Page 1

BILANCIO SOCIALE 2010

COMUNE DI VILLA LAGARINA


PAGINA 2

INDICE: INTRODUZIONE 1 - PARTE PRIMA: BILANCIO SOCIALE 1.1 – Il bilancio sociale 1.2 – Principi ispiratori 1.3 – Linee guida e metodologia 2 - PARTE SECONDA: VILLA LAGARINA 2.1 – Cenni storici 2.2 – Il nome e lo stemma 2.3 – Il territorio 2.4 – La popolazione 2.5 – Il tessuto associativo e sociale

3 - PARTE TERZA: LA STRUTTURA COMUNALE 3.1 – La struttura organizzativa 3.2 – Il Consiglio comunale 3.3 – La Giunta 3.4 – Le Commissioni 3.5 – Le attività svolte dai Servizi 4 - PARTE QUARTA: I DATI DI BILANCIO 4.1 – Analisi delle entrate 4.2 – Analisi delle spese 4.3 – Gli indicatori di bilancio: Entrate 4.4 – Gli indicatori di bilancio: Spese 5 - PARTE QUINTA: LE ATTIVITÀ SVOLTE 5.1 – Relazione del sindaco 5.2 – Sport e tempo libero 5.3 – Politiche giovanili 5.4 – Servizi sociali e politiche per la famiglia 5.5 – Cultura 5.6 – Scuola musicale 5.7 – Istruzione e pari opportunità 5.8 – Gemellaggi, pace e solidarietà internazionale 5.9 – Patrimonio e cantiere comunale 5.10 – Mobilità 5.11 – Ambiente e agricoltura 5.12 – Urbanistica, energia e industria 5.13 – Turismo e promozione 5.14 – Comunicazione e innovazione CONCLUSIONI

Capitello Via San Rocco - Pedersano


PAGINA 3

INTRODUZIONE Il documento che di seguito presentiamo è il primo bilancio sociale del Comune di Villa Lagarina. Uno strumento nuovo con il quale l’Amministrazione intende presentare pubblicamente e in modo trasparente le proprie decisioni organizzative, le scelte strategiche, la missione sociale, i risultati conseguiti, le risorse impegnate e gli obiettivi raggiunti. Il bilancio sociale, affiancato al tradizionale bilancio di esercizio, mira a consentire che anche i non addetti ai lavori possano comprendere l'efficienza e l'efficacia delle iniziative intraprese e delle spese effettuate, considerato che spesso l’aridità delle cifre presenti nel bilancio consuntivo non consente di esprimere una valutazione circa l’efficacia nel perseguimento degli obiettivi e nella capacità di realizzare la propria missione.

L’adozione del bilancio sociale rappresenta quindi un’opportunità importante per realizzare un sistema di comunicazione e di governance efficiente ed efficace, a garanzia della cura riposta dall’esecutivo nei confronti dei propri cittadini circa il raggiungimento degli obiettivi assunti con il programma di consiliatura. L’obiettivo primario è quello di consentire la lettura delle cifre secondo il punto di vista dei cittadini, comunicando in modo chiaro, semplice e diretto le modalità con cui l’azione amministrativa si è sviluppata in campo sociale, culturale, sportivo, ambientale, etc. La volontà è quella di proporre un’occasione di dialogo e di confronto con la cittadinanza, prestando la massima attenzione a suggerimenti e proposte, anche in previsione delle elaborazioni future. Un particolare ringraziamento va a tutti i collaboratori della struttura comunale che hanno contribuito alla raccolta ed elaborazione, anche attraverso semplificazioni grafiche, dei dati e dei numeri esposti. Ci auguriamo che quanto presentiamo nelle pagine a seguire possa incontrare interesse e attenzione. IVANO ZANDONAI, assessore al bilancio

Chiesa di San Lorenzo - Castellano


PAGINA 4

1. BILANCIO SOCIALE

1.1 - IL BILANCIO SOCIALE Lo Statuto comunale di Villa Lagarina, approvato con delibera consigliare n. 56 del 2 dicembre 2009, definisce al Capo III - Articolo 22 l’impegno dell’Amministrazione comunale nel presentare annualmente il bilancio sociale quale strumento integrativo del bilancio consuntivo e che descrive le attività dell’ente tenendo conto degli obiettivi che esso stesso persegue. L’articolo 22 stabilisce in particolare che il bilancio sociale è: - documento che illustra le attività espletate, le risorse impiegate ed i risultati raggiunti, rispetto agli obiettivi dichiarati nel programma; - strumento prezioso di informazione, conoscenza, confronto per tutti i cittadini interessati ad approfondire l’attività dell’Amministrazione comunale, le scelte fatte, i lavori effettuati e da realizzare; - documento che deve essere approvato dal Consiglio comunale previa approvazione del bilancio consuntivo, sottoposto ad una serie di incontri sul territorio ed inserito nel sito internet del Comune.

1.2 - PRINCIPI ISPIRATORI Il bilancio sociale vuole essere un mezzo comunicativo semplice ed immediato che renda trasparente e chiara l’attività del Comune agli occhi del cittadino, così da rafforzare il rapporto di fiducia, di dialogo e di partecipazione, superando la mera elencazione di cifre e numeri.

Ha il compito di spiegare al cittadino come sono state impiegate le risorse, come sono stati fatti gli investimenti, quali progetti si sono realizzati e con quali risultati. Ma anche di fornire informazioni su attività che pur avendo rilevanza economica e sociale (iniziative di cooperazione, solidaristiche, culturali, etc.) non sono contenute né espresse nella rendicontazione contabile, ma rappresentano un apporto rilevante allo sviluppo e al miglioramento della vita collettiva. L’obiettivo in sintesi è di avere una Pubblica Amministrazione di qualità, trasparente e partecipata.

1.3 - LINEE GUIDA E METODOLOGIA Le regole per l'estensione del bilancio sociale non sono fissate dalla legge. Esistono tuttavia standard internazionali e regole di buona esecuzione che vengono normalmente seguite nella redazione del documento. Se nel caso di un'impresa si prende in esame la ricchezza prodotta nell'esercizio esaminato, per le istituzione di governo locale si esamina invece la distribuzione della spesa tra i portatori d'interessi e come essa ha contribuito alla creazione di valore sul suo territorio. La redazione di questo documento ha coinvolto tutti i Servizi della struttura organizzativa del Comune che si sono impegnati nella ricerca ed elaborazione dei dati di bilancio, dei rapporti sui servizi e sulle attività amministrative svolte. Nella stesura si è cercato di fissare alcuni punti cardine: -fotografia del contesto, cercando di fornire le informazioni fondamentali per identificare le caratteristiche del nostro apparato, del territorio, del tessuto associativo e sociale; -formulazione chiara dei valori e delle finalità, avendo ben presente che il destinatario del bilancio sociale è il cittadino;

- coinvolgimento degli organi e della struttura organizzativa, che devono sentire proprio questo strumento; - flessibilità nell’ottica di implementazione, aggiornamento e miglioramento in progress del lavoro svolto; - continuità, con l’obiettivo di poter confrontare negli anni l’evoluzione dell’attività amministrativa.


PAGINA 5 2. VILLA LAGARINA

2.1 - CENNI STORICI L’ottima esposizione e le favorevoli condizioni climatiche ed ambientali hanno favorito l’insediamento umano sul territorio comunale fin dalla preistoria (periodo del bronzo e del ferro) come i numerosi reperti archeologici ritrovati testimoniano. Nei primi due secoli avanti Cristo avvenne l’occupazione romana alla quale fecero seguito le invasioni barbariche, tra le quali particolare importanza ebbe quella longobarda, che nel 584 è documentata dalla presenza del conte longobardo Ràgilo di Làgaro. La prima testimonianza documentata di Villa Lagarina risale all’anno 845. Nel 1170 si ha notizia dell’esistenza di una vasta comunità di distretto con sede a Villa e comprendente tutti i paesi della destra Adige da Isera a Cimone: lo stesso ente amministrativo che in seguito prenderà il nome di Comun Comunale. Nello stesso periodo è documentata anche l’esistenza della pieve di Villa, matrice e centro ecclesiastico della destra Adige lagarina. Per tutto il periodo medievale il comune di Villa Lagarina rimase soggetto ai conti di Castelbarco, feudatari del Principato Vescovile di Trento, che nel 1456 vennero sostituiti dai Lodron. Questi ultimi mantennero il potere giurisdizionale sul territorio comunale fino al 1842, quindi anche dopo la soppressione del Principato Vescovile (1803) e l’annessione al Tirolo asburgico. Passato il Trentino all’Italia, nel 1929 Mussolini soppresse i comuni di Pedersano e Castellano, aggregandoli (con Nogaredo, Noarna, Sasso e Brancolino) al comune di Villa Lagarina. Nel 1955 Nogaredo si ricostituì in comune autonomo (con le sue frazioni), mentre Pedersano e Castellano rimasero frazioni di Villa Lagarina. Nel 1967 infine, in seguito a referendum, Piazzo, che era frazione di Pomarolo, venne aggregato (con parte di Cesuino) al comune di Villa Lagarina.

Chiesa di S. Maria Assunta a Villa Lagarina

2.2 - IL NOME E LO STEMMA Il nome di Villa (Lagarina) compare per la prima volta nel 845 in un documento relativo ad una causa vertente tra il Monastero di S. Maria in Organo, Verona, e alcuni uomini di Mori, Avio, etc. dove figurano come testimoni anche Petrus e Andelbertus de Villa. L'odierna Villa Lagarina allora si chiamava soltanto Villa, proprio negli anni in cui altri documenti parlavano della Civitas Lagaris; due diversi nomi nello stesso periodo che non possono che servire a definire la stessa località. I paesi di Castellano, Pedersano, Piazzo etc. sono ricordati in documenti posteriori al mille. In periodo medioevale il paese di Villa Lagarina era di modeste dimensioni, limitato a poche costruzioni disposte lungo l'attuale via Damiano Chiesa. Questo fatto è facilmente rilevabile se si confrontano dati del censimento relativo all'anno 1339: Villa Lagarina contava 10 fuochi (nuclei familiari), Pedersano 36, Castellano 63, Piazzo 12. Per gran parte dell’epoca moderna il nome del paese fu semplicemente Villa. La qualificazione Lagarina venne introdotta negli ultimi decenni del XVIII secolo. L’attuale stemma del comune di Villa Lagarina rappresenta una villa (intesa come edificio) posta sulla riva di un fiume (l'Adige). Ha iniziato ad essere usato, pur secondo forme diverse, negli anni 1887-1891. Il Comune si è dotato dello stemma con delibera n. 3444 della Giunta provinciale di Trento del 17 aprile 1967. Secondo la disciplina araldica lo stemma attuale presenta la seguente descrizione: “Troncato ondato: nel primo d’azzurro alla villa delle caratteristiche lagarine d’oro, fondata su una pianura di verde; nel secondo fasciato ondato d’argento e d’azzurro”. Si tratta di un tipico stemma “parlante”, il cui soggetto, cioè, presenta un’immagine o una figura che allude palesemente al nome della città (in questo caso) o della famiglia che lo porta. Lo stemma costituisce il logo del Comune.


