Issuu on Google+

EUROPEAN ON-LINE MAGAZINE - Dicembre 2012

Transport Web Snc - www.bustocoach.com

Bus To Coach SETRA

COMFORT CLASS 500 SCANIA IN BRASILE - SOLARIS PER TUTTI - MERCEDES A VARSAVIA - ALEXANDER PER HONG KONG - FIAA DI MADRID - AUTOCAR EXPO DI BORDEAUX


RIVISTA ON-LINE abbinata a www.bustocoach.com - Dicembre 2012 BusToCoach

European on-line magazine Direttore responsabile

Marino Ginanneschi

marino.ginanneschi@bustocoach.com

Redazione e rapporti internazionali

Elena Prearo

FILO DIRETTO

SCANIA Su telaio svedese un centinaio di filobus da 15 metri per São Paulo do Brasil.

SOLARIS Articolato, a metano o aeroportuale, l’Urbino piace dalla Bulgaria alla Spagna.

elena.prearo@bustocoach.com

MERCEDES Con 60 Conecto da 18 metri la Casa tedesca torna a brillare anche a Varsavia.

Foto e video

Marco Degano

marco.degano@bustocoach.com

Amministrazione

Transport Web di Marco Degano & C Snc I 20149 Milano Via Silva 33

E-mail: bustocoach@bustocoach.com Internet: www.bustocoach.com Registrazione Tribunale di Milano n. 140 del 16/03/2012

MANIFESTAZIONI IN EUROPA

ALEXANDER Ordini per quasi 1.000 autobus, oltre la metà dei quali andranno a Hong Kong.

IN PRIMO PIANO

***

BusToCoach® Magazine è inviato mensilmente via mail a 12.000 operatori europei del trasporto passeggeri in autobus. Se vuoi iscriverti alla nostra mailing list comunicalo a: bustocoach@bustocoach.com

FIAA DI MADRID In primo piano i carrozzieri iberici.

AUTOCAR EXPO Gli autobus da turismo in mostra a Bordeaux.

SETRA Tutti i pregi della nuova ComfortClass 500.


BusToCoach on-line Magazine - Dicembre 2012

Moduli Scania per il Brasile

Ordini e consegne per Solaris Bus&Coach

Sotto il VESTITO

Per tutti i Gusti

Saranno prodotti da Scania i moduli telaistici di 101 filobus commissionati a São Paulo (Brasile). Veicoli a tre assi per 15 metri di lunghezza

filobus per São Paulo, meAltri galopoli brasiliana servita da una flotta di ben 17 mila autobus. L’interesse per i mezzi filoviari, che attualmente ammontano a circa 400 unità, è in rapida crescita da quelle parti, così come la realizzazione di corsie riservate ai mezzi di trasporto pubblico. Soluzioni su cui puntano le autorità locali per rispondere alle severe norme antinquinamento adottate per combattere i cambiamenti climatici. L’ultimo ordine sul fronte filobus è stato piazzato dalla Ambiental Trans, uno dei numerosi concessionari di trasporto pubblico locale. La fornitura comprende 101 mezzi filoviari destinati a linee elettriche dedicate. Sono veicoli a 3 assi da 15 metri, provvisti di tre doppie porte e costruiti su moduli telaistici Scania. Un prototipo è stato recentemente

presentato alla Fetrans-Rio, fiera del trasporto pubblico di Rio De Janeiro (3-5 ottobre). Notevole la portata di questi filobus, in grado di alloggiare fino a 96 passeggeri seduti rispetto agli 80 di un convenzionale urbano a due assi. La trazione è affidata a un motore elettrico ad elevata potenza WEG che elimina la necessità del cambio. Il motore alimenta il veicolo mediante un albero di trasmissione sull’asse motore. Un pacco batterie di riserva, posizionato sotto la cupola sul tetto, garantisce la marcia autonoma nel raggio di 3-5 chilometri in caso di mancanza di corrente o di un cambio di direzione. La carrozzeria sarà realizzata da Caio Induscar, body builder brasiliano specializzato nelle carrozzerie per autobus urbani.

Richiesto in versione articolata, a metano e aeroportuale l’Urbino di Solaris. Due i 15 metri per l’iberica Air Rail. Ben 67 le unità ordinate in Bulgaria da Burgas

Bulgaria alla Spagna. E Dalla un po’ in tutte le salse. Così l’Urbino secondo le ultime richieste per-

venute a Solaris Bus&Coach. In terra bulgara, il produttore polacco si è aggiudicato una commessa per 67 autobus. Acquirente è Burgabus, compagnia di trasporti di Burgas, importante città bulgara adagiata sulle coste del Mar Nero. L’ordine, del valore di 15,5 milioni di euro, comprende 39 Urbino da 12 metri con motorizzazione a metano più altri 28 nella variante articolata da 18 metri provvista di motore diesel. Completi di tutti i comfort, i 67 autobus verranno consegnati entro la metà del prossimo anno. Tale commessa rafforza la posizione di Solaris Bus&Coach sul mercato bulgaro, dove il produttore di Bolechowo ha esordito nel 2010 con una trentina di filobus equipaggiati Škoda Electric e destinati alla capitale Sofia. In Spagna, Solaris Bus Iberica ha consegnato una coppia di Urbino U15 A alla società Air

Rail, fornitrice di macchine e attrezzature per aeroporti, porti e ferrovie. I due veicoli sono dei 15 metri a tre assi in versione aeroportuale. La particolarità di tale configurazione consiste nelle cinque grandi porte ad apertura verso l’esterno su entrambe le fiancate e nella portata di oltre 100 passeggeri con bagaglio al seguito. Gli U15 A (aeroporto) sono equipaggiati di motore DAF PR 183 EEV, cambio automatico Voith Diwa 5 e climatizzazione supplementare Sütrak per l’autista. Queste due unità faranno servizio per RyanAir presso l’aeroporto di Siviglia.


BusToCoach on-line Magazine - Dicembre 2012

Fornitura Mercedes-Benz in Polonia

Gradito RITORNO

Gli autobus col marchio Mercedes-Benz tornano sulle strade di Varsavia. Sono 67 Conecto G da 18 metri con motore EEV per la compagnia di trasporti MZA

marchio Mercedes-Benz riprende la via Il di Varsavia. La Capitale polacca è tornata ad acquistare autobus con la stella. Un segnale importante per la Casa di Stoccarda dopo alcune decadi di assenza dal principale centro scientifico, culturale, politico ed economico della Polonia. Nell’ambito del piano di rinnovo della flotta, la compagnia di trasporto Miejskie Zakłady Autobusowe Sp. z o.o. (MZA) ha assegnato a MercedesBenz la fornitura di 60 veicoli in versione articolata. La scelta è caduta sul Conecto G. Prodotto in Turchia nell’impianto di Hosdere, il Conecto G è un low floor da 18 metri con portata massima di 160 passeggeri e motore EEV senza filtro antiparticolato. Comfort e sicurezza, i requisiti richiesti dall’operatore polacco nell’equipaggiamento dei mezzi. La dotazione comprende quattro

porte di accesso, un potente impianto di climatizzazione e un sistema di informazione all’utenza con cinque monitor da 22 pollici più altri due da 38 per la visualizzazione del percorso di linea, dei punti di interscambio e delle fermate. A disposizione dei viaggiatori vi è inoltre il collegamento Wifi gratuito. Per potenziare la sicurezza dei passeggeri sono state installate otto telecamere interne più due all’esterno. Anche il conducente è tutelato grazie a una postazione isolata dal resto dell’abitacolo con accesso dedicato (sulla destra) e porta apribile solo dalla sua parte in modo da evitare intrusioni ed eventuali aggressioni. Le consegne dei primi veicoli sono cominciate a novembre e verranno concluse entro il 20 dicembre 2012.


