Issuu on Google+

1932 •

IL '

PERIODICO DI MEDICINA, CHIRlJRGIA ED IG.ENE FONDATO DAI PROFESSORI

FRANCESCO DURANTE

GUIDO BACCELLI

SEZIONE PRATICA

Volume XXXIX - Anno 1932 •

ROMA N. 14 -

Vi a

Sistina -

1932

N. 14


.1aboratori effettivi della Sezione Pratica per il 1932.

-

,.,andri prof. Roberto - Roma. .iessandrini prof. P aol o - Roma. Amalfitano dott. Gabriele - Roma. Amantea prof. Giueeppe - Roma. Anclreucci dott . Miohele - Roma. A.ntonelli prof. Giovanni - Roma. Antonuoci prof. Oesare - R oma. Aqu.ila n ti dott. Giuseppe Repubblica di S. Marino. Asoareili dott. Adriano - Roma. Ascoli prof. Alberto - Mila no. Babini dott. Giorgio - Soanaano. Baggio prof. Gino - Oagliari. Ballat i dott. Giuseppe - Oaltanissetta. Bani dott. Ugo - Roma. , Bard dott. L eopol d - Buenos Ayres. Benedetti Valentini d0tt. Fabio .Roma. Benini dott. Piero - S. Gim ign ano. Denso dott. Francesco - Tor l no. Bernardini dott. Anacleto - Monte Romano. Bertarelli prof. Ernesto - Pavia. Bianchedi dott. Manlio - Montecooa r c . Boncinelli dott. Umberto - Roma. Borruso dott. Gaetano - Roma. Botto-Micc:l. dott. A n gu sto - 'l 'arquinia. Brizio dott. Gian Vincenzo - Ivrea. Brugi prof. Antonio - Desio. Bufano dott. Michele - Genova. Oalabrese dott. Salvatore - Genova. Camplani id·o tt. Mario - Bergamo. Oanuavo dott. Letterio - P a lermo. Cantoni dott. Oscar - Mila n o. Capaldo dott. Luigi - Sarsina. Capua dott. Antonio - Roma. Oarboni dott. An tonio - Anticoli Corrado. Oarducci prof . Agostino - R oma. Carucoi prof. Vittorio - S:pezia. Castellani prof. Al do - Roma. Oatterina dot·t . Attilio - Genova-Bolzaneto. Oauooi prof. Alberto - Ancona. Cltiariello dott. Alfon so Giovanni Napoli. Chiasserini prof. Angel o - Roma. Ohini prof. Virgilio - Roma. Ciceri dott. Corso - Venezia. Ciminata prof. An tonino - ::Monza. Oolucci dott. Carlo - Tivoli. Gonfalonieri dott. Dario - Molin a di L edro. Conte dott. Giannino - San 13ellino. Oopetti dott. Luigi - Udine. Oornia dott. Ital o - Modena. Corona do tt. Franco - Palermo. Cortella dott. Emilio - N ovi Piemont e. Oostauzi dott. Carl o - Roma. Oo,, a prof. Ercol e - Palermo. D'Amico dott. Mario - Roma. D'A vak a:>rof. -tllfredo - Roo:na. De Beruardi dott. Luigi - Gorgonzola. De Bonis prof. V. - Na.poli. Delfini dott. Corrado - Reggio Emil ia. Della V alle prof. Luigi - Genova. De N igris Marella dott. Francesco De imone dott. Giuseppe . :Monza. Dragotti tlott. Giuseppe - Roma.. Egidi prof. Guido - Roma.

E miliani dott. Piero - F orli. F a beri prof. Mario - Roma. Fabri dott. Giuseppe - Roma. Faelli d.ott. Car lo - Genoiva. Falcioni dott. Domenico - R oma.. Faaella dott. Felice - Roma. F errero dott. Luigi - Nova.Ta. F erretti prof. Tito - Roma. Fici pro f. Vi'll.cenzo - P a1ermo. Filippini dott. Azeglio - Roma. Fiorini dott. Ennio - Tregnano. Fira.nchetti dott. Augusto - Roma. Frigimelica dott. Carlo - Belluno. Frugoni p r of . Cesare - Roma. Gabrielli dott. Sestilio - Venezia. Gallo dott. R osar io - Militello Rosmarino. Garofalo dott. Francesco - Bologna. Gasbarrini prof. Antonio - Padova.. Ghiron prof. Vittorio - Roma . Giaoobbe dott. Corradino - Roma. Giorgetti dott. E lio - Scan san o. Giunta dott. Giusepp e - Roma. Giunti dott. Giulio - Oagliari. Gobbi dott . prof. Luigi - Modena. Grasso <lott. Rosar io - Roma. Graziani dott. Francesco - Zara. Griseri dott. Vittorio - Firenze. Gue-r1icchio dott. Antonio - Matera. Hela:ua n dott. L a za.r - Galatz (Romania). Dvento prof. Aroa.ngelo - R-0ma. Int rozzi prof . Pa.olo - Pavia. Jaoarelli dott. Enrico - Maoerata. J acono dott.ssa Giuseppina - Catania. J ou a p rof. Giuseppe - Venezia. J ovino dott. F erdinando - Napoli. La Cava dott. Giuseppe - Roma. L azzaro clott. Giuseppe - Roma. Leonelli dott. U go - Lettom anoppello. L eti dott. Francesco - Rom a. L iver ani dott. Ettore - R oma. I Jocaitelli dott. Gariba ldi - Sedico. Longo dott. Antonino - Oa tania. Lucangeli prof . Gian Lu ca - Roma. Luoherini p r of. Tommaso - Roma. Maccari dott. Ferdinando - Siena. Malte.3e Le Roy dott. Carmelo - Padova. .Manai pirof. Andrea - Saseari. Manca dott. Se1·afin o - R om a. Man cioli dott. Mario - R oma. Mannini dott. Romanello - Firenze. Maragliano prof. Edoardo - Genova. M a1~greth prof. Giovanni - Modena. Margottini dott. Mario - Roma. Mariotti prof. Ettore - Napoli. Marta dott. Felice - Milano. Mazzei dott. Tommaso - Serrastretta. Medea prof. Eugen io - Mila n o. Melli prof. Gu ido - Roma. Mingazzini prof. Ermanno - Roma. Missiroli prof. Alberto - Roma. Molon prof. Carlo - Venezia. Mondolfo pr of. Emanuele - Cesena. Monteleone Drof . Remo - R om a. Montesano prof. Vincenzo - Roma. Moretti dott. Agosti no - Cesena. 1Ioschella dott. Enrico - Bologna. 0

Mucci dott. Adolfo - Riolunato. Muzzarelli dott. Giuseppe - Bologna . Nassi dott. E. - Lucca . N azari prof . Alessio - Roma. Niccolini prof. Pietro - Firenze. Omodei-Zorini prof. Atttilio - Roma. Paltrinieri dott. Guglielmo - Castiglione delle Stiviere. Panagia dott. Antonino - Roma. Pecori prof . Giuseppe - Roma. Penso dott. Giuseppe - Roma. Pergola prof. M:azzini - Roma. Piazza dott. Man.J1o - R oma. Picardi dott. Giovanni - Roma. Picchi prc.d'. Luigi - F irenze. P ieri prof. Gino - Belluno. P ighini prof. Giacom o - Reggio Emilia. p,ißam;i a>rof. Domenico - Roma. P ontano prof. Tommaso - Roma. P orta dott. Virginio - Roma. Pozzi dott. Arnaldo - Roma. Preti prof. Luigi - Parma. Pupini dott. Guido - Bologna . Qnattrocohi dott. Al do - Pesaro. Reitano prof. Ugo • R oma. Roberto dott. Silvestro - Roma. Rolland dott. Döm en i co - La Spezia. R omanin dott. Vittorio - Trieste. Ronzini dott. Mario - Bari. Rosei dott. Carl o - P a lermo. Santoro prof. Angelo - Roma. Satullo dott. Rosario - R oma. Scandurra dott. Salvatore - Roma. Scaturro dott. Alberto - Sciacca. Scavo dott. E n1anuele - Roma. Scotti dott. G . A . - Firenze. Selv~gi a'VV. Giovan111i - Roma. Serafini dott. Giulio - Roma. Silvestri prof. Torindo - Modena. Solaro dott. G. - 1.iilan o. Solieri prof. Sante - Forli. Solito dott. Mario - Oastion di Zoppola. Sorge dott. Giuseppe - Catania. SpoJveriind proi. lit1igi - Roma. Stipa dott. Franco - Roma. Taddei prof. Domenioo - P isa. Tattoni dot.t. A.rmando - T eramo . Tiberio dott. Leonardo - Oasalbordino. · Tirelli dott. Severino - Ascoli Piceno. Tizianello dott. Giuseppe - Mirano Veneto. Tonelli dott. Lanfranco - Roma. Torchiana dott. Fabio - Finale nell 'Emilia. • Toscan o dott. Oarmelo - Roma. Trepiccioni dott. Emanuele - Bologna. '11r ipodi dott. ::h1:ario - Roma. Val dcm.i prof . . Pietro - Roma. Vanelli dott. Agostino - Oar onno Mil a nese. Velicogn a dott. Alberto - Torino. Verney clott. L orenzo - Roma. Vernoni prof. Guido - Roma. Villa dott. Luigi - P avia. Vitlata prof. Giov. B aitt. - Torino. Vitali prof. Fabio - Venezia. Viziano dott. Angelo - T orino. Winternitz dott. Leopoldo - Trieste. Zingale dott. Michele - Firenze. 1


INDICE GENERALE VO L.:UME XXXIX - 1932

lndice per rubrica •

'PROLUSIONI.

Pag. Pag.

CASTELLA~I

A . : Brevi cenni sto ri oi sulla medicina tropicale <lai tempi antichi ai nos tri giorni .. 1117 Fau GONt 0.: L 'essenza. e g li obbietti dell' insegna1nento olin ico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125 GASBARR1s1 A .: La funzione e l ' insegnamento della Olin ica JrI edica . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1939 L EZI0NI OLINIOHE.

ALESSANDRl R . : Su un caso d i u ro n efrosi sinistra da vaso anomalo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ALESSANDllI R . · U n raso di sarcoma osteogenico della t1bia destra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . COVA E. : La f ebbrc in travaglio di parto . . . . . FRUGON I O.: Ascesso polm on a re tifico con perforar zione deJ oavo p l eurico e pio-pneumotorace con sensuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . F RUGONI C. : MediasLinite ttlberr.olare o neoplastica? FRUGONI 0.: Morbo di Still-Chauffard . . . . . . . FR'CGONI C. : Nefrosi lipoidea .. . . . . . . . . . . GASBARRINI A.. : Oons jderazioni diagnostico-differenziali in un ca so di splenomega lia . . . . . . . . JONA G.: Tu bercolo cal cifir.ato della calotta protuberamziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . JONA G.: Btenosi mitr111lica a forma emoftoioa . . PRETI L .: L 'i ttero nel corso della polmonite lobare

1197 1685 717

3

597 1077 1605 1533 401 877 283

LAVORI ORIGINAL!. AMALFITANO G. e SILVESTRO s. : La lattoeuria e il m et10-do roicologico di Oastellall!i-T aylor per B\el a r la . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 0Al'THRINA A.: Ricerche sper imentali, i ndicazion i, esiti operativi della esclusione totale dell'uloera piloro-duocl enale . . . . . . . . . . . . . . . . . CORONA F. : Bulle necr osi adren a liniohe .. . . . . DELFIN! C. e P1GHIN1 G. : L 'orm onizzazione sessuale col « l iquor f olliculi » per v.ia gaetr i.ca . . . . FRUGONI 0. e ALESSAN.DRI R. : Primo ca so in Italia di. asportazione di aden oma della paratiroide per osteite fibroso cistioa genera lizzata . . . . G1UNTA G. e D'AMICO M.: Contrjbuto clinico alla conoscenza della metadissenteria . . . . . . . . GRAzlANI F.: Sulla sierodiagnosi d~l oanoro e sulla reazion e di Botelho . . . . . . . . . . . . . . . . lACONO G. : Ricercbe st1lla secrezione esterna del i;anoreas n el diabete . . . . . . . . . . . . . . . LAzzARO G. : Sulla cosi detta « urea clearance » oome misu ra della fttnziona lita renale . . . . L1VERANI E.: E ' attualment e l a epatolienogr afia col Thorotrast un metodo d 'indagine oonsigliabile? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . LONGO A. : L 'istaimina e il eondaggio f razionato a digiuno nello studio della funzionalita gastrioa

L UCBERINI T. : La prova dell'acqua ossigenata per la diagu osi differenzia le fra essudati e trasudati MANC.\ S. : II comportamento del tasso glicemico cou secutivo a.ll'ingestione d i sostanza rioca di proteine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . MANCA S.: Contributo a llo st11dio dell' aoido urico nel san g 11e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . MANCA S. : Azotem ia e cloro1JeU:a . . . . . . . . . PIAZZA M . : Modificazioni immediate della pressione urt·~rio sa da pneumotorace e riflesso uleuro-oardiaco . . . . . . . . . . . . . . . . . . P1cAno1 G. : Comip-0rta m ento delle piastrine in s~­ guito a d atti operativi . . . . . . . . . . . . . . PrERI G.: II timpanism o epat.ico, sintoma precoce di perforazione dell'ulcera gastrodu odenale . . . R EITANO u. e BONCINELLI u.: Rioerche sulla cosidetta 1< febbre esantematica mediterranea » •• S POLVERINI L. M . : l .ontribu to aJlo studio dell 'infezione difterica n ei vacoinati . . . . . . . . . . 13TIPA F. : egu ono i leucociti del san gue l e stesse leggi dell' a gglut inazione d egli eritro~iti? . . . . T1zIANELr,o G. : Oontributo allo studio del riflesso oculo-cardiaco n ella tubercolosi polmonare . . . ToNELLt L . : La <lef ormabil ita pupillare segno di m or te reale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . TOSCANO 0. : Sull e variazioni della chetonemia n elle affezioni epatiche . . . . . . . . . . . . . . . ToscANO 0. : Sui rapporti fra chetonemia e stato funzionale del f egato . . . . . . . . . . . . . . . TRIPODI M. : L 'ipoten sione arteriosa ortostatica . . VELICOGNA A. e VIZIANO A . : La reazione de1la pe rossidasi nel solfo-carbonrisano . . . . . . . . . . .

1569

517 882 1894

997 ,17 253 1389 1849 1689 1200 205 45

32Z 791 287

1461 NOTE E CONTRIBUT!.

1205 1157 1425

1765 1809 637

133 1497

BAGGIO : L a soppressione completa e prolungata de-gli alimenti uper osn oome trattamento preparatorio a lla cu ra radicale delle ulcere gastriche e duodenali sangu in a nti . . . . . . . . . . . . . . . 757 BENDElTTI· VALENTIN! F . : La indi.cazione de·l tiaglio soprasternale n el soccorso dei g randi traumatizzat i del toraoe con enfisema genera lizzato . . . 557 BORRUSO G. : La positivit a della r eazione .~i We~l ­ Felix n el tifo addominale . . . . ·. . . :. ·. . . . . 477 BoTTO MICCA A. : Oontributo a llo stud i-o . dei diverti453 coli appendicolari . . . . . . . . · " . . .„ • • • • • ÜALAT!RESE S.: A proposito dell'emottisi cardiaca m a l e in terpretata . . . . . . . . . . . . . . . . . 1037 CANNAVO L . : Ult eriore contributo allo s tudio della bron.cospiroC!hetosi . . . . . . . . . . . . . . . . . 363 CHIARJ!ilLr.O A. G.: Oointrilbuto o1inioo a lla cbirurg i a rip a ratrioe dei ten1dini e dei n ervi della .m.aJ!lo . . "? () OHJASSElRINI A. : Sugli asoessi spinali epidurali . . . .123'7 . CICERI c. 0 GABRIELLI s. : Rice!'<ohe sul .p otere analgesico di un nuovo anestetioo cutaneo . . . . , . ~ -

1277

447


-IVPag.

Pag. C0Locc1 O.: Sulla oura degli stati tossici nolle oc-0.llw3ioni intastina,li e neJle peritoniti a oute, mcdiante le soluzioni ipertoniche oloruro-sodiche . COLt:ccr O.: Co11t1·ibuto olinico ed anatomo-patologico alla casistica dei vasellinomi con speciale rh:uardo alla localliza.zione mammaria .. CoRNlA 1. : Considerazioni statistiohe, cliniche ed epidemiologiche sulla polmonite crupale con particolare riguardo alle „ cas6 da pclmonite » • • FAßRI G. : Il trattamento della tubercolosi polmonare con i sali d'oro . . . . . . . . . . . . FAELLI C. : D!abete insipido e sua terapia . . . . . (~ALLO R. : La cura delle scottature . . . . . . . . GAROFALO F .-MOSCHELLA E.: &i<!erohe specimentaJi sul potere tossio'J del nitro-prussiato di sodio e sull'azione antidotica del tiollolfato di sodio . . . . GRASSO R. : CoIJsiderazioni clinic.,he sulla eresiipela migra.nte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . JlELMAN L. : Le ina.lazioni di g~ carbonico in alcune svstanze post-operatorie . . . . . . . . . . . Jov1NO F.: Sul trattarn·3nto chirurgioo degli a.ni cnn1.ro natura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . LA CAVA G.: Contribl1tr. olinico-sperimentale alla na :~v!-: i t.n.:>al e avertinica . . . . . . . . . . . . . MALTESE J.JE RoY 0.: Le iniezioni intravesoicali di g-licerina nella ritenzjoP.e e;ompleta d'urina da atonia vesci-0ale riflessa . . . . . . . . . . . . . MANNIN I R.: Considerazioni En1lle ma.m·m elJetomie parziali 1..:fl' cancr:::> . . . ....... .... . MAl~~Gi.JANO E. : Allergia ed im1nunita nei. loro raplJOt'ti cau3ali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .MABG•).rTINI M. : Oon tributo alla patcgenesi e alla cura dei diverticoli esof a.gei . . . . . . . . " . . JtiIARJOTTI E. : L'a.utolrl..quorterapia iu medicina e ohirur,gia e l'autoliquora,rsenoben2oloi-0doteraipia NAZAIU A.: La reoidiva primaverile dell' infezione malarica contratta nella sta.gione estivo-autunnal e . . . . . . . . . . . . . . . . . . · . · Ross1 O.: J/ importR-nza delta costituzione nelle sindromi n~sociate dell 'a1ldome destro . . . . . . . . Scorr1 G. A. : Di un segn·o obbiettivo del'l'a..p'Pendicite cronica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Roc.1BRI S.: Oostituzione, vagotonismo e sint.onia patol<>.gioa dell'a..ddome destro . . . . . . . . . . TnEe1cc10N1 E.: Il trattamento delle emottisi coD iniezione end o-tracheali di farmaci coagula.n ti . VtLL\ L. : l 11fluPnza del nuclev pirrolico nPlla formazione d ella emoglo·bina . . . . . . . . . . . 1

256

606

1570 1540 1161 1947

326 l 645

957 1357 210

1816 721 1854

801 1465

921 677 886 407

83'7 137

OSSER.V AZIONI OLINICHE. ANDREUCCI M. : Sopra un oaso di rottura di un nneurisma dell'arteria basilare . . . . . . . . .:\ Q1JIL.,N1. t G.: Sul trattam ~nt0 delle fr·a.ttu ro del collo chirurgico deJl'omero . . . . . . . . . . . . AscARELLI A.: Intorno ad un r.aso di eotn~ia aneurismatioa dell'arteria polmonare . . . . . . . . . BABINI G.: Rara lesione traumatica dell'uretra femminile e degli organi erettili della vulva . . BAGGIO G. : Un eserepio di chirurgia con servativa ecl i benefici effetti della sonda uretrale a permanenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . E AN l l J.: Oaloolo vescical e da oor po estraneo di provenienza insolita, eiJmula.nte un papillo:ma . 'RANI U.: Occlusione intestinale aouta da colecistite calcolosa (ooclusione del grosso intestino) BENINI P.: Su di un caso di anomalia di fissazione dell'ansa ileo-oolica . . . . . . . . . . . . . . . . . BEN SO F. : Su di un oaso di cisti ovarica gigante

1394 1088 679 178

165 1290 1317 1619 15

BR1z10 G. V. : Rottura. traumatica sottocutanea retroperito neale del duodeno . . . . . . . . . . . BRUGI A. : Su di un caso di mielosi eritemica acuta OANTONI O.: L'intradermoreazione nell'echinococcosi OAPALDO L. : Un caso di enoefalite morbillo~a con postumi parkinsoniani . . . . . . . . . . . . . . . OAPUA A. · 'Su di un caso di oisticercosi dei muscoli CAPUA A.: Su di un caso di osso soprannumerario del tendine del quadrioipite . . . . . . . . . . . . OIMINATA A. : Rottura sottocutauea traumatica della po1·zione ß-Ottomesohica. del ruuodeno. I·nterven to. Guarigione . . . . . . . . . . . . . . . . . . CoNFALONIERI D.: Transitoria sindrome striata in donna oon doppio vizio mitralico . . . . . . . . . CONTE G. : lleo oomplicante un tifo ambulatorio, diagnostioato ileo verminoso . . . . . . . CoPEl'TI L. : Due casi di fitobenzoar . . . . • OoRTELLA E. : Oiste dermoide del mesentere COSTANZI C. : Settioemia colibacillare a forma tif oide, con roseola addominale . . . . . . . . DE BERNARDI L. : Tumore del rene precocemente diagn os ticato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . DE 8 1MONE G. · Oontributo cl inico al la conoscen za delle cisti del pancreas . . . . . . . . . . . EMILIANi P. : Appenclicite acuta con peri tonite in :individuo oon situs vis cerum invereus . . . . . FABERI M.: ~ull!.L terapia dell a malattia scafoidea di Köhler . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FASELLA F.: Oontrib 11to a lla '~onoscenza delln stri. . . . . . . . .. dore congenito . . . . . . FIORINI E. : Oolitihe vesoicali periodiche da ripetuti incarceramenti di pi·ccolo ciatocele inguinale sopra9u bico . . . . . . . . . . . . . . . . . . GH!RON V.: Sopra un caso di ern ia otturatoria stror.zata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . GIACOBBE 0. · Oisti connettivali del cordone sperma tico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . GIORGETTI E.: Esiste una fehbre apipendiooJare? GIUNTI G. : Sulla. tiroiddte SUJJ)purativa. . . GRI SERI V. : Ohelotomia ed enteroana:-:toraosi . . GUERRICCBIO A. : :EJpidimiite ~o1ibacilla,re . . . . J AC~RELLI E. : A proposito dell'efficacia ourativa del S:iero antidifterico. Aesooia~jone morbosa: ;polmonite crup~le, difterite f~ringea con narcoleesia MAL1ESE LE-RoY 0. : Uro-pio-nefrosi da pregressa sezione dell'uretere. Nefrectomia. Guarigione. Considerazioni sulle ferite dell'uretere . . . . . . . . MARGOl'TlN I M. : Quattro casi di lussazione congenita della rotula . . . . . . . . . . . . . . . . . . MING AZZI ~l E.: Oontribt1to olinico allo studio delle affez:oni del collo vesoioale . . . . . . . . . . . . 'MORETT.1 A.: Con tributo alla conoscenza delle ooliti da << Balan tidium col i " . . . . . . . . . . . . . MuzzARELLI G. : Su di un caso di frattura della base del cran io . . . . . . . . . . . . . . . MuzzARELLI G.: Su di un caso di lipoma del canale inguinale simulante un'ernia indiretta . . . . . . PALTRINIElU G.: Su due oasi di tubercolosi primitiva della g h !andola mammaria . . . . . . . . . . . . PANAGIA A. : Sopra due casi di vasi rena,li ~.n'Jmali PICARD1 G.: Eruzione bollosa simmetrica ai talloni consecutiva a raohianestesia . . . . . . . "'. . . . . PICARDI G.: E·chi·n ocoocosi. idelle vie biliari extraepatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . · · · · · · · PIERI G. : Appen'dicite acuta da tricooefalo . . . . P UPINI G.: Oonsideraztoui &u 1dii un caso di etenc<Si del tenue ipce! raumat i ca . . . . . . . . . . . . . QuATTROCCBI A. : Istereotomia precesarea sub totale addominale in travaglio di parto a termine ~er

..

261 807 1814 94 1240 1652

1326 1987 727 1005 217 644

1286 375

1130 612 961

1544 844 369 18!55 1468 1576 487

762

1428 1042 168

922 49 768

525 1693 410 1361 458 847


-V,

Pag.

Pag.

pntrefazione del liquillo amniotioo e gia avviata putrefazione del f eto . . . . . . . . . . . . . . . . 330 R&l\JANIN V. : Considerazioni su di un caso di u genu impressum » . . . • • . • . • • • . . . . . . . . . 1502 SANTORO 1\.. : Radiumterapia in un oaso di sarco ma delle ghiandole inguinali di destra, oon metastasi o~see e p ol monari . . . . . . . . . . . . . . . . . 291 SCANDURRA . : Prove oliniohe sull 'influenza del rene malato su quello sano . . . . . . . . . . . . . . . 1432 CAVO E. : Su u n ca.so di gangrena dell 'arto inferiore da contmsi{)fle dell'arteria poplitea . . . 1725 'ERAFIN I G.: Di un caso di empiema circoscritto a doppia saoca simulante la cisti di echinococco 1364 STIPA F. : La sten osi del duodeno . . . . . . . . . . 1322 'IlBER:o L. : Stenosi laringea da varicella . . . . 1397 'l'11tELLI 8.: Lussazione traumatica bilaterale delle spalle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1049 RESOCONTI STATISTICO-CLINICI. .MONDOLFO E. e MolETrl A. : Ililievi clinici e terapeutioi su 45 casi di tetano . . . . . . . . . . . .

565

DALL.A. PRATICA CORRENTE. BALLATI G.: Un caso gravissimo di acidosi post-operatoria guarit..> con l'insulinoterapia . . . . . . . BERNARDINI .A.: Peeud<>-eclampeia da ascaridiasi nei primi giorni di puerperio . . . . . . . . . . . . . BtANCBEDI M.: Su di un c~o di &indrom e e ntero renale . . . . . . . . . . . „ • • • • • • • • • • • • CARUCCI V. : La diagnos i iridea o iridosconia applicata a due casi clinioi . . . . . . . . . . . . . . OAUCCI A.: Stenosi duodenale etl u lcera perforante clel colon in rapporto oon un'ulcera peptica del d igiuno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . MA7.ZEJ T. : Tubercoloma mammario d 'origine costal e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . l! ucc1 A.: Avitaminosi tipicbe e fru s te di fronte alla pratica quotidiana . . . . . . . . . .. . PENfiO G. : L a c ura della teniasi . . . . . . . . • ATULLO R.: Intorno ad nn caso di emboli sm o della su cclavia s inistra . . . . . . . . . . . . . . . . . . SCOLLO G.: Bull a estrazione di aghi, restati inclus i in a lcune parti del corpo . . . . . . . . . . . . SERAFIN I G. : L 'appendicite nella prima infanzia . So.LI'IO M.: Nevralgia essenziale del trigemino e n ovaraenobenzolo • • • • • • • • • • • • • • „ . . . TORCBIANA F.: Con eiderazioni sopra un caso di rettocele strozzato in gravidanza . . . . . . . . . . VANELLI A.: SindrOIJlle meninrgea nel deco·r so inizi~le di una -polmonite lobare dell ' apioe deetro ~o\PP !. RECCHI

El:>IDEMTOI..C)G f A

865 1667 2007 1967

456 28

BARD L . : A proposito del certificato prenunziale FRAN CHETrt A. : L'endemia gozzo-oretinica . . . . . FRANCHETTI A. : La lotta contro .1le m osche . . . . MAC CARI F. : La cura della sifilftie nelle prostitute. Opportunita della istituzion e di una cartella clinioa obbligatoria . . . . . . . . . . . . . . . . . PECORI G.: La disinfezione degli ambienti nelle malattie infettive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . VEBNEY L. : I oirli secolari della malaria e l'anofelismo senza rnalaria . . . . . . . . . . . . . .

94~

ma ~i che

1223 1024

161

TECNJCA. BAGGJO G.: La Mc. Burney trasformata 10 incisione a lembi • • • • • • • • • • • • „ „ 445 DELr~A VALLE L. : Liquido m odificatore delle fistole tu bercolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 649 Earo1 G.: Ago da puntura esplorativa perforatore del Cranl· o . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 925 FRIGIMELICA G. : Un nuovc me todo lli arricchimen to per la ricerca del bacillo di Koch . . . . . . . . 1776 Gons1 L.: Di una nuova l)inza pe.r l'estrazione, sotto il controllo radioscopico, dei corpi estranei imperm €a.bili ai raiggi Roentgen . . . . . . . . . . 1249 LP.T1 F .: Rea-:.tfvo per la ricerca a freddo del glucosio. Metodo facile per ottenerlo . . . . . . . . 731

18 1649

55 1691

1904

18r

1435

35 748 94t>

1950 504 685

MEDICINA INFORTUNISTICA. pneumotorace da sforzo . . . . . . . . . . . . LEONELLI U. : Le trombofl ebit.i da sforzo o trau-

624

1472 229

MEDICIN A. SOCIALE.

DE: NIGRJS MARBLLA F. : Considerazioni sul cosidetto

662

1731

IGl'l!:NE.

1104 1303

E STRUMENTI NUOVI .

.

L ETl F. : lleattivo per la riceroa microchimica del1'aceton e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . MAC/rESE LE RoY C. : Sul m odo d~ atasa1·e i .cateteri ureterali sen za modificare la con centrazione dell'urina ............... . ...... · MANCIOL J M. : La terapia inalatoria . . . . . . . . . MARTA F.: OolOO'lazione deg1i etrisci m i.icroscopi ci con la matita copiativa . . . . . . . . . . . . . . . . NASSI E. : Sulla tecnica di concentrazione dei ba<;illi di Koch negli espettorati dei tubercolosi .. PERGOLA M. : Allestimento e tit olazione delle soluzioni di tellur ito potassico occorrenti per il u Siero-uovo-tellurito 11 • • • • • • • • • • • • • • • • • R0Nz1N1 M. : Il valore cl in ico dell a reazione u Ci1.ochol " per l a sifil id o . . . . . . . . . . . . . . CA'tO E.: Su una doccia metallica ehe facilita la r hiusura dell' apon enrosi n ella cura dell'ernia ing-uin ale alla Bassini . . . . . . . . . . . . . . . TADDEI D. : Di un procedimento semplice per stasare i. oateteri introdotti negli u r eteri senza m odifi, öare la concentrazione dell 'urina . . . . . . . . . Z1NGALE M. : Colorazione della « SpiTochaeta pal1ida 11 al violetto dJi ge'Jl~na diluito e alcalinizzato .... ... . .. . . . .. ..

. . .

.

....

482 965

RIVIS'l'E SINTE'l'ICHE. QlJESTIONI D ' AT'l1UALITA'. ALESSANDRINI P. : In tema di stitiohezza . . . . 243, 437 AsC'>LI A.: 11 metodo sperimentale nelle vaccinazione a nti tu bercolare . . . . . . . . . . . . . . . 686 C'ARBONJ .A.: L'aut<rliquor-terai,pia in medicina e oh ·irurgia (1910-1?31 ) . . . . . . . . . . . . . . . . . 9~ ÜARDuCCI A.: Sulla n atnra della « febbre eruttiva » 1615 DRAGOTTI G. : I l'ifle~si d i difesa . . . . . . . . . . . 650 FAßERI M. : L o Rtato attuale della Yat•cinazione andifterica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1244 59 1NTR07.ZJ P. : La fisiologia dell'atleta . . . . . . . . . PEC.:ORI G.: Febbre esantematioa, febbre botton osa o tifi benigmi a berran ti ? . . . . . . . . . . . . . 1353 PORTA V. : Sulle siT'.dron1i miodistrofiche. Moderne 85 conoezioni patogenetiche s ulle miodistrofie . . . . SCATURRO A. : La leishmaniosi interna. (Kala-Azar) 331 ToSCANO 0.: L ' iusulinoterapia nella pratica . . . . 1981 RU13RICA DELL'UFFICIALE SANITARIO. FRANCBETTT A. : 11 regol amento -per l ' igiene del la-

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

74

FRANCHETTl A . : L 'assicurazione obbl igatoria oontro le m alattie professionali . . . . . . . . . . . . . .

156

voro


-VI Pag.

P ag. FnANCBETI'I A. : 11 regolan1ento sull'im·piego dei 235 g as t os:;ici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . · · · 275 FRANCHETTI A.: L 'a nohilostomiasi . . . . . . . . . . FRANCRETTI A.: TI n u ovo regol am ento sull a produzione erl il commercio delle acque gassose . . . . 352 FRANCBETI'l A. : 11 tracoma . . . . . . . . . . . . . . 545 F R~NCKErrI A : L e nuove norme sulla fabbricazion e e la vondita del cacao e del oioccolato . . . . . 1307 FRANCBBTfl A.: L a vigila nza sanitaria scolastica . 1381 FRANCHETTI A. : L e nuove n orm e per il commercio delle f a rine. e del pan e . . . . . . . . . . . . . . 1559 DISOUSSIONI E COMMENTT. RIVENDICAZI ONI. AN!ONUCCI C. : Per una pxi orita. Epatico-coledrscopia infraoperatoria . . . . . . . . . . . . . . . . BERTARELLI E. : L a terapia ovarioa nell'emofilia e una riven dioazion e italia n a . . . . . . . . . . . . BUFANO M.: Breve replica a l dott. Sot'ge sulla q uest.ione dell'azio ne dell' in sulin a sulle soglie renali COTRONEI G . : In. meri to alle scoper te s ulla tras m ission e della malaria . . . . . . . . . . . . . . CovA E. : A proposito di diastole uterina . . . . . . FALCION I D.: A proposito di febb r e esantem atica benigna estiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . GALLETTI D.: Ancora su « L a r icerca del parassita mala r ico ool metodo dell'ar r icch im en to ,, . . . L UCANGF.LI prof . GIAN L UCA: P er una qu estion e di nomenolatu ra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .MoNTI1LEONE R. : Ricerch e sulla secrezione esterna del pancreas nel d iabete . . . . . . . . . . . . . 'REITANO u. e BONCINELLI u. : Sulla oosidetta febbre esantematica me•literran ea . . . . . . . . . S1LVESTR1 T.: An-0ora a p r oposito dell a « PossiJbilita di suscitare sin drom i di a.n afilassi attiva locale 11 • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • SORGE G. : Chiusura dell'incontro pol emico col prof. Bufano sull'azione dell ' in sulina s11ll e soglie r eJiali • • • • „ • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

138 1989 26 1744 1206 1547 26 225 294 1623

70

26

STORIA DELL A 1\1EDIOIN A. F1L1Pl'INI A. : I l cinquanten ario della scoperta del baoillo t u berool are . . . . . . . . . . . . . . . . . 581 FILIPPINI A. : I l cin qua ntenario della scoperta del . . . . . . . . . . . . . . . 1782 pneumotorace BIOGRAFIE. lLVENTO A. : Lui gi Pagl iani ~[EliEA E. : Pietro Boveri . M1ss1ROLI A. : •R onal d Ross MONTESANO V.: Alfre<io Fonrn ier SOLARO G.: II sen. prof. Baldo Rossi VERNONl G. : Guido T izzoni VrrALI F .: Augusto Murri

979 1846 1682 1018 755 1806 1876

ACCADEMIE, SOCIET.A., CONGRESSI. Acoademia (R .) dei Fisiocriti ci di Siena . . . 501, Aooademia delle Scienze Mediche e Naturali di Ferra~a . . . . . . . . . . . . . . 584, 784, 1299, Arcademia (R. ) delle Scienze Medico-Ohiru rgiohe 1li Na:poli . . . . . . . 782, 1061, 1217, 1299, Acca.demia \R.) di 1ifcdicina. di Torino . . . 422, 1018, 1143, 1218, Ac ~a. dewia di Scienze Medicbe di Palermo . . . .A.ccademia !Jancisiana d i Roma . . 782, 905, 1101, .\ <'Caclemia (R .) Medica di Genova . . . 308, 423, Ao\•adent ia tR .) Meu ica di Roma . . . . 26, 70, 740, 780, 981~

539 1448 1482 537, 1445 863 1298 1343 386. 1142

Medica P ist oiese 11 F il ippo Pacini » • • 150, 194, 227, 345, 623, 905, 1410, 1714 425 Aocademia Medjco-Chirurgica del Piceno . . . . . 424, 537, 741, Accademia ]\lf edico-Fisica F iorent ina . . 822, 1102, 1220, 1592 A.ccademia Pugliese di Scienze . . . . . . . 982, 1019, 1221, 1410, 1447 Ars Medica. S. P aolo d el Brasile . . . . . . . . . 1023 Associazione Medica T riest ina, Circolo di Cult ura del Sindacato Fasoist a Medici . . 343, 538, 1222, 1373 Associazione Med ico-Ch irurgica di Alessand ria . . 387, 1020, 1063 Cent ro per lo studio del Can cro in To rino . . . . 704 Con ferenza (11) dell'Associazione Int ernazion a le di Pediatria preventi va . . . . . . . . . . . . . . . 1797 Oonferenza (VIlI) dell'Un ion e Int ernazion a le contro la Tubercolosi . . . . . . . . . . . . . . . . 1591 Con g resso (XXXIX) della Sooieta I taliana di Chirur gia . . . . . . . . . . . . . . 1750, 1791, 1830, 1873 Oon gresso (XXXVIII) della Societa Italiana di Medici na I n terna, .. 17D9. 1745, 1784, 1827, 1867, 1913, 1960 Congresso (I I I ) d ella Societa Ital ian a di Oto-Neuro-Oftalmologia . . . . . . . . . . . . . . . . . 2000 Congresso (X ) della Societa Italiana di Urologia . 188 Congresso (1) della Societa Medico-Chirurgica degli Abruzzi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1663 Con gresso (I ) della Societ a Radio-Neuro-Ohiru rgica 2000 • Con gresso (X) di Medicin a del L avoro . . . . . . . 862 Oon gresso (I ) Intern azional e d' Igiene mediterranen. 18 ~ 4 Congresso (XIV) I nternazionale tli Fisiologia 1752 Congresso (I I I ) Nazionale di Nipiologia . . . . . . 1963 Congresso (1) Neurologico Internazionale . . . . . 109 Congresso Sanitario degl i Spedali Oivili di Gen ova . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 583, 1262 F ederazione Nazion ale Fascista per la Lotta con tro ~a Tubel'coloei (Sez.ione di R-0ma) . . . . 308, 942 1021, 1341 Federazion e Italiana N azion ale Fascista per la L otta con tro la Tubercol osi (S ezione Emil ia e Romagna) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1376 Federazione Ita.liana Nazionale Fascista per la L otta contro l a Tubercolosi (Sezione Ven eta) . . 1263 Federazion e I taliana Nazionale Fascista per la L otta <'Ontro la Tubercolosi (Sezione Regional e Siciliana) . . . . . . . . . . . . . . . . 541, 782, 1218 R iunioni Medich e fra i San itari dell'Ospedale di S. Spirito in Sassia (Roma) . . . . . . . . . . . . 1144 Societa di Cult ura Medica della Spezia e Lunigiana . . . . . . . . . . . . . . . . . 71, 150, 389, 658 SociPta. <li Coltura Medica N ovarese . . . 71, 344, 386, 425, 622, 1061, 1144, 1266, 1520, 1753 Societa di Scienze Medich e di Conegliano e Vittori') . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 426 Societa I talian a Fascista per gli Studi Scien t ifici sulla Tub ercolosi (Sezion e di Napoli) . . . . . . 983 Societa Ital ian a Fascista per gli Studi Scientifici sulla Tubercolosi (Sezione di Roma) . . . . . . 659 Societa Medico-Chirurgica Bellunese . . 310, 388, 502, 658, 823, 1020, 1265, 1556, 1666 Societa Medico-Chirurgica B ergam ascn. . . 346, 982, 1966 Sooieta Medico-Chi rurgica B rescia n a . . . . . 149, 194, 502, 823, 1301, 1521 Societa Medico-Ch irurgioa Cal abrese . . . 346, 1019 Societa Medico-Chirurgioa degli Abr u zzi . . . . . 309 ocieta Med ico-Chir urgica della Rom agna . . . 703, 742, 1103 Sooieta Medico-Ohirurgica di B ologn a . . . . . . . 1665 8ocieta "hfed ico·Chirurgioa di Moden a . . . . 540, 1265 Societa Medico-Chirurgioa di Padova . . 307, 342, 500, 741, 821, 981, 1220 Ac\~ademia


-

VII -

Pag. Societa Medico-Chirurgica di Pavia . . . 307, 423 , 657, 1446, 1482, Societa Medico-Ch irurgi ca Trevisana . . . . . . . . Societa l'iiedico-Ohirurg ica Veronese . . . . . 345, 743, 864, Societa Medico-Scientifica del Centro Sanatoriale di Arco . . . . . . . . . . . . . 743, 1064, Sooieta Napo letana di Chirurgia . . . 1375, 1408, Societa Piemontese di Ohirurgia . . . 148, 309, 661, 704, 1063, Societa a ssa rese <li Soienze Medicbe e Naturali . 1555, Spedali Ritinit i di Genova . . . . . . . . . . 982, „

500, 1519 150 622, 1062 1412 1449 503, 1220 585, 1593 1023

SUN TI E RA '8EGNE; APPUNTI PER IL MEDICO PRATIC'O: SERVIZI IGIENIC O-~ANIT-4\.RI; POLITICA RANITARIA E GI URISPRUDENZA; CRONACA DEL MOVlM:ENTO PROFESSIONALE: vedi Indice d elle Materie. CONCOR I; NOl\-1INE ; PROMOZIONI E ONORIFICENZE · CORRISPONDENZE ; NOTIZIE DIVER E; vedi alla ftne dei s ingo li fasoicoli . CENN I ~OTIZI E

BIBLIOGRAFIOI.

BIBLl OGRA.FI OHE (*).

t\DLER A. : Die Technik der Individual P s.rch ologie ALBERT-WEIL J. : Les poiso ns du. bacille tub er culeux et les r6actions cellulaires et humorales dans la. tuberculose . . . . . . . . . . . . . . ALCALA AN1AELLA H.: Metodos de ense:iianza y fuentee de conocimie nto de 1a a n atom.i a . . . . ALE!'>SANDRl R . : L 'Ospedale di Sansepolcro . . . . .tlLCSSANDRJNl A., PAMPANA E. e SABATUCCl M.: Ql i esa.mi di laboratorio. Tecqica e diagnostica . . .<\LfoSANDRINI _!\., e I'ACELLI M.: Un pericolo eo~iale : „ la. brucel lo "'i " . . . . . . . . . . . . . . . . . . AMBARD L . : Physiologie normale et pathologique des rei ne . . . . . . . . . . . „ • • • • • • • • • • ANTONINJ 1. : Booca san a, bocca bella. N o rme pratich e di igien e della bocca e dei denti . . . . . AnCA NGBLl U. : Scr itti medioi scelti . . . . . . . . . AncIERI 0. P .: Ita li a n-E n g lish m ed ical Diction ary ARCOLEO G. : Le malattie sessuali . . . . . . . . . }. RNE 1. A. ARNESEN : Akutt App endicit og Akutt Salpingit . . . . . . . . . . . . . . . . .. ... . ATJBR UN E. A. : Pelada experimenta l de Max J oseph .t\ USTREGRSJLO A. : El mal del l a vida . . . . . . . .t\ l.STREGES ILO A. : Con sejos praticos a los nerviosos A.USTREGESt LO A. : Ascen sion espiritual .. . . . . . BARBEnlCH J .: Lehrbuc h d er Mund- und Rachen• • • „ • • „ • • • • • „ • • • • • • • kran keiten BARGAGLI P ETRUCCI G.: L'Italia e la Scienza . . . BASTOS AUSART M. : Tratado de P atologi a Quirtirgica general . . . . . . . . . . . . . . . . . B~CA RT A. : La con stipation son traitement . . . B~ CA RT A. : La gastrophotographie . . . . . . . . . B ECl:Elt e APPENHEIMER : Normale und pathologisch e Funktionen d er Verda uungsorgane im Röntgenb ild . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . BEER L. : Oollected •p a;per a , 1904-1929 . . . 188, BELLUCCI 0 .: La medioina preventiva e la selezione prof eeeionale in rapp orto alle assicurazion i sociali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

108

904 1216 1482 226 1742 187 1690 860 500 1262 465 1262 780 780 1341 1408 1216 939 272 272

465 536

1517

( *} Per com o di ta degli studiosi riportiamo l 'elenco dei

libri recPnsiti.

Pag. BENASSI E. e RIZZATTI E . : La spondilosi rizome-

lica

. . . . . .

BENECH E. : Paras ites et cancer . . . . . . . . . . B ERARD et P . MALLET GUY: Exploration f on ctionnelle des voies biliaires et chirurgie . . . . . . B ERG : Röntgenuntersuohungen am Innenrelief des Verdauungs-Kanals ... .. .. ... . .. . . . BERG G . : Le vitamine . . . . . . . . . . . . . . . . BERTOLOTY R.: _Pauta pa.ra el diag.nostioo y traitam iento de la blenorragia . . . . . . . . . . . . . BE'rTOLS A. : Le plauro-corticaliti . . . . . . _ . _ . BIELING R. e MEYER F.: Heilsera und Impfstoffe in der Praxis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . BLUM L. e VAN CAULAERT: Le r öle du sel dans les n epbrites. l1 t ude olinique, physiopathologique et therapeutique . . . . . . . . . . . . _. . . . . . BRANDT W. : Gru1n dzüge einer Konstitution-Anatomie . . . . . . . . . . . . . . . . . . BRAUN L. : H erz und An~t .. BnuGSCH T . : Trattato di Med icina Interna ß RUNO D. : Manuale di o culistica .. . . . BUFALJNI M . : Fisiopatologia dell'operato . B URG! E.: Das Chlorophyll a ls Pharmakon . . . . B uscKE A., JOSEPH A. e U. BIRKENFELD : Leitfaden der K osmetik . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B ussoN e HENRY: Manual d'llretroscopie (uretroscopie posterieure) . . . . . . . . . . . . CANIAN I F . : Il liquido cefalo-rachidiano CAST1GLION 1 A. : Italian medioine . . . . CATTERINA A. : L 'operazione di Bassini . C HABANI ER H. et Loso-ONELL S. : Ex:ploration fon ct ionnelle des r eine . . . . . . . . . . . . . . . . CBABANIER H . et Loso-ONELL C. : Precis du diabet.e CHARRIER e LOUBA1' : Traitement ch irurgical d e la tuberculose pulmonaire . . . . . . . . . . . CHEVALLfER P „ BERNARD J .: La maladie de H odgkin CH:ASSRRIN J A. : Relazione clinico-statistica trienna~e ..... . . ... ... .. . . . . .. .. . C1AM POLINI A. : Il t r a uma nell'etiologia delle ma1atti'9. (Ra;p poxti clinici e m ed ico-legali ) . . 738, CLAUD)!} H . : Maladies du systeme nerveu x . . . . C L~ME NT G. : Il diritto a l1a nascita . . . . . . . . ÜLERC A .: Problemes actuelc; de rpathologie medicale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1441, Coa"'l M. : .A.t la s der Röntgen:iterioskopie . . . . . CoNDORELLI L . : r1•eonica microobimica . . . . . . . OoNDORELL l L. : Die Ernährung des Herzen s und die Folgen ihrer Störung . . . . . . . . . . . . OORE'ITI G. V. : Per la d ifesa della razza. ! giene e profilassi della bocca e dei denti . . . . . . . CosrANTINI G. e REDAELLI M.: Atlante clinico r a diologico della tubercolosi polmon a re . . . . . . CRAC:IUN E. C. : L a culture des t issu s en biologi e experimentelle . . . . . . . . . . . . . . . . . . CRESTANI G. : Trattato I tal ian o dj igiene. Climato-

l ogia

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

ÜRITZM ANN D . : !Ja goutte . . . . . . . . . . . . . CUN Y L. e Qu1vy D. : Donnees actuell es sur l'hormone testiculaire . . . . . . . . . . . . . . . . DA UTEBRANDE L. : P·hys iopa.it hol1o gie ·d e la tbyroirde DE CANDIA S. : Alimentazione e costituzione . . . DE GIAXA V . : f giene della citta . . . . . . . . . . DE PARREL G.: La r eed ucation de la voix p a rlee DESA u x A . e t BOUTELIP.R A. : Manuel pratique de dermatologie · . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . DESCHAMPS P. N.: La eure thermale carbo-gazeuse en theraipeutiql1e -0ardiovascula.iire . . . . . . . DEVINE H .: Recientes adquisiciones en ps iquiatria·

108 537 1959 272 1297 1262 904 1408

821 657 1663 978 385 1825 1297 1101 188 108 978 1959 820 1184 861 1373 69 1589 1339 1554 148 i. 342 421

'

1999 499 1662 •

226 656 306 1373 1184 147 147 1341 1262 181 108


-

VIII Pag.

Pag. DöDERLEIN G.: Die Konservative Behandlung entzündlicher Genitalerkramkungen der Fxau . . . 1554 DoMINICI L. : Compendio di semeiotica obirurgica 1707 DoNATO E. : H o mosexuali smo . . . . . . . . . . . . 108 421 DoNzDL01' E. : L'infarctu 3 du myocarde . . . . . . Dos SANTOS LAMAS e ÜALDAS : Arteriographie des membres et de l 'aorte abdominale . . . . . . . . 1215 DuaAND G. e BENE'f M. E.: La Tyiphlo-cholecystite 1589 904 EsSTEIN : 'rubekulos .al s ScbdcksaJ . . . . . . . . . EGIDI G. : Trattamento delle lesioni cranio cerebrali traumatiche (esoluse quelle da arma da f uoco) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1099 FRRRANNINI L .: La terapia clinica nella medicina 620 pratica . . . . . . . . . · . . · · · · · · · · · · FINIKOPF A.: La cura della tubercolosi chirurgica can olio iodato e sali di ,c alcio . . . . . . . . . 1099 147 FlORANl-GALLOTTA P. L. : I giene della casa . . . . . F1scnEL A.: Grundriss der Entwicklung des Men. . . . . . . . . . 657 sehen . . . . . . . . . . „ „ • • • • 703 GALLI W • e G.: Viv-ere... . GASPARINI O. : Jgiene della bocca e leg islazione odon toi atrica . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1017 GELLI G.: La guida medica ad uso delle donne 148 spos~ e madri . . . . . . . . . . . . . . . 621 GENTILE N.: Elementi di riflessoterapia . . G1L1s P.: Anatomie elementaire des centres ner,,. . . . 779 veuex et du ~Y1ID1>atique . . . . . . . . . GILLET P. : La sympathicotherapie . . . . . . . 1663 GrORDANO O. : La diagnosi e la terapia della tubercolosi polmonare . . . . . . . . . . . . . . . . . 1708 G1aoux P. et K1sTHINIOS N.: Le P.xtraits pancreati1183 ques desinsulines en therapeutique . . . . . GLENARD R. : Reactions vaso-motrices du f oie en 25 clinique . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . GOIFFON R.: Les colibacilloses ei1 pratique m eclical 739 GuMPERT M . : D er gesa.mte J(osme(i:ii: (EinstelJ·ungs bekämpfu,n.g) . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1016 ALBOl' G. : He,patites et cirrh-06ee . . . . . . . . . . 1960 HARET, DARlAUx, QuENU : Atlas de radiograpbie osseuse. II vQl. LesiO'Ils trawnatiques et n on trauma.ti q ues . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . -342 IlOFFM/\NN W.: Die Röntgendiaginoetik und Therapie in ·der Augenheilkunde . . . . . . ... . 740 HtGIErt S. : Fopctions sexuelles males et leurs troubles • • • • • • • • • • • „ • • • • • • • • • • 1373 JONESCO·S ISESTI N.: La syringobulbie , . . . . . . . 1341 KAATz M.: Deutsch En1rlisches Medizinisches Wörterbuch . . . . . . . . . . . . . . . . . 1555 KEt.L R. : Pedagogia sexu al . . . . . . . . . . . . . 780 KLEMPERER G. e F.: Neue deutsche Klinik . . . . . 1297 KLEMPERER G. : 50 Jahre Kongress für innere Medizin . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1444 KNOTE W.: Die Dickdarmschleimhaut, ihre normale und pathologische Funktion im Röntgenbilde . . . . . . . . . . „ • • • • • • • • • • • • • 861 KOEHLER: Limiti del normale ed inizi del patologico in roentegend iagnostica · . . . . . . . . . . . 1783 KöKLER A.: Röntgenologie: les li mites rle l'image normale et les debt1ts de l'image pathologique . 701 KONJETZUNY G. E .: Die entzündliche Grundlage der typische Geschwursbilclung im Magen uud Duodenltm . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2?2 KORc\NYI _I\ . V . : Enfermedadec; de l os riiiones . . . 1866 K RtBS C., RASK-NIELSEN rr. C. e WAGNER AAGE: The or1giu of lympbosa.rcomatosis . . . . . . . . . . 13'/3 KRERL L . · Entstehunl?, Erkennung und Behandlung i nne r e r Krankheiten . . . . . . . . . . . . . 978, 1826 Lc\BBt !JI „ LAu11t H . e NEPvr.u x F. : Techniques de la b o ratoire appl iquees aux maladies de la diges t ion et de la nntrition . . . . . . . . . . . . . . 1481

LAENNEC H . J.: La guevre des Venetes . . . . . LAFFONT A. : Gy11ecologie . . . . . . . . . . . LANGERON L. : Les troubles vasomoteurs des ex-

tremites

703 1100 1663

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

LAPP w., V. NEUFFER H.: Diatetik bei chirurgischen 861 Erkrankungen . . . . . . . . . . . . . . . . . . LA UWERS E. E.: Introduction a la Chirurgie ner1340 veuse . . . . . . . . . . . . . . 1866 L F.CERCLE : Elements de chirnrgie . 621 L RPiUNCE A.: La vertebrotherapie . LEREBOULLET J. : Les tumeurs du quatrieme veutricule . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1340 LEVI I.: Acaria~i da cereali . . 1826 LE\VIS I. T. e CROzIER T. H. : Aids to medioal treat-

men t

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . 1744

LtEVRE J . A.: L'osteoee parathyro!dienne et le.;, osteopathies chroniques . . . . . . . . . . . L1escaüTz A. : La autor.regnlaoi6n organica . . LoEPl1lR M. e BoRY L. : Le soupe en biologie et en tb erapeu tique . . . . . . . . . . . . . . . . l OEPER M. e LEMAIRE A. : Therapeutique m edicale. Vol. III. Foie, glandes endocrines et. nutrition . LOE\VY A. : U eber Klimatophysiologie . . . . . . . . LOREUC V. e LABOULAIS J . : Les poisons overtoniens LUMI~BE A. : Leben, Krankeit und Tod, als Kolloid. Ersoheinungen . . . . . . . . . . . . . . . . . JJn MIERE A.: Q.uelques tr~a.t1x ·c omJ>tlementairets relat.if a la propag·ation de la t11berculose . . . . MANA~SEI 0. : La Colonia permanente Ma resciallo Diaz nel 1931 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . MANCI V. : Nutrizione ed assicurazioni . . . . . . . MANZ F.: El pronostd.co de las ,p sic6Bis enclo.geno M ARANF.LLI L . : N eozolf oterapia . . . . . . . . . . . . MARFAN A. B.: Clin.i que des maladie de la rpremier 9 enfance . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1\iARKOVITS E.: Röntgendiagnostik der Erkrankungen innerer Organe, i.n t!11bellen und Skizzen . . MAROTTA R. : l'Yfanuale di tecnica medica moderna (La Ohirurgia de\ medico) . . . . . . . . . . . . . MARTA F . : Gonorrea. (Difesa sociale e personale) MEYER-BURGDORF H .: Untersuchungen über das Wirbelgleiten . . . . . . . . . . . MtDULLA 0. : Antropologia fisi ca .. M1a1zz1 P.: CJjn.J..Qa OhirUJr~ca .. MORAx V. ·: Precis d 'ophtalmologie . MONIZ E. : Di8®ßl06ti-0 cJ-es tumeu:rs cerebralci:; et epreuve de l 'en·c eph o lograph ie arte:riielle . . MouLONGUET: Appareil genital de la femme . . MüURlQl' AND G. e BERNBEIM M.: Hypertrophie <lu thymus et etats tbymo-limphatique . . . . . MüLLER F.: Phys iologische und Klini s che Chemie MuNSCB 0.: L eitfaden der P ath ologie und Therapie der Kampfgaserkrankungen . . . . . . . . . . . . NOORDEN (voN) C. e SALOMON H .: Handbuch der ErnäJbrurnigeslehre. II vol. Spezielle Diatetik der Krankheiten des verdeuungsaiJ)pa1·ates. I parte. Ma,g en. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . NooRDEN C.: Alte und neuzeitliche Ernährungsfr~ gen . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . NovoA SANTOS R .: Documenta pathologjca. Modern Qs eetmclioe sobre patologiia intern,a . . . . . . . ÜRTALI 0. : Chirurgia d'ospedale . . . . . . . .. ÜRTN ER N. : Körp~rschmerzen t1nd jhre Diff erentialdi agnostik . . . . . . . . . . . . . Ovro G. : La vision des couleurs . . . . 'PAPIN E.: Diagnostic de la t uberculose renale 'PERITz G.: Die Nervenkrankheiten des Kindesalterss PBILlBßRT A. : Precis de bacteriologie medicale .. DESCHAMPS P.-N. : Electrocardiograpbie clinique .. PrRERA A.: Nuovo t.rattato di medicina interna 498,

1590 65'1

703 1407 147 6'21 1912

2ooa 1555 499 621 702 58Z

342 159a 1262 536 657 69 385 621 1554 1826 1297 1141

27~

465 702 69'

978 385 188 1340 1444 1015 1999


-

IX -

Pag.

PLAUT P.: Der zenge und seien aussage in strafP rozess . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . PLEIKART STUMPF: Das Röntgenographische Bewegungsbild und seine Auwend1ing (Flächekymograprie und Kymoskopie) . . . . . . . PoNTANO T. : Le malattie da infezione . . . . . . . . POUMAILLOUX !II. : Ls pouls al!.ernant . . . . . . . . . PRIESBL R . e WAv:-\ER R. : Die Zuckerkrankheit und ihre Behandlung im Kindsalter RADAUD E.: Zoologie biol ogique .. RAVINA A. : L'annee t.herapeutique . . REBOUX P. : N ouveaux regimes . . R ESCBKE K. : Chirurgische Indikationen RREAUME P.: 'rechnique cltirurgioale Est emac et cluodenum RtEU x. J. : Paludisme et pseudo-paludisme . ROßERT F. ; Elements de sem iologie m edioale Ro~AZ OH. : L'acr odynie infantile . . . . . . RoGER H. : Les troubles du sommeil . . . . . Roc;.ER G. H. e BINET L.: Traite de physiologie normal e e pa.thologique. Alimentation et digestion :&OGER H.: Les troubles du sommeil . . . . Ror.tAGNA ?YrANOJA A. : I f a n ci ulli epilettici . . . . . . ROl\JANO .A.: Cura nat urale . . . . . . . . . . . . . . RousSET J . : Les dyskeratinisations epitheliomar teu ses . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .'ABOURAND R.: Diag11ostic et traitement des affections du cuir chevelu . . . . . . . . . . . . . . . • CHAEFFER H. e BtANCANI E.: Les agents pbysiques rlans l e tr,iitement des maladies nerveu ses . . . • ' CBIASSJ B. : La neo-arch itettura gastro-enterioa di scelta d<.lpo ampia resezione dello stomaco . . . . ~CH MI1.T W .: Kolloidreaktionen der Rnokenmarkfluetiigkeit . . . . . . . . . . . . • . . . . Sca'\10RL G. u. J üNGHAUNS: Die gesünde und Kranke wirbelsaüb~ im röntgen bild . . . . . . • EGRE R. : Le malattie del miocardio SERGENT E. : Lee bases f ondamentales de l'ausoultation .. .... . . . . . . . . . . . .. . . S~ZARY A. : Dermatologie . . . . . . . . . . . . SIEVERT R. M. : Eine 11UT MeseUJJlg VU'Il Roentgen, Radium und Ultrastrahlung . .. . SrGwALD J. : L'bypoglycemie ... . SPITZY H . : Terapia ortopedica per il medico gen erioo; deformita congenite . . . . . . . . . SUABEZ P EBEGRIN E.: Man·ua l te.cnico de anali.Bis clinicos . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 'fRORAEUS R. : A study of the J onization Method f or measuring the intensity and abeorption of Roen tgen Rays . . . . . . . . . . . . . . . . . . THOREK M. : Suirgi.cal errore anid sa.fegual.'lde . . . 'l.'üTORO R. : La personalita dell'uomo mediterraneo TROPEANO G.: I minorenni anormali . . . . . . . TZANCK A. : Immunite, intolerance, biophylaxie . VALAGUSSA F .: Oonsultazioni · di clinica dietetioa e terapia infantile . . . . . . . . . . . . . . . . VALVERDE B.: Archivos de viae uriil/ariae . . . . . VANN JER L. : La doctrine de l'homoepathie francaisa . . . . . . . . . . . . ' . . . . . . . . . . . VASSILMFF B. R. : La responsabilita penale del tuberc-.olotioo dal punto di vista medico-legale . . V~RAN P.: La cessation du pneumothorax artificiel •

'

1

780

536 1517 306

-

1408 1518 1142 1373 536 1866

422

25 582 779 1261 1340 498 703 421 1017 1340 465 779 1100 1372 499 1016 1783 1629 1866 1060

17 83 939 780 621 1060 1443 1590 1518 1865 499

Pag. VIALE G.: Compendio di fisiologia umana . . 656 VIGNERON H. : Mrunuel des calcus de laboratoire . 1060 VILLA L. : Ricambio idrico. Fisiopatologia e clinica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1629 VIOLLE H. : La f ievre on1d11lante . . . . . . . . 1408 VoLHARD F. und SUTER F.: Nieren und Ableitende HairllJWege . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1408 WESSELY K.: Stereoskopischer Atlas der Aeusseren Erkrankungen tdes Augoo . . . . . . . . . . 69, 385 Actas del Primier Congreso nacional de Patologia digestiva . . . . . . . . . . . Annalen der Tomarkdin-Foundation, II . . . . . . _\.nnee (L ' ) m edicale pratique . . . . . . . . . . . .Arquivos da Esoola medico chirurgica de Nova Goa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Atti dell' Istituto Nazionale delle Assicurazioni . . Atti del III Congresso nazionale di microbiologia Bollettino della Associazione Medica Triestina A.nnata XX-.XXI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Bulletin trimestriel tle J.'ongatnisatione d'Hygiene Congressi della Sooieta Italiana di Medicina Interna. XXXVII Congresso, Bari, ottobre 1931 • . Conferenze clri.'Diche di Scienze Med.iche te:ruute alla Scuola di Applicazione di Sanita Militare l·n Fi·1·enze • • • • • • • • „ • • • • • • • • • • • • Cont i·ibu ti del Laborato rio di Psicologia dell' Univ erßita Cattolica. del Saoro Cuore . . . Enseignement (L') medical en France . . . ' El'gbnisse der gesamten Medizin, Vol. XVI .. - Vol. XVII . . . . . . . . . . . Ergbnisse der gesamten Tuberkuloseforschung, Vol. IV . . . . . . . . . Facultad de Medioina de Madrid; L a boratorio Central 1de Analisis Ol.imicos etc. Tra.bajos 1931 . Handb11ch der biologischen Arbeitsmethoden . . . lstituto Italiano per lo Stu dio e la Cnra del oancro in Milano, Vol. III, 1931 . . . . . . . . Kraukheitsanfäuge (Die) bei cronischen Leiden . Lehrbuch der inneren Med.izin . . . . . . . . . . . Malattie da virus filtrabili e sconosciuti, Vol. VI. Parte IV del 'l'rattato Italiano d'Igiene . . . . Malattie infettive b atteriche . . . . . . . . . . . . Medical and Surgical Reports of the Episcopal Hospital, Vol. VI . . . . . . . . . . . . . . . . Medioina Interna: Manuale pratico per medici e studen t i . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Medizinisches Seminar, Vol. lV . . Mesures de protection contre les danger s r esult ants de l'emploi des rayons du radium, Roentgen et ultraviolets . . . . . . . . . . . . . . Methods and problems of medical education Neue deutsche Klinik . . . . . . . Onoranze (Le) a G. B. Morgagni Questions cliniques d'aotualite . . Thenaipe11tique medicale, Vol. IV : Porumon et tuberculose . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • T.r abajo.a idel H.ospital Nacional de En·f erma-des in. . . . . . fecciosas, Vol. II . . . . . . . . . . . . . . . . TrR.ite d' An.atomie humame .. . United Fruiit Oompany. Medical Depa.rtemen t. XX Report. 1931 . . . . . . . . „ . 1706. Wi·e ner Archiv innere f. Medizin ..

1913 1703 1142 2000 2000 148

1444 .1743

1444

1141 58J 1216 26 1708 1518 1060 1912 1100 1141 305 1912 702 1481 1957 702

1017 1216 1629

1216 1999 1743 1481 1060 1708 1913

r. •

.' , •

'

,

• • '.

.

, l


- X-

lndice alfabetico delle Materie Pag.

A

Pag.

Aborto : indicazioni per la provocazione Abrodil; vedi Pielografia. Aooresoimento e senescenza Aoet ilrolina in terapia . . - ; vedi anche Epilessia. Acetone: reattivo per la ricerca microchimica Acido urico nel sangue . . . . . . . . . Achilie; v. Anemia., Istamina. Aoido oianidrico : protezionc nei l avori di galva11oplastica . . . . . . . . . . . • • ' • „ • .. - fenico nella cnra del tetano . . . . - ossalioo : formazione; precipitazione renale , - tannioo; v. Tannino. - urico: eliminazione urinaria sotto l'influenza delle acque tli Montecatini ., . . . . . . . . . . . Acidosi nefritica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . - postoperatoria gravissima guarita con l 'in sulin oterapia . . . . . . . . . . . Aoloridria e a nemia: rapporti - nella pellagra . . . . . . . . - : studio clinico . . . . . . . Aone vulgaris: vaccinoterapia . Acqua ossigenata; v . Essudati e trasudati. - potabile : calcio . . . . . . . . . . . . . . . . . . ·Acque Albule: oonsiderazioni idro-geologiohe . .. - di Montecatini: azioni . . . . . . . . 227, 228, - uassose : nuovo reuolamento sulla produzione ed il commercio . . . . . . . . . . . . . . . . - minerali : azione aul contenuto vesoioolare . . - ; v . a R:i.bj·.)manti. Aorodinia : concezione attuale . . Aorcmegalia e oorteccia snrrenale Addiaon; v . Morbo di - . Addison is1no con atrofia surrenale e testicolare . Addome aouto . . . . . . . . . . . . . . . . . . - : argen to colloidale nell a chirurgia settica . - : contusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . - destro : sindromi associate . . . . . . 389, 677. - - : sintonia patologica; costituzione, vagoto-

. . . . .

1880 537 311 1731 882

353 772 699

227 529 865 460 1065 1007 655 1136 981 1714 352 1633 1054 822 1484 914 1831 1832 1876

407 - : differenziazione dei punt i dolorosi . . . . . 1755 - : difftooltata chiusura : nuovo espediente di utile impiegl> . . . . . . . . . . . . . . 1448 1413 - : ematoma epontaneo della parete - : ferite degli ipocondrü . . . . . . 1409 822 - : lesioni infiammatorie dei visceri • - : sindromi dolorose . . . . . . . . . 150 - : sofferenze . . . . . . . . . . . . . 414 - : tumbri inftammatori delle pareti 1521 -; v. a . Ascessi, Cisti dermoidi, Dispepsia, Sindromi addominali, Suppurazioni, Vene, ecc. Adenoidismo : lotta contro l' - in Italia . . . . . 2010 Adenoma della paratiroide; v. Osteite ftbroso-cietioa generalizzata. - prostatico; v . Prostata. Adrena lina a piccole dosi : azioni sulla pressione arteriosa e sul polso . . . . 423 • • - : ne{'rosi da .. . . . . . . 1157 - I•er iniezione int raoardiaca . 1298 Aerofagia: Ja leggenda dell' 1065 Agglutinazioni batteriche aspeoiftche . . . . . 155, 345 - ; v. a. San gue. Jiisn10

. . . . . . . . . . . . . . . . . .

Agbi inclusi nel corpo : estrazione . . . . . . . . -; v. a. Cuore. Ago da puntura e5plorativa perforatore del cra9Z5, n10 . . . . . . . . . . . . • . Agranulocitosi bismutica . . - : clinica e terapia . . - cronica. con scarsi sintomi - : trattam~nto . . . . . . . Alcali; v . Salioilici. . . . . . . . . Alcool e insulina - e vino : azione protettiva . . . - : intossicazione da - e narcosi .. - ; v. a. Cardialgie, Cirrosi epatiohe. Alcoolismo e ghiandole endocrine . . . . . . . . . Alcoolizzazione ; v. N ervi intercostali. Aldrioh ; v. Prove. Alim<:ntazipne del latta nt e: disturbi . . . . . . - - - ; v. a. Vomito. . . . . . . . . . . . . . - e tuberoolosi . . . - ; v. a . Alimenti, Anemia, Diabetioi, Dieta, Febbri alimentari, Regime, Tossicoei, Tossinfezione, Ulcere gastro-duodenali. Alimenti : azione dinamica speciftca . . . . . . . . Allattan1ento; v. Latt anti, Lattazione, Mammelle, Mastiti. Allergia ; v . Anafilassi, Artrite, Immunita, Reazioni, Tubercolosi. Alopeoia: cura pituitaria . . . . . . Ambergris . . . . . . . . . . . . . . Am bliopia. tossica alooolioo-nicotinica Ambulatorio per diabetici e asmatioi Amebiasi : l' . . . . . . . . . . . . • - e sindrome emorroidaria : rapporti - in Piemonte . . . . . . . -- : metodo per la diagnosi - : sign1ficato olinico . . . - : trattamento . . . . . . . . . . . . . . . . 469, - ; v . a. Endamoeba, Emetina. Amenorrea t emporanea da raggi X nella tubercolosi polmonare . . . . . . . . . . . . . . . . . . - ; v. a . Nervo presacrale. Amigdaliti; v. 'r onsilliti. Amiloide: concetto e problema dell' Amiotrofie sifilitiche . . . . . . . . . . Ammoniogenesi; v . Diabete insipido. Ammoniuria; v. N ef ropatie. Amniotina: uso nella menopausa . . . . . Anacoresi: nuovo f enomeno immunitario • • Anafilassi e stato antianafilattico . . . - : patogenesi dello choo . . . . . . . . . „ . - ; v. a. Allergia, Nefrite, Sieroterapia, Sindrom i anafilattiche. Analgesia generale congenita . . . Analgesico ; v. Anestetico. Anatomia : congresso . . . . . . . . . . . . Anatossina; v. Difterite. Anohilosi temporo-mandibolare . . . . . . Anohilostomiasi: trattam. con cloroformio - . : l' -

..

....... .. '

.

Anout come anestetico cutaneo Anemia alimentare - da Leishmania - e acloridria - ed achilia

'

--

1223

981 390 1954 1377 1378 386 1716 312 1549

380 746

863

1188 1560 116 432 1784 1827 1445 1881 1106 1106

541

1098 696

1344 1547 1558 500

1454 1804 1064 1106 275 1284 1798 1262 460 1798


-XI -

Pag.

933 - emolitioa della gravidanza . . . . . . . . 1665 - - pernioiosiforme : trasfusioni eianguigne 781 - gra.ve ipooromioa . . . . . . . . . . . . . 1010, 1828 -· ipoe;romica essenziale . . : . . . . . . . . 1954 - pernioiosa : a.zione della terapia epatioa 1756 - - : ematinemia oome sintoma . . . . . • 1051 - - : lesioni nervose nell' - e loro cura . . 7115 . . . - - - : mielit.e funicolare 1863 . . . . . . . . . - - : ovoterapia 1673 - - : prova del galattosio per la diagnosi . - - : rioambio emoglobinioo in corso di trattamento organoterapico . . . . . . . . . . . . . . 1094 - - ; v. a . Anemia ipocromica. Anemie a tipo ipocromico . . . . . . . . . . . . . . 1446 • - infa.ntili : trattam. . . . . . . . . · 233, 390, 1798, 1799 - : valore della. oura ool f egato . . . . . . . . . . 390 - ; v. a. lstamina, Leuoemia, Leucoeritrolisi. Anestesia locale novooainioa: alterazioni determi495 nate da.11' . . . 1140 - - sotto pressione - peridurale . . . . . . . . . . . . . . . . . 149, 503 Anestesie generali dif ettose : non dovrebbero piu . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 495 - ; v. a. Narcosi. Anestetico cutaueo nuovo: potere analgesico .. . 1284 Aneurismi. v. Aorta, Arterie, Pressione arteriosa. 390 Angina agranulocitica . . . . 1377 - a monooiti . . . . . . . . 586 - da str•}ptoooooo del cavall o 743 - peotoris, die.bete e terapia iusulinica .. - ·_ : tra.ttamento oon estratti muscolari iniettar• • 1102 ... . . .... . . . . . . . . . .. b1·11· 617 - pectoris: tra.ttam. ohirnrg. . ... . . 1377 Angine idiova.tiche : rioerche ematologiche Angiomatosi dei centri nervosi; v. Oentri nervosi. .• Anidr~de oa.rbonica; v. Gas carboniro. 1357 Ano contro nat ura: trattam. ohir. . . . . . . - ; v. a. Dolore, Em orragie, Prurito, Ragadi, Riflessi. Anofelismo ~en z a ma,laria . . . . . . . . . . . . . 622 - ; v . a. Malaria. Anore~sie dei poppanti : trattam. . . . . . . . . . 470 Antielmintioi; v. Elminti. Antiluetioi; v. Sifilide. 1220 Antrace: rura mediante iniezioni di ossigeno 1483 Aorta : a t.eroma, flogosi. aneurisma . . . . . . - ; v. a. Preaaione venosa . Aortite Juetica: occlusione dell'arteria mesente822 rica euoer. . . . . . . . . . . . . . . . · · · 491 Aortite (me'3 -) ll1etioa: decC\rao e prognoai 586 Aortiti e peri - a r . W. negativa . . . . . Apici polmonari; v. Polmoni. 1341 Apioolisi sen•plice e oon piombaggio 63 Apoplasqia cerebra le negli ipertonioi 1592 - ed ipertensione essenziale . 1510 - : genesi e trattamento . . . . . . . Apoplessie; v . a. Emorragie. Apparato urinario; v. Oolibaoilloai. .A ppen dice; v. Diverticoli. . . . . . . . . . . 267 - : tnvag1naz1one . . . . . . . . 1583 - : motilita nell'appendicite .. Appendioite acuta con peritonite in i1tdividuo con 1130 << situs viscerum inver sus » 458 - - da t ricocefalo . . . . . 1066 - - e atrozzamento dell'ileo 982 - - : interventi precoci 506 . . - : colecistit: da 886 - cronica: segno obbiettivo 1800 - : diagno!=li radiologica . . .

.

.

.

1

Pag. - erniaria . . . . . . . , . . . . . . - e tiflitl' - nella p1·inla tnfanzia - perforata e gangrenosa : sieroterapia - : p seudoga!itropatie da .... .. . • - : sintoil.latologia . . . . . . . . . . . . . . 1023, Appendioiti aoute: reazione peritoneale . . • . . - ; v. a. Fehbre a.ppendicolare, Inoisione di Mc Burney, Pol.rnonite. Appetito e fame . - e insulina . . . - ; v. a. Anore~ sie. Araonoidite spinale operata . . . . . . . . . . . . Arohitettura; v. Jgjene . Argento oolloida.le nella chirurgia settioa addominale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Argyll e Robertson; v. Pupille di - . Arsenobenzoli in dosi fortissime ravvicinate . . . - ; v. a. Dolori articolari, Liquor-terapia, N eosal. varsan, Nevralgie del trigemino. „Arteria basila1·e; v. Aneurisma. - oarotide primitiva; v. Aneuri~ma. - iliaoa comune; v. Aneurisma. - mesenterica; v. Aortite. - polmonare : eotasia aneurismatica . . - - : embolia: operaz. di Trendelenburg - - : stenosi . . . . . . . . . . . . . - poplitea; v . Gangrena. - su oolavia. s. : ern bolismo . . . . . . . . . . . . . Arterie: :ilterazioni consecutive a simpaticectomia ohimica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . - grandi degli arti : legatura ; possibilita di m igliorare il ciroolo oollater. . . . . . . . - i·etiniohe: innervazione . . . . . . . . . . . . . ArteriosclerQsi polmonare : patogenesi . . . . . . . Arteriotomia nel trattam. delle obliterazioni arteriose localizzate . . .............. Arterite; v. Endo -. Arti : disturbi trofici; resezione di segmenti delJe oatene laterali del simpa.tioo . . - fratturati : trazione ool f ilo - : iperplasia ossea unilat erale - : iJ>erostosi eimmetrioa . . . - : paraljsi : cinematizzazioni . - ; v. a. Acrodinia, Arterie, Tromboangioite obliterante. Artioolazioni: diagnostioa e terapeutica dei versamenti . . . . . . - : ost.eooondromatosi • • - tumori primitivi • • - ; v. a. Anohilosi, Dolori articolari, Ginocohio, Gomito, Morbo di Still-Ohauffard, Pseudoartrosi. Arto inferiore; v. Gangrena. - p a ralitico : trapianto tendineo . . . . . . . . . . ArLrite gonococoica: vaccinoterapia . . . . . . . - gottosa: genesi allergica; ricerohe sperimentali - ; v. a . Poli - . Artriti settiche della prima eta . . . . . . . . Ascaridi: lesioni patologiohe provocate da Asoaridiasi simulante malattie ohirurgiohe Ae~essi -0erebrali ; v . Oervello - epatioi solitari metastatioi arteriogeni - gassosi addominali . . . . . . . . . . . - polmonari; v. Polmoni. - provooati . . . . . . . - epinali epidurali Asoesso cronioo delle ossa . . - da fiesamone nel traJttam. degli stati settici . - del Brodie dopo tonsillite e trauma - polmonarE- da paratifo . . . . . . . . . . . . . .

1019 817 1024 627 468 1635 1831

470 1256 130(}

1831 65ß

679' 386. 1745. 9441 1833' 158& 1265. 1993. 38.7

780! 495. 907. 856. 1410i

341 1266 90'Z'

1023· 1147 7()

864 110& 1636 1267 1369 303 1237 1298 1596 1875 348


-

XII --

Pag.

Pag. -

- : diagnosi e oura . . . . . . . . . . . . . . . - suocessivamente b jlaterale : <'ollassoterapia - : terapia int erna . . . . . . . . . • . . . . . - tüico oon perforazione nel cavo pleurico e . . . . . . . . pio-pneumotorace coneen suale - - ; v. a. Polmoni. - temporo-sfenoidale otogeno : r iflesso vestibolo. . . . . . pupillare . . . . . . . . Aschheim e Zonclek; v. Reazioni. ..\.3cite ed insufficienza tiroidea - libe.ra; diversi aspetti . . . . . . . . . . . . - : omentopessia Asma. autovaccinoterapia nelle sin dromi di -- bronchia le : clinica e istologia - - : effetti sul circolo - - : traita.mento - - ; v. a. Polmoni. - cardiaco : trattam. . . . . . . . . . . . - : equival enti e loro valo re terapeutico Asmatioi : ambulatorio . . . Asper{?illosi splenica . . . A ssicurazione obblioatoria contro ie malattie pro! essionaLi . . . . . . . . . . . . . . . . Astenia e malattie asteniche . . . . . . Astenioa: sindrome - e malattie diverse . AsLrologia e medicina m oderna Atassia acu ta d'origine malarica Atebrina nella oura della malaria .A.teroma; v. Aorta. A tleta : f isiologia - : valutazione fisica Atonia gastrica; v. Stomaoo. _l\.trofia cerebro-cerebellare crociata . . . . . . . . Atropina; v. Eroina, Parkinsonismo. Auroterapia; v. Crisoterapia, Sifilide, Tubercolosi. Autoemoterapia; v. Emoterapia, Tubercolosi. Autointossicazivne intestinale: se esista . . Auto-liquor-terapia in medioina e chirurgia Au tovaccinoterapia; v. Vaccinoterapia. Auxoterapia . . . . . . . . . . . . . . Avertina : cocaina come antidoto . „. . - ; v. a. Narcosi. A viazione : i medici e l ' - . . . . . . . . . . . . . Avitaminosi atipiche e fruste di fronte alla prat ioa quotidia.n a . . - : oonoezioni attuali . . . . . - frusta nel lattante . . . . Avvelenamenti poco oonosciuti : terapia Avvelenamento da ossido di carbonio . -; v. a. Eroina, Intossicazioni, Sublimato corrosivo. Vipera. Azotemia ambulatoria oon f orte acidosi n el corso di nef rite oronica Azotemia e oloropen ia - in stati comatosi - nei n ormali . . .

1259 1221 1380 3

70 1171 1660 620 345 1829 1133 934 1268 1436 432 146 156 894 1513 1637 663 859 59 1705 1019

387 96 32 1452 788 1104 1137 1964 975 584

195 1894 1863 1580

B J. . . . . . . . . 1890, Baoillemia tub. . . . 1342, Bacillo tuberoolare; ricerche . . . . ' - difterico : col orazione . . . . . . .. . - - : potere battericida del sangue - emoftlo ; v. Meningite. - piocianeo: infezioni mortali da - tifico : a zioni . . . . . . - tuberoolare n.virulento .. . . . . - - : azione devitalizzante sul dei lisati di "1·gani . . . . . . . . . . . „ •• - - : nuovo metodo di arriochimento . - - : per metterlo in evidenza . . . . ßADIN SKI

-

..

2008 1380 1416 502 1674 1413 981 942 1376 1776 2010

, . . . . . . . . . 986, 987, 1416, - - : ricerohe - - ; v. a. Baoillemia. Bacillosi, Espettorato, Tubercolosi, Ultravir11s. Bacinett o; v. Pelvi. Bacino; v. Pelvi. Bacillosi intestinale; Y. Ent erorragie. Balantidium Coli; v. Coliti. . . . . . . . . . . . . . Bambini : nuove malattie - sordastri e sordomuti: eduoazione aoustica . . . - ; v . a. Eczemi, Infanzia, lttiosi, Lattanti, Leishmaniosi, J\IIagrezza, Meningite, N efropatie, P leuriti, · Tuberoolosi, Vie urinarie. Baserlow; v. Morbo di Flajani - . Basedowis mo: ricerohe . . Bassini ; v. Operazione di -. Batteri della trachea e dei bronchi . . . .. . . . - della vagina . . . . . . . - ; v. a. Baoilli, Colibacilli, Lysozina, U lt ra-filtrab1lita. Batteriofago : dimostrazione - negli ammalat i di tifo - : nuove ricerohe , . Batteriolisi : ricerche Ba tterioterapia lattica Bell ; v. Fenomeno di -. Bernard Cl. e Horner; v. a. Sindrome di - . Biaoca : tossicita . . . . . . . . . . . . . Bile bianca ed idroi>e delle vie bil iari . . . - ; v. a. Pigmenti biliari. Bilb arzia ; v. U retere. Bilirubina ; v . Jtterici. Biometria clinica: nuovo orientamento - f emmiujle somatica Bis ml1to come antiluetico : etoria ' . Bistori elettrico . . . . . . . . . . - - ; v. a. Elettrochirurgia. Blenorragia : criteri di guarigione - : esi ti . . . . . . . . . . . . · . Blu cli metilene; v. Daoriooistiti. Bocca; '. a.. Carcinoma, Spirocbete. Boro : v. Morbo di Flajani-Basedov . Borsite : ·uso del cacodil a to di f erro . . . . . . . . . Bot elho ; v. Reazione di - . Brightioi: distnrbi visivi . . . . . . . . . . . . Bronohi : Oorpi estranei . . . . . . - ; v. a. Batteri, Infezioni bronco-polmonari, L obect0mia, Muscolat;1ra liscia, Sifiloma. Bronohietta6ia nell'inf a,ruz~1 a clinica e anatomia . . . - : raclioecopia -·: toracoplastioa Bronchiettasie nell'eta infantile : trattamento Bronchiti degli ipertesi . . • • - : terapia generale . . . . . . - ; v . a. Polmoni, Rino - . Bronco-pneumopatie 1nalariohe . . . . . . . . . . . Bronooscopia nella diagnoei delle mal attie polmonari . . . . . Broncospirochetosi BROUSSAIS F. . . . Brucella abortus, Bruoelloai; v . a. Febbre ondll· l ante, Melitococcia, Morbo di Bang. Brugsch; vedi Reazione di Bulbo; v. Midollo allungato. Bulbocapnina : azioni ... . . .

1834

1507 31

346 392 392

1519 1519 1961 424 1780

1417 1377

1343 1343 823 1375 76 32

907 183 706

1552 1820 1145 1263 1263 349 349 1251 417 363 1929

149

c Cacao; v . Cioccolato. Cacodilato cli f erro nella borRite Ca.tfe : azione sul sist. nerv. . . Caloagno: v . Esostosi.

907 .1383


-- XLII -

Pag.

823 Calcificazione polmonare post-.traumatica . . Oalciftcazione polmonare rara . . . . . . . . 1666 1293 Caloiflcazioni intracraniche e roentgen olog ia Calcio : azione sui f enomeni infiammatori e su 11 e rea.zioni cuta.nee tubercoliniohe . . . . . . . 1520 - : azione sulla. ooagulabilita sanguigoa e :.)Ulla 298 fomula. ematica nei tubercolosi . . . . 1306 - del sang11e; influenze psiohiohe sul -- nell a oura della tuberoolosi polmonare 1264 - ; v. a . .Acqua potabile, Emorragia, Polmone collassato, Tossiemie. 422 Calcoli batterioi del rene . . . . . . 1523 - delle ,rie urin.: u so della glicerina - : düfrazione ai raggi X . . . . . . . . 1450 - : v. a . Calcolosi, Colecistite, I1eo, Litiasi . Colelitiasi. 1020 Calcolosi dell' uretere pelvico .. 192 ...... ematurica . . . . . . . . . . . 704 - vescicale ed uretra i>rostatira ' - ; v. a. Coliche, Litiasi. Uretere. 1875 Callo osseo : formazione . . . . . . . . . . . . . .. Calmette; v. Vacoino di - . 236 • • • • „ • • • • • • Cancerosi: influenze morali . Cancrena; v. Gangrena. 631 Oancro: biologia della ~ellnla 1480 - : case da - . . . . . . . . . 229 .. . - - ciTroei epatica.: cosidetta - . i rn portan za della pitnitaria su.11' etiologia 1177 782 - · natura . . . . . . . . , 585 - · problema t.erapeutico 873 radioterapia . . . . . 637 -- : sierodiagnoRi; reazione di B otelho valore clinico della magnesiemia per la diag nosi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1586 - ; v. a. Bocca. Colon. Esofago, 1\lammellettomie, Polmoni, Retto, Stomaco, Tumori , Ulcera. Capelli cd emozioni . . . . . . . . . . . . . . . . . 1675 - ; ,.. a.. Alopec ia, Incanutim ento, rrriro fi zia. Ca.pillari : alterazioni nei ba mb. con diate 1 essu1381 dati va . . . . . . . . . 1969 - : referti in pediatria - ; v. a . Tpertensione. Oapsule ren a li ; v. Reni. - - surrenali; v. Surreni. Carboidrati; v. Ricambio, Zucchero. Carb onchio; v. Antrace, Rene. 1269 Carcinvma da cat rame . . . . 544 -- : diagn0si serol ogica precoce - ; v. a. Oancro. 1753 Carcinomatosi della oute: reperto r adiol ogico . . Carcinosi; v. Vertebre. 617 Cardialgie : iniezioni JJara,ertebrali di a Jcool 984 Oardiopatici: esame . . . . . . . . . . . . - reumatizzati : orenoterapia d i Sirmi0n e 824 Cardiopatie: di3.termia . . . . . . . . . . 543 - : ~lurosio-insulinoterap ia . . . . . . . . . . . 387, 822 - : prognosi . . . . . . . . . . . . . . 615 - : sinclr0mi eh e le simulano . . . 493 - · terapia con glucosio e insulina 110.5 - ; v . a. Stenosi mitralica. Oar!e dentale e oalcio dell'acqua potabile 1136 - - : l otta contro la - . . . . . . . . . . 1677 Carni: riconoscimento della putrefazione 1969 Oarotene: l)Otere ematopoietico . . . . . 1485 Oartella radiologica . . . . . . . . . . . . 1411 Cartelle oliniche degli ospedali: val ore probatorio 1488 Oastellani; v. Metodo -. Taylon. Oastrazione; v. Sterilizzazione. Cataratta: l a - . . . . . . . . . . . 974 - congenita famigliare . . . . . . . 309 506 - : cura oon estratti di cristallino

Pag. - pietrificante . . 150 - senile avanzata e iperglicemia 1185 Catar1·0 bronchiale secco : prescriz. 350 Oatet.eri uretera.li: m odo per stasarli senza m ocl ificare la ooncentraz. urinaria 1472 Cat~terino ureterale . . . . . . . . . . 181 Oateterismo; v. a. Sonda. Catrame; v. Carcinoma, Vie urinar ie. 1265 Causalgia da morso di cane idrofobo . 422 - ·. t.1·a·t t,am""n to 1342 Caverne polm. controlaterali: pne11motor. -· ; v. a. Pneumotorace, Tubercolosi. Ceco; v. Sifiloma, Tubercoloma, Tubercolosi. 547 Cefalea nella stenosi mitral iC'a .1699 Cef alee .;.nt.:armittenti . . . Oelluliti : trattamento . . . . . . . . . . . . . . 507, 1414 1473 'ellulosa : oarenza . . . . . . . . . . . . . . . Centri nervosi : angiomatosi particolarmente delle cist i del cervellet to . . . . . . . . . . . . . . . 1859 - ; Y. a. Encef a lo, Sistema nervoso. 'ertifica.to medico prenunziale : a proposito cl i - . 35 Cervellf~tto: emorragie pttn t iformi da endoarterite 1uetica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150 - : l esioni asimmetriche ; comportamento del nigstagm o . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1839 -; v. a. .A.tr otla cerebro-cerebe.11are, Oentri nervosi, •rumori. Oervello : chirurg! a . . . . . . . . . . . . . . . . . 1300 - : cisti del lobo tempor. - : segno di focolaio pref rontale . . . . . . . . . . 1300 v. a. Ago da punt ura esplorativa„ Ascessi Atrotrofia cerebro cerebellare, Centri nervosi, Cistic erco~i cerebrale, Cranio, Diplegia, Emorragie cerebrali, L obo t e mrpc..rale, Malattie dd Rayna u d, Reazion i cerebro psichiche, Reumatism o cerebrale, . indrome striata, Traumi, Tubercolo, 'fum ori. ··hauffard _\, . . . . . . . . . . 1890 „ t; v . Morbo di 8till - . . Ohelotomia ed enteroanastomosi . . .. . . . 1576 Ohetonemia : variazioni n elle affezioni ~patiol!e 45 -- ; v. F egat<>. Ohinina ed epilessia . . . . . . . . . . . . . . . . 1717 C11inino : idiosincrasia per il - e s ua c u ra . . . 1058 Cbirurgia a ddominale : u so del cl istere clorurato 908 ipertonico nelle consegu enze operat orie .. Chirurgia plastica del viso . . . . . . . . . . . . 1520 - ; v. a. A dd om e, .A1·ti, Ascari·:liaisi , Cr anio, Dolore, Elettro-, Fratture, Mano, Naroosi, Operazioni. Purp11ra, Raohianestesia . Reazione di Paunz# Sistema nervoso, Torace, ecC'. Q

Ghirurgo : responsabilita per asportazione di glandola srssuale maschile per operazi on e d'innesto 1487 Ch oc; v. ;\nafilassi. Christian; v. Sohüller. 543 Cianosi familia.re congenita . . . . 27 - : rioerch e . . . . . . . . . 1029 Cioatrizzazione : azione testicolare Cif oscol iosi : parapl egia tla compression e micl ollare 1592 dinematizzazioni; v. Arti. Cinematografia; v. R ac'Uologia.

Cio ccoiato e cacao: n orme per ia fab1Jrica iione 1307, 1638 e vendita . . . . . . . . . . . . . 1133 Ciroolazione di ritorn o . . . . . . . 1991 - : disturbi di origine gastrioa . . - : disturbi nella tifoide ed altre malattie in1624 .. . ... . ..... .. .. . ... fettive - ; v. a. Arteriosgilerosi, Uardi-01patie, Cuore, Vaßi. Cirrosi di Cruveilhier-Baumg n.rten . . . . . . . . . 703 - epatica: azione clell 'alcool e della sifilide nella . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 381 g·cnesi

.

)


-

Xlv -

'

Pag.

Pag.

Ooleoistiti da appendioite . . . . . . . . . . . . • 506 - : semiot ica . . . . . . . . . . . . . . . . . . 947, 948 - sperimentali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1875 - tifose . . . . . . . . . . . · · · · · · · · · · · 382 -; v. a. Coleliitiwsi, Colecistograiia, Litia si biliar e . CoJ.eai.Btogrrufia. e ·eontra.zioni vesciiooJari . 1450 1594 - nci malarici . . . . . . . . . . 310 • - 11elle malattie delle Vlie bi1iari 786, 2991 . - : t.ecJliCa . . . . . . . . . . . . Colecietoetomia; v. Itteri ä.nfettivi. 1966 Colectomia totale . . . 1375 Coledoco : chirurgia . . . 620 Coledoco-epaticoscopia 1875 - : l egatura. • . . . 309 - : rottu ra traumatica d i antioa dat a .. - ; v. a. Litiasi. Colelitia.si e colecistite con emissione di calooli per via orale . . . . . . . . . . . . . . . . · . · 1961 - ; v Litiasi, Sindrome oolelitirusica . • Coleperitoneo sper.ianentale . . . . . . . . . . . . 1832 Colesterina; v . a. Xan tomatosi. Col esterinemia ; v. Ivertensione. Coles.terol emia (i;per-) : c ura iecu la tiroxci·n a .. 1332 Ooletoraoo, peritoneo traumatJi.co secondario . . 1830 Col ibacillosi : complicazioni gen itali nell'uomo 1337 - dell'appar ato urinario : !trattamento . . . . 1738 - : 1P:rescrizioni . . . . . . . . 196 - urinaria di origine intest. 1413 - ; v. a. Sieroterapia. Coliche epatiche in un caso d 'inversione visceral e SOG - renali ooealuxiche . . . . . . . . . . . . 192 - vescicali periodiohe da incarceramenti di cistocel e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1544 Coliche; v. a. Oal co1oei , Dolori. Colite da ameba istolitica: segno radiol ogioo 1520 - dissenterica e spirochetosi 1926 - da « Balantidium coli 11 922 - ulcer ose : eziol ogia . . 898 - ; v. a. Entero - . Ool itici : sistema vegetativo . . . . . 1066 C0rllasso poat-operatorio : terapii.a . . 1451 Collaeeotera.pia bilaterale: contributo 98.5 - 1polan01J1are bila terale . . . . . . . . . . . . 743, 1412 - ; v. a. Alcoolizzazione, As<.'esso polmona1·e, Freniooexeresi. Pneumotoraoe art., P olmoue colla ssato, Toraooplastioa. Collirio anestetico a l la peroai na . . . . . . . . 501 Collo : linfangioma oistico . . . . . . . . . . . . 424 Colon: aspor tazione per stasi ceco-a soendente 1066 - : dilata.zione acuta . . . . . . . . . . . 626 . . . . . . . . . . . . - : dieo.rdini funzionali 267 - : diverticol o di Meckel a rara sintomatol ogi a 342 - : diverticol osi e diverticol iti 1482 - (megia-); v . Megaoolon. - pelvioo : tumori . . . . 1874 - : poliposi diffusa . . . . 268 464 - : resezione p er ooclusione acuta e subaouta . - sigmoideo, cancro in giovane . . . . . . . . 1450 - : tubercolosi ipertrofica primitiva dell'angolo epatioo . . . . . . . . . . 1220 - : uloera perforata del . . . . . . . . . . . . 466 -; v. a . Oolite, Colit i ci. Colonie estive: norme . . . 988 552 Colonna vertebral e: t umori . - - : v. a. Spina dorsale, Vertebre. 1862 Colori; v. Daltonici. 1317 Oomatosi : stati - : iperazotemia . . . . . . . . 1863 1186 Oomm ozione midollare . . . . . . . . . . . . . . 114 1962 Concorsi a primario deoli Ospedali: a proposito 1861 di . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1972

298 - - : trat tamento . . . . . . . . . 1098 - epatiche : diagnosi precooe 505 - - : le . . . . . . . . . · · · · · · · 1097 - - : patogenesi delle grandi oindromi .. - - ; v. a . Epatiti. Fegato. Oistalgia feruminile con urine n ormali : patogenesi 531 971 Cieteotomia totale per oan cro . . . . . . . 369 Cisti oonnettivali del oordone spermatico 68 - coeidette sin oviali : trattamento . . . 34.2 - del lobo temporale sin . : intervento 503 - del m esentere : ileo da - . 375 - del pancreas . . . . . . 217 - dermoide del m esen tere 538 - - erratica . . . . . . . 1448 - ossea solitaria del gran trocantere 15 - ovarica gigante . . . . . . . . . . . 1019 - da echinococco a loc:1lizzazione rara 503 - - - • a.lcifi.oata : p31.!Urlo-cc1lcolo renale da 1266 - - - cJel fegato sup pur.a.ta 547 - - ·- : rea zione di Oa soni . . . 1364 - - - simulata da empiema . - - - ; v . a . Fegato, Polmoni. 1449 .. . . . . . . . . - endossee 50~ - n on parassitarie del f egato -· ossee : p atogenesi . . . . . 1221 -- retroperitoneali . . . . . 417 --· ; v. a. Ech in ococco, Mediastino, Uraco. Cietioercosi cerebrale: casi diagnostioati in vita 1995 - - e r epertQ del liiqutdo cef .-ra.ch 1594 - dei muscoli . . . . . . 1240 - ; Y . Cervello. Cistifellea a fragola .. 62.5 - : fieioterapia Sedativa de1le .af.fezio·n i 1633 - e ipofisi anteriore . . . . . . . . . . . 1715 - : grandi idropd calcoloee : com•p ortamento rd el oistioo .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 308 -- : nevroei iperstenica della . . . . . . . . . 1556 - ; v. a Col ecistectomia ess., Vescichetta b iliare. Cistite tuberoolare: trattam. . . . . . 867 Cistografia : tecnioa . . . . . . . . . 786 Oistorragi.a g rave d'origine gonococcica 194 Oistoscopia ; v. U reteri . Clavicola; v. Frattu re. Clima invernale: eff etti nelle malattie del polmone ...... . 222 Climaterio masohile 1178 - ; ~ . a. Menopausa. Climatot erapia ;· v. Tu bercolosi. Olinica medioa: le funzioni e l 'insegnamento della . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1939 - ; v. a. Insegnamento clinioo. Clinico : il . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1905 Clistere a lla bari te n ell'invaginazione intestinale del poppante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 275 - olornra.to ipertonieo nelle con seguenze operatorie della chirnrgia addom. . . . . . . . . . 908 Ol orato potassico : intossioazione acuta da - . . . 428 Cloo-oformio; v .An'°b.ilost-0miasi. • Oloropen ia: v. Azotemia. Cloruremia. (Ipo - ) ; v. P-0lmonite. ,)ooaina; · v . A vertina. Codice penaie e i medici. 869 r olecisteotomia ideale . . 344 Colecistectomie per colecistiti non cal colose 388

.

- ; v. a..

Liti a~i.

Colecistich e: affezioni .. . . . . . . .. Colecistite oal colosa ed occlusione intestinale - e diabete . . . . . . . . . . . . . - sin1ulata fla t ubercolosi periton eale

.

.

. . . .

.

.

-


-

XV -

Pag.

Pag.

- : dannose esaoerazioni nel formalisnio 2011 - oradu.a.toria . . 472 • - : o li ., e'1J aequo n • • • • • • 159, 278 - : va,-ia . . . . . . . . . . 77, 197, 314, 665 Condotte mediche: supplenze .. 1069 Oongiuntivite acuta : prescrizione . . 2009 Consiolio Superiore di Sanita . . . . 1489 Oonvulsioni a tipo epilettico d 'origine pleuro-polmonare . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1053 - essenziali del lattante e loro prognosi 825 - ; v. a. Gra. vidanza. Cordone spermatioo : oisti oonnettivali 369 - - : torsione bilaterale . . . . . . . 1337 Oorea: cura con f ebbre provocata 117 - ; v . a.. Sindromi corei<·be. (:orioepitelioma . . . . . 224 Corizza gra.ve <.lel neonato 232 -; v. a.. Raffreddore. Oorpi estranei : nuova pinza per l'estrazione . . . 1l49 - -; v. a . Bronchi, Fa.ringe, Seno mascellare, v~soica. Corpo calloso : manoanza • • • • • • „ • • • • 27 - - : i;indromi . . . . . . . . . . . . . . . . 100 Costituzione: ra.pporti col decorso delle malattie 1477 - ; v. a. Addome. Costole cervicali . . . . . . . . . . . . . . 661, 1295 - - : 1·apport i con le deformita congenite delle mani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 907 Coxite; v. Operaz. di Robertson-Lavala. Cranio : ohirurg ia . . . . . . . . . . . . . . . . 1300 - ; v. a . Aghi da puntura esplorativa, 'Jaloific-azioni, Fratture, Li (} uido cefalo-rachidiano. Osteiti. Pneumatocele. Traumi. Crenoterapi a; v. Sindrome entero renale. Cret inismo; v. Gozzo. Criptorohida : tratt am en to . . . . . . . . . . . . 1338 Crisi emoc lasica : v. An a.filassi, Pneumotorace . - gastro-solari . . . . . . . . . . . 460 Crieoterapia : e-fficacia terapeutica 1591 - ; v. a. Auroterapia. Croce R ossa Ita1.iana : nttiv itd . . . 1562 Oronassia e tono muscolare . . . . . 112 Cuoio capelluto : aplasia m oniliforme 345 • Ouore : diatermia nel trattamento tlella fibrosi e della insuffioienza del - . . . . . . 543 - : f erite per agbi da cuoire . . . . 1446 - : insuff icienza: chimismo gastrioo 470 - : - : terapia glucosio-insulinica. 71 - : scompenso cronico: trattamento 1268 \aria zione dei diametri con la posizione . 73 - ; v. a.. Asma <>ardiaco, Cardiopat ie, Circolazione, Dima.gramento, Elettrocardiogramma, Emottisi oardiaca, Estrasistolia, Rtenosi mitralica, Vizi cardiara. Curieterapia ; v. Radiol ogi.a. Cute ; v . Malaria, Pelle. Radioterapia. Ont.i reazione t.uberooUni ca: formula leucocitaria 1ooale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1062 - ; v. a. Oalcio, Intradermoreazione, Tubercolina, Tubercolosi .