PAGINA 6 2.3 - IL TERRITORIO Il comune di Villa Lagarina si estende su una superficie di circa 24 kmq. È costituito dalle antiche comunità di Villa, Piazzo, Pedersano, Castellano e Cei che pur non essendo considerata dallo Statuto come frazione, negli ultimi anni si sta trasformando da località di sola villeggiatura a luogo di residenza abituale. Il territorio si sviluppa sulla sponda destra del fiume Adige (170 m.s.l.m.), nel cuore della Vallagarina, una grande vallata alpina di origine fluvio-glaciale, che da un lato rappresenta la principale via di collegamento tra l’Italia e il mondo tedesco, e dall’altro viene a trovarsi fra due delle maggiori realtà ambientali e turistiche dell’intero nord Italia: il lago di Garda e le Dolomiti. Partendo dal fondovalle con il capoluogo Villa Lagarina (180 m.s.l.m.), si sale nella fascia collinare di Pedersano (400 m.s.l.m.), vocata alla coltivazione della vite, per arrivare a Castellano (800 m.s.l.m.) e infine alla zona montana con la Valle di Cei, l’omonimo lago (925 m.s.l.m.) e l’importante biotopo. Il comune di Villa Lagarina è delimitato a nord dal rilievo montuoso Stivo-Cornetto (2180 m.s.l.m.) e confina con i comuni di Pomarolo, Cimone, Trento, Cavedine, Drena, Arco, Ronzo Chienis, Isera, Nogredo, Rovereto e Volano.

IL TERRITORIO IN CIFRE Superficie totale

kmq.

24

Strade statali

km

0

Strade vicinali

km

0

Strade provinciali

km

22

Strade comunali

km

15

Autostrade

km

4

Rete idrica

km

23

Rete fognaria

km

23

Rete gas

km

20

Rete illuminazione pubblica

km

15

Punti luce illuminazione pubblica

n.

636

Aree verdi, parchi e giardini

n.

10

Aree verdi, parchi e giardini

ha

13

Vista aerea del lago di Cei


PAGINA 7

2.4 - LA POPOLAZIONE L’andamento demografico nel nostro comune registra già da qualche tempo un costante aumento della popolazione, nell’ordine di circa cinquanta unità per anno. Questo dato è la risultante sia della maggior natalità che del saldo migratorio che mediamente registra un valore positivo di circa quaranta cittadini. L’aumento della popolazione si evince anche dall’andamento dei nuclei famigliari che sono in costante incremento dal 2007 al 2010 mediamente di circa 20 unità/anno. Incrociando il dato dei residenti con quello dei nuclei familiari (al 24 maggio 2011) si nota che la “famiglia media” è composta di 2,47 componenti. Fontana di piazza G.B. Riolfatti – Villa Lagarina

ANDAMENTO DEMOGRAFICO

3.684

3.700

2007

2008

2009

2010

1.751

1.781

1.804

1.833

3.582

3.600 3.550

Maschi

3.634

3.650

3.515

3.500 3.450

Femmine

1.764

1.801

1.830

1.851

3.400 2007

Residenti

3.515

3.582

3.634

2008

2009

2010

3.684

SALDO NATURALE 2007

2008

SALDO MIGRATORIO 2009

2010

2007

2008

2009

2010

Nati

42

38

43

49

Immigrati

152

174

141

159

Deceduti

28

21

30

35

Emigrati

111

124

102

123

Saldo

14

17

13

14

Saldo

41

50

39

36


PAGINA 8

LE FAMIGLIE

COMPOSIZIONE DELL FAMIGLIE

2007

2008

2009

2010

1.435

1.457

1.473

1.495

Matrimoni religiosi

7

4

3

4

Matrimoni civili

8

8

2

8

Nuclei familiari

(dati aggiornati 24 maggio 2011) Componenti

N. Famiglie

1

2

3

4

420 436 254 302

5

6

7

TOTALE

66

16

1

1.495


PAGINA 9 2.5 - IL TESSUTO ASSOCIATIVO E SOCIALE Di enorme importanza è la presenza sul territorio comunale di un tessuto associativo molto attivo, che opera in vari settori : culturale, sportivo, ricreativo e sociale, offrendo ai cittadini di Villa Lagarina proposte efficaci e qualificate. Le associazione di volontariato riescono, infatti, a soddisfare bisogni ed interessi ai quali la sola Amministrazione comunale non sarebbe in grado di far fronte. L’altro aspetto di grande valore è la capacità di coinvolgimento che le stesse associazioni riescono ad attuare nei confronti dei cittadini, spronandoli ad investire capacità, energie e tempo libero in modo volontario e gratuito. Per questi motivi l’Amministrazione sostiene, per quanto possibile, le varie associazioni attraverso contributi economici, mettendo a disposizioni spazi e luoghi di aggregazione, collaborando nell’organizzazione di manifestazioni ed eventi. Vanno inoltre ricordate le numerose associazioni che pur non avendo sede a Villa Lagarina svolgono parte della loro attività sul nostro territorio e che spesso nel nostro comune organizzano eventi e manifestazioni. ORGANIZZAZIONI DI VILLA LAGARINA ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO

ASSOCIAZIONI CULTURALI

Associazione Voce Amica

Asilo Infantile G.B. Riolfatti Villa Lagarina

Associazione Michele Fait

Scuola Materna Pedersano

Associazione Serenella

Amici della Scuola d'Infanzia di Castellano

Asuc Pedersano

Scuola Musicale Jan Novak

Asuc Castellano

Associazione Borgoantico

Consorzio Miglioramento Fondiario

Associazione Don Zanolli Castellano

Comitato Uniti per una migliore qualità della vita a Pedersano

Associazione Nobluesno

Comitato iniziative locali 15 agosto

Associazione Progetto Comenius

Associazione Nord-Sud

Associazione Teatro Parrocchiale Villa Lagarina ASSOCIAZIONI SPORTIVE

Comitato Teatro Parrocchiale Pedersano

Danza Sportiva New Style Dance

Filodrammatica Castellano

Scuola di tennis Happytennis

Teatro Persona

U.S. Vallagarina

Associazione Yellow Kapras

Gruppo Bocciofilo Lagarina

Circolo Filatelico e Numismatico

Gruppo Bocciofilo Pedersano

Coro Parrocchiale Villa Lagarina

Lagarina Crus Team

Coro Parrocchiale Pedersano

Associazione Pescatori Garisti

Coro Parrocchiale Castellano Coro Vallagarina

ASSOCIAZIONI RICREATIVE Gruppo Genitori in gioco

ASSOCIAZIONI VARIE

Circolo Ricreativo di Castellano

Vigili del Fuoco Volontari

Gruppo Voci Villa Lagarina

Gruppo Alpini Villa Lagarina

Comitato Anziani e Pensionati di Villa Lagarina

Gruppo Alpini Castellano

Comitato Anziani e Pensionati di Pedersano

Famiglia Cooperativa Villa Lagarina

Comitato Anziani e Pensionati di Castellano

Famiglia Cooperativa Pedersano

Pro Loco Villa Lagarina - Castellano - Cei

Famiglia Cooperativa Castellano

Pro Loco Pedersano


PAGINA 10 3. LA STRUTTURA COMUNALE 3.1 - LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA L’organigramma di seguito esposto offre la rappresentazione schematica della struttura organizzativa dell’Ente, partendo dal primo livello, quello politico, identificato nel Consiglio Comunale. Il Secondo livello è composto dal Sindaco, dalla Giunta e dai Consiglieri delegati . Il terzo livello si sviluppa partendo dal Segretario comunale al quale fanno riferimento i cinque Servizi con i relativi capi-funzione. Il quarto livello, infine, è quello strettamente gestionale ed operativo che svolge quotidianamente l’attività amministrativa.

CONSIGLIO COMUNALE

SINDACO CONSIGLIERI DELEGATI

ALESSIO MANICA Lavori pubblici, mobilità, affari generali, sovra-comunalità, comunità di valle, protezione civile

GIANNI TEZZELE Viabilità, trasporto pubblico

MARCO VENDER Comunicazione, Innovazione

ALESSANDRO NICOLETTI

ARONNE RADASSAO Politiche giovanili

Pace, gemellaggi, rapporti e solidarietà internazionale

SERVIZIO TECNICO SOVRACOMUNALE Luca Eccheli

SEGRETARIO Paolo Broseghini

SERVIZIO FINANZIARIO SOVRACOMUNALE Claudio Scrinzi

SERVIZIO AFFARI DEMOGRAFICI,CULTURALI Mirtis Baldessarelli

GIUNTA COMUNALE

ROMINA BARONI Vicesindaco, urbanistica, ambiente, agricoltura , industria, energia

SERENA GIORDANI Beni e attività culturali, istruzione, pari opportunità

REMO BERTI Lavoro, protezione sociale e della famiglia, sanità, servizi all’infanzia

BRUNO VACCARI Turismo e promozione, commercio, personale, servizi

FLAVIO ZANDONAI Cantiere e patrimonio, artigianato, infrastrutture e reti

IVANO ZANDONAI Sport e tempo libero, bilancio, tariffe e tributi, attuazione del programma

SERVIZIO AFFARI GENERALI E PERSONALE Marianna Garniga

SERVIZIO POLIZIA LOCALE Vigilio Baldessarini

EDILIZIA PRIVATA Alberto Manica

BILANCIO E CONTABILTA’ Luisa Ceschi

DEMOGRAFICO E ELETTORALE Manuela Arlanch

SPORTELLO AMBIENTE Aldina Brentegani

CANTIERE E PATRIMONIO Ennio Pederzini

TRIBUTI E COMMERCIO Karin Manzoli

CULTURA E BIBLIOTECA COMUNALE Roberto Adami

MESSO COMUNALE Fulvio Bonfanti

LAVORI PUBBLICI Fabrizio Corradini

SEGRETERIA Annalisa Martinelli Silvana Moschini

SEGRETERIA PROTOCOLLO Shara Fait Patrizia Canazza Luca Zuani

POLIZIA MUNICIPALE Elvio Bonomi


PAGINA 11 3.2 - IL CONSIGLIO COMUNALE Organo di indirizzo e controllo politico-amministrativo è formato da venti consiglieri, di norma tredici di maggioranza e sette di minoranza. Si riunisce previa convocazione da parte del suo Presidente o su iniziativa di un quinto dei consiglieri. Nella scorsa consiliatura, conclusasi ad aprile 2010, erano rappresentate in Consiglio tre forze politiche: Progetto Insieme per Villa Lagarina (13 componenti, maggioranza), Uniti per il Cambiamento (4 componenti, minoranza); Comunità Attiva (3 componenti, minoranza). Nella consiliatura in corso, iniziata il 16 giugno 2010, sono ancora tre le forze politiche rappresentate: Villa Lagarina Insieme (13 componenti, maggioranza), Comunità Attiva (5 componenti, minoranza), Vivere Villa Lagarina (2 componenti, minoranza). COMPOSIZIONE CONSIGLIO COMUNALE E PRESENZE CONSIGLIERI

Gruppo Consigliare VILLA LAGARINA INSIEME Alessio Manica

Sindaco

8 su 8

Romina Baroni

Vicesindaco

7 su 8

Remo Berti

Assessore

8 su 8

Serena Giordani

Assessore

8 su 8

Bruno Vaccari

Assessore

7 su 8

Flavio Zandonai

Assessore

7 su 8

Ivano Zandonai

Assessore

8 su 8

Marco Vender

Capogruppo

8 su 8

Domenico Mazzucchi

Consigliere

7 su 8

Alessandro Nicoletti

Consigliere

7 su 8

Gloria Pizzini

Consigliere

8 su 8

Aronne Radassao

Consigliere

8 su 8

Gianni Tezzele

Consigliere

8 su 8

LAVORI CONSIGLIO COMUNALE E ATTIVITÀ SVOLTA

Sedute Consiglio uscente

6

Sedute Consiglio in carica (dal 16 giugno)

