Page 1

CONSUMER ELECTRONICS SELLER ANNO 1 - NUMERO 6 - NOVEMBRE 2018 Il trend fotografico del 2019 sarà il mirrorless, tecnologia adottata da tutti i brand: ecco come valorizzarlo

Fenomeno Slow Cooker Multifunzione: Neffos X9 e C9A; Nikon D3500; Attiva il Ped abbraccia la cottura di qualità si accorda con GoCamera; Fujifilm con modelli veloci e pratici da usare vara le promozioni invernali

pagina 14

pagina III

Ecco il Retail Lab di MediaWorld

L’intervista

LG MOBILE David Draghi, Business Unit Director

“M

emoria, megapixel, processori, display e capacità della batteria: lo smartphone è ben altro. È compito del brand profondere qualità, affidabilità e attenzione alla configurazione per un corretto sviluppo dell’ergonomia, dell’interfaccia e dell’esperienza d’utilizzo” .

L’insegna apre a Verano Brianza (vicino a Monza) il nuovo headquarter

pagina 16-18

NEL DORSO LA RIVISTA DEDICATA AL BIANCO: NARDI FESTEGGIA 60 ANNI DI ATTIVITÀ; STYLDOMUS OSPITA L’INCASSO DI WHIRLPOOL WEARABLE

pagina 6

Il mercato italiano degli indossabili nei dati di GfK. Sorpresa: le leve di vendita più forti sono il fitness e la moda pagina 8

BIANCO NATALE

116

punti vendita in Italia e una ricca piattaforma online, MediaWorld ha inaugurato la nuova sede italiana. Gli spazi sono pensati sul concetto ibrido di uffici direzionali e punto vendita per una sperimentazione continua di nuovi criteri di allestimento, offerta e relazione con i clienti. Vi raccontiamo il nuovo quartiere generale a pagina 4.

Senza margine

C

ome ci si poteva immaginare, senza nemmeno sforzarsi più di tanto, i risultati ottenuti dal combinato disposto dato dal black friday, cyber monday e la connessa settimana di sconti hanno generato risultati eclatanti. Tutti i retailer, sia nei negozi sia soprattutto sulle piattaforme e-commerce, hanno esibito numeri record rispetto allo scorso anno e con trend esaltanti: percentuali a doppia cifra che fanno sorridere. Perché? Su un prestigioso quotidiano nazionale in prima pagina è apparso un articolo che proponeva ai retailer di “imparare” da queste iniziative per rilanciare il commercio in Italia. Non saranno gli sconti a salvare i negozi, ma i negozi stessi.

di Luca Figini (luca.figini@publiedim.com)

L’unica grande lezione, a nostro avviso, è che Amazon ha aperto un popup store in centro a Milano e, per tutto il tempo, ha avuto code all’ingresso. Quando il brand ha forte personalità, il target è centrato e le superfici sono ben sfruttate (attività, vip ed eventi) i risultati non mancano. Tralasciando le questioni sulla mancata osservanza degli obblighi di legge, ciò che conta è comprendere lo spunto e tramutarlo in stimolo. Il punto vendita deve essere uno spazio vivo e vitale. Come nel caso di Amazon, che ha permesso al consumatore di diventare il centro del processo di acquisto, eliminando le barriere laddove si innestano gli elementi critici: la fruizione attiva e interattiva dell’esposizione e il momento del pagamento.

Gli aspirapolveri sono senza filo Hoover Hfree. Le novità su freddo e lavaggio di Haier

pagina VII-VIII


4

CONSUMER ELECTRONICS SELLER

novembre 2018

MediaWorld e il consumatore: un rapporto da perfezionare Il retailer sposta il suo quartier generale a Verano Brianza (MB) e continua nella sua “rivoluzione 4.0” tutta votata alla centralità del cliente, all’efficienza e alla omnicanalità RISULTATI WEB NEL 2018 • 118 milioni di sessioni (+18% vs FY17) • 850.000 ordini (+26% vs FY 17) • 600.000 ordini pick-up (+33% vs FY17) • 300.000 registrazioni (+10% vs FY17) • 650.000 app installate (+80% vs FY17) • 26 milioni di utenti profilati

di ROBERTO BONIN

D

a Curno (Bergamo) a Verano Brianza (Monza Brianza). L’headquarter italiano di Mediamarket cambia sede e si avvicina alla più industriosa e commerciale Milano, inaugurando non solo un nuovo “corso”, ma una nuova filosofia e strategia aziendale in cui il consumatore non funge più da ultimo anello della filiera, ma da vero e proprio pilastro dell’intero processo produttivo. Il nuovo concept del retailer tedesco, in linea con la rivoluzione 4.0 già intrapresa da qualche tempo, continua in un certo senso con la strategia multicanale degli ultimi anni, anche se con qualche “correzione” data dalle esperienze di quest’ultimo periodo, dettata soprattutto dai più recenti risultati dalla convivenza tra offline e online. Proprio dai successi conseguiti e dall’enorme mole di dati raccolti dal canale web, ma soprattutto dall’osservazione del fatto che

L’immediata prossimità con il cliente rappresenta una fondamentale opportunità di relazione per intercettare necessità e bisogni in continua evoluzione

più della metà degli ordini effettuati online sono stati seguiti da un ritiro del prodotto all’interno dei punti vendita fisici, arriva questo nuovo percorso che vede nella creazione del primo Retail Lab di Verano Brianza solo l’inizio di un lungo e complesso piano di trasformazione. I nuovi spazi di Verano Brianza prevedono una completa ibridazione tra uffici direzionali e punto vendita, seguendo il concept unico per il quale il negozio si trasforma all’occorrenza in un campus-laboratorio ideato per la sperimentazione continua di nuovi criteri di allestimento, offerta e relazione con i clienti. Il tutto finalizzato a massimizzare la sintonia tra azienda e cliente, in linea con l’ottica sempre più customer-centrica che caratterizza la strategia di MediaWorld varata nel Transformation Plan che l’azienda ha adottato a partire dal 2018. La struttura che si sviluppa su tre piani per una superficie totale di circa 8.000 mq è accessibile esclusivamente attraversando il

Non si fermano le nuove aperture Il messaggio del nuovo board alla domanda di rito “Vi saranno delle chiusure di punti vendita?” durante la presentazione della nuova sede non ha lasciato adito a dubbi o fraintendimenti. Sono state al contrario preannunciate nuove aperture. E così è stato. Il nuovo store di Lipomo (Como) ha difatti aperto al pubblico lo scorso 15 novembre e rappresenta non solo un progetto pionieristico in quanto interamente progettato e realizzato secondo la filosofia costruttiva LEED, ma un vero e proprio modo nuovo di concepire il negozio stesso, molto più adatto alle esigenze dei clienti e dei dipendenti e perfettamente integrato con l’ambiente. L’attenzione alla sostenibilità ha coinvolto tutte le fasi della costruzione, dagli impianti alle aree esterne della struttura, dotata di sistemi di ricarica per gli autoveicoli elettrici e impianti fotovoltaici. La

parte interna del green building è invece pensata in un’ottica di un generale efficientamento energetico e di utilizzo di materie prime ecologiche, riciclate e a basso impatto ecologico. Proprio in linea con quanto portato avanti dall’azienda, il punto vendita è pensato in logica touch point omnicanale, totalmente digitalizzato. Nello store, oltre all’ampio catalogo di prodotti presenti fisicamente, si può difatti accedere all’intero catalogo online attraverso l’applicazione “Scaffale Infinito”, disponibile sia in modalità self-service grazie ai device touch presenti nel negozio, sia semplicemente chiedendo aiuto al personale, dotato di tablet connessi al magazzino online. Inoltre i clienti possono interagire in completa autonomia con i QR code distribuiti su tutti gli scaffali del negozio utilizzando la MediaWorld App e accedendo al wifi gratuito.

LA CREAZIONE DEL RETAIL LAB È SOLO L’INIZIO DEL NOSTRO PIANO punto vendita ed è stata progettata e realizzata direttamente dallo staff tecnico interno. All’interno dello store, oltre all’area Retail Lab, è presente anche l’area Smart Bar – dedicata a servizi quali primo avvio, backup, installazione software in aggiunta ai servizi tradizionalmente offerti – e alla presenza fisica di tutte le categorie merceologiche, è affiancata dalla possibilità di accesso all’ampio catalogo di prodotti a disposizione tramite tecnologia con device touch, guidata dal know- how dei consulenti alla vendita. La presenza del sistema BMS permette inoltre il controllo intelligente degli impianti sotto l’aspetto climatico e illuminotecnico, migliorando la gestione dell’immobile e riducendo al minimo gli sprechi energetici, grazie anche all’utilizzo di lampade a LED. “L’immediata prossimità con il cliente rappresenta una fondamentale opportunità di relazione per intercettare necessità e bisogni in continua evoluzione. Crediamo che l’integrazione tra gli uffici dell’azienda e il punto vendita che proponiamo nella sede di Verano Brianza sia un passo fondamentale per poter anticipare e guidare il cambiamento dell’offerta e continuare il nostro percorso di innovazione del settore in un’ottica omnicanale.” – ha commentato Guido Monferrini, AD di MediaWorld Italia – “Abbiamo avviato un ambizioso piano di ammodernamento della rete e l’idea di dedicare uno spazio alla sperimentazione di nuove offerte e nuove proposte, come il Retail Lab, si inserisce in questo senso all’interno della più ampia strategia che stiamo portando avanti come MediaWorld e che ci permette di competere al pari dei nuovi player di mercato, come le piattaforme online.” n


2K DISPLAY

DEL CINEMA DOVE VUOI QUANDO VUOI

Operazione valida dal 1/01/2018 al 31/07/2018

BI

50

FACE KEY

di film con Alcatel è un marchio registrato di Nokia e usato sotto licenza da TCL Communication.

O

4G U PER TE IN RE O G T

8MP

2

Regolamento completo su www.promo.chili.com/alcatel

S

Display 18:9 6” FullView Il mondo nelle tue mani

Vai su www.promo.chili.com/alcatel

AL


6

CONSUMER ELECTRONICS SELLER

novembre 2018

L’innovazione deve essere utile, semplice e tangibile La divisione Mobile Communications di LG Italia segue un percorso volto al consolidamento nella fascia premium e all’elevata esperienza di utilizzo dei prodotti. Parola a David Draghi di LUCA FIGINI

LA SEZIONE AUDIO È UNO DEI PUNTI DI ECCELLENZA DI G7 E G7 FIT

L’ La qualità costruttiva è uno dei temi chiave per i prossimi mesi. Nel 2019 proporremo materiali e design curati su tutte le fasce di prodotto, non solo sui modelli premium

occasione propizia per incontrare David Draghi, MC Business Unit Director di LG Italia, è offerta dal doppio annuncio (a pochi giorni di distanza) del G7 Fit per l’Italia e del V40 ThinQ in un sfarzoso evento di New York. Nel nostro Paese si amplia la gamma top, ora composta da G7 e G7 Fit, mentre in un contesto globale LG sta costruendo un’immagine di brand volta alla qualità nel proporre modelli studiati con precisione e perfettamente bilanciati in termini di prestazioni e scelta dei materiali. Così non si può che iniziare dal V40: “La serie V ci ha sempre dato molte soddisfazioni: siamo stati il primo Paese in Europa ad avere commercializzato il V10, a dimostrazione che questa gamma di prodotto è ben radicata e apprezzata dai consumatori e dal canale”, spiega Draghi. Lo stuzzichiamo: quando arriverà in Italia? “Non escludiamo che il V40 possa entrare nei negozi italiani nel prossimo futuro, ammetto che stiamo valutando con molta attenzione tutte le possibilità anche in considerazione del fatto che lo smartphone non è ancora arrivato in Europa”.

ci proponiamo di percorrere ma senza abbandonare le altre fasce di mercato, che permettono a tutti i consumatori di saggiare la qualità dei nostri prodotti”, spiega Draghi.