- - : chimioa f isica 1306 - - : malarioterapia 1061 Dengue . . . . . . . 1835 Dentatura dei malati di tub. polm. 1376 Denti : estraziune; emorragie . . . . l· 1415 ·- ; v. a. Oarie dental~. Infezioni. Denutrizione di origine digestiva nel lattante . . . 270 - Vlontaria nella donna moderna . . . . . . . 628 Derattizzazione delle navi : prooedimenti moderni 1835 Dermatiti da insulina : T rattamento .1928 Demografia nella Cina . . . . . . . . 588 Dermoide; v. Cisti - . Dermopatie : u so di creme . . . . . . . . . . . . . . 1928 Dermoreazione; v. Cutireazione. Dermosif ilopatia : specializzazione 1969 Dia.bete bronzino . . . . . . . . . . . . 742 - insipido : ammoniogenesi . . . . 422 - mellito; v. a. Angina pectoris, Col ecistite, Tubercolosi, Diabetici. - - : solfoterapia . . . . . . . . . . . 1411 - - : sistema nervoso nel - . . . . . . 140~ - - : consuntivo : albumine del siero 20 - : cu ra oon antiooman . . . .. . 1188 - : cura con legatura della coda del pancreas 1187 ~ : oura del coma . . . . . . . . . . . . 139'.) - : diagnosi; ourva glicemica provocata 1955 - <' oonau.:no di zu<~chero . 1383 - e panoreatite recidivante 1181 - : funzione epatioa . . . . 1267 - incipiente: diagnosi . . . 19 - : irradiament.o della regione surrenale .1187 patogene~ i . . . . . . . . . . . . 1189 possibilita di gl.1arigione . . . . . 1220 seorezione esterna del pa.noreas . . . . . . 133, 294 - insipi<lo : dissociazione tra potere di concentrazione ed ammoniuria . . 537 - - e poliuria olinostatica. 824 - - aua cura .. . . . . . . 1161 ~ renale . . . . . . . . . . 982 Diabetioi : ambula.tori per - . 432 - : avvenire . . .... . . . 1182 - : <l evono essere alimentati con molti o con poob i gr$\.ssi? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1955 Dia framma : blooco controlaterale da lesione t.raum a tica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 388 Diarree oroniohe : cura . . . . . . . . . . . . . . . . 270 - da ins·1ffioienza ghiandolare digestiva : trattam. 275 Diatermia; v. Oardiopatia, Urol ogia. Diatesi emorragica consecutiva a trattamento con neosalvarsan . . . . . . . . . . . . . . . . 1799 - emorragioa ed infe~ione tubercolare . . . . . . 1019 - e!:jsudt:tiva . . . . . . . . . . . . . . . . . 1221, 1222 - - ed alterazioni clei oapillari 1381 30 . . . . . ·- - : esiti lontani 30 - - : trattamento Dieta dei tifosi : innovazioni . 1702 783 - di Gerson: effetto biologico . - - - ; v. a. Tubercolosi outanea. - ; v . a. Alimentazione, Regime, Tifo, Tubercolosi. Difterite: diagnosi batteriologioa al << siero-uovo. teil uri to » . . . • • • . . . 55 - : epidemia . . . . . . . . . 658 29 - e sieroterapia : osservazioni 1366 Difterite: immunita ; probl emi 1849 - nei vaccinati . . . . . . . . - : profil assi con una sola iniez. di anatossina 1594 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1926 - : rilievi - ; v. a. Bacilli difterici, Filassi, Siero, Sieroterapia, Vacoinazione.

D Dacriocistite croniohe: cura col blu <li metilene Daltonici: oolori di confusione . . . . . . . . . . Da,..ier ; v. Malattia di - . Deferente: sutura . . . . . . . . .. Degene razione epatolen t icolare D0generazioni ; Y . a.. Amiloide. Deliri : trattam. . . . . . . . . Dementi preooci : terapia calcica

1300 1147 1875 1700 1028 502

.


Pag.

Pag. Dimagramen to : eure di - negli indi,idui con cuore sano . . . . . . . . . Diplegia cerebra le . . . . Diplopia : esa me obbi ettiro Discin esi e : . . . . . . . . . . . . . . . . . . Disf agia Disinfer.ion i <.legli ambienti nelle m a lattie infetti ve - : inutilita . . . . . . . . . . Dismf'norree della puber ta . . - : r esezione uel n. presac1·ale . Dispepaia intest inale flatulenta (pletora addominale) . . . . . . . . . . . . . . - pulsativa e batt.iti epiga strici Dispnea : sulla - . . . . . . . . . . . . . . Dissenteria: m et a- amebioa : triade intest in a le - ; ;. a. Amebiasi, Colite. Dstonie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1221, Distrofie muscolari pr ogressive . . . . . . . . - ·.>ssee ; classif icazione . . . . . . . . . . . Dita della mano paralizzate parzialm ent e ; segno dell' est enzione . . . . . . . . . . . . . - ippoorat iohe e poliposi intestina le . . Diuresi: azione degli estratti ipofi sar i - da ingestione di a cqua . . . . · . . . Diverticoli; v. Appendice, Colon, Du odeno, E sofa go, Ocolusione in testina le, Ulol1s, Vescica. Dolo r e in chirurgia . . . . . . . . . . . . . . - intermestruale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . - pla n t are pre-tallon ier o nelle flebiti post-op erat orie . . . . . . . . . - ret tale ed anale . . . - : t rattamento con miscela di Sica r d per iniezione intrarachidea . . . . . . . - rifer1to . . . . . - viscerale : genesi e m eccan ismo Dolori a r t icolari reumatoidi da terapia sa lYar sa nica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . - ; v. Carclialgie, Cistalgie, Coliche, Punti dol orosi, Sindromi dolorosi, Spalle, Tabetici. Donna m oclerna: denutr izione volonta ria . Dotto epatico : drenaggio : com plica z. n on comun e - deferente; v . Deferent e. Duodenale: sta si - ed itterizia cata rrale . . . . . - : - e posizione anomala dell'intestino. Dn0cl en o : rtiver ti colo : intervento - rarzialmente mobile : clinica , . - - - : duodenopessia - · rottura sott ooutanea - : st asi - oronioa . . . . - : stenosi . . . . . . . . . . 466, 1063, 1322, 1821, - ; Y. a. Pancreas. R adiologia , R esezion e , Ulcere. Duroziez ; v. Morb i.

1969 1447 1101 1829 1404 504 312 934 986 1211 1635 937 1810 1881 1829 1414 1372 1960 468 541 665

. 1071 1754 1450 1755 1755 2008 103 2009

628 782 1715 1064 266 1336 1326 1402 1874

1380 539 1361 1874 1814 547 1266

ooei.

C. : commemor azione . . .. . Eczema co.sti t uz.io11ale : cn r a d~et eti ca - dai genitali : tratt aimento dei lattan ti . . . . E CONOl'G O

. . .

- : 1' EC1zemi :

1415, . . . 655, . . . . 1226,

. . . . . . . . l r n t t a men t o . . . . . . . .

432 1404 181\0 30 1012 1227

310 1739 1414 1294 1660 1964

1

500 1828 26 1375

1704 1156 346 62'1

1062 820 469

Ematuria ed ulcera duodenal e 626 737 signiftcato . . . . . . 192 - essenzia le : t r attamento - ; v. a . Nef r ectomizzati. .FJmazie : modüicazioni nelle mal attie epa t iche 1800 1800 - : valore em oglobinioo n ei Yecchi .. . Embolia a rteriosa periferica : cura . . . 823 - ; v . ..A.rterda 1polmonatre ; A . s nccla viia. Emetinai ; dQSe .masaiva t erap eutica . . . . . . . . 469 Emia n opsia omonima bilatera l e a quaitlrante e d ia,gn osi di sede dei tumori cer ebr ali . 1962' En1!iple.gie t,r a.nsitorie da ni cot in a . . . . 813 1989 Emofilia: terapia ovarica (rivend icazion e) 9C8 Emoftliaci : interventi cb irurgioi . . . . . Emoft oe ; v . Emottisi. Emoglobi:na: inifluenza. del r1ucJ.eo .p irr oli"''° e ulla f orn1azione . . . . . . . 137 - ; v. a. ~an gue. E1m oglohinllria parossie tica a friigor e 1447 non n r t,jcaria . . 1023 - ; Y . a. Malaria. E m ol isi : eliminazione cii f eTro e bilin ogen o . . . 1483 E m opatia e sindrome gangl ionare granulomatosa febbrile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1740 - sistemat ica di lunga durat a dopo s plen ect omia 500 Emopat.ie sistemat izzat e : r icambi o emoglobinioo . 1446 - ; v. a. Agrannlocitosi. An gina, Mielosi, Sangue. E:mopoiesi; v. Caroten e, Sain g ue. Emorragie ano-ret tali . . . . . . . . . . . . . 817 - cerebella ri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150 - cerebrali non dipencl en ti cla a rter iosclerosi 812 - gaetro#intootinali da ra n a m a~ co11osciuta 468 gin ecologiche . . . 584 gravi post part11m 1880 della f ebbre tifoide 774 suba racnoidee . . 1666 llrinarie ; t ratt am. oon gluconato di cal cio 1522 - ; Y. a. Cistorragia, Ematuria, Emottisi, Inondazione peritoneale, Meningi. Metrorragia, Stomaco. Emorragipari : stati - di t if o emogenico . . . . . 1514 Emor.roidi : prurito : t ratta.m. 1226 .. - : oura solerosante . . . . . . 149, 627, 788

.

E

Eccitazione : negli at ati d;i . . . . . . . . . . Echin ococco simulante sarcomit osi epato-r enale Eoh in ococoo ; v . a. Oisti da - , E ohinococcosi. Eohin ocoocosi tlelle vie biliari extraepatiche - in spl en omegalop a tia c r011ica - : intr a401•moreazion e - : r ea z. di Oa soni . . E olampsia plel1 rica - ; v . ~- Gra V'idanza, P seudcr, P11erpcri o, Tc ·.si-

- discrasici dell'infanzia: insulinoterapia Edema Ja f ame . . . . . . . . . . - e vitamina B . . . . . . - · lontano nella osteomielite vert. - polmonare; ~. Polmone. Edemi provocati : velocita di riassorbimento . . . Educa.zione lisica clel bambino . . . . . . . Ed ucazione fiisica; 'V. a. Atlet.?„, Ginnastica, Sport. Elet trocarrliogr!l.mma : onda T . . . . . . . . . . - · variazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Elett1·ocardiosoopia n elle oper azioni ohirurgiohe Elettrochirurgia . . . . . . . . . . . . . . . 707, - ; v. a . Bist u ri elett rico. E1ettromiografia lllel1o stu1d io delJ.e dietonie e del1'e discinesie. Elettroterapia ad onde oor te . . . . . . . . . . . Elminti ca11sa di occlusione intestinali . . . . . . - causa di perforazione intestinale e peritonite - : t rat tam. con t.etracl•:Jroetil ene . . . . . . . - ; v . a. Ascaridi, Bilha.Tzia, Elmiint.ia.si, Oßsiuridi, Teniasi, Tricocefalo. - : f a lso circolo vizioso da - . . . . . Ematemesi grave: intervent o . .... - tra ttaJm. oon icatetere a p erma n enza Ematinemia; v . Anemia pernioiosa. EmatOlIIli; v. Addome, Mediastino. Ematoter1a.pia; v . Emoterapllia .

t


- XVII -

Paa-.

Pa~ .

- •· v • a. Sindrome emorroi!lar.ia • E:piploon : voluminosa pseudiciati tbc. della retro• cavita • • • • • • • • • • • • • • • • • • • ! • • 972 Emoter&1pia.; v. Teta.no, Tuiberooilosi. Epit.elioma outan~o su fistola ossea. da osteosint.esi 1102 1037 Emottisi cardiac,a. m~le interpreta.ta 706 · - primitivo dell'uretere legg~r~ e persistenti : t>rescrizione . . 1477 224 per trauma bronchiale interno Eredolue sospetta . . . . . . 32, 507 • 1483 - sperimentale .. - ; v. a. sifilide. 837, 1380 - : t rattamento • • Eresipela migrante . . 1645 . . . 578 tubercola.ri . . . . . . . . . . . . . . . . Eresipeloide . . . 344 - tUJb. e trasf ueione di &altlgue . . . . . . ' . 1304 Ergosterismo : rioerche 784 1364 Empiemia. simula.nte oisti da echinococco Ergotamina: azione . . . . • • • • • „ • • 1299, 1482 1834 F.an·piemi C'roni()i : oura. . . . . . . . . . . - ; v. a .- Prnrito . . 1302 Encefalite letRorgica: storia. . . . . . . Eritema nodoso : eziologia 392 94 - morbillosa con postumi parkinsonia.ni . - ··-" specie nell'ariult.o 1705 . - post-va.coinale . . . . . . . . . . . . 71, 584, 826, 946 - solare : prescrizione . . . . . 1226 11& Encefa,liti non pu.r ulente . . . . . . . . . . . - ; v. a. Pellagra. - ; v . a . Jnfluena.a, MeDJingo-, Oochio, ParkiJlJSoEritropoiesi e secrezione gastrica 1516 nismo. ErmafroditiRmo pseudo.femminile 891 Encefa,lo; .a.lteraziioni nella. leucem.ia. aeuta . . . . 537 Ernia irufortunio . . . . . . . . . . . . . . . . . . 584 - ; v. Bul1bo, CentrJ. nervoei, Oervelletto, Cervello, - inguinale: oura alla Bassini: doccia metallica Corpo calil oso, Degenazione epatolenti>C<>lar e, per faciltare la chiusura dell'aponeurosi . 1904 Pgnte, eoc. Ernia otturatoria strozzata . . . . . . . . . . 148, 844 . . 110 - simulata da lipoma . . . "Encefalografia . 768 112, 113 .. -- : rare complioanze ... . ... . ... . Encefalomieliti : ricerche 308 946, 947 Ernie strozzate e peritoniti . . . . . . . . . . Encefalomieliti ; post-vaccinali 1831 - ; v. a.. Appendicite, Ohel-0tomia, Operazione di EnieefalOIDldelitn; v. a. En-0~liti, Meningiti, MieBassini, Stomaco. litli, Parkinsonismo. Eroina: avvelenamento da - trattato con atropina 1482 781 " Endamoeba vesicalie >J : in.feetaizionc da Erpete ; v. Eruzioni erpetiohe: Herpes. 748 Endemia gozzo-oretimca E ruz1one . d a rach ianestes1a ' . . . . . . . . . . . . . . 410 150 Endoarterite luetica Eruzioni erpetiche nelle crisi gastriche tabetiche 1028 785 Endocardite da enterococco Esaurimento nervoso : trattamento . . . . . . . . . 106 1965 Endocrinologia e :ruirpiologia Eseroizi fisici ; , . . .Atleta, Educazione fisica, ·Ginna1548 - : i·ecent„i aoquisti . . . . . . stica. - ; v. a. Ghia1ndoJ.e endocrine, Ipofisi, Mili.a, OrE~ofago: cancro: f orme cliniche . . 777 ' moni, Ovaia, P.aratiroidiemo, Pituitaria, Soore- - : paralisi del n . ricorrente d . 1584 zioni mterne, Terapia endocrd.na, Utero, ecc. - : cbirurgia . . . . . . . . 552 540 Endoraehide . . . . . . . . . . . . . -- : corpo ebtraneo . . . . . . . . 309 905 EndoscoJ)ia dello sftntere ileo-cecale - : dilatazione (megaesofago) . . . . . . . . . 307, 733 557 Enfisema. gene::-alizzato . . . . . . . - : diverticoli : patogenesi e cura 801 144 - mediastinico A.cuto . . Esafagotomia toracica poster. . . . . . . 1584 1145 - : ~ alore semeiologico dei segni clasaici Esostosi sottooalcaneari . . . . . . . . . . 1296 - ; v. a. P olmoni . Espettoranti e loro mecoanismo d'azione 1558 Er1t eroanaat.-,mc ·~i e 0helotomia, . . . . . . . . . . 1576 - tenta.tivi di valutazione biologica . . . 827 "'Euteroco1ite t11'beroolare: pneumo-peritoneo . per - : colorazione rapida dei bacilli di Koch . . . . 1649 . . . . . . . . . . . . 900 Espettorati: con centrazione dei bacilli di K och . 1649 Ja oura - : vaooinazione locale . . . . . . . . . . . . . . 1212 Essudati pleurici: come favorirne il riassorbimento 1412 1635 Enterorragie nel coreio della. bacillosi intestinale - : diagnosi difierenziale dai trasudati . . .1569, 1829 Enuresi notturna : rapporti con l'eredo.sifilide . 1212 Estrasistolia : essenza, significato e terapia . . . . 1623 - ; v. a. Ino00nitlinenza di u:ri·n a. Estratti cli f egato; v. Fegato. Eosinofilia pleuri~a . . . . . . . . . . . . . . . . . 1483 Estratto pauoreatico dosin3ulinizzat0 neJl'iperten65 sione arteriosa . . . . . . . . . . . . . . . . Epatioi.; "1. Epa,titi e se., F egato, GMvida11z~ Ln- - ; v. Ulcere gastroduodenali. s11lina.. 1331 - tiroideo in terapia .. Eps.tico-coledocoacopia infraoperatoria . . . . . . 138 1333 - - ; v. Obesita . . . . . Epa.titi croniobe (comprese le cirroai) . . . 1867, 1913 Estro; v. Ormone . . . . • . . 1663 Epatocolangiti subacute e lente .. F 622, 903, 1220, Epato~r>lenografia con torio . . 1277, 1521 Fame; v. Appetito, Edema da - . Fanciulli ; v. a. Anemie, Bambini Epatoterapia; v. Anemia. 1f;59 FaTine e pane: nuove nor·1ne per il commef'cio 487 Epididimite colibacillare ~ . . . . . . . . . . . 659 Faringe: d1'.lign. radiolcg. dene afferioni . . . . 301 Epididimo e testicolo: torsione delle appendici 586 - : polipo congenito peloso . . . . . . . . . . Epifisi; v. Glandola pineale. - ; v. a„ :Servi cranioi, Tosse. 1717 EpilesRia e chinina .„ 1447 Favismo nell'inf anzia . . . . . . 309 - jaokaoniana .. 1655 Febbre appendioolare : se esista 425 - : liquido oef .-rachid. - di Malta; v. ·- ondulante. 824 - : malarioterapia « er:. ittiva ; << febbre esantematica benigna esti814 - : patogenesi . . va », febbre bottono~a. 1363, 1489, 1615, 1623, 1836 - : terapia medioamentosa . . . . " . . . . . 1380, 1448 1301 - intermittante nevralgica . . . . . - trattata con l'asportaizione del glomo oaroti. . . 717 - in tra vaglio di parto . . . . . . . . . . 423 deo : esiti . . . . . . . . . . . . . . . . . - ittero-emoglobinurica ; v. Malaria . 1716 - mioclonica e insufficienza paratiroidea - melitense: looalizzazioni nervose . . . . . . 1207 Epilesi;ia; v. a . Convulsioni.

.


- ; v. a.. Brucellosi„ Febbre ondulante. mestruale; v. Mestruazioni. • • • • ondula..nte: la - . . . . . . . - con quadro di miocardite . . . . . . .. - da. 11 Brucella abortus » . • • • - in prov. di Pavia . . . . . . . . . . . - : vaocinoterapia per via endovenosa . . . . . . - ; v. a. Brucellosi, Febbre melitense, Melitocoooia. - provocata nel trattamento della. corea • • • • • - - ; v. a. Malarioterapia. -- puerperale: trattamento . • • • • • • • • . .. - tifoide : dieta . . . . . . . . . . - - : patogenesi delle emorragie . . . . . . . - - ; v. a. Setticemia, Tabe, 'l'ifo, Tifoide. - tuberoolare ondulante . . . . . . . . . . . • • Febbri alimentari del lattante . . . . . . . . • • - criptogenetiohe ed ipertermie nell'infanzia . Febbricole troidee . . . . . . . . . . . . . . . . . Fecondazione artif. . . . . . . . . . . . . . . . . 313, Fecondita : cosidetta vitamina della - . . . . 386, Fegato: accertamento dell'insufficienza lieve o di media gravezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . - : alterazioni da cisti d'echinococco . . . . . . . - - nell'intossicazione da albumine eterogenee . - : azione regolatrice sul sistema nerv. vegetativo - : cirrosi di Laennee . diff erenziazione . . • - : - pseudotumorale : epatosplenografia - : - : trattam. . . . . . . . . . . . . . . . . . . - : cisti n on parassitarie . . . . . . . . - : contenuto proteioo del s1ero nelle aff ezioni .. . . . . . . . . del • • --. cos1detta oancro-oirrosi . • - - : prove funzionali .. - : funzione e sensibilita all'insulina . • • • - : funzione nel diabete . . . . . . . . . . - : genesi dell'atrofia gialla acuta . . . . - : insufficienza iniziale . . . . . . . - : - post-op eratoria ; importanza della funzione . . . . . . . . .. . . . . . renale • - : lesioni da inoculazione di malaria . . . . . - : m a la ttie : cnra . . . . . . . . . . . . . . . . . - : metastasi multiple di caroinoma mammario . - : m odifioazioni delle emazie nelle malattie del - : stato funzionale in rapporto alla ohetonemia - : telengiectasia dis~eminata . . . . . . . . . . . - ; v. a. Anemia pernic., Asoessi epat ici, Ohetonemia, Oirrosi, Cisti da eohinococoo, Epatioi, Insulina, Ipertensione, Litiasi biliare, Timpanismo epatico, Torio, Vena porta, Vie biliari. Femore : difetto oongenito operato di plastioa . - ; v. a. Cisti ossea. Fenolftaleina: inoonvenienti . ' . . . . . . . . Fenomeno di Bell . . . . . . . . . . . . . . . . . Ferite acoidentali : prof ilassi e terapia dell'infezione piogena e putrida . . . . . . . . . . . . . - degli organi parenohimatosi: tamponamento - multiple per arma da fuoco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . - : trattamento - ; v. a. Addome, Ouore, Tendini. ecc. Ferro n el sangue dei lattanti . . . . . . . . . . - organico e inorga.niieo nella f-0rmazioo.e dell ' emoglobina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . - ; v .a. Anemie, Cacodilato di - . Fertilita ; v . Feoondita. Feti ma.cerati ; v. Met r0rragie. Feto: putrefazione . . . . . . . . . . . . . . . . . Fjbrolipoma. ; v. Mesotenue. Fibroma ossifioante del parovaio . . . . . . . . . . Fibroroi, Fibromiomi; v. a. Ormoni ovarioi, Reni. Fibromixoma dello stomaco . . . . . . . . . . . . .

.

.

.

.

.

Pag~

Pag.

-

.

XVIII -

1835 1926 1926 1519 1446

117 1344 1702 774 1519 380 1550 743 665 1800 528 1873 538 105 1873 1521 298 503 1013 299 220 1715 1267 222 221 1064 382 1960 776 1800 323 537

Fibrositi; v. Celluliti. l!' ilassi nella cura del tetano. della dif terite e di 379 altre malattie neurotropiche . . . . . . . . . . . Fisiiologia: relazioni e oomuni'<laa.ioni . . . . • . . 1752. Fistola pleurica : intervento . . . . . . . . . • • 962 649 Fistole tubercolari : liquido modificatore . . . . .......... Fitobezoar: casi • • • • • 1005 . . . • • • • • • • • 593. l4'L.ACK M. . . . . . . . . . . . Flajani; v .. M.O'.I'bo 1di - Basedow. Flebiti postroperatorie: dolore plantare pre-tal1450· loniero • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • - ; v. a. Ulcere. Fleboclisi clorurate . . . . . . . . . . . . . . . 1874 Florosi spontanee nelle zone fosfatifere: il « dar1136. mu s ,, . . . . . . . . . . . • • • 1782. Foar, ANINI C. . . . . . . . . • • • • • . . . . . . 154 :F'oruncolo del labbro eu.p . .Fosf aturia come indice di una oomponente costituzionale di nevrosi . . . . . . . . . . . . . . . . 11a ' Fosf oro inorganico nel siero di sangue irradiato 741 Fototerapia; v. Tubercolosi. .1018. FOURNU:JR A. '· . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149 Frattura bimalleolare: riduzione incruenta . - della baae d el cranio . . . . . . . . . . . . . 49 - diafisaria sottocutanea della clavicola . . . . 1875· - omerale ·del 10 0110 -0hirurgico: tratta;mento 1088 . 11oa - discondiloidea . 1 · . . . . . . . . . . . . . - pat-0logica . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106.1. Fratture a callo ritardato : tu'lattatm. c alci-00 at- · tinJco · · . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 5. - : anestesia locale ver la riid·u z. sotto lo eciher· mo r.aidiologioo . . . . . . . . . . . . . . . . . . 346. - non consolidate : principi diireittiivi nella cura 66 - : tr3'Zione trans-6<>heletri ca ool frilo . . . . . . 1665 Freddo : influenza in patologia . . . . . . . . . . 693 Freniooexeres! e sindrome di Cl. Bernard-Horner 1342 - : modifi cazioni oonsecutive del polmone . . 746 - nel trattamento del tio diaframmatioo . . . 745. - : risultati a distanza . . . . . . . . . . . . . . 1523 - ; v. a. Pneumotoraoe, Tub ~rcolo si polmonare.

.

..

.

. . .

..

1

G Galattoforite; v. Puerperio. Galattosio; v. Anemia perniciosa. Galattosuria: determinazione .. ..... ... - ; v. a . Itteri. Gamba: enorme tumore variooso . . . . . . . . Ganglionel1roma simpatico . . . . . . . . . . . . . Gangl io stellato: chirurgia e su e basi sperimentali GangreJ;la dei genitali; esiti lontani . . . . . . . . - dell'arto jnferiore da oontusione dell'arteria poplitea . . . . . . . . . . . . . . . . . - gottosa da iniezione ipodermica . . - polmonare : ricerca delle spirochete . - - : trattamento . . . . . . . . • Gas carbonico: inalazioni di - in aloune circostanze post-operatorie . . . . . . . . . . . - tossioi.: regolamento ne)l'impiego Gast.rite dello stomaoo operato . . . . . . . . Gastroduonostomia laterale . . . . . . . . . . Gastroenteriti aoute nei lattanti : sieroterapia a.ntioolibacillare . . . . . . . . . . . . . . • Gastronomia e medicina : Brillat-Savarin Gastropatie: pseudo - da appendicite .. - ; v. a . Stomaco. Gengive ; v. Inf ezioni. Genio : influenza della donna sul « Genu impressum n • . . . . . . . . • Gerson; v . Dieta di Ghiandole: v . Glandole.

.

.

1371 1636 119 908 1833 500 1927 298 1228

330 346 310

.

1445 309 1055 816 502 1725 1595 587 1055 957 235 736 1583 584 1107 468

1486 1502


-

Gibbo da tetano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Ginecologia; v. Emorr~gie. M etror ragie, N arcosi, ecc. Ginnastica per la donna nella pratica medioa . Ginonchio : a.pofisite rotulea. . . . . . . . Ginocchio : ~a.diolog ia . . . . . . . - -; v. a. Genu, Meniscectomia, Rotula.. Gi'U risprudenea sanitaria: casistica o quesiti 34, 158, 354, A30, 548, 667, 949, 1109 , 1230, 1561, l676 , Glauooma acuto prima.rio . - : terapia. non operativ& . Glandola. pineale : tumori . . Glandola ses.iuale rna schiZe : re sponsabilita del chi1 uro ') n ell'asportazione della - per opera~ione d' in1iesto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Glandola tiroide; v. Tiroide. Glandole endocrine : azione topica di alcuni e... .. . stratti - - - : chi rurgia - - ed alcool ism o. - - e pe1·son ia lta umana - - v . a. Ipofisi, Ova ie, Paratiroidi, urreni, Te. 1 . eco. s t ico-1, Gl andole linfat icbe ; v. a . Jpertenaione. Ol icemia : comportamento dopo ingestione di sostanza r icca di proteine . . . . . . . . . ricercbe . . . . . . . . . . . . . . . . . - : iper- consecutiva e operazioni sul tubo di g. - : iper- della polmonite loba.re . . . . - : iper- post--prandiale e sue Teazioni - : iper- e ca.taratta senile a.vanzata - ; v . a. Dia.bete, Gravidanza, Lpo- Po lmon ite. Glicer:n a., v. Cg,looli delle vie urinarie Glicoauria : diagnostica . . . . . . . . . . . . . Glo1oerulonefrite a cuta diffusa : epidem ia famig l iare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . - e secondo periodo di R a nke . . . . . . . Glucosio dei tessuti nel reumatismo muscolare -- : a ssorbimento per via rettale . . . . . . . . - : ricer ca a freddo; metodo facile per preparare il reattivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . -; v. a. Carctiopatie, Glicemia, Insu Jina, I tteri. Goethe e l a sci en za . . . . . . . . . . - : malattie eoffer te da - . . . . . . . Gomiti : anchilosi congenita ereditaria Gonococcismo latente : spermocol tura Gonococco; v. Gonococcismo, Gonorrea, Meningite. Gonorrea a cuta e cronioa; trattamento col metodo Maisler . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Gozzo adenomatoso : trasform. in morbo di Flajani-Baeedow . . . . . . . . . . . Gozzo tossico : decor so e oura .. . - ; v. a . Endemia gozzo-cretinica. Grannloma malign o: eziologia .. - - ; puntura della milza . . . . . . . Oranulomatosi maligna : forme nervose - - pleuro-polmonare ........ . - v. a . Linfo - , Sindrome glandolare. Gran11lopenia . . . . . . . . . . . . . . . . . . - ; v. a . Agranuloci tosi. Gravidanza: anemia emolitica . . . . . „ . . - consecutiva a salpd.ngoisteroamastomosi . . - : er isi convulRive . . . . . . . . . . . . . . . - : diagn osi biologica . . . . . . . . . . . . . . 149, - : epatopatia l atente nelle tossicosi . . . . . . . . ·- o eviluppo dei feti: inifluen~a dell'iper ,g licemia e dell'ipoglicemia . . . . . . . . . . . . . . . ... - extra-uterjna recidivante . . . . . . . . . . . . - ~ impor tanza dell'ipofisi nell'etiolog·ia degli stati varicosi . . . . . . . . . . . - in corn o uterino . . . . . . . . . . .

.

.

XIX -

Pag.

Pag.

1295

- molare e reaz. di Aschheim-Zondek . . . . .. . 1345 - : pe ricoli della interruzione . . . . . . . ·. . . . . 1910 - : rapporti tra lobo p . dell'ipofisi, nefropatie ed ecla.in ps1 a. • . . . . . . . . . . . . . • • . • • • • 1779 - : rettocele strozzato :in - . . . . . . . . 624 • • • tasso glioemico prima e dopo il parto . . • • 1446 - · tQssiem ia : diagn osi precoce . . . . 1716 • - : tossiemie e oalcioterapia . . . . . . 827 • • • • - ; v. a . Parto, Streptococchi, Utero. Gruppi san guigni : ereditarieta . . . . . . . . . . 31 Guaina s inoviale; v. Tend1jn:i. • Guu.rigioni miracolose . . . . . . . . . . . . . • • • 1308 Gunn ; v. Sindrome di - .

542 427 827

1971 337 338 1484

H

1487

864 502 1549 1189

517 183.:1 817 348 1581 1185

1070 196 1263 72 196.S 731 828 909 907 391

155 1186 1185 13'?6 1124 1052 418 1093 933 344 1880 1220 1267 932

6Z4 1189 704

Herpes dor so-lombare . . - z.ooter : patogeneei . . Henry ; v. Reazion ~ di - . Hirschsp rung ; v. Malattia di -.

. . . .

1147 580

I

Id1osi n crasia; v. Chin ino. Idrofobia; v. Rabbia. Idrom etra: r ioerch e "iperiment. Idron ef rosi ·bilaterale . . • • - da papilloma jncrostato . . - del va fo anomalo . . . . . . - : operazioni pl astiche conservative Jgie ne: r elazioni e comunio. varie . • • • - nell'arcb itet tura moderna . . . . • - ; v. a. Lavoro, Moda, Motonav i, Scrittura, eco. Ileo appendicolare : enterostomia . . . . . . . . . . - b iliare • • • • • • „ • • • • • • • • • • • • • • • - c0In1plica1..ite un tifo ambulatortio, diagnosticato come ileo verm inoso . . . . . . . . - da ci:-Jti del mec;entere . . . . . . . - paralitico complicante l'aer ocol ia • - post-operatorio : impiego di soluzion i ipertoniche - : strozzamento dell ' - nell'al)pendicjte acuta .. - ; v . .a. Intestino, Ocolusione. Tmeue : ae .ra1:ppreseuti una diearmunia della nai u ra

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Jmmunita: v . Anaeoxesi, Difterite, Leu ce mia. Sieri, T uberoolosi, Vacoini, c;.cc. lmve tigo del ouoio capelluto : t rattau1. . . . . . . I mpotenzn. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 302, lnalazioni con acqua del Tett'u ccio - : tecnica e appl icazioni . . . . . i.nalazioni; v. a. Gas carbonico. Incanutimento improvviso per insulti psichici . .. Inoisione di Mc Burney trasformata in inoisione a lembi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Incon tinenza essenziale di urina da spina bifida occulta : laminectomia . . . . . . . . . . . . - di urina nelle malat.tie nervose t rattata con l 'urotropina .. . . . . . . . Indican uria e secrez„ gastrica . Inf anzia : nefrosi . . . . . . . . - : prima-; igiene del sistema locom otore - ; v. a . Appendioite, Bambini, Bron chiet ta sie, Capillari, Diatesj essudativa, Elozemi, Febbri, Kalaazar, Nefrosclerosi, Nefrosi, Nipiologia, Pleuriti, Poliartrit e. Sonno, Tracoma, Tubercolosi, Vomito, Vulvovaginiti, ecc. Infarto polmonare . . . . . . . . . . . . . . . . . . Infezione focale nelle malattie nervose organiche . . . . . . - meningococcica: forme l en te . . - parat ifosa ; v . Paratifo. Infezioni a cute n on suppurative del sistema ner. . . . . . . . . . . . . . . . . . .. voso

.

.

822 425 1875 191 1258 1834 1824 1666 464 727 503 1Q66 389 1066

784

154 1338 1714 229 1486

.

445 1966 196 1265 184 1964

1672 747 769

112


-XXPag.

Pag. -

bron co-polmonari post-operatorie e loro preven419 • ~ione con i l Jsati . . . . . . . . . . . . . . . 22 - - - : trattamento con i lisato-vaccini . . 1147 . . • - gengiYo-dentarie: vacoinoterapia 1968 - urinarie di origine dentaria .. • • • - tiloidi; v. Febbre tiloide. - ; v. a.. Ferite, Latte, Malattie infettive, Setticemie, Sistema nervoso, Vie urinarie, eoc. Ir.Jiltrati; v. Iniezioni, Tubercolosi. Influenza: alterazioni emorragiche ed emorragie 468 dell 'intestino . . . . . . . . . . . • 905 - : oomplicanze meningo-encefaliche 1266 - grave . . . . . . . . . • 1265 - : looalizzazioni a,picali . • 665 Infortunati prestazioni Infortunio sul lavoro: malattia di Kümmel 304 come . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 303 Infortunistica : a.scessi e tumori provocati . . . Infortun:ieti ~a., Infortuni; v. a. EIDnie, Traumi. Iniezione intracardiaca; v. Adrenalina. 1595 - ipodermica : gangrena gassosa consecuti~a 1595 Iniezioni endovenose e infiltrati perivenosi . - ; v. a. Fleboclisi. 587 In nesti di midollo osseo . . . . . . . . . . . . 1370 Inondazione peritoneale in vergini . . . . . . 125 Insegnamento clinico: l 'essenza e gli obbietti 710, . ~71 - Stlperiore : in secie di bilancio . . - ; v. a. 011nioa. 26 Insulina: azione su1le sogl ie renali 118~ - : componente aittivo . ' . . . 386 .. . . . - e aloool . . . . . . - : ipoglicemia sperimentale da 1061 - negli stati tli denutrizione di origine digestiva nel lattante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 270 - : pericoli di eccessi nella aommri.nistrazlione agli epatici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1267 - ; v. a. A.cido1;i postoperatorie, Angina pectoris, Appetito, Cardiopatie, Dermatiti, Fegato, Insulinoterapia, Itteri, Panoreas, Polmonite. Insulin oterapia n egJi exemi diatesici dell'infanzia 310 Insulinoterapia nella pratica . . . . . . 1981 Intelligenza e linguaggio . . . . . . . . 1068 Intestino : ampia resezione (ileo-colica) 1217 Intestino: ampia resezione ileo-colica 1217 • - :an·o mala fissazioue de1l'a11sa ileo-collica 1619 - c.r a.sso: l'{intomatologia e diagnosi dei tumori 930 parassiti . . . .. 269 - : perforazione . . . 346 - : pnE>111matosi cistica 900 - : posizione anomala: stasi duodenale 1008 - : stenosi speriment ali . . . . . . 1874 - tenue : stenosi post-traumatica 847 - - : tumori carcinoidi . . . . . . 273 - ; v. a. Ceco, Ooliti, Colon, Dispepsia, Emorragie, Enterociliti, Enterorragie, Ileo, Invagina,.. zione, Occlusioni. R etto, Sfintere ileo-oecale, lgma, ind1 omi, Tnbercoloma, Tubercolosi, U lcere. Intossicazione sat11rnina accidentale per polvere nasale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 975 Intossioazioni ; v. a . Auto-, Avvelenamenti, Clorato ·di potasea, Fegato, Saturnismo, Tossicosi. - ; v. a. T cEeinfezioni. ln trndermoreazione nell'ecchim osi . . . . 1814

.

- ; v. a.

Rea~ioni.

lntumescenze • • • • • • • • • • „ • • • • • lnYagina:iione acuta 11el lattante: cura inoruenta - ;ntestinale uel poppante: clistere di barite . . - ; Y. a.. i\ Pllendi ce, Intestino. Iuversione "'liscerale e normalita fnnzionale . . .

Iodio; v . .Todio. Iperglicemia; v. Glicemia . lper~ensione arteriosa . . . . . . . . . . . . . - - come autonoma d isfunzione e malattia . - - : esame oftalmologioo . . . . . . . . . . . . - - a. essenz.iale : oora con gli estra tti di f egato - - - : pressione e mo!'fologia <Li cap!illa.ri . . . - - : impiego dell'estratto pancreatico desinsulinizzato . . . . . . . . . . . . • • - - : studio analitico . . . . . . . . . . • • • • • - - : trattam. oon l a puntura l ombare - - : azione dell'estratto di ghiandole linfatiohe . - - e col esterinemia . • • . - - - e apoplessia . • • • - - : ricambio basale Ipertermie; v. Febbri. lpert.iroidismo e tubercolosi . . . . . . . . . . . - ; v. a. Tiroidie, Tiroidosi. lpertonia; v. Ipertensione, Pressione sanguigna. I pertonici : insulto cerebral e e a n giospasm o . . 1pocloruremia; v. Cloruremia. Ipofisi a n teriore e cistif ellea . . . . . . - : azione degli estratti sulla tliuresi - e fisiopat. genitale femm. . . . . . - : importanza sull'eziologia degli stati varicosi delle gravide . . . . . . . . . . . . . - : seorezicne interna . . . . . . . . . - ; v. a. Gravidanza, Latte, Obesita. Ipoglioemia: l ' . . . . . . . . . . - : sindromi neurologiche a ssocjate . - : sintomatol ogia . . . . - spontn.nea come causa di disturbi nervosi periodici . . . . . . . . . . . . Ipoglicemie adrenaliticbe . . - ; v. a. Gl icemia, Insulina. lpospadia vulviforme . . . . • lpotensione arteriosa ortostatica - : dati sfi.gmomanometrioi . . . - ; v. a . Liquido c.-sp„ Sangue. Iridoscopia . . . . . . . . . . . . !rite . . . . . . . . . . . . . . . . I rradiazione ; v. Raggi, Tessuti. Ietamin1a nel tratJtamento deJle . a nemie e delle achilie gastriob e . . . . . . . . . . . . . nell'iposur1·enalismo . . - : ipersensibilita alla - ; v. a. Stomaco. I sterectomia per r.utrefazione del. liquido amniotico e del f eto . . . . . . . . . Isterosalpingografia . . . . . . I stituto dclla Sanita pitbblira Itteri: diagnos1 delle varie forme - e insufficienza epatica: tra1tam . con insulina e glucosio . . . . . . . . . . . . . . . . . . - infettivi: oolecistectomia . . . . . . . . . . . - litiasici : esplorazione funzi onale del f egato - - : lesione del fegato . . . . . . . . . . . . - : prova della galattosuria . . . . . . . . . Itterici: rioerca della bilirubina nella pelle Itterjzia catarrale e stasi duodenalf> . · I ttero dei neonati : patogenesi . . . . • - emolitico costituzionale famigliare - - : ricerohe . . . . . . . - let ale « ex emotione ,, . . - nella litiasi del coledoco - n ella polmonite lobare .. Ittiosi congen ita . . . . . 190 982 J 275 Jacobaeus; v. Operazione di - . 2010 J odio; v. Morbo di Flajani-Bas6dow . ~

17451710 65 196(} 984 6S. 62.

785423 1828. 1592 1882. 116!>

63.

1715 541 1374 118~

1732 1186 1225 1185 1754 1961 1449 797 543 1967 974

1012 981

230 1063 429 1218 1715 1781 1634 1633 618 707 1715 1445 854 1143 659 163~

283 1447


-XXIPag. K

Kahn; v. Sieroreazioni. Kala-azar: come si contrae . . . n el.l'a.'iinlto . . . . . . . .. . . - : tra.ttamento • • - ; v . a. Leishmaniosi. Kbppel e Feil ; v. Sindrome cli ·-·. KOCH R. . . . . . . . . . . . . Kümmel; v. Malattia di - .

.

....

.. ......

1881 662 773

.

581

L Labo-ratof"i prov. d 'ioiene e p-rofilassi: concorsi

665 Lacunari : trattamento . . . . . . . . . . . . . . 116 Lambliasi : azione della naftalina . . . . . . . 307 Laparotomie : deiscenza. della ferita. operatoria . . 1020 Laringe : corpo eetraneo . . . . . . . . . . . . . 658 -; v. a. Paraliei, Stenosi laringea, Tubercolosi. Larve di mosche ; v. Osteomieliti. Lattante : benessere e maleseere psiohioo . . . . 1966 - : denutrizione di origine digestiv& : u so dell'insulina . . . . . . . . . . . . . . 270 - nelle arti figurative . . . . . . 1964 • • - : segno seoondo di Brudzinski 350 Lattanti : eozema : tra.ttamento • 30 • - : ni:Jpedalizzazione . . . . . . . 1963 • • • • - ; v. a. Anoressie, Convulsioni, Febbri alimentari, Infanzia, Invaginazione, Meningite, Obeeita, Pilorospasmo, Reni, 88JDtgUe. Lattazione nella donna: acoertam. dell'eta 312 Latte oauea d'infezioni streptocoooiohe . 428. - di verg·i ne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 313 - : reoolamentazione . . . . . . . . 426 - : secrez. eteroo!'oma nelle strume ipoftsarie 741 - ; v. a. Rachitismo. Lattosuria e metodo micologioo di. Oaetellani-Taylor per svelarla . . . . . . . . . 1461 Lavoratori del piombo : ricerche . 1445 Lavoro di galvanocaustica : igiene . 353 - : medicina del - · . . . . . . . . 861 - : r euolamento peT l'ioiene d el 74 - ; v. a. M alattie professi ~ nali, Saturniemo, Solfooarbonismo. Lebbra; v. Orchite. Leiomiomi della vescica . . . . . 1257 Leishmaniosi del oane . . . . . 1594 - intern& (kal&-azar) . . 331, 1447, 1875 . . . - - nell'adult.o . . . 337, 386 - ; v. a. Anemia.. Lenti; v. Oftalmologia. Leucemia a.cuta : alterazioni clell'ennefalo . 537 982 - - a eindrome emooitoblastioa . . . . . . - linfatioa con inftltrazione del peritoneo 1799 - : malarioterapia. . . . . . . . . . . . . 1378 - mieloide : valore dell'irradiazione 297 • - : problemi immunitari . . . . . . . 854 • Lencemie linfatiohe atipiche . . . . . . . 1102, 1103 Leucooiti del sangue : agglutinazione . . . . 1689 - : velocita di eedimentazione . . . . . . . . 27 - ; v. a. Globuld 00.ancbJ., Matattie, Sang-ue. Leucoeritroliei : oesen-azioni oliniohe, ema,tologiche ed istologlohe . . . . . . . . 296 Linfangioma cistico del collo . 424 Linfatioi : studio radiogr.aftco 1018 Linfoadenosi benigna. . . . . 853 Linfogranuloma del mediastino 1753 - inguinale . . . . . . . . . . . . . . 164, 540, 704, 1415 Linfogrannlomatosi maligna e tubercolosi 1292 - - : forme gastro-intest. . . . . . . . . . . . . 1210 - ; v. a. Grannloma. L infopat.ie; v. Emopatie, Morbo di Still-Chau:ffar<l . Linguaggio e intelligenza . . . . . . . . . . . . . . 1068

Pag. Lipiodol: radiodiag nosi delle affezioni delle vie respiratorie con le iniezioni di - . . . . . . . . - ; v. a. Radiologia. Lipoidi; v . Tumori. Lipoma del oanale inguinale simulante un'ernia di ret,ta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . - (;Fibro-); v. Mesot&nue. Liquido cef.-rach.: contenuto in alcool e glucosio - - : ipoteneione nei traumi del cranio • • - - nell 'epilessia . . . . . . . . . . . . . • - - : reazioni di orientamento . . . . . . • • • - - : reperti del - e cisticarcosi cerebrale . . . . - - ; v . a. Liquor, Malaria, Sifilide nervosa. Liquor follliooli; v. Ormonizzazione sessuale . Liquor : reattivita postpuntoria . . . . . . . . . . Liquorterapia: auto- in medicina e ohirnrgia ; autoliquorarsenobenzoloiodoterapia Litiasi biliare : congresso sulla - . . - - : trattamento ... . ... . • • • - b iliari fal se; ~tati epato-biliari - renale : nuovo segno . . . . . . - ; v. a.. OaJcoloei, Sindromi. Lobeotomia; v. Polmoni. L obo temporale; v . Oervello. Löwenstein; v. Tubercolosi. Luce; v . Raggi. Lue ; v . Sifilide. Luminal : effetti tossioi . . . . . . . . . . . . . . • - nel trattam. dell'epilessia . . . . . . . • • . • • Lupus YOlgare ad aspetto psoriasiforme : ricerche - - : neoplasia sarcomatosa oonseout. . . • • . Lussazione ; v. Rotula., Spalla Ly'3ozim : stud i . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

141

768 781 1224 425 1520 1594

1300 1465 1630 1781 619 746

118 1380 784 1219 424

M Magn e~iemia;

v. Cancro. Magnesio solfat.o in neurologia . . . . . 117 - ; v. a . Tremore. ~Iag rezz a : la . . . . . . . . 489 -- nei b ambini: trattamento 1837 • Maisler ; v. Gonorree. Malaria : arricohimento delle emazie paraBsitate. 26, 307 - : artropodi ematofagi non vet tori 987 - : a -sessualizzazione del plasmod io 1757 - c~1iusa di atassia a cuta . . . . 663 - chinino-resistente : cosidetta - . 1657 - : cioli secolari; anofelismo senza 685 - oronioa : considerazioni 1656 • 859 - : cura oon atebrina . . • - e anofeli . . . . . . . . 1524 • . . 1555 - e tu bercolosi : rapporti . . • 1622 - : filtrabilita dei parassiti . 1744 - : in merito alle ecoperte euJ.la tr~ione - : inooulazione nel l iquido oef .-r a oh . . . . 307 • -;: in rapporto alle migrazioni interne . . . . 234 - : lesioni del iegato da inooulazioni ·"Ji - . . . 382 - · meccanismn patogena 1 •c:> delle ma.nifestazioni 26 outanee . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . - : nefriti ed emoglobinurie domiciJiari . . . . . 1864 - : ipartieola.re svilurp!p() della « LaverarJa malariae >> • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • 740 - : passaggio dei parassiti nel liquido c.-s. e comportamento verso le candele porose . . . . . . . 1061 - primitiv& contratta nella stagione estivo-aut,un, 921 nale : recidive primaverili • 665 - : profilassi individuale 1215 - : reazione di Henry . 412 - : tipi epidemici . . 989 - : lfJtta contro la ·- ; v. a. Anofelismo, Broncopneumopatie, Sifilide febbrile.


-

XXII -

Pag.

Pag. • • • .Malarici : colecistografia . . . Malarioterapia nogli epilelitici • • - nella leuoemia . . . . . - : rottura. spontanea di milza Mala.rizzazione cerebrale - : rioerche . . . . . . . Mala.ttlia, ·dli Dairier . . . . . . . . . . . . . . . . . . - . - Hirschsprung : trattamento . . . . . . . 1335, :~o4, . . .... . - - Kümmel - - Larsen -J ohansson . . • - ecafoidea. di Köhler • - ; v. a. Morbo. Malattie : ooesistenza e azione reoiproca . . . . - : ourva biologica cei l eucociti come indice deldecorso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . - del polmone; v. Clima. - nervose organiche. infezione focale . . . . . . . - neutropiche; v. Filassi. - rena li e gastriche: r ela.iione . . . . . . . . . .

-

1394 824 1378 1!l63 938 1061 345 1910 427 612

1716 1756 744

1635 . . . . . . 589

inf ett'iv e : denuncia • . . . . . . . . - : l 'opera del R eoimc: nella lotta co nt.ro al.... 1930 . . . . . . . . . . . . . cune-

.

. .

...

.

- - ; v. a. Disinf ezioni. -

t€61

prof essionali:

a ssicurazione ub1Jlioaio1·ia

...

Malf ormazioni congenite . . . . . . . . . . . . . Mammella : esame radiologico nella galattoforite - maschile : t umori . . . . . - sanguinante bilaterale .. - : tubercolosi primitiva . . . - : transilluminazione diagnostica. .. • Mammelleotomie pa.rziali per cancro • Mani : deformita congenite ; rapporti con le eoetole cervicali . . . . . . . . . . . . . . . . - : chirurgia riparatrice dei tendini e nervi Mastite sifilitica . . . . . . . . . . . . Mastiti aoute dell'allattamento . . . Maternita di Trieste : funzionamento Meckel; v. Divertioolo di -. Mediastinite tuberoolare o neoplastioa? . . Mediastino : cisti congenita . . . . . . . - : ematomi nelle fratture vertebrali . - : enfisAma aouto . . . . . . . . . . . . . - : irrigidimento artifioiale ; m ediastinografia - nel pneumotorace . . . . . . . . . . . . . . . . . ; v. a. Linf.o granuloma, Pneumotorace. Mediclle : ricerohe - ; v. Ri-0erca. Medici e l'aviazione . . . . . . . . . . . • • - : disaoio p·r of essionale . . . . . . . . - condotti: d iscussione parlamentare

- ; v. a. Medico. M edicina e Missioni ..

......

- e terapia . . . . . . . . . . . . . . . - militare; v. Peritoniti, Traumi. - tropioale : cenni storici . . . . . . . . . M edico d' os])edale e libero esercente . . .

.

- : il prinoipe di Galles fa l 'elogio del - . Megacolon oongenito operato: destino ulteriore - oon voluminoso coproma . . . . . . . . . . - : cura. col paratormone . . • Megaesof°ago . . . . . . . . • • - e megadolicocolon . . . Melitococcia : complicazioni meningee - ; v . a . BTuoellosi, Febbre ondulante. Meningi : emorragie spontanee . . . . . Meningite basil are otogena aintomatica - oer.-spin. : terapia . . . . . . - da bacillo emoftlo . . . . . . . . - e ra.ra.tifo B in un poppante . • - linfocita.ria e sclerosi multipla . . - primitiva. da. gonocoooo: t ratta.m. . . . - tu bercola.re infa ntile : forme emiplegiche •

- ventricolare purul en ta unilaterale n el latta.nte M eningiti, Meningi; v. a. Aracnoidite, Asceesi, Emorragfe m en ingo,cerebra.li, Influenza, Meningo-encefa liti, Sindrome meningea.. Meningococohi; v. Inf ezione menin gococcica. Meningo-en cefa liti streptocoocich e . . . • J\1eniscectomia . . . . . . . . . . . . . . • • Menopausa : prescrizioni . . . . . . . . • • - : u so <lella teel ina e della a mniotina . . Mesaortite; v. Aortite. Mesentere: cisti causa di il eo . . . . . • - : cislii dermoide . . . . . . . . . . . • ·. • • • Mesotenue : fibro-lipoma peduncolato . Mestruazi()!Ili in studentesse universita,.rde . . . . - :neuroei e :psiooei nei distUI'lbi delle - : trattamento dei disturbi . . . . . . . . - ; v . a. Amenorrea, Dismenorrea, Dolore, Estro, Febbre mestruale, Menopausa. Metabolismo basale nella tromboangioite oblite.. . . .. .. . . . ... .. rante

.. . .. .. .. .

. .

..

1447

1102 1221 1881 1344 503 217 823 987 985 1777

1381 . . 346

Metastasi; v. Infezioni, Tum ori Metodo di Löwenstein; v. Tuberoolosi. • Metodo mioologico di Caatellani-Taylor; v. Latto156 624 tmria. 584 623 Metrorragie a t•)niohe post-partum: trattamento 1299 776 - gravi dopo espulsione di feti macerati . . . 609 7Cf4 Micosi della guancia . . . . . . . . . . . . . . . 525 Microrga!lismi : azione litica di alcune specie su 1485 a ltrt) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1483 721 - ; v. a.. Batteri, Protozoi._ Microscopia : colorazione degli strisci con la ma18 907 tita copiativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 520 Midollo allungato; v. Bulbo, Sindrome retro-oli741 var e. 826 - ossao : compressione nel corso di malattia. di 1374 Recklingb P..ueen . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1225 - - ; v. a.. Mielosi • 597 295 - - ; e problemri d 'istofisiologia .. . . . 1587 587 - - : innesti . . . . . . . . . . . . . . ,. 1413 - - v . a.. Torio. 144 - spinale : oompressione . . . . . . . . . . . . . . 343 1057 - - : degen~razione subacuta; alimentazione oon 308 986 cervello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . - - ; v. a. Mielite, Spina dorsale. 1509 Miel ite dis.seminata acuta: eziologja . . . 788 745 - nell'a nemia pernic. : prognosi e terapia 747 113 - nel vaiolo . . . . . . • 115 789 ... .. - post-vaccinale • • • • - ; v. a. Encefalo-, Polio-. 1840 Mielosi apl astica . . . . . 657 1929 -- eritremica ac11ta . . . . . . . 807 Milza : aspergillosi . . . . . . . . . . . 146 1117 - : diagnosi di tumore con metodo di contr asto 31 1757 - : funzioni in rapporto a.1 ea.ngue circolante . 146 - : puntura nel granuloma ma.ligno . . . . . . 424 1525 ....._: rott.ura spontanea in corso di malarioterapia 1063 1009 742 - : seorezione interna . . . . . . . . . . . . . . . . 1716 - : tubercolosi . . . . . . . . . . . . . . . . . . 532, 658 1403 - : tumori oronioi . . . . . . . . . . . . . . . 533 733 307 - ; v. a. Torio. Miocardite, Miooardio; v . Cardiopatie, Cuore, Feb1656 bre ond·n lante. 85 1557 Miodistrofi.e : ~atogenesi . . . , 858 697 Miosite o~i;ificante progressiva . . 583 Miracoli; v. Guarigioni. 1225 Missioni cristiane ; v. Medicina. 1837 . . . 501 Mixoma: pseudo- del peritoneo 1699 Moda femminile; v. Tricoftzia. 985 . . . . . . . . 1062 Mola vescicolare : esiti . . . . 1754 Molluschi; v. Tossi-infezioni.

.

.


- XXIII Pa.g. Monooiti; v. Angine. Morbillo e scarlattina : associazione .. . . . . . . . Morbo di Addison : -cura con gli estra.tt:ti di cortecoia surrenale . . . . . . . . . . . . . . . . . . - - - e su.-reni . . . - - - : metabolismo ; cura con ormone cortioale surrenaJe . . . . . . . . . . . . . . . - - - : trattam. oon orn1one corticale - - Duroziez e morbo di Rummo . - - Flajani-Basedow: cura borica - - - : Oll!l'& cbir. . . . . . . . . . . . . . . . . . - - - : oura d'irradiazione . . . . - - - : forme fruste . . . . . . . . • • • - - - · ipertermia post-operatoria •

'

l

29 1962 1174

1176 1218 782 1187 1375 1484 1627 1834 1167 - - - : il . . . . . . . . . . . . 658 - - - : legatura arteriosa . . . . - - - : r>ericoli de1 tra.ttam. iodico preoperatori o 1484 - - - : terapia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1626 - - - ; v . Basedowismo, Gozzo, Tiroide. - - Pa.rkinson; v. Paraliei agitante, Pa.rkinsonl.6mo. - - Pellegrini . . . . . 1302 1367 - - Pott sta.filocoocico . 1305 - - Raynaud : diagnosi - - - con sintomi oerebrali 115 1225 - - Reoklmghausen (neurofibr omatosi) 1408 - - - {oeteite fibroea) localizza.ta . . - - - ; v. Si.. Osteite ftbrosa, Osteosi, Paratiroidi. - - Riga-F~de e diateei eseuda.tiva . . . . . . . . 1221 cr üller-Christia.n . . . . . . . . . . . . . . . 1182 - - - Simmo:nde e sta.ti aseooiati : clinioa e terau>ia 1176 - till-Chauffard . . . . . . . . . . . . . . . 1077 - - Vaquez : radioterapia . . . . . . . . . 785, 786 - ; v. a. Malattia. .Morfina per iniezione endoven osa, come ausilic. diagnoetico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 628 Morgagni G. B .: osservazioni sulla morte del conte Ugolin~ . . . . . . . . . . . . . . 80 Morte reale : deforma.bilita pupillare . . 205 1716 - - : nuovo segno . . . . . . . . . . . . . 1299 Mosche e traAtnissione di parassiti delle piante 940 .. . . - : la lotta contro le .. . . . . -; v. a. Larve di -. 1665 llotooiolismo : leeioni . . . . . . . . . 391 .Movimento : olinica delle forme di Muc-ina ga etrica ; v. Ulcera peptica 1876 Mu1nu A. . . . . . . . . . . . . . . . . 111 Muecolatura: influenza del simpatico 1829 - lieoia broncopolmonara . . . 1240 Muscoli : oisticeroosi . . . . . 948 - pettorali : aesenza oongenita - ; v. Distoni~, Distrofie, Elettromiografo, Miodistrofie, J.fioeite, Tono muscolare. • Muscolo quatlricipite: oeeo sopranumerario nel 1652 tendine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Pa&". - : moto- : igiene . . . . . . . . . . . . ' . . . . . . 389 - ; v. a. Derattizzazione. N ecroei adrenaliniohe . . . . . . . . . . . . . . 1157 • N efrectomia nella tbo. renale : esiti lontani 982 - nelle uefriti suppurative bilaterali . . . 1874 Nefrectomizzati per tbo. renale: ematurie . 969 • N efrite apostematosa monolaterale 310 - anafilattioa . . . . 1829 - e albumina urinaria . . 507 - : proteinuria . . . . . . 507 Nefriti oronicbEi: azotemia 195 - - : trattamento alcalino 185 . - e nefrosi . . . . . . . . . 864 Nefropatie: ammoniuria provocata . 574 - oroniohe dei bambini: tentativi di terapia 1447 - e tonsilliti . . . . . . . . . . . . . .. 194 Nefropatie, Nefrosi, Nefriti; v. a . Brightioi, Glomerulonefriti, Gravidanza, Malaria, Reni, Urina e ss. • N etrosclerosi nell'infa.nzia . . . 866 N efrosi lipoidea . . . . . . 1605 575 - - : scorie azotate nel sangue . . . . . . . . 184 - nell'infanzia Nefrotomia: impianto di frammenti di muscolo 1523 nella f erita da . . . . . . . . . . . . . 232 . . . N eonato : coriza grave . . . . . . . . - ; v. a . Bambino, Infanzia, Ittero, Stridore. Neoplasia sarcomatosa su lupus volgare . . . 784, 1219 N eopl asie, N eoplasmi ; v. a. Tumori. N cosal v arsan; v. Di atesi emorragica. Nervi afferenti : funzione nel tono muscolare . . 112 - cranioi : sindromi dei - e partecipazione del simpatioo nelle. neoplasie del naso faringe . . . 1054 - intercostali : alcoolizzazione nelle tbc. polmon . b:laterali con vaste cavern~ . . . . . 782, 1218 - o~u l ari ; v . Paralisi. - <;lttioi : atrofia in luetico: trattam. . . . . . .1923 - - ; v. a. Sindrome. - : trapian to alla N ageotte . . . . . . . . . . . . . 659 - vaghi; v. U1cere. - ; v. a. Mano, Neuriti. Nervo presacrale : resezione: effetti in amenorro:obe . . . . . . . . . . . . . 1021 - r eoiso : rigenerazione . . 1875 - ri corrente; v. Ricorrente. - sacrale : resezione nelle dismenorree e nelle . nevalgie pelviche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 986/ - trigemino; v. Neuralgie. N euralgia del trigemi no : la - . . . . . . . . . . . 101 - - - : trattam. , . . . . . . . . . 662, 948, 1756. 1834 - sciatioa; v . Soiatioa. Neuralgie pelviche : resezione del n . rresacrale . . 986 - ; v. a. Dolori, Febbre, ecc . Neurit i ottiche retrobulbari „ • „ • • • • • • 983, 1146 - ; v. a . P oli - . 1874 Neurinoma peduncolato dello st omaoo 1406 Neurinomi multipli .. Neuriti ottiche rti origine r:. inusale . 2001 110 Nourochirurgia: indagi ne Roentgen .. . . Neurologia: relazioni e comunicaz. . . 10<?. 2-000 Neuropatie centrali organiche: sintomi iniziali 99 745 N eurorecidive dell'aoustico . . . . . . Neurosi nei disturbi delle mestruazioni 985 Neurosi: profilassi nell'infanzia . . . 1797 119 Neurosi rivoluzionaria della Spagna attuale \ 116 - semplici: prevenzione e oura . . . . . . . . 1834 Neurotomie retro-gasseriane . . . . . . . . . 1 ' 53 N et1tropenia: signifioato e concetti terapeu •j e i Nevralgie, Nevriti; v. Nevralgie, Neuriti. Nicotina; v. Emiplegie. Nistagmo nelle lesioni asimmetriche rl el cerYellett<> 1839

.

-

N

307 Na.ftalina come antiparaesita nella lambiasi 664 Nal'OOAi avertinica nel tetano . . . . . 1666 - - : p oeeibilita d'interruzione . . . . . . . - aivertino-eterea in chirurgia ginecologica . . . 905 - basale avertinioa: contributo olinioo-sperimen210 tale . . . . . . . . . . . . . . 312 - e intoesioazione alcoolioa . . . 496 - : la soienza della - in olinica - v. a. Anastesia.. 67 N aso : fratture . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150 - : funzione delle oavita aocessorie . . . . . . 742 - linf angioma iperplaetico guarito ool radium -; v . a . Nervi cranici, Ozena, Papillomi, Rino-traoreo-bronchiti. ,

.


-

XXIV -

Pag.

Pag. Nitroprussiato di sodio : potere tossioo e azio·n e antidotica tlel tiosolfato di sodio .. . . . . . . Novocaina; v. Anestesia. Nutrizione, v Ali·m entaz.ione, De-.

326

0

.

.

. . . Obesi ta cerebro-ipofisaria . . . . . ... -- : effetti della dieta. e della tiroide - nel lattante . . . . . . . . . . . . . . . . . 1837, Occhi : disturbi nei brightioi . . . . . . . • • • • . . - e diatesi essudativa . . . . . . . . . . ... - : esame nell'ipertensione arteriosa . . - : in s uffic1~ n te con vergenza •. . . . . . • • - : vetri aderenti . . . . . . . . . . . . . • • Oc::chio: autoenucleazione in soggetto post-en cefalitico . . . . . . „ • • • • • • • • • • • • • • • • - : pronto soccor so nelle lesioni e malattie . . . • - ; v. a. A1m1bli()pia, C.Ollirio, Diatesi essudativa, Oftalmologia, Paralisi oculari, Pupille, Riflessi, ßolere, Sindro mi, 'fumare retro-bulbare. Ooclusio ne intestinale completa da divertioolo di Meokel . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . - - cronica da volvolo di megadolicosigma . . . - - da coleoistite calcolosa . . . . . . . . .. . . .. - - sper1mentale. - - : sindrome umorale . . . . . . . . Ocolusioni intestinali acute alte (duodenali}: ipocloruremia e terapia cloruro-sodioa • - - da elminti . . . . . . . . . . • • • • - - degli stati t ossici . . . . . . . • • - - post-operatorie: trattamento .. • • - - : ra.ch ianestesia . . . . . . . . - ; v . a . Colon, Ileo, Intest.ino, Invaginazione, St omaco, Vie pancreatiche e biliari. <»eotorace n elle affez. pleuropolm. . . '. · . . . . . ~ruero ; v. Fratture. On ~ e elettro-magnet ich e corte in terapia . . . . .

.

I

e

e

1736 1333 1964 183 1221 65 540 424 422 973

1874 1875 1317 1874

470

• •

736 1555 256 275 1019

1412 157

910 1874

- - J acobaeus . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . - - Peters ; v. Vescic·.t - - Roberte:on -Lavalle : valor a terttp~utico • • • „ - - Trendelenbu.l'g ; v. Embolia. Operazioni chirurgicbe ; v. a. Aoidosi, A scessi polmonari, Oolla;sso, G~ oaiibonioo, InlfeziOJl.li, Jn,cieione, I!Thfeziorui, Latparotomia, Morbo di Flajanri-B a.sedow, Occ.lusioni, 111rom b06!i, Ulcera, ecc. OPoterapia; v . Anemia pernic., I ruru1ma, Ormoni, Sem-ezäoni interne. Optochina n ella pleurite purul. . . . . . . . . Or chite leprosa . . . . . . . . . . . . . . . . . Oreoohio; v. A.scesso cerebl'"ale, Otite, Otosclerosi, Udito ecc. Organi diger0'1lti; v. Diepepsie, Ipogldcemia, Llmfogran'ttlomatosi, Ulcere, eoo. Ongani genitali maech. est. : &vilUIP'PO doppio - - m. : gangrena . . . . . . . . . . . . . . . . . - - femm.: patologia e oomplesso preipofisario . - respiratori; v. Scissuriti, Vie respiratorie. - urogenitali: cura dei oa.rcinomi col radium e coi taggi Roentgen . . . . . . . . . . . . . . . . - - ; v. a. Oolibaoillosi, Deferente, Eczemi, Epididimite, Ormoni, V.ie spe:rmatiohe, eec. Ormone cortica le : ricerohe . . ' . . . . . . . - dell'estro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . - OYarico: azione sul moncone d'amputazione uterino .. . . . . . . . . . . • • • • • • • • • • • • Orrnoni ovarici di donn~ con fibromiomi dell 'utero - : preparazione da sostanze vegetali . . . . . . - sessuali dell'ipofisi anter. . . . . . . . . . . . . .

...

1653

1425 154 344

..-225

1173

491 1446

1524 470 781 ·1652 1765 1266

~

Opera. Nazionale l\fate-rnita e lnfanzia: nuova O'T-

oa:nizzazione . . . . . . Operazione di Bassini . . . .

- : sintesi e farmaoologia . . . . . • . . . . . . . . - ; v. a. Jintestino, l(pofisi, MQI'lbQ di Addisolll, Ovaie, Pan-0reas, Parati.N>lidi, eoc. Ormonizzazione sessuale col « liquor f olliculi » per via gastrica . . . . . . . . . . . . . • • • • • • • Oro; V. A uroterapia. Ortica.ria oronca : alcalinoterapia . . . . • • • • • - pigmentosa • • • • • • • • • • • • • • • • • - ; v . a. Polineurite. Ospedali psichiatrici . . . . . . • • • • • • • • • • • - ; v . a.. Oartelle cliniche. Ossa : distrofie : importanza dell' iperparatiroidismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . -- : v. a. Arti. Asceeso, Oa.llo oeseo, Ciati oseee, Distrofie, Esostosi, Iperostosi, Tumori. Ossaluria . . . . . . . . . . . . . . . . • • • • • • Ossido di carbonio nel sa.ngue : accertamenti . . -- - - carbonio; v . a . A vvelenamenti. Ossigen o; v. Antrace. Ossiuri : cura . . • • - ed enterobiosi . . . • • - : sviluppo .. • • • • • • • • • • • • - ; v. a. Elminti, Peritoneo. Osso sopranumerario nel tendine del quadrioipite Osteite fibroso-cistica generalizzata: asportazione di adenoma della paratiroide . . . . . . . . . . Osteocondromatosi articolare . . . . . . . . . . . Osteo1nielite cr onica : tratt. con la.rve di muscidi Osteomielite delle vertebre ·. . . - vert. ed edema lontano • • •

746 148

-

- .· l '-

. . . . .

...

.

Osteom ieliti acute . . . . . . . . - ; v. a. Larve di m osche. Osteosi parat iroidea . . . . . . . . . . . . . . 1220, Qgteosintesi con infibulazione intracorticale . . . Osteiti purulente delle ossa craniohe : trasfueione di sangue . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Ostet.triieia; v. Gra,vidanza, Parto, Puerperio. Ostrich e; v. MoJluschi. Otiti purulente croniche : intervento - streptococciohe ... . .... .. • • -; v. a . Meningiti. Ot osclerosi: trattamento . . . . . . . . . . . . . Ovaia : endocrinologia . . . . . . . . . . . . . . . Ovaia : ipof1mzione : eure con ormone follicolare - ; v. a. Cisti, Emofilia, Fibromi, Ormoni. Ozena e dacriorinostomia . . . . . . . . . . . . . - : trattam. oh irurgico . . . . . . . . . . . . .

1014 427

1294 4Z7

1664 1372 858 1912

1302 1102 506

1178 1187 1019 658

p

1673 1338

PAGLIANI L. . . . . . . . . • • • • Palpebre ro'3a nelle donne .. • -; v. a. Xantom:i. Pancrea.a : .cisti . . . . • . . . • • • • • • • - : anMtomiizzata col duodeno . . . - : ormone cir col ator io . . . . . . . . . . . . . . . - : seorezione esterna nel diabete . . . . . . 133, - : tuberoolosi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . - ; v. a. Addvme destro, Estratto pancreatico, Pancreatite, l>ressione arterioS1a. Pancreatite acuta emorragica . . . . . . . . . . . - - rioor ren t e . . . . . . . . • • • • • • • • • • • - ; reciddvante e di.trubete . . . . . . . . . . . . . Pancreatiti acute : diagnosi, eziologia, patogenesi, 1.rattamento . . . . . . . . . . . . • • • • • - oroniche da uloera peptica . . .. - dette emorragicbe . . . . . . . • •

1597

502 1374 301 1524 1717 500 1875 1706 1523

1 •

.

979 1269

376 1136

1188 294 1135

1134 823

1181 415 1962

1451

P a n e; v . FaTine.

P apilloma vescicale; v. Vescica. Papillomi multipli in pinna nasale - ; v. a. Idronefrosi

. . . . . . . .

1555


-XXV-

Pag. Pa.ralisi agita.nte : eziologia . . . . . . . . . . . . 1882 - - ; v. a. Morbo di Parkinson. - del ricorrente destro: segno iniziale di oanoro dell' e:Jofago . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1584 1213 - - - : tera.pia f-O'Iletica . . . . . . . . . . . . 1410 . . . . - infantili: t.rattam. ortopedico 1701 . .. . . . .. . . . . . . . - la.ringea - oculari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1208 - - e herpes dorso-lom bare . . . . . . . . . • • 1147 - progressiv&: oura con la. vaocinazione antirabica. 863 - - : malarioterapia . . . . . . . . . . . . . . . . 1061 - ; v . a.. Arti, Diplegie., Pa.raplegia. Pa.raplegia da compressione midollare per oifoscolisi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1592 - ; v. a. Spina dorsale. Parasimpatico; ". Pressione sanguigna. Parassiti delle piante; v. Mosche. 269 - intestinali nella patologia. del tubo digestivo - ; v. a. Elminti, Protozoi. Para tifo B, v. M.eningite. 348 - : a,qcess•) polmona.re da - . . . . . . 1655 - nel oorso di un morbo di Bang Paratiroide ; v. a. Adenoma. 1330 Parati r oirle<'tomia nella scl erodermia 1331 - : ~ecn it:st . . . . . . . . . 1172 Paratiroidi e sclerodermia . . . . . . 13 2~ .. - in patologia. . . . . . . . . . . . . - ; ,. a. Estratti, Osteosi, Sindromi. . . . . ' . 1173 ParatiroirJismo e parati roideotomia - : iper - in a.loune dietrafie oesee e .nella poliartrite anohdloeante . . . . . . . . . . . . . . 1173 Par·atol'm one ; '" Epilessia, Megacolon. 1221 Parkinsonismo post-encefalitico . . . . . . . . . 1452 · - : trat ta1ner:t o a t.ropinico . . . . . . . . . . . . - ; v. a. Morbo di Parkinson, Paralisi agitante. 1834 Parotidd accessoria : tumore misto 1657 Parotite ac\lta · clinica e pat0logia 663 - epidemioa · compl ioanze 587 - suppu.-ati,•1 acuta . . . 336 ... . - - : patogenes i Parovaio; -..e<li Fibromi. 717 Parto : febbre in travaglio . . . . . . . . 1344 . . . . . . - : influenza. dell'eta . . . 1519 - : rot.tura artificiale del sarco amniotico - ; v a. Emorragie, Graviclanza, Metrorragie, Neona.ti, Ostetrriicia, Placenta. 1226 Patere<'c io : trattam . . . . . . . . . . . . . . . PM.un z: v. Reazione di - . . . . . . . . . . . . . 1227 Pedjculosi : trattam. . . . Peli; v. Tricofi~ia. 1066 Pellagra. : acloridri.a . . . . . • 622 - ed eritemi pellagroidi .. 707 - : reperti chimici del Hangue . 361 Pelle : m9todi istochimici di rioerca . 1833 Pelle : radioter.i.pia di alterazioni - : succulenza nelle infiammazioni di visceri addominali . . . . . . . . . . . . . . . . . . „ • • • 822 - ; v. a. Bilirubina, Caroinomatosi, Tuberoolosi rutanea, ecc. Pellegrini; v. morbo di - . Pelvi ; v. a. Addome, Reni. Pene; v. Organi genit. Pent()suria oronica essenziale . . . . . . . . . . 1522 Pepsin~. : per iniezioni ipodermiche nel trattamento dell'11loera gastrica e duodenale . . . . . 463, 627 1929 Pepsina per via parenterale : azione . . . P ercai na : v. Ra.oh ia.n est esia 587 Percr:ssione : nuovo metodo • • • • 492 . .. Perioa rd io : sinfisi . . . . . . 972 Peritoneo : r•oduli da oxiuri 1832 - : potere di aseorbimenrto

..

.

Pag. - : pseudom~oma . . . . . . . . . . . . . . . . . . 501 - ; v. a. Cisti, Ooleto.raco - , Oo·l o - , Jni(>ndazione peritoneale, Le11oemia, Periton11e, Pneumo - . Si.ndrooni, 'l'u!beroolosi miliarica. . . . . . . . . . .. . . . . . . Peritondte 1750, 1830 - oronica fibrosa in,c apsu.lante • . . . . . 971. 34r, - da perforazione inrtestiniale da elminti - - pneumococco , . 1451 - reumatica . . . 73 - sieroterapia . . 1148 - tllberoolare: e&iti a distanza della laparotomia ourativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1264 Peritoniti acute nella pratica ospedaliera mil itare 1791 - - : etati to6Erici : ieura . . . . . . •. 25'5 149 - da tifo : cura . . . . . . . . . . Personn.lita multii::la . . . . 733 - umana e ghiandol e endoorine . 1189 Pertosse : diagnosi precoce 428 - : trattamento . . . . . . 1801 1447 Peste : vaccinoterapia . . . Peters; v. Operazione di - . P H : detem: nazione spettrof otometrica. . . . 544 196 - nell'urina . . . . . . .. . . . . . . . Piastrine: oomportamento in seguito ad atti operativ; . . . . . ' . . . . . . . . . . . . . . . . . 917 - : in differenti forme morbose . . . . . . 70, 183Z Piede di Madura (micetoma pedis) . . . . . . . . 1217 - ; v. n.. OalcagJlo, Dolore. Pielografia oon abrodil per via rettale . . . . . 1257 - ; v. a . Tuber{X)losi renale. Pigmenti biliari; formazioue intracutanea e reazio ne di Brugsch . . . . . . . . . . . . . . . 383 Pilorospasmo del lattante : terapia . . . . . 1253 Pinze : nuove - per l'estrazione d.i corpi estra.nei 1249 Piombaggio ed apicolisi . . . . . . . . . . . . . . 1341 Piombo; Y. Intossicazione saturnina, Lavoratori. 1453 Pior1·ea a.l,eolo-dentaria: i:atogenesi e cura 1968 - - : rapporti oon l 'uricemia . . . . . 1830 Piosalpinge : r ")ttura . . . . . . . . . . • Prretoterapia; v. a. Epilessia, Malaria Pituitaria ; v. Oancro. 866 Piuria abatterio~ .......... . 1594 Placenta a ccreta partialis . . . . . . . 1753 Plaoenta: per la diagnosi d 'integrita Pla.smodio; v. Malaria. Plastica con l)arti m olli per obliterare speciali 497 . . . . forme di cavita, esiti di empiema . Plastinhe : v. a. Ohirurgia, Ortopedia. 145 Pleure : corpi liberi . . . . . . • 743 - : diagnosi di perveita del cavo 743 - : rPsezione delle aderenze . . . - : '". a. Ascesso polmouare. Pleurite da pneumococco nell'infanzia: cura me232 ... .. . .. .. .. . . dica • • Pl~urlte dell'apice (a rappuccio) . . . . . . . 426 - : piccoli segni radiografioi . . . . . . 1264 Pleurite pu?·ulenta dei bambini : u so dell'optoohina 1673 - siero-fibrina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 425 - tubercolare: trattamento con preparati aurici 1263 783 - mediastinicl1e nell'infanzia . . . 1672 - purulente acute : trattamento • 349 - - dei bambini e loro trattam. - ; v. a. Empiemi, Essudati, Pneumoperitoneo, Versamenti. 1224 . . Pneumatocele ]ntracranico traumatico Pneumaturia; v. ·rubercolosi intestinale. 148 Pneumocefalo post-traumatioo . . . . . . . . . Pneumooocobi; v. Peritonite, Pleurite, Vaccino. 1556 Pncumoperitoneo . . . . . 343 • ·- ooculto .....

.


-

XXVI -

Pag.

Pag.

-; v. a. Enterocolite tubercolare, ·ruberoolosi intestinale. 705 Pneumoto race artificiale 208 - - bilaterale . . 1782 . . - - : oinquantenario • 1906 - - : crisi emoclasica . 579 - - : disinserzione sottopleurica delle aderenze 308 - - : esplorazione del mediastino 1672 - - : jl mediastino durante il - . . 541 - in regime atlerenziale . . . . 1056 nella polmonite lobare acuta 1555 - - : n11ovo apparecchio . . . . . 1103 - patogenesi della pleurite - pleurite essudativa controlaterale nel corso di . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1021 ·- - : sedimentazione dei globuli rossi . . . . . . 784 - - : sistema reticolo-istiocitario e genesi della 308 f ibro&i clel polntone 1022 - - : toracometria 1260 - -- : u so uel neon 1061 - bilaterale . . . 482 - da sforzo : considerazioni suJ cosidetto - : eff ett.i snlla pressionA arteriosa : riflesso pleu997 ro-cadiaco 864 - e f renico-exeresi 1519 - e glutanione 1142 -- · extrapleurico • • 71 - : ~enesi della fibrosi del polmone -- ipertresi cla perforazione: drenaggio aereo :i 1106 permanenz iJ • • • • • • • • • • • • • • • 1827 - : modif icazion1 cronseout.ive del san gue 659 - c.paco : genesi . . . . . . . . . . . . . 787 - - : particolare quadro radiologico 1412 - saocato: diagnosi nelle caverne superficiali - sru.cceesivaanente e contem.ip.oranea.m . bilaterale . 345 - ; v. a . Collassoterapia, Oleotorace, Tubercolosi polmonare. J>neumotoraoen ~esi . . . . . . . . . . . . . . . . . 150 Poliartrite anchilosante : ;mportanza dell'iperparatiroidismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1173 - cronica nell'infanzia . . . . . . . . . . . . . . 623 Policitemia rubra: quadro morfologico e chimico del Ea.ngue . . . . . . . . . . . . . . 539 P&inevrite assooiata ad o:rtdcaria . . . 1754 Poliomielite ant. ac. abortiva . . . . : . . 744, 1557 - - - : cura . . . . . . . . . . . . . . . 117 - - - · diagnoori sierolog.ica . . . . . . . 1214 - - - : Ja . . . . . . . . . . . . . . 425, 426, 772, 947 - - problemi . . . . . . . . . . . . . . . . 947 - - - · sieroterapja nel periodo pre-paralitico 1838 - - - : terapia fisica . . . 426 -- - - · tratta.mento specifico 772 - a t1po bulbare : epidemia 868 Polipeptidemia . . . 27 Polipi dello stomaco 657 Poliposi colica diffusa 268 - intestinale e dita ippooratiohe 468 Poliuria ; v. Diabete insipido. Polmone oardiaco e tUJbe:ooolo.si polmonare: diagn0$i differenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . 1227 - collassato: potet'e calciofiRsatore . . . . 1908 Polmoni : ascesso tifd.co oon perf orazi>0ne nel cavo. pleurioö e pio-pneumotoraoe oon sen suale 3 - : asoeesi . . . . . . . . . . . „ • . . . 1873 - : oal ~ificazione post-traumatica 823 - : cancro e malattie da polveri 351 - : cisti da ecbinococco ilari pol. 1873 oollasso massiooio a cuto 1819 edema acuto nelle malattie dell'apparato oiroolatorio .... . . . . . . . . 493 - : immagine radiologioa a cerchi interferenti 1558

- in collasso pneumotoracico : genesi tlella fililrosi 70 - : lobectomia; rigeneraz. dei bronchi . . . . . . 1873 - : modificazioni funzionali nell' enf isema, bron1818 chite e asma bronchiale . . . . . . . • • • -- : nuova proiezione laterale degli apicj . . . 309 - : radiologia ed esame clinioo . . . . . . . . 583, S84 - : irara . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1666 - : st1ppurazioni non tuberc::>lari e trattamento 552 . . . . . . . .. .. chirurgico • • 20 ·-- : suppurazioni : trattamento • • . .. .. 639 - : tumori maligni - ; v. a. .Arterie, As<'essi, Bronco-pneumopatie, Brou<'..<>soopia, Clima, Frenicoexeresi, Gangreina polmonare, Infarto polmonare, Infezioni broncopolmon., Lobectomia, Muscolatura liscia, Pneumotorace, Polmonite, Respirazione, Soissuriti, Sifiloma, Tubercolosi. Po1monite acuta: ~ura col ·t imonucleato sodico . .1412 - crwpale: oonsiderazioni; <1 ca..se da poJ.monitie » 1570 1251 . . . . .. ' . . . . . . . . - ·. CUI'a 1636 - lobare a sindrome appendicolare 1920 - - : glicemia e insulinoterapia 348 ·- - : iperglicemia e suo trattam. 283 - - : ittero . . . . . . . . . . . . 741 - ·- : ricerca dei tipi di diplococco 151 - - : sindrome meningea . . . . . 1672 - -- tipo I : sieroterapia . . . . . 1056 - - : trattamento pneumotoracico 1302 - : pressione art. ed ipoclorurem ia 500 Polveri da sparo : r icerche Polveri nella genesi del oanoro polmon. e delle 351 malattie polmon. . . . . Ponte d:i Vairolio; v. Tua:nori. .Popolazione; v. Demografia. Poppanti; v. Lattanti. Porpora emorragica : splenectomia . . . . . . . . 391 Porta; v. Vena - . Pott ; v. Morbo di PreSGione arteriooa : azione degli eetratti di ipancreas desunsilinizzati ..... 1993 - - e ipocloruremia nella polmonite 1302 - - media . . . . . . . . . . . . . 184, 1218, 1209 - - , normale e patologica : regolazlone neu 1·0. . . . . . . . . . . . . . . . . . 1711 umorale - endorachiclea: influenza dei riflessi ooulo-ca.rdiaoo e solare . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1839 - saDJguiigna: influenza 1del sißtema !l'lerv. vegetat. e patogenesi dell'ivertonia . . . . . . . . . . 63 - - : influenza sul tono del parasimpatioo . . 1839 - venoea nell'aterorma e aneuriisma. dell'aorit.a e nell'aortite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1483 - ; v. a. Adxenalina, Ipertensicme, Pneumotorace. Pressioni periferiche : ricerche . . . . . . . 26 Prostata cc femminile » e concrezioni dell'uretra f emminile . . . . . . . . . . . . . . . .. . 186 - : inf ezione tubercolare nell'adenoma 185 - : ipertrofia; nuovo intervent o ohir. 1143 - : sorprese della chirurgia della 1208 - ; v. a. Urologia. Prostatectomia perineale extramuscolare . . . . 576 Prostitute : ctµa della sifilide . . . . . . . . . 1950 Protazoi; v. BalruntidJurm, L..aJIIl.bliaei, Leishmaniosd, Plasmodi, Tri0homonae, 'Dripanosoma. Prova di M•c. CJure e .AJd.rd.Clh; v. 'l'u bercolosi. Prove; v. a. Metodi, Reazioni. Pr11.riti : trat tam. . . . . . . . . . . . . . . 1226, 1227 Prurito di origine epatica e renal e: uso dell'ergotina . . . . . . . . . . . . . . 428 - e ragadi anali: trattamento 1928 - : il 656 . . . . . . . . . . . . . P '3udoartrosi : nnove idee sul trattamento 1371


-

XXVII -

Pag. Psiohiatria. nella. pra.tioa. genera.le • • • • • • • -; v. a.. Ospeda.lii peiohia.tl'li-0i. Peiohiohe : influenze - aul oaloio del sa.ngue • • Peicopatici : vomito acetonico . . . . • • • • • • Psicosi nei disturbi <lelle meetrua.zioni • • • • • • Psicoteonica. a.lla. souola e a.ll'offloina. • • • • • . Psoriasi : cura • • • • • • • • • • • • • • • • • • Ptosi; v. Stomaco. Puberta : la . • • • • • • • • • • • • • • • • • • Puccinot·t i F. e la medioina civile . . . . . . . . Puerpe1·io : gala.ttoforite e sue conseguenze sull'alla.ttamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . - : jpseudo-eclatmpeia. d& aa.caa-idia& . . . . . . . . - ; v. a.. Feb bre puerperale, Metrorragie. Punti dolorosi addomina.li: differenzia.mento . . Pu.ntnra della cisterna : teonioa . . . . . . - lombare; v. Ipertensione Arteriosa. Pupille : deformita quale segno di morte reale • - di Argyll-Robertson vere e fa.lse . . • • • - : semiotica . . . . . . . . . . .. . • Pur~anti; v. Fenolftaleina. Pul'lpUTa. a.bdomina.lis : parte ohirurgica . . . . . .

.

732 1306 1028 985 649 1416 1658 779 623 166'? 1755 867 205 103 825 1586

R

Rabbia ; v. Cau salgia. RabdomaL.t1 e rabdomanzia . . . . . . . . . . . . Ra.ohianeetesia : eruzione bolloea. simmetrica ai talloni consecuti\•a f . - : novita in materia di . . . . - percai.nica nella chirurgia addom . - ; v . a. Ooclusioni inteet. Rachide; v. a.. Pressione entlorachidea. Rachitismo sperimentale: a.zione del laitte u.mano Rachitizzazione: ricercbe . . . . . . . . . . . . . Ra.diografta : casistica . . . . . . . . . . . . Radiologia: cinematogra.fta. nell'in~egnam . della - del polmone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . - gastroduodenale e reperto operatorio . . . . . - (Radiograßa, Radioscopia, Radioterapia); v. a. Abrodil, Aghi, Ca.l oific~zi<>ne, CaJcoLi, Caroinomatoei, Cu-tella raidiologiea, Cistoß'ratfia, Colecißtcgra,fia., Epa.L~lenogra.fia, Ieterosa){Pingogra· fia, Lipiodol, Marbo d4 Flaja.ni-Ba.Eedow, Pielog1·afia, Pleurite, PneumotoTace, Scheletro, Siplecnogrwfia, Suppu.cra,zioni, Torio, Tu.mori, Urografia, Le sin1gole malattie ed i singoli 01'gami. Ra.ffreddore : proftlassi . . . . . . . . . . . . . Ragadi; v. Premito anale. Raggi mitogenetioi . . . . . . . . . . . . 547, - ultravioletti : az. neurovegetativa • • - - : azione nel sangue . . • • . . . . . . . . - - e luce solare . . . - - ; v. a. Fratture. - X; v. a.. Raddo.logia. Rame; v. Anemie. Ranke; v. 'fubercolosi polm. Ratti; v. Derattizzazione. Raynaud; v. Mo:rbo idi - . Reaz. di Asohheim e Zondek nella gra"Vlidanza molare . . . . . . . . . . . • • • • • • • • • - - : ricerche . . . . . .... • • • „ • - - : uso 'della coniglia . . • • • • • • • - di Botelho: nel oancro • • - di Brugsoh; v. Pigmenti biliari. - di Oasoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . - di flocculazione; v. Sifilide - di H . v. d. Bergh; v. Ittero. - di Henrry; v. Malaria. - di Paunz in ohirurgia . . . . . . . . . . . . - di Wassertnann : confronti con le altre reazior.i - - ; v. a. Aortiti e peri-.

.

~

1228 410 1140 1020

145i 423 782 1449 1263 583

664 1144 1307 1265 1454

Pag. -

di Weil-Felix nel tifo addominale: positivita . . 477 cerebro-psiohi-che e cercbro-viscera.li nel eoncetr to vi talist<ioo . . . . . • • . . . . . . . . . . . • . 20J()'. - ; v. a.. Cuti - , Intradenmo\ -, Siero, SifilJide, Tuberc.olosi. H egime alimentare a zig-zag • • • • • • • • • • • • 274- ; v. a. .Oieta.. Reoime f ascista: opeTa neZLa Zotta contro alcu:ne maiattie infettive 1930· • • • • • • • • • • • • • • • • Regione timioa; v. Tumori. Rene : ascesso oorticale . . • • • • • • • • • • • • • 1063 . . . • • • • • . . . . •, . . 422.. - : oalcoli ba.tterici - malato: influenza. su quello sano . . . . . . 1432. - soprannumerar10 . . . . . . . . .. . 736 - : tumore diagnostioato precocemente • • • • • 1286 - uronefrotico oalooloso : presen.za di ossi . 27 Reni : affezioni infiamma.torie oroniche delle oap· sule . ..... . . . . . . . . . . . . . . . . 575 - · carbonohio . . . . . . . . . . . . . . . . . 1475- degli ipertesi . . . . . . . . . . . . . 1750· - : disturbi causati da un'a.bnorme inserzione del. . . . - 'uretere sul ba.oinetto • 1522 • - : ectopia bilatera.le . . . . . . . . . . . . . 1476 • • - : emato-idro-nefrosi . . . . . . . . . . . 703 - : enervazione ed inf ezione ematogena 308, 664- : fibromi puri . . . . . . . . . . . . . 1522 - : funzionalita nei la.ttanti sa.n i . . . . 664 • • • - : funzione nell '! nsuffioienza postroperatorja. del f egato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1064 - : insufftcienza cronics. : inizio • . . . . . . . 182 . - : misura della funzionalita : " urE:a clearance „ 1497 - : radiologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1874- : refrattometria. urinaria. per lo studio funzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 698 · - : stato nella valutazione flsica dell'atleta 1705 · - tubercolari : flora batterica . . . . . . . . . • 787 - : tubercolosi : va.lore diagnostico della pielogra.lia. 530 - : vasi anomali . . . . . . . . . . . . . . . . . •. .1693-- ; v. a. Azotemia, Cisti, Colibacillosi, Diabete, Eohinococco, Idronefrosi, Litiasi, Malattie renali, Nefrosolerosi, Sindromi, Urologia, Uro-pio-nefrosi: Vena re.nale, Vie · biliari. Resezioni gas:tro·duodenali : ricerche sperim. 1010Res.ezioni; v. a. i singoli Organi. Respirazione artiflciale; v. Tetano. - : insuffioienza nasale e capao. vitale polmona.re 1741 R esponsabitita; v. Chiru.Too . Reticolo-endoteliomatosi maligna . . Retina : distacco; operazione di Gonin 905 Retto : cancro . . • . . . . . . . . . . 778, 1255 - oarcinomatoso : amputazione . . . . . . 1593 - : prolasso; ricostruzione dell'apparato sfi nterico 269 - : restringimenti . . . . . . . . . . . . . . . . 1474 -- : stenoei inftammatorie: etiologia e patogenesi 735 - ; v. a. Doiore, Emorragie, Rettocele, Riflessi. Rettooele strozzato in gravidanza , . 624538 Reumatismi ... ...... . . - cronici : terapia. . . ·. . . . . . 585 Reumatismo artio. oron. : rilievi . . . 72· ' 984 - cerebrale iperpiretico a deoorso acutissimo • 72 - cron. : metodi moderni di oura . . . . . . 1375 - - vertebr. deformante . . . . . . . . . . . - muscola.re : inftltrazione dei tessuti con gluoo8io 72 - tu bercolare di Grocoo-Ponoet . . . . . . . . . 1264 - ; v. a. Artrite, Cardiopatie, Perit.onite reumatica. Ricambio basale ; v. Iperteneione. Ricambio carboidratico . . . . . . . . . . . . . . 1262 - idrico salino sotto l'azione delle aoque di Mon· . . . . . . . ... . . . . . . . . . . 1714' tecatini - ; v . a. Metabolismo. Riceroa medica: soopi e necessita . . . . . . . 151&

. .

.

1345 424 1.409 637 547

1409 1828

.

..

.


-

XXVIII -

Pag.

Pag.

.

.

Ricorrente ; · v. Paralis i. 503 . . . . . . . . . . Riflessi ano-rettali 650 . . . . . . . . . . • - di difesa ... - duo:leno-in sulari e a.ppendico-insulari . 423 - ooulo-cardiaoo e solare : influenza sopra la pressione arteriosa ~ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . · · 18~9 - ; v . a . Distocie, Fenomeno di Bell. Pupilla„ ecc. Riflesso oculo-ca.rdiaco nella. tubercolosi polmon. 1200 1107 - seno-carotideo : anfotropismo 70 - vestibolo-pupilla1·e · . . . . . . . . . . . . . . . R\ga ; v. Morbo di - Fede. Ringiovanimento; v. Sangue. Rino-tracheo-bronchiti anafilattiohe discendenti . . . . 1437 . . . . . . . . a smogene 1149 . . Rivitiftcazione : etudi 335 Robustezze vere e false 1961 Roentgent erapia intensiva Roentgenologia (Roeutgendiagnosi, Roentgenterapia) ; v. a. Radiologia. 1682 Ross. R. . . . . . . . . . . • • . . 755 Rosst B . . . . . . . . . . . 1:042 • • • • „ • • • • • Rotula : lus~azione <·ongenita Rummo ; v Morbi. Rumore : il . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1029

s

SalaAso : indicazioni . . . . . . . . . 347. Salioilato di sodio nelle _sindr.omi coreiche a.cute - - - : proprieta criptotossiche . . . Salicilioi : somministra.z. di alcali Salpingiti; v . Piosalpinge. Salpingoisteroanastomosi seguita da gravidanza Salute negli Stati Uniti . . . . . . . . . . . Salvarsan; v. Arsenobenzolo. Sangue : a oido solfocianico - : oellula di Gaucher . . -- : f erro nei lattanti funzione regolatrice del sist . nerv. cen t r . - · genesi dei monociti . . . . . . .. identiftcazione delle maochie di influenza del sistema nervoso centr. - : i niezioni per il « ringiovanimento „ rioerohe . . . . . . . . . . . . . . . . . 1415, tei:ppo di coagulazione e retrattilita del coagulo : . . . . . . . . . . . . . - umano : raggi mitogenetici - : trasfusione nella emottisi tub. - : volontari della trasfusione del - ; v. a . Acido urico, Agranulocitosi, Anemie, Azotemia, Baoillemia, Calcio. Chetonemia, Ema.tomi, Emoglobina, Emopatie, Eosinofilia, Emazie, Glit emia, Bacille mia, Calcio, Ohetonemia, Ematomi, r.ooiti, Mielosi, Milza, Morbo di Vaquez, Nefrosi lipoidea. Neutrope-rua., Pneumotoraoe. P o!icitem ia , P olipeptidemia, Raggi ultravioletti. Sif'ro, Sind.romi, Tonsillectomia, ~cc. Sa:nita; v. Con sioiio Suveriore di - . Servizi iqie~ niao-sa11.itaTi . Sa r oo ma delle gb iandole inguinali : radiumtarapia - ,1r1t eogenetioo della. tibia. destra . . . . . . . - ; v. a . Stom aco . Sar oom atosi apat o-renale simulat e da eohinococco Satur n ism o : cu ra. . . . . . . . . . . . . . . . . . . - ; v. a. Biacca, I n t ossicazion e. Piombo. Scarlattina: compito dello ~treptococco emolitico - a morbill o : a.ssociazione . . . . . . . . . - : probl em a eziologico . . . . . . . . . . . cbeletro : lesioni diffuse con d eoalciftoazion e - . metastasi d 1 neoplasie: riconoscim. rad iolog ico pret'ooe . . . . . . . . . . . . . . . .

1268 117 628 427 344 1383 698 297 298 1011 274 1838 295 1067 1446 1953 547 1304 1417

291 1.(85

539 1379 ~013

29 1757 1293 776

Schistosomiasi vescioale nel Fezzan . . . . . . . . Schiiller; v. Morbo di - Christian. .115, . Sciatioa . . . . . . . . · . . . . Scienze : collaborazione nelle Scissuriti tubercolari dell' infanzia . Sclere blu e dif etti a ssooiati Solerodermia; v. Paratiroidi, Paratiroidectomia, Tiroide Solerosi a placche : cura . . . . . . - - - - e meningite linio citaria . . Scoliosi congenita e coste oervicali · - : la . . . . . . . . . . · . · - ; v. a. OifoScompenso cardiaco ; v. Ouere. 1927, 1947. Soottature : cura -; v. a. Ustioni. Scrittura a macchina : vantaggi „ • • • • • • • Scroto; v. Organi genitali. Scuole : vigilanza. sanitaria . . . . . . . .• . . Seborrea Secrezione esterna; v . Pancreas. Secrezioni inteT'Ile ; v . a . Endoorinologlia, Ormoni, Utero. 8egno di Argyll-Robertson ; , ._ Pupille. - seoondo di Brudinski nel lattante . . . . . . . Semeiati<Qa ne~I>el.·<ilidat.Ti ca. del C&IDII><> vißri.vo Semeiotdea ; v . a.. Segni, Si1ndroone, eoo. Senesooaiza e aoo.rescimenito . . . . . . . . . . . . Seno mascellare: corpi estranei . . . . . . . . . . Seni aooessori; v. a. Neuriti, Sinusiti. Sepsi ; v . Ascesso da fissazione. Servizi igien ic o-sanitari 509, 589, 668, 709, 911, 1019, Seseo : determinismo . . . . . . . . . . . Sessualita maschlle : indici .. ' .. . . Setticemia colibacillare a forma tifoide, oon roseola addominale . . . . . . . . . . . . . . . -; v . a . Sepsi . . . . . . . Sfint ere ileo-cecale : endoscopia S hock ; v. Ch oc . Siero: a lbumina nel diabete consuntivo . . . . . - ant idjfterico : attuali controversie . . . . . . . - - : efficacia curativa e in asaociazione morbosa pol.mondte cru-pale, difterite fa.rin.g ea con rnaToolessia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . · . . - antipoliomiel itico nel trattamento dell'ence_fa,lite - di animali trattati con e stratti s plenici 1 • ......... - · reazioni da - ; trattam. - ; v. a. Fegato. Siero:rea~ione di Kahn nella eiftilide . . . . . . Bier orea zioni ; v. a . R-e azioni. Sievoter aipia antidifterica e a n alfdl aßei - anticolibacillare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . - della peritonite - dell'appendicite perforata e gan g renosa - - ; v . a. DiJter i te. Siero . Siftlide: auroterapia - : eure . . . . . . - f ebbrile pseudomalarica - latente del testioo)o . . . „ -- nei nati da siftlitici : proftlassi - nervosn. : diagnoS'i mediante analisi del l_iquido cer.-sp . . . . . . . . . . . . . . . . r eaziond di flocculaz. a l (( oitoohol 11 -·. reazioni serologiche . . . . . . sieroreazioni di flocculazione . . sindromi linfemiche . . . . - ter.ziaria : contagiosita . . . - : •. a . Amiotrofte. Arterite, Bismuto. Cirrosi epatica , Eredolue, Mastite, Mesoaortite, Nervi ottici, Prostitute, Siero reazione, Sifiloma , Spiroohaeta pallida. Si fi lo ma bronco-polmonare . . . . . . . . . . . .

.

.

.

423 2009 1997 232 745

986 1699 661 1222

1596 392 1381 1013

350 27

537 1968

1030 1961 1343

644 905 20 1588

762 247 1875 1148

1596 584 584 1148 627

1057 1926 300 1797 1994 1691 1828 505 781 1674

1058


-

XXIX -

Pag.

Pag.

