Page 1

A oltreconfine S Cronache dai mondi visibili e invisibili

7

A

www.oltre-confine.com

Cronache dai mondi visibili e invisibili numero 7 | Settembre - Ottobre 2012 | euro 7,90

Poste Italiane SpA - Sped. in Abbonamento Postale - 70% Roma Aut. n. C/RM/70/2011

9 788897 864035

Settembre-Ottobre 2012

isbn 978-88-97864-03-5

Rivista di spiritualitĂ arte e letteratura

incontri

arte

speciale

punti di vista

universo olistico

Mauro Biglino

Paul Klee

Sri Aurobindo

Giuliano Kremmerz

Cristalloterapia


Dove trovare Oltreconfine Ciò che non si può tradurre in termini di non merita di essere

vissuto. (E.M. Cioran)

mistica

abruzzo

Libreria Shanti Via dei Georgofili, 67 - 00147 Roma www.libreriashanti.it

calabria

Coccinellart Via Tuscolana, 1484 - 00174 Roma www.coccinellart.it

campania

Libreria Europa Via Santamaura, 15 - 00192 Roma www.libreriaeuropa.it

Libreria Naturista Via Ancona, 66 - 64122 Pescara Libreria Ubik Via Galliano, 4 - 87100 Cosenza Erboristeria Natura Amica Via Torre della Catena, 133 82100 Benevento naturamica.wordpress.com Libreria Aldebaran Via Porta Elina, 17/19 - 84121 Salerno www.aldebaranonline.com

emilia romagna

Libreria Esoterica Ibis Via Castiglione, 31 - 40124 Bologna www.ibisesoterica.it Libreria Tre Lune Corso Martiri, 303 41013 Catelfranco Emilia (MO) www.libreriatrelune.com Libreria La Botteghina del Libro Via Giorgio Regnoli, 48 - 47121 Forlì www.labotteghinadellibro.it Libreria Il Triskele Via Morigi, 40 - 29121 Piacenza www.iltriskele.it Alef Libreria Esoterica Via Ravegnana, 146/A - 48121 Ravenna www.aleflibreria-galleriadarte.com Libreria Incontri Piazza della Libertà, 29 41049 Sassuolo (mo) www.libreriaincontri.it

friuli venezia giulia Libreria New Age Center Via Nordio, 4 - 34125 Trieste www.newagecenter.it

lazio

Libreria Dharma Vicolo del Cedro, 32 - 00153 Roma www.libreriadharma.com

Associazione Forza Vitale Via Ragusa, 5/B - 00040 Ardea (RM) www.scuolataichi.it Feel! Centro Olistico Lungomare Lutazio Catulo, 14 - 00122 Ostia www.feelostia.org La Grotta Fatata Via delle Aleutine, 123 - 00121 Ostia (RM) Libreria La Nuova Coscienza Via Enrico Toti, 33 - 04100 Latina Libreria Piermario & Co. Via Armellini, 26 - 04100 Latina

lombardia

Libreria Shesat Via San Bernardino, 15/C – 24122 Bergamo www.libreriashesat.net Libreria Esoterica Le Chat Noir Via Pusterla,16/C - 25128 Brescia www.lechatnoir.biz Libreria Esoterica Il Velo di Maya Via Rodi, 73 - 25124 Brescia www.ilvelodimaya.it Libreria La Porta Nascosta Via Brambilla, 19 - 22100 Como www.laportanascosta.com Libreria Primordia Via Piacenza, 20 - 20135 Milano www.libreriaprimordia.it Libreria Esoterica Galleria Unione, 1 - 20124 Milano www.gruppoanima.it

Libreria Eterea Via dei Gracchi, 274 - 00192 Roma

Libreria Ecumenica Stazione MM1, P.zza San Babila 20121 Milano www.gruppoanima.it

Bibliothè Via Celsa, 4 - 00186 Roma Bibliothe.blogspot.it

Libreria il Crogiuolo Via Imbonati, 3 - 21153 Milano www.ilcrogiuolo.it

Libreria Capo Horn Via Domenico Purificato, 199 - 00125 Roma

Libreria Natura Umana Via Roma, 62/B 20037 Paderno Dugnano (MI)

Libreria Off Via Parco de Medici, 131 - 00148 Roma Libreria Feltrinelli Viale Giulio Cesare, 88 - 00192 Roma

Libreria Il Faro Via De Simoni, 63 - 23100 Sondrio www.ilfaro.com

marche

toscana

Edicola della Stazione Via Litoranea, 5 - 61037 Marotta di Mondolfo (PU)

Libreria La Quarta Dimensione Via degli Alfani, 99/R - 50121 Firenze

Libreria Tomo d’Oro Via Flaminia, 557/B 60015 Falconara Marittima (AN)

Libreria Mysteria Via Vittorio Veneto, 34 - 58023 Castiglione della Pescaia (GR) www.mysteriashop.com

piemonte

Libreria Esoterica Il Monte Analogo Via Guido Biagi, 14 - 50135 Firenze www.monte-analogo.org

Libreria Esoterica Parola di Passo Via XX Settembre, 26 - 14100 Asti www.paroladipasso.com Cartolibreria Coppo Via Roma, 85 – 15033 Casale Monferrato (AL) Libreria Janus Piazza Europa, 24 - 12100 Cuneo www.libreriajanuscuneo.it Libreria La Terra di Mezzo Via Santa Croce, 15 - 10024 Moncalieri (TO) Libreria Ubik Via Manzoni, 18 – 28887 Omegna (VB)

Libreria La Città del Sole Via Luigi Cibrario, 46 – 10144 Torino Libreria Esotericamente Via Giuseppe Garibaldi, 18 – 10122 Torino

veneto

Libreria Pantheum Via Galileo Galilei, 2 - 36057 Arcugnano (VI) www.pantheum.net Associazione Quinta Dimensione Piazza Trento, 1 37030 Collognola ai Colli (VR) www.quintadimensione.net

Libreria Esoterica Giusymagic Via Carlo Cattaneo 27 - 37121 Verona www.giusymagic.it

sicilia

Libreria Esoterica Pizzimento Via Aloi, 20 - 95129 Catania www.libreria-esoterica.com

Cortina Editrice Via Alberto Mario, 10 – 37121 Verona www.libreriacortina.it

Libreria Esoterica Libri e Pensieri Via Carcaci, 14 - 95131 Catania www.libriepensieri.com

Libreria Minerva Corso Porta Nuova, 86 - 37122 Verona www.libreriaminerva.org

Libreria Succa Via Grazia Deledda, 34 - 09127 Catania www.succa.it Gommalacca Associazione Culturale Via XX Settembre 91026 Mazara del Vallo (TP)

Il Tempio di Astarte Via Carducci, 2/A - 08100 Nuoro www.iltempiodiastarte.com

Meeting Point Via Cavour, 107 - 05100 Terni

Libreria Pavanello Piazza Vittorio Emanuele II, 2 - 45100 Rovigo

Libreria Comunardi Via Bogino, 2 – 10123 Torino

sardegna

Libreria dell’Anima Strada Trasimeno Ovest, Località Olmo 06074 Perugia www.animaperugia.it

Libreria Omnibus Via Trottechien, 2 - 11100 Aosta

Libreria Editrice Psiche Via Madama Cristina, 70 - 10126 Torino www.psiche.info

Libreria Sciuti Via Sciuti, 91/F - 90144 Palermo

Art&Vita Via Felice Cavallotti 5 - 05018 Orvieto (TR) www.satvat.it

valle d’aosta

Libreria Fenice Via Porta Palatina, 2 - 10122 Torino www.fenicetorino.it

Libreria Voglia di Leggere Via Pacinotti, 42 - 90145 Palermo

umbria

Macrolibrarsi www.macrolibrarsi.it Il Libraio delle Stelle www.illibraiodellestelle.com Libri per Evolvere www.libriperevolvere.it Vivere News Store www.viverenews-store.com Il Giardino dei Libri www.ilgiardinodeilibri.it

Libreria Arion Eritrea Viale Eritrea, 72 - 00199 Roma Libreria Esoterica Vradia Via Bellegra, 34 - 00171 Roma www.esoterismovradia.org Libreria Rotondi Via Merulana, 82 - 00185 Roma www.libreriarotondi.it Libreria Aseq Via dei Sediari, 10 - 00186 Roma www.aseq.it Harmonia Mundi Via dei SS Quattro, 26 - 00184 Roma www.harmonia-mundi.it

