Page 1

VASSILIOS KOTRONIAS

ilmanuale dello

di guerra scacchista

PRISMA EDITORI


GRANDI MANUALI DI SCACCHI

46


VASSILIOS KOTRONIAS

il manuale dello

di guerra scacchista

PRISMA EDITORI


Edizione originale: Copyright © 2011 Quality Chess UK Ltd Text Copyright © 2011 Vassilios Kotronias Questa traduzione del libro di Vassilios Kotronias, The Grandmaster Battle Manual, viene pubblicata secondo accordi presi con Quality Chess UK Ltd, 20 Balvie Rd. Milngavie, Glasgow, UK Traduzione Mattia Antonetti Copertina Charles Azzopardi Edizione italiana Copyright © 2012 Prisma Editori Srl Via Pacchiarotti 109, Roma Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta o trasmessa in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo elettronico, meccanico o altro senza l’autorizzazione scritta dell’editore. ISBN 10: 88-7264-130-6 ISBN 13: 978-88-7264-130-9 PRISMA EDITORI SRL Tel: 06 8813636 Fax: 06 8813683 Email: info@prismascacchi.com Sito: www.prismascacchi.com Fotocomposizione, grafica e impaginazione PRISMA EDITORI Srl Fotocomposto in PrismaChessTimes 12/14,5 e PrismaChessFont_A 16/16 Finito di stampare nel mese di giugno 2012 dalla tipografia Centro Stampa e Riproduzione Srl, Roma


SOMMARIO Simbologia ....................................................................................................................................................................................................................9 Prefazione ................................................................................................................................................................................................................11 capitolo 1

Infastidire l’avversario ............................................................................................................................................................................13 capitolo 2

Come reagire ad un insuccesso............................................................................................................................................................53 Affrontare un insuccesso ...................................................................................................................................................54 Il peso delle analisi al computer .............................................................................................................................55 Alcuni esempi pratici ..............................................................................................................................................................57 Preparandomi alla partita ..................................................................................................................................................58 Cosa abbiamo imparato .......................................................................................................................................................80 Dopo la partita‌ ...........................................................................................................................................................................81 Il problema ..............................................................................................................................................................................................81 La soluzione ..........................................................................................................................................................................................82 In una situazione del genere, come reagisce un Campione del mondo? .................................................................................................93 Riepilogando.....................................................................................................................................................................................105 CAPITOLO 3

Non ti fidare delle tue vittorie ......................................................................................................................................................106 I problemi da affrontare...................................................................................................................................................106 I problemi risolvibili.............................................................................................................................................................107 Riepilogando.....................................................................................................................................................................................139 CAPITOLO 4

La geometria ci viene in aiuto............................................................................................................................................................141 Riepilogando.....................................................................................................................................................................................184 IL MANUALE DI GUERRA DELLO SCACCHISTA

7


SOMMARIO

CAPITOLO 5

Il problema dell’avversario più debole.................................................................................................................................185 Apertura ...................................................................................................................................................................................................186 Mediogioco .........................................................................................................................................................................................186 Finale............................................................................................................................................................................................................187 CAPITOLO 6

Abbattere le muraglie.............................................................................................................................................................................263 CAPITOLO 7

È la difesa a fare la differenza .....................................................................................................................................................333 Valutazione .........................................................................................................................................................................................333 Requisiti ...................................................................................................................................................................................................333 Metodi difensivi ..........................................................................................................................................................................334 CAPITOLO 8

La sfida dell’ultimo turno...................................................................................................................................................................386 Partite dell’ultimo turno che hanno perso ogni significato .......................................407 indice dei nomi...................................................................................................................................................................................................411

IL MANUALE DI GUERRA DELLO SCACCHISTA

8


SIMBOLOGIA ∑ √ ± µ ¤Ω Ω¤ ¥ ÷ ≠ ‡ ¡ ¬

Il Bianco sta leggermente meglio Il Nero sta leggermente meglio Il Bianco sta meglio Il Nero sta meglio Vantaggio decisivo del Bianco Vantaggio decisivo del Nero Gioco pari Gioco incerto Con compenso Con controgioco Con attacco Con iniziativa

? ?? ! !! !? ?! ∆ #

Mossa debole Grave errore Mossa forte Mossa fortissima Mossa interessante Mossa dubbia Mossa unica Matto

IL MANUALE DI GUERRA DELLO SCACCHISTA

9


PREFAZIONE I titoli dei libri in genere non hanno bisogno di commenti, ma immagino che più di un lettore si chiederà cosa aspettarsi da un libro intitolato Il manuale di guerra dello scacchista. Beh, diciamo che in un primo momento avevo pensato di chiamarlo Come vincere i tornei open, visto che il libro si basa sulla mia lunga esperienza di tornei, che può contribuire a farvi ottenere risultati migliori. Comunque il mio intento era ed è incoraggiarvi a combattere, a farlo divertendovi e poi anche a vincere! Mi sento in dovere di avvertirvi che in alcuni punti le nostre analisi saranno molto approfondite, con dovizia di particolari. Sarebbe bello poter adottare un metodo meno faticoso, ma oggi nessuno scacchista può pensare di ottenere risultati senza un duro lavoro. Naturalmente affronterò numerosi argomenti, che non è il caso qui di elencare. I titoli di alcuni capitoli, come ‘Non ti fidare delle tue vittorie’, ‘Il problema dell’avversario più debole’, ‘Prima di tutto la difesa’, ‘La partita dell’ultimo turno’ sono abbastanza eloquenti. Ammetto però che ‘Abbattere le muraglie’ possa sembrare stravagante. In realtà l’argomento del capitolo è come affrontare aperture ultra-solide quali ad esempio la Difesa Russa, la Slava o la Difesa Berlinese. Se, come me, anche voi avete passato anni a sbattere la testa contro questi ‘muri’, forse avrete imparato anche ad apprezzare un pizzico di ironia come quella del titolo. Fin dall’inizio della mia carriera ho lavorato moltissimo sugli scacchi ed il mio impegno ora l’ho esteso a scrivere un libro. In cambio del mio lungo impegno, nel corso degli anni ho ottenuto alcuni successi agonistici, anche se non quanti avrei voluto. Spero che voi lettori possiate trarre vantaggio dalla mia esperienza e chissà, insieme al vostro livello di gioco forse migliorerà anche il mio! Vassilios Kotronias Atene, maggio 2011 IL MANUALE DI GUERRA DELLO SCACCHISTA

11


IL MANUALE DI GUERRA DELLO SCACCHISTA

12


CAPITOLO 1

INFASTIDIRE L’AVVERSARIO Creare fastidi all’avversario costituisce a mio parere un aspetto importante del gioco pratico. A scanso di equivoci, sarà bene chiarire fin da subito che con ‘fastidi’ mi riferisco soltanto a quel genere di disagi provocati dalle mosse giocate sulla scacchiera. In tutta la mia carriera ne sono stato spesso vittima e vi assicuro che possono essere molto più fastidiosi di scorrettezze non prettamente scacchistiche, quali assillanti proposte di patta, boccacce e smorfie varie, parlare durante il gioco e via dicendo. Non c’è da stupirsi che la componente ‘fastidio’ abbia un peso notevole sull’esito della lotta sulla scacchiera, visto che mira ad inibire lo stile dell’avversario. L’elenco delle lamentazioni ripetute dalla stragrande maggioranza dei giocatori dopo una brutta partita è interminabile: si va dai commenti più tiepidi come il classico e per certi versi patetico “era vinta, ma ho rovinato tutto”, al più appassionato “ma come ho fatto a perdere?”, fino alle esclamazioni più disperate e ben poco lusinghiere per tutti noi scacchisti, che qui non trascrivo per evi-