BusToCoach on-line Magazine - Dicembre 2012

Buoni risultati per Alexander Dennis

Attorno ai MILLE

Il costruttore scozzese Alexander Dennis Ltd annuncia ordini per quasi mille autobus. Tra i principali clienti, i bus operator di Hong Kong

la crisi, Malgrado c’è chi festeggia. Alexander Dennis Ltd (ADL) è uno

di loro. Il produttore scozzese ha annunciato ordini per quasi 1.000 autobus. Risultato attribuito non solo all’exploit del mercato britannico, che nel corso del 2012 (gennaiosettembre) ha registrato un aumento del 55 per cento nelle immatricolazioni di bus oltre le 3,5 tonnellate. Ma anche, e soprattutto, all’export. Tra i principali clienti figurano, infatti, gli operatori del trasporto pubblico di Hong Kong. Dei quasi mille autobus commissionati ad Alexander Dennis

(del valore di 220 milioni di sterline), ben 640 sono i veicoli acquistati sulla piazza di Hong Kong. Modello più richiesto (532 pezzi) è il tre assi a due piani Enviro500. Destinato ai mercati di esportazione, questo modello di ultima generazione della gamma ADL è più leggero, efficiente nei consumi, facile da manutenere e può trasportare un massimo di 135 passeggeri. Altro gettonato esemplare è l’Enviro200, veicolo che continua ad essere un bestseller mondiale. Si tratta di un autobus in formato medio caratterizzato da una buona manovrabilità. Il portafoglio ordini è in questo caso di 175 unità, destinate sia al mercato britannico che ai bacini di esportazione con consegne programmate nell’arco dei prossimi sei mesi. Ammontano invece a 150 i mezzi commissionati in merito alla nuova serie ibrido-elettrica che ADL andrà ad introdurre nel Regno Unito. I veicoli saranno consegnati entro l’estate del 2013.


BusToCoach on-line Magazine - Dicembre 2012

Feria Internacional del Autobús y del Autocar City Versus

CASTROSUA - Tempus Hybrid

Stellae

The Show Mast go on

Torna a Madrid la Fiaa con nuovi modelli e aggiornamenti di gamma. Sempre vivace, nonostante la crisi, l’offerta dei carrozzieri iberici. Affiancati, anche quest’anno, dalle principali case europee. E dai cinesi

da un ARCHIVIATA paio di mesi la 65esima Iaa di Hannover, il testimo-

IRIZAR - i3

SUNSUNDEGUI - Sc7

NOGE - Touring-H

ne passa alla Feria Internacional del Autobús y del Autocar (Fiaa) andata in scena a Madrid lo scorso ottobre. Rassegna che celebra il 20esimo anniversario in un clima non certo facile per l’industria nazionale. Qui la crisi morde più che in altri Paesi, di veicoli se ne vendono sempre meno e nei primi nove mesi dell’anno le immatricolazioni di bus oltre le 3,5 tonnellate sono crollate del 37 per cento (dati Acea, l’associazione europea dei produttori automobilistici). Nonostante la pesante congiuntura, il mercato autobus spagnolo resta un settore dinamico, sia dal punto di vista dell’offerta sia della domanda, rappresentata quest’ultima da 3.663 aziende di mobilità, 59.900 veicoli circolanti e 3,6 miliardi di euro di fatturato annuo. Dal canto loro, i produttori tengono duro e cercano di fronteggiare la crisi puntano sulla diversificazione del prodotto e dei mercati. In 181 sono intervenuti alla Fiaa tra costruttori di veicoli, fornitori di componenti e servizi, oltre alle aziende di trasporto locali. Sempre due i padiglioni per un totale di 38.400 metri

quadrati di superficie espositiva. Qualche defezione, per la verità, c’è stata, sia in termini di visitatori che di espositori. Questi ultimi nel 2010 erano 200 e dei grandi gruppi europei non si sono visti Scania, Volvo e Temsa (presenti nella precedente edizione) mentre fra i carrozzieri nostrani sono rimasti a casa Hispano, Staco e Farebus. Prima apparizione, invece, a Madrid per i cinesi di Foton e King Long, all’attacco del mercato iberico ed europeo con i loro autobus low cost. La passerella non ha lesinato prime visioni. Per i grandi marchi si è trattato più che altro di un bis dopo la Iaa di Hannover dello scorso settembre. E così nel parterre del Gruppo Daimler riflettori puntati sull’ultima edizione del Mercedes Citaro aggiornato all’Euro VI e sui turistici della neonata serie ComfortClass 500 di Setra. Altra primizia per il mercato iberico, i telai con motori Euro VI di fabbricazione spagnola qui rappresentati da uno chassis della serie MB OC500RF da 13,5 metri con Esp, Abs, Asr, Ebs, Enr. Tra le altre proposte griffate Mercedes, l’urbanino Sprinter City 77 (8,7 metri, due porte doppie, 10 sedili più area carrozzella), l’interurbano Intouro nella taglia da 12,98 metri, il Tourismo 16 RHD-2


