Page 1

Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460)

03/1460


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460)

Notizie su Terracina A capo del nuovo mandato abbiamo lo scarolaro Guderian, nuovo sindaco che si mette subito a lavoro; inizia a chiedere al popolo quale nome desidera che la Biblioteca ti Terracina abbia e attraverso un sondaggio il nome scelto è "Biblioterra". Prosegue bene il lavoro dell'Associazione Casa Famiglia seguito da Ilaria Tabassi, i bambini che cercano casa aumentano. In piazza viene affisso un bando d'arruolamento che invita chi ne avesse voglia a far parte dell'esercito di Tdl. Anche la lotteria provinciale viene indetta dal Consiglio di Tdl, per far partecipare tutti i tidiellini e non, fino a 90 numeri Il sindaco Guderian come suo solito riesce a risollevare un pò il mercato, mentre in consiglio affronta ogni suggerimento o nuova idea discutendone.

Dulcebeso


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460)

Avvenimenti particolari e Nuovi talenti Guderian: sindaco Chicca: Tribuno Xerin: Capo porto e doganiere Federica: catastale Principe: Vice Capo porto Si uniscono in matrimonio Tarto.86 e Veronica_Colonna Ricevono il battesimo Calliope e Mir51

Dulcebeso


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460)

Notizie di Tdl Giornate di tensione in Terra di Lavoro dopo vari episodi di protesta e a quanto pare di veri e propri insulti da parte del governo Laburino nei confronti della Regina Aliseo , del Reggente e del suo operato. La goccia che ha fatto traboccare il vaso però è stata l'azione del Sergente Robermir , il Tabassi che ha ufficialmente cancellato il suo giuramento alla Regina. Immediatamente è stata inoltrata denuncia per il Sergente Tabassi ma che non si è potuta aprire in Tribunale per via del fatto che egli prestava servizio nell'esercito Laburino capitanato da Angiolet. La Regina ha subito fatto sentire la sua voce ed il suo volere con il seguente comunicato: A tutti i sudditi delle Due Sicilie, a chiunque leggerà o avrà voce di questo comunicato, Noi, Aliseo della Brunetta, VIII Sovrano delle Due Sicilie, veniamo a voi non solo in veste di Regina, ma di Madre e tutrice di quanto più sacro ci è stato dato da custodire. In questi mesi in cui siamo state per volere del Popolo e dell'Altissimo alla guida del Regno delle Due Sicilie abbiamo assistito con rammarico e tristezza al perpetrarsi di continui atti volti a delegittimare il Regno e le sue Istituzioni, in primis attaccando la Nostra figura e poi quella dei Nostri più stretti collaboratori al solo fine di trasformare questo Nostro Regno in una Monarchia repubblicana o peggio ancora in una Repubblica popolare snaturando l'essenza stessa del Regno. In questo clima di vero e proprio attacco rivoluzionario al Regno abbiamo però con piacere constatato l'ergesi più forte e scintillante della voci a nostro sostegno, sia da parte del Popolo, dei Nobili e,degli Onorevoli e dei gruppi con cui il Regno ha forti ed imperiture alleanze. In questa condizione sarebbe stato per Noi facile impugnare lo scettro del comando impartendo un ordine irrevocabile affinchè le Nostre armate e tutti i gruppi a noi fedeli (liberi cittadini, ordini militari, alleati) marciassero verso Capua al fine di portarci la testa dei riottosi chiudendo questo capitolo di promesse, minacce, ricatti ed assedio al Nostro Regno da parte di pochi e sparuti politici che usano il Nostro popolo come scudo per le loro malefatte. Essi urlano al popolo da mesi che la Nostra volontà è quella di soggiogarli e renderli schiavi, ma ad oggi sono ancora loro a sedere sugli scranni di Governo ed inveire contro la Nostra persona sperando in un nostro estremo gesto per ergersi martiri di una libertà che mai hanno rappresentato in tutte le loro azioni perennemente colme di atti contro le stesse Istituzioni che dovrebbero difendere e incapaci di non fare altro che fomentare il dissidio. Tuttavia, in queste tristi ore vogliamo dare ascolto al Nostro istinto e ai consigli del Nostro Reggente e dei Nostri Ministri; non possiamo vedere i Nostri figli uccidersi a vicenda. Saremo quindi superiori a queste provocazioni e non lasceremo che parole di sfida aperta portino ad una guerra fratricida. Nonostante questo però, non potremo rimanere indifferenti dinnanzi agli atti compiuti dagli attuali consiglieri laburini e allo loro presa di posizione soprattutto nell'mpedire il congedo del soldato Tabassi (che ha volontariamente ripudiato i suoi giuramenti alla Nostra persona da Onorevole e soprattutto da Soldato graduato dell'esercito del Regno delle Due Sicilie) dall'esercito del Regno e fino a stamane mantenendolo all'interno della formazione del Generale Angiolet rendendo così impossibile processarlo,


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460) prima di oggi, secondo la denuncia depositata da Noi prima della pubblicazione delle disposizioni verso lo stesso. Pertanto quelle che seguono saranno le nostre disposizioni in merito ai recenti accadimenti e fino a che la Governatrice laburina non concluderà con Noi il tavolo di concertazione a bordo della nave di Ser Guderian e i Consiglieri laburini non torneranno a comportarsi come si confà ad un Onorevole del Regno. - Fatto salva per la figura della Governatrice, tutti gli Onorevoli laburini che hanno prestato il loro nome alla pubblicazione dell'atto di protesta e provocazione verso la legittimità del Regno e della Nostra persona, nonostante i Nostri precedenti comunicati, verranno privati dell'accesso alle sale parlamentari e del titolo di Onorevole, oltre che di ogni altro incarico di natura Regia. Considerando che nessuno vuole ledere le figure consigliari laburine, ma resta il fatto che lo Stato Maggiore e l'Esercito Regio sono di piena competenza del Regno e non delle singole provincie: - Il Capitano Ultras1926 Hannover, cosi come il Comandante di Brigata Tabassi vengono congedati dal loro ruolo formale di Capitano e Comandante di Brigata di Terracina presso l'esercito Regio e ogni loro accesso in seno agli organi suddetti verrà revocato. - La caserma di Terra di lavoro rimarrà sotto la giurisdizione della Governatrice di Terra di Lavoro e del Ministro della Difesa (che verrà nominato gestore delle sale della Caserma). - Ogni esercito che non si allineerà alle presenti disposizioni verrà depennato dalla lista degli eserciti regolari del Regno e verrà trattato alla stregua di un esercito privato per l'applicazione delle leggi e delle paghe spettanti a coloro che decideranno di prestarvi servizio. - I nobili che hanno preso parte a tale pubblicazione o coloro che comanderanno o militeranno in un esercito non autorizzato verranno deferiti al Tribunale Araldico, privati dell'accesso in Corte Reale e Cavalleria Reale poichè agli occhi della Nostra persona, unica titolare della Sovranità su ogni feudo del Regno decaduti dal rango di nobili. Così è deciso! Napoli, XXIX marzo1460 S.M. Aliseo della Brunetta VIII Sovrano delle Due Sicilie Vedremo se i consiglieri eseguiranno le Regie disposizioni per evitare una guerra fraticida.

Achink


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460)

Notizie Estere Per le notizie estere ho fatto un intervista ad una nota corsara che ha sconvolto la Scozia.

Io:Salve signorina Tanissa .Prima di tutto volevo ringraziarla per aver accettato e trovato un po' di tempo per fare questa breve intervista per il giornale "il Veliero" . Arriviamo al dunque. So che siete una nota Corsara assoldata da svariate contee e regni esteri. Come mai questa scelta di vita? Tanissa: Grazie per il "nota Corsara" innanzitutto. Più che una scelta è stato un seguire la strada che il destino aveva tracciato per me. Fin dagli albori della navigazione infatti il mare ha sempre esercitato un fascino enorme e contro al fato nulla si può fare. Appena ho avuto la possibilità di costruire una nave mia, quasi tre anni or sono, dopo aver ripulito le bettole per trovare un degno equipaggio, sono partita con alcuni amici all'avventura, e l'abbiamo trovata. Io: Beh tra la passione per il mare e il diventare una "mercenaria dei Mari" c'è un abisso! Come mai avete scelto questa strada così cruenta e non ad esempio il mercante o una marina Repubblicana? Tanissa:Anche lì c'è lo zampino della sorte. Abbiamo pacificamente costeggiato tutta la penisola iberica fino in Poitou, dove durante un esperimento al porto ho conosciuto un vecchio pirata bretone, capostipite di una Nobilissima famiglia al tempo in esilio. Era al momento impegnato nella caccia dei pirati bretoni, forse in Italia qualcuno avrà sentito parlare di Elfenoire, fra questi la più famosa, e abbiamo deciso di dargli una mano, più che altro per sete di avventure. Perchè Corsaro e non al servizio di una sola marina? Perchè lascia molta più libertà di scelta e di arbitrio, semplicemente questo. Non sempre i Principati prendono buone decisioni sempre, i governi cambiano ogni due mesi e non vorrei ritrovarmi ad aver prestato giuramento alle persone sbagliate. Per cui lavorare sotto contratto di due mesi con una lista di bersagli che posso valutare lo preferisco. Riguardo al commercio, un'attività non esclude l'altra. Io: Interessante. Parliamo di avvenimenti recenti. Avete fatto qualche "colpo"? So che ci sono subbugli in Scozia. Tanissa: Eh questa è stata la parte più interessante della nostra avventura all'estero. In pratica dopo aver compiuto alcune azioni come Corsari nell'Atlantico, ci siamo resi conto che ci servivano navi più armate, e l'unico arsenale esistente all'epoca era in Scozia.Abbiamo quindi scritto all'allora Duchessa per ordinare alcune navi da guerra, avvisando che saremmo arrivati da lì a un mese. Ci è ritornato il contratto per lettera e con i bretoni alle calcagna siamo entrati nella tempesta per dirigerci a Nord.Arrivati a Glasgow abbiamo notato subito che era una Contea particolare, e ci siamo proposti di costruire le navi