tare grane al mio editore. Naturalmente tali commenti mancano di autocritica e non prendono in considerazione le nostre carenze, né i problemi pratici che l’avversario ci ha creato e che hanno cambiato il corso della partita da noi (immeritatamente?) persa o pattata. In che senso allora una mossa o un piano può essere fastidioso? Com’è possibile che dei pezzi di legno apparentemente inanimati ci spingano ad imprecare senza ritegno? È la loro forza oggettiva che ci porta a considerare sgradevoli certe mosse, oppure sono i sentimenti che suscitano in noi quando vengono eseguite sulla scacchiera? A questi interrogativi vorrei rispondere senza troppi giri di parole, così da passare subito agli esempi pratici: ogni mossa ha una sua ‘essenza’ particolare, a cui si può anche essere allergici! Anche i migliori in assoluto, che hanno fama di giocatori dallo stile universale, hanno le loro debolezze. Anche a loro capita di non calcolare determinate varianti perché le trovano sgradevoli o ne hanno timore. C’è chi ad esempio riIL MANUALE DI GUERRA DELLO SCACCHISTA

13


CAPITOLO 1 – INFASTIDIRE L’AVVERSARIO

nuncia ad entrare in un finale superiore, preferendo cercare qualcosa di più concreto per paura di annoiarsi! La forza di una mossa o di un piano fastidioso, dunque, consiste soprattutto nel cercare di intralciare il normale andamento del gioco, anche quando la mossa in sé non è oggettivamente corretta. Il più delle volte, simili mosse hanno il preciso intento di alterare la natura del gioco, e spesso ci riescono. Sorvolando sulla loro validità oggettiva, possiamo riconoscerle dalla loro capacità di condurre a un momento critico, oppure dal tentativo di conquistare l’iniziativa per mezzo di una qualche concessione (ad esempio un sacrificio di materiale). Nella partita che segue ne avremmo potuto avere un esempio, se il giocatore in svantaggio non si fosse lasciato sfuggire l’opportunità di ‘infastidire’ l’avversario. m Viswanathan Anand l Judit Polgar Torneo per il Campionato del Mondo San Luis 2005 1. e4 c5 2. ©f3 e6 3. d4 c≈d4 4. ©≈d4 ©c6 5. ©c3 ∂c7 6. åe3 a6 7. ∂d2 ©f6 8. 0_0_0 åb4 9. f3 ©e7 10. ©de2 b5 11. åf4!? e5 12. åg5 åb7 13. ®b1 @1@ Contrariamente alle mie abitudini, ho evitato di commentare le mosse di apertura, dal momento che sono IL MANUALE DI GUERRA DELLO SCACCHISTA

14

irrilevanti ai fini dell’argomento che stiamo trattando. L’apertura è stata chiaramente un successo per il Bianco, che ha uno sviluppo più armonioso, ha già portato al sicuro il Re e preme sulla colonna ‘d’. Inoltre ha già pronte due diverse minacce: una di natura posizionale (danneggiare la struttura pedonale nera sull’ala di Re con åg5≈f6) e una prettamente tattica (©c3≈b5). Nel complesso la situazione non è piacevole per il Nero, ma neppure disperata: il numero dei pezzi neri puntati verso l’importantissima casa d5 impone al Bianco di stare in guardia contro l’eventuale spinta d7-d5 che, pur essendo di difficile realizzazione, se eseguita libererebbe il gioco del Nero.

>________! @1@ (QYZYMYZW) ∫ (YOTRVRXR) (RYZYZVZY) (YRYZXZIZ) (ZUZYFYZY) (YZJZYFYZ) (FLFHDYFL) (YAYEYCYE) <--------ò 13… åa5?! Stranamente, Judit Polgar non riesce a massimizzare i problemi pratici del suo illustre avversario, compito in cui normalmente l’ungherese è maestra. Onestamente non so se il


INFASTIDIRE L’AVVERSARIO – CAPITOLO 1

miglioramento che vado a proporre avrebbe evitato la sconfitta del Nero nel lungo periodo, ma una cosa è certa: con le Donne sulla scacchiera, il Re abbastanza protetto e un qualche tipo di iniziativa in posizione asimmetrica, Vishy Anand è estremamente pericoloso, e il tratto giocato in partita gli concede il tempo di cui ha bisogno per consolidare gli elementi appena elencati e imprimere al gioco un andamento a lui congeniale. Cos’altro avrebbe potuto fare la Polgar? È chiaro che una situazione così difficile richiede misure drastiche, altrimenti la partita del Nero si deteriorerà nel giro di poche mosse, come in effetti è accaduto in partita. È pur vero che in questa posizione non si vedono misure all’altezza della situazione. Analizziamo dunque alcune possibili continuazioni, come A 13… d5?, B 13… †c8?! e C 13… åc5, prima di soffermarci su quella che considero la mossa più fastidiosa, ovvero 13… 0_0_0!?. 13… d5?. Questa spinta è stata segnalata da diversi commentatori, tra cui Gershon e Nor in San Luis 2005 e De la Villa in Dismantling the Sicilian. 14. ©≈b5 ∂c5 15. ©c7+ ∂≈c7 (il Nero non trova salvezza in 15… ®f8 16. c3! ∂≈c7 17. c≈b4 d≈e4 18. å≈f6 g≈f6 19. ∂h6+ ®e8 20. ©c3¤Ω, e i pezzi bianchi arrivano da A

ogni dove) 16. ∂≈b4 †c8 @2@ (dopo 16… 0_0 17. å≈f6 g≈f6 18. ©g3 i guai per il Nero arriveranno dalla casa h5, ad esempio con 18… †fb8 19. ©h5± oppure 18… d4 19. ©h5±).

>________! @2@ (ZYQYMYZW) Ω (YOTZVRXR) (RYZYZVZY) (YZYRXZIZ) (ZHZYFYZY) (YZYZYFYZ) (FLFYDYFL) s (YAYEYCYE) <--------ò Ora, invece del tratto di De la Villa (17. ∂d2±) sembra anche migliore 17. ∂a4+! åc6 (17… ®f8 18. å≈f6 g≈f6 19. ©g3 d4 20. ©h5¤Ω) 18. ∂a3 åb7 (18… åb5 19. †d2±) 19. †d2 d≈e4 20. å≈f6 g≈f6 21. f≈e4 å≈e4 22. ©c3 åc6∆ (22… åb7 23. å≈a6 å≈a6 24. ∂≈a6¤Ω) 23. å≈a6 †b8 24. †f1 f5 25. ∂c5 ∂b6 26. ∂≈b6 †≈b6 27. åc4±. In questo finale il Bianco è in grande vantaggio. Il tentativo del Nero di liberarsi con l’immediata d7d5 dunque fallisce per motivi tattici. B 13… †c8?! @3@ è strategicamente inadeguata. 14. å≈f6 g≈f6 15. g3!. Il Nero non può più arroccare lungo, ed è fin troppo chiaro che il suo Re non potrà cercare rifugio dietro la struttura danneggiata dell’ala di Re. 15… d5 (15… å≈c3 16. ©≈c3 b4 IL MANUALE DI GUERRA DELLO SCACCHISTA

