Issuu on Google+

IL MENSILE per chi ama i MOTORI da corsa

Poste Italiane Spa - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n.46) art. 1 comma 1, LO/MI

Anno IV - Numero 35

CHE CARRERA! Per Ebimotors un’altra stagione straordinaria tra Porsche Carrera Cup Italia e tricolore GT

Motor Show 2012, ci siamo!

Valentino Rossi sbanca Monza

Faggioli scalatore inarrestabile


DRIVE THROUGH

www.motormedia.it motormediA 35 - NOVEMBRE 2012 DIRETTORE EDITORIALE Paolo Necchi paolo.necchi@motormedia.it REDAZIONE Via Antonio Stoppani 11, 23875 - Osnago (LC) tel/fax: +39 039 9289509 redazione@motormedia.it www.motormedia.it DIRETTORE VENDITE E FINANZA Raffaella Menegoni raffaella.menegoni@motormedia.it IN REDAZIONE Fabio Magnani fabio.magnani@motormedia.it Nicolò Rebughini nicolo.rebughini@motormedia.it Stefano Venosta stefano.venosta@motormedia.it Andrea Badiali andrea.badiali@motormedia.it HANNO COLLABORATO Massimo Massarella FOTO ACI Sport, AG Photo, Elle Emme, Claudia Cavalleri, KSO Peugeot, Claudio Signori, Ferrari, IRC Series, Marco Vitali NUMERO CHIUSO IL 29 NOVEMBRE 2012 EDITORE PRS media s.a.s. di Paolo Necchi & C. Via Maroncelli 11, 20881 - Bernareggio (MB) STAMPA Silea Grafiche - Via Marchesi 7, 31057 - Silea (TV) www.sileagrafiche.it motormedia Pubblicazione registrata al Tribunale di Monza il 02/10/2009 n. 1960 Spedizione in abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.1, comma1 DIRETTORE RESPONSABILE Andrea Di Marcantonio

Copyright PRS media s.a.s. di Paolo Necchi & C. PRS MEDIA s.a.s. è titolare esclusiva di tutti i diritti di pubblicazione e diffusione. L’utilizzo da parte di terzi di testi, fotografie e disegni, anche parziale, è vietato. L’Editore si dichiara pienamente disponibile a valutare - e se del caso regolare - le eventuali spettanze di terzi per la pubblicazione di immagini di cui non sia stato eventualmente possibile reperire la fonte. Informativa e Consenso in materia di trattamento dei dati personali (Codice Privacy d.lgs. 196/03) Nel vigore del D.Lgs 196/03 il Titolare del trattamento dei dati personali, ex art. 28 D.Lgs. 196/03, è PRS MEDIA s.a.s., con sede in via Maroncelli 11, Bernareggio. La stessa La informa che i Suoi dati, eventualmente da Lei trasmessi alla PRS MEDIA s.a.s., verranno raccolti, trattati e conservati nel rispetto del decreto legislativo ora enunciato anche per attività connesse all’azienda. La avvisiamo, inoltre, che i Suoi dati potranno essere comunicati e/o trattati (sempre nel rispetto della legge), anche all’estero, da società e/o persone che prestano servizi in favore della PRS MEDIA s.a.s.. In ogni momento Lei potrà chiedere la modifica, la correzione e/o la cancellazione dei Suoi dati ovvero esercitare tutti i diritti previsti dagli art. 7 e ss. del D.Lgs. 196/03 mediante comunicazione scritta alla PRS MEDIA s.a.s. e/o direttamente al personale Incaricato preposto al trattamento dei dati. La lettura della presente informativa deve intendersi quale presa visione dell’Informativa ex art. 13 D.Lgs. 196/03 e l’invio dei Suoi dati personali alla PRS MEDIA s.a.s. varrà quale consenso espresso al trattamento dei dati personali secondo quanto sopra specificato. L’invio di materiale (testi, fotografie, disegni, etc.) alla PRS MEDIA s.a.s. deve intendersi quale espressa autorizzazione alla loro libera utilizzazione da parte di PRS MEDIA s.a.s. per qualsiasi fine e a titolo gratuito e comunque, a titolo di esempio, alla pubblicazione gratuita su qualsiasi supporto cartaceo e non, su qualsiasi pubblicazione (anche non della PRS MEDIA s.a.s.), in qualsiasi canale di vendita e Paese del mondo. Il materiale inviato alla redazione non sarà restituito.

ed è di nuovo motor show

C

ome ogni fine anno è arrivato anche il consueto appuntamento con il Motor Show di Bologna. Dal 1976 ad oggi la kermesse motoristica emiliana apre i battenti agli appassionati che arrivano da ogni parte d’Italia per vivere una giornata speciale all’insegna delle quattro ruote a 360°. Dal 2009 ad oggi MotorMedia ha creduto in questo evento partecipandovi sempre più con un ruolo attivo di partenariato e per questo, anche in questa edizione 2012, sarà presente con una sua area espositiva e con il suo staff al completo. Questa è sicuramente un’edizione diversa, vittima della crisi che ha stretto nella sua morsa il settore automotive, ma è sicuramente anche un’edizione che testimonia la ferma volontà di tutti (organizzatori in primis) di non vedersi sfuggire dalle mani un pezzo di storia italiana. Sono sicuramente lontani i fasti degli “anni d’oro” ma quei tempi sono finiti per tutti e il Motor Show di Bologna non può non esserne anche lui vittima. Ad avvalorare la mia tesi che questo nuovo corso possa essere un’opportunità di rilancio per l’intera manifestazione c’è la presenza massiva di un colosso mondiale come Red Bull che ha deciso di legare fortemente la sua immagine all’evento e che è famosa per associare la sua immagine solo ad eventi dalla grande audience e dalla grande risonanza mediatica. La presenza del marchio Red Bull è dunque, a mio avviso, la miglior certificazione che questa edizione regalerà comunque spettacolo e spunti di interesse per visitatori e aziende espositrici. A mio avviso, da questa edizione, deve iniziare un nuovo corso della manifestazione che dovrà diventare sempre più show e meno esposizione statica, svincolandosi così dalla “stretta” che i Costruttori vivono sul mercato e impongono agli organizzatori. Per un appassionato come me che ha vissuto questo evento, sotto varie vesti, sin da bambino, l’eventuale mancato svolgimento sarebbe stato come perdere un pezzo importante della mia passione e avrebbe lasciato indubbiamente un grande vuoto. Scongiurato questo rischio, apprestiamoci dunque a vivere insieme questa edizione e che sia l’inizio davvero di un nuovo corso. Vi aspettiamo numerosi al Pad.26 per ospitarvi nel nostro stand con molte sorprese.

MM3


sommario events

IN PROVA SPECIALE

10. Motor Show 2012, fuoco alle polveri

36. Rossi sbanca Monza

IN PISTA

IN SALITA

14. Ebimotors, che Carrera! 18. Bontempelli fa...Fiesta 22. Ferrari vs Porsche 24. Il Galbiati pensiero 28. Di Bona...in pole 32. Che grinta Lady Brena!

38. CIVM e CEM, Best Lap prende tutto

03. 06. 09. 40. 42. 44. 46.

DRIVE THROUGH PADDOCK motormedia team FOTO DEL MESE MOTORMEDIA TV RACING ON WEB FITNESS CORNER

L’editoriale del Direttore News dal mondo dei motori Paolo Necchi conquista due vittorie a Magione I migliori scatti dal motorsport Le novità della nostra web tv Il mondo delle corse nella rete La frattura dello sterno nei piloti

18

MM4

22


sommario

24

28

MM5

32


Paddock ROB HUFF VINCE LA LOTTA INTERNA IN CASA CHEVROLET Come di consueto, l’ultimo round di Macau ha deciso le sorti nel FIA World Touring Car Championship

Chevrolet sbanca e lascia. Che sarebbe stata una delle tre Cruze ufficiali ad aggiudicarsi il titolo 2012 del FIA World Touring Car Championship non era in dubbio sin dall’inizio del campionato la scorsa primavera, bisognava solo decidere su chi puntare tra Muller, Menu e Huff. Coloro che hanno scommesso su quest’ultimo hanno avuto ragione: il giovane britannico infatti si è aggiudicato solo nell’ultima gara di Macau l’alloro mondiale riservato alle vetture Turismo, in un finale thrilling dovuto al suo ritiro in Gara 1 per una toccata contro i muretti dell’ex colonia portoghese. Con 21 vittorie, 11 pole position e 20 giri più veloci in 170 partecipazioni Rob Huff iscrive quindi il suo nome nell’albo d’oro del campionato nell’ultimo anno di partecipazione ufficiale della casa americana: “Sono rimasto senza parole, credo che mi servirà un po’ di tempo per realizzare che ho vinto il titolo mondiale piloti - ha detto l’inglese al termine - È stato un fine settimana emozionante e carico di tensione, soprattutto se si considera che ho quasi buttato tutto all’aria con il mio incidente in Gara 1! È stato un grave errore che ho commesso da solo, ma per fortuna c’è stato il lieto fine, grazie anche all’ottimo lavoro dei ragazzi della RML compiuto tra le due manche”. Per quanto riguarda lo Yokohama Driver’s Trophy, tutto è rimasto...alla gara precedente: i ritiri di Michelisz, Oriola e D’Aste in entrambe le manche hanno infatti permesso all’ungherese della Zengö Motorsport (BMW 320 TC) di laurearsi campione davanti allo spagnolo della SunRed (Seat Leon) e all’italiano della Wiechers Sport (BMW 320 TC).

