Annual Report 2022_ HD_150 dpi

Page 1

Annual Report Integrato 2022

ENDLESS INNOVATION SINCE 1919
II Annual Report Integrato 2022 ENDLESS INNOVATION
SINCE 1919

Annual Report Integrato 2022

1 sacmi.com Lorem ipsum SACMI
Indice 1.1 Tiles 27 1.2 Whiteware 37 1.3 Advanced Materials 45 1.4 Rigid Packaging 57 1.5 Beverage 69 1.6 Packaging & Chocolate 79 1.7 Logistic Engineering & Forwarding 85 1.8 Renewable Energy Management 89 2.1 Governance e organizzazione 94 2.2 Organi di governo 96 2.3 Integrità del business e sistemi di controllo 102 3.1 SACMI Digital Innovation & Automation HUB 108 3.2 R&D e Innovation 113 3.3 Le partnership 118 3.4 I principali progetti in corso finanziati 122 Il Gruppo SACMI 12 Governance responsabile e creazione del valore 92 Innovazione e ricerca 106 Lettera del Presidente 4 1 2 3
4.1 Valore economico generato e distribuito da SACMI Imola SC 132 4.2 Approccio alla fiscalità 134 6.1 Le nostre persone 146 6.2 I Soci 164 6.3 I Clienti 166 6.4 La Comunità e il territorio 170 7.1 Gestione degli impatti ambientali 176 7.2 Gestione dell’energia e delle emissioni 177 7.3 Gestione emissioni inquinanti in atmosfera 185 7.4 Gestione della risorsa idrica 187 7.5 Economia circolare 190 Fornitori 136 Performance sociale 144 Performance Ambientale 174 Nota metodologica 194 Tabella dei contenuti GRI 198 Ricchezza economica generata e distribuita 130 5 4 6 7

Lettera del Presidente

Nell’ambito di una domanda di mercato sostenuta per tutto l’esercizio, e sulla scia della vigorosa ripresa già innescatasi nel 2021, SACMI ha incrementato in modo significativo volumi e quote di mercato in tutti i settori in cui opera.

SACMI è oggi un Gruppo industriale più forte, e le risposte dei clienti a questo nuovo paradigma, incentrato su sostenibilità e digitalizzazione, risultano molto promettenti.

A fronte del risultato economico eccezionale – il migliore nella storia di SACMI – si evidenziano i numerosi fattori esogeni che, purtroppo, anche nel 2022 hanno condizionato il mercato.

Conflitto russo-ucraino, prezzi dell’energia fuori controllo, difficoltà di approvvigionamento e sovraccarico del sistema logistico – già evidenziati con l’uscita dal periodo pandemico – hanno continuato a rappresentare, per tutto l’esercizio, un ostacolo rispetto ad un percorso di crescita armonico condizionando, se pure in modo di-

versificato rispetto alle aree geografiche ed ai settori, i piani di investimento dei nostri clienti. SACMI ha reagito a tali fattori attraverso un focus ossessivo sulla gestione degli approvvigionamenti e sulla pianificazione delle commesse, riducendo l’impatto sui lead time dei progetti e sulla gestione operativa. Il 2022 beneficia del contributo di tutti i Business e le strutture aziendali, che hanno dimostrato grande resilienza agli shock, affrontato le diverse sfide con consapevolezza e coraggio, contribuito a consolidare reputazione e leadership di SACMI nei diversi settori.

Abbiamo investito su nuove competenze, con un ulteriore deciso incremento della base occupazionale SACMI in Italia e nel mondo, e sul potenziamento delle strutture e dei servizi di assistenza ai nostri clienti.

Sempre guidati dalla passione per la tecnologia e l’innovazione, affrontiamo il 2023 con fiducia, accelerando ancora su quei fattori – competenza, servizio, partnership – che continuano a dimostrarsi premianti per reagire in modo efficace, tempestivo e proattivo, alle forze contrastanti che operano sullo scenario globale.

4 Annual Report Integrato 2022
Nel 2022, il valore del portafoglio ordini consolidato di SACMI è triplo rispetto ai livelli pre-pandemia.

«Up to us». Dipende da noi

Tra gli effetti della spirale inflazionistica, innescata nella fase post-Covid ed aggravata con l’avvio del conflitto russo ucraino, la corsa all’acquisto delle fonti fossili, che ha dimostrato quanto ancora sia lungo e impervio il percorso verso la totale decarbonizzazione dei sistemi energetici. Questo non ha rallentato, anzi, ha reso ancora più urgenti gli investimenti su materiali e processi sostenibili , siano essi basati sulla riduzione dell’impatto ambientale di processi consolidati – ad esempio riducendo l’impiego di materie prime, agevolando logiche di recupero dell’acqua e degli scarti, contenendo i consumi – sia sull’individuazione di tecnologie alternative , come i nuovi materiali biocompatibili in ambito packaging o l’utilizzo di combustibili puliti nella gestione dei processi termici nel ceramico.

La comunicazione della sostenibilità, intesa anche e soprattutto come tecnologia abilitante per diventare più competitivi, reagire prima e meglio dei competitor alle distorsioni del mercato, disegnare il futuro in modo consapevole attraverso la sostenibilità sociale, ambientale ed economica dell’attività produttiva , è stata al centro dell’attività di SACMI nel 2022. Tale strategia si è tradotta, in corso d’anno, nel lancio della campagna «Up to us» : dipende da noi.

Allo sforzo tecnologico, che anche nel 2022 si è tradotto nel lancio di nuove soluzioni subito apprezzate dai nostri clienti, si è accompagnato dunque un preciso obiettivo di comunicazione , inteso come necessità di informare il mercato su quanti e quali vantaggi – economici ma anche reputazionali – la sostenibilità può offrire se inquadrata in una logica complessiva di ottimizzazione e valorizzazione delle risorse economiche, ambientali, sociali ( ESG , Environmental Social and Governance ).

Risultato non secondario di questo approccio, la possibilità di incrementare ulteriormente – grazie all'interconnessione digitale dei sistemi – il livello di servizio offerto al mercato, in termini di efficienza dei processi e, quindi, superiore qualità dei prodotti realizzati dai nostri clienti con tecnologie SACMI.

Misurare la sostenibilità

Uno degli aspetti chiave del percorso, già avviato nel 2021, è la capacità di SACMI di “misurare” la sostenibilità, intesa sia come sostenibilità esterna , cioè la sostenibilità incorporata nelle tecnologie e nei prodotti offerti da SACMI , sia come sostenibilità interna , ovvero l’ impatto ambientale, sociale ed economico dell’attività produttiva . Questo ha comportato la necessità di ampliare la qualità e quantità degli indicatori da misurare per restituire un quadro completo della sostenibilità SACMI nel senso più ampio.

In questo senso, l’istituzione nel 2022 di uno specifico coordinamento interno, il Sustainability Board , che opera in sinergia con i diversi organi di governo dell’azienda, ha consentito di alzare l’asticella degli obiettivi, estendendo il perimetro di rendicontazione ai fini di questo Bilancio integrato a 16 società italiane del Gruppo Anche l’analisi degli andamenti interni ai singoli Business ha tenuto conto nel 2022 della necessità di rendicontare in modo puntuale, evidente, trasparente, tutti gli aspetti che possono contribuire a mettere a terra il concetto di sostenibilità ed a tradurlo in prassi , grazie a singole tecnologie abilitanti o ad una diversa ed innovativa gestione degli impianti e delle manutenzioni (“ fabbrica digitale ”).

Quello che proviamo a dimostrare – ed a restituire in queste pagine – è come l’innovazione continua e la sostenibilità rappresentino in realtà due facce della stessa medaglia. Percorsi che, in diversi casi, si sono dimostrati determinanti per l’ottenimento dei risultati economici del Business. In altri, rappresentano linee di R&S e prototipazioni avanzate altrettanto importanti da valorizzare, in quanto potranno rappresentare la base sulla quale costruire un futuro sostenibile e raggiungere gli ambiziosi obiettivi di decarbonizzazione fissati dalle istituzioni internazionali.

Performance finanziaria

Nell’esercizio 2022 i ricavi consolidati hanno superato gli 1,8 miliardi di euro, in crescita di quasi 18 punti percentuali rispetto al 2021, esprimendo

5 sacmi.com SACMI Lettera del Presidente

una soddisfacente marginalità operativa. La consistenza patrimoniale e finanziaria del Gruppo resta eccezionale.

Il quadro macroeconomico mondiale 2022 è stato caratterizzato dal progressivo attenuamento dell’evento pandemico e, in senso opposto, dallo shock dell’invasione russa in Ucraina. Le tensioni geopolitiche innescate dal conflitto bellico hanno condizionato significativamente l’economia globale, provocando, fra gli altri effetti, una forte impennata dei prezzi, in particolare nel contesto europeo. L’incremento dei costi di produzione, il rialzo repentino dei tassi di interesse, le strozzature dell’offerta, il deterioramento del clima di fiducia e i minori stimoli monetari e fiscali hanno spento l’ottimismo di inizio 2022 e frustrato la domanda mondiale.

Lo scenario che si sta prospettando per il 2023 continua a presentare forti incertezze a livello macroeconomico per il protrarsi della guerra tra Russia e Ucraina, per la persistenza del fenomeno inflattivo e, conseguenza di quest’ultima, per le restrizioni monetarie via via introdotte dalle banche centrali.

Il clima di incertezza condiziona lo sviluppo economico internazionale e le decisioni di investimento delle industrie.

Nonostante ciò, nell’anno 2022 il Gruppo ha confermato indici economici, finanziari e patrimoniali robusti. Ha registrato incrementi di tutti i ricavi divisionali sostenuti da vigorosi flussi di acquisizione ordini. Grazie alla tenace focalizzazione sulla soddisfazione dei nostri clienti sono stati ottenuti risultati operativi significativi. L’esercizio si è concluso con il conseguimento dell’obiettivo di PFN (+109 milioni di euro) ed una piccola, ma apprezzabile – perché esito dell’ossessivo controllo del Capitale Circolante Netto – generazione di cassa netta di quasi 12 milioni di euro.

La sfida della ricerca del giusto equilibrio tra certezza della produzione ed efficienza dei magazzini è stata complicata dalle persistenti difficoltà di approvvigionamento e dal sovraccarico del sistema logistico globale.

L’esasperata pianificazione operativa delle commesse ci ha permesso di cogliere l’aumento del-

le domande, incrementando le quote di mercato nei settori in cui operiamo, e centrare un buon bilanciamento complessivo dei risultati economici e finanziari.

A fine anno, il Patrimonio Netto ha raggiunto i 772 milioni di euro. La struttura del debito finanziario di Gruppo continua ad essere solida, orientata su orizzonti temporali medio-lunghi e caratterizzata in prevalenza da tassi fissi.

La centralità strategica della sostenibilità ambientale e dell’innovazione tecnologica, in particolare nell’ambito dell’automazione e della digitalizzazione, indirizza anche le decisioni finanziarie. Nel corso del 2022 è avvenuto l’esborso dei finanziamenti contratti nel 2021 da SACMI per un ammontare di 50 milioni di euro tesi al raggiungimento di obiettivi R&D di miglioramento del profilo ambientale dei processi produttivi ceramici e del Rigid Packaging per il quinquennio 2021-2025. Gli interventi finanziati rientrano negli obiettivi del Green New Deal ed hanno meritato il sostegno di SACE. SACMI sta valutando opportunità finanziarie anche a sostegno degli investimenti volti ad aumentare il potenziale di innovazione tecnologica del Gruppo.

Mercati e trend

Nel 2022, la buona domanda aggregata ha premiato il prodotto SACMI sia sui mercati evoluti sia sui mercati emergenti.

Il blocco dei progetti nell’area russo-ucraina è stato in parte compensato dalla riallocazione degli investimenti in Europa centrale da parte di alcuni Gruppi multinazionali, mentre prosegue l’ottimo trend del continente americano, dal Brasile agli Stati Uniti.

In generale, SACMI ha saputo valorizzare uno dei propri tratti distintivi, la competenza impiantistica completa su quasi tutte aree di attività, proseguendo nella politica di acquisizioni mirate (ad esempio, in ambito Tiles, completando l’acquisizione del 100% delle quote di BMR, formalizzata a febbraio 2023), rafforzando il Global Network con il potenziamento delle strutture produttive e di assistenza (Brasile, Turchia, India, per citare le principali).

6 Annual Report Integrato 2022
7 sacmi.com SACMI SACMI 17% 83% 14% 86% 14% 86% Lettera del Presidente Ricavi (in milioni di euro) Patrimonio netto (in milioni di euro) 400 300 200 100 0 500 600 700 800 2022 772 ESTERO ITALIA 750 500 250 0 1000 1250 1500 1750 2000 2022 1.812 2021 733 2020 682 2020 1.101 2021 1.539
8 8 sacmi.com SACMI Annual Report Integrato 2022 80 100 60 75 40 50 20 25 0 0 100 125 120 175 150 2022 2022 102 168 EBIT (in milioni di euro) EBITDA (in milioni di euro) 2021 2021 82 145 2020 2020 36 98

Sugli scudi si conferma anche l’Africa che, se pure a fronte di volumi più ridotti, premia in modo particolare l’offerta completa SACMI, ad esempio in ambito rigid packaging e beverage, con la necessità di accompagnare il mercato con nuovi servizi di prossimità al cliente (va in questa direzione l’inaugurazione della filiale in Nigeria, prevista per il 2023).

In forte ripresa anche la Cina, dopo il rallentamento dovuto al periodo pandemico che ha causato lo slittamento di molte commesse e che si è protratto più a lungo rispetto ad altre aree del mondo. Spiccano tra le altre le performance in Europa, dove sono stati realizzati o sono in corso numerosi progetti in settori chiave (Tiles, Sanitario e Stoviglieria, Materiali Avanzati). Questo conferma in gran parte la tendenza già mostrata nel 2021 di un parziale ripensamento della globalizzazione. Non più delocalizzazioni funzionali a ridurre il costo del lavoro ma, sempre più spesso, piani di investimento che prendono forma laddove il prodotto deve essere venduto al consumatore finale. In generale, queste tendenze premiano la qualità del prodotto SACMI sia per produttività/performance sia per sostenibilità intrinseca, data la necessità di rispettare, su questi mercati, le più stringenti normative ambientali, di salute e sicurezza sul lavoro

Sempre più determinanti, ed al centro dei piani strategici di tutte le aree di Business, sono i servizi di assistenza al cliente, agevolati dalla digitalizzazione ma sempre accompagnati da una forte presenza sul campo, con squadre di tecnici locali e servizi di assistenza dedicati.

SACMI ha lanciato nel 2022, da questo punto di vista, innovativi pacchetti di assistenza nella direzione della manutenzione programmata degli impianti, implementato sulle macchine stesse nuove features e controlli evoluti per anticipare le derive produttive ed aumentare così, allo stesso tempo, il livello di soddisfazione del cliente e l’efficienza degli impianti sotto l’aspetto della profittabilità, dei consumi, dell’affidabilità.

Lavoro e formazione

Cresce l’occupazione, che a livello di Gruppo supera oramai le 4.800 unità, con quasi 100 nuovi profili assunti nel 2022 nella sola capogruppo.

Aumentano i brevetti e gli investimenti, nell’ambito di una governance strategica di Gruppo basata sulla crescita delle competenze interne e della capacità di accompagnare i clienti nell’implementazione dell’innovazione.

L’investimento sulle competenze ha visto nel solo 2022 l’erogazione di oltre 42mila ore di formazione a 2.500 dipendenti delle società italiane del Gruppo, a cui si aggiungono oltre 16mila ore di formazione alla sicurezza e all'ambiente Tra i passaggi più rilevanti, si segnala l’inaugurazione dei nuovi locali dell’Academy SACMI, celebrata all’inizio del 2023 ed al termine di un primo anno di piena operatività.

Oggi SACMI ha tutte le carte in regola – strutture, un coordinamento dedicato – per estendere la formazione al mondo degli stakeholder, clienti, fornitori, partner.

La realizzazione di un sempre più stringente ed efficace coordinamento delle strutture del Gruppo che operano in modo trasversale ai diversi Business è stata al centro dei piani di crescita del personale, insieme alla costituzione di nuove funzioni come il Digital Innovation & Automation HUB , perno dei servizi digitali del Gruppo e riferimento per numerosi progetti realizzati anche in collaborazione con le Università e il mondo della ricerca.

La comunità

Negli ultimi 3 anni, SACMI ha destinato oltre 2,25 milioni di euro al sostegno di progetti benefici sul territorio locale ed internazionale, in particolare nei settori della sanità e dell’istruzione.

Tra le iniziative principali realizzate nel 2022, la donazione al reparto di Gastroenterologia dell’Ospedale di Imola di un elettrobisturi di nuova generazione. Quindi il progetto realizzato con SACMI Engineering India per offrire un’opportunità di formazione ai bambini residenti nelle aree più remote del Paese.

Con il 2022, inoltre, è stato possibile tornare a sfruttare appieno le potenzialità del nostro Auditorium 1919 , con l’organizzazione di eventi anche aperti all’esterno ed in particolare al mondo

9 sacmi.com SACMI Lettera del Presidente

delle scuole, delle Università e dell’associazionismo di settore.

Insieme alla nuova Academy, tali strutture saranno sempre di più funzionali a valorizzare l’osmosi tra SACMI e l’ecosistema territoriale

e dell’alta formazione. Con un obiettivo in più, contribuire a rafforzare l’attrattività dell’azienda presso le nuove generazioni, insieme alle quali scrivere, anno dopo anno, il nostro secondo centenario di storia.

«Siamo al fianco dei nostri clienti in tutto il mondo per guidarli nella transizione verde. Essere sostenibili significa anzitutto diventare più competitivi. Up to us. Dipende da noi»

10 Annual Report Integrato 2022
Paolo Mongardi Presidente di SACMI Imola SC I dati e le informazioni riportate nella "Lettera del Presidente" fanno riferimento all’intero Global Network SACMI nel mondo.
11 sacmi.com SACMI SACMI Lettera del Presidente 30 20 10 0 40 60 50 2022 43 Investimenti (in milioni di euro) Numero dipendenti (al 31.12) 2021 39 2020 43 4.834 2022 4.720 4.572 2021 2020

1

Il Gruppo SACMI

Il Gruppo SACMI

SACMI è un gruppo industriale internazionale impegnato ogni giorno a migliorare lo stile e la qualità di vita delle persone, proponendo soluzioni ad alto contenuto di tecnologia, vicine ai bisogni primari di ognuno di noi.

La nostra storia

SACMI nasce nel 1919 nella città di Imola, in Italia, per iniziativa di 9 giovani meccanici e fabbri accomunati da un ideale, il lavoro, inteso come strumento per migliorare la propria condizione sociale e quella della comunità.

Questo succede in un contesto estremamente difficile per l’economia e la società italiana, all’indomani della Prima guerra mondiale, segnato da forte crisi economica, disoccupazione, inflazione.

Dai “piccoli lavori di riparazione meccanica” delle origini SACMI arriva a produrre, già dagli anni Trenta, le prime macchine a proprio marchio, prevalentemente per il nascente settore dell’agroindustria. Sono i nostri operai e tecnici, durante i bombardamenti della Seconda guerra mondiale, a mettere in salvo le macchine e le attrezzature, a rischio della vita.

Così SACMI è una delle prime aziende della città a poter tornare a lavorare, nella nuova Italia liberata dal nazifascismo.

Tra il 1948 e i primi anni Cinquanta SACMI sviluppa le due principali innovazioni che segneranno l’intera sua storia recente, dalla prima pressa per ceramica alla prima macchina completa per tappi a corona.

Seguono anni di intenso sviluppo al fianco dei nascenti distretti industriali italiani della ceramica e del packaging.

Cresce la “vocazione impiantistica” – sviluppo di soluzioni complete, dalla materia prima al prodotto finito – specialmente in ambito ceramico, e parte la “corsa” verso i mercati esteri, con l’apertura delle prime sedi in Spagna e Brasile, già negli anni Sessanta, quindi in seguito altre filiali e sedi estere in tutti i principali mercati di attività del Gruppo.

Già nel 1963 il valore delle esportazioni contribuisce a oltre il 50% del fatturato.

Nel 1989 viene costituito il Centro Ricerche del Gruppo. Verso la fine del Millennio SACMI sviluppa la tecnologia della compressione, che costituirà il riferimento mondiale nella produzione di tappi in plastica, affiancando lo storico

14 Annual Report Integrato 2022
1

business dei tappi a corona, quindi impianti e soluzioni complete anche in ambito packaging con lo sviluppo di macchine per preforme, linee di imbottigliamento ed etichettatrici.

Gli anni Duemila segnano l’ingresso di SACMI in nuovi settori, tra cui le macchine per la lavorazione e il packaging del cioccolato. Quindi, dal 2008, l’ingresso nel settore Metal Powder, primo passo di una forte e strutturata presenza nel settore automotive. Crescono ancora le competenze nel settore ceramico, con il lancio della tecnologia Continua+, oggi riferimento mondiale nella formatura di lastre e sottoformati. Parallelamente, SACMI sviluppa Deep Digital, un nuovo approccio alla gestione digitale ed integrata della decorazione-smaltatura delle superfici. Segue la creazione di una Business Unit dedicata allo sviluppo di Tecnologie e Materiali Avanzati, per mettere a valore le competenze già acquisite dal Gruppo e intercettare nuove opportunità di crescita legate in particolare ai settori della mobilità elettrica e della componentistica ad alte prestazioni.

Gli anni 2020 vedono SACMI in prima linea con investimenti sempre più spinti nella direzione dell’automazione, della digitalizzazione, della sostenibilità dei processi. In particolare, il concetto di economia circolare viene interpretato in ottica impiantistica con lo sviluppo di sistemi per il recupero integrale delle materie prime, la depurazione delle acque, il ripensamento dei processi termici con combustibili alternativi e recuperi per far funzionare singole macchine o intere parti d’impianto “zero fuel”. A tali attività si affianca la Ricerca&Sviluppo sui materiali ecosostenibili (ad esempio in ambito packaging) e della relativa evoluzione tecnologica necessaria per accompagnare la transizione verde.

15 sacmi.com SACMI Il Gruppo SACMI

Dipende da noi proteggere il futuro

vision

Ci impegniamo a consegnare l’azienda, a chi viene dopo di noi, in condizioni migliori

values

Lealtà e integrità

Siamo aperti, genuini e trasparenti tra di noi. Ci confrontiamo per unirci nelle decisioni e manteniamo le promesse. Rispettiamo le regole, le persone e le comunità dove operiamo.

Libertà con responsabilità

Abbiamo autonomia e spirito imprenditoriale, prendiamo l’iniziativa e ci assumiamo la responsabilità dei risultati del nostro lavoro. Se sbagliamo, cerchiamo l’opportunità di imparare dai nostri errori.

w

mission

Ricerca e innovazione

Investiamo nella ricerca ai massimi livelli, promuovendo con risolutezza l'innovazione tecnologica.

Qualità

Manteniamo grande attenzione alla qualità dei servizi e dei prodotti offerti, dando risposte efficaci alle esigenze reali dei mercati mondiali.

Sinergie

Siamo estremamente flessibili nel mettere a frutto sinergie tecnologiche e integrazioni operative nei settori più differenti.

Sostenibilità

Siamo un gruppo che sviluppa la crescita economica creando soluzioni e attività che mantengono in primo piano la comunità mondiale e la protezione del pianeta.

Innovazione

Siamo guidati dalla passione per la tecnologia e l’innovazione.

Partnership e collaborazione

Costruiamo con i clienti relazioni di lungo periodo, basate sulla fiducia e il mutuo beneficio. Lavoriamo insieme perché insieme siamo più forti.

Appartenenza

Siamo legati alle nostre radici e manteniamo una visione di lungo periodo.

La presenza sul territorio

Value chain globale dipendenti per area geografica totale

ITALIA / 3.286

EMEA* / 600

AMERICHE / 254

INDIA / 166

CINA / 406

ASEAN** / 91

GIAPPONE / 6

AFRICA / 26

Totale 4.834

* Europa (Italia esclusa), Russia e Medio Oriente

** Sud Est asiatico (Filippine, Indonesia, Malaysia, Singapore, Thailandia, Brunei, Vietnam, Birmania, Laos, Cambogia)

Società SACMI nel mondo

Italy

SACMI Imola

SACMI Forni & Filter

SACMI Molds & Dies

Keratech

SACMI Verona

Gaiotto Automation

SACMI Tech

SACMI Carpmec

B&B

SACMI Beverage

SACMI Packaging & Chocolate

Defranceschi

PET Projecta

Iprel Progetti

Italiansped

Protesa

SACMI Impianti

Nuova Sma

Euroelettra

Velomat

SACMI Service

Tecnos

Pack sud

BMR

Spain

SACMI Ibérica

Portugal

SACMI Iberica Sucursal Em Portugal

15 9 sedi produttive Mondo

sedi produttive Italia

France

SACMI West Europe

Luxembourg

LAEIS

United Kingdom Surface Inspection

Germany

SACMI Deutschland

Sama Maschinenbau

Riedhammer

Alpha Ceramics

Switzerland

SACMI Packaging & Chocolate Swiss

Poland

SACMI Polska

SACMI Packaging & Chocolate

Ukraine

SACMI Polska

Kiev Representative Office

Russia

SACMI Mosca

Italiansped – Moscow office

LAEIS Moscow

Turkey

SACMI Istanbul Sanayi Ve Tic. Bozüyük Warehouse Office

SACMI Teknoloji Ltd

United Arab Emirates

SACMI Middle East

Morocco

SACMI North West Central Africa

Egypt

SACMI Egypt

Molds & Dies Egypt

Nigeria

SACMI Nigeria

South Africa

SACMI South Africa

18 Annual Report Integrato 2022

India

SACMI Engineering (India) Ahmedabad

SACMI Engineering (India) Mumbai

SACMI Engineering (India) Morbi Warehouse

Thailand

SACMI Thailand

Singapore

SACMI Singapore

Indonesia

SACMI Indonesia

PT Molds & Dies Indonesia

Italiansped – Indonesia Office

Vietnam

SACMI Vietnam

China

SACMI Hong Kong

SACMI Machinery (Foshan Nanhai) - Changshu Branch

SACMI Machinery (Foshan Nanhai)

SACMI (Shanghai) Machinery Equipment

LAEIS (Dalian) Trading

Japan

Riedhammer Japan

United States

SACMI USA

SACMI USA - Tennessee Branch

Mexico

SACMI de Mexico

SACMI de Mexico San Luis Potosi Warehouse

SACMI Molds & Dies Mexico

SACMI de Mexico - Italiansped Office

Cuba

SACMI Imola Sucursal Cuba

Brazil

SACMI do Brasil

Argentina

SACMI Impianti Argentina

19 sacmi.com SACMI

Dialogo con gli stakeholder e analisi di materialità

SACMI considera la relazione con tutti i propri stakeholder un asset importante per il proprio business e la propria crescita, ovvero tutti i soggetti interni ed esterni che quotidianamente interagiscono con SACMI, e che manifestano un interesse specifico al raggiungimento degli obiettivi preposti da parte dell’Organizzazione stessa, sotto il profilo dell’impatto economico, ambientale e sociale.

Un rapporto basato sul dialogo e sul coinvolgimento continuo è espressione della responsabilità che l’azienda ha nei confronti del contesto sociale con il quale interagisce, per la creazione di valore condiviso nel lungo periodo.

Identificare in modo puntuale i propri stakeholder monitorando costantemente aspettative, bisogni e opinioni, costituisce il punto di partenza per impostare un efficace processo di engagement

Gli stakeholder sono quei soggetti da cui un’organizzazione dipende per la sua stessa sopravvivenza: per SACMI si tratta dei propri soci, dipendenti e collaboratori, fornitori, clienti, istituzioni pubbliche, il mondo accademico e della ricerca (ivi comprese le Università e le scuole), le associazioni di categoria, gli altri operatori del settore, i sindacati, i media, le comunità locali e internazionali. SACMI persegue costantemente un approccio proattivo nei confronti della pluralità di interlo-

cutori con cui costantemente si rapporta nel mondo, promuovendo un dialogo costante e recependone le esigenze, consapevole che questi momenti di confronto costituiscono occasioni reciproche di crescita e sviluppo.

Nell’ambito della rendicontazione di natura ESG, l’analisi di materialità è volta a identificare gli aspetti ambientali, sociali, economici e di governance considerati rilevanti e significativi per il business di SACMI e per i suoi stakeholder

Tali tematiche vengono definite “materiali” in quanto risultano associate agli impatti (positivi o negativi, effettivi o potenziali, di breve o lungo periodo) più significativi che le attività aziendali sono (o potrebbero essere) in grado di generare sull’economia, l’ambiente e le persone, compresi gli impatti sui loro diritti umani.

Al fine di identificare i principali impatti che le attività svolte da SACMI generano o potrebbero generare sulla sfera ESG, è stato avviato un processo strutturato che ha permesso di definire nel dettaglio il contesto di riferimento all’interno e all’esterno dell’Organizzazione. Tale attività si è articolata nei seguenti passaggi:

• conduzione di un’analisi di benchmark su un campione di 16 aziende competitor, peer e comparable;

• disamina della documentazione interna esistente (es: Policy, procedure, sistemi di gestione, ecc.);

20 Annual Report Integrato 2022

Fornitori

Soci,dipendenti e collaboratori Clienti

Istituzioni pubbliche, mondo accademico e della ricerca

Comunità locali e internazionali

Associazioni di categoria e media

21 sacmi.com SACMI Dialogo con gli stakeholder e analisi di materialità

• conduzione di interviste mirate che hanno visto il coinvolgimento di tutti i membri del Gruppo di Lavoro interno all’Organizzazione, oltre che il Managing team delle principali Funzioni aziendali;

• valutazione dei principali standard e framework internazionali adottati nella reportistica di sostenibilità (GRI Standard, SASB, TCFD), inclusi quelli di prossima pubblicazione (es: ESRS, IFRS).

Gli impatti individuati sono stati clusterizzati in base al reciproco livello di affinità, al fine di ottenere un elenco di 30 tematiche ESG sottoposte a valutazione da parte dei referenti coinvolti durante le interviste. Tali tematiche, a loro volta, sono state ricondotte a sei ambiti di sostenibilità: Governance, Ambiente, Risorse umane, Responsabilità economica, fornitori e partner, Comunità locale, Responsabilità di prodotto e clienti.

Al fine di identificare i temi e gli impatti ESG realmente “materiali” per SACMI è stata definita la cosiddetta “soglia di materialità” calcolata attuando una media tra i punteggi assegnati dai best performer a seguito dell’analisi di benchmark e i punteggi di SACMI a seguito delle interviste per ogni tematica analizzata.

Al termine dell’intero processo, i risultati conseguiti sono stati sottoposti a discussione e validazione da parte di tutti i membri del Gruppo di Lavoro interno all’Organizzazione.

La tabella che segue descrive, per ogni tematica risultata materiale per SACMI, i principali impatti generati dalle attività aziendali sull’economia, l’ambiente e le persone, inclusi gli impatti sui loro diritti umani e le attività aziendali che generano, direttamente o indirettamente, gli impatti identificati.

Sono inoltre riportati i principali rischi a cui l’Organizzazione risulta esposta in base alla misura in cui essa è in grado di presidiare efficacemente la tematica in esame e i principali strumenti (politiche, procedura, sistemi di gestione, ecc.) adottati da SACMI per presidiare la tematica e prevenire o mitigare gli impatti negativi ad essa associati.

Infine, vengono presentati i processi di monitoraggio adottati per misurare l’efficacia degli strumenti e delle iniziative attuate e i Sustainable Development Goals (SDGs) dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile associati a ciascun tema materiale.

Gli impatti identificati tramite il processo appena descritto risultano essere in linea con i temi risultati materiali nel precedente ciclo di reporting. In particolare, alcune tematiche individuate nel 2022 accorpano temi materiali considerati separatamente nel 2021 e viceversa, nel caso in cui si sia voluto dare rilievo ad aspetti specifici riguardanti alcuni ambiti. Relativamente agli strumenti a presidio dei processi organizzativi, si rimanda agli specifici capitoli per eventuali approfondimenti.

22 Annual Report Integrato 2022

Analisi degli impatti

È stata svolta un’analisi relativa dei potenziali impatti positivi e negativi dell’azienda, in base al contesto in cui opera e al suo core business:

Impatti positivi sull’economia

Aumento del reddito e della competitività dell’azienda

Creazione di posti di lavoro diretti e indiretti

Contributo al reddito e alla prosperità della comunità locale, in particolare tramite l’utilizzo di una catena di fornitura locale e con un alto rapporto di fidelizzazione

Impatti positivi sull’ambiente

Adozione di tecnologie avanzate e sostenibili a basso impatto ambientale, con riduzione diretta (per la produzione interna) ed indiretta (per i beni produttivi forniti ai clienti) dell’impatto ambientale

Utilizzo di materiali riciclabili o di fonti rinnovabili nella produzione

Promozione di iniziative locali di tutela ambientale

Impatti negativi sull’economia

Possibili perdite di posti di lavoro in caso di riduzione della produzione o di fallimento

Effetti sulle imprese locali, soprattutto se dipendenti dalla produzione e dalle forniture dell’azienda

Impatti negativi sull’ambiente

Emissioni di gas serra e inquinamento atmosferico a causa delle attività industriali

Utilizzo eccessivo e non sostenibile delle risorse naturali, come l’acqua, l’energia e le materie prime

Possibili incidenti ambientali, come perdite di sostanze chimiche, inquinamento delle acque e del suolo

Impatti sociali positivi Impatti sociali negativi

Creazione di posti di lavoro diretti e indiretti Esposizione a rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro, come infortuni, malattie professionali

Aumento del reddito, del potere d’acquisto e della realizzazione personale dei soci e lavoratori

Contributo al benessere sociale e al miglioramento della qualità della vita attraverso la produzione di beni e servizi utili

Possibili impatti sulla salute a causa dell’inquinamento ambientale

Alla luce dell’analisi svolta, il Gruppo SACMI ritiene di non aver provocato o contribuito agli impatti negativi attraverso le proprie attività.

23 sacmi.com SACMI Dialogo con gli stakeholder e analisi di materialità

Ambito Tematiche materiali Impatto connesso (positivo e/o negativo)

Attività che genera l’impatto SDGs

Risorse Umane Sviluppo e formazione delle risorse

Opportunità di ciascun collaboratore di intraprendere un percorso di crescita professionale e di realizzare pienamente il proprio potenziale.

Disponibilità di percorsi finalizzati al rafforzamento e sviluppo delle competenze e delle skill professionali.

Capacità di retention e attraction e sulla stabilità occupazionale delle risorse umane.

Percorsi di formazione sviluppati ed erogati con uno specifico processo “ SACMI Academy”. Modello strutturato di valutazione delle performance per la valutazione delle competenze e migliorare eventuali gap.

Risorse Umane

Salute e sicurezza sul lavoro

Garanzia di sicurezza e della salute del personale riducendo tassi di infortunio all’interno dell’Azienda.

Processo di monitoraggio e registrazione degli infortuni occorsi.

Risorse Umane

Condizioni di lavoro, clima interno e welfare

Livello di benessere psico-fisico dei dipendenti, con conseguente impatto sull’effettiva opportunità per ciascun collaboratore di realizzare pienamente il proprio potenziale, attraverso l’offerta di un ambiente di lavoro positivo, e caratterizzato da un insieme di programmi volti a migliorare il bilanciamento vita-lavoro dei dipendenti.

Tutela degli ecosistemi e salvaguardia della biodiversità.

Offerta di un pacchetto di welfare per migliorare l’equilibrio vita privata-lavoro, quali ad esempio assistenza sanitaria ed integrativa, fondo previdenza, polizze, asilo nido interaziendale, contrattualizzazione smart working, ecc.

Ambiente Responsabilità ambientale

Tutela delle comunità locali e del territorio rispetto all’esposizione ad eventi atmosferici estremi (es: alluvioni, allagamenti, uragani, desertificazione, ecc.)

Costi energetici attraverso azioni e progetti di efficientamento energetico.

Istituzione di Policy qualità, sicurezza e ambiente; ISO14001; Autorizzazione Unica Ambientale.

Ambiente Efficienza energetica

Tutela delle comunità locali e del territorio rispetto all’esposizione ad eventi atmosferici estremi (es: alluvioni, allagamenti, uragani, desertificazione, ecc.)

trigenerazione.

24 Annual Report Integrato 2022
Presenza di impianti fotovoltaici e di

Ambiente Gestione dei materiali

Tutela degli ecosistemi e salvaguardia della biodiversità.

Prosperità dei principali stakeholder con cui l'Organizzazione interagisce (es: comunità locali, business partner, ecc.) in termini di disponibilità di risorse materiche nei sistemi naturali e facilità di accesso ad esse.

Salute e benessere della clientela, in termini di assenza di materiali/sostanze tossiche nei prodotti offerti dall'azienda.

Sensibilità e consapevolezza del personale e del mercato sui temi ESG.

Implementazione di modelli ad elevata efficienza ecologica e progetti di circolarità su alcune tipologie di rifiuti; politica di approvvigionamento sostenibile; certificazioni sui materiali fornite dai fornitori.

Ambiente Economia circolare

Disponibilità nei mercati di prodotti e servizi con elevate performance ambientali / sociali.

Implementazione di modelli ad elevata efficienza ecologica e progetti di circolarità su alcune tipologie di rifiuti; politica di approvvigionamento sostenibile; certificazioni sui materiali fornite dai fornitori; tracciamento e monitoraggio dei rifiuti prodotti tramite procedure informatiche.

Governance Lotta alla corruzione

Tutela della legalità in ambiti quali il reimpiego di profitti derivanti da attività illecite, il manifestarsi di episodi di corruzione e concussione, l’adozione di comportamenti anti-competitivi, ecc.

Governance Standard / Codici Etici

Grado di sensibilità e consapevolezza della clientela e del mercato sui temi ESG.

Condizioni sociali ed economiche del territorio e delle comunità locali.

Processi di monitoraggio di eventi legati alla corruzione. Implementazione del modello 231.

Comunità locale

Coinvolgimento delle comunità e rapporti con il territorio

Coinvolgimento e sulla partecipazione alle attività di inclusività sociale.

Gestione delle risorse finanziarie a beneficio della società e dell'ecosistema economico in cui opera l’organizzazione.

Presenza del codice etico; presenza della ISO 9001 e 45001.

Coinvolgimento attivo della comunità locale attraverso varie progettualità, quali ad esempio “Bringing smile through education & improvement”, ed ulteriori erogazioni liberali a sostegno di varie associazioni.

Comunità locale

Collaborazione con scuola e università

Benessere e prosperità dei principali stakeholder con cui l'Organizzazione interagisce (es: dipendenti, comunità locali, business partner, ecc.)

Sostegno di corsi di laurea alle Università.

Finanziamento dei dottorati di ricerca.

Accoglienza di tirocinanti in azienda e attivazione di progetti scuola-lavoro.

25 sacmi.com SACMI Dialogo con gli stakeholder e analisi di materialità

Tiles

Bene l’Europa, con record sui mercati italiano e spagnolo. India e Americhe premiano la strategia e il prodotto SACMI. Si conferma in ulteriore crescita il segmento grandi lastre.

Dopo un 2021 da record, il Business replica nel 2022 le buone performance sulla scia di una domanda del mercato ancora sostenuta, nel ceramico e più in generale nell’edilizia. Questo si riflette nel positivo andamento dei volumi di vendita che confermano e superano quelli del 2021.

Moltissime le nuove linee in Europa, con record per i mercati italiano e spagnolo. Nuove installazioni riguardano sia la produzione di formati medio grandi sia le lastre, con l’elemento innovativo della decorazione 3D in massa a valorizzare ulteriormente l’offerta SACMI per questo specifico campo applicativo.

In particolare, l’Italia si è confermata primo mercato, con iniziative presso tutti i principali gruppi, specialmente con nuove linee per lastre o importanti ristrutturazioni per l’ampliamento della gamma formati, fondate sulla Continua+. Al centro dell’interesse anche la cottura con l’avviamento del primo forno monocanale Maestro Digitale, FMD, e così pure del primo forno capace di bruciare miscele fino al 50% di idrogeno, FMH.

Anche la Spagna ha confermato i brillanti risultati ottenuti nell’anno precedente, con forniture di impianti per lastre presso primari produttori spagnoli.

In Polonia e Bulgaria aumentano le quote SACMI, con nuove linee e un intero impianto in green field. Sostanzialmente azzerate le acquisizioni in Russia e Ucraina, mercati tradizionalmente SACMI.

Di particolare rilievo anche i risultati nelle Americhe, sia per l’internazionalizzazione di gruppi italiani, spagnoli e brasiliani, che per gli investimenti locali, in particolare nel Sud.

In Africa, continuano stabili i mercati tradizionali come Algeria, Egitto, Sud Africa, mentre prosegue la difficile ma positiva raccolta di ordini nelle aree centrali, aggredite dalla concorrenza cinese che non solo vende impianti ma ne è partner di rilievo.

Ancora vincente in India la strategia che ha portato i più grandi produttori locali a dotarsi di macchine SACMI per la produzione di lastre, raggiungendo valori di produttività ed efficienza di particolare rilievo. Pure in Vietnam, un mercato sempre più presidiato, SACMI si conferma assoluto leader nei maxi formati.