15


CAPITOLO 1 – INFASTIDIRE L’AVVERSARIO

>________! @3@ (ZYQYMYZW) Ω (YOTRVRXR) (RYZYZVZY) (YRYZXZIZ) (ZUZYFYZY) (YZJZYFYZ) (FLFHDYFL) s (YAYEYCYE) <--------ò 17. ©a4 0_0 18. åh3± e il Bianco ha gioco comodo e un chiaro vantaggio) 16. åh3! å≈c3 (16… d4 17. å≈c8 ∂≈c8 18. ©≈b5!¤Ω; 16… †d8 17. ©≈b5±) 17. ©≈c3 †d8. A questo punto sia 18. ∂h6± sia 18. e≈d5 ©≈d5 19. ©e4± avrebbero consegnato ad Anand una posizione eccellente e particolarmente adatta alle sue caratteristiche di abile tattico e attaccante. Un’altra possibilità menzionata da Gershon e Nor è 13… åc5 @4@. C

>________! @4@ (QYZYMYZW) Ω (YOTRVRXR) (RYZYZVZY) (YRUZXZIZ) (ZYZYFYZY) (YZJZYFYZ) (FLFHDYFL) s (YAYEYCYE) <--------ò Questo tratto d’Alfiere è indubbiamente migliore delle alternative esaminate finora. Ritengo però che anche IL MANUALE DI GUERRA DELLO SCACCHISTA

16

qui il Bianco abbia un fastidioso margine dopo 14. å≈f6 g≈f6 15. ∂h6 ∂b6 16. ©g3!, puntando verso h5 e preparandosi a rispondere a 16… 0_0_0 con 17. ©d5∑. In tal caso il Nero sarà costretto a catturare il Cavallo e dopo 18. e≈d5 il secondo Cavallo bianco in g3 potrà scegliere fra le diverse buone case a sua disposizione. Prima di esporre le mie conclusioni riguardo alla posizione dopo 13. ®b1, vorrei precisare qual è stato il mio approccio iniziale alla posizione, altrimenti l’intero capitolo non avrebbe senso. 1) In uno scenario simile, chiaramente i metodi più convenzionali non servirebbero, soprattutto dovendo affrontare il miglior tattico del mondo, un giocatore dotato di grande sensibilità per l’iniziativa e, in generale, uno dei più abili scacchisti nella storia del gioco. 2) Il Nero deve a qualsiasi costo minimizzare i rischi a cui è sottoposto il suo Re e, se possibile, provocare una crisi che permetta di cambiare qualche pezzo. Il lato di Donna era l’unico riparo sicuro che io riuscissi a vedere per il Re nero. 3) Un altro aspetto che mi colpiva era l’importanza di poter rispondere alla prevedibile åg5≈f6 con una rapida spinta in d5, così da eliminare la debolezza sulla colonna ‘d’ ed attivare la coppia degli Alfieri.


INFASTIDIRE L’AVVERSARIO – CAPITOLO 1

4) Come ho già lasciato intendere, se il Nero non riesce a mettere assieme diversi ingredienti, magari persino straordinari, per ottenere risultati importanti, la sua posizione è praticamente persa. Tuttavia, ciò che mi spingeva a credere che esistesse una soluzione era l’impressione che il Nero non avesse giocato l’apertura così male da meritare una condanna senza appello dopo appena 13 mosse.

coppia degli Alfieri, ma non dobbiamo fermarci qui.

Tali considerazioni mi hanno portato ad una soluzione decisamente ‘non da computer’, che vado a presentarvi. 13… 0_0_0!? @5@.

Osservando con più attenzione il diagramma, ci rendiamo conto che le cose iniziano ad andare un po’ meglio per il Nero, che tutt’a un tratto ha uno sviluppo migliore e più armonioso. In effetti l’uscita di scena delle Donne ha tolto ogni preoccupazione al Re nero; inoltre, a causa della prima traversa debole e della crescente attività del Nero, per il Bianco non è facile consolidare il pedone in più. Ce n’è abbastanza per concludere che le possibilità pratiche del Nero sono ottime e che l’iniziativa, passata nelle sue mani, avrebbe imposto a Vishy un compito tecnicamente molto difficile per far valere il pedone in più. Tuttavia, come quasi sempre accade nell’esaminare decisioni opinabili scaturite da una situazione difficile, si potrebbe obiettare che questo ragionamento presenta qualche controindicazione. Per cominciare, Anand non è solo un tattico, ma an-

>________! @5@ (ZYMWZYZW) Ω (YOTRVRXR) (RYZYZVZY) (YRYZXZIZ) (ZUZYFYZY) (YZJZYFYZ) (FLFHDYFL) s (YAYEYCYE) <--------ò Questa possibilità mai sperimentata finora sembra la replica più critica: il Nero sacrifica un pedone in cambio di un certo compenso nel finale. Le prossime mosse sono più o meno forzate. 14. å≈f6 g≈f6 15. ©≈b5 å≈d2 16. ©≈c7 ®≈c7 17. †≈d2 d5! @6@. A questo punto il Nero ha perso un pedone e non ha più nemmeno la

>________! @6@ (ZYZWZYZW) Ω (YOSZVRYR) (RYZYZXZY) (YZYRXZYZ) (ZYZYFYZY) (YZYZYFYZ) (FLFKDYFL) s (YAYZYCYE) <--------ò

IL MANUALE DI GUERRA DELLO SCACCHISTA

17


CAPITOLO 1 – INFASTIDIRE L’AVVERSARIO

che un giocatore dotato di ottima tecnica, e non è affatto escluso che nel finale non sarebbe riuscito a concretizzare il vantaggio di materiale. Tutto vero, ma io continuo a preferire la mia proposta rispetto al seguito giocato in partita. Partendo dalle argomentazioni sopra elencate, vediamo concretamente perché 13… 0_0_0!? è una buona mossa. Per cominciare, una partita più lunga implica un dispendio di energie maggiore, il che favorisce l’insorgere di eventuali imprecisioni. In secondo luogo, anche per dei professionisti di questo calibro non è piacevole passare da una bella posizione d’attacco a un finale scialbo. Va detto poi che Judit Polgar è davvero molto abile nel difendere finali inferiori se i suoi pezzi sono attivi, come nel caso in esame. Infine, è importante osservare che il vantaggio del Bianco potrebbe non essere oggettivamente decisivo, come è stato invece in partita: le seguenti analisi dimostrano che anche il Nero ha le sue carte da giocare. Andiamo a vedere. 18. e≈d5 ©≈d5 @7@. Ora le continuazioni più importanti da esaminare sono A 19. ®c1 e B 19. †d3!. 19. ®c1. Qui il Nero può prendere di mira la debolezza delle case scure e3, f4, g3. 19… f5!? 20. †g1 A

IL MANUALE DI GUERRA DELLO SCACCHISTA

18

>________! @7@ (ZYZWZYZW) Ω (YOSZYRYR) (RYZYZXZY) (YZYPXZYZ) (ZYZYZYZY) (YZYZYFYZ) (FLFKDYFL) s (YAYZYCYE) <--------ò (20. ©g3 ©e3 21. åd3 ©≈g2 22. ©≈f5 å≈f3 23. †g1 e4 24. å≈a6 †≈d2 25. ®≈d2 †d8+ 26. ®c3 †d5 27. ©d4 ©e3 sembra molto incerta, almeno con l’orologio in moto) 20… h5! 21. †d3 (alcuni motori d’analisi suggeriscono 21. f4!?, una continuazione indubbiamente a doppio taglio). 21… h4 @8@.