8

Delibere approvate Consiglio uscente

30

Delibere approvate Consiglio in carica

44

Mozioni presentate Consiglio uscente

1

Mozioni presentate Consiglio in carica

2

Interrogazioni presentate Consiglio uscente

2

Interrogazioni presentate Consiglio in carica

17

Ordini del giorno approvati Consiglio uscente

1

Ordini del giorno approvati Consiglio in carica

0

Gruppo Consigliare COMUNITÀ ATTIVA Luca Laffi

Capogruppo

8 su 8

Giacomo Bonazza

Consigliere

8 su 8

Walter Bortolotti

Consigliere

6 su 8

Yulka Giordani

Consigliere

8 su 8

Valerio Manica

Consigliere

7 su 8

Gruppo Consigliare VIVERE VILLA LAGARINA Francesco Lunardi

Presidente Consiglio

8 su 8

Cristian Martinelli

Capogruppo

7 su 8

Filatoio di Piazzo


PAGINA 12 3.3 - LA GIUNTA Formata da un massimo di 6 assessori, è nominata per legge dal Sindaco prevedendo da Statuto comunale la presenza di almeno il 30% del genere meno rappresentato. È l'organo collegiale di governo che collabora con il Sindaco all’amministrazione del Comune e all'attuazione del programma di consiliatura secondo gli indirizzi stabiliti dal Consiglio comunale. COMPOSIZIONE GIUNTA COMUNALE E PRESENZE ASSESSORI

LAVORI GIUNTA COMUNALE E ATTIVITÀ SVOLTA

Alessio Manica

Sindaco

23 su 27

Romina Baroni

Vicesindaco

24 su 27

Sedute giunta uscente

18

Remo Berti

Assessore

26 su 27

Sedute giunta in carica

27

Serena Giordani

Assessore

24 su 27

Bruno Vaccari

Assessore

21 su 27

Delibere giunta uscente

32

Flavio Zandonai

Assessore

22 su 27

Delibere giunta in carica

45

Ivano Zandonai

Assessore

22 su 27

3.4 - LE COMMISSIONI Il 28 ottobre 2010 sono state nominate dal Consiglio comunale quattro Commissioni consiliari permanenti che nell’ambito della loro funzione consultiva provvedono all’esame preliminare degli atti di competenza, alle stesse rimessi dal Presidente del Consiglio, dalla Giunta o dal Consiglio stesso. Possono anche essere incaricate di studi e di verifiche nell’ambito delle materie loro assegnate. È stata altresì nominata la Commissione speciale Statuto e regolamenti, necessaria anzitutto per consentire la nascita delle Consulte frazionali. Il Consiglio comunale ha accorpato per omogeneità di materia trattata alcune commissioni, costituendone così un numero più ridotto rispetto a quanto previsto dallo Statuto comunale. COMMISSIONI CONSILIARI PERMANENTI

PRESIDENTE

COMPONENTI

Domenico Mazzucchi Gloria Pizzini

9 9

Cultura e pari opportunità

Stella Giampietro

10

Istruzione, sport, tempo libero, giovani e relazioni internazionali

Dimitri Giordani

11

PRESIDENTE

COMPONENTI

Statuto e regolamenti

Marco Vender

5

ALTRE COMMISSIONI

PRESIDENTE

COMPONENTI

Alessio Manica Alessio Manica Romina Baroni

5 4 4

Urbanistica, viabilità e ambiente Politiche sociali, famiglia e alloggi

COMMISSIONI SPECIALI

Edilizia Elettorale Tavolo politico VIA cartiera


PAGINA 13 3.5 - LE ATTIVITÀ SVOLTE DAI SERVIZI Nelle tabelle che seguono sono elencate per ogni Servizio e ufficio comunale le funzioni principalmente svolte e una serie di dati che riassumono in breve il lavoro svolto. In ogni tabella si possono inoltre verificare i “contatti” che ciascun ufficio ha con l’esterno e quindi anche con il cittadino.

SERVIZIO SEGRETERIA, AFFARI GENERALI, PERSONALE u.m. valore Addetti a tempo pieno Addetti part time

n. n.

3 5

Determine - Impegni di spesa

n.

245

Documenti protocollati in entrata Documenti protocollati in uscita

n. n.

5.572 3.268

Delibere, decreti e ordinanze adottati

n.

232

Pareri legali espressi Contenziosi avviati

n. n.

2 2

Giornate di formazione del personale Dipendenti partecipanti corsi di formazione Incontri sindacali

n. n. n.

7 12 3

SERVIZIO AFFARI DEMOGRAFICI, CULTURALI, SOCIALI u.m valore Addetti a tempo pieno Addetti part time

n. n.

2 1

Determine - Impegni di spesa

n.

67

Carte d'identità rilasciate Variazioni anagrafiche Registrazioni registro stato civile

n. n. n.

258 234 153

Pratiche immigrazione Pratiche emigrazione Concessioni cittadinanza

n. n. n.

118 91 4

Il servizio di segreteria e affari generali, diretto dal segretario comunale cui fa capo la responsabilità legale dell’attività amministrativa, svolge all’interno della struttura una funzione cardine sia perché gli è demandata la gestione del personale sia perché è l’ufficio che si interfaccia per primo con il consiglio e la giunta comunale. L’ufficio opera quale segreteria per il Sindaco, si occupa della gestione e del controllo del sistema ambientale EMAS, supporta operativamente l’assessorato alle politiche sociali e il Consigliere delegato alla comunicazione. E’ interessate notare , nella tabella a fianco, la mole di documenti protocollati dall’ufficio in entrata e uscita pari a 8.840 pratiche.

Si tratta del servizio che più di altri si confronta con il pubblico. Si occupa di tutte le pratiche demografiche, dei certificati e delle registrazioni civili. Nella tabella a fianco si evidenziano le principali attività svolte accompagnate da una serie di dati numerici. Gestisce inoltre tutte le procedure relative alle elezioni e referendum con l’apertura dell’apposito ufficio elettorale. Si occupa della gestione della biblioteca comunale e lavora a supporto dell’assessorato alla cultura, istruzione e pari opportunità.

Municipio – Piazzetta E. Scrinzi a Villa Lagarina


PAGINA 14

SERVIZIO FINANZIARIO SOVRACOMUNALE u.m.

valore

Addetti a tempo pieno Addetti part time

n. n.

3 0

Determine -Impegni di spesa

n.

51

Contratti di acquisto stipulati

n.

5

Mandati di pagamento Reversali (Ordini di incasso)

n. n.

2.280 1.172

Utenze TIA (Tariffa Igiene Ambientale) Utenze ICI (Imposta Comunanle Immobili) Utenze acqua - Uso Domestico Utenze acqua - Uso Irriguo e Commerciale

n. n. n. n.

2.732 1.386 1.857 343

Autorizzazioni utilizzo bene pubblico Autorizzazioni occupazione suolo pubblico Autorizzazioni attività commericali-produttive

n. n. n.

66 29 15

u.m.

valore

Addetti a tempo pieno Addetti part time

n. n.

2 0

Presenze ai Consigli Comunali Presenze istituzionali e/o manifestazioni

n. n.

14 5

Vigilanza all'entrata/uscita scolari

ore

213

Controllo territorio e pattuglie stradali Pattuglie serali e domenicali Rilievo sinistri stradali Verbali di contravvenzione

n. n. n. n.

120 20 7 187

Controlli isole ecologiche Sanzioni rifiuti, cani randagi, varie

n. n.

25 11

Servizio a manifestazioni sportive e culturali Accertamenti anagrafici (cambi residenza)

n. n.

25 150

Educazione stradale patentino ciclomotoristi Educazione stradale scuole materne Educazione stradale scuole elementari Educazione stradale scuole medie

ore ore ore ore

20 14 30 30

Questo servizio è gestito in sovra-comunalità con i Comuni di Nogaredo e di Vallarsa. E’ l’ufficio che si occupa delle gestione contabile e finanziaria dell’ente, redige il bilancio preventivo e quello consuntivo, predispone eventuali variazioni di bilancio. Collabora con il revisore dei conti che controlla e garantisce la regolarità contabile e finanziaria. Nonostante da qualche anno l’attività di riscossione è stata esternalizzata, l’ufficio continua ad occuparsi del controllo delle tariffe e delle utenze. Nelle tabella a fianco si noti il numero totale di utenze cui fa capo l’ufficio, pari a 6.318 posizioni. Lavora, infine, a supporto dell’assessorato allo sport nonchè del Consigliere delegato alle politiche giovanili e di quello delegato alla pace e relazioni internazionali.

SERVIZIO POLIZIA LOCALE Questo servizio si occupa del controllo del traffico e della viabilità. Importante è l’attività di presidio del territorio sia attraverso accertamenti che rilievi e sopralluoghi. L’ufficio svolge inoltre una puntuale attività di vigilanza presso il plesso scolastico nelle ore di entrata/uscita degli scolari e studenti. Molto apprezzati dai ragazzi sono stati i corsi di educazione stradale tenuti dai nostri vigili. Il Servizio funge inoltre da supporto al Consigliere delegato alla viabilità e trasporto pubblico.

Annuncio di primavera a Piazzo, Attilio Lasta


PAGINA 15 SERVIZIO TECNICO SOVRACOMUNALE u.m.

valore

Addetti a tempo pieno Addetti part time

n. n.

1 4

Determine - Impegni di spesa

n.

41

Concessioni edilizie DIA - Dichiarazione Inizio Attività Licenze di abitabilità e agibilità Comunicazioni (Manutenzioni straordinarie)

n. n. n. n.

38 147 25 14

Progetti definitivi e preliminari Perizie e rilievi Frazionamenti

n. n. n.

7 3 1

CANTIERE COMUNALE E PATRIMONIO u.m.

valore

Addetti a tempo pieno Addetti part time

n. n.

5 0

Determine - Impegni di spesa

n.

54

Verde pubbilico gestito

mq

17.000

Edifici sottoposti a manutenzione ordinaria

n. mq

9 10.000

Manutenzione ordinaria rete fognaria Manutenzione straordinaria rete fognaria

ore ore

50 10

Manutenzione ordinaria rete idrica Manutenzione straordinaria rete idrica Lettura contattori

ore ore ore

150 15 130

Manutenzione ordinaria illuminazione Manutenzione straordinaria illuminazione

ore ore

50 15

Manutenzione ordinaria viabilità Manutenzione straordinaria viabilità Sfalcio e manutenzione verde pubblico Attività sgombero neve in appalto Attività sgombero neve con nostro personale

ore ore ore ore ore

300 30 300 320 270

Supporto logistico manifestazioni sportive Supporto logistico manifestazioni culturali Supporto logistico "Mercato della terra"

ore ore ore

250 200 150

È il Servizio che si occupa di tutte le pratiche di edilizia pubblica e privata, nonché degli atti relativi alla gestione del territorio. Conseguentemente è in continuo contatto con cittadini e con i tecnici che vi si rivolgono. Progetta direttamente alcuni lavori proposti dall’Amministrazione e spesso svolge la funzione di direzione lavori. Funge da supporto all’assessorato all’urbanistica e lavori pubblici. Fino a maggio 2010 è stato gestito in sovracomunalità con il Comune di Vallarsa.

Questo Servizio si occupa della gestione e manutenzione del patrimonio comunale, delle reti idriche e fognarie, dell’illuminazione pubblica e delle strade comunali. Particolare attenzione è rivolta alla manutenzione degli edifici e delle strutture comunali, fra cui gli impianti sportivi, i giardini e parchi pubblici. L’ufficio opera a supporto logistico delle numerose manifestazioni sportive, culturali e ricreative che si svolgono sul territorio comunale. Gestisce e mette a disposizione delle varie associazioni le numerose attrezzature di cui il comune di Villa Lagarina è dotato. Funge inoltre da supporto all’assessorato al cantiere e patrimonio.