BEULAS - Jewel

CAR-BUS - Spica Urban

UNVI - Cimo T

AYATS - Atlas 2

FERQUI - Coco

Urbis Open Top

Wing

Wing City

INDCAR - Mago2

da 12,96 metri e un superaccessoriato Travego 17 RHD completo di toilette, frigo, cucina e tutti i dispositivi di sicurezza immaginabili. Parcheggiati in zona Setra, oltre ai nuovi S 515 HD da 12,3 metri ed S 517 HD da 13,93, entrambi equipaggiati di motore Euro VI e cambio Mercedes-Benz 250-8 PowerShift, il due piani 431 DT da 13,89 metri con soffitto vetrato e l’S 415 UL della serie MultiClass da 12,2 metri, con motore Euro VI. Parata al completo per la gamma Irisbus Iveco. Per la categoria ‘urbani’, oltre all’ormai noto Citelis Hybrid equipaggiato di motore diesel Tector E 6/EEV da 300 cavalli e motore elettrico da 175 kW, si è visto il Crealis Neo da 18 metri con motorizzazione diesel EEV da 380 cavalli e cambio automatico ZF 6HP604C. A rappresentare gli interurbani, il collaudato Crossway nella taglia da 10,6 metri mentre per il segmento dei turistici ha sfoggiato il suo bel design il Magelys Pro da 12,8 metri con motore Cursor 10 Euro V da 450 cavalli e cambio automatizzato ZF AsTronic. Non sono mancati i ‘piccoli’ con vari allestimenti su telaio Iveco Daily: dal Sunset X da 7,8 metri al Sunrise da 8,5, entrambi carrozzati dalla spagnola Ferqui, al Wing di Indcar in taglia 7,72 metri fino al Compa di Unvi con lunghezza da 7,8 metri. Tutti con motore F1C EEV da 170 cavalli e cambio manuale ZF. A chiudere la corteo Irisbus, un telaio Eurorider a tre assi da 15 metri. Tris di modelli nello stand Man Truck&Bus. Per il marchio Man, il Lion’s Coach nella classica taglia da 12 metri (motore Man D2676 LOH 26 EEV da 440 cavalli con tecnologia Man Pure Diesel via EGR) equipaggiato di elevatore Hübner montato nella bagagliera e quattro sedili estraibili per fare spazio alla carrozzella. Accanto, il Lion’s Regio L nella variante da 13,9 metri spinta dal Man D2066 LUH 48 EEV da 360 cavalli. A disposizione dei visitatori per una prova nell’area esterna, anche il Lion’s City Hybrid. Targato Neoplan, il lussuoso Skyliner a due piani da 14 metri con portata di 77 posti pas-

seggero più due di servizio. Oltre ai veicoli, Man ha presentato una nuova concezione di telaio modulare composto da cinque moduli principali. Solaris ha messo in primo piano il nuovo Urbino Ü, intercity low entry a due porte nella versione da 12 metri motorizzata Man con cambio Voith Diwa e rampa per carrozzelle sulla porta centrale. In evidenza anche l’Interurbino ristilizzato nella variante da 12,8 metri con 51 sedili e motorizzazione Daf PR65 abbinata al cambio ZF 6AP 1700B, modello proposto per il trasporto regionale. Carrellata di veicoli nello spazio di Otokar con modelli per tutti gli impieghi. Dal corto Centro C in classe I (neanche 6 metri di lunghezza, 11 sedili più posto carrozzella corredato di strapuntini e cambio robotizzato), al Vectio nelle varianti C da 9,2 metri per la città, U in classe III da 35+1+1 posti e T da 10 metri con toilette e bagagliera da 5,5 metri cubi. In pista anche il Navigo T da 7,1 metri con motore Cummins più cambio Eaton e l’interurbano Territo U da 10 metri con pedana infragradino Braun UVL. Sotto l’insegna di VDL Bus&Coach, un Futura FHD2 139/460 da 13,95 metri, 61 sedili Vogel, motore Daf MX 340 da 460 cavalli e cambio ZF As Tronic 12 AS 2301 BO. E il telaio SB 4000 MX con motore Daf da 410 cavalli per impieghi coach/intercity. Diverse le anteprime dei produttori battenti bandiera iberica. A cominciare dal numero uno del mercato spagnolo, Irizar. Che alla Fiaa ha presentato, oltre alla nuova immagine del marchio, l’i3 Low Entry, primo veicolo offerto da Irizar sul mercato iberico con la possibilità dell’omologazione in classe I. Due le opzioni in pedana, entrambe su telaio Volvo B7R E5 LE: un 12 metri in classe I allestito con 41 sedili Kiel Idea e rampa manuale Masats e un 12,5 metri in classe II nella configurazione da 45+1+1 posti. Nei 2 mila metri quadri di stand hanno poi sfilato l’i4 in classe II da 12,92 metri su telaio Mercedes OC500RF hLA 1836 E5, una coppia di turistici i6 su Volvo e Mercedes con lunghezze da 12,2 e 12,92 metri e due esemplari della gamma PB nelle taglie da 12,2 e 15 metri su telaio Man e Scania con un ricco allestimento che comprende, tra le altre dotazioni, il sistema di intrattenimento personalizzato di bordo


INTEGRALIA - Avalon LC

IRISBUS IVECO - Citelis Hybrid

NEOPLAN - Skyliner

MERCEDES - Intouro M

Funtoro con video a scomparsa da 7 pollici. Anche Sunsundegui ha messo in vetrina una primizia: l’Sc7. Turistico che coniuga design e innovazione e si caratterizza per un parabrezza panoramico che offre 30 centimetri in più di visibilità. Carrozzate su telai Man, Mercedes e Volvo le quattro versioni esposte con lunghezze comprese fra i 12,3 e RAMPINI - ALé i 15 metri. Per il trasporto urbano, è tornato in campo l’Astral nella versione snodata da 18,75 metri con 55 sedili Esteban, doppia postazione carrozzella, sistema di videosorveglianza, contapersone sulle porte e indicatori di percorso Aesys. In prima visione per Castrosua, l’ibrido Tempus sviluppato in collaborazione con Repsol. Un ibrido-serie provvisto di due motori elettrici di trazione Siemens da 67 kW, motore termico PSI da 100 kW a Gpl e quattro invertitori di potenza. Le bombole del gas sono montate sul IRISBUS IVECO - Crealis tetto. Lungo 11,3 metri, offre due accessi con porte a doppia anta e alloggia 22 passeggeri seduti più 57 in piedi e carrozzella. Questa soluzione si affianca all’alternativa ibrida con propulsore a metano già vista nella passata edizione della Fiaa. Per la città anche il City Versus con motorizzazione a metano Man A-22 Cng e diesel su telaio Scania N 280 UB. Ai servizi interurbani è invece dedicato il Magnus.E proposto su meccanica Iveco Eurorider e Scania. Infine lo Stellae, un granturismo lungo 12,8 metri e alto 3,61 completo di fari Xenon e sistema audio-video Actia Dual Zone con monitor da 15 e 19 pollici. Innovazioni di prodotto anche sotto l’inseMAN - Regio L gna di Indcar, che per il 2013 ha in serbo un nuovo veicolo sviluppato con la francese Vehixel e destinato al mercato francese e italiano (il debutto all’Autocar Expo 2012 di Bordeaux). Intanto il piccolo Wing, miglior minibus dell’anno in Spagna nel 2012, si concede un bel lifting e aggiorna le linee esterne così come l’area passeggeri che guadagna in luminosità e spazio. Un assaggio con due versioni per la città e i servizi occasionali su telaio Iveco 70C17FR/P con motore EEV da

