Page 1

Marco Prudente

IISS R.GORJUX


A.S. 2011/12

“Nessuno scrive davvero del futuro. Tutto quello che ci rimane quando fingiamo di scrivere del futuro è il momento in cui stiamo scrivendo. Ecco perché ogni futuro immaginato diventa obsoleto come un gelato che si scioglie mentre uscite dalla gelateria all’angolo. Esso acquisterà immediatamente una patina pittoresca, fa parte di ciò che comporta l’immaginazione del futuro”. (William Gibson dall’ intervista di Wired, 10 settembre 2010)

2


INDEX Everything about the net...............4 What is Cyberpunk?.....................5 Nirvana................................6 William Gibson.........................9 Il DaDa “scritto”.....................18 DaDaismo..............................13 Marcel Duchamp........................18 La Prima Guerra Mondiale..............22 Analisi spot: Sky go..................24 Bibliografia..........................26 3


Everything about the net 000011011100001110101111010010001110111101011110001010001011011101101111111101001101101111101101001101111100010110101100110111101101011101110110111011 00001101110000 11110100100011101111010111100010100010110111011011111111010011011011111011010011011111000101101011001101111011010111011101101110111 01111110100100 11000111011101001111100100 01111010 1010000000011010110101011011101110101 00100 1110111011001011100011100111111111110101000 01000011110000 01110001011111111100111110 00111111 111001000110001110001011111000100000 001010 00 11111 10000 0 0010 1011 00000111010110 11101011111111 100100 10111100011 1 0111 1 1000111 110111 01100 00 1101 001 00 100 111 10 00101110001 001000010101111100011101010110101011101110001111001101000110110000111001001011000110001111000000000011101010001001000000000100000010101010100001101110 110110101100000100011110010000101100000110010111000100110110111100001010111110100010000010010111011001110000011111110001010101001111111010110101001010 000001111011100000010110101001111000001110111000101000011111000101010111100100011010111000111101110101011001001110011011010000111101100110110000001100 011100000111110010011110110101001001111110011000100100111001010101111001110111101000101100111010000011001110011101011011011101001011010110111010000001 000001000010000110101000111000100100010000110011110010101110010110100011111110110011111100010000101000000011110100010010010010001110010000101001101010 011011110101100010100000011010000000110101110110011001001011000001110010000010110010111001101101000100011010101010001000110010010000010100001110011100 010100010101001110001100101011001001011111110001101001010111011111011001011110101110001111001110001010111010000111001100010011101010100010100100111011 000110000101110110101101010010000000011000111001011011010001010011101000111100110000101001001000100110000001101101011010101111111000110001011000011110 010101110011001000001111101010111011111011110011110001100010000001110110101000101111000011010111011100010101111100001111001010001110001010100000010111 000011011100001111011110100100011101111010111100010100010110111011011111111010011011011111011010011011111000101101011001101111011010111011101101110111 011101101001111100101110000001010011011010111111010011100000101011000011111011100011010001010010000011001000011011110000000001000110101010000101001010 111100010100001000001111100011110110101010010011110011100111101101111001100001110001100100100111000100110101111001110010110000110000011101000010101010 101100100011101101110011110000111000010111010110010000011100000000001100001010010110001100101100001101011110011110110110111000001100110010111100011010 101010000011011001111000000000000100101000101110010000110111100110101010010001110000010001101011000001000001111000000000001110100101110110111110001100 010001101011001111110000101001111101110111000010110011000101001110001001101110110001000110101001100010100111001101100110010100101110100101010011011011 001110000111100100101100001000101111111110111010011100101110010001001101001100011111101110110100100101111111000000001101100111010011011101000111010010 111100101000011101000111111110111011101101110101101111101110111111110000110001000111100011101001000011000000011111111110001010111001010111000001111110 010111111010101100001011000110100011010101111111101010001011111110110000010101110001101001010100111100101001000110001010110111000100100 0000011011100111100110111100000001001000010110010111010111100010011110100001011010000101101011011010011001101010010000111010010011011110 100101011100001000011111010111100010101110011110100100110100110111000100001110000111101110001111010110100111101000111000000011110010001 0111100110011001000100101010101101001010010000101110111101110100010001110110011111100110001110000110010101100110001001001011110001 1000000111111111100001011011101110111100001011011101001011001000111010001110111011110001101111011100110011010011011111010000111 1011001000101101001100000100001001111001100011000111100001100001010111100010111000000100110010011000101 11011010010010100010000110101000000010101001000011101100010111000111111100010110101111011010001001001110000100011100001001100111 001100111101010001110101111110000100011110100010011110000010100001101010111011111101110101011010110110001011100011100101111010

Internet is the biggest info sphere that links via satellite all the people all-round the world. Every single web-site contains in his name a domain, for example: .com for commercial purpose, .edu is education, .net for network operations, .gov is a government website. The last two letter domains represent countries .uk for United Kingdom .it for Italy and so on. My space is a social network opened in 2003. The founder is Tom Anderson, in this website you can post images, video and music. It’s still operating but it’s only used by band and VIPs. Facebook is a social networking website popular that allows you to connect people all over the world. You can post photo, and also you can tag your friends in those. Fb was born in 2004 by Mark Zuckerberg and it’s current active. You Tube it’s a super free internet video library. It was born in 2005 by a group of PayPal employees. PayPal is the most secure internet pay method and is used on e-buy. Ebay is an auction website you can find, like Harrods, everything from pinhead to an elephant.

4


Banner ads are rectangular shaped links, that hot-link you to a website. In general they are colourful because they must attract the web-surfer to the page. Sometimes when you click on it, the website owner earn a credit. For creating a website you must use a graphic program, for example the free version of Incomedia website x5 or the paid version of Adobe Dreamweaver MX. Your website must be attractive, colourful, with a search field and it must be downloadly faster and by a big range of web browsers.

What is Cyberpunk?

