Page 1


2


EDITORIAL Lettori UN1CI, innanzitutto Grazie ancora, perchè siete sempre più numerosi e riceviamo sempre più apprezzamenti positivi; nonostante sono ancora moltissimi gli appassionati che non sanno della nostra esistenza e tipologia alternativa alle riviste più conosciute. Il nostro lavoro continua e questo numero segna la fine della valutazione iniziale della vostra voglia di qualcosa di nuovo. Ora faremo ancora più sul serio, metteremo in pratica l’idea completa di quello che per noi deve essere una rivista di auto personalizzate... Finora abbiamo realizzato il dieci per cento delle nostre idee e ogni giorno sono sempre di più. Abbiamo già iniziato, online, e continueremo ancora di più a esporci per le vere problematiche della scena, senza limitarci a sbandierare la mancanza di una legge, che sì attrae consensi , ma che oscura la sbagliata mentalità del tuning italiano. Inoltre usare l’argomento della legge mancante senza poi far nulla per cambiare o approfittare di chi davvero sta cercando di modificarla raccogliendo firme o facendo proposte concrete, non è nelle nostre abitudini, preferiamo dare il nostro supporto e merito a chi ce l’ha. Ma torniamo all’attuale numero di UN1QUE Magazine, ricco di gran servizi fotografici, di qualità ed eseguiti sul posto con la nostra presenza e/o dei nostri collaboratori dello staff. Siamo sempre sul posto ai raduni, non dietro la nostra scrivania, ed è una delle maggiori soddisfazioni quando, con apprezzamento, mi dite:”ma sei anche qui??”. E così tutti i fotografi. Il numero si apre con un’ampia recensione del Treffen per eccezione, l’esempio per tutti gli altri raduni da cui prendere ogni tipo di spunto. Ampio spazio anche alle auto uniche con la Mini di Angelo, appena tornato vittorioso dal GTi du Sud; con la Opel Corsa di Mauro e con la Leon di Paola... E poi gli eventi nazionali come l’Invidia Tuning Day (che ci ha visto tra i protagonisti), e il Tuning Generation 9 dello ScreamCar TC. Infine, ma con gran rilievo, il Custom, per tentare di portare un po’ della cultura che si respira anche nell’ambiente del Tuning, non altrettanto ricco della giusta mentalità. E, dimenticavo..., una grande anteprima esclusiva ancora sul GTi du Sud.. andatela a scoprire!! Concludo comunicandovi che, dopo le molte richieste, per fine 2011, inizio 2012, non abbiamo ancora deciso la data definitiva, pubblicheremo il volume speciale, da collezione, “Sanctify the Sunday... and some evenings” che raccoglie le migliori recensioni fotografiche pubblicate durante quest’anno sul nostro sito/blog... non perdetevelo!! Ale - Editor e Dir.Creativo

UN1QUE Magazine Supplemento a Stampa Alternativa Registrazione al Tribunale di Roma n. 276/83 Direttore Responsabile: Marcello Baraghini

CREDITS

Editor e Direttore Creativo: Ciceri Alessandro UN1QUE Magazine è un progetto ideato, gestito e realizzato da AesthetiKult.com Copyright 2010-2011 UN1QUE Magazine. Tutti i Diritti Riservati - All Rights Reserved. Loghi, immagini e parole visibili e citate sono di esclusiva proprietà dei rispettivi e legittimi proprietari. Nessuna parte di questo magazine può essere riprodotta o trasmessa, in qualsiasi forma, senza il permesso dell’Editor. Le espressioni e idee espresse dagli intervistati, contributori e generalmente nei servizi, non riflettono necessariamente le opinioni dell’Editor e della Redazione. Tutti i servizi e/o articoli possono essere modificati per chiarezza e/o spazio disponibile. www.UniqueMag.net

-

info@UniqueMag.net 3


4


CONTENUTI

NUMERO ISSUE

03

3- Editoriale e Credits 7- Staff 8- Dove Trovarci 9- Spazio Associazioni 10- Worthersee, The Treffen 30- Mini Cooper S, Monomentale 40- 5째 Invidia Tuning Day 56- Opel Corsa, Laufen 66- Tuning Generation 9 74- Seat Leon, Purple&White 84- Hills Race, Kustom 89- Expert, Carrozzeria MP 94- Anteprima GTi du Sud 97- Dal Blog 98- Merchindize e Contatti

5


6


S STAFF ALE - AESTHETIKULT Alessandro Ciceri EDITOR e DIRETTORE CREATIVO info@UniqueMag.net

A F

TONY DESIGN Antonio Lafata L

PHOTOGRAPHER PHOTO Torino SENIOR BLACK1 Marco Amitrano PHOTOGRAPHER Swiss - CH TOM JungBluth PHOTOGRAPHER Luxemburg WILLVISION William PHOTOGRAPHER Paris - Lion - FRANCE

DANIELE ddb87

PHOTOGRAPHER Milano NICO TUNI TUNING GARAGE

PHOTOGRAPHER Rimini - San Marino

....e tutti i COLLABORATORI che ci aiutano per il buon funzionamento e aggiornamento quotidiano del sito/blog. ....e ai NUOVI RUOLI che dal prossimo numero parteciperanno alla miglior riuscita del numero con le numerose novità!!

7


FOTOGRAFI NAZIONALI E INTERNAZIONALI REPORTAGE MIGLIORI EVENTI E RADUNI AUTO DI TUTTI GLI STILI

SPAZIO CLUB E APPASSIONATI

WWW.uNIQUEmAG.NET PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATI!!!

La rivista italiana dedicata al mondo delle personalizzazioni!! ...creata da appassionati per gli appassionati... un1que magazine è disponibile nelle versioni digitale e cartacea la versione digitale la trovate direttamente ai link indicati sul nostro sito e nelle nostre pagine dei social network la vostra copia cartacea potete richiederla alla mail “info@uniquemag.net” oppure diretamente nei vostri amati raduni!! per qualsiasi altra curiosità o chiarimento: info@uniquemag.net www.facebook.com/uniquemag

8


Se anche voi volete pubblicare notizie dalla vostra Associazione non esistate a contattatrci all’indirizzo: info@uniquemag.net

SPAZIO ASSOCIAZIONI

Come promesso nello scorso numero, avreste visto nuovamente la sveglia presente nel Sommario. Eccola nel logo di “SVEGLIA TUNERS”, una Campagna Pro-Tuning di UN1QUE Magazine, che parte proprio da questo mese. Lo scopo è quello di esporsi e risolvere le vere problematiche della scena tuning italiana, dalle più ovvie a quelle meno appariscenti e soprattutto poco considerate da chi dovrebbe e potrebbe cercare di smuovere la mentalità di molti appassionati di Tuning italiani. Il tutto attraverso la creazione di manifesti, slogan, discussioni, proposte, note e quanto può essere utile. Veicolo della campagna sarà la nostra pagina Facebook, ma anche gli altri nostri strumenti quali sito/blog, rivista, stand, ecc.. Vi annunciamo che il primo passo sarà quello di fare delle proposte agli organizzatori del My Special Car di Rimini per l’edizione 2012, per fare in modo che la “nostra” fiera nazionale cominci a guardare alle sue sorelle oltreconfine e cercare di aiutarla a migliorare con proposte chiare e fattibili. Seguite la nostra pagina Facebook e, se non lo siete già, aggingetevi per restare informati: www.facebook.com/uniquemag oppure cercate “unique magazine” nella barra di ricerca di FB.