SETRA - S515 HD

170 cavalli. Cambia stile anche il Mago2 che diventa più bello fuori e confortevole dentro. Sotto i riflettori un esemplare motorizzato Iveco con 28 sedili reclinabili Esteban Sega Relax. Derivato invece dal Renault Master il microbus City M da 6,2 metri con accesso a doppia anta e porta autista, motore da 150 cavalli, 9 posti Vogel Pino e box carrozzella. Beulas punta sul rilancio di alcuni dei suoi modelli di punta. Il turistico Aura cambia faccia (e pure il retro) e si presenta nella versione da 12,72 metri su telaio Mercedes in configurazione 54+1+1 così come su meccanica Iveco con lunghezza da 15 metri e portata di 70 passeggeri. Rivisitato nella parte posteriore anche il Jewel a due piani, qui su telaio Man nella taglia da 14,6 metri per un totale di 93 posti passeggero. In mostra anche il midi Spica da 9 metri su Man e il tre assi Glory con lunghezza da 13,9 e 14,6 metri. I turistici Touring e Titanium tornano alla carica nella vetrina di Noge. Prima uscita per il Touring H da 9 metri e mezzo con motore anteriore Man. Dedicato invece al trasporto alunni il Touring H su telaio Iveco con porta posteriore arretrata mentre la variante HD fa capolino nella taglia da 13 metri su telaio Iveco Eurorider. Infine un Titanium carrozzato su Man 18.440. Ayats si è presentato con il Bravoir, edizione francese dell’inconfondibile Bravo 1 a due piani. Lungo 13,95 metri, monta motore Man EEV da 480 cavalli ed è equipaggiato del dispositivo ‘drive assistant’. Stessa taglia e telaio per l’Atlas 2 da 51 posti. Debutta con il marchio Unvi il Cimo T su meccanica Man N49 con motore da 250 cavalli. Un medio al limite dei 9,5 metri con design rinnovato e versatilità di impiego: dai servizi turistici, al trasporto disabili, alla formula Vip. Oltre al Compa T, esibito in varie salse su telaio Iveco, Mercedes e Man, Unvi ha riproposto l’open top a due piani Urbis 2,5 DD con lunghezza da 12 metri, 77 sedili e rampa sulla porta centrale. La motorizzazione è Volvo da 260 cavalli. Disponibile in altre due taglie (10,8 e 13 metri), l’Urbis è offerto anche con propulsione ibrida diesel-elettrica. Nella gamma dei minibus carrozzati Integralia fa il suo esordio l’Avalon LC, prodotto basico pensato per una clientela attenta al portafoglio. È un microbus da 22 posti passeggero


OTOKAR - Territo U

SOLARIS - Urbino U

KING LONG - 6129Y

VDL - Futura FHD2

SOLARIS - Interurbino 12.8

FOTON - Hybrid

carrozzato sul Volkswagen Crafter 50 con motore da 163 cavalli. Volendo c’è la versione da 19 posti attrezzata di sollevatore posteriore a due bracci per l’imbarco di massimo quattro carrozzelle. Riservato invece ai servizi VIP, l’Astoria XL Sheratan su Mercedes Sprinter 519 da 7,3 metri con vetrate panoramiche oscurate, poltroncine reclinabili in pelle, tavolino dai bordi illuminati tra i due bi-posto anteriori, due monitor a scomparsa da

10 pollici, bluetooth. Specializzato nel segmento di mini e midibus, Ferqui ha offerto un’ampia panoramica della sua produzione. Dal Sunset da 19 e 22 posti su Mercedes Sprinter o Iveco Daily, al Sunrise fino a 28 posti con elevatore sulla porta di emergenza, al Salero monoporta per il trasporto alunni su Mercedes Vario in configurazione 34+1+1 fino al Coco, trasformazione del furgone Volkswagen Crafter allestito con 19 sedili reclinabili e sollevatore posteriore. Autobus in formato ridotto anche per CarBus con lo Spica Urban a due porte ricavato dal Mercedes Sprinter 516 con cambio automatico (10 posti a sedere più 12 in piedi e carrozzella) e la variante su base Sprinter 519 CDI da 19 posti più autista. Stessa taglia (7,5 metri) e meccanica per il Corvi Long con porta singola e 22 sedili. A trazione elettrica il corto Alè prodotto in Italia da Rampini e importato da Joule Power, società specializzata nei veicoli industriali a batteria. Il piccolo urbano, una lunga storia sul mercato italiano cominciata con l’ex Autodromo e poi ripresa con Rampini, misura 7.720 millimetri in lunghezza per 2.200 in larghezza e garantisce un’ottima manovrabilità nei centri storici. Si può scegliere tra la versione elettrica equipaggiata di motore Siemens da 85/150 kW, monoinverter IGBT, batterie al litio ferrite da 180 kWh e la variante ibrida con motore elettrico di trazione e celle a combustibile Hydrogenics da 16 kW più bombole per l’idrogeno Dynatech. Oppure

optare per la versione diesel con motore sovralimentato a iniezione diretta Man Common Rail con filtro PM-Kat e cambio ZF a cinque marce con retarder integrato. I primi due alloggiano fino a 44 passeggeri mentre l’ultimo arriva a 50. Sulla trazione alternativa ha puntato pure Foton Europa Motor, divisione europea della casa madre cinese dedita alla produzione di veicoli commerciali, camion e autobus. Costituita in Spagna nel 2011 con l’obiettivo di produrre veicoli elettrici per il mercato europeo, Foton Europa Motor ha presentato l’ibrido parallelo BJ6123 equipaggiato di motore diesel Cummins ISB 6.7 E5225B (Euro 5), propulsore elettrico Eaton Hybrid da 44 kW e batterie agli ioni di litio da 38 KW/h. È un low floor da 12 metri (95 passeggeri totali) su assali ZF e con sospensioni pneumatiche Wabco Ecas. Il consumo dichiarato dal produttore è di 40 litri ogni 100 chilometri. Lo stesso modello è disponibile anche come ibrido-serie ed elettrico puro. Altro produttore della Repubblica Popolare Cinese (tra i più grandi del comparto autobus in Cina), King Long, si è fatto avanti con quattro veicoli sviluppati specificatamente per il mercato europeo. Presentati da King Long Spain, importatore e distributore esclusivo del marchio cinese in Spagna, sono tre modelli per il turismo e uno per i servizi interurbani. Tra i primi, l’Xmq 6900 Y, un 9 metri da 35 posti più autista e accompagnatore con motore Cummins da 6,7 litri e 285 cavalli (Euro 5), cambio manuale Zf a sei marce, selleria Fainsa, l’Xmq 6996Y da 10 metri, 39 passeggeri, stesso motore ma con maggiore potenza (300 cavalli) e l’Xmq 6129Y da 12 metri per le lunghe distanze con motore da 400 o 440 cavalli e cambio ZF As Tronic a 12 rapporti, Ebs+Esp, sistema can-bus di Vdo, monitor a scomparsa, impianto antincendio nel vano motore con apposito allarme. L’interurbano è l’Xmq 6120C (omologabile anche in classe III) nella taglia da 12,2 metri con 55 sedili Fainsa Stel ed eventuale sollevatore a scomparsa infragradino. Sempre Cummins Euro 5 la motorizzazione ma nella classe di potenza dei 340 cavalli. A scelta tra Voith o Zf, il cambio. E con la Fiaa 2012 si chiude qui. Appuntamento con la 12esima edizione nell’autunno 2014.


BusToCoach on-line Magazine - Dicembre 2012

HERVOUET / KAPENA - Thesi

questa terza edizione di Autocar PER Expo, gli organizzatori e i primi 10 produttori di pullman e autobus del

mercato francese avevano deciso, dopo Nizza nel 2010, di andare a Bordeaux, regione conosciuta per i suoi vigneti e l’ottimo vino. Nizza, anche se molto turistica, non era più gradita agli organizzatori perché ha fatto di tutto per mandare via i bus turistici e il centro espositivo era troppo piccolo. Di spazio ce n’è, invece, molto nel quartiere fieristico di Bordeaux e questa è stata la prima cosa notata dai visitatori. Il problema di quest’anno è che nella stessa settimana si è svolto anche un salone importante per il turismo a Parigi. Così King Long, BMC, Integralia e Sunsundegui hanno deciso di partecipare a questo evento e saltare Bordeaux. Ovviamente, i visitatori non si sono recati a entrambi gli eventi e questo lo si è potuto constatare. Tuttavia, l’Autocar Expo di Bordeaux si è dimostrato un vero salone dell’autobus e non sono mancate le novità. Indcar-VehiXel - La prima grande novità attesa dai visitatori è stato l’annuncio di un’alleanza - tecnica e industriale - tra la spagnola Indcar e la francese VehiXel. Il primo commercializza in Spagna minibus urbani, il secondo (VehiXel) comincia a vendere in Francia i minibus Wing e Mago. Ma non è tutto: a Bordeaux hanno presentato il loro futuro minibus per la scuola che si chiama Mobi. Con una capacità di 34 posti a sedere, misura 8,44 metri in lunghezza (4,75 metri il passo) ed è realizzato su base Iveco Daily. Previsto per il 2013 in tre versioni: il trasporto scolastico, la linea e il servizio misto (così come le versioni

VEHIXEL / INDCAR - Mobi

Autocar Expo 2012

Bordeaux è anche GT

Dal 17 al 20 ottobre, il parco esposizioni di Bordeaux ha ospitato più di 80 espositori, di cui oltre una decina produttori di pullman da turismo e autobus di linea

Low Entry ed elettriche). Kapena - Se si è in precedenza parlato dell’alleanza Indcar-VehiXel è perché il Wing e il Mago di Indcar sono stati finora importati da Ouest Industrie Autocars, filiale del Gruppo Hervouet, che importa anche la marca cinese King Long. D’ora in poi Hervouet commercializzerà due modelli su base Iveco Daily: il Thesi, uno per il servizio misto e l’altro per il trasporto alunni. Sono carrozzati da Kapena, che è anche distributore del marchio Irisbus Iveco in Polonia. La versione scuolabus del Thesi è disponibile con 33 posti a sedere, mentre la versione per i servizi misti è da 28 posti.

Scania con Irizar - Scania da anni collabora in Francia con il produttore spagnolo e commercializza i modelli New Century, PB, i6 e i4 su telaio svedese. Dal 2010, Irizar ha però iniziato a vendere anche i suoi veicoli autoportanti. Lo svedese e lo spagnolo sono dunque diventati concorrenti. Ma al salone di Bordeaux, c’è stata finalmente la riconciliazione. La prova: nello stand Scania, c’era Irizar ovunque: un PB per la società Publitour (12,2 metri, 51 posti a sedere + 1 + 1) e un i6 su base Scania K 400 EB a due assi per 13 metri di lunghezza. Questo pullman da 55 o 57 posti a sedere è dotato del nuovo cambio

FAST - Scoler

Opticruise, di due schermi video per telecamera posteriore (per la versione da 55 posti), della retrocamera (sulla versione da 57 posti) e anche della predisposizione per il sollevatore carrozzelle con una terza porta. Ciò non significa che Irizar abbia abbandonato la propria strategia commerciale che nel 2011 ha prodotto una crescita del fatturato sulle esportazioni di oltre 500 milioni di euro rispetto al 2010. Sono stati quindi esposti anche un i6 e i4 su telaio autoportante la cui commercializzazione e servizio post-vendita verranno seguiti dalla piccola equipe di Irizar Autocars in Francia con sede a Tours. Fast Concept Car - In Francia Fast è sinonimo di Starter e Scoler, interurbani e scuolabus molto popolari. Nello stand sono stati presentati tre veicoli: lo Starter LE da 12,8 metri di lunghezza per 55 posti posti a sedere oltre all’autista e 25 posti in piedi, lo Scoler ribattezzato Kid con un nuovo allestimento e 57+1 posti e lo Starter S da 13,04 metri con 63+1 posti. Si deve a Fast anche un sistema di sollevamento originale per carrozzelle posizionato vicino alla porta centrale e accessibile dal marciapiede. La persona sale e scende direttamente, e in più, non vi è alcuna perdita di posti nell’abitacolo. Fast ha infatti costruito sedili che si ripiegano e con il sistema ‘UFR Lift Entry’ non c’è dunque più bisogno della piattaforma. Il produttore della Vandea importa anche alcuni dei modelli di Otokar (presente anche in prima persona). A Bordeaux ha esposto gli interurbani Navigo e Vectio SH e il Vectio Low Entry (con cinture). Dietrich Carebus - È uno dei più grandi importatori francesi, e dunque occupava uno


SCANIA / IRIZAR - PB

NEOPLAN - Jetliner

dei più grossi stand dell’Autocar Expo. Il Gruppo Dietrich Carebus di Ingwiller (Alsazia) importa i marchi Temsa, Yutong e minibus per la città e il turismo fabbricati secondo le proprie esigenze. L’Ingwi 33 su base Iveco Daily è dotato di un motore da 2.9 litri e 4 cilindri in grado di sviluppare 170 cv, ha una capacità di 31 posti a sedere più accompagnatore e autista. I vantaggi: un posto di guida con una grande finestra, bagagliere fino a 3 m3 e porta di emergenza posteriore con un preDIETRICH CAREBUS / TEMSA equipaggiamento per la rampa carrozzelle. Tre gli autobus Yutong esposti, il promiscuo bile in due lunghezze, un 12,29 metri (Jetliner 6119 (10,8 m di lunghezza) e grande novità, il PA26) e un 13,05 (Jetliner PA27), entrambi 6129 (12 metri). C’era poi l’interurbano 6121 con altezza totale di 3,40 metri. L’altezza del da 12,2 metri. Questi modelli sono equipag- pianale di 1,07 metri costituisce la base per giati di motori Cummins, di cambio ZF (sul sfruttare il veicolo in un duplice impiego, linea 6121 c’è l’automatico Ecolife), del Webasto ed escursioni. Questo Neoplan offre una flessiper il riscaldamento supplementare e del ral- bilità totale nella scelta della selleria, con una lentatore elettromagnetico Telma. vasta gamma dei tessuti di alta qualità (anche In termini di innovazioni sulla gamma Temsa, in pelle) e un completo pacchetto di sistemi di si segnalano le nuove versioni di sedili per sicurezza previsto di serie. l’MD9 (turismo, intercity e Low Entry) e Altra attrazione dello stand è il nuovo Man il Safari (HD, RD e RD DD): i clienti pos- Lion’s Coach ‘EfficientLine’ da 12 metri. sono optare per i sedili Sporting e Sporting Questo Lion’s è il primo autobus da turismo Black o, ancora per i Cambridge o Cambrid- del costruttore tedesco a disporre di una piatge Brown, oltre a tre altre versioni battezza- taforma elevatrice per disabili. Ma non solo, te Classic Black, Urban Grey o Red Bubble perché il termine ‘Efficient’ significa anche proposte in opzione. ‘tutela dell’ambiente e redditività per i clienMan/Neoplan - MAN Truck & Bus era pre- ti’. Eco-responsabile, il Man Lion’s Coach sente all’Autocar Expo con i suoi due marchi EfficientLine rivendica una riduzione di dei Man e Neoplan. È da quest’ultimo che i visita- consumi di 4 litri ogni 100 km e dunque un tori hanno potuto ammirare il Jetliner disponi- risparmio di 4 mila litri all’anno. È dotato di