Vista aerea Pedersano


PAGINA 16 4. I DATI DI BILANCIO 4.1 - ANALISI DELLE ENTRATE


PAGINA 17 4.2 - ANALISI DELLE SPESE


PAGINA 18 4.3 - GLI INDICATORI DI BILANCIO: ENTRATE

VILLA LAGARINA (2010)

820

MEDIA CLASSE (consolidato 2009)

1.389

MEDIA PROVINCIALE (consolidato 2009)

1.408

AUTONOMIA FINANZIARIA: L'indicatore definisce l'incidenza delle entrate proprie sulle entrate correnti complessive ed esprime la capacità di autofinanziamento dell'Ente, ossia la capacità di reperire risorse, direttamente o indirettamente, per il finanziamento delle spese di funzionamento dell'apparato comunale e per la fornitura di servizi ai cittadini.

VILLA LAGARINA (2010)

46,20%

MEDIA CLASSE (consolidato 2009)

51,80%

MEDIA PROVINCIALE (consolidato 2009)

43,30%

AUTONOMIA TRIBUTARIA: L'indicatore definisce l'incidenza dei proventi derivanti dal gettito dei tributi comunali (quali ICI, addizionale ENEL, tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani (TARSU), tassa per la copertura dl suolo pubblico (TOSAP) sulle entrate correnti complessive ed esprime la capacità di autofinanziamento dell'Ente derivante dal prelievo tributario.

VILLA LAGARINA (2010)

18,60%

MEDIA CLASSE (consolidato 2009)

19,00%

MEDIA PROVINCIALE (consolidato 2009)

15,00%

PRELIEVO FISCALE: L'indicatore definisce i proventi per abitante derivanti dal gettito dei tributi comunali (quali ICI, tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani (TARSU), tassa per la copertura dl suolo pubblico (TOSAP) ed esprime lo sforzo fiscale gravante su ciascun cittadino ossia, in altri termini, il prezzo pagato dai cittadini per usufruire dei servizi forniti e di cui risultano utenti.

VILLA LAGARINA (2010)

152

MEDIA CLASSE (consolidato 2009)

319

MEDIA PROVINCIALE (consolidato 2009)

211

AUTONOMIA EXTRATRIBUTARIA: L'indicatore definisce l'incidenza dei proventi di natura extra-tributaria sulle entrate correnti complessive ed la capacità di autofinanziamento dell'Ente derivante dal gettito, tramite tariffe, dei servizi pubblici, da proventi di beni, interessi su anticipazioni o crediti, utili netti delle aziende speciali e partecipate, dividendi di società e proventi extra-tributari.

VILLA LAGARINA (2010)

27,60%

MEDIA CLASSE (consolidato 2009)

32,80%

MEDIA PROVINCIALE (consolidato 2009)

28,23%

VILLA LAGARINA (2010)

53,90%

MEDIA CLASSE (consolidato 2009)

48,20%

MEDIA PROVINCIALE (consolidato 2009)

56,70%

DISPONIBILITÀ DI RISORSE: L'indicatore definisce l'ammontare di risorse finanziarie per abitante destinate al funzionamento della struttura amministrativa comunale ed alla fornitura di servizi ai cittadini.

DIPENDENZA FINANZIARIA: L'indicatore definisce l'incidenza delle risorse erogare da Enti sovraordinati sulle entrate correnti complessive ed esprime il peso della finanza derivata nel finanziamento della spesa corrente.

TRASFERIMENTI CORRENTI PER ABITANTE: L'indicatore definisce l'ammontare per abitante delle risorse finanziarie provenienti dagli Enti di livello superiore destinate al finanziamento delle spese di funzionamento dell'apparato comunale ed alla fornitura di servizi ai cittadini.

VILLA LAGARINA (2010)

441

MEDIA CLASSE (consolidato 2009)

549

MEDIA PROVINCIALE (consolidato 2009)

798

4.4 - GLI INDICATORI DI BILANCIO: SPESE INCIDENZA SPESA DEL PERSONALE: L'indicatore definisce l'incidenza della spesa per il personale sull'ammontare complessivo della spesa di funzionamento dell'apparato comunale. Nell'ambito della struttura organizzata per l'erogazione di servizi l'onere per il personale acquisisce un'importanza rilevante; qualora l'indicatore assuma un valore particolarmente elevato potrebbe segnalare l'esistenza di uno squilibrio finanziario nella gestione di bilancio. SPESA DI INVESTIMENTO PROCAPITE: L'indicatore definisce il peso per abitante della spesa destinata all'attività investimento ed esprime la propensione dell'Ente ad attuare politiche di sviluppo delle spese in c/capitale. Dato medio dal 2001 al 2009.

INDICE DI INDEBITAMENTO: L'indicatore definisce l'incidenza del debito sulle entrate correnti ed esprime la potenziale capacità dell'Ente di far fronte, con risorse ricorrenti, alla copertura dell'ammontare complessivo del proprio indebitamento.

VILLA LAGARINA (2010)

35,58%

MEDIA CLASSE (consolidato 2009)

35,70%

MEDIA PROVINCIALE (consolidato 2009)

34,50%

VILLA LAGARINA (2001 - 2009)

922

MEDIA CLASSE (2001 - 2009)

1.006

MEDIA PROVINCIALE (2001 - 2009)

1.038

VILLA LAGARINA (2010)

57,40%

MEDIA CLASSE (consolidato 2009)

69,10%

MEDIA PROVINCIALE (consolidato 2009)

64'80%


PAGINA 19 5. LE ATTIVITÀ SVOLTE 5.1 - RELAZIONE DEL SINDACO La Giunta presenta di seguito il proprio rendiconto politico relativo al 2010, seguendo lo schema adottato per il bilancio di previsione e facendo una ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi. Nel corso dell’esercizio l’attività ha risentito della pausa elettorale con conseguente successiva necessità di riavvio della macchina amministrativa in tutte le sue articolazioni. Per quel che riguarda gli interventi sul territorio sicuramente il cantiere più importante che ha preso avvio è quello del ripristino paesaggistico delle strade del Patto d’Area della destra Adige, un intervento originale e di grande valenza storico-turistica. È proseguito non senza difficoltà il secondo lotto del Municipio, è partito il lotto inerente le parti esterne ed è stato realizzato l’intervento relativo alla geotermia. Rispettando gli impegni elettorali si è poi allestito e messo in funzione in tempi ridottissimi il nuovo micronido, integrando in maniera significativa l’offerta per la primissima infanzia. Nell’ambito delle progettualità, sono fruttuosamente cresciuti il Piano Giovani di Zona e il progetto di assistenza ed aiuto agli anziani, sviluppato nell’ambito dell’Azione 10. Progetti di grande concretezza in settori vitali della comunità, peraltro riconfermati anche per il 2011 e potenziati in considerazione del riscontro rilevato. Ha poi preso ufficialmente avvio con l'inaugurazione del 17 dicembre il Mercato della Terra della destra Adige Lagarina, sfida di grande importanza sia per la promozione dei prodotti del territorio che per la sua valorizzazione turistica. Importante anche il consuntivo dal punto di vista culturale, con un consolidamento della programmazione espositiva a Palazzo Libera e il consueto sostegno alle attività delle associazioni sul territorio. Si è ripreso il percorso urbanistico attraverso l’affido dell’incarico per la redazione della nuova variante puntuale al Piano regolatore comunale, che completerà il lavoro svolto nella consiliatura precedente. Dal punto di vista finanziario l'anno ha segnato una gestione costantemente difficile e delicata a causa soprattutto di fattori esterni quali la situazione economica complessiva e le politiche di riduzione di bilancio nazionali e provinciali. Per scelta, rimane minimo il contributo al bilancio degli oneri di concessione, con conseguente riduzione drastica delle capacità d’investimento comunali da quella fonte. Per recuperare una parte della capacità di manovra si è data attuazione ad alcune operazioni di ridefinizione del debito, diluendone il rimborso. L’approccio di spesa generalmente prudente ha consentito, infine, un risparmio gestionale che è confluito nell’avanzo consentendo il finanziamento di alcune voci importanti del bilancio 2011. Lo sforzo di contrazione e controllo della spesa corrente, passaggio non indolore ma necessario per affrontare questi anni finanziariamente delicati senza intervenire sulla leva delle entrate, ha permesso di sostenere adeguatamente investimenti e manutenzioni dell’esercizio 2010 ed alcune del 2011, altrimenti di difficile finanziamento. Si ribadisce che l’Amministrazione ha operato in questi anni con grande senso di responsabilità e concretezza per poter rispondere comunque alle istanze dei cittadini nonostante un quadro finanziario difficile e fondamentalmente bloccato. Per quanto riguarda la gestione del personale, vi è stata la mobilità verso altra sede di una figura dell’Ufficio ragioneria, non sostituita grazie ad una redistribuzione delle competenze, oltre al pensionamento di una figura ex ETI incardinata nel cantiere. Vi è stata inoltre la parziale riqualificazione al ruolo di messo di un’altra figura del cantiere, operazioni che hanno oggettivamente indebolito l'organico del cantiere comunale, tuttavia rafforzato dalle unità lavorative inserite attraverso l'attivazione dell’Azione 10.


PAGINA 20 5.2 - SPORT E TEMPO LIBERO L’azione dell’Amministrazione in ambito sportivo si è sviluppata essenzialmente a supporto delle numerose società che operano sul nostro territorio. Come si evidenzia nella tabella di seguito esposta, dal punto di vista economico si è cercato di mantenere adeguato alle aspettative il livello di contributi sia per singole manifestazioni che per la normale attività sportiva. Fondamentale e molto apprezzato è l’appoggio logistico e organizzativo che attraverso la struttura comunale viene sempre fornito in occasione di gare, tornei e manifestazioni. Il livello di investimento del Comune si è mantenuto infatti costante negli ultimi anni, mediamente pari a 125.000 euro l’anno. Se consideriamo i residenti nel nostro Comune al 31 dicembre paria a 3684 abitanti ne deriva un investimento pro capite di circa 33 euro. Gli appuntamenti sportivi tenutisi sul territorio comunale confermano a grandi linee il calendario degli scorsi anni e offrono un panorama vario e di qualità nei settori del calcio, del ciclismo, dell’atletica e delle bocce. Fra tutte le competizioni piace sottolineare la realizzazione dei Campionati comprensoriali e provinciali di corsa campestre che ad ottobre hanno visto gareggiare più di mille ragazzi e ragazze delle scuole medie inferiori. Sempre maggiore attenzione va posta riguardo l’utilizzo degli impianti sportivi, in particolare delle palestre. A seguito delle abbondanti richieste che arrivano non solo dalle società sportive ma anche da altri gruppi, amatoriali e INVESTIMENTI ANNUALI spontanei, si è saturata la disponibilità della palestra delle SETTORE SPORT scuole elementari e quella delle medie; dal lunedì al sabato 180.000 164.872 154.744 e spesso anche la domenica, al di fuori degli orari scolastici, 160.000 150.977 131.633 140.000 le due palestre sono sempre occupate. Nel mese di 123.539 121.564 120.000 settembre ha ripreso la sua attività l’Agenzia per la 100.000 promozione dello sport della Vallagarina, della quale il 80.000 Comune è socio fondatore. A fine anno è stata nominata dal 60.000 Consiglio comunale la nuova Commissione istruzione, sport, 40.000 tempo libero, giovani e relazioni internazionali. 20.000 L'anno è chiuso con buone soddisfazioni in ambito sportivo, 0 sia per i risultati ottenuti dalle nostre società nei rispettivi 2005 2006 2007 2008 2009 2010 campionati sia per i momenti di aggregazione e crescita sociale che hanno saputo attivare, supportate come sempre dall’impagabile contributo del volontariato. SPORT

U.M.