27 sacmi.com SACMI Tiles
1.1

In Cina si sono ridotti i volumi, a fronte della crisi economica in particolare del settore delle costruzioni e per le emergenze sanitarie che hanno fermato il Paese.

Dal punto di vista dell’estetica prodotto, il mercato evolve verso una sempre maggiore richiesta di materiali ad effetto “naturale” in sostituzione di marmi, pietre, legno pregiato, ma anche in alternativa a materiali sintetici come resine, engineered stones, poliaccoppiati, se ed in quanto capaci di soddisfare le diverse necessità estetico-decorative e funzionali.

Nel segmento delle grandi lastre, il 2022 vede confermarsi ulteriormente il trend di crescita, con le diverse nicchie ad alto valore aggiunto come il mondo del furniture e in particolare dei countertop. Più in generale, si evidenzia la tendenza del mercato a privilegiare soluzioni d’arredo coordinate indoor-outdoor, incluso il ritorno dei piccoli formati.

Sulle macchine, Continua+ si conferma lo standard del mercato nella produzione di grandi lastre. Soprattutto, con l’ampliamento della gamma e l’introduzione di PCR2120, la soluzione si pone come riferimento, per produttività e versatilità, anche nella realizzazione di sottoformati coordinati, minimizzando scarti, consumi e footprint all’interno della fabbrica e superando la tradizionale distinzione tra formati standard (pressatura tradizionale) e grandi lastre (Continua+). Prioritaria per fronteggiare la richiesta del mercato di soluzioni efficienti ed innovative sotto l’aspetto energetico, l’offerta di macchine termiche SACMI ha visto affermarsi il formo FMA – aria-gas modulato – come lo standard del mercato, insieme alla fornitura ed avvio delle prime soluzioni FMD full digital capaci di funzionare con differenti miscele di metano-idrogeno. Rilevante, in termini di gestione ed efficientamento del bilancio termico della fabbrica, l’offerta di soluzioni “zero-fuel” per l’essiccamento del prodotto e l’installazione di atomizzatori di grandissime dimensioni. Sulla decorazione, l’esclusiva tecnologia SACMI per l’applicazione combinata di graniglie, smalti ed altri effetti a secco e a umido registra un picco di interesse mai visto in precedenza, con l’opportunità del coordinamento digitale di tutti i dispositivi a monte (deposito polveri) ed a valle della formatura.

Tra le novità tecnologiche, valorizzate all’ultima edizione della fiera internazionale Tecna, anche la nuova offerta integrata per il fine linea, “Dinamica Line”, che completerà il percorso già avviato nel 2021 con il lancio del nuovo sistema di classificazione Ekosort Dinamica, cui si affianca la nuova gamma di sistemi di controllo qualità Flawmaster, le nuove confezionatrici D-Roll e D-Frame, fino al nuovo pallettizzatore D-Pick&Place, completamente riprogettato.

Accanto alle macchine, si conferma nel 2022 l’apporto fondamentale del Customer Service al risultato del Business, con ulteriore record nella vendita ricambi e assistenza in particolare nelle Americhe, Europa, Medio Oriente. Particolare sforzo ha richiesto in corso d’anno, da questo punto di vista, il monitoraggio degli approvvigionamenti e della funzionalità non ottimale degli hub logistici mondiali, per garantire comunque, grazie alle strutture di assistenza SACMI nel mondo, un adeguato livello di servizio ai clienti.

Sempre sul capitolo assistenza, il 2022 ha visto la forte crescita dei comparti di manutenzione programmata e revamping , anche grazie all’affermazione dei nuovi canali digitali come SACMI SPACE e alla gestione dei ticket di assistenza tramite servizio e-Support, attivabile anche tramite la nuova app mobile SACMI SPACE UP

In prospettiva 2023, si registrano importanti iniziative di investimento e robuste acquisizioni durante tutto il 2022, nonostante una crisi politica ed energetica senza precedenti, che ha sconvolto in particolare l’Europa, ridisegnando la geografia degli investimenti e influenzando sia le dinamiche dei costi (e quindi le marginalità) delle ceramiche, che il mercato delle piastrelle. In particolare, nel 2022 si sono ridotti i nuovi ordini in Europa, compensati da crescenti iniziative nelle aree di Centro e Sud America, dove si assiste a un riprogettazione degli impianti, che passano da pasta rossa a gres e a formati più grandi, per puntare all’export negli USA. Importanti vendite sono state fatte anche in Turchia.

La riduzione di ordini in Europa è più evidente in Spagna e Polonia, meno in Italia, che ha il prezzo medio delle piastrelle più alto del mondo e quindi è stata in grado di assorbire meglio di altri paesi gli incrementi di costo dovuti al gas.

28 Annual Report Integrato 2022

Globalmente, la raccolta ordini è stata comunque molto alta anche nel 2022, consentendo di costruire un portafoglio iniziale 2023 a livelli record. Tuttavia, deve rimanere alta l’attenzione

verso la concorrenza, tramite iniziative volte da un lato al controllo e al contenimento dei costi e dall’altro alla continua innovazione, da sempre tratto distintivo di SACMI nel mondo.

Meno consumi 15%

Macinazione modulare in continuo, nuovi forni con allestimenti digitali

29 sacmi.com SACMI Tiles

Decorazione in massa e vena passante

Effetti materici e di profondità della pietra naturale con Continua+ e SACMI Deep Digital

30 Annual Report Integrato 2022
31 sacmi.com SACMI Tiles
32 Annual Report Integrato 2022 vendute nel mondo oltre linee Continua+ 170

Le principali novità tecnologiche

Il Business ha investito sull’allargamento e completamento dell’offerta su tutte le macchine/fasi di produzione, con un’attenzione particolare, anche in ottica impiantistica, ai driver della digitalizzazione e della sostenibilità.

Preparazione impasti. SACMI ha sviluppato atomizzatori di grandissima taglia insieme alle nuove soluzioni ibride metano-idrogeno (per il 2023 è previsto lo sviluppo della soluzione metano-elettrica).

Formatura. Si espande l’offerta nella direzione di produttività e versatilità, con PCR2120, che completa la famiglia Continua+ (oltre 150 soluzioni vendute nel mondo) e l’ampliamento della gamma di presse tradizionali PH Veloce (compreso il lancio di kit ad alto valore aggiunto come SPE Plana, l’autodiagnostica, i dispositivi di recupero polveri P-Back, etc). Si conferma la validità della tecnologia Continua+ per la formatura di lastre e sottoformati a partire da impasti ceramici tradizionali (“impasti poveri”).

Decorazione. Sono state sviluppate soluzioni per la decorazione in massa e la vena passante, con focus sul prodotto countertop e la realizzazione di decori/strutture ad imitazione della pietra naturale. Grande crescita nel mercato, poi, per l’esclusivo sistema Deep Digital per la realizzazione di sofisticati effetti materici sul prodotto.

Cottura. È stato finalizzato il lancio della gamma di forni FMD Maestro con allestimento digitale. Lo sviluppo ed il lancio della soluzione full digital hanno accompagnato l’introduzione del primo forno ibrido metano-idrogeno FMH.

Gestione dei processi termici. Si consolida il concetto “zero fuel” per gli essiccatoi, nel contesto dell’efficientamento energetico di fabbrica, insieme alle nuove soluzioni per ottimizzare la gestione dei cascami termici (scambiatori di calore dai fumi del forno) e al trattamento dei composti organici dei fumi.

Recuperi di materie prime. accanto ai sistemi per il riciclo in linea degli sfridi, si evidenzia lo sviluppo della soluzione di ultra-filtrazione per la depurazione delle acque di processo e servizio (es. lavaggi in smalteria).

Fine linea. Alla linea di scelta Ekosort Dinamica si affianca la nuova confezionatrice e pallettizzatore (Dinamica Roll, Dinamica Pick&Place)

Controllo qualità. L’anno vede il lancio di OPTIMA, il dispositivo completo per il controllo della densità e dei bordi integrato sulla PCR (controllo in crudo). Accanto, la nuova Flawmaster per il controllo del prodotto finito in uscita dall’area scelta. Entrambi i sistemi fanno da apripista per un nuovo approccio alla “visione” lungo tutto l’impianto ceramico. Completano il quadro i nuovi moduli HERE (controllo qualità, maintenance) e primi sviluppi sul tracking del lotto.

Formazione e vicinanza al cliente. Il Business ha presentato alla fiera internazionale Tecna l’edizione aggiornata del manuale di tecnologia per il Tiles, realizzato con il contributo del Laboratorio. Si evidenzia anche lo sviluppo prodotto in sinergia con il sistema della formazione e in coordinamento tra i Laboratori Tiles e Sanitaryware (progetto ArtTooling con ISIA-Università del design di Faenza).

33 sacmi.com SACMI Tiles

Gli impatti sulla sostenibilità

Nel 2022 è stato finalizzato il lancio e la promozione della campagna Up To Us, funzionale a valorizzare i principali plus ambientali delle macchine/ impianti SACMI per ceramica.

Decarbonizzazione. Estensione della gamma forni “Maestro” con nuovo FMD à meno 15% consumi grazie a gestione “full digital” delle ricette/ottimizzazione curve di cottura, meno emissioni di NOX e 1.108 tonnellate di CO2 risparmiate ogni anno. Nuovo forno FMH con miscele fino al 50% di idrogeno à meno 23% emissioni di CO2 rispetto a un forno 100% CH4.

Emissioni. 141 linee Continua+ in esercizio nel 2022 à -130 GWh ed oltre 52mila tonnellate di CO2 in meno immesse in atmosfera (rispetto a linee tradizionali equivalenti), meno 67mila litri di olio esausto.

Rilascio di versioni di DHD compatibili testine per inchiostri a base acqua à meno solventi e inquinanti, riduzione nelle emissioni stimabile in 100 ton CO2/all’anno. Nuovo sistema di abbattimento dei composti organici dei fumi, limitazione impatto dell’attività produttiva sulle comunità locali (es. emissioni odorigene).

Energia . Essiccatoio “zero fuel” à meno 7.700 MWh termici (rispetto a un essiccatoio tradizionale) e meno 2.200 ton di CO 2 l’anno.

Nuove soluzioni per il recupero dei cascami termici (scambiatori di calore), riduzione delle dispersioni termiche al camino del forno. Nella configurazione con i sistemi di preriscaldo dell’acqua di macinazione à meno 3.200 MWh termici per ogni linea produttiva, meno 650 ton CO 2/all’anno.

Acqua/scarti. Soluzione di ultra-filtrazione per la depurazione delle acque di processo e servizio (lavaggi in smalteria), meno 10mila metri cubi d’acqua l’anno , possibilità di reimpiegare l’acqua depurata a fini nobili del processo (preparazione impasto).

Sistemi di riciclo totale degli sfridi in linea, riduzione ai minimi termini (<1,5%) dello scarto compattato in fase di formatura.

Ulteriore riduzione scarti e ottimizzazione risorse con sistemi di controllo di processo e retroazione (es. OPTIMA).

Meno consumo di acqua e additivi chimici grazie ai mulini modulari MMC ad alta efficienza.

34 Annual Report Integrato 2022

Meno emissioni 23%

Nuovo forno FMH con miscele fino al 50% di metano e idrogeno

35 sacmi.com SACMI Tiles

Whiteware 1.2

Sanitaryware

Tutti i grandi gruppi internazionali confermano la propria fiducia nel prodotto SACMI. Sulla tecnologia, si completa l’offerta basata sui temi della sostenibilità e dell’automazione.

Come già il 2021, anche il 2022 conferma il trend positivo per l’acquisizione ordini, che si riflette in una crescita importante di fatturato e volumi. A contribuire al risultato sono progetti tra loro molto diversificati, dai piani di investimento e modernizzazione tecnologica articolati su più anni alla fornitura di ulteriori macchine a clienti consolidati, in Italia e all’estero.

Tutti i grandi gruppi internazionali confermano la propria fiducia nel prodotto SACMI, con investimenti costanti sull’automazione e sulle tecnologie – come le nuove macchine termiche – funzionali al risparmio energetico e già pronte ad accogliere combustibili alternativi come l’idrogeno.

Spiccano gli investimenti in Cina, nelle sedi locali delle principali multinazionali del settore che stanno modernizzando o ampliando gli impianti. Importanti progetti si segnalano in Egitto, apripista per nuove forniture. Considerando le difficoltà legate alla crisi geopolitica – che ha comportato l’annullamento o la ricollocazione dei progetti in corso con l’area Russia – il risultato 2022 è da ritenersi particolarmente soddisfacente. Si conferma, dopo i segnali già colti nel 2021, una certa tendenza a riallocare progetti e investimenti nei mercati di destinazione finale del prodotto.

La fiera internazionale Tecna di settembre ha confermato la leadership di SACMI e le ottime relazioni con il mercato. L’occasione è stata preziosa per tornare ad incontrare i clienti in presenza ed illustrare loro le diverse novità sotto il profilo tecnologico e impiantistico, centrate sui temi della sostenibilità e dell’automazione. Tali temi sono inoltre stati protagonisti delle campagne We ARE Green e We ARE Enviroment , strutturate con l’obiettivo di comunicare l’offerta completa di soluzioni di rilevanza ambientale, in connessione con i temi dell’automazione e della digitalizzazione di fabbrica (We ARE Automation) e della ricerca (We ARE Research).

Tutte le consociate hanno contribuito in modo determinante al risultato del business, con sfide aggiuntive connesse ai forti carichi di lavoro ed alla gestione degli approvvigionamenti che debbono essere colte come ulteriore stimolo e opportunità di crescita nell’anno in corso. Si conferma anche il buon andamento

37 sacmi.com SACMI Whiteware

dell’assistenza, con la firma di nuovi contratti che includono la fornitura di ricambi e, parallelamente, la necessità di potenziare la struttura per poter affiancare ancora meglio il cliente nel post-collaudo. Anche il 2023, sulla scia degli anni precedenti, si è aperto con un buon portafoglio di acquisizione ordini che lascia presumere un ulteriore consolida-

Le principali novità tecnologiche

mento delle posizioni e dei volumi di vendita. Una certa imprevedibilità dell’andamento ordini dovuta a tensioni economiche e geopolitiche dovrà essere affrontata a partire dall’orizzonte mondiale di SACMI e dalla forte coesione, flessibilità, capacità di adattamento dimostrata dal Business in questi anni.

La finitura automatica, ulteriore tassello dell’automazione completa d’impianto, si è affermata presso primari player italiani. Ulteriori progetti sono in corso in Italia e l’obiettivo è allargare le vendite all’estero tra il 2023 e il 2024.

Proprio all’inizio del 2023 sono arrivate le prime conferme dal mercato per l’esclusivo sistema SACMI di ultra-filtrazione delle acque reflue, presentato al mercato alla fiera internazionale Tecna.

Si conferma la validità della modellazione digitale degli stampi in resina con il metodo “by tooling”, la fresatura diretta degli stampi da blocchi in resina porosa, che rappresenta oramai i due terzi del totale degli stampi prodotti per i vantaggi che comporta in termini di riduzione di costi e tempi di sviluppo.

A sottolineare il successo dello sviluppo by tooling, sempre più apprezzato e privilegiato dai clienti, sarà il raddoppio, previsto per il 2023, della modelleria CAD/ CAM nella sede di Imola e il completamento del progetto per la realizzazione delle matrici per fresatura CAD/CAM, nella direzione di un approccio “full-digital” alla produzione degli stampi.

Nel colaggio, prosegue lo sviluppo di soluzioni con un contenuto di automazione sempre più spinto, anche su articoli complessi (one-piece).

Sulle applicazioni robotizzate , investimenti specifici riguardano i sistemi di programmazione dei robot (Smart Off Line NG) con l’obiettivo di rendere la programmazione stessa più semplice e quindi efficace in tutte le fasi del processo in cui è utilizzata (finitura a bianco, finitura e verde, smaltatura, carico carri).

L’automazione del controllo qualità è passata dall’ulteriore sviluppo del progetto Qualitrack in collaborazione, tra gli altri, con Gaiotto e Protesa. L’obiettivo è proseguire l’attività sul campo testando il sistema a livello industriale.

La Ricerca&Sviluppo di nuovi prodotti per rafforzare qualità e produttività, ma anche per affrontare di petto temi sensibili come quelli ambientali e delle condizioni di lavoro, resta in primo piano nelle attività del Business che, per il 2023, investirà su nuove competenze in particolare nelle aree produzione, progettazione hw/sw e progettazione meccanica.

SACMI ha continuato a collaborare con i propri clienti per testare e definire sul campo le vie più profittevoli alla digitalizzazione e automazione della produzione.

38 Annual Report Integrato 2022

L’intralogistica e i temi inerenti alla sostenibilità ambientale restano i capitoli principali sui quali andranno prioritariamente investite competenze e risorse.

3 milioni di investimenti in R&S

Pubblicazione dell’edizione aggiornata del libro di tecnologia per la ceramica sanitaria

Potenziamento delle attività di training ai clienti

Collaborazione con gli istituti di alta formazione, in particolare l’ISIA-Università del Design di Faenza, sulle nuove tecnologie di modellazione digitale degli stampi con realizzazione di texture in rilievo sul sanitario (ArtTooling).

Con Gaiotto, sviluppo di nuove soluzioni di programmazione off line dei robot, anche nell’ambito del progetto cofinanziato dal bando per l’attrattività degli investimenti della Regione Emilia-Romagna.

Prime installazioni sul mercato di RobotClean (finitura automatica) e RobotLoad (carico automatico), con sviluppo software per ottimizzazione del carico al forno. Sviluppo e commercializzazione del primo prototipo di impianto per l’ultrafiltrazione delle acque reflue

Gli impatti sulla sostenibilità

Le azioni volte alla maggior sostenibilità dei processi sono state dedicate sia alla tutela dei lavoratori sia alla miglior gestione delle materie prime. Ulteriore riduzione delle lavorazioni manuali/mansioni faticose e ripetitive sulla linea (tecnologie RobotClean, RobotLoad).

Sviluppo software funzionale a ridurre consumi, ottimizzare flussi (programmazione off line, ottimizzazione carico al forno).

Trattamento acque, riduzione consumi idrici stimata fino al 70% , recupero del 100% del precipitato solido à primo impianto in funzione in Italia nel 2023. In un anno, un impianto che produce 750mila pezzi con l’impianto di trattamento acque SACMI può risparmiare fino a 40mila m 3 di acqua.

Riduzione consumi energetici / combustibili alternativi:

• forni a tunnel di nuova generazione (TWS Neo Riedhammer) à -30% consumi (2.500 kWh risparmiati ogni anno, meno 1.300 ton equivalenti di CO 2) rispetto a un forno tradizionale

• sviluppo di soluzioni hydrogen-ready

In un anno, un impianto che produce 750mila pezzi con i sistemi di recupero energetico SACMI-Riedhammer può evitare emissioni in atmosfera fino a 3mila ton di CO2

Riutilizzo completo materie prime/scarti: sistema per il recupero integrale degli sfridi (scarto crudo o essiccato ma anche scarto cotto in sostituzione dei duri in impasto) à riduzione fabbisogno di materie prime stimato >10%

Progetto di miglioramento della sostenibilità degli imballaggi (meno overpackging, utilizzo di materiali sostenibili e/o recuperabili).

39 sacmi.com SACMI Whiteware

Si consolida la ripresa dopo le difficoltà legate alla crisi sanitaria. Determinate per il risultato del Business il contributo di tutta la rete di aziende, SAMA, Riedhammer, SACMI Imola e Gaiotto

Tableware

Rispetto al Sanitaryware, la Stoviglieria ha evidenziato una ripresa più lenta dopo la crisi sanitaria internazionale che aveva causato il sostanziale blocco del settore Ho.Re.Ca.

La buona ripresa dell’acquisizione ordini evidenziata in corso d’anno consente di proiettare volumi di vendita soddisfacenti per il 2023.

A contribuire in modo importante al risultato atteso sono alcuni progetti importanti di ampliamento di impianti negli Emirati Arabi Uniti e in Bangladesh. Determinante, da questo punto di vista, il contributo apportato dai forni Riedhammer per porcellana, riconosciuti dal mercato per qualità e affidabilità.

Nella rete di aziende SACMI che contribuiscono al business, importante è l’apporto di SAMA sia nei progetti di impianto completi sia nella fornitura di macchine singole come le presse isostatiche, con vendite significative in Brasile e Portogallo, oltre alle macchine di colaggio e smaltatura vendute in Portogallo, Germania e India.

Non trascurabili le conseguenze sul Business della crisi russo-ucraina, con cancellazione ordini già acquisiti e blocco delle trattative su progetti ben avviati. Anche nel caso della Stoviglieria, si evidenzia una certa tendenza orientata alla riallocazione degli investimenti nei mercati di destinazione finale del prodotto.

Ad influenzare il risultato 2023, oltre al completamento dei progetti più importanti ed all’eventuale positiva evoluzione di nuove commesse, sarà in particolare la vendita di forni per stoviglie, macchine caratterizzate dal valore unitario molto elevato se pure in un quadro di forte concorrenza da parte di fornitori low-cost e da cadenze degli investimenti medio-lunghe.

41 sacmi.com Whiteware

Le principali novità tecnologiche

I forni Riedhammer per porcellana e le tecnologie SAMA per pressatura isostatica e pressocolaggio si confermano riferimento nel mercato per qualità e affidabilità. Cresce l’automazione - ad esempio nella finitura robotizzata - in sinergia con Gaiotto.

Pubblicazione del primo manuale di tecnologia per la Stoviglieria.

Sviluppo e consolidamento della famiglia di presse isostatiche PHO451 e PHO700: superato il traguardo di 500 macchine installate nel mondo.

Evoluzione della finitura automatica (OFM) e robotizzata (ROF) in sinergia tra le aziende SACMI, SAMA e Gaiotto.

Su pressocolaggio, ulteriore consolidamento della gamma PCM Green Series (PCM 200 Green/D).

Nella smaltatura, perfezionamento dell’offerta in ambito dip-glazing (Mono 10T Evolution) e sviluppo di metodologie alternative (spray-glazing, COLORFLEX).

Gli impatti sulla sostenibilità

Drastica riduzione dei consumi - sino al 30% - con le presse SAMA “GREEN SERIES” e con i forni Riedhammer equipaggiati con sistema di recupero calore

Ulteriore riduzione delle lavorazioni manuali. Tra i principali progetti realizzati, una linea completa di finitura robotizzata del prodotto crudo con profili irregolari e di grandi dimensioni, il tutto integrato alla pressa isostatica PHO700.

42 Annual Report Integrato 2022
43 sacmi.com SACMI Whiteware

Advanced Materials

Le piastre per scambiatori di calore fanno da traino al risultato del business.

In ripresa anche il Powder Metal per applicazioni anche differenti dal tradizionale automotive. Nel Cookware, SACMI consolida le partnership con i leader del mercato.

Metal

Per il Metal, Il 2022 è un anno molto positivo, con una crescita del fatturato di circa il 50% rispetto all’anno precedente, dovuta principalmente all’aumento delle forniture di presse per la deformazione delle lamiere per la produzione di piastre per scambiatori di calore.

Prosegue infatti l’impennata del mercato degli scambiatori di calore, dove SACMI con la propria gamma di presse PHL vanta una partnership pluriennale con il leader di mercato. Quattro le presse a bilancio nel 2022, sei le nuove linee da installare nel 2023 e dieci già in portafoglio per il 2024 nelle diverse sedi mondiali (Svezia, Italia, Cina).

Si conferma quindi la dinamica degli anni precedenti, motivata dalla crescente richiesta di pompe di calore che in ambito edilizio stanno sostituendo le tradizionali caldaie nell’ottica di una riduzione dell’utilizzo del gas metano e conseguente riduzione delle emissioni di CO 2

In termini aggregati, la vendita di PHL contribuisce nel 2022 a circa il 40% del fatturato del business. Una dinamica espansiva che ha portato SACMI a muoversi sul mercato in modo più proattivo, con la prima vendita in Italia di una PHL da 6.500 tonnellate e numerosi contatti con altri produttori in vista di progetti futuri.

Nell’ultimo anno si è anche assistito ad una certa ripresa in ambito Powder Metal. Nonostante la contrazione strutturale del mercato, legata alla minore richiesta di motori endotermici conseguente al processo di elettrificazione dei veicoli, il Business ha performato bene con vendite a nuovi clienti in Europa e Stati Uniti, operanti in settori anche differenti dall’automotive quindi meno soggetti a questa dinamica.

Le prospettive future sono stabili, anche se difficilmente il mercato tornerà ai livelli degli anni precedenti. Si evidenzia inoltre l’importante vendita di una pressa MPH di alto tonnellaggio (800 t) ad un primario cliente thailandese.

45 sacmi.com SACMI Advanced Materials
1.3

Premiante lo sviluppo del progetto helical gear (ingranaggi elicoidali) con l’industrializzazione della soluzione, la prima vendita finalizzata in Italia e il grande interesse mostrato dai clienti italiani e internazionali per i vantaggi di questo processo innovativo.

Nel Cookware, si consolida la partnership con il primo player europeo, cui sono state fornite la

Le principali novità tecnologiche

terza e la quarta pressa – nell’ambito di un piano di investimento pluriennale – e una quinta sarà fornita il prossimo anno. Sono inoltre state fornite automazioni innovative a un cliente italiano, per l’asservimento automatico delle presse. Dopo un 2021 di grande crescita, il 2022 evidenzia una certa frenata del mercato causata dalla crisi russo-ucraina, dove la Russia rappresentava un importante mercato di sbocco.

Nell’hard metal (piccola componentistica come inserti di utensili di taglio ad alta precisione e performance) SACMI ha esteso la gamma di presse full electric e-MP sviluppando insieme ad un cliente la prima soluzione da 80 tonnellate, collaudata a inizio 2023.

Si tratta di uno sviluppo importante a fronte di una media del mercato, su questo tipo di macchine, tra le 10-30 tonnellate.

46 Annual Report Integrato 2022
Obiettivo di riduzione del fabbisogno di energia, accelerando sullo sviluppo di presse elettriche
70%

In ambito PM è stato sviluppato il nuovo sistema DWL (lubrificazione in parete dello stampo). Questo innovativo sistema consente di evitare l’utilizzo del lubrificante all’interno delle polveri da pressare, evitando quindi la formazione di microporosità durante il processo di sinterizzazione con conseguenti limitazioni in termini di densità del pezzo ottenibile. Le prove hanno dato risultati soddisfacenti sia in termini di efficienza del processo sia di incremento di densità che ora può avvicinarsi alle densità teoriche di ferro e acciaio, aprendo la strada a nuovi ambiti applicativi.

Dopo anni di studi e ricerche, lo sviluppo del metodo innovativo per la produzione di ingranaggi elicoidali (helicalgear), ottenuto tramite rotazione dei punzoni stampo, ha visto la prima industrializzazione di successo. Molto interessanti le potenzialità della soluzione in ambito mobilità elettrica per gli indiscussi vantaggi di questo tipo di ingranaggi: migliore trasmissione della coppia, riduzione della rumorosità. Insieme all’incremento di efficienza e riduzione costi rispetto ad un processo di manifattura tradizionalmente realizzato con macchine utensili.

In ambito piastre per scambiatori di calore, è stata implementata l’automazione Beckhoff su tutta la gamma PHL e realizzato con Gaiotto il progetto di isole robotizzate per automatizzare il carico e scarico della pressa. Anche nel Cookware, si segnala la prima automazione “superfast” montata presso un cliente italiano in asservimento ad una pressa da 5.000 tonnellate.

Un particolare sviluppo riguarda il progetto “mouldflux”, impianti completi per la produzione di polveri utilizzate nell’industria dell’acciaio, con l’installazione di un atomizzatore in Giappone e l’acquisizione di due ordini per due nuovi impianti in India.

Trasversale ai vari settori è lo sviluppo di nuovi tool IoT per raccolta dati e indici di performance dalle presse, oltre allo sviluppo e promozione dei nuovi piani di manutenzione programmata (SACMI Smart Service).

Gli impatti sulla sostenibilità

Nuova generazione di presse a consumo energetico ridotto.

Grazie al nuovo sistema DWL (lubrificazione parete stampo), è possibile ridurre i cicli termici e quindi i consumi di combustibile ed energia elettrica, risparmiando energia e contenendo le emissioni di CO 2

Aumentato il know-how sullo sviluppo di presse elettriche, che consumano in media anche il 60-70% in meno rispetto ad una pressa idraulica.

Avviato, in collaborazione con un cliente, lo studio per la progettazione di presse MPH a consumo energetico ridotto. Questo è possibile grazie ad un diverso sistema di movimentazione degli assi principali effettuato per mezzo di un sistema elettro-idrostatico invece che idraulico, risparmiando il 40-50% del fabbisogno di energia rispetto ad una soluzione idraulica.

47 sacmi.com SACMI Advanced Materials

Il buon bilanciamento e diversificazione del portafoglio clienti limita l’impatto del blocco dei progetti nell’area russoucraina. Cresce la spinta sulle automazioni in un settore che fa ancora ampio uso di movimentazioni manuali.

Refractories

Dopo anni molto positivi, il Business rallenta nel 2022 a causa del blocco di diversi progetti attivi nell’area Russia-Ucraina. Laeis raggiunge comunque un buon risultato, grazie al portafoglio clienti ampio e diversificato ed alla leadership tecnologica riconosciuta nella produzione delle presse per questo tipo di materiali, ampiamente utilizzati come rivestimenti e isolanti nei forni per acciaierie, cemento, alluminio e vetro.

Si evidenzia nell’anno il progetto con Gaiotto per lo sviluppo di nuove automazioni, come il sistema di carico e scarico automatico delle presse e dei carri del forno, intervenendo in un settore dove si fa ancora ampio uso di movimentazioni manuali o manipolatori, per automatizzare l’intero processo fino all’area di spedizione.

In generale, e nonostante il blocco dei progetti nell’area Russia, il mercato si mantiene positivo in termini aggregati essendo legato all’andamento dell’industria mondiale dell’acciaio, in continua crescita, per la quale il refrattario rappresenta un componente consumabile.

Importante, per l’anno in corso, il progetto finalizzato in Corea per la produzione di “sagger”, le cassette in materiale refrattario utilizzate per il trattamento termico di polveri anodiche e catodiche delle batterie agli ioni di litio. Un settore in cui si registra una crescita esponenziale della domanda, e quindi dei materiali a supporto del processo.

È stata consolidata la produzione diretta in SACMI Nanhai di presse modello HPF, destinate al mercato cinese e indiano. Analogo sviluppo riguarderà nel 2023 le versioni PHR prodotte in SACMI Imola. Il tutto è finalizzato ad aumentare le quote di mercato nei mercati più sensibili al prezzo (sono già state installate alcune presse di questo tipo).

Accanto alle automazioni ed alle presse, positivo nel 2022 anche l’andamento dei forni per refrattario prodotti da Riedhammer, con lo sviluppo di nuovi forni a tunnel più efficienti e performanti.

48 Annual Report Integrato 2022

Le principali novità tecnologiche

Nuove automazioni, produzione diretta delle presse in SACMI Nanhai per i mercati India e Cina, nuovi piani manutentivi

Consolidamento della produzione diretta di presse Laeis in Cina (SACMI Nanhai).

Con Gaiotto, sviluppo di automazioni standardizzate per sistemi di carico e sarico mattoni e carri forno.

Sviluppo di un dotazioni IoT sulle presse per raccogliere dati di produzione e KPI, con la possibilità di offrire servizi di assistenza in-Cloud.

Implementazione e promozione dei nuovi piani manutentivi (SACMI Smart Service).

Gli impatti sulla sostenibilità

Miglioramento dell’ambiente di lavoro, grazie alla riduzione delle lavorazioni manuali.

Sviluppo di un modello di ottimizzazione per ridurre consumi e costi di produzione delle presse (ottimizzazione idraulica, componentistica, interfaccia software).

49 sacmi.com SACMI Advanced Materials

Già annunciato nel 2021, si concretizza lo sviluppo di giga-factories in Europa e Stati Uniti. Partner è Riedhammer che ha saputo intercettare il trend del mercato finalizzando numerosissime vendite su mercati evoluti.

Lithium

La progressiva elettrificazione dell’automotive sostiene, anche nel 2022, l’impennata mondiale di domanda di batterie al litio, nella cui filiera di produzione opera Riedhammer, la quale sviluppa già da alcuni anni soluzioni complete per il trattamento termico delle polveri per gli anodi e i catodi delle batterie.

La principale novità riguarda l’evoluzione della supply chain, già prefigurata nel 2021. Sempre di più in Europa, ma anche negli Stati Uniti, sono in corso di realizzazione giga-factories per la produzione delle batterie, prima quasi esclusivamente concentrata in Cina. Riedhammer ha saputo cogliere questa occasione, finalizzando numerosissime vendite presso nuovi clienti che, operando in mercati evoluti, premiano la qualità e la garanzia del prodotto Riedhammer, rispetto alla struttura del mercato cinese dove i competitor sono moltissimi e la concorrenza sul prezzo particolarmente agguerrita. Oltre ai clienti che sviluppano l’intero prodotto (la batteria al litio finita), Riedhammer ha intercettato anche diversi clienti che operano sul segmento della sola componentistica (le polveri per anodi e catodi). Numerosi i progetti all’attivo, sempre nell’area Europa e Usa, con portafoglio ordini già molto cospicuo per il 2023 e il 2024.

La straordinaria crescita del settore, che proseguirà con ogni probabilità per gli anni a venire, ha portato SACMI a investire risorse importanti sia sul piano dell’offerta tecnologica sia della capacità di penetrazione commerciale. All’orizzonte anche nuove sinergie con la capogruppo di Imola, con lo studio di nuove applicazioni di potenziale interesse per questo mercato. Già finalizzato inoltre, con Gaiotto, lo sviluppo di nuove automazioni per far “girare” in automatico i sagger (le cassette in materiale refrattario che contengono le polveri) in entrata ed uscita dal forno, con diverse vendite già finalizzate che vanno a presidiare un segmento sin qui coperto avvalendosi di fornitori terzi. In generale, si evidenzia la creazione di nuove sinergie tra i diversi Business e rete di aziende SACMI, che potrebbero generare sviluppi importanti specialmente in ambito Litio, con nuove opportunità e potenziali ambiti applicativi ulteriori rispetto alla fase di trattamento termico.

51 sacmi.com SACMI Advanced Materials

Le principali novità tecnologiche

La straordinaria crescita del venduto insieme all’avvio di importanti progetti in Europa e Usa ha accelerato le R&S finalizzata sia all’incremento delle performance dei forni sia al loro efficientamento.

In particolare, RH ha realizzato forni più lunghi e larghi, per ottimizzare i cicli di cottura:

• Sviluppo del primo forno a rulli lungo 100 metri per la calcinazione di polveri di litio.

• Sviluppo di un nuovo scambiatore di calore ad acqua nel sistema di scarico del forno per preriscaldare l’acqua per il refrigeratore ad assorbimento utilizzato per raffreddare l’acqua nel circuito di raffreddamento del forno.

• Studio di forni a tunnel e intermittenti di nuova generazione 100% elettrici e a idrogeno

Sull’automazione, oltre alla movimentazione dei “sagger”, SACMI ha curato un sistema di visione intelligente con sensori ottici per monitorarne lo stato di usura.

52 Annual Report Integrato 2022

Gli impatti sulla sostenibilità

Energy saving e riciclo delle batterie esauste sono le sfide del settore. Proseguono le analisi sullo sviluppo di una filiera completa.

Sono state realizzate analisi e sviluppi relativi alla filiera del riciclo batterie esauste, con valutazione delle diverse alternative tecnologiche anche in ottica riduzione dell’impatto ambientale (in particolare tra la tecnologia NMC, Nichel-Manganese-Cobalto, e LFP, Litio-Ferro-Fosfato), incluso il dimensionamento ottimale degli impianti e lo studio di eventuali brevetti per il processo di riciclo con pirolisi, con realizzazione di un impianto pilota.

In ottica energy saving, oltre alle soluzioni full Hydrogen (o elettrico) sono stati sviluppati sistemi più efficienti per il recupero del calore a camino (con scambiatori di calore) e bruciatori autorecuperanti di nuova generazione.

Lunghezza del primo forno sviluppato per la calcinazione delle polveri di litio. Studio di forni a tunnel e intermittenti 100% elettrici e a idrogeno.

53 sacmi.com SACMI Advanced Materials
100 m

Si confermano le partnership strategiche nel settore aerospazio. Buon risultato dalla vendita di macchine stand alone con il contributo di tutta la rete di aziende, SACMI Imola, Riedhammer, Alpha Ceramics.

Technical Ceramics

Ampie e diversificate, le applicazioni technical ceramics si sono orientate sulla vendita di macchine stand alone, in collaborazione con la rete di aziende SACMI Imola, Laeis (presse), Riedhammer (forni) e Alpha Ceramics (quest’ultimo interlocutore importante sia per la fase di prove e test sia per la quota di produzione diretta).

Spicca l’acquisizione da parte di Riedhammer di un importante ordine per macchine termiche destinate a un protagonista mondiale del settore dell’aerospazio, che saranno fornite nell’anno in corso (si tratta della seconda fornitura, dopo la prima di qualche anno fa).

Stabili le soluzioni per il trattamento termico dell’allumina e foamglass (riciclo e produzione di fibre di vetro espanso), quest’ultima con applicazioni importanti come termoisolanti in edilizia.

Carbon

Stabile il 2022, con buone prospettive per l’anno in corso. Finalizzati importanti progetti presso primari player del mercato.

Il mercato si conferma caratterizzato da una tendenza tipicamente “spike” (progetti importanti realizzati con cadenza non annuale). Il 2022 registra un andamento stabile, con la finalizzazione di alcuni progetti d’impianto presso produttori importanti.

Presidiato con soluzioni di trattamento termico per elettrodi di carbonio e anodi (per i settori rispettivamente degli acciai speciali e dell’alluminio), il Business vede nel 2022 un progetto molto rilevante finalizzato in Kazakhstan e diversi progetti che, nel corso del 2023, potrebbero prendere corpo nell’area Middle East.

Anche questo settore è molto legato all’andamento del mercato dell’acciaio, con alcune difficoltà riscontrate a causa del blocco dei progetti nell’area Russia-Ucraina.

55 sacmi.com SACMI Advanced Materials

Rigid Packaging

Un 2022 in netta crescita, con importanti novità tecnologiche presentate alle principali fiere di settore, che tornano in presenza. SACMI prosegue nelle azioni di sviluppo e supporto al mercato per accompagnare i clienti nella transizione verde.

Il 2022 si chiude in netta crescita (+23,7%) rispetto allo scorso anno. A partire dal secondo quadrimestre, l’andamento degli acquisti si è mantenuto a livelli ottimali per tutto l’anno, grazie agli importanti volumi di vendita di macchinari realizzate sui mercati più favorevoli al prodotto SACMI quali Africa, India e Cina A contribuire al risultato anche il buon portafoglio ordini ereditato dal 2021, maggiore di oltre il 30% rispetto a quello 2020.

L’aumento dei costi del prodotto, unito a una difficile reperibilità di alcune componenti, in particolare quelle elettriche, hanno portato il Business a lavorare per riadattare la componentistica reperibile, operando sulla gestione. Tali fattori hanno messo sotto pressione costante la struttura, dall’ufficio acquisti agli uffici tecnici, dalla produzione dall’assistenza tecnica, con un certo allungamento del lead time delle commesse rispetto ai tempi di produzione abituali. Nonostante questo, la saturazione produttiva determinata dall’elevato flusso di ordini in ingresso ha comportato un sostanziale miglioramento della gestione di stabilimento rispetto al 2021.

In crescita i costi di struttura, determinati dalla ripresa dei viaggi a confronto con un’annata, il 2021, ancora condizionata dagli strascichi della pandemia e da alcune filiere, come la Cina, ancora ferme. Nella seconda parte dell’anno, sono tornati in presenza alcuni appuntamenti strategici come le fiere Drinktec e K, dove il Business ha presentato, con ottimi riscontri da parte dei clienti, importanti novità tecnologiche, di prodotto e servizio su tutta la gamma. A supporto dell’efficacia dell’azione di promozione commerciale, gli oltre 500 contatti di nuovi clienti che hanno visitato lo stand SACMI, in prevalenza dalle aree Africa, India e Middle East.

Tornando ai mercati principali, spicca il risultato in Cina, nonostante il condizionamento della pandemia, con la ripresa di alcuni progetti (plastic caps) in tempo utile per contribuire positivamente al risultato dell’anno. Sempre in Cina si segnala sul fine anno l’avanzata di numerosi progetti su capsule ring-pull, che espleteranno i propri effetti nel 2023.

57 sacmi.com SACMI Rigid Packaging
1.4

In India, il forte coinvolgimento del Laboratorio e della struttura commerciale con i brand owner di riferimento (principalmente CocaCola, Pepsi) ha rafforzato il ruolo di SACMI come riferimento tecnologico nella produzione di tappi per bevande. Sono stati completati una serie di investimenti importanti, con l’India che prosegue nel percorso di crescita confermandosi una delle aree più importanti per lo sviluppo del Business anche in ottica futura. Va in questo senso anche l’ampliamento, completato nel 2022, della sede locale SACMI Engineering dove è stata inaugurata la nuova area interamente dedicata al business Rigid Packaging.

L’Africa prosegue dal canto suo la tendenza positiva, qui sostanzialmente fondata sulle sinergie tra le vendite di macchine per tappi e preforme. Come volumi, si conferma il buon livello di fatturato degli anni precedenti, mentre si fa strada la necessità di corroborare le crescenti vendite e l’oramai ampio parco installato con un adeguato livello di servizio e assistenza tecnica. Va in questo senso l’inaugurazione della nuova sede in Nigeria, prevista per il 2023.

