Buone Pratiche "MetroCity RC 2030"

Page 1

Proponenti

Partner scientifico

Città Metropolitana di Reggio Calabria Settore 5 - Istruzione e Formazione professionale

Progetto per l’Agenda Metropolitana della Città Metropolitana di Reggio Calabria in attuazione della Strategia Nazionale e Regionale di Sviluppo Sostenibile 2030

BUONE PRATICHE “METROCITY RC 2030”

Rivista a cura di G. Mangano con la revisione scientifica di C. Nava (AbitaLab - dArTe Unirc)

Agg. 08 febbraio 2021 Il presente documento è coperto da proprietà intellettuale ed è destinato alla divulgazione di contenuti ai soli fini di disseminazione del progetto


CREDITS “RCMETROCITIZENS IN TRANSITION” è il progetto per l’Agenda Metropolitana per lo Sviluppo Sostenibile in attuazione della Strategia Nazionale e Regionale 2030 promosso dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dalla Città Metropolitana di Reggio Calabria (Settore 5 - Istruzione e formazione professionale) con partner scientifico il Centro Interuniversitario ABITALab dArTe dell’Università degli Studi “Mediterranea” di Reggio Calabria. La Rivista “Buone pratiche MetroCity RC 2030”, curata da G. Mangano con la revisione scientifica di C. Nava (AbitaLab dArTe Unirc), si pone l’obiettivo di catalogare e segnalare progetti e buone pratiche promossi da enti, associazioni e organizzazioni aventi sede nella Città Metropolitana di Reggio Calabria, al fine di monitorarne il valore e il contributo dato ai Vettori di Sostenibilità della Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile.

PARTNERS _Proponenti

MATTM - Direzione Generale allo Sviluppo Dott.ssa Paolina Pepe (Dirigente Divisione I - DG SVI)

Città Metropolitana di Reggio Calabria

Settore 5 - Istruzione e Formazione professionale

RESPONSABILE PROPOSTA DI INTERVENTO Dirigente Settore 5 - Istruzione e Formazione professionale Dott. Francesco Macheda REFERENTE TECNICO DELLA PROPOSTA Responsabile Ufficio Orientamento Università e Politiche UE Dott.ssa Maria Lea Quattrone

_Partner scientifico

RESPONSABILE SCIENTIFICO DEL PROGETTO Prof.ssa Arch. Consuelo Nava (Responsabile scientifico Centro Interuniversitario ABITALab dArTe UniRC) COLLABORAZIONE SCIENTIFICA Arch. PhD Giuseppe Mangano (Assegnista di ricerca - Centro Interuniversitario ABITALab dArTe UniRC) CONTATTI email_ rcmetrocizitens@gmail.com website_ www.rcmetrocitizensintransition.com

2 | Rivista buone pratiche “MetroCity RC 2030”

A cura di G. Mangano - Rev. scientifca di C. Nava (AbitaLab - dArTe Unirc)


SOMMARIO BUONE PRATICHE DI ASSOCIAZIONI E ORGANIZZAZIONI DELLA SOCIETÀ CIVILE cod. A1/Reggio Calabria - KnowledgeVsClimateChange

_____05

cod. A2/Reggio Calabria - Little Free Library

_____11

cod. A3/Reggio Calabria - Aiuola “Amici di Montalto”

_____14

cod. A4/Reggio Calabria - Polo edu-SPEI

_____17

cod. A5/Pellaro, Reggio C. - Riqualificazione sostenibile di Punta Pellaro

_____19

BUONE PRATICHE DI ENTI, ISTITUZIONI, SOGGETTI PUBBLICI cod. E1/Reggio C. - Manifestazione d’interesse per la selezione di n.6 esperti “green jobs” cod. E2/Reggio C. - Manifestazione d’interesse per la attivazione dell’Ecosistema Civico (agosto 2020)

A cura di G. Mangano - Rev. scientifca di C. Nava (AbitaLab - dArTe Unirc)

_____23 ______25

Rivista buone pratiche “MetroCity RC 2030” | 3


cod. A1/Reggio Calabria - KnowledgeVsClimateChange cod. A2/Reggio Calabria - Little Free Library cod. A3/Reggio Calabria- Aiuola “Amici di Montalto” cod. A4/Reggio Calabria- Polo Edu-SPEI cod. A5/Pellaro, Reggio C. - Riqualificazione sostenibile di Punta Pellaro

BUONE PRATICHE DI ASSOCIAZIONI E ORGANIZZAZIONI DELLA SOCIETÀ CIVILE


Cod. A1/Reggio Calabria

KnowledgeVsClimateChange

Comunità in transizione per la Periferia sud di Reggio Calabria

Durata

Sede del progetto

12 mesi (01 ott. 2019/30 sett. 2020)

Comune di Reggio Calabria (periferia sud) / Web

Proponenti

Tipologia strumento

Associazione Pensando Meridiano (capofila) [Reggio C.] Dipartimento di Architettura e Territorio, dArTe - UniRC Associazione Reboot [Reggio C.]

Proposta per bando competitivo per associazioni/ enti

Descrizione sintetica della buona pratica “KnowledgeVsClimateChange: Comunità in transizione per la Periferia Sud di Reggio Calabria” è il progetto promosso da Pensando Meridiano con il Centro ABITALab dArTe dell’Univ. Mediterranea di RC e l’ass.ne Reboot, per la costruzione e il rafforzamento di conoscenze e azioni in tema di sostenibilità, riciclo, innovazione ed economia circolare per l’adattamento al climate change in Periferia Sud a Reggio Calabria per la call “No Planet B - Fight Climate Change 2° ed.” di Punto.Sud con Fondazione con il Sud e Fondazione Cariplo e co-finanziata con l’iniziativa “There isn’t a Planet B!” dall’Unione Europea. Il progetto ha come obiettivo generale la costruzione e il rafforzamento di conoscenze in tema di sostenibilità urbana, riciclo, economia circolare e azioni possibili per l’adattamento al climate change per le comunità insediate in periferia sud a Reggio Calabria, in coerenza con la tattica della città della conoscenza dell’Ass.ne Pensando Meridiano, formando giovani under35 quali makers che guidano le azioni di coinvolgimento e trasformazione con le comunità ed i cittadini. Altri spazi di partenariato sono individuati nella collaborazione con dArTe - Università Mediterranea di Reggio Calabria, in percorsi di qualifcazione delle conoscenze e workshop per gli studenti universitari all’interno dei corsi universitari (Atelier di Tesi “Territori fragili, ambiente, rischi e cambiamenti climatici” del dipartimento Architettura e Territorio della Mediterranea di Reggio Calabria. resp.prof.ri C.Nava e M.Milardi), la startup innovativa PMopenlab srls, il Dipartimento dell’Ambiente Costruito della TU/e di Eindhoven (Olanda), il Comune di Reggio Calabria, le Associazioni di quartiere a carattere locale e nazionale, con cui il proponente ha già condiviso percorsi di innovazione sociale e le scuole primarie e A cura di G. Mangano - Rev. scientifca di C. Nava (AbitaLab - dArTe Unirc)

