Lussino 65

Page 22

pagina 22 - Quadrimestre 65 - Ottobre 2021

Antonio Petrani, una vita sul mare Giorgio Petrani Mi pregio segnalarvi un evento assai significativo per la nostra famiglia. Nella giornata di martedì 13 luglio 2021 in località Marina di Ravenna, alla presenza dell’assessore all’ ambiente del Comune di Ravenna Gianandrea Baroncini e del dott. Paolo Ferrandino in rappresentanza dell’Autorità Portuale di Ravenna, si è svolta la cerimonia di titolazione della via ad Antonio Petrani, capitano di lungo corso deceduto a Ravenna il 24 novembre 2008.

Oltre a numerosi invitati hanno presenziato la moglie Edda Cherubini di Lussinpiccolo e i figli Giuliana e Giorgio. Questa la motivazione del conferimento della titolazione: Per una vita spesa in mare e per il mare, con qualità tecniche ed umane impareggiabili, apprezzate in tutti i porti toccati da navigante; amato da tutta la nostra comunità portuale. La sua vita e le sue esperienze sono un patrimonio storico e

culturale di assoluto valore. Un profondo conoscitore dell’arte dell’andar per mare; strano a dirsi, ma cosa rara in una città di mare come Ravenna. Antonio Petrani nasce il 23 gennaio 1922 da Alessandro, all’epoca direttore della esattoria comunale e da Clotilde (Tilli) Sambo a Lussinpiccolo dove la famiglia, composta da Nereo, Nives e Liliana (ancora vivente), risiedeva in Riva IV Novembre 4 (oggi recante il n. 33). Presto s’imbarcò come allievo ufficiale sulla M/N Duino, nave passeggeri nella linea Barletta-isole Tremiti. Durante la guerra rimase imbarcato senza sosta su diverse altre navi passeggeri che effettuavano servizio di trasporto truppe nelle linee Brindisi-Durazzo e Fiume-Dalmazia. Con il grado di sottotenente di vascello prestò servizio sulla M/N Abbazia, requisita dalla Marina Militare e adibita, prima a quartier generale del generale Roatta, comandante della seconda armata in Jugoslavia e poi a sede del comando Marisicilia dell’ammiraglio Bobbiese in quel di Messina. Sempre sull’Abbazia continuò a essere imbarcato anche dopo la smilitarizzazione della nave che venne impiegata sulla linea Capri-Napoli e in quell’occasione ebbe modo di incontrare e conoscere grandi personalità che si recavano in vacanza a Capri: Greta Garbo, Benedetto Croce, Edda Ciano e Totò.