Se vuoi vendere Oltreconfine nella tua libreria, nel tuo negozio, nel tuo centro, o se vuoi segnalare un punto vendita, scrivici a distribuzione@oltre-confine.com

Libreria Esoterica Pan Via Catone, 44 - 00192 Roma www.panbookstore.altervista.org Libreria Mind Via Federico Nansen, 62 - 00154 Roma www.mindnotizie.it

www.facebook.com/Oltreconfineweb www.youtube.com/spaziointeriore twitter.com/oltreconfineweb


Rivista di spiritualità arte e letteratura

A

Cronache dai mondi visibili e invisibili

editoriale Mistico deriva dalla parola greca mystikòs, che significa “misterioso”, “arcano”, che a sua volta proviene dal verbo myein, che vuol dire “chiudere”, “tacere”. Prendendo alla lettera la perentoria esortazione del filosofo e pensatore rumeno Emile Cioran – Ciò che non si può tradurre in termini di mistica non merita di essere vissuto – potremmo allora dire che qualunque esperienza che non sia mistica, qualunque esperienza che non si immerga nel mistero dell’esistenza dell’uomo, frugandone i recessi più pericolosi e inaccessibili, non è una vera esperienza. Per di più questa esperienza – che si tradurrà a un certo punto in verità spirituale – va preservata e sottaciuta, tenuta in qualche modo nascosta, al riparo dalla realtà e dalle opinioni. Solo quando avremo sperimentato a lungo quell’esperienza mistica di verità, solo quando l’avremo integrata pienamente nel nostro essere, incidendola sulla nostra pelle e conficcandola nella nostra carne, solo quando saremo diventati un tutt’uno con essa, avremo modo di parlarne al mondo in un modo che non suoni falso o incomprensibile. Ma chi è dunque il mistico? Istintivamente pensiamo ai santi, ai guru, agli sciamani... a tutti quegli uomini, dotati di una sensibilità affinatissima e raffinatissima, in grado di percepire realtà diverse – superiori o sovrapposte alla nostra – e di raggiungere le vette scoscese e sublimi dell’estasi. In questo senso, però, la mistica, il misticismo, l’essere mistici, appare come qualcosa di riservato a pochi eletti, scelti dagli dei, di cui l’uomo comune, assorbito dal tran tran del duro vivere

quotidiano, non può fare esperienza. Emile Cioran – l’ateo-credente, come è stato definito – la pensa diversamente. Tutto ciò che non è mistico è qualcosa di poco conto, che addirittura non merita di essere vissuto, e nelle sue opere metafisiche, impregnate di amore, disperazione e ironia, ci ricorda che l’esperienza mistica è alla portata di tutti. Come? Con il dolore e la sofferenza, strumenti evolutivi irrinunciabili, sebbene filosoficamente assurdi ed eticamente inaccettabili. Il mistico per Cioran è chi riesce a essere contemporaneamente nel mondo del dolore e nel mondo della gioia, riscoprendoli come un unico mondo. È chi si accorge che non c’è alcuna differenza tra la vita ordinaria – con tutte le sue tortuosità e devastazioni – e la vita spirituale, il partecipare in Dio. Mistico è chi riesce a comprendere la doppia natura di Dio – Dio come mostro e Dio come salvezza – scoprendo poi che l’ultima, risolutiva salvezza è il mostro. Il vero mistico è chi è riuscito realmente a fare i conti con la propria ombra. Il mistico non è colui che percepisce stati di coscienza superiori, ha visioni profetiche o assiste a prodigi e miracoli. Il mistico è colui che è stato istigato a soffrire, come Cristo sulla croce. Il mistico, in realtà, si istiga da solo: spinge se stesso, consapevolmente, verso una condizione di dolore all’interno del quale c’è l’estasi. Perché è nel più profondo dolore, nell’assenza di Dio, che è possibile ritrovare Dio. È l’assenza di Dio – un’assenza che fa male, malissimo – che rende presente e manifesto il divino dentro e fuori di noi. Q


SommarioU Anno II • Numero 7 • settembre/ottobre 2012

38 Professione: Editore > Armenia 40 Nel Tempio dei Libri > Libreria Aseq, Roma

6 la porta d’oro Precario

di Salvatore Brizzi

8 healing through writing • Guarire con la scrittura Psicologia energetica: una scorciatoia per la libertà?

di Kieron Devlin

10 spiritualità pratica e strumenti della coscienza Sul desiderare

12 dalla tana del bianconiglio

Posta metafisica: dubbi, incognite, riflessioni di Carlo Dorofatti

di Andrea Colamedici

speciale > sri aurobindo

Corsi, seminari, conferenze

42 44 46

Reportage Cronache_resoconti_testimonianze Io respiro dunque sono Seminario La tempesta prima della calma Luoghi dello Spirito Centro Zen L’Arco, Roma Intervista a Dario Girolami a cura di Silvia Nosenzo

50 riflessioni su un corso in miracoli Tu vivi di simboli

incontri 14 Mauro Biglino. Alieno troppo alieno

simposio

di Andrea Panatta

a cura di Patrizia Terreno

52 ordinari frammenti di quarta via Sono io

20 Sri Aurobindo. Il prossimo passo evolutivo

di Andrea Colamedici

55 il mio spazio sacro • Tutto è viaggio verso l’anima Sincronicità

di Paola De Paolis

24 25 26 28

Vita e opere di Sri Aurobindo Auroville Scritti di Sri Aurobindo Dal fronte aurovilliano

56 segnali dalla rete Riflessioni.it – Dove il Web Riflette!

di Paola Germani

Intervista a Ivo Nardi a cura di Andrea Colamedici

60 oltrefrontiera Bolivia/Perù > Dalle Ande agli spiriti della foresta

Intervista a Georges Van Vrekhem

di libro in libro

Libri e lettori a confronto

32 34 36

Bibliointervista > Elisabetta Racci Novità editoriali Libera il tuo potere interiore di Neville Goddard Psicologia esoterica di Douglas Baker Le Porte della Percezione Libri_esperienze_suggestioni

di Giacomo Belcari

universo olistico

Terapie alternative e percorsi di guarigione

64 L’Arcobaleno della Luce. Le virtù terapeutiche e ispirative dei cristalli

di Satvat Sergio Della Puppa

70 astrologia umanistica Venere e Marte: desiderio e conquista

di Lidia Fassio

72 feng shui & naturopatia I Diagrammi fondamentali del Feng Shui

di Omar Discepoli

punti di vista 74 Giuliano Kremmerz. L’Uomo, il Maestro, il Mago

20

di Stefano Mayorca


96

TArte & LetteraturaU

arte & consapevolezza

Esperienze creative e itinerari della coscienza

82 Paul Klee. L’arte e la scienza pittografica delle piccole parti

di Satvat Sergio Della Puppa

88 Parvathy Baul. Songs of the Great Soul

di Maura Gancitano

92 ArtEnergy. L’energia dell’atto creativo

di Valentina Di Serio

88

94 le sorgenti del mito La scorporazione del pensiero di Sebastiano B. Brocchi

96 spazio creativo > Stefano Magnani 100 spazio autori > Massimo Di Nocera

letteratura & psiche

Antiche saggezze e nuovi scenari

104 Sincronicità. Il linguaggio della coscienza

Intervista a Massimo Teodorani Intervista a Marco Cesati Cassin di Mariavittoria Spina

112 Dentro la mia stanza di Emily Dickinson 113 Emily Dickinson. L’angelo custode

di Silvia Nosenzo

114 spazio onlus L’Albero delle Farfalle

di Galafro Conti

82

colophon OltreConfine Anno II S Numero 7 S settembre/ottobre 2012 Periodico Bimestrale S euro 7,90 Registrazione presso il tribunale di Roma n. 217/2011 del 6 luglio 2011 Numero ROC 21635 issn 977-2239-9941 isbn 978-88-97864-03-5 direttore responsabile

Giuseppe Di Maula

direttore editoriale

Giovanni Picozza S g.picozza@oltre-confine.com

vicedirettore

Andrea Panatta S apanatta@gmail.com

direttore creativo

Silvia Tusi S silvia.tusi@oltre-confine.com

redazione Laura Cinti, Andrea Colamedici, Maura Gancitano, Silvia Nosenzo, Mario Picozza, Mariavittoria Spina redazione@oltre-confine.com S tel./fax 06.90160288 Via Vincenzo Coronelli, 46 00176 Roma

progetto & realizzazione grafica Francesco Pandolfi S f.pandolfi@oltre-confine.com

copertina Stefano Magnani, I maestri di Babilonia

hanno collaborato

Giacomo Belcari, Salvatore Brizzi, Sebastiano B. Brocchi, Paola De Paolis, Kieron Devlin, Massimo Di Nocera, Valentina Di Serio, Omar Discepoli, Carlo Dorofatti, Lidia Fassio, Paola Germani, Elisabetta Giavagnoni, Maria Rosaria Giordano, Stefano Magnani, Stefano Mayorca, Isabella Popani, Satvat Sergio Della Puppa, Patrizia Terreno

si ringraziano

Mauro Biglino e Uno Editori; Georges Van Vrekhem; Elisabetta Racci; Bis Edizioni; Edizioni Crisalide; Giovanni Armenia e il Gruppo Editoriale Armenia; Edoardo Quarantelli e Luca Nerazzini della Libreria Aseq; Dario Girolami del Centro Zen L’Arco; Ivo Nardi di Riflessioni.it; Parvathy Baul; Marco Cesati Cassin; Massimo Teodorani; Galafro Conti e L’Albero delle Farfalle

editore

Spazio Interiore Soc. Coop. Via Nazionale, 243 • 00184 Roma

stampa

CSR Centro Stampa e Riproduzione srl Via di Pietralata, 157 • 00158 Roma

abbonamenti abbonamenti@oltre-confine.com

ufficio stampa Maura Gancitano - tel. 366.4224150 maura.gancitano@oltre-confine.com

pubblicità marketing@oltre-confine.com

Copyright ©2012 Spazio Interiore Soc. Coop. Tutti i diritti sono riservati; nessuna parte della rivista può essere riprodotta in qualsiasi forma (per fotocopia, microfilm o qualsiasi altro procedimento), o rielaborata con l’uso di sistemi elettronici, o riprodotta, o diffusa, senza l’autorizzazione scritta dell’editore. Ogni articolo firmato esprime il punto di vista dell’autore che se ne assume la completa responsabilità. Gli articoli, pubblicati o meno, salvo quando diversamente concordato, non vengono retribuiti. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non vengono restituiti. L’editore ha soddisfatto tutti i crediti fotografici. Nel caso gli aventi diritto siano stati irreperibili questi è a disposizione per eventuali spettanze. Q


incontri

mauro biglino alieno troppo alieno _____________

di Andrea Colamedici

A

Dopo aver tradotto diciassette libri dell’Antico Testamento per le Edizioni San Paolo, Mauro Biglino viene allontanato dalla nota casa editrice cattolica in seguito alla pubblicazione delle sue scoperte di matrice ufologica, che contengono una radicale riconsiderazione del rapporto tra Dio e l’Uomo all’interno della Bibbia. In un percorso a ritroso tra mutazioni genetiche, astronavi, giganti e accampamenti alieni, si scorge un po’ più vicina la possibilità di riflettere seriamente sull’essere umano, al di là del proprio bene e dell’altrui male.

A

lieno, dal greco allos, è semplicemente l’altro, in ogni sua forma. È l’Altro da me, l’Altro che io stesso sono, nell’alterità come condizione naturale dell’esistenza. Da un’intervista a Emmanuel Lévinas, filosofo lituano: «L’altro uomo non mi è indifferente, l’altro uomo mi concerne, mi riguarda nei due sensi della parola “riguardare”. In francese si dice che “mi riguarda” qualcosa di cui mi occupo, ma “regarder” significa anche “guardare in faccia” qualcosa, per prenderla in considerazione. [...] Il fatto che

Mauro Biglino

14

Oltreconfine | Cronache dai mondi visibili e invisibili

l’uno si occupa dell’altro è il solo momento in cui c’è un’alterità totale, un’alterità che non rientra nell’ordine che io controllo, che non diventa mia. Anche il mio schiavo, in quanto uomo, mi sfugge e perciò è assolutamente altro. Trovo che nel momento in cui sento questa alterità come ordine muto, come comandamento, non dico che sia di Dio, ma certo non c’è parola più forte». Si potrebbe obiettare che Lévinas parli di un altro uomo e non di un alieno: ma il termine uomo deriva da humus, terra, e l’umano non è altro che un terrestre, quindi. Un extra-terrestre non sarebbe soltanto un fuori dall’uomo perché, come un’idea che si libra da una mente a un’altra senza appartenere a nessuno, così una forma di vita esterna si naturalizza nel mondo che la ospita. L’extra-terrestre diventa così intra-terrestre: è un appiglio sull’infinito, la porta d’oro che si apre sulla fraternità come concetto cardine della vita. L’etica è, per Lévinas, la responsabilità per l’altro. Io sono questa responsabilità, prima ancora di essere me stesso. Vedo il soggetto come me-voici, perché io sono l’eccomi. Ancora Lévinas: «È l’accusativo che ha il primato, non il nominativo: io non sono più io, sono eccomi». Nell’Antico Testamento Mauro Biglino ha riscontrato tutt’altro atteggiamento da parte di Yahweh, in cui non c’è alterità, non c’è eccomi, ma soltanto io. Seguiamo Biglino come si segue un sacré tricheur, un imbroglione sacro: senza imporgli il dovere della verità, ma offrendo al mondo la possibilità della bellezza. Padre Funes, direttore della Specola Vaticana, si mostra possibilista sull’esistenza di «fratelli extraterrestri». Prima di lui monsignor Corrado Balducci, il celebre teologo e demonologo, riteneva innegabile l’esistenza degli alieni e dei dischi volanti. È proprio dal Vaticano che si aprono questi incredibili spiragli sull’ufologia: perché?


speciale > sri aurobindo

sri aurobindo il prossimo passo evolutivo _____________

di Paola De Paolis

A

La riscoperta del Segreto dei Veda. Una soluzione più difficile, ma integrale, nel cuore stesso della Materia. Il processo evolutivo della Coscienza. La fine dell’era mentale. La Sovramente e la Supermente, o Coscienza-diVerità: la coscienza dell’Unità del Molteplice. Yoga tradizionali e Yoga integrale: la meta dei primi (il Silenzio) diventa, nel secondo, solo l’inizio. Il messaggio di Sri Aurobindo in Savitri, il suo capolavoro poetico: Savitri e la vittoria sulla Morte.

A

Sri Aurobindo

lla cerniera di due ere, quella dei Pesci e quella dell’Acquario, Sri Aurobindo, come osservò Jacques Masui, «è l’uomo del passaggio, il riconciliatore necessario, prima della rimessa in marcia d’un tempo umano riaccordato al tempo cosmico»1. Se in lui Oriente e Occidente s’incontrano per completarsi in un’armonia più alta, non è solo una grandiosa sintesi quella ch’egli ha operato, ma l’apertura di un orizzonte nuovo. La riscoperta del segreto dei Veda, che è il suo contributo alla storia umana, non avvenne nel campo mentale delle idee frequentato dai filosofi o esegeti, ma esperienzial-

mente, come solo dalla sua personale esperienza egli trasse tutto il materiale delle sue opere. Intellettuali di punta del suo tempo, come P. Buck, G. Mistral e R. Rolland (tutti premi Nobel), captarono in qualche modo la novità ch’egli rappresentava, ma fu Rabindranath Tagore, il poeta indiano che grazie alla fama conferitagli dal premio Nobel aveva all’improvviso aperto l’India all’Occidente, a coglierne fra i primi l’immensa portata. E quando Tagore, simbolo della tradizione culturale e spirituale dell’India, si recò a Pondicherry per incontrarlo, tra i due avvenne come un passaggio di consegne, registrato ormai negli archivi della storia. «Ho sentito che la parola degli antichi Rishi era espressa da lui», scrisse Tagore al suo ritorno da quell’incontro, «e quella equanimità che dà all’anima umana la libertà di accedere nel Tutto. Gli dissi: “Voi possedete la Parola e noi accettiamo di riceverla da Voi. L’India parlerà al mondo attraverso la Vostra voce”»2. Sri Aurobindo possedeva il dono della visione, come gli antichi Rishi, i leggendari poeti-veggenti3 dell’India di 8000 anni fa, che avevano cantato negli Inni vedici, velato dalle splendide metafore della loro poesia, il segreto destino dell’essere umano e del mondo. Un destino decifrabile oggi nelle Sacre Scritture di tutte le tradizioni poiché, col maturare dei tempi, si sgretolano gli ostacoli rappresentati da traduzioni ignoranti e interpretazioni mentali dogmatizzate. «Il segreto di questo mondo visibile e apparente», scriveva Sri Aurobindo, «è l’involuzione di uno Spirito supercosciente nella Materia incosciente e la parola-chiave di quest’enigma terrestre è l’evoluzione di questo Spirito


luoghi dello spirito

simposio

centro zen l’arco Roma

_____________

a cura di Silvia Nosenzo

«Il nostro intendimento del buddhismo non è meramente intellettuale. Il retto intendimento è la pratica effettiva stessa». Questa frase di Shunryu Suzuki Roshi, fondatore dello storico Zen Center di San Francisco, riassume perfettamente il pensiero che sta alla base dell’attività del centro zen L’Arco, associazione culturale dedicata alla pratica degli insegnamenti della scuola Soto, che sorge a piazza Dante, nel cuore della Roma multietnica. La volontà del centro, infatti, è quella di attualizzare la pratica meditativa seduta o zazen, senza però tradire la tradizione: si vuole cioè tentare di tradurre l’essenza dello Zen in termini più comprensibili a un uomo del XXI secolo, fornendo a ognuno gli strumenti per poter trasformare la propria vita quotidiana in una pratica meditativa informale e liberante. Abbiamo parlato dell’attività del centro con il suo fondatore, Dario Doshin Girolami, che è stato ordinato monaco zen