secondarie di primo e secondo grado della periferia sud di Reggio Calabria. Le tattiche adottate di capacity building (seminari, workshops, azioni dirette di making, social communication) si rendono necessarie per sensibilizzare le comunità sull’importanza di processi circolari e l’adozione di buone pratiche in riferimento ai Sustainable Development Goals SDGs 11 “Sustainable Cities and Communities” e 13 “Climate Action” dell’Agenda 2030, all’interno di un contesto sensibile in cui si rilevano fenomeni di degrado ambientale e sociale riferibili anche alla scarsa qualità degli spazi e del costruito urbano quali la popolosa periferia Sud di Reggio Calabria. A tal fine, nel periodo 10 gennaio-10 giugno 2020, all’interno delle attività “Open” previste dal progetto e patrocinate dall’Alleanza per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS), si sono svolte: - Azioni per il trasferimento di conoscenze, con il Ciclo Open Seminars con docenti ed esperti sui temi di sostenibilità, ecologia, co-design, innovazione ed economia circolare (26 feb in presenza, gli appuntamenti del 7, 12, 14, 19 e 21 maggio in webinars su piattaforma Zoom), della durata di 3 ore e 30 minuti e 90 partecipanti in media ad evento. - Azioni per la capacity building, con la PMOpenSchool #InnovationCapacityBuilding, aperta a studenti dArTe e giovani u35 sulle competenze innovative per progetti sostenibili con la startup innovativa PMopenlab e Officine Sostenibili (ABITAlab e Pensando Meridiano), promossa da ASviS - Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile e Polo di Innovazione Green HoMe Scarl. La scuola si è svolta in cinque appuntamenti (22 e dal 25 al 29 maggio 2020) sui temi tecnologie abilitanti nel progetto sostenibile e nell’impresa Rivista buone pratiche “MetroCity RC 2030” | 5


innovativa, modellazione digitale e addtive manufacturing per l’ecodesign, narrazione media degli spazi urbani e delle proposte progettuali, sustainable data mapping e graphic visualization, sperimentazioni per il monitoraggio ambientale e facciate cinetiche con Arduino. La scuola si è svolta in modalità webinar a causa dell’emergenza covid-19 e ha visto la partecipazione di 45 giovani per un totale di 24 ore totali di lavori; - Azioni di co-design, con il Workshop SAD II (Sustainable Advanced Design), inserito all’interno dell’Atelier di Tesi proponendo una sperimentazione dedicata su Edifici agili in città circolari e resilienti,progetti innovativi e tecnologie abilitanti per aree fragili della periferia sud di Reggio C. con l’ausilio delle strutture del BFLtclab, ABITAlab e PMopenlab. Il WS si è svolto su step di lavoro e di verifica delle proposte in modalità webinar su piattaforma Zoom, a partire dal 29 aprile 2020 per poi concludersi con la Final Review del 10 giugno 2020, coinvolgendo i 15 studenti dell’Atelier di Tesi impegnati su 7 aree progetto della periferia sud di

RC. Attraverso l’SDGs Impact Design, si è effettuato un monitoraggio e pre-valutazione delle proposte progettuali su goals e target Agenda2030 e SNSvS (per approndire, è disponibile il dossier SAD II al link https://issuu.com/ pmopenlab/docs/dossier_sad_ii_-_definitivo) Tra settembre e ottobre 2020, è prevista la disseminazione delle proposte del WS alle comunità con l’attività prevista di co-design e partecipazione collettiva insieme al teamproject KvsCC. Per la disseminazione e il trasferimento di contenuti sui temi della sostenibilità e cambiamenti climatici, sono state impiegate la piattaforma web e la pagina facebook ufficiale.

Riferimenti Piattaforma web: www.knowledgevsclimatechange.com Pagina facebook: @knowledgevsclimatechange

Documentazione fotografica

TUTTE LE ATTIVITÀ, I SEMINARI, I MEDIA CONSULTABILI AL LINK www.knowledgevsclimatechange.com/come-interveniamo

6 | Rivista buone pratiche “MetroCity RC 2030”

A cura di G. Mangano - Rev. scientifca di C. Nava (AbitaLab - dArTe Unirc)


A cura di G. Mangano - Rev. scientifca di C. Nava (AbitaLab - dArTe Unirc)

Rivista buone pratiche “MetroCity RC 2030” | 7


Soggetti promotori Soggetti coinvolti

L’ ECOSISTEMA CIVICO DELLA BUONA PRATICA

ENTI

ASSOCIAZIONI

IMPRESE

GIOVANI U35

ESPERTI

Centro AbitaLab dArTe UniRC

Pensando Meridiano, Reboot

PMopenlab srls

Soci Pensando Meridiano

Docenti UniRC

Comune di Reggio Calabria

Magnolia RC, Action Aid RC, University Box UniRC + altre aderenti

FastPrint srls, Mia srl...altri esercenti

Studenti dArTe e PAU (UniRC), altri studenti italiani, studenti delle scuole

Docenti altre univ., esperti sostenibilità e innovazione

COERENZA CON LE AREE, LE SCELTE E GLI OBIETTIVI STRATEGICI DELLA SNSVS NEL PROGETTO RC METROCITIZENS IN TRANSITION

Azione pilota 3 MAKING METROCITY CATEGORIA DI INTERVENTO B - Coinvolgimento della società civile SOTTO-CATEGORIA B1 - Attività di coinvolgimento della società civile, anche in relazione ai forum regionali per lo sviluppo sostenibile III. Creare comunità e territori resilienti, custodire i paesaggi e i beni culturali

III.1 Prevenire i rischi naturali e antropici e rafforzare le capacità di resilienza di comunità e territori III.2 Assicurare elevate prestazioni ambientali di edifici, infrastrutture e spazi aperti III.3 Rigenerare le città, garantire l’accessibilità e assicurare la sostenibilità delle connessioni III.4 Garantire il ripristino e la deframmentazione degli ecosistemi e favorire le connessioni ecologiche urbano/rurali III.5 Assicurare lo sviluppo del potenziale, la gestione sostenibile e la custodia dei territori, dei paesaggi e del patrimonio culturale

Goal Agenda2030 correlati

I. Promuovere una società non violenta e inclusiva

I.1 Prevenire la violenza su donne e bambini e assicurare adeguata assistenza alle vittime II.2 Garantire la parità di genere II.3 Combattere ogni discriminazione e promuovere il rispetto della diversità

Goal Agenda2030 correlati

8 | Rivista buone pratiche “MetroCity RC 2030”

