__MAIN_TEXT__

Page 1

j

DunruìilaiSnttc Er€rúe? A Potenza tesidi laureasuunariletturadelta<Vergine dellerocce)) di Leonardo

r solrTrrGrofr diConcitaDeGregorio

Discusso unalEoGodice DaUinci,In ateneo Bondipoeta Yedo enonvedo Sovrapponendo allaVergine dellerocce la suacopía rovesciata (compare)) unanuova immagine: quella detdemone Asmodeo

I quadridi Leonardo daVincitornano a fardiscutere. volta Questa però[a <scoperta> di un codicenascosto alt'interno dellaVergine dellerocceha l'avatlo delmondoaccademico: ta rivelazione infutti nonsitrovainunbestseller, nlnqueldipinmain unatesidílaurea. hanascosto to Leonardo immaginieretiche e io l'hodimostrato de[pressoI'Università la miatesi,discussa deltaBasiticata> sostiene il trentunenne LucaCaricato. Cos'ècheavrebbe dimostrato, lasciando a boccaapertai retatori? Peresempio chesovrapponendo il quadro originale conunasuacopia(rovesciata)) assume unsenso la stranaposizione dellamanosinistra di Maria(sipoggia sulcapo di un bambino). E cheperò,nellostesso tempo,dalpanneggio asimmetrico sulgrembo dettaMadonna compare tafiguradiAsmodeo,il demone proibite. chehaintrodotto nelmondo[e scienze parte> <D'altra aleonardo, fa notareCaricato a causadellaVerginedellerocce, subìunprocesso lungopiùdivent'anni>. PerqueAglistudiosi staeresia? di Leonardo I'ardua sentenza. (re.sa) l

I

Prevír*onill <Nationat Geographioindagasulle conseguenze di uneventuale riwegliodelvulcano

perla<oemica> Finocchiaro llpoetaSandro Bondi,giàsindaco comunista poicotto di Fivizzano da un colpodifulmine perSilvioBerlusconi, dicuitienela foto sullascrivania, a lungosuoportavoce aPalazzoChigi, ha dedicato un poemetto adAnnaFinocchiaro,

senatrice ds,ultima diunalunga seriedimuse cheispirano i la suaarte. Neglistessi giorni Flnocchiaro è statainsultata

daunaltrosindaco - oltretutto in carica suocollega di paÉito, quellochevoleva pagare [adifesa aglistupratori di unaminorenne. NonsipuÒmaidire cosariseruino

ildestinoe [apolitica. B ondi di ce ch e Finocchiaro ha una saràpotente la prossima eruzione delVesuvio? <eleganza naturale Quanto Provaa dareunarisposta, tra ipotesiapocalittiche, lege unaseveritàaltera>. gendepopolari e pianidi emergenza, iI numero di setLapoesiagioca tembredelNatíonalGeographic ltalio,conunviaggioatsuicolori, si prega te faldedelun vulcano chedominaNapolie chedorme dinonsottostímare da piùdi sessant'anni. propone Mail mensile ancheuna itdoppiosenso visita guidata Nellaterra dei motorí, potitico.<Nero i l q u a d ri l atero compresotra B ol osublime/lento gna,Ferrara, Modenae ReggioEmiabbandono/ Violento lia,dovesi creanoalcunedelleauto rosso/fugaceironia/ chefannosognare ilmondo. Eunre. Biancomadreperla/ portagedatPakistan, divisotra fonintrepidomistero>. damentalisti e moderati. Avanticosì,verso I'infinitoe oltre.

THE€SffiKTIMES i AndisideldschioUesuvio Sulquotídiano inglese lepolemiche pertebaniere anti-acqua alta

Il miracolo delMose salveràVenezÍa? <Mosèpronto a Separare le acque diVenezia>: cosiit quotidiano ingleseTimes g i o c as u l n o me progetto deIMose,<controverso dacinquemilionidi euro per proteggere la cittàdalteacque cherischiano di inabissarta>.

lL vENERDIr5


Librerie Dalmondo dellafnaruaalla cultura. seunpiccolo sogno diventa realta Non ha ottenutoil/inanzíamentoMambo,per scarsapossibilitàdi business, ma nonsi è scoraggiataVita Marinelli: dopoannidi lavoronel settorefinanziarioe di pausepranzopassatefra i

vicinanzadi unascuolamediaha suggeritodi predisporre ancheunpiccolosettoredi cartoleria.A duepassic'è anche la Cinetecacomunale,ma da Marinelli nonsi trovanolibri di cinema.Fra le novitàdellanarrativae dellasaggistica, unacuriosaesclusivadellalíbreria:un saggíoautofinanziaîo suimisteridell'artedí Leonardofra scibile,invisibilee proibito: autoreLuca Caricato. CamillaGiunti libredaMadnelli, viaRivadi Reno76,tel.051-553782, www. libredamarinelli,it Apefum:10.00-,|9.00. Chiusa il giovedì pomoriggio e la donenico.

A cENDA della Fnnm$g$$ru$o * BolocÉ{A Lacomunale :

SerurE : prefestivo Orario: cjttà8-20,

provincia 10-18; GgeRafA fesùvocittàe provlncia8-20; diPiazzaMaggiore 6 Meorc* notturnocittàe provincia20-8 è fuoritumazione ed I cittadini Panigale, Reno, delComune di Bologna è pertantosemprc Seragoza,Portoe Naviledovrannocompofie apsrtaz4h su24. i cittadini residenti nei l'848831831,mentre Ào^.u a,io quartièriSanVitale,SanDonato,SanloStefanoe u umu tt llolfEtiEffi l'848832832, compone oneiÉ lilrinr ]lr4*l :' Sarenadovranno COMUNALSMUBflI, COSguardiamedicaprivatatd. ú1 2244ffi vigmurri,131 festi\fl visitea domicilio 24124 compresi di DFILASCALA, pediatrae cardiologia generale, con medicina viam.e.lepido,45 ell€ttrocardiogramma. SANNA, Suappmtamento e se+npre a domic{llo viadonmirìzoni,1 e$ami ecografia,urologia,dermatologia, Tqnr u rrrrr di laboratodoe pestazioniinfermieristiche. tllttcE A,N,D,|,Guarda odontoiatria a pagamento dd comunedi Bologna a curadi ,af{Dl051-543850, dalluned assicurano Ronto Fannaso:nunproverds800-218489 i atvenerd(esclusi festivi)il rormaleorario S€rvizbgratuitodi Í€capitoa domiciliodi hrmaci urgentinelleorenotturnee neigiornifostivla 8,30"12,30 e'15,30-19,30. Bobgrna e provincia


12 Primo piano

Sabato 19 febbraio 2011

Primo piano 13

Sabato 19 febbraio 2011

( ) LUCA

Basilicata30ENNI a lato durante un montaggio video, in basso a destra Caricato assieme a Luca Garai, uno tra i massimi esperti vinciani

La “generazione invisibile” che ha talento e creativià

CARICATO Docente, studioso, regista montatore video, fotografo, pittore, grafico

in alto la copertina del primo saggio “Lo scibile invisibile proibito”, a sinistra e in alto Luca Caricato durante delle riprese video

