Page 1

Arte e comunicazione visiva Selezione 2002-2009

Stefano Piotto


"Scienza e arte: due modi complementari di porsi in relazione con la realtà naturale, analitico il primo, intuitivo il secondo. Considerate agli antipodi l'una dall'altra, talvolta inconciliabili, sono intimamente legate; nel suo sforzo di risolvere tutta la complessità dei fenomeni in poche leggi fondamentali, l'uomo di pensiero è lui stesso un visionario, e non meno di chi ama il Bello, si immerge nella ricchezza delle forme sentendosi parte dell’eterno divenire“ Peter Richter

Canvas 100x100

trasformazione


Canvas 100x100

a billion year


Nei lavori di Stefano Piotto tutto è rivolto ad estrarre un nuovo senso di bellezza, un nuovo canone estetico. Egli parte dall’osservazione che l’uomo, osservatore della natura e delle altrui opere, è lui stesso parte di quella natura. Alle sue regole obbedisce, agli stessi canoni si attiene. Non ha paura nel considerare la scienza, a lungo considerata lontana dall’arte come la chiave per creare, partorire del bello. Se il nostro cervello, con la sua complessa struttura, trova gradevole una struttura arborea (sia essa un albero, la foce di un fiume vista dal cielo, i nostri bronchi, inchiostro di china che imbeve una tela) è perché questo, il nostro cervello, ne possiede la medesima struttura. Comprendere i meccanismi della natura, scopo della scienza, svela i segreti della bellezza. Canvas 100x120

Neuroni 3


La bellezza comporta la cognizione degli oggetti come aventi una certa armonia intrinseca oppure estrinseca, con la natura, che suscita nell'osservatore un senso ed esperienza di attrazione. I lavori di Stefano Piotto poggiano orgogliosamente su due gambe: la sua ricerca scientifica e la sua insopprimibile passione per la bellezza.

Canvas 100x100

Gestaltung


Se l’intellettualizzazione dell'opera d'arte ha rappresenta la più cospicua novità nell'arte di questi ultimi due secoli, dal Romanticismo in poi, Piotto si pone in controtendenza. L’arte moderna e contemporanea, la hegeliana arte romantica, è segnata dal confronto con l'osservatore - critico in modo profondissimo, tale da non consentire più in alcun modo la spontaneità creativa, l'innocenza se non nel ghetto del genere naif. Da quel momento l'opera d'arte è stata "operazione" sul corpo dell'arte; ogni nuova opera è osservatrice della totalità della tradizione artistica; chiama in causa la filosofia dell'arte; si fa meta-arte ed in molteplici correnti si traduce in una discesa agli inferi dei materiali dell'arte. Canvas 200x150

Neuroni 2


Canvas 130x200

A world of possibilities


Canvas 60x140

metamorfosi iperbolica


Canvas 100x100

torre di Babele

Canvas 100x100

surface2


Canvas 100x100

torre di Babele 2

Canvas 100x100

helix


Andare oltre i limiti della rappresentazione grafica. Osare nei materiali non meno che nelle forme. Spingere il calcolo in un mondo di sogno. Esplorare forme semplici, curve, resistenti, eleganti

Canvas 60x60

torre di Babele

Canvas 80x80

surface2


Canvas 60x60

superficie D

Canvas

60x60

squeezing


Our revels now are ended. These our actors, As I foretold you, were all spirits, and Are melted into air, into thin air: And like the baseless fabric of this vision, The cloud-capp'd tow'rs, the gorgeous palaces, The solemn temples, the great globe itself, Yea, all which it inherit, shall dissolve, And, like this insubstantial pageant faded, Leave not a rack behind. We are such stuff As dreams are made on; and our little life Is rounded with a sleep. The Tempest Act 4, scene 1, 148–158

Vetro

100x100

hyperdream


Canvas

100x100

Outside-inside


Canvas 240x80

metamorfosi iperbolica


Tra scienza e design Arte e scienza si fondono nella creazione di nuove strutture


La Natura è maestra di contenuto e di forma; di genotipo e fenotipo. L’ispirazione proviene non dalla sola superficie del mondo, ma da ciò che è sotto la superficie; da ciò che non è immediatamente evidente. Occorre un nuovo linguaggio per rendere visibile l’invisibile bellezza che ci circonda


progetti per tessuti e lampade


40x40x (n40)

progetto di lampada


Alluminio e licra 40x40x (n40)

lampada iperbolica


Stefano Piotto 2009

Selezione 2000-2009  
Selezione 2000-2009  

selezione 2000-2009

Advertisement