IRISBUS IVECO 12,20 e 12,80 metri e che, con il passaggio all’Euro VI, potrebbe servire come base per una nuova futura gamma, un po’ come è avvenuto in passato per l’Iliade (ex-FR1). Autocar Expo è stata l’occasione per presentare un Magelys Pro in edizione ‘lusso’ da 44 posti con due tavoli da gioco, prese da 220 V e Wifi. Equipaggiato per le linee internazionali anche il Magelys Pro CHNS per la IDBus della SNCF esposto all’esterno, completo di sedili reclinabili, prese per cellulari e computer. MERCEDES - Sprinter Travel 60 Da sottolineare la presa di posicambio robotizzato Man TipMatic, pneuma- zione di Pierre Lahutte, vice presidente ‘Bus tici con bassa resistenza al rotolamento ed range’ di Iveco Irisbus, secondo il quale è importante «progettare, ma anche produrre in equipaggiamenti aerodinamici. Iveco Irisbus - Lo stand Irisbus Iveco ha mes- Francia». Perché è un dato di fatto che Iveco so in mostra l’intera gamma, dall’interurbano non vuole restare con le braccia incrociate di al turismo e, novità, il pullman ad elevato livel- fronte a tanti marchi importati in Francia che lo di servizio CHNS (Car à haut niveau de ser- «non giocano con noi ad armi pari». vice). Questo CHNS andrà a servire le nuove Van Hool - Un esempio di come salire e linee internazionali che sono state finalmente scendere da un autobus da turismo senza biliberalizzate in Francia. Tre le società attual- sogno un sollevatore per carrozzelle, lo si è visto con il Van Hool TDX21 Altano, macmente in competizione con Eurolines. Il Crossway è stato esposto in versione Low china granturismo rialzata, provvisto di una Entry nella lunghezza da 10,80 e 12 metri ma piccola rampa da collocare manualmente sulla anche a pavimento rialzato da 12,80 metri in porta a doppia anta situata nella parte anterioversione di ‘High value’, cioè con climatiz- re. Dietro all’autista, ci sono cinque sedili di zazione, riscaldamento via convettori e piat- cui uno per l’accompagnatore. È sufficiente taforma per carrozzelle. Tale allestimento è rimuovere un sedile passeggero (o dell’acora disponibile per tutti e pertanto incluso nel compagnatore) e la carrozzella può facilmente salire a bordo. Lo stand ha ospitato anche catalogo. Il modello di punta di Iveco Irisbus resta diversi modelli della nuova gamma TX. il Magelys Pro, disponibile nella taglia da VDL Bus & Coach - Accanto al Futura Clas-


VOLVO - 9500

VDL BUS & COACH

sic, che fa la sua riverenza all’Euro VI, VDL Bus & Coach ha presentato il suo ‘Nuovo’ Futura FHD2139 da 50 posti + 1 + 1. Tuttavia, il Futura Classic, che rappresenta una buona metà delle vendite, è stato presentato con una piattaforma per persone con mobilità ridotta, e come si dice alla VDL, “sa ancora rendere felici le persone”. L’attrazione dello stand è stato il due piani Synergy da 14 metri. Con quasi 80 posti, questo tre assi offre un volume delle bagagliere di 7,3 m3 ed è equipaggiato di motore Daf MX 375 U1 da 510 cv. OTOKAR - Territo U Mercedes/Setra - Mercedes ha riservato molto ai visitatori. Se si comincia dal più piccolo, lo Sprinter Mercedes, è carrozzella, il che fa guadagnare due posti. stata una prima visione in Francia il Travel 65. Sul fronte Euro VI, Mercedes ha un vantaggio Dedicato al trasporto VIP, il 65 ha la partico- rispetto ai suoi concorrenti in quanto ha prelarità di avere non solo un interno mozzafiato sentato il nuovo granturismo Travego Edition (15 + 1 posti a sedere, pareti laterali rivestite 1 da 49 + 1 + 1 posti. Nell’adiacente stand di tessuto, cappelliere con bocchette di venti- Setra, il nuovo ComfortClass della serie 500 lazione, luci di lettura e altoparlanti, climatiz- visto alla fiera di Hannover. zatore ...) ma anche un grande baule posteriore Otokar Europa - Dopo il Salone europeo di 2 m3. Altro vantaggio: è accessibile da un della mobilità a Parigi nel mese di giugno, grande sportello. Otokar Europa partecipa per la prima volta L’Intouro, di gran lunga il più venduto in Fran- in Francia a una fiera dell’autobus. La ‘vecia per il marchio Mercedes (oltre 600 unità dette’ del suo stand è stata il Territo U, un nel 2011), è dedicato al trasporto interurbano autobus interurbano. Proposto in tre allestie scolastico. È disponibile in nuove lunghezze: menti (Confort, Eco e Luxe), è un 12,08 metri 12,64 e 13,32 metri, oltre a 12,14. Il 12,64 me- da 63 posti. «È ciò che attualmente cercano tri offre 59 posti + 1 e il 13,32 di posti ne offre i trasportatori francesi in termini di capacità 63+ 1. Nella versione Optimum, sul 12,14 me- per un 12 metri e noi crediamo che la risposta tri, vi è la possibilità di installare quattro sedili del mercato sarà eccellente», dicono da Otopieghevoli nella postazione carrozzella per una kar Europa. Equipaggiato di sedili rivestiti in capacità massima di 51 + 4 + 1 posti senza tessuto rosso con maniglie lato corridoio, il