M

Quando “virtute e canoscenza” rendono visibile l’INVISIBILE

di LOREDANA VACCARO

Mostrare l'invisibile. Questo sembra essere la missione di Luca Caricato. Una missione, forse, consegnatagli proprio dal genio in persona: Leonardo da Vinci. Per lui Luca nutre, sin da piccolo, un amore viscerale. Un amore che lo ha portatoad essercelebre, nelmondo vinciano, per una scoperta unica al mondo: la decodificazione di "errori" in un quadro di Leonardo: La Vergine delle Rocce. "Molte volte mi dico che la mia ricerca non può esser possibile perchè ha dell'incredibile per quello che di volta in volta riesco a scoprire. A volte mi prendono le vertigini. Quando studio queste cose ho forte emozioni". Così descrive la sua ricerca. E' una persona modesta non interessato alla fama e successo. Le sue ricerche sono dettate esclusivamente dalle sete di conoscenza. Tante le coincidenze che legano Luca allo scienziato-filosofoche fannodella ricercaquasi un'investitura dal genio. Un esempio: Leonardo viene menzionato nella “Compagnia di San Luca” dei pittori fiorentini, nel 1472. Ancora: Luca Caricato nasce nel giorno dell'Immacolata, l'8 dicembre. Il quadro che lui analizza, e che lo porterà alla scoperta del codice, fu commissionato proprio per celebrare la festività dell'Immacolata Concezione. Quasi un regalo ad hoc da partedi Leonardo adistanza, solo, di qualche secolo. E' stato intervistato dal Venerdì di Repubblica, dal Times di Londra, ha scritto un saggio e sta per concluderne un secondo relativo agli studi e analisi sui quadri del Leonardo effettuati tramite le nozioni di fisica ottica. Ha conosciuto tanti studiosi vinciani. Dal professore Pedretti, il quale gli ha suggerito nomi a cui affidarsi per la stesura del secondo saggio, a Luca Garai, grande esperto nonchè suo grande amico. Garai lo ha conosciuto per caso a Bologna e della cui fama, Caricato, ne è venuto a conoscenza solo dopo molti mesi di frequentazione apprendendolo da un libro dello stesso Pedretti che lo annoverava tra tra i massimi esperti della materia . Si definisce un precario tutto fare. Come tanti trentenni ha una laurea e un master alle spalle. Però a differenza di molti suoi coetanei, sembra, che il suo motto sia sempre stato "impara l'arte e mettila da parte". Arte che gli permette continuamente di spaziare, come pochi, dal campo umanistico a quello scientifico e infine multimediale. Haun'abilità: quella di saper fondere l'antico con il nuovo, creando un connubio perfetto. Tutte le conoscenze acquisite le ha messe in campo nelle sue ricerche. E' un docente, un esperto di comunicazione, uno studioso, un fotografo, un regista e montatore di video, un operatore sociale. Afferma che il compito di un intellettuale è quello di rendere visibile l'invisibile. Chissà che le sue ricerche non lo

Anno 2004 - Autore di una pubblicazione di un fumetto a Parigi, presso la prestigiosa libreria Boulinier, nel primo numero di un albo da loro redatto;les aventures du p’tit boubou visionabile all’indirizzo internet www.boulinier.com.

Presentato alla Pinacoteca Provinciale di Potenza in una mostra collettiva.Il premio consistente in una borsa di studio gli è stato consegnato dal celebre critico d’arte Philippe Daverio.

lo stereoscopio semispeculare disegnato da Caricato che ha permesso la decodifica del quadro “La Vergine delle di Rocce” di Leonardo da Vinci

E’ la storia di un amore per Leonardo da Vinci portino a rendere la sua vita ancora più visibile a livello internazionale arrivando a decodificare tutto ciò che c'è da sapere su quel gran genio "giocherellone" di Leonardo. Cosac'èscritto sullacartad'identità alla voce: professione? Ad esser sincero non riesco a definirmi Ti sembrerà strano ma la cosa non mi è nuova. Anche altri trentenni che ho intervistato hanno avuto la stessa tua difficoltà nel definirsi professionalmente Nel nuovo saggio su Leonardo da Vinci che sto scrivendo vi è una parte dove parlo di quanto la sua situazione professionale di allora fosse molto simile a quella di noi giovani oggi. Lui scriveva i curriculum mettendodi tuttoe dipiù, perchèin realtà sapeva fare tante cose. Quando, ad esempio, Leonardo si propose agli Sforza a Milano anche come musicista. Oggi anch'io quando compilo il mio curriculum a volte scrivo che sono laureato in lettere, a volte geometra. La nostra è una generazione arrabbiata che conosce molto bene l'arte dell'arrangiarsi. Collaboro, anche, con uno studio di architetti e ingegneri fornendo mie idee creative per i bandi. Diciamo che il mio vendermi dipende dalla domanda lavorativa del momento. Uno degli ultimi lavori è stato l'ideazione e la realizzazione di uno spot video che include anche una piccola animazione sull'affido familiare. Uno spot ben riuscito, e per questo motivo è stato acquistato dal Centro Affidi di Potenza che ha chiesto ed ottenuto come testimonial della campagna, le voci del cantante Mango e della moglie Laura Valente. Mi capita di relazionare ai convegni o organizzare progetti nelle scuole medie superiori. Mi occupo di inclusione sociale. A Bologna ad esempio ho tenuto dei corsi sulla topografia applicata all'arte. Ho provato, così, anche a spiegare il codice da Vinci, ribatezzato dal giornalista scientifico Renato Sartini de “Il Venerdì di Repubblica” Codice Leonardo per distinguerlo da quello dello scrittore Dan Brown Cos'è questo codice Leonardo Di codici, ossia appunti studi libri, Leonardo ne ha scritti tanti. Io qui mi riferisco ad una chiave di lettura. E' un codice segreto che si basa su un codice scientifico. Viene letto dalle persone interessate alla pittura e alla scienza. Leonardo nasconde nei suoi quadri dei messaggi non leggibili a persone comuni e al committente, che spesso era la

Chiesa. Una specie di password analogica. Può decodificarli un pittore, come me, o uno studioso. Quindi sei anche un pittore Non è la mia attività principale. Ho partecipato a mostre collettive di pittura e in particolare ad una mostra dove i miei quadri sono stati premiati dal critico Philippe Daverio. Così ho avuto accesso ad una borsa di studio. Quindi ricapitolando sei: docente, fotografo, disegnatore, regista e montatore video, esperto in comunicazione sociale, grafico, pittore e ricercatore Ricercatore non è esatto. Sono uno studioso. Il ricercatore è finanziato, io mi autofinanzio. So che è arrivata una richiesta di collaborazione dall'Università di Venezia all'Università degli Studi della Basilicata, ma si è fermata lì. Non l'ho mai letta ma so il contenuto. Questo interesse nei tuoi confronti è legato alla tua ricerca. Da dove parte il tutto? Da un plagio che ho subito. Quando ero alla ricerca dell'editore per pubblicare il mio primo saggio, dopo la laurea, qualcuno ha riproposto la mia stessa ricerca andando su tutti i giornali e presentandola come sua e spiegandola malissimo. A quel punto ho chiamato tutti i giornalisti per spiegare l'accaduto. Così è successo che un giornalista scientifico Renato Sartini del Venerdì di Repubblica mi ha contattato e fatto un'intervista lunghissima di settimane facendo visionare tutto il materiale raccolto ad ingegneri e filosofi della redazione del Venerdì e così uscì l'articolo. La materia di cui mi occupo è molto appetibile e quindi ora ne mostro solo una minima parte per paura di essere plagiato ancora. Come è nata questa passione per Leonardo? Mi ha sempre appassionato la sua vita, fin da quando ero piccolo. Mi interessa però più dal punto di vista scientifico. Immaginavo questa persona del rinascimento che aveva voglia di creare, una persona libera, molto positiva A che età l'hai scoperto? Ero un bambino. Il ricordo è di una piccola Gioconda appesa in salotto. Per me era la summa dell'arte. Un quadro nemmeno tanto bello, ma misterioso.Così mi sono avvicinato all'arte e a lui. Hai provato a ridisegnare la Gioconda? Certo, per studio. Ed è così che ho iniziato a notare gli errori presenti nei suoi quadri, come le prospettive diverse. Parliamo, in questo caso,

di un'opera non conclusa che portava sempre con sè per ritoccarla. E' un quadro pieno di anamorfosi, di imperfezioni Era così misterioso anche nella vita privata? Era una persona simpatica, forse egocentrica. Aveva piccoli lanci di esaltazione quando scopriva qualcosa. Lo si evince dagli scritti. Era una persona solitaria pur avendo molti amici al suo seguito. Lui scrisse una frase che io amo ricordare: "Se tu sarai solo sarai tutto tuo". Lui ha dovuto rinunciare ad alcune compagnie per esser padrone di se stesso ed esser libero. Hai avuto modo di vedere la Gioconda al Louvre? Si, spesso. Sono stato un anno a Parigi per l'Erasmus. Ero lì per preparare la mia tesi e ho frequentato le facoltà di Storia e di Storia dell’arte della Sorbona. Però rimasi incantato da un altro suo quadro che conoscevo già: La Vergine delle Rocce. Mi creava disturbo, nervosismo. Un malessere. Cominciai a studiare per capire il motivo di questo fastidio. Notai delle anomalie. Errori apparenti, che si riveleranno invece i segni della presenza di immagini criptate secondo uno specifico codice che io per primo ho ipotizzato. Il Professor Pedretti, studioso di Leonardo a livello mondiale, giustifica questi errori con la sua volontà di praticare la tecnica dell’anamorfosi. Una tecnica che, a seconda della posizione dell’opera rispetto all’osservatore, corregge la deformazione prospettica delle figure. Non tutte le anomalie che ho riscontrato nella “Vergine delle rocce”però, non sembrano nascondere la tecnica dell’anamorfosi. È stato a quel punto che ho deciso di credere nell’ipotesi di un codice inedito partorito dalla mente di Leonardo. Studiando leintuizioni di fisica ottica del genio ho trovato la strada per decodificare le sue opere. Grazie alla stereoscopia, alla concezione della luce, la riflessione ottica, la camera oscura ed altri principi contenuti nei suoi taccuini sono riuscito nell’intento. Ho da solo ricostruito uno stereoscopiosemispeculare e utilizzato per analizzare opere quali: il Cenacolo, la Gioconda e la Vergine delle Rocce esposta al Louvre. Così ho assistito ad una metamorfosi. Il braccio destro della Vergine, ad esempio, nel quadro visibile è eccessivamente lungo. Nella decodificazione diventa proporzionato. E ancora. Il panneggio posto sul ventre della Vergine assume forme disarmoniche. La maggior parte degli appunti di

che porta lo studioso Caricato a “smascherarlo” Leonardo sono stati scritti in maniera speculare, proprio per non renderli accessibili ai più. Ciò non avviene con gli oggetti naturali: una mano vista allo specchio o disegnata specularmenteè leggibilealla stessa maniera. Partendo da queste due premesse ho pensato che se Leonardo avesse voluto criptare un messaggio nelle sue opere utilizzando la lettura speculare avrebbe dovuto aggiungere all’espediente dello specchio qualche altro stratagemma. Con l’intuizione della stereoscopia Leonardo comprende i principi della visione binoculare. La filosofia gnostica vuole che la verità sia data dalla conoscenza del bene e del male, del positivo e del negativo, del diritto e del rovescio. Fondendo l’immagine diritta con quella speculare tramite l’uso degli specchi e dello stereoscopio si riesce ad ottenere l’immagine decriptata. In effetti il quadro in questione fu soggetto ad un processo di più di vent'anni E' storicamente provato che l'opera in questione nasce nella polemica. La Confraternita che la commissionò voleva che fosse pronta per la festività dell’Immacolata Concezione, inoltre i priori stipularono un contratto in cui si imponevano, in maniera estremamente dettagliata, non solo le dimensioni ma anche il soggetto e la composizione. La Confraternita contestò però il dipinto considerandolo incompiuto, o addirittura inadatto poiché eretico. La versione londinese, dipinta qualche anno più tardi dallo stesso Leonardo, risulta totalmente diversa e senza alcun "errore". Dietro l'Immacolata concezione, conservata al Louvre, quella che viene chiamata demone non è altro che la Sophia, la ragione. L'esaltazione dell'intelletto. Sicuramente è questa l'eresia che viene fuori. E’ una corrente di quel periodo. La ragione il vero soggetto del quadro. Un'altra prova che conferma tutto ciò è in una sua scoperta che appartiene allo stesso periodo in cui fu dipinto il quadro: ossia la stratificazione delle falde con la giustificazione dei fossili marini sulle montagne. Da qui il voler rappresentare la forza fisica della natura che spinge dal basso verso l'alto e della terra che vince sulle acque Quindi nel panneggio deforme sul ventre della Vergine è racchiusa gran parte del messaggio Attraverso lamia decodificazioneè visibile un demone che emerge da una conchiglia, del cui significato posso dare una convincente spie-

gazione. Asmodeo, il demone della scienza proibita, che si libera dal peso dell’acquasantiera, che rappresenta la scienza che vince sulla dottrina ed i dogmi cattolici. Leonardo, attraverso la codificazione di messaggi all'interno dei suoi quadri, inseriva nel mondo della Chiesa eresie. Tutto ciò per preservare la Scienza dall’Inquisizione, contraria alla pratica di tutte quelle attività umaneche potevanominare i dogmi della fede. Come sei arrivato a dimostrare tutto ciò? In modo particolare, come già detto prima, con la stereoscopia. Quando ero bambino andai a vedere il film "Lo squalo 3" in versione 3d. Rimasi affascinato. Disegnai con la penna a spirito rosso e blu delle forme attraverso gli occhiali 3d usciti con il settimanale Topolino . Sembrerà strano ma anche nel rinascimento utlizzavano queste stesse attrezzature. Ho scoperto, in realtà, che il primo a parlare di stereoscopia fu proprio Leonardo. Ma la tua ricerca quanto si avvicina a quella dello scrittore Dan Brown? Credo che molti lettori de “Il Codice da Vinci” restano delusi dalle mie scoperte perchè non parlano di Santo Graal o del Priorato di Sion. La mia tesi di laurea parte proprio dall'analisi del romanzo. Lo scrittore non ha fatto altro che prendere spunto dagli studi di alcuni critici molto originali e interessanti romanzandoli. Alla fine, nella mia tesi, lo assolvo, nonostante sia zeppo di errori. Ad esempio topograficamente parla di una Parigi che non esiste. Un aspetto simpatico del romanzo è che l'unico personaggio vero, contemporaneo, vivente è l'ingegnere Seracini, un italiano. Ho diviso il romanzo in tre parti: i dati attendibili, quelli inattendibili e infine i dati opinabili, dando un manuale di lettura al lettore. Ed è così, per divertimento, nasce dai dati opinabili la mia ricerca su Leonardo e i suoi errori. Giocando con il programma grafico photoshop scopriì quali i datiattendibili e quali no. Fu proprio durante la tesi che mi accorsi di un demone alto due palmi, il famoso Asmodeo, però poi lasciai perdere. Quando l'ho rivisto nel quadro del Teniers ho deciso di approfondire il tema e sarà oggetto di analisi nel secondo saggio. Quanto studio c'è dietro? Tanto. Utilizzo molto internet anche se devo prendere con le pinze tutto ciò che trovo e verificarlo. Cerco libri, vado nelle biblioteche. Utilizzando le stesse tecniche descritte

e disegnate da Leonardo nei suoi taccuini ho dovuto reperire materiali reperibili nel Rinascimento e non è stato facile. Un lavoro arduo e faticoso che ha dato ottimi risultati. Bologna, invece, come si colloca in questo tuo percorso? Appena laureato mi trasferiì a Bologna. Contemporaneamente, per sbarcare il lunario, vendevo cd durante concerti di artisti famosi. Così ho avuto modo di conoscere cantanti come Bersani, Giovanni Allevi con cui mi è capitato di confrontarmi in merito alle mie scoperte. Ad esempio il musicista Allevi mi spiegò che anche nella musica rinascimentale vi erano escamotage musicali pernascondere messaggi criptati negli spartiti. Nel frattempo ho inziato a scrivere. Vista la mole di dati raccolti nel 2007 feci uscire il primo saggio su queste mie scoperte daltitolo: “Scibile invisibile e proibito” Possibile che primadi te nessuno mai si è reso conto di queste anomalie nel quadro e cercato di decifrarle? Questa è stata la mia sofferenza e la mia solitudine.Le sproporzioni sono palesi però le persone se ne accorgono solo se glie le fai notare. Il lavoro dell'intellettuale è nel far notare le cose che sono davanti gl'occhi di tutti. E’ un lavoro di comunicazione. Ho cercato dei libri che dessero una spiegazione a queste sproporzioni. Così ,dopo aver dato una mia risposta scientifica che mi soddisfa pienamente, ho scoperto, tramite mio fratello, l’esistenza di un eccentrico artista materano che aveva scritto anche lui un saggio sulle anomalie della Vergine delle rocce. Le sue analisi però si basavanosullanumerologia, ossiasulnumero delle dita presenti e la loro posizione. Il mio intento non è mai stato quello di scoprire l'eresie nascoste ma il perchè degli errori presenti. Stai scrivendo un altro saggio? Si, il tutto nasce da una trasmissione televisiva Enigma andata in onda il 22 novembre del 2007 che verteva sul genio Leonardo. A condurla Corrado Augias che mi chiamò chiedendo un mio intervento. Il professor Massimo Introvigne, fondatore e direttore del Cesnur (Centro Studi sulle Nuove Religioni), presente in studio, in merito alle mie stravaganti teorie sulla Vergine delle Rocce, confermò che effettivamente “alcuni hanno messo in relazione il dipinto con l’unica vera converticola segreta di cui forse Leonardo ha fatto parte, la cer-

