__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1


1


Catalogo a cura di

LORENZO BELLESIA

MATTEO DEL GRANDE MARCOS GUIDI

Riprese fotografiche

STEFANO DI VIRGILIO Editing

MARIA CHIARA MONALDI TIZIANA TRASCINELLI Responsabile clienti

GIANCARLO GAMBELLI, perito numismatico del Tribunale di Siena © Copyright 2020 - Nomisma spa Tutti i diritti riservati La riproduzione anche parziale e con qualsiasi mezzo di questo catalogo è assolutamente vietata senza specifica autorizzazione scritta da parte di Nomisma spa. 2


ASTA NUMISMATICA

63 GIOVEDÌ 1 LUGLIO 2021 VENERDÌ 2 LUGLIO 2021 SABATO 3 LUGLIO 2021 Esposizione e Vendita

GRAND HOTEL PRIMAVERA Via Ventotto Luglio, 191 (lungo la Superstrada Rimini-San Marino) 47893 Borgo Maggiore – Repubblica di San Marino Telefono sala asta 0549/902007 – Fax sala asta 0549/907434 From other countries Tel. +378/902007– Fax +378/907434 ESPOSIZIONE

Giovedì 1 luglio 2021 dalle ore 11,00 alle ore 15,00 Durante le tornate d’asta sarà esposto solo il materiale della tornata in corso

VENDITA Giovedì 1 luglio 2021, dalle ore 15,00 Venerdì 2 luglio 2021, d alle ore 9,30 dalle ore 14,30 Sabato 3 luglio 2021, dalle ore 9,30 dalle ore 14,30

Lotti 1-452 Lotti 453-958 Lotti 959-1360 Lotti 1361-1749 Lotti dal 1750

Nel giorno dell’asta i fax devono essere inviati al numero della sala d’asta 0549/907434

ASTA LIVE

SUL NOSTRO SITO WWW.NOMISMAWEB.COM previa registrazione almeno due giorni prima dell’asta. Per ogni informazione contattate i nostri uffici.

Strada Bulumina, 6 - Tel. 0549/904012 - Fax 0549/904042 prefisso telefonico internazionale: +378/904012 Fax: +378/904042 47899 SERRAVALLE - Rep. di San Marino e-mail: info@nomismaweb.com - sito internet: www.nomismaweb.com 3


4


PAGAMENTI / PAYMENTS Bonifico bancario / wire transfer: Poste Italiane spa, Piazza Saffi 27, 47121 Forlì IBAN = IT06 L076 0113 2000 0001 0278 471 BIC/SWIFT = BPPIITRRXXX Oppure bonifico* presso la Banca di San Marino, via III Settembre 252, 47891 Dogana, RSM IBAN = SM 61 Y 085 400 980 20000 20106058 BIC/SWIFT = MAOISMSM *Attenzione! Non si tratta di bonifico estero come chiarito dalla circolare ABI, serie tecnica n. 27, del 27 maggio 2009, e quindi la banca non deve applicare i costi delle operazioni internazionali. Versamento sul c.c.p. 10278471 intestato a Nomisma spa, via Olivella 88, 47899 Serravalle (RSM) From abroad wire transfer: Poste Italiane spa, Piazza Saffi 27, 47121 Forlì IBAN = IT06 L076 0113 2000 0001 0278 471 BIC/SWIFT = BPPIITRRXXX ABBREVIAZIONI D/ R/ d. s. s.d. mm Ø s.s.z. ÷ cfr. q. +

Diritto Rovescio Destra Sinistra Senza data Millimetri Diametro Senza segno di zecca Da…a Confrontare Quasi Più di

GRADI di CONSERVAZIONE FS FDC SPL BB MB B D

- Fondo specchio - Fior di conio - Splendido - Bellissimo - Molto bello - Bello - Discreto

METALLI

AC Acmonital AG Argento AL Alluminio AU Oro Æ Bronzo o rame BA Bronzo alluminio CU Rame EL Elettro IT Italma MA Metallo argentato MD Metallo dorato

- Flan bruni - Fleur de coin - Superbe - Très beau - Beau - Très bien conservè - Bien conservè

MI Mistura NI Nichelio PB Piombo PE Peltro PL Platino ST Stagno

- Proof - Uncirculated - Extremely fine - Very fine - Fine - Good fine - Discret

ZECCHE

B Bologna BI Birmingham F Firenze G Genova M Milano N Napoli OM Strasburgo R Roma T Torino V Venezia KB Berlino

- Polierte Platte - Stempelglanz - Vorzüglich - Sehr schön - Schön - Sehr gut erhalten - Gut erhalten

IL PREZZO DI PARTENZA, INDICATO IN EURO, È COSTITUITO DALLA STIMA INDICATA A FIANCO DI CIASCUN LOTTO E NON SI ACCETTANO OFFERTE INFERIORI. A seguito dell’entrata in vigore nella Repubblica di San Marino della legge n. 194/2010, sui SOLI diritti d’asta sarà applicata l’imposta del 3% sul 18% (cioè lo 0,54% sull’importo dei lotti). Tale imposta è applicabile soltanto nei confronti di privati e non dei titolari di partita IVA. VI INFORMIAMO CHE IL NOSTRO PROGRAMMA ON LINE DI GESTIONE DELLE ASTE NON PERMETTE DI EFFETTUARE I RILANCI A PIACERE PER CUI TALVOLTA LE VOSTRE OFFERTE CHE CI ARRIVERANNO PER POSTA O FAX O MAIL POTRANNO ESSERE LEGGERMENTE ARROTONDATE AL RIALZO CONTATTATECI PER OGNI INFORMAZIONE USA IMPORT RESTRICTIONS ON COINS OF ITALIAN TYPE

Due to the introduction of new import restrictions on coins of italian type (generally coins of greek cities in the south of Italy and Sicily and roman republican coins struck before 211 B.C.) Nomisma declares that every coin listed in this catalogue is legally possessed but to avoid any problem Nomisma will not ship to USA the following lots: 152-156. Thank you for your comprehension. 5


MONETE GRECHE

151

153

152

151

GALLIA Ambiani (60-25 a.C.) Statere – AU In bustina sigillata da Gianfranco Erpini

152

BRUTTIUM Crotone – Statere (circa 480-440 a.C.) Tripode – R/ Tripode in incuso – ANS 309 AG (g 6,74) Piccole fratture del tondello BB+ 1.000

153

LUCANIA Thourioi – Distatere (circa 400-350 a.C.) Testa elmata di Atena – R/ Toro cozzante. All’esergo un tirso - HN 1824 AG (g 14,09) BB 1.500

BB 1.400

156 154

155

157

154

CALABRIA Taranto – Nomos (circa 332-302 a.C.) Cavaliere a d. – R/ Taras su delfino a s. - HN 942 AG (g 7,83) qSPL 200

155

CALABRIA Taranto – Nomos (circa 240-228 a.C.) Cavaliere a d. – R/ Taras su delfino a s. vittoriola e tridente HN 1059 AG (g 6,63) Ossidazioni marginali qSPL 200

156

SICILIA Siracusa – Agathocles (317-289 a.C.) 25 Litrae – SNG ANS 631– AU (g 3,77) RRR In bustina sigillata da Gianfranco Erpini. Screpolature diffuse BB 1.200

157

MACEDONIA Filippo II (359-336 a.C.) Tetradramma (Amphipolis) Testa laureata di Zeus a d. - R/ Cavaliere a d. – Le Rider 46, 18 AG (g 15,08) SPL+ 800

159

158

158

Alessandro III (336-323 a.C.) Statere (Amphipolis) Testa elmata di Atena a d. - R/ Nike stante a s. – Price 177 AU (g 8,34) SPL+ 2.000

159

Statere (Kition) Testa elmata di Atena a d. - R/ Nike stante a s., a s, TK in monogramma – Price 3104 AU (g 8,43) SPL 1.700 6


160

161

163

164

162

165

160

ACARNANIA Dyrrachium - Statere (420-350 a.C.) Pegaso a d. – R/ Testa elmata di Atena a d. – BMC 10 e segg. AG (g 8,44) SPL 300

161

ATTICA ATENE Tetradramma (ca. 454-404 a.C.) Testa elmata di Atena a d. – R/ Civetta di fronte – S.Cop. 31 AG (g 17,18) SPL 600

162

Tetradramma (ca. 454-404 a.C.) Testa elmata di Atena a d. – R/ Civetta di fronte – S.Cop. 31 AG (g 17,14) BB+ 300

163

Dracma – Testa elmata di Atena a d. – R/ Civetta di fronte – S.Cop. 41 e segg. AG (g 4,22) Leggermente porosa qSPL 1.500

164

Tetradramma di imitazione orientale (355-320 sec. a.C.) Testa elmata di Atena a d. – R/ Civetta di fronte – cfr. S. Monaco 99 AG (g 17,12) BB 400

165

Tetradramma di imitazione orientale (355-320 sec. a.C.) Testa elmata di Atena a d. – R/ Civetta di fronte – cfr. S. Monaco 99 AG (g 17,01) Profonde tacche di verifica BB 150

166

167 168

166

Tetradramma (180-179 sec. a.C.) Testa elmata di Atena a d. – R/ Civetta su anfora – S. Cop. 126 AG (g 16,64) Graffi sulla guancia, mancanza di metallo al bordo BB 600

167

IONIA – FOCEA – Sesto di Statere (IV sec. a.C.) Testa a s. – R/ Quadrato incuso – Von Aulock 2133 EL (g 2,53) SPL/SPL+ 400

168

PARTHIA Mitridate II (123-88 a.C.) Dracma - Testa a s. – R/ Arciere seduto a d. – Sell. 24/9 AG (g 3,99) SPL 150 7


MONETE ROMANE REPUBBLICANE

169

171

170

169

Anonime – Didramma (Serie romano-campana, 265-242 a.C.) Testa di Roma con berretto frigio a d. – R/ La Vittoria stante a d. – Cr. 22/1 AG (g 6,64) RR BB+ 1.000

170

Anonime – Quadrante (zecca siciliana, 217-215 a.C) Testa di Ercole a d. – R/ Toro, sotto un serpente – Cr.42/2; Syd. 66 AE (g 12,92) R SPL 250

171

Anonime – Denario (Zecca siciliana, 209-208 a.C.) Testa di Roma a d. – R/ I Dioscuri a cavallo a d., sotto, Roma e simbolo ruota – Cr. 79/1 AG (g 4,19) Ex Aes Rude, 47, 1991, lotto 105 qSPL/SPL 500

173

172

176

174

179

178

177

180

175

181

182

172

Anonime – Quinario (dopo il 211 a.C.) Testa di Roma a d. – R/ I Dioscuri a cavallo a d., sotto, ROMA in rilievo – Cr. 44/6 AG (g 2,12) qFDC 300

173

Anonime – Quinario lettera Q (dopo il 211-210 a.C.) Testa di Roma a d. – R/ I Dioscuri a cavallo a d., sotto, punta di lancia – Cr. 83/3 AG (g 1,89) qBB 200

174

Anonime – Quinario lettera Q (Apulia, dopo il 211-210 a.C.) Testa di Roma a d. – R/ I Dioscuri a cavallo a d., sotto, Q – Cr. 102/2a AG (g 2,31) SPL 500

175

Anonime – Quinario (dopo il 211-210 a.C.) Testa di Roma a d. – R/ I Dioscuri a cavallo a d., sotto, MT in monogramma – B. 44; Cr. 103/2c AG (g 2,14) Ex Sternberg, asta XXXII, ottobre 1996, lotto 100 qSPL 150

176

Anonime - Vittoriato (dopo il 211 a.C.) Testa di Giove a d. - R/ La Vittoria incorona un trofeo – B. 9; Cr. 53/1 AG (g 3,40) SPL 150

177

Anonime – Vittoriato (211-208 a.C., zecca campana) Testa di Giove a d., sotto, MP in monogramma – R/ La Vittoria incorona un trofeo – Cr. 93/1 AG (g 3,19) BB+/SPL 150

178

Anonime – Vittoriato (211-208 a.C., zecca campana) Testa di Giove a d., sotto, N retrogrado – R/ La Vittoria incorona un trofeo – Cr. 94/1 AG (g 3,38) RR SPL 500

179

Anonime – Vittoriato (Apulia, dopo il 211 a.C.) Testa di Giove a d. – R/ La Vittoria incorona un trofeo, nel campo, Q – B. 36; Cr. 102/1 AG (g 3,26) Ex NAC 27/2/1991, lotto 1595 SPL 150

180

Accoleia – P. Accoleius Lariscolus - Denario (43 a.C.) Busto di Acca Larentia a d. - R/ Le tre statue delle ninfe Querquetulanee – B. 1; Cr. 486/1 AG (g 3,65) MB 500

181

Aemilia – L. Aemilius Lepidus Paullus - Denario (62 a.C.) Testa della Concordia a d. - R/ Lucio Emilio Paolo con Perseo ed i figli – B. 10; Cr. 415/1 AG (g 3,84) Bellissimo esemplare dal metallo lucente FDC 300

182

Aemilia – M. Aemilius Lepidus - Denario (58 a.C.) Testa turrita di Alessandria a d. – R/ Lepido togato stante a s. incorona Tolomeo stante di fronte – Cr. 419/2 AG (g 4,09) RR Graffi al D/ BB+ 500 8


183

186

184

185

187

188

183

Axia – Lucius Axius L. f. Naso – Denario (71 a.C.) Testa di Marte a d. – R/ Diana su biga di cervi a d. dietro, due cani, davanti, un altro cane – B. 1; Cr. 400/1b (g 3,85) RR BB+ 400

184

Caecilia – Q. Caecilius Metellus Pius Scipio - Denario (Utica, 47-46 a.C.) Genio dell’Africa stante di fronte - R/ La Vittoria stante a s. – B. 51; Cr. 460/4 AG (g 3,57) RR Ex Finarte, 1996, lotto 972. Screpolature e porosità, forse suberato MB+ 250

185

Calpurnia – L. Calpurnius Piso Caesoninus e Q. Servilius Caepio - Denario (100 a.C.) Testa di Saturno a d. - R/ I due questori seduti a s. – B. 5; Cr. 330/1 AG (g 3,95) Contromarca al D/ qSPL 150

186

Calpurnia – L. Calpurnius Piso Frugi - Denario (90 a.C.) Testa di Apollo a d. - R/ Cavaliere al galoppo a d. con ramo di palma – B. 11; Cr. 340/1 AG (g 3,99) Lucidata SPL+ 150

187

Calpurnia – L. Calpurnius Piso Frugi - Denario (90 a.C.) Testa di Apollo a d. - R/ Cavaliere al galoppo a d. con torcia – B. 11; Cr. 340/1 AG (g 3,99) Modeste macchie al D/ SPL 300

188

Calpurnia – C. Piso L. f. Frugi - Denario (67 a.C.) Testa di Apollo a s. - R/ Cavaliere al galoppo a d. – Cr. 408 AG (g 3,99) SPL+/qFDC 400

189

193

192

191

190

194

195

189

Cassia – L. Cassius Longinus - Denario (63 a.C.) Testa di Vesta a s. – R/ Cittadino votante a s. – B. 10; Cr. 413/1 AG (g 3,88) Inizi di patina iridescente SPL 300

190

Clodia – P. Clodius M. f. Turrinus - Denario (42 a.C.) Testa di Apollo a d. - R/ Diana Lucifera stante a d. con due torce – B. 15; Cr. 494/23 AG (g 3,86) Lucidata BB+ 200

191

Cordia – Mn. Cordius Rufus - Denario (46 a.C.) Elmo a d. – R/ L’egida di Minerva con al centro testa di Medusa – B. 4; Cr. 463/2 AG (g 3,51) SPL+ 400

192

Cornelia – L. Cornelius Lentulus e C. Claudius Marcellus - Denario (49 a.C.) Testa di Giove a d. – R/ Giove stante di fronte con aquila e fulmini – B. 65; Cr. 445/2 AG (g 3,93) R Ex Aretusa, 1, 1993, lotto 239 SPL/SPL+ 500

193

Crepereia – Q. Crepereius M. f. Rocus – Denario (72 a.C.) Busto di Antifrite a d. – R/ Nettuno su biga di ippocampi a d. – B. 1; Cr. 399/1a AG (g 3,82) BB/BB+ 900

194

Egnatia – Cn. Egnatius Cn. f. Cn. n. Maxsumus – Denario (75 a.C.) Testa della Libertà a d. – R/ Roma e Venere stanti di fronte – B. 2; Cr. 391/3 AG (g 3,75) R Graffietto al D/ BB 250

195

Junia – M. Iunius Brutus – Denario (54 a.C.) Testa di L. Iunius Brutus – R/ Testa di C. Servilius Ahala – Cr. 433/2; B. 30 AG (g 4,16) Ex asta H. D. Rauch, 73, lotto 507 SPL+/qFDC 800 9


196

197

200

199

198

201

202

196

Livineia – L. Livineius Regulus - Denario (42 a.C.) Testa di Livineio Regolo a d. – R/ Scena di lotta tra due uomini ed animali – B. 12; Cr. 494/30 AG (g 3,52) RR Ex Finarte, 1996, lotto 362 SPL/SPL+ 400

197

Livineia – L. Livineius Regulus - Denario (42 a.C.) Testa di Livineio Regolo a d. – R/ Scena di lotta tra due uomini ed animali – B. 12; Cr. 494/30 AG (g 4,06) RR Debolezza di conio, delicata patina SPL+ 400

198

Memmia – Caius Memmius – Denario (56 a.C.) Testa di Cerere a d. – R/ Trofeo con prigioniero – B. 10; Cr. 427/1 AG (g 3,93) SPL 300

199

Memmia – Caius Memmius - Denario (56 a.C.) Testa di Cerere a d. - R/ Trofeo con prigioniero – B. 10; Cr. 427/1 AG (g 3,95) Leggermente lucidato SPL 300

200

Minucia – Q. Minucius Thermos M. f. - Denario (103 a.C.) Testa elmata di Marte a s. - R/ Due guerrieri che combattono – B. 19; Cr. 319/1 AG (g 3,94) BB/BB+ 200

201

Plaetoria – M. Plaetorius M. f. Cestianus - Denario (67 a.C.) Testa del Buon Evento a d. – R/ Caduceo – B. 5; Cr. 405/5 AG (g 4,08) Ex Sternberg, asta XXXII, ottobre 1996, lotto 323 SPL+ 200

202

Plautia – P. Plautius Hypsaeus - Denario (60 a.C.) Testa di Nettuno a d. – R/ Giove su quadriga a s. – B. 11; Cr. 420/1a AG (g 3,93) Debolezza di conio ma bellissimo esemplare dal metallo lucente di questa affascinante moneta FDC 300

203

206

204

207

205

208

203

Plautia – A. Plautius - Denario (55 a.C.) Testa di Cibele a d. – R/ Il re Bacchio genuflesso a d. – B. 13; Cr. 431/1 AG (g 3,95) SPL 200

204

Pomponia – Q. Pomponius Musa (66 a.C.) Denario - Testa di Apollo a d. - R/ Clio stante a s. con rotolo – B. 11; Cr. 410/3 AG (g 4,01) RR Ex Sternberg, asta XXXII, ottobre 1996, lotto 343 qFDC 400

205

Pomponia – Q. Pomponius Musa (66 a.C.) Denario - Testa di Apollo a d. - R/ Urania stante a s. tocca con una bacchetta un globo – B. 22; Cr. 410/8 AG (g 3,92) R Ex Sternberg, asta XXXII, ottobre 1996, lotto 346. Splendido esemplare qFDC 700

206

Pomponia – Q. Pomponius Musa (66 a.C.) Denario - Testa di Apollo a d. - R/ Polymnia stante di fronte – B. 15; Cr. 410/10a AG (g 4,13) R Ex Aretusa, 1, 1993, lotto 214 SPL+ 500

207

Rutilia – L. Rutilius Flaccus - Denario (77 a.C.) Testa di Roma a d. – R/ La Vittoria su biga a d. – B. 1; Cr. 387/1 AG (g 3,75) Graffietti al D/ BB+ 150

208

Sicinia – Q. Sicinius e C. Coponius - Denario (49 a.C.) Testa di Apollo a d. – R/ La clava d’Ercole ricoperta da pelle di leone – B. 1; Cr. 444/1 AG (g 3,93) Frattura del tondello. Ex NAC 4/A, 27/2/1991, lotto 1661 SPL 200 10


211

210

209

213

212

209

Terentia – C. Terentius Lucanus - Denario (147 a.C.) Testa di Roma a d., dietro, la Vittoria - R/ I Dioscuri a cavallo a d. – B. 10; Cr. 217/1 AG (g 3,99) Ex Sternberg, asta XXXII, 1996, lotto 133 qFDC 200

210

Terentia – C. Terentius Lucanus - Denario (147 a.C.) Testa di Roma a d., dietro, la Vittoria - R/ I Dioscuri a cavallo a d. – B. 10; Cr. 217/1 AG (g 3,61) SPL 130

211

Valeria – C. Valerius Flaccus - Denario (82 a.C.) Busto della Vittoria a d. - R/ Aquila legionaria tra insegne militari – B. 12; Cr. 365/1 AG (g 3,58) qSPL 350

212

Vibia – C. Vibius Varus - Denario (42 a.C.) Busto elmato di Minerva a d. – R/ Ercole stante a s. – B. 26; Cr. 494/38 AG (g 3,80) SPL 250

213

Volteia – L. Volteius L. f. Strabo (81 a.C.) Denario - Testa laureata di Giove a d. - R/ Europa su toro a s. – B. 6; Cr. 377/1 AG (g 3,88) RR Ex Sternberg, asta XXXII, ottobre 1996, lotto 279. Graffietti al D/ BB+ 700

214

214

Pompeo Magno - Denario (zecca spagnola, 46-45 a.C.) Testa di Cn. Pompeo Magno a d. - R/ Pompeo tra le personificazioni di due città spagnola – B. 5; Cr. 470/1c AG (g 3,89) RR Ex NAC 4/A, 2 febbraio 1991, lotto 272 qSPL 6.000

MONETE IMPERIALI ROMANE

215

216

217

215

Cesare (+ 44 a.C.) Denario (49-48 a.C.) Elefante andante a d. – R/ Strumenti sacrificali – B. 9; Cr. 443/1 AG (g 3,52) BB+ 500

216

Denario (zecca africana, 47-46 a.C.) Testa di Venere a d. – R/ Enea con Anchise sulle spalle – B. 10; Cr. 458/1 AG (g 3,82) Due graffi nel campo del D/ BB+ 350

217

Denario (42 a.C.) Testa laureata a d. – R/ L MVSSIDIVS LONGVS, cornucopia su globo – Cr. 494/39 AG (g 4,16) Ex Sternberg, asta XXXII, 1996, lotto 515. Screpolature qSPL 700

11


218

221

219

222

220

223

218

Antonio – Denario (41 a.C., zecca Asia) Testa a d. – R/ La Pietà stante a s. – Cr. 516/5 AG (g 3,94) RR BB 400

219

Antonio e Ottaviano - Denario (41 a.C.) Testa di Antonio a d. – R/ Testa di Ottaviano a d. – B. 51; Cr. 517/2 AG (g 3,78) SPL 1.200

220

Ottaviano – Denario (40 a.C., zecca itinerante con Ottaviano in Oriente, Q. Salvius monetiere) Testa a d. – R/ Fascio di fulmini – Cr. 523/1a AG (g 3,70) Ex Tkalec & Rauch AG, lotto 236. Frattura del tondello SPL 1.400

221

Denario (42 a.C.) Testa di Ottaviano a d. – R/ Fortuna stante – v. B. 86; Cr. 494/33 AG (g 3,71) Ex Spink & Sons, Numismatic Circular, 10/2/2004, lotto 107 BB 500

222

Augusto – Denario (16 a.C., L. MESCINIVS RVFVS monetiere) Testa laureata a d. – R/ Statua di Marte su basamento iscritto – RIC 351 AG (g 3,78) Ex Spink, Numismatic Circular, 8 aprile 1992. Bell’esemplare con patina intensa SPL+ 1.000

223

Denario (16 a.C., C. ANTISTIVS VETVS monetiere) Busto di Venere a d. – R/ Strumenti sacrificali – RIC 367 AG (g 4,00) Contromarca al D/ SPL 300

224

224

Tiberio (14-37) Aureo (Lugdunum) Testa laureata a d. - R/ Livia seduta a d. – RIC 29 AU (g 7,78) Modesti depositi, tacca ed una limatura al bordo BB 3.000

225

225

Nerone (54-68) Aureo (64-65) Testa laureata a d. - R/ IVPPITER CVSTOS, Giove seduto a s. – RIC 52 AU (g 7,36) Minimi graffietti nel campo del D/ SPL 3.500 12


226

226

Aureo (64-65) Testa laureata a d. - R/ CONCORDIA AVGVSTA, la Concordia seduta a s. – RIC 48 AU (g 7,06) Colpi al bordo MB 2.000

228 229

227

227

Sesterzio - Testa laureata a d. - R/ Il tempio di Giano – cfr. RIC 264 AE (g 27,7)

BB+ 500

228

Vespasiano (69-79) Denario - Testa laureata a d. - R/ Due capricorni con scudo – RIC 357 AG (g 3,48) Graffi al R/ BB+ 150

229

Dupondio - Testa radiata a d. - R/ Roma seduta a s. – RIC 397 AE (g 12,68) Modesti ritocchi, bei rilievi SPL 400

230

230

Giulia (figlia di Tito) Denario - Busto a d. - R/ Venere stante a d. – RIC 387 AG (g 3,29) RRR In slab NGC AU* Strike 5/5; Surface 5/5 4238606-001. Ex Münzen und Medaillen, asta 92, 2002, lotto 58 qFDC 6.000

13


231

232

231

Domiziano (81-96) Dupondio - Testa radiata a d. - R/ La Virtù stante a d. – RIC 644 AE (g 13,09) Corrosioni superficiali BB+ 200

232

Asse - Testa laureata a d. - R/ Altare – RIC 305 AE (g 11,33) Corrosioni superficiali ma nitidi dettagli al R/ BB+ 150

233

233

Nerva (96-98) Aureo - Testa laureata a d. - R/ CONCORDIA EXERCITVVM, due mani congiunte con insegna su prua – RIC 52 AU (g 7,50) RR BB 10.000

235

234

234

Traiano (98-117) Denario - Busto laureato a d. - R/ Genio stante di fronte – RIC 275 AG (g 3,00) SPL 150

235

Denario - Busto laureato a d. - R/ Trofeo – RIC 147 AG (g 3,43) Graffietti sul bordo e nel campo del D/ BB+ 150

14


236

236

Adriano (117-138) Aureo - Testa a d. - R/ ROMA AETERNA, Roma seduta a s. con le teste del Sole e della Luna – RIC 263 AU (g 7,18) Colpetto al ciglio del D/ ma bellissimo esemplare dal metallo lucente. In questo splendido aureo la personificazione di Roma porta nella mano destra le teste del Sole e della Luna che nella mitologia romana erano spesso legate insieme come rappresentazione del giorno e della notte. SPL 6.000

237

237

Antonino Pio (138-161) Aureo – Testa a d. – R/ COS IIII, la Giustizia stante a sinistra – RIC 192 var. AU (g 7,30) Splendido esemplare dal bellissimo stile SPL+ 7.500

238

239

238

Denario – Testa laureata a d. – R/ Testa di Marco Aurelio a d. – RIC 417 AG (g 2,85)

BB+ 180

239

Denario – Testa laureata a d. – R/ Vesta stante a s. – RIC 238 AG (g 2,95)

SPL 100

15


240

240

Faustina I (moglie di Antonino Pio) Aureo – Busto diademato a d. - R/ AVGVSTA, Venere (?) stante a s. – RIC 367 AU (g 7,38) R Di ottima qualità e bellissimo stile SPL+ 8.000

241

241

Denario – Testa diademata a d. – R/ L’Eternità stante a s. – RIC 351 AG (g 3,29)

SPL 150

242

242

Caracalla (198-217) Aureo - Busto laureato a s. - R/ Serapide stante a s. – RIC 263 var. (per avere il busto a d.); Calicò manca AU (g 6,60) RRRR Proveniente da montatura non deturpante BB 7.500

16


244

243

247

246

245

248

243

Antoniniano - Busto radiato a d. - R/ Venere stante a s. – RIC 311 AG (g 4,52) Graffi sul bordo, lucidata qSPL 120

244

Alessandro Severo (222-235) Denario - Busto laureato a d. - R/ Giove stante a d. – RIC 238 AG (g 3,13) In slab NGC ChAU Strike 5/5; Surface 4/5 5745274-010 FDC 150

245

Massimino (235-238) Denario - Busto laureato a d. - R/ La Pace stante a s. – RIC 19 AG (g 3,10) In slab NGC ChAU Strike 4/5; Surface 4/5 5745274-016 FDC 150

246

Gordiano III (238-244) Sesterzio - Busto laureato a d. - R/ La Concordia seduta a s. – RIC 278 AE In slab NGC Ch XF 5745254-001 SPL 350

247

Filippo I (244-249) Antoniniano - Busto radiato a d. - R/ La Felicità stante a s. – RIC 31 AG (g 3,58) In slab NGC chAU Strike 5/5; Surface 4/5 5745253-001 FDC 150

248

Costanzo Cloro (306) Follis (Aquileia) Busto velato a d. - R/ Tempietto – RIC 127 AE (g 7,13) BB+ 120

249

249

Costante (337-340) Solido (Treveri, circa 345) Busto diademato a d. - R/ Due Vittorie stanti di fronte con corona iscritta – RIC 135 AU (g 4,48) SPL+ 1.500

250

250

Giuliano II (360-363) Solido (Sirmium) Busto diademato a d. - R/ Soldato andante a d. con prigioniero e trofeo – RIC 96 AU (g 4,39) R Minimi graffietti nel campo del R/ BB 4.000 17


251

251

Solido (Antiochia) Busto diademato a d. - R/ Soldato andante a d. con prigioniero e trofeo trascina un prigioniero – RIC 201 AU (g 4,14) R Graffi e depositi MB+ 2.000

252

253

252

Siliqua (Arelate) Busto diademato a d. - R/ Scritta in corona d’alloro – RIC 297 AG (g 1,85)

253

Valentiniano I (364-367) Siliqua (Roma) Busto diademato a d. - R/ Roma seduta a s. – RIC 11a AG (g 1,94) Poroso BB+ 350

254

255

BB+ 350

256

254

Onorio (393-423) Solido (Mediolanum) – Busto diademato a d. – R/ L’imperatore stante a d. calpesta un nemico – RIC 1206 AU (g 4,38) qSPL 1.200

255

Solido (Mediolanum) – Busto diademato a d. – R/ L’imperatore stante a d. calpesta un nemico – RIC 1206 AU (g 4,43) Minimo graffietto al D/ BB 500

256

Valentiniano III (425-4455) Solido (Mediolanum) – Busto diademato a d. – R/ L’imperatore stante di fronte calpesta un serpente – RIC 2006 AU (g 4,45) SPL+ 1.000

257

257

Giulio Nepote (474-475) Mezza siliqua (Ravenna) Busto diademato a d. - R/ Ravenna stante a s. – RIC 3216 AG (g 1,00) RRR Ribattuta BB+ 3.000

18


259

258

258

Leone I (462-466) Solido (Costantinopoli) Busto di fronte con lancia e scudo – R/ La Vittoria stante a s. – RIC 605 AU (g 4,37) Colpi al bordo e limatura al ciglio del R/, da montatura non deturpante SPL 1.000

259

Leone II e Zenone (474) Solido (Costantinopoli) Busto di fronte di Leone II – R/ Leone II e Zenone seduti su un trono – RIC X/297/803 AU RR In bustina sigillata da Nummusfil. Da montatura BB 1.000

BISANZIO

262

261

260

260

Anastasio I (491-518) Solido – Busto elmato – R/ La Vittoria stante con lunga croce a d. - Sear 5 AU (g 4,45) Leggeri ritocchi sul bordo BB 500

261

Tremisse – Busto diademato a d. – R/ La Vittoria con corona e globo andante a d. – Sear 8 AU (g 1,51) Colpi e schiaccature al bordo SPL 400

262

Giustiniano I (527-565) Roma - Nummo – Busto di fronte - R/ Leone andante a d. – Sear 311 AE (g 0,80) RRR MB/BB 100

263

266

265

264

263

Giustiniano I (527-565) Ravenna – 120 Nummi – Busto a d. - R/ PK in corona – Sear 316 AG (g 0,57) RR Poroso BB 350

264

Giustiniano I (527-565) Ravenna – Quarto di siliqua – Busto a d. - R/ Cristogramma in corona – Sear 321 AG (g 0,45) RRR BB 350

265

Giustiniano I (527-565) Cartagine – Quarto di siliqua – Busto a d. - R/ VOT M accantonata a croce – MIB 52 AG (g 0,54) RR BB+ 300

266

Giustiniano I (527-565) Ravenna – Ottavo di siliqua – Busto a d. - R/ Cristogramma in corona – MIB 79 AG (g 0,27) RRR Poroso BB 250

267

268

269

267

Tiberio III (698-705) Solido - Busto coronato di fronte - R/ Croce potenziata – Sear 1360 AU (g 4,40) RR FDC 1.000

268

Leone V (717-741) Solido – Busto diademato di fronte - R/ Busto diademato di fronte di Costantino V - Sear 1504 AU (g 4,49) qFDC 700

269

Michele VII (1071-1078) Histamenon – Busto di Cristo di fronte - R/ Busto diademato di fronte - Sear 1868 AU (g 4,13) Graffietti al margine BB+ 300 19


MONETE ESTERE

270

271

272

270

ALBANIA Amet Zogu (1925-1939) 100 Franga 1926 senza stella sotto la testa Prova – P.P. 783 AU (g 32,29) RRR Coniati appena 50 esemplari. Minimi colpetti al bordo e graffietti nei campi SPL 2.500

271

100 Franga 1927 senza stelle sotto il busto Prova – P.P. 786 AU RRR In slab PCGS MS62 cod. 1000435.62/21056634 SPL+ 5.000

272

100 Franga 1927 Due stelle sotto la testa Prova – P.P. 788 AU (g 32,27) RRR In slab NGC MS62 5887105-021 SPL+ 4.000 20


273

274

275

273

100 Franga 1927 una stella sotto il busto – Fr. 1 AU (g 32,24) Minimi graffietti

274

100 Franga 1927 due stelle sotto il busto – Fr. 1 AU In slab PCGS MS62 cod. 15101.62/80516871 SPL+/qFDC 3.000

275

100 Franga 1938 – Fr. 15 AU (g 32,27) RR Graffietto sul collo al D/

21

SPL 1.700

SPL+ 3.500


278

277

276

280

279

276

50 Franga 1938 – Fr. 16 AU (g 16,12) R Ex Nomisma 38, lotto 438. Minimi graffietti al D/

277

20 Franga 1927 R – Fr. 2 AU In slab PCGS MS61 cod. 15073.61/80479309

278

20 Franga 1927 R – Fr. 2 AU (g 6,49)

279

20 Franga 1938 10° Anniversario di Regno – Fr. 14 AU In slab PCGS MS62 cod. 15085.62/80516969 qFDC 1.000

280

20 Franga 1938 27.IV.1938 Matrimonio – Fr.16 AU In slab PCGS MS63 cod.15083.63/80479305. Un insignificante graffietto nel campo del D/ ma di conservazione eccezionale FDC 1.200

qFDC 1.500

SPL+/qFDC 800 qFDC 700

282

281

283

281

5 Franga 1926 – KM 8.1 AG (g 25,00) Minimi graffietto sotto il collo. Splendido esemplare FDC 1.000

282

5 Franga 1926 R Una stella sotto la testa – KM 8.2 AG (g 25,07) Minimi colpetti al bordo

283

5 Franga 1926 R Una stella sotto la testa – KM 8.2 AG (g 25,00) Minimi graffietti al D/ 22

FDC 1.000 FDC 1.000


286

285

284

284

2 Franga 1926 R Prova – P.P. 805 AG RRR In slab NGC MS66 4771565-002

285

Franga 1927 Prova Bordo liscio – P.P. 812 AG (g 5,00) RRR In slab NGC MS67 5887104-066 FDC 1.200

286

Franga 1928 Prova Bordo liscio – P.P. 813 AG (g 5,00) RRR In slab NGC MS67+ 5887104-067 FDC 1.200

287

FDC 1.500

289

288

287

Repubblica (1946-) 100 Leke 1987 – Fr. 23 AU (g 6,49)

288

50 Leke 1968 – Fr. 21 AU (g 9,90)

FS 600

289

20 Leke 1970 – Fr. 22 AU (g 4,00)

FS 350

290

291

FS 800

293

292

290

ANDORRA Sterlina 1979 prova in metallo dorato MD (g 4,18) Con bustina originale Johnson FDC 200

291

ARGENTINA La Rioja 2 Escudos 1843 RB – KM 17; Fr. 12 AU R In slab PCGS AU50 15815.50/83896.587 BB 1.200

292

La Rioja 8 Reales 1838 – KM 8; CJ 55.2 AG In slab NGC AU58 “coin rotation” cod. 5882442-003. Nell’asta Numisor 3 un altro esemplare NGC AU58 è stato aggiudicato per CHF 1.000 SPL 800

293

AUSTRALIA Vittoria (1837-1901) Sterlina 1866 – Fr. 10 AU (g 7,99) Colpetti al bordo e depositi BB+ 600

23


295

294

296

294

Sterlina 1882 M – S. 3857C AU (g 7,99) Modesti depositi

295

Giorgio V (1910-1936) Fiorino 1924 – KM 27 AG (g 11,28) Bella patina delicata

296

AUSTRIA Leopoldo (1619-1632) Doppio tallero s.d. – Dav. 3331 AG (g 56,70) Colpetti al bordo BB+ 1.200

297

298

BB+/qSPL 500 FDC 700

299

297

Ferdinando II (1564-1595) Tallero (Hall) – Dav. 8097 AG (g 28,74)

298

Rodolfo II (1576-1612) Tallero 1605 – 37.1 AG (g 28,21) Screpolature al D/

299

Giuseppe I (1705-1711) Tallero 1706 – KM 1438.1 AG (g 28,92) Modeste macchie su bella patina di vecchia raccolta SPL+ 500

24

qSPL/SPL 350 FDC 1.200


300

300

Francesco Giuseppe (1848-1916) 4 Ducati 1915 – Fr. 488 AU (g 14,00)

SPL+

700

301

301

Fiorino 1866 E – KM 2220 AG (g 12,37) RRR

302

FDC 3.000

304

303

305

306

302

Olmütz – Wolfgang von Schrattenbach (1711-1738) Tallero 1728 – Dav. 1220 AG (g 28,54)

303

Salisburgo – Johann Ernst Thun Hohenstein (1687-1709) Mezzo tallero 1694 – Probst 1817 AG (g 14,69) In slab NGC MS66(star) 5887105-059. In conservazione eccezionale con splendida patina iridescente FDC 500

304

Hieronymus von Colloredo (1772-1803) Ducato 1788 – KM 463 AU (g 3,51)

305

Quarto di ducato 1777 – KM 443; Fr. 883 AU (g 0,86)

306

Repubblica 100 Scellini 1937 – KM 2857 AU (g 23,52) Minimo colpetto al bordo, segnetti da contatto SPL+ 1.800 25

SPL 500

qFDC

700

FDC

700


307

307

BRASILE Joao V (1706-1750) 20.000 Reis 1727 M – Fr. 33 AU (g 53,40) RR In slab NGC AU58 5887102-012 SPL 8.000

308

308

BRASILE Joao V (1706-1750) 12.800 Reis 1732 Minas Gerais – Fr. 55 AU (g 28,57) RR Minimi graffietti qSPL 5.000

309

310

309

José I (1750-1777) 6.400 Reis 1756 Rio – KM 172.2 AU Conservazione eccezionale. In slab NGC MS65 cod. 3412036-011 FDC 2.500

310

Johan (1805-1818) 6.400 Reis 1807 Rio – Fr. 93 AU (g 14,33) Dalla nostra asta 25, 2003, lotto 959 SPL 800 26


311

312 314

313

316

315

311

Pedro I (1822-183) 960 Reis 1824 – KM 368.2 AG (g 27,05) Riconiato su 8 reales REX 1824 M° JM - KM 377.10 FDC 500

312

Repubblica (1889-) 20.000 Reis 1889 – KM 497 AU (g 17,97) Colpetto al bordo

BB 800

313

BOLIVIA 8 Escudos 1837 LM – KM 99 AU (g 27,01) Graffi al D/. Colpi al bordo

BB 1.500

314

BOLIVIA Medaglia 1825 Gratitudine del popolo di Chuquisaca (Sucre) a Simon Bolivar, zecca di Potosì – AG (g 37,46 – Ø 41 mm) RR BB 1.000

315

CAMBOGIA Repubblica Khmere 10.000 e 5.000 Riels 1974 – AG (g 37,61; g 37,61; g 18,94; g 18,92) Lotto di quattro monete. Con certificato ma senza astuccio FS 500

316

5.000 Riels 1974 – AG In confezione originale con certificato 27

FS 150


317

318

319

317

CILE 8 Escudos 1821 – KM 84; Fr. 33 AU (g 26,91) Colpetto al bordo

318

CINA Sinkiang Sar (tael) 1918/7 – Y 45.2 AG (g 34,53)

319

CINA 50 Cents nd (1910) – AG Y 23 LM 25 In slab PCGS AU55 168926.55/83895194

BB/SPL

1.700

qSPL

500

SPL 1.000

320

320

CINA Repubblica Popolare – 800, 400, 200 (2 diversi) Yuan 1981 Bronze Age – KM 46-49 AU (g 34,05 + 16,86 + 8,57 + 8,53) Lotto di quattro monete. Insignificanti hairlines FS 12.000 28


321

321

2.000 Yuan 2009 Commemorative gold coin of chinese panda – AU (5 oz) Tiratura di 1.000 esemplari, nel bellissimo astuccio in legno compresa la scatola, con certificato FS 10.000

322

322

1.000 Yuan 1987 – AU (12 oz) Tiratura di 2.500 esemplari, nel bellissimo astuccio in legno laccato entro la scatola in stoffa, con certificato FS 25.000

29


323

323

1.000 Yuan 1988 – AU (12 oz) Tiratura di 3.000 esemplari, nel bellissimo astuccio in legno, con certificato FS 25.000

324

325

326

324

100 Yuan 1985 – AU (1 oz) In slab PCGS MS69 164041.69/32673823

FS 1.800

325

100 Yuan 1989 Small date – AU (1 oz) In slab PCGS MS69 508839.69/32950982

FS 1.800

326

100 Yuan 1989 Large date – AU (1 oz) In slab PCGS MS69 508838.69/37030276

FS 1.800

30


328

327

327

100 Yuan 1991 Small date – AU (1 oz) In slab NGC MS68 2064370-005

FS 1.800

328

25 Yuan 1997 – AU (g 7,78)

FS

500

329

329

COLOMBIA Carlo IV (1788-1808) 8 Escudos 1808 – Cal. 2110 AU (g 27,01) Da montatura BB 1.700

330

330

20 Pesos 1868 Bogota – KM 142.1 AU R In slab PCGS AU53 cod. 133502.53/33180056 31

qFDC 3.500


331

332

331

CONGO BELGA Leopoldo II (1865-1909) 5 Franchi 1887 – KM 8.1 AG (g 25,00) RR Bella patina qFDC/FDC 2.500

332

50%

DAHOMEY 25.000, 10.000, 5.000 e 2.500 Franchi in oro, 1.000, 500, 200 e 100 Franchi in argento 1970 10° Anniversario dell’Indipendenza – AU (88,36 + 35,43 + 17,92 + 8,90 g titolo 900/1.000) e AG (51,55 + 25,50 + 10,32 + 5,09 g titolo 999/1.000) R Nell’astuccio originale con certificato, tiratura certificata di 2.000 serie numerate FS 6.000 32


333

333

EGITTO Farouk (1937-1952) 500 Piastre 1938 – Fr. 35 AU (g 42,55) RR Graffietti al D/ SPL+/qFDC 5.000

334

334

EL SALVADOR 20 Pesos 1861 (restrike 1960) – Fr. manca AU R In slab NGC MS64 (c. 1960 fantasy essai) 5887105-043 FDC 4.000

33


335

335

FUJAIRAH Mohamad Hamad al-Sharqi (1952-1974) 200 Riyals 1969 – KM 11 AU RR In slab NGC PF62 ULTRA CAMEO 4786095-001 FS 3.000

336

336

200 Riyals 1971 – cfr. KM 11 AU (g 41,09) RRR I testi riportano solo la data 1969 34

FS 4.000


338 337

339

337

10 Riyals 1970 Viaggio di Paolo VI nelle Filippine – AG (g 29,99)

FS

150

338

FRANCIA Luigi XV (1715-1774) Luigi 1745 W – Gad. 341 AU (g 7,58)

BB 400

339

Ecu 1732 & (Aix en Provence) – Gad. 321 AG In slab NGC MS64 5887105-060. Conservazione eccezionale con i fondi brillanti FDC 600

340

341

342

340

Luigi XVI (1774-1793) Doppio luigi d’oro 1775 I – Gad. 362 AU (g 16,28) RR In slab NGC MS62 5887105-015 qFDC 3.500

