Page 1

VOLUME 1

N UM E R O 2

MONTECATINI- VALDINIEVOLE

Marzo - Aprile 2011 In questo numero 1

Arriva! “Come posso fare…se”

2

SISAL nelle Edicole!!!

3

Incontro con il Presidente FIEG

4

Novità sul sito dello SNAG

5

Disposizioni per le rivendite che vendono le pile

6

Ferie Estive 2011

7

Per installare una telecamera

1 – Arriva! “COME POSSO FARE….. SE” Con questo numero del notiziario viene distribuito, a tutti gli associati, il nuovo….. “COME POSSO FARE ….. SE”. Troverete, come anticipato a Marzo, documenti, delucidazioni, chiarimenti ed indirizzi utili per poter svolgere la nostra attività, tutto raccolto in un contenitore ad anelli. Alcune parti sono già complete altre sono ancora in fase di elaborazione. Verranno inviate, già prebucate, pronte per l’inserimento, con i prossimi notiziari. Riusciremo così ad aggiornare costantemente ed immediatamente, in caso di modifiche sostanziali, la vostra documentazione. Sperando che possa diventare un aiuto nell’attività di tutti giorni, vi sollecito ad inviarci domande, suggerimenti, critiche per poter arricchire e correggere, dove necessario, i contenuti. Non mi resta che ringraziarvi per la collaborazione ed augurarvi…..

BUON LAVORO!!!

2 – SISAL nelle Edicole !!! Dopo una lunga e laboriosa trattativa, lo SNAG ha concluso un accordo importantissimo con SISAL. Tutti i rivenditori di giornali potranno richiedere i Giochi e i Servizi offerti da SISAL, l’azienda italiana che da oltre sessant’anni opera in questo settore. E’ un’occasione da non lasciarsi sfuggire! Nel numero 2 di Azienda Edicola o sul sito dello SNAG, trovate tutti i dettagli e il modulo per poter inviare la domanda. E’ evidente che non tutte le edicole che invieranno il questionario debitamente compilato saranno attivate; sarà SISAL a verificare che le caratteristiche di ciascun punto vendita corrispondano alle loro esigenze. Così come l’invio del modulo non rappresenta un vincolo per la rivendita, alla successiva sottoscrizione del contratto. I questionari inviati verranno esaminati da SISAL ed entro il 31 maggio 2011 otterrai un riscontro. In caso positivo un Responsabile di Sisal provvederà ad effettuare un sopralluogo c/o il tuo Punto di Vendita per verificare che ci siano tutte le condizioni necessarie per procedere alla sottoscrizione del contratto.

APRI LE PORTE A SISAL ED INCREMENTA IL BUSINESS DEL TUO PUNTO VENDITA!!!


PAGINA 2

3 – Incontro con il Presidente FIEG Riporto, qui di seguito, la circolare inviata dallo SNAG Nazionale, rigurado l’incontro tra il Presidente Abbiati – e il Dott. Carotti (Fieg) del 9 marzo 2011: In data 9 marzo u.s. il Presidente Abbiati ha incontrato il Dott. Carotti, nuovo Direttore Generale della Federazione Italiana Editori Giornali, per discutere delle gravi problematiche di settore che necessitano un’urgente soluzione.

“Dopo aver evidenziato l’immobilismo in cui da anni versa la Fieg, che ha sicuramente aggravato, per non dire incancrenito, la situazione,…”

Dopo aver evidenziato l’immobilismo in cui da anni versa la Fieg, che ha sicuramente aggravato, per non dire incancrenito, la situazione, Abbiati ha sollecitato l’istituzione di tavoli tecnici le cui conclusioni dovrebbero essere poi presentate ai rispettivi organi politici per: 1. fare il punto sul processo di informatizzazione della rete e elaborare un programma di rilancio dello stesso; 2. integrare l’Accordo Nazionale con una normativa d’urgenza in materia di sospensioni e in materia di fideiussioni; 3. confrontarsi in merito alle proposte avanzate al Governo da ciascuna parte ed individuare, ove presenti, delle posizioni condivise;

“.. la Fieg torni ad essere rappresentata da Dirigenti con potere decisionale riappropriandosi del ruolo di garante dell’Accordo Nazionale che, purtroppo, da tempo non riveste più.”