Cyberpunk is a postmodern and science fiction genre noted for its focus on "high tech and low life. The name was originally coined by Bruce Bethke as the title of his short story "Cyberpunk," published in 1983. It features advanced science, such as information technology and cybernetics, coupled with a degree of breakdown or radical change in the social order. Cyberpunk works are well situated within postmodern literature. Cyberpunk plots often center on a conflict among hackers, artificial intelligences, and mega corporations, and tend to be set in a near-future Earth, rather than the far-future settings or galactic vistas found in novels such as Isaac Asimov's Foundation or Frank Herbert's Dune. The settings are usually post-industrial dystopias but tend to be marked by extraordinary cultural ferment and the use of technology in ways never anticipated by its creators ("the street finds its own uses for things"). Much of the genre's atmosphere echoes film noir, and written works in the genre often use techniques from detective fiction. The main exponent of this genre is William Gibson.

5


Nirvana mmmsoo+oydmmmdsohmmmmmmmmddddddddddhs++++ohhhhhhhhhhhhhhhhdho++++++++oyhhhhhddddhhhhhhhyo+++oyhyhhhhyooyddddddddddddddddddysssoyhdddddddddddddddddmmmdyssssydddddyyhdddddddddddddddmmddddyssssyddmmdmmmm mmmy/` ``+dddy``/ddmdmmmddddddhddddhy+.``.yhhhhhhhhhhhhhhhhhs+. ```````:yhhddddhhhhhhhhy+:`` -yhhhhy/``ohddddhhhdddddddddds+. `/dddddddhhdhddddddddmdo:` ``ohddh-`-hdmdmddddddddddddddddy/.```odmdmmmmm mmmmh. `+ddy` /dmmmmmddhhhhhhhddhhhh/` .yhhhyyyyyyyyyyhhhhyy/ `oys.``.ydhhddhhhhhhhhhhh+` `/hhhho. :yhhhhysosyhhhhdhhhhhy`shhhhddhhhyyyyyhhdddddh:`` `odhh. .hdddddddddddddddddddddy:````yddmmmmm mmmmh. ` ``ody` /dmmmddhys//+osyhhhhhh/` .yhhhyyso///osyyyyyyy/ `shy-``.yddhhhyyo+osyyyhhy: .ohhy:`.shhhyyo:/:+syyhhhhhhh/``.``-hhhhdhhyso//:+syhhdddh: `ohy. .hdddddhhyyssyhhddddddd+`````-hdddmmm mmmmh. -/` `oy` /dmmmddyo-:+--+syhhhhh/ .yhhyys+-::-/osyyyyyy: ``-:-``.+ddhhhys/-/::oyyhhhs` `-yh+``/hhhyys+./.-/osyhhhhhs.`:o` `/hhddhhy+-/+:-+syhhddh: `-` `oy. -hddddhhy+::::syhhdddds.`:+```+dddmmm mmmmh.`-y/```+``/dmmdddyo--//::oyhhddh/ .yhhyys+--/-/osyyyyyy: ` .+yhdddhyo:-./o-+yyhhhh+` `+s.`-yhhyyso/./-/-+syhhhhy- `sy:```ohhdhys+-:-/-/syhhddh: `s:```+.`-hddddhy+:-:+-oyhhddhh: `oh:` `sddmmm mmmmh. -hh:``` +ddmdddys:-/-:+syhhhdh/ .yhhhys+::::/osyyyyyy: .:```+hdddhhys/::/:/oyhhhhhy-` .:`.ohhhyyys+./:-/oyyhhhy/```````` -yhhhhys+:-/:+syhhddh- `yh:``` -hdddhhs///://syhhhhh/```... `-hddmm mmmmh` -ddh:` +ddmmdddyso+osyyhhhddh/ .yhhhyyso+oosyyyhhhhy: `.y+```/hdddhhyssoossyyhhdddhs. ``/yhhhhhyyso+++syyhhhho``-++++/` `:hdhhhyyso+osyhhhddh- `yhh:` -hddddhyyssssyyhhdhho.`-++++/```/ddmm mmmmh``:dddy:```+ddmmddddhhhhhddddddhh:` .yhhhhyyyyyyyyyyyhhhy: `.yh+` `/hhhhhhhyyyyhhhhhdddhh+` -shhhhhhhhhyyyyyhhhhhy.`.shhhhh/` `+ddddhhhyyyhhhdddhh- .yhhy:` -hdddddhhhhhhhhdhddy-``ohhhhh/` `sddm mmmmh:./ddddh/.-odmmddddddddddddddddhh+..:yhhhhyyyyyyyhhhhhhhh/..:yhh+-.-ohhhhhhhhhhhhhhhdhhhhy-..ohhhhhhhhhhhhhhhhhhhh+.-+hhdddhh:../dddddhdhhhhdddddhh:.-yhhhy:../hddddddddddddddddh+..+hhddddy:..:ddm

mmmmddddmmmddddhdmmmmdmmdddmmddddddddhhyyyhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhyhhhhhhyyyhhhhhdhhhhhhddddddddhhhyyhdhhdhhdddhhhddddddddhyyhddhdddhhhhhddddddddddddddddddyyydhhhhhyyhhdddddddddddddddddhyyhdddddddhyhhddd mmmmddddmmmddddhdmmmmdmmdddmmddddddddhhyyyhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhyhhhhhhyyyhhhhhdhhhhhhddddddddhhhyyhdhhdhhdddhhhddddddddhyyhddhdddhhhhhddddddddddddddddddyyydhhhhhyyhhdddddddddddddddddhyyhdddddddhyhhddd

6


Nirvana è un film del 1997 prodotto e diretto da Gabriele Salvatores. Coproduzione italo-francese con un cast internazionale, è un film di fantascienza con una trama cyberpunk che utilizza in modo massiccio effetti speciali generati al computer. Malgrado le critiche non sempre positive, è stata la pellicola di maggiore successo commerciale del regista e probabilmente il film italiano di fantascienza che ha realizzato i maggiori incassi. Il successo di Nirvana, che ‘sdoganò’ definitivamente il cyberpunk al grande pubblico italiano, finì ben presto per attirare l’attenzione del mercato cinematografico della pornografia, sempre alla ricerca di nuovi ‘spunti’ tematici, ispirando una sorta di ‘remake’ illegittimo, una seconda versione di dubbio valore artistico.