- del ceco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 274 Sigma col ioo : -=-tenosi neoplastica e perforaz. ; intervento .................. 1102 - ; v. a . Oolon. Simmonds; v. .Morbo di - , Sind rome di - ·. Simpa.ticectomia a ddominale nel la malattia di Hiri;cheprung . . . . . . . . . . . . . . . . . 1910 Simpatectom ia; ''· a . .Arter ie . Sindrome addisoniana ; v. Addison iAmo. - chiasma.tioa fiogistioa . . . . . . . . . . . . . 1146 --:- oolelitiasica da cause esterne alle vie bilia1·i 71 - di Bernarcl e Ho rner n ella frenicoexeresi 1342 - - 1Snnn ..... 538 - - Klippe! e Feil . . 1298 - - Simmonds . . . 1333 - emorroidaria ed amebiasi : rapporti 1827 - entero-renale . . . . . . . . . . . . . . 969, 2007 - ganglionare granulomatosa febbrile ed emopatia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1740 - ganglio-eplenica con leucocitosi e linfooitosi guaribile spontaneam. . . . . . . . . . . . . . . . . . 1092 - meningea n el decorso iniziale di una polmonite lobare . . . . . . . . . . . . . 151 - paralitioa dell'apice orbitario 1145 - paratireopriva p ostoperatoria 1962 - retro-olivare o di Wallenbo r g 1665 - striata t raneitpria in donna oon cl oppio vizio mitralico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1987 8indromi addominali; v. Urologia. - aseociate dell'addome destro . . . . 389, 677 -· coreiche aoute: u so del sali cilato di sodio 117 da anaftlassi attiva looale . 70 - del corpo oalloso . . 100 ili s in·u .siti oroniohe 106 ~: -- <lolorose addominali 150 . . . . . . . . . - e nce falitich e e isteriche 113 - miodiostrofiohe .. . . . .. . . . . .. . . 85 neuI"ologiche aesociate oon la ipogli cem ia 1225 - dovute ai traumi elettrici industriali 114 - retroperitoneali d'origine renale . . . . 1451 - sen sitivo-motorie di origine funzion ale . 387 - simulanti oardiopatie . . . . . . . . . 493 - tossiche dell'ooclusjone intestinale e delle peritoniti aoute : trattam . . . . . . . . . . . . . . . 256 - ; v. a . N ervi cranioi. Sinusiti cronioh e, Malattie. Hinghiozzo come sintomo del <r li gamen tum teres "t 1523 - epidem ico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 583 Sjnoviale (membrana); v . Cisti. Sinuaiti crondche; v. Sin.dromi di - e loro oomplicazioni in rapport o a lla clin ic·a generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1586 - fronto-etmoidali e compli canze orb itali 864 Siringomielia . . . ·. . . . . . . . . . 810 Ristema nervoso: azione ciel caffe . . . . . 1383 - - centra!e : influenza sul san gue . . . 295 - - - : ipopressione e interventi chirurgici 118 - - - : traumatologia . . . . . . . . . . . . 113 - - : chirurgia : complicazion j post-operatorie 897 - - : infezioni acute . . . . . . . . . . . 896 -- - : infezioni acute non su ppurative . . . . 112 - - veget. : ohirurgia . . . . . . . . . . . . . . 1071 - ·- ; v . a.. Anem ia, Colitici, Dia.bete, Encefalo, Granulomatosi, Lacun a ri, .Midoll o, Pressione sanguigna, Sa ngue, SindJ:--Omi n ervo&e, ecc. - ret.-endot. n ei tumori sperimentali . . 741 - - nella tbo. 1.265 . p olmon. ·. . . . . . . . . . . Sooieta mediche: il m ol tiplicarsi delle - . 429 287 Solfocarbonismo : r eazione della perossidasi Solfoterapia ; v . Diabete. SOLI u. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 360 Soluzioni ipertoniche cloruro-sodiche per Ja cura

degli stati tossici nelle occlusiQni intestinali e nelle peritoniti a cu te . . . . . . . . . . . . . 257 Son da gastrica n el t ratt amento dell'ematemesi 469 Spina bLfiida; v. a • Incontinen ~ a d'orina . vativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165 Sonniferi: somministrazione . . . . . . . . . . . . 138(' Sonno : disturbi nell'inf anzia e nella fanoiullezza 815 Sordita con genita . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1964 - dei cacciatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 585 Sordomuti: educazione acustica dei bambini semisord i e . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 Spalla : r igidita dolorosa . . . . • • • • „ • 67 - : lussa:Gione abituale : terapia operati va )40 - : - traumatica bilaterale . . . ' 1049 Spermatozoi : conteggio . . . . . 1970 Spermocoltura ; v. Gonococcismo. Spina bifida; v . a. incontinenza d 'or ina. Spinaci : saponina . . . . . . . . . . . . . . . . 874 Spina dor sale: trauma; paraplegia s past ica insorta dopo 36 anni . . . . . . . . . . . . . . . . . 1102. - - ; v. a. Asoessi, Malattia di Kümmel, Rachide, Spondilite_, Vertebre. Spirit o e oorpo . . . . . . . . . . . . . . . . 1149, 1270 11 i3pirochaeta pallida •> : colorazione . . . .. . 1435 Spiroohete <lella bocoa : biologia e classificaz. 821 - ; v. a . Gangrena. Spiroohetosi spagn ol a . . . . . . . . . . . . . . . 1834 -- ; v. a. Oolite. Splenectomia nella porpora emorra gica . . . . . 391 - ; v. a . Emopatia. Splenografi.a e splenometria .. . . . . . . 653. - ; v. a. Epato-. Splenomegalia: considerazioni diagn ostico-differenziali „ • . . . . . . . • • • . . . . . . . . . . 1533. - ; v. a.. Emopatie, kalarazar, :\-'lala r ia, Milza, ecc. - primitiva foll icolo-'3plenica; spl enectomia; guarigione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 307 S plenomegalopatia ; v. Echinoooccosi. Spo~dilit e; v. Opera zione di Robertson-Lavalle. Sports invernali: l esioni traumatiohe . . . . . . ;;9g Stafllococohi ; v. Morbo di Pott. Stasi; v. Duode110, Stipsi. Steatosi : ricerche . . . . . . . . 98i .. tenosj larin6ea da varicella 1397 - mitralica a forma emoftoica 877 - - : eefa loa . . . . . . . . . . 547 - ; v . a . Duodeno, Int.esti no, Sigma, Uretere. Sterilizzazione di donne affette da t.bc. p olm . 864 - tewpol'anea della donna col m etodo biologico 932 Still; v . Morbo di - Oha,uffard. Stipcndio e indennita caro-viveri: riduzioni . . . 314 Sti tichezza: in tema di - . . . . . . . . . . . 243, 437 ·- in veterata · emicolectomia . . . . . 1066 Stomaco: can cro: con quale preoocita i medici lo <liagnos ticano in se stessi . . . . . . . . 277 - : - ; o perazioni . . . . . . . . . . 13.34 - . oh imisn1 0 nell'insufftcienza cardiaca 470 - : cura razionale dell'a tonia . . . 1065 - - : d iagnosi precoc~ del cancro 929 - : dilataz. post-operativa tardira 743 - : emorragie diffuse . . . . . . . 1908 - : ernia diaframmatioa non traumatioa 822 - : esame funzional ~ . . . . 540 310 - : :ftbrom ioma . . . . . . . - : neurinoma peduncolato 1874 626 - : occJusione inte rmitt ente da causa meccan ica - operato : ,g aatrrite . . . . . 736 - : polipi . . . . . . . . . . . 57 734 - : pr o\'a clinica rlell 'istamina 1910 -~: ptosi: terapia ohirurgica 777 - : sarcoma primitivo . . . . .

\


-XXX -

Pag.

Pag. Stomaico: secreziO"ne e tfunzicme eritropoietica ·- : 9 t ud io rlella fun ~ionalita mediante l'istamina - e il sondaggio fra.zion.ato . . . . · . - : torsione parziale . . . . . . . - : t ub"ccolosi . . . . . . . . . . - : t ubercolosi a f orma vsc.1do-neoplastica . . ·- : ulcere d ella piccola ourvatura . . . . . . - : v. a . Acbilia, A.ol oridria, Circolazione, Crisi, J) i.~pepsie. Fjtobenzoar, Uastropatie, Indaoanur ia, Malattie ren a li, Radiologia, Resezione gasLro-duodenale, Trioobez•>ar, Ulcera. S tomatite a ftosa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . St oria della medioina; v. Brou ssais, Fourneau, 'fv(orga,gni, Pucoinotti, Vir cho\v. Stomosina; v. Tubercolosi. Streptoool.}chi anaerobi n.ella vagina di gravide n ormali . . . . . . . . . . . . . . - n el 8angue in cliverse malattie . . . . - ; v . a. Angina, Otic.i., Soarlattina, eoo. tridore oongeuito . . . . . . . . . . i:>trofulo infantile: cura <lietetica . . . . Str11ma ipofse.ria ; v. Latta Strumect omia ; v. ·rracbeomalar ~a . Sublimato corrosivo: avvelenam ento da Suicidio; psicologia . . . . . . . . . . Supp uraziooi addomin o-pel ,. ich e : origine - : trattamento 784, . . . - : i·oentgen tera p ia - ; v . a . Pelvi, Polmoni. 'urreni: simpaticeotomia chimica periarter iosa . . - ; v. a. Addisoni smo, Agro m~galia, I stamina, Morbo di Addison, Ormone cor tical e, Ormoni.

1516 447 1211 1582 273 1449

1658

1067 1368 961 1404

1415 1345 1375 20 1375 1874

T '.Pab acco: effetti nocivi . . . . . . . . . . . . . 'l"atbe: 01.ITa .con la vacoinazione antir.a.bbica - : ert1zioni erpetioh e nella crisi gastr. . . - : p~eudo- di orig·ine t ifica . . . . . . . . 'f abetici : cordotomia per dolori lancinanti Tannino; v. Scottature. Ta~ lor; v. Metodo Castella ni -. Teelina : tlRO nella m e nopausa Tendine : trapian to . . . . 'fen ii ni : ferite; plast ioa .. . - : riparazione delle ferit.e - ; v. a. Mano. rr~niasi : cu ra . . . . . . . . . . . . . . . . . 'fensione arteriosa e tessuti embriogenetici - ; Y. a . I pertensione. Ten11e; v. Intestin o, Meso-. '.rerapia e med ici na . . . . -- endocrina: scopo e limiti - : prospettive del f u t uro . . Tessuti: oanoerizzazione « in vitro » - : colture in pl a sma di animali irradiati . 'resticoli; v. Cicatrizzazi:>ne. Testioolo ed epidi<limo : tors ione delle appendici - : sifilide latente . . . . . ; v. a. <l..ddiso nismo, Oroh ite. ' reta no, : autoematotera.pia · : controvers.ie sulla prevenzione - e gib bo . . . . . . . . . . . . . . - : m orte appa:·ente: reYive~· ·l.:nza merce la respirazione artifto. . . . . . . . . : rilievi cli n ici e tera.peutioi - : "ieroteral,)ia . . . . . . - : terapia avertini ca : t ratta.m. con l'iniez. endorachirlea di a c. f enico - : trattam. col metodo ftlattico . . . . . . . . Thorotrast; v. Torio. Tibia; v. arcoma .

.

76 863 1028 744 1854

1344 1023 1220 1875 1303 1829

1929 1186 1703 1834 386 301 300 1448 23 1295 1103 565 1148 664 772 379

745 Tic diaf rammatico1: frenico -exe1·esi . . . . . 1353 '1 ift benigni ab(•rranti e f ebbre bottonoea . . - - · v. a . febbre esantematiiea. • Tifiite e appendicit3 . . . . . . . . . . . . . . . . . 817 Tifo addominale : positivita della reaz. di Weil r. Felix . . . . . . . . . . . . . . . 477 1519 - - : epidemiologia a Pavia . . . - - ; v. a. 'llifaide. - esantematico ; v . Tifi. benigni. 1519 - : batteriofago . . . 1837 • • • Tif oide nel poppante . 149 - : peritoniti . . . . . · · - ; v. a . Circolazione, Colecistiti, Febbre tifoide, Tifo addominale. Tilno ; v. Tumori. Tim onu cleato sodico; v . P olmonite. Timpanism o epatico, sintoma precoce di perfora253 zione dell'ulcera gastroduodenale ..... . Ti0i90lfato di &>dio; v. Nitropruesiat<> di sodio. Tiroide: dia.gnosi precooe d'insufficienza 1185 1171 - : insufficienza della - ed ascite . . . - : iperattivita: errori dia~ostici . . . . 1484 - : neoplasma della, - o scleroder mia? . 1301 -; v. a. Est rattJi, Febbricole, ]J>ertiroidie, Ipertiroidismo, Morbo di Flajani-Baspdow, Strumeotomia, 'riroidite e ss. 1468 Tiroidi te suppura ti va . . . . . . . . . . . 1171 'l'iroidie : iper- : radioterapi a . . 1168 Tiroidosi : iper· : t r atta.m. inte~.:no 1332 Tiroxina nell 'ipercol esterolemia . . 1806 .. T1zzONI G. . . . . . . . . . . . . . . . 111 'l'ono muscol are : anatom ia, fisiologia e patologia 1453 rrons ille : f unzion e . . . . . . . . . 663 - sul l'origine di alcune i nfezion i .. 302 - : sutura della loggia . . . . . . . . . 1515 Tonsillectomia : influenza sul sangue - ; v. a. Ascesso di Brodi e. 194 Tonsilliti e nef ropatie • • 586 - : radioterapia . . . • 497 Torace : chirurgia . . . 1911 - imbut iforme: cura ohirurgica - ; v. a. Toracometria e ss., Traumatizzati del -, Vene. Toracom et r i a; v. P n eumotoraoe. Toracoplastica e a p icol isi : resezione de1le apofisi 706 t rasverse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . „ 982 - totale a llargata per :fistola pleurioa oronioa - ; v. a. Bronchi ettasie. 1415 Torcicollo musc. oon genito: intervento 537. 622, 903. Torio : appl icazioni radiologiohe . . . . ,521, 1799 1557 'rosse faringea : t rattam ento . . 1968 Tossioosi alimentare: cura . . . - ; v. a . Gravidanza, Intossicazioni , Puerperio. 982 Tossi-infezioni alimentari rla mollu schi .. . . Trachea; v. Batteri, Rino-tracheo-bron chiti. 420 Tracl1eomala.cia : risultati del la strumectom ia 1555 Traooma dell'inf a n zia: stato della cornea 545 - : iot ta. co1itro il - . . . . . . . . . . . ·. . . . 1143 - : vaccinoterapi a . . . . . . . . . . . . . . . . Tracomatosi : flora batterica e vaocinoterapia 1142, 1148 rr rapian to t.en dineo ; V. Tendini. rrrasfusione di sang\le ; V. Sangue. Trasudati ; v. E ssudati. Tra uma causa di emottisi • • • • • • „ • • . . . . . 224 - nella produzione di sintomi ner,osi . . . . . . t13 - : influen~a nella. genesi di a lcune m alattie nervose . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114 Traumatism o raro dell'uretra femminile e rlegli organi erettili della vulva . . . . . . . . . . . . . 178 Traumatizzati del torace con enftsema gen eralizzato : indioazione del taglio soprasternal e . . . . 557 •

1


-

XXXI -

Pag. •

Pag .

- - : presorizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 470 Traumi oranioi: diagnosi e oura delle sindromi oonseoutive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114 - - : trattam. con pneun1operitoneo . . . . . 943, 981 - ora.nio-oerebrali: oonseguenze tardive . . . . . 71 - laringea : cura . . . . . . . . . . 1305, 167 3 - , Traumatismi; v. a. Addome, Asoesso di Bro- - : lesioni del simpatico . . . . . . . . . . 586 dtle, Calciofiissaziont-, Diaframma. Intestino, Lus- looale e traumi : loro relazione . . . . . . 1264 sazione, Malattia di Kümmel, Pneumatocele, - locali di fronte al quesito dell'immunita . 426 Pneumocefa.lo, Spina dorsale, Sport, Trombo- miliare e baoillemia . . . . 1342 - : morfologia clinica . . . . . . . 386 flebiti, Tuberoolosi looale eoc. muscolare eruatogena : cura . . 1834 Tremore intenzionale : impiego del magnesio 909 - nel 1931 . • . . . . . . . . . . . . . . . . . . 576, 1089 Tremori provocati . . . . . . . . . 303 - osteo-art. : foto- e roentgenterapia . . . . . . 1296 « Triohcmonas intestinalis >> : oisti 1142 - - : pro e contro gli interventi ohirurgioi . . . 1264 'l'ricobezoar . . . . . . . . . . . . 704 - - e trapianto osseo . . . . . . . . . . . . . . . . 388 Tricooefalo oausa di appendioite . 458 - peritoneale miliarioa a s indrome pseudo-coleTriooftzia. della nuca e m oda femminile 353 . . 01st1oa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1962 Trigemino; v. Nervo - . - polln. : amenorrea temporanea da raggi X . . . 541 Triptofanltria e suo significato . . . . . . . . . . 1377 - - : a spetto della. guarigione dopo il pneumo'l'rombe; v . Isterosalpingografla, Piosalpinge. torace . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1090 Tromboangioite obl iterante : metabolismo basale 1381 - - : a u roterapia . . . . . . . . . 1064, 1091, 1304, 1540 740 - - nei quattro arti : intervento . . . . . . . . . . . . . . . . 1960 . . . . - - : autoemoterapi::t Tromboflebiti cla sforzo o traumatiche . . . . 965, 1378 - - bilaterale : alcoolizzazio ne dei nervi i nter~ 543 - dell'arto super. . . . . s tali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 783 . . . . . . . . . 617 Trom boai : cura - polmonari bilaterali con vas te caverne: alcoo- ed emboli post-o peratori : tratt'amento 544 1218 lizza zione dei nervi intercostali 311 - : etiologia e tera.pia . . . . . . . . . . . 1343 - - - tratt ata con pneumot. - ; v. a. V ena renale. 1376 - - : caverne precooi ; sede . . . . 311 Tromboem bolia : olinioa e proftlassi . . 822 - - ch irurgia . . . . . . . . . . 1483 cc Trypanosoma. Druoei n : ricer ohe . 1291 ol ai:isiftcaziooe r: econd o Ranke - 1310 Tubercolari : malattie - ; pre \"enzione . .. 1376 - - - : dentatura . . . . . . . . . . 867 Tobercolina : valore pr~tico delle reazioni all a . 1905 - - ematogena . . . . . . . . . . Tubercoline; v. a. Outireazioni, 'Duberooloei. 1227 e p?lmon e cardiaco: diagn. di.ff. Tubercolo calcificato della ralotta protuberanziale 401 622 - - : febb re mestruale . T ubercoloma. ileo-cecale . . . . . . . . . . . . . . 310 540 - - : infiltrati per i-ilari - mammario <l'origine eo. lale . . . . . . . . . . 28 1827 - - : inftlt r ato precoce . T u.bercok>esi a.ddominale: diffueione miLiarica. 742 420 - - : legatura della vena pol moa. - : a ller gia ed immunita : rap~orti . . . . 1416, 1591, 577 - - nell'adult o : eziolog ia . . . 1827, 1854 1304 - - nell'infanzia . . . . . . . . 1753 - : auroterapia . . . . . . 661 - - : n l1ova classificazione delle forme 425 - : crisi <.la climatoterapia 583 : re3ezione dei muscoli scaleni 914 - : cura immunitaria. . 1200 - - : r iflesso oculo-cardiaro - cutan ea: apr,l1oazioni pratiohe della dieta Ger1263 - - : rilievi s tati'3tici . . . . son . . . . . . . . . . . 783, 1219, 1305 1091 - - : terapia i:;tomosinica . . 1062 - - post-morbillosa 654 - - : trattamento oh irurgico 150 - : ou tireazione r egion a le 1834 - - · vaooin ote1·apia. medica.ta 654 - : outireazioni: speciß.oita - - ; ,. . a. Entottisi, J<'renico-exeresi, Pneumoto1592 - del cieco a sindrom e prettamente urinaria raoe artif . 1595 1220 - del colon . . . . . . . . . . . . . . . . . . ·- : prima infezione att1·averso Ja oute . 525 419 - - dell'ileo polmon are nell'adulto . . . . . - primitiva della gb iandola mammaria 532 - : diagnosi r apida mediante trattamento diete- - d ella milza. . . . . . . . . . . . . 185 351 . . . . . . . tico della cavia inocula t a . . . . . . . . . - l)rostatioa - : p r ova optometri ca rli ß occulazione di Vernes 505 - ed alimentazione . . . . . . . . . . . . . . . 746, 983 1169 - renale: piel ogr'afia per la diagnosi . . . . . . . 530 - e ipertiroidismo . . . . . . . . - - ; v. a. Nefrectomia, Nef rectom izzati. 1292 · - - e 11nfogranulomatosi malignä . . . - speriment ale: s'ilttIJPO n el polmone collassato 1221 1555 - e m a la r ia: rapporti . . . . . . . . - : var1e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 659, 1591 - : emocoltur a del bacillo secondo il metodo Lö344, 424 - 'iscer a le . . . . . . . . . . . . . . . · . . . . . 192 wenstein . . . . . . . . . . · · - : virus flltrabil e: importanza e signifioato .. 1952 1663 - : etiologia e proftlassi . . . . - ; v. a . Bacillosi, Cistjte, Diat esi emor ragica, 1369 - : focolai latenti; riatti vazione Emottisi, Ent erocolite, Espettorato, Febbre tu273, 1582 - gastrica . . . . . . . . . . . . bero0Ja.1·e, Fistol e, Glomerulonefrjti, Meningite, 344 - genit. masob.: esploraz. per via rettale M Uza, Pancreas, Pneumotorace, Reni, Reumati386 - : immunita: natura e liro.iti . . . . . . . smo tuh eroolare, Scissu rit.i, Sterilizzazione, To747 ·- : - e r esistenza . . . . . . . . . . . . . . r aoopl rusti ca, Tubet'~ol omi, Vacoinazione ecc. 1264 -- i nfantil e: adattament o d.ella dieta Gerson 'rumore dell'angolo ponto-oercbellare: intervento 342 232 -· - nei prim i tre anni di vita . - di milza: diagn osi col nuovo m et odo di oontra1637 - - : prove di McOlure e Al drioh . . 31 sto di Ra.dt . . . . . . . . . . 1447 - - : riserva a loalina . . . . . . . . . 1834 - misto di parot ide aoc.essoria .. -- : infezi.one primaria tardiva negli adul i i 1961 586 - - epifaringeo . . . . . . . . -- : inftuen za. di alcune malattie . . . . . 129! 741 - (psomm atoma) del mese ncefalo - : infiusso del cal cio sulla ooagulabilita del san~0 7 - r etrobulbare volnminoso: a!:portazione 298 gue e sulla formola sangui gna 309 • • • „ varicoso enorm e dPlla gam•b a . . 626 - intestinale : pneumaturia . .


-

XXXII

Pag.

Pag ~

27 3 Tumori cardia.ci de1l'inte tjno tenue . . . . . . . 109, 501. 695, 860 - cerebrali . . . . . . . - - roentgendiagnosi . . . 110 - - ; v. a.. Emianopsia. - congeniti dello spazio retto-sacro-coccil!eo 1217 - uronici tli milza . . . . . 533 1406 - della regione timica . . . . . . . - · delle guaine del sistem a nerYnflo 110 - clell 'encefalo : radioterapia 111 - der.motiidi 1021 -- e lipoidolis i 1029 frontali 695. 1860 - : genesi 982 - maligni della Yescica: radiumterapia 195 - maligni : deviazione del complemento . 775 - - prim itivi del l 'uretere . . . . . . . . 195 - - produzione da trapianto di tessuto embrionale • • • • „ • • • • • • • • • • • • • • 1996 - - : trasfo rma ~io ne di cellule normali 928 - : met astasi ossee . . . . . . . . . . . . 1144 - jnfiammatori delle pareti dell 'addome 1521 - : probabile azione a n tagonista di radiazioni di lunghezza d'onda . . . . . . . . . . . . . . . . 1665 - : proprieta n eurotrope causa di malignita . . 1996 - spec·imentaU : azione <li fermenti proteoliti ci sullo svilu1ppo di . . . . . . . . . 1833 .- bpiua't i: oh irt)r gia . . . . . .. 552 -- temporali . . . . . . . . . . _ 695 - ; "'· a. Adenoma, Articolazioni, Oatrame, Corioepitel1oma, Epitelioma, Gan glion euroma, Gl andrua pineale, Intes1:iino. Intn·m escenze, Leiomiomi, Linfogranuloma, L ipomi, 11ammella, Mixoma., Na.eo, Neoplaeie, Neurinomi, Nerv1i cra,nici, Papillom s,, Retit!olo-endoteliomatosi, 8arcoma, Sarccma toei, Scheletro, Sistema i-et icolo-e11 d otelia le. Stomaco, Tesenti ecc.

u

Ulcera ·luodenale cosi detta ad anf:llo . - - ed ematur1a . . . . . . . . . . . - - non resecabil e : r esezione escl11den i. f- - nerforata . . . - - : t rattamento - f lebitic"a: sin tom i e cu r a - gastrioa : degenerazione cancerigna - -- d.: pepsinoterapia . . . . . . . . . . . . 463, -- - -- : trattamento . . . . . . . . . . . . . . . - - : genesi spastioa . . . . . . . . . . . . . . . - - e nlcera pe1)t ica post-operatori a: r e ~ e7.ione dei Yagh i

. . . . . . . . . . . .

. . .

. . .

- - : nuove eure . . . . . . . . . . _ . . . . . - !!astro-duodenale : cura col l>~nzoat o di ·orlio 1>er Yia endovenosa . . . . . . . . . - - da >tlimenazione ins11ffjciente . . . . - - : diagnosi <li g uarigione . . . . . . - - : il · timµani~mo epatico si nr o111a nreco<'e di perforazione - - : perfora ta 503, 1063. - - : pro(?'nosi - - pe1'. : resezione gastr. - - : sintomi lontani dopo la Bill 1·oth I T s perimentale • • • • „ • • • • • • - - : tera-pia con l 'alimentazione digiun ale - - : t rattam. con estratto parath.· oideo .. - -- : trattam. con iniezioni ipodermir.he 1ii pepSille - . . . . . . . . . . . . . . . . . . 343. 463, nngin olent n : tratt a m. J)reparatorio . . . . . . . . . . . . . . . . . _. . . . . . - peµtica - - digiunale post-opera.toria, steno~i duodenale. nlt·era perforante del rolon . . . . . . . . ed eworrat:ica post-operato1·ia . . . . . . . .

501 626 902 1023 1379 1379 1823 627 1452 625 1636 98~

1962 1269 1440 253 1482 462 1379 819 1874 901

468

- - - : patogen esi e trattam. . . . . . . . - - : trattam en to con mucina gastri oa . . . 977, - - ; v . a. P a n creatiti. - piloro-du odenale: esclusione totale -- recidivant e dopo res~zio ne gastrica - tub ercolar e d ell'in testin o - . . . . . Uloerazioni i ndotte Sl1lla pl i<'atio gastrica.: gu arigion e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Ulcere varicose: nu >vo m etouo per la cnr a U l cu s del diver ticolo di Meckel . . . . . . . Ult r.a--.filt rabillita . . . . . . . . . . . . . . . . . . Ult r aviru s tubercola re: rioercl1e - ; v. a. V il'IUs. U raoo : eist i . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . cc Urea cle<l„rence » -0osi detta c< ine misu ra della funzionalita renale . . . . . . . . Uremia: q u a dro em atico e trattam . Uretere bifido bilater ale . . . . . _ - : epjtelioma prim itivo . . . . . . - : f ormazione oistica associata a bjlba i·zia . - : sten osi dell'estrem o vescical e: terapia operativa . . . . . . . . . . . . . . - : stravasi di orin a IT reter i : cal col osi ; segn o oistoscopico - : cateterism o . . . . . - - : trapianto n el ret tosigma . . . . . - : t umo r i m a ligni p r imitivi . . . . . - ; v. a. Catet er i ureter a l i, Caloolosi. Reni, Urop io-n ef rosi. Uretra femm inile: con crezioni . . . . . . . . . . . - - e organi erettili della ' 'ulva : rara lesion e traumatioa - . . . . . . . _ . . . . . . . . . . . . - : restringim en to congenito jnfrangibile, con fatti settico-urem ici . . . . . - : sonda a permanenza . . . . . . . . - Uretrite ; v. Urolo·glia . . . . . . . . Uricemia; v. a. Piorrea alv<'olo-dentale. Urine: bilaucio acido-basiro . . . . . . . . . . ·\ . . U rina: p H n egli stati di clepressione . . . . . . . - : ritenzione completa da atonia ''escical e rifl P.ssa : t r attam en to . . . . . . . . . . . . . . . . . . - : st ravasi da ll'u retere . . . . . . . . . . . . . . - ; v. a. A•m m oniuria, Ci1&tuilg'e, Di u1·eei, E~aturia, Gal attosuria, Gl icosuria, Incontinenza, I n c.l icau ur i a, Ins11lin.a , Lattos111ia, Ner1· ite e L!·s. Ossa.luria, P entosuria, Piuria, Pneumo·~uria, PoliuJ.'ia, Triptofanuri a . Ur•)grafia: tecn ica . . . Urologia: cong·resso . . . Uronefrosi da vaso anomalo Uro-pio-n efrosi da pregressa sezio ne c1el l'ureere ; uef roomia ; guarigione U roselectan . . . . . .. . . . . . . . . . . . l Jrotropina nell'inconti nenza di nrin a dellc !Ilalattie nervose . . . . . . . . . . . . . . . . . Urtioaria: emoglobinuria parossistica con Ustioni: tcrapia ... . . . . . . . - ; Y. a. Scottatu re. Utero: diastol e . . . . . . . . . . . .• . . . . - gesta1tte retrofl e:;so: inoarcerazione ... - : influen za di ghiandole endoorine fetal i sull 'attivita m otor ia . . . . . . _ . . . . . . . . . . 1

- : ~DiV01'8-lOil0 . . . . . . . . . . . . . . . . . - ; v. a . Canc1·0, ld1·ometra. I•s terectoini a, IetercsaLPingog.rafia, Ormone ovari co.

1253 1821 12052741830 1874 309

1439 507" 983 1737 1497 1593 27 1477 1738' 970 195 1483 181 738 195

186· 178 194" 165 19;) 15e<> 196 1816 195'

786 188 1197 1428 193' 196 102:! 1226 1206 1265 2008"

306

627 757 1780 466 661

\-a.ccinazione a ntid ifeterica con unica in iezion e d1 anatossina . . . - - : stato attnal e

1302 124.f


-

XXXlll --

Pa.g.

a. Difterite • - antirabbi"a Pasteur nella cura della parali i progressiva e della tabe . . . . . . . . - antitubercolare: metodo sperimentale . . . - jenneriana: complicunze neryose oon.auntive - -- in soggetti a regime ipoclorurico . . . . . - ; v . . a. Encefalit c, Enceralomielite, ari cella. ·raccini lisati per la pre\enzione delle infezioni broncopolmonari post-operatorie . . . . . . . . . Vaooino B C. G. : te:otativi di virulentazioue . . . - pn,e umococcioC<> fG!I"malinizzato valore anti1gene e reaz. l<>cale . . . . . . . . . . - Calmette e tragedia di L ubecca - jenneriano: agente . . . . . . . Vaccinoterapia dell'acne vulgaris - della menjngite da gon ooocco . - locale nelle enterocoliti . . . . . Vacoin-0terapia, Vaccin i; v. a . Artrite gonococcica. Asma, Febbre ondulante, Tracoma, Tubercolosi. Vagina: batteri . . . . . . . . . . . . . . . - ; v. a. Strept<>ooccb i. Vaiolo : eziologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . - ; v. a. Mielite. ,· aquez; v. Morbo di \-a.ricella. oonnesea. a zon a: epideroia ~italieru. - ; v . Stenosi la.ringea . . . - : vaccinazione profilatti.ca - ; v. a.. Zoster. Va.rioi: trattamento . . . .. . 384, 661, - ; v. a. Graviclanza, Tumore varicoso, Ulcere varicose. Va&ellino!D.!i : c linica e ana.tomopa.tol-0gia . . . . Vasi anomali; v.Reni, Uronefrosi. --; v. a. Ar terie, Capillari, Vene. \ ·ecchiaia: modificazioni delle emazie . . . . - : patologja e profilassi . . . . . . . . . . Vena a scellare destra : raro ca.so di trombosi - porta : ostruzione; anastomosi . . . . . . - ren·-tle · t.rombosi . . . . . . . . . . . . . Vene superficiali del torace e dell'addome : arbo· rizzazioni . . . Ventricolografia ... Vermi; v. Elminti. V'ersamenti ematioj in cavita . . . . . . . . . . . - pleurioi; artificio semplice 11er faoilitare le punture esplorative . . . . . . . . . . . . . . . . . . - -; v. a. Eosinofilia, Essuda.t-0. Vertebre : alterazioni nelle carcinosi . . . . . . . . - : fratture . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . - lombari : lesioni dell'i.stmo delle lamine . . . - ; v. a. Osteomielite, Reumatismo, Spina dorsale. Vertigini e loro terapia . . . . . . Yescica: adenocaroinoma della oupola - : aff ezioni d'3l 00110 . . . . . . . . - : atonia riflessa . . . . . . . . . . : calcolo simulante un papilloma . . 1063, -·. corpo estraneo - · diverticol i; intervento - : estrofia; intervento - : - : operazione di Peters • - : funzi00>.e motooia - : ipertrofia oongenita del collo: resezione, g11arigione . . . . . . . . . . . . . . . - : miomiomi - : metastasi oarcinomatosa - : punti di repere . . . . . -

-

; Y.

'r

"-

1

.

.

863 686 1207 1594

419 983 1~4 5

155 106 1 655 985 1212

392 1067

428

1397 1838 1585

606

1800 976 1875 1873 159

540 110 1413 387 67 1714 427 1028 ti99 168 1816 1290 1594 1738 738 1442 1064 981 1257 701 1tf83

Pag.

radiologia . . . . . . . . . . . . . radium terapia dei tumori maligni . . ra:vo -cas-0 di distensione . . . . . . . resez1on c . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ~ : tumori . . . . . . . . . .. 195, 699, 701, 1257, - ; v. a. Oistalgia,, Cistectomia , Oistcscopia, Ool iche vesoicali, Schistosomiasi. \1 esruohetta bil.; v. Oist ifellea. Vie biliari: oolecistografia . . . . . . . . . . . . . • • • „ • • - · extr aepatich e . echiD-0coccosi - · - : fwnzionalita cpato-renale nella ·~irur.gia della . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . - - : intervent i: morti rapide oonsecutive con temperature elevate - - : otturazioni parassitar1e -- - : radiodiagnosi . . . . - - ; v. a. Bile, Oolelitiasi, Dotto epatico, Eohinoooocosi, Epatico-coledoscopia, Epatico-colangiti. - panc reatiche e biliari : occlusioni di origine duodenale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . - re1:1piratorie: iniezioni di lipiodol per la radiodiagnosi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . - E;permatiche in terrotte: possibilita di ricanali zza.r le . . . . . . . . . . . . . . . . . . - urinarie alte: diagnosi e cura <lelle infezioni - - : in f ezioni nei bambini . . . . . . . . . . . . - - . produzioni spcrimentali da -ca•tr.a.me . . . . - - ; "· a. Oalcoli colibacillos i, Emorragie, Infezioni urin., Urologia. Vin o; v. Alcool. ·299 Vipera: avvelenamentu ua m l\ :.O d 1 -' Virohovv aneddotioo . . . . . . . . . . . Virus malarJ co ; v. Malaria. - tuberoolare; v. Tubercolosi. Visceri; v. Tnversione vi.scerale ed i sing-0li organi. Viso: chirurgia plastica . . . . . . . Vitamina B nell'edema . . . . ... - della f econdita (fattore E) . . . . . . 386, 740, Vit~mine: isolamento - : n tt.tnra .. . - : progressi nello studio - : si n tesi e farmacologia - : titolazione . . . . . . - ; v. a.. A vitaIDJialosi. Vizio mitralico ; v. Ouore, Sindrome striate. Voce; v. Para lisi del ricorrente Vümito acetonico in p sicopatici - nel lattante e terapia a limentare - nell'eta infantile . . . . . . . . . Vcn1it o; v. a. Gravidanza. Vulva e uretra fun?.ionale: rara lesione traumatica Vulvaginiti dell'infanzia . . . . . . . . . . . . .

-

: : · :

1874 195 704 738 1442

310 1361 1874 529 1143 138

658 141 1875 186 1019 1445

1520 1414 1800 429 73 572 1653 1597

1028 826 273 178 1222

X

1144

Xantomatosi col esterinica familiare benigna . Xantomi palpebrali : trattamento . . . . . .

1840

z

.

1483 Zoster e varicella: epidemia eimultanea . . . . Zoster; v. a. Herpes. Z·u<'Oheri; 'V. Glucoaio, RJioambiio idrocar bonato, -UrirzLa•


-

XXXIV -

Indice alfabetico degli autori . Pag.

A

Pa.g.

P. 662, 744. 1097, 1632 575 CH.

A.BBAMI A.CHARD

C. .

A.DDARIO ADl E

W. J .

ADLER

A.

D.

ADLERSBERG

V. . ..

AGNELLO

A.GNOLI • .

G.

A.GOSTA A.GUCCI

A.GUIRRE )F.

G. . . .

A.IELLO

A.IGINGER

J.

.

A.LBEA ux-FERNET ALBEE

F. . . .

..

Ar.BERT AL

1148 103 108 1955 1022, 1023 1023, 1262 1875 382 903 . . 862, 1705 . . . 118 M. 1137 . 66 . 1260

J.

905 ALBOT G. . . . . 196C Ar.cALA SANTAELLA R. 1216 A.LESIO 0. . . . 189, 191, 193 ALESSANDRI R. 740. 1063, 1197. 1253, 1482, 1685, 1765, 1831, 1973, 2005. Ä.LESSANDRI N I A. . . 226, 1749, ALESSANDRINI G. . . . . 74n ALESSANDRINI P. . . 243, 437 . . . 1881 ALEXEIEFF A. ALBAIQUE A . 1375. 1830, 1834 ALIQOO MAZZEI A. . . 540 ALLARIA G. B . . . 1963 ALLBN E. V. . . . . ; , 1305 A.LLISON R. s. . . . . . 1754 ALLODI A. • . 501, 1066. 1445 ALSACE J . . . . . . 947 ALTERI • • . . 1586 ALVAREZ W. 0. . . . 277 AMALFITANO G. . . . .. 1461 ALBERl'-WEIL

AMATUCCI A.MBARD AMBERG

MALLARDO

0. 1828

L . . . . . . . 187' 665 S. 184

AM ELI NE AMIE A.MOROSI AMY Ä.NARDI ANDERS

••

T. . H . E.

ANDERSON

TH.

Ä.NDREOLI

•.

ANDRt-THOMAS A.NDREUCCI ANGLESIO AN SCHÜTZ

M.

B.

.. . .. .. . . . . .

78Z. 860, 1143 ÄRCIEBI G. p. 500 ARCHE& W. W. 1636 540 ARCHI A . . . ARCOLEO G. . . 1262 ARESU :M. . . . 1746 ARICESCO C. . . . . . 946, 947 ARNE !. A. ARNESEN 465

G. . . . . . ARRILLAGA F. 0. . . ABSLAN K . . . . . . 242. ARSLANIAN Z. . . . . . ABTOM . . .345, 622. 864, ARTOM Dl S . .AGNESE V. ARTUSI C. .

541 1055 1107 1880 1062 205 232 ARULLAN I P. F. 580 ASCARELLI A. 679 ASCHNER B. 985 ASCIONE G . . 1061, 1622 ASCOLI A. . . . . 686 ASCOLI M. . . . . 1342, 1834 ASHER L. . . 111 ASINELLI 1446

BASS BASSI

G.

BA I\-IATTER

F.

178 1799 1483 1829 1520 1291 1833 781 1964 110 196 1830 584 865 1800 2001 1173 854

BANCROFT

..

544

llABONNEIX

L.

. . .

BACCAREDDA

A.

. 657,

BALLE-IlELAERS ßALLERIN I

U.

BALLI N

RANDI

B.

.

. . .

.

150 BANI U. . . 1290, 1317. 1821

.. .

BANKE BANYAI

L ..

A.

F.

BARADUC BARATOZtl

U.

BARBAT

.

..

31 900 969 502 381

:M. M. . . G. . . S. . .

BASTOS A USART BATTAGLIA BATTIGELLI BATTISTINI BAUER

C.

BAYER

. . .

P.

. .

BEER L.

. .

B ERGER

B EGA BEGG•ÜAMPBELL B ELA

SCHICK

G. . B ELLUCCI 0 .

B ELLONI

B ELLI NO B ENARD B ENASSI BENECH l3ENECKE

E. R.

BENEDETTI VALENTIN!

F.

M. . BERGONZINI M. 1

'.BERA

J. . .

BERARD

G. 0 . .

1594 1187 1959

J. . . M. .

B ERNARD

BERNARDINI

A.

BERNASOONI

.

BICHEL

A.

• .

572

BIDOLI

E. . . R. .

1263 1408 307 1964

736 B ERNDT A. L . 336 B ERNHARD F . 1377 B ERNHEIM M. . . . 1826 ß ERTAGLIA G. . . 1448 BERTARELLI E. . . . 393, 1989 BERTIN E. 300 BERTIN G . . . 503 BERTI N U. . 1840 B ERTOCCBI A. 149, 503 • ßERTOLOl'Y R. 1262 BERTOLOTTI 0 . . . . 659, 1265 BERTRAND • . . . . 985 B ER'rRAND·FONTAINE 744 BERUTI J. .A. . . 628 BESREDKA A. . 1212 BETTAZZI G. . 503, 1269, 1445 BETTINARDI G. 501 BETTINI D. 1106 BETTOLO A. . . 904 BETTUZZI 1103 BEZANOON F. . . . . 587, 1292 BIANCALANA . 309 BIANCANI E .. 1307, 1340 BIANCANI H. 103 BIANCARDI S. 1875 BIANCHEDI M. 2007 BIANCHERI T. 308 BIANCBETTI C. F. . 425, 661 BIANCHI L . 424, 1446, 1519 BIAS I . . . . . . • . 864 1

BIELING

G. . BILANCIONI G. BIGNAMI

BILLI

A.

BINET

L. . M. E .

BINET

BINNET BIONDO

425

76. 1261. 1485 1589

1756 47()

S.

543,

~84

BIOY T • •

1187

BIRK

1507

w. . .

BIRKENFELD

!

.

K.

BINGOLD

R. . . . . . . .

BENTIVOGLIO

BERNARD • . . ßERNARD

1447 103 108 537 222 557

100 B ENGSTON B . N. . . . . 1188 B EN I NI P. . . . . : . . . 1619 BENON R . . . . . . 894, 1513 B ENSAUD.FJ R.. . 468, 1226, 1474 BEN SO F. . . . . . • • . 15

'BENELLI

• . . . .

BERGONZI

1517

M. H. E.

1416 821 1412 864, 1451 1055 1828 736 137.3 299 1667

••

B ERGMANN

1592 1624 1298 1830 . . 939 . 1834 . . . 539 1445, 1446 1737 1371 ·

188 906 699 1968 342

. .

BERGAMASCO A.

866 BAZZANO S . . . . . . 1452, 1962 BAZZOCCW G. . 1830 B ECART A. . . 272 BECHER-HAMANN 698 B ECK 544 B ECKER . . 465 BECLERC H . 1631 BECLERE A. 111 ßEDANA J .. 786 BEDARIDA N. 1833 BEDARIDA V. 310 BEER E . . 536 BAzY

1

. .

P.

B ASTI ANELLI

.

"BABINI

0. E. . P. .

BARTOLI

8.

1 BERGEL

2006 BARNI B. 502 BARON! .. 1556 .liARRlNGTON-WARD L. E. 1910 BARTHELS . . • . . . • 735 BARTOLI F . . . . . 426, 1410

1905 ATKINSON A . 977 ATTINGER E. 1926 AUBRUN E. A. 1262 AUGIER .. 468 A.USTONI B. . 1221 AUSTREGESILO A. . . 780 1341 ' A UVIGUE . 975 AVENTI . . 350 AVIER1NOS F . G. 1755 AYALA G. 109, 501 . A.YMAR F. . . . 1875

B

. .

Pag.

F.

BARISON

!!.

. ASSMANN

S.

BARBERI

A.RNONE

1331 . BACCI V. . . . . 906, B ACIALLI L . 349 . . 622, 312 B ACMEISTER A . . . . . 468 BAGGIO G. 165, 445, 757, 1875 BAGLIONI A. . . . . . . 1799 B AGLIONI 8. 1023, 1747, 1837 BAILEY S. 423 BAINGLAS 113 BAIOCCHI 1394 BALESTRA 503 BALLATI G.

1009 Ä.NSELMINO . • . . . . 1779 ANTONELLI G. 761, 1102, 1919 ANTONIAZZI E. . . . . 70, 308 ANTONINI 0 . . . 1520 ANTONINI J. . . 1590 ANTONIOLI G. M. 704 ÄNTONUCCI 0. . 138 ANzILOl"l'I .. . . 1922 Ä.PPENHEIMER • . . . 465 ÄPRILB V . • • . . . 745, 1673 AQUILANTI G. . . . . . . 1088

1019, 1221, 1447, 1838 BARBERICII J. 1408 BARBIER! D. . . 587 1376 BARCHI L. BARD L . . . . . . . . 35 .liARGAGLI l:'ETRUCCI G. 1216 1415 BARGELLINI D. 1293 BARGUB~ R .

U.

ARCANGELI

Pag.

1

W. . .

P. . . . BISCEGl tv V. BISBINJ

1484 907

BISHKOw 1" BI7-A..RD

N . S. 351 ' BLACKFORD J. M. . BERETERVIDE l. 1171 BLACKMANN N. . BERETVAS L. . . . . 783, 1219 B LANC • . • . . . B ERG • . 272 BLAVET DI BRIGA • BERG G. 1297 BLEDSOC N. C. .

1101 984 982

1149

BLACKBERG

B ERBLI NGER

1861 1757 • •

1835 704 1596


'

-

Pag.

Pag. G. . . . 190, 538, 1220 BLUM L. • . . . 821 ßLUMENB.ERG W . 746 ßLUMENFELDT E. 16i.i BOAS A. . . . . 154 lJoBBIO A. . . . . . . 661, 1063 Bocc1 D. . . 425 BoccBEr1·1 F . . . . . . . 942 BoooN G. . . . . . . 701 BOGAERl' (VON) L. . 113, 1509 BOGE'M'l . . . . . . 149, 1220 BOJO\VIKB 275 BOLAFFIO 148 BOLLA L . 150 BOLLINI 2006 BOMBJ G. . 388, 426, 1021 BONCJNELLI U. 1142, 1389, 1623 BONJO UR J . 1149 BONNAHON . 1054 BONNEAU . 908 BONNDT G. 1437 BONOLA A . 1665 BONOMO 8. .1410 ßONORINO U DAONDO 0 . 266, 1211 BOQUIEN . . 1028 BORCHARDT . 1736 BORDAS P. 969 BORDET F .. 141 BORDIER H . 1716 BORELLA P . A. . . 344, 622 BORGBINI G .. . . 1595 BORGIOLI V. .A. . . 538 BoaaA D . . . 422, 537 BORRA V. . . 312 BORRUSO G. 477 BORSARELLI F. 1453 BORSETTI •.. 309 BORTOLOTrl . . 1343 741 BORTOLOZZI M. BORTZ E. L . 1908 BORY L . • . 703 BOSCBJ G. . 1300, 2001, 2006 BOBMIN M. . . . . 310, 1021 BossA G. . . . . 1961 HöTrNER • . . . . 1523 BOTTO MICCA A . . 453 BOUCBER G . . 390 1823 BOUCBUT •. 1329 BOURGEOIS p. 2009 Bouss1 • . . 1262 BouTELIER A. 1754 BoYD CAMPBELL s. B . 987 BoYNTON E . . 150 BOZZOLI A. . 741 BRACALONI E. 661 BRACCO L . • . BRAGAGNOLO G. . . 308, 664 1873 BRANCATI R. . .. 657 BRANDT w... 428 BRASLAWSKY P. J. 1623 BRAUN L. BRAUNER • 105 BRAUWER B . 113 BRAV A. . 337 BfiAVETTI . 7 42 BRAVO J. . 304 BREMER F. . . . . . . . . 112 1:JBBMOND 777 BRETON A . . . . . . . . 300 BLOCH

XXXV -

A. T. . ..

1377 BRICE MORTON ÜH. 1636 BRIGGS A. P . .. 529 BBIZIO G. V. . . 261 ßROCKTANK 'f. W . 115 ßROCQ P. . . 1781 BROB..EC G. . . 972 BRONzINJ .A .. 71 , 150, 658 BROUBA .. 1548 BROTZU G. . 1969 .liROUSTET P. 617 BROWN F. G. 1824 ßRICE

c.

D. G.

. . .

112 BBOWN . . . . . 111, 1305 470 BROWN L . . . . ßROWN T. K. 1067 807 BRUGI A. . . 978 BRUGSCB T . BRULE • . . 381 BRULE M. . . . . 1633 BRUNI Q. . . . . 191, 193, 194 BRUNI P . 191 BRUNO c. . 1555 385 BRUNO D . . BRUNS 0. 1818 ß ucco M. . 1918, 1960 BUCK R. . . 336 BUFALINI M. . . . . 1825 BUFANO M. . . . . . . 26, 146 BuoNSANTI B . . 1410, 1874 BüRGI E. . 1297 . . 1835 ßURNET . . . 1023 ßU SACCA A . . BUSCAI NO V. M. 113 BU SCBKE A.. . . . . 154, 1101 Bus 1 A. . 782 BussoN . . . . . 188 BUTTlA UX . . . . 898 B UTz.ENGEIGER o. 311 B uxTON (VON) . 336 B uzzARD E . F . 106 nuzzI B . . . 1519 BROWN

Paig.

346 ÜAMPODONICO G. . . . 71, 658 ÜANAVEJlO G. . . . : . . 149 CAN DIDO G. . . . . . . . 144 7 ÜANN (Mc. ) F. J . . . 107, 1777 CANNAVO L . . . 363, 1789, 1962 ÜANTANI A. . 983 CANTANI E. . . 108 C AN1'ELMO 0. 1830 ÜANTIERI C . . 345, 906, 1411 CANTONE D. 387 ÜANTONI 0 . . 1814 ÜAPALDO L. . . 94 ÜAPDEBOU!tAT 1839 ÜAPECCHI • . 704 ÜAPOCACC IA Jti[. 1547 CAPORALE L. 503 ÜAPPELLI L . • . 1832 CAPRIOLI N . . . 1409 ÜAPUA A. . . . . . 1240, 1652 ÜAPUANI G. F . . • . . 386, 425 1061, 1520, 1753 CARAMAZZA F. 2002 0ARBONE l\l. 1636 CARBON 1 A. . . 96 Ü ARCASSONE 1226 ÜARDUCCI A. 1615 CARIBBO . . . 584 ÜARMALT-JONES W. 1414 ÜARMONA L. 1834 ÜARNOT P .. 506, 734 , 1367 CAROLI J. . 163 3 CAROZZI L . . 862 ÜARP L . . . 115 ÜARPI U. . 1064 Ü ARR A. D. 1225 CARTAGENOVA . . . . 583, 1262 ÜARTY J. . 1143 ÜARU~Cl Y. 1967 ÜARUSI R .. . . . 824 OASATI E. . . . . 584, 1300 ÜAMPLANI

0ASSANO . . .

A. A. . .

ÜASTELLANI

L.

OADE

A.

ÜADE

8. . .

ÜAFFE

G. ÜAIRNS H . .. ÜALABRESE D. ÜAGNETIO

ÜALDAS ÜALICETI

. . .111,

8.

ÜALABRESE

.. . P. .

1376, 424, 1483,

0. . . CALMETl'E A. . . . . . . 0ALo A. . . . . 386, 741, ÜALZAVARA D. . . . . 150, ÜALLERIO

ÜALZOLARI .!!'.

Ji{. CAMEO A . . ÜAMERA A . . 0AMERA U.

. .

CAMBIBS

G. ÜAMPANACCI D. CAMPATELLI V. ÜAMPAILLA

. .

D. G. . . .

ÜASTELLI ÜABITTO

. . . .

CASELLA CASO

c

• .

2001,

ÜAMPBELL MACCLURE .

425 1635 111 196 741 1484 1830 1037 1215 2001 1519 1952 1834 1830 784 1928 658 661 704 2002 1829 1968 107

ÜASTELLINO

N.

M . R. . . . 295, ÜASTIGLIO NI A. . . . 978, ÜASTRONUOVO G. . . . . . ÜATrANE-0 L. . . . . 234, CATrERJNA A. . 1205, 1874, CA UCCI A . . . . . . . . . CASTEX

ÜA U LAERT ÜA USSADE

( VAN )

G.

. . . .

.

. . . . 706,

ÜAVAGLIANO B. . . • . • •

0. . . . 539, 2000, OAVJNA G. . . . 0AYREL A. M. ÜAZZAMALI P. OEBRELLI G. . . ÜAVINA

CECCARELLI . . . ÜECIL BARLOW ÜELLETTI L . ÜENCIAROTTI 0ENDRA CENI

T. .

o. . .

ÜENINI

F.

CENTRA

N.

H.

1791 862 906 1117 501 862 1011 1922 1483 1874 1959 466 821 1380 1106 2003 1834 2010 1832 1519 1410 1185 659 1585 270 2000 1410 1519

L. . . . ÜERMBNATI A. ÜERNEZZI A ..

817 1664 1140i ÜERNIGLI A A. 1819 0ESTARI A. . . 500, 741 ÜETRONI • • • 1410, ÜHABANIER II. . . 820, 1184 Ü BABE A. . . . . . 347. 126& ÜHABROL' E. .1632 ÜHABROL ' T. 1781 CHALIER G. .. . 1954 ÜBANDLER . 427 Ü BARRIER •• 861 ÜBATON M . . 1480, 1580. ÜBECCUCCI LISI G. 1593 C~NE • .. . . 1210: ÜB.EVALLIER p . . 1373 OBIARlELLO A. G. . . 520, 1913 0HIAROLANzA R. . . . . 1874 ÜBIASSERINI A . . . 69, 780, 1143, 1237, 1832, 1834 ÜBIUDANO 0 . . . . . 192, 193 ÜHIPOLIAN M. . . . . 543, 1331 CERF

V. . . . . . . . . 7()1 ÜHIOFFI A. . . . . . . . . 1414 ÜBINI

468, 1632 ÜBJUROO G. A.. . . . . . 501 ÜIABATTINI . . . . . 227, 1714 ÜIACCIO S. ." . . . . . . 1295· ÜIAMPOLIN I A. . . . 739, 1589 ÜIARAMPI E. 1103CICERI C. . 1284 01cu T. . . 1594' ÜILENTO M. 191, 193, 18751 ÜIMINATA . . . . . . 148, 1326 ÜIMINO S. . . . . . . . 1874 C IMI NO T . . . . . . 191, 1833 ÜINOTTI G. . . . 501 Ü IONINI A. . . 1018, 1218 ÜIOTOLA E. . . . 1380 Ü IPOLLINO 0. . . . 1520 Ü IPRIANI C. . 422, 537, 574 O rRIMINNA G. 541 ÜBlRAY

. . .

. .

. .

70• ÜLAIRMONT p . . . . 274, 1583'.. ÜLAUBERG K . w. . . 348, 136& ÜLA UDE H. . . . 133~ 1019 ÜLA USI SCBETTINI A. 908' ULAVEL . . . . 1554 OL~MENT G. . . 1926. CLEMENTE G . . . 1141, 1481, 1991 CLERC A. 115ÜOA'fES V . .. 30> ÜOBELLESSA ~'f. 2005 ÜOCCHI A. . 470 OonoM1s L . . 575 CODOUN I S A. 1092 "CODVELLE 343' ÜOFLERI A. 1063. 00GGI • . 34z· ÜOHN M. ÜOLETTI . 426 COLIN A . 1264 COLLE G. 658' COLLIER J . 812' ÜOLOMBINO . . . 148, 190, 191 . . . . . . . . 346 COLOMBO COLRAT A . . . . . . . . . 1147 . 256, 606, 1966. ÜOLUCCI C . . 0IVA LLERI

. .


-

Pag.

P ag.

Pag.

1837 J. . . . .. ÜONDORELLI L . . .421, 1746,

ÜURRADO 0. . . 387, 986, 1063

111 DE M.ASI G. . 1090 OE MATTIA G. 1066 DEMEL . . 1371 DE M EO E. . . . . 2005 785 DE MEYER . ÜENES G. . . 307. 500, 982 DENES R. . . . . . 500, 982 1447 DE N I COLo F. . . . DE N IGRI S G . . . . 1860, 2004 482 DE NIGRIS MARELLA F. 2004 DENTI A. V. 1217 DE N UNNO R. 1797 DENYER 27 DE 0RCHI . . 1341 DE PARREL G. 1374 DE PORENTA R. DESTAX A. 1262 549, 862 DE SANCTI S S. DESCHAMPS P. N. 1743 1134 DESJASQUES R. 1187 DESPLATS R. . D'E STE A. . . 343 DE 1S J MONE G. 375 1187 Dn TAKATS 987 D ETT!;NIG H. 1221 DE VICARllS 108 DEVINE H. . DEVOTO L . . 1786 D'HENCQUIVILLE G. 196 983 D1 BELLO G . . DICK .. . . 1148 DIERYCK . . . . . . 618, 1634 DI F ABIO V . . . . . 1375 , 1449 D1 GERONIMO M . . . . . 1906 D1 G IORGIO A. M. . . . 1839 DI GUGLIELMO G. . 297, 1828 928 D1 MACCO 1G . . D1 MAGGIO G. 664 193 Dr MAJO G. D1 MAR ~ O Q. 2002 154 D1MKIN • . DIENOFF DOBRI 901 148 D1 NATALE 1342 Dr NATALE A. . 1063 D 1 NATALE L .

COMßY

I

X.X.X VI -

1921, 1999 C oNFALONIERI D. . . . . 1987 1875 C ONIG.LIO G. . . . . . . . 529 C ONNEL :F. G 727 C ONTE G. 1962 CONTI 'F. CooKE H . 273 1005 COPETTI L. 1555 ÜORBIA A. . 540. 1993 ÜORBINI G. . . 932 C ORDA G. M . . 499 CORETTI G. V. 1103 ÜORlNALDESI 1376, 1570 ÜORN IA I . . 1265 ÜORNIA P. CORNIL L. . . . . 117 C ORONA F. . . . . . 337' 1157 1873 ÜORONINI C. 343 . . . COBTAN 217 ÜORTELLA E. 658 ÜORTESE F. ÜOSMA 1:16 Cossu B. . 1445, 1446 ÜOSTA A. . 424 , 537' 533 ÜOSTANTINESCO S. . . . . 1716 CosTANTINI G. . 71, 1376, 1662 Ü OSTANZI 0 . . 644 982 Ü OSTA STARICCO ÜOSTEDOAT . . 303 ÜOTRO NEI G. . 1744 <JOTTALORDA J. i378 ÜOTTENOT P. 141 ÜOTTI L. 1483 ÜOUGER 785 COULANGE 773 ÜOURRIER R. 1178 COVA E. . . . . . . 717, 1206 ÜOVA F. . . . . . . . . 743 -OozzOLI • „ • • • • • • 309 CozzOLINO 0. 1447. 1837, 1964 226, 620 ÜRACIUN E. 0. C RAFlMER . . . 1211 ·ÜRAUCE A. M 186 <JRA VER L. F . 29? -0REMA • •• 1265 ÜRI!lSTANI G. 656 ÜRIOCHI . . 310 ÜRICTON-M JLLER H. 1345 ÜRIEP L . . 1133 ÜRISPINI G. . 346 ÜRI SPINO . 1922 ·ORISPOLTl E. 2008 Ü RISTIANI G. 1483 Ü RITZMANN D. 306 ÜROIZAT . . . . . . 418, 1052' ÜROMER S. p . . . . . . 1824 ÜROSETTI L. . . . . 539. 1863 'ÜROSJNA . . . . . . . . 1412 • O ROVERI P. . . 309, 503, 1143 Ü ROZIER T. H . . . . . . 1744 ÜRUCHET R. . . . . 379, 1717 CuocmN1 F. . . . . 823, 1666 Cucco G. . 503, 661 ÜUNEO . . . 269 ÜUNHA F. . 1379 UUNNINGHAM 1442 -OuNY L. . . 1373

.

743, 1412 ÜURSCHMANN H 25, 2009 ÜUSANI M. 1874 CUSTER R. P . • . 587 CUTHJJERTSON D . P. 745

CURTI E.

. .

D

. . .

707 1549 DA FONSECA M. • 1665 DAGNINI G. 309 D 'AGOSTINO D ' ALBERTON G. 1264 DALLA PALMA M. ,823., 1020, 1666 DALLA TORRE G. . 543. 1263 DALLA VOLTA A. 1665 DALLERA N. 1519 • D'AMATO G. 1922 D'AMATO L. 1867 D'AMICO M. 1809 DANIELOPOLU . . . . 105, 1107 D'ANTONA L. . . . . . 1663 D'ÄRCY HART p. . . . . 654 DARDANI R. 310, 65 8, 1556 DARF.EJUILLE 419 D ARGET R. 195 DARIAUX 342 DAUSSET 1633 DAUTEBRANDE L. 1184 D'AVAN ZO s. 704 DAVIES D . T. 460 506, 1477 DAVIS E. . . . 301 DEAN A ... 1997 DE AzEVEDO A . P. 387 DE BENEDETTI • . 1286 DE BERNARDI L. 1220 DE BERNARDINIS N. D:a BERNARDINIS V. 984 . . • . 1402 D E BEULE F. DEBRE R. . . . 380, 577. 825 1834 DE B UEN S . . DE ÜANDIA s. 147 DE CAPUA F. 1447 DE ÜARVALHO E. 2010 DECHAUME 1052 DECLEVA 1412 DE C ORI E. 2003 DE FERMO . 149 DE FRISCO E. 863 DE GAETANO L . 1217 DE GENNES L. 1436 DE GIA.X.A V. . 147 DE GIRONCOLI F. 1875 DE GRISOGONO A. 1374 DEI Ross1 A . . 392 D,ELAFORTE J. . . 154 ÜELARUE .. 1292 983 DEL BUONO 1425 D ELFIN! 0. . Ü ELBERM 1633 .. . • DELITALA F . 1264 DELLA MA.NO N. . . 1831 DELLA V ALLE L. 649 DEL RIO·HORTEGA P. 114 DE LUCA A . . . 193 DEMANCHE R. 505 OE MARCH! E. . 500, 822 DE MARTEL . . . . . 695, 897 DADDI

1

G.

DE MARTEL

T.

.

705

D1NISCHIOTU

L. . D1x W. . . DOAN C. A. . DöDERLEIN G.

468 J01 1953 1554 D OENECKE 698 DOGLIO P. •. . 1066 DOGLIOTTI G. 0. . . 422, 1220 DOHRN M. . 1187 DOLCINl C. . 1483 DOLFINI G 500 DOMINICI E. 1218 DOMINICI G. . . . 1094. 1143 1445, 1446, 1922 DOMINICI L. 1707 DONADY D. . 579 D ONAGGIO A. 112 DONATH ffi'. . 1673 DONATI M . . . . . .. 309, 704 1064, 1833 DONATO E. 108 DoNOLI R . 774 DONNET J. V . 1630 DINKIN

.

D'ONOFRIO

F. .

1305

-

Pag.

E. . .

DONZELOT DORE

G.

DORIA

C.

• .

Dos

SANTOS

DOSSENA D OTII

LAMAS

..

G.

E.

DowHING

421 585 1594 1215 824 307, 82-l

655

G. .B.

1378 112 DRAGANESCO S. T. DRAGOTTI G. 660 DRAPER G. 94 7 DUBOURG 1010 Duc 0. 387 Ducco C. L. 544 DUCHON . . 22, 419, 985 DUCUING 1450 D l!GOSTE M. 938 D UHEM P. 1307 DUMAS A. . 349 D U NLOP D. . . 185, 1333. 1780 D UPERIE R. . . 1293 DUPIRE P. . . . . • . . 1145 D u PONT-LAPOINTE • . . 232 DURAND G. . . . 1589, 1631 DURANDO P. . . . . 425 DUR AN TE . . . . . 308, 583 DURIEZ J . 1780 Dus1 1595 DUVAL · 1336 DUVERGER 2003 .DYKE s. C. 390 D OXIADES

E

G. F.

1754 EBERHARI' 1754 EBSTEIN E. 904 Eco·NoMo c. V. . . 113 EGIDI E . 1143 EGIDI G. . 27. 925, 981 , 1099 EHRSTRÖM 1306 EISELSBERG A . 1413 ELIASON · E. L . 73 E LIASSOW W. . 312 ELLIOT .A.. . . . 62 ELLIOT R. H. . 974 , E LVEH.TEM c. A. 1228 ßMILE-WEIL P . 985 .ElM iuIANI P. . . . 704. 742· 1130, 1830 EMMA M . . . . . . . . . 42 ENDERLE 0. 2005 ENGEL K. 25 ENGBL R. 1954 ENRlco · F. . . . . 743, 1412 EPSTEIN . . . . 631. 827 EPSTEIN L. . . . . . 539 EPSTEIN fr. . . . 25 ERI SBACHER 0. . . . . . 25 ERNSTEN.8 .A. C. . . . . 196 VAN ERPS . . 1755 ESAU ...• 267 ESCUDERO ·A. • 1580 ETCB.EGOI N E. 587 EASTMAN •

F M. FABRJl G. FAELLI 0.

612,

FABRRI

·. . .

i.?.~4

1540 1151


-

Pag.

Pag FAL \ NG\

A.

D. W.

IF ALCION I IFALTA

IFANTOZZt

G.

G. . . . . . 275, Af. • . . . 1063,

'F'AROY FASANO FASELLA

F .

. .

FASI ANI

G.

M . . . 342, 1833,

.

82 ~

P.

FAUCRER FAUR"E;

. .

... „ 2

L.

FAVARO

t) 't

G.

418,

FAVRE

..

FECI

FELINI

N . M.

FENlCB EL

F&RRANNJNl

.\ .

FBRR.\R I

A.

FBRR.\RI

G.

'.

L. 620, 862,

FERRAN!illNl

. . . . FERRARI E. . . . . . 343,

\!.

u.

FBRRA.Rl S

\ T. FERR.\RO 1\ .. FERRATA .<\.. FBRRARI S

307, 1828, 70, 981, 71, 345,

G.

FERRERI

FEBRERO ' ' · FBRRE1Tl

c. . .

L.

F'ERRETTI

}f. 50!'!, FrEscu1 A. . . . . . 657, FIESSINGER N . . 505. 1473 FIGURELLl G. . . . 736, FILIPPI NJ A. . . . . 581, 1588, FINIKOFF A.

FIAMBERTJ

M.

FINKELS'IPIN

M. FINSBERER ll. . . . 902,

FINLAND FJNZI

. . • .

F1occ o FIOLLE

. . . . .

. . . . . .

J.

345,

. . .

FIORANI- G ALLOTTA FJORET'J'I

F.

P . L.

. . .

„. .

FlORINI

E.

743, 1544,

FIORIO

Ü.

. . .

FIORIN I

FtSCBEL }

1302 1547 1658 150 460 183! 961 126.J 2001

. . . . .

A.

1

1SCBER F .

. ...

1715,

540 1052 346 149 1268 1410 1746 114.J 1373 1265 387 7C4 113 1827 1921 200 2 15 2~

1144 501 8Z3 1483 618 1633 1874 122? 1782 1099 94u 1672 1379 1020 1062 620 147 1377 1062 1875 391 667 1 9~6

1380 FISCH.ER R. . . . . . . 1214 F I SCHER W . 0. . . 505, 2010 FLETCHER W . 1516 FLO!lOS A . . 25 FOA A . . . . 149, 77'!. F OERSTER 0. 110 FOLIASSOS A. 543, 817 FONTAl NE R . . . 816 1211, 1827 (FONTANA A . . 1963 FORMICOLA P. 1715 FORSGREN E . . 983 FORTUNA'J'O A. Fo~TUNATO V. 2003 F OSSATARO E. . 126 4 FOS't'ER-KENNEDY 109 F OULDS G. S. . . . 185, 1442 F ISCHER H .

• . .

. . .

XXXVII -

J.. M.

744 FOURN I ER 1227 FRAN OAVI GLIA 1962 FRANCESCHETTI A 2002 F RAN CUET'TI A. . . . . 74, 156 235, 275, 352, 545. 748, 940 1307, 1381, 1559 FRANCI G. B . 1136 FRAN C J N~ M. 389 FRAENKEL E . 1996 FREMONT-SMITB ~1. 116 FREUDENBERG J{. 25 FREUND E. . 343 FRr:Y E. 1188 FRIEDENWALD J . 16J.) FRIEDLA NDER M. 1381 F RlG lM ELJCA c. . . 50~ . 1776 FRITZSCRFl R. 661 FRUNGIA G. . . . . 622 FRoNrALr G. . . . 1263, 1904 FRU GO NI C. . . . 3, 125, 597 1077, 1605, 1746, 1765 FULCBlBllO . . 1218 F UMAGALLI tt. . 1750 F U MAROLA G. . 2005 F UNSTON R. V. 907 FURCHARD t451J FUSARI A . . 148, 303, G61 FOUQUET

c 8

1284 1875 GAGLJO V. . 1413 GAHLINGER H . GALAM I Nl A. 386 G ALDI .F. L. 1798 GALLETI'I D. ?6 GALLI G. 703 GALLINA V . . . . . 71 622 GALLI w . • • • • • • „ 703 GALLO C. . . . . . . . 1447 GALLO E. . . . . . 346 , 1019 GALLO R. 1947 GALLY L. . . . . 1800 GANIBLE R . A. . 302 GAMMON G. D . 1186 GANDELLINI A. 1483 _0!)5 GANDIN I M. GANGIER L. . . 1169 GANS .. .. 867 ÜARCI A 0RCOYEN J . 10L2 GARDINER F . . . 1013 428 GARDNER D. . . l1.i\RDINE!l-II1r.L H 13 31 GARGANO C. 1873 GARI NE C. 627 GAROFALO 1257 GAROFALO F. . . 192, 193, 326 GASBARRIN I A. . . 1533, 19Z9 GASPARINI C. 1017 G ASTA LDI G . .. 1906 fl-ATELLIER J . . . . . 144. 1634 29 0ATTO E. . GAVAZZI N. 346 GAY E . . 538 GAY T 2010 GAYET G. 1968 GEIS INGER 195 GADRlELLI

t

Pa g. GEIST

s.

H.

1344 982 143 975 1266 621 1672 1227 1306

GELERA GP!LLI

G.

GENDRON

C.

GENNAR I 6ENTILE

N.

GER MAIN

L. 0ERUNDO M. GERSON

583, 982, 1 02~ GEYER M . . . . . . 344, 1374 0HEDIN I A. . . . . . . . 2006 GBIRON V . . . . 386, 844, 1833 GIACOBBE C. 369 G 1ANNELLI 1410 GIANNELJ~ I A. l.7 G t ANNONI A. 1592 GIA U M E C. . 71 GERVI NO

. . .

1741 GtAVOrtO 0. 1594 GlBEL A . . . 1105 0-JDILISCO S. 1029 GJGLJOLI G. 18€1 GrcL1 u::c: r A. 663 G t GON A . . 1182 G ILBER1' N. 0. 1824 G I LBERT R . 1634 G JLJS P . . 779 GrLLET P . 1663 0 1NN (Mc.) B 1757 GIO JA E. . . . . . . 1482, 1483 GtORD<\ NO c. . . . 1445, 170lJ GtORDANO G. . 1665 G10RG ETTI E . . 1855 0IOVANNONI E . 1586 OIRA UD A . . . 578 GIR.\UD P . . . . . . 773, 1881 GJROLAM I M. . . . . . . 19?.9 G JROUX P . . . . . . . . 1183 G I U BERTON I E. 622, 1520, 1753 Gt U DICE A. . . . . . . 1824 G 1u o1 c EANDREA V. 'iO 781, 1143 G1 UFFR ~ L. . . . . 864, 17 '1S 703, 742 GIUGN I 1809 G1UNTA G . 1468 GIUN'J'I G . 506 G1USEPPE L. 2003, 2004 GtUSSAN I M. 463, 627 GLAESSN ER K. . 788 GLEIZE ·RAMBAL 25 GLENARD R. 1249 Gonnt L . ld 50 G ODARD H . . 1171 GIHDSE NHOVEN 73'J GotFFO I'\ R. 1.371, 14 13 f~OLD . . · Gr.A.uN J

G.

GOLDE\VSKI

.

H

.

~3

CQI.J'lSCH lllI DER

93 7 GoLDsr1:1 MJ nT M. 312 li6MEi y G6ME~ A. 177 GONTHIE:t B . 627 GONNELLI V. . . 74 2 GORRiflRl I. . . . 425 GOSSET A. . . . . . '170, 163'.i. GOUNELLE H . 115 G o uvB RNFIU R R. 1255 GOVAERTS

J.

. .

415

P a.g. S. . . . . GRAPAM-LJTT(1E E.

427 656 384 GRANDCLA U DE Ü B. . . GRANT FRANCI S C. 110 GRA SSELLT1'10 V. 1875 ::;40 GRASSI U. GRASSO R . . . 386, 905, 1645 GRAHA l\'I

GFAU

·s

E.

GRAVA GRAZI AN I F .

A.

GREAVES GREBE

A.

GRECO

T. R.

GREEN GREENE

J.

GREENFIELD

G.

GREGOI RE

E. F.

. . . . 532, GRIFI . . . . . . . GRISERI V. . . . . 1102, GREPPI

GRIVA

V.

GRON CBI GROSS

L.

GROSSMAN:S

W.

GROTE

. .

.

GnorT

J . V.

GRÜNEWALD GUALCO

W. S.

GUALDI

A. . .

GUALDI

V.

GRUNKE

GUARDALI

1051 ,

.

G.

GUARNIERl

F.

G u ASS ARDO

F.

GUERCIO

GUERRJCCBJO GuEST G.

A.

M.

GUICH.\~D

171 ·~

Gum1 G U ILLA I N

G.

GUILTJA Ul\'J E

M. J . A.

G U MPERT GUNN

426 637 1838 786 425 851 1176 113 662 1710 1832 1576 1446 1269 1368 575 1188 19&5 705 25 1343 1882 424 1219 351 423 986 487 866 41 8

G U NTHER

H .

S. . G-UTHRIE J . B . GUTTMANN L . Guss10

113 695, 1397 1016 1703 1296 1029 1065 110

H HAASE

E. . . .

HABERER HADDEN

• ..

S. B .

117 464

91

617 576 HAI ME HAKA NSSON E. G . 1403 HALL A . J. . 1557 HAMBU RGER M. . . 785, 1797 HANAU G. . . 1056 1715 HANGAN Ul'Z M . RAPPEL P . 73 HAIM

. .

HARET

..

34 2

705 15')7 HARREN STEIN HARRIS w. 1484, 1756 HARTMANN . . . . 154' 1334 1378 ffARTWITCB A. . . 74 G HARVARD •• HARM S

HARVIER

P.

1 63~


-

Pag. G. A. D.

HASTEWOOD HATZIEGANN

HA UTEFORT M. H~BERT

• .

HEIDELBERG H BI MBECK

J.

HELLER

• .

HELMAN L • •

N. HENNIN: N .

HENHING

1717 1715 1370 827 182 1416 1188 957 736

188 1656 HENRY A. F. A.. 627 HENSCBEN •.. 1818 HEltDST R. . . . HERLITZKA L . . 423, 1446, 1446 274 HERNANDEZ I. M . . 1839 HERNIG H. E • . 1171 HERRERA L. • 626 HBnszKY P. . 19 HERzor.. F. . . 1168 HESS P . . .. 1227 H ESS R. • • 827 HESSE E. • • 1405 HEUCK W 1413 HBUSSER • • 491 R1PT R. • • 1373 HIGIER S. . . 628 HILDEBRANDT 468 HILLEMAND • HILLYARD HOLMES A.. 1251 HIMVICH H. E. . . . 1256 HIRSCH 0. . . . . 111, 2001 HIRSCH W . 1655 HOPPMANN 1779 HOPFM ANN J. 297 HOFFMANN W . . . 740, 1522 HOHLWEG W. 1187 HOLMES G. 1208 HORN 1371 HO'iVAR'J'B w. 1404 HRYNTSCHAK T. 530, 971 HUANT E . . . 1307 H UEPER W. 0. 854 JIUllNER M. 1353 HUNT J. Il. 1927 UYMA N T. . 1268 1

G.

IBSU

G.

.

. . . . . .

W.

I LLIG

133 1833

.

15 ~6

A. . . INGAR\ l\10 C. . .

JLVENTO

lNGLESE

.

R.

lNTROzzr P .. lzAR

G.

Izzo R . A.

979 149. 503 . . . 1821 59. 307, 424 . . . 1781 . 15P.O. 1863

J

E. JACCBIA P . JACRIA A . J ACARELL I

JACMIN J .lCOB

L.

. . .. .

JACQUELIN

A.

JACQUELIN

Cu. P. . .

J'ACQUE'l'

J AMB

G.

J ANNELLI

R.

JANNI JA NSON

..

J APPELLI

G.

J ARRICOT

H .

.

762 538, 539 661 1171 1596 1437 1065 1635, 180C

1375 ,

G. J ENKl NSON E. J EFFERSON

J ESEN IUS

HF.NRY

1ACONO

. . . .

J AIA

H.

JESSEN JOB

P.

JOHNSTON H. JOLY

G.

1304, G. . . . 401, 877,

F.

JONA

L.

• . • . .

JONARO

• • . . . .

. .. .. JONESCQrSI STESI N. . . Jon G M. . . JOSEPH A. . 1101, JONA S

V.

JOSEPHS H.

R.

JOSETTI

V.

JOURDAI N JovINO J UCCI

F. 0.

JUNG J ÜNGHAUN S Jus:r

. . .

XXXVIII -

Pag.

P ag.

1221 785 1375 1449 141!i 1299 1054 101 1821 547 222 194 1881 1380 1263 41S 195 1341 903 1523 23.3 654 415 1357 585 1330 1100 858

1450 273 KOLLMANN A. ... 417 KÖNIG KONJETZNY G. E. 272 17'>7 KOPELOFF V. • KoRANYI A.. V. 1866 KOTTIKOFF J . A. . . 298 KOURILSKI • 143 KRAFT E . 907 KRAL J. • 195 KREBS 0. 137J KREHL L. • . . . . 978, 1826 K RETSCHMER 1522

K

1555 118 KAHAKER J. 1740 KAKTIN A. S55 KAEMMERER H. 633 KAN DELAKI 653 KARGER P. 391 KARELITZ S. 1968 KA ZNELSON 391 KECHT B. 1699 KELL R . 780 KEN K URE 111 KENNEDY 17'79 KENNEl'HE ICALK0R B . 13.57 KERNE R . A. 1403 KEaR Caoss G. 815 KERSCRNER • . 420, 1135 KE1'1'EL K. 1585 KEYES H. R. . . 1882 KIK UTH W. 859 M KAFKA V.

KAATZ

KIN NIER

W1LSON

A.

J.. ~.2

707, 114 () K IRSTEI N F . . . . . 13'14 J{.JSTHIN lOS N. . . 1183 KJER-PETERSEN R. ~32 KLAUBER E. . . 747 1702 KLEEBERG G. KLEE-RA WIDOWJ CZ E. 1996 129'7 ICLEMPERER F. KLEMPERER G. 1297, 1444 KLI MA R. . . 745 141.; KLI NE B . s.. KL ING . . . . . . 341, 826 1406 KLosE • • KNOTE w. 861 KOEHLER 1783 KOFLER L. . 74 KöHLBR A. 701 KIRSCB NER

. . . .

.

A.

KOLIOPOULOS

~92

0 .. KREYTS P. . .

KREN

KRISCH KROLL

16.)5 1028

H.

M.

~ 12

KuGELMANN

KUHLE

• •• •

KüLBS

KULLMANN

L. KUNG H. KUMER

KÜPPERS

• •

• •

R.

126'/ 1414 813 1295 1658 1379 1093

L

155'/ LABBE H. . • • • . . 1481 LAEBE M. . . . . . 269, 1481 LABOULAIS J . . 621 LA ÜAVA G. 210 LACCETI 0. .. 1874 LAEMMER 528 LAENNAC H . J . 70.3 LAFFONT A . 1100 LAG1'ANGE H . • • 183 LAI GUEL-LAVASTI NE · 196, 1028 LAIRD D. A. . . . . 1970 LArtlAN D H . . . . . 151?. LAMDRE'l' H. . . . . 3~ 4 . 986 LAMIAND .. . . . . 7136 LAMOEN, Bre e L. LAUTER 1583 LANARI E. . . . . . . . 903 LANDA E . .. . . 1716 L ANDOLFI M. . 782, 1747, 196') LANDOLFI V . . . 1960, 1961 LANG 0 . A . . . . . . 344 1515 LANGE B. LANGERON L. 1187, 1663 LAPENNA H . . . 310, 388, 823 LAPOI NTE 419 LAPP w. 861 L AQUA 1335 LARQCHE G. 1414 LABARRAQUE

LAROCBE

J,

. . . . . •

A.

1 1 ~7

311 LASAGNA F. 586 LASCBI G. . 2005 LASIO G. . . 190, 192, 1..93 LASKl EV ICZ A. . . . 706, 1968 LASSERRE M. C. 856 LASSERY • 695, S9'1 LATERZA 1410 LATTERI S. 1874 LA'ITES L. 1297 LAUSER H 1905 LAUBRY .. 1133 LA

ROQ UE

P.

Pag. S.

LAURELLI

• •

LAURINSICB

c.

LA UWERS

E.

G. • • . LAZZARO G. LEAKE C. D . . . LAVATELLI

.

LECERCLE

1019 131)4 1340 345, 1266 1497 469 1856

G.

LECLERC

12·~4

507 LEDINGHAM G. 1067 Le FUR R. . . . . 786. 1738 588 LEGENDRE A. . . . . . . LEGNANI T. . . . . . . 1483 LEITNER L . . . . . . . 1799 LECLERC H.

LEJARS BROCQ • . . . . • LELONG

M. . . 380, 576, 1089

LEMAIRE

LENARD UZZI LENI

~2

E.

G.

1264 J82

. .

LENORMANT

543

ÜB.

. .

105:; LENZI L. 1410 • L EO C. . 1300, 1448 L EO E. 1874 LEONELLI U. . . . . . 9€5 LEOTTA N. . . . . . 782, 1238 LEPENNIER • . 145 LEPRIN CE A. . . . 621 LEREBOULLET P. 233, 349 576, 108) L EBEBOULLET J. . . . 1340 . 383, 816 LERI CHE R. . 1224, 1330 LESLIE C OLA . . . 1118 63, 975. 1383 LESCHKE E . . ·i28 LESLIE P. H . . . . . . 1797 LESS IE . . .. . . LETI F . . . . • . . 731. 1731 LEVEUF 266 L EVI G. 537 L EVI I . 1826 L EVI M. . . . 741, 970, 1220 LBVINA ... .. . .. 20 LEVRAT • . . • . . . • 182J . . . . .. 469, 1332 LEVY E . LEVY F . • • . . . . . . . 825 LEVY L. . . . . . . 617, 1929 LfM M. . . . . . . 469, 1339 1227 LEVY-FRAENCKEL A.. 1744 LEWIS I . T. 390 LEWIS M . s .. 113 LEWY F. H . 114 LBERMITTE J . 734 LIBERT E. LI CBTMAN N S. . . . 428, 1368 LICBTWITZ L . • 491 1704 LIEBESNY P. 1705 LIBSCH E. . . .. 1372, 1690 LIBVRE ,J. A. 1799 LIGHTWOOD R. . . LILLA P. . 190, 191, 192, 193 . . 973 LINDNER K. D. 539 I JINKA • . • • . LENTI

.

657 A. . . LISE G. . . . . . . 310, 1666 . . . 1277 LIVERANI E . . . . 1014 LIVINGSl'ON $. LIPSCHÜTZ

L OBO-Ü NELL

0.

820, 1184


-XXXIX -

M.

LOBPBR

Pag.

Pag.

• . . . . 32, 489

422 MANCA L. 517, 882, 1894 MANCI V. 499 • M ANCIOLT M. 229 MANCKE 1098 MANGlNl . . . . . 584, 126.~ MANN G. . . . . . 343, 638 MANNlNl R. 721 MANOUSSAKIS E. 1059 MANTOVANI M . 1556 MANTOVANI 0&SETTI . 389 MANZ F. 62.!. MANZINI G. 27 MANZUT'IO G. 344 MARABOTT1NI-MARAB01'TI 1304 MARAGLIANO E. . . 1827. 1854 :ht!ARANELLI L. • . . 702, ';"03

699. 703, 1187, 1407

..

147

A. LöHB H .

• • •

14t5

LOLLI

• •

1264

LOE\VY

• •

14132

A. . . .

LOMBARD!

.

0.

LOMBROSO LONGO

A.

LOP

• • • . • •

LOPEZ

F. A. .

LOPEZ

H.

.

863

44'/ 1657

• .

1012 46') 13133 18J2

w. . .

F. H. .

LORENTZ

c.

LO&ENZETl'l

15Y7

G

LORENZINI

C. LOlENC V. LORIGA G. LOSIO L. LOSSEN li.

1834

LORET()

..

62i f62 1910 ~5

861 27, 1872

LOMBAT

V. . . LUBRIN H. LUCACER M.

LOZZ(

..

G. L.

LUCANGEL1

L L

F.

225 12!?0

MARCHIONNI

. . . . . . 1269 LUSSANA . . . . . 982, 1966 LuzzATl'I c. A . '386, 622, 658

A.

. . . . .

L UZZAT'IO-FEGIZ G. . 660,

MARCHAND M. L . MARCHlNI

L USENA R.

191~

1921

LYON

D.

. . . . . 185, 13J3

LYON

G.

. . . .

1065

F. . . . MACFADYEN J . A. .Mr CowN P . E. MAC MYN J. Mc. NEIL Ca. MAFFEI MAGAT MAGGIO .

G. B. . . . 600. J. . . . . . . . P. . . . . . . .

MAGNI

S. . 783. 983, . • • . . . 6?.3,

MAG NON

F.

MAGGIORE

A. F.

MAGRASSI MAINZER MAIR

w.

F. . .

... P.

MAISIN MAISSA

B. . .

MALAMOS

A.

MALLARDI MALLET

M.

Guy

MALOSSINI MALTESE MAMON MANASCI

P. • •

LE

H. C.

RoY

0.

A.

MARCOZZI

MARENGO MARFAN

'11•

MAZZEI

M. E. . .

MEDEA

C.

MELANI

G. . . . . 27, ~41 F. . . 1875

MELDOLESI MELINA

G.

MELL I

MELTZER

u.

MELZI

G.

MENDES

G.

1831

MENEGH!Nl

T.

MENGHETTJ

S.

345 1102 784 1299 . . 1740

112

1717

F.

18.34

E

MASCHERP..\

• .

S.

A.

J.

538 1452

n1ATERNA MATHIE

1928 5'17

DE

FoSSEY

MILLIAN MINERBI

C.

MINGAZZIN I

2001,

1439

MOCQUOT

P.

144i3 344 2002 1413

MOGENA

1861

1862 382 A . 1581

MOLL

H. .

H. H.

•.

H. MOORFl R„

L.

1555

A.

565, 922

1408 MORAWITZ P 270, 1098 Wß:ORAX V. . . . . . 385 MORDEGLIA M. . . . 1055 MORELLI E . 308, 660, 776, 942, 943, 1022, 1342, 1343, 2003, 2004 MORELLI M. . . 1135 MGREN AS L. . . . . 1147 MORETTI

P. E.

MORBARDT

L

.MORICONI

. . . . 1068 MoRLOCK V. . . . . 20, 417 MORNET J . 946 Mono R. 343 MORRIS N. 427 MORRISON S. 16.55 MORSE P. F. 1173 MOSCA L. 90J • • MoscHELLA E . 326 Mo ~cHET'l'A

166~

G.

2004

MOtTA R.

907 464 1554

A.

MOUCHET

MOULINIER

J.

Mou LONGUET MOURADIAN

H.

1251 1826 1440

MOURIQUAND G.

F.

MOUTIER

MOYUIHAN OF LEADS

1633 1800

0. MURATORI G.

MUCCHI

462 1751 1104 1875

346, 826, 1516 1297

F. H.

827

1141 500 MURRAY-LYON R. M. :1.780 68 MUTEL .... . . . . . . . . . . 1664 MUZII M. MUZZARELLI G. . . . 49, 768 M UNSCB

N

1797

NABASSO NAGEL NAGRAC NAHUM NANNI

827

R.. P.

300 1256

L . H. 0.

1635 1369 j 012

NANTA

18?.=)

N ASSET'l'I

17 1 U. . . . . . E. . . . . . 110. 621

. . 693, 1653 1874

MORISON

MÜLLER

1875 309 309, 943 981, 1022, i342 . . . . . . 1415 MON CORPS MoNDOLPO E. . . . 565, 1103 MONDOR H. . . . . 543

100i 617

V. MORACA G.

1410

B. . MONACO U. . MONALDI V. . . . .

' .

MORA

MÜLLER

MONACO

615

MOORE

1Y[UGGIA

.

425 31

R. 0.

824 224

346 MISSIROLI A. . . . 472. 1744 MISTRETl'A A. . . 741 MITCHELL A. G. . . 866

M

'P.

MONTILLI MooN

0.

GUARNIERI

D.

168 77b Rosso L. . . . . . . 1298

.. . . .

MONT!

MUCCJ

E.

M

MISASI

426, 741, 1953 MONTELEONE R. 294 1018 MONTESANO V.

t57

584

MONTANARI A.

Mucc1

1145

J.

MINET

Pag.

L A.

11.37

M.

MITHAND

1830 • •

• •

G.

502

I. T. . .

MILLET

MIRANDA

1594 V G.

MILHAUD

18, 121)2

Ta.

1800

DEL

L.

A.

M.

MINUCCI

\

MARZIANI

C.

71 1954

U. . . .

MASSION

. . . . .

0. P.

MAYER

A.

MARVELLI

MASON

. . . 145, 579, 1798 E. r. . . . . . . 1267 F. . . . . . . . 14oa K. . . . . . . . 626

MILELLA

L.

MASNATA

18ao 141·1

A.

MEYER

1593 976 1590, 1790 2204

1171 1211 1106

14t2

. . . . .

L.

R.

G. F .

MASIGNANl

..

MIGNOT

MARTIN-KOTZOGLU

MASIA

0 .. 584. P. .. . . . 227, 228, 1714

867

MARTA F.

1447 195:>

70 12.38 31 10?.1

MENEGHJN I

.

A.

. .

137!1 MEYER . . . . . . . 908 MEYER-BURGDORF H . . . 53€ MrcHELI F. 537, 1143 MICHON E. 867 M1CHON L. 867 MIDDLE'T'ON SHA w J. c. 1677

0.

MASCHKE

• .

MIGLIORATI

F.

~·15

801, 104 ~ 1265 825

MARRONI 0.

MARTY

1757

425, 1520 1753 . . . . . . 1412

ll 2

MARTINY-GAGEY

.

P. A. . . . 71,

MEINERI

~1.El'ZGER

192

MARTINOTTI

. .

MBERSEMANN

MEYER

MARRONI M

MARTINICO

1906 1846. 2006

MAZZETTI

MlDU LLA

G.

MARTIN

2C

34~

MARRIAN

1839

782, 1832 ,

E.

M.

12J6

MEYER

D.

].1ARSIGLI

G.

..

35,

1550 MARINUCCI 310 MAR1orr1 E . . 1061, 1465, 16Z2

MARQUEz

1186

o8Z

0. . MARGO'I'TINI M . MARGRETH .. . . MARIN AMAT M MARIN~SCO G. MARINO E. . .

1552 1446 747 1873 1221 1264 384 502

1220, 1345

MEYER

E A. B.

A.

. . 158 ~ 1218, 1445. 1446

MARGARUCCI

MARINO

MAZZEI

MESSINI

... .

MAzzACUVA

MEURS

MAREGGCANI

617

0.

MAYIO

105

MARCH!

MAROTTA

1555

E

MERKLEN

1475

1428, 1472, 1816 1172 • •

MAURIZlO

11t5

A. R. .

'181

P.

MERLETTI

MAROJTA

586

MAURIAO

1302

P.

. 149, 66i

R.

MAJUMBER MALAN

...

M.

MAIRONO

.•

0.

MAROGNA

85H

MAURER

MARCIANI

MARCON

428 1450 469 706

Ü B.

.

1950 1106 0000

1399

MATTE!

l

. ,

.

MA·r1GNON

MARCIALIS

MARCOLONGO

.

R.

MATHIEU

26 15'14

MARKOw

llACCARI

. • M.

MARKOVITS

M

1522 11.Z 1053 18)0 1834

0.

MARBURG

1333

A. . .. 1829 U MIERE A. . 236, 1912, 2000 UNEDEI A . . . . . 1592, 174? UPO M. . .. .. 1062, 1520 't 'J. 6 UPU N. Ca. . .

LuzzATTO

A.

MARBLE

F. . .

LUISADA L

1169, 1524

. .

MARCRESI

~

L

MARAiiON

819

822, G. 733 LUCCHESE G. . . . . . . L UCHERINI T. . . . 1144, 1569 LUD\VIG SCHLEICH 0. 708 L u oo VAN BOGAERT 113 L UGLI G. . . . . 586 LUCARELLI

c.

MAN CA

Pag.

1215 1265 147

NANNINI

A.

NASS!

E.

NATALI

A.

1300 1649 688 72 1954

NATANNSEN NAUSSAC

H.

NAVILLE iF.

114

921

A. NEBULONI A. NAZARI

MoNGuzz1

NEGRI

MoNIZ

NEGRO

F. F.

86~ •

71 112

\


-

M.

NEGRO

l 1a g.

P ag.

Pag.

. 190, 192. 193, 704

63 1410 .. PALAGI PALLESTRlN I E . 1912 PALMA R . . . . . 500, 1066 PALMIERI G. G. . 1665, 2005 PAr,rn1NIER1 G. . . 525, 1665 P .\L UMBO v .. 538, 742, 2001 PA!YIPANO E. . . . . . 226 PANA C. . . . . . 537, 1484 PANAGIA A . . . . 1693, 1832 J:>ANCRAZIO F. 664 PANDOLFINI R. . . 1833 . . 1299 PANE N . PANFIQt!E L. 65, 1146 PANGARO I. 186.3 l'ANNELLA P. . . 1833 PA NTOLI F. 1'93 PAOLUCC I R. . . 929, 1834 PAPANTI P. L. . . . . 779 PAPIN E. 188, 736, 969 PARENTI P 1515 Pi\R1'HON c. J. 1716 PARINO A. 1521 PARIS . • 1632 PARlSE N . 1963 • • PARISOTTI 0. Z? • PARK w. H. 1838 P.\RKES V\TEBER F. 1378 PARREL G. • • • „ • • 31 1217, 1874, 1913, PASCALE G. 1924 PASCALI S 495 • PASCHKIS K. . . . 1378 PASQUALINO G. 1874 PATCH F. S. 185 PATEL 1336 • PATRI GNANI · D. . . . 1144 PATRONIOOLA . . . . . 273 PA UL J. R. „ • • • • 1557 PAULIAN D . . 946, 947, 986 PAULIQUEN 275 PAULY N. 817 PAVEL 1632 PAVIA M . 623 PAVIOT J. 464 PAVONE M. . . 191, 192, 1Y4 PAYR 311 P AZZAGLl R. 822, 1593 PEARSON L. 118 PECCO • • „ • • 503 P ECKH<\ M 0. H. 1344 PECORI G. . . . . 504, 1353 PEDRONI G. C. . . . . . 1521

1299 623 55 131'0 626 PETRlDIS P 948 265, 822 PESCATORI F . PESERICO E. 500 PETIT· DUTAILLIS D. 1631 PETRAGNAN l G. . . 501, 1663 PETRIDIS P. 948 PETROVIC A. . 470 FETTE H. . . . 113. 744 PETTERJNO PATRIAKCA A. 1753 PEYROT J. 1926 ·PEzCOLLER A. 1832 PEZZI C. 493 PFEIFER B . 110 PBILIBERT A. 1380. 1444 P1A ·~zA 345, 864 PIAZZA G. 1596 PIAZZA M. .. 997 PIAZZA R. 1672 PIAZZA V. C 1829 PJCARDI G. . . 410, 917, 1361 PICCHI L. .. 1102 PICCINELLI A. 1962 PIECHAUD F. 1145 • PIEltGROSSI L. . . 1449 PIERI G. . . . . 253, 388, 458 502, 659. 823, 1020, 1265, 1556 1636, 1666 PIERI P. F. 1714 PIERMARINI • 310 PIERONI P. . . . 1830 PIERRE-NO~L DESCHAMPS . 1015 PJERSOL G. M. 1093 PIERY • . . • . . . . . . 1633 PIETRA P. . . . . . . . 1753 PIETRANTONI L. . . . 503, 1521 PIGBEZZI G. 1961 PIGBINI G. 1425 PIGNATTI A. 1521 PINARD M. 1212 1522 PINAULT PINCHERLE R. . . . 1908, 1964 PINELLI L. . 1594 PJNOLJNI • . • • • . . . 574 PIN'}'O F . . . . . . . . . 1447 PIRERA A. . . . . . 498, 1999 PISANI . . . . . . . . 1714 PJ SANI L. • . . . . . 189, 191 PJST6NI . . . . 346. 982 P1 su I . . 155 PITTIANI G. 1521 PIRANI A. 1673 PIZZAGALLl L. 1830 P1zzOGLIO E. 1293 • PLAECO F . . . . . . 148, 503 PLAUT P. .. . . 780 PLAZY . . . . . 1672 PLElKART STUMPF 536 PLUMMER U. . . 1186 POLACCO E . 503, 661 POLLACK 1147, 1189 • • POl\1ETl'A 1379 PON S 27 PON S M. 741 PONTANO T. 1517

15!34 150 NELLI 584 NEUCCI N. NEPVEUX F. . . . . 269. 1481 NERI A. 502 947 NETTER A. 861 NEUPFER v. H. • NEUSCHÜLER T. 2003 NICCOLI L. 657 NICHJTA 269 NICOGLOU 827 N ICOLAU c. G. T. 296 NICOLI 982 NICOLICH G. 193 NICOLLE 1486 NISIO G. . . . 191, 192, 193 NISSEN R . . . . 118, 497 NIXON vV. 0. W. 827 NOBLIA :F. 1717 NOCKMILLER . . . . 971 NoE M. . . 3<t5 NOORDEN {VON ) 0 . 272, 274, 465 NORE-JOSSERAND 1451 NOVI . . . . . 778 NOVIELLO L. 862 NOVOA 8ANTOS R. 702 NrrzuM F 62 NEBR KORN

0 ÜB ~ RLJNG

CH.

110 O' BRIEN 1185 ÜCCONOMAS S. 1738 • ÜDASSO A. 149 ÜDRU 268 ÜESTERLEN 1486 ÜETIKER . . . . . . 34 0 ÜKELL C. c. . . . . . 1013 ÜLIOLI A. . . . . . 345, 1753 ÜLIVA G. . . 1034, 1446 ÜLIVECRONA H . 111 ÜLI VETl'l R 1445 ÜLLER A. 304 ÜLM ER D. 1836 ÜLMl G. 539 ÜMODEI-ZOR-JNI A. 308, 659, 661, 1142, 1341 ÜNTSCHINNIKOV . . . . 531 ÜRLO,VSR I 1626 ÜRTNER N. 978 ÜRTOLANI M. 784 ÜSELLADORE G 1873 ÜSl'EWFELD J. 232 ÜTTONELLO P . 1483 ÜUDARD P. 86t> ÜU1'4ANSKY 1292 ÜURY P. 1226, 1255 ÜUTANET 1839 ÜVJO G. . . . 385 ' . p

M. PACE'ITO G.

l)ACELLl

PACBNER P ,\cnNER E.

:M. P\GG! B. PAJLL\S J . E. PAG.\NJ

P .\IS

L.

XL -

.. .

1742 1875 148 661 2005 1875 1732 540

PAL

J.

PEGREFFJ

G.

. . . . .

16 ~ ·1

232, 934, 1054 PEISER J . . . . . . 587 PELLE A . . . . . . . . 817 PELLEGRiNI A. 149, 502, 1410, 1831, 1833 P ELLICCIA G. . 823 PELLINI M . 948 PEMBERTON L. 118 PENATI . . . 1218 PENDE N. 146, 335, 423, 1343, 1745. 1919, 1965 PENPIELD W. . . . 110 PENSO G. . . 781. 1142, 1303 PERACCBIA G. c. 1302 PERALTA RAMOS A. 93?. PEHU

M.

U. PERBELLINI ! 1 P ERGOLA M. PERI'l'Z G. PERT1MANN S. PERA'IONER

.

A. . . . . 502. 1265' PONZlO M. . . . . . . 34S:· PoPPI U . . . . . 1019, 1221 PORJN J. . . . . 1781 PORTA V. 85· • • • • • PORTER SU'l"I'ON L. 117 POMAILLOUX M. . . 306, 1174 POURSINES Y . . . . . . 769 . . 1799• POYNTON F . J. . . Pozz1 A . 226, 984 Pozz1 G. . 1832 PRATO E . . . 1830 PRETI L. . . 283 FRIESEL R. • 1408 PRINCE L . 1014PRO CA . . . . . . 105, 1107 PROI:O M. 1873 PONZIAN

PRO UST

706

..

502' PRÜFER J. 1484 PRUVOST 145 PUCCINELLI V. 2006 1833 PUGLISI ALLEGRA 1789 PULLE F. 942, 981 PUNTONI V. 847 PUPINI G. 109 PURVES-STEWART J. 111 PUTNAM T J ... PUTTI V . . . . 496, 1665 PUUSEPP L . . . . . . 111 PROVVEDI

F.

Q QUADRl

8.

Q U ARANTOTTO QUARELLA

B.

QUATTROCCBI

A.

QUENU Q U IVY

D.

. . 1660' 345, 864 301) 330 342 1373.

R

A. RABAUD E. RABBIOSI U. RABBONI F.

1881

RABA UD

1~8

543 1834 RACBET J. 817 RADEMAKER G. J. 11! 101)4 RAGNOTTI E . . RAHIER CH. 470 RAIMONDl 126(} RALLO A. 1831 RAMOND L. . 1225, 1701 RAMSAY H UNT J . 112 RAMSBOl'TOM A. 1754 RANGANATBAN S. 1450 1291 RANKE ... RASK-NIELSEN 1373' RATHERY F. 20 RAVA G . 2005 RAVANO • . 583 1994 RAVAUT P. RAVASINI ('. 192, 193 343, 1374 RAVENNA P. 537 RAVICINI 234 RAVINA A . 1142 RAY M. B. 72 RAZl::MON P. 907, 986 READ B. 1560 REBRCCHI P. 383


-XLI -

...

1373 REDAELLl M. 1662 1831 REDi R. . .. . REEB • • . . 1880 REED A. 0. . . . . 469, 1881 RBBN . . . 1057 REINBARDTOVA . . . 1837 • REITANO U . . 1389, 1623 RENAUD M. . . . 1927 • RENZETTI 1221, 1410 RESCH.KB K. 536 RESINELLI G. 298 REUNER M. J. 195 REUNER N. S. 186 REUTER K. 1910 REYE E. 1176 RR1.:AUME P. 1866 R1uAJJEAu-DuMAS Ca. 428 lllCHARDS T. K. 907 R1cHE ·v. 934 RJCHET c. . 1304, 1380 ltJEUX J. 422 ltJGGALl R. 733 RIGBl G. 1103 RIGOBELLO G. . . . . 307, 1519 RIMINI . . 539 RINALDI R. 190 RJSDONE A. 1874 R1zzATTI E. . 108, 423 RIVELLON l G. . . 155 • R1zzo C. 1594, 1995 Ro \ SEt\DA • 422 ROBB G. P. 196 ROBERT F . 25 ROBERTO S. 1461 ROBINSON 1442 ROCAZ Cu. 582 ROCCIA B. 10€4 • Roca M. 298 ReDIN 2009 RODOTA R. 346 • • ROEMHELD L. 1969 • ROGALSKI 313 ROGER H. 769, 779 810, 1207, 1261, 1340 ROGERS W . . , • 265 ROGUES DE F URSAC 196 ROLANDI-RICCI 1343 ROLANDO L. 1266 ROLLAND D. . 38J RouLEs-oN II. 220 ROLLET E. . 1145 ROLLET J. . . 65, 1146 ROMAGNA . MANOIA A. . . 498 ROMAGNOLI M . 346, 623, 1411 ROMANIN V. . . . . . . . 343 1373, 1502, 1828

REBOUX

ROMANO ROMJ!JR

P.

