Issuu on Google+

SNEAKERS/FASHION BOOK VOLUME 3 DI 6 2013/14

FREE 29 - 1000 SHOPS - 150 PUBS 30.000 COPIE POSTE ITALIANE SPA PESCARA AUT. C/PE/55/2012 - SUPPLEMENTO ALLA RIVISTA SEQUENCE N째43


CRACKERS MEDIA OPPORTUNITY


S CRACKERS S

pag.020


S CRACKERS S

EDITORIALE Passate le vacanze (le avete passate bene?), ci buttiamo a capofitto in questo 2014 che, almeno a livello di offerta di apparel e via dicendo, si preannuncia davvero ricco, com’è giusto che sia. Infatti questo nuovo numero di Crackers, il 29, esce in concomitanza con le più importanti fiere di settore (vediamoci là), eventi cruciali come il Pitti di Firenze o il Bread & Butter di Berlino, che ogni edizione lanciano brand su brand... Parlando di Berlino, iniziamo a presentarvi questa nuova uscita anticipandovi che ci troverete appunto un articolo sul negozio heritage tedesco Fein und Ripp, così come un focus sul ‘confinante’ brand nordeuropeo Hansen Garments (a sua volta ispirato all’heritage, ma di Svezia e Norvegia ecc). Torniamo poi nel nostro Bel Paese, non sia mai che scordiamo il made in Italy, offrendovi un doppio speciale per gli amanti delle moto; il focus sul brand Blue Panther, giovane marchio votato all’‘abbigliamento biker’, seguito da quello su “Memory’s Motorcycles”, marchio ‘on the road’ creato da Officine Mermaid e Memory’s Ltd. E poi ancora l’intervista alla giovane stilista Irene Silvestri, fondatrice del futuristico marchio White Mouths (davvero particolare), qualche scatto rubato ‘in strada’ per la rubrica ‘Meoutfitters’, oltre allo spazio dedicato al tris di trendsetter ‘sui generis’ della sezione ‘Italian Rugged Style’ (che racchiude le testimonianze stilistiche di G.Klemera, D.Pavoni e A.Squarzi). E ‘last but not least’, ecco anche due articoli su altrettanti brand a dir poco storici: per gli amanti dei workboots il colosso Red Wing, e per i fan dell’outdoor dal sapore ‘nativo americano’ il ben noto Pendleton... Pubblichiamo poi le foto della passata Denim Boulevard (evento dedicato al denim che organizziamo con amici e partner) e ricordiamo infine che l’edizione 2014 sarà ancora più spessa e sempre creata ad hoc a giugno durante la Fashion Week di Milano, tenetevi pronti; ve ne riparleremo... Bene, non ci resta quindi che augurarvi buona lettura e, soprattutto, buono shopping compulsivo a tutti!

pag.010


S CRACKERS S

CRACKERS 29

SOMMARIO PAG. 08 EDITO, PAG. 12 G-SHOCK SELECTION, PAG. 16 PIETRO FERRANTE SELECTION, PAG. 18 BOMA AGENCY SELECTION, PAG. 20 5TATE OF MIND - AMERICAN COLLEGE SELECTION, PAG. 22 BOOM BAP - BOBO FIX SELECTION, PAG. 24 DC SHOES - COAL - SPY OPTICS SELECTION, PAG. 26 THE_EXHIBITION, PAG. 28 LACOSTE SELECTION, PAG. 30 LOBSTER SELECTION, PAG. 32 DRUNKNMUNKY SELECTION, PAG. 34 MARIO PINI SELECTION, PAG. 35 NO PERFECT - UP STREAM CLOTHES E CO SELECTION, PAG. 36 MR.GUGU & MISS GO SELECTION, PAG. 37 MAJESTIC ATHLETIC, PAG. 38 LAZY OAF SELECTION, PAG. 39 OSIRIS - L1 OUTERWEAR SELECTION, PAG. 40 LACOSTE L!VE X OSAMU TEZUKA SELECTION, PAG. 41 MICHAEL LEAVITT SELECTION, PAG. 42 PUMA TRINOMIC XT2 PLUS, PAG. 43 PUMA SELECTION, PAG. 44 NIKE SELECTION, PAG. 45 JORDAN SELECTION, PAG. 46 ADE SHOES SELECTION, PAG. 47 SANTA CRUZ SELECTION, PAG. 48 VANS SELECTION, PAG. 50 PUMA EVENT, PAG. 51 10.DEEP SELECTION, PAG. 52 BODEGA SELECTION, PAG. 53 BRIXTON SELECTION, PAG. 54 CONVERSE SELECTION, PAG. 55 REEBOK SELECTION, PAG. 56 NEW BALANCE SELECTION, PAG. 58 NEW ERA SELECTION, PAG. 59 INCASE SELECTION, PAG. 60 LOBSTER STORY, PAG. 62 ILT X SWAP VOLCANO, PAG. 64 BEN SHERMAN X THE ICONS, PAG. 65 PAS DE MER SELECTION, PAG. 66 NIKE SELECTION, PAG. 68 PRESTORIK SELECTION, PAG. 69 SPACE MONKEYS SELECTION, PAG. 70 BRUCE LEE X SUPREME X VANS, PAG. 71 SUPREME X JEAN MICHAEL BASQUIAT, PAG. 72 SPERRY TOP-SIDER SELECTION, PAG. 73 TRAINERSPOTTER SELECTION, PAG. 74 SOUTHFRESH, PAG. 75 ELEMENT SELECTION, PAG. 76 REEBOK SELECTION, PAG. 77 COTE&CIEL SELECTION, PAG. 78 NOVE25 ITW, PAG. 82 SWAP MEET ITALIA ITW, PAG. 88 SNEAKER SWAPPERS ITW, PAG. 90 BOOM BAP WEAR ITW, PAG. 92 CATHERINE KIM ITW, PAG. 94 STEVE VAN DOREN - VANS INTERVIEW, PAG. 96 DANNER X WOOLRICH, PAG. 97 PENDLETON BLANKETS, PAG. 98 PENFIELD SELECTION, PAG. 100 PEB SELECTION, PAG. 101 FROST RIVER SELECTION, PAG. 102 SEW E SING SELECTION, PAG. 103 BEYOND CLOSET SELECTION, PAG. 104 SOUTHFRESH ITW, PAG. 106 COLE HAAN SELECTION, PAG. 107 OUR LEGACY SELECTION, PAG. 108 MEOUTFITTER, PAG. 114 BARK SELECTION, PAG. 115 BLUE BLUE JAPAN SELECTION, PAG. 116 GRAF & LANTZ SELECTION, PAG. 117 SOLOVAIR SELECTION, PAG. 118 G.P.P.R. SELECTION, PAG. 119 GRAM SELECTION, PAG. 120 HTC SELECTION, PAG. 121 KAPITAL SELECTION, PAG. 122 ROBERU SELECTION, PAG. 123 ACCESSORIES SELECTION, PAG. 124 MONITALY SELECTION, PAG. 125 RED WING SELECTION, PAG. 126 STUTTERHEIM SELECTION, PAG. 127 TOPO DESIGNS SELECTION, PAG. 128 VISVIM SELECTION

DIRETTORE Murio (flyfisher) (murio@ jpgedizioni.com) Facebook (crackersmagazine) youtube (crckrstv) DIRETTORE RESPONSABILE Americo Carissimo, COORDINAMENTO EDITORIALE Murio, Denis, Paolo Salvatore MANAGER PUBBLICITA’ Paolo Salvatore (paolo@ jpgedizioni.com) COORDINAMENTO CONTENUTI Antonio Isaja (flyfisher) (antonio@

jpgedizioni.com) COORDINAMENTO GRAFICO MURIO CONTENUTI Paolo Fiorilli, Enrico Santillo (mastro d’ascia), ESPERTO VINTAGE Antonio Sallustio EDITING Marco Contardi FOTOGRAFI & COLL. Riccardo Miracoli, Antonio Sallustio, Loris De Marco, Daniele (Sneakers76), Alberto Pepe, Shopbasket (Fabio Checchini) Sabrina Colucci, Andrea Venerus. EDITORE JPG Edizioni di

pag.012

Salvatore Paolo, Piccolo Denis, Cristian Murianni - JPG via Colle D’Andromeda, 4 Montesilvano cap 65016 Pescara Tel. +39.0859151471 Fax. +39.085.9151230 crackersmag STAMPA DISTRIBUZIONE FREE PRESS Crackers è un supplemento gratuito alla rivista SEQUENCE MAGAZINE registrata al tribunale di Pescara il 14/05/2003 al numero 173/5 grafiche ambert via per chivasso, 27 verolengo (to) tel. 011.914227


S CRACKERS S

G-SHOCK GDX-6900

EMINEM

Per celebrare il trentesimo anniversario in grande stile, G-Shock ha collaborato con il rapper di fama internazionale Eminem a un orologio che lascia il segno. Il modello scelto da Slim Shady per l’occasione è il “GDX-6900”, con quadrante digitale formato xl... un vero e proprio best seller del brand giapponese. Questa eccezionale versione rispecchia nel look gli elementi iconici del cantante: completamente in nero opaco, così come la luce led dello schermo retroilluminato, sagoma rossa della skyline di Detroit, città natale di Eminem, controversa e celebrata in molti dei suoi brani. Infine spicca una “E” capovolta sul quadrante e sul cinturino, che il cantante ha voluto anche firmare come se autografasse ogni orologio per i suoi fan. Per info: www.g-shock.eu/it

pag.014


S MAGAZINE S

G-SHOCK GDX-6900

EMINEM

Marshall Bruce Mathers III, conosciuto al pubblico come Eminem (o ancor piÚ come col suo alterego Slim Shady), è un grande rapper, produttore discografico e anche attore cinematografico statunitense. Amato e apprezzato da ogni parte del mondo, il cantante americano rappresenta una vera e propria icona del mondo rap... il primo bianco a lasciare un segno nella scena hip-hop internazionale. Nella sua carriera ha vinto titoli come disco di platino, tredici Grammy Awards, best-selling artist del 2000 e molti altri ancora.

pag.015


S CRACKERS S

WOOD FELLAS

SNAPBACK BY FLEXFIT

Non perdete questa limited edition! In tutto il mondo sono stati prodotti solo 432 esemplari di ogni modello e variante colore della collection. Ogni cap viene consegnato nella propria bag in satin, ed è dotato di un’etichetta in legno, che documenta il numero di serie. Disponibili in dieci styles. Solo nei migliori stores! Per info: www.bomaagency.com

URBAN CLASSICS

LADIES COLLECTION L’Urban Classics “Ladies Collection” è sempre più ampia, con grandi novità in cantiere per la collezione Spring/Summer 2014! Nel frattempo, nei vostri stores di fiducia, troverete dalla “College Jacket Collection”, in felpa, in ecopelle e in raso, alla collezione orsetto super soft, adesso disponibile in tutte le varianti colore. Don’t miss that! Per info: www.bomaagency.com pag.016


S CRACKERS S

ATMOS COLLABO

CHUMS

Il brand e il negozio giapponesi Chums e Atmos hanno collaborato ancora una volta per la creazione di questa collezione di borse ‘morbidose’; vi presentiamo qui lo zaino “Fleece Daypack”, con colorazioni accese su di una base nera, realizzato in morbido tessuto peloso tipo ‘sherpa’.

THE CORE RED

CAYLER & SONS

Lanciata nel mercato mondiale in concomitanza con la consegna della “Air Yeezy III Nike”. Creata in abbinamento alle shoes in questa speciale tonalità di rosso con visiera rivestita dall’ inconfondibile tessuto. Ogni cap viene consegnato in una scatola disegnata ad hoc. Solo nei migliori store! Per info: www.bomaagency.com SS-2014 SELECTION

SUNBOO

Il tuo sguardo, l’ambizione nei tuoi occhi, un ribelle contro gli schemi sociali... prova l’azzardo con una Spyder 550, libera l’immaginazione con una Rollei, indossa i nuovi occhiali Sunboo “Rebel” e diventa il ribelle che meriti di essere. L’eleganza nel tuo stile delineerà il tuo look. Con i nuovi sunglasses “Swan” di Sunboo avrete la più bella principessa. Per chi ama sentire l’adrenalina, la tensione del rischio sul filo del rasoio, i nuovi Sunboo “Hatch” sono gli occhiali perfetti! Per info: www.sunboo.it - info@sunboo.it pag.018


S CRACKERS S

PIETRO FERRANTE

PIETRO FERRANTE

BRACELETS

NECKLACES SELECTION

Le collane Pietro Ferrante si fanno riconoscere come al solito: mai banali con uno stile inconfondibile dato dalla cura artigianale per i dettagli... sconsigliate solo ai timidi: la grinta e l’esuberanza del maestro Ferrante vengono trasmesse magicamente a chi indossa le sue intuizioni rock! Non per tutti!

Selezione di bracciali creati a mano dal maestro Pietro Ferrante... gioielli sempre ispirati alla strada, ai colori e ai ritmi metropolitani. Per le principesse un po’ punk, un po’ sexy, questi gioielli rifiniti con charms, gotici o frivoli regalano sempre un invidiato look ‘alternative chic’. Per finire altri due capolavori handmade by Pietro Ferrante: a doppio giro in pelle e metallo il primo, mentre il secondo, sempre fatto a mano, riesce a coniugare il camouflage con la passione ‘marinara’.

Shop on-line: pietroferrante.com

Shop on-line: pietroferrante.com

PIETRO FERRANTE

RINGS

Un vero e proprio must, la ‘keychain’ per pantaloni, perfetta sulla gamba di un biker ma anche sul jeans strappato della fashion blogger con la passione del rock. Questi pezzi esclusivi, disegnati da Pietro Ferrante, sono in metallo mixato a vera pelle, oltre adessere lavorati e realizzati a mano con tutto il valore aggiunto della passione artigiana italiana. E non aggiungo altro.

La personalità, la passione, la dedizione: tutti ingredienti che fanno un gioiello marchiato Pietro Ferrante: brand ormai diventato un vero e proprio oggetto di culto nel mondo street. Ring in metallo, realizzati a mano in Italia, con quattro ‘micron’ di bronzo bianco e uno di argento; mentre gli altri due pezzi, sono anelli sempre fatti a mano in Italia, ma in argento 925. Il pregio di questo materiale non tradisce l’allure rock che contraddistingue il design del maestro Pietro Ferrante.

Shop on-line: pietroferrante.com

Shop on-line: pietroferrante.com

PIETRO FERRANTE

KEYCHAINS

pag.020


S CRACKERS S

FRENCH KICK-ASS

BOOM BAP WEAR Eccovi l’ultima selezione del marchio streetwear francese Boom Bap Wear proveniente dalla collezione FW-2013/14. Dopo che vi siete letti l’intervista a uno dei fondatori del brand, Fernando Teles, eccovi alcune foto di indossati che ritraggono le famose t-shirt, canotte e maglie con lo stile simpatico e irriverente che caratterizza tutte le produzioni di questo brand. Per info: www.boombapwear.com

PRODUCT SELECTION

NO PERFECT

No Perfect è alla continua ricerca di nuovi stimoli e fonti d’ispirazione per garantire ai propri clienti capi d’abbigliamento e accessori sempre all’avanguardia. In attesa dell’uscita della nuova collezione, la SS-2014, che vedrà l’inserimento di nuovi pezzi realizzati su tessuti particolari, il brand made in Italy ripropone i suoi ‘evergreen’ che lo hanno reso noto nel panorama underground italiano ed europeo. Per info: www.noperfectdesign.bigcartel.com

PRODUCT SELECTION

BOBO FIX

Ormai tutti conoscono le fantastiche biciclette a scatto fisso Create... potete scegliere tra una miriade di colorazioni e modelli sul negozio on-line Bobo Fix: con solo qualche click potrete selezionare e acquistare in tutta sicurezza la bicicletta fixed che preferite! Per info: www.bobofix.com - info@bobofix.com pag.022


S CRACKERS S

SS-2014 SELECTION

ATLANTIC STARS

Atlantic Stars è un brand giovane ispirato completamente agli anni ‘80, quando Cristiano Martelli e Gian Luca Zucchelli, titolari del calzaturificio Finest snc (proprietario del marchio), entrambi classe ‘71 vivevano appieno gli anni in cui il colore e le forme rivoluzionavano la moda e lo stile di vita. L’idea nasce dallo stilista dell’azienda, Gian Luca, che ha voluto reinterpretare il concetto della sneaker running con tutti i dettagli di quel tempo. Atlantic Stars è distribuito da Alessandro Squarzi, comproprietario del progetto, ed è alla sua seconda presentazione in occasione del White di gennaio e febbraio 2014. Per info: www.atlantic stars.it

SS-2014 SELECTION

WRONG PEOPLE

Per la SS-2014 collection, Wrong People fa un ulteriore passo in avanti, dopo averci proposto una serie di capi ‘lavati e maltrattati’, si spinge oltre proponendo un all-over iconico e concettuale, ma fresco e raffinato com’è solito fare questo brand tutto italiano. I tenui e colorati soggetti girano su un’ampia scelta di capi uomo donna, con diversi articoli ibridi e dalla vestibilità unisex (come da suo DNA e inconfondibile marchio di fabbrica). L’immagine è forte e disinvolta, come la personalità di chi lo indossa. Distribuito da: Montmatre Italia Studio info@montmartreitalia.it pag.024


S CRACKERS S

HOLIDAY SELECTION

VANS OTW ALOMAR

Per la collezione “Holiday 2013” marchiata Vans, il brand americano propone una versione all-weather del modello “Alomar”: tomaia impermeabile, due colorazioni ispirate al militare, entrambe in pelle premium, oltre ai passanti in metallo e alle finiture in stile trapuntato per la parte alta della sneaker. Per info: www.vans.it

TAKA HAYASHI TH 008 LX

VAULT BY VANS

Lo stile unico e l’instancabile fantasia del designer Taka Hayashi si possono percepire in ogni modello di Vans su cui ha lavorato. Per la nuova stagione, ormai alla nona linea da lui curata per il marchio americano, Taka ci propone la nuova “TH 008 LX”: silhouette ispirata a una classica scarpa inglese, suola bianca rialzata stile boot (che tanto va di moda di questi tempi), e suede di prima fattura per la tomaia.