Trama "Agglomerato del Nord" (un tentacolare scenario urbano), in un futuro non troppo lontano. A pochi giorni dall'uscita sul mercato per Natale di un nuovo videogioco chiamato Nirvana, l'unica copia in possesso di Jimi Dini, il programmatore del gioco, viene infettata da un virus. L'infezione ha un'unica singolare conseguenza: fa prendere coscienza della propria esistenza al personaggio principale del gioco, Solo. L'uomo si mette in contatto con Jimi e chiede di rivelargli chi è in realtà. Il programmatore si vede quindi costretto a svelare la natura del povero Solo, che alla fine chiede soltanto di essere cancellato prima di venire replicato in migliaia di copie e venduto in tutto il mondo. Jimi intraprende un viaggio nelle zone periferiche degradate della città, per riuscire a trovare qualcuno capace d'introdursi nei sistemi della Okosama Star (la compagnia per cui lavora Jimi), ma anche per ritrovare Lisa, la ragazza amata che lo aveva d'improvviso abbandonato l'anno prima, sparendo nel nulla. Jimi incontra Joystick, un personaggio che conosce bene le periferie della città e che lo aiuta a muoversi nei bassifondi. Il contatto tra i due personaggi, grazie alla comune amicizia con Lisa, all'inizio sembra molto amichevole, anche se Jimi è costretto sempre a pagare per lui. I rapporti tra di loro si deteriorano quando Joystick sembra approfittare della benevolenza di Jimi, soprattutto per pagarsi delle nuove iridi (era stato costretto a vendersi gli occhi per racimolare qualche soldo). Durante il viaggio incontrano un "angelo", un hacker che li aiuterà nella loro impresa: Naima, ragazza dai capelli blu con un "ingresso dati" all'altezza del sopracciglio, non solo rende possibile a Jimi di infiltrarsi nel database della società, ma anche di scoprire alcuni lati oscuri di Lisa e di ritrovare la serenità. Attraverso il terminale di una stanza d'albergo, i tre penetrano nel cuore della Okosama Star e trasferiscono milioni di denaro sporco conservati nel database ai conti di conoscenti e amici e il restante agli abitanti delle periferie. Il

7


gioco, però, viene scoperto. Joystick e Naima scappano, ormai ricchi; Jimi decide di restare per onorare la promessa fatta a Solo e cancellare Nirvana. L'operazione gli richiede troppo tempo, precludendogli ogni via di fuga: gli uomini della Okosama Star fanno irruzione nella stanza.

Temi Il film si richiama, per ambientazione, temi ed estetica, al romanzo Neuromante di William Gibson e a pellicole come Blade Runner(Ridley Scott, 1982) e Strange Days (Kathryn Bigelow, 1995). I temi più strettamente filosofici la vita/non vita all'interno di un sistema informatico - ricordano quelli dei romanzi di Philip K. Dick, del film Disney Tron (1982) ed anticipano quelli del film Matrix (1999) dei fratelli Wachowski.

Produzione Il film è stato girato quasi interamente nel quartiere Portello di Milano, nei vecchi stabilimenti dell'Alfa Romeo, trasformati per l'occasione in un gigantesco set cinematografico. Le riprese iniziarono nell'aprile 1996 e si conclusero il 7 luglio 1996. Il film conta l'apparizione in piccoli cameo di numerosi attori italiani. Si riconoscono tra gli altri Silvio Orlando, Paolo Rossi, Bebo Storti e Valerio Staffelli. La Dea Kali, adamitica icona pubblicitaria del videogioco creato da Jimi Dini e dello stesso film, è interpretata da una irriconoscibile Luisa Corna.

8


William Gibson

William

Ford

Gibson (Conway, 17

marzo 1948)

è

uno scrittore e autore

di

fantascienza

statunitense naturalizzato canadese, considerato l'esponente di spicco del filone cyberpunk.

Biografia Nacque il 17 marzo 1948 a Conway, nella Carolina del Sud (USA). Suo padre era un benestante imprenditore che aveva fatto successo installando impianti igienici all'Oak Ridge National Laboratory, l'installazione militare dove fu creata la prima bomba atomica. Il giovane William studiò in un collegio di Tucson, Arizona, dove venne a contatto con la mentalità hippy, rimanendone affascinato. Espulso dal collegio per aver fatto uso di marijuana, rientra a casa (la famiglia si era trasferita in Virginia), entrando in contrasto coi familiari, che disapprovavano il suo stile di vita. All'età di diciannove anni si trasferì in Canada per evitare l'arruolamento per il Vietnam. Nel 1977 si laureò in letteratura inglese aVancouver, dopodiché partì per l'Europa, dove visse viaggiando per un anno grazie alla piccola rendita fornita dalle proprietà lasciategli dai genitori, che gli consentiva, come disse lui stesso, "di fare la fame confortevolmente". Rientrò a Vancouver, città nella quale vive ancor oggi, per permettere alla moglie di completare gli studi universitari.