4. individuare un progetto di riforma del sistema distributivo - sulla base della normativa vigente - procedendo alle eventuali modifiche dell’Accordo Nazionale; 5. individuare delle iniziative di marketing e promozionali congiunte. Il Presidente Abbiati ha inoltre espresso l’augurio di incontrare il Dott. Carotti nelle prossime riunioni di Commissione Nazionale affinchè, in quelle sedi, la Fieg torni ad essere rappresentata da Dirigenti con potere decisionale riappropriandosi del ruolo di garante dell’Accordo Nazionale che, purtroppo, da tempo non riveste più. Siamo fiduciosi che il Dott. Carotti vorrà intraprendere questo nuovo percorso con grande entusiasmo, professionalità, competenza e preparazione stravolgendo, in modo positivo, l’andamento attuale e infondendo la necessaria dinamicità e vitalità alla Federazione che ha l’onore di dirigere. Con i migliori saluti. Il Presidente (Abbiati Armando)

4 – Novità sul sito dello SNAG NAZIONALE Il sito www.snagnazionale.it è stato recentemente rinnovato e arricchito sia nel formato sia nei contenuti. E’ stata introdotta la nuova suddivisione degli argomenti con i menù a tendina delle sezioni riguardanti “Accordo Nazionale”, “Documenti”, “Leggi e Normative”, “Procedure Operative” e l’inserimento di un riquadro per la ricerca. Sempre in primo piano il link al “TROVARESA”, strumento fondamentale e ormai irrinunciabile per tutte le rivendite. Ed infine, ma novità Interessantissima, l'inserimento del "TG SNAG", organo di informazione della nostra Organizzazione Sindacale, dove sono riassunte tutte le notizie relative alla nostra categoria.

Visitare quindi frequentemente il sito! E’ indispensabile per essere sempre aggiornati.


PAGINA 3

5 – Disposizione per le rivendite che vendono le pile. Lo SNAG Regionale ha inviato una circolare esplicativa, riguardo le disposizioni per le edicole che vendono le pile. Ne riportiamo copia integrale di seguito, per opportuna conoscenza:

A seguito Dlgs 188/2008 disposizioni per le edicole che vedono le pile. Il Legislatore ha previsto che le pile e batterie portatili esauste, siano considerate a tutti gii effetti dei rifiuti pericolosi e che quindi l'intero ciclo di vita dello smaltimento di questi prodotti sia tracciato da parte di chi genera il rifiuto e da chi lo smaltisce. Eventuali irregolarità sono penalmente perseguibili. Il Dlgs 188/2008 ha disposto per qualunque esercente che vende al minuto pile e batterie, l'ob-bligo di mettete a disposizione del pubblico, presso il proprio locale, un contenitore (ecobox) speciale per la. raccolta di tali prodotti esausti e a ritirarli gratuitamente a chiunque lo richieda, a prescindere dal luogo di acquisto del prodotto e senza condizionarlo ad nuovo acquisto.

Il Legislatore ha previsto che le pile e batterie portatili esauste, siano considerate a tutti gii effetti dei rifiuti pericolosi e che quindi l'intero ciclo di vita dello smaltimento di questi prodotti sia tracciato da parte di chi genera il rifiuto e da chi lo smaltisce.

Precisiamo che in nessun caso dovrà rifiutarsi il ritiro né richiedere un corrispettivo in denaro per la raccolta, a pena di una sanzione amministrativa pecuniaria da 30 a 150 euro per ciascuna pila o batteria. Oggetto della raccolta, sono unicamente le pile e batterie portatili, quali le pile a bottone (per orologi o calcolatrici), a cilindro, pacchi batterie destinati ad alimentare e costituire fonte di energia elettrica per altri apparecchi elettrici o elettronici; le batterie trasportabili a mano che consentono l'illuminazione e l'accensione. Qualora non ai foste in possesso di tali ecobox ci può rivolgete alle ditte spedalizzate o anche presso consorzi o sitemi di raccolta presenti sul mercato o presso il Comune di appartenenza, al fine di poter richiedete gratuitamente la fornitura del contenitore e del servizio di ritiro di tali prodotti. Si raccomanda, di far in modo che l'utilizzo di tale contenitore sia destinato alla raccolta esclusiva di tali prodotti esausti e quindi sì consiglia di posizionarlo all'interno della rivendita (per evitare che si possano gettare altre tipologie di rifiuti) e di rendere noto al pubblico, mediante l'affissione di un avviso, della possibilità dismaltire tali prodotti presso quell'esercizio commerciale (rivendita giornali) . L'avviso dovrà informare; altresì circa i pericoli e i danni all'ambiente e alla salute umana derivanti dallo smaltimento delle pile al dì fuori degli appositi contenitori per la raccolta non-ché il significato dei simboli apposti sulle pile. Attenzione! La mancata informazione è punita amministrativa pecuniaria da 500 a 2000 euro.