A cura di G. Mangano - Rev. scientifca di C. Nava (AbitaLab - dArTe Unirc)


Azione pilota 4 KNOWLEDGE METROCITY CATEGORIA DI INTERVENTO B - Coinvolgimento della società civile SOTTO-CATEGORIA B2 - Attività di informazione e sensibilizzazione sullo sviluppo sostenibile I. Arrestare la perdita di biodiversità

I.5 Integrare il valore del capitale naturale (degli ecosistemi e della biodiversità) nei piani, nelle politiche e nei sistemi di contabilità

II. Garantire una gestione sostenibile delle risorse naturali

II.2 Arrestare il consumo del suolo e combattere la desertificazione II.6 Minimizzare le emissioni e abbattere le concentrazioni inquinanti in atmosfera

Goal Agenda2030 correlati

I. Finanziare e promuovere ricerca e innovazione sostenibili

I.1 Aumentare gli investimenti in ricerca e sviluppo I.2 Attuare l’agenda digitale e potenziare la diffusione delle reti intelligenti I.3 Innovare processi e prodotti e promuovere il trasferimento tecnologico

II. Garantire piena occupazione e formazione di qualità

II.1 Garantire accessibilità, qualità e continuità della formazione II.2 Incrementare l’occupazione sostenibile e di qualità

III. Affermare modelli sostenibili di produzione e consumo

III.1 Dematerializzare l’economia, migliorando l’efficienza dell’uso delle risorse e promuovendo meccanismi di economia circolare III.4 Promuovere responsabilità sociale e ambientale nelle imprese e nelle amministrazioni III.5 Abbattere la produzione di rifiuti e promuovere il mercato delle materie prime seconde III.6 Promuovere la domanda e accrescere l’offerta di turismo sostenibile

IV. Decarbonizzare l’economia

IV.1 Incrementare l’efficienza energetica e la produzione di energia da fonte rinnovabile evitando o riducendo gli impatti sui beni culturali e il paesaggio IV.2 Aumentare la mobilità sostenibile di persone e merci Goal Agenda2030 correlati

VI. Ambiente, cambiamenti climatici ed energia per lo sviluppo

VI.2 Promuovere interventi nel campo della riforestazione, dell’ammodernamento sostenibile delle aree urbane, della tutela delle aree terrestri e marine protette, delle zone umide, e dei bacini fluviali, della gestione sostenibile della pesca, del recupero delle terre e suoli, specie tramite la rivitalizzazione della piccola agricoltura familiare sostenibile VI.3 Contribuire alla resilienza e alla gestione dei nuovi rischi ambientali nelle regioni più deboli ed esposte VI.4 Favorire trasferimenti di tecnologia, anche coinvolgendo gli attori profit, in settori come quello energetico, dei trasporti, industriale o della gestione urbana VI.5 Promuovere l’energia per lo sviluppo: tecnologie appropriate e sostenibili ottimizzate per i contesti locali in particolare in ambito rurale, compatibili paesaggisticamente, nuovi modelli per attività energetiche generatici di reddito, supporto allo sviluppo di politiche abilitanti e meccanismi regolatori che conducano a una modernizzazione della governance energetica interpretando bisogni e necessità delle realtà locali, sviluppo delle competenze tecniche e gestionali locali, tramite formazione a diversi livelli.

VII. La salvaguardia del patrimonio culturale e naturale

VII.2 Intensificare le attività volte all’educazione e alla formazione, al rafforzamento delle capacità istituzionali, al trasferimento di know how, tecnologia, innovazione, intervenendo a protezione del patrimonio anche in situazioni di crisi post conflitto e calamità naturali

A cura di G. Mangano - Rev. scientifca di C. Nava (AbitaLab - dArTe Unirc)

Rivista buone pratiche “MetroCity RC 2030” | 9


VII.3 Programmare e mettere a sistema progetti sperimentali orientati verso una maggiore conoscenza del patrimonio paesaggistico e naturale rivolte alle diverse categorie di pubblico da monitorare in un arco temporale da definire, per valutarne le ricadute e gli esiti

VIII. Il settore privato

VIII.2 Favorire forme innovative di collaborazione tra settore privato profit e non profit, con particolare riferimento alle organizzazioni della società civile presenti nei Paesi partner, ai fini dello sviluppo dell’imprenditoria a livello locale con l’obiettivo di contribuire alla lotta alla povertà attraverso la creazione di lavoro e la crescita economica inclusiva

Goal Agenda2030 correlati: 1-17

SUSTAINABLE DEVELOPMENT GOALS AGENDA2030 NELLA BUONA PRATICA

COERENZA CON I VETTORI DI SOSTENIBILITÀ NEL PROGETTO RC METROCITIZENS IN TRANSITION

VETTORI DI SOSTENIBILITÀ I. Conoscenza comune Obiettivi trasversali

I.1 Migliorare la conoscenza sugli ecosistemi naturali e sui servizi ecosistemici I.2 Migliorare la conoscenza su stato qualitativo e quantitativo e uso delle risorse naturali, culturali e dei paesaggi I.3 Migliorare la conoscenza relativa a uguaglianza, dignità delle persone, inclusione sociale e legalità I.4 Sviluppare un sistema integrato delle conoscenze per formulare e valutare le politiche di sviluppo I.5 Garantire la disponibilità l’accesso e la messa in rete dei dati e delle informazioni

IV. Educazione, sensibilizzazione, comunicazione Obiettivi trasversali

IV.1 Trasformare le conoscenze in competenze IV.2 Promuovere l’educazione allo sviluppo sostenibile IV. 3 Promuovere e applicare soluzioni per lo sviluppo sostenibile IV.4 Comunicazione

10 | Rivista buone pratiche “MetroCity RC 2030”

A cura di G. Mangano - Rev. scientifca di C. Nava (AbitaLab - dArTe Unirc)


Cod. A2/Reggio Calabria

Little Free Library

Condividere cultura e libri per la comunità

Durata

Sede della pratica

In corso (start giugno 2019)

Piazza Castello, Reggio C. Chiesa SS. Maria del Carmelo, Archi, Reggio C. Sede Ass. Spazio Teatro Laboratorio Radici, Via C. Gagliardi, 10, Reggio C.