L’ERA DEL GRANDANGOLO

PAROLA CHIAVE: CONSOLIDAMENTO

Draghi sottolinea che “il 2017 è stato un anno ottimo perché per molti mesi siamo stati il brand con più alto tasso di crescita a valore e a volume e perché abbiamo presentato la serie Q. E la serie K ci sta dando grandi soddisfazioni. Questo per dire che arrivando da un anno di questo tipo e complice l’andamento del mercato, il 2018 si sta rivelando più complesso. E lo dico in termini generali, perché mai come quest’anno sono state chiare alcune dinamiche: la telefonia in Italia è diventata un mercato iper-competitivo, a cui si somma il fenomeno dell’IoT che sta accelerando tanto da essere uno dei pochi segmenti dell’elettronica di consumo che sta continuando a crescere. LG si è ben destreggiata mantenendo le quote nella fascia tra 200 e 300 euro e andando a consolidare il brand in quella medio/alta

con la serie Q. Dal canto suo, il G7 ha fatto registrare performance notevoli soprattutto con alcuni retailer. Nel complesso, dunque, si sta rivelando un anno positivo anche se gli obiettivi che ci poniamo sono sempre più sfidanti. E non è ancora finita, perché con il G7 Fit abbiamo un’altra carta da giocare perché abbiamo l’opportunità di rinnovare la presenza di LG nel segmento medio/ alto che è una delle priorità del brand in Italia”. Dunque, la logica di fondo è chiara: “LG anche nella telefonia sta seguendo una strategia omogenea rispetto agli altri segmenti in cui operiamo. Ossia, vogliamo continuare a profondere logiche premium negli smartphone: questa è la strada che

ALL’INTERNO DELLO SCIENCE PARK DI LG Di recente LG ha aperto un nuovo centro di ricerca e svliuppo in Corea, nei pressi di Seul, chiamato Science Park dove si opera sulle tecnologie convergenti. Spiega Draghi: “In questa avveniristica superficie grande quanto un piccola città si fa innovazione, nel senso di ideare tecnologie che realmente siano importanti per il consumatore perché risolvono bisogni reali. La chiave di sviluppo della tecnologia non può prescindere dalla semplicità di utilizzo: ogni funzione deve essere facilmente accessibile. Ecco perché l’innovazione

deve procedere di pari passo all’ergonomia. Uno dei grandi progetti di sviluppo del Science Park riguarda il software, con un team dedicato a garantire tempestività degli update di Android non solo sulla fascia alta ma anche su quella media e bassa dei nostri smartphone. Il tema è la durabilità dei prodotti che proponiamo, sia in termini di longevità derivata dagli aggiornamenti al sistema operativo, sia in quelli di solidità. Il G7, per esempio, è certificato IP68 e secondo standard militari per descrivere la sua capacità di resistere alle principali sollecitazioni”.

È interessante notare come l’obiettivo grandangolare sia la principale novità dei più recenti smartphone. Eppure LG è stata la prima a credere in questo schema imaging dual camera (sensore tradizionale e wide-angle a 120°): il mercato sta dirottando nella vostra direzione? “La nostra azienda ha sempre innovato negli smartphone ma spesso ci si dimentica del passato: il primo display borderless è stato di LG, così come il primo pannello flessibile e il primo modello a 18:9. Il grandangolo è una delle tecnologie innovative da noi proposte, insieme con la prima modalità manuale per gestire la fotocamera. E poi c’è la sezione audio, che LG ha dimostrato essere un elemento essenziale di uno smartphone e, non a caso, i G7 e G7 Fit fanno la differenza. Venendo al wide-angle, ci abbiamo creduto fin da subito ed è una delle funzioni più richieste e apprezzate dai nostri utenti perché è davvero utile, non a caso si trova anche sui nostri modelli di fascia media. Ciò che sta avvenendo conferma la nostra direzione strategica, intrapresa due anni fa nel reparto imaging. Questo sarà di ulteriore stimolo per continuare a innovare, in un contesto in continuo cambiamento dove in origine la battaglia era sui megapixel, poi si è spostata sul numero delle fotocamere e oggi verte sull’intelligenza artificiale”. Si può uscire da una logica di mero elenco della dotazione hardware e arrivare a interagire in ottica di prodotto nella sua interezza? “Memorie, megapixel, processori, diagonali e capacità delle batterie sono numeri che danno adito a equivoci perché lo smartphone è fatto da ben altro, cioè dal corretto sviluppo dell’ergonomia dell’interfaccia, della progettazione del dispositivo e dell’ingegnerizzazione, da cui derivano le qualità effettive dello smartphone. Il compito di LG è puntare su un’esperienza di utilizzo sempre egregia e all’altezza delle aspettative. Prendiamo il caso della memoria, tutti i nostri modelli sono equipaggiati con per memory card perché riteniamo che il consumatore debba avere la massima libertà di scelta. Detto questo, i “numeri” possono aiutare ma non sono determinati per descrivere le qualità complessive di uno smartphone”. n


“Doro è molto semplice, è fantastico per imparare ad usare uno smartphone.”

Lo smartphone che connette le generazioni Quando un nuovo smartphone funziona in modo diverso da come siete abituati, questo può essere un problema, a prescindere dall’età. Ecco perché il nuovo Doro 8035 ha un’interfaccia Android arricchita con il menu Doro basato su azioni e facile da usare. In questo modo, potrete scegliere il menu semplice di Doro, ideale per i nuovi utenti oppure scegliere il tradizionale sistema Android, se siete utilizzatori esperti di smartphone. Ciò significa anche che parenti e amici che possiedono un telefono Android possono aiutarvi in caso di bisogno. Dotato di altre caratteristiche uniche di Doro, come il design pratico, il suono forte e chiaro e MyDoroManager, il nuovo Doro 8035 è uno smartphone semplice ed elegante che vi aiuta a rimanere connessi con familiari e amici.

Lasse Holm, 74 anni mi occupo di musica e spettacolo

Esperienza Android Interfaccia intuitiva e di facile utilizzo per chiunque

Suono chiaro

Audio chiaro e pulito, dagli allarmi alle conversazioni

MyDoroManager

Impostazioni e aiuto semplificati


8

novembre 2018

CONSUMER ELECTRONICS SELLER

I wearable in crescita continua con il fitness e l’effetto moda Analizziamo i dati di vendita di smartwatch, fitness tracker, dispositivi sportivi e altri accessori da indossare per capire come meglio esporli e proporli ai consumatori finali di LUCA FIGINI

C’

è un termine che permette di sintetizzare l’andamento del mercato dei wearable e della tecnologia legata al fitness: dicotomia. In altri termini il comparto è diviso in due grandi insiemi se non contrapposti, quantomeno in parallelo tra loro per soddisfare la diversa domanda dei consumatori. Così da una parte ci sono i prodotti premium dei brand ormai consolidati: questi hanno un seguito affermato e il consumatore è disposto a investire per ottenere un modello di sicura qualità e con funzioni specifiche. Dall’altra parte ci sono le attività legate a grandi promozioni, spesso addirittura esercitate attraverso cestoni, che contraddistinguono l’offerta entry level e la gamma medio/bassa. Hanno una enorme visibilità ma queste attività tolgono valore agli occhi del consumatore. Ecco perché sul punto vendita è bene separare le offerte. Bisogna evitare di penalizzare la dignità dei wearable, che oggi sta vivendo

Il mercato è diviso in due poli opposti: da una parte i brand premium su cui si trovano le tecnologie più innovative; dall’altra prodotti a prezzo aggressivo che aumentano la visibilità della categoria

un momento di espansione per la leva sinergica attuata da vari fattori: predisposizione al benessere e all’attività fisica dei consumatori, effetto fashion e prestazioni migliorate sensibilmente rispetto al passato.

DATI POSITIVI

Abbiamo chiesto a GfK i dati aggiornati da inizio anno sulle vendite dei prodotti da indossare: vendite a valore e a volume; segmenti di mercato; prezzo medio per segmento. È d’obbligo comprendere la differenza dei vari modelli così come sono suddivise le rilevazioni di GfK. In estrema sintesi: gli smartwatch sono con e senza Sim e si affidano alla connettività espressa in messaggi, chiamate, notifiche e funzioni visualizzate sul display e collegate allo smartphone. I tracker comprendono i vari tipi di band, bracciale e dispositivo preposto al monitoraggio dell’attività di fitness; sono connessi allo smartphone via app ma non offrono funzioni di connettività spinta come gli smartwatch. Aggiungendo il Gps e specificità per lo sport si arriva alla categoria

Prezzo medio per segmento (dati GfK) Gen 18 - Sett 18 Prezzo in euro

Media totale

145

Tracker per fitness e salute

Prezzo in euro

63

Smartwatch (Sim e no Sim)

Prezzo in euro

200

Computer sportivi da polso

Prezzo in euro

144

Segmenti di mercato (dati GfK) Tracker per fitness e salute Smartwatch (Sim e no Sim) Computer sportivi da polso Altro Totale Unità vendute

Unità vendute Unità vendute Unità vendute Unità vendute Unità vendute +/- % su anno precedente

Gen 17 - Sett 17 163.870 186.797 45.064 4.202 399.933 18,9

Gen 18 - Sett 18 175.868 272.889 37.468 9.481 495.705 23,9

Gen 17 - Sett 17 399.933 65.735 18,9 32,0

Gen 18 - Sett 18 495.705 71.710 23,9 9,1

Mercato dei wearable in Italia (dati GfK) Unità vendute Vendite a valore (euro) Unità vendute Vendite a valore (euro)