341

Doppio luigi 1786 A – Gad. 363 AU (g 15,17) Bei fondi lucenti

342

Doppio luigi 1786 D – Gad. 363 AU (g 15,16) Piccole screpolature al D/ 35

SPL+/qFDC 1.300 qSPL 1.000


343

345

344

346

347

343

Doppio luigi 1786 I – Gad. 363 AU (g 15,32) Minime striature ma conservazione eccezionale qFDC 1.300

344

Doppio luigi 1786 N – Gad. 363 AU (g 15,26)

345

Doppio luigi 1788 K – Gad. 363 AU (g 15,29) Modeste macchie al D/ ma conservazione eccezionale qFDC 1.300

346

Luigi 1786 B – Gad. 361 AU (g 7,58) Colpetti al bordo e piccola macchia al D/

347

Luigi 1788 A – Gad. 361 AU (g 7,68) Graffi di conio

SPL+ 1.300

qSPL 600 BB/BB+ 500

349

348

350

348

Periodo costituzionale (1791-1792) Ecu 1792 I – Gad. 55 AG (g 29,28) Splendido esemplare. Dall’asta Varesi, 45, lotto 908 qFDC 800

349

2 Sols 1791 A – Gad. 25 AU (g 23,64)

qFDC 800

350

Direttorio (1795-1799) 5 Franchi A. 4 A – Gad. 563 AG (g 25,22 sic)

qFDC 1.500

36


351

351

Napoleone (1804-1814) 20 Franchi A. 13 Q – Gad. 1022 AU (g 6,40) RR Coniati appena 522 esemplari. qSPL 4.000

352 353

352

20 Franchi 1815 A – Gad. 1025a AU (g 6,44) Modestissima macchia al margine del D/ ma esemplare di grande qualità SPL+ 500

353

5 Franchi A. 12 A – Gad. 577 AG (g 24,96) Bell’esemplare. Ex Nomisma 53, lotto 492

SPL+ 800

354

354

5 Franchi 1813 Utrecht – Gad. 584 AG (g 25,02) R Conservazione eccezionale. In slab NGC MS64 “ex Garrett” 5887105-016 FDC 5.000

37


356

355

357

358

360

359

361

355

Franco A. 13 A – Gad. 443 AU (g 5,02) Ex Nomisma 53, lotto 494

qFDC/FDC 400

356

10 Centesimi 1808 A – Gad. 190 MI (g 1,87) Bell’esemplare. Ex Nomisma 53, lotto 495

357

Assedio di Anversa (1814) 10 Cent 1814 W – Gad. 191c CU (g 23,46) Dalla nostra asta 37, 2008, lotto 642 FDC 300

358

Carlo X (1824-1830) 5 Franchi 1829 B – Gad. 644 AG (g 24,99) Colpetto al bordo. conservazione eccezionale con delicata patina sui fondi lucenti FDC 1.500

359

5 Franchi 1830 B – Gad. 644 AG (g 25,03) Conservazione eccezionale con delicata patina sui fondi lucenti FDC 1.200

360

Terza Repubblica (1871-1940) 50 Centesimi 1886 A – Gad. 419a AG In slab NGC MS67 (il grading più alto per questo millesimo) 2189048-010 FDC 1.200

361

GABON 25 Franchi 1960 Essai – KM E1 AE (g 4,31) 10 esemplari coniati in bronzo, con bustina originale Johnson FDC 250

qFDC 300

362

362

GERMANIA Baviera - Karl Albrecht (1726-1745) Tallero 1743 – KM 464; Dav. 1947 AG (g 29,18) R Piccolo difetto al bordo, splendida patina SPL+ 3.000 38


363

365

364

366

363

Bamberg – Franz Ludwig von Erthal (1779-1795) C 1795 – KM 146 AG (g 28,09)

364

GERMANIA Sassonia – Friedrich August I (1694-1733) Tallero 1711 – Dav. 2655 AG (g 29,21) R Piccola frattura del tondello BB+ 800

365

Friedrich August I (1763-1827) 10 Talleri 1808 – Fr. 2882 AU (g 13,26) Frattura del tondello, minimi graffietti al D/ BB+ 1.200

366

Westphalia – Girolamo Napoleone (1807-1813) 10 Franchi 1813 – Fr. 3518 AU (g 3,22) R

SPL

300

SPL 1.000

367 368

369

367

5 Franchi 1813 – Fr. 3519 AU (g 1,62) R Riconio

368

Terzo Reich – Medaglia-Probe zu 20 Reichmark 1933 – AU (g 5,86 – Ø 21 mm)

369

GRECIA Giovanni Capodistria (1828-1831) 10 Lepta 1828 – KM 3 CU (g 15,50) Colpetti al bordo SPL 400

qFDC 500

39

FDC 800


370

371

370

Otto (1832-1862) 5 Lepta 1833 – KM 16 CU (g 6,54) Zone di rame rosso

371

INDIA Madras Presidency - Mohur (1819) – Fr. 1587 AU In slab NGC MS62+ 5887105-042 qFDC

372

qFDC/FDC 300

1.500

373

372

Vittoria (1837-1901) Mohur 1862 – Fr. 1598 AU (g 11,64) Lungo il bordo minimi colpetti di lima (?) ma bell’esemplare SPL 1.800

373

Rupia 1901 Bombay – KM 492 CU In slab NGC MS 62 cod. 4975585-026

qFDC/FDC 150

374

374

INGHILTERRA Elisabetta I (1558-1603) Pound – Fr. 2534; Fr. 214 AU (g 11,01) RR Ondulazioni e colpi nel tondello BB 8.000 40


375

377

376

375

Giorgio III (1760-1820) Shilling 1816 – KM 666 AG In slab NGCMS66 3706757-067

FDC 250

376

Vittoria (1837-1901) Crown 1847 undecimo – Seaby 3883 AG (g 28,34) RRR P.L. Proof

SPL 3.000

377

Penny 1848/7 – KM 739 CU 7 su 8. Difetto di conio al D/. In slab NGC OBVERSE LAMINATION MINT ERROR MS64RB 3069745-014 FDC 300

378

378

Edoardo VII (1901-1910) 5 Sterline 1902 – AU (g S39,99) Graffietti e diffusi colpetti al bordo SPL 4.000 41


379

379

Giorgio V (1910-1935) Sterlina 1918 I – AU (g 7,99)

SPL 400

380

380

Elisabetta I (1558-1603) 500 Pounds 2020 Queen – AU (g 156,29 – tit. 999,9) Nello splendido astuccio originale con certificati e scatola FS 20.000

42


381

381

100 Pounds 1987 Britannia – AU (g 34,15 – un’oncia di oro puro) Minimi graffietti al D/

FDC 1.500

382

382

IRAN Nasir al-Din (1848-1896) Medaglia 1273 AH (1856) Parigi – AG (g 11,59 – Ø 28 mm) RRRR Sul bordo (Mano) ARGENT. Minimi colpetti al bordo SPL 4.000

384

383

383

IRAN 100 Dinari 1980 – Fr. 6; KM 174 AU (g 38,08) R Diffusi minimi graffietti da lucidatura sia al D/ che al R/ FS 2.000

384

IRLANDA Giorgio III (1760-1820) Mezzo Penny 1805 – S. 6621 Bronzed engrailed Edge In slab PCGS PR66 826840.66/33000679. Conservazione eccezionale FS 800 43


385

386

385

LAOS 5.000 Kip 1975 – AG In astuccio con certificato

386

LIBANO Medaglia 1993 50° Anniversario dell’Indipendenza – AU (g 34,05 – Ø 32 mm)

FS 150 FDC

1.500

387

387

MALTA Emanuel Pinto (1741-1773) 20 Scudi 1765 – Fr. 34 AU (g 16,53) Da montatura

SPL 2.500

389

388

388

10 Scudi 1756 – Fr. 36 AU (g 7,54) Da montatura, bordo parzialmente ritoccato

SPL 1.000

389

ISOLA DI MAN Vittoria (1837-1901) Farthing 1839 – KM 12 CU In slab NGC MS65BN 3216529-003 FDC 250

390

390

Elisabetta (1952-) Angel 1986 – KM 141 AU (g 34,09) 44

FS

1.500


391

391

90%

MALTA - SMOM 10, 5, 2 e Scudo 1966 – AU/AG Serie di quattro monete nel cartoncino originale (piccole abrasioni) FDC 600

393

392

392

MESSICO Carlo IV (1788-1808) 8 Escudos 1805 – Fr. 43 AU (g 2,06) Piccole mancanze e colpetti al bordo ma bei fondi lucenti BB+/SPL 1.300

393

20 Pesos 1903 – Fr. 119 AU (g 33,79)

SPL

1.800

394

394

MONACO Ranieri III (1949-2005) 20 Euro 2002 – KM 177 AU (g 6,45) In astuccio originale e certificato FS 400 45


395

395

Divisionale 2004 – Nove monete in astuccio originale e certificato

396

396

85%

Divisionale 2006 – Otto monete in astuccio originale e certificato 46

FS 300

85%

FS 250


397

398

397

NORVEGIA Carl XV (1859-1872) 12 Skilling 1865 – KM 526 AG In slab PCGS MS62 cod. 758043.62/81234477. Ottimo esemplare FDC 750

398

Oscar II (1872-1905) 2 Corone 1878 – KM 359 AG (g 15,01) RR Bella patina delicata

FDC 600

399 400

399

OLANDA 14 Gulden 1750 – KM 97 AU (g 9,93) In slab PCGS AU58. Ex Gadoury 2018, lotto 1817 SPL+ 1.000

400

Utrecht – 3 Gulden 1763 – Dav. 1852 AG (g 31,30) In slab NGC MS63 5887105-062. Bellissima patina iridescente qFDC 500

401

403

402

401

Ducatone 1791 – KM 90.2 AG (g 32,54) Bella patina delicata e di grande qualità per questo tipo di moneta qFDC 1.000

402

Luigi Napoleone (1806-1810) Riksdaler 1808 – Dav. 225; KM 25 AG (g 28,22) RR

403

50 Stuivers 1808 – Dav. 228; KM 28 AG (g 26,44)

SPL+ 400 BB+ 250

47


404

404

PERU Ferdinando VII (1808-1822) 8 Reales 1818 JP – KM 117.1 AG In slab NGC MS61 5887105-063. Bella patina SPL+/qFDC 200

406

407

405

405

POLONIA Repubblica – 10.000 Zloti 1982 Giovanni Paolo II – Fr. 128 AU (g 34,38)

FS

2.500

406

2.000 Zloti 1982 Giovanni Paolo II – Fr. 129 AU (g 6,79)

FS

700

407

1.000 Zloti 1982 Giovanni Paolo II – Fr. 130 AU (g 3,41)

FS

500

408

409

408

PORTOGALLO Joao V (1706-1750) 4 Escudos 1727 – Fr. 86 AU (g 14,17) Due colpetti di lima (?) al bordo BB 2.000

409

RAGUSA Repubblica - Ducato 1797 – KM 15 AG (g 13,37) Graffio al R/. Delicata patina 48

SPL

400


410

410

RAS AL KHAIMA (1948-1999) 75 Riyals 1970 Centenario Roma Capitale – Fr. 3a AU (g 15,52) FS

800

411

411

5, 2 e 1 Rials 1969 – KM 1-3 AG (g 14,99 + 6,48 + 3,91) Lotto di tre monete

FS

300

412

412

15, 10 e 7 ½ Riyals 1970 – AG (g 45,32 + 29,86 + 22,48) Official proof set. In astuccio originale 49

FS 450


413

413

ROMANIA Carol I (1866-1914) 100 Lei 1906 – Fr. 4 AU (g 32,28) RR Tiratura di soli 3.000 esemplari. Diffusi segnetti da contatto BB 4.000

414 415

414

Michael (1940-1947) 20 Lei 1944 – KM 13 AU (g 6,60)

415

RUSSIA Pietro II (1727-1730) Rublo 1729 – KM 182.3 AG (g 28,21) Ritocchi al D/ e campi leggermente ritoccati al R/ BB 500

qFDC

350

416

416

Caterina II (1762-1796) 10 Rubli 1766 San Pietroburgo – Fr. 129 AU (g 13,01) RR Da montatura MB 2.000 50


417

417

5 Rubli 1768 – Fr. 130a AU (g 6,54) RRR In slab NGC AU58 5887102-005

SPL+ 7.500

418 419

418

Pavel I (1796-1801) Kopeck 1797 KM – Bitkin H152 CU RR Ex collezione Hesselgesser. In slab PCGS MS64RB cod. 680147.64/21927308 FDC 1.000

419

Alessandro I (1801-1825) 5 Copechi 1803 EM – KM 115.1 CU In slab PCGS MS63BN 404512.63/39061313. Conservazione eccezionale in rame rosso FDC 1.300

420

420

Nicola I (1825-1855) 3 Rubli 1831 – Fr. 143 Platino (g 10,36) RR In slab NGC MS64 5887105-064 FDC 2.500

51


421

422

423

424

421

Alessandro II (1855-1881) 5 Rubli 1863 – Fr. 163 AU (g 6,55) R In slab NGC MS63 5887105-017 FDC 1.200

422

Alessandro III (1881-1894) 5 Rubli 1893 – Bitkin 39; Fr. 39 AU (g 6,44)

423

Nicola II (1894-1917) 7,50 Rubli 1897 – Y 63 AU (g 6,46)

424 5 Rubli 1898 – Y 68 AU (g 4,30)

SPL

500

BB/SPL

300

qSPL/SPL

200

425

425

Rublo 1910 EB – KM 59.3; Bitkin 64 AG Graffietti al D/. In slab NGC MS 64 cod. 4157510-001 FDC 6.000

426

426

Rublo 1913 EB – KM 59.3; Bitkin 64 AG Graffietti al D/. In slab NGC MS 64 cod. 3903597-004 FDC 6.000 52


428

429

427

427

SERBIA Mihailo Obrenovich III (1860-1868) Medaglia 1865 – MB (g 32,00 – Ø 44 mm) RR Splendido esemplare con i fondi speculari. Un altro passaggio in asta di questa medaglia risale al 2008 con un esemplare BB a euro 140,00 FDC 700

428

Milan I Obrenovich (1882-1889) 20 Dinara 1882 – Fr. 5 AU (g 6,44) Minimi segnetti da contatto qFDC 400

429

20 Dinara 1882 – Fr. 5 AU (g 6,43) Minimi graffietti

SPL+ 400

430

430

SHARJAH Khalid bin Muhammad al-Qasimi (1965-1972) 200 Riyals 170 – KM 11 AU (g 41,25) RRR FS 4.000 53


431

431

SPAGNA Giuseppe Napoleone (1808-1813) 320 Reales 1812 Madrid RS – FR. 300 AU (g 26,93) R BB 7.000

433

432

434

432

20 Reales 1811 – Cal. 43 AG (g 27,09) RR Variante un solo mondo nello stemma. Bella patina BB+/SPL 500

433

Alfonso XIII (1886-1931) 100 Pesetas 1897 (97) S GV – Fr. 347 AU (g 32,30) RR In slab NGC MS62 5887105019 qFDC 2.500

434

5 Pesetas 1898* 1888 SGV – Cal. 108; KM 707 AG In slab PCGS MS64 cod. 569064.64/21087194 FDC 300 54


435 436

435

SUDAFRICA Giorgio V (1910-1935) Sterlina 1926 SA – AU (g 7,99)

SPL 380

436

SVIZZERA Zurigo - 40 Batzen 1813 – Dav. 366 AG (g 29,40) Minimi graffietti

SPL 400

437

437

Confederazione - 100 Franchi 1925 – Fb. 502 AU RRR In slab NGC MS65+ 5887103-006

FDC 12.000

438

438

100 Franchi 1934 Friburgo – Fb. 505 AU (g 25,98) R

55

FDC 2.000


439

439

20 Franchi 1871 – Fr. 491 AU (g 6,44) RR

FDC 7.000

440

440

20 Franchi 1888 – Fr. 497 AU (g 6,47) RR Coniati appena 4.224 esemplari. Minimi graffietti e minimo colpetto al bordo qFDC 8.000

441

441

20 Franchi 1888 – Fr. 497 AU (g 6,41) RR Coniati appena 4.224 esemplari. Lucidata

56

SPL 3.000


444

443

442

445

442

5 Franchi 1851 – AG (g 25,14 sic) Conservazione eccezionale

FDC 1.000

443

5 Franchi 1855 – AG (g 24,99) RRR

SPL 1.500

444

5 Franchi 1916 – AG (g 24,99) Una minima abrasione sulla guancia al D/

445

Mezzo franco 1850 – AG (g 2,49)

qFDC/FDC 1.500 SPL 150

446 447

446

TUNISIA 25 Piastre / 15 Franchi 1308 AH – Fr. 10 AU In slab PCGS MS64 952702.64/34789813 FDC 500

447

TURCHIA Mohammed VI (1918-1921) 500 Piastres 1928 – Fr. 79 AU (g 35,83) Da montatura BB 1.000

448

449

448

UNGHERIA Francis II Rákóczi (1703-1711) 10 Poltura 1704 REBELLION – KM 268 CU In slab NGC MS65 RB 2762905-010. Bell’esemplare con riflessi di rame rosso FDC 250

449

Francesco Giuseppe (1848-1918) 100 Corone 1908 Riconio – Fr. R249 AU (g 33,87) 57

FDC

1.500


450

450

USA 2,50 Dollari 1836 – Fr. 110 AU (g 4,18) RR In slab NGC MS63 5887104-058

qFDC 3.000

451

451

VIETNAM Tu Duc (1848-1883) 10 Lang s.d. – KM 495 AG (g 376 – 110 x 30 mm) RR Barra curva d’argento con diverse contromarche BB 400

452

452

YEMEN Imam Yahya – Imadi Riyal 1344 AH (1926) – Fr. 2 AU (g 34,13) RRRRR 58

FDC 7.000


MEDAGLIE

UNA SELEZIONE DI MEDAGLIE DI VENEZIA O DEDICATE A VENEZIA

453

454

455

453

Marc’Antonio Giustinian (1684-1688) Medaglia 1685 Marc’Antonio Giustinian per le Vittorie in Morea – Opus: Hautsch – AG (g 21,69 – Ø 37 mm) RRR Con appiccagnolo, minimi colpetti al bordo SPL 600

454

VENEZIA Medaglie 1857 per la riapertura della scuola di San Giovanni Evangelista in Venezia – Opus: Schabel – AG (g 24,58 – Ø 42 mm); AE (g 29,17 – Ø 42 mm) RRR 60 esemplari coniati. Coppia eccezionale difficilissima da vedere insieme qSPL 700

455

VENEZIA Medaglia 1864 Inaugurazione della casa per donne liberate dal carcere – Opus: Fabris – AE (g 45,92 – Ø 45 mm) RR In astuccio originale SPL+ 200 59


456

457

458

456

VENEZIA Medaglia 1867 Riannessione di Venezia all’Italia – Opus: Vagnetti – AE (g 134 – Ø 70 mm) Graffi al R/, colpo al bordo qSPL 100

457

VENEZIA Medaglia 1869 per il restauro del Fondaco dei Turchi – Opus: Stiore – AE (g 93,95 – Ø 62 mm) Ex collezione Voltolina. Colpetto al bordo FDC 150

458

VENEZIA Medaglia 1881 Terzo congresso geografico internazionale – Opus: Monteverde, Speranza – AE (g 152 – Ø 68 mm) Graffietti al D/ SPL+ 200 60


459

460

459

VENEZIA Medaglia 1895 per gli 800 anni della Basilica di San Marco – AG (g 256 – Ø 82 mm) RRR Minimi colpetti al bordo. Una splendida ed imponente medaglia con le iniziali S. J dello Stabilimento Johnson qFDC 1.000

460

VENEZIA Medaglia 1895 per gli 800 anni della Basilica di San Marco – Probabilmente AG dorato (g 248 – Ø 83 mm) RRR Una splendida ed imponente medaglia con le iniziali S. J dello Stabilimento Johnson FDC 700 61


461

462

463

461

VENEZIA Medaglia 1900 per il centenario dell’elezione a Pontefice di Pio VII – MD (60 mm) RRR In astuccio originale, prima coniazione. Solo 50 pezzi coniati. Una splendida medaglia con i fondi speculari, della massima rarità in questa conservazione FDC 300

462

VENEZIA Medaglia 1912 per la ricostruzione del Campanile – Opus: Lippi – MA (g 89,27 – Ø 60 mm) RRRR qFDC 180

463

VENEZIA Medaglia 1912 per la ricostruzione del Campanile – Opus: Lippi – AE (g 100 – Ø 65 mm) BB 40 62


464

464

VENEZIA Medaglia 1915 per la difesa antiaerea della città – Opus: Pailotti - AG (g 14,24 – Ø 37 mm) Minimi graffietti al D/ BB+ 200

UNA SERIE DI MEDAGLIE DI ANTONIO FABRIS Antonio Fabris nacque a Udine il 4 settembre 1790 e fin da giovane rivelò un grande talento per l’arte ed in particolare per l’incisione. La sua attività iniziò nel 1823 prima ad Udine e quindi a Firenze e poi a Venezia. Morì nel 1865.

465

466

465

Medaglia 1827 in onore al Patriarca di Venezia Pirker – Opus: Fabris – AE (g 46,74 – Ø 52 mm) Scritta bianca al D/. Ex collezione Voltolina FDC 80

466

Antonio Canova Medaglia 1831 Il mausoleo – Opus: Fabris - AE (g 51,51 – Ø 50 mm) Colpi al bordo, graffietti al D/. Ex collezione Voltolina FDC 100 63


467

468

469

470

467

Leopoldo Cicognara (1767-1834) Medaglia 1834 – Opus: Fabris – AE (g 47,60 – Ø 52 mm) RRR Colpetti al bordo, graffi al D/ SPL 100

468

VENEZIA Medaglia 1847 Marco Polo, nona riunione degli scienziati italiani a Venezia – Opus: Fabris – AE (g 76,40 – Ø 56 mm) qFDC 100

469

VENEZIA Medaglia 1848 L’Assemblea dei Rappresentanti decretò che resisterà al nemico austriaco – Opus: Fabris – MD (g 56,15 – Ø 49 mm) Minimo colpetto al bordo, doratura non omogenea Medaglia rarissima qSPL 150

470

VENEZIA Governo Provvisorio (1848) Medaglia 1848 Liberazione dalla prigionia di Daniele Manin – Opus: Fabris – AE (g 99,77 – Ø 58 mm) Graffietti al D/ SPL 200 64


471

472

473

471

AUSTRIA Francesco Giuseppe (1848-1816) Medaglia 1850 Posa della prima pietra della linea ferroviaria sud a Trieste – Opus: Fabris – AE (g 92,47 – Ø 58 mm) RR SPL 200

472

VENEZIA Medaglia 1852 Visita di Francesco Giuseppe al mausoleo di Tiziano nella chiesa dei Frari – Opus: Fabris – AE (g 112 – Ø 60 mm) Minimo colpetto al bordo qFDC 150

473

VENEZIA Medaglia 1856 Visita di Francesco Giuseppe I alla tipografia Antonelli – Opus: Zandomeneghi, Fabris – AE (g 56,18 – Ø 48 mm) RR Ex collezione Voltolina, 120 esemplari coniati SPL 300

65


474

475

476

477

474

VENEZIA Medaglia 1856 per la visita di Francesco Giuseppe alla zecca di Venezia – Opus: Fabris – AE (g 24,17 – Ø 37 mm) RR Minimi segni da contatto nei campi SPL+ 150

475

UNGHERIA Medaglia 1859 centenario della nascita dello scrittore Ferencz Kazinczy - Opus: Fabris – AE (g 74,31 – Ø 49 mm) RRR Coniata in 39 pezzi, tre sono conservati al gabinetto numismatico dei Civici Musei di Udine SPL 100

476

VENEZIA Medaglia 1864 Inaugurazione della casa per donne liberate dal carcere – Opus: Fabris – AE (g 48,10 – Ø 45 mm) RR Colpo al bordo SPL+ 150

477

PADOVA Medaglia premio Corsa del Jockey – Opus: Fabris – AE (g 88,69 – Ø 55 mm) RR SPL 120

66


478

479

480

478

Filippo Giuseppini (1811-1862) Medaglia – Opus: Fabris – AE (g 69,89 – Ø 50 mm) Splendida medaglia FDC 100

479

Pio IX (1846-1878) Medaglia – Opus: Fabris – AE (g 77,64 – Ø 55 mm) Colpo al bordo rarissima 73 pezzi coniati SPL+ 150

480

Antonio Fabris (1790-1865) Medaglia 1865 Sommo incisore italiano nel secolo XIX – Opus: Stiore – AE (g 99,12 – Ø 58 mm) RR 120 esemplari coniati. In astuccio originale SPL+ 300

67


MEDAGLIE FASCISTE

481

481

Medaglia 1920-1922 Marcia su Roma - AE (g 13,31) Con nastrino nero e azzurro, frattura

SPL 300

482

482

Medaglia 1937 XV - L’industria nazionale Alluminio inizia la produzione nel I anno dell’Impero, Bolzano 9 Maggio 1937 XV – AL (g 67,23 – Ø 80 mm) FDC 300 68


483

484

485

483

Medaglia 1942 XX – Battaglia di Pantelleria – AE (g 114 – Ø 60 mm)

484

Medaglia 1931 A. X Regio Corpo Truppe Coloniali - Cirenaica – Opus: Bonati AE (g 46,00 – Ø 49 mm) FDC 180

485

Medaglia dono del Ministero per l’economia nazionale – AU marcato K18 nella parte interna e AG dorato marcato 800 nella corona esterna (g 25,30 – Ø 41 mm) SPL+ 700 69

FDC 180


MEDAGLIE DI PERSONAGGI

486

487

488

489

486

Ammiraglio Vernon – Medaglia 1739 Presa di Porto Bello con sole sei navi – AE (g 17,41 – 36 mm) BB 500

487

Antonio Canova (1757-1822) Medaglia 1816 Apollo del Belvedere – Opus: Passamonti – AE (g 158– Ø 67 mm) RR Minimi colpetti al bordo SPL 300

488

Antonio Canova (1757-1822) Medaglia 1822 Darai spirito alle Grazie - Opus: Mistruzzi – AE (g 37,19 – 44 mm) Ex collezione Voltolina FDC 200

489

Gioacchino Rossini - Medaglia 1869 – Opus: Pieroni – AG (g 58,25 – Ø 45 mm) Un minimo colpetto al ciglio del R/ ma di conservazione eccezionale, praticamente con i fondi a specchio FDC 400 70


490

490

Enrico Silvani direttore della Cassa di Risparmio in Bologna - Medaglia 1927 – Opus: Romagnoli – AU (g 220 – Ø 64 mm) RRRR Una spettacolare medaglia, con ogni probabilità unica in oro. Una striatura lungo il ciglio del R/ FDC 12.000

491

491

Medaglia premio intitolato a Carlo Speranza e conferito a Romeo Paladini dalla città di Parma - Medaglia 1878 – Opus: Bentelli – AU (g 54,12 – Ø 46 mm) RRRRR Medaglia probabilmente unica in oro. Una splendida opera di Donnino Bentelli FDC 8.000 71


MEDAGLIE DI CITTÀ

492

493

494

492

LIVORNO Medaglia RR. Istituto Tecnico e Nautico – Opus: Gori – AG (g 40,87 – Ø 40 mm) Pesante colpo al bordo ma comunque una bellissima medaglia FDC 200

493

MILANO Medaglia 1881 Esposizione Nazionale di Milano – Opus: Barzaghi, Broggi - AU (g 89,97 – Ø 52 mm) In astuccio d’epoca FDC 4.000

494

PADOVA Medaglia 1819 Ringraziamenti per le statue egizie donate alla città da Giovanni Battista Belzoni – Opus: Manfredini – AE (g 49,35 – Ø 54 mm) RRR Solo 24 esemplari coniati ex Collezione Wellenheim n°13206, ex asta Kunker e-live 33 lotto 2342 qSPL 600 72


495

495

Società di partecipazioni Bancarie SpA – Banca di Credito San Giuliano SpA - Medaglia Esercizio 1988 – Opus: Giò Pomodoro - AU (g 368 marcato 999 – Ø 70 mm) In astuccio anonimo. Una spettacolare medaglia firmata da Giò Pomodoro, uno dei più reputati scultori contemporanei. Probabilmente unica in oro FDC 20.000

MEDAGLIE ESTERE

496

50%

497

496

BELGIO Serie degli uomini illustri Astuccio con dieci medaglie della serie degli uomini illustri – Opus: Jouvenel – AE (ciascuna medaglia g 41-43 circa - Ø 47 mm) In astuccio d’epoca in ottima conservazione, 278 x 113 mm, un bellissimo insieme FDC 500

497

FRANCIA Napoleone III (1852-1870) Medaglia premio esposizione Universale di Parigi 1867 – Opus: Ponscarme – Page-Divo 541 AU (g 75,45 – Ø 51 mm) Sul bordo (ape) OR. Colpetti al bordo. In astuccio d’epoca FDC 3.000 73


498

499

500

498

GERMANIA Sassonia Johann Fridrich I (1532-1547) Medaglia – Peltro (?) (g 56,85 – Ø 55 mm) R Fusione posteriore SPL 300

499

GERMANIA Medaglia 1938 Annessione dei Sudeti – Opus: Concee - AG (g 21,23 – Ø 36 mm) Marcata HAUPTMUNZAMT WIEN A 835 sul bordo FDC 180

500

GERMANIA - Medaglia 1810-1910 Centenario dell’Oktoberfest a Monaco – AE (g 216 – Ø 83 mm) FDC 300 74


501

502

503

80%

501

MESSICO Medaglia 1792 Maria Luisa di Borbone moglie di Carlo IV fonda l’ordine della regina – Opus: Cerbara - AE (g 76,69 – Ø 55 mm) Sul bordo la scritta in rilievo: Da. Ma. GUADALUPE DE MONCADA Y BERRIO LA HIZO AGUNAR EN MEXICO ANO 1793. Colpo al bordo SPL 700

502

OLANDA Medaglia 1675 Hendrik Casimir van Nassau-Dietz – Opus: Benigh – AG (g 38,71 – Ø 46 mm) RR Colpetti al bordo qBB 400

503

UNGHERIA Medaglia 1956 Martiri ungheresi – Opus: Morbiducci – AG (g 49,20 – Ø 48 mm) e AE (g 49,46 – Ø 48 mm) Lotto di due medaglie, una in argento ed una in bronzo FDC 200 75


ONORIFICENZE

504

505

504

ITALIA Regno d’Italia Croce 1940 Gruppo armate dell’ovest battaglia delle Alpi – (g 19,60 – Ø 37 x 37 mm) RRR qFDC/FDC 800

505

FRANCIA - Onorificenza per i senatori della Repubblica francese – (g 54,83 – Ø 72 mm)

76

FDC 200


MONETE BATTUTE IN ITALIA A NOME DI NAPOLEONE

506

506

BOLOGNA 5 Lire 1809 Bordo in rilievo, puntali aguzzi – Gig. 99 AG (g 25,00) Insignificanti segnetti da contatto al D/ ma di conservazione eccezionale con il metallo lucente FDC 1.200

507

508

510

509

511

507

5 Lire 1812 Puntali aguzzi – Gig. 111 AG (g 24,93) Minime screpolature al D/

508

5 Lire 1813 Puntali sagomati – Gig. 121 (indicato R/2) AG (g 24,89) RR Minime screpolature al D/ SPL/SPL+ 500

509

2 Lire 1813 Puntali sagomati, 13 su 00 – Gig. 144a AG (g 10,00)

510

Lira 1808 Bordo in rilievo, B su M – Gig. 148b AG (g 5,00)

SPL+ 300

511

Lira 1811 Puntali aguzzi, 1 su 0, B su M – Gig. 155a AG (g 5,00)

SPL+ 300

77

SPL/SPL+ 400

SPL+/qFDC 300


513

512

514

512

Lira 1812 Puntali sagomati, 1 su 0, B su M – Gig. 165 AG (g 5,00)

513

10 Soldi 1813 B su M – Gig. 183a (indicato R/3) AG (g 2,46) RRR Minimi graffietti di conio ma splendido esemplare con i fondi lucenti qFDC 500

514

Soldo 1807 – Gig. 203 (indicato R/2) CU (g 10,41) RR Modeste screpolature ma esemplare di ottima qualità per questo tipo di moneta, rame rosso qFDC 600

515

SPL+ 300

516

515

Centesimo 1813 – Gig. 237 CU (g 2,23) Conservazione eccezionale in rame rosso, rarissimo di questa qualità FDC 150

516

GENOVA 20 Franchi 1813 – Gig. 19 (indicato R/2) AU (g 6,40) RR Minimi graffietti

BB 400

517

517

5 Franchi 1813 – Gig. 32 (indicato R/3) AG (g 24,92) RRR Esemplare di conservazione eccezionale per la zecca di Genova! Il catalogo dell’asta NAC 30, 2005, lotto 857, nel descrivere un esemplare come questo di conservazione SPL, riporta: “La monetazione di Genova al pari di quella di Torino per l’occupazione francese si trova assai raramente in bello stato di conservazione. Queste monete nonostante siano state coniate negli ultimi anni dell’impero hanno circolato moltissimo non essendo state subito demonetizzate. Dei 13.552 pezzi coniati per il 5 Franchi 1813, sono giunti a noi solo pochi pezzi.” SPL/SPL+ 2.500

78


518

519

520

521

522

518

MILANO 40 Lire 1808 – Gig. 72 AU (g 12,88)

519

40 Lire 1808 Senza segno di zecca – Gig. 72a AU (g 12,88) R

qBB 500

520

40 Lire 1810 puntali aguzzi – Gig. 75a AU (g 12,92)

FDC

521

40 Lire 1810 Puntali aguzzi – Gig. 75 AU (g 12,90) Colpo al bordo, bei fondi lucenti. Lo 0 presenta due piccole appendici da esaminare BB+/SPL 50

522

40 Lire 1812 Puntali sagomati – Gig. 80 AU (g 12,93) Fondi speculari al R/. Minimi colpetti al bordo, bellissimo esemplare qFDC/FDC 1.000

BB

523

500 1.200

524

523

40 Lire 1813 Puntali sagomati, il secondo 1 su 0 – Gig. 81a AU (g 12,86) Colpetti al bordo BB/BB+

524

40 Lire 1814 Puntali sagomati – Gig. 82 AU (g 12,90) Graffietti al bordo, leggermente lucidato. Il primo 1 sembra ribattuto su 0 qSPL/SPL 500

525

526

500

527

528

525

20 Lire 1808 di primo tipo – Gig. 83 (indicato R/3) AU (g 6,44) RRR Minimi graffietti al D/ ma bell’esemplare SPL/SPL+ 1.500

526

20 Lire 1809 Puntali aguzzi – Gig. 85 AU (g 6,40) Minimi graffietti di conio al R/

527

20 Lire 1809 Puntali aguzzi, stella a sei punte – Gig. 85a AU (g 6,44) Bell’esemplare dai fondi lucenti SPL+ 400

528

20 Lire 1812 Puntali sagomati – Gig. 91 AU (g 6,43) Colpetti al bordo, bei fondi lucenti. Questo esemplare presenta il 2 della data molto staccata dal resto delle cifre SPL 300 79

BB+/SPL 300


529

530

531

529

5 Lire 1809 Puntali aguzzi e bordo incuso – Gig. 104 AG (g 25,00) Minimi graffietti al D/ ma esemplare di grande qualità, millesimo raro in alta conservazione qFDC/FDC 800

530

5 Lire 1812 Puntali sagomati – Gig. 119 AG (g 25,00) Minimi graffietti di conio al R/ ma esemplare di conservazione eccezionale con fondi lucenti al R/ ed un incuso sul bordo eccezionalmente ben impresso FDC 1.000

531

5 Lire 1814 Puntali sagomati – Gig. 124 AG (g 25,01) Modeste macchie al bordo ma esemplare di conservazione eccezionale con fondi praticamente a specchio FDC 1.000

532

533

534

535

536

532

2 Lire 1807 cifre della data spaziate – Gig. 125a AG (g 9,99) RR Bel metallo lucente

533

2 Lire 1808 Contorno in rilievo, cifre della data spaziate – Gig. 127a AG (g 10,00) R Dalla nostra asta 40, 2009, Collezione Vitalini, lotto 910, con questa descrizione: “splendida patina iridescente e conservazione eccezionale” FDC 1.500

534

2 Lire 1808 Contorno in rilievo, cifre della data spaziate – Gig. 127a AG RR In slab NGC AU58 2821721-031 SPL 600

535

2 Lire 1811 Puntali aguzzi, cifre 1 su 0 – Gig. 131a AG (g 10,00)

536

Lira 1810 Puntali aguzzi – Gig. 154 AG Sigillato FDC da Raffaele Negrini

80

SPL 300

SPL+/qFDC 30 FDC 400


537

539

538

541

540

537

Lira 1810 Puntali aguzzi – Gig. 154 AG In slab PCGS MS62 333399.62/10949687. Bellissimo esemplare con delicata patina FDC 300

538

Lira 1811 Puntali aguzzi – Gig. 156 AG In slab NGC MS642761786-028. Bellissimo esemplare con patina di vecchia raccolta FDC 300

539

Lira 1811 Puntali aguzzi, 1 su 0 – Gig. 156 AG (g 5,00) Minimi graffietti

540

Lira 1814 Puntali sagomati – Gig. 171 AG (g 5,00) Insignificanti graffietti di conio al D/ ma esemplare di conservazione eccezionale, praticamente fondo a specchio FDC 500

541

15 Soldi 1814 – Gig. 174 AG (g 3,74) RR Minimi graffietti di conio al R/ ma esemplare di conservazione eccezionale, praticamente fondo a specchio FDC 1.000

FDC 250

542

542

Soldo 1810 Contorno liscio e di alto spessore – Gig. 211b (indicato R/4) CU (10,16) RRRR Minimo graffietto al R/, colpetti al bordo. Dalla nostra asta 40, 2009, collezione Vitalini, lotto 934, con questa nota: Moneta controversa che appare sia nell’opera di A. Pagani sulle prove ed i progetti al n. 493 sia nell’altra sulla monetazione ordinaria dello stesso autore e censita al n. 75b. Crippa lo elenca al n. 50 tra i progetti (con rarità R4). Si differenzia dalla monetazione usuale del soldo per una definizione del conio molto più curata, il metallo solitamente lucido e di colore scuro, mentre l’impronta di Napoleone è maggiormente definita, oltre che per il bordo perfettamente circolare, liscio, e di maggior spessore. Siamo propensi a considerarla una moneta, giacché se ne conoscono due esemplari che hanno circolato, anche se di tipo transitorio. Da li a poco infatti fu introdotto il nuovo tipo da un soldo (1811) con il bordo leggermente rialzato e liscio e la testa di Napoleone più piccola con la capigliatura a ciocche grandi. Di questo tipo, ad oggi, sono comparsi in asta pubblica, due soli esemplari negli ultimi 30 anni. FDC 700

81


543

544

546

545

547

543

Soldo 1811 – Gig. 213 CU In slab NGC MS63BN 3216400-013

FDC 200

544

Soldo 1812 – Gig. 214 CU In slab NGC MS64+BN 5887105-053

FDC 300

545

3 Centesimi 1811 – Gig. 228 CU In slab PCGS MS64BN 406365.64/33548389. Splendido esemplare in rame rosso. Minimo graffietto sul collo FDC 250

546

Centesimo 1807 – Gig. 232 CU (g 2,10) Conservazione eccezionale in rame rosso

FDC 150

547

Centesimo 1813 – Gig. 250 CU (g 2,14) Conservazione eccezionale in rame rosso

FDC 120

548 549

548

ROMA 20 Franchi 1812 – Gig. 17 AU (g 6,42) R Piccoli depositi

549

5 Franchi 1813 – Gig. 33 AG (g 24,90) RR Minimi graffietti di conio ma bellissimo esemplare per questo tipo di moneta, assai più rara in questa conservazione SPL/SPL+ 1.500

BB 500

550

550

TORINO 20 Franchi 1809 – Gig. 14 AU (g 6,43) RRR

82

qBB 2.000


552

551

551

20 Franchi 1810 – Gig. 15 AU (g 6,41) RR Minimi graffietti marginali di conio, minimo colpetto al bordo BB 1.200

552

20 Franchi 1811 – Gig. 16 AU (g 6,44) R Minimo graffietto sul mento al D/ ma bell’esemplare BB+ 800

553

553

20 Franchi 1812 – Gig. 18 AU R In slab NGC MS61 5887105-044. Splendido esemplare per questo tipo di moneta qFDC 3.000

554

554

5 Franchi A. 14 – Gig. 24 AG (g 25,00) RR Bella patina

83

BB+ 3.000


555

555

5 Franchi 1807 – Gig. 25 AG (g 24,70) RR Colpetti al bordo e graffietti

MB+ 1.000

556

556

2 Franchi 1810 – Gig. 41 (indicato R/4) AG (g 9,73) RRRR Graffietti ed una modesta porosità ma bisogna considerare che si tratta di un millesimo di grandissima rarità, altrimenti praticamente introvabile MB 3.500

557

557

Franco A. 12 – Gig. 2 (indicato R/5 senza alcuna valutazione per nessuna conservazione) AG (g 4,98) RRRR Ex Nomisma 50, lotto 205. Splendido esemplare, Conservazione eccezionale per questo tipo di moneta. Tiratura di soli 1.166 esemplari SPL+ 15.000 84


558

558

Franco 1812 – Gig. 52 AG (g 4,90) RRRR Graffi al D/ e macchie al R/

qBB 500

559

559

Mezzo franco A. 14 – Gig. 52 AG (g 2,49) RRR Esemplare di qualità eccezionale con i fondi a tratti speculari SPL+ 2.000

560

560

Quarto di franco A. 14 – Gig. 64 (indicato R/3) AG RRRR In slab ANACS VG8 4638338. Tiratura indicata di soli 1361 esemplari. Il millesimo più raro per questa tipologia per la zecca di Torino. Gigante quota soltanto fino al BB MB 400

561

561

VENEZIA 5 Lire 1812 Puntali sagomati – Gig. 120 AG (g 24,89) RRRR Colpetti al bordo e graffietti diffusi soprattutto al D/, pesantemente lucidata, macchia ad h 12 del R/. Questo millesimo viene quotato da Gigante nella sola conservazione MB e, nonostante i problemi evidenziati, questo esemplare è da considerarsi uno dei migliori apparsi sul mercato BB 2.000 85


562

563

564

565

566

562

2 Lire 1813 Puntali sagomati, V su M, 1 su 0 – Gig. 146a AG (g 9,95) Graffietti al D/. Gigante non elenca la variante con 1 su 0 nella data qSPL 200

563

Lira 1812 Puntali aguzzi, V su M – Gig. 160a AG (g 5,00)

FDC 400

564

10 Soldi 1811 V su M – Gig. 179a (indicato R/3) AG (g 2,51) RRR

FDC 400

565

Soldo 1807 – Gig. 205 (indicato R/3) CU (g 10,40) RRR Una minima screpolatura sulla guancia al D/ ma esemplare di conservazione eccezionale con zone in rame rosso. Un solo passaggio censito su acsearch ed in conservazione decisamente inferiore a questo esemplare qFDC 1.000

566

3 Centesimi 1810 1 su 0 – Gig. 226a CU (g 6,24) Dalla nostra asta 36, 2008, lotto 1543. Zone di rame rosso qSPL/SPL 200

567

567

CATTARO Assedio inglese (1813) 5 Franchi – Gig. 2 AG (g 28,88) RR Limatura al bordo qSPL 2.000

568

568

ZARA Assedio austriaco (1813) 4,60 Franchi 1813 – Gig. 3 AG (g 29,62) R 86

BB+ 1.000


MONETE CAROLINGE IN PARTICOLAR MODO DI ZECCHE ITALIANE

569

569

Pipino il Breve (741-751) Quentovic - Denaro – Prou 184 AG (g 0,95) RR Consueta frattura marginale del tondello, macchie BB 2.000

571

570

572

574

573

570

Ludovico il Pio (814-840) Zecca italiana incerta, forse Milano o Pavia - Denaro – cfr. MEC 792 (Pavia) AG (g 1,60) Da notare la S finale di LUDOVICVS che è orizzontale e non verticale come in altri esemplari pubblicati BB+ 300

571

Ludovico il Pio (814-840) Zecca italiana incerta, forse Milano o Pavia - Denaro – cfr. MEC 792 (Pavia) AG (g 1,58) Bell’esemplare. Ex Varesi 45, lotto 313; ex Kunker, 227, collezione Edoardo Curti (col cartellino manoscritto del collezionista), lottto 2151 SPL 400

572

Lotario I (840-855) Zecca incerta - Denaro – cfr. MEC 792 (Pavia) AG (g 1,63) Già attribuita dal CNI a Milano, la moderna critica ha escluso si tratti di questa zecca, cfr. MIR, Milano, p. 25. Ex Viscontea 2, 1988; col cartellino di Eugenio Fornoni SPL 600

573

Lotario I (840-855) Pavia - Denaro – cfr. MIR 815 AG (g 1,66) RR Dall’asta Ranieri, 5, lotto 369. Variante molto rara BB 800

574

Ludovico II (855-875) Milano - Denaro – cfr. MIR 10 AG (g 1,74) R

87

BB+ 600


575

575

Carlo il Calvo (875-877) Milano - Denaro di stampo largo – cfr. MIR 11 AG (g 1,71) RRR Ex Nummorum Auctiones IV, 1979, lotto 79; ex Cronos, 3, lotto 270 SPL 4.000