>________! @8@ (ZYZWZYZW) Ω (YOSZYRYZ) (RYZYZYZY) (YZYPXRYZ) (ZYZYZYZX) (YZYEYFYZ) (FLFYDYFL) s (YZGZYCKZ) <--------ò Per il Bianco non è facile coordinare i suoi pezzi. Può seguire ad esempio 22. ©c3 (in caso di 22. c4 ©b4 23. †≈d8 †≈d8 24. ©c3 il Nero può rispondere sia 24… f4≠ sia 24… h3!?) 22… ©f4 23. †≈d8 †≈d8 24. g3 (24. ©e2 si imbatte in 24…


INFASTIDIRE L’AVVERSARIO – CAPITOLO 1

©d5!, mentre 24. åc4 rientra nella linea principale dopo 24… †g8 25. g3 ©e6) 24… †g8! (24… ©e6 25. f4!∑) 25. åc4 ©e6 26. ©d5+ (26. †e1 f4!). Dopo lo scacco in d5 il Nero sembra avere ottime possibilità di patta sia con 26… ®d6 che con 26… å≈d5!? 27. å≈d5 h≈g3 28. h≈g3 ®d6 29. c4 ®c5! 30. ®d2 ®d4≠. 19. †d3! @9@. La mia impressione è che senza questa mossa il controgioco del Nero si svilupperebbe più velocemente. Si tratta di un’idea non facile da trovare, perché molti di noi preferirebbero avvicinare il Re al centro, come nell’altra variante. B

>________! @9@ (ZYZWZYZW) ∫ (YOSZYRYR) (RYZYZXZY) (YZYPXZYZ) (ZYZYZYZY) (YZYEYFYZ) (FLFYDYFL) s (YAYZYCYE) <--------ò Per parare la minaccia ©d5-c3+ il Bianco ha dovuto spendere un tempo; ora però minaccia di ricacciare indietro il Cavallo con c2-c4. Analizzeremo tre continuazioni per il Nero: B1 19… ©b4!?, B2 19… †hg8 e B3 19… f5!. B1

19… ©b4!? 20. †≈d8 †≈d8

21. ©c3 @10@.

>________! @10@ (ZYZWZYZY) ∫ (YOSZYRYR) (RYZYZXZY) (YZYZXZYZ) (ZVZYZYZY) (YZJZYFYZ) (FLFYZYFL) s (YAYZYCYE) <--------ò È la continuazione che ho analizzato per prima. Ora il Nero deve giocare 21… †g8! (e non certo 21… †d2?! 22. a3 ©≈c2?, e il Bianco chiude rapidamente i conti dopo 23. ®c1 †f2 24. ©d1¤Ω). 22. a3 ©d5 23. ©≈d5+ å≈d5. In questo modo però al Bianco servono solo mezzi semplici per andare a stare meglio. 24. b4 f5 (24… a5 25. b≈a5 f5 26. ®c1±) 25. h4 f4!? (se 25… e4, dopo 26. ®b2!? [con l’idea 27. f≈e4 f≈e4 28. †h3 f5 29. †c3+ seguita da g2-g3] 26… e≈f3 27. g≈f3 å≈f3 28. †h2± il Bianco sta indubbiamente meglio; lo stesso si può dire anche in caso di 25… ®b7 26. ®b2±) 26. †h2! (per poter giocare åf1-d3) 26… f5 27. h5! (27. å≈a6?! †a8!). Dopo la spinta in h5, nonostante la posizione apparentemente impacciata della Torre h2 il Bianco è in grado di fare progressi: 27… h6 28. ®b2 ®b7 (28… åb7 29. c4 åc6 30. ®c3 †d8 [30… †g3 31. åe2±] 31. åe2 †g8 32. IL MANUALE DI GUERRA DELLO SCACCHISTA

19


CAPITOLO 1 – INFASTIDIRE L’AVVERSARIO

åd1 non cambia nulla: il piano del Bianco resta immutato ed è molto semplice) 29. c4 åc6 30. ®c3 †g3 31. åe2 †g7 @11@ (31… e4 32. ®d4 e≈f3 33. g≈f3 å≈f3 34. å≈f3+ †≈f3 35. †a2!±)

>________! @11@ (ZYZYZYZY) Ω (YMYZYZWZ) (RYOYZYZX) (YZYZXRYF) (ZLFYZXZY) (LZGZYFYZ) (ZYZYCYFK) s (YZYZYZYZ) <--------ò 32. åd1! e4 33. a4± ed i pedoni avanzeranno minacciosi! B2 La seconda possibilità che ho esaminato è stata 19… †hg8 @12@.

>________! @12@ (ZYZWZYQY) Ω (YOSZYRYR) (RYZYZXZY) (YZYPXZYZ) (ZYZYZYZY) (YZYEYFYZ) (FLFYDYFL) s (YAYZYCYE) <--------ò Il problema è che si dà al Bianco la possibilità di controllare f5: dopo 20. ©g3 ©f4 (20… ©e3 21. †c3+±) 21. †c3+! ®b6 22. ®c1 a5 23. ©e4 å≈e4 24. f≈e4 ©≈g2 25. †b3+ ®c5 IL MANUALE DI GUERRA DELLO SCACCHISTA

20

26. †b7 †g7 27. †a7± alla lunga il Bianco dovrebbe vincere. Sono giunto così alla conclusione che il seguito migliore, perfettamente in linea con la strategia di infastidire l’avversario, è 19… f5!. Invece di consentire un cambio di pezzi, questa spinta sembra l’opzione più naturale. Il Bianco può scegliere fra diverse continuazioni e pertanto c’è anche la possibilità che sbagli strada. Le mosse da valutare sono B31 20. ©c1, B32 20. ©g3, B33 20. g3, B34 20. ©c3!? e B35 20. c4!. B3

B31

20. ©c1 @13@

>________! @13@ (ZYZWZYZW) ∫ (YOSZYRYR) (RYZYZYZY) (YZYPXRYZ) (ZYZYZYZY) (YZYEYFYZ) (FLFYZYFL) s (YAJZYCYE) <--------ò 20… e4 21. †a3 †hg8 22. f≈e4 f≈e4 23. g3 †g6 24. åe2 f5 25. †f1∑ @14@. Qui il vantaggio del Bianco non è poi così grande: il Nero può cercare controgioco con †g6-f6 seguita da f5-f4. B32 Un altro tentativo logico è 20. ©g3, ma il Nero ha pronta una ri-


INFASTIDIRE L’AVVERSARIO – CAPITOLO 1

>________! @14@ (ZYZWZYZY) ∫ (YOSZYZYR) (RYZYZYQY) (YZYPYRYZ) (ZYZYRYZY) (KZYZYZLZ) (FLFYCYZL) s (YAJZYEYZ) <--------ò sposta tattica: 20… ©e3! 21. †c3+ ®b6 22. †b3+ (22. åd3 f4) 22… ®a7! 23. å≈a6 å≈a6 24. †≈e3 f4 25. †≈e5 f≈g3¥. Il pedone c2 sarà il bersaglio del controgioco del Nero. Il tentativo di impedire f5-f4 con 20. g3 (per evitare di finire in posizione compressa) potrebbe ritorcersi contro il Bianco dopo 20… h5!, con l’idea h5-h4 che crea un controgioco molto pericoloso; il Nero qui potrebbe stare persino meglio. È invece debole 20… e4?! 21. f≈e4 f≈e4 22. †b3 ©f6 23. åg2 †d2 24. †e1 åc6 25. ®c1 †hd8 26. †c3 ®b6 27. ©f4±, mentre merita attenzione 20… ©e7!?÷. B33

20. ©c3!? @15@. Un’opzione interessante, ma difendendosi con precisione il Nero può resistere. 20… †hg8! (20… ©f4 21. †e3∑) 21. g3!?. Un dettaglio importante (qui 21. ®c1?! è superflua e concede al Nero il tempo per organizzare un controgioco: 21… f4! 22. g3 [22. ©≈d5+ †≈d5 23. †c3+ ®b8≠] B34