A. 0.

RONCATO

A.

i 03

.

. . . . . .

1452 538

. 227, 1029, 1714 RONZINI M. . . . 1019, 1410 1691, 1833, 1874 RORDO":F R. 1739 ROSENBERG G. . . . . . 785 ROSENFELD H. . 506, 1415 ROSKAM J. . . . 1514 ROSSETTI 0. . . . . . 1302 Ross1 • . . 345, 743, 864 RONDONI

..

.Pag.

Pag .

J. s. . . . . . 1189 SANNA G. . . . . . . . 1381 SANTORO A. . . . . 291, 2004 SANIORO G. .... Z46

G. . . 34, 77 158, 197. 314, 354. 430, 548 667, 869, 949, 1109, 1230, 1418 1487, 1561. 1676, 197J SENtQUE . • . 269 SERAFI N C G. . . 1024, 1364 SERENA . . . 1448 SERGENT E. 224, 399, 1369 SERGI G . . . . . . 1875 SEllO F. . . . . . 1746 SERRA V. . . . . . . 26, 981 SESTINI F. 191, 38~ SEVERI R. • „ • • 1558 SEVIN . . . . . . 898 SEYMOUR-PRICE P. . . 107 S:EzARY A. . . . . . 390, 1016 SFIFFNER 1176 8 GAMBATI . . 1833 SGOLITZER M 420 SBELDON L . 1403 SHIRLEY SMITB K . 493 S 1EBECK R. 1477 SIEBEK 182 SlEBERT P. 1380 SIEVERT R. M . 1783 SIGWALD J, 16?.9 S ILBERT S. 1381 SILVAGNI M. 2003 SILVESTRI S . 386 . . S 1LVES ra1 T. 70 SILVE:)l'RINI R. 9C5 S IMO N 0. . . 1269 SII\10N J . .. 786 S I J\IOND c. P. 114 S IMO NDl M. 1102 SIMONELLl G. 1839 S I~GER R. 626 S I NGER K. 1798 S IOLI F. 1401 S I STO C. 150 SISTO P. 1828 SITKA 1799 SKILLERN P. G. 745 SLOTOPOLSK I B. 119 • SLUYS 785 SM lTH c. 1765 SMITH T. 107 SOGL IA 0 . 1091, 1376 S o HIER 1092 SOLARO G. 755 SOLIERI S. . 407. 703 18~1, 1921 SOLITO M. 662 SORGE G. . . . . 26, 1789 SO'RRENTINO M. . . . 193 SOULE S. D. . . . 1067, 1523 SOULIE P . . 32. 489, 699, 1187 S OUPAU LT R. . . . . . 1451 SPAGNOLI B. . . . . 149, 1302 SPAGNOLI R. . . 824 SPANGARO •. 345 SPI EGEL E. A . 112 SPIELMAN F. 1344 SPINEDI 0. 660, 661 SPI NELL! A. 1834 SPINELL! IF. 2005 SPITZ! H. 1866 SPOLVERI NI L. 1849 SPRIGGS E. J. 26'1 STABILE N. 1023

P ag

Pag. Ross1

!~OSSI

B. C. D. F. 0. V.

. . . . . . . 1750

. . . . . 677. 1876 Ross1 . . . . . . . 1409 Ross1 . . . . . . . 1832 Ross1 . . . . . 113, 307 ROSSI 2003 RöSSLE R. 1717 ROSSONI R. 786 ROSTAN A. 539 RoroLO H. 1832 ROUßlN 8. 1058 RO UGE MONT 1226 ROULEf Ji'. 1859 ROUSSBT J. 421, 627 RoussY G. 110 ROUZAUD J . 1581 ROV LR H . 1656 • R'ftwNrREE 1176 ROY 1224 • • ROYA-VILLANOVA R. 119 RUA! A V. 1142 l{ UBALTELLl E. 697 R U BBIANI L. 541 R t:BINI F. 1448 R UDEAU C. 1145 RUDOLSKY F. 1635 • RUGE C. 25 RUGGERI E. 1873 RUBRAB J . 118 RUSCICA G. . . . . 191, 187'1 R USCONI M. 424 RUSSELL A. E. 414 RusszLL M. 854 • • Russo FRATTASI 1019 RUS ZNJAR H. 1954 RUTIN! F. 1838 R uTrGE.RS P. . 1926 R ü Tz A. . . 25 • • • • RYGB A. 429 • • RYGH 0. . . 429

.

s 1555 SABATINI G. . 540, 585, 1746 SABATUCC I M. . . . 226, 942 SABBADINI D. . . . 905~ 2204 SABOURADD R. 1012, 1017, 1227 , ACCHI M. . . . 190, 503, 704 SACCO P. 1061 SACHS A. 1477 SACHl' E. 110 SAEGESSER M. 1226 SAGONA . . 419 SALARIS E. . 1555 SALGHINl L . 663 SALICE L. 1831 SALINGER R. 1557 SALMON A. . . . . . 814, 822 SALOMON H. . . . . 272, 1781 SALOJ'TI . . . . 2003, 2006 SALUS R. . . . . . . . 338 SALVI NI P. , . 194, 1020, 1521 SALVIOL I G. 1660. 1969 GAlliJEK E. 540 SAMPSON • 470 SANDRIN I G: 900 SANCRI G. 1221 SANGIOYANNI 310 SABA

V.

. .

.

. . . .

SANKFORD

SANVENEnO

ROSSELLI

G.

1 5~0

114 2004 SARDJ . . 387 ARTORI C. 1519 , AT U LLO R. 944 SAUERBRU CH . . . 1167. 1911 SAVELLI S. B. 30 SAVY P. 619 SAXL 25 Snaozz1 1833 SCALABR INO 1714 S CALORI G. 1741 $CANDURRA S. . . . 1921 1432 SCARDAPANE 310 ClRLINl 864 S CATU RRO A. 331 SCAVO E . . . 1725, 1904 Sca~EFFER H . 1340 CH EFFER H. 113 SCHENK V. 19Z8 S CHEPCS . . . . . 1555, 1556 SCHlAPPARELLl P. . . . 1674 CHIA SSI B. . 465, 495, 1922 SCHIASSI F. . 1746 SCHILLING V. 1756 S CHLECHl' H. 1168 SCHLIFPBAK.E 157 S CRM EREL F . 1377 S CHMIDT •• 1098 ScaM 1EDEN-Vo ss 1657 SCHMITT WILLY 779 SCRMORL G. . . . . 1100 CBNE.IDER . . . . 972, 1406 S CHOELLER W. • . . . . 1187 CBOEMAKER . . . 626, 1338 S CROLTZ A. 67 SCHREIBER Q. 307 SCBRODER R. 392 , ScR rEINGART M. 932 SCR ÜC K F. 1927 S CHULTEN H. 1800 SCHULLER A. 110 SCH ULTEN 1010 ScHwARrz A. 1660 SCHWARZ E. 1378 SCIUTI M. 1061 SCOLARI E. 1520 SCOLLO G. 1223 ScorT P. G. 1927 SCOTTI G. 537, 886 Scorr BnowN W. G. 868 . 8COTT PINCHIN I J . . 20, 417 SECCHI R. 1301 SECCO E. 743 SEGALE 1023 SEGRE R. „ • • • • 1218, 1372 SEGNINI A. 2003, 2006 • SEHRT • . . . . . . 1294 SEIDEL 125S SEIFERT E. .. 67, 1586 SEILI A. 698 SELLA .... 742 SELLHEIM H. 542 SELVAGGI dott. G. 1875 • A. V. SARCONO A.

SARBO

S ELYAGGI

avv.


-

Pag.

Pag.

112 1066 1147 THIBAULT · • 618 T HlEBAUT F. 348 TBIM lU A. . 507 THOMA S W. A. 1699 TBOl\l PSON A. P. 1783 THORACUS R. . . 939 THOlEK M. 1397 T IBERIO L . 1831 T1c o zz1 E. 1227 TILLMAN J. 77 5 TlNOZZI F. P. 1049 TIRELLI S. 1715 T I SU I. 1874 T1TONE M. . 1451 TIXl ER L. 1200 TIZIANELLO G . 1520 Tocco F. 822 TODOROW T . TOINON C H. 705 TOMASSINI • 309 TOMMASI L. . 863, 1219, 1305 TONELLI L. . . . . . . 206 TONNET J . . . . . 69 9 TOOKEY KERRIDGE -P. M. 507 TORCHIANA F. . . . . 628 TORELLI G. . . . 309, 659, 787

P. . . . . 386, 1873 V ALENSIN M . 501 VALIN J . . . . . . . . 934 VALLE • . . • . . • . • 574 V ALLEBONA A. 583, 1558, 1961 • „ „ • • „ „ • 746 VALLONE VALVERDE B. . . . 15'.}0 V ANELLI A. . . . . 151, 1520 V ANIER . • . . . . . . . 1210 VAN NESS DEABORN G. . 1454

Pag.

P.

1960 TAPPBRT 468 STAUBE H . 221 1171 Sn:BN . 342, 822 STEFAN ! F . . STllFAN1)1 1 P. . . 1754, 18-32 STEINDL H. 930 STBINDLER 427 S TEINFIELD E. 1093 STENVDRS H . w. 110 STEOPOL . . . . 620 STEPPUHN 0. 1706 STEVENSON G. H . . . 745, 1627 974 STEWART w. TANGANtLL I

.

STICOl'TI

.. . .. .

S.

3~4

F.

1322, 1689 STOICHITZA 705 1413 STÖEFEL 1018 STOPPANI STORTI E. 1519 492 STRADIOTTI G. STRAMPF:LLI D. 1101 732 STRANSKY E. 1267 STROEiE F. 1337 STROM IN GER STROPENI 1064 1485 STRUMZA M. • SUAREZ P EREGRIN E. 1060 SU MMARIA L. 1019 SUNDELL C. E. 107 SUSANNA V . 1299, 1482 SUSMAN W. . . . 1177 Suss1 L . 1267, 1587 SUTCLIFFt: w. D . 1672 SUTER F . 82J SuvANSA S. 772 SVARTZ N . 1181 • SWALE VINCEN'l' 1186 SWALM w. A. 1008 Sw1NGLE . 1176 SYKIO l'Il:l G. 663 SYLLA A. 25 SYMMERS D. 1406 SzENKIER D. 746 STIPA

.

T 181, 390 TAGLIAFERRO P . 538, 539, 1374 TALARI CO A. 661 TANFA NI G. 342 TANFERNA V. 8~3 TAN SINI F. 1972 TANT E. 1257 TAO 8. M. 1345 TAQUINT A. 1055 'I'ARABINI··ÜASTELLANI 1265 TARALLI 310 TARDIEU A. 706 TARDIEU S. 1380 • T ARSITANO A. . . . 1061, 1961 TARTAGLl D . • • 73 TATTONI . 310 TEICBMANN T. 664 T ELEKY . . . . . . 1379 TENEFF S. . . 1018 TENERY W . 0 . 1186 TER Z'\NJ A . . 425, 1103, 1592 TRANNRArSER . J . . 349, 350 TADDEI D.

• • . . •

.

..

XLII -

A. 'IHBVENARD M. THEVENARD

Toa o

N.

. . .

. . .

. .

18~0

M. . . . . . 1997 TORRIGIANI A. . . . 194, 2001 TORRIOLI M. . . . . . . 981 TORTORA . . . . . . . 309 . . 45, 323, 1981 TOSCAND C. Toroao R . . 780 TRAINA S. .. 495 TRAMONTANO V. 299 TRAMONTI NI 426 TRANCHINA M . 149 TRASER F. R. 1185 TRASK J . D. 1557 TRAVAGLI NI V. 192, 1410, 1874 TREPICCI ON I E. . . . 837, 1376 TREROTOLI . . . . . . 1410 TREVJSANELLO . . . 583, 982 TRIN CHERA 0. 1830 TRIP! G. . . 1207 TRIPODI M . . . 797 TRITTO G. 1408 , 1449 TROPEANO G. 621 TSCHERKES H. 707 T U LLIO P. .. 2005 TURCO A . . . 309 TzANCK A. • .1060, 1133, 1304 TORRES C.

.

u R.

U CCHEDDU

348 UFFREDUZZI 0 . 18:54 ULRICH P . 1485 • • UMBER F. 1182, 1632 UNGLlllY c. c. . . . 986 URBACH E. . . . . 351. 1404 •

..

1738

UROU HART URSO

S.

. 14\0

V VACCARI

..

VACCHELLl VALAGUSSA

S. F.

. . . 583, 1144 388 . . . . 1443

.

V ALDONI

VAN

WES

C. P.

DI

GRON I NGEN

. . . .

.

w i:r.

WAGNER

A.

. ..

R. R.

vVAGNEa WAITZ

737 1373

1403 1740 • 1178 662, 744 738

• • •

K.

WALKER

..

R.

WALLI CH WALTERS

W.

• •

J . 0. • • WARMUTH M. P. . W ASSERTHAL M. D. I . W ASSibJEFF A. Z. . . WArsoN C. • • WANGER

114~

WEISSMANN-NETTER

1003 1186 1338 73 67 696 908 2002 29 12'.)2

WELTI

117~

E.

WATSON-WILLIAMS

42·7 VA UN I ER L. 1518 V ARELA M . E. 295 VAS J . . . 30 VASARHELY I V. 154 V ASSILEFF B. H. 1865 V ASSILIADI S . 1171 1066 VA CJDESNET E. 116 VEIL P . . . 287 VELtCOGNA A. 787 VELO A. VELU H. 1136 1582 VENTURA VERAGUTH 0. . . . . . . 114 VERAN P . . . . . 499, 1091 VERARDI M. . . . . . . 193 VERCELLI G. . 71, 387 144, 1520 VERCESI 0. 585, 1342 . . . . . 2003 VERGE R VERNEY L . . . . 685, 1997 VERNONI G . 1806 V ERROl'TI G. 1219 VERZELLA M. 2002 VIA E. . . . . . . 65 V I ALE G. . . . . . . 311, 656 VIANA . . . . . . . 864, 1062 V IGLIANI E . . . 1445 V IGNALI . . 584 V IG NE P. 236 V 1GNERON !I. . . . 946, 1060 V1GNOLO • . . . . 583, 1G23 VILLA L . . . . 137. 500, 1629 VINCENT C L . . • . . . . 109 VTNCENT G. . . . . . . 1453 VINCENT H. . . . 628, 1148 VINCENZETTO c. . . . . 2001 VIOLA D. . . . . ) • 500. 1446 . . . . . . . 1790 V IOLA G. VIOLLE H. . . . . . . . 1408 VIRGILLO F . . . 192, 193, 1832 VISANf C. 822 V1scmA Q. 2001 VITALE A. 1832 V ITALI F . 1876 VITERBI 346 V I SOLI D. 274 V1z1ANO A . 287 • VOELCKER . 738 VOLANTE F. 422 • VOLHARD F . 820 V OLTERRA M. . . . 538, 906 1103, 1593, 1747 VONKENNEL J. . . . . . 1405 WADE

Pag.

WEGSCBEIDER WEIL

E.

WEILL

• •

. . . . .

G.

• • •

M.

WEILL-HALLE • .

• . . .

853 . . . . 69, 385

WENDl' H .

• • . .

K.

WESSELY

B.

14ß4

WESTERHORN WESTPHAL

K.

WHITE N .

B. B.

WHITEHOUSE WICBMANN

1510 1716 1880 10 ;8 1147 1176 1258 1631 428

W IEDMANN W ILBUR

H.

WILDBOLZ

D.

WILKIE

E.

W ILKINSON WILLCOX

W.

WIMMER

A.

112, 896 53B 933 29B 1558

W 1NTERNITZ

J.

WITTS L.

WOHLERS H. WOLLMER Woon

72

• •

H.

73

F. C. y

YAGO

..

K.

787 1993 107 1259 1700

E. T. YOUNG E . 0. YOUNG R . A . . YMAZ

Yu-L1N-OHENG

z ... ...

ZAAIJER ZACH

C.

497 •

A.

ZAFFAGN I NI ZAGAMI V. ZAGAREX ZAK

F.

•..

ZAMßlANCIII ZAMBRANO

A.

E.

..

344

1832 386, 74G 1832 126B 1376 1637

76 . . 503 ZANARDI ZANCANARO E. . . 1020 • • . 741, 981, 1300 ZANETTI G. 343 Z .<\N IBONI A. • • 864 ZANNI .. • 1747 ZAPPACOSTA 983 ZAPPIA M. 423 ZAVATTARI E . 1185 ZERNIK H. 1435 Z I NGALE M. 307 ZOLDAN L . 864 ZORZI . . . .. • • ZAMl'FlR


-

XIJI I --

A.ffinche i lettori possano apprezzare l'i1npo1·tanza dei contributi 01·iginali ehe vengono accolti nella Sezione Medica (periodicita men sile) del ''„POLICLINl(;O '', riJJOrtiamo l'Indice alfabetico dei contributi stessi pubblicati nel Volume XXXIX (1932): MEMORIE ORIGINAL!. Aoqua (Su·l le moc.Liäicazio.ni della ma.ssa. plasmatica 11e1 la 1prrorva de11' -). - Dott.i P. Levi e E. Oastellani. Pag. 61. Aminoaclidi (Sull'a.zione emopoieti-0a. di al-0U!Ili -). Dott. N. CiaJlDIPi. Pag. 365. Anemia grave Jpocromica -0riptogenetlica. Prof. G. Ant<melli. Paig. 283. Arse'Ilobenzoli (Azione degli -) sull'attivita epatica. Dott. M . Paz.zi Demurtae. Paig. 387. Arterie centrali (La cu.rva emo-Oinamica nelle -) e nelle arterie dietali. - Dott. E. Peserioo e P. Frugoni. Paig. 172.

Arterie ooronarie (Su1l'ooclueione lenta ·delle -). Dott. G. Oataldi. Paig. 152. Arterjosoler osi (Atonia delle arterie e -), - Prof. J. Plesch. Pag. 161. Arterioecleroei del piccolo circolo (S indrome di Ayerzn. ed -). - Dott. S. Signorelli. Pag. 399. Bac.illlemia tuiber.cola.ire (La -) secondo il m etodo culturale di Löwenstein. - Dott. A. Gualcti. Pag. 49 3. Ca1coJosi della cistifellea (Sopra una forma non ccmune di ipQfun7Aone pancreatica nel <X>rso di un a -). - Dott. G. Ghera!'ldini. Pag. 347. Cardiaoo (Ri.cerohe sul -0himrismo del mueoolo -) negli stati tiroidei speri-mentali e nella stimolazione da a.drrena.l ina. - Dott. A. Fiescbri. P ag. 418. Oieti da echiinococco endocranica e lo~aliz zaz,io ni parietali. - Dott. A. Valentini. P aJg. 101. Colla.El6-0 circolatorio (Sull'<:>ptpOrtunita dell ' i~ego delle sostanze a.d azione adrena11ncsimi1e in particol ari oondizioni di -). - Dott. V. Serr,a . P ag. 504. Corpo calloao (Un .caso di man canza del -). - Prof. A. Gianlilelli. Pag. 328. Cuore (Contributo &perimentale a.lla conoscenza dei rapporti fra fenameni 'Periodicri e alternanti del -). Prof. V. Chilili. Pag. 317. Dennatite eczematiforme da Cynara scolimus (car ci<>fo). Contributo allo studio ·dell'allergia cutanea. Dott. G. Santori. Pag. 592. Derma.toonioeite (Osservazlioni oliruicb e ed anatomo-patcdogi-0he). - Proä. V. Scimone e Dott. E. Antoniazzi. Pag. 186. Diabete mellito con sintomi pJuriiglandola:ri in sogget· to tuber-00loso. - Dott. S. M a.nca. Pag. 73. Diuretici (Fi-ltrato glOIDerulare e -). - Dott. M. Gavazzeni. Pag. 236. Echinocooo06i (lntradermoreaz,ioni epecifi<che e aspecifiche nell'-). - D-0tt. D. Longo. Parg . 202. Equiliibrio ista.mimo-adrenalinico nell'uomo (Oontrtibuto alla oonoscenza dell'-). Dott. V. Setta. Pag. 83. F:reni.cc-exeresi (Snll a-). - Dott. P . Ma r a bottini Marabotti e Dott. F. Win61I)eare. P ag. 664. Ginecoma.stia i1D oorso eil tubercoloei oronica dell'aJPparato respiiratorio (Oc:mtributo anatomo-clinico a llo etudi o della -). - Dott. D. Bettini. Pag. 534. Itteri~ie (La cur8. delle -) median.t e il glucoeto. D ott. L . Winter.nitz. Pag. 524. Lil!Jfogran·u l oma ·maligno (Oonsiderazioni eul -). Prof. G. Jona e Dott. Dalla Torre. Pag. 25. Liquor (Le modificazioni dell'equil:ibrio acido-basico del · -) in alcune condizioni ipatologiohe. - Dottori C. Man ziTui e P. Cara,ma:llZa. Pag. 1. Morva u.mana (S,a ora un ca.eo di -) a decor so aiouto. - P.rcf. E. Mondolfo e Dott. A. Moretti. Pag. 357. 1

N evra1gie del pleseo brachial e (Il trattamento fi&iot~­ rapico ne1le - ). - Dott. P . Farneti. Pag. 621. Ormoni e funzione renale. - Dottori L. Villa e M . Gavazzeni. Pag. 128. Pancreae (Oainior o gelati'n'oso priimi.td.vo del -) con ·m etaetasi a.i gan.gJi di Gasser ed al ner-vo glosso-fa.ringeo destro. - Dott. G. Jurcev. Pag. 609. Pa11-0reas (Sopra una forma iilOn comune c1i iporfunzione del -) nel .co:rso di u.na caloolosi della cistifellea. - Dot t. G. Gherardini. Pag. 347. Peraiplegia spastica insorta 36 anni dopo gli effetti immecliati di una ferita d,a -0oltello deJ.la spina dort eale con .permaine•ruza del framm ento infisso. - Prof. G. Antonelli. Pag. 467. Po1mone (Anoora sui r apiporti fra tessuto retioolato e fibrosi <lel -) in oollaseo rpneumotoracico. - Dott. E. Antoniazzi. Pag. 113. Pres.sione -0efalo~ra.ohi1 dea (lnrfluenza dei fattori emo·d·in a mici suJl a -). Dott. M. Tripod:i. Pag. 245. Renale (S ulla eli.m inazione - di miscele di sostanze co1orate e eua utilizzazione per Io stu dio della funzione). - D-0tt. P. Steffanutti. Pag. 265. Ricambio emo·g l obinioo (Cont1'.ibuto a.Jlo studio comparativo d e1l'eliminazione intootinale del ferro e dell a bilina). - Dott. P. Molinari Toeatti. Pag. 209. Sarugue (Ricerohe aperimentali sulle m odificazioni ematiohe indotte n el -) dai Ra,.ggj X negli animali normali spleneOC<>mizzati. - Dott. V. Serra. Pag. 640. Siera terapia antietreptoooooi ca (Sulla -) con un nuovo siero a.ntimicrO'bioo e antito·s sico. - Prof. H. Vincent. Pag. 441. Sif 11'.i de (la c1.1tireazione ·della -) : valore diagnosti-00. prognostico e tera.peutioo del Luotest di Brandt e Müller. - Dott. L. CiaITc;ceibi. Pag. 553. Sindrome tdi Adams-Stokes da lipoma1iois.i dei' nodo di Tavrara. -- Dott. G. Paw. P31g. 263. ~indroone eil Ayerza ed a rteri oscleroei del piccolo circolo. - Dot t. S. Signorelli. P ~~. 399. Son1Do (! distllil"bi del -) nelJe Jesi001i del mesenieef a lo . - Dott. E. Jacarelli. Pag. 452. Thorotrast (Riceroh e sper1mentali dJ i stopatolog'ia eull'u.eo del -) . - Dott. E . Liverami .Pag. 373. Tifo addominale (I leucociti neutr-0fili con granulazioni toesiche nel -). - Dottori M. Gavezzani e L. Beltramet:Jti. Pia.g. 275. Tonsille (Contributo -01in:Lco a.lla conoscenza e terapia di alcune tf,requenti a ffe zioni secondarie a focolai delle -). - Pr-Olf. S. Oorinaldesi. Paig . 478. Tubercoloei e1'oni ca dell'wpparato respiratorio (Contr1buto an.atomo-olinico allo etu·dio delJ.a ginecoma•s tia im -corw +di -). - Dott. D. ~ettini. Pag. 534 . T'un.ori extramidolla-ri (Contributo -0lindco e anato.monatologioo allo studio dei -) . - Pr-Oif. F. Sa.batucci. P a,g. 13.

Tumori sp.in.ali extramidollari (Con tributo allo studio dei - ). - Dott. E. Jacarelli. P ag. 139.

1

RIVISTE SINTETICHE E CRITIOHE. Encefaliti (Le - ) ed encefalo-mieliti. - Proif. F. Giannuli. Pag. 425. R eu mati&m.i (L'eziologia e Ja ipato·genesti dei -) . - Dott. D. F eTrante. Paig. 47.

Abbonamento annuo a lla SEZIONE MEDICA : ltalia L.

Assumendone l'abbonamento insleme alla Sezlone Pratica, l'importo complessivo

e dl

50 ·

Estero L.

60

L. 100 per l'ltalia e dl L. l 50 per l'Estero. I


-XLIV -

Afflnche i lettori possano apprezza1·e l'importanza dei contributi 01·iginali ehe vengono accolti nella Sezione Uhirurgica (periodicita mensile) del '' POLICLINICO '', riportia1no l'lndice alt"abetico dei contributi stessi pubblicati uel Volume XXXJX (1~32): MEMORIE ORIGINAL!. An astomcsi ureter~veno sa e le sue oomrplicanze. Dott. V. Lozzi. Pag. 229. A n eur~sma arte~ve n·os o sperimentale n ·e i vasi rena li. - Dott. V. Lozzi. Pag. 357. A.ngi-011I1a oavernoso tClelle .g uaine tend·inee. - Do•t t. N. Della Mano. Pag. 593. Anne€6i uterini norma.lJi. (La torsione degli )-. Prof . A. Caucci. Paig. 213. A ppen1dici ti (Ccmtributo .aJ.lo studio batteriologioo dell e --) . Prof. N. Sette e Dott. I. Barcaroli. P ag. 167. B a~terium co_li (L'rassor.bi~ento del -) da parte del per 1toneo. (R1cerche sper1mentali). - Dott. G. Guoci. Pag. 44, 51. Bro n oo,p olmo niti (Ricer che s perimentali Gull'et iol o·g ia delle -) d?. i rritazioni •del peritoneo p er cause meccaniche e .chi•mi-0be. - Prorf. V. Ghiron e Dott. S. „ candu.r ra. P ag. 422. Carcinom.~ bilaterale della mam·m ella asGoci ato da un lato a tt1beroolosi. - Dott. C. Pa na. Pa.g. 155. Cairci noma dell'intestino tenue. (Contributo a lla concacenza e aJla -0ura o birurgica del -). Prof. L. Stt&Si. Paig. 405. Coledoco-duoden-0-stomia sopra-duodenale i soperis taltica (Sulla -) . - P .rotf. P. Valdoni. Pa ,g . 507. Ematuirie (Sulle - crsJdette e31Senziali e s ul loro trattamento. - Prof. G. Nisio. P ?,g. 613. Emibolectomia. (Studi '6lJ>erimentali eulle a lterazioni della -parete a rteriooa dopo -). - · Dott. R. Rimi·n i Pag. 48 9. Eruootasi (Ricerche sperimentali sull'-) -con .mezz:i biologiioi, w 1n .p arti·cola re riguardo alla chirurgia ora · nio-cerebr aile. - Dott. G. Pacetto. Pag. 112. En·dotelioma peritoneale (Le forme frus te dell'-) nel cam'PO ginecologico. - P ·r of. L. Firrao. Pag. 141. Ep a~osp~enog.ratfia .<Sulla -). - Dott. A.. Capua. Pag. 581. Ern1a d1 a.ft:aimmat1ca dootra congenita tota.le dello eto:na~ cu:i .-caso di -) c on ulcera callosa deJ piloro. ~tud10 c1.1n1co e d operativo. - Prof. L. S u€\5i. Pag. 497. Essen za dtl berga motto (L' -) . Nuovo anti settico nella p~aitica ch~rurgica. Dott. A. Spinelli. Pag . 627. • Fe1:1te :ren~l1 (T a mp o·namen1:o oon cat.gut dell e -). Studio sper1men tale. - Dott. N. Cirill-0. Pa.g. 65. }"'istoJ.a biliare (Considerazioni c liniche e rad•i ol ogi che sulla fun.zionalita dello sfinter e dell 'Oddi e s ui m etodi di colecistografia del Grah am e dell'Antonucci in indi.viduo portatore di - ). - Dott. G. Barbel'a e Dott. A. Capua . P ?„g. 285. Frattui·e cervicali dell'omero (Trattamento crueuto delle -). - Dott. I . B~. rcarol i. P ? g. 1. Gan,g,r ena gassooa da in1 ezioni ipodermiche (Sulla - L Dott. u·. P olera. Pa.g . 57. Globali bian.ebi (Valore olini co delle variazioni m-0rfo·l ogi che e numeriche dei -) n elle malattie chirurgi „ ehe. - Dott. S. Biancardi. P ag. 297. Idro,n efrosi sperim entale (B.reve nota sull'-) Prof. L. Süssi. P ag. 201. · I n.for t uni.stica (Una i nvers ione renale in -). D ot t. S. Ragcn e. Pag . 434. Leucocdti (Le variazioni numeriche dei - ) ed il comp.ortamento della velo·ci ta di 1'3edim en tazione nelle coleci•·tit i, appendicit i ed an·nese-]ti. - D-Ott. M . Monta· nari Re.ggiani. Pa;g. 104. NenTinoma rlel'! a lin.gua (Su ·d.i un ca.1So di -) . - Dott F. Oian tini. Pag. 413. · 1

Os&ificaz!oue cosipioua in cicatrice da laparot<>mia. ü ctt. G. S. Donati. Pag. 469. Pie l o.grafic~ (Sugli a ccidenti -) . Nefrectomia d'urgenza per p1elograf.ia ret.rograda in idronefrosi calcolosa. - Dott.. S. Ragone. Pag. 130. Pi·oi5·alip:i'DJge destra 1Pe11forata simulante una a,pipenidicitc acuta. -· J)ott. G. Selvaggi. Pag. 775. P1-.o.s t a t a (Salla. ·oosid detta ipert rofia seru.plice della - ) (Studio a natomo-patologico). - Dott. R . Memmi. Pa: gina 561. Ilel:l~Go v~scico-uretera:le (Contribut.o <1.illa patogenesi del --). RJ:cerche sper1me11tali. Casi clini-ci. - Dott. S. 8 candurra. Pa-g. 313. Rena~e (Risultat.1 Jontau.i della decaps·ulazione ed enervaziH)•n e -) . - Dat t . V. Lozzi. Pag. 84. Rene (Un caso di sclerooi 1ipomat-OSa del -) . Studio patogenetioo. - Dott. S. Scaudu.rra. i>ag. 765. Rif lessi ren o-gastro-en teri ci (8 t udio s perimentale d ei -) . Dott ori S. Scan°du.rra e ·v. Gbiron. P ag. 703. Simpaticecto mia ohimi.c a coll' « i sophenoJ. (Ricerche sperime n tali Gulla -) e s uoi eff etti s ulla ghian.dola gen itale m asohile. - Dott. G. Luocheae. Pa;g. 373. Sindromi associate dell'addome destro (Ri·c erche batteriolo.g iohe nelle -) . Dott. S. (Jimino. Pa-g. 721. Sindromi d-0'l orose degli arti (La nostra espenienza sulla ter31Pia. .dei rlisturbi trofico-vascolari e di alcune - ) con l a rooezione delle catene lateral i del simpatico toraco-cervicale e lornbare. Pro.f. A. Ohia€eefjini o D<>tt. 0. Pepi. Pa..g. 657. 'f etr aiodc.fePolftaleina. <Modificazior!i del tasso glice· mico dapo iniezioue endo venooa di - e loro sign!ifiCi:li!'>J lJ0tt G. ~appala. . Pag . 463. Tubercolari <AffeLi<>ni - ohirurg.icheJ (Ta.660 -calcemico e de1nine C'a lizzazione nelle - ). - Dott. R. Galli. P a gina 755. Tu,b ercolosi 'I)01'm onare (Contributo alla cura chirurgica del.W. -) . (La lega.tura sperimenta!e del ipedun•colo Vaßa le polmcnare). - Dott. G. Guicci. Pag. 697. Turmori flogistici endo-aiddoonina1i da corpo estraneo. - Dctt. V. Lozzi. P~~g. 263. '11umOO':i mailigni (La reazione ·d i Bi·ossa n·e ll a diagnos tica dei -) . Contributo clin ico. - Dott. L. Minucci Del Rosso. Paig. 481. Tumord. .md&t.i del'1a par.otiide. - Dott. T. Ca1zolari. Pagina 351. Ul cera ·c alloisa del 1Pi1oro; vedi Ernia diafr.ammati ~a delJo stomaco. Ulcere .g aetro·duodenali tperforate e loro trattamento. - D ott. G. .Scollo. Paig. 346. Ulcera, p eptic.a. digiunale poet-operatori.a (Alcune oons iidcrazionj sull' -). - Protf. P. Valdoni. Pag. 444. Ulcera p cs t-ope1~atori a (Sul ra'J)p-Orto tra -) e pirooen'l.ia rlei fili dj seta S1,1lla ston1ia . - Prcf. P . Val doni. Pag. 571. U·omini (Gli -) di vetro. (Ost-eop,5aty:rooi). Co.ntrib11to cli'llico ra:diologico. - J)ott. P. Abruzzini. Pag. 521. V~.rici (Sfc:rzo e -). - · .Pro.f. S. Diez. Pag. 20. Veeci·ca (I diverticoli della - -). Dott. A.. Spinelli. Pagina 390 Volvolo e;~.s tr i '!o :interrnittente (Su 1di un c~ di - • Dott. M. F a nu·c-ci. P :-tg. 35. 0

1

)>

0

RIVIST.El SINTE'I1ICiiE. '1~1ber·col0si

l a -). -

polmonare (Trattamento Dutt. G. Rizzo. Pag. 269.

Abbonamento annuo alla SEZIONE CHIRURCICA : ltalia L.

Assumendone f'abbonamento lnsleme alla Sezione Pratlca, l'lmporto complesslvo C. FR

GOi'iI ,

Red. capo.

~

cbiru.rgico <l <'l-

50 . Estero L. 60

dl L. t 00 per t'ltalia e dl L. 150 per f'Estero. A. Pozzr, resp.

Rorna, . La1). Tipo-Lit . .±\rmani di M. Courrier.


Roma, 4: Gennaio 1932 - X

ANNO XXXIX

.

Num. 1

''

.

fondato nel 1893 dai professori:

GUIDO BACCELLI

FRANCESCO DURANTE

SEZIONE - P.RATICA.

REDATTORE CAPO: PROF. CESARE FRUGONI Clinico Medico di Roma

.Per 1' an.n..o 1932.

Ai Medici ltaliani, '' IL .POLICLINICO

â&#x20AC;&#x17E;

..

ha troppa robustezza costituzionale, troppa armonia fra le sue tre sezioni,

- delle quali /a rnedica e la chirurgica sono veri arehivi della pror;t.uzione scientifica italiana e la pratica

e /a

fedele espressione seftimanale de/ pensiero e delta realizzazione nel campo della medieina

pratica - ha trappe profonde radici, e tropp o provato consenso, per mutar fo rma ed indiri4zo. Le sue tre parfi aggiornano e informano i/ pubblico medico in modo completo, ne eonsiderano le varie esigenze scientifiche, pratiche, mediehe e ehirurgiche. La struttura e il piano di lavoro quindi nella loro compagine generale non nzuteranno, ma mig lioreranno. Per /e sezioni medica e chirurgica saranno fatti spesso numeri doppi onde non ritardare lavori legati a questioni de! momento; e questa promessa, agil Autori, di piu pronta pubblieazione, consentira maggiore afflusso e maggiore selezione, onde saremo in grado di pubblicare di piil, piil presto e meglio. La sezione pratlea sara curata eon particolare amore con lezioni eliniche e eon riviste sintetiche a visione pratica, con riferimento immediato a quelli ehe sono i problemi eliniei ehe il medico giornalmente vive nell'attrito con la pratica, e le sue esigenze, le sue incognite, le sue difficolta e le sue responsabilita. Tutto sara fatto per migliorare e eorrispondere alle esigenze dell'ora. II ritmo serrato delta vita non consente divagazioni 1na richiede anche nel 1nedico

arricch~mento

del patrimonio di idee e di cultura con mezzi rapidi, precisi e coordinati allo scopo. "IL POLICLIN ICO â&#x20AC;&#x17E; non segue dottrine, non e schiavo di indirizzi di scuole, e aperto a tutte le tendenze e a tutti g li Autori purche trattino questioni di scienza e di pratica con fini onesti e con limpida jede onde cooperare per la sua parte allo sforzo ehe il governo nazionale compie per la cultura e la sanita delta nazione. Ogni nostro sforzo sara rivolto al preciso obbietto di /avorare per migliorare e progredire e sempre meglio corrispondere al/a simpatia e al consenso ehe dalla classe medica ifaliana ci sono sempre venuti e ehe sono i/ nostro orgoglio e la nostra forza . LA R.EDAZIONB

â&#x20AC;˘


« IL POLICLINICO »

2

[ANNO

XXXIX, NuM. 1)

Abbonamenti '' al Policlinico ,, per l'anno 1932: Singoli: (1) Alla sola 8ezione pratica (aettlmanate). L. (1·a) Alla sola sezione medlca (menalle). L. (1·b) Alla sola sezione chirurgica (menalle) L.

ttalla 58.80 50 50 -

E1tero L. 100 L. 60 L. 60

Cumulativi: . ltalla (2) Alle due sezioni (pratlca e medlca) . . . • L. 100 (3) Alle due sezioni (pratlca e ohlrurglca) .•• L. 100 (4) Alle tre sezioni (pratlca, medloae ohlruraloa) L. 125

Eitere

L. 150 L. 150 L. 180

L'importo di abbonamento o di quant'altro si desidera acquistare, oltreche mediante Vaglia Post$le e Cheque Bancario ( questo ultimo deve essere rlscuotibile in Roms), puo anche essere inviato versandone la somma nel Conto corrente Postale N. 1/594:5 dell'Editore LUIGI POZZI.

A

VVERTENZA.

Tutti gll assoclatl ehe invleranno snbito l 'intero importo del proprlo abbonamento pe 1932, otranno, coll'agglunta dt sole . . . . . Lire 9 0 ricevere PRONTAMENTE UNO dei tre volumi qui sotto indicati alle lettere a), b), c): a) DIACtNOSTICA DELLE MALATTIE PARASSITARIE. (Prof. C. BASILE) . Prefazione prezzo di copertina L . 33.del Prof. \TITTORIO .AscOLI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • . . . . . . . . . . . b) c)

LA VOCE PARLATA E CANTATA, NORMALE E P.ATOLOCICA. <fuida allo studio dclla fonetica biologica. (Prof. G. BILANCIONI). Prefazione ·del PrOlf. s. DB SANCTJS. 1 CIRCOLI VIZIOSI IN PATOLOCIA . CI. B. H'PRRY). Traduziane d.a lla 3a edizione inglese, riveduta ed a·o oresciut.a dail Do<t:Jt. G. DRAGO'I'TI . RJ.Jegato in rpiema tela . .

»

))

)) 35. -

»

>)

)) 45. -

Lire J.0

e coll'aggiunta di sole

ricevere, a loro scelta, UNO degli otto volumi indicati qui sotto alle lettere d), e), j), g), h), i), k), f) : d) NUOVE VEDUTE SULLA INFEZIONE DELL'APPARATO DICERENTE . (Prof. GIUprezzo di copertina L . 25. SEPPE SAN ARELLl) . . • . . . . . . • • . . . . . . . . . . . . . . • . . . . . . . . . • e)

LA CLINICA DELLA ADESIONE PERICARDICA (Fibrechia del cuore) HELL'ASPETTO SUO DIACNOSTICO . (Prof. G. L SACCONAG BI) . . . . . . . . . . . . . f) L'I NSUFFICIENZA DEL CUOR~ con special e riguardo ai concetti moderni di Fisiopato1ooia. (Dott. E. PERITI). Prefazione del Prof. J.1. S I CILIANO . . . . . . . . g) CARDIOCRAFIA ED ELETTROCARDIOCRAFIA, ANCIOCRAFIA . (Prof. D. MAESTRINI). Prefazi<me del Prof. s. BAGLIONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . h) MORFOLOCIA CLINICA E FISIOPATOLOCIA DEL CUORE . (Prof . .A. Ross1). Prefazione del Prof. LUJ9I LUCATELLO • . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . i) LA SANOCRISINA NELLA CURA DELLA TUBERCOLOSI POLMO.NARE. Note critiche e Ossorvazioni cliniche. (P:rof. E. TRENTI). Prefazione del Prof. VITTORIO .AscoL1. k) RAD 1U MT E RAP 1A. M anualc per i med·1:ci pratici. (Dott. L. C APPELLI). Prefazione ·del Prof. F. GHILARDUCCI • . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . l) 1 DISTURBI DEL SONNO E LORO CURA. (Prof. A. ROMAGN A MANOIA). Prefazione del Prof. G. MINGAzzINI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1

ricevere, a loro scelta, UNO degli otto volumi indicati qui sotto alle lette.re

. .

. . .

. .

. . .

. .

. .

. .

. .

))

20.-

II

))

))

22.-

))

))

))

20.-

))

))

))

15. -

ll

))

))

20.-

1)

))

))

18. -

))

))

))

15. -

m ), n), o), p), q), r), s), t) :

m) LA DIACNOSI MEDICO-LECALE DELLA NEVROSI DEI TRAUMATIZZATI. II rilievo e il significato dei sintomi . (Prof. A. CIAMPOLI NI). Prefazione del Prof. CESARE B IO NDt . . . . . . . . . . . . . . • . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . n) L'IMPORTANZA DELLE PARATIROIDI SECONDO LE ODIERJNE VEDUTE. (Dott. GHI RON)

))

Lire 8

e coll'aggiunta di sole

VITTORIO

l)

. . . . . . . . . . . . . . . TKAVAGLJ ) ....•........

o) LA BISMUTERAPIA DELLA SIFILIDE . (Dott. F. p) L' ASMA BRONCHIALE NEI MODERNI CONCETTI. (Prof. P. STANGANELLI ) . . . . . q) CONCETTO E OIACNOSTICA DELLA TISI INIZIALE. (Prof . .A. Ü APOGROSSI ) . . . . r) LE COLONIE SANITARIE MARINE MILITARI. Nozioni di terapia marina, solare e di educazione fisica . (Dott. F. BocCHETTI). Prefazione •del Prof. A. ScLAVO . . . . s) TUBERCOLOSI EO ESERCITO . (Dott. F. BOCCHETTT) Prefazione del Prof. Sen . G. SANARELLI . . . . . . . . . . . • . . • . . . . . . . . . • . . . . . ..• • .... t) LA LECISLAZIONE SAN ITARIA IN RAP PORTO ALL ' ESERCIZIO PROFESSIONALE. (Dott. ALBERTO \T1r.o: do ctor J tistitia) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . e coll'aggiunta d i sole Lire 6

-prezzo di copertina L. 12.14.12. 12.10. -

1)

))

))

ll

))

))

ll

))

))

))

))

))

))

))

))

12. -

))

))

))

10.-

))

))

ll

16.-

1

ricevere UNO dei quattro volumi indicati qui sotto alle lettere u), v), y), z): LA CROSSA MILZA MALARICA E LE SUE COMPLICAZIONI. Studio clinico-operati110. (Prof. 0 . C I GNOZZI ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ..... . v) LA MODERNA LOTTA CONTRO LE MALATTIE SESSUALI. (Dott. F. TRAVAGLI) . . y) TEORIA DELLE VITAMINE E SUE APPLICAZIONI. So.ggio di vitciminolooia. (Dott. G. LORENz.INl) . Prefazione dii 0.ELARLES RICHOT . . . . . . . . . . . . . . . . . . z) DEI MEDICI FUTURI. ( AUGUSTO MuRRI ) ................... .... .

u)

11rezzo di copertina L. 12.50 1)

))

1)

))

))

II

))

))

))

10. 10. 8. -

'i! consentito pero di richiedere anche tutte le predette Monografie. Chi le desidera ne accresca il rlspettivo ammontare in ragione di Lire 20, di Lire 10, di Lire 8, di Lire 6 ciascuna.

_.. Eccezionalmente per il solo mese di Gennaio 1932 : Con l'aggiunta, all'importo di abbonamento, di sole L. 30<*> si potra ricevere a seelta

ttno dei seguenti : GLI STUDI 01 CAMILLO GOLGI SULLA MALARIA. (Raccolti e pubblicati dal Prof. ALDO PERRONCITO) . . . . . . . . . . . . . . • prezzo di copertina L . 45 LA TERAPIA SPECIALE DELLE FEB8Rf PE'INtCIOSE. (Traduzione dalla edizione latina, a cura del dott. GIULIO LEGAJ . . . . . . . . . . . » 40 (•) A.VVERTENZA : Inviando Lire CINQUANTA.., si riceveranno ambedue i volumi. Per l'estero, a l prezzo netto dei suddetti volumi. aumentare il 10

% per

te occorrenti

maggiori spese postali di spedizione


{ANNO

XXXIX,

NUl\{.

l]

3

SEZIONE PRATICA

·- - Una preghiera ai fedeli abbonati del << Policlinico >> :

Affrettare quanto phi possibile l'invio dell'importo di abbonamento pel 1932 e, al polizzino del VAGLIA POS TALE o dell' Assegno Bancario, applicare, possibilmente, la fascetta con la quale si sono finora

ricevuti i fasclcoli o, quanto meno, indicare, con esattezza, il rispettivo numero di abbonamento. Cio facilitera all'Ufticio d'Amministrazione, la sicurezza dall'esatto accreditamento del pagamento nella giusta partita del mittente. ' - Rlcorlllam.,, ohe II Vaglla poatale va lndlrlzzato all' edltore LUIOI POZZI, • deve es11re tatto pagablle nell' Ufflclo Poatale 1uccur1ale dlclotto, RO•A. Queato mezzo e, per la noatra Ammlnlstrazlone, la via plu breve per venlre In poaseaso dell'lmporto e poter passare agll umcl dl apedlzlone le annotazlonl occorrentl ad evltare qualalasl interruzlone nell'lnvlo del Fasclcoll del " Pollcllnlco „. Coloro ehe preteriscono aervirsl dl assegno Bancarlo II quale va latestato all'edltore LUIOJ POZZI ed s Jul lnvlato Ja Via SlsUaa N. 14 1rovvedano a ehe lo stesso sla Clrcnlare e qulndl riscuotlblle In Roma. Anche questo mezzo, ove e1lstono Banche e molto pratlco e spleclo. AVVERTENZA - Dei Vaglla lnviato a saldo dell'abbonamento, se postale sl eonservi la rlcevuta ehe rilascla l'Ufficlo dl Posta; se banoarlo, sl conservl II riapettlvo scontrlno. Coloro lnvece ehe deslderano ricevuta legale della nostra Ammlnistrazlone, dtbbono aumentare cent. 60 per le aomme slno a L. 100 e Lira Una per somme superiorl alle L. 100. N.B. - L'importo dell'abbonamento e rti quanto altro si de.ridera, puo anche e~sere inviato i·ersandone ta somma al Conto Corrente Pos tale N. 1/6946 dell 1Editore L UIG I POZ ZI - Roma. L ' AMMINISTRAZIONB .

SOMMARIO. Lezioni : C. Frugoni: Ascesso polmon.are ti.f ico c001 perfor azione nel cavo pleurico e piopneum.otorace con sensu role. Osservazioni cliniche : F. Bcnso: Su di un ieaso di cisti ovarica gigante. Tecni ca di laboratori<D : F . Marta: Colorazione degli strisci microscopici c~ n la matita oopiativa. Sunti e rassegne : D 14BETE: F. Herzog: La diagnosi del diabete inc:iJpiente. - F . .Rathery e Levin a: Le a lbu mine del siero nel diabete -coneuJD.tivo. - ÜRGANI RESPI RATOR I : J. Soott-Pinchio e \ T. Morlock: Il trattamento delle s nppurazj c111i polmonari. - Lejars, Brocq e Duchon : Trattamento dellc infezioni chiruI'lgiche e particolarmente delle infezioni bronco-polmonari poetoperatc rie c-0i lisato-vaccini. L'attualita medica : H. Goldewski: Le oontr-0vereie sull a prevenzio ne del tetano. Cenni bibliografici. Tribuna libera : :M. Bufano: Breve replica al dott. Sorg~ sulla questione dcll' az.ione •dell'insulina sulle soglie r e nali. - G. Sorge : Chiusura dell'incontro pol emi.co ool -prof. Bnfa no sul1'azione dell'insulina eulle soglie renali. - D. Galletti: .A.n cora s u « La ricerca del paJrassita r.ialartco col m etodo de11'ar ricchim en to ».

LEZlONI. IsTITUTO n1 CLINICA MEDICA GENERALE DELLA R. UNIVERSITA DI PADOVA Direttore : Prof. CESARE FRUGONI.

Ascesso polmonare tifico con ·perforazione nel cavo pleurico e pio-pnenmotorace consensnale (1). LEZIONß CLINICA raccolta d.a l pr-0f. V. Ca1N1 Presento una donna di 55 anni , coniugata, casalinga. Nulla di notevole desumiamo da ll 'anamnesi familiare e da lla anamnesi personale fisiologica. Mestruo a 15 anni, ebbe quattro gravidanze portate a termine e allatto tutti i suoi ba m bini: due anni prima dell 'ultima gravidanza fu operata di -0variectomia .sinistra e l 'atto operativo pare sia stato lu.ngo e indag inoso ; ma nient 'altro ·d i pre·ciso su di cio sappiamo. A 26 anni soffrl .di breve :malatti1a caratteriziata da d olore a ll 'emitorace sinistro, accentuantesi coi movimenti respiratori, accompa(1) Lezione ter1uta :Qell 'an:Qo 1930-31.

Accaden1ie, S-ocie t a Mediche, Congressi : R. Aooa,demia Med ica di Rom a. Appunti per il medico pratico : DALLA PRA.TICA CORRENTE: T . Mazzei: T ubercoloma m a mm a rio d 'origine oostale. OASI STI CA E -rERAPI A: L'assoo.ia?ione dell a ecarlattina oon i l morbillo. - Diiterite e s:ierotera;pia all 0 '3pedale o Enfants Mal e.des » rnel biennio 1929-930. - Gli esiti lontani della diatesi essudati'Va. - Il tratta mento delta dJ.atesi essudativa. - Cotn tr:ibuto a llo stuid io della ter rupia dell'eczema dei latta nti. L'educazione acu st ira dei bambini semicsordi e sordomuti. - SEMEIOTICA : Diagnosi d:i tu•m ore di milza col nuovo metodo cLi -00ntraato di Radt. - · MEDICI NA SC I BNTIFI CA: Sulla ereditarieta dei .g ru,ppi sanguigni. POSTA DEGL I AUBO NATI. VAR I A : Auxoterapia. Politica sanitaria e g iurisprudenza : G. Selva..g.g i ·= Rispost e a quesiti per questioni di m ruzsi ma. Ne lla Vita professionale : MEDl CIN·A SOCIALE: L . B31l"d: A proposito ·del certificato prenuziale. - Oonoor si . - N0111!ine, iproo:nozioni ed onorif·i cenze. Nostre corrispo.ndenze : Da Pa-via. Notizie diverse. Rasseg na della slampa med.ica. 1ndice alfabetico per materi e. 1

gna to da tosse .secca : il m edico non fece diag·no i : da lla malata sappiamo eh e, avuto appli·cato un vescicante appunto all 'emito;:race ini tro, dopo una settima na circa lascio il letto g ua rita. A 40 anni presento una forma a localizzazione prevalentem ente respiratoria con febbricola, tosse, e u.n po' di esp·ettorato; t enn e il letto per otto giorni, poi riprese le su e occupazioni ma r imasero per circa un a11no un po ' di tosse e di catarr o, n on di continuo, m a a period.i di 15-20 giorni a lternati ad a ltrettanti di relativo benessere. La tosse era prev.alentem·ente notturn.a e .alla matti11a, c on scarso espettora to mucoso m ai emorragico, m ai a b occate. II m e dico f.ece a llora diagnosi di cc bronchite trascurata », (particola r e termin ologia spesso u sata n on a rag ione, ma adop erata da i pratici per indicare vagam ente forme n-0n precisate anatomo-1clinicam.ente, ma di sospettata natu ra specifica tubercola re). Quale sia ,stata l '·entita di questa forma n oi non sa ppiamo; e nemmeno siamo sicuri della su.a sospettata n.a tura ; certo e invece eh e da allora la nostra malata .e sem.p re stata bene e cio quindi p er circa 15 a nni. La malattia attua le ebbe inizio cinque mesi or sono ed e singol.are s ia per il suo modo


« lL POLICLINICO »

4

d 'insorgere e manifestarsi, sia, e_ piu,. P?r il suo decorso ich e e stato invero part1colar1ss1mo. 11 passao-aio dallo s tato di ben essere allo stato di m~lattia non fu brusco, bensi subdolo senza manifestazioni ne sensazioni particdlari. L'am.malata rif.erisce ehe cr ed e di aver avuto a lungo febbre , e a poco per volta comincio ad accusare astenia, anoressia, qualche c6lpo di tosse secca, mai pero dolori al torace, ne catarro, qualche dolore invece agli arti, senso di peso all 'epigastrio, qualche conato di vomito, qualch e dolore vago al~ '~d­ dome. Questi ultimi fatti nel m al ~ef1i:i1to complesso di sintomi eh e la malata r1fer1.sce di aver avuto, avevano forse qualch e nota ehe li faceva particolarmente risaltare, poich e p·er essi fu dal medico g iu·di cato trattarsi di forma, con definizione vaga , addomina le. Solo tre volte fu misurata la teJ!lperatura e constatata una febbricola m 1o desta (37 ,5-37 ,8-37-6). Curata in via sintomatica senza g iovame·nto, pur essendo a umentati malessere e sta11ch ezza , la malata continuo tuttavia ad espletare le su e abituali faocende di don·n a di casa. La sera era pero stanca, a volte quasi affranta, sl eh e doveva coricarsi prestissimo, ne il mattino successivo poteva dirsi riposata. E cosl con tin uo per d ue mesi; mra in tan to la tempera tura a·n dava .crescendo e cosi pure il senso di imbarazzo gastrico e la generale stanchezza ed astenia, sl eh e il m edico visitatala una seconda volta, la inviava con diagnosi g.enerica di malattia addom1inale a lla Clinica Chirurgica. Entrata, le fu constatata una temperatura altamente febbrile di tipo quasi continuo (3 9,2-39 ,7) senza brividi e senza altre particolari sensazioni. Considerata come un 'ammalata del tubo digerente venne s ottoposta a sistematici esami delle vie e delle funzioni digestive (esami radiologici dell'apparato digerente e dell e vie biliari, ecc.). Ma tutto fu da questo lato negativo, mentre una radioscopia tora cica mostrava a sorpresa del radiologo « un opacamento basilare sinistro » a seguito di ehe la paziente ve·n iva passata nella nostra Clinica. E fu qui a·ccolta con alte temperature, e all 'emitorace sinistro venne constatata tutta una iserie di reperti semeiotici eh e m eglio piµ avanti specifich·er emo. L 'ammalatJa ebbe tosse secca e stizzosa per due giorni; indi comincio ad emettere un espettora to ehe da a llora ha presentato gli stessi caratteri di quello ehe ora ,,i presento e ehe vedete: muco-purulento, bruno-Tossastro con schiuma in alto e deposito grigio-bruno sporco e ehe sedimentato si suddivide in tre strati: in alto vescicolare, bolloso salivare, in mezzo sieroso, ematico, in basso purulento. Aveva sapore dolciastro, ma non era fetido . Coll 'insorgere dell 'ern.issione dell 'espettorato, la temperatura diminul rapidamente e in pochi giorni si ebbe completa apiressia. L' e1

(ANNo

XXXIX. NuM. 1)

missione dell'espettorato, pero continuo con particolare modalita mattina e sera : n el senso eh e quando l 'ammalata decombe sul fianco d estro, emette nel brevissimo tempo di 5-10 minuti circa 50-60 e anch e piu cmc. di mat eriale, non tutto in u·na sol volta, ma con m.olte piccole boccate: mentre mettendosi sul fianco sinistro tosse ed escreato lentamente oessano. Sostanzialme·nte se ragioniamo sui fatti e non sugli sch·e mi , avevamo vera e propria vom ica, considerando la quantita di espettorato emesso, il breve tempo di emi ssione e le cause del fenomeno come piu innanzi vedremo. Liberandosi cosi due volte al <ll d.a l suo catarro mattirta e sera, poteva la paziente con l 'andar del tempo decombere indifferentemente su ambo i lati e stava bene per il resto della g iornata, mentre da principi-0 il decubito sul fiianco d·e stro prov01cava tosse e un po' di espettorazione. Riacquisto in breve buona parte .del suo peso (il dimagramento era s lato assai notevole: circa 15 Kg.), riprese l 'appetito, ne piu accuso dolori di sorta. Per 1'esam e obiettivo dobbiamo fa re distinzione fra due periodi: quello attuale e quel·l o di pochi g iorni fa . Voi v.e dete una donna in condizioni generali scadenti e sca·d ute; giace in tutti i decubiti, e di cost.ituzione lung i·l in.ea, em·ersa a<n· cor m te.g lio dopo il dim~OTamento. Ha polso rnegolare, ritmico, 80 a l minulo, normoteso. II sistema linfatico e norma le anch e a carico d elle linfoghiandole del cavo ascellare; solo in uno degli spazi interrostali di sinistra si n ota una g hiandolina indolente. Esaminando il capo notiamo solo qualch e rantolino orale crepitante del Galvagni. Nulla al cuore e ai g rossi vasi. Visceroptosi gen erale all ' addome, anche in conseguen za delle gravidanze e dell 'attuale dimagramento; nulla agli arti. L 'obbie ttivita e du·nque tutta n egativa fuorch e all'apparato respiratorio, e qui sara bene per la ricostruzione dei fatti distinguer e stato attuale e stato invece quale fu da noi trovato all'entrata, tenendo 'presente eh e alcune note sono variate e altre sono invece rimaste inalterate da una settima na ad oggi , e eh e molti r eperti sono 1a-ndati modificandosi di g iorn-0 in giorno , da un esame all 'altro per cosi dire, cui sottopenevamo l 'ammalata, come senza eocessivamente dilungarm1i in dettagli potete faci1m en te com pren·d ere guardando le radiogra fie ch1e presemto ,e eh e fna poco vi illUJStre.ro. All 'ispezio·n e posteriormente si notava e si nota l 'en1itorace sinistro piu depresso, ehe si · e, pande meno e ehe presenta qu,alche rientramento in tercoslale alla base; lo stesso si not.a a nch e a nteriormente. II tipo di respiro e prevalentemente addominale. Con la palpazione non si mettono in evidenza punti dolenti. Giorni fa i1 fremito vo.cale tattile era au -


rANNo XXXIX, Nu!.t. l]

5

SEZIONE PRATICA

i11entato alla parte mcdia dell 'e1nitorace sinistro e dimi·nuito ir1 bassa ; ora e aun1enlato in alto, presente all 'a celLa 1 diminuito posteriormente da meta altezza sino alla base . Alla percu ione notavamo iperfonesi timpanica a lla parte superiore sinistra anterior111enle; norn1al'e il suono di percussione al l.a regione a.scellare; pre ente allora e ade so1 Ja risonanza normal e allo spazio semilunare di Traube. Posteriorn1ente avevamo ipofonesi da due diLa sotto la s-pi na della scapola in giU.1 pero presso la colonn.:.\ si provocava alla percus io11e tipi co suono timipanico; ascoltando dinanzi alla bocca aperta <lella malata m entre un allro percuoteva su detta zona, si avvertiva ri~ onanza timpan ico-metallica . All 'ascoltazione t1divasi soffio anforo-metallico e colla tosse comparivano rantoli bollari a tipo· gorgoglianle e ,a risonanza tim1)a11ica 1 egn i cioc tutti questi evidanlemente significalivi di una escavazione paren cl1imale con fatti ·Circostanti di addensamento. Oggi anteriormente n ulla e cambiato : posteriormen te invece abbiamo: in alto i pofonesi di discreto grado alla regione apicale, ehe va poco a poco di1ninuendo sulla intercapolo-vertebrale fino all 'angolo della scapola ove a sume eco tirnpanica; dall 'angolo delta scapola in cri u fino alla base, ottusita resistente delimilata in alto da una linea otizzontale spostabile. La colon na vertebrale e libera; non vi e lriangolo paravertebnaJe opposto ·d i Grocco. Fino a ieri si a coltava un r espiro aspro alla regione sopra e sottospin,ata e sotto i colpi di lasse era presente qualche rumore raro fine, ~ecco. Soendendo in bassa. il respiro si fa scarso, indeterminato; e poco sopra il limite superiore <lell 'ottu sita si ascoltano dei rantoli bollari a medi e e piocole bolle1 non 1)ero costan temen te, sonori, con tirr1bro n1etallico, ehe si modifica no sotto i colpi di tosse e ehe ascoltati nelle diverse ore della gic.,rnata si modificano a seconda della quantita di espettorato em1essa. Piu in bassa ancora nella zona ottusa non si avverte piu respiro, ma compare leggero soffio non a tipo tubar1co, e accenno ad egofonia. In nessun punto se~no di Trou ss~'-l U , ne segno di Pitres; non c 'e eco tracheo-orale; non succussione ippocratica. Re1ati vam.ente alle comuni rioerche collaterali, poco ho da dire; nulla di particolare all 'esame del le urine; pressione arLeriosa 70 mn, 120 mx; all 'esame del sangue, di notevole Ja presenza di 11.5,0 0 globuli bianchi 1 di cui 69 % granulociti neutrofili; la cutireazione alla tubercolina e risultata negativa. L'espcttorato dal punto di vista macroscopico e quale avete veduto e cioe rossastro , ematico, filante, e si dispone in tre strati; dal punto di vista micro.scopico, presenta molti globuli bianchi in disfa,cimento, molti germi banali della co1nune flora delle vie respira-

lorie; non bacilli di I<..och ; non uncini di echin ococco; 11on fibre elasLi che. La puntura esplorativa ha dato due giorni fa un liquido perfeltamente uguale all ' espettorato; oggi 1a lluntura non ha dato esito a liqui,do. lleperti interessanti abbiamo invece ottenulo dalle in·dagini radiologiche. [ .3 rad iog rafi e eseguite in eri e qua i g ior-

F1u. 1.

:nalmento m.ostrano: una prima radiografia (eseguita in Clinica Cl1irurgica): tutto l 'emitorace sinistro r etratto; l 'apice sinistro opacato; alcune ombre sottocl.aveari; opacita alla base polmonare di sinistra, non del tipo da ver amento; diverse ombr.e opache da calciticazion i; nu11a all ' emitora·ce destro. In una seconda radiografia, eseguita dopo iniziata l 'espettorazione: a destra nulla. A sini tr.a la hase pol1nonare e piu opaica di pri. . caVI-. ma; a me ta' torace, una vasta 1mag111e tari.a nella qual e scopicamente si vedeva t1n livello mobile idro-aereo (fig. 1).

Fra. 2.

Una terza r.adiog·rafia eseguita .dopo pocl1i giorni, quando i segni cavitari venivano masch erati dal sovrapporsi di altri fatti a carico de]la pleura e cl1e qui vediamo ben docu·m entati1 1ci lascia ved ere U·n livello perfet1


6

<~

IL POLICLINICO »

tamente orizzontale (anzieh e secondo la elassica linea del Demoiseau dei versamenti pleuriei), oscillante alla seopia, per presenza di liquido, scar so, in basso, e di una pieeola bolla d 'aria sovrastante: siam o in presenza eioo di un idro- o meglio, dato il riisultato della punt ura 1esplorativ.a , di un pio-pneum otoraee (fi g. 2). In una su·ceessiva radi-0griafia fatta a malata sdraiata sul fianeo destro

[ ANNO

XXXIX, NuM. 1]

II polmone risulto adeso anteriormente alla parete e staccato invece posteriormente dalla bolla d 'aria . Credemmo opportuno ricorrere ad u.n a broneografia eh e fu eseguita eol lipiodol, e le radiografie r elative mostr,an-0 dati interessanti: anzitutto essen·do aum entato n el frattempo il livello d el liquido pleurico, la base e un po ' maseherata (fig . 4); in po.sizione su-

Fro. 5. ,

pi11a (fig. 5) si vede il bronco superiore iniettaio di lipiodol , il qu.ale piu in basso in luo9~ di r.aeeogliersi in un.a c.avita, si e dissem1nato. 1

..

FIG.

3.

(fig. 3), il. liquid e risulta spostato e, essendo scarso, e su qu,e sto punto, r itorneremo, per1m ette di v1edere eompletamente I 'ombr.a dell.a base polmonare ed alcuni noduli caleifieati. Que.sti noduli potev.ano .an eh e ad un prim o

F1G.

4.

1non1e11to far pensare all 'esistenza di bronchioliti, il eh e inveee su ocessiv.amente venne, per una serie di dati eh e ora non sto a ricord.arc perch e piu eh e altr-0 ,d i spettanz.a specialistica, dal n o tro radiologo fondatamente esclu o.

* ** Ta li n el loro insiem e sinteticam en te esposti i fatti . 1eh e noi dobbiam.o interpretare, collegare, definire; al quale .scopo ere,d iamo opportuno suddividerli in altrettanti periodi secondo eui essi si so,n o su ceessivamente svolti e a noi successiv.a mente appar.si: perch e e chiaro eh e fondamentalmente su tre ordini di fatti noi siamo ehiam .a ti a giudicare; e sono : 1) quell 'insieme di segni ra·diolog i·camente e clinicamente osservati al1a base polmonare sinistra e eh e eon g rande probabilita costituiseon o la prima apparisoente localizzazione a livello r espiratorio di un processo morboso eh e piu avanti dovr emo piu specificamente definire; 2) i segni sicuramente dimostrati ~i una escavazione presente n el polmone; 3) i segni di vers.amento e di raccolta aerea nel cavo pleurico col loro singolare deeor,so. Se cosl suddivisa la complessa, mutevole obiettivita dell.a nostra m.alata, permette con una eerta faeilita l 'interpretazione semiologica e la diagn-0stica sintomatica dei singoli quadri moTbosi , tutt'altro eh e fa eile inveoe ci si presenta l 'interpretazione eomplessiva es.atta di tutti questi fatti eon siderati nel loro insieme e nei loro r eciproei rapporti ·conseguenzali e n ei loro elem enti determinanti. Essa richiede una esatta ricostruzione cronologica -


[ANNO

XXXIX, Nu M. l ]

eome primo e lem ento , e risulta oscura speeie rela tiva m ente alJ 'in. or gen za dello stato di ma la ttia, quando si pensi eh e la nostra 1nala ta non 1ame ntb, e a lungo , eh e una vaga sinto1natologia addomina le, eh e attraverso um reperto ra diografico d oyeva essere dim ostra ta quasi a sorpresa una sindrom.e prevalentem en te r espiratoria, sen za eh e alcun fatto preceden te vicino aves e potu to fa r pe11sare a m anifestazioni m orbose a 1carieo di questo appa rato; quando ancora si pensi cl1e la m ala ta in una fase su ceessiva fu per lungo tempo iperpirelica m entre solo aceu sava u n vago m alesser e, eh e insomma vi fu , fatto particolarm.ente importante, un a straordinaria soppor tabilita di fronte a m a n ifestaz ioni morb ose i m1pon ent i. M.a su que to punto ritornerem o insieme piu avan ti. P er ora procedia1no logicam ente, pian am ente, cerea11do di dar ci ragion e dei va ri r eJJerti otte11uti e quali vi h o detto, rifacendo per qu anto e po ibil e la strada dell e ,·ari e sucee ioni m orb o e. Ci troviam o di fronte a faLti pleur ici a nticl1i e reoonti : qui vi e retrazion e d ell 'emito r~ee sinis tro; e a lla base polmonar e di sinistra trov iamo delle cal·cificazioni , e 1)ression e di u n proeesso verosimilm.ente tubereolare di vecehia daTa uperato e g uarito e al qua le siam o a utorizza ti far ri salire l 'a ntica pleurite e la m alattia cl1 e era sta ta de ig nata eol termin e di « bron el1ite t raseurata » . Attualm en te a bbiamo in a tlo fa tti pl1e uri ci e f.a tti polmonari ·eh e parl ano per Ja prescn za di un a r.aeeolk't liquida in eavi ta pleurica eh e n oi d oeumentammo oltreeh e sulla ba e di segni semiologiei e r adiocrra fi ci a n cl1 e c-01 p o iti vo r ep erto di una punlu Pl e plorativa. ~ vero eh e o ervam mo eostanteme nte un 'area semilunare di Traube Iibera, m a di c io ei diam o facilm1e nte ragion e pereh e questa zona si fa ottu sa solo a eondi zion e ehe n el cavo pleurieo vi sia d.e} liquid e eh e possa occupare tutto il sen o eostodia frammo t ico : ma a eib o ceorre eh e il liquide sia li bero n el cavo pleurieo, il eh e si verifica alloreh e il versam ento pl eurico e di na tura trasuda tizia, salvo 1a presenza di veceh ie a deren ze, m entre in presenza di essuda ti, per J.a facilita con eui ·in ques li ·ultimi per l 'infiamrnazion e della sierosa si forma n o a der en ze eh e limita110 Ja spostabil ita del liqui-do, e per il decubito eh e viene dai ma lati eon form e aeute e febbrili in atto Q'cn era1mPn te as unto sin dai primi g iorni delJ.a m,alattia, l 'area del Trat1 be si trova molto frequentem ente €· clusa e barri erata di aderenz e si ehe a n eh e in PT·esen z.a di liquide essuda tivo, lo spazio di Traube n on puo venir e occupato e con ser,1.a rison.an za timpanica. Al disopra -Oella raccolta liqt1ida erediamo aver docum en tata Ja presenz.a di un.a raccolta a erea , p erch e vi e un livello di ottus ita orizzontale e nereh e all o s.ch erm o abbi.amo visto detto livello· m obile fa cilmente, ondulante: 1

1

1

'J

SEZIONE PBATICA

la bolla g assosa e inver o a ssai s~arsa eom e risulta nel complesso dall 'assenza d ei gr andi elassici segni dell 'idro-pneumotoraoe e cl1e ora non ripeto perch e g ia varie volte ve .ne h o parlato apposi ta m e~te; se la b olla d 'iar~a in eavita pleu rica e grande n oi riscontriamo la ,sintoma tolog ia d1el p n eu111otora.ce : dall 'a ssenza del f. v. t. al suono iperfonetico- Lim.p an ico, a ll ' assen z,a .Jel respiro a lJ ·.ascoltazio n e, a lla presenza del tintinnio bron zeo, e ce. E infine an ch e l 'indagine ra diologica ci h a docum en tata la presen za ·di una bolla d 'ari.a assai piccola, tale tuttavi.a da influen iare 1a d isposizion e del livello liquide libero del versam en to eh e s i fa per cib orizzontale. E probabile quindi eh e se la bolla gassosa e piccola e tutta ra eeolta da un la to, esistano condizioni cl1e questo h anno deLerminato e favorito. In casi di questo gen er e n oi d obbi.amo sem~ p re pensare eh e e i Lan a condizioni anatomich e a carico della pleura eh e im pediscono il libero niatura1e diffon.der i d el gas; e queste cause siam o soliti a ricon oscere n ella prese.nza di fatti a de-sivi a carieo della pleura o a even t uale eontem.pora n ea oompromissione del par en chima. n .e} r esto qui tale eon dizione di eose a n ch e ci e ril eva ta d al fatto eh e abbiam o a. sistito a d un rapido elevarsi del livelJo liquido po terior mente: eppure g ran qua ntita di liquido in sopra piu n on deve esseri formata, se da un gio;rn o all 'altro abbia.m10 visto ere cer e il livello di tanto, e se eosi ta.nto ·r ap idarn en1 e esso di p oi e scompar o, l ch·e un.a puntura esplora tiv.a oggi p raticata h a dato e ito n egative. Questo fatto ·di pen de oltreeh e da llo ~carso libero g ioco dei due foglietti pleuri ci an eh e <lalle condizioni del sotto tan te paren chima : se il polm on e e in eondizioni struttura li n ormali o quasi e quindi ha an eh e normale la sua Te· tra ibilita eLastica e si forma un versamento in eavita, oceorre formazion e di molto liquide per eh e il livello sen sibilmente si innalzi; . m a se il polrn on e presenta fatti di adden.sam ento, e n e e ineren tem.ente limitata e m odi fi cata Ja possibi·l ita di r etrazion e elastica del polmon e stesso , e non pub quin·d i far e fa eilmente posto a] liqt1ido , il ver sam ento aneh e se scarso a s ai piu innalza il su o livello eh e n on di norn1a. Comunque, t en endo presen te a nch e i eara tteri m acro- e m.icr oscopici del liquide estratto, vi fu quindi un irlro-pio-pn eumotor.aee. l\l[a altre a questi fa tti a carico della pleur.a, a n eh e dobbi.am o giu.dicarie di tutta un 'altra seri e di fen om eni, eh e non i11quadrano solam ente •con qu.anto abbia mo sin qui ana „ lizz.ato. Gia obbiettivar11ente an ch.e d ocumentam mo un insiemie di f.att i semiologiei dir.etti e in·diretti e ra diologiei di t1na eavita : e dobbi.am o quin·di ind.ag.are l 'eventua l1e esis ten za di r apporti tra que ti dn e· ordini di fatti : processi cavitari da un lt1 to, e pi o- pneum otora c~ .

~

.


8

<< IL POLICLINICO

dall 'altro; e ved er e se 1·uno e l 'altro sono fenomeni indipendenti, o, se diversamente, in qual reeiproca relazione essi ~tanno.. . Si potrebbe pensare eh e ess1 segn1 d1 cav1ta fossero legati a lla presenza di una pleuTite interlobare in,cistaba .ma noi pensiamo ad una cavila nel polmone: il radiologo eselude la forma inter1obare; e .poi vi erano tutti i segni di U!Ila cavita entro il paren ehima stes.so: tim panismo alla percu ssione, eeo tracheale , modificazioni del s uono di pere ussione a boeca .aperta o ehiusa, so ffio an foro-m.etallieo, ranto li gorgoglianti: tt1tti fatti dei quali non sto ora qui a .rifarvi il m reecanismo di forn1azione, n e a illustrarvi oltre il r elativo signifi,cato semiologieo: bastera avervi a ccennato . Contro il eoneetto pero di · una cavita intraparen ehirnal e, potrebbe avan z.arsi la considerazione eh e non abbiamo avuto vera vomica improvvisa e g loba le, ma oe ne diamo ra. g1one. Una man eata vomica puo rieon oscere la su.a eausa o in un a diffi,colta all 'espettorazio·n e, e non e il nostro caso, o in una insuffieie nte comunicazione tra la cavita polmonare e un grosso bronco; il qu.al fatto inveee, qua11do largamente intervien e, con se nte la r.apida, ampia, spesso impr ovvisa, emission e d el m ateriale raccolto, la vomica vera e propria . :E possibile ·eh e una tale ampia comunica zione c on un g r osso bron co sia n el n ostro caso man cata, donde an ch e la mancan za di una vomica vera, e l 'espulsione con l.a tosse, a riprese, di piecole ripetute qua ntita di espettorato , attraverso una probabil e piceola per forazion e. Siamo quindi a utorizz.ati a parlare di cavita in 1seno al paren chima, in seno al polmon e. E sara allor a di natura speeifica dato ehe la .n ostra paziente a 28 anni ebbe una pleurite secca, e eh e i .n-0d uli calci ficati eh e ora presenta nel polmone sinistro parlano per un terreno specifico e dato eh e tutti questi fatti pleuri·ci e polmonari furono rnolto b ene tollera ti dalla malata e si sono svolti lentamente, subdolamente, con andamento termico quanto mai sospetto·, con dimagramento, .astenia, tosse? Non cr ediamo; e non tanto perehe qui a bbi am o una cutireaz i-0n e negativa, il eh e potrebbe anch e trovare spiegazione in (fuel g rave stato di gen eral e d eperimento e defedamento eui l 'ammalata per la lunga esauriente m.alattia e andata incontro arrivando eo i forse all o stato , invero ancora non hen in ogni s uo punto precisato, d ella cosi die t ba · anergia tuber,colin ica; qu.anto e sopratutto perch e, se e pur vero eh e una polmonite ca eosa puo portare alla fluid ificazion e di una va ta zona J)ar en chim.al e e a n ch e ra pid amente, con co11 seguente form azione di una an ehe o-r os a c.~verna. 1n que ti 1casi si ha eh e se111prc l 'e pettorato c ri cco di baeilli di Koch , e la ten1pe ratura (tOr>o l 'emi.s ion e non ced e ro i ron1ple tan1enle, -co me in questo caso in-

»

[ANNO XXXIX, NuM. 1)

vece e avvenuto, al comparire diei segni di formazione di 1c avita, ma anzi p er lo piu indica n el su o progresso il carattere essudativoeaseoso della forma e l 'intervento di a ssoeiazioni microbiehe. Qui invece con la vomica comparve apiressia; e m a i trova mmo, pur ripetutamente cercati anch e rieorren.d o· ai comuni metodi del1' cc arriechimento », bacilli di Koch. Ma non solo per questi elementi clinici e di laboratorio, purtroppo malte volte infidi, siamo ind otti a ritener e improbabile la natura tubercola r e ·dei fatti c ui assistiamo, ma anche pereh e al posto di questi reperti negativi 1101 possiamo ora porre inn.anzi anehe un reperto sicuramente pos itivo e di valore grande, perche n el materiale d ell 'essuda to purulento asettieamenie raccolto abbia mo trovato germi eh e danno spiegazione eziolog ica d ella forrn.a, e su cui piu avanti ritorneremo Con'tinuiamo invece per ora l 'anali si d el caso segue ndo la log ica clinica. Escludiamo, semz 'altro sen za inutile diseu ssionie l e f,orme luetiche e qu•ell e neoplastich e : qui n on .segni di lues, ne nozione di infezione, e la re.azionie di Wassermann negativa; n on presenza ·di tumor i in altre sedi , ece. Da eseludersi p ure cr ediamo sia la bronel1ite putrida, cl1e oggi d 'altronde . si ritiene in molti casi n on esser data altro eh e da piccoli e multipli a scessi can gr enosi d el polmon e. E pen seremo alla gan g rena polm onare? In tal c.aso il paziente emette generalmente dei veri frustoli d i tes~ uto p·olmonare in stato icoroso cputr efattivo , n el quale le fibre elastiche, spesso eolll:quefatte non sono visibili; e si ha imman cabilc odore fetido e nau se.and o, fatto qui completam ente ma n eato. Notiamo altresi eh e Je a11tieh e idee seeond o cui n etta distinzjone e·sisteva tra forrr1e gang renose polmonari da un I.ato e forme aseessuali dall 'altro , sta nno r eeentemente sub en<lo r evisione de·cisiva: i qu.adri risp·etti,'am ente d ella gan grena e· dell 'ascesso polm.ona r e con tutti i segni e ]e differ e nzia zioni loro ricon osciuti dalla patologia, su ssistono tuttora, m a si t ende sempre piu a limitare il numero dei casi b en defin iti e niettamiente appartene nti all 'una o alJ'altra categoria di fatti morbosi del polmone. Tutta una gamma di form e intermedie eh e in parte mostrano i c.aratteri :clinici ed a natom.o -p.a tologici d·e ll'ascesso e in parte qu elli d ella gang rena, esiste, si eh e ·r.on visione clini ca piu rispondente alla r ealta oggi parliamo il piu spesso di ascesso gang r enoso d el polrn1on e, l'una e l'altra forma potendo eon faeilita e frequenza coesi.st er·e e unitam ente partecipare alla relativa sintomatolog ia clinica e di laboratorio. Ta le e aneh e il con cetto di Maurizio Aseoli e d ella sua Scuola (Serie), secondo eui lie form e s uppurative possono faeilmente passare a quelle gan gr en ose e viceversa per inquina-


(.ANNo XXXIX, NuM. l]

9

SEZIONE PRATICA

mento del focolaio ascessuale il eui proeesso e sostenuto da germi piogeni vari, da parte dei germi della putrefazione; eon l 'inquinamento, l 'espettorato assume carattere fetido e per la eolliquazione ieorosa ineren te abbiamo emissione di .frustoli di tessuto polmonare. E nemmeno qui penseremo trattar.si di bronehieetasia, perehe la bronehieetasia non si !orma in uno spazio di tempo di eosi poehi giorni ed e sempre piu o meno aperta, mentre qui n ella ·n ostra malata il proeesso fu in un primo tempo 1chiuso e solamente in seguito ..si apri, e perehe alla broneografia nel caso di bronehieetasie si ha la piu ehiara messa in evidenza della ca vita bronehiettasica oeeupata dal lipoiodol, il ehe qui non abbiamo osservato. Qui avemmo febbri alte senza sintorn.i respiratori, e quando la malata improvvisamente emise abbondante espettorato subito sfebbro. Non vi e dubbio quindi essersi trattato di un ascesso ehe da ehiuso ehe era si e aperto, laseiando evidenza di cavita corrisponde11te. Dobbiamo quindi vedere a llora i rapporti tra l 'ascesso polmonare e i fatti pleuriei iconstatati daeche si osservo eontemporaneamen'te pio-pneumotoraoe, e oeeorDe stabilire eome si e formato. on certo il pneumotorace e dipeso dalla puntu~'a esplorativa di tempo fa, ehe se aria fo se allora penetrata, gia si sarebbe riassorbila. Ne pen eremo ad un pneumotoraee spon tan eo formato si per rottura de l paren·chima in vieinanza di proeessi speeifici, in seguilo ad eventuali colpi di tosse, i>neumolorace, consecuti vamente poi co mplicato, eome di frequenbe avviene, da versan1ento. Anzitulto non abbiamo fatti ehe ei faceiano pensare cosi, ·e d 'altra parte invece dobbiamo ben rivolgere la nostra a ttenzione alla presenza dell '.aseesso nel parenchima. Ne, dato ehe qui abbiamo detto trattarsi di I)leurite puruJent.a e di ascesso polmonare, penseremo ehe la modica raeeolta gassosa piu ehe a vero pneumotoraice da perforaz ione della pleura, sia riportabile ad uno sviluppo di gas in 1cavo chiuso da parte di germi della putrefazione eh e tale formazione di gas possono determinare. Si tratta a llora in gen e~e di germi anaerobi ehe po.s seggono la facolta di sviluppare ·g as dai substrati organici su cui vegetano attraverso .azioni ferrnien tative su idrati di carbon io e su sos Lanze pro teiehe. Non tutti p ero tali germi anaerobi eh e hanno in comune questa cara tteristica danno origine a form.azione di gas f.etidi e putridi; generalm ente questa impronta particolare e conferiLa dalla presenza di idrogeno solforato ·eh e vien e prodotto ad esempio dal perfringens, trovato spesso .nelle gan gre·ne polmonari, ma non da a ltri anaerobi, quale il vibrione settieo ehe pur da origine ,a notevole sviluppo di gas seompon endo i substrati eh e

eontengono idrati di carbonio. Quindi la presenza di germi della putrefazione e di anaerobi in ge11ere puo eondizionare formazione di gas a livello di una raceolta in cavo pleurieo, e casi di tal genere sono stati descritti; ma qui non ne abbiamo al·cun segno; perehe tratta·n·dosi in questi casi di pus generalmente fetido, ne viene ehe sia il pus dell 'aseesso e quindi l 'espettorato, sia il pus della raccolta pleurica, assumono quella partieolare impronta ·d 'odore repugnante ehe e espressione appunLo del proeesso disgregativo, e putrefattivo. E per quanto, eome ora ho ricordato, .t ale ·caratteristica pur essendo frequente .n on sia da riten,e rsi assoluta, si ehe non e piu seguibile il eriterio di fare delle gamma di mole„te sensazioni olfattive elemento di differenziazione elinica della natura mierobica della form.a, pure neI nostro caso la ma.ncanza assoluta di ogni fetidita sia ·d ell 'espettorato, ehe del pus estratto eon puntura esplorativa, ei fa ritenere anehe elinicamente ehe i germi della putrefazione qui mancassero per lo meno nelle loro· assoeiazioni piu frequenti, e ehe quindi l 'ipotesi di pleurite putrita gasogena, a pura completezza didattica espo.sta, ·n on abbia per se fondamento al·cuno. Gli e invece ehe laseiando da parte tutto questo ehe per or.a almeno ei appare estremam ente improbabile, la presenza di un ascesso ne} parenchima polmonare, piu o meno profondamente situato ehe sia rispetto alla superfieie pleurica, ben puo far ri.sentire su di questa i suoi effetti, eosi 1come la maggior parte dei processi flogistiei po1monari aeuti o cronici prima o poi si aeoompagnano a fatti pleuriei eMsemsuali, sia ehe stiano ad indicare l 'insor.genz.a di nuovi fo eola i nella pleura della medesima natura di quelli parenchimali, sia el1e rappre.sentino una pura e semplice diffusion·e a lla pleura dal fo colaio flog istieo sottostante. Dalle modalita eon eui questo compatimen to pleurieo si stabilisce, dipende infine il quadro anatomo-patologico e quindi elinieo ehe la forma pleuri ca ai nostri ocehi presen ta. N cl easo dell 'ascesso polmonare, l 'anatomia patologica ei dice ehe le eose possono essere variamen te corn1p lesse : elinicamente d 'altronde si parla anch e di forme pseudop leuri0ch e di asee.sso polmonare a llorehe il foeolaio polmonare sviluppato sin-0 alla pleura puo essere da questa separato o da uno strato sottiliss imo di tessuto polmonare selerosato o soltanto dalla pleura fortemente ispessita; si riprodu cono in qu1esti casi i sintomi del ver.same·nto pleurieo saecato e purulento e la forma diventa .di difficilissima diagnosi. Ma un tale ispessimento pleurieo eh e costituisee valida barriera alla diffusione del prooesso e ch1e eon le sue aderenze bloeca per eosl dire il focolaio parenchimale sottost.an te, non sempre intervien e, o per la rapidita evolvente 0

1

1


« IL POLICLINICO »

10

della forma o per l 'insufficiente reazione tissulare; onde e ehe assistiamo iSpesso ad una flogosi acuta pleurale ·da propagazione. Esistono tra questi quadri dell e forme intermedie in cui la perforazione delJ.a pleura viscerale avviene in zona pleurica piu o meno adl()renziata o circondata da aderenze, siech e puo forn1ar si an·ch e in cavo pleurico, isolata, eireoscrilta, saccata, una r.accolta ascessua le con1unicante piu o m eno largam ente con la cavita a scessuale polm1onare. La vivacita delle r eazioni tissulari di difesa circostanti a d un fo colaio pare.nchim.ale in disfacimento, e l 'andamento piu o meno aeuto o cronico del processo distruttivo stesso e la comunicazione col bron co , sono elemienr ti eh e ci danno ragione dell.a r·elativa infrequenza di perforazione nella pleura di caverne di natura tub,ercol,are situ,a te .a volte aniche ·subito a l .disotto ·d1ella pleura stessa. Ed infa tti, e cio vale per que i tipi di caverna a p1areti selerosate eh e sono le piu frequooti m.a non certo le sole form e di disfacim,ento tubereoJare del parenehima polmonare, il foeol.aio speeifico distruttivo e spesso tutto circondato .d a una specie di 1capsula fibT·osa di r eazione eh e eostituisce valida barriera alla diffusione de l proeesso specifieo: tanto eh e in genere ·n on e.sistono anche radiolog·ieamente segni evidenti e <liffusi di infiltrazione pericavitaria, ma semplieemente qua lche fo cola io dissemiinato piu o meno nurr1eroso. Tutto somm.a to se e possibile attraverso questi fo.colai circostanti. una piu o m eno facile diffusione del proeesso specifico alla pleura con r eazioni in conform ita ed eventualrnente co11 i se,gni di - una flogosi pleurica e con seguente racco lta essudativa in cavita, ri1na11e invece osta,colata la rottura stessa di una caverna in pleura con successiva forrr1azione di un g rave pio-pneumotor.ace per dissemiinazio·n e ·d el materiale n ella sierosa. Gli a utori fran eesi u sano per questi casi con immagine pittorica e significativa la fraise cc le poumon cr ach·e dans sa plevTe », e della forma di empiema eh e in queste condizioni con~ egu-e vi h o a ltra volta diffusamente parl~to (1). Nel nostro easo la diversa n atura della forn1.a distruttiva polmonare ha consentito inve1ce anch e una e' oluzione diver sa da quelle eh e abbiamo ora rieor<lato per le caverne tubercol1ari . Qui la barrier.a fibro a non ha fatto a tem po a costituirsi ed e interv.enuta una 1.ar0'<.\ infian1mazione pleurica n on ta·n to da diffusione qua nto da rottura del f.o colaio .ascesst1ale polmonare; e cio pensiamo per·ch e conlem1poraneamente a lla fl oO'osi pleur~ca essudativa si e anch e svolto un pneumotorace. Questo non e intervenuto con quelle classi1

(1) C. FRUGONI . Empie.ma tubercolare. Giorn. f.ed. dell 'Alto Adige, 1930, n . 3.

[AN?fo XXXI-X, NuM. 1)

ehe manifestazioni di 'trag icita su eui ho tante volte riehia m.ato la vostra a ttenzione a ben g iudicare sindromi a eutissime respiratorie, ben si subdola.mente , come ·d 'altronde vi ho pure 1se.g na lato poter intervenire per un p·n eun1otoraee spontan·eo, ehre a volte, b enche raramen te, puo costi tuire reperto semeiotico direi quasi a sorpresa (2). Qui un altro gruppo di sintomi domina il caso e rich iede interpretaz] one. Qui e l 'aseesso polmonare eh e e al cen tro de.l cornplesso m orboso. E su di esso eh e noi dobbiamo concentrare la nost ra pazie·nte indagine eziologica e patogene tica, peDch e qui sta la chiave della forma attu.a le della n ostra mal1ata. Lasciate pertanto eh e in ieme rifacendo la strada, eoordiniamo un poco le nostre idee su questo importante ca pitolo d.ell.a patologia c11e com·e g ia vi ho detto ha subito in queste ultimo p1eriodo interpretazioni e classificazioni eh e si all on tanano un po·' dai classiei sch emti di u.n a vol ta. P er .aseesso p·o lmona r e n oi intendiamo a11zitutto la presen z.a nel paren chima di un processo purulento con con se.guente piofusione del tessuto eolpito e reazioni flogistiche cireostanti con seguenti piu o m eno diffuse e invasive. La !Classific.azione stessa 'd ·elle varie forme di asee.sso polmonare e tuttora incerta e mal definita; sieche i singoli Autori eo11siderando il processo o prevalentemente dal punto di vi sta an.atomo-patolog ic-0 o d.a quelle clinico in gen er e o da quello eziolo.g ico o patologenietioo piu in ·p artioolare, a ddottano cia:sicuno per proprio· conto un criterio di classifi cazione nosolog ica eh e gen era piu confusione eh e chiarezza. A m aggiorm ente complicare le cose potrebbe a tutta prima apparire il fatto per cui a lcuni Autori, oomre poco fa vi ho detto, tendono ad avvicina r e all 'ascesso anche ].a g.angren.a polmon.are, n on tanto iper quiello eh e si riferisce alla patogen esi delle ·d ue forme, quanto piuttosto per ch e spesse volte riesee diffi cile scinder e i due processi sia anatomo-patologicamen te, sia, e piu, clinieam ente. L 'aceordo per o a nch e su qu.esto punto non si puo dire an·cora r aggiunto. E cosi, m entre vi e da parte di .alcu.ne Syuole la t endenz.a a cor1sid era re il proble·m a sotto un punto unitario, siech e si parl.a di .ascesso gang renoso del polmone (conicetto seguito da Maurizio Ascoli, Serio, ecc.), da a ltri in,rece si tendre a mante.n ere una certa distinzione tra le due forme e si parla di .ascessi sempli ci e di .ascessi fetidi (Leon-Kindberg), i quali ult imi corrispondono g li asees i gangren·o i di M.arfan, e agli ascessi putridi di Sergent. Comun.que, in ogni caso eiascun a utore in rapporto .alla v.a(2) C. F RUGONI . Pneu r~oto race spontaneo tubercolare chiuso ecc. Minerva Medica, IX, n. 13, 1929 ~ e Pneumotorace spontaneo da enfisema, a valvola, ecc. Giorn. Med. dell '_Alto Adige, n. 10, 1929.


~.ANNO

XXXIX, NuM. 1)

11

SEZIONE PRATICA

riabilfta specie clinica dell 'andamento della c11ete « Lipo bro11 cl1ialis >> di lu11gl1ezzu varia, forn1a fa numerose suddi visioni, ehe piutto- . so ltili, a esLre1111ta arrotondate, a spire poeo sto ehe entita a se, se1nbrano in verila essere vieine , ehe non s1 color.ano con i con1u111 coaspetti particolari di processi tra loro spesse lori ·di anilina. ~i e certo voluto andare troppo altre s·u quevo1te n1alamente dif1erenziabili. Con -tutto ·c io non va pero nemmeno di.menticato, e su que- sta via e vedere da qualcuno 1~ ogni a~eesso sto vi e disereto aeeordo, ehe forme ehe si in- polmonare la presenza .ca usa1e di spirochete, qu.adnano o nel ·elassieo schema dell 'asce.5so o la rcui importanza nella patologia poln1onare in quello della gangrena, esistono, per quanto e merito del nostro Castellani aver messo i11 queste forme « pure » vadano faeendosi sem- ev idenza tra i prin1i con le. sue r ieerehe sulla . ' rare. broneospiroehetosi. E in realta ora noi posp1 e p1u ell ,ascesso poln1onare, indipendentemente siamo affermare ehe in buona. parte di casi d.a l fatto 1cl1e si tratti di form.e semplici o gan- g li ascessi primitivi del polmone sono sostenuti anche da spiroehete. Un tale dato trövegr~nose, 11oi distinguia1no forme pri111itive e 1or111e secondarie a s-eco11da c11e rappresentano rebbe anehe in<liretta eonferma nell 'esito a proce si apparente1nente illli.ziali inel parencl1i- volte nettamente favorevole di ur1a ternpestiva n1a polmonare, o piuttosto falti con1plicativi eura antispirillare a base di arsenobenzoli. Non polrr1onari svariati svolgienti i nell 'organismo e crediamo tuLtavia dover seguire necessariaehe col poln1one sono direttamente o indiret- mente qu,aslo eriterio come un tipi,co criterio ex javantibus in tu tti i 1casi, onde risalire la1nente in connessio11e. alla natur,a speeifica dell 'affezione; perche ogDal punlo di i La tlcl co111e insorgo110 progi nell 'azione eh emioterapica arsenobenzolica cessi purule-r1 ti o ga11grenosi pol1no11ari, dobdobbiamo anehe eonsiderare una co1.nponente , biamo co11siderare la doppia eventualita delvorrei dire, asp ecifica di slimolazione generale la forn1a emboli·ca o della forma bronehioge- nlle reazion,i t1ssulari di difesa dell 'o·r ganismo na. Anato1110-palologicamente le forme si dif- esplica ta d1ai di ersi preparati arsenobenzolici, fererizian o (Asel1off) e generalni.ente a ciaseu- cl1e, eo111e risulta dal1e rieerche di Janoso eorr111a forma corris1Jondono anche mo1ne11ti etio- pletaLe da quelle piu uecenti ·di Brunelli della logiei di 11.atura di versa. n1ia Clinica, presenLano comp ortamento a11aSenza pero do erci per ora eo111promettere in logo in parte a quello dei cosidetti ·colori viUllla 1classificazione parLicolare della forma morLali, e, quali sostanze eolloidali o semicolloibosa di c ui parlia1110, e ri1nanendo piu v icini dali eletlronegative a convezione anodica, va11al tcrreno d ella .clinica, io vi ricordero alcur1i no a Lern1iinare nell ,apparato reticolo-endotelipi, per lo x11eno i prineipali, di ascesso del liale i11leso i11 sense lato ivi esplieando azio11e .volmone, af finche sia poi m en9 di [fieile po~ tin1olatriee e probabilmente quindi di acter inquadrare i fa tti el1e alla nostra malata eentuazione delle ·difese organiche; il quale si riferiscono con i ·dati eh e ei vengono for- argon1ento mi limito semplicemente ad aoce11nili dalla patologia. In 11umerosi ca. i di forme nare qui, ben sapendo quanto compl esso sia primitive si pensa da rnolti ehe 1'agente elio- il meecanismo d ,azione della ehemioterapia, logico fondamenlale sia rappresentato da s1Ji- tale co11sideraLo sin dai tempi di Eh.r lieh, c roch ete o da forn1e spiri1lari ehe alcuni sen- qu.an to discordi siano i pareri sui rap1Jorti ora z 'altro ascrivono alla assoeiazione fuso-spiril- amn1e. si ora negati tra si tema reticolo-istiolare di aleune angine, a proposit-0 di ehe va ciLario e ·diEese organicl1e tiss ulari e u1noraJ i anehe ricordato ehe elementi fu. ali e spiril- e Lra si Lema R. I. e ehemoterapia in genere. li altro non rappresenterebbero in questi ca- l\ifa e forse in base a idee in queste SCilSO ch e si, secondo Sanar.elli, ehe g·radi di sviluppo la cura arse·n obenzolica viene cons ig·liata i11 diversi di uno stesso microbio polimorfo. og ni Li po di aseesso polmonare spiroel1etico L' impronta gangrenosa al processo verrebbe o no. quindi conferita dal 1contempor.aneo o s·u ecesAltro tipo di asoesso primitivo (il piu spessivo sviluppo di germi anaerobi. In realta rio pero seconclario per diffusion e dal fegato) eorrendo a metodi opportuni o d 'impreg11a- e rappresentato dall 'aseesso .amebico; esso in zione o di colorazione specifica per le spiro- realta non e raro anche come rappresentante chele, e frequente rinve·nire nella forma pri- n1ell 'org.anismo di un 'unica manifestazione amitiva di ascesso polmonare numerose spiro- &ce.ssuale dell 'amebiasi. In genere i)ero sia chiete si.a n ell 'espettorato e sia ancora, il ehe n cl liquido dir·e Ltamente raccolto da pu11tura ha certo maggior importanza, n ella zona 11e- e plorativa sia n ell 'espettorato, noi non trocrotiea 1cireondante l 'ascesso polmon.are e nel- viamo l '.agente causale, I ' ameba; e d 'altra la zona pure circostante ·di flogosi attiva ove parte in queste stesso materiale noi non troviamo generalmente altri agenti etiologici n oa volte le spirochete sono state ritrovate allo slato di cc relativa purezza batteriologica » ti, si ehe si par l.a di cc pus steriJ,e ». (Leo11(Bezan9on; Leon-Kindberg). Si so·n o descritte I\.indberg). E sappiamo altresi ehe in questa aecanto a forme fuso-spirillari diverse degli forma un trattamento speeifico a base di elospironemi, spesso disposti a grovigli, della ridrato ·di emetina (Pontano, Izar, ece. ) puo bronco-spiroehetosi emorragica, delle spiro- portare a guarigione talora completa. 1

1

1

1


12

Cl

lL POLI CL CNJ CO »

Piu frequen.ti ass.a i sono pero gli ascessi polmonari .secondari. E laseiamo da parte tutte quelle forme di aseesso gang renoso d el polmone eh e posson o intervenire al seguito di aspirazionc nelle vie aeree di materiali vari infettanti; eome pure quelli eh e si hanno per diffusion e di contig uita d.a affezioni suppurate epatich e, subfrenich e, mediastiniehe, eee. Ricordiamo, a .solo titolo di ic omp.Jetezza, an cora quegli ascessi eh e con discreta frequenz<l in t empo di g u erra abbiar:po visto svilupparsi n ei soldati gassati, specialmente da yprite e in eui sp esso l 'agente etiologieo dir etto sar ebbe rappresentato da uno streptocoeeo emolitico (Clere, eee.). Ascessi g·ang renosi o meno seeondari siamo soliti ad osservare in individui settieemiei, e allora l 'eziologia della forma e sostenuta dall 'agente stesso .d.ella settieemia (streptoeoeeo, stafiloeoceo, eec.); o in individui affetti da IJolmoniti o broneopolm.o niti banali, speeie nelle forme eh e eomplicano d i frequente l 'influenza r:espiratoria e in quelle in eui venne con frequenza isolato il b. di Friedländer, e in eui si e p arlato addirittur.a di flemmone del polmone; o aneora n el eorso. di sempliei b atleriemie (ascessi p olmon ari da paratifi : Lemierre e Deseh.an1 ps). 1

* ** E cru.ale sara allora }.a n.a tura dell 'aseesso, n el caso nostro, dato eh e di a.scesso seeondario evidentemente si tratta, sia per il lungo periodo di malattia in eui n on vi era sintomatologia polmonare, ma eh e la sintomatolog ia polmonare preparava, sia perch e spiror l1ete o .am ebe non .a bbian o trov.a to , sia perehe infine reperti positivi son o emersi eh e ei h anno e clU1so trattarsi di form.a primitiv.a di que. ~o tipo , e ·d ato an eora eh e di form1a specifi ca da b. di J(och abbiamo gia detto non potersi trattare? E lasciamo da parte, seeondo quanto vi ho delta, se IJiu di a oesso o IJiu di g.angr.ena polmonar e si tratti. Non ad un asces o ab ingestis da eorpo estr.aneo crui penseremo, pereh e ee n.e m an·cano e l 'anamn esi, el1e tuttavia a volte puo rimanere sil ente, e p1ereh e un ascesso ab ingestis non e certo CO i ben tollerato eome lo e stato nel no tro caso, e dopo un breve periodo di i n et1bazione dall 'aspirazione del eorpo estran eo, a-ttraver o un fo eol.aio piu o meno esteso e piu o n1eno acuto di broneopolmonite eompare rapidan1ente tutta la ()'rave sindrome generale di un a raecolta purulenta ehe si va forrrtando i1cll 'orga11i mo e p eeificatamente 11rl 11oln1011e, e cl1e tende a farsi strada, oll rcc l1e Yer ... o l 'e lerno attraver.so un bronco, nnc11e ' e1\ o la pleura ehe a volte in\ ade " oll rc1nl sa, ro mc ad e"'e1n1lio in un r ecente cas·:> 1

1

[ANNO

:X.XXIX, NuM. l ]

di Riceiolo. ~fa ncl ca o nostro la sintomatologia iniziale polmonare costitui un rei)erto eau ale radioseo1Jico a sorpresa. Nulla avverti la paziente : n on to e, n on e creato , i1on dipnea, n on dolori in sede tora eica. e q11indi d.ata l 'assenza di tutti questi sean i, pcnseremo i ia qui svolto un proeesso broneopoln1onar e bana]e eon su ceessiva evoluzion e i)urulen ta: an eh e perehe qui manca110 tutte quelle condizioni ehe in genere eonen ton o l o svil u l)PO di un focolaio broneopn,e um onj eo sen za la elassica sintomatologia, quasi .direi in sil en zio di 1sintomi: e trattasi allora proprio di quei tali fo eolai ehe non debitamente e tempestivamente diagnosticati c eurati , fini seono il piu spesso in u.n a delle com1plicazioni della bron eopolmonite tra cui frec1uen te l 'aiseesso : in f.atti qui non seg·ni di di.a b ete , di caeh essia pPecedente alla forma, di stati eomatosi da cau se molteplici, e particolarmente non seo-ni di alcoolismo croni eo, condizioni tutte n e·lle quali le forme acute broneopolmonari possono decorrere in modo talime11te atipico, eon cosi scarsi fenom eni :reattivi gen er.ali e locali, da av.er loro m .e ritato il nome ormai con sacrato dall 'UISo di forme adinamiche o .asteniche. Ascesso polmonare forse da infarti mieotici a punto di partenza da endoea rdite u1eerosa del eu ore destro o dal sistem a venoso? Eviden.temente no: qui non endocardite e nemmeno fl ebiti e d 'altron.de ·n on sidrome di infarto polmonare. E allora un aseesso intervenuto n el eorso di un.a setticemi.a .e r appresentante un1a loc.Llizzazione polmonare d ella sep i ? Qui non vi fu vera sepsi , e ripetute em oc ulture riuseirono • negat1vei. Ch e si sia trattato di un.a locali zz.azione polmonare nel corso di una fu o-aee batteriemia ? Vi diro ehe abbi.amto pensato a n eh.e al tifo, pel'lch e nel tifo si po.s sono avere ascessi polmonari per varia cau a. Anzitutto d alle f.acili escare da deeubito ove si J1anno suppurazioni gangrenose, possono ordir i piecole fl ebiti di vieinanza, ·donde imn1is ion e in eireolo di germi della suppurazio·n e ,e del1.a putrefazione. E poi perche facili ono i egni di bronehite e stasi a lle b asi , e per il deeubito lungo e per la fa.cile stan eh ezza mioeardica, su cui possono poi inter'\·enilie proeessi infi.ammatori broneopneumonici cl1 e po o·n o a loro volta presentare esito in form,e ascessuali e g.angrenose .specie se per le gravi eondizioni dei malati e la poca ig iene e il eattivo stato boecale, aneh e si verifica aspirazion e di materiale infetto. A parte laseia·n do il fatto eh e ver e e proprie localizzazioni tifieb e si possono a ver e nel polmon e eh e evolvono poi eon le earatteristicl1e clini che d ella broneopolmonite in cui l'a~ente et iologico e il baeill o di Eberth. Ve ne ho a lu.ngo parlato 1'anno .scor so a proposito 1

1

0


[ ANNO

XXXIX, N

·l\r .