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460) e di andare via al più presto da quel luogo di selvaggi. Versiamo per la prima nave e seguiamo la costruzione. Il giorno del varo, ecco la sorpresa: attirati dal fragore dei cannoni scendiamo al porto e vediamo i Duca al comando della nuova nave sparare sulla fiancata di una delle nostre cocche commerciali ancorate al porto. Mia figlia nel disperato tentativo di salvare la nave è salita a bordo, ma la battaglia era impari ed è colata assieme alla barca. Abbiamo chiesto spiegazioni al governo, e la consegna della nave da guerra, visto che quella uscita se l'era presa il Duca, attendendo per un mese il temporeggiamento dei consiglieri. Dopo un mese arriva la riposta formale: non avevano alcuna autorità sul Duca perchè il misfatto era avvenuto in mare, e non ci avrebbero reso i soldi per ripagarsi del disturbo di aver dovuto fare tutte quelle indagini, e comunque, anche se avessero voluto, non avrebbero potuto perchè la Contea era in forte passivo. Da immaginare la nostra indignazione. Fra l'altro, nelle taverne, ben attenti a non farsi notare, alcuni scozzesi hanno cominciato a raccontarci la realtà della loro situazione politica: la Contea era completamente sotto il dominio di un gruppo di briganti, i Fury, una branca minore degli NNGO, che erano soliti rubare e truffare, quindi avevamo poche speranze di recuperare il maltolto. Il giorno dopo, abbiamo assaltato il municipio e cominciato ad alzare orifiamma. Nei due mesi successivi, abbiamo affrancato una ad una tutte le città e assediato la Capitale, chiedendo la restituzione del denaro rubato.Il sovrano scozzese ci appoggiava apertamente, difendendo i diritti violati, col senno di poi probabilmente ha colto l'occasione, con lungimiranza, di avere un alleato che lo aiutasse a liberare la Scozia da quei criminali. Dopo due mesi di assedio, indeboliti dai continui attacchi, abbiamo dovuto ritirare in Inghilterra per riprendere fiato. Il popolo inglese ci ha accolto come eroi, fornendoci armi, viveri e assistenza. Non potevamo chiudere la questione così, quindi attraverso un lungo lavoro di diplomazia e propaganda, abbiamo raccolto alleati. A Glasgow i membri della resistenza si sono fati coraggio e sono usciti allo scoperto, dal Galloway, la ontea a sud, sempre rimasta neutrale in tutto, uno storico generale si è messo pubblicamente dalla nostra parte offrendoci il suo aiuto, e dall'Inghilterra la compagnia degli uomini liberi più parecchi altri volontari si sono uniti al nostro esercito. Io:Insomma... si potrebbe dire la figlia di William Wallace ! Tanissa: Beh, abbiamo avuto un appoggio che all'estero mai mi sarei aspettata. Ma il lavoro è stato tanto. Radunare eserciti di 4 nazionalità differenti uniti in un unico scopo, per difendere alla fine un torto fatto a noi, stranieri mangiaspaghetti, ancora oggi mi sembra inverosimile. Abbiamo interagito parecchio con le popolazioni locali, forse gli eravamo simpatici. Tant'è che da vittime di un sopruso siamo diventati lo stendardo della loro liberazione. Durante la presa del Castello, facilitata dalla fuga di tutti i consiglieri con in tasca il tesoro della Contea, essendo il nostro gruppo formato da italiani e francesi, il nemico ci chiamava con disprezzo Fretalians, o Frets, nomignolo che anoi però è piaciuto e del quale ci fregiamo ancora. L'intento iniziale era di pura vendetta. Quando abbiamo avuto accesso agli uffici, abbiamo trovato un grosso debito, un magazzino vuoto, e le miniere in uno stato pietoso di degrado. Quindi anche di fronte agli scozzesi ribelli, sperduti in quel momento, visto che non c'era più nulla da distruggere, non rimaneva altro da fare che ricostruire. Io:Insomma...da una semplice e "genuina" vendetta , avete fatto una vera e propria rivoluzione, ribaltando il governo marcio e corrotto che amministrava la Contea Scozzese.


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460)

Tanissa:Sì.Ci siamo autodefiniti gli assaltatori piu stupidi dei Regni. Abbiamo messo risorse nostre all'inizio, per poter partire a risollevare l'economia, ed alla fine del governo d'assalto, ci siamo presentati alle elezioni ducali con un programma che oltre ad illustrare il lavoro fatto fino a quel momento delineava i nostri progetti per il futuro, e nonostante il disturbo sui mercati e nelle piazze che la popolazione ancora legata ai Fury ci dava abbiamo preso 8 seggi. Un altro risultato da me inaspettato, sempre per il motivo che eravamo comunque stranieri. Io:Capisco capisco. Molto probabilmente la popolazione era stufa di un tale malgoverno ... e ha visto in voi una barlume di speranza! Tanissa: Ora non vogliono più lasciarci andare via! Io: Ahahahaha! Hanno trovato chi li governa bene , per questo non vi lasciano andar via! Tanissa:Comunque, poco dopo le elezioni, I fury fuggiti avevano chiamato a raccolta tutti i pirati dell'Alleanza Celtica, ed avevano preparato un duplice attacco, sia per mare che per terra. Sono stati giorni frenetici di preparazione.Sapevamo del loro imminente arrivo, e li avevamo stimati in circa 130 uomini.Dovevamo sia difendere la Capitale e le città che prepararci all'arrivo delle loro navi, ma anche in questa situazione, i Fretalians che contavano circa di una quarantina di membri hanno potuto contare sulla popolazione scozzese e sugli inglesi rimasti ad aiutare a difendere il territorio.Non abbiamo avuto nessuna difficoltà a riempire gli eserciti, e sebbene anche in mare sapessimo di essere in inferiorità numerica, si spintonavano per salire a farci da equipaggio, pur consci di poter morire. Alcuni momenti sono stati quasi commoventi, noi Capitani avevamo deciso di rimettere a terra gli equipaggi all'arrivo della seconda flotta nemica, le nostre navi erano già danneggiate ed il rischio era enorme, ma sono voluti rimanere ugualmente fino alla fine. Io:Avevano uno scopo per cui combattere che andava al di la della sopravvivenza del singolo...la libertà. Si può dire un vero e proprio atto di eroismo. Alla fine avete vinto no? Tanissa:Sì, a dispetto di tutto. Gli eserciti erano sulle navi, ma le sette cocche da guerra e la caracca inviate, grazie a delicatissimi giochi strategici sono colate nel giro di 5 giorni, rispedendo a nuoto in Irlanda un'ottantina di nemici. Quelli che aspettavano il loro arrivo a terra, non hanno potuto fare altro che riporre le armi e ringhiare in sordina. Io:Si può dire :"tutto è bene ciò che finisce bene!" . Dopo questa missione avete in mente altri progetti? Altri "colpi" ? (immagino che siano top secret...ma chiedere non fa mai male!) Tanissa: Beh, qui abbiamo finito. Resteremo sempre legati a questo paese, e abbiamo invitato alcuni coloni italiani affinchè prendessero il nostro posto per poter evitare che andati via noi ritornassero i Fury.Ma restare, significherebbe governare, e francamente, se in una situazione particolare ci ha divertito (risollevare le miniere e riportare la contea in attivo è


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460) stata una sfida che abbiamo vinto, a dispetto della guerra) non è esattamente quello che vogliamo fare "da grandi".Progetti e proposte ne abbiamo anche troppi, ora si tratta di decidere, ma ovviamente, è top secret. Quello che sicuramente continueremo a fare, è proteggere il mare da questi pirati senza scrupoli. Io:Immaginavo che fossero Top Secret. Ultima domanda e poi abbiam finito. Dalla vostra ultima frase si evince che odiate i pirati. Vi ergete quindi paladini dei Mari e dei Navigatori? Tanissa:Non è questione di "odio".Ma riteniamo che affondare galeotte di mercanti o navi ancorate per puro gusto di distruzione sia vile. E infatti, quando questi temutissimi pirati hanno incontrato chi discretamente armato ha provato a tenergli testa hanno incontrato una misera fine.Noi colpiamo solo obiettivi militari, spesso riportando parecchi danni e rischiando di affondare noi stessi, ma come dice il mio socio francese, alla vigilia di ogni battaglia, "pas peur!".Ti posso assicurare che sentire tutti i capitani della flotta, assieme ai marinai che si affannano ai cannoni e al sartiame, gridare "meme pas peur!" è elettrizzante, in quei momenti ci sembra di essere invincibili, anche se spesso siamo armati più che da cannoni da tenacia e coraggio. Io:Purtroppo posso solo immaginare! Grazie Signorina Tanissa per questa splendida intervista che racconta un po' la vita di una Corsara e la liberazione della Scozia dalla feccia che la governava. Spero che in un futuro potrò reincontrarla magari per qualche altra intervista oppure affondare qualche nave! Tanissa:Sono io che vi ringrazio, e chissà forse faremo una capatina in Italia Io:Lo spero proprio! ahahahaha! Grazie ancora e vi auguro una campagna proficua ! Tanissa: Sicuramente lo sarà, ora vi lascio e torno al timone, qualcuno piangerà questa notte...