+/- % su anno precedente +/- % su anno precedente

COME INTERCETTARE IL CONSUMATORE La panoramica precisa e puntuale offerta come da tradizione da GfK lascia ampio spazio sui ragionamenti di come proporre i prodotti all’interno dei negozi affinché possano interessare il cliente finale. Va da sè che il prezzo è una determinante solo nel caso in cui il consumatore sia alla ricerca dello scontissimo, quindi è poco interessato alle specifiche funzioni. Ma il compito del negoziante è fare in modo che da un’esigenza di base si possa costruire un percorso di vendita che porti le persone a spendere di più per avere un modello più performante ed equipaggiato. Essendo prodotti da indossare, vanno

a impattare su ambiti molto personali quali il gusto, il vestiario e il sentimentalismo. I tracker sono perfetti per i clienti finali che non vogliono rinunciare al loro orologio (per vari motivi: ci sono affezionati, è un ricordo e così via) ma vogliono comunque dotarsi di un prodotto per il monitoraggio dell’attività fisica. Viceversa, chi è pronto a fare il grande passo e a entrare nell’epoca dello smartwatch va guidato su modelli il più possibile completi, chiarendo bene la differnza tra Sim e no Sim. Non sottovalutate l’effetto traino della moda e del brand riconosciuto o riconoscibile: oggi sono leve imprescindibili.

dei “wrist sport computer”, dotati anche di sensori più evoluti (altimetro, barometro e bussola). Ciascuno di questo gruppo vanta fattori di forma specifici, che ne determina anche la predisposizione d’utilizzo. Infine, nell’insieme “Altro” sono riassunti i dati di vendita di contapassi, locator e orologi tradizionali ma con una basica connettività via Bluetooth con lo smartphone. Leggendo le tabelle si arriva a una conclusione positiva: il mercato sta crescendo, in particolare sono gli smartwatch a originare la spita espansiva più forte. Ci ha aiutato a interpretare i dati Francesca Nodari, Consultant Market Insights di GfK Italia. Osservando le tabelle, da gennaio a settembre 2018 i wearable hanno fatto registrare incrementi di circa il 24% a volume e del 9% a valore rispetto al 2017 (che già veleggiava su rispettivamente +19% e +32% sul 2016).

FLUSSI INTERNI

Nei vari segmenti si scopre come il trend degli smartwatch (modelli Sim e no Sim) abbia la cifra maggiore. Il rapporto tra 2018 e 2017 genera un incremento del 30%; la categoria Altro supera il 100% di crescita grazie all’Iot. Il marginale di crescita, per quanto presente, è inferiore sui tracker e sugli strumenti sportivi da polso. Questo incide sui prezzi medi per segmento. La buona notizia è che mediamente il consumatore è pronto a spendere circa 145 euro per la categoria wearable: quando si effettuano promozioni o cut price, è bene tenere a mente questa informazione. È una media, perché sono gli smartwatch ha tenere alto il valore, con un prezzo medio di 200 euro. Sono seguiti dai dispositivi da polso per lo sport (144 euro) e infine dai tracker a 63 euro. Ci sono dunque ampi margini di manovra per ingaggiare il cliente finale, perché il mercato nel tempo è cambiato. All’inizio i wearable avevano necessità di essere spiegati in quanto prodotto nuovo e complesso. Era dunque necessario fare comprendere cosa potessero fare di più e meglio rispetto al prodotto di riferimento, lo smartphone. Nell’ultimo anno la situazione è molto cambiata: il consumatore ha ben compreso le potenzialità solo che i wearable devono farsi spazio nelle propensioni di acquisto legate da una parte nei confronti degli orologi tradizionali, dall’altra dallo smartphone. C’è un alleato in più. Le persone mostrano un forte interesse nei confronti del fitness, del benessere, dell’attenzione alla cura della persona e al miglioramento della vita. È un fattore chiave su cui costruire e rinnovare il racconto e l’esposizione dei wearable. E rispetto al 2017, quest’anno il contributo chiave del fashion è fondamentale. Se dodici mesi fa avrei era il fitness a dominare la propensione di acquisto, il 2018 ha dimostrato come la veste modaiola dei prodotti wearable siano una potente leva per incrementare le vendite. n


Invia un messaggio

ILLUMINA LE TUE EMOZIONI Con il display super luminoso del nuovo LG G7 fit puoi utilizzare il tuo smartphone anche in condizioni di luce estrema. Audio potente e resistenza certificata* per vivere senza limiti le tue storie.

* Certificato IP68 e 14 test militari MIL-STD-810G superati

lg_italia


svegliarsi in musica L’epoca dei ritardi è finita grazie alla nuova sveglia con proiettore LED Dual-Alarm RM308PX. Sarà possibile visualizzare l’orario anche al buio semplicemente aprendo gli occhi e rimanendo comodamente sdraiati a letto. Grazie alla possibilità di ruotare il proiettore fino a 180 gradi, la visuale dell’orario può essere facilmente regolata in base alle proprie esigenze. La funzione snooze è fissa a 8 minuti ed è possibile scegliere tra due modalità di risveglio: sveglia “energetica” per la settimana e sveglia “dolce” per il weekend. Il sonno è smart con Oregon Scientific. Ideale per combattere malessere e malumori stagionali, la sveglia tech con Aroma e Musicoerapia RM661 è dotata di un diffusore di fragranze naturali per l’aromaterapia, di un regolatore di intensità della luce per ricreare la giusta atmosfera e di uno speaker che trasmette musiche brainwave studiate ad hoc: addormentarsi sarà più facile ed al risveglio ci si sentirà carichi di energia. Tutte le diverse funzioni sono utilizzabili individualmente e regolabili anche a distanza con l’app gratuita.


WHITE

WHITE

WHITE

WHITE

CONSUMER ELECTRONICS SELLER ANNO 1 - NUMERO 6 - NOVEMBRE 2018

Nardi compie 60 anni e punta alla conquista dei mercati emergenti, grazie all’innovazione e alla forza produttiva di Condor Electronics

pag X

Haier si conferma leader in tutti i settori del grande elettrodomestico con la sua offerta di prodotti con prestazioni e affidabilità premium pag VIII

GLI SLOWCOOKER MULTIFUNZIONE HANNO TUTTI I REQUISITI PER GUIDARE IL MERCATO DEL PED pag III


novembre 2018

III

CONSUMER ELECTRONICS SELLER

Uno chef personale, veloce e affidabile, al nostro servizio I nuovi dispositivi multicooker sono in grado di venire incontro a tutte le esigenze dei consumatori, soprattutto a quelle di chi ha poco tempo ma non vuole rinunciare a piatti caldi e succulenti di ROBERTO BONIN

U

n perfetto regalo di Natale. E non solo per il gentil sesso, ma anche per tutti quegli uomini che tra le loro varie passioni annoverano l’amore per i fornelli e per la creatività in cucina. Quello che può offrire la più moderna industria dell’elettrodomestico in fatto di preparazione dei cibi è praticamente in grado di accontentare tutti, ma proprio tutti, i gusti e le esigenze di ogni tipo di consumatore o di particolari target, anche quelli più esigenti e dai gusti sopraffini. Tra le caratteristiche delle moderne macchine per la preparazione dei cibi compaiono difatti tutti quei valori aggiunti più richiesti e ricercati attualmente dal mercato, tra cui praticità d’uso, velocità di esecuzione e garanzia dei risultati. Non va difatti dimenticato che i ritmi sempre più frenetici che la vita moderna ha ormai imposto, nonché l’aumento del numero delle persone single e anziane e le dimensioni sempre più ridotte degli appartamenti delle grandi città, hanno reso necessaria la dotazione di strumenti, di piccolo ingombro e di facile utilizzo, che siano in grado di assicurare la preparazione e la cottura di pietanze con il minor dispendio di tempo e denaro. E non solo. L’aumentata attenzione dei consumatori verso i temi della salute e del benessere, richiede anche la corrispondenza di questi prodotti a tutte quelle esigenze di genuinità e salubrità delle relative preparazioni. Sempre questo genere di prodotti, in più, deve anche saper assicurare la preparazione di un’ampia lista di pietanze, dalle più semplici fino alle

Efficienza: capacità di ottimizzare i tempi e semplicità d’uso

più complesse e articolate. Ancora meglio, quindi, se dotati di un proprio ricettario o di ricette già prememorizzate. Molto interessante a tal proposito, sono i risultati di una ricerca commissionata da Moulinex a Human Highway sul rapporto degli italiani con la cucina; survey in cui è emerso che, attualmente, uno dei must per un elettrodomestico è dato dall’efficienza,

COSA CERCA IL CONSUMATORE Tralasciando il prezzo che, come detto più volte, non rappresenta sicuramente la più importante motivazione di vendita, le caratteristiche più ricercate in questo genere di prodotti, sono essenzialmente: • VELOCITÀ DI ESECUZIONE: il prodotto deve essere in grado di preparare piatti nel più breve tempo possibile, onde non sottrarre ulteriore tempo alle altre faccende domestiche; • GARANZIA DEI RISULTATI: il prodotto deve garantire la preparazione di piatti con ottime caratteristiche organolettiche, di genuinità e prelibatezza. Devono inoltre saper garantire la preparazione di cibi sia semplici che complessi, fungendo anche all’occorrenza da contenitore per la loro conservazione e da scaldavivande; • SALUTARE: deve saper garantire la preparazione di pietanze salubri e il meno nocive possibile alla salute, particolarmente ricche in principi nutrienti e possibilmente di grassi e sostanze ossidanti; • RISPARMIO DI INGREDIENTI: la preparazione delle pietanze non deve richiedere quantità eccessive di ingredienti, onde risultare economicamente svantaggioso;

• RISPARMIO ENERGETICO: il prodotto deve consumare poca energia e non pesare in modo importante sulla bolletta di casa; • PRATICITÀ DI UTILIZZO: il prodotto deve essere facile da utilizzare, grazie a comandi e interfacce il più possibile semplici e intuitivi. Meglio, inoltre, se dotati di un ampio ricettario e/o ricette già memorizzate e se di piccolo ingombro, in modo sia da occupare il minor spazio in cucina sia da essere spostati con facilità da un luogo all’altro della casa o, in caso di necessità, di essere trasportate a piedi o in auto. Oltre che poter essere riposte con facilità all’interno di forni, frigoriferi, congelatori e lavastoviglie; • DESIGN: il multicooker deve essere anche bello a vedersi, in modo da essere esposto senza alcun problema in cucina, evitando di essere nascosto in una credenza o in un ripostiglio; • ACCESSORI: anche una ricca dotazione di accessori rappresenta un buon motivo d’acquisto, in particolar modo se permettono di sbizzarrirsi in cucina, dando modo di preparare una gran varietà di pietanze, dolci compresi.

espressa nella capacità di ottimizzare i tempi, e dalla semplicità, la quale rappresenta un fattore collegato: basti pensare che per il 72% del campione il supporto ideale è quello che cucina in pochi minuti e in completa autonomia in tutti i passaggi, soprattutto per il 90% di coloro i quali hanno un approccio basilare alla cucina. Nello specifico in un multicooker, le carat-

RIDOTTO INGOMBRO, FACILITÀ DI PULIZIA E VERSATILITÀ LE CARATTERISTICHE PIÙ RICHIESTE teristiche più desiderate risultano essere ridotto ingombro, facilità di pulizia e versatilità, espressa come aiuto per la preparazione di lievitati, dolci, pasta fatta in casa, salse e sughi, carne e pesce. Senza dimenticare ovviamente il design che deve ben integrarsi con l’arredamento di casa.

