Issuu on Google+

SPECIALE CONEGLIANO

CONEGLIANO Fermi i lavori per l’Amerigo Vespucci

L’autunno, a Conegliano, si tinge di eventi, folklore, arte, costume. Quattro mesi per cui inebriarsi

QUARTIER DEL PIAVE Vivaldi sul lago: il concerto in gondola

DA PAG 8

757 Informazione cultura e tempo libero Anno XXIX n. 16 | 31 agosto 2010 | € 1,90

Fondato da Dario De Bastiani nel 1982

Il grande fratello Mauro

Il grande fratello Mauro

Mauro Marin fotografato da Andrea Armellin

Poste italiane spa - Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. L.27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, CNS TV - Periodico di informazione, cultura e tempo libero - Anno XXIX n.16 - 31 agosto 2010 - Euro 1,90 - Contiene I.P.

VITTORIO VENETO A cuor leggero: arriva Comodamente

Ultime notizie sul tuo cellulare col codice QR

ULTIMA ORA


freodaczionualse

&

s c a r p e pelletteria

Il tuo negozio di fiducia Zandonà Giuliana

D

a 25 anni “qualità e prezzo accessibile” sono il motto delle sorelle Marisa e Giuliana del negozio di calzature e pelletteria di Cappella Maggiore.. La loro ventennale esperienza garantisce serietà professionale e attenzione nei confronti delle esigenze del cliente. Nel negozio si possono trovare calzature di tutti I tipi e per ogni occasione: eleganti e sportive, per lavoro o per il tempo libero, per feste e per occasioni importanti. Tutta la famiglia può trovare il suo paio ideale dato che l’assortimento dei numeri parte dal 17, per I neonati, fino al 49, per l’uomo. Oltre alle calzature ci sono vari articoli di pelletteria, borse, cinture, portafogli e altro ancora. Le marche sono svariate, attentemente scelte da Giuliana e Marisa in rapporto qualità-prezzo; particolare

attenzione è posta alle scarpe per bambini seguendo I consigli dei pediatri. Per chi lavora tante ore in piedi, il negozio fornisce scarpe comode, tra cui Sanagens, Grunland, Ara, ecc. La disponibilità e correttezza delle due sorelle Marisa e Giuliana sono state premiate negli anni dalla fedeltà della clientela permettendo al negozio di ingrandirsi e affiancarlo, dal 4 settembre, ad un altro punto vendita a S.Martino di Colle Umberto (vicino Ceramiche Vendrame). Non perdetevi, quindi, l’inaugurazione che avverrà alle ore 11.00. Marisa e Giuliana ci tengono vivamente a ringraziare l’affezionata clientela che ha dato loro tante soddisfazioni nell’arco di questi lunghi anni, sperando di poter continuare a garantire servizio e qualità sempre migliori.

Borse cinture portafogli e altro ancora

Via Crovera, 2 Cappella Maggiore Tel. e Fax 0438.580256 (chiuso lunedì mattina) www.calzaturezandona.it


PRIMO PIANO

Il grande fratello Mauro E’ uscito dalla casa. Ed è rientrato nel suo bar di Castelfranco. Con mamma Valeria, il “muro della popolarità” e la voglia di prendere una laurea. De riva in zò Servizio di Emanuela Da Ros, foto di Andrea Armellin

C

he poi – se uno pensa al suo stato di famiglia - fare “il grande fratello” a Mauro Marin non deve essere costato troppo. Perché lui, nella sua casa di Castelfranco, è stato (è tuttora) sia il fratello più grande che quello più piccolo. E’ il fratello di mezzo. Quello che secondo la (dubbia) letteratura psichiatrica vive la condizione più difficile. O complessa. E in effetti, il “fratello Mauro” – da bambino, da adolescente - qualche problema l’ha avuto. Problemi psichici che lui stesso ha raccontato nel libro C’è una cosa che non vi ho detto, edito da Imart e nella trasmissione Bikini di Canale 5. Problemi di cui preferisce non parlare a noi. Perché – per contratto o per scelta (è probabile che le due opzioni coincidano) - dopo aver passato un tot della sua vita nella casa più spiata dagli Italiani, Mauro gli affari suoi vuole metterli solo in una piazza televisiva. Nell’altra piazza, quella reale, quella di Castelfranco, scrutata si fa per dire dallo sguardo lapideo di Giorgione, Mauro è uno qualunque. Un ragazzino (dimostra meno dei suoi 30 anni) coi capelli castani raccolti in una coda, la camicia e i bermuda bianchi lindi, i mocassini di rito e lo sguardo liquido da Bonjour tristesse. Se il suo ruolo di s-comparsa tivù non lo avesse già calendarizzato sotto la voce Ragazzo che ha vinto l’edizione ormai passata del GF, Mauro Marin potrebbe sembrare un personaggio di Francois Sagan. Un co-protagonista, magari. Perché noi, col nostro bagaglio di pregiudizi televisivi, prima di incontrarlo, sospettiamo che la quan-

Mauro Marin

tità di riflettori puntati l’abbiano già smaterializzato. Ma è così? Ciao Mauro. Ciao. Come stai? Bene. Ho vissuto l’anno più lungo della mia vita, ma mi sto riprendendo. Hai sempre avuto quello sguardo un po’ triste? Sono un po’ stanco. La popolarità mi piace ma diventa difficile da gestire. Ieri sono stato a Jesolo. Non ho fatto in tempo a stendere l’asciugamano sulla spiaggia che sono stato riconosciuto e circondato da fans. Be’, se avevi un desiderio di solitudine avresti potuto scegliere una

spiaggia meno affollata… Mi piace essere riconosciuto: non dico di no. Ma vivere costantemente un grado così alto di notorietà richiede una tensione costante. Cominciamo a parlare della trasmissione che ti ha dato popolarità. Quali sono stati gli aspetti positivi e negativi dell’esperienza al Grande fratello? Naturalmente puoi glissare sul fatto che hai vinto 250 mila euro: questo è ovviamente uno dei lati buoni. In realtà io i soldi non li ho ancora visti. E poi mi hanno già detto che saranno tassati per cui non so quanti me ne verranno in tasca. Gli aspetti positivi (continua)

Giovedì 31 agosto 2010 | 5 Il Quindicinale


PRIMO PIANO tello, ha vissuto a lungo della fama acquisita. E quindi? Quindi intendo sfruttare questa popolarità fino in fondo. A ottobre quando inizierà il Grande Fratello 11 è probabile che nessuno si ricorderà di me. Questo format non è un ufficio di collocamento. Non ti dà lavoro. Ti dà una chance. Io la voglio sfruttare. Guarda come. Te lo faccio sentire in diretta…

(segue) Mauro Marin

della partecipazione al Grande fratello sono stati gli incontri con tante persone a cui ho avuto l’opportunità di raccontare la mia storia. La condivisione delle esperienze di vita è uno degli aspetti belli. I lati negativi sono legati all’assenza di informazioni che dopo un po’ caratterizza il clima della casa.

Il Quindicinale 6 | Giovedì 31 agosto 2010

Dopo un po’ l’ambiente diventa asettico, isolato dal mondo. Spento. Rifaresti l’esperienza conoscendo l’epilogo fortunato? No. Non la rifarei. Anche perché si tratta di un’ipotesi irrealizzabile. Nessuno ha fatto due volte il Grande fratello. Nessuno, dopo il Grande fra-

Nel corso della chiacchierata, dalla piazza centrale di Castelfranco ci siamo trasferiti nel Bar di Mauro (che è proprio il nome del locale che Mauro Marin gestisce con la mamma Valeria). Dentro il bar qualche tavolino, qualche avventore e tante slot machine che fanno un casino bestiale e inquinano un po’ la conversazione, ma soprattutto una quantità industriale di gigantografie e reperti di Maurogrande-fratello. Un Mauro che mentre sta con noi chiama qualcuno al cellulare. E tiene a farci sentire chi è. Pronto Lele? (è Lele Mora, didascalizza Mauro). Sono Mauro. Mauro Marin. Come stai? Hai passato bene l’weekend? Volevo parlarti …perché ho un po’ di dubbi… Per snocciolare i dubbi, Mauro si allontana e prosegue la chiacchierata con quello che dirà essere “il suo agente” in privato, tra le slot machine. Quando torna, porta con sé il portatile. La pagina su cui è aperto è Facebook: Ho il fanclub più numeroso d’Italia. Ho 450 mila iscritti La pagina la gestisci tu? Certo. Da quando sei uscito dalla casa del Grande Fratello, sei tornato dietro il banco o hai lasciato campo libero alla mamma? No, no. Lavoro anche dietro il banco. Impegni permettendo. Quali impegni? Be’: vengo chiamato spesso a partecipare a trasmissioni, come le Iene, Studio Aperto…Poi mi invitano nelle discoteche. E ora che si stanno facendo le selezioni per l’edizione numero 11 del Grande Fratello io sto dietro le quinte. Rivivo quanto è successo a me, ma da un’altra angolatura. E questa è una bella esperienza. Mauro, ho letto che hai partecipato al Gf per due motivi: vincere la lucrosa somma in palio e riportarti a casa l’ex morosa. Il primo obiettivo l’hai raggiunto. Il secondo? Il secondo no. Con la mia ex è finita.


PRIMO PIANO Mauro impegnato a leggere i messaggi dei fan ULTIMA ORA Fotografando questo codice potete leggere le ultime notizie della vostra città

FOTOGRAFA IL QUINDICINALE E’ vero, le novità non finiscono mai. Il Quindicinale da oggi si avvale di una nuova tecnologia: i codici Qr. Come funziona. Fotografando il codice che trovi in calce ad alcuni articoli il tuo cellulare ti farà vedere alcuni contributi multimediale a corredo dell’articolo, come ad esempio i commenti dei nostri lettori, un video, oppure un approfondimento.

Ci siamo sentiti al telefono, si è congratulata con me. Ma il nostro rapporto è archiviato. Ora sei fidanzato? No. Che pensi del matrimonio? E’ una bella cosa. Porti un crocifisso al collo. Sei credente? Sì. La fede mi ha sempre aiutato. Cos’altro ti ha aiutato a diventare il Grande Fratello? La mia determinazione a vincere. A vincere i soldi in palio che ci servivano per pagare il mutuo in questi tempi di crisi…e poi la voglia di emergere. Ho studiato l’Arte della guerra prima di entrare nella casa. Ho messo in atto ogni strategia. Tenendo presente che io ero il mio esercito. Ma le cicatrici che hai sulle braccia non le hai riportate nelle battaglie fatte all’interno della Casa di Cinecittà vero? No. Da piccolo mi ha morso un cane. Nelle note biografiche che ho trovato in rete, ho letto che hai una Laurea in Marketing d’impresa. E’ una laurea specialistica? No. E’ una triennale. Ma Ca’ Foscari ora dovrebbe darmi una Laurea honoris causa per quello che sto facendo. Sto investendo la mia popolarità come fosse un pacchetto di azioni. Nel mio salumificio stanno confezionando dei salumi con la mia faccia e io li promuovo, li porto in giro, ai ristoratori del Nord Italia. E poi faccio serate un po’ in tutta la penisola, soprattutto in Emilia, in Calabria, in Puglia.

Non avevo mai girato l’Italia e ora mi chiamano un po’ dappertutto. Devo far fruttare la mia popolarità ora perché la tivù è come una grande lavatrice con la centrifuga. Finché sei famoso giri, ti senti avvicinare da persone che hai sempre ritenuto molto più celebri di te e che ti chiedono di lavorare con loro…ma tutto questo quanto durerà? La popolarità non è facile da amministrare. E io lo sto facendo con questa consapevolezza. Be’, Mauro, ti auguriamo di farcela. ….Vi fermate a pranzo? Siete miei ospiti.

Cosa devo avere. I nuovi cellulari che si collegano a internet hanno già un lettore di codici Qr preinstallato. Altrimenti puoi andare sul sito www.i-nigma.mobi con il tuo cellulare e installare il lettore. Questa operazione viene fatta solo la prima volta. Prova subito. Prova quindi a fotografare con l’applicazione scaricata il codice Qr qui sopra. Potrai leggere le ultime notizie della tua città direttamente dalla versione mobile di OggiTreviso. Se non possiedi il lettore Qr, per visionare la stessa pagina dal cellulare devi andare all’indirizzo web mobile.oggitreviso.it

Mauro Marin e la madre

L’angolo del bar di famiglia con la bacheca dei fan

Giovedì 31 agosto 2010 | 7 Il Quindicinale


CONEGLIANO E CONEGLIANESE

Conegliano, che colori L’autunno, a Conegliano, si tinge di eventi, folklore, arte, costume. Quattro mesi per cui inebriarsi

O

Piazza Cima in veste notturna

gni stagione la città del Cima cambia veste e indossa eventi sempre nuovi o appuntamenti entrati nella tradizione. Di fatto l’Autunno Coneglianese è diventato negli anni il marchio che contraddistingue un cartellone di eventi ricco e variegato, tanto da essere citato da molte fonti autorevoli nelle presentazioni turistiche della città. Un cartellone di eventi che è nato ancora prima dell’Estate coneglianese e che si è consolidato negli anni anche (e soprattutto) grazie alla dinamica vita associazionistica cittadina. Ed infatti l’Autunno Coneglianese si apre proprio con la Festa delle Associazioni, giunta all’11a edizione, nella quale la prima domenica di settembre oltre cento associazioni si presentano nel salotto buono della città,

Il Quindicinale 8 | Giovedì 31 agosto 2010

in Contrada Granda. Conegliano è una città turisticamente poliedrica che offre ogni fine settimana un buon motivo per visitarla, o semplicemente per trascorrervi una domenica, e l’autunno non è certamente la stagione che prelude al letargo invernale, bensì il tempo festoso della vendemmia. L’attrattiva enogastronomica

è certamente un asso dell’offerta turistica coneglianese. Nella Conegliano terra del prosecco, punto di partenza della Strada del prosecco e vini dei colli di Conegliano Valdobbiadene (strada del vino più antica d’Italia), conosciuta in tutto il mondo per il biondo nettare di Bacco, non mancano (continua)


ceramiche vendrame - pag 9 ARREDOBAGNO CAMINETTI E STUFE A PELLET E LEGNA

VASCHE E DOCCE

PROMOZIONE STUFE A PELLET

C

E

R

A

M

I

C

H

E

VENDRAME

via Verdi 30 - 31014 San Martino di Colle Umberto (TV) tel. 0438 39749 - fax 0438 394786 vendramesnc@poste.it


CONEGLIANO E CONEGLIANESE

Via XX settembre affollata di persone durante l’Autunno Coneglianese

(segue)

gli eventi legati al vino. In settembre, mese clou della vendemmia nel quale le attività dei vignaioli è in pieno fermento, gli appuntamenti bacchici sono più d’uno: la Festa dell’uva con la Cena della vendemmia, Uva

ttore

te dal produ

direttamen

via Trieste 38 - Cordignano tel. 0438.995090 fax. 0438.996017

Il Quindicinale 10 | Giovedì 31 agosto 2010

in gradinata, Enodama, Vinama e le premiazioni di Enoconegliano, il concorso enologico regionale. Settembre è anche il mese dell’Expo Automobilistico che attrae in città migliaia di visitatori. Ottobre è invece il mese del Gran Galà Ciclistico in-

ternazionale che vede sfilare al Teatro Accademia i campioni del ciclismo mondiale. Le domeniche di ottobre sono dedicate anche allo shopping con Festaloonga Buy Day, negozi aperti e intrattenimenti, un appuntamento che era partito come occasione di rilancio per il commercio e che negli anni si è trasformato in una festa domenicale per le famiglie. Quando il freddo invernale inizia a farsi sentire e ottobre lascia il posto a novembre, è tempo di Antennacinema. Quest’anno gli aventi presenteranno una serie di lungo e medio metraggi italiani, fiction e documentari, in anteprima e alla presenza dei rispettivi autori e una nutrita selezione retrospettiva dedicata al cinema armeno. Novembre è anche il mese del Premio Civilitas – Civiltà nella Comunità che viene ufficialmente consegnato per tradizione il giorno del patrono cittadino San Leonardo, il 6 novembre. Di evento in evento si arriva a dicembre dedicato ai tradizionali concerti pre natalizi e al teatro. Quattro mesi di appuntamenti che disegnano il profilo di una città culturalmente e sportivamente dinamica che potrebbe tranquillamente mettersi a confronto di città ben più grandi. Elisa Giraud


CONEGLIANO E CONEGLIANESE

Le associazioni in festa XI edizione per la vetrina associativa per antonomasia

È

giunta all’undicesima edizione la Festa delle Associazioni, che ha preso avvio nel 2000 per volontà dell’allora Assessore Paola Mirto Bettiol, e che si svolgerà nell’intera giornata di domenica 5 Settembre 2010 in centro storico. Le 124 associazioni che operano a Conegliano saranno presenti con 112 postazioni in via Carducci, via XX Settembre e in Piazza Cima. “È questa una manifestazione che vuole valorizzare l’impegno di tutti coloro che sono presenti nelle associazioni e che con la loro attività di volontariato, la quale si esprime in diversi settori e ambiti, rappresentano una preziosa risorsa per tutti i coneglianesi – spiega il vicesindaco paola Mirto Bettiol Quest’anno i vari gazebo e le attrezzature necessarie saranno montati ed installati dai volontari delle associazioni stesse che in questo maniera parteciperanno in modo fattivo dimostrando ancora una volta la loro collaborazione e buona volontà”.

La manifestazione sarà salutata il giorno prima, sabato 4 settembre alle ore 20.30, in Piazza Cima dalla Rassegna delle Bande a cui parteciperanno Cappella Maggiore, Thiene e la Filarmonica Coneglianese. Ingresso libero.

Con la Festa delle Associazioni si aprirà ufficialmente l’Autunno Coneglianese anche quest’anno ricco di iniziative importanti che porteranno nei fine settimana di settembre migliaia di visitatori in città.

La sfilata che apre la festa delle Associazioni

Conegliano, città pulita. Dai volontari

I

l Comune di Conegliano, nell’ambito dell’iniziativa Puliamo il Mondo promossa da Legambiente, organizza sabato 2 ottobre, dalle 8.00 alle 12.00, la giornata in cui pulire alcune aree della città ed educare i giovani alla cura e attenzione verso i luoghi pubblici cittadini.

L’iniziativa, che prende il nome “Conegliano Città Pulita”, intende coinvolgere le Associazioni cittadine, gli Istituti scolastici di ogni ordine e grado, la Comunità tutta nel migliorare il proprio contesto di vita. Si può partecipare all’iniziativa nelle fasi di pulizia aggregandosi al gruppo

di lavoro per area, con iniziative collaterali, indicando in i dettagli operativi delle stesse Le adesioni potranno essere sia a livello individuale sia di gruppo e dovranno pervenire entro il 20 settembre 2010. Info: vedi il sito internet comunale.

Giovedì 31 agosto 2010 | 11 Il Quindicinale


CONEGLIANO E CONEGLIANESE Il plastico del progetto definitivo dell’Amerigo Vespucci

La strada si è arenata Fermi i lavori dell’Amerigo Vespucci

L STAZIONE FS

a Amerigo Vespucci è momentaneamente arenata. I lavori di realizzazione dell’ex Colombo Est, strada di collegamento tra via Colombo e via Friuli che sarà una strada di scorrimento per portare le auto fuori dal centro città, sono attualmente fermi. Il Comune ha completato la costruzione del tratto e delle opere di sua competenza, ora resta da fare il tratto che costeggia la ferrovia da via Verdi a via Friuli, accanto al nuovo edificio costruito nell’ambito del recupero dell’area ex Saita. «E’ l’ultimo tratto e deve farlo il privato – spiega l’assessore ai Lavori Pubblici Leopoldino Miorin – ma sono lavori da concordare con le Ferrovie visto che si tratta di realizzare anche una massicciata di contenimento e di accorciare di una decina di metri il sottopasso ferroviario di via Verdi perché la strada ha bisogno anche di quel tratto. Nel piano di edificazione dell’ex Saita è previsto, come oneri, la costruzione di quei 100 metri di strada mancanti. La trattativa con le Ferrovie

però si sa non è cosa breve». Di fatto al momento l’opera è in fase di stallo. «Secondo la convenzione, siamo indietro con i lavori» ammette Miorin, ci vorrà quindi ancora qualche mese per vedere l’Amerigo Vespucci al completo anche perché gli oneri da realizzare sono legati alla costruzione del condominio. Ma perché non è stata fatta prima la strada? «Perché c’è da trattare con le Ferrovie» spiega l’assessore Miorin il quale comunque chiarisce che «se ci saranno delle inadempienze da parte del privato, il Comune prenderà i dovuti provvedimenti previsti secondo convenzione, ma intanto la priorità è finire la strada il prima possibile». Dopodichè il Comune realizzerà le opere complementari come la piccola rotatoria in via Verdi e l’altra, più importante invece, all’incrocio tra via Rosselli e via Matteotti che resterà provvisoria per capire i flussi di traffico. «In certe opere come la Vespucci che andrà a cambiare la viabilità est/ovest della città è indispensabile un periodo di sperimentazione – spiega Miorin – Così se c’è da fare qualche modifica, si fa prima che l’opera sia definitiva e quindi evitando di buttare via dei soldi». Elisa Giraud

Non ti hanno detto che… l’espianto di organi quali cuore, fegato, polmoni, reni, ecc., si effettua solo e sempre da persona in coma, con respirazione aiutata, e non da cadavere freddo e rigido come tutti intendiamo? Gli organi vengono tolti da una persona che ha perso la coscienza, le cui reazioni alla sofferenza prodotta dall’espianto sono impedite da farmaci paralizzanti o da anestetici. Neurochirurghi giapponesi hanno salvato pazienti con ischemia cerebrale globale da arresto cardiaco da 30 a 47 minuti, riportandoli a normale vita quotidiana, con pieno ristabilimento delle capacità di comunicazione verbale, con la Terapia della Ipotermia Cerebrale Controllata: perché in Italia non viene attuata? “Una dichiarazione affrettata di cosiddetta ‘morte cerebrale’ senza che sia stata tentata tale terapia non potrebbe ben costituire omicidio o, come minimo, premeditata omissione di soccorso?” Sembra quasi che sia in atto un piano per lo sfruttamento della persona in coma, sacrificata agli interessi della sperimentazione in vivo e soprattutto allo sviluppo del business della chirurgia sostitutiva degli organi, ultima macabra espressione della cosiddetta scienza ufficiale. Con le normative attuali lo stato pare un’azienda di distribuzione di organi, promotore dei trapianti e distributore di profitti. Ci sono leggi che sembrano create ad uso e consumo dell’”azienda” statale e che favoriscono il Centro nazionale trapianti, i centri regionali e interregionali di smistamento di organi e tessuti, ospedali, cliniche specializzate che hanno introiti altissimi. Nerina Negrello, fonda, in concomitanza col primo trapianto di cuore nell’85, la “Lega Nazionale Contro la Predazione di Organi e la Morte a Cuore Battente”.

Il Quindicinale 12 | Giovedì 31 agosto 2010


CONEGLIANO E CONEGLIANESE

Piccolo è bello Torna - applauditissima la mostra dei bonsai

L

a Mostra dei Bonsai è un appuntamento stabile dell’Autunno coneglianese e anche quest’anno, l’11 e 12 settembre, la nuova location di Corte delle Rose ospiterà la manifestazione organizzata dal Bonsai Club Conegliano. L’associazione coneglianese ha festeggiato nel 2009 i primi vent’anni di attività. Il Club è nato (ed è composto) da un gruppo di amici che si sono riuniti per condividere l’intensa passione per il mondo dei bonsai, un mondo dietro il quale si celano una tradizione e filosofia millenarie. «La parola Bonsai indica semplicemente pianta coltivata in vaso ma esprime un grande valore tecnicoestetico e filofico-spirituale – spiegano gli amici del Bonsai Club Conegliano - Da antiche origini presso popolazioni nomadi cinesi, il bonsai, divulgatosi in

Giappone, ha successivamente assunto forme e significati artistici e sociali elevati. L’arte Bonsai è regolamentata da norme e discipline che accompagnano la formazione dell’opera e la sua evoluzione ed espressione estetica. La forma assunta dalle piante viene individuata e codificata in stili che evocano ambienti naturali. I principali stili sono eretto formale, eretto casuale, inclinato, cascata, spazzato dal vento, su roccia, litterati e stili di gruppo. Regole estetiche guidano la scelta del vaso da abbinare alla pianta in un compendio naturale di dimensioni, forme, colori e sensazioni. Le tecniche di coltivazione Bonsai seguono norme consolidate, esperienze dei grandi maestri e scelte personali del bonsaista. E’ indispensabile un’approfondita conoscenza di tecniche di coltivazione riguardanti concimazioni, potature, trattamenti fito-patologici, annaffiature, terricci, vasi. La formazione di una pianta Bonsai richiede tempo e rispetto delle regole in un percorso creativo e spirituale che trasmette profonde emozioni all’osservatore». Non ultima è l’esposizione del bonsai:«nell’esposizione dell’opera – spiegano - si tende a raggiungere il massimo risultato artistico e, attraverso il fascino discreto di singoli esemplari sapientemente collocati nello spazio espositivo “tokonoma”, si propongono e si esaltano stagioni ed ambienti naturali». Il “tokonoma” consiste in strutture espositive create e disposte come nell’originale ambientazione delle case giapponesi. La mostra di bonsai dell’11 e 12 settembre avrà i seguenti orari: sabato 11 dalle 14 alle 19 e domenica dalle 9 alle 19. Elisa Giraud

Dimostrazione di tecniche bonsai

t e rr a z z a e s t i va ! Via Formeniga, 40 Loc. Formeniga - Vittorio Veneto tel. 0438.59896 www.trattoriadatullio.it Aperto tutte le sere, sabato e domenica anche a mezzogiorno (CHiUSo iL MArteDi) * CUCINA TRADIZIONALE * PASTA FATTA IN CASA * SPECIALITA' CARNI ALLA GRIGLIA *SPIEDO E ALTRI PIATTI TIPICI

ConSiGLiAMo LA PrenotAZione

Giovedì 31 agosto 2010 | 13 Il Quindicinale


Janna/Pn

Sol e nergia Impianti fotovoltaici a costo zero grazie al contributo statale del conto energia. Azzeramento del costo della bolletta elettrica.

Banca della Marca ha stipulato un accordo con installatori della zona che garantiscono ai Soci e clienti un ottimo standard qualitativo dell’impianto a prezzi vantaggiosi.

Ricavo dalla vendita dell’energia elettrica prodotta. Riduzione delle emissioni di CO a maggiore tutela dell’ambiente.

2

INFORMAZIONI PRESSO TUTTI GLI SPORTELLI DELLA BANCA

Le condizioni contrattuali sono riportate nei «Fogli informativi» a disposizione del pubblico presso le filiali della Banca. Il presente documento è da considerarsi esclusivamente un messaggio pubblicitario con finalità promozionali.

dal sole energia pulita e gratis!


CONEGLIANO E CONEGLIANESE Che ne sarà di Palazzo Sarcinelli?

La struttura continuerà ad essere preziosa teca espositiva. Anche per l’arte contemporanea

È

stato oggetto di restauro per diversi mesi e per oltre 100 giorni è stato al centro dell’attenzione del mondo culturale e artistico internazionale ospitando la mostra del Cima, ora Palazzo Sarcinelli attende di conoscere il proprio destino. Nei programmi dell’Amministrazione comunale, proprietaria del cinquecentesco palazzo, dopo la mostra del Cima Palazzo Sarcinelli avrebbe dovuto ospitare la Pinacoteca Civica con le opere d’arte del Seicento e Settecento veneziano della collezione ‘Egidio e Italia Martini’, donate da Egidio Martini in ricordo della moglie Italia Peron di origini coneglianesi, e la Galleria d’arte moderna con la preziosa collezione d’arte contemporanea di proprietà del Comune. Invece il suo imponente portone ligneo, sovrastato da un portale marmoreo, è ancora chiuso al pubblico e le sue aristocratiche stanze ancora vuote. I lavori per l’allestimento della Pinacoteca e della Galleria avrebbero dovuto prendere il via a giugno, subito dopo la chiusura della mostra del Cima, ma i preventivati costi di gestione a carico del

Comune sarebbero troppo elevati e quindi al momento la situazione è in fase di stallo. La speranza dell’Amministrazione comunale è di riuscire a coinvolgere qualche altro ente o soggetto privato per poter far decollare il progetto. Con la vicina Galleria XX Settembre, anche questa apertura è frutto di un accordo con il privato, Palazzo Sarcinelli avrebbe dovuto formare un polo espositivo di riferimento nella Marca Trevigiana, dotato delle più moderne tecnologie e adatto ad ospitare ancora mostre importanti. Non solo, Palazzo Sarcinelli ha suscitato l’interesse della Soprintendenza che nel corso della cerimonia di inaugurazione aveva annunciato l’intenzione di investire sul palazzo. «Motivi storico artistici e l’importante investimento fatto dal Comune ci hanno spinto a guardare con interesse agli stucchi del palazzo - aveva detto la Soprintendente Anna Maria Spiazzi è nostra intenzione quindi inserire nel nostro piano triennale il loro restauro e studio che porteranno prestigio e attenzione a Conegliano ma in generale anche su quest’arte considerata a volte minore». Per ora però Galleria XX Settembre sembra l’unica sede espositiva coneglianese in grado di accogliere mostre di un certo livello ed infatti è stato presentato un progetto che comprende l’allestimento di tre mostre d’arte contemporanea che è in fase di valutazione da parte dell’Amministrazione comunale. Elisa Giraud

Metodo rivoluzionario a base di cheratina che rende i capelli :

- più morbidi e setosi - più lisci e più lucidi - più facili da asciugare con l’asciugacapelli - quasi senza bisogno di essere curati “La terapia Keratin Complex, mi ha cambiato la vita! Per pettinarmi impiego la metà del tempo. Il risultati sono sorprendenti: i miei capelli sembrano ringiovaniti”

Martedì, mercoledì: 8.30 - 12 e 14.30 - 19 Giovedì: 13 - 21 Venerdì, sabato: orario continuato 8.30 - 18.30

San Fior - piazza G. Marconi, 18 Tel. 0438 768490 Giovedì 31 agosto 2010 | 15 Il Quindicinale


CONEGLIANO E CONEGLIANESE

Una valigia di dollari. Per comprare

Shangai in veste notturna

Cinque coneglianesi raccontano la Cina del presente. E del futuro

U

na settimana nel futuro, ma con contorni di presente e strascichi di passato. È quello che hanno visto, vissuto e raccontato alcuni dei trenta ragazzi selezionati con il Progetto LabInn (che ha visto insieme comuni e aziende locali del comprensorio coneglianese) e volati all’Expo mondiale che si è tenuto a Shangai in Cina. La caratteristica che emerge nei report dei ragazzi è quella legata alle contraddizioni, di una città, di una metropoli che sta viaggiando a velocità folle, trascinandosi però ancora molti elementi passati. E non superati completamente.

Manuel Campardo Il fulcro del nostro viaggio ruota attorno all’Expo mondiale che si sta tenendo quest’anno a Shanghai. Per chi non lo sapesse, si tratta di un evento di rilevanza

Il Quindicinale 16 | Giovedì 31 agosto 2010


CONEGLIANO E CONEGLIANESE

e una ferrari internazionale, in cui ogni nazione mostra al mondo quello che meglio ha da offrire all’interno dei propri padiglioni, architettonicamente fantasiosi e al limite Manuel Campardo

serietà. Sono tutti coscienti dei problemi della loro quotidianità, ma a differenza nostra, loro si muovono per risolverli! Progresso non è tensione unica al futuro. Non è rifiuto del passato. Dobbiamo riconnetterci alla nostra storia, dobbiamo riscoprire i valori fondanti della nostra Repubblica. Dobbiamo sapere da dove veniamo per sapere dove vogliamo andare, e trovare la forza per arrivarci!

Anna Bermani

dell’immaginabile. Il tema dell’evento è “Better Future, Better Life”, e ad ogni nazione veniva richiesto di interpretarlo secondo il proprio metro di pensiero e della propria cultura. E il risultato è a dir poco stupefacente. Una sincronizzata cacofonia multiculturale a disposizione del visitatore, che può girare il mondo muovendosi di poche centinaia di metri. Il “Grande Granaio”, il padiglione della Cina, è alto ben 69 metri, e con uno spazio espositivo di ben 15.800 metri quadri. Sia all’interno dello spazio espositivo, sia all’interno della città, sembra dominare il caos. Dopo il primo giorno ci si accorge che non è così, se si ha la pazienza di cercare, e l’accortezza di osservare. La peculiarità che mi ha colpito di più della cultura shanghaiese, risiede nel sempre presente legame col passato. Anche la zona più moderna di Shanghai infatti, è ricca di riferimenti all’antichità e di simbologie ancestrali. Sono presenti inoltre numerosissimi templi, frequentatissimi, e cinti da mura per essere isolati dalla città esterna. I cinesi non hanno dimenticato il proprio legame con il passato, la loro storia, come invece abbiamo fatto noi. Sanno da dove vengono, ne sono orgogliosi e fieri, e questa è la loro potenza. Sanno che cosa vogliono, e investono tutte le loro energie per ottenerlo. Una cosa dovremmo imparare da Shanghai, la coerenza e l’equilibrio. Se a Shanghai decidono di intervenire per risolvere un problema, lo fanno efficientemente e tempestivamente. Non perdono tempo, e la testimonianza sono i 450km di metropolitana costruiti in 20 anni scarsi. E’ ancora presente il concetto di responsabilità ed onore, e questo fatto li porta ad agire con la massima

Maggiore centro finanziario cinese e terzo porto più attivo su scala mondiale (dopo Singapore e Rotterdam), la Shanghai del 2010 è proiettata verso il futuro e non ha nessuna intenzione di rallentare la sua corsa. Nominata nel 2002 come città ospitante dell’World Expo 2010, ha lavorato instancabilmente per guadagnarsi un posto di primo piano come città moderna e globalizzata: cinque linee di metropolitana in 2 anni, 47 nuove fermate, facciate Anna Bermani

di grattacieli rinnovate, ponti e strade ristrutturate e circa 200 stand dell’Expo costruiti a tempo record e distribuiti lungo le due sponde (chiamate Pudong e Puxi) del fiume Huangpu, per oltre 5 km quadrati. Dapprima affascinata (o “accecata”) dall’imponenza degli edifici metropolitani, ho provato successivamente ad osservare più da vicino quello che mi circondava, scoprendo una realtà assai diversa da quella professata all’interno dell’Expo o pubblicizzata patriotticamente dal governo cinese su tutti i cartelloni lungo le strade trafficatissime e sporche. Centinaia di grattacieli altissimi, come muri di cemento che si stagliano tra le nervature di ampie highways, con milioni di appartamenti di pochi metri quadri, sono il risultato di uno sviluppo urbanistico tutt’altro che sostenibile. I palazzi residenziali, sempre più alti ed esteticamente freddi ed

Tende da interni e da esterni

BIESSE

Tappezzeria Tendaggi - Tessuti Tende da sole • Cappottine • Box auto • Veneziane • Zanzariere • Porte a soffietto • Pompeiane • Persiane in alluminio e PVC • Strutture in legno • Tende interne • Tessuti classici e moderni • Produzione divani artigianali • Rivestimenti bar, gelaterie, ristoranti e pizzerie • Letti imbottiti in genere • Rifacimento sedili auto

Servizio lavaggio tende da sole, tappezzeria auto e tappeti

Sconto del 25% a tutti i lettori de Il Quindicinale PREVENTIVI E SOPRALLUOGHI GRATUITI Via Hermada, 10 - VILLA DI VILLA, CORDIGNANO tel. 0438.995587 - Denis 347.2422347 - Paolo 349.6349496

Giovedì 31 agosto 2010 | 17 Il Quindicinale


freodaczionualse

Abiti e camice su misura, pronto moda classico e sportivo

“Pesca moda uomo” negozio e sartoria per l’abbigliamento maschile

P

asseggiando nel cuore di Conegliano, in via XX Settembre 48 - di fronte al Duomo- trovate il negozio d’abbigliamento maschile “Pesca moda uomo”, attività dall’indiscussa professionalità che oltre alla vendita di abbigliamento pronto moda classico e sportivo, propone al cliente più esigente la possibilità di farsi confezionare l’abito, la giacca o il pantalone su misura. All’interno sarete accolti dal titolare Sig. Pesca e dal suo collaboratore, nonchè sarto qualificato, Sig. Da Dalt. La qualità è il primo obbiettivo cui il Sig. Pesca mira: solo prodotti d’alta sartoria italiana e di rinomati tessutai quali Loro Piana, Ermenegildo Zegna, Reda, Cerruti 1881, Guabello, Ormezzano, Duca Visconti di Modrone e altri ancora. Otre ad abiti, giacche, pantaloni il negozio fornisce anche camicie su misura per la cui realizzazione è possibile scegliere tra 350 varianti di tessuto, 9 modelli di collo e 7 di polso, il tutto realizzabile nelle linee: conformata, normale e stretta; inoltre potrà essere richiesta, la personalizzazione con le iniziali sul davanti o sul polso. Per farsi confezionare capi spalla o camicie non dovrete perdere molto tempo: dopo aver visionato il cam-

Via XX Settembre n° 48, Conegliano Tel 0438.22790

pionario dei tessuti ed individuato quello che cercavate, valuterete il modello ed il prezzo. Se tutto ciò sarà di vostro gradimento si passerà alla misurazione. Il confezionamento prevede un tempo tecnico d’attesa di 20 giorni per capi-spalla e pantaloni, 10 giorni per le camicie a cui seguirà una prova finale per definirne i dettagli. Nel 2011, l’azienda raggiungerà il centenario di attività svolta con professionalità al servizio della clientela.


CONEGLIANO E CONEGLIANESE anonimi, devono ospitare una densità di popolazione costantemente in crescita, dovuta alle pesanti ondate di migrazione dalle campagne alla città. La velocità nel costruire è spaventosa; spesso per le strade ho notato operai al lavoro sia di giorno sia di notte. A quanto pare il progresso ed il futuro non aspettano. Nonostante le contraddizioni, bisogna riconoscere a Shanghai e al popolo cinese la capacità, manifestatasi nel giro di pochi decenni, di aprirsi al mondo e al futuro. Senza dubbio si respira la voglia di andare avanti e di progredire, di conoscere cosa c’è al di fuori dei confini della Repubblica Popolare e di comunicare. E’ mia convinzione che il World Expo 2010 sarà di grande incentivo alla Cina e magari rappresenterà la vera e propria molla che porterà la futura Shanghai ad essere “The better city with the better lifestyle”. Staremo a vedere…

Nicola Tonon

donali, nei marciapiedi un pullulare di persone tutte affaccendate, clacson, sorpassi azzardati, semafori non rispettati, insomma un caos metropolitano. Quello che non scorderò saranno gli odori, bancarelle ad ogni angolo delle strade che propongono prodotti della cucina locale, cibi fritti, dolci, salati, panini all’anatra, alle verdure, granchio allo zenzero etc. I grandi centri commerciali presi d’assalto dai turisti bramosi di fare l’affare, ma il più delle volte delusi ripiegano sui prodotti contraffatti. Ti colpisce che ogni singolo acquisto è anticipato da un’estenuante contrattazione: tra proposte e rilanci si può scendere al disotto di un terzo del prezzo di partenza. Il divario tra le classi sociali si accentua sempre di più con la crescita inarrestabile dei grandi capitalisti, la classe media è quasi inesistente e la massa operaia ha miseri salari al limite della sopravvivenza. I genitori fin dalla nascita investono nel figlio i propri risparmi garantendogli un percorso di studio che gli permetta nel futuro di raggiungere un discreto status sociale e costruirsi una previdenza familiare adeguata. Il ricco cinese dotato di un alto potere di acquisto, mancando di una cultura del gusto, ripiega nei prodotti di lusso distinguendoli solo dal prezzo e dal brand. Emblematico il caso di un tycoon cinese in visita al

Ho visto una città dalle forti contraddizioni dove moderno e antico si fondono e si scontrano, borghi di catapecchie a ridosso di interi quartieri di palazzi di vetro e acciaio, raggiungibili da arterie sopraelevate che si accavallano, biciclette e motorini che dribblano in mezzo al traffico, l’affollamento dei passaggi pe-23-03-2010 campionfavaretto199x118c.pdf

16:50:57

Padiglione della Città di Bologna, dove c’era in mostra una Ferrari: si è presentato agli espositori con una valigia zeppa di dollari per l’acquisto immediato. Un paese la Cina che nel retaggio di un’economia pianificata sta seguendo una crescita a ritmi galoppanti, sorpassando il Giappone e ancor prima i paesi occidentali con tutte le incognite in termini di diritti umani e violazioni dei principi del commercio internazionale.

Davide Cais

Nicola Tonon

La settimana in cui abbiamo visitato l’Expo di Shanghai ha arricchito il nostro bagaglio di esperienze personali. Una caratteristica che mi ha colpito è che l’Expo non è stato pensato a misura d’uomo. Come visitatore infatti, non mi sono sentito il vero protagonista dell’evento, ma solo una minuscola parte di quel mondo fittizio, il cui obbiettivo principale credo fosse quello di apparire, esagerare e impressionare per i sui numeri nel panorama internazionale. Credo che la gestione di un evento di tale entità, necessiti di uno sforzo organizzativo sorprendentemente efficace e la caratteristica che secondo me è stata predisposta nel modo migliore è la rete di trasporti. Gli autobus ed i taxi elet-

Giovedì 31 agosto 2010 | 19 Il Quindicinale


freodaczionualse

“Body Evidence”, il piacere di star bene!

A

l giorno d’oggi la palestra è al primo posto come luogo di benessere e socializzazione. Chi frequenta la palestra lo fa non solo per tenersi in forma, ma anche per conoscere gente nuova e

intrecciare nuove relazioni. Ciò avviene in primis ai corsi,ove si creano dei gruppi davvero affiatati, uniti dalla passione per la disciplina scelta (esempio ne è lo spinning, che nel 2009 ha creato una squadra di ciclisti amatoriale, i “Fortissimi”) . L’obiettivo dei titolari Andrea, Lorenzo, Alessandro e dell’intero staff è di soddisfare i bisogni di ogni singolo cliente con la massima professionalità mantenendo un ambiente divertente e familiare. Body Evidence è 2000 mq di fitness tra sala attrezzi, sale corsi, solarium, bagno turco; sedici anni di esperienza (dal 1994) nella cura e nel mantenimento di una buona forma fisica che porta ad un wellness a tutto tondo di corpo e mente. Una clientela che è cresciuta negli anni e che Body Evidence ha scelto di premiare con Martys, il programma fedeltà che offre l’opportunità di vincere tanti originali premi che spaziano dagli articoli per la casa alla cura del corpo,dal design d’autore alle tecnologie più innovative, nonché il relax, grazie all’offerta di pacchetti vacanze completamente gratuiti o giornate speciali organizzate da enti convenzionati. Premi per tutte le età, visto che la struttura offre una varietà di corsi atti a soddisfare le esigenze di adulti, anziani e bambini. Oltre ad un’ampia sala attrezzi, infatti,dotata della più ricca selezione di macchinari TECNOGYM , ci sono 4 sale corsi ove si tengono corsi di danza, pilates,tonificazione, aerobica, spinning, power pump e pancafit. Altro punto di forza il bar interno,che propone pranzi sfiziosi e leggeri, a base di insalatone preparate quotidianamentewww.bodyevidence.it e con prodotti freschi di alta qualità, noninfo@bodyevidence.it

ché, per una pausa veloce, una vasta gamma di panini e piatti freddi. Inoltre da quest’estate una nuova iniziativa è stata introdotta, volta a rendere più piacevole e divertente l’allenamento: l’Happy Body, l’aperitivo della Body Evidence, con un ricco buffet light e appetitoso completamente gratuito, che si tiene tutti i giovedì dalle 19 alle 21. Da settembre inoltre sarà possibile frequentare il corso di Walking, una novità presentata alla fiera del Fitness a Rimini, che consiste in una camminata simulata con l’ausilio di un tapis rouland specifico, a ritmo di musica, guidati da un’istruttore. Vengono inoltre organizzati dei seminari su diversi temi per diffondere uno stile di vita orientato sulla promozione di una corretta alimentazione e dei benefici apportati dall’allenamento costante. Non è necessario comunque essere clienti abbonati della palestra per potervi accedere e passare un momento di divertimento e sfogo durante la giornata; si può praticare infatti uno sport particolare, il Jorkyball. Una veloce ed eccitante forma di calcio a due che combina fitness e divertimento, disciplina nella quale la squadra della Body Evidence ha ricevuto numerosi riconoscimenti, anche a livello internazionale,nonché il titolo di campione italiano 2010.

Happy hour gratuito per i clienti il giovedì dalle 19.00 alle 21.00

Body Evidence via I. Cosmo, 29 Zona industriale Campidui Conegliano (TV) Tel. 0438 64363 fax 0438 455515


CONEGLIANO E CONEGLIANESE Davide Cais

trici, i battelli per attraversare il fiume e persino una linea di metropolitana costruita appositamente per l’expo, hanno permesso di effettuare spostamenti rapidi ed in modo capillare su tutta l’area. Shanghai è una città che ha investito molto sul trasporto pubblico; ha infatti la terza rete di metropolitana più grande al mondo, linee di autobus elettrici attive 24 ore su 24 ed una linea di Maglev, cioè un treno a levitazione magnetica, che collega l’aeroporto di Pudong al centro cittadino, sfrecciando ad oltre 400 Km /h. Questo settore, nonostante gli ottimi livelli raggiunti, dimostra di non voler fermare la propria crescita e di essere in continuo sviluppo. Ciò che mi porto a casa da questa esperienza è una maggiore consapevolezza di quanto la Cina, attraverso le sue aziende statali, abbia l’intenzione di emergere sempre più nel contesto internazionale e di quanto sia importante per gli altri paesi (ed in particolare per l’Italia) rimanere al passo di questo colosso orientale.

Foto di gruppo a Shangai

i cinesi sono riusciti a costruire la maggior parte degli altissimi edifici della città, facendo grandi passi avanti anche per quel che riguarda il lato burocratico. Solo qualche ora più tardi, quando faremo la nostra prima passeggiata tra le vie di Shanghai, capiremo come sia possibile per un popolo edificare ad una velocità simile: nei marciapiedi e sull’asfalto, in mezzo a buche sabbiose o abbarbicati su alte scale a pioli, ci si imbatte in gruppetti di operai instancabili che lavorano fino a notte fonda, anche dopo la mezzanotte; nessuno se ne sta con le mani in mano, non sono dotati di grandi attrezzature, non bloccano il passaggio e non distaccano l’attenzione dal loro operato per nessuna ragione. La Cina è riuscita a trasporre l’operosità, l’ordine, l’efficienza e la grandiosità di Shanghai all’Expo, al cui interno ci si può spostare in autobus, traghetto, metropolitana senza alcun problema e gratuitamente. Un Expo organizzato dalla Cina per i ci-

nesi: ogni famiglia, infatti, è stata dotata di un biglietto, gli anziani vi accedono senza pagare e gli viene offerta una sedia a rotelle all’entrata, ogni funzionario statale è obbligato a parteciparvi almeno una volta, pena multa. Una particolarità, però, lascia straniti: i tasselli Expo, Shanghai e persone che la popolano e vi si spostano non riescono a combaciare del tutto, quasi mancasse un quid nascosto. La risposta che mi sono data è che la città è più avanti dei suoi stessi cittadini, divisi tra gente acculturata ancora legata alla terra e contadini che pur di abitare in città lavorano sottopagati e in condizioni igieniche dubbie. Tutto ciò si trova in contrasto con una metropoli che cerca e riesce a stare al passo con le megalopoli occidentali, sradicando, però, troppo in fretta quelle radici profonde della tradizione che, forse ancora di più, hanno aiutato la Cina a diventare ciò che è oggi. Salima Barzanti

Uno scorcio di Shangai

Francesca Piovesana Quel che subito colpisce delle zone circostanti il centro di Shanghai è che sembra tutto tranne che una metropoli orientale. Le casette a schiera che, ordinate, ci sfilano davanti, ricordano molto tipiche abitazioni bavaresi o villette a schiera inglesi, con i loro tetti rosso mattone e azzurri, non certo le costruzioni cinesi ornate di dragoni e immerse nelle risaie che mi aspettavo. Dal fiume Huangpu, il trafficato corso d’acqua che bagna la città e che taglia l’Expo in due, però la prospettiva comincia a cambiare; si fanno più vicini i primi grattacieli, si infittisce la rete di strade sopraelevate, si intravedono le carreggiate a più di tre corsie che, tempo qualche giorno, per noi diventeranno la norma. Restiamo tutti allibiti quando la guida ci informa che in dieci anni, dal 1990 al 2000 circa, Giovedì 31 agosto 2010 | 21 Il Quindicinale


CONEGLIANO E CONEGLIANESE

Quando lo stroppolo fa bum

Auto esposte durante l’Expo coneglianese

Expo-auto e intrattenimenti per l’Autunno coneglianese

L

a trentatreesima edizione dell’Expo, organizzata come sempre dal Club dello Stroppolo guidato dal presidente Giuseppe Doimo, si svolgerà sabato 18 e domenica 19 settembre. Tanti gli eventi in programma, per un fine settimana all’insegna delle auto e dell’intrattenimento. Sabato dalle 14.30 si terrà l’apertura dell’Expo automotociclistica, veicoli industriali, caravan, auto d’epoca nel centro storico. Vi sarà poi l’apertura dello stand enologico per la degustazione vini e piatti tipici locali nella loggia del Municipio in via XX settembre. In concomitanza ecco l’apertura della mostra collettiva di pittura, organizzata dal gruppo ‘Vecchio Centro’ nel campiello del Duomo, l’apertura dello stand del gruppo Conegliano Sub e

la mostra delle divise storiche all’oratorio dell’Assunta. Spazio anche alla mostra dei gioielli in piazza Cima, l’esposizione “Saperi, Sapori, Salute. Prodotti caratteristici del territorio” nella loggia del municipio. In piazza Duca d’Aosta, si terrà la mostra di Auto “Autonomy” e nel piazzale delle corriere – parcheggio di via del Ruio apertura della tredicesima edizione campionato italiano Car audio+One Car, l’esposizione di vespe e lambrette in via Calvi e la mostra Auto Tuning in piazza Calvi. Alle 16, novità di quest’anno, si svolgerà la dimostrazione di Minimoto in piazza Calvi. Alle 16.30 l’appuntamento è con il concerto della Banda Filarmonica di Conegliano nella gradinata degli Alpini. Alle 21 ‘Bella di Marca’ Fashion Show in piazza Cima o teatro Accademia. Domenica dalle 9.30: 31ª Gradinata in Fiore di beneficenza, mostra mercato piante da appartamento alla gradinata degli alpini. a favore dell’Associazione ‘Lotta contro i tumori’ Renzo e Pia

Fiorot di San Fior. Ore 10: riapertura della 33esima Expo. Mostra Auto d’Epoca-Club Serenissima in piazza Cima. Esposizione motocicli “Vespe e lambrette” in via Calvi. Ore 14.30: mostra Auto Tuning nel parcheggio via del Ruio. Ore 16: dimostrazione di minimoto in piazza Calvi e Punto di ritrovo musicale dell’istituto Benvenuti – concerto degli allievi dei corsi di canto moderno in piazza Cima. Ore 16.30: premiazione 13ª edizione campionato nazionale Car Audio+One Car: Parcheggio via del Ruio. Alle 19.30 ci sarà la chiusura della manifestazioni. Saranno presenti all’Expo le unità mobili dei carabinieri e della polizia e dei vigili del fuoco, della polizia penitenziaria e della polizia municipale. Collaborano alla manifestazione i volontari dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Conegliano. “L’Expo è l’evento automobilistico del Nord-est che attira in città oltre 50.000 visitatori in un solo weekend”, ha detto il sindaco Alberto Maniero. Salima Barzanti

Porta con te questo coupon, avrai in omaggio una farfalla

A SETTEMBRE AL SCONTI DAL 30%

50%

le Vendita promoziona lia 42 a 52 verno dalla tag sui capi autunno in Il Quindicinale 22 | Giovedì 31 agosto 2010


ariele conegliano

cuorebio e i bambini prendi una buona abitudine, per te e per la terra. Scegliere un negozio Cuorebio, significa essere certi di acquistare cibi biologici e biodinamici, selezionati e certificati. Ma vuol dire anche avere a cuore la salute della terra ed il rispetto delle risorse naturali. Una scelta sicura e positiva, che puoi fare negli oltre 250 negozi Cuorebio in tutta Italia.

vieni a trovarci!

ariele

supermercato biologico

www.cuorebio.it via San Giuseppe 38/P (laterale viale Venezia) 31015 Conegliano (TV) tel. 0438 370642


CONEGLIANO E CONEGLIANESE

Pedalando A fine settembre le due ruote sono di rigore. Torna il tradizionale ciclogiro della città

P

untuali, alle 9.30 di domenica 26 settembre - l’ultima domenica del mese di settembre, si parte. Anzi si riparte, dal viale della stazione F.S. di Conegliano, con la 32a edizione della Conegliano Pedala, organizzata dal Gruppo “Amici Sportivi di San Martino” del circolo “L. Murialdo” della parrocchia dei Santi Rosa e Martino e patrocinio del Comune di Conegliano e della Provincia di Treviso. La Conegliano Pedala nasce, e rimane, una manifestazione ciclo-turistica che ha il compito di mostrare le bellezze del territorio di Conegliano e dei comuni limitrofi. L’ obiettivo principale piuttosto che la velocità spinta è la velocità lenta, per “leggere” le bellezze e gli angoli nascosti del nostro territorio, spesso dipinto come tutto degradato e non riqualifi-

cabile. Quest’anno è previsto un nuovo punto per iscriversi aperto tutto il venerdì 24 settembre presso il piazzale di San Martino (ex negozio delle biciclette, per restare in tema). Le iscrizioni continueranno anche sabato 25 e domenica stessa, presso il piazzale della parrocchia di San Martino e nei pressi della stazione FS la domenica 26 fino alla partenza. Grazie al suo disegnatore storico, ovvero il vicepresidente vicario Bruno Zago, il tracciato si snoda per vie tranquille, di paese e di campagna, di borghi nascosti dalla vista distratta e frenetica del nostro correre quotidiano. Il coordinatore de “Gli Amici Sportivi di San Martino”, Ruggero Fardin, dichiara che “il contributo per il sociale ricavato dalla Conegliano Pedala verrà devoluto alla Associazione Renzo e Pia Fiorot Lotta

contro i tumori”. Fardin, sottolineato questo importante aspetto, ringrazia “le socie ed i soci degli Amici Sportivi di San Martino per il loro impegno e la loro disponibilità offerta anche quest’anno”., oltre agli sponsor e ai Comuni che hanno dato la disponibilità per il percorso ed assicurano la presenza delle varie Polizie Municipali che- assieme alla Croce Rossa, ai Cavalieri dell’Etere, agli Alpini-salvaguardano la sicurezza della manifestazione. L’assicurazione, come sempre, sarà prevista per singoli e gruppi. Data la natura cicloturistica, l’organizzazione si riserva di moderare la velocità per salvaguardare la natura della manifestazione. Anche i vari premi saranno assegnati in base al giudizio - insindacabile- della Commissione Premi degli “Amici di San Martino”.

Funghi, questi sconosciuti

Distretto Sud: si procede con l’appalto

T

G

empo di funghi: se non siete sicuri di cosa avete raccolto potete rivolgervi all’Ulss 7: - in via Maset, 1 - Conegliano: tutti i giorni dal lunedì al venerdì, indicativamente dalle 8.00 alle 9.30 (per altri orari: 0438.663940 - 663942) - in via Lubin, 16 - Pieve di Soligo: tutti i giorni dal lunedì al venerdì, indicativamente dalle 8.00 alle 9.00 (per altri orari: 0438.664342-664431).

iunge a conclusione la vicenda relativa alla gara di appalto per l’acquisto dell’immobile da destinare come nuova sede del Distretto Sud. Il TAR ha ritenuto che l’esclusione della ditta Colonna srl dalla gara di appalto sia stata legittima “non essendo l’edificio offerto completato al momento della pubblicazione del bando, come espressamente richiesto”. Per quanto concerne, invece, il ricorso proposto da Conegliano Iniziative Immobiliari spa, il Tar ha rigettato tutte le censure mosse dalla società, ritenendo valida l’offerta presentata da Tradim, legittima proprietaria dell’immobile, ed evidenziando anche l’importante scarto di punteggio a vantaggio della ditta aggiudicataria. «I giudici hanno ritenuto corretta la procedura seguita - spiega il direttore generale dell’Ulss7 Angelo Lino Del Favero- . E’ nostra intenzione partire subito con i lavori ed entrare nella nuova sede del Distretto Sud ad inizio 2011».

... dalla cucina le nuove

specialità dei cuochi

Angelo via Caronelli, 5/7 - Conegliano tel. 0438.336918 - 0438.24226 (Chiusura lunedi) www.acasadegiorgio.it Il Quindicinale 24 | Giovedì 31 agosto 2010

e

Roberto!


materassi relax

CENTRO MATERASSI - TUTTO PER IL TUO LETTO

! o li g e m i iv v e n e b i m r o d e S

TI

I NOSTRI PRODOT

- Materassi - Rete - Guanciale - Piumini - Trapunte - Copriletti - Coperte acaro - Lenzuola - set anti Coprirete - Coprimaterasso - Letti imbottiti

SI ESEGUONO RETI E MATERASSI SU MISURA CONEGLIANO - Via Matteotti fronte cinema “Melies” Tel. 0438.34411


CONEGLIANO E CONEGLIANESE

Cloro addio!

L’assessore Loris Zava e il presidente di Ranazzurra Gabriele Salvadori in visita ai lavori agli impianti sportivi di Colnù

Piscine comunali: arriva l’impianto innovativo. Acqua senza cloro grazie al sistema a raggi UV

N

ovità per le piscine comunali: è stato completato il nuovo impianto di disinfezione dell’acqua. Un intervento innovativo che grazie ai

tessuti tendaggi materassi reti poltrone global relax biancheria per la casa

Via D. Manin, 145

tel. 0438.53669 Vittorio Veneto

Il Quindicinale 26 | Giovedì 31 agosto 2010

raggi UV consente di avere una pulizia della piscina senza agenti chimici, più salubre per chi usa l’impianto e per chi ci lavora, senza più odore di cloro. Non solo: sono in dirittura finale anche i nuovi finestroni a taglio termico e vetri a basso emissivo, e l’installazione dell’impianto fotovoltaico da 51 KW/h. L’intervento di ammodernamento degli impianti sportivi del Colnù (piscina e campi

da tennis), a costo zero per l’Amministrazione Comunale e con tariffe invariate per gli utenti degli impianti, è frutto dell’accordo sottoscritto da Comune di Conegliano e “Ranazzurra Conegliano S.S.D. a.r.l. che prevede la gestione e la manutenzione degli impianti sportivi per 17 anni da parte di Ranazzurra. L’accordo è stato avvallato con voto unanime sia dalla giunta comunale sia dal consiglio comunale.


CONEGLIANO E CONEGLIANESE

L’anno rotariano di Tonietto Tra gli obiettivi del neopresidente l’attenzione ai giovani

Guido Tonietto

G

uido Tonietto, 69 anni, medico vittoriese, è il nuovo presidente del Rotary club di Conegliano-Vittorio Veneto. Tonietto che è stato primario di chirurgia generale per 19 anni, prima a Pieve di Soligo, poi a Valdobbiadene e quindi a Vittorio Veneto ha ricoperto questo ruolo dirigenziale ad appena 27 anni. Nel 1996, a 56 anni, è andato in pensione (anche se continua a lavorare come libero professionista presso un poliambulatorio privato) e si è preso una seconda laurea in Filosofia con una tesi sulla Libertà, pubblicata da Mimesis. “La pensione? – dice Tonietto – può essere vissuta come una disgrazia o dare origine a nuova vita. Per me è stata una bella opportunità di crescita.” E la crescita di questo chirurgo con specializzazione in angiologia è infatti avvenuta negli ambiti più diversi: la cultura storica, letteraria e filosofica; la solidarietà e l’etica sono tra le materie che interessano di più Tonietto e che caratterizzeranno lo spirito che lo porterà a guidare il Rotary club Conegliano – Vittorio Veneto sino all’estate del 2011, quando questo sodalizio festeggerà i suoi primi 40 anni. “Il programma 2010-2011 del nostro Rotary club – spiega Tonietto – prevede infatti la celebrazione del quarantennale con una manifestazione aperta al pubblico e la pubblicazione di un volume commemorativo. Ma prevede

anche il coinvolgimento e l’attenzione ai giovani attraverso l’elargizione di una borsa di studio a favore del piccolo grande violoncellista Paolo Tagliamento; un bando di concorso per la migliore tesi di laurea in Scienze enologiche; un concorso di disegno sul tema della Piazza cittadina riservato agli allievi delle scuole medie e un concorso gastronomico pensato per i ragazzi dell’Alberghiero Beltrame.” Guido Tonietto, per il quinto anno, si dedicherà inoltre a iniziative rivolte a potenziare l’alfabetizzazione e la conoscenza della lingua italiana dei neoimmigrati. Il Rotary Conegliano-Vittorio Veneto, fondato nel 1971, conta circa 60 soci (tra cui due donne). “Oltre a veicolare conoscenze professionali e culturali – spiega Tonietto - gli obiettivi del Rotary sono legati alla solidarietà internazionale e alla formazione”. E.D.R.

Menù a prezzo fisso Albergo con convenzione imprese Bar Pizzeria (pizze anche da asporto) Cucina Casalinga, con selvaggina Cene e pranzi di lavoro

Asfaltature per 250mila euro

H

anno preso avvio da via Zamboni i lavori di asfaltatura di una serie di vie cittadine che si dovranno concludere per fine settembre. “Si tratta di un intervento economicamente rilevante, 250mila euro, e di lavori attesi da tempo, che riusciamo a fare solo dilazionando il pagamento al prossimo anno con il consenso dell’impresa appaltatrice stessa - spiega l’assessore ai lavori pubblici, Leopoldino Miorin - questo a causa dei vincoli stringenti del patto di stabilità, che ci costringono a fare i salti mortali”. Le vie rientravano nel piano asfaltature 2008: via P. Veronese, Via Tiepolo, Via Zamboni, Via Cettolini, Via Calatafimi ed alcuni tratti di Viale Italia. I lavori si svolgeranno tra i mesi di agosto e settembre. “Rimagono bloccate dal patto di stabilità il piano delle asfaltattutre del 2009 e quelle del 2010 - conclude Leopoldino Miorin - in attesa di conoscere quali saranno i reali ulteriori tagli operati dal Governo per i prossimi anni”.

Piazza Italia, 22 CORDIGNANO Tel. +39.0438.998635 Fax +39.0438.998466 Cell. Erica 349.1327903

www.albergocristina.com m.tavian@libero.it chiuso lunedì

Giovedì 31 agosto 2010 | 27 Il Quindicinale


freodaczionualse

“ALI” la carezza della natura Indumenti in fibra e colore naturale

E

piacevole entrare nel piccolo e accogliente negozio di abbigliamento naturale Ali dove si viene abbracciati da un ambiente gradevole e rilassante. Non ci sono colori sgargianti, abiti stravaganti o modaioli; ci sono indumenti in fibra di cotone naturale e canapa che nel materiale e nel design rispettano la natura. Il punto vendita Ali di via 24 Maggio a Conegliano è il primo in città ed in provincia di Treviso specializzato nella vendita di abbigliamento naturale biologico e ipoallergenico completamente prodotto in Italia, anzi a Tezze di Vazzola proprio dall’omonima azienda fondata e guidata da Claudia Sgarbi nel 1997. Tatiana ha scelto di aprire il negozio, inaugurato nell’aprile scorso, principalmente per seguire la sua filosofia di vita vocata al naturale e al biologico ed inoltre pensando così di risolvere in positivo l’aspetto lavorativo della sua vita. E l’attività le sta dando piacevoli soddisfazioni. Ci sono almeno quattro buoni motivi per vestire biologico: i tessuti naturali garantiscono la traspirazione della pelle e mantengono la temperatura corporea in modo ottimale; non si corre il rischio di allergie da agenti chimici come coloranti, additivi, pesticidi; si contribuisce al benessere delle popolazioni produttrici delle materie prime e si contribuisce alla tutela dell’ambiente. La qualità dei tessuti (cotone biologico e canapa) e della manifattura è garantita dall’esperienza

ventennale e dalla tradizione tessile Made in Italy”, congiunta al controllo e alla certificazione di Tessile Biologico da ICEA con il marchio GOTS che per prima la ditta Ali ha ottenuto e portato in Italia. Dalla pelle delicata dei bambini alla voglia di ritrovare le sensazioni di un tempo delle persone più anziane; dai giovani che hanno saputo del negozio tramite internet a chi ci passa davanti e ci entra per curiosità, il punto vendita Ali di Monticella è un crocevia di stili di vita; qui s’incontrano coloro che scelgono l’abbigliamento bio per seguire la filosofia del naturale, quelli che lo scelgono per motivi di salute e coloro che cercano indumenti di qualità, prodotti in Italia. La materia prima arriva direttamente da chi la produce attraverso rapporti di partnership che l’azienda ha instaurato negli anni con i coltivatori di India, Turchia e Sud America. Un consumo responsabile e consapevole a 360 gradi. Un modo per tornare ad apprezzare l’economia di qualità e non quella usa e getta della moda dei nostri tempi, valorizzando il prodotto e chi lo produce da tanti anni, con professionalità e passione. Ali, la carezza della natura. Il negozio Ali è in via XXIV Maggio, 92 (dopo l’incrocio semaforico con via dei Zoppas) a Conegliano.

Siete bio e volete vestire con biancheria naturale ma anche alla moda?

Ali srl

via XXV Luglio,12 Tezze di Vazzola Tel. 0438 28058 fax 0438 489587 www.aliorganicwear.it info@aliorganicwear.it


CONEGLIANO E CONEGLIANESE

Libernauta: concorsi letterari aperti Alle superiori si recensisce, alle medie si è art director

I

l Progetto Lettura del Comune di Conegliano, promosso da Progetto Giovani e Associazione Altrestorie e sostenuto dalla Banca Prealpi, ha proposto per l’estate dei giovani studenti delle scuole medie e superiori due spunti legati alla creatività letteraria e artistica. Da una lista di 15 libri,

diversa per ciclo scolastico, i giovani studenti possono effettuare la propria scelta (una o più) per scrivere una recensione (se studenti delle superiori) o disegnare una nuova copertina (se studenti delle medie). Si partecipa così al concorso letterario “Libernauta 2010 – scrivi le tue righe sulla scia dei libri” (in collaborazione con il Comune di Pieve di Soligo - scadenza 30 settembre 2010) oppure al concorso artistico “Libernauta junior 2010 – fai un disegno sulla scia dei libri” disegna la

copertina del libro” (in collaborazione con il Comune di Pieve di Soligo, Farra di Soligo e San Pietro di Feletto - scadenza 15 ottobre 2010). Entrambi i Concorsi mettono in palio dei premi. Per maggiori informazioni: Informacittà - Informagiovani “C.Pavesi” in P.le Zoppas (0438 413319, informagiovani@comune. conegliano.tv.it) o al Progetto Giovani di P.le Aldo Moro, vicino alla stazione FS (tel. 0438 413252, progettogiovani@comune.conegliano.tv.it).

Acqua preziosa

Giubilato e Venturin neo maestri del Lavoro

S

G

ino al 30 settembre l’acqua dell’acquedotto non può essere utilizzata per irrigare orti, giardini, nonché per il lavaggio di terrazze, marciapiedi ed autoveicoli o, in ogni caso farne spreco. E’ un’ordinanza del Comune, che prevede sanzioni da 25 a 500 euro per i trasgressori.

ianfranco Giubilato e Benito Venturin, neo maestri del lavoro, hanno ricevuto il grazie dal primo cittadino per aver contribuito alla crescita economica del territorio coneglianese. Ricevuti in municipio, i due maestri del lavoro, hanno ricevuto un libro sulla città come encomio simbolico da parte dell’amministrazione comunale. Gianfranco Giubilato, 56enne, dal 1975 lavora alla Zanussi, poi

Prova il risparmio delle pompe di calore Evo! Massimo 43 eurocent al giorno. Garantiti!

Electrolux, dove si occupa di programmazione informatica fino a raggiungere la qualifica di dirigente d’azienda. Benito Venturin, 72enne, è invece in pensione dal 1997. Per molti anni ha lavorato nel campo della tipografia, prima presso la tipografia Pagot, poi presso le Arti Grafiche di Conegliano.

Battistuz Caminetti via Soccosta 19/A Sarmede Cell. 335.5765670 Cell. 335.7907583 Giovedì 31 agosto 2010 | 29 Il Quindicinale


CONEGLIANO E CONEGLIANESE

Tra Proseccando e Enoconegliano Torna la Festa dell’uva nel centro storico cittadino

C

ome ogni settembre che si rispetti non poteva mancare, per le vie del centro, la Festa dell’Uva. L’edizione di quest’anno parte già da giovedì 23 settembre, quando l’associazione Dama Castellana guidata dal presidente Anna Maria Gasparini, proporrà dalle 20 alle 24, la serata enogastronomica a tema: “Bianco e rosso a braccetto”. Neanche il tempo di alzarsi da tavola che venerdì sera sempre dalle 20 alle 24, in piazza Cima e via XX settembre torna “Proseccando”, l’evento dedicato ai prosecchi abbinati a degustazioni di prodotti tipici locali. I presenti potranno degustare i prosecchi vincitori del concorso enologico “Enoconegliano”. La serata sarà allietata da musica dal vivo. Vi sarà anche la collaborazione di quattro ristoranti che proporranno degustazioni ad hoc nei vari gazebi. Sabato e domenica il clou, con “Vinama”. Dalle 16 alle 24 nelle vie del centro storico ecco oltre 300 vini veneti a disposizione dei palati raffinati, esper-

Il Quindicinale 30 | Giovedì 31 agosto 2010

ti e buongustai. Degustare un calice di vino è come trovarsi di fronte a un’opera d’arte: studiare i colori e le sfumature in un vino, immergersi nei suoi colori e profumi, apprezzare i sapori, insomma comprendere un vino è un processo che mette in moto tutti i sensi. Nel week-end di fine settembre le proposte non finiscono qui. Infatti sabato 25 alle 20,30 al convento di San Francesco si effettueranno le premiazioni di “Enoconegliano”, concorso enologico regionale, con selezioni di vini veneti, autorizzato dal ministero per le politiche agricole. Saranno premiate le cantini vincitrici delle Dama d’Oro, Dame d’Argento e Dame di Bronzo, oltre al premio “Tullio di Rosa” per il miglior spumante in concorso. La serata sarà allietata da un’esibizione musicale. Domenica 26 settembre in programma ci sono ancora l’ “Uva in gradinata” e le “Finalissime di Enodama 2010”. Nella gradinata degli Alpini, dalle 9 alle 18, verrà effettuata, come da tradizione, la vendita dell’uva da tavola in collaborazione con il gruppo dettaglianti ortofrutticoli aderenti all’Ascom. Il ricavato della vendita sarà devoluto in beneficen-

za. Nel pomeriggio della giornata domenicale, alle 15, infine nella loggia del municipio di piazza Cima si svolgerà la finale del torneo di ispirazione enologica per una cultura del bere intelligente. A ottobre l’associazione popone poi quattro serate a tema dal titolo “Gente e Vino” che si terranno nei sabati del 2, 9, 16 e 23 ottobre, dalle 18 in poi nella sede di viale Spellanzon 14. La manifestazione, che si svolge da numerosi anni, è una delle attività collaterali della


CONEGLIANO E CONEGLIANESE Szumsky rieletto. Tra le proteste I circoli di Conegliano e Vittorio Veneto protestano per la sua rielezione alla presidenza di Savno

I

Festa dell’Uva. In ognuna delle serate un enologo con il supporto dei sommeliers farà apprezzare ai presenti le sfumature che il vino può comunicare a chi vuole imparare a conoscerlo e capirlo. I presenti potranno assaggiare prodotti enologici accompagnati da prodotti gastronomici. Per informazioni, contattare l’associazione Dama Castellana in sede, al numero 0438/455600, oppure inviare una mail a dama@damacastellana.it. Salima Barzanti

segretari dei circoli PD di Conegliano e Vittorio Veneto, Alessandro Bortoluzzi e Barbara De Nardi chiedono la destituzione di Szumski da presidente di Savno e la creazione di un unico consorzio per i rifiuti per la provincia di Treviso, al posto dei tre esistenti. Secondo il PD ci sarebbe necessità di dare una svolta all’amministrazione di Savno, così che una nuova gestione possa anche abbassare le tariffe per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti. Una posizione, quella di disaccordo nei confronti della rinomina a presidente di Szumky, che già il sindaco di Fregona, Giacomo De Luca, aveva reso noto rassegnando le dimissioni dal consiglio di amministrazione. «Da anni i co-

neglianesi pagano i rifiuti molto più cari di altri - spiegano in una nota i segretari dei circoli del PD. - Il PD ha spesso giustificato tali costi con la necessità di colmare le voragini provocate da operazioni societarie strampalate, come quella che ha portato all’acquisto per oltre 500.000 euro delle quote di una ECON sommersa di debiti e fallita a tempo di record con alcuni milioni di euro di buco, e 500.000 euro da recuperare, ovviamente, sulle bollette rifiuti». «Come si spiega allora - continua il Partito Democratico - la riconferma di chi ha amministrato in questo modo? Molto semplice: - chiudono - tutto rientra in una logica di matematica spartizione delle poltrone tra il PDL e Lega, nella quale la competenza, il merito ed i risultati valgono zero».

Riccardo Szumsky

OFFERTA NUOVA STAGIONE

MAGLIA 3-14 ANNI 3 PEZZI

Giovedì 31 agosto 2010 | 31 Il Quindicinale


CONEGLIANO E CONEGLIANESE

Lavori in corso in chirurgia Previsti 32 nuovi ambulatori specialistici

I lavori al nuovo blocco chirurgico in una foto d’archivio

C

antiere non stop per tutta l’estate al Santa Maria dei Battuti, per ultimare i lavori entro la scadenza della fine dell’anno del nuovo blocco chirurgico. Il polo all’avanguardia, dovrà entrare in funzione all’inizio del 2011 quando si provvederà al trasferimento di reparti chirurgici e le relative sale operatorie. Una struttura di altissima specializzazione completa di eliporto attrezzato anche per il volo notturno che consentirà di estendere gli interventi in emergenza anche quando fa buio, cosa al momento impossibile.

Il Quindicinale 32 | Giovedì 31 agosto 2010

Al primo piano della nuova struttura troveranno posto 32 ambulatori specialistici. Al secondo piano, invece le nove sale operatorie, realizzate con un sistema di monitoraggio ambientale che, controllando la qualità dell’aria, consentirà di eseguire gli interventi nelle condizioni ambientali migliori per ridurre al minimo il rischio di infezioni. Delle nove sale, dedicate alle specialità di chirurgia, ortopedia, ginecologia e urologia, due sono predisposte per la telemedicina per consentire non solo la registrazione degli interventi, ma

anche la possibilità di collegamenti diretti a scopo formativo o per consulti con specialisti che si trovano magari a migliaia di km di distanza. Il secondo piano ospiterà invece locali tecnici con le centraline di controllo e alimentazione. Le degenze saranno ospitate al terzo e al quarto piano con un totale di 108 posti letto per i pazienti dei reparti di chirurgia, ortopedia e urologia che al momento si trovano su piani diversi all’interno del padiglione centrale. Nei magazzini sotterranei, infine, oltre ai magazzini sarà allestita l’area di decontaminazione del materiale chirurgico: strumenti e dispositivi utilizzati in sala operatoria. Sta quindi per essere ultimata, dopo anni di vicissitudini legali relative prima al fallimento di una ditta e poi ad una serie di contenziosi sugli appalti, un’opera molto attesa che migliorerà i livelli di assistenza offerti dall’ospedale coneglianese. Un polo di alta tecnologia che, con un progetto di project financing “chiavi in mano” costerà all’Ulss 7 una somma pari a 39 milioni di euro. Milvana Citter


CONEGLIANO E CONEGLIANESE

Pronto soccorso: si cambia Ecco i colori dei nuovi codici di emergenza

U

na rivoluzione a colori per il pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria dei Battuti a Conegliano. Dall’inizio di agosto, infatti, nel reparto d’emergenza non saranno più solo i codici ad identificare i pazienti e le loro patologie, ma anche spazi e medici dedicati in base alla gravità. Il reparto è stato riorganizzato in base alle priorità sanitarie, in diverse aree, contraddistinte per colore che vanno dall’area rossa per i pazienti critici a quella verde per i codici bianchi. “L’esigenza di creare un’area separata per la gestione e l’osservazione dei pazienti critici - spiega il primario Enrico Bernardi - deriva dalle diverse necessità, in termini sanitari ed assistenziali, di questi pazienti rispetto a quelli senza priorità di rischio. Alla riorganizzazione degli spazi è stata affiancata anche una riorganizzazione del lavoro: d’ora in avanti sarà, infatti, un medico “dedicato” a gestire tutti i pazienti dell’area rossa. Ciò consentirà di avere una visione complessiva della situazione e quindi di stabilire con maggiore efficacia, le priorità di accesso ai vari servizi”.

I pazienti critici vengono, quindi, accolti nella nuova area rossa, uno spazio open space che comprende cinque posti letto, con monitoraggio non invasivo ed invasivo, e una postazione per il teleconsulto neurologico remoto collegato con l’ospedale Ca’ Foncello di Treviso. Ad occuparsi esclusivamente di questi pazienti un medico e un infermiere 24 ore su 24, affiancati da altri professionisti in caso di particolari emergenze. Per i pazienti senza priorità di rischio, i codici verdi e bianchi, è stata invece predisposta l’area verde con quattro ambulatori e quattro posti letto. Organizzata anche un’area Obi di “osservazione breve intensiva” con otto posti letto monitorati, per accogliere, dopo i primi accertamenti, i pazienti che devono rimanere in osservazione fino ad un massimo di 24 ore prima di essere ricoverati o dimessi. L’area di “osservazione temporanea” è destinata invece a quei pazienti che hanno bisogno di un breve stazionamento in reparto, per essere sottoposti a cure o accertamenti diagnostici. “Questa riorganizzazione logistica e funzionale – sottolinea il direttore generale Angelo Lino Del Favero -, unita al potenziamento e ammodernamento delle

apparecchiature, ci permetterà di garantire una miglior assistenza ai pazienti, in particolare a quelli critici”. M.C.

Alcuni particolari del nuovo pronto soccorso

Giovedì 31 agosto 2010 | 33 Il Quindicinale


Azienda Agricola

TOMASI

VINI

DOC -DOCG

Via Borgo Molini, 68 - Corbanese Tarzo Per informazioni Tel. 0438 584858 - Cell 339 6046096


CONEGLIANO E CONEGLIANESE

Nuova stagione per la Spes Dragan Nesic (a sinistra) al suo arrivo a Conegliano

m aglieria m aso www.maglieriamaso.it

Negozio Aziendale Nesic:”Il nostro lavoro? Il vostro divertimento”

C

’è voglia di rilancio in casa Spes dopo la brutta stagione finita con la retrocessione ‘sul campo’ in A2. La rinascita riparte proprio dalla decisione della società gialloblu di iscriversi nella massima divisione acquistando il titolo lasciato libero dalla Volley Jesi. Solo l’ultimo giorno utile il presidente Giovanni Lucchetta ha sciolto le riserve dopo aver prospettato altre due ipotesi: la Spes Volley ferma per un anno oppure disputare il campionato di A2, quello conquistato, si fa per dire, sul campo. La stagione 2010/2011 del volley femminile italiano vedrà invece ancora nella massima serie le pantere della Zoppas Industries, con una squadra completamente rinnovata a partire dall’allenatore che sarà Dragan Nesic. Il tecnico serbo è arrivato a Conegliano a fine luglio ed è stato presentato alla Zoppas Arena dove ad accoglierlo, ol-

tre agli addetti ai lavori, c’erano una cinquantina di tifosi. 40 anni, residente in Italia dal 1999, Nesic vanta un curriculum di alto profilo. «Il nostro lavoro è farvi divertire e cercheremo di meritarci i vostri applausi anche durante la stagione – ha detto Nesic nella conferenza stampa di presentazione – L’idea è conquistare una posizione di classifica in cui Conegliano non è mai arrivata. L’obiettivo principale è un posto nei playoff, ma vedremo partita dopo partita dove potremo arrivare. Dopo le prime giornate di campionato capiremo meglio cosa aspettarci. La motivazione è massima e credo che non sia troppo ambizioso pensare di poter competere per un posto nelle coppe europee, perché sotto alle prime tre forze ci sarà grande equilibrio». E’ in corso la campagna abbonamenti in promozione con la possibilità di acquistare a prezzo agevolato fino al 15 settembre; la campagna abbonamenti proseguirà fino all’inizio della regular season. Elisa Giraud

Direttamente dalla produzione, maglieria uomo e donna in filati pregiati: seta, cashmere, lana

La maratonina della speranza San Fior. Appuntamento a domenica 12 settembre per la quarta edizione della Maratonina della Speranza organizzata dall’ass. Lotta contro i tumori Renzo e Pia Fiorot, una corsa podistica non competitiva di 6 e 12 km (partenza ore 9.00) e 21 km (partenza ore 8.30). Ritrovo ed iscrizione presso piazzale della sede dell’associazione, in via Mel, vicino alle scuole medie ed elementari. Info (orario ufficio) 0438.402696.

Strada dei laghi, 64/b - Revine Lago Tel 0438.929060 - Fax 0438.929832 info@maglieriamaso.it Giovedì 31 agosto 2010 | 35 Il Quindicinale


CONEGLIANO E CONEGLIANESE

Al Salisà

Certificati medici virtuali Ma si è attuato il decreto Brunetta?

IL RISTORANTE STORICO DI CONEGLIANO

PER IL TUO VIAGGIO NEL GUSTO...

C

Via XX Settembre, 2/4 Conegliano Tel. 0438 24288 Aperto tutti i giorni tranne il martedì sera e mercoledì dalle 10 alle 15 / dalle 18 alle 24

www.ristorantealsalisa.com Il Quindicinale 36 | Giovedì 31 agosto 2010

ertificati di malattia on line: medici in totale confusione. A complicare la vita a medici di famiglia ed ospedalieri la legge firmata dal ministro “antifannulloni” e “antisprechi” Renato Brunetta. Legge che, già in vigore, non è ancora applicata in provincia di Treviso, come nel resto d’Italia, per una serie di problemi che stanno mettendo a rischio di sanzioni e licenziamento i medici. Il decreto legge 150 del 2009 ha rivoluzionato le regole con un duplice obiettivo: semplificare la vita ai lavoratori e ridurre gli sprechi. Niente più certificati spediti con raccomandata all’Inps e consegnati ai datori di lavoro, ci penseranno medici di base ed ospedalieri grazie ad un collegamento on line con l’Istituto di previdenza. Con un semplice click, evitate al lavoratore code agli sportelli e spese di spedizione e garantito allo Stato un risparmio che il Ministero ha quantificato in 10 euro a certificato. “Una legge perfetta – commenta Elena Villani, vicepresidente provinciale del sindacato nazionale medici autonomi -, il problema è che siamo molto lontani dal poterla attuare visto che dovremmo disporre di un codice pin per accedere al sistema che, la maggior parte di noi, ancora non possiede”. La distribuzione dei pin all’Usl 7 come nelle altre aziende trevigiane sanitarie si sta concludendo in queste settimane, ma nessuno dei medici che dispone già dal collegamento lo sta comunque utilizzando: “Non abbiamo potuto fare la sperimentazione – continua Villani -, io ho provato ma, per inoltrare un

certificato ho impiegato 58 minuti per problemi di disattivazione e difficoltà a repertare le diagnosi. Possiamo perdere un’ora per un certificato di malattia con gli ambulatori pieni?”. Altro problema sostanziale sono i collegamenti on line. Molti comuni trevigiani, Mareno di Piave per citarne uno, non sono dotati di linea adsl rendendo di fatto impossibile adeguarsi e, se il medico non lavora in una Utap convenzionata, le spese internet sono tutte a suo carico. Per i medici si è trattato di un’estate calda, con incontri tra colleghi e con i pazienti anche a ridosso di Ferragosto pur di riuscire a trovare il bandolo della matassa. Ma i problemi sono ancora molti, senza contare che si è creato anche un contenzioso tra ministeri con: da una parte il Ministro Brunetta appoggiato dall’Ordine dei Medici che assicura la legalità del certificato on line e dall’altra il Ministero dell’Interno che, invece, non lo ritiene legale e chiede per le malattie dei poliziotti il tradizionale cartaceo. A fare i conti con la situazione, in provincia di Treviso oltre mille professioni, medici dipendenti o convenzionati che avrebbero dovuto adeguarsi entro il 18 giugno, termine poi prorogato al 4 agosto e ulteriormente slittato: “Stiamo lavorando nell’illegalità – conclude Villani -, con il rischio di vederci sanzionare e perdere il lavoro. Ci appelliamo al Ministro Brunetta, perché risolva questi problemi. Non siamo contrari alle nuove regole, ma così non possiamo attuarle e ci sembra una presa in giro”. Milvana Citter


CONEGLIANO E CONEGLIANESE

On line il nuovo sito del comune Nel sito www.comune. conegliano.tv.it documenti a chilometri zero, aggiornamenti dagli uffici just in time, contenuti facili con pochi click e più servizi on Line per i cittadini

P

gi

lato te biente t

u

a

m

mente le informazioni relative Introduzione di mappe interattive: mediante le quali l’utente può individuare nel territorio informazioni relative ad alcune tematiche quali: istituzioni, sanità, trasporti, verde, sport. Documenti a chilometri zero: A seguito di un censimento di tutta la modulistica questa è a disposizione degli utenti del sito in formato elettronico. Nuovo sito con tecnologia a costo zero: Il nuovo sito è stato sviluppato internamente con strumenti Open Source, ovvero con software a costo zero. Aggiornamenti direttamente dagli uffici: Una delle principali differenze con la versione precedente consiste nel fatto che tutte le informazioni relative a un determinato ufficio vengono aggiornate dall’ufficio stessoi. Gli sviluppi futuri Il “Timbro digitale”: in un prossimo futuro sarà possibile avere certificati anagrafici, e alcuni tipi di atti, direttamente a casa in originale tramite apposita procedura web. Social network: Twitter, FaceBook e YouTube (ComuneConegliano’s channel).

ol a s are

ene

r

iù servizi on line, documentazione disponibile sul sito in versione elettronica (pdf, altri formati), facilità di navigazione, riorganizzazione dei contenuti al fine di una migliore reperibilità delle informazioni da parte dell’utente (con pochi click) sono le principali novità del sito internet comunale (www.comune.coneglinao. tv.it) da poco rivisitato. “E’ stato un lavoro impegnativo, realizzato tutto all’interno del Comune e con strumenti a costo zero. All’Area Informatica va dunque un meritato riconoscimento per il lavoro fatto - spie-

ga il sindaco, Alberto Maniero - inoltre va aggiunto che tutti gli uffici comunali sono stati e vengono  coinvolti nell’aggiornamento del sito e questo diventa non solo un atto di responsabilità ma un modo di compartecipare attivamente alle attività di relazione con i cittadini”. Più servizi online: tra le novità lo Sportello del cittadino e l’Albo Pretorio on line. Oltre ai già esistenti servizi “Ici on line”, “Sportello Unico per l’edilizia residenziale”, “Sportello Unico per l’Impresa”, “Osservatorio Casa”, “Agenda 21”, “Biblioteca on line”, “Autocertificazione”, “Info Conegliano SMS” sono stati introdotti due nuovi servizi quali lo “Sportello del Cittadino” (mediante il quale un cittadino può partecipare ed interagire attivamente nell’iter di alcune pratiche), e l’“Albo Pretorio on line”, che pubblica gli atti del Comune mediante un’apposita sezione. Altre novità Introduzione delle sezioni “Io sono” e “Mi interessa”: tramite le quali l’utente, identificandosi in una determinata categoria di persone o fruitore di determinati interessi può reperire diretta-

Produrre energia + ridurre i costi + salvaguardare l’ambiente = ? Finanziamento per l’installazione di impianti fotovoltaici con agevolazioni «Conto Energia» (D.M. 19/02/07). Sosteniamo chi protegge l’ambiente.

Conegliano: Via C. Battisti, 5 · tel. 0438 907 740 Via C. Colombo, 42 · tel. 0438 907 720

www.bancapopolare.it Informazione pubblicitaria. Le condizioni e i fogli informativi sono a disposizione del pubblico in tutte le nostre filiali, presso i nostri consulenti o su www.bancapopolare.it.

Giovedì 31 agosto 2010 | 37 Il Quindicinale


Pilates. L’equilibrio perfetto tra forza ed eleganza. S T U D I O

24

La ginnastica posturale migliora la tua vita. Allo Studio Pilates 24 puoi vivere il benessere del Pilates sia lavorando a piccoli gruppi, sia seguendo lezioni private o semiprivate con i grandi attrezzi. Lo Studio Pilates 24 certificato Covatech offre solamente insegnanti qualificati e diplomati in scienze motorie. Danbailop, da 25 anni, è anche scuola di danza classica e moderna per bambini e adulti, con corsi che spaziano dall’hip hop alla break dance, dal flamenco alle danze caraibiche. Da noi l’armonia del corpo e della mente è da sempre al centro dell’attenzione. Con i corsi Pilates lo è ancora di più.

Studio Pilates 24 tel. +39 0438 940414

cell. +39 346 6964349

Vittorio Veneto (TV)

Conegliano (TV)

presso Danbailop via G. Pastore 58/f

presso Centrodanza viale Spellanzon


CONEGLIANO E CONEGLIANESE Nuovi istituti comprensivi Salvador, Maschio e Moro: sono i dirigenti scelti per la riorganizzazione scolastica

N

uovi Istituti Comprensivi nel nome di Salvador, Maschio e Moro. I dirigenti scolastici dei tre istituti comprensivi di Conegliano sono Rita Salvador (1°), Luciano Maschio (2°) e Flavio Moro (3°), ovvero i tre dirigenti che hanno seguito sin dall’inizio il processo che ha portato alla nascita dei tre istituti comprensivi di Conegliano. Da

settembre dunque è operativa questa nuova struttura operativa nel mondo della scuola locale.
“Siamo soddisfatti di queste nomine in quanto sono persone che operano già all’interno del territorio e che hanno dimostrato professionalità e capacità umane -spiega l’assessore alla pubblica istruzione di Conegliano, Fabio Chies - . Studenti e famiglie potranno relazionarsi nei dieci anni del ciclo di studi (maternamedie) con un unico dirigente scolastico, che potrà seguire meglio e con più competenza questa delicata fase di sviluppo e crescita, sia  dal lato dell’istruzione sia  da quello umano”.

Captured Live

San Vendemiano. Captured Live: ovvero il blues e tutte le sue sfacettature catturati con passione e competenza da Diego Silvestrin. La mostra, composta da un centinaio di scatti, sarà inaugurata nella sede espositiva sotto il municipio sabato 18 settembre alle 17.00, con interventi critici e proiezione del film “A great day in Harlem”. Sabato 25 settembre alle 21.00 è previsto un concerto di Lanfranco Malaguti e Massimo Zemolin. Orari mostra: Sabato 17-19, Domenica 10-12 e 17-19.  Su appuntamento: 340.5854774. Aperta fino al 2 ottobre. Ingresso libero. Info: www.diegosilvestrin.com

“Converse”, fotografia di Diego Silvestrin

Giovedì 31 agosto 2010 | 39 Il Quindicinale


TRAPUNTIFICIO

ARTIGIANO

FOLLINA

Dal 1977 produzione propria di: • Arredamento per la camera da letto piumini d’oca, trapunte, copriletti e biancheria per la casa • Rivenditore di articoli francesi per casa Côtè table - Mathilde M.

Spaccio ed esposizione aperti al pubblico dietro l’Abbazia di Follina Via Pallade, 57 FOLLINA (TV) tel. e fax 0438.970597


CONEGLIANO E CONEGLIANESE

Ripescaggio per il Priula Basket La squadra parteciperà al campionato di serie D SUSEGANA. Grazie all’ottimo campionato disputato dalla squadra guidata dal coach Enrico Elena e in seguito alla finale di Promozione giocata con Paese e persa dopo un tempo supplementare in gara 3, il Presidente Flavio Tesser ed il Consiglio Direttivo della società hanno deciso di chiedere il ripescaggio. Che è stato accolto, quindi la prossima stagione l’ASD Priula Basket 88 parteciperà al campionato di serie D. La società ringrazia tutti i giocatori, veri protagonisti della scorsa stagione, che con grinta e spirito di gruppo hanno saputo interpretare al meglio e in ogni fase del campionato le direttive di gioco di coach Elena, riuscendo a sopperire, con rapidità e soluzioni (anche fantasiose), la mancanza di giocatori in ruoli considerati solitamente importanti a livello “fisico”. Inutile sottolineare l’euforia di questo momento che ripaga parzialmente

della delusione del 16 giugno, quando alla Palestra Arcobaleno, gremita di amici, tifosi e simpatizzanti, il risultato finale aveva decretato al sconfitta del Priula Basket. Con nel cuore la consapevolezza del diritto ad essere in D. MA ora la tristezza

è stata spazzata via da questo ripescaggio che sembra rimettere le “cose a posto”. Ai giocatori, all’allenatore e a tutta la società auguriamo un buon lavoro ed una stagione densa di emozioni. Elena Voutcinitch

L’ASD Priula Basket 88

pizzol

roberto Stufe tirolesi in maiolica Caminetti

artigiano aSSoCiato

S a r m e d e - v i a b o rg o Ca n a l e t, 2 7 / a tel. e fax 0438.582273 cell. 349.8385371

Giovedì 31 agosto 2010 | 41 Il Quindicinale


gruppo azimut - centro giornale


PB CARNIEL EDOARDO PB CEOTTO FABIO PB DA RE UGO PB DA RE VALERIANO PB FALLERI VINCENZO PB VENIER ANDREA

APOGEO CONSULTING SIM S.p.A. Agenzia di Conegliano (TV) Via Manin, 21 Tel. 0438 / 1785137


CONEGLIANO E CONEGLIANESE

I nuovi servizi di San Pietro di Edilizia a misura di disabile e nuovo impianto fotovoltaico per scuola, con palestra e impianti sportivi S. PIETRO DI FELETTO. Il Consiglio comunale ha approvato la variante al Piano Regolatore che consente interventi edilizi a misura di disabile. La nuova normativa dà la possibilità a un cittadino portatore di handicap o di situazioni di gravità (ai sensi della legge 104/92) o con invalidità civile al 100% (leggi 291/88 e 295/90) di trasferire la propria capacità edificatoria, per un massimo di 450 metri cubi, da una zona di tipo B o C (residenziale) a una zona di tipo E (agricola) purché contigua.

Il Municipio di San Pietro di Feletto

Obiettivo del provvedimento è consentire a chi ha gravi problemi di disabilità di costruirsi un’abitazione che abbia le caratteristiche per garantirgli una mobilità in sicurezza e una vita di

relazione il più possibile autonoma. La richiesta di trasferimento della cubatura dovrà essere motivata e naturalmente rispettare gli indici di edificabilità fondiaria. Dopo il vaglio dell’Uf-

22mila euro per Fontecchio Continua la raccolta fondi per la scuola in Abruzzo

L

L’agriturismo è aperto venerdì e sabato sera e domenica a pranzo

Il Quindicinale 44 | Giovedì 31 agosto 2010

a raccolta fondi promossa dal Comune a beneficio del progetto “da Conegliano una scuola per l’Abruzzo” (che ha visto e vede partecipare associazioni, scuole, cittadini e la Banca Prealpi) per la ricostruzione della scuola materna ed elementare del Comune di Fontecchio, in provincia de L’Aquila, ha raggiunto quota 22.800 euro. In occasione della tradizionale festa degli Auguri, il sindaco Alberto Maniero aveva consegnato i primi 15mila euro al sindaco di Fontecchio, Fiorangelo Benedetti. “Con la festa degli auguri 2010 si concluderà questo progetto che ha visto mobilitarsi tutta la città, associazioni e scuole ma anche privati cittadini - spiega il sindaco, Alberto Maniero - abbiamo creato un ponte di solidarietà, umanità e ami-

cizia che siamo certi andrà ben oltre questa iniziativa. Inoltre, grazie alla generosità e professionalità di un noto professionista cittadino, Conegliano ha fornito anche il progetto della nuova scuola, che è al vaglio dell’Ufficio tecnico del Comune di Fontecchio”. Per nuove e ulteriori donazioni: Banca di Credito Cooperativo delle Prealpi, filiale di Conegliano, in via Manin 29/B, conto corrente intitolato “Conegliano per l’Abruzzo”, IBAN IT51B0890461620009000013238. Per saperne di più potete visitare il rinnovato sito web del comune di Conegliano (vedi articolo a pag 37).


CONEGLIANO E CONEGLIANESE

i Feletto ficio Tecnico comunale, la richiesta dovrà essere portata in Consiglio comunale. Proprio sul coinvolgimento nel processo decisionale dell’organo assembleare, maggioranza e minoranza in Conferenza dei Capigruppo avevano trovato l’accordo per il varo della norma. Nel nuovo testo è presente anche un ulteriore vincolo a tutela del disabile e che mette al riparo da qualsiasi uso strumentale del provvedimento: per dieci anni il titolare dell’immobile re-

Il tetto della scuola di Rua dove sarà posizionato uno dei tre impianti

alizzato secondo la nuova normativa non potrà darlo in locazione o venderlo a persone che non siano portatori di handicap. In arrivo anche il fotovoltaico sulla scuola media, sulla palestra e sugli impianti sportivi di Bagnolo: il Comune risparmierà oltre 14 mila euro l’anno sul costo dell’energia. In 25 anni – che è la durata media di questo tipi di impianti – il risparmio è pari a 350 mila euro, che corrisponde al valore di un’opera pubblica di media portata. È per questa ragione che Consiglio comunale ha approvato all’unanimità la convenzione con il Consorzio. Con il via libera all’accordo, verrà redatto il progetto definitivo/esecutivo dell’opera e si procederà all’installazione, entro la fine dell’anno in corso, di tre impianti fotovoltaici, uno sul tetto della scuola media ed elementare di Rua (potenza pari a 25,300 kW), l’altro sopra la palestra di Rua (potenza di 33,600 kW) e il terzo sugli impianti sportivi di Bagnolo (potenza di 7,480 kW), per una potenza totale prevista di 66,440 kW.

Dante a Conegliano Il viaggio nella lettura (e spiegazione) della Divina Commedia è giunto al Purgatorio

R

iprendono il 16 settembre alla Società Dante Alighieri di Conegliano la spiegazione e il commento del Purgatorio tenuti dal dantista Carmelo Ciccia nella sala comunale delle conferenze (piazzale Fratelli Zoppas, 70/A - Conegliano), nei giorni di giovedì alle ore 17,30. Ecco qui di seguito le date e i numeri dei canti trattati (con tra parentesi i nomi dei rispettivi lettori/dicitori): 16 sett. XIV (Vincenzo Capitanio) 30 sett. XV (Vincenzo Dell’Utri) 14 ott. XVI (Giancarlo Marocco) 21 ott. XVII (Maurizio Mellini) 11 nov. XVIII (Antonio Sartor) 25 nov. XIX (Monica Stella).

Il ciclo autunnale si concluderà il 16 dicembre, sempre alle ore 17.30 nella stessa sala, con la rappresentazione dello spettacolo “Il canto V del Purgatorio di Dante”, eseguita dalla compagnia di S. Lucia di Piave “I guitti dell’antica Fiera”, e col filò natalizio. L’ingresso è sempre libero e gratuito.

Felicità è…

aver laccato quelle orribili porte scure! Stai rinnovando la tua casa, il tuo ufficio o vuoi dare più luce, eleganza e un aspetto moderno al tuo appartamento? Se le tue porte hanno da 0 a 40 anni molto probabilmente possiamo ritirarle, sgrezzarle ed eseguire una laccatura professionale, montare maniglie nuove e cornici più importanti ad un costo decisamente inferiore al nuovo.

Nella nostra mostra permanente potrai vedere come si possono trasformare delle vecchie porte di capitolato e una selezione di porte artigianali nuove di alta qualità e valore estetico.

Lacquers Up

Via Nastego, 1 - Fratte di FregoNa (vicino Arredamenti Marin)

tel. 0438 585230

Giovedì 31 agosto 2010 | 45 Il Quindicinale


freodaczionualse

Un angolo di mondo dedicato al movimento

Le nostre Danze

Svariate discipline per tutte le età Danza Classica Danza Creativa Danza Jazz Danza Contemporanea Breakdance Hip Hop Tango Argentino Salsa cubana Flamenco Danza del Ventre Capoeira Biodanza Longevity Yoga Tai-Chi Aerobica e Step Laboratorio di Euritmia Ginnastica Posturale

Viale Spellanzon, 94 31015 - Conegliano tel. 0438/412373 Via Roma - 31020 Tarzo

Iscrizioni aperte dal

6 SETTEMBRE I corsi iniziano a

metà SETTEMBRE Segreteria aperta dal lunedì al venerdì, dalle 17 alle 20.

Info 0438/412373

C he sia un leggiadro passo sulle punte, una sinuosa Danza del ventre o

una possente Capoeira, la danza come movimento, come equilibrio tra corpo e mente, vive mille esperienze ed espressioni al Centrodanza di Conegliano e Tarzo. L’associazione è nata nel 2003 dall’esperienza e dalla professionalità di Monica Visintin, una vita nella danza prima come ballerina e poi come insegnante: “Ho aperto questa scuola - spiega -, per promuovere e rivalutare l’arte della danza in tutte le sue espressioni. E per dare agli appassionati la possibilità di trovare docenti e programmi di livello anche a Conegliano, un’opportunità che a me è mancata quando ho iniziato”. Centrodanza non è una semplice scuola di danza, è un angolo di mondo dedicato al movimento nel senso più ampio del termine, dove è possibile dedicarsi al rigore e alla magia della Danza classica ma anche all’energia della Breakdance o dell’Hip hop, alla passionalità del Tango, al ritmo del Flamenco o all’armonia della Danza contemporanea. La sede principale di Conegliano è dotata di quattro sale con pavimentazioni differenziate, in arlequine e legno, adatte a tutte le specialità proposte. Ma anche la sede di Tarzo, sebbene più piccola, è dotata di tutti i comfort. Venti discipline diverse, accessibili a tutti: bambini, ragazzi e adulti. Ventitre docenti, tra i quali spiccano i maestri russi di danza classica, Oleg Grachov e Nataliya Kalgashkina, diplomati all’accademia di danza del Teatro Bolshoi di Mosca, vero e proprio fiore all’occhiello del Centrodanza. L’associazione oggi conta oltre 400 soci, di tutte le età. Ballerini che sognano un futuro da professionisti oppure per appassionati che vogliono divertirsi ballando.

Inoltre la scuola offre una vasta gamma di opportunità che comprende anche discipline particolarmente legate al rapporto corpo-mente quali: Yoga, Tai-chi, Biodanza. Dalla scorsa stagione, inoltre, c’è la possibilità di frequentare il corso di Longevity: “Si tratta – spiega Monica Visintin -, di una disciplina di origine orientale, molto recente, sviluppata sul concetto di benessere. Ideata da Howard Lee è un percorso che insegna a rivitalizzare l’energia, avere il controllo su peso e salute e risvegliare la bellezza: un potente sistema antiaging.” La novità di quest’anno è il Laboratorio di Euritmia, ideato da Rudolph Steiner, un’arte di movimento che può servire a ristabilire l’equilibrio e l’armonia della propria mente. La pluriennale esperienza del corpo insegnanti ha permesso al Centrodanza di diventare un valido polo di preparazione sia per concorsi, sia per l’accesso ad importanti accademie di danza. I migliori allievi dei corsi, inoltre, entrano a far parte della Compagnia Blu per partecipare a spettacoli e concorsi in tutta Italia.


CONEGLIANO E CONEGLIANESE

La Fiera, un’azienda speciale Il futuro delle fiere è nell’azienda speciale “Santa Lucia Fiere” SANTA LUCIA DI PIAVE. Estate calda per le storiche fiere di Santa Lucia di Piave: l’antica manifestazione è stata al centro di una svolta epocale nella sua gestione, approvata nell’ultimo Consiglio comunale. Le fiere già dalla prossima edizione saranno gestite con una nuova formula, capace di adeguarne lo sviluppo alle esigenze moderne: l’azienda speciale. Dalla gestione diretta del Comune si passerà quindi a quella esternalizzata. L’azienda speciale così come è stata pensata e costituita rappresenta un’opportunità per dare luogo ad una gestione più flessibile ed imprenditoriale, che prevede comunque un esclusivo e totale controllo dell’attività da parte del Consiglio comunale, che rappresenterà l’assemblea dei soci dell’azienda speciale stessa. In questo modo verranno garantiti il controllo e la riduzione della spesa con la previsione di entrate fisse tra gli 80 e i 100

mila euro, il monitoraggio sul raggiungimento degli obbiettivi e il rispetto dei programmi, la possibilità di incrementare qualità e quantità degli eventi da proporre 365 giorni all’anno grazie anche ad un direttore contrattualizzato in modo flessibile e meritocratico. L’azienda speciale Santa Lucia Fiere

è quindi già realtà, un sistema che si è attivato per garantire al complesso fieristico dei progressi che lo qualifichino maggiormente, anche in vista dell’ulteriore riqualificazione dell’area finanziata dalla Regione Veneto attraverso l’IPA Terre Alte della Marca Trevigiana.

La rievocazione storica durante le Fiere di S.Lucia

Bagnolo di San Pietro di Feletto (TV), via Cervano 85 tel. 0438 21355 - info@perenzin.com - www.perenzin.com

il tuo formaggio a Km 0 provenienza del latte

Az. Agr. San Michele Conegliano

San Vendemiano

Valle del Piave Belluno

Loc.tà Mandre Santa Lucia di Piave

latte di vacca bio

latte di vacca

latte di capra bio

latte di bufala

Giovedì 31 agosto 2010 | 47 Il Quindicinale


CONEGLIANO E CONEGLIANESE

Libri & Comunicazioni Susegana prepara l’ottava edizione di Libri in Cantina SUSEGANA. “Comunicazione/comunicazioni” è il filo conduttore di questa ottava edizione di “Libri in Cantina”, la mostra nazionale della piccola e media editoria che si tiene a ottobre a Susegana, nel medievale castello di San Salvatore. Direttore artistico è Roberto Da Re Giustiniani. “Proponiamo questo tema a Libri in Cantina perché i suoi luoghi sono, secondo noi, il “posto” dell’equilibrio, della ricerca e dei confronti tra Editori, Autori, Lettori – spiega il vicesindaco Vincenza Scarpa - Libri in Cantina è il “posto” della Cultura che non ha paura e che grazie al lavoro di appassionati collaboratori, superando le preoccupazioni e gli umori di una crisi che non è solo economica, si è voluto caparbiamente organizzare”. Nei saloni di Palazzo Odoardo dunque tante piccole case editrici nazionali presentano la loro produzione, originale ed indipendente, promuovono le novità editoriali, definiscono programmi e strategie per continuare ad essere protagoniste del mercato culturale. La mostra si terrà a partire da venerdì pomeriggio con gli eventi collaterali. Sabato 2 otto-

Il Quindicinale 48 | Giovedì 31 agosto 2010

bre alle 10,30 nella chiesa del Carmine si terrà l’inaugurazione ufficiale con l’incontro con la giornalista televisiva Carmen Lasorella. Alle 12 nella sala della Terrazza ecco la presentazione dei libri “Lingua veneta fattore di integrazione” e “Identità, Storia, Valori, Territorio, Politica” con l’intervento dell’assessore regionale all’identità veneta Daniele Stival. Coordina Angelo Squizzato. Alle 15,30 nella chiesa del Carmine “Il coraggio dell’editore”, incontro con Roberto Keller, editore de “Il paese delle prugne verdi” di Herta Muller, vincitrice del Premio Nobel per la letteratura 2009. Alle 16,30 poi ecco “La terra e l’uomo”, incontro sulla figura dello scrittore Dino Coltro a un anno dalla scomparsa con Andrea Zanzotto. Interverranno Stefano Coltro e Marco Girardi. Coordina Umberto Olivier (Cierre Edizioni). Altri incontri si terranno nella biblioteca del castello e nella sala della terrazza. Alle 20,30 alla Cantina Collalto è in scaleetta la serata su “L’editoria libraria in Veneto”. Analisi dello scenario e ipotesi di sviluppo. Presentazione della ricerca a cura della Fondazione Biblion di Milano, con Aulo Chiesa e Simonetta Pelusi. Coordina Maria Teresa De Gregorio, re-

sponsabile Cultura della Regione Veneto. Domenica 3 ottobre gli eventi partiranno alle 10,30. Nel pomeriggio da segnalare alle 15,30 nella Cantina Collalto Silvia Bevilacqua cge presenta il libro di Pier Paolo Cervone “La grande Guerra sul fronte occidentale” (Mursia), alle 16 alla biblioteca del Castello la premiazione del Concorso di Poesia Colfosco”.


CONEGLIANO E CONEGLIANESE

Orfani di supermarket Laura Maso chiude dopo 40 anni la sua attività

Alle 16,30 nella chiesa del Carmine l’appuntamento è con “Comunicazione/ Comunicazioni” con il critico d’arte Philippe Daverio. In programma ci sono altri eventi culturali, come la terza mostra di editoria sulla grande guerra, laboratori per bambini, mostra fotografiche e altro ancora. Salima Barzanti

Orsago Dopo quarant’anni d’attività Laura Maso va in pensione e chiude il supermercato di via Mazzini. Una cessazione di attività, che ha colto di sorpresa gli orsaghesi che, in questi anni, hanno sempre contato su Laura e il suo negozio di alimentari. La signora Maso ha, infatti, iniziato negli anni ’60 con una latteria poi trasformata in piccolo negozio di alimentari in Piazza Unità d’Italia. Negli anni ’80 il passaggio nella struttura di via Mazzini, e la trasformazione del piccolo alimentari in Superconad, ultimamente Crai, nel quale da qualche anno lavoravano anche il marito, e la figlia Eloisa. Una presenza costante che ha fatto di Laura un’istituzione per gli orsaghesi, rappresentando con il suo supermercato, raramente chiuso per ferie, un servizio importante soprattutto negli ultimi anni quando, dopo la chiusura del Crai

gestito dalla famiglia Buttignol, era rimasto l’unico aperto in paese. Gli orsaghesi orfani di supermercato, il più vicino si trova a Cordignano, possono però stare tranquilli, dal prossimo ottobre il negozio sarà riaperto con una nuova gestione. Intanto però le serrande sono abbassate e Laura si gode la meritata pensione. Milvana Citter

VITTORIO VENETO Via Pastore, 54 - VITTORIO 2

Il Superconad, ora Crai, di Orsago

tel 0438 940788 - www.montexport.it

STUFE E CAMINETTI A LEGNA

CON SPAZIO OUTLET

SOLUZIONI

funzionali

moderne

ecologiche

pratiche

Giovedì 31 agosto 2010 | 49 Il Quindicinale


CONEGLIANO E CONEGLIANESE

Nuova caserma. A costo zero Nel 2011 inizieranno i lavori per la nuova sede della caserma dei Carabinieri Godega Sant’Urbano La nuova caserma dei carabinieri sarà realizzata dai privati a costo zero. Il sindaco Alessandro Bonet ha deciso di affidarsi al sistema di “concessione gestione”, previsto dal nuovo codice degli appalti, per realizzare l’opera pubblica, del costo di 1 milione e mezzo di euro, che sorgerà nell’area prospiciente il Palaingresso. Si tratta di una di un particolare tipo di project financing, che consente alle amministrazioni pubbliche di realizzare opere senza gravare sulle casse comunali e soprattutto senza incorrere nei vincoli del patto di stabilità. “Si tratta di un approccio alla realizzazione delle opere pubbliche mai sperimentato prima – spiega Bonet– ma in un periodo di crisi economica, che rischia di bloccare ogni iniziativa sul nascere, voglio fare in modo di utilizzare capitali privati per costruire opere di interesse pubblico, sperando che il mercato, nono-

stante tutto, abbia il coraggio di darci fiducia e capisca che esiste un guadagno anche in questo tipo di progetto”. Progetto esecutivo e spese di realizzo saranno quindi a carico dell’impresa appaltatrice che in cambio riceverà il contributo già concesso dalla Regione di 450 mila euro, i 69 mila euro del canone d’affitto del ministero dell’Interno, mentre il comune verserà 5 mila euro annui nell’ambito di una concessione trentennale. Alla scadere dei 30 anni, il concessionario ha diritto ad un valore di riscatto. Tale valore di riscatto è soggetto a ribasso d’asta: chi offre il valore più basso prende più punti per l’aggiudicazione. La scadenza del bando è fissata al mese di ottobre. I lavori, secondo il cronoprogramma del sindaco, dovrebbero iniziare nei primi mesi del 2011 e concludersi in un anno e mezzo. La struttura, che oltre agli uffici e alle celle di sicurezza prevede sei alloggi per i militari e due appartamenti per il comandante, accoglierà gli 11 carabinieri assegnati dall’Arma. L’area di competenza della compagnia sarà quella dei comuni di Godega, San Fior e Orsago. Milvana Citter

La bretella a Pianzano

Godega di Sant’Urbano . E’ stata inaugurata la Variante alla S. P. n. 41 di Pianzano, meglio nota come la “Bretella di Pianzano”, opera complementare del Sistema A 28, finalizzata a liberare i centri abitati dal traffico autostradale in entrata e in uscita dal casello autostradale. Il tratto inaugurato permette il collegamento tra la Statale 13 e il casello di Levada. Peccato che al momento quest’ultimo sia ancora chiuso. Il completamento dei lavori dell’A28, che a regime sarà a pagamento nel tratto veneto, è previsto per fine 2010.

MARIN LA FALEGNAMERIA ARREDAMENTI è sempre stata sensibile all’eco-sostenibilità e con questa filosofia ha sempre portato avanti e riadattato antiche tecniche artigianali. Nei ns. arredamenti ECO il legno utilizzato è esclusivamente di latiofoglie europee; solo vero legno. Per la finitura vengono usati esclusivamente olii naturali vegetali; vi è la totale assenza di esalazioni tossiche per la mancanza di solventi chimici, resine acriliche, formaldeide ed essicativi al piombo. Con i ns. mobili ECO non si producono danni ambientali neppure nella fase di smaltimento perchè i vari materiali si reintegrano nel ciclo biologico-vitale della natura dalla quale provengono. Con un nostro mobile ECO in casa si può avvertire l’energia del legno, il profumo del bosco tra le pareti di casa.

Via dell’industria, FREGONA - 0438.915024 R.A. www.marinarredamenti.it

Il Quindicinale 50 | Giovedì 31 agosto 2010

Attrezzatissima falegnameria per arredamenti su misura, in stile e moderni


immobiliare san urbano

Immobiliare San Urbano snc tel 0438.388330

San Fior

(tv)

realizzazione di quattro unitĂ  abitative

coordinament

grafica visual desig

studio santi

con finiture di qualitĂ  e soluzioni tecnologiche atte a contenere i consumi energetici.

CLASSE

B

contributo statale fino ad esaurimento DL 40/210


VITTORIO VENETO E VITTORIESE

A cuor leggero Comodamente quest’anno si dedica al tema della leggerezza. A Serravalle dal 3 settembre

Pubblico a una passata edizione di Comodamente

C

omoda_mente nasce come strumento per stimolare la partecipazione in prima persona, invitando la gente a esprimersi, confrontarsi e prendere posizione. L’edizione 2010 del Festival, che è alle porte, è dedicata al tema della leggerezza, leggerezza nell’accezione

Tutto il programma dettagliato di Comodamente lo trovate su OggiTreviso

QR CODE

positiva del termine, quella leggerezza che permette di indagare il mondo con un’energia positiva e di vedere le cose con occhi diversi. Circa 120 ospiti sono attesi nel weekend del 3-4-5 settembre a Vittorio Veneto. Serravalle si riconferma la location anche per l’edizione 2010, «una vetrina straordinaria – sottolinea Claudio Bertorelli, direttore artistico del festival – che domenica 5 settembre “esploderà”: oltre agli appuntamenti del Festival, in accordo con Serravalle Viva, anche un’edizione straordinaria del mercatino che si snoderà lungo l’anello di strade via

Trattoria da Mareva www.trattoriadamareva.it

GIARDINO ESTIVO Via Forlanini, 48

Il Quindicinale 52 | Giovedì 31 agosto 2010

Martiri della Libertà, via dei Battuti, via Pajetta e piazza Flaminio». Comoda_mente è anche un attivatore urbano e ogni anno fa ri-scoprire e ri-vivere angoli dimenticati della città. «Quest’anno – anticipa - apriranno nuove aree dell’Italcementi di Serravalle ma anche, per la prima volta, antichi palazzi privati del centro storico, ad esempio palazzo Faganello, saranno visitabili. E poi ci saranno tre “dependance” del festival: il parco urbano del design, che sarà inaugurato alle 24 di venerdì 3 presso l’Istituto Cesana Malanotti, il Victoria City, che aprirà al pubblico sabato 4 sera con un evento di danza contemporanea dei Kataklò e, sempre sabato, un evento dedicato all’energia e alla musica si svolgerà alla Centrale Enel di Nove». Un’altra novità 2010 è il coinvolgimento nel Festival di numerose attività commerciali in accordo con Ascom: «Attiveremo una nuova sezione del Festival – spiega Bertorelli – “Petali sulla città”, un contenitore di idee per tutti i commercianti. Alcuni bar nel weekend del festival chiuderanno per aprire dentro al festival, altri, come il Ventennale, cambieranno nome». Nel weekend di inizio settembre saranno circa 300 i soggetti, tra ospiti e organizzazione, coinvolti in questa quarta edizione del festival. «Imprescindibile – sottolinea – il ruolo dei volonta-

di Ostinet Lorenza e C. s.n.c.

Specialita' grigliate selvaggina, spiedo e baccala'

Periodo estivo chiuso la domenica e il lunedì sera Ferie dal 28/08/10 al 05/09/10

Vittorio Veneto (di fronte all’Ospedale)

Tel. 0438.550640 Cell. 340.6052621


VITTORIO VENETO E VITTORIESE Claudio Bertorelli

via Savassa, 4 - Vittorio Veneto (TV) tel. e fax 0438/57832

www.falegnameriacarrer.it

cal

d

nte

A VITTORIO VE

via

mo

E DA SETTEMBR SIAMO IN ZONA IALE INDUSNTETOR

San Giacomo di Veglia ra

ve e li

pie

ri, quest’anno 1 su 4 sarà over 40, una tendenza molta significativa evidenziatasi in questi ultimi mesi».

Arredi in legno per spAzi AperTi

via

«Comoda_mente – chiude Bertorelli - è già arrivato alla sua dimensione limite: un festival di questa dimensione dovrebbe avere un budget da 500 mila euro, mentre noi viaggiamo con budget di 60/70 mila euro, budget che per l’edizione 2010 si è dimezzato rispetto al 2009. C’è – non nasconde – un dibattito molto forte in città se mantenere o meno questo festival: per questo noi chiediamo alla città di alzare la sua voce. Vittorio Veneto deve riscoprire il suo ruolo e questo è un esempio concreto di come si possa fare cultura di rete non autoreferenziale». Claudia Borsoi

via

i

ucc

Me

Permasteelisa via

via

Ma

tte

i

M

ci euc

Ristema

falegnameria CARRER

Federica Lotti

Energia leggera con Eco

T

ra gli eventi speciali dell’edizione 2010 di Comoda_mente rientrano gli appuntamenti promossi sabato 4 settembre a partire dalle 17 presso la Centrale Enel di Nove. Filo conduttore la leggerezza: dopo una tavola rotonda sul tema dell’energia leggera, alle 19 sarà la musica a parlare di leggerezza. “Energia leggera con eco” è la performance per flauto e Live Electronics con Federica Lotti al flauto e Alvise Vidolin alla regia del suono. Tra le esecuzioni il brano, in prima assoluta, di Filippo Perocco che si avvarrà di una nuova tecnologia, la “motion capture” che sfrutta alcuni movimenti dell’esecutore per produrre una particolare elaborazione del suono. Dalle 21,15 dimostrazione di nuove tecnologie legate al suono e alla musica da parte di studenti e docenti del SaMPL dell’Università di Padova. C.B.

Con la finanziaria puoi usufruire delle detrazioni fiscali del 55% se sostituisci le vecchie finestre con altre certificate. Approfittane subito.

Giovedì 31 agosto 2010 | 53 Il Quindicinale


VITTORIO VENETO E VITTORIESE

Gli scatti (mitici) di Renato Il grande fotografo trevigiano Vettorato firma un libro di ritratti. Saporiti

N

A destra: Renato Vettorato con Oliviero Toscani

on chiedetegli di farvi vedere la “sua” foto. Quella che tiene nel portafogli. Quella che lo ritrae con un pisello (leggi: membro virile) di dimensioni selvagge attorcigliato attorno al corpo come un boa. Non chiedetegli di farvela vedere perché lo farà comunque. Di sua sponte. Appena sarà entrato in familiarità con voi, cioè dopo cinque minuti dal primo incontro. Se Renato Vettorato, oltre a quello manifesto - della fotografia, possiede un altro talento è quello della simpatia, della giocosità. Della spontanea capacità di entrare in sintonia con gli altri e di farli divertire nel modo più autentico; anzi nell’unico modo vero: quello che sfocia in una risata-estuario. Grazie all’ironia, all’arguzia e alla passione per l’immagine, Renato Vettorato da una decina d’anni è diventato uno dei fotografi più prestigiosi

Qui sopra: la copertina del libro di Vettorato Qui a fianco: uno dei ritratti del libro A destra: Renato Vettorato

Il Quindicinale 54 | Giovedì 31 agosto 2010

nel settore dello still life tra i fornelli. La sua collaborazione con la rivista di gastronomia mitteleuropea Papageno l’ha portato a ritrarre, con i suoi obiettivi Canon, volti e segni particolari dei più noti chef e ristoranti del Triveneto. E ora, la sua collezione di personaggi legati al mondo dell’arte culinaria è finita in un libro edito da Bacco Arianna che porta il titolo di Scatti di Saperi e Sapori e che è distribuito dalla casa editrice che firma anche Papageno. Nel volume, la galleria di protagonisti è presentata con ironia, leggerezza ma anche con un’intuizione artista e tecnica di indubbia valenza. La stessa che connota l’approccio all’immagine di questo artista di origine vittoriese, che ha vissuto a Milano per 19 anni e che è approdato alla fotografia dopo una breve ma intensa esperienza nel cinema. “Uno dei vantaggi della fotografia – sostiene Renato Vettorato – è che ti permette di non trascurare le altre tue passioni: tutto può essere fotografato, documentato, salvato dal tempo”. Le altre passioni di Renato (quelle “salvate” dalla fotografia ma anche dalla

sua autentica adesione alle cose) sono il tennis, l’enogastronomia, i viaggi e Gianna, cioè Gianna Seghizzi, la moglie, la compagna di vita, di lavoro e di sorrisi di Renato. Quella che la foto col pisello attorcigliato come un boa l’ha vista almeno mille volte. Emanuela Da Ros


VITTORIO VENETO E VITTORIESE

le persiane di casa tua!

“Fare l’arbitro ti insegna l’umiltà” D’Orazio promosso in A1. Anche grazie alla sua timidezza

S

abato 28 e domenica 29 agosto Enrico D’Orazio era al lavoro per il suo secondo lavoro. Lo attendevano a Roma, infatti, per il raduno degli arbitri di pallacanestro della sua categoria. Quella nuova. Perché il trentatreenne vittoriese D’Orazio è stato promosso: dal prossimo campionato arbitrerà n serie A1 femminile oppure in serie A dilettanti, il terzo livello del basket maschile in Italia. D’Orazio sale di livello perché l’hanno giudicato tra i migliori nella scorsa stagione arbitrata in B dilettanti e A2 femminile. Prosegue così la sua ascesa, iniziata da miniarbitro nel 1992,e che ha prima affiancato e poi superato l’esperienza da giocatore di basket, nel Vittorio Veneto e non solo. Arbitrare? Ma chi te lo fa fare? “Solo una cosa: la passione per il basket. - risponde D’Orazio -. Grazie al basket poi ho visitato tutta l’Italia, ma soprattutto ho amici in tutta Italia”. Ma di tessere in tasca D’Orazio ne ha

due: oltre a quella n 24985 dell’Associazione Italiana Arbitri Pallacanestro ha anche quella dell’ordine degli avvocati, come conferma la targa fuori dal suo studio in Galleria Cavallino in centro a Vittorio Veneto. Ma come si legano la professione e l’hobby? Cosa danno l’uno all’altro? “Essere avvocato mi aiuta tantissimo su un campo di pallacanestro per il controllo delle emozioni: rifletti prima di agire o parlare! Ad esempio, mai rispondere male ad un giocatore che ti insulta. Fare l’arbitro ti insegna ad essere umile, ma ti toglie la timidezza: direi due qualità essenziali per un avvocato”. T.B.

LACOPLAST.IT È UNA GRANDE AZIENDA CERTIFICATA

Giovedì 31 agosto 2010 | 55 Il Quindicinale


VITTORIO VENETO E VITTORIESE

Un bilancio senza pace

Adriana Costantini e Antonio Costa

Presentato ricorso al capo dello Stato per i fatti dello scorso aprile

È

stato depositato presso il Comune di Vittorio Veneto il Ricorso Straordinario al Presidente della Repubblica contro la delibera n. 13 del 28 aprile 2010. Giuseppe Costa (PD e lista Costa Sindaco) e Adriana Costantini (Sinistra Vittoriese), già candidati alla carica di Sindaco nelle scorse elezioni amministrative, hanno deciso di presentare ricorso al Presidente della Repubblica chiedendo l’ annullamento della delibera che ha approvato il Bilancio di previsione 2010. Il tutto in rappresentanza delle opposizioni che nella seduta del 28 aprile avevano abbandonato l’aula al momento della discussione del bilancio. In quell’occasione era emersa la presenza di una serie di irregolarità, dall’assenza del rappresentante del Collegio Revisori alla consegna di due diverse copie del Bilancio ai soli Consiglieri Comunali di opposizione. I Consiglieri di opposizione avevano, quindi, chiesto il rinvio della seduta al fine di chiarire quale fosse la versione “corretta” del

PER TUTTO IL MESE DI SETTEMBRE BUONO SCONTO DEL SU TRATTAMENTI VISO E CORPO

Bilancio e per permettere la partecipazione di almeno un rappresentante dei Revisori, come previsto dallo Statuto del nostro Comune e dal Regolamento di Contabilità. Alla risposta negativa da parte della maggioranza, in segno di protesta, i Consiglieri avevano abbandonato l’aula. Ora sarà la più alta carica dello Stato, da sempre garanzia di imparzialità e rispetto delle regole, a decidere su questa vicenda. Certo è, ad oggi, un dato: come già in molteplici altre occasioni l’Amministrazione leghista non ha brillato certo per trasparenza e lealtà nei comportamenti, facendo carta straccia delle norme che tutelano i diritti delle minoranze e, quindi, dei Cittadini tutti. E.E.

NOVITA':

15%

da settembre trucco semipermanente correttivo Make-Up Artist

Matteo Perazzi

tel. 0438.551929 cell. 339.8683306 - via L. da Vinci, 39 (complesso Euro 2002) - Vittorio Veneto Il Quindicinale 56 | Giovedì 31 agosto 2010


REGALI DELLA

VITTORIO VENETO E VITTORIESE

Se il chirurgo opera il crocifisso Il dott. Lollo e la sua equipe col bisturi nell’ambulatorio ...di restauro

I

l dott. Giampietro Lollo,  Primario del reparto di gastroenterologia ed endoscopia della ULSS 7, assistito dalla Caposala Loredana Bellotto e dall’ Infermiere professionale Silvano Padovan, presente il cardiologo dott. Gianantonio Dei Tos, sono stati gli artefici di un intervento di endoscopia eccezionale sia per il luogo sia per il paziente. Il luogo: il laboratorio si restauro LARECO di cui è titolare la specialista Paola De Santis presso le ex Filande di San Giacomo di Veglia. Il paziente: il grande – metri 2,04 per 3,05 – crocefisso ligneo della parrocchiale di S.Andrea di Vittorio Veneto che il Lions Club cittadino ha preso l’iniziativa di restaurare. Si tratta di una scultura trecentesca a tutto tondo dalle influenze nordiche che si è rivelata all’esame ravvicinato di straordinario fascino, resa preziosa dalla relativa rarità quale sopravvissuta ai mutamenti delle esigenze devozionali

e del gusto dei tempi che spesso hanno decretato la distruzione di analoghe opere. La sua bellezza e l’evidente opportunità di calibrare al meglio l’intervento di restauro hanno indotto la stessa Diocesi a farsi carico dell’onere delle operazioni di diagnosi. L’esplorazione endoscopica è avvenuta attraverso “l’accesso orale” vale a dire la bocca semiaperta a sottolineare la sofferenza nell’agonia del crocefisso e attraverso “la ferita toracica”. Sono stati evidenziati il modo di inserzione delle braccia nel tronco e tre traversine di rinforzo nell’area inferiore. La puntuale analisi tecnica della documentazione acquisita potrà dare anche indicazioni ai fini della più corretta collocazione della preziosa testimonianza nell’ambito dell’arte sacra. L’esame segue l’analisi radiologica stratigrafica effettuata per verificare i numerosi interventi manutentivi succedutisi nei secoli. L’intervento, della durata di 40 minuti, è stato reso possibile dalla sensibilità della Direzione Generale dell’ULSS 7 che l’ha autorizzato e dall’entusiasmo del personale tutto che vi ha partecipato volontariamente in tempi liberi dagli orari di servizio. Gabriele Carniel

di Moretti Federica

NUOVA GESTIONE Giocattoli Cartoleria Profumeria Merceria Hobbistica Concessione delle fate “les Alpes”

NOVITA SCUOLA

2010 ZAINO ZAINO ZAINO

7SEVEN BEN10 BAKUGAN

tutto il necessario per LA SCUOLA

DA NOI TROVI ANCHE I BUONI MENSA ! APERTO TUTTI I GIORNI CHIUSO SOLO LA DOMENICA Via G.Matteotti 143, Vittorio Veneto tel 0438.553955

Giovedì 31 agosto 2010 | 57 Il Quindicinale


VITTORIO VENETO E VITTORIESE

Zanzotto: Parco Papadopoli “Luogo del cuore” Il poeta pievigino scende in campo per salvare dalla vendita il parco cenedese A destra: Andrea Zanzotto

CONCORSO FOTOGRAFICO

RACCONTA LA TUA VERITÁ

S

upera quota 2.500 cartoline la sottoscrizione di Parco Papadopoli quale “Luogo del cuore” della campagna promossa dal FAI, a cui si aggiungono le 162 sottoscrizioni online e i 1.605 fans della pagina di Facebook “Salviamo il Parco Papadopoli”. A “scendere in campo” per salvare il parco Papadopoli dalla vendita (si tratta infatti, insieme alla villa, di uno dei beni che saranno alienati dall’amministrazione comunale) c’è ora anche il noto poeta pievigino Andrea Zanzotto. Dopo aver appoggiato anni fa la causa in favore della salvaguardia del Brolo di San Giacomo, Zanzotto, ex insegnante al liceo Flaminio, affronta ora una nuova battaglia: la salvaguardia del Parco cenedese.

«Il poeta pievigino, che è stato anche insegnante presso il Liceo Flaminio della nostra città - fa sapere l’associazione Parco Papadopoli presieduta dal professor Giovanni Tonon - ha aderito con l’entusiasmo che ha sempre riposto nelle azioni di salvaguardia del bello e della natura, tanto da meritarsi l’appellativo di “figura morale di riferimento” del movimento “Paesaggi veneti sos”». La figura di Zanzotto, sottolinea l’associazione, è da tempo divenuta fonte primaria d’ispirazione per i comitati che si impegnano, in Veneto come in tutta Italia, per la difesa della natura. Oltre a Zanzotto anche Francesco Scarpis, presidente di Italia Nostra Conegliano - Vittorio Veneto, associazione che si è già schierata per altre emergenze ambientali, ha votato Parco Papadopoli luogo del cuore. «Superate le 2500 cartoline raccolte chiude l’associazione - l’adesione di

così importanti personalità non può che stimolare ancor di più l’impegno di tutti». Numerosi sono i commenti lasciati sulla pagina dedicata al Parco Padopoli nel sito de I luoghi del cuore. «Il parco deve rimanere di tutti. Lì tanti ricordi, di bambina e di ragazzina, che voglio continuare a ritrovare, così come di certo tanti vittoriesi...» scrive ad esempio Mara.

Le donne secondo le donne

Corso di acquerello

Tra libri e tazze di the

C

I

A

’è tempo fino al 20 settembre per partecipare al concorso fotografico “Le donne viste dalle donne”, organizzato dall’associazione Dorothy. Il tema è la donna “oggi”, fuori dalla cornice dei mass media. Manco a dirlo.. possono partecipare solo le donne. Per informazioni: associazione. dorothy@gmail.com, oppure associazionedorothy.blogspot.com

l 17 settembre parte il Corso di Acquerello a Villa Croze sulla scia del successo della precedente edizione. Il corso, articolato in dieci lezioni serali(dalle 20.00 alle 22.00) sarà tenuto nei locali della Villa Croze da Piera Cuder, assistita dall’acquerellista Laura Vergine sua ex allieva. Per iscrizioni:laura.vergine@libero.it -Info:wwwlauravergine.com

ppuntamento alla biblioteca di San Giacomo per parlare di ...libri: il 14 settembre alle 20.30 si parlerà di Tre tazze di the di Greg Mortenson e Davi Oliver Relin. A seguire presentazione dei progetti di sviluppo legati alla produzione del the e degustazione a cura di Altromercato - Bottega del Mondo. Info: 0438 500480, bibliotecasgv@yahoo.it

tappezzeria

Zanchettin Giuseppe Preventivi e sopralluoghi gratuiti

Arredamenti interni Tende da interno Riparazione divani e poltrone

P.zza San Michele, 7 - Vittorio Veneto - Tel e fax 0438.57293

Il Quindicinale 58 | Giovedì 31 agosto 2010


comune colle umberto

11°

Festival internazionale del teatro di Figura O m ag g i O a Fau s tO B r ag a

9-10-11-12 settembre 2010 San Martino di Colle UMberto - tV associazione il Piccolo Principe

associazione istadea

t t i n a i r u e B rione ‘ METAMORFISMO 10

regione Veneto

Provincia di treviso

Comune di Colle umberto

tte

Grafiche De Bastiani - Godega s.U. - tV

a M

in collaborazione con la Pro-loco e l’associazionismo locale

www.comune.colle-umberto.tv.it


VITTORIO VENETO E VITTORIESE

TENDAGGI e CREAZIONI

Una sfinge a Vittorio Veneto

ex EDILMOQUET

tutto su misura Un insolito gemellaggio sportivo a suon di racchette

L

SIAMO LIETI D ANNUNCIAREI

L’INAUGURAZION E Sabato 18 Sett embre ORE 17.00

a Sfinge a Vittorio Veneto? Potrà sembrare strano, ma esiste! Dieci anni fa un gruppo di amici con la passione del tennis crearono questo sodalizio presso lo Sporting Club di San Giacomo. Tra una partita e l’altra nacque l’idea di un gemellaggio e, non contenti degli italici confini, tramite un amico gelatiere, trovarono sponda tennistica in quel di Dinslaken, città della Westfalia in Germania. E così anno dopo anno tra la Sfinge ed il Rot

Weiss Dinslaken, a Pentecoste, si incrociano le racchette in avvincenti partite di tennis. Guidati dal presidente fondatore Gianni “Cheope” Guglielmi e capitanati dall’icona del tennis vittoriese, il 74enne Tarcisio Toffolon (che sia lui la Sfinge?), quest’anno hanno reso visita agli amici tedeschi, perché dopo otto anni tali sono diventati, ed hanno riequilibrato il punteggio sul quattro pari. Come e quando finirà la tennistica ? Se è vero che la Sginge di Giza esiste da 4000 anni… Quel che è certo, intanto, è che il nome di Vittorio Veneto è ben noto e vivo a Dinslaken, e che la Sfinge è orgogliosa di aver fatto conoscere luoghi, paesaggi, arte e tradizioni della nostra terra.

Il River Pub campione regionale di freccette

Invito

olo!

e non s i t n e li c i a o estes

Via Nazionale, 44 GODEGA di S.U. tel. e fax 0438.39886 presso il Blu Medical www.tendaggiecreazioni.it Il Quindicinale 60 | Giovedì 31 agosto 2010

Obiettivi raggiunti per il RIVER PUB di San Giacomo di Veglia , infatti il club di freccette elettroniche ha “centrato” il primo posto alle provinciali nella massima categoria (serie A) sia a squadre, River Magic Team, che nei singolari, con Vittorino Dal Cin. Primeggiando in provincia, si sono poi incontrati con le migliori squadre Venete ad Adria, aggiudicandosi il titolo di Campioni Regionali a squadre e, con Vittorino , anche individuali. Prossimamente, ad ottobre, il Club iscriverà ben 5 squadre ( 2 in serie A e 3 in serie C) al campionato Italiano. Nella fotografia: da sx Giorgio Maiutto (vice), Mirko Della Giustina (bocia), Vittorino Dal Cin (vito) , Daniele Casagrande ( killer) , Ivan Marin.


VITTORIO VENETO E VITTORIESE Corte, Maestro del Lavoro

D

anilo Corte è stato insignito della “Stella al Merito del lavoro”. Ora in pensione, Corte è stato per quarant’anni dipendente dell’Electrolux di Susegana, dove si era distinto oltre che per la sua professionalità (aveva ricevuto nel 2000 la medaglia e il diploma di fedeltà e progresso al lavoro) anche per la passione e competenza che lo spingeva a suggerire nuove soluzioni e proposte al fine di migliorare l’efficienza e la sicurezza in fabbrica.

La Vignarosa trionfa a Spert

La squadra di Calcio a otto di Colle Umberto ha vinto il prestigioso torneo COLLE UMBERTO. Colle Umberto protagonista al torneo di Spert d’Alpago. Dopo anni di assenza l’ambito trofeo torna a Colle Umberto grazie a Vignarosa, la squadra guidata da Franco Dall’Anese e Alessandro Fadelli. Ma non finisce qui: terza classificata un’altra

squadra di Colle Umberto, la Punto X. “Abbiamo lavorato tanto per raggiungere questo obiettivo”, afferma il responsabile Alessandro Fadelli. “E Siamo doppiamente contenti proprio perchè è il primo anno che partecipiamo a quest’ambito e prestigioso torneo”, chiosa l’allenatore Dall’Anese. Che ringrazia il presidente OresteScotton e la sua azienda per aver creduto fino in fondo nella squadra. Appuntamento al prossimo anno, con il titolo da difendere... con i denti.

La squadra Vignarosa, trionfatrice al torneo di Spert. Questi i giocatori: Piovesan Mauro, Del Grosso Davide, Armellin Lorenzo, Dall’Anese Marco, Belloto Marco, Furlanetto Federico, Armellin Daniele, Gava Lucio (Cap), Moretto Enrico, Gava Stefano, Silboni Chicco Alessandro, Martorel Loris

PIANEGONDA PIANEGONDA

balliana gioielli - Viale della Vittoria, 219 - Vittorio Veneto - tel. 0438.53897

Giovedì 31 agosto 2010 | 61 Il Quindicinale


VITTORIO VENETO E VITTORIESE

Spinadin argento mondiale

Gli atleti della Nottoli nuoto che hanno partecipato ai Mondiali Master di Goteborg Al centro con la medagli al collo Fabio Spinadin

Ai Mondiali Master di Nuoto anche 6 vittoriesi

M

edaglia d’argento per il vittoriese Fabio Spinadin ai recenti Mondiali Master di Nuoto svoltisi in Svezia, a Goteborg, dal 31 luglio al 5 agosto 2010. L’atleta della Nottoli Nuoto, che nel 2005 vinse l’oro nei 100 rana agli Europei Master di Stoccolma, si è infatti guadagnato il secondo posto nei 50 metri rana per la categoria M40m con il tempo di 30’’84 , avendo la meglio, in questa specialità, su circa

Ricorrenze GIANNI DE MARTIN n. 9.3.1984 SIMONE SOLDERA n. 8.2.1984 m. 5.9.2002 I ricordi vanno oltre la vita, fluttuano liberi in uno spazio infinito e diventano sogni. A voi che continuate ad essere nei nostri sogni, un abbraccio amorevole. I vostri familiari RODOLFO PICCIN 26. 8. 2009 - 26. 8. 2010 E’ già trascorso un anno ma ogni giorno vivi nei nostri cuori. Ci manchi tanto Luciano, Cinzia e famiglia

Il Quindicinale 62 | Giovedì 31 agosto 2010

180 atleti provenienti da tutto il mondo. «Si tratta questa – spiega Fabio Spinadin, che per ottenere questo ottimo piazzamento ha intensificato i suoi allenamenti settimanali – di un’attività comunque agonistica. Chi partecipa a queste gare ha in giovane età praticato il nuoto a livello agonistico: tra i partecipanti a Goteborg anche ex campioni olimpici, in tutto circa 7500 atleti provenienti da 150 paesi». Con Spinadin, altri 5 atleti della Nottoli Nuoto hanno gareggiato ai mondiali: Gianpaolo Gava, Valentina Pizzini, Sergio Bressan, Alessandro Tomasella e Luca Silvi. Claudia Borsoi

La lotteria dell’assunta Ecco i biglietti vincitori della lotteria dell'Assunta, in ordine di premio: 1 - 1966 - bicicletta 2 - 2591 - tavolino 3 - 4525 - lampadario 4 - 4814 - servizio the 5 - 4336 - borsa bracciolini 6 - 1603 - trattamento corpo donna 7 - 2118 - linea solare 8 - 2209 - trapuntino 9 - 3837 - rete a doghe singole 10 - 3022 - orologio uomo Vaghart 11 - 3963 - giacca Tucano Urbano 12 - 3899 - orologio donna Report 13 - 1924 - portagioie in marmo 14 - 1241 - composizione floreale 15- 3652 - vaso da fiori rosa 16 - 2083 - telo arredo 100% cotone 17 - 4630 - girocollo in acciaio 18 - 2248 - collana Morellato 19 - 4119 - collana Morellato 20 - 1959 - bracciale Morellato argento Termine ultimo per il ritiro dei premi è il 15 settembre, presso gli uffici del parroco, il lunedì, mercoledì e venerdì. dalle 9.30 alle 11.00.

Ormet e Imai: è fusione Cambi (e tagli) nell’organigramma aziendale di Colle Umberto COLLE UMBERTO. Non 25 posti di lavoro persi, ma 15. E’ stato meno doloroso di quanto inizialmente previsto l’impatto della crisi e del piano di ristrutturazione aziendale sui lavoratori di Ormet e Imai, l’una a San Martino e l’altra a Colle Umberto, due aziende parte dello stesso gruppo, specializzato in allestimento e manutenzione di gru ed altri apparecchi per spostare merci o persone. Anzi: ormai Ormet e Imai sono un’azienda soala, con sede a Colle Umberto in zona industriale. Una delle decisioni prese dal gruppo per cercare di riprendere quota è stata proprio quella della fusione. E con due persone per lo stesso ruolo in una sola azienda, ecco gli esuberi. Venticinque posti di lavoro in meno, aveva annunciato l’amministratore delegato del gruppo Ormet Gabriele Gallio, a maggio. Due mesi di trattativa con il sindacato (solo la Cisl è rappresentata in azienda), assemblee dei

lavoratori, un piccolo sciopero di 2 ore a massiccia partecipazione dei dipendenti... ed ecco il 15 luglio l’accordo firmato presso e con la Provincia di Treviso che riduce il problema. I posti di lavoro in meno sono 15, 10 impiegati e 5 operai. Per gli operai, ci spiegava Alessio Lovisotto della Cisl, si tratta semplicemente di non sostituirne 5 che vanno in pensione. Per gli impiegati, non licenziamento ma incentivi: se accetti di dimetterti ti paghiamo. Circa quattro stipendi e mezzo. E’ previsto che dieci volontari saltino fuori. Se così non sarà, azienda e sindacati si reincontreranno a inizio 2011 per vedere il da farsi. Oltre a questi posti di lavoro persi, ci sono i lavoratori che, già da luglio, sono in cassa integrazione. Il massimo di cassaintegrati previsto – cioè la richiesta fatta al Ministero del lavoro- è di 35 persone. Ma si prevede che siano di meno a ricevere stipendio ridotto e ad essere costretti a rimanere temporaneamente a casa. Anche perché prima delle ferie il mercato di Ormet-Imai dava segni di miglioramento, e quindi di necessità di lavoro. T.B.


grafica: Pietrogrande & partners - PD

60

60

Liberi di scegliere il periodo, l’orario e l’attività che preferisci, ad un costo di

60 euro mensili 60

tutti i servizi fitness ti vegono

regalati

poi non perdere la grandiosa novità da settembre Bobadilla

amplia la zona SPA e THERMARIUM con grandi vantaggi per tutti

Bobadilla Club s.r.l. - Via del Gelsolino, 43 - 31029 Vittorio Veneto (TV) - Tel. 0438.555455 - www.bobadillaclub.it


VITTORIO VENETO E VITTORIESE Ricorrenze AGNESE RIGON DALTO 10. 8. 2007 - 10. 8. 2010

CC: le origini vittoriesi

Noi che abbiamo avuto il privilegio di conoscere Agnese, le sue qualità e la sua forza, proprio per il rispetto che le dobbiamo, cercheremo di fare in modello del suo ricordo. Marito e figlie TULLIO DICOLLI n. 6. 9. 1921 - m. 31. 8. 2007 L’amore che hai sempre avuto per noi è la porta che ci mette in comunicazione con te. Irma, Maria Rosa, Maria Angela Giovanbattista Filippone, al centro nella fotografia

LINA DA RODDA n. 26. 11. 1913 - m. 2. 9. 2009 Ti abbiamo nel cuore. Figli, generi, nuore e nipoti tutti.

ANTONIO CASAGRANDE “Lino” n. 23. 19. 1930 - m. 10. 9. 2008 Sono trascorsi due anni dalla tua scomparsa ma sei sempre nei nostri cuori. Tua moglie Ioles, i figli Emanuela, Mario e Fabio, il fratello Giuseppe e le sorelle Lucia e Ester, il genero Angelo e le nuore Anna e Luciana. Una S.Messa di suffragio verrà celebrata il 12 settembre alle 9.00 nella chiesa di Fadalto

Nuova luce sulla nascita della Società ex-Carabinieri Reali di Vittorio Veneto

G

iovambattista Filippone, presidente dell’Associaizone Nazionale Carabinieri per la sezione di Vittorio Veneto, ha svolto una ricerca storica molto accurata grazie alla quale è possibile affermare che la data di nascita della Società ex carabinieri reali di Vittorio Veneto è nata il 15 aprile 1919. Al tempo, appunto, si era ancora in regime monarchico, e fra I soci fondatori figurò il Maresciallo Paolo Filosofo, nato il 4 agosto 1867 ad Arsiero (VI) e deceduto nella nostra cittadina nel 1940. Ecco, per gli interessati, un pò di cronologia: il 24 febbraio 1922 è stata ritrovata una lettera della Regia Prefettura di Treviso, diretta dal Commissario Prefettizio di Vittorio Veneto, che

San Marco

AGENZIA ONORANZE FUNEBRI

SAN MARCO SAS

Impresa onoranze funebri di Gian Antonio Braido & C. Vittorio Veneto - Via Forlanini 46 (Fronte Ospedale)

Servizi completi -Cremazioni - Fiori - Stampa epigrafi Esposizione lapidi in marmi e graniti in pronta consegna Sviluppo foto - Coperture loculi - Accessori in bronzo Fotoceramiche - Lettere incise

Recapiti: ufficio 0438.552888 Il Quindicinale 64 | Giovedì 31 agosto 2010

chiede pareri sulla serietà e funzionalità del sodalizio che aveva offerto a sua Maestà con la società vittoriese; il 3 marzo 1922 una lettera testa che il Presidente del Sodalizio era il Sig. Achille Costacurta; il 6 aprile 1923 figura una lettera della Regia Prefettura di Treviso, diretta al Municipio di Vittorio Veneto, con cui viene rigettata la richiesta della Presidenza onoraria al Re, non ritenendola di eccezionale importanza per il numero dei componenti e per I fini sociali; il 9 aprile 1923 è stata pervenuta una lettera del Sindaco di Vittorio Veneto diretta al Prefetto di Treviso, con cui assicura di aver dato notizia delle decisioni assunte dal Ministero della Real Casa, al Presidente dell’Associazione ex Carabinieri Reali di Vittorio Veneto; il 12 aprile 1923 venen inviata una lettera d’invito del Presidente Costacurta diretta al Sindaco di Vittorio Veneto per un conviviale offerto dall’Associazione. D.B.

abitazione 0438.940800

- 348.3590354 - 333.2986826


VITTORIO VENETO - Via dei Cimbri - Tel 0438.57074


VITTORIO VENETO E VITTORIESE Il Caglieron diventerà un Parco? Serramenti in Legno

Dal Vecchio Serramenti via Sabotino, 30 - Vittorio Veneto tel. 0438/500105 - fax 0438 509035 email: dalvecchio.serr@libero.it

I finanziamenti ci sono. I lunghi tempi di attesa anche

Usufruisci delle detrazioni fiscali del 55% per interventi per il risparmio energetico www.dalvecchioserramenti.it

Il Quindicinale 66 | Giovedì 31 agosto 2010

FREGONA. Perché il milione e 300 mila euro stanziati dall’Unione Europea attraverso l’Ipa per il progetto del “Parco delle grotte del Caglieron” diventi davvero Parco ci vorrà ancora tempo. Parecchio. Il finanziamento è stato annunciato a gennaio 2009, ma l’estate 2010 vede Fregona – che contribuisce con 300 mila euro – ancora nel mezzo del cammino del processo burocratico. Che non s’è ancora tramutato in selva oscura, però.. “anche l’uomo più duro, come me, viene smontato dalla burocrazia”, sbotta al telefono il sindaco Giacomo De Luca. A fine luglio l’iter era giunto alle pubblicazioni relativi agli espropri: circa 40, dice il sindaco, le persone coinvolte. Nel frattempo comunque, secondo il primo cittadino, gli afflussi alle fresche Grotte non mancano, anche se non sono ancora Parco. “Le visite sono raddoppiate negli ultimi due anni”, afferma. Anche se mancano misurazioni precise, dato che non ci sono custodi all’ingresso né biglietti da staccare. A giugno sono stati organizzati due concerti in grotta che hanno rinverdito i fasti del palcoscenico Caglieron: un piccolo palco, del resto, è già allestito lungo il sentiero di ingresso,e già dieci anni fa il Collettivo di Ricerca Teatrale mise in

scena sotto le volte un bell’”Inferno” con versi da Dante. Il progetto del Parco, a cura dell’architetto Ezio Padovan, prevede l’apertura di una grotta finora inaccessibile, situata più in alto in via Grotte angolo via Sotto Castel, da adibire a centro visitatore; il recupero della “casa dello scalpellino” da trasformare in museo dell’estrazione della pietra che si praticava nelle Grotte (che agli scalpellini debbono parte delle loro forme), più ampi parcheggi in via Ronzon e nel centro di Piai, nuove passerelle dentro le Grotte ed anche la sistemazione della cavità che si incontra scendendo sulla sinistra e che attualmente è murata da una porta blu. Qui tra 2008 e 2009 si sono condotti, in collaborazione con il Comune di Fregina esperimenti di stagionatura di insaccati, a cura della Bisol, e di formaggio,a cura di Agricansiglio. Questi ultimi, confermano sia De Luca che Romolo Salvador di Agricansiglio, hanno dato risultati (cioè formaggi!) molto buoni. Ma perché non s’è proseguito dopo il 2009? Perché, spiega Salvador, s’aspetta che il progetto Parco finanzi e sistemi la grotta dei formaggi. “Quando sarà pronta ci sarà l’appalto per darla in gestione – spiega Salvador – e speriamo di vincerlo noi di Agricansiglio. In ogni caso serviranno poi altre sperimentazioni. Certo, mi aspettavo tempi più veloci per la realizzazione, ma con il pubblico va sempre così. E non è colpa del Comune di Fregona”. T.B.


VITTORIO VENETO E VITTORIESE

Novità sulla salita al Pizzoc Panoramica notturna dal Monte Pizzoc

abbigliamento moda bimbo 0-14

Il comune asfalta parte della strada FREGONA. Alcune centinaia di metri di asfalto nuovo all’inizio della strada che dalla Crosetta sale verso il Pizzoc. Costo dichiarato per il Comune: 200 mila euro. E’ questo il primo effetto visibile dell’acquisto di 70 ettari in cima al Pizzoc che il Comune di Fregona ha completato 18 mesi fa. Da allora, una volta superate le polemiche sul finanziamento per l’acquisto della Provincia di Treviso prima annunciato e poi dimezzato, ci si è concentrati sull’attesa per i progetti, per i lavori: ripulire, sistemare la strada, sistemare il rifugio... Tutto per rendere più accogliente e accessibile il Pizzoc. Però, ha più volte promesso il sindaco di Fregona Giacomo De Luca, senza cementificare, senza cedere alla tentazione commerciale (immagina al posto del Rifugio un ristorante di lusso con super panorama annesso...). Lo spazio di tempo tra progetti e azio-

ni s’è rivelato lunghetto. Ma già chi salirà sul Pizzoc domenica 29 agosto per l’annuale Festa della Pace potrebbe trovare qualche novità ulteriore. “Per allora forse qualche lavoro sarà stato fatto”, ci diceva De Luca a fine luglio. “Ci sono due progetti,e uno è già arrivato all’esecutivo”. Cioè il passo prima dell’appalto e del cantiere. Si tratta di sistemare, spiega il sindaco, un totale di un chilometro e mezzo di strada, abbattere alcuni ruderi, sistemare parcheggio e “piazza della Pace” sulla vetta. La Regione con la Finanziaria 2010 ha stanziato 400 mila euro per questo. Ma certo non bastano. “L’accesso al Pizzoc non serve mica solo al Comune di Fregona, ma è anche nell’interesse della Provincia e di Veneto Agricoltura. Finora ho bussato (in cerca di contributi) ma ho avuto solo risposta negativa. Ma troveremo qualcuno (che contribuisca). Li smuoveremo. E’ una scommessa che vincerò”. T.B.

NUOVI ARRIVI ! O N N U T U A ’ L R PE

II Historic Moto Road 2010

P

er tutti gli appassionati di moto d’epoca domenica 5 Settembre torna a Vittorio Veneto in piazza del Popolo il 2°HISTORIC MOTO ROAD, raduno di moto d’epoca che ha già visto il suo debutto lo scorso anno. Ore 09.00 Ritrovo a Vittorio Veneto piazza del Popolo per iscrizioni. Ore 10.30 Partenza per giro turistico con sosta per degustazione in Nevegal (BL), per arrivare in orario pranzo alla storica Birreria Pedavena per il pranzo. Un’occasione interessante per ricordare quelle moto che hanno fatto nel tempo la storia del motociclismo.

Via Roma,4 - Cappella maggiore (tV) tel. 0438.580079 www.abbigliamentobarbapapa.it

Giovedì 31 agosto 2010 | 69 Il Quindicinale


VITTORIO VENETO E VITTORIESE i g li b b A

A m e n to

Pro loco: vai! Il presidente Stefano Coan illustra novità e sorprese future SARMEDE. Due mandati come tesoriere e da giugno il cambio di carica all’interno della Pro Loco, impegnata a vivacizzare la realtà sociale e culturale di Sarmede. Stefano Coan è il nuovo Presidente, sempre coadiuvato dalla storica presenza di Denny Masutti come vicepresidente e di Mara Tavian, che ricopre la medesima carica. Lascia l’incarico di Presidente Gianantonio Masutti dopo due mandati, mentre Gianantonio De Marchi assume la carica di Tesoriere e viene riconfermata Carmen Da Ros nell’incarico di Segretaria. Conferme, riconferme ed innovazioni costituiscono lo scheletro portante dell’Associazione di volontariato. Vi saranno novità? «Vogliamo mantenere i principi e gli scopi – spiega il neopresidente – che regge l’Associazione. Continueremo con le Fiere del Teatro durante la Mostra dell’Illustrazione e quindi con la presenza in quei due fine settimana di artisti, creatori di oggettistica varia qualificata e i laboratori, ma introduciamo da quest’anno un fine settimana ulteriore che ricalcherà le Fiere del Teatro, “Arteprima”, il 9 e 10 ottobre con spettacoli serali dagli effetti speciali a sorpresa.» sempre sostenuti dal folto gruppo di volontari che lavora con l’Associazione.

riapriamo sabato 4 settembre Anzano di Cappella Maggiore Telefono 0438-556637

Il Quindicinale 70 | Giovedì 31 agosto 2010

Sarà così possibile godere di una temperatura più tiepida rispetto alle Fiere del Teatro, anche se il nuovo teatro della Pro Loco è terminato ed anzi, avete ricevuto un ulteriore contributo quest’anno… «Si, è arrivata un’altra tranche di 45 mila euro dalla Regione e praticamente il teatro è finito. Faremo l’inaugurazione l’11 settembre alle 18.30 e per l’occasione sarà inaugurato anche il nuovo affresco dell’artista Gabriele Cattarin, a cui seguirà l’intervento delle autorità presenti. Prima dell’inaugurazione, proprio per rimarcare l’evento, si terrà la riunione dell’UNPLI, cioè dell’unione delle Pro Loco Italiane, che offrirà il rinfresco assie-

me alle Pro Loco Trevigiane. A conclusione dell’evento, uno spettacolo teatrale “Le Sommeliers” con la compagnia Freak Clown di Milano.» Sarà un teatro aperto? «Potrà essere usufruito da chiunque ha intenzione di portare spettacoli o informazione compatibilmente con i nostri impegni ed iniziativa. Lo spazio c’è…» Oltre a fare squadra compatta fra di voi, rinsalderete collaborazioni o ne acquisirete di nuove? «Può sembrare una frase usuale, ma ciò che noi facciamo lo facciamo per il nostro territorio, per il paese. L’intenzione è quella di reinvestire qui, su questo territorio in modo da rinforzare l’immagine e farla circuitare di più. Da parte nostra c’è apertura con la Fondazione Mostra, anche con la partecipazione alle riunioni. Non mancherò certo su questo, anzi è fondamentale capirci fra noi, capire gli equilibri di entrambi e mantenerli.


VITTORIO VENETO E VITTORIESE

Il teatro del paese delle fiabe Stefano Coan

La Pro Loco di Sarmede inaugura la nuova struttura polivalente SARMEDE. Un sogno, quello di un teatro per il paese delle Fiabe, che il prossimo 11 settembre diventerà realtà. A due anni dall’avvio dell’opera, era il settembre 2008 quando la Pro Loco di Sarmede dette inizio ai primi lavori di restauro dell’edificio che un tempo ospitava una latteria, il teatro di Sarmede apre alla comunità e alle migliaia di visitatori che ogni anno giungono in questo angolo della Marca per assistere e partecipare alle numerose manifestazioni, da Le fiere del teatro a La famiglia va a teatro. «Si tratta di un grosso traguardo per tutti noi – spiega Stefano Coan, presidente della Pro Loco di Sarmede, associazione che ha aperto ben due mutui per portare a termine questo progetto, sostenuto

anche da un finanziamento regionale di circa 200mila euro – Sarmede infatti non aveva una struttura sufficientemente capiente per ospitare degli eventi così importanti, un passo indispensabile questo – sottolinea – per mantenere l’offerta culturale che caratterizza il paese delle fiabe e dare dignità al cartellone». Dall’autunno, dunque, le iniziative organizzate e promosse dalla Pro Loco, anziché sotto i tendoni, saranno ospitate nel teatro: una sala polivalente con circa 250 posti a sede, un palco e un ampio schermo per le proiezioni, struttura che ad oggi è costata circa 650 mila euro. Grande festa quindi sabato 11 settembre a Sarmede: alle 18,30 il taglio del nastro e l’inaugurazione dell’affresco, di Gabriele Cattarin, alle 21,00 spettacolo inaugurale che unisce la musica dal vivo, con strumenti originali e unici, alla magia e alla poesia. Sul palco la compagnia milanese Freakclown con un divertente spettacolo sul vino.

Il nuovo teatro della Pro Loco

Ognuno di noi due ha il suo settore e vi devono essere scambi, informazione, osservare i momenti e gli avvenimento per non farli coincidere trovando formule e modi unitari per lavorare sull’immagine del paese delle Fiabe che sia complessiva. A far da garante per entrambi sarà come sempre il Comune.» Isabella Mariotto

TUTTI I VENERDI SERA

TUTTI I SABATI SERA

GALLETTO PIU’ CONTORNI, ACQUA, VINO O BIBITA, CAFFE’

SPIEDO PIU’ CONTORNI, ACQUA, VINO O BIBITA, CAFFE’

euro 14,50 TUTTO COMPRESO

euro 17,00 TUTTO COMPRESO

Giovedì 31 agosto 2010 | 71 Il Quindicinale


QUARTIER DEL PIAVE E VALLATA

Vivaldi sul lago Il concerto si fa in gondola

Una gondola sul luago di Revine

TARZO. Da una gondola adagiata sul lago, un concerto nell’incantevole scenario del parco Va dee Femene, a Colmaggiore di Tarzo. Domenica 5 settembre alle 20 si terrà “Vivaldi,

sinfonie sul Lago” concerto per violino e clavicembalo. Il gesto, la bellezza e la magia: ecco quanto propone il Comitato Va dee Femene per concludere la sua festa di fine estate. A par-

tire dal pomeriggio di domenica, non mancheranno giochi e divertimenti per bambini e una mostra delle opere del gruppo Arti Visive e Artigianato Artistico presso il parco affacciato sul lago, un’area attrezzata che da diversi anni il comitato valorizza e mette a disposizione gratuita della collettività. L’incontro del pomeriggio preluderà ad una serata straordinaria, all’insegna della magia dello scenario naturale, che verrà esaltato nella sua bellezza da una combinazione di eventi del tutto insolita: dalle 20, il gesto di un abile gondoliere consentirà a una coppia di musicisti, clavicembalista e violinista, di eseguire in mezzo al lago un brillante programma con musiche di Vivaldi e del ‘700 veneziano, creando con la sua imbarcazione un inedito palcoscenico di armonie, di rara suggestione. Martina Tonin

Volontari da tutto il mondo

I volontari del campo internazionale

Alla festa delle Frecce Tricolori Pieve di Soligo. Nell’ambito delle iniziative programmate per il 2010, il Primo Club Frecce Tricolori di Pieve di Soligo organizza la trasferta a Rivolto (UD) per festeggiare i 50 anni della PAN (Pattuglia Acrobatica Nazionale, le Frecce Tricolori). L’appuntamento è fissato per domenica 12 settembre e il club pievigino invita coloro che desiderassero partecipare ad iscriversi il più presto possibile, in quanto i posti dei tre pullman disponibili sono già ormai limitati (vista la possibilità per i pullman del club di entrare all’interno della base). La partenza è prevista alle 5 dal piazzale della biglietteria dello stadio comunale, vicino al liceo scientifico. Cirillo Lorenzetto

Il Quindicinale 72 | Giovedì 31 agosto 2010

Refrontolo. A Refrontolo, per il quarto anno consecutivo, Legambiente Valle del Soligo, in collaborazione con l’amministrazione comunale, ha organizzato un campo di volontariato internazionale ambientale che ha coinvolto sedici ragazzi provenienti da tutto il mondo (Giappone, Corea del Sud, Turchia, Russia, Serbia, Francia, Spagna e Stati Uniti). «Si tratta di un modo nuovo di viaggiare – spiega il coordinatore Nicola Tonin - che il turista tradizionale non conosce, un modo per conoscere appieno la cultura e le tradizioni del posto dove si va in vacanza, contribuendo, però, alla tutela e alla valorizzazione dello stesso, creando un momento di scambio utile al superamento delle barriere interrazziali». I volontari, alloggiati nella palestra della scuola elementare di Refrontolo, sono stati impegnati durante la Festa al Molinetto della Croda, poi hanno lavorato alla manutenzione delle panchine in legno nel comune e ripulito da erbacce e da rovi l’area attorno al Tempietto Spada. M.T.


QUARTIER DEL PIAVE E VALLATA In breve Tarzo. Il Comune di Tarzo si è aggiudicato l’edizione 2010 del Palio dei Comuni. L’evento si è tenuto all’ippodromo di Treviso e ha visto primeggiare il Comune tarzese nei confronti di Cimadolmo e Gorgo al Monticano, rispettivamente classificatisi al secondo e terzo posto, Refrontolo, Resana e Treviso, padrone di casa. Ippodromi Nordest SPA ha premiato il sindaco, Gianangelo Bof, e l’assessore al turismo, Andrea de Polo, presenti in rappresentanza dell’amministrazione assieme al consigliere Aurelio Dal Gobbo. Il palio propriamente detto (il gonfalone con l’elenco dei vincitori delle precedenti edizioni della manifestazione), consegnato ai premiati, sarà custodito dal Comune di Tarzo fino al prossimo anno. M.T. Tarzo. Nasce a Tarzo il primo Nido in famiglia. Un nuovo servizio, per bimbi da 0 a 3 anni, realizzato con il concorso economico della Regione Veneto. L’attività è svolta da persone professionalmente preparate che accudiscono presso la propria abitazione più bambini, assicurando loro cure familiari, inclusi pasti e nanna, secondo uno specifico programma sociale ed educativo. “Bambini in fattoria”, questo il nome del primo Nido in Famiglia di Tarzo, affidato ad Alessandra e Diego, si trova in Via Prapian. Maggiori informazioni sui Nidi in famiglia riconosciuti dalla Regione nel sito www. venetoperlafamiglia.net. M.T.

Prove tecniche di gemellaggio Da Brasile e Australia a Refrontolo alla ricerca delle proprie radici REFRONTOLO. Sono state due settimane intense quelle che, a cavallo tra luglio e agosto, hanno portato 134 tra brasiliani ed australiani di ogni età in Italia alla ricerca delle loro origini. Seguiti da decine di volontari da tutta la provincia, in molti hanno visto per la prima volta il Paese dei loro nonni, di cui hanno ereditato il cognome (italianissimo) e la voglia di mettersi in gioco. Ben undici i comuni coinvolti in questo Primo Incontro Discendenti Veneti emigrati in Brasile ed Australia, reso possibile anche e soprattutto grazie a Provincia, Regione, Ass. Trevisani nel Mondo, Ass. Emigranti Coneglianesi e Ass. Due Cuori per la Vita. Dal 22 luglio al 3 agosto il “gruppone” di oriundi ha visitato i luoghi storici del Montello e la fiera degli uccelli e animali da cortile di Orsago, è stato a Treviso, Padova, Belluno e Venezia (in questo caso con annessa visita alla Regione), ha visitato unità produttive locali e collaborato all’organizzazione dei momenti ricreativi tra una tappa e l’altra. Momento centrale dell’evento, il consolidamento del Protocollo d’intesa tra Refrontolo e Ibiraçu, con la partecipazione di tutti i sindaci dei comuni coinvolti nell’evento, della Filarmonica di Pieve di Soligo e delle altre associazioni refrontolesi. Presente anche il primo cittadino di Ibiraçu, Naciene Luzia Modenesi Vicente. Per il futu-

ro si punta ad allargare la collaborazione tra i due paesi, ed è probabile che il Protocollo d’intesa sfoci presto in un vero e proprio gemellaggio. Il gran finale si è tenuto a Santa Lucia di Piave domenica 1 agosto, con il Primo Incontro Famiglie Venete emigrate in Brasile e il Sesto Incontro Famiglie Sossai. I pullman per il trasporto, i pranzi e le cene sono state offerte dagli organizzatori. “Queste occasioni – conclude Gianni Sossai, presidente de “Due cuori per la vita” – sono momenti di crescita sia per chi ci visita, sia per noi. Possiamo insegnare tanto per quanto riguarda l’industria ed il mondo imprenditoriale, ma noi dovremmo imparare a vivere in maniera più calma e distesa, come fanno loro, apprezzando e gustando quello che facciamo. Invece sembra che a noi manchi sempre la terra sotto i piedi”. Andrea De Polo

La firma del protocollo d’intesa

Calcioraduno promosso dall’Eclissi Careni Pieve di Soligo. Ritornano – sono ormai un tradizionale appuntamento ludico-sportivo di fine estate promosso dall’Eclisse CareniPievigina – i primi tre sabati di settembre (4, 11 e 18, dalle ore 15.30) all’insegna del divertimento per i piccoli calciofili. La società calcistica pievigina da anni organizza per la categoria Piccoli Amici il “Raduno per l’avviamento al calcio”, riservato quest’anno ai bambini nati negli anni 2003-2004-2005. “Il raduno è la linfa vitale e la base per dare continuità – spiega il prof. Antonio Maset – a una società sportiva che pone le attenzioni maggiori verso il settore giovanile, come parte integrante della crescita e della formazione di un giovane”. Appuntamento, quindi, a settembre, presso lo stadio comunale di Pieve di Soligo, con i giochi, le partite e le esercitazioni preparate dagli allenatori della scuola calcio dell’Eclisse CareniPievigina. Cirillo Lorenzetto Giovedì 31 agosto 2010 | 73 Il Quindicinale


LETTERE & COMMENTI Volete mandare una lettera a “il Quindicinale”?

Barriere fonoassorbenti a Carpesica: alcune precisazioni

ECCO COME FARE: Dal sito del giornale: www.oggitreviso.it Via e-mail:

redazione@ilquindicinale.it

Via posta: il Quindicinale Viale della Vittoria Galleria IV Novembre, 4 Vittorio Veneto - TV Via fax: 0438 870010 Con un sms: 349.6711122 Attenzione: I testi ricevuti e non richiesti esplicitamente dalla redazione non saranno restituiti. Per dare spazio alle lettere di tutti si raccomanda di non superare le 1800 battute. Le lettere anonime non saranno pubblicate

A pagina 10 del Quindicinale del 15 luglio, è riportato un articolo dove si riprende il comunicato stampa con il quale si annunciava la notifica al comune del ricorso al TAR con l’istallazione delle barriere antirumore,o meglio antipaesaggio,in via del Bersagliere a Carpesica. Devo dire,con tutta franchezza, che il confezionamento dell’articolo non fornisce una informazione corretta e completa sul contenuto e sulle motivazioni del ricorso. Cose queste ampiamente contenute nel comunicato. In più viene dato quasi lo stesso spazio ad un commento del sindaco Da Re, che lungi dal rispondere

nel merito delle osservazioni che gli abbiamo fatto (a partire dall’ottobre 2009), si esprime con delle considerazioni banalizzanti l’intera vicenda, e nel finale, offensive nei nostri confronti. Infatti, l’intervento del sindaco si chiude con queste parole...”posso solo dire a questo punto,visto come sono andate le cose:che chi è causa del suo mal pianga se stesso”. Io mi ritengo profondamente offeso da queste parole. Vale la pena di informare i cittadini che Da Re, quando venne in sopralluogo (fine ottobre 2009) non credeva che in quel luogo fosse previsto un muro marrone alto 5 metri. E si disse d’accordo con noi sul fatto che bisognava far qualcosa. Bene, da quel

momento, tutte le nostre azioni sono state concordate con il comune e col quartiere. Fino alla beffa finale della sottoscrizione della richiesta di “non istallazione”(fine febbraio 2010) con possibile responsabilità (non spiegata) a carico dei cittadini. Fino alla comunicazione alla società autostrade che non c’era stata l’unanimità delle firme da parte delle famiglie interessate, un falso clamoroso. Le firme c’erano tutte ed anche di più. Quindi, cari sindaci Scottà e Da Re siete voi “la causa del nostro mal” Con i migliori saluti Umberto Dassiè Vittorio Veneto

ga attesa, ah “mia bella vittorio” Nei miei ricordi la città era rinomata ed era considerata una delle “100 città d’italia”, oggi mi sembra che sia invertita la qualifica: “le 100 città peggiori”, ah mia povera vittorio! Tutto inizia con la costruzione dell’autostrada che ha rovinato una valle bellissima e ha portato una miseria ed un allontanamento da questi borghi. Parlando con i miei vecchi compaesani mi riferisocno che “la mia bella Vittorio” stà morendo giorno dopo gionro ed è

diventata la meta dei festaioli con tutte quelle sagre paesane (anche due o tre alla settimana). Chiedo come mai si stia immobili a questo degrado e domando chi amministra la città: mi si riferisce da due legislature i rappresentati sono della Lega, prima Scottà poi Da Re. Ah, mia povera Vittorio! Con immenso dispiacere me ne tonro a casa. Non so se ritornerò alla mia Vittorio. Ah, mia bella Vittorio! Piccin G. Franco, S.Mauro Torinese

Ah, mia bella Vittorio! Sono un vittoriese di nascita, ma vivo da circa 35 anni a S.Mauro Torinese, non ritornavo alla “mia bella Vittorio” da circa 18 anni. Lo scorso mercoledì 21 luglio sto per raggiungere in autostrada l’uscita sud di Vittorio e con grande stupore vedo quelle barriere antirumore che sembrano delle muraglie e che nasconsono il bellissimo panorama vittoriese; c’è un’altra bellezza, la “muraglia vittoriese”, Comunque continuo la mia strada e sosto dopo un kilometro per l’attesa del passaggio sdel treno: sotto il solleone attendo, assieme ad altre 50/80 veture, per circa venti minuti e quando passa il treno vedo una semplice carrozza, che schifezza! mi è stato detto che già da diverso tempo c’è questa lunIl Quindicinale 74 | Giovedì 31 agosto 2010

A causa di un disservizio postale una zona di San Giacomo non ha ricevuto il Quindicinale n.756. Non potendo sapere quale zona non sia stata servita correttamente invitiamo i lettori che volessero recuperare il numero a passare presso la nostra redazione per ritirarne la copia.


LETTERE & COMMENTI Villa Papadopoli: dove trovare i fondi per non venderla? Sindaco, il Comune di Villorba (18.000 abitanti) ha recentemente approvato il restauro della settecentesca barchessa di Villa Giovannina, dopo averne già recuperato il blocco centrale ed il parco di 15.000 mq. Destinazione: polo museale permanente e temporaneo, sala conferenze-teatro- cinema. Tale finalità di recupero è assai simili a quella che ho proposto negli ultimi anni per Villa Papadopoli, in qualità di consigliere di quartiere di Ceneda. In primis ho caldeggaiato il trasferimento al Papadopoli del Museo della Battaglia e la creazione di un Auditorium nella rotonda che attualmente ospita il Corelli. Resterebbe spazio per accorpare altre collezioni cittadine, attualmente disperse e poco frequentate,  e pure per mostre temporanee. Il tutto mantenendo  il Parco ad uso pubblico. La risposta della Giunta è stata l’ inserimento di Villa e Parco nel piano alienazioni.  A Villorba son riusciti nell’ impresa di intelligente recupero di un grande  patrimonio pubblico perché a Vittorio  no? Finanziamenti per il Papadopoli. 1) Un’ occasione già persa sono stati i 150 anni dell’Unità d’Italia. Il

Elezioni? Personalmente sono convinto che non andremo alle nuove elezione finchè i 3-400 “trombabili” non avranno maturato il diritto al vitalizio, guai a chiamarlo pensione si offendono. Qui a Vittorio abbiamo gli esempi locali, l’avv.Concas, l’avv. Pizzol, andati a Roma per pochi anni che ora percepiscono tremila e più euro: cose previste dalla Legge. Sperare nella nuova legge elettorale che mandi a Roma Onorevoli scelti dai cittadini e non portaborse scelti dalle segreterie dei partiti, tutti i   partiti nessuno escluso sia chiaro, qui Berlusconi  non centra, tutti ma tutti, e una pia speranza da sprovveduto sognatore di onestà politica   malgrado sessantanni di inutili elezioni. NON CI RESTA CHE SPERARE. Francesco, Vittorio Veneto

Consiglio dei Ministri ha già assegnato all’uopo 140 mln di euro per interventi strutturali riguardanti teatri, parchi, auditorium, palazzi congressi eccetera in diverse città italiane. Vittorio non ha presentato alcun progetto anche se sarebbe stato logico farlo (la battaglia cui dà il nome viene considerata come epilogo del Risorgimento) 2) Vittorio ha un cospicuo patrimonio immobiliare inutilizzato  ed anche di pregio (p.zzo Vascellari-Todesco, Mafil, vecchie scuole …) che potrebbero venire alienati per finanziare l’opera. 3) Nel 2018 ricorrerà il centenario della Grande Guerra. Anche lì saranno a disposizione fondi pubblici, pure europei (Vittorio ha un Europarlamentare!) 4) A Villorba l’ultimo restauro è stato finanziato come contropartita pubblica ad un piano di lottizzazione. Mi pare che a Vittorio non siano mancate e non manchino occasioni simili 5) Un polo museale-congressuale al Papadopoli potrebbe ingolosire qualche privato. Ultimamente, tra l’altro, la privatizzazione della gestione dei musei è una idea che sta prendendo sempre più piede e non solo in Italia.

Col consueto spirito costruttivo (e con poca speranza di riceverne riscontro, visti i precedenti), saluto distintamente. dott. Michele Bastanzetti Vittorio Veneto

La palestra della Felicità Per scrivere alla palestra della Felicità: daniele@lapalestradellafelicita.com Ho quasi 30 anni, lavoro, ho un ragazzo, anche tanti amici ma, mi sembra che non mi vada bene niente: Un amica mi ha detto che ho poca autostima e che dovrei essere più felice. Ma che cosa centra l’autostima con la felicità?Paola Cara Paola, autostima e felicità in realtà sono proprio inseparabili. L’autostima si può anche chiamare “Senso di auto-efficacia” e una persona con il senso di auto-efficacia elevato è una persona che si trova a suo agio in tutte le situazioni, è sicura di sé e non ha paura dei giudizi che altre persone possono esprimere nei confronti dei suoi comportamenti. Per questo la persona che ha un alto livello di autostima invece di perdere del tempo a preoccuparsi dei giudizi degli altri, lo impiega per godere di tutte le cose belle che gli ha donato la vita ed è più felice. L’autostima, che è condizionata dall’educazione ricevuta nei primi anni di vita, è una specie di programma che si è impresso nel cervello e per migliorare questo programma ed aumentare autostima e felicità è necessario impegnarsi un po’ per imparare a ri-scrivere questo programma. Daniele Berti

Giovedì 31 agosto 2010 | 75 Il Quindicinale


QUESTIONI SOCIALI E LEGALI LA SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA

I

Problemi Sociali a cura di Michele Cais

l 19 giugno 1903 nasceva a New York Lou Gehrig, un nome che per i più non dice nulla, ma per gli appassionati di sport ricorda una dei più grandi campioni di sempre nel gioco del baseball. Nel 1939 a soli 36 anni fu colpito da una grava malattia che lo portò due anni dopo alla morte, e precisamente 2 giugno 1941. La malattia degenerativa e progressiva del sistema nervoso che colpi Lou Gehrin, fu descritta per la prima volta nel 1860 dal neurologo francese JeanMartin Charcot, ed attualmente le sue cause sono ancora ignote. La malattia che lo aveva colpito è nota anche come “Morbo di Lou Loughring”, ma la dizione esatta è “Sclerosi Laterale Amiotrofica”, o SLA. “Ha la SLA, non le resta altro che andare a Lourdes”. Come si può reagire a una comunicazione del genere, fatta da un medico a un malato e la sua famiglia? Eppure succede anche questo: si tratta di comunicare al paziente una diagnosi di una malattia terribile perché mortale, ma che, se spiegata in modo giusto, può essere affrontata di-

versamente. Si stima che in Italia ogni anno circa 400 persone vengono colpite da questa grave malattia, specialmente nel mnondo dello sport.. Nel mondo del calcio, la SLA ha colpito 51 giocatori portandone alla morte 39. Malati complessi quelli di SLA, che perdono l’uso della muscolatura: ad un certo punto non riescono più a nutrirsi e a respirare, fino a perdere l’uso della parola ma non dell’intelletto. Il controllo dei muscoli oculari è la funzione più conservata. Per questo, fondamentale è dotarsi di un comunicatore elettronico che costa, come costano gli ausili (nelle fasi finali della malattia il costo grava sui bilanci familiari fino a 65mila euro) ed è notizia di questi giorni che uno studente ha posto in vendita un “rene” per poter proseguire la cura del proprio genitore. Accennando a un “comunicatore elettronico” dirò che si tratta di una apparecchiature ad alta tecnologia per mezzo della quale, solo con gli occhi, il paziente volgendo lo sguardo su uno speciale schermo riesce a “costruire” delle frasi. Orbene, nel Cagliaritano,

con una iniziativa che ha il sapore di una sfida titanica, un ammalato di SLA, dal suo letto supertecnologico, riacquista la speranza e si sente più vivo che mai: segue le prove dei canti della tradizione sarda di un gruppo di 20 coriste che si radunano settimanalmente presso il suo lettone e corregge con il battere di una ciglia le osservazioni dirette al maestro del coro Se fatti del genere ci riempiono di ammirazione, rimane l’amarezza nel constatare che, in questo momento non esiste una cura definitiva per la malattia in se stessa, e quello che si cerca è di alleviarne i sintomi e rallentarne l’evoluzione nella speranza che la progressione della SLA possa un giorni essere rallentata da nuovi farmaci. C’è purtroppo anche un momento nella vita, in cui è inevitabile chiedersi se sia giusto continuare a lottare contro un nemico che sembra non cedere mai, che continua a prepotente ed insistentemente ad averla vinta, o se invece non convenga accettare la sconfitta (e si è già verificato) e arrendersi per non soffrire più.

L’adozione di bambini stranieri “Bandito per sempre” chi sceglie in base al colore della pelle

L

Questioni legali a cura dell’avv. Carlotta Bernardi

a Cassazione a Sezioni Unite (nientemeno) ha enunciato nell’interesse della legge un principio di diritto in un caso singolare. Una coppia di coniugi chiese di adottare bambini stranieri, ma dichiarandosi non disponibile ad accogliere bimbi “di pelle scura o diversa da quella tipica europea”. Il primo giudice accolse tali richieste, ma la reazione della Suprema Corte è stata severissima. Siccome l’adozione serve anzitutto a proteggere minori abbandonati, è primario l’interesse superiore del minore ed il rispetto dei suoi diritti fondamentali. L’interesse del minore è il criterio guida di ogni decisione e prevale su tutti gli altri interessi contrari ad esso, compresi i desideri degli aspiranti genitori.

Il Quindicinale 76 | Giovedì 31 agosto 2010

E non lo dice solo la morale, ma anche la legge: il divieto di discriminazione razziale deriva dalla nostra Costituzione, da varie Convenzioni Internazionali, da leggi interne; è ribadito dalle Corti europee e nazionali. Conseguenza: non solo gli aspiranti genitori non possono scegliere colore, entia, razza dei bambini da adottare; e non solo il Giudice non potrà seguire le loro istanze; ma egli dovrà anche dichiarare che tale coppia non è, nè mai sarà, idonea per nessuna adozione internazionale. Così motiva la Corte. La scelta discriminatoria della coppia dimostra incapacità di accoglienza e inadeguatezza ad affrontare il difficile percorso di in-

tegrazione del minore straniero. Questi bambini arrivano da realtà diverse, spesso da contesti degradati e da una vita già profondamente tormentata di abbandono e disagio; se non basta, vedranno cambiare radicalmente il loro ambiente e potranno essere vittime di xenofobia. Essere disponibili all’accoglienza significa esserne consapevoli e avere anche particolari doti di sensibilità e responsabilità per star loro vicini. Il bisogno di genitorialità da cui nasce un’adozione (spiega la Corte) deve coniugarsi con l’accettazione dell’identità del minore e delle sue peculiarità. Ogni coppia dovrà essere consapevole del carattere solidaristico, e non egoistico, della scelta dell’adozione.


GOSSIP CHIACCHIERE di Emanuela Da Ros 1

1 Valentino Scottà

Se la vedi grigia, apri (un negozio a) luci rosse. A ipotizzare una soluzione così probabilmente non è stato il primo, ma Valentino Scottà, classe 1969, non solo l’ha pensata questa soluzione, l’ha pure messa in pratica. Sposato, padre di due figli di 7 e 10 anni, Scottà che risiede a Colle Umberto, da un giorno all’altro è rimasto senza lavoro. L’Ape di Refrontolo (l’azienda nella quale faceva l’operaio) ha chiuso e lui ha pensato Oibò, e ora che fo? Si è guardato intorno e ha notato (non occorre avere la vista mitica per accorgersene) che anche in tempi di vacche magre l’unico – come chiamarlo? - mercato che tira è quello del sesso. Così Valentino Scottà ha aperto a San Giovanni del Tempio (Sacile) un sexy shop, con tutto quanto fa tentazione eccetera. Gli affari pare vadano alla grande: Valentino è felice, la moglie anche e il mutuo per la casa di più, perché grazie ai gadget erotici si fa pagare. Puntualmente.

2

2 Mario Posocco e Sergio De Luca

Andrea Dorigo

La vetrino di Tito a Montebelluna

Andrea Dorigo alla testa di Luxottica

Già al liceo classico Flaminio (ci spiffera il suo compagno di classe Carlo Casagrande), il vittoriese Andrea Dorigo era uno dei primi. Uscito col Sessanta (che fino al 1997 era il voto massimo, non il minimo qual è oggi!), Dorigo è partito alla volta di Milano per frequentare un’università ghiotta come la Bocconi e dopo essersi laureato a pieni voti ha fatto carriera. Tanto che oggi i media economici indicano il vittoriese come uno dei manager più brillanti. Andrea Dorigo è attualmente alla “testa” del gruppo Luxottica per il Nord Europa. Essendo succeduto a Pierre Fay, Dorigo controlla gli affari dell’azienda dall’Irlanda, alla Scadinavia, dai Pesi Bassi al Regno unito. Con gli occhiali, of course!

4

4

Due vittoriesi alla griglia

I vittoriesi Mario Posocco e Sergio De Luca non sono saliti sul podio della quinta edizione di Griglie roventi (la gara di barbecue più grande del mondo, ideata da Andrea Vidotti e ambientata a Caorle), ma tra braci e fumi d’arrosto si sono divertiti eccome a cusinar. E a superare i due ultimi arrivati (Christian Grigoletti e Dennis Dalla Torre di Porcia) tra i 260 cuochi che hanno partecipato alla manifestazione. All’edizione 2010 di Griglie roventi hanno preso parte concorrenti provenienti da Argentina, Svizzera, Austria, Bangladesh, Cuba, India, Romania, Tunisia, India, Romania, Australia, USA, Santo Domingo, Marocco, Mauritius, Mali, Belgio, India, Sudan, Bangladesh e Austria. Gli spettatori che hanno assistito all’evento sono stati 20 mila.

3

3

Da operaio a sexyshoppista

Se scappa la pipì in vetrina

Andrea, guarda lì: ferma la macchina! L’ho detto così tosta che Andrea (Armellin) ha fermato la macchina. In centro. A Montebelluna. Perché la vetrina del negozio Tito (abiti, accessori, profumi, moleskine e pezzi di design) merita davvero una frenata. In agosto poi, il negozio ha messo in vetrina un water, sul quale (in piedi o seduti, a seconda del sesso…e delle abitudini) un manichino maschio e un manichino femmina facevano la pipì. Con tanto di carta igienica arrotolata, mutandine abbassate e calice di vino nei pressi (perché andare a espletare con un drink fa fashion). La vetrina-ambientazione gabinetto charmant, nel comune, aveva fatto parecchio parlare di sé e notare che era lo stesso periodo in cui i finiani se ne andavano dai berlusconiani. Come dire che quando scappa, non c’è verso di trattenerla: neppure se è un’alleanza politica. Giovedì 31 agosto 2010 | 77 Il Quindicinale


Piazza Roma, 5 31026 SARMEDE (TV) info@consorzioprealpi.org

www.consorzioprealpi.org

Pro Loco di Cappella Maggiore, Colle Umberto, Cordignano, Fadalto, Fregona, Nove San Floriano, Sarmede, Vittorio Veneto

D

FREGONA DI CORSA ...

omenica 19 settembre grande giornata di sport a Fregona: 5° Minitrail non competitivo di 6 e 12 km, Nordic Walking di 12 km, 7° Ecomaratona dei Cimbri di 42 km e 2.200 mt di dislivello, 2° Ultratrail Antico troi degli sciamani di 69 km e 4.400 mt di dislivello. Le iscrizioni sono aperte, in particolare per Ecomaratona ed Ultratrail è necessario iscriversi entro venerdì 17 settembre. Ci sarà inoltre una mostra mercato di materiali tecnici e di prodotti tipici del territorio. Ecomaratona, Ultratrail e Nordic walking sono anche solidarietà: 1 Euro per ogni iscritto sarà devoluto ad un progetto di solidarietà in Brasile.

Sarmede UNA FINE ESTATE... IN MUSICA

Sarmede ARTEPRIMA, UN WEEKEND DI NOVITÀ NEL PAESE DELLE FIABE

È

N

elle serate del 3 e 4 settembre 2010, a Sarmede, si terrà la quarta edizione della manifestazione “Happy Ending Summer” presso l’area camper vicino alle scuole medie.

Il programma prevede alle ore 18.00 lo Spritz Time con apertura dello stand e alle 21.30, i concerti di 2 gruppi per serata. Venerdi 3 settembre saranno sul palcoscenico prima i HOPE LEAVES e poi i L.EGO. Sabato 4 settembre si alterneranno le band SILVER TEARS e ELVENKING. Vi aspettiamo !!

una novità assoluta per il 2010. Da qualche anno molti dei nostri fedeli frequentatori ci chiedono un festival in un periodo diverso: eccoli accontentati ! Sarà proposto quindi un weekend dalla formula un po’ diversa rispetto alla versione più conosciuta e famosa “Le Fiere del Teatro” ma della quale viene conservata l’anima come motore della manifestazione. Il programma di Arteprima inizia sabato 9 ottobre alle ore16,00 con una decina di compagnie di strada con spettacoli (a misura) per piccoli e grandi. Il programma si sviluppa per tutta la serata e si concluderà alle ore 23,00 con l’evento di chiusura della prima giornata. Domenica 10 ottobre prosegue con inizio alle ore 11,00 e conclusione alle ore 19,00 con in cartellone 15 gruppi di artisti di strada impegnati lungo le vie, nei cortili, in piazze e piazzette a divertire il pubblico con spettacoli di cantastorie e musicanti, equilibristi e giocolieri, mangiafuoco e trampolieri, clown e mimi. La particolarità di Arteprima sta nella pro-

SONO A DISPOSIZIONE PER LE VOSTRE MANIFESTAZIONI : CONTAINER CON CUCINE ATTREZZATE E GESTIONALE PROFESSIONALE

posta di alcuni show adatti particolarmente ai più grandicelli, con un po’ di piccante per tutti coloro che amano i “gusti decisi”. Ovviamente queste esibizioni saranno opportunamente specificate perché la proverbiale attenzione che il “paese delle fiabe” riservata al mondo dei bambini non deve assolutamente essere disattesa. All’insegna delle attività per piccoli non mancheranno i laboratori creativi con la realizzazione, attraverso il divertimento, di vere e proprie opere d’arte da portarsi a casa a memoria di un’esperienza fantastica fatta a Sàrmede. Non mancheranno nemmeno le bancarelle di artigianato artistico che faranno da meravigliosa cornice all’ambiente fiabesco con le ormai attesissime proposte artigianali create con la passione e l’inventiva adatta a questa nuova proposta.


cultura, arte & spettacolo

ABSTRACT

Un battistero paleocristiano a Ceneda Nuova ricerca di don Antonio Moret su un reperto altomedioevale

L

’ Ipotesi ricostruttiva del battistero paleocristiano e barbarico della Cattedrale di Ceneda, come è stata definita dagli autori della ricerca storico archeologica, don Antonio Moret e i componenti dello studio di architettura e design De Rosa, si basa su reperti archeologici, alcuni dei quali sono affissi all’ingresso posteriore della Cattedrale, su una scrittura del notaio Urbicino del X secolo d.C. e sull’analogia con le Chiese di Cittanova e Cividale (Udine). La prima Chiesa, dedicata alla Beata Vergine Maria Assunta, fu costruita dopo l’editto di Costantino sulla libertà di professione della religione cattolica. Il battistero era posto all’ingresso

della navata sinistra della Cattedrale, divenendo fonte battesimale per tutte le comunità cristiane limitrofe. Consisteva in una vasca posta a livello del terreno, circondata da plutei con sculture inerenti al battesimo e da un tegurio. Rimane presente nella Cattedrale fino al XVIII sec., dopo di che viene perduta la fonte battesimale e viene eletta la vicina chiesetta di S. Paoletto ad assolvere alla funzione sacra. L’opera sarà presentata dagli autori venerdì 17 settembre alle 20.30 nella Cattedrale e, pur sembrando la conclusione di un lavoro, è solo l’inizio per un approfondimento e l’apertura a nuove ricerche. I.M.

La ricostruzione del Battistero secondo lo studio

La ricostruzione Secondo il titolare dello Studio, l’architetto Matteo De Rosa, “data l’estrema esiguità dei reperti recuperati, sono state prese in considerazione numerose restituzioni di possibili configurazioni geometricospaziali. La logica degli spazi e dei movimenti del cerimoniale, al tempo anche collettivo, presso il fonte battesimale, ci ha però portati ad una successiva scrematura delle numerose soluzioni iniziali, giungendo così all’elaborazione finale. La rappresentazione prodotta costituisce un tentativo di ipotesi ricostruttiva basato su un equilibrato rapporto tra oggettività e bilanciata intuizione, risultando essere verosimilmente la versione più plausibile”. Giovedì 31 agosto 2010 | 79 Il Quindicinale


ABSTRACT

L’assassinio come arte poetica Un giallo che scuote la mente ...ma non lo stomaco

E

Freschi di stampa a cura di Maria Mattiuzzo (libreria il Punto di Vittorio Veneto)

ra da tempo che cercavo un bel romanzo giallo, scritto bene, elegante, senza morti truculente o serial killer ammazza-bambini, congiure universali stile Dan Brown e chi più ne ha più ne metta, insomma un giallo non amricano -dato che pare che gli statunitensi sappiano scrivere solo thriller cattivissimi sulla falsaririga dei visti e rivisti CSI, CRIMINAL MINDS ecc ecc, telefilm in cui nessuno muore mai per semplice avvelenamento o per uno spavento fortissimo (come nei raffinati libri della Christie) ma piuttosto squartati, bruciati, seviziati picchiati. In poche parole desideravo trovare qualcosa che senza mescolarmi lo stomaco potesse stuzzicare la mia vena da giallista incallita e farmi provare le stesse emozioni datemi dai libri del-

la Vargas o Simenon; e l’opera della Vallvey sebbene solo in parte ha saputo soddisfare questo mio desiderio. La vicenda. È costruita intorno ad un gruppo di poeti spagnoli che partecipano ad un raduno commemorativo in onore di uno dei “grandi” della poesia spagnola nella casa in cui quest’uomo ha vissuto fino alla morte; una sorta di corte letteraria costruita attorno alla vedova del grande poeta defunto. Durante il soggiorno nella grande villa ospitante avvengono ben due omicidi e a indagare sarà il giovane metereologo con aspirazioni liriche, fondatore del Club Baskerville, attraverso il quale aiuta la polizia a risolvere omicidi e altri casi ancora aperti. L’intreccio. È ben costruito, i per-

Indovina dove N° 757

Termine ultimo per le risposte 13 settembre

Cosa: Balcone con iscrizione Dove: Piazza Flaminio, Vittorio Veneto Foto di: Claudia Borsoi Ha indovinato:

Indovina dove” è un gioco per i lettori che vogliono cimentarsi con la conoscenza degli angoli nascosti del nostro territorio. Da questo numero cambiano le regole: per dare a tutti la possibilità di rispondere con calma all’indovinello il tempo a disposizione per tentare di indovinare sarà maggiore: due numeri del giornale, non più solo uno.

Il Quindicinale 80 | Giovedì 31 agosto 2010

sonaggi credibili anche nei conflitti interni che li scuotono, le battute divertenti; perde di forza nel finale, ma nella schiera dei gialli che crollano arrivati alla fine questo ha il merito di essere scritto molto bene da un’autrice con evidente esperienza nella costruzione degli intrecci e capace di invitare alla lettura. Da leggere.

SOTTO LE RIME N’auto blu Sogne n’auto blu có l’autista che túti i scansa péna vista, có ‘a sirena e ‘l lanpegiànte par far fermàr tuti a l’istànte.

La foto del n. 756

Fotografia di Mario De Nadai

“L’assassinio come arte poetica”, Angela Vallvey, Guanda, 341 pagine, euro 18,00

Andrea De Nardi e Giorgio Casagrande

Podér córer senza règoe rispetàr e ‘e multe far de mànco de pagàr, superàr a destra có indecenza e córer su ‘e corsie d’emergenza. Podér dir che són de premúra par inuguràr la sagra déa fritúra, senza pagàr tagliandi e benzina senpre giràr dàa sera a.a matina.

Ad esempio per la nuova fotografia pubblicata su questo numero (e contrassegnata dal numero 757), le risposte devono pervenire entro lunedì 13 settembre.

Ma in te sto bèl sogno che ho sognà un càmion par travèrs al me ha blocà e dée machine piene de zènt rabiàda la voéa darme na bruta sistemàda.

Se avete la risposta telefonateci al 0438.550265

Me ha tocà scusàrme có túti quanti, che i me speazéa par andàr avanti a piè, de corsa, in mezo a l’autostada cói altri che me schivéa có na sonàda.

Volete invece proporre una foto? Chiamateci o spediteci un’email a redazione@ilquindicinale.it

Z.d.Z.


9-10-11-12 settembre 2010 San Martino di Colle UMberto - tV associazione il Piccolo Principe

associazione istadea

t t i n a ie r u B rione

cultura, arte & spettacolo regione Veneto

Provincia di treviso

Comune di Colle umberto

ABSTRACT

tte

Grafiche De Bastiani - Godega s.U. - tV

Ma

FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL TEATRO DI FIGURA

in collaborazione con la Pro-loco e l’associazionismo locale

FESTA DELLE ASSOCIAZIONI

COMODAMENTE

Conegliano, via XX sttembre Domenica 5 settembre

Vittorio Veneto Dal 3 al 5 settembre

Undicesima edizione per la Festa delle Associazioni, che ha preso avvio nel 2000. Le 124 associazioni che operano a Conegliano saranno presenti con 112 postazioni in via Carducci, via XX Settembre e in Piazza Cima. L’iniziativa permette un mutuo scambio fra le associazioni del territorio e la popolazione: le prime possono così farsi conoscere, la seconda può informarsi e chiedere spiegazioni riguardo l’attività delle compagini. La manifestazione sarà salutata il giorno prima, sabato 4 settembre alle ore 20.30, in Piazza Cima dalla Rassegna delle Bande a cui parteciperanno Cappella Maggiore, Thiene e la Filarmonica Coneglianese. Ingresso libero

Comoda_mente nasce come strumento per stimolare la partecipazione in prima persona, invitando la gente a esprimersi, confrontarsi e prendere posizione. L’edizione 2010 del Festival è dedicata al tema della leggerezza, leggerezza nell’accezione positiva del termine, quella leggerezza che permette di indagare il mondo con un’energia positiva e di vedere le cose con occhi diversi. Sono circa 120 ospiti attesi nel weekend del 3-4-5 settembre a Serravalle. location della manifestazione.

Info: www.oggitreviso.it/archivio/agenda

Info: www.oggitreviso.it/archivio/agenda

www.comune.colle-umberto.tv.it

Colle Umberto, dal 9 al 12 settembre Torna la manifestazione di San Martino di Colle Umberto dedicata a Fausto Braga. Questo il programma: Giovedì 9 Settembre, dalle 17.00 Inaugurazione ed incontro con Fausta Braga, a seguire spettacoli Venerdì 10 Settembre, dalle 18.00, spettacoli e premiazione alunni meritevoli (dalle 19.30). Sabato 11 Settembre, dalle 16.00 alle 22.30. Spettacoli e laboratori per bimbi. Ingresso euro 5, gratis i bambini alti meno di 1 metro. Domenica 13 Settembre, dalle 15.00 alle 20.00. Spettacoli e laboratori per bimbi. Ingresso euro 5, gratis i bambini alti meno di 1 metro. Info: www.oggitreviso.it/archivio/agenda

Giovedì 31 agosto 2010 | 81 Il Quindicinale

A G END A www.oggitreviso.it

‘ METAMORFISMO 10


ANNUNCI

N. 757

Fotografia di Ugo Agnoletto

“Indovina dove” è un gioco per i lettori checultura e tempo libero Periodico di informazione, vogliono Iscritto al n.cimentarsi 480 del registro stampa del tribunale di Treviso il 17/12/1981 e al n.la3086 del registro nazionale della stampa il 24 /04/1991 con conoscenza degli angoli “naEditoriale il Quindicinale srl scosti” delle nostre Viale della Vittoria | Galleria IV Novembre 4 | Vittorio Veneto (TV) zone... fateci sapere Presidente onorario: Dario De Bastiani | Amministratore delegato: Carlo le Devostre Bastianirisposte! | Consiglieri: Francesco De Bastiani, Alessandro De Bastiani, Giovanna Rovida

Direttore responsabile: Emanuela Da Ros In redazione Andrea Armellin, Carlo De Bastiani Viale della Vittoria, Galleria IV Novembre 4 - Vittorio Veneto (TV) | Tel. 0438.550265 | Fax 0438.870010 | E-mail: redazione@ilquindicinale.it | www.oggitreviso.it Collaboratori Milvana Citter, Michele Cais,  Ido Da Ros, Michele Bastanzetti, Mario Ulliana, Giampiero Rorato, Severino Dal Bo, Aldo Toffoli, Antonio Menegon, Carlo De Poi, Giampaolo Zagonel, Isabella Mariotto, Stefania Rotella, Angela Deganis, Elisa Giraud, Lucio Dal Molin, Tommaso Bisagno, Cirillo Lorenzetto, Martina Tonin, Salima Barzanti, Federica Tonon, Rossella Pagotto, Andrea De Polo, Cinzia Agrizzi, Stefania De Bastiani, Shadia el Tabch, Claudia Borsoi, Barbara Carrer, Debora Da Dalt, Matteo Ceron, Laura Tuveri, Gianandrea Rorato, Andrea Costantini, Simone Santarelli, Paolo Pagotto, Carlotta Bernardi, Silvia Ceschin Fotografie Francesco Galifi, Renato Ciot, Francesco De Bastiani, Emanuela Da Ros, Carlo De Bastiani, Andrea Armellin, Milvana Citter, Ugo Agnoletto Stampa Grafiche De Bastiani snc - Via Marco Polo 14 Godega S. Urbano TV Abbonamenti Romina Da Ros. Ordinario: € 27,00 con 1 libro - € 33,00 con 2 libri - €39,00 con 3 libri Sostenitore: € 85,00 con il libro “Ville Venete” (in caso di spedizione:+ € 1,90 per spese di spedizione del/i libro/i) Estero: € 27,00 Residenti in Europa (+ spese € 72,00) Residenti fuori Europa (+ spese € 128,00)

Come abbonarsi Presso la redazione: Viale della Vittoria, Galleria IV Novembre, 4 - Vittorio Veneto Telefonicamente: 0438.550265 Internet: www.oggitreviso.it/abbonamenti E-mail: abbonati@ilquindicinale.it A chi si abbona telefonicamente o tramite internet verra inviato il pacco dono con il bollettino postale precompilato

Riservato

ri

Sostenito

Pubblicità Per la pubblicità su “Il Quindicinale” e “OggiTreviso” contattare la redazione: tel. 0438 550265 - 335 6893506 - redazione@ilquindicinale.it Necrologi e anniversari € 36,00 - Annunci (offerta lavoro, vendite immobiliari e auto/moto € 10,00 - con foto € 15,00 - evidenziato € 20,00 - evidenziato con foto € 25,00) Offerte immobiliari, auto/moto e offerte lavoro possono essere pubblicate gratuitamente su www.oggitreviso.it Associato all’Unione Stampa Periodica Italiana

www.oggitreviso.it Il Quindicinale 82 | Giovedì 31 agosto 2010

OFFERTE LAVORO

DOMANDE LAVORO

Per il completamento della nostra rete vendita selezioniamo in provincia di Treviso agenti/venditori ambosessi. I candidati ideali sono professionisti della vendita, di età compresa tra i 25 e i 55 anni, automuniti. Si offrono ottime possibilità di guadagno, inquadramento Enasarco. Gli interessati possono inviare cv a carlo.debastiani@oggitreviso.it o via fax allo 0438 870010.

Impiegato (in mobilità) esperto in contabilità generale (banche, fatturazione passiva/attiva, iva, intrastat, provvigioni agenti), certificazioni sostituti d’imposta (o modello 770), redazione bilanci, ici, dichiarazione annuale iva/ redditi buona conoscenza lingua inglese/francese, pacchetto office, ricerca lavoro fra Paese, Ponzano V.to, Spresiano, Giavera del Montello, Montebelluna. Cell. 331.3122253.

Per importante azienda vicinanze Pieve di Soligo, Adecco, filiale di Vittorio Veneto, ricerca export area manager. Si richiede esperienza, anche minima, nel ruolo, provenienza dal settore del mobile e ottima conoscenza della lingua inglese e tedesca. Richiesta disponibilità a frequenti trasferte. Info:Rispoli Michela 0438.550015 - vittorioveneto.pastore@adecco.it Per azienda settore edile vicinanze Vittorio Veneto cerchiamo impiegato per recupero crediti. Necessaria esperienza nella gestione del credito e della relativa reportistica e richieste conoscenze contabili e legali. Gradita laurea in giurisprudenza. Disponibilità a spostamenti nella provincia di Pordenone. Per info: Rispoli Michela 0438.550015 - vittorioveneto.pastore@adecco.it Ricerchiamo per azienda di San Fior un Manutentore pavimentista/muratore. Richiesta esperienza nella mansione. Alpago Maddalena 0438.418336 - conegliano@eurometis.it Ricerchiamo urgentemente per azienda della zona di San Fior, un manutentore elettromeccanico. Richiesta esperienza nella mansione e competenze da elettricista e meccanico. Disponibilità immediata. Info: 0438.418336

ANIMALI Regaliamo bellissime gattine di vari colori, simapticissime, hanno 2-3 mesi. Se interessati chiamare 0438.554368 oppure 347.3009104.

Auguri di cuore agli sposi Lisa e Alessandro da Augusto, Carla, Barbara e Marco

Donna con esperienza si offre per assistenza malati e anziani di notte, zona vittorio veneto. Per info: 380.3717759.

ANNUNCI IMMOBILIARI Revine Lago. Affittasi appartamento duplex con vista sul lago di Lago. Libero a novembre 2010. Tel 0438.929050. Cordignano - Libero da settembre appartamento in via Balbinot, condominio Enrico, composto da 2 camere, salotto/cucina, bagno, cantina e garage, al piano terra con 110 mq di scoperto. Info: tel 349.6536233, 333.4552353.

Vittorio Veneto - Vendesi appartamento zona centrale di mq 160 con cucina, soggiorno, tre camere, due bagni, cantina e garage. Telefonare per info: 346.3030030. Vittorio Veneto - Cercasi donna/ragazza per dividere la spesa dell’affitto in via Caneva. Per info: 380.3717759

VARIE Vendo tavolino da salotto in vetro temperato (spessore 1,5 cm) dimensioni 128x68cm, altezza 40cm, a 300 euro. Per info: 328.3547180

Dottoressa laureata in lingue straniere con specializzazione in traduzione e interpretazione impartisce lezioni di tutte le materie ed in particolar modo di inglese, tedesco, francese, spagnolo e latino a ragazzi di scuole elementari, medie e superiori. Particolare attenzione viene inoltre data al metodo di insegnamento e studio e ai problemi specifici legati a carenze di attenzione e concentrazione. Diverse esperienze già acquisite. Disponibilità mattina e pomeriggio. Per informazioni, telefonare al 349.6764187. Attori cercasi. L’ass. teatrale Corte dei miracoli (parrocchia S.Pio X - Conegliano) cerca nuovi amici attori e attrici (anche senza esperienza) per laboratorio teatrale serale ogni martedì è giovedì ore 21.30-23.30. Tecniche di recitazione, improvvisazione, espressione e dizione. Per info: 328.9785664 (Luca).

MESSAGGI L’ASD Frare De Nardi augura un buon 50° anniversario di matrimonio a Marisa De Nardi e Virginio Rasera.

Auguri e baci a Alessia, Amedeo e Dino da Emanuela, Monica, Serena. E da tutti gli altri! Un bacione a Serena e alle sue gemelline da tutta la redazione del Quindicinale. E dalle befane!



ilQuindicinale n°16