Page 1

Sig. Puccio Giuseppe

2009 P

92a017Ps I ° h iattÌ' 5 M B U C R 17 Sambuca di Sicilia (Ag) ----------------------

a

Fondatore Alfonso Di Giovanna

ANNO LIV - Settembre-Ottobre 2012 - N. 445

Socio-Economico-Cutturale

Quando la politica latita, muore il futuro Siamo arrivati al capolinea?

Sped. in Abb. Postale Legge 662/96 Art. 2Comma 20/d

di

“ L’utopia possibile”

di Giuseppe Merlo

Recensione di Michele Vaccaro N on è mai troppo tardi! A settantanni Giuseppe Merlo, giornalista di lungo corso e di

L icia Cardillo

"La nostra epoca è più kafkiana d i quella dello stesso Kafka". Così sostiene Fanny Giambalvo in un suo recente saggio. E nessuno può darle torto. Quanti spunti potrebbe offrire la vita politica attuale a uno scrittore visionario e me­ tafisico come Kafka, per il quale la vita è un labirinto nel quale è difficile trovare la via d'uscita e dare senso a ciò che senso non ha. Non ci tro­ viamo, oggi, all'interno di un labirinto o meglio d i una tana - come la famosa talpa di un suo celebre racconto - nella quale cerchiamo spazi d i sicu­ rezza introvabili, per proteg­ gerci da chi sta fuori? N eirim m aginario collettivo, acuito dal generale dissesto economico, politico e morale, i "nem ici" odierni sono i p o li­ tici, coloro che dovrebbero oc­ cuparsi della cosa pubblica e salvaguardare g li interessi co­ m uni e, invece, non fanno che salvaguardare le loro inden­ nità d i carica. Abbarbicati alle poltrone come a zattere di sal­ vataggio, impegnati a contare scrupolosamente i giorni che mancano per maturare i vita ­ lizi e a perseguire soltanto in ­ teressi d i bottega, non hanno occhi per altro. Non si ren­ dono conto che, con le loro stesse mani, hanno svuotato le loro funzioni di quel valore che giustificava la loro scelta, hanno tagliato i ponti con la società civile che li ha eletti e alla quale dovrebbero rispon­ dere. N on sono p iù credibili. E questo a tu tti i live lli, a partire da coloro che occupano g li scranni dei consigli e delle giunte comunali, passando at­ traverso le province e le re­ gioni fino al Parlamento. Chiusi nei palazzi a svolgere mansioni delle quali al citta­ dino sfugge il senso, lontani dai bisogni veri della gente, a

(segueapag.6)

(segueapag. 7)

V_______________________________________ V

I vicoli? Un quartiere degradato Testimonianza di Michele Cinturati In una splendida mattina di ottobre, abbiamo incontrato per "La Voce" Michele Cinturati,

di Antonella Di Giovanna

^_____________ (segueapag. 9)J

F

■■

wKoAlhro

In terv ista al D irettore region ale d ell'A n sa

Franco Nuccio: la mia casa nei Vicoli di

Daniela Bonavia

A novembre nelle librerie ^ ‘La poltrona di Maria Carolina e il gelo di mellone” di Licia Cardillo Di Prima ed Elvira Romeo

(Art. apag. 7)

E' u n noioso pom e rig g io d i una domenica d i novem bre quello in cui incontro i protagon isti d i questa storia che, ve ne renderete conto, è un p o ' la storia d i tu tti noi, se è vero che l'appartenza ai lu o g h i unisce e salda i legam i tra le persone. A ttraversando da Piazza N ava rro l'arco che m i im m ette in via Graffeo, spinta da un inconsueto scirocco novem brino, m i sembra d i entrare in u n'at-

(segueapag. 8)

C h iu d e il C ircolo M arcon i

I tanti volti della Sicilia

di EnzoSciame

Vi è una Sicilia «babba», cioè mite, fino a sembrare stupida; una Sicilia «sperta», cioè furba. Vi è una Sicilia pigra, una frenetica...

_____________ (segueapag. 5)

Fine di un'epoca?

f-------------------------------------------- N

I l pezzo che segue è sta to s c ritto da G ori Sparacino tre n t'a n n i fa - "La Voce ago sto-settem bre 1982 ed è d i stre tta a ttu a lità . G ià una vo lta , nel 1982, i l C ircolo M arconi era stato chiuso e successivamente riaperto. Oggi i l C ircolo M arconi, che riteniam o sia rim asto aperto p iù di cento anni, ha chiuso definitivam ente i b a tte n ti. Sambuca, settem bre 1982 Il fatto: la chiusura del "Circolo G. M arconi" , inteso "Circolo del n o b ili" o "dei c iv ili". La conclusione enigmatica: la fine d i un'epoca? La vicenda, secondo noi, va approfondita ed analizzata.

Le “dolci” sculture di Raissa (Art. apag. 12)

“ Dalla Pompadour a Ruby”

(Art. apag. 5)

di MargheritaIngoglia

Strada del Vino

(segueapag. 9)

S am b u ca al terzu ltim o p osto

Raccolta differenziata: un fallimento? C ui proderat? Evidentemente non giovava all'ambiente urbano ed extra-urbano, non alle tasche della cittadinanza, neanche all'econo­ mia e all'im m agine del Comune. Parlo della raccolta differenziata nel nostro Paese. La differenziazione dei rifiu ti, valido strumento, in teoria, per m i-

(segueapag. 6)

T e r r e i? S ic a n e o


AnnoLIVSettembre-Ottobre2012

Sambuca Paese • Sambuca Paese • Sambuca Paese M odificato lo S tatu to della Cellaro Modificati, nel corso dell'ultim a assemblea sociale, alcuni articoli dello statuto della Cantina Cellaro di Sambuca. Non sono mancati m om enti di animato d i­ battito allorché si è passati alla modifica dell'art. 23 che riguarda i criteri per il rinnovo del cda. Tutti d'accordo per ridurre da 9 a 5 i com ponenti del cda. La diversità di opinioni ha riguardato invece la presentazione di più liste o, come proposto dall'attuale cda, la presentazione di un'unica lista all'interno della quale i cinque candidati più votati comporranno il cda. Alla fine è prevalsa quest'ultim a proposta per esorcizzare l'intrusione di un eventuale grande fra­ tello del m ondo della politica locale nella gestione della Cantina. Non sono mancate le polemiche. Si è osservato infatti che la presentazione di un'unica lista o di più liste non riuscirà ad impedire com unque l'intrusione del grande fratello qualora questo esistesse davvero. Molti soci hanno osservato che non si sono affrontati i veri problemi della Cantina quelli che interessano, in parti­ colare, i fattori economici. In sintesi, essi consistono nel continuare a servirsi della consulenza di un grande esperto del settore, il cavaliere Diego Pianeta, che ha consentito la vendita di tu tti i vini in deposito nei silos e la riscossione dell'intero im porto delle uve conferite, dopo un triennio di decurtazione del 25% che ha causato gravi perdite ai soci. In m olti hanno lamentano infatti che la sua azione è stata tenuta in ombra dall'attuale cda.

La conversione di Ania- La to p m odel a Sam buca La top model Ania Goledzinowska il 12 ottobre ha reso la sua testimonianza di fede nel santuario di Maria Santissima deH'Udienza. Ad organizzare l'evento la Pastorale Giovanile del centro belicino. "Ho abbandonato tu tto e non mi manca niente" questo il messaggio della ex icona di Chanel, un tem po corteggiatissima e richiestissima in tu tti i salotti. La fidanzata del nipote di Silvio Ber­ lusconi era il sogno di tanti uomini. Cene eleganti ad Arcore, frequenze con i personaggi più in vista del m ondo della televisione. Apparentem ente tu tto quello che una giovane donna può desiderare, ma essenzialmente un vuoto incolmabile e la presa di coscienza che quella vita non faceva più per lei. Il cambiamento quando la sua carriera era ad una svolta. Perché una bellissima ragazza, pervenuta ad una svolta significativa, decide di cambiare vita? É la domanda che in tanti si pongono ed alla quale non è facile trovare una rispo­ sta esauriente. Ci sarà sempre qualcosa che sfugge alla ragione e che forse, soltanto nel mistero della fede, potrà trovare una spiegazione. Un incontro m olto atteso che ha richiamato tanti giovani anche dai centri del circon­ VENDITA ED ASSISTENZA dario. que dopo un referendum ple­ M AC C H IN E PER L'UFFICIO biscitario, non siamo complici, del­ l'assenteismo e dell'inefficienza degli amm inistratori, che m oltiplicano le poltrone e riducono i servizi. Il sin­ daco con la sua maggioranza sono gli unici responsabili.

% = s e r v ic e

Via Marconi, 47 - T. 0925 943136 S A M B U C A D l S IC IL IA (A G ) www.eservicesite.it info@ eservicesite.it

MG

M u le G iu s e p p e IM PRESA COSTRUZIONI Tel. Ab. 0925 941721 - 327 1214805 92017 Sambuca di Sicilia Ag

Rinnovo delle cariche p er la C onfraternita del SS. Sacram ento di Sam buca. Per il triennio 2012-2015 è stato eletto governatore il bancario Michele Maria Gandolfo, direttore della agenzia Banca Intesa SanPaolo di S. Margherita Be­ lice. Questi gli altri com ponenti del cda: Paolo Buscemi e Melchiorre Mangia­ racina, vicegovernatori. Segretario: Lillj Bonfiglio. Tesoriere: Vittorio Correnti. Cerimoniere: Mariella Di Leonardo. Consigliere. Aldo Calandra. La Confrater­ nita, denominata anche dei Rosati, allo stato attuale conta novanta affiliati. Da circa dieci anni si è aperta anche al sesso femminile. È tra le più antiche di Sambuca. Fu istituita con una bolla del pontefice Pio IV in data sei aprile 1552 e godeva di m olti privilegi. Fedele all'atto di istituzione, la Confraternita as­ solve a com piti umanitari come portare sollievo agli infermi.

Riceviamo e Pubblichiam o INTERROGAZIONE DEL PD SU REFEZIONE SCOLASTICA "Al Presidente del Consiglio Comunale dott.ssa Margherita Beatrice Falco PRE­ MESSO CHE: Il servizio mensa ha lo scopo principale di offrire ai bambini della Scuola dell'infanzia, un m om ento form ativo ed una buona educazione ali­ mentare. Ha inoltre lo scopo di assicurare alle fam iglie un luogo sicuro e un'at­ tenzione particolare al delicato m om ento del pranzo dei bambini. Dal punto di vista educativo il tem po del pranzo è il tem po educativo per ec­ cellenza finalizzato alla cura di un positivo rapporto con il cibo, con il corpo e con la salute. VISTO CHE: a tutt'oggi, questa amministrazione, non è riuscita a chiudere il bilancio e a recuperare i fondi non ritenendo prioritario il valore sociale della mensa e quindi la reale possibilità di assicurare un servizio essen­ ziale che garantisca i bambini, le famiglie. Considerato che: le famiglie, la scuola, le insegnanti, stanno assistendo alla negazione di un servizio che ri­ tengono necessario per il benessere dei bambini interroga II Sindaco PER SA­ PERE: se intende im mediatamente recuperare le somme necessarie al fine di garantire un servizio irrinunciabile qual è la mensa scolastica". Sambuca di Sicilia, 8/11 /2012 I Consiglieri, Abate Stefano, Arbisi Sario, Maggio Antonella, Sciamè Salvatore, Vaccaro Stefano, Zinna Francesco.