Suzuki Roshi, 1965

46

Oltreconfine | Cronache dai mondi visibili e invisibili

da Zenkei Blanche Hartmann, badessa del San Francisco Zen Center. Oltre a essere una persona estremamente affabile e di grande carisma, Dario ha anche una profondissima conoscenza dello Zen ed è stato per noi un piacere farci trasportare dalle sue parole, capaci di infondere un senso di quiete e di pace. Prima di raccontarvi ciò che ci siamo detti, però, vorrei citare un aneddoto riportato da lui stesso in un’altra occasione, a proposito del suo primo incontro con Reb Anderson al monastero di Green Gulch, vicino a San Francisco. «Entrò silenzioso nella sala gremita di praticanti zen provenienti da tutto il mondo – racconta Dario – si inchinò profondamente alla statua del Buddha e si mise seduto sul seggio dell’insegnamento. I suoi occhi luminosi e penetranti sembravano guardare il cuore di ognuno di noi. “Una volta c’era un fiume” disse, “ma il fiume divenne una strada”. Poi si alzò dal seggio è uscì dalla sala. “Cosa?”, pensai. “Tutto qui? Ho attraversato il mondo per sentirmi dire queste quattro parole?” Il giorno seguente il maestro riprese il discorso. Ci spiegò che il giorno prima aveva citato l’incipit del romanzo di Ben Okri La via della fame e pian piano cominciò a spiegarne il senso profondo, le connessioni con il Dharma e con la nostra pratica. Dipanò quella frase così breve ed enigmatica come un bozzolo di seta e, nel corso dei giorni, riuscì a tessere una meravigliosa, impalpabile tela fatta di Dharma con la quale ci avvolse tutti. Effettivamente lo spirito di ognuno di noi è, in origine, come un fiume: fluido, capace di prendere ogni forma, pieno di forza e che naturalmente scorre verso la foce, verso il nostro pieno sviluppo spirituale. Ma troppo spesso ce lo dimentichiamo, e ci irrigidiamo. Perdiamo la nostra originaria freschezza, ci inaridiamo, fino a diventare come una strada asfaltata, bruciata dal sole, e che non scorre più liberamente verso il grande oceano della saggezza. Il Dharma del Buddha è questo. È proprio davanti ai nostri occhi, a ogni istante, solo che non ce ne accorgiamo, perché accecati dalle nostre proiezioni mentali. Perché non siamo più un fiume, ma una strada asfaltata. L’insegnamento del Buddha ci risveglia a questa visione». Il centro zen L’Arco continua proprio su questa strada, offrendo un prezioso strumento a tutti coloro che stanno cercando se stessi in questo meraviglioso mondo.


ru e p a i boliv

oltrefrontiera

dalle ande agli spiriti della foresta _____________

di Giacomo Belcari

bolivia

Amo i salti nel buio, ma soltanto quelli che mi fanno sentire quell’inquietudine eccitante mista alla paura. Sono sempre stato convinto che esistesse dentro di me un sistema decisionale impostato su una logica a me ignota, finalizzata a certi specifici obiettivi di cui venivo a conoscenza soltanto dopo il loro raggiungimento. Se mi guardo indietro, molte sono state le scelte apparentemente insensate che ho preso nella mia vita e tutte hanno portato a risultati diversi da quelli che coscientemente immaginavo, ma coerenti a una linea evolutiva che ora si profila sempre più chiara. Non era in programma di andare in Perù, avevo stabilito che sarei rimasto due mesi in Bolivia facendo il giro delle principali città, per osservare e contribuire al lavoro di chi si occupa di garantire ai bambini un futuro migliore. Dopo essere atterrato a Santa Cruz de la Sierra, ultima città boliviana a essere immersa nel clima tropicale, ho cominciato il viaggio che mi avrebbe condotto verso i centri più alti, in cui avrei superato i quattromila metri di altitudine. Sucre, la capitale, Potosi, la città dei minatori, Uyuni, adiacente allo sconfinato deserto di sale e infine La Paz, il formicaio umano più alto del mondo. Volevo piangere. Questa è stata

Il confine tra Bolivia e Cile

60

Oltreconfine | Cronache dai mondi visibili e invisibili

l’unica vera esigenza che mi ha portato a scegliere di partire e a prendere contatti con associazioni e centri di assistenza già dall’Italia. Volevo emozionarmi ascoltando le storie di chi aveva scelto di cambiare vita per dedicarsi al prossimo, e volevo conoscere il prossimo per apprezzarne la diversità. Non ero nuovo a questo tipo di viaggi e cercavo quell’arricchimento che avvertivo ogni volta che mi confrontavo col mio senso di adattamento, con parti di me sopite che intervengono soltanto quando esco dal mio habitat caotico e rassicurante. Per questo, quando qualcuno mi domandava perché stavo andando in Bolivia, io rispondevo: «Per piangere». Ho viaggiato in autobus antidiluviani agghindati con ogni sorta di amuleto e immagine sacra. In prossimità del conducente penzolava spesso un Cristo di notevoli dimensioni che a ogni sobbalzo minacciava di colpire i passeggeri delle prime file. Una vergine con le labbra rosso sangue era invece sempre presente sul cruscotto. Scritte inneggianti Nostro Signore ricoprivano la carrozzeria esterna; alcune rasentavano il comico, a testimonianza del bisogno di esorcizzare la più che reale possibilità di sventura stradale, date le condizioni dei mezzi su cui si viaggia, delle vie di comunicazione, impervie e quasi mai asfaltate, e del livello alcolemico degli autisti. Dios me guía, un loco me conduce! Più salivo di quota e più il freddo aumentava. Gli spifferi dai finestrini non davano tregua e le persone attorno a me apparivano chiuse e poco disposte a parlare. Spesso ero l’unico europeo a viaggiare sulle corriere di linea. Col passare dei giorni il freddo mi era entrato nelle ossa. La gente mi guardava con sospetto, nelle locande non c’era acqua calda e figuriamoci il riscaldamento. Ho visto paesaggi mozzafiato, strapiombi infinitamente profondi, crateri vulcanici fumanti, deserti abitati solo da cactus secolari, orme di dinosauri impresse in colate laviche preistoriche e cime innevate che sembravano toccare il cielo. Ciò nonostante, l’inospitalità delle persone mi rendeva triste, ero finito in una specie di purgatorio, dove chi ce la fa ce la fa e chi non ce la fa viene divorato da Pachamama, la grande Madre Terra. È stato quando ho imparato a conoscere il culto, la devozione e il timore che provano i nativi delle Ande ver-


universo olistico • Terapie alternative e percorsi di guarigione

L’ARCOBALENO DELLA LUCE

Le virtù terapeutiche e ispirative dei cristalli _____________ di Satvat Sergio Della Puppa

A

La cristalloterapia riflette, in senso moderno, quelle comprensioni dell’utilizzo terapeutico e spirituale dei cristalli che nell’antichità sono state presenti in tutte le Tradizioni, in ogni parte del mondo. È una disciplina che mira a riequilibrare e incrementare le nostre energie mediante le vibrazioni emanate naturalmente dai vari cristalli, favorendo la salute psico-fisica, l’ispirazione e l’evoluzione personale.