9


Carriera letteraria Nel 1977 venne pubblicato Fragments of a Hologram Rose (Frammenti di una rosa olografica, compreso nella raccolta La notte che bruciammo Chrome). In questo racconto compaiono i primi elementi che saranno poi ricorrenti in tutta la produzione dell'autore: lo strapotere delle grandi multinazionali in una società dall'economia incerta, bande di disperati che combattono per le strade. L'unica fuga possibile è il cyberspazio, la realtà virtuale di mondi digitali simulati. Nel 1981 esce Johnny Mnemonic (Johnny Mnemonico, anche questo in La notte che bruciammo Chrome), racconto dal quale è stato tratto l'omonimo film del 1995, che solo in parte riporta la vicenda del racconto. In quest'opera compaiono alcuni elementi che sono tipici del cyberpunk di Gibson. Il corpo umano comincia a innestare tecnologie meccaniche/cibernetiche, che diventano un'effettiva estensione delle capacità dell'essere umano. Non è un caso che a Vancouver lavorasse in quegli anni Marshall McLuhan, che nelle sue opere (particolarmente in La galassia Gutenberg), aveva iniziato ad esplorare questo aspetto del rapporto tra uomo e tecnologia. In questo racconto compare per la prima volta la figura di Molly, destinata ad essere approfondita nei romanzi successivi, noti come la "trilogia dello Sprawl". Burning Chrome, altro racconto del 1982 (che dà il titolo all'antologia La notte che Bruciammo Chrome), vede comparire i cowboy dell'interfaccia. Per la prima volta gli hacker entrano da protagonisti nei racconti di Gibson. Tra il 1984 e il 1988, vedono la luce le tre opere che daranno successo a William Gibson. Si tratta della già citata "trilogia dello Sprawl", composta da Neuromante (Neuromancer) vincitore del Premio Hugo 1985, Giù nel ciberspazio (Count Zero) e Monna Lisa Cyberpunk (Mona Lisa Overdrive). La lunga trama si svolge nell'arco di quindici anni, con miriadi di personaggi che intrecciano le proprie vicende tra di loro e con il proprio ambiente. Nei tre romanzi è infatti l'ambiente (urbano, notturno e degradato) l'indiscusso protagonista, mentre i personaggi scompaiono e ricompaiono con nomi diversi e in situazioni non sempre facili da ricostruire. Era stato Bruce Sterling, altro maestro di questa corrente letteraria, a definire i rapporti tra l'uomo e l'ambiente in cui vive nella società contemporanea, sostenendo: Quindi una descrizione della realtà programmaticamente fredda e distaccata, nella quale gli interessi delle grandi multinazionali sono quelli che maggiormente incidono sulla vita di tutti. Grandi zaibatsu che diventano personaggi veri e propri, con loro fini da perseguire, secondo le fredde logiche del mercato. I protagonisti umani descritti da Gibson si trovano sempre in condizioni di marginalità, spesso dissociati dalla realtà, e sempre intenti a combattersi a vicenda per le poche briciole che rimangono. Tra questi due estremi compaiono personaggi che pur essendo umani, sono definiti per i propri interessi economici (la famiglia Tessier-Ashpool e Virek). Tutti questi, siano essi multinazionali o personaggi in carne e ossa, compaiono sempre in una doppia versione: quella della realtà e quella della realtà virtuale, del cyberspazio. Nel 1990 esce anche il romanzo La macchina della realtà (The Difference Engine), scritto con Bruce Sterling. La storia è un' ucronia ambientata in un'Inghilterra vittoriana di metà Ottocento alternativa. Il rapporto con la tecnologia rimane centrale, ma i temi trattati e l'ambiente descritto hanno portato molti a vedere in questo romanzo l'inizio del sottogenere steampunk.

10


Nel 1993 viene pubblicato Luce virtuale (Virtual Light) che riprende l'ambientazione della precedente trilogia. In questa opera Gibson, per così dire, abbassa i toni della narrazione, lasciando da parte gli eccessi di violenza e di abuso di stupefacenti descritti nelle opere precedenti. Gli stessi elementi ritornano anche in Aidoru (Idoru) del 1996 e nel suo seguito, il meno noto American Acropolis (All Tomorrow's Parties), in cui la trama diventa quasi inconsistente e vengono abbandonate anche le visionarie descrizioni dei viaggi nel ciberspazio, e la Rete descritta è sorprendentemente simile a quella che conosciamo. In questo modo Gibson si sposta verso le tematiche umanistiche di Sterling, con le sue riflessioni tra fisicità e virtualità. Continuando un ipotetico viaggio a ritroso nel tempo, troviamo il romanzo L'accademia dei sogni (Pattern recognition) del 2003. Ambientato nel tempo del romanzo, è stato più volte definito una lucida visione degli incubi contemporanei. La medesima ambientazione viene ripresa nei successivo romanzi Guerreros (Spook Country), pubblicato nel 2007, e Zero History, uscito nel 2010 e ancora inedito in Italia, che dunque vengono a costituire una trilogia chiamata Ciclo di Bigend, dal nome del personaggio di Hubertus Bigend, filo conduttore della saga.

Opere Romanzi 

Trilogia dello Sprawl:

Neuromante (Neuromancer), 1984

Giù nel ciberspazio (Count Zero), 1986

Monna Lisa Cyberpunk (Mona Lisa Overdrive), 1988

La macchina della realtà (The Difference Engine), 1990 (con Bruce Sterling)

Trilogia del Ponte:

Luce virtuale (Virtual Light), 1993

Aidoru (Idoru), 1996

American Acropolis (All Tomorrow's Parties), 1999

Ciclo di Bigend:

L'accademia dei sogni (Pattern Recognition), 2003

Guerreros (Spook Country), 2007

Zero History, 2010

11


Il DaDa “scritto”

Il movimento artistico del Dadaismo nacque a Zurigo nel 1916. Durante la prima Guerra Mondiale,sotto la guida del caposcuola Tristan Tzara (1896/1963), egli si fece portavoce di una proposta “comune a tutti i giovani”, che affermava il disprezzo verso i princìpi e i valori della società borghese e il netto rifiuto della guerra. Fu lo stesso Tzara a rievocare, molti anni dopo il clima in cui nacque quella esperienza :”Verso il 1916/17 la guerra sembrava che non dovesse più finire. Di qui il disgusto e la rivolta. Noi eravamo risolutamente contro la guerra, senza però cadere nelle facili pieghe del pacifismo utopistico”. La poetica del Dadaismo, espressa nel Primo manifesto (1918) firmato da Tzara, esasperava il rifiuto di ogni convenzione in nome della spontaneità assoluta e dell’anarchia espressiva, con la distinzione delle basi del linguaggio , del lessico e della sintassi, fino ad arrivare agli estremi della “ poesia-fonica”, fatta di suoni liberamente accostati, e dei collages verbali, risultato di accostamenti casuali delle parole. Tzara aveva proclamato che nell’epoca del mercato e della cultura di massa, “l’arte non è una cosa seria”; egli invitava a prendersi gioco sistematicamente del linguaggio 12


convenzionale, tramite la deformazione morfologica e sintattica, il gioco della parodia e il nonsense, come lascia intendere lo stesso termine “dadaismo”, derivato forse dal francese dada (“giocattolo”, “ninnolo”). In questo quadro di dissacrazione dell’arte vanno lette le indicazioni per fare una poesia dadaista, inserite nel Manifesto del 1920.