VAN HOOL - TDX21 Altano

ISUZU - Novo Territo U dispone di sospensioni a ruote indipendenti davanti, ampie finestre e bagagliere da 4,5 m3. È alimentato dal Man 6 cilindri in linea D0836 LOH 64 da 290 cv. Ma il catalogo del produttore non si limita a questo modello: Otokar Europa commercializza d’ora in avanti il Vectio T (10 metri) e il Navigo T (7,72 o 8,39 metri) per il turismo, il Centro C (5,89 metri), Vectio C (9,16 metri), Kent C (solo 12 metri con il Territo), così come il Navigo C (7,72 metri), per un totale di quattro modelli per la città. Volvo - Veicoli da turismo innanzitutto. Il 9500 mantiene tutti i vantaggi della serie 9000, accoglie i suoi passeggeri con un ampio e facile accesso, con un corrimano posizionato con cura per aiutare i passeggeri a salire a bordo con il minimo sforzo. Il 13 metri da 57 posti + 1 + 1 è stato esposto nella versione Optimal (cerchi in alluminio,

sedili reclinabili e poggiatesta in pelle, schermi fissi da 17 pollici). È dotato del 6 clindri in linea D9B, da 9.4 litri e 380 cv. Quanto al 9700 HD, è un bus confortevole che può essere utilizzato per diversi tipi di percorsi, perché è ‘forte e instancabile’, su tutti i tipi di strade, sostiene Volvo. È disponibile in due tipi di allestimento e Volvo offre una lunga lista di optional. All’Autocar Expo, si è visto il 12,30 metri da 51 posti a sedere + 1 + 1 in versione Superior, è il caso di dire che lo spazio per le gambe è reale! È alimentato dal D13C, un 13 Ultra litri da 6 cilindri in linea che eroga 420 cv, abbinato al cambio automatizzato I-Shift a 12 velocità. Isuzu - È sotto il nome di ‘Isuzu Europa’ che questo marchio specializzato nei midibus da meno di 10 metri, torna sul mercato francese dopo anni di assenza. L’azienda sarà situata nel Cantal, dipartimento francese della regione dell’Alvernia (Auvergne). A Bordeaux erano due i veicoli esposti, destinati al mercato francese: il Tourquoise, da 33 posti equipaggiato con il 5,2 litri Isuzu da 190 cv, dotato di una porta centrale con sollevatore Braun e il Novo Ultra da 27 posti. Isuzu Europa punta poi ad introdurre prossimamente due veicoli per la città: il Citibus da 9,51 metri con 28 posti a sedere e 39 in piedi e Novociti da 7.50 metri con 20-25 posti a sedere maxi e 16-30 in piedi . La 4a edizione di Autocar Expo è in programma per il 2014, ma resta da confermare la città francese che lo ospiterà.


SETRA COMFORT CLASS 500

BusToCoach on-line Magazine - Dicembre 2012

L’EURO VI TAGLIA I CONSUMI

autobus Mercedes e Setra con motorizzazione GLI Euro VI si mettono alla prova. E superano le attese registrando un calo simultaneo nei consumi di carburante

e nelle emissioni. È quanto emerso al Record Run Buses 2012, test su strada realizzato da Daimler a Wiesbaden (Germania) con la supervisione di Dekra, organismo indipendente del comparto automotive. Cinque giorni su strada (22- 26 ottobre) per un totale di circa 18 mila chilometri. Cinque i veicoli testati: tre urbani Mercedes Citaro e due turistici Setra, entrambi con motori Euro V ed Euro VI. Zavorrati al 50 per cento (3,2 tonnellate di zavorra), i tre Citaro hanno girato per 1.400 chilometri nel traffico urbano di Wiesbaden lungo la linea 17. La versione equipaggiata di motore OM 936 Euro VI da 299 cavalli ha consumato 38,7 litri/100 km (2,58 km/ litro), praticamente l’8,5 per cento in meno rispetto agli altri due Citaro con motori Euro V. Da notare che tutti e tre i mezzi erano provvisti di cambio automatico ZF Ecolife, identico anche il rapporto al ponte (i=5,771). Per il marchio Setra, il confronto è avvenuto tra l’S 515 HD della nuova serie ComfortClass 500 con motore OM 470 da 428 cv (Euro VI) e il predecessore S 415 GT-HD con l’OM 457 LA da 428 cv Euro V. Zavorrati al massimo del loro peso totale a terra ammesso (18 tonnellate), i due autobus avevano lo stesso cambio, rapporto al ponte e pneumatici. Ebbene, l’S 515 HD ha registrato una media di 21 litri/100 km (4,76 km/litro) su un percorso di circa 7 mila chilometri con un risparmio di gasolio dell’8,2%.

DIMENSIONI

515 HD

516 HD/2

516 HD

517 HD

Lunghezza mm 12.295 13.115 13.115 13.935 Larghezza mm 2.550 Altezza mm 3.770 Passo mm 6.090 6.910 6.090+1.350 6.910+1.350 Sbalzo anteriore mm 2.890 Sbalzo posteriore mm 3.315 3.315 2.785 2.785 Diametro di volta mm 21.256 23.350 21.010 23.000 Serbatoio gasolio litri 475 Serbatoio AdBlue litri 40 Bagagliera m3 9,7 11,9 9,7 11,9

La carica dei 500

essere stata presentata in DOPO tutte le sue declinazioni alla IAA di settembre e quindi in tutti i saloni europei dell’autobus, la nuova serie ComfortClass 500 di Setra si è prestata a un giro di assaggio da Monaco a Aying, lungo le affascinanti strade panoramiche della Baviera. Tre i modelli su cui siamo potuti salire per toccare con mano comfort e comportamento su strada: i due assi S515 HD e S516 HD/2 e il tre assi S517 HD. Per completare la gamma mancava solo il tre assi S516 HD.


INTERNI AUTISTA

Posti n. 51/55/59 Altezza interna mm 2.100 Altezza pavimento mm 1.300



Comfort

Sedili tipo Setra Voyage

Clima 32, 35, 39 kW Riscald. convettori Vetri doppi Audio-video Coach Multimedia Frigorifero 63 litri Cucina sì Toilette sì

Setra Style

la disposizione CHE dei sedili sia conforme alla classificazi-

one a tre o quattro stelle o si voglia la ancor più lussuosa a file 2+1, i sedili Setra Voyage Plus o Supreme offrono il massimo di bellezza e comodità, con tessuto bicolore, poggiatesta in pelle, accessori e regolazioni al gran completo. Per i rivestimenti interni, la ComfortClass 500 aggiunge il tessuto su tutta la parte centrale del cielo, mentre sulle nuove cappelliere i set delle dotazioni personali (ridisegnati e con luci a Led) sono separati dagli altoparlanti, ora rivolti verso i montanti delle finestre per una migliore diffusione del suono. Confermata la diversificazione di potenza del climatizzatore a tetto in funzione della lunghezza del veicolo, quindi con potenze di 32, 35 o 39 kW, sempre a regolazione elettronica.

Per l’autista, il volante multifunzione consente di selezionare le pagine visualizzate sul display a colori sul cruscotto, attivare il Tempomat, azionare i sistemi di assistenza e agire sul Coach Multimedia System, completo

di navigatore. In plancia, sotto al CMS, c’è la corta leva del cambio manuale, sostituita dal comando sul piantone dello sterzo nel caso che si preferisca l’automatizzato PowerShift a otto marce.