576

576

Carlo il Calvo (875-877) Milano - Denaro piano – cfr. MEC 1018 AG (g 1,61) R Ex NAC Autumn sale 35, lotto 1150; con cartellino di Eugenio Fornoni BB+ 400

577

577

Carlomanno (875-877) Milano - Denaro di stampo largo – cfr. MIR 12 AG (g 1,80) RRR Ex Nummorum Auctiones IV, 1979, lotto 80; con cartellino di Eugenio Fornoni SPL 4.000 88


578

578

Guido da Spoleto (875-877) Milano - Denaro di stampo largo – cfr. MIR 16 (illustrato questo esemplare!) AG (g 1,43) RRR Ex Varesi, 54, lotto 38 SPL 3.500

581

579

580

579

Berengario I (905-924) Milano – Denaro – cfr. MIR 23 AG (g 1,55) R Ex Negrini, 1, 1993, lotto 456; con cartellino di Eugenio Fornoni SPL 500

580

Berengario I (905-924) Milano - Denaro – cfr. MIR 26 AG (g 1,63) RR

SPL 1.800

581

Berengario I (905-924) Venezia - Denaro – cfr. MEC 1018 MI (g 0,99) RR

BB+ 500

582

582

Rodolfo di Borgogna (922-926) Milano - Denaro – cfr. MIR 28 AG (g 1,28) RRR Patina scura. Con cartellino di Eugenio Fornoni SPL 2.000

89


583

583

Berengario II e Adalberto (922-926) Milano - Denaro – cfr. MIR 33 AG (g 1,00) RRRR BB+/SPL 3.000

584

584

Ugo e Lotario II (931-947) Pavia - Denaro – cfr. MIR 824 AG (g 1,58) RR Patina iridescente. Ex Varesi, 33, lotto 859. Con cartellino di Eugenio Fornoni SPL 1.300

585

585

Ugo di Provenza (926-947) Venezia - Denaro – cfr. MEC 1024 AG (g 1,33) RR Corrosioni BB 700

90


MONETE DI ZECCHE ITALIANE

586

587

586

BENEVENTO Gregorio duca (732-739) Solido al tipo di Giustiniano II – MEC 1089 var.; MIR 154 AU (g 4,07) R Modeste macchie rossastre qSPL 1.300

587

BOLOGNA Giovanni Bentivoglio (1494-1509) Medaglia o prova del testone – CNI (Antegnate) 33; Chimienti (Bologna, medaglia) 221 AE (g 12,20) qBB 300

588

588

CAGLIARI Carlo II (1665-1700) 10 Reali 1684 – MIR 81/6 AG (g 25,31) RR Minimi graffietti di conio ma bell’esemplare per questo tipo di moneta BB+ 2.500

589

590

589

Filippo V (1700-1718) Scudo d’oro 1702 – MIR 93/2 AU (g 3,20)

590

Filippo V (1700-1719) Scudo d’oro 1702 – MIR 93/2 AU (g 3,20)

91

FDC 1.500 qFDC/FDC

1.000


591

591

CASALE Guglielmo II Paleologo (1494-1518) Doppio ducato – MIR manca, cfr. 177 e 178; R.M. manca, cfr. 3 e 4 AU (g 6,92) RRRRR Piccole screpolature ed ondulazioni del tondello, qualche schiacciatura marginale per probabile provenienza da montatura ma buon esemplare. Il doppio ducato di Guglielmo II marchese del Monferrato è di grande rarità e tra le monete con ritratto più belle ed affascinanti del Rinascimento italiano. I doppi ducati sono tre di cui due con berretto e con stemma al R/. Il primo doppio ducato ha un busto giovanile al D/ mentre al R/ si trova uno stemma abbastanza piccolo. La versione successiva del doppio ducato vede un busto più adulto, con la barba, abbinato ad uno stemma decisamente più grande. La moneta che proponiamo ora invece abbina lo stemma piccolo della prima emissione con il busto adulto della seconda e può quindi essere definita come una emissione di passaggio dall’una all’altra. Non ci risulta segnalata nessuna variante di questo tipo ed è quindi da ritenersi inedita. Tra l’altro Ravegnani Morosini riportava della prima emissione tre soli passaggi in asta che diventavano una decina per il secondo tipo. Purtroppo di queste splendide monete non è noto l’incisore dei conii che però va assolutamente annoverato fra i migliori del periodo. BB 15.000

592

592

CATTARO Assedio inglese (1813) 5 Franchi – Gig. 2 AG (g 28,58) RR

qSPL 2.500

593

593

CHIETI Autonome (1459-1463) Doppio bolognino – MIR 410 (illustrato questo esemplare, indicato R/3); Biaggi 602 AG (g 1,23) RRRR Bell’esemplare di questa moneta di grande rarità. Questa affascinante moneta è lo stesso nominale dei cosiddetti grossi di Ancona, Camerino, ecc. che furono appunto coniati intorno alla metà del Quattrocento nelle zecche marchigiane. Come si legge nel MIR curato da Michele Chimienti e Franco Rapposelli, la zecca di Chiesti fu aperta nel corso della guerra civile iniziata nel 1459. I nominali emessi erano diversi da quelli del Regno di Napoli in quanto la circolazione dei territori abruzzesi era allineata a quella marchigiana. Queste emissioni portavano lo stemma aragonese in segno di fedeltà a re Ferdinando. BB+ 5.000 92


594

594

CORREGGIO Anonime dei conti (1569-1580) Bianco contraffazione di Bologna – MIR 102; M.L. 7 AG (g 4,00) RRR Ex Nomisma 36, lotto 840. Ondulazioni del tondello qBB 3.000

596

595

597

595

Camillo e Fabrizio (1580-1597) Prova (?) in rame del ducatone – MIR 135 (dove indica “CU argentato”); M.L. 34 AE (g 30,85) RRR Ossidazioni al R/, leggermente ribattuto e frattura del tondello ma comunque un bell’esemplare di questa affascinante moneta. Con cartellino della Kunst und Münzen qSPL 1.200

596

Tallero del leone 1600 – MIR 147/3; M.L. 49 MI (g 26,42) R Minimi graffietti, buon esemplare per questo tipo di moneta BB+ 800

597

Mezzo tallero del leone da 35 soldi – MIR 153 (indicato R/4); M.L. 55 MI (g 12,54) RRRR Patina scura, graffietti sul bordo ed una modesta porosità, forse da montatura, comunque un buon esemplare per questo nominale eccezionalmente raro BB 3.500 93


598

598

Camillo (1597-1605) Ongaro – MIR 140; M.L. 39 AU (g 3,40) RR Ex Nomisma 55, lotto 618. Proveniente da montatura, lucidata al D/ BB 1.500

599

599

Tallero da 80 Soldi tipo Salisburgo – MIR 144; M.L. 43 AG (g 29,00) RRR Bell’esemplare dal metallo brillante BB+/qSPL 3.000

601 600

600

Siro principe (1616-1630) Ducatone – MIR 172; M.L. 72 MI (g 27,44) RR Graffietti e porosità, emissione di basso argento, probabilmente la contraffazione di un tallero di tipo tedesco BB 400

601

8 Soldi con Stemma – MIR 191; M.L. 89 AG (g 3,61) RRR Graffio al R/, macchie marginali, bell’esemplare, rarissimo in questa conservazione qSPL 1.500

94


603

602

602

Testone da 24 soldi tipo Hanau-Lichtenberg – MIR 181; M.L. 80 AG (g 7,94) RRR Debolezze di conio ma buon esemplare per questo tipo di moneta molto affascinante col ritratto di san Quirino BB 2.500

603

Fiorino – MIR 189; M.L. 87 MI (g 3,86) RRR Con la leggenda al R/ MONETA NOVA CIVITAS CO. Qualche macchia sulla mistura di basso argento ma bellissimo esemplare per questo tipo di moneta. Con cartellino di Ars et Nummus, Milano, anni Sessanta. qSPL 800

604

604

DESANA Antonio Maria Tizzone (1598-1641) Tallero tipo Salisburgo – MIR 551 AG (g 27,44) RRRR Di grande qualità per questo tipo di moneta SPL 4.000

605

605

Tallero – MIR 548 AG molto basso o MI (g 17,55) RRR Frattura marginale del tondello e qualche piccola screpolatura dovuta al titolo molto basso del metallo. In basso al D/ si nota il numero 60 inteso come valore legale dell’emissione. Il MIR ipotizza trattarsi del valore in quattrini ed in effetti doveva essere di valore molto modesto. Molto probabilmente però la moneta fu battuta per essere argentata e spacciata come un tallero. Esemplare di buona qualità per questa tipologia qSPL 1.500 95


606

606

FERRARA Alfonso I (1505-1534) Testone col titolo di Gonfaloniere di S.R.C. – MIR 271 AU (g 9,60) RR BB/BB+ 2.500

607

607

Ercole II (1534-1559) Bianco – MIR 296 AG (g 5,05) RR Esemplare in eccezionale stato di conservazione. Questa moneta non è rarissima ma sicuramente questo esemplare è da annoverare tra i migliori conosciuti, se non addirittura il migliore in assoluto. Infatti con rilievi così bassi la circolazione logorava velocemente le monete ed è quindi assai raro trovarne anche solo in conservazione BB. qFDC 3.000

608

609

610

608

FIRENZE Repubblica (sec. XIII-1532) Fiorino simbolo Guastada (1307, I semestre) – Bernocchi 970-974 AU (g 3,50) BB+ 800

609

Fiorino simbolo pettine (1307, II Semestre) – Bernocchi 983-986 AU (g 3,51)

610

Fiorino Cristofano di Guerrante Bagnesi, simbolo stemma Bagnesi con X sopra (1431, II semestre) – Bernocchi 2539-2541 AU (g 3,51) Modesta ondulazione del tondello, proveniente da montatura non deturpante BB+ 800

611

612

BB+ 800

613

611

Fiorino con simbolo stemma Cerretani sormontato da N, Niccolò Cerretani, 1450, primo semestre – Bernocchi 2702-2707 AU (g 3,50) RR Modesta ondulazione del tondello e colpetto nel campo del R/ SPL 1.200

612

Fiorino Domenico di Niccolò di Ugolino Martelli, simbolo due martelli con D in corsivo tra due punti sopra (1451, II semestre) – Bernocchi 2721-2723 AU (g 3,50) RRR Modestissima ondulazione del tondello ma bellissimo esemplare SPL+ 2.000

613

Fiorino simbolo stemma sormontato da N, Nicolò Valori, 1523, II semestre – Bernocchi 3908 AU (g 3,51) RR qFDC 2.000 96


614

614

Cosimo I (1537-1574) Piastra 1572 – MIR 166/3 (questo esemplare illustrato) AG (g 32,46) RRR Qualche macchia ed una modesta frattura del tondello ma bellissimo esemplare SPL 8.000

615

615

Francesco I (1574-1587) Testone 1583 – MIR 186/2 AG (g 8,47) RR Una modesta porosità e graffietto al D/ BB 500

616

616

Cosimo II (1609-1621) Piastra 1610 – MIR 259/1 (conio firmato al D/ e collare corto) AG (g 32,56) RRR Conii firmati da Gaspare Molo BB+/BB 3.000 97


618

617

617

Piastra 1610 (?) – cfr. MIR 261 AG (g 32,01) RRR Poroso

618

Testone 1620 – MIR 298 AG (g 9,00) R Difetto al bordo

BB+ 1.200 BB 500

619

619

Ferdinando II (1621-1670) Piastra 1630 millesimo sia al D/ che al R/ – MIR 291/4 AG (g 32,58) R Ossidazione al margine ma bell’esemplare. Al n. 291/5 il MIR elenca una variante con 1630 al D/ e 1610 al R/ (indicato R/5) che quasi sicuramente è da considerarsi identica al presente esemplare visto che al R/ il millesimo si può leggere proprio come 1610 invece che 1630. SPL 1.200

621 620

620

Testone 1636 – MIR 266 AG RR In slab NGC AU55 3393767-017

621

Cosimo III (1670-1723) Zecchino 1723 – MIR 325/9 AU (g 3,46) In slab PCGS MS62 691108.62/36424908 SPL 1.200

SPL 1.500

622

622

Piastra 1677 – MIR 326/4 AG (g 31,23)

SPL 800 98


624

623

623

Piastra 1678 – MIR 326/5 AG (g 31,18) Minimi graffietti al R/

SPL 600

624

Piastra 1680 – MIR 327 AG (g 31,25) RR

BB+ 500

625

625

Piastra 1684 con la scritta sul bordo – MIR 330 AG (g 31,24) RRR

SPL 3.000

626

626

Francesco II (1737-1765) Ruspone 1745 – MIR 349/3 AU (g 10,50) RRR Tondello leggermente scodellato, bel metallo lucente SPL+ 3.500 99


627

627

Ruspone 1758 – MIR 359/13 AU (g 10,47) RRR Conservazione eccezionale

FDC 3.000

628

628

Ruspone 1761 – MIR 359/16 AU (g 10,43) R In slab NGC MS62 5887104-071

FDC 4.000

630 629

629

Mezzo francescone 1740 – MIR 355/3 AG (g 13,62) Bella patina delicata

630

Pietro Leopoldo (1765-1790) Fiorino 1779 – MIR 372/1 AU R In slab NGC MS 62 cod. 2820940-005 FDC 1.500 100

qSPL 600


631

631

Francescone 1784 – MIR 383 AG (g 27,23) RRRRR Conii di Antonio Cinganelli come risulta dalle iniziali A C F nel taglio del braccio BB+ 5.000

632

632

Francescone 1784 – MIR 384/1 AG (g 27,34) Dalla nostra asta 36, 2008, lotto 910, con questa descrizione: minime striature di conio sulla guancia al D/ ma comunque un bellissimo esemplare con una delicata patina qFDC 1.000

633

633

Francescone 1790 col titolo di imperatore del Sacro Romano Impero ecc. – MIR 400 (g 27,23) RR Splendido esemplare qFDC/FDC 3.000 101


634

635

634

Mezzo francescone 1779 – MIR 386/3 AG (g 13,74) RRRR

BB+/qSPL 500

635

Mezzo francescone 1787 – MIR 387/3 AG (g 13,71) Bella patina delicata

SPL/SPL+ 600

636 638

637

640

639

636

Mezzo francescone 1790 – MIR 398 AG (g 13,68) RR In slab NGC MS65 5887104-060. Conservazione eccezionale con fondi brillanti e delicata patina FDC 2.500

637

Mezzo francescone 1790 – MIR 398 AG (g 13,70) RR Bella e delicata patina di monetiere

SPL 1.200

638

Medaglia 1775 – Opus: Weber - AE (g 42,28 – Ø 47 mm) RRR Difetti di conio

SPL 800

639

Ferdinando III (1780-1801) Ruspone 1799 – MIR 402/9 AU (g 10,44) RR Conservazione eccezionale FDC 3.000

640

Francescone 1799 – MIR 405/8 AG (g 27,20) Screpolature nel campo del D/ ed un difetto al ciglio del D/, leggermente lucidato ma bellissimo esemplare FDC 500 102


641 642

641

Ludovico I di Borbone (1801-1803) Ruspone 1803 – MIR 414/3 AU (g 10,48) RRR Minimi graffietti nei campi ma splendido esemplare. Ex Astarte, aste XII-XIII, 2003, lotto 1245 qFDC 2.000

642

Francescone 1803 – MIR 415/4 AG (g 27,36) Lucidato con metallo brillante ma esemplare di ottima qualità. Ex InAsta 16, lotto 851 qFDC 500

643

645

644

643

Carlo Ludovico e Maria Luigia (1803-1807) Ruspone 1804 – MIR 421/2 AU (g 10,47) RR Diffusi segnetti da contatto SPL 2.000

644

Ruspone 1807 – MIR 421/5 AU RR In slab PCGS MS62 167573.62/33728373. Conservazione eccezionale FDC 3.000

645

Ruspone 1807 – MIR 421/5 AU (g 10,47) R Schiacciatura marginale e graffietti probabilmente di conio, fondi lucenti qFDC 2.000

646

646

Dena 1807 – MIR 423 AG (g 39,34) Dalla nostra asta 34, 2007, lotto 801, con questa descrizione: esemplare di conservazione eccezionale anche per questo comune millesimo, al D/ qualche insignificante screpolatura ma il R/ è praticamente fondo specchio qFDC/FDC 1.000 103


648

647

649

650

647

Francescone 1806 – MIR 425/1 AG (g 27,36) Dalla nostra asta 34, 2007, lotto 805, con questa descrizione: esemplare dalla delicata patina e di conservazione eccezionale. Difetto di conio al margine del D/ qFDC/FDC 800

648

Mezza dena 1803 – MIR 426/1 AG (g 19,78) RR Conservazione eccezionale con una delicata patina FDC 1.500

649

Mezza dena 1804 – MIR 426/2 AG (g 19,69) RR Conservazione eccezionale

650

Mezza dena 1804 – MIR 426/2 AG (g 19,66) RR Piccole screpolature e graffietti

651

652

653

FDC 1.500

654

SPL+ 500

655

651

Lira 1803 – MIR 427 AG RR In slab NGC MS64+ 5887105-047. Esemplare in conservazione eccezionale con una delicata patina FDC 350

652

Ferdinando III (1814-1824) Ruspone 1816 – MIR 433/2 AU (g 10,46) R Minimi graffietti nei campi ma splendido esemplare qFDC/FDC 3.000

653

Ruspone 1816 – MIR 433/2 AU (g 10,45) R Sigillato qFDC da Simone Rocco di Torrepadula SPL+ 1.800

654

Ruspone 1818 – MIR 433/3 AU (g 10,47) RRR Da montatura non deturpante ma ancora un piacevole esemplare qSPL 2.500

655

Zecchino 1821 – MIR 434/2 AU (g 3,48) RR Leggere ondulazioni del tondello 104

SPL/SPL+ 2.000


657

656

656

Mezzo francescone 1820 – MIR 436/2 AG (g 13,71) RR Graffietti al D/

657

Lira 1823 – MIR 438/3 AG (g 3,92) R Bella patina

BB/qSPL 500 SPL 250

658

658

Leopoldo II (1824-1859) 80 Fiorini 1827 – MIR 443/1 AU RR In slab PCGS MS62 833528.62/37592204 FDC 6.000

659

659

80 Fiorini 1827 – MIR 443/1 AU (g 32,63) RR Minimi colpetti al bordo

105

SPL 5.000


660

660

80 Fiorini 1828 – MIR 443/2 AU (g 32,61) RR Colpi al bordo

BB+ 3.000

661 662

664

663

661

Ruspone 1829 – MIR 444/3 AU (g 10,47) R Graffietti nei campi del R/

662

Francescone 1858 – MIR 449/4 AG (g 27,21) Graffietti di conio al D/, colpetto al bordo SPL/SPL+

400

663

Francescone 1859 – MIR 449/5 AG (g 27,50) Minime screpolature al D/, bellissimo esemplare FDC

400

664

Mezzo francescone 1827 – MIR 450/1 AG RR In slab PCGS MS64 “NGSA 30 Years” 833465.64/36045741 FDC 1.000

SPL+/SPL 1.500

665

665

Mezzo francescone 1834 – MIR 451 AG RRR In slab PCGS MS63 833468.63/33221365 106

FDC 4.000


667

666

666

Fiorino 1843 – MIR 453/1 AG In slab NGC MS64 5887105-048. Bellissima patina

667

Paolo 1846 – MIR 457/4 AG (g 2,64) Piccola frattura del tondello, bella patina

FDC 300 SPL/SPL+ 100

668

668

GAZOLDO DEGLI IPPOLITI Annibale Degli Ippoliti (metà del XVII secolo) Mezzo tallero 1663 – MIR 323 AG (g 12,88) RRR Minimi graffietti nei campi. Dopo una breve produzione di contraffazioni alla fine del Cinquecento, la zecca di Gazoldo fu riaperta da Annibale degli Ippoliti per battere due monete sole monete, una quadrupla e questo mezzo tallero (così almeno indicato nei testi anche se il peso non sembra congruo), sicuramente per ostentazione visto che si tratta di produzioni estrema rarità. Di questo presunto mezzo tallero esistono pezzi battuti a martello (cfr. l’esemplare NAC 2015, lotto 61, pesante 15,78, peso in linea con il mezzo ducatone e non con il mezzo tallero) ed esemplari al torchio come questo. qSPL 3.000

669

669

GENOVA Luigi XII (1508-1512) Scudo d’oro del sole – MIR 153 AU (g 3,40) RR Insignificanti graffietti nel campo del D/ ma splendido esemplare SPL+ 3.000 107


670

670

Dogi biennali (1528-1797) Quadrupla 1596 sigla I V – MIR manca (comprende i millesimi 1595 e 1597 ma non il 1596) AU (g 13,46) RRRR Frattura del tondello, splendido esemplare dal metallo lucente. Data inedita alla letteratura consultata SPL+ 8.000

671

671

2 Scudi 1676 sigla ILM – MIR 290/15 AG (g 67,83) RR Tosata

BB 500

672

672

3 Scudi 1715 sigla F M S – MIR 288/14 AG (g 114,98) RRRR Consuete screpolature di conio, colpetti al bordo ma bell’esemplare per questo tipo di moneta BB+ 6.000 108


673

673

96 Lire Stella dopo la data – MIR 275/4 AU (g 25,07) Colpetti al bordo

BB+ 1.700

674

674

48 Lire 1793 – MIR 277/1 AU (g 12,57) RR Colpetto al bordo e minime screpolature al centro del R/ ma di grande qualità per questo tipo di moneta qFDC 5.000

675 676

678

677

675

48 Lire 1794 – MIR 277/2 AU (g 12,60) RR Bell’esemplare per questo tipo di moneta

676

8 Lire 1796 – MIR 309/4 AG (g 33,05) RR Macchie

677

8 Lire 1796 stella dopo la data – MIR 309/5 AG (g 33,36) Bellissimo esemplare

678

4 Lire 1792 – MIR 312/1 AG (g 16,66) R Minimi graffietti e qualche macchia marginale, di conservazione insolita per questo nominale SPL+ 1.200 109

qSPL/SPL 1.500 SPL 750 qFDC 700


680

679

679

2 Lire 1794 – MIR 317/2 AG (g 8,31) R In slab NGC MS63 5887104-059. Bellissimo esemplare FDC 1.000

680

2 Lire 1795 – MIR 317/3 AG (g 8,21) Splendida patina iridescente di vecchia raccolta

SPL 350

681

681

Repubblica Ligure (1798-1805) 2 Lire 1798 A. I – MIR 381 AG (g 8,34) RR Ex Nomisma 28, lotto 211 con questa definizione: Una modesta imperfezione al bordo ma conservazione eccezionale con i fondi lucenti e delicata patina FDC 3.000

682

682

Medaglia 1758 (1806) Accademia Ligustica MERENTIBVS – Opus: Vassallo - AG (g 128 – Ø 66 mm) RRR Minimi colpetti ma splendido esemplare FDC 500

110


683 684

683

GORIZIA Francesco II (1797-1805) 15 Soldi 1802 A – Gig. 1 AG (g 6,27) RRRR Il peso ufficiale di questa emissione è di g 5,2 mentre il peso di questo esemplare è g 6,27. Ciò conferma che si tratta di un esemplare in argento di alto titolo e non di mistura come quella dei soliti esemplari qFDC/FDC 700

684

LIVORNO Cosimo III (1670-1723) Tollero 1704 – MIR 64/19 AG (g 27,04) RR

SPL 1.200

685

685

Tollero 1717 – MIR 65/6 AG (g 27,05)

SPL 1.000

686

686

Pezza della rosa 1707 – MIR 66/10 AG (g 26,01) Esemplare di bella qualità dal metallo lucente SPL+ 2.000 111


687

687

Gian Gastone (1723-1737) Pezza della rosa 1726 – MIR 79 (indicato R/4) AG (g 25,65) RRRR A nome di Gian Gastone fu battuto un solo millesimo con la tipologia della rosa al R/. Questa emissione fu peraltro sicuramente molto limitata tanto che il MIR la indica R/4 ma non ne propone alcuna valutazione anche per le conservazioni più basse. Del 1726 esiste anche il tollero anch’esso di grande rarità. BB 5.000

689

688

691

690

692

688

LUCCA Repubblica (1369-1799) Scudo d’oro – MIR 179 AU (g 3,41)

SPL

689

Doppia 1750 – MIR 240 AU (g 5,54) R Bel colore rossiccio

BB+ 2.500

690

Sanmartino 1746 il 6 corretto su 5 – Bellesia 57; MIR 234/7 AG (g 5,38) Dalla nostra asta 38, 2009, lotto 703, con questa descrizione: piccoli difetti di conio al D/ ma esemplare di conservazione eccezionale per questo tipo di moneta e quindi estremamente raro a trovarsi FDC 1.500

691

Medaglia S. Giovanni Battista – AR (g 9,50 – Ø 27 mm) Minimi graffietti

692

Felice ed Elisa Baciocchi (1805-1814) 5 Franchi 1805 – Gig. 1 AG (g 25,00) Minimo colpetto sulla guancia al D/ ma esemplare di conservazione eccezionale, uno dei migliori che ci sia mai capitato di osservare di questa pur comune moneta FDC 1.500 112

1.000

FDC 500


694

693

693

5 Franchi 1805 – Gig. 1 AG (g 24,99) Screpolatura al bordo ma bell’esemplare con patina SPL+ 400

694

5 Franchi 1807 – Gig. 4 AG (g 24,95)

qFDC

400

695

696

697

695

Franco 1808 – Gig. 10 AG (g 5,00) Esemplare di qualità eccezionale con una splendida patina iridescente FDC 600

696

Medaglia 1805 – Opus: Santarelli - AE (g 55,10 – Ø 46 mm) Leggermente ribattuta

SPL+ 400

697

Medaglia – Opus: Santarelli - AE (g 41,61 – Ø 40 mm) Minimi graffietti

SPL+ 200

113


698

698

Carlo Lodovico di Borbone (1824-1847) 3 Soldi 1835 – MIR 255 (indicato R/5) MI (g 1,82) RRRRR FDC 10.000

699

699

MACCAGNO Giacomo III Mandelli (1618-1645) Ongaro 1622 – MIR 342 AU (g 3,44) RRR Ondulazioni e schiacciature del tondello BB+ 3.000

700

700

Ducato 1622 – MIR manca, cfr. 349 AU (g 3,14) RRRRR Frattura del tondello ma bell’esemplare per questa emissione di estrema rarità. Il peso decisamente calante e il colore opaco della moneta denunciano chiaramente che si trattava di una contraffazione destinata in Svizzera e Germania. Questo tipologie sono oggi estremamente rare poiché all’epoca venivano ritirate e fuse BB+ 5.000

701

701

MANTOVA Francesco I Gonzaga (1383-1407) Bolognino – MIR 376 AG (g 0,95) 114

BB+

300


702

702

703

Francesco IV Gonzaga (1612) Ducato 1612 – MIR manca; CNI manca AU (g 3,21) RRRRR Diffuse ondulazioni del tondello dovute ad una montatura divelta. A proposito di questa moneta, unica, si veda l’articolo di L. Bellesia, Un inedito ducato d’oro di Francesco IV Gonzaga duca di Mantova, in Panorama Numismatico, marzo 2019, n. 348, pp. 15-17. La tipologia del tutto eccezionale rende questa moneta una vera perla della numismatica italiana e gonzaghesca in particolare. qBB 5.000

703

Carlo II (1647-1665) 80 Soldi – MIR 694 AG (g 14,76) R

SPL+ 1.000

704

704

Ludovica Maria Gonzaga consorte di Wladislaw IV re di Polonia (1632-1648) Medaglia – Opus: Dadler – Magnaguti 231; Hutten-Czapski 1879 AG (g 38,62 – Ø 48 mm) RRR Splendido esemplare dalla patina iridescente di vecchia raccolta. Ludovica Maria Gonzaga Nevers nacque a Parigi il 18 agosto 1611, figlia di Carlo I Gonzaga del ramo di Nevers in Francia. Sposò Wladislaw IV re di Polonia per procura a Parigi nel 1645 e quindi l’anno successivo a Varsavia. Morto Wladislaw nel 1648, la vedova sposò nel 1649 il suo successore Giovanni Casimiro. Ludovica Maria Gonzaga morirà nel 1667. FDC 3.500 115


705

706

707

705

Medaglia – Opus: Dadler – Magnaguti 227 AG (g 63,83 – Ø 64 mm) RRR Graffi nei campi

706

Medaglia 1645 – Magnaguti manca AE (g 47,91 – Ø 54 mm) RRRR Graffi nei campi, appiccagnolo originale BB+ 1.500

707

San Luigi Gonzaga – Medaglia devozionale sec. XVIII – MA (g 40,98 – 40 x 44 mm escluso l’appiccagnolo originale) RRR SPL 250

MB 2.000

709

708

Giuseppe II e Maria Teresa (1745-1765) Medaglia 1756 Ristrutturazione del Ponte dei Mulini sul Mincio – Magnaguti 175; Probst 126 AE (g 40,71 – Ø 47 mm) R SPL 500 116


709

709

Medaglia 1756 Costruzione delle chiuse di Governolo sul Mincio – Magnaguti 178; Probst 107 AE (g 42,07 – Ø 47 mm) R SPL 350

710

711

712

710

Leopoldo II (1790-1792) Lira 1791 – MIR 767 MI R In slab NGC MS64 5887105-049

711

Francesco II (1792-1797) Lira 1796 – MIR 770 MI (g 2,99) R Debolezza marginale di conio ma bell’esemplare qFDC 300

712

Assedio Austro-russo (1799) 5 Soldi A. VII – MIR 772 MI (g 2,74) R

FDC 500

SPL 250

713

713

MASSA DI LUNIGIANA Alberico I Cybo Malaspina (1559-1623) Doppia da 2 1588 – MIR 297 (indicato R/4); R.M. 4; Bellesia 60/Ab (questo esemplare) AU (g 13,19) RRRR Esemplare di conservazione eccezionale qFDC 50.000 117


714

714

Doppia da 2 1593 – MIR 296; R.M. 7; Bellesia 76/A AU (g 13,15) RRR Esemplare di conservazione eccezionale qFDC 15.000

715

715

MESSINA Enrico VI (1194-1197) Tarì d’oro – MIR 51 (AU (g 1,34)

BB+

300

716

716

Piero e Costanza (1282-1285) Pierreale d’oro – MIR 170 (aquila non coronata) AU (g 4,34) RR qFDC 4.000 118


717

717

Pietro III d’Aragona e Costanza (1282-1285) Pierreale – MIR 170 AU (g 4,26) RR

SPL+ 5.000

718 719

718

Carlo V (1516-1556) Tarì 1539 (?) – MIR 298 AG (g 2,94)

SPL

719

Filippo III (1598-1621) Scudo 1611 – MIR 343/2 AG (g 31,76) R Ribattuto

SPL 1.000

150

720

720

MILANO Galeazzo Maria Sforza (1466-1476) Testone s.d. – MIR 201/2 AG (g 9,66) Conservazione eccezionale FDC 2.000 119


721

721

Mezzo testone s.d. – MIR 202/3 AG (g 5,16) RRR Difficilmente reperibile in buona conservazione SPL 2.000

722

722

Ludovico Maria Sforza (1494-1500) Doppio ducato – MIR 228; Crippa 1/B; Ravegnano Morosini 2 AU (g 6,98) RRR Splendido esemplare per una delle emissioni più rappresentative del Rinascimento italiano. Ravegnani Morosini infatti lo definisce come: “mirabile prodotto in cui Milano fu ineguagliato centro artistico e culturale, illuminato dalla presenza del Bramante e di Leonardo”. È interessante notare che il Moro abbia fatto battere soltanto doppi ducati e nessun ducato a fronte della cospicua produzione di ducati che vi fu ai tempi di Galeazzo Maria Sforza. Se dobbiamo trovare una ragione di questa scelta, possiamo proporre che il Moro lo abbia voluto per sua ambizione cioè per fare distinguere le sue monete come le più grandi e più belle tra tutte quelle in circolazione all’epoca. SPL 30.000 120


723

723

Filippo II (1556-1598) Doppia 1582 o forse è il rarissimo millesimo 1587 (?) – MIR 301/2; Crippa 5 AU (g 6,57) Conservazione eccezionale per questo tipo di moneta qFDC 4.000

724

724

Doppia 1589 – MIR 301/8 AU (g 6,48)

qBB/BB

1.000

725

725

Scudo d’oro – MIR 303; Crippa 6/B AU (g 3,29) RRR Variante con leggenda del diritto PHI REX ET C MLI DVX. Splendido esemplare di questa rarissima moneta. Nel MIR è illustrato un esemplare tosato e di qualità molto inferiore a questo che invece si presenta del tutto integro e perfettamente centrato. È interessante notare come questo tipo di scudo sia di diametro maggiore (mm 24) rispetto a quello (mm 23) degli scudi, più comuni, col ritratto del re al diritto invece dello stemma. SPL/SPL+ 4.000 121


726

726

Scudo d’oro del sole – Crippa 7 AU (g 3,31) RR Piccole schiacciature

SPL 3.500

727

727

Quarto di scudo – MIR 316/1 AG (g 8,90) RR

BB+

400

728

728

Filippo III (1598-1621) Quadrupla 1617 – MIR 338/2 AU (g 13,09) RR Minime screpolature al D/ ma ottimo esemplare dal metallo lucente SPL 7.000

122


729

729

Filippo IV (1621-1665) Quadrupla – MIR 359/1; Crippa 2/C AU (g 13,21) RRRR Splendido esemplare in conservazione migliore dell’esemplare illustrato da Crippa, p. 281 SPL 10.000

730 731

730

Quadrupla 1630 – Crippa 3/A; MIR 359/6 AU (g 13,11) RR Screpolature del metallo tipiche dell’emissione e qualche graffietto al D/ ma bell’esemplare qSPL 1.200

731

Ducatone 1622 – Crippa 9; MIR 361/1 AG (g 31,80) RR Bell’esemplare per questo tipo di moneta qSPL 600 123


733 732

732

Maria Teresa (1740-1780) Scudo 1778 – MIR 435/1 AG (g 23,16) Minimi graffietti di conio al R/ ma esemplare di conservazione eccezionale col metallo brillante FDC 1.200

733

Soldo 1777 S – MIR 440/1 CU In slab NGC MS64BN 2789369-40. Conservazione eccezionale con riflessi di rame rosso FDC 250

734

734

Giuseppe II (1780-1790) Doppio zecchino 1783 – MIR 444/2 AU (g 6,29) RR

BB/BB+ 2.500

736

735

735

Francesco II (1792-1796) Sovrano 1796 – MIR 471/6 AU (g 11,13) In slab NGC MS62 5887104-061. Moneta molto rara a trovarsi in questa conservazione qFDC 1.000

736

Sovrano 1800 – MIR 474/2 AU (g 11,02) Modesti depositi

124

BB 800


738

737

737

Francesco II (1792-1796) Crocione 1793 – MIR 472/2 AG (g 29,50) Minimi graffietti di conio al R/ SPL/SPL+ 200

738

Repubblica Cisalpina (1797-1802) Scudo A. VIII h 6 – MIR 477 AG (g 23,09) Minimi graffietti sui bei fondi brillanti qFDC 800

739

740

739

30 Soldi A. IX – MIR 478 AG (g 7,31) Ex asta Varesi, 54, lotto 1520, con questa descrizione: eccezionale, con i fondi speculari ed una bella patina FDC 300

740

Repubblica italiana (1802-1805) Progetto dello scudo da lire 5 A. II Bordo liscio – cfr. Crippa 5 Stagno (g 17,76) RRR Crippa cita esemplari in piombo o stagno come questo FDC 500

744

743

742

741

745 746

741

Progetto del soldi 30 A. II Bordo liscio – cfr. Crippa 6 Piombo (g 5,82) RRR Crippa cita esemplari in piombo come questo SPL 200

742

Progetto del denari 5 A. II Bordo a serpentina – Crippa 10 CU (g 7,73) RRR

743

Progetto del denari 2 A. II Bordo a serpentina – Crippa 11 CU (g 3,20) R Screpolatura superficiale al R/ FDC 300

744

Progetto del denaro A. II Bordo a serpentina – Crippa 12 CU (g 1,60) R

745

Progetto del denaro A. II Bordo a serpentina – cfr. Crippa 12 Piombo (g 1,83) R Crippa non cita esemplari in piombo come questo SPL 100

746

Progetto del 2 Lire 1804 A. III Bordo liscio – cfr. Crippa 15 Piombo (g 8,48) R Dalla nostra asta 29, 2005, lotto 607 SPL 150 125

FDC 400

FDC 300


749

748

747

747

Progetto del soldo 1804 III – Crippa 19 CU R In slab PCGS SP66BB 352203.66/28050079

748

Progetto del mezzo soldo 1804 A. III – Crippa 21 CU RR In slab PCGS SP66BN 352200.66/28050078 FDC 800

749

Progetto del centesimo 1804 A. III – Crippa 23 CU RR In slab PCGS SP65BN cod. 352191.65/28050077 FDC 1.200

FDC 700

750 751

750

Governo Provvisorio (1848) 20 Lire 1848 – Gig. 2 AU (g 6,46) RR Modesti depositi

751

5 Lire 1848 – Gig. 3 AG (g 25,01) Graffietto nel campo del R/ ma bellissimo esemplare qFDC/FDC 300

BB+/BB 2.000

752

752

5 Lire 1848 a scatola con dagherrotipo all’interno – tipo Gig. 3 AG (g 18,60) Stupendo lavoro di tornitura con lastra fotografica (dagherrotipo) del generale Radetzky. In scatolina d’epoca. Un piccolo gioiello del Risorgimento italiano FDC 1.500

126


753

753

MIRANDOLA Gian Francesco II Pico (1499-1533) Doppio ducato – MIR 468 AU (g 6,88) RR Ex NAC 85, 2015. Sfogliatura del tondello al R/ ma splendido ritratto degno di una galleria di ritratti rinascimentali del primo Cinquecento BB+ 15.000

754

754

Alessandro I Pico (1602-1637) Testone – MIR 539 AG (g 8,22) RRRR Esemplare di eccezionale qualità. Moneta destinata ad essere esportata in Germania di cui rappresenta la contraffazione die comuni dicken locali. SPL 18.000

755

755

Fiorino – MIR 587 AG (g 4,33) RRRR Esemplare di eccezionale qualità 127

SPL 12.000


756

756

Fiorino – MIR 549 AG (g 4,80) RRR Esemplare di eccezionale qualità. In slab NGC MS65 5887104-074 qFDC 5.000

757

758

757

MODENA Ercole II (1534-1559) Scudo d’oro – MIR 64 AU (g 3,36) Ribattuto nella leggenda del D/ ma bell’esemplare SPL+ 800

758

Bianco a testa nuda – MIR 646 AG (g 4,85) In slab NGC MS63 5887104-075

qFDC 2.000

759

759

Cesare d’Este (1598-1628) Doppia 1608 – MIR 669 (indicata R/3); R.M. 5 AU (g 6,54) RRRR Tutte le monete in oro con ritratto di questo duca sono rarissime e difficilmente reperibili in questa conservazione. Oltre alla bellezza, questo esemplare può vantare un prestigioso pedrigree: ex collezione Enrico Caruso, vendita Canessa, Napoli, 1923, lotto 857; ex Antica e Nobile Famiglia, Baranowsky, 1931, lotto 1797; ex Collezione Magnaguti, ex Nummis Historia, 6, Santamaria, Roma, 1954, lotto 299, dove il millesimo era indicato in 1606 e quindi inedito SPL 20.000 128


760

760

Ongaro – MIR 672 AU (g 3,43) RR Ex Collezione Magnaguti, ex Nummis Historia, 6, Santamaria, Roma 1954, lotto 300. Bell’esemplare con prestigiosa provenienza e cartellino Santamaria. Questa tipologia col duca di fronte è molto più rara del tipo consueto col duca di profilo SPL 1.500

761

761

Francesco I d’Este (1629-1658) Doppia sigla I T – MIR 739/2 AU (g 6,51) RRR Come noto, le doppie con al rovescio la Madonna della Ghiara sono assai più rare rispetto alle quadruple nella medesima tipologia. Questa doppia porta le iniziali dello zecchiere Ioseffo Teseo. Qualche marginale difetto del tondello nulla toglie, infine, alla bellezza di questo esemplare SPL+ 8.000

762

762

Ongaro 1649 – MIR 743 AU (g 3,46) RR Graffietti al D/ ma ottimo esemplare con bei rilievi 129

SPL 3.000


763

763

Rinaldo d’Este (1706-1737) Ducato 1721 – MIR 829/3 AG (g 22,41) Conservazione eccezionale per questa moneta coniata in argento basso e che circolò a lungo nel Ducato di Modena. Perciò sono pochissimi gli esemplari conosciuti che possono vantare una conservazione come il presente pezzo il quale, inoltre, non presenta neppure i consueti graffietti di conio, cioè dovuti all’aggiustamento del peso dopo la coniazione del tondello qFDC 3.000

764

764

Medaglia – Opus: Ferdinand de Saint Urbain – Boccolari 197 AE (g 112 – Ø 64 mm) RR Boccolari afferma che questa bellissima medaglia fu ideata da Ludovico Antonio Muratori per ricordare le rivendicazioni del duca su Ferrara e Comacchio qFDC 400

765

765

Ercole III (1780-1796) Scudo 1782 – MIR 860/1 AG In slab NGC MS61 5887104-077 130

FDC 2.000


766

766

60%

Francesco V (1846-1859) Medaglia 1842 Matrimonio del principe ereditario con la principessa Aldegonda Augusta Carolina di Baviera celebrato a Monaco il 30 marzo 1842 – Opus: Luigi Mainoni – Boccolari 258 Peltro (fusione) (g 466 – Ø 132 mm) RRR Un piccolo numero scritto in basso al R/. Boccolari indica in tre metalli l’emissione di questa splendida medaglia: argento, bronzo e peltro. Su www.acsearch.com è registrato un solo passaggio per un esemplare in peltro ed uno per un esemplare in bronzo entrambi con realizzi superiori ai 1.000 euro. FDC 500

767

767

MONTANARO Bonifacio Ferrero abate (1529-1543) Cornuto – MIR (anonime dell’abate Bonifacio) 865 AG (g 3,64) RRR BB+ 800

768

768

NAPOLI Carlo I d’Angiò (1266-1285) Saluto d’oro – MIR 18 AU (g 4,40) 131

SPL+/SPL 3.000


769

770

772

771

773

774

769

Saluto d’oro – MIR 18 AU (g 4,38)

SPL 2.000

770

Saluto d’argento – MIR 20 AG (g 3,30) Bella patina delicata e splendidi rilievi

771

Carlo II d’Angiò (1285-1309) Saluto d’argento – MIR 23 AG (g 3,27) Schiacciature ai bordi ma bell’esemplare dalla delicata patina SPL 300

772

Gigliato – MIR 24 AG (g 3,99) Conservazione eccezionale

773

Roberto d’Angiò (1309-1343) Gigliato – MIR 28 AG (g 3,99)

774

Giovanna I d’Angiò (1343-1347) Fiorino – MIR 31 AU (g 3,00) RR Minimo graffietto nel campo del D/ ed una modesta porosità dovuta a conii rugosi SPL 1.800

qFDC 400

FDC 500 SPL+

200

775

775

Alfonso I d’Aragona (1442-1458) Ducato e mezzo – MIR 53 AU (g 5,22) R Una modesta ondulazione del tondello BB+ 3.500

776

776

Alfonso I d’Aragona (1442-1458) Carlino con sigla S a sinistra del re – MIR 54/6/1; P.R. 3e AG (g 3,64) SPL 200 132


777

778

777

Ferdinando I d’Aragona (1458-1494) Ducato sigla C – MIR 64/6 AU (g 3,52) R Ondulazione del tondello. Nel campo del D/, dietro la testa, un simbolo o una contromarca? BB+ 2.800

778

Ducato sigla T – MIR 64/7 AU (g 3,51)

779

782

SPL 2.800

780

781

783

784

779

Coronato con sigla C dietro il busto e sotto la croce (?) – MIR 66/16; P.R. 16b AG (g 3,85)

BB 200

780

Coronato con sigla I dietro il busto – MIR 70/2 AG (g 3,95)

BB 500

781

Alfonso II d’Aragona (1494-1495) Coronato con sigla T a sinistra dell’angelo e a destra rosetta – MIR 89/5 (indicato R/3); P.R. 3c AG (g 3,91) RRR Pochi esemplari noti. Ribattuto, bella patina di vecchia raccolta qSPL 600

782

Alfonso II d’Aragona (1494-1495) Coronato con sigla T a sinistra dell’angelo – MIR 89/1; P.R. 3a AG (g 4,00) Minimi graffietti BB 300

783

Luigi XII d’Orleans (1501-1503) Carlino – MIR 112 AG (g 3,28) R Lievemente porosa ma bell’esemplare dagli alti rilievi SPL 800

784

Ferdinando il Cattolico (1503-1516) Carlino con sigla G dietro il busto – Magliocca 9 AG (g 3,45) RR Ossidazioni marginali al R/, una probabile frattura interna del tondello SPL 1.800 133


785

785

Carlo V (1516-1554) Doppia – Magliocca 8 AU (g 6,74) R In slab NGC MS62 5887104-049

qFDC 5.000

786

787

786

Ducato sigla IBR dietro la testa, sotto la testa, foglia e cerchietto – Magliocca 20 AU (g 3,35) RR Modesta ribattitura al D/ ma di conservazione eccezionale FDC 2.800

787

Ducato sigla IBR dietro la testa, sotto la testa, rosetta formata da punti – Magliocca 20/5 AU (g 3,38) RR SPL 2.800