RISORSE IMPEGNATE

Società sportive comunali e contributi assegnati per attività e gestione impianti

6

€ 106.580

Gare ciclistiche e di mountain bike

3

Gare di corsa campestre e su strada

4

Tornei di calcio

4

Tornei di bocce

3

Tornei di pallavolo

2

Altre manifestazioni (tamburello, tennis)

2

Manifestazioni sportive studentesche

2

Partecipanti ai campionati studenteschi

250

Convegno medico sportivo "Rincorrere il futuro"

1

Società e gruppi che utilizzano le palestre

14 2.400

Affiancare le società che operano sul territorio nella gestione degli impianti e nell'attività ordinaria

Affiancare le società nell'organizzazione di manifestazioni che 13.350 spesso sono veicolo promozionale del nostro territorio a livello nazionale

Dare idoneo supporto logistico e organizzativo in occasione dei campionati comprensoriali e provinciali di corsa campestre organizzati dalla PAT

1.800

Ore di lavoro del cantiere comunale per eventi sportivi

Ore palestre assegnate

OBIETTIVO

Dare idoneo supporto logistico e organizzativo in occasione di manifestazioni sportive €

7.500

Ospitre a Villa Lagarina un convegno dal tema "epidemiologia e attività fisica" con particolare attenzione all'ambito pediatrico Dare risposta alle necessità di allenamento e svolgimento delle atività sportive durante il periodo invernale


PAGINA 21 5.3 - POLITICHE GIOVANILI Gli interventi dell’Amministrazione nell’ambito delle politiche giovanili sono legate essenzialmente alle attività svolte dal Tavolo Giovani della destra Adige. Nato nel 2008 dalla volontà dei Comuni di Villa Lagarina (capofila), Isera, Nogaredo, Nomi e Pomarolo di condividere oltre al territorio su cui insistono anche una politica di partecipazione "dal basso" del mondo giovanile, ha portato avanti una serie di progetti e iniziative proposte dagli stessi giovani. Grande interesse e partecipazione hanno riscontrato gli scambi culturali attraverso il viaggio in Serbia e Kosovo nonché i viaggi formativi a Roma, a Bruxelles e infine a New York. Villa Lagarina funge da capofila e quindi dal nostro comune “transitano” tutti i finanziamenti provinciali destinati “Tavolo”, anche quelli che territorialmente sarebbero destinati agli altri comuni . INVESTIMENTI ANNUALI POLITICHE GIOVANILI 90.687

100.000 90.000

76.739

79.160

80.000 70.000 60.000 50.000 40.000 30.000

23.192

20.000

17.421

22.403

10.000 0

2005

2006

2007

2008

2009

2010

Biblioteca nazionale e universitaria di Sarajevo

Il grafico a fianco indica l’ammontare delle risorse investite dall’Amministrazione per le attività rivolte al mondo giovanile. Si noti come a partire dal 2008 si è intervenuti in maniera decisa e finanziariamente rilevante per supportare proposte ed iniziative che venivano dai giovani ed a loro erano rivolte. Se consideriamo i residenti nel nostro Comune al 31 dicembre, pari a 3684 abitanti, ne deriva un investimento pro capite di circa 21 euro.

5.4 - SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA FAMIGLIA In questa fase di crisi e di cambiamenti socio-economici a livello globale, l'Amministrazione ha scelto di dare priorità ai servizi correlati al benessere familiare, anche in considerazione del sempre minore tempo disponibile da dedicare alla famiglia e dei ritmi di vita serrati. Da qui l’impegno, come evidenziato di seguito, per dare una risposta concreta che spesso tuttavia si scontra con la limitatezza delle risorse e talvolta con il fatto di poter operare solo localmente. L’auspicio che la neonata Comunità di Valle possa per il futuro favorire un lavoro comune di più ampio respiro e visione. Nello specifico, ecco suddivisi per ambito i principali interventi in capo all'Amministrazione comunale: INFANZIA: asili nidi (Pomarolo, micronido, Tagesmutter, convenzioni); scuole materne (Villa, Pedersano, Castellano); colonie estive; servizi pre-scuola ed extra-scuola; politiche di agevolazione tariffaria; servizi alle famiglie TERZA ETÀ: Azione 10; servizio di sostegno alla solitudine degli anziani; sostegno alla ginnastica; conferenze e seminari mirati; collaborazione per l'apertura e chiusura del parco; vigilanza scolastica. LAVORO: supporto alla disoccupazione attraverso le assunzioni con l'Azione 10, il Progettone e l'Azione 7.12.


PAGINA 22

SALUTE: supporto ai servizi sanitari attraverso il Distretto sanitario a Villa Lagarina e gli ambulatori frazionali a Pedersano e Castellano. CASA: gestione dei 6 alloggi comunali a Villa e dei 6 alloggi comunali a Pedersano, assegnati in ottemperanza alla legge provinciale n. 15, necessari per monitorare costantemente la situazione e permettere eventuali raccordi di emergenza. Questi, in sintesi, gli aspetti salienti degli interventi dell’Amministrazione, attenti al rispetto dei criteri fissati dal marchio “Family in Trentino” di cui il Comune di Villa Lagarina è accreditato.

SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA FAMIGLIA

U.M.

Alloggi comunali

13

Asilo nido sovra-comunale di Pomarolo

21

RISORSE IMPEGNATE €

OBIETTIVO

10.111 Ottimizzare la gestione del patrimonio immobiliare

4.370 Fornire risposta alla natalità

Micronido Villa Lagarina

10

Convenzioni asili nido extra comunali

5

18.258 Fornire risposta alla natalità

Servizio Tagesmutter

13

45.886 Fornire risposta alla natalità

Persone occupate Azione 10 "servizi sociali"

2

25.864

Fornire risposta concreta al problema della marginalità degli anziani e nel contempo anche al problema occupazionale

Persone occupate Azione 10 "ambiente"

3

40.751

Fornire risposta concreta al problema occupazionale e supporto al cantiere comunale

Colonie estive

89 €

13.457

Fornire alle famiglie un valido supporto estivo nella conduzione famigliare inserendo, nel contempo, aspetti educativi adeguati

Presenze complessive alle colonie estive

1.246

Servizio pre-scuola sperimentale

10

1.126 Supportare le esigenze famigliari

Vigilanza scolastica

2

2.150

Vigilanza e apertura/chiusura parchi

4

2.150 Garantire la tutela di un bene importanta per la comunità

Gestione ambulatorio distretto sanitario

-

Servizio ginnastica Circoli anziani e pensionati

65

Servizio di prevenzione e riabilitazione

1

2.000 Servizio sociale mirato di supporto a persone in difficoltà

Family a teatro

45

700 Favorire, seppur in maniera indiretta, i legami famigliari

Altre iniziative marchio Family in Trentinio

Supportare i vigili urbani nel delicato momento dell'ingresso e dell'uscita degli alunni da scuola

10.239 Offrire un servizio adeguato alle aspettative localizzato a Villa Lagarina 900

3.450

Favorire la pratica della ginnastica, importante per il benessere personale nel contesto di migliorare gli stili di vita

Un corollario di iniziative per i bambini, per la genitorialità, per l'intergenerazionalità e per gli aspetti sociali


PAGINA 23 INVESTIMENTI ANNUALI SERVIZI SOCIALI, POLITICHE PER LA FAMIGLIA, SANITA’

Il grafico a fianco indica l’ammontare delle risorse destinate alle politiche sociali e della famiglia. Si noti come nel corso degli ultimi anni gli investimenti siano andati via via aumentando in linea con le priorità fissate dall’Amministrazione. Se consideriamo i residenti nel nostro Comune al 31 dicembre, pari a 3684 abitanti, ne deriva un investimento pro capite di circa 35 euro.

160.000

135.468

140.000

128.007

120.000

80.000

100.543

88.294

100.000

82.863

63.201

60.000 40.000 20.000 0

2005

2006

2007

2008

2009

2010

5.5 - CULTURA La programmazione nell’ambito della cultura, nonostante la generale contrazione delle risorse, ha continuato a perseguire alcuni punti di forza: promuovere la cultura come bene collettivo di coesione e di crescita sociale; valorizzare la conoscenza del patrimonio culturale del territorio attraverso progetti ed eventi che contemplino anche la collaborazione dei Comuni limitrofi; sostenere le iniziative culturali promosse da enti e associazioni del territorio; coinvolgere le realtà associazionistiche e scolastiche attive nel nostro comune; promuovere eventi volti a valorizzare la vita culturale nei diversi campi della musica, dell’arte, della letteratura, del teatro e del cinema. Muoversi all’interno di una disponibilità economica ridotta, lo si è visto anche a livello nazionale, mette a rischio e penalizza proprio quei settori da sempre più vulnerabili, quello culturale in primis, in quanto ritenuto più facile da sacrificare in nome della “stabilizzazione finanziaria e della competitività economica”, dimenticando che la cultura costituisce la voce più significativa di ogni sviluppo sociale e permette di progettare con uno spettro temporale ben più ampio della contingenza e che, in momenti come questo, può divenire anche importante motore di sviluppo. L’Assessorato alla cultura ha agito e agirà con la convinzione che è necessario attivare una politica di formazione e inclusione sociale, consolidando rapporti per una stabile collaborazione programmatica e operativa, sia sotto forma di specifiche convenzioni sia di erogazioni contributive oculate, volte cioè al contenimento della spesa e sulla base di progetti discussi e condivisi con le organizzazioni culturali, presenti sul territorio. È importante che criteri, metodi e procedure aprano nuove possibilità di incontro e di interconnessioni costruttive tra i diversi sistemi culturale, turistico, sociale, economico e della formazione, affinché la dimensione sociale e umana ne sia rafforzata.

Sono state stimolate le risorse del territorio, in linea con il principio di sussidiarietà, e incoraggiate quelle proposte che hanno favorito la conoscenza della storia locale (es. libro sulla storia della frazione di Piazzo) o che si richiamano alla tradizione. Per questo uno degli obiettivi è stato quello di assicurare il sostegno all’attività dei teatri, delle associazioni, della Scuola musicale. Hanno continuato a trovare spazio quelle iniziative singole (incontri con l’autore) o periodiche: concerti di musica classica (Festival Mozart, Settimana Mozartiana, Aperitivo in musica), concerti jazz; o infine tradizionali, come la Sagra dell’Assunta, CastelFolk, Palazzi Aperti. È stata rinnovata la collaborazione con l’Associazione PROMART Libera associazione per la promozione dell’arte, e mantenuta quella con il Museo Diocesano di Trento.

Chiesetta De Probizer a Cei


PAGINA 24 CULTURA Mostre ed esposizioni a Palazzo Libera

U.M.

RISORSE IMPEGNATE

10

OBIETTIVO

5.600

Offrire una proposta ampia in ambito artistico (scultura, pittura, fotografia, ecc..) quasi permanente e accessibile a tutti

6.400

Proporre un'offerta musicale varia, accattivante che prevede anche la sovra-comunalità

3.140,00

Dare occasione di svago con proposte rivolte a una fascia d'età sufficientemente ampia

5.600,00

Offrire la conoscenza di autori locali e non, impegnati in diversi generi letterari

Giornata della Memoria e Palazzi aperti

Mantenere l'attenzione su quegli eventi che hanno segnato la coscienza storica, mantenendo stretto il legame con le scuole. Dare la 2.580,00 possibilità al pubblico di accedere ai lughi simbolo dal punto di vista storico-artistico del nostro comune

Apertura centri di lettura frazionali

3.000,00

Giornate apertura mostra a Palazzo Libera Eventi musicali jazz e Festival Mozart

300 7

Aperitivo in musica

5

Cinema sotto le stelle

6

Contributi per stampe e pubblicazioni Presentazione Libri

5

Sollecitare alla lettura e permetterne la fruizione a un maggior numero di utenti

Contributi feste Votive

3

2.000,00 Sostenere quei momenti legati alla tradizione e all'identità del luogo

Contributi stagione teatrale

20

3.500,00

Dare occasione di conoscere, approfondire, praticare uno dei settori culturali più coinvolgenti, legati anche alla socializzazione e allo svago

Contributi cori parrocchiali

600,00

Valorizzare l'impegno e il volontariato di coloro che accompagnano la comunità nei momenti legati alla liturgia e al corso della vita

Contributi ad associazioni per eventi

Fibula zoomorfa rinvenuta a Torano (Pedersano)

7.300,00 Sostenere e valorizzare l'impegno e le proposte delle associazioni

Reperti archeologici rinvenuti sul territorio


PAGINA 25 5.6 - SCUOLA MUSICALE La Scuola Musicale Jan Novák è per Villa Lagarina un esempio di promozione culturale in cui l’esercizio sovra-comunale ha trovato terreno fertile. La sede infatti è a Villa Lagarina ma opera su tutto il territorio della Vallagarina ed è sostenuta dai comuni di Calliano, Isera, Nogaredo, Rovereto, Villa Lagarina e Volano, nonché dalla Provincia autonoma di Trento. Oltre alla formazione didattica di base rivolta a bambini, giovani e adulti, prevista dagli orientamenti didattici e organizzativi provinciali, nel corso del 2010 ha promosso circa 60 eventi operando in sinergia non solo con i comuni che la sostengono, ma anche con gli Istituti Comprensivi della Vallagarina, con la Biblioteca Tartarotti di Rovereto, con l’Associazione Filarmonica e il MART. Come avviene fin dal 1997, in collaborazione con il Comune di Villa Lagarina ha curato e realizzato “Aperitivo in musica”, una rassegna di concerti con guida all’ascolto che coinvolge insegnanti e musicisti attivi sul territorio. Il “Lagarina Jazz Festival” si è svolto come da molti anni nel mese di agosto. I concerti a Villa Lagarina si sono tenuti come di consueto prima di ferragosto. Affollatissimo il concerto di Roberto Gatto, apprezzata l’iniziativa “Lumi sul Jazz”, coordinata dal direttore artistico Giuseppe Segala, con interviste lampo prima del concerto. Il Festival è organizzato dalla Scuola musicale Novák, dalla Scuola musicale Operaprima e dall’Associazione Promusic per conto dei comuni di Villa Lagarina, Ala, Avio, Brentonico e Mori, in collaborazione con la Provincia, il Comprensorio C10, l’APT di Rovereto e Vallagarina e gli altri Comuni interessati dai concerti. La Big Band della scuola collabora sempre a questa stagione di concerti. A novembre, presso la Chiesa Arcipretale dell’Assunta di Villa Lagarina, la Scuola musicale ha voluto ricordare il 25° dalla fondazione della Famiglia Cooperativa con un concerto che ha coinvolto tutta la scuola: i cori di voci bianche, il coro delle Swingirls e degli adulti, l’orchestra degli allievi, due ensemble di insegnanti della scuola e del settore bandistico, la Big Band e i gruppi formati dagli allievi dei corsi per bandisti. Con il “Concerto per i Comuni sostenitori” tenutosi a dicembre presso la Sala della Filarmonica di Rovereto, l’orchestra della Scuola musicale ha eseguito un concerto per ringraziare i Comuni sovventori e la loro attività di supporto. Un capitolo a parte meritano quelle attività che si svolgono al di fuori della Scuola musicale come i “Progetti nelle Scuole materne ed elementari”. Nel 2010 grazie alla preparazione e all’esperienza di alcuni docenti sono stati realizzati molti progetti a favore delle scuole elementari e materne della Vallagarina, della destra Adige, di Volano, Calliano e Rovereto, per un totale di circa 700 ore complessive. Nel mese di novembre è iniziata la terza edizione del “Corso di avviamento agli strumenti ad arco”, che ha previsto, come nei precedenti anni scolastici, l’utilizzo di violini, viole, violoncelli e contrabbassi da parte degli allievi di due classi quinte dell’Istituto Comprensivo A. Frank di Villa Lagarina. La scuola ha altresì prodotto e promosso uno spettacolo di letture animate per bambini - “I racconti di Mamma Oca” con il coinvolgimento della propria orchestra.

Infine, si sono svolti per il secondo anno consecutivo, due progetti presentati dalla Novák e approvati nell’ambito del Tavolo Giovani della destra Adige: un laboratorio di teatro per ragazzi, e un corso di formazione per musicisti e ballerini di danze popolari. Al termine dei laboratori vi sono stati spettacoli finali, che hanno testimoniato la buona riuscita delle iniziative.

SCUOLA MUSICALE "JAN NOVAK"

U.M.

Allievi iscritti scuola musicale

380

Allievi iscritti per formazione bandistica

120

Docenti e insegnati

33

Eventi musicali, didattici e culturali promossi

60

Progetti nell'ambito del Tavolo Giovani

2

RISORSE IMPEGNATE

35.954

OBIETTIVO

Offrire un sostegno economico tangibile necessario per l'attività didattica e per l'organizzaznione delle nmerose manifestazioni. Villa Lagarina, inoltre, mette a disposizione della scuola numerosi spazi e locali.


PAGINA 26 5.7 - ISTRUZIONE E PARI OPPORTUNITÀ L’Assessorato si è impegnato a mantenere attivo il dialogo con l’istituzione scuola, sostenendo quei progetti che individuano nel pluralismo e nel rispetto di ogni diversità i valori il cui radicamento, nelle comunità del Trentino, rappresenta uno strumento essenziale per far fronte alle relazioni multietniche che caratterizzano il nostro tempo. È attraverso la prospettiva culturale, intesa come insieme di saperi, conoscenze e strumenti di interpretazione dell’esperienza, che si incide trasversalmente sul terreno delle idee e si rafforzano le basi per sostenere processi durevoli di coesione sociale (es. corsi di italiano per donne straniere). L’educazione alla salute rappresenta il processo educativo attraverso il quale gli individui apprendono ad assumere consapevoli decisioni utili al mantenimento e al miglioramento della propria salute. Processo che continua per tutte le tappe della vita. L’esperienza maturata gli scorsi anni nell’ambito del progetto di “Educazione alla salute” ha permesso di tracciare alcuni spunti di riflessione che fungono da indicatori per la prosecuzione di uno percorso formativo rivolto agli alunni con finalità educative nel campo della salute e della prevenzione, cercando di coinvolgere insegnanti e studenti che sono risorse importanti e di stimolo anche per individuare nuove strategie di comunicazione e di informazione. L’intento dell’Assessorato sarà quello di diffondere la conoscenza e lo scambio di buone prassi e attivare la riflessione, l’informazione e la formazione culturale sulle tematiche delle pari opportunità e sulle varie forme di discriminazione, promuovendo la coerenza nella programmazione delle politiche di sviluppo territoriale rispetto agli indirizzi comunitari, nazionali e regionali in materia di pari opportunità; fornire informazioni ed approfondimenti sulle diverse modalità di comunicazione, diffusione e valorizzazione delle politiche di pari opportunità, sulle conoscenze e sulle esperienze in tal senso; offrire opportunità di emancipazione e promozione sociale.

ISTRUZIONE E PARI OPPORTUNITÀ

U.M.

Corso di lungua italiana per donne straniere

RISORSE IMPEGNATE

1

Persone partecipanti al corso

12

Corso di educazione alla salute (Istituto comprensivo)

1

2.905

Aiuto formativo e culturale con l'obiettivo di migliorare l'itegrazione sociale

4.135

Impegno nella formazione dei genitori dei ragazzi della scuola primaria e secondaria di I° grado

INVESTIMENTI ANNUALI CULTURA, ISTRUZIONE, PARI OPPORTUNITÀ E SCUOLA MUSICALE 200.000

183.819

180.000

159.397

160.000

125.689

140.000

133.761

120.000

97.542

100.000

79.555

80.000 60.000 40.000 20.000 0

2005

2006

2007

2008

2009

OBIETTIVO

2010

Il grafico a fianco indica l’ammontare delle risorse destinate alle attività culturali, all’istruzione e alle politiche per le pari opportunità. Nei valori indicati sono compresi anche i contributi erogati a favore della scuola musicale. Nel corso degli anni è sicuramente il settore che ha registrato la maggior contrazione ma nonostante questo il livello quantitativo e qualitativo delle proposte culturali si è comunque mantenuto elevato. Se consideriamo i residenti nel nostro Comune al 31 dicembre, pari a 3684 abitanti, ne deriva un investimento pro capite di circa 21 euro.


PAGINA 27 5.8 - GEMELLAGGI, PACE E SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE Attualmente il Comune ha in essere due gemellaggi ufficiali, uno con la cittadina renana di Stockstadt am Rhein, l'altro, più recente, con la città brasiliana di Bento Gonçalves. Lo storico gemellaggio con il comune tedesco si è mantenuto vivo in questi ultimi anni principalmente attraverso gli scambi di amicizia tra i rispettivi corpi volontari dei vigili del fuoco, occasione ripetutasi anche nel corso del 2010. Data 2007 invece il patto di gemellaggio con la Municipalità di Bento Gonçalves, sottoscritto da Villa Lagarina assieme ai comuni di Nogaredo, Rovereto, Terragnolo, Trambileno e al Comprensorio della Vallagarina. La regione del Rio Grande do Sul a cui Bento appartiene, fu meta della grande ondata migratoria di fine '800 che interessò soprattutto la Vallagarina e in particolare Pedersano e Castellano. Oggi sono molti migliaia i discendenti di quegli emigranti che vivono a Bento e nei territori circostanti, dove hanno dato un contributo determinante nel costruire una nuova realtà, che porta indelebili i segni delle radici trentine, dal dialetto alle tradizioni fino ai cognomi, a noi molto familiari come Baroni, Battisti, Festi, Gerola, Graziola, Giordani, Manica, Prezzi, Sartori, Spagnolli e tanti altri. Tra il 26 novembre e il 7 dicembre si è percorsa una ennesima tappa del gemellaggio con Bento Gonçalves, grazie alla visita di una delegazione di amministratori ed esponenti degli enti economici. Particolarmente significativo l’incontro del 3 dicembre a Villa Lagarina in cui per la prima volta le amministrazioni comunali di Villa e Nogaredo si sono ritrovate assieme per il saluto ufficiale agli ospiti brasiliani nella sala nobile di Palazzo Libera.

Palazzo Municipale di Bento Gonçalves

Villa Lagarina si è sempre dimostrata sensibile ai temi della pace, della convivenza, della solidarietà, della giustizia sociale, del rispetto dei diritti umani, dell'economia solidale, valori che ha voluto fissare nel proprio Statuto. Con l'obiettivo di aprire il proprio sguardo sul Mondo e consapevole dell'importanza che ciascuno debba fare la propria parte, il Comune partecipa direttamente ad organizzazioni di cui condivide finalità, scopi ed obiettivi, quali il Coordinamento Nazionale Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani e la Cooperativa sociale Mandacaru Onlus - Commercio equo e finanza Solidale.

Nel contempo sostiene attivamente le associazioni ed i gruppi di volontariato del proprio territorio e ne incoraggia il lavoro di rete. Oltre che attraverso il sostegno all'autonoma attività di cooperazione internazionale delle associazioni e dei gruppi di volontariato del proprio territorio, in questi anni l’Amministrazione comunale si è impegnata anche nell’attivare direttamente processi di sviluppo sostenibile a favore di analoghe comunità locali nei paesi cosiddetti ad economia debole. Fin dal 2002 il Comune di Villa Lagarina ha deciso di attivare proprie relazioni internazionali attraverso la partecipazione, in qualità di socio, al Tavolo Trentino con Kraljevo, un'organizzazione di cooperazione decentrata e di comunità costituita da Enti locali, associazioni, gruppi e singoli cittadini, operante nella Municipalità di Kraljevo (Serbia) nel più ampio quadro delle Agenzie della Democrazia Locale (ADL) e del Consiglio d'Europa. È nell'ambito di questo partenariato che l’Associazione VillaInVita ha promosso nel mese di agosto un viaggio di scambio e conoscenza in Serbia e in Kosovo a cui hanno partecipato un folto gruppo di giovani della destra Adige.