Prima di salire a bordo, una occhiata per scoprire le novità esteriori che caratterizzano la nuova ComfortClass. Lateralmente, oltre al gocciolatoio sulla parte anteriore del tetto, si nota la linea decorativa alla base delle finestre (con inserito il marchio tridimensionale setra), che scende alle due estremità per legarsi ai gruppi ottici. A loro volta ridisegnati, con luci diurne e indicatori di direzione a Led davanti (a richiesta, i fari anabbaglianti e abbaglianti bixeno), luci di stop a Led ‘edge light’ (illuminazione angolare) dietro e per la retromarcia è prevista anche una luce a Led supplementare sui due archi ruota laterali, che illumina tutta la zona posteriore. Per soddisfare le necessità di sfiato dei motori Euro VI, in coda sono state create due griglie a profilo asimmettrico sul portellone e sul fianco destro (ripetuta a sinistra in versione chiusa, solo per estetica) Altri cambiamenti sulla testata anteriore riguardano il parabrezza, ora è più arrotondato e abbassato verso la mascherina con la scritta Setra. L’introduzione di tergicristalli a spazzole piatte Aquablade che convogliano il liquido lavavetro direttamente davanti al bordo superiore della spazzola. Migliorata anche la sagoma dei retrovisori, arrotondati a corpo unico con i bracci. In sintesi, tutta le parti della carrozzeria sono state ottimizzate in funzione dell’aerodinamicità (compreso il finestrino autista e il sistema di chiusura delle porte) in modo tale da ridurre del 20% la resistenza aerodinamica, portando il Cx al valore record di 0,33, con una conseguente riduzione del consumo di carburante di circa il 5%. Alla riduzione dei consumi, partecipano anche il minor peso del veicolo (330 chili), la tecnologia dei nuovi motori l’Euro VI, il sistema di sospensioni con abbassamento elettronico del veicolo di 20 millimetri quando si superano i 95 chilometri all’ora (risparmio dello 0,7%) e l’ottimizzazione di tutti gli apparati di servizio, dalla rete elettronica alla climatizzazione.


OM 471 Euro VI

kW 315 300

Nm



270

2.100

240

1.650

210

1.200

1.000

1.200

1.400

1.600

1.800

giri/min

GO 250-8

OM 470

TECNICA AUTISTA

Motore OM 470 Cilindrata c.c. 10.670 Pot. cv(kW)/giri 315 (428)/1.800 Coppia Nm/giri 2.100/1.100 Emissioni/Sistema Euro 6/Scr+Egr Cambio GO210/GO250 Freni a disco con Ebs, BA, DBL Sospensioni indipendenti Pneumatici 295/80 R 22,5

Sicurezza

Tempomat con regolazione distanza Active Brake Assist (ABA2) Sistema antisbandamento (SPA) Electronic Stability Program (ESP) Controllo pressione pneus (TPM) Antincendio vano motore

Potenza Pulita

Setra ComfortClass 500 adotImotori tano la nuova generazione di Blue Efficiency Power di

Mercedes. In particolare, l’OM 470 da 10,7 litri di cilindrata, con potenza di 428 cavalli (315 kW) a 1.800 giri e una coppia massima di 2.100 Nm a 1.100 giri. L’iniezione common rail è del tipo ad amplificazione di pres-

sione (X-Pulse) per tenere a bada consumo ed emissioni. Per soddisfare l’Euro VI, alla precedente tecnologia BlueTec con SCR e iniezione di AdBlue, è stato aggiunto il ricircolo dei gas di scarico e il filtro antiparticolato chiuso. Va sottolineato che grazie al ricircolo dei gas, si generano meno ossidi di azoto e quindi il consumo di AdBlue diminuisce (fino al 40%). La sostituzione del filtro antiparticolato è prevista dopo i primi 360mila chilometri e in seguito, ogni 240mila. L’intero sistema di post-tratta-

mento dei gas di scarico (catalizzatore ossidante, filtro antiparticolato e catalizzatore SCR) è raccolto in un unico corpo. Per l’S 417 HD da 13,9 metri, è disponibile anche il più potente OM 471 da 12,8 litri in grado di offrire una potenza di 476 cavalli (350 kW) a 1.800 giri e una coppia massima di 2.300 Nm a 1.100 giri (quasi costante fino a 1.400 giri). Il cambio montato di serie è il manuale GO 210 a sei marce che può lasciare il posto all’ottimo GO 250-8 PS3 (di serie per

l’S417 HD), automatizzato a otto marce, omologato per coppie in entrata fino a 2.500 Nm, con scambiatore di calore in grado di mantenere la temperatura del cambio a circa 80 gradi, allungando così la vita dell’olio (si cambia ogni 360mila chilometri). Integrato nel cambio vi è il nuovo retarder idrodinamico ad acqua della Voith con coppia frenante di 3.500 Nm. Tra i molti sistemi di sicurezza disponibili, il controllo della pressione dei pneumatici e l’Active Brake Assist (ABA2).

Gli effetti positivi di tutti questi interventi sono stati certificati dai test svoltisi in Germania a fine ottobre con la supervisone di Dekra (vedi box a inizio articolo). Nel confronto tra un S415 GT-HD Euro V e un S515 HD Euro VI, quest’ultimo ha segnato un risparmio di carburante dell’8,2%. Nel nostro tour bavarese non è stato possibile rilevare i consumi su strada ma speriamo di poter presto verificare questo dato sul percorso misto dei test di BusToCoach. Salendo a bordo dei ComfortClass 500 si respira immediatamente l’inconfondibile atmosfera Setra, fatta di stile, eleganza e cura del particolare. Anche qui i progettisti della Serie 500 non hanno dormito sugli allori, aumentando lo spazio dell’accesso anteriore a tre gradini, allargandolo e riposizionando verso l’esterno il sedile dell'accompagnatore (che ora dispone di poggiapiedi ribaltabile sotto la plancia). Più spazio anche nella zona passeggeri, la cui altezza libera sul corridoio è aumentata da 1.990 a 2.100 millimetri, accompagnata dallo spazio liberato tra la condotta dell'aria nelle cappelliere (anche queste ampliate) e le finestre laterali. Interventi di sostanza li ritroviamo anche prendendo posto alla guida. L’allungamento dello sbalzo anteriore di 70 millimetri consente, tra l’altro, di portare da 200 a 230 millimetri la regolazione longitudinale del sedile (aumenta anche l’escursione verticale), così come aver rialzato di 50 millimetri la postazione migliora a sua volta la visibilità esterna e l’ergonomia generale. Tutto è ben visibile e a portata di mano, dal display centrale agli interruttori o ai comandi del CMS (Coach Multimedia System), a cui si aggiunge un volante multifunzione con comandi integrati e leva del cambio sul piantone dello sterzo (per l’automatizzato a 8 marce). Insomma, tutto per una guida al massimo livello di comfort e di sicurezza. quello che è successo nella selezione


bustocoach online magazine