Proponenti

Tipologia strumento

Ass. Culturale “Magnolia”, in collaborazione con GAStretto ass. Culturale, Adexo ass. culturale, SpazioTeatro, Catartica Care, Pagliacci Clandestini, Trame Solidali, Revulver Studio, CSOA “A.Cartella”, CSC Nuvola Rossa

Progetto di innovazione sociale e culturale

Descrizione sintetica della buona pratica L’associazione culturale Magnolia (No profit), dal 2011 assegnataria, assieme all’associazione culturale GAStretto, del bene confiscato sito in via Cafari c.da Gagliardi n.10 ad Arangea, Reggio Calabria denominato “Laboratorio Radici”, ha promosso negli anni diverse attività per la valorizzazione del contesto sociale di riferimento, del quartiere in cui è situata la sede e del tessuto reggino in particolare, per garantire l’accessibilità delle persone di tutte le fasce d’età, nel corso di eventi culturali, sociali, ambientali e non solo. All’interno dell’evento culturale “ContaminAzioni festival” promosso dall’Associazione culturale Magnolia e realizzato nel giugno 2019, in collaborazione con GAStretto Ass. Culturale, Adexo associazione culturale, SpazioTeatro, Catartica Care, Pagliacci Clandestini, Trame Solidali, Revulver Studio, Csoa Angelina Cartella, CSC Nuvola Rossa, sono state realizzate a Reggio Calabria diverse piccole biblioteche. La prima è stata posizionata nella centrale Piazza Castello ed è stata ideata e creata ad opera di Kiro Gocev, artista locale che ha utilizzato materiale di recupero a simboleggiare come il mettere in circolo, oggetti, materiali, libri, possa servire ad attuare pratiche socialmente e sostenibilmente utili all’intera comunità. Altre due piccole biblioteche sono state realizzate dall’associazione Catartica Care e posizionate presso SpazioTeatro e al Laboratorio Radici. Un’altra è stata realizzata dalla Comunità MASCI RC6 di Archi Carmine e posizionata presso la chiesa Maria SS del Carmelo. Le “Little free library” sono casette di legno artigianali che contengono libri e nascono dalla volontà di rendere fruibile ed accessibile la cultura. I libri “liberi” possono essere presi e depositati da chiunque, per far sì che lo scambio sia continuo e duraturo nel tempo. Ad oltre un A cura di G. Mangano - Rev. scientifca di C. Nava (AbitaLab - dArTe Unirc)

anno dalla loro creazione, queste piccole biblioteche diffuse continuano a riempirsi di libri, di scambi, di condivisione. Sono punti di riferimento per chi vuole fermarsi a leggere, per chi a libri e vuole donarli (evitando di gettare una risorsa preziosa che molto spesso finisce al macero), per chi vuole scoprire il prossimo libro che leggerà. Sono diventate nel tempo, una scusa piacevole per fermarsi nei luoghi ed organizzare letture per bambini ed adulti, accompagnate da giochi di piazza (realizzati anch’essi a mano con materiale riutilizzato) che sono riusciti a coinvolgere passanti, famiglie ed abituè nel vivere a pieno quegli spazi. Tante altre piazze ed altri luoghi potrebbero prestarsi ad ospitarne di nuove, ampliando così le possibilità di trovarle in ogni quartiere, magari realizzandole in collaborazione con altre realtà del territorio. (testo di R. Melito, Presidente Ass. Magnolia)

Riferimenti da piattaforma web Mappa delle Piccole Biblioteche Diffuse https://www.google.com/maps/d/u/0/embed?mid=1ikIMAe6L6M4SdfuHfTmNrdfYFPNjaG70&hl=it&ll=38.1201794981 4111%2C15.65510385000004&z=13

Rivista buone pratiche “MetroCity RC 2030” | 11


Documentazione fotografica

Ph. a cura di M. Cannizzaro

12 | Rivista buone pratiche “MetroCity RC 2030�

A cura di G. Mangano - Rev. scientifca di C. Nava (AbitaLab - dArTe Unirc)


Soggetti Soggetti promotori coinvolti

L’ ECOSISTEMA CIVICO DELLA BUONA PRATICA

ASSOCIAZIONI

COMUNITA’

10 organizzazioni

Tutti i cittadini

operative sul territorio comunale di Reggio Calabria

lettori/fruitori

TERRITORIO 4 luoghi di città a RC

(Piazza Castello, Chiesa SS. Maria del Carmelo, Archi, Sede Ass. Spazio Teatro Laboratorio Radici)

COERENZA CON LE AREE, LE SCELTE E GLI OBIETTIVI STRATEGICI DELLA SNSVS NEL PROGETTO RC METROCITIZENS IN TRANSITION Azione pilota 3 MAKING METROCITY CATEGORIA DI INTERVENTO B - Coinvolgimento della società civile SOTTO-CATEGORIA B1 - Attività di coinvolgimento della società civile, anche in relazione ai forum regionali per lo sviluppo sostenibile III. Creare comunità e territori resilienti, custodire i paesaggi e i beni culturali

III.1 Prevenire i rischi naturali e antropici e rafforzare le capacità di resilienza di comunità e territori III.2 Assicurare elevate prestazioni ambientali di edifici, infrastrutture e spazi aperti III.3 Rigenerare le città, garantire l’accessibilità e assicurare la sostenibilità delle connessioni III.4 Garantire il ripristino e la deframmentazione degli ecosistemi e favorire le connessioni ecologiche urbano/rurali III.5 Assicurare lo sviluppo del potenziale, la gestione sostenibile e la custodia dei territori, dei paesaggi e del patrimonio culturale

Goal Agenda2030 correlati

I. Promuovere una società non violenta e inclusiva

I.1 Prevenire la violenza su donne e bambini e assicurare adeguata assistenza alle vittime II.2 Garantire la parità di genere II.3 Combattere ogni discriminazione e promuovere il rispetto della diversità

Goal Agenda2030 correlati

VETTORI DI SOSTENIBILITÀ IV. Educazione, sensibilizzazione, comunicazione Obiettivi trasversali IV.1 Trasformare le conoscenze in competenze IV.2 Promuovere l’educazione allo sviluppo sostenibile IV. 3 Promuovere e applicare soluzioni per lo sviluppo sostenibile IV.4 Comunicazione A cura di G. Mangano - Rev. scientifca di C. Nava (AbitaLab - dArTe Unirc)

Rivista buone pratiche “MetroCity RC 2030” | 13


Cod. A3/Reggio Calabria

Adozione aiuola “Amici di Montalto”