il mio incontro con i cristalli

Verso la metà degli anni ’70, mentre stavo aspettando una svolta significativa del mio destino, mi trovai in un laboratorio orafo dove i banchi da lavoro erano costellati da pietre multicolori, pronte per essere montate. Fu un vero satori, la chiamata che stavo aspettando e che ancora mi accompagna. Ero già pittore e amavo viaggiare nei mondi del colore, così mi accorsi all’istante di quei colori palpitanti, vivi e luminescenti, che rendevano i cristalli simili a scrigni variopinti in cui la Natura Maestra aveva celato chissà quali segreti. Ne fui stregato, e da allora mi occupai di decifrare quel mistero. All’epoca mancava ancora un’esplorazione moderna e cosciente della cristalloterapia, perciò non avevo a dispo-

Totem radiante • avventurina, eliotropio, rodonite, apofillite, argento, travertino

64

Oltreconfine | Cronache dai mondi visibili e invisibili

sizione né libri né insegnanti; le uniche informazioni le trovai in biblioteca sugli antichi lapidari medioevali, molto folcloristici ma ben poco significativi. Ho dovuto quindi sperimentare di persona, procedendo per tentativi nel cercare il mio modo originale per comprendere e liberare le segrete energie occluse nei cristalli. Nel far questo, appresi la prima importante lezione, ossia che è l’amore la chiave capace di aprire ogni mistero. Finché mi approcciai ai cristalli con la mia volontà maschile, sperimentando tecniche esoteriche più o meno ardite, questi non mi risposero affatto. Tuttavia, nonostante il mio senso di fallimento, essi continuarono a chiamarmi, esercitando sempre più, su di me, il loro fascino; finii così per innamorarmene davvero, traendo un puro piacere dalla loro vicinanza. In tale amorevole rilassamento, che non cercava più di afferrare qualcosa, ma piuttosto si calava in un’empatica confidenza, i cristalli finalmente si rivelarono. Li sognavo la notte, e cominciarono a parlarmi nell’intuizione; conoscendoli nell’intimità del sentire, divennero i miei compagni di meditazione. Nel frattempo apprendevo le tecniche antiche dell’arte orafa per poter narrare le storie e le visioni che essi mi trasmettevano. Da allora, lungo il mio percorso d’approfondimento spirituale, i cristalli sono stati degli alleati preziosi per aprire le porte della percezione, per amplificare l’energia, per viaggiare sulla via dei simboli, per curare. Quando, dopo qualche tempo, la cristalloterapia divenne di pubblico dominio – e quindi fu agevole trovare le informazioni e i riscontri che all’inizio avevo fortemente cercato – scoprii che ero già stato investito della maestria dei cristalli, in virtù della mia totalità e dell’amore. Allora iniziai a insegnare la cristalloterapia per ampliare lo splendente cerchio dell’energia e molti amici iniziarono a venire a Heliotropio – il centro di meditazione che gestivo a Roma


punti di vista

GIULIANO KREMMERZ L’uomo, il maestro, il mago _____________

di Stefano Mayorca

N

elle compagini del tempo, racchiuso nello spirito sempre vivo di un’ancestrale Tradizione, è custodito l’imperituro nume che sottende alle antiche iniziazioni sacerdotali. Ancora vivo, nonostante i secoli e la polvere che ne hanno occultato l’aureo bagliore, il Genius immortale riposa in attesa di essere nuovamente ridestato dal sonno senza tempo in cui giace. Lungo le impervie strade del sapere, vivide fiamme sapienziali segnano ancora oggi la Via maestra della Conoscenza, risvegliando e rinnovando la fulgida materia metafisica celata, salvandola dalle ingiurie della stagnazione temporale. Con essa vengono riaffermati i principi attivi della realizzazione alchimica e della trasmutazione insita nei processi di alchimia totale. I maestri, ridestati dal lungo letargo, rivivono nelle manifestazioni operative che altri iniziati tengono vive allo scopo di eternare e preservare il fulcro radiante della Grande Opera, rendendo immortali i dettami pratico-simbolici e proseguendo l’immane lavoro che da tempo immemore è stato intrapreso. Numerosi sono coloro che, sfidando la ragione volgare dei cosiddetti benpensanti, hanno varcato le soglie oscure – prive di luce, buie – dell’ignoto, travalicando la comune esistenza umana. I loro nomi riecheggiano da sempre nel gran libro della ermetica sapienza: Giovanni

Battista Della Porta, autore della Magia naturalis; Giovanni d’Espagnet, anch’egli alchimista, autore dell’opera L’Arcano di filosofia ermetica e dell’Enchiridio; Raimondo Lullo, il profeta dell’alchimia operativa, autore del celebre Trattato sulla Quintessenza; Paracelso, tra i cui scritti si possono ricordare gli undici trattati sull’origine, le cause, i segni e la cura delle singole malattie (1520), e ancora, La grande chirurgia (1536), Paramirum (1562-75) e Paragranum (1565). Come era solito affermare il grande medico-alchimista ed ermetista: «E chi dunque vorrà vedere e apprendere, dovrà cercare l’arte e solo allora risplenderà fulgido nella purezza del vero». Una menzione particolare merita Giuseppe Francesco Borri il quale, perseguitato dalla Santa Sede, chiese ospitalità al marchese Massimiliano Palombara. Il marchese era un noto alchimista romano, proprietario di una villa sull’Esquilino, il Monte delle streghe cantato da Orazio, dove la strega Canidia officiava i suoi incantesimi. Accolto fraternamente, si dice che nel corso della notte il Borri operò una trasmutazione alchimica ottenendo dalla materia vile l’Oro dei filosofi (si trattava del nobile metallo o di processi fisici connessi con la materia prima luminosa?). Questo prodigioso fenomeno si concretò all’interno del laboratorio del

Tre grandi ermetisti del passato: Giovanni Battista Della Porta • Paracelso • Giuseppe Balsamo Conte di Cagliostro

74

Oltreconfine | Cronache dai mondi visibili e invisibili


ura

Arte & Let

t a ter

arte & consapevolezza

Esperienze creative e itinerari della coscienza

82 Paul Klee. L’arte e la scienza pittografica delle piccole parti

di Satvat Sergio Della Puppa

88 Parvathy Baul. Songs of the Great Soul

di Maura Gancitano

92 ArtEnergy. L’energia dell’atto creativo

di Valentina Di Serio

94 le sorgenti del mito La scorporazione del pensiero

di Sebastiano B. Brocchi

96 spazio creativo > Stefano Magnani 100 spazio autori > Massimo Di Nocera

letteratura & psiche

Antiche saggezze e nuovi scenari

104 Sincronicità. Il linguaggio della coscienza 108 Orizzonti scientifici non casuali

Intervista a Massimo Teodorani

111 Sincronicità romanzesche

Intervista a Marco Cesati Cassin di Mariavittoria Spina

112 Dentro la mia stanza di Emily Dickinson 113 Emily Dickinson. L’angelo custode

di Silvia Nosenzo


ARTE & CONSAPEVOLEZZA • Esperienze creative e itinerari della coscienza

paul klee l’arte e la scienza pittografica delle piccole parti _____________ di Satvat Sergio Della Puppa

A

Rifiutando l’apparenza convenzionale della realtà, Paul Klee ha ricercato la preistoria del visibile sintetizzando e riducendo la forma, provando a ringiovanirla sino al tratto infantile nel tentativo di recuperare l’innocenza originaria. L’artista ha operato con materiali minimi, per piccole scansioni di segno e colore che non delineano un significato liberatorio o celebrativo, ma intendono purificare il pensiero per volgersi all’intimità del sentire.

P

aul Klee è nato in Sagittario nel 1879 presso Berna. Dal padre ereditò la passione per la musica e imparò a suonare il violino. Nel 1900 si iscrisse all’Accademia di Belle Arti di Monaco; lì incontrò Kandinsky, con il quale sviluppò nel tempo una significativa amicizia. Uomo di grande cultura, amava viaggiare e visitò in particolar modo l’Italia e il bacino del Mediterraneo, luoghi della storia antica che hanno formato l’anima europea. Il suo approccio alla pittura è stato intensamente voluto ma intimamente dubbioso, tanto da scrivere: «Talvolta pensavo di saper disegnare, talvolta pensavo di non saper niente. [...] Non c’è che la musica a cui sono stato sempre fedele» (P. Klee, Diari 1898-1918, Il Saggiatore 1960). Questo dubbio, sospinto

Paul Klee nel suo studio a Weimar, 1925

82

Oltreconfine | Cronache dai mondi visibili e invisibili

sino alla speculazione metafisica, è stato la cifra che ha segnato l’intera espressione pittorica di Klee, non arretrando nemmeno a fronte delle circa diecimila opere da lui prodotte. Tale non sentirsi pronto e capace non era però il sintomo di un orgoglio frustrato; al contrario, ha costituito una modestia produttiva che lo ha indotto a riflettere profondamente sulla natura essenziale delle proprie facoltà quanto sul compito filosofico dell’artista, in modo sincronico allo spirito d’investigazione interiore che stava agitando le coscienze. Se, prima di allora, la pittura si era occupata del visibile, stabilendo una stretta connessione tra l’occhio che vede e la mano che riproduce, la rivoluzione filosofica del ‘900 sottolineava con forza il compito nuovo dell’arte: «L’arte non ripete le cose visibili, ma rende visibile» (P. Klee, Confessione creatrice e altri scritti, Abscondita 2004). Lo spettacolo mondano dell’ovvietà formale, assunto con i mezzi percettivi ordinari, veniva messo arditamente in discussione al fine di ricercare un contenuto propriamente esoterico, ovvero ciò che è dietro, prima e dopo la facciata ingannevole della realtà. Gli artisti rifiutavano il mondo dell’apparenza per volgersi alla sfera sfuggente dell’essenza. Essendosi spalancato, anche grazie all’avvento della psicanalisi, l’abisso misterioso della psiche, la realtà doveva necessariamente essere letta più in profondità, giungendo nei recessi emozionali, soggettivi eppure universali (perché risonanti con le leggi della Creazione), immaginativi e catartici, che tendevano a evidenziare i nessi archetipici che originano la vita. L’arte sosteneva la sfida di oltrepassare ogni intendimento mimeticamente rappresentativo, e l’artista diveniva consapevole che il suo compito non era quello di generare una forma convincente, gradevolmente


arte & consapevolezza

PARVATHY BAUL

songs of the great soul _____________ a cura di Maura Gancitano

La

tradizione Baul è nata in India nel Medioevo e racchiude una vasta cerchia di cantori mistici vaganti. Pur essendo induisti, i Baul non riconoscono il sistema delle caste, professano l’uguaglianza di tutte le fedi e le religioni e sostengono che la divinità sia racchiusa nel cuore di ogni uomo. I loro testi, tramandati quasi esclusivamente per via orale, sono stati riscoperti nel Novecento da Rabindranath Tagore, straordinario poeta e Premio Nobel per la Letteratura. I Baul uniscono il canto, la musica, la recitazione, la danza e la pittura, e i loro spettacoli sono ancora oggi esempi straordinari di ciò che la creatività umana può essere. L’arte e le tecniche creative non sono per i Baul puro esercizio, ma rappresentano lo strumento della loro ricerca interiore. Che significa letteralmente Baul? Se lo chiedessimo a uno di questi cantori, otterremo ogni volta una risposta diversa: un folle di Dio; qualcuno che ama incondizionatamente; un

essere senza radici; pura aria. Qualcosa di molto simile a un profeta, quindi, o a un sufi. Quando si assiste a uno dei loro spettacoli, la sensazione è proprio quella di trovarsi di fronte a qualcuno che, come i dervisci rotanti, sta mostrando allo spettatore un chiaro momento di profonda unione interna, di collegamento con la parte più spiritualizzata di sé. Per questa ragione, per diventare Baul bisogna attraversare un lungo e durissimo apprendistato. La conoscenza, trasmessa in genere da un guru, è lenta e graduale, e senza alcuna possibilità di schematizzazione. Il discepolo deve ascoltare con estrema attenzione il canto del guru e seguirlo. Il guru insegna esclusivamente attraverso l’azione, l’esempio. La pronuncia esatta delle parole, la memoria, i movimenti del corpo, dei piedi, la danza, il silenzio, l’abbigliamento, sono tutti aspetti a cui il Baul deve dedicare la massima cura. Per questo, nell’ashram del proprio guru, l’apprendista imparerà varie tecniche di respirazione, Pranayama, Hata Yoga, oltre allo studio dei Vedanta e di altri testi di spiritualità. Parvathy è una delle Baul più conosciute al mondo e una delle pochissime donne che la tradizione ricordi. Nata a Cochbihar, nel West Bengal, nel 1976, Parvathy si definisce «cantante, cantastorie e ricercatrice spirituale» e da anni gira il mondo con i propri spettacoli che uniscono musica, danza, canto e pittura, e trasmettono il messaggio antico e nuovo dei maestri Baul.

Parvathy Baul

intervista a parvathy baul Come sei diventata una Baul? Nella nostra cultura la musica e la danza sono due arti molto naturali che si imparano da piccoli. Così ho fatto io: fin da bambina ho ballato e cantato, senza stancarmi mai. L’incontro vero e proprio con la tradizione Baul, però, è avvenuto solo più tardi, a sedici anni, quando decisi di iscrivermi al corso di pittura dell’università di Shantiniketan, fondata da Rabindranath Tagore. Durante il viaggio, sul treno, incontrai un Baul cieco. Le sue canzoni erano piene di visioni e di luce, e la sua voce mi trasportò in un regno nuovo, in una dimensione a me sconosciuta. L’energia Baul


letteratura & psiche • Antiche saggezze e nuovi scenari

sincronicità

il linguaggio della coscienza _____________ di Mariavittoria Spina

A

Dall’antichità alle odierne ricerche di Massimo Teodorani, passando necessariamente per qualche utile pagina di narrativa, breve introduzione allo studio delle coincidenze significative, eventi che esulano dal principio di causaeffetto, la cui comprensione profonda potrebbe spalancare le porte al rinascimento dello spirito, portando le ragioni della coscienza onnipresente da oltre lo spazio e il tempo fino alla superficie della consapevolezza umana.

un ponte verso l’infinito

«Quante volte ci è capitato di pensare a un amico che non si vedeva da tempo e poco dopo, per caso, incontrarlo per strada? Quante volte abbiamo vissuto una serie di eventi che accadevano proprio come dovevano accadere in una strana ed eccezionale coincidenza? E sempre ci si pone la domanda: ma esiste il caso? O forse esiste un principio scientifico ancora sconosciuto a far accadere gli eventi con tale sottile armonia?» Esordisce così Nitamo Federico Montecucco nel suo articolo dedicato alla sincronicità sull’enciclopedia olistica (www.enciclopediaolistica.com), ponendo cioè delle domande che tutti prima o poi ci siamo fatti, probabilmente senza mai trovare una risposta soddisfacente. Esiste un senso che unisce ogni cosa? Lasciando a ciascuno il piacere di un approccio sistematico alla letteratura del fenomeno sincronicità e coincidenze significative, in queste poche pagine di voli pindarici (e qui seppur umilmente, mi appello al shakespeariano monito «c’è del metodo in

L’I-Ching, oracolo sincronico per eccellenza, venne studiato a fondo anche da C. G. Jung

questa follia») vi presenterò le sfide e i viaggi intrapresi da alcuni pensatori che hanno osato squarciare il velo tra impensabile e possibile, aprendo così nuove strade all’umana comprensione, e gettando un altro ponte verso l’infinito.

definizioni, aneddoti e manuali

Nel suo Sincronicità, pur avendo presentato i copiosi risultati di uno studio svolto in diversi ambiti, inclusi quello astrologico, l’I-Ching e i fenomeni esp, Carl Gustav Jung asserisce di non essere giunto ad alcuna conclusione certa; tuttavia la direzione della sua ricerca su questo fenomeno appare piuttosto chiara quando afferma che «la sincronicità possiede caratteristiche che possono contribuire a chiarire il problema corpo-anima». Ciò conduce infatti lo psichiatra svizzero a postulare «l’esistenza di un significato che sussiste di per se stesso» e a definire il contingente manifestato dai fenomeni sincronici come «qualcosa che da un lato è generale ed esiste da sempre, e che dall’altro è la somma di molti atti individuali di creazione che si realizzano nel tempo». La sincronicità sembra essere un fenomeno che trae origine da qualcosa di increato, ancestrale, e tuttavia si manifesta con caratteristiche e contenuti del tutto peculiari e contingenti nella vita di ciascuno, come se l’Intelligenza che sottende all’intero creato, o comunque vogliate chiamare quella forza ordinatrice omnipervasiva, in certi momenti ci incoraggiasse a esercitare la nostra facoltà di comprendere i nessi profondi e le loro interconnessioni con la nostra stessa esistenza, facendo appello alle risorse soggettive del singolo individuo. «Dio dorme nelle pietre, sogna nelle piante, si muove negli animali e si sveglia nell’uomo». (Proverbio sufi)

104

Oltreconfine | Cronache dai mondi visibili e invisibili


letteratura & psiche

orizzonti scientifici non casuali

intervista a massimo teodorani _____________ di Mariavittoria Spina

L’

approccio scientifico alla sincronicità porta inevitabilmente ad aver a che fare con teorie estremamente affascinanti e articolate che interessano il mondo della scienza sin dalle prime intuizioni di Albert Einstein. Chiare spiegazioni scientifiche di molti fenomeni connessi con le coincidenze significative, come il paradosso epr, l’invarianza di scala, le strutture della geometria frattale e l’effetto farfalla, sono contenute nei saggi segnalati tra i consigli di lettura. Per tentare di introdurre adeguatamente alcune delle teorie più stimolanti, abbiamo chiesto aiuto alla notevole capacità esplicativa di Massimo Teodorani, astrofisico e divulgatore scientifico, autore di un saggio specifico sulla sincronicità, e impegnato da decenni nell’esplorazione e divulgazione delle nuove frontiere della scienza.

Massimo Teodorani

Come viene descritta in ambito scientifico la sincronicità e qual è la sua importanza? Il fenomeno in oggetto, derivando dagli studi condotti agli inizi del secolo scorso dallo psicologo analitico Carl Gustav Jung, con quella specifica denominazione riguarda la sfera prettamente psicologica. La sincronicità avviene tra un pensiero e un evento, ed è un fenomeno empiricamente ben distinguibile dalla semplice coincidenza. Il connu-

bio avvenuto tra Jung e il fisico quantistico premio Nobel Wolfgang Pauli fu un tentativo di spiegare secondo i principi della teoria quantistica le caratteristiche peculiari della sincronicità, che effettivamente (seppure sul piano psichico) mostrano una sorprendente analogia con il meccanismo dell’entanglement quantistico, dove due o più particelle, essendo unite da un legame indissolubile, interagiscono tra loro in maniera non-locale come se fossero una sola particella. Nonostante questa interdisciplinare collaborazione tra Jung e Pauli, che ebbe comunque il merito di sollevare la questione se effettivamente possa esistere una fenomenologia di entanglement anche nello psichismo, non esiste ancora allo stato attuale delle conoscenze un vero modello di fisica teorica che spieghi la sincronicità e altri fenomeni simili, come ad esempio la telepatia. Il fisico premio Nobel Brian Josephson ritiene che alla radice di certi fenomeni psichici possa esistere una variante della teoria quantistica che ha a che vedere con il fenomeno della Vita. Tuttavia, quantitativamente parlando, questo modello ancora non esiste. E quindi per il momento possiamo dire che, sì, la sincronicità è un fenomeno effettivamente verificabile sul piano empirico tanto quanto psicologicamente interpretabile secondo la teoria degli archetipi di Jung, cioè un fenomeno che si verifica realmente e ben al di fuori delle semplici coincidenze, ma di cui ancora non disponiamo di una solida teoria fisica che lo sostenga. Pertanto il problema resta aperto, sperando che il futuro possa fornirci una risposta definitiva. Dall’uscita del tuo libro dal titolo omonimo (Sincronicità. Il legame tra Fisica e Psiche da Pauli e Jung a Chopra) ci sono state delle ulteriori scoperte significative su questo fenomeno? Quali studiosi attualmente stanno ottenendo i risultati più promettenti? A parte le speculazioni di Brian Josephson, il quale ritiene che la teoria quantistica stessa sia un regno ben più vasto di quanto si potesse prima sospettare (come se noi di essa vedessimo solo la punta di un iceberg), non mi risulta che


spazio onlus

L’ALBERO DELLE FARFALLE _____________

di Galafro Conti

L’associazione Onlus L’Albero delle Farfalle è nata il 17 dicembre 2010 in ricordo di mio figlio, Tiziano Conti, e di tutte i ragazzi che come lui sono rimasti vittima del terremoto de L’Aquila del 6 Aprile 2009. Fin da bambino, Tiziano aveva una forte inclinazione verso la spiritualità, vedeva oltre: conosceva la Bibbia quasi a memoria e aveva letto le opere degli spiritualisti orientali da Osho a Yogananda, cosa straordinaria per un ragazzo di diciannove anni proveniente da una famiglia che non si occupava affatto di queste cose. L’iniziativa della Onlus è nata da un incontro casuale al convegno di Riccione tra i genitori degli studenti di Rieti e dell’Aquila che hanno perso la vita nella terribile scossa; l’appuntamento ha evidenziato l’esigenza di creare anche in questa zona qualche iniziativa che servisse a dare un aiuto e una speranza alle famiglie che avevano avuto gravi lutti. Le iniziative e le attività dell’associazione sono quindi rivolte al sostegno delle persone che soffrono la perdita di una persona cara e che desiderano condividere aiuto, conforto e solidarietà con chi vive le stesse esperienze. L’associazione è rivolta anche a chiunque senta l’esigenza di una crescita interiore spirituale e che desideri compiere un cammino che porti a una maggiore conoscenza e consapevolezza, per una fede più profonda e autentica nella Vita oltre la Vita. Con le sue attività, L’Albero delle Farfalle vuole realizzare un percorso culturale e spirituale che nasca dai cuori, dalla condivisione, dalla fiducia in una via possibile, che attraverso la speranza entri nella nostra anima. Ci proponiamo inoltre di aiutare i giovani in difficoltà e le comunità più svantaggiate sia in Italia che nel Terzo Mondo; il progetto più importante a cui abbiamo collaborato riguarda la realizzazione di potabilizzatori in Cambogia insieme a un’associazione amica; al momento stiamo contribuendo anche alla costruzione di pozzi artesiani e di un dispensario in Zambia. In memoria di Tiziano Conti, l’associazione ha istituito una borsa di studio da assegnare ogni anno all’alunno più meritevole del 5° anno della sezione chimici dell’ itis. Lorenzo Allievi di Terni, e ha pubblicato il libro Il guerriero della leggenda quale ricordo per i sui amici e compagni di scuola. Abbiamo poi istituito il memorial di karate Tiziano Conti, riservato ai ragazzi, e il memorial di calcio Enrico Savelli,

114

Oltreconfine | Cronache dai mondi visibili e invisibili

riservato alle squadre giovanili, affinché lo sport, la musica, la cultura e la solidarietà fungano da stimolo e strumento di condivisione per i giovani. Per fornire un contributo al disagio giovanile, offrendo supporto ai genitori e agli operatori didattici, abbiamo organizzato due convegni, uno sul ruolo della famiglia e delle istituzioni nella prevenzione del disagio in adolescenza; l’altro sulla rete potenziale e le opportunità di crescita personale offerte da un uso informato e consapevole della rete internet. Tramite le nostre attività abbiamo avuto la possibilità di conoscere persone e giovani bisognosi di aiuto, e in qualche caso siamo riusciti a fornirgli un aiuto con il contributo di Enrico Nicolò, psicologo e vicepresidente dell’associazione. Proprio in questi giorni abbiamo aperto la nostra sede ufficiale a Rieti, in via Di Mezzo 112, dove è possibile partecipare a incontri, riunioni e attività, incentrate soprattutto sul tema della spiritualità. Il nostro sogno nel cassetto, però, è sempre stato quello di organizzare un convegno annuale sulla spiritualità a L’Aquila in memoria delle vittime del terremoto; per molto tempo abbiamo pensato che fosse al di sopra delle nostre possibilità, poi, all’improvviso, il sogno è diventato realtà: l’associazione Al di Là del Tramonto ci ha chiesto di collaborare con loro per l’organizzazione di un convegno proprio a L’Aquila da tenersi il 26, 27 e 28 Ottobre 2012 sul tema La Vita oltre la Vita. Q

l’albero delle farfalle - Associazione onlus Via Di Mezzo n. 112 - 02100 Rieti Tel. 347.8249511 ( Galafro Conti ) // www.lalberodellefarfalle.blogspot.com // // comefarfalle2010@gmail.com //


Dove trovare Oltreconfine Ciò che non si può tradurre in termini di non merita di essere

vissuto. (E.M. Cioran)

mistica

abruzzo

Libreria Shanti Via dei Georgofili, 67 - 00147 Roma www.libreriashanti.it

calabria

Coccinellart Via Tuscolana, 1484 - 00174 Roma www.coccinellart.it

campania

Libreria Europa Via Santamaura, 15 - 00192 Roma www.libreriaeuropa.it

Libreria Naturista Via Ancona, 66 - 64122 Pescara Libreria Ubik Via Galliano, 4 - 87100 Cosenza Erboristeria Natura Amica Via Torre della Catena, 133 82100 Benevento naturamica.wordpress.com Libreria Aldebaran Via Porta Elina, 17/19 - 84121 Salerno www.aldebaranonline.com

emilia romagna

Libreria Esoterica Ibis Via Castiglione, 31 - 40124 Bologna www.ibisesoterica.it Libreria Tre Lune Corso Martiri, 303 41013 Catelfranco Emilia (MO) www.libreriatrelune.com Libreria La Botteghina del Libro Via Giorgio Regnoli, 48 - 47121 Forlì www.labotteghinadellibro.it Libreria Il Triskele Via Morigi, 40 - 29121 Piacenza www.iltriskele.it Alef Libreria Esoterica Via Ravegnana, 146/A - 48121 Ravenna www.aleflibreria-galleriadarte.com Libreria Incontri Piazza della Libertà, 29 41049 Sassuolo (mo) www.libreriaincontri.it

friuli venezia giulia Libreria New Age Center Via Nordio, 4 - 34125 Trieste www.newagecenter.it

lazio

Libreria Dharma Vicolo del Cedro, 32 - 00153 Roma www.libreriadharma.com

Associazione Forza Vitale Via Ragusa, 5/B - 00040 Ardea (RM) www.scuolataichi.it Feel! Centro Olistico Lungomare Lutazio Catulo, 14 - 00122 Ostia www.feelostia.org La Grotta Fatata Via delle Aleutine, 123 - 00121 Ostia (RM) Libreria La Nuova Coscienza Via Enrico Toti, 33 - 04100 Latina Libreria Piermario & Co. Via Armellini, 26 - 04100 Latina

lombardia

Libreria Shesat Via San Bernardino, 15/C – 24122 Bergamo www.libreriashesat.net Libreria Esoterica Le Chat Noir Via Pusterla,16/C - 25128 Brescia www.lechatnoir.biz Libreria Esoterica Il Velo di Maya Via Rodi, 73 - 25124 Brescia www.ilvelodimaya.it Libreria La Porta Nascosta Via Brambilla, 19 - 22100 Como www.laportanascosta.com Libreria Primordia Via Piacenza, 20 - 20135 Milano www.libreriaprimordia.it Libreria Esoterica Galleria Unione, 1 - 20124 Milano www.gruppoanima.it

Libreria Eterea Via dei Gracchi, 274 - 00192 Roma

Libreria Ecumenica Stazione MM1, P.zza San Babila 20121 Milano www.gruppoanima.it

Bibliothè Via Celsa, 4 - 00186 Roma Bibliothe.blogspot.it

Libreria il Crogiuolo Via Imbonati, 3 - 21153 Milano www.ilcrogiuolo.it

Libreria Capo Horn Via Domenico Purificato, 199 - 00125 Roma

Libreria Natura Umana Via Roma, 62/B 20037 Paderno Dugnano (MI)

Libreria Off Via Parco de Medici, 131 - 00148 Roma Libreria Feltrinelli Viale Giulio Cesare, 88 - 00192 Roma

Libreria Il Faro Via De Simoni, 63 - 23100 Sondrio www.ilfaro.com

marche

toscana

Edicola della Stazione Via Litoranea, 5 - 61037 Marotta di Mondolfo (PU)

Libreria La Quarta Dimensione Via degli Alfani, 99/R - 50121 Firenze

Libreria Tomo d’Oro Via Flaminia, 557/B 60015 Falconara Marittima (AN)

Libreria Mysteria Via Vittorio Veneto, 34 - 58023 Castiglione della Pescaia (GR) www.mysteriashop.com

piemonte

Libreria Esoterica Il Monte Analogo Via Guido Biagi, 14 - 50135 Firenze www.monte-analogo.org

Libreria Esoterica Parola di Passo Via XX Settembre, 26 - 14100 Asti www.paroladipasso.com Cartolibreria Coppo Via Roma, 85 – 15033 Casale Monferrato (AL) Libreria Janus Piazza Europa, 24 - 12100 Cuneo www.libreriajanuscuneo.it Libreria La Terra di Mezzo Via Santa Croce, 15 - 10024 Moncalieri (TO) Libreria Ubik Via Manzoni, 18 – 28887 Omegna (VB)

Libreria La Città del Sole Via Luigi Cibrario, 46 – 10144 Torino Libreria Esotericamente Via Giuseppe Garibaldi, 18 – 10122 Torino

veneto

Libreria Pantheum Via Galileo Galilei, 2 - 36057 Arcugnano (VI) www.pantheum.net Associazione Quinta Dimensione Piazza Trento, 1 37030 Collognola ai Colli (VR) www.quintadimensione.net

Libreria Esoterica Giusymagic Via Carlo Cattaneo 27 - 37121 Verona www.giusymagic.it

sicilia

Libreria Esoterica Pizzimento Via Aloi, 20 - 95129 Catania www.libreria-esoterica.com

Cortina Editrice Via Alberto Mario, 10 – 37121 Verona www.libreriacortina.it

Libreria Esoterica Libri e Pensieri Via Carcaci, 14 - 95131 Catania www.libriepensieri.com

Libreria Minerva Corso Porta Nuova, 86 - 37122 Verona www.libreriaminerva.org

Libreria Succa Via Grazia Deledda, 34 - 09127 Catania www.succa.it Gommalacca Associazione Culturale Via XX Settembre 91026 Mazara del Vallo (TP)

Il Tempio di Astarte Via Carducci, 2/A - 08100 Nuoro www.iltempiodiastarte.com

Meeting Point Via Cavour, 107 - 05100 Terni

Libreria Pavanello Piazza Vittorio Emanuele II, 2 - 45100 Rovigo

Libreria Comunardi Via Bogino, 2 – 10123 Torino

sardegna

Libreria dell’Anima Strada Trasimeno Ovest, Località Olmo 06074 Perugia www.animaperugia.it

Libreria Omnibus Via Trottechien, 2 - 11100 Aosta

Libreria Editrice Psiche Via Madama Cristina, 70 - 10126 Torino www.psiche.info

Libreria Sciuti Via Sciuti, 91/F - 90144 Palermo

Art&Vita Via Felice Cavallotti 5 - 05018 Orvieto (TR) www.satvat.it

valle d’aosta

Libreria Fenice Via Porta Palatina, 2 - 10122 Torino www.fenicetorino.it

Libreria Voglia di Leggere Via Pacinotti, 42 - 90145 Palermo

umbria

Macrolibrarsi www.macrolibrarsi.it Il Libraio delle Stelle www.illibraiodellestelle.com Libri per Evolvere www.libriperevolvere.it Vivere News Store www.viverenews-store.com Il Giardino dei Libri www.ilgiardinodeilibri.it

Libreria Arion Eritrea Viale Eritrea, 72 - 00199 Roma Libreria Esoterica Vradia Via Bellegra, 34 - 00171 Roma www.esoterismovradia.org Libreria Rotondi Via Merulana, 82 - 00185 Roma www.libreriarotondi.it Libreria Aseq Via dei Sediari, 10 - 00186 Roma www.aseq.it Harmonia Mundi Via dei SS Quattro, 26 - 00184 Roma www.harmonia-mundi.it

Se vuoi vendere Oltreconfine nella tua libreria, nel tuo negozio, nel tuo centro, o se vuoi segnalare un punto vendita, scrivici a distribuzione@oltre-confine.com

Libreria Esoterica Pan Via Catone, 44 - 00192 Roma www.panbookstore.altervista.org Libreria Mind Via Federico Nansen, 62 - 00154 Roma www.mindnotizie.it

www.facebook.com/Oltreconfineweb www.youtube.com/spaziointeriore twitter.com/oltreconfineweb


A oltreconfine S Cronache dai mondi visibili e invisibili

7

A

www.oltre-confine.com

Cronache dai mondi visibili e invisibili numero 7 | Settembre - Ottobre 2012 | euro 7,90

Poste Italiane SpA - Sped. in Abbonamento Postale - 70% Roma Aut. n. C/RM/70/2011

9 788897 864035

Settembre-Ottobre 2012

isbn 978-88-97864-03-5

Rivista di spiritualitĂ arte e letteratura

incontri

arte

speciale

punti di vista

universo olistico

Mauro Biglino

Paul Klee

Sri Aurobindo

Giuliano Kremmerz

Cristalloterapia

Oltreconfine 7  

N.7 Settembre/Ottobre 2012 Rivista di spiritualità, arte e letteratura che si rivolge a tutte le persone desiderose di ampliare i propri con...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you