Page 1


ReActioncity progetto di innovazione sociale urbana per la cittĂ di Reggio Calabria

1


foto di D. Emo - Action #1

2


3


foto di D. Emo - Action #3

4


3


L'IDEA : AZIONI, REAZIONI, VISIONI

ReActionCity è un progetto di innovazione sociale urbana per la città metropolitana di Reggio Calabria (innescato con progetto pilota divenuto tattica permanente per strategie smart city). Il progetto pilota nasce da un’idea culturale di Consuelo Nava e Fabio Mollo, con l’intenzione di immaginare visioni e strategie di coesione sociale e sviluppo urbano connessi alle comunità che abitano i luoghi, i paesaggi ed i territori a Sud, promuovendo attraverso progetti locali “azioni brevi per cambiamenti lunghi”. Un modo per condividere una visione di città come nuova topografia reticolare solidale della partecipazione sociale, dove gli spazi e le comunità sono raccontati dalla vita possibile e sostenibile nei loro luoghi e dagli attori che la comprendono e la proiettano verso il presente ed il futuro. Un modo unico di “fare città”, costruendo socialmente visioni ed agenda urbana di risoluzioni attraverso proposte di “creative city” e “city making”, azioni di pratica informale e di politiche inclusive per la rigenerazione urbana e sociale degli spazi collettivi, pubblico-privati della città e delle comunità metropolitane di Reggio Calabria e per la qualità della vita in un tessuto produttivo e sostenibile. Il progetto, nella sua evoluzione, si propone come un metodo pro-attivo di “social innovation cities” esportabile in contesti locali ed extra-regionali, con caratteristiche simili e ambizioni del territorio analoghe.

© testo a cura di Consuelo Nava, resp.scientifica e coordinatrice del progetto ReActionCity.

6


7


Dall'esperienza del PROGETTO PILOTA : verso l'Agenda Urbana. ReActionCity nasce attraverso il suo “progetto pilota 2014” Sì è realizzata un’esperienza di città-laboratorio in 15 giorni di attività di formazione e coesione. L’ambizione e’ stata quella di innescare una visione-azione in grado di restituire alla comunità una proposta di nuova e collettiva identità comune, attraverso una comunicazione di innovazione sociale e spaziale, con la partecipazione di animatori di eventi temporanei (social makers) che hanno aderito al progetto. Queste attività, insieme a quelle di azione, esplorazione e racconto dei giovani urban makers si sono svolte in quei luoghi della città “sensibili”, a cui è possibile restituire una forma politica urbana dell’inclusione, per promuoverne la loro capacità di autoripararsi. Si sono proposte esperienze di reazione nei luoghi collettivi condivisi e nei beni comuni di gestione pubblica-privata, aree attualmente dismesse o tentativi di spazi già riattivati con processi spontanei. Al fine di rimettere al centro della scena urbana e della sfera pubblica i luoghi scartati dalla vita sociale e spaziale, ma anche quelli r-esistenti di valore culturale e naturale (borghi, periferie, luoghi storici, aree produttive, edifici collettivi, strade)., con storie virtuose di comunità che hanno reagito. Si sono svolte 6 azioni partecipate per la costruzione dal basso della visione di città di Reggio Calabria, ambiti degradati e/o spazi di interesse pubblico collettivo non attivi, in aree produttive dismesse di interesse sociale ed urbano nelle periferie ed alle porte del centro storico. Le modalità con cui si sono scelti i contesti per questa prima esperienza hanno tenuto in considerazione la condizione di conflittualità in cui gli stessi si trovavano nel rapporto tra comunità, istituzioni e portatori di interesse nella proposta di rigenerazione urbana dei luoghi stessi o nell’urgenza di restituirli alla dimensione di fruibilità collettiva e produttiva delle comunità locali. Ma anche questioni riferite a protagonisti di storie sensibili sui temi della qualità della vita, servizi, lavoro, reti di solidarietà, cura ed assistenza, cultura.