788

789

788

Ducato sigla IBR dietro la testa, sotto la testa, rosetta – Magliocca 23 AU (g 3,35) RR Schiacciatura e screpolatura al bordo, ribattuta SPL+ 1.500

789

Mezzo ducato sigla IBR dietro la testa (periodo di coniazione: 1548-1554) - Magliocca 30 AG (g 14,59) RR Al rovescio stemma piccolo SPL 500 134


791

790

793

792

794

795

796

790

Mezzo ducato sigla IBR dietro la testa (periodo di coniazione: 1548-1554) - Magliocca 31 AG (g 14,51) R Stemma grande. Ampio modulo, graffietti al D/, leggermente lucidato BB+ 500

791

Mezzo ducato sigla IBR dietro la testa (periodo di coniazione: 1548-1554) - Magliocca 32 AG (g 14,85) RR Stemma grande e collo lungo qSPL 500

792

Mezzo ducato (periodo di coniazione: 1548-1554) - Magliocca cfr. 32 AG RR In slab PCGS AU55 829699.55/40114527. Bell’esemplare con patina di vecchia raccolta. Da identificare la sequenza dei punti sotto il busto al D/ rispetto a quelle censite dal Magliocca SPL 600

793

Tarì sigla IBR (periodo di coniazione: 1548-1554) – Magliocca 46/4 AG (g 6,12) Bellissimo esemplare per questo tipo di moneta qFDC 500

794

Tarì con sigla R dietro la testa - Magliocca 34/3 AG (g 6,21) Bella patina iridescente

795

Carlino con sigla G dietro il busto – Magliocca 49 AG (g 3,62) R Minimi graffietti sulla guancia al D/ qSPL 1.000

796

Carlino con sigla G dietro il busto – Magliocca 51 (indicato R/4) AG (g 3,58) RRRR Ribattuto, emissione individuata dal Magliocca come di grande rarità. Il suo periodo di emissione va dal 1516 al 1527. qSPL 800

797

BB+/SPL 200

798

797

Carlino – Magliocca 55/1 AG (g 3,38) R Schiacciatura ai bordi

798

Carlino - Magliocca 55/1 AG (g 3,37) R Bella patina delicata su metallo lucente 135

SPL+ 500 SPL 350


800

799

801

799

Carlino con sigla R dietro la testa - Magliocca 60/5 AG (g 3,07) Splendida patina iridescente, bellissimo esemplare, ideale per una galleria di ritratti SPL 180

800

Cinquina – Magliocca 72 AG (g 0,65) RR Schiacciature

801

3 Cavalli con quattro punti ad inizio leggenda del rovescio – Magliocca 79 CU (g 4,32) Bell’esemplare per questo tipo di moneta SPL 150

qBB/BB 50

802

802

Filippo II (1554-1598) Scudo d’oro 1582 sigle GR VP dietro la testa e due globetti sotto il collo – Magliocca 9/1a AU (g 3,35) RRR Esemplare di conservazione eccezionale, praticamente. Al R/ lo stemma è senza il Toson d’oro FDC 3.000

803

803

Scudo d’oro 1587 sigle GR VP dietro la testa – Magliocca 11 (indicato R/4) AU (g 3,33) RRRR Esemplare di conservazione eccezionale FDC 5.000

805

804

804

Ducato con sigla con sigla GR VP, motto racchiuso in cerchio di perline - Magliocca 17 AG (g 29,88) Difetti di conio al margine del D/ ma bell’esemplare dal metallo lucente SPL 700

805

Mezzo ducato con sigla IBR - Magliocca 19 AG (g 13,47) RR Variante di marchio. Porosità marginale sul bel metallo lucente SPL 300 136


806

807

808

809

806

Mezzo ducato con sigla IBR, rosetta sotto il busto - Magliocca 22/2 AG (g 14,82)

BB+ 200

807

Mezzo ducato con sigla GR VP - Magliocca 25 AG (g 14,95)

qSPL 350

808

Mezzo ducato con sigla GR VP – Magliocca 25 AG (g 14,83)

BB+ 300

809

Mezzo ducato 1575 con sigla GR (sopra) VP (sotto) - Magliocca 33 AG (g 14,93) Modeste ossidazioni marginali BB+ 200

812

811

810

814 813

810

Tarì con sigla IBR - Magliocca 45 AG (g 5,94) Frattura del tondello ma bell’esemplare con patina di vecchia raccolta e ottimi rilievi SPL+/qFDC 200

811

Tarì sigla IBR – Magliocca 45/1 AG (g 5,98) Bella patina

812

Carlino con sigla con sigla GR / VP, rosetta e due punti sotto il busto - Magliocca 71 AG (g 2,99) RRRR MB 120

813

Filippo III (1598-1621) Mezzo ducato 1609 sigla IAF G (prima della riforma del 1609) – Magliocca 5 AG (g 14,92) R Millesimo tra due croci qSPL 200

814

Carlino sigla GF GI con EGO IN FIDE (periodo di coniazione: 1600) – Magliocca 22/1 AG (g 2,08) RRRR Tosato ma con bei rilievi, al R/ il millesimo è formato 16 con due punti. L’aquila ha la corona radiata, pochi esemplari conosciuti qSPL 900 137

BB+/qSPL 300


816

815

817

815

Tarì sigla IAG/G (periodo di coniazione: 1606-1609) – Magliocca 14 AG (g 5,91) R Frattura del tondello, modesta porosità superficiale BB+ 180

816

15 Grana 1618 con sigla F C / C – Magliocca 20 AG (g 3,71)

817

Mezzo carlino con sigla GF GI - Magliocca 38/1 AG (g 1,36) RRR Schiacciature ma buon esemplare per questo tipo di moneta. Al D/ giro di perline BB+ 250

BB/BB+

200

818

818

Medaglia 1604 dedicata a San Tommaso d’Aquino proclamato ottavo protettore di Napoli – Busto a d. – R/ Veduta della città di Napoli – cfr. Siciliano 5 AG (g 30,99 – Ø 38 mm) RRRR Due esemplari noti in argento. Leggero graffio nel campo del D/. Riporta il Siciliano che i Napoletani vollero tale acclamazione perché erano stati liberati dalla forte mortalità che infieriva nel 1600 dovuta ad un ristagno delle acque nelle pianure vicine ed anche perché avevano sempre considerato san Tommaso come concittadino. BB 1.500

819

819

Filippo IV (1621-1665) 3 Carlini 1647 - Magliocca (monetazione di necessità) 152 (questo esemplare illustrato) AG (g 9,69) RRR Una emissione rarissima che documenta un periodo storico molto turbolento per Napoli che poi vide il nascere della Repubblica Napoletana nel 1648. Magliocca ha considerato questa ed altre tre monete fuori dalla monetazione propria di Filippo IV creando un apposito capitolo col titolo “monetazione di necessità” al quale si rimanda per ogni approfondimento. qBB 1.300 138


820

820

Carlino con sigla F B / C - Magliocca 33 AG (g 2,88) RRR Profondo graffio al D/ e striatura al R/ ma bell’esemplare integro e con bella patina BB+/qSPL 300

822

821

823

825

824

826

827

821

Grano 1636 sotto il busto e in senso orario alla legenda, sigla O/C - Magliocca 60 CU (g 10,43) RRRRR Uno splendido esemplare per questa tipologia eccezionalmente rara SPL 200

822

Filippo IV (1621-1665) Grano 1636 sigla O/C - Magliocca 61 CU (g 10,36) RRRRR L’esemplare è con la data che segue la legenda ma con una forma dello stemma diversa dal tipo precedente: semiovale e di grandi dimensioni. Debolezze di conio ma con bei rilievi, splendido esemplare per questa tipologia eccezionalmente rara SPL 300

823

Grano 1637 sigle GA/C - Magliocca 69 CU (g 10,32) RRRRR Esemplare estremamente raro, Filippo IV ha il tosone appeso al collo, la moneta è senza la data al dritto in quanto la legenda con DEI.GRA.R riempie tutto il giro della moneta. Debolezze di conio BB+ 500

824

Grano 1637 sigla GA/C - Magliocca 73 CU (g 10,32) RRRRR La moneta ha una grande M sotto il busto rivolto a destra, senza la data al dritto; si annota l’unico passaggio in asta, di questo esemplare inedito, alla Nomisma 57 del 18 maggio 2018, lotto 1019. Modesti depositi ma bellissimo esemplare per questo tipo di moneta qSPL 700

825

Tornese 1636 sigla GA/C - Magliocca 109 CU (g 5,01) RR Esemplare con la data perfettamente leggibile, una rarità per questa tipologia. Modesta porosità ma buoni rilievi BB+ 100

826

2 Cavalli sigla B - Magliocca 139 CU (g 0,73) RRR Leggermente poroso

827

Repubblica napoletana (1647-1648) 15 Grana 1648 sigla GAC / S - Magliocca 1 AG (g 3,94) RRRR Di tondello stretto BB+ 800 139

MB+ 120


828

830

829

831

828

15 Grana 1648 sigla GAC / M - Magliocca 2 AG (g 3,33) R Di tondello stretto

BB+ 250

829

Pubblica 1648 - Magliocca 3 CU (g 6,90) Di tondello largo

SPL 150

830

Tornese 1648 – Magliocca 5 CU (g 2,12) RR Di insolita conservazione per questo tipo di moneta qSPL 300

831

Tornese 1648 - Magliocca 5 CU (g 2,57) RR

BB+ 150

832

833

834

832

Carlo II (1674-1700) Ducato 1693 – Magliocca 7 AG (g 22,00) Minimi graffietti di conio al D/ e colpetto al bordo, conservazione insolita qFDC 1.000

833

Ducato 1693 – Magliocca 7 AG (g 21,87) Graffi di conio al D/ ma splendido esemplare con delicata patina SPL+ 1.000

834

Mezzo ducato 1684 Croce potenziata sotto il busto – Magliocca 10a AG (g 14,18) In slab NGC MS64 5887104076 FDC 2.500

140


835

835

Tarì 1683 senza sigla – Magliocca 15 (indicato R/5 ed illustra un esemplare di gran lunga inferiore a questo) AG (g 5,60) RRRRR Conservazione eccezionale per questo millesimo di grandissima rarità. Come noto, per questa tipologia esistono millesimi dal 1683 al 1687 con il primo di gran lunga il più raro. Il millesimo è in incuso fino al 1684 e successivamente è in rilievo qFDC 10.000

836

837

841

838

840

839

842

843

836

Tarì 1684 – Magliocca 16 AG In slab NGC MS 63 2791842-017. Conservazione eccezionale

837

Tarì senza data – Magliocca 16a AG RRR In slab NGC AU55 2787565-013

qFDC 500

838

Tarì 1684 mascherina in cimasa – Magliocca 16b AG RR In slab NGC AU58 2786681-028

qFDC 500

839

Tarì 1686 – Magliocca 18 AG In slab NGC MS64 3675364-014. Eccezionale

FDC 300

840

Tarì 1686 – Magliocca 18 AG (g 5,64)

FDC

841

Tarì 1687 – Magliocca 19 AG In slab NGC MS65 2771514-023. Conservazione eccezionale

FDC 300

842

Tarì 1688 – Magliocca 20a AG (g 5,08) R Minimi graffietti di conio al D/ ma splendido esemplare FDC 500

843

Tarì 1689 – Magliocca 21 AG (g 5,08) Minimi graffietti di conio al D/. Bellissima patina iridescente qFDC 300 141

FDC 300

250


844

847

850

845

846

848

849

851

852

844

Tarì 1694 – Magliocca 25 AG (g 4,39) Graffietti di conio al R/, bella patina delicata SPL/qFDC 250

845

Carlino 1684 – Magliocca 34 AG (g 2,85)

846

Carlino 1685 – Magliocca 35 AG (g 2,85) Conservazione eccezionale

847

Carlino 1688 – Magliocca 39 AG (g 2,58)

qSPL/SPL 200

848

Carlino 1689 – Magliocca 40 AG (g 2,55)

FDC 250

849

Carlino 1690 – Magliocca 41 AG (g 2,55) Graffietti di conio al D/

qSPL 130

850

8 Grana 1689 – Magliocca 53 AG (g 2,01) Graffio al D/

BB+ 200

851

Tornese 1681 – Magliocca 64 CU (g 4,71) RR Qualche deposito verde ma di conservazione eccezionale per questo tipo di moneta SPL 400

852

Filippo V (1700-1707) Grano 1701 – Magliocca 78 CU (g 9,51) RR Conservazione eccezionale per questo tipo di moneta SPL+/FDC 1.000

SPL+

200

FDC 300

853

853

Medaglia 1702 per la visita a Napoli – Opus: A. de Gennaro – Tipo Siciliano 69 AE (g 70,10 – Ø 59 mm) R Minimi graffietti. Splendido esemplare, zone di rame rosso. In bell’astuccio ottocentesco con scritta applicata qFDC 1.000 142


854

854

Carlo VI (1711-1734) Ducato 1715 – Magliocca 85 AG (g 21,75) Marginale screpolatura di conio sul bordo. Bella patina da antica collezione qFDC 2.000

855

856

857

858

855

Tarì 1716 – Magliocca 91 AG (g 4,39) Conservazione eccezionale con delicata patina

FDC 400

856

Tarì 1716 – Magliocca 94 AG (g 4,37) Graffio al D/. Graffi di conio al R/

SPL 300

857

Carlino 1716 - Magliocca 98 AG (g 2,12) RRR Conservazione eccezionale col metallo lucente qFDC 500

858

24 Grana 1730 – Magliocca 107 AG (g 5,09) RR Minimi graffietti di conio ma bell’esemplare qSPL 1.000

859

859

Carlo di Borbone (1734-1759) 6 Ducati 1750 UTR – Magliocca 112a AU In slab PCGS MS63 343018.63/37591051. Conservazione eccezionale FDC 2.000 143


862

861

860

860

6 Ducati 1755 UTR – Magliocca 117a AU (g 8,83) Modestissimo deposito al D/ ma bell’esemplare SPL/SPL+ 1.500

861

4 Ducati 1749 – Magliocca 118 AU (g 5,87) Due piccole fratture del tondello

862

Mezzo carlino 1755 – Magliocca 157 AG (g 1,01) R Minimi graffietti al D/ ma bellissimo esemplare dai fondi lucenti, conservazione insolita per questo tipo di moneta SPL+ 150

863

865

864

863

Mezzo carlino 1759 – Magliocca 160 AG (g 1,00) Bella patina

864

9 Cavalli 1756 – Magliocca 167 CU (g 4,41) R

865

4 Cavalli 1757 – Magliocca 174 CU (g 2,00) R

866

869

SPL 1.200

qFDC 200 BB+ 250

867

870

BB/BB+ 150

868

871

866

Ferdinando IV (1759-1816) 6 Ducati 1762 FA con punto in monogramma – Magliocca 189 AU (g 8,84) RR SPL/SPL+ 800

867

6 Ducati 1763 FA con punto in monogramma – Magliocca 190 AU (g 8,6)

868

6 Ducati 1765 sigla G, 5 ribattuto su 4 – Magliocca 193a AU (g 8,81) R In slab NGC MS64 5887104-046. Splendido esemplare FDC 1.500

869

6 Ducati 1766 sigla DeG – Magliocca 194 AU (g 8,81)

870

6 Ducati 1773 sigla CC R – Magliocca 207 AU (g 8,81)

SPL/SPL+ 600

871

4 Ducati 1769 sigla CC R – Magliocca 229 AU (g 5,90)

SPL+/qFDC 2.000

144

SPL/qFDC 700

SPL+/qFDC

800


872

873

875

874

872

Piastra 1796 – Magliocca 258 AG (g 27,63)

873

Piastra 1798 – Magliocca 259 AG (g 27,60) Minimi graffietti di conio al R/

874

Piastra 1805 Capelli lisci – Magliocca 391 AG (g 27,55) In slab NGC MS63 Small bust 5887104-044. Conservazione eccezionale qFDC/FDC 1.200

875

Mezza piastra 1798 – Magliocca 272 AG (g 13,81) In slab NGC MS63 5887104-045. Conservazione eccezionale FDC 2.500

876

879

SPL+/qFDC 250

877

qFDC/FDC 400

878

880

881

876

Tarì 1790 – Magliocca 277 AG (g 4,51) RR Graffi di conio al D/ ma bell’esemplare

877

Carlino 1798 – Magliocca 290 AG (g 2,35) Conservazione eccezionale, probabilmente il migliore mai apparso sul mercato FDC 300

878

5 Tornesi 1798 P sotto i rami – Magliocca 298 CU (g 12,87) Difetto di conio sul bordo, molto raro a trovarsi di questa qualità SPL+ 250

879

Pubblica 1791 – Magliocca 306 CU (g 9,10) Graffio nel campo del D/ ma splendido esemplare qFDC 1.000

880

Pubblica 1792 – Magliocca 307 CU Conservazione eccezionale in rame rosso. In slab PCGS MS64BN 126934.64/36713956 FDC 1.300

881

12 cavalli 1792 A. P. – Magliocca 317 CU (g 6,11) Frattura del tondello ma splendido esemplare in rame rosso FDC 900 145

SPL 600


882

882

Medaglia 1797 per la ricompensa di atti al valor militare – D’Auria 57 AG (g 21,71) RR Minimi graffietti ed un colpetto al bordo qFDC 500

884

883

883

Repubblica napoletana (1799) Piastra 1799 – Magliocca 373 AG (g 27,65) Ottimo esemplare qFDC 2.000

884

Piastra A. VII – Magliocca 373 AG (g 27,57) Esemplare di ottima qualità per questo tipo di moneta SPL+ 1.000

886

885

887

885

Mezza piastra A. VII – Magliocca 374 AG (g 13,74) RR Graffietti di conio al R/ come di consueto ma esemplare di ottima qualità per questo tipo di moneta, metallo brillante SPL+ 1.500

886

4 Tornesi A. VII – Magliocca 376 CU (g 12,07) Esemplare di altissima conservazione per questo tipo di moneta qFDC/SPL 700

887

4 Tornesi A. VII – Magliocca 376 CU (g 12,61) Bell’esemplare

146

SPL 300


888

888

Giuseppe Napoleone (1806-1808) Piastra 1808 – Magliocca 404 AG (g 27,62) In slab NGC MS62 5887104-047. Splendido esemplare per questo tipo di moneta FDC 2.500

890

889

889

Piastra 1808 – Magliocca 404 AG (g 27,50) Minimi graffietti di conio al R/ ma splendido esemplare, ottimi rilevi qFDC 1.200

890

Piastra 1808 – Magliocca 404 AG (g 27,62) Bellissimo esemplare per questo tipo di moneta SPL+/qFDC 1.200

891

891

Gioacchino Murat (1808-1815) 12 Carlini 1809 – Magliocca 406 AG (g 27,52) Conservazione eccezionale impreziosita da una delicata patina più accentuata sui rilievi. Come noto, le piastre di Murat sono abbastanza comuni ma diventano di grande rarità quanto sono in stato zecca in quanto al D/ la testa del re delle due Sicilie veniva sempre toccata dall’usura della pur minima circolazione FDC 6.000 147


892

892

3 Grana 1810 – Magliocca 409 CU (g 18,16) Debolezza di conio, tracce di rame rosso, di insolita conservazione per il tipo SPL+ 500

893

893

2 Grana 1810 – Magliocca 411a CU (g 11,54) R Ex Varesi, Civitas Neapolis, 2003, lotto 691. Frattura del tondello. Esemplare di alta conservazione per questo tipo di moneta, tra i migliori apparsi sul mercato SPL/FDC 3.000

895

894

897

898

896

894

20 Lire 1813 – Magliocca 415 AU (g 6,44) Graffietti ed un colpetto al bordo ma esemplare di bella qualità con ottimi fondi SPL+ 1.200

895

20 Lire 1813 – Magliocca 415 AU (g 6,44) Minimi colpetti e difetti al bordo

896

5 Lire 1813 – Magliocca 417 AG (g 24,99) Minimi colpetti al bordo, splendido esemplare con bei fondi per questo tipo di moneta SPL+ 1.500

897

Lira 1813 – Magliocca 421 AG (g 5,00) Debolezza di conio al D/ ma bellissimo esemplare con una delicata patina di vecchia raccolta qFDC/FDC 400

898

Mezza Lira 1813 – Magliocca 422 AG (g 2,51) Schiacciature marginali 148

SPL 800

SPL 200


899

899

Medaglia 1814 Regium Musonis Athenaeum – AG dorato Fusione (g 28,59 – Ø 42 mm)

900

SPL

100

901

900

Ferdinando IV (1815-1816) Piastra 1816 – Magliocca 428 AG (g 27,55) R Splendido esemplare dai fondi lucenti SPL+/qFDC 1.700

901

Piastra 1816 Reimpressa – Magliocca 428b AG (g 27,32) R Bei fondi lucenti e di conservazione insolita per questo tipo di moneta SPL 1.800

902

902

Mezza piastra 1816 – Magliocca 430 AG (g 13,79) RR Bei fondi lucenti, di grandissima qualità per questo tipo di moneta. Questo esemplare illustrato da Magliocca qFDC/FDC 5.000 149


903

903

Mezza piastra 1816 Brattee più numerose – Magliocca 431 AG (g 13,73) RRRR Colpetto di lima al ciglio, leggermente lucidata. Questo esemplare illustrato da Magliocca, moneta di estrema rarità qSPL 4.000

905

904

906

907

904

Medaglia 1817 Ricostruzione del teatro San Carlo – Opus: Brandt - D’Auria 132 – AE (g 28,00 – Ø 37 mm) SPL 200

905

Ferdinando I (1816-1825) 3 Ducati 1818 – Magliocca 441 AU (g 3,81) Minimi colpetti al bordo qFDC 1.000

906

Piastra 1818 – Magliocca 444 AG (g 27,44) Minimi graffietti nei campi

907

Piastra 1818 Reimpressa su 12 carlini, 8 ribattuto su 7 – Magliocca 444b AG (g 27,22) Graffi e colpetti diffusi, lucidata, al ciglio del R/un colpo abbastanza pesante MB+ 300

SPL/qFDC 400

908

908

Mezza piastra 1818 – Magliocca 446b AG (g 13,68) RRRR Variante estremamente rara con l’errore INFNAS al R/. Questa variante non è descritta nel MIR e dal Pagani. Graffietti BB/BB+ 3.000 150


909

909

Francesco I (1825-1830) 30 Ducati 1825 – Magliocca 462 (indicato R/3) AU (g 37,88) RRR Superbo esemplare per questo tipo di moneta, fondi ancora lucenti SPL/FDC 10.000

910

910

30 Ducati 1826 – Magliocca 463 (indicato R/2) AU (g 37,89) RR Colpo al bordo ed un graffietto nel campo del R/ ma un esemplare di qualità superiore con i fondi brillanti SPL+/qFDC 5.000

151


911

912

911

30 Ducati 1826 – Magliocca 463 AU (g 37,81) R Leggermente lucidato ma ancora un bell’esemplare SPL 4.000

912

6 Ducati 1826 – Magliocca 465 AU (g 7,55) RR Dalla nostra asta 33, 2006, lotto 580 con questa descrizione: esemplare di bella qualità SPL 2.000

913

915

914

913

Piastra 1825 – Magliocca 467 AG In slab PCGS MS64 335243.64/36352098. Conservazione eccezionale FDC 1.500

914

Piastra 1825 reimpressa – Magliocca 467a AG (g 27,24) RRR Graffietti e colpetti diffusi MB/MB+ 500

915

Piastra 1826 – Magliocca 468 AG (g 27,52) R Graffietti e colpetti. Leggermente pulita 152

BB+ 500


916

916

Piastra 1828 – Magliocca 469 AG (g 27,46) RRR Graffietti e colpetti, lievemente lucidata qBB/BB 500

917

918

917

Ferdinando II (1830-1859) 30 Ducati 1831 – Magliocca 479 AU (g 37,92) R Graffietti diffusi, un colpo pesante al bordo SPL 3.500

918

30 Ducati 1844 – Magliocca 484 AU (g 37,93) R In slab NGC MS61 5887102-004 153

qFDC 5.000


919

919

30 Ducati 1852 – Magliocca 491 AU (g 37,86) Dalla nostra asta n. 31, 2006, lotto 596 con questa descrizione: minimo colpetto al bordo e minimi segnetti nei campi ma esemplare di conservazione superiore con i fondi brillanti qFDC 5.000

920

920 30 Ducati 1854 – Magliocca 494 AU (g 37,88) RR Dalla nostra asta n. 40, Collezione Vitalini, 2009, lotto 1273 con questa descrizione: minimi graffietti ma conservazione eccezionale qFDC 5.000

922

921

923

921

15 Ducati 1831 – Magliocca 496 AU (g 18,89) RR Colpi al bordo, di cui uno molto pesante, graffietti qSPL 1.200

922

6 Ducati 1831 – Magliocca 507 AU (g 7,58) Colpi al bordo, graffietto sul collo al D/

923

3 Ducati 1851 – Magliocca 532 AU (g 3,79) Colpo ed un difetto di conio al bordo 154

SPL 1.500 qFDC 1.200


924 925

924

3 Ducati 1854 – Magliocca 534 AU (g 3,79) Una modesta abrasione di conio sulla guancia al D/ ma bellissimo esemplare qFDC 1.200

925

Piastra 1834 – Magliocca 539 AG (g 27,57) Depositi e minimi graffietti al D/, colpetto al bordo SPL+ 200

926

927

929

928

930

931

926

Piastra 1841 Testa grande – Magliocca 560 AG (g 27,42) RR Graffietti e colpetti, lucidata qBB/BB 1.000

927

Piastra 1847 reimpressa – Magliocca 555a AG (g 27,21) RR Minimi graffietti nei campi e minimi colpetti al bordo SPL 1.500

928

Piastra 1848 reimpressa – Magliocca 556a AG (g 27,18) RRR

929

Mezza piastra 1839 – Magliocca 578 (indicato R/3) AG (g 13,65) RRR Fondi ancora lucenti BB+ 500

930

Mezza piastra 1846 – Magliocca 583 AG (g 13,80) Minimo graffietto al D/

931

Mezza piastra 1851 – Magliocca 587 AG (g 13,78) RR Minimi graffietti di conio 155

qSPL/SPL 2.000

FDC 500 SPL+ 500


933

932

937

936

935

934

938

939

940

941

932

Mezza piastra 1859 – Magliocca 595 AG (g 13,77) Graffi di conio al D/ ma splendido esemplare FDC 300

933

Tarì 1835 – Magliocca 600 AG (g 4,60) R Graffio sul collo al D/

934

Tarì 1855 – Magliocca 620 AG (g 4,57) Bella patina intensa

935

Tarì 1856 – Magliocca 621 AG (g 4,59) Minimi graffietti di conio al R/

936

Carlino 1850 – Magliocca 648 AG (g 2,33) RR Minimi graffietti di conio al R/ ma splendido esemplare FDC 250

937

Mezzo carlino 1846 – Magliocca 660 AG (g 1,15) Fondi speculari

938

Mezzo carlino 1853 – Magliocca 664 AG (g 1,17)

939

2 Tornesi 1832 – Magliocca 730 CU (g 5,64) RRRR Ancora zone di rame rosso e quindi di grande qualità per questo millesimo assai raro che costituisce la prima emissione del 2 tornesi per Ferdinando II qFDC 2.500

940

2 Tornesi 1842 – Magliocca 734 CU (g 6,92) Rame rosso

FDC 80

941

2 Tornesi 1843 – Magliocca 735 CU (g 6,42) Rame rosso

FDC 80

SPL+/qFDC 250 FDC 150 qFDC/FDC 120

FDC 60 qFDC

156

80


942

943

944

946

945

947

948

942

2 Tornesi 1853 – Magliocca 741 CU (g 6,10) Piccola frattura del tondello

qFDC

943

2 Tornesi 1857 – Magliocca 745 CU (g 6,69) Mancanza di metallo al bordo

qFDC 60

944

Tornese 1849 – Magliocca 777 CU (g 3,01)

qFDC

100

945

Tornese 1851 – Magliocca 778 CU (g 3,15)

qFDC

100

946

Tornese 1852 – Magliocca 779 CU (g 3,18) Mancanza di metallo al bordo, graffietto sulla guancia qFDC 100

947

Tornese 1854 – Magliocca 780 CU (g 3,30)

948

Tornese 1859 – Magliocca 784 CU (g 3,21) Conservazione eccezionale in rame rosso

SPL+

60

80

FDC 200

949

949

Medaglia 1830 Per l’assunzione al trono del re Ferdinando II di Borbone Bronzo – Opus: Catenacci e Laudicina – D’Auria 164 - AE (g 146 – Ø 62 mm) FDC 800

157


950

951

952

950

Medaglia 1830 Per l’assunzione al trono del re Ferdinando II di Borbone Bronzo – Opus: Catenacci e Laudicina – D’Auria 164 - AE (g 144 – Ø 62 mm) Ossidazioni e colpetti al bordo, leggermente lucidata SPL 500

951

Medaglia 1832 Nozze del re con Maria Cristina di Lorena – Opus: Laudicina – D’Auria 179 AE (g 168,00 – Ø 62 mm) Ex Varesi 2017 lotto 261. In bellissimo astuccio d’epoca (cerniera allentata) FDC 1.500

952

Medaglia 1836 Per il compimento della Basilica di San Francesco di Paola – Opus: Cariello e Verucci – D’Auria 191 - AE (g 154 – Ø 64 mm) Minimi colpetti al bordo, leggermente lucidata qFDC 1.200 158


953

954

70%

955

953

Medaglia 1836 visita di Ferdinando II alla zecca di Parigi – Opus: Barre – D’Auria 189 (indicata R/4) AE (g 174 – Ø 75 mm) RRRR Minimi graffietti al R/ SPL+ 1.000

954

Medaglia 1840 per la linea di confine tra lo Stato Pontificio ed il Regno delle due Sicilie – D’Auria 196 Fusione in ferro (Ø 107 mm) RRR SPL 500

955

Medaglia 1843 San Francesco Caracciolo – Opus: V. Catenacci – AE dorato (g 33,49 – Ø 41 mm) qFDC 800 159


956

958 957

956

Medaglia 1845 per San Giuseppe della Croce – Opus: V. Catenacci – AG (g 28,64 – Ø 43 mm) RRR Minimi colpetti al bordo FDC 800

957

Francesco II (1859-1860) Piastra 1859 – Magliocca 806 AG (g 27,57) Minimi graffietti di conio al D/ ma eccezionale conservazione FDC 800

958

2 Tornesi 1859 – Magliocca 812 CU (g 6,39) Rame rosso, minimo graffietto sulla guancia FDC 130

MEDAGLIE INERENTI LA SICILIA

E LA GUERRA TRA FRANCIA, INGHILTERRA E AUSTRIA CONTRO LA SPAGNA

959

959

Giorgio I re d’Inghilterra (1714-1727) Medaglia 1718 Battaglia navale di Capo Passero – Opus: J. Crocker – AR (g 37,84 – Ø 45 mm) R Ex Morton & Eden 03/10/2003. Bellissima patina, colpetto al bordo e graffietti nei campi qSPL 500

160


960

961

963

962

960

Medaglia 1718 Battaglia navale di Capo Passero – Opus: G. W. Vestner – Mont. 1539 AG (g 29,68 – Ø 44 mm) RRR Ex Morton & Eden 03/10/2003. Piccoli segni SPL 1.200

961

Medaglia 1718 Battaglia navale di Capo Passero – Opus: G. W. Vestner – Mont. 1539 – AG (g 29,55 – Ø 43 mm) RRR Colpi al bordo, bella patina iridescente BB 700

962

Carlo VI Imperatore (1711-1740) Medaglia 1718 Battaglia di Capo Passero – Opus: B. Richter – AE (g 12,55 – Ø 29 mm) Colpetti al D/, modesta ribattitura al R/ qFDC 500

963

Medaglia 1718 Conquista della Sicilia – Opus: G. W. Vestner – AR (g 29,02 – Ø 44 mm) R Minimi colpetti, graffietti nei campi BB+/qSPL 1.000

964

965

966

964

PALERMO Vittorio Amedeo II (1713-1720) Grano 1716 – MIR 901f MI (g 5,50) Con argentatura! FDC 350

965

Carlo III (1720-1734) Oncia 1733 – MIR 514/1 AU (g 4,45) Consueti minimi graffietti di conio ma splendido esemplare dai fondi lucenti FDC 800

966

Oncia 1734 – MIR 514/2 AU (g 4,44) Consueti minimi graffietti di conio ma splendido esemplare FDC 700

161


967

967

Oncia 1732 sigla C P – MIR 515 AG (g 73,81) RR Consueti minimi graffietti di conio e graffietti nei campi ma splendido esemplare con patina SPL/SPL+ 3.500

968

968

Oncia 1733 sigla C P – MIR 515 AG (g 73,84) RR Splendido esemplare con patina

162

qFDC 4.000


969 970

969

Carlo III (1720-1734) Mezzo tarì 1733 – Gig. 35b AG (g 1,22)

970

Carlo di Borbone (1734-1759) Doppia oncia 1753 sigla P N – MIR 562/1 AU (g 8,80) RR Tracce di montatura al bordo, graffietti di conio al R/ SPL 2.000

SPL+

971

972

973

974

170

971

Doppia oncia 1754 sigla P N – MIR 562/2 AU (g 8,83) R Striature di conio al D/ ma bellissimo esemplare qFDC 1.800

972

Doppia oncia 1755 sigla P N – MIR 562/3 AU (g 8,77) Colpetto al bordo, graffietti di conio al D/, bel metallo lucente qFDC 1.800

973

Doppia oncia 1756 sigla P N – MIR 562/4 AU (g 8,84) RR Ex collezione Spahr. Graffietti di conio al D/, bel metallo lucente SPL+ 2.000

974

Doppia oncia 1756 sigla P N – MIR 562/4 AU (g 8,85) RR Variante con RE al D/ invece del solito REX. Graffietti di conio al D/, bel metallo lucente SPL+ 1.800

975

976

977

975

Oncia 1735 – MIR 547/2 AU (g 4,42)

SPL 500

976

Oncia 1735 – MIR 564/1 AU (g 4,44) Ex Nomisma 53, lotto 1269

SPL 500

977

Oncia 1737 – MIR 564/3 AU (g 4,41) Ex Nomisma 53, lotto 1271

SPL 500

163


978

979

980

978

Oncia 1753 con CAR al D/ e sigla P N al rovescio – MIR 568/3 AU (g 4,43) R Ex Nomisma 53, lotto 1273 SPL+ 800

979

Oncia 1754 sigla P N – MIR 568/5 AU (g 4,41) Minimi graffietti di conio al D/, bel metallo brillante SPL+/FDC 800

980

4 Tarì 1735 sigla F N – MIR 556 AG (g 9,11) R Graffi di conio ma bellissimo esemplare dal metallo lucente SPL+ 500

981

981

Ferdinando III (1759-1816) 2 Oncie 1814 Prova – P.P. 782 CU (g 6,12) RRRR Dalla nostra asta 41, 2010, lotto 944 con questa descrizione: minimi segnetti sulla guancia al D/. Il Pagani cita l’esemplare della vendita Santamaria del 1921. FDC 8.000

982

982

Oncia 1785 – MIR 596 AG (g 68,30) RR Consueti minimi graffietti di conio, bella patina 164

SPL 2.500


983

983

Oncia 1791 – MIR 597 AG (g 68,25) RR Due colpi di lima al ciglio del D/ e minimi graffietti nei campi, modesta mancanza sull’ala destra al R/, ma bell’esemplare con patina di vecchia raccolta qSPL 2.500

984

984

Oncia 1793 Fenice che guarda a s. – MIR 598/1 AG (g 68,25) R

BB+/qSPL 1.800

985

985

Oncia 1793 Fenice che guarda in basso – MIR 598/2 AG (g 68,23) RRR Colpetto al bordo, bella patina delicata qSPL 2.500

165


986

986

12 Tarì 1799 – MIR 639/1 AG (g 27,24) Piccole screpolature ma esemplare di bella qualità per questo tipo di moneta SPL 300

987

987

2 Grani 1782 – MIR 629/7 CU (g 8,55) Piccole screpolature ma bell’esemplare con ancora zone in rame rosso SPL 700

989

988

988

2 Grani 1793 – MIR 630/2 CU (g 8,40) Splendido esemplare

FDC 400

989

2 Grani 1815 – Gig. 109 CU (g 6,10) R

BB+ 100

991

990

990

PALMANOVA Assedio austriaco (1814) 50 Centesimi 1814 – MIR 234 Lega (g 10,52) RR Questo esemplare non presenta alcuna argentatura ed è probabilmente di una lega di scarso valore ottenuta in condizioni di emergenza come appunto quelle di un assedio. qFDC 300

991

PARMA Ottavio Farnese (1547-1586) Scudo d’oro 1557 – MIR 924/4 AU (g 3,13) RR Leggermente tosato, striature al D/ e al R/ forse da montatura e tondello ondulato BB 700

166


992

992

Odoardo Farnese (1622-1646) Doppia – MIR 1008 (indicato R/4 e illustrato questo esemplare); R.M. 6 (indicato R/3 e illustrato questo esemplare) AU (g 6,53) RRRR Ex collezione Gavazzi, ex Kunst und Münzen 18, 1978, lotto 1265. Bell’esemplare con un prestigioso pedigree di questa moneta rarissima BB 12.000

993

993

Maria Luigia (1815-1847) 20 Lire 1815 – MIR 1092/1 AU (g 6,44) Minimi graffietti al D/

qSPL 1.500

994

994

20 Lire 1815 – MIR 1092/1 AU (g 6,42) Colpetti al bordo 167

BB/qSPL 1.400


995

995

Medaglia 1836 Parma exornata – Opus: Galli - AG (g 93,39) Colpetti al bordo

SPL+ 800

996

996

Carlo III (1849-1854) Medaglia 1849 per il ritorno del duca a Parma – Opus: Bentelli - AE (g 97,80 – Ø 60 mm) R Due colpi al bordo ma bellissimo esemplare FDC 800

997

998

997

PASSERANO Anonime dei Radicati (1581-1588) Contraffazione del quarto di soldo di Savoia 1581 – MIR 921 MI (g 1,21) R Ottimo esemplare per questo tipo di moneta qSPL/SPL 300

998

PIACENZA Giovanni da Vignate (1410-1413) Grosso – MIR 1113 AG (g 2,20) RR Porosità superficiale BB 1.000

168


999

999

PISA Ferdinando I (1595-1608) Quadrupla 1595 – MIR 441/2 (questo esemplare illustrato) AU (g 13,13) RRRR Usuali difetti di conio tipici dell’emissione ed un colpo al bordo, ma bellissimo esemplare di questa affascinante moneta qSPL 40.000

1000

1000 Ferdinando II (1620-1670) Doppia s.d. – MIR 451/4 AU (g 6,60) RR Usuali difetti di conio tipici dell’emissione, ma bellissimo esemplare dal metallo lucente SPL 3.000 169


1001

1001 Mezza doppia 1643 – MIR 450 (questo esemplare illustrato AU (g 3,26) RR Usuali difetti di conio tipici dell’emissione BB+/qSPL 3.000

1002

1004

1003

1002 RETEGNO Antonio Teodoro Trivulzio (1676-1678) 2 Filippi 1676 – MIR 899/1 AG (g 55,26) RR Schiacciature e graffietti tipici dell’emissione BB/BB+ 1.500 1003 Filippo stretto 1676 data sotto il busto – MIR 901 AG (g 27,67) RR Screpolature e schiacciature tipici dell’emissione. Riteniamo la variante con la data sotto il busto decisamente più rara rispetto a quella con la data inserita nel giro della leggenda qBB 500 1004 Mezzo filippo stretto 1676 – MIR 903 AG (g 13,76) RR Decisamente un bell’esemplare per questo tipo di moneta SPL 2.000

1006 1005

1005 SALERNO Roggero Borsa (1085-1111) Follaro – Biaggi 2269 CU (g 5,29) RRR

BB+ 400

1006 Guglielmo I (1154-1166) Follaro – MIR 662 AE (g 1,35) R Moneta di difficile reperibilità in buona conservazione come questo esemplare BB+ 180 170


1007

1007 SAN MARINO 5 Centesimi 1894 – CU R In slab NGC MS67BN 2070410-073. Conservazione eccezionale, il più alto grading per questo millesimo FDC 250

1008

1008 20 e 10 Lire 1925 Prova – P.P 564/573 AU RRRR Solo 25 pezzi coniati

FDC 12.000

1009 1010

1009 10 Lire 1925 – AU (g 3,22) R

qFDC 300

1010 20 Lire 1933 Prova – AG (g 15,00) R

FDC 500

171


1012

1011

1011 20 Lire 1938 – AG (g 19,98) RR In slab NGC MS66 5887104-053

FDC 800

1012 10 Lire 1932 Prova – AG (g 10,03) RR In slab NGC MS67 5887104-052

FDC 500

1013

1014

1015

1013 10 Lire 1933 Prova – AG (g 10,00) RR

FDC 400

1014 10 Lire 1937 Prova – AG (g 10,02) RR In slab NGC MS64 5887105-023

FDC 400

1015 10 Lire 1938 Prova – AG (g 10,00) RR In slab NGC MS67 5887105-024

FDC 500

1016

1016 SIENA Repubblica (1404-1555) Scudo d’oro (s.d. ma circa 1536) – MIR 546 AU (g 3,34) RRR Una modesta schiacciatura al bordo ma splendido esemplare SPL+ 4.000 172


1017

1017 TASSAROLO Agostino Spinola (1604-1616) Ducatone 1604 – MIR 963 (indicato come scudo) (g 31,12) RRR Ondulazioni del tondello e piccole ribattiture dovute alla coniazione ma piacevole esemplare con un bellissimo ritratto del signore di Tassarolo. Il peso e l’ottimo metallo di questa moneta indicano chiaramente che si tratta di un ducatone come i coevi di Milano. Su acsearch è segnalato l’unico passaggio in asta di questa moneta nell’asta NAC 32 del 2006. Quell’esemplare, proveniente dalla celebre collezione Gnecchi, con una vistosa frattura del tondello, realizzò ben 10.250 CHF più diritti BB+ 7.000

1018

1018 TORINO Repubblica Piemontese (1798-1799) Mezzo scudo A. VII – Pag. 1; Mont. 1 Ag (g 17,64) Esemplare di conservazione eccezionale praticamente esente dagli usuali difetti di questa emissione FDC 4.000 173


1019

1019 Quarto di scudo A. VII – Gig. 2 AG RRR Conservazione eccezionale. In slab PCGS MS63 751941.63/36713953 FDC 4.000

1020

1020 Quarto di scudo A. VII – Gig. 2 AG (g 8,78) RRR Bellissimo esemplare per questo tipo di moneta, con delicata patina sui fondi brillanti SPL 2.000

1021

1021 Repubblica Subalpina (1800-1802) 20 Franchi A. 10 – Gig. 2 AU (g 6,42) R 174

SPL+ 3.000


1024

1022

1023

1025

1022 20 Franchi A. 10 – Gig. 2 AU (g 6,44) R

SPL 2.500

1023 5 Franchi A. 9 – Gig. 3 AG (g 24,94) R Bell’esemplare dai fondi brillanti

qFDC 1.500

1024 Napoleone (1804-1814) 20 Franchi 1812 – Gig. 18 AU (g 6,40) R Minimi graffietti

BB 800

1025 URBINO Francesco Maria II (1574-1624) 20 Grossi – Cavicchi 176 AG (g 25,40) RR R/ da conii stanchi BB 1.000

1027

1028

1026

1029

1032

1030

1031

1033

1034

1026 Testone – Cavicchi 189 AG (g 9,58) R Piccole screpolature tipiche dell’emissione ma bell’esemplare BB+ 1.500 1027 VENEZIA Pietro Gradenigo (1289-1311) Ducato – Pa. 1 AU (g 3,59) R 1028 Bartolomeo Gradenigo (1339-1342) Ducato – Pa. 1 AU (g 3,56) R

SPL+/FDC 2.500 SPL+ 1.200

1029 Andrea Dandolo (1343-1354) Ducato – Pa. 1 AU (g 3,55)

qBB

1030 Lorenzo Celsi (1361-1365) Ducato – Pa. 1 AU (g 3,55) Conservazione eccezionale

FDC 1.500

1031 Andrea Contarini (1368-1382) Ducato – Pa. 1 AU (g 3,54)

SPL

400

SPL/FDC

500

1032 Antonio Venier (1382-1400) Ducato – Pa. 1 AU (g 3,52)

200

1033 Michele Steno (1400-1413) Ducato – Pa. 1 AU (g 3,56) Splendido esemplare

qFDC/FDC 500

1034 Francesco Foscari (1423-1457) Ducato – Pa. 1 AU (g 3,56)

qFDC/FDC 700

175


1035

1036

1037

1035 Cristoforo Moro (1462-1471) Ducato – Pa. 1 AU (g 3,59) R Una schiacciatura marginale ma esemplare di grandissima qualità qFDC/FDC 1.000 1036 Nicolò Tron (1471-1473) Lira – Pa. 2 AG (g 6,51) Macchie al D/