Anche in questo numero vi ricordiamo che il CONSORZIO TUNING CLUB, che riunisce molti Club del Nord Italia si sta battendo per ottenere una legge per liberalizzare la nostra voglia di Tuning. In particolare stanno raccogliendo firme da presentare in supporto al testo ed è possibile aderire alla raccolta firme in tutti i raduni con presente uno dei club fondatori: Brixia Old Mobility, Invidia Tc, Hot Import Club, Air Tc, Sasà Tc, Trucco Tc, Malizia Tc, Giemme Sport e ScreamCar Tc. Ovviamente anche altri Club possono aderire al Consorzio Tuning Club per ampliare la rappresentativa degli appassionati. Qualcosa si muove, diamoci una svegliata e facciamo realizzare una legge per il tuning!! Per altre Informazioni cercate il Gruppo su Facebook: Consorzio Tuning Club.

Associazione Gabriele Borgogni Onlus www.gabrieleborgogni.com info@gabrieleborgogni.com

CIAO SIC

UN1QUE Magazine vuole fare la sua parte anche in ambito di sicurezza stradale, per evitare altre vittime della strada, soprattutto nel modo degli appassionati di personalizzazioni. Cercheremo di sfruttare la visibilità che può avere la nostra rivista e i nostri contatti internet e dei social network. Stiamo valutando delle campagne pubblicitarie per incentivare la sicurezza anche utilizzando modifiche sulle nostre auto che più aiutano. Vogliamo far capire che gli appassionati di Tuning non vogliono solo apparire con auto vistose, ma che tengono molto anche alla sicurezza della propria auto e soprattutto di sè stessi. Oltre al fatto che ci dissociamo da qualsiasi accomunarci con Gare Clandestine di ogni genere che non si svolgono in strutture adeguate e nella massima sicurezza e legalità. Speriamo vivamente che vogliate tutti aiutarci a diffondere il nostro messaggio!!

9


Welcome to Il Treffen, il Raduno con la “erre” maiuscola, il Meeting per eccellenza... non una fiera, ma un vero e proprio raduno di appassionati all’aria aperta con tutte le caratteristiche che dovrebbe avere. Quest’anno è giunto alla sua 30sima edizione, dal 1 al 4 Giugno, riservato alle auto del gruppo Vw. Ad ospitare l’evento il paese di Reifnitz e la splendida location del lago Worthersee. Quasi un’intera valle che ospita le migliaia di auto che partecipano sin dai giorni precedenti le date ufficiali della manifestazione. Un sogno per tutti gli amanti del German, Clean e non solo.. Un’esempio per tutti gli organizzatori di raduni. La meta in cui respirare l’aria della passione più sfrenata per le personalizzazioni, le più innovative, le più inimmaginabili, le più eleganti e rispettose del proprio stile. I mini-ritrovi nell’arco delle giornate si formano da soli attraverso appassionati della stessa nazionalità, degli stessi marchi o tipologia di auto, di forum, portali ecc... La sfilata delle auto, per le strade del paese sul lago, sembrano interminabili, con ai lati centinaia di partecipanti e

10


The TREFFEN Servizio S Se rvizio Fot Fotografi o og ogra rafi fico co:: To T Tom m Ju Jung Jungbluth ngbl b ut uh

curiosi accomodati su sedie da campeggio che si gustano il passaggio delle auto. Un’evento senza fine, con l’immancabile ritrovo serale presso il distributore di benzina, la famosa piazzetta della banca dove stazione la webcam che rende meno amara l’assenza a chi osserva il via vai al computer, ecc... Le aziende che investono e credono in questo evento sono moltissime a partire dalla stessa casa madre Volkswagen che allestisce un enorme spazio esposizioni e un palco da far tremare le gambe: con passerella e presentazione delle migliori auto, pedana rotante per far ri-uscire l’auto; nessun premio, nessuna competizione, ma tanta soddisfazione. Insomma, il meglio che ogni vero appassionato vorrebbe avere e vedere in un raduno... Difficile pensare, almeno nel breve termine, altri eventi simili, soprattutto nel nostro bel paese... ma sognare non costa nulla e intanto meglio cominciare a prenotare per la prossima edizione del Worthersee!!! Vi lasciamo alle immagini realizzate dal nostro inviato e fotografo Tom Jungbluth....

11


12


13


14


15


ESISTE SCULTURA E SCULTURA... SEMPRE ARTE E’...

16


17


18


19


Le serate a Reifnitz, i primi giorni di Giugno, sono impreziosite dalla presenza di veicoli eccezionali. Immancabile appuntamento serale al distributore Shell... e la sfilata delle auto con il pubblico a bordo strada continua...

20


21


22


23


24


La follia non ha limite... come le personalizzazioni!!

25


26


27


28


29


30


MON

POSTO OMENTALE

Servizio Fotografico: TonyDesign - Dir.Creativo: Ale,AesthetiKult Studio

31


SE SI PENSA A UNA MONOPOSTO LA MENTE VA SUBITO ALLE VETTURE DI FORMULA UNO... COSA PIù SBAGLIATA SE SI HA A CHE FARE CON UN VERO APPASSIONATO DI PERSONALIZZAZIONE PERCHè OGNI LIMITE AL DESIGN VA SUPERATO IN NOME DELL’UNICITà E ORIGINALITà. ANGELO HA SUPERATO QUESTO CONCETTO REALIZZANDO UNA VETTURA MONUMENTALE: 26 ANNI, INGEGNERE LIBERO PROFESSIONISTA, VIVE VICINO BIELLA; LO ABBIAMO INCONTRATO E FATTO QUALCHE DOMANDA... E CON RISPOSTE ANCHE MOLTO PUNGENTI... DA QUANTI ANNI TI INTERESSI DI PERSONALIZZAZIONI E SEI ATTIVO NELLA SCENA? Ho cominciato a percorrere i primi passi in questo fantastico mondo nel 2003 dopo essermi sbizzarrito su motorini e scooter. Tra me e il marchio Mini è stato amore a prima vista. La mia prima auto, sulla quale ho apportato pochi interventi come neon interni ed esterni, pomello cambio, pedaliera e poco più, è stata una Mini Cooper 1.6 del 2002. Nello stesso periodo mi sono tesserato per la prima volta al Tuning Club che oggi presiedo: lo ScreamCar Tuning Club di Biella, uno dei pochi Club d punta del Nord Italia, regolarmente registrato e attivo da anni. Dopo un anno sono passato alla sua sorella maggiore l’attuale Mini Cooper S. QUANTE SONO STATE LE TAPPE PER ARRIVARE ALL’ATTUALE RISULTATO FINALE? La prima fase è stata quella di montare un kit estetico artigianale in VTR allargato 2,5cm per parte, cerchi in lega Dotz Brands Hatch 17”, scarico Powerful, centralina rimappata, assetto Eibach, oscuramento dei vetri, fari posteriori Lexus-style e rivestimento interni in pelle.

