Issuu on Google+

FIERA SANTA CATERINA

MONTECALVO Prodotti Tipici Agricoltura

Artigianato

Canti Popolari

dal Nord al Sud tra culture e tradizioni di un tempo

Quartiere Fieristico Montecalvo Irpino (Av)

MONTECALVO, 20-22 Novembre 2009 Provincia di Avellino

Amministrazione Comunale Montecalvo Irpino (Av)

Comunità Montana dell’ufita

Regione Campania

Pro Loco Montecalvo

Associazione Culturale


Sciuri Sciuri Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l'annu l'amuri ca mi dasti ti lu tornu. Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l'annu l'amuri ca mi dasti ti lu tornu. La, la, la, la, la, la, la, la, la, la, la. Lu sabutu si sapi allegra cori, beatu cu avi bedda la mugghieri, cu l'avi bedda ci portai i denari, cu l'avi brutta ci morĂŹ lu cori. Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l'annu l'amuri ca mi dasti ti lu tornu. Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l'annu l'amuri ca mi dasti ti lu tornu. La, la, la, la, la, la, la, la, la, la, la. Si troppu dispittusa tu cu mia, ca scutu 'n letto su mi 'insonnu a tia. Si brutta n'ta la faccia a n'ta lu cori amara cu ti pigghia pi mughieri. Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l'annu l'amuri ca mi dasti ti lu tornu. Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l'annu l'amuri ca mi dasti ti lu tornu. La, la, la, la, la, la, la, la, la, la, la. Sciuri di rosi russi a lu sbucciari, amaru l'omo ca fimmini cridi, amara cu si fa supraniari, l'uscio di paradisu non ni vidi. Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l'annu l'amuri ca mi dasti ti lu tornu. Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l'annu l'amuri ca mi dasti ti lu tornu. La, la, la, la, la, la, la, la, la, la, la. 1


La valsugana Quando anderemo fora, fora de la Valsugana. Quando anderemo fora, fora de la Valsugana. E a ritrovar la mama, a veder come la sta. E a ritrovar la mama, a veder, come, come la sta. La mama la sta bene, il papà l’è ammalato. La mama la sta bene, il papà l’è ammalato. Il mio bel partì soldato, chi sa quando tornerà. Il mio bel partì soldato, chi sa quando mai ritornerà. Tuti i me dis che lu ’l s’è zercà zà n’altra morosa. Tuti i me dis che lu ’l s’è zercà zà n’altra morosa. L’è ’na storia dolorosa che mi credere non so. L’è ’na storia dolorosa che mi cre, mi credere non so. Mi no la credo, ma se ’l fussa propi, propi vera. Mi no la credo, ma se ’l fussa propi, propi vera, biondo o moro ancor stasera 2


Sul Cappello Sul cappello, sul cappello che noi portiamo, C'é una lunga, c'é una lunga penna nera, Che a noi serve, che a noi serve di bandiera, Su pei monti, su pei monti a guerreggiar, oi là là, Su pei monti, su pei monti che noi saremo, Coglieremo, coglieremo le stelle alpine, Per donarle, per donarle alle bambine, Farle piangere, farle piangere e sospirar, oi là là, Su pei monti, su pei monti che noi saremo, Pianteremo, pianteremo l'accampamento, Brinderemo, brinderemo al reggimento, Viva il Corpo, viva il Corpo degli Alpin, oi là là, Su pei monti, su pei monti che noi saremo, Pianteremo, pianteremo il tricolore. O Trentino, o Trentino del mio cuore Ti verremo, ti verremo a liberar, oi là là Evviva, evviva il reggimento Evviva, evviva il corpo degli Alpin! Evviva, evviva il reggimento Evviva, evviva il corpo degli Alpin!