UN MERCATO DA MONITORARE E CAVALCARE

Per questo genere di prodotti, i più recenti dati di mercati non sono molto lusinghieri, a causa di un sostanziale calo delle vendite provocato da un generale trend negativo a carico dei prodotti per la preparazione del cibo, eccezione fatta per macchine da caffè, friggitrici e toaster. Nonostante questo, però, continuano a rappresentare un segmento di mercato estremamente interessante, e non solo per il loro recente


IV

novembre 2018

CONSUMER ELECTRONICS SELLER

UN PRODOTTO CHE, SEPPUR POCO DIFFUSO E CONOSCIUTO, HA UN GRANDE POTENZIALE debutto sul nostro mercato, ma anche per la comodità e l’innovazione che sono in grado di esprimere. Proprio questi prodotti, difatti, sono tra quelli che negli ultimi tempi hanno saputo introdurre un maggior numero di innovazioni tecnologiche e dotazioni capaci di fare realmente la differenza in cucina, e non solo. In più, grazie alle infinite possibilità fornite dalla connettività, sono tra i prodotti che meglio si sposano alle più moderne piattaforme per la domnotica e la smart home, uno dei lussi più desiderati dai giovani d’oggi secondo una recente ricerca condotta da Uniplaces su 1.500 studenti universitari di 100 diverse nazionalità. Per ben il 34% del campione, difatti, vivere in una smart home è il massimo che potrebbero volere in fatto di tecnologia, e per il

16% uno dei maggiori desideri è proprio quello di poter avere a disposizione cibo sempre pronto e cucinato. In un’epoca come la nostra, fortemente dettata dall’automazione e dall’anticipo di quello che sarà il futuro avvento della robotica, questi prodotti ben si collocano tra le vere novità del panorama hi-tech, in grado da fungere non solo da autentiche “chicche” per soli early-adopters, ma dei veri e propri trend-setter per una nuova generazione di elettrodomestici. A tal proposito, sempre dalla ricerca commissionata da Moulinex a Human Highsway è emerso anche che questa particolare tipologia di prodotto, pur essendo ancora poco diffusa e poco conosciuta, ha un grande potenziale, in special modo se si considera che l’86% del campione esaminato la riconosce come molto utile. E, in particolare, ne vengono apprezzate soprattutto autonomia, velocità, semplicità, funzionalità timer, e anche la capacità di presentarsi come un valido aiuto soprattutto nel quotidiano, ma anche come un vero e proprio sostituto in cucina, salvifico per la realizzazione delle “mission impossibile”. n

CROCK-POT: PRATICITÀ E COMODITÀ TRA I FORNELLI Crock-Pot Sauté è una pentola a cottura lenta provvista di pentola interna in DuraCeramic in grado di adattarsi a tutti i tipi di piani cottura, inclusi quelli a gas e a induzione. Con Crock-Pot Sauté è quindi possibile garantire ogni tipo di preparazione e tecnica in cucina, come per esempio, rosolare i cibi prima di iniziare la cottura con la slow cooker, ponendo la pentola interna in DuraCeramic direttamente sui fornelli a gas o a induzione, oppure mettendola in forno per la gratinatura finale. Sauté DuraCeramic ha una capacità di 5 litri, adatta quindi per un pasto per 5-6 persone, ed è provvista di un comodo display centrale che consente di programmare in tutta facilità la Slow Cooker, di selezionare la funzione “Auto Keep Warm”, per mantenere il pasto caldo fino al momento del consumo, di impostare i tempi di cottura e di scegliere la modalità calore. La pentola interna in DuraCeramic è assai pratica perché adatta al forno, al frigorifero e al freezer ed è lavabile in lavastoviglie e, grazie al suo design moderno ed elegante, può essere utilizzata anche per portare direttamente in tavola le pietanze.

ELECTROLUX SFIDA I GRANDI CHEF La caratteristica più interessante della proposta di Electrolux è la sua capienza: quasi 7 litri. in una comoda forma ovale che consente di distribuire bene il calore per tutto il prodotto. La cottura lenta con la Slow Cooker è in grado di trattenere le vitamine e le sostanze nutritive degli ingredienti, rendendo i piatti più saporiti, mentre estrae in modo più concentrato il sapore degli ingredienti, rendendo i cibi più saporiti. Permette inoltre di usare meno quantità grassi, spezie e liquidi rispetto alla solita ricetta. Basta introdurre gli ingredienti nella casseruola in ceramica e impostare un programma, e tutto si cucina da solo, avvertendo del tempo rimanente con il timer con conto alla rovescia. Tutto a un consumo ridotto di energia elettrica da 235 W. La pentola propone sei diverse funzioni: tre temperature di cottura, con la modalità Low, Medium e High in grado di mantenere la temperatura più alta, una funzione che consente di tenere in caldo il cibo, una funzione chiamata buffet con una temperatura un po’ più alta per riscaldarlo nel caso di bisogno, e poi, infine, una funzione zuppa per mantenere una temperatura adeguata alla preparazione di zuppe e minestre.


Multicooker Crock-Pot: un cuoco al servizio della tua creatività Più comodo di così, non si può. Avere a disposizione un professionista dei fornelli che cucina al posto nostro, dandoci la possibilità di gustare centinaia di diverse ricette senza il minimo sforzo è finalmente realtà. Con le pentole multicooker Crock-Pot non solo tutto questo è possibile e con una rapidità che ha davvero dell’incredibile, ma anche con dei risultati da far invidia ai migliori chef stellati. E dalla qualità e genuinità a prova di test di laboratorio. La cottura lenta a temperatura bassa e costante che adottano i prodotti Crock-Pot è infatti un metodo antichissimo per mantenere inalterate le proprietà nutritive degli alimenti. Una volta selezionati gli ingredienti e avviata la cottura i risultati sono difatti sempre perfetti. Non solo. Le pentole Crock-Pot sono sicure ed economiche, e possono essere lasciate tranquillamente accese anche quando non si è in casa e consumano quanto una lampadina. Molte sono le proposte del brand americano, adatte a tutte le esigenze e le necessità della casa o della cucina, dal modello Traditional da 3,5 litri al modello Sautè, adatto a tutti i tipi di piani cottura, inclusi gas e induzione, fino ad arrivare alla nuova e velocissima Express Cooker, in grado di cucinare pasti fino al 70% più velocemente rispetto alla cucina tradizionale.

www.nital.it/crock-pot


VI

PHILIPS SI RENDE AUTONOMA

CONSUMER ELECTRONICS SELLER

MOULINEX: SEMPLICITÀ AL SERVIZIO DELLA CREATIVITÀ Moulinex propone la nuovissima COOKEO, un moderno strumento facilissimo da usare, dotato di un pannello di controllo intuitivo che guida l’utente passo dopo passo nella realizzazione delle sue ricette da 2 a 6 persone. COOKEO dispone di ben 100 ricette, di cui 80 pronte in meno di 15 minuti di tempo: è sufficiente impostare il timer e il piatto sarà pronto all’ora prefissata. Cookeo è infatti in grado di guidare nella realizzazione dei suoi quattro programmi suggerendo Ingredienti, Ricette, Manuale e Preferiti, selezionabili direttamente dallo schermo. Con COOKEO è possibile scegliere fra una ricarica di proteine, con un nutriente roast beef pronto in soli 8 minuti e un concentrato

Philips propone il suo nuovo Multicooker, una pentola elettrica multifunzione con cui poter sperimentare diversi tipi di cottura e preparazioni: cottura a pressione per la preparazione di calde e profumate vellutate e gustosi risotti, la cottura a vapore per il riso, la carne e il pollame nelle versioni più light, oppure per saltare e rosolare ad alta e a bassa temperatura. Permette inoltre di realizzare cotture multiple per la preparazione di yogurt salutari fatti in casa, appaganti stufati di carne e per simulare in tutto e per tutto la tradizionale cottura al forno. E infine, la cottura lenta ad alta e a bassa temperatura. In totale, quindi, ben 7 diverse modalità di cottura e 16 differenti programmi preimpostati, incluso quello manuale. Inoltre il display digitale permette di avere sempre sotto controllo l’avanzamento di cottura, al fine di seguire la preparazione dei piatti in ogni loro singola fase. La pentola multifunzione ha una capienza totale di 6 litri ed è realizzata in resistente lega di alluminio per una più efficace conduzione del calore. In più, lo speciale rivestimento di qualità Whitford la rende anche antigraffio e antiaderente. Multicooker è dotata di 9 sistemi di protezione, per un utilizzo il più sicuro possibile. Nel caso in cui dovesse esserci un livello insolitamente alto di pressione all’interno dell’apparecchio, il vapore verrà poi rilasciato in modo del tutto automatico, grazie all’apposita valvola regolatrice di pressione.

KENWOOD: I “FANTASTICI 4” IN UN UNICO PRODOTTO Il food processor proposto da Kenwood con funzione cottura, aiuta a svolgere le attività in cucina in modo semplice e veloce. L’accessorio Direct Prep con 2 posizioni di preparazione indipendenti, può affettare e grattugiare direttamente nella ciotola durante la cottura oppure preparare altri piatti mentre si cucina. Non solo. A disposizione vi è un ampio intervallo di temperature per differenti programmi di cottura: le temperature basse sono adatte per fondere gli ingredienti mentre la funzione “mantieni in caldo” è pensata invece per far trovare il piatto pronto, sempre in caldo. kCook Multi dispone di 6 programmi automatici che permettono di realizzare primi, secondi e dolci: ogni programma ha diverse funzioni studiate per aiutare a preparare la propria pietanza e mantenerla in caldo, una volta pronta, fino a quando serve. Grazie poi all’app gratuita del Kenwood Club è possibile poi avere a disposizione oltre 300 ricette italiane e internazionali.

novembre 2018

di Omega 3 con il salmone al vapore servito in soli 8 minuti. Inoltre, per sapori più gourmant, è possibile gustare ottimi risotti in appena 7 minuti e, quando ci vuole un tocco di dolcezza, COOKEO in soli 10 minuti è in grado di offrire un cuore caldo di cioccolato fuso. La versatilità è quindi la caratteristica più rappresentativa di COOKEO, essendo dotato di 6 diverse modalità di cottura: a pressione, a vapore o classica, con tre livelli di temperatura: bassa, media ed elevata. Infine, la modalità di riscaldamento permette di mantenere in caldo le pietanze anche dopo la cottura, trasformando la stessa COOKEO in un comodo scaldavivande, anche da riporre sulla tavola da pranzo.


novembre 2018

VII

CONSUMER ELECTRONICS SELLER

Pulizie facili e veloci con la tecnologia senza filo Hoover Lo storico brand di elettrodomestici lancia sul mercato la nuova scopa elettrica senza filo H-Free, caratterizzata da efficacia di pulizia, semplicità d’uso, ergonomia ed estrema maneggevolezza

di ROBERTO BONIN

S

emplicità e maneggevolezza. Da sempre, sono queste le due caratteristiche più ricercate in un dispositivo per le pulizie di casa. Ed è appunto su questi due aspetti fondamentali che i laboratori di Ricerca e Sviluppo di Hoover hanno lavorato per dar vita alla nuova scopa elettrica senza filo H-Free. Come dice il nome stesso, la caratteristica più rappresentativa della nuova nata in casa Hoover è proprio la facilità d’uso e la libertà di movimento che la rende estremamente versatile e in grado di adattarsi facilmente alle varie necessità imposte dalle pulizie domestiche, data non solo dalla mancanza del filo, ma anche dal suo peso ridotto e dalla sua forma ergonomica. La nuova H-Free è quindi in grado di pulire a fondo anche gli spazi più difficili da raggiungere grazie alla sua flessibilità con una capacità di aspirazione e un’autonomia sufficienti per pulire tutta la casa in un solo ciclo di lavorazione. Tutto parte dalla manovrabilità: la nuova spazzola H-Lab Flat&Drive ruota a 90° e 180° attraverso il semplice movimento del polso, ed è capace di aggirare senza problemi qualsiasi tipo di oggetto. Leggera e dotata di LED frontali che facilitano la visibilità, inoltre, permette di raggiungere gli

Manovrabile, leggero e senza filo, in grado di raggiungere gli spazi più angusti. Adatto a qualunque tipo di pavimento, con una capacità e un’autonomia sufficienti per pulire tutta la casa

spazi più difficili come gli angoli e le superfici coperte dai mobili, compresi i sempre inaccessibili spazi sotto letti e divani.

EFFICIENZA NELLA PULIZIA

Potenza e accuratezza ma anche durata e affidabilità: le operazioni di pulizia possono essere effettuate con una sola carica, grazie all’autonomia di 25 minuti garantita dalla batteria rimovibile al litio da 18 V, ricaricabile ovunque senza bisogno di lasciare la scopa vicino alla presa e il cui livello di autonomia è mantenuto sotto controllo attraverso la Battery Status Light. Basta bloccare la leva per attivare la modalità di accensione continua, così da pulire facilmente con un solo tocco. La potenza del motore, il flusso d’aria e la nuova spazzola H-Lab Flat&Drive garantiscono infatti un eccellente livello di pulizia su qualunque tipo di superficie. Le fibre speciali del rullo Deep Care, ad esempio, sono adatte alla pulizia delicata di pavimenti duri e parquet, mentre il rullo Intense Floor Roller è indicato per una pulizia più energica e minuziosa. H-FREE viene difatti fornito con due diversi rulli intercambiabili adatti a varie superfici, per cui può essere utilizzato per tutti i tipi di pavimenti; la linguetta di sblocco, poi, semplifica lo smontaggio dell’agitatore dalla spazzola, per pulirlo o per sostituire il rullo Deep

PRESTAZIONI DI PULIZIA PARI AGLI ASPIRAPOLVERE CON FILO Care con quello per le pulizie più intense. La vasta gamma di accessori, tra cui figura il Mini Turbo Pet Brush, adatta per chi possiede animali domestici, che permette di raccogliere peli lasciati da cani e gatti, permette di pulire accuratamente tutti i tipi di pavimento come con moquette, piastrelle o parquet ma anche tende e arredi. Terminate le operazioni di pulizia, il sistema di svuotamento, evita il contatto con la polvere accumulata e permette il riutilizzo immediato dell’elettrodomestico. La spazzola H-Lab Flat&Drive è dotata inoltre di Luci Led frontali che facilitano la visibilità negli angoli bui o negli spazi sotto ai mobili e di una spia luminosa, che avvisa quando è giunto il momento di effettuarne la pulizia. Infine, la Posizione di Parcheggio Verticale consente ad H-Free di restare in equilibrio, garantendo la massima libertà di movimento durante le operazioni di pulizia e a riposo, con un ingombro minimo e senza la necessità di utilizzare alcun supporto. n


VIII

CONSUMER ELECTRONICS SELLER

novembre 2018

Haier: design e tecnologia da leader in ogni angolo della casa Prodotti basati sulle reali esigenze e necessità dei consumatori e in linea con i più recenti trend di mercato, caratterizzano da sempre l’ampia offerta della multinazionale asiatica di ROBERTO BONIN

H

aier continua a percorrere la strada dell’innovazione in tutti i segmenti del settore del grande elettrodomestico, proponendo prodotti caratterizzati da elevati contenuti tecnologici e di design, sempre in linea con le più recenti richieste del mercato e sviluppati secondo le reali necessità dei consumatori. Sia sul fronte del lavaggio che sul fronte della refrigerazione, la multinazionale cinese ha recentemente lanciato sul mercato due prodotti particolarmente performanti, protagonisti entrambi di una fortunata campagna televisiva andata in onda sulle principali reti nazionali, allo scopo non solo di ribadire la sua indiscussa leadership di mercato ma anche, come aveva prontamente sostenuto Federico Mangiacotti, Market Director Italy di Haier, “per posizionarsi come marchio di riferimento agli occhi del consumatore, risultando sempre di più una prima scelta, giustificata dalle prestazioni e dall’affidabilità che i clienti ritrovano nei prodotti”. Proprio per venire incontro alle più attuali esigenze delle famiglie e dei consumatori che l’azienda asiatica ha per esempio messo a punto la nuova lavatrice Steam Wash (Cod. HW90-B14636) dotata dell’importante opzione vapore, in grado di ottimizzare al massimo i risultati di lavaggio e migliorare l’efficacia del detergente. Attraverso la diffusione del vapore all’interno del cestello, difatti, le particelle di deter-

Innovazione in tutti i segmenti del grande elettrodomestico

la campagna televisiva, sviluppata in collaborazione con unieuro, è andata on air nel mese di novembre sulle reti mediaset, rai, cairo communication, discovery, e su altri importanti canali accessibili sulle piattaforme televisive digitali e satellitari, in chiaro e a pagamento

gente sono in grado di penetrare a fondo all’interno delle fibre dei tessuti, garantendo migliori risultati in termini di igiene e pulizia rispetto al tradizionale lavaggio ad acqua. Agendo poi in profondità, inoltre, il vapore è così in grado di rimuovere lo sporco più ostinato, rispettando però allo stesso tempo l’integrità dei capi più delicati. Con una capacità di 9 kg, classe energetica A+++ -40% e motore garantito a vita,

la lavatrice Steam Wash ha a disposizione ben 16 diversi programmi che permettono di adattare il lavaggio al tipo di biancheria, e le diverse opzioni disponibili, come l’extra risciacquo o la partenza ritardata, garantiscono la massima personalizzazione dei cicli di lavaggio. Non solo. Il trattamento antibatterico ABT è anche in grado di assicurare la massima igiene, eliminando più del 99,8% dei batteri, e proteggendo le parti più vulnerabili della lavatrice. Infine, Steam Wash è dotata del motore a trasmissione diretta Direct Motion di Haier che, privo di cinghia e spazzole, garantisce vibrazioni quasi impercettibili, elevata silenziosità. Sul versante del freddo, Haier propone invece un frigorifero combinato largo 70 cm in classe energetica A++ (Cod. A3FE742CMJ), caratterizzato dalla presenza di un comodo doppio congelatore a cassetti. Tra le sue dotazioni tecniche si trovano le innovazioni più richieste del

UN MARCHIO DI RIFERIMENTO AGLI OCCHI DEL CONSUMATORE UNA PRIMA SCELTA GIUSTIFICATA DALLE PRESTAZIONI E AFFIDABILITÀ DEI PRODOTTI mercato e che caratterizzano da tempo le produzioni Haier, come la tecnologia Total No Frost e la tecnologia antibatterica ABT che, attraverso l’utilizzo della luce UV, è in grado di eliminare eventuali cariche batteriche presenti all’interno del flusso d’aria, in modo da mantenere il cibo e il frigorifero in condizioni igieniche ottimali. Non solo. Tra le dotazioni, sono anche presenti l’Istant Cool Box, ossia uno speciale compartimento capace di raffreddare le bottiglie in soli 30 minuti, il sistema di illumninazione a colonna LED, e la pratica MyZone, un cassetto a temperatura variabile al grado, capace di soddisfare tutte le esigenze di conservazione. Il sistema a cassetti scorrevoli, poi, permette di sfruttare in modo perfetto e intelligente la totalità dello spazio all’interno del congelatore: lo speciale design del freezer Easy Access, infatti, massimizza l’ingomb ro a disposizione e permette di accedere agli alimenti congelati in maniera semplice, agevole e veloce. A ulteriore testimonianza della qualità dei prodotti a marchio Haier, infine, il compressore Inverter è garantito per ben 12 anni. n


novembre 2018

IX

CONSUMER ELECTRONICS SELLER

Nel cuore della Brianza il plus dei prodotti targati Whirlpool L’azienda americana è protagonista del rinnovamento degli spazi espositivi di Styldomus, storico distributore lombardo specializzato nel settore dell’arredamento e dell’incasso d.o.c. PROTAGONISTI I NUOVI FORNI PIROLITICI E I NUOVI FORNI TRADIZIONE DI HOTPOINT

di ROBERTO BONIN

U

n’importante occasione per ribadire la sua leadership nel settore degli elettrodomestici per l’incasso. Whirlpool ha celebrato la nuova ristrutturazione dello showroom Styldomus Dardo di Monza con un nuovo e rinnovato spazio espositivo in cui poter mostrare le ultimissime proposte per il mercato built-in. Tenuto a battesimo da Luca Lampredi, nuovo Sales Director Built In per il mercato italiano dell’azienda americana, il nuovo allestimento propone il meglio dell’offerta di Whirlpool, all’interno di un ambiente del tutto simile alle più comuni cucine, al fine di simulare in tutto e per tutto la sua reale collocazione nella realtà di tutti i giorni. Concretezza, semplicità e versatilità: sono queste le linee guida utilizzate da sempre dall’azienda nella progettazione, realizzazione ed esposizione dei suoi prodotti; linee guida che ha applicato anche in questa nuova iniziativa.

FOCUS SUI FORNI

Tra i tanti prodotti esposti all’interno del nuovo e rinnovato spazio espositivo di Styldomus, una parte preponderante è dedicata ai forni, prodotti che Whirlpool ha da sempre sviluppato seguendo le reali esigenze dei consumatori.

