalvo J achia, ' ' ' .-'.Jb ertoni, D.aignini, P~el'e, l\1od1enJa,, •Cia stelùi, Gi u1gni, C'aistei1Jin,o, v;a!I"ilsioo1, C·econi Dl1rànd, Hairvier •Orouzo111, ~I arn10n A . . R o.ot, v. Economo, 1Bernard, ect. ~e non che, come fa notare abat in i, molte volt1e nell'encafa1ite J,e;t. .p uò ,ave1r si un. qu:adro· in1 ulante il qu1adro ·de[ singihiio!ZZo .senza che e-.sn - fisio1o.g icamente .p.aJrlan1do - i ealme11te . i ripirod uoa: le scosse b'T'tU sch e, r n p id it:ISlim e P~ 0110 avvffi'ldre urnicarrnente .a carico dei nt. m. d ell·a parete .a1dldonninaJ1e (n1. m •. retti e 11 H'-ver i) , essere anche impro·vvii. i a tipo elettrieo, freqUJenti (fino .a 40 al m'.), e a prima vi~tn lasciar credere ad 11n inter~q 1amiento del diafrlln1ma, mentre nll'e~ame radjolp.gico ri lllta cl1c esso 'Ilon vi 1J>a1·tecipa e che il ri tn10 re.sipil"ét to1~i-0 non è moclifica to o l o è di a~ ai poco. 1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1

[_.\NNO

:\:\\' III,

FASC.

4]

Di mlQldo •che 01cco1rre an.c.o ra dil~.tingue1re nei si11goli od.si con v€ro ~1inghiozzo da quelli -c-0n singniozzo iapp1ar1ente. L'aver n otato l'insorgenza di tale sintoma durante il decorso di u·n,infezion e· con tutta la sinton1atol ogia d ella forma infil1 e11zale pura ha anc1h e auto·r izziato qUJailche _.\ . a stabi·llli'e u11 p·u nto di cr.1ll.egam1einto tra il rp1·0.oe~1So in-fieittirvo ernine.nteanen-te nie·u roito ssic.01 d•eJl'infl1uenza e le mo~teip licd. e!sip:res\Sioni cliniche d·ell'e,ruc. Let. QuesLione quiesta .allo 1s t 2 to d •el1e nos-tre conoscenz.e ~1u11,a.t;?, e1nte patogern.1etri100 .d el1 :!.ie du·e foirme i111S'olt1ta ed insolubile. Qualche r i cerca tende poi ad escl·t1 d·eT1e anch2 un r:a~. p oirrto 1ezio·l ogico tra sin,ghio~10 eptild1errnic-0 steiSiSo e d 1em.c., e ·Ciò contro l ' osservazio·n e clini ca, poichè in qual che caso la enc. let. a caratteri clinici classici seguì a. pochi giorni di di~tanza dal singhiozz,o (ì\1Jcheli, v . E con.oono, Bernard, ecc.). Non parlo poi delle ipotesi emesse per spiegare .l'unicità del s intorr1a : e.sponente di localizzazione o di va r ia.zioni bioìogir-he cl ell 'agente ( ~Iaggiora e Sìnd,o ni), 111orn eissen cl o i1 e l mi o ·S co•p O•. Con1l1nque sia, la forma notata in Fra11cin. n:on è aff.atto 11n.a m ,al·attia nucv1a: un puiro srntio ma di u n1a m ailiattia nota rp·er il ,p,olrirmorifi&mo ec·cezio·11.a l e a1 p unto ,dia ei&sei!'le anche mon·o~· intoma .tica ·e IliOil -n er il sin .._ghiozzo s·ol tanto. Ciò . posto, la minacciata n110Ya epidemia non ~1 e mbr.a delb.b a e1ssl81re :pt·esa n1 e r 0 :na .ailmelillo troppo s11l tragico, poicl1è a l r>rimo a ll arme -· inteTipeSitiv.aim,ente g.ettato forsie da qual.c he caso sp1oraidi·c10, e .d1alle m enti a •11 00,1-;a atterrite d.alll 'ultima av·utrusi defcirmato eid in,gi,g antito -- 1nio1n è tS1eiguìto alc.u n altro avviso, ciò ch e no'l1 .avT1elbbe m rancat o di esse.re .. 1

1

1

1

1