3


Quant'è belle lu primme ammore Abbasce a la marine se venne lu pesce e tu, 'mmghiera me', nen a 'uei fernesce. Quant'è belle lu primme ammore lu seconde è cchiù belle ancore. U vì, u vì, u vì ca moeu se ne vene c'a sigarett'ammocca va facienne u sceme. Quant'è belle lu primme ammore lu seconde è cchiù belle ancore. E rresta u arve du cielse rosse sté ci s'u face 'mmane e ce se tenge u muse. Quant'è belle lu primme ammore lu seconde è cchiù belle ancore. E rreta u arve de le cerase ce mett' la man' 'n gul' e ce se la vase. Quant'è belle lu primme ammore lu seconde è cchiù belle ancore. O Margherita me', ma ce tiene 'n pette? Chisse non so' menne, chesse so' saiette. Quant'è belle lu primme ammore lu seconde è cchiù belle ancore. O Margherita me', ma ce tiene sotte? Tu tiene u spassatiempe de le giuvanotte. Quant'è belle lu primme ammore lu seconde è cchiù belle ancore. O Margherita me', ma ce tiene sotte? Chisse me pare u tubbe de l'acquedotte. Quant'è belle lu primme ammore lu seconde è cchiù belle ancore.


Vola Vola Vulésse fà 'rvenì pe' n'ora sola lu tempe belle de la cuntentèzze, quande pazzijavàm'a vola vola e ti cupré di vasce e di carezze. E vola vola vola e vola lu pavone; si tie' lu core bbone mo' fàmmece arpruvà. E vola vola vola e vola lu pavone; si tie' lu core bbone mo' fàmmece arpruvà. Na vôte pe' spegnà lu fazzulette so'state cundannate di vasciarte. Tu ti sci' fatte rosce e mi sci'dette di 'nginucchiarme prime e d'abbracciarte. E vola vola vola vola la ciamarèlle; pe' n'ora cuscì belle m'ûlésse sprufunnà. E vola vola vola vola la ciamarèlle; pe' n'ora cuscì belle m'ûlésse sprufunnà. Allor'î' na pupuccia capricciose, purtì li trecc-i-appése e lu fruntine: mo' ti sci' fatte seria e vruvignose, ma ss'uocchie me turmente e mi trascine. E vola vola vola vola lu gallinacce; mo' se mi guardi 'n facce mi pare di sunnà. E vola vola vola vola lu gallinacce; mo' se mi guardi 'n facce mi pare di sunnà. Come li fiure nasce a primavere l'amore nasce da la cittelanze. Marì, se mi vuo' bbene accòme jere, ne' mmi lavà sut sonne e sta speranze. E vola vola vola e vola lu cardille; nu vasce a pizzichìlle ne' me le può negà. E vola vola vola e vola lu cardille; nu vasce a pizzichìlle ne' me le può negà


Romagna Mia Sento la nostalgia d'un passato, ove la mamma mia ho lasciato. Non ti potrò scordar casetta mia, in questa notte stellata la mia serenata io canto per te. Romagna mia, Romagna in fiore, tu sei la stella, tu sei l'amore. Quando ti penso, vorrei tornare dalla mia bella al casolare. Romagna, Romagna mia, lontan da te non si può star! Romagna, Romagna mia, lontan da te non si può star! Romagna, Romagna mia, lontan da te non si può star!


Piemontesina Non ti potrò scordare piemontesina bella, Addio bei giorni passati, mia piccola amica ti devo lasciar, gli studi son già terminati abbiamo finito così di sognar. Lontan andrò dove non so; parto col pianto nel cuor, dammi l'ultimo bacio d'amor. Non ti potrò scordare piemontesina bella, sarai la sola stella che brillerà per me. Ricordi quelle sere passate al Valentino, col biondo studentino che ti stringeva sul cuor? Totina, il tuo allegro studente, di un giorno lontano è adesso dottor, io curo la povera gente ma pure non riesco a guarire il muio cuor. La gioventù,non torna più. Quanti ricordi d'amor! A Torino ho lasciato il mio cuor. Ricordi quelle sere passate al Valentino, col biondo studentino che ti stringeva sul cuor? Ricordi quelle sere passate al Valentino, col biondo studentino che ti stringeva sul cuor?