Dal punto di vista del prodotto, le diverse azioni intraprese nella direzione della transizione green si sono mosse lungo tre principali direttrici: ridurre i consumi delle macchine (CCM e IPS), semplificarne la progettazione (anche riducendone gli ingombri), estendere la gamma (in particolare sulla parte IPS) per ottimizzare consumi e performance in relazione al prodotto/dimensione d’impianto da soddisfare.

L’aspetto normativo – come la Direttiva sulle plastiche monouso, in vigore dal 2024, o ancora la Direttiva Packaging and Packaging Waste Regulation sulla quantità di plastiche riciclate nei manufatti, obiettivo 2030 – sta guidando in modo pervasivo le evoluzioni del settore, condizionandone gli sviluppi sia tecnologici sia di prodotto.

Obiettivo di SACMI, come già avvenuto con successo in prospettiva dell’entrata in vigore della Direttiva single use – è guidare e accompagnare i clienti verso la transizione a partire dalla riconosciuta superiorità tecnologica e profonda conoscenza dei materiali, delle tecnologie e del processo produttivo.

Per l’area Customer Service, il 2022 è il migliore risultato di sempre, con la vendita di ricambi in progresso del 20%.

Tale performance si spiega non solo con la crescita del parco installato avvenuta nell’ultimo decennio, che ha allargato il mercato potenziale dei ricambi, ma anche per le politiche commerciali adottate, che hanno consentito di cogliere e valorizzare le diverse opportunità.

Nell’anno, sono state rafforzate le strutture di vendita (SACMI Imola e, per l’India, SACMI Engineering). A contribuire al risultato anche l’uscita dal periodo pandemico che, nel 2022, ha generato una richiesta di ricambi e kit di manutenzione decisamente fuori dall’ordinario, ad esempio da tutto il Sud America.

Si segnala l’upgrade e nuove soluzioni, come le giostre con boccole per CCM, l’ampliamento della gamma di coltelli i-SLIT e i nuovi forni ad induzione per metallo. Oltre ai pacchetti di manutenzione abbinati al servizio, con sinergie tra vendita di ricambi e intervento tecnico.

Plastic caps

Determinante nel raggiungimento del risultato di bilancio, con una crescita di 27 punti percentuali sul 2021, il segmento ha fatto da traino per la vendita di prodotti di altre aree del Business, come le macchine per preforme e i sistemi di visione.

Si confermano l’ alta reputazione , autorevolezza e leadership di cui gode SACMI sulla produzione di chiusure beverage, sia presso gli imbottigliatori sia i converter, anche in relazione alla transizione verso nuovi standard ed allo sviluppo di nuovi prodotti.

In questo senso, le soluzioni sviluppate da SACMI per dare corso al quadro normativo europeo sulle plastiche mono-uso (tappo tethered) hanno generato grande interesse, con diversi progetti che si stanno via via concretizzando in impianti produttivi.

Abnegazione e spirito di squadra – a cominciare dal reparto utensilerie – hanno contribuito in modo determinante a questo eccezionale risultato.

58 Annual Report Integrato 2022
59 sacmi.com SACMI Rigid Packaging
Annual Report Integrato 2022

Metal caps

Dopo un biennio di forte contrazione per la riduzione dei consumi dovuti alla pandemia (birra in bottiglia), il 2022 è in netta ripresa, portando in dote un aumento dei volumi del 13,3%. In prospettiva 2023, da ricordare il rilevante afflusso ordini per ring-pull destinati al mercato cinese.

Preforms

Il risultato finale è positivo ed in netta crescita rispetto al 2021. Questo nonostante un andamento contrastante nell’acquisizione ordini che, dopo un’ottima partenza, ha visto una fase di stallo nella prima metà dell’anno, seguita da una ripresa.

Il 2022 è stato un anno importante dal punto di vista del completamento dell’offerta (nuova IPS 300) e per il lancio di soluzioni distintive sul mercato come il sistema di visione integrato nella pressa.

Containers

La principale soluzione in gamma, CBF, sconta una forte discontinuità di interesse commerciale da parte del mercato.

Nonostante le vendite importanti realizzate in passato e le caratteristiche distintive del processo, continua la difficoltà da parte dei clienti ad individuare nuovi segmenti in cui produrre contenitori in modo profittevole con tecnologia compression-blow forming.

Computer Vision Systems

Ottimo il risultato dell’anno, che conferma il valore del prodotto SACMI e la centralità di tali sistemi in relazione all’offerta di macchine in tutte le aree del Business.

Il risultato è in crescita del 36% e porta nuove sinergie sia interne (plastica e metallo) sia con le aziende del Gruppo (macchine di assemblaggi o Velomat).

Post Processing

La Divisione include le tecnologie a valle del processo di stampaggio, come l’assemblaggio di capsule complesse ma, anche, lo sviluppo di soluzioni per il taglio e piega della banda di garanzia della capsula in post processing.

Il progetto tethered ha rallentato il volume del venduto, in attesa di un 2023 e soprattutto di un 2024 che avvicina l’entrata in vigore della Direttiva UE.

La Divisione ha sofferto le conseguenze della guerra russo-ucraina, dati i numerosi progetti in portafoglio nell’area del conflitto, auspicabilmente solo rimandati.

61 sacmi.com SACMI Rigid Packaging

Le principali novità tecnologiche

Plastic caps. La digitalizzazione come strumento per aumentare i livelli di efficienza dell’impianto – con ricadute positive sulla riduzione dell’impatto ambientale – è uno dei percorsi principali avviati, e tuttora in corso, sulla nuova generazione di presse SACMI per tappi. In questo senso, SACMI ha proposto e incorporato su tutte le presse CCM di nuova generazione i nuovi pacchetti di controlli evoluti Smart Pack (sensori per monitoraggio avanzato come posizionamento della dose, termoregolazione del circuito e dello stampo) e Smart Care, per la condivisione in-cloud dei dati delle macchine in ottica proactive maintenance.

Lo sviluppo di nuovi prodotti ha seguito i principali driver della transizione green indicati a livello mondiale, se pure con velocità e modalità differenti in base ai diversi contesti normativi. In particolare, SACMI ha sviluppato nuove capsule nella direzione della transizione 26/22 mm e dei nuovi standard di collo GME 30.40 e GME 30.41 à meno 30% di plastica a parità di impiego (acqua, CSD).

L’ampio parco installato e i diversi contesti di mercato hanno portato SACMI a sviluppare proposte specifiche nella direzione del lightweight – es. colli alleggeriti e relative capsule – anche a partire dagli standard più diffusi nel mercato e, quindi, più utilizzati dai clienti.

Tale prospettiva è stata agevolata dalla forte riconoscibilità di SACMI sul mercato anche in relazione alla validazione di nuovi standard in collaborazione con CETIE

Metal caps. Progetto ULG (ultra low gauge) per lo sviluppo di un tappo a corona alleggerito, con risparmi previsti nell’utilizzo di metallo anche fino al 20% a parità di requisiti richiesti

Preforms. Una rivoluzione nel controllo di processo, grazie al controllo intensivo delle preforme integrato nella pressa e basato su algoritmi di Intelligenza Artificiale. Nuova IPS 300. Dopo IPS220 – la prima sul mercato – e IPS400, la macchina completa la gamma SACMI con l’obiettivo di estendere la capacità di penetrazione sul mercato. I driver del suo sviluppo si sono concentrati sul risparmio energetico con l’implementazione di sistemi KERS di recupero dell’energia immagazzinata nella movimentazione degli stampi e l’introduzione dell’azionamento elettrico per la chiusura degli stampi stessi. Il risultato è un consumo specifico pari a soli 0,2 kW/kg PVS156. Presentato al mercato a ottobre, in occasione della fiera K, e implementato nel corso del 2023, PVS156 è il primo esemplare di pressa per preforme con integrato a bordo il sistema di visione. Il sistema è in grado, tramite algoritmi di machine learning, di individuare e classificare le eventuali defettologie prodotte nella fase di pressatura e creare i presupposti per una correzione in tempo reale dei parametri e delle ricette di produzione. Unico nel panorama attuale del mercato, tale sviluppo sarà determinante nell’evoluzione del concetto di visione da “controllore di difetti” a “controllore di processo”, con benefici in termini di efficienza e ottimizzazione di tutto il ciclo produttivo.

In prospettiva 2023, sviluppo della nuova IPS 500, estendendo ulteriormente la gamma in ottica efficientamento/produzione su misura per ogni esigenza produttiva.

Containers. Allo studio l’utilizzo del PET in sostituzione delle tradizionali resine, un processo innovativo già validato e testato dal Laboratorio SACMI.

62 Annual Report Integrato 2022

Nuovi standard 30% collo-capsula: meno

di plastica a parità di performance

63 sacmi.com SACMI Rigid Packaging

Avviati gli studi per realizzare un simulatore utile a testare la validità dei processi di compressione e soffiaggio separati. Tali studi sono in fase molto avanzata e già nella prima parte del 2023 potranno fornire suggerimenti utili a valutare se e come investire sul progetto. Tra le opportunità, anche l’utilizzo del PET in sostituzione delle resine oggi più diffuse per la produzione di contenitori come HDPE e PS. Da questo punto di vista, il Laboratorio SACMI ha prototipato e testato presso primari clienti un processo per la realizzazione del nuovo vasetto di yogurt e bottiglietta per probiotici in PET. Il processo testato è di tipo “bistadio” simile, per quanto riguarda il soffiaggio, a quello utilizzato nella produzione dei contenitori per bevande e con l’utilizzo del processo di compressione, su cui SACMI è leader mondiale, per la realizzazione delle preforme.

Computer Vision Systems. L’intera gamma ha beneficiato dell’importante lavoro di standardizzazione, tuttora in corso, finalizzato alla semplificazione produttiva e riduzione dei costi. È in corso, inoltre, un lavoro finalizzato alla riduzione degli ingombri dei sistemi, con vantaggi dal punto di vista dell’impronta ambientale e della versatilità d’uso. In ottica digital-AI, un’importate novità riguarda la rivoluzione nella “conduzione” dei sistemi, grazie alla dashboard evoluta Classy AI (individuazione e classificazione automatica dei difetti), prossimamente disponibile su tutta la gamma. Data la centralità di tali sistemi ed il loro utilizzo sempre più pervasivo all’interno delle linee di produzione, è stata avviata la produzione diretta di parti di essi (es. CHS in Cina) nelle filiali produttive di SACMI nel mondo, ottimizzando piani di produzione, tempi di consegna e servizi di assistenza. Nuove soluzioni per l’integrazione dei sistemi nelle macchine (es. PVS156 su IPS300, sistema Elioscan + DMD – digital metal decoration) e per lo sviluppo di nuovi sistemi leggeri, modulari, facili da installare (nuovo MetalSight, presentato nel 2023).

Post Processing. Anche nel 2022 Velomat ha affinato la propria proposta nelle soluzioni di assemblaggio di chiusure multicomponente utilizzate nei settori Food&Beverage, cosmesi, pharma, elettronica, medicale, automotive. Da questo punto di vista, l’azienda ha proseguito il percorso di crescita attraverso sinergie tecnologiche e commerciali interne al Gruppo SACMI.

SACMI ha inoltre ampliato e diversificato la gamma di soluzioni di taglio i-Slit, un accessorio centrale nelle applicazioni tethered in ottica ripetibilità del processo, accuratezza del taglio, ottimizzazione delle manutenzioni.

64 Annual Report Integrato 2022

Gli impatti sulla sostenibilità

Plastic caps. In ambito plastica, le tematiche di sostenibilità ambientale sono al centro da diversi punti di vista. La Divisione ha lavorato sul prodotto – linea produzione tappi – ma anche sulle fasi a monte, materie prime, e a valle, la capsula finita.

Sulla macchina, il 2022 ha visto il lancio del nuovo estrusore CM-Flow, una soluzione che concorre a ridurre i consumi di energia elettrica di oltre il 20% grazie alle innovazioni nell’unità di plastificazione, al nuovo sistema idraulico (riduzione fabbisogno di olio), alla gestione dinamica delle pressioni della pompa che regola il flusso della plastica in ingresso.

È stato avviato il progetto per ottimizzare gli stampi, riducendo il tempo ciclo e quindi i consumi a parità di output.

Sulla capsula finita, si segnala lo sviluppo di molteplici soluzioni tethered che rispondono a tutte le esigenze del mercato, affiancano e agevolando i clienti in questa transizione.

In prospettiva 2030 – Direttiva Plastic and Plastic Waste Regulation – SACMI sviluppa la masticiatrice (PMD) per dischetto flottante su capsula a vite in plastica per bottiglia in plastica riutilizzabile che, su determinati mercati, rappresenta una risposta in ottica re-use (PET o vetro ritornabile).

Sulla materia prima, SACMI ha avviato, fra gli altri, uno studio di fattibilità per l’impiego di HDPE riciclato in ottica cap-to-cap per beverage, in previsione delle norme che imporranno l’utilizzo di crescenti quantità di resine riciclate in tutti i manufatti in plastica.

Sviluppo di prototipi di tappi in fibra di cellulosa, a cura del Laboratorio, con l’obiettivo di proporsi come riferimento tecnologico per le grandi aziende che desiderano esplorare questa nuova linea di sviluppo.

Metal caps. Masticiatrice anulare PMA . La soluzione proposta da SACMI consente di fornire prodotti con minor impiego di plastica e, soprattutto, PVC-free. Con il progetto ULG, SACMI realizza un risparmio netto sulla materia prima a parità di requisiti richiesti al tappo. Dal punto di vista ambientale, oltre al minore fabbisogno di materia prima, questo si traduce in un significativo risparmio di energia in produzione. à tappi a corona prodotti nel mondo, c.a. 300 miliardi; con ULG (SACMI patent pending), -20% nel consumo di metallo-acciaio a parità di requisiti, riduzione fabbisogno di energia per lavorazione

Preforms. La filiera del PET riciclato è al centro della progettazione delle macchine, progettate per accogliere quantità sempre maggiori di r PET in forma di flakes. In collaborazione con i propri partner, SACMI ha evoluto lo standard sulla gamma IPS, già adeguata per produrre utilizzando fino al 100% di rPET e fino al 50% di PET in forma di flakes riciclati, una quota che sale al 75% semplificando la gestione (un’unica tramoggia).

Come sulla gamma CCM, SACMI estenderà su IPS i pacchetti di controllo e assistenza SACMI Smart Pack e Smart Care

Containers. Fibra di cellulosa, il polimero più abbondante in natura riciclabile al 100%. Validato dal Laboratorio il nuovo packaging al centro dell’interesse delle grandi multinazionali.

65 sacmi.com SACMI Rigid Packaging
66 Annual Report Integrato 2022

Uno dei progetti più promettenti a valere sull’area containers è il programma di realizzazione di una linea per produrre packaging in fibra di cellulosa, ma anche in PET riciclato o plastiche “ibride”. Il tema pone SACMI al centro dell’attenzione di molte aziende multinazionali, sia per la sfida tecnologica che questo progetto impone, sia per le opportunità di valorizzazione del brand in una prospettiva “plastic-free”.

Post Processing. È targata Velomat la soluzione di assemblaggio che ha consentito a un primario player internazionale di proporre il primo dispenser del mercato realizzato totalmente in componenti plastici (quindi senza molle o sferette di metallo), agevolandone quindi il corretto smaltimento in ottica economia circolare

67 sacmi.com SACMI Rigid Packaging

1.5

Beverage

Sostanziale ripresa degli ordinativi, accompagnata da investimenti su nuove linee prodotto. Ottime performance per le etichettatrici. Africa e Middle-East si confermano i mercati principali per la vendita di impianti completi.

Il 2022 è stato un anno positivo per il Business sia per la vendita di impianti completi, sia per la fornitura di etichettatrici stand-alone con risultati superiori a quelli medi pre-pandemia.

La sostanziale ripresa degli ordinativi registrata in corso d’anno si lega alla capacità del Business di proseguire negli investimenti su nuove linee prodotto che hanno intercettato precise esigenze del mercato.

L’Ebit è in crescita, per vari effetti combinati, in parte legati alla positiva dinamica del mercato, in parte effetto della strategia commerciale e di prodotto/ industriale implementata negli ultimi anni. Stabile il fatturato macchine, con positivi effetti sul conto economico legati al diverso mix produttivo ed ai maggiori volumi dell’etichettaggio

Nella consegna dei nuovi impianti, pesano le difficoltà di approvvigionamento registrate in corso d’anno. In crescita importante (+23%) il fatturato ricambi, revamping e assistenza tecnica. Aumentano i costi di struttura, sia per la ripresa delle attività commerciali, tecniche e post-vendita nel dopo-Covid, sia per l’aumento dei costi delle utenze.

69 sacmi.com SACMI Beverage

Etichettatrici

Molto buona la crescita dei volumi (+30%) realizzata grazie ad un migliore focus sui mercati chiave. Sono i mercati evoluti – Europa occidentale , Nord America – a giocare un ruolo determinante nel raggiungimento dei volumi anche grazie ai nuovi prodotti pensati per i segmenti birra e alcolici. Stabili le vendite in Europa, in crescita le Americhe. In ripresa anche i Paesi emergenti (Asia, Africa e Medio Oriente).

Per quanto riguarda le commesse più importanti perfezionate nel 2022, si segnalano le 4 etichettatrici modulari di nuova concezione per birra vendute in Spagna. Si conferma la leadership mondiale della tecnologia SACMI, con importanti ordini a clienti internazionali nel segmento Soft Drinks.

Impianti e macchine Beverage

PET. Per la vendita di impianti completi i mercati principali restano quelli di Africa e Middle-East, pure a fronte di una contrazione dei volumi rispetto al 2021. Buona invece la crescita sui mercati europei e asiatici, questi ultimi frutto dell’attività della nuova organizzazione commerciale. Nel complesso, il 2022 è stato caratterizzato da forti investimenti in tutti i mercati, che hanno portato i loro frutti sia su clienti nuovi sia su clienti storici.

BIB e FFS. In relativa sofferenza, nel 2022, il settore Bag-In-Box, ad eccezione del wine, per il quale è stata consegnata ed avviata con successo una linea completa in Germania. Continua la promozione della FFS (form-fill-seal) nella configurazione asettica, migliorata anche dal punto di vista del software, con riscontri positivi che, dopo l’importante vendita in Giappone, si estendono a Vietnam, Cina e Stati Uniti.

Customer service

Ottimi risultati per il business aftermarket, che comincia a capitalizzare il lavoro di sviluppo del portafoglio, con la vendita dei nuovi pacchetti di manutenzione

70 Annual Report Integrato 2022

A rafforzare il servizio ha quindi contribuito la creazione del nuovo Packaging Center che ha comportato, fra l’altro, un aumento consistente delle vendite di stampi, legate allo sviluppo del packaging, oltre a rafforzare le sinergie interne tra la Business Unit.

Anche nel 2023 il post-vendita potrà rappresentare una delle chiavi più importanti per proseguire sul percorso di sviluppo e crescita del Business, sia nell’ottica di fidelizzare nuovi e attuali clienti, sia per gli alti livelli di profittabilità del servizio.

71 sacmi.com SACMI Beverage

Le principali novità tecnologiche

In primo piano i nuovi servizi di assistenza al cliente con i nuovi piani manutentivi e la creazione del “Packaging Center”. Si confermano le forti sinergie interne al Gruppo su computer vision e servizi digitali integrati.

Labelling Nel 2022 è stato completato lo sviluppo e collaudo del quadriblocco ed è stata presentata con successo la nuova etichettatrice per birra alla fiera internazionale Drinktec. L’introduzione delle nuove macchine per birra e alcolici si è dimostrata vincente, traducendosi in ordini di vendita molto importanti.

PET. Prosegue lo sviluppo di soluzioni integrate intorno al COMBO, la macchina “cuore” della linea. Nel 2022 è stato rilasciato con successo il capsulatore elettronico Full Electronic Capper (FEC) con teste tappanti equipaggiate con motori brushless e il nuovo alimentatore tappi CCS, con ottimi riscontri di mercato e progetti realizzati o in corso presso primari clienti. Sono inoltre state esplorate nuove tecnologie per l’orientamento e l’alimentazione delle preforme.

In ottica completamento del portafoglio prodotti nell’ambito delle linee per grandi formati è inoltre stato creato e venduto a un cliente il primo prototipo di manigliatrice del collo per grandi bottiglie. È stato anche completato il lancio della soffiatrice opportunamente modificata per la gestione del formato da 1 gallone (due le vendite già perfezionate negli USA).

Customer service Sviluppo dell’approccio VOC (voice of the customers), in ottica ascolto e feedback delle esigenze dei clienti (es. misurazione del livello di soddisfazione “percepito”). L’approccio ha rappresentato la premessa del lancio di servizi evoluti di assistenza come i nuovi piani manutentivi Nella stessa direzione, la creazione e promozione del nuovo Packaging Center (sviluppo completo preforma-prodotto) in sinergia con il Laboratori Rigid Packaging di Imola.

Computer Vision Systems. Si conferma la forte sinergia interna al Gruppo per integrare nelle macchine i sistemi di visione del tappo, della preforma, dell’etichetta, con sistemi sempre più evoluti basati su algoritmi di Intelligenza Artificiale.

Servizi digitali integrati Prosegue l’investimento sui servizi digitali integrati. Le macchine “chiave” – ad esempio il COMBO – sono oggi totalmente attrezzate per raccogliere in tempo reale i dati dei parametri di funzionamento che, una volta elaborati, possono essere trasferiti in-Cloud per implementare nuovi servizi di assistenza proattiva e predittiva.

72 Annual Report Integrato 2022

Gli impatti sulla sostenibilità

Proseguono i progetti in ottica sostituzione dei materiali tradizionali con altri più semplici da riciclare, in ottica economia circolare. Dai nuovi servizi di connettività e IoT vantaggi sulla sostenibilità sia economica sia ambientale.

Vetro e PET ritornabile Come nel 2021, è proseguito lo sviluppo delle speciali colle lavabili per applicazioni Roll Fed, o applicazione di etichette avvolgenti con limitato uso di punti colla a caldo, in sinergia con il sistema di taglio.

Energy saving È il fase di sperimentazione avanzata il nuovo forno di dimensioni compatte, con consumi ridotti anche fino al 20% rispetto alla precedente generazione.

3rS approach

• Per ridurre il consumo di plastica il Business ha continuato ad investire sulla capacità delle macchine di lavorare tappi e preforme sempre più leggeri.

• Nella stessa logica, si segnala lo sviluppo in sinergia con il Lab Rigid packaging, del nuovo vasetto di yogurt in PET attraverso il processo di compressione-soffiaggio che sostituisce il tradizionale processo di termoformatura. Il progetto è molto significativo sia in ottica sostituzione dei materiali con altri più semplici da riciclare – PET al posto di PS – sia per l’unicità del processo tecnologico (compressione). I maggiori costi della materia prima PET potrebbero essere più che compensati dai vantaggi ambientali (maggiore riciclabilità, meno scarti di processo).

• «From BIB to PIB»: anche nel Bag-In-Box, una delle soluzioni individuate più di recente consiste nella sostituzione del tradizionale “sacco”, non riciclabile, con una bottiglia in PET superleggera (c.a. 50 grammi per 12 litri), con ovvi vantaggi in termini di sostenibilità rispetto a un packaging tradizionale, ad esempio nel confezionamento dell’acqua in bottiglia. La soluzione è già disponibile sotto il profilo tecnologico e sono in corso valutazioni sul potenziale interesse da parte del mercato.

Connettività e Iot Oltre ai vantaggi in termini di disponibilità degli impianti, la progressiva implementazione di queste funzioni sulle macchine consente di ottimizzare la gestione ricambi , ridurre l’uso di consumabili e gli interventi sulle linee, con conseguenze positive sulla sostenibilità sia economica sia ambientale dell’attività produttiva.

Tali sfide vanno di pari passo alle azioni per migliorare la qualità del capitale umano partendo dalle soluzioni per agevolare la conduzione delle macchine (sistemi “a guida autonoma”) a fronte della crescente complessità dei sistemi.

73 sacmi.com SACMI Beverage

Cresce numero e dimensione dei progetti, con la possibilità di estendere su 12 mesi la pianificazione delle commesse. I serbatoi fanno da traino all’offerta completa. Grande interesse del mercato per i nuovi serbatoi in ceramica.

Wine

Per la prima volta dopo la ripartenza, con l’acquisizione di Defranceschi da parte del Gruppo SACMI, l’esercizio restituisce un utile importante, al quale contribuiscono anche i numerosi brevetti.

In generale, la crescita conseguita sia in termini di tipologia di clienti (Frescobaldi e La Sansonina – Gruppo Zenato per citarne alcuni anche in Italia) sia di dimensione dei progetti ha permesso all’azienda di estendere sui 12 mesi la pianificazione del lavoro e delle commesse, con conseguente incremento di efficienza, redditività, risultato economico.

In termini di progetti, spicca anche nel 2022 la fornitura a KRUG , che sarà completata nella primavera di quest’anno con ottimi risultati e soddisfazione da parte del cliente.

In coerenza con questo approccio, nuovi grandi progetti entreranno in cantiere tra il 2023 e il 2024, con impatto pluriennale sul conto economico.

Sui serbatoi, cuore dell’offerta Defranceschi, si registrano nel 2022 alcune importanti forniture sulle soluzioni “bimateriale” in cemento e acciaio pigmentato. Due i contratti siglati dal valore molto importante, con una trentina di serbatoi indirizzati ai mercati francese e spagnolo.

Tali forniture – indirizzate rispettivamente allo stoccaggio di gin e olio – confermano l’interesse della soluzione anche in segmenti contigui al vino, grazie ai vantaggi intrinseci di questa soluzione che, ai plus estetici (acciaio pigmentato), somma diversi plus tecnici come la gestione flessibile del caldo e del freddo grazie alla serpentina inserita nel cemento. Per realizzarla, Defranceschi si è avvalsa inoltre della collaborazione con il player principale della produzione di serbatoi in cemento, contribuendo ad affermare lo stato dell’arte in questo particolare segmento.

Sui serbatoi in ceramica, già usciti nel 2021 dalla fase prototipale, si conferma la fornitura nel 2022 del primo serbatoio da 32 ettolitri ad un importante cantina

75 sacmi.com SACMI Wine

in Piemonte, che diventerà operativo in tempo per la vendemmia 2023. Come evidenziato, la crescita dimensionale dei progetti ha consentito a Defranceschi di estendere sull’intero anno il riferimento per la programmazione del lavoro e delle commesse, con i serbatoi che hanno fatto da traino per l’offerta più vasta di tecnologie, dal campo alla cantina completa.

Da questo punto di vista, dopo gli sviluppi tecnologici sulle presse HP (alta pressione) si registra la prima fornitura in Portogallo (Taylor’s Port), una referenza molto importante che farà da apripista per promuovere la soluzione nel 2023 ed aggiudicarsi ulteriori commesse nel 2024. Cresce di conseguenza anche la riconoscibilità del brand Defranceschi presso clienti di

fascia alta, con diversi progetti già in portafoglio per il 2023 che saranno consegnati tra il 2024 e il 2025.

A farla da padrone sono sempre i serbatoi bicella verticali e multicella, con stratifica e integrati negli elementi architettonici brevettati Defranceschi, che fanno da traino per il resto dell’offerta.

Importanti le sinergie con l’area Beverage, sia nella fornitura di soluzioni per il confezionamento del vino in Bag-In-Box (ad esempio in Germania, con la prima linea già fornita è stato consegnato anche il raddoppio) e con le parallele forniture ai clienti italiani (ad esempio Caviro e Cavit) che hanno agevolato l’acquisto di macchine etichettatrici della serie FLEXI Kube.

76 Annual Report Integrato 2022

Le principali novità tecnologiche

Cresce il portafoglio brevetti su soluzioni esclusive Defranceschi. Si conferma la validità del progetto sui serbatoi in ceramica, già usciti nel 2021 dalla fase prototipale.

Oltre al consolidamento e sviluppo di gamma, Defranceschi ha reinvestito parte dei flussi di cassa per dotarsi di macchinari di ultima generazione come la puntatrice per le tasche a freddo (operazione in precedenza esternalizzata) e la nuova lucidatrice prevista in consegna a fine 2023.

Gli impatti sulla sostenibilità

Nei progetti di cantina completa, grazie alla soluzione Defranceschi - progettazione “stratificata” - si riduce l’impiego di acqua di lavaggio, ottimizzando i recuperi.

Affermazione del serbatoio in ceramica. Oltre ai vantaggi tecnici – micro-ossigenazione, porosità controllata – la soluzione consente di aumentare la vita utile del serbatoio intervenendo, se necessario, sulle singole lastre usurate, senza necessità di sostituire/smaltire l’intero serbatoio.

Grazie alla nuova serie di presse in acciaio inox con cilindro specchiato, si riduce il consumo necessario di acqua per la pulizia della pressa.

Nel caso di cantine complete, la progettazione “stratificata” consente di trattare la risorsa idrica in modo molto più efficiente. In pratica, l’intera cantina 3D può essere lavata come se si trattasse di un pavimento 2D, consentendo anche di implementare un sistema di ricircolo e recupero dell’acqua.

La baia di lavaggio Defranceschi è dotata di un sistema di purificazione e recupero dell’acqua in modo da utilizzare per più lavaggi e per le prove di tenuta la stessa acqua.

77 sacmi.com SACMI Wine

Packaging & Chocolate

Risultato dell’ordinato record. Colti positivamente gli sviluppi di gamma nell’area packaging e sulla nuova generazione di macchine incartatrici a gestione totalmente elettronica.

Con un risultato dell’ordinato record, il Business non solo prosegue la tendenza positiva del 2021, ma la migliora di oltre 30% (di oltre il 40% nell’area packaging). Il contesto di mercato si mantiene favorevole, nonostante gli aspetti inflazionistici, le difficoltà della supply chain, la crisi geopolitica. In questo scenario, il Business ha saputo cogliere nuove opportunità grazie all’ampliamento del portafoglio prodotti, in linea con quanto richiesto dal mercato.

Nell’area packaging, sono stati colti positivamente gli investimenti sulla confezionatrice flowpack JT Advance, diventata punto di riferimento in mercati esigenti che richiedono performance elevate e funzionalità evolute.

Grande interesse anche per la nuova generazione di macchine incartatrici, in particolare HTB, la nuova incartatrice per tavolette di cioccolato a gestione totalmente elettronica, presentata al mercato verso la fine dell’anno e già con diverse vendite all’attivo.

Molto positivo il  packaging secondario (+70%), con soluzioni consolidate e premiate dal mercato ed alcune vendite realizzate anche su segmenti diversi e contigui rispetto al tradizionale core business del chocolate & confectionery. Sul chocolate mass preparation, grazie alle numerose linee complete vendute negli ultimi anni, l’esercizio registra sia le integrazioni su linee esistenti, sia la vendita di macchine su nuovi clienti. A livelli record le vendite di raffinatrici, grazie anche agli ultimi sviluppi tecnologici della nuova HFT.

Il 2022 restituisce la vendita di impianti di modellaggio cioccolato di crescente complessità, a sottolineare il valore che il mercato riconosce a SACMI Packaging & Chocolate come leader del settore. Queste commesse hanno anche fatto da traino per realizzare vendite in aree diverse del Business.

Rispetto ai mercati, il 2022 può considerarsi un anno record per l’Italia, sia per la storica partnership tra SACMI Packaging & Chocolate e un’importante

79 sacmi.com SACMI Packaging & Chocolate
1.6

-22 ton/CO2 eq

grazie a motori elettrici di nuova generazione

80 Annual Report Integrato 2022

multinazionale del settore, sia per le numerose vendite finalizzate su altri clienti.

In crescita il Nord America, dove la filiale USA si sta sempre più radicando nel territorio e strutturando per fornire una qualità di servizio e assistenza al cliente sempre migliori. In percentuale, il mercato che si sta muovendo con maggior aumenti è l’India, dove abbiamo registrato vendite importanti e stiamo completando il rafforzamento della struttura tecnica locale. Qui, oltre alle storiche installazioni di impianti di modellaggio, il Business ha fornito impianti completi che comprendono tutta la gamma di offerta.

Nell’anno, si registra la ripresa del mercato sudamericano, trainata dal Brasile. Nonostante l’area Est Europa abbia risentito degli effetti della guerra in Ucraina, grazie ad una presenza consolidata ed alla struttura di assistenza e post vendita garantite dalla nostra filiale polacca, abbiamo raggiunto discreti risultati di vendita e mantenuti alti livelli di servizio al cliente. Sempre in Europa, sviluppi interessanti si evidenziano nell’area DACH (Germania, Austria, Svizzera), soprattutto in ambito packaging: un trend in questo caso motivato sia dall’ampliamento dell’offerta sia da una più mirata presenza sul mercato, premiando la scelta effettuata già alcuni anni fa nella direzione del rafforzamento di competenze, personale, strutture e capacità di penetrazione in quest’area strategica.

Sul fronte dei  Servizi , particolarmente importanti sui mercati più evoluti, il 2022 registra una buona crescita della  vendita di ricambi . Proseguono, da questo punto di vista, gli investimenti per rafforzare la struttura di assistenza, sia per rispondere alle necessità di clienti sempre più esigenti sia per portare l’assistenza in quelle aree del mondo in cui era ancora limitata la presenza a livello tecnico.

In termini di scenari, SACMI Packaging & Chocolate ha affrontato nel 2022 un incremento di costi delle materie prime e della componentistica, insieme al peggioramento dei tempi di approvvigionamento. A queste problematiche l’azienda ha risposto prontamente, rivedendo alcuni processi interni per mantenere la sostenibilità del Business e un adeguato livello di servizio al cliente.

Dal canto suo, il  2023 si è avviato con un portafoglio ordini in linea con il record del 2022. Particolare attenzione andrà posta nell’anno per far fronte a eventuali perturbazioni del mercato che ereditano le problematiche evidenziate in quest’ultimo periodo, e non ancora risolte, legate all’allungamento dei lead time di consegna ed alle difficoltà di  approvvigionamento  della componentistica elettronica, comunque in lieve miglioramento.

L’azienda affronterà anche queste nuove sfide attraverso un’attenta politica di coordinamento tra le proprie sedi e filiali e, come già nel 2022, continuando ad investire sullo sviluppo di nuove tecnologie e prodotti. In prospettiva 2023, grande attenzione è rivolta alla fiera più importante del settore, Interpack , che torna dopo 6 anni, in cui saranno articolate e presentate tutte le novità nelle diverse aree del Business.

81 sacmi.com SACMI Packaging & Chocolate

Le principali novità tecnologiche

Tra le principali novità per il 2022, spicca il lancio della nuova generazione di macchine incartatrici a gestione totalmente elettronica con la nuova incartatrice HTB subito apprezzata dal mercato per:

• superiori velocità d’incarto

• possibilità di trattare il prodotto in maniera gentile con qualità d’incarto costante

• facilità e versatilità nella gestione dei cambi formato

Nell’anno, proseguono gli investimenti su una nuova generazione di macchine adatte a misurarsi con aspetti di miglioramento dell’interfaccia uomo-macchina, misurazioni di performance e diagnostiche più accurate e fruibili sia on-site che da remoto, elementi di manutenzione predittiva, con possibilità di:

• monitoraggio della macchina in-cloud

• implementazione di nuove features su aspetti di efficienza energetica.

In primo piano anche aspetti di automazione/facilità di conduzione orientati a rispondere alle esigenze dei clienti in termini di miglioramento della qualità del lavoro. In particolare:

• cambio formato automatizzato (packaging secondario)

• cambio stampi con robot (modellaggio).

La capacità della Divisione di proporre soluzioni multi-business è particolarmente apprezzata su alcuni mercati. In questi casi, SACMI Packaging & Chocolate si propone non solo come fornitore di macchine ma come partner tecnologico a 360° capace di offrire consulenza completa, dall’idea al progetto e al prodotto, sino alle tecnologie complete per realizzarlo. Tra le attività funzionali, nel 2022, a sostenere tale capacità:

• il completamento su CRM aziendale dell’implementazione dell’imponente storico del venduto di Carle&Montanari e OPM negli anni. Obiettivo, agevolare la gestione dell’installato e dei relativi servizi di assistenza, ora gestiti tramite ticketing.

• la realizzazione di importanti sessioni di training per i clienti e interno, in particolare per il network delle consociate legate al Packaging&Chocolate.

• l’elaborazione di nuovi pacchetti di manutenzione preventiva, nell’ambito di un approccio all’after-sales più proattivo e orientato al mercato.

82 Annual Report Integrato 2022

Gli impatti sulla sostenibilità

Packaging Proseguono gli sviluppi sui materiali ecosostenibili, sia in ambito incarto tradizionale sia in flowpack, senza dimenticare il packaging secondario. Per fare questo, l’azienda collabora con le principali aziende produttrici di materiali “alternativi” e innovativi, che vengono poi testati sulle macchine.

In particolare, l’attività di validazione e test avviene nel Centro Ricerche della capogruppo, a Imola, dove il Laboratorio SACMI realizza, con strumentazioni all’avanguardia, tutti i test sui materiali d’incarto. L’azienda si avvale anche dei LabTest di Neuhausen e Alba (per le soluzioni flow-wrapping) e Castel San Pietro Terme (per le soluzioni di wrapping tradizionale), per testare la “reazione tecnologica” delle macchine, in pratica la loro capacità di gestire efficacemente i materiali rispetto al task richiesto in fase di confezionamento.

Digital/automation Anche con il supporto di SACMI Digital HUB, è stato avviato un piano di sviluppo di digitalizzazione di specifiche funzioni delle macchine, oltre all’interfaccia uomo-impianto, con positive ricadute sulla qualità della conduzione, sui dati che si possono ricavare per un governo del processo più efficiente, sulla possibilità di efficientare ulteriormente la macchina stessa e/o l’intero impianto dal punto di vista energetico. Inquadrata come tecnologia abilitante per sottrarre all’operatore le mansioni più faticose e ripetitive – o che possano avere un impatto, anche relativamente basso, sulla sicurezza – l’automazione degli impianti gioca, accanto alla digitalizzazione delle diverse fasi, un ruolo chiave per qualificare il ruolo dell’operatore assegnandogli mansioni di governo del sistema e dei controlli, rendendo la conduzione e quindi il processo più efficienti e liberando in questo modo risorse per l’innovazione e lo sviluppo di nuovi prodotti.

Processing Nella “fabbrica del cioccolato”, la quota maggiore di consumi energetici riguarda la produzione delle masse di cioccolato . Da questo punto di vista, SACMI Packaging&Chocolate collabora con le principali aziende produttrici di motori elettrici , per la messa a punto di soluzioni capaci di generare, nelle lavorazioni, un risparmio consistente in termini di consumi energetici e quindi emissioni equivalenti di CO 2 Prendendo ad esempio un tipico ciclo di concaggio per un cioccolato fondente di alta qualità, prodotto in una fabbrica ad alta intensità produttiva, abbiamo dimostrato come sia possibile, installando motori elettrici di nuova generazione, abbattere i consumi fino al 4% e parallelamente le emissioni di ben 22 tonnellate l’anno di CO2

Si tratta di un progetto sviluppato da SACMI Packaging&Chocolate presso un primario cliente del settore e che quindi può essere replicato anche in altri contesti produttivi dove la parte di lavorazione assorbe la quota preponderante dei consumi energetici.

83 sacmi.com SACMI Packaging & Chocolate

Logistics Engineering & Forwarding 1.7

Il mercato premia Italiansped per la superiore competenza nella gestione dei carichi eccezionali e nel coordinamento delle spedizioni intermodali door-to-door.

A fronte di complessità crescenti, ulteriore spinta nella direzione della digitalizzazione delle spedizioni e del tracking.

Nel 2022 Italiansped cavalca fortemente l’onda montante del mercato realizzando un risultato eccezionale, in crescita del 33% rispetto al già ottimo 2021. Ciò è dovuto al combinato disposto della crescita dei volumi movimentati sommata agli alti livelli dei noli marittimi che hanno confermato, in particolare nella prima parte dell’anno, i clamorosi moltiplicatori rispetto ai dati registrati negli anni precedenti il 2021.

Nello specifico, le tratte euroamericane sono rimaste durante l’intera annata estremamente onerose per l’utenza, contribuendo significativamente al risultato. Nella seconda parte dell’anno si è registrata invece una netta inversione di tendenza delle tariffe, a partire da quelle relative alle tratte sinoeuropee. Il trend ha assunto aspetti di vero e proprio crollo, riportando il mercato ai valori ante covid. Il diffondersi di questo orientamento anche alle altre direttrici, unitamente al ritracciamento del barile del greggio WTI, fa intuire un rallentamento generalizzato degli scambi commerciali.

Anche nel 2022, la ripartizione delle attività tra servizi di spedizione per società SACMI e servizi erogati a clienti terzi si mantiene invariata, nell'ordine del 50% ciascuno, confermando il gradimento da parte del mercato dovuto alla conferma degli eccellenti livelli di servizio Italiansped pur in presenza di un picco di attività e nonostante tutte le difficoltà organizzative e gestionali causate dalla guerra russo-ucraina, da un lato, dagli strascichi della pandemia globale, dall’altro.