32

Poco più avanti ho perfezionato alcuni particolari come la resinatura dei componenti estetici per creare una carrozzeria monoblocco, kit LSD, verniciatura Crazer Blue con glitter, alettone Mini Cooper GP, particolari in vero carbonio. Poi, non contento, ho aggiunto un allargamento di 12 cm per parte, cerchi Lexani Firestar black 18” e lo scarico diretto. L’ultima fase è stata quella finale dell’impianto audio/ video completo, la guida monoposto centrale, il cruscotto autocostruito e la guida elettronica. DI QUESTE FASI QUALE HA AVUTO UN EPISODIO PARTICOLARMENTE INTERESSANTE? Sicuramente il più recente, riguardante gli interni/ meccanica: l’idea era di realizzare una guida monoposto centrale. Al tentativo fallito di portare il volante in posizione centrale, a meno di affrontare pesanti modifiche, ho guardato il mio installatore e gli ho detto “perchè disperarsi tanto, basta che realizziamo un sistema di sterzo drive-bywire”. Mi ha fulminato con lo sguardo, ma il risultato finale è lì da vedersi. QUALE È STATA LA TUA FONTE DI ISPIRAZIONE? Mi piace molto confrontarmi e raccogliere i suggerimenti degli amici; se le loro idee mi convincono, non esito ad unirle alle mie e mettermi all’opera. PERCHÈ HAI SCELTO QUESTA VERNICIATURA? E’ speciale, ma allo stesso tempo raffinata. HAI LA POSSIBILITÀ DI REALIZZARE IL PROGETTO DEI TUOI SOGNI, QUALE SAREBBE? Nel limite del reale ho sempre puntato ad ottenere ciò che desideravo. Me ne convinco ogni volta che poso gli occhi sulla mia Mini. QUALI ALTRE PERSONE TI HANNO AIUTATO NELLA REALIZZAZIONE? All’inizio l’aiuto economico fondamentale è arrivato dalla famiglia, ora invece è tutto a carico mio. Per quanto riguarda l’aspetto pratico sono intervenuti il mio carrozziere Luca Borrini della carrozzeria La Brusnenghese di Brusnengo (BI), il mio installatore Simon ACS di Biella e diversi amici tra cui Matteo e Luca Stanzani, Moreno Lunardon e Gianvi Di Noia. QUALE PENSI SIA LO STILE DELLA TUA AUTO? Lo stile preponderante è lo Spanish al quale mi sono ispirato per allargamenti, verniciatura e cerchi vistosi. Hanno trovato spazio anche qualche particolare racing o japan con particolari in carbonio e lo scarico laterale. Per le lisciature e le parti unificate gli spunti arrivano dal German e dal Cleaned. Gli interni invece sono futuristici/tecnologici. Questo mix ha generato il mio stile prendendo ciò che mi piace e riproponendolo secondo i miei canoni. TENDENZA DELL’ATTUALE SCENA TI PIACE MAGGIORMENTE? Se oggi dovessi cominciare un auto da zero affronterei un percorso che ha come base una VW Passat o meglio una C300 e come interventi principali lisciature e cura dei dettagli in stile Cleaned aggiungendo un tocco di classe/ appariscenza donato da interventi in stile DUB. QUALI I RICONOSCIMENTI PIÙ IMPORTANTI CHE HAI RAGGIUNTO FINORA? Il 2011 è stato un anno importante aggiudicandomi la Top30 al My Special Car di Rimini e il recente Top20 all’11ème GTI du Sud di Cap d’Agde in Francia. (continua...)


33


34


35


36


QUALI SONO, SECONDO IL TUO PARERE, LE MODIFICHE CHE NON POSSONO MAI MANCARE IN UNA PREPARAZIONE? Sembra scontato ma sono fondamentali i cerchi, poi la verniciatura ed i componenti in carbonio. QUAL È LA TUA IDEA DEL TUNING ITALIANO?? Il tuning italiano è senza dubbio di alto livello anche se possiamo esprimerlo solo al 10% a causa della legislazione attuale. Ne abbiamo avuto conferma al GTI du Sud conquistando sei dei 20 riconoscimenti messi in palio. I club che possono essere definiti tali sono pochi, ma buoni. Sento nuovi nomi ogni giorno, ma non basta avere tre macchine che girano con lo stesso adesivo sul lunotto per poter dire “io faccio parte di un tuning club”. Per fortuna il tempo ed i fatti agiscono come un processo di seleziona naturale. I raduni “della domenica” sono sempre più il cancro di questa passione. Ogni anno che passa la qualità peggiora sia per quanto riguarda l’aspetto organizzativo che per le auto partecipanti. Per fortuna, come per i Clubs, anche per i raduni si sa dove si può stare in mani sicure. QUAL È LA TUA OPINIONE RIGUARDO LE PREMIAZIONI E LE COMPETIZIONI AI RADUNI? Quali premiazioni? Ultimamente trovi raduni con 100 auto partecipanti e 250 coppe e trofei in palio. Tanto vale consegnarne due a testa all’ingresso come gadget. Nonostante tutto trovi ancora gente che discute per collezionarne il più possibile. Il top è quando fatti del

genere accadono a raduni organizzati dai commercianti stessi delle coppe in palio. Per le categorie non ne parliamo: una volta c’erano le classiche soft, hard, extreme. Poi è stata introdotta la medium, ma non è stato sufficiente. Ecco allora spuntare prima le no-limits e poi la entry. Ora ditemi voi qual’è il limite che porta ad essere iscritto come soft e non come entry... NON È UN SEGRETO CHE TU PORTI L’AUTO A CARRELLO AI RADUNI, QUAL’è LA TUA OPINIONE SUL TRATTAMENTO DI QUESTA CATEGORIA “AUTO A CARRELLO”? Se hai un auto talmente elaborata da non poter mettere una ruota su strade aperte al traffico e la presenti all’ingresso su carrello è sicuro che vieni messo in quella categoria, escludendoti quindi dalla competizione per evitare che gli altri partecipanti dicutino con l’organizzazione perchè non portano a casa abbastanza “latta”. Vi rendete conto? Ad un raduno di auto elaborate se hai l’auto troppo elaborata ti escludono... RIASSUMICI I MOTIVI PER CUI HAI SCELTO QUESTA MODALITÀ. Ho girato anni con l’auto al limite dell’illegale, ma da quando ho passato questo limite e trasporto la mia Mini su carrello posso dire che ho molti pro e pochi contro. I pro sono che viaggio comodo senza l’angoscia di tornare a casa senza libretto o senza macchina, non rischio di rompere niente, non ho problemi di parcheggiare e... (continua..)