O’Campagnola Bella All'alba quando spunta il sole, là nell'Abruzzo tutto d'or le prosperose campagnole discendono le valli in fior. O campagnola bella, tu sei la Reginella. Negli occhi tuoi c’è il sole c’è il colore delle viole, delle valli tutte in fior! Se canti la tua voce,è un’armonia di pace, che si diffonde e dice:se vuoi vivere felice devi vivere quassù! Quand'è la festa del paesello, con la sua cesta se ne va trotterellando l’asinello, la porta verso la città. O campagnola bella, tu sei la Reginella. Negli occhi tuoi c’è il sole c’è il colore delle viole, delle valli tutte in fior! Se canti la tua voce, è un’armonia di pace, che si diffonde e dice: se vuoi vivere felice devi vivere quassù! Ma poi la sera al tramontare, con le sue amiche se ne va. è tutta intenta a raccontare, quello che ha veduto là in città. O campagnola bella, tu sei la Reginella. Negli occhi tuoi c’è il sole c’è il colore delle viole, delle valli tutte in fior! Se canti la tua voce, è un’armonia di pace, che si diffonde e dice: se vuoi vivere felice devi vivere quassù


La società dei Magnaccioni Fatece largo che passamo noi, sti giovanotti de' 'sta Roma bella, semo regazzi fatti cor pennello e le regazze famo 'nnamorà... e le regazze famo 'nnamorà. Ma che ce frega, ma che ce 'mporta si l'oste ar vino cià messo l'acqua: e noi je dimo, e noi je famo:ciài messo l'acqua e nun te pagamo,ma però noi semo quelli che j'arisponnemo 'n coro: E' mejo er vino de li Castelli che questa zozza società. E si per caso viè er padron de casa, de botto te la chiede la pigione, e noi j'arisponnemo: A sor padrone, t'amo pagato e 'nte pagamo più. T'amo pagato e 'nte pagamo più. Che c'iarifrega che c'iarimporta si l'oste ar vino cià messo l'acqua: e noi je dimo, e noi je famo: ciài messo l'acqua e nun te pagamo ma però noi semo quelli che j'arisponnemo 'n coro: E' mejo er vino de li Castelli che questa zozza società. Ce piaceno li polli l'abbacchi e le galline perché so' senza spine nun so'come 'r baccalà. La società dei magnaccioni, la società de la gioventù, a noi ce piace de magnà e beve e nun ce piace de lavorà..... Portece n'antro litro, che noi se lo bevemo e poi j'arisponnemo Embé, embé, che c'è? E quanno er vino, embé, ciàriva ar gozzo embé, ar gargarozzo embé, ce fa 'n ficozzo embé, pe' falla corta pe' falla breve: chiamamo l'oste e portece da beve! da beve! da beve!


O’mia bella Madunina A diesen la canzon la nass a Napuli e francament g'han minga tutti i tort Surriento, Margellina tucc'i popoli i avran cantà on milion de volt mi speri che se offendera nissun se parlom un cicin anca de num O mia bela Madunina che te brillet de lontan tuta d'ora e piscinina, ti te dominet Milan sota a ti se viv la vita, se sta mai coi man in man canten tucc "lontan de Napoli se moeur" ma po' i vegnen chi a Milan Ades ghè la canzon de Roma magica de Nina er Cupolone e Rugantin se sbaten in del tever, roba tragica esageren, me par on cicinin Sperem che vegna minga la mania de metes a cantà "Milano mia" O mia bela Madunina che te brillet de lontan tuta d'ora e piscinina, ti te dominet Milan sota a ti se viv la vita, se sta mai coi man in man canten tucc "lontan de Napoli se moeur" ma po' i vegnen chi a Milan Si vegni senza paura, num ve songaremm la man tucc el mond a l'è paes e semm d'accord ma Milan, l'è on gran Milan!


O’ Sole Mio Che bella corsa e' na jurnata'e'sole n'aria serena doppo na tempesta pe'll'aria fresca pare gia' na festa che bella cosa na jurnata'e sole. Ma n'atu sole cchiu' bello, oi ne' 'o sole mio sta nfronte a te! 'o sole o sole mio sta nfronte a te ... sta nfronte a te. Luceno'e llastre d'a fenesta toia; 'na lavannara canta e se ne vanta e pe'tramente torce, spanne e canta luceno'e llastre d'a fenesta toia. Ma n'atu sole cchiu' bello, oi ne' 'o sole mio sta nfronte a te! 'o sole o sole mio sta nfronte a te ... sta nfronte a te. Quanno fa notte e'sole se ne scenne me vene quase'na malincunia; soto a fenesta toi restarria quando fa notte e'o sole se ne scenne. Ma n'atu sole cchiu' bello, oi ne' 'o sole mio sta nfronte a te! 'o sole o sole mio sta nfronte a te ... sta nfronte a te