10TH ANNIVERSARY

VAULT BY VANS

“Vault by Vans”, la linea di Vans ispirata al moderno streetwear, all’arte, alla musica e all’heritage di skateboard e surf del brand, festeggia il suo decimo anniversario. E lo fa con una nuova collezione di “Original Classic”: continuando la speciale collaborazione con Diemme, lanciando nuovi modelli firmati dal designer Taka Hayashi e debuttando con la prima collaborazione con WTAPS. Nice!

Per info: www.vans.it

Per info: www.vans.it

BUFFALO BOOT LX

DIEMME X VANS

Tra le molteplici collaborazioni con interpreti illustri, Vans ha stipulato una joint-venture continuativa con l’azienda calzaturiera di Fonte (TV), Diemme. Per la stagione FW2013, fra i modelli più riusciti troviamo il “Buffalo Boot LX”, con tomaia in crosta nera e inserto camouflage sul collo. Per info: www.vans.it

pag.026


S CRACKERS S MERGE COLLECTION

OUTWARDS COLLECTION

EASTPAK

EASTPAK

Per la collezione SS-2014, Eastpak ci propone un’ampia scelta fra diverse linee, come la “Merge”, una delle collezioni che racchiude più dettagli tecnici. Non manca di certo lo stile accattivante, caratteristica imprescindibile dei prodotti marchiati Eastpak. A voi la scelta fra i tre modelli “Fluster”, “Bust” e “Rivel”, per quello che si adatta meglio al vostro stile di vita... “on the verge of merge”!

Il look d’ispirazione montanara incontra i pattern ‘ethno’ nella nuova collezione “Outwards” del marchio Eastpak; questi zaini attirano l’attenzione grazie al perfetto mix delle sfumature, anche nelle versioni senza finiture etniche... i colori funky e i dettagli in pelle rendono la collection “Outwards” inconfondibile, con i modelli “Plica”, “Hammerhead” e “Pucker”! Per info: www.eastpak.com

Per info: www.eastpak.com

INTO THE OUT COLLECTION

EASTPAK

FLOID LIMETD EDITION

EASTPAK

Per concludere la super selecta di zaini e borse marchiati Eastpak, selezionati dalla collezione SS-2014, ecco la nuova limited edition “Floid”. Oltre al classico porta laptop, vano portachiavi e diverse tasche funzionali, questo zaino mostra l’interno rifinito con il famoso pattern Paisley in rosso acceso. Perfetto per distinguervi dalla massa!

Per un mondo che necessita più freschezza in stile old-school, Eastpak è andata a ripescare dal suo archivio storico e dal suo heritage anni ‘80 e ‘90 alcuni pattern che hanno segnato la storia del brand. Una selezione di borse, tra cui spicca la protagonista “Rowlo”, dal look outdoor ma che si adatta perfettamente alla city grazie alle grafiche e alle forme al passo coi tempi! Per info: www.eastpak.com

Per info: www.eastpak.com

EASTPAK

1952 COLLECTION

La collezione “Authentic Returnity”, lanciata da Eastpak nella SS-2012 per celebrare i trentacinque anni del brand (riproponendo alcuni modelli storici prodotti a Seattle), per la nuova SS-2014 si evolve nella “Authentic 1952”. Il detto vuole che più sono profonde le radici più l’albero crescerà alto e forte, quindi è naturale per Eastpak produrre borse e zaini di prima qualità, visto che la sua storia risale agli anni ‘50. Era proprio il 1952 l’anno in cui la Eastern Canvas Products firmò il primo contratto con il Pentagono per la produzione di borse adatte all’esercito americano. Godetevi la nuova collection SS-2014 ispirata all’heritage Eastpak, tra cui spicca il modello “Killington”, che verrà presentato al Pitti 2014! Per info: www.eastpak.com

AMINIMAL COLLECTION

EASTPAK

La nuova collezione “Authentic Aminimal” è stata ideata dai designer Eastpak per i ‘fashion-folks’, i veri malati per la moda che impazziscono alla vista di un pattern animalier! Questa nuova collezione fa proprio al caso loro, con diverse sfumature del grigio e del nero mixate fra loro per dare un effetto animal! Fashion victim ora tocca a voi, “crocode” and “furry” ready for you! Per info: www.eastpak.com pag.028


S CRACKERS S

SS-2014 SELECTION

LOBSTER APPAREL Made in Italy, background street e, come al solito, tanta voglia di fare... I ragazzi di Lobster sono sempre più instancabili, e hanno sfornato una nuova collezione per la stagione SS-2014! Grafiche simpatiche per le tshirt “Pipa” e “Nut”, ma anche una maglietta sublimata all-over in linea con la tendenza del momento: la “Fabrica Tee”. Per concludere, maglia “Hearteagle” e cappellino con chela frontale, prodotti rispettivamente in collaborazione con www.weloveheart.it e New Era. Per info: www.lobsterapparel.com

SS-2014 SELECTION

MAJESTIC ATLETHIC “The Home of American Sportwear”, alias Majestic Atlethic, sforna come di consueto una corposa carrellata di abbigliamento sportivo per la stagione SS-2014. Con la forte credibilità guadagnata nel tempo, il brand americano produce con diritti esclusivi casacche e apparel dei campionati di baseball USA, oltre all’abbigliamento offfield delle squadre militanti nei campionati nazionali NFL del nuovo mondo. Per questo nuovo issue di Crackers, eccovi qualche “Jersey” da Baseball di New York Yankees e Pittsburgh Penguins. Per info: www.californiasport.it pag.030


S CRACKERS S

INWARD MID CAMO

BENT

PRODUCT SELECTION

ADE SHOES

Ade Shoes è un nuovo marchio produttore di scarpe e apparel distribuito dalla Rock It srl di Fabio Di Molfetta, noto skater della scena italiana... Si sta muovendo un forte interesse verso questi modelli di scarpe vulcanizzate, prodotte con ottimi materiali oltre a precise e resistenti finiture; sneakers tecniche perfette per skate e bmx, ma che si adattano perfettamente alla vita di tutti i giorni. Infine, un corposo team di skater e surfer internazionali supporterà la campagna marketing e il marchio nelle varie demo e contest in giro per l’Europa. Distribution: Rock It srl - www.adeshoes.com

INWARD

CASUAL

DRONE

DRONE

pag.032


S CRACKERS S

NEW STUFF

URBAN LEGENDS

5TATE OF MIND

5TATE OF MIND

Dopo la fortunata linea dedicata alle città, 5tate of Mind allarga l’offerta con nuove grafiche a raccontare la direzione e i contenuti che il giovane brand indipendente sta sviluppando. Adesso avete realmente l’imbarazzo della scelta, non vi resta che decidere quale di queste chicche indossare!

Ecco le classiche felpe di 5tate of Mind a celebrare le città che il marchio rappresenta, qui nelle nuove versioni dedicate ad Amsterdam e Barcellona. Quale città volete supportare... 5OM non è solo un brand, ma una vera e propria mentalità da vestire! Per info: www.5tateofmind.com

Per info: www.5tateofmind.com

BOMBER JACKET

5TATE OF MIND

La linea di 5tate of Mind ispirata agli sport americani si arricchisce di questi cinque nuovi bomber. Rigorosamente limited edition, in serie numerate da sessanta a cento. “Emme-i Miracles” per Milano, “Bar’na Defenders” per Barcellona, “Headcrackers Napl” per Napoli, “Fighters” per Roma e infine “Bolo Rebels” per Bologna, ecco i primi team a scendere in strada a rappresentare il proprio 5tate of Mind. Per info: www.5tateofmind.com

pag.034


S CRACKERS S

DC SHOES

WU-TANG CLAN

Per il ventesimo compleanno del famoso album “Enter the Wu-Tang”, perla nera dello storico gruppo americano WU-Tang, il marchio DC Shoes lancia una collezione celebrativa di questo fantastico evento. Con tre t-shirt, una cappellino New Era, un cappotto doppiopetto e infine la sneakar “Ranger”... tutta la capsule mostra la classica combinazione cromatica nero-giallo, abbinamento che contraddistingue i Wu-Tang. Per info: www.californiasport.it

ART SHOW

DC’S BRAINCOVER

DC presenta un nuovo progetto chiamato DC’S “Braincover Art Show”; una nuova collezione di cashi per motocicletta, customizzati da molteplici artisti di fama internazionale. Per il primo evento gli interpreti di questa special edition sono quattordici, inoltre il ricavato verrà devoluto in beneficenza. Per info: www.californiasport.it

DC SNOWBOARD

KEVIN LYONS

Ultimo art project di casa DC Shoes è quello in collaborazione con Kevin Lyons, artista di Brooklyn che ha saputo ideare un range di prodotti trasversali dallo street al mountain. Infatti, la capsule in questione comprende: tavola e giacca da snowboard, felpa, accessori e anche una sneaker con tomaia in pelle e suede. Special collection imperdibile! Per info: www.californiasport.it

pag.036


S CRACKERS S

VICIOUS WEAR AND MUSIC Ciao Vito, presentati brevemente ai lettori di Crackers Magazine: Ciao a tutti, mi chiamo Vito Maffei e ho ventitre anni. Amo le sfide e per questo mi sono avventurato nell’apertura di un’attività in questo periodo poco fertile. Come ti sei avvicinato al mondo dell’abbigliamento? Mi sono affacciato al mondo del fashion lavorando presso uno showroom dall’età di diciannove anni. La scelta di questo lavoro non è stata occasionale, sono sempre stato affascinato dal settore. Quando e com’è stato fondato il negozio Vicious? Il negozio è stato fondato il 3 ottobre 2013, molto di recente. L’idea è nata parallelamente con mio fratello, sentivamo l’esigenza di creare uno store che accomunasse le nostre due più grandi passioni: l’abbigliamento e la musica. Da dove proviene il nome del negozio? Vicious, oltre al riferimento musicale con il famoso bassista dei Sex Pistols, sta a significare ‘vizioso’... un po’ come tutti noi italiani. Con quali criteri di ricerca selezioni i brand da vendere nel tuo negozio? Seleziono i diversi marchi stando attento alla qualità e al giusto prezzo. Cerco sempre di trovare un prodotto che possa rendere unico il cliente, per questo amo miscelare capi streetwear e fashion. Come definisci il tuo negozio? Più che un negozio lo definirei un contenitore.

Oltre alla parte dedicata all’abbigliamento, lo spazio rivolto alla musica lo rende unico nel suo genere oltre a tenerci molto attivi con l’organizzazione di eventi, che rendono sempre movimentato lo store. Il tuo stile personale rispecchia quello del negozio? Certamente, anche la stessa selezione musicale è molto vicina alla mia personalità. Non avrei mai creato nulla se non qualcosa che mi rispecchiasse a pieno. Qual è il tuo target di clientela ideale? La clientela dello store è molto varia poiché, come accennavo prima, oltre a vendere abbigliamento vendiamo dischi. Gli appassionati della musica in vinile, come ben sapete, non hanno età; dunque può capitare di trovare in negozio qualsiasi tipo di persona... penso che sia una cosa fantastica! Cosa ne pensi dello streetwear oggigiorno? Una volta era casuale, ingenuo. Oggi lo streetwear è diventato tendenza. La moda è sempre attenta a trarre ispirazione dalle fondamenta di questo stile e creare qualcosa di nuovo. È diventato un prodotto all’avanguardia, sempre ricco e attento nei dettagli. Quali sono i tuoi progetti futuri? Vorrei portare lo store a essere conosciuto a livello europeo con un’attenta ricerca nei brand. Sfruttare al meglio lo spazio musicale con l’aiuto di mio fratello e chissà, forse un giorno creare un festival.

Corso XX Settembre, 29 70010 Locorotondo (BA)

FB: VICIOUS STORE

pag.038


S MAGAZINE S

www.bobofix.com

info@bobofix.com pag.037


S CRACKERS S

SCHOTT COLLABO

AMERICAN COLLEGE Ormai è un dato certo che l’ispirazione per uno stile all’avanguardia arriva dalla memoria del passato: dove attingere, se non da tutti i capi che rievocano una forte nostalgia? Mixando con armonia il fascino del passato e la moda di oggi, Junk-room propone la collezione Amercan College x Schott; l’iconica “Flight Jacket”, un tempo disponibile in poche colorazioni, grazie a Junk-room assume una moltitudine di declinazioni cromatiche... adesso tocca a voi scegliere la sfumatura che più vi piace! Junk-room Junk-room Distribuiti in Italia da: junkroom@jrd.it Tel 0574/1940322 - Fax 0574/1940323

SPRING 2014

OSIRIS

Abbiamo dato un’occhiata alla collezione Osiris Spring 2014 e, come da tradizione, il marchio californiano si conferma un brand eclettico con un’offerta di stili molto varia. Dai classici modelli action sport a calzature più ricercate, eccovi alcuni modelli che stuzzicato il nostro appetito: “CH2”, “Convert”, “Currency”, “L2”, “Pixel” e infine “Sleak”. Adesso tocca a voi! Per info: www.osirisshoes.com

BIONIC FULL COLLECTION

BURTON

Uscita giusto in tempo per le vacanze natalizie 2013, questa collezione di abbigliamento e accessori invernali eco-friendly è stata creata dal colosso dello snowboard Burton, in collaborazione con l’eclettico Pharrell Williams; i materiali sono stati prodotti insieme alla Bionic@, marchio di cui Pharrel è ambasciatore ufficiale.

pag.040


DISTRIBUITO DA:

TEL: 0574-1940322FAX: 0574-1940323MAIL: JUNKROOM@JRD.IT


S CRACKERS S

X-GAME

ZIP SHOES

L’azienda californiana Zipz Shoes, brand che sta rivoluzionando il mondo delle sneakers, è partner ufficiale degli X-Games... un vero e proprio Super Bowl degli action sport. In occasione di questa partnership, è stata creata una collezione ad hoc delle famose scarpe con cover intercambiabile: eccovi il modello “Big Air - Mavericks”. Per info: www.zipzshoes.it

PRODUCT SELECTION

ZIP SHOES

L’azienda californiana Zipz Shoes, che sta riscuotendo un enorme successo negli Stati Uniti e ha già conquistato più di cinquanta paesi nel mondo, finalmente è pronta ad approdare in Italia e sbancare il botteghino! Un’idea innotiva semplice e geniale: una sneaker con una cerniera YKK tra suola e tomaia, per creare una miriade di combinazioni e cambiare in un attimo il vostro stile ogni volta che volete! Per info: www.zipzshoes.it

pag.042


S MAGAZINE S

pag.041


S CRACKERS S

MMQ SS-2014 SELECTION

PUMA

Per la stagione primavera/estate 2014 Puma presenta una collezione dedicata ai veri appassionati delle sneaker, prodotti originali ed esclusivi per un pubblico che cerca qualcosa in più del solito. La “MMQ Collection”, nome proveniente da uno storico slogan del brand che sta per ‘macht mit qualität’ (prodotto con qualità), racchiude diversi modelli dell’heritage Puma rivisitati con materiali e dettagli di alta qualità. Le nuove versioni sono “Leather Disc Cage Lux”, “Trinomic XT2 MMQ” e infine “Stepper”. Per info: www.puma.com

SUEDE SAPPHIRE

PUMA

Puma celebra il quarantacinquesimo anniversario di una vera e propria icona della sua storia, la “Suede”, e lo fa lanciando sul mercato una release esclusiva che deve il suo nome allo zaffiro. La “Suede Sapphire” è una limited edition prodotta in sole quattrocentocinquanta paia, ed è in vendita da metà novembre 2013... non sarà facile trovarla!

STREET ART ATTACK

PUMA

Questa è senza dubbio una collaborazione della stagione FW-2013/14 da non perdere... Puma x Todd James. Lo street-artist statunitense ha creato un’inedita capsule collection per uomo e donna marchiata dal brand tedesco Puma; t-shirt e felpe in morbido cotone, proposte in colorazioni brillanti, e caratterizzate da stampe uniche dei più famosi fumetti multicolor realizzati da ‘Reas’, alias Todd James. Per info: www.puma.com

TRINOMIC XT2 PLUS

PUMA

Tra le nuove icone della stagione SS-2014 marchiate Puma, direttamente dall’archivio storico, spicca una delle sneakers che negli anni ‘90 ha segnato una rivoluzione nel mondo del running... diventata nel tempo un must have tra i collezionisti di tutto il mondo: la “Trinomic XT2”. La nuova versione “plus” dello storico modello è disponibile in quattro diverse colorazioni: “tigerlily pomegranate”, “blue bird spectrum”, “french blue limestone gray” e infine “high risk red glacier gray”. Per info: www.puma.com

pag.044


S MAGAZINE S

MARRACA$H

PUMA

La sneaker scelta dal famosissimo rapper italiano Marracash, testimonial Puma dal 2011, è la nuova “Future Slipstream Lite CG” con tomaia all-black. Dopo le direttive date dal King del Rap, la scarpa assume un’inedita ed esclusiva rivisitazione, dedicata a tutti i fan e a tutti coloro che vogliono uno stile ‘ghetto fresh’ senza compromessi. Una collaborazione che testimonia ancora una volta il legame e la passione di Puma per la musica, e il rapporto del brand con il partner di riferimento AW LAB.

BWGH - R698

PUMA

David Obadia e Nelson Hassan hanno fondato l’etichetta francese Brooklyn We Go Hard nel 2010 e da allora collaborano con i più importanti streetwear brand mondiali. L’amore del duo per Puma ha radici nel periodo della loro adolescenza e oggi, con questa partnership, hanno avuto la possibilità di concretizzarlo personalizzando una delle sneakers iconiche del brand, la famosa “R698”, protagonista così di un makeover unico che combina il ‘Parisian style’ di BWGH con il ricco heritage di Puma. Per info: www.puma.com

OPULENCE COLLECTION

PUMA

La nuova collezione “Opulence” di Puma è la sintesi di una ‘gold story’, dove l’oro è protagonista assoluto nonché il trend della nuova stagione. Una collezione che vuole mostrare e sottolineare la ricchezza della cultura brasiliana, fonte d’ispirazione per questa nuova linea grazie alla sua profonda cultura, arte, musica e i fantastici paesaggi. Per info: www.puma.com pag.045


S CRACKERS S

INVINCIBLE

CONVERSE

Per la prima volta insieme, il marchio di Taiwan Invincible e Converse hanno realizzato questa stravagante versione della “Jack Purcell Johnny”: tomaia in morbida pelle di capra, con inserto leopardato sul tallone e zip a rifinirlo con gusto, oltre alle piccole strisce di nappa sui lati.