Durata

Sede della pratica

2016-2020

Viale Calabria n° 175 angolo Viale Vittoria, Reggio Calabria

Proponente

Tipologia strumento

Associazione “Amici di Montalto” Progetto di cura e manutenzione del verde

Descrizione sintetica della buona pratica Il progetto, iniziato con la prima richiesta di adozione del 2016 dell’aiuola (sita in Viale Calabria n° 175 angolo Viale Vittoria), si è concretizzato nel 2018 con la concessione della stessa da parte del comune di Reggio Calabria; più che un goal, credo si possa considerare una buona pratica. Giunti alla fine del 2020, l’associazione proponente “Amici di Montalto” si rietiene soddisfatta di ciò che finora è riuscita a fare con l’aiuto dei soci e di alcuni amici che ci hanno voluto sostenere, spronati dal patrocinio morale dell’Ente Parco Nazionale d’Aspromonte che ha appoggiato con entusiasmo questa nostra iniziativa. L’associazione “Amici di Montalto” si è impegnata, in questi anni, a mantenere pulita e curata l’aiuola di cui sopra, implementando il lavoro del Comune di Reggio Calabria, con giornalieri e settimanali servizi di pulizia, manutenzione, cura delle piante e della siepe di recinzione. Mantiene puliti ed efficienti le recinzioni e i contenitori dei rifiuti e, essendo aperta allo sgambo dei nostri amici a 4 zampe, anche il contenitore per le deiezioni canine. Installa periodicamente piante da fiori stagionali, mette a dimora alberelli, come da direttive comunali, curando l’estetica del sito, privilegiando l’utilizzo di materiali riciclati, sempre nel pieno rispetto della vocazione ecologica che ha sempre contraddistinto la nostra associazione. Avevamo chiesto al comune di Reggio Calabria alcuni interventi necessari: 1. Sistema di irrigazione; 2. La sistemazione del cordolo di recinzione e le parti verdi limitanti; 3. potare le 9 palme dai rami secchi e pericolosi (vedi foto in allegato); 4. L’installazione di n° 2 panchine e n° 3 contenitori per rifiuti (vedi progetto in allegato). 14 | Rivista buone pratiche “MetroCity RC 2030”

Anche se si tratta di un piccolo angolo verde della nostra città, abbiamo potuto constatare l’apprezzamento degli abitanti della zona, ormai troppo spesso abituati a vedere aree di Reggio in totale stato di abbandono. Di seguito, si riporta anche la “Relazione del programma di manutenzione”: L’associazione “Amici di Montalto” con sede in Reggio Calabria Via Marconi 1 in sinergia con la ditta Romeo Fiori con sede in Reggio Calabria Via Sbarre Centrali 127, si impegna a: 1. Mantenere pulita e curata l’aiuola di cui si richiede l’adozione implementando il lavoro del Comune di Reggio Calabria, con giornalieri e settimanali servizi di pulizia e manutenzione e cura delle piante e della siepe di recinzione; 2. Mantenere puliti ed efficienti le panchine e i contenitori dei rifiuti; 3. Installare periodicamente piante da fiori stagionali. (testo di Giovanni Musolino, Presidente Associazione “Amici di Montalto”)

Riferimenti Sito web dell’associazione http://www.amicidimontalto.it/

A cura di G. Mangano - Rev. scientifca di C. Nava (AbitaLab - dArTe Unirc)


Documentazione fotografica [Fasi di pulizia, progress dal 2018 al 2020]

A cura di G. Mangano - Rev. scientifca di C. Nava (AbitaLab - dArTe Unirc)

Rivista buone pratiche “MetroCity RC 2030� | 15


Soggetti Soggetti promotori coinvolti

L’ ECOSISTEMA CIVICO DELLA BUONA PRATICA

ASSOCIAZIONI

COMUNITA’

ENTI

1 associazione

Cittadini

Comune di Reggio Calabria

operativa sul territorio comunale di Reggio Calabria

Residenti del quartiere

COERENZA CON LE AREE, LE SCELTE E GLI OBIETTIVI STRATEGICI DELLA SNSVS NEL PROGETTO RC METROCITIZENS IN TRANSITION Azione pilota 3 MAKING METROCITY CATEGORIA DI INTERVENTO B - Coinvolgimento della società civile SOTTO-CATEGORIA B1 - Attività di coinvolgimento della società civile, anche in relazione ai forum regionali per lo sviluppo sostenibile III. Creare comunità e territori resilienti, custodire i paesaggi e i beni culturali

III.1 Prevenire i rischi naturali e antropici e rafforzare le capacità di resilienza di comunità e territori III.2 Assicurare elevate prestazioni ambientali di edifici, infrastrutture e spazi aperti III.3 Rigenerare le città, garantire l’accessibilità e assicurare la sostenibilità delle connessioni III.4 Garantire il ripristino e la deframmentazione degli ecosistemi e favorire le connessioni ecologiche urbano/rurali III.5 Assicurare lo sviluppo del potenziale, la gestione sostenibile e la custodia dei territori, dei paesaggi e del patrimonio culturale

Goal Agenda2030 correlati

VETTORI DI SOSTENIBILITÀ IV. Educazione, sensibilizzazione, comunicazione Obiettivi trasversali IV.1 Trasformare le conoscenze in competenze IV.2 Promuovere l’educazione allo sviluppo sostenibile IV. 3 Promuovere e applicare soluzioni per lo sviluppo sostenibile IV.4 Comunicazione

16 | Rivista buone pratiche “MetroCity RC 2030”

A cura di G. Mangano - Rev. scientifca di C. Nava (AbitaLab - dArTe Unirc)


Cod. A4/Reggio Calabria

Polo Edu-SPEI

Comunità Educativa “La Casa di Evelita”

Durata

Sede della pratica

2007-2008 (8 mesi di lavori)

Comunità Educativa “La Casa di Evelita”, Via Reggio Campi II tronco, 229, 89126, RC

Proponente

Tipologia strumento

ATS “La Casa di Evelita” Progetto di innovazione sociale e culturale

Descrizione sintetica della buona pratica Il Polo Edu - SPEI è caratterizzato da un’organizzazione e da una modalità di funzionamento aperta al rapporto con la comunità d’appartenenza: vuole essere definito come uno spazio verde, all’aperto, inclusivo, dove il benessere della persona, sia essa normodotata sia presenti una disabilità, passa attraverso azioni di counseling e arteterapia all’aperto. I partecipanti, intergenerazionali, non sono confinati all’interno della struttura, e frequentano il centro in svariati modi e tempi, difatti viene stilato un progetto di vita su basi pedagogiche e scientifiche proprie del modello educativo SPEI (sviluppo pratiche educative integrate). Le pratiche proposte vengono accompagnate da facilitatori che sostengono e accompagnano il partecipante in relazioni concrete anche all’esterno della Centro. Tra le attività su cui sono impegnati i partecipanti abbiamo: • Outdoor education • Ortoterapia • Tende olistiche • Il filo rosso del coraggio • Natura che crea.