NOTIZIE E PILLOLE DAL MONDO DELLE CORSE IN PISTA, RALLY E FUORISTRADA... TRA PADDOCK E PARCHI ASSISTENZA PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATI SU PILOTI, GARE E VETTURE

ECCO I CALENDARI WRC ED EUROPEO RALLY 2013

Poche le novità nel mondiale rally mentre sono alte le aspettative per il neo campionato continentale Con la chiusura della stagione, la Federazione Internazionale ha pubblicato i calendari 2013 delle serie rallistiche più importanti al mondo: il WRC ed il campionato europeo rally, ex IRC. Per quest’ultimo campionato l’elenco degli eventi è ancora caratterizzato da alcune incognite relative in particolare alle caselle vuote del mese di Luglio ed al Rally di Sanremo in attesa del sostegno economico proveniente dalla regione Liguria. Per quanto riguarda la serie iridata si partirà col Rally di Montecarlo (15-20/1), poi Svezia (7-10/2), Messico (7-10/3), Portogallo (11-14/4), Argentina (2-5/5), Grecia (30/5-2/6), Italia (20-23/6), Finlandia(1-3/7), Germania (22-25/8), Australia (12-15/9), Francia (3-6/10), Spagna (24-27/10) ed infine Gran Bretagna (14-17/11). La neonata serie continentale invece scatterà ben prima, il 3/1 in Austria, con il Jännerrallye, poi Lituania (1-3/2) con il Rally Liepāja-Ventspils, Ireland Rally (28-30/3 in Irlanda), Rallye Açores (25-27/4 in Portogallo), Tour de Corse (1618/5 in Francia), Croatia Rally (6-8/6 in Croazia), il GEKO Ypres Rally (27-29/6 in Belgio), due rally ancora da designare in programma rispettivamente tra l’11 e il 13 Luglio e dal 25 al 27 dello stesso mese mentre dopo la pausa estiva sarà la volta del Barum Czech Rally Zlin (30/8-1/9 in Repubblica Ceca), del Rally Poland (27-29/9 in Polonia), del Rally di Sanremo (10-12/10) ed infine del Rallye International du Valais, in Svizzera, dal 7 al 9 Novembre.

MM6


Paddock brividi finali nella f.3 open Schirò e RP Motorsport vincono il titolo 2012

Finale rocambolesco per la European F.3 Open a Barcellona, ultimo atto di una stagione giocata sulla sfida interna alla RP Motorsport tra Gianmarco Raimondo e Niccolo Schirò, quest’ultimo vincitore del campionato grazie a cinque punti di vantaggio. In Gara 1 Raimondo doveva accontentarsi della piazza d’onore mentre Schirò chiudeva terzo. In Gara 2 i due, distanziati di un solo punto in classifica, partivano appaiati con Raimondo che subiva un contatto con

IRC NEL NOME DI MIKKELSEN

La Rocca. Dal caos delle prime battute Schirò rimontava fino alla quarta posizione ma a pochi metri dal traguardo si trovava di fronte

Secondo alloro continentale per il norvegese

la vettura del compagno di squadra, ferma a centro pista, con la quale impattava seriamente riuscendo comunque a tagliare d’iner-

Andreas Mikkelsen sfiora il successo al Rally di Cipro ma conquista ugualmen-

zia il traguardo festeggiando così il meritato trionfo.

te il titolo 2012 nell’IRC grazie al cospicuo vantaggio di 67 punti conseguito ai danni del compagno di marca Jan Kopecky. Il recordman norvegese, primo a collezionare due allori consecutivi, ha combattuto sulle strade dell’isola mediterranea senza aver nulla da perdere, data l’assenza dei rivali diretti, riuscendo comunque a portare a casa un meritato secondo posto alle spalle di Nasser Al-Attiyah, pilota della Ford Fiesta RRC. La tre giorni isolana è stata vissuta sul tira-e-molla tra il qatariota e il portacolori della Skoda, quest’ultimo prima partito in testa, poi attardato, poi in rimonta ed infine accontentatosi della piazza d’onore. Terzo al traguardo ad oltre 10’ Toshi Arai su Subaru Impreza R4 che precedeva la vettura gemella del finlandese Jarkko Nikara.

BRUNI-LEO (AF CORSE) SI IMPONGONO NEL GT OPEN Ferrari vince anche nella classifica GTS grazie a Zampieri-Dalle Stelle (Kessel Racing)

Finisce con un successo sul filo di lana per la coppia Bruni-Leo la stagione del GT Open 2012. Il duo della AF Corse infatti ha faticato non poco per avere la meglio in classifica sul binomio Holzer-Tandy (Porsche 997 GT3 RSR - Manthey Racing). A Barcellona, nell’ultimo appuntamento della serie, si è assistito ad una battaglia non priva di colpi di scena, con il team Villois a fare da comprimario per la lotta all’iride, vinto dagli italiani in divisa rosso Ferrari per soli tre punti di vantaggio sui portacolori di Stoccarda. In Gara 1 il successo andava a Malucelli-Barba a bordo della Aston Martin, una vittoria che portava l’equpaggio Villois dalla terza alla seconda posizione in classifica, causa il ritiro della Porsche del Manthey per un guasto al cambio nel corso dei primi giri. Bruni e Leo invece registravano un mesto quinto posto, pur rimanendo leader dell’assoluta, dietro la terza piazza di Ramos-Giammaria e Narac-Pilet. Il destino del campionato si decideva quindi in Gara 2 con la coppia HolzerTandy prima al traguardo seguita dalla squadra IMSA e da quella Corvette mentre Bruni e Leo, partiti dalla pit-lane, davano vita ad una rimonta emozionante che sembrava costringerli però alla resa, fino a quando l’equipaggio AF Corse con un colpo di reni ed “un piccolo aiuto” strategico dei compagni marca del Kessel Racing riusciva, a poche curve dal termine, a compiere quei sorpassi necessari per ottenere la quarta posizione, sufficiente a conquistare il titolo. Contemporaneamente, nella classe GTS, il successo arrideva ancora una volta ai portacolori di Maranello con Zampieri-Dalle Stelle, quarti in entrambe le manche con la Ferrari 458 italia GT3 del Kessel Racing, risultati che contribuivano alla conquista del titolo Costruttori per la casa del Cavallino Rampante.

MM7


MOTORMEDIA TEAM Necchi chiude il 2012 con una doppietta Il Direttore di MotorMedia coglie un doppio successo nel Trofeo Turismo a Magione

Paolo Necchi chiude la stagione agonistica 2012 con una duplice vittoria. Il pilota milanese, editore della nostra rivista MotorMedia, si è infatti cimentato nelle ultime due prove del Trofeo Turismo disputatesi ad inizio Novembre sul tracciato umbro di Magione alla guida di una Renault Clio RS Cup messagli a disposizione dalla Cipierre con la quale si è imposto in entrambe le manche di gara. Dopo la doppia pole ottenuta nei due turni di qualifica (uno per gara), disputatisi in condizioni di asfalto viscido, il milanese si è reso protagonista, in Gara 1, di una condotta esemplare andando progressivamente a guadagnare terreno sui diretti inseguitori per poi gestire il vantaggio nella seconda metà di gara. Nella seconda manche Necchi ha invece dovuto soffrire non poco per gli attacchi del pilota umbro Sensi (Renault New Clio) che lo ha insidiato sin sotto la bandiera a scacchi. Con questa doppia vittoria Necchi chiude comunque una stagione intensa e ricca di soddisfazioni e guarda al 2013 con ottimismo. Paolo Necchi: “È stato un bel weekend. Vincere due gare su due non è stato facile soprattutto perchè nella seconda manche sono andato troppo presto in crisi di gomme e di freni. Negli ultimi 10 minuti ero davvero sempre al limite e per tenere dietro Sensi ho faticato non poco. La macchina era comunque ben bilanciata e ha dimostrato, ancora una volta, di essere una delle più competitive come si era già visto nel 2011 con la vittoria nel Trofeo Turismo e la pole position nella scorsa 100 Miglia di Magione. In generale ho chiuso bene una stagione che mi ha visto partecipare a 13 gare nelle quali ho ottenuto cinque vittorie e altrettanti podi per cui non posso che ritenermi soddisfatto. Per il 2013 è presto ma quel secondo posto finale nel FIA European Touring Car Cup non mi va giù…per cui penso che ci farò un pensierino!”

MM9


EVENTS

fuoco alle polveri Andrea Badiali

è

tornato, è più piccolo ma fa ancora

la tradizionale kermesse dedicata al prodotto

ma buoni”, le aziende partecipanti allo show

tanto rumore. Stiamo parlando del

e la più informale manifestazione dedicata al

ed alle manifestazioni motoristiche restano

Motor Show di Bologna 2012, giunto

motorsport nelle sue più varie espressioni,

di primissimo livello. Proprio l’originalità del-

alla sua 37^ edizione. Il salone Internaziona-

il salone bolognese ritorna alla durata di un

la kermesse e la sua natura “ludica” riman-

le dell’Automobile, anche quest’anno incluso

tempo, con 5 giorni ricchi di adrenalina che

gono gli elementi che, al di là delle difficoltà

nel prestigioso circuito OICA, riapre i battenti

sono in realtà 6 per l’apertura alla stampa ed

congiunturali, GL Events, la società promotri-

in quel di BolognaFiere, dal 5 al 9 Dicembre,

addetti ai lavori prevista già nella giornata del

ce dell’evento, ha intenzione di consolidare;

e lo fa con il solito mix di novità automobilisti-

4 Dicembre. Purtroppo c’è da segnalare che

dimostrazione ne è la nuova campagna pub-

che e spettacolo sportivo, nel più classico ed

la crisi non ha risparmiato il più importante

blicitaria presente da giorni su giornali ed

unico dei format. Conosciuto a livello interna-

evento motoristico d’Italia e la conseguenza

affissioni, la quale sponsorizza l’evento come

zionale come lo Show della strada e della pi-

ne è la contrazione del programma e degli

“la macchina del divertimento”, una sorta di

sta, grazie al suo essere perfetto incontro tra

espositori; ciò nonostante, della serie “pochi

parco giochi “maturo” nel quale prevalgono i

MM10


EVENTS

tratti emotivi e passionali dell’universo

renderanno l’esperienza del visitatore

automotive, non certo i freddi numeri e

una vera e propria “prova su strada”. Il

la cruda attualità. Detto questo, ovvia-

programma racing inizierà mercoledì 5

mente il Motor Show quest’anno man-

con un ricco carnet di gare della catego-

terrà anche un’anima “istituzionale” non

ria pista tra cui il Bomboogie GT Challen-

per niente la cinque giorni del Bologna-

ge, il GT Cup e l’Historic Challenge in un

Fiere sarà occasione per la presentazio-

turbinio di supercar, marchi prestigiosi e

ne di modelli in anteprima, conferenze

glorie del passato da far venire i brividi.