In particolare, ad Italiansped è riconosciuta dal mercato una competenza indiscussa nella gestione dei carichi eccezionali, alla quale si affianca la capacità di coordinare al meglio spedizioni intermodali door to door. Queste ultime presentano aspetti di notevole complessità dovuti alla gestione di svariati vettori, tipicamente via nave e terra, con la necessità di reclutare ingenti quantità di mezzi in tempi contingentati e con una gestione dinamica, puntuale e talvolta “creativa” degli instradamenti transfrontalieri, un ambito di particolare criticità che ha riguardato, ad esempio, molte delle tratte transalpine tradizionali.

85 sacmi.com SACMI Logistics Engineering & Forwarding

Particolare attenzione ha richiesto, nel 2022, la gestione del capitale umano, per far fronte a carichi di lavoro particolarmente intensi, alle difficoltà di reperimento di personale adeguato.

In prospettiva, e nonostante il repentino calo dei prezzi dei noli registrato nella seconda parte dell’anno, il buon portafoglio ordini della capogruppo SACMI Imola consente di guardare al

2023 con moderato ottimismo, con i principali indicatori finanziari che evidenziano il mantenimento di un buon equilibrio, nonostante l’impatto derivante dalla dinamica del fatturato.

A questo si aggiunge l’alta fidelizzazione di primari partner extra-gruppo che operano nei settori della moda-cosmesi, macchine automatiche, macchine movimento terra, condizionatori, filtri industriali.

Le principali novità tecnologiche

Mantenere al massimo l’efficienza e la qualità del servizio in un contesto segnato da un enorme picco di domanda unito a complessità gestionali crescenti è stato il must di Italiansped nel 2022.

Tutto ciò si è tradotto nell’esercizio in una serie di attività già avviate o in corso di implementazione nella direzione di una sempre più ampia digitalizzazione del processo di spedizione e tracciamento.

• Sviluppo di tecnologie RPA per minimizzare le attività manuali e ripetitive. Nell’ambito della gestione delle spedizioni, questo significa in primis dotarsi di sistemi per evitare duplicati nell’inserimento dei dati. Tali tecnologie sono state utilizzate anche per la gestione delle firme digitali nell’export delle merci.

• Fieldware di processo. Parliamo di funzionalità informatiche che consentono, ogni qualvolta si effettua un’operazione “fisica” (la movimentazione di un collo, il prelievo di un carico) di registrare automaticamente questa operazione su sistema informatico SAP. In questo caso, è l’operazione fisica a determinare la creazione/registrazione del dato. In questo modo, tutte le check list di processo sono sempre disponibili all’operatore in tempo reale, agevolando la gestione e controllo di processi complessi.

86 Annual Report Integrato 2022

• Utilizzo di sistemi federativi per il tracking delle merci.Tale necessità è figlia dell’evidenza per la quale ogni spedizione coinvolge tipicamente diversi nodi o vettori (dogane, compagnie di navigazione, ecc), ognuno dei quali dotato di un proprio sistema informativo. Tali sistemi sono continuamente soggetti a modifiche da parte del vettore stesso, con la necessità di dotarsi di software capaci di “leggere” questi sistemi, accoglierne le modifiche in tempo reale e adeguando di conseguenza il tracking. Ecco perché Italiansped si è dotata di una dashboard di tracking che si appoggia ad un’architettura informatica federativa, con l’obiettivo di estenderne l’utilizzo a tutti i “nodi” nei quali è consentito (dogane, mare, solo parzialmente le spedizioni via terra considerando le problematiche di privacy).

• Nuovo sistema di puntatori laser di supporto agli operatori nei magazzini semi-automatici. Il puntatore guida l’operatore al corretto prelievo della merce all’interno delle cassette, evitando perdite di tempo ed errori.

Gli impatti sulla sostenibilità

Software avanzati per l’ottimizzazione del carico dei container, accelerazione sull’implementazione di soluzioni “paperless”.

Studio su “ottimizzatori di carico” dei container attraverso il metodo dei “solidi equivalenti”. L’ottimizzazione del carico dei container genera di per sé un vantaggio sul piano dei costi economici ed ambientali, minimizzando le emissioni per unità di carico.

Più in generale, Italiansped si è concentrata sull’implementazione di soluzioni “paperless” ogni qualvolta è possibile (quindi in tutti gli ambiti ad eccezione della gestione delle pratiche doganali) e sulla valutazione puntuale, anche sotto il profilo della sostenibilità, della catena di subfornitura.

87 sacmi.com SACMI Logistics Engineering & Forwarding

Renewable Energy Management

Cresce numero e qualità dei progetti che, oggi riguardano in modo massivo le aziende del distretto ceramico. In aumento anche le commesse extra settore.

Nel 2022, i volumi sviluppati dalla Divisione Renewable Energy Management di Protesa hanno triplicato i valori 2021, contribuendo al 60% del fatturato dell’azienda. A fronte di questo, il valore dei servizi si è mantenuto stabile, intorno agli 8 milioni di euro.

Tale trend proseguirà anche nel 2023, portando in primo piano le attività di Protesa legate alla progettazione, fornitura e gestione di impianti fotovoltaici

L’impennata dei costi dell’energia da fonti tradizionali (elettricità, metano) spiega la crescita dei progetti registrata nel 2022, progetti che, per la prima volta, hanno riguardato in maniera massiccia le aziende ceramiche. Il primo progetto di copertura del tetto con pannelli fotovoltaici, già inaugurato con successo presso un primario player del distretto, ha reso la proposta Protesa un riferimento per aziende omologhe.

Oltre al terzo impianto inaugurato in Florim, ulteriori progetti hanno interessato nell’anno Iris Ceramiche, Graniti Fiandre, Italcer, Novabell. Già in corso per il 2023 i progetti presso Goldart, Ceramica Sant’Agostino, Antica Ceramica Rubiera e altri.

A questi progetti nel ceramico, con impianti di dimensione media 3-5 MW, si sono affiancate importanti commesse extra-settore, come la copertura fotovoltaica di un grosso impianto di autoconsumo e la fornitura al leader degli elettroventilatori, SPAL Automotive di Correggio (7 MW per 79mila mq di coperture).

Anche l’area D4P ha dato il proprio contributo allo sviluppo dell’offerta, implementando nuovi servizi di mappatura 3D utili per affinare progetti ed offerte. Insieme, l’area D4P ha proseguito il proprio ruolo, oramai indispensabile, a supporto dell’Area Comunicazione e Marketing di SACMI (rendering di macchine, simulazioni virtuali di impianti con realtà immersiva, ecc), ad esempio in occasione della fiera internazionale Tecna di Rimini. Proseguono, da questo

89 sacmi.com SACMI Renewable Energy Management
1.8

punto di vista, anche alcune primarie collaborazioni extra-settore come quelle con Lamborghini e Alphatauri.

Sempre in ambito D4P, simulazioni, reverse engineering, prosegue nel 2022 l’attività a supporto del Beverage (in particolare con il lancio del nuovo SACMI Packaging Center, sviluppo capsule-preforme) e degli altri Business SACMI (metallo, sinterizzati).

Riguardo all’attività di engineering, prosegue l’attività realizzata a supporto dei diversi business SACMI, tra cui spicca nel 2022 l’engineering e prototipazione di packaging a base di cellulosa (tappo, contenitori, stampi) per la Divisione SACMI Rigid Packaging.

Dopo avere completato l’attività di sviluppo stampi, l’obiettivo di Protesa è realizzare la pro-

totipazione di una linea completa, dall’alimentazione al trattamento idrofobico, dallo stampo alla realizzazione del prodotto finito. A questo scopo è in corso l’ampliamento della struttura, con l’acquisto di un capannone adiacente che sarà equipaggiato con tutte le attrezzature necessarie per consentire lo sviluppo dell’attività già nella seconda parte del 2023.

L’ingegnerizzazione della prima soluzione sul mercato per la produzione di tappi e vasetti in fibra di cellulosa include la collaborazione con le Università e vede già diverse domande di brevetto finalizzate in corso d’anno.

Il 2023, oltre a confermare la poderosa crescita dei volumi in area REM, vedrà il potenziamento del ruolo di Protesa come società di servizio SACMI, finalizzata all’estensione delle certificazioni ISO 9000 alle diverse società del Gruppo.

impianti fotovoltaici

17MW

di potenza installata nel solo 2022, pari a 10.800 ton/anno di CO2 in meno immesse in atmosfera

90 Annual Report Integrato 2022
Il capitolo fa riferimento all’intero Global Network SACMI nel mondo.
200

Le principali novità tecnologiche

In ambito REM, Protesa ha avviato uno studio di fattibilità per curare gli iter autorizzativi degli impianti a terra , molto più grandi e potenti dei classici impianti sul tetto che possono beneficiare di procedure autorizzative semplificate. Distintivo della proposta sarà la capacità di curare l’ingegnerizzazione completa dell’impianto sotto l’aspetto sia tecnologico sia autorizzativo, dallo screening urbanistico alla gestione delle pratiche relative alle concessioni – conferenze dei servizi, ecc – sino all’autorizzazione finale.

Tale attività è caratterizzata da orizzonte medio lungo (iter medio 2 anni) per proporsi come riferimento nel settore nell’autorizzazione di impianti di qualsiasi dimensione ed anche nella loro costruzione diretta (per ordini di grandezza fino a 15-20 MW ad impianto).

Per fare questo, Protesa ha costituito un pool di persone con competenze intersettoriali. Già tre gli impianti autorizzati a cura di Protesa, di potenza 25 MW, per 300 MW complessivi autorizzati.

Protesa ha inoltre sviluppato, quali fattori distintivi della propria proposta nell’ambito della progettazione di impianti a fonte di energia rinnovabile:

• un software evoluto per mappatura e rilievo 3D con drone (nuvole di punti, analisi parametrica). L’attività è utile per strutturare progetti e offerte economiche ed è proposta quale valore aggiunto ai clienti Protesa

• in collaborazione con IPREL, il potenziamento dei servizi in-Cloud con l’obiettivo di implementare sugli oltre 200 impianti attualmente gestiti, principalmente ubicati in Emilia-Romagna, servizi avanzati di monitoraggio e manutenzione predittiva

In ambito collaudo e testing, è stato avviato il processo di certificazione LAT 17025 del Laboratorio di metratura (tecnologia laser) che si prevede di finalizzare entro il 2023, rendendo il Lab Protesa una delle due strutture presenti in Italia a disporre di questo tipo di certificazione.

Gli impatti sulla sostenibilità

200 impianti fotovoltaici progettati, forniti e gestiti (principalmente in Emilia-Romagna)

17 MW di potenza installata nel solo 2022, pari a 10.800 ton/anno di CO 2 in meno immesse in atmosfera

35 MW in progetto nel 2023 (produzione diretta), 300 MW complessivi autorizzati

Servizi avanzati di monitoraggio e gestione in-Cloud degli impianti à proactive maintenance

91 sacmi.com SACMI Renewable Energy Management

2

Governance

responsabile e creazione del valore

Governance e organizzazione 2.1

Il Gruppo SACMI comprende oltre 70 società di produzione, distribuzione e servizio, dislocate in 27 Paesi del mondo. La capogruppo, SACMI Imola, è una società gestita secondo i principi della democrazia cooperativa e della partecipazione dei soci. Fonda il proprio modello organizzativo sul coinvolgimento nella gestione e sulla condivisione delle scelte sia dei soci, sia del management sia dei dipendenti.

L’efficienza nella gestione e l’innovazione organizzativa sono caratteri distintivi del Gruppo SACMI che, anche in coerenza con la propria natura di azienda cooperativa, ha saputo adeguare nel corso degli anni la governance e l’organizzazione aziendale alle nuove sfide poste dal mercato globale. Ad aprile 2022, il Consiglio di Amministrazione di SACMI Imola ha aggiornato il Corporate Governance approvato nel 2017.

Articolato in diverse funzioni afferenti al CdA ed alla direzione generale, il modello di governance istituisce in particolare il Sustainability Board Presieduto dal Consiglio di Amministrazione, ha l’obiettivo di:

• favorire la discussione e confronto su trend evolutivi e temi di sostenibilità, generandone i piani esecutivi;

• definire le linee strategiche delineando i settori

in cui indirizzare le politiche di crescita e/o di sviluppo della sostenibilità;

• approvare il Piano Strategico di Gruppo sulla base delle linee strategiche così definite.

Partecipano al Sustainability Board le diverse funzioni aziendali: direzione generale, finanziaria, risorse umane, patrimonio, direzione di stabilimento, servizio comunicazione e QSA (Qualità, Sicurezza, Ambiente Corporate). Tra le ragioni alla base di questa evoluzione del modello, la necessità di estendere il perimetro, la quantità e la qualità degli indicatori di sostenibilità finanziaria, sociale e ambientale di SACMI (della capogruppo, quindi delle altre società italiane ed estere) considerando tale attività sempre più strategica anche in ottica di indirizzo e gestione delle decisioni finanziarie

Tra gli obiettivi di SACMI, quello di misurare e certificare, secondo criteri e standard internazio-

94 Annual Report Integrato 2022

nalmente riconosciuti, la propria performance ambientale. Nella nuova architettura organizzativa, il Sustainability Board affianca l’Advisory Board e lo Strategic Management Board nell’attività di supporto alla definizione ed attuazione di linee e piani di indirizzo strategico. Tali funzioni sono poi riportate a livello operativo attraverso ulteriori organi afferenti alla Direzione Generale. In particolare, lo Strategic Business Board deve articolare la strategia di Gruppo in una strategia di Business Unit, monitorando l’evoluzione dei mercati e delle opportunità.

Ad affiancare la Direzione in questo Board vi sono i responsabili degli organi aziendali a maggior impatto gestionale e lo stesso CdA. In particolare, è stato istituzionalizzato nel modello il concetto per il quale lo Strategic Business Board è aperto al contributo di metodo, esperienza e conoscenza di soggetti diversi indipendenti, anche esterni all’Organizzazione.

Rispetto alle opportunità di sviluppo e investimento, il modello istituisce infine il Business Review Meeting Corporate, composto dalla Direzione Generale, responsabili di BU e organi di staff gestionale, con l’obiettivo, fra gli altri, di avanzare proposte di cambiamento nell’articolazione dei business, valutare progetti di sviluppo, monitorare la gestione, elaborare i budget.

A livello operativo, il modello mette inoltre a sistema evoluzioni già attuate in questi anni per dare maggiore visibilità e forza alle componenti aziendali che afferiscono ai core business, da un lato, all’individuazione di nuovi settori ad alto potenziale di sviluppo e crescita, dall’altro.

Tra gli obiettivi in corso d’anno, l’esigenza di estendere a tutte le società italiane del Gruppo SACMI, quindi all’intero Global Network, le logiche di rendicontazione e misurazione delle performance di sostenibilità . Per fare questo, sono state individuate le risorse in capo ad ogni singola Legal Entity incaricate di curare gli aspetti di raccolta e rendicontazione dei dati relativi alla sostenibilità. È stato creato un gruppo di lavoro allargato di persone e competenze, il “Green team aziendale” , in collaborazione con il Board di Imola e con il management delle diverse realtà.

Rispetto alla politica di Merge&Acquisition, si segnala, all’inizio del 2023, la finalizzazione dell’acquisizione dell’intero capitale della società BMR Spa di Scandiano (Re). L’operazione completa il percorso già avviato nel 2019, quando SACMI aveva acquisito il 20% delle quote della società, avviando l’integrazione dell’offerta produttiva e commerciale in ambito Tiles.

Sul Global Network, si registra nel 2022 l’inaugurazione della nuova sede operativa di SACMI a Bozüyük, nel cuore di uno dei più importanti distretti ceramici della Turchia. Quindi, le celebrazioni degli anniversari di operatività di SACMI Iberica e SACMI de Mexico, con la presentazione dei nuovi servizi per i clienti.

Si rileva inoltre l’ampliamento delle attività di SACMI Engineering in India, con la nuova area dedicata ai servizi in ambito rigid packaging, e l’inaugurazione del nuovo polo di assistenza a Rio Claro, in Brasile, anche in questo caso per avvicinare la presenza ed il servizio SACMI al cuore del distretto produttivo locale. In prospettiva 2023, è in agenda l’inaugurazione della nuova sede SACMI in Nigeria, in linea con il piano di crescita delle strutture locali al servizio del mercato africano.

sacmi.com SACMI Governance e organizzazione 95

Organi di governo 2.2

Assemblea dei Soci : l’Assemblea dei Soci della Capogruppo è l’organo collegiale in cui si forma e si esprime la volontà sociale, che viene attuata dal Consiglio di Amministrazione.

Consiglio di Amministrazione della Capogruppo : il Consiglio di Amministrazione di SACMI Imola ha il ruolo chiave di indirizzo e governo del Gruppo.

È investito dei più ampi poteri per la gestione ordinaria e straordinaria di SACMI Imola e può compiere tutti gli atti necessari per l’attuazione ed il raggiungimento degli scopi sociali, salvo quelli che siano riservati all’Assemblea dei Soci dalla legge e dallo Statuto Sociale.

Direzione Generale Gruppo : la Direzione Generale di Gruppo ha un ruolo di coordinamento e sintesi strategica dei business. Si concentra sullo sviluppo aziendale ottenuto tramite il coordinamento dei Business; valuta e propone al Consiglio di Amministrazione nuovi progetti e opportunità in linea con l’indirizzo strategico indicato dal CdA.

Direttori Generali Business Unit: sono responsabili delle attività del business di riferimento, coinvolgendo anche trasversalmente le società del Gruppo che rientrano nelle varie BU; nel rispetto delle politiche e delle strategie aziendali, nonché dell’autonomia giuridica delle singole legal entities, sviluppano piani e programmi, perseguendone la realizzazione ed assicurando il raggiungimento degli obiettivi assegnati dalla Direzione Generale.

Staff di Gruppo: enti corporate trasversali ai business, agiscono nei rispettivi settori di competenza per regolare e armonizzare l’attività dei singoli business alle politiche definite dalla Capogruppo; forniscono attività di supporto nel conseguimento degli obiettivi.

Comitati: organi di confronto e consulenza strategica da cui enti specifici fanno scaturire progetti.

96 Annual Report Integrato 2022
La governance del Gruppo SACMI è articolata secondo i seguenti organi di governo, gestione e controllo delle funzioni aziendali
sacmi.com SACMI Organi di governo

Board of Directors

Advisory board Strategic management board

Sustainability board

Corporate business review meeting

General Manager

Board of directors' staff

Strategic business board

General manager's staff

98 Annual Report Integrato 2022
Tiles Whiteware Advanced materials Rigid packaging Beverage

Advisory Board: è coordinato dal Consiglio di Amministrazione di SACMI Imola e ha lo scopo di fornire informazioni e punti di vista differenti a livello strategico, portare esempi e suggestioni, favorire la discussione e il confronto su trend evolutivi e temi di frontiera. Ha inoltre lo scopo di favorire la riflessione su modelli di business prescelti, possibili direttrici di crescita, linee di sviluppo e cambiamento, risorse e competenze per competere con successo in chiave prospettica.

Strategic Management Board: è coordinato dal CdA di SACMI Imola e ha la responsabilità di avanzare proposte circa il disegno strategico di Gruppo; sviluppare il piano strategico ed il relativo business plan di Gruppo da sottoporre alla valutazione e approvazione del Consiglio di Amministrazione e dell’Assemblea dei Soci; avanzare proposte di cambiamento dell’articolazione dei business e dei criteri di attribuzione delle risorse; valutare i progetti di sviluppo e le opportunità di investimento di Gruppo e di Business Unit; elaborare il budget di Gruppo da sottoporre alla valutazione e approvazione del CdA e dell’Assemblea dei Soci; monitorare l’andamento della gestione a livello di Gruppo.

Strategic Business Board: al servizio della Direzione Generale di Gruppo, ha la responsabilità di sviluppare il piano strategico e il relativo business plan di Business Unit; avanzare proposte di cambiamento dell’articolazione di business e dei criteri di attribuzione delle risorse all’interno della BU; valutare i progetti di sviluppo e le opportunità di investimento; elaborare il budget; monitorare l’andamento della gestione a livello di Business Unit.

Sustainability Board: è presieduto dal Consiglio di Amministrazione della Capogruppo, vi partecipano diversi enti aziendali: direzione generale, finanziaria, risorse umane, patrimonio, direzione di stabilimento, servizio comunicazione e QSA (Qualità, Sicurezza, Ambiente Corporate), quest’ultimo individuato come coordinatore del servizio; il suo scopo è favorire la discussione e confronto su trend evolutivi e temi di sostenibilità, generandone i piani esecutivi; definisce inoltre le linee strategiche delineando i settori in cui indirizzare le politiche di crescita e/o di sviluppo della sostenibilità; approva il Piano Strategico di Gruppo sulla base delle linee strategiche così definite.

99 sacmi.com Organi di governo SACMI
Operations And plants Integrated logistics management Digital Officer
Packaging & Chocolate Wine, service, manufacturing

In particolare, il Consiglio di Amministrazione è composto da 5 membri, di cui 3 uomini di età compresa tra i 30 e i 50 anni, e 2 uomini di età superiore ai 50 anni. I membri del Consiglio di Amministrazione non appartengono a categorie vulnerabili. La sua composizione è la seguente:

Paolo Mongardi > Presidente

Lorenzo Mimmi > Vice-Presidente

Giuliano Airoli > Consigliere

Andrea Vernocchi > Consigliere

Mauro Galeotti > Consigliere

Il Collegio sindacale è composto da 3 membri, tutti di sesso maschile e di età maggiore di 50 anni. La sua composizione è la seguente:

Claudio Solferini > Presidente

Roberto Chiusoli > Sindaco effettivo

Gianfranco Santilli > Sindaco effettivo

100 Annual Report Integrato 2022

DIREZIONE SACMI IMOLA SC SACMI IMOLA SC MANAGEMENT

SACMI Group General Manager

Tiles Business Unit General Manager

Whiteware Business Unit General Manager

Advanced Materials Business Unit General Manager

Rigid Packaging Business Unit General Manager

Beverage Business Unit General Manager

Packaging & Chocolate Business Unit General Manager

CFO - Chief Financial Officer

Accounting & Tax Manager

Operations and Plant Manager

Chief Human Resources and Organization Officer

Assets, Audit and Shareholders Affairs Manager

Il Consiglio di Amministrazione della Capogruppo è nominato dai Soci. I CdA delle Società del Gruppo sono nominati dal CdA della Capogruppo. Ogni Consiglio di Amministrazione delega all’interno dell’organizzazione aziendale specifici poteri e responsabilità a seconda delle funzioni e dei ruoli del personale, con particolare riguardo a:

• deleghe operative, relative alla gestione delle singole funzioni aziendali, che attribuiscono specifici poteri in alcune materie (es. vendite, acquisti, finanza, amministrazione, gestione del personale, ecc.);

• deleghe sicurezza ex art. 16 D. Lgs 81/2008, suddivise tra sicurezza interna (per la tutela della sicurezza e salute nei luoghi di lavoro), sicurezza sul prodotto (per la sicurezza dei

Mauro Fenzi

Matteo Federici

Daniele Coralli

Stefano Lanzoni

Vezio Bernardi

Alessandro Paini

Andrea Boggio

Giovanni Campolungo

Stefano Foschini

Andrea Grandi

Gianluca Nardone

Enrico Fiori

prodotti fabbricati e/o commercializzati dalla società), e sicurezza nei cantieri esterni (per attività di montaggio, avviamento e assistenza tecnica anche post-vendita svolte presso i siti dei clienti).

Tale sistema è stato implementato ed è operativo in tutte le società italiane di SACMI e parzialmente esteso ad alcune società estere (es. Germania).

Le deleghe sopra indicate, e in particolare quelle sulla sicurezza, prevedono un sistema di relazione annuale al Consiglio di Amministrazione per la rendicontazione delle funzioni oggetto di delega. Al fine di garantire che i conflitti di interessi siano prevenuti e mitigati, il Gruppo SACMI si è dotato di una specifica Policy diffusa all’interno del Gruppo.

101 sacmi.com SACMI Organi di governo
Infine, di seguito si riporta la composizione della Direzione di SACMI Imola SC:

Integrità del Business e sistemi di controllo

Da oltre quindici anni è presente in SACMI Imola una funzione indipendente di Internal Auditing, attualmente inserita all’interno della Direzione Patrimonio Audit e Affari Sociali, che a sua volta si trova in staff al Consiglio di Amministrazione.

Alle Società del Gruppo sono state distribuite Policy, concordate con la Direzione Generale ed il Consiglio di Amministrazione, che regolano i comportamenti e gli elementi fondamentali alla base di un corretto sistema di controllo interno, finalizzato anche al rispetto dei principi etici e dei valori sostenuti dal Gruppo.

La struttura di Internal Auditing effettua un continuo monitoraggio delle procedure e del sistema di controllo interno di SACMI Imola e delle Società del Gruppo, riportandone i risultati al Consiglio di Amministrazione e alla Direzione Generale. I controlli hanno come principali obiettivi la salvaguardia del patrimonio aziendale, la valutazione dei rischi, il rispetto delle Policy, nonché l’individuazione e la prevenzione di eventuali azioni o comportamenti dannosi non solo in termini economici, ma anche per la reputazione e l’immagine del Gruppo e dei propri stakeholder.

La funzione, nel corso del 2022, ha effettuato

interventi di Audit su 13 Società del Gruppo i cui resoconti sono stati trasmessi al Consiglio di Amministrazione e all’alta direzione della casa madre. I rilievi che storicamente vengono individuati nel corso dell’attività di Audit Interno possono portare alla modifica o all’adozione e pubblicazione di policy interne su temi dedicati.

Nel corso del 2022 sono state emanate due nuove policy di Gruppo . Il Consiglio di Amministrazione e la direzione aziendale sono informate sin dall’avvio dell’attività di Audit Interno sulle singole aree aziendali o sulle consociate. Oltre all’informativa, questi enti ricevono dei report formalizzati, e viene organizzata periodicamente una riunione di allineamento con CdA e DG per la definizione delle eventuali azioni correttive da innescare.

Relativamente alla compliance con leggi e regolamenti , nel corso del 2022 il Gruppo SACMI non ha riportato alcun tipo di sanzioni monetarie e non monetarie.

102 Annual Report Integrato 2022
2.3

La funzione di Internal Auditing fornisce inoltre supporto, quando necessario, alla Direzione aziendale per l’attività di due diligence relativa ad operazioni di finanza straordinaria.

Con cadenza annuale l’Internal Auditing analizza i bilanci di numerosi fornitori, evidenziandone tra l’altro il grado di dipendenza da SACMI Imola, nonché realizza un’analisi della concorrenza ai fini di monitorare la competitività aziendale. Nel corso del 2022 sono stati raccolti ed analizzati dati contabili di 145 fornitori e di oltre 50 concorrenti suddivisi tra i vari business di interesse del Gruppo.

In Italia, il comportamento anticoncorrenziale è regolato sia dal Codice Civile (Libro V, Titolo IX) che dal Codice della Concorrenza (Legge 10/2017), che si basa sulla normativa europea in materia di concorrenza.

I meccanismi per il monitoraggio di questa specifica fattispecie sono gli stessi che regolano e presidiano il rispetto delle leggi del Gruppo, impostati con tutti gli enti di controllo preposti alla verifica dello svolgimento dell’attività aziendale nel continuo. Non è previsto un ente dedicato al controllo di questa specifica materia, che si inquadra nel più generale sistema di verifica di compliance alle leggi nel contesto dell’attività aziendale.

Nel corso del 2022, il Gruppo non ha registrato alcun tipo di azione legale in materia di comportamento anticoncorrenziale e violazioni delle normative antitrust.

103 sacmi.com SACMI Integrità del Business e sistemi di controllo

Modello di organizzazione, gestione e controllo D. Lgs. 231

Dal 2008 SACMI Imola ha adottato un  Modello di Organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001  che, unitamente al  Codice Etico , costituisce l’insieme di regole e procedure da seguire nell’ambito delle attività aziendali, sia nelle relazioni interne che nei rapporti con gli interlocutori esterni all’azienda. Tale Modello Organizzativo mira ad impedire la commissione di reati sanzionati dalla Legge 231 (es. corruzione, concussione, falso in bilancio, riciclaggio di denaro, violazione delle norme di tutela della salute e sicurezza sul lavoro ed ambientali); inoltre, i temi legati all’ambiente e alla salute e sicurezza hanno rilievo primario nel Modello Organizzativo e ad essi è stata dedicata una sezione specifica.

Al fine di vigilare sull’operatività del Modello, il Consiglio di Amministrazione ha nominato un Organismo di Vigilanza che riporta direttamente al CdA, dotato di poteri autonomi di iniziativa e controllo; si tratta di un organo a composizione collegiale, di cui fanno parte il Direttore Patrimonio, Audit e Affari sociali di SACMI Imola ed un professionista esterno indipendente. Esso ha un ruolo di vigilanza per il rispetto e l’applicazione del Modello di Organizzazione e Gestione. Nel 2022 si sono svolte 5 riunioni nel corso delle quali non sono emerse particolari criticità nei processi aziendali analizzati.

L’Organismo di Vigilanza, periodicamente, rendiconta sull’attività svolta, attraverso specifici verbali, aggiornando contestualmente anche i membri del Collegio Sindacale attraverso un apposito incontro di allineamento.

Tutti i dipendenti sono stati informati sul D. Lgs. 231/2001 e sul relativo Modello Organizzativo tramite una newsletter. Inoltre,  al personale che riveste un ruolo di responsabilità è stata erogata un’adeguata formazione sulla materia oggetto del Decreto. Data la rilevanza della tematica trattata dal Decreto, nel 2019 il Modello Organizzativo è stato esteso a tutte le società italiane del Gruppo di cui la Cooperativa deteneva partecipazioni di maggioranza.

Nel corso del 2020 l’Organismo di Vigilanza ha analizzato le nuove fattispecie introdotte nel no-

vero dei reati presupposto ai sensi del D. Lgs. 231/2001 valutando la loro probabilità di essere commessi in azienda ed il relativo impatto sul Modello. In data 11/12/2020 è stata approvata dal Consiglio di Amministrazione la nuova versione del Modello Organizzativo.

Human rights policy

Il  rispetto dei diritti della persona  è parte costitutiva del modello di governance SACMI. A partire da questo principio, riferimento per tutti i siti produttivi e di servizio del Gruppo SACMI nel mondo, è stato definito il modello di Organizzazione, Gestione e Controllo , applicato a tutte le società del Gruppo e parte integrante del  Codice Etico.

Il caposaldo di tale approccio è ovviamente il rifiuto di ogni tipo di  discriminazione a qualsiasi livello. In termini pratici, questo principio generale ed astratto si declina in SACMI nella puntuale definizione ed applicazione di valori e diritti del lavoratore, con particolare riferimento a:

• il diritto alla privacy, nel rispetto del GDPR;

• il principio di  continuità e longevità del rapporto di lavoro, come parametri significativi al pari di qualità e performance;

• il rifiuto di ogni forma di lavoro forzato con particolare attenzione al lavoro minorile

In coerenza con la visione aziendale, ispirata ai principi dell’intergenerazionalità – lasciare l’Azienda a chi viene dopo di noi, meglio di come l’abbiamo trovata – il rispetto di tali diritti si esplica altresì nella definizione ed applicazione di un modello di  ascolto e feedback strutturato ed articolato su più aree.

È stata realizzata una “survey di clima”, con l’obiettivo di accogliere un feedback diffuso da parte dei lavoratori sulla  qualità percepita dell’ambiente di lavoro. Le aree osservate si riferiscono a soddisfazione sul lavoro, formazione e sviluppo, la qualità dei rapporti professionali tra colleghi, la qualità della relazione con i  responsabili; quindi il livello di  sicurezza percepita e il desiderio espresso di continuare a far parte dell’azienda nel medio-lungo termine, considerandola come ambiente di lavoro ideale (principio di  longevità del rapporto di lavoro).

104 Annual Report Integrato 2022

In particolare, nel 2022, la survey è stata distribuita su tutta l’organizzazione di SACMI Packaging & Chocolate, circa 400 persone, ed ha evidenziato riscontri molto positivi: il risultato complessivo è stato di 2,74, su una scala da 1 a 4; la partecipazione, su base volontaria, ha visto l‘adesione di circa l’81% del campione. Al fine di consentire una piena partecipazione delle persone coinvolte in questa attività di ascolto, sono stati effettuati dei focus group con i lavoratori e i loro  responsabili, con l’obiettivo di affiancare un feedback qualitativo alla survey e condividere un piano di azione che, sulla base dei feedback raccolti, indica: priorità di miglioramento, tempi e azioni più opportune. L’obiettivo ultimo di questo percorso è di porre strutturalmente e in modo condiviso, trasparente, misurabile, tale attività alla base della definizione di un modello di sviluppo sostenibile dell’organizzazione e della qualità dell’ambiente di lavoro. In aggiunta, ed a supporto, è stato definito nel 2021 un modello di leadership ispirato ai  valori di SACMI che, in particolare, identifica i principi di condotta etica, rispetto, ascolto e feedback come principi guida dello stile di management che l’Azienda vorrebbe prevalente in ogni sito del Gruppo. Per questo, l’ACADEMY del Gruppo SACMI ha confermato, in collaborazione con la Bologna Business School, il corso di formazione sulla leadership che ha coinvolto nel 2022  circa 100 persone tra responsabili di team a tutti i livelli per 1.700 ore in aula

Ultimo pilastro del modello, e parte integrante del nuovo sistema di gestione aziendale, è rappresentato dalla conferma e completa adozione del sistema di valutazione delle prestazioni. Un sistema che pone al centro dell’attenzione non solo i risultati ma anche i comportamenti agiti dalle persone, in rapporto ai valori aziendali. In un modello che punta alla piena meritocrazia, il sistema di valutazione delle performance sarà alla base di ogni aspetto decisionale relativo a riconoscimenti e crescita delle persone nell’organizzazione.

SACMI pone infine particolare attenzione al tema del lavoro forzato e minorile, in coerenza con i

principi definiti dal  Blue Print of Human Rights  delle Nazioni Unite. Anche in questo caso il principio, apparentemente lontano dalla quotidianità di un’organizzazione come SACMI – con base operativa su un mercato evoluto come l’Italia con normative stringenti su tutte le tematiche qui considerate – viene ad assumere rilievo pratico, ad esempio, nell’oculata e corretta gestione dei  percorsi di alternanza scuola-lavoro, che coinvolgono gli studenti degli ultimi anni degli Istituti di formazione del territorio con i quali l’azienda ha in essere collaborazioni continuative.

Certificazioni e sistemi di gestione

La soddisfazione del cliente è considerata un obiettivo prioritario per l’azienda; a tal fine, la Capogruppo SACMI Imola SC ha adottato un Sistema Qualità certificato ISO 9001 dal 1996 ed ha avviato negli anni successivi percorsi di certificazione nelle consociate.

L’impegno sulla tutela dell’ambiente, la salvaguardia della salute e sicurezza dei lavoratori, il rispetto delle prescrizioni legislative ci hanno naturalmente guidato verso l’ottenimento delle certificazioni collegate, rispettivamente IS0 14001 nel 1999, e ISO 45001 nel 2002.

SACMI Imola dispone attualmente di un Sistema di Gestione Integrato conforme alle norme:

• UNI EN ISO 9001:2015 - Qualità

• UNI EN ISO 14001:2015 - Ambiente

• UNI ISO 45001:2018 - Salute e Sicurezza

Il 2022 ha visto la creazione della struttura Qualità, Sicurezza, Ambiente e Sostenibilità Corporate con l’intento di accrescere la cultura aziendale e la competenza all’interno del Gruppo su questi temi.

Contemporaneamente è stato avviato un progetto di Certificazione Corporate che ha visto la costituzione di un team trasversale, funzionalmente coordinato dalla struttura Qualità e Miglioramento Processi Corporate, con l’obiettivo di ottenere la certificazione di gruppo UNI EN ISO 9001 per tutti i siti italiani in breve tempo.

Il capitolo include le linee di indirizzo strategiche del Gruppo SACMI e, in particolare, il funzionamento degli organi di Governo della capogruppo, SACMI Imola SC.

105 sacmi.com SACMI Integrità del Business e sistemi di controllo

3

Innovazione e ricerca

SACMI Digital Innovation & Automation HUB

L’HUB mette a sistema le competenze trasversali del Gruppo in ambito digitale e automation. Obiettivo della nuova funzione organizzativa, favorire la diffusione in tutti i Business SACMI delle nuove tecnologie abilitanti.

Già da alcuni anni, il digital innovation inteso come automazione intelligente e funzionale a perseguire obiettivi di efficientamento, produttività, qualità, sostenibilità è al centro dell’azione di SACMI, con strutture dedicate che operano trasversalmente ai diversi Business.

La principale novità del 2022, in coerenza con l’evoluzione della governance strategica del Gruppo secondo la roadmap ESG, consiste nella creazione di un nuovo coordinamento, Digital Innovation & Automation HUB , che raggruppa tutte le principali competenze e strutture del gruppo legate allo sviluppo delle seguenti famiglie di tecnologie abilitanti:

• Sviluppo software

• Sistemi di visione

• Robotica e veicoli a guida autonoma

• Analisi dati e intelligenza artificiale

L’obiettivo di questa funzione organizzativa, operativa da dicembre 2022, è quello di supportare i Business SACMI con focus sull’innovazione in ambito digitale e automation, favorendo altresì la fruibilità trasversale delle principali soluzioni in ambito Digitale, IOT, Intelligenza Artificiale, Virtual e Automazione.

L’HUB mette a sistema le competenze presenti in alcune aziende e strutture del Gruppo, principalmente SACMI Innovation Lab , Iprel ed il reparto D4P (Digital for Product) di Protesa , in coordinamento con le Direzioni Automation dei singoli Business SACMI.

Contribuiscono al coordinamento anche Gaiotto (l’azienda del Gruppo SACMI specializzata nella robotica) e l’area Vision Systems , attualmente verticale al Business Rigid Packaging ma con competenze trasversali nell’ambito del controllo di processo e dell’Intelligenza Artificiale.

108 Annual Report Integrato 2022
3.1

Centrali in un moderno approccio all’innovazione, gli obiettivi di sostenibilità affiancano il valore dell’automazione e dell’innovazione digitale come strumento a supporto della competitività aziendale in senso stretto.

Così individuate, le tecnologie abilitanti sulle quali l’HUB opera rispondono quindi a due obiettivi:

• Utilizzare queste tecnologie per ridurre l’impatto ambientale delle macchine (in primis i consumi di energia, di materie prime, ecc);

• A livello di governance, sfruttare tali tecnologie come “grimaldello” per digitalizzare l’azienda, quindi migliorare i processi interni su temi sensibili, anche attraverso lo sviluppo di software/applicativi dedicati.

Per definizione trasversale ai diversi Business, il coordinamento interviene come facilitatore per agevolare la messa a terra dell’innovazione digitale

L’internet of Things in una prospettiva ESG

e dell’automazione, lavorando su progetti specifici – anche realizzati in coordinamento con partner esterni quali Università ed enti di ricerca – e più in generale operando per la diffusione dell’IoT sia in azienda, sia nell’insieme dell’offerta commerciale di macchine e impianti SACMI (quindi un percorso che mette al centro le soluzioni digital&automation promosse e proposte ai clienti insieme alle macchine stesse).

In concreto, l’attenzione si concentra maggiormente su quegli aspetti dell’innovazione digitale funzionali a migliorare la conduzione dei sistemi in ottica data driven (la misurazione del dato di processo che rappresenta la base sulla quale prendere decisioni il più possibile oggettive).

Nato prioritariamente per agevolare l’automazione dei processi funzionale ad incremento qualità e produttività, l’Internet Of Things assume oggi un valore prioritario rispetto alla riduzione dell’impatto ambientale dei processi produttivi e sulla sostenibilità intesa nel senso più ampio (ambientale, sociale, organizzativa).

Sul piano hardware, il percorso è in gran parte guidato dall’automazione basata sugli standard oggi più diffusi nel mercato (Beckhoff e B&R).

Molto più aperto e sfidante l’ambito software dove, a fronte di grandi software house che offrono servizi di analisi del dato in-Cloud, diventa importante la capacità della singola azienda di

sviluppare software o parti di software funzionali a mantenere in-house la conoscenza ed il governo del dato

All'atto pratico, questo significa assegnare al coordinamento funzioni di vera e propria software house finalizzata a sviluppare, sperimentare e validare sul campo i diversi applicativi.

109 sacmi.com SACMI SACMI Digital Innovation & Automation HUB
I driver

Le principali attività in corso con obiettivi ESG

Nel 2022, il team IPREL e il Dipartimento Innovation Lab hanno realizzato, fra le altre, simulazioni e/o digital twin di macchine e impianti SACMI nell’ottica di analisi ed efficientamento sia dal punto di vista della produttività sia per le potenziali ricadute in ottica energy saving.

Tra le attività rilevanti, si segnalano:

• la definizione di nuovi standard di motori elettrici di tipo IE2 (ad alta efficienza);

• l’ottimizzazione dei modelli digital twin della linea tiles;

• l’ottimizzazione della layer configuration per le isole di picking;

• l’elaborazione di modelli/software per ottimizzare il carico forno sanitari (riducendo i consumi specifici grazie a ottimizzazione del carico e full load);

• il nuovo sistema di controllo-tracking della produzione (soprattutto in ambito tiles);

• l’attività di reengineering di soluzioni hw/sw per rilocalizzare supply chain (saving energetico indiretto);

• l’attività complementare ed a sostegno della direzione ICT per la gestione documentale interna e di visualizzazione andamento della produzione, con la possibilità di anticipare azioni correttive per ridurre scarti e consumi.