II PD non ci sta Ecco il testo del Manifesto affìsso nei luoghi pubblici: "Noi non siamo complici, di chi nasconde i soldi della raccolta differenziata e aumenta le tasse della spazzatura e dell'IMU non siamo complici, dello spreco di 400.000 mila euro per l'Unione dei Comuni, non siamo complici, del m utuo di 500.000 mila euro, sulle spalle dei sambucesi, per realizzare un'illum ina­ zione superflua, non siamo complici, del silenzio sulla gestione di Girgenti Ac­ que dopo un referendum plebiscitario, non siamo complici, dell'assenteismo e dell'inefficienza degli amministratori, che m oltiplicano le poltrone e ridu­ cono i servizi. Il sindaco con la sua maggioranza sono gli unici responsabili.

Mentre andavamo in stampa ci sono pervenuti questi due manifesti che qui pubblichiamo. La Voce condanna il vile attentato alla Muraria Marmi.

Partito Democratico

0

Il Partilo Democratico di Sambuca di Stc.ha e l Circolo "Felicia Bartolotta Impastato' esprimono la propria condanna per lo spregevole atto criminale che affonda e sue radici nella sottocultura mafiosa di cui è stata oggetto la Muraria Marmi sr' e le sue maestranze Ignoti nella notte tra *117 e il 18 novembre nanno incendiato un escavatore ed un furgone arrecando diversi danni all azienda Occorre da parte di tutti la massima vigilanza perché tutto ciò segnala un pericoloso decadimento dei senso civico e morale del nostro paese I consiglieri comunali del gruppo PD chiedono con urgenza, un consiglio comunale 'aperto per condannare il vile gesto che mira a soffocare le attività produttive di Sambuca

AUTOMOBILI NUOVE E USATE d i P ie tr o L a G e n g a

Contrada Seniazza

9 2 0 1 9 S C IA C C A T/F. 0 9 2 5 1 6 2 8 - C. 3 3 9 4 4 0 0 4 7 4

royalcar.plg@tiscali.it

Tutti gli iscritti dei Partito Democratico e • giovani del Circolo 'Felicia Bartolotta Impastato", esprimono solidarietà alla Murana Marmi srl, confidando nel lavoro degli inquirenti at finche responsabili vengano individuati al più presto e puniti. Circolo “Felicia Bartolotta Impastato PD Sambuca di Sicilia

HALLOWEEN 2 0 1 2 D O LC ETTO O SC H ER ZETTO ?

FREGATI! X|MHhi I*N*Md«*Hrf fineiklld lr£»vUlur.i. I uxrnlr inprrtitòn(li irKé, mrllr Ir munì inUmj 4Ì «ilUdmi. • RADDOPPIATA LA PROSSIMA RATA IM ll • AUMENTATA LA TASSA SLLIA SPAZZATURA

ECCOI RI \PO\S\HJI I IMQI ESn UMIMI: Vtf*^«irr U t.utftur tt« (u^Mrr KÈmiut*«mm«

linfit Mfcrvio I j Vals


AnnoLIVSettembre-Ottobre2012

(segueapag.6 )

U n n u ov o saggio di F an n y G iam b alv o

H nuovo libro d i Francesco Di Giovanna fa discutere e meditare

'Rileggere Kafka'

'Eutanasia. Un problema di coscienza"

Recensione di L icia cardillo "Per capire la crisi del nostro tempo, che non è soltanto economica, ma anche, e soprat­ |gr tutto, etico-politica...". Fanny Giambalvo r i­ legge Kafka e ne rileva l'attualità dei temi: "l'assurdità e incom prensibilità dell'esistenza Rileggere Kafka umana..., il senso di solitudine, la difficoltà d i stabilire un rapporto col m ondo circostante e con g li a ltri soggetti; l'im possibilità di conse­ guire, da parte d ell'in d ivid u o , la dimensione dell'autenticità," e la sua tenace volontà di non lasciarsi sopraffare da un potere arbitra­ rio e corrotto. Lampante è il parallelism o tra l'universo kafkiano "d eg li u m ili, degli op­ pressi, dei perseguitati e degli esclusi" schiac­ ciati da una "gerarchia d i funzionari e buro­ crati zelanti, p riv i di ogni senso d i giustizia, correttezza e dignità" e il nostro tempo dom inato da "un'enorm e quantità d i p o litici e /o buro­ crati, per lo p iù stupidi e grossolani" che, "grava pesantemente sulla vita della gente comune e aggrava le condizioni critiche del pre­ sente". A distanza d i circa un secolo, i romanzi e i racconti dello scrittore boemo sembrano rispecchiare l'incertezza e il disorientamento della società contemporanea. Oggi, infatti, come nelle opere di Kafka, do­ minano omologazione, conformismo e alienazione e la casta barrica­ tasi nel "castello" gestisce il potere con protervia, schiacciando nei suoi ingranaggi il cittadino "colpevole senza colpa", ridotto a sud­ dito. Un m ondo miope e insensibile è, oggi, quello della politica e della burocrazia, che vanifica qualsiasi dissenso, ignora i bisogni e guarda con disprezzo all'alterità, a chi, come Gregor Samsa, il prota­ gonista della Metamorfosi, all'im pro vviso si scopre ripugnante scara­ faggio, senza prospettiva, senza lavoro e, per d i più, degradato dall'e­ marginazione. Con lucidità, scrupolo e senso dell'hu m o u r alla Pirandello "velato d i tristezza e m alinconia" - lo stesso hum our che riconosce allo scrit­ tore boemo - l'autrice ne ripercorre le opere, zigzagando tra passato e presente e rilevando i paradossi della nostra epoca che, a suo dire, sembra "p iù kafkiana di quella di Kafka", tra cui "l'amena storia d i un sontuoso appartamento della capitale, con vista sul Colosseo, ac­ quistato per conto di un ex M inistro dello Sviluppo Economico, a ll'in ­ saputa dello stesso interessato".... e " i famosi festini svoltisi nella villa di Arcore dell'ex Premier, al ritm o del bunga- bunga, - e frequen­ tati da disinibite escort o ballerine..." che ricordano i "rapporti ero­ tici fra i funzionari e le donne del villa gg io" de " Il castello". A chiudere il saggio, un aforisma d i Kafka: "Am ore è tutto ciò che aumenta, allarga, arricchisce la nostra vita, verso tutte le altezze e le profondità". Una rilettura illum inante che riporta sul tappeto le questioni di senso, in ima società sfaldata dall'opportunism o e che richiama "a l­ l'amore e alla fratellanza universale". CARBURANTI - LUBRIFICANTI AGRICOLI E INDUSTRIALI

Gandoìfo

M ichele Vaccaro

Puntuale, come sempre, è arrivata nelle librerie la nuova opera d i Francesco Di Giovanna, "Eutanasia. Un problema di co­ scienza" (Roma, Albatròs, 2012). Centodiciotto pagine nelle quali l'autore, cardio­ logo e filosofo, tratta complessi problem i di etica, argomento oggi sempre più al centro del dibattito scientifico e culturale come hanno dimostrato i recenti casi di Piergior­ gio Welby, Eluana Englaro, Terry Schiavo e A riel Scharon. Il libro, scritto utilizzando un linguaggio ora tecnico ora d i tono me­ dio, accessibile a tu tti, non è però un trat­ tato semplice sul tema dell'eutanasia e neanche una disquisizione puramente scientifica: "È l'occhio -come si legge nella quarta d i copertina- d i chi, prim a come uomo e poi come medico, ha SLifficiente esperienza per comprendere che la Scienza non può scindersi dall'Um anità, poiché lo scopo della prim a è migliorare l'esistenza della seconda. E allora il punto è questo: a prescindere da teorie filosofico-religiose, da teorie scientifiche, da luoghi comuni e da opinioni spesso viziate dai media, qual è la via p iù giusta da se­ guire, e qual è la scelta più 'umana'?". E proprio in questa direzione Di Giovanna, nel libro, affronta, senza paraocchi, una serie d'interes­ santi tematiche (l'eziopatogenesi e fisiopatologia dei processi letali, il rapporto paziente-medico, forme cliniche dei processi letali, il me­ dico di fronte alle responsabilità nel trattamento del malato term i­ nale, l'accanimento e la desistenza nella terapia, il rapporto tra scienza e coscienza, il testamento biologico), portando un contributo "non solo e non tanto teorico", ma frutto della sua preparazione e della sua esperienza pluridecennale d i medico e scienziato. Le con­ clusioni, alle quali l'autore giunge, susciteranno polemiche e discus­ sioni, che poi sono il sale di ogni serio dibattito culturale, ma faranno anche riflettere e meditare. Interessante, e utilissim o per i profani, il glossario dei nom i e dei term ini scientifici alla fine del trattato.

A

A R M A T O Concessionario esclusivista per la Sicilia ^ ^ > a d d le r

C O M M E R C IO M A N G IM I E C E R E A LI

C.daPorcaria- Tel. 0 9 2 5 9 4 1 6 6 3 - Cell. 3 3 9 5 0 9 8 3 6 9 - 3 3 6 8 9 6 9 6 0 SAM BUCA

D I S IC IL IA

Jè M ONTALBANO

SERVIZIOCONSEGNA GRATUITO

C.da Castellano, S.S. 188 km89 tel. 09251955630 - fax 09251956630

T e l. 0 9 2 5 9 4 3 4 4 0 S A M B U C A D I S IC IL IA

92017 SAMBUCA DI SICILIA-AG

COSTRUZIONI DEMOLIZIONI MOVIMENTOTERRA OPERE STRADALI

di

www.casamontalbano.it

Cantina

SEDE:ViaTeatroC.leIngoglia, 11-SAMBUCADISICILIA(AG) Telef.3497031772-3497031774 CASEIFICIO:C.daSanBiagio-BISACQUINO(PA)

LOOK OTTICA mondovisto éai tuoi occhi • tanti acontatto

DECORATORE

Lavori di tinteggiatura interna ed esterna Controsoffitti - Carta da parati Gessi decorativi - Gessatura pareti

di Diego Bentivegna

sM lbnte C M m p o

> \o f CELL. 339 7716233 Sede: C.da Cuvio - Ab. Via Matteotti, 22 SAMBUCA DI SICILIA-AG

Via F.lli Cervi, 10

SAMBUCA DI SICILIA - AG Tel./Fax 0925 942552 info@monteolimpo.it

D. ~ JOHN r ,CHM0N d

^ ^ Laurasaponi

C.soUmberto 1,126- Tel. 0925 942793

S a m bu ca d i S ic ilia - AG

Cell. 339 5209529 Via S. Lucia • C.le Bertolone. 15 92017 Sambuca di Sicilia - AG ....

p VA >2458r80844


AnnoLIVSettembre-Ottobre2012 1A m arcord...A m arcord...Am arcord...A m arcord... 1 1

La ricetta di Elvira

Riflessioni di un emigrante di

Enzo Sciamè

Era una giornata m olto simile a quella d i oggi, quella di trentanni fa, quando per la prim a volta arrivai alla stazione centrale d i Milano, con la Freccia del Sud. C'era un po' di nebbia, una temperatura sui do­ dici gradi, la fine di un viaggio di ventiquattrore e l'inizio di un ..nuovo viaggio in Continente. Destinazione: scuola media "Manzoni" di Seregno, supplenza temporanea, sostegno. Poi quella supplenza di trenta giorni diventa una storia d i trent'anni. A Palermo c'era il vecchio Salvo a salutarmi. Indossavo un cappotto-cammello preciso preciso quello che il grande Faber mette addosso a Don Raffaè. Una valigia di plastica dura strapiena di tutto, in testa un berretto d i lana "picchi si mori di frid d u a M ila nu " Trent'anni di vita, tra M ilano e Bergamo. Di scuole, alunni, genitori, colleghi. Trent'anni con le sberle, i sorrisi, gli amori, i dolori. I pianti, i rim pianti, le nostalgie. Trent'anni per amare questi luoghi, restarne incantato, provare a farli conoscere. Con occhi nuovi, senza pregiudizi. Provarci a vivere la bellezza delle "ra d ici" e di tutto il resto. Una fatica bestiale per abbattere miserabili luoghi comuni sia qui che giù al Sud. Un invito perenne a ragionare con la propria te­ sta, a mandare a quel paese le mezze verità, gli stereotipi. Am icizie fi­ nite proprio per questo o forse non solo. Il fascino d i una giornata così, con questi colori d'autunno, con questo silenzio tutt'intorno. Una sto­ ria come tantissime altre, con cadute e ripartenze. Andate e ritorni. Buona vita a quelli che continuano a viaggiare, a quelli che hanno scelto di restare, a quelli che hanno scelto di non ritornare.