con

la

sanzione

Tali contenitori, costituiranno a tutti gli effetti dei punti di raccolta e non sono soggetti ai requisiti in materia di registrazione o di autorizzazione di cui alla vigente normativa sui rifiuti. Attenzione Il Dlgs 188/200 vieta , a partire dal 30 marzo 2011 la commercializzazione delle pile ed accumulatori non rispondenti agli standard costruttivi previsti dallo stesso provvedimento. Potranno tuttavia essere ancora venduti pile ed accumulatori, purché già immessi sul mercato alla data del 26 settembre 2009

Il Dlgs 188/2008 ha disposto per qualunque esercente che vende al minuto pile e batterie, l'ob-bligo di mettete a disposizione del pubblico, presso il proprio locale, un contenitore (ecobox) speciale per la. raccolta di tali prodotti esausti


PAGINA 4

6 – Ferie estive 2011 In data 20 Aprile 2011, si è riunita la Commissione Provinciale costituita ai sensi dell’art. 4 dell’Accordo Nazionale sulla vendita dei giornali quotidiani e periodici, con il seguente ordine del giorno:   

Verifica delle richieste ricevute; Verifica copertura del territorio; Stesura e completamento turni.

Successivamente alla stesura del verbale, si è riscontrato però, che molte rivendite site nella piazza di Montecatini e Valdinievole non avevano inviato il modulo, né con la rinuncia, né con la scelta del periodo di ferie. Invitiamo quindi le edicole che non avessero ricevuto lo stampato dall’Agenzia di Distribuzione o non avessero ancora provveduto a comunicare il periodo prescelto ad inviarlo urgentemente tramite fax al DL o al sindacato scrivente (057278795).

7 – Per installare una telecamera

PER AGGIORNARTI….. VISITA IL NOSTRO BLOG….

www.snagmontecatini.blogspot.com

Vista la crescita di fenomeni di microcriminalità ai danni dei commercianti, cresce la richiesta da parte di quest’ultimi di chiarimenti riguardo l’istallazione di telecamere; ecco una sintesi delle relative regole: Il 20 aprile 2010 l’Autorità Garante della Privacy ha varato le nuove regole per la protezione dei dati personali in materia di videosorveglianza, sostituendo il vecchio Provvedimento Generale del 2004. Il presente Provvedimento introduce importanti novità; si è reso necessario non solo alla luce dell’aumento massiccio di sistemi di videosorveglianza per diverse finalità (prevenzione, repressione reati, sicurezza pubblica, controllo strade, tutela della proprietà privata, ecc.) ma anche in considerazione dei numerosi interventi legislativi adottati in materia, per esempio quelli che hanno attribuito ai sindaci e ai Comuni specifiche competenze in materia di incolumità pubblica e di sicurezza urbana, così come le norme anche Regionali che hanno incentivato l’uso di telecamere. ❖ Telecamere per la videosorveglianza finalizzate alla tutela delle persone e della proprietà: contro possibili aggressioni, furti, rapine, danneggiamenti, atti di vandalismo, prevenzione incendi, sicurezza del lavoro ecc. si possono installare senza il consenso dei soggetti ripresi, ma sulla base delle prescrizioni indicate dal Garante. ❖ I cittadini che transitano nelle aree sorvegliate devono essere informati con cartelli della presenza delle telecamere, i cartelli devono essere resi visibili anche quando il sistema di videosorveglianza è attivo in orario notturno. Nel caso in cui i sistemi di videosorveglianza installati da soggetti pubblici e privati (esercizi commerciali, banche, aziende etc.) siano collegati alle forze di polizia è necessario apporre uno specifico cartello sulla base del modello elaborato dal Garante. Le telecamere installate a fini di tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica non devono essere segnalate, ma il Garante auspica comunque l’utilizzo di cartelli che informino i cittadini. Le immagini registrate possono essere conservate per periodo limitato e fino a un massimo di 24 ore, fatte salve speciali esigenze di ulteriore conservazione in relazione a indagini. Per attività particolarmente rischiose (es. banche) è ammesso un tempo più ampio, che non può superare comunque la settimana. Eventuali esigenze di allungamento dovranno essere sottoposte a verifica preliminare del Garante. Data la complessità delle norme, consultare il sito: www.garanteprivacy.it

SNAG MONTECATINI VALDINIEVOLE NANI Silvia - Via P. Savi, 3 - Tel: 0572508575 – Fax: 057278795 – Cell: 3293715192 - Cod.Fis. 91019320471 e-mail: snagmtc@gmail.com - www.snagmontecatini.blogspot.com CONFCOMMERCIO MONTECATINI - Via U.Foscolo 4 – Tel: 0572904266 51016 - MONTECATINI TERME - PISTOIA

NOTIZIARIO 2011 - 2  

1-arriva "come posso faere se" / 2-SISAL nelle edicole/ 3-Incontro con il Presidente FIEG/ 4-Novità sul sito SNAG/5- Disposizione per la ven...