stampa ed appuntamenti rivolti ai dea-

Il giorno successivo si passerà allo show

ler ed ai professionisti dell’automobile.

delle Super 2000, le potenti vetture

Non mancheranno poi, come sempre, i

da rally dotate di propulsori aspirati di

test drive delle novità del mercato che

2litri e trazione integrale mentre il ve-

MM11

Giancarlo Fisichella si esibirà con la Ferrari F.1 nella giornata di venerdì 7 Dicembre. Nei due giorni successivi invece saranno Red Bull e Toro Rosso a far tremare i vetri intorno alla Motorsport Arena.


EVENTS

nerdì scenderà in pista nella Mobil 1 Arena

presenti sulle tribune. In particolare quello

presenza delle gare endurance, rappresenta-

la Superstars Series, il campionato dei record

dei “bibitari” è un “evento nell’evento” dedi-

te dall’Audi R8 LMS Ultra del Phoenix Team, le

organizzato dalla FG Group per portare tra i

cato all’universo degli sport motoristici spon-

competizioni a stelle e strisce con la Red Bull

cordoli potenti berline da 500 CV pilotate da

sorizzati dall’azienda austriaca. Si inizierà con

Nascar ed il mondo “alternativo” del drifting

ex F.1, campioni GT e giovani arrembanti. Il

le monoposto di Formula 1 dei team Red Bull

con il campione ucraino Aleksandr Grinchuk

clou della manifestazione italiana sarà rag-

Racing e Scuderia Toro Rosso, guidate rispet-

a bordo della fida Nissan 350Z. Trai tanti su-

giunto però negli ultimi tre giorni, dal 7 al 9

tivamente da David Coulthard e dal giovane

perman delle due e quattro ruote ci saranno

Dicembre, quando sull’asfalto dell’Area 48

italo-australiano Daniel Ricciardo. In seguito

poi Carlos Sainz, campione del WRC e Chris

prima la Ferrari Formula 1 con Giancarlo Fisi-

dalla pista si passerà alle speciali con la Citro-

Pfeiffer, funambolo delle due ruote in sella

chella e poi la Red Bull con i suoi Speed Days

en DS3 WRC portata alla vittoria mondiale da

alla sua BMW F800 R. Ma il palcoscenico dei

scalderanno gli appassionati che saranno

Sebastien Loeb; non sarà da meno, infine, la

“giorni della velocità” targati Red Bull non

MM12


EVENTS

PRS Media sarà nuovamente presente al Motor Show di Bologna con un proprio stand nel quale saranno esposte alcune bellissime auto da corsa.

sarà calcato solo dalle star del motorsport, vi

del campionato del mondo di Formula Uno.

zioni; attraverso l’allestimento di uno stand

sarà spazio infatti anche per 20 non tesserati

In questo scenario fatto di velocità, salti, cor-

arricchito da vetture da competizione di mar-

dal piede pesante decisi a fare a sportellate

doli, sorpassi, vincitori, vinti e tanto diverti-

chi prestigiosi, tramite una videocopertura

per la conquista della finale mondiale del

mento ci sarà PRS Media, presente ormai da

ampia e costante della manifestazione, unita

Red Bull Kart Fight, la sfida che assegnerà il

tre anni alla kermesse ed in prima fila come

alla produzione/messa in onda online di web-

titolo di miglior kartista non professionista

media partner degli eventi svolti all’esterno

formati dedicati al Salone dell’Automobile in

del mondo. Se l’emozione in pista scalderà gli

ed all’interno del complesso fieristico di Bo-

tutte le sue sfaccettature e alla telecronaca

spettatori dell’Area 48, lo stesso accadrà per

logna. L’azienda milanese, publisher delle ri-

di semifinali e finali che si svolgeranno nella

i racer virtuali durante la finale nazionale del

viste MotorMedia e MotorMedia Style, con-

Motorsport Arena, il tutto disponibile su Mo-

Red Bull Game Tour, la competizione basata

ferma quindi il suo sostegno al Motor Show

torMedia TV. L’attesa cresce, i motori comin-

sul simulatore F1 2012, il videogioco ufficiale

nelle formule sperimentate nelle passate edi-

ciano a rombare, mancate solo voi! MM

MM13


in pista

ebimotors, che carrera! Paolo Necchi AG Photo ACI Sport

U

na stagione da incorniciare, l’ennesima

viamente di Enrico Borghi e del Team Ebimotors

la compagine di Cermenate il momento di mag-

di una lunga carriera prima fatta di lavo-

ch,e per la quinta volta in sei edizioni, festeggia il

gior impegno, sia per l’altissimo livello di com-

ro ai box come meccanico e poi come

successo assoluto e per di più con tre piloti diversi

petitività dello stesso, sia per lo spiegamento di

team manager della squadra più vittorioso della

(Ferrara, Balzan e Postiglione, ndr). IL monomarca

forze in campo che contava ben quattro vetture

Porsche Carrera Cup Italia. Stiamo parlando ov-

dedicato alla 997 GT3 Cup ha rappresentato per

schierate al via. I paladini scelti per questo enne-

MM14


in pista

La striscia vincente della Ebimotors nella Porsche Carrera Cup è proseguita grazie a Vito Postiglione dopo il triplice titolo di Balzan (2009, 2010, 2011) e quello di Luigi Ferrara (2008).

sima sfida sono stati il vincitore del campionato

serie di pole position, vittorie e podi a ripetizione,

portare a casa il titolo dopo i brividi avuti a cau-

Vito Postiglione, il giovane Luigi Lucchini e i veloci

utili ad issare il Team Ebimotors al vertice della

sa del duplice ritiro in occasione del penultimo

e costanti gentlemen drivers Giacomo Scanzi e

speciale classifica riservata alle squadre. La sta-

appuntamento stagionale del Mugello. Per lui e

Fabrizio Bignotti. Un gruppo molto agguerrito

gione è stata tesa e contesa sino all’ultima gara di

per tutta la squadra il giusto coronamento per un

capace di ottenere nel corso della stagione una

Monza dove il veloce pilota potentino è riuscito a

2012 vissuto da protagonisti e sul quale pesano

MM15


Alessandro Balzan al volante della Porsche 997 GT3-R targata Ebimotors e condivisa con Giacomo Barri nel Campionato Italiano GT 2012. Nell’altra pagina, Giacomo Scanzi, Fabrizio Bignotti e Luigi Lucchini.

più sfortune che errori. La stagione vittoriosa nel

team ufficiali come BMW e Audi, Ebimotors è sta-

Porsche. Benucci, Mosconi e Pan nella GT3 Cup e

monomarca della casa di Weissach non è stato

ta capace spesso di tenere il passo dei migliori e

gli equipaggi composti dagli stessi Benucci, Pan,

però l’unico momento importante dell’anno per

di lottare per pole position e vittorie grazie ad un

Selva e l’accoppiata Scanzi-Piccioli sono stati gli

il team lombardo che, in aggiunta, ha debutta-

equipaggio ben assortito come quello composto

alfieri della Ebimotors in questo campionato che

to nel Campionato Italiano GT con l’equipaggio

dal tre volte campione della Porsche Carrera Cup

accompagna gli appassionati sportivi del marchio

Balzan-Barri alla guida delle veloce Porsche 997

Italia Alessandro Balzan e dal giovane lombardo

tedesco verso l’olimpo della Porsche Carrera Cup

GT3-R ottenendo, anche in questo caso, succes-

Giacomo Barri. Grazie alla velocità di entrambi e

Italia. Per capire meglio però questa stagione ab-

si e podi già al primo anno in questa categoria.

all’esperienza di Balzan, la squadra comasca è in-

biamo parlato direttamente con Enrico Borghi,

La stagione nel GT tricolore è stata però segnata,

fatti riuscita a trovare presto il giusto feeling con la

Team Principal e fondatore di Ebimotors: “È stato

come spesso ultimamente, da polemiche legate

vettura e a mettersi in lizza per il titolo. Il mondo

un anno intenso - esordisce Borghi – che ci ha vi-

al Balance of Performance che ha spesso messo

Porsche motorsport è da sempre l’habitat natura-

sto come sempre impegnati su molti fronti anche

in difficoltà le varie tipologie di vetture creando

le di Ebimotors e per mantenere fedeltà a questo

contemporaneamente. L’ennesimo successo nel-

un clima non così “sano” come il livello della com-

concetto non poteva mancare l’impegno della

la Porsche Carrera Cup Italia è il miglior premio

petizione meriterebbe. Polemiche e discussioni a

squadra anche nella Targa Tricolore organizzata e

per l’impegno di tutta la squadra nel perseguire

parte, il primo anno con la splendida R ha fatto

promossa dal Porsche Club Italia. Al via con vari

questo fondamentale obiettivo. Vincere non è

intendere che la competitività e la professionali-

equipaggi sia nella classe GT3 Cup che nella GT

mai facile e confermarsi ancora meno soprattut-

tà del team e dei piloti consentirà di affrontare

Open Cup, il Team Ebimotors non ha lasciato nul-

to in campionato iper-competitivo come questo.

questa nuova importante sfida nel futuro. Nella

la al caso dimostrando competitività e professio-

Per quanto riguarda la stagione nel GT Tricolore

serie nostrana, malgrado vi fosse la presenza di

nalità anche nella serie riservata ai clienti sportivi

sono un po’ amareggiato per come sono andate

MM16


in pista

le cose dato che abbiamo dimostrato di poter puntare al titolo già alla prima stagione. La questione del Balance of Performance e le nuove gomme Avon sono stati un problema per tutti gli equipaggi per cui, per il futuro, sarà necessario lavorare per tempo tenendo conto di quanto accaduto quest’anno. Nel Targa continuiamo il nostro “campus” dedicato a giovani e gentlemen che vogliono avvicinarsi alle competizioni senza troppi stress e con budget di spesa ragionevoli. Per l’anno prossimo ovviamente rimane confermato il nostro triplice impegno anche se, devo ammettere, mi manca il contesto internazionale delle competizioni.” Programma dunque confermato e intenso anche quello 2013 per il Team Ebimotors che come sempre avrà come unico obiettivo finale, la vittoria. MM

MM17


in pista

bontempelli fa...fiesta Fabio Magnani Marco Vitali Claudia Cavalleri

MM18


in pista •

Ferrari ma non solo: Lorenzo Bontempelli si è diviso nel 2012 tra le Ferrari F430 e 458 Italia ma ha voluto concludere la stagione al volante della splendida Ford Fiesta WRC prendendo parte al Monza Rally Show (pagina seguente).

WRC dell’Ovale Blu; ma facciamo un piccolo passo indietro: nel periodo clou di quest’anno il simpatico lombardo si è diviso al do di sem-

volante delle vetture di Maranello tra Endurance

plici auto stradali. In

Champions Cup, International GT Open, Interna-

questo caso però la vena è quella

tional GT Sprint Series e Campionato Italiano GT;

agonistica e, seppur facenti parte di due mondi

i risultati più importanti sono arrivati per lui grazie

completamente diversi, le Ferrari in configurazione

alla Ferrari 458 Italia GT3 della Kessel Racing con

alla Ferrari

Gran Turismo e la Ford Fiesta WRC (World Rally

la quale ha ottenuto a Monza la prima vittoria

F430 e 458

Car, ndr) possono essere tranquillamente equipa-

dell’anno in occasione della 4 Ore (insieme a Zam-

Italia

D

alla

rate per prestigio e non solo. Questo confronto è

pieri e Caccia), successo seguito poi dal gradino più

più umile, sulla carta, Ford Fiesta il passo potrebbe

ben noto a Lorenzo Bontempelli che ha chiuso la

alto del podio conquistato all’Hungaroring con la

sembrare “a ritroso” per tanti se stessimo parlan-

stagione 2012 proprio al volante della velocissima

vettura gemella della Ombra Racing. Sempre con

MM19


in pista la supercar gestita dal team bergamasco Bontem-

il cambio sequenziale a leva

pelli ha dimostrato tutta la sua competitvità nel

al volante (in luogo del semi-

torrido weekend di Le Castellet, dove in coppia con

automatico) e con i freni. Un

Mario Cordoni ha fatto suo un altro ottimo secon-

piccolo brivido è corso lungo la

do posto nell’International GT Open. Risultati di ri-

schiena di Bontempelli e degli

lievo anche nella serie Gran Turismo promossa da

uomini del team A-Style du-

FG Group a Imola dove Bontempelli ha preso parte

rante la P.S.3 quando, a causa

con una Ferrari F430 GT2; per lui anche l’opportu-

di un piccolo cedimento mec-

nità di salire sulla velocissima 458 Italia GT2 a Misa-

canico, il Campione del Mondo

no Adriatico in occasione del Campionato Italiano

Ferrari Challenge 2011 è finito

GT, weekend però concluso anzitempo a causa dei

in testacoda ad alta velocità,

danni riportati dalla vettura in seguito ad un’uscita

per fortuna senza impattare

di pista nelle qualifiche da parte del suo compagno

contro il muretto della corsia

di squadra. Per chiudere al meglio il 2012, ad inizio

box. Tornato in pista più carico di prima, Bontem-

inferiori a quelli del binomio Bontempelli/A-Style,

Novembre Lorenzo Bontempelli ha scelto quindi

pelli staccava il sesto tempo assoluto nello stage

come ci racconta lo stesso pilota lombardo: “Il ri-

proprio la Ford Fiesta WRC per disputare un pre-

più lungo, la “Grand Prix 1” da oltre 32 km, confer-

sultato è stato buono ma, non lo nascondo, punta-

stigioso appuntamento del motorsport tricolore,

mandosi tra i migliori sugli oltre 80 piloti al via e re-

vo al podio assoluto. Sono comunque soddisfatto

ovvero il Monza Rally Show. Il simpatico “odonto-

plicando anche nelle successive prove con riscontri

perchè non avevo svolto test in precedenza con la

iatra volante” di Lesmo ha deciso di affrontare la

cronometrici di rilievo, nonostante qualche proble-

Fiesta WRC, vettura rivelatasi affidabile a parte la

kermesse di casa al volante di un’auto di ultimissi-

ma al motore sulla sua Fiesta nella P.S.6. Al termine

rottura di un giunto nella P.S.3. Le scelte degli orga-

ma generazione: grazie alla disponibilità del team

del Monza Rally Show per l’equipaggio Bontem-

nizzatori per il Masters’ Show sono state opinabili e

A-Style, Bontempelli ha infatti avuto tra le mani un

pelli-Mazzetti arrivava una grandiosa sesta piazza

mi hanno un po’ deluso, penso che sarebbe stato

esemplare nuovo di zecca della velocissima vettu-

assoluta a 1’34”6 dal vincitore Valentino Rossi che

giusto e meritocratico iscrivere a questa sfida tutte

ra dell’Ovale Blu, consegnata alla squadra comasca

equivaleva alla quarta posizione tra le WRC 1.6, a

le WRC 1.6 e solo qualche WRC 2.0 ‘di peso’, in que-

solo pochi giorni prima di approdare all’Autodro-

dimostrazione di quanto sia ���pesante” il piede de-

sto modo lo spettacolo e la competizione ne avreb-

mo Nazionale. Dopo la positiva esperienza del

stro del brianzolo. Poco dopo il termine del Monza

bero giovato; poi non è detto che anche io avrei

2011 al volante della Focus WRC di vecchia gene-

Rally Show è arrivata però una doccia fredda per

potuto raggiungere un buon piazzamento e

razione (quindi dotata del motore 2.0 turbo), Bon-

Bontempelli, con la sua “non ammissione” allo

magari lottare per la vittoria.” MM

tempelli non ci ha messo molto tempo a ritrovare

spettacolare Masters’ Show, la sfida uno contro

il feeling con curve strette, traversi e freno a mano

uno ad eliminazione che si corre su di un apposito

anche con la “piccola” 1.6 inserendosi subito, già

percorso allestito sul rettilineo principale davanti

dalle prime prove speciali, nella Top 10 assoluta.

ad oltre 40.000 spettatori. Una scelta incomprensi-

Navigato dall’esperta Silvia Mazzetti, le prime pro-

bile da parte degli organizzatori, i quali hanno

ve speciali sono servite al brianzolo per prendere

ammesso al via equipaggi e

le dovute misure soprattutto nelle chicane (dove

vetture

ha perso qualcosina proprio in avvio nella prima tappa), con

MM20


in pista

MM21


in pista

ferrari vs porsche Fabio Magnani ACI Sport

Stefano Comandini impegnato con la Ferrari 458 Italia GT3 mentre, a destra, Vincenzo Donativi doma la sua Porsche 997 GT3 Cup.

L

a La stagione 2012 del Campionato

scendendo in pista con una 997 GT3 Cup.

mischia con una vettura per lui completa-

Italiano GT ha riproposto, anche in

Proprio quest’ultimo ha visto nel 2012 l’anno

mente nuova e complessa. La sua stagione

casa Best Lap, l’eterna sfida che da

del trionfo grazie alla conquista del titolo di

è stata ricca di risultati positivi e podi asso-

decenni anima il panorama delle corse Gran

classe GT Cup 2 Divisione con addirittura tre

luti alternati ad episodi sfortunati e qualche

Turismo in tutto il mondo, quella tra Ferra-

gare d’anticipo sulla chiusura del campiona-

problema tecnico di troppo, fattori che non

ri e Porsche. Il dualismo questa volta però

to: una prestazione quella di Donativi che ha

hanno comunque impedito al pilota romano

è rimasto solo sulla carta poiché gli alfieri

dimostrato la maturità agonistica del porta-

di chiudere il 2012 con il sorriso sulle labbra

della scuderia Best Lap impegnati nella serie

colori Best Lap nonché la sua continua voglia

e con la medaglia d’argento tra coloro che

tricolori avevano tra le mani due vetture di

di migliorarsi e misurare le sue performance

hanno preso parte alla serie al volante di una

classi diverse: Stefano Comandini ha infatti

in un contesto agguerrito quale è la serie na-

vettura del Cavallino Rampante. Per entram-

disputato la stagione al volante di una po-

zionale riservata alle vetture GT. In una clas-

bi il 2013 è già “work in progress” per nuove

tente Ferrari 458 Italia GT3 mentre Vincenzo

se sicuramente più popolata e competitiva,

interessanti sfide, sempre con il logo Best

Donativi è rimasto fedele al marchio Porsche

Stefano Comandini ha scelto di gettarsi nella

Lap cucito sulle rispettive tute. MM

a

MM22


in pista •

Sotto, Camilla Ronchi (Sportitalia) intervista Stefano Comandini mentre Vincenzo Donativi festeggia la conquista del titolo sul podio del Mugello.

MM23


in pista

il galbiati pensiero Andrea Badiali Claudia Cavalleri

Omar Galbiati ha festeggiato a Monza la sua 50a gara con l’Antonelli Motorsport. Sopra il pilota lombardo con il suo primo fan, il figlio Kikko.

I

l vocabolario della lingua italiana dà diverse

lo circondano. Omar Galbiati, anche se forse non

brutti, non esistono locuzioni o giri di parole,

definizioni del termine “sportivo”; se riferito

lo sa o non vuole ammetterlo, impersona, a suo

quello che si deve dire il nostro lo dice e non sem-

ad una persona lo sportivo è colui che pratica

modo, la figura dello sportivo. Sono le sue parole

bra pensarci troppo su.

lo sport o ne è appassionato ma non solo, è anche

e la sua attività a dimostrarlo. Il pilota rivoltano,

e soprattutto chi si comporta in modo corretto e

infatti, viene da una stagione 2012 intensa, fatta

Omar, una stagione, tre campionati. Ti abbiamo

leale nei confronti di tutta l’umanità che ruota

di prestazioni eccellenti e qualche caduta, tra-

visto correre nell’International GT Sprint, nella

attorno alla competizione alla quale egli prende

scorsa però sempre all’insegna dell’intensità e

Targa Tricolore Porsche e nella Porsche Carrera

parte, che sa riconoscere meriti e demeriti propri

della passione, alla caccia sia della performance

Cup Italia, sempre a bordo della 997 GT3 Cup

ed altrui, che ricerca la coerenza e la correttezza

che dell’adrenalina, della velocità e del diverti-

ma nella serie ufficiale hai avuto qualche pro-

sia nel suo agire, che in quello delle persone che

mento. E quando si parla di risultati, sia belli che

blema in più. Come mai?

MM24


in pista

“La Porsche Carrera Cup è il campionato italiano

pensavo a tutto tranne che a correre. Questo mi

una qualifica non ottimale; nonostante ciò ho

top, il massimo per un pilota, sia professionista

ha penalizzato; in ogni caso la serie ufficiale Por-

compiuto una rimonta bellissima, non facile da

che gentleman. è una serie molto competitiva ed i

sche resta il massimo, quindi esserci è per me uno

gestire. Con 40°C fuori e oltre 60 nell’abitacolo,

ragazzi che ci corrono sono tutti molto vicini, mol-

stimolo in più per migliorare in futuro.”

terminare terzo nella classifica della Michelin

to preparati sul piano fisico e tecnico. Per quanto

Cup significava togliersi una bella soddisfazione,

mi riguarda non mancavo certo di consistenza

Qual è stata la tua gara migliore e quale la peg-

specie per un rookie. La peggiore gara dell’anno

atletica e mentale, era il mio allenamento in mac-

giore nell’arco di questa stagione?

invece è stata Monza dove non ho trovato il setup

china ad essere stato sempre inferiore rispetto a

“La mia gara migliore è stata senza dubbio la

ideale; la qualifica poi non è andata come volevo

quello dei miei concorrenti. Sono sempre arrivato

prima manche di Misano, al debutto quest’an-

perché avrei voluto compiere più giri per trovare il

in circuito il venerdì mentre nei giorni precedenti

no nella Carrera Cup. Partivo indietro a causa di

giusto feeling con gli pneumatici, me ne servivano

MM25


in pista

almeno tre ed alla fine con una sola tornata com-

manche nel caso le prestazioni di Gara 1 non do-

Marco Antonelli ho capito quanto il suo team non

pletata stile ‘o dentro o fuori’ mi sono dovuto ac-

vessero venir fuori; questo è fondamentale per un

sia una squadra ma una vera famiglia. Marco poi

contentare di partire più indietro rispetto a quello

corridore che, come me, sta ‘crescendo’ sul piano

è un grande, quello che mi ha dato e mi sta dando

che era il mio reale posto in griglia.”

tecnico. Infine il campionato è molto bello e coin-

in termini di conoscenza tecnica, training menta-

volgente perché vede al via tante vetture diverse

le, motivazione e sostegno è impareggiabile. Mi

di marche prestigiose.”

ha sempre detto che dovevo credere nelle mie po-

Tra tutte le serie in cui hai corso quale è più adat-

tenzialità, che potevo battagliare con i migliori, ed

ta al tuo stile di pilotaggio e perché? “Ad oggi l’International GT Sprint è la serie nel-

A Monza, nonostante un weekend agrodol-

è partendo da questo presupposto che abbiamo

la quale mi sono tolto le maggiori soddisfazioni,

ce, hai festeggiato la 50a gara con i colori della

iniziato a lavorare.”

per vari motivi: la doppia gara ti costringe ad es-

Antonelli Motorsport. Parlaci del rapporto con

sere molto preparato sul piano fisico e mentale

questo team.

Ti vediamo sempre insieme a tuo figlio nei

e permette di incrementare il feeling tra le due

“Guarda, dalla prima gara che ho disputato con

weekend e sappiamo quanto è appassionato.

MM26


in pista

Anche lui seguirà le tue orme ed inizierà a corre-

come la 500 Abarth. In ogni caso io, per quanto

sor e dai programmi dell’Antonelli Motorsport.

re come sta facendo da un po’ di tempo il figlio

posso, cercherò di metterlo nelle migliori condi-

Certamente il primo obiettivo resta il Porsche

del tuo mentore Marco Antonelli?

zioni tecniche ed in questo Marco Antonelli ed il

Carrera Cup, la serie più competitiva e ‘profes-

“Mio figlio Kikko ha una grande passione e dopo

suo team sono disposti ad aiutarlo.”

sionale’ d’Italia, nella quale intendo figurare tra

tanto tempo sui campi di gara ha espresso più di

i protagonisti della classifica dedicata ai gentle-

una volta il desiderio di imbracciare un volante. È

Chiudiamo con una previsione. Ti vedremo an-

man, la Michelin Cup. Poi molto dipenderà anche

giovane, ha 14 anni, ed in questo momento nel

cora, nel 2013, in diverse serie nazionali a bordo

dai regolamenti tecnico-sportivi. Se, ad esempio,

kart faticherebbe perché per fisico ed altezza ri-

della 997 GT3 dell’Antonelli Motorsport? Quali

il Gt Sprint manterrà lo stesso format potrei par-

schia di non essere sufficientemente competitivo.

sono i tuoi programmi futuri?

tecipare con una Porsche 997 GT3-R, un’auto più

Se vorrà, potrà iniziare a correre partendo con

“Il puzzle 2013 deve ancora comporsi per cui su

potente, una nuova sfida. Speriamo bene, si trat-

un corso presso la scuola federale CSAI per poi

due piedi possono solo esprimere delle preferen-

ta sempre di far combaciare tanti piccole parti,

passare alle ruote coperte in categorie di accesso

ze. Molto dipenderà dal sostegno dei miei spon-

ciascuna importante di per se.” MM

MM27


in pista

DI BONA... in pole Paolo Necchi Claudio Signori

A

vederla girare nel paddock sembra una

dell’Alfa Romeo e oggi imprenditrice di successo,

d’arte, mio padre Riccardo Di Bona è stato pilota

delle molte ragazze che accompagnano

ci ha raccontato in questa intervista la sua espe-

ufficiale Stanguellini, Autodelta, Jolly Club e Alfa

i piloti in gara. In realtà Cristina Di Bona,

rienza agonistica nel 2012.

Romeo con il quale ha vinto il campionato italiano nel 1963. Ha partecipato a numerose gare na-

comasca doc, ha nel sangue il DNA del pilota e la sfida con i suoi collegi maschi la affronta sen-

È sempre piacevole intervistare una donna pi-

zionali ed internazionali di grande prestigio e ha

za remore e senza timori. Al debutto nella Seat

lota animata da grande passione per le gare.

collaborato all’evoluzione di alcune monoposto

Ibiza Cup, Cristina si è subito distinta per bravura

Come nasce questo amore per i motori?

di Formula 1. Ha poi preso parte alla Mille Miglia

e simpatia arrivando addirittura a primeggiare

“La mia passione per i motori nasce grazie all’aria

del 1950, 1952 e nel 1953 con l’americano Tom

con i migliori della categoria. Figlia d’arte, amante

che ho sempre respirato in famiglia. Sono figlia

Cole. Negli ultimi anni ho partecipato con lui alle

MM28


in pista •

Cristina Di Bona impegnata a Monza nell’ultimo round della Seat Ibiza Cup. A lato, dentro e fuori la vettura mentre scherza con Arturo Merzario.

Mille Miglia ripercorrendo con lui strade leg-

eventi, viaggi. Tutto quello che una persona

La tua carriera agonistica inizia nel 1993 nel

gendarie e provando una grande emozione

desidera viene da noi realizzato con gusto

Campionato Italiano Autostoriche con vari mo-

al fianco ad un pilota che tutti riconoscevano,

e professionalità. Adoro il mio lavoro così

delli Alfa Romeo; come mai questa scelta di

con l’orgoglio di essere sua figlia.”

come l’automobilismo e anzi, l’uno stimola

campionato e di marchio?

l’altro. Si tratta di due passioni che vivo nella

“Ho iniziato con le storiche sia nelle gare di re-

Di cosa ti occupi nella vita di tutti i giorni e

quotidianità, divertendomi e impegnandomi

golarità che nella velocità. Mi proposero di gui-

come concili passione per i motori e lavoro?

con grande soddisfazione! Metto una grande

dare delle Alfa Romeo, in nome di mio padre, e

“Ho una società che si occupa a 360° di

energia e forza per portare avanti entrambi

accettai senza pensarci pur consapevole della

servizi di lusso, quindi moda, arredamento,

le cose.”

grande esperienza di guida necessaria per pilo-

MM29


in pista tare macchine assolutamente difficili, dove conta

Nei tuoi lunghi trascorsi con le autostoriche hai

rivali maschi alle tue spalle.

veramente l’abilità e la sensibilità. Nel 1998 sono

partecipato a molte competizioni blasonate

“Quest’anno ho avuto l’opportunità di parteci-

arrivata 3a assoluta nel Campionato Europeo di

(Mille Miglia, Tour de France, Rally Montecarlo

pare alla Seat Ibiza Cup iniziando quasi per gioco

Velocità che si disputa nei più importanti circuiti

e Trofeo Tazio Nuvolari); quale ti è rimasta nel

a Imola sotto un diluvio universale. Nonostante

europei come Nurburgring, Zolder e Donington.”

cuore e a quale vorresti partecipare in futuro?

tutto, mi sono divertita moltissimo piazzandomi

“Ho partecipato a tantissime gare blasonate,

bene e così è maturata la scelta di disputare tutto

Successivamente (nel 2000) sei passata alle vet-

ognuna con il suo fascino, ognuna diversa ma allo

il campionato. L’auto è molto tecnica, non perdo-

ture moderne partecipando al CIVT con l’Alfa

stesso modo entusiasmante e indimenticabile

na ma è divertentissima, e il campionato è molto

Romeo 146. Come era stato il passaggio da vet-

che custodisco nel mio cuore. Ancora oggi le rifa-

combattuto con una media di iscritti compresa

ture storiche a moderne?

rei tutte ma se devo proprio dirlo vorrei prender

tra le 16 e le 20 macchine. Di gara in gara vedevo

“Nel 2000 la scelta del Campionato Italiano CIVT

parte nuovamente al Rally di Montecarlo perchè

i miei miglioramenti e l’adrenalina saliva sempre

sempre con Alfa Romeo è nata perché in me

è una gara che mette a dura prova sia le capacità

di più. Sette weekend di gare, una più bella dell’al-

cresceva sempre più la voglia di confrontarmi e

di guida che la resistenza fisica!”

tra e poi la finalissima a Monza, la gara di casa!

andare avanti nella mia carriera. Venendo dalle

Non potevo fare brutta figura davanti a tantissi-

auto storiche mi sembrava tutto più semplice e,

Questa stagione hai disputato la Seat Ibiza Cup:

mi amici e fans venuti a fare il tifo per me, ero te-

pur avendo a che fare con una maggiore velocità,

raccontaci come è andata la tua stagione e che

sissima ma avevo dentro tanta forza per riuscire a

potevo disporre anche di maggiore tenuta di stra-

cosa hai pensato quando a Monza, in Gara 2, sei

portare a casa un buon risultato. Malgrado qual-

da e di miglior frenata. Fu una forte emozione!”

partita in pole position con tutti i tuoi colleghi/

che sportellata alla Prima Variante, ho finito Gara

MM30


in pista 1 ottava assoluta garantendomi così la partenza

budget che avrò a disposizione, probelma

potuto provare nella mia vita tutte queste

dalla pole position nella seconda manche. Non ci

comune a tutti e che si ripete ogni anno! In

esperienze uniche! E, per scaramanzia, ora

potevo credere, ero felicissima! Avavo addosso

ogni caso mi ritengo fortunatissima per aver

non aggiungo altro...” MM

una grandissima tensione prima del via, con dietro tutto il gruppo che lottava per il campionato. Sono stata brava a gestire le emozioni e a non fare danni concludendo più che positivamente. Se non fosse stata l’ultima gara avrei lottato a denti stretti fino alla fine a costo di arrivare davanti a tutti! Sono strafelice di come è andata la stagione dato che ero al debutto con Seat mentre molti rivali avevano già partecipato al campionato 2011. Spero ora di partecipare a questa serie anche nel prossimo anno così da sfruttare l’esperienza acquisita in questa stagione.” Programmi per il futuro agonistico? “Come sempre dipenderà dalle offerte e dal

MM31

A Monza Cristina Di Bona ha disputato il miglior round della stagione 2012. In alto, la simpatica ragazza comasca festeggia il primo posto tra le Lady.


in pista

che grinta laDY brena! Paolo Necchi

D

i solito si occupa di scandali “all’italiana”

giovane pilota di talento: Alessandra Brena. I due

de” conquistandosi subito la stima e il rispetto

ed è uno dei personaggi più noti del

si sono sfidati per tutta la stagione 2012 a bordo

di tutti i suoi avversi. Tra questi, a darle maggior

grande pubblico televisivo anche se, da

delle KIA Venga alimentate a GPL nell’ambito del-

considerazione e a manifestarne apprezzamento,

qualche anno, si dedica ad una delle sue passioni

la Green Scout Cup organizzata e promossa dalla

è stato proprio lo stesso vincitore del campiona-

preferite: le competizioni in auto. Parliamo dell’in-

BRC, imparando ad apprezzarsi umanamente e

to Jimmy Ghione che ne ha subito riconosciuto

viato per eccezione della trasmissione di Canale 5

sportivamente. La giovane bergamasca, fresca

le ottime doti velocistiche e la grande correttez-

“Striscia la Notizia” Jimmy Ghione che oggi festag-

diciassettenne, dopo molti anni spesi sulle piste

za in pista e fuori. Terza nella classifica assoluta

gia il suo titolo tricolore vinto nella Green Scout

di kart a dare battaglia ai suoi colleghi maschi, ha

e seconda nella classifica riservata agli Junior,

Cup e diventa “promotore” disinteressato di una

fatto il suo debutto in pista nel monomarca “ver-

Alessandra ha venduto cara la pelle dimostrando

MM32


in pista

Alessandra Brena è stata autrice di una stagione fantastica nella Green Scout Cup. Sopra, la giovanissima bergamasca con Jimmy Ghione e sul gradino più alto del podio a Franciacorta.

coraggio e grande grinta senza mai avere timori

tore mediatico Ghione, Alessandra si prepara per

lo: una KIA Venga che le potrebbe tornare molto

reverenziali nei confronti dei suoi avversari. Nel

tornare il pista nel 2013 sempre nell’ambito della

utile in occasione del suo prossimo diciottesimo

corso della sua prima stagione il bottino è stato

Green Scout Cup. Il suo obiettivo è quello di porta-

compleanno. Quale regalo migliore? Per il futuro

infatti molto ricco:due vittorie assolute, una pole

re a casa una vittoria assoluta che le possa aprire

dunque dovremo tenere d’occhio questa ragazzi-

position e altri quattro podi in 12 manche di gara

la strada verso il professionismo ed aiutarla a tro-

na terribile che nel frattempo ha ricevuto anche le

a cui si aggiungono altri buoni piazzamenti che le

vare i partner economici necessari alla sua cresci-

lodi di un grande Team Manager come Coloni, del

sono valsi,come detto prima, il terzo gradino del

ta sportiva professionale. Oltre a questo c’è anche

Team Avelon in occasione di un test svolto proprio

podio nella classifica assoluta di fine campionato.

un ulteriore target, quello di conquistare il premio

con la Wolf del team bresciano e da un importan-

Ora, sempre sotto l’occhio attento del suo men-

messo in palio dalla BRC per il vincitore del tito-

te talent scout quale è Giancarlo Minardi. MM

MM33


IL MENSILE PER CHI AMA I MOTORI DA CORSA!

SCARICA E ARCHIVIA TUTTI I NUMERI DELLA RIVISTA NELLA TUA EDICOLA!

CONTENUTI VIDEO VISUALIZZAiBILI DIRETTAMENTE DALL’ARTICOLO!

grazie al segnalIibro puoi continuare la lettura da dove hai interrotto!

SFOGLIA LE PAGINE UNA DOPO L’ALTRA IN MEN CHE NON SI DICA!

SCARICA GRATIS L’APPLICAZIONE DALL’APPLE STORE


E’ ARRIVATA LA

NUOVA APPLICAZIONE PER

APPLE IPAD!


in prova speciale

rossi sbanca monza Andrea Badiali Claudia Cavalleri

S

pettacolo, rumore, controsterzi, musi-

Longhi e Luca Pedersoli mentre dalla Spagna

re, alla guida di una Ford Fiesta WRC ufficiale,

ca, gente ovunque... Semplicemente

è poi arrivato l’iridato della Moto GP Jorge

ha saputo attaccare e gestire il vantaggio sul

Monza Rally Show. L’edizione 2012 del-

Lorenzo. Dopo la splendida parata di “mostri”

secondo classificato, Dindo Capello su Citroën

la kermesse brianzola si è confermata degna

avvenuta nella giornata di venerdì è iniziata

DS3 WRC. Alla fine il distacco tra i due è stato

della sua fama. Del resto c’erano tutti gli ita-

la competizione vera e propria. La tre giorni

di appena 2”8. Terzo classificato il maidomo

liani che contano, su tutti i nomi di un certo

monzese si è rivelata molto dura: ben 9 spe-

Piero Longhi, su Citroën C4, che ha faticato

Valentino Rossi, il plurivincitore di Le Mans

ciali, per un totale di oltre 154 km. Come se

non poco a tenere dietro la vettura gemella di

Dindo Capello, Marco Bonanomi, Andrea

non bastasse gli 85 equipaggi iscritti hanno

Marco Bonanomi, quest’ultimo autore di una

Dovizioso, Loris Capirossi e nell’ambito degli

conosciuto anche le insidie di nuovi percorsi.

prestazione maiuscola ad appena 0”4 dal pie-

“specialisti delle speciali” i campioni di Italia

Tra tutti ha svettato Valentino Rossi, autore

montese; il giovane lecchese, pilota ufficiale

Andreucci/Andreussi, Luca Rossetti, Piero

di una prova eccellente sin dal via: il Dotto-

Audi nel FIA WEC, avrà certamente storto il

MM36


in prova speciale

Valentino Rossi, navigato da Carlo Cassina, si è aggiudicato sia il Monza Rally che il Masters’ Show al volante della Ford Fiesta WRC. Nelle foto piccole, Andreucci-Andreussi (vincitori tra le S2000 in entrambe le gare), il podio del Masters’ Show e il folto pubblico che ha affollato l’autodromo

naso per alcuni birilli colpiti e per il ritardo al

taglia sportiva tra Andreucci e Rossetti, uno

Bonanomi portare a termine la sua rimonta

controllo orario, fattori che lo hanno costret-

scontro che ha sorriso al garfagnino per soli

su Longhi, mentre tra le Super 2000 Andreuc-

to a sommare 15” di penalità al tempo totale.

6”3. Lasciati alle spalle i 150 e passa chilome-

ci riusciva realizzare il suo personale en-plein

Bene anche Dovizioso, buon quinto con la DS3

tri di prove speciali i riflettori si sono spostati

regalando alla Peugeot 207 S2000 ufficiale

della squadra di Media Action, la quale vedeva

sull’evento nell’evento, il Masters’ Show, un

l’ultima vittoria della sua gloriosa carriera.

tra gli alfieri Jorge Lorenzo; il maiorchino, neo

toboga di un chilometro e mezzo ricavato tra

Alla fine tutti, vincenti e perdenti, hanno dato

Campione del Mondo della Moto GP ha inizia-

il rettilineo e la pit-lane dell’autodromo brian-

spettacolo, con “donuts” e sgommate davan-

to prendendo le misure alla sua DS3 per finire

zolo. Su questo spettacolare tracciato Rossi è

ti a oltre 40.000 spettatori, in un tripudio di

poi in crescendo al decimo posto assoluto.

tornato ad imporsi nella categoria WRC da 1.6

fumo da pneumatico che rendeva impossibile

Nella categoria delle Super 2000 gli spettatori

litri battendo Capello nella finalissima. La sfi-

vedere la tribuna principale per chi stava in

del Rally Show hanno potuto ammirare la bat-

da nella categoria WRC da 2.0 litri ha visto poi

sala stampa. MM

MM37


in salita

BEST LAP PRENDE TUTTO Raffaella Menegoni ACI Sport

S

imone Faggioli. Professione: pluricampio-

nel trovare le giuste regolazioni della nuova Wolf,

na. Tra tutti, gli occhi erano puntati su Maurizio

ne. Da tempo riferimento per Osella e per

Faggioli non ha lasciato agli avversari che le bri-

Pitorri: l’esperto pilota romano ha portato a bat-

la scuderia romana Best Lap, il toscano, an-

ciole e anche nel Campionato Italiano Velocità

tesimo nel FIA European Hill Climb Championship

che all’inizio della stagione 2012, si era posto il du-

Montagna ha portato a casa un nuovo impor-

la Wolf GB08-Honda con l’intento di prepararla

plice traguardo di confermarsi campione europeo

tantissimo trionfo, prendendosi il lusso di non

per il Giro d’Italia Automobilistico 2012, evento

e italiano. Il primo dei due titoli, quello più ambi-

partecipare ad alcune gare di calendario poiché

poi cancellato (con gravi ripercussioni su piloti,

to, è arrivato con netto anticipo sul termine della

concomitanti con l’avventura europea, quest’an-

team e investitori) a pochi giorni dall’inizio. Pitorri

stagione regalando un’ennesima annata record

no prioritaria. Un palmares eccezionale quello del

ha preso in mano il volante della barchetta ame-

al pilota fiorentino: quinto alloro continentale,

simpatico toscano, forte non solo al volante ma

ricana a stagione iniziata con settaggi e particolari

nove vittorie su nove gare disputate e il tricolore

anche nella sua personalità di uomo e di profes-

specifici per l’uso in pista, quindi inadatti alle tor-

che sventola nuovamente sui podi di tutta Euro-

sionista, sempre pronto a mettersi a disposizione

tuose strade di montagna; il lavoro meticoloso, la

pa. Simone è oramai l’uomo delle salite, il pilota

di appassionati e colleghi, anche sul fronte della

determinazione e la grande esperienza del pilota

che tutti i rivali temono e rispettano e che tutti

sicurezza come ribadito da lui stesso negli ultimi

romano hanno portato, gara dopo gara, la Wolf

gli appassionati glorificano. Folle oceaniche lo at-

tempi. La straordinaria stagione della Best Lap

GB08 sempre più nelle posizioni di vertice sino

tendono dopo ogni vittoria per festeggiare il suo

nelle cronoscalate ha avuto in Faggioli il suo rap-

agli straordinari podi di classe e alla Top 10 asso-

sorriso da bravo ragazzo. Impegnato quest’anno

presentante di punta ma, insieme al toscano, altri

luta ottenuti nelle ultime prove in calendario. Un

a dispensare consigli ai piloti del suo Team e ad

tre piloti di esperienza ed indubbie capacità han-

lavoro purtroppo vanificato dall’annullamento del

aiutare il compagno di scuderia Maurizio Pitorri

no tenuto alto l’onore della compagine capitoli-

Giro d’Italia Automobilistico che ha visto svanire,

MM38


in salita •

oltre alle risorse investite, anche il sogno di poter replicare la vittoria ottenuta un anno fa. Due presenze importanti per la scuderia Best Lap nelle cronoscalate continentali sono state anche quelle di Maurizio Roasio e Marco Capucci, entrambi fondamentali ai fini della classifica finale: il primo, soprannominato anche “l’artista più veloce del mondo” grazie alla sua passione per la pittura e la scultura espressionista, ha colto alcuni piazzamenti a podio nella prima parte della stagione al volante di una Osella PA30; invece per quanto riguarda Capucci, il suo è stato un impegno doppio poiché diviso tra la serie europea e quella italiana: alla guida di una Osella PA21 Junior, il pilota della Best Lap ha conquistato diversi piazzamenti a podio e altrettanti risultati di rilievo chiudendo in modo più che soddisfacente il suo poliedrico 2012. MM

MM39

Simone Faggioli ha dominato, anche quest’anno sia la serie tricolore che quella europea dedicate alle cronoscalate. Sotto, la Wolf GB08-Honda di Maurizio Pitorri.


Campionato Italiano Rally - Rally Costa Smeralda, Olbia (17/11/2012) Paolo Andreucci & Anna Andreussi, Campioni Italiani Rally 2012 Peugeot 207 Super 2000 - Racing Lions Foto: Peugeot Italia

MM40


LA FOTO DEL MESE

MM41


motormedia tv MOTOR SHOW

Su MotorMedia TV tutta la kermesse bolognese con servizi, telecronache e altro ancora Un viaggio esclusivo all’interno dei padiglioni della Fiera di Bologna nell’ambito del 37° Motor Show di Bologna, appuntamento oramai consolidato tra gli appassionati delle quattro ruote. MotorMedia vi farà vivere tutte le principali novità esposte al salone dalle numerose case automobilistiche presenti, da Mercedes ad Abarth passando per Renault, Volkswagen e altre ancora. Ma il Motor Show è sinonimo anche di gare nella Mobil 1 Arena dove saremo presenti per raccontarvi le semifinali e finali di tutte le sfide più importanti: sulla nostra web tv potete infatti seguire, con il commento di Fabio Magnani affiancato da diversi ospiti di rilievo, le telecronache di Superstars, GT Cup, GT Challenge, Super 2000, Historic Challenge e Trofeo Abarth, oltre che le attese esibizioni targate Ferrari (con Giancarlo Fisichella), Red Bull (con David Coulthard), Toro Rosso (con Daniel Ricciardo) e molte altre ancora. Una abbuffata di gare ed esibizioni, arricchite dalle interviste ai protagonisti, assolutamente da non perdere!

in questa rubrica trovate i principali contenuti disponibili nel palinsesto di motormedia tv nel corso del mese. gare, test auto, news molto altro ancora vi attendono sulla nostra web-tv

PEUGEOT AL MONZA RALLY SHOW

A tu per tu con Paolo Andreucci e Anna Andreussi nell’ultimo evento ufficiale della Peugeot 207 S2000 Li abbiamo seguiti per quattro giorni, cogliendo ogni loro mossa ed ogni dettaglio. Dal briefing alle ricognizioni, passando dalla preparazioni e dall’abbraccio coi tifosi. Stiamo parlando dei pluricampioni italiani rally Paolo Andreucci ed Anna Andreussi che al Monza Rally Show hanno portato la gloriosa Peugeot 207 S2000 all’ultima vittoria ufficiale della sua carriera, prima di lasciare il testimone alla 208 R5. Su MotorMedia TV quasi un’ora tutta da vedere dedicata a questo fantastico evento che chiude la stagione dell’autodromo brianzolo, uno speciale per vivere “da dentro” ogni prova e ogni azione di questo fantastico duo del motorsport nazionale.

MM42


motormedia tv RED PASSION

Gli highlights del Ferrari Challenge, la Formula 1 ma anche tanto glamour “Made in Maranello” Un nome, un mito: Ferrari. In questo ampio format dedicato, tutti i tifosi della “Rossa” potranno essere aggiornati a 360° su quello che riguarda il marchio del Cavallino. Immagini, curiosità e resoconti dal mondo della Formula 1 con Alonso, Massa e gli uomini chiave della Scuderia, le immagini del Ferrari Challenge e gli highlights delle gare, i Ferrari Racing Days e i più importanti appuntamenti endurance che hanno contraddistinto l’ottima stagione agonistica della casa di Maranello. Inoltre sapazio ad eventi mondani, ricorrenze, sfilate, vip in visita a Maranello e molto altro ancora.

motormedia tv e' un canale della piattaforma twww canali 18 e 218 www.motormedia.tv motormedia.twww.tv ACI SPORT MAGAZINE

Tutti i resoconti dei campionati ACI-CSAI Settimanalmente, su MotorMedia TV tutti gli highligts e gli approfondimenti delle gare legate ad ACI Sport ovvero GT, F.3, F. ACI-CSAI Abarth & European Series, Porsche Carrera Cp Italia, Ginetta G50 Cup, Turismo Endurance, Seat Ibiza Cup, Prototipi, Rally, Cross Country, Trofeo Rally Terra, Trofeo Rally Asfalto, Rally Autostoriche, KIA Green Scout Cup, Italian Radical Trophy, Trofeo 500 Abarth, Seat Leon Copa, Velocità Autostoriche, Velocità Montagna, Trofeo Mini Rushour, Karting e Fuoristrada. Ce n’è davvero per tutti gli appassionati, sul canale 18 e 218 della piattaforma StreamIT.

MOTORMEDIA SPEED

Test a 360° per conoscere ogni aspetto di un’auto Prosegue il successo del format dedicato ai test auto in onda su MotorMedia TV. Sono già passate sotto la nostra lente di ingrandimento Porsche Panamera Hybrid, Citroën DS4, Mazda 6, Ford Focus, KIA Rio, Ginetta G50, Mercedes Classe B, Audi Q3, Porsche Carrera 4 GTS, Ford Kuga, Toyota IQ, Citroën DS5, VW Up, Peugeot 508, Toyota Yaris, BMW Serie 1, Porsche Boxster S e molte altre ancora. Un parere autorevole, oggettivo e approfondito che vi aiuterà a scegliere la vostra prossima auto nelle splendide immagini realizzate da PRS Media.

MM43


racing on web ANDREUCCI & ANDREUSSI SUPPORTERS www.andreucciandreussisupporters.com

I rally sono una categoria a sé stante nell’automobilismo, uno spettacolo unico nel panorama delle quattro ruote. Tra i protagonisti della disciplina non possiamo che annoverare in cima alla classifica la coppia Andreucci-Andreussi, indomiti combattenti delle speciali italiane a bordo della Peugeot 207 S2000. Paolo ed Anna, oltre ad essere stati campioni italiani per sette volte, hanno raggiunto il cuore degli appassionati di rally per la loro simpatia e disponibilità, doti che si sommano alla ben nota capacità di andar forte in tutte le condizioni ed a tutte le latitudini. Per questo e molto altro ancora il duo è celebrato su internet con un fan site dedicato, dove è possibile rimanere aggiornati, documentarsi sulle biografie, consultare le classifiche ed i calendari dei campionati che li vedono protagonisti ed infine, ultimo ma non ultimo, contattare lo staff per avere informazioni e suggerire iniziative.

uno sguardo ai siti web piu' importanti dedicati al motorsport e al mondo dell'auto, vetrine multimediali da non perdere. perche' le sfide non si vincono solo in pista ma anche sul web. in collaborazione con

Wolf Racing Cars www.wolfracingcars.com

Nel mondo del motorsport il nome Wolf è associato ad un team di Formula 1 che nel 1977 si fece valere con Jody Scheckter al volante. Oggi Wolf è tornato a vivere ed in Europa le sue vetture vengono importate da Avelon Formula, squadra bresciana attiva nel campionato italiano prototipi e nella SPEED EuroSeries. Da sito web è possibile constatare la splendida resurrezione di questa storica azienda navigando alla scoperta dei risultati sportivi e delle innovazioni tecniche apportate costantemente alla vincente barchetta. Altre due aree tematiche molto interessanti del sito sono la sezione vendite, riservata all’acquisto delle vetture e quella merchandising, adibita a vero e proprio negozio virtuale di prodotti vintage che richiamano un passato breve ma ricco di emozioni forti.

MM44


racing on web SPEED EUROSERIES www.speedeuroseries.com

La SPEED EuroSeries è la più importante serie continentale FIA per prototipi della classe CN. Nata nel 2011, si pone come categoria propedeutica per le gare di durata e risulta estremamente competitiva con gare che vedono la partecipazione di numerosi telaisti. Il sito ufficiale del campionato propone news aggiornate, le classifiche, la gallery fotografica ed un’interessante sezione molto dettagliata dedicata ai partener tecnico-commerciali. Dall’area download è poi possibile consultare ogni tipo di documentazione prodotta dal promoter della serie, cui ci si può rivolgere utilizzando gli appositi contatti previsti sotto la voce “Contact Us”.

JACQUES VILLENEUVE www.jv-world.com

Il nome Jacques Villeneuve ci riporta alla mente una serie di parole chiave: il figlio di Gilles Villeneuve, il campione del mondo 1997 su Williams e un personaggio che…non le manda a dire. Jacques infatti ha segnato un’epoca, non tanto per le sue prestazioni velocistiche quanto per il suo essere alternativo, per il suo parlare fuori dal coro, per la sua ribellione intellettuale al mondo delle dichiarazioni “copiaincolla”. Oggi il figlio del grande Gilles continua a gareggiare e, parallelamente a ciò, nel 2007 ha realizzato il suo primo cd musicale “Private Paradise” a conferma di un carattere eclettico. Grazie al sito personale è possibile seguire le gesta del canadese, conoscerne la vita, i trascorsi agonistici e scaricare le canzoni del suo album.

AUTODROMO DELL’UMBRIA www.autodromomagione.com

In provincia di Perugia sorge l’autodromo dell’Umbria “Mario Umberto Borzacchini”, un circuito di 2.507 metri inaugurato nel 1973 come “Autodromo di Magione”. Tramite il sito internet ufficiale dell’autodromo è possibile prenotare online le sessione di prove libere auto e moto, un must per chi intende divertirsi in sicurezza. Dalle varie pagine del portale è poi possibile documentarsi sulla storia del tracciato, la planimetria ed acquisire varie informazioni relative all’uso della pista, alle tariffe, alla collocazione geografica della struttura e al meteo. Non bisogna dimenticare poi la sezione dedicata agli eventi motoristici prossimi venturi.

Volete segnalarci un sito? Scrivete a

redazione@motormedia.it MM45


fitness corner Rubrica a cura del Dottor Massimo Massarella Chirurgia mano-polso presso la Casa di Cura “Villa Stuart” di Roma

LA FRATTURA dello sterno nei piloti L e fratture dello sterno non sono rare nel mondo del motorsport. In passato diversi piloti di Formula Uno hanno subito questo tipo di trauma e non sono i soli. L’enorme aumento del traffico stradale, la velocità e la distrazione sono le cause più frequenti all’origine di questa patologia anche se l’obbligo di utilizzo delle cinture di sicurezza ne ha diminuito l’incidenza. Capitolo a parte rivestono i traumi in pista perché la percentuale di incidenti è alta e le collisioni delle vetture sono molteplici, soprattutto ad impatto frontale con il risultato di aumentare l’incidenza delle fratture sternali. Lo sterno si trova, dal punto di vista anatomico, anteriormente al torace, connesso alle clavicole e alle costole, utile a salvaguardare gli organi interni al mediastino grazie alla sua conformazione piatta e alle sue doti di resistenza. Lo sterno è privo di quella funzione statico-dinamica propria della maggior parte degli altri segmenti scheletrici. Le fratture sternali si possono dividere in quattro gruppi: • fratture da trauma diretto • fratture da trauma indiretto • fratture da flessione • fratture da estensione

In letteratura sono tutti concordi nell’affermare che il meccanismo traumatico più frequente è quello diretto (urto della parete anteriore del torace contro il volante o a causa del forte impatto trattenuto dal-

le cinture di sicurezza, contro il manubrio nelle motociclette o in bicicletta, oppure da corpi contundenti violenti e diretti al torace). Le fratture possono interessare il manubrio sternale, il corpo o l’apofisi ensi-

MM50

forme. La sintomatologia è direttamente connessa al trauma quindi si accompagna soventemente ad altre eventualità morbose, seguite da complicanze più o meno gravi quali fratture costali, fratture vertebrali e fratture della clavicola; a queste si possono aggiungere, nei casi più gravi, lesioni degli organi interni al torace, polmoni, cuore e grossi vasi sanguigni. Il segno clinico più caratteristico è rappresentato da un dolore vivo che aumenta con la respirazione e con gli sforzi nel tossire. Per una naturale difesa antalgica i traumatizzati respirano in modo superficiale e frequente. Il trattamento generalmente nelle fratture non scomposte e semplici (non complicate) prevede dei bendaggi semirigidi con cerotti toracici. Nelle fratture complesse è ovviamente indicato l’intervento chirurgico di riduzione e sintesi come in qualsiasi segmento osseo mentre nelle fratture con lesioni interne toraciche bisognerà valutare urgentemente caso per caso. La guarigione normalmente avviene in circa trenta giorni mentre dal punto di vista riabilitativo gli esercizi riguarderanno soprattutto la gabbia toracica e gli atti del respiro. MM



MotorMedia 35 (Novembre 2012)