Stufato di cinghiale INGREDIENTI - 2 Kg. di cinghiale, - v i n o rosso q.b., - b ro d o q.b. - pepe, sale.

PREPARAZIONE Per la m arinatura: cipolla, sedano, ca­ rote, prezzem olo, alloro, salvia, m ag­ giorana, m enta, pepe in granelli, pe­ peroncino, due ch io d i di garofano, un pizzico di cannella, vin o rosso. Ta­ glia te le verdure, po n e te le in una casseruola insiem e agli a ltri ingre­ d ie n ti della m arinata e im m e rg e te vi il cinghiale; lasciatelo riposare per tu tta la n otte, rig ira n d o lo di ta n to in ta n to . Trascorso questo te m p o , estraetelo dal liq u id o , ta g lia te lo a to c c h e tti e p o n e te lo in una casseruola a fu o co vivace con un b a ttu to di cipolla, aglio, carote, sedano, prezze­ m olo. Lasciatelo rosolare in m o d o uniform e, co n d ite lo con sale e pepe e poi in n a ffia te lo con il vin o della m arinata, o p p o rtu n a m e n te filtra to , ag­ g iu n to poco alla volta. Lasciate evaporare il vin o lentam ente, q u in d i ag­ g iu n g e te del brodo. Rimescolate, abbassate la fiam m a e p o rta te a te r­ m ine la cottura.

z-'—V

SALA TRATTENIMENTI

B C C

La Pergola di Ciglio Santa & C. BAR Pasticceria - Gelateria Bar - Ristorante Gastronomia Pizzeria - Banchetti Contrada Adragna Viale Antonio Gramsci, 54 Tel. 0925 946058 - 941099 Tel. 0925 943322 - 946058 SA M BUC A DI S I C I L I A X*

A n H c o M B A H

- R I S T O R A N T E

u lin o

rn N N n m

CREDITOCOOPERATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SAMBUCA DI SICILIA SED E C EN TR A LE

Corso Umberto I. 111 -Tel.0925 94117I - 092594I435 - SAMBUCA DI SICILIA AGENZIE

ViaOvidio. 18-Tel.0925 83700- SCIACCA VialedellaVittoria, 236-Tel.0925 71324- MENFI Corso Umberto l,4 -Tel.0925 337I7- SANTAMARGHERITADI BELICE Agenzia: ViaPapaGiovanni XXIII -Tel. 0918356666 - GIULIANA ViaMorea, 49-Tel. 0918355501- CONTESSAENTELLINA

m o t o r i

- P I Z Z E R I A

a» D i B c U u G iu s e p p e Se C .

D O N G IO V A N N I H

A PERTI A PRANZO

SERVIZIO DI PIZZA A DOMICILIO

Sàm btc A w s m iiv (ag&

lek 09259-16130 - CeIL'320 4641M39

Via Figuli, 20 -Tel. 0925941583 Cellulare 360 398070

SAM BUCA DI SICILIA

J2 a b o t t e g a

dall corife

di tzNicola. ^Bucam i

Porte interne ed esterne Arredamento interno su misura C.da Sgarretta - Cell. 338 2240646

SAMBUCA DI SICILIA - AG

G & G B. G io v in c o A . G ig lio Lavori in ferro: Aratri - Tiller Ringhiere e Cancelli Infissi in Alluminio

Specializzato in

FO RNI A LEG N A

C.da Casabianca Tel. 0925 943841

S A M B U C A D I S IC IL IA

O ★

T ★

. F ★

I

C.da Pandolfina -Tel./fax +39 0925 942511 - Cell. 333 1252608 www.dongiovannihotel.it - info@dongiovannihotel.it SAMBUCA DI SICILIA-AG

© t Q aàn dm T fT jj^ n

NOLEGGIOPIATTAFORME

L a v o ri E d ili e S tra d a li P a vim e n ta z io n i - P ro s p e tti R is tru ttu ra z io n i

Via Mantegna, 42 - Cell. 338 8066204 Santa Margherita di Belice (AG) giuseppe.dicarmine@ribero.it

LABORATORIO DI PASTICCERIA

ENRICO PENDOLA V ia B a g lio G ra n d e , 4 2 T el. 0 9 2 5 9 4 1 0 8 0

SAMBUCA DI SICILIA - AG

Rizzuto z G ig lio tta Impianti di R izzuto A n to n io & C.

S.A.C.

I m p ia n t i d i R is c a ld a m e n to I d r i c i * C o n d i z i o n a t o r i - <àas

TeL 368 7498679 - 368 970107 Via F.lli Rosselli, 26 -SAMBUCA DI SICILIA (Ag)


AnnoLIV Settembre-Ottobre2012 (seguonodapag. 1) A l teatro G regotti le opere di L. M an iscalco

Per u na Sicilia "N u o v a ;

I tanti volti dell'isola

Dalla Pompadour a Ruby

Tante Sicilie, perché? Soffre, la Sicilia, di un eccesso d'identità, né so se sia un bene o sia un male. (Gesualdo Bufalino)

Pensare che la donna sia riuscita ad ottenere la parità dei d iritti è un assioma comodo al quale pensare, probabilm ente per far tacere le scomode rib e llio n i che potrebbero insorgere qualora, proprio le donne, decidessero, tutte insieme, d i scendere in piazza e ribellarsi ad una società che finge d'avere concesso e ottenuto la parità dei sessi. U n convegno per parlare dei d ir itti delle donne è stato p ro ­ mosso il 3 Ottobre scorso, dall'associazione Rum (Rete U niversitaria Mediterranea) degli universitari a Palermo. La manifestazione dal tito lo "Da Madame Pompadour a Ruby Rubacuori - Profilo storico­ g iuridico della prostituzione nei secoli" ha slegato le convenzioni inerenti p roprio a questa tematica riuscendo a riportare, attraverso video e testimonianze, lo status di sottomissione nel quale vive an­

L'abbiamo vista all'opera la Sicilia dei furbi, di quelli che l'hanno go­ vernata con arroganza, voracità, senza remore. La Sicilia governata da mafiosi patentati, dagli amici degli amici. Una Terra umiliata, derisa, offesa. Portata al fallimento, o quasi. Abbiamo visto all'opera una classe dirigente inciucista, capace del più bieco compromesso in nome del po­ tere sempre più sbracato, volgare. Abbiamo visto paesi morire lenta­ mente, fior di galantuomini impotenti, ormai rassegnati, come di fronte a mostruosità inattaccabili. Abbiamo visto giovani diventare vecchi, fe­ lici di banchettare sulle rovine dell'oggi e del domani. Eppure sazi per­ ché le briciole arrivavano comunque. Abbiamo visto all'opera quelli che umiliano, che ti chiedono il voto perché ti avevano trovato un letto in ospedale. Eppure quel letto, in un Paese civile, dovrebbe essere un diritto. Abbiamo visto famiglie letteralmente assetate e società private continuare a fare il bello e il cattivo tempo nell'assegnazione d i un bene prezioso come l'acqua. Abbiamo visto le cose di tutte calpestate, rifiu ti in ogni dove, un'indifferenza che colpisce al cuore. Abbiamo conosciuto centinaia d i persone che se ne sono andate. Abbiamo visto privilegi enormi per gli onorevoli della regione. Abbiamo visto sprecare fium i di denari per cattedrali nel deserto. Abbiamo sentito il silenzio degli one­ sti. Abbiamo conosciuto ragazzi che frequentano scuole senza palestre e genitori che stanno zitti. Abbiamo visto i ricchi diventare sempre più ricchi e i disperati sempre più disperati. Abbiamo visto la tenacia di chi non ha mai smesso di lottare, di battersi per una Sicilia nuova. Rivolu­ zione può voler dire solo una cosa: la fine di ogni borbonico privilegio, l'in izio di speranze veramente nuove. Nella legalità, nel merito. E' per questa Sicilia che faremo il tifo, è per questa Sicilia che continue­ remo a dire e a fare. Enzo Sciamè

S U P E R M E R C A T O R IS P A R M IO

SSCIIIO

2 0 0 0

D i Leonardo 1/. & C. s.a.s.

Via Guasto 11A - SAMBUCA Dl SICILIA - Tel. 0925 941686

LO G IU D IC E PN EU M A TIC I

i •

DAL 1966

Rivenditore Autorizzato V*EDESTEIN YOKOHAMA JltlOGESTOIIE Via Agrigento, 8 - Sambuca di Sicilia Tel. 0925 941164-Celi. 3381125144

I Viaggi dell’Emiro V ia g g i e T u r is m o di Irene Piazza

Via Roma,2 - Cell. 334 3514969 Tel. 0925 941096 - Fax 0925 943042 S A M B U C A D l S IC IL IA

V i

ni

CELLARO Contrada Anguilla SAMBUCA Dl SICILIA - AG Telef. 0925 941230/942310

cora oggi la donna. U n excursus storico, culturale e sociale realiz­ zato attraverso le voci insigni d i docenti universitari quali Gioac­ chino Navarro insegnante d i psicologia, Rosaria C rupi, Docente di G iurisprudenza, G iovanni Melazzo - Ricercatore d i Lettere e Filoso­ fia, Gioacchino Lavanco - Docente d i Scienze della Formazione e Valentina Castagna - Docente d i Lettere e Filosofia. A moderare l'in ­ contro: M aria Cristina Ciavarella. L'allestim ento della sala del teatro Gregotti è stato realizzato con le opere dell'artista sambucese Lo­ renzo Maniscalco; v o lti di donna dalla espressione sofferta si schiu­ dono su quei colori che infiam m ano la lacerazione del tedioso senti­ mento che annuncia p ro p rio questo patim ento silente. Un uom o v i­ sto d i spalle su un panorama cupo, vorticoso e, che nel balsamo della notte, forse ricerca il proprio rifu g io o il p roprio equilibrio. Dalla riflessione analitica dei vari docenti è emersa una società in cui i corpi delle donne vengono svenduti come m anichini al fine di sponsorizzare p ro d o tti pubblicitari. Fisici n u d i rid o tti quasi a scaf­ fa li porta oggetti per esporre attraverso movenze provocatorie, cian­ frusaglie e biancheria intim a. Parallelamente, parole di rabbia sono emerse dalle dichiarazioni d i alcune donne che, nei video proiettati durante la conferenza, hanno raccontato la vita d i chi, come loro, vive la sottomissione al potere degli uom ini. Dal Bangladesh a ll'A ­ sia, dalla Romania alla Polonia, da M ilano a Palermo un coro d i voci bianche che urlano il dolore d i chi vive lo sfruttam ento e la vendita del p roprio corpo fin dalla tenera età per pochi soldi, per il cibo, per coercizione. Com unione dell'arte promossa dalla testimonianza delle opere d i Lorenzo Maniscalco e dalla profonda e coinvolgente esposizione teorica del professore G iovanni M elazzo che ha rip e r­ corso attraverso la rassegna iconografica proiettata con delle slide, la figura della donna dall'arte babilonese fino alla rappresentazione contemporanea.

AGENZIA

di Mariolina

Consulenzaperlacircolazionedei mezzi di trasporto Tasseauto-VisureeCertificati Camerali -Assicurazioni IN T E M P O REALE

SPEDIZIONI INTUTTOILMONDO CONCORRIEREESPRESSO

O

M. EDILSOLAI s.rl C E R A M IC H E

E PAR Q U ET

C u cin e in M u ra tu ra - A rre d o Bagno M a te ria le E d ile w w w .paginegialle.it/medilsolai

CorsoUmberto1,48-Tel.0925943285-Fax.0925943063 S A M B U C A Dl S I C I L I A - AG

V.le Gramsci, 61 -S A M B U C A

D l S IC IL IA -T e l

0925 941468


6

Anno LIV Settembre - Ottobre 2012

S am b u ca al terzu ltim o posto

U n v id eo clip contro la v io len za su lle d onn e

Raccolta differenziata: un fallimento?

L'amore criminale dei Sensazione sonora

di

di

M im m a F r a n c o

gliorare la qualità dell'ambiente ,per trasformare tram ite il riciclaggio il rifiu to in materia prim a seconda e favorire un positivo riscontro economico, in realtà era gestita in maniera fallimentare dall'A to. La norm ativa prevedeva l'obbligo ai Com uni d i raccogliere in ma­ niera differenziata il 65% d i rifiu ti entro il 2012. E mentre dei 17 C om uni che facevano parte della Sogeir A to A G I, Villafranca Sicula col 71,95% di raccolta differenziata e Lucca Sicula col 67,05% si sono aggiudicati il prim ato della nuova edizione d i Co­ muni Ricicloni Sicilia 2012, promossa da Legambiente, il nostro Paese si poneva nella classifica 2011 al terzultim o posto col suo 38% d i rac­ colta differenziata, dopo solamente Ribera e Sciacca. D i chi la colpa? Conseguenza d i inefficienze e disservizi legati in ­

discriminatamente alla società che ha gestito la raccolta dei rifiu ti con ritardi, trascurando la pulizia delle aree adiacenti, lo svuota­ mento e il lavaggio dei cassonetti; a gran parte dei cittadini, poco sen­ sibili al problema ecologico, inconsapevoli che il riciclaggio dei rifiu ti consente im portanti risparm i di energia e d i materie prim e, riu tiliz z a ­ b ili e fon ti e d i ricchezza e non d i inquinamento; agli am m inistratori responsabili del servizio. Dove sono rim asti nascosti, infatti, i sacchetti in plastica necessari all'espletamento del sistema d i raccolta "porta a porta"? E che dire del divieto di abbandonare sulle aree pubbliche e private d i tutto il territorio comunale qualsiasi rifiu to , anche racchiuso in sacchetti e re­ cipienti? E dell'applicazione nei confronti dei trasgressori delle san­ zioni amministrative? E mentre in altri paesi la raccolta differenziata genera ricchezza economica e ambientale, nel nostro Paese la raccolta dei rifiu ti rap­ presentava m aggiori costi per la gestione del servizio e tasse p iù alte per i cittadini. N on si capisce perché a Sambuca i cittadini abbiano dovuto pagare la spazzatura d i p iù in confronto ad a ltri paesi d e ll'A to A g l, e come al crescere delle tariffe si sia accompagnata una decre­ scita della qualità del servizio offerto, accompagnato dall'esperienza disastrosa dell'A to. I cittadini zelanti quanto hanno ricavato per avere effettuato la raccolta differenziata? Secondo la normativa TIA non erano previste ridu zio ni della tariffa in seguito al conferimento di rifiu ti differenziati? Chi più differenzia, meno paga!? Perché non sono state applicate? Se nel consuntivo comunale 2011 alla voce Ricavi da Raccolta d if­ ferenziata ci sono stati 0 euro, ci chiediamo: "Dove sono andati a fi­ nire gli in tro iti della vendita d i carta, vetro, plastica?" Una esperienza veramente fallimentare! Ci auguriamo che le costituende SRR, società d i regolamentazione del servizio di gestione dei rifiu ti, che sostituiranno le A to e che sa­ ranno gli interlocutori p rim ari della Regione "nei procedimenti d i ap­ provazione, m odifica ed aggiornamento del piano regionale dei r i­ fiu ti, nell'individuazione delle zone idonee alla localizzazione degli im pianti di smaltimento, nonché alla definizione delle infrastrutture e alla logistica necessaria per la raccolta differenziata" si impegnino in modo idoneo allo scopo, in armonia con i p rin cipi d i lealtà, buona fede e correttezza, elim inando ogni particolarism o e clientelismo, tra­ sferendo ai Com uni e q u in di anche a Sambuca le direttive di una ge­ stione efficiente ed efficace, presupposto di risparm i, opportunità di crescita, creazione d i posti d i lavoro ed incremento economico.

A n t o n e l l a M a g g io

Un fruscio come un alito di vento, un ba­ cio rubato, il giallo acce­ cante... Inizia così il video clip del­ l'u ltim o lavoro dei "Sensazione sonora",una canzone singo­ lare e un video girato benis­ simo. Già cono­ scevamo le doti musicali di Sergio Lo Cicero e della sua band: Nicolò Randazzo e Federico Quartana (chitarra) Gioacchino Sgrò (tastiere), Francesco Scaturro (basso), Antonino Lala (batteria), m ixing and edi­ ting Giuseppe Corsale, ma cosa diversa è averne fatto un video che ac­ compagna la canzone. Stavolta Sergio e Nicolò Randazzo, (gli autori) con la partecipazione di Giusi Arm ato e la regia di Rosamaria M ontal­ bano ci consegnano un prodotto eccellente che indubbiamente mo­ stra tutte le potenzialità per stare sul mercato e soprattutto aggredirlo. Bravi pure per la scelta dei siti, dei nostri luoghi e della nostra terra: terra intorno a Santa Barbara aspra e assolata, colorata intensamente del giallo abbacinante della "restuccia" con la lim pidissim a e fresca ac­ qua che sgorga impetuosa dall'abbeveratoio omonimo e con il nostro teatro comunale l'idea, il naturale luogo della finzione esaltato nella sua bellezza. Ascolto e guardo questi giovani talenti sambucesi con curiosità e attenzione, per la capacità di coltivare passione e inte­ resse. Il testo racconta una storia d i "amore crim inale" e come tutte le storie d'amore ha qualcosa di esclusivo, di irripetibile, una storia piena d i sofferenza, tradim enti, gioia e soprattutto passione. Passioni travolgenti come lo sono gli amori cantati, sognati, sperati. L'unica nota apparentemente stonata è la scelta del titolo della canzone abu­ sato dalle testate giornalistiche e dai program m i televisivi per le tante, troppe violenze sulle donne, a prim a vista banale ma poi... d i colpo, con un risvolto imprevisto, ed infatti alla fine del video clip, - regia d i Rosamaria Montalbano, che spero possa avere grande successo - tra i tito li di coda, quando stai per chiudere perché lo schermo nero non manda più niente, ad un tratto compare inaspettatamente la scritta " NO A L L A V IO LEN ZA SULLE D O N N E " rimango piacevolmente col­ pita da questa annotazione semplice, ma nello stesso tempo eversiva e radicale che m i auguro sia patrim onio di tu tti e che ad ogni concerto spero possa essere gridata affinché non accada mai più che una donna paghi con la vita la malvagità di un uomo. Essere contro la violenza sulle donne, qualifica ulteriormente il lavoro d i questi giovani che si schierano contro ogni forma di sopraffazione, compiendo una scelta po­ litica esplicita e nitida nel condannare i soprusi e qualsivoglia ambiguità e ribadire il proprio" NO A L L A V IO LEN ZA SULLE DONNE!" Bravi. (segue da pag. 1)

Quando la politica latita... di

L ic i a C a r d i l l o

fine mese, quando ricevono lo stipendio, non si fanno l'esame di co­ scienza, non si chiedono, come il giudice Borsellino, se se lo sono gua­ dagnato. Si credono unti del Signore. Indignano il loro disimpegno e la loro apatia. Davanti al vuoto totale, al disinteresse estremo, alla mancanza di idee e di progetti, viene na­ turale chiedersi che senso abbia mantenere una classe politica dal ruolo imperscrutabile e stipendiare degli am m inistratori che non hanno mai battuto un colpo, né presenziato a un evento, né promossa un'iniziativa, mentre le casse dei comuni, delle province, delle regioni sono sempre più vuote, le strade im praticabili e sporche, le scuole prive d i refezione e d i riscaldamento. Chiusa nel "castello" e rassicurata dal silenzio della società civile e dalla connivenza delle opposizioni, la casta non vede, non sente e non si fa sentire. Continua a giocare con l'avvenire dei giovani e lo svende - si fa per dire - per un piatto d i lenticchie. Quando la politica latita, muore l'economia, muore la cultura, muore il futuro. Si è arrivati al capolinea. La corsa è finita. Non resta che scendere.


Anno LIV Settembre - Ottobre 2012 (seguono da pag. 1)

E so rd io n a rra tiv o p e r il g io rn a lis ta G iu s e p p e M erlo

A n o v em b re n elle librerie

l'Utopia Possibile

"La poltrona di Maria Carolina e il gelo di mellone'

consolidata esperienza, si scopre narratore: GiuseppeMerlo ha, infatti, pubblicato un romanzo che, con un ossimoro, ha intitolato "L'utopia possi- L ’u t o p ia P o s s ib ile b ile" (Roma, Casa Editrice A rduino Sacco, 2012) e scritto in un linguaggio medio, ta­ lora tecnico, ma comprensibile a tutti. La storia, condensata in ben 214 pagine, prende lo spunto da un om icidio avvenuto in un grande centro montano siciliano, Ca­ labella, poco prim a d i Natale. La vittim a è un esponente politico m olto equivoco, l'on. Palmisiani, ucciso, in modo insolito e ana­ cronistico, da una freccia scagliata da una balestra che gli squarcia la gola, recidendo ArduinoSaccoEditore la carotide. Passano poche ore, e un cam­ pione d i balestra, il fiorentino Bob C rin iti, perde la vita, a Palermo, con la sua compagna e a ltri due amici, in seguito all'esplosione della sua mercedes. Le indagini sono affidate al solerte commissario Fa­ nera. E con la trama qui ci fermiamo. Poi la storia si dipana avvin­ cente e, pagina dopo pagina, esce fuo ri un'Italia sempre più corrotta, in mano a una casta d i pseudopolitici la d ri o, meglio, di ladri pseudo­ politici, d i "v a m p iri" senza scrupoli, avidi, che succhiano le ultim e gocce d i sangue alla povera gente, orm ai stanca, rassegnata, fu ri­ bonda. Inquietante lo scenario politico, caratterizzato da in trig h i, gio­ chi d i potere, atavici privilegi, intoccabili personaggi, im m ancabili d i­ scriminazioni, escort d'alto bordo, guerre d i mafia, oscure trame degli onnipossenti servizi segreti, am m inistratori intenti solo a realizzare il proprio particulare, generose prom ozioni che hanno lo scopo d i man­ dar lontano, e definitivam ente, zelanti funzionari: in questo senso la storica vicenda d i Cesare M ori, il "Prefetto di ferro", è significativa. E, infine, le verità ufficiali, decretate dalla fredda ragion d i Stato. Quella che, impeccabilmente, Giuseppe M erlo ci presenta è un'Italietta sfer­ zata attraverso il ricorso a un magistrale uso dell'ironia, che il lettore decifra correttamente operando una semplice manipolazione seman­ tica del messaggio; questa figura logica, che costituisce l'antitesi della realtà, in alcune pagine viene opportunamente esasperata sino a tra­ sformarsi in sarcasmo. Le situazioni socio-politiche descritte nella prim a parte del ro­ manzo, che l'autore stigmatizza in modo impetuoso, rappresentano lo specchio dellTtalia che va dalla caduta della "prim a repubblica" a quella "berlusconiana", un'Italietta senza prestigio, che arranca, in perenne crisi economica e d i valori m orali. E questo stato d i cose dura fino a quando non fa la sua comparsa un nuovo partito, "Equità e G iustizia", che, dopo aver ottenuto la maggioranza assoluta, traduce in realtà l'u to pia che coincide, in gran parte, con i desideri della gente e riporta la politica "da lucroso e losco mestiere a cui si era ridotta, alla sua ideale funzione d i servizio disinteressato per la concreta at­ tuazione del bene comune". Dal punto di vista del genere letterario, pensiamo d i poter catalo­ gare "L'uto pia possibile" come un th rille r fantapolitico, sia per l'in ­ quietante atmosfera che lo contrassegna, sia per l'inaspettata conclu­ sione e sia perché la tematica fantapolitica ben s'intreccia con quella utopica quando l'autore, come in questo romanzo, rappresenta dina­ miche sociali e politiche idealisticamente effettuabili, suggerendo proposte ideologiche per concretare situazioni realizzabili. Nel libro, infatti, si passa da una sorta di blanda distopìa, cioè dall'analisi, reale però, della drammatica e sgradevole situazione socio-politica pre­ sente (ma senza conclusioni apocalittiche), a un'utopia, appunto, pos­ sibile, che si concreta in un graduale passaggio a un nuovo e auspica­ bile sistema socio-politico. Speriamo che M erlo, come lo è stato più volte da giornalista, anche come narratore sia profetico. M ichele Vaccaro

A E

A U

T O

T R

D

R

A

A S P O

N

O

R

T I

N

E

N O L E G G IO AU TO VETTU R E PU LLM AN S G RAN T U R IS M O Autotrasporti Adranone seri C .d a C a s a b ia n c a , 1 9 0 - Tel. 0 9 2 5 9 4 2 7 7 0

SAMBUCA

D l S I C I L IA - A G

www.adranone.it - info@ adranone.it

E' un libro scritto a quattro mani. La parte narrativa è stata curata da Licia Cardillo, le r i­ cette da Elvira Romeo che, da diversi anni, su "La voce di Sambuca", cura la rubrica"La r i­ cetta di Elvira". Il 21 novembre il volume sarà presentato da Antonella Scandone (giornali­ sta di Repubblica) alla Mondadori Multicenter, Via R. Settimo Palermo. Sabato 1 dicembre "La voce di Sambuca" lo presenterà al Palazzo Panitteri.

Ecco la sinossi pubblicata nella quarta d i copertina. Non è sempre facile accostare in un libro rac­ conti e ricette. Ma nel caso di Licia Cardillo D i Prima, autrice della parte narrativa, e di Elvira Romeo, creatrice delle pietanze, la magia del buon gu­ sto - quello della parola scritta e quello degli ingredienti culinari -fonde alla perfezione un lavoro a quattro mani, ricco di ingredienti diversi, rendendolo una pietanza letteraria felicemente composta e molto gustosa. Il denominatore comune è la sicilianità, tanto delle storie quanto delle pietanze. Una sicilianità verace ma aggraziata, carica di suggestioni, di me­ morie e di profumi che si sprigionano dai p ia tti tip ici della Romeo e dalle pa­ gine della Cardillo D i Prima. Per goderne appieno, al lettore basterà prepa­ rare la mente e il palato a un viaggio indimenticabile nella nostra tradizione isolana.

Nozze d'argento Il giorno 28/10/2012 nella chiesa Madre San Giorgio M artire di Locorotondo (BA) Pippo D i Bella e Ana Barboza hanno cele­ brato il 25° A nniversario di M a tri­ monio. Presenti alla cerimonia la fig lia Anna Grazia, la mamma Pie­ rina Gurrera, il fra te llo Salvatore, la sorella Angela con il m arito Aldo e i fig li Antonella ed Eligio, g li z ii Rita Gurrera e Agostino Pinto, con i fig li Giovanna e Giuseppe e inol­ tre nipoti am ici e conoscenti. Dopo la cerimonia g li in v ita ti hanno fe­ steggiato nella Sala Ricevim enti " V illa dei Sogni" nei pressi di M artina Franca (TA).

P resen tato d all'E n te L u g lio M u sicale

La pelle di cristallo" a Trapani Sabato, 20 ottobre, a Trapani, in Piazza San Francesco d i Paola, a Palazzo De F ilippi, prestigiosa sede dell'Ente Luglio Musicale - che ha sponsorizzato l'evento - alla presenza di un pubblico attento, è stato presentato il romanzo di Licia C ardillo "La pelle di cristallo" ( R u b b e t t i n o ) .Ha aperto i lavori l'avv. Eugenio D'Angelo, presidente dell'Ass. "Salvare Erice" che ha promosso l'in izia tiva e che ha focalizzato in maniera scrupolosa i temi del libro. Sono seguiti g li interventi del Consigliere dele­ gato dell'Ente, avv. Gino Bosco e del sin­ daco d i Trapani. L 'in­ tervista all'autrice è stata condotta dal dottor G iorgio Geraci, psichia­ tra, che, attraverso le sue domande, prendendo spunto dal libro, ha dato modo di spaziare sulle questioni di senso della società odierna. La presentazione è stata intercalata dalla lettura d i brani di Pietra Bertolino. A l termine, un party offerto dall'Ente, accompagnato dai v in i D i Prima.


8 (segue da pag. 1) mosfera surreale, in una d i­ mensione parallela. M i sento quasi sm arrita in quelle strade da tanto tem po ignote ai m iei passi, e questa sensazione d i sm arrim ento a tra tti si confonde con u n sentim ento d i im barazzo e d i estraneità a lu o ­ ghi che appartengono alle m ie radici, alla m ia storia. " I setti va n e d d i" ci sono an­ cora, sono ancora lì dove erano rim a sti nei m ie i ric o rd i d i bam ­ bina, ancora assopiti e c igo la nti nelle im poste delle numerose case abbandonate e battute dal vento. C am m inando lu ng o le stra­ dine del Fantasma d e irE m iro A l Z abut im provvisam ente m i rassicura e stupisce la vista d i u n bianco prospetto recuperato e d i u n cantiere aperto din a n zi a case addorm entate. Q ual­ cuno ci abita ancora in questa via, anzi qualcuno che con Sambuca non ha alcun legame d i sangue e o rig ine ha deciso di venirci ad abitare. Si tratta d i Franco N uccio, direttore della redazione siciliana dell'A nsa che, seguendo l'esem pio dei colleghi g io rn a listi F ilip p o La n d i e Paola C a rid i e d i G io­ vanni D i Leo, sostituto procu ­ ratore della D D A d i Caltanissetta, ha com prato u n im m o ­ bile in via Graffeo. Franco N uccio e la m oglie hanno co­ m inciato i la v o ri d i recupero e ristru ttu ra z io n e circa due anni fa e contano d i portare a ter­ m ine il loro progetto entro la prossim a estate. Due professionisti e cono­ scitori del m on d o che si sono in n a m o ra ti del nostro paese e, soprattu tto della sua storia, che ili questi v ic o li nasce e si

le

Anno LIV Settembre - Ottobre 2012

In tervista al D irettore region ale d ell'A n sa

Franco Nuccio: la mia casa nei Vicoli snoda. Franco e Daniela hanno subito cercato questa casa dalle volte d i tu fo e dal v o lto antico per farne non la seconda ma la loro p rim a casa, come Franco ha precisato. "C i siamo sentiti subito a casa - racconta Franco - in n a n z itu tto per l'a m a b ilità e l'o s p ita lità della gente - e p oi per la bellezza del luogo". Q uando g li chiedo cosa g li è p iaciu to d i p iù d i Sambuca, Franco N uccio è u n fium e in piena. "Sambuca è situata in u n baricentro d i grande in te ­ resse dal p unto d i vista tu r i­ stico, a due passi da M e n fi con il suo mare m eraviglioso, da Palermo, nel circuito delle terre del v in o, un itin e ra rio d i gran­ dissim o fascino ed enorm e bel­ lezza. C i sono nel te rrito rio delle cantine m eravigliose, delle piccole, grandi realtà eco­ nom iche che possono fare da volano all'econom ia della zona. N o i, quando si è presen­ tata l'occasione, non abbiam o esitato ad acquistare questo im m o b ile ". Sì perché per Franco N uccio e la m oglie, così come per il m agistrato D i Leo Sambuca è soprattutto questa, quella che si rifle tte in queste vie antiche poco conosciute ed amate an­ che dai Sambucesi veri, q u e lli come me, da ta n ti g iovani so­ p ra ttu tto , che ogni giorno Sam­ buca la lasciano per spostarsi altrove per lavoro, nel freddo ed anonim o nord. Ed alla m ia obiezione che, p ro p rio pen­ sando a questi num erosi g io ­

vani che la casa la com prano lontano, g li chiedo come pensa si possano coinvolgere le nuove generazioni nel recu­ pero d i questa antica anim a del paese, Franco m i risponde che p ro p rio p u ntan do sul turism o, il recupero e la salvaguardia d i luoghi come i v ic o li saraceni si possono o ffrire o p p o rtu n ità d i crescita e d i rito rn o nella loro terra a ta n ti g iovani sambucesi. N on a caso la scorsa estate questi vic o li, anche grazie al­ l'im p e g n o suo e della collega Paola C a ridi, sono to rn a ti a v i­ vere, attorno ad u n piccolo gio iello abbandonato come la Chiesa del Rosario, per l'occa­ sione riaperta e rip u lita . E grande attesa c'è anche nei confronti della realizzazione dell'albergo orizzontale p re v i­ sta sempre nel quartiere arabo e aggiudicata con un bando emanato dal Com une lo scorso anno. "A b b ia m o coinvolto tanti am ici nel nostro amore per questi lu o g h i - aggiunge Franco N uccio tanto che m o lti d i essi che p rim a nem ­ meno avevano m ai sentito par­ lare d i Sambuca- ora, invece, stanno seriamente valutand o l'ip o te si d i acquistare casa qui, come abbiamo fatto n o i". Leggo nelle parole del m io interlocutore un amore per questi lu o g h i che tro p p o spesso, lo am m etto, non rico­ nosco in me stessa e m i rendo conto d i come spesso chi ama qualcuno o qualcosa è talm ente certo della sua bellezza ed u n i­