1)

SEZIONE PRATJ CA

di un caso di pneu1n-0tifo (3), nella quial oocasione vi ho ric·o rdato la ·distinzione ehe va fatta tra pneumotifo ve ro e proprio e co1npli1cazioni bron eopneumonich e i·n corso di tifo; e vi ho ricordato anch e tutte le varie e strane localizzazioni ehe puo presentare l.a forma, eome }Jure in istei u un 'altra malattia ehe puo dar ma nife tazioni a localizzazione prevalente miente broncopoln1onar e e pleurica e •Ch e e la malt ese. Ma q ui r1ie11te di tutto cjo. An cora su ·due punti di po. sibilita diagnosl icJ1e inveoe voglio breve111ente fern1.armi: il deperimento , la febbricola, la vaga sintomatologia, potev.a11 o fa r pen sare a ll ' even tuali ta di una forn1azio ne a ee so-simile n el polmone di natura n eopla lica; a parte il fa tto pero ehe qui solo dei casi piuttosto rari di eo.~ idetto ,ca11cro cavitario de! polmone ,avr ebbe potuto lra lLar i e di uua forma primiti va eh e sappiamo quanto m ai rara, per ch e nulla trovavan10 in que to sen o in ialtri oro-ani , n e altre m eta La i vi erano n el polmone de tro, deponcYano contro la forma n eoplasLiea i reperti ra,d ioloo-ici e ancora il fatto eh e con l 'espettorazione, eioe 1con l 'iniziarsi dello svuotam en t.o della raccolta, l.a inLomatolog ia sogo-e tti,,a della ma1a ta ando rapidam ente e definiti,T.an1ente migliorando, e la febbre scompar\'e. Dj f fi co]ta di.agno tich e in un certo sen.so I)iu notevoli, e sono costrelto a ritornarvi una 'econda volta, 1)rc cntava la discriminazione ron l 'ascesso a m ebico, il quale e acneralmente come ho 1ie tto, intervien e a segui Lo di una epalite a.mebica uppurata , puo pure essere clini camente prim ili\'O nel polmonc, la sintomaLoloQ"ia inte linaJe a volte pa ando del tutto in seconda ]inea. Clinicam ente invcro la di.agno i si presentava qui oltremodo diffi.cile. Con la puntura non ottenemmo am ebe, il eh e .appunto e la norma, ma n emmen o ottenemmo cc pus sterile », com e lo si suole indicare, visehioso, color eioccola to, essendo riusciti invece a coltivare un germe. Ma a parte qu e ti dati di laboratorio, clini.camente vi sono form e di diag nosi oscura. Cosi , ad esempio , le forme pseudotubercolari, con cache.ssia, emottisi, evoluzione progressiva; e alcune forme a tipo aeuto in eui oltre al processo colliquativo, disLruttivo del parenehima polmon.ar e, coesistono fa tti pleurici , a volte notevolissimi, quaJi essudazioni piu o m eno eorpuscolate e eonegu·en ti ispessimenti e r etrazioni toraciche. Se ci fa sse m ancato il gia piu volte ri eordato positive repe·r to di laboratorio avremmo qui senza ·dubbio praticato una lerapia specifi,ca con emetin a, il eh e, si sa, eostituisce il t ermine di par.a~on e piu preciso per 1a con{erma deJla diagnosi eziologiea della forma . (3) C I•'n1J GONJ. Pneum otifo. Minerva Medica, n. 36, 1930, 8 settembre.

E a llo.r.a qua Je infine l ,eziologia della forma? R.a gioniamo a n cora eliniean1 ente sul mal.ato , su quello eh e ci ha mo.strato, su quello cl1e e stata la caratberistica fino a un eerto· punto fondan1 c11tale della forma: ritorniamo a i prin1i sintomi e cl1e sono quegli stessi e·ler11enti eh e hanno fatto oscill.are la diagnos1 da i)rineipio attorno ad una vag·a e 1nal pre-· 1ci ata forma d,efinita cc .a dd.omin.a le n, e ci accorg·eremo allora ch e qui vi e stato fin dall ' inizio qua lche eo a di singolare. l\ ian diamo indicLro, al principio, quand()' 1'.amm.alat,a comincio il su o stato di malattiar J'lerch e, rico1-.d alelo, pe so e alla prima anam118 i el1e dobbiamo torna re, e ai primi segni clie dobbiamo g uardar e per cercare di ri1coLruire fatieo amente, col ra.g'iona m1e·n to, eoi da ti raceolti , col pi u n1inuto in lierrogiatorio , d.ando eventualmente \ralor e a dei pieeoli seo-ni dapprin1a pas, ati quasi ino ervati o non giustam en te valuL.ati , onde ;ricostruire lo sviluppo del male, e penetrare cosi n cl segreto del l1a patolog ia dei n ostri ·mialati. Qui .invero inolte 1cose sono singolari e appun lo vi h o vcluto presentare il caso non per farnei io tem a di lu o diag-.no Lico, ma percl1c occorre a bitua rci tutti ad e crcitare il pen ier o ulla peculiarita dei casi, sulla mollc])lici ta delle for1n e con cui una malattia ehe il piu delle volte i presenta ben definita, puo aj)parire, deviando Lante volte iI pen siero ver- · ·o diagn os i .eh e m ono ein1eintano le conoseenze nostre. Qui tutto e ingola re : singolare e ehe si ordisca n el silenzio di tutti i sintomi respiratori un aseesso polmonare: singolare e ehe la n ostra paziente mai abbia avuto fetore ·n el licru ido em esso con l 'espetto.razione·; singolari simo infine el1e poeo dopo ehe la malata fu ricoverata in clinica non abbia piu avuto una linea di febbre e eio nonostante fosse porlatriee ·di un piopneumotoraee. u cceder ebbe cio nelle comuni forme ba t1erich e d.a treptocoechi , da stafiloeoechi, e in tutte le altre form e eh e abbiamo riicordato c n el caso specifico escluse? Certamente no. L 'unico· filo per svelare la causa del male, ci venne dato, l 'h o gia ·detto, dall 'esam·e aecura to dello puto e del liquide pleurieo: la c ullura d.e} pu1 pleurieo ha dato un germe cl1e ha tutti i earatteri biologici , culturali e batterioscopici del bacillo di Eberth, ed e agglutina to, ad alto titolo (1 : 3000) dai sieri antitifici d·el nostro laboratorio , mentre non e inveee a o-glutina to dai sieri antiparatifiei A e B. Dovev.a ritener si qu.esto un r eperto caua1e o piuttosto l 'indice di una .reale presenza ed .attivita del b.acillo del tifo ? Ne da risposta il pote-re agg lutin ante del siero del]a paziente eh e agglutin.a il su o baeillo a 1 : 400 ed i .g·crmi di laboratorio a 1 : 200. Prove eroeiate 1

1

l


14

lA! NO XXXIX,

u 1L l'OLI CL l .:". I CO H

quindi e icure . Dunque vi so110 segni eh e pairlano n eltamente per la prescr1za i1 ell '_organismo di un proeesso sosten uto da} bae1llo di Eberth. E poieh e siamo in presenza d i un aseesso , di una raeeolta purulenta, e vi e slato, ripeto, wero ascesso, non sen1pliee fl ogosi polmonar e, „e da ammettersi eh e il baeillo del tifo abbia ..azion1e pioge·na? In .realta il b.aeillo di Eherth puo essere eon sid·erato anch e piogen o : n e parlano osservazioni vecehie e r eee11ti . Anzi tutto e n oto da tempo ehe si possono osservare in „t ifosi, aiseessi sottoeutanei o profondi, spesso la ove abbia agito u·n trauma aneh e piecolo. Si penso da prineipio ehe qu,esti a seessi ehe specie inlerveniv.a·n o 0 a seguito di ini.ezioni 0 di traumi , fo ssero dovuti sempre a .g ermi pio_geni comuni vcnuti da ll 'esterno e attraverso male manovre portati ~ntro i tessuti ivi provocando l 'infian1°IIl!azio:ne purulenta; e cosi spesso e; ma attraverso esami batterioseopici e eulturali anehe risulto trattarsi talora di bacillo di Eberth senza a leuna assoeiazion e mierobica e si dovette eonvenire poter esser talora la suppurazion e sostenuta dal solo b aeillo di Eberth proveniente per via ematiea. Si sa infatti ehe n el tifo e regola specie in determinati periodi dell 'infezion e, uno stato di batteriemia se non di vera e propria settioemia; e noi dobbiamo eonsiderare i traumi , le iniezioni ripetutamiente praticate in sito, eome eondizioni eh e fa eilitano la fissazione in quelle rs edi dei germi circolanti e l.a flogosi ineren te. E in fondo il veeehio eonieetto di cc locus minoris r esistenti.ae )) eh e ritorn.a a d a ffiorare; ma r1oi oggi queste vecehio eon eetto eh e h.a pure in se tanta parte di vero, lo sappiamo meglio interpretare e meg lio analizzare n ei suoi in goli elementi eostitutivi: in fondo , il trauma, le f]o,g osi asettich e e via di seguito , coistitui seono altrettan ti elementi o fa ttori eh e favori eono la fi ssazione a livello dei tessut i eolpili , di g1ermi circolanti ; e partieolarm ent e n ei focolai di flogosi, asettica o m eno, cl1e que Li f.atti ven go·n o anche sperimentalmente ben dimostrati, e ivi si h a fissazione di germ i cireolanti prev.alentem ente p er le modifi.c.ate condizion i di eircolo (.stasi), di permeabilita capillare, di ci.rcolo refluo lin fati co, ecc. F.atti ques li a i quali , lasciando da parte ricer.ch e piu antieh e, hanno, tra gli a ltri, portat o eon tributo. lavori delle Scuole biologieh e di Padova (Sabbata·ni , Salvioli , e allievi). Possono qt1in di esistere co·ndizioni nell 'organismo eh e eo titui eono fattori per un.a fi sazionie in d elerminate sedi di germi circolanti ; donde Jocalizz.azioni a volte le piu tr.a ne e le i11eno a, peltate. E tutto .cio vale, pos iamo pen sare , a11eh e 11er la b alteriem ia o setticemia tifica. ~f a c1ui il ba·cillo di Eberth assunise caratLere piogeno, e aneh e questo b enel1e r.aro , puo r~ err, e n on solo per a eess i ottoet1lan ci eo-

~Ul\I.

l]

ffi,e h o detto , ma a n eh e p er aseessi epatici,

an.cl1c per quelli eosi detti solitari, molto rari, ma descritti (Doufourt), e per aseessi subfrenici eh e in easi eceezionali possono evolvere verso i polmoni con formazione a·~ cessuale polmonare eonsecutiva; casi di queste t ip·o venn·ero tra noi recentemente desoritti d·a Introzzi della Scuola di 1Ferrata; e aneora furono notate pleuriti a netto carattere purulente, largan1ente studiate dal Gasparini ·dell 'osp·edale di Padova ; fatti questi ultimi sui quali mi sono g ia altre volte fermato , onde i11i li111ito farn.e sem,plioemente menzione (4). Nel nostro ca,s o quindi vi fu ascesso poln1onare tifieo, da b aeillo di Eberth. Ma vi e stata nella nostra malata l ' infezione tifoide? Certo. Non al 1classico tifo penseremo , ma a forme eh e possono trova re riscontro n ella sintomiatologia dalla nostra n1alata presentata; dovremo p en sare e pen.si.amo al tifo eosidetto cc ambulatorio ». E forma , ben lo sapete, ehe permette all'individuo pur ammalato di eontinuar e o quasi nel suo solito ter10-re di vita e n e.JJ,e .a bituali oecupazioni: ma non p er questo fatto, la forma ambulatori.a del tifo e da eonsiderarsi lieve in contronto alle form.e eon elamate, b en si vorrei dire, in un certo sen so a lmeno, piu grave e pericolosa. La virulen za ·dei germi non e in V•erita grande, ffia la mala ttia e ugualmente seria, pench e il tifoso non riconosciuto per tale e non comportandosi come tale, va esaurendo l e proprie resistenze fisiche ed umorali, rnentre contemporaneam ente si espene a tutti i ,risehi di una alimentazione non adatta e con cio a tutte le insidie e eomplicanre della forn1a . E la nostra 1n.alata i1e e ehiaro esem1pio. E anzi vog·lio qui ,rieordarvi una nozione di patologia gen era le seeondo cui per germi .n on .abituia lmente pio.g·eni vale l.a .r egola, non assoluta, 1ch e l 'azione piogen a corrispon·da ad un.a .a tte·n uazione della virulen za. 11 ehe inquadrer ebbe eon quanto siarno andati sin qui espon endo . Comunque eh e di tifo ambulatorio si sia n.el n ostro caso trattato, noi veramente penia111 o.

* ** Rivediamo eosi la prin1a ~ inlomatologia, pereh e tSpes o la n.a tura dell.a forma a :noi appare oltanto dall 'an darniento della sua cronologia, ed e 1ai primi seg·ni el1e c.ar.a tlorizzano il passaggio d.allo stato di benessere allo .sta to di malatti.a ehe noi dobbi.amo partieolarmente guardare. La forma qui insorse eon dolia agli arti, en so di peso al lo stomaco, febbri cola, aste11ia, deperimento, intom i tutti ehe durarono 1

(4) C.

FR CGONI.

Pn eumolifo. Loc. cit.


~ ANNO

XXXIX, Nu l\1 1)

SEZ I O~E

a lu11g o, senza to se, senza espe ttorazione, senza udorazione . E fu allora tifo ambula torio o piuttosto pneumotifo , dato eh e la n1alata qu a ndo erltro in Clini ca Chirurg ica presento fatti g ia radiolo.gicam ente eonc lamati alla b ase polmonare sinistra ? Sappian10 eh e nel tifo ta lvolta un gruppo di sintomi talme11te predomina sul deeorso della m.ala ttia eh e ca.r a tteri zzano quadri eliniici volta a volta diver i , d onde fenom eni preponder.anti a carico delle m eningi, del miocardio, del r en e, eee. , sem1)rc di natura tifica. E pe o a ll or.a la vera 11alura d el1'infezione non appar e specie se n on si ricorre a sistem a tieh e rieer eh e di lab ora tori o e se la m ente d e} m ed ico n on e .convenientem ente orie ntata ; e g ia .a l ~ra ol t.a io vi h o a lung o parlato di que te localizza zioni particola ri e di eh e cosa intendia mo qu,a nd o parlia m o di m ening otifo , n efrotifo, p11eu m otifo, laringotifo , ecc. Pn e um otifo si ha qua n do i intomi sono per lungo tem po olo o J)revalenti in1 am ente pneumonici e la indro111 e re IJira to ria apre la soena ed attira su e tutta ] '.a ttcn zione : m1a la n ostra m alata in vece i e fo rte m en Lc tupita qua ndo i sentl dire cl1e aveva u n a i11ala tt ia r e pira toria , m entre n e un i n tom o r e IJiratorio a ccusav.a . E '"' a aveva, .com e abbia m o d etto, preva lente111enLe fcbb ricola e pe o epigastrico, c n oi pen iamo veramente dunqu e ad un tifo am b ula to rio eh e ha da to la cc complicazio ne )) a ce u.a lC' poln1ona r e « p r imitiva », con1plicaz ion e r ar i.... in1a, eh e Luttav ia e d a Lucatello r i cord a ta n el tra t tat o d el Ma raglia n o, m entre un ca o di a ce „o polmona r e p ar atifico viene r icord at o dia Le.miierre e De eh a 111p . Tl ca ra ttere ap11ar enteme nte cc p rimitivo >J d ella complicazion e e lega to al fa tto eh e a volte i posson o ·da r e casi di ti fo sen za leionj n e localizz.azioni intest ina li e eh e i g er mi cireolanti po on o sofferma r.si in punti svaria ti e ivi dare localizzazioni m orbose. La n ostra m ala ta avendo o fferto a 26 anni di pleurite secca e a 40 anni di bronehite pecifi ca )basil are in i:stra puo .aver presen t ato ver o imilm ente n el suo polmone un locus mi. n.o ris resistentiae, an ch e n el sen so d a n oi sopra espresso , s u1 quale ha potuto m eglio attecchir.e il germe circol.a nte. E la forma a scessuale ·eh e n e d erivo n on fu inquinata d a altri g'ermi, eh e solo il b aeillo del tifo fu isolato d a} materiale r aceolto con la puntura esplor.ativ.a : e questo e il m o tivo per cui l 'ammalata toller o cosi b en e il pio-pneum,otorace consec utivo: la qu.al to1lera·nza n oi n on avremrn o osser vata . e di em piem a a d esempio tr0ptocoeeico si fo se trattato . Quanta al tra ttam en to altre la terapia sinton1atica a ttend,er em o prima di pTendere una dccisi-0r1e chirurgica , da ta l 'evoluzion e spontan eam ente favor evo] e d ella forma .

PHATl CA

15

OSSERVAZION 1 CLIN ICH E. 0

MAURJZIANO

P E DA.LE

SEZlONE

UJ\1BERTO

I

Ol TORINO.

C HIRURGIC.'\

diretta ·dai pro ff. BERTONE e

MA SSA .

Sn di un caso di cisti ovarica gigante per il dott. 1FRANCEsco BENso, assistente. Mentre un tempo oecorl'eva a bbastanza frequentem ente al •Chirurgo di Operare eisti 0varieh e enormi, oggidl questo su eoede assai di r ad o: e eio e dovuto d a un lato ad un m aggior sviluppo d ella chirurgia non s olo nelle g ra ndi citta ·n1ia anehe in piecoli 1centri e ·da.II 'altro ?-11 'abbarn,dono di quegli errati preco11ce lti , frutti c1ell 'edt1cazion e n1edioevale, p er u i la do 1111a i pre en ta va al 111e dico solo n ei casi di estrema ne~ssita. P er queste eansider az_ioni ogg i l·e cisti ovarich e veng ono asporta te prima di raggiungere g.randi dimen• • SlOill . f\ c h·rer (.4rchiv f Li r Gynäkologie, seittenlJbre 1929), ha fatto uno studio inter essante su que to arg omen to ed ha ;raccolto d alla le ttera tura 99 casi di cisti 0Y1arich·e giganti, considerando icome tali quell~ il eui peso totale supera i 215 Kg . A qu1esto aggiunge una sua osservazion e p er sonale del .dioembre 1928. Si trat tava di una d onna di &5 anni in cui l 'i11 izio dell a 1na la ltia r isali,·a al m arzo 1926 ed er a tata segnala ta da una lieve em orrag ia dai genitali. Nelle quattro ultime settimane ·p recedenti all 'intervento ehirurg ico il tumore era 1raddoppiato di vo]ume. L 'a m·m alata venne operata in anestesia locale: dopo l 'inci· sione l aparotomica, prima di asportare la cisti ad erente a lla parete a ddominiaJe, il 1chirurgo svuoto eon un trequarti 25 litri di liquido n ello spazio ·di 12 minuti : la cisti cosi diminuita enormem1ente ,del su o volume pesava \1·ncor a l{g. 7.200. P eso totale, Kg . 32.2. L'a . \ cn11e a g uari gion e senza complicazioni postoperatorie . Le osservazioni d a lui raecolte si riferiscono a d onne 1con re ta varia d1ai lO agli 80 anni. In tre di questi casi il conte·n uto era di 110 litri, 112 e 153 litri. L 'autore h.a pure descritti i sintomi r elativi .a questi e normi tumori e le t urbe cui essi d anno luogo. Una donna eine• e per e . di 40 anni era rimasta quattTo ann1 seduta sulle g ambe incrociate : un 'ammal.ata , il cui tumore p esava cir.ca 100 Kg . , n on potev.a ten ersi in piedi , ne se.d ersi, n e coricarsi 0


cc IL P OLICLINI CO »

16

sul dorso; poteva solo .riman ere coricata sul fianco o sull1e g inocchia . Keh rer dopo avier d escritto la facies ovarica di Spen cer W ells ri corda lJUre la dila tazion e deJ.le ven e sottocutanee d ella par ete addomina le pe.r compressione dei grossi v.asi venosi profon.di e sopratutto della vena cava inferiore. Silvain Masse riferisce sul Bulletin de la Societe d'Obstetrique et de G) 1iecologie (m ar zo 1931) un caso capitat o sotto la sua osservazion e. Si trattava di una donna ·Gh e venne operata di a portazione di una cisti ovarica il cui peso tota 1e era di Kg . 43,300. L 'a. si era aiccorta eh e. da 5 a nni il su o ventue ingrossava e un m edi eo di Parigi eh e ebbe a visitarla pe.r prim o fa1

[A NNO

XXXIX, Nu l\r. 1)

N. Margh erita, d 'ann~ 54, casalinga, da Valfen era (Pie1n onte). Nulla di n otevole nell 'anamnesi d el ge11lilizio. Si mestruo a 13 anni e i metrui si s n ss~guirono regolarmente sino ad 8 anni fa, ~poca da cu~ si fecero irreg·olari intercalandosi periocli di flusso abhond anti ssi1no co,n periodi di flusso sc.1rso e talora an che p er~odi di amenorrea. Sposo a 19 an11i un uorr~o robusto e sano tuttora vivertte. Ebbe 5 gravidanze, dt cui quattro co11dotte a t ermine cor1 parto normale e puerperio fisiologico ed una, l ' ulti1na, interrotta da aborLo di fi m esi. L 'a . fa osservare eh e sin dall 'inizio clella prima gr avidanza il suo peso corporeo ando au1ne11ta11d o tanto eh e q11a 1lro anni fa epoca in cui si inizio la m alattia i11 ques tione pesava gia ben 120 Kg . Nell 'anr10 1924 ammalava di trom· bo-flehite alla g.amba d estra p er cui tenne il letto Lre inesi e duranle tale d egen za il medico curante no lava tracce di zu cch er o n ell e orine. Tre anni fa

f

FIG.

ceva di.ag·nosi di g ravidan.za .con idr.am n ios . In seguito il m edico p er ovviare ai disturbi d1erivanti dalla g raduale tumefa.zion.e d ell 'addome, g iudicando il caso inoperabile, procedeva .a lla ·puntuira ev.a eua tiva con eui svuotava venti litri di liquido, dopo di eh e l 'a. riprend eva le su e occupazioni. Ad ogni tre miesi la pazien te rieorreva al suo m edico per lo svuotamento fin eh e nell 'autunno del 1930 si pr·esentava all 'osser vazione di S. Masse, il quale faeen do la ·diagnosi di cisti ovarica ed e·s sendo bu o11e Je con di zioni 'ge11ierali ·dell 'a. d·eci. e rli 01pcrarla, dopo aver v uota.to alla vigilia dell ' i~ tervento b en 25 li ~ri di liquido. L 'in tervento fu lungo e difficile per le estese adeDen ze della parete cistica al periton eo parietale, all 'epiploon e a11 'intestino g rasso. A questi casi raecolti dalla bibliogra fia n e agg iungo uno da m e studi ato all ' Ospedale Mal1rizian o Umberto I di Torino il q u.ale ha la ~e.guen t e stor1a clinica:

1. 11el nie ·e di ap rile ve11nc oper ala i11 que to stesso osped a1e di ampl1tazione cl ella mammella destra per ad en ocarcinom a esteso ed ulcer ato, gia in precedenza radium-ter apizzalo. Ne g u ari bene e luttora n on presenta lracce rli recidiva. Fu gia allora ehe il chirurgo constalava una discre ta lu111efazion e d ell 'addom e, dovuta alla presenza cli u11a cis ti ovarica eh e n at11ralmente allora n o11 pen so di asportare, dovendosi occupare della cura rlel car cinoma mammar io. A na111n~si p ersoriale prossima: la tumefazio11e rlell 'arldom e, cui ho fatto cenno sopra, ando au111e11Lan do t>ino ad oggi 11 aprile 1931 in cui e11Lra i11 0 p eclale, aggiungendosi in questi ultimi dt1e an.ni un co11ti11uo stillicidio di sangue d td genilali. · Esa 111e oggel liuo : l 'a111malata p esa 145 Kg „ preferisce ten er e la posizion e eretta, la deambulazione c falirosa e l 'a1nmala ta CaID:mina a gaml>c n10Jlo d iYari cnte e col Lron co spostato all 'indietro per n on cadere. Nel letto tiene il decubito laterale, ess~ndol e impo sibile st are a l~ngo tempo sul d ec11bito supino. Non presenta la cosidetta Jacies oYar ica cli Spencer VVells. Nulla di patologico i rinYiene al cuore ecl ai polmoni. Addome : i pre enta en orm emente esp an so colla cicatr~ce


(ANNo XXXIX, Nul\r.

11

17

SEZIONE PRATICA

ombellicale introflessa ~ le vene sottocutanee assa~ dj)atate. Alla p alpazione si tavverte ehe la parete addominal e e solL-0 fort.e ten sione p er l a presen za di una inassa enrlo-addominale. La percussione delimita una ampia zon a di ottusita eh e e limita la in alto da u~a linea curva a convessila super~ore cl1e sulla linea m ediana arriva a 8 cm. sopra l 'ombelico. A si11islra l 'ottusita occup a tutto j} fianco sinistro , m e11tre il fian co deslro e libero; in ba so non si det er m ina il limite inferior e dell 'ottl.1sita eh e si percle n el bacino. Netto e i1 ser1so di fluttuazione. L 'esam e g inecologico non riesce ad avvertire il collo uterino, s tira to in altb dalla 1nassa a sviluppo addom inale. Le p areti d ella vagina son o norn1 nli. An eh e gli ar li inferi,o ri presen la110 i va i o t locutanei moJ to ectasi ci e torl uosi. Sono pure a sa~ ede1natosi in modo da assumer e l 'a petto elefanliasico con ampie chiazze ciano•

p erficie ~sterna e c ubico, mentre e cil~ndrico quello eh e tappezza l a superficie interna. Decorso p ost-op eratorio r egolare, apirettico. Si tolgono i punli in nona giornata. L ' runmalata sin dal g iorn o d ell 'intervento puo tenere il decubito supino e sp oslarsi senza grande fatica. La rete venosa so<ttocutan ea d ella p arete acldominal e si f a m en o evide11Je, 1nentre gli art~ in,feriori vanno diminuendo di volume per ] ~ scomparsa dell 'ed ema e le varici di.ventano meD:o tor tuose e dilatate. Persisten<io lo zu cchero n elle ori11e (20 gr. per mille) si cos tituisce una cura dietetica anlidiabetica, con i t\iezione di insu]ina (10 unita due volte al giorno, prin1a d ei pasti). Dopo 15 giorni di cura l a gliC'os11ria e quasi totalmente scomparsa, mentre la glicemia e pressoche normale. 111 • ventesima giorna~a dall 'intervento l 'a. e ~ grado di alzarsi ed esce dall'osp edale in trentesima giornata. 11 s uo peso corporeo e ridotto a 110 kg .

F1c. 2. lieh e e<l in alliva de„q11a111azione. L 'esame d elle orine non rileva tracce d i albumina b en si la presenza di zucchero (g r. 10 p er mille) . Confermandos~ sulla base dell 'esame clinico dian zi detto la diagnosi di cisti ov1ar ica, gia fatta in precedenza, s~ pratica l 'intervento il 17 aprile 1931 in anes tesia lombare con tutocaina, previa iniezion e sottocutanea di due fial e d i efedralina. Dopo 10 minuti dalla puntura spinale, p er sistendo buone le concli1ion·i d el polso, si pratica la laparotomia mediana sottoombelicale. Ape~to il p eriton eo si svuotano con UJ\ trequ arti di m edia g r andezza jnfisso n ella parete cistica circa 25 litri di liquido opalino e mucoso; d opo di ehe l 'esteriorizzazione della cis ti, eh e si e sviluppata a carico dell 'ovaio destro, e facile, n on presentando essa ad eren ze col peri_toneo ne cogli organi c ircostanti. Allacciatu ra del ped uncolo e resezione del p eduncolo . Sutura della parete in seta. La cisti dopo lo svu ot amenio dei 25 litri di liquj clo p esa an cora J( g . 4,200 , totale Kg·. 29, 200 . Apert.a la parete cistica si nota eh e l a cisti e unicolare e non presenta alcuna parte solida. L 'esam e istologico rileva ehe ] a p arete cistica presenta la struttur,a comune d elle cisti ovariche rn,ucose, essendo CO· stituita cla uno strato fibroso e vascolar e, limit ato sia a ll 'interno eh e all 'esterno della cisti da uno s tra Lo epiteliale. L 'epi telio eh e riveste la su-

Per quanto rig·uar,da il trattamen to operatorio delle 1cisti ovarich e gi.g-.anti sono d 'accordo con Kehre.r il quale evita la puntura evact1,a tiva trann e nei casi in cui essa abbia un 'indicazione vital e e l 'a . n o·n possa subire l 'intervento chirur.gico. La pu·ntura a. scopo e,r.acuativo, difatti, lung i dal miglior,a.r ne Je condizioni dall 'ulteriore 1esti rpazione, le agg ra va, poich e essa, praticata a cielo co,p erto, provoca ,delle aderenze cogli organi circostanti: puo inoltre essere causa di emor.ragi1e nella ·cisti m entr·ei puo disse·m inare nel ,cavo perito·n eale ,degli el ementi sarcomatosi, c.arcinomato:si o dermoidi eh e l a cisti talora contiene. II metodo ·di el1ezion,e e la puntura -a cielo sco- . pe:r to immediatam,entei seguita .dalla estirpazion e d1ella cisti , previo isol.amento· della parete 1cistica dalle adeirenz.e talora estese colla parete ,a ddomin.a ],e e coi visceri circostanti. I pericoli della sincope op,eratoria e post-operatori.a :sono ,evitati praticandosi l 'aniestesia looa,l,e o lomb,a re co11.a somministr:azion.e di car1

'


« lL POLICLINICO

18

diocinetici e facendo tene re all 'ammalata la posizione seduta o quasi. Delle cento osser vazioni raccolte da Kehrer 1'operazione e stata praticata in 86 casi : su 6 di essi non si h anno notizie sul d1ccorso post-operatorio. Si ebbero 13 esiti mortali n elle quattro settin1ance consecutive all 'intervento. Dei 67 casi sopravvissuti, tre morirono nei primi n1e i d·ell 'intervento pr:esentando i segni di ge11.era] izzazione peritoneale car cinomatosa. 1

RIASSUNTO. 1 '1\.ulore dopo aver citato n el pre e11te J.avoro la bibliografia ch·e riguarda l e cisti ovarich e g iganti descrivc uin caso :capilato sotto la sua osservazion e, drel pe o di I<..g. 29.200. A.g giung8 inoltre alcune considerazioni circa il tratlan1e11t-0 chirurg ico.

»

[ANNO

XXXIX, NuM. l ]

Lavato -ed asciuga·to, esso mostra so tto l'obbiettivo ur1a nitidezza uniforme di coloNzi-0n e, una precisione d ei contorni di ogn i cel1ula e d ei loro n ucl.ei, una trasparenz.a chiara d egli spazi liberi , e sopratutto una decisa e piu in liensa colorazione d egli ele111enLi n1icrobici , risultati eh e semtbran o an che piu ditinti 1di qu.elli ch·e si o ttengono con le abituali soluzioni ·color.anti piu o n1'eno sa ture di n1ordenti. La marca ·d el lapis non ha importanz.a. Non cos1 il colore: ri sultiano ,o ttimi il bleu, il viola, il v.erde (il colore e in dipendenza d ell 'acidita od al calinita con cui venne tratta lo il pastello di a nilina), m entre il rosso, il g ia lJ o, ecc. mostr.a110 l a composizione terrosa in cu i }'1anilina e ill·COrporata . II n1etodo, eh e non risulta finora escogitato, i1on ha pretese di innov.a zione, ma ha importanza pratica, poich e semplificando un 'operazione eh e il m.edico d eve quotidiana menle ripe.tere, J.a :r.ende piu spiccia, piu pulita. Un lapis e sem11r e a portata di n1a no, :non si essicca n e si deteriior a co111e le soluzioni, cosi complesse a rinn,o v.ar.e, no.n irnb·ratta le mani e le dita 1di m acchie ten.aci, non si rovescia ca usando disastri, non richiede speciali iatte11zioni , no·n perd ita di tempo. Anche per chi .n on inte11de ab bandonare il sistema cui e abitu.a lo (controllo C-Oil Gram ecc.) , puo riuscire utile saper·e eh e puo ricorr ere all.a m atita di anil in.a quando g li avvenga di non poter ·disporre di altro . Non sara percio cosa v.ana l 'aver fatto con o cer e l.a piccola m.a pratica Lrovata. 1

TECNICA 01 LABORATORIO. Colorazione degli strisei microscopici con la matita copiativa. Doit t. FELICE

(Mil.a1no)

M ARTA

Le piccole, ped.a~ti, ster eo tipate jpratiche i11inutei sono quelle· ehe 'recano 1al medico 1

maggior fa: tidio e fanno .perder.e maggior len1po, speciie se comportano meticolosita complesse e lunghe, quali le ricerche microcopiche. on sempr e son o p eT·Cio possibili q uando le esigenze del cli en te, unite a quell1e profession~li, obbliga!Ilo ad a ffrettars i. Lo si Y·e rifica - per stare n,el campo mio, qucll o d ella vener eolog,i a per le rioer ch e d el go11ococco. Se n e fa il prelievo, si essica lo stri, cio sul vetrino e se n e rimanda il r eperto a piu ta1~di, ad ore meno p1~e1zi ose in c ui , con •maggior e trianquillita e in ini11or tempo, avendone riaggruppati parecchi, si po ono completare e 11eggere tutti, in rr1odo, diremo quasi, standa-rdizzat-0. Eppure il controllo micr oscopico l1a sovente im11ortanza decisiva per 11a. diagnosi , e anche i11aggiori isulle indicazioni d ella cura e il ritardo puo talvolta con1promettere il s uccesso. Sen11)lificare queste operazioni fino a ridurle ad un semplice triatto di lapis copiativo equivale a rendere il lavoro piu pul ito , i11e.no 11oioso, in una ·p arola piu 1pr.a tico. Il metodo e &en1plice. Faitto il pTeliev-0, CO!fi. la punt'a di una comune matita ·copiiativa si mette una goccia d aoqua sul ve trino a fianco de llo stri. cio. Basta lasciiarvi appoggiata 1pocl1i econdi la punta della mina perch e la • O'Occ1a ia u1na una colorazion,e uffici ente111 ~n lc carioa, e scivolarla sopra l o triscio l· '"'r cht• que"' lo r imaTiga istantanean1ente coJorato. 1

1

1

ild

Interessante pubblicazione:

Prof. VINCENZO CIUDICEANDREA Docente di Patologia spec. med. nella R. Uni.v. di Roma,.

Diagnoslica medica e mezzi sussidiarl dl Laboratorlo Manuale per Medici pratioi e Studenti.

In questo libro veago.n o coordina te e inquadrate nel campo delta completa osservazione clinica le varie ricerche di laborutorio; e l' A., giovandosi anche della sua lunga espe· rienza professionale e didatticu, ha trattato la complessa m 'J teria se 1uendo un indirizzo eniirie11 ternente pratico. I1i rapporto alle preuenti ve nozioni sui vari organi, alle varie forme morbose ed alle loro possibili complicazioni, vengono considerate le particolari indicuzioni pt. r le indagini sussidiarie. Di queste sono esposti i concetti fondamefltali e le nurme di preleva1nento, con le piu precise indicazioni dt tecnica per quelle ehe ogni m edico potrebbe eseguire, e i nsistendo sovratutto su/lu reale importanza diagnostica e P'l'Ognostica <Li ciascuna, senza tr ..lscurare le cono.Ycenze ehe p~ tu tti rap p resentano necessari eleme 11 ti c utturali. l l libro quindi puö dirsi per gli studio~i in ge1tere un indispen.sabile completamento dei trattati di Patologia ; e potra essere somniamente t.ti le ai Medici pratici per regolarst quan,do il solo esa?ne dell'infermo non da sicuri elementi di giudtzio. Volum e in-8°, di pagg. XVI-488, oon 122 figure in nero e a colori nel testo, nitidamente stampato in carta pntinata. Prezzo L. 6 8, piu le speee postali cti sped·i· zi one. Per i 11oetri abbonati, sole L . 6 O in portQ f ran r.-0. Invi?.r e Vagli~- all'edä.tore LUIGI POZZI. Ufficio P o· stale Succursa le diciott-0, ROMA .


• •

[ ANNO

XXXIX,

U~1.

' lJ

' •

SUNTI E RASSEGNE. DIABETE.

La diagnosi del diabete incipiente. (~..,.

H ERZ OG.

19

SEZIONE PRATICA

Deutsche A1 edizinisclie JtVoche11-

sclirift, 6 n o vembre 1931).

A11•cl1.e p er un 'altra form.a di gen esi esogen1a le opinioni d1e i clinic i sono discordi. 1 a L eh i1oto eh e non di r a·d o a lle affezioni d ell.a eis tifelle a compartecjpa il p an c r.eas con l.a eomparsa di un legger o diabete , un diabet e seconda rio . Ma L aude ulla b ase di una a bbon dante ·ca sis tica ril e vo cl1e ques ta r ela zion·e e rara. Vicever sa Bernha rd osservo c l1e • 1.e a ffezioni pancre1atich e cor1 reJa Liv o di st urb·o d el metabolismo d ello zu ccl1c ro e ra no d.a a ttribuirsi n ·el 90 % d ei ca i a m a l.a LLie d elJ a ci tifellea. Lo infezioni possono ipro vocar e gJico surie spo11Lan.ee p er aau se ig n o Le o un vero diabeLe p er la loro localizzazio11e n ell 'appa rato insuJa re . In ogni ·caso il diab e Lc, a •n cl1e se esogeno , i de lermina, salvo rar e eceez ior1i, ol o qUJando esi Le u na min or.azio ne cosliluzio na le d ell »api)(lra to insula r e. In e ffetti ulla b ase di largh·e st.atis tich e s i e p otuLo sLabilire ehe il diab ete e err cdi t,ario n e l 25 % d ei casi e ehe in que.sti l 'e r.editari eta s i po tuta verifi ca;re fin o a tre geine razioni n el 72 %. Qu e ta p r edisp osizione spiega com .e la maLaL'Lia p ossa esploder e per cau e legg.ere e cl1e po son o ain ch e p assar e inavve.rtile . Cio prem esso, s i pre en ta il problen1a se u11 disturbo la ten te d ell 'a ppar.a to in ular e possa e er e svela lo d all 'e an1e d ella g licemia. La g licerruia a dig iuno e n eg·li Sta·d1 inizia li d ella m a la ttia })iu a1 La d el n orn1.a l e, 1na n o n en za eccezio ni . econdo Lichtwitz spesso i puo aver e g licos uria a nch e quando Ia g li cemia non e alba . Ri ulta ti si curi s i o ttenne ro n elJa Clinica di N oorden proced endo tre volte al g iorno a lla d.eterminazi on,e ·d ello zucch·e ro 1n e l sang u c in in1dividui nutriti con ·carboidrati (pan e bia n co). L ' A. hia. ripe tute le pro ve f.a cendo l 'esam·e d e1 sang u,e 6 volte a l g io.rno in individui ai qu.ali si somminis tra va1J10 30-50 grammi di pane alle ore 8 e 13. L e oseillazio ni giorna liere n ei normali son o insig nifieanti . L a c ur via d ei valori segna p ieco l·e punte do po i pasti. elle forme ,di diabc te leggero , eh e talvolLa d ecor.ron o sen za g lieo uria , la curva a 1ntim·eridi.ana ·m1an CJa. di o.s c ill.azioni e puo anch e d eeorre r e abbassata : dopo il secondo p asto p om ·eridia no si ha un.a punta m olto alta , J1a qual e s i riabb.assa ve r so }.a notte . Noo rden da con l 'inLerva llo di un 'ora 25, 5·0, 75 e 100 g r . di p an e bi1an co eh e n ei sani n on producono alcun aur11ento d el tas.so g licemico, il qua le invece s i verifica negli indiviaui p·er er-editarieta predi sposti a l dia b ete. taub ha determin1ato le vari.azioni de l t asso g licemi·co in se.guiLo all 'ingestion e a dio-iuno di glucosio, eh e n ei normali in rapporto alla qu.antita :iingerita da un ra pido a um ernto de l tasso glicemieo . Ba.stano 5-10 g ram1

1

La 1diag11osi del di.abele incipie11te offre diffi colta i11 quanto 1n on sen1pre . . i ri.esoe a ditingue r-0 I.a g lieosuria d~ab et ica da quella sen1pliee111 ente alimein·~.r e. oorde11 ritien e cl1e n ei n o r1nali la g lieo· uria e i)r odo lta d all i11gestione di una note' olc c1ua11tita di glueo ·io e inon da i furina cei. K1a "vacl1i .affe r1na e l1e d evono rilen .ersi sope LLi dia b et ic i quegli in·dividui n ei qua li la g licosu.ria dura 111olto t e111po d op o l 'ing·e1Stion e di g l uco io. Qu e ·ti rr1e todi pero n on son o risultati s uffi cien Le1ne11 le esa tti , da c io la n ecessita di nuove i·ndagi11i (basat e so1)ra tu tt o s ull.a d eler1u iu1az ion e d.eilla g licemia) . Pri111.a di e p orre ques Le rioer ch e 1'A. preci a le ·differen zc s intom a tologic h·e e patoge11e tic l1c Lra dia l)ele pan c r eatieo e glicosuria pato Jogica spon'Lan ea. A c.1u e t 'ultima forlllJa a ppartien e il cosi detto cli a bctc re11ale eh e si divid e in du.e sotlogr u 1)1)i : il ve ro dia h eLe r en.a le spe so er edi t.a rio e la g lico ,uria re na le d elle gest arn ti . l in tomti di queste forn1 e son o a na loghi a q uel Ji d el di ab et e perime11lale flo rizimieo : e lir1li11 azion e d ello zueel1ero con g licemi a i1o rm a le o ubnorma le e n es un a m o difi·caz ion e delta a li co uria di fronte a l tra ttamento insulinico. Urr1be r n e attribuisce ~a pa togen esi a d u11a riduzio11e d elle g lieolisi extrains ulinica , 1f .alt.a ad u n '.a bno rn1'e p ermeabilita de i reni. Noord en e Liclrtwitz riteng ono eh e la g licosuria "' ponLa n ea ia la tiase iniziale d el vero dia b et e. Alle o-Ji1cosu·r ie sp on tan ee o n o analog h e que ll e dipende nti da dis funzio ni endocri11e, que ll.e con eeutive a tra umi som a tie i o ps i·cl1ic i, a lle ma~a tti e d el 1'.egato , a ll a febbre , alle infez io ni , a lJ.a fa n11e. Tutte que te g licosurie , quain tunque di gen esi cosi differ ente, h anno importanti caira tteri comuni, sono tr.a n sitorie e n on 1)erioolose. E m olto dubbia l 'esi ten za di un ver o diabete tr.au·m iatico . In b ase a ll 'esperienza c linica-assieurativa si ammet t.-e eh e p er a ffrerrn1a.r e un r.aipporto tra trauma -di.ab et e d ebba1n·o concorre Pe le s:egue nti oon·dizioni: 1) m .a n c.an za di og ni ·elem e nto ehe fa eoi.a . riten1er e l ' affezione preoedente all 'infortu1

0

J

0

1

1

n10·I

2) brev.e intervallo tra l 'infortunio e le prime m a'l1ifest azioni cli1nich e ; • 3) eccezionale g ra vita d el tra uma , sp ec1e quando si tratta di trauma. psichic o.

1

c

0

1


(\ lL POLICLINTCO »

20

[ANNO

XXXIX, Nul\1. l J

111i a dar.e un netto sollevamento, cl1e e sem1}Jre piu sen sibile in relazione .all1a quantita di g luco io ingerita. . ._'omministrando versa le 7 del matt1no 30 <Yran1n1i ·di g Ju cosio si ha subito una punt.a iJ.)erg.Jicemica cl1e ·raggiunge il suo ap ice dopo unia 1n1iezz 'or.a circa , per 1p oi di cood1e·r e anche a l disotto del normale. Qu1esta for111a difasic.a co11 sollev.a mento irJer glicemico ed abbassamie nto ipoglicemico e 111olto caratteristica, e si spieg.a con il fatto elie immedia t1amente dopo la somministrazione dello zue·ch ero ossia n ella fase iperg1iccmica a: cendente si ha, allo scopo di ristabi1ire 1'equilibrio, un1a iperproduzione d 'inulina eh e fa abbassiar e il tasso g licemieo a l disotto d.el norm.a le. Cio depone p er la perfetta integr ita funzional e dell 'apparato insulare. Al ri a ua rdo e a notJa,r e eh e una seconda ommini tr.azione di zucchero a distarnza di un ' ora circa dalla prima provoca un a urr1ento della g licemia di g 11an lt1ng.a inferiore al1a p~ ·ima, il ch·e prova eh e la carica d 'insulina del ang u e conseguen·t e all 'iper.attivita re.a ttiv.a delle isolc di Lange rhans e :sufficiente a 11,eutralizzare lo zucch ero su ccessiv.a mente jngcrito . E in ter essante il fatto eh e Ie stesse ·CuTve i ha nno nel di.abete ·renale. Inveee n el ·diabete vero il contegno della ~li eemia in se.guito alLa somministrazione delle tesse do i di g lucosio -e diverso. Tl prin10 solle,ramento e piu a lto e piu peri„tente c n on e seguito da un abbassamento al ·di.sotto dell 'abituale; ·ed in seguito alla ser ond.a somrnini st1~azione di zuech ero si l1a un . ollevamento ancora piu a lto •d1el prim,o. 1Cio prov.a l 'in capaeita dell'apparato i n1sular e ad .adlattar e J.a p1ropTi.a funzione .a lle varie • es1genz.e. v.a infi11e notato ehe la ste a prov:a del gluco io da n egli i•n dividui norm.ali vialori clivcrsi a seconda eh e si tratta di. san gu e veno 0 0 ·di sia ngue capillare (l 'iperglicemia e n1inore n el isan.o-u e venoso), n ei veri diabetjci questa diffeirenza e minore e scompare del tt1tto n ell e forme gravi. C:io proverebbe ehe n ei diabelici c' e da l)[lf t c dre i l'e$ uti un'incapacita a bru ciare lo zt1cch r r o circola nte. DR.

Gli AA. hanno Lrovato ehe nel diabe te consuntivo grave il ta 0 g lobale delle a lb·un1ine e un po ' piu ele,rato ehe normalmente; la globulina ·da ordinariamente un .t asso super-iore alla norma. Dal tas o delle albrumine globali non si puo trarre alcuna deduzione sulla inwnsi ta drei} disturbo del m etabolismo. Per con tro, sembr:a cl1·e. il tasso della globulina sia elevato sop·ratutto nelle forn1e gravi. L'insrulina, quan1do esercita un 'azione nette:'\, pro.duce un abb.a:ssamento del tasso delle albu 1nine g lobali , tanto piu spiccato quanto p iu n etto e il suo effeitto terapeutioo. L 'insulin.a agisce p,o co sul tasso de lla sierina; abbassa inv·eice quello de11a globulina, tanto piu quanto piu il miglior.amento prodotto e stato n etto. C. TosCANO.

Le albnmine del sie1·0 nel diabete consnntivo.

Ez10LOGIA .

1

'

CF.

R ·\ 'l'RERY 1C L E \ TI NA.

Paris i\1 edical , 2 mag-

g io 193 1). G li '\ . 11an no ._ tudi1ato in un certo n umero rli dial)rti ci lo stato fdelle albumine del siero. . i trnl tava in 'Lutti i casi di J11.alati a ffetti da <lial)elc con ... untivo gra,·e, qualc uno ain ch e in t"l:il o 1)rccom.alo o, m ai ·1)ero in co111.a com 11leto.

ORGANI RESPIRATOR!. 11 t1·attamento delle snppurazioni polmo• nar1. '

(J. ScorT P1NCHCN e V. MoHLOCK. Practition er, sett. 1931).

La suppur4zione polmon;are, eomprendendo con questa dein·o minazjone gen,erie.a tutte le eondizioni suppur.ative della traehea, dei broncl1i g·rossi e pieeoli e del parenehima polmonare presenta spes o g randi diffieolta di diag nosi e di eura e riehiede una grMJ..d e pondera tezza di giudizio allo seopo di pennettere. al paziente di potere u ufruire delle sue. forze i1.aturali, a iutan·dolo con i miezzi medici, senza ritardare }'eventuale interve·n to chiTl1rgico qu.a ndo si .riconosca n.ecessario. Malgrado i g randi progressi r ealizzati n ella ehirurgia tor.acica, questa ha il grande s vantaggio di lavorare in cavita chiusa piu o meno :rigida , ehe J.e op1er.azion i 1)lasticl1e piu etese i1on possono obliterarc com1)letamen te . Si ·,a.o-giunga ehe e con tr.ario a lla natura l 'alJortazione di org·an i dal torace eome pure 1'introduzione di COTlJi e tra n ei per pren·dern.e il posto, siecl1e tan to la pneumolisi quanto 1'introduzione di olio a l gomenolo possono essere seguiti da suppurazione o da espulsione. Si compre nde eh e, limitando forzatam ente il can1-po delle a pplicazioni ic~irurgiche , \Si cf o, 11aJ1no sopr.attutto stu·diare i metodi conser,rativi di trattamento. 1

Tra clieite sup1pii1·ativa e bron.cliite. -

La

l inea di dem.a reazione fra infiammazione aeuta e suppur.azione ·e .m olto sottile , sieche e da mera,rig lia r si cl1e l 'infezione porti solo rar.amente a lla sup1Jutazione; forse eio e dovuto all 'azion e ciliare della mucosa bron chiale. La infezion e influenzal e raramente e seguita da uppurazion e deilla tr.ar h ea, dei ,bronchi o dei i)olmoni ; in qua lch e caso si puo vedere l 'espettorazione di grande quantita di pus

-


[ANNO

XXXIX, Nurv1. J ]

SEZIONE PRATICA

non a ereato di origine pneumoeoecica, ehe puo dare l 'impressione dello svuotam enlo di un en11p,i ema; rm,a in ta1i casi, non si 11anno eh e dei segni di bron·chite ehe cessano in pocl1i giorni. Se inveee non si ha·nno migliora1t1e11ti, la suppurazione puo danneggia1re la muco ·a, le pareti possono infettarsi e dilatar i fino a dare la broncl1iectasia. • Brortchiectasia. - La cau sia piu comu11e .e c1 uella sopra a ccennata, per le lesioni portate da una polmonite a cuta o da una bronc o1Jol1nonite ; o ccasio11aln1 e nte ~ puo e sere data da un corpo estraneo. :N ella forma bilaterale, il punto di parten2...a e dato da una broneopolmo11ite 0 da una bro11cl1iolite basale; si o~ erva pecia ln1ente i1~ i g iovani, con li e,·i segni di dila laz ione ad e 11 tra111bc lc J)a. i, pes o cor1 l 'anamne i di atLaccl1i ricorrc11Li di pol111 onite e co11 l 'i olame11Lo in c ultura pura di un ager1te i11[ettanle. La i11uco a bron chiale diventa turgece11t e al di opra dcl pu11to infia mr11a to ed o stacola Ja liber.a espulsione de11e secrezioni, iccl1e la lJarte otto ta nte i dilata; la p erdita del rifl csso .all.a tosse e l ' infi.ammazio11 e eco ndaria completan o il quadro. .4 scesso polmoria„e. - La cau sa piu comu11e e un 'infezione respiratori a acula; non si J)UO dire ·e . ia la condizio11e pneu1non i ca el1e porla a lla ]JOl1nonilc up1Jura tiva o viccvcrsa. ell 'infll1 en za, dopo un atlacco rclativam cntc lie, e , n1a co n molta tosse, ,-er o il 7°-10° giorn o d opo una leggera emottisi, i 11a l ' espettorazion . . e di ca larro puzzolent e seguila da g uaT1g1 on e. . Nella }Jolmonite uppura tiYa, il paren ch11na polm onare c infiltrato di pus n1a non de i.nt egrat o; una zona di tal fa lta ha la poten z1alita di g uarig ion e e si trov.a alla peri feria dell 'a ce o e delle dil-0tazioni bron chiali. Altre cause dell 'asces o son o le OJ)erazioni fall e . otto an este ia, specialmente sltll e \1ie Jl(> piratorie; anch e i eorpi e lranei possono <l.ar luogo a formazione dj a ... ce ·so e eo l pur e le ostruzioni bronchiali , d.a ultimo sono <la menzionare i traumi. ~ ' 1NTOMATOLOGIA

E

DIAGNOSI

DIFFERENZIALE.

eo-li ascessi polmonari si ha in precedenza u~a malattia r espiratoria acuta, seguita da febbre, dolore toracico e tosse, dapprima secc o e poi con espettorazione di sputo purulenlo, g eneralmente associata ad emottisi lie~e. :E la comparsa dello sputo purulento ehe fa porre la diagnosi; generalmente, m~ non se~­ pre, esso e an:ch e abbo.n.dante e d 1 odore r1lJugnante. . Non vi sono segni fisiei d ell 'asce.sso : Vl e generalmente ad·densamento polmonare, talora formiazione ·di cavita e non raramente segni qa parte della pleura (versam.e nto liquido o purulento). La condizione puo essere ~on­ fusa con la tubercolosi, m .a se questa e g1un-

21

ta allo stadio· di dare dello sputo purulento, non mancano i baeilli . Altre cause di confuione sono : il neop(asma polmonare (esame bron coscopi.co, e' rentualm.ente iniez ione di lipiodol, presenza ·di m eta ta i); le gomme (reazione di Wassermann, esame dcllo sputo); l 'empiema i111terlobate ( egni fi sici in corTipond·enz,a d,el setto , esamie radiolog ico); bronchiectasia (lunga storia , per lo piu con a senza di febbre , inframezz.ata da perio·di di lemperatu:re elevate quando vi e ·ritenzione ·dello sputo, assenz:a di leucocitosi, inicezioni di lipiodol, ·e same bronco copico). La broncoseopia e l '1esame radiog rafico col li,p iod.ol sara nno assai . utili per differeniziare il t~po di suppurazrone.

TR \.T T.\.MENT O

DELLE

CONDIZIONI S U PPUR.A TrVE .

BroncJiite e itracheite suppu:rativa. -

Uso del bro11coscopio, drenag gio, introduzione di 011 antisettici (gomenol al 10 %) o pulizia eon an Lisettiei.

Bron,chiectasia e morragi c~ secca od u,teletlasica. - Rara1nente vi e biso:gno di trattan1ento, e.ccetto ial tempo dell e emottisi. Bro1lchiectasia apicale. - P er la sua posizion e tende a ten er i dr.en.at,a e raramente di' 'enta molto infetta; trattan1ento come per la eguente. Bronchiectasia basale poco estesa. - Genera l111ente bilaterale, in indiv.i'.dui giovani , per i qu.a li .~ i .esit,a a proporre la frenicoexer.esi. Gli Al\. consig liano l 'iniezione di lipiodol og ni 3-4 settiman e in modo da lavare 1a dilatazione; se si e isolato un germe in coltura lJura, preparazion e di un vaceino a utogeno, spcci.aln1ente a l1 o scopo di prevenire i frequenli attaccl1i pneumonici. Bronchiectasia estesa. - Puo essere divisa in due g·ruppi: 1) co11 sputo puzz,o lente, n1ia. non m,a i riten uto, ra ra 1n1ente febbre .e pochi sinton1i tossici. Drenaggio di posizione, disinfettanti (creosoto od altro) per bocca; camera a creo~oto, o ccasion.a1mente iniezioni ,di tlipi.odol. Eventualmente aggiun.gere il drenaggio broncoscopico e le lavature; 2) Ln altri pazienti, la bronchieetasia e aecon1pagnata da a ceessi febbrili e da notevoli sintomi tossiei. Oltre al drenaggio di posizione, si fara quello broncoscopico, con lavature; le istillazioni di g emenol sono utili i)erche aiutano 1'·emissione dello sputo; 3) I casi piu gravi sono quelli in cui i sinto,m1i sono piu marcati e lo sputo tanto puzzolente d.a farli sfuggire come dei lebbrosi, sieche questi m,al.ati si sottoporrebbero a qualunque rischio pur di guarire .. Si procedeTa passo passo; dappr1ma con la terapia compressiva, p er arrivare fino alla lobre ctomia col termocauterio, atten.dendo un eerto tempo fra l ' uno e l 'altro interve nt.o: . Si incomineiera eol pneumo torace art1f1 c1a1


[ANNO XXXIX, NuM. l ]

« IL POLICLlNICO »

22

le, eventualmen le cauterizzando le aderenze eh e impediseono un suffieiente collasso. 11 perico·l o del pneumotorace e ehe si sviluppi un piopneumotoraee. In seguito, o subito se si .c rede in11tile il olo pneumotoraoe, si fara la frenico-exeresi eh e, nell e forme basali da dei veri suceessi. e inveee il risultato e parzi.al e, si andr:i avanLi con Ja toracoplastiea a cui si fara ever1 Lual111en te eguire la lobecto.m lia, interv,ento grave eh e in qualcbe caso e seguito da ::;uecesso speeialmente nei bambini. Ascesso polmonare. - Come per la bronchiectasia, la condizione sine qua no11 d el trattamento e un buon drenaggio, ehe si fara e terno se non si puo otte11ere p er le ,·1e n a turali . Nel 40-50 % dei casi, pero, una volta stabilitasi l a comunicazione col bronco, bastera il trattamento m1edi:co. Qu.esto consiste nel sosten.ere le condizioni cren erali, specialmente d el sistema cardiova. . cola r e, 11el dare d egli espettora11ti, evitando in modo assoluto i calmanti e facendo g rande attenzione al drenaggio di posizione ed alle r egale igienich e gen erali eom e per la tubercolosi. I111portante e il drenaggio broo co:,co11ico segulto da in stillazioni di gom en olo ; esso va continuato a lungo, almie:n.o 8- 12 settimane. 1F r.a i mcdicamenti e stata con sig liata l 'e111 etiin.a (.a d osi di 5 1c,g . .al g iorno, per 8-12 g iorni) el11e in 1n olti casi per o e del tutto in efficace. Se n ello puto si sono trovate delle spir ocl1ete, son o r acco111.andabili le ini ezioni end ovcnosc ·di preparati arsenieali. Il tra t tamento n1edico e anche utile per.ehe 11el fra tlempo l 'a ce so si d elimita bene e si fa piu acce ibil1e a ll 'eventu.ale intervento. Quando l 'asce so e b en e delimitato , si d.ren a bene attraverso i bron chi ed e situato in ' 'icinan za d elle radici polmonari, il pneumotorace artificiale m .antenuto per al cuni mesi puo . ., pe o portare la guarigione; il p erieolo i11.a ggiore e d.a t o d alla po sibilita ·d1el piopneun1oto race; in 3 su ± casi d egli AA. si ebbe pero la .g·uarig ion.e iam.ch e dopo questa com„ })licazion e eh e, a11zi, da altri autori viene rilenu ta favorevo le perehe si ottiene in tal modo lln inigliore drenaggio. Itaran1·e1nte si potra11n 0 otten·ere buoni risulla ti con la fre'Il ico-iexeresi o la toracopliastica . Tl 111iO'lior.e •proc.edin1ento con siste n el drenagg io c.. l'e1rno })rati cato otto anestesia locale . Lo si com11 i·e j n due t en1pi ; n·el prima i esplora la pleura e, e si trova libera, si tamip ona la ra, ita in n1odo eh e . . i formino delle aderenze · do110 4-6 g iorni, si a pre l 'aseesso e vi si in eri ce un drenaggio. E :an ch e utile, in occa . . ion e d el prima ,tempo, il r esecare delle 1.arcrhe }JOrzioni d elle eostole vieine. Se, al pri1110 te111po, i trova la pleura b ene aderente, ~ i })1.lO aprire _enz 'altro l 'ascesso. 1

1

Gli AA. insistono pero sull 'utilita del dren aggio bronchiale m ediante il broncoscopio; per questo, non e D·eeessaria l 'anestesia genera}e, basta quella locale con della cocaina e la som:rn1inistrazione di piecola <lose di morfi11a ed atropina. fil. 1

T1·attamento delle infezioni chirurgirhe e particolarmente delle infezioni bronco· polmonari postoperatorie coi lisato-vac· •

Cllll. (LEJARS

BROCQ

e

DucHON.

Bull. Mem. Soc.

Nat . Chir·, n. 9, 11 marzo 1931, p. 380). 11 prineipio in cui si basa tale vaceinotera·

pia e quello delle ut'ilizzazioni delle proprieta biatte.riolo·g ic.h e d el ba,cillo pioeianie o. L 'azion·e di qu•esto verso i germi patog.eni e innanzi tutto p·u ramente batteriei~d.a, di poi litic.a; in,oltre neutnalizza le it ossine miorobjicbe . L 'attivita batteriolitica del B. piociam100 e est esa, poich e essa si esplica in numerosi germ'i patogeni . E stato specialmente usato il lisato polimic robico, eh e e stato g ia adoperato da Lapointe nel'l e infezioni polmonari postoperatorie. Gli AA. fanno presente ch·e la flo·r a ba.tterica in qu este. co1miplicanze e possibile: stafiloc.occhi, st1~eptococchi , pneumococchi. B. di Pfeiffer M. catharralis, ia volte p roteu.s vulga. 1

ris.

tali princi1)i g li AA. tratLarono ne.gli ultimi 4 anni 70 c.asi di complicanze broncolJYoi111i01nar'i poQsto,p erat'oJ".i!e ton lisato -vaccino polimicrobi co. Essi ottennero con questa sola L·er.a1)ia la g u.arig ione jn tutti i casi m eno eh e in ±, otten endo feu.1omeni risol11tivi delle · l esioni para1lel e .alla omministrazion.e d el vac. S t1

Clil O .

A propo ito della ].i so-vaccinoter.apia de1le infezioni d.a treptocoeco e da stafiloeocco in na.nzi tutto ricord.ano 1.a pre.cerdente oomunicazione fatL.a co11 ßez.ancon in 132 casi di in'fezioni chiru1rgi,che varie Urattate con ta1e mezzo . /-\. tal e g ruppo di osservazioni aggiungono 1altri 61 ca: ·i: in questo numiero di osservazion i comple.ssive di 143 si ebbe morte jn 4: ca i , d ei qu.a]i 2 e·ra110 dovu.ti a germi ar1.aerobici. Una pa,r tieolare importanza attribuiscono a tale terapi.a n clle infezioni gonococcieh e, specialme nt1e per lle comp!icanze. Tale terapia i pratica inie ttando 1 cm c. a g iorni a lter.ni dalla 5a. iniezione in poi. In gen er e non si superarono 12 iniezioni. La vaeeinazione d eve e~ siere eontinuata fino ad estinzione del proceso infettivo. JURA.


[ANNO

1

XXXIX, NuM. 1]

23

SEZIONE PRATICA

""

L'ATTUALITA MEDICA Le eontroversie snlla prevenzione del tetano. (H. GOLDEWSKI . Le Jour. Med. Franyais, n. 7' luglio 1931). Per ogni ferita sospetta di poter conservare dei germi noei vi, e al eh irurgo ehe ci si deve anzitu~to affidare per la migliore assic·u razione contro i rischi dei pericoli ulteriori. La sieroterapia e una speicie di cont·rioossicurazione seeondaria ... , e di8t,o-raziatamente assai temporanea, eosi temporanea eh e la vaecinazione antitE:ltanica e una seeonda con.troassieurazion e ehe si Lende ad aggiungere ad essa per premunirici contro g li seoppi tardivi del telano, casi frequ·enti, i11attesi e .t emtibili. Cioe prim:a di turt.lo i m ezzi chirurgici, poi iJ iero ehe e un m ezzo di prevenzione di efficacia transitorja, e il vaccino ehe crea una irnmunizzazione a distanza. Le vere rag ioni <lella di cordan za sull ,efficacia del ~i ero anLite ianieo dipendono clalla durala e ffim era dell 'azione di questo siero. Le sue proprielit furon-0 oonosciute.i fin dalle . ue orig ini, e ·n on bi ogn:a domandare a quete proprie~a ehe cio cl1e esse possono offrire : una proLezione Lemporanea, utile in eerte conJizioni, di eventualila clinica, e di freque11za e piden1iologica d cl teL.ano. ß el1r ing e Kitasa to avevan-0 stabiliito eh e il sangue d el 1coniglio reso refrattario al tetano c capace di di "Lruggere le tossine tetanicbe. IF u q11esta eo pcnta, ehe uni t.a a quella simjle per la difLeri te cond11sse alla sieroterapia. Il siero ·a ntiletanJco, va ricordato, e un siero antitossico, non ha a leun valore antimicrobico. Kund Faber non era riuscito a immunizzare gli an imali con ]a 1tossina antitetanica da lui eopert.a n el 1890. Vi riusei invece Vaillard con Ja tessa lo ina attenuata eol calore. Poi i pas o con migl iori risultati a t-Ossine mescola le con liquido jodo-jodurato. Nel 1909 Löw en Lein o... Litul a qu-e. ti il form olo. (!)ggi le con,dizioni di tecnica sono aneora miglior.&te con La scoperta dell.a .anatossin.a di Ramon : questa risulta da un proeesso di atlJeinuazione delJ e to sine p er op.er.a comibinata del calore e d el forn1olo , cl1e forma d,e gli anticorpi mo1to piu m.aneggevoli e di valore immunizzante piu elevato. II .si.ero a.n titetani eo fu usato a scopo preven livo in Francia nel 1893 . R-0ux e Vai·11ard ne fi ssarono le prime regole di applicazion.e. Pielro Bazy, chirurgo di iBicetre, ne ebbe splendidi risultati. Gia Nocard pero nel 1897 insisteva su due neoes ita : pulizia serupolosia. della ferita iinfetta, e rein.iezione del siero. Sor.sero ben pre.sto eontrover ie ie gravi discu-ssionii. Delbet r1el 1907 asseri ehe il tetan0 non era diminuito dopo I 'uso del si,e ro. Vaill:a.r d rispose ehe cio dipendeva da ll 'esseTe esso insufficiente-

mente diffuso e applicato. Reynier all ' Accadem.ia lFra!Iloose affermo ehe il siero non impedisoe il 1tetano perche qu·esto scoppia talora ta1~diV1amente nonostanitJe ~ 'iniezione preventiva di siero. Vailla.rd rispose ehe l 'anatossin.a isparisce presto e ch,e le spare possono gern1og liare tardi. Questa era la discussione prima dell:a guerra del 1914, ehe con l.a sua imm a:ne esperi enza chiarl molti punti prima eontroversi. Luigi lBazy e Descombey hanno dimositrato 1cl1e .n ell ' uomio la veloeita di elimin.azione dell.a anlitossina e notevol e; essa !3.vviene in otto o quindiei giorni in m e dia. Praticame nte, l 'im1nuni ta eonfe rita si attenua dal d ecimo giorno ed e terminata aJ ventieinquesimo. Cio porta al eon,cetto eh e sarebbe necessari.a una :nuova in i.ezione alla fine della p.rim.a settim.ana ed a ripetizione ulterioire se ttimianal:e. Alla ociete de 1chirurg ie una commissione roon.post.a di Broca, Sieur, Walte r e Souligoux conel u.,,e per l ' opportunita e non per la neees„ i ta della .r e iniezion e preventiva. Per essere efficaee, il siero deve dun,q ue es. cre iniettato preeoeemente, in qu.an:tita suffi cien t'en1ente a bbondante, e rinnovato ia.lmeno una volta, otto o dieci giorni ,d opo, og ni volta eh e lo riehieda la gravi-ta d ella ferita. Dopter, eome direttore del servizio di san i La a l n1inister o della g u.erra scriveva: « L 'eJ:>eri enza acquista t.a dura nte la guerra ha din1 0 trato el1e una f.erita puo, rn1 alg r.ado la sierotcrapia speei Cica , nascondere ·delle. spare tel a11 icl1e viventi , su scettibili di germin!a.re, e di provocare il itetano anche dopo un periodo [)rolungato. La latenza della infezione tet.ani ca orpa sa tu·tto que lJo eh e si puo immag in:are . Qui.ndi le stesse reiniezioni di siero po 0 110 mostr.arsi impotenti . ForLtln~tamen te le statistiehe attu.a li, c ome Je o.. „ier vaz ioni osp·edaliere , e le pratiehe sia in citta el1e in campag na, mettono in evi denza la. rari La del tetano al di fuori dell e zone teta1

1

n1 g.e1n e.

Tra le rag ioni di scaceo segn.alate da tutte le l).arti Lui g i ßazy da una parte importante all 'u o .abu sivo d el siero eql1ino fatto senza discernimento. In fatti, l 'introduzione n ell 'organ.ismo di a lbumine eterogen.ee provoea fin da lla prin1.1a voll:a la produzione di una funzione antisier o, ·tal e ehe quando si praticano de.Jle iniezioni seri1ch e nuove, l 'azione protettri ee de l siero diminui see e tende fina}m.e nte a di enire nulla. L 'u,so troppo facile del sier-0, p,e.r cura di e m orr.agie, anemie, ece., mette il paziente , dice Ma rfa n, in stato d 'inferiorita per j 1 giorno In CUi avra bisogno di una sieroLer.aJJia speeifica. Questa sensibilizzazione puo aversi an ehe pe r vi·a buocale; testimoni i nun1 ero i casi di orticaria per ingestioni di sieri cquini, · onde Bazy Luig i dice ehe si dovrebbe riserv.a:r:e il siero ai soli casi in eui esso e il rimedio eroico in·di spensabile, e proscriverln


« IL POLICLINI CO »

in tUJtti g li altri. Tanto piu ehe la sieroterapia noI1 e poi sempre e totalmiente innocua, e non e raro di osservare d egli aiccidenti anafilattici abbastanza seri di c ui si deve p u re te11ere conlo (Faure). Tra questi aecidenti meritano mensione le paralisi seriche, di eui e diffieile per ora stab ilire la percentuale di frequeniia. L'orticaria, le a rtralgi1e, g l i eritemi tossici possono venire trascur.a ti, ma non si puo eludere a l1'a realta penosa e grave dell e paralisi eh e, pos ono laseia i'e una impotenza funzio.nalte assai lung·a, talora d efinitiva, e possono sopravven ire per iniezioni anit itetanich e fatte per ferite minime. Aggiu.ngasi eh e recentem·e nte iSi so·n o decritli ancl1e, come consecutivi a iniezioni di siero , dislurbi r en.a li g ravi . Tz.an ck ha descritto (Soa. med . hop., 5 giug no 1931) sei casi di n eCriti a n.afil.a ttich·e oon albuminuria, ema:L·u ria e d anuria di cui uno cl1e ha durato sei giorni con azotemia sorpassante i 5 g ramm1. Contro que Li incidenti possediamo i metodi di an tian.a filassi itra cui classico e qu·ello di Be redka, ma recentemiente 11a preso :an.cora inaggiore importanza l 'u so d el siero purificato·. Questo si ottiene con una serie ·d i pr·ec ipitazioni chimich·e e d.i trattamen ti fisici, grazie a i qu.a li :si elimin:a.no la piu parte delle albun1ine serieh e, cosieche le .antitossine no11 sono olo purificate ma concentratc. Questo rapp·riesenta cert.o un pericolo minore . lmlIJoritanza gr.ande h a pure il i11etodo di Netter eon l 'uso del cloruro di oal1cio, e quello di Legrand ehe utilizza la panereatina ad alte dosi (1,50 gr. fino .a 2 gr.). L 'avvenire ituttavia sembra riservato a i m etodi biologici eh e perm·e tter.ann-0 <li . velare praticamente i)resso il soggetto da ini,ettar e le p·ossibilita d ella loro sensibiJizzazion e individual1e. Rartn1a nn all' i\ ccademia di Medi cina di Pa rigi il 3 febbraio u. . pose qu·e~ta dom.a nda: ccln qu.a li casi un i111edi.co e obbligato a fare una inieziom(e :antiteianica ? ». Gosset ri.assunse le conclu si oni ·della commission.e in qu esta n1aniera : « La preven zione a.ntitetanica iniziale piu efficae·e · e piu import.an·te consiste nell 'opera chirurgica di pulizi:a , disinfezione , s.brig liamen1to ·e d .allontana m ento d.ei corpi es tranei dal la ferita ». Cio dev-e e sere precoee; per le fierite sporc he ·di t erra,_ o aventi sed e ai piedi o otto un gt1eali l:a siieroterapia preventiv<'l e in.dicata. II me dico e a l contr.a rio autorizza.to ad astener i d alla sieroterapia n elle ferite superfi ciali fa cili a pulir i, nellc fe rite senxa corpi estranei, e non sporch e di terra . La sieroterapia poi i deve sempre applicare ne lle zone tetan.ife re. Ttlllavia il iero, eccellen.te per 1coprire i riscl1i in1miediati, non puo piu bastare per tu1

[ANNO

XXXIX, NuM. l ]

tel!ar e dai rischi lontani, tardivi . Contro di qu,est i e n·ecessa.ria la vaecinazione. Di quesba si occupa in un interessa11te articolo Louis Bazy (Le J orir. med. Franc; . , n. 7, luglio 1931). Egli asserisce c.h e la sice roterapi:a pre"\lentiva del tetano e .e fficace, ma non se:tr1l)f·e; ia1 pri mo 1uogo per la persistenza del f ocola io tetanigeno; in secon do lt1ogo perch e I.a resisten z.a ·de lla spor.a tetanica e piu lunga della immu11ita conferita dal siero. 11 siero h.a il vantag·g·io della immed iaoozza della azione, .r na h:a. il d anno della azione pass.eg·gera. A cio si puo ovviar·e con il ripetere le iniezioni di ie ro, m a 1cio erea la comparsa nell 'or.g·anism0 di uma j un,zione antiserum ehe a mii.sura cli:e l1e i11i ezi0Jli i r i1)e;toruo, ·fa sl ehe esse a bbiano u11 effetto sempre piu passeggero fi.n o a non .a ver.n1e piu. ifi11 dal 1917 ßazy Lu.igi e M. Vallee posero le b.a i sci·e ntifiel1e dell.a vaccinazione antitevanica. Es i fin· .da allora dicevano: se si .desidera un.a azione rapida ed im1n1ediata si deve ricorrere .al siero; per ie vitare invicoc un.a n1inaccia prolungata si deve ricorr eTie :al vaccino. La ieroterapiia. non potendo rispond eue ii1 tutti i casi, essi proposero e appliearono una sierov.acci11azione, essendo stato dimostrato eh e 1'iniezio n·e p reventiv.a ·d el siero non in1p·edisce lo sviluppo dell:a immuni1a v.accinale. 11 vantaggio d oll.o v.accinazio11e sulla siie r ot erapia e ehe es a puo e er.e indefinitam ente .r innovata, sen z.a el1e si abba i l ' i1n~nunita cl1e es . . a conferisce, :a.n zi a l eo·n tr.ario. :E diffi1c.il e chiudere in formule sLrette le indic.azioni rispe t Liv.e d·ella ierotera pia ·e dell.a v.a ccin.azion e. 11 m edi co di buon sen o si ricofider a cl1e tutte le volte cl1e vi e po ibilita di te~a.no, una i niezione ]Jreventiv.a d i siero e raccoman,d.abile: eh e que ta iniez ione non h!a, disgr.azia1t.am1entc, •Ch·e un effetto })assegg1ero, e cl1e, si ecom,e il ri,nno, 1am cnto d elle i11 iezioni non e sen za incon venienti , ara ' en1prc indica to, qu.ando si .avr.an110 d elle ragioni d i su pfu)rre ehe i riscl1i d el tetano possa·n o essere 11rolungati, ·di eompletar e l '.azione pa se.gger.a del ~ i e ro, con quella durevole del vaocino. 1

1

1

1

L.

T oNELLI.

Nuova importante pubblicaz lone: A. A LESSANDRINI - E. PAMPA1NA • M. SABATUCCI dell'Istituto di ! giene della R. Universita di Roma

GLI ESAMI DI LABORATORIO Tecnica e Diagnostica Prefazione del Prof. Sen. C. Sa1narelli. Volume di pagig. XXXII-636. in forruato tasca.b.ile , oon 89 figure in nero ed a •c olori i1el testo e tre tavol e a <'All1ori fuori teisto, nit idament e st a.mipato ed elegantemeute rilegato in piena tela, oon insorizioni in <>ro s ul pJ~n<> e sul d<»'So. Prezzo L. 5 O, piu le s pese poetali di aped izione. Per i n-0stri abbanati sO'le L. 4 5, 6 0 in p<>rto fran ca e raoooma.ndato. Inviare Vaglia a ll'editore LUIGI POZZI, Ufficio Posta,Je Suconrsale di ciotto. ROMA.


[ANN O

XXXIX, Nul\1. 1]

SEZIONE PRATI CA

CENNI BIBLIOORAFICI Erg ebnisse der gesamten 1'1 edizin. Vo,J. XVI. Un vol . in-8° cli 592 pag·g., con 51 fig . e 2 tav . a color i. rban. & Sel1wa rzenbcrg, Ber lin , 1931. Prezzo RM. 30. Con11e al solito, quc ti <c Ergebni e » diretti da Tl1. Bru.gsch, si p r esoot a no molto inler e ... anti , s ia per la na tura dei problemi coniderali, sia p er l 'ampio e completo sviluppo d ella tr.attazion e . Dia m o l 'elen co d ei lavori co11tenuli in que to volume. La f0bbre derigiie ( . FLoRos); Considerazio11i sulla retrocessiorie delle 11ascite (K. FREUnENBE RG), pro bl e111a di a lto ign ificato dem og r.a fico; 1ovitcl sulla 11arcosi (A . R „Tz); Eziologia e terapia della polm.oniite (A. YLL ); L'i-

niczion e e1idovenosa (K. E NGEL e T . EPS TEIN) ; Cefalea ed eni icrariia (II. CuR SCBMA N); l l giudizio siille Lesion.i prodolt e dai raggi X (H . Loss EN); Cli11ica e terapia delle annessiti (C. RuGE); Biologia e clinica dell ' infeziorie da ascaridi (E. GR.\ U); Diu.r esi e diuretici (P. SAXL e 0 . EH1 BACII ER) ; L'a granulocitosi (W. GRuN KE); Risu lta1ti attiiali e val ore clinico della ga: stroscopia ( . TIE x1 G). Ognuno di quest1 lavori costitu i ce u n a com .pleta m on ogra fia perfcd.tamen te agO'iornata sull 'arg omento tratta to. fil .

Reactioris vaso-motrices du f oie en cli11iq1-te. 11 vol . in-1 6° di pagg. 237 , con 19 fi gg. e -1 iavv. Ga t on D oin , od . Pari , 193 1. Prezzo F r . 30. 11 fega to e 'llna s pu()'na di cui il volume, la

R.

GLEN,\RD.

fo rn1a e la con i ten za o·n o trettam ente l eaa te a llo stato dci 'a i , i q uali , a lor o volta, ~; })01n dor10 coot.jnua m er:i le ialle . p iu varia t e eeri tazioni um ora li e vaso-m otor1e. L 'A. con sidera e .cn zia l111ente la 1con gestion·e a ttiva 1.a T·e traz ionie e l 'epatoptosi indromi ap})artcn en t i alla t e sa fam oglia m or con idera p a r'lilam ent.e ed in })osa , eh e eO'Ji 0 un q u adro d 'i11 iem c. . . F ra i diver i csam i per l 'e p loraz1on·e el1 nir a .d el feg.a t o, l 'A. da g r andi si1na im~·r­ ta n za a lla palpazion e col metodo del p o lli~e, da lui escog itat o ei minuz:i osam 1~n te d escr1tto eo] su ssidio di figure e sch em1 . Espon e chiar amoote la sem eiologia el ini ca e la t er.apia d elle ·r:eaziolili vasomotrici d el fegato sopra aecenn at e, co11siderando egli com e .tale fil. a n eh e l 'epat optosi . 1

1

F.

R oßEH.T .

Elem ents de semiologi e m edicale.

n vol . in- 8° di 718 pag. con 61 fig . e 24 ta\r. in colori . 0 . Doin , P aris, 193 1 . P rezzo frs . 90. Con crr ande semplicita e chiarezza, l ' A. d escrive quest o libro il m od-0 di raccoglier e l 'an arr111esi il m etod o di esame , in cui nulla e tr.ascur.at~ di cib cl1 e pu o esser e util e p er l a di agn osi .

hi

25

La t er.nica di 1esplorazione d ei var i org ani e sistcmi e presenta·ta con .tutti i particola ri n eeessari al prin,eipia nit e; p er qu.anto rig uia·rda lo studio funzi ona] e d ei visceri, l 'A. n on riporta eh e i m etodi di a n.alisi e h e posson-0 usar si .a l l etto del malato , .sen z.a bisog no di lab ora torio . La sem eiolog ia di certi or g·ani, com,e il fegato' il pa.n c r eas, la m ilza' ecc. e preceduta da al cuni cenni essen ziali di ar1atomia e fi iologia d egli org.ani stes i. Larg a parte ba fa tto l 'A. a l sistem a n ervoso , t en iendo soprattutto conto d t i progr essi r ea]izzati in questi ultimi t emrpi n ella p at olo.g ia di tale sistema. E gli n e descrive a ccura ta m ente l 'anatomia e ~a· fis iolog ia , con numer osi sch emi in nero ed a colori, eh e faeilitan o la compren sion e d el teto . Le nuove sindrorr1i n ervose vi sono d e- , scritte con cbiar ezza. Questi cc Elem enti di en1,eiologia » sono d estin.a ti ad esser e un ver o va.d e m ecum per lo s ludente n egli osped ali e ar a nno ugualm en t e assai utili ai m edici eh e d esider.a·n o ri cordar e , rinfrescar e ed a ggiornar e le n ozioni di sem eiol ogia . fil . Jl Num eTo 1 (Gennaio 1932) della

Sezione Medica del '' Policlinico

,„

oont iene i seguenti lavori : C. lvIA.N ZINI - Le modificazioni dell 'equilibrio acido-basico del liquor in alcune cone P . CARA?tf AZZA dizioni patologiche. F. A.BATUCCI - Contri buto clinico e anatomo-patolog ico a llo studio de i tumori extramidollari. G. JONA - Considerazioni s ul linfogranuloma t' G. DAIJ.A TORRE maligno. ]). F.ERRANTE - L'eziologia e la patogenesi dei reumatismi . CRivista si ntetico-critica>.

Prezzo del Numero L. 6 L'abbonam ento p el 1932 a lla sola Sezione Medica (dodi ci rnrum eri) costa L . 5 O per l'I t alia e L . 6 O p er-. 1'Eetero . Se cum u lativo oon la Sezione P1·atica, coorta L . 1 00 per l'Ita lia e L. 1 5 0 per l 'Estero. e cumulativo con le Sezi<'ni Pratica e Ch iru rgica, costa. L. 1 2 5 per l ' ltalia e L. 1 8 O per l 'Ester o. 11 Nu me1·0 1 (Gennaio 1932) delia

Sezione Chirurgica del '' Policlinico ,, conterra i seguen ti l avori : I . B _\.RCAROLI - Sul trattamento cruento delle tratture cervicali dell'omero . s. DIEZ - Sforzo e varici . M. FANUCCI - Su di un caso di volvolo gastrico. i1ntern1 ittente. G. GUCCI - L'assorbimen t o del bacterium col i da parte del peritoneo normale. tRicerche sperime ntali) . U. POLERA. - Sulla gang rena gassosa da iniezioni ipodc rmiche.

Prezzo del Numero L. 6 Ii'al>b01I1am ento pel 1932 a ll.a sola Sezd.oine Ohirurgioa {dodici numeri) c<>ßta L. 5 0 per l'Italia· e L. 6 0 pe1~ l 'Estero. Se cumulativo con la Sezion e P ratica, cooita L . 1 00 · per 1'I talia e . L. 1 5 0 1'.)er l'Estero. 1• Se cumul ativo oon le Sczi oni Pratica e Medica, · co~ t.a L. 1 2 5 per l 'Italia e L. 1 8 0 per l 'E6tero. ' L'importo va in viato m edi a n te Bancario, all'e ditore !.Juigi P ozzi, Roma.

Vaglia Post ale o. Vi a Sistina 14 ~


26

« IL POL1cr„1N1co

T R 1B u NA L 1BE RA R.

C LINICA MEDICA DI

GENOVA.

Breve replica al dott. Sorge sulla questione dell'azione dell'insulina sulle soglie renali. Dott . M. Bu FANO, aiuto e docente.

( A~

>>

R.

·o XXXIX, NuM. l l

C LlNICA MEDl CA DI CATANI A .

Chiusura dell'incontro polemico col prof. Buf"ano sull' azione dell' insulina sulle soglie renali. Dott. G. SoRGE , assistente. Non riten go di d·over 1aggiun.geire null.a in risposta a ll 'ultim a :r.eplica diel Buf&no, in quan to i lettori pot·ranno trova r e tutti gli elementi a·datti a farsi un 'idea sull.a question e Rell1e n-0te g ia pu bbliioa.te. Ch e son o, per preeisare:

All ' ultima n ota del dott. Sol'ge , comparsa n el n . -18' d i qu·esta rivista replico brevem en.te: 1) SoRGE. Bollettino d e lla Societ a ILal. di Biol . 1) Mi son o .affrettato a pr ecisare le mie Sperim ., vol. V, fase. 5, 1930. 2) SonGE e IACONO. lbid ., vol VI, fase. 6, 1931. idee sull 'azionie dell 'insulina sulla so,g tia r e3) BuFANO. Riforma Medica, 1931, n . 19. n ale a l g liooisio, solo p erch e il dott . Sorge di4) ,SORGE . Policlinico, Sez. p rat. , 1931, n. 36. mostrava di :non averle riferite con suificiente 5) B U F AN(}. lbid., n . 43. JJrecision e. Rimando a l mio lavor o orig inale 6) SORGE. l bid., n . 48. 7) ß UFANO. Jbid ., 1932, n . 1. con1 par so su l~iforma m edica (n. 19 di q u eC.atani.a, 15 dicen1bre 1931-X. sl ' anno) . 2) Qu,e ste m ie idee n on su ona.n o affatto A.neora su '' La rieerca del parassi ta ma« eonf.er ma dei risultati e delle con oezioni » larico col metodo dell' arricchimento ,,. del So·rge, com e questi a fferma n ell 'ultima su a In se.guito a lla pubblicazion e della mia n ota n ota. dal titolo su riportaito (1quiesto 1p eriodico, 1931, 3) Pier n oi il roon oetto di soglia renale e N. 42) il p rof. S. Ser eni (N. 46) fa rileva re di un concetto preeiso, esprimiente la con.centra- a ve re ,p er il pr.imo proposto, fin da,l 1907, un m etodo .analog o, di'reitto .a fa cilitaPe la rice.r ca 2ion1e m inima di una sostanza n el sangue1 a del pa1~assita m al.arico. P :Desa visione del 1ac ui avvien e il passaggio di essa n elle urine. voro citat o dal Se:reni, sono 1lie.to di riconoE·d un .or mon e od un farm.aeo m odifica dire tba.' cergli tale priorita. Non 1p osso a m eno di agn1ente la per meabilita r.ena le verso una sostang i ungere eh~ il m 1etodo proposto da.l Sereni za solo quan,d o .agisoe esso ]o,calmente sul r~n·e m eritava , par la semplici1ta ed u·t ilita , u na pr.a,e 1n on qu.an·do })rovoca n ell 'orgianism o il sortica .applioazion e ed un.a .diffusione molto inaggere d i a l tri fat tori eh e sono quelli ehe poi giori di q11anto a bbia o ttenuto. La pubblicazi0agi$con o ul r en e. ne del S1ereni, i·n fatti,. eom e l ' A. stesso osser va, 4) Prendo atto di cio ch·e l 'A. b a d·etto h.a avuto pochissimo se.guito, ta1nrto da essere fin dall.a sua prima n ota·, eh e eioe « l 'azion-e fug.g ita a lJ.e 1riooo-ch e bibl iogra fieh e eh e io d ell 'in ulina su lle soglie renali deve con side- n·on .avevo tra c ur.ate. D . G ALL ETTl. ra r . . i eome un 'azion,e indir.etta, esercitandosi s u.g li a pparati cxtra ren ali eh e governan·o od MEDICHE, CONfiRESSI in fl uien zano i fen om eni secretori » . Azion e inR. A.ccademia ..Medica di Roma. dire,tta dunque. Comincia m o a d anda r d 'acSeduta d el 25 l u g lio 1931. 1cordo. La n1ia .n·ot.a a cu i So.rge h.a r eplicato Presi ede il prof. S. BAGL ION I, presiden te . • a veva an ch e lo scopo di dimostrare eh e i fa tLe modificazioni delta pressione capillare, arteriolare e t i da 1ui osser v.a ti er.a no dovuti a d influen ze venulare nell'uomo sotto l'azione di sostanze diverse. in d i re l le dell ' insul i.na . Dott . V. SERl\A e M l\1ARCHIONNI . - Glii 00. h an110 tndialo sistematicam ente le tre pressioni p e5) L 'influenza dir etta dell ' insulina su qualriferich e su un lar go n11n1ero d i m alati ; e n e hania . . i funzion e si deve osservarl!a solo dura.n.te n o sagg1ato le modificazioni sotto l 'azione di due l 'azion ei dell'orm on e -e non ·d opo la « sospen - sostan ze ad azione vasocostrittrice (adrenalina e ionc » della somministrazione di essa, eom e pituitrina), e di clue ad azione vasodilatatrice (istamina e acetilcolina), il c u i equilibrio regola il orge te o a fferma di aver fa tto. Da i dati in condizioni n ormali - lo stato del circol0 pedi faL Lo r icavati da l Sorge si puo solo eonriferico. G li 0 0 . r iferiscon o sui risu l tati ottenuli provocando - con l 'iniezione, a volta a vol ta di c l udere sulle n1odificazioni della soglia r enale dopo un trattam ento insulinico, e non sul- una di ta l ~ sostan ze - l 'al ter azione di cotesto equilibrio d i r egolazion e chimica, e si soffermano l 'azione dell 'in sul in a sulle soglie r enali. Non s u alcuni punti piu discu ssi di fisiopatologia vae i)eda11teria, m,a pr eeisa enunciazione di fa tti sale. c <l i concetti . Contributo allo studio del meccanismo patogenetico delle 1

1

ACCADEMll, SOCIETA'

l~t

de hoc satis. G e 110

a, 1 d icem bre 1931-X.

manifestazioni cutanee nella malaria. Dott. V. SEnRA. - L'O. h a sludiato sistematica1n er>:te la resisten za, la permeabilita, e la for ma


[ANNO

XXX.IX, Nul\r. 1)

dei cnpillari e u tan ci, seguendo il n1e todo d ella cc capillariscopia <.;Ombinala » gia da lui al lre volte seguilo. Egli ha tr ovato una permeabilita aumentata rlel 93 % d ei easi, una resisten za di1ninuita nel 50 % circa dei casi, ed un eomplesso di alterazioni morfologich e, ehe p arlano per una ipotonia vasale p eriferica. Questo fa tto e d all 'O. m esso in r apporto con l a distoni a· vege taliva, eh e domina n ella malaria. L 0. ritie11e eh e questo stato d i ipotoni~ vasale p eriferiea abbi a larga parte su l meccan 1~mo <lelle m~nifes tazi oni cutan ee (d agli esanlem1 alle em orrag1e), eh e earatterizzan o lalora il d ecor. o d ell 'infezione m alarica). (II lavoro per esteso e pullblieato in « Riv . di Matariol . », n. 4 1931). 1

1

Sulla presenza di osso in rene uronefrotico calcoloso. Dott. V. Lozzr„ - L 'O. dop o aver ricordato le rieerch e di . Saeer~otti e Frattin, e di I-luggius sulla formaz1one di osso e teropla lico n ej reni in c ui ia stalo leso il ped11ncolo va colare, e dop o aver breven1ente esa minetti i casi d eseritti n ell a le tler alura m edica, riferisee un caso per son ale. In qt1esto si lratlava di un r en e con una uroem atonefrosi p ar ziale calcolosa, in cui esisteva un calcolo ~ttaceato al tessuto scl_ero lico r en ale per m ezzo d~ un peduncolo osteofibroso. La formazion e dell 'osso si spiega tenendo prese11ti le ricer ch e di acerdotti e Frallin, complet at e d a quelle recenli di Huggius ull 'imporlan za d ell 'epilelio d ella p elvi n ella osteogen esi . p otl. V. Lozzr. -

Ur eler e bifido bilat er al e : co n-

lri bu t o clinico.

Un caso di man canza del corpo calloso. Pro C. A. G1ANNELLI. - L 'O. illustra u11 caso d i m an <;l11Za d el corpo calloso, n el quale esiste un fascio bilaterale an omalo lon gitudinale eh e e degener a to n ella porzione anter iore. Dege:ier a te so110 an ch e le fibre d ella zon a prefrontale. L 'O. n ega l 'esisten za del fascio ironlo-oecipilale. (F. 0.). Elettrocardioscopio utile durante le operazioni chirurgi che . Prof. G. EGIDI. - L 'ap p ar ecchio ed iJ funzion a1nenlo di esso on o s tali d escritti n el . 51 del 1931. Partecipa alla discu ssion e il prof. BA1

GLIO!\I .

Sulla cianosi. Prof. G. MELDOLESI e Dott . DE 0RcH1. - Gli 00. hanno studia to in una numerosa casistica di cian otici i gas del san g u e c la velocita di circolazion e pe!'iferica. Ne il defi cit di ossigeno arterioso notevole afferma to come costan te da Lundsgaart e V. Slyk a, n e il r allentam ento circolatorio periferico sono r.ostanti n ella cianosi come n on son o escl usivi di essa. Rallentame:iti p eriferici n o tevoli e d efi cit arterioso di entita sono stati osser vati senza cian osi ; con1e si sono osser vati easi d i cianosi ~on ci~cola~ion e periferica accelerata·, e deficit ?rter1oso d1 oss1gen o nullo o quasi . Nella cian osi inve?e. sono costanti partieolari aspetti capillariscop1e1, eh e sono osservabili esclusivamen te n el mo~1e~to ~ n el l ~1 ogo della cianosi, e cosi pure s ~at1 d.1 pol1globul1 a· ven osa. Nella patogen esi d ella c1anos1 ha n o tevol e valore 1a componente periferiea. Pro f. G.

e Dotl . PoNs. -

F unzionalita circolaloria n el m orb r; di FlClljani-Based ow . M ELDOLES1

27.

S E ZI ONE PRATl CA

J>rof. G. ~1ELDOLF.SI e Dott . PoNs. rosi e g rav idan ze rip etute.

Arterioscle-

'La velocita di sedimentazione dei leucooiti. Valore e importanza clinica della sedimentazione. Do tt. G. MANZl NI . - - L 'O. sludia , eon un nuoYO 1nelod o, la velocita di sedimentazione d ei leu cocili n el plasma ed in solu zion e fisiologica. Le· due curve di sedimenl azion e sono differenti ; n el. pln 111a 1a cadu ta d ei leu cociti e pi u rapida e piu brt1sra ch.e n ella .~oluzione fi siologica e dopo 2 o 3, ore ragg1unge 11 massimo. La sedimentazion e m a ue~ nell~ m ala ltie ?i san gl1e, delle ghiandole a. secrez1011e Jnterna ed 111: quelle funzionali. e acee-· ler at a i11 tutli i processi infettivi tossici. La velocila d.i sedi~enlaz ione h a un valore diagnostieo. per d1ffer en z1a re una m alattia funzion ale d a u11a. forma organica, e sla sempre ad indicare la presen za n ell 'organism o di ur1a lesione organica o di. una infezion e la tente. La sedimentazione d ei leu cocili e legala alle m odifi cazioni dei complessi anfoli lici del plasm a, eh e, modificancio la lbro carica ele ttrica, assorbendosi sui le ucoeiti, e detern1i -· n ando lo spostamento d el loro punto isoelettrico. Y~rso il Ph del plasm a, n e provocano l 'agglutina-· z1on e e la precipitazione. La pol ipeptidemia. Do ll . C. MANZINI. - L 'O., dopo aver studiato l 'azioae d ei varii d ealbumi11izzanti acidi, trova. eh e ~l m elod o Pueeh e il miglior e per il dosaggio. dei polipeptidi e lo applica allo studio d ell a polipep l id en1ia. In con clizioni fi iologirh e e dopo un pa. lo r ieco in pro teine i polipcptidi mancan o nel. sier o di i ndividuo· n or male; n el san gu e in toto invece i trova una legger a polipeptidemia dovuta. alla grand.e fragilila d elle pro lei11e g lobulari, agli ageD:ti dealbuminizza11 ti. In condizioni p a tologiche Ja pol ipeptidemia e presente in tulte le affe-· zio11i febbrili g ravi (tifo, p olmonite, setticemia,. tubercolosi, ecc. ), eh e si accompagnano ad u11, cer lo grado di gr avezza e deperimento e segno. di gr avila. el diabete leggero m an ca, m entre n el diahe te ined io e gr ave la iperpolipeptidemia e sem pre IJre~ente. La su a presen za sta ad indiear e la. gr3,·iLa dcl . lc al lerazioni d el 1ne tabolismo azo ta to , m entre invece l 'azotemia e le eüre di azoto r esiduo son o normali. Nei tumor i malig ni l 'iperpo-· Jipe ptidemia e in r apporlo alla lor o d jffusion e ed e segn o cli gr avi ta. Nel morbo d i Bright si h a una. iperpolipep lidemia solo 11elle glom er ulo-n efriti co11 iperten sione e n el ren e scler otico (secondario e· primario). Nelle n efrosi, qualunque i1e sia la gr avezza, essa m an ca sempre. Nell 'ip erten sione es-· sen ziale pure m an ca. Nelle malattie di fegato siÄ h a una leggera p olipeptidemia, eh e p er o puo anch e m ancar e; la iperpolipept idemia elev.ata si ha olo n ella atrofia g ialla aeuta e q u ando all a in-· sufficien za ep a tica si assoeia o un 'al ter azion e del m e tabolism o tissu lare o un i11sufficien za r en ale. l)o lt. DE ORcHr e dol l. C.

Su lla vel oci t a di sedimen tazi orte dei l eucociti . Nota II . Dif f eren za arterio-venosa n ella. sedimen tazione . dei le u coc i t i e loro interpretazion e. II cainpo visivo nella semeiotica neuro-psichiatrica. Prof. 0 . PAR1sorr1. - L 'O. si occupa d el valore· d ell a periostom etria n ella semeiotiea ~euro-psi­ ch iatrica, insist endo sulla delicatezza della ricerca d el campo visivo,, s.u lle ca.u se di errore e su l modo di evi tarle, e d ando su g·gerirr1er1ti circa gli appar ecchi d a preferire. I l Segretario: G. A MANT EA. M ANZI NI. - -


« IL

2

POL I CJ~T i'\ J CO >l

[ANNO

XXXIX, NuNI . 1)

APPUNTI PER IL MEDICO PRATICO. DALLA PRATICA CORRENTE. Condotta Medico-Chirurgica di Serrastretta (Catanzaro) I R E PA RTO.