O surdato Nnammurato Staje luntana da stu core a te volo cu' 'o pensiero: niente voglio e niente spero ca tenerte sempre affianco a me! Si' sicura 'e chist'ammore comm'i' so' sicuro 'e te... Oje vita, oje vita mia, oje core 'e chistu core, si' stata 'o primm'ammore: o primmo e ll'ultimo sarraje pe' me! Quanta notte 'nun te veco, nun te sento int'a sti braccia, nun te vaso chesta faccia nun t'astregno forte mbraccia a me? ma scetanneme 'a sti suonne, mme faje chiagnere pe' te... Oje vita, oje vita mia, oje core 'e chistu core, si' stata 'o primm'ammore: o primmo e ll'ultimo sarraje pe' me! Scrivo sempe 'e sta' cuntenta: io nun pienzo che a te sola: nu pensiero mme cunsola; ca tu pienze sulamente a me... 'a cchiu' bella 'e tutt' 'e belle nun è maje cchiu' bella 'e te! Oje vita, oje vita mia, oje core 'e chistu core, si' stata 'o primm'ammore: o primmo e ll'ultimo sarraje pe' me!


FuniculĂŹ FuniculĂ  Aieressera, oi' ne', me ne sagliette, tu saie addo'? Addo' 'stu core 'ngrato cchiu' dispietto farme nun po'! Addo' lo fuoco coce, ma si fuie te lassa sta! E nun te corre appriesso, nun te struie, 'ncielo a guarda'!... Jammo 'ncoppa, jammo ja', funiculi', funicula'! Ne'... jammo da la terra a la montagna! no passo nc'e'! Se vede Francia, Proceta e la Spagna... Io veco a tte! Tirato co la fune, ditto 'nfatto, 'ncielo se va.. Se va comm' 'a lu viento a l'intrasatto, gue', saglie sa'! Jammo 'ncoppa, jammo ja', funiculi', funicula'! Se n' 'e' sagliuta, oi' ne', se n' 'e' sagliuta la capa giĂ ! E' gghiuta, po' e' turnata, po' e' venuta... sta sempe cca'! La capa vota, vota, attuorno, attuorno, attuorno a tte! Sto core canta sempe nu taluorno Sposammo, oi' ne'! Jammo 'ncoppa, jammo ja', funiculi', funicula'!


Quel mazzolin di Fiori Quel mazzolin dei fiori, che vien dalla montagna e guarda ben che no'l se bagna che lo voglio regalar. Lo voglio regalare perché l'è un bel mazzetto, lo voglio dare al mio moretto questa sera quando vien. Stasera quando viene, gli fò ‘na brutta cera, e perchè sabato di sera ei no l'è vegnù da me. No l'è vegnù da me, l'è andà dalla Rosina; perchè mi son poverina mi fa pianger, sospirar. Mi fa pianger e sospirare, sul letto dei lamenti, ma cosa mai diran le genti, cosa mai diran di me. Diran che son tradita, tradita nell'amore, e l'è perchè mi piange il cuore e per sempre piangerà!


Calabrisella Mia Mamma nun mi mannati all'acqua sula: lu ventu mi valau la tuvagliola lu ventu mi valau la tuvagliola e lu quattraru mi vulia vasari. Calabrisella mia, facimmu ammore. Trallallalleru llalleru llallĂ  sta calabrisella muriri mi fa. Ti vitti a la jumara cchi lavavi, Calabrisella mia ccu stocchi scuri, e mentu alla sipala i panni ampravi iu t'arrubai lu megghiu maccaturi. Calabrisella mia, facimmu ammore. Trallallalleru llalleru llallĂ  sta calabrisella muriri mi fa. Quannu a studiari ivi a la citati, non vitti a nudda bedda com'a tia: Pensai ccu pena a s'occhi innamurati, e 'nta su muccaturi iu ti cincia. Calabrisella mia, facimmu ammore. Trallallalleru llalleru llallĂ  sta calabrisella muriri mi fa.