8


VISION

TEMPIETTO, REGGIO CALABRIA

A CURA DI CARMELA D'AGOSTINO

9


I luoghi delle azioni sono stati: 1.Il borgo Cecilia a Gallico M.na; 2.Le terrazze del Lido Comunale; 3/4.L’area dell’Ex Ciapi ed Ex Italcitrus a Catona; 5. I nodi intermodali e di mobilità nelle aree del porto a Reggio Calabria; 6. La social street in una strada centrale della città di Reggio Calabria (via D.Tripepi) I racconti delle storie di azione/reazione hanno coinvolto quanto già in corso per questioni conflittuali urbane ed amministrative sul tema dei teatri a Reggio Calabria, degli asili pubblici e della città diffusa e accessibile per i diversamente abili. L’agenda urbana, costruita come proposta di cambiamento per una costruzione sociale della città, presenta documenti di programma strategico e visioni urbane sulla rigenerazione dei luoghi scelti per ReActionCity (cfr schede progetto), ai casi vengono riferiti proposte di progettazioni ed interventi secondo strategie di sostenibilità e riciclo urbano. il racconto delle storie “inside” dei protagonisti attraverso gli strumenti della comunicazione sociale (cfr schede storytelling), i progetti fotografici e video delle singole azioni. L’esperienza del progetto pilota è servito a costruire la struttura della comunicazione di ReActionCity in rete e secondo gli strumenti della partecipazione sociale diretti. E’ stato prodotto un Docufilm ReActionCity 2014, per raccontare l’esperienza del progetto pilota, montaggio a cura di Danilo Emo, Edoardo Lio, Fabio Montesano con la supervisione del regista Fabio Mollo. Ed il sito curato nella comunicazione da Danilo Emo e Alessia Palermiti. L’esperienza del progetto pilota continua ad essere disseminata dalla conclusione del suo Workexperience in eventi ed attività di presentazione delle azioni e delle strategie, seguendo la sua evoluzione come “tattica permanente” (cfr dissemination).

© testo a cura di Consuelo Nava, resp.scientifica e coordinatrice del progetto ReActionCity.

10


VISION

PROVINCIALE, GIOIA TAURO-RIZZICONI A CURA DI CARMELA D'AGOSTINO

11


DA "PROGETTO PILOTA" A TATTICA PERMANENTE di SMART CITY

ReActioncity continua nel suo progetto che rimane aperto a nuovi programmi di azioni-reazioni, si propone come per un processo condiviso di progettualità futura, in occasione di strategie e tattiche per la città metropolitana e per la partecipazione ad iniziative e competizioni di ambito europeo verso Europa 2020. La tattica con cui si sono svolte le azioni nello svolgimento del progetto-pilota costruiscono il metodo per la strategia del progetto, rendendolo disponibile per qualsiasi azione si possa mettere in campo con obiettivi e makers coinvolti sui temi del “fare città” producendo visioni sostenibili e sviluppo solidale per la città metropolitana di Reggio Calabria. Il metodo ReActionCity propone sempre la città come laboratorio, con momenti di costruzione delle visioni di cambiamento e di agenda urbana, attraverso i tempi: • del work education/formazione dei makers/protagonisti (CITY as INCLUSIVE POLITICAL FORM + CITY as VISION CHANGE) • del work experience/ azioni brevi ed esperienze (CITY as INFORMAL REPAIR CULTURE + FROM RC City to COMMON YOUR CITY) L’evoluzione del progetto pilota con la sua tattica verso le strategie di “smart city” per la città metropolitana di Reggio Calabria, prevedono di coinvolgere in progetti mirati alla coesione sociale ed alle sostenibilità economica, ambientale per lo sviluppo sei tuoi territori e la sicurezza della qualità della vita delle sue comunità, attraverso le pratiche di indirizzo della “città intelligente e solidale”.

