Page 1

Direttore Stefano  Olivari                                                              Numero  1  –  gennaio  2014  

   INDISCRETO                                      Mensile  di  sport  e  cultura  pop    

In  questo  numero:  Oscar  Eleni,  Roberto  Gotta,   Glezos,  Dominique  Antognoni,  Paolo  Morati,   Franco  Casalini.          


NELLE MANI  DI  SEFOLOSHA,  di  Stefano  Olivari     La  stagione  NBA  sta  per  iniziare  e  gli  Oklahoma  City  Thunder  di  Kevin   Durant  sono  sempre  fra  i  favoriti  insieme  ai  campioni  in  carica  di  Miami.   Ma  per  fare  l’ultimo  passo  c’è  bisogno  di  qualcosa  in  più  dai  giocatori   ‘normali’…         La  NBA  riparte  martedì  prossimo  e  molti  segnali  dicono  che  nemmeno   questa  stagione  sarà  quella  buona  per  gli  Oklahoma  City  Thunder  di   Thabo  Sefolosha  e  soprattutto  di  Kevin  Durant.  Se  LeBron  James  si  è   tolto  negli  ultimi  due  anni  dalla  spalla  la  scimmia  del  grande  perdente,   adesso  toccherebbe  al  meno  mediatico  KD,  che  però  si  ritrova  leader   di  una  squadra  forse  con  un  grande  avvenire  dietro  le  spalle.   Nell’estate  2012  è  stato  lasciato  partire  Harden  per  motivi   contrattuali,  in  modo  da  tenersi  le  mani  più  libere  per  il  futuro,  ma   questa  libertà  non  è  servita.  Ci  si  è  messa  anche  la  sfortuna,  perché  il   secondo  violino  Russell  Westbrook  sarà  pronto  solo  sotto  Natale.  Il   suo  infortunio  nel  primo  turno  degli  scorsi  playoff,  contro  gli  Houston   Rockets,  con  stagione  finita  lì  (per  Westbrook,  perché  la  squadra  quel   turno  l’avrebbe  passato  prima  di  sbattere  sui  Grizzlies),  rischia  di   essere  ricordato  per  sempre  dai  Thunder.  E  la  sua  operazione  al   menisco  di  qualche  settimana  fa  sta  facendo  venire  cattivi  pensieri  un  


po’ a  tutto  l’ambiente.  Nel  precampionato  buoni  segnali  sono  arrivati   dal  rookie  André  Roberson,  diventato  un  protetto  di  Durant,  mentre   Sefolosha  (del  quale  Roberson  ambisce  a  prendere  il  posto)  ha  finora   fatto  poco  più  del  suo.  Con  la  partenza  di  Kevin  Martin  e  il  punto   interrogativo  di  Westbrook  i  Thunder  chiedono  al  ventinovenne  di   Vevey  molto  di  più  dal  punto  di  vista  offensivo,  oltre  alla  solita  gran   difesa.  Il  quintetto  base,  completato  dai  lunghi  Ibaka  e  Perkins,  è   assolutamente  da  titolo  è  il  contorno  che  sembra  avere  perso  qualche   colpo.  Ma  se  Westbrook  guarisse  bene,  se  si  alzassero  le  percentuali  di   tiro  di  Thabo  e  Ibaka,  se  l’allenatore  Brooks  facesse  scelte  più  creative   (il  Durant  da  ‘quattro’  si  è  visto  troppo  poco),  se  Lamb  desse   concretezza  ad  almeno  metà  del  suo  talento…  troppi  se.            Nell’Ovest  dei  Thunder  la  concorrenza  è  sempre  durissima.  A  partire   dagli  eterni  Spurs  di  Duncan,  Ginobili  e  di  un  Tony  Parker  caricato   dall’oro  europeo  con  la  Francia:  coach  Popovich  spera  in  un  ulteriore   salto  di  qualità  di  Leonard,  vera  rivelazione  a  livello  playoff.  Piacciono   molto  i  Golden  State  Warriors  dopo  l’ingaggio  di  Iguodala:  squadra   con  una  grandissima  coppia  di  guardie  (Klay  Thompson  ma   soprattutto  Stephen  Curry),  più  Harrison  Barnes  e  lunghi  dal   rendimento  costante  come  Lee  e  e  Bogut.  Sembra  arrivata  l’ora  dei  Los   Angeles  Clippers,  che  a  Chris  Paul  e  Blake  Griffin  hanno  finalmente   dato  un  grande  allenatore:  Doc  Rivers,  che  ha  lasciato  i  Celtics  in   ricostruzione  per  accasarsi  in  una  squadra  sulla  carta  da  titolo.   Leggermente  inferiori  i  Rockets,  dove  è  andato  Dwight  Howard  che   con  i  Lakers  ha  ballato  una  sola  stagione:  lui  e  Harden  hanno  status  e   ingaggio  da  superstelle,  ma  forse  sono  solo  supergregari.  I  Grizzlies  di   Marc  Gasol  e  Zach  Randolph  hanno  cambiato  di  fatto  solo  il  coach   (fuori  Hollins,  dentro  Joerger),  il  resto  è  contorno.  Lakers  compresi,   anche  se  un  ritorno  in  campo  in  condizioni  accettabili  di  un  Kobe   Bryant  ormai  35enne  potrebbe  rendere  accettabile  un  anno  di   transizione  in  vista  dell’estate  2014.  Quando  LeBron  James  e  Carmelo   Anthony  avranno  la  facoltà  di  liberarsi  dei  contratti  con  Heat  e   Knicks…          A  Est  tutti  gli  occhi  saranno  proprio  sui  due  gioielli,  insieme  a  Wade,   del  draft  2003  (sembra  ieri…).  James  vuole  il  terzo  anello  consecutivo   e  i  suoi  Heat  sono  pieni  di  certezze,  a  partire  dal  solito  trio  LBJ-­‐Wade-­‐


Bosh, ma  anche  di  scommesse  interessanti  come  il  talento  finora   sprecato  di  Michael  Beasley  (per  lui  un  ritorno)  e  Greg  Oden,  prima   scelta  2007  (davanti  a  Durant,  per  dire)  e  inattivo  da  quasi  4  anni  per   problemi  alle  ginocchia.  A  New  York  un  titolo  manca  dal  1973  (1976,   considerando  i  Nets  della  defunta  ABA)  e  sarebbe  un  ottimo  tonico  per   la  Lega  proprio  nella  stagione  in  cui  il  commissioner  David  Stern  si   autopensionerà  dopo  30  anni  di  ottimo  lavoro.  I  Knicks  hanno   aggiunto  un  lungo  tiratore  come  Andrea  Bargnani  e  un  uomo  squadra   sui  generis  come  Ron  Artest  a  una  struttura  già  buona.  I  rivali  sono  gli   Heat  ma  più  che  altro  i  concittadini  Nets,  che  da  Brooklyn  hanno   lanciato  la  sfida  ai  massimi  livelli  con  una  squadra  da  ‘ora  o  mai  più’.   L’arrivo  di  Pierce  e  Garnett  da  Boston  significa  questo,  per  un  gruppo   che  Deron  Williams  proverà  a  trascinare  in  alto  con  l’incognita   allenatore:  Jason  Kidd  è  stato  un  mito,  ma  in  panchina  è  un  esordiente   assoluto.  I  Chicago  Bulls  sono  strettamente  legati  a  Derrick  Rose,  dopo   l’anno  intero  saltato  per  infortunio,  al  punto  di  avere  di  fatto   rinunciato  a  fare  mercato.  A  Est  il  futuro  sembra  dei  Cavs  di  Kyrie   Irving,  della  prima  scelta  assoluta  Anthony  Bennett  e  della  scommessa   Bynum.  Diciamo  futuro  perché  la  proissima  estate,  dopo  le  polemiche   feroci  seguite  alla  ‘Decision’  del  2010,  a  Cleveland  potrebbe  tornare   LeBron  James.  Per  riprendere  (a  casa  sua,  oltretutto)  un  discorso   interrotto.     Twitter  @StefanoOlivari                              


NON SARA’ LA NOSTALGIA, di Paolo Morati Sandro Giacobbe è una delle chiavi di ricerca più gettonate su Indiscreto. Cosa che ci rende orgogliosi, considerandolo uno dei grandi della musica melodica italiana, anche se per le ormai ben note ragioni anagrafiche abbiamo iniziato ad apprezzarlo solo dai tempi di Notte senza di te del 1980 e soprattutto di Sarà la nostalgia, brano cult del 1982. Ricordando anche un altro suo motivo che ci è sempre piaciuto particolarmente, ossia Primavera, presentato al Festival di Sanremo del 1983. Cantautore nel più vero e puro senso della parola, di chi scrive le canzoni che canta, l’artista genovese ha avuto in realtà i suoi primi successi nel decennio precedente, soprattutto grazie a brani come Signora mia, Il giardino proibito e Gli occhi di tua madre. Oltre che musicista Giacobbe – fresco del nuovo album Insieme noi – è però anche uno sportivo, avendo ricoperto per diverse stagioni il ruolo di difensore della Nazionale Cantanti – della quale è tra i fondatori – per poi diventarne allenatore. Selezione, quella delle ‘ugole’ italiane, che ha incluso negli anni anche ottimi piedi (ci ripromettiamo un articolo tecnico sul tema). Di recente lo abbiamo intervistato, stilando le domande a quattro mani con il Direttore, anche lui suo grande appassionato, per fare il punto della situazione e toglierci qualche curiosità. Tutta Italia ha iniziato a conoscere Sandro Giacobbe con Signora Mia, nel 1974, ma lei faceva musica già da anni. Il successo è arrivato a tappe o è stato improvviso? Cosa ricorda di quei primi anni di gavetta e quanto oggi manca quest’ultima nella formazione dei nuovi cantanti? Prima del ’74 e del successo con Signora mia, avevo alle spalle già alcuni anni di ‘gavetta’, era definita così la formazione musicale che si faceva nei locali da ballo cantando con varie formazioni di musicisti. Era anche un modo di crearsi un bagaglio musicale attraverso il repertorio che si cantava di altri artisti. Oggi, tutto questo non c’è più, esistono altre formazioni musicali dettate dai ‘talent’. Il successo è arrivato dopo la mia prima apparizione in tv dove ho presentato Signora Mia nel programma Adesso Musica, da quel momento arrivarono decine di migliaia di richieste giornaliere del 45 giri fino a venderne in un anno circa 750.000. Lei si è sempre definito un cantautore, ma per quel poco che abbiamo potuto vedere non ha mai fatto parte del giro giusto. Pensa di essere stato sottovalutato e quanto il termine cantautore (ossia autore delle proprie canzoni) negli anni è stato in realtà distorto a favore di un certo tipo di proposta ‘colta’ o impegnata? Io mi sono sempre definito “cantautore” perché fin dalla mia prima canzone ad oggi ho sempre composto i miei brani della parte musicale o del testo o di entrambi, quindi credo di


averne il diritto e poco mi importa se non faccio parte del ‘giro giusto’. Se per giro giusto si intende Paoli, Lauzi ed altri della scuola genovese allora non sono del giro giusto!Fortunatamente anche anagraficamente non vi appartengo. Sandro Giacobbe ha anche successo all’estero, in particolare in Sudamerica. Come mai certi cantanti, che pure in Italia hanno grande seguito (esempi: Vasco Rossi, Ligabue) oltreconfine praticamente non esistono? Quale pensa sia la ricetta che permette a un musicista italiano e alle sue canzoni di varcare i confini nazionali? Io credo che avere successo all’estero dipenda molto dalle melodie e dai testi che tradotti, non perdano la loro identità originale, cosa molto più difficile per Ligabue, Rossi o De Gregori che basano soprattutto sui testi i loro brani, probabilmente meno traducibili. Lo stesso Lucio Battisti che ha fatto in Italia 50 grandi successi, in Spagna era appena conosciuto per Il mio canto libero. Su Indiscreto parliamo anche molto di sport. Lei è un grande appassionato di calcio, tifoso del Genoa e con una grande carriera nella Nazionale Cantanti dove ha ricoperto il ruolo di difensore centrale. Ci è stato riferito che una volta un giornalista le ruppe la tibia nel corso di un partita. Può confermare tale episodio e, nel caso, ce lo può raccontare? Relativamente alla Nazionale Cantanti, quali sono oggi i punti di forza della formazione tra ‘nomi storici’ e ‘nuove leve’ e quanto spazio viene dato a queste ultime? Si, sono socio fondatore della Nazionale Cantanti e dopo circa 370 partite giocate, da una decina di anni allenatore. Purtroppo nel corso di questi 30 anni gli infortuni, anche se si gioca per Solidarietà avvengono, e io ne ho subiti parecchi. Ultimo ed il più grave, tre anni fa vicino Lucca, giocammo contro una formazione di ragazzi ex leucemici e uno di questi, a partita praticamente già finita e con il risultato di 3-1 per loro, mi è entrato malissimo sul piede destro ed ho riportato una frattura scomposta al malleolo e rottura di tutti i legamenti. Risultato: intervento e sei mesi di riabilitazione. Purtroppo succede anche questo. Degli storici i nomi rimasti in Nazionale sono pochi: Ruggeri, Barbarossa, Belli e Vallesi. Ci affidiamo anche noi di anno in anno a giovani emergenti da Sanremo o dai talent, e, nelle partite del Cuore a personaggi dello Spettacolo o Calciatori professionisti e di grande personalità. Il mio modulo preferito è il 3-5-2 anche se difficile da attuare con una squadra di non calciatori professionisti, noi però ci proviamo. Il mio idolo di sempre è Pelè, anche se da qualche anno Messi è entrato al numero 1…… nel Genoa invece il mio preferito era Signorini. Tornando alla musica, non si è mai sentito ingabbiato in un genere, o in un personaggio? In questo senso ha dei rimpianti? Nessuno mi ha imposto di cantare un genere, ho sempre scritto e cantato quello che sentivo


e che mi emozionava. Per il resto, non ho mai valutato la musica classificandola di serie A o serie B a secondo del genere, ho sempre cercato di fare buona musica, il giudizio dei falsi critici non mi hai interessato. Se potessimo immaginare il successo per quello che hanno fatto molti artisti in questi ultimi 40 anni come me, e paragonarlo a degli iceberg, quelli che spuntano dall’acqua sarebbero ben pochi, quanti possono vantarsi di avere scritto e portato al successo in Italia ed all’Estero 6 o 7 grandi successi? Le sue grandi hit, da Gli occhi di tua madre a Sarà la nostalgia, sono richiestissime ancora oggi. Avere avuto troppo successo negli anni Settanta e Ottanta ha penalizzato le canzoni scritte dopo? Ci può raccontare qualcosa in più della sua produzione recente? Non mi sono mai sentito penalizzato dal mio passato musicale, anzi, stimolato a fare sempre meglio. Canzoni come Sei musica uscita due anni fa, o i 10 inediti che fanno parte di questo mio CD doppio uscito in questi giorni, ne sono la testimonianza. L’Antoniano di Bologna ha scelto Insieme noi, per il testo ricco di speranza in un mondo, oramai sempre più malvagio e arido di valori morali, per festeggiare con questo inno i 50 anni del Piccolo Coro . In Primavera lei canta “Il mondo gira sempre intorno a se mischiando insieme il bene e il male che c’è”. Qual è la sua filosofia di vita e come si è evoluta eventualmente nel tempo? La mia filosofia di vita è molto semplice, cerco di rimanere ancorato ai valori morali imparati dai miei genitori e trasmessi ai miei figli. A volte con successo altre con qualche fallimento, ma sempre a testa alta. Cosa pensa dell’industria discografica italiana attuale? È davvero morta o manca la qualità delle proposte? Tra le nuove voci chi è che potrebbe essere il nuovo Sandro Giacobbe? Quale industria discografica, quella legata ai talent? Oggi esistono solo delle produzioni discografiche e molte di queste, realizzate da ‘indipendenti’ come me. Non riesco a individuare un nuovo Sandro Giacobbe, perché i nuovi durano talmente poco che potrebbero essere la fortuna per certi programmi come Meteore. Quale cantante italiano invidia, se ce n’è uno che invidia, e quali sono stati i suoi modelli, se ne ha avuti? Fortunatamente non conosco il significato della parola invidia, credo che il successo di ognuno non arrivi per caso, e che dietro ci sia sempre un lavoro di ricerca e professionalità. Una curiosità, visto che conosciamo il Giacobbe cantante ma non sappiamo nulla del suo privato. Su Indiscreto arrivano molti da Google digitando ‘Moglie di Sandro Giacobbe’. Domanda: chi è la moglie di Sandro Giacobbe e secondo lei perché genera tanto interesse? Il Giacobbe della Bibbia ha avuto parecchie mogli, io una, dalla quale sono


divorziato da parecchi anni. Mi ha regalato la gioia di diventare papà di due stupendi ragazzi che sono tutta la mia vita. Da quattro anni vivo con Marina, mia compagna nella vita e cantautrice, con lei ho riscoperto la gioia di un bellissimo rapporto sentimentale e professionale. La gente ama sapere cosa succede nelle case altrui e, ancor di più in casa dei Vip, basta vedere quanti settimanali riempiono le edicole con i loro fatti privati e, purtroppo, quanta gente c’è che li compra. Se Sandro Giacobbe avesse vent’anni oggi, vorrebbe fare il cantante? Io mi sono da sempre considerato una persona fortunata, sono riuscito a realizzare i miei sogni e poi ho messo a disposizione degli altri quello potevo dare, dai sentimenti e le emozioni nelle canzoni e nei concerti live, alle tantissime ospitate che faccio di mia volontà, regalando alle persone meno fortunate nella vita recandomi in ospedali, centri per anziani, centri sociali o carceri minorili per passare un po’ di tempo con loro sollevandoli dai tanti problemi quotidiani che incontrano. Nessun riflettore e nessun giornale, solo la gioia di un piccolo dono. Ecco perché se tornassi ai miei vent’anni rifarei il cantautore, ma solo ripartendo dal 1971!

Indiscreto numero zero  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you