>________! @15@ (ZYZWZYZW) ∫ (YOSZYRYR) (RYZYZYZY) (YZYPXRYZ) (ZYZYZYZY) (YZJEYFYZ) (FLFYZYFL) s (YAYZYCYE) <--------ò 22… ©e3 23. †≈d8 ®≈d8 24. åe2 ®e7! [24… f≈g3?! è incoerente e dà chiaro vantaggio al Bianco dopo 25. h≈g3 †≈g3 26. ®d2 ©f5 27. †≈h7 †g2 – 27… ©d4 28. †≈f7± – 28. ®e1! – 28. †≈f7 ©d6 – 28… ®e7 29. åf1! †g3 – 29… †≈c2 30. åd3 †≈b2 31. å≈f5 å≈f3 32. åg6¤Ω – 30. åc4 ©d6 31. åe2±]. Dopo 24… ®e7 il Nero è pronto a dare il via al controgioco basato su h7-h5-h4 indipendentemente da ciò che fa il Bianco, ad esempio 25. b4 h5!). 21… f4 @16@

>________! @16@ (ZYZWZYQY) Ω (YOSZYRYR) (RYZYZYZY) (YZYPXZYZ) (ZYZYZXZY) (YZJEYFLZ) (FLFYZYZL) s (YAYZYCYE) <--------ò 22. åe2. In sostanza il Bianco ha guadagnato un tempo omettendo ®b1-c1, ma anche questo non basta IL MANUALE DI GUERRA DELLO SCACCHISTA

21


CAPITOLO 1 – INFASTIDIRE L’AVVERSARIO

contro una difesa corretta. 22… f≈g3! (22… ©e3 23. †≈d8 ®≈d8 24. ©e4! å≈e4 25. f≈e4 a5 26. ®c1 ®e7 27. ®d2 †g6 28. b3± permette al Bianco di stabilizzare la posizione a suo vantaggio) 23. h≈g3 †≈g3! 24. †hd1! @17@

>________! @17@ (ZYZWZYZY) ∫ (YOSZYRYR) (RYZYZYZY) (YZYPXZYZ) (ZYZYZYZY) (YZJEYFWZ) (FLFYCYZY) s (YAYEYZYZ) <--------ò 24… †g2!!. Il Nero riesce a salvarsi grazie a questo splendido contrattacco (24… h5? conduce a un finale perso dopo 25. ©≈d5+ †≈d5 26. †≈d5 å≈d5 27. †≈d5 h4 28. b4! h3 [28… f6 29. †d1 h3 30. †h1¤Ω] 29. †≈e5 h2 30. †h5 †g1+ 31. ®b2 h1∂ 32. †≈h1 †≈h1 33. å≈a6¤Ω e i tre pedoni passati uniti dovrebbero risultare determinanti). 25. åf1! †g1∆ 26. ©e4! @18@. Il Bianco progetta c2-c4, oltre a minacciare di irrompere in c5 con il Cavallo. 26… åc8! 27. ®c1! (evitando la diabolica trappola 27. c4? ©c3+Ω¤) 27… f5 28. ©c5 e4!? (28… ®c6 29. b4¬) 29. f≈e4 f≈e4 30. †d4! @19@ (più forte di 30. ©≈e4 åg4 31. åe2 å≈e2 32. †≈g1 å≈d3 33. c≈d3 ©b4) 30… h5!! (30… åg4 31. IL MANUALE DI GUERRA DELLO SCACCHISTA

22

@18@ ∫

s @19@ ∫

s

>________! (ZYZWZYZY) (YOSZYRYR) (RYZYZYZY) (YZYPXZYZ) (ZYZYDYZY) (YZYEYFYZ) (FLFYZYZY) (YAYEYCWZ) <--------ò >________! (ZYOWZYZY) (YZSZYZYR) (RYZYZYZY) (YZJPYZYZ) (ZYZKRYZY) (YZYZYZYZ) (FLFYZYZY) (YZGEYCWZ) <--------ò

åe2! †≈d1+ 32. å≈d1±; 30… †f8 31. å≈a6 †≈d1+ 32. †≈d1±). Ora, qualunque cosa decida di fare il Bianco, la partita sembra destinata a terminare patta. 31. †≈e4 @20@ (31. c4?! †f8!¥; 31. ©≈e4!? åg4 32. åe2 †≈d1+ 33. å≈d1 å≈d1 34. †≈d1 ©f4 35. †≈d8 ®≈d8 36. ®d2 h4 37. ©f2 h3¥, e il Bianco dovrà barattare uno dei pedoni dell’ala di Donna con il pedone ‘h’, e la patta diventerà pressoché inevitabile) 31… ©e3! (inferiore è 31… ©c3?! perché dopo 32. †e7+ ®c6 [oppure 32… ®b6 33. †≈d8 †≈f1+ 34. ®d2 †d1+ 35. ®≈c3 †≈d8 36. ©a4+! e la Torre si


INFASTIDIRE L’AVVERSARIO – CAPITOLO 1

>________! @20@ (ZYOWZYZY) ∫ (YZSZYZYZ) (RYZYZYZY) (YZJPYZYR) (ZYZYEYZY) (YZYZYZYZ) (FLFYZYZY) s (YZGEYCWZ) <--------ò porta alle spalle del pedone passato: 36… ®c6 37. †h7 åg4 38. b3±] 33. åb5+! [33. †≈d8 †≈f1+ 34. ®d2 †d1+ 35. ®≈c3 †≈d8 36. ©d3 †h8¥] 33… ©≈b5 34. †≈g1 ®≈c5 35. †e5+ ®d6 36. †≈h5± il Bianco ha buone possibilità di vittoria) 32. †e7+ †d7!! 33. †1≈d7+ (33. ©≈d7 ©≈d1¥) 33… å≈d7 34. †≈e3 (34. ©≈d7 †≈f1+ 35. ®d2 ©d5 36. †h7 †f2+ 37. ®d3 ®d6!¥; 34. †≈d7+ ®c6 35. b4 a5¥) 34… †≈f1+ 35. ®d2 åc8 36. †e7+ ®b6 37. ©a4+ (37. ©d3 h4 38. †h7 h3¥) 37… ®c6 38. †h7 †f2+ 39. ®e3 †≈c2 40. †≈h5∑/¥. Il Bianco può solo sperare in un errore dell’avversario. Passiamo ora alla mossa migliore tra quelle a disposizione del Bianco. 20. c4! @21@. Questa spinta chiarisce in parte la situazione, obbligando il Cavallo d5 a decidere in quale direzione avviarsi. 20… ©f6 (20… ©b4 21. †≈d8 †≈d8 22. ©c3± è promettente per il Bianco, perché il B35

>________! @21@ (ZYZWZYZW) ∫ (YOSZYRYR) (RYZYZYZY) (YZYPXRYZ) (ZYFYZYZY) (YZYEYFYZ) (FLZYDYFL) s (YAYZYCYE) <--------ò Nero non può irrompere con la Torre, ad esempio 22… †d2 23. a3 ©c2?? 24. ®c1 †f2 25. ©d1!¤Ω) 21. ©c3 †≈d3 (21… e4 22. †≈d8 †≈d8 23. f≈e4 ©≈e4 24. ©d5+! å≈d5 25. c≈d5± è chiaramente favorevole per il Bianco. Anche dopo 21… †hg8 22. †≈d8 ®≈d8 23. ®c2± le prospettive del Bianco sono migliori) 22. å≈d3 †g8 @22@