12


VISION

VIA GEORGIA, REGGIO CALABRIA A CURA DI CARMELA D'AGOSTINO

13


Ogni tipo di azione che interessa il progetto e la realizzazione di interventi su spazi fisici e su risorse umane e produttive favorirà modelli di gestione riferibili alla sostenibilità dei progetti, alle tecnoologie a basso impatto ambientale ed energetiche, a pratiche di riciclo urbano, edilizio e di componenti, alla rigenerazione e cura dei paesaggi coinvolti. Tutte le azioni che interesseranno la fase in corso del progetto ReActionCity verranno quindi strategicamente condotte secondo il modello inclusivo delle smart city, al fine di favorire i diversi modi di essere “smart”, che possono restituire e garantire i requisiti e le caratteristiche per cui una città può dirsi “intelligente”, secondo principi interni alle tattiche proposte di azioni/reazioni sociali: • smart economy (competitività) • smart people (capitale umano e sociale) • smart governance (partecipazione) • smart mobility (trasporto ed ICT) • smart environment (risorse naturali) • smart living (qualità della vita) Il progetto ReActionCity diventa quindi una tattica permanente di innovazione sociale urbana, connessa alle strategie di immaginazione di un nuovo urbanesimo/umanesimo, con le differenti declinazioni sui progetti che segue negli ambiti sociali e produttivi dei contesti e degli attori privati e pubblici che le promuovono. Il progetto ReActioncity è anche un metodo di processo e progetto per le azioni e gli obiettivi dichiarati. Una comunicazione trasparente, diretta con le comunità ed i contesti e virtuali con gli strumenti della rete e della comunicazione sociale. La responsabile scientifica e coordinatrice del progetto di innovazione sociale urbana di ReActionCity è la prof.ssa Consuelo Nava. (contatto: consuelonava70@gmail.com) © testo a cura di Consuelo Nava, resp.scientifica e coordinatrice del progetto ReActionCity.

14


VISION

CORSO GARIBALDI, REGGIO CALABRIA A CURA DI MARCO IERO

15


VISION

VIA DON LUIGI ORIONE, REGGIO CALABRIA A CURA DI GIUSEPPE MANGANO

16


VISION

CORSO GARIBALDI, REGGIO CALABRIA A CURA DI DANILO EMO

17


Š schede a cura di Carmela D’agostino e Giuseppe Mangano, rev. scientifica di Consuelo Nava.

18


visione a cura di Gabriella Seminara

visione a cura di Antonio LaganĂ

19


Š schede a cura di Carmela D’agostino e Giuseppe Mangano, rev. scientifica di Consuelo Nava.

20


visione a cura di Carmela D’Agostino

21


22


visione a cura di Marco Iero

23


24


visione a cura di Giuseppe Tripodi

visione a cura di Debora CuscunĂ

25


26


visione a cura di Carmela D’Agostino

27


DISSEMINATION NOVEMBRE-APRILE 2014

22OTTOBRE2014, UNIVERSITÀ

MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA

FORUM/INTERVISTA REACTIONCITY/ SMART CITY/CITTÀ METROPOLITANA

Intervengono prof.ssa C.Nava e ing. Danilo Achille Boiano (Università degli studi di Napoli) per attività ricerca PON Smart Cities 2007/2013 di ricognizione progetti Smart su città metropolitane.

17OTTOBRE2014,TEATRO SIRACUSA (RC)

PRESENTAZIONE ALLA CITTÀ DEL DOCUFILM REACTIONCITY a cura di Reaction City con Horcynus Orca

28


12OTTOBRE2014,CAFFÈ LETTERARIO MALAVENDA (RC)

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO REACTIONCITY Relazionano: Consuelo Nava Fabio Mollo Danilo Emo

8OTTOBRE2014,RESTART, ROSARNO (RC) PRESENTAZIONE DEL PROGETTO REACTIONCITY Relazionano per Pensando Meridiano: Danilo Emo Carmela D’Agostino Giuseppe Mangano

9-13OTTOBRE2014,PMO REVERSE PALERMO

Partecipano su selezione al WS degli urban makers: Giuseppe Mangano Fabio Montesano Danilo Emo Andrea Procopio Relazionano sul progetto REACTIONCITY: Consuelo Nava Danilo Emo

,

8AGOSTO2014 EVENTO C.A.S.A. DAY PUNTA PELLARO (RC) ESPOSIZIONE PROGETTI PENSANDO MERIDIANO Illustrazione REACTIONCITY a cura di: Valentina Palco Giuseppe Ristagno Francesco Zangara