chia del Beato Amedeo Menes che avevadelle ideeabbastanzacuriose sull’Immacolata Concezione". È proprio da queste eresie che la mia ricerca trova inoppugnabili conferme e mi ha dato la spinta per scrivere il secondo saggio. Cosa dicono a casa di queste tue ricerche? Una volta giustificate le anomalie in modo scientifico le sottoposi in primis a mio cognato, un ingegnere, e mio fratello, un ricercatore. Entrambi vedendo le mie dimostrazioni molto scientifiche mi dissero che vi erano tutte le componenti per asserire che quello che stavo dimostrando fosse vero. Quando mia madre sentì che oltre ai familiari stavo convincendo anche studiosi mi incoraggiò ad andare avanti nella ricerca dicendomi: "figuriamoci allora cosa può venire fuori dalla Gioconda". Così iniziai la notte a fotografare la Gioconda da più angolazioni, e conl'ausilio sia della camera oscura che camera chiara (ossia il pc), decodificai anche quel quadro. Venne fuori un libro aperto, una figura gobbutaalta due palmi con delle corna: figura simile al demone Asmodeo. A questo punto mi chiedo quale sia il tuo rapporto con la Chiesa Sono cattolico ma non credo in molti dogmi Cosa ti ha insegnato Leonardo? Se una persona è onesta e caparbia può andare avanti nonostante le sconfitte. Lui continuò a fare ricerca recandosi a Milano intorno i trent'anni. La stessa età, qualche anno in meno, che avevo io quando mi recai a Parigi. Un precario che non sapevala lingua,proprio come me. Luca Garai, uno dei massimi sudiosi vinciani, mi ha spiegato che Leonardo a trent'anni era famoso per il leone meccanico non perchè Leonardo da Vinci. Lo stesso Luca mi ha aiutato e continua a farlo nella mia ricerca. Il genio amava la natura. Non accettava le cose per quelle che erano. Si interrogava. Mi ha insegnato la filosofia, necessaria per decriptare i suoi messaggi. Molte cose di Leonardo le ho imparate al carcere, durante il servizio di operatore sociale. I detenuti non hanno cultura scolastica però mi hanno insegnato tante piccole cose che a scuola non ti insegnano. Loro usano molto la simbologia come i tatuaggi. Ad esempio perdirecheuna personaèuntraditore durante una cena lo fanno capire nel modo in cui gli versano da bere. Ciò mi ha aiutato a decodificare il Cenacolo, dove vi è una una mano riversa. I detenuti non sanno che nel rinascimento negli anelli vi era del veleno che veniva versato nel bicchiere di chi volevano colpire. Uno degli scopi del nuovo saggio è dimostare come le parole, i gesti avevano un significato diverso nel rinascimento rispetto ai giorni nostri.Codicied esigenzediverse.L'esigenza di allora era di trasmettere delle innovazioni scientifiche . Immaginiamo che magicamente appare Leonardo e si siede al nostro tavolo, cosa gli diresti? Ma lui è già vicino a noi (sorride)...Scherzo. Quando ero piccolo più che parlarci me lo immaginavo. Pensavo a come potesse reagire in determinate situazioni, a quello che poteva dire. Una fantasia che non mi hai mai mollato, per fortuna Perchè continui in questa ricerca pur non essendo finanziato? La felicità di vivere è nella conoscenza, nello svelare dei misteri. Si tratta di quella conoscenza che ti fa sentire vivo. Attualmente sono un precario però mi basta leggere un libro è già mi sento libero. Questo mi aiuta a non subire le menzogne. Ho deciso di vivere in Basilicata perè per me è la terra più bella del mondo. Sia perchè ci sono nato e sia perchè, confrontandola con altre realtà in cui ho vissuto, è unica. Ad esempio è una terra di luce e per uno come me che si occupa di pittura, fotografia è l'ideale Leonardo quindi si sarebbe trovato bene qui C'è un piccolo richiamo nei suoi libri, legatosolo alnome dellanostra terra. Lui era affascinato dal basilisco. Un animale fantastico e immaginario che inseriva nelle sue favole. Chissà forse qui gli avrebbe dato la caccia o avrebbe costruito un automa a forma di basilisco per qualche principe. Comunque penso che si sarebbe trovato assolutamente bene qui. Ne sono sicuro.

notizie in PILLOLE IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI, accoglie con favore le voci che circolano in questi giorni, di una possibile presidenza del Comitato per Roma 2020 al trentaquattrenne John Elkann, attuale presidente Fiat. “Le Olimpiadi rappresentano per la città ma soprattutto per il Paese che Le ospita un momento di rilancio economico, turistico, strutturale ed occupazionale senza eguali” dichiara Andrea Roberti, membro del Consiglio Direttivo del Forum Nazionale dei Giovani con delega allo Sport – “e dopo sessant’anni avere la possibilità di ospitarLe di nuovo sarebbe un motivo di vanto e d’orgoglio per tutti noi. In particolare far ricadere la scelta di presiedere il comitato su John Elkann, lancerebbe a livello mondiale quel messaggio di esigenza di ricambio generazionale di cui il nostro Paese ha estremamente bisogno e che come Forum Giovani chiediamo oramai da parecchi anni. Le Olimpiadi rappresentano non solo il maggior evento sportivo mondiale ma anche e soprattutto un' occasione per dimostrare, avendo gli occhi di tutto il mondo puntati addosso, che l’Italia può trarre dalla guida di un giovane, il massimo giovamento in termini di capacità organizzative e di sviluppo economico e strutturale per il proprio territorio. Se le Istituzioni politiche e sportive non cogliessero questa importante ed unica opportunità avremmo di nuovo perso un’occasione per avviare il ricambio generazionale nel nostro paese.” BANDI ED OPPORTUNITÀ DALL’EUROPA L´ Unione europea ha stanziato 40 milioni di euro per coprire più di 400 borse di studio che saranno offerte ai giovani ricercatori per permettere loro di iniziare il primo lavoro di ricerca a tempo pieno in un istituto di ricerca europeo nel 2011. Le sovvenzioni sono a disposizione dei ricercatori di qualsiasi nazionalità. Il finanziamento è destinato a livello post-dottorato e non vi è alcuna restrizione sul settore della ricerca. La scadenza per le domande è di 8 marzo 2011. Un comitato indipendente di esperti europei e internazionali di massimo livello valuterà e selezionerà i migliori ricercatori idonei a ricevere le sovvenzioni. Per maggiori informazioni consultare il sito


Martedì 23 Ottobre 2007

www.gazzettaffari.com

www.gazzettaffari.com

Cultura & Spettacoli

Un click e sei in edicola

Un click e sei in edicola

POTENZA E PROVINCIA Per l’occasione presentazione del libro di Luca Caricato

Parte l’anno accademico della Società Dante Alighieri di LUCIA DE GREGORIO i aspetto che qualcuno mi dimostri se ho torto o ragione». Queste le parole di Luca Caricato, alla presentazione della sua prima fatica letteraria, dal titolo emblematico «Scibile invisibile proibito», nel corso dell'inaugurazione dell'anno ac-

«M Un momento della presentazione del libro [foto Enzo Bianchi]

cademico della società Dante Alighieri. «La mia ricerca non finisce certo con la pubblicazione di questo libro – ha affermato Caricato – perchè ho intenzione di continuare, anche se so che quello che mi aspetta è un mistero. E sono pronto anche ad accettare delle critiche. Intanto – aggiunge il giovane lucano – sono felice di poter presentare proprio nella mia città il

libro frutto di ricerche lunghe e minuziose e spero profondamente di ricevere dalla Regione o dall'Università degli studi della Basilicata offerte per proseguire, perchè non vorrei che la mia indagine fosse continuata da altri atenei, nazionali e non». Caricato, infatti, dottore in lettere moderne proprio presso l'Università lucana, è già stato contattato da docenti ed

esperti della materia, per illustrare la sua tesi, che parte da «La Vergine delle rocce», ma approda ad altri dipinti leonardeschi, quali «La Gioconda», probabilmente il più emblematico, «Il Cenacolo», tra i più studiati e «L'adorazione dei Magi», rimasto incompiuto dal genio rinascimentale, passando attraverso altre famosissime tele di altrettanti pittori, tra i quali ricordiamo Caravaggio e Teniers. Parole di approvazione sono giunte dalla professoressa Franca Laurita Laraia, presidente della società Dante Alighieri, per la sezione lucana: «Di Luca Caricato – ha affermato – mi ha colpito subito la personalità eclettica: egli è innanzitutto un pittore, ha alle spalle studi da geometra e si è laureato in lettere moderne». La professoressa Laraia ha sottolineato, inoltre, l'originalità degli studi condotti da Caricato, che ben si inseriscono nel contesto della Dante Alighieri, fondata nel 1889 da Giosuè Carducci, per tutelare e difendere la lingua e la cultura italiana nel mondo.