DaDaismo

R. Mutt (Marcel Duchamp), Fountaine, 1917 Il Dadaismo o Dada è un movimento culturale nato a Zurigo, nella Svizzera neutrale della Prima guerra mondiale, e

sviluppatosi

tra

il 1916 e

il 1920.

Il

movimento

ha

interessato

soprattutto

le arti

visive,

laletteratura (poesia, manifesti artistici), il teatro e la grafica, che concentrava la sua politica anti bellica attraverso un rifiuto degli standard artistici attraverso opere culturali che erano contro l'arte stessa. Il dadaismo ha inoltre messo in dubbio e stravolto le convenzioni dell'epoca: dall'estetica cinematografica o artistica, fino alle ideologie politiche; ha inoltre proposto il rifiuto della ragione e della logica, ha enfatizzato la stravaganza, la derisione e l'umorismo. Gli artisti dada erano volutamente irrispettosi, stravaganti, provavano disgusto nei confronti delle usanze del passato; ricercavano la libertà di creatività per la quale utilizzavano tutti i materiali e le forme disponibili.

Quadro generale Le attività dada includevano manifestazioni pubbliche, dimostrazioni, pubblicazioni di periodici d'arte e letteratura. Le tematiche trattate spaziavano dall'arte alla politica. Dada nacque come protesta contro il barbarismo della Prima guerra mondiale, in seguito il movimento divenne più improntato su una sorta dinichilismo artistico, che escludeva e condannava la rigidità e il manierismo in vari campi dell'arte come la letteratura, la pittura, la scultura. Tutto ciò era applicato anche e soprattutto alle convenzioni della società in cui gli artisti vivevano. Il dadaismo ha influenzato stili artistici e movimenti nati successivamente, come il surrealismo, la pop art e il

13


gruppo neo dada Fluxus. Dada è stato un movimento internazionale, ed è relativamente difficile classificare gli artisti in base al loro paese di provenienza, in quanto si spostavano costantemente.

Cos'è Dada?

Secondo i dadaisti stessi, il dadaismo non era arte, era anti-arte. Tentava, infatti, di combattere l'arte con l'arte. Per ogni cosa che l'arte sosteneva, Dada rappresentava l'opposto. Se l'arte prestava attenzione all'estetica, Dada ignorava l'estetica; se l'arte doveva lanciare un messaggio implicito attraverso le opere, Dada tentava di non avere alcun messaggio, infatti l'interpretazione di Dada dipende interamente dal singolo individuo; se l'arte voleva richiamare sentimenti positivi, Dada offendeva. Attraverso questo rifiuto della cultura e dell'estetica tradizionali i dadaisti speravano di distruggere loro stessi, ma, ironicamente, Dada è diventato un movimento che ha influenzato l'arte moderna. Tristan Tzara afferma:

« Dio e il mio spazzolino sono Dada, e anche i newyorkesi possono essere Dada, se non lo sono già. » La ragione e la logica avevano lasciato alla gente gli orrori della guerra, e l'unica via di salvezza era il rifiuto della logica per abbracciare l'anarchia e l'irrazionale. Comunque, tutto ciò può essere inteso come lato logico dell'anarchia e il rifiuto dei valori e dell'ordine. La distruzione sistematica dei valori, non è quindi irrazionale, se si pensa che debba essere messa in atto. === Perché Dada? :)

« Dada non significa nulla. È solo un suono prodotto della bocca. » (Manifesto Dada del 1918, di Tristan Tzara)

L'origine della parola Dada non è chiara; esistono varie interpretazioni e vari fatti collegati con la scelta del nome. Molti tra cui Tristan Tzara, definirono il termine come un nonsense. Hans Richter e altri ne sostengono la derivazione dall'uso frequente della parola da (sì in russo). Dominique Noguez, docente di Estetica della letteratura e del cinema alla Sorbona ipotizzò che l'origine del termine fosse in rapporto con Lenin (incluso insieme a Tzara e James Joyce in Travesties di Tom Stoppard ) in quanto probabile frequentatore del cabaret Voltaire [2]. In ogni caso, volendolo tradurre letteralmente, in russo significa due volte sì; in tedesco due volte qui; in italiano e francese costituisce una delle prime parole che i bambini pronunciano, e con la quale essi indicano tutto: dal giocattolo alle persone. Secondo una testimonianza di Richard Huelsenbeck, uno tra i primi fondatori del movimento, la parola "Dada" significa in francese "cavallo a dondolo", e tale parola fu scoperta in modo del tutto casuale e fortuito da lui e dall'amico Hugo Ball, mentre erano intenti a scovare tra le pagine di un vocabolario tedesco-francese un nome appropriato per la cantante del loro cabaret, Madame Le Roy. Facendo fede a questa testimonianza, la scoperta del nome si collocherebbe sulla scia di quella casualità, illogicità che sono tratti peculiari dell'intero movimento

14


dadaista. Siamo nella Zurigo del 1916. A partire proprio dal teatro e dalle manifestazioni visive, la cultura ufficiale viene scardinata da un movimento nuovo e rivoluzionario che porta all'estremo quello futurista. La derisione per ogni estetica e tecnica tradizionale è messa in scena con grande presa sul pubblico. Anche il mondo della letteratura e dell'arte non possono che esserne travolti.

Va notato che, secondo l'ideale Dada, il movimento non si sarebbe dovuto chiamare affatto Dadaismo: il nome Dada venne creato proprio in opposizione a tutti gli -ismi letterari ed artistici. In fondo il dadaismo era una provocazione, che ha saputo dimostrare quanto la gente reagisca con strane emozioni ad un'arte, cioè a una provocazione, diversa dal solito.