'l'ubercoloma mammario d'origine costale per il dott. ToMMA.SO MAzzE1, m·ed.- el1ir. err.asLretta (C.a tanzaro) M. M.. fu Vi~cenzo, di anni 28, contaoin a, rla Serrastrelta (Catanzaro). ·Il padre i11ori all 'ela di 45 anni di bron copolmonite; la madre e vivente e sana ; all 'ela di 40 anni fu operata di nefropessia. lla 3 fratelli e 2 sorelle ehe godono o tti1na sBlule. Un fratello ed una sorella morirono in Len er a eta di malattie imprecisabili. Le m es truazioni verif~ca tesi all 'e ta di 14 anni, si son o m antenute se1npre r egol ari per qualita, per quantita e p er durata. poso a 20 anni ; h a avuto 2 figliuoli ehe apparenlem ente sono sani. Da circa 12 anni ha n o talo ~ella m ammella destra ver so il lato inferior e 11na tumefazione della g r a11dezza di una 11occiuola, alla quale non ha dato a lcun peso, perch e di r ado e dietro strapazzoso lavoro, le procluceva delle punture e si accorgeva -eh e au1n enLava di vol11me, mentre se stava a riposo riLornava ad i1npiccolirsi. _J\.ll 'in izio <lel 1nale ebbe febbre leg ger a eh e duro .circa 3 ~esi . Donn a bene sviluppala, t111 po' anemica, tipo e1nine11teme11t e i11icr ospl anenico, sana in tutti g li organi c:d appnrecchi. All 'i spezione si i101 n la mammella d estra legger1nente aumentala di volume n el quadrante inferiore. J\lla palpazion e si osserva una tumefazione della gr a11dezza di lllla noce, di consistenza molle el astiea, n1obile in t11tti i se~si, non dolente. La tumefazion e n on presenta r apporti col capezzolo; la pell e si solleva in plich e; si conlinua invece in profondita p er mezzo di un eordone eh e ha im])ianto sulla quinta costola . La costola si presenta scabr a, dolente. Nel resto il p arenchim a ghiandolare e n or male. Vi e pronunziato ingorgo delle Jinfoghiandole sottoascell ari del medesilll:O Iato. Nelle al t.re regioni del corpo le ghiandole linfaLich e ono sviluppat e anch 'esse, ma di m eno . La p urLtu ra esplorativa da esito a liquido puriforme. ] 'em pera tura fisiologica. Reazion e di W asserm a nn n egativa, di Von Pirquet positiva . L 'esa1ne radiografieo d el t orace, eseguiLo presso il Gabi11etlo Radiologico dell 'Ospedale Civile di Calan zaro, fa rilevare una caria d ella quinta eost ola e n ienle al Lro degn o di nota. In base al lu n go decorso, ai risultali d ell 'esam e clinico, radiogr afico e alle prove biolog ich e si d eve an1mellere la n atura tuhercol are d el granuloma . Proposi allora all a paziente l 'atto oper.at~vo , ehe 'e nne c eguito il giorno 12 agosto 1928. Incido con direzione ellitt ica in corrisp ondenza del q uadra11te inferiore della mammella destra, a porlo il paren cl1i111a ghian dolare seavato da molte cavita anfrattuose, avvolte d a fungosita · e d a los ·t1lo caseoso e co11ten ente liquido puriforme. Il g 1atru lo111a lo a por lo in tolo, segu endo il suo

lungo in1pianto sulla quinta eostola, ehe si presen ta erosa sulla faccia anteriore per la lunghezza di 2 centimetri, ehe scu cchiaio; suturo il conn ettivo con eatg·ut e Ja cute con graffette metalliehe. Decorso post-operativo r egolare. Tolgo i punti in settima g iornata. Guarig ione per prima intenzione. Allestisco diver si p ezzi della massa granulomatosa per l 'esame isto-patologieo eh e viene eseguito d all 'Istituto Ematologico C. Martelli di Napoli. C o N s 10 ERAZION r.

STORIA CLINI CA. -

IIo er eduto g iustificata la deserizione di ques to caso di tubercolosi d elJa mammella: a) Per la sua rarita. Mi risultano descritti solo 101 casi di tubereolo:s.i dell.a m1amm ell.a nell.a do11na e. 11 nell 'uomo. iFin d.al 1828 V:elpeau, Cooper, Nelaton, e cc. rne dieder o descrizione, fondando la diag nosi clinica sull 'aspetto m acroseopico. Solo nel 1881 Dubar ne deserisse le lesioni anaton10-patologich e e circa un anno dopo Ohnaker ne dimostro l 'etiol og ia eon esperimenti sugli anim ali. Indi altri osservatori, specie in Italia, co1ne Salomoni, Schifoni , Ceecherelli, Aloi, eee. n e har1no dato pubblicazioni di altri c a~ si . Ce,rtamente prin1a ehe tale mala ttia fosse dilig entem ente deseritta, molti casi saranno pa sati inosserva ti o confusi per · caneri, vero e per o eh e la n1ammella non e localizzazione preferita dal bacillo di Koch. b) Per le alterazioni ariato·miclie indotte dall'invasione del processo tub ercolare. II baeillo di I<.ocl1 e arrivato a lla mammella subdolam en te per prop·a g·.azione di un ascesso freddo di orig·ine eostale eh e ha impegnato i museoli pettorali, si e localizzato n el cellulare lasso r etroman1'mario, poi si e propagato nel connettivo perilobulare e periacinoso ed ha fin ito eol eoinvolgere il parenehima, determina11do un tuber colom a della mainmella. Questa varieta di tuber colosi marnmaria rappresenta una contig uita di processo e non una vera e propria entita morbosa. La maggic parte dei casi per o si prop.agano per via sanguigna, quando esistono fo colai speeifiei in altra sede, pochi casi si propagano per via linfa tica. La ia dei galattofori e ealorosamente diseussa. c)

J->er i caratteri istologici e parassvtolo1

gici. All '·esam e non i rieonosee piu nulla del1'ar.chi tettura normale del paren chima ghiandolar e; eecettuat o qualeh e r es to inforn1 e di tubolo. La ma sa dell 'antieo aeino ghian.dolare h a una eostituzione n ettamente granulon1ato a, a eontorni indeci i, bavosi non netta n1ente distin ti dal parenehima sano. Vi si


[ANNO

XXXIX,

Ju l\1 . ~ ]

riscontrano nun1erosi tubercoli riccl1i di cel lu le giganti , le quali sono piu numerose nella zona media ehe a l centro, con abbondanti nuclei dispost i a corona , m entre il protoplasma eh e si trova in n ecrosi conti en e al centro bacilli di Koch Jl1orti. Notan i scarse cc.Jlul e epitelioidi u~lla .zona 1uedia, Jl1entre n ell.a zon a esterna sonvi nume.rose le cellule li11foidi1 qua l ch e rara plas1nacellula , p ocl1i fibrob la ti. Assai sca r i ono i vasi a11g·uiferi; in i11olti punti si nol an o fo colai di ca eosi e di . n ecr o ... 1. d) Per la palogenesi. 11 tubercolom a d ella gl1ia ndola m a1111na ria' da m e d escritto' e di gen e i paraca11a li colare, il qua le lla avuto certan1ente origine dalla car ie costa lo. e) Per l'atto operativo. H o c re dut o opportuno a portar e chi.r urg icam ente in toto il proce so tuber colare viluppat osi n el par e11c bi111:1 g hi andol ar e m amn1ario; a n zieh e e eg uire la oli la cura m edica con ervativa, p er evitare qualche eventuale .r ecidiva . Infatti Le Fur d o1)0 20 anni fu eo trctto a·d a n1putare p er rec icli ve a foco1a i multipli , u11a m a n1mel la trat.Lala precedenteme11 Le cor1 a p irazioni e ini ezion i di liquidi m oclifica11ti.

lt T.\

29

SE ZIONE PRATI CA

TO.

ien e d escritto u11 caso di tuber colon1a d ella mammella orig in at o i d a u·n a ·Ca ri e co"' LaJe: P·er la sua rari La: 101 ca i n elJa donna, 11 n ell 'uomo; per l e alterazioni anatomicl1e, eh e rendono irricon oscibile iJ tessuto n ormal e del paren chima g hiandola r e mamma rio , invaso d al proces o tubercola r e; per i ·car atteri i tolog ici propri tlel tub1ercoloma; p·er la patogen esi , p er ch e il tuber coloma 1da m e trattato di gen esi paracanalicolare; per l 'atto operativo, poich e h o asportato chirurgicam ent-e in toto il processo tuber colare, anziehe eseguire la solita cura m edica con servativa, evitando in tal m odo qualch e spi.aoevol e r ecidiva, infa tti ·1a }Ja2 iente, eh e e stata rigrrosam ente sorveg-li at a sta ])enissimo.

e

\

CASISTICA E TERAPIA. L'associazione della scarlattina con il 1norbillo. L 'a. sociazion e d ella scarlattina co11 il mo·r billo e un fatto r.aro tanto ehe fino alla fine d el secolo scorso .imperava la legg·e pronunc iala d.a IIebra e d.a Trousseau , eh e n on a m111ctt.eva la possibilita di uno viluppo ooot e1npora n eo di due esantemi. Il IJrimo caso di associazione morbillo-scarlattina fu descritto d.a l Monti: a ltri furono in eguito descritti d.a numerosi a t1t.ori . E. G.atto

(GazzefJta degli Osp ed . e delle Cliri., 25 ott. 1931) ha avuto oc.c asio·n e di osservarne tre ea ·i durafilte un.a ep i·demi.a ·d i scar latti11a occo r a in Mentana n el 1929. Dall 'esame clinico d.ei tre casi si rilev.a. co111 c 1'a ociazione di una d elle due infezioni n on influ en za p er •nu lla i caratteri d·eLl 'altra. 'e i .vcriodi eruttivi delle due infezioni coincido1n o, s i ha allora un .esantem a complesso r i ullan te dalla m escolanza de i due esantemi. 'e i1nvece i p eriodi eruttivi si seguono, si:a pure a brevissimo in tervallo l ' uno dall altro i caralteri p eculiari d i ciascuno di essi vengono conservati non olo, ma s ' iniziano r i'"' pe1Ltivamen te da lle . edi , dov-e ·di olito suole n vere inizio· l 'eruzione. O.gn una di quest e due 111.a laLt ie . egu e il proprio andamento r egol.are e ron11pleto e cosi a i1ch e l e com.p] icanze spei.al i e le su oces i-0n i morbo e. La diagnosi talora J)UO presen tare d eJle diffi col ta i111· orm1ontabiJi: piu eh e l 'e antema e il Lluadr o sintomatologico con1ples ivo eh e d eve far fare l a diag·no i. Impongono una diag n os i d 'i11fez.i one morbi.ll o a le mianifesiazioni caLa rrali con con giuntivite, coriza , bronch it e, le 1r1:a ochi e di Koplik eh e si presentaino unica· in r nle n el m orb ill o, il rimettere car atteristico d c lla fel)b r e .al 2°, :3° · g iorno, la di.a zoreaz io11.e de~1l e 'Urine, d oa·r atteri ld ell 'esanterna r o ·o vinoso e la compa rsa d 'esso dappr im a a l volto ed il diffonder si al r esto· d el corpo, 1.a d e quamazion e cruis caoea . P ar la no inveoe lJer l '.infeziorne scar]at tinosa i fatti t ossici ge11c ra li , la lingUJa a la mpon e, l 'amgin.a inten„a, le tumefazioni ghia ndolari, la febbre ehe 11on l1a re n1i s ion-0 r>rodromica, la sede d 'inizio d ell 'e„antema e i 1caratteri di e so (segni di Bor ari, Rumpel Leed e, Parten,) . La d equamazion e e la1n.ellare. T1nportanLe € cli ffic ile e la di.a gr1osi clifferen zia le con l '.a ociazi·o n.e rosoli.a-scar la'ttina e .quell.a con q'a ooiazione scarlatti n.a-erite1na ,tossico. La rprogno i e oertamien te assai .gr ave. Grande import an za a ita le rig uar~o b a il ge,.nio e pide m ico ·del1le singole infezioni . G. LA CAVA. 0

1

1

1

0

Dirterite e sier oterapia all' Ospedale '' E11fants Ma· latles ,, nel biennio 1929-930. f . 13. W eill -I-Iall e (Relaz. all>Acc. di A1erlic.> g·in g·n o 1931, in Rev11 e Jl,f edi cale, lu g lio l 93 1) J1a potulo o ·errvare n ell >Ospedale des J~ n fan L n1ala de , 11ellc due a nnat e 1929- 1930, 1210 ca- i di diflerjbo con 131 d ece si ; l a perce1ntu.ale ·d ell a m or t.a.JitFt , .ast1„azione fatta per i }).a1nbini morti n elle prime 24 or e di d egenz.a , . i c dunque alzata al 10,8%. c si confron ta n o le eifre ·d e l 1901-] 902 quando la m orta li La g lob ale n ello t es o ospedal e, . u 1122 difl cri ci raccolti jn 12 rn esi , si .e r a elevata a 21 %, si puo con cluder e eh e il sier o n on ~a percl t11o d ell.a s u.a e ffi ca.cia. Tl nt1n1er o d ei ca -


[ANNO XXXIX,

c1 IL POLI CLlN JCO »

si di diflc ri le g· rave r e la pero con ·iderevole; le do i i11edi e d e l ier o gi u·dicate n eeessarie son o oggi t·re volte piu forti eh e n el 1902. La questione piu importante nella e ur.a della difterite la preeocita della sieroterapia; passato un deterrruinato p1e riodo di tempo, nessuna dose permette piu di vineere la malatt ia: •per questo e Il·8 0ß · ario eh e }ia diagnosi sia innanzi tutto clinica , e n on si debba semJ) I' C attend ere la diagnosi di la bor.a torio. ll m etodo a dottato d a S. Wei·l l-Halle il eguen te : l 'iniezione endomuscol.ar e immediata, eh e ha assorbimento rapido, seguita da una iniiezion e sDttoeutan·ea a diffusione piu lenta . Nei casi g ravi, si inietta dopo mezz 'ora d el siero n.e l le v1ene. N.clle prim1e o-re si deve arrivare 1ad u1n total e di 30.-±0. 000 unita antitossieh e , m entr,e nei g io110.i seguenti bastano a n ch e piceole d o i. r.. NERVI.

e

e

Gli esiti lontani della diatesi essudativa. Dopo a ver passato in r assegna le va·ri e teorie nuove s ulle manifestazioni d ella diatesi essudativa, e l e varie inte:rpnetazioni d ei sintomi n ell e eostituzioni n euroar.t ritica, linfatica eee., Ma rio Cotellessa (La Pediatria, 1° settemb-re 193 1) ripqrta i risultati ottenuti dalla osservazione di 56 bambini, ehe gia erano sta Li rieoverati e visitati n ella Clinica Pediatrica di Bolog na, eon m .a nifestazioni evidenti e sieure di diatesi essudativa . Scopo dello studio fu quello di seguire il d eeorso di questa diserasia, di eo·n trollare lo s ta to di salute dei barnbini e la loro eostituzione in r.apporto alle ,e ventuali malattie inter eorrenti, a lle infezioni eo11tratte e alle estrinsecazioni d1ei f.enome ni essudativi, dal loro insorgere fino all 'epoca d ell 'osservazione. Da questo interessante Ludio, l 'A. er ede di po ter tra·r re l e segu.enti con clusioni: 1) eh e i diatesiei es udativi , tipo inagro e tipo pastoso, oltre le i)rime m ani[estazioni c utan·ee pre:sentano a n1cl1e in ·Lempi alql1ainto lontani s pecia li caratteri e m .a nifestazioni eh e rientrano n el quadro della costituzione s tessa. 2) T·r a i postumi d ella diatesi essudativa sarebbero delle m anifestazioni .di tipo linfatieo, qu.a li la laringite striduI.a, l 'ipertrofia ton illare, le linfoad eniti . 3) Nei tipi pas tosi, vi s.arebbe , come n1anife tazione tardiva d elle diatesi, un n etto contr.a to tra l 'alt·ezza inferiore, e il peso superio re alla norma , m entre n ei tipi magri peso e altezza sono sen1pr e inferiori al norma le. '-l-) I~e manifestazioni ta·rdive r elat ive all ' eta g iovanil e 11anno i 1 loro m assimo espon e11te n elle forme cutan ee, rare quell e r espiratori e -0 lin[atich c. 5) Lc manife tazioni d ell a diat esi essL1da 1i, n, prin1 it i r o l.a rd i\e , co1npor tano modificazioni di 'ilup110 e di cr e cila (pe o, altezza, perimetro toraeieo) ehe portano a ll 'habitus 1

~u~r.

l]

d el sog.geLLo d el.Je n1od.ificazion i, eh e tendono a stabilizzarsi e ehe fanno ben distinguere il diatesico dal normale. 6) Per le a lterazioni d el rica:mJbio ehe po·sson o aversi nell 'eta adulta l'A. non puo trarre aneora con clusioni assolute . C. NERVI .

Il trattamento della diatesi essndativa,.

(Moriatsschr. f. /{in;derheilk., ge11-

J. V.a

na io 1930) ha osservato ehe nei bambini eon diatesi essudativa il timo appare, ai raggi X, molto piu grosso ehe nei normali. Pensando ehe vi possa essere un rapporto fra ingrossamento del timo e diatesi essudativa, ha trattato 36 bambini (da 2 mesi a 13 anni, nei quali si aveva un.a ·diatesi essudativa resistente a'lla terapia dietetica e locale) per mezzo dei rag·gi X a d a lto voltaggio. Le eondizioni di molti migliorarono ed aleuni guarirono del tutto. L 'A. rilie11e ch·e i b uoni •effetti eosi ottenuiti corri p ondano a quaruto si eonosce sperim en,t alm1ente d·e ll 'azioo1e di tali irradiazioni nel en ,o di diminuire la riserva a lcalin1a dell'organismo. fil. 1

1

Contributo allo stndio della terapia dell'eczema dei lattanti. [11 qt1esto riass untivo, n1a si puo diPe oontple to, a·rticolo su•l l.a terapi1a• dell 'eciiema dei latta.nti, S. ·B. avelli (Clin;ica ed /giene infantile, 1a.gosto 1931) parla in un prima ten1po de i tentativi fatti dai vari autori a llo seopo di eurare ·o a lm,eno alle viare i sintomi piu molesti di questa forrr.La morbosa, e riporta quindi i risultait.i d ell·e proprie os ervazioni. Egli aocenn.a bTevem einte a] Lrattam·e nto generale, ehe costituiva «an che mezzo secolo f.a la pa1ite .piu importan te ·dell.a eura dell 'eezem .a : e rieoflda i risultati incor.a ggi,a nti ehe si ,r,antarono da aleuni autori, ottenuti oon la proteinoterapi.a, l 'emotera pi a, l.a materno·em ,o terap·ia, I.a ·calcio-terapi.a. Piu r eeent.emente co11 buoni ris ultati fu . peri111entata l 'opoterapia tiroidea, l ' insulinoterapi.a, I.a t erapi1a eon estratti epatici, eon 1.atte acido, eon i raggi ultr.avioletti, eon le eor renti a d alta tensio n e ed a bassa frequenzia. L 'A. partendo dal prin cipio .ehe n elle manife1s tazioni diatesieh e possa for se in aleuni casi g·iu oaar e una parte importante la carenza di zolfo, ha voluto sperimentare la zolfoterapia in .alet1ni .a·n1lmalati d ella sua elientela privata dal eorn ultorio peT l1attanti di Cun·e o. Sebben e i risulta ti sien o lusinghieri non riti e11·e, dato l 'e i.guo numero dei casi stessi, e11e -i poss.ano trarr·e da essi conelusioni gen erali , n1 a olo ·eh e tale metodo possa essere . perim entato con fidueia speeie n·ei casi in eui le eure ig ienico-dietetiehe cd altre eure fa llif'.-ero. C. ~ERVI . 1

1

1('


[A NNO ~XXIX , l U l\I.

1]

L'educazione acusticn <lei bambini semisordi e sor· domuti.

Dal punto di vis ta de lla capaeita a eu stica , i bambini ordi, el1e finiscono a d essere in g ran parte aneh-e muti, possono divider si in sordi completi (eh e n on per cep iscono la voce ne mn1e no eo11 un tubo rinforzatore), in semisordi (cl1e di ting u on o l e ' 'ocali a voce nud:a) ed in sordi ·m e di, eh e son o 1-egione , e eh e stanno in g ra dazion e fra i due primi g ruppi . L 'in egn am ento uditivo con la voce nuda r a1)presenta l 'elen1ento primordia le de ll 'educazio11e d ell 'udito n ei sor-dom uti eh e po sego-on o in1portanti r e liqu:ati aeu ti1ci; t.a le c ultura d ell 1oreccl1io, per o , va inlegrat.a eon quella d ell.a J)ar ola e d ella vocc . Qua ndo il piccolo ~ ordo per cepi ce le into11azioni d ella voce d el u o educ.at or e, :affe rra i legami de lle sillabe, 1niglior.a la ua parola eh e diventa co si meg lio timbra t.a e piu n a turale . . Ta.le edu cazione vien e fa t ta da U. 1"Ie lz1 e G. P arre l (Il Va lsalva, o lt. 1931) m edi ante di: Yer ... i i11ezz i : 1) eceitaziollle on ora con var1 u oni; 2) vocalizzazion e con il tubo aeu stieo P.a rre1 cantan do le v ocali n el tubo te so; 3) illaba,zion e a , ,oee nuda; 4) orien laz ion e uditiv.a f.aiccnd o ricon oscer e la direzion e d ei di' . ver. i uoni, a d ocehi ehit1si ~ 5) m .a ssagg10 son o r e co11 a ppar ecehi diver si. L 'ed ur.azione o lia r iedu cazion e aeu stica van110 tenta le in tuitti i bambini , po ieh e ogni or eechi o eh e n on sia d el tulto perduto e su scettih ile di ried u cazione, meutre e assai diffieile il ri con oscerie il ba r a d o di sordita n ei b.a mbini . . . • . Ta le rieducazion e . . i p u o e i d eve in com1nc1are a t re a nni ; e._ sa ' a con iderata come u n m efil . tod o d i lr rapia fi.sio logica.

SEMEIOTICA. Diagnosi di tumore di milzn ool nuovo 111etodo di contrasto di Radt.

Ba11ke (Deut . 11ed. W och ., .n . 27, 1931) esp one un ca.so c linico, in e ui venne applicato .eon su·cee·sso il m etodo pr eeonizzato d a Radt per la mig lior e differ en ziazion e degli org a·n1 endoa ddo1ninali e la piu faeile dia.g nosi d elle loro a ffezioni. Si tra l tava di un uorrno di 62 a nni , r icover a to p er enfi seun.a , e in cui l 'esame radioscopico d el t or ace s velo, so tto l 'ar-cata dia fra mm atica di sini- tra, un 'ombra g rossa eome una n ooe, ovale , e a sai opaea; e linicam .en te l '~sa­ n1e d ell 'a-d.d om e era eompl et armente n egat1vo; tutte l·e r eiaz ioni a c1certabiJj !Il:el labor:atorio (Casoni, eosino fil.ia, ·eee.) e ra n o, a n eh '1esse mute. Venne allora chiesto al Ra dt un cam;p ion e d el suo Tor io-dio sid-sol e n e furono ini·ett a ti 10 em e. il p ri mo e il seeolDdo g io·r no, 20 1

31

SEZlONE PRAT I C.\

en1c. il ler zo; a q uesta in1iezion.e seg ul modica elevazio·n e t ermica , [or se p er c11e ve11ne pratieata eon troppa ra pidita: le segu enti , infatti , fatte piu lentam ente n o11 d ettero r eaz ione. L '10 ante ra dio1og·ieo fa tto dopo l.a somm.initrazion e di 60 CJc. di Toriodiossidsol rivelo con stra ordinaria ehiar ezza il eontorn o d egli organi ipoeondriaci, dimostrando eh e l 'o·mibra era da l ocalizzare n el centro s tesso d ell a n1il za. Sulla n a tur.a d el tumore poeo si e poluto ta bilire : forse si Lrartta 1di una c is ti. Ad ogni m od o l ' inter esse di questo sta 11ella conferrna veramen te brilla nte d ell ' utilita pr aLica d el metodo di Radt .

V.

SE R'RA .

MEDICINA SCIENTIFICA. S1tlln ereditarieta dei gruppi sang11igni.

La tra n1is ion e er editaria dei ear atteri di g ru1J_Jpo r.appresenta sen za dubbio una d elle eo c p iu in ter e san li d ella eosidetta sier o1ogia costituziona le. 1F uron o Von Duroigern e Hirzfelcl a d111ostra re 1ch e le pr oprieta d el sangue h e im1p liea n o l 'apparte11-en za di g ruppo si ered ila n o secondo le le.g gi di Mendel. Le legg i d i i\fendel dicon o eh e il pro.do1tto ·dell~ ri1)roduzion e sessu ale rieeve per ogn1i sing olo con lrasseo-n o un r etaggio· d.a a mbiedue i g enitori, ma eh e, essendo i genitori diver si, n on po . on o nel figlio eomparire a mbedue l e p1ro1)ri ela ereditarie. c; Ii elem en t i e r ed itari eh e r egola rm,e.n te i m an ife tan o, &i. el1ia m an o domi nanti , g li a lt r i recessivi,· questi uLt i n11i si mani festan.o sol o a llo rc1ua ndo du e di icosi fatt·i e·lem en t i i ritr o ano proven ienti da a mbedue i genitori . „ 1el ca. O· d ei g ruppi . an g·uig·ni n on si er edita l 'appartcin·en za d i g r,u1>po, m a g li ag.glutinogeni A e B , i qua li on o dominanti, n ei confro nt i d ell a lor o a en za (0 ) eh e r appresen ta u n 1c.arallere recessivo. Quan lo a lla ereditariet a de l g ruppo A B la C[U•e tione e a·n cora incerla. · J>. Mo·n1til l.i (A rch . d i Ost. e Gin., otl obre 1931) 1'1a sltldi.ato i r.nratteri gruppospec ifiei d el san o-ue di 145 p eT one appartenen t~ a 25 gruppi fan1ig·li~a ri . Da]]1e s uie r ieerehe si vien e a d aver e la p ien a eon ferma d ell a teoria di Von Dl1n gern· e Hirzfeld, c l1e eioe i ear atteri A e B risulta.n o d on1ri.na n ti e il 1carattere 0 r eee,s i vo, p otendo com parire nella p r ole a n eh e se n on appar e evidente n ei ,g·enitori . Questi da ti p 0 1 son o .aver.e u n· indise utibiJ e v.alor e n.ei casi di rieer ca d ella p at ernita n el sen so, eh e, i n casi speei.ali , la << pro,va d el saingue » puo t alor.a apportare un e]em ento d ecisivo p er eseluder e eh e la pa t ermita di un d et erminiato ba mhino , fig lio di certa m .ad:ve , .p o s.a a ttr ib uirsi .all '.acc n . ato o al r iro rrente. G. LA C .l\VA . 1


32

(( IL POLICLI :r1c o ))

POSTA DEGLI ABBONATI. Esiti di ble11orragia.

ll 'a bb. n. 2521: Qua lor:a n ell 'epididim;o il proe·e sso ~peeifi eo cr onico 11011 i sia e on1pletan t-ente risoluto, o·p1)u.re •n o11 si sia av uto un proc.e so di eic.a,t riee o in1 il e a eieatrioe , cl1c .abbia rs ostitui'Lo d el tulto i ie uti infetti, la tra rnissione d el eonLiagio p er la via d el eoito si d eve ritene r e V. l\1oNTESA Jo. en1p r e possibile.

Eredoli1e sospetta. Al dott.

. C. d.a T. : Quial ora in u n ban1bino : i sosp e'tti una lue con g„eniLa, e si vo.g·lia peri1nentare il c riterio « ex juYarntibus » , l '.a nti•co m etodo delle frizioni m er curiali o il calomen .a n o per os (1 oentigT. ) somministrato g·ior11.al1r1en1e r)eir m o1te ettim1an e rispondono effi cacemente. e, d opo tal i eure, il mig lioramento dei sinton1i so p etti eonfern1i 110 diag'n osi di sifilide, si posson o .ad o·p_e.r.a r e, con ].e d ebite cau tele, i prep ar.at i di a r sen oben zolo « per os » o per iniezion i intnam11scolari, n1ellrei s p ecia li 1confezion·i r)er b.a mbini. V. MoNTESANO. 1

_t\11 'abb. n. 95 74-1: n o tti1no· m .a11uale il aliano di I1n fortuni!'ti ca la cc Tra um.atoJoo-i.a del L avor o » del Ciampolini, Edit. Pozzi . R oma. e E lla poi vol e e anch e 1ap,p rofo11dire lo s.tudio puranl'ein te m e dico-legale ·d ella m .ateri.a, L e c onsigliamo il « TT.a ltato ·di Infortunisitica >> d eil Borri , Societ a Ed. Libr,a·r ia, l\1il ano , II Vol . S. DIEZ .

e

Al d ot•t . L . Angelone dJa 'an Pie tro Innne : L e indico a leuni libri ullo spor1 in r apporto ia lla 111edicima : J\ . HERLITZKA. Valutaziorie jisiologica degli atleti. (~.app elli , Bolog·1n a, 1931. L. 15; G. ArnL-

Preliminari di m ediciria sportiva. I. Cuore e fatica. Arti Gr.a fi1cl1c E. Calamandrei , Milano , 1930; 1 F. DEUTS CH. Heart and Athletics. Mosby Co . t. Louis, D ollari 2 ,50; BoRGEY . Physiologie de la culture physique et des sports. Albin l\'1ir l1el , Paris, 1927. Det Sport in, ll1issenscliaft i1.111d Praxis . (Di diversi a utori). G. Tl1ie111e , L eipzig, 1927 . Rl\1 4; H. DIFFRE. Con.trole dcz sporl et de l' edtication, pl1.)1 Sique. l\lf a . on , Pnri , Frs. 9. L O.

Veda a n ch e la cc 1-\i i t a d i sei·e11z.e applioatr all 'educ azion e fi i ca e g i ovanile », pubblica la dal la « cca·d emi1a fa. ci ta di Educazione fi. ica » , R oma , F or o Mu solini. Abb·onia m ento L.· 35. A. 1FILIPPINI.

.t\ 1 d ott . A. B. ·da S. L. : 1) e si possi ede un colorin11etro un m e t od o o tt1mo e r a.p ido per la glicemia e que lle d i F ol in-Wl1 (Rondoni, Biochimica, p. 3a.). l 1r1 m e todo piu sbriga tivo e q t1.ello di Crecclitts-Seifert (Gazz. degli Osp. e delle Clin., n . -! :> , }). 1455, 1929) proposto di r ecente e i)er il qt1ale l a Ca ...a I kon-Zeiss ' ren d e un ap1

t.i\.

NO

XXXIX, NuM. l J

posilio colotin1etro· non ·m olto eostoso. Un 111etodo un po' piu lung o, 1n.a semplioo e p el qua le non Qlccorre colorimetro e que llo di Czu to (Rondoni , Biochimica, p. 3a). P·er il trattamento del diab1ete e neoessrurio d:eterminare la g·licemia, sorvegliare tutti i g·iorni il tasso de} g lucosio n elle u r i'Ile, e reo·olar e l.a di·et.a col1la quarutita di insulina ehe ~i iniet1:1a (comineiare d a piccole dosi: 10 unita, 20 minu t i prima d ei pasti). 2) L 'app.a r ecchio p iu con sig lia bile, per la ua pra ticita e .semplicita, per l ' istituzione d1e l pn1e1umo.toriace e l '.appareeehio del Morelli d ee ritto an eh e ne1 r eoein te Tratt. 1tal. di 'ft1 edicina Iriterna. Vedi anel1e : La Pratiqiie du pn:eumothorax, M.asson, 1929 ; R. D or.i.a e G. C1esari , ll pneumatora.ce te.rapeutico, L . Pozzi edit ., Rom,a·. U.n buoo tes to sulla 1"'uber eolo1si il Ca rpi e Ronzoni , I stituto Edit ori.al1e Scient . Vedi ancl:i:e.: cc La T ubercolosi n, Lezio ni e conferen.ze al 1° Corso di t i iologia, L . P ozzi , Rama. M. MESSINI.

e

VARIA . . A.uxoter apia. Loeiper, Lemaire e So·u lie (Presse NI edicale, 11 mov,e mbre 19.31) d.a n110 il nome di auxoterapia alla pratica teitd·ente a raf forzare l 'azion e d eii medicame~ti m ediantei .aissoei azioni 1ch e n e esaltino g l:i effett i specifici o n·e elim.ini.n10· le propri,e t a non n ece.ssarie o dan11ose. L 'auxoter:a pia si e ercj ta c on m e cli ca1m1enti d ello s tesso gruppo (iisodinamica) o di azioni dif fer enti (eterodir1.amica); con m edi can1enti eh e agiscon o sul inede i1110 organ o (omotoI)ica) o su org.a ni diversi (e.terotopica); con n11edi1ca m enti costituiii dai sali o d agli ele111enti di nutrizione di u11 te uto (1net abolica); da estratti d 'organ i o da elementi cellt1lari ·d·efiniti (opocri.n1a) ; c d.a v.aec ini specifici (b.a tteirica). L 'auxoterapia isotopica i)rend e per obietti' o un dato organo o u11 d at o si stem a. P er quel eh e rig·u.arda specialm .ente il oervello l e associazioni m ed i1ca111entose ono molLi"' i n11e. II cloralio .aecve ce en ibilmente. l 'azio.ne analgesica d ell a n1o·r fina; il bromuro quella d el sulfon1a l e d ei b.arbitur iei ; il luroin al e la datu ra aggiungono Ja loro azione sui nuclei g rig i a quelJa cortical·e d ei bromuri. L 'aspirina, il piran1idone ed il col ehi1co si e ombin.a no molto b en e p1er i dolori .a rtieola.r.i. L 'ouab ai'.ne apportia alla dio-itale um e lemento di con trattilita. La eod eina aumenta l 'azion e costipanitie d ella m orfina. Lo sfintere pil orico si chiude piu en erg icam ente otto l'azione e ombinata d ella quassia e della stricnina eh e p er quella della str1cnina o1a, e 1'iprer ten sion·e vcnos.a e Taeh1d.ea prodotta dal-


[.:\..~No ~XXIX,

Nul\1. l ]

SEZIONE PRATJ C..:A

l 'acetil colina e raddoppia ta da una do e minima di vohimbina. • L 'auxoterapia eterotopica m elte in opera la funzion e di pareccl1i organi. Gli o,r gani d.i di truzione o d 'eliminazfon e, il fegato, il r en e, l 'intestino, la n1.il za ste ·sa, hanno una gra11de importan za n ell 'azio11e di farn1 aci a 11cl1e ageniti u a ltri org.a11ici . Basta e altarne o diminuirne il pote r e di e lirr1i11azion1e o di distruzione p er cor.reg.gier e in se11so n egaitivo o po itivo, l 'azione d ei farmaci. L 'autoterapia dinamiica associia i 1nedica111en ti i11 u11a n1rede ima orientazio11e dinamica. E omo- o eter o-dinan1ica , o bia a d opera n1 edica111enti della tessa classe e d ell o Lesso effet to le c ui azioni si aggiungo110 o si rinforza110, o .al contna1·io n1edicaim1enti di classe e azion e differ enti , i11a il c ui aggruppa1nento diri ge n eltamente ver o lo stes o scopo. l.Jn e empio n1olto sig nificativo di aLixoterapia isodinamica c dato <lall ' associazionc dei vari componenli d ell 'oppio. L 'oppio to ta le ha un 'e fficac ia 111aggior e di una quanlita corrispo11denle di m orfin.a : i van alcaloidi i rinforzano r eciproca:rnente. La cod eina a umcnla l 'azione ri tard.a n te d ella 111orfina ull 'evacuazione d ell o tomaco : ·due milligr. d ei due 111edicam e nLi in i1c1ne 11a11no un e f~e.tto piu conidcre ole di 25-!0 milligr. di 1cia c uno di es i p1e i i ~o l a l a n1 c nl e. La papaverina rinforza l 'az jon c dcJ] a narco lina; l 'a _ ociaz ion e narco lina-1nnr fi11a c piu a11e lelica d '11na s te sa do e di lllo rfin a o di n a rcoti.n.a. n alogan1ente l 'antipirjna rinforza l 'azio11 e del p iramidone . L 'auxoterapia eterodinamica e i >iu varia. Le apon ine favoriscono l 'azione deJla digitalina. L 'anlipirin a aumenta la potenza analge ica d clla cocain a, l 'acetan i J id e quc IJ.a d el piram.idone, la scapolamina qu ella d ell a morfina . In al cu n i l 'azione d el m edi.c.an1en to ie11e a ccr esciu ta elimina n.d o propriela da nno e. Il n,ovar. enobcnzolo pro\ oca spesso reazio11i to sichre a ll e c1uali si oppon e l ' iposolfito d i oda. Le iniez ion i di bl eu di m etil en e })rovoc.a no reazioni febbrili ehe .sono evitate con 1'agg iunta di morfina. L 'ipecacuana e ipoten sore ed e m etizza11te: 1'oppio n e con erva le qu.a lita i1)oten iv1e n1a evita il vomito. L 'ag.g iunt.a di a dren.alina tog lie al l 'ace ti],colina l ' az.ione1 inibitrice s ul euere. La c.affein,a attenua I.a propri.eta diafo retica della criogenina e quella olig urica d ell 'anti• • p1r1na. Sos tanze piu sempli ci, i sali , h anno a na log h e proprieta au.siliarie. Gli ioni C.a e l<. modifica.n o la sen ibilita d egli endotel.i va ali e e p ercio a n ch·e l 'azi onre d ei m .e dicarr1er1Li an g io- e cardioto n~c i . 1

1

1

33

Pre o prima delta d igi tali11a il calcio ritard.a molto· la eontrazione ·d e·1 c uor e. II potas10 prolun,ga la di.astole c.ardiaca e ra llenta il ct1or e, m e11tre il calcio ag i ce sulla sis tole. I , ali di cal cio aum entano l 'az ione simpati1cotropa d ell 'adren al.ina, la lo ro d im in uzione la trasforman-0 in vagotropn. 11 caleio r iduce l 'azion e in~bitrice d ell 'adren a Ji11a s ull 'utero e.d aumenta I.a su.a azion e vag.a le. Orienta l 'urotro,p ina versa il r en e, .m ientr e il ma.crn esio l 'orien1ta versa la bile, .ed acc resee l '~z ior1e d el bromo ul cervello. II olfa to di rnagn.esia rinforza l 'azione an e te ica d ell 'etere e d ell a morfina; il solfato di calcio r inforza l 'azione d ella 1cocaina e ridu ce la tossicita della stricnin:a. L 'aiixoterapia m etab olica eon siste n ella somministrazion e d i so tan ze capaci di fissare a i te su ti g li el em enLi nutritivi. Lo zuceh e ro, il g r a o, il calcio, il fosforo possono attraversare il fegato, i muscoli , le ossa, il cervello sen za fi arvisi. Occorrono ele m enti m edia tori o sen ibilizzatori, tra i quali i piu :note·vo·l i le vitamin.e. Le vitamine A e D a um entano la fi ssazione d el ca lcio n elle os a e n el rene. La vitami.na B perm ette I.a nutrizionie del sistem a n .ervoso, quella C aiuta la fi ssazion e d el ferr o. L 'adrenalina f-0rse aiut.a la fissazione d el ralcio e l 'insulina quella d el glicogen o. L'auxoterapia endocri na l1a lo scopo di orien lare lllil medicam ento ver so l'organo analogo a m ezzo di un su cco o di un estr atto or• gannco . Le in iezioni di pep ina fa1cilitano l 'azione d ei medicam enti g astrici. La son1ministrazione di midol]o osseo influenzan o la fi ssazione d el calcio, .Tuelle ossa. I./e '"'ir.atto tiroideo consen te a lla tiroide di uL ilizz.ar e m egl.io l 'iodio·; 1'e tratto di b il e ac~ cr escc l 'azion•e dci eol.agoghi ; g li cstratti di fegato o di sang·ue ai11tan o ]a fi ssazio11e d el ferro n·ellce cellule epatich e e n.elle em.azie; J 'e tratto r enale aum1c.n,t a la potenza dei d.iu~ retici . L 'auxoterapia batterica 1cons iste n ell'a sociazione ·di antisettici con va ccini , i quali li rin . . rorzan o r eciprocamcn te. J/ idca di as ociare .a i vaccini i radic.ali di n1etalli attivi, a rsenico, araento, m ereurio , m erita di e·sser e sviluppata. Adunque il trattamento d ' una malattia non si limita a ll 'u so, di un m edi1ca,m 1ento fi sioloaicamente e sperime·n·talmen1te attivo , ma di pr odotti ch1e r endono il m e,dicam ento ste&so effi eie.Il1te .a l massimto , accr escendone le proprie ta utili ed elim inando quelle d.a nnose. E.i o·e a•n ch e 1'impiego di el ement'i nutritivi ele·t tivi o specifici di ciascun.a 1cellula, di sos Lanze viv.enti eh e ono c:apaci di fissar·e g li el em ient i stessi 1e .t alvo]ta a n ch e di estratti or.._ gani ci o mi1crobici eh e li dirigon o o li sensi-bilizzano. argo. 1

1


H

IL POLICLINICO

»

[ ANNO

XXXIX,

~ U~f.

l]

POLITJCA SANITARIA E GlURISPRUDENZA. (*) Rispost e a quesiti per questioni di massima. 1° Dottor R. B . - Ch e le riduzioni stabiliie dai .d ecre ti 23 g iugno e 29 settembre 1923, n . 1159 e .2672 non siano applicabili allo stipendio e orm1a i .stabilito . La d eeisione 13 gennaio 1931 della IV Sez~one del .con siglio di Stato, ehe quest a interpetrazion e h a .conie rmato autor evolmente, e stata aecettat a dal " Ii nist ero. Lei 11a, quindi, diritto al rimborso delle som1ne 1ch e Je so11 0 st at e ind e hitamente trattenute in rappor lo a1lo stipendio , ehe e i rr iducjbile. Se il Pod es ta 11on provvede, faccia ist an za al Prefetto. Nel 1caso di insuccesso, provochi una risposta d el Po.cte La e poi ricorra (sia pure contro il provvedi111e nto negative, se n on avra una comunicazione formale) alla Giunta Provinciale Amministrativa j 11 scde gi urisdizionale. 2° Dotlor M. F. - 11 Podesla non potrebbe provYecler e all a dispensa dal servizio, perch e la d eliber.azione eh e ,sopprime una d elle tre condotte non <„ ancor a approvata uall 'autorila tutoria e, quindi, 11 0 n e efficace. Se Le sara notificat a la d eliber azion e di dispen . n, ricorra alla G. P. A. in sede giurisdizionale, 11el termine di g iorni 30. Nel caso da Lei indiea to , non e soppressa una -conclo l ta determinata, organizzat a come entita di-stinta dall e altre; n on e, quindi, necessario eh e ia ljcen zia to il titolare della condotta soppressa. Tl Podesta d eve provvedere, invece, discrezionalrnente con iderand o anzitutto l 'interesse del serYizio e ten endo conto poi dell.a condizione dei sin.gol i n1edici eondotli. :-\c l ' uno non h a a11cora r aggiunto il limite per la pension c, ques ta circostanza non puo essere tra:clt ra La. 3'1 Dotlor F . H. 1'\II. - La partecipazione al con('O r o, co n e.spressa e fornlale ris erva, n on puo caaionar e pregiudizio . La co11dizione di fam iglia (coniugato, con prole) ~ titolo di prefere11za a parita di merito, ma la giurisprud e11za r itien e eh e abbia effetto soltanto per l 'ordine della gr ad u atoria e non limiti l a fa·.colla di scelta. In ost an za, conta poco. E poi da n olare eh e la V Sezion e d el Consiglio di Stato h a con sider a to prevalenti altri ti toli: specialmente qt1elli di ex combattente, decorato, ecc. el caso d a Lei jndicato quel titolo non h a valore ptatico, per che, an ch e se l 'altro con corrente fo e gr ncl ualo ex aeqiz o, essendo d ecorato di m ecl agli a d 'argento h a un t itolo prevalente e sara <;on icler alo pri1no. 4° Dotto r .4. G. - Non i1nporta ehe la nomina s ia remola e da n1olto lem1)0 Lei non presti ser, ·izio per ufficio <ii li lolare. ( • } T.a pr~ente r11l>ri ra

11 rapporlo di impiego inlerinale non sarebbe sufficiente; ma Lei deve insistere sul certificato dal quale risulta eh e nel 1926 esercitO per otto m esi le funzioni di m edico condotto titolare, pe r nomina in base a concor so. JÄ Commissione non puo eseluderlo. Ne il regolamento locale pot.rebbe stabilire una res triz;ion e maggiore . Se fosse escluso, ricorra al Con siglio di Stat o in sed e g·iurisdizionale. Termine sessanta giorni d all a data d ella notifioazione. 5° Dotlor L . A . - La< indennita cosi detta di cavalcatura puo essere ridotta. Soltanto lo stipenclio e irriducibile. Questa indennita e attribuita per cau sa di rimhorso di spese, calcolate a forfait . La modificazione deve esserc pero giustificata: cioe, deve essere dimostrato 11n mutamento delle condizioni obbiettive, ehe sia t ale da legittimare la ridu zione o la soppr ession e d ella indennita. Tale provvedimento deve essere approvato dal1'au tori ta tutori.a, perche si risolve in una modificazione d el capitolato. Lei puo ricorrer e alJ a G. P. A. in sed e giurisdizionale, n el termine di trenta giorni d alla notificazione d el provvedimento del Podesta . lnsista specialmente n ell 'esame de1l e condizioni attuali d ella condo tta in r apporto .al tempo in cui fu stahilita la indennita di L. 3000. Se Ja G. P. A. le desse torto, potra ricorrere al „ Con siglio di Stato. J\{a prim a di fare questo passo bisogn er a esaminare Ja decisione e tutte le circostnnze del caso. 1V. B. -

Ai qu esiti d cgli abbonati si risponde, in ogni c01so, d iretlamente, per l ettera. I quesiti devono esser e inv iat i, in, busla, accompagnati dal fran cobollo per l a risposta e sempre indirizzati imp ersonalmente alla R edazione d el cc Policlinico », 'l'ia Sistina 14, R om a. L e risposte ai qu esi li ehe non richiedono Psame di atti o speciali i ndagini, sono gratuite.

Saranno poi pubblicate in questa rubrica, ma senza indicare il nome del richiedente, soltanto le risoluzioni ehe abbiano interesse di massima. DA TENERE PRESENTE ! t 0 Pagare sempre l'abbonamento al " Pot:elinlco

senza obbllgare 1' Ammlnlstrazlone a speclall solleciti " ad personam „ . 2° L'importo d'abbonamento va fnviato mediante assegno bancario o eon vaglia postale. 3° Coloro pol ehe preferlseono sopportare una magglore spesa, versarlo eloe eontro tratt.a postale, tengano presente ehe questa dovra essere aumentata di 5 Ure per le vArle tasse ed altrf dlrittf postali ehe la tratta eomporta. Inviare Vaglia all'ediitore LUIGI POZZI Ufficio P o' stale Suooursa le cliciotto, ROMA.

e affidata all'avv. G10VANN I SEL VAGGl. ese:rcente in Cassazion e, cons. legale del n :;>etro per iodico.


[ANNO

XXXIX, NuM. 1)

35

SEZIONE PRATICA

NELLA VITA PROFESSIONALE . '

MEDICINA SOCIALE A proposito del certificato prenuziale (*) per il dott. LEOP OLD BARD , li bero doeen te d 'ig ien e m edica (Bue110 Aires). Ilo sempre sost cnuto , ed ho diffuso eon ogni rnezzo que La 1m i1a convinzion,e , cl1 e non po ... ibile comba llere un ma le c11z.a r icono~ cere la ua esi ten za o ve r o o ccul tandolo , non 1Jcr i O'n o ra nza m a per pregiudizio. Da n on inolti a n11i 1 le opi11ioni <lella stampa a questo rig ua rdo i on o .n1olto cvolute e c io di eui prima e ra co11 id·enato t1n p eccato il parl ar e, eostitui . ec og·gi })er g ]i o rg an r d ella ... lampa una g rave preoccu paz io11e. Que ta attitudine, que to n uo vo o rien la111en lo di conee tti cara Llerizz.ato dalla franch ezza con cui vengono consid eratc a lc un·e 111 a l.a t t i E Prima d ella gucrra Je p aro.Je « ifi1ide » e « malattie ven·erice » s i vedevano ra ram.ente ·tampale a l di fu ori d elle rivi1 te pro fessionali e, special.1nente n ei pa·esi Anglosa on i, il piu e he si poteva dire rifcrenidosi ai ifilitici e ra di u sar e paro le eom c cc infern1 ita soeia li n - oppure « la piaga oee ulta » . Al g iorno d 'oggi in molti paesi non e1 i t e piu eodesto falso pudore, i l qua le .i mped iva eh e n ei g io rnali di 1na ima diffusione i disc utessero d ei proble1ni rig uardanti le ma11attie veneree. N el n ostro pae e, dei grandi quotidiani eome « La Pren sa » cc L a aci6n » e « La Razon », in articoli e ditori.ali, h.arnno tplie so in ev ide nza la 1111eee si di realizzare la profilas i di codesti ma1i eh e c i insidian o e eh e eostituiscono ·d ell e vere e proprie piag h e soeia li. I o c redo eh e la trattazione di questi problemi in periodiei tanlo diffusi e eh e tanta importan za h anno p er l 'orientamento di un po1)010, 1 i.ano ·da con sid erare com ie f.attori di prim 'ordine, fondamentali, n ella lotta c on tro le mialatti e veneree. 11 1ris.anamento d ell,a, razza, I.a e u genica, d ev·e esseTie una profonda preoccupazione per tutti quei P ae i eh e a p irino a d el.evar i a l disopra del livello comun e a lle a ltre n.az ioni . II capitolo rifer entesi a l certifieato prenuziale st.ato molto di sct1sso, e co·si deve essere log ieamente , in quanto eh e esso riforma coneetti e d ab1itudini, ::regoJando, p eT m ezzo della l1eg:ge, eio eh e oggi 1costituisce una lae una i.Jnquali f icabile. L'esam e ·d ell'attitudine al matri·monio, introdotto ne llo Stato di W ashing ton , d egli S. U., nell 'anno 1909 e n el Wiseon:sin· nel 1913 , fu in seguito 1a<lottato d.a a ltri stati d el m edesimo Paese e da altri r·espinto.

e

e

ta

e 0

(•) Traduz. del dott. A. Pozzi.

Leggi su qu,esto medesimo argomento fu„ rono eme se in Svezia , Norveg·ia, Dani.marea, i\1e s ieo n ell 'anno 1927 , nella Turehia ITT.·el 1928 e .a Pa na ma niel 1929. el n ostro Paese, ·dura nte il mio 1nandato eom e ·d ep·u tato n azionaJ.e n egli anni 1922-1926 e 192 8~ 1930 (due periodi), io ho sottop·osto alla eon siderazione dell ' On. Congresso· della azione un progetto di legge (1922), i cui eon:cetti principali sono: 1) eh e sia m odifieato 1al cap. 1°, legge de l matrimonio, l 'articolo 2Q aggiungendo un 3° comma : . Ogn i person a di e so m asehile eh e voglia contr,a rre matrim o11io ·dovTa, n ei quindici g iorni preced enti alla data di i ser izione di d e Llo atto n el r egi tro civile, esser e esaminato al fine di provare e 0 n on a f[e llo d a infer. ' mLl a venerea . Cod e to ·certificato sara r e da tlo da un me·dico a utorizzato eon la presente legg.e e sara r eda Lto n ella foTma seguente : I o (nome d eJ 1m1edi co) 1 m edico legalmen te autorizzato, certifieo eh e il. .. (data) ho pratioa lo l '.esam e d el sig .. „ e cr edo eh e egli sia i11denne da ogni affezione venerea. 'F irma del medico. N .el capit olo V (leggi sul matrimonio) : Del-

e

le preca.uzioni previe alla celebrazione del matrimonio. All 'art. 19 siano aggiunti i eo.m ma 4°, 5° e 6°. 4° All '·e fße~to di prooeder e a eodesti esami sara ereato n ella Capitale 1Fede ra J.e, n el Dipart imento Nazionia·l e ·d.i !g iene, un uffieio specia le, a llo copo di riJ,ascia re i certificati di sanita prenuziale. Nelle provinee e t erritori naz ionali i certifiicati isar anno ri1 aseiati 1dai dipartimenti di Sanita e dalle di pend enze d el Dipartimento Nazion ale d 'I g ien e. 5° Nei punti lontani dai centri urba ni il certificat o sar a rilaseiato d1ai medici muni eip ali. 6° Nessun a tto di 1n.a trimonio sara registra to se il coniug.e di 1sesso m aschile non sia stato previamente sottoposto all 'esame m edico prenuziale ed abbia o ttenuto ·d ai medici un c erlifi cato ehe eo,m1provi eom .e egli r1on sia affetlo d a m ala ttie ven er ee. (:h e si1a m odifi cat o n ella legge sul m .atrimonio il eaipitolo XV cc disposizioni generali )> , a1g g iu·ngen·do all 'artieolo 107 i eomma 1° e 2°. 1° ogni fun;zionario .d1e.J r egistro civile, eh e .abbi.a con cesso il certificato di matri·monio sen za aver rieevuto il certifieato ·di 1c ui a l1'art. 2°1 comma 8°1 sara ·r iten:uto colpevolre di d elitto e passibile di pena con r eclusione da u·no a tr.e anni e d eselu sione dallo impiego ; 2° og ni m ed ieo ehe coscientem.ente e volo n tari1amente a bbia fa tto fa lse diehiarazioni


cc IL POLICLINIOO »

36

[ANNO

XXXIX, NuM. 1]

~

n el .c ertif ica to di eui all' art. 2 °, comma 8°, non potra esercitare la professione nel territorio della Repubbliea per il periodo di tre . ann1. Nel Brasile, a Cuba e nel Cile, distinti studiosi, eome Godoy, Lopez, del Valle e Couto, han fatto si ehe nella legislazione dei loro paesi fosse ineorporato il 1certicato prenuzia le. 11 XIV Congresso di Medicina Legale in Franci1a, approvo, eon il voto unanime del1'Assemblea, la n.ecessita ehe i poteri pubbliei ineorporassero la !egge ehe riende obbligat.oria la visita prematrimoniale. Pinard, il gran m.are stro della Seuola M·e dica Franeese, presento, nel Parlamente 1franicese, un progetto di !egge, tend.en te a rendere indispeil!sabile per il matrimonio un eertificato medico. Nella sa. Conf.erenza Sanitaria Panamericana si eonsiglio ai Gov·e rni di considenare la questione come eomplemento n.eeessario alla profilassi .antivenerea. II delitto ·di eontagio venereo es~ste solo in aleuni paesi ·d i alto livello eulturale, tradotto in I.eg.gi nazionali. Si suppone iche la trasmissione di eodeste m,a lattie sia dovuta ial fatto eh e i pazienti non hanno voluto assoggettarsi alle p.reserizioni m.edich e non obblig.a torie e e per ino ehe , sapendosi affetti da malattia contagiosa, non si eurano n e si astengono onde evitare il eontagio; la degen.erazione di alcuni giunge persino a trasmettere il eont.agio coscientem.ente e volontariamente. E giusto quin·di 1ch e la liegge ßaceia sentire il s uo influsso a f.avore di chi si aeeinge ia contr.arre matrimonio, e r ealizzi eosl un.a vera opera di profilas i soeiale quale e l'istituzione del libretto sanitario. E da considerare infatti eh e le m alattie veneree (salvo la sifilide terziari.a e n on :sempre) eostituiscono un im.pedim en to tempora·neo alla realizzazion e d el matrim,onio ch1e da solo puo impedire eh e il nuatrin1onio si icompia entro un tempo determinato, m entre el1e .la t erapeutica miedi ca possiede i rimedi n ecessaTi p·er rimiet~er·e il paziente in perfette eondizioni ·di .salut e e non essere cosl 1peri coloso ne a se, ne alla tiamiglia ehe va a formar e, ne alla 1soeieta ed alla razza. on pertanto desideriamo chiarire an cora m e 0 ·lio il nostro icon cetto e quale signifieato a vrebbe ].a san zione legale di esso, eioe l 'istituzione del libretto sanitario. E necessario inbanto t ener conto eh e l'ignoran za e l 'in'.Curi.a portano eomplicazioni di earattcre .molto O'rave : raccorciamento della vita i.a nel senso assoluto e letterale d ella p.arola sia rappre en talo dalla incapacita e dalla inutilila eh e portano con se ]1a perdita ·d i o,a ni altiludinc c di OQ"ni attivita , una vera m e sa . a r1 po o forzata ·di uomini con pochi anni di ser' izio, con riserve carse o nulle e ehe tra. ' "c1n.ano •COn e un.a pover a donm.a eh e cont.ag i~ n o e eh e I.a ei.an o immersa nella miseria. 1

. Chi puo n egare la gravita, la pertinaeia e 1a frequenza delle localizzazioni nervose, delle emtiplegie, delle affezioni midollari e eerebrali, con a capo ad esse la parali·si progressiva? E di quante morti in piena maturita ed anehe in gioventu no11 € r espon sabile l.a sifilide l Oggi, man mano ehe le nozioni eliniehe si fanno piu complete, in quante mal.attie e forme morbose non si trova come fon.d amento La lues? Bastano questi pochi eenni a far comprendere come il eontagio e il fattore isifilide siano st.r ettamente legati a,lla questione •d el matrimonio. Il malato gia .a!mm·o gliato, forse con figli, assiste impotente allo sfaseiarsi del foeolare ehe egli si era creat o, all 'impoverimento, alla miseria: se la morte giunge, il qua<lro e aneora piu tri:s te: una vitia di sienti attende la vedova e i poveri orfani. Queste problema puo es ere in gr.an parte risolto stabilendo l 'esame pr.ematrimoniale. Verv;ack e Leelerq, relatori dinanzi al XIV Congr esso 1Francese di Medici:na Legale, dopo aver p.assato in esam.e tutti gli inconvenienti di carattere morale, soeiale, sentimentale e medico si mostraro,n o partigiani dell 'istituzion,e del certificato prematrimcm.i ale, cereaindo di :conciliare l 'interesse sociale e Ia liberta indi' 'iduale e eioe senza ehe la legg.e si opponga all '.attu.azione del matrimonio, una volta porLato a conoscenza delle parti il risultato del1'iesame : quest'ultimo punto ·di vista non r esiste, a nostro parere, ad una seria eritica. Alcuni sostengono ehe l 'esperienz.a ha din10trato ehe eodeste leggi sono spesso eluse: sar ebbe il caso di domandare qu.ali leggi non si cludono; per evitare eio e necessario fare una propagianda vasta ed intelligente sopra il valore ed il signif~cato ·d i queste l eggi e, se del easo, minaeeiare eon gravi pene gli incarieati dell 'applicazione di queste leggi ehe non facessero il loro dov ere. Nel iBollettin o Sanitario Pan-Am.erieano, AriLid·e A. Moll .p ubblicava un interessante lavoro di alto valore rSeienit ifieo sopra questo tema; egli di ce : cc Lerueu h.a recentermente studiato a fondo il problem.a, diehi.aran do ehe non vi e ragione alcuna perche non si applichi al genere umano qurelJ o ehe si e gia ve1alizz.a to per gli animali, g iaceh e l 'uomo prima di permettere l 'aecoppia rnento considera il ]oro stato di salute, mentre quando si tratta di 1Se stesso laseia interenire questioni di sentimento o di danaro, nl ettendo da parte oo-ni 1consi·derazione sullo : tato organico. E per eio 1che no·n si dovrehb·e permettere il m atrimonio ai tubereolotici, ehe contami•n erebbero i loro fi.~li e tanto meno ai ifilitici, eh e contami nerebbero i loro disccndenti, ne ai blenorragiei, eh e potrebbero provo.car e la sterilita n ella loro eompagna. Altre m1alatti,e deane di con iderazione sotto ques.to punto di vista sono: l'aleoolismo, l'r1

1

1

1


{ANNO

XXXIX, NuM. l]

SEZIONE PRATICA

pilessia e partieolarmente le tare psieopatiehe, le quali opprimono intere generazioni sen~a ehe s i sappia sopra qu.ale di esse far ricadere la colpa. In tutti questi easi sareb.be neeessario un esame individuale, affine di impedire delle eontaminazioni ehe risulterebbero inevitabili per il benessere delle future generazioni ed in fo11do della soeieta, ehe ha il dovere di preoee uparsi d ella qualita dei suoi membri, v~sto e h e in aleune regioni partieolarmente il nun1e ro di es. i diminuisee di anno in anno. ()ualora il 1<)ertifioato prematrimoniale divenisse- un fatto eompiuto, e essenziale, anzitutto, e he e o abbia valore proibitivo. In questo ca o, due eo nseguenie sono da eon siderare: 1'a ttentato eo ntro la liberta individua le e l 'attcn la to contro il segreto professionale; sarebbe a di re eh e la l egge urterebbe eontro due dei g randi dog mi d ella moderna soeieta : la gar an zi.a d ell ' individuo n ello bato soeia l e e la garanzia d ell ' inferrno 11ell 'ordine m edieo. La que tione n1 erita di e ser e con siderata piu att entam ente: qu.ando n ei ipaesi scandinavi si tratto di libera r i d all.a lebbra, eh e t anto male rieco all'um,anita n el Mc dio Evo, moo vi fu nesu11 ir1du g io a OpJ)rimer e fino a d un certo 11unto la liberta individ11a le; inoltre, in Lutte le 11az ion i e ivilizzale, quando i vuol e dil'en dcr „ i con Lro certe m.alattie infettive, i viola il cgrc lo pro fe iona le per informare l 'a ulorila . de ll 'e i tenza di ca i d el gener e. Cio ig nifica el1e tan to la liberta individuaJ.e eh e il _egre to profe ionale on o in certi ca i sottopo ti ad aleune r e„tri_zioni ed esse n on impedis cor10 a soluta1n ente d 'imped ire l 'istituzion e di lJD certifieato prenuziale eh e h a COffirß SUO fin e d i proteO'O'e r e l.a oei.et a. 'en za dubbio, bi sogna attendersi d ell e difficolta , per esempi o, n ell e famigli e d ove eerta1nente r eeh era g ran turbamento 1a rottura di un•a prome sa di rna trimonio. Ma a n cora p iu gav i on o lc diff~co lta di ordine soeiale, in quanto eh e, a urn.entando gli ostaeoli a l m .atrimonio, v ie n e ad essere favoritO' il eon eubina.O'g io ed i fig ]i naturali no·n rieeverantilO ne prot ezion e g iuridica n e protezione ig ienica: obie:zione qu esta eh e ha pure il uo valore in ur1a epora eom e la pr e en te. Le diffieolta teeniiche sono tuttavi1a le piu forti , in quanto eh e la seien za m ediea non e aneora capaee di potere, in una data ora ·di un ·dato g iorno formulare ·conelu ioni prec ise sullo stato di salute <:fi un inf.erm o eh e J1.a eo ntra tto l 'una o l 'altr.a d ell e varie in fez.i oni e eh e s i presenti quindi ap.p ar entem ente g uar ito. Vi e una gran distanza fna la g uarig ione elini ea € apparente e la g uarig ion e r eale e seientifi ea dimos trata , e la m .agO'ior p arte degli esami su eui noi M::>n.di.am o d elle s peran ze, ri sultano a ll a fin e 1contestabili -ed ineerti, eome , p er esempio, nrella tubereolosi, sifilid e e blenorrag ia. In quanto alla sifilide esistono tre possibilita, riguardo al eer 1

1

1

37

tificato prenuziale: l )infezione puo essere eontratta poehi giorni prima del i1I13.trimonio e questo aver luogo senza ehe l ' infezione abbia dato segno di se: ·p uo darsi inoltre ehe il giorno in e ui si rilascia il signifiea to non esistano manifestazioni in atto e ieh e gli esami siano negativi: e infine il caso piu faeile in eui la sintomatologia e manifesta. In quanto alla blen·o rragia le diffieolta non sono m .inori, eeeettuata la forma aeuta ed aleuni dei easi c roniei. In aleuni casi sarebhe n e:cessario un periodo prolungato di osservazione prim.ia. di potersi deeidere in un senso o n ell 'al tro ». La mortalita infantile, ehe eostituisce gia un grave problema d a noi, rieonosce , fra le cau se ehe la determinano, la mancanza di eure, di igiene e di a limen tazione; la ig noranza e La miseria, ma sopratutto la eredita 1IT10rbosa. Noi eh e per ragioni prof.essionali visitiamo g li ospedali, le elinitch e e le abitazioni dei poveri, n elle miiserabili cantine ehe si ehiamano co nventill'os, possiamo dire, senza tema di esagerazion·e , ehe i.I 60 % d elle malattie dei hambini sono er edi tarie. Qualeuno h a d.etto e eon ragione : Una delle m alattie ereditarie ehe piu erudelmente deeirnano l 'infanzia e la sifilide ed e necessario !Jen er presente eh e l 'ereditarieta non e sempre tlire tta, ma e h e a volte passa dall ' una all 'altra gen erazione sotto forma di pazzia, di epilessia o di 1altre form e piu o 1nen o attenuate di alie11azione m enta le o di perLurbamenti d el sistem a n ervoso . Le s tatistieb e stranier e offrono a questo propo iLo da ti molto inter essanti, eh e d evon o esere segnalati p er l 'importan za eh e da essi n e deriva e affinel1e si ponga m en te a qu.ale e 1'avv.enire di un popolo quan·do non si eontrappongano delle solide barriere a l dil.agare d el t erribil e male eh e trascina eon se tante vite. H oeh s in ger presento n ell 'anno 1910 a lla Soe ieta Imp,e riiale di Vienna le rioer cb e da lui eondotte n el prin10 i tituto ped ia tri:co di Vienna: sopra 516 n a ti ifilitici, 308 morti, vale a dire una proporzione d el 57 %; sopra g li stessi 516 na ti, 51 bambini sani. II ·dottor J ean (1916) eon s tato sopra 331 n a ti i fi li ti ci. 179 morti, il eh e ·da un.a proporzione d el 54 %. P er qua nto rig ua rd.a il n ostro Paese, il n1ale ven ereo g uadag na terreno g iorno p er g iorno : 1a nos tra statistiea si avvicina g ia al le e ifrie sopra menzionate d e·g li. at1tori s tranieri, c io eh e e un g rave indice d.el mal.e eh e s i diffonde. t, n eoessa rio .convincer si eh e a lcun e m a]attie d evono eostituire, n el p eriodo di 1oro virulenza, quan·do eioe il eonta9'io m ette in perieolo l.a vita ,d ella d onn.a, un impedim,ento a eh e ]a legge legittimi una unione. Al fiattore rom.a11tieo e sentim,enta] e d el problema , eh e e invocato p er contra1 tare la visita


38

(C

JL POLICLI NIOO

»

[ANNO XXXIX, NuM. l ]

FoRl\fAZZA (Novara) . - Stipendio p er cinquanta m edica obbli gatoria, noi poss1amo contrapporro il eguente: puo dirsi mai felice un marito, poveri L . 10.000 con 10 ventesimi biennali oltre ehe ha La sua compagna quasi continuamente L . 1500, indennita alloggio; ~ L. 3500, vetttira; . 500, uffi(;iale sanitario; - L. 150 ambulatorio; prostrata nel letto del dolore, incapace di la- Lsalva d ecurtazione 12 % e r itenute l egali. Deposito vorare e di a ccudire al suo f ocolare o sen tirsi L . 50. Scadenza 31 gennaio. felice la donna, eh e, a costo di sacrifici e di FonNo CANAVF.SE (T orin o) . - ,Scad. 15 gen. ; 2a.. abnegazion.e divi<le l 'infenrnita del marito o condot ta, con Pratiglione; condizioni visibili presgenera esseri ch e non n ascono con la pienezza so l a Segr eteria con sorziale . dello sviluppo ben si degenerati 1ch e portano I soL c\ V1cENTINA (ViGenza) . - A tutto 10 gen.; con se per il m ondo le stimmate dell 'infermita 2° r eparto; L. 9000 p er 1000 pov., addizion. L. 300 eh e hanno ereditato? ogni 100 pov. in piu n on ten endo conto delle fraAl disopra del fattore sentimentale, d ella zioni inferiori a 100; p er trasp. L. 1000-2500; depas ·ione irrefl essiva, ·del capitolo r·O'mainttieo curtazione 12 %; eta lim. 45 a. al 1° die .; tassa stanno i supr emi e 1sacri inter essi della societa, L. 50,15; doc. a 3 m esi . LAnRo (Rieti). - Al 17 gen., ore 12; con Morro in tal 1m,a niera compromessi . Cosl eome la legge casLi.ga 1'infanticidio, non ·e po sibile eh e Reatino ; L. 9240 per 1000 pov. ; addizion. L. 4 · 5 ess.a incroci le bracei1a dinanzi a eodiesti gravi quadrienni dec.; p. cavalc . L. 2700; t assa L. 50,IO; mali eh e i diffondono re eh e l.a leg~ge del ma - doc. a 3 mesi dal 4 die . On1STANO (Cag liar i) . Ospedale Civile. - Scad. 29 trimonio in m olti casi favorisoe, m entre i loro tentacoli avvo1gono la madre e fanno sl ehe febbr. ; primario medico; L. 12.000 iniziali. Tre· an11i di aiuto in Ospedale di primaria importanza l 'impunita protegg.a , soltanto perch e cosi e od in Clinica universitaria. Titolo di prefer enza : 1'usanza, il delitto di lesa infanzia. pratica di l abor alorio. Chieder e annunzio e infor1

1

1

CO N CORSI. PosT1 vACANTI. An1Tzo (tVuoro) . - Scad. 29 febbr.,; con Belvi ; L . 9000 ol tre L. 1500 cav.alc., L. 1000 uff. san. , L. 720 c. -v. se dovu lo ; ritenute di l egge; i due p aesi disl ano km. 2.3; tassa L . 50.10. AscoLr P1cENO . Con sor zio Provincial e Anlitubercolar e. - Per titoli ed esami. Posto di Medico dir ettore d el Con sorzio . Documenti di rito oltre l aur ea m edicina e chirurgi a consegt1ita presso una R. Unive rsita d el Reg110 <la almeno due anni, certificato di iscrizione all 'Ordine dei Medici per l 'anno 1931, titoli' comprovanti la sp ecifica comp eten za d el concorrente in tisiol ogia, ig iene e pro·fil assi soci al e della tuber col osi, d a presentarsi non oltre il 22 febbraio 1932. Stipendio annuo lire 24.000. Indennita di servizio attivo L . 3000 lordo riten ute di legge e 12 %. Nomina quinquennale riconfermabile saJvo disde tta tre m esi prima scad enza. Divieto eser cizio professionale; consentita sol o consulenza n ell1a specialita compatibilmente esigenze servizio. P er schiarimenti rivol ger si alla Segreteria d el Con sorzio in Ascoli Picen o, Palazzo del Governo. BASSANO DEL GRAPPA (Vicenza). - _l\bitanti 21.000. Osp e<lale Civile, 200 l e tti . Con cor so Chirurgo prim a rio. Slipendio lordo L . 8000 e 6 trienni ventesimo„ Si richie<lono 6 anni di servizio prati co in Osp edal e o Clinica chirurgica univer sitari a. Laur ea con seguita da almeno 8 anni. Eta non superiore 40 ann i. Scadenza 31 gennaio 1932-X. BELLUNO. Ammin . Prov . - Scad . 15 feb . Medico aittlo d al Di p e11 ario prov. antitl1ber co]are; lire 6000 ol.trc L. 2500 serv . att., g ia d epurali del 12 %; 5 quadrienni d ec. Chied er e avviso. Rivolger si al Con orzio anti luber col ar e . BoLOGNOLA (Niacer ala) . - Scad. ore 19 del 10 gen . (Vcdi . 51 del 1931). F0No1 (Ron1a). Ospedale Civil e. Chirurgo dir e t lor e e m ed ico prin\ario; il Commissario prefettizio rer1cl e noto eh e per l 'ammissione al concorso 11e ~ t1n limite d 'eta c presrri lto p er i liberi docenti ciell a Facolta di m edicina e chirurgia. V. fa se . 50 d el 1931.

mazioni alla Segreteria della Congregaz. di Carita . PESCARA . Ammini':> lrazione Provincial c. - Postii di Direttore della Sezione Chimica e di Coadiutore della Sezione Medico-Microgr afica del LaboratorioProvinciale d '!g iene e di Profila ssi . Per titoli ed esami. Scadenza 19 gennai o 1932. (Vedi N. 51 d el 1931) . REGGro CALABRIA. Co n g r ey ozione rli Cari ta. - Due p osti: p er titoli; primario m e<licina generale con incarico servizio analisi; stipendio annuo lordo lire 12. 000 e L. 4000 per detto incarico ; primario oculista: stipendio annuo lordo L. 8000. Due aumenti quinquennali. Compartecipazioni 70 %. Scadenza 19 gennaio 1932. Rivolger si Congregazione Carita. RoMA. Ministero delle Comu nicazioni (Ferrovie dello Stato) . - Con cor so p er titoli ai seguenti posti di Med~co di Riparto : S. Pietro Vernotico (Bari) ; Poggio Renatico (Bologn a); Giave (Cagliari) ; Militello II (Catania) ; Lucca III, Marradi II (Firenze) ; Cornigliano Ligure (Genova); Codogno (Milano); Boscoreale , Castelforte, Vil la Literno (Napoli) ; Al camo, Canicatti III, Racalmuto 1 (Palermo) ; Carr ar a-Aven za (Pisa); Anversa-Scanno, Attigliano, Tarquinia II, ' ' icovaro (Roma) ; Cava de ' Tirreni, Nocer a Inferiore (Salerno) ; Grottaglie, Taranto VII ('f aranto); Saluzzo, Sobborgo S. Michele, Valenza (Torino); Beseno, Lavis, S. Massimo all' Adige (Trento) ; Longarone Zoldo, Verona IX (Venezia) . Inviar e domanda e richieder e informazioni ai risp ettivi Isp ettorati Sanitari (indicati fra parenlesi) . Sc ad . ore 17 dcl 30 genn. Rol\irA. Minister o della Arl arina. - Co·n cor so p er l a nomina d ii 13 tenenti medici in servizio p ermanente nel corp o sanitario militare marittimo . Domande in carta da bollo da L. 5 alla Direzione gener ale del p er sonale d ei servizi militari, Divisione Stato giuridico, entro il novantesimo giorno dalla pubblicazion e della notificazione di concorso sulla cc Gazz. Uff . » d el Regno, corredate dai documenti prescritti dall 'Klrt . 7 della notificazione s tessa. 1 vin citorii del con cor so eh e otterranno l a nomina a ten ente, se ammogliati, dovranno, entro il termine di due m esi dalla nomina ad ufficiale, chied er e al Minister o l 'aulorizzazion e a produrre, n ei modi sLabiliti dalla l egge 11 marzo 1926, n. 339,


[ ANNO

XXXIX, NuM. 1)

SEZIONE PRATICA

39

l e prove di possedere la rertdita annua di L. 4500 .i1ominali. Gli esami avranno inizio in Roma, presso il Ministero nella Marina alla data ehe sara stabilita e -comunicata in tempo utile ai eoneorrenti. Copia della reiativa no Lifieazione di oon corso (con annesse le istruzioni e i programmi d 'esame) potra es er~ rjchiesta direttamente al Ministero -Oella Marina (Direzione generale d el personale e <tei servizi militari, Divisione Stalo giuridieo), all.a Direzione della R. Scuola di Sanita militare e mariLtima di Napoii e alle Direzioni degii Ospedali militari mariltimi di apoli, d ella Spezia, di Taranto, di Veneziia, di Pola e della Maddal~na.

VARALLO-SESIA (Ve r cetli). - Posto per l a seconda cendotta. 11 termine scade iI 10 genrtaio. Chiarim enti e testo bando completo possono ottenersi dalia Segreteria Comunale. VERBICANO (Cosenza). - Scad. 10 gen.; L. 6500 e 5 quadrienoi dee.; eta Iin1. 45 a . ; tassa L. 50. VERGATO (Bologna) . Ospedale Civile. - Sead. 26 gen.; chirurgo primario cer1s11lente effettivo; assis te11L~ dirigente gabinetto radiologico. Per infor1nazioni rivolgersj Segreterjn Congregaz. di Carita. VrETRI 01 PoTENZA (Potenza;. ·- Scad. 20 gen.; L. 7000 e 6 qua1lrie1111i dec ., o1tre L. 600 se uff. sart.; eta Iim. 40 a .; tassa L. 50, 10.

Ro1v1A. Governatorato . Sead. ore 12 del 31 genn.; assistenle ined ico spe<:ializzato in otorinola1dngoiatria addetto all 'I tiluto per la cura dell 'adenoidismo ; eta Jim. 35 .a.; doc. a 3 mesi dal J 2 die. ; tassa L . 50; tip. L. 7600, oltre eventuaii -c. -v. e L. 780; riduz. 12 %. Domanda al Governalorato da presenlare al Protocoilo della Ripartizione I. Chiedere annl1nzio alla Segretcria generale.

A medici generlct, offronsi per rilicvo, due i1nportanti, modernissimi studi dentis tiei in pieno funzio1tamento. II preprietario, specialista in odontoiatria, e disposto eoaudiuvarli, sino aI con seguin1ento necessaria pratiea e conoscenza elientela. Rivolgersi: Tess. Ferr. 746-184, Ferme posta, Milano.

S. Pow (Roma) . "Yolgersi Segreteria.

. cad. 15 gen.; 2a. cond.; ri-

S. V1To AL TAGLJA)IENTO (Ud ine) . Sead. 15 iuar.; L. 8000 e 6 quadrienni ciee. per 1500 pov.; .addizio11. L. l; p . serv . .att. L. 500; c.-v. ridotto ; p. trasp. L. 3000; deduz. 12 %; e la lim. 40 a. SAPPADA (B elluno). cad. 31 geri.; L. 8000 eltre -c.-v., L. 1000 trasp. e facililazioni per I 'alloggio; 5 quadrienni dec. SAR.~ANO

A rellifica dell'avviso pubblieato i1el umero 51 deilo seor so dicembre, si chiarisce ehe il pos lo a concorso e per condotla medico-chirurgica e non prevalenlemente c hirurgica. Per l a Direzione dell 'Ospedale provvedera Ia Congregazione di Carila. Rimango110 invariate le <iitre no•r me. II cencorse viene prerogato al 31 gcnnaio 1932. (A11acerala) .

-

SARONNe ( Varese) . - fJfficiale Sa11ilario. Per tileli ed esami. Stipendio iniziale L. 9000 al lordo di R. M. e del centribulo Cassa Pcnsione Sanilari e ron cliritlo a cinque aumen ti quadriennali del decime. lndcn11ita di trasporto L. 500 al lordo R. M. Divie lo servizio prPsso altri Enti rnorali o pubblici. Permesso eser cizio prefessione libera. Domanda ei doc umenti entre il 3J gennaio 1932 al Podes ta cli ,Saronne. TRAPANL Comune. - ,Scad. 28 feb.; 1a Sez. urbana; L. 9500 e 5 quinquenni di L. 825; d eduz. J 2 % ; tassa L. 50. TREnoz10 (Forli). - Scad. 10 gen . ; sez. di ponente; L. 11.000 e JO bie11ni ventes., oltre L. 12502500 trasp.; riduz. 12 %; tassa L. 50,10; eta Iim. 35 a.; dec. a 3 m esi dal 9 die. 'fRIORA (Imperia) . - Per titoli. Stipendio annuo L. 9000 per 500 poveri con I 'addizionale di L. 5 per egni povero· in pi\1. Inde11nita quale Ufficiale Sanitario L. 500. PeI servizie ostetrico L. 500, fino a quando non sara provveduto COJl lev.atrice. In· dennita di caval catura L. 2500. Gii assegni di cui sopra sono soggetti alle rid11zioni di cui alle vigenti leggi . Aumento del ventesimo ogni biennio e per 10 volte. Doeumenti di rito di oui al manifesto 20 novembre 1931. Seadenza 20 gennaio 1932; assunzione servizio entro 15 giorni dalia partecipazione sotto pena di decadenza. Per ehiarimenti rivolgersi aila Segreteria Comunale.

Impianto radiologico Apparecchio RadJagoa lipo II, cedesi a buone condizioni. lndirizzare richieste: E. Campanelii, via Sistina 14, Roma.

Co.Ncons1

-

A PREMI.

Premio « P. Fa1nel » per un corso c!i perjezionamento in Francia„

Presso l a R . Universit a cli Roma e aperto iI COllcorso ad un premio cli L. 5000 is titt1ito dalla cc Casa P. Famel » di Parigi. 11 pren1io sara attribuito ad un laureato in n1edicina e chirurg ia eh e diehiari di r ecarsi a P arigi ed ivi trntlen er si p er frequent arvi un eorso di perfezionarrJ en to in ciinica medica . Sono ammessf al concorso i Iaureati presso detta Universila, entro cinque anni d aI con segui1nento· de1l a laurea. Chiedere annunzio al · Rettoralo. Scad. 31 gennaio.

Utlllsslmo ad ognl Medico :

II Diritto Pubbliao Sanitario Periodico mensile di legislazione e giurisprudenza Direttori: On. doll. Aristide Carapelle, Consigliere di Stato. Avv. GiOvanni se1vaggi, Esercente in Cassazione. Editori: Fratelli Pozzi -

Roma

Il Numero 12 (Di1cembre 1931 ) contiene:

Per un ordinamento logico dell 'assistenza sanitaria 10. cale. Kote sintetiche: Attestaziomi e eertificazioni a.a,n.itarie. Ll medico di fronte al nuovo Cod~ce Penale. Rassegna di giuriisprudenza : CQncorao. Cootituzione della oom•m issione. Rin.novazione. Procedimento e gi udizio. - Oon·c al'\90. Limite di eta. Ex oombatten.t i. Concorso. Fa,oolta di scelta. Motivazione. - Pro.vvedimenti del vice Podesta. Parere della Ooneulta. Approiva.11ione. - TraeformazJone della oondotta piena in residenziale. Effetti sullo stipendio. - Farmacie o spedaliere. Auooirizzazione. - - Provvedimenti per oombattere la ma-laria. Infrazicme di un'ol'lclina.nza prefettizia. Pena 3.IP'P1icabile. - !giene degli alimenti. Vendita di paeta superidrata. Leggi e Atti del Coverno : Spcse d·i spedalita. Domicilio di soccoreo. -

Prezzo di og·ni numero separato, L. 5. L'a.bbonamen.to ai dodioei Numeri <lel 1931 costa. L. 3 6, ma agli associwti al « Policlinieo » e concesso per sole L. 3 0, .ohe vanno inviate, mediante Vaglia Postale o B.ancaTio, all'editore Luigi Pozzi, Via Sistina 14, R()IIDa.


(( IL POLI CLI N JCO »

40

NOMINE, PROMOZIONI ED ONORIFICENZE

Con motu proprio del ll~ il dotl. L. W. Haokett, ohe r appresenta Ja Fo11dRzione Rockefeller in Europa presso la Stazion e sperimentale per la Lotta antimalarica di ]{01na, e st alo insig11ito della comm enda dell 'Ordin e della Coron a d 'Italia. Siamo lieti di questo rico11oscim ento ufficiale dell e ben emerenze acquist ate dall 'insigne scienziato verso il nostro Paese.

,

11 dott. Giovar1ni J.,jon etti, dei Dispen sari Dermosifilopatici Governatoriali di Roma, con motu proprio del Re e stato norninalo cavaliere della Corona d 'Italia. Rallegrarnenti. In esito ai con r.or si per Je segu enti cattedre universitarie, le Coinrnissio11i gi11dicatrici h anno formato le lerne per ciascuna di esse indieate : clinica pediatrica a Cagliar~ -: 1° Zamor ani Vittore~ 2° Macciotta Giuseppe, 3° Trambu sti Bruno; anatomia e istologia p atologica a Messjna: 1° Verga Pietro ' 2° Radaelli Piero, 3° Battaglia Filippo; psi. cologia sperimentale a Roma: 1° Ponzo Mar10, 2° Bon aventura En zo, 3° Musatli Cesar e; p atologia chirurgica e semeiotica a Modena: 1° Comolli Antonio, 2° Brancati Raffaele, 3° Ceccarelli Carlo.

11 prO"f. Luigi Villa e incaricato dell 'insegn.amento di patologia m edica presso la R. Universita di Pavia. 11 prof. Mario Carravetto e incaricato dell 'insegnamento di patologia chirurgica presso la R. Universita di Napoli.

NOSTRE CORRISPONDENZE. Da Pavia.

Onoranze accademlche al Prof. lglnlo Tanslnl. Lunedi 30 novembre, si sono tenute a Pavia,

nell 'Aula Foscoliana dell 'Universita, le onoranze accademiche al prof. lginio Tansini ehe h a lasciato l 'insegnamento <.l ella Clinica chirurgica per limiti d 'et a, dopo 47 anni <X>rrLplet amenle dedicati alla sua missione scientifica ed edu cativa, di cui 31 alla cattedra di Pavia. Erano presenti ad onorare ! 'illustre professore il Senato accademico, le autorita, numerose rappre.senLa11ze di altre Univer sita, moltissimi suoi allievi; numer osissime le adesioni. Primo a prendere la parola f11 il Rettore prof. Rossi, eh e si dichiara lieto di poter annunziare all 'illu str e chirurgo la nomina di professor e emerito; co mmenta l 'istituzion e di una borsa di studio a suo nome; prend e in con segna per l 'Univer sita un busto, fatto dallo scul tore Gigi Supino; offre infine al festeggiato una medagJia d 'oro, esprimendo il desiderio dell 'lJniversita di averlo ancora a lungo vicino e collabor atore. Parl arono poi il Podes la di Pavia, prof. Vaccari, il prof. Purpura, dell 'Aten eo Palermitano, il piu anziano degli allievi di Ta11sini l 'on. !\forelli, in rappresent anza di tulti i m edici italiani, il vicepre idenle dell 'Ordine dei Medici condotti dott. ~1i l anesi, a nome del preside~le, on. Nicolato. Infine il b arone De-Ghislanzoni, presidente del Comitato Provinciale della Croce Rossa, p er incarico di 8. E. Cre1nonesi, presidente nazionale, porge al festeggiato una medaglia d 'oro, per le ben emerenze acquisite verso Ja Croce Rossa. Il fc. leggialo prende la p arola commosso ed 1

1

lANNO XXXIX, NuM. l }

esprime in primo Lempo la su a gratitudine verso tutti ; formula poi, raccogliendo i canoni della scu ola chirurgica, il s110 lestamento d 'insegnantet rirordando il carattere edu cativo, ehe egli ha sempre voluto dare al proprio in seg11amento clinico_ Illustra l 'indole sociale fi el ministero chirurgico, eh e esige il piu scrupoloso dovere di onesta e di coscienza. \ iiene poi a cornbaltere la t endenza all 'eocessiva specializzazione. Le parole dell 'illustre cl1ir11rgo sono vivamente applaudite e la <'erimonia si Lrasforma in una grandiosa Jnanifestazione Cfi ammirazione e di affetto , continuata anch e in Municipio dove si e lenu to un ricevimenlo. Prof. PAoLo l NTROzz1 .

NOTIZIE DIVERSE. 40 Congresso italiab.o di microbiologia. La presider1za della Sezione Italiana della Societa lnternazionale di Microbiologia h a fissato i temi di relazione per il 4° Congresso Nazionale, ehe avra Juogo nel m ese di novembre. 1 temi prescel ti sono : « Le dissociazioni microbiche », rela tore il prof. Gianni Pelrag11ani; « L 'immunita locale J>, relatore il prof. Giuseppe Mariani; « 1 microbi del terren o e la fissazione dell 'azoto atmosferico », relatore il prof. Gino De Rossi . Sara inoltre svolto il segu ente argomento all 'ordine del giorno: « Le en cefaliti postvacriniche », re1atore il prof. G. B. Allaria. Durante il Congresso sar anno p ermesse comu11icazioni , eh e trattino esclusivamente argomenti di relazion e. Le comunicazioni dovranno p ervenire .alla Segret eria della Sezione non oltre il 15 settembre, essere dattilografate e redatte in lingua italiana o francese. 1 titoli delle varie comunicazioni saranno accettati fino .al 31 agosto. Potranno ·fare corn unicazioni anche studiosi stranieri, purche in lingua italiana o francese. Una seduta del Congresso sara dedicat a al Comitato italiano per lo studio dei gruppi sanguigni, eh e terra in tale oc<;asion e la sua solila riunione. Sara discu sso il seguente tema : << Gruppi sanguigni e costituzione fisica », relatore il dott. Domenico Viola. Sono accettate sull 'argomento anche comunicazioni, per le quali vigono le r egole sopr a riferite. La quota d 'iscrizione al Congresso e fi ssata i11 Lit. 25 e da diritto al vol11me degli Atti e a tutte le facil~tazioni eh e la Segreteria riuscira ad otten erc. Per ogni l1lteriore informazione rivolgersi ai segretari prof. Dessy e pr of. Ar11audi, via Darwin 20, Milano.

2° Congresso pan-paciftco di chirurgia. Il Comi tato organizza lore ha deciso , prevale11ten1ente in con siderazione del d~sagio economico gen erale, di rimettere a1 prossimo anno il 29 Congresso della « Pan-Pacific Surgical Association ». Esso si adunera ad Honolulu (isole Ha"v.ai) n el1'ultima settimana di aprile ovvero n ella prima seltiman a di maggio del 1933, sotto la presidenza del dott. James Hardie Neil. Le isole Hawai offrono speciale inter esse turistico; vi esiston o vari ospedali attrezzali alla perfezione. 11 viaggio dall 'Europa si puo compiere per San Fran cisco, per il Panama o per il Giappo·n e. Dall 'Italia esso richiede intorno a 33-35 giorni per qua-


[ANNO

XXXIX, Nul\1. 1)

SEZIONE PRATICA

lunque di q11este vie; la lunga durata e dovuta alla seconda parte del viaggio, poiche difettano le navi celeri. In 1a. classe (non sono consigliabili altre classi) il viaggio importa incirca 1000 dollari. (Tutto compreso, richiede presso ehe 3 mesi di te1npo e una spesa di 50.000 lire it. : dubitiamo forte ehe dall 'Italia partecipi qualche chirurgo a questo congresso). Segretario generale e il dott. F. J. Pinkerton (la corrispondenz.a puo inoltrarsi a: Seamer Street, Glebe, Ne"v South Wales, Auslralia). Per eventuali informazioni rivolgersi al1'Agenzia Cook di Roma, via Vitt. Veneto 9-11.

llostra internazionale della stampa. Si terra .a Tiflis durante il 1932, in data da fisarsi; comprendera 181 lingue, di 249 Paesi. Sara 1imilata ai periodici. Avra carattere itinerante: visitera molte citta di vari Paesi. Vi ono invitati i periodici di medicina. Indirizzo: Pressa, « L'Exposition de la Presse de lous Jes Peuples », Boite Postale 25, Tülis, Republique Georgienne, U. R. S. S. Nella stampa medica. Ha iniziato le pubblicazioni cc Abruzzo Medico », organo ufficiale della Societa medico-chirurgica degli Abruzzi; e diretto dal prof. Antonio Gasbarrini; redatlore-capo ne e il prof. Antonio Merlini. Accoglie lezioni, contribuli originaJi, casistica clini ca, rilievi storici, recen ioni, r esoconti, notizie; e a periodicila non determinata. Costituisce un'affermazione cul lurale significativa dell 'Abruzzo. II primo numero (nov .-die. 1930) si apre con una _ lezione del prof. R. Paolucci e reca vari contribuli pregevoli. Gli uffici hanno sede in Teramo, via S. Carlo 19; l 'abbonamento annuo importa L. 30. Auguri cordialissimi. « The J ournal of Thoracic Surgery », organo ufficiale dell '« An1erican Association for Thoracic Surgery », risponde allo sviluppo rapido e pode-

roso de11a chirurgia toracica. R a periodicita non deter1ninnta Viene erlito dalla cc C. V. Mosby Company » di St. Lot1is (Pine Boulevard 3523), S. U. d'A.

Corsi complementari d'igiene pratica. Saranno tenuti per aspiranti alla carriera sanitaria: presso la R. Universita di Napoli, dal 18 gennaio .al 18 rnarzo; tassa L. 400, <ia versarsi all 'economo della R. Universita. I.e in scrizioni si ricevono fino al 16 gennaio; presso la R. Universi La di Firenze dal 1° rnarzo al 30 aprile; tassa di inscrizione L. 300,50, piu un contributo di L. 50,10 per le spese di l aboratorio: l 'una e 1'altro d a corrispondere alla Cassa dell 'Universita (Cassa Rj sparn1io di Firenze, via Bufalini 6); presso la R. Universila di Pisa dal 1° aprile al 31 maggio; tassa L. 300, da versa~e alla Cassa Universitaria (Cassa di Risparmio di Pisa). Corso sulla tubercolosi polmonare in Spagna. Si svolgera dal 15 febbraio al 31 marzo, in Madrid, ponendo a profilto i mezzi d 'insegnamento ehe offrono l 'Ospedale Nazjonale delle Malattie Infeltive, Je lnfermerie di Chamartin, i sanatori di Tablada e Valdelatas, il dispensario dell 'Universita e l 'cc Insti t11to AnlitubercuJoso de las Penuelas ». 8aranno ammessi n on pii1 di 50 allievi, per ordine di domanda, divisi in 5 gruppi di 10 allievi cia-

41

scuno, ehe si alter11eranno nei vari istituti, in cicli della durata di una settimana. Tassa d 'iscrizione: 100 pesetas. Rivolgeri all 'istituto predetto.

Una conferenza. Il prof. NicoJa Pende, clinico di Genova, nella Scuola ospeda1iera di Roma ha tenuto una conferenza sul lema: cc Tonicita e contrattilita n ei cuori malati ». Ha dimostrato l 'importanza clinica di un principio da lui trovato fin dal 1919, ossia ehe la tonicita del cuore e la premessa indispensabile per l 'attuazione della legge di Maes trini-Starling, legge per cui il cuore, dilatandosi attivamente, puo at1mentare l 'energia clelle contrazioni. Inoltre ha illustralo una sindrome, da lui chiamata « ipertensione venosa costituzionale », in cui esiste un aumento permanente della pressione venosa, ed e dimostrabile uno stato di aun1entata tonicita delle pareti de11 'orecchietta destra. Quesa sindrome costituzionale puo simulare uno stato di scompenso circolatorio venoso, e perfino una stenosi della mitrale. 11 prof. Pende ha esposto due nuovi metodi d 'indagine cJinica per l 'accerlamento cosl della tonicita, come della co11trattilita del cuore malato. Uno di tali metodi consiste nell 'analisi del polso giugulare raccolto con procedimento fotografico prima e dopo una resistenza opposta al lavoro del cuore. Un altro metodo e quello di fotografare, 1nedian te uno speciale apparecchio, la contrazione sistolica e la diastoJe del cuore nei suoi vari segm enli, cosi da avere riprodot.ta l 'immagine dei movimenti del muscolo cardiaco. Con questo nuovissimo mezzo e possibile controJlare anche l 'effetto dei vari rimedi sulla tonicita e sulla contrattilita del mu scolo cardiaco. L'oratore ba avuto occasione di ricordare vari studiosi jtaliani, quali i] Marag1iano, il Castellino, ehe ha scoperto leggi fondamen taJi sulle aritmie, Minervi , V. Ascoli, Sabatini , Maestrini, Lafranca, Pace, Meldolesi, Sebastiani, C'ignolini e altri. AJ.l'Ufficio internazionale d'igiene pubblica. l.l Comitato permane11le si e .adunato in sessione ordinaria a Parigi dal 1° al 10 ottobre, sotto Ja presjdenza rle l dott. Velghe; l 'Italia era rappresenlata dal dott. Lutrario. Vennero pres:ii in esame numerosi problemi: pellegrinaggio musulmano, convenzione sanitaria inlernazionale, servizio medico e sanitario n bordo delle navi, convenzione internazionale dell 'oppio, diffusione e profil assi di varie malattie epidemiche: peste, colera, ittero emorragico, tifo esantematico, vaio1o minore, maJaria, tubercolosi, febbre ondulante, poliomielite, meningite cerebro-spinale, esantema miliariforme infanLile, lebbra , traco,m a, reumatismi, ecc.; l 'assemblea si e occupata anche degli esami medici periodici, della tu tel.a sanitaria dei lavoratori indigeni, ecc. Pro Croce Rossa. In una <1elle recenti sedute parlamentari l 'on. Giar<lina ha parlato sul disegn o di legge r elativo alla istituzione della cc Giornata della Croce Rossa », ponendo in rilievo il particolare significato etico e sociale di questo provvedimento. E bene, ha detto, ehe la Camera non lasci passar e occasione per manifes lare il suo consenso a tutto quanto si riferisce al perfezionamen lo dell 'assistenza e della sanita pubblica. Ricordo le grandi benemerenze della Croce Rossa in guerra e in pace, in collaborazione con gli organi statali di profil assi sociale. Essa pero

,


« IL POLICLINICO

no11 lrova nel suo bilancio ~ mezzi per far fronte a tutti i suoi alti eompiti, onde molto opportuna e 1'istituzione della « Giornata della Croce Rossa ». Questo provvedimento, con cui si aumentano le possibilita di r endimento della Croce Rossa, dimostra altresi la fidueia del Governo n el sentim ento di solidariela soeiale eh e anima il nostro p opolo.

Il Calendario e l' Agenda della Croce Rossa. Anehe per 1'anno 1932 la Croee Rossa Italiana ha preparato il cc Calendario » ehe costituisee ormai una sin1patica tradizione. Il Calendario 1932 reea una sug·gestiva illustrazione eseguita espressamente dal pittore Spoltore, racehiusa in una .arlisliea eorniee robbiana, su di un .antico sfondo oro fior entino. Costa L. 15. Il grande suecesso eh e ha sempre, e con sempre maggiore intensila, arr~so a questa iniziativa, ha fatlo pensare ad un 'altra pubblicazione ehe si abbina al Calendario, e eh e e \)0Slituita (la Ulla utile Agenda, la quale importa L. 20 (tipo cli 1usso L. 50) . Il sanatorio di Pozzuoli. Con l 'intervento delle l „L. AA. RR. il Prineipe e la Prineipessa di Piemonte, e di S. A. R. la Duch essa d 'Aosta madre e delle maggiori a utorita della Provincia di Napoli, ha avuto luogo in Pozzu oli l 'inaug11razione del preventorio della Croee Rossa Italiana, eh e si intilola a Umberlo di Sa•

YOl a.

lVIons. Petron e, vescovo di Pozzuoli, ha proceduto alla ben edizione dei locali, ehe sono stati poi min11lamente visitati dalle LL. AA. RR. , accompagnale dal sen. Cremonesi, presidente della C. R. I „ e cl al dott. Matteucci, direttore del sanatorio. Questo sorge st1 d~ un 'area di 120.000 mq. e domina il magnifico golfo di Napoli e -le isole d el1'arcipelago partenopeo. Nell 'atrio una gr.ande lapide reea la seguente seritta: cc Regnando Vittorio Emanuele III, Capo ,cJ el Governo e Duce del Fascismo Benito Mussolini, la Croce Rossa Italiana, per merito del suo presidente Filippo Cremonesi, compiva questo Jstiluto di carita, intilolato al nome augusto di Umberto qi Savoia, 1'a'nno ~1CMXXXI-X E. F. ».

Cospicua donazione. La « Gazzetta Uffiei.ale » ha pubblicato un R. D. 14 ag·osto 1931, col quale, su proposta del Mini.stro per l 'Edl1cazione Nazionale, il R. Istituto Lombardo di Scienze e Lettere di Milano, e autorizzat o ad accettare un 'offerta di L. 30.000 allo scopo di istituire un premio biennale perpetuo deno1ninato cc Premio Carlo Koristka ))' da conferirsi, mediante con corso, a1 miglior lavoro di ottica. Beneftcenza. La Ban ca Commer ciale Italiana ha erogato la so1nma di lire 500.000 - versatele dal sig. Brusadelli1 com e da diehiarazioni in un giudizio svoltosi all1a Corte d 'Appello ____,. destinando L. 270.000 alle opere di assistenza invernale del P. N. F. in varie citta d 'Italia, e L. 230.000 da ripartire fra la Croce Rossa Italiana, l 'Opera n azionale maternila e intanzia, l 'Isti lulo Materno Regina Elena di Roma, ! 'Opera di Prevenzionc antitubercolare infantile, l 'Ospizio n azionale piccoli derelitti e la Congregazion e di Carita di Milano e l 'Opera Pia Sanatori Popolari di ~Iilano e provineia.

~

[ANNO

XXXIX, NuM. 1)

Ospedale per asmatici. A Gladbach-Rheydt (~russia) e stato eostruito un nuovo ospedale per asmatici; conliene, tra 1'altro, 24 camere anallergiche. L 'aria, .aspirata alla sommita di una torre al ta 30 metri, viene sottoposta a refrigerazione, onde prec~pilarne il vapore acqueo, e poi riportata ad una temperatura idonea. Incendio di un ospedale. Un incendio, sviluppatosi d1 nette, ha completam ente distrutto l 'Ospedale .psichiatrico di Falcon,vood a Charlotteol:\ (Isole del Principe Edoardo, nel Golfo di San Lorenzo, Dominio del Canada). Trecento· pazzi furono obblig.ati, in tenuta notturna, a saltare dai letti e ad u scire sotto un freddo intenso; due rimasero u ccisi n el saltare dall 'ultimo piano dell 'eclifizio; un altro e rimasto ar so vivo. Si calcola ehe i danni ascend.ano a circa .1 0 milioni di lire il. Incendio nell'Universita di Johannesburg. On gravissimo i11cen·d io scoppiato nel palazzo dell 'Universita di Joha11nesburg h a distrutto completamente la parte centrale dell 'ediiicio, tra eui la biblioteca. Sono anclati perd uti la maggior parte dei suoi 35.000 volumi, tra cui documenti storici <.l i valore. I danni so110 valulati a eentomila lire sterline. Onoranze al prof. Uberto Arcangeli. Il prof. Uberto Arcangeli, primario medico del 7° P1adiglione al Policli11ico Umberto I di Roma, avendo compiuto il 70° anno, lascia, per limiti di eta, il suo posto. Si e coslituito un Comitato allo scopo di organizzare delle on oranze all 'in sig1ie medico, il quale attraverso 40 anni di luminosa ed appassionata iattivita, ha raggiunto la dignita di un vero Maestro. Il Comitato si prefigge anzitutto il compito di ristampare in volume g·li scrilti ph1 notevoli del prof. Arcangeli. 'futti eoloro i quali desiclerano parlecipare a CJtLeste onoranze sono pregati di inviare adesioni e contributi al segretario del Comitato stesso, dott. Amedeo Piccine.l li, 7° Padiglione, Policlinico Umberto 1, Roma. Onoranze al dott. Di Tommasi. 11 gr. uff. dott. Di l 'om1nasi, direttore delle Ter1ne di Agnano, cui s~ deve in gran parte la valorizzazione delle proprjeta terapeutiche di quelle acque, ha compiuto recentemente un cinquantennio di laurea. In tale occasione un gruppo di ammiratori e di amici ha festeggiato il valente sanitario. In memoria del prof. Clementi. Il podesta di Caltagirone, acceltando una p,roposta dell ' ufficiale sanitario G. La Rosa, eon unanime voto della Consulta ha deliberato di onorare e tramandare la memoria dell 'illustre eompianto con cittadino prof. Clementi, apponendo una targa commemorativa sul prospetto della casa ove naeque, sulla via Corso Ferrai, ehe sara chiamata via Gesualdo Clementi. E slato invitato, dal Podesta, il prof. Lino, ehirurgo primario dell 'Ospedale e docente nell 'Ateneo Calanese, a tessere 1'elogio commemorativo dell 'Estinto. La data della cormnemorazione verra stabilita subito appena il deliberato Podestarile avra riportata l 'approvazione


[AN!\O XXXIX, Nul\r . 1)

43

SEZIONE PRATICA

della St1periore Prefettt1ra e del Ministero competente per quanto rigt1arda il nu_ovo battesimo della via Corso Ferrai.

R.!SSEGN.! DELL.! ST.!MP.! MEDICA..

Per l 'autorizzazione a viaggiare quali medici di bor do.

norragie da . cause extrauterjne. S . PARKEs. _<\.spetti fisiologici della meslruazione. - J. GRANT. Ri<'.erche su~ porta tori difterici. Nled . .Welt, 26 sett. -- A. LAUCHE. Stato odierno della coltura d ei tessuti. - i\scHNER ed altri . Esis te una vera febbre dentaria ? Deut. Med. Wochens., 25 sett. - v. WEIZSÄCKER. 11 concello di capacita di lavoro. - - MosER. Valore diagnostico della mielog ra!ia. Zbla.tt . f. inn. Med., 26 sett . - G. Z1cKGRAF. La clorofilla in terapia. Wiener Klin. Wochens., 25 sett. WE1ss . 11 principio di risonanza n ell 'attivita nervosa. AscHNER. II trattamento somatico · d ella derne11za precocc. - RunnrTrus . Sintomi della prostatite e direttive del trattamento. Münch . Med. Wochens ., 25 sett. PETTJNGER. Diagnosi dei vizi valvolari combinati. - WoHFALL. Gli aminoacidi dello sputo ed il bac. tub. - KoEPPE. La eatalasimetria del sangue in clinica. R ev. J\IIed. de Chile, luglio - CnARLIN. La nuova si11drome del nervo nasale e sue forme larvate. NrJAl\fKIN e ZAVALA. 1 sali di chinino nell 'ipertiroidismo. ld ., ag. - VERDAGUER e SCHWEITZER . II metodo di Gonin nel distacco di r e tina. - SIERRA . Interpetrazione del eollasso e (lello << shock ». Minerva Med., 22 sett. - 1. S11'10N. Osservazioni sul siero Nor:r;uet. Presse Med., 23 sett. -- LABBE .. Trattam. delle gangrene diabetiche . -- GALLART-MONES e FONTOUBERTA CASAS. Studi sull 1insufficienza epatica. Zeit. f. Tub .• vol. 61, n. 2-3 . - Dedicata al Congresso annuale del Comitato tedesco per la lotta

Un deereto d el Capo del Governo indice la revisione delle autorizzazioni ad imbareare quale medico di bordo concesse dal 30 nov. 1921 al 29 dicembre 1924 inclusi. Entro il 20 febbraio 1932 i anitari interessati dovranno pre entare al Ministero dell 'interno il deerelo di autorizzazione atl imbarcare, unitamente ai certüicati di rito. Con~orso

annullato.

La 5a Sezione del Consiglio di Stato, pre iedula dal sen. Alberto Pironli, su ricorso del prof. Raffeale Calvanico, l '11 die . ha annu)lato il co11corso a direttore della ~1aternila degli Incurabili di Napoli.

Limitazione all'esercizio di medici stranieri in Fran· • c1a. Una recente l egge stabilisce ehe per l 'esercizio della medicina in Francia si richiede la nazionaJita francese. ~ fatta eccezione per i medici stranieri originari di Paesi ove e co11cesso l 'esereizio ai medici franeesi ; ma solo a parita di numero.

Per gll orfani dei medici morti in gnerra. II Comitato nazionale per l 'assistenza agli orfani d ei medici morli in g uerra ha fatto allestire u11a erie di carloline illu strate, con La quale, in 24 visioni del pittore Apolloni e con inlonate diciture, c liricamente celebralo l 'eroismo del medico, in guerra e in pace, nella ossessione della trincea e nel falicoso, oscuro, periglioso adempi1nenlo della su a 111is ione qt1otidiana. GI 'introili aranno destinati all 'a si s lenza d egli orfani di medici morti in guerra. L 'offerta e s labilita in L. 12, ehe dovranno essere inviate all a ede del Comilato, via Nazionale 172, Roma.

Morti violente di sanitari. 11 (}otL. Luigi Crea, da Stilo (Reggio Calabria),

e s tato

travolto ed ueciso da un lorrenle in piena.

Il dott. Paolo Anzeletti , medico condollo a Fieulle, e stato u~ ciso da lln p osside11te deJ luogo, a colpi di rivoltella, a quanto pare p er ragioni di gelosia. Era nato a Roma; contava 27 anni .

11 doll. DAVID BRUCE - d ella c ui morle abbiamo gia dato una sommaria notizia - h a co1npiuto una serie di scoperte fondamentalj. ell 10 spedale di La Valella, a Malta, identifico l ' agente causa]e della febbre ondt1lante. Nel Sud-Africa .aceerlo ehe l 1agente cau sa1e d el nagana (1nalattia d el J)Cs tiame) e un tripanosoma. Nell ' ganda riconobbe il compito delle glossin e (mosche t se-tse) n ella trasmissio·n e della malaltia del sonno. Ra avuto molta parle anche i1ell 1organizzazione dj campagne sanitarie. Apparleneva al corpo sanitario militare inglese, e dura11te Ja guerra ragg iunse il grado supremo della carriera: gli ft1 affid.ata Ja direzione generale del servizio sarlitario. La moglie, Mary Elizabeth Steel c, fu sua collaboratrice preziosa e lo accompagno sempre nelle sue peregrinazio,n j. E nolo eh e durantc j ft1ncrali della moglie, nella cattedrale di Londra, egli si e spento improvvisamente. Era n .alo in Australia nel 1855. P. 1

British Med . Journ. ,

26 sett. -

J. YouNG. Me-

ant~tub.

l lrch. lt . di D ermat .; ecc., ag-. -

V. 1,RAl\10NTANO e C. F ITTIPALDI. Eman gioendotelio1na cutan eo del Kaposi. Arcli. lt . di Urol., sett. - S. ZANETI'I. La pielografia. - L. SERRA. Valore d ell 'indacanuria nell 1esploraz. funzion . del rene. Amer. Journ. of Can ce r, Suppl . lug. - H. G1DEO! WELLS , G. S. SnARP. Leucoplasia dell'esofago. - J . W. SP1Es. EffP.tt~ biologici delle sost anze radioaltive. - R. 0 . BARNARD. Effetto dell 'alcalosi d ictetica sullo svil uppo clel sarcoma dei ratti. A.m er . Med., 5elt . C. T. PERKINS. Diatermoler apia della r>aral. progress . - ']'. S\iVANN HAnDJNC .. E tnozioni e digestion e. Giorn. di Cl. 1\.fed„ 20 setl . - G. DAGNINI. P seutloval vol e cl el c u ore. JJar;s Nfed., 26 se tt. - ·rIFENEAU. Ormoni sinLe tici e Joro succerlanei. J ourn,. Med. Pran~., ag·. - Numero sull 'arsenor e. i s ten za. Edinb. M ed. J ourri., ott. - D. M. DuLOP e R . M. lVI unnAY LvoN. Obesita . Pediatria, 1 otl. - A. 1S1GNA. Meningite cer.-sp . d a bucillo di Pfeiffer . - D . AnGAHANO e C. GA.RttIELE. Vaecinaz. anti varicell osa. 11ccacl. "ft.tfed. , 15 sett. - N. l).ENDE. Vere e i alse ro bus lczze. Presse Med ., 30 sett. - J.-A. CHAVANY. Diagnosi d ei tumori intra-protuber er1ziali . - L. CEnF e N. PAULY. Iperglice1nia consecuti va agli interventi sulle vie digestive. Arch. rli Pat. e Cl. Nied., sett. - C. DEsSYLLA . Diabele mellito infantile. __,, P. CoccHIERI. Pneu „ inotorace spontane·o n,ell 'infanzia.

1


cc IL POLICLINICO »

Journal A ._ J\.ll. A., · 19 sett . -

·

L . \V. GosHANN. ln:egnamenlo 1nedico e medicina rurale. 11ass. Int ernaz. di Cl. e Ter. , 15 set t. - P. FAR.NETII. Cura d el Lrofoe<ie1na di Meige. H . R UGE. Coside lli bubboni climalici. T~evue B elge des Sc. Al ed., giu .-lug. Fascico1o in onore di A. Lcntaire . • Mediz. l(liriilr, 2 o lt. - V. SCHMIEDEN e l{RAAS . Megaduode110. - vv'. SCHHEl BER . Die ta di n1cle e flora intes lin. Giorn. Venelo di . c . Al ed., ag. - \ . , . ALLE. La Jnalaria nelle Venezie. Rif. M ed., 21 setl . l{. l{. P1zz1N1 e Z. F. F.\NELLI. Ricambio n e1l 'itl ero emol il. Radiol. Med., otl. L .. 'fALAMO. Perforazioni subacule del duode110. C. BEccnrNI. Ri11oscleromi radiumtraLlati. .. A r ch. Mecl. -Ch . de l App . R esp. , 2. - Nu1nero s ull 'esploraz. radio l og·~ca deg li org. resp ir. Rev. Neurol., sett. - D. E. PAULIAN e I . B1srn1CEANN. Mal ario lerap ia . Zbl. /. Cliir., 3 o ll. - G. R1cHT.ER .. Tec11ica d ella sutura dei n ervi . - J . .EPSTEIN. Riempi111e11to di con trasto dell 'arlicolaz. d el ginocchio. Wien. I<.lin. 11lf och.. , 2 ott. - Ku:i\IIER. Radiu111t erapia. l\.AIILER: P a togen esi dell 'ip erten s. ar ierio ... a. A r ch. lt . di Derrnal. ecc., sett. P. CERUTTI. « Scabie.s Nor veg-ica ». G. GuARDATr. Sist e1na r .-e. in .alcur1e d er matosi . Practilion er, ott . un1ero di ematologia. Niün.ch. NJed. Woch., 2 ott. ScHÜBEL. Azione d ella chinina st1ll 'u tero. PÄsSLER. Focola i infel livi cronici d el cavo orale. Deul. lvled. ll' och.. , 2 o lt. - GRASREY e al . Radioterapia d el can cro. FuIEBOEs. Il proble1na del sale. 1

[ANNO XXXIX, l\"ul\c. l J

.4.n1i. di Ost. e Gin., 30 sett. -

A . M1GLlAVACCA. Trasmissiope t r an splacentare dell 'ultravirus lbc . -- P . 1' AcLT:\FERRO . ll achianestesia novocainica n ell a !)r at. gi11ecol. Paris ,\ led., :3 ott. - Nu1nero di i1eurologia. A rcll. lt„ d i Cl i ir., se ll . - ~I. DoNATI. Anon1alia di fi sazio11e deJl 'ansa ileo-colica e appe11dic ite . - G. BETTAZZ L Car r ino1na da ca Lran1e nell 'u omo. Riv . 'a.H. Sie., 1 o tt. - ~iI. AscoLI. 'fum ore ])le uro-1Jol n1011. - G. C1 n1~11NNA. 1'rauma e tbc. Jour1i. rl. III. A ., 26 sett. - H . N. CoL.E e a l . EffeLt i t ossici delle arsfe11ami11e. - W. B . CAs1'LE e al . Dis turbi djger. e a11emie. - F. N. LASHl\fET. 'Tra t ta11i. d eg·l i e(ie11li i1cfr~tici con acidi. Presse l\Iecl. , 7 ot t. - E RN. SERGENT e al . Pne u m o lomia e J)lle u111eclon1ia parziale. Giorri. cli B atteriol. e I1nn~ u1iol., se tt. - R . PALl\'IA, M. llo~tEo. Azio11e d ei trefor1i embrionari sulle. jnfezioni . - I . GAzzorr1 . Pneumoniti e pneumococchi . - L. 'i'ROSSARELLI. Isol am. dei germ~ patogeni da focolai mor b osi. Rif. Med. , 28 etl. - D. G10RDANO. Dis turbi an g ioneurotici d eg·J i ar tj i11fer . - A. TARSITANO. Glicen1ia differen ziale ca1Jill aro-venosa n elle inalattie d ~ fegato. i\tlinerua NI ed., 6 o lt . - L. D 'ANTONA. Azione dei diuretici e diabete i11sipido . ' p erimenl., 3 o tt. - S. BELFANTI. Riso e berib e r i. - F. PESCATOllI e R OGERS . Genes~ spastica d e lle ulcere gaslrich e . - E. CuBONI. Batteriofago . F~iv. Espan. d e M ed . y Cir. , ott. V. GoNzALEz CALvo e J. l\IART1 Ez J3RUNA. In,flu enza dell 'istamin a sulla pH sa11g ttig11a e sulla riserva alcalina. Cl. e Jg . iri/ant., setl . - C. Al\IATI. Influen za dell 'uo vo sullo sviluppo e su ll 'accr escime11to dei giov.a11i orga11is1ni . I~i v . äi Cl. P eclial r ., se tt. L. V10LA. As111a bronchial e anafilattico 11el b ambino. 1

"'r·

1

lndice alfabetico per materie. Ascesso pol111onare tifico con perforazio11e nel cavo p leurico e pio-p11e umotorace conse11suale . . . . . . . . . . . Pag. )) A uxo ter a pia . . . . . . . . . . . . . . . Bambini sordas Lri e sordo111uti: educa)) z1one acus tica . . . )) Bibliogr aria . . . . . . . . . . )) Blenorragi a: esiti . . . . . . )) Cer lificato medico 1)re11uziale )) Cianosi : riccr ch e . . . . . )) Ci s ti ovarica g igante . . . . . • )) Corpo calloso : mancan za . . . • • )) Diabete co11s untivo: albu111i11e clel s1cro . . )) Diabete jncipienle : d iagn osi . . )) Dia lcsi essudativa : esiti lont.1r1 i . • )) Dio les j ess ucl a tiva: tratta1nento • )) Diflerite e sieroler apia: osservazio11i )) Eczema dei l attar1ti . . . . . . . . )) Eredoluc sospetLa . . . . . . . . .

Giu ri spruden.za san il.aria: qu esi l i

))

Gruppi · s.anguigni:

))

ereditarie la . .

3

32

31 25

32 35 27

15 27 20

19 30 30 29 30

32 34 31

I11fezioni bro11co-p oln1on ari pos t-oper aloric: tralta111e11to con i lisalo-vaccini Pag. I n su li11a: azio11e sulle sog·lie ren ali . . » Leucociti: Yelocila cli secli1nen azio11e . » l\1al aria: ineccan is1110 patog·en e lico d elle 1n anifes tazioni c u Lanee . . . . . . . . » l\Ialaria: i11etoclo cl 'arricchi111enlo d ei }) arassi ti . . . . . . . . . . . . . . . » iVIicroscop1a: col orazione deg li strisci con l a mati la copi a liYa . . . . . . . » ~1Iilza: diag nosi cli tu1nore con 111etod o di contras lo . . . . . . . . . . . . . » Polip ep Lidemia . . . . . . . . . . . . . » Poln1oni: suppurazioni: tra lLam ento . » Pressioni p eriferich e: ricerche . . . . . » Rene uronefrotico ca1co loso: presen za d i osso . . . . . . . . . . . . . . . . . )) Scarl atli11a e morbillo: assocjazione . . . » 'f eLan o: co11troversie sulla prevenzione » Tubercoloma ma1nn1ario d 'origine cos t ale . . . . . . . . . . . . . . . . . »

~2

26 !7 26

26 18

31 27

!O 26

27 29 23

28

Diritta di proprieta riservati. - Non ~ con sentita la 'ristampa di lavori pubblicati nel Policliin ioo se non in seouito ad autorizzazione scritta dalla r edazion e. E vietata la pubbHcazione di sunti di essi senza citarne la f onte.

A. Pozz1, resp.

C. FaucoN1, Red. capo. RGma - Stab. Tipo-Lit. Armani di M. Counier.


l.NNO XXXIX

Roma, 11 Gennaio 1932 · X

Num. 2

'' •

fondato nel 1893 dai professori :

GUIDO BACCELLI

''

FRANCESCO DURANTE

SSZION.ß PRATIOA.

REDATTORE CAPO: PROF. CESARE FRUGONI . Clinico Medico di Roma Al

nos~I .slgno~I

abbonati

ehe~

t>er non subire interf'ubc>ni neUa reeet.ione dei fascieoli del « POLICLINICO », hanno la lodevole abitudine d'•no~trare Presto l'importo per il rinnovo del proprio abbonamento, rammentiamo ehe iL vagüa postale va in„ testato al nome dell'eclitore LVIGI POZZl e ehe dev'essere fatto pagabile nell'Vffieio suecuf'sale 18 (dic1otto) „ Roma. Coloro ehe si valgono di cheque o di assegno bancario. provvedano a ehe il titolo sia esigibile in Roma. Raccomandiamo inoltre di appuntare al polizzino del vaglia postale o bancario la fascetta con cui st sono ricevuti finora i fascicoli tlel « Policlinico », o quanto meno di indicare, con esattezza, il rispettivo numero di abbonamento. L' AMMINJSI'RAZlONB.

SOMMARIO. Lavori originali : C. Tosca.n-0: Sulle variazicmi della chetonemia nelle affezioni epatiohe. 01serv:1zioni oliniche : G. Muzzarelli: Su di un ca&o di frattur a della base del cranio. Tecnica di laboratorio : M. P ergol a: Alleetimento e titolazione delle saluzioni d i tellurito potaeeico oooorr e nti per il 11 Siero-Uovo-Tellurito >>. Problemi d'attualita : T. Gayda: La fisiologia dell'atleta. Sunti e rassegne : CIRCOLAzIONE: F. Nuzum e A. Elliot: Un'analiei di 500 casi di iperteneione a rteriosa. E. Leschke: Lnfluenza del eietema nervoso vegetativo eU!lla presS!ione sanguigna e patogeneei della iperto•D ia. J . P a l : L'insulto cerebrale e J.'angri06pasmo negli ipert<>nici. - J . Rollet e P aufique : L'esrume o fta.lmologico nell'iipertensi<>ne arterioea. - E. Via: L'estTatto pamoreatico desinaulinizzato n ell'ilpertensione a.rteri0isa. - OssA E AllTlCOLAZIONI : F. Albee: Prin-0i pii direttivi nella cura delle fratture rn.on con solida.te. - A. Scboltz : Per la -0qnoecenza delle a lterazioni vertebrali nelle carcinosi. - E . Watson-Willia;ms: Le fTatture del naao. - E. Seiffert: La rig idita doloroea della spalla. - Mutel : Il tratta mento delle ci.eti dette « einoviali 11.

Cenni bibliograflci. Tribuna libera: T . Silveetri-G. Melli: Anoora a rpropo-

LAVORI ORIGINALI. lstituto di Clinica Medica della R. Universita di Roma.

Dire ttore inc.: Prof.

S:

S1LVESTRI.

Suite variazioni della chetonemia nelle af· fezioni epatiche per il dott. C. ToscANO. Le nozioni :moderne sulla chetogenesi e sulla chetolisi hanno richiamato l 'attenzione degli studiosi sulla influenza presumibilmente notevole eh e su tali processi deve esercitare il fegato. :E infatti logiico pensare eh e un 'alterazi-0ne epatica, in quant<? influisce sulla normale funzione glicopessica del fegato, possa alte.rare il metabolismo dei g rassi e delle proteine, in modo da determinare accumulo di che tooi nel sangue. Cio a prescindere dall:a possibilita ehe il fegato piu direttamente regoli il ricarnbio dei ch etoni.

&ito della « Posaibilita di suscita,re eindromi di anafilassi wttiva la.cale ». Accademie, Societa Mediche, Congressi : R. Aocademia Medica <li Roma. - Societa di Coltm:a Medica della Spezia e Luuigia,na. - Sooieta di Coltura Medica Novareee. Appunti per il medico pratico : CASISTICA E TERAPIA : Rilievi s ul reumati.emo artioolare oronico. - Metodi moderni di cur a del reumati&mo cToni-00. - L ':illlfiltrazione dei teeeuti con soluzione di g lucosio nel reum atismo m11s'COl a r e. - Peritomite r eUJID.atioo.. - SEMEIOTICA : Va:riiazioni dei diametri oardiaci nelle diverse posizioni. ·- MEDICINA SCIENTIFICA : II (( fattore vitale )) nel!la idieta. Una teoria eulla nat uTa delle vitamine. - La eawnina negli spinaci. - RUBRICA DELL'UFPlCIALE SANITARIO: A. Fran.ohetti: Il regolamento per l 'Lgiene <lel l a voro. - POSTA DEGLl ABBONATl. - VARIA : Binet e ZaJID.pfir : Ef,f etti nocivi del tabaiooo. Politica sanitaria e giurisprudenza : G. Selvaggi: Controversie giur idi.che. Nella vita professionale : Con corei. - Nomine, promozianri. ed onorificenze. Nostre corrispondenze : Da P a lermo.

Notizie diverse. Rassegna della stampa medica. lndice alfabetico per materie.

Che il fegato abbia importanza dominante nella genesi dei corpi ch etoni ci sia normalmen te eh e nel dig iuno idrocarbonato, e quindi anche nel diabete, e stato dim1ostrato da 1Fischler con un interessante esperimento. Se . i somministra a l oane della florizina , si realizza la condizione piu atta al manifesta-rsi della ch etosi , cioe il depauperamento in carboidrati ciDcolanti e di riserva; ora, se si pratica la fi stola di Eck, in modo d.a deviare gran parte del sang ue dal fegato e da produrre una ipofu.nzione di qu.est 'organo, la florizina provoca una chetosi molto minore ehe 11el oan·e a circolazione normale. Praticando in vece la fist-0la di Eck invertita (immissione del sangue dalla vena cava inferiore n·ella porta) la florizina produ·ce una chetosi enorme. Cio sarebbe dovuto, ·secon do IF ischler, alla maggiore irrigazione e quindi piu ampia ca1

1


<< Il„ POLICLINJCO

46

pacita funzionale del fegato in queste condizioni sperimen tali. Embdern. e Lattes hlanno .d 'altra parte dimostrato eh e la for.rnazione dell 'aceton e, nei cani avvelenati con flori zina, e maggiore eh e n egli animali normali. Külz, Klemp erer, Czerny, Rosenfeld e Hirschfeld hamno trovato aumento dei ch etoni in stati di autointossicazio11e di v.aria origine. Krause in un :caso di coma epatico trovo una diminuzione dell 'alcalinita del sang ue. Altri AA. hanno dimostrato uno stato di acidosi in malattie del fegato , ricercando l 'aumentata ,eJiminazione dell 'ammoniaca n clle • uir1ne . L'importanza .della mancanza di glicogeno nel fegato sulla eomparsa dei eorpi ch etonici n elle urine, veniva messa in evidenza con ricereh e istol ogiche eseguite su fegati sicuram en te alterati. Bockelmann e Boeh dim1o strarono nelle donn e eclamptich e un frequente aumento nel sangue d ei ch etoni, mentre il fegato era quasi 1completamente privo di glicogeno. Berlin e Jitz trovarono una cheto:nuriia aum entata in malati di fegato ali.mentati con m olti gr.assi. Uno studio elinico importante sulla ch eton emia negli epatopazienti e stato condotto da Seelig. Seelig, esegu endo numerose determinazioni della eheton emia in individui affetti da malattie epatiche, ha cO'Ilstatato eh e n egli ammalati nei qu1ali, in base ai reperti clinici , si poteva pensare a·d un 'al terazione parenchimale ·d el fegato, ma specialm,ente nell'ittero semplice catarrale, esist e un aumento ne l sangue dell 'acido ß-ossibutirri co, al quale spesso si associa aumento dell'acetOIIle e dell'acido diacetico. Seguendo questi ammalati per varie settimane, con ripetute determinazioni, Seelig ha potuto con statare eh e durante il trattamento eliniico, nei casi in eui si era notato aumento d ella chetosi, si ha in gen ere un abbassamento dei valori della chetonemia . In ql1alche caso si h a un 'alternativa di abbassamenti e di su ccessivi aumenti, prima ehe i vtalori tornino a l normale. Nei casi di ittero catarr~le, Seelig trovo valori di partenza sempre al di sorpra di 10 mgr . % per l'ac. ß-ossibrutirrico, in ammalati eh e riicevevano un nutrimento privo di carme e di g rassi e ricco di idrati di carbonio , trattati con terapia insulina -glucosio. .... ee1i.g, in ba e ai ~ uoi :ri ultati , mentre coosid era conferrr:.ata la natura parenehimale del1'al lerazion e epalica iilell 'ittero catarrale, pen... a cl1 e l 'al1n1ento dei chetoni in questi ma1

1

»

[ANNO

XXXIX, NuM. 2]

lati faciliti la con1prensione di alcuni sintomi clinici ehe in essi si osservano (vomito, cefalea, vertigini). Crede anche ehe la nozione di chetosi da a lterazion e parenchimale del fegato g iustifiehi la terapia insulina-g·lucosio proposta in questi ic asi. L 'aumento della ch etonemia n ei malati con alterazioni parenehimali d1el fegato e stato osservato acr:lche da Scherk, ma non costantemente; i vialori della ch etonemia non vanno d 'altra parte, seco·n do i ri·sultati di questo A. , paralleli con Ja gravita della m.a-lattia. In con clusione, tanto gli studi sperimen.t.ali ehe le osservazioni clini•ch e fanno pensare eh e il fegato abbia notevole importanza nella , gen eisi e n el ricambio interm e·dio dei chetoni , e eh e nello studio d ella ehetonemia si possa trovare un mezzo per apprezzare lo st.asto funzionale dell 'organo leso n el suo parenchima. L' importanza dell'argomento mi ha indotto a portare u.n contributo di osservazioni personali, studiando il eomportamento della chetonemia in u:n oerto numero di infermi di ' cui a l cu·n i portatori di affezioni epatiche, altri affetti da malattie diverse, con o senza i111teressamento del fegato. Tutti gli infermi seguiva no le prescrizioni dietetiche relative al loro stato morboso. 1 prelevamenti di sa.n gue furono eseguiti da una vena del braccio, al .m attino, a digiuno. 11 dosaggio dei chetoni nel sangue fu eseguito con il classico metodo di Rngefeldt. 1

I. - T. G., a. 24. Ittero infettivo. mgr. 1,64 % Acetone + ac. diacetico )) 4,40 )) Acido ß-ossibutirrico

OssERvAzIONE

C. F ., Acetone + ac. diacetico Acido ß-ossibutirrioo

OssERVAZIONE

ÜSSERVAZIONE

f ettivo.

II . -

34. Ittero infettivo~

a.

mgr. 3,68 % ))

6,16 ))

A. F . V., a. 19. Jttero in-

III. -

mgr. 7,68 %

Aceton e + ac. diacetico Acido ß-ossibutirrico

))

12,54 ))

C. V., a. 22. Ittero semplice-. Aceto1te + ac. diacetico mgr. 2,96 % Acido ß-ossibutirrico » 4,40 »

OssERVAZIONE

IV. -

OssERVAZIONE

V. -

A. F.,

a.

48. Ittero da stasi.

mgr . 2,04 %

Acetone+ ac. diacetico ~i\.cido ß-ossibutirrico.

))

4,80 ))

s.

R .' a. 32. Colecistite. Acetone + ac. diacetico mgr. 0,82 %

ÜSSERVAZlONE

VI. -

))

Acido ß-ossibutirrico OssERVAZIONE

VII. -

T. G.,

a.

Acetone+ ac. diacetico Acido ß-ossibutirr~co ÜSSERVAZIONE

tica.

VIII. -

3,08 ))

epatica. mgr. 3,24 %

61 .

»

Cirros~

5,94 »

Q. L . a . 59. Cirrosi epa-

Acetone + ac. diacetico Acido ß-ossibutirrioo

'

mgr. 5,63 % ))

6,16 ))


[ANNO

XXXIX, Nu

L.

2]

SEZIONE PRATICA

IX . - P . G. , a. 66. Cirrosi epatica. Acetone + ac. diacet ico mgr. 4,60 % )) 9,24 )) Acido ß-ossibutirrico

· Ü SERVAZIO F. \ X[\'_ 1n o11are. Diab f!.le n 1r> //ilo.

ÜSSERVAZIONE

ÜSSERVAZIONE

X. -

fegato.

U ' SEHVAZ LONE

ÜSSERVAZIONE

XI. -

m gr. ))

1,33 % 1,98 ))

i11gr . l , 94 ~~ )) 2,20 ))

Acetone + ac. diacetico Acido ß-ossibutirrico ÜSSERVAZIONE

XII. -

G. M. , a. 66. Scornpenso

cardiaco.

Acetone + ac. diacetico . Acido ß-ossibutirrico

Os ~ ERVAZIONE XIII. -

G.

- 32 OI m gr. o, 10 )) 8,80 ))

~-\. ,

a. 33.

Os ERVAZIONE

XIV. -

B.

a. 66. . . co11i p en so

Acetone + ac. d~ace li co .Ac-irlo B-os ibu tirrico

XV. -

s. u.,

cardiaco.

Aceton e + ac. diacetico Acido ß-ossibutirrico ÜSSERVAZIONE

XVI. -

mgr. 4,50 % )) 8,90 ))

G. B., a. 57.

Scornp enso

cardiaco.

Acetone + ac. diacetico Acido ß-ossibutirrico OssERVAZJONE

XVII. -

P . G.,

mgr. 1,64 % )) 4,40 ))

39. Scornpens o

a.

cardiaco.

Acetone + ac. diacetico Acido ß-ossibutirrico O ssERVAZIONE

mgr . 3,88 % )) 6,16 ))

R. Q., a. 41.

XVIII. -

Scornpenso

cardiaco.

_A cetone + ac. d iacetico Acido ß-ossibutirrico ÜSSERVAZIONE

XIX. -

mgr. 1,74 % ))

5,09 ))

B. Q.' a. 11. Malaria r e-

cidiva.

Ace tone + ac. d~acetico Acido ß-ossibu lirr~co

ÜSSERVAZIONE

XX. - -

s.

mgr. 1,43 % )) 4,18 ))

L ' a. 29. Cisti di echi-

nococco del polm one .

Acetone + ac. diacetico Acido ß-ossibutirrico

mgr. 0,92 % ))

1,70 ))

n1gr. 6,55 % )) 25,08 ))

111gr. 7,68 % )) 14,52 ))

P., a. 3 . l• ebbre rne1

Ace tone + ac. diacelico J11g r. 8,49· % Acido ß-ossibulirrico » 25, 96 » Fu eseguita una seconda d elerrr1i11azio11e duranle un p eriodo di remissio11e : Acetone + ac. diace tico 111gr. 3,88 % )) Acido ß-ossibut~rrico 7 ,92 )) ÜS SERVAZIONE

XXVII. -

F . A.' a. 28. Febbre me-

Aceton e + ac. diacetico Aci<lo ß-ossi.bulirrico ÜSSERVAZIONE

xx,r111. -

111gr. 3,99 % )) 4,62 ))

S. L. , a. 15. Pleuri le

essu daliva D.

Acetor1e + ac. diacetico Acido ß-ossibu Lirrico

n-igr. 3,28 % )) 8,36 )) a. 55. Scornpenso

s.

d i terranea.

dil erran ea.

cardiaco.

ÜSSERVAZIONE

OssEnvAz10NE XXv I . -

mgr. 4,91 % )) 7 ,48 )) ~\ .,

a. 2 . Tb c: p ol-

G. ,\ . , u. 52. Diab et e 1nel-

Acetone + ac. diace lico Acido ß-ossibutirrico

co nipenso

cardiaco.

.J\.celon e + ac. diacc lico Aciclo ß-ossibutirrico

XX\ . -

r. ,

li t 0.

G. A. , a. 43. Ca.n cr o cl el

fegato .

11 .

i\.cetone + ac. diareljro Acid o ß-os ibutirri co

D. F. F. , a. 61. Can cr o del

Acetone + ac. diace Lico Acido ß-ossibutirrico

47

4,60 % 6,82 ))

lltg r .

))

Ri.assumendo, in due casi di ittero su cinque, e precisamente in due •casi di ittero inle ttivo, si e osserva to aur11enlo n etto della ch eto11en1ia, eh e interessava ta11to l 'acetone e 1'ac. diace tico eh e l 'ac. ß-ossibutirrico. Notevole sopriaLutto il caso n. 3 n el quale si sono. oLLe11uLi valori rispettivamente di 7 68 e 12 54 ingr. %. In u11 lerzo caso di ittero infettivotul~e le frazioni dei corpi ich etonici son o riulta le IIlOrma li. Solo un leggero aumento del1'acetone e dell 'acido diacetico, si e avuto n eg li a ltri due casi ,d i ittero. della ch etonemia si e Notevole aumento „ osservato in cinqu·e c,a i su sette di scompeno car·d iaco e in tutti i casi (3) di 1cirrosi epatica. Si e poi a n cora osservato aumento delle lre frazioni in tre casi di diabete m ellito, di cui uno complicato da tube-rcolosi polmonare, in un caso di pleurite essudativa D . ed in un caso di m 1elitense. Degni di nota son o i valori otteinuti n el caso n. 26 (n1elite:nse), valori m olto alti (1ngr. 8,49 e 25 ,96 %) in· corrisponden za d ei quali fu constatata preenza di tr.a cce di acet on e n elle urine . Una seconda dete!fminazione, eseguita durante un p eriodo di remissione, fece constatarie valori no·~evolmente piu bassi (mg r. 3,88 e 7,92 %) . In un caso ·d i polmonite lobare si sono notati an coifa valori a um,entati specie a carico delI '1acetone ·e dell 'ac . ·dia cetico (m gr . 3,38 e 5,94 %). Intervenuta la crisi, i valori dell a ch etonemia furom.o ritrovati entro limiti normali (mg r. 1,94 e 3 ,74 %) . U-n m odico aum ento, limitato alla frazion e acetone preformato + ace tone dell ' acido diacetico, fu con statato in u11 caso di em oistio1

'

1

Os s ERvAzroNe

XXI . -

C. T. , a. 23. Polmonite

lobare.

Acetone -1- ac. diace tico Acido ß-ossibutirrico Dopo la crisi : .Acetone + ac. diacetico Acido ß-ossibutirriro OssF.RVAZIONE

XXII. -

Q. Q.,

mgr. 3,38 % )) 5,94 )) mgr. 1,94 %

)) a.

3,74 )) 39. Ernoistio-

blastosi„

Acetone + ac. diacetico Acido ß-ossibu tirrico OssERVAZIONE

XXIII. -

m gr. 2,65 % )) 4, 18 ))

Q. M. G.,

a.

33. Diab ete

rnellito.

Acetone+ ac.. diacetico Acido ß-ossibutirrico

mgr. 5,73 % )) 9,24 ))

1

1

-


48

«

IL POI„ICLINJCO »

[ANNO XXXIX, NuM. 2] '

blastosi ed in un secondo caso di melitense. Negli altri casi si ottennero valori norm1ali. In complesso, dunque non ho ottenuto, nei casi di alterazioni pa:renehimali del fegato eon ittero, quella eostanza di risultati nel senso dell 'aumento della eh.etonemia, ehe e stata osservata da Seeli.g. Ho ottenuto pero aumento in .t utti i easi di cirrosi epatioa, mentre l 'aumento e mancato in UIIl caso di ittero da stasi, in un caso di colecistite s·enza ittero e in due casi di aain crq del fegato, il ehe fa pensare ehe l 'aumento della che:tonemia sia subor.dinato ad un 'alterazione diffusa del parenehima epiatieo. Interessante e la fo-rte percentuale di alti valori ehetonemici osservata nello scompenso cardiaico (aumento netto della chetonemia in cim.que casi su sette). !Bisogna poi notare ehe nei due casi in cui non si constato aumento della chetonemia, il disturbo della funzione circolatoria era molto lieve ed in via di riparaz-ion.e. :P.robabilmen.te il comporttJamento della chetonemia nello scompenso ·cardiaco e da riferire alla diminuzione dei processi ossidativi cl1e si osserva nei cardiaei scompensati, ma non si puo a meno di pensare ehe il distu:rbo funzionale indotto nel fegato dallo seompenso eircolatorio abbia esereitato una sua influenza, forse prepon.derante, sul·lo stabilirsi della iperchetonemia. Avvalorano questa ipotesi 1'aumento della c hetonemia riscontrato in un caso di pleurite essudativa destra, e l 'aumento notevolissimo, eon eontemporanea eom parsa di tracce di aoetone nelle urine, im un caso di m elitense con notevole ingrandim.ento drel fegato, ehe era aniche do- . lente alla palpazione. In questo easo i valori della ehetonemia ;risultarono molto diminuiti durante u:na :r emissione della n1alattia. lnfin e in un caso di polmonite lobare, da valori a l di sopra della norma, eonstatati nel periodo di stato della mialattia si passo a valori nor.mali dopo la orisi. Si tratta evidentemente di casi isolati, ehe varuno segnalati, malgrado non permettano una conclusione definitiva . Probabilmente pero anche in questi casi bisogna pensare ehe un'ialterazio.ne funzionale del fegato , provocata dal processo infe ttivo, abbia d eterminato l 'aumerito della eh·e tonemia. In conclusione, dall 'analisi dei valori della chetonemiia ottenuti in 28 casi studiati, riulta ehe nelle af fezioni epatiche, con o senza ittero, l 'aumento dei eorpi chetonici nel sang ue eo tituisce un elemento utile per amn1ettere una lesione diffusa del pareinchima epatico. E da Titenere inoltre probabile ehe un 'alterazione funzionale del feg~to, indotta

dia uno stato infettivo o tossico o da un disturbo c ircolatorio, possa, determimare un 'alterazion·e nel ricambio dei c!ietoni, con cons~auente accumulo di essi nel sangue. Gi ugno, 1931-IX. RIASSUNTO.

L ,A., studia:ndo le variazioni del1la chetonemia in 28· 1casi, e arrivato ia.Jla cooclu1s ione ehe l 'aumento dei corpi chetonici nel sangue costituisoe un elermento utile per amroettere u na lesione diffusa del iparenchima epatico. Ha inoltre messo in evidenza ehe un 'alteraziooe funziona.le deJ fegato .p uo determinare un disturbo n el -ricambio ·dei ehetoni con conseg uente aumento di essi •n el sangue. 1

1

BIBLIOGRAFIA. ADLER e LANGE. Dtsch. Arch. Klin. Med., 157, 1927. BERGMANN. Arztl. J ahresk„ 1923. BERLJN e J lTZ._ Zeit. Klin. l\1ed., 109, 1928. B1ELSCRO\VSKY. lbid ., 114, 1930. BocKELMANN. Arch. Ginäk., 123 e 12~, 1927. J~~rnDEN e LATTES. Hofmeisters Beitr., 11. ENGEf.'ELDT. Beitr. zur Kenntnis der Bioch. der A-ceto11körper, Lund, 1920. EPPINGElL Ikterus, Kraus, Brujsch. F1scHLER. Physiol. und Pat.hol. der Leber, J . Springe;r, 192~. FREu1cHs. Die Kranlclieiten der Leber. HALLERVORDEN. _i\rch. f .. exp. Path., 12, 1880. JusT1N-BESl\NQON. Rev. Med., 47, 1930. l{LEl\fPERER. Berl. K.lin. Woch., 40, 1881. l{nAus. Kubarsch, Ostertag, Erg. 2. KüLz. Zl. biol., 20, 1884. LoRr.Nz. Zeit. Klin. Med. ,19. MAGNUS-LEWY. Die Oxybutlersäure und ihre Bez.. zu 1n Coma Diab. J. C. Vogel, 188~. v. l\llERING. Z. Klin. Med., 16. v. M.ERING e MrNK0'1VSKI. Arch. f. exp. Path., 26. MINKOWSK1. Ibid„ 18. MouRIQUANo e l.1EULIER . Rev. Med. Chir. Mal. Foie ecc., 4, 1929 R1crrTER. Ver.. Ges. Verdgskrkh., 1925. RoNDONI. Biochimica. l Tn. Tip . Torin„ 1925. ScHERK. Med. K}in., 1928. In. Z. e~. Med., 64, 1929. In. lb!~·, 112, 1930. SEELIG. l])id., 110, 1929. SHAFFER. Journ. of Biol. Chem., vol. XLVII. STADELMANN. i\rch. f .. . exp. Path., 17. UMBER. Hdh. der inn. Med., 1926. In. Med. Welt, 15, 1928. WALTER. Arch. f. exp. Path., 7.

_.. DOVERI MORALI DEGLI ABBONA.TI: t 0 ) Diffondere il e~n~seere

P-01iclinico ,, tra i colleghi, facendolo ed apprezzare e procurando nuovi asso«

01at1.

Provvedere al pagamento della quota dovuta all'Amministrazione, senza farsi sollecitare. 3°) L'importo d'abbonamento va inviato mediante vaglia Postale o con Assegno Bancario. 4°) Coloro ehe preferiscono aspettare dall'Amministrazi<>ne 1a Tratta Postale, tengano presente ehe questa aumentera di L. 5 l'importo dovuto, per 1e varie tasse postali e altre spese ehe 1a stessa oomporta. 20)


[ANNO

XXXIX,

NUl\I.

2)

SEZIONE PRATICA

OSSERVAZIONI CLINICHE. ÜSPEDALE MAGGIORE DI !BOLOGNA - I SEz. Ca1R. Direttore: prof. U. D. CALABRESE.

Sn di un caso di frattura della base del • cran10 per il dott. G1usEPPE MuzzARELLI, assistente.

Le f.ratture della base del or.anio, si com· plicano frequenteme.nte con l~sioni isolate ·dei ·Dervi, ehe, in ordine di frequenza, sono: il facciale, l 'uditivo, l 'ottico, l 'oculo motore comune e l 'oculo motore esterno. Sono :rare le ~ratture con lesione dei nervi cl1e escono dal foro lacero posteriore (sindrome di Vernet), e ancor piu ·r are sono quelle fratture ehe com e n el n ostro caso si com' plicano a lesioni di un gran num ero' di nervi .

49

1\1 terzo medio della ga111JJa

ini lra si n ota una fratturä complela. ulla i ri contra ad un esame sommario nelle altre parli del corpo. Polso, della frequen za media dJ 100 }) Ul. azio11i al rrtinuto prin10, r egolare e valido. i proced.e subito al tamponam e11to an~eriore delle fosse 11asali, eh~ pero i dimostra insufficiente, perch e il malato, so lto i colpi di tosse, continua a perdere san gue cl all a bocca in quantita ~mpressionan.te. s~ pen sa , in un traumatizzato del cranio, 11on trovandqsi altre Jesio·n i, ehe il sangue p·r ovenga dalla parte alta del f.aringe, e ehe scendendo· n,el laringe, ecciti il riflesso laringoo ehe gli provoca la tosse. Questa ipotesi si mostra subilo vera, perche, tamponate Je fosse nasali posteriori e di conseguenza anche la volta faringea,

... .„ .

~~.--.,.--~~~~~~~~~~-~

~

~

C. A., di anni 40, vetl urino, da Fermo. En lra in Ospedale d 'urgenza 1 la sera del 12 novembre 1928. Anamnesi. - Il padre mori & 53 anni di mal t di euore; Ja inadre, Lt1Llora vivente, soffre di miot cardite. Ebbe 7 figl!, di cui una bambina mori in ~ 1 tertera ela di enlerjle; tutti gli allri, ad eccezione • del nostro infermo, godono buona salute. L 'infermo nacqtte a termine da parto fisiologico; ebbe allalla111elltto materno, n on soffri dei comuni esanlemi dell 'infanzia. A 20 anni si contagio di ulceri molli eh e euro subito convenien... temenle, ma eh e, cio n onostante, si complicarono ad adenite inguinale destra, ehe ~l malato lascio suppurare e guarire pontaneamente. A 25 anni si sposo con una donna sana, dalla quale ebbe una figlia, nata regolarmente a termine, e eh e ha sempre goduto buona salute. Ver~ le ore 23 di ieri sera, l 'infermo nella sua qualita di vetturino, d.oveva accompagnare 4 persone ad ur1 paese vicino alla citta. Ad un dato punto dellai strada gli er a stato fatto cenno di • fermarsi e l 'infermo era sceso dalla vetlura per prendere ordini. Stava parlando oon le persone sedule nell'interno della vettura, quando, avendo Ja tosse si provoca piu di rado e. cosi pure l 'emorr agia diminuisce notevolmerute ~ si arresta dopo avvertito il sopraggiunger e di una carrozza lramviaria, si era subito portato alla t est a del cavallo circa un 'qra. L 'infermo asserisce di aver riacquistata la cono~ per sposlarlo d a un lato della strad a. L 'infermo, scenza solo la mattina do·p o il suo ingresso in ricorda bene eh e, afferrate le redini, stava allonLanando la vett11ra dal binario osserv.ando se la ospedale e non ricorda d~ essere stato interrogato ruota posteriore destra ne era completamente al la sera precedente. In terza giornata vien e praticata una puntura di fuori. In quel momento, avverti un violentissilombare, ehe da esito a liquido san guinolento fuomo colpo alla tcsta, poj perdette la conoscenza; solo stamar1e, risvegliandos;i, si e acco·r to di troriuscente a. zampillo. varsi in ospedale. I11 quinta. giornata si ripete la p·u ntura lombare, All 'entra.La in ospe<lale l 'infermo mostra di cae il liquido, d! color rosa, fuori esce a gocce ravpire le domande ehe gli si rivqlgono, ma· non e vic~nate. in grado di rispondere. lia, un respiro stertoreo La temperatura , nei primi 3 gioi'ni, non sorfrequentemcnte interrotlo da forti colp! di tosse, passa i 38°; in quarta giornata sale a 38° ,8 e in duranle ~ quali emette grandi boccate di sangue. quinta a 40°. Nello stesso glorno si nota la paraSangue. in cospicua quantita il malato lo perde lisi del facciale di sinistra, dell 'oculo motore esteranche dal naso e dall 'orecchio sinistro. n o dello stesso lato, e la ]ingu a, sporta all 'esterno, La mma sinistra della region,e frontal e e sede devia verso sinistra. Si nota jnoltre rig·idita della di una contusione, piu accentuata sul sopraciglio, nuca, accenno al Kernig e non si provocano i ridove la palpazione risveglia vivo dolore e da l 'im- flessi patellari ed achillei. La temperatura, nei pressione di un Jeggero avv.allamento. giorni su ccessivi, va, 1entam e11te din1inuendo finOssERVAZIONE CLJNICA. -

1

1 ,


u JL POLJCLI N I CO

!50

ehe, <101>0 12 g iorni , d a ll 'en lr a ta in osped ale , l 'infern10 c ap!rc l lico e va e n1pre piu migliorando. Le Je. io11i a carico d ei n er vi cranici , eh e, in un 1>rin10 lr n1po, crua11d o, non es enclo t ato possibiJe, per l e g r aYh;sim e condizioni dell 'infermo, fare \ 1n e a111e opiellivo accurato, sembravan o limitate al facciaJe ~ all 'oc11lo-n10tore esLerno di sinistra, <1 0 !)0 Circa Ull Ille e dal tra uma, i e YiStO eh e on·o i11olto piu e te e e n e in leressa110 un grande i1u1 r\e ro. Ecl i11 fa LLi a carico clella faccia e clel collo i 11ola (Y. fig ure) : l•' r onte: Le rug h e d ell a 1n e ta sinistr.a della fronte son o quasi „con11)ar se; ne persistono due eh e ra1)pre en lano Ja conLinuazion e d e1le due principali d el la lo o ppos ln, i11a ehe , oltre ad_ esser e siL,ua le atl u11 Ji ve1lo piu b asso, sono piu C-Orte e

»

[1\NNO

XXXIX,

l\u~r.

2)

Ja dell 'altro lato e ~n essa si n oit a una sola ruga in confronto delle rnolte ehe si vedono a destra. L 'apertura d ella rima palpebrale e meno ampia a si11ist ra eh e a destra, e le p alpepre si chiudono incompletamente. Globi oculari: Il globo oculare sinistro e deviato all 1initerno ed in alto. 1'utti j movimenli si comp~ono normalmente ad eccezione della rotazione all 'esterno. La con giuntiva e arrossata, ·la meta sinis tra della cqrnea ulcerata. Vi e diplopia. Guance: La guancia sinistra e d epressa in corr ispondenza d ella regio n e masseterina. E molto djn1int1ito, tl soJco naso-l abiale sinistro. Naso : Il lob ulo del naso e marcatamente deviato Yerso d estra, e cosi pul'e i1 se.t to n asale n ella sua p ar·le inferio,r e; p er tal fa l to e anch e perche la

...

.... .

..

p iu u1)erfici al j, e si accer1lua 110 debol m en le invi-· land o 1' jnfermo a corrugar e la fronle. In tale moYin1e11lo la m e la sinj stra della fronte rimane pressocl1e in1n10 b ile, solo si risco11tra u11 rn ovi1nento 111olto li111ilalo clovuto all'azione del muscolo fronlnle rlc] lalo oppo t o. opraciglia : Il s-0praciglio sinis tro e piu avvall a to, pii1 so t1tile e sitt1ato ad u11 livello piu basso d el d e lro. I n' itando l 'infermo a guard ar e in al to, s i i1 0 ta c l1e il inovin1 ento deJ sopraciglio sinistro c l jn1ila to rispett o a quell o di d estra, cosicch e „ picca i11aggior1nente, ehe allo tato di ripo o, l 'asirnelria d elJe due p al'lti. Delle due rug h e p o t e ver1icnl111e1 tle in i11ezzo alle due sopraciglia , in coir ri })01lclenza de1la glabella , qt1ella di d estra e piu ])r ofoncl n e piu 1unga di quella di sini s lra ; se, poi, s ' i11Yita l 'infer1110 a corrugar e l e sopraciglia, lo le o fatto i r ende anc h e p iu manifest o. Pal1J ebr e: La palpr bra ttperiore sinis tra e leggr rn1c 11l e pto„ica e i)r esenta t1n profondo sol co t ras' ersa le o rn1011lato da al lri piu piccoli. La pa lp~l>rn i11feriore si11i l r a e t1n l)O' pii'1 b as a di quel1

1

pin11a r1asal e dcs lra e s tira ta in alt o e all 'esterno, i11e11lre quella cli sinis lra e abbassata e rilasciata, la narice d e: ~tra app ar e pii1 ampia d i quella del lato oppost o. . l .'ango1o inistro de1la bocca pende in basso . Tutta Ja 1ne ta sinistr a delJa faccia e piu depressa di quella d el l at o opposto per la ipotonia ed ipotrofia dei suoi muscoli. Si rende ben evid ente una fo e tta a l disopra d ella coda d el sopracciglio sinistro; un'altra fossett a la si nota subito al disopra d ella apofisi zigomatica del temporale al davanti d el padiglione d ell 'orecchio, e una terza la si vede al disott-0 dell a s tessa apofisi zigomatica parallela alla seco11da. Se l 'infermo chiude con forza i denti , non i r ileva l a contrazione del muscolo massetere di sinistra, si r ende invece ben visibile a des lra. Lo slesso .fen omeno lo si apprezza maggiormente con l a palpazione . Se si i nlrOfiuce fra le arcate dentarie dell 'infermo, due li terclle di carta, una a deSllra e l 'altra a sinistr a, c lQ si in vita & stringere con forza i denli 1 si nota eh e n1en tre l a lister ella messa a


~ANNO

XXXIX,

Nu ~r.

2]

51

SEZIONE PRATICA

destra non la si toglie piu senza lacerarla, quella invece posla a si11islra, sfugge facilmente o tutt'al piu puo rima11ere sopra di essa una l~eve impron ta dei denti. La masticazione a sinistra riesce impossibile. Se si invita 1'!11fermo a parl.are si nota ehe la meta destra della faccia co,mp~e dei movimenti norm ali, quella di sinistra al contrario rimane pressoch e imrrtobile e cqsi pure, p er il movimen lo delle labbra, n1entre si vedono le arcate de11tarie di destra, quelle di sinistra riman gono coperle dalle labbra slesse flaccide ed in1mobili. Vi c an estesia completa n,ei territori innervati dall a prin:1a e seco11da bra11ca del trigemino ; e pure an estelica la rnela sinistra del l abbro inferiore fino al 1nargi11e ctell a m andibola. Per il r es tantc territ orio cli in11ervazione dell a Lerza bran ca

del pala Lo molle e piu flaceid a della corrispondente rr~eta di destra e l~ pu11ta dell 'ugola e deviata verso destra. La m eta sinistra del laringe e ~mmobile. La rima glottidea anteriorn1enle e deviata verso destra. Le corde vqcali di sinislra sono p ar alizzate. Non si notano dis turb~ della r espirazione. La voce e bitonale. . La sensip~lita e completamente aboli)t a nell~ due m eta di sinistra delle. arcate rlentarie. . . La ling ua, n ella p arte par ali zza La, e insen &ibile al t atto, al ealdQ e al freddo e, p er quan,to. s~ puo capire, e pure inser1sibile ai sapori dolce, .amaro e salato. A sinistra v! e pure ~anca11za di sen sibilita n el f)H lalo clurq, 11el palil:lo 111olle, iiei pil as lr~ e nel lra tto accessibile del Iaringe. Se l 'infermo ten:ta d~ deglutire tenendo il eapo piegaLo sul lato sinistro, e subilo colto da forti accessi di tosse; questo fenomen o n on si provoca se s~ Lien e la ;testa i~ p osizion e eretta o devi.ata ' er o il lato opposto. A sinistra V~ e abolizion e co1npleta dell '~dito, lai.1 Lo per via aerea eh e p er via ossea. Colto : La. meta sinistra del collo e u11iforme. . 1n enle appia.ttita p er la scoim par sa delle sporge~ze <.Lei llLU ·coli s terno-cleido-mastoideo e trapezio. Ques1l~ d ue inuscol~ appa~ono ~olto assottigliati per qua11lio, sebbene deboln1cnte, 1'infermo riesca a · farli contrarre. 1\ si11istra, i l collo sembra nllungaLQ. La fossa sopraeJavicolare appare m olto piu grande ed infossata a si11istra eh e dall 'al tro lato. La cartilagine tiroide c l 'osso ioide SOI\O deviati vcrso deslr a. La spal1a sinistr a e situata ad un livellq piu ba::i80 di qu ello di destra, e l 'infermo n on riesee a })Orlare l 'arto corrispondente jn alto fino a toccarsi la LesLa com e fa CQn l 'arto del lato opposto; lo porla ad u11 ljvello eh~ st a fra l 'orizzonitale e la ver lical~ . Nel sollevare 1e braccia si approfo nda notevolm enLe la, fqssa sopra-clavicolare sinistra e s~ vede eh e ~l m u scolo it rapezio ipotrof~co si contrae de.JJo lmen: Le. A sinistra per 1'avvallame1~to dell~ fosse infra- e sopra-spinata, la spina della scapola spicea maggiormente eh e dall 'altro lato. La scapola sin~stra e alata. Tutto l 'e~itorace sinistro e un po ' ipotrofico rispet to a quello di destra. La sen sibilita e n orm ale i a11to al collo ehe al torace . Esam e obie tt~vo generale . - Soggetto di costiluzione seh eletrica r egolar e. Stato di nutrizione buono. i\on si p alpan o ghian dole ingrossate n elle sed~ abi·tuali. Cicatrice deforme alla r egione inguin ale sinistra da pregr essa adenite suppurata. Appar ato respiratorio,: esame negative . App,a raio eircolatorio: itto del cuore visibile e p alpabile al 5° spazio· intercostale di sinistra sul1'emiclave~re. Toni pur~ ~ n,etti su tutiti i foco,l ai. Addome di volume e forma normale, ben trattabjJe e ind,olente su tutti ~ quadranti. Non si palpa il fegato eh~ con la pereu ssione appare nei limiLi fisiologiei; si palpa bene la milza ehe app are dura, globosa, indolente e ehe deborda di circa 2 cm . dall 'ar cata cositale. Nu1la a carico dei genitali . ~

1

del lrigemino la sensibilita permane n ormale. La sensibi lila profo 11da di tu Lte e tr e le bran che del trige1n ino e con servata. Bocca: e si in ' it a 1'i11fermo a mostr are i denti, ::,i 11ota eh e Ja n1r.ta destra delle labbra vien e aperLa come di norn1a e stjr ata lateralmente; la m eta siniSttra al conlrario cornpie un m ovimento m olto p iu limitato e, dall 'az io11e d~i muscoli del lato opposto, vien e slirat a ver so dcstra . La punta della lingu a, allq stato di riposo n ella .cavita orale, devia ver so destra e tutta l a meta sinistra appare pi1'1 ingrossa1ta, piu lunga e piu alta di quella del lato opposto; se invece la lingua viene sporta all 'estern-0, devi.a abn ormemente verso sinistra, e la m eta dello stesso lato e atrofica e quindi n 0Levoln1ente piu corta ~ piu stretta della meta de~tra ; e presenta inoltre il dorso solcato da profonde piegh e longi tudinali. lnvitando l 'infermo a, pronunziare la vocale A, si nota eh e la, m eta sinistra del palato molle e della paretc posteriore del fariD:ge, viene stirata verso destra . Allo stato di riposo, la m eta sinistra


52

cc IL POLICLINICO »

Lieve ingrossamento d~la tibia destra al 3' medio. Sistema ~rvoso.; p,s~che il\tegra. lntelligenza normale. Riflessi addomin.a li suPQriori: I\On si provocano. Riflessi addominali inferiQri : il sinistro e un po' pi1] debole del destro. Riflessi cremasterici: il si.nistro e piu debole del destro. Riflessi patellari: destro I\Ormale, sinistro debol~.

Esami speciali : radiografia del cranio: frattura della meta sinistra del frontale-, ehe si perde nella base. Esa.II\e delle urine: nulla d! patologioo. Sierodiagnosi di Wassermann : negativa. In seguito l 'infermo va sempre piu migliorando nelle sue condizioni generali e locali. L'occhio sinistro, ne~ primi giorni, per la marcaita fotofobia, s~ e oostretti a te:Qerlo bendato; poi, lo s~ soop,re, tratltandolo. con una pomata allo xeroformio. Dopo circa due mesi dal trauma, ricomincia la, lacrimazione e l 'ul~razione corneale guarisce i11 breve. 17-2-29 : II paziente per la prima volta accusa vivi dolori all 'orpita sinistra. 9-4-:29: La guancia sinistra e edematosa ed arrossata. I dolori a tipo nevra]gico si sono accentuati ed estesi a tutta la pieita sil\istra della faccia. La press~one sui punli di emergenz.a dei nervi SQpracigliare, mascellare e mandibolare risveglia dolore. 15-:4-29 : Il paziente, in buone condizioni, guarito della frattura alla, gamba destra e completamente adattato al suo nuovo &tato, lascia l 'ospedale. Nel giugno di quest'anno viene invitato a ripresentarsi per un esame generale, tenendo partioolarmente conto, de~ fatti nuovi. . l)ice di sentirsi bene e gli sembrerebbe di essere completamente guarlto se IlOJ\ gli persistesse, sebbene m eno intensa dell'anno scorso, la nevralgia facciale .. Ha ripreso il lavoro, non piu di vetturino, ma di esattore a domicilio della locale Amministrazione del Gas. ~ quindi ·obhligato a camminare tutto il giorno; fa spesso le soale e va anche in ~icicletta. Quando riscuo te e rilascia una ricevuta, per correggere la diplopia, e obbligaito a ch~udersi l'occhio paralizzato, o a guardare tenendo 1a testa fortemen·t e obliquata verso destra. Front~ sopraciglia e n aso, OOl\dizioni immutate dall 'esaroe precedente. Guanciai: Il solco naso~labiale sinistro e piu marcato di quello del lato opposto e il labbro superiore dello stesso la,t o e un po' stirato in alto e lateralmente. II labbro inferio,r e sinistro1 e sede di piccole contrazioni fibrillari ehe si estendono anche al mento. T1ttta la guancia sinistra e lievemente edematosa, arrossata e stirata in alto e lateralmente. Boccµ.: lnvitando l 'in,fermo a mostrare i de11ti, si nota ehe la rima boccale e asimeit rica. Le due meta di destra aprendosi piu ampiamente e portandosi piu l ateralmente ed in alto, lasciano vedere una parte maggiore delle arcate dentarie. Lingua: La meta sinistra della lingua, ipotrofica ed ipotonica, e animata da contrazioni fibril lari. Quando la lingua viene sp<>Dta all 'esterno, ol tre a deviare f ortemente a sinistra, poggia con la meta corrisponde.nte su~ denti dell 'arcata in1

1

[ANNO

XXXIX, NuM. 2]

feriore, m entre la meta di destra rimane sollevata. Nella cavita orale, allq. stato di ripo&>, Lai punta della lil\gUa ~ fartemel\te deviata verso destra, cos~cche la meta sinistra occupa gr~n parte del pavime:Qto ·della bocca. 11\vitando l 'il\fe~o a sollevare l~ lingua, s~ vede ehe mentre la meta si1\istra rimal\e inerte sul pavi.m ento della bocca e SQ]o per la parte libera viene stirata in alto dal1'azione dei muscoli del lato opposto, la meta destra iQ.vece si so:lleva come di norma. Le gengive della meta sinistra delle arcate denlarie SOJ10 p~u arro<Ssate di quelle della corrispondente meta destra; e, anteriormente, nella meta dell 'arcaita inferiore, ~, post~riormente, nella meta dell 'arcata super~ore, s~ :qotano delle piccole ulceraziol"l;i facilmente sanguiQanti. Nel mast~care l 'infermo e solito procurarsi delle piccole ferite ehe alle vol te sanguinan,o abpondaJ\temen te. Inv~taindQ l 'infermo ad aprire la bocca, si nota ehe la mandibola viene deviata verso sinistra, cosicche il cani:QQ inferior~ Qi destra oorrisponde al primo ~nc~sivo superiore dello stesso lato; il movimelllto iQverso s\ oomp~e quando l 'infermo chiude l & bocca. I denti superiori ed inferiori di sinistra tanto internamente eh~ est~rnamente sono ricoperti da molto tartaro ; quelli invece del lato opposto ne SOJ\O privi. Persiste l 'asimetria d~l velopendolo. Invitando l 'infermo a pronunziare la vocale A si nota ehe ~l velopendolo vie:Qe &tirato v~rso destra, m entre la meta posteriore sinistra d~l farlnge rim ane pressoche immobile. E riapparsa, sehbene i:Q grado minore ehe dall 'altro lalo, la sensibilita sul palato molle e sulla parete posteriore del faringe . Tutta la meta sinistra della faccia e sede di parestesie carabterizzate da dolori e senso di contrattura. L 'infermo dice ehe nqn puo assolutamente sentirsi loccare, anche leggermente, la parte paralizzata, perch e h~ la sen sazione di ricevere una scossa elettr~ca. I punti d~ emergen za dei n ervi sopracigliare, mascell,are ~ mentoniero, non risvegliano piu dolore alla pressione. Persiste l 'aboliziol\e della sensibilita t.ermica, •tatti.le e dolorifica dei territori innervati dalla 1a.. 2a. e di parte della 3a. branca del trigemino. L 'infermo tieQe abitualmente il mento deviato verso sµtl~tra ß 1n alto, cosicche guardandolo, stando posteriormente, s~ vede il padiglio:qe dell 'orecchio destro e tutta la guancia corrispondente, me.ntre a sinistra ~l padiglione dell 'orecchio si vede in piccola i>arte e l 'emifaccia corrispondente rimane nascosta dal margine posteriore della branca montant.e della mandibola. Collo: Persiste l 'ipertrofia dei muscoJi sternoclejdo-mastojdeo e cucullare, per quanto un po ' meno della prima volta. Persistono pure i fatti n0tati nella fossa sopra-clavicolare sinistra e nelle altre parti del cQllo e del torace. Invariaite le condizioni degli allri organi e sistemi. 1

Per bene inten·dere i] m·occanismo ·d'azione del trauma ricevuto dal nostro infermo, e, quindi, .d arci spiegazione delle c01D.s~01.1enze da esso provocate, bisogna ricorda·re l'architettu· ra ossea <lel cranio e il modo •d i produzione delle frattu.r e il'radiate dalla volta alla base. E noto eh e il cranio non ha uno spessore '


[ ANNO

XX.XIX., Nt..T l\l. 2)

SEZ IONE PRATICA

u11i(or111e in tutte le sue parti, i11.a ehe, a ccanto a delle parti forti , ha delle pa·rti deboli. Le parti forti sono : u11 pezzo superiore o sinci pitale, esteso dalla utura eoronale alla sulura lan1bdoi·dea, e u11 pezzo i11feriore o basilare, cl1e va dal fo·r o oceipitale alla sella tureica. Que te due parti sono tr.a loro riunite e rinfo·rzate da 6 pezzi i pessiti, ehiamati pilastri da Felizet, di eui 4 so.n o laterali e simmetriei a 2 a 2, mentre g li altri due sono impari e n1ediani, uno anterioTe, l 'altro poste• r1ore. Dei pila tri lalerali, g li antero -es terni od orbito- ·fenoidali, i partono ·dal pczzo ineipitale e seguendo l 'apofisi orbitaria e terna p~ sa110 per le grandi e piccole ali d ell o fen o1de e ter111inano al pezzo ba ... ilare; i pila tri P elron1a. Loidei o po tero e terni, pure partendosi dal "incipile, si e lendono alle apo fi i ma toidi e per le roecl1e petro e raggiUJlgono l 'apofi ... i basil.are. Il pila tro anteriore o frontale . . i esten ·de dalla i)arte sinrcipitale a ll a parte basilare e in fine il pi lastro posteri ore o }) ila. . t ro oceipi tale , d al in cipite arriva all a parte ba. i lare , contornando il 1foro oceip·iLale. Queti 6 pezz i ·rinforzati , laseiano fra di loro delle })a rti deb o1i o int erpi la tri. ' 7i sono 3 int e~·­ piJa::;Lri })e r e ia eun la to, uno fron lo- [eno1 dal e 1che corri„po11de a lle volte orbitarie o J>ian o an terior e della ba e del cranio, uno . fen o-pelro..,o per il IJian o m edio e·d uno IJOteriore, fo·rmato dalle logge oceipit o-cerebellari IJer il piano posteriore. Ciaseun pila tro JJOi, a sua volLa , }Jre enta dei punti deboli, eo iech e le rime ,d i trattura possono I)Q.ssare da un pilastro all 'a ltre. I pilastri antero-esLerni o orbito-sfienoida1li, 11anno }Jer punto debole Ja base ,d 'impianto delle g ran ·di e piecole ali d ell o sfenoide, i pila tri postero -esterni la parte della piramide ehe contien e. le ca~ita .dell ' oreechio, ·.11 piilastro frontale ~la lam1n.a ' cribra dell 'etmoide e quelle ocei pitale la parte eh e si trova dietro al eon·dilo oeeipiLale. Un altro punto debole e dato ·d all ' unione dei pila tri a lla pa.r te basilare. Cosl intesa l'arehitettura del cranio , e facile ora ·renderci eonto d el modo di pro·dursi di una :ttattura, eh e partendosi da un pun to qualsiasi ·della volta, si irradii alla base. A.nzitutto un trauma eh e agisce sulla vol la cranica tende a xaddrizzarne le eu.r vatJre, producendo delle lesioni eh e sono diverse a seconda della intensita della forza vulner.a nte. Se il trauma e di u .n a ·forza me·dia, per l 'elastieita del1e pareti oraniche, v,a lutata prim,a fino a un cm. ·di profondita, si produee una ~e~re s ­ sione rc h e scompare non appena cessa 1 az1one

53

vul11erante, se invece 1'inten sita del trauma sorpa a il limite di elastieita del eranio, si produce una frattura la quale, sempre in dipenden za della forza vu.l1n eira:nte, si limita alla vol ta 0 si irra,d ia a lla base. 11 m odo con cui avviene questa i1rradiazion e e piegato ·d.al F elizet eon lo· Studio delle impronte di depressione. Se sopra u.n foglio di c.art.a , posto a] suolo, si fa cadere un cranio ve·r11ici.a to, si ottiene un.a impronta ovalare a grande a sse a.n tero-post eriore, perehe la superfi cie orizzonta·le e piu r.addrizzata e, quin.di, ha minor eu·r\'atura d ella verticale. Ora, sapendoi cl1e la uperfieie a minor curvatura e la prim a a fra tturarsi, al limite dell'ela·s tieita del cranio, si produrra una fra ttura .ehe interesse~ ra un a parte debole e cioe un interpilastro, se condo una direzione perpendi colare alla superfici e orizzontale el1e, sempre, a secon·da della forza del trauma, si arre tera a lla volta o si es tendera verticalmente in b.asso versa la base. Vediamo ora ehe eosa e avvenuto nel notro infern10 . Da11 'anam.nesi risulta eh e, rcon grande probab ilita, il traum.a e stato prodotto dall 'estremo anteriore ,d ella stanga d estra della earrozza cl1e ha eolpito il paziente eon grande vjolcnza alla fronte. La frattura, eome dimostra })er il prima tratto la ra diografia, partita dal1'e--tremo superiore d ell 'in terpilastro frontofenoj dale di sini tra, e pa ata per la i.ncisura so1Jra-orbitaria , ha p ercorso la volta orbitaria e, ri pettato il foro ottieo al quale e passata latera lmente, h a spezza to la piecola ala dello fenoi de : di qui, per p ortarsi nella fossa ce rebrale m edia , h.a inter essato la fessura sfenoi·da le rotto i p onti di ·e ongiunzion e dei fori crra1;de a:otondo ovale e forse anche del pi:ceolo roton:do e, ' a rrivata alla roeca del temporale, per l ' esistenza del robusto legamento petro-basilare, n e ha interessato l 'apice (frattura da strappamento). Probabilmente la frattura non i e arrestata in queste punto, m.a per l 'estrema violenza del trauma, e forse a n eh e ]Jer a zione della frattura ·dell 'apiee dell.a rocca, deviando medialmente, ha interessato il mar• g ine superiore dell'occipitale n el punto in cu1• questo si solleva p er fo:r mare la volta ·del foro condiloideo .anteriore. Ammettendo ehe sia stato questo il tragitto . eo-uit, o ·dalla linea .d i frattu1f1a1, ci si puo T·ende0 r e eonto dei sinto,m i im1m1ediati e tardivi osser\'ati nel rn ostro pazi ente. All'entrata in ospedale l'infermo aveva una in1ponente e~orragia .d al naso e d,a lla ~occa, eh e, a parte l 'integrita d elle ossa nasal1 , non 1

1

1

1


«

54

IL P OLICLI NI CO ))

[ANNO

XXXIX, Nu M. 2]

si sar ebbe potuta spiegare eolla sola frattura cc Le fratture d el cra11io - diee il Borri d-ella lamina cribrosa dell 'etmoide, mentre in- in se e per se n on eostituirebbero lesioni graveee la si spiega benissimo eon la fra ttura de l- vi... n on e la frattura eui e legata la gravita la fossa eerebrale n1edia e, quindi , del foro della prognosi, sibben e La parteei pazione presa ovale e piecolo rotondo, ehe danno rispetti,ra- ·dall 'en ce•falo agli effetti ·diretti o indiretti del m ente passag gio· .a lle arterie piceola e m edia tra uma ; in qu.a nto ehe spesso le eomplicazion.i n1eningea. Sen1pre per 1a violenza del trauma, r iferibili a lesioni del 1cervello, o dei suoi invodeve essere avvenuta una lesione della volta lucri, stanno a lle dipendenze di eompressioni fa ringea, eh e ha permesso al sang ue di fuo- o di lacera zioni eser eitate da avvallamenti ossei riu scire e, per la paralisi di moto della ineta o d.a infossamenti di scl1egg e o - aggiungiasinistra della fa ringe e della la ringe, di scen- mo noi - da strava i san guig ni, sia nelle n1eder e in b a.sso fino ,a,d eccitare il riflesso larin- ning"i, sia n ella sostanza cer ebrale >> . geo e venire con ,f orti col pi di tosse espulso alTl n ostro caso eredo costituisca un esen1pio 1'ester·n o. Infa tti il tam·p onamento d el.le fasse tipieo del pensiero d el Borri, perch e, accanto nasali posteriori e qui.n.di a n eh e dell 'estremita a d un.a fra ttura cosi estesa, eon parteeipazione superiore della faringe, riusci a dominare in di tanti n ervi eraniei, no,n si sono avute le.si oni eerebra.li g ravi, .m ia, come si e gia detto, gran parte 1'emorragia. L 'im,p onente emorrag ia spi.ega a n ehe , nel maempli ci fatti di eorilmozione risolti in meno 1.ato, la mancanza di sintomi di eompressione, ·di l~ ore. La intoma to log ia eliniica presentata <lall ' ine di ee pereh e le lesioni dei nervi eran1ci, osfermo al. viso e ,a} collo, .a poeo piu di un servate fin da.Il 'inizio, sia n o rimas'te, press 'a poeo, uguali an eh e ·d opo molto t empo dal trau- ine e dal trauma , e eh e, in gran parte, persin1.a; cio pereh e in g ra n parte n on d·o vuti ~1 ste tutt 'ora , a n eh e a due anni di distanza, insempliei fatti di eompressione da stravaso san- dica quali sono stati i nervi eranici lesi , e inguigno, ma di·p endenti da:.lla rottura dei fori segna , ,a eonferm.a di quanto abbiamo gia in d 'useita. ·d ei nervi e a eompressione di scheg- g-ra n parte detto, qual ,e stato, eon grande pro·ge ossee di questi st essi fori . Spiega pure per- babilita, il tragitto seocruito dalla linea di fratch e, per qua.nto 1.a violenza d el trauma sia stata tura . estrema , l 'infermo abbia perduto la conoscenB~sogna ammetter e ehe la f.rattura, scendenza per un tempo relativamente breve; perehe do dal frontale e in Ler essando la fessura dello a1la eommozio·n e cerebr.ale non si sono aggiun- „fen oide, a bbia leso la branca oftalmiea del triti fen om eni di a umentata pressione dello stra- gemino, se si vuole spiegare l 'anestesia del terv.aso sang uigno , ehe g iocano una g ran parte ritorio innervato <lalle terminazioni di questa. n el p rolung.are lo stato di ineoseienza dei pa- b-ranrca. La lesione di questa branca pero non zienti. de, 1e e ser e stata completa , oppure bisogna amL 'osservazion e clinica, infatti, di tutti i gior- mettere eh e sia stata possi.b ile la rigenerazione ni , s ia detto qui per ineidenza, dimostra quan- di aleune sue fibre , per che, oltre ad aver e la to siano utili le punture lombari fa tte ·n ei trau- ghia n.do1.a laerima le .ripresa la sua funzi one, m atizzati del eranio. Quest e punture non solo l 'occhio, anzieh e distrugger si per oftalmia pu0 110 ·d i g ra1 nde utilita diagnostica, m a sono spe- rulenta, com e .avviene nelle sezioni totali di cialme·nte utili da l lato terapeutiico, perche de- qu este nerve, e guarito dell 'ulcerazione della eomprimen.do il cervello, rendono l 'infermo piu cornea, pur rima n en d-0 totalmente abolita l.a • veglio, eon eefalea m en o inten sa e eon il pol- sen ibilita tanto .della eongiuntiva ehe della so piu frequente e n1eno teso. Inoltre, nella cornea ste.ssa. grande m aggioranza ,d ei casi, m ettono l'inferLa line.a di frattura, portan.do.si posteriorn1b al riparo delle t ante temute complicazioni mente e seguendo i fori g rande rotondo e ova·· infettive , servendo il san gu e s travasato da ot- le, ha provocato la para lisi totale del nerve ma tim o t erreno di coltura per lo sviluppo dei scella r e e la p ar.alisi pur·e totale, tanto di moto • o-erm1. cl1'e di senso, del n ervo m a n,dibolare . Ritorna ndo a l nostro infermo, noi pensiamo La paralisi di sen se di quest'ultimo nerve, eh e la in1pression ante emorragia osservata gli n on si e potuta saggia re con sicurezza, peTehe, sia stata salutare, pereh e, se quel sangue ri- come e noto ' parte del territorio di distribu. _ tagnava n ella cavit a crani1ca, g1i avrebbe cer· zion e della branca sen sitiva e i111nervata anche t.a mente !dato dei fatti immedia ti di eompres- dal vag o e dal plesso cervicale . ~i one eh e, in b reve, g1i potevano essere causa La paralisi completa e in gran parte defini:· di m or te. tiva dei n ervi a bdueente, faceiale, ed aeustie<>, 1

1

1

1

1

1


• \

[ANNO

XXXIX, Nul\r. 2J

55

SEZIONE PRATICA

viene spiegata dalla frattura dell 'apice della roeca del temporale. F·r attura que ta cl1e non deve e er i limitata ai led ere questi n ervi, ma deve a ve.r portato d elle compres ioni nel foro laeero posteriore, per poter an1me ttere Ja lesion e d el gl osso faringeo, co111e lo iudicava, nel primo esa1ne del1'infermo, l 'abolizione del gu to , n ella meta sini tra della hase della lingua, e la paralisi, eh e, in parte, per iste tutt 'ora, del costrittore d el faringe. 1Sooo stati Collet e Vernet 1 cl1e 11anno. in.segnato il modo di esaminare la funzione motoria del g lo so faringeo . Oggi i sa eh e i muscoli co tri ttori med io ed inferiore d el faringe , ono inner ati dalla branca interna dello pinale e eh e il CO trittore su.p eriore e innervato da un ramuscolo d el g losso faringeo, ehe Vernet ha potuto isolare nel cadavere. E, n el caso in esame, si e potuto dimostrare la parali i di n1oto d el glosso fa ringeo, per lo spostarsi de11a parete posteriore della faringe dal 1a to malato verso il la to sano , facendo pronunziare la vocale A. Con temporaneamente a lla lesione del g losso faringeo e avvenuta quella deJ vago e dello spinale. P er la lesione della bran ca in terna dello spinale e d el vago , si e avuta la parali si e l 'an estesia del velo-pendolo di sinistra la paralisi della corda vocale corrispond ente 'e 1'abolizion e della sensibilita nel.Ja m eta inistTa d ella parete posteriore de] faringe . Non si sono notati distu.r bi veri e propri a carico degli apparati r espiratorio e circolatorio. La lesione della branca e terna dello spinale h a cau sato 1' ipotrofia e 1'im potenza dello sterno-cle idom.astoideo e del trapezio. P er la frattura del fo,r o oondilo ideo a·n teriore o per lesion e di vicinanza del nervo ipoglosso subito fu ori dell a base, si e avuta Ja paralisi dei mu scoli del1a m eta sini stra della ling ua, con tutte l e caratteristi ch e proprie di questa lesione .

* **

Lo studio clini co del presente easo e inter essante : 1) P er ch e dimostra eh e un trauma di 11na estrema viol enz.a, eh e produce una frattura eh e dalJa vol ta s'irradia ed oceu pa tutta la ba se, e compatibile con la vita. 2) P er che, dalle lesioni riscontrate a carico dei nervi , si e potuto rieostruire il decor so seguito da.Jla linea di frattura. 3) Perch e, in un solo soggetto, si e osservata la riunione di sindromi semplici in una sindrome molto complessa e mo]to rara .

RIASSUNTO . L 'A. de cr ive un ·Caso di frattura della meta sinistra del cra nio, eh e da.lla volta si irradia ed occupa t utta la base. Discute e spiega il mecca[l·ismo d 'azione dei tra u·m i del cranio in gen erale. Insegna, in base a lla .sintomatologia pre ent..ata, qu1al 'e stato, n el suo caso, con grande ipr obabilita, il tragitto seguito dal1a linea ·di frattura. Pone in rilievo , dicendone le rag ioni , la sopravvivenza dell ' individuo nono· . tante l 'eccezio nale gravita del trauma, e ric11iama 1'attenzione ull 'interesse del caso per Ja i·im1ione di p iu indromi semplici in unia „ ir1dron1e molto complessa e molto rara.

TECNICA DI LABORATORIO. LABORATORIO Dr MICROGRAFIA E lBA·1·rERIOLOGIA DI!LLA DrREZ. GEN. DELLA SANITA PuBBLICA, diretto dal prof. R. MAGGIORA-VERGANO.

A.llestimento e titolazione delle soluzioni di tellnrito potassieo occorrenti per il '' Siero-Uovo-Tellurito ,,. Prof. M.

P ERGOl,A.

e

Il cc ie ro-Uovo-Tellurito » (S.U. T. ) unterr eno da m e proposto per Ia diagnosi batter iolog ica della difterite e per la ricerca in ge11ere del B. di Löffler: solidificato - in pia._ lre od a b ecco di flauto in tubi - m ediante riscalda 1nento per circa u·n 'ora a lla temperatura di 85°-90° C., serve per la CU1ltura d'isola111e11to; la seia to liquido, serve per la v.ar.a e propria cultura di arriechimento. E so deve la sua squisita e1ettivita .al tellur it o potassico contenutovi n ella proporzione d i 1/ 6000-1 / 5000, eh e e la piu a d egu.ata per n on m enomare il rigog lio e la sollecitudine di viluppo del B. ·d ifterico. ella formula ordinaria ·deJ S. U. T. ( 1) si aggira i ntorno a 1 / 6000. Valutando , infatti, 20 eme. il volume complessivo di un torlo , piu 1 o 2 cm c. di soluzione di tellurito, secondo eh e questa e al 2 % o all ' 1%, si avrebbe, co.n .gr. 0,02 di tellurito su 120 cmc . di . materiale, la pr oporzione esatta ·di 1/ 6000: 1

.

120)(1 12000 0,02: 120 ::1: x; da CUl : X== 0;02- == 2 - 6000„ Ma poiche, a c,auisa della naturale variabilita di g·rand ezza dei torli, la massa d el substr.a to e di soli to un po m.aggiore 0 minore di 120 cm e ., ne r isulta relativamen te dimiJ

(1) Gialli d 'uovo, N. 1; Siero· di sangue cmc. 50 · Soluzion e di cloruro sodico al 0,80 %, 'cmc. 50;. Tellurito potassico, gr . 0,02.


56

nuita od a umentata la proporzione d·el tellurito. Cio non ha irruporta.nza, in quanto il B. difterico Jo toll·e:ra perfino a 1/ 3000-1/2500, proporzione doppia di quella sopra indicata. Si eviti pero di g iunger e, o·d approssimarsi molto, a queste ultime dosi, perche influenza·no in modo sen sibilmente sfavorevole a.n che il B. difterico , il c ui sviluppo .ß allora ra llentato e men o rigog lioso, il .eh e e da evitarsi. Per avere la con centrazione di 1 / 5000 si prepar.a il S. U. T. nel s~auente m odo: si r accolgono, i.n un cilindro graduato· s terilizzato, torlo e soluzione di tellurito, e si porta il tutto a l volume ·di 100 cmc. con miscela a parti uguali di siero e d i soluzione di cloruro sodico; oppure torlo e soluzione di tellurito si portano a l volume di 50 c n1c. .con soluzione cloruro-sodica, e vi si aggiung·ono poi 50 cmc. di siero : n ell 'un caso e n ell ' altro abbian10 complessiva1m 1e11te 100 cmc. di substrato, conten.ent e tellurito pota.ssico n1ell.a propor zione ~sat ta di 1/5000:

.

100)<1 10000 ·0,02: 100::1: x; da ct11 : x = 0 o2 == ~ == 5000

' S.U.T.

Nell'allestimento del non conviene rieorrere al t ellurito in sostanza (bench e p uro come qu,e llo ·di Merk o di Kal1lbau111, eh e sono percio da preferirsi) perche : 1) per prenderne la dovuta dose, occorr erebbe farne di volta iin volta l 'esatta pesata, e cio altre non essere con1odo, richiederebbe ' non indiffer ente dispendio di tempo ; 2) ,da to ehe il tellurito potassico (Te0 3 l( 2 ) si trasform.a f.acilmente in a ltri composti insolubili o po.co solubili iin acqua (tellurito monopotassico Te0 3 HK - e pirotellurito potassico - Te 2 0 5 K 2 - ) , la quantita di sale pesata per lo piu n on corrisponderebb e tutta a tellurito, e questo verrebbe quindi a trovarsi in proporzione m.inore di quella voluta, con conseguente pregiudizio dell 'elettivita d el m ezzo c ulturale . Ogni inconveniente rimane in vece eliminato ricorrendo a lle soluzioni di tellurito, le ' quali , ·e ssen.do conservabili per un tempo illimitato - purch e tenute in recipienti ermeticamente .chiusi si posson o a llestire in una certa quantita (50-100 cmc. o piu) e, ripartit~ a dosi di pochi cmc. in fiale o tubi da saldarsi alla fiamma, .averl e semp11e disponibili senza doverle preparare troppo spesso„ Le soluzioni piu convenienti, anche perch e semplificano il cal col o d elle dosi da usar si , sono quelle al 2 % e a ll ' 1 %, .e he per ogni cmc. contengono· rispettivamente gr. 0,02 e gr. 0,01 di tellurito. Se il t ellurito, di cui si dispone, n on ha subito alterazioni ed e qui.ndi compl etamente

[ANNO XXXIX, NuM. 2]

»

<( IL POLICLINICO

solubile in aoq ua, per .allestirvi soluzioni a titolo prestabilito basta pesarne a l milligran1mo una quantita qualunque e discioglierla nel d ebito volume di a cqua distillata sterilizzata. Sia, per .esempio, gr. 3,24 il tellurito pesato e se ne voglia fare la soluzion e a l 2 % : la pro. porz1one 1

2: 100 :: 3,24 : X; da

. CUl: X

==

3,24X100 ~

== 162.

,ci i11dica cl1e si devono iprendere 162 cmc. di a.cqua, o, piu esattamcnte, cl1e l.a soluzione deve aver e il volun1e di 162 cm c . La solll2ione ,a.11 '1 % sarebbe invece di 32± cn1c. :

1 : 100 :: 3,~4: x; da cui: x =

ö 24XlUU '

1

'

== 8~4.

Poicl1e pero, con1ie si e d1elto, il tellurilo pota sico si trasforn1a facilmente i11 d erivati insolubili o poco solubili in acqu.a , spesso nOil e possibile prepararvi dire ttame11te colla sen1plice pesata sol uzioni .a d eLern1i11ato Litolo e bi og11a allora provvedere altri111ooti. 11 n1odo piu se111plice e piu pratico e di sciogliere con soluzio·n e acquosa di idrato potassico a l 10 % qualcl1e g·ran1mo d el tellurilo a lterato . P er lin1itare l 'inutile eccesso di po Lassa, la si aggiunge dapprin1a a 1 / 2 o 1 cn1c. per volta, e poi, quando la m assin1a parte d el tellurito e discio lta, la si aggiunge goccia a goccia. Per essere a11ch e piu sicuri di non ecced ere troppo .n el q uat11 titativo di potassa, i ·d ecanta la soluzio11e di tellurito via via eh e divi,en e limpida i11 seg uito .a sedir11enLazione della parte no11 ancora disciolta, e su questa si versa a p oco a poco a ltra potassa f~no a d iscioglierla tutta. La soluzion.e cosi otter1uta talvolta e opale. cente : conviene renderla lin1pida lasciando la d epositare e d ecantandola, oppure passand ola per filtro di carta s terilizzato. Se n e fa quindi la ti tolazione col n11etodo di Gooch e Peters (2) , analog·o a quello eh e ser ve per ia determin.azion e delle sostanze organich e n ell 'acqua potabile, e cl1e co·n siste nell 'ossidiare l 'a ni·dride tellurosa (T e0 2 ) m edi.ante il permanga·nato di pota.ssio. P er l 'esecu zione del m etodo occorrono pertan to sol u zioni di acido ossali.eo cristallizzato e di permanga.nato potassico in acqua distillata, ehe si corrispondano volume a volume, com e dall 'equazione: 5 (C2 Q 4 H .i. 2H'0)

630

+ 2Mn O'K + 380 H 4

2

==·

316 280' Mu -+- 1000 2

80' K 2 + + l8H11 0. Si v,ed e cioe, eh e se 5 molecol e, ossia 630, di =

(2) Zeitschr. f . anorg. Chemie, vol. 21, 1899.


[ANNO

XXXIX ,

NUl\I.

2]

57

SEZJONE PRATI CA

a cido ossalico cristallizzato (C 2 0 4 H 2 • 2H 2 0 ) (3) r eagiseono eon 2 moleeole, ossia 316, di pern1a111ganato potassico (Mn0 4 K ) (4) in presenza di acido . olforic-0, 111on rimane in eeeesso ne l 'uno n·e l 'altro reagente: 63-0 di acido ossalico corrispond ono dunque a 316 di permangainato potassieo o, eio eh e e lo stesso, 6,30 d el primo, a 3, 16 d el seeondo, e quindi le rispettive soluzio·n i al 6,30 per mille e al 3, 16 per mille si eorrispondono volum·e a volum~ (5). Son o appunto queste le soluzioni eh e i u sano per titolare quelle di tellurito. Prima pero di proeedere a tale titolazione va fatta la prova in bianeo eolle soluzioni di aeido ossalieo e di permanganato, per accertare come si eorrispondono, ed a questo seopo ... i prendono, in un palloneino od in una boecetta di Erlenmeyer , 10 en1e . della soluzione di permanga.na to, si d iluiseono eon 40-50 emc. di aequa diytillata, si acidificaino con 1-2 eme. di aeido solforieo puro e eon eentra to, e si fanno bollire per qualche minuto; dopo di eh e, vi si ver ano 10 em e . della soluzione di acido ossalico, eh e d ecollor a com1pletam ente la massa liquida, e i torna ad aggiungere permangan a to pota ico : se n e ba. ta una sola goceia per eonferire a l liquido li eve eolorito r oseo per i tente, facil e ad apprezzarsi eoll 'osservaz ion e u un fondo bianeo, la solu zione di permangana to esatta , eorrisponde, cioe, volume a volume a qu ella di aeido ossalico; se invece n e oecorre di piu, sig nifica ehe la soluzione di permangan ato ba subito una diminuzi on e di titolo. A tale ineonveniente si ripara eol ealcolo. Sia.si trovato, p er esempio , eh e per otten ere la d et ta eolorazione rosea d ella massa liquida, inveee di una goecia si.a occorso aggiungere em e . 1, 4 d ella notra soluzione di permanganato : vuol dire eh e la quantita di perma.n ganato, eh e avrebbe d ovuto esser e contenuta in 10 em e. di questa soluzione , .se fosse stata esattam ente al 3,16 per mille, si trova invece in cm c. 11 ,4; od in a ltre par ole, eh e a cm e . 10 di soluzione di permainaanato al 3,16 per mille, ne .corrispondon o 11,4 d ella soluzion e di eui dispo• n1amo. Stabilito, m ediante la prova in bianco , que-

e

(3) 5 (8:!Q 4 H 2 .2H 2 0 ) = 5 (C2 +0 4 + H 2 + 2H2 +20) = 5 (24+64+2+4 + 32) = 5x 126 = 630. (4) 2 (MnO"I{), 2 (~tn +0 4 + K) = 2 (55+64+39) = = 2 x 158 = 316. (5) P er evitare 1a decomposizione d ell 'acido ossa]jco ed il consegu ente abbassamento di titolo dell a so!uzione, si con siglia di allestirla con acqua dis tillata conlenen te il 50 p er mille di acido solforico con centrato e d i tenerla alla luce anzieh e al1'oscuro.

s to da to, si passa a titolar e la soluzione di telluri to in base alla r eazione : 2Mn04.K 316

+ 4Te0 K • + 880'H

+

3

1014 4Te0 8 + 5S0 4K s

9

=

(S0•)8 Mn2

+

+ 8H 0 2

da eui .si ricava eh e a 2 moleeole, ossia 316, di perma.n ganato potassico eorrispoo·dono 4 n1oleeole, ossia 1014, di tellurito potassieo (Te0 3 K 2 ) (6) e quindi a 3, 16 d el primo, 10,14 d el seeondo: una soluzione di permanganato potassieo al 3,16 per miille eorrisponde dunque volume a volume ad una soluzione di telluri~o potassico a l 10, 14 per mille, e per eonseguenza 1 cm e . d ella prima, eontenente gr. 0,003 16 di permanganato, ad 1 cm c . d ella seeonda eonten ente gr. 0,01014 di tellurito. E questo il eoeffieiente, eh e moltiplicato per i em e . di permanganato .con sumati n ella reazione ei d a l.a quantita di tellurito potassico contenuta n el volume ·d ella relativa so-· lu zione pveso p etr Ja titolazione; dal quale dato si risale poi , .con un sempliee ealeolo, a lla pereentuale di tellurito della soluzione m edesima . Ecco com1e .si opera all 'atto prati.co: si introduee in un palloneino, od in una boecetta, una qu.antita esattamente misurata della soIuzione d i tellurito in esam e - per esempio 1/ 2 en1c., se si presume eh e essa sia di titolo uperiore al 2 % - si diluisee eon 40-50 em.c. di acqua distillata; si agg ioogono della soluzione di p ermanganato tanti cm c . qu.a nti, secon·do la prova in bianeo preliminare, n e corrispondono a 10 di soluzio111e al 3,16 p·er mille; si aggiungono a.n eora 10 em c . di . dilu izione 1 : 1 di a eido solforico in aequa distillat.a, 1e si fa bollir e la miscela per una ·diecina d i minuti (7). Tolto il r ecipiente dalla fiamm.a , vi .si versano 10 emic. d ella soluzione al 6,30 per n1ill e d i a eido ossalico, eh e decolora il Iiquido, e si torna a d aggiungere il perma.n ganato g oceia a g occia, fino a ehe il liquido stesso, b olle nte, agitato rima n e di eo1

'

(6) 4 (Te0 3 K 2) = 4 (Te + O:l+K 2) = 4 (127,5 +48+ + 78) = 4 X253,5= 101'"1. (7) Se il p erman gan ato e n el dovuto eccesso, il liquide rimane tinto in rosso o in roseo, altri1nenti si scolora completamente . Ove cio s.i verifichi, bisogna agg iunger e qualche altro cmc. di pern1a11gana to - di cui naturalmente si tiene esatto con to - e fa.r bollire di nuovo. Ma se per titol are la soluzi.one d i t ellurito se ne p·r ende, come si e <l etto, 1/2 cm c. e si fa reagire c<>lla quantjta indica ta di p erman gan ato, si puo esser sicuri eh e qt1es to e in eceesso: per con sumarlo tutto, infatti, l a 5oluzione di tellurito, secondo i calcoli ehe esporr emo jn seguito ) dovrebbe essere almen o al 20,28 %, cio eh e non avverra rnai.


« IL POLICLINICO

58

lorito appena roseo. Si nota quanti cmc. di soluzione di permanganato si son o consumati per quest 'ultima operazione e si moltiplicano per il coeffi ciente 0,01014; il prodotto cosl ottenuto si moltiplica a sua volta per 200 essendosi preso per la titolazione 1 / 2 cm c. della soluzione originaria di tellurito (8) .e si ha I.a percentu.a le di tellurito potassico \contenuta nella soluzione in esame. , Stabilitone eosi il titolo, rhe, qualora si operi con cautela nel disciogliere il tellurito colla potassa, risultera eertamente superiore al 2 %, non rin11an e ehe ridurre la soluzione a questo grado di corucentr.azionie o, se si vuole, a quello dell ' 1 %, aggiungendovi · acqua distillata sterilizzata nell.a quantita eh e il caleolo ci fara eonoscere. Per chiarir,e m eglio i vari momenti del rnetodo titrim·etrieo riferito, ne riportiamo un esempio praLico, e, per f.arlo anche piu comipleto, su ppo·n iamo ;ehe ,nella prova in bianeo prelimin.ar e siano oeeorsi, secondo quanto si e ·detto so,p ra, cme. 11 ,4 .della nostra soluzione ·di permanganato, per decomporre 10 emc. della soluzione ossalica. Sia circa 2 gram11ni - non occorre pesarlo esattam.ente - il tel-1 lurito parzialmente insolubile in a.cqua, preso per disciogliere .e d abbia riel1iesto, a tale seopo, circa 20 cm c. di oluzione di idrato potassico a l 10 %. Poieh e con que te qu.a.n tita di tellurilo e di potassa e fondatan1ente l)fesumibile eh e la coneentrazione del tellurito sia superiore al 2 %, per titolare la rel.ativa soluzione se ne prende 1 / 2 .cm c., si intro-Ouee in un palloneino o in u11a boccetta, si diluisce eon 40-50 cm c. di .a cqua distillata, si aggiungono cm1c. 11,4 della soluzione di permang.an,a to, cm c. 10 di diluizion e 1 : 1 di a.cido solforieo in acqua distillata, e .„ i fa bollire per 10 minuti. Vi si v1ersano quindi 10 c m e. <lella soluzione ossalica, eh e decolora il liquido, e torn.a1n do ad aggiungere la soluzione di permanganato fino a conferirgli lieve colorito roseo per istente, si vienie a conoscere quanto permanganato ha r eagito eo] tellurito pota sico contenuto nel 1/ 2 emc. di soluzione preso per titolarla. Sia crn·c. 3, 9 tale quantita di soluzion,e di permanganato: siecorne .n ella precedente prova in bianco si e visto eh e cmc. 11 ,4 di d etta soluzione eorri1

1

(8) Se invece eh e su l .'2 cm c. la titolazion e si f~sse esegu it~ su cmc. 1 o 2, 1'ul tima moltiplicamone, eh e c1 da la perce11tuale di tellurito clovrebbe farsi, come e ovvio, rispeltivail1en t~ per 100 o per 50.

[ANNO

!>

XXXIX, NuM. 2]

s1)ondono a .cm e. 10 d ella soluzio1ne esatta al 3, 16 per m iJle, .si calcol.a a qu,a nto di questa corrispondono i cm c. 3,9 eonsumati, risolvendo la seguente proporzione : 11,4: 10 :: 3,9 : x; da cui: x =

3

•~;; O=

3,42.

1

Per risalire a ll.a percentuale di tellurito della soluzione in esame si fa,nno pertanto qu1est1e a ltre due operazioni: 3,±2 X Ü,01014 = 0,0346788. 0,0346788· X 200 = 6,93576.

La soluzione e dunque al 6,93 %. l\ifisuratala - e sia per esempio cm c. 18,8 - I.a pro. porz1one: 100: 6,93 :: 18,8: x; da cui:

_ ö,93 X l8,8 _ 1 4 X100 - ' 3028 ·

ei dice ehe la quantita (em.c. 18,8) di soluzione (al 6,93· ~b ), di cui disponiamo, contiene effettiv.amente grammi 1,30 di tellurito. Allora, se vogliamo ridurla al 2 %, si riolve la proporzion,e : 1

. 2 : 100 :: 1,80 : X; da

.

CUl : X ==

1,sox 100 2

== 65

e cioe: i 18,8 cn1C. della sol uzione al 6, 93 % va.nno portati a 65 e quindi dobbiamo ag g·iungervi emc. 46,2 (65 - 18,8 = 46,2) di a·Cqua distillata sterilizzata ; se in,reoe si vuol ridurla all ' l %, si ri olvc la pro1)orzione: 1 : l 00 : 1,30 : X

;

da

. CUl : X

=

1,30X l oo l

== 130

e l 'acqu.a d.a .a gg iung·ere c <.JUindi en1e. 111,2 (130 ~ 18,8 = ] 1,2) . Gli ottin1i esiti cultura]j, ,d ati dal S. U. T. preparato con soluzion i di Lellurito eosi tito late, con1pTova110 eh e praticamente il meLodo Sße,O-Uito corrisponde bene. La soluzione di tellurito, ottenuta usando con1e solvente l 'idrato d i pota io, e fortemente .alcalin.a. Ma poich e enlra nel S.U. T. in proporzioin e molto limitala, quale appunto e quella di cm c. 1 o 2 ( „ econdo .cl1e e al 2 % -oall ' 1 %) su cn1c. 100 o piu di substrato, l 'alealinita eh e vi apporta n o n e inai tanto elevata 'da <listurbare lo sviluppo e quindi la ricerea e la din1ostr,azion·e del baeillo difterico: si l)UO dunque u sarla senz 'altro com e e. Per quanto cautamente, pero, si operi nell'alletirla, u1n certo eeeesso inutile di alcali vi i trova sempre, eccesso eh e, volendo, si puo eliminare - prima, ben s 'intende, di dosare il tellurito, per non al terarne la concentra1


lANNO

XXXIX'

NUl\[.

2)

59

SEZIONE PllATlCA •

zione una volta eh e si sia determinata - neutralizzandolo con soluzione aequ osa di aeido c loridrico al 10 %. el praticare questa operazione si abbia l 'avvertenza di versare l 'acido goceia a goecia, per poterne so.spendere l 'aggiunta ,a l momento opportuno, quando cioe il precipitato, eh e in11nediatan1.e nte si forn1a in seno al liquido, eessa di ridiseiog lier,1isi agi ~ai11dol o; e n e riottiene poi fa,cil111ente la soluzione, eon qu,a lr he goecia di pota a. elle soluzioni ·di tel1urito trattate con ac ido cloridrico l 'alcalinita non rimane annullata, i11a oltanto attenuata. 11 poterie antibatterico, di cui il tellurito })O ta . . ico e dotato, a sicura gia di p er Se la teri1ita delle sue soluzion i a l 2 %, od a ll ' l %. Tt1tt a,'ia que te i po o no anch e pa are p er 10 111inuti alla temperatura del vapore fluenle, o del bagn o-maria bollente, prima di chiudere alla fiamma Je fiale od i tub i i n cui , per como,d ita di eon er,razione , si sara1n no previan1ente distribuite. RIASSlJ NTO. rella compo izicme del cc Si.ero-Uovo-Tellurito » , . ub ·tra to propo to dall 'A. per · la r icerca in genere del B. difterico, entra il tellurito pota„... ico. Ma poieh e questo si trasforma fa cilnlJen te in a]tri sali insol ubili o poco solubili in · acqua, e percio non e sempre .p ossibile alle tirYi d ireltamente soluzioni a determinato titolo, 1'A. suggerisce di disciorglierlo con soluzion,e a.cquosa di idra to potassico a l 10 % e titol1are le soluziomi cosi ottenute, per ridurle alla con r~ntrazione voluta (2 % o 1 %), mediante la conveniente aggiunta di acqua distillata.

~

PROBLEMI D'ATTUALITA La fisiologia dell'atleta. Diamo un largo sun1Lo ·della conferenza ten uLa dal prof. Tullio Gayda p er l 'in1augurazion1e dell 'ainno accaden1ico d ell 'Univer.sita di Pa via. L 'oratore comincia col ri1c.ordare :in qu:a1e conrt.o fossero ten.u te la g in11.a stica e l 'atletica pr,e sso i greci e presso i r omani , ·p er decadere, poi dura.n te un lunghissimo periodo, interrotto s olo da qualch e risveglio. In t empi piu vicini 13., noi g li esercizi fi sici riccvettero un ·n uovo e vigoroso impulso dai popoli anglo-sas oni , impu.l so ehe s'irradio poi in tutte le nazioni. l n I talia fu Angelo Mosso, il primo, me ntre tale insegname.nto · era del •tulto trascurato, eh e si fece prQpugnatore a rd ente della riforma d ell '.educazione fisica d ella gioven 1tu, sotto il controllo della fisiolog ia, intuen·d o qua le vantaggio ne potesse deriv.a·re. 11 R egime fascista poi, ridestan.do le virtu deJla n ,o stra stiTpe, ha posto in ,p rima linea al1e u e grandi direttive l 'educazione fisica d ella g ioventu e l 'ha con cepita ed attuata n-0n olo 1come palestra del corpo, ma an eh e come cuola del carattere e dello· spirito. Di pari cpasso con il risveglio degli esercizi g innici e .aitleti,ci, si sono a ndate .s vi·luppando le indagini fi siologiehe, dirette a ·studiare Ja complessita dei rp roce si biologici, eh e s ta·n no a base dell 'attivita s portiva, c on intendimenti non solo teorici , ma anch e pratici, con lo copo di provvedere ad una vera e .p ropri.a o rg.anizzazione scientifica dello sport . E sorta cosi la m·edicina sportiva, e si sono istituiti corsi a cui collaborano m edici e sportivi. In Ita lia la m·edicina ·sportiva e s tata ogge tto di patrticolari eure da ,parte del Governo Naz.ionale, come attestano l 'isti tuzione del1' insegnamento della fi siologia all 'acca.demia fa scista per l 'educazion e fi si1aa a Roma, la fon.dazione di un gabinetto per lo studio med ico-tisiologico ·d~li atleti a l Littoria le di Bologna e di un altro analogo a Torino e l 'organizzazion e di a l•tri corsi. Lo s tudio fisiolog ico d·ell 'atleta e molto importante oltre eh e dal pu·nto · di v.ista dottrina le, anch e da quello pratico, pe·r ch e esso pt10 servire a deittare le norme per una razion a1e selez ione degli aitleti. L'atletica n on va confusa con l 'educazion e fisica, per ch e, m«m'tre questa ,si prefigge di f.ar acquistare all ' organismo l 'armonia delle forrne e delle funzioni qu1ell.a e diretta piutto to a sviluppare a l massimo· gra·do una sola fun zione od un gruppo ristnet,to di funzioni e costiituisce sen11pre un-0 sfo rzo eh e varca i li•1111iti della fatica. 1

1

1

I

_.. Nuova Jmportaate pubbllcazloae: A. ALESSANDRINI • E. PAMPAiNA • M. SABATUCCI

dell'Istituto di !giene della R. Universita. di Roma

GLI ESAMI DI LABORATORIO Tecnica e Diagnostica Prefazione del Prof. Sen. C. Sainarelli . Volume di pag-g. XXXII-636. in for mato taeoa.bile, con 89 figure in n ero ed a -00lor i nel testo e tre tavole .a oolori fuori teeto, nitidamente sta.mpato ed ele.gantemente rilegato in piena tela, oon i.n scrizioni in oro eul piauo e sul do:r&o. Prezzo L . 5 O, piu le ~eae poeta.li di spedizione. Per i n cstri abbonati sol e L. 4 5, 6 O in porto fr a nca e raoooma,ndato. In..-iare Vaglia a ll' editore LUIGI POZZI, Uificio P-0&ta,ie Succursale di-0iotto, ROMA.