Per l’occasione è stato presentato ufficialmente il nuovo Sales Director Built In per il mercato italiano di Whirlpool Luca Lampredi

Proprio dall’ascolto dei loro bisogni, nasce ad esempio la nuova linea di forni dotati della funzione di pulizia pirolitica, caratteristica sempre più richiesta, come dimostrato dai più recenti trend di mercato. Con questi forni è difatti possibile cucinare liberamente, senza doversi preoccupare in alcun modo della pulizia della cavità interna: la pirolisi è un processo termico di pulizia grazie al quale il forno, raggiungendo una temperatura interna superiore ai 400° C, attiva un processo di combustione che brucia tutti i residui di cibo, i grassi e le incrostazioni presenti all’interno della ca-

vità del forno, trasformandoli in cenere. Al termine del ciclo basta quindi passare una spugna umida per rimuovere i residui, ottenendo un risultato di pulizia rapido e senza fatica. In particolare, nei forni Whirlpool esistono due tipi di cicli autopulenti, selezionabili in base al livello di sporco: 75 minuti per il ciclo breve e 120 minuti per il ciclo lungo. Sempre all’interno del nuovo e rinnovato spazio espositivo, in più, fanno anche bella mostra di sé i nuovi forni Tradizione firmati Hotpoint, prodotti dal design classico rigorosamente “Made in Italy” ispirati al passato e rivisitati in chiave moderna con distintive forme arrotondate resalizzate con design in 3D. I nuovi forni Tradizione offrono una più grande capacità interna fino all’eccezionale misura di 75 litri, e prestazioni avanzate, come la modalità multifunzione studiata per ogni specifica esigenza al fine di garantire sempre la migliore cottura grazie al preciso controllo elettronico della temperatura. O ancora, al grill reclinabile in grado di garantire una pulizia accurata in ogni situazione, alla porta fredda grazie all’esclusivo sistema di ventilazione, e alla tecnologia Diamond Clean, in grado di pulire il forno senza detergenti per mezzo della potenza del vapore. E non finisce qui. Oltre alla presenza di una controporta in vetro temperato, studiata per evitare eventuali accumuli di grasso e facilitarne viceversa la pulizia, quello che colpisce di più in questi nuovi forni è sicuramente il design, caratterizzato da originali colorazioni ed eleganti rifiniture, capaci di dar vita a un’atmosfera calda e accogliente in ogni cucina, donandole quell’atmosfera senza tempo in grado di mantenere vive le anrtiche tradizioni. n

STYLDOMUS DARDO Styldomus nasce a Milano nel 1967 come rivenditore di accessori per il bagno e componenti per la cucina. Nel 1974 si è trasferito successivamente a Monza, specializzandosi poi nel commercio di elettrodomestici da incasso dei vari brand leader di settore, all’interno di uno spazio espositivo di 1.000 mq di superficie. Oltre ad effettuare consegne giornaliere, la società ha un magazzino di 3.000 mq, che garantisce ai clienti la disponibilità di tutta la gamma dei prodotti. Lo showroom é stato da poco completamente rinnovato secondo un concetto espositivo che tende a privilegiare ed evidenziare le caratteristiche tecniche ed estetiche del prodotto. Molte le categorie di prodotti esposte: cappe, lavelli, frigoriferi, congelatori, cantine, piani cottura, miscelatori, forni, lavastoviglie, lavatrici e asciugatrici.


X

CONSUMER ELECTRONICS SELLER

novembre 2018

Nardi: 60 anni all’insegna di qualità e tradizione Made in Italy Lo storico marchio italiano pronto a vivere una “seconda giovinezza” mirata alla conquista di mercati emergenti, grazie alle grande capacità innovatrice e produttiva di Condor Electronics di ROBERTO BONIN

U

na vita fatta di innovazione e creatività “made in Italy”. Nardi compie difatti ben 60 anni di attività e, grazie all’ulteriore iniezione di vitalità data dall’acquisizione da parte del grande Gruppo Condor guidato dal genio imprenditoriale di Abderrahmane Benhamadi (nella foto piccola), si ripresenta ora sui mercati internazionali ancora più strutturata e competitiva che mai. Un processo, quello vissuto nell’ultimo anno dallo storico marchio italiano che, a tutti gli effetti, ha dato vita a una nuova azienda, con un nuovo assetto societario e una nuova struttura interna, il cui obiettivo principale è quello di recuperare la posizione storica sul mercato di riferimento e avviare il processo distributivo in alcuni mercati strategici. Anche se il processo di fusione tra Nardi e Condor Electronics è ancora in fase di perfezionamento, infatti, l’azienda ha fin da subito operato per il raggiungimento di alcuni obiettivi prioritari, tra cui quello di valorizzare i punti di forza delle diverse gamme di prodotti agli occhi dei partner e di aumentare, consolidandolo, il valore percepito dei prodotti stesso presso i consumatori finali. Non solo. Così come spiega Marco Nardi (nella foto grande), General Manager della filiale italiana, “l’intera struttura è oggi impegnata a raggiungere nel 2019 i 35mila pezzi venduti, partendo dalla nuova gamma prodotti che presenta caratteristiche tecniche ed estetiche al passo con le esigenze più attuali dei consumatori moderni”. A livello di distribuzione invece, oltre ovviamente a Italia e Algeria, l’azienda si focalizzerà in alcune regioni strategiche in cui gode di un buon potenziale quali Russia, Europa Orientale, Medio Oriente e Nord Africa, specialmente Marocco, Tunisia, Libia ed Egitto. “L’industria dell’elettrodomestico costituisce da sempre uno dei comparti di punta del manifatturiero italiano”, continua ancora Marco Nardi. “Oggi, come società multinazionale, adottiamo una strategia multi-sourcing a seconda del tipo di prodotti, incluso il nostro Paese, dove produciamo dispositivi speciali per mercati particolari, come ad esempio la linea da 45 cm e il forno rustico. Mentre in Algeria è attualmente in produzione proprio la gamma dei piani cottura a induzione”.

Non solo un traguardo importante, ma una nuova occasione per fare il punto della situazione sul futuro prossimo dell’azienda, che si conferma un player del settore con una forte spinta verso nuovi mercati

IMPORTANTI PIANI DI SVILUPPO Abderrahmane Benhamadi, Presidente di Condor Group, ha espresso la massima soddisfazione a fronte dell’accordo di acquisizione della società Nardi. «Un marchio d’eccellenza nel settore, apprezzato tanto in Italia quanto all’estero. Il centro ricerca e sviluppo e lo studio di progettazione, che resteranno interamente italiani, consentiranno una produzione alto di gamma con cui il nostro Gruppo, con il prestigio del marchio Nardi intende affrontare nuovi importanti mercati, in Italia ed in Europa».

UNA GAMMA ATTUALE E INNOVATIVA

Nardi ha saputo far sue le richieste del mercato mettendo a punto un’offerta davvero in linea con le più attuali esigenze dei consumatori, e che riunisce in se alcuni tra i valori più importanti per l’azienda, ossia Innovazione, Tecnologia, Design e Funzionalità. Uno di questi primi progetti che, più di altri, è in grado di rispondere a questa nuova forma mentis è il nuovo concetto di Smart Life, cioè prodotti in grado di comunicare tra loro e di offrire la possibilità di rendere la cucina uno spazio efficiente e multifunzione. Un concept di nuova concezione che, più nello specifico, è costituito da un piano cottura a induzione portatile, dotato di tre zone di induzione con funzione Booster e di uno spazio dedicato, che consente di ricaricare lo smartphone; a questi si aggiunge poi il forno elettrico digitale Touch Control, che può essere controllato grazie all’applicazione mobile Nardi e al sistema di monitoraggio am-

FOCUS SU ATTIVITÀ CHIAVE: R&D, QUALITÀ E OMOLOGAZIONI, MARKETING STRATEGICO bientale dell’aria integrato all’interno della CAPPA SL. L’offerta dello storico marchio italiano continua poi con una lunga serie di prodotti, rivolti a più segmenti di mercato, sia del mondo dell’incasso che di quello free-standing: si va infatti dai piani cottura tradizionali a gas a quelli a induzione, fino ad arrivare ai forni elettrici ventilati e digitali, alle cappe e ai frigoriferi. Prodotti, quest’ultimi, proposti ovviamente in vari stili e misure, in base alle più recenti richieste e trend del mercato. n


il tempo è a colori Con i suoi tre sensori termo-igrometrici, la LCD Multi Zone Stazione Meteo RAR502SX permette di controllare la temperatura e l’umidità di tre differenti aree della casa. Inoltre, il suo display LCD a colori consente una rapida e facile lettura, per avere un controllo continuo dell’ambiente casalingo. È un valido strumento per verificare la qualità delle condizioni dell’appartamento grazie anche alla funzione di avviso in caso di muffa. La Stazione Meteo wireless LCD BAR206SX di Oregon Scientific non indica solo le previsioni meteorologiche con andamento della pressione per le successive 12 ore, ma è anche dotata di calendario e sensore per misurare la temperatura e l’umidità esterna e interna: un valido alleato per pianificare al meglio e affrontare l’intera giornata.

www.oregonscientific.it


12

CONSUMER ELECTRONICS SELLER

novembre 2018

8K: la Tv del futuro approda nei megastore di elettronica Dall’edizione 2018 dell’IFA di Berlino arrivano i primi modelli di televisori con il nuovo standard video, in grado di assicurare una risoluzione 16 volte più elevata del Full HD

di ROBERTO BONIN

16

volte la risoluzione di un Tv Full HD. Una caratteristica che, già da sola, fa quasi gridare al miracolo o, per lo meno, a un vero e proprio anticipo di futuro in pieno stile Isaac Asimov. Eppure, è ormai realtà e già da qualche mese. E per la precisione dalla fine dello scorso mese di agosto, quando nei primissimi giorni dell’edizione 2018 dell’IFA di Berlino qualche casa costruttrice lungimirante presentava i suoi primi modelli con questa nuova tecnologia. Stiamo parlando ad esempio di Samsung, con i suoi nuovi modelli di Tv QLED Q900R in grado di riprodurre una luminosità massima di ben 4.000 nit; di LG Electronics con il suo primo Tv OLED da 88 pollici, anch’esso con oltre 33 milioni di pixel auto-illuminanti; e di Sharp con la sua seconda generazione di televisori e monitor in grado di assicurare immagini da oltre 33 Mpixel, tra cui spicca il modello top di gamma da 80 pollici. Tre “mostri sacri” a cui si aggiungono anche i cinesi di TCL, con il modello 8K QLED – FIBA Basketball World Cup 2019 Edition, basato su tecnologia QLED e con uno schermo da 75 pollici con un picco di luminosità di 1.000 nit e una soluzione di local dimming a 832 zone.

Non essendo ancora disponbili contenuti nel nuovo formato, i maggiori produttori presenti sul mercato si stanno concentrando sull’upscaling

LA TECNOLOGIA

Per risoluzione 8K si intende qualsiasi schermo o display costituito da circa 8.000 pixel di larghezza, pari al doppio dei pixel orizzontali garantiti dal 4K e al quadruplo della risoluzione lineare di 1.080p che caratterizza il Full HD. Più nello specifico, l’8K UHD possiede una risoluzione di 7.680 × 4.320, per un totale di 33,2 Mpixel: in pratica, un lungometraggio con definizione UHDTV prevede il formato 16:9 utilizzato anche per il Full HD, ma mentre quest’ultimo ha una risoluzione massima di 1.920 x 1.080 pixel, l’UHDTV 8K arriva fino a 7.680 × 4.320 pixel. Un singolo fotogramma UHDTV contiene quindi, in altezza e in larghezza, 16 volte il numero di pixel di un fotogramma Full HD, e uno schermo di 30 pollici UHDTV 8K avrebbe per cui una densità 300 punti per pollici. All’International Broadcasting Convention 2018 di Amsterdam l’emittente nipponica NHK ha annunciato che il prossimo 1º dicembre verrà inaugurato il primo canale dedicato a regolari trasmissioni in 8K; un canale diffuso via satellite, poiché l’unica tecnologia attualmente in grado di trasmettere i circa 100 Mbps richiesti dal segnale. Da non dimenticare, infatti, che un segnale Ultra HD 4K richiede circa 35-

40 Mbps in HEVC, che per un segnale 8K diventano ben 50 Mbps, che possono raggiungere anche 91 Mbps e oltre per i formati meno compressi. Non essendo ancora disponibili contenuti nel formato 8K i maggiori produttori si stanno attualmente concentrando sul cosiddetto upscaling, ossia quel processo che permette alle Tv di ultimissima generazione di accettare segnali con minore risoluzione, senza subire perdite in qualità. Proprio su questo particolare fronte vanno ad esempio gli sforzi di Samsung che, è riuscita a mettere a punto un sistema chiamato Real 8K Resolution, ottenuto tramite l’impiego di 250 filtri i quali vengono automaticamente applicati al contenuto inviato alla Tv per offrire la migliore visualizzazione possibile in 8K. Per realizzare i filtri, Samsung si è avvalsa di moderne piattaforme per l’intelligenza artificiale: analizzando oltre 8 milioni di contenuti, individuandone le caratteristiche peculiari e definendo precisi punti di intervento sull’immagine in modo da ottenere la visualizzazione ottimale, i contenuti vengono automaticamente trasformati nel nuovo standard. Sempre in Giappone, comunque, si prevede l’inizio delle trasmissioni 8K UHD a pieno regime in occasione dei Giochi Olimpici del 2020. n


*Fonte: IDC WLAN Tracker

CONNETTI

CONTROLLA

VIVI SMART

La rivoluzione Wi-Fi Mesh.

Stylish. Reliable.

Una casa Smart è una casa felice.

L’ecosistema di prodotti connessi scelti da oltre 1 miliardo di utenti nel mondo* per rendere la propria vita ogni giorno più Smart.

Per maggiori informazioni visita il sito www.tp-link.it e seguici su


14

CONSUMER ELECTRONICS SELLER

novembre 2018

Il 2019 è l’anno delle mirrorless preparatevi ora al nuovo trend Il mondo della fotografia parla sempre di più la lingua delle fotocamere “senza specchio”: Nikon e Canon consacrano un segmento di mercato sempre più interessante per i consumatori di DINO DEL VESCOVO

S

e si rivolge oggi l’attenzione al mondo della fotografia, quella “vera”, e si tralascia per un attimo l’infinito pool di immagini con cui la generazione smartphone ha invaso la Rete e i social network, il termine che più di frequente si incontra è senza dubbio uno: “mirrorless”. Le fotocamere digitali in vendita nei negozi e nei vari e-commerce sono infatti principalmente equipaggiate con questa tecnologia ottica, mirrorless per l’appunto. Il fenomeno non riguarda soltanto gli appassionati che fino a qualche anno fa puntavano alle compatte (ormai in via di estinzione): gli utenti più evoluti e i professionisti guardano alle mirrorless con occhi nuovi, considerandole strumenti da lavoro a cui ambire e di cui, prima o poi, dotarsi. Eventualmente, in una prima fase, affiancandole alle reflex. Negli ultimi anni, tutti i brand fotografici (nessuno escluso) hanno investito grandi risorse ed energie per innalzare il contenuto tecnologico e il potenziale di questa categoria di prodotto (che ha tenuto banco alla Photokina di Colonia dello scorso settembre). A fare da apripista è stata Sony che tuttora detiene il primato delle vendite, con modelli mirrorless Full Frame di livello intermedio e professionale a cui va riconosciuto il merito, in tempi non sospetti, di aver sottratto a piene mani clienti e consensi al mondo reflex. Fujifilm, Panasonic e Olympus non stanno certo a guardare e affinano i loro prodotti fino a farli diventare, per chi ha deciso di acquistarli e impiegarli anche in ambito evoluto e professionale, quasi una corrente di pensiero (gli X-Phographers di Fujifilm sono un esempio). Marchi più di nicchia, ma per certi versi leggendari, come Leica e Hasselblad, hanno a listino i loro prodotti fondendo, come nel caso del produttore svedese, la tecnologia mirrorless con quella storica del medio formato.

NIKON E CANON CAMBIANO LE CARTE IN TAVOLA

La definitiva consacrazione del segmento mirrorless è avvenuta a cavallo con l’estate e si è concretizzata tra agosto e settembre. Un periodo caldo, reso rovente quando i due top player della fotografia professionale - Nikon e Canon - hanno (finalmente) presentato i loro nuovi modelli Full Frame. Nikon, con le Z6 e Z7, colma il vuoto lasciato dalle Nikon 1, mirrorless di fascia media ormai dimenticate; Canon affianca la nuova e prestigiosa Eos R alle più popolari (e poco fortunate) mirrorless Eos M. Entrambi i brand mirano a fare concorrenza a Sony e soprattut-

to a crescere e ad affermarsi nel medio e, soprattutto, nel lungo termine. Sia le nuove Nikon Z, sia la Eos R, insieme alle ottiche premium a esse dedicate, hanno i numeri e le caratteristiche per centrare l’obiettivo. E lo dimostrano i primissimi dati di vendita (pre-ordini compresi) diffusi da Bcn, società giapponese che si occupa di sondaggi e analisi di mercato. I dati, almeno in Giappone, dimostrano come ci sia stata una sensibile erosione delle vendite di mirrorless Sony (che dal 99,5% di luglio 2018 passa al 67% di ottobre 2018) a causa della rapida e progressiva affermazione di Nikon e Canon (che

insieme rappresentano oggi il 32% del mercato). E Nikon, va detto, al momento ha reso disponibile a scaffale solo la top di gamma Z7, cui seguirà la Z6, altrettanto performante ma dedicata alla fascia intermedia (anche per quanto riguarda il prezzo).

PERCHÉ LE MIRRORLESS HANNO SUCCESSO?

Ma perché le mirrorless rubano la scena alle reflex? E perché iniziano a conquistare la fiducia di chi ha sempre mostrato diffidenza nei loro confronti? Non vi è una risposta precisa a ogni domanda ma tante motivazioni. Di si-

MIRRORLESS E NUOVE GENERAZIONI Se i fotografi professionisti comprendono subito il valore delle nuove fotocamere mirrorless, più difficile è costruire un ponte fra queste e le nuove generazioni, abituate a consideare la fotografia solo come un mezzo per condividere online e in tempo reale la propria vita. C’è però un punto in cui le mirrorless possono intercettare i Millennial: la connettività Wi-Fi e Bluetooth. Tutte le mirrorless sul mercato (e quelle che verranno) integrano moduli Wi-Fi e Bluetooth che consentono la connessione diretta con lo smartphone, finalizzata al

trasferimento veloce di immagini e video verso quest’ultimo. Contenuti che possono poi essere condivisi su Facebook e Instagram in pochi attimi, come se fossero stati ripresi direttamente con lo smartphone. L’app SnapBridge di Nikon e la tecnologia adottata sulle proprie mirrorless dalla casa giapponese offrono la possibilità di trasferire le foto allo smartphone, in totale autonomia, già al momento dello scatto, senza sfilarsi di tasca il telefono. Tutto ciò, potendo però contare su obiettivi zoom molto più versatili e su una qualità delle immagini realmente professionale.

curo, a decretare il gradimento delle mirrorless contribuiscono le dimensioni compatte, i nuovi mirini elettronici la cui qualità è talmente elevata da porli a diretto confronto con i mirini ottici delle reflex, infine le eccellenti performance in ambito video. Una mirrorless, come suggerisce lo stesso termine, è infatti una fotocamera priva di specchio reflex e pentaprisma, elementi costruttivi che invece sono alla base dei corpi reflex. Questa assenza, da un lato permette di realizzare macchine fotografiche più piccole e leggere, dall’altro non consente di integrare mirini ottici. Se questa impossibilità fino a ieri rappresentava un discrimine nella scelta, soprattutto per i professionisti, oggi lo è molto meno. I mirini elettronici di nuova concezione, oltre a vantare risoluzioni molto elevate, mostrano la realtà in tutta la loro naturalezza, senza alcun ritardo e, soprattutto, senza affaticare la vista, anche quando si è chiamati a scattare per giornate intere. E ancora: a corpi più piccoli corrispondo obiettivi più piccoli, quindi una maggiore facilità di trasporto dell’attrezzatura fotografica nel suo complesso. Le mirrorless hanno inoltre una marcia in più anche per quanto riguarda la cattura video, potendo disporre di sistemi autofocus a rilevamento di fase che si affidano a sistmi integrati nel sensore di immagine e capaci di coprire quasi per intero la superficie sensibile. Un aspetto, quest’ultimo, molto importante se si considera che i fotografi del nuovo millennio devono anche vantare abilità da videomaker. E che i loro clienti commissionano sempre più spesso lavori misti, composti cioè da fotografie e filmati. n


LA MIRRORLESS CHE SUPERA I CONFINI

» Nuovo Sensore CMOS retroilluminato da 26,1 MP » Processore d’immagine di 4a generazione » Filmati 4K @ 60p a 10 bit su scheda SD con HDMI out 4:2:2 simultaneo » Filmati High Speed Full HD 120p per slow motion » Scatto a raffica a 30fps senza blackout con otturatore elettronico Foto ©Tristan Shu | FUJIFILM X-T3 e ottica XF10-24mm F4 R OIS - 1/2500 sec. F4, ISO 640.

FUJIFILM-X.COM/IT


16

novembre 2018

CONSUMER ELECTRONICS SELLER

Neffos C9A e X9: ben bilanciati e con un’interfaccia esclusiva TP-Link conferma la volontà di offrire ai consumatori prodotti con prestazioni sempre più complete a un prezzo vantaggioso. Anche con i due smartphone Android di nuova generazione di VIRGINIA GALLI

N

effos è il brand di TP-Link dedicato agli smartphone e ai dispositivi mobili. La già ampia e articolata gamma di dispositivi mobili si arricchisce di due nuovi modelli: C9A e X9. Neffos C9A è un prodotto entry-level dalla forte personalità, con un costo decisamente competitivo e caratteristiche evolute. È dotato di funzionalità premium, sia in tema di sicurezza sia di performance: al sensore di impronte digitali si somma un sofisticato sistema di Face Unlock. Quest’ultimo sfrutta le più recenti tecnologie di intelligenza artificiale per garantire uno sblocco estremamente rapido e sicuro, effettuando una scansione dinamica del volto e rilevando oltre 106 punti chiave. Le dotazioni tecnologiche assicurano un utilizzo fluido di qualsiasi applicazione grazie al robusto processore quad core a 64 bit, a 2 GB di Ram e a 16 GB di storage espandibili con microSD fino a 128 GB. Il reparto telefonico si affida a una slitta a tre alloggiamenti, per supportare la connettività dual Sim e l’espansione della memoria, così da non rinunciare alla doppia linea telefonica anche quando si inserisce il modulo microSD. Dal punto di vista estetico sfoggia una scocca sottile, elegante, con un buon grip assicurato dal design compatto, senza però rinunciare all’ampio schermo da 5,45” (18:9 con risoluzione HD+). Le caratteristiche tecniche sono completate dalla fotocamera posteriore da 13 Mpixel con tecnologia Pdaf e f/2.2 e dal sensore fronta per i selfie da 5 Mpixel con modalità AI Beautify per migliorare la riuscita dell’autoscatto.