>________! @22@ (ZYZYZYQY) Ω (YOSZYRYR) (RYZYZVZY) (YZYZXRYZ) (ZYFYZYZY) (YZJCYFYZ) (FLZYZYFL) s (YAYZYZYE) <--------ò 23. †e1! e4 24. f≈e4 f≈e4 25. åf1 ©g4 26. h3 ©h2 27. g4. Quando analizzai la posizione per la prima volta, decisi di fermarmi qui, anche perché andare oltre sembrava inutile. In questo finale il Bianco è ancora preferibile perché, nonostante IL MANUALE DI GUERRA DELLO SCACCHISTA

23


CAPITOLO 1 – INFASTIDIRE L’AVVERSARIO

l’attività del Nero, il cambio di una coppia di Torri e la mobilitazione relativamente armoniosa dei pezzi bianchi fanno del pedone di vantaggio un fattore alquanto significativo. Una possibile continuazione è 27… ©f3 (27… ®d6 28. †d1+ ®e5 29. åe2±) 28. †d1 @23@

>________! @23@ (ZYZYZYQY) ∫ (YOSZYRYR) (RYZYZYZY) (YZYZYZYZ) (ZYFYRYFY) (YZJZYPYF) (FLZYZYZY) s (YAYEYCYZ) <--------ò 28… †g5 29. ®c2 h5 30. g≈h5 †≈h5 31. b4! ©h2!? 32. åg2 ©f3 (32… f5? 33. ©d5+ å≈d5 34. †≈d5 ©f3 35. ®d1±) 33. c5 f5 34. åf1 ©h2 35. åc4 †≈h3 36. åe6 ©g4 37. †d7+ ®b8 38. †f7¬. Restituendo il pedone, il Bianco ha acquisito una pericolosa iniziativa. Durante la stesura del libro, nel riesaminare le varianti appena esposte ho avuto per un attimo la sensazione che il Nero fosse continuamente appeso a un filo, e che in torneo pattare sarebbe stato praticamente impossibile. Ma riflettendoci sopra, ho capito che le cose non stanno proprio così: la posizione è tagliente per il Bianco quanto lo è per il Nero. L’uIL MANUALE DI GUERRA DELLO SCACCHISTA

24

so quotidiano del computer poi ha migliorato enormemente la tecnica difensiva dei giocatori di vertice negli ultimi anni. Infine, trattandosi di giocatori di livello così elevato, non bisogna dimenticare la forza del loro intuito, un’arma che spesso permette loro di trovare ‘mosse uniche’ recuperando temi e motivi immagazzinati nella loro memoria, senza bisogno di calcolare troppo a lungo. Credo che a questi livelli, il problema più serio per il difensore sia trovare l’idea più adatta a creare problemi all’avversario, e ad allontanare il corso degli eventi dalla direzione più prevedibile. Per giocatori di questo calibro, poi, l’operazione esecutiva dell’idea sarà ordinaria amministrazione ed in genere di buona qualità, soprattutto nel finale. Si può allora affermare che la mia sensazione che il Nero dovesse arroccare lungo alla tredicesima mossa sia corretta, sul piano pratico? Considerando il numero e la profondità delle varianti analizzate e sapendo che, strada facendo, potrebbero esistere miglioramenti per entrambi i colori, direi proprio di sì. Inoltre la mia proposta è certamente più tenace della scelta della Polgar, e combina una continuazione abbastanza solida con un atteggiamento coraggioso che può infastidire l’avversario. Dopo tutto, se a partire dalla tredicesima mossa, a gioco corretto la posizione del Nero fosse persa, ciò non inficerebbe l’uti-


INFASTIDIRE L’AVVERSARIO – CAPITOLO 1

lità di infastidire l’avversario, un’arma che si basa non sulla valutazione oggettiva della posizione, ma sulla debolezza della natura umana. Ricapitolando, per infastidire al massimo l’avversario dobbiamo prima di tutto attirarlo in un territorio in cui è meno forte, o più a rischio di spendere troppe energie: per fare ciò dobbiamo trovare un’idea degna di nota (anche se non necessariamente corretta). Il cambio di ritmo potrebbe indurre (o costringere) l’avversario a commettere errori, che noi dovremo cercare di sfruttare rimanendo costantemente vigili. E non dimentichiamo che ciò che distingue i giocatori umani dai computer è, in ultima analisi, la consapevolezza che non serve sacrificare un pezzo dopo l’altro soltanto per rimandare di qualche mossa un matto forzato, nella speranza che l’avversario non lo veda. È sbagliato sentirci più in colpa per come abbiamo giocato che per il risultato della partita: con questo atteggiamento non saremo mai capaci di correre rischi quando la situazione lo richiede. Nella partita che stiamo esaminando, Judit Polgar non ha visto oppure ha sottovalutato l’importanza di sacrificare un pedone per raggiungere l’interessante finale che abbiamo appena analizzato, e ben presto è finita in posizione priva di prospettive. Il suo problema più grave non fu tanto di trovarsi in posizione inferiore, quanto di dover affrontare un avver-

sario perfettamente a proprio agio in quel tipo di scenario: pochissimi cambi, le Donne ancora sulla scacchiera e una lunga serie di debolezze contro cui giocare. Riporto anche il resto dell’incontro, a riprova di quanto sia importante saper infastidire l’avversario: sarà presto evidente che, a differenza della battaglia tesa che scaturisce da 13… 0_0_0!?, in partita non c’è stata praticamente storia. I commenti si basano sulle analisi di Ribli per ChessBase e su quelli pubblicati nel libro di Gershon e Nor San Luis 2005. 14. å≈f6! Una novità teorica: in una precedente partita tra giocatori molto forti, era stata giocata 14. ∂d6 @24@.

>________! @24@ (QYZYMYZW) ∫ (YOTRVRXR) (RYZHZVZY) (URYZXZIZ) (ZYZYFYZY) (YZJZYFYZ) (FLFYDYFL) s (YAYEYCYE) <--------ò In Akopian-Nisipeanu, Goteborg 2005, dopo 14… ©fd5! 15. ∂≈c7 ©≈c7 16. ©g3 f6 i giocatori si accordarono per la patta, ma la partita è un’ottima dimostrazione di quanto sia importante prendere decisioni anIL MANUALE DI GUERRA DELLO SCACCHISTA

25


CAPITOLO 1 – INFASTIDIRE L’AVVERSARIO

che in base all’avversario e al suo stile di gioco: la stessa scelta che ha fruttato mezzo punto contro un giocatore posizionale come Akopian non è una buona idea contro un avversario che brilla in posizioni squilibrate, e che è sempre alla ricerca di sfumature in apertura. Qualcuno potrà obiettare che la Polgar non poteva non conoscere la partita Akopian-Nisipeanu e che pertanto potrebbe aver giocato di slancio ogni sua mossa fino a questo momento. Se così fosse, il dilemma alla tredicesima mossa non avrebbe neppure sfiorato la mente di Judit e dunque il problema che ho affrontato in queste pagine, scegliendo di commentare la partita di San Luis, non si porrebbe nemmeno. Anche se non amo tirare a indovinare, considero tale eventualità altamente improbabile per una serie di motivi: per cominciare, la variante con 11. åf4 era estremamente rara all’epoca della partita (i database ne contenevano un solo esempio); inoltre, è difficile pensare che la Polgar la conoscesse davvero e l’avesse analizzata a fondo con l’aiuto del computer, perché in tal caso avrebbe trovato almeno la superiore 13… åc5. In terzo luogo, stiamo parlando di una giocatrice che ama pensare con la propria testa, senza fare troppo affidamento sulla cosiddetta ‘teoria’. 14… g≈f6 15. ∂h6 @25@ IL MANUALE DI GUERRA DELLO SCACCHISTA

26

>________! @25@ (QYZYMYZW) ∫ (YOTRVRYR) (RYZYZXZH) (URYZXZYZ) (ZYZYFYZY) (YZJZYFYZ) (FLFYDYFL) (YAYEYCYE) <--------ò In h6 la Donna è ben collocata e d’ora in poi il Bianco terrà saldamente in pugno l’andamento del gioco. 15… ∂b6 Per difendere il pedone f6. Non è migliore 15… ©g6 perché il Bianco avrebbe la semplice 16. ∂g7±, oppure l’ancor più forte 16. g3! b4 17. ©d5 å≈d5 18. †≈d5 †c8, cui può seguire 19. ∂c1± oppure 19. †d2!? b3 20. a≈b3!? å≈d2 21. ∂≈d2≠. Anche 15… †c8 non è una soluzione: può seguire 16. ∂≈f6 †g8 17. g3! b4 18. åh3 åc6 19. ©d5 å≈d5 20. e≈d5 ∂≈c2+ 21. ®a1 ∂≈e2 22. †he1 ∂b5 23. †≈e5 ∂c5 24. †5e1 ®f8 25. d6¤Ω. Infine 15… b4!? 16. ∂≈f6 †g8 17. ©a4 †c8 @26@ ha tutta l’aria di essere un valido tentativo pratico. Ancora una volta, l’idea è infastidire l’avversario attivando al massimo i pezzi neri, ma in questo caso i risultati non sono quelli sperati. Il Bianco deve proseguire nel seguente modo: 18. †c1! d5 (18… †g6?! 19. ∂h8+


INFASTIDIRE L’AVVERSARIO – CAPITOLO 1

>________! @26@ (ZYQYMYQY) Ω (YOTRVRYR) (RYZYZHZY) (UZYZXZYZ) (DXZYFYZY) (YZYZYFYZ) (FLFYDYFL) s (YAYEYCYE) <--------ò †g8 20. ∂≈h7 åc6 cede troppi pedoni e dopo 21. ©c5 åb6 [21… ∂d6 22. ©d3¤Ω] 22. ©≈a6 [22. ©d3 åe3] 22… ∂d6 23. ©g3 †f8 24. ©h5 åb7 25. ©g7+ ®d8 26. ∂h4!¤Ω il Bianco esce dalle complicazioni a testa alta) 19. ©g3 b3 @27@

>________! @27@ (ZYQYMYQY) Ω (YOTZVRYR) (RYZYZHZY) (UZYRXZYZ) (DYZYFYZY) (YRYZYFJZ) (FLFYZYFL) s (YAKZYCYE) <--------ò 20. c3! (dopo 20. a≈b3 åd2 21. å≈a6 åg5 22. ∂b6 ∂≈b6 23. ©≈b6 å≈a6 24. ©≈c8 å≈c8 25. †cd1 d4÷ la posizione è a doppio taglio) 20… b≈a2+ 21. ®a1 ∂d7 (21… †g6 22. ∂h8+ †g8 23. ∂≈h7 ∂c6 [23… ∂d7 24. ©h5 ∂≈a4 25. ©f6+¤Ω] non funziona in previsione della semplice 24. e≈d5 ∂≈a4 25. d6, nell’intento di replica-

re a 25… †≈c3!? con 26. åe2! †≈c1+ 27. †≈c1 ∂f4 28. †d1¤Ω) 22. ©b6 å≈b6 23. ∂≈b6 †g6 24. ∂a5±. L’attività del Nero è chiaramente a un punto morto: qui il Bianco dovrebbe vincere. 16. g3! @28@

>________! @28@ (QYZYMYZW) ∫ (YOYRVRYR) (RTZYZXZH) (URYZXZYZ) (ZYZYFYZY) (YZJZYFLZ) (FLFYDYZL) (YAYEYCYE) <--------ò Una mossa molto forte: la minaccia 17. åh3 impone al Nero una scelta difficile. 16… ∂e6 16… f5 17. ∂g7 †g8 18. ∂≈e5 ∂e6 19. ∂f4± è chiaramente superiore per il Bianco. È troppo tardi per arroccare lungo con 16… 0_0_0, in previsione di 17. åh3 b4 18. ©d5 ©≈d5 19. e≈d5 ®b8, che dà origine a posizioni strategicamente deprimenti per il Nero sia dopo 20. †hf1± che dopo 20. åf5±. Anche 16… b4 non va a buon fine se il Bianco risponde con la precisa 17. ©a4! (è invece un errore 17. ©d5, e il Nero potrebbe anche stare meglio dopo 17… å≈d5 18. e≈d5 IL MANUALE DI GUERRA DELLO SCACCHISTA

27


CAPITOLO 1 – INFASTIDIRE L’AVVERSARIO

©f5 19. ∂c1 ©d6) 17… ∂c6 18. åh3! (una valida alternativa è la solida 18. b3!? 0_0_0 [18… d5 19. åh3] 19. ∂h5±) 18… f5 19. ∂g7 †f8 (19… †g8 20. ∂≈e5 ∂≈a4 21. å≈f5) 20. ∂≈e5 ∂≈a4 21. ©d4, con un attacco molto forte. Alcune delle varianti appena esaminate ci mostrano con chiarezza la forza della Donna bianca quando irrompe nel campo nemico, a differenza di quella nera che non trova alcuna debolezza da attaccare. 17. åh3 f5 @29@

>________! @29@ (QYZYMYZW) Ω (YOYRVRYR) (RYZYNYZH) (URYZXRYZ) (ZYZYFYZY) (YZJZYFLC) (FLFYDYZL) (YAYEYZYE) <--------ò 18. ∂h4! f6 19. e≈f5± Il Bianco ha stabilizzato la posizione ed ha guadagnato un pedone senza concedere alcun compenso. Nella fase conclusiva la Polgar ha opposto una resistenza eroica, ma senza mai ottenere reali possibilità di pattare. 19… ∂f7 20. ©e4 å≈e4 21. f≈e4 ©c6 22. †d6 0_0 23. †hd1 †a7 24. åf1 †c7 25. ©c1 åb4 26. †6d5 †fc8 27. ©b3 åf8 28. c3 IL MANUALE DI GUERRA DELLO SCACCHISTA

28

®h8 29. g4 ∂g7 30. ∂g3 †a8 31. a3 †ac8 32. ©c1 ©a5 @30@

>________! @30@ (ZYQYZUZS) Ω (YZWRYZTR) (RYZYZXZY) (VRYEXFYZ) (ZYZYFYFY) (LZLZYZHZ) (ZLZYZYZL) (YAJEYCYZ) <--------ò 33. ©a2?! Niente di catastrofico, perché il Bianco resta comunque in vantaggio decisivo, ma il suo compito è ora più difficile. Come indicato dallo stesso Anand, 33. h4 å≈a3 34. b≈a3 †≈c3 35. †5d3 avrebbe vinto rapidamente. In partita invece l’inevitabile viene rimandato. 33… ©b3 34. h4 ©c5 35. åd3 ©a4 36. åc2 ©b6 37. †5d3 @31@ 37… d5! La Polgar cede giustamente un secondo pedone per ostacolare l’azione delle imponenti Torri bianche sulla colonna ‘d’, e avere mano libera per cercare del controgioco sull’ala di Donna e lungo la colonna ‘g’. Inoltre il Bianco dovrà stare in guardia contro un’eventuale e5-e4. 38. e≈d5 åd6 39. åb3 a5 40. ∂f2 ©c4 @32@ 41. ∂e2 Un eccesso di prudenza da parte