PAGINA 28 5.9 - PATRIMONIO E CANTIERE COMUNALE È il settore forse più percepito sul territorio in quanto ha il compito di manutentare il patrimonio edilizio, stradale e di reti. Funge anche da supporto alle manifestazioni che si svolgono nell'arco dell'anno, impegno importante rimarcato dai dati riportati sull'impegno di personale. Va ricordato l'Amministrazione ha scelto di mantenere una gestione interna e in economia dell'illuminazione pubblica e della rete acque nere, bianche e potabili. Opzione che comporta certamente un risparmio in bolletta per l'utenza ma nel contempo un importante impegno in carico al cantiere comunale. Da due anni l'attività del cantiere è integrata per circa nove mesi all'anno dai lavoratori assunti nell'ambito dell'Azione 10, che si occupano di progetti specifici quali la manutenzione del verde. Per il 2010 tali addetti erano nel numero di tre. Va ricordato in ogni caso che lo sfalcio del verde e la manutenzione del Parco dei Sorrisi di Villa è affidata in appalto e che l’investimento procapite è pari 35 Euro, considerando i 3.684 residenti al 31 dicembre. Si ricorda, infine, che il territorio è attraversato dalla SP 90 e dalla SP 20 del Lago di Cei, la cui manutenzione e gestione è invece in carico al Servizio strade della Provincia autonoma di Trento.

PATIMONIO, CANTIERE COMUNALE, VIABILITÀ

U.M.

RISORSE IMPEGNATE

Realizzazione micronido Villa Lagarina

34.000

Sistemazione e asfaltatura Via Giardini

43.000

OBIETTIVO Fornire risposta alla natalità adattando e adeguando un immobile esitente

Garantire la sicurezza stradale e il miglioramento della viabilità

Adeguamento segnaletica stradale

Manutenzione impianti sportivi

Realizzazione telecontrollo acquedotto CostoleCimana

5.000 17.000 Garantire l'efficienza e l'efficacia degli impianti sportivi 8.000

Garantire l'efficienza e l'efficacia dell'azione di controllo dell'impianti

5.10 - MOBILITÀ Settore che vede la gestione diretta di una rete importante di strade dal punto di vista della circolazione viaria, sia pedonale che veicolare, e che incrocia l'attività del cantiere comunale e della polizia municipale. Per quello che riguarda il trasporto pubblico Villa Lagarina aderisce dal 2001 al Piano d'Area del Trasporto Urbano che riunisce i comuni della valle e gestisce il servizio attraverso Trentino Trasporti Esercizio. Nel 2010 è stato rivisto l'intero piano, impostando sia una nuova convenzione che una revisione di corse ed orari che andranno a regime nel corso dell'autunno del prossimo anno. INVESTIMENTI ANNUALI Si è iniziato un percorso di messa in sicurezza della zona delle scuole elementari realizzando dei percorsi in protezione per i bambini, progettando un nuovo parcheggio in Via Magrè (che verrà realizzato nel 2011) ed una nuova regolamentazione delle viabilità di zona.

400.000

356.226

350.000

MANUTENZIONE PATRIMONIO, CANTIERE, MOBILITÀ 334.251

300.000

254.573

250.000 200.000

150.604 154.490

150.000

Si ricorda poi l'importante intervento della Provincia per l'allargamento della strada provinciale n. 20 in località Rizoi, tra il km 2,1 e il km 2,4 subito a valle del centro abitato di Pedersano, ricadente in buona parte sul territorio di Nogaredo ma di grande importanza per le frazioni del nostro Comune.

129.739

100.000 50.000 0

2005

2006

2007

2008

2009

2010


PAGINA 29 5.11 - AMBIENTE E AGRICOLTURA L’attenzione dell’Amministrazione comunale verso l’ambiente è molto forte e ne è dimostrazione la scelta di implementazione del Sistema di Gestione Ambientale (SGA) che rappresenta la colonna portante di EMAS (EcoManagement and Audit Scheme). Il Sistema di Gestione Ambientale è infatti dato da tutto l’insieme di procedure, risorse, processi e istruzioni necessari a realizzare la politica e il programma ambientali dell’Amministrazione. Grazie ad EMAS l’Amministrazione redige una Dichiarazione ambientale pubblica in cui vengono riassunti la politica e il programma ambientale, le metodologie e le procedure utilizzate per prevenire e controllare gli impatti ambientali (SGA), gli obiettivi perseguiti e i risultati ottenuti. Il processo è ciclico e si attua attraverso diverse fasi che ovviamente possono incidere di più su alcuni anni e meno su altri, ma con lo specifico intento di dare attuazione a ciò che l’Amministrazione ha pianificato e si è prefissata per l’intera consiliatura. Le diverse progettualità attivate nel corso del 2010 così come negli ultimi sei anni vanno lette come investimento per il futuro poiché ogni piccolo passo fatto in campo ambientale non può che migliorare la qualità di vita di tutta la comunità. Tra le azioni in tal senso messe in campo dall’Amministrazione già da diversi anni vi è la riduzione della produzione di rifiuti. Ad esempio la consegna ad ogni nuovo nato del kit di pannolini ecologici lavabili e riutilizzabili oltre ad incentivare la riduzione dei rifiuti prodotti è un valido sostegno alla famiglia; questa azione non prevede un semplice sconto sulla tariffa rifiuti ma vuole promuovere, attraverso la fornitura dei pannolini lavabili, una particolare attenzione nei confronti dell’individuo e dell’ambiente. Dai dati in nostro possesso risulta che il rifiuto tessile sanitario (pannolini usa e getta per bambini, donne e adulti incontinenti) raggiunge un buon 30% del totale rifiuto secco prodotto. L’obiettivo non è stato ancora del tutto raggiunto per le difficoltà riscontrate nell’utilizzo dei pannolini lavabili, apparentemente più complessi nella gestione delle varie fasi di lavaggio, asciugatura e vestibilità, e soprattutto perché non è ancora operativo il sistema tariffario puntuale (con il quale si paga in base a ciò che si produce come rifiuto secco). L’introduzione sperimentale, a partire dall’anno 2011, del nuovo pannolino usa e getta bio-compostabile permetterà di raggiungere pienamente tale obiettivo. Ma questo è solo un esempio dei numerosi progetti attivati in questi anni sia con l’Istituto Comprensivo sia coinvolgendo la cittadinanza, tra cui i più significativi sono stati: “Villa d’Acqua”, “Mobilità alternativa e bici elettriche”, “Eco-volontari”, “Percorso Piazzo-Cei” oltre che numerosi eventi e campagne di sensibilizzazione sulle diverse tematiche energia-ambiente. Un’altra azione che dopo anni di gestazione sul tavolo del Patto d’Area della destra Adige ha preso finalmente avvio nel 2010 è il sostegno alla realizzazione del “Mercato della Terra della destra Adige Lagarina” il cui Comune capofila per questo progetto è Villa Lagarina. L’intento dell’Amministrazione è quello di accompagnare la comunità nel percorso di avvicinamento e riscoperta dell’attività agricola in quota e di valorizzazione delle tradizioni territoriali; con il mercato si è già costituito un primo tavolo di lavoro intersettoriale composto da persone provenienti dall’agricoltura, operatori del turismo e del commercio, per elaborare insieme alcune linee progettuali per un percorso di sviluppo partecipato che valorizzi l’ambiente e le tradizioni, i prodotti tipici locali e la storia del luogo. Tutti elementi utili per costruire un progetto condiviso di sviluppo sostenibile dell’agricoltura nelle nostre zone e soprattutto in quelle di montagna.


PAGINA 30 Il creare le basi e i presupposti per coinvolgere tutti i portatori di interessi ai diversi livelli - dal semplice cittadino all’agricoltore, all’artigiano, al commerciante - con un diverso approccio allo sfruttamento dell’ambiente e delle risorse esistenti sul nostro territorio, sta dando origine all’auspicato sviluppo di “slow economy” molto più attenta ai bisogni reali delle persone e al rapporto con l’ambiente. Il coinvolgimento prioritariamente degli agricoltori, dei piccoli artigiani e dei ristoratori della destra Adige è stato il giusto canale per promuovere, attraverso la vendita dei prodotti, il Trentino, il nostro territorio e incentivare così la filiera corta. Il percorso è molto lungo ma il primo obiettivo è stato pienamente raggiunto.

AGRICOLTURA, AMBIENTE, VERDE PUBBLICO

U.M.

RISORSE IMPEGNATE €

Kit pannolini lavabili

Aquisto strutture e promozione Mercato della Terra

3.550

OBIETTIVO Riduzione di rifiuto secco, sostegno alla famiglia e natalità, aumentare la qualità della vita

Incentivare la filiera corta, sostenere l'agricoltura di montagna, 33.673 promuovere il territorio e le tradizioni locali, creare un nuovo luogo di aggregazione

INVESTIMENTI ANNUALI AGRICOLTURA E AMBIENTE 60.000

53.613

52.740

50.000 40.000

35.718

33.884

30.632

27.059

30.000 20.000 10.000 0

2005

2006

2007

2008

2009

2010

Il grafico a fianco indica l’ammontare delle risorse destinate alle politiche ambientali. Le somme impegnate nel corso degli ultimi sei anni sono mediamente pari a circa 30.000 euro. Va precisato che questi importi non comprendono le spese sostenute per il servizio di raccolta rifiuti solidi urbani. Se consideriamo i residenti nel nostro Comune al 31 dicembre, pari a 3684 abitanti, ne deriva un investimento pro capite di circa 8 euro.

5.12 - URBANISTICA, ENERGIA, INDUSTRIA Nel 2010 è stato conferito l'incarico per la redazione di una seconda variante puntuale al Piano regolatore generale (PRG) il cui disegno urbanistico vuole raccogliere tutti gli elementi delineati nel programma politico di consiliatura per quanto riguarda, in particolar modo, l’ambiente e l’agricoltura. In questa fase, la nuova variante urbanistica intende, verificato il grado di attuazione delle previsioni vigenti, regolamentare gli interventi in zona agricola al fine promuovere nuove strategie di sviluppo coerenti con i vincoli di salvaguardia paesaggistica ambientale propri dell’area. E in particolare definire una nuova regolamentazione degli interventi nelle aree agricole di montagna. L’Amministrazione comunale, contestualmente alla verifica del grado di attuazione del piano attuativo “del lago di Cei”, ha individuato quale principale tema di approfondimento della variante al PRG, la disciplina e la regolamentazione dell’attività agricola nel territorio montano compreso tra l’abitato di Castellano e il lago di Cei.


PAGINA 31 Tale obbiettivo trae origine dagli indirizzi del Piano urbanistico provinciale (PUP) il quale, a partire dall’individuazione delle aree agricole di pregio ha focalizzato l’attenzione sulla salvaguardia dell’identità paesaggistica delle aree agricole. Sulla scorta degli indirizzi del PUP, le azioni previste dalla variante puntuale al PRG sono volte ad individuare e disciplinare l’attività agricola in particolari ambiti del territorio per i quali, la presenza di vincoli di tutela naturalistica e ambientale, impongono una riflessione sulle tipologie colturali e sugli gli interventi di trasformazione del territorio da esse derivanti. La variante al PRG avrà quindi il compito di individuare, anche attraverso il contributo di figure professionali specializzate (agronomo, forestale), per le singole aree agricole e in relazione ai gradi di vincolo preesistenti, adeguate forme di tutela differenziando le tipologie di interventi ammessi (depositi, teli e strutture di protezione, legnaie, strutture per apiari, etc. Sempre nel 2010 sono stati conferiti gli incarichi per la progettazione preliminare del teleriscaldamento e piano di risanamento acustico. Due importanti progettazioni che vogliono concretizzare ciò in cui questa Amministrazione ha sempre creduto e sostenuto in particolare la realizzazione di una rete di teleriscaldamento che sfrutti l’acqua calda prodotta con l’utilizzo dei cascami di calore provenienti dall’impianto di cogenerazione di proprietà della Cartiere Villa Lagarina SpA che si è resa disponibile a cederne gratuitamente 1,58 MW. Rete che andrà a servire le utenze pubbliche anche dei comuni limitrofi di Pomarolo e Nogaredo. Convertire in opportunità per la nostra comunità l’impatto ambientale prodotto dal più grande sito industriale presente sul nostro territorio ci permette di ottenere un duplice ritorno sulla cittadinanza sia in termini economici sia in termini ambientali. Il recupero del calore, altrimenti immesso in atmosfera, diminuirà notevolmente l’impatto sull’intera vallata e riscalderà gli immobili comunali situati in prossimità del sito industriale, indipendentemente dal comune di appartenenza.

Il rapporto e il dialogo con la cartiera è costante e continuo e proficuo per la soluzione delle numerose problematiche che un’industria di tali dimensioni e inserita in un contesto così delicato come quello residenziale in cui si trova può generare. Tale progetto è il tassello di un programma ben più ampio che prevede la realizzazione dei piani energetico e di illuminazione pubblica comunale che saranno promossi dall’Amministrazione nel corso del 2011. L'obiettivo è di ridurre gli sprechi e quindi la domanda di energia nonché favorire l’efficienza energetica con lo sviluppo delle fonti rinnovabili, sensibilizzare gli utenti all'uso razionale dell'energia e l’adeguamento del Regolamento edilizio ai principi del consumo razionale e sostenibile delle risorse energetiche.

I piani in questione sono propedeutici per tutta una serie di azioni ed interventi minimali o strutturali futuri al fine di ridurre i consumi di fonti fossili e sviluppare quelle rinnovabili. Ne sono un esempio l’aumento della qualità edilizia degli edifici, a partire da quelli pubblici, e degli impianti di riscaldamento (teleriscaldamento in valle e impianti di micro-cogenerazione per l’auto-produzione di energia elettrica e termica nel restante territorio); l’adozione di misure per diffondere collettori solari e pannelli fotovoltaici. Il piano di risanamento acustico sarà oggetto di valutazione nel corso del 2011 e in base alle risorse a disposizione si individueranno le priorità di intervento, a medio e lungo termine, per migliorare la qualità di vita dei cittadini di Villa Lagarina.

Cartina della Val Lagarina


PAGINA 32 5.13 - TURISMO E PROMOZIONE Si è lavorato soprattutto cercando di utilizzare meglio gli strumenti di comunicazione esistenti, come il rinnovato sito comunale, e iniziando a monitorare la situazione dell'offerta esistente sul territorio al fine di costituire quella necessaria conoscenza del territorio e dei servizi offerti propedeutica poi alla sua comunicazione unitaria verso l'esterno. Ove possibile si sono già ad esempio predisposti i link delle attività ricettive nel sito istituzionale. In collaborazione con il settore culturale si è cercato di potenziare il momento comunicativo degli eventi espositivi, delle manifestazioni e delle diverse proposte già programmate. Nel caso dei “Presepi sull’acqua” si è ad esempio organizzata una comunicazione precisa ed unitaria che comunicasse l'organicità delle sedici iniziative. Con lo stesso principio la pubblicizzazione degli eventi nelle città di Rovereto e Trento si è attuata attraverso volantini/inviti ma anche l'uso mirato delle inserzioni sui quotidiani, che ha raggiunto anche la provincia di Verona. Con l’Assessorato all’agricoltura si è lavorato costantemente per la promozione del Mercato della Terra e quindi dei prodotti del territorio; gli strumenti utilizzati sono stati anche in questo caso materiale cartaceo, affissioni stradali, quotidiani, radio. Villa Lagarina viene riconosciuta fuori dai confini comunali anche grazie all’importante presenza nei circuiti musicali trentini della Scuola Jan Novák [cfr. par. ..]; attraverso il prezioso lavoro della Pro Loco Villa Lagarina-Castellano-Cei che realizza mostre e manifestazioni oltre ad importanti pubblicazioni come la collana El paes de Castelam, che l'ha portata alla ribalta nazionale con la vittoria del Premio F. Dattini ad Assisi; con le importanti ricerche storico-culturali pubblicate nei Quaderni dall’Associazione Borgo Antico. Così come grazie alle numerose altre associazioni impegnate anche loro nelle molteplici proposte che hanno contribuito a far sì che Villa Lagarina venisse apprezzata per la bellezza del borgo e per l’accoglienza. Per tutte le manifestazioni è confermata la disponibilità della struttura comunale a collaborare alla realizzazione, stampa e diffusione delle locandine su tutto il territorio municipale. L'intervento di supporto dell'Amministrazione su promozione e turismo è ovviamente integrativo e non sostitutivo in particolare dell'ente preposto che è l'Azienda per il Turismo di Rovereto e Vallagarina.

Prodotti Trentini

TURISMO E PROMOZIONE

Promozione "Mercato della terra"

Promozione "Natale sull'acqua"

U.M.

RISORSE IMPEGNATE

OBIETTIVO

4.000

Pubblicizzare attraverso i media il mercato della destra Adige lagarina

1.500

Dare visibilità ad un'iniziativa che nel periodo di Natale attraverso l'allestimento dei presepi sulle fontane promuove il centro storico


PAGINA 33 5.14 - COMUNICAZIONE E INNOVAZIONE L'Amministrazione riconosce nelle nuove tecnologie una delle modalità per garantire e promuovere una migliore informazione e quindi maggiore trasparenza. Con la nuova consiliatura si è perseguita la ricerca di una informazione costante, completa, puntuale e semplice, sia a beneficio dei Consiglieri comunali dentro il Consiglio che della cittadinanza all'esterno. Tra le azioni promosse spicca senz'altro il percorso di rilancio e radicale rinnovo del sito web del Comune, quale strumento comunicativo e di servizio ai cittadini e alle imprese. Una prima serie di interventi puntuali ha riorganizzato e sistematizzato numerose sezioni del sito, tra cui quella dedicata all'informazione istituzionale. Particolare attenzione si è data alla qualità ed alla fruibilità dei testi pubblicati, tenendo centrali sobrietà, efficacia, omogeneità. La costante crescita dei materiali pubblicati on-line (tra questi, 60 articoli e 58 appuntamenti) si è accompagnata ad un progressivo incremento dei lettori: se nel primo quadrimestre erano in media 73 al giorno, negli altri due quadrimestri sono saliti ad una media di 84 al giorno (+15%). Tra questi anche un certo numero dall'estero (Germania, Gran Bretagna, Svizzera, Stati Uniti, Belgio, Brasile, Argentina, etc.), segno che i cittadini di Villa Lagarina emigrati seguono le vicende del loro comune di origine. Nel 2010 il Notiziario comunale non è uscito. La pubblicazione riprenderà nel 2011 in una veste rinnovata, non prima tuttavia di aver costituito, come previsto dallo Statuto comunale, un Comitato di redazione e nominato il direttore responsabile che dovrà essere un giornalista iscritto all'Ordine.

www.comune.villalagarina.tn.it MESE

VISITE

Gennaio

2.082

Febbraio

1.952

Marzo

2.421

Aprile

2.294

Maggio

2.858

Giugno

2.453

Luglio

2.793

Agosto

2.298

Settembre

2.582

Ottobre

2.625

Novembre

2.693

Dicembre

2.285

Totale anno

29.336

Media mensile

2.445


PAGINA 34 CONCLUSIONI Nella costante ricerca di nuovi metodi di comunicazione con il cittadino e di trasparenza nella rendicontazione dell'attività amministrativa, il bilancio sociale introdotto dallo Statuto comunale diviene occasione per un deciso passo in avanti. Uno strumento che si propone una migliore e piena comprensione dell'Amministrazione, della sua articolazione e complessità, ma che nel contempo deve poter servire anche come metro di valutazione della stessa. Siamo coscienti che questa prima edizione del bilancio sociale, frutto di un lavoro molto impegnativo e complesso per assessore e struttura comunali, rappresenti necessariamente un punto di partenza su cui continuare a lavorare. L'Amministrazione di Villa Lagarina si dimostra comunque coraggiosa nell'imboccare questa strada, tra le prime in Trentino, così come era già stato per la Certificazione ambientale o per il marchio Family in Trentino, e prima sicuramente tra le realtà dimensionali pari alla nostra. Ci pare di poter avocare in questo una giusta punta di orgoglio, come Amministrazione e come Comunità tutta. Dalla lettura del documento emergono un territorio ed una comunità complessi e dinamici. Cifre e dati fotografano e certificano status che solo i numeri sono in grado di fissare e trasformare in statistiche, punti di partenza per diversi ed ulteriori ragionamenti. Pensiamo ai saldi dell'emigrazione/immigrazione con gli altri territori, alla crescita demografica complessiva, alla distribuzione dei nuclei familiari. Riflettiamo sui numeri delle attività che l'Amministrazione produce o sostiene, agli impegni finanziari conseguenti e quindi anche a quelli della macchina comunale. Valutiamo ad esempio il grande impegno profuso nelle diverse sfaccettature del sociale, sia a livello di attività prodotta che in termini finanziari. Infine, nelle tabelle a seguire sono messi a confronto i dati relativi alle entrate tributarie pro capite, quindi il prelievo fiscale che il Comune di Villa Lagarina opera per ogni cittadino residente, e l’ammontare delle risorse che ridistribuisce direttamente sotto forma di investimenti e contributi nei settori dello sport, della cultura, delle politiche sociali, giovanili, ambientali e via discorrendo. Come si evince, ne emergono dati interessanti relativi alla finanza locale e trasferita, che fanno riflettere sia sul tema del prelievo fiscale che sul peso (o meno) della struttura pubblica. Temi caldi ed importanti in questi prossimi anni. Tra tutti, emerge che a fronte di un prelievo comunale per ogni cittadino pari a circa 152 euro, vi è una redistribuzione in servizi da parte dell'Amministrazione di ben 154 euro pro capite.

I.C.I. Imposta Comunale Immobili Addizionale energia elettrica Imposta sulla pubblicità TOSAP Diritti sulle pubbliche affissioni ENTRATE TRIBUTARIE TOTALI E PRO-CAPITE

517.777 33.286 3.500 3.500 3.500 561.563

140,5 9,0 1,0 1,0 1,0 152,4

valore valore totale procapite Sport, tempo libero 121.564 33,0 Politiche giovanili 76.739 21,0 Politiche sociali, famiglia e sanità 128.007 35,0 Cultura, istruzione pari opportunità 79.555 21,0 Turismo e promozione 5.500 1,0 Manutenzione, patrimonio, cantiere, viabilità 129.739 35,0 Politiche ambientali,verde pubblico, agricoltura 30.632 8,0 INVESTIMENTI TOTALI E PRO-CAPITE 571.736 154 Natura investimento

Cortile Palazzo Lodron, Attilio Lasta


COMUNE DI VILLA LAGARINA

Piazzetta E. Scrinzi, 3 38060 Villa Lagarina (TN) P.IVA e C.F. 0031910229 Centralino: 0464 494222 Fax : 0464 494217 info@comune.villalagrina.tn.it www.comune.villalagarina.tn.it

Bilancio sociale 2010  

Bilancio sociale 2010

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you