L’Uva Fogarina Diri rindindin Diri rindindin Diri rindindin, din, din, din, din Diri rindindin Diri rindindin Diri rindindin, din, din, din, din. E com'è bella l'uva fogarina e come è bella saperla vendemmiar a far l'amor con la mia ibella a far l'amore in mezzo al prà. Filar lan vel filar cusir non lo sa far il sol de la campagna il sol de la campagna Filar lan vel filar cusir non lo sa far il sol de la campagna la dis chel ghe fa mal? Teresina imbriaguna poca voia ed lavurar la se tota una vestaglia la ghà ancora de pagar. E com'è bella l'uva fogarina e come è bella saperla vendemmiar a far l'amor con la mia ibella a far l'amore in mezzo al prà. Diri rindindin Diri rindindin Diri rindindin, din, din, din, din Diri rindindin Diri rindindin Diri rindindin, din, din, din, din. Diri rindindin Diri rindindin Diri rindindin, din, din, din, din Diri rindindin Diri rindindin


A Cammesella E lèvate 'o mantesino! 'O mantesino, gnernò, gnernò! E lèvate 'o mantesino! 'O mantesino, gnernò, gnernò! Si nun t''o vuó' levá, mme sóso e mme ne vaco da ccá! Si nun t''o vuó' levá, mme sóso e mme ne vaco da ccá! E tèh, mme ll'aggio levato, Ciccillo, cuntento, fa' chello ca vuó’ E tèh, mme ll'aggio levato, Ciccillo, cuntento, fa' chello che vuó’ Sia benedetta mámmema, quanno mme maritò. Sia benedetta mámmeta, quanno te maritò. E lèvate 'a vesticciolla, 'a vesticciolla, gnernò, gnernò! E lèvate 'a vesticciolla, 'a vesticciolla, gnernò, gnernò! Si nun t''a vuó' levá, mme sóso e mme ne vaco da ccá! Si nun t''a vuó' levá, mme sóso e mme ne vaco da ccá! E tèh, mme ll'aggio levata, Ciccillo, cuntento, fa' chello ca vuó’ E tèh, mme ll'aggio levato, Ciccillo, cuntento, fa' chello che vuó’ Sia benedetta mámmema, quanno mme maritò. Sia benedetta mámmeta,quanno te maritò. E lèvate 'o suttanino, 'o suttanino, gnernò, gnernò! ...E lèvate stu curzetto, stu curzetto, gnernò, gnernò! ...E lèvate 'a cammesella, ‘a cammesella, gnernò, gnernò! ..E damme, Ceccè', nu vasillo, nu vasillo, gnernò, gnernò!


‘O Marenariello Oje né', fa' priesto viene! nun mme fá spantecá... ca pure 'a rezza vène ch'a mare stó' a mená... Méh, stienne sti bbraccelle, ajutame a tirá... ca stu marenariello te vò' sempe abbracciá. Vicin'ô mare, facimmo 'ammore, a core a core, pe' nce spassá... Só' marenaro e tiro 'a rezza: ma, p''allerezza, stóngo a murí... Vide ca sbatte ll'onna comm'a stu core ccá; de lacreme te 'nfonne ca 'o faje annammurá... Viene, 'nterr'a 'sta rena nce avimm''a recrijá; che scenne la serena... io po' stóngo a cantá. Vicin'ô mare, ...................... Oje né', io tiro 'a rezza e tu statte a guardá... li pisce, p''a prijezza, comme stanno a zumpá!... E vide, pure 'e stelle tu faje annammurá... ca stu marenariello, tu faje suspirá... Vicin'ô mare, ......................


Catarì Catarì, Catarì, pecche' me dice sti parole amare? pecche' me parle, e 'o core me turmiente, Catarì? Nun te scurda' ca t'aggio dato 'o core, Catarì, nun te scurda'! Catarì, Catarì, che vene a dicere stu parla' ca me da spaseme? Tu nun ce pienze a stu dulore mio tu nun ce pienze, tu nun te ne cure. Core, core 'ngrato, t'haie pigliato 'a vita mia, tutt'e' passato e nun ce pienze cchiu'! Catarì, Catarì tu nun o saie ca 'nfino int''a na chiesa io so' trasuto e aggio priato a Dio, Catarì e ll'aggio ditto pure a 'o cunfessore I' sto' a suffrì pe chella lla'! Sto a suffrì, sto a suffrì nun se po credere sto' a suffrì tutte li strazie e 'o cunfessore ch'e' persona santa m'ha ditto: figlio mio, lassala sta', lassala sta'! Core, core 'ngrato t'hai pigliato a vita mia.....


canti popolari