Dopo la ricca estate si riparte con il libro «Lucani altrove»

EDITORIA|Il mensile, in 50mila copie gratuite

«Il Focolare» e i «Vignarul» nuovi incontri a Pignola

Un «patch magazine» che parla ai giovani ieri la presentazione

l Focolare di Pignola tira le somme al termine di un’estate ricca di appuntamenti e si prepara ad organizzare nuove iniziative cultirali nella sua sede sociale. Bilancio positivo per la 18esima edizione di Estate a Pignola, con lo spostamento di tutte le iniziative alla fine del mese di agosto. «È come se l’estate, quest’anno - ha sottolineato il presidente Peppino Rago - fosse durata un po’ di più rispetto agli altri anni. Tutte le serate hanno registrato un incremento di pubblico. Tra i momenti più significativi, la consegna del premio Raffaele Calace all’israeliano Alon Sariel nel concorso internazionale di strumenti a plettro, categoria mandolino chitarra e “Vado al Massimo” il cui vincitore, il comico valdostano Franco Millon, gareggerà alla finalissima su Rai Due a dicembre rappresentando il Focolare».

I

Nell’estate di Pignola anche il gruppo folklorico «i Vignarul» reduci dalla tournée che li ha visti protagonisti a New York per la festa della Madonna dei Martiri che si è svolta ad Hoboken, città che ha dato i natali a Frank Sinatra, e ancora a Washington e Filadelfia. Il gruppo l’anno prossimo sarà in Portogallo. Un filo ideale con i lucani all’estero che trova collegamento nell’ultima iniziativa del Focolare in programma il 26 ottobre con la presentazione del libro «Lucani altrove Un popolo con la valigia» (Edizioni Memori, 2007), scritto da Renato Cantore, capo redattore del Tg Rai della Basilicata, con la prefazione della regista Lina Wertmüller. Il giornalista Mario Trufelli coordinerà l’incontro, al quale interverranno oltre all’autore, il vice presidente della Commissione lucani all’estero Luigi Scaglione e il presidente del Corecom Loredana Albano.

La sede del Focolare a Pignola

L’assessore provinciale al Bilancio, Summa vince il settimo premio «Carmelo Azzarà»

La pietà popolare nel concorso di foto intitolato a don De Luca

assessore al Bilancio della Provincia di Potenza, Vito Summa è il vincitore della VII edizione del Premio Carmelo Azzarà, promosso dall’Associazione Meteco Onlus e dall’Anci Basilicata. Il riconoscimento è stato ideato per gratificare il lavoro dei giovani amministratori lucani (età massima 40 anni) che abbiano operato nell’ultimo triennio in una delle Istituzioni della Basilicata distinguendosi per impegno, innovazione, creatività, nelle attività volte a promuovere lo sviluppo e la crescita civile della comunità lucana. L’assessore Summa riceverà una medaglia ed un attestato di riconoscimento. Inoltre, l’Associazione Meteco Onlus devolverà un contributo a favore di una istituzione locale a carattere sociale, culturale, assistenziale, indicata dal vincitore del Premio. Vito Summa, nato ad Avigliano nel 1968, è laureato in Economia e Commercio nell’Università Federico II di Napoli, con Master in Esperto in controllo di gestione nelle Amministrazioni pubbliche all’Università di Foggia. Nominato nel 2004 assessore al Bilancio, Programmazione e Controllo delle risorse finanziarie della Provincia di Potenza, si è adoperato in particolare per promuovere

intitolato «Sulle tracce della pietà popolare di Basilicata» il primo Concorso fotografico regionale organizzato dal Parco Letterario «Don Giuseppe De Luca». I partecipanti dovranno ritrarre riti, feste, tradizioni della religiosità popolare lucana. «Recuperare le testimonianze più vive della pietà popolare delle nostre comunità, recuperare e rafforzare l’identità e la memoria storica delle stesse attraverso le più diverse espressioni artistiche, queste le motivazioni principali del concorso», ha spiegato il referente del Parco, Vincenzo Fierro. «L’iniziativa intende rispondere alle mode del tempo che sviliscono le tradizioni e i simboli, significa non farsi soggiacere dalle spinte della globalizzazione massificante e valorizzare le manifestazioni e le tradizioni religiose nel loro “simbolismo”».

L’

L’assessore provinciale Vito Summa [foto Tony Vece] iniziative di ingegneria finanziaria per i piccoli comuni, alcune delle quali inedite come l’emissione obbligazionaria in pool per la ristrutturazione del debito. «Si tratta di operazioni innovative ed efficaci, che hanno trovato l’adesione di molte amministrazioni municipali del potentino e l’apprezzamento dell’Anci Basilicata, per la prima volta partner istituzionale della nostra Associazione all’interno dell’organizzazione del Premio», ha dichiarato il presidente di Meteco Onlus, Pasquale Lamorte.

POTENZA Due Torri (tel. 0971.21960): «Sms sotto mentite spoglie». Ore 19.15-21. Don Bosco (tel. 0971.445921): In questo mondo libero. Ore 19.45 e 21.30. Principe di Piemonte: chiuso.

tatouille Ore 17.15-19.30-21.40

TITO Cinema Ranieri tel. 0971.629462. SALA 1 Ratatouille 17:00 19:20 21:40 SALA 2 Stardust 17:00 19:30 21:40 SALA 3 Un'impresa da Dio 17:10 19:20 21:30 SALA 4 Resident Evil : Extinction 18:30 20:30 22:30 SALA 5 Serf's Up 17:30 SALA 5 Cemento Armato 20:15 22:15 SALA 6 Sms-sotto mentite spoglie 18:00 20:00 22:00 SALA 7 Michael Clayton 17:00 19:20 21:40

VENOSA Lovaglio (tel. 0972.31233): Espiazione Ore 19-21.15

LAGONEGRO Iris (via Napoli, tel. 0973.41410): Ra-

LA FOTO DEL GIORNO

LATRONICO Nuova Italia (tel. 0975.863049): Cemento armato. Ore 19.15 e 21.30 LAURIA Atomium (tel. 338.7166281): Hair spray. Ore 19.15 e 21.30.

APPUNTAMENTI POTENZA (ore 9.30 – Ridotto teatro Stabile) Incontro dibattito sul tema “Il ruolo della città nella nuova programmazione 2007-2013: i sistemi urbani”, promosso dal Comune di Potenza e dal Formez nell’ambito del programma Empowerment delle Amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno. POTENZA (ore 10.30 – dip.regionale formazione e lavoro) Conferenza stampa di presentazione del programma della settima edizione del Festival di Potenza in programma sabato 27 ottobre all’auditorio del Conservatorio.

.

Un cavaliere lucano al top. Vittorio Avigliano, campione interregionale e nazionale di team penning Csen-Aiew, in premiazione ai recenti campionati di Apricena

n nuovo mensile di 48 pagine, per «attrarre i giovani e parlare al loro mondo», realizzato da una cooperativa lucana di giovani giornalisti, la «Tramite» e che dal 26 ottobre avrà una diffusione gratuita di 50 mila copie in tutta la Basilicata: sono questi gli aspetti di «Patch magazine» che è stato presentato ieri, a Potenza, in un incontro con i giornalisti. «Si tratta di un primo progetto della cooperativa – ha spiegato l’editore di “Patch”, Francesco Perone – che speriamo

U

È

CINEMA E APPUNTAMENTI

FRANCAVILLA Columbia (tel. 0973.574447): Sms sotto mentite spoglie Ore 19-21.30

La presentazione del mensile «Patch Magazine» [foto Enzo Bianchi]

La devozione popolare

coinvolga quante più persone in tutta la Basilicata. Siamo una casa editrice giovane che vuole offrire un nuovo mezzo di interazione, e una visione innovativa della regione, con i piedi in Europa e il cuore lucano». «Patch» sarà realizzato da 15 giornalisti, e distribuito gratuitamente in 125 punti della Basilicata. I contenuti, secondo l’editore, «sono diretti ad una fascia d’età compresa tra i 19 e i 30 anni, con articoli sull'attualità, sul tempo libero e sui temi culturali».