Per il 2023, centrale sarà il progetto IoT funzionale a realizzare obiettivi di energy saving nelle

macchine termiche del tiles. Questo consiste nella realizzazione di dashboard evolute dove, correlando dati di qualità del prodotto finito, cicli di lavoro e settaggi della macchina, sarà possibile realizzare un report di consumi specifici per ogni singolo tipo di prodotto, con l’indicazione delle potenziali aree di intervento all’interno del processo per ottenere ulteriori efficientamenti.

Rilevante è anche la famiglia di progetti che hanno al centro l’Intelligenza Artificiale, tra i quali spicca il progetto coordinato con il team Protesa – Divisione Renewable Energy Management per il corretto posizionamento, dimensionamento e installazione di impianti fotovoltaici, ottimizzandone rese e funzionamento.

Le diverse strutture del Digital HUB contribuiscono inoltre in modo strutturato a diversi dei progetti che SACMI realizza in partnership con l’ecosistema regionale, nazionale ed europeo dell’innovazione (si veda par. 3.4 per una sintesi dei principali progetti realizzati e in corso), quindi con Università ed Enti di Ricerca, Cluster e Competence Center regionali e nazionali.

110 Annual Report Integrato 2022

Formazione IoT, servizi digitali, automazione dei processi interni

Costituita a dicembre 2022, la struttura contribuirà nel 2023 a supportare le attività dell’Academy SACMI, in particolare i percorsi di formazione nell’ambito dell’Academy IoT (Internet Of Things), trasversale alle diverse competenze e ruoli e funzionale all’incremento delle “competenze digitali aziendali”.

Sull’elaborazione di applicativi e metodologie specifiche da mettere al servizio dei diversi Business, sono due le principali famiglie di attività in programma per l’anno in corso:

• l’evoluzione dei servizi digitali in-Cloud (customer service) finalizzati alla messa a punto di servizi di assistenza proattiva ai clienti per l’efficientamento delle macchine;

• la gestione dell’automazione di processo sugli impianti SACMI per ridurre i tempi morti, migliorare la produzione, più in generale implementando sistemi di misurazione del dato (monitoraggio) utili a definire interventi di efficientamento.

Il cambio di paradigma (prendere decisioni “data driven”) si applica anzitutto all’offerta commerciale SACMI (sia l’installato sia le nuove macchine), quindi ai processi interni all’azienda. Sull’offerta commerciale, è stata avviata un’azione di monitoraggio dello stato di avanzamento dei ser-

vizi nei diversi business, stabilendo anche una opportuna roadmap per l’adozione dei nuovi sistemi con orizzonte quinquennale (2023-2027).

È stata parallelamente definita una metodologia comune alle diverse BU per valorizzare questo tipo di servizi in sede di presentazione delle offerte ai clienti.

Rispetto ai processi interni, è stata presentata di recente la piattaforma SAM (supervise analyze measure), per l’analisi dell’efficienza dei processi interni a partire dal reparto macchine utensili.

Alla base dei percorsi attuali e della roadmap individuata c’è la scelta di identificare un’unica piattaforma tecnologica open source, sulla quale saranno implementati i diversi applicativi. Questo risponde all’obiettivo iniziale e cioè sfruttare i vantaggi della digitalizzazione e automazione secondo gli standard hw/sw più diffusi ma con la sfida di mantenere in-house la conoscenza del “dato” e metterla al servizio degli obiettivi di crescita sostenibile del Gruppo.

111 sacmi.com SACMI SACMI Digital Innovation & Automation HUB
Nuovi applicativi, metodologie e un’unica piattaforma tecnologica per prendere decisioni “data driven”

R&D e Innovation

Sempre più forte il coordinamento tra le diverse strutture per l’offerta di servizi di consulenza tecnologica completa, supporto e training ai clienti. A regime le attività del nuovo Decoration Lab, sostenuto dalla Regione Emilia-Romagna.

I Laboratori

Oltre al nuovo coordinamento Digital Innovation & Automation HUB, che mette a sistema i percorsi legati al tema del digitale e dell’automazione, il governo dell’innovazione SACMI fa riferimento al Centro Ricerche di Imola ed ai diversi Laboratori di R&S costituiti all’interno delle Business Unit.

Il Centro Ricerche di Imola

Fondato nel 1989, è il cuore pulsante dell’innovazione SACMI. Con quasi 300 tecnici e ricercatori altamente specializzati , realizza attività di ricerca diretta per affiancare il cliente in ogni fase dello sviluppo prodotto, contribuendo allo sviluppo dell’ecosistema dell’innovazione in azienda, sul territorio e nelle imprese partner.

Il Centro Ricerche SACMI è iscritto all’Albo Nazionale dei laboratori di ricerca, istituito dal Ministero dell’Università e della Ricerca. A sua volta, è articolato nei diversi laboratori tecnologici e unità di ricerca all’interno delle singole Business Unit e aziende del Gruppo o (come nel caso di SACMI Innovation Lab) si costituisce per rispondere ai nuovi obiettivi di sviluppo dell’R&D Automation, con un approccio trasversale ai diversi Business.

SACMI Tiles Lab

Il Laboratorio realizza un’attività di ricerca estetica d’avanguardia sul prodotto ceramico, in connessione con i continui sviluppi delle macchine e in

113 sacmi.com SACMI R&D e Innovation
3.2

particolare delle tecnologie di formatura e decorazione. Questo consente di proporre al cliente percorsi di product design innovativi per trasformare un’esigenza estetica in un prodotto industriale, di qualità, realizzato con tecnologie moderne e sostenibili.

La struttura è attrezzata con strumentazioni all’avanguardia e personale tecnico capace di offrire al cliente servizi di supporto tecnologico completi (es. analisi e caratterizzazione delle materie prime e delle ricette d’impasto), problem solving e attività in situ, formazione specialistica all’utilizzo di macchine e impianti SACMI, sviluppo prodotto e analisi del mercato.

SACMI Sanitaryware Lab

Come il Laboratorio Tiles, il Laboratorio SACMI Sanitaryware e impianto pilota offrono servizi completi dalla formulazione impasti e smalti alla realizzazione stampi, sino al prodotto finito. In particolare, il Laboratorio offre servizi di supporto tecnologico, con know-how tecnologici completi su materie prime e ricette d’impasto, inclusi servizi avanzati per la sostenibilità (R&D applicata per ottimizzare consumi di acqua, energia, materie prime). Seguono i servizi di assistenza in situ, per affiancare il cliente in fase di avviamento, industrializzazione e collaudo degli impianti e i servizi di Digital Product Development, dalla realizzazione del modello e dello stampo ai test industriali sull’impianto pilota.

SACMI Rigid Packaging-Beverage Lab

Concentrare l’attività di ricerca sui materiali utilizzati nei processi di produzione del packaging rigido (tappi, preforme, contenitori) è l’obiettivo di questa struttura. Negli ultimi anni, l’attività del Laboratorio si è concentrata sullo sviluppo di capsule e contenitori sempre più leggeri e performanti (lightweight), accompagnando il cliente nell’adozione di nuovi standard ed operando in sinergia con le principali strutture ed organismi certificatori internazionali (ad esempio il CETIE). Realizzata anche in partnership con le principali istituzioni accademiche e Associazioni di settore, la ricerca si è focalizzata, nel 2022, sui nuovi materiali eco-compatibili (PET riciclato, cellulo-

sa, plastiche “ibride”), affiancando anche da questo punto di vista il trend globale sulla riduzione dell’impatto ambientale del packaging secondo l’approccio 3Rs (reduce, reuse, recycle)

SACMI Innovation Lab

Operativo dal 2017 e inaugurato nel 2019, SACMI Innovation Lab nasce come struttura interamente focalizzata sullo sviluppo e la diffusione in azienda delle tecnologie abilitanti 4.0 nel vasto campo del R&D Automation, delle simulazioni digitali, dello sviluppo software.

Cofinanziato dal bando per gli investimenti in settori avanzati di Industria 4.0 della Regione Emilia-Romagna, il Laboratorio segue lo sviluppo di sistemi innovativi per il controllo di processo , attraverso i quali migliorare la qualità dei prodotti, l’efficienza e la sostenibilità dei processi produttivi.

Il Laboratorio cura lo sviluppo di metodologie e competenze avanzate IoT con vasta applicabilità in ambito industrial automation, con particolare focus sullo sviluppo di “sistemi cyberfisici” di progettazione e produzione basati su piattaforme open source.

Parte integrante della mission della struttura – che dal 2022 rappresenta uno dei pilastri del nuovo coordinamento Digital Innovation & Automation HUB – l’esercizio di un ruolo di “ponte” tra la ricerca pubblica e privata e l’ecosistema più vasto delle imprese, a partire da indagini TRL (technological readyness level) sull’applicabilità industriale dei risultati della ricerca.

SACMI Digital Decoration Lab

Co-finanziato dal bando regionale “Attività 5.1 Sostegno allo sviluppo delle infrastrutture per la competitività e per il territorio”, a valere sul Programma regionale Attività produttive, il Laboratorio mette a sistema, ampliandone dotazioni e competenze, l’ingegneria e la ricerca applicata nell’ambito della decorazione digitale delle superfici Il LAB è stato realizzato nel corso del 2021 a Casalgrande (Reggio Emilia) nella sede di SACMI Tech, dove si concentrano le attività SACMI legate allo sviluppo di tecnologie per la decorazione digitale (ceramica in primis ma anche metallo).

114 Annual Report Integrato 2022

Al centro della struttura, oggi pienamente operativa, vi è la nuova area dedicata all’ impianto pilota dove sia le aziende clienti di SACMI, sia i fornitori di materie prime (pigmenti, inchiostri, materie) possono effettuare prove e test sui materiali. Anche in questo caso, la mission del Lab

si concentra sulla possibilità di operare come trait d’union tra i business aziendali, fornitori e potenziali clienti, ma anche di agire in stretta connessione con il sistema regionale della ricerca , per accelerare i tempi di risposta e di trasferimento dell’innovazione verso le imprese.

115 sacmi.com SACMI R&D e Innovation

Il Gruppo conferma il forte commitment sulla ricerca. Oltre 4.700 brevetti, quasi un brevetto per ogni dipendente.

Risorse, progetti, attività brevettuale

L’attività di Ricerca e Sviluppo riveste un’importanza strategica in un’azienda come SACMI che investe risorse importanti e in modo continuativo, per assicurare al cliente prodotti innovativi e servizi efficaci.

L’attività di Ricerca e Sviluppo riveste un’importanza strategica in un’azienda come SACMI che investe risorse importanti e in modo continuativo, per assicurare al cliente prodotti innovativi e servizi efficaci. La funzione anche nel 2022 ha ricoperto un ruolo centrale con oltre 260 persone, coinvolte su quasi 150 progetti di varia portata.

In particolare, da segnalare i progetti legati al tema dell’economia circolare, soprattutto in ambito Rigid Packaging – con la ricerca di materiali per contenitori sempre più sostenibili e riciclabili – e alla mitigazione dei cambiamenti climatici, dove in ambito Tiles si è proseguito lo sviluppo di soluzioni impiantistiche a ridotte emissioni di CO2 in atmosfera (sostituzione dei combustibili fossili nelle macchine termiche mediante lo studio di applicazioni dell’idrogeno e del riscaldamento elettrico).

Ulteriori progetti sono stati dedicati alla riduzione del consumo di acqua nei processi produttivi ed al suo completo recupero mediante innovativi sistemi di ultrafiltrazione (ambito Whiteware e Tiles).

Si conferma molto attiva la collaborazione di SACMI con numerosi enti di ricerca ed Università italiani ed europei, anche con la partecipazione a progetti finanziati in ambito regionale, nazionale ed europeo. La consistente attività di ricerca ed innovazione è anche testimoniata dall’elevato numero di nuove domande di brevetto, con oltre 40 invenzioni depositate nel corso del 2022 dalla sola capogruppo, SACMI Imola.

116 Annual Report Integrato 2022

4.709

brevetti, di cui 262 nuove domande di brevetto depositate nel solo 2022

R&D – Risorse e progetti*

* Il perimetro dei dati indicati nei grafici si riferisce a SACMI Imola

Brevetti

I costi per attività brevettuali sostenuti da SACMI Imola SC nel corso del 2022, comprensivi dei costi di mantenimento e dei costi consulenziali per le Business Unit, sono pari a 3.145.000 euro, in aumento rispetto ai 2.740.000 euro sostenuti nel corso del 2021.

117 sacmi.com SACMI 2020  2021  2022 Risorse impegnate nella ricerca e sviluppo (in migliaia di euro) 295  287  266 N. progetti assegnati a ricerca e sviluppo  114  154  147 N. mesi uomo dedicati  1.204  1.192  1.172 N. mesi uomo/progetti  10,56  7,74  7,97 2020  2021  2022 Domande di brevetto (numero complessivo)  4.176  4.447  4.709 Domande di brevetto depositate nell’anno   123  271  262 Brevetti attivi (numero complessivo)   1.935  1.899  2.062 R&D e Innovation

Le partnership 3.3

Associazioni

SACMI aderisce attivamente ad alcune associazioni per contribuire alla diffusione dei principi della cooperazione, della cultura della qualità e dell’innovazione, della sostenibilità.

Cresce l’importanza delle partnership in ambito internazionale, funzionali alla condivisione dei risultati della ricerca e all’industrializzazione di nuovi processi/materiali sostenibili.

In particolare, SACMI aderisce a Legacoop, Legacoop Produzione e Servizi, ACIMAC (Associazione Costruttori Italiani Macchine Attrezzature per Ceramica), UCIMA (Unione Costruttori Italiani Macchine Automatiche per il Confezionamento e l’Imballaggio), AMAPLAST (Associazione Nazionale Costruttori di Macchine e Stampi per Materie Plastiche e Gomma), UCIMU-Sistemi per produrre (Unione Costruttori Italiani Macchine Utensili) ed è socio aggregato di ANFIMA (Associazione Nazionale Fabbricanti di Imballaggi Metallici e Affini). Collabora inoltre ad associazioni di settore, anche pan-europee e transnazionali, che hanno come fine la promozione della ricerca avanzata e della formazione nei rispettivi settori.

SACMI è membro della Società Ceramica Italiana (I.Cer.S.), fondata nel 1972 e punto di riferimento per la diffusione della cultura tecnica, tecnologica ed impiantistica della ceramica italiana nel mondo.

Aderisce all’European Powder Metallurgy Association (EPMA), l’associazione con sede a Bruxelles che riunisce i protagonisti europei del sinterizzato. La partecipazione in qualità di membro del Council dell’Associazione è funzionale allo sviluppo di ulteriori progetti di formazione e ricerca, in collaborazione con primari Istituti e Università del continente.

Dal 2019, SACMI siede nel consiglio direttivo di AIM (Associazione italiana di Scienza e Tecnologia delle Macromolecole), associazione senza scopo di lucro che promuove la formazione e lo sviluppo nel campo dei polimeri e

118 Annual Report Integrato 2022

delle macromolecole. Anche in questo caso, una partnership chiave per sviluppare le più avanzate direttrici di ricerca che si concentrano, ad esempio, su nuovi materiali biocompatibili , accanto allo sviluppo di processi più performanti e meno energivori

SACMI contribuisce alla promozione ed alla diffusione degli standard internazionali in ambito Rigid Packaging partecipando a CETIE , l’associazione internazionale che promuove, su base volontaria, l’innovazione e la standardizzazione tecnica nel settore. SACMI è partner dell’associazione europea di filiera Plastic Recyclers Eu -

rope . È inoltre membro di ABMI (Association of the Beverage Machine Industries).

Sempre in ambito europeo, SACMI è partner di A.SPIRE (Sustainable Process Industry through Resource and Energy Efficiency), partenariato pubblico-privato trans-settoriale dedicato all’innovazione nella gestione delle risorse e dell’efficienza energetica nelle industrie innovative di processo , tra cui il settore ceramico. L’associazione realizza, congiuntamente con la Commissione Europea, le agende per la ricerca e l’innovazione e finanzia progetti di ricerca e sviluppo di carattere internazionale.

119 sacmi.com SACMI Le partnership

Ricerca collaborativa, cluster regionali e nazionali. SACMI è anche partner del nuovo progetto “Made in Italy Circolare e Sostenibile”, in attuazione del PNRR.

Consorzi di ricerca

Tra i principali istituti e consorzi di ricerca, SACMI collabora con Bi-Rex Competence center di Bologna (Big Data Innovation & Research EXcellence), Mist-ER (Laboratorio di ricerca industriale e trasferimento tecnologico in Meccatronica, Biomedicale e ICT), Centro Interdipartimentale InterMech Mo.Re, CRIT Research (il Consorzio con sede a Vignola nato come espressione delle migliori eccellenze manifatturiere regionali a fini di innovazione collaborativa, scouting tecnologico, ricerca e supporto nell’accesso alle migliori opportunità di finanziamento nazionali e comunitarie).

SACMI è uno degli enti fondatori privati della fondazione di partecipazione denominata “Made in Italy Circolare e Sostenibile”, costituita a fine 2022 e responsabile dell’attuazione e della gestione del Partenariato Esteso “3A Italy” finanziato dal PNRR. Il Partenariato esteso coinvolge aziende private, università ed enti pubblici con l’obiettivo di co-finanziare progetti di ricerca di base sui temi della sostenibilità economica, ambientale e sociale, circolarità, e trasformazione digitale di materiali, prodotti, servizi, processi, fabbriche e filiere produttive, con particolare riferimento ai settori industriali del Made in Italy.

SACMI è associata al Cluster Nazionale Fabbrica intelligente, che ha l’obiettivo di attuare una strategia basata sulla ricerca e l’innovazione per la competitività del sistema manifatturiero italiano, di cui fanno parte aziende, associazioni di impresa, regioni, università ed enti di ricerca, istituzioni.

È inoltre socia, dal 2021, dei due nuovi Cluster Regionali finalizzati al potenziamento della capacità del sistema dell’innovazione dell’Emilia-Romagna di sviluppare attività di ricerca collaborativa e trasferimento tecnologico così come definito nella Strategia di Specializzazione Intelligente regionale: CLUST-ER MECH, che sostiene la competitività del settore della meccatronica e motoristica, e CLUST-ER INNOVATE, nel settore dell’innovazione nei servizi.

120 Annual Report Integrato 2022

Oltre 100 collaborazioni con le Università per lo sviluppo di progetti strategici per il Business. Diverse le partnership con le istituzioni estere, in collaborazione con le strutture di ricerca della rete di aziende SACMI nel mondo.

Università ed enti di ricerca

Sono oltre un centinaio le collaborazioni in essere tra SACMI e le Università, gli Istituti e i Consorzi di ricerca in Italia e all’estero.

Tra le Università , SACMI sviluppa progetti di ricerca con: Alma Mater Studiorum di Bologna (Dipartimenti di Ingegneria civile, Chimica, Ambiente e Materiali, Ingegneria industriale, Energia elettrica e dell’Informazione, CIRI MAM, Istituto interdipartimentale di Ricerca industriale dell’Unibo. Ulteriori collaborazioni di rilievo sono in essere con l’Università di Modena e Reggio Emilia (UNIMORE), con il Politecnico di Milano, l’Università Cattolica del Sacro Cuore e LIUC, le Università di Parma, Università del Piemonte Orientale, Università Politecnica delle Marche, gli atenei di Ferrara, Padova, Trento, Salerno, Cassino, Lecce, Sassari, Palermo, Pavia, Brescia, Università del Salento, Università di Bolzano, Università della Calabria.

SACMI collabora inoltre con il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche),e in particolare CNR ISTEC (tecnologia dei materiali ceramici), CNR INO (Centro Nazionale di Ottica), Centro Ceramico di Bologna; EcamRicert (Vicenza) e Iseven Servizi (Modena) per analisi microbiologiche in ambito plastics-packaging; SSV (Stazione Sperimentale del Vetro); AlmaPlasma (spin-off Unibo su trattamenti superficiali plastica); Il centro CRA (Roma, settore lattiero-caseario), Agenzia Nazionale per le nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo economico sostenibile (Enea).

Diverse anche le istituzioni estere, come il il tedesco Fraunhofer Institut (reparto resistenza strutturale e affidabilità dei sistemi), IREQ (acciai, grandi componenti), KIMW (Kunststoff Institut Lüdenscheid), l’Università di Wageningen, lo spagnolo ITC (Instituto de Tecnología Cerámica), la francese Université Grenoble Alpes, l’Università di Magdeburgo), il Politecnico di Montreal. Oltre alle sinergie interne con Alpha Ceramics (azienda del Gruppo con sede in Germania che opera nel settore dei ceramici avanzati e nuovi materiali) e con il Laboratorio-Competence Center della controllata tedesca Sama Gmbh (stoviglieria).

121 sacmi.com SACMI Le partnership

3.4

I principali progetti in corso finanziati

Spicca il gruppo di progetti in ambito Digital Innovation, trasversali ai Business. Dalla virtualizzazione IoT, nuove opportunità per una progettazione e gestione sostenibile degli impianti.

SACMI è coinvolta in numerosi progetti di Ricerca & Sviluppo, realizzati in collaborazione con i propri partner nazionali ed internazionali. In particolare, tali progetti sono co-finanziati dalla Regione Emilia-Romagna, dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy (MIMIT) e dal Ministero dell’Università e della Ricerca (MUR) e da Competence center nazionali. Ulteriori progetti, inoltre, sono sostenuti dalla Commissione europea tramite il Programma Horizon Europe.

Questi progetti hanno, generalmente, valenza pluriennale. Tra i principali e più significativi finanziati in corso d’anno, si segnalano:

Ceramics

SACMI è partner del programma Caliper (Horizon 2020) per la formazione di personale esperto in tecniche sperimentali e computazionali per lo sviluppo della tecnologia di “calibrazione granulare” basata su metodologie di imaging 3D; in particolare, SACMI ha messo a disposizione dei partner una linea pilota all’interno del proprio Laboratorio Ceramico su cui effettuare le prove di calibrazione di un modello di calcolo DEM applicabile su scala industriale.

Lo sviluppo di modelli “predittivi” sulla corrosione dei materiali ferrosi – l’acciaio utilizzato ad esempio nelle turbine idrauliche e nei macchinari industriali – è in-

122 Annual Report Integrato 2022

vece lo scopo del progetto Facto, che vede fra gli altri la partnership di quattro Università canadesi accanto al Politecnico di Milano e all’Università di Ferrara. Il progetto mira a stabilire conseguenti criteri di progettazione “additive manufacturing” che mantengano efficienti le componenti nel tempo.

Allo sviluppo, applicazione e validazione di metodologie di “upscaling” dei sistemi di particolato è dedicato il progetto Tusail , del quale SACMI è partner associato; scopo del progetto è la formazione di personale altamente specializzato con competenze interdisciplinari (fisica, ingegneria, informatica e matematica) e trasferibili a livello intersettoriale sia nell’Università sia nell’industria.

Advanced Materials

SACMI ha partecipato al progetto CPM, a valere sul cofinanziamento MISE-Horizon 2020 PON, finalizzato alla realizzazione di ingranaggi complessi tramite compattazione di polveri metalliche; tra gli obiettivi del progetto, lo sviluppo di

una tecnica che consenta di raggiungere la massima densità possibile in prossimità dei fianchi dei denti sinterizzati, oltre alla realizzazione di tecniche innovative, più affidabili e veloci di quelle convenzionali, per la lavorazione meccanica “one step” di questo tipo di manufatti.

Rigid Packaging

Area Computer Vision Systems, SACMI è coinvolta nel progetto IQONIC, sostenuto dal programma Horizon 2020, per lo sviluppo di nasi elettronici specificamente adattati per il rilevamento di contaminanti su componenti opto-elettriche.

Con ML4VI, SACMI contribuisce allo sviluppo di tecniche machine learning per virtual inspection e controllo qualità; in questo ambito, l’Intelligenza Artificiale si traduce nello sviluppo di tecniche di “addestramento automatico” (machine learning e deep learning) delle macchine partendo dall’acquisizione di immagini e misurazione delle caratteristiche fisico-dimensionali dei prodotti, una tecnica che si vuole rendere il più possibile adattiva al variare della famiglia di prodotti da

sacmi.com SACMI 123 I principali progetti in corso finanziati

ispezionare. Il progetto è sostenuto dal competence center Bi-Rex e si propone di raggiungere il livello TRL7 (la riapplicabilità dell’approccio su un caso d’uso “sconosciuto”, vera sfida rispetto all’estensione delle enormi potenzialità di queste tecniche ai più svariati ambiti del manufacturing 4.0).

Le tecnologie per lo stampaggio sostenibile a secco di tappi ottenuti da fibre naturali, riciclabili al 100%, per applicazioni rigid packaging, è al centro di FIBER-CAP, a valere sul bando “Accordi per l’innovazione” del MIMIT. Scopo del progetto è superare gli attuali limiti legati al trattamento di queste fibre e la loro formatura a secco. Al centro, la funzionalizzazione dei materiali, progettazione e realizzazione degli stampi e della macchina per lo stampaggio (basata su tecnologia CCM), loro integrazione nel processo industriale.

Digital Innovation

SACMI partecipa, con Bi-Rex, a SS4SP , lo studio di soluzioni progettuali e tecnologiche per migliorare la cybersecurity degli impianti ; tale approccio diventa essenziale per consentire l’implementazione di nuovi servizi e funzionalità, garantendo allo stesso tempo la massima sicurezza e resilienza degli impianti.

Altro progetto in corso, con capofila SACMI, Deepmon , Dynamic Edge Computing for Plant Monitoring, sistemi di controllo e gestione dei dati macchine basate su piattaforme cloud/ edge-ready quindi più adattive, scalabili e totalmente controllabili per quello che riguarda la configurazione “distribuita” del supporto e dei relativi algoritmi.

Sempre i Big Data sono l’oggetto di BD4M, finalizzato allo sviluppo di metodologie per analizzare e strutturare l’immensa mole di dati provenienti dalle macchine, superando i limiti delle attuali soluzioni analytics (in particolare riguardo all’eterogeneità dei dati e degli applicativi e all’analisi dei dati non strutturati).

Ulteriori progetti in ambito Big Data, dei quali SACMI è partner, sono finalizzati all’integrazione di connettività IoT tramite rete wireless 5G ed alla possibilità di ridurre il tempo di “latenza”

(progetto Seawall), per consentire un’effettiva ed efficace virtualizzazione del controllo di parti della linea produttiva.

Il Piano nazionale del MUR (Ministero dell’Università e Ricerca) è invece il quadro di riferimento di Ok-Insaid, ulteriore progetto in ambito data analytics per lo sviluppo di un nuovo approccio collaborativo tra i livelli “cloud” e “edge”; l’obiettivo è sempre quello di sviluppare modelli e metodi efficaci per l’acquisizione e strutturazione di dati industriali, generando da questi un “valore d’uso” (informazioni cioè davvero utili a livello operativo, di monitoraggio dei sistemi, remote assistance sulle macchine, ecc).

Sempre con Bi-Rex, SACMI collabora a Flexcobot , un progetto per lo sviluppo di robot collaborativi (progetto Flexcobot ) utilizzabili nei sistemi di fabbricazione e montaggio di piccola componentistica.

Segue il progetto Ergologico, attività di ricerca applicata per la realizzazione di un sistema di gestione e alimentazione di “celle collaborative” (uomo+robot) mediante integrazione di sistemi di handling evoluti (AGV) con automazione totale delle fasi di prelievo e feeding.

L’ additive manufacturing nella filiera produttiva dell’industria meccanica è l’oggetto di AM-MEC , ulteriore progetto Bi-Rex con lo scopo di definire un nuovo modello di integrazione dei processi in uso nell’industria meccanica, introducendo il concetto di design/re-design e tecniche predittive delle possibili deformazioni “in stampa”.

La Logistica avanzata è infine l’ambito del progetto Intrace Indoor Traceability , un innovativo sistema di tracciamento e analisi dei flussi logistici interni alla fabbrica attraverso sensoristica avanzata e integrazioni hw/sw.

Ulteriori progetti nell’anno, con valenza trasversale ai business, hanno coinvolto Iprel , la manufacturing software house del Gruppo, che partecipa al progetto Scream , per lo sviluppo di analitiche distribuite e personalizzate a supporto dei processi decisionali su macchine e infrastrutture di produzione (sviluppo-validazione iTools ).

124 Annual Report Integrato 2022

SACMI Tech

Per la società che dal 2020 integra strutture e competenze delle aziende Cmc, Intesa e Nuova Sima – si segnalano:

Il progetto “Sotto controllo: Made in 4.0”. Obiettivo, la realizzazione di una nuova tecnologia digitale di controllo, totalmente Made in Italy e basata su architetture di virtualizzazione IoT, con l’ambizione di definire un nuovo standard nella gestione degli impianti. Lo scopo finale dell’attività è tradurre il controllo di processo in servizi e standard di applicabilità trasversale alle aziende clienti, sostenibili dal punto di vista economico e della fattibilità tecnica, nella “personalizzazione totale” di una lastra ceramica semilavorata di grandi dimensioni e spessore variabile da 3 a 30 mm.

“Digital Decoration Lab”. Dopo la riqualificazione e ampliamento dei locali e l’acquisto delle strumentazioni, completata nel 2021, il Laboratorio ha avviato le proprie attività sulla nuova linea pilota, sia per applicazioni Tiles (decorazione digitale a secco e a umido, nuova generazione di inchiostri water-based ecocompatibili) sia per applicazioni nell’ambito degli imballaggi metallici (DMD, digital metal decoration). L’obiettivo è accelerare sul ruolo del Lab come centro di ricerca di rilevanza internazionale per la stampa e la decorazione digitale, un luogo nel quale testare nuove idee e verificare cosa davvero funziona per le aziende, in sinergia con clienti e partner, enti di ricerca, centri per il trasferimento tecnologico e con i laboratori già presenti all’interno di SACMI.

SACMI Forni & Filter

Avviato nel 2022 da SACMI Forni & Filter è il progetto “Amazzonia” per l’abbattimento delle emissioni di CO 2 dei prodotti ceramici. Obiettivo, la realizzazione di interventi mirati a ridurre l’impatto ambientale, con particolare riguardo alla gestione dei consumi termici (analisi del ciclo tecnologico, nuovi combustibili “green”, impianti e materie prime ottimali, nuove tecniche di lavorazione correlate a studi approfonditi sui bilanci energetici).

In particolare il progetto riguarda forni ed essiccatoi, con lo studio di soluzioni tecnologiche ed alimentazioni innovative (fonti rinnovabili ed elettrico) e realizzazione di prototipi. Scopo del progetto è validare gli eventuali benefici ambientali ottenibili attraverso metodologia LCA.

Gaiotto

Con Gaiotto, è proseguito il percorso di sviluppo di tecniche avanzate di programmazione di robot industriali. Selezionato dal bando per l’Attrattività delle imprese in Emilia-Romagna (L.R. 14/2014), il progetto mira alla costruzione di una nuova generazione di robot più semplici da programmare, capaci di muoversi e addirittura “pensare” come un uomo. Estendendo perciò numero e tipologia di applicazioni robotizzate, già al centro della proposta SACMI nei diversi business.

125 sacmi.com SACMI I principali progetti in corso finanziati

SACMI è partner dell’ecosistema regionale della ricerca.

Tra le attività, lo sviluppo di sistemi di produzione adattivi, stampi intelligenti, sensoristica avanzata.

Open innovation projects

Nel 2022, si è concluso il cofinanziamento al SACMI Innovation Lab, previsto nell’ambito del bando per l’attrazione di investimenti in settori avanzati di Industria 4.0 della Regione Emilia-Romagna.

Rispetto alla sua mission istituzionale – avvicinare il mondo della ricerca all’applicazione industriale in ottica open innovation – il Lab ha curato diverse attività nel 2022 tra cui:

Università di Bologna

Con l’Università di Bologna (Dipartimento di Ingegneria dell’Energia Elettrica e dell’Informazione) l’attivazione di un progetto di ricerca per l’ottimizzazione delle traiettorie dei robot antropomorfi. Quindi, con il Dipartimento di Informatica, Scienza e Ingegneria, l’attivazione di due dottorati su computer vision e knowledge injection e la collaborazione con ALMA AI (istituto di ricerca sull’intelligenza artificiale dell’Unibo). Con il DIFA (Dipartimento di Fisica e Astronomia), SACMI collabora al progetto per la ricerca di nuovi sensori per l’industria di processo, con l’attivazione di due progetti di tesi.

InterMech - Mo.Re.

Con InterMech - Mo.Re. Centro interdipartimentale di ricerca su Meccanica Avanzata e Motoristica dell’Università di Modena e Reggio Emilia, sono

126 Annual Report Integrato 2022

all’attivo due dottorati industriali in ambito user experience design . La robotica-intralogistica vede un progetto sviluppato con Gaiotto e con il Tecnopolo di Reggio Emilia - Industria Tecnologica Italiana.

Università di Ferrara

Con l’Università di Ferrara, il Lab collabora con il Dipartimento di Fisica e Scienze della terra (laboratorio sensori e semiconduttori basati su ossidi metallici nanostrutturati per applicazioni ambientali e industriali) e con il Dipartimento di Ingegneria informatica e dell’automazione.

Diversi i progetti in campo con MistER - Smart Innovation tra cui la produzione di sensori per la misurazione in continuo del contenuto di umidità delle materie prime ceramiche e lo sviluppo di stampi intelligenti sulle macchine SACMI (in particolare le presse per tappi CCM) con funzioni di diagnostica predittiva e anti-contraffazione.

Cluster regionali

Con i Cluster regionali (Clust-Er Mech) SACMI collabora con i Dipartimenti Materiali Avanzati, Automazione industriale, Big Data & Analytics. Mentre sul Cluster Fabbrica intelligente SACMI collabora a diversi progetti, tra i quali lo sviluppo di sistemi di produzione adattivi e ad alta efficienza.

CRIT

Con CRIT, SACMI realizza scouting tecnologici e partecipa ai numerosi tavoli di lavoro su Automation & Robotics, Materiali Avanzati, Big Data e altri.

Bi-Rex

Con Bi-Rex, oltre ai progetti già conclusi, si segnala nel 2023 la costituzione di un tavolo di lavoro interno, con orizzonte triennale, per verificare l’interesse allo sviluppo di progetti nelle diverse aree tematiche potenzialmente rilevanti per le Business Unit SACMI.

127 sacmi.com SACMI I principali progetti in corso finanziati

Hardware, stampa digitale, software automation, data analytics e simulazione industriale le principali famiglie di progetti. Al centro le nuove architetture hw/sw per il governo di macchine e robot e i software di simulazione industriale (digital twin).

R&D Automation projects - L’approccio

Tra gli ulteriori progetti a cura di SACMI Innovation Lab, realizzati o in corso, spiccano una serie di attività inquadrabili nella prospettiva “life cycle thinking”, l’estensione del concetto di sostenibilità nell’industria manifatturiera in una prospettiva più vasta che deve tenere conto dell’intero ciclo di vita del prodotto, considerandone l’impatto economicoproduttivo, quindi ambientale e sociale.

Alla base, l’utilità dell’approccio “digital” nel definire set di dati rilevanti per definire la sostenibilità e incorporarla su prodotti e processi produttivi.

Raccolte nello studio “Sustainability and Industry 4.0: definition of a set of key performance indicators for manufacturing companies”, a cura dell’Università di Modena e Reggio Emilia, il percorso ha fatto da sfondo ai progetti realizzati dal Lab, tra i quali, per l’esercizio passato e in corso, spiccano:

Progetti RDAE – Hardware Embedded

articolato i vari capitoli; riprogettazione della componentistica elettrica (microchip) delle macchine per superare le criticità attuali (aumento del lead time, volatilità del prezzo, obsolescenza); la nuova architettura APD per la stampa deep digital multi color; la produzione di un nuovo “spark tester” per la misura dell’integrità delle capsule (rigid packaging); la progettazione di un misuratore

128 Annual Report Integrato 2022
“life cycle thinking”

di umidità per materie prime in flusso continuo (tiles), in collaborazione con MistER.

Sono inoltre in corso studi sugli stampi-utensili delle macchine CCM, per aumentare il controllo dei parametri di forza, vibrazione, pressione e temperatura, e valutazioni sulla tecnologia THz (tecnologia di scansione dei materiali Sub-TeraHerz Imaging Unit).

Progetti RDAD – Stampa digitale

Il Lab ha proseguito gli studi per migliorare il software CRONOs di pilotaggio delle grafiche sulle linee ceramiche, incluse analisi di fattibilità di algoritmi di “stampa al volo” e nuove architetture hardware altamente “responsive” (in collaborazione con SACMI Tech).

Progetti RDAS – SW Automation

Tra le attività rilevanti in questa famiglia di progetti, gli studi sul refactoring del misuratore di granulometria per polveri ceramiche (misuratore GMS).

Sempre in ambito tiles, la ricerca di sistemi più efficienti ed economici per misurare i parametri tecnologici della barbottina ; quindi l’attività di scouting tecnologico finalizzata allo studio di sistemi di visione integrati negli ambienti di automazione-robotica (es. TwinCat Vision, Mapp Vision).

Progetti RDAS – Robotica

Sulla robotica in senso stretto, il LAB ha collaborato allo studio ed al lancio sul mercato del nuovo software per la programmazione off line dei robot del sanitario (Smart Off Line NG) e, nello stesso ambito, all’industrializzazione del software di ottimizzazione del carico dei carri forno

Progetti RDAS –Simulazione industriale

Nel 2022, il LAB ha proseguito le attività di sviluppo del digital twin d’impianto (in particolare sulle fasi preparazione impasto, stoccaggio polvere e pressatura, magazzini e movimentazione, lavorazione e scelta). Ha contribuito al progetto di ecosistema completo di virtual commissioning (sviluppo hardware-software in-the-loop, interoperabilità-automation ML).

Da segnalare anche il progetto con BMR su macchine Leviga e Supershine (calcolo velocità trave ottima per copertura superficiale omogenea, modellazione velocità rotazione testa satellitare), oltre ad attività di scouting tecnologico per controllo qualità.

Progetti RDAS – Data analytics

Nella progettazione di stampi sperimentali per tappi in cellulosa, studio delle relazioni causa-effetto tra i valori monitorati durante la formatura ed eventuale difettologia riscontrata. Un ulteriore progetto riguarda l’analisi dei dati di usura su utensileria di taglio (i-Slit) per applicazioni tethered. Su Leviga BMR, modellazione del processo per ricavare dati utili ad estendere la funzionalità del simulatore.

Da segnalare inoltre lo studio Industrial MLops su definizione metodi e tecnologie di gestione ciclo vita dei modelli di machine learning in contesto industriale, compresa l’eventuale integrazione edge-cloud (servizio SACMI Smart Care).

Infine lo studio con approccio deep learning alla formatura del metallo, per aumentare il potere predittivo delle immagini limitando il set di dati necessari. Proseguono nell’anno gli ulteriori progetti in ambito big data realizzati con Bi-Rex (soprattutto in ambito IoT/edge-cloud computing).

129 sacmi.com SACMI I principali progetti in corso finanziati
Il capitolo riporta le performance di tutte le società del Gruppo SACMI, ad eccezione dei costi per le attività brevettuali e i dati della tabella corporate “Risorse e progetti R&S” le quali fanno riferimento alla sola SACMI Imola SC.

4

Ricchezza economica generata e distribuita

4.1 Valore economico generato e distribuito da SACMI Imola SC

Il valore economico che viene attribuito alle attività core di SACMI viene messo in evidenza attraverso il calcolo del Valore Economico Generato e Distribuito, ovvero la ricchezza creata dall’azienda nello svolgimento della sua attività quotidiana.

Il Valore Economico Distribuito è uno degli elementi fondanti ai fini della valutazione dell’impatto economico e sociale della Società, nonché della ricchezza generata e distribuita ad alcune categorie di soggetti che, con i loro differenti contributi, hanno concorso a produrla e/o che sono comunque fra i principali stakeholder dell’Organizzazione.

Il Valore Trattenuto, invece, rappresenta la parte di risorse economiche trattenute all’interno della Società per il suo stesso sostentamento e la sostenibilità nel tempo.

Nel corso del 2022 SACMI Imola SC ha realizzato 1,12 miliardi di ricavi, il 19% in più rispetto all’esercizio precedente, costituendo per intero il valore economico generato; allo stesso modo, anche le voci relative ai costi operativi, al personale, alla remunerazione del capitale e agli investimenti nella società sono aumentate in media del 25% rispetto al 2021. L’unica eccezione riguarda la voce relativa alla remunerazione della

pubblica amministrazione, la quale ha subito una riduzione, da 12 milioni a -6 milioni, rispetto all’anno precedente.

In totale, il valore economico distribuito è pari a 1.060 milioni di euro , superiore del 21% rispetto al 2021.

Infine, il valore economico trattenuto è pari a quasi 57 milioni di euro, con una lieve riduzione, del 6%, rispetto all’importo dell’anno precedente.

Criteri di rendicontazione delle performance economiche

La società predispone il proprio bilancio di esercizio nella forma e nel contenuto secondo l’informativa prevista dai principi contabili internazionali (IAS/IFRS) emessi dall’International Accounting Standards Board ed omologati dall’Unione Europea, incluse tutte le interpretazioni dell’ International Financing Reporting Interpretations

132 Annual Report Integrato 2022

Committee (IFRIC), e sulla base dei provvedimenti emanati in attuazione dell’art. 9 del D.Lgs. 38/2005.