Riferimenti Sito web dell’associazione www.evelitassociazionesolidale.org

Documentazione fotografica

Il Centro intende configurarsi come uno spazio “LA CASA” predisposto ad accogliere, cinque volte a settimana, per cinque ore giornaliere i seguenti ospiti: – minori, offrendo loro opportunità di giogo semistrutturato, al chiuso e all’aperto, laboratori educativi, supporto scolastico; – giovani, offrendo loro opportunità di crescita sociale e umana, accompagnamento ai servizi sociali, animazione e tempo libero; – famiglie e adulti, offrendo loro interventi psico-sociali, reti di solidarietà, stostegno alla genitorialità, animazione e turismo sociale. A cura di G. Mangano - Rev. scientifca di C. Nava (AbitaLab - dArTe Unirc)

Rivista buone pratiche “MetroCity RC 2030” | 17


Soggetti Soggetti promotori coinvolti

L’ ECOSISTEMA CIVICO DELLA BUONA PRATICA

ASSOCIAZIONI

COMUNITA’

1 associazione

Cittadini

operativa sul territorio comunale di Reggio Calabria

Minori, giovani, famiglie e adulti

COERENZA CON LE AREE, LE SCELTE E GLI OBIETTIVI STRATEGICI DELLA SNSVS NEL PROGETTO RC METROCITIZENS IN TRANSITION Azione pilota 3 MAKING METROCITY CATEGORIA DI INTERVENTO B - Coinvolgimento della società civile SOTTO-CATEGORIA B1 - Attività di coinvolgimento della società civile, anche in relazione ai forum regionali per lo sviluppo sostenibile III. Creare comunità e territori resilienti, custodire i paesaggi e i beni culturali

III.1 Prevenire i rischi naturali e antropici e rafforzare le capacità di resilienza di comunità e territori III.2 Assicurare elevate prestazioni ambientali di edifici, infrastrutture e spazi aperti III.3 Rigenerare le città, garantire l’accessibilità e assicurare la sostenibilità delle connessioni III.4 Garantire il ripristino e la deframmentazione degli ecosistemi e favorire le connessioni ecologiche urbano/rurali III.5 Assicurare lo sviluppo del potenziale, la gestione sostenibile e la custodia dei territori, dei paesaggi e del patrimonio culturale

Goal Agenda2030 correlati

I. Promuovere una società non violenta e inclusiva

I.1 Prevenire la violenza su donne e bambini e assicurare adeguata assistenza alle vittime II.2 Garantire la parità di genere II.3 Combattere ogni discriminazione e promuovere il rispetto della diversità

Goal Agenda2030 correlati

VETTORI DI SOSTENIBILITÀ IV. Educazione, sensibilizzazione, comunicazione Obiettivi trasversali IV.1 Trasformare le conoscenze in competenze IV.2 Promuovere l’educazione allo sviluppo sostenibile IV. 3 Promuovere e applicare soluzioni per lo sviluppo sostenibile IV.4 Comunicazione

18 | Rivista buone pratiche “MetroCity RC 2030”

A cura di G. Mangano - Rev. scientifca di C. Nava (AbitaLab - dArTe Unirc)


Cod. A5/Pellaro, Reggio Calabria

Riqualificazione e decoro dell’area di Punta Pellarosalvaguardia della biodiversità Durata

Sede della pratica

2019 (circa 8 mesi)

Spiaggia di Punta Pellaro sul litorale costiero di Reggio Calabria

Proponenti

Tipologia strumento

Pro Loco Reggio Sud APS con il coinvolgimento del Parco Nazionale dell’Aspromonte

Progetto di sostenibilità ambientale

Descrizione sintetica della buona pratica Progetto di “riqualificazione e decoro dell’area di Punta Pellaro”. Una spiaggia di grande rilevanza naturalistica, un’area con un elevato potenziale di trasformazione che necessitava di un azione di tutela e di rigenerazione urbana. Su questa spiaggia sopravvivono e tentano di riprodursi due specie animali di grande rilievo naturalistico, tra le più minacciate in Italia: il Fratino (charadrius alexandrinus) piccolo uccello che depone le uova direttamente sulla sabbia e la tartaruga Caretta Caretta. Il comportamento improprio o illecito di molti soggetti che percorrevano l’arenile con i veicoli ne impedivano i tentativi di nidificazione. Poi vi è anche Il giglio di mare altra specie di flora protetta che fa parte della vegetazione del luogo. L’idea dell’apposizione di una staccionata in paletti di legno infissi direttamente nella sabbia per impedire l’accesso ai veicoli è stato l’inizio del progetto per la tutela e la ricostruzione del habitat naturale. Successivamente l’istallazione di una passerella in legno ,per consentire l’accesso ai disabili fino alla battigia. (unica su spiaggia libera nel comune di RC). Realizzazione di “area informazioni”, posta all’inizio del litorale con dei leggi in legno con pannelli illustrativi delle specie sopra indicate e le informazioni del territorio del Parco Nazionale dell’Aspromonte, ente che si occupa della tutela della biodiversità, per questo coinvolti nel progetto e che ci ha fornito oltre ai leggii il 50% del materiale per la staccionata. La restante parte è stata finanziata con una raccolta fondi dal basso organizzata da noi volontari, alla quale hanno contribuito economicamente gli imprenditori locali, i circoli sportivi, singoli cittadini. Coinvolgimento dei ragazzi, con iniziative più volte durante l’anno, del comprensorio scolastico Cassiodoro-Don Bosco di Pellaro, come l’esempio A cura di G. Mangano - Rev. scientifca di C. Nava (AbitaLab - dArTe Unirc)

di buone pratiche, attraverso la pulizia della spiaggia dalla plastica e dagli altri materiali con raccolta differenziata. Piantumazione di alberi di tamerici ed oleandri lungo tutto il litorare per il perimetro della staccionata. Opera completata poi dai volontari della ns Pro Loco con una fontanella, un impianto d’irrigazione, cartelli di indicazioni per: evitare di gettare rifiuti, punti di accesso (paletti removibili)per consentire l’alagio barche. Abbiamo voluto dare l’esempio con questo progetto ambientale e di decoro urbano, perché siamo convinti che il degrado ambientale generi un progressivo allontanamento degli individui dalla vita pubblica ed un generale impoverimento dello spazio collettivo ed è per questo che abbiamo chiesto alla comunità di partecipare più attivamente alla salvaguardia e alla tutela dello spazio pubblico, ponendosi come sentinelle a contrasto di gesti che non fanno altro che alimentare il degrado ambientale e lo spopolamento dei luoghi. Queste pratiche sociali che caratterizzano gli spazi di uso collettivo, le azioni formali e informali che includono dimensioni come la creatività, la progettualità, la partecipazione e la condivisione possono rappresentare un valido aiuto anche per la governance pubblica, affinchè i cittadini possano riappropriarsi dei luoghi e farne parte anche e soprattutto in termini di responsabilità civica. (testo di Concetta Romeo, Presidente Pro Loco Reggio Sud)

Riferimenti Pagina fb Pro Loco Reggio Sud APS: https://www.facebook.com/Pro-Loco-Reggio-SudAPS-102463291780027

Rivista buone pratiche “MetroCity RC 2030” | 19


Documentazione fotografica (a cura della Pro Loco Reggio Sud)

2019 20 | Rivista buone pratiche “MetroCity RC 2030”