NEFFOS X9

Salendo di fascia, si trova il Neffos X9 con ampio display da 5,99” HD+ in formato full-view e dual camera posteriore. Il design elegante è impreziosito dalla scocca in policarbonato con profili metallici. X9 è animato dal chipset octa-core (Cortex-A53 a 1,5GHz) che integra il reparto fotografico Mali T860 dual-core ed è supportato da 3 GB di Ram. La sezione imaging è particolarmente svi-

luppata grazie alla doppia fotocamerea posteriore da 5+13 Mpixel: i due sensori operano in modo sinergica per ottenere foto perfette e ritratti con effetto bokeh. Il sistema autofocus a rilevamento di fase garantisce una messa a fuoco più accurata e veloce, mentre l’apertura focale f/2.0 permette di ottenere foto bene incise anche in condizioni di bassa luminosità ambientale. La fotocamera frontale è da 8MP.

MENU PERSONALIZZATI

Entrambi i modelli dispongono dell’interfaccia esclusiva Nfui 8.0 che ha l’obiettivo di offrire un’esperienza d’uso intuitiva ed evoluta. Molte sono le funzioni rese possibili da questa interfaccia come l’App Cloner che permette di rendere più semplice l’utilizzo contemporaneo delle due Sim creando copie indipendenti delle applicazioni e le Gesture per il richiamo rapido delle app preferite. n

Nikon D3500, la reflex con caratteristiche premium la d3500 permette di operare con iso 100–25.600

Ha sensore da 24,2 Mpixel, impugnatura ergonomica nonostante le dimensioni contenute e assicura eccellente qualità fotografica e video di LUCA FIGINI

N

ikon D3500 ha un solo obiettivo: permettere all’utente di scattare foto e registrare filmati di qualità altissima, in tutta semplicità. La reflex distribuita in Italia da Nital cattura immagini ricche lumino di particolari in qualsiasi condizione di luminosità, grazie al suo ampio sensore e all’estesa gamma Iso. Il tutto viene amplificato dagli obiettivi Nikkor: il robusto innesto a baionetta rende semplice e divertente scoprire le prestazioni delle diverse ottiche compatibili (dai teleobiettivi zoom agli obiettivi grandangolari). La D3500 è ideale per chi si avvicina per la pri pri-

ma volta alla fotografia con reflex digitale. Il raffinato design si caratterizza per una rinnovata e profonda impugnatura, per una presa più stabile e confortevole e una disposizione dei pulsanti meglio organizzata. Il celebre modo guida di Nikon mostra all’utente come regolare le impostazioni della fotocamera per ottenere le foto e i video desiderati, così da portare la fotografia a un nuovo livello. Infine, la lunga durata della batteria consente di scattare dal tramonto all’alba e anche oltre. Infine, l’app SnapBridge per iOS e Android consente una connessione sempre attiva tra questa fotocamera e uno smartphone/tablet. Ciò rende più semplice condividere foto di alta qualità senza rinunciare alla semplicità dello smartphone. n


18

novembre 2018

CONSUMER ELECTRONICS SELLER

Dalla partnership tra Attiva e GoCamera passa anche il futuro dei droni in Italia L’accordo tra le due aziende permetterà di incrementare la conoscenza tra i consumatori e di dare vita a nuova forme di comunicazione volte a innalzare lo standard di conoscenza dei droni nel nostro Paese di LUCA FIGINI

A

ttiva ha stretto una partnership con il portale GoCamera, per affrontare insieme il futuro dei droni consumer in Italia. Il network, già punto di riferimento per la community GoPro italiana, apre le porte al colosso dei droni Dji. Quest’ultimo è ormai diventato il brand leader dei droni, da quando nel 2006, grazie al know how maturato nell’ambito della progettazione di centraline per gli elicotteri, ha rivoluzionato la tecnologia nel mercato degli aeromodelli a pilotaggio remoto e il mondo della produzione di contenuti video e foto. Il 2018 di Dji è un anno ricco di successo e di nuovi modelli, tra cui Mavic 2 Pro e Zoom. L’obiettivo della partnership tra Attiva e GoCamera è di colmare un gap nel mondo dei droni in Italia: “Non esisteva finora una community Dji italiana che riuscisse ad essere allo stesso tempo un luogo di informazione, di incontro tra ap-

passionati e, non ultimo, una piattaforma dove acquistare. Soprattutto dove acquistare con un supporto adeguato prima, durante e dopo l’acquisto”, spiega Riccardo Di Marco, General Manager del gruppo eSoda srl, cui fa riferimento GoCamera. Nel solo 2018 più di un milione di persone si sono connesse alla community, che conta oltre 350.000 follower attivi. Dal canto suo, Attiva ha scelto di collaborare in virtù “dell’identificazione di obiettivi comuni, da realizzare grazie alla condivisione di know how tecnico e commerciale, declinati attraverso le più attuali dinamiche comunicative. Il Dna che accomuna le due aziende è la passione per l’eccellenza tecnologica e il desiderio di condividere l’esperienza Dji con un community entusiasta e costantemente in crescita”, spiega Giorgio Rossi, AD di Attiva. L’azienda, dopo i brillanti risultati conseguiti nel settore consumer con brand come Apple, Beats, Fibit, è certa che questa partnership porterà a una crescita reciproca di valore. n

Le promozioni invernali Chi acquista Alcatel di Fujifilm sono servite ottiene Chili in regalo Continuano fino a gennaio le iniziative dedicate alla Serie X Ai più recenti smartphone è abbinato un buono in euro di SERGIO CORBELLA

di ROMEO GATTO

ino al 10 gennaio 2019, Fujifilm mette in campo nuove iniziative promozionali dedicate alla Serie X e alla gamma medio formato GFX. Per la Serie X riserva un cashback fino a 300 euro, per le ottiche GF un instant rebate fino a 780 euro e per la GFX 50R un prezzo promozionale conveniente se acquistata con un’ottica a scelta tra GF63mm, GF45mm o GF32-64mm. Interessanrti poi i kit proposti a un prezzo davvero competitivo. Precisamente GFX 50R avrà un costo di 5.085 euro in kit con GF63mm (sconto immediato di 1.115 euro), di 5.285 euro in kit con GF45mm (sconto immediato di 1.125 euro) e di 6.100 euro in kit con GF32-64mm (sconto immediato di 1.020 euro). n

lcatel in partnership con Chili regala un’esperienza cinematografica unica su alcuni prodotti della serie 5, serie 3 e serie 1. Fino a fine anno chi acquista uno degli smartphone coinvolti nell’iniziativa, riceve in regalo la possibilità di guardare i propri film preferiti sulla piattaforma italiana. Con l’acquisto di Alcatel 5V, in regalo una Gift Card di 249,00 euro, che equivale all’esatto valore del prodotto; con Alcatel 1 una Gift Card da 10,00 euro mentre con Alcatel 3C e 3V, le sorprese hanno un valore rispettivamente di 30,00 euro e 50,00 euro. Direttamente nel pacchetto l’utente troverà il codice Chili che darà la possibilità di scegliere tra più di 1.000 titoli! Le Gift Card saranno attivabili entro e non oltre il 31 gennaio 2019. n

F

DEALER

A

anno 1 - numero 6

La Publiedim S.r.l. Direzione, amministrazione e pubblicità: via Matteo Civitali, 51 - 20148 Milano Telefono: 02.48703201 r.a. leader@publiedim.com redazione@publiedim.com grafica@publiedim.com Testata periodica iscritta nel Registro della Stampa presso il Tribunale di Milano il 09/04/2018 con il numero 109. Iscritta nel Registro degli Operatori di Comunicazione con il n. 6107.

novembre 2018 Testate del Gruppo Leader - Dealer Mono by Ei dal 1960 EiMag.it - www.eimag.it - www.eimagpro.it iGizmo.it - www.igizmo.it Direttore Responsabile Luca Figini luca.figini@publiedim.com Direttore Editoriale Fiorenza Moradei fiorenza.moradei@publiedim.com Coordinamento Redazionale Roberto Bonin roberto.bonin@publiedim.com

Redazione Dino del Vescovo, Virginia Galli, Sergio Corbella, Romeo Gatto Art Director Lucia Moradei Grafica e impaginazione Daniela Bascià danielabascia@gmail.com www.edi32.com Marketing & Adv adv@publiedim.com Stampa Ingraph S.r.l. Via Bologna 104/106,20038 Seregno (MB)

Le opinioni espresse dai singoli autori non impegnano la direzione - le norme sulla pubblicità prevedono l’obbligo di ospitare qualsiasi messaggio di ditte regolarmente costituite e registrate; pertanto né la direzione né la casa editrice sono responsabili di quanto pubblicato su annunci pubblicitari a pagamento, in quanto ogni ditta firmataria è chiamata a rispondere in proprio. I dati forniti dai sottoscrittori dell’abbonamento vengono utilizzati esclusivamente per l’invio della pubblicazione e non vengono ceduti a terzi per nessun motivo.


Non girare a vuoto sul web per trovare l’informazione che cerchi.

Gira la rivista!

Ti offriamo soluzioni, non problemi. www.igizmo.it www.eimag.it


Perfect Black creates Perfect Colors Lo stato dell’arte della tecnologia è rappresentato ancora una volta da LG OLED TV, il TV OLED più venduto al mondo. Grazie ai suoi pixel autoilluminanti LG OLED TV raggiunge il Nero Perfetto, l’unico che può donare profondità ai colori.

* LG OLED TV dal 2013 è il TV OLED più venduto al mondo. Fonte dati IHS Markit, Technology Group, TV Sets Market Tracker, Q4 2017. Il posizionamento non è un endorsement di LG. Eventuali rischi derivanti dall’uso di questi dati ricadono sulle terze parti fruitrici. Per maggiori dettagli www.technology.ihs.com

Dealer - Novembre 2018  

Magazine B2B trade dei settori eldom e consumer electronics

Dealer - Novembre 2018  

Magazine B2B trade dei settori eldom e consumer electronics

Advertisement