29


30


post it a cura di Andrea Procopio

31


32

Fografie a cura di Danilo Emo ed Edoardo Lio


REACTIONCITYWOMEN PER LA CITTÀ INTELLIGENTE E SOLIDALE

33


AZIONE REACTIONCITYWOMEN

L’azione ReActioncity Women nasce dal protocollo d’intesa tra Amministrazione Provinciale di Reggio Calabria (Consigliera di parità Provincia di Reggio Calabria) - Cooperativa Sole Insieme – Casa Circondariale di Reggio Calabria – Associazione Industriali di Reggio Calabria – Confcommercio Reggio Calabria; Ass.ne Agape, Comune di Reggio Calabria, Ass.ne Pensando Meridiano con il progetto ReActioncity Reggio Calabria. Definendo come oggetto: la realizzazione di un sistema integrato per il sostegno sociale ed economico e di sviluppo delle realtà imprenditoriali, finalizzato alla implementazione di azioni territoriali integrate tra istituzioni pubbliche, organizzazioni del Terzo Settore ed associazioni di volontariato e di progettazione di innovazione sociale, a supporto e per le pari opportunità di donne in condizioni di difficoltà ed il loro inserimento sociale e civile attraverso progetti di protagonismo diretto. L’ Associazione Pensando Meridiano, laboratorio di coesione sociale e cultura sostenibile, promuoverà nell’ambito del partenariato, il progetto ReActionCity, secondo le sue metodologie di tattica e di costruzione sociale della città,programmando una nuova azione denominata “ReActionWoman”, al fine di coordinare e condurre le attività previste nel progetto esecutivo dedicato, operando, azioni dirette sul territorio in tema di sostenibilità e coesione sociale, tramite pratiche inclusive connesse alla cittadinanza attiva, definendo percorsi di inclusione sociale e sostegno al lavoro ed alla competitività, ma anche di pratiche di smart government nello scambio virtuoso di risorse ed azioni a sostegno delle finalità del progetto. ReActioncity, nella sua tattica propone il coordinamento di tali azioni secondo metodologie dell’innovazione sociale urbana già sperimentate nel suo progetto piloto. L’Associazione, supporterà il progetto tecnico relativo al bene sequestrato alla ndrangheta, anche grazie a progetti paralleli in corso sul tema condivisi con altre associazioni, nonché la comunicazione istituzionale e le attività di marketing territoriale e networking sociale, in collaborazione con la Consigliera di Parità e secondo quanto stabilito con i promotori del progetto. Le attività svolte direttamente per l’azione ReActioncity Woman, dovranno trovare formule e risorse di autofinanziamento e/o sostegno per le spese connesse alle attività di tipo oneroso per la produzione dei servizi e dei beni, delle spese a sostegno delle attività di tipo oneroso.

34


media partner

L’integrazione tra i vari soggetti della rete al fine di sviluppare azioni congiunte e coordinate, finalizzate al sostegno e all’integrazione sociale e lavorativa della “Cooperativa Sole Insieme”, iniziativa rivolta alle madri nubili, alle donne separate con figli minori, nonché alle donne che hanno subito azioni di violazione dei diritti, vittime di violenza ed in altre difficoltà,residenti o domiciliate nel Comune di Reggio Calabria. Incentivando la loro partecipazione attiva alla vita sociale e produttiva della città, il loro protagonismo per la creazione di spazi ed attività condivise, per la promozione culturale di un tessuto civile e democratico paritario ed attento alle differenze di genere e di culture.

35


AVVIO DELL'AZIONE : INDIVIDUAZIONE DEI POSSIBILI "MAKERS" Le attività di Linking e Networking del progetto serviranno, a chiamare attraverso i mezzi della comunicazione in rete e diretta i possibili makers e le loro proposte a sostegno dell’azione (uso delle CALL) e prenderà il nome di #SHARING PEOPLE (inclusione sociale). L’attività di LINKING potrà interessare differenti tipologie di “makers”: • URBAN MAKERS : programmatori, progettisti, film makers, operatori urbani, innovatori, soggetti attivi nel “fare città”. • SOCIAL MAKERS : associazioni, gruppi, laboratori, centri, etc) che hanno nella loro mission attività connesse al tema definito nelle finalità del progetto. • TESTIMONIAL MAKERS : soggetti, enti e persone che per la loro attività hanno una forte capacità di trasmissione delle idee e delle iniziative, che sostengono l’azione e si impegnano a promuoverla nelle differenti forme stabilite da reactioncity, oltre gli ambiti della rete che opera e per il miglior coinvolgimento di altri possibili interessati e per la migliore sensibilizzazione all’azione. • SPONSOR MAKERS : soggetti, enti, operatori commerciali, aziendali ed imprenditoriali che sostengono attraverso la prestazione di attività, materiali, economie, etc l’azione del progetto nelle differenti fasi. Tutte le attività di linking serviranno a promuovere le azioni che la tattica permanente di ReActioncity finalizza alla fase del work education/formazione dei makers/protagonisti (CITY AS INCLUSIVE POLITICAL FORM + CITY AS VISION CHANGE) e definire la partecipazione degli stessi nelle differenti fasi del progetto e la loro ufficiale adesione. >>>TimeSheet • Presentazione Progetto: conferenza stampa + attività linking in sede • Costruzione spazio in sito reactioncity-com • Comunicazione istituzionale ed in rete • Call + Elenco Makers