RESET - CDF

SANTA CRUZ

Aspettando il sole che ‘presto’ tornerà a splendere, eccovi una ricca selezione di occhiali Santa Cruz! Quest’anno si festeggia il quarantesimo compleanno del marchio californiano, da sempre sulla bocca di tutti i giovani skater, surfer, snowboarder e biker! Per info: www.boardcore.it

RESET - CDF

SANTA CRUZ

Santa Cruz festeggia il suo quarantesimo compleanno e si prepara a molti altri anni di successo! Fin dal ‘73, anno della nascita del marchio californiano, l’azienda è sulla cresta dell’onda e si attesta come uno dei punti di riferimento ‘leader & core’ per i biker, gli skater, i surfer e gli snowboarder. Di strada ne ha fatta davvero tanta, incontrando il favore di tantissimi giovani. Oltre alla linea d’abbigliamento Santa Cruz propone tutta una serie di accessori sempre più apprezzati dal pubblico... per quest’inverno vi proponiamo una selecta proveniente dalle linee “Utility” e “Black”. Per info: www.boardcore.it

pag.046


S MAGAZINE S

“BEL-AIR”

JORDAN 5 RETRO


S CRACKERS S

SUPERVINTAGE FABIO CALO’ SuperVintage è una società che opera nei settori di abbigliamento, accessori e scarpe da circa quindici anni. Propone servizi di acquisto e rivendita a stock, trattando molteplici brand per conto di aziende e negozi. I prodotti che SV offre sono sempre disponibili sia sul pronto che per la programmazione delle prossime stagioni. Basta dare

un’occhiata alla sua pagina FB per poter trovare tutte le novità e inoltre visitare negozio on-line e su Ebay, dove vengono mostrati a rotazione alcuni degli articoli da loro trattati. SuperVintage si è dimostrata un’azienda seria, professionale e affidabile, che ogni giorno si confronta e interagisce con i migliori shop italiani ed esteri. Inoltre è importante Per info: www.supervintage.it

pag.048

sapere che quest’azienda si occupa anche di produzione d’abbigliamento e accessori, con i relativi sviluppi grafici e promozionali. Infine, come dice il fondatore Fabio Calò: “acquistiamo anche grossi quantitativi e siamo sempre alla ricerca di partner... stay tuned!”.


S CRACKERS S

CONCEPT

BO KNOWS

NIKE SB

NIKE AIR TRAINER

Grazie al recente contratto stipulato da Nike con la NFL, gli appassionati di sneakers sono stati abituati a vedere parecchi modelli ufficiali per la lega di footbal americano; questa nuova versione “Bo Knows” celebra l’ex campione di football Bo Jackson, ora militante nel baseball.

Quest’anno Nike ha voluto festeggiare alla grande. Prendendo ispirazione dal modello Nike SB “Dunk High” e mettendo i colori classici delle feste natalizie, la stampa comprende fiocchi di neve, stelle, vischi, pupazzi di neve, insomma, tutto ciò che può rallegrare le vostre feste mantenendo lo stile Nike.

MEGATRON

NIKE AIR TRAINER SC II Nike Sportswear celebra il campione dei Detroit Lions Calvin Johnson con questo quickstrike denominato “Megatron”. La nuova versione della Nike “Trainer SC II” in questione mostra i colori del famoso robot della saga Transformers. BARBER

NIKE SB X FLY

La collaborazione tra Fly e Nike Sb ha dato vita a questa splendida versione denominata “Barber” di “Dunk Hi”; dettagli salienti i lacci che ricordano i colori dell’insegna per barbieri americani usata in passato, oltre alla soletta interna rifinita con macchinetta per rasare i capelli e baffo ‘peloso’.

LUNAR TERRA SAFARI

THE BLACK WEEK

Splendida rivisitazione della “Safari”, look total-black con suola in tecnologia Lunar. Le particolarità di questa release marchiata Nike Sportswear sono il pattern e il logo pronti a riflettere in mancanza di luce. ANDRE AGASSI

NIKE AIR HUARACHE

A distanza di otto anni dall’addio, Andre Agassi ha firmato un nuovo contratto con il colosso americano Nike, e questa nuova “Air Tech Challenge Huarache” ne è la conferma. Questa scarpa da tennis ci riporta indietro negli anni d’oro del campione con la racchetta, oltre a ricordarci gli spot anni ‘90 da lui interpretati, i quali rimarranno nelle nostre menti per sempre insieme ai suoi magnifici colpi oltre la rete.

TRAINERENDOR

NIKE SB X POLER

Questa è la seconda partnership fra Poler e Nike, e anche questa volta il risultato è a dir poco ottimo! Il modello rivisitato per l’occasione è il “Trainerendor”, in silhouette hi e low; tomaia in morbido suede, linguetta in canvas e passanti alti dei lacci ispirati allo stile hiking per la versione high. pag.050


S MAGAZINE S

SIZE?

AIR JORDAN I

NIKE AIRMAX 93

GAMMA BLUE

Potreste averle già viste sulla copertina dell’issue 28 di Sneaker Freaker, e ora dategli un’occhiata fra le nostre pagine, perché il nuovo pack di Nike in collaborazione con Size? è una vera bomba! Una “Huarache” e una “Air Max 93”, rivisitate con tomaia in suede e inserti in tessuto mesh, entrambe con questa perfetta combo di cromie azzurro acceso, viola e suole bianca e nera.

La “Jordan 1” e la “Jordan 11” si mixano insieme nel modello ibrido “Air Jordan Retro ‘95; la nuova cversione “Gamma” mostra una tomaia nera in pelle verniciata per la punta, mentre un resistente canvas riempie l’altra parte di sneaker.

NIKE SB

P-RODRIGUEZ 7

La “Paul Rodriguez 7” subisce il trattamento ‘Hyperfuse’ per trasformarsi in una sneaker ibrida capace di contenere dettagli che rimandano a molteplici modelli di casa Nike... quali sono?

NIKE CAPSULE COLLECTION

FOX BROTHERS

Conosciuta in tutto il mondo per alcuni dei tessuti più pregiati in circolazione, il brand heritage inglese Fox Brothers ha collaborato con il gigante americano dello sportswear Nike ad una capsule collection di sneakers e abbigliamento. La classica giacca “Destroyer” si veste di morbida lana fornita dal marchio inglese, così come la tomaia dei due modelli “Air Magma Boot” e “Dunk Hi”.

THE GLOVE

SOLE COLLECTOR

Finalmente riprende vita una delle scarpe della nostra collezione. Modello incompreso nella fine degli anni ‘90, viene intitolata a Payton “The Glove”, famoso difensore dell’era Jordan. I colori della collabo richiamano la splendida città di Seattle con i colori dei Sonic. Spiccano i dettagli sul tallone della scarpa di Gary Payton: con il 20 (suo numero di maglia) e le iniziali della guardia.

AIR JORDAN XX8

RUSSELL WESTBROOK

Sullo scorso numero di Crackers, il 28, vi abbiamo già mostrato alcune versioni camouflage della “Jordan XX8 SE”, con sfumature più o meno classiche. Per stupirvi come al solito, eccovi l’ultima rivisitazione di questo modello, per capirci l’ultimo di casa Jordan senza la copertura fino alla caviglia, con tomaia a pattern camo... questa volta però lo schema dei colori un po’ matto arriva dalla squadra NBA Oklahoma City Thunder. pag.051

AIR JORDAN SON OF MARS

RED-UNIVERSITY

Se vi siete persi la versione ‘infiammata’ delle Jordan “Son of Mars low”, questa è l’occasione giusta per darle un’occhiata! Il modello ibrido, frutto della miscela fra la “Air Jordan III” e la “Air Jordan IV”, si scalda con queste sfumature accese dell’ispirazione tratta dal team NBA degli Atlanta Hawks.


S CRACKERS S

RUNNER SHOES

DRUNKNMUNKY

Drunknmunky include nella collezione SS2014 una grande novità per gli sportivi: le nuove running. Nella versione più classica, la “Phoenix First”, la tomaia è in canvas e suede; accenti più sportivi e dettagli ricercati per le “Phoenix Sport” in nylon, suede ed ecopelle. Un concentrato di colori, dettagli e materiali inediti per chi ama incontrare la moda seguendo la propria unicità.

DETROIT E HOUSTON TROOPER

DRUNKNMUNKY

Non potevano mancare delle sfumature camouflage tra le fila delle sneakers Drunknmunky... dalla collezione SS-2014 potete ammirare la versione “Trooper” degli intramontabili modelli “Houston” e “Detroit”. Oltre ai dettagli camo, finiture curate e un look più pulito per queste due varianti pensate apposta per i più giovani (e anche i meno)!

Per info: www.drunknmunky.it

Per info: www.drunknmunky.it

NEW ENGLAND TEE-PEE

DRUNKNMUNKY

Tra le novità della collezione SS-2014 del brand sempre più all’avanguardia Drunknmunky, vi presentiamo le “New England Tee-Pee”: look d’ispirazione tribale, create per lady contemporanee, a caccia di nutrimento per il loro spirito ribelle! Se volete sentirvi diverse da tutto il resto, queste nuove sneaker dal taglio low marchiate Drunknmunky sono quello che fa per voi! Per info: www.drunknmunky.it

BOSTON VINTAGE - MONOCOLOR

DRUNKNMUNKY

Drunknmunky continua il suo viaggio sulla strada dell’innovazione: il marchio che ha fatto del mix di vintage e contemporaneità il suo tratto distintivo, nella collezione SS2014 sperimenta una capacità tutta nuova di intercettare il carattere e il gusto dei propri clienti. Per chi la storia ce l’ha nel DNA, il modello resta unico: look vissuto, street style d’epoca e atmosfere anni ‘70 per le “Boston Vintage” e “Monocolor”, rigorosamente unisex. Un sapore retro davvero irresistibile! Per info: www.drunknmunky.it

pag.052


S MAGAZINE S

GROX.IT

SENZABENZA

Il marchio Senzabenza propone jeans e pantaloni a cavallo basso nonché modelli con vestibilità slim e stretch. Inoltre, a questi si affiancano t-shirt e felpe stampate con grafiche dal sapore street. La distribuzione avviene solo online sul sito www.grox.it che, consapevole della necessità da parte degli store di rinnovare continuamente l’offerta dei prodotti, propone il servizio di consegna sul pronto. In questo modo, il negoziante acquista quando vuole in totale libertà, comodamente dal proprio computer, guadagnando tempo per altre attività, riducendo i costi e migliorando così la proposta per i propri clienti. Per info: www.grox.it pag.053


S CRACKERS S

PRODUCT SELECTION

SMARTNESS LAB

TEQUILA SUNRISE

ONITSUKA TIGER

Avete già sentito il nome “Tequila Sunrise” per un paio di sneaker vero? Questa volta parliamo di sneakers marchiate Onitsuka Tiger, prodotte in collaborazione con il negozio giapponese Mita Sneakers... e il modello prescelto per questa partnership è la “X-Caliber”. Serve dire altro?

Smartness in inglese significa: intelligenza, eleganza, prontezza, astuzia. Era questa l’idea di brand del giovane designer Niccolò P. quando nella seconda parte del 2012 decide di produrre la prima collezione del suo marchio, producendo t-shirt e sweatshirt con stampe fresche un po’ fuori dall’ordinario. Giorno dopo giorno il marchio si è evoluto, fino ad arrivare alla prima partecipazione in una delle fiere dell’abbigliamento più famose al mondo, il Pitti Immagine Uomo di Firenze, dopo solo un anno di attività. In occasione di questa importante manifestazione, Smartness si rinnova completamente inserendo nella linea felpe, giacche, pantaloni e gilet dai toni molto rock, curati finemente nel dettaglio e realizzati con ecopelle lavorata e invecchiata, tinture a freddo, stonewash e tagli laser: produzione puramente made in Italy. La collezione sarà disponibile al Pitti. Per info: fecebook.com/smartnesslab smartness.smartness@gmail.com

PLAYBOY TEE

KATE MOSS

In occasione del sessantesimo anniversario di Playboy, Kate Moss è stata immortalata da fotografi del calibro di Mert Alas e Marcus Piggott, per la produzione di una t-shirt commemorativa... Kate è una vera icona contemporanea, nonostante il suo passato turbolento, e questa tee ne è un’altra prova!

pag.054


S CRACKERS S

EASY-C COLLECTION

CHOCOLATE

Il gruppo leggendario N.W.A. e il “Grandfather of Gangster Rap” Eazy-E hanno lasciato il segno nello stile e nella cultura hip-hop tempo addietro, ma la loro musica suonerà in eterno. A celebrazione di questa ‘crew’ storica, Chocolate lancia una collezione di abbigliamento e accessori che mostrano il famoso font ‘old english’... il suo nome è “Easy-C Collection”.

THRASHER COLLECTION

HUF

Il marchio di Los Angeles Huf si è lasciato influenzare dallo stile street ormai da diverso tempo; fortunatamente non ha mai scordato le sue origini provenienti dallo skateboard... lo dimostra la nuova collaborazione con la rivista di skate mondiale Thrasher, per la nuova collezione “Stoops Euro Tour”.

pag.056


S CRACKERS S

HOLIDAY SELECTION

10.DEEP

10.Deep ha lanciato la collezione di abbigliamento per le holiday 2013, intitolata “Midnight”; il nome proviene dalla tonalità scura di gran parte dei capi... ma noi vi mostriamo solo quelli coi pattern floreali. Nei pezzi vengono utilizzati anche ‘dettagli di testo’ per rendere omaggio all’apocalittica città immaginaria ‘Neo Tokio’, dal fantastico romanzo a fumetti Akira.

REEBOK CAMO

FOOT LOCKER

Vi ricordate la “Court Victory Pump”, una delle silhouette più conosciute al mondo di Reebok? Era da diverso tempo che non ve ne servivamo una, quindi è giunto il momento di mostrarvela: in esclusiva sarà disponibile solo da Foot Locker con questa ricca tomaia in nubuck, suede e canvas, oltre ad avere una colorazione camouflage.

FOOT PATROL

ON THE ROCKS

Da un mesetto sono in giro pronte per gli appassionati di sneaker, e senza timore vi diciamo che questa nuova versione delle Reebok “Classic Leather Mid” è una delle più riuscite di questo periodo. Dobbiamo sottolineare che quando il professionista delle sneaker Foot Patrol è coinvolto in una collaborazione, le percentuali di fallimento sono nulle.

G-SHOCK

MEDICOM TOY

Per i veri amanti del genere Medicom Toy, il nuovo orologio creato in collaborazione tra G-Shock e la Medicom, sarebbe da acquistare solo per il packaging... la testa di un Be@rbrick nero lucido! Ma l’importante è il contenuto, un G-shock modello “DW5600MT”, il classico squadrato digitale, anch’esso parte della serie a celebrazione del trentesimo compleanno della company segnatempo giapponese.

pag.058


S CRACKERS S

SBTG MRT580SM

NEW BALANCE

Tre interpreti di altissimo calibro per questa nuova collabo che vede come protagonista della scena una New Balance “MRT580SM”; oltre al marchio di Boston, sono stati chiamati in causa il retail giapponese Mita Sneakers e l’artista di Singapore Sabotage. Tomaia in nubuck blu scuro, con inserti camouflage e mesh riflettenti. RONNIE FIEG

NEW BALANCE

Se vi diciamo Ronnie Fieg voi cosa pensate? Come al solito una collaborazione destinata a fare il botto! Anche in questo caso, collabo con New Balance per la silhouette della “1600”; la scarpa è diventata subito un hot-shot per tutti gli sneakerhead. Questa variante è chiamata “Daytona”, e mostra diversi materiali e colorazioni intricate per la tomaia... suede, pelle, mesh e blu navy, beije, bianco, rosa shocking; wow che fissa!

THREE PEAKS CHALLENGE

NEW BALANCE

Il nuovo pack “Three Peaks Challenge” è stato prodotto dalla base inglese di New Balance e ha come protagonista il modello “M576”, in tre diverse varianti. Il nome, e le conseguenti running sneaker, celebrano le tre vette più importanti del Regno Unito: il Ben Nevis in Scozia, lo Scarfell Pike in Inghilterra e lo Snowdon in Galles.

MAROON OREGON

NEW BALANCE

La New Balance “1500” continua a essere una sneaker ‘hot’ nell’ultimo periodo, e con colorazioni come questa se ne può capire facilmente il motivo. Oltre a essere proprio vestita di sfumature del rosso, le combinazione sono sempre al top! Come resistere?!

AMERICANA

RONNIE FIEG

Avete detto Ronnie Fieg? Strano, il rinomato designer tuttofare non è mai coinvolto in collabo all’ultimo grido! A parte gli scherzi, come di consueto vi mostriamo una delle partnership di RF, anche questa volta con il compagno di merende New Balance. La versione “Americana” della “577” è così denominata per la scala dei colori, che rende omaggio alla parte heritage USA presente nel negozio di Fieg Kith.

pag.060


S MAGAZINE S

LOVE LIFE

SPACEMONKEYS

È da qualche numero che vi abbiamo mostrato le produzioni del brand fortemente street Space Monkeys; in particolare, le immagini che vedete in questo issue, sono della seconda delivery della collezione “Love LIfe”. Il camouflage è sempre presente nelle produzioni SPMK, oltre alle grafiche che richiamano il mondo metal.

PAISLEY WOOD BLOCK SHIRT

STUSSY

Nuova release del marchio street Stussy con queste due camicie che hanno da subito suscitato il nostro interesse, in rosso e oliva. Le shirt sono state realizzate interamente in cotone con pattern ispirato al classico Paisley; tra i particolari si può notare ricamato sul petto il piccolo logo Stussy in bianco.