1

1


[ANNO XXXIX, NuM. 2)

« IL POLICLIN I CO »

60

La fa ti ca puo venir c onsiderata come una valvola di ieurezza, eh e impedi see all 'organi sm o di eon1piere un lavoro, superiore alle u e for ze. Le doti carat teri.stiche di un buon .a tleta s1tanno 1anzitufJto n ella capacita di eseguire un lavoro . muscolare iD:ten so e prolungato p r ima ehe insorga la fat1ca e la c.ap.a eita di con tinua11'e a lavor.a re qu.a ndo la fa tica si e .g ia stabilita. Quin·di il problema cen trale dello Studio fisiolog ico dell '.at}eta e quelle dell.a fa'tie.a e dell 'esaurim-ento. E gia n ozio11e antica eh e n el lavoro g ravoso e prolungato si forman.o n el m,u seolo sostanze, eh e passando poi .n el sang.u.e d etermin.ano il en so d.i prostrazion e e dL stan ch ezza ge·neTa le. Le 1piu r eoenti ricerc~e 11an~o dimo strato eh e, durante 1ai 1contraz101n e, SL forn1an o 1n el museolo, da l glicogeno contenutovi, dell 'aeido latitico, eh e pa sa poi n el san g ue e i diffonde a tutto il co•r po , determin,a·ndo i fenomeini g'enerali d ella fati ca e l '1affa ticam ento di tutti gli or.gani e sist emi. L 'aeido lattico e ·dunque .i l dir&tto responsabile della fatica ed e n atur.aJ.e 1Ch e si formi in maggiore qua·n tila n eg·li esereizi atleti ci. I museo]i durante il r.iposo ri.aequi st.an o la c.a pacita l.avor.ativ.a, perduta p·er effetto de lla fati ca; c io..aYvien e per oper;a, dell 'ossige110 a ssorhi·lo d.all '.a tmosfera , eh e detern1in a la scompar sa d ell '.acido lattico pJro·do tto ·n el lavo ro n1us.cola rc, o ~ ida.ndon e un.a p.ar te in anidride carbonica e a cqua e l 'altra la trasform.a n el g licogen o muscola re co·nsun1.ato. La quan ti ta di ossigen o con u m,aita dall 'o rgani m o e un in·dice a bbastan za fedel ~ delI '.a t·tivita dei muscoli , essen·do pro1Jor z1ona le all:a1 qu.antita di aeido lattiico, cl1e vi si forma. Qu.ando l ' uomo e iin riposo , con sum.a m eno o icren o di qu.ando compie u11a fatic.a 1nuo b. ·col.aT·e; n1.a poich e l 'u orr10 n on puo assor 1r,e di }Jiu di una d.a ta qu.antita di os igen o in un n1in uto n e vien e di co n se,gue11za, cl1e qua·n do la f~tica e molto gravo~a e prolunga ta , fi nita qu·e ta , l 'org.anism o h a .as orbito n1eno o ige110 ·di quello necessario a distrugge ne l '.acido lattico; si stabilisce ·cioe un defi eit di o igen o, a l quale si deve ripar are do.p o, eontinu.ando ad .assorbirine per un certo tempo un.a qua n1tita maggior e di quell.a el1c e sufficiente dur.ante il r.iposo. Hill , illustre fi iologo inglese ed a n cl1e eo rridore, cl1e ha studiato aecura ta111e111te tale fen omen o, ·dice ,cl1e in tali condizio1n .i si stabilisce un debito di ossi.geno, cl1e 1'uomo p.a ga doJJO l 'e ecuzion e del lavoro in un tempo piu o n1e110 lungo, sin.o a con1 pleto ristoro dei muscoli . Dopo lo ~/i.e so esercizio n1uscolar e , il ri storo ... i co111pie piu r.a pidan1e11te nei g·iovani eh e non n egli individui m aturi, n egli all en ati, cl1e non n ei principi.anti. La dt1rat a del 1

0

1

0

periodo di risto ro puo fo~~ire p~rcio .lllil c:riterio p1er valutare la capae1ta atlet1ca d1 un individuo. Se l 'esercizio atletico e molito prolungato e violento , si cont·r ae un forte debito di ossige110, eh e bisogn.a pagare p ero senz.:a una ~roppo lun ga dila zion·e; altrim·ein.ti si va incontro al f.allim.e nto; queste a vviene quando il defici•t di ossigeno e ~le da non eonsentire piu la norm1a.J,e funzione d·el sistema een.trale e soptat1tuito del cervello. L ' org.anismo ha pero in se tutta una serie di mieccanismi, per mezzo <l·ei quali puo eompen sar e, almeno in parte il forte debito contratto ed evitare il fallimento. Qu.a ndo l 'ia,ttivita museolare si i1n.tensifica, il r e piro si fa piu fr.equente e profondo, producendosi l 'iperpnea, dovuta all'azione dirett.a o i11diretta eh e l 'acido laUtieo, formatosi 11ei n11u . . eoli e pa ato n el sang u e esereiita1 sui cen tri r espir.a tori. Con seguenza dell 'iperpnea e l 'aun11ento della \ {lllllilazione polmonare, ehr fornisce all ' org.a.ni·s mo maggioir 1copia di os·igeno, permettendog li di ßa.r fronte al debito conit r.atto. I1n.o ltre il sang·u·e si arricehisce di corpuseoli r ossi , si impoveri sc.e di plasm .a e perc io aumenta la s.u.a capaeiit a di fi ssare ossigeno . II nun1 er o dei corp·uscoli del s.an g u·e si aiccre ce per cl1e essi veng ono snidati e mobilit.ati d.ai territori vasal.i , eh e in con<lizioni nor111iali no n prendon o p arte attiva alla eircolazione ; tra questi t erritori , il piu importa11te e la milza,; dura nte il lavoro muscolare Ja inilza si contrae, sprem endo d alla sua p ol pa il san gu e eontenutovi , cl1e passa ieosi in circol.azion e. Qu.esta contrazio n e produee il eoi d etto « dolor e di n1ilza » ehe si avverte soprait tutto n ell.a cor s.a veloce. Allor.a inter ien e il eu or e, modificando la sua funzion e, in n1·odo cl1e un.a mag.g ier qu.antiLa di san gu e cincoli r1e ll ' u:nita di tempo attr.a verso 1aii poln1Joni, per caricar si di ossigen o e cederlo attraver o ai muscoli. Qu esto effctto vien•e o ttenuito d.al cuore e a umentando la su a ge ttata pul.satoria ed aun1ent1ando an.eh e la frequ,enza dell e pulsazioni. l ei buoni atleti in eondizioni di riposo 1a frequen za ·delle p ul azioni e molto bassa ; ess.a vi.ene a umentat.a ·d ura nte g li esercizi m~ scolari, 1tanto piu qua nto piu e gnavo~ ]a fa tica, n1a n1olto m eno eh e negli individui norm.ali . 11 tien1po eh e il }Jolso impiega a ritornare nor1na le , l 'aum,einto de.11.a frequenz.a del polso e del r espiro, do1)0 l 'esereizio muscolare, forniscono un .c riteri o ottim.o per st:a·b ilire }',effi cien za fi sica di u.n individuo, la sua atti:. tudine atlettica e la sua r esistenza agli eser. . .' . c1z1 p111 g ravos1. La eoor·dinazio11e f1-ia le funzioni degli ap1

1

1


[AN o X\XlX, NuM. 2)

SEZIONE PRATICA

parati circolatorio e respiratorio dura•11te l 'attivila lllUSCO}are, e effettuaita inter.a111e11te da} i51te111a n ervo o centnale i11 n1odo da 111iettere a g iu to profitto tutte le risorse dell 'orga.n i""n10 , la nlo e vero 1ch e un individuo sotto l 'ecci tazi011e di fatti e n1otivi violeniti puo essere capace di sforzi ptima n eppure sospettati. Poicl1e in tale caso p er un esaltamento dell 'ra1tiYi ta .dei ce11tri nervosi cardiaci, vasomotori e respiratori aumenta l '.afflusso del sangue ai inu coli, a l cuore, al cervello e i a ccre ce l 'efficienia d egli apparati circola torio e re J)inatorio. I fenoni.eni di ri toro non ci sono an cora del tutto n oti i111 t utte le partieolarita, ma essi sono d egni di studio, per ben compre ndere il co111p·l e o meccanismo dell 'allenam e11\to . L 'allena m enlto \rigua·r da a'attivita specifica e I ',a ttivita sportiva gen erica. Que ta si m a nifesta con u1n aumento progre ~ „i,·o della quantita massima di lavoro m1Urolare e eguibile sen za preoccuparsi di ragO'iungere la perfezione di un1a form a d efinitiva ed h a per effetto di acereseere il volume dell e mas e muscolari, aumentarne la forza e velociLa di eon trazione, di elevare la resistenza d ei mu coli , diei t endini e d ell e ossa· a lle azioni m eccaniehe violente , di rendere piu pronla la r eazione dell 'apparato circolatorio e re„ piratorio a i fe n omeni della fa t~aa. Per l 'a tl eta l1a una grandissimia importanza l 'a LliYila peeifica. In questo iallenamen to si in11la ra ad adde trare ed a coordinar e i movimenti utili necessari per eompiere l 'esereizio sopprimendo gradatam ente quelli superflui a ll ' effetlo eh e si vuole raggiun O'ere. Con l 'alJena m ento, eon la ripetizione dell 'e ereizio 'irnJJara a limitar Ja co,n trazio·n e a i tali mu scoli indi&pensabili, e a :fJarli contra rre con la velocita o.ttima. Ess-0 :rende sempre }Jiu p ervie le vie n ervose, lungo le qua li si propagano gli eccitamenti utili ed impervie Je altre attrav,erso Je qua li si diffo·n dono gli impul i ehe d etermina n o i movjmeroti uperfl11i. Poi con la ripetizione continu;a ta del1'e ercizio, i movime nti si compiono con m ao-O'iore esa,ittezza e facilita , riichiedendo eme-;:, pre mi,nore attenzion e, sino a diventare automati r i ed i.n co eienti; la loro eseeuzion e esige cruindi un dispendio molto minore di energ ia n ervosa. L 'allenia·m ento ha quin.di l 'effetto di r ealizzar e una inotevole eeon omia n ell 'e11erg ia !tota le, eh e vi,en e con su·m ata l?er con1 piere il lavoro mu scolare. Mentre nell ' rr~­ dividuo no·n allenia to· il r endime nto m eoc.an1co dei museoli, con siderati come motori, non supera il 20 %, in qu·ello a llen.a to il :rendimento p.u o ra,ggiungere anehe il 30 %. La rrn1ancan za quindi di cc s til·e » eh e canatteTizza 1'atleta n on allenat o non e solo difetto di csteti.c.a, ma causa di sperpero di .en ergia nel1'eser uzione dell 'eser cizio sportivo. 1

61 •

L 'a lle n amento e l 'esereizio fi sieo reoa·no vantaggio a tutie le tiunzioni dell 'organismo, 11on solo a qu·ellia dei muscoli, ma an eh e alla circolazione, respirazione, ricambio, ed in ge11erale a tutta la vita vegetativa. Ora questo beinefico e ffetto d ella vita vegetativa si ripercuate natura lmente .anehe sulla vita psichica. Noi normalmente, pur non avendo una cocienza ehiara e distintia· dello stato e della funzione d ei 111ostri 1organi, avvertia mo un ~ entim ento inoessante ·del nostro corpo, sentin1ento eh e costrtuisoe l.a cen estesi . Nello staLo di equilihrio, cioe di pe1~fe tta salute, questo sentimento e contiinuo , uniforme, e riman e a lla sogliia della coscienza sen za diventare sensazione ·distinta; quando invece Je funzioni degli organi subis cono un esalitamento o una depression e, veng ono tras.messi a l sensorio eecitam eniti, ehe sono percepiti dalla notria coscienza con un senso di ben essere o di malessere, di vigore o di abbattimento. Orben e, g li eser cizi fisiei , attivan·do energicam ente le funzioni degli org.ani suscitano queto sen so di benesse:ve, manten gono l 'umore ereno; essi sono dunque in gra·do di modificare profondamente la per.sonalita psichi.cia. Ma g li esereizi fisici estendono la loro benefica influenza anche ui processi in·tellettuali. L 'allenan1ento r ende i movimemti piu ra pidi , m ealio coordinati allo copo; qu1esto effetto e do\ruto piu eh e ad Ull per~ezion.amento degli organi eseeutori periferiei, cioe muscol! e n ervi, all 'a ffinarsi dei m eccani smi nervos1 centra li, a lla rapidiJta , precisio111e e coor-dina: zione di funzioni psichiehe. L 'esecuzione d1 un movimento volontario, in ri spost.a ad uno stimolo d el mo n do est erno, implica tutta una erie di processi p si,chiei: a nzitutto l'esatta iJercezione dello stimolo, poi la fedele rappre entazion e mentale del m ovi1nento· in tutte le su e fasi ed infine 1'impulso motore volontario, ch1e tr.a·duce in iatto questa rappresentazion·e, perco·r rendo i inervi di moto e scaricando i sui museoli. Gli esercizi fisici rendono piu rapidi tutti questi processi psichici. Alcuni esercizi fi siei poi p iu eh e a l t:i ~d e . 1'alpinismo , la lotta, la seh errna , r1eh1e: dono l 'intervento 1attivo dei processi mental1 piu elevati . Da to quindi eh e i r isultati ott e nuti .<lalle ind-a gini sp·erimentali fi siologie;ie e. ps1colo: aieh e h anno dimostrato eh e l 1atJ.et1ca e gl1 5 . f unz10. eser, cizi fisici richi.edono l ' intervento nale ·d ei muscoli, de·l l 'intero organi:smo ed i111.volgono a n ch e la partecipazione delle funzioni ,psichiehe , facilmente si puo comprend ere qua l·e importanza a ssun1a l 'educazione fisiea , specia lm1en te se impa~ tiita fin. dall,a prima eta , sulla formazione della g 1oventu e quale influenza sulla form.azion e del canatte1

1

1

1

1


62

(( IL POLICLINICO

re. II carattere infatti mentre e legato alla costituzione individuale, e come tale, determinato da fattori ereditari, puo esser,e grandemente modificato e plasmato dall 'ambiente e dall 'educazio·ne. L 'edueazione fisica, canalizzando ed in,d irizzando rettamoote le energie spesso impulsive e disordinaite del giovane, puo agi:ne profondamente sul earaittere esercitan·do la sua influenza su uno degli elementi fondam entali della formazion e di questo , cioe sulla volonta. La volonta, resa piu tenace e piu pronta da ll 'abitudine dello sforzo muscolare, puo trasferirsi nel campo morale ed essere indirizzata piu fucilmente al ragg iungimento ~ei fini piu elevati. Accresoendo la forza muscolare, g li esereiz~ fisi ei su:seitain.o ed alimentano il coraggio, r1svegliano il senso .d i fidueia in se stessi , insegnano a·d essere pronti n el1a· decisione ed a vincere il duhbio. Quegli esereizi fisiei, ehe presentano qual•c.h e 1~ischio, 1p ossono modificare. l 'ei;notivit~ ~mmaest~an?o a resi.ster,e agli st1mol1 emot1v1 ed a 11mLtarne la reazione. L'erruu.Iazio·n e nel1e gare sportive, oltre ad essere un ineitamento a.d au·m .ent.are la propria capacita fisiea, favori see anehe la lealta e Ia fna·n chezza, ripereuoten,d osi n ella vita psiehica, meutre la fi nzio·n e e l'inganno sono Ie arn1i dei vili. Al.cuni esereizi poi, come l 'al pinismo, le crociere soddisfano lo :spirito di avventura cosi svilu ppato nei giovani, impedendo eh~ esso siia rivolto a.d azioni insein.sate. Infine gli esereizio collettivi sviluppano i seritimenti di solidarieta e di colla borazione fonda mento della v:itta sociale. ' II prof. Gayda conelu·de dicendo ehe l 'educazione fi si-c:a, imponendo u.n a disciplina del eo.r p?, n e 1mpone ianehe una dello spi.rito, m1gl1oran·do ed indirizzando verso il bene tutte quelle attivita psichiche, ehe costituiseono gli elementi essenziali del carattere. Per queste rag.ioni l 'educazione fisiea non puo essere c?nc~p1ta solo .come un mezzo per rinvigor1re 11 corpo, ma ha anehe un alto eontenuto monale. Essa ha quindi il dovere di assolvere per i ntero il suo eompito, non limiitan·d osi a svilu,p pare in modo esagerato le masse museolari, ma per la maggioranza della giover. .. tu e soprattutto per qu·ellia . studiosa, ehe piil n.e abb1sog~a, deve mirare a temprare, ins1eme eon il corpo, anehe lo spirito, ad a rmonizzare l 'attivita fi si.ca con quella intellett~ale, a iJ>reparare non solo gli u,o mini dell 'a, z1one, ma an ch e quelli del pensiero. E questo appunto sta tr.adueen·dosi in splendida ~ealJta, per il vigoroso impulso provvidamente 1mpresso dal regime fascista. 1

1

1

Prof. PAoLo lNTRozz1 Aiuto R. Clinica MediL.a: Pavia.

»

[ANNO

XXXJX, NuM. 2}

SUNTI E RASSEGNE. CIRCOLAZIONE. Un'ana1isi di öOO casi di ipertensione arteriosa. (F . NuzuM e A. ELLIOT. Am. Journ. of Med. Scienc·e, maggio 1931). E lo studio alllalitico di 500 casi di ipertensione arteir iosa in 1p azienti di eta superiore ai 45 anni ed aventi una pressione sistolica intor·n,o a i 150 mrm1. Hg: di questi, settanta affetti da nefrite cronica sono studiati separatamente. L 'analisi e fatta in base a vari elementi causali ·o con eomitanti ed i risultati sono paragonati con quelli di un gruppo di 250 individui di eta sruperiore ai 45 anni ma con una pressione sistolica di circa · 120 mm. Hg . Co·s i, riguardo alle infeziorii acute, in-· fluenza, morbillo, m eningite, febbre reumatioa si era,no avu.te piu frequenl/ßmente m1el gruppo degli ipertesi eh e non nei eontrolli. La niefrite aeuta e la scarlattina si era avuta piu volte nel solo gruppo <lei nefritici ehe in tutti g li altri 430 ipertesi e 250 controlli. La pe.rcentua le di sifilidi e di infezioni tifoidi era piu bassa di quella norma lme nte riportata. Un 'infezione jocale, .r icercata con i vari mezzi di clinica e di laboratorio fu trovata nel 63 <J~ degli ipertesi, n el 62 % dei nefritici nel 60 % d ei controlli. L'infezione focale non ha quindi im.portanz.a ne\lla determinazione dell 'ipertensione. L ' obesita si riscontro in percentuale rdoppia negli iipertesi eh e n ei ·e ontrolli, eio eh e conferma l 'importanza dell'obesita nella patogen.esi d1ell 'ipertensione. Una tendenza familiare per storia di malattie vascola:ri familiari diede risultati non conc~~sivi in qu.anto e:g.e questa storia era pos1t1va nel 30 % degli ipertesi e nel 29 % dei eontrolli. L 'aJ,teriosclerosi di agnosticata palpatoriamente . e. all ' o ff:alm:oscopio fu trovata nel 17 % degl1 1pertes1, nel 2-1 % dei nefriti,ci e nel 14 % dei controll~. ~a differenza non e cosi granfde 1come c1 s1 aspetterebb e e dimostra eha1'arteT'i.osclerosi, speeialmente d.ei grossi vasi non ha n otevole relazione con l 'ipertensione. In ~42 pa~ienti del gru.p po degli ipertesi, trattat1 se~pl1 oemei:tte eo~ riposo, eseTeizio graduato e d1.eta alcal1na, s1 rfeoero esami suiccessivi del~3: t~sione a:rteriosa pelli osservarne le eventuali modifi cazi·oni. II ricovero in ospedale ebbe in m,e dia },a d111rata di 13 criorni. Di ques~i 142 pazienti, in 95 (5290) si ebbe u:ria rap1da caduta della pressione sistolica di errca 21 mm. Hg, in 12 non si ebbe aleu·na modificazione, in 32 si ebbe una caduta 1

1

1

.


J

f ANNo XXXIX, NuM. 2)

SEZIONE PRATICA

-Oerla pressione sistorica ed un innalzamento della diastolica, fatto 1che suggerisee una certa prudenza n ell ' istituire le misure terapeutich e. G. LA CAVA .

63

La dieta di Gerson esercita un 'influenza eccellen te, speeie se al sale comune si sostituisce il Bromosal, eh e e n ello stesso t-empo un sedativo. Per , eio ehe riguarda il tra ttamento mediInfluenza del sistema nervoso vegetativo camentoso e conveni1ente somministrare mesulla pressione sanguigna e patogenesi dicam1e nti sedativi del dien ce falo e della eorteceia cerebrale in eombinazione eon vasodidella ipertonia. la ta~ori eome, P?r es~mpi? , il bromuro di po{E. LEscHKE. El Hospiltal Argentino, giu- tas~10 eon a~al1Il:a, il p1ramidone, la papaver1n.a , la d1uret1n,a , Ja nodopurina, oppure g no 1931). per un. tempo m aggiore, il lUJmlinal (0 ,10 L ' A. ·d opo aver rapidamente ricordate le i- gr. og n1 volta). pote i 1principali eh e si son fatte circa la pa• :E: ?i. speeia le im po~tanza prescrivere gli togenesi dell 'ipertensione arteriosa essenziale durant·e la prima settimana di soa. . 5 e tratto a dedurre, dalle osservazioni fisiolo- ipnot1·c1 g1orno in montagna. giche e clinich e di questo ultimo decennio, In aenere deve evitarsi di inviare ad altezze eh e la selerosi delle arterie e una conseguenza e n on una causa della ipertensione e ehe l 'ori- maggiori di 800 m. pazienti con pressione sanguig na di piu di 200. _g ine dell 'ipertensione essenziale deve ricerGli infermi eh e ha nno pressioni moderate carsi in un fattore costituzionale. Fattore costituzionale chie e riposto in un livello fisio- sono inveoe favorevolmente influenzati dal soggiorno in montagna. Dei fa rmaci ad alogieo patologicam.en te elevato e eh e si riconosee dal fatto ehe l 'ipertonia e un 'affezione zione vegetativa e da raccomandarsi la colina. Un 'aziooe rapida, m,a transitoria, puo tromarcatamente familiare. Ci sono famiglie i varsi nell ' ista·m ina, so·m mi·nistrata per iniiecui membri sono tutti ipertesi e nei quali l 'iperten sione, se sistematicamente r icer cata, puo . zioni di 1/ 2-1 m gr . Un'aziane inv•e ce piu eontinuativa l 'hanno esser messa in evidenza in una eta molto g iovanile. L 'aumento de lla pressione sanguigna gli estratti epatiei disinsulinizzati. I quali non h ann o in genere azion e sulle forti i perpuo es istere per dece11ni senza dar luogo a tonie, specialmente dovute alla n efrosclerosi . nessun di turbo. N·ell 'a.n g ina di petto in seguito a trattaL 'A. non attribui ce importania patogenemento con estratti disin sulinizzati , i dolori tica alle infezioni, alla sifilide e a i disturbi spariscono in circa il 60 % ·dei casi. t irotossici. H anno, in cambio, notevole importanza i Gli esiti piu felici si osservano pero nelle disturbi genitali della donna e il elimaterio, gangrene angioneurotiehe e tromboarteritiche. .com e laseiano vedere le ipertonie in pazienti ei casi lievi di malattia di Ilaynaud e di affette da mioma o eh e hanno subito opera- Bu·e rger, di ·claudicazione intermittente e di .zion i sugli organi sessuali o eh e sono in eli- altre .affezioni vaseolari simili, la circolazione materio prematuro o anehe n ormale. Piu eh e rit?rn~ alla norma. Anehe nei casi gravi , in di influenze endocrin.e divette, si triatta in que- eu1 b1sogn er ebbe prooedere ad una operazios ti casi di azioni riflesse nervose sopTa i oontri ne di amputazione, dall 'uso degli estratti dede11a regolazione, a somiglianza di quanto sinsulinizzati si possono. r icavare dei risul tati sorprendenti. M. T RIPODI. ·succede dopo la legatura degli ureteri. Un fenomen o frequente n egli ipertesi e la comparsa della eosidetta « porpora annulare L'insnlto ce1·eb1·ale e l'angiospasmo negli t elengiactoide n d.e scritta da Maj oeehi . Queipertonici. 'Sta porpora n on e una semplice a ffezione or(J. P .L\.L . Wiener J(l inische Wochenschrift, ganica della pelle ma sta in isquisita re]a16 ottobr1e 1931). zione con },e oscillazioni dell.a pre ione sanguigna e i] numero degli eritrociti. II maggior numero di insulti eerebrali si La comparsa della porpora Majoechi ha verifica n egli ipertonici, il eh e prova ·eh e in SOJ)rattutto im1p ortante valore diagnostico i.n questi soggetti esistono con dizioni specia li l1e ·quei ·casi di pressione arteriosa labile, in cui q u.ali favoriscoo.o il determinarsi di tali in~ 1a pressione, a un solo esa1ne, puo apparire sulti. normale. Essa sta, per lo piu, a indicare l 'eNon e verosimile eh e Ia patogenesi degli in·sistenza di erisi vascolari. sulti stessi sia. univoea sopratutto perehe le La terapia, una volta stabilita la diagnosi, origini dell 'ipertoni1a n on sono uniformi ma consistera innan zitutto nel riposo fisieo e psi- la maggiora nza degli osservatori tende ad atco. La alim en tazione sara prevalentemente v·e- tribuirle a crisi di spa.sn10 vasale. getariana, con e clu sione del ca ffe e del te Fin d.al 1903 l 'A. d imostro eh e I.e a m.a urosi forte. transitorie in varie m,a lattie (colica satu rni1

1

• •


« IL P OLIGLINJ CO »

64

na, uremia acuta, eelia mpsia ) hanno la medesima orig in·e : uno spasmo va. ale della grande circolazion.e ehe si dif fond e alle arterie cerebr,a li d.e} lobo occipibale. Ch e la causa di questa speeie di accidenti e dovut.a solo ad un angiospasmo e provato a·n che dal miglioramento ottenuto mediiante le ina lazioni di nitrito d 'amile. Le manifestazioni di que ti ang iospasmä non durano oltre i sei g ioPni e scompaiono senza lascia re tra1cci1e a m en.o eh e lo sp.asmo non persista il ehe e molto raro. Iin.. tali .casi a ll 'auitopsia si riscontra un ramm·ollimento bianco. E ovvio ehe qua ndo lo spasmo e unilaterale inveee dell 'a m.a urosi si ha l 'emianopsia. L'angiospasmo puo dare fenom.eni di difetto a carico di altre parti del ·cervello: emiplegia, so1r dita, afasia, nonch e eclampsia . Le erisi spastich e compaiono du.rante i sollevamenti iacuti de1la pressione e scompaiono con l 'abbassamento d.e.lla pres ione o con la dilatazione delle arterie oer ebrali, ottenute ad es. coin. i nitriti. Esse ·co.s tituiscono il tipo comun1e d'insulto cerebrale , ch·e si ha nell 'ipertoni.a tossogen1a in seguito ad una speci.ale eeeitabilita e ten• d enza agli spasmi dei vasi . F1enomeni cerebra li di specie analogia ed in ispecie g li accessi eclamptici ed a•n che l '-emiplegia possono soipr.a vvenire nell 'ipertonia tossog.ena in seguito alla produzione di un edem,a C·er ebr.ale .a ll~ cui produzione forse concorre una spasmo venoso. E n10tevole il fatto eh e !Ilell 'ipertonia tossogena ifaramenite si verificano piccoli focolai di rammollimen·t o ed insulti emorragici, come risulta dagli .studii di Herxheimer e Schulz. Cio si spieg.a verisimilmente perch e trattasi di ipertoni.a delle ven.e. In 1e ffetti 1'i·p ertoni.a .tossogen.a riguar.d.a tutto il sistema c.ardiovascolare. L 'ipertonia prirn1airia inve•ce e u•n 'affezione tutt'aff.aVto .particdlare ehe coUpisce ,solo le. arterie fino a lJ.a e.stremita ven,o sa dei capil1.ari. Nei casi puri tutto l 'albero v.en oso comprese le piu piccole diram1azioni e normale e conserva un ·Contegn<? affatto passivo. Questa ipertoni.a puo sussistere anch e seinZta• eh e ooesista i1pertension1e. Anche nel campo dell 'insulto cerebral,e e inammissibile scambi1a.r e l 'ipertonia con l 'iperten sione. Anzi se i111 qu.ella co·n dizione si riscontra un.a pressione molto alta si puo concluder~ ch.e nion si tr,a tta di ipertonia. L 'insulto si detern1ina in'dipem.dentemente dall 'aum·ento della .p ression.e viasale, e questa, quando .si verifica, e l 'effetto. non la causa· d1ell 'a·cci den te. D'altra parte una pressione normale ed anch e bassa ,1n on• esclude l 'ipertonia. E in°dipendentem1ente d.all 'ipertensione possono 1coesistere ipertonia ,a rteriosa, ipertr ofia 1

1

[ANNO

XXXIX, Nul\I. 2J

ecoentr ica del v,entricolo sinistro e ren e sclerotico. Nell 'iperton-iia prin1.a ria si verificano senza dubbio insuJti oer ebrali riferibili ad angiospasmo, perche taluni di essi sco·mp.a iono senza lasci,a re tracci.e . Un 'accurata palpazione delle arterie ai due lati fa rilevare l 'esistenza di un insulto org<tnico. Poich e questo nella gram. maggioranza d·ei casi si verifica nel campo arterioso carotid eo-stri.ato si .riesce con la palpazione ad apprezz,a r·e ai dUJe .u,n.a dif ferenza del tono arterioso (non· della pr.essione), la qu1ale puo durare anch e parecchio tem.po dopo il prodursi dell 'accidente. Questo repe:r.to offr.e la possibilita di segui re cli1n icamente il decor so di piccoli insulti e costituisce .la doeumentazione del progresso dei g.randi insulti (focol.ai di rammollimen to ed emo.rragici). I piceoli insulti isolia ti di solito non. sono in rapporto a focolai emorragici ma a rammollim enti ehe danno luogo a piccole formazioni cistiche, il cui colorito i.n,d ica cl1e in esse ,s i e verifi.cato successivamente per diapedesi uno stra vaso sanguig no . Queste cisti sono spesso mol to n umerose e sono localizzate n,e} territorio vasale del eervello, . nel quale soglion·o verificarsi le emorrag1e. Possono t'rovarsi da u no solo ed i1n tutti e du1e i lati ed aneh e prossimi ia1 grandi fo colai. .Il loro aspetto puo essere uniforme o disugu.ale, a seconda cb.e si sono verificati contemporaneam,e nte o in epoche diverse. La loro mo·l teplieita indica ·eh e esse sono prodotte da un uin.ico momento causale, ehe prim1a. si riteneva consistente in un aumento della prie..ssione vasale . Certo anche negli insulti da i1perto·n ia primitiv.a si 11.a un salto della pressione vasale, ma esso e un effetto dell 'accidente nel sen so cl1e n,ei viasi venosi i prod uce un ingorgo. II grado dell '.aun1ento della pressione eh e provoc.a la crisi non e particolarmente alto. La localizzazione del focolaio dipende dal1'eceitazion.e dei viasomotori ehe provoca l 'aum·e nto di pressione. Piccole emorragi.e po·s sono confluire e formare un gros so f ocolaio. ( Dal decorso clinico si rileva eh e i piccoli focolai sono i precursori dei grandi. I ram,. . mollimenti sono piu frequenti delle emorragie e non di rado }.e gravi apoplessie sono precedute ·d.a piccoli insulti. N,eJl 'ipertonia i viasi eerebr.ali so·n o intatti. Quan.do questi son·o salerosati il decorso suole essere diverso. Per quel ehe rigu.a rda le emorragie e in diseussione la quistione se lo stravaso avviene dall1e estremita Vien,ose dapprima come diapedesi e poi in gr.ande a n ch1e d.all e a·r terie, o primitivamente dall e arterie gia necrosate. 1

1

-


l A N NO

XXXIX,

UM.

2]

65

SEZIONE PRATICA

Piu verisin1ile serr1bra la ipotesi ehe l'en1orrag ia a vve11ga d.alle a rterie seeondaria1nente alterate. We~ l pl1a J. a 111m ette ehe lo spasm o delle arter ie eerebrali costituisce il m omento occasio-.nia le de ll 'insulto. Per il ramirr1ollimento e da pr.endere in c onside razione in prima linea l 'oeclusion e vasale eon eguente allo spasmo, la qua le p uo essere provoca ta o da ll1a eostrizione d el lume va.sale o da lle suecessive trombosi . In o~n i easo lo pa mo vasale e di speeie .diver a di quella drell 'i,p ertonia tossogena . In q uesta son·o pr ese dallo pa mo e Le e rami ficazioni delle arteiri e partieola rm.en te eccitabili, ·ma n on selero a te. Me ntre n ell 'ipertonia primaria lo pa n10 i h a olo in ran1ifieazioni limita te di arterie or O'anicam ,ente altena te. Gli t imoli a gi eono direttam en te sulla par ete vasale. Ta lvolba si tratta di minuti s ime en'l.bolie o di alterazioni dell 'intima eh e proocano la trombosi . Ria un1endo g l 'in ulti degli iperton ici in r ap1)orto .alJ a lor o forma , orig ine, e n1eccani s m o di produzion e si possono cosl roggruppa re : A ) I pertonia con arterie organicame n te non a lterate: a) iperton-ia primaria : p unto di parten za la cireolazione aifteriosa. Rope.rto: piccoli foeola i d i nammollimento con o senza pigm.enta7.ione; piccole e m orragie per diaped esi eventua ]mente confluoo ti; lesione second aria delle pareti arteriose e quindi g randi focola i di ro·mmollimen·t o o em orragici ; b) ipertonia tossogena (tossi-infez ioni , gravidan za, a turnisn10) : ang iospasmi cereb rali diffusi ed a sociati a crisi pressorie vasali con tenomen ologia .tran sitoria o ra r am ente per sistente con forma.zione di ramn1 ollim enti bian chi , o a sociati a d a dema cer ebra le o an ch e a d insul ti an aloghi a quelli dell 'ipertoniia .prima ria . B ) l perton ia con a rteri e organi.cam enle altera te (ialinizz.aziooe , sclerosi): forma zion.e di trombi a seguito di spa :mJi vasali circoscri tti (ev.entua lmen te sulla b ase di un embolo) con con seguent:e ra mmollimen to. DR.

ve, ·di doJori retrooculari, di a s:tenopia n ei la vori fa tti g ua rdando d.a vicino. Si trova ur1 oom1po visivo urn po ' intaccato , ed un.a pa pilla un po ' pa llid a , con ven e molto vi. ibili. Maggiori ele111enti diagnostici, si h anno dalla mis ura della ten sione delle arterie retinich e. 2j Lesioni del fond o oculare. Oltre a ql1elle classic he (le em orragie diel fondo oeula re e la r etinite de tta al buminurica) vi sono altri fatti im portanti, quali l' essudato plasm atico in eorri pondenza ·d·ella r etina e lc lesjoni di capillarite (lesioni va colari fin issime in qua l unque pun to del fondo) ehe si osservano b en e pecialmente dop o la dilatazion e pupillare. Esse costi tuiscono un segna le d 'allarme eh e fa tem ere degli a ceidenti piu g ravi, sia , loca l i eh e gen era li. Le eclissi visive, dovute a .spasmi ehe son o fre qu enti n ei brightiei (criestesia, sen sazione d i d ito morto, ecc.) possono 1pure essere prodron11i di accid,enti g ra vi; ma gli spa.smi gra i dell 'arteria .centra1e dell a r etina sono rari . Rela tivament e piu frequenti sono le trombosi localizza te a d una branca della vena eentrale della retina, le quali, a ll 'esame oftalmoscopico, on o spesso ritenute com e emorragie retinich e o retinite a lbuminurica unila terale. l 1n al tro errore con siste n el ' riten er e eh e la retinite ia sempre espression e di azotemia; spes„o , invece , si os er va eh e vi e retin ite in i ndi vidui sen za riten zion e uremic.a, m •entre in a ltri coo alte p eucentua li di urea , an guigna, n on i ha :netinite. Ad ogni m odo , questa compor ta sem pr e una progn osi g rave indi,cando un pericolo .sia esso eerebr.ale o r ena le. 3) ll glaucom a. - Rientra esso pure n elle le ioni vascola ri amn1:ettendosi attu.a lmente eh e i tratti di una sindrom e m orbosa derivan te da un di turbo ·della p ermeabilita dei eapillari , specialmente del sisterna corio-ciliare. Recentem ente, i ·e dimostrat o eh e il glaueom a d eve entrare n el qua dro gen erale d el1'iperten ion e a rteri osa : si spi ega cosl la possibili ta di lesioni ' 'ascolari retinich e n el cor so del glau coma o la comp.ar sa di qu esto n el corso di em orragie retini ch e, trattandosi di localizzazio,n i oeulari differenti di un processo vascolare molto gen erale ed indubbi am ente identicn. f il.

L'esame oftalmologico nell'ipertensione arteriosa.

L'estratto pancreatico desinsulinizzato nell'ipertensione arteriosa.

Pal'is m edi cal, 5 sett.

(E. V 1A . Cuore e circolazio11e, agosto 193 1). L 'A. riferisee su ll 'azione ipoten siva d.e ll 'estra tto pa n cr eatico de in ulinizi1a·t o, sulla n atura ·d ella sostan za ipoten siva e sul su o m eccan i n10 di azion e. Egli h a applicait O il r im cdio in diversi tipi di ip,e.rten sion e: 1) della m enopau sa; 2) dei diab etici, obesi , plet orici , gottosi ; 3) di individ11i con lesioni v~asali a rteriosclerotich e o lu eticl1 e sen za affezioni ren.a li ; 4) di quelli art erio„clreroti.ci con a ffezioni ren ali .

1

1

(J . ROLLET e

P AUFIQUE.

1931).

1

Gli AA. distirnguono tre ordini di fa tti n el1'evoluzione clinica ·dei disturbi ocula ri eh e si osservan o negli ipertesi e cioe : 1) I piccoli accidenti oaulari. - Si o servano .spesso n egli individui della classe agiata ehe si r ecano dall 'oculista, m entre si vedono piu raramente n ell.a elientela ospedaliera. Si tra tta di mosch e volanti , di pu·n ti n.eri o lumiin o~i. , di ann ebbi am enti , di eelis i visi-

...


66

« IL POLICLINICO »

I risultati migliori si sono avu1ti nei due primi gru1ppi. Amche nell 'arterioscJerosi, in complesso, l 'effetto ·e buono, sia per il pronto -e notevole abbassamento della pressione, si:a per il mig]iora1nento dei disturbi subbiettivi; un solo caso ha resi~tito alla terapia. Gli i.niSuceessi piu frequenti si sono invece .avuti nell 'arteriosclerosi complicata con affe2ioni 1croniehe d·el rene. II rimedio, oltre ehe efficace, si e dimostrato assolutamente innocuo. II meccanismo di azione sembra piuttosto oomplesso, avendo l 'estratto pancreatico l:a capaci·ta di neutralizza:ve l 'effetto ipotensore dell 'adre·Dta lina, di provocare una vasodilatazione, di .eccitare il ·tono del vago, di d·e prim.ere quello del simpatieo e di agire sul trofismo dei vasi e dei .tes·suti. fil. 1

OSSA E ARTICOLAZIONI; Principi direttivi nella cu1·a delle frattn· re non consolidate. (F. ALBEE. Surg. Gyn. Obst., vol. 51, n. 3, pag. 289-320, 1930). I prin.cipi ·d irettivi della cura della pseudoartrosi devono derivare dalla osservazione delle cause ehe hanno determinato l 'arresto e la .al terazione del processo normale di consolidazione. Secondo l 'Albee le cause piu importanti sono rappresentate da ·disturbi nel processo di neoformazione vascolare e· da alterazioni nel depositarsi rdel calcio nel tessuto osteoide. A questo proposito ri.corda le esperienze di Robinson volte a dimostrare l 'esistenza di un enzima, la fosfatasi, ehe Tegola il depositarsi del caleio. Le cause piu eomuni di pseudar.trosi sono rappresentate ·d.a queste condizioni: 1) il tessuto di granulazione dei due monconi non puo venire a contatto per interposizione di tessuti, per spostame.nto dei monconi, per distanza occessiva delle superfici di frattur~; 2) il tessuto di gra-n ulazione evolve rapidamente veTso la eicatrizzazione ehe strozza e chiude i vasi neoformati; 3) il tessuto di granulazione e arrestato nella sua ;evoluzione da manovre o da dife.ttosa immobilizzazione; 4) l 'apporto sanguigno e insuffi.ciente perehe l 'arteria nutritizia e lacerata e i tessuti parostali ischemizzati dalla oontr.azione; 5) infezioni; 6) placch e e materiali estra•n ei ehe ·devitalizz.ano i monconi e favoriscono l 'infezione. Talvolta si osserva un riass-0rbimento P'f8COrCe del callo spontaneo o provocato da manovre o da preeoce attivita funzionale. Delle misure curative non operatorie e da prendersi in eonsiderazione il miglioramento delle condizioni generali specie con abbo11danti somministrazioni di alimen.ti. Importanza quasi assoluta ha la oura operatoria. Occorre esporre am pi amen te il foco•

(ANNO

XXXIX, NuM. 2]

}aio di frattuira, asportare acc,u ratamente il tessuto cicatriziale i·n modo da rivitalizzare i framrr1enti e praticare un innesto osseo. Se vi e stata infezione non si operera prima di 4 mesi dalla ehiusura completa della ferita. L 'inne.s to osseo va preferiito a qua·lunque al· tro materiale .d i osteosintesi. L'innesto viene prelevato ,d allo stesso m.alato e possibilmente dalla stessa regione in 1cui si pratica J 'intervento. La· stecca ossea viene prelievaita a tutto spessore in modo da eomprendere tutti gli strati, dalla corticale al1'endostio. La apposizione dell 'innesto deve esseTe fatta in modo ehe gli strati d.ell 'ospite e dell 'innesto si eorrispondano esattamente. Se cio non e possibile si cerchera di metterlo a contatto eon la parte piu vaseolarizzata, eioe eon il midollo. Poiche l 'elemento piu importante nel processo ,di ·COnso}i,d azione e rappresentato dai vasi occorre osservare a ehe non vengano interrotti inutilmente p. es. con incisioni troppo estese, con manovre inopportune e bru.tali, ecc. Ferch e l 'innesto atteechisca hene e necessario anehe ehe esso venga a contatto eon ·il tessuto dell 'ospite e ehe sia mantenuto iim:m obile nella· posizione datagli. Pereio si operera il ma.l ato nello stesso tavolo su eui si deve fare l'appare0c chio gessato e si immobilizzera l'arto nel modo migliore perche sia evitato qualunque spostamento sia precoce ehe tardivo. E da sconsigliarsi l 'infibulazione perche interrompe il ciT.colo vascolare ·del midollo, lo stesso e ·d a diirsi dell 'uso di trapia·nti osteoperiostei sec. Ollier in quanto il periosteo provvede solo a una parte della eireolazione del1'osso e in casi di fratture antiche subisce una trasform,azione eicatriziale ehe lo rende ischemieo. Gli altri metodi di incastro a scalino • di osteosintesi .con pllacche, con fili mef'°'llici, eon avorio, eec. sono da rigettarsi perche eolpevoli di reeidive con a'lte percentuali. Per quanto rigua-rda la tecnica del prelevamento del trapianto l'A. ricorda eome la doppia sega a motore da lui 1costruita sia un apparecchio perfetto purehe ben maneggia.to. . . La stecca viene prelevata con la doppia sega dalla tibia •e viene incastrata esattamente in runa doccia scavata a tutto spessore sui due monconi di frattura . Se l 'osso fra't turato e di notevole spessore si potra prendere il trapianto da un moncone -dell 'osso stesso incastrandolo per meta in una doceia eolpita nel se·con.do moncone e per meta mantenendolo nel·Ia sede di prelevamento. Per le ossa sottili usa un trapianto a forma di triangolo eon apice molto ottuso ehe viene incastTato in una fessura a tutto spessore pratica.t.a n ei due mon,coni. Qualunque sia il tipo di trapianto usa fissarlo eon tendine di can~ gu.ro all' ospite in modo da mantenerlo fisso in posto. 1

-.


[ANNO

XXXIX, NuM. 2]

SEZIONE PRATICA

Ultimata l 'operazione applica un apparecchio gessato ehe mantiene fino a ehe l 'esame ra.diografi co non dimostri l 'inizio della eonso~ lidazione, allora passa a mobilizzazione progressiva ma sempre tardiva. Ha operato eon questo rnetod-0 754 casi di pseudartrosi; in 317 casi era stata gia praticata un 'operazione per pseudartrosi senza effetto. Ha ottenuto la guarigione i n 671 casi (89 %) , risultati cattivi in 83 casi (II %) . 1

p. VAJ.DONI.

Per la conoscenza delle alterazioni vertebrali nelle carcinosi. CHOLTZ. Mitt. a. d. Grenz. d. A1ed. u. Ch!., vol. 42, fase. 2°, 1930).

(A.

Dallo studio radiologiee di 17 casi di carcin•osi • vertebrale, l ' A. tra le seguenti eon elus1en1. Non sempre rimangeno indenni nella careinosi i corpi intervertebrali come voglione alcuni e quindi quest-O non puo essere un segno di differenziaziene da proeessi simiili. Celpisee la sproporzione tra lesieni vertebrali e risultat-O negative delle rieer che fisiohe (sensibilita alla pressione e pe11cussione loeale). La careinosi ventebrale eon.duce di rado (3 casi su 17) alla fermaziene di gibbe ehe era dovuto non a spostamento delle apofisi spinose, ma alla massa tumorale stessa. La comipressione delle yertebre nella careinosi avviene sempre simmetrieamente; inol.tre la distruziene della vertebra si arresta in gen ere alla COTlticale superiore e inferiore ehe sono rispettate. Questi due fatti spiega.ne eome e possibile una larga distruzione dei corpi vertebrali senza ehe avvengano deviazioni assiali della eolonna; in quante le due eorticali superiore e inferiore conserva te, sono avvicinate pai:r~llelamente cfulla eompressione simmetrica sulle due meta delJa vertebra, e eon le Jero eonnessi-0ni ai dischi in tervertebrali e per mezzo di questi ai legam enti.: si oip pongane alle deviazioni. Nella conserv.azione dell 'asse puo avere importanza anehe Ja stessa formazio,ne dura neoplasti·ca . P . STEFANI NI. 1

Le fra ttnre del naso. (E. WATSON - WILLIAMS . British Med. Journ., 31 ott. 1931).

Un naso rotto e abbasta.n za eomune in tempi sportivi come quelli ehe stiamo attraversando, ma e .p ur sempre ·n otato da tutti, eeeettuata forse la vittima, piu com disgusto ehe con simpatia. E Jogieo ehe ehiunque si trovi in posses59 di un naso rotto oerehi in ogni m,aniera di farJo riparare: e eio non e difficile se la eura e intrapresa in tempo, prima ehe si sia s tabilito un callo in eorrispond enza del]a frattura OSSea. lmportante pero e tChe Ja cura sia intelligente, eioe guidata da una esat1

671

ta conoseenz;a della lesion.e, aiutandosi eon ogni n1ezzo (radiografia, stereogrammi, eee.). La eura deve essere intrapreisa appena terminati i feno.m eni locali (feriie, tumefazione del naso, eoc.) dovuti al trauma. In generale il naso e spostato verso un lato: se si cerca di riportarlo sulla linea me.diana si vede ehe il risultato peeca di simmetria. E cio si spiega eon la eonoscenza di eome avviene lo spostaim ento delle ossa in queste fratture del naso: i·n fatti ambedue le ossa nasali sono l'Otte e spostate verso un late: inoltre sul punto in cui esse si connetteno sulla linea mediana 1a· frattura ha fatto si ehe le due ossa venissero ad embricaTsi l'uma sull'altra ce·m e i due parietali del feto l ' uno sull 'altro. E logico ehe spingendo senza eognizione di causa le due ossa verso un solo late, la sevrappe.sizione delle due ossa divenga anoom maggiere . L 'A. propone inveee il seguente metodo operatorio, applicato con efficaeia in 6 casi. Messe il pazi1e nte in narcosi een due pinze da ossa tipo Jansen si a llontanano l'una d~ll 'altra le due ossa nasali in medo da annullare la sovrappesiziene : indi si fanno avvicinare simmetriicamente i due ma·r gini i quali si salderanno l 'uno con l 'altro senza piu sovrapporsi. Non sone .n ecessari appareeehi di eontenzione. Se il naso e st:a·to sehiacciato, un appareeehi-0 di eootenzione e n eeessarie per ristabili;re il prefilo: in alcuni casi puo essere n ecessaria la resezione del setto. G. LA CAVA.

La rigidita dolorosa della spalla. Uebel' die schm.erzhajte Schulterversteifung - Periarthritis humeroscapularis, Ka bitzsch ed., Leipzig).

.(E.

SEIFERT.

L'A. rileva ehe una gran parte delle modificazioni infiammaterie d,e}la reg ione della spalla n on risiede n ell ',artieolazione seapolo-omerale, ma e extraarticolare. P er b en ~comprendere tali modificazioni, e necessarie farsi un 'idea esatta del meccanismo dei m ovimenti della spalla. Ad ognuno di questi movimenti, prendono parte anehe due pseudoarticolazioni od articolazioni museolari di eui uma inte·rvien e n ei movimenti fra la parete toraeica e la scapola (museolo sottescapolare) e l 'altra si e.stende tra la superficie ester11.a dell 'artieolazione scapolo-omerale e la superfieie del deltoide ed , in parte, del g ran pettorale. ln que ste due .artieolazioni muscolari risiede prineipalmiente la malattia della rigidita dolorosa della spalla, intesa in senso stretto; sono an eh e da prendersi in eonsiderazion e l 'artrite dell 'artieolazione aeromio-clavieolare e la borsite sotto<leltoidea. Le c.ause sono moltepliei. Spesso si tratta di un sen1 pliee eol pe di rimbalzo eh e sul momen to non produee una notevole incapacita lavorativa. In altri casi, si tratta di un movimento r a:pi·d o, non abituale, m.aldestro, talora esagerato, eh e viene aeeompagnato da un 1

'

1


« IL POLICLINICO »

68

[ANNO XXXIX, NuM. 2)

sere operata con le m.a ggio,r i prob,a bilita di otten·ere una c·u ra ra.dical e e definitiva. Questa spiega. i numerosi successi ottenuti PatoO'enesi 0 con l 'atto operative. II. La cisti e una lesio1ie tubercolare e la sua estirpazione puo essere segui,ta dalla evo·luzione di an f ocolaio della stessa natura sul posto o a distanza. La natura tubercolare della cisti siinoviale, per quanto rara e contestata da alcuni AA., e Teale. Si tratta di manifestazioni tubercolari an.atomicamente e elinicamente benigne, ma, come ogni tuberoolosi, devono essere rispettate. U na ir.ritazio111e, un trauma, in particolare un a tto ehirurgieo possono dare un colpo di frusta a questa in·fezione attenuata e determi·Illa·r e· il suo aggrav.a men·to locale oppu.re la sua disseminazione versa altri pulil~i dell'organismo. E il timore di questa compl1eazione operatoria ehe consiglia agli interventisti di considerare il traltamento post-o•p eratorio importante quanto l 'abJazione stessa della cisti. Poiehe 1'immobilizzazione non e spesso suffi ciente per evitare le con1plicazioni, bisogna chiedersi se queste tin1ore per se solo non costitui ca una formale controindicazione operatoria. III. La cisti e una lesione jibro- cislica para-articolare e la sua estirpazione puo essere seguita da recidiva.. Recentemente alcuni AA. hanno con fermato Ja teoria sostenuta da Ledderhose, Langemaek e Framk, seeon·do Ia quale la eisti detta sinoviale sa-rebbe il risultato di una degenerazione del tessuto perisinoviale, il piu spesso sotto l 'azione di cause meeeaniche .r ipetute. Queste cisti para-articoJari possono raggiungere grandi dimensioni e Ja loro ablazione deve essere eompletata da una aceurata pulitura, altrimenti la permanenza n el focolaio di tessuto aneora in via di degenerazione porta alla reeidiva. La ·d iagnosi di cisti sinoviaJe e dunque una diagnosi ineompleta; poiehe, secondo la natura della lesione, l 'atto operativo e utile 0 dannoso, e i111dispensabile oercare di fare una diagnosi e·tiologica. Clinicamen te la cosa e assai difficile. II voII trattamento delle cisti dette '' sinoviali ,,. 1ume del tumore puo avete quaJche ·significato, in quanto le grosse formazioni c.istiche so(MuTEL. Paris ~/ edical, 29 novembre 1930). no piuttoste conseguenza di una degeme razione. · L'ablazione deJle eisti sinoviali puo oosti- L'aspetto <lel contenuto deJla cisti ot-tenuto per tu.ire un errore. Se iJ piu delle volte si ottiene · puntura no,n da malte indieazioni. L'esistenza il risultato desiderato, si hanno talora d·elle di una comunicazi·o ne della cisti con la sinocom·plicazioni imm·e diate o lontane, in sito o viale, messa in evidenza coin 1'iniezione di una a dista!Ilza . Per quanto molto rare, quest·e oom- sostanza opaca ai raggi X, e piutto·s to a favore plicazioni debbono richiamare l 'attenzio·n e del della lesione erniaria o tubercolare, ma anehe chirurgo, poiche possono essere molto gravi. questa indagine h~ un valore relativo. E Ja n,a tura della eisti ehe pe.r mette di preQueste incertezze . valorizzano i risultati devedere quando, come ed in qual tempo dette gli esami di laboratorio ed in particolare dei complicazioni si possono presentare. Da que- metodi di Besredka e ·d i Vern.es ehe constatano ste p unto di vista bisogina considerare tre ipo- l 'assenza o la presenza di un fooolaio di tuhertesi: colosi in evoluzione. L 'A., in base alla sua I. La cisti e uri accidente erniario di una esperienza, sconsiglia ogni tenta.tivo di exeresi • • • • • sinoviale e la sua estirpazione e segulta da gua- ne1• cas1• in cu1 Sl sospetta um.a impregnaz1one rigione. In queste condizioni la eisti puo es- tuhercolare. G. ToscANo. dolore di .strappa111ento. :11: si ha realmente una lacerazione, sia nella capsula articolare o, piu probabilmente, in un 'appen·di~ce mu8eolare (tendine del museolo soprasp1noso o del sottoscapolare). In altri casi, basta il ma ntenere a lungo la posizione dell 'artieolazione in adduzione per portare in brev·e tempo alla rigidita ·della spalla (.speeiale predisposizione). Fi11al111ente, tale affezione puo. anehe avere origine reumatiea. Niella diag.n osi, si deve anzitutto differenziare questa affezione dalla vera artrite scapolo-omerale. In quest 'ultima, si osserva ehe fin dal prineipio della malattia tutti i movin1lenti della spalla sono dolorosi e limitati in cio ehe non si ha nella periartrite. Nei casi piu avanz.ati, si d·ev.e rieorre:re, altre ehe all 'an.a m· nesi, all ' esame radiologico. ·F ra i movimenti, il piu colpito e quelle dell 'abduzione, mentre quelle ehe permane piu a lungo e il sollevamento in avanti. La diagnosi differenzial.e e facilitata dall 'iniezione locale di novocaina ehe, nella periartrite, da un 'anestesia ehe dura parecchie ore. Nel trattamento , si d.eve distinguere fra casi re:centi e eroniei. Nei primi il deltoide va rilaseiato, per mezzo di una stecca ehe tenga l'omero in abduzione ad a.n go1o r ette. Si lascia la steeca per 8-10 giorni, dopo di ehe, si incomineiano dei Jievi movimenti, pure curando di mantenere l 'abduzione. II riposo deve ·d urare alme.n o 3 ettim:ane. Nei casi cronici di periartrite, si deve anzitutto tener presente la tensione dura del muscolo, per cui si devono rila.seiare le aderenze mediante forti mo·v imenti da imprimersi sotto n.a reosi generale o sotto anestesia del plesso. Il braceio va quindi mobilizzato fortemente, speeie nel se·nso dell 'ab.duzione, dopo di eh e .si fa il trattamento come nei casi aeuti. Per la profilassi, . si eviteranno sopratutto i colpi di rimhalzo alla spaJla, speeialmente per le perso.n e anziane e si curera eh e il lavoro pesante del braccio no·n duri troppo a lungo e sia seguito da un periodo di ri poso in abdufil. zione. 0

1


[ANNO

XXXIX,

ll' ;, I.

2]

SEZIONE PRATJ CA

CENNI BIBLIOORAFIC/ ANGELO

CHIA SSERINI.

Relaziorie cli11ico-stati-

stica triennale. Ven ezia, 1931. L 'A. rias ume brevem ente i numerosi inter' e11li (2±00) eseguit.i in 3 anm i nell 'O pedale Ci,·iJ e di Ven ezia offermandosi rap idam ente ·u q uelli di m aggiore rilievo, ia per l 'importanza dell 'in tervento eh e per la n ovita de! J)rocedin1en·to. E quesLi sono· veramente assa1 11u111ero i perel1e il Chia. serini , sia per valore clinico, ehe per ardit.ezz.a di intervento, ~i d i11l o._ tra pari ai 1nigliori ehir urg i italiani e porta u11 n otevole eontributo alJa piu alta e di ffi cil e chirurg ia . Dopo u11 breve riassunto de.ll 'o r~a1nizzaz io11 e con1pleta e mi0derna ehe ha sa.p u·to dare ad . u11 veccl1io reparto chiru rg ico egli passa aJI 'e, l)O ~i z ione ommaria d egli interven ti eseo-u iti dividendo il lavoro stati tico econdo le Yarie regioni. opra tutto n otevoli on o i casi di cl1irurg ia cranica (tumori del cervelletto o deJJ 'a n o-olo ponto cerebella re, ci t~ (~eJl 'iP?fi si idrocefalo tum ori d elle m en1ng1). Brillante ri ultato h:a otLenuto eon 1't1 are la via tra n _fro11°tale per lo vuot.ame11lo dell a cisti ipofi saria. ella ch irurgia toraeica, e molto notevol.e l 'inter' ento per epi tel ioma dell 'esofago a l d1~o tto delJa biforcazione. E n oto .com1 e que~ta c11 i rura ia tra ]e pit'l di ffi cil i e le meno fortunaite ~on Li ben pochi inter en ti in ILalia . :\fol Lo an1piia· e la ~ t.a ti tica u]lo to111aco e so1)ratutto n otevoli le r esezioni 11cr ulcer a perfora la, con una })uona per?e ~tual e di. s.uere ._ i. "umero is in1i ono gl1 1ntcrYent1 1mport.anti sul fegato, le vie J:>ili.ari,. ull 'i.ntes.tino ulla milza c sull e v1e gen 1to-ur1nar1e. infine n ella ehirurgia degli arti ri cl1iaman o Ja no tra a tten zion e g li interv·enti f.atti .P~r n1a]a ttie dei va i neali arti con gan grena 1n1ziale. Egli h a e eg~ito la , su~renal~ctomia e la Q'ana,lioner ton1.ia. Que t u!l.t1mo 1ntervento c . tato pra ti c:ato un buon numero di volte (19). E n oto com e que ta opera.zio:ne proposta da Adson ia a ttua lmente la m.1o-l1ore fJer curare quest e gra i a f.fez i~ni . v~sa~i;. il Ch~asse­ rini e stato uno de1 pr1m1ss1m1 in Ital1.a ad eseg uirla ed e certam,ente q11ello ehe ha la maggiore sta.ti ti.ca. . . . JJ volurmetto e a dorno di belle i llu traz1on1 e da uceint;aim ente parti colari di teenica . orig i,n ali ed acuti, i .]egge con piaoer e ed interesse. Prof. V ITTO·RIO GHIRON. 0

1

1

1

0.

ÜRT1-\LI. Chirurgia d' osp edale. Scansan o, 1930. L ' A. h a raccolto in un volum e le 8193 operaz ioni e eg uite a ll 'O peda]e civile di ß ,aven: na dal 1920 a l 1928. II rnateria] e elen eatov1 a· sun1e un,a im po.rtanz.a 1n.otevole n·on solo i)er la sua abbondanza ·m ia anehe p·cr I.a sua grande varieta interiessando ·esso og·ni branca di chirurg ia. Ha illustra to in capitoli ~.pa~a~i i casi clinici di maggio,r valore eh e sc1en-t1f1oa1

69

T11ente e· praticamente possono interessare. Egli eo i pubblic.a n1Jmerosi ca; i eh e destano la p iu grande atten zion e da parte ·del chirurgo _ia ·dal punto di vi ta elinico i11 e eh e pe~ la mode.r11ita di trattamento a cui ono stat1 ottoposti. Importante il cacpitolo ehe riguarda ]a cl1irurgia del tubo diger e11te tanto per ali int erventi d 'urgen za com e per quelJi di elezion c. l•n ogni capitolo l 'A. accompagna l 'o posizion•e d ei ca.s i e le eon i·der.azioni not evo·Ii l18f m1odernita di \ edute e pe-r profon·di la di dottrina. Que to volum e ro titui sce un buon contributo alla ca istica chi.r urgica. V. GHJRON . 1

1

PAoLo ~I1tt1zz1 . Clinica Quirurgica. Vol. II. Libreria cc EI Ateneo ». Co1·doba. · L 'A., proßessore di .cJinica chi·rurgica del1' niver ita <li Cordoba pubblica il secondo volume. di,·iso in vari oapitoli n ei quali tratLa d i,rer i argomenti: le ricerch e preoperatorj c da1 eseguire su l]a funziona lita epatica 11elJe affezioni d ella cistifellea; i m etodi <li anete i.a per 1'addome superi-0re; e poi illustra ca i clini ci a proposito dei qu13 li vengo,n o volti i capitoli relativi di patologia com e per iI gozzo, la mammella anguinante e d il car cino111a del la rn.a·n1me ll a, 1'uleera dello stomaco, le t)len o111eaa] ie, le ci ti d e] panereas, la peritonite tub·ereolar.e, la I)ionefro i; i n eopl.a mi dell ,utero e -degli ann e i, iI sarcoma delle o'"'. _ a, la lu ~ , azion e dell 'om ero, l.a fr.attura del colJ o del femore. Tl \'Olun1 e di circa 300 p.agi ne e eorredato da Yarie fig ure ri auardanti malati, scl1emi, pre1)aral i i ~ t oloaic i e r.adiogna.fie. R. BRANCATJ. 1

0

0

''TEsSEL' " Stereoskopisclier Allas der Aeu,sserert Erkran.1runqe11. des Auges. Münch en , Bergrn.ar1n , 193 1. Mk. 12. i e pubblicatta la te.rza parte di questo inLere anti s im o At1:ante, eh e eon nitide fotografie a eolori ,,uol e dare una riprodu z.ion e ~ L ereo copiea delle m.aJ.attie esterne del] 'ocehio. Indubbiam ente, ortto lla d iirez ione di W es, ely, la relta dei qu,a dri mo-rbosi ·~ l ~' ]or.o r.iprod11zione foto1grafica e quanto d t p1u d1m ostr.ativo vi po „a essere, non solo per 1? pecia1i ta , ma anche e J?rin1c.i palm en ·~ e oer 11 rned ico i)ratico, cl1.e vogl1 a n1.ante~ ers1 :aI ~or­ r en Le con tutt o quanto riguarda l occh10. Basl:a un com1une tereo eopio per permettere un.a v.isio11e nitida e precisa in tutti i det~a ­ gli dell.a m.aJ.atti.a: ~ en,tr1e u?a ..an~ es~a s.p1eo·az ion.e n•elle tre 11ngue prlll Cl1p al1 , lnglese , ~·anic ese e tedesea, vende intelli:g ibile a chiunq1101 l '·int e I~·eit!·az.ion e de.lla lesi?·D·e. Vi r qu1 r1prodotto il l?"em~1go dell.a conn·i11n liv::i . 1'epitelioma con g1·uint1val e, ]a ch eratit e r)l:i.r en cl1im.at os.a, il lipodermoide sottoco11g iun ti vale. Ja policoria, il sa.r1c ~ma perfo!'at.o d1el1a coroide. ecc., 1:utti quadr1 cosl ch1.ar1, cl1e d.an.n o l 'i1m .p ressionie della presen za der 111alato . .E un atlante el1e si render a utile. 1

1

l\1E ZZATESTA.


(( JL POLTCLJNICO »

70

TRIBUNA LIBERA. .A.ncora a proposito della '' Possibilita di suscita1~e sindromi di anafilassi attiva locale ''· Risposta al prof. G. Melli. Non 1)er desiderio di polemieh e, ma per mettere le eose a poste·, mi indueo a risponder1e al prof. Guido Melli, la c ui repliea (v . fase . 51 d el 1931) ha la pretesa di essere offensiva, m .a e solo 1a•r ti fieiosa. L 'illustre A. diee ehe per 1111 atto di c ortesia seiupato cbbe a eitare la mia nota d el 1912 , l a q11.ale ni e111te ha da farre con l·e .attuali sue ricer eh e sperimenta.li. ~[i perdoni il Melli , m 1a non posso eondivid er e i-1 su o parere: a nie pare eh e p er chi si occupa .di ana fila ssi loeale , istiogen a, fosse doveroso ·citare la mia nota , eh e per quanto modesta, h a il m erito d·el~a ·p riorita. Ma vi e di piu. II pro·f. Melli, il quale, ia n e] la,roro preeedente ch.e mi pro.euro la risposta d1el Frugoni , sia n elle .attuali ric.er ch e s peirimentali , si oecupa di a sm.a an.afilattico, non ·pub ig nora r e : eh e, se n ella nota di cui sopr.a (An.afilaissi 1a•l imentare in Gazzetta Ospedali, 1912) prospettai la possibilita ehe n el1'.a m.a da fieno si avesse a fare ·con una anafilas si locale delle alte vie respiratorie, solo .n el }.a.voro pubblicato nel n. 12 del Morgagni (1922) mi oeeupa i ex professo di ia,sma anafil attico, e eh e in m ezzo alla confusione allora do rnri.n.ante, sia all 'estero eh e i:n Italia, circa la patogenesi d el m ede·simo , potei eon cluder e , in base a d argom·enti eh e non han1n o ma i ricevuto smen.tita, ehe l' asm·a anafilaittico era 1

funzione di un,a anaifilassi locale o tanto preVQ)len.te da imporsi com e fatto locale. II p1rof. Frugoni, poehi g ionni dopo la pubblicazione, mi i11vib una co·p ia del suo lavoTo « L 'asma bronch ia le .an.afilattico » (in Anafilassi, edito dall 'I stituto Sieroterapico Milanese). con ques'ta de di•c,a-: « Al collega ... „ Silvetri, pregandolo i[lviarrrui l 'ottimo lav0iro sul Morgagni », il eh e non potei fare n on avendon e. Ch e fasse ottimo o m eno, al elinico di Padova dov-ette sembrar tal•e, se Egli e la Sua Seuola in tema di asma anafilattico fecero tesoro di tutte le mie con clusioni . Veda il prof. Melili se avevo r agio n e o m eno di lan:ienta·r mi per l.a manaata eitazionie dei n1iei lavori sull 'asma ·anafilattico, e se il farlo piu e~e un se·m1pli oe .atto di eortesia non fasse un atto onesto. T. S1LVESTRI. 1

0

Risposta al prof. T. Silvestri. on in lendo conti1nuare una polemica eh e 1la a sunto un tono eosi singolare. Og ni r epl ica mia "arebbe del resto superflu.a, eh e non potrei cl1e ri:petere, sia pure eon diverse paTol•e, quanto h o g ia detto nell 'ultim,a· inia nota. Chi si inter essasse. di questa controversia potra trov.ar e nelle .p ubblic.azioni orig inali tutti .gli elementi di g iudizio . :E per queste e11e ri...

[ ANNO

XXXIX, NuM. 2]

porlo qui in caJ.ce le indicazioni bibliografiehe delle mie ricer eh e in argomento . GUIDO MELLI.

lljforrna ~ledica, nn . 22 e 26, 1927 ; nn. 7 e 20, 1928. ~1 in erva Medica, nn. 36 e 37, 1928; nn . 44, 1929; .n11. 1 e 35, 1930. Il Policlinico, Sez. ~Ied . , 1931 ; Sez. Pratica, n. 51, 1931. Atti d e1la Soc. lt. di Dermatologia; Congresso di lVCilano , 1928. Le malallie all ergiche (in collaborazione co·l prof. C. .F RUGON1) ; 11el « Trattato Italiano di Patologia Mectica » d al prof A. CEcONJ. 1

ACCADEMIE, SOCIETA' MEDICHE, CONfiRESSI R. A.ccademia Medica di Roma. Serluta d cl 29 novembre 1931. Presiede il prof. S. RACLIONI, presidente.

II riflesso vestibolo-pupillare nell 'ascesso temporo-sfenoidale otogeno. Prof. G. FERREH J. - L 'O. hri studia to il comporla1Ttcnto cl el riflesso ves tibolo-pupi1lare in una ma1ata di ascesso d el lobo ten11)oro-sfenoidale, di orig ine otj lica, g u ari lo i11 seg·t1i lo a intervento o·p er ativo. L 'O. mette in rili evo la grande importanza eh e il riflef.so vestibolo-pupill are puo avere n ella diagnosi di co1nplicazione enclocranica otogena, spe r ie in caso di incoscienza del mal ato. II rißesso , .. P. h a dimos trato una netta fase midriatica d ell 'occhio 01nol a terale all a l esione per ipereccilabilit a d el si1npa tico pupillare: l 'importanza pralica <lel fenon1eno e data dall a sua unilateralita.

Sulle modificazioni delle piastrine in differenti forme morbose. Prof. \ r. GrU DICE ~NDREA. - Dopo aver accennato alle r agioni p er le quali lo s t11dio d elle modificazioni delle pias lrine non h a d ato finora quei risulta ti pratici, eh e si sono avuli da quello degli altri ele1nenti n1orfolog ic i d el san g ue, l 'O. espone in rapida sintesi le osservazjoni da lui fatte, in Jnolti anr1i, sulle nlodificazio·ni ·d elle piastrine nelJe varie condizioni palologich e, e particolarmente 11elle malattie 1nfettive e n elle a11e1nie, mettendo in rilievo Je 11ozioni ulili eh e crede possano· derivar11e p er l a diagnosi e sp ecialmente pel prog nostico . Insi ste sui r apporti d elle al terazioni pias trinich e (per lo piu nun1erich e e di varia grand ezza) con le varie form e ni affezioni spleniche, le11ertdo ro11 to d e1le asserile At livit a piastrinolitiche n ellrt milza. Infine d a m olte osservazioni compiute trae ar gomento per sost enere l'ori.gine mi..,, doll.ar e d elle piastrine. P artecipa alla discu ssion e il prof. ANTOO"ElLI.

Ricerche sperimentali sulla genesi allergica dell'artrite gottosa. P r of. V . CH1K 1. - L 'O. dimostra ch e· l a presen-za in quantita abnormi di acido t1rico entro l 'artie-0l azio11e del ginocchio del conig·lio, mentre nell'ao.imale va ~volgendosi u11a sen sibilizzazione allecgica , favorisce al mo1n ento d ~ll ' iniezione scatenante la loctlizzazione articolare di una f]o,g osi, allergica, eh e si ripete ad ogni su ccessiv.a iniezione di antigene, m etlenclo capo infine ad una artrite cro11ica <lnaloga in p arte all 'artrite uratica umana .

II tessuto reticolare e la genesi della fibrosi del polmone in collasso pneumotoracico. Do tt. E. ANTONIAzzr - L 'O. espone i risultati co1nplessiYi di una serie cli ricer ch e .atte a itu-


~ANNO

XX.XIX,

Ui\[ .

2)

SEZIONE PRATICA

dia re s u n1aterial e umano e sp e rimentale il comp o rLa tnenlo d el t essuto r eticolar e 11el p oln1on e in .coll asso p11e un1o tor aci co. I risulla t i p er1nett on o -Oi co11clud ere eh e alla b ase d ei processi d i scler o i c ui va soggetto il polmon e collabito s la il T . R .: ques to le sut o, a ttraver so una serie di 1no-Oificaz ioni va rie, si trasfor111 a i11 con11etlivo ver o .e pro,p rio d a ndo cosi origi11c a lla t rama fib rosa -eh e trovia1no com e esito 11ei pol111011i a lu11go tra tla ti . Prir11a di r aggiungere Ja lrasfor1n .a zione d efin i.tiva il r e ticolo, e con esso l 'elemento cellular e, r eagi ce i11 varia g ui a, c ioe con fenome ni di iperplasia o m en o a . eco11d a clel grad o e d ell a clur a ta della con1pre sion e e ,a seconda dell 'azio11e -co11con1ita11tem ente svol la dai vele ni b allerici . Co111 e il r e ticoJo i11ler lizia le si co1nporla t a lora que llo d elle a vventizie d ei capill ari a carico d e lle .q u nli in q u a lcb e caso furono 11o t a li fatt i di fi J, ro ~ i. I l egrel ari o: G. Ai\I NTEA.

Societa di Coltora lledica della Spezia e Lunigiana. edula <l el 30 o lt obre 1931. Pre irde il l) ro f. rlo ll . R1 · ALDO C,\ SSA~RLLO.

l>rof. do lt. CESARF

(:11 <\ t i i\I E.

- -

Rncefalile 1>osl-

"'acci 1iale. J>rof. d o l t ..A.. Bn0Nz1N1. - J)imosl raziorie r acliogrufi<:a cle l lo scarico del « l iqaor » attrauer so la rriucosa nasale, e d•el l'os tacolo cl ie ai tal e scarico OJJpongo1io le infiam ma.ziorii 1li quesla n1 ucosa. Do ll . CAnLO MARSIGLI. - Ri l ievi cli n ico-stalislici .sulle com p l icanze auricolciri della scar lal ti na.

La terapia glucosio-insulinica nella insufficienza di cuore. Do ll . G1Ac0Mo CA1'1PODON1co. - L ·o., dopo aver p assat o i11 r assegn a i varii teri.la ti vi fa lti fi no ad -0ra p e r esp erimentar e 1'cfficacia d ell a le r apia g lu~osio ins ulinica n elle cardiop atie sco1n p ensate, si soffern1a a studiarne i principi infor111at ori. Essi fond am e11taJmente sono: La sost a11za d all a qua le il c u or e a lli11ge Ja qua11lita 'li calorie eh e p oi lrrtsforJ11a in lavoro 111ecca11ico <la ta in prevalen za cl al g lucosio, sul c ui inela l>olis1no e con umo l ' insulina h a u11 ' influe n za s pecifica. Ne~ cardiopa tic i scompe11 sali si esa1ta la nutrizion e d ell a fibra ca rdiaca colla somn1inis trazion c <lel g lucosio: l 'assorbime nto ecl il co11 un10 di ques to p e ro i1on j)OtreblJero avvenire i1t m od o regolar e sen za i 1 p ot ere at tiva nte e r egola r izza tore <le ll 'or111011e i11suJinico. II 1r1e tod o ui app1ic.a·zion e cle1la nuova le r apia, seguilo dall 'O., con si st e 11ell a sornmi11is trazio n e a .clig iu110 di 100 gr . di sciropJ)O di g Jucosio, corri s po11cle n li a \ irca 50 gr . dl g lucosio a cui si fa ~guire u11a i11iezio11e so tto c ute di 5 ur1ita clinic h•J d i in st1lina. Un p e riod o di c u ra d ura selle g iorni, seguito da egu al p e riod o di ri1)oso. . L 'O. d escrive quindi n ove casi d i insu fficien za .card iaca d i ori oo-ine rl iver sa (lesio1 1i valvola ri, mio. .cardi te, Je ioni po lmon a ri, ecc.) , lutti tr a lt a ti co11 la t erupia g lucosio insulinica, sia sol a cl1e asso.c ia La llgli altri m edicam enti car d iocin e tic i, od .an lisifililici 11elle forme lue lich e. In l utli i casi i risulta ti d elia nuova cura furon o cosl lusing hieri da fa r sp er a r e eh e essa al p itt pres lo p o,s sa r n tra re i1ella pra l ica contune d i ogni 1nedico.

c

Alla discu ssione preser o p arte i proff . PAnD1 e DEBENE DETTr,

i d o ttori RoLLAND e PAITA.

11 d o ll . FRANCEsco NEGn1 fece l a r elazion e s ul p r imo anno di eser cizio chi r u r gico nel r epar to pedialrico, sorlo p er inizi a tiva del p r of. Cassa11ello . La 11umer osa s latistica, men t r e confer ma la oppor ·· tunit a e n ecessita d ell 'is li tuzion e d el Rep ar to dim oslr a g li o tti1n i ri sul lat~ lerapeutici r aggiu11t i, so l lo l a direzio11e del prof. Cassanello. Il Segr etario: Do tt. Doi\IEN1co RoLLAND.

Societa di Coltnra Medica Novai·ese. Seclula d el 5 i1ovembre 1931. Presidente : Prof. PAOLO ~IETHA. lJott . U. ~l0Ncuzz1 . - Si ndr ome com.binata di <r edo-atassi u ce r ebellare co n qualche ce nno di nio rbo di F r iedr eich i n u1i caso sp oradico con r ep er to infiaJrn1nal orio del Li quor . P r of. \ ITIORJO l;-ERR ERO. - - A prop osilo de lla teru1>ia clelle gonoartri li acule.

Sindromt oolelitiasioa da oause esterne alle vie biliari. Doll. V. "<.;: ALLINA. - L '0 . r ifer isce 3 casi di si11d r o111e colelitiasica sen za la prese11za di calcoli, 11e i q u a li ve1111e r1sconlra ~a coiecis tos lasi d ovuta ~lla p rese11za di cau e ostacola nti il d eflusso d ella b1le, es lerne alle vie bitiari. 1° caso: Col eci st ostasi d a a11omalia d ei vasi cistici ; 2° caso : Colecislostasi d a i1.>erp lasia d ella g hia11dola cis tica; 3° ca.so : Co~eci­ slo La i da inen1bra n a a110111al a e d a 11nfo-gh1a ndo la del ci s lico iperplasica.

Ccnseguenze tardive dei traumi cranio•cerebrali. J) ro f. G. VERCELLL - I t ra un1atizzati cr a11io-cere1Jrali ' q u a lu11que 5i d. ella . l esio11e . a slata l a gravita . . . s u lJi la, ed. anzi p ar t1col arn1e11te in .que1 cas1 111 cu1 i1011 ' i fu i11teressa111e11lo d el cr a n10 , p osson o prese11tar e a11ch e a d i„ lan za n ot evole u11 complesso di d i -Lurbi n e uro-psichicj p a rlicolar1ne11.te soggetlivi eh e costituisr o110 1a cosidetta si11drom e n europ i~hica post-lra11matica t ardiva. l\il od erni mezz~ di inclag i11e, i11 p arlicolar inoclo l a p11eu~o-vell:tr1co 1ogra1ia, ci p erme lton o di di1nosLr a r e _1nequ1v?caJJi1me11le l a or ganicila 1 La11to spesso n11sco11osc1uta c1i que ta inct:om e; il s,u o ~11adro a11a loD?-o-1~ato­ Joaito e esse11z1alme nte d o1n1nat o d alle les10111 seCO~tdarie all 'ip~rte11sione en? oc~ani~a (i~roce~al~a) . s uUe q u ali si innes lan o les1or11 a. foco1a10 d~ t~po atrofi co ( fianca1nenti ventricol ar1, ecc: ) ~ d1 ~JP? i1eoproclt1ttivo (or ga11izzaz ioni ader e11z1al1. e c1st1ch e, ecc.). . 1~ · 0., es1)os li 2 casi p er so11 ali (c~ n ven tr1co~ografie), inel le in cvicle.n za il g r '1 11de ii_ileresse. d 1. q~~­ s l 'argo rt1e11to , illus lrn11dolo 11ei st101 a~pet t1. cl1n~c~ , e111e iolog ici , terap eu tici ( n1edico-r ad io-ch1 rurg1c1~ r n1edi co-legali , alla l11ce cli quei inod erni concett1 eh e <I a 11o i ve 1tnero partico1ar rn en te .affermati e ~v i l u1J11n ti co11 n 1n1) it~ e sis le111a tich e ricer ch e d a Be la e d all a sua ...cuo1a .

IJ do lt. CosTA1'llT1 N1 c l1i ed e se t ra g·li i11ter ven ti cJ1irurrric i ncla lti in quesl i casi n o 11 cr eda u tile 0 qu el lo cl e ll a pt1n tura del r.o rpo calloso secondo l a tec nir a Au lo r -B ran1an la quale e abbast a 11za se1nJJlice Lec11ica111e 11t e e 'reali,l:za u~ ver o sollievo e clura t uro, in ~reitere, per l 1d ral1l1ca cerel'J rale . Do ll . J). CosTA T I N L -- D i un. caso d i u lce r a per fora la rlello sl omaco, op erala. guar ila, degen~ rala i n caHc r o, guaril a seco1irta r i amenle co n r esezion. e. Prof . P. A. l\'f EtNERT . -

Presentazione di casi.

I l Segrcta ri o: Dott .

L u 1c1 FERRERO.


72

[ANNo XXXIX, NuM. 2)

« IL P OLICLl NI CO »

APPUNTI PER IL MEDICO PRATICO. CASISTICA E TERAPIA. Rilievi sul ret1matismo articolare cronico. William W~ lleox (The Practitioner, '110 vembre 193 1) rileva eh e il r eu ma tism o cr onico e una m a la ttia tanto frequ ente ehe ha rappvesentato in Inghilterra n e} 1922 1/6 delle cau se di assen za d.a l lavoro pe,r mal,attia n,e gJi u omirni e 1/7 nelle donne . L ',etiologia di que sta m iaLat tia e complessa. I fattori etiologici possono essere tr.a umatiei (n elJ.e lombagg i11i , nelle fibr ositi del dorso e del collo, n·el gomito da ten·n is, professionali (per esercizio continua to imposto a determinati segm enti), costituziona li o diatesiei , cut1an·ei (la tem peratura cutanea di aleuni reum.atici e inferiore di qua leh e g ra·do n.e}la reg·ion e a ffetta), clin1a tici (fredd-0, umidita, corre11ti d 'aria), ci1~c ol ato1r i (a rtrite d ell1e a rtieolazi oni f.al1a1J1.g ee n.eJ m . di R.a) n.aud), dietetici , endocrin i . II r eum.at i. mo artieola re acuto 1)re dispon e a l r eium1ati smo cron ico. Tutt'e du e i essi son o p ress'a p oeo ugua lm·ente colp iti , t en endo conto d·ella di versa esposizion e ai f.attori d.eterm in1an ti. L 'eta im cui n on si ' 'ede iI r eu m atism o cronico e quella eh e precede la pu berta. La ,g ott.a c un.a m.ala ttia a se, pero· predispone .a l reum.at i n10 cronico. Dopo u no tudio dunato 12 anni al St . 1\1a ry 's Hosp ital ·di Londr.a l 'A. si e convinto eh e il f.at to.re ·etiolog ico piu imp,o rtante e un 'infezione stre·ptococcica (vir id.an , emolitico e trept. ·con1une), aven do trovato n ella n1.aggior ])arte dei c,a.si un focol1aio d 'infezion.e ·streptor occica o n eI n.asof.aringe, o :nell 'in testino o ai denti . Pero un punto debole di qu este ricerch e e cli.e non e stato isola to lo strepto~ cocco n e da] san gu·e n e d.a ll e .a rtico·l.azioni. M.a J,e r icer che di Russell-Cecil in Am er i.c.a h an 1no da to il 61,5 % ·di emoculture positive e 67 ,3 % di culture positive con liquido sinoviale. Sir Willcox C·onclude r iten endo dimotr ata sen z'altro l 'ori.gin.e in fettiva del reumatisn10 cron ico, di cu i le num er ose cause sue po_te n o11 ra·p,p re entaino eh e fattori pr·edis pon enti . R. LusE~A. 1

1

1

1

1

1

1

1

lletodi moderni di cura del r eumatismo cronico. 1\1. B. Ray (Th e Practitio11er, n ovembre 1931) 11ota cl1e n el reun1a tismo articolare si fan n 6 rientrar e · J'.a rtrit e r erum1atoide, l 'artrite in fettiYa o foc.ale, l 'o ~eoartrite, la gotta , le a lterazioni a rticolari non cla ssificatic la ma lattia di Still (n ei ban1bini) e an,ch e ' m ala ttio extr.a rticolari (fibro iti m u scol.ari , n eurofib ro"' ite) n1 en tre se n e e cludono le forme da g on ococco, da b. tubercolare, ·da meningococco e da Tre1)o·n en1a palli dum . L 'ar trite reu ma toide, affezione pr ogressiva, 1

eh e colpisce piu spesso le donne durante la gestazion e, ch·e inizi.a con febbre e colpisoe IJrev.l lentem ente J.e piccole .articol1azioni delle n1a11i , e cara tterizzata da atrofia cutan.ea, mucolare e ossoo. Si cura , quando e po ssibile, colla residen za in ,clima caldo e .asciutto; altrin1'enti si puo t entare la vaccino·terapia o la proteinotenapia aspecifica. Il tra ttamento locale si fa con movimenti attivi e passivi e ap·plic.azion e di a pparecchi eh e impediscano il prodursi di deformita . Utile l 'applicazione di ba.g'ni e doc·ci,e ca ld e, di fanghi , di di1at erllllia. L 'a.rt rite infettiva si curera aggredendo per p·rima cosa il focol.aio dell 'infezione. L 'o teoartrite, ,se c 'e u,n 'alterazione dell 'appar.at o digerente, si curera cer cando di migliora r e lo stato del colon. Nell1e .artriti gottose, la cura della gotta e quella ch·e d eve prevalere . Il m . di Still s i cura •con tonici g en e:nali e r on bagni cal.di locali. Nel.l e mio- e neurofibro iti si curera il r icambio se questo e alter.ato ; la cura locale si fa ·p rima col ri11oso delle par ti mal1ate, poi coi m,a ssaggi e le applicazioni fisich e usate in altre forme. In lin ea gen·er ale , i rim edi fisici possono e er e se·dativi o stimola nti. E seda tivo il ca lor e. e c 'e d.eficienza di secrezion e sebacea della cute son.o utili i b agni caldi d 'a.cqua, di v.a11ore, }.e docce calde a lteirn,a te colle fredde. P er con1batter·e la cir·colaz ion e cutanea insuffi ciente ... i fan no m.a.ssagg i n el bagn o caldo, ·docce oalde 1e fredde altern.ate. Per r idare i n110,rin1enti .a lle a rticolazioni irrigidite si fanno b.agni caldi con m.a ssaggi, eh e sono utili a n cl1e p er cer ca r e di far rias orbire i t essuti .aderen ziali. II c1alore, sotto form a .di b.ag·n o, di fan ghi, di diater.mia, e un ottimo calmante del dolor e. R. LusENA. 1

1

1

1

1

L'infiltrazione dei tessuti con soluzione di glucosio ne reumatisn10 muscolare. Natan-n sen (D euit. m ed. W ochens. , 22 magg io 193 1), h.a otte11uto eccelle nti risultati nel r eu n11atis1no muscolare di diver se localizzazior1i (lo1n b.aggi11e, torciicollo , spalla, ecc.) m eL d ia11te l 'infiltrazio11e con soluzione di Q·lucosio 'a l 10 %, no11 preceduta da n essun.a iniezion e di ane tetico·. Se 11e i1nie ttano, loco dolenti , da 10 a 20, 50, fin o a 100 cm c., eventua lmente in d iver i punti dolorosi del d ecorso del mucolo ret1m.atizzato. Il dolore scompare talvolta r ome d 'in ca·n to ; pu o ritorna re poi dopo un ·certo t en1po (un g iorno) m a dura poco e scomrpare _pontane.am ente. L ' A. ha ottenuto dei su cce_ i an ch e in ca i eh e dur.avano da tempo ed eran o rimasti ribelli a tutte Ie eure. Gli in successi i h anno solo qu.an.do il dolore n on e dovuto a] reum ati.smo mu scolare, 1

1


[ ANNO

XXXIX,

NUM.

2]

73

SEZ IONE PRATICA

ma ad altre cause (arlriti, n1eta stasi car ci110n1atose) nonch e n ei sin1ula tori . :E:: in1porta11te fare b e11e l 'iniezione n el ottocutan eo e n ei n1uscoli, come quando si pra tica l 'an estesia per infiltr.azione. atura]n1ente la cura e C011troindicata n ei ca i di diab ete, in c ui si potrebbe u are, invece d el .g· luco. io, il frutto ... io. P. Rappel (lbideni) riferi_ce u a ltri ca '" i favorevolmente trattati co11 ques to n11etodo cd ins iste su] l 'utiliLa di introdurre forti d o i (50100 ,cn1c .); in qu.al ch e caso, e n eces ario ri])etere l 'iniezion e. fil. 1

Peritonite reumatica. La febbre r euma ti ca colpisce frequ entem ente tutte le ierose a d eccezione d el p eritoneo e h e e co lpito raran1ente. F. C. ~'ood e E. L. Eliason. Th e Americ. .Jour11. of the il1 edic. ci e11.ces, aprile 193 1) ne riferiscono un ca o e fanno una rassegna d ella le tteratura su.11 'argomento. Si pre ume eh e una peritonite sia r euma tica quando c i sono segni di periton•i,te e oonte1nporaneam en te •c'e r.eumatismo articol are a cuto. Alcuni clinici fra n cesi ammettono sen z'altro l 'e is te11za di que ta forma di peritonite. II prima ca o fu riferito da Aurdral n el 183.9; si tralta\'a di un malato di reumati mo cl1e n10rl di peritonite con e ud.ato emo~ragico. Furono d e critti poi casi di peritonite seguiti da r eumatismo arti colare. In questi ca i le l esioni periton eali n o,n omig liano all e a ltre forme di peritoni le; in un ca o le a lterazioni peritoneali er ano identi1ch e a quell e riscontrate n el rPumati mo n elle altre ier o e.

R.

LusE~A.

SEMEIOTICA. Variazioni dei diametri cardiaci nelle diver se posi· • • z1oru. Il problem a e ta to tudialo da D. Ta rtagli (C uore e circolazione, elt. 1931) il qual e l1a osservato eh e, n el pa s a.g gio dalla IJosizione eretta a l d ecubito orizzon tale s i osserva un . aume nto uniforme d ei diam e tri cardiac i, c cib in tutti i tipi costituzionali. II di.arnetro basale e quello eh e segu e piu r egolarmente le variazio ni cardiach.e n1ei camb1a•1nenti di po• • s1z1one. In b.a se alle osservazioni, l 'A. emette l 'ipotesi eh e il d ecubito orizzontale provochi, od una dimin uzione reale del t ono del cuore oppure una particolare rotazion e del viscere, tale da far e .apparire un ingran.dim ento dell 'area cardiaca. L 'inn.alzam ento del diaframma destro, 11el decubito orizzontale, non trova sempre un riscontro , .almeno con },e comuni indagini radiologich e , nei con'ispondenti cambiamenti della inclinazione del cuore. fil. 1

MEDICINA SCIENTIFICA.

n '' fattore

vitale '' nella tlieta. U na teoria sulla natura delle vitamine.

C. vVatson (Edinburg m ed. Jourri., g iug n <::> l H3l ) rileva eh e il nu1n·e ro d ell e vitan1 ine vie11e . . en1pre aum enlan·do in n1od o imbarazzante, iccl1e e probabile eh e il m edico pra tico si fa ccia a ssai scetti·co al loro r1guardo; 11on e JJO I d.a esclu.dere il p ericolo di uno sfrutta 111en to con1.rr1er cia le lanciando sulla piazza d ei })rodo tti cc Yitaminizzati » prima ehe le nozioni c ientificl1e in n1a teria siano b en e assodate. on bisogn a dimenticar e eh e, d opo 18 a11ni di i11 Len so lavoro „ non si e riusciti ad isolare i1esuna , ,itamina e n o i non sappiamo an·cora se i tratti <l.i ver e sostanze o non solLanto di prop ri eta·; sola m e nte due 11anno potuto esser e i1r e11ara te; la carotina (\'itan1in.a ) d all e carote e dai ' 'eget ali ' rerdi , e l 'ergo terol irradiato (vitamina D). Ora, in n atura, le vita.m ine s i trovano sollanto n el r egno vege tale ; qu ell e d e i t e~s uti anin1 ali e .d el l atte d erivano d.alle 1>rin1 e. · L-'en erg ia solare a g i:5ce sulle pi ar1le e ln ette in molo 11 energ ia chimi ca ehe fav orisce 1'accr ec im ento, La matuTita ed i ·p rocessi ri.p rodutLivi d ella pianta, energia cl1e, poi, passa al r e0- 110 animale quando i veg·e tali vengo110 co n~umati, secondo Ja legge d ella conservazione d ell 'en erg·ia. L 'en ergia sol are IJUO essere a rtificialmenle u ata per la produzion e di vitamine, p. es., e_ponendo il corpo ai r agg i ul travioletti (a c l~11oterapia) il latte, noncl1e d ell e sostan ze m ed1c ina li (er goster ol , o1io di fegato di m erlu zzo) aO'li Le i r aggi. e ' 'iene , cl1e l 'e11erg ia ~ola1:e vien e trasformata, in natura o con m ezzt art1fi ciali , in en erg ia chimica . Ne viene eh e , fra en erg ia chimica (qual e es a e in1m agazzinata n elle piante o n ell1e sostan z.e) e l 'en ergia olar c vi d eve esse re una .ce rLa affi11ita, se n on addirittura identita. :E:: p os ib ile cl1e le vitamine speciali o que ll e specifich e per la pianta a bbi a110 una certa analogia con il poterie selettivo iner ente a lla pianta s tessa in rapporlo con il colore. La sorgente piu sicura e mig lio re di vitam in e e l 'uso di cibi « viven ti », m en tre una part e not~vole d ei cibi cornun ern ente u sati e piu o m eno morta (devitali zzata); la quantita di ·v itamina n el cibo ha un determina to rapporto con la vi cinanza d el c ibo stesso a ll a sorgen te orig inale d ella sua energia. L 'ipotesi emessa ·d.all 'A. dell 'energ ia solare ehe si trasfor1m1a (entro le cellul e vegetali) in en·ergia vitale chimica , Ja quale attiva l 'a ccrescirnento diei tessuti ch •e, a lo·ro volta, inJt:' · riti ,da1gJli ,animali, trasmettono loTo quella en ergia ehe viene ·d etta vita1nina, e da considerarsi com e un 'ipotesi da la vo'fo, eh e potra, o m eno , ven ir conferma·ta. Ta le co·n fe.r ma po-


74

« IL P OLICLI NJCO »

trebbe aver.e un notevole riflesso sulle teorie n1•edi che , ehe stamno a lla b ase della pra lica n1edica stessa. Lo studio dei p roblemi dell.a nutriziooe va ora impostato sulle acqui.sizioni del1e seien ze fisich e avutesi in questi ulti•mi trent 'anni e, specialmente sullo stu,d io del valore en ergetico dei cibi in ra pporto eon quelle eh e possono essere chiam ate le loro propriet a solari. fil. 0

La saponina negli spinaci.

L. Kofler ( W iener klin . W och en,s. 193 1, n. 26) osserva eh e le foglie di spinaei co.n tengono della saponina ed ha nno , p er eio , una for te azion e em olitica. Tale saponina, eo.m e pure l 'estratto aequoso delle fo glie d.i spinaci, agisce ·n el sen so di favorire gnanden1ente ,i l ri.assoTbim ento. La . . aponina degli spinaei , i11oltre, eeeita l 'atti' 1ita delle ghiandole diger enti e dei m1ovimen ti intestin.a li. fil.

RUBRICA DELL' UFFICIALE SANIT ARIO

n

regolamento per l'igiene del lavoro.

F ra i piu reeenti provvedim1enti legislativi, diretti a tutela•re la salute dei lavoratori, m erita di esser rieordato il R egolamento per l'igiene d el lavoro aipvrovato con R . Decreto 14 aiprile 1927 , n . 530, eh e disei plina , con una serie orga·ni c.a di disposizio·n i , la m.ateria del1'igien e del lavor o ne lle aziende industriali, commerciali e<l agrieole, e fissa le n ormre fondan1entali ·p er la ·difesa sanitaria del p er sonal·e in esse impiegato. La vigila n za sull 'applicazion e del regola mento, qua ndo questo fu emana to, era a ffida ta .al Minisooro ,d.ell 'Economia N.azionale (ora al Ministero delle Corporazioni e, per aleune at tribuzioni , a queJlo d ell 'Agricoltur.a e delle F oreste) , eh e la esercitava per m ezzo dei Circoli d 'ispezion e d·el lavoro. L 'a•r t . 57 pero dicl1iara esplicitamente eh e nulla e innovato per q uanto riguarda la 1com peten za delle .autorita sanitarie n ell 'applicazion e dei provvedimenti relativi a lla tutela dell 'igi.ene e d·ella sanita pubblica, e stabilisce eh e i funziona ri in earicati della vigilanza ·d ovira nno eollab ora r e con le autorita sanitarie per im·p edire eh e l 'esericizio delle .aziende in·d ustri.ali e commercia li sia cat1sa di ·diffu sion e di ma lattie infettive oppur e .di da nni o di incom odi .a l vicina to . In caso di dissen so fra g li ufficiali sanitari ed i Circoli .d 'ispezion.e d·el lavor o, ciirea la na tura dei provvedimenti da a dottarsi , g iudich era il Prefetto, .con decreto motiva to , sentito il Consiglio sanitario provineiale. Semhra pereio opportuno eh e gli u ffieia li sanitari conoscano almen o le principali disposizioni .del r egolamento , n ell 'eventualita di dover con correre. n ella vig·ilanza sulla su a applieazione. 0

[ANNO

XXXIX, Nu M.

2~

Nel ti tolo 1 del regola m ento p er l ' ig ien e de t la, oro , on o speeificate le aziende indu stria li, 1con1n1ercia li ed ag ricole tenute a d osserva·r,e le 11orn1e del r egolamento; il titolo II rig uarda i due primi tipi di aziende; il titolo III quelle agrieole. Nelle I.avorazioni ehe usino o producano nuaterie asfi ssia nti , t ossich e od infettanti O· sp eeificamente n oeive a lla salute, 1' eserce.nte deve a vvertire del p ericolo il lavoratore, indicandog li e forn endogli i m ezzi adatti di preven zion e e p reser vazion e. Le materie sudd ette sa•rann o eo11servatc in r eeipienti a t enuta muniti dell ' ind~cazione di veleno. Qua ndo le a zien·de oecupino alm.eno 25 lavora toTi devono a vere una cassetta di pro11 te> · soecor so ; quelle in cui il lavoro presenti rischi di seop·p io, di a sfi ssia , di infezioni o di avvelenamento, .debbon o ten ere la cassetta .an ch e se gli op erai .son o m eno di 25; se son o p iu d i 50 ei deve essere inoltre una stanza di pronto soccor so eonvenientem ente illuminata, ventilat a e riscaldata e fornita di a cqu.a, lettuccio e bar ella; in ogni caso vi sara un infermiere od altra persona pra ti ca di servizi di pronto soccor so. elle industrie ove si a doperino o produean o ostan ze tossich e od infettarnti , e eh e sarann o indicate in un elen co da .approvarsi dal Minister o, i lavo•r atori verranno visitati da un medico competente, prima ·dell 'ammissione al lavor o, onde consta tare se abbiano i requisiti per r,e.s ister e a ll 'azione d egli agenti noeivi a cui devon o esporsi , e poi periodicam ente per cont•rolla rne lo stato di salute. Un primo eapplicabile questa len co di industrie, a cui di. posizione, e stato a pprovato eon d eereto ministeriale 20 m a r zo 1929. Nelle suddette a ziende industria1i p eriicolose, ed a n che in tutte le altre qu.ando abbiano almeno 25 lavoratori, devon o e.sser e visibilmente indicati con un ca rtello il n om e e eognome e il domieilio o recapito di un m edico, o la sede del piu vicino posto di soecorso. Sp·eeia li preserizioni tecnich.e si riferiseon o all ' altezza, eubatura e superficie degli amtbien ti d i l.avoro, alla loro eopertuir.a, ai pavimenti , alle pareti , all ' illuminazione, ventilazione e tempera tura; agli .appareechi di risealdamento, allo sviluppo di vapori, di gas irrespi·r abili, tossici o infi.amma bili , di polveri, ecc., ed a i lavori in p ozzi n eri , fogn e, fosse, camini, iealdaie ed in gen ere in .Juog hi dove 1poSSOllO tTOva r si .gas deleteri. Tutti gli ambienti di lavoro debbono esser fo rniti di aequa sufficiente, tanto per u so potabile el1e per lavarsi, osservandosi sempre le cautele igienieh e a tte ad impedirne I'inquina m ento e Ja diffu sione con essa di malattie. Per La pulizia sono da evitare Je vaschette e le catinell e con acqua ferma. Altre norme riguardan o J.a n ettezza de i locali, la eonservazione di m at erie di Javo·r azione fermentabili o eomu11- .-

e

1

1


[J\NNo

XXXIX,

:Nu~r.

2]

SEZIONE PRATl CA

que noeive al la alute, g li scarichi dei rifiuti, le• immondizie. ed an che i rumori e le vibra• ZlOnl. Le latrine debbono essere in n umero non inferiore ad una pe·r ogni 40 person e oecupate n ell 'azienda, ed e sere distinte per i due sessi quando vi sono in totale a lmen o 10 lavoratori. Le condizioni ig ienicl1e delle la trine, orinatoi, condutture, bottini , ed il loro fun zionam ento, devono eorri pondere a lle norn1e con sigliate dall ' ingegneria sanitaria. Nelle aziende eh e trattano sosta11ze venefieh e, corrosive o