Achink


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460)

Angolo del pettegolezzo Intervista a Messer Xerin con la passione per i baffi femminili Buongiorno Messer Xerin ho saputo da fonti certe che lei ama le donne baffute....Come è nata questa sua passione? "Mia cara baronissima, questa è una domanda a cui è difficile rispondere...vede, è come se io le domandassi perchè le scarole di Terracina sono le più belle di TdL...non vi è risposta, è una cosa implicita...come ammirare una bellezza come la sua e non rimanere sterreffatto dalla riccioluta e setosa boccolosità dei suoi baffi?..eh si baronissima, quel che si dice: "la bellezza è negli occhi di chi guarda!" E' vero che lei ha tutta una sua teoria sul baffo in una donna? "eh...di teorie il mondo il mondo è pieno...ma la cosa che più mi affascina è che non sono solo voci o leggende... questo è proprio il caso quando la storia si tramuta in realtà!!! Credo che lei conosce la leggenda di Circe e delle donne terracinesi...inizialmente non ci credevo, poi dopo aver fatto un viaggio "mistico" ho ammirato il fulgido setoso baffo di una madama che era in nave con me...e da li scattò la scintilla..." Si vocifera in giro che lei ami in segreto una donna con baffi molto preziosi è vero? ci racconti senza anche svelare il nome questo amore baffoso. "questa domanda è molto particolare...come dicevo prima, questa dama in barca mi ammaliò...ed è rimasta il mio grande amore segreto, la mia musa ispiratrice anche per le mie opere... ma lei è lei e rimane nel mio cuore!!! in questo periodo ho scoperto e riscoperto tante baffonazze terracinesi, senza offesa per i suoi dorati boccoli, ma al momento, forse, la baffona che cerco non è da queste parti...chissà! Mi stornella una sua canzone famosa mi hanno detto che lei in taverna talvolta stornella poesie musicali alle dame "...paaarlaaaamiiii d'amooooreeeee Mariùùùùùù, la mia baffonazza sei tuuuuu....i baffi tuoi belli brillanoooooo, i boccoli poi risplendoooonoooooo....paaarllaaaaaaamiiii d'amooooreeeee Mariiiùùùùùù, la mia baffonazza sei tuuuuu..." Oramai a terracina ha lanciato la moda del baffo tutte si fanno crescere i baffi come si spiega questa moda? "bah che dire...finalmente ogni madama si mostra nella sua piena e totale bellezza!!! vede anche la nobiltà traspare nella sua integrità e lei ne è un esempio...poi sa...tutte le madame son vanitose, non a caso si dice: vanitas vanitatis, vanità delle vanità, tutto è venità! ad ogni modo si ricordi, Viva il Baffello Viva il Tortello!" La ringrazio Messere per la sua attenzione /me si tocca il baffo e scappa Alicegaia


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460)

Interviste al popolo Dulcebeso si trovava in taverna a bere un thè fresco, quando si accorse guardando dalla finestra che in piazza c'era il vecchietto che una settimana prima aveva incontrato al porto che l'aveva lasciata con l'amaro in bocca, perchè non aveva terminato di raccontarle una storia, così Dulce corse in piazza a salutare l'anziano uomo, si vedeva che ne aveva vissute tante nella sua vita, era un uomo di mare e l'odore della sua pelle lo faceva capire, il suo volto segnato dalle righe del tempo che si incrociavano mentre accennava un sorriso a Dulce, " Buona giornata Signorina, che piacere rivedervi!" Dulcebeso si avvicinò e rispose: " Buongiorno a voi Messer, gradite un fresco bicchiere di thè?", "Grazie, molto gentile" rispose l'uomo, "venite sediamoci in piazza e raccontatemi qualcosa mentre vi gustate il vostro thè", " aaah è per questo che mi avete offerto da bere mia cara?" Disse l'uomo, "ma no mio caro, amo sentirvi raccontare e qualunque cosa sia avventurosa, d'amore o fantasiosa detta da voi affascina" rispose Dulce, " va bene mi avete convinto per questa volta e vi racconterò la prosecuzione della storia della scorsa volta se volete" disse l'anziano uomo, Dulce non vedeva l'ora e nemmeno rispose, perchè l'uomo scorse dal suo viso che era quello il suo desiderio, così iniziò: Organizzarono così un banchetto, a cui furono invitati la maggior parte dei nobili e dei cavalieri fedeli al re, con il pretesto di salutarli e di spiegare che le accuse loro rivolte erano del tutto infondate e, per vendicarsi di coloro che sarebbero entrati in possesso dei toro beni e delle loro ricchezze, prepararono cibi avvelenati. I convitati, non sospettando nulla, morirono avvelenati. Il cavaliere e gli altri nobili, lasciarono in tutta fretta la città, convinti di aver portato a termine il loro piano. Il giorno dopo, quando fu riferito al re l’accaduto, questi non seppe darsene pace ritenendosi responsabile di tutto quello che era successo. «Sono stato io ad ucciderli. Se non avessi condotto qui quell’uomo incontrato nella foresta, tutto ciò non sarebbe accaduto e i miei cavalieri sarebbero ancora vivi Il re aveva un figlio molto giovane, il quale vedendo il padre in un tale stato di frustrazione e di dolore gli si fece vicino e disse: «Padre, non disperate, io so come riportare in vita i vostri amati cavalieri. Non lontano da qui c’è un piccolo regno, abitato da bellissime fanciulle, le quali hanno un giardino in cui esiste ogni sorta di meraviglia. Tra le tante cose meravigliose di quel giardino c’è una fonte dalle magiche virtù. Infatti, se la sua acqua viene aspersa sul corpo delle persone morte, queste vengono riportate immediatamente in vita. Perciò vi chiedo il permesso di andare alla ricerca di questa fonte e di portare qui per voi l’acqua che potrà ridare la vita ai vostri fedeli sudditi». Il re pur di riportare in vita coloro che erano morti per colpa sua, concesse al figlio di partire. Il giovane si mise subito in viaggio, da solo, per la terra delle bellissime fanciulle, custodi della suddetta fonte, pensando lungo il tragitto a come fare per riuscire a convincerle delle sue buone intenzioni. Giunto, infine, nei pressi del loro regno, gli si fecero incontro alcune bellissime fanciulle, vestite di candidi abiti che lasciavano intravedere le loro sinuose e perfette forme. Il giovane rimase estasiato da tali bellezze; mai aveva visto donne talmente belle. Fattosi coraggio, il giovane spiegò il motivo della sua venuta e del dolore del padre per la perdita dei suoi uomini più fedeli a causa di un uomo malvagio che era stato condotto a corte dallo stesso re, ed elevato a grandi onori e colmato di benefici.


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460) Le fanciulle ascoltarono con attenzione ciò che il figlio del re raccontò loro, infine dissero sorridenti: «Sappiamo che tu dici il vero; un animo candido e innocente come il tuo non potrebbe mai mentire, per questo potrai avere accesso alla nostra fonte. Solo agli animi puri ed esenti da peccato è consentito avvicinarsi e prendere l’acqua che restituisce la vita tolta a tradimento o ingiustamente». Detto ciò, lo accompagnarono nel meraviglioso giardino, dove il giovane poté vedere tante meraviglie, che nessuno può descriverle a parole, e qui raccolse in un vaso dell’acqua che sgorgava da questa fonte, situata al centro del giardino, all’ombra dei rami di un ampio albero e attorniata da uccelli che con il loro canto creavano un suono quasi celestiale. Pace e tranquillità regnavano in quel luogo, e fu non senza pochi rimpianti che il giovane prese commiato dalle fanciulle e da quel luogo. Ritornato di corsa al palazzo, si recò nel luogo dove giacevano i corpi esanimi e li asperse con l’acqua che aveva portato con sé. In poco tempo, uno per volta, essi si ripresero e si alzarono come da un profondo sonno, ignari di tutto ciò che era successo. Quando tutti si furono riavuti dal sonno mortale, furono condotti alla presenza del re, che spiegò loro come fossero stati avvelenati e riportati in vita dall’acqua della fonte magica, trovata grazie a suo figlio. Grande fu la gioia del re quel giorno; ai suoi fedeli sudditi riportati in vita vennero dati tutti i beni del cavaliere e dei traditori, e suo figlio fu incoronato re al suo posto”. Così finalmente l'uomo finì di raccontare e Dulce aveva un'aria che sembrava essere nel mondo dei sogni, poi si riprese, quando sentì un'amica che da lontano la chiamava, "Dulceeeeeeeeeeeeeeeeeeee, Dulceeeeeeee" e si risvegliò da quel mondo incantato, anche l'uomo le disse che la stavano chiamando, così Dulce lo ringraziò, facendosi promettere un'altra storia per la prossima volta, "a presto e passate in taverna!" Disse Dulce salutandolo... Dulcebeso


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460)

Angolo della moda Per essere sempre alla moda e al passo con i tempi! Periodo che caratterizza principalmente l’Italia, la nostra è considerata epoca di risveglio, epoca in cui l’uomo acquista coscienza del proprio essere, sviluppando in modo significativo la propria personalità. ***** Lo sfarzo la vita, il fasto, le feste, le battaglie delle Signorie italiane del Rinascimento? Il secolo italiano per eccellenza, imitato e invidiato in tutta Europa, dove parlare la nostra lingua è un segno di cultura con un pizzico di raffinatezza, lo possiamo notare dagli scritti e le lettere e attraverso le magnifiche opere d’arte. Il gusto dal punto di vista della moda, dura oggi e durerà ancora. La pittura illustra in modo chiaro la ricchezza dei vestiti, che sono considerati un bene di grande valore, sia per i tessuti adoperati, sia per le fodere altrettanto preziose, sia per i colori, sia per le decorazioni in gemme e i ricami in oro che spesso li ornano. Per fare una pezza di seta, occorre inoltre un’enorme mano d’opera: tessitori, tintori, disegnatori, stampatori, ricamatori, orafi, battitori (che lavorano le lamine in oro da attorcigliare sui fili di seta). Alcune parti delle vesti, come le maniche, sono talvolta così preziose che vengono staccate e rinchiuse dentro a forzieri, dal momento che non poche volte vengono rubate. Il distacco viene reso possibile grazie al fatto che la manica quattrocentesca non è cucita al vestito, ma costruita in pezzi di stoffa uniti tra loro da cordoncini che terminano in un puntale d’oro. Dai buchi sbuffa la camicia di lino ricamata. Maniche e vestiti sono lasciati in eredità, e i testamenti sono un’altra fonte importante di documentazione sulla moda. Tutto questo ci viene descritto e confermato anche da un'ottima tessitrice di Terracina, che ci ha concesso un pò del suo tempo, parliamo di Veronica_Colonna. Dulcebeso