36


37


CONNETTERE I POSSIBILI "MAKERS" L’attività di NETWORKING ha lo scopo di connettere i differenti makers

Provincia di Reggio Calabria (Ufficio della Consigliera di Parità)

Comune di Reggio Calabria (Assessorato alle Politiche Sociali e Comunitarie)

38


39


I promotori del progetto ReActionWoman di fatto già si ritrovano in rete per perseguire alcune di queste intelligenze nella rete solidale (cfr protocollo d’intesa)

• La Provincia di Reggio Calabria, unitamente alla Consigliera di Parità, s’impegna a fornire supporto tecnico alla progettazione dei lavori di messa a norma e ristrutturazione dei locali del bene sequestrato, ad organizzare le attività di coinvolgimento di attori sviluppando iniziative di formazione e promozione per l’inserimento al lavoro delle donne, sostegno e start-up ed azioni connesse alla promozione e tutela dei diritti e della cultura delle donne in ambienti culturali, sociali e produttivi. L’Ente, inoltre, darà impulso alla comunicazione istituzionale, direttamente supportata e secondo le linee del progetto di innovazione sociale coordinato dall’Ass.ne Pensando Meridiano di ReActionCity con l’azione “ReActionWoman”. • Il Comune di Reggio Calabria si impegna a promuovere, sviluppare e sostenere il progetto della cooperativa Soleinsiemenell’ambito della futura programmazione comunitaria; a destinare beni confiscati alle mafie per l’avvio ed il potenziamento delle attività’ lavorative previste dal protocollo, nei limiti e secondo le procedure previste dal vigente Regolamento Comunale in materia; ad avviare e sostenere azioni per l’inserimento lavorativo delle madri sole. • La Coop.SoleInsieme, realizzerà gli interventi di competenza ai fini di realizzare un locale sartoria con annesso spazi di lavoro e spazi di promozione sociale, nonchè le necessarie azioni opportune per l’avvio delle attività lavorative e sociali connesse al bene sequestrato con il sostegno e l’assistenza tecnica del Consorzio Rete Macramè. • La Casa Circondariale di Reggio Calabria parteciperà integrando la propria azione e lo scambio di esperienza negli interventi previsti per la popolazione detenuta in condizione di disagio sociale, prevedendo l’intervento degli stessi soggetti detenuti abilitati a svolgere attività lavorative di supporto ai lavori utili alla riqualificazione del bene, alla formazione ed al trasferimento di attività artigianali connesse allo svolgimento dell’iniziativa prevista con il progetto di innovazione sociale.

40


• L’Associazione Industriali di Reggio Calabria offrirà un sostegno alle attività di riqualificazione del bene attraverso la disponibilità di materiali e manodopera qualificata, secondo quanto previsto dal progetto. • La Confcommercio, parteciperà attivando un percorso di formazione per un gruppo di donne/socie della cooperativa per l’acquisizione delle competenze nel settore della sartoria e si impegnerà e favorire l’acquisizione di commesse a favore della coop per attività di sartoria e di servizi pulizie, presso i propri associati. • L’ Associazione Pensando Meridiano, laboratorio di coesione sociale e cultura sostenibile, promuoverà nell’ambito del partenariato, il progetto ReActionCity, programmando una nuova azione denominata “ReActionWoman”, al fine di coordinare e condurre le attività previste nel progetto esecutivo dedicato, operando, azioni dirette sul territorio in tema di sostenibilità e coesione sociale, tramite pratiche inclusive connesse alla cittadinanza attiva. L’Associazione, supporterà il progetto tecnico relativo al bene sequestrato alla ndrangheta, nonché la comunicazione istituzionale e le attività di marketing territoriale e sociale, in collaborazione con la Consigliera di Parità. • Il Centro Comunitario Agape, curer à i rapporti con la rete Madre Bambino ed il servizio di ascolto, segnalazione ed accompagnamento sociale delle madri con figli minori che necessitano di un inserimento lavorativo.

41


PROGETTO CON LE SMART CITIES PER L'AREA METROPOLITANA

• SMART ECONOMY (COMPETITIVITÀ) • SMART PEOPLE (CAPITALE UMANO E SOCIALE) • SMART GOVERNANCE (PARTECIPAZIONE) • SMART MOBILITY (TRASPORTO ED ICT) • SMART ENVIRONMENT (RISORSE NATURALI) • SMART LIVING (QUALITÀ DELLA VITA)

42


43


AZIONE DEI "MAKERS" PER LA CITTÀ INTELLIGENTE E SOLIDALE Promuoverne una mappatura rispetto a n.4 OBIETTIVI/INTELLIGENZE/ATTIVITÀ dell’azione ReActioncity Woman verso la città metropolitana di Reggio Calabria intelligente e solidale:

crescita e competitività, sostegno all’inserimento; attraverso

formazione, esperienze virtuose, reti economiche, competitività, microimprenditoria.

per inserirle in percorsi di promozione della persona e dell’esperienza sociale e civile nel tessuto urbano e delle politiche per i diritti e la qualità della vita delle donne, attraverso iniziative, azioni, testimonianze, esperienze, eventi, confronti sui temi in cui la coop.Sole Insieme, assume non

solo un ruolo di destinatario dell’azione ma anche di promozione e coordinamento delle attività utili e significative.

44


attraverso l’adozione da parte di

ReActioncity Woman di un brand e progetto dedicato che parallelamente si conduce sul tema, con la finalità di incidere sui livelli di controlo, gestione, organizzativi e di proposta di progetti produttivi per l’affidamento e l’uso dei beni a disposizione nel territorio della città metropolitana di

Reggio Calabria.

Su questa attività è già in itinere una progettualità dell’Ass.ne Pensando Meridiano con l’ass.ne Libera. Il bene confiscato affidato alla coop.Sole Insieme costituirà il primo caso studio su cui una tale procedura potrà essere sperimentata ed in ogni caso lo spazio inserito in una dimensione urbana fisica e produttiva di particolare sensibilità.

secondo la mission del progetto

Reactioncity e la sua tattica, attraverso l’esperienza maturata all’interno del laboratorio “la città (in)differente” e con l’ass. ne Pensando Meridiano, verranno messe in pratica tutte le azioni di costruzione sociale della città attraverso le strategie dirette e di comunicazione sul progetto, al fine

del coinvolgimento e dell’apprendimento delle pratiche da parte delle comunità coinvolte connesse agli spazi urbani di svolgimento di tali azioni.

45


delle azioni dei MAKERS

contemporanea alla riqualificazione del bene.

• Programma di iniziative ed azioni per la sensibilizzazione al progetto ed il suo sostegno • Comunicazione istituzionale ed in rete • Svolgimento del programma con tutoraggio e disseminazione del progetto.

ReActionCity per tre mesi dopo l’avvio dell’attività lavorativa.

46


AUTOFINANZIAMENTO ED INDIVIDUAZIONE MICROECONOMIE

AUTOFINANZIAMENTO A CARICO DEI MAKERS PER CONDURRE LE PROPRIE AZIONI

ATTIVITÀ A SOSTEGNO DELLA COOP.SOLEINSIEME

SERVIZI COOPERATIVI

CROWDFOUNDING

47


PRIMA

VISIONE DELL’AZIONE

DI RIQUALIFICAZIONE DEL BENE SEQUESTRATO A CURA DELL’ASS.NE PENSANDO MERIDIANO PER REACTIONCITY WOMAN, SU ATTIVITÀ DI PROGETTAZIONE CONDIVISA CON L’UFFICIO TECNICOO DELLA PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA.

48


foto dello stato di fatto di Danilo Emo

visioni a cura di Carmela D’Agostino

49


INTEGRAZIONE SOCIALE CON L'INTERVENTO DEI SOGGETTI DETENUTI DELLA CASA CIRCONDARIALE DI REGGIO CALABRIA, ABILITATI A SVOLGERE ATTIVITÀ LAVORATIVE DI SUPPORTO AI LAVORI UTILI ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL BENE.

50


51


52


53


54


55


LA RIQUALIFICAZIONE DEL BENE IN SOLI 9 MESI, DOPO LE DEMOLIZIONI DEGLI ABUSI, DELLE MURATURE E INTONACI E LA CATALOGAZIONE DEI MATERIALI, LA RIQUALIFICAZIONE DEL BENE SI È CONCLUSA ED È STATO APERTO IL CANTIERE ALLA CITTÀ.

56


57


58


59


LE ATTIVITÀ DEL LAB. RECYCLE Sono stati degli architetti ed alcuni studenti di architettura a lavorare come Urban MAKERS per le attività del LAB. RECYCLE, reinventando parte dell’arredo della sartoria, insieme agli architetti dell’Ass.Pensando Meridiano. Sono stati utilizzati prettamente materiali di recupero del cantiere per la costruzione degli oggetti di arredo progettati dai makers. Le attività del laboratorio si sono svolte nella settimana che ha preceduto il primo cantiere evento, dalla catalogazione e scelta dei materiali da riusare o recuperare sino alla costruzione vera e propria ed all’allestimento degli spazi interni ed esterni. Particolare attenzione è stata posta per quegli arredi che sarebbero stati destinati al cortile della sartoria. Ogni makers ha prodotto anche una tavola riassuntiva dell’oggetto creato.

Visione a cura di Alessia R.Palermiti Foto a cura di Alessia R.Palermiti, Danilo Emo e Fabio Montesano

60


61


62

foto di Danilo Emo


63


64


65


66


Alcune foto del Primo CANTIERE EVENTO e presentazione dei lavori prodotti con il Lab. Recycle svoltosi il 14 LUGLIO 2015 a cura di Pensando Meridiano per il progetto ReactionCity Women, valido anche come evento per il Festival delle CittĂ Metropolitane. Foto di Danilo Emo

67


68


69


L’ INAUGURAZIONE DEL LAB. SARTORIALE Dopo soli 9 mesi, il laboratorio sartoriale sociale “SoleInsieme” si è aperto alla città. Un risultato straordinario, quello raggiunto dalla rete di partneriato e dai Makers con ReActionCity Women, progetto di innovazione sociale urbana che questa volta agisce sull’inclusione delle donne in città. Come emerso chiaramente nell’affollata inaugurazione, lo straordinario sta nel coraggio delle donne in difficoltà di mettersi insieme per fare impresa in una realtà imprenditoriale compromessa spesso dalla ndrangheta e in un bene confiscato recuperato grazie al lavoro di detenuti del carcere di Arghillà e al suddetto network socioistituzionale operativo nel progettare la riqualificazione, fornire i materiali, formare le donne, così come nell’organizzare e nel coordinare l’intera operazione. E’ stato lanciato un nuovo approccio ai beni sequestrati e confiscati replicabile altrove, come beni comuni. «Ciò è stato possibile grazie alla collaborazione di tutti i soggetti coinvolti. Nessuno è stato protagonista, tutti importanti. C’è stata grande unità nel portare a compimento questa impresa in soli nove mesi e con l’esigua somma di 21mila euro» ha affermato la consigliera di parità della Provincia De Blasio, promotrice dell’azione, subito dopo il classico taglio del nastro e la benedizione dell’arcivescovo Giuseppe Fiorini Morosini. Stralcio dello storytelling di Luca Assumma. Foto a cura di Alessia R.Palermiti, Danilo Emo e Fabio Montesano

70


71


72


73


74


75

Profile for Pensando Meridiano

Handbook_Reactioncity  

REACTION CITY è un progetto di innovazione sociale urbana per la città metropolitana di Reggio Calabria, la cui responsabile scientifica è C...

Handbook_Reactioncity  

REACTION CITY è un progetto di innovazione sociale urbana per la città metropolitana di Reggio Calabria, la cui responsabile scientifica è C...