37


38


...trovarmi la fiancata sportellata, non mi faccio prendere in giro da truffatori che promettono omologazioni facili e non ho più limiti alla mia voglia d tuning! I contro? La spesa per le trasferte è più alta e non posso più guidarla su strade aperte al traffico. E QUALI SONO STATE LE TUE ESPERIENZE CON I TENTATIVI DI OMOLOGAZIONE IN ITALIA? Sono state molte e nessuna positiva. Senza fare nomi una nota agenzia di pratiche auto lombarda mi ha trattenuto il libretto sei mesi insieme ad oltre mille euro di acconto promettendomi omologazione completa senza neanche la visita in motorizzazione. Risultato? Libretto smarrito e sono stato costretto a insistere molto con la titolare per farmi restituire i soldi. Un’altra notissima azienda emiliana mi ha rilasciato un plico di fogli dopo avermi misurato la larghezza dell’auto col filo a piombo da carpentiere per una somma di quasi mille euro fatturati. Portati i suddetti fogli alla stradale mi hanno detto che erano inutili. La Dekra Italia e i C.P.A. vogliono progetti dell’auto, prove in pista e di crash test e non so quante migliaia di euro. Direi che ho fatto tentativi sufficienti. COSA, SECONDO TE, È STATO PIÙ APPREZZATO DELLA TUA AUTO AL “GTI DU SUD” IN FRANCIA? Risposta forse ovvia: lo sterzo. Anche in Francia avrò ripetuto centinaia di volte come ho realizzato il sistema di

sterzo senza l’uso del volante... fortuna che lì quando non ce la facevo più rispondevo “sono italiano, non capisco cosa mi sta chiedendo”. COME SI SONO SVOLTE LE VALUTAZIONI AL GTI? Per prima cosa, apprezzano le auto a carrello, infatti, le uniche due presenti hanno vinto entrambe la Top20. Le auto sono state valutate in modo discreto, cercando di selezionare il meglio dei vari stili e dei vari paesi di provenienza. Le scelte discutibili non sono mancate, ma considerando il livello dell’evento sono del tutto trascurabili. COME È STATO VINCERE AL GTI?? Vincere al GTi du Sud è una delle soddisfazioni a cui molti tuner puntano e pochi riescono ad ottenere. Essere premiato tra le migliori 20 auto su migliaia provenienti da mezza Europa ripaga ore di sonno perse e qualche migliaio d euro spesi. QUAL È SECONDO TE IL MIGLIOR EVENTO/RADUNO ITALIANO DI QUEST’ANNO?? Il migliore evento resta il My Special Car di Rimini. Con tutti i difetti che può avere è ogni anno sempre più frequentato e vissuto. Puoi trovare, tutti insieme, i tuners di quasi tutta Italia e non solo. Puoi incontrare gente con la quale hai scambiato foto e commenti per un anno su Facebook senza esserti mai visto in faccia e vivi tre giorni e tre notti di tuning allo stato puro. §

39


5° INVIDIA TUNING DAY N Servizio Fotografico: Black1 e Ale AesthetiKult Studio

30-31 Luglio 2011 - Ortomercato di Brescia

E’ impensabile mancare a una delle migliori manifestazioni, organizzate da Club, che si ripete da cinque anni a Brescia. Una data che i veri appassionati non dimenticano di segnare sul calendario e, anche quest’anno, centinaia di auto si sono presentati nell’insolita, ma originale e adatta alle temperature, location dell’Ortomercato. UN1QUE Magazine non ha mancato l’appuntamento e, con il proprio stand, ha cercato di farsi conoscere e ha conosciuto moltissimi appassionati a cui va il nostro grande ringraziamento per i complimenti e la stima dimostrataci. Le immagini parleranno da sole di questo evento, il quale ha offerto molte novità e anche spunti di riflessione su alcune problematiche vere dei raduni italiani... sfogliate le prossime pagine...

V

D 40


I N V I D I 41


42


43


Immancabili agli eventi Invidia le piscine per combattere il caldo estivo di fine luglio!!

44


e se prima delle premiazioni....

E se prima delle premiazioni gli organizzatori prendono un sacco e scaraventano giÚ dal palco decine di coppe e premi... presto è spiegata la scelta di contenere le premiazioni della manifestazione in poche decine di riconoscimenti: la Passione non è nel vincere un pezzo di latta, ma nel partecipare con la propria auto, stare insieme, scambiarsi idee, incontrare altri appassionati. Una dimostrazione appariscente che ha un significato altrettanto forte e deciso: cambiare la mentalità . Lo sguardo soddisfatto degli organizzatori Omar e Giuliano dopo il gesto del lancio delle coppe.

Ma che fine avranno fatto le coppe gettate?? Girate pagina...

45


....ecco il risultato pochi minuti dopo.. Durante una pausa musicale e il lancio di gadgets, prima delle effettive premiazioni, le coppe gettate sono magicamente sparite... Siamo sì stati testimoni di bambini che se ne sono accaparrate un paio a testa (e fin lì va bene, son bambini..), ma siamo testimoni anche di persone partecipanti, con auto, che, zitti zitti, hanno pensato bene di aggiungere qualche pezzo di latta alla loro strana collezione... Che senso avrà poi esporre riconoscimenti senza averli ricevuti per merito o reale valutazione della propria autovettura??!! Noi non abbiamo trovato una risposta. Sicuro è che il cambio della mentalità, riguardo anche le coppe, non sarà affatto semplice e breve!!

GIRLS

46


47


48


CISKO

49


50


51


52


53


PREMIAZIONI

Ecco le foto delle premiazioni che, come giĂ detto, sono state moderate. In questa pagina i vincitori nelle categorie Audio, SPL e i riconoscimenti speciali. Nella pagina a destra altri premi speciali e i vari assoluti della giornata.

54


Dall’alto a sinistra in senso orario: l’assoluto in SPL, il Club LowBass, l’assoluto in estetica: Fabio con la MG ZR, i Top20 estetica, il Club più numeroso: Tuning Night Monza.

55


Servizio Fotografico: Ale,AesthetiKult Studio

56


57


MAURO, 26 ANNI, MILITARE DI CARRIERA DELL’ESERCITO ITALIANO, è SEMPRE STATO ATTRATTO DA TUTTO CIÒ CHE POSSIEDE UN MOTORE E DELLE RUOTE. TRA LE SUE PASSIONI C’È ANCHE LA FORMA FISICA CHE CURA ATTRAVERSO LA PALESTRA. IL SUO MOTTO è “CI VUOLE STILE IN OGNI SITUAZIONE DELLA VITA”. E QUESTO TRASPARE ANCHE DALLA SUA AUTO: UN OPEL CORSA C DEL 2006 CON UN MOTORE 1.2 DA 80 CV... SCOPRIAMO LA SUA PASSIONE PER LE PERSONALIZZAZIONI... DA QUANTI ANNI TI INTERESSI DI PERSONALIZZAZIONI E SEI ATTIVO NELLA SCENA? Da 10 anni circa... Iniziai a personalizzare lo scooter a 15 anni sostituendo parecchi componenti del motore e dando poco peso all’estetica, poi conseguita la patente, mi sono fatto trascinare dall’euforia delle modifiche estetiche dopo essere stato ad un raduno in provincia di Como. La mia prima auto è stata una punto GT acquistata nel 2003, come prima macchina non potevo chiedere di meglio. Con essa ho partecipato al mio primo raduno e, ignorante in materia, mi sono presentato con l’auto totalmente originale: la mia concezione di Tuning era molto diversa da quella degli altri in quanto io puntavo più alle prestazioni e meno all’estetica. Fu così che da quel momento ho iniziato studiare gli stili di Tuning a livello italiano e mondiale, dei componenti reperibili sul mercato e ho seguito qualche consiglio di gente più esperta di me. Questi tre ingredienti hanno fatto sì che, una volta sostituita la Punto con la Corsa, le idee di cosa volevo realizzare erano abbastanza chiare. FAI PARTE DI QUALCHE CLUB? Sì, faccio parte del SD Tuning Club che è nato da circa un anno dalla passione per il Tuning mia, di Maurizio e di