Il Bilancio d’esercizio al 31 dicembre 2022, costituito dai prospetti della Situazione Patrimoniale e Finanziaria, del Conto Economico, del Conto Economico Complessivo, del Rendiconto Finanziario e dal Prospetto delle variazioni del Patrimonio Netto, è sottoposto a revisione contabile da parte della società di revisione Deloitte & Touche S.p.A. ai sensi dell’art. 14 del D. Lgs. 27.1.2010 n. 39 (ex art. 2409-ter del codice civile) e dell’art. 15 della legge N° 59 del 31-01-1992 sulle società cooperative.

Ai fini del presente Rapporto, i dati contenuti nei suddetti prospetti di bilancio sono stati riclassificati nello schema a Valore Aggiunto e Distribuzione nei quali sono determinati il valore economico direttamente generato e distribuito (EVG&D) in base al principio di competenza, in linea con quanto disposto dal GRI standard 201-1 dei Sustainability Reporting Standards (GRI Standards), emanati dal Global Sustainability Standards Board nel 2016 e in vigore dal 1° gennaio 2018.

Le imposte sono state calcolate con particolare riferimento alle norme che regolano le società cooperative.

La Cooperativa è assoggettata al regime fiscale previsto per le cooperative diverse da quelle a mutualità prevalente. Di conseguenza si è calcolata la stima del carico fiscale detassando il 90% dell’importo destinato alla riserva legale, pari al 30% dell’utile (detassando pertanto il 27% dell’utile) e il 3% dell’utile da destinarsi ai fondi mutualistici per la promozione e lo sviluppo della Cooperazione.

Valore economico generato e distribuito (euro)

sacmi.com SACMI Valore economico generato e distribuito da SACMI Imola SC 133 2020  2021  2022 Ricavi 683.001.556 941.139.102 1.117.945.696 Totale valore economico generato 683.001.556 941.139.102 1.117.945.696 Costi operativi 502.316.807 735.418.683 883.852.386 Remunerazione del personale 79.994.649 88.945.501 93.978.295 Capitale di credito e di rischio 36.265.451 40.646.396 69.352.056 Imposte e tasse - 6.001.398 12.074.502 10.393.782 Investimenti nella comunità 1.818.104 2.355.099 2.541.550 Totale valore economico distribuito 614.393.612 879.440.181 1.060.118.068 Valore economico trattenuto dall’organizzazione 68.607.943 61.698.921 57.827.628

Approccio alla fiscalità 4.2

Relativamente all’approccio alla fiscalità, SACMI riconosce le proprie responsabilità nei confronti di investitori, governi, fornitori, dipendenti e le diverse comunità italiane ed estere in cui opera.

Questo approccio vale anche in ambito fiscale al fine di rispettare in modo equilibrato gli adempimenti normativi e contabili

A livello Italia, SACMI adotta procedure di rilevazione, misurazione, gestione e controllo dei rischi fiscali, il cui rispetto è garantito a tutti i livelli aziendali attivando le necessarie azioni correttive rispetto ad eventuali carenze e/o criticità rilevate.

Il processo di determinazione delle imposte deriva e parte, infatti, da una rappresentazione corretta e veritiera del bilancio d’esercizio, secondo i principi contabili di riferimento per poi individuare e monitorare gli aggiornamenti normativi richiesti dalle norme fiscali di volta in volta modificatesi al fine di porre in essere un corretto e tempestivo invio alle autorità fiscali della relativa dichiarazione dei redditi.

A livello internazionale, SACMI adotta politiche di Transfer pricing compliant alle linee guida Ocse

predisponendo un “master file”, un “local file” ed il “country by country reporting”.

Non si rilevano accordi preventivi su prezzi di trasferimento (APA – advance pricing agreement) come pure non risultano Mutual agreement procedure in corso (MAP).

SACMI inoltre sta beneficiando di incentivi fiscali quali il credito R&D e il Patent box. In merito a quest’ultimo SACMI ha concluso un accordo per il quinquennio 2015-2019 ed è in attesa di sottoscrivere l’accordo di rinnovo per il periodo 2020-2024.

In relazione alla gestione degli aspetti doganali, SACMI ha delegato la gestione delle pratiche di export alla propria controllata Italiansped che si occupa della logistica di tutte le società del Gruppo.

Relativamente alla governance, sono stati definiti chiari ruoli e responsabilità nei diversi settori dell’organizzazione in relazione ai rischi fiscali. Il Responsabile fiscale di Gruppo riporta al Dirigente

134 Annual Report Integrato 2022

della funzione amministrativa il quale a sua volta riporta al CFO e al CdA. La politica di SACMI è improntata alla massima e costante collaborazione con le autorità fiscali, con le quali non ha contenziosi pendenti. Inoltre, seppur non sia in essere un tax control framework, la DRE Emilia-Romagna si è sempre dimostrata disponibile al confronto con l’Organizzazione su tematiche rilevanti.

Country by country report

sacmi.com SACMI 135 2020  2021  2022 Numero dei dipendenti 1.102 1.117 1.177 Ricavi da vendite a terze parti 549.834.003 724.894.682 903.044.994 Ricavi da operazioni infragruppo con altre giurisdizioni fiscali 148.906.356 187.330.254 173.094.726 Utile/perdita ante imposte 25.064.608 61.455.905 57.754.634 Approccio alla fiscalità
* Il perimetro dei dati indicati nei grafici si riferisce a SACMI Imola Il capitolo fa riferimento alle performance della sola capogruppo, SACMI Imola SC.
Fornitori 5

Fornitori 5

Qualità, partnership di lungo periodo, crescita e arricchimento reciproco governano il rapporto tra SACMI e i propri fornitori. Si conferma nel 2022 il trend di crescita di acquisto macchine e ricambi. Più 40% il valore dell'indotto sul territorio.

Il rapporto con i fornitori strategici, che producono gruppi o macchine a disegno SACMI, è costruito su una base di partnership in una logica di arricchimento reciproco e di trasferimento delle competenze

L’esigenza di ridurre il time-to-market di nuovi prodotti ha favorito la collaborazione e la costante spinta all’ottimizzazione in termini di qualità e competitività.

Sono oltre 2.000 i fornitori cui SACMI si rivolge, che coprono una vasta gamma di beni e servizi.

In particolare:

• le materie prime

• i costruttivi a disegno (fornitori che producono parti di macchine o macchine a disegno SACMI)

• i commerciali (ossia componentistica o parti di macchine acquistate a catalogo)

• le macchine di terzi (fornitori che producono macchine a progetto proprio)

• la consulenza, gli investimenti e gli altri servizi (trasporti, logistica, imballi), queste ultime per lo più attività interne allo stabilimento date in appalto (outsourcing).

138 Annual Report Integrato 2022
SACMI opera con i propri fornitori secondo principi di trasparenza, equità e correttezza.

Volumi di acquisto suddivisi per tipologia (al 31.12.22)

Trend acquisti macchine e ricambi (euro)

139 sacmi.com SACMI Fornitori
Macchine da terzi Materie prime Commerciali Servizi Costruttivi 51% 9% 18% 7% 15% 245.000.000 272.000.000 315.000.000 2020 2021 2022 50.000.000 100.000.000 0 150.000.000 200.000.000 250.000.000 300.000.000 350.000.000

Volumi di acquisto per area geografica (euro)

* Il perimetro dei dati indicati nei grafici si riferisce a SACMI

140 Annual Report Integrato 2022 2020 Estero 57.000.000 Italia 89.000.000 Emilia-Romagna 236.000.000 Imola 84.000.000 2021 Estero 68.000.000 Italia 160.000.000 Emilia-Romagna 328.000.000 Imola 113.000.000 2022 Estero 82.000.000 Italia 181.000.000 Emilia-Romagna 491.000.000 Imola 126.000.000
2020 2021 2022
Imola
Estero 50.000.000 100.000.000 0 150.000.000 200.000.000 250.000.000 300.000.000 350.000.000 400.000.000 450.000.000 500.000.000
Italia Emilia Romagna Imola

Partnership di filiera

I prodotti progettati da SACMI, molto diversi per complessità e dimensione, sono caratterizzati da uno specifico posizionamento sul mercato in termini di prestazione/qualità/prezzo.

I fornitori, individuati in base al tipo di prodotto, possono differenziarsi in termini di tecnologie utilizzate e di dimensione aziendale, ma sono tutti strutturati per garantire il controllo della qualità , il monitoraggio delle fasi produttive e conseguentemente il controllo dei costi ed il rispetto della consegna . Sono accomunati dalla volontà di investire nella propria azienda per farla crescere, seguire i propri clienti e, con loro, le esigenze del mercato. Grazie a tale approccio, SACMI ha garantito la migliore qualità mantenendo la competitività dei propri prodotti sul mercato. Nella stessa logica, questo approccio ha consentito all’Organizzazione di rafforzare nel corso degli anni la propria leadership internazionale, contribuendo a generare valore condiviso sul territorio.

SACMI ha sempre preferito non entrare, con partecipazioni, nel capitale dei propri fornitori di parti a disegno, non volendo alterare un equilibrio, costruito negli anni, che valorizzi la loro imprenditorialità, privilegiando in ogni caso relazioni improntate alla trasparenza ed al reciproco rispetto dei ruoli di cliente-fornitore/partner. Allo stesso tempo, il settore impiantistico continua a trarre beneficio da un’attenta politica di acquisizioni mirate, che hanno coinvolto anche fornitori storici, portando SACMI ad accrescere la propria capacità di presidio diretto su diversi settori ritenuti strategici.

Il trasferimento delle conoscenze

SACMI ha rafforzato particolarmente i rapporti di partnership con alcuni fornitori, selezionati sulla base di criteri quali l’esistenza di una struttura in grado di supportare il Gruppo in termini di competenze in tutto il processo produttivo, la tempestività nel recepire i risultati della ricerca e la capacità di dotarsi di strutture e sistemi informativi adeguati.

Nell’ambito di un piano d’integrazione del rapporto Cliente-Fornitore (Suppliers Relationship Management), con lo scopo di velocizzare i tempi

di trasmissione delle informazioni commerciali e tecniche, SACMI ha sviluppato alcuni strumenti informatici dedicati al Business-to-Business, che hanno reso possibile l’invio automatizzato degli ordini di acquisto, dei disegni costruttivi e dei riferimenti di spedizione verso i principali fornitori.

Valutazione per la qualità

SACMI si è strutturata per monitorare la qualità dei fornitori, per garantire un prodotto di eccellenza e costante nel tempo, sia esso realizzato all’interno o all’esterno. La flessibilità ottenuta ha permesso di seguire le esigenze dei clienti sia in termini di volumi sia di rispetto dei tempi di consegna. Per i fornitori di prodotti a disegno la valutazione è invece quadrimestrale ed interessa il Servizio Acquisti, Controllo Qualità e Servizio Montaggi. Dove emergessero criticità, vengono messe a punto con il fornitore azioni correttive; se nel tempo i problemi permanessero, si pilota un suo riposizionamento in termini di complessità di prodotto o di volumi. Anche per i fornitori impiantistici, in uno scenario di maggiore stabilità del parco fornitori (sia terzi che parte del Gruppo) assume sempre maggiore importanza il monitoraggio costante delle prestazioni. Tutti gli enti SACMI che operano con i fornitori sono chiamati ad esprimere un giudizio qualitativo attraverso opportuni indici che includono tra l’altro la qualità ed il servizio offerto. Il risultato è una matrice che, in modo rapido e intuitivo, fornisce una fotografia assoluta dello stato del fornitore, o relativa se confrontata con i risultati degli anni precedenti.

Scenari e trend dell’esercizio 2022

Il 2022 ha confermato il trend di crescita dei volumi iniziato l’anno precedente. Tuttavia, è aumentata anche la difficoltà nell’approvvigionamento dei materiali dovuti a tempi di consegna fuori controllo ed un generalizzato aumento dei costi. L’incremento è correlato principalmente ai costi dell’energia, in un contesto di crescita dell’inflazione che in Italia si è avvicinata al 10%.

In un mercato mondiale in cui quasi tutti i grandi produttori di componenti si erano organizzati per produrre con scorte di magazzino sempre più basse,

141 sacmi.com SACMI Fornitori

l’allungamento dei tempi di consegna di molte parti ha impedito loro di soddisfare la crescente domanda del mercato. Questa situazione ha complicato ed ingolfato quasi tutti i settori produttivi con un effetto domino di crescente complessità. La situazione sta lentamente migliorando nel 2023 anche se persistono alcune criticità di approvvigionamento, ad esempio sulla reperibilità dei microchip. Altro rischio concreto riscontrato nel 2022, l’eccessiva dipendenza da approvvigionamenti poco affidabili. Per garantire la continuità produttiva si è reso necessario creare linee dirette con i principali produttori di componentistica, per pilotare l’allocazione delle poche quantità disponibili. Invece, dove tecnicamente possibile, sono state omologate alternative. Inoltre, si è stato attivato un attento monitoraggio dei fornitori strategici di gruppi meccanici ed elettrici, al fine di intercettare le criticità anche di carattere finanziario.

La crescita dei volumi, la necessità di approvvigionare il materiale con molto anticipo per l’allungarsi dei lead time e la difficoltà a completare gli assemblaggi ha generato un forte assorbimento di cassa; di conseguenza è risultato necessario condurre assessment di natura finanziaria anche per concordare soluzioni ed interventi.

Codice etico, valutazione per la sostenibilità

Nello Statuto di SACMI Imola si dichiara che: “La Cooperativa rispetta il principio della diversità di cultura, razza, genere, età, ed altro; nel perseguimento delle proprie attività, garantisce a tutti pari diritti ed opportunità”. Tale policy si applica anche ai fornitori, la cui selezione avviene sempre a partire da un sopralluogo in azienda ed un incontro con la proprietà per verificare, oltre agli aspetti produttivi, il rispetto dei valori di libertà di associazione, contrattazione e, ovviamente, il non utilizzo di lavoro minorile

La Direzione Acquisti ha la responsabilità di verificare il rispetto di tali valori anche sulla catena di fornitura. La selezione dei fornitori prevede sempre una visita conoscitiva in azienda e l’incontro con la proprietà, per controllare gli aspetti produttivi e che l’azienda rispetti e garantisca il rispetto dei principi sopra delineati.

Dall’inizio del 2022 il Gruppo SACMI ha iniziato un percorso di crescita e miglioramento nella

gestione dei temi di Sostenibilità. La redazione di una Politica di Approvvigionamento Sostenibile rappresenta uno dei primi passi verso una gestione della catena di fornitura più responsabile. Da esse, deriva necessariamente l’esigenza di valutare e monitorare l’intero processo produttivo e la Supply Chain: per questo motivo il Gruppo SACMI ha stipulato un accordo con CRIBIS, società del Gruppo CRIF.

Tale accordo prevede l’adesione da parte dei fornitori a Synesgy, una digital platform globale che, tramite la compilazione di un questionario di self-assesment, permette di rilevare il loro impegno complessivo per quanto riguarda i temi ambientali, sociali e di governance, integrando la valutazione degli aspetti di servizio, economicità e qualità, già in corso.

Nello specifico, gli aspetti valutati sono relativi ai seguenti ambiti:

• Environmental: acqua, energia, rifiuti e certificazioni ambientali.

• Social: gestione del personale, certificazioni e normative, rapporti con i portatori di interessi e con il territorio.

• Governance: struttura e composizioni, certificazioni e normative.

La metodologia con cui opera Synesgy si basa sugli standard internazionali di sostenibilità, tra cui la Global Reporting Initiative (GRI), il Global Compact delle Nazioni Unite e il Carbon Disclosure Project.

A livello operativo, il processo di miglioramento ha avuto inizio condividendo con i fornitori la Politica di Approvvigionamento Sostenibile, la Politica qualità sicurezza e ambiente e il Codice Etico. Successivamente, è stato condiviso il questionario, per mezzo della piattaforma. Oltre 650, rispetto al totale dei fornitori coinvolti, si sono registrati sulla piattaforma. Di questi:

• Il 38% ha completato e inviato il questionario

• Per il 53% è in corso di compilazione del questionario

• Il 9% si è registrato sulla piattaforma ma non ha ancora iniziato la compilazione del questionario

Per i fornitori che non hanno terminato la compilazione de questionario è stata effettuata un’attività di recall puntuale, offrendo loro tutto il supporto necessario.

142 Annual Report Integrato 2022

Successivamente, con l’obiettivo del coinvolgimento totale dei fornitori in tale progetto, si proseguirà con una seconda fase di recall sui fornitori che non si sono registrati sulla piattaforma.

Inoltre, tutti gli Uffici Acquisti del Gruppo SACMI sono stati coinvolti in sessioni di formazione, nelle quali sono stati illustrati gli obiettivi del progetto e le modalità di funzionamento della piattaforma. Questo è stato fatto per dare la possibilità a tutti gli Uffici Acquisti di rispondere in maniera puntuale ai fornitori che richiedono informazioni di dettaglio sul progetto.

Indotto sul territorio e integrazione nel distretto

Appartenere ad un forte distretto della meccanica caratterizzato da una forte vocazione imprenditoriale ha reso naturale, per SACMI, privilegiare fornitori locali.

Nel comprensorio si concentrano molti dei fornitori strategici con i quali l’azienda ha instaurato rapporti decennali. I risultati sono visibili nella qualità dei prodotti, nella capacità di anticipare le esigenze del mercato. Questo, naturalmente, non ha fatto venire meno la necessità di esplorare nuovi distretti produttivi sia in Italia che all’estero, per cercare competenze specifiche o affrontare criticità produttive. Nel 2022 sono stati acquistati beni e servizi per un totale pari a 880 milioni di euro (32% in più rispetto al 2021). A conferma del ruolo di SACMI nello sviluppo del contesto sociale locale in cui opera, l’azienda detiene un alto valore dell’indotto economico ed occupazionale prodotto in Emilia-Romagna. Nel corso del 2022, i volumi di acquisti che interessano i fornitori locali (regione Emilia-Romagna) hanno toccato i 617 milioni di euro (in crescita del 40% rispetto al 2021).

L’acquisto di macchine presso fornitori terzi e consociate mantiene una quota consistente sul totale dei volumi. Relativamente ai soli materiali (macchine e ricambi), nel corso del 2022 i volumi di acquisto sono stati pari a 315 milioni di euro (in crescita del 16% rispetto al 2021).

Il capitolo fa riferimento alle performance di tutto il Gruppo SACMI per i dati qualitativi legati alle procedure e processi aziendali, mentre i dati quantitativi fanno riferimento alla sola SACMI Imola SC.

143 sacmi.com SACMI Fornitori

6

Performance sociale

Le nostre persone

Composizione e caratteristiche1

Le persone rappresentano un imprescindibile elemento dell’organizzazione aziendale e del successo di SACMI. I pilastri principali della politica aziendale verso i dipendenti sono: stabilità e continuità dell’offerta lavorativa, valorizzazione delle risorse umane, tutela della salute e sicurezza

SACMI dà il proprio contributo alla tutela e crescita del capitale umano presente sul proprio territorio contribuendo alla creazione di posti di lavoro.

Dipendenti per tipologia di contratto e genere

Il Gruppo SACMI nel corso degli ultimi anni ha registrato un costante incremento del personale, con una stabilizzazione che, per quanto riguarda le 16 società SACMI incluse nel perimetro di rendicontazione, ha portato a fine 2022 a contare 3.055 dipendenti; il 98% di loro è assunto con contratto a tempo indeterminato. Tali società si avvalgono anche del supporto di una quota di lavoratori non dipendenti, nel 2022 pari a 107 persone, principalmente rappresentati da lavoratori interinali tramite società di somministrazione di lavoro.

In particolare, al 31/12/2022 la capogruppo

1 In questa sezione, ove non specificato diversamente, per “società del Gruppo SACMI” – per brevità anche “il Gruppo SACMI” – si intendono le 16 società italiane oggetto del perimetro di rendicontazione (si veda Nota Metodologica).

146 Annual Report Integrato 2022 2022 Donne Uomini Totale Tempo indeterminato 499 2.495 2.994 Tempo determinato 15 46 61 Totale dipendenti 514 2.541 3.055
6.1

SACMI Imola SC conta 1.177 dipendenti (60 unità in più rispetto al 2021), di cui 1.169 assunti con contratto a tempo indeterminato (99,3% del

totale rispetto al 95% del 2021). Nel 2022, in particolare, sono state assunte 96 persone a fronte di 36 uscite per dimissioni.

Dipendenti per tipologia d’impiego e genere

Dipendenti

per

area geografica (al 31.12.22)

Dipendenti per figura professionale e genere

sacmi.com SACMI Le nostre persone 147 2022 Donne Uomini Totale Dirigenti 2 70 72 Quadri 12 138 150 Impiegati 486 1.409 1.895 Operai 14 924 938 Totale 514 2.541 3.055 Percentuale 16,82% 83,18% 2022 Donne Uomini Totale Tempo pieno 430 2.530 2.960 Part-time 84 11 95 Totale dipendenti 514 2.541 3.055
55% 23% 22%
Imola EmiliaRomagna Altre aree d’Italia

Dipendenti per figura professionale e fascia d’età

Le aziende del Gruppo SACMI hanno raggiunto buon equilibrio tra le diverse aree professionali; nel 2022 il 2,36% della popolazione è rappresentata da dirigenti, il 4,91% da quadri, il 62,03% da impiegati e infine il 30,70% da operai.

Assunzioni e turnover per genere

Nel 2022 il numero di collaboratori appartenenti a categorie vulnerabili è pari a 108 unità

In SACMI la presenza femminile è pari a quasi il 17% del totale ed è praticamente tutta concentrata nella categoria impiegatizia: un dato non

Assunzioni e turnover per fasce di età

148 Annual Report Integrato 2022 2022 <30 anni 30-50 anni >50 anni Totale Dirigenti 0 15 57 72 Quadri 0 55 95 150 Impiegati 269 1.066 560 1.895 Operai 191 454 293 938 Totale 460 1.590 1.005 3.055 Percentuale 15,05% 52,05% 32,90% 2022 Numero nuovi assunti Numero dimessi Tasso di nuovi assunti Tasso di turnover Uomini 226 137 8,89% 5,39% Donne 62 31 12,06% 6,03% Totale 288 168 9,43% 5,50% 2022 Numero nuovi assunti Numero dimessi Tasso di nuovi assunti Tasso di turnover < 30 anni 162 32 35,22% 6,96% 30-50 anni 109 88 6,86% 5,53% >50 anni 17 48 1,69% 4,78% Totale 288 168 9,43% 5,50%

Assunzioni e turnover per area geografica

elevato che, però, rispecchia la situazione di un settore (meccanica e meccatronica) in cui la presenza femminile è, per questioni storiche e culturali, tipicamente bassa.

A conferma del forte legame con la comunità locale, i dirigenti del Gruppo SACMI sono nella loro grande maggioranza (circa 58%) nati nelle regioni dell’Emilia-Romagna, Veneto e Lombardia. Il part-time è utilizzato da circa il 3% della popolazione aziendale, ed è principalmente connesso alle politiche di work-life balance e di supporto alla genitorialità.

La fidelizzazione dei dipendenti si rispecchia anche nell’età media del personale (nel 2022 il 52% della popolazione aziendale ha un’età compresa tra i 30 e i 50 anni , il 15 % è al di sotto dei 30 anni e il 33% si colloca nella fascia sopra i 50 anni) e in una altrettanto alta anzianità aziendale (il 23% è in SACMI da un periodo compreso tra 16 e 25 anni, mentre il 19% ha più di 25 anni di anzianità).

La totalità dei dipendenti di SACMI è coperta da accordi di contrattazione collettiva; in particolare a tutti i dipendenti della capogruppo SACMI Imola SC viene applicato il Contratto Collettivo Nazionale dei Lavoratori Metalmeccanico Cooperativa, mentre alla totalità dei dipendenti delle aziende controllate viene applicato il Contratto Collettivo Nazionale dei Lavoratori Metalmeccanico Industria o il Contratto Collettivo Nazionale dei Lavoratori Industria Trasporti e Logistica; tutti i dirigenti sono coperti dal Contratto Collettivo Nazionale dei Lavoratori Dirigenti d’Industria.

Le aziende del Gruppo SACMI attraverso l’adozione di Codici Etici, Modelli di Organizzazione, Gestione e Controllo ed attraverso l’azione di monitoraggio periodico degli Organismi di Vigilanza, identificano ogni condotta discriminatoria come non coerente con i principi e regole di condotta aziendali , per questo meritevole di sanzione disciplinare. Nel periodo di riferimento non si registrano casi di discriminazione. Nel corso del 2022 sono entrati in SACMI 288 dipendenti (226 sono uomini), di cui il 56% con età inferiore ai 30 anni, mentre si registrano 168 dimissioni.

La crescita delle competenze

Il tema della crescita personale e professionale del lavoratore, inquadrato nei principi di rispetto, ascolto e feedback definiti dal modello di governance è al centro della funzione HR di SACMI.

A febbraio 2023 sono stati inaugurati in SACMI Imola i nuovi locali dell’Academy, 400 mq dedicati alle attività di formazione, con un investimento del valore di 2 milioni di euro . Particolare attenzione è stata posta alla progettazione degli spazi, funzionali e flessibili, per assecondare il “training collaborativo”, la crescita personale e professionale ottenuta attraverso lo scambio di idee e competenze.

Nel corso del 2022 l’Academy SACMI ha erogato oltre 42.262 ore di formazione al personale delle aziende italiane del Gruppo SACMI, coinvolgendo circa 2.500 persone

149 sacmi.com SACMI 2022 Numero nuovi assunti Numero dimessi Tasso di nuovi assunti Tasso di turnover Imola 19 18 2,78% 2,63% Emilia-Romagna 148 85 8,83% 5,07% Resto d’Italia 121 65 17,54% 9,42% Totale 288 168 9,43% 5,50% Le nostre persone

I numeri dell’Academy

• 42.000 ore di formazione nel 2022

• 2.500 persone coinvolte

• 100 formatori certificati

• 400 mq di spazi esclusivi per le attività

• 2 milioni di euro di investimenti

In particolare, nel corso del 2022 sono state erogate in media 13,83 ore di formazione per dipendente; in termini generali, l’acquisizione e la crescita delle competenze in SACMI segue sia un modello bottom-up (l’ascolto delle esigenze del lavoratore, la qualità del lavoro percepita, le aree di miglioramento), sia un modello top-down diffuso. In altre parole, si vuole fare in modo che le competenze chiave di sviluppo siano acquisite e gestite dai responsabili dei team di lavoro – e non solo dal management – figure a diretto contatto con il lavoratore e che sono chiamate a favorire lo sviluppo dei team coordinati.

L’adozione di nuovi tool digitali, accanto alla crescita di competenze diffuse nell’organizzazione rispetto al loro utilizzo, ha acquisito un ruolo centrale per agevolare la gestione di tali percorsi in modo strutturato, trasparente ed omogeneo e, non ultimo, sinergico rispetto alla quotidianità dell’attività produttiva.

Relativamente alla capogruppo, SACMI IMOLA SC, nel 2022 sono state erogate 29.096 ore di formazione in aumento del 72% rispetto alle ore erogate nel 2021 (somma totale di formazione linguistica, formazione alle competenze tecnico-specialistiche, a cui si aggiungono le ore di formazione erogate nell’ambito dei contratti di apprendistato, quest’ultimo un tema molto significativo per l’organizzazione).

150 Annual Report Integrato 2022
151 sacmi.com SACMI Le nostre persone

Formazione erogata ai dipendenti *

* A cui si aggiungono 16.120 ore formazione sulla sicurezza e sull'ambiente, si veda sezione "Salute e sicurezza"

Formazione per genere

Formazione per categoria professionale

SACMI favorisce la creazione e la diffusione di un modello di leadership diffusa, basato sui principi e valori aziendali – solidarietà, etica, ascolto, collaborazione – e funzionale al conseguimento degli obiettivi.

Talent acquisition

Il pilastro della strategia di talent acquisition del

Gruppo SACMI è rappresentato dall'employer branding aziendale, per attrarre sul mercato del lavoro risorse e profili in linea con i fabbisogni di SACMI. Una strategia che non si limita al recruiting di nuovi talenti ma comprende anche tutte le azioni utili a favorirne la permanenza in azienda. A monte dell’implementazione della strategia di employer branding di SACMI vi è la definizione della proposta di valore (EVP, employee value proposition), strutturata a partire da interviste ad oltre

152 Annual Report Integrato 2022 2022 Numero di ore di formazione erogate ai dipendenti 42.262 Ore medie di formazione per dipendente 13,83 2022 Numero totale di ore di formazione erogate ai dipendenti donna 7.509 Numero totale di ore di formazione erogate ai dipendenti uomini 34.753 Ore medie di formazione per dipendente donna 14,61 Ore medie di formazione per dipendente uomo 13,68 2022 Numero totale di ore di formazione erogate ai Dirigenti 1.281 Numero totale di ore di formazione erogate ai Quadri 2.022 Numero totale di ore di formazione erogate agli Impiegati 29.947 Numero totale di ore di formazione erogate agli Operai 9.013 Ore medie di formazione per Dirigente 17,79 Ore medie di formazione per Quadro 13,48 Ore medie di formazione per Impiegato 15,80 Ore medie di formazione per Operaio 9,61

30mila studenti nelle scuole superiori e nelle Università. Flessibilità, accesso alle opportunità di formazione e crescita professionale – è emerso dalle interviste – sono i primi fattori di attrattività individuati dal campione. Questo risultato, unito all’azione di assessment interno – per comprendere le caratteristiche distintive dell’essere SACMI – ha portato alla definizione della proposta di valore, endless innovation, l’innovazione continua che trova nella formazione interna, nella multi-dimensionalità e trasversalità dei percorsi di crescita personale e professionale disponibili in SACMI, il proprio punto di forza.

Train the trainers

La trasmissione delle competenze in azienda è un tema centrale nella definizione dei programmi formativi dell’Academy. Partendo da uno dei caratteri distintivi di SACMI, l’intergenerazionalità, il percorso “Train the trainers” ha consentito di certificare oltre 100 formatori interni, valorizzando competenze e motivazione del personale di esperienza, centrale sia nella formazione ordinaria sia e soprattutto nella formazione del nuovo personale (onboarding).

Leadership talks

Avviato nel 2023, il percorso, aperto a tutti i dipendenti, prevede una serie di incontri per ascoltare storie ispiranti e innovative sulla leadership diffusa, l’efficacia personale e professionale, il lavoro di team. Anche questa iniziativa si inserisce nella strategia volta a favorire la trasmissione delle competenze in azienda secondo i principi ed i valori SACMI, con particolare attenzione ad uno stile di leadership inclusivo e collaborativo Realizzato ad aprile, il primo incontro in Auditorium 1919 ha registrato la partecipazione di oltre 700 persone, di cui 300 in presenza.

Talent management

La mappatura delle competenze necessarie in azienda – sia tecniche sia comportamentali, le cosiddette soft skills – ha preceduto e guidato la definizione dei programmi di formazione. Questo, unitamente all’introduzione di un modello struttu-

rato di valutazione delle performance, ha consentito di individuare i punti di valore delle competenze disponibili e, allo stesso tempo, di mettere a fuoco i gap sui quali intervenire attraverso i programmi mirati di formazione individuale e di team.

L’attività ha visto oltre 3.200 posizioni mappate con relative competenze ritenute critiche, survey conoscitive e profilazioni personalizzate (quali sono le mie competenze, quali dovrebbero essere rispetto al ruolo che mi è stato assegnato in azienda, a quali percorsi devo – o posso volontariamente – accedere per affinare tali competenze).

Tre i capisaldi dell’attività:

• l’individuazione degli obiettivi;

• la definizione e diffusione di una cultura del feedback;

• la divulgazione del sistema di valutazione delle prestazioni, operativo dal 2022 per tutte le società del Gruppo.

Me@SACMI

A dicembre 2021, è stato lanciato il portale interno della formazione “me@SACMI”: un ambiente digitale in cui ogni lavoratore può scoprire e iscriversi ai corsi a disposizione per la formazione, consigliata in ragione delle competenze proprie o complementari alle sue responsabilità.

Sullo stesso portale è possibile esprimere una valutazione dei corsi a cui si è partecipato, così da creare un feedback utile agli altri colleghi.

Performance management

Nel 2022 è stata completata la formazione sia per il personale sia per i manager sul percorso di performance management, il sistema di valutazione delle performance aziendali in coerenza con gli obiettivi dell’organizzazione. Sono oltre 9.600 le ore di formazione erogate. Tale approccio, attento al saper essere oltre che al saper fare, è coerente con il modello di leadership e ascolto definito a livello di governance e mira alla introduzione di una cultura del feedback, del coinvolgimento e della performance.

“Leading by values”

Realizzato in collaborazione con la Bologna Business School, il percorso – 3 moduli formativi ognuno di 2 giorni complessivi – è stato indirizzato

153 sacmi.com SACMI Le nostre persone

a coloro che, all’interno dell’organizzazione, rivestono ruoli di coordinamento e responsabilità di team. Un centinaio le risorse coinvolte, cui si è affiancato un secondo percorso finalizzato a testare l’efficacia e i margini di miglioramento del modello collaborativo. Valutare non solo il raggiungimento degli obiettivi ma anche le modalità, coerenti con i principi ed i valori di SACMI, attraverso le quali tali obiettivi devono essere raggiunti, è alla base del percorso, che ha posto eguale attenzione alle competenze sia tecniche, sia organizzative e comportamentali (logiche collaborative inter-settoriali e inter-aziendali) necessarie per implementare in modo efficace le strategie di crescita e definire quindi i programmi

formativi trasversali secondo un modello coerente ed omogeneo per tutte le aziende del Gruppo SACMI.

Project management

Tra gli obiettivi per il 2023 sotto la regia dell’Academy SACMI, l’implementazione del modulo “project management”, coordinato dalla funzione PMO (project management office) e realizzato in collaborazione con il Politecnico di Torino

Il percorso è finalizzato a favorire una gestione omogenea e intergruppo delle commesse, relative criticità e soluzioni sul campo. L’attività è

154 Annual Report Integrato 2022

propedeutica, fra l’altro, all’ampliamento del target dei programmi dell’Academy, che in futuro saranno aperti agli stakeholder ed in particolare ai clienti di SACMI.

Academy Digital & IoT

Trasversalmente alle attività, ed in coerenza con il percorso avviato già nel 2021, proseguono le attività dell’Academy finalizzate ad agevolare la conoscenza, l’utilizzo e la diffusione in azienda degli strumenti legati al governo della transizione digitale, intesa come formazione all’utilizzo dei principali tool di lavoro (in particolare co-working collaborativo) ma, anche, come capillare diffu-

sione di un mindset digitale trasversale e funzionale agli obiettivi dell’organizzazione.

La mappatura delle competenze critiche e attese ha inoltre consentito di definire una strategia di sostenibilità organizzativa che include i “piani di sostituzione”, azioni di formazione preventive considerando le dinamiche attese del personale SACMI (pensionamenti, nuove esigenze del business, ecc), in ottica di continuo miglioramento della capacità di SACMI non solo di gestire ma di pianificare i propri attuali e futuri fabbisogni.

Scuole e Università

Linfa vitale per attuare la strategia di sviluppo e crescita dell’organizzazione, con la nuova Academy la formazione SACMI si estende ai clienti, alle altre aziende del network SACMI in Italia e nel mondo, all’Università e alle scuole.

Da questo punto di vista, il percorso mette a valore le numerose collaborazioni già in essere tra SACMI e il mondo della formazione sul territorio, finalizzato all’acquisizione dei nuovi talenti da inserire in posizioni chiave in azienda ed in coerenza con i fabbisogni, la strategia ed i programmi prima delineati.

Per il 2022 SACMI ha all'attivo un vivaio composto da:

• 62 progetti di tesi in azienda

• 7 PhD (tesi di dottorato)

• 26 tirocini

• 56 progetti di alternanza scuola/lavoro

• 16 collaborazioni attive tra ITS e corsi di laurea del territorio

Totale: 167

155 sacmi.com SACMI Le nostre persone

Politiche retributive

Tutti i dipendenti di SACMI sono coinvolti in iniziative per promuovere la loro crescita e benessere, incoraggiandone la formazione e la crescita professionale e garantendo allo stesso tempo la parità di opportunità e retribuzione senza alcuna forma di discriminazione. In particolare, tutta l’organizzazione aziendale inclusi i Senior manager sono inclusi nella politica salariale. La determinazione dei premi variabili, definita da una policy interna al Gruppo, è conseguenza della performance individuale calcolata in base al raggiungimento degli obiettivi assegnati.

Nel corso del 2022 tutte le posizioni di SACMI sono state valutate secondo una metodologia internazionale, i ruoli sono stati clusterizzati in bande, coerentemente con la valutazione e le specifiche competenze e, per ciascuna banda, è stata definita una curva di posizionamento di mercato per valutare l’ equità interna ed esterna rispetto la retribuzione fissa ( Total Guaranteed Compensation ). Questa metodologia, collegata alla valutazione formalizzata delle performance , ha permesso di supportare i manager nel prioritizzare e valorizzare gli incrementi retributivi del 2022 coerentemente con il modello retributivo definito per ciascuna azienda. Tutto il processo è stato facilitato dall’uso di un tool informatico oggetto di uno sviluppo dedicato che ha consentito di pianificare le crescite salariali in ragione della performance individuale e del posizionamento retributivo individuale rispetto al mercato.

Il massimo organo decisionale di ciascuna azienda di SACMI ha approvato il modello salariale e le politiche retributive ad esso collegate, nonché di anno in anno approva il Budget da destinare alle politiche retributive coerentemente con il piano economico finanziario aziendale.

Benefit e welfare aziendale

La persona al centro. Per dare sostanza a questo concetto, SACMI ha definito diversi benefit di natura sia finanziaria sia sociale, iniziative che mirano al miglioramento del benessere personale dei dipendenti e delle loro famiglie e che cercano

di soddisfare anche alcune esigenze di natura extra-lavorativa.

Assistenza sanitaria integrativa

Ogni dipendente SACMI ed i suoi familiari fiscalmente a carico usufruiscono a titolo gratuito di una polizza sanitaria integrativa, il cui costo è completamente a carico dell’azienda. È facoltà del dipendente estendere la copertura ai familiari fiscalmente non a carico sostenendo, in questo caso, una modesta quota mensile che viene direttamente detratta dalla busta paga. Nel 2022 i fruitori della polizza sono, per quanto riguarda SACMI Imola, 1.180 tra i dipendenti e 1.462 tra i familiari.

Fondo Previdenza

I lavoratori con almeno dieci anni di anzianità SACMI possono essere iscritti all’istituto della Previdenza Complementare Aziendale. Il lavoratore versa al fondo una percentuale minima dell’importo annuo previsto, mentre la restante parte viene versata direttamente dall’azienda. Nel 2022 erano 684 i dipendenti di SACMI Imola iscritti, per un totale di 4.771.490 euro destinati al Fondo come somma di 1.990.326 euro a carico di SACMI, 104.754 euro a carico degli iscritti e 2.676.410 euro come contributo TFR devoluto al Fondo pensione.

Polizze

Per i dipendenti, è prevista una polizza vita che riconosce un indennizzo agli eredi in caso di decesso ed una polizza invalidità permanente da malattia. È inoltre attiva, da alcuni anni, una polizza infortuni professionali ed extra professionali che riconosce indennizzi a fronte d’infortuni occorsi alla persona.

Asilo nido interaziendale

SACMI offre la possibilità alle famiglie dei dipendenti di accedere, a prezzi convenzionati, all’asilo d’infanzia interaziendale “Il Nido di Cornelia”. Gestito da Seacoop, è il primo nido in Emilia Romagna ideato e promosso da più aziende del territorio, tra le quali SACMI. L’edificio è improntato su criteri di ecosostenibilità ed è convenzionato con il Comune di Imola.

156 Annual Report Integrato 2022

Altri benefit

Già dal 2020, il Gruppo SACMI ha proceduto alla contrattualizzazione dello smart working e, dal 2021, all’eliminazione in alcune aziende del Gruppo del tradizionale sistema di marcature, sostituito dal sistema on line di prenotazione, pianificazione e gestione delle presenze.

Nel 2022 tutti i 3.055 dipendenti delle società italiane del Gruppo SACMI hanno usufruito del welfare aziendale. Tale misura ha reso conveniente per i dipendenti l’acquisto di voucher (buoni carburante, buoni spesa, acquisti e-commerce) su piattaforma digitale dedicata

Commissioni interne (SACMI Imola)

L’alto senso di appartenenza all’azienda del personale SACMI si traduce in una serie di ulteriori iniziative auto-organizzate tra i dipendenti, con finalità ricreative, culturali, solidali, di formazione e coinvolgimento della base sociale e di tutto il personale nelle diverse tematiche di interesse. Nel 2022, è stato completato il percorso di riorganizzazione delle commissioni interne di SACMI Imola ed eletta la nuova composizione per il triennio 2023-2025.

Commissione Circolo Culturale, Ricreativo e Stampa – C.C.R.S.

Fondato nel 1968 per iniziativa di numerosi tra Soci e dipendenti, il Circolo Culturale Ricreativo SACMI nasce per promuovere varie attività culturali e ricreative e, insieme, accrescere il senso di appartenenza alla Cooperativa. L’esperienza del CCR SACMI si inserisce nell’ambito dei vari Circoli Cooperativi sorti nella città di Imola all’interno del movimento cooperativo. Percorsi che, dato l’alto coinvolgimento delle persone e degli enti locali, hanno spesso contribuito alla valorizzazione del patrimonio civile e culturale della città.