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460)

Angolo delle ricette Salve cari lettori, da questo mese la rubrica delle ricette sarà affidata a me Francesca Morgana Di Luna Della Scala. Proveniendo da Livorno, vorrei iniziare il mio lavoro proponendovi una tipica ricetta Toscana la Ribollita. La ribollita rappresenta il piatto probabilmente più conosciuto della cucina toscana ed è l'emblema di questa tendenza alla semplicità della cucina toscana. E' un classico piatto di recupero: il suo nome nasce proprio dal fatto che gli ingredienti principali sono le verdure cotte avanzate dai giorni precedenti che vengono, appunto, fatte ribollire tutte insieme, con l'aggiunta di pane raffermo. La ribollita è condita, a fine cottura, con olio extravergine di oliva. Di questo piatto non esiste un'unica ricetta, tuttavia alcuni ingredienti sono essenziali per poterla definire tale: i fagioli e il cavolo nero. Cenni storici: Questo piatto tipicamente contadino nasce alla fine del 1300 dall'inventiva dei contadini. Infatti i feudatari fiorentini, durante i loro lauti banchetti quasi sempre a base di carne, si fanno servire gli arrosti direttamente su delle focacce di pane azimo (quindi senza lievito e sale) mangiando così senza piatti nè posate. Le focacce vengono poi date ai servi per sfamarsi. Questi le fanno bollire in pentoloni di acqua con quello che riescono a trovare nella campagna circostante, perlopiù verdure ed erbe quali carote sedano cavolo "pepolino" ecc...La quantità prodotta è tale da durare svariati giorni, viene infatti fatta ribollire nei giorni seguenti acquistando sapore (come è tipico delle verdure) ad ogni ribollitura. Negli anni questa preparazione si è "affinata" diventando proprio una ricetta. Nella campagna fiorentina le contadine ne cucinano un gran quantità sopratutto il venerdì, che è il giorno in cui si mangia di magro (In quaresima mangiare di magro è di legge, la lista degli alimenti permessi è assai scarna, si devono evitare categoricamente la carne, il lardo, lo strutto, in molte zone anche i latticini e il rosso delle uova. Rimane a disposizione perciò, il pane , le verdure, le erbe la polenta i legumi la pasta. E' ammesso anche il pesce, da qui la tradizione di servire il pesce il venerdì giorno di quaresima per eccellenza, nelle case contadine più povere si mette un aringa essiccata sospesa sul tavolo dove si mangia e viene strusciata a turno dai commensali con il pane.) quindi la zuppa viene ribollita nei giorni a seguire. Non esiste una vera e propria lista di ingredienti permessi o no,viene messo ciò che si trova, ma tra i fondamentali cito senza dubbio il più essenziale: il cavolo nero (cavolo nero riccio di toscana). Esso si trova solo nella coltivazione toscana ed è necessario che "abbia preso i'ghiaccio" che sia passato cioè da una o più gelate invernali che ne ammorbidiscono le foglie. Anche i fagioli rivestono un ruolo molto importante sia nella tradizione fiorentina che nella preparazione della ribollita. ..."Fiorentin mangia fagioli lecca piatti e romaioli e per farla più pulita poi si lecca anche le dita.... "


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460)

Devono essere cannellini ovviamente secchi da mettere a bagno la sera prima, una parte lasciati interi ed una parte passati per dare consistenza alla minestra. Il pane usato è rigorosamente "sciocco" cioè senza sale, raffermo, e cotto a legna non tanto per il sapore, ma quanto per la consistenza. Per ultimo il pepolino come si dice noi, cioè il timo per conservare l'usanza e la tradizione di una cucina fiorentina quindi toscana molto speziata ed aromatica.Mancano solo un giro d'olio d'oliva (quello bono) e una cipollina fresca tagliata fine fine per concludere questo viaggio alla riscoperta della ribollita.

Ricetta: Ingredienti per 6 persone: 250 gr di pane toscano (non salato) oppure dodici fette tagliate sottilmente fagioli cannellini freschi 800 gr., se invece sono secchi 350 gr. bietola fresca q.b. 1 mazzetto di cavolo nero 1/2 cavolo verza 5 carote medie 4 patate medie 3 gambi di sedano, meglio se bianco timo q.b. 1 cipolla media 2 spicchi d’aglio sale e pepe q.b. Preparate subito le verdure tagliandole a pezzi di media grandezza, lessate i fagioli cannellini e passateli al setaccio con la loro acqua di cottura, lasciatene alcuni interi, dopodichè fate soffriggere in una pentola la cipolla con l’olio. Dopo alcuni minuti di cottura a fuoco medio aggiungete la purea di fagioli e quelli interi, mescolate ed aggiungete tutte le altre verdure a pezzetti. Salate e pepate a piacere, quindi aggiungete il timo. Lasciate cuocere per 2 ore almeno dopo avere aggiunto 6 mestoli di acqua. La zuppa va servita su un fondo di almeno 2 fette di pane precedentemente abbrustolito e strofinato con l’aglio. Una volta preparata la zuppa, con le fettine di pane come spiegato sopra, per ottenere una ribollita è sufficiente scaldarla in forno coperta da uno strato superficiale di fettine assai sottili di cipolla, naturalmente il tegame utilizzato è il tradizionale coccio. Una volta imbiondita la cipolla in superficie si può servire calda con olio a crudo, vi raccomando la qualità dell’olio!, e, soprattutto niente formaggio, d’altronde non è tipicamente toscano!

Frannymorgana


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460)

Ultime dal Consiglio Il Sindaco Guderian nelle sale consiliari si trova a discutere diversi argomenti, tra i quali: Un argomento di grande importanza è quello che avanza il Consigliere e Capo porto Xerin, che orgoglioso e soddisfatto del risultato ottenuto nel porto, vuole subito mettere mani al settimo step, per raggiungere il terzo livello, quindi il conseguente aumento di banchine, più affari e ricchezza per la città. Ma per raggiungere la somma necessaria c'è bisogno dell'aiuto di tutti, così inizia un ciclo di donazioni da parte di tutti. Il Tribuno Chicca si trova costretta a lasciare l'incarico di Tribuno che resta vuoto. Si decide di riaprire l'Assessorato alla pesca con a capo Tarto.86 che si prende la preoccupazione di aggiornare ogni giorno i pescatori, sulla pescosità del lago. Si discute riguardo ad una nuova ordinanza comunale riguardante il porto, che ci viene concessa: Ordinanza Comunale Ordinaria di Terracina Il Municipio di Terracina, disponendo la seguente Ordinanza Comunale Ordinaria, si propone di versare a ciascun Capitano di Nave 1 ducato per ogni giorno di sosta nel porto cittadino di Terracina. Requisiti imprescindibili al versamento sono i seguenti: - Capitano della Nave non originario e/o residente in TdL - Nave di proprietà di armatore/i non originari e/o residenti in TdL Inoltre è necessario ricordare che: - come presente nella "Legge Provinciale: Dei Porti, delle Navi e dei loro utilizzi " all'art. 9 - Pagamento delle tasse, i primi 4 giorni di sosta sono gratuiti, ergo non verrà riconosciuto alcun diritto al versamento - è interesse del capitano informare il sindaco circa gli effettivi giorni di sosta in modo da registrarne correttamente presenza in città Il versamento avverrà, tramite mandato, al termine della sosta presso il porto cittadino. Infine ci si pone l'interrogativo su dove sia meglio realizzare l'arsenale?

Dulcebeso _________________


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460)

Angolo della Musica SCARAMELLA VA ALLA GUERRA Il cognome Scaramella compare anche in un componimento musicale di Josquin Desprez. Si tratta della frottola "Scaramella", o "Scaramella va alla guerra". La frottola è un tipico genere musicale di canzone popolare italiana diffusa nel Quidicesimo secolo. Josquin Desprez, che viaggia molto in Italia, è un compositore fiammingo-francese che scrive molti componimenti di questo tipo, caratterizzati da una melodia e una forma poetica semplici, eseguiti a quattro voci da un gruppo di cantori a volte accompagnati dal liuto. Ascolta un'esecuzione della frottola "Scaramella va alla guerra": Ecco il testo della frottola: Scaramella va alla guerra colla lancia et la rotella. La zombero boro borombetta, la boro borombo. Scaramella fa la gala colla scharpa et la stivala. La zombero boro borombetta, la zombero boro borombo. La frottola di Josquin Desprez ha come soggetto un tipico personaggio della tradizione italiana: un soldato un po' buontempone che nella nostra epoca assume i tratti caratteristici del giullare di corte. Il componimento, rispondendo all'esigenza di divertire gli ascoltatori, gioca sulla scarsa abilità del soldato Scaramella che è descritto in modo provocatoriamente buffo. Come in altre canzoni popolari del tempo, anche in "Scaramella va alla guerra" l'autore introduce delle allusioni a sfondo sessuale (la lancia) che accennano alle avventure non propriamente militari del soldato Scaramella. Il ritornello "La zombero, boro, borombetta, boro, borombo" evoca il suono del cannone e la ripetizione punta a far divertire il pubblico di fronte al maldestro lanciatore.

Dulcebeso


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460)

Poesia… Miei cari lettori in questa uscita parleremo di un nostro artista contemporaneo il suo nome è: Giovanni Armillotta UN POETA RINASCIMENTALE AMICO DI PISA: “IL PISTOIA” Antonio Cammelli (1436)– detto “il Pistoia” perché nato nell’omonima città – non è stato un grande poeta, qualcuno dice che in lui «v’è qualcosa dei sovrani intelletti che domineranno l’Italia nostra nel futuro», grazie alla schiettezza dei suoi giudizi, per la briosità e l’ironia sottile che infonde nei suoi versi: i 533 Sonetti faceti, satirico-giocosi. Ma “il Pistoia” non è soltanto un poeta giocoso. I suoi sonetti politici hanno una grande importanza: ci riportano alla fine del Quattrocento, descrivendoci gli avvenimenti che accadono sullo scorcio del secolo. In queste brevi composizioni Cammelli rinuncia all’usuale tono burlesco e parla dell’Italia da patriota. Siamo al tempo di Alessandro VI, Ludovico il Moro, di Carlo VIII. Il poeta impreca – a rischio anche di salire sul rogo – contro il grande Borgia che oltraggia il soglio di Pietro, maledice l’invasore francese, rimprovera agl’Italiani di aver lasciato libero il passo ai nemici, rinfaccia a Firenze l’uccisione del Savonarola. Le composizioni che a noi pisani interessano maggiormente sono quelle che parlano dell’eroismo di Pisa nella guerra contro Firenze, quando questa – disceso Carlo VIII e chiusa la pace fra gli alleati – vuole impadronirsi della Città. Ma Pisa, gelosa della propria libertà, memore delle gesta gloriose, si ribella; e “il Pistoia” l’esorta a difendersi fino all’ultimo, prima di tornare sotto la schiavitù fiorentina: fa’ di te stessa sacrificio al foco e dì con tutti i tuoi: mora Sansone! chi mor per la patria ha fama eterna E i Pisani, piuttosto di arrendersi giurano di morire: sono soli e pochi contro il nemico; l’Italia è indifferente. La resistenza si protrae: gli atti di eroismo si susseguono. Anche una ragazza di sedici anni, Bona, si copre di gloria respingendo, ritta sulle mura, con la voce e con l’esempio, un manipolo nemico che va all’assalto. E i Fiorentini cederanno e si ritireranno, dopo la sconfitta nella battaglia della Fortezza di Stampace. Il Pistoia, esultante, inneggia all’amata Pisa: Fatta è la tua vendetta! e schernisce i Fiorentini gridando loro: Ritornate a Peretola, civette, a vender le cipolle a centinai!


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460) A volte il poeta usa parole vernacolari non immuni da longobardismi, si nota anche poca cura e qualche errore, ma quando la poesia è animata da nobili sentimenti e d è guidata da una «coscienza morale, che giudica e condanna il male, che vorrebbe migliorare gli uomini, dando battaglia ad ogni ingiustizia» (Pèrcopo), non ci sembra gran danno. Leggere i versi del “Pistoia” è un piacere per la loro giocondità, ed è un dovere per l’alto senso di pisanità che ancora una volta vediamo manifestato in cittadini non pisani. Egli parla di Pisa non come «vituperio delle genti», bensì patria di valorosi. E proprio questi versi ce lo indicano di spirito libero, e – in mezzo a molti letterati e poeti d’animo servile – gelosissimo della dignità italiana.

Dulcebeso


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460)

Svago e divertimento OROSCOPO MAGGIO ARIETE: Nella prima metà del mese, l'oroscopo di maggio dell'Ariete gode di un buon sestile di Venere in gemelli, che auspica un periodo intenso e favorevole soprattutto sotto il profilo degli affetti, con possibili commistioni con la sfera professionale, come per esempio una relazione sentimentale con un collega di lavoro, o d'altra parte l'inizio di un'attività in società con un familiare. Questo potrebbe però dare un'eccessiva impressione di facilità nel gestire le nuove situazioni in ambito lavorativo e familiare, che sembrano funzionare a meraviglia nella prima parte del mese di maggio, e in conseguenza l'idea che siano destinate a portare grandi soddisfazioni per sempre senza nessun tipo di problema. Poichè in realtà nulla è mai troppo facile, se vi farete semplicemente trascinare dall'entusiasmo senza prestare attenzione ad alcuni segnali, potreste rischiare di andare incontro a qualche delusione inattesa nella seconda metà di maggio e più ancora da giugno in avanti, quando le cose potranno cambiare significativamente, e il ristabilirsi di un certo equilibrio nella distribuzione delle forze astrali vi richiederà maggiore impegno e fatica per far funzionare una serie di cose che sembravano muoversi necessariamente a vostro favore, inducendovi a pensare che la strada potesse essere sempre in discesa. Un oroscopo di maggio comunque soddisfacente per l'Ariete, con alcuni piaceri da gustare senza porsi troppi problemi, ma con la raccomandazione di prestare una certa attenzione a qualche piccolo segnale che potrebbe preannunciare un cambio del vento. Cominciare a mettere del fieno in cascina, per passare dalla metafora velistica a quella bucolica, in vista di tempi che potrebbero non essere altrettanto sereni. TORO: I nati in Toro continuano a godere per tutto il mese di maggio del vento a favore portato da Giove nel segno, anche se potrebbero essere gli ultimi scampoli di buona sorte, dato che il pianeta della fortuna si appresta a passare in Gemelli il mese prossimo. Infatti, dalla lettura dell'oroscopo annuale del 1460, care amiche e amici del Toro, il firmamento stava praticamente sempre dalla vostra parte durante la prima metà dell'anno, permettendo al vostro segno di piazzarsi saldamente ai primi posti della classifica dei segni, mentre nella seconda parte dell'anno, pur restando favoriti dall'anello di sosta di Marte in Vergine, avreste però perso l'appoggio incondizionato di Giove. In attesa del trasloco del pianeta della ricchezza e della fortuna nel vicino segno dei Gemelli, che avverrà il 12 giugno, i nati nel segno del Toro faranno bene ad approfittare di questi ultimi raggi di benevolenza di Giove, specialmente i nati nell'ultima decade del segno. GEMELLI: Anche se l'oroscopo di maggio dei Gemelli si presenta molto favorevole sotto tutti gli aspetti, alcuni di voi potrebbero avvertire all'inizio del mese la sensazione di tornare involontariamente sui propri passi a inciampare sulle stesse pietre. Non preoccupatevene troppo, sarà solo una sensazione passeggera che lascerà subito il posto a un cammino spedito verso la realizzazione dei vostri obiettivi, sopratutto in campo sentimentale, dove potrete godere del favore di Venere nel segno, accentuato da un bel trigono con Saturno a partire dal giorno 3 maggio fino alla fine del mese. Qualche piccolo imprevisto capace di rallentare o bloccare temporaneamente i vostri


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460) progetti potrebbe comunque presentarsi nella prima settimana, soprattutto per quanto riguarda alcuni cambiamenti importanti che alcuni di voi programmavano di portare a termine proprio in questo periodo. Niente paura, avrete tutto il resto del mese per recuperare ampiamente il tempo perduto e prendervi belle soddisfazioni in tutti i campi. Nella seconda metà del mese l'orizzonte si apre a schiarite soprattutto sul versante sentimentale, dove con l'aiuto di Venere avrete modo di sgombrare il campo da alcuni malintesi che trascinavate da tempo col vostro partner. Per chi è single, la terza settimana si presenta particolarmente ricca dell'opportunità di fare nuove conoscenze nel corso di occasioni mondane, almeno una di queste potrebbe avere un seguito interessante, dovrete solo saperla riconoscere CANCRO: Per i segni d'acqua come il vostro la strada rimane in salita e il momento di scollinare sembra ancora lontano, fortunatamente però non vi mancherà la forza di pigiare sui pedali fino in fondo. Potrete contare solo sulle vostre forze ma sarete sorpresi di trovarle più che sufficienti per superare i passaggi più ripidi, dovrete solo ritrovare il gusto della fatica, stringere i denti e pedalare. L'oroscopo di maggio vi propone una serie di scelte e di dilemmi piuttosto complicati che vi daranno molto da pensare. Possibili conflitti e tensioni nell'ambiente professionale, con qualche intreccio pericoloso con la vostra vita di relazione e anche con quella per così dire mondana, che di solito cercate di tenere ben al di fuori dell'ambiente di lavoro. Dovrete affrontare sfide importanti sia nella sfera affettiva più intima che nelle relazioni più superficiali in ambito mondano. A un certo punto sarà importante trovare la forza di prendere una decisione che vi espone al rischio di una delusione e che potrebbe rendervi in qualche modo più vulnerabile nei confronti di una persona di cui vorreste potervi fidare ma della quale non vi sentite del tutto sicuri. Gli astri non vi possono garantire che la delusione che temete alla fine non arriverà, ma in ogni caso a volte è necessario prendere qualche rischio, naturalmente senza esagerare, per capire meglio quale potrebbe essere la scelta giusta LEONE: Anche in questo mese di maggio, ma solo durante la prima metà del mese, si farà sentire sui nati nel segno del Leone l'influenza benigna di Venere in sestile, che vi potrà portare qualche bella sorpresa nella vita sociale nei rapporti più intimi personali, dandovi anche la forza e l'energia necessarie per risolvere una situazione difficile a vostro vantaggio, in vista degli obiettivi che vi siete prefissati. Con l'ingresso del Sole nel segno dei Gemelli, il giorno 21 maggio, e di Mercurio il 25, troverete il coraggio e la lucidità che vi occorrono per affrontare alcune questioni irrisolte nella vostra vita professionale e più in generale nella gestione delle cose materiali, specialmente i nati nella prima decade del segno. Sarà una fase in cui potrete avere successo: è tempo per molti di voi di cominciare a tirare finalmente le fila del vostro lavoro e coronare meritatamente i vostri obiettivi fino a ricevere il riconoscimento che si meritano. Tuttavia, i successi arriveranno attraverso la lotta e l'impegno, dovrete assumere rischi e cercare alleanze non sempre sicure. Nella terza settimana di maggio potrebbero presentarsi alcuni imprevisti capaci di provocare un certo stress emotivo, per poterli superare sarà necessario saper improvvisare qualche contromisura decisamente originale. Possibilità di successo o di gioia in relazione a questioni di denaro o di lavoro, nella quarta settimana di maggio. Andando avanti verso la fine del mese, gli eventi saranno leggermente più positivi e i vostri sforzi saranno più fecondi, anche se potranno esserci


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460) ancora cambiamenti improvvisi. VERGINE: La primavera porta buone notizie ai nati in Vergine, che vedono migliorare progressivamente, come tutti i segni di terra, l'assetto astrale dei pianeti che li riguardano, in particolare per quelli che festeggiano il compleanno tra il 14 e il 20 settembre. L'oroscopo di questo mese di maggio vi sorride; potrete avvertire, in un modo o nell'altro, che la fortuna sembra ricordarsi finalmente di voi, anche se forse non in modo molto evidente e repentino, ma piuttosto lentamente. Sarà soprattutto nel campo dell'amore dove questo cambio di vento potrà apparire con maggiore chiarezza, dopo le dure prove che alcuni di voi hanno dovuto affrontare negli ultimi tempi. Per molti di voi si preparano invece momenti di grande sensualità e divertimento che potranno toccare, in alcuni casi, punte di soddisfazione al limite della felicità, specialmente nella seconda metà di maggio. Mercurio in buon aspetto, almeno per le prime tre settimane, favorirà la vita di relazione, dando ai nati in Vergine un passo positivo nella vita mondana e in quella sfera dove il piacere del rapporto interpersonale si intreccia con la prospettiva di vantaggi materiali, anche se potrete avvertire una certa tensione in alcuni casi, o una grande eccitazione in altri. L'oroscopo di maggio prevede anche un buon momento per le imprese, adatto per avviare nuove iniziative imprenditoriali anche audaci, a patto di agire senza impazienza e precipitazione, e di evitare prestiti eccessivi a tassi di interesse troppo cari. BILANCIA: Il mese di maggio sarà ricco di significato per voi in tutti i settori, uno di quei periodi in cui le cose importanti accadono senza troppo clamore sia nella vita di tutti i giorni che in amore, nelle questioni di famiglia come in quelle lavorative e anche nella vita spirituale. Saturno, ospite del vostro segno ormai da molto tempo, regola il vostro destino con la sua tipica saggezza e austerità, un tratto destinato a durare fino alla fine del 1460. In questo mese avrete molti pianeti in buona posizione, primo tra tutti Venre, che porteranno come risultato, un maggio di grande intensità emotiva. Sarà soprattutto in ambito familiare che potranno manifestarsi gli eventi di maggiore importanza, sia sotto il profilo materiale che umano. A metà del mese possibili buone notizie in arrivo sulla vita privata o su questioni familiari, la sfera dove in questi giorni avrete più fortuna. Chi svolge un attività creativa potrebbe avvertire una contrazione delle facoltà intuitive e della vena ideativa, con una sensazione di aridità improvvisa. Ormai sapete già che in queste occasioni è inutile insistere e bisogna solo aspettare con pazienza che torni la stagione delle piogge, intesa come pioggia di idee, naturalmente. Allo stesso tempo però vedrete aumentare il vostro senso pratico, approfittatene quindi per dedicarvi a quelle questioni banali che state lasciando in sospeso da troppo tempo e cercate di sistemarle una volta per tutte, non si vive di sola arte. SCORPIONE: La presenza di pianeti nell'opposto segno del Toro, primi tra tutti Giove, può dar luogo a una sensazione di disagio ed essere fonte di qualche contrattempo per i nativi dello Scorpione, specialmente nella seconda metà di maggio. Saranno possibili alcune tensioni con i colleghi nell'ambiente di lavoro, cercate di non rispondere a eventuali provocazioni. In certi momenti potreste avere la sensazione di accadimenti che passano sopra la vostra


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460) testa senza che possiate fare nulla per modificarli, come se la chiave del vostro destino fosse in mano a qualcun altro e non a voi stessi. Non temete, la possibilità di far sentire la vostra voce non è affatto perduta, si tratterà solo di adattare la vostra azione, e in certa misura anche i vostri obiettivi, a sviluppi che non possono essere sempre del tutto prevedibili. Vedrete che alla fine saprete riprendere saldamente in mano le redini degli eventi, per scoprire che in fondo anche il destino non ha infierito e non vi è andata poi troppo male. Sarà comunque un periodo nel quale si impone la necessità di agire con saggezza e tenere ben saldi i piedi a terra, soprattutto nelle questioni di affari, di lavoro o di denaro: pensate sempre più di una volta prima di agire. Massima prudenza in tutte le attività pericolose SAGITTARIO: I nati in Sagittario possono accogliere con serenità questo mese di maggio, dal punto di vista delle stelle, gli indicatori astrali appaiono infatti abbastanza favorevoli, fino a determinare un oroscopo con molte luci e poche ombre per i nati in Sagittario, con l'eccezione del transito di Venere nel segno opposto dei Gemelli, che induce a una particolare attenzione sulla vita sentimentale e familiare. Per quanto riguarda la sfera economica e professionale, quello che colpisce di più nel cielo di maggio non è tanto la presenza di influssi positivi, per la verità tutt'altro che straordinaria, quanto la totale assenza di elementi negativi o anche solo sfavorevoli. Si preannuncia insomma un mese di maggio dove tutto dovrebbe filare sostanzialmente liscio in ambito lavorativo per i nati in Sagittario, senza particolari impennate ma anche senza ostacoli o imprevisti indesiderati, a parte quelli che potrebbero derivare da una vita sentimentale temporaneamente contrastata dall'opposizione di Venere. Per quanto riguarda il lavoro e il guadagno, non dovrebbero invece mancare le soddisfazioni, specialmente nelle prime due settimane, ma in questo caso dovrete comunque lottare per conquistare il successo. Un grande dinamismo fisico e intellettuale vi porterà risultati eccellenti nella prima settimana di maggio, che alimenteranno un giusto ottimismo e vi spingeranno a cercare altre sfide e altri terreni di conquista. Non dimenticatevi però, una volta raggiunto un obiettivo, di raccogliere i frutti e consolidare i vantaggi ottenuti, prima di porvene un altro: datevi il tempo di godere dei risultati ottenuti. CAPRICORNO: L'oroscopo di maggio prevede un mese molto armonioso per i nati in Capricorno, uno di quei periodi in cui accade che un buon numero di pianeti assumono aspetti positivi, e proprio nei segni di Terra a voi favorevoli. Anche per voi si tratterà di sfruttare al meglio gli ultimi momenti del favore di Giove, destinato a lasciare il segno amico del Toro per passare in Gemelli il giorno 12 del prossimo mese. Il mese di maggio sarà comunque ancora un periodo ricco di opportunità e di occasioni per voi del Capricorno per migliorare la vostra posizione non solo in termini sociali o professionali ma anche nella sfera sentimentale. L'influenza di Saturno, che ha reso piuttosto faticosi alcuni passaggi importanti nel vostro recente passato, si appresta a mollare la presa e vi darà una pausa di alcuni mesi. Dalla seconda metà di maggio riceverete un influsso di natura protettiva da un bel trigono tra Marte in Vergine e Plutone nel vostro segno, che si risolverà in una tendenza generale ad ammorbidire o addirittura dissolvere molti dei problemi e delle preoccupazioni che più vi tenevano sulle spine, in particolare quelli che erano sorti nel mese di marzo e che fino


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460) ad ora avevano più risentito della contrarietà di un Saturno maldisposto. In questo mese di maggio potrete godere i rapporti umani con un atteggiamento molto più positivo; la Fortuna potrebbe sorridervi e darvi una mano anche in un campo dove non ve l'aspettate, e cioè in amore, creando ad arte alcune situazioni che vi permetteranno, se saprete cogliere l'occasione con prontezza, e in questo sarete aiutati dal buon aspetto di Mercurio, di approfondire una conoscenza o di chiarire a vostro favore certi dubbi che vi tormentavano, e tutto questo senza dovervi esporre oltre misura. Tenete quindi gli occhi bene aperti, la buona sorte vi osserva e vi getterà dei regali che dovrete saper raccogliere al volo e approfittare al meglio, senza adagiarvi sull'idea che questa sensazione di navigare col vento in poppa possa durare per sempre. ACQUARIO: La caratteristica principale dell'oroscopo di questo mese di maggio sarà il transito dei pianeti rapidi in Gemelli, Venere a partire dal giorno 3 e Mercurio nell'ultima settimana, che porteranno una certa tendenza a enfatizzare, per un motivo o per l'altro, la vita interiore e le questioni relative al carattere familiare e alla casa. E, come sembra sempre che accada con l'influenza delle stelle, a volte sarete voi stessi ad accentuare questi aspetti attraverso le vostre azioni e decisioni, mentre in altri casi sarà il destino a farlo. D'altra parte, questo periodo è decisamente migliore, o comunque più tranquillo rispetto ai precedenti, per i nati in gennaio, mentre i nativi del mese di febbraio dovranno ancora fare i conti con la diffidenza di Giove, in posizione avversa negli ultimi gradi del Toro ancora per questo mese. Questo significa che potrebbero trovarsi ad affrontare lo stress di circostanze inattese e spese non previste, ma il rischio più grande sarà costituito da una tendenza a volte compulsiva verso acquisti superflui, per cui in molti casi, se non saprete resistere alla tentazione di spendere in cose non necessarie, sarete voi stessi causa del vostro dissesto economico. La seconda parte del mese di maggio sarà molto serena e fruttuosa per le tematiche intime ed emotive e nella quarta settimana, con l'ingresso di Mercurio nel segno amico dei Gemelli, potrebbe aprirsi un periodo di grandi sorprese, tutte piacevoli, soprattutto nella famiglia e relazioni intime, come per esempio il dissolversi inatteso di problemi che temevate di dover trascinare per chissà quanto tempo. PESCI: Il mese di maggio rappresenterà nel suo complesso un buon periodo per voi, ma non dovrete scoraggiarvi se in certi momenti le cose vi costeranno più fatica e tempo di quanto previsto. La posizione di Saturno e alcuni aspetti con altri pianeti lenti mettono parecchi ostacoli sul vostro percorso quest'anno, e il mese di maggio non fa eccezione, ma allo stesso tempo vi stimolano a mostrare il meglio di voi stessi e vi danno l'opportunità di raggiungere comunque i vostri obiettivi grazie a una forza di volontà, una perseveranza e lucidità nelle scelte che qualcuno potrebbe trovare sorprendenti nel vostro segno. Nella vita sociale potreste a volte avvertire una sensazione di solitudine in mezzo agli altri, ma non dovrete assumerla come una condizione definitiva. Come in ogni attività umana, prima tra tutte la respirazione, c'è una fase di espansione e una fase di ritiro; in questo mese di maggio potreste avere maggiormente bisogno di alcuni momenti di raccoglimento solitario per fare chiarezza su alcuna questioni e ritrovare quell'equilibrio che vi restituirà al mondo delle relazioni più brillanti di prima. Nel vostro ambiente di lavoro potrebbero emergere alcuni conflitti latenti con i vostri colleghi e perfino con i sottoposti, che forse hanno approfittato di un vostro periodo di


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460) assenza per acquisire meriti con i superiori e denigrare in modo sottile il vostro operato con l'aria di volerlo elogiare. In ogni caso vi converrà abbozzare ed evitare le provocazioni, non mancherà l'occasione di rimettere a posto le cose e ripagarli con la loro stessa moneta. _________________ Veronica_Colonna!


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460)

Giochi e Passatempi Sequenza logica Quale è per sequenza logica, la decima lettera? U D T Q C S S O N ... (soluzione La lettera è la D, come Dieci!) Spostamento sillabico Ti manterran sulla corretta rotta ... questi gravi, severi avvertimenti. (soluzione Timoni, moniti) Domanda bizzarra Come si chiama la pulsione fondamentale dei chiacchieroni? (soluzione: Istinto di conversazione! ) Aggiunta sillabica finale (5, 7) È ancora vergine questo ragazzo ... rosicchia gli alberi, ma non è pazzo. (soluzione:[Casto, castoro] ) La moneta


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460)

Abusiva Bancaria Cambiare Coniazione Contante Conti Emissione Estera Falsa Incassare Lira Metallica Prestare Riscuotere Spicciola Chiave, un proverbio: ........... (soluzione: Chiave: il tempo è denaro) Cruciverba


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460)

ORIZZONTALI: 1. Dino, poeta dei "Canti Orfici" - 7. Evase dai Piombi - 15. Riunione, incontro - 22. La Fallaci di "Niente e così sia" - 23. Linee sinuose e serpeggianti - 25. In provincia di Latina - 26. Questa in breve - 27. Il verso dell'elefante - 28. Aria poetica - 30. Breve sabato - 31. Una griffe dell'alta moda - 33. La beatitudine del buddista - 34. Completo, indiviso - 36. Solleva l'auto - 38. Fiume siberiano - 39. Risvolti di sovraccoperte per libri - 41. Nasce in Tibet - 42. Un tipo di pasta ripiena - 44. Dei nordici 45. La Weber della tv - 47. Alterazione dell'appetito - 48. Con Media per indicare tv e stampa - 49. E' maggiore in cielo - 50. La patria di un San Francesco - 52. Come i bersagli non colpiti - 54. Carol attrice - 56. L'Ughi violinista - 57. Isola delle Baleari - 59. Quello dell'acqua è liquido - 60. Associazione Volontari Italiani del Sangue - 62. Qualcuno lo cerca nell'uovo - 63. Uno stato americano - 64. Istituto in breve - 65. Il nome di Garrani 67. Gallinaceo dalle carni squisite - 70. Il vescovo che si festeggia il 27 agosto - 72. Un cantone svizzero - 75. Modena - 76. Il Dada Idi, generale ugandese - 77. Nacque alla conferenza di Londra nel 1945 - 79. Rilievi della Tessaglia - 81. Frazione di dollaro - 83. Così iniziano molti annunci - 85. Attira il pesce - 86. Giancarlo presentatore - 87. Computer Aided Design - 88. Il Carino telecronista sportivo - 91. Risse, baruffe - 93. Due dei lati di un triangolo rettangolo - 95. Clessidre e cipolle - 96. Possono essere pronti e incondizionati - 97. Nocchiero infernale. VERTICALI: 1.Uccello delle Ande - 2.In mezzo al mare - 3.Deriva dalla fermentazione della soia - 4.Città greca - 5.Parità farmaceutica - 6.Napoli - 7.Da di volta a chi impazzisce - 8.Acconto, caparra - 9.In anatomia è dorsale - 10. Gruppo etnico filippino - 11. NordNord-Ovest - 12. Una metà di otto - 13. Si incontrano per strada - 14. Erba aromatica - 16. Ettore Fieramosca - 17. L'Aurora della mitologia greca - 18. Subirono l'occupazione persiana con Dario - 19. Garbuglio, intrico - 20. Il Nichel - 21. Gabriel Marquez, scrittore colombiano - 23. In provincia di Siena - 24. Epoche... geologiche - 27. Cifra del sistema binario - 29.Scorretto, inesatto - 32.Ingrid Bergman - 33.La fine delle cene - 34.Abitarono Machu Picchu - 35.Zona fertile nel deserto - 37.Articolo determinativo - 40.Fu la sposa di


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460) Giacobbe - 41.Novecentonovantotto romani - 43.Vostro in breve - 44.Esegue lavori manuali - 46.Hovercrafts - 48.Fu presidente della Banca Commerciale Italiana - 49.In fondo al clou - 50.Ignazio, scrittore di "Fontamara" - 51.Comune del vicentino - 53.A volte si costruiscono in aria - 54.Un collega di Perry Mason - 55.Trieste - 57.La lista delle vivande - 58.Antico precettore - 60.Un affluente del Rodano - 61.Fiume che attraversa la Puglia - 62.Palermo - 66. Sono due nel binario - 68. Alessandro Manzoni - 69. Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro - 70. Il nome dello scrittore Wilde - 71. L'imperatore d'Etiopia - 73. Croce Rossa Italiana - 74. Sono pari nelle file - 75. Mantova - 78. Levante - 79. E' Adriatico a Rimini - 80. Informazioni di formattazione usate nel linguaggio HTML - 82. Il paradiso terrestre - 84. Tratto terminale dell'intestino retto - 86. Gibson attore - 87. Centro addestramento reclute - 89. Il centro del foro - 90. Iniziano oggi - 92. Federico Fellini - 93. Cagliari - 94. Otto in mezzo. Caccia al tesoro La "Caccia al tesoro" è un gioco a tappe, ogni tappa essendo costituita da un gioco la cui soluzione va utilizzata per risolvere il gioco successivo, secondo modalità di volta in volta precisate. Il 'tesoro' è costituito dalla soluzione dell'ultimo gioco. I 4 giochi sono: Binario, Verbis, Minicruciverba, Silla…bis. Binario Inserire nelle dieci colonne dello schema le parole corrispondenti alle definizioni date (fra parentesi, in ordine alfabetico, le lettere che compongono le parole da trovare). La parola corrispondente alla definizione che comparirà nel binario (righe grigie) va utilizzata nel successivo Verbis.

Definizioni: 1. È meno probante di una prova (DIIINOZ). 2. Grasso (ADIOOPS). 3. Lega di ferro e carbonio (AACCIIO). 4. Affluente di destra del Po (ABBEIRT). 5. Fondarono Mediolanum, oggi Milano (BIINRSU). 6. Sprone, sollecitazione (ILMOOST). 7. I termini di una somma (ADDDEIN). 8. Angoloide con tre facce e tre spigoli (DEIO-RRT). 9. Velivolo con due piani alari sovrapposti (ABILNOP). 10. Despota, dittatore (AINNORT). 11. Dà il via nelle gare di corsa (AERRSTT). 12. Quelle dell'automobile non sono di cera (ACDEELN).


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460) Verbis Inserire nelle caselle le parole corrispondenti alle definizioni date. La parola corrispondente alla soluzione del Verbis va utilizzata nel successivo Minicruciverba.

Definizioni: 1. La parola definita dal Binario. 2. Puledri da latte. 3. Un Lou attore. 4. Spiagge, litorali. 5. Il quartetto di "Chiquitita". Minicruciverba Le parole orizzontali non definite vanno ricavate dagli incroci. La parola che compare nella prima riga orizzontale del Minicruciverba va utilizzata nel successivo Silla…bis.

Orizzontali: 1. La parola definita dal Verbis. 7. Ventilato. 9. Long Playing. 11. La So-phia nazionale. 12. In questo momento. 14. Re dei venti. 15. Il quadrato dei pugili. 17. Telare senza vocali. 18. Varietà di tessuto jeans. 20. Il centro della Saar. 21. Leone marino. 23. Il fiume esplorato da Bottego. 24. Sta per questa cosa. Verticali: 1. Stolido. 2. La fine della gara. 3. La sigla dell'Irlanda. 4. Si dice per spie-garsi. 5. Dipinse "La cattedrale di Chartres". 6. Marca di automobili da corsa. 8. Più che stimato. 10. Indalecio, uomo politico spagnolo. 13. Regione del Vietnam. 16. L'angolo di 360°. 19. L'inizio del mito. 22. Avanti Cristo.


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460) Silla…bis Trovare le parole corrispondenti alle definizioni e poi cancellare le coppie di sillabe uguali: le sillabe spaiate rimaste formeranno il cognome di una ex Miss Italia.

Definizioni: 1. La seconda parola ricavata dal Minicruciverba. 2. Incendiò Roma. 3. La 'rossa' di un film di Nanni Moretti. 4. Fredda precipitazione. 5. La prima parola ricavata dal Minicruciverba. 6. Un elemento dell'elica. 7. Con 'papere' nel titolo di una famosa canzoncina. 8. Lo indica BE in BENELUX.

Frannymorgana


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460)

Rubrica religiosa Ed eccoci con le novità del mondo religioso qui a Terracina e in Tdl, iniziamo con l'Abbazia Cistercense di Fornovo annuncia l'apertura del corso matrimoniale. Gli sposi che hanno scelto di sposarsi secondo il rito aristotelico chiamando Dio a consacrare il loro "sì" sono invitati a frequentare questo corso o, per meglio dire, incontri, per conoscere l’essenza e l'indissolubilità del sigillo del sacramento e accogliere con grazia la benedizione di Dio. Il corso matrimoniale è un percorso spirituale, guidato dal sacerdote, dove i futuri sposi, hanno la possibilità di confrontarsi e condividere i momenti, le gioie e le preoccupazioni che precedono il grande giorno. Possono partecipare anche coloro che sono o sono già stati sposati, così come coloro che non hanno ancora trovato la persona a cui legarsi definitivamente, per riflettere o scoprire ciò che rappresenta questo sacramento. A conclusione del corso, verrà rilasciato un attestato di avvenuta frequenza. Inoltre si è invitati tutti alla festa per l'inaugurazione del corso e dell'Oratorio Santo Stefano di Harding all'interno dell'Abbazia. Dal suddiacono Federica ci viene fornito un elenco di sposati a Terracina che possono richiedere la realizzazione di un certificato cartaceo: _Roby_ e Konrad sono stati uniti in matrimonio il 07/07/1456 da Lucibello a Sora . Aislinn__ e Re_pietro sono stati uniti in matrimonio il 10/11/1457 da Etna a Pontecorvo . Matrimonio annullato Albi79 e Psiche1972 sono stati uniti in matrimonio il 20/07/1456 da Dagome a Terracina . Alexiusxxiii e Pici sono stati uniti in matrimonio il 21/06/1458 da Fabioilbello a Terracina . Matrimonio annullato Alicegaia e Jimimercury sono stati uniti in matrimonio il 03/06/1457 da Donangelito a Terracina . Altea7 e Donangelito sono stati uniti in matrimonio il 12/10/1456 da Dagome a Terracina . Matrimonio sciolto Ashiwa e Birno sono stati uniti in matrimonio il 30/04/1457 da Dagome a Terracina . Astaroth88 e Ligeia sono stati uniti in matrimonio il 03/02/1458 da Gino a Gaeta . Birno e Ashiwa sono stati uniti in matrimonio il 30/04/1457 da Dagome a Terracina . Blues_star e Mcvlav sono stati uniti in matrimonio il 22/09/1457 da Onidala a Sulmona . Caipirigna e Khyra sono stati uniti in matrimonio il 08/07/1458 da Sabrinaangelini a Massa . Capitancook e Elo76 sono stati uniti in matrimonio il 23/07/1458 da Adhominem a Terracina . Certificato Carcarodon e Giovygio sono stati uniti in matrimonio il 13/05/1457 da Fabioilbello a Terracina . Matrimonio annullato Carmela_87 e Tinturadiodio sono stati uniti in matrimonio il 21/11/1457 da Fabioilbello a Terracina . Cassio e Corsarabg sono stati uniti in matrimonio il 06/10/1457 da Morvan a Montevarchi . Cellino e Solaya sono stati uniti in matrimonio il 27/04/1459 da Recoil80 a Terracina .


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460) Certificato Corsarabg e Cassio sono stati uniti in matrimonio il 06/10/1457 da Morvan a Montevarchi . Dagdamor e Roxie91 sono stati uniti in matrimonio il 21/01/1458 da Fabioilbello a Terracina . Devilson e Sissi26 sono stati uniti in matrimonio il 15/03/1459 da Fabioilbello a Terracina . Certificato Donangelito e Altea7 sono stati uniti in matrimonio il 12/10/1456 da Dagome a Terracina . Matrimonio sciolto Dorotea_matilde e Stenal99 sono stati uniti in matrimonio il 19/09/1457 da Fabioilbello a Terracina . Elo76 e Capitancook sono stati uniti in matrimonio il 23/07/1458 da Adhominem a Terracina . Certificato Eric_draven e Lady_noir sono stati uniti in matrimonio il 29/11/1457 da Donangelito a Terracina . Matrimonio annullato Certificato Fabioilbello e Spenkys sono stati uniti in matrimonio il 04/11/1456 da Dagome a Terracina . Matrimonio sciolto fabry70msu e Madia sono stati uniti in matrimonio il 14/12/1456 da Fabioilbello a Terracina . Matrimonio annullato Federix e Puffy11 sono stati uniti in matrimonio il 19/10/1456 da Dagome a Terracina . Matrimonio sciolto Fortunatojack e Madmoiselle sono stati uniti in matrimonio il 29/12/1457 da Donangelito a Terracina . Frisillina e Hardhorn2 sono stati uniti in matrimonio il 03/08/1457 da Fabioilbello a Terracina . Giovygio e Carcarodon sono stati uniti in matrimonio il 13/05/1457 da Fabioilbello a Terracina . Matrimonio annullato Hammershark e Sabrinaangelini sono stati uniti in matrimonio il 27/02/1457 da Fabioilbello a Terracina . Matrimonio annullato Hardhorn2 e Frisillina sono stati uniti in matrimonio il 03/08/1457 da Fabioilbello a Terracina . Jimimercury e Alicegaia sono stati uniti in matrimonio il 03/06/1457 da Donangelito a Terracina . Khyra e Pippelo sono stati uniti in matrimonio il 25/11/1457 da Etna a Pontecorvo . Matrimonio sciolto Khyra e Caipirigna sono stati uniti in matrimonio il 08/07/1458 da Sabrinaangelini a Massa . Matrimonio annullato Konoah e Stellina65 sono stati uniti in matrimonio il 14/10/1457 da Fabioilbello a Terracina . Konrad e _Roby_ sono stati uniti in matrimonio il 07/07/1456 da Lucibello a Sora . Lady_noir e Eric_draven sono stati uniti in matrimonio il 29/11/1457 da Donangelito a Terracina . Matrimonio annullato Certificato Libellula61 e Ombra75 sono stati uniti in matrimonio il 07/12/1456 da Fabioilbello a Terracina . Matrimonio sciolto Ligeia e Astaroth88 sono stati uniti in matrimonio il 03/02/1458 da Gino a Gaeta . Luthiena e Vefuntur sono stati uniti in matrimonio il 13/06/1458 da Donangelito a Terracina . Madia e fabry70msu sono stati uniti in matrimonio il 14/12/1456 da Fabioilbello a


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460) Terracina . Matrimonio annullato Madmoiselle e Fortunatojack sono stati uniti in matrimonio il 29/12/1457 da Donangelito a Terracina . Mcvlav e Blues_star sono stati uniti in matrimonio il 22/09/1457 da Onidala a Sulmona . Messerbracco e Odessa sono stati uniti in matrimonio il 19/09/1457 da Donangelito a Terracina . Matrimonio annullato. Non potrà risposarsi. Miglia150 e Paftunij sono stati uniti in matrimonio il 01/08/1457 da Heldor a Verona . Matrimonio annullato Odessa e Messerbracco sono stati uniti in matrimonio il 19/09/1457 da Donangelito a Terracina . Matrimonio annullato Ombra75 e Libellula61 sono stati uniti in matrimonio il 07/12/1456 da Fabioilbello a Terracina . Matrimonio sciolto Paftunij e Miglia150 sono stati uniti in matrimonio il 01/08/1457 da Heldor a Verona . Matrimonio annullato Pici e Alexiusxxiii sono stati uniti in matrimonio il 21/06/1458 da Fabioilbello a Terracina . Matrimonio annullato Pippelo e Khyra sono stati uniti in matrimonio il 25/11/1457 da Etna a Pontecorvo . Matrimonio sciolto Psiche1972 e Albi79 sono stati uniti in matrimonio il 20/07/1456 da Dagome a Terracina . Puffy11 e Federix sono stati uniti in matrimonio il 19/10/1456 da Dagome a Terracina . Matrimonio sciolto Re_pietro e Aislinn__ sono stati uniti in matrimonio il 10/11/1457 da Etna a Pontecorvo . Matrimonio annullato Roxie91 e Dagdamor sono stati uniti in matrimonio il 21/01/1458 da Fabioilbello a Terracina . Sabrinaangelini e Hammershark sono stati uniti in matrimonio il 27/02/1457 da Fabioilbello a Terracina . Matrimonio annullato Sissi26 e Devilson sono stati uniti in matrimonio il 15/03/1459 da Fabioilbello a Terracina . Certificato Solaya e Cellino sono stati uniti in matrimonio il 27/04/1459 da Recoil80 a Terracina . Certificato Spenkys e Fabioilbello sono stati uniti in matrimonio il 04/11/1456 da Dagome a Terracina . Matrimonio sciolto Stellina65 e Konoah sono stati uniti in matrimonio il 14/10/1457 da Fabioilbello a Terracina . Stenal99 e Dorotea_matilde sono stati uniti in matrimonio il 19/09/1457 da Fabioilbello a Terracina . Tarto.86 e Veronica_Colonna sono stati uniti in matrimonio il 14/03/1460 da Federica. a Terracina Certificato Tinturadiodio e Carmela_87 sono stati uniti in matrimonio il 21/11/1457 da Fabioilbello a Terracina . Vefuntur e Luthiena sono stati uniti in matrimonio il 13/06/1458 da Donangelito a Terracina . Il 14 marzo 1460 si uniscono in matrimonio Tarto.86 e Veronica_Colonna. Calliope e Mir51 vengono battezzati dal suddiacono Federica. Dulcebeso


Il Veliero – mensile terracinese – 03/1460 (Marzo 1460)

Il Velierio #3_2012  

Il veliero #3_2012 Mensile terracinese

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you