Replica di L.H.O.O.Q. realizzata da Marcel Duchamp

Ready Made Un notevole contributo dato alla definizione di una nuova estetica sono i «ready-made». Il termine indica opere realizzate con oggetti reali, non prodotti con finalità estetiche e presentati come opere d’arte. In pratica i «readymade» sono un’invenzione di Marcel Duchamp, il quale inventa anche il termine per definirli che in italiano significa approssimativamente «già fatti», «già pronti». I «ready-made» nascono ancor prima del movimento dadaista, dato che il primo «ready-made» di Duchamp, la ruota di bicicletta, è del 1913. Essi diventano, nell’ambito dell’estetica dadaista, uno dei meccanismi di maggior dissacrazione dei concetti tradizionali d'arte. Soprattutto quando Duchamp, nel 1917, propose uno dei suoi più noti «ready-made»: fontana. In pratica, con i «ready-made» si ruppe il concetto per cui l’arte era il prodotto di un'attività manuale coltivata e ben finalizzata. Opera d’arte poteva essere qualsiasi cosa: posizione che aveva la sua conseguenza che nulla è arte. Questa evidente tautologia era superata dal capire: che innanzitutto l’arte non deve separarsi altezzosamente dalla vita reale, ma confondersi con questa, e che l’opera dell’artista non consiste nella sua abilità manuale, ma nelle idee che riesce a proporre. Infatti, il valore dei «ready-made» era solo nell’idea. Abolendo qualsiasi significato o valore alla manualità dell’artista, l’artista, non è più colui che sa fare cose con le proprie mani, ma colui che sa proporre nuovi significati alle cose, anche per quelle già esistenti.

15


Le tecniche dei dadaisti celebri La tattica di destabilizzazione dadaista si perfezionava infatti attraverso un incessante antagonismo dei borghesi, a suscitare l’irritazione e poi a scuotere la fantasia “ cristallizzata”. I Dadaisti usano forme casuali realizzate con materiali poco consueti, le buffe inquietanti maschere i canti tribali diventare poesie, gli oggetti di tutti i giorni che, per un diverso accostamento, acquistano improvvisamente un significato inatteso e spiazzante non è più l’immagine della natura ne l’espressione di uno stato d’animo è solamente se stessa, significa nient’ ‘ altro. L’opera “riposa” nel meccanismo che l'aziona, nel puro gesto che la crea o, spesso nella semplice “ scelta” che la invita. Tutto è casuale e provvisorio, abbandonano tutte le regole sulla produzione delle immagini, adottato e sperimentano tecniche nuove. i dadaisti si auto definiscono “tecnici di montaggio “ adottano le tecniche di collage e incollano e sovrappongono su di un supporto che può essere stato in precedenza un dipinto, forme di ritaglio "casualmente in materiali diversi, come pezzi di carta, ritagli di giornale, fotografie, piccoli oggetti anche tridimensionali.

16


Marcel Duchamp

Marcel

Duchamp (Blainville-

Crevon, 28 luglio 1887 – Neuilly-surSeine, 2

ottobre 1968)

è

stato un pittore, scultore e scacch ista francese, naturalizzato statunitense ne l 1955.

Marcel Duchamp nei panni di Rrose Sélavy, fotografato da Man Ray

17


“Fontana”, un’ esempio di ready-made

Considerato fra i più importanti e influenti artisti del XX secolo, nella sua lunga attività si occupò di pittura (attraversando le correnti del fauvismo e del cubismo), fu animatore del dadaismo e del surrealismo, e diede poi inizio all'arte concettuale, ideando il ready-madee l'assemblaggio.

L'opera Il poeta messicano Octavio Paz ha mirabilmente riassunto l'essenza dell'attività di Duchamp: "le tele di Duchamp non raggiungono la cinquantina e furono eseguite in meno di dieci anni: infatti abbandonò la pittura propriamente detta quando aveva appena venticinque anni. Certo, continuò "a dipingere", ma tutto quello che fece a partire dal 1913 si inserisce nel suo tentativo di sostituire la "pittura-pittura" con la "pittura-idea". Questa negazione della pittura che egli chiama olfattiva e retinica (puramente visiva) fu l'inizio della sua vera opera. Un'opera senza opere: non ci sono quadri se non il Grande Vetro (il grande ritardo), i ready-mades, alcuni gesti e un lungo silenzio".

La pittura Se Duchamp avesse realizzato solo le tele dipinte prima del Grande Vetro, si sarebbe abbondantemente guadagnato un ruolo di primo piano nella storia delle avanguardie storiche. Dopo una giovinezza influenzata

18


dall'impressionismo,

nel 1911,

a

ventiquattro

anni

realizzò

i

notevoli Corrente

d'aria

sul

melo

del

Giappone, Giovane e fanciulla in primavera e Macinino da caffè, di gusto fauve. I celebri dipinti del 1912: Nudo che scende una scala, Il passaggio dalla vergine alla sposa, Sposa, La sposa messa a nudo dagli scapoli, segnano un passaggio importantissimo nella storia del cubismo e del futurismo, per lo studio del movimento, e allo stesso tempo chiudono definitivamente l'esperienza di Duchamp con la pittura comunemente intesa. Le tele "in movimento" (culminate nel Nudo che scende una scala, n. 2) potrebbero essere etichettate come futuriste, ma il contatto di Duchamp con questi artisti fu nullo, e l'unica ispirazione dichiarata era la cronofotografia di Eadweard Muybridge. Il trattamento del movimento nel futurismo era infatti ben lontano dagli obiettivi di Duchamp, che virò ben presto verso la Sposa e il suo mondo. Il resto dell'opera grafica sarà rivolto a schemi, disegni e studi per elementi del Grande Vetro, o variazioni sullo stesso tema (la Macinatrice di cioccolato (1913), Cols alités (1959), Il Grande Vetro completato (1965), ai disegni degli ultimi due anni, e a clamorosi gesti di "ritocco" come i baffi affibbiati alla Monna Lisa di L.H.O.O.Q. (1919). Un'esperienza emblematica del valore della casualità nel pensiero dell'artista potrebbe considerarsi 3 stop pages étalon (3 rammendi tipo) del 1913 che esprime appunto l'uso pianificato e incondizionato di un procedimento aleatorio. In essa 3 fili di un metro ciascuno vennero fissati per sempre, mediante lacca, nelle tre diverse curve che essi assunsero, naturalmente e casualmente, una volta lasciati cadere da un metro d'altezza su di una superficie di stoffa blu. Quelle tre curve costituirono il profilo di altrettante sagome in legno conservate come "campioni" metrici: una unità di misura fissata per sempre da un evento istantaneo e casuale. Come sempre, il più vasto e completo materiale interpretativo su Duchamp è fornito da Duchamp stesso, che durante la sua vita lavorò spesso a stretto contatto con i critici impegnati nel decifrare le sue opere, dispensando indizi e suggerimenti ambigui. A questi si aggiungono, nelle interviste, numerose prese di posizione estremamente nette riguardo al concetto di arte e alla pittura: tra le più famose, il rifiuto della pittura "retinica" o "olfattiva" (con riferimento all'odore di trementina) puramente superficiale, nata dall'impressionismo e proseguita con le avanguardie storiche cubiste e futuriste.