Intorno alle attività culturali e ricreative sono inoltre nate e si sono sviluppate, nel corso degli anni, iniziative di auto-organizzazione solidale, sostenendo in modo continuativo missioni internazionali in particolare in Brasile, Etiopia, Bolivia (avviamento al lavoro, adozioni a distanza e varie forme di sostegno alle comunità locali). Nell’am-

bito del nuovo assetto delineato per il prossimo triennio, la commissione C.C.R.S. cura anche le attività già in capo alla Commissione Stampa, e in particolare la pubblicazione de “LaRuota”, l’house organ ufficiale che ha come obiettivo l’approfondimento di temi aziendali e la diffusione dei valori e la cultura SACMI. Attraverso questa pubblicazione, vengono comunicati i risultati raggiunti, le innovazioni tecnologiche, i nuovi prodotti, ma anche notizie che riguardano i lavoratori o il sistema dell’indotto.

“Commissione Sociale e Formazione Cooperativa”.

Dopo un 2020 di sospensione a causa dell’emergenza sanitaria, nel 2021-2022 sono riprese le attività della Commissione formazione, rivolte sia al personale dipendente, sia a clienti e stakeholder. Tali attività consistono nella promozione di incontri finalizzati ad una migliore conoscenza di singoli reparti-business dell’azienda, comprese le nuove macchine ed eventuali prototipi. Nel mandato appena concluso sono stati promossi in particolare quattro incontri, due dei quali dedicati all’ambito Rigid Packaging (Rigid Packaging Innovation Days e 70 di storia del business), uno in presenza presso il laboratorio ceramico ed infine un altro relativo alle innovazioni della business unit Whiteware con particolare focus sulla sostenibilità delle nostre soluzioni impiantistiche. La possibilità di integrare la partecipazione in presenza e da remoto, già sfruttata con successo nelle ultime fasi dell’emergenza sanitaria, ha consentito di estendere la potenziale platea delle attività ai dipendenti delle altre società del Gruppo SACMI, oltre a clienti e stakeholder anche extra-settore.

La Commissione Sociale, nel corso del triennio ha promosso un dialogo e un confronto con il Consiglio di Amministrazione al fine di rendere la base sociale protagonista attiva e proattiva su varie tematiche e in merito nel processo di rinnovamento dello Statuto e dei Regolamenti Interni. L’approvazione del nuovo Statuto e del nuovo Regolamento Interno, proposti nella loro stesura definitiva a seguito di un percorso di condivisione e confronto con il Consiglio di Amministrazione e con l’intera base sociale ne hanno decretato l’accorpamento, dal triennio 2023-2025, nella “Commissione Sociale e Formazione Cooperativa”

157 sacmi.com SACMI Le nostre persone

con uno spiccato mandato alla formazione Sociale. Questa nuova Commissione ha lo scopo di:

• promuovere iniziative volte a diffondere la crescita e la continuità dei principi della cooperazione tra tutti i dipendenti, permettendo l’acquisizione di una maggiore consapevolezza dell’identità cooperativa e di una maggiore conoscenza dell’azienda;

• favorire le attività di formazione dei Soci e dei Dipendenti;

• promuovere eventi per aumentare la conoscenza dell’azienda e del gruppo;

Il Consiglio di Amministrazione può conferire alla Commissione incarichi specifici legati alle tematiche sopra descritte. Per adempiere al proprio ruolo, la Commissione si coordina con altre funzioni o figure aziendali e, come nell’articolazione precedente (Commissione Sociale), è composta e viene eletta da soli Soci delle Cooperativa.

Salute e sicurezza

Il miglioramento della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro per SACMI non è soltanto un termine di legge, ma rappresenta un aspetto di grande attenzione per la Capogruppo e tutte le controllate, un marchio culturale prima che normativo. In particolare, SACMI opera per il continuo miglioramento degli aspetti legati alla salute e sicurezza del lavoro, traducendo la cultura della responsabilità sociale nella ricerca costante delle migliori soluzioni e nel rispetto della dignità del lavoro. Le aziende diffondono ad ogni livello organizzativo, una cultura della sicurezza, promuovendo comportamenti responsabili da parte di tutti i soggetti coinvolti, direttamente o indirettamente, nei processi produttivi.

Infatti, l’attenzione per la sicurezza non è rivolta soltanto ai dipendenti SACMI, ma si estende a quanti quotidianamente lavorano e visitano le sedi e gli stabilimenti aziendali: in particolare per la Capogruppo SACMI Imola è possibile stimare, con il sistema di gestione degli accessi in azienda, una presenza media all’interno del perimetro dello stabilimento di circa 1.300 persone giornaliere, di cui circa 300-400 persone di aziende in outsourcing e visitatori.

Risulta costante l’impegno per tutelare la salute e la sicurezza dei dipendenti garantendo che

ogni attività lavorativa sia svolta in un ambiente salubre e sicuro, nel pieno rispetto degli standard interni e normativi in materia di prevenzione e protezione, con l’obiettivo di perseguire un miglioramento continuo.

Alcune aziende del Gruppo, in particolare SACMI Imola e SACMI Carpmec, hanno adottato la certificazione del Sistema di Gestione della Sicurezza e della Salute secondo lo standard ISO 45001 che unitamente al Sistema di Gestione della Qualità ISO 9001 e al Sistema di gestione Ambientale ISO 14001 garantiscono efficienti ed efficaci approcci di gestione per gli aspetti legati alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Tali certificazioni vengono annualmente rinnovate e aggiornate. I sistemi di gestione implementati, in ottemperanza alle normative di riferimento, coprono tutti i lavoratori (dipendenti e terzi) di SACMI.

Tutte le aziende del Gruppo SACMI adempiono a quanto previsto dal D.Lgs. 81/2008, effettuando i relativi adempimenti previsti dalla legge.

Negli anni sono state molteplici le attività svolte dal Servizio Prevenzione e Protezione interno delle varie aziende, con il costante supporto di qualificati professionisti e degli enti aziendali coinvolti nella gestione della salute e sicurezza interni così come richiesto dalla normativa italiana.

SACMI ha sviluppato la conoscenza di tutti gli aspetti che vedono coinvolte tecnologia, salute e sicurezza; le attività di auditing nei reparti produttivi e nei cantieri di installazione, regolarmente effettuati per il controllo periodico degli ambienti di lavoro, hanno consentito di effettuare la valutazione dei rischi derivanti dall’uso di macchine e impianti, sostanze e prodotti. In generale, tramite procedure e attività di auditing, tutti i fattori di rischio sono tenuti sotto controllo e migliorati (es. impiego dell’elettricità, pericoli di origine meccanica, ordine e pulizia dei luoghi di lavoro applicando anche il metodo lean 5S, campi elettromagnetici, rischio rumore, gestione delle emergenze, radiazioni ottiche artificiali, vibrazioni, movimentazione manuale dei carichi, atmosfere esplosive, apparecchi a pressione, mezzi/attrezzature/ accessori di sollevamento, ecc).

Alcune aziende SACMI, compresa la Capogruppo SACMI Imola SC, attraverso i propri Consigli di Amministrazione hanno approvato una propria

158 Annual Report Integrato 2022

Formazione sulla sicurezza e sull’ambiente

politica qualità-sicurezza-ambiente, nella consapevolezza di come qualità, sicurezza e sostenibilità ambientale rappresentino non solo un principio fondante ma, anche, un importante vantaggio competitivo. In particolare, SACMI Imola SC si è dotata di apposite procedure interne per la corretta gestione dei rischi legati a salute e sicurezza, tra le quali:

• progettazione delle macchine e impianti: monitoraggio degli aspetti sicurezza tramite team corporate dedicato alla Sicurezza Prodotto;

• gestione dei contratti di installazione (organizzazione della commessa, realizzazione del montaggio, controllo in campo);

• gestione dei servizi e degli appalti sia nei cantieri di installazione sia all’interno degli stabilimenti.

Le aziende di SACMI hanno attivato procedure per garantire informazione, formazione e addestramento per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro conformemente alla normativa di riferimento. Da sempre tale attività rappresenta un impegno rilevante, sia in termini di ore impegnate sia di addetti coinvolti. In particolare, SACMI si trova costantemente impegnata in numerose attività formative che la qualificano dal punto di vista della prevenzione e protezione: nel 2022 gli investimenti per la formazione in salute e sicurezza sono stati pari a più di 200.000 euro, per un totale di oltre 16.000 ore di formazione rivolta a 2.368 lavoratori

Dal 2021 è stato creato un ente aziendale che si occupa trasversalmente per tutte le consociate italiane dell’organizzazione della formazione sicurezza e ambiente. L’ente si occupa di definire il  Piano Formativo Aziendale Sicurezza, inteso come l’elenco degli obblighi formativi che ciascun

ruolo aziendale deve ricevere. Inoltre, esso organizza gli eventi formativi a livello di Gruppo, collaborando con i singoli referenti SPPA aziendali.

Le ore dedicate alla formazione sicurezza e ambiente nel 2022 hanno riguardato:

• corsi ai nuovi assunti

• corsi per preposti e i dirigenti aziendali

• corsi di aggiornamento generale di tutti i lavoratori

• corsi per l’uso delle attrezzature aziendali (piattaforme di lavoro elevabili, carrelli elevatori, carriponte, rischio elettrico, ecc)

• corsi per l’accesso in spazi confinati

• corsi di aggiornamento della squadra di emergenza (antincendio, primo soccorso, defibrillatori)

• corsi di addestramento per l’uso delle macchine/attrezzature e sulle procedure aziendali

Nel corso del 2022 i principali progetti di investimento legati a tematiche di Salute e Sicurezza hanno riguardato:

• installazione di nuovi impianti di aspirazione di inquinanti a servizio di nuove produzioni

• ridefinizione di nuovi layout produttivi

• rinnovi degli impianti di rilevazione incendi

• investimento sui controlli preventivi della sicurezza delle macchine di stabilimento

• investimento su un nuovo applicativo web per la gestione dei dati sicurezza (formazione, visite mediche, valutazione del rischio)

Inoltre, è proseguita l’attività ordinaria di rinnovo delle valutazioni dei rischi in scadenza periodica e la realizzazione delle conseguenti azioni di miglioramento.

Le aziende SACMI hanno attivato diversi canali di comunicazione con tutti i dipendenti in un’ottica

159 sacmi.com SACMI 2020  2021  2022 Investimenti per la formazione (Euro) 105.157 158.951 212.272 Ore di formazione/anno (N°) 5.848 13.796 16.120 Persone singole coinvolte all’anno (N°) 1.482 2.248 2.368 Le nostre persone

di miglioramento continuo della gestione degli aspetti legati alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. SACMI vuole diffondere la cultura della sicurezza in maniera partecipata, alla quale ognuno ha il coraggio e il dovere di contribuire attivamente. Questa visione è in fase di impostazione in tutte le aziende del Gruppo tramite incontri di coinvolgimento con tutti gli addetti e in tutti i reparti, coinvolgendo anche i terzi. In particolare, il processo prevede:

• audit o incontri periodici di condivisione dell’andamento aziendale organizzati per ogni area aziendale

• team periodici con gli RLS aziendali (oltre agli incontri previsti di legge)

• applicazione informatica per la raccolta di

segnalazioni sulla sicurezza e tematiche ambientali

• corsi di formazione periodici (anche oltre i termini di legge)

• newsletter periodiche di aggiornamento

• intranet con spazio delle informazioni sicurezza, ambiente e sostenibilità dedicato Da diversi anni, all’interno delle attività di miglioramento continuo, SACMI ha attivato, tramite apposito applicativo, la possibilità di segnalare tramite i “quasi incidenti” e la azioni non sicure che ogni dipendente può rilevare e segnalare in autonomia.

Tali segnalazioni vengono poi rese anonime in fase di inoltro per la risoluzione delle stesse al referente di area.

Associazione Tavolo 81 Imola

L’ Associazione Tavolo 81 Imola promuove e diffonde la cultura della salute e sicurezza sul lavoro nel territorio imolese. L’Associazione nasce nel 1999 e ogni anno organizza seminari, convegni, eventi su diversi temi di attualità relativi alla salute e sicurezza e sulla loro applicazione pratica. Inoltre, organizza interventi formativi presso le scuole del circondario imolese. SACMI sostiene attivamente le attività dell’Associazione, dopo averne espresso la presidenza sino a luglio 2021 in rappresentanza di Legacoop Imola.

Nel corso dell’anno l’Associazione ha organizzato alcuni incontri su nuove tematiche coinvolgendo i vari  stakeholder  (aziende, organi di vigilanza, consulenti, associazioni di categoria) con lo scopo di analizzare le nuove evoluzioni legislative, le interpretazioni giurisprudenziali, le modalità operative di messa in atto dei requisiti cogenti, le criticità sulle quali porre attenzione. Nello specifico si sono tenuti tre incontri sulle seguenti tematiche;  Prevenzione incendi nei luoghi di lavoro: novità  (organizzato presso la sede SACMI IMOLA), Comunicare Sicurezza e La fabbrica nera/Brain Revolution

Inoltre, SACMI Imola (tramite Legacoop Imola) esprime un componente nel CdA dell’azienda Più Sicurezza Srl , che si occupa della formazione e dell’addestramento dei lavoratori presso un campo prove attrezzato con metodologie innovative, si tratta di una struttura appositamente ideata con gli scenari, le macchine e le attrezzature necessari a simulare le principali attività lavorative dei vari settori produttivi.

160 Annual Report Integrato 2022

Relativamente alla Capogruppo SACMI Imola, dal 2018 è stato applicato il metodo 5S in tutti i reparti produttivi e da inizio 2020 il progetto è stato ridefinito aggiungendo anche la parte sicurezza: “5S+1 Organizzazione & Sicurezza”. Nel progetto sono stati coinvolti anche tutti gli appaltatori dello stabilimento.

I fondamenti del progetto si basano su:

• Cambiamento della cultura: un goal comune alla filosofia lean (5S) ed ai programmi di sicurezza

• Promozione della sicurezza e della salute: ingaggiare tutti gli operatori a costruire una consapevolezza della sicurezza

• Creazione di una leadership diffusa che integri naturalmente sicurezza e produttività

La pandemia COVID-19

Sin da gennaio 2020 SACMI IMOLA si è attivata per coordinare le attività di mitigazione del rischio da COVID-19 presso tutte le proprie sedi sia italiane sia all’estero. In particolare, nell’ultimo periodo SACMI ha confermato l’impegno a minimizzare i contagi con le azioni già messe in

atto e confermate anche dopo la dichiarazione di fine stato emergenza, in particolare:

• Attivato un Team COVID aziendale

• Attuata una strategia comunicativa tempestiva: attivazione di un sito interno dedicato, comunicazioni di aggiornamento periodiche inviate per coinvolgere e informare le persone; emessi protocolli anti-contagio sia per gli stabilimenti sia per i cantieri di installazione (in Italia e all’estero); webinar dedicati

• Mantenimento dello smartworking

• Gestione dello Smartbooking durante i picchi della pandemia

• Test COVID: attivate convenzioni con diversi laboratori sul territorio.

• Green Pass: a ottobre 2021 si è attivato il controllo automatizzato del Green Pass in azienda ai varchi di ingresso.

• Campagna di vaccinazione aziendale a giugno 2021 in collaborazione con CEFLA SC, AUSL e Comune di Imola (2000 dosi somministrate ai dipendenti di tutto il Gruppo SACMI)

Tali azioni tempestive hanno permesso di minimizzare i contagi nei nostri ambienti di lavoro garantendo sia la salute dei dipendenti e delle loro famiglie sia la produttività aziendale.

161 sacmi.com SACMI Le nostre persone

Infortuni sul lavoro - Dipendenti

Oltre 16 di formazione ore mila

sulla sicurezza e sull’ambiente a 2.368 lavoratori

Oltre 200 di investimenti mila euro

162 Annual Report Integrato 2022 2020  2021  2022 Infortuni sul lavoro registrabili 20 30 33 Numero di ore lavorate 4.295.175 4.991.163 5.038.025 Tasso di infortuni sul lavoro registrabiliNumero di infortuni /ore lavorate *200.000 0,93 1,20 1,31

Nel corso del 2022 si sono registrati 33 infortuni sul lavoro per i dipendenti del Gruppo SACMI e nessun decesso; mentre per i lavoratori non dipendenti si registrano 13 infortuni.

Gli infortuni nel 2022 hanno riguardato principalmente ferite e contusioni agli arti inferiori e superiori. Relativamente alla Capogruppo SACMI Imola, oltre alle normali visite mediche obbligatorie per legge, applicando il principio di mutua-

lità interna, si è proposto un check-up medico specialistico a coloro che hanno compiuto il 40° anno di età. Tale benefit spetta ai lavoratori over 40 ogni due anni indipendentemente dall’attività svolta e agli ex lavoratori di SACMI Imola ora in pensione.

SACMI pone particolare attenzione alla sicurezza del proprio personale che viaggia all’estero

Ogni addetto ha la possibilità di accedere a un servizio informativo e di supporto per la risoluzione di problematiche mediche e di problematiche legate alla security che potrebbero verificarsi all’estero.

Il servizio viene fornito da una società specializzata che aggiorna le informazioni in tempo reale e risponde 24/7 ad eventuali richieste di assistenza in tutto il mondo. Grazie alla centralizzazione delle prenotazioni di viaggio è possibile gestire informative specifiche e mirate per ogni destinazione e per ogni persona.

163 sacmi.com SACMI Le nostre persone

I Soci

Lo scambio mutualistico, elemento distintivo dell’impresa cooperativa, si declina nel rapporto economico che il socio intrattiene con la Cooperativa (ristorno, prestito sociale, ecc) e nella partecipazione agli organi democratici.

La consistenza numerica della base sociale di SACMI Imola riporta un valore leggermente inferiore all’anno precedente: infatti nel 2022 sono diventati soci 11 lavoratori (a fronte di 15 uscite; 1 decesso e 14 pensionamenti), selezionati sulla base di alcuni requisiti tra cui l’anzianità aziendale di almeno cinque anni, le qualità morali e professionali quali la serietà e lo spirito cooperativistico, la dinamicità e la professionalità. Il ristorno, ai sensi della legge 142/2001 sul socio lavoratore, è erogato nei limiti di legge e può tradursi in diverse forme quali l’aumento del capi-

tale sociale (come forma di capitalizzazione e quindi di autofinanziamento per l’azienda) o l’integrazione della retribuzione. Il rapporto sociale tra la Cooperativa e il Socio prende forma anche attraverso lo strumento del prestito sociale, con il quale il socio investe i risparmi nel proprio lavoro e finanzia la cooperativa nello svolgimento delle proprie attività. Tale strumento è gestito seguendo le indicazioni di un regolamento interno deliberato dall’Assemblea sociale. Questo valore è cresciuto di circa 900 mila euro rispetto all’anno precedente.

Consistenza soci

164 Annual Report Integrato 2022 2020  2021  2022 N. Soci 381 382 378 % Soci sul totale 35% 35% 32%
6.2

Un ulteriore elemento specifico dell’essere cooperativa è l’applicazione del principio di democrazia, che consente ai soci di prendere parte all’Assemblea e all’elezione del Consiglio di Amministrazione e di essere coinvolti in tal modo nel processo decisionale dell’impresa.

Nel corso del 2022 sono state svolte 7 assemblee, con una partecipazione media dell’85,79% dei soci.

L’ammontare del capitale sociale della capogruppo è pari, nel 2022, a 38 milioni di euro.

165 sacmi.com SACMI I Soci
10.000.000 5.000.000 20.000.000 10.000.000 30.000.000 15.000.000 40.000.000 20.000.000 50.000.000 25.000.000 0 0 2022 2022 Ammontare prestito sociale (euro) Ammontare del capitale sociale (euro) 2021 2021 2020 2020 22.055.821 22.071.250 22.965.347 38.500.000 38.400.000 38.000.000

I Clienti 6.3

La leadership tecnologica e di mercato sono obiettivi che SACMI persegue in tutti i settori in cui si trova ad operare. Ciò che ci viene riconosciuto è la capacità progettuale per l’ottenimento di soluzioni all’avanguardia che soddisfino i clienti.

SACMI non si pone come semplice fornitore, ma crea con i propri clienti una relazione di partnership, partendo dalla fase di ideazione e progettazione del prodotto, per poi fornire valido supporto e formazione sull’utilizzo corretto dell’impianto una volta che questo è installato e avviato.

Per questo motivo, la maggior parte dei clienti SACMI sono clienti storici, di lungo periodo.

I principi fondamentali cui si ispira l’azienda nel rapporto con i propri clienti sono la garanzia di qualità del prodotto e del servizio fornito (affidabilità delle macchine e degli impianti, assistenza post-vendita, ecc.), la continua ricerca di innovazione, lo spirito collaborativo e la partnership. Essendo l’attività di SACMI orientata ad una vasta gamma di prodotti e servizi, la tipologia dei clienti è diversificata.

Distribuzione del fatturato per aree geografiche (al 31.12.22)

166 Annual Report Integrato 2022 20% 2% 8% 33% 20% 17%
Italia Africa Asia America Altri Paesi Ue Resto d’Europa

L’86% circa del business di SACMI è realizzato con clienti all’estero.

Partner per lo sviluppo

La gestione del rapporto con i clienti si fonda sulla continua ricerca dell’eccellenza e sull’assicurazione costante della qualità: per questo SACMI monitora periodicamente, in maniera diretta o indiretta, la soddisfazione dei propri clienti allo scopo di raccogliere tutti gli elementi utili al costante miglioramento del servizio offerto. SACMI impronta costantemente il rapporto con i propri clienti al principio di partnership, finalizzata a:

• garantire efficaci sistemi di controllo dell’intero processo di produzione

• fornire consulenza e formazione sull’utilizzo corretto dell’impianto

• coinvolgere i clienti nella fase di progettazione del prodotto

La struttura di servizio post-vendita è un punto qualificante della politica di SACMI. Il consolidamento del rapporto con il cliente è infatti necessario per garantire massima efficienza e affidabilità del servizio.

In particolare, negli ultimi anni è stato predisposto, e via via arricchito di nuove funzioni, il nuovo portale S.P.A.C.E. (SACMI Portal for Aftersales and Customer service Excellence). Obiettivo del portale è l’integrazione su un’unica piattaforma on line di assistenza, ricambi e supporto, in sinergia con gli innovativi pacchetti di servizi al cliente erogati dalla capogruppo e dalle altre sedi produttive e di assistenza SACMI in Italia e all’estero. Nella prima parte del 2022 sono inoltre stati lanciati e/o predisposti ulteriori servizi finalizzati all’implementazione di nuove logiche manutentive su macchine e impianti SACMI come piani di manutenzione programmata, monitoraggio in itinere dello stato di salute degli impianti e fornitura kit ricambi “preventivi”.

In particolare, sono stati predisposti e proposti al mercato i nuovi servizi Smart & Secure Service (piani di manutenzione programmata). La logica è quella di affiancare il cliente nella migliore gestione e resa dell’impianto e della macchina SACMI, anticipando il problema prima che

esso si verifichi, quantificando ex ante i costi delle manutenzioni, aumentando la disponibilità degli impianti.

Ad affiancare il servizio SPACE è intervenuto inoltre, nel 2022, il lancio dell’App SPACE UP , insieme all’apposizione su tutte le macchine SACMI di un QR code.

Tramite l’App, inquadrando il QR code sulla macchina il cliente può accedere ai servizi di e-support (assistenza e supporto remoto o in situ, aprendo un ticket direttamente dall’App) ed e-docs (consultazione on line di tutta la documentazione aggiornata delle macchine).

Sono stati inoltre potenziati i servizi di revamping , a partire dalle macchine (ad esempio le presse) sulle quali SACMI vanta il più ampio parco installato al mondo.

Salute e sicurezza dei clienti

Al fine di tutelare maggiormente la salute e sicurezza dei clienti, il Gruppo SACMI si adopera per dotarsi di tutti i presidi necessari per garantire un elevato grado di sicurezza dei propri prodotti

In particolare, il Gruppo è dotato di apposita procedura interna per garantire la corretta progettazione interna e rilevare difformità dalle norme cogenti. La procedura garantisce la vendita di macchine e attrezzature conformi alla Direttiva CE di prodotto e tali verifiche sulla conformità vengono estese anche alla vendita di macchina di fornitori terzi.

Inoltre, per garantire la sicurezza durante l’installazione nei cantieri, il Gruppo SACMI , dal 2018, ha istituito un servizio tecnico che si occupa di verificare la documentazione di tutti i fornitori che entrano nei cantieri di installazione. Il principale lavoro del servizio è il dialogo continuo con i fornitori e i clienti, cercando di incrementare quotidianamente la cultura della sicurezza in ogni richiesta che viene effettuata.

Grazie a tale servizio, negli anni il Gruppo SACMI ha incrementato in maniera significativa la sicurezza nei propri cantieri. Parallelamente al servizio di controllo documentale, è attivo un servizio di sopralluoghi di tecnici

sacmi.com SACMI 167 I Clienti

sicurezza in cantiere per verificare l’operato dei fornitori che lavorano per conto del Gruppo nei cantieri dei clienti. Entrambi i servizi vengono supportati da un software di scambio dati tra i tecnici del Gruppo SACMI, i fornitori e i clienti.

A livello di presidio sulla sicurezza di cantiere, alcune società del Gruppo hanno messo in atto alcune buone pratiche, quali ad esempio la redazione di verbali di coordinamento o riunioni periodiche di confronto interno.

Le aziende del Gruppo SACMI non hanno rilevato casi di non conformità con le normative riguardanti gli impatti sulla salute e sulla sicurezza dei propri prodotti. Mentre le non conformità rilevate durante le attività di ispezione in cantiere sui servizi di installazione, vengono periodicamente rivalutate ed analizzate. È in corso l’attivazione di un nuovo KPI di valutazione dei fornitori di tale tipologia di servizio che tenga conto anche delle non conformità operative registrate.

168 Annual Report Integrato 2022
e predisposti i nuovi piani manutentivi Smart & Secure Service
2022 è stata lanciata l'App SACMI SPACE UP
Nel
169

La comunità e il territorio 6.4

SACMI realizza un insieme di azioni mutualistiche verso l’esterno, intervenendo in numerose iniziative locali ed internazionali con continuità nel tempo e in coerenza con i propri valori

Negli ultimi 3 anni, SACMI ha destinato oltre 2,25 milioni di euro al sostegno di progetti benefici sul territorio locale ed internazionale, in particolare nei settori della sanità e dell’istruzione. Tale quota comprende sia risorse a valere sul conto economico, sia erogazioni dal fondo mutualistico, per enti/progetti deliberati in sede di distribuzione degli utili di esercizi precedenti.

Sostenere i servizi di formazione e cura della persona, sia nel territorio imolese sia nelle principali aree del mondo in cui SACMI opera, è uno dei capitoli principali dell’attività, cui si affiancano iniziative a sostegno dell’arte, della cultura, dello sport. La scelta dei progetti da perseguire ogni anno è frutto della continua e costante attività di ascolto dei bisogni del territorio e delle comunità, in connessione con le principali realtà associative e del terzo settore che vi operano.

Tra le iniziative principali realizzate nel 2022, la donazione al reparto di Gastroenterologia dell’Ospedale di Imola di un elettrobisturi di nuova generazione. Con applicazioni trasversali a diversi ambiti – chirurgia generale, vascolare, laparo-

scopia, solo per citare i principali – lo strumento agevola il chirurgo nella precisione e qualità dell’intervento. Grazie alla tecnologia digitale, l’elettrobisturi consente di raggiungere l’effetto tissutale specifico, riducendo il rischio di emorragie, salvaguardando i tessuti laterali, contribuendo a migliorare sia nella qualità dell’intervento sia la prognosi del paziente.

L’iniziativa si aggiunge ai diversi progetti realizzati negli anni a sostegno del presidio imolese, con la donazione di importanti attrezzature scientifiche e di diagnostica ai diversi Reparti dell’ospedale.

Sul piano internazionale, spicca il progetto «Bringing smile through education & improvement», realizzato in India con il contributo della sede locale, SACMI Engineering, e di Smile Foundation.

L’iniziativa ha visto la donazione di oltre 60 tablet ai bambini che frequentano la scuola locale nel distretto del Manipur, in una delle aree più remote del Paese. Obiettivo, sostenere il diritto di ogni bambino, indipendentemente dalla propria condizione di origine, a ricevere un’istruzione, pre-

170 Annual Report Integrato 2022

messa necessaria di una di piena realizzazione della persona nel contesto sociale, professionale e personale.

L’iniziativa segue ai diversi progetti di solidarietà sostenuti negli anni da SACMI nelle diverse aree del mondo, a sostegno dei più elementari diritti di formazione e cura delle persone e specialmente dei bambini.

Altre erogazioni sono state destinate nell’esercizio, in continuità con i precedenti, alle associazioni che, sul territorio, si occupano di tutela della salute e disabilità tra cui la Fondazione ANT, per l’assistenza oncologica gratuita a domicilio, Aism (sclerosi multipla), LILT (Lega Italiana per la lotta contro i tumori), Kasomay Onlus (sostegno alla ricerca scientifica sulle malattie rare dei bambini), Professione Medica (formazione ed educazione sanitaria nelle scuole), Croce Rossa Italiana – Sezione di Imola, Anteas Imola (servizi alle persone non autosufficienti e con disabilità).

La salute – intesa anche e soprattutto come dignità della persona – resta al centro di un insieme di azioni a sostegno di diverse realtà associative del territorio, come le erogazioni liberali alla

Fondazione Banco Alimentare Emilia-Romagna

Onlus e l’Associazione No Sprechi Onlus (pasti gratuiti alle persone in difficoltà), la Diocesi di Imola, il centro antiviolenza PerLeDonne Onlus

Per quanto riguarda la formazione, SACMI ha finalizzato nel 2022 erogazioni liberali all’Università di Bologna, per sostenere i corsi di Laurea sul territorio, in particolare il corso di Chimica e Tecnologie per l’Ambiente e per i Materiali (sede di Faenza) e il corso di Meccatronica (sede di Imola), e finanziato dottorati di ricerca sulla base dell’Accordo quadro con l’Unibo. Tali iniziative si affiancano alle azioni e progetti continuativi sviluppati da SACMI con Università, scuole e centri di ricerca in ambiti strategici del Business.

Anche nel 2022, contributi significativi sono inoltre stati erogati a sostegno delle principali associazioni sportive della città di Imola e per il sostegno ad enti e attività culturali sul territorio (ad esempio, nell’esercizio appena concluso, con l’erogazione liberale alla Fondazione Teatro Carani di Sassuolo, nell'ambito dell’iniziativa ArtBonus del Governo italiano).

Supporto al territorio locale, nazionale e internazionale per ambito di intervento (euro)

2021  2022

Auditorium 1919

Dopo aver operato, durante la crisi sanitaria, come vera e propria “cabina di regia” della comunicazione SACMI verso gli stakeholder ed il mercato, l’Auditorium 1919 è tornato, nel 2022, ad ospitare una serie eventi in presenza dedicati

sia ad attività di formazione interna, sia alla promozione di temi e progetti di rilevanza per la comunità territoriale, della formazione, del mondo associativo con cui l’azienda opera.

Quasi 70 gli eventi in agenda nel 2022 tra i quali spiccano – tra gli eventi aperti all’esterno – gli incontri dedicati all’innovazione nell’ambito rigid

sacmi.com SACMI La comunità e il territorio 171
Sanità / Sociale 1.386.287 55.414 193.425 Arte / Cultura 2.000 12.000 101.000 Scuola 42.292 4.000 327.500 Sport / tempo libero 45.750 39.750 41.050 Totale 1.476.329 111.164 662.975
2020
172 Annual Report Integrato 2022

packaging (ad esempio l’evento Pack Passion –PETnology Europe), quindi l’evento Defranceschi organizzato in collaborazione con Vini Buoni d’Italia per la premiazione delle eccellenze 2022. Spicca nel 2022 la collaborazione con ISIA, l’Università del Design di Faenza. L’Auditorium ha ospitato l’evento di presentazione dell’iniziativa che, nella seconda parte dell’anno, ha portato alla selezione dei progetti vincenti e alla presentazione dei prodotti realizzati alle più importanti fiere di settore.

Ulteriori eventi, con l’invito di ospiti esterni, sono stati dedicati ai temi dell’Intelligenza Artificiale, al mondo della Meccatronica (ad esempio il Mechatronics Day con la visita di laureati e laureandi) ed a trend e tecnologie di interesse nell’ambito della “Metallurgia delle polveri”, con due giornate di formazione intensiva rivolta agli operatori del settore.

Sempre il mondo associativo – in questo caso l’Associazione Italiana di Scienza e Tecnologia delle Macromolecole – fa da riferimento alla “giornata tecnologica” organizzata a novembre sui nuovi materiali per l’imballaggio rigido sostenibile, che ha riunito i principali interlocutori del mondo della ricerca, dell’università e delle imprese. Ulteriori eventi hanno coinvolto le realtà sul territorio che si occupano di sviluppo sostenibile e sicurezza sul lavoro, come l’incontro dell’associazione Tavolo 81. L’Auditorium ha inoltre aperto le porte, il 27 dicembre, ad atleti e manager dell’Atletica Imola SACMI AVIS.

Sempre nel 2022, l’Auditorium ha continuato ad ospitare decine di eventi dedicati alla formazione aziendale, sia su aspetti tecnologici specifici sia in relazione alle attività dell’Academy SACMI e dei nuovi locali ad essa dedicati. In generale, la struttura rinnova appieno la propria mission sia di luogo della formazione interna, sia di cabina di regia a partire dalla quale strutturare eventi ed iniziative aperte agli stakeholder.

Nel capitolo sono riportate le performance delle società incluse nel perimetro di rendicontazione.

173 sacmi.com SACMI La comunità e il territorio
Performance ambientale 7

Gestione degli impatti ambientali

Stabilmente inquadrata nella governance

SACMI come fattore di competitività dell'azienda, la Policy Qualità-SicurezzaAmbiente prevede il miglioramento continuo degli aspetti legati alla sostenibilità nell'attuazione dei processi produttivi.

SACMI considera di fondamentale importanza la salvaguardia dell’ambiente come elemento imprescindibile della mutualità che l’impresa declina verso l’esterno; per questo le attività aziendali vengono svolte prestando grande attenzione al rispetto e alla tutela dell’ambiente, conformemente alle leggi e ai regolamenti – anche di natura volontaria – in vigore, con l’obiettivo di migliorare progressivamente le proprie prestazioni grazie ad un’analisi periodica sui rischi ambientali connessi alle attività e alla pianificazione di azioni di prevenzione e/o mitigazione.

Le organizzazioni appartenenti al perimetro di rendicontazione non hanno rilevato impatti negativi significativi connessi all’ambiente. In generale, gli impatti ambientali generati dalle attività produttive di SACMI derivano dall’energia utilizzata nei processi produttivi e dalla relativa produzione di emissioni in atmosfera, dal consumo di risorse idriche e dalla produzione di rifiuti.

Nel dicembre 2019 il Consiglio di Amministrazione di SACMI Imola SC ha approvato la Policy Qualità-Sicurezza-Ambiente, inquadrando la sostenibilità tra i fattori di competitività dell’azienda; in particolare, SACMI pone un impegno costante nel miglioramento continuo degli aspetti legati al rispetto e alla salvaguardia ambientale e all’attuazione di processi produttivi coerenti con la logica dell’economia circolare. Nel corso dei prossimi anni la Policy sarà riscritta per essere applicata a tutte le aziende del Gruppo.

In particolare, SACMI Imola SC gestisce tali impatti attraverso un sistema di gestione ambientale conforme alla norma ISO 14001 con cui garantisce e rispetta le prescrizioni riportate nella propria Autorizzazione Unica Ambientale (AUA). Inoltre, il Gruppo SACMI ha recentemente aderito al Progetto HERALab Imola, un’iniziativa di stakeholder engagement con l’obiettivo di individuare progetti di miglioramento su tematiche come la neutralità carbonica, efficienza energetica ed energie rinnovabili, costruiti sui bisogni del territorio imolese che vede coinvolte ben 7 aziende del Gruppo.

176 Annual Report Integrato 2022
7.1

Gestione dell’energia e delle emissioni 7.2

In costante aumento negli anni la quota di energia elettrica acquistata derivante da fonti rinnovabili, nel 2022 pari al 3,8% del totale. Raggiunge i 10.594.767 kWh la quota di energia da autoproduzione.

SACMI ha implementato un processo di monitoraggio dei consumi di energia elettrica e dei combustibili strettamente legati ai processi produttivi, che permette di analizzare le performance ambientali e in ottica di miglioramento e riduzione degli impatti ambientali.

I consumi di combustibili si riferiscono principalmente a due macro-categorie, entrambe categorizzabili come “fonti non rinnovabili”: il gas naturale e il gasolio per la flotta auto. Nel 2022 è stata utilizzata anche una piccola percentuale di benzina per l’alimentazione di alcune auto della flotta aziendale.

Nel 2022, SACMI ha consumato 4.887.948 di metri cubi di gas naturale, in diminuzione dell’11% rispetto al 2021, e 608.709 litri di gasolio, in aumento rispetto all’esercizio precedente. In totale, nel 2022 l’energia prodotta dalla combustione di gas naturale e gasolio è pari a 197.364 GJ.

Nel 2022, per la sola SACMI Imola, i consumi di energia da combustione sono costituiti da 3.628.097 metri cubi di gas naturale e 179.584 litri di gasolio, per un totale di 136.671 GJ.

Nel corso del 2022, SACMI ha consumato 30.733.727 kWh di energia, di cui 20.138.960 kWh acquistati da fornitori, e 10.594.767 kWh autoprodotta. Rispetto all’esercizio precedente, il fabbisogno di energia di SACMI ha avuto un leggero calo, pari all’1%. In totale nel 2022 sono stati consumati 110.641 GJ di energia elettrica (di cui 76.330 GJ attribuibili alla sola SACMI Imola).

Del totale di energia elettrica acquistata, una parte deriva da fonti rinnovabili. La quota, in costante aumento negli anni, è pari al 3,8% del totale dell’energia elettrica acquistata dal Gruppo nel 2022. Dal 2021 SACMI Imola si impegna ad acquistare una percentuale di energia elettrica prodotta esclusivamente da fonti rinnovabili con obiettivo di un aumento costante nel corso degli anni. Nel 2022, per SACMI Imola, la quota di energia acquistata, derivante da fonti rinnovabili, è pari a 533.000 kWh

177 sacmi.com SACMI Gestione dell’energia e delle emissioni

Consumi energetici ( GJ )

(

178 Annual Report Integrato 2022
Energia elettrica consumata
GJ
100.000 40.000 0 0 50.000 20.000 150.000 60.000 200.000 80.000 250.000 100.000 300.000 120.000 350.000 140.000 2022 2022 2020 2020 2021 2021 ENERGIA
ENERGIA ELETTRICA
COMBUSTIBILI 255.963 98.318 290.849 111.268 271.496 110.641 27,3% 34,5% 72,7% 65,5% 24,1% 38,8% 75,9% 61,2% 26,6% 31,8% 73,4% 68,2%
)
ELETTRICA ACQUISTATA
ENERGIA ELETTRICA AUTOPRODOTTA

Energia

Energia

179 sacmi.com SACMI Gestione dell’energia e delle emissioni
elettrica acquistata
GJ ) 30.000 0 15.000 45.000 60.000 75.000 90.000 105.000 2022 2020 2021 ENERGIA ELETTRICA ACQUISTATA DA FONTI RINNOVABILI ENERGIA ELETTRICA AUTOPRODOTTA DA IMPIANTO FOTOVOLTAICO
(
elettrica autoprodotta ( GJ ) 16.000 0 8.000 24.000 32.000 40.000 48.000 56.000 2022 2020 2021 ENERGIA ELETTRICA ACQUISTATA DA FONTI NON RINNOVABILI ENERGIA ELETTRICA AUTOPRODOTTA DA IMPIANTO DI TRIGENERAZIONE 60.131 75.932 72.500 38.187 35.336 38.141 3,8% 96,2% 1,1% 98,9% 2,5% 97,5% 4,3% 95,7% 3,8% 96,2% 4,4% 95,6%

L’energia autoprodotta deriva da due fonti: la maggior parte è ottenuta attraverso l’impianto di trigenerazione di SACMI Imola, mentre la rimanente è prodotta da pannelli fotovoltaici (circa il 4,3% nel 2022) negli stabilimenti di SACMI Imola, Tecnos, SACMI Molds&Dies ed Euroelettra.

Dal 2016 è operativo in SACMI Imola l’impianto di trigenerazione aziendale che ha lo scopo primario di produrre energia elettrica in media tensione (15.000 Volt) che viene poi immessa nell’impianto elettrico aziendale per autoconsumo.

L’energia elettrica viene prodotta da un motore a combustione interna alimentato a gas metano per cui, durante il suo funzionamento, si ottiene anche una quantità di energia termica recuperata dal motore derivante da: fumi di scarico di combustione, acqua di raffreddamento del motore, circuito dell’olio di lubrificazione motore.