BB+/qSPL 800

1037 Giovanni Mocenigo (1478-1485) Ducato – Pa. 1 AU RR Sigillato SPL da G. Erpini

qSPL/SPL 1.200

1038

1039

1040

1041

1042

1043

1044

1038 Andrea Gritti (1523-1539) Ducato – Pa. 1 AU (g 3,52) 1039 Ducato – Pa. 1 AU (g 3,48) Graffi al D/

SPL/FDC

600

SPL+ 500

1040 Francesco Venier (1554-1556) Zecchino – Pa. 1 AU (g 3,47) Una modestissima ondulazione del tondello ma esemplare di grandissima qualità qFDC 600 1041 Lorenzo Priuli (1556-1559) Zecchino – Pa. 1 AU (g 3,50) Graffietto al R/ ma bellissimo esemplare qFDC 800 1042 Alvise I Mocenigo (1570-1577) Ducato – Pa. 1 AU (g 3,56) Ondulazioni del tondello SPL/qFDC 500 1043 Marino Grimani (1595-1605) Zecchino – Pa. 1 AU (g 3,53) Leggermente lucidato ma di conservazione eccezionale FDC 700 1044 Leonardo Donà (1606-1612) Zecchino – Pa. 1 AU (g 3,48) R

SPL 1.000

1045

1045 Francesco Contarini (1623-1624) Doppia – Pa. 4 AU (g 6,45) RRR Mancanza di metallo al R/ BB+ 4.000 176


1046

1047

1049

1050

1051

1052

1053

1054

1048

1055

1046 Francesco Erizzo (1631-1646) Zecchino – Pa. 1 AU (g 3,51) R Una schiacciatura o colpo al margine del D/ e del R/ SPL/qFDC 1.000 1047 Francesco Molin (1646-1655) Zecchino – Pa. 6 AU (g 3,53)

SPL

750

1048 Carlo Contarini (1655-1656) Zecchino – Pa. 1 AU (g 3,50) Foro abilmente otturato nel campo qSPL/SPL 1.000 1049 Bertucci Valier (1656-1658) Zecchino – Pa. 1 AU (g. 3,50) Fondi brillanti, esemplare di alta qualità qFDC 1.000 1050 Domenico Contarini (1659-1675) Zecchino – Pa. 1 AU (g 3,52) R Interessante varietà con D di DVX rovesciata SPL/SPL+ 500 1051 Alvise Contarini (1676-1684) Zecchino - Pa. 1 AU (g 3,52) Forellino nel campo del D/ SPL/qFDC 500 1052 Marc’Antonio Giustiniani (1684-1688) Zecchino – Pa. 1 AU (g 3,44) 1053 Francesco Morosini (1688-1694) Zecchino – PA 4 AU (g 3,44) Conservazione eccezionale

qFDC

600

FDC 1.000

1054 Zecchino – Pa. 4 AU (g 3,47) Da conii leggermente rugosi ma di conservazione eccezionale FDC 700 1055 Silvestro Valier (1694-1700) Leone per il Levante – Pa. 23 AU (g. 26,87) RR Di alta qualità per questo tipo di moneta SPL/SPL+ 1.500 177


1056

1056 Giovanni II Corner (1709-1722) 15 Zecchini – Pa. 7 (indicato R/5) AU (g 51,72) RRRRR Nella monetazione veneziana spiccano le serie di multipli battute per alcuni dogi. A fianco delle serie battute con i conii delle monete d’argento, ce ne sono alcune battute con conii appositi assai larghi e facilmente distinguibili da tutto il resto della monetazione corrente con le impronte dello zecchino, cioè il doge genuflesso davanti a San Marco al diritto ed il Redentore al rovescio. La serie di queste monete per Giovanni II Corner è la più importante di tutta la storia monetaria veneziana. Vi sono rappresentati dei multipli da 8, 10, 12, 15, 16, 20, 25, 33, 36 e perfino 40 zecchini. Quest’ultimo valore corrisponde a g 139,60. BB+ 60.000 178


1057

1057 Osella 1710 A. II in oro da 4 zecchini – Pa. 9 AU (g 13,80) RRRR Da montatura

1059

1058

SPL 3.000

1060

1061 1062

1058 Pietro Grimani (1741-1752) Zecchino – Pa. 9 AU (g 3,47) R Lieve ondulazione di tondello, colpo al R/, debolezze di conio SPL/FDC 500 1059 Alvise Pisani (1735-1741) Sedicesimo di ducato sigla M S – Pa. 20 (indicato come prova e indicato R/3, dalla stessa coppia di conii dell’esemplare illustrato a p. 122) AG (g 1,42) RRR In slab NGC MS63 5887105-025. Conservazione eccezionale qFDC 1.000 1060 Francesco Loredan (1752-1762) Zecchino – Pa. 5 AU (g 3,46)

SPL/qFDC

400

1061 Alvise IV Mocenigo (1763-1779) Zecchino – Pa. 13 AU (g 3,49) Debolezze di conio ma esemplare di alta qualità con fondi brillantissimi qFDC 500 1062 Ducato sigla V V – Pa. 27 AG In slab NGC MS64 5887105-051. Conservazione eccezionale per questo tipo di moneta qFDC 800 179


1063

1063 Ducato sigla D G in oro da 6 zecchini – Montenegro 1705 AU (g 20,68) RRRR Colpetti al bordo SPL+ 15.000

1064

1064 Osella 1775 A. XIII – Pa. 258 AG (g 9,82) Conservazione eccezionale con i fondi speculari 180

FDC 2.000


1065

1065 Paolo Renier (1779-1789) Zecchino – Pa. 12 AU (g 3,47)

qFDC

400

1066

1066 Osella 1782 di doppio peso – Pa. manca; Mont. 3250 AG (g 19,44) RRR Ex InAsta 73, 2018, lotto 1043. Un piacevole esemplare con patina di vecchia raccolta SPL/qSPL 3.000

1067 1068

1069

1067 Ludovico Manin (1789-1797) Zecchino – Pa. 14 AU (g 3,52) Conservazione eccezionale 1068 Tallero 1790 – Pa. 35 AG (g 28,50) Esemplare di insolita conservazione

FDC 500 SPL+ 600

1069 Ducato di peso doppio sigla G F – Mont. 1998 AG (g 44,53) RRRR Ex InAsta 73, 2018, lotto 1046 BB+ 3.500 181


1070

1070 Osella 1796 A. VIII di doppio peso (silver piefort) – Pa. 309 AG (g 19,32) RRR In slab NGC MS62 5887105004 FDC 5.000

1071

1071 Osella 1797 A. III – Pa. 274 AG In slab NGC MS 63 cod. 2819818-014

SPL+ 900

1072

1072 Osella 1789 di doppio peso per Murano – Pa. manca; Mont. manca AG (g 19,40) RRRR Paolucci e Montenegro non menzionano oselle d’argento di peso doppio per il 1789 ma solo per il 1787 e per il 1790. Probabilmente unica e inedita SPL 10.000 182


1073

1074

1075

1073 Imitazioni del ducato veneziano – a nome di Andrea Dandolo (1343-1354) Ducato di produzione levantina – cfr. Fr 2a AU (g 3,09) SPL 400 1074 Ducato di produzione levantina – cfr. Fr. 2a AU (g 3,31) Minime ossidazioni nere tra alcune lettere ma bell’esemplare dal metallo ancora lucente SPL+ 400 1075 Ducato di produzione levantina – cfr. Fr. 2a AU (g 3,39)

SPL 400

1076

1077

1078

1076 Municipalità Provvisoria (1797) 10 Lire Venete 1797 – Gig. 1a (variante con 1 . 797) AG (g 28,63) R Piccola screpolatura al D/ ma bell’esemplare, di qualità superiore al consueto SPL+ 1.000 1077 Francesco I (1815-1835) Ducato 1824 – Gig. 103 AU (g 3,50) R Modesta macchia al R/ SPL+/qFDC 1.000 1078 20 Kreuzer 1818 – Gig. 113 AG (g 6,68) RR In slab NGC MS63+ 5887104-051. Conservazione eccezionale FDC 600

1079

1079 Governo Provvisorio (1848) 20 Lire 1848 – Gig. 1 AU (g 6,45) RR Colpetto al bordo 183

qFDC 4.000


1080

1080 5 Lire 1848 11 Agosto – Gig. 3 AG In slab NGC MS64 5887105-052. Conservazione eccezionale FDC 800

1081

1081 Francesco Giuseppe (1848-1866) Ducato 1856 – Gig. 57 AU (g 3,48) RR Un piccolo difetto di conio (?) al margine del R/ ma splendido esemplare SPL+ 5.000

1083 1082

1082 Scudo 1853 – Gig. 13 AG (g 26,05) RR Colpetto al bordo. Delicata patina, splendido esemplare qFDC 1.500 1083 Medaglia 1866 Venezia restituita all’Italia – AE (g 6,15 – Ø 24 mm) Minimi colpetti al bordo

184

FDC 200


MONETE E MEDAGLIE PAPALI

1084

1085

1084 Senato Romano (1257-1270) Ducato – MIR 178 AU (g 3,56) Ondulazione del tondello 1085 Senato romano – Carlo I d’Angiò (1268-1278 e 1281-1284) Grosso – Munt. 15 AG (g 3,90)

qFDC 500 BB

1.300

1086

1086 Martino V (1417-1431) Avignone - Fiorino da 24 soldi – Munt. 31 AU (g 2,70) RRR

1087

qSPL 3.500

1088

1087 Niccolò V (1447-1455) Ducato papale – Munt. 4 AU (g 3,51) RR

SPL 1.200

1088 Callisto III (1455-1458) Ducato – MIR 349/1 AU (g 3,49) RR

BB+ 1.200

1089

1089 Innocenzo VIII (1484-1492) Fiorino di camera – Munt. 3 AU (g 3,41) R 185

qFDC 3.000


1090

1090 Alessandro VI (1492-1503) Ancona - Fiorino di camera – Munt. 21 AU (g 3,36) RRR Bellissimo esemplare di questa rarissima moneta SPL+ 5.000

1091

1092

1093

1094

1091 Giulio II (1503-1513) Fiorino di camera – Munt. 15 var. I AU (g 3,35) RRR In slab NGC MS61 5887105-027 qFDC 1.500 1092 Giulio II (1503-1513) Bologna – Ducato – Munt. 84 AU (g 3,49)

SPL+/qFDC 1.500

1093 Leone X (1513-1521) Ducato papale – Munt. 5 AU (g 3,45) RRR

qSPL 2.500

1094 Fiorino di camera – Munt. 7 AU (g 3,38) R

SPL/qSPL 2.500

1095

1095 Adriano VI (1522-1523) Fiorino di camera – Munt. 5 AU (g 3,41) RRR Ex NAC 107, lotto 387, dove è riportato un eccellente pedigree: ex Santamaria, Collezione Martinori, 1913, lotto 3090, e Schulman 271, 1980, lotto 2913 SPL 3.000

186


1096 1097

1098

1099

1100

1096 Anonime papali - Piacenza – Mezzo giulio attribuito a Adriano VI – Munt. manca AG (g 2,14) RRRR Variante con PRAESDVIVM invece di PRAESIDIVM, inedita (?). Conservazione ecccezionale per il tipo SPL+ 300 1097 Clemente VII (1523-1534) Bologna – Ducato papale – Munt. 22 var. I AU (g 3,41) R Una modesta porosità. Dalla nostra asta n. 59 dove realizzò 2.200 euro qSPL 1.500 1098 Paolo III (1534-1549) Bologna – Scudo d’oro armetta Sforza – Munt. 90 AU (g 3,28) Bell’esemplare SPL+ 1.500 1099 Parma – Scudo d’oro – Munt. 158 AU (g 3,36)

SPL

1.200

1100 Piacenza – Scudo d’oro – Munt. 176 AU (g 3,30)

SPL

1.000

1103

1102

1101

1105

1104

1101 Giulio III (1550-1555) Medaglia A. V – Opus: Bonzagni – AG (g 13,35 – Ø 28,7 mm) RR Fondi leggermente ripassati BB 500 1102 Marcello II (1555) Ancona - Giulio 1555 – Munt. 8 AG (g 2,87) RRRRR Ondulazione del tondello MB 800 1103 Pio IV (1559-1565) Bologna – Scudo d’oro armetta Carafa – Munt. 68 AU (g 3,24) Difetti di conio SPL 1.000 1104 Pio V (1566-1572) Testone – Munt. 3 AG (g 9,13) RR Minime screpolature di conio e leggermente ribatutto, bellissima ed intensa patina qSPL 1.200 1105 Pio V (1566-1572) Bologna – Bianco – Munt. 49 AG (g 4,95) Piccola screpolatura sulla guancia ma bell’esemplare con patina di vecchia raccolta SPL/qFDC 400 187


1106

1106 Gregorio XIII (1572-1585) Scudo d’oro A. X – Munt.10 AU (g 3,32) RRRRR Moneta di estrema rarità che non ci risulta finora apparsa in vendita pubblica. SPL 20.000

1108

1107

1109

1110

1107 Gregorio XIII (1572-1585) Ancona - Testone 1575 Anno Santo – Munt. 185 AG In slab NGC MS64 5887105029. Grading eccezionale per questo tipo di moneta FDC 1.500 1108 Fano - Testone – Munt. 372 AG (g 8,41) RR Tosato ma di ottima conservazione per questo tipo di moneta BB+ 1.500 1109 Giulio – Munt. 382/1 AG (g 2,99) RRR Leggermente poroso

BB 1.000

1110 Clemente VIII (1592-1605) Testone A. I – Munt. 23 AG (g 9,41) RRR In slab NGC AU53 5887105-030 qSPL 1.800 188


1111

1111 Paolo V (1605-1621) Quadrupla 1608 A. IV – Munt. 5 AU (g 13,37) RRR Ex Nomisma 52, lotto 1192. Un segno sullo stemma al D/ e piccole limature al bordo BB 18.000

1112

1112 Quadrupla A. XIII – Munt. 7 AU (g 13,38) RRR In slab NGC MS61 5887105-002. In conservazione eccezionale per questo tipo di moneta. SPL 30.000 189


1114 1113

1113 Gregorio XV (1621-1623) Medaglia 1623 A. III – Opus: Mori – CNORP 89 AG (g 16,40 – Ø 36,5 mm) RR Splendido esemplare con bellissima patina SPL+ 600 1114 Urbano VIII (1623-1644) Scudo d’oro A. VI – Munt. 15 AU (g 3,10) RR Debolezza di conio al D/. Dalla nostra asta n. 59, maggio 2019, lotto 1223, dove realizzò 2.400 euro più diritti BB 1.500

1115

1115 Urbano VIII (1623-1644) Avignone - Quadrupla 1642 – Munt. 208a AU (g 13,13) RR

BB+ 7.000

1117

1116

1118

1116 Medaglia A. V Fortificazione di Castel Sant’Angelo – Opus: Molo – Bart. 628 AG (g 21,52 – Ø 36 mm) RRR Splendida patina di vecchia raccolta SPL 1.200 1117 Alessandro VII (1655-1667) Medaglia A. I per il possesso del Laterano – Opus: Gaspare Morone – Miselli 525 AG (g 15,37 – Ø 31 mm) RR Colpo al bordo, splendido esemplare con patina qFDC 600 1118 Clemente IX (1667-1670) Giulio 1667 del Possesso – Munt. 9 AG (g 3,26) RR 190

qSPL/SPL 600


1119

1120

1121

1119 Clemente X (1670-1676) Piastra 1672 – Munt. 20 AG (g 32,50) RR

1122

qSPL/SPL 1.500

1120 Piastra 1675 – Munt. 18 AG (g 31,97)

BB+

1121 Testone 1675 Giubileo – Munt. 23 AG (g 9,48) RR Minimi graffietti al D/, bella patina

qSPL 500

1122 Giulio 1670 del Possesso – Munt. 35 AG (g 3,17) RR

600

SPL 500

1123

1123 Giulio A. IIII – Munt. 36 AG (g 3,26) RR In slab NGC MS62 5887105-002

FDC 1.000

1124

1124 Medaglia A. II Lavanda – Opus: Travani – Miselli 25 AU (g 13,55 – Ø 30 mm) RRRR Piccolo difetto di conio ad h 12 ma bellissimo esemplare SPL 4.000 191


1126

1125

1128 1127

1125 Medaglia A. II Canonizzazione di nuovi santi – Opus: G. Lucenti – Miselli 18 AG (g 19,04 – Ø 34 mm) RR Splendido esemplare con una delicata patina qFDC 500 1126 Medaglia A. V Apertura della Porta Santa – Opus: G. Hamerani – Miselli 61 AG (g 21,91 – Ø 22 mm) Colpetti al bordo, segnetti al D/ SPL 400 1127 Innocenzo XI (1676-1689) Piastra A. I – Munt. 40 AG (g 31,43) RRR Da montatura. È la rarissima piastra battuta con i conii di Girolamo Lucenti, l’emissione fu poi continuata con i conii predisposti dall’Hamerani. Evidentemente della prima emissione ne furono battuti davvero pochi esemplari BB 1.200 1128 Testone 1685 A. IX – Munt. 90 AG In slab NGC MS66 5887105-066. Conservazione eccezionale con splendida patina iridescente FDC 500

1130

1129

1131

1132

1129 Testone 1687 A. XI – Munt. 111 AG (g 9,11) slab NGC MS64 5887104-065. Conservazione eccezionale con splendida patina iridescente FDC 500 1130 Giulio 1676 del Possesso – Munt. 157 AG (g 3,14) RR Intensa patina 1131 Bologna – Testone 1683 – Munt. 223 AG (g 8,92) Schiacciature ai margini

qSPL 700 BB 400

1132 Medaglia A. VI Riconquista di Santa Maura – Opus: G. Hamerani – Miselli 151 AG (g 25,83 – Ø 36 mm) Difetto di conio al D/ ma bellissimo esemplare. Coniato in soli 235 esemplari in argento qFDC/FDC 500 192


1133 1134

1133 Sede Vacante (1691) Testone 1691 – Munt. 2 AG (g 9,09) RR

qSPL 750

1134 Innocenzo XII (1691-1700) Piastra 1693 A. III – Munt. 23 AG (g 31,79) R Piccole screpolature sulla guancia al D/ e ossidazione verde al bordo qSPL/BB+ 800

1135

1135 Piastra 1699 A. VIII – Munt. 25 AG (g 32,08) RR Splendido esemplare con delicata patina proveniente dall’asta Montenapoleone, 1981, dove era indicato in FDC e aggiudicato a 4.500.000 lire più diritti. qFDC 6.000

1137

1136

1136 Testone 1699 A. IX – Munt. 44 AG (g 9,17) Conservazione eccezionale 1137 Giulio 1696 A. V – Munt. 58 AG (g 3,02) Bella patina 193

FDC 1.200 SPL+/qFDC 300


1139 1138

1140

1141

1138 Medaglia A. I – Opus: Hamerani - AG (g 25,30 – Ø 40 mm compresa la cornice) La medaglia inserita entro cornice con appiccagnolo, la medaglia dorata e con porosità superficiale BB+ 300 1139 Medaglia A. III – Opus: Hamerani – Bart. 693 per il R/ abbinato ad un D/ con A. II AG (g 22,24) RRR Colpetti al bordo, graffietti. Il D/ riporta l’A. III mentre il R/ è quello dell’A. II. Il R/ fu abbinato anche a D/ dell’A. I e II di Benedetto XIII (cfr. Bartolotti p. 103). SPL 300 1140 Medaglia 1695 A. IV Inaugurazione del palazzo della Curia Innocenziana – Opus: G. Hamerani – AG (g 19,63 – Ø 19,6 mm) – RR Conservazione eccezionale FDC 1.200 1141 Medaglia – Opus: Hamerani - AG (g 25,55 – Ø 37 mm) Con appiccagnolo, splendida patina iridescente SPL+ 300

1142

1142 Clemente XI (1700-1721) Doppia 1700 A. I Giubileo – Munt. 5 AU (g 6,74) RRR Minime imperfezioni e insignificanti depositi ma splendido esemplare. Ex Schulman, 20 novembre 1980, lotto 2958 FDC 15.000 194


1143

1143 Doppia A. VII – Munt. 11 AU (g 6,56) RRRR Conservazione eccezionale. Moneta di grande rarità con nessun passaggio censito su acsearch. FDC 20.000

1144

1144 Doppia A. IX – Munt. 5 AU (g 6,73) RRRR Conservazione eccezionale. Ex NAC, Zurigo, 1 giugno 1994, lotto 365 FDC 18.000 195


1145 1146

1145 Scudo d’oro A. XII – Munt. 16 AU (g 3,36) RRR Conservazione eccezionale

FDC 2.500

1146 Piastra A. XV – Munt. 49 AG (g 32,14) RR Piccola mancanza nel campo del D/ ma bellissimo esemplare con patina di vecchia raccolta SPL+ 3.000

1148

1147

1150

1149

1151

1152

1147 Mezza piastra 1704 A. IIII – Munt. 57 AG R In slab NGC MS62 5887105-067. Splendido esemplare con una delicate patina di vecchia raccolta qFDC 1.500 1148 Testone A. V – Munt. 58 AG (g 9,08) RR Bella patina di vecchia raccolta

BB 2.000

1149 Testone A. VI – Munt. 64 AG (g 9,16) RR Bella patina di vecchia raccolta

SPL 1.000

1150 Giulio 1701 A. I del Possesso – Munt. 107 AG (g 3,04) RR Splendida patina iridescente qSPL 600 1151 Giulio A. XII – Munt. 83 AG (g 3,08) RR In slab NGC MS64 5887104-042. Conservazione eccezionale FDC 1.000 1152 Giulio A. XVII – Munt. 114 AG (g 3,05) Conservazione eccezionale

196

FDC 500


1154

1153

1155

1153 Bologna – Lira 1702 – Munt. 179 AG (g 6,01) RRR Traccia di appiccagnolo

BB/BB+ 1.000

1154 Ferrara – Doppio grossetto da 26 quattrini 1709 A. IX – Munt. 237 MI (g 2,18) Conservazione eccezionale con argentatura completa. In slab NGC MS62 5887105-001 FDC 800 1155 Medaglia 1700 Elezione al Pontificato e Chiusura della Porta Santa – Opus: Hamerani AG (g 27,12 – Ø 36 mm) RR Conservazione eccezionale con splendida patina di vecchia raccolta qFDC 1.500

1156

1156 Medaglia 1701 A. I Esortazione alla pace – Opus: Hamerani AU (g 37,92 – Ø 32 mm) RRRRR Modestissimi graffietti lungo il bordo ed una minima ribattitura, splendido esemplare ed emissione di eccezionale rarità in oro qFDC 15.000

1157

1157 Innocenzo XIII (1721-1724) Giulio – Munt. 7 AG (g 3,06) RR In slab NGC MS66 5887104-037. Conservazione eccezionale con splendida patina iridescente FDC 1.000 197


1158

1158 Sede Vacante (1724) Mezza piastra 1724 – Munt. 3 AG (g 15,94) RRRR Conservazione eccezionale con splendida patina iridescente FDC 8.000

1159 1160

1162

1161

1159 Testone 1724 – Munt. 4 AG (g 8,95) RR Traccia di appiccagnolo. Screpolatura al R/

BB 1.000

1160 Benedetto XIII (1724-1730) Medaglia 1725 Giubileo – Opus: Hamerani – Miselli 199 AG (g 50,80 – 49 mm) RRR Minimi colpetti al bordo ed un minimo graffietto sulla guancia al D/. Rarissima in argento qFDC 1.000 1161 Medaglia 1726 Ritrovamento e ricollocamento delle reliquie di S. Flavio Clemente – Miselli 218 AG (g 65,65 – Ø 56 mm) RR Colpetti al bordo e graffietti nei campi, leggera patina iridescente BB+ 500 1162 Sede Vacante (1730) Giulio 1730 – Munt. 4 AG (g 3,01) R 198

BB 400


1163

1165

1164

1166

1167

1169

1168

1163 Clemente XII (1730-1740) Zecchino 1739 – Munt. 4 AU (g 3,38) Splendido esemplare

FDC 1.000

1164 Zecchino – Munt. 5 AU (g 3,38) Leggermente poroso e di colorazione rossastra, ondulazioni del tondello BB 300 1165 Scudo 1734 A. V – Munt. 13 AU (g 3,11) Restauri e piccole screpolature al D/ e al R/ 1166 Scudo d’oro 1735 A. V – Munt. 14 AU (g 3,09)

SPL 1.000 qFDC/FDC

1.500

1167 Mezza piastra 1736 A. VII – Munt. 19 AG (g 14,75) Conservazione eccezionale in slab NGC MS61 5887105006 FDC 2.000 1168 Testone 1736 A. VI – Munt. 32 AG (g 8,41) RR Bellissimo esemplare con delicata patina iridescente SPL+ 800 1169 Testone 1736 – Munt. 23 AG (g 8,43) Conservazione eccezionale in slab NGC MS64 5887105-007. Splendida patina iridescente FDC 1.000

1171

1170

1170 Benedetto XIV (1740-1758) Zecchino 1743 – Munt. 8b AU (g 3,43) RRRR Conservazione eccezionale FDC 1.000 1171 Zecchino 1751 A. XI – Munt. 19 AU (g 3,43) Conservazione eccezionale 199

SPL/qFDC 700


1173 1172 1174

1172 Zecchino 1753 A. XIV – Munt. 19d AU RRR In slab NGC AU55

SPL/SPL+ 1.20

1173 Mezzo zecchino 1748 – Munt. manca AU (g 1,69) RRR In slab NGC MS63 5887105-088. Splendido esemplare di questo rarissimo millesimo, bella patina rossastra FDC 1.000 1174 Medaglia 1747 Opera Pia dei Poveri Vergognosi in Bologna – Opus: Hamerani - AG (g 26,18 – Ø 40 mm) RRR Abbiamo rintracciato solo alcuni esemplari di questa medaglia datati 1745 SPL+ 500

1175

1175 Medaglia Premio dell’Accademia Capitolina – Opus: Hamerani – AG (g 112 – Ø 56 mm) RRR Minimi colpetti al bordo e difetto di conio qSPL 500

1176

1176 Sede Vacante (1758) Zecchino 1758 – Munt. 1 AU (g 3,41) RRR Di grandissima qualità abbinata ad una elevata rarità. Sicuramente uno dei migliori esemplari apparsi qFDC 3.000 200


1177

1179

1178

1177 Clemente XIII (1758-1769) Zecchino 1760 A. III – Munt. 4 AU (g 3,40)

SPL/FDC

1178 Zecchino 1761 A. IV – Munt. 5 AU (g 3,44) Splendido esemplare dai fondi brillanti al D/ FDC/qFDC 1179 Mezzo zecchino 1758 A. I – Munt. 8 AU (g 1,71) R

1.000 500

FDC 800

1180

1180 Baiocco – Munt. 31 MI (g 0,75) Piccole macchie nere ma bell’esemplare per questo tipo di moneta emessa, in forma anonima, in un periodo in cui stava iniziando un periodo di grave crisi ed incertezza per il sistema monetario pontificio. Questa moneta rappresentò il ritorno della mistura nel sistema monetario romano dopo quasi due secoli di assenza. Dopo di questo valore si cominciò a battere il baiocco in rame e quindi le monete da 2, 4 e 8 baiocchi in mistura. qSPL 100

1182 1181

1183

1184

1185

1186

1187

1181 Medaglia 1764 A. IV Ampliamento del porto di Civitavecchia – Opus: Hamerani - AG (g 23,85) Minimo colpetto al bordo qFDC/FDC 800 1182 Sede Vacante (1769) Giulio 1769 – Munt. 3 AG (g 2,64) Inizio di patina iridescente

SPL+ 250

1183 Clemente XIV (1769-1774-1721) Zecchino 1769 A. I – Munt. 1 AU (g 3,42)

FDC 800

1184 Zecchino 1772 A. III – Munt. 1b AU (g 3,46) RR

FDC 750

1185 Testone 1770 A. II – Munt. 4 AG (g 7,93)

SPL/SPL+

1186 Bologna – Mezzo scudo da 2 lire 1773 A. V – Munt. 15 AG (g 11,60) RR

500

MB 700

1187 Medaglia A. V – Opus: Cropanese – AG (g 22,74 – Ø 39 mm) Minimo colpetto al bordo qFDC 400 201


1188

1189

1190

1188 Pio VI (1774-1799) Zecchino 1775 A. I – Munt. 8 AU (g 3,43) Schiacciatura al margine ad h 12 qFDC 800 1189 Zecchino 1776 A. II – Munt. 9 AU (g 3,41) Un piccolo difetto di conio con schiacciatura al ciglio del D/ ma bell’esemplare SPL+ 500 1190 25 Baiocchi 1795 A. XXI – Munt. 66a MI (g 9,42) In slab NGC MS65 5887104-038. Conservazione eccezionale con splendida argentatura FDC 800

1192

1191

1191 2 Carlini 1796 A. XXII – Munt. 83 MI (g 4,20) Conservazione eccezionale

qFDC/FDC 250

1192 Quattrino A. IX – Nomisma 219 CU (g 2,29) Conservazione eccezionale in rame rosso. In slab NGC MS66RB 5887105-032 FDC 500

1193

1193 Bologna – 5 Zecchini 1787 A. XIII – Munt. 162 AU (g 17,07) RRR

BB+ 3.500

1194

1194 2 Doppie 1786 – Munt. 165 AU (g 10,91) R Bella patina rossiccia 202

SPL 2.000


1195

1195 Doppia 1789 – Munt. 180b AU (g 5,46) RR In slab NGC MS62 5887105-010

FDC 4.000

1196

1196 Doppia 1790 – Munt. 182 AU (g 5,44) RRR Nessun passaggio censito su acsearch. Modestissime abrasioni marginali del tondello qFDC 3.000

1197

1197 Mezza doppia 1788 – Munt. 193b AU (g 2,72) RRR In slab NGC MS61 5887105-011

qFDC 3.000

1199

1198

1198 Mezzo scudo 1778 A. IIII – Munt. 206 AG (g 13,22)

BB+ 300

1199 Perugia - Madonnina 1797 A. XXIII – Munt. 390 CU (g 16,68) Zone di rame rosso, sul bordo non è stato impresso per un difetto della lavorazione il contorno a fogliette che compare quindi solo a tratti qFDC 400 203


1200 1201

1203

1202

1205 1204

1207

1206

1200 Terni – 6 Baiocchi 1797 A. XXIII – Munt. 420 MI RRR In slab NGC MS62 5887104-078 FDC 500 1201 Medaglia 1782 Viaggio a Vienna – Opus: Donner - AG (g 17,46 – Ø 37 mm) Colpetti e graffi al bordo BB 200 1202 Governo Popolare di Bologna (1796-1797) Scudo 1796 – Pag. 35 e segg. AG (g 29,00) Esemplare di conservazione eccezionale per questo tipo di moneta qFDC 500 1203 Scudo 1797 – Pag. 36 e segg. AG (g 29,05) Esemplare di grande qualità per questo tipo di moneta SPL+ 250 1204 Mezzo scudo 1797 – Pag. 36 e segg. AG (g 14,42) Consueti minimi graffietti di conio ma bellissimo esemplare dal bel metallo lucente FDC 300 1205 Repubblica Cispadana (1797) Doppia (prova) 1797 Bordo liscio – P.P. 557 MB (g 5,08) RRR Dall’asta Varesi 50, 2007, lotto 699, indicata come “estremamente rara” e in piombo. FDC 1.000 1206 Repubblica romana (1798-1799) Scudo romano – Bruni 1 AG (g 26,45) Minimi graffietti al R/ ma bellissimo esemplare, di qualità ben superiore al consueto SPL+ 700 1207 2 Baiocchi con lettere T M in basso – Bruni 5 CU (g 15,17) Bellissimo esemplare, di qualità ben superiore al consueto qFDC 200 204


1209

1208

1210

1211

1213

1212

1214

1215

1208 2 Baiocchi – Bruni 5 CU (g 16,63) Conservazione eccezionale

FDC 400

1209 2 Baiocchi – Bruni 39 CU (g 15,10) Piccole ossidazioni al D/. Considerato il bordo, ci pare una coniazione originale d’epoca SPL 200 1210 Baiocco – Bruni 42 CU (g 12,78) Riconio (?)

FDC 200

1211 Ancona - 2 Baiocchi con lettere A P in basso – Bruni 4 CU (g 13,38) RR

BB 150

1212 2 Baiocchi sigla A P – Bruni 4 CU In slab NGC AU58BN. Un foro di conio nel tondello ma esemplare di grande qualità FDC 200 1213 Ascoli – 2 Baiocchi – Bruni 14 AE (g 13,93) RR Frattura del tondello ed usuali difetti di conio per le emissioni di Ascoli della Repubblica romana BB 500 1214 Fermo – Mezzo Baiocco 1798 – Bruni 9 AE (g 4,40) R 1215 Ronciglione - Madonnina 1799 – Bruni 8 CU (g 18,23) Consuete piccole screpolature 205

SPL 350 qSPL 250


1216

1216 Spoleto - 2 Baiocchi s.d. – Bruni 1 CU (g 15,84) RRR Depositi verdi ma ottimo esemplare per questo tipo di moneta qSPL 2.000

1217

1217 Medaglia XXVII Piovoso A. VII – Bruni 76 AG (g 34,79) Il bordo liscio ed estremamente regolare di questo esemplare indica chiaramente che si tratta di un riconio successivo battuto con i conii originali come descritto da Renzo Bruni nella sua fondamentale opera sulla monetazione della Repubblica romana. Infatti i conii restarono in mani private fino a che non vennero consegnati al Museo Capitolino dal Vitalini. Questo esemplare comunque è interessante anche per il peso, ben g 34,79, valore ben al di sopra dei g 27,00 riportati come massimo da Bruni. Colpetti al bordo, uno pesante, ma bell’esemplare con splendida patina FDC 400

1218

1218 Pio VII (1800-1823) Testone 1802 A. III – Nomisma 262 (indicato R/4) AG (g 7,77) RRRR Se i testoni datati 1796 di Pio VI sono comunissimi, ben diverso è il caso dei successivi testoni battuti a nome di Pio VII. Se ne conoscono pochissimi e tutti di modesta qualità tanto che il presente esemplare si può considerare sicuramente tra i migliori se non altro poiché non presenta tracce di montatura o di fori otturati. Le figure dei Santi al R/ sono sempre basse di conio BB+/BB 1.500 206


1219 1220

1219 Bologna – Doppia A. XVII – Nomisma 17 AU (g 5,47) In slab NGC MS63 5887104-036 qFDC 800 1220 Medaglia A. III – Opus: Hamerani – Bart. p. 225 AG (g 19,95) Una minima screpolatura al bordo FDC 400

1221

1221 Medaglia A. XXI Lavanda – Opus: Passamonti - AU (g 29,64 – Ø 32 mm) RRRR Con elegante appiccagnolo d’epoca FDC 6.000

1222

1222 Medaglia 1823 A. XXIV – Opus: Girometti - AG (g 37,06) RR Minimi graffietti e screpolature al D/ qFDC/FDC 500 207


1223

1223 Sede Vacante (1823) Scudo 1823 – Nomisma 83 AG (g 26,38) RR

SPL/SPL+ 4.000

1225

1224

1224 Leone XII (1823-1829) Medaglia A. V – Opus: Cerbara - AG (g 33,06) Graffietti sul bordo SPL+/qFDC 400 1225 Medaglia 1826 Andenken vom Iubilaeum im Iahre 1826 – AG (g 26,29 – Ø 33 mm) Minimi graffietti sui bei fondi lucenti SPL+ 180

1226

1227

1228

1226 Sede Vacante (1829) Bologna - Doppia 1829 – Nomisma 105 AU (g 5,44) Colpetto al bordo, minimi graffietti BB+/BB 800 1227 Sede Vacante (1830-1831) Bologna – 30 Baiocchi 1830 – Nomisma 347 AG (g 7,95) Graffietto al D/. Minimi hairlines al R/. Bella patina qFDC 700 1228 Gregorio XVI (1831-1846) 10 Scudi 1835 A. V – Nomisma 350 AU (g 17,38) Minimi graffietti al D/ SPL+/qFDC 1.500

208


1229

1230

1231

1233

1232

1229 10 Scudi 1836 A. VI – Nomisma 353 AU (g 17,34) 1230 10 Scudi 1837 A. VII – Nomisma 356 AU (g 17,37)

SPL

1.800

SPL+/qFDC

2.500

1231 10 Scudi 1838 A. VIII – Nomisma 358 AU (g 17,35) RR Una screpolatura sul collo al D/ BB/qSPL 1.200 1232 10 Scudi 1841 A. X – Nomisma 363 AU (g 17,36) RR Una minima screpolatura al bordo ma bell’esemplare SPL/SPL+ 2.500 1233 10 Scudi 1842 A. XII – Nomisma 367 AU (g 17,32) RR Colpetti nel campo del D/

1234

1235

1234 5 Scudi 1835 A. V – Nomisma 374 AU In slab NGC MS62 3605334-007

qSPL/SPL 2.500

1236

FDC/qFDC 700

1235 5 Scudi 1837 A. VII – Nomisma 380 AU (g 8,68) RR Minimi graffietti al D/ ed un modesto difetto di conio al bordo SPL/SPL+ 1.000 1236 5 Scudi 1838 A. VIII – Nomisma 382 AU (g 8,66) RRR Minimi difetti al bordo ed una minima screpolatura e macchia al D/ SPL/qFDC 1.800

1237

1237 Doppia 1833 A. III – Nomisma 348 AU (g 5,47) RRR Colpetti e segnetti al R/. Minimo graffietto al D/. La doppia della zecca di Roma è assai più rara della corrispondente battuta a Bologna. Sul portale acsearch sono censiti appena quattro passaggi in asta pubblica dal 2008 in poi qSPL/SPL 3.000

209


1238

1239

1240

1241

1243

1242

1238 Scudo 1831 A. I – Nomisma 408 AG (g 26,44) Minimi colpetti al bordo

qFDC 400

1239 Scudo 1833 A. III – Nomisma 410 AG (g 26,43) R Minimo colpetto al bordo ma di conservazione eccezionale, specie per questo millesimo, il più raro per la tipologia FDC 1.000 1240 Scudo 1835 A. V – Nomisma 413 AG In slab NGC MS64 3735624-017. Conservazione eccezionale con una patina non omogenea ma molto piacevole FDC 1.000 1241 Scudo 1838 A. VIII – Nomisma 416 AG (g 26,89) Bei fondi lucenti

SPL/SPL+ 500

1242 Scudo 1843 A. XIII – Nomisma 424 AG In slab NGC MS64 4725400-003. Conservazione eccezionale con una splendida patina delicata FDC 1.000 1243 Baiocco 1836 A. VI – Nomisma 506 CU In slab NGC MS66BN 3498253-092

1244

1245

FDC 100

1246

1244 Mezzo baiocco 1840 A. X – Nomisma 547 CU (g 4,99) RR Conservazione eccezionale in rame rosso FDC 80 1245 Bologna - Doppia 1834 A. III – Nomisma 349 AU (g 5,49) R Minima macchia di inchiostro al D/. Graffietto al R/ SPL+ 1.500 1246 10 Scudi 1835 A. V – Nomisma 351 AU (g 17,39) R Minima screpolatura al bordo 210

SPL/qFDC 2.000


1248

1247

1249

1247 5 Scudi 1841 A. XI – Nomisma 387 AU (g 8,69) RR Modesto difetto di conio al D/

qSPL/qFDC 1.500

1248 2,50 Scudi 1840 A. X – Nomisma 401 AU (g 4,34) RR

qSPL/qFDC 1.500

1249 20 Baiocchi 1835 A. V – Nomisma 450 AG (g 5,38) Conservazione eccezionale

FDC 500

1250 1251

1250 Quattrino 1839 A. IX – Nomisma 567 CU In slab NGC MS65BN 3498253-090

FDC 100

1251 Medaglia A. X – Opus: Cerbara - AG (g 35,47) Conservazione eccezionale

FDC 250

1252

1253

1254

1252 Sede Vacante (1846) Medaglie emesse dai Conservatori della città di Roma – Opus: Gennari – Boccia 105 AE (g 14,33 – Ø 33 mm); AG (g 14,67 – Ø 33 mm) RRR Lotto di due medaglie in alta conservazione, della versione in argento furono coniati appena 80 esemplari! FDC 700 1253 Medaglia 1846 al nome del Cardinale Tommaso Riario-Sforza – Boccia 100 - AG (g 15,51 – Ø 33 mm) RR Conservazione eccezionale con una bellissima patina iridescente FDC 400 1254 Medaglia 1846 al nome del Cardinale Giacomo Antonelli – Boccia 101 - AG (g 18,00 – Ø 32 mm) RR Conservazione eccezionale con una bellissima patina FDC 700 1255 Medaglia 1846 al nome del Cardinale Pietro Marini – Opus: Teano (?) - Boccia 102 - AG (g 19,72 – Ø 32 mm) RR Conservazione eccezionale con una bellissima patina iridescente FDC 500 211


1256

1255 1257

1256 Repubblica romana (1848-1849) 4 Baiocchi 1849 – Nomisma 580 MI (g 1,99) Conservazione eccezionale FDC 150 1257 Medaglia alla Virtù cittadina – Opus: N. Cerbara - AE (g 11,24 – Ø 20 mm) RR Con nastrino

qSPL 400

1258

1258 Pio IX (1846-1878) 10 Scudi 1850 A. V – Nomisma 590 AU RR In slab PCGS MS62 342581.62/38056742 qFDC 4.000

1259

1259 10 Scudi 1856 A. XI – Nomisma 591 AU (g 17,31) RR Minimo colpetto al bordo, insignificanti segnetti su bei fondi lucenti FDC 4.000 212


1260

1261

1263

1262

1264

1265

1266

1267

1260 2,50 Scudi 1854 A. VIII – Nomisma 601 AU (g 4,33)

FDC 300

1261 2,50 Scudi 1854 A. IX – Nomisma 602 AU (g 4,32) R

qFDC 350

1262 2,50 Scudi 1856 A. XI – Nomisma 608 AU (g 4,33)

SPL+/FDC 300

1263 2,50 Scudi 1857 A. XII – Nomisma 611 AU (g 4,36)

FDC 300

1264 2,50 Scudi 1857 A. XII – Nomisma 611 AU (g 4,35)

FDC 300

1265 2,50 Scudi 1858 A. XII – Nomisma 613; Gig. 25 AU (g 4,34) Bellissimo esemplare. La R di Roma è piccola qFDC 350 1266 2,50 Scudi 1858 A. XII – Nomisma 613; Gig. 25a AU (g 4,34) La R di Roma è grande qFDC/FDC 300 1267 2,50 Scudi 1858 A. XIII – Nomisma 614 AU (g 4,34)

1268

1269

1270

1271

SPL+

1272

1273

1268 2,50 Scudi 1858 A. XIII – Nomisma 613 AU (g 4,35) Minimo graffietto sulla guancia

300

1274

qFDC 300

1269 2,50 Scudi 1859 A. XIII – Nomisma 616 AU (g 4,34)

FDC 300

1270 2,50 Scudi 1859 A. XIV – Nomisma 618 AU (g 4,36) Minime striature nel campo del D/

FDC 300

1271 2,50 Scudi 1860 A. XV – Nomisma 620 AU (g 4,35)

FDC 300

1272 2,50 Scudi 1861 A. XV – Nomisma 621 AU (g 4,34)

FDC 300

1273 2,50 Scudi 1861 A. XVI – Nomisma 623 AU (g 4,34)

qFDC 300

1274 2,50 Scudi 1863 A. XVII – Nomisma 625 AU (g 4,35) Minimo graffietto al bordo

FDC 300

1276

1275

1275 20 Baiocchi 1849 A. IV – Nomisma 667 AG In slab NGC MS63 1877064-005. Conservazione eccezionale con fondi lucenti FDC 200 1276 5 baiocchi 1864 A. XIX – Nomisma 751 AG In slab NGC MS66 3498253-093. Conservazione eccezionale FDC 400 213


1277

1278

1280

1279

1282 1281 1283

1285 1284

1277 5 Baiocchi 1851 A. V – Nomisma 763 CU In slab NGC MS64BN 5887104-040. Conservazione eccezionale FDC 500 1278 5 Baiocchi 1853 A. VIII – Nomisma 773 CU In slab NGC MS66BN 5710135-015. Conservazione eccezionale, il più alto grading per questo millesimo FDC 500 1279 2 Baiocchi 1848 A. III – Nomisma 550 CU (g 20,52) In slab NGC MS64RB 5887104-041. Esemplare di eccezionale conservazione in rame rosso FDC 400 1280 Baiocco 1850 A. V – Nomisma 805 CU (g 9,52) Conservazione eccezionale

FDC 100

1281 Mezzo baiocco 1850 A. V – Nomisma 826 CU In slab NGC MS65BN 3498253-091

FDC 100

1282 Quattrino 1851 A. VI – Nomisma 834 In slab NGC MS63RB 2761786-002. Conservazione eccezionale in rame rosso FDC 100 1283 Bologna - 5 Baiocchi 1849 A. IV – Nomisma 756 CU In slab NGC MS63RB 5880586-008. Bellissimo rame rosso FDC 400 1284 2 Baiocchi 1851 A. VI – Nomisma 792 CU In slab NGC MS64BN 5880586-009. Bellissimo rame rosso FDC 400 1285 Mezzo baiocco 1849 A. III – Nomisma 820 AG In slab NGC MS64RB 1520837-005. Bellissimo rame rosso FDC 50 214


1286

1286 Pio IX (1846-1870) Monetazione decimale - 100 Lire 1866 A. XXI – Nomisma 617 AU (g 32,32) RR Graffietti al D/ SPL 5.000

1287

1287 50 Lire 1870 A. XXIV – Nomisma 623 AU (g 16,12) RRR Conservazione eccezionale