GUZZARDO & c. ALBERTO s.n.c. /

a l m

a

Bar - P asticceria G elateria - G astronom ia Tel. 0925 941933 Viale Gramsci - Sambuca di Sicilia

Viale E. Berlinguer, 79 Tel. 0925 941587 - Cell. 340 5251428 grancaffepemiciaro@alice. it

S A M B U C A D I S IC IL IA

Autofficina - Ricambi Auto Riparazione Automezzi Agricoli e Industriali, Autodiagnosi Ricarica Aria Condizionata V.le E. Berlinguer, 10 Tel. 0925 941097 Fax 0925 943730 S AM BU C A DI S IC ILIA (AG)

L A .C O L .F E R . di ARBISI & DI GIOVANNA •-

I f

IL C^cRCtflO di Erino Safina C.da Cicala - Tel. 0925 943430 SAMBUCA DI SICILIA - AG

ABITI DA SPOSA CERIMONIA UOMO - DONNA Via F. Crispi - Sambuca di Sicilia Tel. 0925 941534

cità da dim enticarla e m etterla in om bra nei com portam enti q u o tid ia n i, tanto da avere ne­ cessità che qualcuno, venuto da fu o ri, gliela rico rd i. N o n m i capacito d i tanto o ttim ism o e chiedo a Franco N uccio d i d irm i una cosa negativa d i questi lu o g h i che cambierebbe o m igliorerebbe. "La chiesa M adre - m i risponde - è un grandissim o peccato che versi in questo stato d i abbandono. In fa tti, contiam o d i creare un com itato che p o rti avanti un progetto d i recupero, cercando d i coinvolgere direttam ente l'unesco". Dalle sue parole, im p ro v v i­ samente, tu tto m i sembra facile e possibile, perché così già è stato per queste case a d d o r­ mentate che si risvegliano a nuova vita con le loro volte co­ lorate e illu m in a te e le m a io li­ che e i tu fi d i una volta, così è stato per la piccola chiesa del Rosario e il suo incantevole sa­ grato, per l'illu m in a z io n e della Festa della M adonna, e m agari sarà così anche per la Chiesa della M atrice. Marcel Proust ne "L a r i­ cerca del tem po p e rd u to " dice che talora basta lo stim olo d i una sensazione visiva, o o lfa t­ tiva, come un p ro fu m o o un sa­ pore, perché dentro d i noi ria f­ fio ri un ricordo che è legato a quella percezione. C iò che ha il potere d i far ritrovare i g io rn i trascorsi, che la m em oria v o ­ lontaria non riesce a rievocare. Forse, ogni tanto, abbiamo b i­ sogno d i un Franco N uccio, ve­ nuto da fu o ri, che ci ric o rd i chi siam o e chi possiamo co n ti­ nuare ad essere. D a n ie la B o n a via I M P K 1 S A i I) I I I

‘S a n & e 'i4 ,£

PIATTAFORMA Ai;Rlj\SPYDrK 220 con operatore

Un l riam o veristi tua

■StoiiwiitÉtonl Ripristino«limature Rivestimentiinpietra Sistemazionegrondaie Restamiminali eInterni Prospetti etinteggiature CòstnfiioneeflicostruMtieedile cellulari: 3 3 3 3 9 3 6 4 1 0 - 3 3 3 4 5 4 7 3 5 2

NON PAGHI IL NOLEGGIO, SOLO IL LAVORO

Z JK B W (D IT T V T I09Ì ABBIGLIAMENTO UOMO - DONNA - BAMBINO M A X JOE Via A. Gramsci y Sambuca di Sicilia Tel. 0925 943207

fi

£ jj ^

.*


9

Anno LIV Settembre - Ottobre 2012 (segue da pag. 1)

(segue da pag. 1)

C h iu d e il C ircolo M arcon i

Fine di unfepoca? Quello che fu il salotto sambucese e sede della "borghesia illu m i­ nata" e che in seguito prese caratteristiche diverse fino a diventare un sodalizio eterogeneo, ha chiuso i battenti. Certo è che i nostri Circoli hanno ima matrice in comune: il "pa­ bulo" come elemento cardine dell'attività sociale, il fare e disfare go­ verni ed altre attività sim ilari. Anche il nostro non è sfuggito a questa ferrea regola sociale, in special modo nell'ultim o secolo, se è vero che alla fine dell'Ottocento fu la culla della locale cultura con i N avarro ed altri e fucina dei nuovi ferm enti che fecero d i Sambuca un punto d i riferim ento per quanto riguarda il progresso socio-economico-culturale. Dicevamo che quello che fu il salotto sambucese ha chiuso un'e­ poca caratterizzata in certi periodi dal prevalere d i una parte del ceto sambucese o quanto meno dalla dicotom ia esistente all'interno di esso. L'appartenere al " Circolo M arconi " - noi preferiamo chiamarlo così - è stato sinonimo di elevazione sociale per quanti vedevano in esso il punto d i arrivo. Ancora riteniam o g li effetti della chiusura dei circolo non si sono manifestati grazie al generale agosto: in fa tti le vacanze, come si sa, sono m otivo di dispersione e q u ind i d i sottovalutazione dell'acca­ duto. Dicevamo che il fatto costituisce, a nostro avviso, un elemento ca­ ratterizzante d i una società in cammino, perché si è in tu ito il segno dei tempi. Il connubio tra cultura e nobiltà, esistente un tempo, è orm ai sva­ nito nei nulla. I tem pi cambiano, la cultura accademica deve cedere il passo ai nuovi ferm enti ed alle nuove visioni dei problemi; viene a ca­ dere il m ito dei depositari del sapere e della raffinatezza, ormai figure sbiadite d i lontani ricordi. Ed in questo senso dobbiamo darne atto i dirigenti del Circolo Marconi, specialmente ne ll'u ltim o ventennio, hanno tenuto conto delle nuove realtà sociali: l'u ltim a compagine dei sodalizio è caratte­ rizzata dall'eterogeneità dei componenti. L'epilogo è del nostri giorni: lo sfratto forzoso. Passando alle nuova realtà, ci chiediamo: non si poteva cercare in tempo una soluzione alternativa? Il non aver trovato una soluzione alternativa concreta per conti­ nuare la vita dei sodalizio è l'ovvia conclusione della vita del sodali­ zio stesso. Era forse arrivata la sua fine? Era ormai logora l'is titu ­ zione? Il problema resta aperto. Certo è che II finale della vicenda è tutto da valutare: g li organi dirige n ti decidono di portarsi dietro...le porte che, evidentemente sono d i loro proprietà, ma ci sembra che in questo il sodalizio ne esca un pò malconcio... A l d i là delle vicende giudiziarie, certo qualcosa è cambiata in questa nostra Comunità: sicuramente non p iù d i trentanni fa un fatto dei genere non sarebbe successo per quel «rispetto» che sa, ormai, di epoche a noi lontane. U ltim 'o ra : i l locale è stato preso in a ffitto dai tifo s i ju v e n tin i; il segno dei tem p i:..il pallone. G ori Sparacino

di CALOCERO MASGLOtÀCtNÀ /aÌ - - -

(

/ I I-, - ,-Il-O—I fTV— I— r

tmGln)W±&

Viale Enrico Berlinguer 42. lei. 0925 941116 - Cell. 328 7846126 SAMBUCA DI SICILIA -AG artecasacemmiche@grrwil.com

ri A i z ò a lv c iio x e C lla c c io

J

Testim onianza, di u n n u o v o resid en te I vicoli? Un quartiere degradato parrucchiere di o rig in i palermitane che da due anni vive a Sambuca. Ha infatti acquistato un confortevole appartamento ai Vicoli Sara­ ceni. Il racconto del sig. C inturati è inizialm ente ricco d i note positive sul paesaggio, sulla località d i Sambuca, in m erito all'entusiasmo che ha animato la ristrutturazione dell'abitazione, delle molte aspettative che interessavano le prospettive d i abitare un luogo ad alto interesse storico, destinato a divenire nel tempo un vero e proprio villaggio tu­ ristico. Poi il suo entusiasmo si spegne, l'espressione diviene seria. «I v i­ coli saraceni, al centro d i numerosi progetti di rilancio economico e turistico, sono in realtà totalmente abbandonati, degradati, sporchi e potenzialmente pericolosi.» Così inizia il lungo racconto della realtà che lo ha accolto nella nostra Sambuca. L'abitazione del C inturati si trova dirim petto ad una casa abban­ donata da tempo, senza copertura e senza infissi, in cui trovano rifu ­ gio decine e decine di uccelli i cui escrementi insudiciano tutte le strette e caratteristiche viuzze. A ll'in te rn o di altre abitazioni abban­ donate trovano rifugio colonie d i ratti. A d aggravare una tale insoste­ nibile situazione il pericolo mortale dei cavi elettrici che pendono da queste abitazioni ad altezza uomo e i calcinacci che col vento e le in­ temperie si staccano dai m uri. Col sig. C inturati abbiamo passeg­ giato per un tratto dei vicoli, all'im provviso alla nostra discussione si sono unite altre due donne che sentendo le nostre voci, incuriosite, si sono affacciate e hanno portato il loro sostegno alle proteste del C in­ turati. Lungo i vicoli i po rta rifiu ti erano pieni d i im m ondizia, i resi­ denti ci hanno riferito, che i collaboratori ecologici non hanno il com­ pito d i rip u lirli, d i togliere le erbacce che si formano lungo le "viuzze", come se i vicoli appartenessero ad altro comune e non fa­ cessero parte di Sambuca. Il sig. C inturati ci ha riferito di aver fatto p iù volte presente a ll'u fficio tecnico la sua situazione, di aver chiesto che si intervenisse per mettere in sicurezza g li edifici pericolanti, i fili elettrici scoperti, le strade sporche, d i effettuare una disinfestazione contro i topi, parlando persino col sindaco. Ma ogni richiesta è rim a­ sta inascoltata. Ha così dovuto provvedere a proprie spese ad una prim a derattizzazione, ha dovuto procedere alla pulizia delle stra­ dine che conducono alla sua abitazione con l'aiu to della moglie, ha dovuto persino affrontare la maleducazione d i alcuni giovinastri che ubriachi si rifugiano spesso nell'oscurità dei vicoli per "sfogare" la propria "sbronza", poiché anche l'illum inazione notturna lascia a de­ siderare. I due coniugi sono costretti a lasciare tutte le scarpe nell'en­ trata per evitare d i introdurre in casa gli escrementi degli uccelli. Tutti i fine settimana a Sambuca per i coniugi C inturati si trasformano in estenuanti giornate d i pulizia e rammarico. Così C inturati si confessa affezionato alla propria abitazione di cui ha sospeso la ristrutturazione, ma quasi pentito di aver fatto un tale passo. N utre vergogna ad accogliere amici e parenti da Palermo, da Sciacca e dalla Russia, di cui è originaria la moglie, in tale sporci­ zia, degrado, abbandono e oscurità. Chiediamo allora perché le richieste del nostro concittadino sono rimaste inascoltate, chiediamo perché si è considerati cittadini a tu tti gli effetti solo nel momento in cui ci sono le tasse com unali da pagare e mai quando si richiede un servizio. Ci chiediamo perché un sogno si è trasformato in un incubo! A nton ella D i G iovanna

mm

_a<c

C ell. 3 3 3 9 9 0 8 8 3 1

P L A N E T A V in i di S icilia w w w .p ia n e ta , i t

C.da Ulmoe Maroccoli - LagoArancio

SAMBUCA DI SICILIA Tel. 0925 80009-091 327965

I l p o rta le p e r la p ro m o z io n e dei B ed & B re a k fa s t in S ic ilia w w w .a re b b a s ic ilia .it in fo @ a re b b a s ic ilia .it

diAnnaPasiniZinna LA TUA BELLEZZA IN MANI SICURE

trattamenti viso ecorpo

CorsoDanteAlighieri, 67 SANTA MARGHERITA DI BELICE Tel. 0925 31633-Cell. 333 7963124

ZABUT

V«A C A T E N A . * 7 S A M U U C A DB S I C I L I A P .IV A 0 2 5 U U U U 0 H 4 H

SERVIZIO IR A S P O H IO INFERM I

. ti .U'.l’i ììX ì M JLt

i la u


10

Anno LIV Settembre - Ottobre 2012

In tervista a M ariolin a L icata

Fra trad izion e e in n o v azio n e

Una "fam ily banker" di casa nostra

Festa agostina di Maria SS. dell'Udienza

Ho appena fin ito d i apporre ben dodici firm e sui documenti che la dott.ssa M ariolina Licata, la "fa m ily banker" M ediolanum , m i ha pre­ sentato. Siamo seduti comodamente sul divano d i casa. La sua pro­ fessionalità legata alla comodità che sta dentro la figura del "fa m ily banker" m i suggerisce d i trasformare i m inu ti residui in una'intervista per "La Voce". Dott.ssa Licata ci piacerebbe sapere d i p iù della Sua profes­ sione. Non si può raccontare questa professione senza prim a ringraziare tu tti coloro con i quali lavoro ogni giorno: i miei clienti. Con loro ho un bellissimo rapporto non solo professionale ma anche personale. È proprio attraverso questo rapporto che giorno dopo giorno ci si gua­ dagna fiducia e stima. Come ha iniziato? Dopo la laurea con ind irizzo tecnico-economico, nel 2002 sono en­ trata in Banca M ediolanum come "fa m ily banker", cioè il professioni­ sta finanziario che sostanzialmente ha le competenze che in una banca tradizionale ha il direttore d i filiale, competenze che vanno, solo per fare un esempio, dal conto corrente al fido, ai prestiti, ai m u­ tui, alle carte di credito. Q ual è l'aspetto non trascurabile della sua professione? Per fornire un servizio adeguato, di qualità, sono essenziali la co­ stante assistenza a ciascun cliente. Preferisco incontrarli tu tti d i per­ sona ogni mese indipendentemente dalla loro operatività bancaria e consistenza patrimoniale. Ci troviam o in situa zion i in cui è sempre p iù complicato orien­ tarsi al m eglio per chi non è un esperto del settore, Lei cosa ne pensa? A l giorno d'oggi, nel m io lavoro, crescita professionale e crescita personale vanno di pari passo, procedono su due binari paralleli. Per questo la formazione e l'aggiornam ento professionale sono fondamentali. I clienti, anche con una elevata consistenza patrimoniale, non hanno possibilità d i seguire d i persona le novità finanziarie e so­ prattutto piena visione delle svariate possibilità d i investimento e d i gestione dei patrim oni. Tutto ciò è normale. E' qui che s'inserisce il nostro lavoro. Per questo Banca M ediolanum , per tutta la durata del nostro percorso professionale, garantisce formazione ed aggiorna­ mento costanti attraverso "M ediolanum Corparate U niversity", il centro d i formazione manageriale del Gruppo. L'abbiamo vista ultim am ente come banca e come persona spon­ sorizzare alcune a ttività c u ltu ra li e non solo. Ci dica d i più. Stare tra la gente e con la gente è l'ob iettivo prim o del nostro es­ sere banca. Il concerto d i Natale al Teatro l'idea, il contributo al re­ stauro d e irillum inazione alla Veneziana e la totale sponsorizzazione della "Rievocazione della Peste" durante l'u ltim a edizione della festa della Madonna sono g li im pegni p iù recenti con i quali ho deciso di stare vicino ai m iei clienti. A lla mia comunità. È il m io grazie per la loro fiducia ma è anche il legame che deve tenere unita una banca al suo territorio. In conclusione... Il lavoro che faccio m i piace moltissimo. Trovo entusiasmante la­ vorare in una azienda che ha ima chiara visione strategica del futuro, degli obiettivi da raggiungere e di come realizzarli. Vale a dire lavo­ rare sempre nell'interesse del cliente, assistendolo in maniera co­ stante e diretta, rappresentando per lu i un riferim ento sicuro e di fi­ ducia. Il fatto d i credere sinceramente in ciò che si fa viene sempre r i­ conosciuto dal nostro interlocutore e la lealtà viene premiata. E la mia esperienza insegna. P. M ontalbano

Si è conclusa col segno positivo la festa agostina di Maria SS. dell'U dienza, una festa eccezionale che è entrata ormai nel calendario festivo sambucese. Quella di quest'anno, la quarta edizione considerato che è stata celebrata per la prim a volta nel 1997 e con cadenza quinquennale, si è celebrata il 12 agosto preceduta da un triduo d i preghiera. Tre serate d i "Rosario cantato" con Messa ha per­ messo ai sambucesi non residenti e ai villeggianti di partecipare all'edi­ zione estiva della festa patronale. I tre giorni sono stati animati dalla co­ munità Mariana de "Le cinque pietre" che ha guidato anche la fiacco­ lata al Trasferimento. Il sabato, lungo la via e la piazza antistante il monumento alle "V ittim e del 15 gennaio del '68", si è svolta la fieramercato del prodotti tipici con una graditissima degustazione di lu ­ mache preparate dalla locale cooperativa "La lumaca del belice". La serata, infine, è stata allietata da una band di Sciacca che si è esibita con una graditissima cover dei Pooh. La fiera dei prodotti tìpici, la maggior parte biologici, è stata possibile grazie alla collaborazione della locale sezione della C IA e con il patrocinio dell'assessorato re­ gionale. Nel pomeriggio, invece, i bam bini dell'O ratorio si sono esi­ biti con una serie di giochi di squadra che hanno attirato l'attenzione dei genitori e non solo. La giornata culm ine si è avuta la domenica quando il simulacro, a spalla e senza non pochi sacrifici, è stato con­ dotto fino alla nuova Zabut. Il percorso, quasi interamente illu m i­ nato, si è concluso lungo la via principale illum inata con l'illu m in a ­ zione alla Veneziana recentemente recuperata. Numerosi i parteci­ panti che hanno affollato l'arteria principale della nuova Zabut. Un segno di unione e condivisione della stessa devozione ma anche la co­ mune richiesta di protezione alla Vergine dell'Udienza. A l comitato presieduto dal rag. Leo Ciaccio le lo d i de "La Voce". S. M aggio

I A q u e s t o n u m e r o h a n n o c o l l a b o r a t o : Daniela Bonavia, Giuseppe Cacioppo, Licia Cardillo, Antonella Di Giovanna, Mimma Franco, Mar­ gherita Ingoglia, Antonella Maggio, S. Maggio, P. Montalbano, Pippo Merlo, Elvira Romeo, Enzo Sciamè, Gori Sparacino, Simona Tavella, Michele Vac­ caro.

SUPERMERCATO

ASSOCIATO

SI SA

uro m ercati • MACELLERIA E SALUMERIA •

C.da Casabianca - SAMBUCA Dl SICILIA - Tel. 0925 941146 - 942374

GLeTTROFORNITURe

M A T E R IA L E E LE T T R IC O A U T O M A Z IO N I - T V C O LO R HI-FI • C E L L U L A R I V . le B e r l i n g u e r , 1 6 T e l. 0 9 2 5 9 4 1 2 3 3

S A M B U C A D I S IC IL IA

di Baldo Sqffna V ia Fantasma, 39 - S am buca T e l. 0925 942477 - 333 8276821

M U R A R I A M A R N I

LAVORI IN PIETRA MARMI E GRANITI C.da Casabianca - Tel./fax 0925 942801

SAMBUCA Dl SICILIA (AG) www.murariamarmi.it

L A B O R A T O R I O Dl PASTICCERIA

Gulotta & Giudice

Oddo Rosa Maria T e s s u ti-F ila ti C o rre d o -In tim o

Corso Umberto I, 9 Cell. 330 879060 - Sambuca di Sicilia

FRANCESCO G u lo tta

LAVORAZIONE PROPRIA SPECIALITÀ’ CANNOLI

Lavori Ferro e A lluminio Costruzione A ttrezzi A gricoli Forni a legna

Via E. Berlinguer, 64A Tel. 0925 942150 SAMBUCA D I SIC ILIA (AG)

C.da Casabianca -Tel/Fax 0925943252 SAMBUCA D I SICILIA Cell. 339 8357364


11

Anno LIV Settembre - Ottobre 2012

Irvos, Caep e Strada del Vino terre Sicane, degustazione con gli enologi stranieri Venerdi 5 ottobre a Baglio Pianeta degustazione a tema " I l v in o che unisce". E' questa la filo so fia che ha g u id a to l'espe­ rienza, organizzata da CAEP Ita lia , Is titu to reg.le V in i e O li d i Si­ cilia e in collaborazione con la Strada del V ino Terre Sicane. Espe­ rienza che vede p ro tag o n isti sei g io va n i enologi stranieri, nella vendem m ia siciliana. Terre d i Giafar, V itic u lto ri associati d i C anicatti, C u m m o V in i, A zienda A g ric o la V irgona ed A zienda A g r i­ cola Messana sono le aziende che hanno aderito al progetto. M a n o n solo vendem m ia, i lo ro v in i si sono "c o n fro n ta ti" d u ­ rante u n incontro, rive la to si m o lto c o stru ttivo , che si è tenuto a

Se ne sono andati... M A R IA SC IAM E Nel l'Anniversario della scomparsa della Sig. Sciamè Maria residente In Alessandria il marito, i figli, la nipotina Ilenia, le sorelle, i cognati, i nipoti La ricordano tu tti con im­ menso affetto. Maria, sorella cara, un anno è passato che ci hai lasciati sembra ieri, ci manchi tanto, hai lasciato un grande vuoto intorno a noi, una brutta malattia ti ha portata via in po­ chissimo tempo, senza darci il tempo di rendercene conto. Sei stata una moglie, una mamma stupenda, forte, tenace, hai lottato tutta una vita contro tutti i problemi di famiglia e di salute che si sono presentati, veramente tanti, sei stata forte come un leone accanto ai tuoi figli e tuo marito a proteggerli. Adoravi la tua nipotina Ilenia era la tua vita, vivevi per lei, sei stata una dolcissima nonna, la coccolavi, la facevi giocare, la imboccavi pur avendo problemi di salute. Maria, sorellina, mi manchi da morire, come a me, ai tuoi ragazzi e a tu tti quanti; non passa giorno che non ti penso e affiorano i ricordi. Sei stata una grande donna affabile, premurosa con tu tti ti diamo un grosso bacio, ti vogliamo tanto bene. La tua famiglia

T R I N A C R I A di Guasto&

&

M

L av o ro C im ite r ia li

SERVIZIO AMBULANZA 24H

CROCE BIANCA 24h

A rtic o li F u n e ra ri

F. Guasto: Tel. 0925 942527 - 333 4076829 S. Sciamè: Tel. 0925 943545 - 333 7290869 - 338 4724801 Fax 0925 941413 - 3207252953 Vicolo Oddo, 7 - SAMBUCA D I SICILIA - e-mail: oftrinacria@tiscali.it

A G R ISU D Sambuca. Era presente, G o ri Sparacino, D irettore della Strada. "Si è vo lu ta - spiega l'en o log o G ia n n i G ia rd in a d e llT s titu to Regio­ nale V in i e O li d i S icilia - dare la p o s sibilità a questi g io va n i eno­ lo g i stra n ie ri d i venire a contatto con la varietà dei v in i d i Sicilia, d i conoscerne le p e c u lia rità ". E' stato p ro p rio G iardina a guidare la degustazione dei v in i. " I l p ro g e tto " I l v in o che u n is c e " - com m enta Francesco D itta , d ire tto re d i C A E P Ita lia - ha a v v ic in a to la S icilia a paesi e u ro p e i ed e x tra e u ro p e i, m a è anche riu s c ito a m ettere a con­ fro n to d iv e rs e rea ltà v itiv in ic o le d e ll'is o la " . In so m m a o b ie t­ tiv o ra g g iu n to pie na m en te : " A b b ia m o creato u n filo c o n d u t­ tore tra Salina e Paceco passando p e r A lc a m o e C a n ic a ttì", ag­ g iu n g e D itta . E n tu s ia s ti d e ll'in c o n tro i sei e n o lo g i p ro v e n ie n ti da C in a , In g h ilte rra , Spagna e Perù.

S u p e r m e r c a to

S T O P &# SH O R O di Marco Felice Cicio & C.

A lim e n ta ri - M a c e lle ria S a lu m e ria - O rto fru tta

V IA FRANCESCO CRISPI Tel./Fax 0925 941404 SAMBUCA D l SICILIA

E 9

Commercializzazione Cereali prodotti per l'agricoltura e la zootecnia Impianti d'irrigazione

d i M ulè Pietro Riccardo

C . d a P o r c a r i a (Z o n a I n d u s t r ia le )

C o r s o U m b e rto I , 9 2 / 9 4 S A M B U C A D I S IC IL IA C ell. 328 1775637

SAMBUCA D I S IC ILIA T e l./ F a x 0 9 2 5 9 4 3 1 2 0

pavimenti - rivestimenti - pietre naturali parquet - arredobagno - materiali per l'edilizia - Via F. Crispi 50 - tei 0925.942293 -C.da Casabianca SP70- tei 0925.942709 - Sambuca

S h o w ro o m E d iliz ia

Associazione Socio-Culturale-Sportiva

///

F

U

T

U

R

A

Corso Umberto 1,127v - 92017 Sambuca di Sicilia (Ag) - Cell. 366 5467756

Futura

e-mail: associazionefutura@aiice.it web site: www.associazionefutura.net

A G E N Z IA O N O R A N Z E F U N E B R I

i

T u tto p e r l ’irrig a z io n e a g ric o ltu ra - e d iliz ia - fe rra m e n ta e le ttro u te n s ile ria r/7l ii'j j u j u

C a fè

SERVIZIO A DOMICILIO

r i t e c n

U B e ta

R e U m b e rto

di A rm ato C. & Cacioppo M.

'T iM L . 11'«k »

C atalanello Anthony M . - Cell. 3 93 9 8 2 7 0 2 3 Via A. Gram isci, 7 0 - SAMBUCA Dl SICILIA - A G

I m m a c o la t a C o n c e z io n e S E R V IZ IO di AM BULANZA M ich elange lo Cam po 24H / 24H Viale A. Gramsci - Sam buca di Sicilia - AG Tel. 0925 942733 - 368 7395600 - C ell. 380 6843258


A lfo n so Di Giovanna, Fondatore - Licia C ardillo, D irettore R esponsabile - Giuseppe Cacioppo, Capo Redattore Gori Sparacino, Direttore Amministrativo Direzione, Redazione e Amministrazione Via Teatro C.le Ingoglia, 15 - lavocedisambuca@libero.it - Sambuca di Sicilia (AG) - c.c.p. n. 11078920 - Aut. Trib. di Sciacca, n.1 del 7 Gennaio 1959 - Ab­ bonamento annuo 15,00 Euro - Benemerito 50,00 Euro - Sostenitore 100,00 Euro - Estero 30 Dollari - Stampa Arti Grafi­ che Provideo - Contrada Casabianca -Tel. 0925 943463-92017 Sambuca di Sicilia (AG) - Pubblicità inferiore al 50 %

C o m e n elle fav ole... la torta d i A lice

A ccolto dai tifosi con u n d ono sp eciale

Le "dolci" sculture di Raissa

Totò Schillaci a Sambuca

di

M a r g h e r it a I n g o g l ia

di

Solo nella storia d i Hansel e Gretel era possibile sognare di incon­ trare in una piccola radura, una casa fatta interamente da marzapane e zucchero a velo, pareti d i cioccolata e fio ri canditi. A chi di noi non sarebbe piaciuto rivivere quella scena fatta d i dolci e calorie? Eppure, talvolta, le favole possono, in qualche modo, diventare reali. Piccole e grandi capolavori d i arte culinaria sono infatti quelli che vengono realizzati tra le mura domestiche della cucina di casa Ricca. Sculture d i alta pasticceria che d i invitante non hanno solamente l'aspetto, ma che soddisfano pienamente anche il palato di chi ha avuto il piacere d i gustarle. Torte, m u ffin e biscotti dalle stravaganti decorazioni che

M ic h e l e V a c c a r o

Il Club Juventus "A . Del Piero" di Sambuca, presieduto da Franco Pendola, ha ospitato, domenica, il re delle "n o tti magiche" del mondiale d i calcio 1990 Totò Schillaci. L'ex cal­ ciatore della Juventus e della Nazionale, capo­ cannoniere a Italia 90, accompagnato dalla bellissima moglie Bar­ bara, ha passato una d i - ---------------- ------------------------------------------vertente giornata tra i tifosi juventini, non negando, tra un piatto di anellini al forno e un pezzo di salsiccia, autografi e foto. Il pittore Pippo Vaccaro ha donato a Totò uno splendido quadro. Schillaci, che è andato via commosso e tra gli applausi, ha promesso di ritornare presto, anche per abbracciare il fig lio Mattia, che a Sambuca gestisce, con Michele Oliva, la Scuola Calcio "Dom enico Schillaci".

100 primavere per Angela Sciamè

*\

I

Raissa Ricca crea con pasta d i zucchero chili di zucchero a velo, colo­ ranti e l'ingrediente segreto che come ogni professonista che si r i­ spetti, non svelerebbe mai. Decorazioni fantasiose e raffinate che sembrano prendere vita nel connubio tra dolcezza ed estro creativo. Decorazioni che stentano a sembrare realizzate con zucchero e crema, dando l'idea d i essere fatte quasi d i porcellana e vetro soffiato. Una passione quella d i Raissa che inizia già quando era ancora m olto piccola e nella cucina d i mamma Erina si ingegnava a "pastic­ ciare" insieme a lei. Nonostante Raissa sia cresciuta e abbia imparato tecniche e ricette nuove, mamma Erina rimane in ogni caso la sua aiu­ tante preferita visto che - come ci dice Raissa - puntualmente si trova la cucina invasa da ogni genere d i dolcezza ed è sempre pronta ad aiutarla a mettere in ordine. "I dolci sono la passione di mamma e adesso anche la mia! - ci dice la giovane designer. - C'è da dire che sono m olto golosa. N on pensavo che il cake design m i avrebbe affa­ scinata così tanto. La prim a torta che ho decorato con la pasta di zuc­ chero è stata quella del m io compleanno 2 anni fa e da allora sono stati tanti e svariati i soggetti m odellati per amici e parenti." U n’arte imparata leggendo, guardando in tv e su internet g li esperti del cake design americani, d iffic ili da im itare soprattutto quando, sopratutto all'inizio, si è p riv i dei ferri del mestiere che la giovane pasticciera, con un po' d i fantasia, ha sostituito con utensili d i fortuna. "Qualche settimana fa m i è stato fatto un regalo m olto gradito. - continua a dirci - ho partecipato al m io prim o corso di Cake Designer: una bel­ lissima esperienza che m i ha permesso d i conseguire un attestato. Spesso non bastano 24 ore per realizzare una torta, visto che i vari de­ cori vanno preparati in anticipo considerando anche i tem pi d i asciu­ gatura della pasta. Occorrono tempo e molta cura per realizzare i par­ ticolari: sono questi infatti che rendono unica ogni cosa che si crea." "Tra tutte la mia torta preferita è quella d i Alice nel paese delle mera­ viglie, alla quale ho dedicato più tempo: tanti soggetti coloratissimi e tu tti realizzati a mano. A h i se penso alle notti in cui Alice non m i ha fatta dorm ire!!" "In occasione del Primo "babbalucia "Zabut Fest che si terrà a Sambuca l'8 dicembre m i è stato chiesto d i realizzare un dolce appositamente per questa manifestazione ed ho colto d i buon grado questa proposta, nella speranza che questi dolcetti siano gra­ d iti alla comunità sambucese e non solo. Continuerò a coltivare que­ sta mia passione, ovviamente non tralasciando il mio percorso di studi letterario, che è lontano anni luce dal m ondo dello zucchero e coglierò con piacere l'occasione per mostrare i m iei lavori quando sarà possibile."

Giorno 12 ottobre 2012, nella suggestiva cornice del cortile Vivacqua, in via Concerie, la signora Angela Sciamè ha raggiunto il tra­ guardo del 100°compleanno circondata dalle figlie Maria, Nina e Tita, e dai generi, nipoti e pronipoti. Il Sindaco Dott. M artino Maggio, dopo i convenevoli, avendo conosciuto la signora Angela fin da bam­ bino, ha espresso parole di stima nei suoi confronti e le ha conse­ gnato, anche a nome d e ir Am m inistrazione Comunale, un omaggio floreale e una targa ricordo. Inoltre, emozionato, si è complimentato con le figlie della festeggiata per averla accudita con costanza e amore. Dopo la cerimonia officiata dall'Arciprete Don Lillo Di Salvo i partecipanti si sono riversati in cortile, addobbato per l'occasione con piante e fiori. La pioggia non ha impedito agli amici e ai parenti tutti di festeggiare la signora Angela e di gustare un succulento e ricco buffet.

PROVIDEO

ARTI

G R A F I C H E

Litografìa - Serigrafia - Tipografia Progettazione Grafica C.da Casabianca - Sambuca di Sicilia Tel./Fax 0925 943463 www. graficheprovideo. it info@graficheprovideo.it

3 iQ 3 © C 3 M b C.da A rchi • Sambuca di Sicilia

Profile for La Voce di Sambuca

N 445 settembre ottobre 2012  

ANNO LIV settembre ottobre 2012

N 445 settembre ottobre 2012  

ANNO LIV settembre ottobre 2012

Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded