Issuu on Google+

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Ufficio XV- Ambito territoriale per la provincia di Palermo – Trapani – Enna Manager Dott Rosario Leone

“The taste of language” Nina Raineri


•

Nina Raineri


“AZIONI” EUROPEE

Il monaco, Jan Amos Komenski, a cui i Progetti Comenius devono il nome, ci insegna che: “la scuola è officina dell’umanità” Mettere in pratica buone idee La cultura del pensare e del fare Nina Raineri


•Il valore della cooperazione

Learning Network

•Il passaggio costruttivo delle idee •L’ampliamento di vedute dell’intera comunità scolastica

scambio

Collaborazione e “rete”

cooperazione

integrazione

comunicazione Nina Raineri

4


•funzioni comunicative in L2 •tematiche trasversali inerenti la scienza dell'alimentazione di interesse europeo e “territoriale” •scambio di esperienze in L2 e consultazione di materiali piattaforma dedicata http://lnx.forumlive.net/didaktika/, in condivisione.

Nina Raineri


Sintesi del progetto THE TASTE OF LANGUAGE è un progetto volto a realizzare un dialogo interculturale e una comprensione piÚ profonda su stile di vita, tradizioni, lingue e patrimonio culturale tra cinque paesi europei partners Francia, Italia, Slovacchia, Svezia e Regno Unito. I corsisti provenienti da questi 5 diversi paesi hanno condiviso esperienze su prodotti locali e tradizioni culinarie. Il corso è stato svolto interamente in lingua inglese e i docenti sono stati stimolati ad interagire in presenza ed in piattaforma sia con i tutors che con i partner Europei. Nina Raineri


E’ stata seguita, sia nella fase di progettazione delle esperienze, che in quella di attuazione, una metodologia di tipo costruttivista e cooperativa attraverso l’approccio metodologico informale dell'apprendimento delle lingue con l’ausilio della laboratorialità e della ricerca-azione. L’utilizzo della piattaforma informatica e del web 2.0 ha contribuito al miglioramento delle competenze linguistiche e potenziato le competenze digitali dei docenti (competenze chiave Parlamento Europeo) Nina Raineri


Il progetto si è concentrato su specifiche aree chiave:

- Promuovere l'apprendimento delle lingue con metodi non formali - Studiare e cucinare cibi locali e discutere le tradizioni alimentari regionali -Raggiungere la sostenibilità del metodo formando cooperazione a lungo termine tra le organizzazioni in Europa -Migliorare la propria autostima attraverso la conoscenza di una nuova comunità di apprendimento europea e sviluppare nuove reti tra gruppi e persone -Migliorare la consapevolezza di una cucina sana e la salvaguardia della dieta mediterranea, patrimonio culturale immateriale dell’umanità , 17 Novembre 2010, dalla V Sessione del Comitato Intergovernativo dell’Unesco - Sperimentare alcuni tools del Web 2.0 - Guidare i docenti nella creazione di un progetto da sperimentare in classe in modo trasversale Nina Raineri


•Analisi dei bisogni iniziali con l’ausilio di appositi test degli esperti in scienza dell’alimentazione e L2 – inseriti in piattaforma •Il docente esperto con il supporto del tutor di lingua, ha poi fornito ai corsisti informazione e formazione sui vantaggi di una cucina sana e sulla salvaguardia della dieta mediterranea, dichiarata patrimonio culturale immateriale dell’umanità dalla V Sessione del Comitato Intergovernativo dell’Unesco. •Una fase del corso è stata poi dedicata a sviluppare la capacità della ricerca-azione. •Sulla base delle tematiche previste dal progetto (dieta Mediterranea, Slow food, Ciclo dell'olio, Ciclo del vino e della pasta, Cous-cous, Piatti tipici e ricette) sono stati svolti “lavori di gruppo”, utilizzando i materiali già pronti e forniti dai tutors. Nina Raineri


Non Formal CLIL I corsisti hanno sperimentato le funzioni comunicative in L2 ed elaborato tematiche trasversali inerenti la scienza dell'alimentazione, ricercando quanto può essere più adatto ai propri alunni, modellato sulla loro capacità di ascolto e sulle loro esigenze. In questo modo i corsisti hanno preso coscienza della facilità con cui è possibile creare pratiche didattiche innovative. Competenze specifiche del corso sono state: • capacità di cogliere dalla scienza dell’alimentazione esperienze atte a rendere l’attività didattica più accattivante e più efficace • capacità di sperimentare pratiche didattiche innovative •Capacità di creare percorsi didattici trasversali e sviluppare abilità linguistiche necessarie allo studente per svolgere il modulo disciplinare progettato. Nina Raineri


MATERIALE DI SUPPORTO I corsisti sono stati supportati da materiale specifico strutturato per progettare nella fase laboratoriale i percorsi linguistici in L2 •Schede di progetto •Feedback studenti •Schede di valutazione del lavoro di gruppo •Schede di valutazione •Monitoraggio

Nina Raineri


Making learning visible La valorizzazione dell’apprendimento non formale e le possibili applicazioni di un nuovo mercato culturale (agorà del pensiero) è chiaramente connesso alla necessità di sviluppare la consapevolezza nelle persone di quali siano le loro competenze: molto del nostro know-how è acquisito attraverso la pratica delle competenze non formali [cfr. J. Bjørnåvold, Making learning visible: Identification, assessment and recognition of non-formal learning in Europe, Cedefop]. Dunque, il 75% dell’apprendimento degli adulti avviene a livello non formale. La nuova sfida è creare una sistema di riconoscimento e di valorizzazione di tutte le esperienze e conoscenze di cui spesso non si è consapevoli.

Nina Raineri


Workshop c/o IPSSAR con i partners europei, durante il quale i corsisti hanno incontrato le delegazioni dei paesi partners coinvolti nel progetto: Svezia, Francia, Slovacchia, Regno Unito SPERIMENTAZIONI Nina Raineri


Cosa hanno imparato gli alunni? Hanno imparato il nome degli ingredienti e i principali verbi legati al mondo della cucina. Anche alcune allieve usualmente poco propense al dialogo e soprattutto al dialogo in lingua inglese hanno tentato un approccio alla lingua più interessata e partecipata. Il fatto stesso di non essere un docente di inglese è stato stimolante e ha attirato la loro curiosità. Un poco di storia della Sicilia, una ricetta pregiata e particolare della tradizione. Sul piano metodologico hanno sperimentato un uso strumentale della lingua inglese e un apprendimento del tutto finalizzato alla comunicazione.

I termini relativi alla cucina siciliana; alcune specificità delle ricette studiate. Ad utilizzare un lessico specifico in inglese in un contesto diverso da quello abituale

Che la lingua Inglese è fondamentale per la comunicazione comunitaria e che bisogna sempre sperimentare modalità di comunicazione alternative A lavorare in gruppo e a confrontarsi tra di loro in L2 Nina Raineri

Comunicare in lingua inglese/collaborare attivamente con i compagni e le docenti_/Gestire in modo autonomo l’esperienza all’interno del gruppo/Essere in grado di tradurre l’esperienza concreta in uno stile di vita/


Thank you for your attention ninaraineri@gmail.com

Nina Raineri


Learning Network The taste of language