Sfruttando le temperature di uscita di questi prodotti, è possibile ottenere acqua a 95°C, che viene poi riutilizzata negli impianti di riscaldamento aziendali. La parte di acqua calda non usata viene impiegata per produrre acqua refrigerata a 7°C,

Progetto Bike to Work per le aziende del comprensorio imolese

Da marzo 2023 è attivo per tutti i dipendenti del comprensorio imolese il progetto “Bike to Work”. Il progetto, in collaborazione con il Comune di Imola, prevede una remunerazione mensile per ogni km percorso utilizzando la bicicletta nel tragitto casa-lavoro, monitorato tramite apposita app.

Duplice il valore dell’iniziativa, promuovere uno stile di vita sano e sostenibile, risparmiare tonnellate di CO2 evitando l’utilizzo dell’automobile e contribuendo quindi alla diffusione di buone pratiche di sostenibilità sul territorio.

Visto l’alto numero di adesioni avute da parte dei dipendenti del Gruppo, nei primi due mesi di attivazione sono state risparmiate 3 ton di CO 2eq

tramite un gruppo ad assorbimento, e immessa poi negli impianti di condizionamento aziendali. Nel 2022 SACMI Imola ha prodotto una quota di energia termica pari a 9.776.860 kWh.

Inoltre, per le Aziende oggetto del perimetro, una parte dell’energia autoprodotta viene generata da fotovoltaico. Nel 2022 la quota di energia prodotta da pannelli fotovoltaici è stata pari a 453.315 kWh. La quota di energia che viene ottenuta da fonti rinnovabili e non consumata viene reimmessa in rete. Nel 2022 la quota di energia autoprodotta e venduta è pari a 125.685 kWh. Nel 2023 è previsto il netto incremento dell’energia proveniente da fotovoltaico con l’attivazione di circa 2 MW di pannelli installati sulle coperture dello stabilimento di SACMI Imola

Nel 2022 si registrano diverse iniziative volte all’efficientamento energetico: la sostituzione di corpi illuminanti con dispositivi a led, il rinnovo di caldaie obsolete, l’efficientamento energetico di circa 7000 m2 del coperto in SACMI IMOLA, la sostituzione di infissi e serramenti nello stabilimento di Gaiotto Automation.

180 Annual Report Integrato 2022
181 sacmi.com SACMI Gestione dell’energia e delle emissioni di energia da autoproduzione Nel 2022 10.594.767 kWh

Emissioni (ton CO2 eq)

Le emissioni GHG originate dalla combustione diretta (SCOPE 1) sono pari a 11.496 tCO2eq per il 2022. Le emissioni indirette (SCOPE 2) legate all’utilizzo di energia elettrica sono pari 8.844 tCO2eq se calcolate con l’approccio market-based. Il totale di emissioni di tonnellate CO 2 equivalenti è pari a 20.340

Consumi energetici ( GJ )

Relativamente alle emissioni da combustione di gas naturale , SACMI registra valori in diminuzione dell’10% rispetto gli anni precedenti; per quanto attiene il gasolio, si registra un aumento del 27%, mentre le emissioni relative ai consumi di energia elettrica in leggero calo rispetto agli anni precedenti.

182 Annual Report Integrato 2022 Combustibili Unità di misura 2020  2021  2022 Gas Naturale GJ 181.183 196.198 175.403 Gasolio per flotta aziendale GJ 13.196 17.173 21.953 Benzina per flotta aziendale GJ 0 0 7 Totale combustili consumati GJ 194.379 213.371 197.364
8.000 0 4.000 12.000 16.000 20.000 24.000 28.000 2022 2020 18.711 21.700 20.340 2021
EMISSIONI
8.844 11.496 7.546 11.165 9.394 12.306
EMISSIONI SCOPE 2 (APPROCCIO MB)
SCOPE 1

1 I consumi energetici totali sono ottenuti sommando il consumo di combustibili, l’energia elettrica acquistata e l’energia elettrica autoprodotta e consumata da fotovoltaico. Tale consumo energetico non è comprensivo dell’energia elettrica autoprodotta e consumata dall’impianto di trigenerazione in quanto tale consumo energetico è già compreso nel consumo di gas naturale utilizzato per il funzionamento dell’impianto di trigenerazione.

2 Fonte fattore di emissione: European Residual Mixes “AIB” Agg. 31.05.2022; DEFRA; ISPRA, Fattori di emissione atmosferica di gas a effetto serra nel settore elettrico nazionale e nei principali Paesi Europei. Edizione 2020. n. 317/2020.

3 L’approccio Market Based è un metodo di calcolo delle emissioni di tonnellate di CO2 equivalente basato sul mercato: rispecchia le emissioni risultanti dalla generazione di energia elettrica che un’organizzazione ha scelto deliberatamente (o per mancanza di scelta).

4 L’approccio Location Based è un metodo di calcolo delle emissioni di tonnellate di CO 2 equivalente basato sulla posizione geografica: rispecchia l’intensità media di emissioni di GHG delle reti elettriche in cui viene consumata l’energia, utilizzando soprattutto i dati sul fattore di emissione medio in relazione alla rete elettrica.

183 sacmi.com SACMI Emissioni indirette Unità di misura 2020  2021  2022 Approccio Market Based 3 t CO2 eq 7.546 9.394 8.844 Approccio Location Based 4 t CO2 eq 4.352 5.496 5.247 Totale emissioni (approccio MB) t CO2 eq 18.711 21.700 20.340 Totale emissioni (approccio LB) t CO2 eq 15.517 17.802 16.743 Emissioni 2 da combustione diretta di combustibili Unità di misura 2020  2021  2022 Gas Naturale t CO2 eq 10.178 11.021 9.851 Gasolio per flotta aziendale t CO2 eq 988 1.285 1.643 Benzina per flotta aziendale t CO2 eq – – 0,50 Totale consumi energetici t CO2 eq 11.165 12.306 11.496 Energia elettrica Unità di misura 2020  2021  2022 Energia elettrica acquistata GJ 60.131 75.932 72.500 di cui da fonti non rinnovabili GJ 59.499 74.069 69.736 di cui da fonti rinnovabili GJ 632 1.862 2.764 Energia elettrica autoprodotta e consumata GJ 38.187 35.336 38.141 di cui da fotovoltaico GJ 1.453 1.546 1.632 di cui da impianto di trigenerazione GJ 36.734 33.790 36.509 Totale energia elettrica consumata GJ 98.318 111.268 110.641 Totale consumi energetici 1 GJ 255.962 290.849 271.496 Gestione dell’energia e delle emissioni

Gestione emissioni inquinanti in atmosfera 7.3

Le emissioni in atmosfera1 sono generate da reazioni di combustione e da specifici processi produttivi, che avvengono negli stabilimenti del Gruppo. Il monitoraggio delle emissioni è regolamentato tramite specifiche autorizzazioni, rilasciate ai singoli stabilimenti.

La maggioranza delle emissioni sono prodotte dalla capogruppo SACMI Imola. Questi dati sono fortemente influenzati dall’effettivo funzionamento degli impianti, in correlazione alle necessità produttive.

Altre emissioni significative

1 I valori sono ottenuti considerando le analisi chimiche svolte come da prescrizioni autorizzative, stimando le ore di funzionamento massime autorizzate in funzione delle portate del singolo camino.

185 sacmi.com SACMI Gestione emissioni inquinanti in atmosfera Combustibili Unità di misura 2020  2021  2022 NO x Kg 8.979 6.958 9.635 Composti organici volatili (VOC) Kg 956 1.248 1.203 Particolato atmosferico (PM) Kg 1.824 2.113 1.562 Altre categorie standard di emissioni atmosferiche identificate dalla normativa di riferimento Kg 6.989 3.158 3.864 Totale Kg 18.748 13.476 16.264

Gestione della risorsa idrica 7.4

Prosegue l'impegno del Gruppo per la graduale riduzione dei consumi idrici. Nel 2022, per la capogruppo SACMI Imola, oltre 20mila metri cubi di acqua trattata dal depuratore.

Le risorse idriche utilizzate dalle società SACMI incluse nel perimetro di rendicontazione sono principalmente riconducibili ad usi civili. Solamente alcune delle aziende appartenenti al perimetro di rendicontazione, infatti, impiegano acqua anche per usi industriali, come nel caso di SACMI Impianti, SACMI Molds&Dies e SACMI Carpmec. Alcuni esempi dell’utilizzo della risorsa idrica nei processi di natura industriale sono l’impiego di acqua per la vasca di filtraggio e l’abbattimento dell’overspray connessi agli impianti di verniciatura. In generale, non si evidenziano impatti significativi relativi all’utilizzo dell’acqua.

Per quanto riguarda SACMI Imola SC, le risorse idriche vengono impiegate in processi produttivi o attività ad essi correlate all’interno dello stabilimento. L’obiettivo di carattere generale stabilito dall’azienda è quello di una riduzione graduale del consumo idrico

SACMI Imola valuta, tramite procedure interne specifiche per diversi processi aziendali, gli impatti dei consumi idrici e dei relativi scarichi, incluse le possibilità di miglioramento (es. modifiche organizzative, utilizzo di nuove tecnologie di supervisione o strumenti di misura, ecc).

Solo per alcune produzioni, SACMI Imola sfrutta la risorsa idrica come materia prima in ingresso o accessoria. In particolare:

• un terzo circa delle acque è usato per la produzione di acque emulsionate, per l’abbattimento delle emissioni nei processi di verniciatura, a fini produttivi nel laboratorio ceramico, laboratorio Whiteware e reparto resine;

• un terzo del consumo è impiegato ai fini sanitari per i bagni aziendali;

• un altro terzo è dedicato alle acque industriali, sfruttate per il raffreddamento degli impianti.

L’approvvigionamento idrico avviene tramite il prelievo da tre pozzi autorizzati dalla Regione Emilia-Romagna e dalla fornitura del gestore locale tramite acquedotto industriale e potabile. L’uso della risorsa “acqua di falda” viene

187 sacmi.com SACMI Gestione della risorsa idrica

costantemente monitorato e rendicontato annualmente agli enti preposti. In particolare, i tre pozzi sono dotati di sistema automatico di rilevazione dell’altezza della falda acquifera. I consumi, che devono rispettare i limiti autorizzati, sono costantemente monitorati e comunicati all’ente preposto.

Gli scarichi presenti all’interno dell’azienda possono essere suddivisi in quattro diverse tipologie, ovvero:

• scarichi industriali immessi in pubblica fognatura previa depurazione;

• scarichi industriali immessi direttamente in pubblica fognatura;

• scarichi civili;

• scarichi immessi nel suolo tramite appositi bacini di lagunaggio (sia acque di prima pioggia, a seguito opportuno trattamento di disoleazione e desabbiamento, sia acque di dilavamento dei tetti).

Gli scarichi industriali immessi in pubblica fognatura previa depurazione provengono da diversi

Acque

depurate SACMI Imola SC (m3)

reparti: Laboratorio Ceramico, Reparto di Verniciatura, Reparto Resine e Laboratorio Whiteware e Modelleria. L’acqua viene inviata in una vasca ottagonale di accumulo e omogeneizzazione, prima di essere rilanciata all’interno dell’impianto di depurazione, per poi essere inviata a seguito della depurazione alla rete di raccolta pubblica.

Gli scarichi industriali immessi direttamente in fognatura provengono da piazzali esterni, acque piovane e alcune acque di refrigerazione.

Gli scarichi civili vengono scaricati direttamente nelle relative reti fognarie destinate al depuratore comunale, provengono da spogliatoi, bagni, mensa aziendale (a seguito di degrassamento).

Gli scarichi nel suolo provengono da piazzali esterni e coperture degli edifici. Le acque dei piazzali esterni vengono raccolte in 3 vasche di disoleazione; successivamente convogliano, unitamente alle acque delle coperture, nel bacino di

Consumi di acqua1 (m3)

1 I dati relativi ai consumi di acqua sono stati calcolati tenendo conto che essendo SACMI TECH nata a fine 2020 a seguito di fusione per incorporazione in In.Te.Sa. di NuovaSIMA e Officina CMC, la raccolta dati è limitata agli anni 2021 e 2022; nel conteggio per SACMI Forni & Filter non è stato inserito l’esistente pozzo, utilizzato per irrigazione del verde, in quanto momentaneamente sprovvisto di contabilizzatore di litri erogati; per SACMI Forni&Filter, inoltre, il consumo di acqua è stato calcolato sulla base del consumo medio giornaliero indicato dall’Ente erogatore, moltiplicato per i 365 gg/ anno; per SACMI Verona si è stimato venga scaricata il 75% dell’acqua prelevata.

188 Annual Report Integrato 2022 2020  2021  2022 Metri cubi trattati al depuratore SACMI 5.875 7.901 8.055 Ore lavorate dagli operai nei reparti DEP 61.983 56.799 70.380
Prelievo di acqua 63.390 68.919 73.048 Scarico di acqua 26.315 28.635 31.180 Consumo di acqua 36.875 40.284 41.868
2020  2021  2022

Prelievo di acqua (m3)

desabbiatura e, per stramazzo, cadono in un bacino di lagunaggio per poi disperdersi nel suolo. Nell’anno 2022 è rimasta pressoché invariata la quantità di acqua trattata al depuratore da parte di SACMI Imola, con un lieve aumento pari al 2% (8.055 m3 contro i 7.901 m3 del 2021), nonostante un forte aumento delle ore lavorate nei reparti coinvolti (70.380 ore lavorate, contro le 56.799 del 2021).

Nel complesso, le società SACMI oggetto del perimetro di rendicontazione, nel corso del 2022, hanno prelevato 73.048 metri cubi di acqua (73

Megalitri), in leggero aumento (+6%) rispetto al 2021. Allo stesso modo, anche gli scarichi di acqua risultano aumentati del 9% rispetto al precedente esercizio. Relativamente ai consumi, SACMI ha registrato un aumento del 4% rispetto al 2021

In particolare, nel corso del 2022, SACMI Imola SC ha prelevato 56.160 metri cubi di acqua (56 Megalitri), l’8% in più rispetto all’esercizio precedente. Allo stesso modo, anche gli scarichi di acqua risultano in aumento rispetto al 2021 (+27%).

189 sacmi.com SACMI Gestione della risorsa idrica
20.000 0 10.000 30.000 40.000 50.000 60.000 70.000 80.000 2022 2020 63.390 68.919 73.048 2021

7.5 Economia circolare

Per tutte le società del Gruppo, in atto iniziative mirate all'ottimizzazione dell'uso dei materiali, alla riduzione degli sprechi, alla valorizzazione dei rifiuti, in accordo con i principi dell'economia circolare.

Sfiora il 95%, nel 2022, la quota dei "recuperabili".

Gestione dei materiali

I materiali vengono gestiti con l’obiettivo primario di ridurre gli sprechi, ottimizzando in questo modo sia le risorse naturali sia quelle economiche. Per questo alcune società si sono già dotate di sistemi strutturati per il tracciamento puntuale dei materiali e per garantire un approvvigionamento responsabile.

SACMI Imola si è attivata per la gestione di materiali e rifiuti tramite l’adozione di modelli ad elevata efficienza ecologica e progetti di circolarità su alcune tipologie di rifiuti. La selezione dei materiali e dei relativi fornitori è presidiata dalla politica sull’approvvigionamento sostenibile.

In particolare, per quanto riguarda il rifiuto derivante dalle lavorazioni meccaniche è in corso un progetto di circolarità, recupero e valorizzazione del truciolo che dovrebbe concludersi nel corso del 2023.

Altre società hanno messo in atto dal 2022 attività o iniziative più mirate e puntuali al fine di ottimizzare l’uso dei materiali e ridurre gli sprechi in accordo con i principi dell’economia circolare.

Gestione dei rifiuti

Per quanto riguarda la gestione dei rifiuti, SACMI ne produce numerose tipologie, alcune delle quali presentano caratteristiche di pericolosità.

SACMI effettua in diverse aziende lavorazioni di tipo sperimentale che possono portare a una notevole oscillazione della produzione dei rifiuti a seconda delle macchine da collaudare. In relazione al trend della produzione dei rifiuti, gli interventi dell’impresa vanno nella direzione di una corretta gestione volta a garantire un adeguato smaltimento e una successiva valorizzazione dei materiali. Una parte

190 Annual Report Integrato 2022

dei rifiuti oggetto della raccolta differenziata viene rivenduta con l’obiettivo di ridurre sia i residui del processo produttivo sia i relativi costi di gestione.

I rifiuti prodotti nell’organizzazione vengono movimentati e trattati da soggetti terzi, appositamente autorizzati secondo la normativa nazionale. Tutti i soggetti incaricati nel processo di smaltimento/recupero dei rifiuti sono preventivamente verificati dall’organizzazione, che ne richiede le relative autorizzazioni. La raccolta dei

dati relativi ai rifiuti è effettuata, per la maggior parte delle società, tramite un software specifico. Nel 2022 si registrano 6.275 tonnellate di rifiuti prodotti di cui la maggior parte (83% ) destinati ad operazioni riciclo o recupero La percentuale dei rifiuti inviati a smaltimento è del 17%, in diminuzione rispetto all’anno precedente del 20%. Il 2022 ha visto la riduzione di circa il 36% di quasi il 7% dei rifiuti prodotti. dei rifiuti prodotti rispetto al 2021. I rifiuti pericolosi sono pari a circa al 10% del totale prodotto.

191 sacmi.com SACMI Economia circolare 2020  2021  2022 Peso totale dei rifiuti prodotti 4.462 6.703 6.275 di cui rifiuti pericolosi 632 816 627 di cui rifiuti non pericolosi 3.830 5.887 5.648
2020 2021 2022
Produzione di rifiuti (tonnellate) DI CUI RIFIUTI PERICOLOSI DI CUI RIFIUTI NON PERICOLOSI
2.000 0 1.000 3.000 4.000 5.000 6.000 7.000 8.000
PESO TOTALE DEI RIFIUTI PRODOTTI (TON)

Totale rifiuti non destinati allo smaltimento (tonnellate)

Rifiuti destinati allo smaltimento (tonnellate)

192 Annual Report Integrato 2022 2020  2021  2022 Totale rifiuti non destinati allo smaltimento 3.642 5.343 5.181 Rifiuti pericolosi non destinati allo smaltimento, suddivisi per: preparazione per il riutilizzo 0 0 0 riciclo 0 0 0 altre operazioni di recupero 30 48 19 Totale rifiuti pericolosi non destinati allo smaltimento 30 48 19 Rifiuti non pericolosi non destinati allo smaltimento, suddivisi per: preparazione per il riutilizzo 0 0 0 riciclo 398 481 478 altre operazioni di recupero 3.213 4.815 4.684 Totale rifiuti non pericolosi non destinati allo smaltimento 3.612 5.295 5.162 2020  2021  2022 Totale dei rifiuti destinati allo smaltimento 821 1.360 1.095 Rifiuti pericolosi destinati allo smaltimento, per modalità di gestione: conferimento in discarica 33 85 62 altre operazioni di smaltimento 569 683 546 Totale rifiuti pericolosi destinati allo smaltimento 602 768 608 Rifiuti non pericolosi destinati allo smaltimento, per modalità di gestione: incenerimento (senza recupero di energia) 1 1 1 conferimento in discarica 156 147 183 altre operazioni di smaltimento 62 444 303 Totale rifiuti non pericolosi non destinati allo smaltimento 219 592 486

Le tipologie preponderanti di rifiuti prodotti sono: emulsioni oleose, imballaggi (plastica, carta/ cartone, legno), rifiuti metallici in genere, rifiuti derivanti dai collaudi delle macchine (es. rifiuti ceramici, tappi in materiale plastico e in metallo, rifiuti liquidi di bibite di prova, ecc), rifiuti derivanti dalle manutenzioni delle sedi produttive.

Nel corso del 2022 SACMI non ha ricevuto sanzioni di alcun genere per il mancato rispetto di normative ambientali. Pertanto, non si è fatto ricorso ai sistemi di risoluzione delle controversie. Lo stesso vale anche per il biennio precedente. Per quanto riguarda la capogruppo SACMI Imola, le emulsioni oleose caratterizzano la maggioranza dei rifiuti non recuperabili prodotti. Tale scarto deriva dalle lavorazioni alle macchine

utensili presenti nello stabilimento, la quantità complessiva è quindi fortemente influenzata dall’andamento della produzione.

Da alcuni anni SACMI Imola ha in corso un progetto di riduzione di tali tipologie di rifiuti svolgendo attività di ottimizzazione della produzione portando ad un risparmio sul quantitativo dell’olio puro consumato e un allungamento della vita utile dell’emulsione. Tali azioni, durante l’anno 2022 hanno permesso di registrare un calo significativo della produzione di emulsioni oleose (circa 426 tonnellate contro le 504 del 2021), nonostante un aumento delle ore lavorate nei reparti aziendali dedicati alle lavorazioni meccaniche (circa 266.000 ore circa a fronte di 253.000 nel 2021).

Nel capitolo sono riportate le performance delle società incluse nel perimetro di rendicontazione, con le seguenti eccezioni: 1. La società Defranceschi S.r.l. è esclusa dal perimetro di rendicontazione delle informazioni inerenti alla gestione della risorsa idrica.

193 sacmi.com SACMI Economia circolare

Nota metodologica

Per l’anno fiscale che chiude al 31 dicembre 2022, Il Gruppo SACMI ha deciso di redigere un Annual Report Integrato di Gruppo, al fine di rendere ancor più trasparente la propria disclosure in tema di performance non finanziarie

L’obiettivo di tale documento è quello di comunicare in modo trasparente ai propri stakeholder i risultati raggiunti e condividere gli obiettivi futuri in un’ottica di confronto e miglioramento continuo, fornendo una visione a tutto tondo delle proprie performance economico-finanziarie e di sostenibilità.

I principi di mutualità interna ed esterna fanno parte del DNA SACMI fin dalla sua fondazione. Tali principi si realizzano anno dopo anno con azioni concrete, dal rispetto dell’ambiente alla valorizzazione del lavoro, dall’attenzione al territorio alle azioni per offrire nuove opportunità alla comunità locale e internazionale, in tutti i Paesi in cui il Gruppo opera.

Data l’accelerazione e l’evoluzione normativa in materia di sostenibilità, il Gruppo SACMI, da quest’anno, con la redazione del suo primo Annual Report Integrato di Gruppo , intende intraprendere un percorso che porti a garantirle un

ulteriore miglioramento delle practices riferibili alla rendicontazione della sostenibilità per valorizzare sempre di più l’orientamento strategico e la qualità dei propri prodotti; l’obiettivo dei prossimi anni sarà quello di sviluppare una rendicontazione di carattere non finanziario, su base annuale, integrata con il proprio Bilancio Consolidato quale punto di partenza per ulteriori attività in ambito ESG.

Dal 2018, SACMI pubblica l’Annual Report Integrato, che affianca alla rendicontazione dei risultati di Gruppo, articolati nei diversi Business di attività, l’analisi delle performance di sostenibilità della capogruppo, SACMI Imola SC. L’estensione del perimetro di rendicontazione ha coinvolto, a partire dal 2022, quasi tutte le società italiane del Gruppo SACMI1, con l’obiettivo di estenderlo nei prossimi anni all’intero Global Network

Perimetro e periodo di rendicontazione

I dati e le performance ivi riportate si riferiscono all’esercizio fiscale che va dal 01/01/2022 al 31/12/2022, le quali vengono pubblicate annualmente attraverso un documento separato dall’in-

194 Annual Report Integrato 2022
1 Si veda sezione successiva per l’elenco puntuale delle società incluse nel perimetro di rendicontazione.

SACMI Imola Sc Euroelettra Srl

Protesa SpA

ItalianSped SpA

Iprel progetti Srl

Defranceschi Srl

GAIOTTO Automation SpA

SACMI Tech SpA

SACMI Molds & Dies SpA

formativa finanziaria. Allo stesso modo, i temi trattati sono presentati assicurando, per quanto possibile, un confronto con il biennio precedente al fine di consentire a tutti gli stakeholder una comparazione delle performance nel tempo.

I dati e le informazioni contenute in questo Report fanno riferimento, ove non diversamente specificato, al perimetro di rendicontazione comprensivo delle società sopra riportate, di seguito “Gruppo SACMI o Gruppo”.

• Il capitolo di “Governance responsabile e creazione del valore” include le linee di indirizzo strategiche del Gruppo SACMI e, in particolare, il funzionamento degli organi di Governo della capogruppo, SACMI Imola SC.

• Il capitolo di “Innovazione e ricerca” riporta le performance di tutte le società del Gruppo SACMI, ad eccezione dei costi per le attività brevettuali e i dati della tabella corporate “Risorse e progetti R&S” le quali fanno riferimento alla sola SACMI Imola SC.

• Il capitolo “Ricchezza economica generata e distribuita” fa riferimento alle performance della sola capogruppo, SACMI Imola SC. I dati relativi al valore economico generato e distribuito nel 2020-2021 sono oggetto di restatement.

• Il capitolo sui “Fornitori” fa riferimento alle performance di tutto il Gruppo SACMI per i dati qualitativi legati alle procedure e processi aziendali, mentre i dati quantitativi fanno riferimento alla sola SACMI Imola SC.

• Per il capitolo di “Performance sociale” sono

Tecnos Srl

SACMI Impianti SpA

SACMI Carpmec SpA

SACMI Packaging & Chocolate SpA

SACMI Forni & Filter SpA

SACMI Verona SpA

SACMI Beverage SpA

riportate le performance delle società incluse nel perimetro di rendicontazione.

• Per il capitolo di “Performance ambientale” sono riportate le performance delle società incluse nel perimetro di rendicontazione, con le seguenti eccezioni:

1. La società Defranceschi S.r.l. è esclusa dal perimetro di rendicontazione delle informazioni inerenti alla gestione della risorsa idrica.

2. Le informazioni sui materiali derivanti dal riciclo riguardano solamente Carpmec S.p.A., SACMI Verona S.p.A., Defranceschi S.r.l e Protesa S.p.A.

• Infine, i dati e le informazioni riportate nella “Lettera del Presidente” e nel capitolo“ Il Gruppo SACMI” fanno riferimento all’intero Global Network SACMI nel mondo (per l’elenco delle società si veda la sezione “Presenza sul territorio”).

Processo e ambito oggetto di rendicontazione

L'Annual Report consolidato è stato redatto seguendo le linee guida del GRI Sustainability Reporting Standards (GRI Standards) emanate nel 2016 dalla Global Reporting Initiative e recependo le successive integrazioni, che costituiscono il riferimento più diffuso a livello internazionale per la rendicontazione di sostenibilità, secondo l’opzione di rendicontazione “In accordance with”.

195 sacmi.com SACMI Nota metodologica

La redazione del Rapporto si ispira ai principi definiti dal GRI 1 Foundation, a livello di contenuto e qualità della rendicontazione:

• accuratezza, al fine di riportare un’informativa che sia sufficientemente dettagliata da permettere la valutazione degli impatti dell’organizzazione;

• completezza ed equilibrio delle informazioni, al fine di rappresentare nel modo più adeguato le performance di sostenibilità della Società ed equilibrare all’interno del documento gli aspetti sia positivi sia, eventualmente, negativi;

• chiarezza, dell’elaborazione e presentazione dei dati quantitativi e delle informazioni qualitative raccolte, così come delle metodologie di calcolo alla base degli stessi, consentendo a tutti gli stakeholder di operare una valutazione oggettiva e sufficientemente completa delle performance;

• comparabilità dei dati e delle informazioni nel tempo, presentando i dati su scala triennale;

• tempestività della redazione e della pubblicazione dell'Annual Report, che avverrà su base annuale in concomitanza con l’approvazione del Bilancio d’Esercizio.

• verificabilità, ovvero implementando un processo di registrazione, compilazione e analisi delle informazioni in modo tale da garantire una certa qualità dell’informativa fornita.

• contesto di sostenibilità, presentazione del contesto della sostenibilità in maniera ampia e completa (impatti economici, sociali e ambientali a livello locale, regionale o globale).

L'Annual Report consolidato non è soggetto a revisione da nessun ente terzo.

Contatti e Indirizzi

Per commenti, richieste, pareri e spunti di miglioramento al presente Annual Report è possibile scrivere a sostenibilita@sacmi.it

L'Annual Report è disponibile sul sito web: www.SACMI.com.

SACMI IMOLA S.C. Via Provinciale Selice 17/A, 40026 Imola (BO) - Tel. 0542 607111

196 Annual Report Integrato 2022
197 sacmi.com SACMI Nota metodologica

Tabella dei contenuti GRI

Statement of use

IL GRUPPO SACMI ha redatto la presente informativa non finanziaria in accordance con i GRI Standards per il periodo dal 01.01.2022 al 31.12.2022

198 Annual Report Integrato 2022
Sector Standard(s) applicabile NA GRI SUSTAINABILITY REPORTING STANDARD RIFERIMENTO CAPITOLO / PARAGRAFO PAG.
DISCLOSURES GRI 2: General Disclosures 2021 2-1 Dettagli organizzativi 1. Il Gruppo SACMI 14-21 2-2 Entità incluse nella rendicontazione di sostenibilità dell'organizzazione Nota Metodologica 194-196 2-3 Periodo di rendicontazione, frequenza e punto di contatto Nota Metodologica 194-196 2-4 Restatements di informazioni Nota Metodologica 194-196 2-5 Assurance esterna Nota Metodologica 194-196 2-6 Attività, catena del valore e altre relazioni commerciali 1. Il Gruppo SACMI 14-21 2-7 Dipendenti 6.1 Le nostre persone 146-163 2-8 Lavoratori non dipendenti 6.1 Le nostre persone 6.2 I soci 146-165 2-9 Struttura e composizione della governance 2.1 Governance e organizzazione 94-95 2-10 Nomina e selezione del massimo organo di governo 2.2 Organi di governo 96-101 2-11 Presidente del più alto organo di governo 2.2 Organi di governo 96-101 2-12 Ruolo del più alto organo di governo nella supervisione degli impatti 2.2 Organi di governo 96-101 2-13 Delega di responsabilità per la gestione degli impatti 2.2 Organi di governo 96-101 2-14 Ruolo del più alto organo di governo nel reporting di sostenibilità 2.2 Organi di governo 96-101 2-15 Conflitto di interessi 2.3 Integrità del Business e sistemi di controllo 102-105 2-16 Comunicazione delle criticità 2.1 Governance e organizzazione 94-95 2-17 Conoscenza collettiva del più alto organo di governo 2.1 Governance e organizzazione 94-95 2-18 Valutazione delle prestazioni del massimo organo di governo 2.2 Organi di governo 96-101 2-19 Politiche di remunerazione 6.1 Le nostre persone 146-163 2-20 Processo per determinare la remunerazione 6.1 Le nostre persone 146-163 2-21 Rapporto tra i compensi annuali totali * 6.1 Le nostre persone 146-163 2-22 Statement sulla strategia di sviluppo sostenibile Lettera del Presidente 4-10 2-23 Impegni nelle politiche 2.1 Governance e organizzazione 94-95
GRI 1 GRI 1: Foundation 2021 GRI
GENERAL
199 sacmi.com SACMI Tabella GRI 2-24 Integrazione degli impegni nelle politiche 2.1 Governance e organizzazione 94-95 2-25 Processi per rimediare agli impatti negativi 2.1 Governance e organizzazione 94-95 2-26 Meccanismi di consultazione ed espressione di dubbi 2.1 Governance e organizzazione 94-95 2-27 Conformità con le leggi e i regolamenti 2.3 Integrità del Business e sistemi di controllo 102-105 2-28 Associazioni 3.3 Le partnership 118-121 2-29 Approccio di stakeholder engagement 1 Il Gruppo SACMI/Dialogo con gli stakeholder e analisi di materialità 20-25 2-30 Accordi di contrattazione collettiva 6.1 Le nostre persone 146-163 TEMI MATERIALI GRI 3: Temi materiali 2021 3-1 Processo per la determinazione dei temi materiali 1 Il Gruppo SACMI/Dialogo con gli stakeholder e analisi di materialità 20-25 3-2 Lista dei temi materiali 1 Il Gruppo SACMI/Dialogo con gli stakeholder e analisi di materialità 20-25 GRI 201: Performance economiche 2016 201-1 Valore economico direttamente generato e distribuito 4.1 Il valore economico generato e distribuito 132-133 GRI 202: Presenza sul mercato 2016 202-2 Proporzione di senior manager assunti dalla comunità locale 6.1 Le nostre persone 146-163 GRI 204: Pratiche di approvvigionamento 2016 204-1 Proporzione di spesa verso fornitori locali 5 I fornitori 138-143 LOTTA ALLA CORRUZIONE GRI 3: Temi materiali 2021 3-3 Modalità di gestione dei temi materiali 2. Governance responsabile e creazione del valore 92-105 GRI 205: Anticorruzione 2016 205-2 Comunicazione e formazione in materia di politiche e procedure anticorruzione 2.3 Integrità del Business e sistemi di controllo 102-105 GRI 206: Comportamento anticoncorrenziale 2016 206-1 Azioni legali per comportamento anticoncorrenziale, antitrust e pratiche monopolistiche 2.3 Integrità del Business e sistemi di controllo 102-105 GRI 207: Imposte 2019 207-1 Approccio alla fiscalità 4.2 L'approccio alla fiscalità 134-135 207-2 Governance fiscale, contrllo e gestione del rischio 4.2 L'approccio alla fiscalità 134-135 207-3 Coinvolgimento degli stakeholder e gestione delle preoccupazioni in materia fiscale 4.2 L'approccio alla fiscalità 134-135 207-4 Rendicontazione Paese per Paese 4.2 L'approccio alla fiscalità 134-135 GESTIONE DEI MATERIALI GRI 3: Temi materiali 2021 3-3 Modalità di gestione dei temi materiali 7.5 Economia circolare 190 EFFICIENZA ENERGETICA GRI 3: Temi materiali 2021 3-3 Modalità di gestione dei temi materiali 7.1 La gestione degli impatti ambientali 176 GRI 302: Energia 2016 302-1 Energia consumata all'interno dell'organizzazione 7.2 Gestione dell’energia e delle emissioni 177-183 302-4 Riduzione del consumo di energia 7.2 Gestione dell’energia e delle emissioni 177-183
200 Annual Report Integrato 2022 GRI 303: Acqua e scarichi idrici 2018 303-1 Interazione con l'acqua come risorsa condivisa 7.4 Gestione della risorsa idrica 187-189 303-2 Gestione degli impatti correlati allo scarico di acqua 7.4 Gestione della risorsa idrica 187-189 303-5 Consumo di acqua ** 7.4 Gestione della risorsa idrica 187-189 RESPONSABILITA' AMBIENTALE GRI 3: Temi materiali 2021 3-3 Modalità di gestione dei temi materiali 7.1 La gestione degli impatti ambientali 176 GRI 305: Emissioni 2016 305-1 Emissioni dirette di GHG (Scope 1) 7.2 Gestione dell’energia e delle emissioni 177-183 305-2 Emissioni indirette di GHG da consumi energetici (Scope 2) 7.2 Gestione dell’energia e delle emissioni 177-183 305-7 Ossidi di azoto (NOx), ossidi di zolfo (SOx) e altre emissioni nell’aria rilevanti 7.3 Gestione emissioni inquinanti in atmosfera 185 ECONOMIA CIRCOLARE GRI 3: Temi materiali 2021 3-3 Modalità di gestione dei temi materiali 7.1 La gestione degli impatti ambientali 176 GRI 306: Rifiuti 2020 306-1 Produzione di rifiuti e impatti significativi connessi ai rifiuti 7.5 Economia circolare 190 306-2 Gestione degli impatti significativi connessi ai rifiuti 7.5 Economia circolare 190 306-3 Rifiuti prodotti 7.5 Economia circolare 190 306-4 Rifiuti non destinati a smaltimento 7.5 Economia circolare 190 306-5 Rifiuti destinati allo smaltimento 7.5 Economia circolare 190 GRI 308: Valutazione ambientale dei fornitori 2016 308-1 Nuovi fornitori che sono stati valutati utilizzando criteri ambientali 5. I fornitori 138-143 CONDIZIONI DI LAVORO, CLIMA INTERNO E WELFARE GRI 3: Temi materiali 2021 3-3 Modalità di gestione dei temi materiali 6.1 Le nostre persone 146-163 GRI 401: Occupazione 2016 401-1 Assunzioni e turnover 6.1 Le nostre persone/ Composizione e caratteristiche 146-149 401-2 Benefit per i dipendenti full-time che non sono disponibili per i dipendenti a tempo determinato o part time 6.1 Le nostre persone/ Composizione e caratteristiche 146-149 GRI 402: Relazioni tra lavoratori e management 2016 402-1 Periodo minimo di preavviso per cambiamenti operativi 6.1 Le nostre persone/ Benefit e welfare aziendale 156-158 SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO GRI 3: Temi materiali 2021 3-3 Modalità di gestione dei temi materiali 6.1 Le nostre persone 146-163 GRI 403: Salute e sicurezza sul lavoro 2018 403-1 Sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro 6.1 Le nostre persone/ Salute e sicurezza 158-161 403-2 Identificazione dei pericoli, valutazione dei rischi e indagini sugli incidenti 6.1 Le nostre persone/ Salute e sicurezza 158-161 403-3 Servizi di medicina del lavoro 6.1 Le nostre persone/ Salute e sicurezza 158-161 403-4 Partecipazione e consultazione dei lavoratori e comunicazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro 6.1 Le nostre persone/ Salute e sicurezza 158-161 403-5 Formazione dei lavoratori in materia di salute e sicurezza sul lavoro 6.1 Le nostre persone/ Salute e sicurezza 158-161

* Requisiti omessi: a, b, c. Motivazione: informazioni non disponibili. Spiegazione: SACMI si impegnerà nei prossimi esercizi a rendicontare le informazioni relative al rapporto tra i compensi annuali.

** Requisiti omessi: b. I dati sono riportati in metri cubi per questioni di maggiore leggibilità. Motivazione: informazioni non disponibili. Spiegazione: le informazioni relative alle aree soggette a stress idrico non sono disponibili per il presente anno di rendicontazione.

*** Requisiti omessi: b. Motivazione: informazioni non disponibili. Spiegazione: si specifica che i dati relativi ai lavoratori non dipendenti non sono stati rendicontati. SACMI si impegnerà nei prossimi anni a dettagliare le tipologie di infortuni occorsi.

201 sacmi.com SACMI Tabella GRI 403-6 Promozione della salute dei lavoratori 6.1 Le nostre persone/ Salute e sicurezza 158-161 403-7 Prevenzione e mitigazione degli impatti in materia di salute e sicurezza sul lavoro all'interno delle relazioni commerciali 6.1 Le nostre persone/ Salute e sicurezza 158-161 403-9 Infortuni sul lavoro *** 6.1 Le nostre persone/ Salute e sicurezza 158-161 FORMAZIONE DELLE RISORSE GRI 3: Temi materiali 2021 3-3 Modalità di gestione dei temi materiali 6.1 Le nostre persone 146-163 GRI 404: Formazione e istruzione 2016 404-1 Ore medie di formazione annua per dipendente 6.1 Le nostre persone/ La crescita delle competenze 149-155 CONDIZIONI DI LAVORO, CLIMA INTERNO E WELFARE GRI 3: Temi materiali 2021 3-3 Modalità di gestione dei temi materiali 6.1 Le nostre persone 146-163 GRI 405: Diversità e pari opportunità 2016 405-1 Diversità negli organi di governo e tra i dipendenti 6.1 Le nostre persone/ Composizione e caratteristiche 146-149 GRI 406: Non discriminazione 2016 406-1 Episodi di discriminazione e misure correttive adottate 6.1 Le nostre persone/ Composizione e caratteristiche 146-149 GRI 407: Libertà di associazione e contrattazione collettiva 2016 407-1 Attività e fornitori in cui il diritto alla libertà di associazione e contrattazione collettiva può essere a rischio 6.1 Le nostre persone/ Composizione e caratteristiche 146-149 GRI 408: Lavoro minorile 2016 408-1 Attività e fornitori a rischio significativo di episodi di lavoro minorile 5. I fornitori 138-143 GRI 409: Lavoro forzato o obbligatorio 2016 409-1 Attività e fornitori a rischio significativo di episodi di lavoro forzato o obbligatorio 5. I fornitori 138-143 GRI 414: Valutazione sociale dei fornitori 2016 414-1 Nuovi fornitori che sono stati valutati utilizzando criteri sociali 5. I fornitori 138-143 GRI 416: Salute e sicurezza dei clienti 2016 416-1 Valutazione degli impatti sulla salute e sulla sicurezza per categorie di prodotto e servizi 6.3 I clienti 166-168 RAPPORTI CON IL TERRITORIO GRI 3: Temi materiali 2021 3-3 Modalità di gestione dei temi materiali 6.4 La Comunità e il territorio 170-173 STANDARD/CODICE ETICO GRI 3: Temi materiali 2021 3-3 Modalità di gestione dei temi materiali 2.3 Integrità del business e Sistemi di controllo 102-105 COLLABORAZIONI CON SCUOLE E UNIVERSITA' GRI 3: Temi materiali 2021 3-3 Modalità di gestione dei temi materiali 6.1 Le nostre persone 146-163

Coordinamento Relazioni Esterne SACMI

Design Momic Stampa

Modulgrafica Forlivese

204 Annual Report Integrato 2022
ENDLESS INNOVATION SINCE 1919
ENDLESS INNOVATION SINCE 1919
sacmi.com
Issuu converts static files into: digital portfolios, online yearbooks, online catalogs, digital photo albums and more. Sign up and create your flipbook.