Il Grande Vetro « Il Grande Vetro è la più importante opera singola che abbia mai fatto » (Marcel Duchamp)

19


A partire dal 1915, Duchamp lavorò a La Sposa messa a nudo dai suoi scapoli, anche (traduzione di La Mariée mise à nu par ses célibataires, même), chiamato anche Grande Vetro: questo "quadro" è formato da due enormi lastre di vetro (277 x 176 cm) che racchiudono lamine di metallo dipinto, polvere, e fili di piombo. Nel 1923, lo lasciò "definitivamente incompiuto". Il Vetro contiene e sviluppa tutta l'attività passata e futura di Duchamp, e nel tempo ha dato origine a una tale quantità di interpretazioni da farlo ritenere una delle opere più complesse e affascinanti di tutta la storia dell'arte occidentale. Durante un trasporto, subì dei danni consistenti, ma l'artista decise di non riparare l'opera proprio per dimostrare di accettare, complice del caso, la completa riassunzioneintegrazione nell'opera del suo carattere inerziale di "cosa". Dal 1954, è conservato al Philadelphia Museum of Art. La sua descrizione comincia dal nome: Duchamp prescrive di non chiamarlo "quadro", ma "macchina agricola", "mondo in giallo" o "ritardo in vetro". Se la seconda denominazione ha dato adito alle più disparate interpretazioni, la "macchina agricola" è un attributo facilmente riconoscibile, dalla "fioritura arborea" della Sposa ai complessi meccanismi di trebbiatura dell'"apparecchio scapolo". Tutta la complessa attività del Grande Vetro è descritta in dettaglio dallo stesso Duchamp, (anche se in forma frammentaria, ermetica e allusiva) nelle due raccolte di appunti, la Scatola verde e la Scatola bianca.

Etant donnés Etant donnés è considerato il lavoro finale di Duchamp, sconvolse il mondo artistico che credeva che egli avesse abbandonato l'arte venticinque anni prima per dedicarsi unicamente agli scacchi. Egli ci lavorò segretamente per vent'anni nascondendo la sua esistenza anche agli amici più cari.

La tomba di Duchamp nel cimitero di Rouen

20


Fortuna di Duchamp e influenza sull'arte contemporanea. L'orinatoio Fontana (1917) e la Monna Lisa con baffi e pizzetto di L.H.O.O.Q. (1919), benché probabilmente travisati come semplici gesti iconoclasti, sono certamente tra gli oggetti più famosi dell'arte del XX secolo. L'influenza di Duchamp sugli artisti successivi, benché enorme e ingombrante, è molto mediata, tanto che non è facile riconoscere degli epigoni diretti. Di sicuro, il concetto di ready-made, insieme al problema del gesto dell'artista come "selettore" dell'oggetto d'arte, sono stati il punto di partenza per le varie forme di arte concettuale. Il ready-made è un comune manufatto di uso quotidiano (un attaccapanni, uno scolabottiglie, un orinatoio, ecc.) che assurge ad opera d'arte una volta prelevato dall'artista e posto così com'è in una situazione diversa da quella di utilizzo, che gli sarebbe propria. Il valore aggiunto dell'artista è l'operazione di scelta, o più propriamente di individuazione casuale dell'oggetto, di acquisizione e di isolamento dell'oggetto. Nulla più.

Morte Marcel Duchamp muore il 2 ottobre 1968 a Neuilly-sur-Seine e viene sepolto nel cimitero di Rouen. Sulla sua tomba si può leggere questo epitaffio, composto da lui stesso: D'ailleurs c'est toujours les autres qui meurent (D'altronde sono sempre gli altri che muoiono).

21


La Prima Guerra Mondiale

Le cause:

Il contrasto Franco-germanico: a seguito fella sconfitta francese di Sedan e la cessione dell’Alsazia e della Lorena alla Germania.

Il contrasto anglo-germanico: la corsa agli armamenti della Germania e la costituzione di una potente flotta, minò la supremazia inglese sui mari.

I fermenti nazionalistici nell’impero austro-ungarico che cercavano l’indipendenza o il distacco dall’Impero austriaco.

L’aggressiva politica della Russia nei Balcani, che si opponeva al tentativo dell’Austria di rafforzare la propria influenza in quella zona.

La corsa agli armamenti effettuata da tutti gli Stati su pressione dei grandi industriali, che si arricchivano proprio con la vendita delle armi.

La causa scatenante della guerra fu l’assassinio del futuro erede al trono austriaco, l’arciduca Francesco Ferdinando. L'assassinio avvenne mentre Francesco Ferdinando attraversava Sarajevo su un auto scoperta. L’attentatore era uno studente bosniaco, Gravilo Princip, militante di un’organizzazione irredentista che risiedeva in Serbia e tollerata da parte del governo serbo. Lo scoppio della prima guerra mondiale: L’Austria inviò alla Serbia un ultimatum con il quale imponeva la partecipazione di funzionari austriaci alle indagini dell’attentato. La Serbia non accettò e l’Austria, il 28 luglio 1914, dichiarò guerra a essa. Nel giro di un mese il conflitto assunse vaste proporzioni. Si formarono due schieramenti: da una parte Austria e Germania (Imperi Centrali), poi Bulgaria e Impero turco, dall’altra prima Francia Inghilterra e Russia (Triplice Intesa) al fianco della Serbia. A fianco della triplice intesa scesero in guerra il Giappone e gli Stati Uniti, che portò con se altri Paesi, con i quali formarono gli “Alleati”. L’Italia si dichiarò neutrale fino al 24 maggio 1915. Con il Patto di Londra (26 aprile 1915) chiuse i rapporti con la Triplice Alleanza si schierò con l’Intesa. La guerra di trincea: Col passare del tempo il conflitto si tramutò in una guerra di trincea . La Francia e l’Inghilterra avevano praticato un blocco del commercio marittimo ai danni dell’imperi centrali tagliando a questi ogni rifornimento. I tentativi della flotta tedesca di lasciare i porti del mare del Nord veniva sistematicamente bloccati dalle corazzate inglesi. Per ovviare a questa situazione la Germania diede inizio alla guerra sottomarina, utilizzando i piccoli e micidiali sottomarini: gli U- Boote. Una delle caratteristiche che distinse la prima guerra mondiale dalle guerre che l'avevano preceduto fu che il conflitto del 1914-18 coinvolse non soltanto eserciti e governi, ma anche le popolazioni civili. La guerra di trincea

22


impose sacrifici non soltanto ai soldati ma anche alle popolazioni che soffrirono gravi restrizioni. Nel 1917 la situazione alimentare divenne particolarmente critica in Austria e in Germania. In Russia e in Italia le cose non andavano meglio. Alle difficoltà per reperire i generi alimentari si aggiunsero una crescente inflazione e la diffusione di malattie come il tifo la tubercolosi e il colera. All’inizio la guerra fu accolta in ogni paese con entusiasmo e anche i partiti socialisti europei malgrado la loro iniziale opposizione, avevano poi appoggiato la scelta di entrare in guerra. L’immobilismo della guerra di trincea sembrava però allontanare la fine del conflitto. In molti paesi, come Francia, Inghilterra e Italia si formarono dei governi coalizione nazionale, ma questo non evitò in questi paesi il nascere di correnti che si opponevano alla guerra. I lavoratori entrarono in sciopero e dettero vita a manifestazioni spesso violente e sul fronte si ebbero i primi casi di diserzione, alimentati da un clima di rassegnazione presente tra i soldati al fronte. La rivoluzione russa e la scesa in campo degli Stati Uniti d'America: IL 1917 fu un anno molto segnato dalla rivoluzione russa e l’intervento degli stati uniti nel conflitto. Il 3 marzo del 1918 venne firmata la pace tra russi e tedeschi, la resa della Russia dava respiro agli imperi centrali ma determinante fu la decisione degli Stati Uniti di entrare in guerra a fianco dell’intesa. Fin dall’inizio del conflitto gli aiuti economici degli americani erano stati fondamentali per gli eserciti anglo-francesi.

Caporetto e la fine della prima guerra mondiale: Dopo il ritiro della Russia, Austria e Germania hanno concentrato tutte le loro forze sul Fronte italiano; Il 24 ottobre fu sferrato un attacco a Caporetto a cui L’esercito italiano affiancato da Cadorna non riuscì a resistere. La “rotta” di Caporetto testimoniò la disorganizzazione,l’incapacità strategica e la mancanza di compattezza delle truppe italiane. Quando tutto sembrava perduto il paese diede prova di un forte capacità di reazione e formò un governo di solidarietà nazionale con a capo Vittorio Emanuele Orlando. Cadorna fu destituito e il comando dell’esercito fu affidato al generale Armando Diaz. Per ottenere di nuovo la fiducia dei soldati il governo promise vantaggi economici per il dopo guerra, inclusa una distribuzione di terre ai contadini. Grazie a questo progetto e ad una mobilitazione eccezionale Diaz ri8uscvì ad arginare la rotta delle truppe italiane. Nella primavera del 1918 l’esercito tedesco sferrò una grande offensiva per cercare dei piegare la Francia. Tra Marzo e Luglio il fronte occidentale venne sfondato più volte e le truppe tedesche penetrarono nelle linee degli anglofrancesi; I quali sferrarono un violento e vittorioso contrattacco che sfondò il fronte tedesco. L’imperatore tedesco propose un armistizio, ma il comando dell’Intesa pretese una resa totale. Dopo aver resistito con successo agli attacchi austriaci L’esercito italiano Riuscì a sconfiggerli definitivamente a Vittorio Veneto il 24 ottobre 1918. L’Austria firmò l’armistizio il 4 Novembre 1918 e la Germania l’11. La grande guerra era finita ma si lasciava alle spalle una pesante eredità di distruzioni economiche, di conflitti sociali e di tensioni politiche.

23


Analisi spot: Sky go

In questo spot pubblicitario possiamo ritrovare una famiglia felice (testimonial ideale) che si prepara per affrontare la giornata (scorci di vita reale). La madre stacca (letteralmente) dalla parete, un televisore al plasma per piegarlo in un iPhone. Lo spot è ricco di mnemonic device, ovvero di gesti di uso comune, come piegare lo schermo del pc, o chiudere la portella dell’ autovettura. Vi è anche un jingle per attirare l’attenzione. Verso la fine dello spot (0:28) troviamo il cane, miglior amico dell’ uomo, che porge in segno di fedeltà il telefono-tv-pc-tablet pieghevole al suo padrone, e il padrone in segno di riconoscenza lo accarezza sul capo.

24


Bibliografia Si ringrazia: M. Scurto M. Privitera – In progress, visual communication & advertising M. Salbugar G. Salà – LM2 il novecento W. Gibson – Neuromante, Giù nel Cyberspazio, Monalisa Cyberpunk La Feltrinelli ISSUU.com Wikipedia … e ferdanoprimo ( venditore italiano di ebay) che grazie a lui, adesso posseggo l’ ultima copia in italiano di giù nel cyberspazio di William Gibson (datata 1992).

25

CYBERPUNK - THE FUTURE IS NOW!  

LA MIA TESINA

Advertisement