INFASTIDIRE L’AVVERSARIO – CAPITOLO 1

@31@ ∫

@32@ Ω

>________! (ZYQYZUZS) (YZWRYZTR) (RVZYZXZY) (YRYZXFYZ) (ZYZYFYFL) (LZLEYZHZ) (DLCYZYZY) (YAYEYZYZ) <--------ò >________! (ZYQYZYZS) (YZWZYZTR) (ZYZUZXZY) (XRYFXFYZ) (ZYPYZYFL) (LCLEYZYZ) (DLZYZHZY) (YAYEYZYZ) <--------ò

del GM indiano: qui Gershon e Nor segnalano 41. g5! e4 42. †h3 f≈g5 43. h≈g5 ∂≈g5 44. å≈c4 †≈c4 45. †dh1 †8c7 46. ∂b6¤Ω. 41… †g8 42. †g1 ∂h6 43. †3d1 a4 44. å≈c4 †≈c4 @33@ 45. g5! Uno sfondamento decisivo: il Nero continua a battersi con coraggio, ma i miracoli sono rari quando si ha di fronte Anand. 45… f≈g5 46. h≈g5 †≈g5 47. ∂e3 †f4 48. ∂b6 †g≈f5 49. ∂≈b5 †f8 50. ©b4 e4 @34@ 51. †de1 †h4 52. ®a1 e3 53. ∂≈a4¤Ω †e4 54. ∂a6 †fe8 55. †e2 ∂f8 56. ∂d3 ∂f6 57.

@33@ Ω

@34@ Ω

>________! (ZYZYZYQS) (YZYZYZYR) (ZYZUZXZT) (YRYFXFYZ) (RYQYZYFL) (LZLZYZYZ) (DLZYBYZY) (YAYEYZKZ) <--------ò >________! (ZYZYZWZS) (YZYZYZYR) (ZYZUZYZT) (YBYFYZYZ) (RJZYRWZY) (LZLZYZYZ) (ZLZYZYZY) (YAYEYZKZ) <--------ò

©c2 åc5 58. †ge1 ∂e5 59. b4 åb6 60. ®b2 h5 61. d6 ∂f5 @35@

>________! @35@ (ZYZYQYZS) Ω (YZYZYZYZ) (ZUZLZYZY) (YZYZYNYR) (ZLZYQYZY) (LZLBXZYZ) (ZGDYEYZY) (YZYZKZYZ) <--------ò 62. †≈e3! (1_0) Una conclusione spettacolare in una posizione dove il Bianco avrebbe potuto vincere in maniera più prosaica. IL MANUALE DI GUERRA DELLO SCACCHISTA

29


CAPITOLO 1 – INFASTIDIRE L’AVVERSARIO

Bisogna dare atto a Judit Polgar di aver lottato con tenacia in una situazione che non le offriva concrete possibilità di salvezza, riuscendo a infastidire l’avversario il più possibile nella seconda metà della partita. Meglio tardi che mai, certamente, ma alla luce di quanto è accaduto in partita potremmo dire piuttosto “non rimandare alla trentesima ciò che puoi fare alla tredicesima”. GGG I fastidi recati all’avversario non si identificano esattamente con il controgioco, ma possono creare i presupposti per ottenerlo. Un fastidio può spesso essere ‘confezionato’ sotto forma di attrazione ingannevole, che ci aiuta a raggiungere lo scopo con l’astuzia. Vediamo come ciò sia possibile. Immaginiamo di essere in posizione inferiore e senza controgioco. Lo sappiamo noi e lo sa l’avversario, che per giunta ha anche pronto un piano in grado di consolidare il suo vantaggio e costringerci alla passività e all’affannosa ricerca della patta. È qui che il concetto di fastidio ci viene in aiuto: iniziamo con l’individuare una potenziale debolezza nella posizione nemica, una debolezza trascurabile, destinata a rimanere tale se l’avversario porta avanti il suo piano senza distrarsi. Per trasformarla in una vera debolezza dovremmo indurre l’avversaIL MANUALE DI GUERRA DELLO SCACCHISTA

30

rio ad allontanarsi dal percorso che sta seguendo. L’unico modo per riuscirci è attirare la sua attenzione con un’esca: piccoli guadagni di materiale, possibilità di attacco allettanti ma a doppio taglio, una conquista posizionale esteticamente notevole ma non particolarmente incisiva. Questi guadagni sono sostanzialmente ingannevoli se confrontati con ciò che l’avversario otterrebbe seguendo il suo piano posizionale, e a livello inconscio la loro stessa esistenza è già per lui fastidiosa. Tuttavia, in un simile frangente anche la prospettiva di lasciarsi sfuggire una vittoria più rapida o più elegante lo infastidisce, come pure l’idea di venir criticato per averli ignorati. O potrebbe anche darsi che l’avversario sia semplicemente una di quelle persone che non sanno resistere alle tentazioni. Potremmo paragonarlo a un viaggiatore che, in attesa di una coincidenza, è allettato dalla possibilità di concedersi un buon pasto e un po’ di relax in un ristorante. E perché no? In fondo c’è tutto il tempo per tornare in stazione a prendere il treno. Ma se la cena è di quelle buone, forse finirà per ordinare un piatto di troppo… e addio treno! La partita che segue illustra in modo esemplare l’utilizzo di simili fastidi, e a farne le spese è niente meno che il giocatore con all’epoca l’Elo più alto al mondo.


Questo è un estratto. Il numero di pagine visualizzate è limitato.


VASSILIOS KOTRONIAS

ilmanuale dello

di guerra scacchista

Sul mercato ci sono decine e decine di libri di scacchi che promettono di migliorare il vostro livello di gioco, e naturalmente non è possibile leggerli tutti. Ma anche se siete stanchi di tener conto dei libri che escono, o se avete appena finito di leggere quello più recente di Dvoretsky, non dovete trascurare l’opera del GM greco Vassilios Kotronias. L’importanza e l’utilità del suo libro si evince subito dai titoli dei capitoli; certo i temi non sono nuovi e sono quelli che qualsiasi allenatore che si rispetti non manca di affrontare con il suo assistito. La stragrande maggioranza dei giocatori però non ha allenatori, ed è per questo che Il manuale di guerra dello scacchista si dimostra un indispensabile completamento tecnico del giocatore competitivo. L’opera è molto più di una raccolta di partite analizzate in profondità. Molto stimolante e divertente ad esempio è il Capitolo 4, ‘La geometria ci viene in aiuto’, dove l’autore dimostra come con l’ausilio di certi schemi geometrici sia possibile scoprire e portare a buon fine numerosi motivi tattici. Non meno interessante è l’impronta che l’autore dà all’intera opera e, se da un lato sottolinea il duro lavoro che è alla base di qualsiasi successo, dall’altro ribadisce la necessità di essere pratici. ‘Se sei un perfezionista, non riuscirai mai a raggiungere i traguardi prefissati’; ‘La difesa è, a mio parere, la qualità più importante per un giocatore che aspiri a raggiungere alti livelli di gioco’: sono alcune delle convincenti, oltre che sorprendenti, affermazioni di Kotronias. è un GM greco. Ha vinto il Campionato nazionale per ben nove volte ed è un componente stabile della squadra olimpica del suo paese sia come giocatore, sia come allenatore. Nell’ambito delle competizioni internazionali è temuto per la sua combattività e preparazione teorica nelle aperture.

VASSILIOS KOTRONIAS

ISBN 978-88-7264-130-9

¤30,00

,!7I 8H2-gebdaj!

Il manuale di guerra dell o scacchista  

Chess scacchi

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you