2021 A cura di G. Mangano - Rev. scientifca di C. Nava (AbitaLab - dArTe Unirc)


Soggetti Soggetti promotori coinvolti

L’ ECOSISTEMA CIVICO DELLA BUONA PRATICA

ENTI

ASSOCIAZIONI 1 associazione

Parco Nazionale dell’Aspromonte

operativa sull’area di Pellaro Bocale

COMUNITA’ Cittadini

Residenti dell’area

STUDENTI Studenti delle Scuole Medie ed Elementari di Pellaro

COERENZA CON LE AREE, LE SCELTE E GLI OBIETTIVI STRATEGICI DELLA SNSVS NEL PROGETTO RC METROCITIZENS IN TRANSITION Azione pilota 3 MAKING METROCITY CATEGORIA DI INTERVENTO B - Coinvolgimento della società civile SOTTO-CATEGORIA B1 - Attività di coinvolgimento della società civile, anche in relazione ai forum regionali per lo sviluppo sostenibile III. Creare comunità e territori resilienti, custodire i paesaggi e i beni culturali

III.1 Prevenire i rischi naturali e antropici e rafforzare le capacità di resilienza di comunità e territori III.2 Assicurare elevate prestazioni ambientali di edifici, infrastrutture e spazi aperti III.3 Rigenerare le città, garantire l’accessibilità e assicurare la sostenibilità delle connessioni III.4 Garantire il ripristino e la deframmentazione degli ecosistemi e favorire le connessioni ecologiche urbano/rurali III.5 Assicurare lo sviluppo del potenziale, la gestione sostenibile e la custodia dei territori, dei paesaggi e del patrimonio culturale

Goal Agenda2030 correlati

I. Arrestare la perdita di biodiversità

I.5 Integrare il valore del capitale naturale (degli ecosistemi e della biodiversità) nei piani, nelle politiche e nei sistemi di contabilità

II. Garantire una gestione sostenibile delle risorse naturali

II.2 Arrestare il consumo del suolo e combattere la desertificazione II.6 Minimizzare le emissioni e abbattere le concentrazioni inquinanti in atmosfera

Goal Agenda2030 correlati

VETTORI DI SOSTENIBILITÀ IV. Educazione, sensibilizzazione, comunicazione Obiettivi trasversali IV.1 Trasformare le conoscenze in competenze IV.2 Promuovere l’educazione allo sviluppo sostenibile IV. 3 Promuovere e applicare soluzioni per lo sviluppo sostenibile IV.4 Comunicazione A cura di G. Mangano - Rev. scientifca di C. Nava (AbitaLab - dArTe Unirc)

Rivista buone pratiche “MetroCity RC 2030” | 21


cod. E1/Reggio C. - Manifestazione d’interesse per la selezione di n.6 esperti “green jobs” cod. E2/Reggio C. - Manifestazione d’interesse per la attivazione dell’Ecosistema Civico (agosto 2020)

BUONE PRATICHE DI ENTI, ISTITUZIONI, SOGGETTI PUBBLICI


Cod. E1/Reggio Calabria Rif. agenda attività 10

Manifestazione di interesse

per la selezione 6 esperti Juniors “Green Jobs” - Prot. 38214 del 18.6.2020

Durata

Sede della pratica

1 mese (18 giu. 2020/ scad. 06 lug. 2020)

Città Metropolitana di Reggio Calabria

Proponenti

Tipologia strumento

Settore 5 - Istruzione e Formazione Professionale, Servizio Istruzione, Orientamento e Professioni, Ufficio Orientamento, Università e Politiche UE [Città Metropolitana di Reggio Calabria]

Bando competitivo per esperti e figure professionali “green jobs”

Descrizione sintetica della buona pratica Per l’attuazione e lo svolgimento delle attività del progetto “RCMetroCitizens in Transition” si è reso necessario individuare figure specialistiche di supporto sui temi della green economy e governance sostenibile. A tal fine, il 18 giugno 2020 è stata indetta dal Settore 5- Istruzione e formazione professionale della Città Metropolitana di Reggio Calabria, una Manifestazione d’interesse per l’individuazione e la selezione a tempo determinato di n.6 esperti “Green Jobs”, i cui profili professionali sono definiti dalle disposizioni ministeriali (Legge 56/2014 e ss.mm. ed ii., D.lgs. 18.8.2000 n. 267, ed in particolare gli artt. 107- 151- 163 -183- 184 –191, ndr). La definizione di “lavoro verde” è presente nel Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) e fa riferimento non solo al settore dell’agricoltura, dell’industria e dei servizi ambientali, ma, nel nostro specifico, a “professioni potenzialmente green, nel senso che, sebbene non abbiano per natura competenze green, possono diventarlo a seconda del contesto in cui operano (imprese e filiere green oriented), delle attività lavorative alle quali sono dedite e delle competenze attuali o potenziali acquisibili attraverso, soprattutto, specifici interventi formativi” (Documento di discussione del Gruppo di Lavoro Minambiente, 2018). La manifestazione di interesse, scaduta il 6 luglio 2020, ha portato alla selezione di n.6 figure così suddivise: • n. 1 Assistente Junior in Governance Territoriale; • n.1 Assistente Junior in Sistema di supporto e sistema di monitoraggio azioni di progetto; • n.1 Assistente Junior in Divulgazione Tecnico/Scientifica; • n.1 Assistente Junior in Divulgazione Tattiche Urbane; • n.1 Assistente Junior in gestione e promozione Hackaton; A cura di G. Mangano - Rev. scientifca di C. Nava (AbitaLab - dArTe Unirc)

• n.1 Assistente Junior in Gestione monitoraggio azioni di progetto. Gli esperti Green Jobs sono impegnati nelle attività di progetto per tutta la sua durata (luglio 2020-dicembre 2021).

Riferimenti Link avviso: https://www.cittametropolitana.rc.it/canali/ europa-e-cooperazione/notizie-e-avvisi/avviso-di-selezione-a-tempo-determinato-per-esperti-progetto-metrocitizens-in-transition/avviso-di-selezione-a-tempo-determinato-per-esperti-progetto-metrocitizens-in-trasntion. pdf/view Piattaforma web - Sezione bandi e avvisi: https://www. rcmetrocitizensintransition.com/avvisi

Rivista buone pratiche “MetroCity RC 2030” | 23


Soggetti Soggetti promotori coinvolti

L’ ECOSISTEMA CIVICO DELLA BUONA PRATICA

ENTI

ESPERTI

Settore 5 - Città Metropolitana di Reggio Calabria

Beneficiari - n.6 Esperti junior “Green Jobs”

COERENZA CON LE AZIONI PILOTA, GLI OBIETTIVI E LE AREESNSvS DEL PROGETTO RC METROCITIZENS IN TRANSITION E CON I SUSTAINABLE DEVELOPMENT GOALS AGENDA2030 NEL PROGETTO Azione pilota 2 LEARNING METROCITY OUT CATEGORIA DI INTERVENTO A - Costruzione della governance delle agende metropolitane per lo sviluppo sostenibile SOTTO-CATEGORIA A2 - Coinvolgimento delle istituzioni locali

L’azione pilota 2 “Learning MetroCity Out” intercetta tutte le cinque aree Persone, Pianeta, Prosperità, Pace e Partnership della SNSvS - Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile.