CHUCK TAYLOR HI

STUSSY

L’intramontabile silhouette della “Chuck Taylor” è stata rivisitata in questa splendida collaborazione dai ragazzi di Stussy. In questa capsule è stata usata per la tomaia una particolare pelle stampata che richiama la trama del coccodrillo, nelle colorazioni rosso, nero e viola; la particolarità di questa scarpa è il logo Stussy visibile sulla suola trasparente.

pag.061


S CRACKERS S

PRODUCT SELECTION

SUPE DESIGN

Rappongi è uno dei quartieri più vitali e controversi di tutta Tokyo, dove nascono molte delle tendenze che influenzano il fashion design internazionale. È qui che, l’anno scorso, un team di creativi ha forgiato il brand Supe Design come naturale approdo della propria ossessione per i viaggi, siano essi da un quartiere all’altro della città che da un lato all’altro del globo. Vi abbiamo già mostrato qualche zaino marchiato Supe, davvero inconfondibile grazie alla particolare ‘mega zip’ che lo differenziano dal resto... eccovi alcune delle nuove proposte per la “Day Bag”!

SS-2014 SELECTION

APOLLO KRIEG

Apollo Krieg è un collettivo di street-artist con base a Berlino, attivi nelle scene di musica, graphic design, illustrazione e street fashion. Le immagini che vedete si riferiscono alle ultime creazioni per la stagione SS-2014, scelte perché realmente alternative invece dei soliti camo e grafiche super colorate. Fuori dagli schemi!

UNDEFEATED

DR.DRE HEADPHONES Due marchi che hanno profonde radici nel sud della California si uniscono e producono queste headphones per rendere omaggio al luogo con più storia per la cultura street. Chiaramente, la cuffia ha una qualità suono impeccabile e il tipico design UNDFTD.

pag.062


S CRACKERS S

SS-2014 PREVIEW

KAPOGIRO

In anteprima vi mostriamo un assaggio della prossima collezione Kapogiro, la SS-2014; anche queste novità sono made in Italy al 100% con il design della giovane artista Marylou ad arricchirle.

FW-2013/14 SELECTION

KAPOGIRO

Kapogiro è il brand giusto per gridare al mondo chi siete veramente! La migliore qualità del made in Italy, che garantisce comfort e resistenza, incontra l’indole anticonformista della giovane artista Marylou. Unendo con armonia trent’anni di esperienza artigianale con arte e design, il risultato è uno style unico nel suo genere. Un fantastico esempio di come la street-art si fonda perfettamente alla qualità italiana dando vita a una rivoluzione del personal look.

PER  INFO: ESSELLE SNC ITALY 0734/990956 388 0662329 FACEBOOK/KAPOGIRO TWITTER/KAPOGIRO pag.064


S CRACKERS S

MEOUTFITTER WWW.MEOUTFIT.COM pag.066


S MAGAZINE S

MEOUTFITTER WWW.MEOUTFIT.COM pag.067


S CRACKERS S

MEOUTFITTER WWW.MEOUTFIT.COM pag.068


S MAGAZINE S

MEOUTFITTER WWW.MEOUTFIT.COM pag.069


S CRACKERS S

ITALIAN RUGGED STYLE KLEMERA-DERIO-SQUARZI Alcune persone prendono il lavoro ‘per come viene’, altre cercano di trasportare le proprie passioni all’interno della loro professione; di queste ultime ne abbiamo scelte tre ad hoc intervistandole per placare la nostra (e vostra) sete di ‘testimonianze stilistiche’. Parliamo di Gianni Klemera di Fattore K, Desiderio Pavoni di KD Store e Alessandro Squarzi dell’omonimo Showroom... L’”Italian Rugged Style” raccontato dai suoi protagonisti. txt by: Antonio Isaja

GIANNI KLEMERA pag.070

A vent’anni Gianni Klemera ha cominciato a lavorare nell’azienda del padre, un ingrosso di calzature commerciali, e il suo sogno già da allora era di trattare le calzature che lo conquistavano davanti alle vetrine: le scarpe americane... la cultura americana stessa, realtà di cui era innamorato fin da ragazzo. Le Alden soprattutto, ne era completamente affascinato, si tratta di un marchio fatto di passione, artigianalità e una materia prima sopraffina (Shell Cordovan), che da quando iniziò a distribuire riscosse immediatamente un grande successo in tutt’Italia. Con l’apertura del primo showroom a Milano circa sedici anni fa, con cui trattava perlopiù brand americani, Gianni intuì che non era tagliato per il mainstream, ma nel lavoro come nella vita amava occuparsi delle piccole nicchie, di quei brand che trasmettono qualcosa di ‘vero’, aziende che nascono da una passione magari tramandata con immensa dedizione a livello familiare. Pian piano si creò un pacchetto di aziende internazionali che Klemera proponeva in Italia, all’inizio era un buon affare ma poco per volta venne fuori quanto purtroppo l’Italia non fosse abbastanza ricettiva; dopo il boom dei marchi americani negli anni ‘70, questa tendenza è purtroppo andata scemando. Date le sue origini e la grande passione, Fattore K ha cominciato a lavorare con le calzature: dopo Alden sono arrivati Red Wing, Chippewa, Russell Moccasin (la preferita di Gianni in assoluto) scarpe inglesi come Lotus e Grenson, e alla fine Paraboot (storico marchio francese; inoltre ha collaborato nella distribuzione dell’abbigliamento e degli accessori di Momo Design, con cui ha riscontrato grande successo in tutt’Italia. Sette-otto anni fa, quando poi è scoppiato il mondo heritage, si è lanciato sulle aziende che ha sempre ammirato: Stronghold, Lee 101, gli occhiali di Moscot, Yuketen, Canadian Sweater, le camicie di Gitman Bros, l’intimo di Sunspel, le famose agendine Field Notes, le coperte di Pendleton, le sneakers di Common Project, le cravatte Hill Side, le borse in canvas di J Mills e Duluth, le famose tshirt di Johnson Motors; ma anche marchi piu recenti come Jack Spade, Burman Bros., il beachwear di Onia, le sneaker di SeaVees e le borse di Briefing. A questi si aggiungo i brand giapponesi come Haversack, Earthlab, White Buffale e i calzini di Chups: brand che incantano grazie


S MAGAZINE S

alla cura maniacale per i dettagli, riuscendo a trarre ispirazione da un determinato prodotto e riproporlo con finiture assolutamente impeccabili. Per chiudere con Nigel Cabourn: uno dei designer più chiacchierati del momento con il suo vintage militare rivisitato. In linea generale, Klemera basa la ricerca dei marchi sul gusto personale, che ha sempre tentato di trasportare nel commerciale; e considera importante la linea del brand a 360° in primis, poi il look, il mood, la storia e la provenienza... senza dubbio uno non esclude l’altro, ogni tanto sorvola sull’artigianalità di alcuni prodotti poiché fa parte del loro passato. Nel suo ‘piccolo’, ha sempre portato in Italia brand che gli piacevano e vestiva in prima persona! Purtroppo in Italia, a detta del fondatore di Fattore K, c’è difficoltà profonda nel capire determinati brand e nella scelta dell’abbigliamento da abbinare, soprattutto nell’Uomo; uno dei pochi italiani che ammira per il gusto nel vestire è Oscar Giannino; Gianni ci ha svelato anche alcune icone a cui non si ispira direttamente, ma di cui ama particolarmente lo stile anni ‘50: Steve McQueen, Paul Newman e i Kennedy. Per quanto riguarda il presente e nell’immediato futuro, Gianni ha dovuto fare una selezione più aperta, quindi inserire aziende un po’ più commerciali che comunque mantengono un mood heritage: Our Legacy e BWGH, Big Uncle, Felted e la magieria di Howlin, brand nati insieme ai giovani d’oggi, con un look più fresco ma che rispettano comunque una linea ispirata al passato. Un po’ come nel suo stile personale, ultimamente Klemera si è spostato dal troppo vintage verso un look più ‘sistemato’, sempre un mood sportivo ma più attento, ad esempio ci ha detto di essere tornato a stirare le camicie che indossa; non tentenna mai sull’accessorio, categoria in cui considera tale anche la scarpa, fondamentale per un look perfetto. Mentre orologio, bracciali e simili sempre in maniera soft... inoltre non è tatuato (gli piacciono i tattoo ma non rientrano nel suo look) e non tralascia il cappello, di cui ha una collezione corposa, la scarpa (indispensabile) abbinata alla cintura e sicuramente il gilet. In più ama giocare con i vari capi e sovrapporli per creare un look costruito... E per concludere il nostro disegno sullo stile di Klemera, alla domanda circa l’auto dei suoi sogni, Gianni ci ha risposto così: “La macchina dei sogni me la sono fatta circa due anni fa, cogliendo l’occasione della nascita di mia figlia, ed è il Volkswagen Multivan con cui chiaramente lavoro ogni giorno”!

pag.071


S CRACKERS S

DESIDERIO PAVONI pag.072


S MAGAZINE S

Desiderio ‘Derio’ Pavoni viene da una realtà diversa da quella dell’abbigliamento, infatti, dopo essersi laureato in agraria a Milano, ha fatto l’allevatore per vent’anni nella cascina del padre. A cavallo tra il ‘97 e il ‘98, dopo aver venduto il bestiame e le quote latte, per iniziare una nuova esperienza ha pensato di unire le sue due più grandi passioni: la motocicletta e la moda. Il mondo della moto ha rappresentato la fonte d’ispirazione per l’esperienza di Desiderio che, un po’ per caso un po’ in maniera naturale, ha coniugato con il mondo del fashion durante quel periodo di forte espansione. Insieme a un amico che già possedeva un negozio, per l’appunto il primo KD Store, i due hanno cominciato a entrare nel mondo delle moto vendendo il brand Vanson. Il primo periodo è stato molto interessante e produttivo poiché, anche se Derio ci dice con umiltà di non essere il precursore del connubio milanese moto-fashion, senza dubbio è stato uno dei primi a capire che il mondo delle motociclette potesse essere l’ispirazione più grossa per la realtà dell’abbigliamento; questo grazie all’indole vera, passionale e trasversale della moto in sé, poiché questo amore azzera ogni differenza sociale, di età, monetaria... in più Milano ha quel suo fascino da capitale della moda. Partendo da Vanson, i due hanno iniziato a vendere Stewart, brand con un archivio di pelli centenario, il marchio adatto alle loro esigenze; Derio è stato molto soddisfatto della linea scelta per il negozio, visto che abbracciare la realtà motorcycle rappresenta una tendenza presa in considerazione da grandi marchi e importanti negozi ormai da cinque o sei anni. A parte i due brand sopracitati, KD Store ha sempre cercato piccoli marchi di ricerca caratterizzati da prodotti con materiali di prima qualità, che avessero la possibilità di ‘entrare’ in un piccolo negozio di ricerca come il loro. La selezione delle aziende è infatti sempre basata sulle ‘preferenze personali’ di Derio, il quale non venderebbe mai niente che lui stesso non abbia prima apprezzato, e propone marchi come Johnson Motors Inc, Nigel Cabourn, Filson, Dukes Vintage Artisan, Blue Blanket, Tellason e tanti altri... comunque brand di qualità portati avanti con passione, ricerca e dedizione dai loro fondatori. Vendere qualcosa di reale, che abbia una storia da raccontare e non solo un’immagine, questa l’idea di vendita alla base per Desiderio Pavoni. Per quanto riguarda un’influenza asiatica, Derio non ha mai trattato aziende giapponesi, ma è sempre stato affascinato dalla maestria nel curare il dettaglio e dalla determinazione nel proporre uno stile proprio... non ha mai ‘imitato’ gli outfit proposti ma ha sempre cercato come i nipponici di avere un’idea propria nel vestire. Mentre le loro riviste quali Free & Easy, Lightning, Clutch, 2ND, sono state fonte d’ispirazione e un ‘catalogo’ pieno di cose ‘vere’ (prodotti davvero fantastici) cui attingere. Per quanto riguarda il futuro del suo stile personale, Desiderio continuerà ad amare l’eleganza in generale, che non deve essere per forza con giacca e cravatta, ma nel ricercare gli abbinamenti giusti tra i vestiti e magari rifinire il tutto con i giusti accessori; lui è solito indossare anelli in argento, orologi, piccoli brccialetti, la scarpa adatta, il gilet (per lui meglio se è un Filson), il papillon... in sostanza si diverte con gli accessori che indossa. Per l’outift al completo, non può mancare un bel giaccone, di pelle o non ma deve essere una bella giacca... e poi un paio di jeans, possibilmente non lavati, che raccontino un po’ la nostra vita. Dulcis in fundo, la macchina dei sogni di Desiderio Pavoni è una Porsche 365, nel cuore di Derio fin da ragazzo.

pag.073


S CRACKERS S

ALESSANDRO SQUARZI pag.074

Alessandro Squarzi è nato con una radicata passione per l’abbigliamento, un amore istintivo per i vestiti che già era vivo fin da giovane, quando ancora non immaginava di fondare il proprio showroom. Alessandro è riuscito a costruire la sua professione, con lo stile e la naturalezza di un trendsetter che fin da ragazzo lo spingeva a guardare le vetrine dei negozi più cool, spostando il suo sguardo oltre i capi d’abbigliamento alla ricerca di uno stile, di un colore e di un modo di vestirsi che sarebbe diventato moda. La ricerca di tendenze veniva inseguita anche nei mercatini, che all’epoca erano più abbordabili per le tasche di Alessandro, attraverso capi vintage, tessuti stinti, come i Levi’s usati, che lui vestiva quando ancora la gente non conosceva il significato di ‘selvage denim’. Riguardo il suo curriculum, dopo essersi diplomato in ragioneria, ha cominciato a occuparsi di moda entrando in Centergross, uno dei più importanti centri di sviluppo e produzione del pronto moda nella zona di Bologna. Le sue qualità in area commerciale si rivelarono subito importanti per l’azienda tanto che riuscì a dare un’impronta e un significativo aumento di fatturato a diversi marchi. In seguito venne fondato lo “Showroom Alessandro Squarzi” che dal 1992 è in perenne ascesa, raccogliendo le vendite di brand affermati ed emergenti tra i più richiesti del mercato. Tra le varie definizioni, Alessandro Squarzi viene ritenuto anche un precursore della moda, grazie alla sua visione e capacità di scovare la tendenza anticipandola e proponendola al mercato. Una capacità innata. Come lui racconta: “L’ultima volta che Scott Schuman (The Sartorialist, tra i più importanti fashion blog al mondo) mi ha fotografato ha detto che sono l’unico che non si fa trasportare dai vestiti, ma li porta a spasso con sé”. Una definizione che gli si addice completamente e lo rende ancora più unico. È anche curioso il rapporto di Alessandro con la scaramanzia, che lo porta a non indossare i capi dei brand che propone nel suo showroom. Come anticipato, la ricerca dei marchi che tratta proviene da un talento naturale nel percepire quello che andrà di moda in futuro. Fondamentale è la qualità del materiale del prodotto, in seguito vengono lo stile e la comunicazione


S MAGAZINE S

con cui si andrà sul mercato. Qualche esempio? People, considerato da Alessandro Squarzi il miglior denim del momento, oppure First Pattern, ditta che produce giacche con materiali originali e ricercati. In questo difficile momento economico non mancano le sfide per aggredire il mercato, come quella che verrà lanciata a gennaio 2014 con una nuova linea di Loden, rivisti e attualizzati secondo lo ‘stile Squarzi’! Altre novità recenti per lo showroom sono quelle con Officine Mermaid e Memory’s, per la collezione “Motorcycles”, linea d’abbigliamento dedicata agli appassionati della motocicletta. La chiacchierata con Alessandro è così stimolante e ricca di spunti che ha portato la nostra curiosità a chiedergli quali fossero le sue icone del passato, in modo da avvicinarci ulteriormente alla sua anima stilistica e creativa. Siamo venuti a conoscenza che nello stile è Marcello Mastrioanni ad aggiudicarsi il gradino più alto del podio, col suo look fine che ne ha fatto un’icona di eleganza e ‘italianità’ nel mondo. Ma in questa speciale classifica c’è spazio anche per un’altra figura cinematografica di caratura mondiale quale Steve McQueen, considerato da Alessandro fin da ragazzo un vero e proprio idolo. Due personaggi molto diversi, ma che possiedono un mood intramontabile, al quale lo stesso Squarzi s’ispira convinto che nell’armadio di un uomo non possano mancare lo smoking e un cappotto di cashmere. Gli accessori non li considera fondamentali, a parte l’orologio, sua grande passione di cui possiede una collezione invidiabile. Per la parte più casual, Alessandro consiglia il giubbotto di pelle da motociclista, il denim vissuto, indossato, rammendato come indumento che riesce a trasmettere l’anima di una persona nel tempo... In più, i giovani costituiscono da sempre una grande fonte d’ispirazione per Alessandro Squarzi e

costituiscono anche un altro progetto futuro in via di definizione. La sua intenzione è quella di tramandare la propria esperienza, cultura e dedizione per l’abbigliamento a loro, nel modo e nella forma più attuale e opportuno. Il messaggio che ci ha trasmesso e che condividiamo è che se una cosa viene fatta con amore e passione quotidiana, prima o poi

pag.075

i frutti si raccolgono. Questa splendida chiacchierata si è chiusa chiedendogli quale fosse la sua macchina dei sogni, quella che gli ha fatto battere il cuore da giovane come la prima ragazza, e la risposta è stata: “La Porsche 550 Spyder con cui si è ammazzato James Dean. Un altro mito indimenticabile”.


S CRACKERS S

WHITE MOUTHS DELLA SUA BIANCA MAESTA’

White Mouths è il progetto di Irene Silvestri, una giovane designer originaria della Maremma che, dopo un’importante esperienza all’estero in ambito scolastico, sta per intraprendere sua personale carriera come stilista di moda. I suoi capi racchiudono in sé un concetto proveniente da una realtà totalmente distaccata da quella ‘reale’, ma si riavvicinano ad essa grazie alla funzionalità e versatilità dei capi stessi. Ce ne racconta i dettagli direttamente la voce della creatrice di questa collezione in prima persona: Ho iniziato a studiare moda subito dopo il liceo classico, non in senso prettamente legato al design, ma attraverso un corso universitario... un percorso tra lettere ed economia, che mi ha portato a conseguire nel 2007 una prima laurea in ‘Scienze della moda e del costume per semiotica della moda’ (presso l’Università ‘La Sapienza’ di Roma). Questo in realtà è stato l’input per approcciare un discorso prettamente creativo; infatti, subito dopo, ho cercato di entrare alla Central Saint Martins

School. Inizialmente ho frequentato per sei mesi un corso di preparazione al taglio e cucito, in una scuola tecnica di Londra, dopodiché sono riuscita a farmi ammettere alla St. Martens; lì ho appreso sia i primi rudimenti di modellistica e sartoria, sia contemporaneamente quelli da un punto di vista grafico, artistico ed espressivo. Dopo il primo anno passato a Londra, spinta dai consigli degli insegnanti e di alcuni colleghi, mi sono spostata in Belgio: qualche anno fa ci fu il boom della pag.076

famosa scuola di moda ad Anversa, il Fashion Department della Royal Academy of Fine Arts of Antwerp (Fucina di grandi nomi quali Martin Margiela, Dries Van Noten, Ann Demeulemeester), come nuova frontiera della sperimentazione nel campo dell’abbigliamento. Quasi per gioco ho tentato l’ammissione mentre ancora frequentavo la famosa scuola di Londra, e mi ammisero immediatamente. Così, subito dopo essermi trasferita in Belgio, cominciai a seguire le lezioni in questa nuova


S MAGAZINE S

sede; la dedizione richiesta era praticamente totale, quasi di stampo ‘militaristico’. Nonostante le avversità, durante il primo anno scolastico ad Anversa, sono riuscita a ottenere comunque ottimi risultati, come l’opportunità di essere selezionata per un progetto speciale al Bread & Butter in collaborazione con la Candiani: il primo studio sperimentale in accademia è solitamente una gonna che per l’occasione veniva realizzata in Denim. L’anno successivo sono tornata

in Italia, dove ho completato un secondo diploma di laurea al Polimoda di Firenze in Fashion Design, dove già da allora la direzione era passata nelle mani degli ex direttori ad Anversa, quindi con la stessa ‘visione didattica’; quasi immediato lo step successivo, cioè l’ammissione allo stage di sei mesi presso la Salvatore Ferragamo, dove sono stata assistant designer nella sezione uomo. Lì ho curato la collezione SS-2013 al fianco dei senior designer; un’esperien-

za costruttiva molto significativa per la mia crescita professionale, ho imparato a livello organizzativo come si struttura un campionario, quali sono gli step per passare da un concept a una forma reale, insomma, realizzare a tutti gli effetti un’idea. Purtroppo non è stato possibile inserirmi definitivamente all’interno di questa casa di moda, ma comunque ha rappresentato un percorso formativo molto importante per dare il via alla mia carriera; il ‘metodo Anversa’, più la

Un materiale bi-color ‘bonded’ elettro-accoppiato, in cotone impermeabilizzato, è stato utilizzato per la messa a punto del “Hooded Mackintosh”, capo regolabile in tre diverse lunghezze con cappa removibile: da lungo parka, può essere scorciato, tramite cerniere poste alle estremità degli orli e lungo i fianchi, in un ‘middle-lenght’ Eskimo oppure, come ulteriore possibilità di modifica, fino alla vestibilità Bomber. In quest’ultima versione, i sacchi-tasca frontali possono essere rimossi e attaccati nella parte posteriore, perfetti per bikers come porta water bottles. Questo pezzo è interamente termosaldato con cuciture al taglio vivo.

pag.077


S CRACKERS S

parte artistica ereditata dalla Central St.Martins e le conoscenze apprese alla Ferragamo hanno reso possibile iniziare il mio percorso nel campo della moda. Non solo, dal non essere stata assunta alla S.F., oltre al fatto che per entrare in un’azienda del fashion con uno stipendio adeguato vengono richiesti tendenzialmente dai due ai quattro anni di stage (magari anche non pagati, e questo non me lo sarei potuta permettere...), ho deciso quindi di investire in un progetto che fosse mio a tutti gli effetti, visto che avevo già un’idea precisa in mente. Il fulcro per il concept del

mio progetto sta nell’assenza di cuciture per un abito estremamente mutevole e funzionale, indossabile da uomo e donna, che passa rapidamente da un contesto piovoso magari a un contesto di movimento con grande facilità. Così, nell’ottobre 2012 nasce White Mouths, nome particolare legato all’idea del ‘senza cucitura’, un concetto del linguista Roland Barthes: parlava di moda, con questo sogno di tornare tutti a un capo che comprenda tutti gli esseri umani. Un sogno mistico che mi aveva completamente affascinata, per cui ho

pag.078

cominciato ad anagrammare le parole ‘without seam’, senza cucitura per l’appunto, e alla fine di svariati tentativi sono arrivata proprio a White Mouths per il nome del mio marchio. Come accennavo prima, consequenzialmente alla tipologia di formazione che ho avuto, parto da un’ispirazione prettamente concettuale che prevede nel mio caso una ricerca iniziale nel campo letterario; il mio progetto parte infatti da un poema del famoso scrittore inglese John Keats, anzi da una frase che in italiano significa ‘della sua bianca maestà’ (‘thine hoary majesty’, che


S MAGAZINE S

A sinistra: “Jumptro” (Jumper+Trousers) capo scomponibile in un chino trousers e in un “street-riding coat”, realizzato in cotone twill doppio ritorto, stampato digitalmente a metraggio. Il soggetto della stampa e’ un’ingrandimento smisurato di un naturale dettaglio roccioso, fotografato ad altissima definizione. ‘Streached-out’ fino al 600%, la superficie risulta come texture sgranata e disomogenea, aprendosi quasi ad una reinterpretazione del camouflage. Il capo e’ rifinito internamente con termonastrature. sopra: “Over-Shirt” con maniche  rimovibili  mediante bottoniera a scomparsa posizionata sui giri manica, realizzata in tessuto ‘Oxford’ di cotone biologico (azienda ‘Tessile Naturale’ di Quarrata prov. Pistoia), stampato digitalmente con pattern ‘ganci-appendi-quadro’ in ottone, disposti in una composizione geometrica romboidale.

è poi il titolo della capsule SS-2014), riferito a una figura mitologica dell’Antartide menzionata all’interno del libro di Keats. L’idea principale che cercherò di sviluppare è la stessa anche per le prossime collezioni, sviluppare capi che siano il più possibile intercambiabili, adattabili ai diversi bisogni, pensati per l’outerwear ma anche unisex allo stesso tempo. Nello specifico declino per ogni collezione diversi linguaggi per l’ispirazione del momento, nel caso di questa prima capsule la fonte, come detto in precedenza, è la poesia di Keats e il riferimento a queste giganti divinità prossime a ‘decadere’ e ‘frammentarsi’ in una stirpe umana… quindi in un certo senso si scompongono, da un intero, cioè una parte più grande, si scindono in parti più piccole, proprio come nelle mie produzioni. Inoltre, l’ambientazione dell’opera dello scrittore, interpretata da alcuni proprio come l’Antartide, ha dato il via a un mio studio approfondito sull’abbigliamento tecnico della marina inglese per quanto riguarda le prime spedizioni in questo luogo; lo studio è durato circa un mese, dopodiché sono partita con la progettazione vera e propria, quindi lo sviluppo della prototipia. Inoltre, anche i pattern richiamano questi luoghi, nello specifico a delle rocce antartiche; una delle fantasie è un dettaglio roccioso ingrandito al 600%, stampato digitalmente in un pattern gigante di 1,50 m di altezza per 2 m di larghezza che da quest’effetto camouflage dalle tonalità chiare. All’inizio lavoro molto in maniera diretta sul manichino, per vedere proprio come il tessuto risponde sul corpo e trovare i vari funzionamenti; nello step successivo apro in piano il risultato di questa tela e lo integro con i linguaggi di un giubbotto / di un taglio base: una sorta di ‘ibridazione’. In sostanza, tutte le trasformazioni dei miei capi sono ottenute attraverso una sperimentazione sulla stoffa al naturale, studiando le forme, le possibilità e la tridimensionalità, che devono essere successivamente applicate alla struttura impeccabile di una giacca o di di

pag.079

un bomber, piuttosto che di un parka, che hanno delle geometrie prestabilite da rispettare. Per quanto riguarda i materiali che ho utilizzato per la linea dei giubbotti, mi sono fornita presso il Gruppo Beste di Prato, azienda fondata nel 1992 da cui si riforniscono brand del calibro di Stone Island, Giorgio Armani e Ralph Lauren. Mentre per la linea “Basics”, quella delle magliette, camicie e leggings, ho preso i tessuti da Tessile Naturale, un’azienda della provincia di Pistoia che lavora con materiali biologici. Finalmente, dopo lo sviluppo di svariati prototipi finali con i materiali dell’azienda pratese, sono riuscita a trovare un’azienda in grado di produrre questi capi: è una ditta di Empoli specializzata in termosaldature, che segue le linee sportive dei marchi Ferragamo, Jil Sander, Burberry e altri grandi brand internazionali. Poco tempo fa ho presentato la collezione all’interno della Galleria O’ in zona Isola Milano, durante la giornata conclusiva della Fashion Week; ho deciso che non farò mai delle sfilate o presentazioni classiche delle mie creazioni ma, com’è successo il 25 giugno 2013 allo spazio O’, voglio che le mie creazioni siano esposte in movimento, con delle rappresentazioni teatrali o di ballo, comunque attività che facciano vedere le trasformazioni dei capi e quindi trasmettano l’idea di mutamento. La stessa immagine si riflette sul target ideale delle mie creazioni, che secondo il mio parere si differenzia in due tipologie: giovani tra i diciassette e i trent’anni, individui contemporanei che vivono giorno per giorno il mondo urbano in continuo movimento e con molteplici situazioni differenti; città eterogenee che possono avere anche un clima sempre in mutamento, come San Francisco o le città del Nord Europa. Vedo i capi White Mouths anche indosso a persone di un’età più matura, anch’esse consapevoli dell’abbigliamento che vestono, sempre posizionate in ambienti che richiedono un’attitudine al cambiamento.


S CRACKERS S

MEMORY’S MOTORCYCLES OFFICINE MERMAID Emozionare, rivivere e osare, questi sono i tre aspetti alla base del progetto “Memory’s Celebrates Officine Mermaid”. Una sinergia che nasce da una comune passione: dare una seconda vita a quello che ci circonda e amiamo, per renderlo unico ed esclusivo, sia che si tratti della moto da sempre desiderata sia del capo che meglio di altri sa interpretare la nostra filosofia di vita. Abbinare un modo di essere a un tipo di vestire è, infatti, l’obiettivo del marchio Memory’s Motorcycles. Un brand che parla di viaggi senza meta, piacevoli imprevisti, incontri fortuiti, pericoli scampati e sogni impossibili, attraverso capi che si liberano dell’aspetto tecnico e assorbono tutto quello emozionale che una vita su due ruote sa dare. Sono capi che portano con sé leggende del passato, storie non raccontate, ma vissute, che traggono ispirazione dall’“Old-school custom”. Lo stesso filone che ha portato le Officine Mermaid a lanciare il primo Motoquartiere in Europa in via G.Thaon Di Revel a Milano, una vera e

propria terra promessa dei motociclisti. Un luogo unico, punto di riferimento per veri intenditori, ma anche per chi ama perdersi in quest’atmosfera, osservando i migliori meccanici del settore all’opera. È l’unicità la leva che spinge gli appassionati a cercare per mesi una marmitta, il tappo di un serbatoio e un casco così come un capo o un accessorio da indossare prima di saltare in sella e lasciarsi trasportare dal proprio istinto. Ed ecco, quindi, che l’unione tra Alessandro Marchesi, creatore del brand Memory’s Motorcycles, e Dario Mastroianni, fondatore delle Officine Mermaid, non poteva che creare un mix esplosivo fatto di unicità e originalità dal quale far partire una nuova avventura e un nuovo sogno. Perché, chi ama le moto, ama innanzitutto la ricerca, la fantasia, la visione, il duro lavoro, l’artigianalità e anche i miti e le leggende del passato che hanno contribuito a rendere magico questo mondo.

pag.080


S MAGAZINE S

CRACKERS MEDIA OPPORTUNITY

pag.081


S CRACKERS S

HOLIDAY 2013

BRIXTON

Brixton è stato fondato nel 2004 da tre amici che volevano convogliare il loro stile di vita in un marchio di abbigliamento; l’ispirazione arriva dalla musica, dallo street, dalle persone che sono sempre state intorno ai tre amici durante la loro vita... il risultato è una linea di apparel senza tempo dal design pulito e semplice da indossare, proprio come la nuova collezione “Holiday 2013”, look contemporaneo e allo stesso tempo stile classico adatto a ogni situazione.

PALADIN

BOUNTY HUNTER

l brand giapponese Bounty Hunter ha collaborato con Paladin alla realizzazione di alcune calzature dallo stile classico; entrambe richiamano il tipico mood BH, ispirato alle gang americane degli anni ‘50, una vera tendenza nelle strade di Tokio.

NEW STUFF

OFFICINE CREATIVE

BLESSED

BOWLING BOOTS

Un brand che mette in risalto l’eleganza del made in Italy con prodotti artigianali e di altissima qualità: Officine Creative. Ve ne mostriamo un boot che può essere abbinato sia ad uno stile classico che ad uno prettamente causal. Poliedrico!

Vi ricordate Benedetta Moruzzi? La giovane designer fondatrice del marchio d’abbigliamento toscano Blessed... ecco le sue ultime creazioni, come al solito in suede lavorato dai migliori artigiani conciatori di pelli, in cui i dettagli protagonisti sono le frangette tipo giacca da biker. So nice! Per info: www.blssd.it

pag.082


S CRACKERS S

CASH CA

GLOVERALL

Il nuovo “Monty 575 Zip Duffle Coat” è il gioiellino prodotto dalla collabo fra gli specialisti di Gloverall e il brand inglese Cah Ca (‘imbastardito’ da influenza asiatiche, come uno dei fondatori). Questo splendido montgomery vanta un canvas creato ad hoc dal primo, così come dettagli più contemporanei del secondo. Allo stesso modo, se tagli ed heritage sono di casa Gloverall, negli inserti più vivaci e in vista (cappuccio e zip compresi) c’è lo zampino di Cash Ca. Double trouble!

KURO NI KURO

FLYBIRD

Il brand olandese Flybird, produttore di borse e accessori molto ricercati, presenta per la stagione FW-2013 la collezione “Kuro in Kuro”. La traduzione del nome, nero su nero, come potete vedere rispecchia la cromia di queste borse, oltre all’ispirazione proveniente dalla cultura giapponese. La collection comprende: una duffle-bag, una city-traveler e infine un classizo zaino, con inserto in pelle di coccodrillo.

SS-2014 SELECTION

PATRICK MOHR

La nuova collezione dello stilista Patrick Mohr, stile futurista quasi proveniente da un’altra dimensione, celebra il decimo anniversario del brand; eccovi alcuni capi selezionati dalla nuova linea che comprende dieci giacche prodotte con molteplici texture differenti.

005

Per info: www.patrick-mohr.com pag.84


S MAGAZINE S

HOROLOGICAL MACHINES

MBANDF MB&F è un collettivo di artigiani dell’orologeria di alto livello, con una creatività mostruosa, che dà vita a orologi ispirati alle automobili. Abbiamo scelto di mostrarvi l’ “Horological Machine n°5”, quello dedicato alla storica Lamborghini Miura, modello prodotto dalla casa italiana dal 1966 al 1973.

FLY JACKET

ALPHA INDUSTRIES

Alpha Industries è il principale fornitore di giacche per le forze armate USA; grazie all’esperienza nel produrre abbigliamento di qualità, è presto diventato anche un marchio di moda di fama mondiale. Mentre i capi che lo hanno reso famoso, quali giacche militari e da pilota, parka e trench, riflettono lo stile esclusivo di questo agguerrito brand.

FW-2013 SELECTION

CARVEN

Carven è conosciuto nel fashion world per il suo stile prettamente parigino. In questa selezione vi presentiamo una serie di capispalla direttamente dal lookbook FW-2013 dell’azienda, tra cui un elegantissimo coat grigio con collo rosso in contrasto, un parka con pattern mimetico e una wool-jacket con disegni stile norvegese.

pag.085


S CRACKERS S

SS-2014 SELECTION

MONCLER

Un marchio capace di far incontrare la natura con la città nello stile delle sue collezioni; parliamo di Moncler, fondato nel lontano 1952. Come per la nuova stagione SS-2014, un look pulito dallo stile ‘avantgarde’... ecco due capispalla e due paia di sneaker scelti per questo Crackers issue.

SS-2014 SELECTION

NORWEGIAN RAIN

Il duo composto da Alexander Helle e TMichael, sempre attivo con il suo marchio Norvegian Rain, è pronto a lanciare la nuova linea SS-2014; lo stile è inconfondibile, sartoriale, con accorgimenti tecnici molto sofisticati. Ve ne proponiamo tre modelli scelti: “Nutter’s Petrichor” (resistente ed elegante), “Soho Femme” (femminile ma ‘mascolino’ al contempo) e “Noir Femme” (‘scolpito’ e sensuale). Buona visione...

FW-2013/14

ACRONYM

Creata dal genio di Michaela Sachenbacher ed Errolson Hugh, la label fashion futuristica Acronym ha lanciato la collezione FW2013/14 qualche tempo fa... il capo che più ci ha colpito per eleganza e funzionalità d’avanguardia è il parka “GT-J34 Gore-Tex”, di cui potete ammirare le diverse declinazioni.

pag.086


S MAGAZINE S

pag.089


S CRACKERS S

itw by: Antonio Isaja

HANSEN NORDIC GARMENTS

Nata nel 1970 in Svezia, metà norvegese e metà svedese (ma cresciuta in Africa), Aase Helena Hansen è una splendida designer e stilista che da ventun anni vive a Copenhagen in Danimarca. Dopo aver studiato fotografia là nel 1992, ha vissuto diverse esperienze nell’ambito

creativo: ha lavorato per una designer di gioielleria danese, Gerda Lyngaard, e, dopo questo periodo, si è iscritta alla Royal School of Design dove si è laureata nel 2000. Subito dopo quel periodo scolastico ha seguito per cinque anni come Head of Design un’azienda danese che

pag.088


S MAGAZINE S

ROLF SAFARI

ERLING

FREDERIK

SVENNING

DANIEL

TOMMY

FREDERIK

GUSTAV

LASSE

JONNY

LASSE produce abbigliamento da donna e denim per maschio e femmina. Con questo bagaglio carico di molteplici know-how, Helena ha fondato il marchio Hansen nel 2011; il brand ad oggi vende in dodici paesi sparsi per il mondo. Il termine Hansen è un nome molto diffuso in Scandinavia, scelto per la sua semplicità; proprio come l’abbigliamento prodotto da Helena, che voleva esprimere onestà e ‘piedi per terra’ con questo vocabolo. Il core-concept di questo brand si basa su tre elementi fondamentali: espressione-stile, valori pag.089

e tradizione nordici, senza dimenticare il look, i fit, i materiali, i colori, il design e la versatilità. Hansen, a detta della fondatrice, riflette la tranquillità e il low-profile delle zone scandinave; né snob né eccentrico, ma diretto e democratico, integrando la linea di pensiero della stessa Helena... ‘nordic state of mind’. Il mondo dell’abbigliamento è sempre concentrato su quello che accade a Parigi, Londra, New York, così Helena si è interessata e concentrata da subito sull’heritage del proprio paese, da cui è possibile trarre una


S CRACKERS S

grande ispirazione... “Basta dare un’occhiata ai vestiti tipici nazionali, sono fantastici”! Chiaramente non va trascurato l’aspetto dell’avanguardia, cioè, partendo dall’ispirazione proveniente dall’abbigliamento passato, non bisogna di certo fossilizzarsi su quello e soprattutto studiare nuovi tagli, materiali, tecniche di lavorazione... insomma per Hansen è importante reinterpretare l’heritage scandinavo con un look contemporaneo. Un aspetto molto interessante di questo marchio è la varietà del target a cui si rivolge, poiché gli uomini di una certa età hanno un gusto e un senso per materiali e feeling con l’abbigliamento per cui i prodotti Hansen risultano davvero accattivanti; mentre i ragazzi più giovani che cercano un sapore maturo nel vestire, ispirato allo stile Heritage ma con tagli e de-

OLIVER

sign in linea con i gusti odierni, trovano in questo marchio il loro outfit perfetto. Infine, Hansen ha da poco aperto un nuovo showroom a Copenhagen e, a detta di Helena, non vede l’ora di trasferirsi nella nuova location! Per il futuro, la designer scandinava ci è sembrata molto tranquilla e decisa: “Non abbiamo la fretta di costruire un impero, vogliamo che l’azienda cresca in maniera sana e graduale; continuare a divertirci e imparare da ciò che facciamo, sperando per un lungo periodo”. E chissà, magari per la prossima stagione vedremo anche qualche capo dedicato al pubblico femminile! www.hansengarments.com

OLE

AUGUST

AUGUST

HENNING

pag.090


S MAGAZINE S

pag.091


S CRACKERS S

JUST FOR RIDERS

BLUE PANTHER

Se state cercando capi d’abbigliamento per quando siete in giro con la vostra motocicletta, che sia una ‘cafè racer’ o un ‘bobber’, il brand consigliato per l’uso è Blue Panther. Basta una prima occhiata per riconoscere il tratto inconfondibile di Davide Biondi, la mano dietro a questo marchio insieme a Nino Susi, oltre ad Alessandro Di Paolo per la vendita, di cui vi mostriamo una selezione di magliette e felpe con grafiche ispirate ai Motorcycles club californiani. Per info: ww.bluepanther2013.tumblr.com

MATCHLESS

SS-2014 SELECTION

Matchless è il brand produttore di motociclette, abbigliamento e accessori più antico del Regno Unito; un marchio fatto di traguardi, passione e stile legati al mondo della motocicletta. Finalmente anche in Italia, eccovi in anteprima una selezione di giacche e una borsa dalla sua collezione SS-2014. pag.92


S MAGAZINE S

TRICKER’S

CASH CA

Cash Ca è il noto brand con origini britanniche che ha dato vita ad una collaborazione con Tricker’s, famosi calzaioli inglesi. In questa joint-venture il brand Cash Ca reinterpreta tre modelli di Tricker’s, dando un sapore asiatico a questo iconico brand.

FW-2014 SELECTION SS-2014 SELECTION

NORSE PROJECTS

INSTANTOLOGY

La collezione FW-2013 di Norse Projects ha preso nuove direzioni stilistiche per certi versi, ma allo stesso tempo ha migliorato e fatto evolvere alcuni dei propri classici capi. La collection non trascura di certo la funzionalità e il minimalismo, punti chiave dello stile aziendale, ma abbraccia tre settori distinti: il tecnico, il formale e il casual. Non perdetevi questa selecta di immagini provenienti dalla fantastica FW-2013 Norse Projects!

Vi mostriamo una selezione d’indossati scelti direttamente dalla collezione SS2014 del marchio coreano Instantology. Stile ispirato al look ivy, con l’aggiunta di pattern floreali e camouflage... tagli classici come giacche blazer e pantaloni con ‘pens’ e pieghe la fanno da padroni! Per info: thisisinstant.com

Per info: www.norseprojects.com

pag.093


S CRACKERS S

BARNEY’S

NAKED AND FAMOUS

Il brand Naked and Famous Denim ha creato un nuovo fit tra le fila dei suoi molteplici jeans, lo “Stacked Guy”; questo nuovo modello, nella versione “Black Wax Coated Stretch”, sarà disponibile in esclusiva nel luxury-retail di New York Barney’s... fit skinny e, come ‘dice’ il nome, ceratura nera per un look underground. Per info: www.nakedandfamous.com

TOTE BAG

STANLEY & SONS

L’azienda Stanley & Sons Apron and Bags Company è stata fondata a New York nel 2008 da Chris Grodzki, ispirato dall’omonima azienda del nonno. Con una grande attenzione per i dettagli, e una cura nel lavoro artigianale, Chris produce borse e grembiuli da lavoro senza eguali. Guardate qui...

FW-2013/14 BOOTS

BLEECKER CONVERIBLE

Y.O.U. FOOTWEAR

COACH

Y.O.U. Footwear, alias ‘your own universe’, è un brand italiano nato nel 2011 come collezione di scarpe “cross-cultural”; una combinazione tra la freschezza di una sneaker e lo stile urban sofisticato del casual style più attuale. La selecta che vi mostriamo, composta dai boots con silhouette hi, fa parte della collezione FW-2013/14, realizzata con materiali come pellami, lana cotta, suede e inserti di prima scelta.

Ecco l’ultima versione del “Bleecker Convertible Sling Pack”, best seller del marchio Coach fra le sue spettacolari borse. Un piccolo zaino affusolato da portare comodamente a tracolla, prodotto con diversi pellami pregiati e disponibile in tre differenti

pag.094


S MAGAZINE S

SS-2014 SELECTION

ELEMENT EDEN

Dalla collezione “Eden” del brand Element, linea basata sull ‘advocate program’ del brand, dedicato al pubblico femminile, eccovi alcuni modelli che hanno suscitato il nostro interesse: “Gaya”, giacca in tela jacquard a doppio petto con pattern d’ispirazione ‘tribal safari’; “Robin”, giacchino corto in poliestere stampato, e infine “Tiga”, il pantalone lungo che sembra appena uscito dalla giungla!

ELITE SERIES

ELEMENT EMERALD

Non sono finite le chicche di casa Element, infatti vi presentiamo la nuova “Elite Series” della linea “Emerald”, la collezione di footwear del brand che stuzzica maggiormente il nostro appetito. In questo pack rientrano tre silhouette, la “Bannock”, la “Bannock Lo” e infine la “Jacobsen”; tutti i modelli hanno la suola Cupsole, dettagli in gomma riciclata, finiture interne in bamboo e una fantastica tomaia in canvas kakhi con dettagli in nubuck. Per info: eu.elementbrand.com

SS-2014 MAN

ELEMENTS

Finalmente potete dare un’occhiata alle nuove proposte della collezione SS-2014 Men di Element! Non è stato facile scegliere, visto che l’intera linea è davvero appetibile, fra queste vi proponiamo camicie, magliettine, felpe, scarpe e accessori con pattern creato da diverse foglie di palma. Per info: eu.elementbrand.com pag.095


S CRACKERS S

TODD SNYDER COLLABO

CHAMPION

Nel lontano 1919 i fratelli Abe e Bill Fainbloom fondarono la “The Kickerbocker Knitting Company”, che più tardi cambiò nome in quella che conosciamo oggi come Champion. Uno dei migliori designer di abbigliamento maschile al mondo, Todd Snyder, ha creato la collezione “City Gym” (di trentacinque capi) in collaborazione con Champion, ve ne mostriamo una selezione; i pezzi rilevano icone e loghi storici datati 50’s.

CLARKS ORIGINAL

SS-2014 SELECTION

NANAMICA

BARK

Il marchio giapponese Nanamica è davvero attivo sulla scena internazionale, non solo con le collezioni mozzafiato che produce, ma anche con le collabo in giro per il mondo. Ecco quella con Clarks, con cui ha rivistato l’iconica “Wallabe” per la stagione FW-2013: tomaia in morbido suede con lavorazioni in Gore-Tex, colorazione cammello, il tutto posto su una suola “Christy” color mattone del colosso Vibram.

Per la collezione SS-2014, Bark ha voluto come al solito dare un forte segnale, proponendo una gamma di prodotti ancora più ampia, tra modelli iconici rivisitati con stile unico e design completamente nuovi. Tra le novità l’impiego del cotone spalmato con gamma, usato nel trench doppiopetto e nel fishtail-parka che vedete qui a fianco.

pag.096


S CRACKERS S

GUN CLUB CHECK GAME JKT

AVON HOUSE

Avon House è un antico marchio inglese fondato negli anni ‘70, purtroppo da tempo estinto. Recentemente è stato ripreso in mano da un’importante company giapponese, che ha deciso di riportare in alto il nome di AH riproducendo i pezzi che ne hanno fatto la storia... proprio come la “Gun Club Check Game Jacket”, che vedete a fianco.

PRODUCT SELECTION

BRUT CLOTHING

Il progetto “Brut”, il cui nome significa ‘grezzo’ in francese, trae ispirazione dall’amore per il tessuto in sé, con le sue irregolarità, punti di forza e di debolezza... sono queste le caratteristiche di Brut Clothing, un marchio formato da un gruppo di ragazzi francesi appassionati di storia dell’abbigliamento. Brut rappresenta un passo indietro verso le origini, come potete vedere dal range di prodotti vintage che ha da offrire... date un’occhiata al suo sito per ammirare nel dettaglio la giacca da aviatore americano (del 1943) “A2” , la borsa delle poste per l’esercito degli States, le giacche da motocicletta anni ‘60... e molto altro ancora!

PRODUCT SELECTION

BRADY BROTHERS

Era da un po’ di numeri che non vi mostravamo qualche nuova borsa di Brady Brothers, lo storico marchio inglese fondato nel 1870 dai fratelli John e Albert Brady. All’inizio la produzione era improntata sull’ambiente sportivo, poi, dopo anni di evoluzione, i due sono arrivati a creare borse e accessori con una miriade di modelli disponibili. In pochi al mondo possono vantare la stessa qualità del brand Brady, questo è sicuro... forse troverete la storia di questo marchio in un Crackers futuro? pag.098


S MAGAZINE S

PRODUCT SELECTION

BLACK HOUSE PROJECT Il progetto Black House Project proviene dall’estro artigianale di Nigel Reyes, il quale produce borse e accessori completamente a mano, prestando particolare cura nelle rifiniture e nei materiali utilizzati. Per quanto riguarda l’ispirazione, proviene dal mondo militare e da quello workwear, entrambi intrisi di resistenza e funzionalità. Date un’occhiata ai suoi manufatti di prima qualità: borse, tote-bag, zaini, grembiuli da lavoro, e chi più ne ha più ne metta.

PRODUCT SELECTION

HUNTING WORLD

Dall’amore di un uomo per l’avventura, la passione per la vita selvaggia e la sua preservazione nasce il marchio Hunting World. Quest’uomo è Robert M.Lee, avventuriero, cacciatore sportivo, designer, esploratore, una persona davvero eclettica; dalla sua prima esperienza in Africa nel 1955 e viene alla luce un brand produttore di abbigliamento e accessori di prima qualità. Ne abbiamo scelto le ultime produzioni, tra cui queste borse con pattern animalier.

pag.099


S CRACKERS S

photo by: Alberto Bonardi

txt by: Antonio Isaja

DENIM BOULEVARD MILANO 21-22-23 GIUGNO 2014

La Denim Boulevard è un evento che celebra un intramontabile prodotto, una tre giorni dedicata al tessuto che viene indossato da più di centocinquant’anni di generazioni: il denim. L’obiettivo principale dell’evento che noi di Crackers abbiamo organizzato insieme a preziosi collaboratori è stato quello di trasmettere ‘il lato

oscuro’ di un jeans, cioè tutto quello che sta dietro al prodotto finale, coinvolgendo il pubblico attraverso un percorso itinerante fra i vari passaggi della produzione che raccontano l’intera filiera di questa icona senza tempo. La prima edizione di questo straordinario evento ha avuto luogo nella suggestiva cornice della Fonderia Napo-

pag.100

leonica Eugenia, antica fonderia di campane situata nel quartiere Isola di Milano, nel centro nevralgico dell’ormai famoso MotoQuartiere. All’interno di questa emozionante location, i visitatori hanno potuto ammirare le diverse collezioni esposte dai più importanti marchi internazionali nel mondo del denim, come Scarti-Lab, brand


S MAGAZINE S

made in Italy della zona bolognese famoso non solo per la cura sartoriale dei suoi capi, ma anche per i lavaggi che gli donano un sapore ‘used’ tutto italiano; poi Momotaro e Japan Blue, entrambi sotto l’ala della Japan Blue Group (fondata dal grande Hisao Manabe a Kojima, Okayama), anch’essi noti al pubblico per la manifattura di prima categoria paragonabile a quella delle storiche aziende americane. E ancora Tellason, giovane marchio from San Francisco creato da Tony Patella e Pete Searson, due ragazzi che producono splendidi denim con il cotone dalle piantagioni ‘White Oak’ della storica azienda Cone Mills; infine da non tralasciare è uno dei nostri partner per la DB, la storica azienda italiana produttrice di tessuti Berto Industria Tessile che, oltre ad aver esposto alcuni dei suoi migliori prodotti della linea “Blue Selvadge”, ha organizzato un workshop che ha attratto tutti i partecipanti senza differenze di età e stile, grazie a un antico telaio a navetta degli anni ‘50 che produceva in diretta il famoso ‘selvage denim’. Un altro orgoglio del prodotto italiano che ha collaborato alla riuscita di questa manifestazione è sicuramente Antonio Di Battista, icona internazionale del denim, che grazie all’esperienza e alle conoscenze maturate in venticinque anni sul campo, ha da poco fondato Blue Blanket: brand d’abbigliamento di qualità sopraffina ispirato alla

cultura USA. Antonio, oltre ad aver esposto le sue produzioni, ha allestito un ‘archive museum’ sulla storia e la cultura legate al denim: un’esposizione di capi datati da fine ‘800 al 1950, tutti provenienti dal suo archivio personale, che vanta più di tremila pezzi. I visitatori hanno avuto anche la possibilità di ammirare la mostra fotografica di Nick Clements, editore della rivista Men’s File e dei libri Men’s File Archive dedicati al mondo dell’abbigliamento; abbiamo scelto di coinvolgere questo grande fotografo per dare un mood heritage al nostro evento. La passata edizione che vi abbiamo appena descritto si è svolta durante la settimana della moda a Milano, per l’esattezza dal 22 al 25 giugno 2013; e ora abbiamo deciso di proporre la nuova Denim Boulevard nello stesso periodo e location, dal 21 al 23 giugno 2014 alla Fonderia Napoleonica Eugenia. La nuova edizione sarà più dettagliata della precedente, dove ci soffermeremo non solo sul denim e sulla sua storia, ma concentreremo l’attenzione anche sui particolari e sugli accessori dedicati. I partecipanti potranno ammirare le nuove produzioni di molteplici aziende di livello mondiale, oltre a farsi coinvolgere ancor più da svariati workshop dedicati a quest’icona immortale dell’abbigliamento internazionale. Vi invitiamo pertanto ad accorrere numerosi per la nuova Denim Boulevard 2014, vi lasceremo senza fiato!

pag.101


S CRACKERS S

pag.102


S MAGAZINE S

DENIM BOULEVARD MILANO 21-22-23 GIUGNO 2014

pag.103


S CRACKERS S

SELECTION SS-2014

PENFIELD

Il marchio americano Penfield è sinonimo di affidabilità, materiali di pregio e un design al passo con i tempi; a ogni collezione ci stupisce con una gamma di capi d’abbigliamento che non deludono mai le aspettative. Anche per la nuova collezione, la SS-2014, abbiamo scelto alcuni outfit che mostrano le novità per questa stagione... come ad esempio felpe curate nei minimi particolari, giacche e camicie dal pattern floreale, ma anche giacche impermeabili per non farsi cogliere impreparati dal maltempo di questi giorni. Per info: www.seattleitaly.it

pag.104


S MAGAZINE S

NYC83 SHR

BIRD STRAIGHT LEG LADY JEAN

TELLASON

Finalmente il marchio di San Francisco Tellason si rivolge anche al pubblico femminile, e presenta per la nuova stagione il “Bird Straight Leg Lady Jean”; un raw denim cimosato con fit più stretto dei classici modelli maschili creati da Tony Patella e Pete Searson, ma come al solito prodotto con il cotone ‘White Oak’ della Cone Mills in North Carolina, garanzia di qualità di alto livello. Infine, da notare la salpa in pelle di qualità prodotta dalla Tanner Goods a Portland. Per info: www.seattleitaly.it pag.105


S CRACKERS S

PENDLETON WOOLEN MILLS “Warranted to be a Pendleton”

Come i Pendleton resistono a tempo e trend, di generazione in generazione... txt by: Marco Contardi