Lunedì 22 Ottobre 2007

Cultura & Spettacoli POTENZA E PROVINCIA

TEORIE ED ERESIE UN DAN BROWN LUCANO Come nel caso letterario «Il Codice Da Vinci» le pagine dell’autore italiano svelano immagini criptate nei dipinti leonardeschi, come la figura del demone Asmodeo protettore dei tesori nascosti sulla terra che rappresenterebbe il trionfo dell’eresia sulla dottrina del cattolicesimo

A sinistra, il celebre quadro di Leonardo Da Vinci «La Vergine delle Rocce. Nel riquadro in alto, Luca Caricato, autore del volume

.

n messaggio segreto, un misterioso codice quello che Leonardo avrebbe celato nel dipinto «La Vergine delle rocce»: a scoprirlo e a tentare di decifrarlo, Luca Caricato, dottore presso l’Università degli studi della Basilicata, che nella sua tesi di laurea, discussa nel luglio del 2006, ha raccontato proprio della sensazionale scoperta. Dalla tesi, ora, ha preso forma un libro, «Scibile invisibile proibito», che verrà presentato oggi in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico della Società Dante Alighieri, alle 17, presso il Tourist Hotel. Un libro, dunque, pronto a fare chiarezza su uno dei tanti episodi misteriosi a cui il grande genio rinascimentale ci ha abituati. E del resto l’attenzione sulle vicende che collegano Leonardo al santo Graal e ai Tempalari, suscitata solo un paio di anni fa da libri di successo, non si è ancora spenta e in tanti continuano a chiedersi cosa ci sia di vero sotto. Caricato, che nel frattempo è balzato agli onori delle cronache, conquistando anche una pagina su «Il Venerdì di Repubblica», continua a fare la sua vita, anche se conteso da testate giornalistiche ed esperti della materia: lavora a Bologna, in un settore totalmente differente da quello in cui è maturata la scoperta e alla domanda su come sia giunto a decifrare il messaggio segreto celato nel dipinto, risponde: «Ho sempre studiato Leonardo, da autodidatta, per passione - spiega - perchè l’ho sempre considerato il massimo come scienziato e pittore. Mai, però, mi sarei aspettato di imbattermi in qualcosa di così importante e fare questa scoperta è stata una grande emozione anche per me». Caricato così, racconta di co-

U

Dal suggestivo argomento della sua tesi di laurea è nato il libro «Scibile invisibile proibito»

Il messaggio segreto di Leonardo svelato dal giovane lucano Luca Caricato I segni nel drappeggio della celebre «Vergine delle Rocce» me grazie alla borsa di studio Erasmus, abbia avuto la possibilità di studiare per un anno a Parigi e perciò, di analizzare al museo del Louvre le opere di Leonardo. «La vergine delle rocce - dice - pur essendo un quadro stupendo come pochi mi ha sempre molto inquietato, perchè al suo interno erano presenti tanti errori e difetti di cui non mi capacitavo, che non capivo: mi sono sempre chiesto, cioè, come poteva Leonardo incorrere in errori grossolani, visibili a chi, come me, è anche un appassionato di pittura». E così ha avuto inizio lo studio dettagliato sulla tela, famosa anche perchè fu sotto processo per più di 20 anni. È provato storicamente, infatti, che l’opera commissionata dalla Confraternita in occasione della festività dell’Immacolata Concezione, fu vincolata da un contratto rigidissimo, in cui i priori imponevano non solo le dimensioni, ma anche il soggetto e la composizione della tela. I personaggi sui quali il Da Vinci si concentrò furono la Vergine, il Gesù Bambino, Giovannino (il Battista) e l’Arcangelo Uriel, che accompagnò proprio quest’ultimo nel deserto e che, invece, secondo molti nel quadro rappresenterebbe santa Elisabetta. Quali sono,

dunque, questi errori che in realtà celerebbero immagini criptate? «Il panneggio giallo, posto all’altezza del ventre della Vergine, che ha delle pieghe strane, che si snoda in una zona in ombra e in un’altra in cui vi è inspiegabilmente troppa luce. Il drappeggio, cioè, risulta anomalo nella parte centrale, dove assorbe molta, troppa luce, per essere in una posizione non fondamentale del dipinto. E, in più, per essere un punto “morto” del quadro, è strano che tutti i personaggi guardino in quella direzione. Il braccio con cui la Vergine abbraccia il Battista, inoltre, è troppo lungo». Caricato, perciò le ha tentate tutte, pur di venire a capo di questo enigma: «Ho mutato prospettiva - racconta - ho posto il quadro in obliquo, come si fa quando si sospetta la presenza di immagini esoteriche, ma non è uscito niente. Ho utilizzato la tecnica del negativo, rendendo, cioè, l’opera di Leonardo come il negativo di una foto e neppure così è uscito niente. Poi, però, mi sono ricordato che Leonardo scriveva in maniera speculare ossia da destra a sinistra e così, rendendo speculare l’opera e sovrapponendola all’originale, ho avuto la risposta che tanto cercavo». Quale? «Ho capito che il pan-

neggio è stato reso volutamente più luminoso e dalla sovrapposizione delle immagini si vede chiaramente che il Battista è spinto dalla mano della Vergine sul dorso della mano dell’Arcangelo Uriel. Il gesto, in altre parole, simula lo sgozzamento di cui fu vittima il Battista, morto decapitato. La testa di quest’ultimo, insomma, entra perfettamente nello spazio tra la mano della Madonna e quella di Uriel: un gioco di proporzioni e precisione, degno solo di un genio come Leonardo. Proprio Uriel, poi, - racconta Caricato - è noto per aver portato sulla terra alcune scienze proibite, come l’alchimia, l’astronomia e l’astrologia. Il bambino Gesù, inoltre, benedice quello che era il panneggio e che, in seguito si è rivelata una figura strana. Ho cominciato, allora, a studiare la demonologia, intuendo una presenza esoterica e ho riconosciuto in quella figura, risultato di un panneggio dalle proporzioni sospette, Asmodeo, un demone alto due palmi, protettore dei tesori nascosti sulla terra, ricurvo e cornuto e soprattutto associato a Uriel nonché alla sinistra e misteriosissima chiesa di Rennes les Chateaux, dove proprio la statua di Asmodeo appare schiacciata sotto il peso di una

acquasantiera». Nella Chiesa francese, perciò, il bene trionfa sul male, nella tela leonardesca invece, è il contrario, con l’eresia che batte la dottrina cattolica. Per altro - dice lo studioso potentino - il quadro per alcuni critici e filosofi, anche in virtù delle rocce che compaiono nello sfondo, è la rappresentazione delle acque che vincono le terre. E del resto è vero che Leonardo trattò la teoria della stratificazione delle falde acquifere, teoria moderna, che, però, lui anticipa». Ma perchè Leonardo avrebbe dovuto nascondere tutto ciò? «Perchè all’epoca poteva risultare eretica. Perchè - conclude - come per qualcuno il quadro è una rappresentazione della teoria della stratificazione, così Asmodeo vittorioso sulle acque e quindi sull'Acqua Santa, rappresenta la vittoria della scienza sulla dottrina cattolica». Ma i colpi di scena non sono finiti e come in un giallo sapientemente costruito, Caricato rivela che proprio partendo da «La Vergine delle rocce» è arrivato a decifrare «Il Cenacolo» e «La Gioconda», nelle cui tele si nasconderebbero, secondo il giovane lucano, «immagini coerenti con le eresie attribuite a quei quadri». Lucia De Gregorio

Il volume verrà presentato oggi in occasione dell’ inaugurazione dell’anno accademico della società Dante Alighieri. L’autore racconta alla Gazzetta di come, grazie alla borsa di studio Erasmus, abbia potuto studiare a Parigi e familiarizzare con il dipinto, esposto al museo del Louvre, scoprendo in alcuni «errori» di prospettiva e di luci, personaggi nascosti

L’Azienda è una concessionaria di pubblicità articolata su diversi mezzi di comunicazione: Stampa (Quotidiani e Periodici), Radio, Internet e TV. Nel quadro di un programma di sviluppo della Divisione Commerciale di Potenza, ricerca:

per la zona di Potenza e prov.