VETTORI DI SOSTENIBILITÀ I. Conoscenza comune II. Monitoraggio e valutazione di politiche piani e progetti III. Istituzioni, partecipazione e partenariati IV. Educazione, sensibilizzazione, comunicazione V. Modernizzazione della pubblica amministrazione e riqualificazione della spesa pubblica

RIFERIMENTI AD AZIONI E VETTORI DI SOSTENIBILITÀ https://www.rcmetrocitizensintransition.com/le-azioni-pilota

24 | Rivista buone pratiche “MetroCity RC 2030”

A cura di G. Mangano - Rev. scientifca di C. Nava (AbitaLab - dArTe Unirc)


Cod. E2/Reggio Calabria Rif. agenda attività 13

Manifestazione di interesse

per l’adesione al progetto da parte dell’Ecosistema Civico - Prot. 50485 del 05/08/2020

Durata

Sede della pratica

1 mese (06 ago. 2020/ scad. 27 ago. 2020)

Città Metropolitana di Reggio Calabria

Proponenti

Tipologia strumento

Settore 5 - Istruzione e Formazione Professionale, Servizio Istruzione, Orientamento e Professioni, Ufficio Orientamento, Università e Politiche UE [Città Metropolitana di Reggio Calabria]

Manifestazione di interesse per associazioni, fondazioni, enti, organismi

Descrizione sintetica della buona pratica La presente manifestazione di interesse è promossa dal Settore 5 – Istruzione e Formazione Professionale della Città Metropolitana di Reggio Calabria, nell’ambito del progetto “RC Metrocitizens in Transition”. Il progetto RCMCiT prevede l’attivazione dell’ecosistema civico di riferimento al territorio metropolitano reggino, con l’adesione al progetto, collaborando nel trasferimento di conoscenze (informazione e formazione), su tutte le aree tematiche della Strategia Nazionale e Regionale, secondo gli obiettivi delle azioni pilota 3,4,6. Con particolare interesse ad attuare gli obiettivi volti all’area della SNSvS, denominata “Prosperità” (ob.I.1, I.2, I.3; II.1; II.2), riguardo “la formazione di qualità” e “la crescita nelle professioni”, attraverso percorsi teorico-applicativi, il trasferimento tecnologico in ambito di innovazione sociale, culturale e digitale, ai fini di acquisire le nuove competenze in settori del “green jobs” con riferimento all’Agenda 2030, in coerenza con il percorso strategico-istituzionale già intrapreso dal Settore 5 della Città Metropolitana di Reggio Calabria. Il progetto intende attuare “il coinvolgimento della società civile” come indicato nella collaborazione con il MATTM, nel percorso programmato che ha ricadute anche sulla Governance e sulla Costruzione del piano Strategico Metropolitano, anche al fine di misurare e valutare i vettori di sostenibilità che interessano tutte le attività in direzione Agenda 2030 della Città metropolitana e quelle promosse con il progetto “RCMetro Citizens in Transition”. Alla manifestazione di interesse, scaduta il 27 agosto 2020, hanno partecipato 33 organizzazioni tra associazioni, fondazioni e onlus del territorio riconosciute e operanti nel territorio metropolitano, per condividere e co-progettare azioni di partecipazione attiva e collaborazione, in ambito di A cura di G. Mangano - Rev. scientifca di C. Nava (AbitaLab - dArTe Unirc)

impegno e proposta sui temi culturali, sociali e ambientali particolarmente rivolti alla promozione e valorizzazione dello sviluppo sostenibile; delle pratiche di cura e tutela ambientale e rigenerazione che coinvolgono le comunità; del trasferimento nell’animazione di eventi di promozione e conoscenza delle risorse culturali, ricettive, naturali, urbane, artistiche e architettoniche; della partecipazione civile e sociale; delle politiche a tutela degli adolescenti e dei giovani e di promozione dei diritti umani e della differenza intergenerazionale e di genere; dell’interfaccia con l’innovazione digitale di supporto al trasferimento delle conoscenze, per i territori in cui si opera.

Riferimenti da piattaforma web Sezione bandi e avvisi: https://www.rcmetrocitizensintransition.com/avvisi Sezione Ecosistema Civico: https://www.rcmetrocitizensintransition.com/ecosistema-civico

Mappatura “Google MyMaps” dell’Ecosistema Civico

Rivista buone pratiche “MetroCity RC 2030” | 25


Soggetti Soggetti promotori coinvolti

L’ ECOSISTEMA CIVICO DELLA BUONA PRATICA

ENTI

ASSOCIAZIONI

Settore 5 - Città Metropolitana di Reggio Calabria

33 organizzazioni

TERRITORIO 11 comuni

(28 associazioni, 2 fondazioni, 3 onlus)

(Città Metropolitana di RC)

Mappatura Ecosistema Civico

COERENZA CON LE AZIONI PILOTA, GLI OBIETTIVI E LE AREESNSvS DEL PROGETTO RC METROCITIZENS IN TRANSITION E CON I SUSTAINABLE DEVELOPMENT GOALS AGENDA2030 NEL PROGETTO Azione pilota 3 MAKING METROCITY CATEGORIA DI INTERVENTO B - Coinvolgimento della società civile SOTTO-CATEGORIA B1 - Attività di coinvolgimento della società civile, anche in relazione ai forum regionali per lo sviluppo sostenibile

PIANETA III. Creare comunità e territori resilienti, custodire i paesaggi e i beni culturali PACE I. Promuovere una società non violenta e inclusiva

Goal Agenda2030 correlati

VETTORI DI SOSTENIBILITÀ IV. Educazione, sensibilizzazione, comunicazione Obiettivi trasversali IV.1 Trasformare le conoscenze in competenze IV.2 Promuovere l’educazione allo sviluppo sostenibile IV. 3 Promuovere e applicare soluzioni per lo sviluppo sostenibile IV.4 Comunicazione

RIFERIMENTI AD AZIONI E VETTORI DI SOSTENIBILITÀ https://www.rcmetrocitizensintransition.com/le-azioni-pilota

26 | Rivista buone pratiche “MetroCity RC 2030”

A cura di G. Mangano - Rev. scientifca di C. Nava (AbitaLab - dArTe Unirc)


Progetto per l’Agenda Metropolitana della Città Metropolitana di Reggio Calabria in attuazione della Strategia Nazionale e Regionale di Sviluppo Sostenibile 2030

email: rcmetrocizitens@gmail.com | website: www.rcmetrocitizensintransition.com