Il brand che sempre più fan conoscono oggi come Pendleton Woolen Mills ha origine nel 1863. Fa quasi sorridere leggerne la storia e scoprire che in quell’anno il suo fondatore, il giovane tessitore inglese Thomas Kay, viaggiò per la costa atlantica e attraversò l’istmo di Panama a dorso d’asino. Per lui era un sogno che s’avverava, arrivare in Oregon e poter mettere in pratica il proprio know-how tessile in una zona dalle condizioni particolarmente favorevoli per allevare pecore e produrre lana. Là, Kay collaborò alla realizzazione del secondo lanificio dell’Oregon, a Brownsville (come supervisore alla tessitura), e presto fu nominato sovrintendente della società. Più avanti, nel 1889, Thomas aprì un lanificio a Salem, e da queste premesse nasce una storia di qualità e successo. Quando Kay sposò il commerciante CP Bishop l’azienda godette di una combo di esperienze produttive (e non solo) che ‘forgiò’ per sempre la Pendleton Woolen Mills e i suoi affari. Questa doppia eredità produttiva e distributiva venne quindi passata ai figli di Bishop: Clarence, Roy e Chauncey, che nel 1909 ridiedero vita a un lanificio inattivo a Pendleton, sempre là in Oregon. Nel 1895 l’impianto fu anche convertito in lanificio che produceva coperte e vestiti per i nativi americani, ma anche così non funzionò, non prima che i figli di Bishop lo riaprissero appunto nel 1909... È proprio da lì che ‘nascono’ i tipici pattern e tessuti Pendleton, Clarence, Roy e Chauncey furono i primi a intuirne il potenziale (perché i primi a subirne il fascino), così, con la collaborazione di locali e nativi americani del sudovest allo studio di ‘colori vividi e fantasie intricate’ (come dice Pendleton stessa),

pag.106


S MAGAZINE S

l’azienda crebbe ulteriormente e si allargò alle vicine nazioni di Nez Perce, Navajo, Hopi e Zuni. Un aneddoto interessante è che tra i nativi, quelle nuove coperte caleidoscopiche non erano solo base d’abbigliamento, ma anche ‘moneta’ di valore per negoziazione e credito. Successivamente, nei primi del XX secolo, gli uomini erano soliti indossare camicione di lana e così anche Pendleton iniziò a produrne; questo settore fu la naturale evoluzione dell’azienda, che nel 1924 diede luce alla propria camicia in lana vergine. Poi, nel ‘49, di nuovo azzeccando il tempismo, Pendleton creò anche la propria linea femminile di sportswear in lana e, nonostante il brand fosse già abbastanza noto, nessuno si sarebbe aspettato che la sua iconica ‘49er jacket’ (col suo stile casual perfetto per lo stile di vita suburbano del dopoguerra USA) avrebbe riscosso consensi pure oggi! Pendleton fu inoltre scaltra nell’affiancare alle classiche collezioni ‘FW’ anche altrettante più leggere non in lana, infatti, dal ‘72 in poi, l’azienda soddisfa i clienti tutto l’anno... Storicamente, i prodotti del brand sono stati distribuiti attraverso store selezionati, ma nel 1980 Pendleton applicò la propria esperienza nel settore vendite alla costruzione di una divisione retail che comprendeva sia la società sia negozi specializzati di proprietà privata (con la selezione completa dei loro prodotti); per anni i figli di Clarence, C.M. Bishop, Jr. e Broughton, ne sono stati i ‘co-executive

officers’, così come i loro stessi figli hanno assunto ruoli di gestione in azienda. C.M. Bishop III è presidente e John e Charles sono vice presidenti, mentre Peter è direttore della divisione catalogo/internet. Come a dire, Pendeleton funziona a conduzione famigliare da sei generazioni, “garantite per essere un Pendleton” dal 1863. Oggi l’azienda possiede e gestisce sette strutture e settantacinque store; gli appassionati del marchio possono scegliere fra diverse collezioni, tra cui una dedicata esclusivamente al mercato americano, fatta di molte camicie in lana e abbigliamento uomo/donna. Immagine forte dal sapore heritage per le altre linee di Pendleton, la “Thomas Kay” e la “Portland”, destinate a un pubblico giovane di ricerca molto attento al look. Infine, ai fan del brand farà piacere sapere che la nostrana Seattle snc di Forlì, distributrice di marchi come Penfield, Thorogood, Squale, Solovair e Tellason, da questa stagione invernale produrrà una collezione Pendleton made in Italy su licenza per il mercato italiano ed europeo; questa linea è composta da capi d’abbigliamento realizzati con tessuti originali Pendleton, oltre a materiali selezionati dalla Seattle, che inserirà nella collection anche delle giacche imbottite con particolari che richiamo gli storici pattern dei nativi americani. Questa nuova collezione sarà presentata in anteprima al Pitti Immagine Uomo di gennaio e subito dopo alla seguitissima fiera Bread & Butter di Berlino.

Per info: www.seattleitaly.it pag.107


S CRACKERS S

MEN’S FILE ARCHIVE

NICK CLEMENTS

Non avete scordato l’intervista al grande Nick Clements... il famoso fotografo inglese che, grazie al suo estro e allo studio negli anni delle subculture che hanno caratterizzato il mondo dell’abbigliamento, riesce a proporre con foto odierne varie tendenze e scenografie del passato. Eccovi le sue ultime tre produzioni editoriali: “The Revivalists”, “Miss Banbury” e “The Westerners”. www.mensfilearchiveblog.com pag.108


S MAGAZINE S

APRON SELECTION

FNDMTL

Il marchio giapponese Fundamental Agreement Luxury è famoso per la produzione di abbigliamento in denim e non solo, tutti capi che mostrano una grande cura per i particolari e le rifiniture. In controtendenza al core business, vi mostriamo una selezione di “Aprons”, grembiuli da lavoro, sia in denim raw che in una versione mixata al pattern camouflage. Per info: www.fdmtl.com

SHIRT

FNDMTL

Il brand a base di denim FNDMTL ha sede nel famoso distretto di Okayama, noto per essere uno dei fulcri della jeanseria giapponese. Abbiamo scelto uno dei molteplici prodotti interessanti della collezione FW2013: questa camicia metà in denim e metà in cotone a pattern camo. Anche qui dettagli e finiture sono particolarmente curati, in più la shirt è ben coordinata con il grembiule. Per info: www.fdmtl.com pag.109


S CRACKERS S

PRODUCT SELECTION

J.S. HOMESTEAD

Quando si parla di abbigliamento, non è una sorpresa che i giapponesi prendano la cosa molto sul serio. Ispirato a cultura e stile ‘Americana’ e da tutto l’heritage che ne consegue, il marchio nipponico Journal Standard Homestead sa il fatto suo. Da questa selecta di prodotti emerge la favolosa giacca ocra con chiusura a bottoni, due tasche frontali e interno in lana cotta.

8593 BOOTS

SLOW WEAR LION

Dopo avervi raccontato la storia del marchio Slow Wear Lion, attraverso l’intervista a uno dei fondatori, Yuta Kondo, vi mostriamo qui le novità per questa stagione. Il modello “8593” è proposto in quattro nuovi pellami di prima qualità, e altrettante varianti cromatiche. Se siete amanti dei boots ‘round toe’ questi SWL sono perfetti per voi!

BOOTS SELECTION

PREMIATA

Il brand Premiata nasce nel 1995 grazie alle capacità imprenditoriali di Graziano Mazza, il quale, alla quarta generazione nel mondo della moda, riformula i codici del lusso contemporaneo. Non solo apparel per questo brand rigorosamente mada in Italy, del quale vi proponiamo una selezione di magnifici boots e scarpe che fanno girare la testa!

pag.110


S MAGAZINE S

FW-2013 COLLECTION

CANVAS TOTE BAG

NEEDLESS

OLD YORK

Delizie su delizie dal gruppo Nephentes, label giapponese sempre attiva nel mondo della moda internazionale con diversi sottomarchi... uno di questi è Needles, di cui vi presentiamo la prima tranche della collezione FW-2013: giacche, camicie, pantalone e un set di accessori da far girare la testa!

Da una piccola azienda giapponese che realizza borse e accessori interamente a mano, Old York, abbiamo scovato questa splendida versione di “Tote Bag”; canvas cerato come materiale predominante, oltre a finiture e manici in pelle, questi ultimi intrecciati con grande maestria.

NEW STUFF

REDMOON

Immersi nella nostra ricerca di marchi giapponesi introvabili, vi offriamo l’ultima chicca: “Red Moon bag”; una splendida borsa in pelle di prima categoria tagliata al vivo e finiture molto curate per questa borsa che sembra più una sacca. Stupenda!

pag.111


S CRACKERS S

BEN SHERMAN

SS-2014 SELECTION

Ben Sherman ci propone una raffinata SS-2014 in cui il classico gusto british del marchio UK incontra (come già da qualche collezione) influenze più ‘contemporanee’... come azzeccati colori pastello, originali pattern geometrici e tagli che strizzano l’occhio alle forme del ‘cut and sew’; per un fine ‘casual outerwear’ (ispirato alla scena jazz ‘60 della west-coast USA). Date un’occhiata a queste inimitabili camicie BS, ma occhio anche a giacche e calzoni, must have!

SELECTION LEATHER BOOTS

PAUL SMITH

Paul Smith è un brand di abbigliamento per uomo e donna, nato negli anni ‘70 dall’omonimo stilista inglese. Per questo issue vi facciamo brillare gli occhi con il nuovo “Burgundy dip- dyed suede & leather Boot”, un elegante stivaletto in pelle marrone scuro con inserti in suede sul collo.

C6 BAGS

Le borse C6 sono state create per proteggere al meglio la nostra ‘vita digitale’, cioè tutti quegli apparecchi di cui ormai non possiamo più fare a meno. Massimo della funzionalità combinata a un look estetico semplice, pulito e all’avanguardia. La sezione più grossa di ogni bag, quella con chiusura a zip, ha un rivestimento superiore aggiuntivo con un’allacciatura per il top della sicurezza. Chiaramente ogni vano e tasca è appositamente studiato per laptop, iPad, iPhone e altre tipologie di device.

pag.112


S MAGAZINE S

WOOD&FAULK

PRODUCT SELECTION Il nome del marchio Wood&Faulk deriva dai nomi delle vie in cui il fondatore, Matt Pensworth, ha abitato quand’era in Kansas: Woodrow e Faulkner... Lì Matt ha assorbito l’amore per le produzioni ‘roots’, e da allora quell’amore lo lavora insieme ai pazzeschi prodotti che Wood&Faulk confeziona a mano, speso anche grazie a vecchi materiali e attrezzi d’eccezione. I suoi accessori non possono che mostrare la maestria con cui sono stati realizzati. Guardate qua...

FW- 2013 SELECTION

SPERRY TOP SIDER

Ecco l’ultima parte della nostra selecta per la stagione FW-2013 del marchio Sperry Top-Sider; tutti modelli dalla silhouette hi; alcuni hanno addirittura l’interno in sherpa, perfetti per affrontare il freddo pungente di questi mesi. Ma anche la chukka è un modello interessante, con tomaia in suede e inserto in lana cotta. Hot shots!

pag.113


S CRACKERS S

DR.MARTENS 8-EYE

PENDLETON

Come avrete potuto notare voi stessi, è stato un anno molto produttivo per il marchio americano Pendleton, oltre alle sue collezioni parliamo soprattutto delle collaborazioni. Eccovi l’ultima con Dr.Martens, con cui ha realizzato una versione da leccarsi i baffi dell’“8-Eye Boot”, un classico del brand inglese, oltre alla versione bassa, altro pezzo storico di Dr.Martens. Riconoscerete di sicuro gli inserti in lana di casa Pendleton, perfettamente in armonia con il resto della tomaia in morbida pelle marrone.

MARGARET HOWELL

TRICKER’S

Tricker’s e Margaret Howell si incontrano in una speciale collaborazione per dar vita a una collezione minimalista, che tratta due scarpe molto semplici richiamando le tipiche forme della derby militare.

MACBOOK SLEEV

GRAF & LANTZ

I due designer Holger Graf e Daniel Lantz, i fondatori dell’omonimo marchio Graf e Lantz, hanno collaborato con il colosso Apple alla produzione di speciali case per Mac Book Pro e Mac Book Air. Disponibili in diverse colorazioni accese, con finiture in morbida pelle di vitello, questi accessori sono prodotti in feltro proveniente da lana merino di prima scelta.

HORNS FISHTAIL PARKA

WINGS

Il brand canadese ci sorprende con uno splendido parka. Il prodotto è stato realizzato in nylon e plaid di qualità, non è solo bello ma anche funzionale. Wings + Horns vi propone un indumento resistente all’acqua, antivento e robusto ma anche traspirante e leggero, utile per qualsiasi attività all’aria aperta.

pag.014


S MAGAZINE S

STREAM MOC

YUKETEN

Yuketen non ha di certo bisogno di alcuna presentazione... vi diciamo solo che questa nuova silhouette della collezione FW2013/14, “Stream Moc High”, ha la tomaia interamente in suede color nocciola, cuciture rigorosamente intrecciate a mano e suola crepe che si abbina perfettamente alla parte superiore.

WESTERN JACKET

FAT-BOY C.

Fat-boy Clothing, in breve FBC, nasce dall’estro e dalla passione di Charles Niehues, un giovane francese che sa il fatto suo in materia di vintage e artigianalità. In questo nuovo issue vi mostriamo due delle ultime creazioni: la “Western Vintage Wool Jacket”, prodotta con coperte in lana dell’esercito americano, e la “Hunting Waxed Jacket”, cotone cerato impermeabile, colletto in morbido velluto e design ispirato a una classica giacca da caccia.

pag.089


S CRACKERS S

FEIN UND RIPP A FAMILY AFFAIR Durante la passata edizione del Bread & Butter, nel travolgente periodo delle fiere internazionali, siamo stati invitati a un evento presso il negozio Fein und Ripp a Berlino in Kastanienallee 91/92; da subito ci siamo resi conto di non essere in un classico store ma in un luogo in cui si respira un aria calda e accogliente, dove il concetto di conduzione familiare è ancora vivo e viene portato avanti da Joachim Pianka e i suoi due figli, Aljoscha Augustin e Marlon Putzke. Abbiamo fatto due chiacchiere con il padre, che ci ha raccontato un po’ la storia e la filosofia della sua attività...

pag.116


S MAGAZINE S

“L’idea di fondare il nostro negozio Fein und Ripp è venuta fuori un po’ all’improvviso grazie alla scoperta di un grande ripostiglio in una vecchia azienda produttrice di abbigliamento. I tessuti dei capi che abbiamo ritrovato all’interno erano stati prodotti nel periodo che andava dagli anni ‘20 fino agli anni ‘80, la maggior parte era biancheria intima da lavoro ma anche maglioni in stoffa simile al velluto, pullover e altri indumenti alla moda degli anni ‘60 e ‘70. Abbiamo trovato i pezzi cinque anni fa e aperto le porte dello shop al pubblico nel dicembre 2010, dopo aver venduto abbigliamento per nove mesi in un mercatino delle pulci di Berlino. Siccome tutti e tre, io e i miei duei figli, eravamo totalmente ‘novelli’ e senza esperienza nella produzione di capi d’abbigliamento, abbiamo dovuto imparare tutto sul campo... facendolo in senso letterale. Da quando abbiamo cominciato molti brand hanno mostrato interesse nel collaborare con noi; siamo distributori orgogliosi di Pike Brothers, Schiesser, Blue Blanket, Frye, Trabert, Wolverine e Stetson, ma il nostro focus rimane ricercare

vecchi stock di abbigliamento mai indossato e ancora confezionato. Ora stiamo creando la nostra collezione lavorando con capi di alta qualità tessuti ad Amburgo, in Germania, tra cui giacche, gilet, pantaloni magliette e bretelle. Se venite a trovarci un sabato, molto probabilmente ci incontrerete tutti e tre insieme mentre lavoriamo in negozio; cerchiamo di accogliere i nostri clienti all’interno di un’atmosfera familiare, chiacchierando con loro sui dettagli e sulla storia di ogni capo che vendiamo. Abbiamo appena aperto un nuovo Fein Und Ripp sempre a Berlino, ma in Danzigestraße 25, dove focalizziamo la vendita sui maglioni in simil-velluto e abbigliamento da lavoro anni ‘60 e ‘70. In forte contraddizione col mondo della moda sempre troppo veloce e in continuo cambiamento, vogliamo instaurare una comprensione e una comunicazione duratura sui tessuti di qualità. Inoltre crediamo fortemente che i capi d’abbigliamento diventino davvero preziosi solo dopo che li avrete indossati per molto, molto tempo”.

www.feinundripp.de pag.117


S CRACKERS S

txt by: Marco Contardi

RED WING FLYING HIGH SINCE 1905

L’apprezzatissima Red Wing Shoe Company segue dall’inizio un tipico dogma americano: se uno lavora abbastanza duro, può ottenere ciò che vuole. E anche il fondatore dell’azienda, un mercante di Red Wing (nel Minnesota), Charles Beckman, credeva un sacco in quella filosofia. Infatti, dal suo negozio di scarpe in Main Street, s’accorse in prima persona della necessità commerciale di stivali resistenti e confortevoli, così nel 1905 fondò la Red Wing Shoe Company. Da allora RW fu sinonimo della combo di qualità e comfort in ogni paio di boots, per cui la fama crebbe rapidamente e la società prosperò. Anche oggi, alla terza generazione di dipendenti, in fondo alla strada della fabbrica originale, RW mantiene fede alla propria ricerca della ‘fattura perfetta’, ancora usando la

stessa cura artigianale e attenzione al dettaglio che ha portato la società al successo... In più, triple cuciture, robusti guardoli e pelli pregiate fanno tuttora parte dell’identikit di ogni paio di boots Red Wing. Non è quindi un caso se da più di un secolo la Red Wing Shoe Company s’è costruita la reputazione di azienda produttrice di ‘calzature toste per gente che lavora sodo’; infatti non c’è da stupirsi se anche al presente le Red Wing vengano create con cura da artigiani che si prendono tutto il tempo necessario per assicurarsi che ogni loro paio sia tanto resistente e duraturo quanto pure raffinato. E se le RW durano quanto durano, di certo è perché sono realizzate appunto con materiali premium e non prima di passare almeno per trenta step produttivi e centinaia di

pag.118


S MAGAZINE S

mani artigiane; anche se bastano solo tre passaggi per tenerle al sicuro. Come dice l’azienda, “Abbiamo così tanti prodotti per la cura delle scarpe proprio perché abbiamo altrettanti materiali differenti”, ma, ‘come dicevamo noi’, i passaggi per ‘difendere’ le proprie Red Wing sono solo tre: pulirle, trattarle e proteggerle (ovviamente in ogni step col prodotto RW ad hoc)... Se vi state chiedendo perché un ‘cuoio così famoso’ richieda quest’attenzione, il mastro conciatore Andreas Rhein vi risponderebbe “Il cuoio che lavoriamo gode di una bellezza naturale e una durabilità inarrivabile. Creiamo le pelli RW come segni particolari e distintivi del footwear Red Wing”... Ma torniamo alla storia della Red Wing Shoe Company, e quindi anche alla storia del fondatore, l’immigrato tedesco Charles Beckman, che approdò in America verso la fine del XIX secolo. Quando aveva diciassette anni, saltò giù dal treno a Red Wing e lì trovò impiego in una fabbrica di cuoio, dove fu contagiato dall’interesse per l’arte calzaturiera. Più avanti, nel 1883, Beckman aprì il proprio negozio di scarpe, mosso dall’intento di vendere solo “scarpe veramente buone”. Lo shop fu un successo, ma Charles credeva ancora

La nuova “Postman” è il restyle dello storico modello RW “Style no. 101”, realizzato in origine per i postini americani.

che fosse troppo difficile trovare ‘buone scarpe’, quindi decise di iniziare a crearsele da sé! Fu così che nel 1905, col benestare di quattordici investitori, fondò la Red Wing Shoe Company. Un brand che s’è rivelato florido negli anni grazie alla propria irriducibile dedizione per qualità e durata nel tempo; lo dimostrano tutti i suoi modelli ‘evergreen’, in catalogo da oltre ottant’anni. Ogni paio di boots RW è tuttora studiato per la sua specifica funzione, visto che in origine erano tutti progettati per supportare il progresso di varie industrie americane. E tuttora le RW sono “scarpe veramente buone”, con quella personalità senza tempo che dà prova della propria ‘maestria’ giorno dopo giorno... Vediamo quindi un po’ più nel dettaglio le caratteristiche dei Red Wing più rappresentativi.

pag.119


S CRACKERS S

Partiamo dal ‘Moc Toe’: i classici workboots RW sono stati progettati e costruiti per sopportare il rigore delle giornate lavorative nelle aziende agricole e nelle fabbriche, lo “Style no. 877” è stato introdotto nel 1952, originariamente per gli agricoltori e i cacciatori. La sua leggera suola crepe era caratterizzata da un bat-

tistrada dal design minimale pensato per sfiancare l’immancabile fango dagli stivali degli agricoltori, ma anche per fornir loro comfort alla pianta del piede (come richiesto dalle giornate di duro lavoro). Red Wing firmò la propria unica suola crepe col nome “The Traction Tred”, mentre il suo distintivo cuoio color arancione fu chiamato “Irish pag.120

Setter” per la somiglianza con la pelliccia del cane da caccia. Questi classici boots hanno il design dei ‘moc toe’, che invece deriva dalla parola mocassino, il termine ‘indiano Algonquian’ per scarpa. Questa combinazione della tomaia a ‘moc toe’ in pelle e della suola crepe bianca diventò nel tempo la base dello stile del marchio; oltre che uno tra i più antichi modelli di Red Wing e uno dei suoi best seller. Procediamo ora con una silhouette simile, quella del ‘Round Toe’. A sua volta sviluppato per gli agricoltori, Red Wing introdusse in linea il proprio “6-Inch Round Toe work-boot” nel 1919, e fu la fusione di due stili tradizionali: i ‘round toe’ infatti offrivano la comodità di un ‘Oxford boot’ e la resistenza di un work-boot. In più, c’era pure il benefit del design ‘round toe’, ottenuto eliminando una cucitura e utilizzando un unico grande pezzo di pelle invece della precedente prassi di cucire insieme due pezzi più piccoli. Cosa appunto che l’ha reso più durevole (visto che, nel design del boot, ogni cucitura è per così dire un ‘tasto dolente’). Ed eccoci arrivati poi al modello ‘Iron Ranger’, che prende il nome dalla Mesabi Iron, una zona aspra e remota situata nel nord del Minnesota; i suoi locali sono orgogliosamente noti come ‘Iron Rangers’ appunto, a delineare persone inclini all’avventura e dal carattere deciso. Ovvio che i loro boots per le miniere di ferro dovevano essere robusti così come le condizioni necessitavano; quindi, gli ‘Iron Ranger’ vennero costruiti con un doppio strato di pelle sulla punta per conferire maggior sicurezza al boot dei minatori, ma anche sull’esterno tallone venne aggiunto un sostegno extra. Un’altra modifica di progettazione che permise di eliminare una cucitura e fornire un soffice e comodo interno allo scarpone in questione. Continuiamo volentieri il viaggio negli archivi di casa Red Wing con un classico con la C maiuscola: il ‘Chukka’. Una semplice ed efficace combinazione di una ‘normale tomaia da boot’ con la suola RW ‘Euro-Traction Tred’ crepe bianca. Diversamente dagli altri boots del brand, i ‘Chukka’ vennero disegnati per ‘fini meno pesanti’; ideati soprattutto per i lavori in interni, i carpentieri come target. I loro compiti richiedevano calzature robuste ma allo stesso tempo flessibili, per non appesantirli nei vari piegamenti e spostamenti (studiando i dettagli di abitazioni e architetture varie), e i ‘Chukka’ ne esaudi-


S MAGAZINE S

rono i desideri. In più, come sottolinea RW, la bianca suola crepe gli permetteva di non lasciare neanche un graffio sul loro lavoro finito! Un’altra chicca di Red Wing è poi la ‘Beckman Collection’, una linea che richiama le origini e l’heritage del brand. Il suo titolo è chiaramente un doveroso omaggio al fondatore Charles Beckman, che come scrivevamo aveva un negozio di scarpe là a Red Wing. Tra l’altro, perché non ricordare che nei propri ‘advertising’ si promuoveva come “Beckman, The Shoe Man”! E a ragion veduta, perché da buon commerciante di Main Street, Charles s’accorse di persona del ‘deficit’ di work-boots resistenti e confortevoli. La sua stessa routine quotidiana prevedeva di solcare le strade fangose di RW, per cui anche lui aveva bisogno di stivali robusti che avrebbero dovuto poi poter essere tranquillamente lucidati, come si confaceva al look da mercante di successo di Main Street (e proprietario della shoe company). Finalmente, nel 1920, Beckman introdusse lo ‘Style no. 950’, in

pratica una ‘Wingtip Blucher’ (aka un mix tra una ‘Derby’ e una ‘Oxford’), a cui è ispirata la ‘Beckman Collection’. Una linea che predilige pelle ‘Featherstone’ a dir poco di qualità super, realizzata apposta per questa collection; i suoi pezzi sono selezionati a mano, per assicurarsi che siano privi d’imperfezioni, e sono trattati in modo da essere idrorepellenti e resistenti alle abrasioni. E chiudiamo con un’altra collezione RW, la ‘Engineer’, originariamente sviluppata per gli ingegneri all’opera nelle ferrovie statunitensi. Quei boots erano interamente in pelle, in stile ‘pull-on’, con cuciture minime a proteggere i piedi dei worker dalle braci che fuoriuscivano dalle caldaie delle locomotive. Inoltre, le chiusure a fibbia degli scarponi ‘Engineer’ gli consentivano ‘regolazioni’ e movimenti più liberi (un requisito necessario, visto che quelli dovevano continuamente buttar carbone in caldaia). I primi stivali da ingegnere RW sono quelli chiamati ‘Style no. 919’, apparsi in catalogo dal 1941 (dopodiché furono anche pubblicizzati come ‘pull-on boots’ per camionisti e affini, i nuovi

Per info: www.fattorekmilano.com pag.121

ingegneri dell’open road, come dice Red Wing). Insomma, dai worker di un secolo fa a quelli dei nostri giorni, i boots RW hanno letteralmente fatto un sacco di strada e ‘sfidato il tempo’, sempre impeccabilmente, dimostrandosi all’altezza di fama e aspettative conseguenti. Prosopopea inarrivabile di qualità, resistenza e stile, il brand dell’ala rossa vola alto dal 1905, e con una storia del genere è dura immaginare un imminente stallo. Sky’s the limit...


S CRACKERS S

DENIM BAGS

RED WING

LEVI’S X PORTER

TENUE DE NIMES

I ragazzi del negozio Tenue de Nîmes hanno realizzato un progetto molto interessante con Red Wing; hanno preso cinque paia di RW “875” in classica pelle naturale e le hanno fatte tingere con indaco naturale dalla Rampuya, una delle aziende produttrici di denim più importanti del Giappone.

Che il denim sia uno dei materiali maggiormente declinabili per il mondo fashion è un dato di fatto... il nostro amore per il classico denim ‘raw selvadge’ utilizzato per jeans dai sacri crismi è un’altra storia. La collaborazione fra Levi’s è il produttore giapponese di borse e accessori Porter è un esempio di come utilizzare questo storico tessuto al meglio. Prendere nota...

DENIM DETERGENT

SUGAR CANE

Studiato appositamente per il lavaggio di massima cura di denim raw, il nuovo detergente realizzato da Sugar Cane è perfetto per non rovinare i denim di miglior fattura grazie alla sua base di amminoacidi. Inoltre, contine un agente antibatterico che lascia un gradevole odore intriso nel tessuto. Insomma, per veri intenditori.

CHAMBRAY SHIRTS

HEAD PORTER

Dalla nuova collezione Head Porter abbiamo selezionato questa camicia in denim, che richiama il classico modello ‘chambray’. La sua particolarità spicca per l’abbinamento di tessuti in forte contrasto, polsi e colletto in velluto a coste rendono il modello base molto più moderno. Brand new stuff!

pag.122


S MAGAZINE S

QUILTED JACKET

WASTE

BING CROSBY TUXEDO

La ‘Bomber Jacket’ è un capo che rimarrà vivo in eterno... questa versione trapuntata dell’azienda Waste Twice ne è uno splendido esempio di declinazione; ceratura esterna per il massimo dell’impermeabilità, due tasche trasversali sul davanti e infine polsini e colletto a coste per completare l’opera.

LEVI’S VINTAGE

Nel 1951, l’attore americano di fama mondiale Bing Crosby insieme a un gruppo di amici, si vide negare l’entrata in un hotel canadese poiché lui e la sua compagnia erano completamente vestiti in denim. Anche se venne riconosciuto subito dopo, e fu fatta un’eccezione chiaramente, appena di ritorno la sua compagnia contattò l’azienda Levi Strauss & Co; i designer produssero una giacca “Tuxedo” customizzata con il resistende denim usato per i jeans “501®” apposta per Crosby, con una rosa sul taschino fatta tutta di ‘red tabs’. Per la nuova collezione, la SS-2014, Levi’s Vintage Clothing ha riprodotto quella famosa giacca, intrisa della propria storia, e ne ha prodotto una limited edition di duecento pezzi. pag.123


S CRACKERS S

SKAGWAY HI KAPALA

VISVIM

All’interno della collezione FW-2013, il marchio Visvim ha aggiunto questo nuovo paio di “Skagway HI Kapala”; tomaia in velluto prodotto dall’azienda italiana Limonta, con lacci in cotone blu indaco, una robusta suola in gomma e un piccolo teschio cucito a mano sul lato. Disponibili in quattro colorazioni differenti.

TROOPER TRAINER

NONNATIVE

Ispirata all’inconfondibile stile della Maison Martin Margiela nell’ambito della produzione sneaker, il brand giapponese Nonnative ha creato la “Trooper Trainer” per la stagione FW-2013; nello specifico la fonte da cui prende spunto è la classica ‘military trainer’, qui reinterpretata con tomaia in pelle navy e dettagli in suede.

PLAIN TOE BOOTS

CONCEPT X RED WING Collaborazioni sempre al top di gamma per il negozio di Boston Concepts; oltre The North Face, Fila e Clarks di recente, eccovi l’ultimo progetto realizzato con Red Wing: il classico “Plan Toe Boot”, modello intriso della storia RW, è qui declinato in due colorazioni, blu scuro e rosso acceso, entrambe con tomaia in morbido suede.

CHUCK TAYLOR HI

CONVERSE 70’S

Finalmente, anzi, era ora! In casa Converse si sono decisi a riproporre le storiche “Chuck Taylor” molto fedeli alla versione oroginale, la famosa made in USA. La collezione si chiama “Chuck 70’s” ed è composta da tre varianti: una camo, una zebrata e infine l’ultima in ocra.

pag.124


S MAGAZINE S

FW-2013 COLLECTION

CLARKS TOWYER

Clarks noto brand del Regno Unito famoso per il suo stile casual, propone la “Tawyer lo”, una rivisitazione della leggendaria “Wallabee”. Questo modello è proposto in tre colori: verde, nero e marrone per trovare la colorazione più adatta a ogni esigenza.

NEW BALANCE

HERSCHEL SUPPLY

I due super brand Herschel Supply Co. e New Balance presentano la loro seconda capsule collection del 2013; in cui a delle classiche silhouette NB è stato applicato il tradizionale tocco di HS. Questa indovinata collezione nasce dalla comune passione dei due per l’heritage e la volontà di proporre beni di ottima qualità e lunga durata.

SS-2014 NEWSBOY

STETSON

“America grew up under a Stetson” è uno slogan fantastico, racchiude tutta la storia di questo marchio produttore di cappelli. L’avete già visto sull’articolo dedicato nel numero 23 di Crackers, un marchio che fa parte della storia d’America, produttore di cappelli fin dal 1865. E siccome siamo anche degli amanti in prima persona, vi mostriamo le nuove proposte per la stagione SS-2014 del modello “Newsboy”.

BRIGA DIER BOOTS

VISVIM

Abbiamo selezionato una de release Visvim, brand che non delude mai per il suo stile e la qualità del prodotto. Il focus della scelta ricade su questi ‘chukka-boots’ che mettono in evidenza il pattern inserito nel tacco e la cucitura in contrasto sul suede.

pag.125


S CRACKERS S

CANVAS BAG

COMME DES GARONS

Se avete bisogno di una piccola borsa portatile, la “Canvas Bag” di Commes Des Garcons è la scelta giusta. Comoda, funzionale e resistente, grazie al canvas di cui è fatta. Eccola nella versione marrone caramello.

SS-2014 SELECTION

SPELLBOUND

La Domingo Co Ltd è una delle Denim company più importanti del Giappone, e fu fondata nel lontano 1946... infatti è la terza azienda più vecchia di tutto il panorama denim nipponico. Sotto questo nome, il brand produce tre differenti sublabel d’abbigliamento: DMG, Omnigod e Spellbound. Proprio di quest’ultima vi proponiamo una selezione di capi prodotti per la SS-2014.

CHUCK TAYLOR

CONVERSE JAPAN La divisione giapponese di Converse ha proposto una ‘lussuriosa’ doppia versione dell’intramontabile “Chuck Taylor All Star”. Come al solito adagiata sulla suola bianca vulcanizzata, la silhouette senza tempo è qui disponibile in blu e in cammello, e per entrambe le versioni la tomaia è in suede di altissima fattura.

pag.126


S MAGAZINE S

FW/2013 SELECTION

MISTER FREEDOM

Christophe Loiron, mente geniale che sta dietro al marchio di Los Angeles Mister Freedom, per la nuova stagione ha creato un’inedita variante della borsa “Tripper Denim” denominata “Type III”. Realizzata in denim 13 oz, ha l’interno in ‘twill selvadge camouflage’, oltre a essere un’edizione limitata realizzata interamente a mano; vi mostriamo inoltre la “Campus Leather Jacket”, in vacchetta conciata al vegetale, ispirata al pattern ‘Mrs. Cossack’ di una giacca sportiva datata 1930. Occhio a questo marchio, perché sul prossimo numero di Crackers potreste trovare l’intervista al suo fondatore!

FW-2013 CAPSULE

SUPREME X LEVI’S

Questa collaborazione ci ha suscitato interesse per le visibili differenze dei brand qui completamente appianate, grazie alla maestria dei due team di designer che hanno collaborato a una collezione davvero fanstastica. La joint-venture comprende le caratteristiche tipiche dei brand, da una parte Levi’s con le sue classiche creazioni in denim, dall’altra lo stile Supreme famoso in tutto il globo per il sapore street.

BUCKET HAT

SUPERIOR LABOR

Il marchio Superior Labor ha prodotto un cappello davvero azzeccato per l’inverno, è proprio quello che si intende per caldo e comodo. Un ‘bucket hat’, per intenderci ‘quello da pescatore’, imbottito all’interno e in morbida lana all’esterno. pag.127


S CRACKERS S

SS-2014 SELECTION

DEPARTMENT 5

Il marchio italiano Department 5 lancia sul mercato la nuova collezione, la SS-2014, poliedrica nel design e nella ‘palette’ dei colori. Ispirazione militare, ma anche frange sul collo delle t-shirt, pattern floreali e tartan blu e verde scuro; oltre ai pantaloni con stelline all-over.

ALLEVOL

INVERALLAN

Conosciuta come una delle più importanti maglierie di tutta la Scozia, Inverallan ha collaborato con il brand produttore di denim Allevol per una capsule collection, lanciata sul mercato durante le vacanze natalizie. Il risultato è un complesso intreccio a trama larga, nella classica storia Inverallan, in tre colorazioni differenti tra cui una splendida palette proveniente dalla classica tintura indigo. Really nice! URBAN CLASSICS

VANS DELUXE

La collabo fra il marchio giapponese Deluxe e Vans continua anche per la collezione “Holiday 2013”; tomaia in suede ruvido blu scuro, dettaglio in pelle sul tallone e suola vulcanizzata bianca a contrasto.

pag.128



Crackers 29