UN AGENTE per la vendita di spazi di pubblicità su «La

Gazzetta del Mezzogiorno» e le altre testate del Gruppo

da avviare alla professione di Agente Pubblicitario nel settore Stampa Locale. Ai candidati si richiede: • età non superiore a 35 anni; • grinta, autonomia, motivazione a lavorare per obiettivi, spiccate capacità relazionali; Costituirà titolo preferenziale: • esperienza di vendita di servizi alle Aziende. Sono previsti: affiancamento iniziale, formazione mi-rata ed adeguati supporti di marketing. Si offre compenso provvigionale adeguato, erogazione di anticipi mensili sulle provvigioni spettanti ed affidamento di un’area in esclusiva. La ricerca è rivolta indistintamente a uomini e donne. Inviare la candidatura a:

PUBLIKOMPASS S.p.A Via Amendola, 166/5 - 70126 BARI Tel. 080/548.51.11 - Fax 080/548.52.49 e-mail: giuseppe.bellini@publikompass.it


Cultura e spettacoli

Studiando le intuizioni di fisica ottica scritte negli appunti del Da Vinci, ha trovato la strada per comprendere i messaggi eretici nascosti

Caricato: lo studioso lucano di Leonardo di Giuseppe Balena ►► Il► modo► migliore► per► nascondere► qualcosa► è► mostrarlo,►lasciandolo► sotto► gli► occhi►di►tutti►senza►farlo►vedere►realmente.►Solo►il►genio► burlone►di►Leonardo►Da►Vinci► è►in►grande►di►fare►questo►con► grande► maestria.► Sulla► scia► del► successo► del► romanzo► “Il► codice► Da► Vinci”► di► Dan► Brown,► l’intera► produzione► leonardesca►si►è►ammantata► di►un►velo►di►esoterismo►che► ha►permesso►di►studiare►anche►alcuni►aspetti►meno►noti► delle► opere► del► genio► fiorentino.►Proprio►in►questa►direzione►un►contributo►innovativo►è►arrivato►da►un►giovane► lucano:►Luca►Caricato.►Tutto► è►iniziato►nel►2006►con►la►discussione► della► sua► tesi► di► laurea►presso►l’Università►degli►Studi►della►Basilicata.►La► dissertazione►che►gli►ha►permesso►di►conseguire►il►titolo► di►dottore►in►lettere►moderne► ha►segnato►un►punto►di►rottura► rispetto► all’interpretazione►classica►relativa►ai►dipinti►del►maestro►fiorentino.► Per► la► stesura► della► tesi► lo► studioso►potentino►si►è►recato► più►volte►proprio►al►Louvre►di► Parigi►dove►sono►custodite►le► opere► di► Leonardo,► durante►

MEDIAVISIONI

Arriva la banda ultra larga

72

| iL RESTO settimanale | 14 gennaio 2012

il► periodo► trascorso► proprio► nella►capitale►francese►per►lo► svolgimento►del►progetto►Erasmus.►“Guardando►e►riguardando►La►Vergine►delle►Rocce► -►spiega►Luca►che►durante►il► soggiorno►parigino►ha►anche► pubblicato► un► suo► fumetto► presso► la► prestigiosa► libreria► Boulinier► dal► titolo► “Les► aventures► du► petit► bombo”► (www.boulinier.com)►-►il►mio► occhio►è►caduto►su►alcuni►errori►grossolani,►inconcepibili► per►Leonardo,►perennemente► alla► ricerca► della► perfezione► geometrica,► della► prospettiva► e► delle► sfumature.► Imprecisioni►impercettibili►a►un► occhio► non► competente,► ma► macroscopici►a►chi►come►me► è►più►che►un►semplice►appassionato►di►pittura:►le►pieghe► strane► del► panneggio► giallo► che,►posto►all’altezza►del►ventre►della►Madonna,►si►snoda► in► una► zona► in► ombra► e► in► un’altra►dove►assorbe►troppa► luce►per►essere►in►una►posizione► non► fondamentale► del► dipinto.►Più►che►un►semplice► effetto► di► chiaro-scuro,► sottolineato► dalla► convergenza► degli►sguardi►di►tutti►gli►altri► personaggi► raffigurati:►Gesù► Bambino,►Giovannino►il►Battista►e►l’Arcangelo►Uriel.►Inoltre,►è►sospetta►anche►l’ecces-

di Alessandro Sessa Dopo tante chiacchiere e altrettanta teoria cominciano finalmente anche nel nostro paese a concretizzarsi progetti per la diffusione della banda ultra larga, quella in fibra ottica per intenderci. Com'era lecito aspettarsi, probabilmente non poteva essere altrimenti, la questione interessa al momento la ricca e progredita Trento; in ogni caso sarà un importante battistrada per tutte quelle

siva► lunghezza► del► braccio► con► cui► la► Vergine► abbraccia,►alla►sua►destra,►il►Battista”.►Studiando►le►intuizioni► di► fisica► ottica► scritte► negli► appunti► di► Leonardo,► Caricato►ha►trovato►la►strada►per► comprendere►i►messaggi►eretici► nascosti;► in► particolare► ha►applicando►alle►opere►pit-

amministrazioni che vorranno prendere iniziative analoghe. La società che è stata fondata per la realizzazione di questa nuova rete si chiama Trentino NGN (che sta per next generation network) e vede proprio nel suo atto costitutivo l'abbandono dell'equivoco pubblico versus privato che, a seconda della teoria economica che più andava di moda in un determinato momento, ha di fatto bloccato lo sviluppo delle reti di nuova generazione.

Se solo il pubblico può sostenere gli alti costi di infrastruttura e nessuno come il privato è capace di creare modelli di business sostenibili, viene da sé che la commistione tra pubblico e privato potrebbe essere la soluzione. Trentino NGN è partecipata dalla Provincia Autonoma di Trento, Telecom Italia, Finanziaria Trentina e MC-link; gestirà il cosiddetto "ultimo miglio", occupandosi nello specifico della progettazione, della realizzazione con la relativa


Cultura e spettacoli toriche► principali► le► nozioni► di► stereoscopia,► gli► studi► della► luce,► la► riflessione► ottica► e► il► concetto► di► camera► oscura.► Proprio► fondendo► l’immagine►diritta►con►quella► speculare►tramite►l’uso►degli► specchi►e►dello►stereoscopio►è► riuscito►a►ottenere►un’immagine► decriptata.► Leonardo,► infatti,► avrebbe► “nascosto”► nel► panneggio► in► prossimità► del►grembo►della►Vergine►una► presenza►esoterica,►quella►di► Asmodeo:► un► demone► alto► due► palmi► in► posizione► ricurva;► questo► rappresenta►

manutenzione e della fornitura di rete ottica di accesso a 100 megabit agli operatori. L'obiettivo è connettere con fibra ottica oltre 150 mila unità immobiliari, pari al 60% di quelle dell'intera provincia di Trento. Tuttavia la copertura non sarà riservata alla sola utenza residenziale ma anche alle imprese, aziende sanitarie, università e uffici amministrativi. L'investimento stimato è di circa 165 milioni di euro in 10 anni, l'ex monopolista

il► custode► dei► tesori► nascosti►sulla►terra,►associato►proprio► a► Uriel► e► alla► chiesa► di► Rennes-le-Chateaux,► dove► la►sua►statua►appare►schiacciata► sotto► il► peso► di► un’acquasantiera.► Dopo► attenti► studi► demonologici► è► giunto► alla► conclusione► che► Asmodeo►è►il►demone►della►scienza► proibita;►ecco►perché►nell’iconografia►classica►tenta►di►liberarsi► dal► peso► dell’acquasantiera► che► rappresenta► la► scienza► che► vince► sulla► dottrina► e► sui► dogmi► cattolici.► Non► è► tutto,► la► scoperta► diventa►sempre►più►avvincente.► Sovrapponendo,► infatti,► le► immagini► della► Madonna► delle► Rocce► si► vede► chiaramente► che► la► stessa► stringe► la► testa► del► bimbo► mentre► l’angelo►fa►il►gesto►di►tagliare► la► gola.► Senza► dubbio► scoperte►affascinanti.►Tutte►queste►teorie►sono►state►raccolte► l’anno►seguente►al►conseguimento►della►laurea►in►un►libro►dal►titolo►“Scibile►invisibile► proibito”.► Attualmente,► però,►il►libro►è►in►attesa►di►ristampa.►Caricato►continua►a► illustrare►le►sue►teorie►in►giro► per►l’Italia.►Nel►2007►ha►avuto► la► possibilità► di► divulgare► le► scoperte► al► grande► pubblico►televisivo►con►la►partecipazione►nella►trasmissione► “Enigma”►di►Corrado►Augias.► Le► sue► intuizioni,► inoltre,► hanno► richiamato► l’attenzione►di►esperti►e►critici►d’arte► del►calibro►di►Maurizio►Marini► e►Luca►Garai.►L’autore►di►que-

Telecom Italia parteciperà alla capitalizzazione della società con il conferimento del diritto di uso delle infrastrutture civili necessarie per la posa delle fibre; a sua volta avrà il diritto, dopo sei anni, di acquisire la quota della Provincia, attualmente in quota di maggioranza con il 52%. La notizia è da accogliere positivamente, un eventuale successo di Trentino NGN potrebbe convincere le amministrazioni locali a farsi capofila di partnership

ste►innovative►scoperte►ama► definirsi►studioso►più►che►ricercatore,► perché► quest’ultimo►è►finanziato,►mentre►lui► si► autofinanzia,► mosso► da► una►vera►e►propria►passione.► A►distanza►di►secoli►Leonardo► continua►a►stupire►e►a►giocare► in►maniera►esoterica►con►gli► osservatori► delle► sue► opere.► Non►c’è►da►meravigliarsi,►infatti►una►sua►massima►recitava:►“La►pittura►è►una►poesia► che►si►vede►e►non►si►sente,►e► la►poesia►è►una►pittura►che►si► sente►e►non►si►vede”.►■

e invogliare le imprese private a investire nei progetti, ma è anche vero che in pochi territori del suolo italico come il Trentino sussistono le condizioni sociali ed economiche per intraprendere velocemente e con successo tali iniziative. Ancora brucia il fallimento del progetto "Socrate" avviato nel 1995 da Telecom Italia per il cablaggio in fibra ottica della città di Siena, un investimento miliardario presto abbandonato proprio

perché nel frattempo, ad avvenuta privatizzazione dell'ente, erano mutate le logiche commerciali e industriali, rendendo così non più sostenibile quell'investimento. Alla luce anche di questi trascorsi l'accordo tra pubblico e privato può superare queste impasse e indicare al Paese una strada per superare un ritardo che ci vede ampiamente indietro rispetto ai paesi più industrializzati.ologici. «

| iL RESTO settimanale | 14 gennaio 2012

73


1 4

Groveoizz notemtre zooz.

?Tls\'.eFq-

1,f,:ft# # SG*f #f'ffi

L'enigmadi Iconardo di IRANNA DE MEO - Pmlu POTnìZA per illutrffi sione ta In onda ruesta Fte Rai jl prcgm 'Enigma" Augi6

minuri a dlm la ru mrbrsm flilla te% di Cnrmdo al.le 23.45 Sar; pieu di misteri. l'm putata Sr Érylera della rcrerta dl Lu@ giovme Cri€to. lausto mtentr. no Espemi di sl,oro detl axtf, e criper disuteF hci a @ntronll, delle nvel"azioni dryrtfle da Can€14, nella ru 16i di ìaw "*pprendo il Oodr@ d.1\,5rci dr Dm Brcm'. Can@lo ha reg'istmto 1'utervFta pffite al( mi m6i la e non w per moirc alìa trffi$one il drrFtta ìe propnr rÉbrie èBsi stto pr@src. C-sa si asetta? 'Noì) vorFì - tra cietto sono ore. srone - che 1& sla Dwtafa o ìE criti@ (n@.Ill i Diei sfosi e i niet studi Non àwò n@che la pGsibi Ltà ò ùJendem'. Il primo a er re s@ruó em prcpno tu P rer questo ha sÉf,di@úr la venta óon delle prove. "mn m lavoro dj ffivo da dentrc - @me lo definis, . UB lavoro di sptrulaaÍone su.lla (Se ho Dtes. di destrutlwione. gjone ha detto @nvinto de1ìe se - vorci alferl]wioni slo avere 1a possibilta di fù gu6to lavorc di ri@M. di guadagrrre ontinmdo a shrdire' . Un m deluo Er le cútíche. M mctie mntento rer I'uter{lffiento dr diveGi atetréi. _k lM t6ta perc e mche altrpve Mo, @n u @nbatto @.6.@ a Bologm. è pmpato dalìe spe see6mewDeN ,'Non ho temrc Fl lM a.lla ftùtua drÉ cbn irisÉ%rmFsmdamhrchesùIr.)J:trlJ]modrrodo Ddla dr arte Ho l'afnfto dà basrè. mi devo tutelare Sono gìi altri che mi di@to che ho fatto qrìalw di iDportsete,. IIa m(N ùcbe di dipinsere. dl dae 6tro a,ù,a M mtivltà uNoD sno @i@te di eello che ho fatto - @ntinu on uúiìtà,. Con passione e @nviMione inizia

ll dipinto di Leonardo è Luca Caricato, slasera a Enigma a DoÌaJei della ru smerta Ct iltuÈhra il mi^sterc. Il îuÌî; è iMiato @n la t6i di ìama. Un ìravot! la1to @D nsore scient|fi@ e slono 'S.DpreDdo gîa.to dt htolo rl cc dl@ da Vulcr dr Dm Browì d! rclls il 21 ìuE1io 2006. laìl:Mtc si iì lattere pN I'Unive6ita de gh shrdi delÎa BGiliÉta. doIF u si pdla dj ìrù. ruo GEe awiNoòsggaomoa Pùigi @n Ia bor di Srudro Erawu. il trentureme ÌE potuto de cifre da vicino I quadri dì l@ naxdo da \|Eci. u .rtista che 10 ha smpre aflffiimto fin da banbilo 6me tr€Miato e pittore. Sodo gli ercri apt:)@nh Delle tF te del pfttore cbe'liruo lllEjtato la cuicità di Cari€to e la vostia dr scoprire la verita. Um verità mffita. Sono ercri apprelti che nvelano. inve. i wgni dell.a pe rcr% di immag'id Fiptate wndo rDo qlerfi@ 6li€ ln ogrerto ']n il drpinto Versine delle ììi*'

sotto pÌ GsF pe| vennotr![ue ùnr per' IP sue @nttaddootu eu.lnn. h Si era semp|e chiest! il Ìnotivc dr quel difetti. L'opera lu corresiomta dalla CanftatertÍl4 in .esione della festività dell i@olàla Co!€àone. e fu vir@làta da u @ntratlp rig'ido ir cui i púori js poDevmo non solo lc diDffionì. ro mche il egFtto e la @mDos aione della te.la-gLi eleúEqh DjveKi ili quafi Ca. n@tó si è soffe@to ul ;n2liz2t. re. Nel libro ò Bnm si ipoti% che stlo ìa ruo deìla Madór:m ci dwwa 6wre um tsta invisibile Per Cari@to è la testa deì Battista cha e.Dt a perfetlÀneúte Delìo sazio che si iAterpone tra la moatigho della VergEe e il dorc della modeu'rcre1o Uriel. Altra eorElia del pmeelLa neggio g'ialo- del tútto diwioni@. pcto rcilo il ventl€ dr L{aria. E ben visibile w demone s ìm@nchig'lia. E Amcd@alto due Da,Ì,

m. protetlore dei t€soú ]@sti sù-IIa tera. ln alcue chi€e- ome guella dl Remes Ìes Chated. è ritlatk, Ìnentre regR jl peso dellc eSìn-boler:ha il hrìoÀfc, $rmtiere. deì henc sl ma-ìe. mentre D Ié rurdo è il @Dtfùio È Ia rappre senlazione dell cresú wientine srìl doÉ@ @ttoli@. P€reprelmig@hEF$spe clffie I opera e I ba swàppGta a,llongirule n@rdmd6 ò6e il e nio rcriveva da destra a sitristm. IÉ tar, por. ha pllw vita nel Ubro "Scibile iauisibilé prcrbrk) . D titÀ .Non é w lo cnplzb. pubbbwio - la dicbwaln ne rcl]merciale m u modo per djîendemi da un pìagro,. E si. sEbm che il ilo Lavorc gli sia stato sttratto. CGì Lu@ cÍ ha Édntato i Eisteri e qu6ta awenhe che s d'mcredibiìe. Slerimo che qu6ta t@ru non renga d€ifmta @n la p@laew cultua@luedt,it

ilQuolidisno

La Gornorra di Saviano ailo Stabile -nprltsìPO{ENZA mo appwtame.nto delìa Staciole t€tmle del Comme dt Po t€l@ è per do@i. Ia Comómia Mer€d@te Tbàtrc Stabile Napoli porta in ffi-m Gomorya dl Mryio Gelardi e RG berto Savimo. RÉsia dr Mtrio GelaÌdr. L'adattamento tea. na]e deÌ libro di Re berto Sa\@to. eìabc rato a q@ttro ì1@i con l4a-iio C€lardi che fl]ru mche ìa reFB - si @nfigua @me ù Dquetante È1@ dì s@tú ha lè molt€pb'ci sfrettatwe della crimiúlita orgui%ta na poìete e tutte le fle tettamlar mnifiatàori. Ia riscrittùa teatra]e del testo letberado. ilMata m@r prim che il ijbro dnv6se alle stampe. m pemesso ag[ aurcnft€vora€ilul più @pio @teria]e e quirrdi di elaboràre ur'arÉ]É mggrormFnle esles dl almni tr€rsoraggi del ro manze-reportage u opera che acbe slla wm mette c mggi(]wente a nudó le espHsioDj Diii effeEte deue afiiùtà prcLlerate crjminose a Napou e a.llargatesj a ]r:]ffilui d'oìo su] teryitorio wioule ed Dt€ruiolale. cultra@luedi.it

Bacalov aMatera con I'Ico


Profile for antonello amati

Press Luca Caricato  

Press Luca Caricato

Press Luca Caricato  

Press Luca Caricato

Profile for matilab
Advertisement