58

Claudio. Abbiamo anche un forum sulla quale le visite non mancano, ma la cosa più complicata è la gestione. QUAL È LA TUA OPINIONE RIGUARDO I CLUB? A parere mio i Club sono importanti perchè possono aiutare, attraverso i consigli, su come elaborare un auto, oppure permettono l’organizzazione e partecipazione di eventi che singolarmente uno non si potrebbe neanche sognare. Promossi in ogni loro aspetto. PER QUALE MOTIVO HAI SCELTO QUESTA AUTO COME BASE DEL TUO PROGETTO? Ho scelto l’Opel Corsa semplicemente perchè aveva già omologati a libretto dalla casa madre una misura di cerchi esagerata per la cilindrata dell’auto. Ovvio che anche l’auto mi affascinava nel complesso, però devo ammettere che il primo dettaglio che ho preso in considerazione, nell’acquisto della nuova auto, erano proprio i cerchi che secondo me sono l’anima di una macchina. Inoltre i consumi sono ridotti e le spese di manutenzione minime.... certo, a discapito delle prestazioni che avevo con la GT, ma mi ci sono adeguato. QUANTO È STATO IL TEMPO PER COMPLETARE LA REALIZZAZIONE A COME È ORA? L’auto ha subito ben tre cambi di stile: un po’ perchè, crescendo, si cambiano i gusti, un po’ per adeguarsi alle mode. Dal 2009 però ho iniziato a seguire una corrente definitiva che quest’anno sta spopolando in Italia, quella del German e del Cleaned style, cercando di prendere le idee migliori da entrambe le parti. Per arrivare a questo livello di personalizzazione, ci sono voluti 4 anni, il problema principale sono stati i soldi, in quanto un elaborazione di questo livello, se pur in apparenza può sembrare molto sobria, ha richiesto 25.000€ più il valore dell’auto. Un non appassionato direbbe: “tu sei pazzo, con gli stessi soldi ti prendevi un golf!”, ma garantisco che, se dovessi tornare indietro, non esiterei a rifare la stessa scelta, in quanto il piacere di guidare un’auto creata su misura per me non è come guidare un’auto commerciale se pur bella. QUALE È STATA LA FONTE DI ISPIRAZIONE? Ho tratto ispirazione da internet, attraverso i forum italiani e stranieri, dai raduni (in particolari quelli che ho svolto all’estero) e dagli amici che ho frequentato. HAI LA POSSIBILITÀ DI REALIZZARE IL PROGETTO DEI TUOI SOGNI, QUALE SAREBBE? A livello di Tuning estetico mi reputo soddisfattissimo. Avendo molti soldi a disposizione, mi piacerebbe acquistare un’auto americana disastrata degli anni ’60, tipo Shelby gt 500 o simili, restaurarla e prepararla esclusivamente di motore. QUALI ALTRE PERSONE TI HANNO AIUTATO NELLA REALIZZAZIONE? Innanzitutto la mia dolce metà Marianna (ndr.:presente nel servizio fotografico) che, durante questi anni, ha sostenuto la mia passione senza crearmi grossi ostacoli nella realizzazione. Per la parte tecnica ringrazio particolarmente il mio miglior amico Edoardo, nonchè carrozziere di fiducia, per avermi aiutato nella creazione dell’auto attraverso consigli e la realizzazione, con pazienza infinita, di numerosi pezzi a livello artigianale. Infine ringrazio anche il mio gatto Mango, un British Shorthair di colore grigio/blu. Da lui ho preso l’ispirazione per il colore della verniciatura. (continua...)


59


QUALE TENDENZA DELL’ATTUALE SCENA TI PIACE MAGGIORMENTE? Decisamente il german/cleaned style, li trovo affascinanti in quanto, con piccoli accorgimenti, si riesce a dar luce a delle opere d’arte. Inoltre è alla portata di quasi tutti, il problema è solo avere buon gusto concentrandosi sui dettagli e non sulla complessità. QUALI SONO, SECONDO IL TUO PARERE, LE TRE MODIFICHE CHE NON POSSONO MAI MANCARE IN UNA PREPARAZIONE? Dopo la mia esperienza, non devono mancare dei bei cerchi, possibilmente a canale, ed un buon assetto a ghiera. Questi due elementi costituiscono il 70% dell’opera, sia per l’estetica che per il miglioramento della stabilità dell’auto. Poi se ad essi si affianca un bel colore e qualche dettaglio di rilievo il gioco è fatto. QUAL È LA TUA IDEA/OPINIONE DEL TUNING ITALIANO ATTUALE? Partiamo dal presupposto che la legge in materia di omologazioni non ci assiste; però il tuning in Italia, secondo me, è come una bandiera che sventola in base al vento. C’è stato il periodo “Fast and Furious” dove tutti andavano in giro con i neon sottoscocca, il periodo DUB style dove tutti compravano cerchi cromati e finti swaroski per abbellire gli interni, ed ora, il periodo german/cleaned style dove tutti stanno smantellando le loro vecchie elaborazioni per riproporle in questo stile. Purtroppo non abbiamo un vero e proprio stile nella nostra nazione malgrado i

60

nostri avi abbiano predominato il mondo con monumenti ed opere d’arte di valore inestimabile. Probabilmente dovremmo augurarci l’arrivo di un “Leonardo Da Vinci” del Tuning che permetta al nostro Tuning di essere imitato e non limitarci solo a copiare noi dagli altri paesi. Chissà quanto dovremmo ancora aspettare! QUALI SONO LE SITUAZIONI O PROBLEMATICHE NEI RADUNI? QUALI CONSIGLI VORRESTI DARE? Premetto che non mi importa molto

delle coppe ai raduni perchè partecipo per stare in compagnia dei miei amici e di altri appassionati del settore. Fatta questa premessa, non posso fare a meno però di sottolineare alcuni aspetti. Nei raduni ci sono troppe cose soggettive e poche cose oggettive. Molti giudici privilegiano uno stile rispetto ad un altro, la quantità al posto della qualità, le amicizie al posto dell’impatto visivo, troppi dettagli che poi si ripercuotono ai fini della valutazione. Il mio consiglio, per


quanto riguarda le valutazioni estetiche, anche se difficile da realizzare, sarebbe quello di creare un vero e proprio regolamento, in accordo con i club di maggior importanza a livello nazionale, dove, per iniziare, si definiscono bene le categorie di appartenenza in base a ciò che si monta. Vorrei vedere tre giudici di cui uno carrozziere, un venditore di accessori tuning ed infine un semplice appassionato non appartenente al club organizzatore. Il giudizio di quest’ultimo

è importantissimo perchè l’auto può essere ben fatta e con accessori di qualità, ma se nel complesso il risultato è pessimo, il terzo giudice può incrementare o penalizzare la votazione in modo decisivo. A QUALI EVENTI IMPORTANTI HAI PARTECIPATO? COME HAI VISTO LA PASSIONE, LE AUTO, L’ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI ALL’ESTERO? A causa del mio lavoro, che spesso mi tiene impegnato anche la domenica, non

riesco a partecipare a tutti i raduni, anche importanti, che si svolgono durante l’anno. Comunque nel 2011 ho partecipato al My Special Car di Rimini, prima esperienza per me e mi sono divertito molto. Successivamente ad eventi ugualmente belli ma meno grossi. All’estero sono stato tre volte in Svizzera, una volta a Grancia (Raduno Street Art Tuning 2010), una volta a Vezia (Gold Tuning Show 2010), infine a Cazis (8° Tuning Day 2010).Ho notato molte differenze sia nello stile delle elaborazioni che preferisco in quanto più curate e lineari, sia per quanto riguarda le valutazioni. In particolare a Grancia c’erano dei giudici che seguivano un modello di valutazione simile a quello descritto nella domanda precedente e devo dire che nessuno si è lamentato. Le premiazioni poi sono fantastiche, sfilata davanti al palcoscenico con foto, così tutti sanno chi ha vinto quel premio e la motivazione. QUAL È, SECONDO TE, L’ATTUALE MIGLIOR AUTO PERSONALIZZATA SULLA SCENA TUNING ITALIANA? Diciamo che ce ne sono parecchie notevoli in circolazione, però tutto dipende dai soldi a disposizione e dall’uso che se ne fa. Comunque una delle auto da me preferite in questo 2011 è senza dubbio la Grande Punto Verde di Andrea e realizzata da Laini Design presentata sul primo numero di UN1QUE Magazine. Veramente ben fatta. §

61


62


63


64


65


TUNING GENERATION NOVE

COSSATO (BIELLA) 17 LUGLIO 2011

Nona edizione: pochissimi, se non nessun’altro, è riuscito finora a far arrivare il proprio evento a un numero di edizioni annuali così elevato. Riesce a incrementare, anno dopo anno, lo ScreamCar Tuning Club di Biella che, nonostante il tempo incerto, è riuscito a radunare anche quest’anno molti appassionati da tutto il Nord Italia e realizzare al meglio l’ennesima edizione della propria manifestazione. Lasciamo le parole alle nostre immagini e nel 2012 ci aspettiamo la decima edizione per coronare un decennale impeccabile!!

66

Servizio Fotografico: Se Ale AesthetiKult Studio


67


68


Due Vw Golf wrappate: la prima dai colori militari opachi e cofano e tetto in effetto wood; la seconda con pellicola in effetto carbonio nera e bianca!!

69


70


71


72


Particolari e strani personaggi si aggiravano per il raduno...

73


74


Servizio Fotografico: Ale, AesthetiKult Studio

75


LA CASA AUTOMOBILISTICA SEAT, QUANDO HA SCELTO IL NOME LEON HA PENSATO SICURAMENTE A ESPRIMERE LA GRINTA DELL’AUTO; PAOLA, 25 ANNI, GLI HA DATO QUEL TOCCO AGGRESSIVO ED ELEGANTE PER COMPLETARE L’OPERA. ABITA NEL CANTON TICINO, LAVORA IN UNA CASA PER ANZIANI COME ASSISTENTE DI CURA, OLTRE ALLA PASSIONE PER I MOTORI AMA LA MUSICA, ADORA VIAGGIARE, I TATUAGGI E, NEL TEMPO LIBERO, SI DEDICA ALL’ART NAILS. UN1QUE HA VOLUTO SCOPRIRE I SEGRETI DELLA REALIZZAZIONE E I PENSIERI DELLA PROPRIETARIA. DA QUANTI ANNI TI INTERESSI DI PERSONALIZZAZIONI E SEI ATTIVO NELLA SCENA? La mia passione per il tuning è nata nel 2002 quando giravo con amici proprietari di auto personalizzate; due anni dopo, compiuti i 18 anni, ho acquistato una Punto Gt abbastanza preparata e, per renderla più unica le ho aggiunto cerchi e assetto. Nel 2006 come seconda auto ho acquistato un’ibiza cupra che ho tenuto per due anni, dopo averla preparata l’ho venduta subito avendo avuto un’ottimo acquirente e così, nel 2009, ho comprato la Leon FR migliorando così il livello di auto. HAI FATTO PARTE DI QUALCHE CLUB? Non faccio parte di nessun Club. Sono dell’opinione che per avere questa passione non per forza devi far parte di un Club. PER QUALE MOTIVO HAI SCELTO QUESTA AUTO COME BASE DEL TUO PROGETTO?? Ho scelto una Leon perchè in quegl’anni nel mondo del tuning se ne vedevano ancora poche, e soprattutto per la sua linea sportiva. QUANTO È STATO IL TEMPO PER LA REALIZZAZIONE?? La realizzazione, nel totale dei vari step, è durata circa meno di un anno, da metà 2010 fino al marzo 2011.

76

RACCONTACI QUALCHE TAPPA INTERESSANTE DELLA PREPARAZIONE La realizzazione della leon, in realtà ha avuto tre step: inizialmente era tutta bianca, con kit di fabbrica Linea-R, come prima modifica ho montato cerchi da 18”,assetto, fari posteriori a led. Il secondo step è stata l’eliminazione delle maniglie porte, delle frecce laterali, dell’antenna, della chiusura del logo portellone posteriore, la calandra anteriore senza logo, l’allargamento dei passaruota per montare i cerchi da 20 pollici. E gli interni bicolor in pelle bianchi e oro. Per l’ultimo step ho dato il tocco del color prugna sul tetto e agli specchietti, abbinando il colore della carrozzeria anche ai cerchi. Volevo darle ancora di più un tocco aggressivo chiudendo i fendinebbia sul paraurti anteriore e renderlo più liscio possibile; la stessa cosa per il paraurti posteriore lisciandolo senza scarico a vista; infine ho fatto resinare le minigonne. In conclusione ho cambiato nuovamente gli interni realizzandoli in colore prugna e grigio, rendendola sportiva, ma allo stesso tempo più elegante; allo stesso modo ho verniciato il vano motore sempre color prugna. QUALE È STATA LA TUA FONTE DI ISPIRAZIONE? La mia fonte di ispirazione l’ho presa da diversi aspetti: nell’osservare le varie modifiche delle auto nei vari raduni, nei consigli degli amici e mettendo tutto insieme con un po’ di immaginazione per la creazione. PERCHÈ HAI SCELTO QUESTA VERNICIATURA? Il colore bianco mi è sempre piaciuto sull’auto, per renderla ancora più personale ho scelto il prugna. HAI LA POSSIBILITÀ DI REALIZZARE IL PROGETTO DEI TUOI SOGNI, QUALE SAREBBE? Per ora sono ancora abbastanza indecisa sul prossimo progetto da realizzare. QUALI ALTRE PERSONE TI HANNO AIUTATO NELLA REALIZZAZIONE? In questi anni sono state molte le persone che mi hanno aiutato a realizzare questo progetto: in particolare ringrazio la Carrozzeria Laini e Wheels World. QUALE TENDENZA DELL’ATTUALE SCENA TI PIACE MAGGIORMENTE?? La tendenza del momento noto che sia il German e il Clean style, ma in realtà in pochi riescono a realizzarlo come si deve. Comunque sono del parere che ogni auto abbia il suo stile ed è sempre bello vedere realizzazioni diverse. QUALI I RICONOSCIMENTI PIÙ IMPORTANTI CHE HAI RAGGIUNTO FINORA?? Il riconoscimento più bello che ho ricevuto è essere stata al Worthersee, aver ricevuto i complimenti per la creazione, ed essere stata intervistata, presentando l’auto, allo stand della Seat. Queste sono le soddisfazioni e la dimostrazione della vera passione senza coppe. QUALI SONO, SECONDO IL TUO PARERE, LE TRE MODIFICHE CHE NON POSSONO MAI MANCARE IN UNA PREPARAZIONE? Assetto e cerchi sono indispensabili. Poi ciascuno può personalizzare la propria vettura secondo il proprio gusto e stile. (continua...)


77


78


79


80


QUALI LE SITUAZIONI O PROBLEMATICHE GENERALMENTE HAI TROVATO NEI RADUNI?? Ho notato che in Italia la maggior parte delle volte ci sono discussioni per degli aspetti inutili o sempre a causa delle valutazioni e delle coppe; in alcuni casi le auto, per poter competere, devono avere su tutto e di più. In svizzera curiamo più lo stile. Poi, ciascuno di noi vede il Tuning a proprio modo e deve essere cosi. QUAL È, SECONDO TE, L’ATTUALE MIGLIOR AUTO PERSONALIZZATA SULLA SCENA TUNING ITALIANA? In Italia sono molte le auto che meritano e che sono realizzate a regola d’arte; e così anche all’estero. Per non dare di più a uno e togliere all’altro preferisco non citare nessuna singola auto. QUAL’è LA TUA OPINIONE RIGUARDO I PREMI RISERVATI ALLE RAGAZZE AI RADUNI?? Secondo me è una categoria che non dovrebbero più inserire tra i premi in palio negli eventi, anche perchè una donna prepara l’auto nello stesso modo e livello del uomo. UN1QUE è DACCORDO CON TE... §

81


82


83


HILLS RACE - RIVANAZZANO (PV) 2-3-4 SETTEMBRE 2011

84

Servizio Fotografico: Ale AesthetiKult Studio


85


86


87


Abbiamo voluto non scrivere nulla nelle prime pagine dell’articolo per lasciarvi assaporare tutte le foto, senza essere influenzati da commenti o osservazioni... Avete respirato tramite le immagini un po’ della vera Cultura Kustom, in tutte le sue varie sfaccettature. Hills Race è l’evento annuale, organizzato da American Motors di Pavia con la collaborazione di Sadurano Motorsport , Hot Heads Garage e Rumblers Car Club. L’unica manifestazione che raduna gli amanti delle accelerazioni e della strip da un quarto di miglio, le moto kustom, le auto americane e custom, i kafer e famiglia, artisti, rivenditori, accessori e abbigliamento... La nostra speranza è che un pizzico della cultura del Custom entri nelle vene dei Tuners così da cambiare la mentalità e riuscire ad avere, anche per il Tuning (Custom moderno) la stessa, o almeno simile, aria di CULTURA delle personalizzazioni, in ogni ambito e in ogni settore. Una cultura e mentalità che ci faccia riavere il rispetto degli appassionati del Custom, padre del nostro amato Tuning, che ora non ci vedono molto di buon occhio, tanto da negare alla nostra rivista l’accredito stampa, perchè trattiamo prevalentemente di Tuning e perchè, nostri colleghi, precedentemente, non hanno saputo valorizzare questo evento e la cultura Kustom nelle loro pagine e con i loro stand sul posto. UN1QUE Magazine continuerà, nel possibile, a dare spazio alla vera cultura nella speranza che anche voi possiate farne tesoro. §

88


EXPERT

CARROZZERIA

M.P.

UN1QUE Magazine ha fatto visita alla Carrozzeria di Cossato, pochi chilometri da Biella, in Piemonte. Ha incontrato i titolari e gli operai della ditta, ma soprattutto molti clienti appassionati di personalizzazioni che affidano a loro le cure della propria auto. Oltre al classico lavoro di riparazione auto incidentate sono state molto le personalizzazioni realizzate; il motivo principale che spiega ciò è la passione di Emanuel, titolare insieme al padre, al quale abbiamo fatto qualche domanda... Carrozzeria M.P. di Magistro & Pertegato s.n.c. Via Dante Alighieri, 109 - 13836 Cossato (Biella) Tel. e Fax 015.93495 - E-mail: carrozzeriamp@tiscali.it 89


EMANUEL, 26 ANNI, LAVORA DA 9 ANNI INSIEME AL PADRE NELLA CARROZZERIA M.P.. OLTRE ALLA PASSIONE PER I MOTORI GIOCA A CALCIO E AMA LA PESCA E LA BUONA CUCINA. DA QUANTI ANNI È ATTIVA LA VOSTRA ATTIVITÀ? La Carrozzeria M.P. è attiva dall’anno 1976 e svolgiamo tutti i lavori possibili di carrozzeria: dal normale sinistro, alla riparazione della vetroresina, dalle riparazioni di cerchi in lega, all’oscuramento vetri omologati, fino al restauro di auto d’epoca. Da quando poi sono entrato personalmente a far parte del team di lavoro mi sono dedicato anche al Tuning. IN QUANTI SIETE A LAVORARE IN CARROZZERIA? In tutto siamo in cinque, noi due titolari e tre operai. COME è INIZIATA L’AVVENTURA NELLE PERSONALIZZAZIONI TUNING? Ho iniziato preparando la mia Peugeot 106 Rally, che si è aggiudicata il sesto posto al My Special Car nel 2004 nel concorso di Elaborare; come primo evento a cui partecipavo e nel realizzare di aver scoperto un nuovo mondo mi son detto che non era affatto male. Sono quindi riuscito a procurarmi un po’ di lavorazioni tuning... da allora sono una cinquantina le auto preparate dalla carrozzeria M.P..

90

QUAL’è IL PERIODO PIù FREQUENTE CHE VI CHIEDONO REALIZZAZIONI TUNING? Diciamo che il periodo più intenso di lavori tuning è quello da novembre ai giorni prima del My Special Car. QUALI LAVORO AVETE REALIZZATO ULTIMAMENTE?? Nell’ultimo anno abbiamo realizzato la 500 di Marco, la Ford Fiesta di Gianvi dello Scream TC (ndr:presente sul prossimo numero di UN1QUE Magazine), tre bmw 330, due Focus, una Mini Cooper, due Golf (di cui una attualmente sotto sequestro perchè la legge italiana in questo settore è scandalosa... ma tralasciamo...) QUAL’è IL TUO PROGETTO DEI SOGNI, RIGUARDANTE ANCHE L’ATTIVITà? Il progetto dei miei sogni??? Ce ne sarebbero tanti.... Ma in particolare mi piacerebbe ampliare l’attività fornendo un servizio completo ai clienti, offrendo la possibilità di avere un reparto elettrauto, uno meccanico e uno di selleria... e poi realizzare un’ altra mia auto tuning personale. QUALE TENDENZA DELL’ATTUALE SCENA TI PIACE MAGGIORMENTE? E QUALI MODIFICHE INDISPENSABILI? Sono molto appassionato di German style: per me la macchina deve essere bassa e liscia, senza dimenticare gomme esagerate; riguardo invece gli interni devono essere molto fini e realizzati nei minimi particolari senza esagerare con strumentazioni e cose del genere, secondo me inutili. OLTRE ALL’ATTIVITÀ, PARTECIPI SPESSO ANCHE A RADUNI CON LA TUA AUTO. QUAL È LA TUA IDEA DEL TUNING ITALIANO ATTUALE? Penso che il tuning sia una stupenda passione che lega molti amici... il vero problema è sempre solo uno.... la legge che non ci permette di fare le cose che vogliamo legalmente.. E’ proprio una cosa che non riesco a comprendere, anche perchè con noi tuner ne gioverebbe anche lo stato con la possibilità di omologare le nostre auto e realizzare di conseguenza entrate per la motorizzazione. Il motivo è che, per colpa di qualche personaggio il tuning è spesso legato dalle persone comuni all’immaginario delle gare illegali... Invece il vero tuning è passare giornate in compagnia di amici che incontri in occasione di raduni; il tuning è uno scambio di idee, passione e tanto divertimento... D’altra parte una cosa che suggerirei ai Club e organizzatori di raduni ed eventi è la messa in palio di meno coppe. QUAL È LA TUA OPINIONE RIGUARDO L’UNICA FIERA ITALIANA DEDICATA AL TUNING: IL MY SPECIAL CAR?? Il My Special Car è un’evento straordinario e dovrebbero farlo almeno un paio di volte l’anno. Sinceramente non ho mai pensato di partecipare come Carrozzeria ma non la trovo male come idea. Gli ultimi tre anni sono andato esclusivamente come, ma la prossima edizione parteciperò nuovamente... con quale auto non lo so ancora, ma sicuramente sarà una tedesca molto particolare o una americana... §


91


In queste pagine alcune delle ultime realizzazioni della Carrozzeria M.P. e la sede dell’attivitĂ

92


93


!!ANTEPRIMA ESCLUSIVA!!

Servizio Fotografico: ddb87

Piccola anteprima esclusiva direttamente da Cap D’Agde (Francia), dove ha avuto luogo, sabato 17 e domenica 18 settembre, l’edizione 2011 del GTi du Sud organizzata dall’omonima rivista GTiMag. Anche quest’anno gli italiani e le loro vetture hanno partecipato numerosi per confrontarsi con gli appassionati Francesi e non solo. Il risultato è stato ottimo con ben sei Top delle venti in palio!! Abbiamo pensato di fare un piccolo regalo a tutti loro, pubblicando già su questo numero le prime foto che ritraggono proprio alcuni italiani presenti all’edizione di questo anno. Ovviamente sul prossimo numero daremo ampio spazio a tutto l’evento con un’articolo esclusivo e tante foto!!

94


Ecco gli Italiani e le loro auto che si sono aggiudicate la Top20 al GTi du Sud di Cap D’agde. Dall’alto la Grande Punto di Andrea (Kaotic Kustom TC e Laini Design), la Mini di Angelo (ScreamCar TC), l’Alfa GT di Diego (Tune and Race TC e CarTerzi) seconda vittoria consecutiva dopo quella dell’anno scorso e il restyling, la Golf V presente con Diego Scheggia (Laini Design), l’Alfa 147 di Riccardo (Dolphins TC e Carrozzeria Oscar) e la Fiat Punto di Mattia (Carrozzeria Menegazzo). Potevano essere anche maggiori le vittorie tricolori, ma gli organizzatori hanno preferito non premiare altri italiani dando spazio anche alle altre nazionalità. UN1QUE Magazine è particolarmente orgoglioso, tra l’altro, perchè tre delle auto vincitrici (GPunto, AlfaGT e Mini) sono state le prime tre copertine della nostra rivista... e la futura ci è andata molto vicina....vedrete!!

95


Ecco alcune delle altre auto italiane presenti

96


Un post al giorno dal Lunedì al Venerdì om r f B E W e sit

News, Reportage, Anticipazioni, Curiosità Scorpion Evolution Day “Back to the Future” Ivrea (Cn)

Evolution Tuning Day Viareggio (Lu) Ph.Luca Lazzini

Raduno Special Car Cavaria con Premezzo (Va)

97


MERCHINDIZE

CONTACTS MAIL: info@uniquemag.net Linea Diretta: +39.339.7960078 Skype: aesthetikult Per proporre servizi e articoli, per suggerirci i vostri eventi e per tutte le altre informazioni scrivete a: info@uniquemag.net Interesse ed informazioni per spazi pubblicitari e Sponsor: advertising@uniquemag.net Vuoi collaborare con UN1QUE Magazine?? Sei un fotografo appassionato di Personalizzazioni e vuoi diventare un nostro inviato?? Sei un Videomaker, Modella, Grafico, Designer,ecc..?? Scrivici a: info@uniquemag.ne (oggetto: collaborazione)

internet e social network WEB-SITE: www.UniqueMag.net FACEBOOK: www.facebook.com/UniqueMag

STIAMO REALIZZANDO IL NUOVO MERCHINDIZE PER LA STAGIONE 2012 T-sirt, Felpe, Cap, Adesivi, Accessori, e molte sorprese!!

L’unica Moda che segue UN1QUE... VI SORPRENDEREMO!! 98

TWITTER: www.twitter.com/Un1queMag Presto Online anche il nostro Canale YouTube!! Visitateci!! Leggeteci!! Contattateci!! Cliccateci!! Messaggiateci!!


ULTIMISSIMA da fine 2011 / inizio 2012 magazine

presenta

Sanctify the Sunday and some evenings

IL PRIMO VOLUME, DA COLLEZIONE, CHE RACCOGLIE I MIGLIORI REPORTAGE FOTOGRAFICI DEGLI EVENTI E RADUNI PUBBLICATI DURANTE IL 2011 SUL SITO/BLOG DELLA RIVISTA UN1QUE MAGAZINE. UN’OCCASIONE DA NON PERDERE!!! PUBBLICATO DA AESTHETIKULT EDIZIONI

www.UniqueMag.net www.facebook.com/UniqueMag

IMPERDIBILE

99


Profile for UN1QUE Magazine

UN1QUE Mag ISSUE 03  

Terzo Numero di UN1QUE Magazine UN1QUE Magazine 3^ Issue

UN1QUE Mag ISSUE 03  

Terzo Numero di UN1QUE Magazine UN1QUE Magazine 3^ Issue

Profile for un1quemag
Advertisement