1288

1289

1290

1291

FDC 6.000

1292

1288 20 Lire 1867 A. XXII – Nomisma 846 AU (g 6,45) Difetto di conio ad ore 10 sia del D/ che del R/ e piccola limatura ma esemplare di grande qualità FDC 500 1289 20 Lire 1869 A. XXIV – Nomisma 850 AU (g 6,47) Conservazione eccezionale

FDC

600

1290 10 Lire 1866 A. XXI – Nomisma 853 AU (g 3,22) R Conservazione eccezionale con i fondi speculari FDC 1.500 1291 10 Lire 1867 A. XXII – Nomisma 855 AU (g 3,23) R

FDC 500

1292 5 Lire 1866 A. XXI – Nomisma 857 AU (g 1,62) RR Conservazione eccezionale con i fondi speculari FDC 1.800 215


1294

1293

1295

1297

1296

1293 5 Lire 1870 A. XXIV – Nomisma 642 AG (g 25,00) Minimo graffietto al D/ ma splendido esemplare qFDC/FDC 400 1294 2 Lire 1867 A. XXII – Nomisma 866 AG In slab PCGS MS65 342684.65/19566221. Conservazione eccezionale FDC 250 1295 Lira 1866 A. XXI – Nomisma 874 AG In slab PCGS MS64 399321.64/19137179

FDC 100

1296 Lira 1868 A. XXIII – Nomisma 878 AG In slab NGC MS64 3153776-017

FDC 100

1297 10 Soldi 1867 A. XXII – Nomisma 883 AG In slab PCGS MS65 411595.65/17286907. Minimi difetti di conio FDC 50

1299

1298

1300

1298 2 Soldi 1867 A. XXI – Nomisma 901 CU (g 9,68) Conservazione eccezionale in rame rosso FDC 150 1299 Soldo 1866 A. XXI Busto piccolo – Nomisma 902 CU (g 5,11) Conservazione eccezionale in rame rosso FDC 100 1300 Centesimo 1866 A. XXI – Nomisma 908 CU In slab NGC MS64RB 3498252-116

FDC 70

1301

1301 Medaglia 1853 Restauro torre Porta Pia – Opus: Cerbara - AE (g 70,09 – Ø 55 mm) In astuccio in velluto rosso d’epoca (senza lo stemma pontificio) FDC 250 216


1302

1302 Medaglia 1863 cardinale Filippo de Angelis – Opus: Zaccagnini – AG (g 30,80 – Ø 43 mm) e AE (g 33,72 – Ø 43 mm) Lotto di due medaglie, una in argento ed una in bronzo, minimi colpetti al bordo in entrambe, graffietto sulla guancia in quella d’argento. La medaglia in argento è rarissima FDC 200

1303

1303 Lotto di cinque medaglie di largo modulo 80 mm unifaci, probabilmente riconii da conii originali in metallo bianco - Opus: Bianchi, Cerbara – MB Le cinque medaglie sono inserite in un pannello di velluto con cornice recente di base 43 e altezza 37 cm. La medaglia del 1865 presenta un colpo al bordo ma tutto il resto sembra in perfette condizioni. La cornice non è stata aperta. Un bellissimo insieme di cui comunque si raccomanda una visione diretta FDC 500

1304

50%

1304 Leone XIII (1878-1903) Medaglia 1887 Cinquantesimo di sacerdozio – Opus: Bianchi - AE (g 252 – Ø 82 mm) Conservazione eccezionale, in astuccio rosso d’epoca (senza lo stemma pontificio) FDC 350 217


1305

1305 Pio X (1903-1914) Medaglia 1951 Beatificazione di papa Pio X – Opus: Morbiducci AU (g 136 marcato 750 – Ø 60 mm) RRR Una spettacolare medaglia FDC 6.000

1306

1307

1308

1306 Pio XI (1922-1939) 100 Lire 1930 – Nomisma 692 AU (g 8,82) RR Minimo graffietto al D/

FDC 600

1307 100 Lire 1933-34 Giubileo – Nomisma 915 AU (g 8,82) Graffietti sulla guancia al D/

FDC 400

1308 100 Lire 1937 A. XVI – Nomisma 919 AU Piccole screpolature al D/. In slab NGC MS67 cod. 2763872-002 FDC 3.000 218


1309

1310

1309 Divisionale 1930 – Nomisma 703 AU, AG, NI, CU RR Lotto di nove monete, colpetti al bordo nel 100 lire SPL/FDC 800 1310 Divisionale 1932 – Nomisma 705 AU, AG, NI, CU Lotto di nove monete, minimi graffietti sulla guancia del 100 lire SPL/FDC 500 219


1311

1312

1311 Divisionale 1935 – Nomisma 708 AU, AG, NI, CU RR Lotto di nove monete

SPL/FDC

750

1312 Divisionale 1936 – Nomisma 709 AU, AG, NI, CU Lotto di nove monete

SPL/FDC

500

220


1313

1313 Divisionale 1937 – Nomisma 710 AU, AG, NI, CU R Lotto di nove monete, minimo colpetto al bordo del 100 lire SPL-FDC 3.000

1314

1314 Sede Vacante (1939) 10 e 5 Lire 1939 – Nomisma 933 AG Lotto di due monete in astuccio d’epoca con la scritta “S. C. V. SEDE VACANTE MCMXXXIX”. Minimi colpetti nel 10 lire, belle patina SPL-FDC 300

221


1315

1316

1317

1318

1315 Pio XII (1939-1958) 100 Lire 1945 A. VII – Nomisma 721 AU (g 5,21) RR

FDC 500

1316 100 Lire 1953 A. XV – Nomisma 729 AU (g 5,21) RR

FDC 600

1317 100 Lire 1954 A. XVI – Nomisma 730 AU (g 5,20) RR

FDC 600

1318 100 Lire 1956 A. XVIII – Pag. 732 AU (g 5,20) RR

FDC 600

1319

1319 Divisionale 1940 – Nomisma 736 AU, AG, NI, CU R Lotto di nove monete

1320

60%

FDC 500

80%

1320 Divisionale 1941 – Nomisma 737 AU, AG, NI, CU RR Lotto di nove monete in astuccio blu con lo stemma papale qFDC-FDC 1.000 222


1321

1321 Divisionale 1942 – Nomisma 738 AU, AG, NI, CU RR Lotto di nove monete in astuccio d’epoca con lo stemma papale FDC 1.200

1322

1322 Divisionale 1944 A. VI: 10 e 5 Lire in argento, 2 e una Lira, 50 e 20 Centesimi in acmonital e 10 e 5 Centesimi in bronzital – Nomisma 960 - AC, IT RRR Otto valori oro escluso FDC 1.000 223


1323

1323 Divisionale 1946 – Nomisma 742 AU, AG, NI, CU RRR Lotto di nove monete

FDC 1.500

1324

1324 Divisionale 1955 A. XVII: 100 Lire in oro, 100, 50, 10, 5, 2 e una Lira – Nomisma 970 - AU, AC, IT RR Sette valori. Ottima qualità qFDC-FDC 1.500 224


1325

1325 Medaglia 1939 A. I – Opus: Mistruzzi AU (g 56,73 - Ø 44 mm) RRR

FDC 5.000

1326

1326 Medaglia 1958 A. XX – Opus: Mistruzzi AU (g 59,38 - Ø 49 mm) RRR Marcata Z917 in incuso sul bordo FDC 4.000 225


1327

1327 Medaglia 1950 Giubileo – Opus: Mistruzzi AU (g 138 titolo 750 marcato al R/ - Ø 60 mm) RRR Una splendida medaglia. Questa emissione è identica a quella annuale del 1950 (Bartolotti 950) ma fu prodotta dalla ditta Pagani con peso e diametro maggiorati. L’emissione annuale in oro pesava g 55,73 al diametro di 44 mm contro i g 138 e 60 mm di questa. In astuccio d’epoca ma anonimo FDC 8.000

1328

1328 Medaglia 1950 chiusura Porta Santa Lateranense – AG (g 37,47 – Ø 45 mm) RRR Minima screpolatura sul bordo FDC 800 226


1329

1329 Giovanni XXIII (1958-1963) 100 Lire 1959 A. I – Nomisma 761 AU RR

FDC 1.000

1330

1330 Divisionale 1959 A. I – Nomisma 761 AU, AG, AC, BA, IT RR Solo 3.000 pezzi coniati del 100 lire 1959. In cartoncino originale, 9 pezzi totali. Un insieme perfetto e molto raro FDC 1.500 227


1331

1331 Serie delle medaglie annuali A. I – V – Opus: Giampaoli, Mistruzzi AU (g 61,99 + 66,20 + 67,53 + 65,68 + 67,37Ø 44 mm) Lotto di cinque medaglie, tutte marcate Z 917 in incuso sul bordo. Le prime due con insignificanti striature lungo bordo dovute alla conservazione entro l’astuccio personalizzato con lo stemma del pontefice. Uno splendido e spettacolare insieme FDC 15.000 228


1332

1332 Medaglia 1958 – Opus: Giampaoli AU (g 81,82 – Ø 50 mm) Marcato Z917 sul bordo. In astuccio con lo stemma del pontefice FDC 3.000

1333

1333 Medaglia 1962 75° Istituzione delle Opere di Religione – Opus: Cantalamessa AU (g 70,63 marcato 900 al R/ – Ø 50 mm) RRR Due colpetti al bordo FDC 4.000 229


MEDAGLIE DI PAOLO VI IN ORO Dal punto di vista medaglistico il pontificato di papa Paolo VI ha segnato il passaggio da una impostazione ancora molto tradizionalista con l’incisore Giampaoli ad una moderna che ha davvero rivoluzionato l’aspetto della medaglia.

1334

1334 Paolo VI (1963-1978) Medaglia 1963-1964 annuale a ricordo della elevazione al soglio pontificio D/ PAULUS. VI.PONT.MAX.AN.I Busto a sx con zucchetto, mozzetta e stola – R/ IN NOMINE DOMINI. 21. VI. MCMLXIII. Stemma papale su chiavi decussate e sormontate da triregno con fasce – Opus: Giampaoli – Bartolotti E963 – AU (g 57,99 tit. 900 – Ø 44 mm) RR Astuccio originale FDC 2.500

1335

1335 Medaglia 1964-1965 annuale a ricordo del VI centenario della morte di Michelangelo D/ PAULUS VI PONTIFEX MAXIMUS ANNO II. Busto a dx con zucchetto, mozzetta e stola ornata con lo stemma papale – R/ IV EXPLETO SAECULO A MICHAELIS ANGELI BUONARROTI EXITU DEI PARAE VIRGINIS PERDOLENTIS SIGNUM VATICANAE BAS MIRABILE DECUS AD MCMLXIV. Al centro il gruppo marmoreo della Pietà di Michelangelo – Opus: Giampaoli – Bartolotti E963 – AU (g 68,00 tit. 917 – Ø 44 mm) RR Astuccio originale FDC 3.000 230


1336

1336 Medaglia 1965-1966 annuale a ricordo del Pellegrinaggio in Terrasanta D/ PAULUS SEXTUS PONT MAX MCMLXIV AN III. Sotto il busto: Giampaoli. Nel campo busto a sx del papa benedicente con cappello e mantello da viaggio e croce pettorale – R/ MANUS TUA DEDUCET ME PS.138.10. La porta di Gerusalemme e veduta della Città Santa. Sullo sfondo due colli con il duomo di Orvieto a sx e il monastero di Montecassino a dx. In cielo 7 stelle – Opus: Giampaoli – Bartolotti E965 – AU (g 66,80 tit. 917 – Ø 44 mm) RR Astuccio originale. Segnetti da contatto FDC 3.000

1337

1337 Medaglia 1966-1967 annuale a ricordo della partecipazione all’assemblea delle Nazioni Unite D/ PAULUS VI PONT MAX AN IV. Busto del papa a sx con zucchetto, mozzetta e stola – R/ QUAM CHRISTUS NUNTIAVIT PACEM PAULUS VI CONCILII INTERPRES NATIONIBUS UNI-TIS COMMENDAVIT. Nel campo la predicazione di Cristo agli uomini di buona volontà – Opus: Minguzzi – Bartolotti E966 – AU (g 64,07 tit. 917 – Ø 44 mm) RR Astuccio originale FDC 3.000 231


1338

1338 Medaglia 1967-1968 annuale a ricordo del XIX centenario del martirio dei SS. Pietro e Paolo D/ PAULUS VI PONT MAX AN V. Busto a dx con zucchetto e mozzetta – R/ XIX SAEC A SS PETRI ET PAULI MARTYRIO EXPLETO. I busti dei santi di prospetto. In alto: monogramma di Cristo – Opus: Fazzini – Bartolotti E967 – AU (g 70,27 tit. 917 – Ø 44 mm) RR Astuccio originale. Paolo VI indisse nel 1967 l’Anno della Fede dedicata all’apostolato e al martirio di questi due principi della Chiesa FDC 3.000

1339

1339 Medaglia 1968-1969 annuale a ricordo delle vocazioni sacerdotali D/ PAULUS VI PONT MAX AN VI. Busto del papa di tre quarti volto a dx con mitra e piviale fermato sul petto da borchia. La santa Colomba in volo in atto di sussurrare all’orecchio sx. Sotto una croce greca – R/ IN FIDE VIVO FILII QUI DILEXIT ME. BODINI F. CALATI INC. Cristo frontale benedicente, sul manto a sx una colomba, a dx un pesce; in basso una croce – Opus: Bodini – De Luca 327 – AU (g 68,01 tit. 750 – Ø 45 mm) RR Astuccio originale FDC 2.500 232


1340

1340 Medaglia 1969-1970 annuale a ricordo del sacro dono della vita umana D/ PAULUS VI PONT MAX AN VII. Busto del papa a sx in atteggiamento benedicente. A sx, in corsivo: Calvelli – R/ SACRUM HUMANAE VITAE DONUM ECCLESIA MATER DEFENDIT. In basso: Calvelli in corsivo. Sotto il titolo dell’oro (917‰) la Beata Vergine ed Elisabetta si abbracciano inneggiando alla vita – Opus: Calvelli – De Luca 330 – AU (g 71,88 tit. 917 – Ø 44 mm) RR Astuccio originale. Medaglia emessa in occasione dell’enciclica “Humanae vitae” FDC 3.000

1341

1341 Medaglia 1964 straordinaria per il viaggio del pontefice in Terrasanta D/ CHRISTO ECCLESIAM OFFERT 4-6.1.1964. Il pontefice inginocchiato al centro nell’atto di affidare alla Sacra Famiglia la Chiesa del Santo Sepolcro. Ai suoi lati i patriarchi Athenagora e Benediktos – R/ PAULUS PP VI PEREGRINUS IN TERRA SANCTA. Sotto: Giuseppe Pirrone. Cristo benedicente risolrge dal sepolcro – Opus: Pirrone – De Luca 363 – AU (g 58,12 tit. 750 – Ø 43 mm) RR Astuccio originale FDC 2.000 233


1342

1342 Medaglia 1964 straordinaria per l’apertura della terza sessione del Concilio Ecumenico Vaticano II D/ TERTIA SESSIO CONCILII OECUMENICI VATICANI SECUNDI UT UNUM SINT. Gesù di fronte seduto e benedicente; alle sue spalle chiese e cattedrali del mondo – R/ PAULUS VI PONT MAX EXTENDENS MANUM APPREHENDIT EUM. Nel campo: Cristo accoglie Pietro che, sceso dalla barca degli Apostoli, gli si avvicina – Opus: Manfrini e Senesi – De Luca 366 – AU (g 59,21 tit. 750 – Ø 44 mm) R Astuccio originale FDC 2.300

1343

1343 Medaglia 1964 straordinaria per il viaggio del Papa in India D/ PAULUS VI IN INDIA U EX U CONTINENTIBUS EPISCOPUS CONSECRAVIT. Il pontefice al centro accoglie a braccia aperte i vescovi – R/ DOMINUS MEUS ET DEUS MEUS BOMBA EUCH INT CONV 2.5-XII-1964. Un martire indica le sue ferite – Opus: Manfrini e Senesi – De Luca 369 – AU (g 55,72 tit. 750 – Ø 44 mm) R Astuccio originale FDC 2.000 234


1344

1344 Medaglia 1966 straordinaria per il 75° anniversario della enciclica Rerum novarum di Leone XIII D/ AB EDITIS ENC LITTERIS “RERUM NOVARUM” LXXV-EXPLETO ANNO. A dx lo stemma di Paolo VI e a sx quello di Leone XIII. I due stemmi sono divisi da una grande ancora e sono entrambi sormontati da chiavi decussate e triregno – R/ CUM ESSET FILIUS DEI PUTARI FABRI FILIUS VOLVIT “R.N.9”. Gesù a sx regge un giogo mentre a dx una donna china raccoglie i frutti della terra – Opus: Pellini – De Luca 380 – AU (g 51,46 tit. 750 – Ø 44 mm) R Astuccio originale FDC 2.000

1345

1345 Medaglia 1968 straordinaria per il viaggio apostolico in Colombia D/ MISTERIUM FIDEI ET CARITATIS. Busto frontale di Gesù con il pane eucaristico spezzato tra le mani – R/ PAOLUS VI BOGOTENSI EUCHAR E CUNCTIS GENTIBUS CONVENTUI INTERFUIT A MCMLXVIII. Stemma papale su chiavi sormontato da triregno con fascia – Opus: Messina – De Luca 389 – AU (g 54,57 tit. 750 – Ø 36 mm) RR Astuccio originale FDC 2.100 235


UNA COLLEZIONE DI VALORI IN EURO D’ORO DEL VATICANO Con l’introduzione dell’euro la monetazione del Vaticano ha conosciuto un rinnovato successo dopo decenni di stasi. Siamo lieti di presentare una serie di valori in oro ricordando che tutto il resto di questa pregevole raccolta verrà presentato nella vendita live organizzata a latere di quest’asta battuta.

1346

1346 Benedetto XVI (2005-2013) 100 Euro 2012 – AU (g 30,00) La Madonna di Foligno. In astuccio originale e certificato, tiratura di 999 esemplari FS 1.500

1347

1347 Francesco (2013-) 200 Euro 2015 – AU (g 40,00) La Prudenza. In astuccio originale e certificato, tiratura di 499 esemplari FS 2.500

1348

1348 200 Euro 2016 – AU (g 40,00) La Giustizia. In astuccio originale e certificato, tiratura di 499 esemplari FS 2.500 236


1349

1349 200 Euro 2017 – AU (g 40,00) La Fortezza. In astuccio originale e certificato, tiratura di 499 esemplari FS 2.500

1350

1350 200 Euro 2018 – AU (g 40,00) La Temperanza. In astuccio originale e certificato, tiratura di 499 esemplari FS 2.500

1351

1351 200 Euro 2019 – AU (g 40,00) L’arcangelo Michele. In astuccio originale e certificato, tiratura di 499 esemplari FS 2.500

1352

1352 200 Euro 2020 – AU (g 40,00) L’arcangelo Gabriele. In astuccio originale e certificato, tiratura di 499 esemplari FS 2.500 237


1353

1354

1353 100 Euro 2013 – AU (g 30,00) La Madonna Sistina. In astuccio originale e certificato, tiratura di 999 esemplari FS 1.500 1354 100 Euro 2014 – AU (g 30,00) San Marco. In astuccio originale e certificato, tiratura di 999 esemplari FS 1.500

1355

1356

1355 100 Euro 2015 – AU (g 30,00) San Matteo. In astuccio originale e certificato, tiratura di 999 esemplari FS 1.500 1356 100 Euro 2016 – AU (g 30,00) San Luca. In astuccio originale e certificato, tiratura di 799 esemplari FS 1.500

1358

1357

1357 100 Euro 2017 – AU (g 30,00) San Giovanni. In astuccio originale e certificato, tiratura di 799 esemplari FS 1.500 1358 100 Euro 2018 – AU (g 30,00) Costituzioni Apostoliche del Concilio Vaticano II, Sacrosanctum Concilium. In astuccio originale e certificato, tiratura di 799 esemplari FS 1.500

1359

1360

1359 100 Euro 2019 – AU (g 30,00) Costituzioni Apostoliche del Concilio Vaticano II, Lumem Gentium. In astuccio originale e certificato, tiratura di 799 esemplari FS 1.500 1360 100 Euro 2020 – AU (g 30,00) Costituzioni Apostoliche del Concilio Vaticano II, Dei Verbum. In astuccio originale e certificato, tiratura di 799 esemplari FS 1.500 238


SAVOIA

1361

1362

1363

1361 Emanuele Filiberto (1553-1580) Scudo d’oro 1562 sigla T B C – MIR (nuova edizione) 570a AU (g 3,32) RR SPL/qFDC 2.000 1362 Scudo d’oro 1570 sigla T I B – MIR (nuova edizione) 570f AU (g 3,20) RR In slab NGC MS62 2093326-010 qFDC 2.500 1363 Testone 1561 Asti – MIR (nuova edizione) 586; Rav. 10 (questo esemplare illustrato) AG (g 9,31) RRR Corrosioni marginali al D/ e graffio al R/. Ex NAC, 85, Collezione Mario Ravegnani Morosini, lotto 189 BB/BB+ 3.000

1364

1365

1364 Testone 1579 Chambery – MIR (nuova edizione) 588b; Rav. 12 (questo esemplare illustrato) AG (g 9,34) RRR Graffietti sulla guancia al D/ e nel campo del R/, una tacca al bordo. Ex NAC, 85, Collezione Mario Ravegnani Morosini, lotto 190 BB 3.000 1365 Lira 1562 P – MIR (nuova edizione) 581c AG (g 12,43) RR Piccole screpolature e graffietti al D/ ma bell’esemplare SPL 2.000

1366

1366 Carlo Emanuele I (1580-1630) Doppia 1581 Nizza – MIR (nuova edizione) 665b AU (g 6,55) RRR Leggermente ribattuta al D/ ma ottimo esemplare SPL 5.000

239


1367

1367 Doppia 1591 Torino – MIR (nuova edizione) 581 AU (g 6,62) RRR

BB+/qSPL 5.000

1368

1368 Ducatone 1590 Torino – MIR (nuova edizione) 693a AG (g 31,71) RR Splendido esemplare con patina di vecchia raccolta SPL/SPL+ 5.000

1369

1369 Vittorio Amedeo I (1630-1637) Ducatone 1632 Torino – MIR (nuova edizione) 807b AG (g 31,99) RRR Piccole mancanze diffuse ma esemplare di qualità superiore per questo tipo di moneta che si trova di solito in bassa qualità SPL 5.000 240


1370

1370 Carlo Emanuele II (reggenza della madre Maria Cristina di Francia, 1638-1648) Quadrupla 1642 al torchio – MIR (nuova edizione) 851b (indicata R/9) AU (g 13,12) RRRR In slab NGC MS62 5887103-003. Conservazione eccezionale per questo tipo di moneta. qFDC 50.000

1371

1371 Carlo Emanuele II (reggenza della madre, 1638-1648) Quadrupla 1640 – MIR (nuova edizione) 847b AU (g 13,32) RRR Sigillato qSPL da Cavaliere F. qSPL 8.000 241


1372

1372 Quadrupla 1641 – MIR (nuova edizione) 847e AU (g 13,43) RRR Sigillato qFDC “conservazione eccezionale” da Cavaliere F. qFDC 8.000

1373

1373 Quadrupla 1643 – MIR (nuova edizione) 848C AU (g 13,30) RRR Sigillato SPL da Cavaliere F. SPL 8.000

1374

1374 Carlo Emanuele II (1638-1675) Doppia 1675 – MIR (nuova edizione) 914 AU (g 6,63) RR Modesti depositi al R/ BB/BB+ 5.000

1375

1375 Dodicesimo di scudo 1659 – MIR (nuova edizione) 929a (indicato (R/5) AG (g 2,20) RRRR Un bellissimo esemplare per questo tipo di moneta e nominale assolutamente insolito. Dovrebbe essere la frazione dello scudo bianco emesso in questo stesso anno. Da notare che i valori elevati, cioè lo scudo ed il mezzo scudo, erano battuti al torchio, mentre quelli inferiori come questo, erano battuti ancora a martello. SPL 5.000 242


1377

1376

1376 Vittorio Amedeo II (reggenza della madre, Maria Giovanna Battista, 1675-1680) Doppia 1678 – MIR (nuova edizione) 944d AU (g 6,66) RR In slab NGC AU58+ 5887105-013 SPL+ 4.000 1377 Mezza doppia 1677 – MIR (nuova edizione) 945c AU (g 3,33) RRR Frattura del tondello ma bellissimo esemplare dal metallo lucente SPL 4.000

1379

1378

1378 Lira 1680 – MIR (nuova edizione) 947f AG RR In slab NGC MS63 2093333-007. Splendido esemplare qFDC 1.200 1379 Vittorio Amedeo II (1680-1730) Doppia 1681 – MIR (nuova edizione) 955b AU RRRR Sigillata BB/SPL da Cavaliere F “da montatura” BB/SPL 4.000

1380

1380 Mezzo scudo bianco 1681 – MIR (nuova edizione) 865b (indicato R/6) AG (g 13,36) RRR Graffi di conio al R/ ma bell’esemplare di questa rarissima moneta BB 2.000

1381

1381 2 Lire 1711 – MIR (nuova edizione) 969 (indicato R/8) AG (g 12,25) RRRR Una macchia marginale al R/ ma esemplare comunque di conservazione eccezionale per il tipo di moneta, modesta debolezza sulla corazza e sul viso ma esemplare che non ha praticamente circolato. Nella nostra asta n. 62, lotto 1238, un altro esemplare indicato come FDC ha realizzato ben 22.000 euro più diritti FDC 12.000 243


1383

1382

1384

1382 Lira 1717 – MIR (nuova edizione) 995a AG (g 6,09) R Modeste macchie e piccoli difetti di coniazione ma splendido esemplare SPL+ 1.200 1383 Lira 1718 – MIR (nuova edizione) 995b AG (g 5,89) R Una macchia marginale ma esemplare comunque di conservazione eccezionale per il tipo di moneta, dal metallo brillante FDC 3.500 1384 Tarì 1713 Palermo – MIR (nuova edizione) 1008/b (variante con I D, indicata R/8) AG (g 2,48) RRRR Ex collezione Ruggero, Ratto 1915, lotto 362. Graffietti al D/. Moneta di grande rarità con una prestigiosa provenienza MB+ 2.500

1385

1385 Carlo Emanuele III (1755-1773) Doppia 1755 – Nomisma 112 AU (g 9,63)

SPL/qFDC 5.000

1386

1386 Doppia 1756 – Nomisma 113 AU RRR Sigillato BB+/SPL da Cavaliere F. 244

BB+/SPL 4.000


1387

1387 Doppia 1757 – Nomisma 114 AU (g 9,61) RR

1388

SPL/qFDC 5.000

1389

1390

1391

1388 Scudo 1756 – Nomisma 151 AG (g 35,19) Bella patina iridescente

SPL+ 1.800

1389 Scudo 1765 – Nomisma 157 AG (g 35,16) Bellissimo esemplare con una superba patina di vecchia raccolta SPL+ 1.800 1390 Mezzo scudo 1772 – Nomisma 176 (indicato R/4) AG (g 17,49) RRRR

BB/BB+ 800

1391 Quarto di scudo 1756 – Nomisma 178 AG (g 8,75) Ossidazione marginale ma bell’esemplare

245

SPL+ 500


1392

1393

1392 Quarto di scudo 1759 – Nomisma 181 AG (g 8,80) R Schiacciature sul bordo ma splendido esemplare SPL+/qFDC 700 1393 Quarto di scudo 1765 – Nomisma 187 AG Graffietti di conio ma di conservazione eccezionale

FDC 1.000

1394

1394 Vittorio Amedeo III (1773-1796) Doppia 1774 – Nomisma 277 (indicata R/5 senza valutazione!); MIR (nuova edizione) 1091b (indicata R/10 senza valutazione!) AU (g 9,60) RRRRR Graffi al D/ e al R/ ma esemplare di qualità eccezionale. Le doppie di Vittorio Amedeo III con millesimo antecedente il 1786, cioè con lo stemma al R/ invece dell’aquila sabauda, sono tutte di grande rarità perché più pesanti di quelle successive al 1786 e quindi probabilmente ritirate. FDC 30.000 246


1395

1398

1397

1396

1395 Doppia 1789 – Nomisma 290 AU Bell’esemplare dai fondi lucenti

SPL+ 2.500

1396 Doppia 1791 – Nomisma 292 AU (g 9,04) R Limatura sul bordo

BB+ 1.200

1397 Mezza doppia 1786 – Nomisma 308 AU (g 4,56) In slab NGC MS64 5887104-070

FDC 1.500

1398 Quarto di doppia 1786 – Nomisma 323 AU (g 2,26) RR

1399

1400

SPL+/qFDC 2.000

1401

1402

1399 Scudo 1773 – Nomisma 324 AG (g 35,01) RRR Colpetto al bordo, bella patina di vecchia raccolta BB+ 4.000 1400 Mezzo scudo 1773 – Nomisma 326 AG (g 17,59) RR in slab NGC MS62 5887104-057

qFDC 1.000

1401 Mezzo scudo 1781 – Nomisma 334 (indicato R/4); MIR (nuova edizione) 1098i (indicato R/7) AG (g 17,56) RRRR Colpo al bordo, minimi graffietti al D/ SPL 2.000 1402 Quarto di scudo 1774 – Nomisma 347 AG (g 8,76) Bei fondi brillanti, bell’esemplare

247

SPL+

500


1403

1404

1403 Quarto di scudo 1781 – Nomisma 354 (indicato R/3) AG (g 8,81) RRR

FDC 1.000

1404 Quarto di scudo 1793 – Nomisma 362 (indicato R/3) AG (g 8,79) RRR Splendido esemplare qFDC/FDC 1.000

1405

1406

1405 Monetazione per la Sardegna - Mezza doppia 1786 – Nomisma 436 (indicato R/4) AU (g 3,19) RRRR Modesti depositi qSPL 5.000 1406 Carlo Emanuele IV (1796-1802) Doppia 1797 – Nomisma 474 AU (g 9,11) R Graffietti di conio al D/, colpo al bordo BB+/qSPL 4.000

1407

1407 Mezza doppia 1797 – Nomisma 478 AU (g 4,59) RR In slab NGC MS63 5887104-068. Conservazione eccezionale con i fondi praticamente a specchio FDC 8.000

1408

1408 Monetazione per la Sardegna - Reale 1798 – Nomisma 496 (indicato R/2) MI (g 3,15) RR 248

BB 150


1409

1409 Vittorio Emanuele I (1814-1821) Mezzo scudo 1814 – Nomisma 500 AG RR Conservazione eccezionale con una delicata patina FDC 10.000

1410

1410 Mezzo scudo 1814 – Nomisma 500 AG RR In bustina sigillata da Gianfranco Erpini senza indicazione di conservazione. Graffi di conio al D/ SPL/SPL+ 5.000 249


1411

1411 80 Lire 1821 – Nomisma 507 AU RRR Minimi colpetti al bordo e modestissime macchie al D/ ma esemplare di conservazione decisamente oltre la media, con ottimi rilievi da prime battiture SPL+ 40.000

1412

1412 80 Lire 1821 – Nomisma 507 AU RRR Minimi colpetti al bordo ma bell’esemplare con bei fondi qSPL/SPL 35.000 250


1413

1414

1415

1413 20 Lire 1816 – Nomisma 508; Pag. 4 AU RR Graffietto sul collo ed un colpetto al bordo ma bellissimo esemplare SPL 1.500 1414 20 Lire 1817 7 ribattuto su 6 – Nomisma 509 AU R Minimo graffietto sulla guancia al D/ e colpo al bordo BB+ 800 1415 20 Lire 1818 – Nomisma 510 AU R Conservazione eccezionale

1416

1417

FDC 5.000

1418

1416 20 Lire 1819 – Nomisma 511 AU R Conservazione eccezionale per questo millesimo da considerarsi quindi rarissimo qFDC 3.500 1417 20 Lire 1819 – Nomisma 511 AU R Splendido esemplare, millesimo rarissimo in questa conservazione SPL+ 3.000 1418 20 Lire 1820 – Nomisma 512 AU R Colpetto al bordo

SPL 1.000

1419

1419 20 Lire 1821 – Nomisma 514 AU RRR Variante con PRINC senza punto. Conservazione eccezionale SPL+/qFDC 40.000

1420

1420 20 Lire 1821 – Nomisma 514 AU RRR Variante con PRINC senza punto. Colpetti al bordo ma di bella qualità qSPL 30.000 251


1421

1421 5 Lire 1817 – Nomisma 516 AG R Minime screpolature al D/, bella patina

SPL/SPL+ 1.200

1422

1422 5 Lire 1821 – Nomisma 520 AG In slab NGC MS 62 5887102-010. Conservazione eccezionale per questo tipo di moneta FDC 12.000

1423

1424

1423 Monetazione per la Sardegna - Reale 1812 Cagliari – Nomisma 504 (indicato R/2) MI (g 3,00) RR Conservazione eccezionale per questo tipo di moneta qFDC 1.500 1424 3 Cagliaresi (1813) – Nomisma 505 (indicato R/3) CU RRR In slab NGC MS63BN 5887105-055. Conservazione eccezionale per questo tipo di moneta FDC 2.500 252


1425

1426

1425 Carlo Felice (1821-1831) 80 Lire 1824 T – Nomisma 522 AU R Fondi speculari, splendido esemplare qFDC 2.500 1426 80 Lire 1825 G – Nomisma 523; Pag. 25 AU R Colpi al bordo ripresi ma bell’esemplare SPL/SPL+ 1.200

1427

1428

1427 80 Lire 1825 T – Nomisma 524 AU Bellissimo esemplare

qFDC 1.800

1428 80 Lire 1828 T L – Nomisma 529 AU Pesante colpo al bordo ripreso

qFDC 1.300

1429

1430

1429 80 Lire 1828 T P – Nomisma 530 AU RRR Colpo al bordo ma esemplare di grande qualità per questo millesimo, bei fondi SPL+ 5.000 1430 80 Lire 1830 G – Nomisma 532 AU Fondi lucidati al D/ e colpetto al bordo ma bei rilievi SPL+/qFDC 1.800

1431

1432

1433

1431 40 Lire 1825 G – Nomisma 536 AU RR Soli 3.994 esemplari coniati. Graffietti al D/ e minimi colpetti al bordo BB+/qSPL 1.500 1432 40 Lire 1825 T – Nomisma 537 AU R Ex Nomisma, 45, lotto 2290. Colpetto al bordo ma bellissimo esemplare SPL+/qFDC 2.000 1433 40 Lire 1825 T – Nomisma 537 AU R Porosità al D/ ma esemplare di ottima qualità 253

SPL+/qFDC 2.000


1436

1435

1434

1434 20 Lire 1821 T – Nomisma 539 AU R Graffietti al D/

SPL 1.000

1435 20 Lire 1823 T – Nomisma 541 AU Colpi al bordo, Difetto al bordo. Graffietti al D/ 1436 20 Lire 1824 G – Nomisma 542 AU RRR Graffi, colpi al bordo.

BB 500 qBB/BB 2.000

1437

1437 20 Lire 1824 T – Nomisma 543 AU RRR In slab NGC MS63 3938921-006. Conservazione eccezionale per questo rarissimo millesimo qFDC/FDC 10.000

1438 1439

1438 20 Lire 1830 T punto dopo REX – Nomisma 554AU R Pesante colpo al bordo, minimo graffietto al D/ qSPL/BB 800 1439 5 Lire 1827 G – Nomisma 566 AG Colpetti al bordo. Graffietto al D/

1440

FDC 800

1441

1440 5 Lire 1828 G – Nomisma 568 AG Colpi ripresi al bordo, minimi graffietti nei campi 1441 5 Lire 1829 G – Nomisma 570 AG Minimi graffietti, colpo al bordo 254

SPL 400 SPL+ 400


1442

1443

1445

1444

1446

1448

1447

1442 5 Lire 1830 T L – Nomisma 573 AG Minimi colpetti al bordo, splendida patina iridescente qFDC/FDC 600 1443 Lira 1825 T – Nomisma 589 AG In slab NGC MS63 5887104-015

FDC 1.200

1444 Lira 1826 T – Nomisma 591 AG In slab NGC MS65 5887104-017. Conservazione eccezionale FDC 1.200 1445 Lira 1827 G – Nomisma 592 AG In slab NGC MS66 5887105-068. Conservazione eccezionale FDC 1.200 1446 Lira 1828 G – Nomisma 594 AG Conservazione eccezionale

FDC 1.200

1447 5 Centesimi 1826 G (P) – Nomisma 614 CU In slab PCGS MS65BN 831233.65/82141257. Conservazione eccezionale in rame rosso FDC 350 1448 5 Centesimi 1826 T L – Nomisma 615 CU In slab NGC MS64RB 1526476-006. Conservazione eccezionale in rame rosso FDC 200

1449

1450

1451

1452

1449 Carlo Alberto (1831-1849) 100 Lire 1832 G – Nomisma 622 AU

SPL+/qFDC

2.000

1450 100 Lire 1832 G – Nomisma 622 AU Minimi colpetti al bordo e minimi graffietti di conio al R/, bei fondi lucenti SPL+ 2.000 1451 100 Lire 1840 G – Nomisma 631 AU Minimi graffietti al D/

SPL+/qFDC 2.500

1452 100 Lire 1840 G – Nomisma 631 AU R Minimi colpetti al bordo, diffusi graffietti da contatto ma bei rilievi SPL 2.000 255


1454

1453

1456

1455

1457

1458

1453 50 Lire 1833 T – Nomisma 635 AU RR Diffusi minimi segnetti al D/ e minimi colpetti al bordo BB/qSPL 3.000 1454 20 Lire 1832 T FERT – Nomisma 642 AU R Una modestissima screpolatura al ciglio del R/ ed un minimo graffietto nel campo del D/ ma esemplare di qualità eccezionale per questo millesimo qFDC/FDC 1.000 1455 20 Lire 1834 T – Nomisma 645 AU Piccola screpolatura al margine del D/ ma esemplare di conservazione eccezionale FDC 1.000 1456 20 Lire 1840 G – Nomisma 652 AU Un minimo difetto di conio nel campo del D/

qFDC 600

1457 20 Lire 1841 G – Nomisma 654 AU Modesta schiacciatura al bordo e minimi graffietti nel campo del D/ ma di conservazione eccezionale con fondi lucenti, di grande rarità in questa qualità qFDC/FDC 1.800 1458 20 Lire 1845 G – Nomisma 658 AU In slab NGC MS63 5887104-069. Conservazione eccezionale con fondi brillanti FDC 2.500

1459

1462

1460

1461

1463

1459 20 Lire 1846 T – Nomisma 660 AU RR Colpetto al R/

qSPL 800

1460 20 Lire 1849 G – Nomisma 665 AU In slab PCGS MS63 336064.63/80484412. Conservazione eccezionale FDC 600 1461 10 Lire 1833 G – Nomisma 667 AU RR Minimo graffietto sul collo al D/ ma esemplare di grande qualità qFDC 3.500 1462 10 Lire 1833 G – Nomisma 667 AU RR Minimi depositi e colpetto al bordo 1463 10 Lire 1833 T – Nomisma 668 AU RR

qSPL 1.500 SPL 2.500

256


1464

1464 10 Lire 1847 T – Nomisma 671 AU RRRRR Tiratura di soli 405 esemplari, terzo esemplare conosciuto. Nel catalogo Gigante non è inserita alcuna valutazione in qualunque conservazione per questo millesimo ma sono menzionati due soli passaggi in asta pubblica: InAsta, 34, 2010, in conservazione qSPL aggiudicato a 28.000 euro e la nostra vendita 53, 2015, MB a 36.000 euro più diritti BB 40.000

1466

1465

1467

1468

1465 5 Lire 1836 G – Nomisma 684; Pag. 239 AG SPL/SPL+ 800 1466 5 Lire 1837 G – Nomisma 686 AG Minimi graffietti nel campo del D/ ma splendido esemplare qFDC/FDC 1.500 1467 5 Lire 1839 T – Nomisma 691 AG Conservazione eccezionale

FDC 2.000

1468 5 Lire 1844 G – Nomisma 697 AG In slab NGC MS63 5887105-037

FDC 1.000

257


1469

1470

1472

1471

1469 5 Lire 1847 G – Nomisma 700 AG In slab NGC MS62 5887105-038. Bella ed intensa patina 1470 5 Lire 1847 G – Nomisma 700 AG Minimi colpetti al bordo

FDC 1.000

qFDC/FDC 1.500

1471 5 Lire 1849 G – Nomisma 704 AG Minimi graffietti al D/ e minimi colpetti al bordo ma bellissimo esemplare con fondi lucenti qFDC/FDC 800 1472 2 Lire 1833 G – Nomisma 705 AG RR Piccole schiacciature di conio al ciglio del D/, minimo graffietto sul collo al D/ SPL 3.000

1473

1474

1475

1476

1473 50 Centesimi 1845 T – Nomisma 734; Pag. 327 AG RRR Minimi depositi al R/ ma buon esemplare. Nell’asta Nomisma 55 del 2017 un esemplare qFDC con un minimo graffio nel campo, ha realizzato 5.7500 euro più diritti. qSPL/SPL 1.500 1474 Vittorio Emanuele II (1849-1861) 10 Lire 1850 T – Nomisma 765 AU RR Bei fondi lucenti

SPL 4.000

1475 10 Lire 1853 T – Nomisma 766 AU RRRR Minimi graffietti al D/ e minimi colpetti al bordo. Millesimo che assai raramente compare sul mercato MB/MB+ 2.500 1476 10 Lire 1857 T – Nomisma 768 AU R

SPL 2.500 258


1477

1479

1478

1477 5 Lire 1850 T – Nomisma 772 AG RR Insignificanti segnetti ma esemplare di conservazione eccezionale sigillato FDC da Angelo Bazzoni FDC 4.000 1478 5 Lire 1851 G – Nomisma 773; Pag. 372 AG R Minimi graffietti sul collo al D/ 1479 5 Lire 1854 G – Nomisma 778 AG R Un minimo graffietto nel campo del D/

qFDC/FDC 2.000 FDC 2.500

1480

1480 5 Lire 1854 T – Nomisma 779 AG R In slab PCGS MS64 “NGSA 30 Years” 186399.64/36045727. Conservazione eccezionale con una splendida patina iridescente FDC 10.000 259


1481

1482

1484

1483

1481 5 Lire 1859 G – Nomisma 788 AG R In slab NGC MS62 5887104-013. Conservazione eccezionale FDC 4.000 1482 5 Lire 1859 G – Nomisma 788 AG R Colpo al bordo

qFDC 3.000

1483 2 Lire 1850 T – Nomisma 793 AG RR Coniati 17.784 esemplari. In slab NGC MS62 5887104-018. Bella patina iridescente qFDC 2.000 1484 Lira 1850 G – Nomisma 801 AG RRR Minimi colpetti al bordo

qSPL 3.000

1485

1485 Lira 1850 T – Nomisma 802 AG R Piccole imperfezioni al bordo ma splendido esemplare dai fondi praticamente speculari. Soli 5.364 esemplari coniati. Nella nostra asta 48, 2013, un esemplare FDC ha realizzato 6.000 euro più diritti. FDC 4.000

1486

1486 Lira 1857 T – Nomisma 806 AG R In slab NGC MS64. Conservazione eccezionale. Dalla nostra asta n. 59, lotto 1727, dove realizzò 3.100 euro più diritti FDC 3.000 260


1487

1487 50 Centesimi 1850 G – Nomisma 812 AG RRRRR Una delle massime rarità per la monetazione del Regno di Sardegna, indicato R/5 da tutti i cataloghi di riferimento. L’esemplare che fu della collezione Mantegazza, in condizioni assai inferiori al nostro e con vistose screpolature, è stato venduto da Bolaffi il 7 giugno 2017 a 3.800 euro più diritti. Nella nostra asta n. 57 un esemplare di conservazione B è stato aggiudicato a 5.800 euro più diritti. L’unico esemplare di conservazione paragonabile al nostro è quella della vendita Nomisma 47, 2013, che, da una stima di 5.000 euro, è stato aggiudicato a 9.000 euro più diritti. qBB/BB 10.000

1488

1488 50 Centesimi 1861 M – Nomisma 820 AG RRR

MB 1.500

1489

1489 Vittorio Emanuele II re eletto (1859-1861) 10 Lire 1860 B – Nomisma 822 AU RR Tiratura di soli 1.145 esemplari. Minimi graffietti al D/ e colpetto al bordo qFDC 10.000

261


1490

1490 5 Lire 1859 B – Nomisma 823 AG RR In slab NGC MS62 5887102-014

FDC 10.000

1491

1491 2 Lire 1861 F – Nomisma 828 AG RRRR Colpetti al bordo

BB 4.000

1492

1493

1494

1492 Lira 1859 B – Nomisma 829 AG R In slab NGC MS65 5887105-033

1495

FDC 2.000

1493 Lira 1860 F mano con scettro – Nomisma 832 AG In slab NGC MS64 5887104-019. Conservazione eccezionale FDC 1.000 1494 50 Centesimi 1859 B – Nomisma 834; Pag. 442 AG R

FDC 1.800

1495 5 Centesimi 1859 Birmingham – Nomisma 837 CU In slab NGC PF64RB cod. 2770196-002. Conservazione eccezionale in rame rosso brillante FDC 100 262


1496

1497

1498

1496 Studi per la monetazione del Regno (1860-1861) Bologna - 20 Centesimi 1860 – P.P. 44 Bimetallico (g 2,61) RRR SPL 600 1497 Milano - Saggio di bronzo nichelifero 1860 – P.P. 68 CU (g 5,01 – Ø 15 mm) RR 1498 20 Centesimi ”Saggio di un Popolano” – P.P. 54 MI RRRR Sigillata da Angelo Bazzoni

qFDC 250 FDC 1.800

REGNO D’ITALIA

1499

1499 Vittorio Emanuele II (1861-1878) 100 Lire 1864 T – Nomisma 843 AU RRR Tiratura di 579 esemplari SPL/SPL+ 25.000

1500

1500 100 Lire 1872 R – Nomisma 844 AU RR Tiratura di 661 esemplari. Graffietti al D/ e al R/ sullo stemma SPL/SPL+ 18.000 263


1501

1501 50 Lire 1864 T – Nomisma 846 AU RRRR Tiratura di 103 esemplari. Una delle monete più rare e ricercate del Regno d’Italia. Nella nostra asta n. 44, 2011, un esemplare SPL+/qFDC ha realizzato 330.000 euro più diritti. Nella nostra asta n. 46, 2012, un esemplare SPL+/qFDC ha realizzato 280.000 euro più diritti. Nella nostra asta n. 60, 2019, un esemplare BB+/SPL ha realizzato 180.000 euro più diritti. SPL/SPL+ 150.000

1502

1503

1502 20 Lire 1870 T – Nomisma 858 AU RR Minimi graffietti 1503 20 Lire 1870 T – Nomisma 858 AU RR Minimo colpetto al bordo

1504

SPL 1.000 BB 800

1504 20 Lire 1870 R – Nomisma 857 AU RRR Minimo graffietto sul collo al D/ e colpetto al bordo BB+/SPL 2.000 264


1505

1508

1506

1509

1505 20 Lire 1872 M – Nomisma 860 AU RR Conservazione eccezionale

1507

1510

FDC 2.500

1506 20 Lire 1872 M – Nomisma 860 AU RR Sigillato FDC “bell’esemplare” da Numismatica Zanirato qFDC 1.500 1507 20 Lire 1873 M – Nomisma 861 AU In slab NGC MS65 5887106-010. Conservazione eccezionale FDC 500 1508 20 Lire 1873 M – Nomisma 861 AU In slab NGC MS65 5887106-008. Conservazione eccezionale FDC 500 1509 20 Lire 1873 M – Nomisma 861 AU In slab NGC MS64+ 5887106-001. Conservazione eccezionale FDC 400 1510 10 Lire 1865 T – Nomisma 874 AU R Di insolita qualità

SPL/SPL+ 800

1511

1511 5 Lire 1861 F – Nomisma 877 AG RR

SPL 5.000

1512

1512 5 Lire 1861 T – Nomisma 878 AG RR In slab NGC MS61 5887102-017. Splendido esemplare per questo millesimo FDC 8.000 265


1514

1513

1513 5 Lire 1865 T – Nomisma 883 AG R Bella patina non omogenea

FDC 1.000

1514 5 Lire 1865 N – Nomisma 882 AG R In slab NGC MS63 5887104-056. Dall’asta Nomisma 5, lotto 2033 dove ha realizzato 3.600 euro più diritti. FDC 2.500

1515

1515 5 Lire 1866 N – Nomisma 884 RRRR Diffusi colpetti al bordo e graffietti ma ancora un buon esemplare per questo millesimo introvabile in bella qualità BB 8.000

1517

1516

1516 5 Lire 1870 R – Nomisma 887 AG R In slab NGC MS63 5887105-056. Splendida patina 1517 5 Lire 1870 R – Nomisma 887 AG R Minimi graffietti nei campi 266

FDC 600 SPL+/qFDC 500


1518

1518 5 Lire 1872 M – Nomisma 891 AG Minimo colpetto al bordo

FDC 250

1519

1519 5 Lire 1873 R – Nomisma 895; Pag. 497 AG RRR In slab NGC MS61 5887104-054

1520

SPL+ 3.000

1521

1522

1523

1520 5 Lire 1874 M – Nomisma 896 AG

FDC 300

1521 5 Lire 1875 M – Nomisma 897 AG Colpo al ciglio del R/

SPL/qFDC 250

1522 5 Lire 1877 R – Nomisma 901 AG In slab NGC MS 64 cod.2819819-018

FDC 200

1523 5 Lire 1878 R – Nomisma 902 AG

FDC 180 267


1524

1524 2 Lire 1863 N stemma – Nomisma 905 AG Esemplare di qualità eccezionale e con bella patina FDC 700

1525

1525 Lira 1861 F – Nomisma 909 AG RR Conservazione eccezionale con una delicata patina. Millesimo e zecca di grande rarità in questa conservazione. Nella nostra asta n. 60, lotto 426, un esemplare con grading FDC MS65, dalla stima di 10.000 euro, ha realizzato 21.000 euro più diritti FDC 7.500

1527

1526

1526 Progetto 1863 lamina uniface – AL RRRR Sigillata da Angelo Bazzoni 1527 Lira 1867 T – Nomisma 916 AG RR

SPL 1.000 qFDC 4.000

1528

1528 50 Centesimi 1862 T – Nomisma 922 AG RR Conservazione eccezionale con splendida patina. In slab NGC MS65 5887105-039 FDC 6.000 268


1530

1529

1531

1532

1536

1533

1534

1529 50 Centesimi 1863 M valore – Nomisma 925 AG

1535

SPL+/qFDC 200

1530 20 Centesimi 1867 T valore – Nomisma 936 AG R Minimo graffietto al R/

SPL 300

1531 10 Centesimi 1862 M – Nomisma 938 CU In slab NGC MS65rb 5887104-021. Conservazione eccezionale FDC 400 1532 10 Centesimi 1866 M – Nomisma 941 CU In slab NGC MS66BN 5887104-022. Conservazione eccezionale FDC 500 1533 10 Centesimi 1866 N – Nomisma 942 CU In slab NGC MS 65 RB

FDC 400

1534 10 Centesimi 1866 H – Nomisma 944 CU Conservazione eccezionale in rame rosso lucente

FDC 800

1535 10 Centesimi 1867 H – Nomisma 949 CU In slab PCGS MS64RB 759711.64/36717703

FDC 150

1536 5 Centesimi 1862 N – Nomisma 956 CU In slab NGC MS 63 RB

FDC 100

1537

1537 Umberto I (1878-1900) 100 Lire 1880 – Nomisma 970 AU RRRR Tiratura di soli 145 esemplari. Graffietti nei campi del D/ e la croce nello stemma al R/ ma un esemplare di qualità superiore al solito e meritevole di attenzione SPL 40.000 269


1538

1539

1538 100 Lire 1883 – Nomisma 972 AU R Conservazione eccezionale con i fondi speculari

qFDC/FDC 5.000

1539 100 Lire 1883 – Nomisma 972 AU R Sigillato SPL+ ‘colpetto sul bordo al R/’ da Emilio Tevere. Leggermente lucidata SPL+ 4.000

1540

1540 100 Lire 1888 – Nomisma 973 AU RR Sigillato qFDC da Gianfranco Erpini. Diffusi segnetti da contatto sui bei fondi lucenti, minimi colpetti al bordo qFDC 7.000

1541

1541 100 Lire 1888 – Nomisma 973 AU RR Minimi segnetti da contatto sui bei fondi lucenti 270

qFDC 7.000


1542

1542 50 Lire 1884 – Nomisma 975 AU R

SPL+/qFDC 4.000

1543

1543 50 Lire 1888 – Nomisma 976 AU RR Sigillato SPL+ da Gianfranco Erpini. Lucidata

SPL 5.000

1544

1544 50 Lire 1891 – Nomisma 977 AU RRR Minimo colpetto al bordo e minimi segnetti da contatto SPL+/qFDC 7.000

1545

1545 50 Lire 1891 – Nomisma 977 AU RRR Colpo al ciglio del R/ e segnetti da contatto 271

SPL+/qFDC 7.000


1546

1546 20 Lire 1884 – Nomisma 983 AU RR Fondi leggermente lucidati ma bell’esemplare

qFDC 1.500

1547

1547 5 Lire 1878 – Nomisma 992 AG R Splendido esemplare con i fondi lucenti

qFDC/FDC 5.000

1548

1548 5 Lire 1879 – Nomisma 993 AG Dalla nostra asta 56, lotto 1945, con questa descrizione: Minimo graffietto sul collo al D/ e modesti colpetti al bordo ma stupenda patina. Esemplare di grande fascino FDC 800

1549

1550

1551

1549 2 Lire 1884 – Nomisma 997 AG

FDC 150

1550 2 Lire 1885 – Nomisma 998 AG R In slab NGC MS64 5887105-040. Bellissima patina

FDC 1.800

1551 2 Lire 1897 – Nomisma 1001 AG In slab NGC MS64 5887105-057. Conservazione eccezionale con una bellissima patina iridescente FDC 300 272


1553

1552

1555

1556

1552 2 Lire 1899 – Nomisma 1003 AG Conservazione eccezionale 1553 Lira 1883 – Nomisma 1004 AG RRRR

1554

1557

FDC 500 MB/qBB 3.000

1554 Lira 1892 – Nomisma 1008 AG RR Sul bordo un curioso errore con una rosetta sopra la E di un FERT SPL+/FDC 4.000 1555 Lira 1899 – Nomisma 1009 AG In slab NGC MS65 cod. 3260378-001

FDC 150

1556 50 Centesimi 1892 – Nomisma 1012 AG RR In slab NGC MS64 5887105-058

FDC 400

1557 Progetto da 20 centesimi 1894 R – Pag. P.P. 130 RRR NI Sigillata Angelo Bazzoni

FDC 1.800

1558

1559

1560

1558 10 Centesimi 1897 Progetto – P.P. 133 NI (g 2,51) RRRR Questo splendido progetto rappresenta lo studio per una nuova moneta da 10 centesimi da proporsi in nichelio misto, per la fabbricazione della quale si avrebbe dovuto utilizzare il bronzo ricavato dalle monete eccedenti il fabbisogno della circolazione. FDC 1.000 1559 2 Centesimi 1895 Prova – Luppino NConf47bis FeNi RRRRR In slab NGC MS67+ 5887104-062. Eccezionale FDC 4.000 1560 Eritrea - Tallero 1891 – Nomisma 1037 AG R Sigillato FDC “insignificanti contatti, fondi speculari” da Sebastiano Mazzarino FDC 3.000 273


1561

1562

1561 Tallero 1891 – Nomisma 1037 AG R Colpo al bordo, minimi segnetti sui bei fondi lucenti SPL+/qFDC 1.800 1562 Tallero 1896 – Nomisma 1038 AG R Minimi colpetti al bordo

qSPL/SPL 700

1564

1563

1563 2 Lire 1890 – Nomisma 1039 AG In slab NGC MS62 5887105-036

FDC 500

1564 50 Centesimi 1890 – Nomisma 1044 AG R In slab NGC MS65 5887104-023

FDC 500

1565

1565 Vittorio Emanuele III (1900-1946) 100 Lire 1903 – Nomisma 1045 AU RR Consueti segnetti da contatto e graffietti al D/ e minimi colpetti al bordo ma sicuramente un esemplare di qualità superiore al consueto SPL+/qFDC 15.000 274


1566

1566 100 Lire 1903 – Nomisma 1045 AU RR Consueti segnetti da contatto e graffietti al D/ e minimi colpetti al bordo SPL+ 12.000

1567

1567 100 Lire 1905 – Nomisma 1046 AU RR Consueti segnetti da contatto e minimi colpetti al bordo ma sicuramente un esemplare di qualità superiore al consueto qFDC 12.000

1568

1568 100 Lire 1908 Progetto Johnson in argento – P.P. 152; Luppino PP104 AG (g 20,73) RRRR Si tratta di progetto firmato dallo scultore Egidio Boninsegna dalla caratteristica concavità sia al D/ che al R/. Luppino segnala “sensibili differenze di peso e diametro”. Questo esemplare pesa g 20,73 ed ha un diametro di 24 mmm contro i 22,60 g e 36 mm indicati come riferimento da Luppino. FDC 5.000 275


1569

1569 100 Lire 1912 – Nomisma 1048 AU RR In slab NGC MS64+ 4824487-081. Un esemplare di eccezionale freschezza con splendidi rilievi. Nella nostra asta n. 54, 2016, lotto 2455, un esemplare in conservazione FDC, da una stima di 10.000 euro, ha realizzato 14.000 euro più diritti. Nell’asta Stack’s del 2012, lotto 863, un esemplare con grading MS64, da una stima di 7.000 dollari, ha realizzato 17.000 dollari più diritti FDC 12.000

1570

1570 100 Lire 1912 – Nomisma 1048 AU RR Graffietti al D/ e al R/

SPL 4.000

1571

1571 100 Lire 1925 – Nomisma 1054 AU RR In slab NGC PF63+MATTE 5887102-016 276

FDC 8.000


1572

1572 100 Lire 1925 – Nomisma 1054 AU RR Sigillato qFDC da Gianfranco Erpini. Lucidata

1573

qFDC 6.000

1574

1573 100 Lire 1931 A. X – Nomisma 1056 AU R In slab NGC MS64 1526476-006, Una leggera e piacevole patina rossastra in alcune zone FDC 600 1574 100 Lire 1933 A. XI – Nomisma 1058 AU R In slab NGC MS64 1526476-008

FDC 700

1575

1575 100 e 50 Lire 1936 A. XIV – Nomisma 1059, 1071 AU RRR Lotto di due monete, insignificanti graffietti nel 50 lire ma coppia di grandissima qualità qFDC 18.000 277


1576

1576 100 Lire 1936 – Nomisma 1059 AU RRR In slab NGC MS64 4224314-003

FDC 10.000

1577

1577 50 Lire 1911 Prova scritta in verticale al margine – Nomisma P9; Luppino PP125 AU (g 16,10) RRRR Colpetto al ciglio del D/. Della prova di questa moneta furono battute due versioni: una con la scritta PROVA in orizzontale ed un’altra con la stessa scritta ma a semicerchio. Scrive Domenico Luppino a proposito di questa differenza: resta un mistero del perché sia siano battute due tipologie di PROVA. Luppino valuta di più questa con la scritta a semicerchio rispetto all’altra. FDC 25.000 278


1578

1579

1580

1578 50 Lire 1912 – Nomisma 1063 AU R Dalla nostra vendita n. 56, lotto 1981 con questa descrizione: Minimi segnetti da contatto ma di conservazione eccezionale. Moneta molto rara in questa qualità FDC 1.500 1579 50 Lire 1912 – Nomisma 1063 AU R In slab NGC MS63 4824487-080. Minimi segnetti da contatto FDC 1.500 1580 50 Lire 1932 A. X – Nomisma 1069 AU In slab NGC MS65 3155567-004

FDC 500

1581

1581 50 Lire 1936 – Nomisma 1071 AU RRR

FDC 10.000

1582

1582 20 Lire 1902 – Nomisma 1072 AU RRRR Tiratura di 181 esemplari. Da montatura non deturpante, minimi depositi al bordo BB+ 25.000 279


1583

1583 20 Lire 1902 Ancoretta – Nomisma 1073 AU RRRR Tiratura di 115 esemplari. Conservazione eccezionale, fondi speculari. Nella nostra asta n. 60, lotto 449, un esemplare con grading MS66*, dalla stima di 60.000 euro, ha realizzato 74.000 euro più diritti FDC 50.000

1584

1585

1586

1584 20 Lire 1907 Prova Johnson – P.P. 185; Luppino PPSJ51 ST (g 2,54) RRR Minimi segnetti al D/. Per il rinnovo della monetazione del Regno d’Italia furono approntate le prove di monete da 200 e 20 lire. Le prove in stagno servivano probabilmente per accompagnare le relazioni ai diversi componenti della Commissione giudicatrice nel concorso. SPL 1.500 1585 20 Lire 1912 – Nomisma 1078 AU In slab NGC MS64 4824487-079 1586 20 Lire 1923 – Nomisma 1082 AU R

FDC 1.200 qFDC/FDC 1.000

280


1587

1587 20 Lire 1927 A. V – Nomisma 1083; Pag. 671 AG RRR Tiratura di 100 esemplari. In slab NGC MS66 5887104029 FDC 10.000

1588

1588 20 Lire Elmetto s.d. Prima Prova – P.P. 197 AG (g 14,95) RRRR 281

FDC 15.000


1589

1589 20 Lire 1929 A. VII – Nomisma 1086 AG RRR Tiratura di 50 esemplari. In slab NGC MS67 5887102-018 FDC 8.000

1590

1590 20 Lire 1930 A. VIII – Nomisma 1087 AG RRR Tiratura di 50 esemplari. In slab NGC MS67 5887102-019 FDC 8.000

1592

1591

1591 20 Lire 1931 A. IX – Nomisma 1088 AG RRR Tiratura di soli 50 esemplari. In slab NGC MS65 5887102-007 FDC 7.000 1592 20 Lire 1933 A. XI – Nomisma 1090 AG RRR Tiratura di soli 50 esemplari. In slab NGC MS65+ 5887102-008 FDC 7.000

1593

1594

1593 20 Lire 1936 – Nomisma 1094 AG R Minimi graffietti al D/ ma ottimo esemplare

qFDC 1.300

1594 20 Lire 1936 – Nomisma 1094 AG R Sigillato SPL/FDC da Gianfranco Erpini. Graffietti al D/ e R/, colpetti al bordo SPL 1.000 282


1595

1595 20 Lire 1937 – Nomisma 1095 AG RRR Tiratura di soli 50 esemplari.

FDC 10.000

1596

1596 20 Lire 1941 – Nomisma 1100 AG RRRR Tiratura di soli 20 esemplari. In slab NGC MS64 5887103-004 FDC 15.000

1597

1597 10 Lire 1912 – Nomisma 1102 AU RR

FDC/qFDC 7.000 283


1599

1598

1600

1601

1598 10 Lire 1930 – Nomisma 1116 AG Minimi colpetti al bordo e minimi graffietti al D/

1602

qFDC/FDC 250

1599 10 Lire 1931 – Nomisma 1117 AG RRR Tiratura di soli 50 esemplari. In slab NGC MS64 5887104-063 FDC 2.500 1600 10 Lire 1932 – Nomisma 1118 AG RRR Tiratura di soli 50 esemplari. In slab NGC MS63 5887104-028 FDC 2.500 1601 10 Lire 1936 Prova – Nomisma P25 AG RRR Sigillata SPL/FDC da Numismatica Elite

FDC 1.500

1602 10 Lire 1937 XV – Nomisma 1122 AG RRR Tiratura di soli 50 esemplari. In slab NGC MS63 5887104-027. Bella patina di vecchia raccolta FDC 3.000

1603

1603 5 Lire 1901 – Nomisma 1128 AG RRRR Tiratura di 114 esemplari. In slab PCGS PR62CAM 651997.62/33185028 FDC 70.000 284


1604

1604 5 Lire 1914 Prova di stampa – Nomisma P28; P.P. 221 AG (g 25,00) RR

FDC 7.500

1605

1605 5 Lire 1914 – Nomisma 1130 AG RR In slab NGC MS63 5887102-015. Conservazione eccezionale FDC 8.000

1606

1606 5 Lire 1914 – Nomisma 1130 AG RR Sigillato qFDC da Gianfranco Erpini. Bordo lucidato

qFDC 6.000

1607

1607 5 Lire 1914 – Nomisma 1130 AG RR Colpetti al bordo 285

SPL 5.000


1608

1608 Progetto del 5 Lire 1926 1a Prova tecnica fuori virola, bordo in rilievo – P.P. 169 NI (g 13,99) RRRR FDC 6.000

1609

1609 Progetto del 5 Lire 1926 2a Prova tecnica, bordo in incuso – P.P. 171 NI RRRR Sigillata FDC da Angelo Bazzoni FDC 7.000

1610

1613

1611

1614

1610 5 Lire 1927 Prova MIN. RIL. – P.P. 230 AG (g 5,00) RRRR

1612

1615

FDC 3.000

1611 5 Lire 1931 – Nomisma 1139 AG RRR Tiratura di soli 50 esemplari. In slab NGC MS62 5887104-026 FDC 2.000 1612 5 Lire 1933 – Nomisma 1141 AG RRR Tiratura di soli 50 esemplari. Sigillato FDC da Matteo Cavedoni FDC 2.000 1613 5 Lire 1934 – Nomisma 1142 AG RRR Tiratura di soli 50 esemplari. In slab NGC MS66 5887105-046 FDC 2.500 1614 5 Lire 1935 – Nomisma 1143 AG RRR Tiratura di soli 50 esemplari. In slab NGC MS64 5887104-024 FDC 2.500 1615 5 Lire 1936 Prova – Nomisma P33 AG RRR

FDC 1.200 286


1616

1617

1616 2 Lire 1901 – Nomisma 1151 AG RR Un minimo graffietto sulla guancia al D/ ma esemplare eccezionale FDC 3.000 1617 2 Lire 1902 – Nomisma 1152 AG R Minimo graffietto sul collo al D/ ma di conservazione eccezionale FDC 800

1618

1619

1618 2 Lire 1902 – Nomisma 1152 AG R Sigillato FDC da Angelo Bazzoni

FDC 800

1619 2 Lire 1903 (ma senza indicazione del valore) Progetto Johnson – P.P. SJ68 AL (g 4,08) RRR

FDC 800

1620

1620 2 Lire 1903 – Nomisma 1153 AG RRR In slab NGC MS64 5887103-005. Moneta di eccezionale rarità a reperirsi in stato zecca tanto che Gigante la quota in FDC più di quattro volte della qualità SPL. Nella nostra asta 42 del 2010 in conservazione FDC ha realizzato 33.000 euro più diritti. FDC 25.000

1621

1621 2 Lire 1903 – Nomisma 1153 AG RRR Minimo difetto al ciglio del D/ e qualche minimo graffietto al D/ ma bellissimo esemplare qFDC/FDC 5.000 287


1622

1627

1623

1628

1624

1629

1625

1630

1626

1631

1633

1632

1622 2 Lire 1904 – Nomisma 1154 AG RR In slab NGC AU55 3209036-001

SPL 700

1623 2 Lire 1910 – Nomisma 1159 AG R In slab PCGS MS64 384866.64/33207701. Conservazione eccezionale FDC 800 1624 2 Lire 1910 – Nomisma 1159 AG R Colpetti al bordo 1625 2 Lire 1911 – Nomisma 1160 AG RR Modestissime macchie al R/

SPL+ 600 FDC 800

1626 2 Lire 1911 – Nomisma 1160 AG RR Minimo colpetto al bordo

qFDC 800

1627 2 Lire 1911 – Nomisma 1160 AG RR Bordo lucidato

qFDC 700

1628 2 Lire 1914 Prova – Nomisma P. 35; Luppino 188 AG (g 10,04) RR In slab NGC MS62 5887105-020 FDC 2.500 1629 Progetto del Buono da 2 Lire 1922 Prova tecnica – P.P. 245 NI (g 10,01) RR

FDC 1.800

1630 Buono da 2 Lire 1922 Prova tecnica, M a sinistra – P.P. 246 NI RR In slab NGC MS64+ 5887104-002 FDC 800 1631 2 Lire 1922 Prova tecnica – P.P. 248 NI (g 10,07) RR In slab NGC MS66 5887104-008

FDC 800

1632 2 Lire 1926 – Nomisma 1170 NI R In slab NGC MS65 5887104-031

FDC 800

1633 2 Lire 1927 – Nomisma 1171 NI RR Minimi graffietti e colpetti al bordo

SPL 1.200

288


1634

1635

1636

1637

1638

1639

1640

1641

1642

1643

1634 2 Lire 1928 Fiera di Milano in argento – Nomisma 1408 AG RR In slab PCGS MS62 593291.62/33228773 FDC 800 1635 2 Lire 1928 Fiera di Milano Prova in alluminio – Nomisma 1407 AL RR Sigillato FDC da La Numismatica di Brescia FDC 200 1636 2 Lire 1928 in bronzo (o rame?) senza doratura – cfr. Nomisma 1407 AE (g 10,28) RRRRR Di questa versione del buono da 2 Lire ci risultano appena due esemplari apparsi sul mercato. Probabilmente si tratta di un semilavorato prelevato nello Stabilimento Johnson prima che venisse effettuata l’operazione di doratura FDC 800 1637 2 Lire 1929 – Nomisma 1173 NI RRR Tiratura di 50 esemplari. Sigillato FDC da Matteo Cavedoni FDC 1.200 1638 2 Lire 1931 – Nomisma 1175 NI RRR Tiratura di soli 50 esemplari. Minimi graffietti al R/

FDC 800

1639 2 Lire 1934 – Nomisma 1178 NI RRR Tiratura di 50 esemplari

FDC 1.200

1640 2 Lire 1935 – Nomisma 1179 NI RRR Tiratura di soli 50 esemplari. Piccoli punti di ossidazione FDC 800 1641 2 Lire 1936 – Nomisma 1180 NI R In slab PCGS MS65 cod. 413226.65/28651213

FDC 400

1642 2 Lire 1937 – Nomisma 1181 AC RRR Tiratura di soli 50 esemplari. In slab NGC MS64 5887104-025 FDC 2.500 1643 2 Lire 1938 – Nomisma 1182 AC RRRR Tiratura di soli 20 esemplari. Minime ossidazioni nei campi FDC 3.000 289


1644

1644 Lira 1905 – Nomisma 1195 AG RR

qFDC/FDC 1.800

1645

1645 Lira 1907 - Astuccio Johnson contenente quattro monete da una Lira 1907 con patinatura: un esemplare senza la scritta PROVA della Regia Zecca (g 5,00) (P.P. 255; Luppino PP196) e tre esemplari dello Stabilimento Johnson con la scritta PROVA, il bordo liscio e le lettere S J punzonate sul bordo con tre diverse tonalità di patinatura (g 5,19 – 5,17 – 5,12) (P.P. 254) – AG RRRRR I modelli sono opera dello scultore Davide Calandra chiamato a presentare i tipi per la monetazione in argento della Commissione Tecnico-Artistico Monetaria creata con decreto del 29 gennaio 1905. Questo astuccio contiene un esemplare della Regia Zecca, con bordo solito con i tre FERT e la lettera R, e tre esemplari prodotti dallo Stabilimento Johnson con le lettere S J sia sul bordo liscio sia al rovescio. Un eccezionale insieme che non ci risulta altrimenti noto e probabilmente di presentazione nell’ambito della citata Commissione Monetaria per far risaltare le diversità tra la produzione della Regia Zecca e dello Stabilimento Johnson. FDC 15.000 290


1646

1646 Lira 1907 Progetto – P.P. 255 AG RRRR Questo pezzo rappresenta la prima prova eseguita dalla Regia Zecca con i modelli del Calandra e con l’incisione di Luigi Giorgi. In slab PCGS SP65 597125.65/33890414. Conservazione eccezionale con splendida patina iridescente FDC 5.000

1647

1647 Lira 1913 – Nomisma 1202 AG In slab NGC MS65 cod. 3154029-009. Conservazione eccezionale con inizio di patina iridescente FDC 100

1648

1648 Lira 1915 Prova di stampa – P.P. 259; Luppino ART65BIS AG RRR Intensa patina. Di questa produzione, che dovrebbe essere un esperimento di patinatura, Luppino indica un solo passaggio in asta nella vendita Varesi, “collezione Piper”, del 2007. FDC 4.000

1649

1650

1649 Lira 1920 Incisione tipo per metalli duri – P.P. 265 NI RR Sigillata da Angelo Bazzoni

FDC 1.500

1650 Lira 1921 Prova – Nomisma P44 NI RR

FDC 1.000

291


1651

1652

1653

1654

1651 Lira 1926 Esperimento tecnico – P.P. 268 AG RRRR Sigillata FDC da Angelo Bazzoni

1655

FDC 2.500

1652 Lira 1926 – Nomisma 1210 NI R Tiratura di 500 esemplari. In slab PCGS MS64 840752.64/17292082 FDC 250 1653 Lira 1931 – Nomisma 1214 NI RRR Tiratura di 50 esemplari. Graffietti

FDC 700

1654 Lira 1934 – Nomisma 1217 NI RRR Tiratura di 50 esemplari

FDC 1.200

1655 Lira 1935 – Nomisma 1218 NI RRR Tiratura di 50 esemplari. Sigillato FDC da Lucio Raponi FDC 1.000

1658

1656

1657

1659

1660

1656 Lira 1937 – Nomisma 1220 AC RRR Tiratura di soli 50 esemplari 1657 50 Centesimi 1918 Prova – P.P. 275 FE-NI RRRR Sigillata da Angelo Bazzoni

1661

FDC 2.000 qFDC 600

1658 50 Centesimi 1919 Prova satinata – Nomisma P48 NI (g 6,10) RRRR Prova di grande rarità satinata FDC 2.500 1659 50 Centesimi 1921 R – Nomisma 1238 NI

SPL 300

1660 50 Centesimi 1921 R – Nomisma 1238 NI

SPL 300

1661 50 Centesimi 1925 R – Nomisma 1242 NI In slab NGC MS64 Reeded edge 5887104-032

FDC 600

292


1662

1663

1662 50 Centesimi 1926 Esperimento tecnico – P.P. 282 AG RRRR Sigillata da Angelo Bazzoni

FDC 3.000

1663 50 Centesimi 1926 – Nomisma 1243 NI R Tiratura di 500 esemplari. Minimi graffietti

FDC 250

1664

1667

1665

1668

1664 50 Centesimi 1931 – Nomisma 1248 NI RRR Tiratura di 50 esemplari

1666

1669

FDC 1.000

1665 50 Centesimi 1934 – Nomisma 1251 NI RRR Tiratura di 50 esemplari. Un insignificante segnetto al D/ FDC 1.000 1666 50 Centesimi 1937 – Nomisma 1254 NI RRR Tiratura di soli 50 esemplari

FDC 1.500

1667 50 Centesimi 1938 – Nomisma 1255 NI RRRR Tiratura di soli 17 esemplari. Striature da lucidatura SPL 2.500 1668 25 Centesimi 1902 Progetto – P.P. 285 NI RRRR Sigillata da Angelo Bazzoni

FDC 3.000

1669 25 Centesimi 1903 – Nomisma 1267 NI In slab NGC MS64 1752257-004

FDC 100

1670

1670 20 Centesimi 1906 Buono per la Fiera di Milano – Nomisma 1410 AU RRRR In slab PCGS MS64 688325.64/36347641. Numero 38 della serie marcato al R/ FDC 25.000 293


1671

1672

1673

1674

1675

1676

1677

1678

1679

1680

1671 20 Centesimi 1907 Prova della Regia Zecca (lettere R.Z. al R/) – Nomisma P52 NI (g 4,07) RRR In slab NGC MS66 5887104-033 FDC 1.800 1672 20 Centesimi 1907 Prova dello Stabilimento Johnson (lettere S. J. al R/) – P.P. 298; Luppino PPSJ90 NI (g 3,95) RR SPL+ 1.200 1673 20 Centesimi 1918 Prova – P.P. 312 FE-NI RRRR Sigillata da Angelo Bazzoni

FDC 700

1674 20 Centesimi 1918 – Rovescio incuso

SPL 150

1675 20 Centesimi 1919 Esagono Bordo rigato – Nomisma 1292 NI In slab NGC MS64 cod. 2750847-011 FDC 100 1676 20 Centesimi 1930 – Nomisma 1283 NI RRR Tiratura di 50 esemplari. Macchie, piccole ossidazioni e leggera pulitura SPL+ 1.000 1677 20 Centesimi 1933 – Nomisma 1286 NI RRR Tiratura di 50 esemplari. Macchie, piccole ossidazioni e segni di pulitura qFDC 1.000 1678 20 Centesimi 1934 – Nomisma 1287 NI RRR Tiratura di 50 esemplari

FDC 1.200

1679 20 Centesimi 1937 – Nomisma 1295 AG RRR Tiratura di soli 50 esemplari. In slab NGC MS 64 2835670009 FDC 1.500 1680 20 Centesimi 1939 A. XVII Prova – Nomisma P. 56 NI RRR (g 4,06)

294

qFDC/FDC 1.000


1681

1682

1683

1681 10 Centesimi 1903 Progetto Johnson uniface – P.P. 317 (solo D/) CU (g 6,83) RRRR

FDC 2.000

1682 10 Centesimi 1903 Progetto Johnson uniface – P.P. 318 (solo R/) CU (g 6,22) RRRR

FDC 2.000

1683 10 Centesimi 1903 Progetto Johnson uniface – P.P. 319 (solo R/) CU (g 6,73) RRRR

FDC 2.000

1684

1684 10 Centesimi 1908 Prova – Nomisma P57; P.P. 323 CU RRR Sigillato qFDC da Numismatica Elite di Grangia Maurizio qFDC 7.000

1685

1685 10 Centesimi 1908 Prova – Nomisma P57; P.P. 323 CU RRR In slab NGC AU55BN 4883387-013. Colpetti al bordo qFDC 5.000 295


1686

1686 10 Centesimi 1908 – Nomisma 1307 CU RRRRR In slab PCGS MS63BN 229197.63/34477883. Conservazione eccezionale. Sicuramente una delle monete più rare del Regno d’Italia. Come noto, ne furono coniati pochissimi esemplari in occasione della posa della prima pietra del nuovo edificio della Regia Zecca in Roma. Dopo un acceso dibattito sulla natura di questa emissione, ormai è pacifica oggi la sua accettazione come vera e propria moneta, tanto più interessante poiché costituisce una tipologia unica con solo questo millesimo noto. Nell’asta Varesi n. 74, 2019, un esemplare FDC ha realizzato 95.000 euro più diritti FDC 100.000 296


1687

1688

1689

1690

1687 Progetto da 10 Centesimi 1915 Ø 18,5 mm – P.P. 328 NI (g 2,98) RR

FDC 1.200

1688 Progetto 10 Centesimi 1915 Bordo alternato liscio e zigrinato – P.P. 332 NI RRR Sigillato FDC “ottimo esemplare” da Cavaliere F. FDC 1.200 1689 Progetto 10 Centesimi 1915 Bordo ondulato – P.P. 333 NI RRR In slab PCGS SP66 cod. 465650.66/39062246 Pagani-333 19 mm FDC 1.000 1690 10 Centesimi 1915 Progetto – P.P. 335 NI (g 3,38) RRR

FDC 1.500

1691

1691 10 Centesimi 1915 Prova – P.P. 339 NI RRRR In slab NGC MS65 5887104-005

1692

1693

1694

1695

1692 10 Centesimi 1918 Prova di lega – P.P. 346 FE-NI RRRR Sigillata da Angelo Bazzoni

FDC 4.000

1696

FDC 600

1693 10 Centesimi 1919 Prova di stampa – P.P. 351; Nomisma P61 CU (g 5,47) RRR In slab NGC MS64BN 5887104007 FDC 800 1694 10 Centesimi 1919 – Nomisma 1310 CU R In slab NGC MS65+BN 5887104-034. Conservazione eccezionale in rame rosso. Dalla nostra asta 59, lotto 1944, realizzo di 700 euro FDC 700 1695 Dimensione a proporsi per 5 Centesimi 1907 – P.P. 357; Luppino PPSJ110 CU (g 4,18) RRR

FDC 600

1696 5 Centesimi 1918 Progetto in Ferro Nickel – P.P. 372 FE NI (g 1,96) R In slab NGC MS65 Nickel-steel pattern 5887104-006 FDC 300 297


1697

1697 5 Centesimi 1918 Progetto – P.P. 370 var. FE-NI (g 2,06) Ossidazione sul collo al D/

FDC 300

1698

1698 5 Centesimi 1919 Contromarca A OM // TT / I nel campo a s. del R/ – CU (g 3,31) RRRR Ex Varesi, “Collezione Piper”, Prove, progetti, e saggi del Regno d’Italia, asta 20 novembre 1997, lotto 833 indicato come “estremamente raro” e “mancante in tutti i testi all’epoca. A proposito di questo esemplare si vedano le osservazioni di Luppino, p. 462. FDC 600

1699

1699 5 Centesimi 1936 Prova – Nomisma P68 CU (g 3,30) RRR

FDC 1.000

1700

1700 Centesimo 1902 – Pag. 940 CU RRR Sigillato FDC da Angelo Bazzoni

FDC 3.000

1702

1701

1701 Eritrea – Tallero 1918 – Nomisma 1412 AG In slab NGC MS64 5887105-041

FDC 800

1702 Somalia – Rupia 1910 Prova – P.P. 393 AG RR Sigillata da Angelo Bazzoni

FDC 1.500

298


1703

1703 Rupia 1910 Prova sabbiata, Mezza rupia 1910 Prova, Quarto di rupia 1910 Prova – Nomisma P73; P. 74, P. 76 AG RRR Lotto di tre monete tutte di prova in conservazione eccezionale FDC 5.000

1704

1705

1704 Mezza rupia 1912 – Nomisma 1423 AG R

1706

qFDC 200

1705 4 Bese 1924 – Nomisma 1434 CU Zone di rame rosso 1706 2 Bese 1913 – Nomisma 1437 CU RR Sigillato FDC da Angelo Bazzoni 299

SPL+/qFDC 800 FDC 700


1708

1707

1707 Somalia – 10 e 5 Lire 1925 – Nomisma 1445, 1446 AG R Lotto di due monete 1708 Albania - Mezzo lek 1939 Prova – Nomisma P. 89 AC RRRR

qFDC/FDC 1.500 FDC 1.800

1709

1709 Umberto II (1946) Medaglia (100 Lire) – AU (g 31,78) RR

FDC 2.500

MEDAGLIE DEI SAVOIA

1710

1710 Medaglia 1876 Ministero d’istruzione pubblica / Benemeriti della educazione popolare – AG (g 75,37 – Ø 55 mm) FDC 300 300


1711

1713

1714

1712

1711 Medaglia 1862 Apertura Corte dei Conti – Opus: Ferrari – AG (g 102 – Ø 55 mm) Minimi colpetti al bordo qFDC 300 1712 Medaglia 1871 Roma capitale – Opus: Moscetti - AG (g 160 – Ø 75 mm) RR Molto rara in argento FDC 700 1713 Medaglia 1871 Esposizione Internazionale d’Industrie Marittime in Napoli – Opus: Anaud - AG (g 32,89 – Ø 42 mm) RRR Una splendida e rarissima medaglia FDC 500 1714 Medaglia Ministero d’agricoltura industria e commercio – Opus: Ferraris - AG (g 93,77 – Ø 55 mm) Macchie al D/ SPL 600 301


1715

50%

1715 Medaglia 1878 Morte di Vittorio Emanuele II e giuramento di Umberto I – Opus: Speranza - AG (g 138 + 144 – Ø 67 mm) Lotto di due medaglie in argento in astuccio d’epoca (senza fregi o stemmi). Uno splendido insieme in conservazione eccezionale FDC 1.000

1716

1716 Medaglia 1886 al Merito Industriale – Opus: Speranza - AU (g 43,00 – Ø 41 mm) Insignificanti graffietti da contatto FDC 1.800 302


1717

1717 Medaglia 1891 Premio – Opus: Speranza – AG (g 80,44 – Ø 55 mm) Graffio al bordo

SPL+ 300

1718

1718 Medaglia 1891 Esposizione Enologica di Asti – Opus: Speranza AU (g 64,42 – Ø 46 mm) RRR In astuccio di velluto viola con lo stemma reale dorato. Graffietti al bordo FDC 4.000

1719

1719 Medaglia Premio del Ministero della Pubblica Istruzione – Opus: Speranza - AU (g 69,72 – Ø 47 mm) Con scritta dedicatoria nel campo del R/. Minimi graffietti da contatto ed un colpo sul bordo FDC 3.000 303


1720

1720 Medaglia con al rovescio la scritta bulinata a mano: Dono di S. M. il Re – Opus: Speranza – AG (g 76,99 – Ø 55 mm) Colpetti al bordo, graffietti al D/ SPL+ 350

MEDAGLIE DELLA CRI E DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

1721

1722

1723

1721 Medaglia (50 Lire) 1915 IV emissione (n. 203) – Cavazzoni 5 AU RR Sigillato qFDC da Angelo Bazzoni qFDC 3.000 1722 Medaglia (50 Lire) 1915 II emissione (n. 220) – Cavazzoni 5 AU (g 15,14) RR Graffietto al D/

SPL 2.500

1723 Medaglia 1918 – Cavazzoni 17 AU (g 15,94) RRR Numerato 221

FDC 12.000

304


1724

1725

75%

1726

60%

85%

75%

1724 Medaglia premio della fondazione Carnegie per atti di eroismo – Opus: Croce Lancelot - AE (g 83,39 – Ø 59 mm) In astuccio originale con scritta, sulla medaglia il simbolo Z coronata della Regia Zecca di Roma FDC 300 1725 Medaglia 1908 Terremoto Calabro-Siculo – AG (g 15,66 – Ø 31 mm + g 2,70 – Ø 17 mm) RRR Lotto di due medaglie complete di nastrino e in astuccio (abrasioni sulla parte superiore). Nel lotto una cartolina d’epoca non viaggiata con la descrizione e l’illustrazione della medaglia. FDC 400 1726 Medaglia ai benemeriti – AE (g 146 – Ø 68 mm + g 6,61 – Ø 23 mm) Lotto di due medaglie complete di dedica, la più piccola con appiccagnolo originale e nastrino FDC 300 305


1727

75%

1727 Placca della Società Anonima “Sanitaria” 1918 – MD (g 142 – 79 x 63 mm) In astuccio originale senza scritta, colpetto al bordo FDC 200

REPUBBLICA ITALIANA

1728

1728 10 Lire 1946 – Nomisma 260 IT R In slab PCGS MS65 cod. 338686.65/36035812

FDC 400

1729

1729 10, 5, 2 e Lira 1947 – IT RRR Lotto di quattro monete, tutte sigillate da Clelio Varesi nella conservazione SPL/ FDC SPL-FDC 5.000 306


1730

1730 10, 5, 2 e Lira 1947 – IT RRR Lotto di quattro monete ex Bolaffi, novembre 2018, lotto 1291, con certificato (realizzo di 3.600 euro più diritti): il 10 lire BB pesantemente lucidato anche sul bordo, 5 lire con minimi segnetti sulla guancia al D/ ma FDC, il 2 lire SPL ma spazzolato, la lira FDC ma con minime striature da pulitura al D/ BB-FDC 4.000

1731

1731 500 Lire 1957 Prova AG RRR Esemplare eccezionale con i fondi praticamente a specchio. Sigillato FDC da Angelo Bazzoni FDC 10.000

1732

1732 500 Lire 1965 Dante Prova – AG In slab PCGS SP65 “Varesi-89p Prova 593269.65/33221372 307

FDC 2.000


1733

1733 500 Lire 1974 Marconi con la scritta sul bordo REBUBALIANA BLICA IT – AG RRRRR

1734

1735

FDC 3.500

1736

1734 50 Lire 1950 Prova in italma – P.P. 712 IT RRR Sigillato SPL/FDC da Angelo Bazzoni con la descrizione “Prova italma” FDC 2.000 1735 50 Lire 1954 Prova – AC In slab PCGS SP65 Prova cod. 528813.65/29823308

FDC 2.500

1736 20 Lire 1968 Prova – BR RR In slab PCGS SP64 Prova cod. 376812.64/29823309

FDC

500

1737

1737 Prova tecnica di moneta di nichel da 100 lire 1950, bordo zigrinato – Luppino PP573; P.P. 688 NI (g 10,00 – Ø 28 mm) RRRRR Luppino per questa prova tecnica riporta soltanto un passaggio nell’asta Montenapoleone 10, 1990. Il modello del D/ è opera dello scultore Giuseppe Romagnoli mentre l’incisione è opera di Pietro Giampaoli, capo incisore della Zecca. FDC 15.000 308


1738

1738 Prova tecnica di moneta di nichel da 50 lire 1950, bordo zigrinato – Luppino PP597; P.P. 705 NI (g 6,21 – Ø 25 mm) RRRRR Insignificanti graffietti dovuti al metallo utilizzato per questa prova tecnica. Luppino per questa prova tecnica riporta soltanto un passaggio nell’asta Montenapoleone 10, 1990. Firmata da Romagnoli. FDC 15.000

1740

1739

1739 Prova tecnica di coniazione bordo alternato zigrinato e liscio – AC bimetallico (g 8,61 – Ø 26 mm) RRRR FDC 1.000 1740 Prova tecnica di coniazione bordo liscio – cfr. Luppino VIII, PP561 - AC / BR bimetallico (g 7,15 – Ø 26 mm) RRRR FDC 1.000

1742

1741

1741 Progetto (?) o medaglia 1979 Bordo zigrinato – AC (g 6,21 – Ø 24 mm) RRRR

FDC 1.000

1742 Progetto (?) o medaglia Bordo liscio – cfr. Luppino VIII, PP640 per il solo D/ - AC (g 4,50 – Ø 21 mm) RRRR qFDC 200

309


1744

1743

1745

1743 Progetto (?) o medaglia Bordo liscio – cfr. Luppino VIII, PP640 per il solo D/ AC (g 3,06 – Ø 18 mm) RRRR qFDC 200 1744 Progetto (?) o medaglia Bordo liscio – BR (g 3,14 – Ø 16 mm) RRRR

qFDC 150

1745 Progetto (?) o medaglia Bordo liscio – IT (?) (g 0,88 – Ø 17 mm) RRRR

qFDC 150

1746

1746 Monetazione in euro – Centesimo 2002 coniato su tondello del 2 centesimi – Acciaio e Rame (g 3,04) RR FDC 1.200

1747

1748

1747 Medaglie di Giampaoli - John Ford Medaglia 1972 – Opus: Giampaoli NI (g 4,93 – Ø 21 mm) RRR FDC 400 1748 John Wallace Medaglia 1978 – Opus: Giampaoli NI (g 10,31 – Ø 30 mm) RRR

FDC 500

1749

1749 Medaglia d’onore per lunga navigazione compiuta – AU (g 29,79 marcato 917 – Ø 35 mm)

310

FDC

1.500


CONDIZIONI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI La Nomisma S.p.a. (di seguito “Nomisma”) effettua vendite all’asta di beni sulla base esclusivamente delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito le “Condizioni Generali”). Eventuali condizioni generali applicate dai clienti non saranno pertanto applicabili e rimarranno infficaci. La Vendita all’asta dei beni raggruppati in lotti è effettuata in locali aperti al pubblico. Le vendite si effettuano al maggiore offerente e si intendono per “contanti”. Nomisma agisce in qualità di mandataria in nome proprio e per conto dei proprietari dei beni posti in vendita. La vendita deve considerarsi avvenuta tra il venditore e l’acquirente. Ne consegue che Nomisma non assume nei confronti degli acquirenti o di terzi in genere altre responsabilità all’infuori di quelle derivanti dalla propria qualità di mandataria. Ogni responsabilità continua a gravare in capo ai venditori dei beni. L’Aggiudicazione del Direttore della vendita (o il Banditore) determina la conclusione del contratto di vendita tra il venditore e l’acquirente. 1. LOTTI POSTI IN VENDITA - STATO DI CONSERVAZIONE I lotti sono venduti nelle condizioni in cui si trovano (“as is”). Le descrizioni e le illustrazioni contenute nei cataloghi, nel sito web o in qualsiasi altro materiale illustrativo, sono puramente indicative e non potranno generare andamenti di alcun tipo negli aggiudicatari. Previo appuntamento sarà possibile visionare i lotti nei giorni antecedenti all’asta e così fino all’inizio della medesima con lo scopo di esaminare l’autenticità, l’attribuzione, lo stato di conservazione, la provenienza, il tipo e la qualità e gli eventuali difetti degli oggetti posti in vendita e chiarire eventuali difformità rispetto a quanto indicato nel catalogo. L’interessato all’acquisto di un lotto riconosce con l’iscrizione e/o la partecipazione all’asta di aver avuto la possibilità di esaminarlo approfonditamente, eventualmente con la consulenza di un suo esperto di fiducia, per accertarne tutte le caratteristiche. Nomisma non garantisce in alcun modo i contenuti di perizie su monete effettuate da soggetti o enti terzi; tali contenuti saranno puramente indicativi. Dopo l’aggiudicazione non sono ammesse contestazioni al riguardo di contenuti di perizie su monete effettuate da soggetti o enti terzi. I lotti posti in vendita sono da considerarsi come beni usati d’antiquariato e come tali non qualificabili come “prodotto” secondo la definizione di cui all’art. 3 lett. e) del D.Lgs. 6.09.2005 n. 206 (Codice del consumo), qui richiamato a solo scopo indicativo ma non cogente. 2. RECLAMI Nomisma prenderà in considerazione reclami solo in merito a contestazioni sulla autenticità dei lotti, sulla esistenza di gravi vizi o difetti occulti e/o sulla non conformità fra i lotti acquistati e quelli descritti in catalogo d’asta e disponibili per visione prima dell’asta. A tale riguardo, non verrà considerato difetto di conformità quello di cui l’acquirente avrebbe dovuto essere a conoscenza al momento dell’acquisto avendo avuto l’opportunità di visionare il lotto sul catalogo o durante l’esposizione che precede la vendita (i.e. il difetto che non poteva ignorare facendo uso dell’ordinaria diligenza). Eventuali reclami dovranno essere comunicati a mezzo lettera raccomandata A.R. entro 20 (venti) giorni di calendario dall’asta e comunque prima che Nomisma spa abbia effettuato il pagamento al conferente. In caso di contestazione, presentata e convalidata entro quanto prescritto, ogni obbligo o responsabilità sarà limitato al solo rimborso al compratore della somma da lui effettivamente pagata, esclusa ogni altra pretesa. Non verranno accettati in alcun caso reclami: • per vizi o difetti espressamente citati in catalogo o facilmente riscontrabili dalla fotografia del lotto o dalla visione prima dell’asta; • inerenti a lotti multipli quali collezioni o accumulazioni di qualsiasi tipo; • inerenti a lotti esplicitamente richiamati in catalogo d’asta con la clausola “da esaminare”; • inerenti allo stato di conservazione dei lotti essendo la valutazione di tale elemento del tutto soggettiva ed essendo la vendita soggetta alla clausola “come visto e piaciuto”; • per vizi o difetti imputabili a condotta dell’acquirente successiva alla consegna del lotto. • trascorsi 20 giorni dalla data di svolgimento dell’asta. Nomisma darà un riscontro scritto ai reclami entro 60 giorni dalla ricezione degli stessi. Nomisma accetterà i reclami solo nel caso in cui a giudizio di due periti indipendenti nominati da ciascuna parte il lotto risultasse non autentico, affetto da gravi vizi o difetti occulti e/o per nulla conforme a quanto descritto in catalogo d’asta. In tal caso sarà dovuta all’acquirente solo la restituzione delle somme corrisposte per l’acquisto e la consegna del lotto essendo espressamente escluso ogni risarcimento o rimborso. 3. LIMITAZIONE DI RESPONSABILITÀ Nomisma non si assume alcuna responsabilità in relazione a qualsiasi danno che possa derivare all’acquirente, il quale si assume ogni rischio in relazione a qualsiasi danno potesse derivare da, o essere relativo ai, beni acquistati. 4. PARTECIPAZIONE ALL’ASTA Per la partecipazione all’asta in sala, i soggetti che intendono concorrere all’aggiudicazione di qualsivoglia lotto, dovranno richiedere al personale di Nomisma l’apposito “numero identificativo” e comunicare le proprie generalità e la residenza anagrafica, con esibizione e copia del documento di identità e codice fiscale. Nomisma si riserva il diritto di richiedere ai partecipanti all’asta informazioni sulle generalità e sulle referenze bancarie, nonché il diritto, anche e non solo a seguito di dette verifiche, di vietare a partecipanti non desiderati l’ingresso in sala. Qualora il partecipante agisca in nome e per conto di un’altra persona fisica o giuridica, dovrà essere esibita idonea procura verificabile prima dello svolgimento dell’asta. Per la partecipazione all’asta “on line” e/o “E-live” (in entrambe i casi anche per corrispondenza o telefonica) il partecipante dovrà sottoscrivere e far pervenire a Nomisma l’apposito modulo entro l’ora di inizio dell’asta di riferimento, accettando così di prendervi parte e impegnandosi a corrispondere il prezzo realizzato qualora gli sia aggiudicato il bene. In ogni caso Nomisma non sarà tenuta responsabile della mancata partecipazione qualora detto modulo non pervenisse in tempo utile, ovvero non fosse adeguatamente compilato. Il partecipante si impegna inoltre a controllare, al termine dell’asta, se le sue offerte sono andate a buon fine manlevando Nomisma da ogni responsabilità in tal senso. Le contestazioni dovute a negligenza, poca chiarezza o errore nella compilazione di offerte scritte per corrispondenza non saranno accettate. Nomisma declina ogni responsabilità nei confronti di chi partecipa all’asta nel caso di mancata esecuzione della partecipazione dovuta a eventuali disguidi che possono occorrere durante o precedentemente il collegamento telefonico e/o internet. Per partecipare all’asta on line è necessario iscriversi sul sito www.nomismaweb.com; la partecipazione potrà avvenire esclusivamente on line tramite l’accesso a detto sito web di Nomisma e l’aggiudicazione avverrà al miglior offerente. I lotti, preventivamente visionabili sul sito di Nomisma e sul relativo Catalogo sono messi in vendita ad una base d’asta (stima) sotto il quale non potranno essere aggiudicati. La possibilità di fare le offerte è limitata ad una durata prestabilita, indicata di volta in volta, durante la quale sarà possibile, in qualsiasi momento, fare un’offerta massima per ogni lotto. A seguito dell’aggiudicazione di un lotto, l’aggiudicatario riceverà le informazioni necessarie per il saldo dei propri acquisti e le modalità di ritiro o consegna dei lotti. Su richiesta ed a carico dell’aggiudicatario, Nomisma potrà organizzare la consegna a domicilio tramite corriere specializzato. Il Partecipante è reso edotto pienamente di come Nomisma sia tenuta a rispettare la normativa antiriciclaggio nazionale di San Marino (L. n. 82 del 17 Giugno 2008), unitamente alle sue successive modificazioni ed integrazioni, e pertanto accetta incondizionatamente che in base a detta normativa gli sia richiesta la cosiddetta “Adeguata Verifica”, oltre alla consegna di documenti ed informazioni all’aggiudicatario; il Partecipante con la sottoscrizione ed accettazione delle presenti Condizioni si impegna anche a fare tutto quanto necessario acché Nomisma esplichi tale attività conscio del fatto che, anche dopo l’aggiudicazione ed il pagamento del prezzo, Nomisma avrà diritto a non rilasciare i beni se la “Adeguata Verifica” non sarà stata completata ex lege. Nello specifico, la “Adeguata Verifica” consiste letteralmente in quanto segue: identificazione del cliente e verifica della sua identità sulla base di documenti, dati o informazioni ottenuti da una fonte affidabile e indipendente; identificazione del titolare effettivo e adozione di misure ragionevoli per verificarne l’identità, utilizzando informazioni e dati ottenuti da fonti affidabili, in modo che il soggetto designato sia certo dell’identità del titolare effettivo; comprensione e acquisizione di informazioni sullo scopo e sulla natura prevista del rapporto d’affari o della prestazione professionale. In presenza di un livello di rischio di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo alto, l’attività di comprensione ed acquisizione di informazioni sullo scopo e sulla natura prevista si applica anche alle operazioni occasionali, diverse dalla prestazione professionale; svolgere un controllo costante del rapporto d’affari, anche esercitando una verifica sulle operazioni concluse in costanza di tale rapporto, in modo da assicurare che esse siano coerenti con la conoscenza che il soggetto designato ha del cliente, della sua attività economica e del suo profilo di rischio, anche riguardo, se necessario, all’origine dei fondi, e assicurarsi che siano tenuti aggiornati i documenti, i dati o le informazioni detenute. In presenza di un rischio di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo elevato, il soggetto designato deve svolgere, con aumentata frequenza, una revisione dei documenti, dei dati e delle informazioni precedentemente ottenute e, se necessario, avviare ulteriori approfondimenti sull’operatività del cliente. Le aste di Nomisma non sono soggette al Diritto di recesso essendo precedute dall’esposizione dei lotti che sono visionabili prima di effettuare le offerte, presso la sede di San Marino. Per la partecipazione alle aste, in qualsiasi delle modalità sopra indicate, Nomisma si riserva a propria discrezione il diritto di chiedere al partecipante, che con l’iscrizione accetta incondizionatamente, il rilascio di idonee garanzie per permettere al partecipante stesso di poter formulare offerte al fine dell’aggiudicazione di un bene oggetto dell’incanto. Si riserva inoltre di rifiutare le offerte di acquirenti non conosciuti o non graditi, a meno che venga lasciato un deposito ad intera copertura del prezzo dei lotti desiderati o fornita altra adeguata garanzia. Il soggetto che abbia cauzionato l’offerta e che non riuscisse ad aggiudicarsi il/i lotto/i non potrà in alcun caso rivendicare altre somme oltre l’ammontare del deposito medesimo, rinunciando espressamente sin d’ora a qualsiasi azione in tal senso. Per le aste in sala, Nomisma si riserva il diritto di negare a chiunque, a propria discrezione, l’ingresso nei propri locali e la partecipazione all’asta. In seguito al mancato o ritardato pagamento da parte di un acquirente di un lotto a lui aggiudicato, Nomisma potrà rifiutare qualsiasi offerta fatta dallo stesso o da un suo rappresentante nel corso di successive aste. 5. OFFERTE Nomisma ha facoltà di ritirare dall’asta qualsiasi bene posto in vendita ed ha, inoltre, facoltà, a suo insindacabile giudizio, di abbinare o separare i lotti e di variarne l’ordine di vendita, purché i lotti non vengano posti in asta anteriormente alla data prevista. Il Banditore ha facoltà di accettare sia le offerte del pubblico presente sia quelle di persone non presenti, ovvero telefoniche, per corrispondenza o online, purché comunicate anteriormente all’asta nelle forme stabilite per l’asta stessa e rinvenibili sul relativo regolamento, come sopra disciplinato. La base d’Asta è la stima indicata per ciascun lotto; non potranno essere in alcun modo accettate offerte inferiori a detta stima. Gli scatti minimi sono regolati dal Banditore della vendita. L’aggiudicazione dei beni è fatta al miglior offerente, con apposita dichiarazione del Banditore che varrà quale accettazione

311


dell’offerta, proposta dal partecipante all’asta. A parità di valore si terrà conto dell’ordine d’arrivo. I concorrenti all’asta per corrispondenza possono informarsi dell’esito delle loro offerte telefonando, a partire da tre giorni lavorativi dopo la chiusura dell’asta, allo 0549/904012. Nomisma spa non si assume alcuna responsabilità nell’informare i clienti dell’esito delle loro offerte. Ove sorga contestazione intorno all’aggiudicazione, il bene disputato, ad insindacabile giudizio del Banditore, potrà essere ritirato dall’asta, oppure rimesso in vendita all’incanto nella stessa seduta, sulla base dell’ultima offerta raccolta. Nomisma si riserva il diritto di rifiutare offerte provenienti da, o riconducibili a, soggetti che in precedenza non abbiano puntualmente onorato obbligazioni pecuniarie, anche a titolo risarcitorio nei confronti di Nomisma stessa. Si premette che i valori di stima indicati nel catalogo sono espressi in euro e costituiscono una mera indicazione. 6. DIRITTI D’ASTA Al prezzo di aggiudicazione, che avverrà alla terza chiamata, sono da aggiungere i diritti di asta in misura pari al 18,54% (diciottovirgolacinquantaquattro percento). Qualunque ulteriore onere o tributo relativo all’acquisto sarà comunque a carico dell’aggiudicatario. 7. CONSEGNA DEI LOTTI AGGIUDICATI E PAGAMENTO Fermo ed impregiudicato quanto previsto all’Art. 4 sull’”Adeguata Verifica”, i lotti aggiudicati dovranno essere inderogabilmente pagati e ritirati dall’acquirente entro e non oltre 24 ore dall’aggiudicazione, termine essenziale ad ogni effetto di Legge. Il ritiro dovrà avvenire presso la sede di Nomisma a cura e spese dell’aggiudicatario. Nomisma sarà obbligata a consegnare i beni aggiudicati esclusivamente a seguito del buon fine del pagamento dell’intero importo a cui è stato aggiudicato il lotto da parte del Banditore e dei diritti d’asta. A propria discrezione Nomisma potrà chiedere all’acquirente il versamento di un acconto per perfezionare l’aggiudicazione, il medesimo giorno dell’asta. Dall’aggiudicazione al ritiro i beni saranno in giacenza a rischio esclusivo dell’acquirente. Il pagamento potrà essere effettuato in contanti, purché non sia pari o superi l’importo previsto dalla normativa vigente, per assegno circolare intestato a Nomisma S.p.a., per bonifico bancario al conto corrente bancario che sarà comunicato al momento dell’aggiudicazione. In quest’ultimo caso il pagamento sarà considerato valido e il lotto sarà consegnato solo con il buon fine ed una volta che l’importo sarà irrevocabilmente accreditato sul conto corrente bancario di Nomisma. Le spedizioni per posta dei beni aggiudicati verranno evase solo dopo pagamento anticipato; la merce viaggerà a spese, rischio e pericolo del committente. Per le fatture non pagate entro 30 giorni saranno addebitati gli interessi in ragione del tasso legale maggiorato del 7% annuo. L’acquirente è tenuto ad osservare le eventuali leggi doganali sostenendone i relativi costi, comprese le spese postali che di seguito, salvo diversa comunicazione scritta da parte di Nomisma, si vanno ad elencare per ciascun invio: • fino ad euro 250,00 spese postali euro 13,00; • fino a euro 500,00 spese postali euro 16,00; • fino a euro 1.000,00 spese postali euro 21,00; • sopra euro 1.000,00 e fino ad € 3.000,00 spese postali euro 26,00; • per importi superiori le spese saranno calcolate in base al tipo di spedizione. Queste tariffe sono forfettarie. Per i contrassegni si dovranno aggiungere euro 2,00 per ciascun invio. Nomisma curerà nel miglior modo possibile la spedizione dei lotti aggiudicati rimanendone comunque sempre il rischio a carico dei committenti i quali dovranno fornire precise istruzioni per la spedizione stessa tenendo presente che San Marino non è Paese UE e considerando quindi tutte le vigenti normative doganali e postali. A mero titolo esemplificativo si evidenzia che non è possibile spedire per assicurata postale nei seguenti Paesi, tra gli altri: Gran Bretagna, Germania, Albania, Canada, USA e Paesi arabi in genere. Per Gran Bretagna, Germania, Canada, USA, Nomisma provvederà a stipulare un’assicurazione privata senza tuttavia alcun impegno o responsabilità. Non è possibile in ogni caso spedire con assicurazione anche per corriere nei Paesi arabi in genere. In caso di emissione di documento doganale T2, i committenti sono tenuti al versamento dei diritti doganali d’importazione a titolo di cauzione; tale somma verrà restituita alla chiusura del detto documento doganale. I committenti sono pregati di informarsi preventivamente su queste disposizioni doganali e postali prima dell’ordine d’acquisto. Si precisa doverosamente che FEDEX e DHL non ritirano monete in Italia né a San Marino. Nel caso l’acquirente non si presenti per il ritiro dei lotti nei termini sopra stabiliti e non provveda al pagamento dell’intero ammontare dovuto entro il termine essenziale ad ogni effetto di Legge previsto dalle presenti Condizioni Generali ovvero nel caso si presenti ma non paghi, in tutto o in parte, l’ammontare totale dovuto entro i termini previsti dalle presenti Condizioni Generali, Nomisma avrà diritto, a propria discrezione, fatti salvi gli eventuali ulteriori diritti e rimedi di legge di: (i) risolvere, in nome e per conto del venditore, il contratto di compravendita, restando inteso che in tale caso Nomisma potrà chiedere all’aggiudicatario il risarcimento, a proprio favore e/o a favore del conferente, di tutti i danni verificatisi, costituiti, in particolare e a titolo esemplificativo, dal minor prezzo realizzato in una successiva vendita, dai diritti, dalle spese, dagli oneri, anche legali, sopportati, avendo anche il diritto di trattenere a titolo di danno eventuali acconti ricevuti sul prezzo, ecc.; ovvero (ii) agire in via giudiziale in qualità di mandatario all’incasso del venditore per ottenere l’esecuzione coattiva dell’obbligo d’acquisto e il pagamento del prezzo di acquisto, oltre interessi, spese, oneri, e le spese legali necessarie per ottenere l’adempimento del contratto di compravendita. In caso di risoluzione del contratto, Nomisma, a propria discrezione potrà decidere se restituire il bene al mandante, esigendo a titolo di penale da parte dell’aggiudicatario anche l’importo corrispondente al mancato pagamento delle commissioni perdute, ovvero vendere il lotto tramite trattativa privata o in aste successive per conto ed a spese dell’aggiudicatario, salvo in ogni caso il diritto al risarcimento dei danni. Decorso il termine di cui al primo comma del presente articolo Nomisma resterà responsabile della custodia del/i lotto/i aggiudicato/i nei confronti dell’aggiudicatario solo ed esclusivamente sino al passaggio di proprietà e/o consegna al vettore, all’acquirente o a suo delegato debitamente autorizzato, fermo restando la sua facoltà di poter richiedere eventuali costi sostenuti per la custodia oltre il termine suddetto. Qualunque rischio per perdita o danni al bene aggiudicato si trasferirà all’acquirente dal momento del passaggio di proprietà e/o consegna al vettore, all’acquirente o a suo delegato. L’acquirente potrà ottenere la consegna dei beni acquistati solamente previa corresponsione a Nomisma del prezzo e di ogni altra commissione, costo o rimborso inerente. 8. VENDITA CON RISERVA DELLA PROPRIETÀ I lotti sono venduti con riserva della proprietà e pertanto la proprietà degli stessi si trasferirà in capo all’acquirente solo al momento dell’integrale pagamento del prezzo dovuto per la vendita e dei diritti d’asta. Il rischio di perimento o di danneggiamento dei lotti si trasferirà all’acquirente al momento della consegna dei lotti stessi. L’obbligo di consegna dei lotti venduti è in ogni caso subordinato al previo integrale pagamento da parte dell’acquirente del prezzo dovuto e di tutti i diritti d’asta. 9. FORO COMPETENTE Le presenti Condizioni di Vendita, regolate dalla legge Sammarinese e con espressa esclusione delle norme di diritto internazionale privato, sono accettate tacitamente da tutti i soggetti partecipanti alla procedura di vendita all’asta e restano a disposizione di chiunque ne faccia richiesta. Per qualsiasi controversia relativa all’attività di vendita all’asta presso Nomisma è stabilita la competenza esclusiva del Tribunale di San Marino con esclusione espressa di qualsiasi Foro alternativo. 10. PRIVACY Nomisma, nella sua qualità di titolare del trattamento, informa che i dati forniti verranno utilizzati, con mezzi cartacei ed elettronici, per poter dare piena ed integrale esecuzione ai contratti di compravendita stipulati dalla stessa società, nonché per il perseguimento di ogni altro servizio inerente l’oggetto sociale di Nomisma S.p.a.. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma si rende strettamente necessario per la partecipazione alle aste ed all’esecuzione dei contratti conclusi. La registrazione alle aste consente a Nomisma di inviare i cataloghi delle aste successive ed altro materiale informativo relativo all’attività della stessa. A proprio insindacabile giudizio Nomisma si riserva di registrare in qualsiasi forma la seduta dell’asta nonché registrare i collegamenti telefonici. 11. COMUNICAZIONI Qualsiasi comunicazione inerente alla vendita dovrà essere effettuata mediante lettera raccomandata A.R. indirizzata a: Nomisma S.p.a., Strada Bulumina, 6, 47899 Serravalle, San Marino 12. ESCLUSIONE DI RESPONSABILITÀ IN RELAZIONE ALLE CONDIZIONI DI VENDITA CONTENUTE NEI CATALOGHI Le Condizioni di Vendita, le informazioni e i testi dei cataloghi in lingua diversa rispetto alla lingua italiana rappresentano soltanto traduzioni ausiliari senza effetto vincolante. Nomisma non si assume alcuna responsabilità in relazione alla correttezza di tali traduzioni. Il testo in lingua Italiana delle presenti Condizioni Generali sarà l’unico a produrre effetti tra le Parti e potrà essere utilizzato prevalendo su qualsiasi traduzione; la traduzione/versione in inglese è una semplice comodità degli interessati. 13. VARIE I diritti d’autore attinenti a tutte le immagini, illustrazioni e documenti scritti, realizzati da o per Nomisma Spa, relativi a un lotto o a un contenuto specifico del catalogo, sono e rimarranno di proprietà di Nomisma Spa. Tali contenuti non potranno pertanto essere utilizzati dall’acquirente e/o da terzi senza il previo consenso scritto di Nomisma Spa. Qualora una o più clausole delle presenti Condizioni Generali dovessero essere o diventare inefficaci o invalide per qualsivoglia motivo, tale ineffcacia o invalidità non inficerà l’efficacia giuridica delle restanti disposizioni. Le disposizioni inefficaci o invalide verranno sostituite da disposizioni idonee a salvaguardare il più possibile la ratio della disposizione invalida. La partecipazione all’Asta implica l’integrale accettazione delle presenti condizioni di vendita. Qualsiasi modifica o integrazione delle presenti condizioni generali di vendita sarà invalida se non effettuata per iscritto. 15. VESSATORIE L’offerente dichiara di aver letto, compreso e di approvare espressamente le su estese Condizioni Generali ed in particolare quelle dei seguenti articoli: 1, 2, 3, 4, 5, 7, 8, 9, 10, 12, 13 e 14.

312


CONDITIONS OF SALE Nomisma S.p.a. (hereinafter "Nomisma") carries out auction sales of goods based exclusively on these general conditions of sale (hereinafter the "General Conditions"). Any general conditions applied by customers will therefore not be applicable and will remain ineffective. The auction sale of goods grouped into lots is carried out in places open to the public. Sales are made to the highest bidder and are intended for "cash". Nomisma acts as an agent with its own name on behalf of the owners of the goods offered for sale. The sale must be considered to have taken place between the owner and the buyer. It follows that Nomisma does not assume any responsibility towards buyers or third parties in general other than those deriving from its role as agent. All responsibility continues to be borne by the owners of the goods. The Award of the Sales Manager (or the Auctioneer) determines the conclusion of the sales contract between the owner and the buyer. 1. LOTS FOR SALE - STATE OF PRESERVATION The lots are sold in the conditions in which they are found ("as is"). The descriptions and illustrations contained in the catalogs, on the website or in any other illustrative material are purely indicative and will not generate any kind of damage to the successful bidders. By appointment, it will be possible to view the lots in the days prior to the auction and thus until the beginning of the same with the aim of examining the authenticity, attribution, state of conservation, origin, type and quality and any defects of the items offered for sale and clarify any compliance with respect to what is indicated in the catalog. By registering and / or participating in the auction, those interested in purchasing a lot acknowledge that they have had the opportunity to examine it in depth, eventually with the advice of a trusted expert, to ascertain all its characteristics. Nomisma does not guarantee in any way the contents of technical expertise on coins carried out by third parties or entities; such contents will be purely indicative. After the award, no disputes are allowed regarding the contents of appraisals on coins carried out by third parties or entities. Lots offered for sale are to be considered as used antiques and as such not qualifiable as a "product" according to the definition set out in art. 3 lett. e) of the italian D.Lgs 6.09.2005 n. 206 (Consumer Code), referred to here for indicative purposes only but not binding. 2. COMPLAINTS Nomisma will consider complaints only regarding disputes on the authenticity of the lots, on the existence of serious defects or hidden defects and / or on the non-conformity between the purchased lots and those described in the auction catalog and available for viewing before the auction. In this regard, it will not be considered a lack of conformity that of which the buyer should have been aware at the time of purchase having had the opportunity to view the lot in the catalog or during the exhibition preceding the sale (ie the defect which he could not ignore using ordinary diligence). Any complaints must be communicated by registered letter with return receipt within 20 (twenty) calendar days from the auction and in any case before Nomisma spa has made the payment to the transferor. In the event of a dispute, submitted and validated within the prescribed period, any obligation or liability will be limited to reimbursement to the buyer of the sum actually paid by him, excluding any other claim. Complaints will not be accepted under any circumstances: (a) for flaws or defects expressly mentioned in the catalog or easily detectable by the photograph of the lot or by viewing before the auction; (b) relating to multiple lots such as collections or accumulations of any kind; (c) relating to lots explicitly referred to in the auction catalog with the clause "to be examined"; (d) inherent to the state of conservation of the lots being the evaluation of the conservation entirely subjective and the sale being subject to the clause "as seen and liked"; (e) for flaws or defects attributable to the conduct of the buyer following the delivery of the lot. (f) after 20 days from the auction date. Nomisma will give written feedback to complaints within 60 days from the receipt. Nomisma will accept complaints only in the event that, in the opinion of two independent experts appointed by each party, the lot is found to be inauthentic, affected by serious defects or hidden defects and / or not at all compliant with what is described in the auction catalog. In this case, only the refund of the sums paid for the purchase and delivery of the lot will be due to the buyer, any compensation or refund being expressly excluded. 3. LIMITATION OF LIABILITY Nomisma assumes no responsibility in relation to any damage that may arise to the buyer, who assumes all risk in relation to any damage that may arise from, or be related to, the purchased goods. 4. PARTICIPATION IN THE AUCTION To participate the auction in the room, subjects who intend to compete for the award of any lot, must ask for the appropriate "identification number" from Nomisma personnel and communicate their personal details and registered residence, with exhibition and copy of the document of identity and tax code. Nomisma reserves the right to request from the participants in the auction information on general information and bank references, as well as the right, also and not only following these checks, to prohibit unwanted participants from entering the room. If the participant acts in the name and on behalf of another person or entity, a suitable verifiable power of attorney must be presented before the auction is held. To participate in the "online" and / or "E-live" auction (in both cases also by correspondence or telephone), the participant must sign and send the appropriate form to Nomisma within the starting time of the reference auction, thus accepting to take part in it and undertaking to pay the realized price if the asset is awarded. In any case Nomisma will not be held responsible for non-participation if this form is not received in due time, or if it is not properly filled in. The participant also agrees to check, at the end of the auction, if his offers have been successful, relieving Nomisma of any responsibility in this regard. Complaints due to negligence, lack of clarity or error in the compilation of written offers by correspondence will not be accepted. Nomisma disclaims any responsibility towards those who participate in the auction in the event of non-execution of the participation due to any misunderstandings that may occur during or before the telephone and / or internet connection. To participate in the online auction, you must register on the website www.nomismaweb.com; participation can only be made online by accessing the Nomisma website and the award will be made to the highest bidder. The lots, which can be viewed in advance on the Nomisma website and in the related Catalog, are offered for sale at an auction base (estimate) under which they cannot be awarded. The possibility of making bids is limited to a predetermined duration, indicated from time to time, during which it will be possible, at any time, to make a maximum bid for each lot. Following the award of a lot, the successful bidder will receive the informations necessary for the balance of their purchases and the methods of collection or delivery of the lots. Upon request and at the expense of the successful bidder, Nomisma can arrange home delivery by specialized courier. The Participant/customer is made fully aware of how Nomisma is required to comply with the national anti-money laundering legislation of San Marino (Law no.82 of June 17, 2008), together with its subsequent amendments and additions, and therefore unconditionally accepts that upon the said legislation the so-called "Adequate Verification" (Adeguata Verifica) is requested, in addition to the delivery of documents and information to the successful bidder; by signing and accepting these Conditions, the Participant also undertakes to do everything necessary so that Nomisma carries out this activity aware of the fact that, even after the award and payment of the price, Nomisma will have the right not to release the goods if the "Adequate Verification ” will not have been completed as required by the law. In particular, the "Adequate Verification" literally consists of the following: • identification of the Participant/customer and verification of his identity on the basis of documents, data or information obtained from a reliable and independent source; • identification of the beneficial owner and adoption of reasonable measures to verify his identity, by using information and data from reliable sources, so that the designated person is certain of the identity of the beneficial owner; • understanding and acquiring information on the purpose and intended nature of the business relationship or professional service. In any case of a high level of money laundering and terrorist financing risk, the activity of understanding and acquiring information on the intended purpose and nature should also be applied to occasional transactions, other than professional service; • exercise a constant control of the business relationship, also by carrying out a check on the transactions concluded during this relationship, in order to ensure that they are consistent with the knowledge that the designated subject has of the customer, of his economic activity and his profile risk, including, if necessary, the origin of the funds, and ensure that the documents, data or information held are kept up to date. In the presence of a high risk of money laundering and terrorist financing, the designated subject must carry out, with increased frequency, a review of the documents, data and information previously obtained and, if necessary, initiate further investigations on the client's operations. Nomisma's auctions are not subject to the right of withdrawal as they are preceded by the display of the lots that can be viewed before bidding, at the San Marino headquarters. For participation in auctions, in any of the aforementioned methods, Nomisma reserves the right at its own discretion to ask the participant, who unconditionally accepts with the registration, the release of suitable guarantees to allow the participant to be able to formulate offers for the purpose the award of an asset subject to the auction. It also reserves the right to refuse offers from unknown or unwelcome buyers, unless a deposit is left to fully cover the price of the desired lots or other adequate guarantee is provided. The person who has secured the offer and who fails to win the lot (s) will in no case be able to claim other sums beyond the amount of the deposit itself, expressly renouncing as of now any action in this regard. For auctions in the hall, Nomisma reserves the right to deny anyone, at its discretion, entry to its premises and participation in the auction. Following the non-payment or delayed payment by a buyer of a lot awarded to him, Nomisma may refuse any offer made by him or by his representative in the course of subsequent auctions. 5. OFFERS Nomisma has the right to withdraw from the auction any goods put up for sale and also has the right, at its sole discretion, to combine or separate the lots and to vary the sale order, provided that the lots are not put up for auction before the expected date. The Auctioneer has the right to accept both offers from the public present and those of people not present, or by telephone, by correspondence or online, provided that they are communicated prior to the auction in the forms established for the auction itself and can be found in the relative regulations, as regulated above. The auction starting price correspond to the estimation indicated for each lot; bids lower than that estimate value cannot be accepted in any way.

313


The minimum raises are regulated by the Auctioneer of the sale. The award of the assets is made at the best bidder, with a specific declaration by the Auctioneer which will be valid as acceptance of the bid, proposed by the participant in the auction. For the same value, the order of arrival will be taken into account. Participants in the mail order auction can inquire about the outcome of their bids by calling 0549/904012, starting three working days after the auction has closed. Nomisma spa assumes no responsibility in informing customers of the outcome of their offers. Where a dispute arises about the award, the disputed property, at the sole discretion of the Auctioneer, may be withdrawn from the auction, or put back up for auction in the same session, on the basis of the last bid collected. Nomisma reserves the right to refuse offers from, or attributable to, subjects who have not previously duly honored pecuniary obligations, including as compensation for Nomisma itself. It should be noted that the estimated values indicated in the catalog are expressed in euros and constitute a simple advice. 6. AUCTION RIGHTS To the hammer price, which will take place on the third call, auction rights are to be added in an amount equal to 18.54% (eighteen point fifty-four). Any further charges or taxes relating to the purchase will in any case be borne by the successful bidder. 7. DELIVERY OF THE AWARDED LOTS AND PAYEMENT The awarded lots must be paid and collected by the buyer no later than 24 hours after the award, an essential deadline for all legal purposes. The collection must take place at the Nomisma headquarters by and at the expense of the successful bidder. Nomisma will be obliged to deliver the awarded assets only after successful payment of the full amount to which the lot was awarded by the buyer plus the auction rights. At its discretion, Nomisma may ask the buyer to pay a deposit to finalize the award, on the same day of the auction. From the award to the withdrawal, the goods will be in storage at the exclusive risk of the buyer. Payment can be made in cash, provided that it is not equal to or exceeds the legal amount provided for by current legislation, by bank draft made out to Nomisma S.p.a., by bank transfer to the bank account that will be communicated at the time of the award. In the latter case, the payment will be considered valid and the lot will be delivered only with successful completion and once the amount is irrevocably credited to Nomisma's bank account. Shipments by Post of the awarded goods will be processed only after advance payment; the goods will travel at the expense, risk and peril of the customer. For invoices not paid within 30 days, interest will be charged at the statutory rate increased by 7% per annum. The buyer is required to observe any customs laws and incur the related costs, including postage which, unless otherwise communicated in writing by Nomisma, are listed below for each shipment: • up to € 250.00, postage costs € 13.00; • up to € 500.00, postage costs € 16.00; • up to € 1,000.00, postage costs € 21.00; • above € 1,000.00 and up to € 3,000.00, postage costs € 26.00; • for higher amounts the costs will be calculated according to the type of shipment. These rates are flat rate. For marks, € 2.00 must be added for each shipment. Nomisma will take care of the shipment of the awarded lots in the best possible way, always remaining the risk borne by the customers who must provide precise instructions for the shipment itself, bearing in mind that San Marino is not an EU country and therefore considering all current customs and postal regulations. By way of example, it should be noted that it is not possible to ship by registered mail to the following countries, among others: Great Britain, Germany, Albania, Canada, USA and Arab countries in general. For Great Britain, Germany, Canada, USA, Nomisma will take out private insurance without any commitment or liability. It is not possible to ship with insurance even by courier in Arab countries in general. In the event of the issuance of a T2 customs document, customers are required to pay import customs duties as a deposit; this sum will be returned when the customs document is closed. Customers are requested to inquire in advance about these customs and postal provisions before placing the purchase order. It is dutifully specified that FEDEX and DHL do not collect coins in Italy or in San Marino. In the event that the buyer does not present himself for the collection/withdrawal of the lots within the terms established above and fails to pay the entire amount due within the essential deadline for all purposes of the law provided for by these General Conditions, or in the event he presents himself but does not pay in whole or in part, the total amount due within the terms set out in these General Conditions, Nomisma will be entitled, at its discretion, without prejudice to any further legal rights and remedies to: (i) terminate, in the name and on behalf of the seller, the sale contract, it being understood that in this case Nomisma may ask the successful bidder for compensation, in its own favor and / or in favor of the assignor, for all damages that have arisen, in particular and by way of example, by the lower price achieved in a subsequent sale, by the rights, expenses, charges, including legal ones, borne, also having the right to withhold as damage any advances received on the price, etc .; or (ii) take legal action as a collection agent for the seller to obtain the compulsory execution of the purchase obligation and the payment of the purchase price, plus interest, expenses, charges, and legal fees necessary to obtain the fulfillment of the sales contract. In the event of termination of the contract, Nomisma, at its own discretion, may decide whether to return the asset to the seller, demanding as a penalty from the successful bidder the amount corresponding to the non-payment of the lost commissions, or to sell the lot through private negotiation. or in subsequent auctions on behalf and at the expense of the successful bidder, except in any case the right to compensation for damages. Once the term referred to in the first paragraph of this article has elapsed, Nomisma will remain responsible for the custody of the awarded lot(s) towards the successful bidder only and exclusively up to the transfer of ownership and / or delivery to the carrier, the buyer or his duly authorized delegate, without prejudice to his right to request any costs incurred for custody after the aforementioned term. Any risk for loss or damage to the awarded lot(s) will be transferred to the buyer from the moment of transfer of ownership and / or delivery to the carrier, the buyer or his delegate. The buyer will be able to obtain the delivery of the purchased goods only upon payment to Nomisma of the price and any other inherent commission, cost or reimbursement. 8. SALE WITH RESERVE OF OWNERSHIP Lots are sold with reserve of ownership and therefore the said ownership will be transferred to the buyer only at the time of full payment of the price due for the sale plus the auction rights. The risk of loss or damage to the lots will be transferred to the buyer upon delivery of the lots. The delivery of the lots sold is in any case subject to the prior full payment by the buyer of the price due and all auction fees. 9. JURISDICTION These General Conditions of Sale, exclusively governed by San Marino law and with the express exclusion of the rules of private international law, are tacitly accepted by all parties participating in the auction sale procedure and remain available to anyone who requests them. For any dispute relating to the auction sales activity at Nomisma, the exclusive jurisdiction of the Court of San Marino is established with the express exclusion of any alternative Court. 10. PRIVACY Nomisma, in its capacity as data controller, informs that the data(s) provided will be used, by paper and electronic means, in order to be able to give full and complete execution to the sales contracts stipulated by the same company, as well as for the pursuit of any other service concerning the purpose of Nomisma Spa. The provision of data is optional, but it is strictly necessary for participation in auctions and for the execution of contracts. Registration for auctions allows Nomisma to send the catalogs of subsequent auctions and other information material relating to its activity. At its sole discretion, Nomisma has the right to record the auction session in any form and has the right to record any telephone connections. 11. COMMUNICATIONS Any communication relating to the sale/auction must be made by registered letter with return receipt. addressed to: Nomisma S.p.a., Strada Bulumina, 6, 47899 Serravalle, San Marino 12. EXCLUSION OF LIABILITY RELATED TO THE TERMS OF SALE CONTAINED IN THE CATALOGS This General Conditions of Sale, informations and the texts of the catalogs in a language other than the Italian language represent only auxiliary translations without a binding effect. Nomisma assumes no responsibility for the accuracy of such translations. The Italian text of these General Conditions will be the only one to produce effects between the Parties and may be used overriding any translation; the translation / version in English is a simple convenience for those concerned. 13. MISCELLANEOUS All copyrights relating to all images, illustrations and written documents, created by or for Nomisma Spa, relating to a specific lot or content of the catalog, are and will remain in the exclusive property of Nomisma Spa. Such contents cannot therefore be used by the buyer and / or any anyone without the prior written consent of Nomisma Spa. Should one or more clauses of these General Conditions be or become ineffective or invalid for any reason, such ineffectiveness or invalidity will not affect the legal effectiveness of the remaining provisions. The ineffective or invalid provisions will be replaced by provisions suitable for safeguarding as much as possible the intent of the invalid provision. Participation in the Auction implies full acceptance of these conditions of sale. Any change or addition to these General Conditions of sale will be invalid if not made in writing. 14. SPECIAL CLAUSES The bidder declares to have read, understood and expressly approve the extended General Conditions and in particular those of the following articles: 1, 2, 3, 4, 5, 7, 8, 9, 10, 12, 13 and 14.

314


SPA & Centro Benessere

Ristorante Primavera

massaggi dal mondo e massaggi di coppia trattamenti estetici viso e corpo

ideale per cerimonie e cene aziendali cucina tradizionale, pesce fresco e cruditès

SPA in esclusiva

Pizzeria

in coppia o con gli amici, con aperitivo e apericena per feste e compleanni, lauree e anniversari

lievito madre e farine del territorio, prodotti locali e pasta fresca fatta a mano

Viale Ventotto Luglio, 191 (Superstrada San Marino) 47893 Borgo Maggiore Repubblica di San Marino (RSM)

Tel. +378 0549 902007 Whatsapp +39 334 5288269 info@grandhotelprimavera.com www.grandhotelprimavera.com


PASSIONE PER LA CARTA, PASSIONE PER LA STAMPA. Lito Group, azienda leader nel settore della stampa per la qualità e la completezza dei servizi offerti, è un’esperienza imprenditoriale matura e dinamica, operante nel centro produttivo del distretto industriale di Sassuolo e Fiorano da più di vent’anni. In un mondo sempre più digitale ed immateriale, in cui tanti aspetti della nostra esperienza sembrano perdere importanza, la passione per la stampa è diventata la nostra sfida.

CON TE REALIZZIAMO PROGETTI WWW.LITOGROUP.IT Via dell’Industria, 63 - 41042 Spezzano (MO) Italia - Tel: +39 0536 927811 - info@litogroup.it

Lito Group crede nell’importanza di continuare ad offrire un servizio di qualità a chi ha ancora voglia di creare ed imprimere sulla carta le sue idee. Le esigenze dei nostri clienti sono da sempre al centro del nostro lavoro: l’attenzione nella progettazione, la scelta dei supporti più adeguati, la realizzazione precisa e la cura di ogni particolare sono le solide basi di un’attività costantemente dedicata a dare corpo alla vostra immaginazione. Operiamo nel presente con la consapevolezza che la stampa è un’arte che vive nel solco di una tradizione secolare, perché sappiamo che il progresso nasce sempre e solo tenendo un occhio aperto sul passato, dove ciò che siamo stati può guidarci verso ciò che saremo.


Panorama Numismatico www.panorama-numismatico.com

Panorama Numismatico è una rivista che offre al collezionista, all’appassionato ed allo studioso uno strumento indispensabile per essere aggiornati su tutto quello che accade nel mondo ed in particolare in Italia.

L’abbonamento ordinario alla RIVISTA comprende 11 numeri di Panorama Numismatico

ABBONAMENTO ORDINARIO 60,00 euro - NOMISMA CARD 110,00 euro

La formula NOMISMA CARD comprende:

• abbonamento a 11 numeri di Panorama Numismatico • 2 cataloghi d’asta Nomisma cartonati a colori con aggiudicazioni • Sconti su libri editi e commercializzati da Nomisma spa

È possibile acquistare abbonamento e Nomisma Card sul sito web www.nomismaweb.com

seguici anche su Facebook

panoramanumismatico1984 317


A S T E • A S T E L I V E • S H O P S • C ATA L O G H I

il PORTALE del collezionismo bidinside.com


Pietro Magliocca

LA MONETA NAPOLETANA DEI RE DI SPAGNA NEL PERIODO 1503 - 1680 Edizione di soli 1500 esemplari firmati dall’autore Nel volume vengono descritte tutte le tipologie di monete con foto a colori, rarità e valutazioni. Il volume si compone di 400 pagine tutte a colori, formato 17 x 24 cm, copertina cartonata.

DISPONIBILE SULLO SHOP ONLINE DI NOMISMA

www.nomismaweb.com


CONFERIMENTO e ACQUISTO

ASTA 64

ottobre novembre

2021

SELEZIONIAMO E CERCHIAMO monete, medaglie, cartamoneta e orologi da collezione

Strada Bulumina, 6 - 47899 Serravalle - Repubblica di San Marino (RSM) Tel. +39 (0)549 904012 - Fax +39 (0)549 904042 - e-mail: info@nomismaweb.com - www.nomismaweb.com


Profile for maraja-sm

Asta 63 - Monete e Medaglie  

Asta 63 - Monete e Medaglie: dall'1 al 3 luglio 2021 presso il Grand Hotel Primavera di Borgo Maggiore (RSM). www.nomismaweb.com

Asta 63 - Monete e Medaglie  

Asta 63 - Monete e Medaglie: dall'1 al 3 luglio 2021 presso il Grand Hotel Primavera di Borgo Maggiore (RSM). www.nomismaweb.com

Profile for maraja-sm

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded