__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1

ARREDI E DIPINTI ANTICHI ARTE ORIENTALE Milano, 20, 21, 22, 23 e 26 aprile 2021


In copertina particolare del lotto 133 In questa pagina particolare del lotto 146 In terza di copertina lotto 109 In quarta di copertina lotto 1643


Asta 1° tornata

Martedì 20 aprile 2021 ore 15.30 dal lotto 1 al lotto 154

2° tornata

Mercoledì 21 aprile 2021 ore 10.00 dal lotto 155 al lotto 325

3° tornata

Mercoledì 21 aprile 2021 ore 15.30 dal lotto 326 al lotto 511

4° tornata

Giovedì 22 aprile 2021 ore 10.00 dal lotto 512 al lotto 764

5° tornata

Giovedì 22 aprile 2021 ore 15.30 dal lotto 765 al lotto 975

6° tornata

Venerdì 23 aprile 2021 ore 10.00 dal lotto 976 al lotto 1177

7° tornata

Venerdì 23 aprile 2021 ore 15.30 dal lotto 1178 al lotto 1305

8° tornata

ARTE ORIENTALE Lunedì 26 aprile 2021 ore 10.00

dal lotto 1500 al lotto 1672

Esposizione solo su appuntamento dal 7 al 16 aprile 2021 ore 10.00 - 13.00 / 14.00 - 17.30

Arredi e Dipinti Antichi, Argenti, Sculture, Pendole Tappeti e Tessuti, Historica, Strumenti Musicali Disegni e Incisioni di Antichi Maestri Collezioni dalle residenze di Cesare e Gina Romiti Arredi e dipinti antichi di Villa Orlando, Bellagio Una selezione di beni provenienti dalla collezione Philippe Daverio Arte Orientale IL PONTE CASA D’ASTE S . R . L . - PALAZZO C RIVELLI Via Pontaccio, 12 20121 Milano Tel. +39 02 86 31 41 Fax +39 02 72 02 20 83 info@ponteonline.com www.ponteonline.com P.iva 01481220133


CENTRALINO

02 86314.1

AMMINISTRATORE UNICO DIRETTORE GENERALE

Stefano Redaelli Tel. 02 8631419 Rossella Novarini Tel. 02 8631419 direzione.generale@ponteonline.com info@ponteonline.com

ASSISTENTE DI DIREZIONE

Francesca Conte Tel. 02 8631452 francesca.conte@ponteonline.com Laura Pucci Tel. 02 8631404 laura.pucci@ponteonline.comom

AMMINISTRAZIONE

*)(''&%($#(")!$$$ Tel. 02 8631414 amministrazione@ponteonline.com Federica Matera Tel. 02 8631415 federica.matera@ponteonline.com Lorena Massè Tel. 02 8631465 contabilita@ponteonline.com Linzy Hu Tel. 02 8631482 linzy.hu@ponteonline.com

$

$

$ \\\\

$

&(&%&$&$$ Tel. 02 8631450 &(&%&&&")& Luca Bortolussi Tel. 02 8631451 luca.bortolussi@ponteonline.com

CONDITION REPORT | COMMISSIONI  

  COMUNICAZIONE E MARKETING

Per questa asta n. 503 - 504      Paola Colombo Tel. 02 8631469 comunicazione@ponteonline.com Agnese Bonanno Tel. 02 8631464 agnese.bonanno@ponteonline.com

$ $

$

")(&%($(&"") Tel. 02 8631413 &")(&%((&"")&")&' Marika Molteni Tel. 02 8631444 marika.molteni@ponteonline.com

$

$

$

$ EVENTI E LOCATION

$

$ LICENZE DI ESPORTAZIONE | TRASPORTI ESTERI ASSISTENZA CLIENTI ESTERI

$

$ RITIRI ACQUISTI D’ASTA

$

$

$

$ MAGAZZINO

$

$

$

$ GRAFICA / IMMAGINI COORDINAMENTO SERVIZI DI SECURITY

#($()$$ Tel. 02 8631461 (()&")&' Paola Colombo Tel. 02 8631469 &&"(&")&' Valeria Agosto Tel. 02 8631418 valeria.agosto@ponteonline.com )(($ ()$$$ Tel. 02 8631442 )(( ()&")&' ( )&""($*&(($$ Tel. 02 8631424 graziella.ferrara@ponteonline.com magazzino.pontaccio@ponteonline.com &()&$(&$$ Tel. 02 8631435 &()&(&&")&' )("(&$!$ )()$ Hossny El Shahed ()&"$!')!$*")$ Bebe Moise & &$!')!$ Valeria Agosto valeria.agosto@ponteonline.com Alessandro Taverna


DIPARTIMENTI ARREDI, MOBILI, SCULTURE, MAIOLICHE,

 

Claudia Miceli Junior Specialist2 Sara Milone Junior Specialist2 7/076284--6-722 Junior Assistant2

DISEGNI E INCISIONI DI ANTICHI MAESTRI Assistente

++1%+ 7/07624),6-+722 Assistant

40&2 2  giulia.leonardi@ponteonline.com

%.*/+1/+)1 Manfredi Rovella Junior Assistant

Tel. 02 8631421 arte.orientale@ponteonline.com

+/1+*.%-1111 Marina Sala Junior Specialist

Tel. 02 8631412 marina.sala@ponteonline.com

0-*-1/""%7/07624),6-+722 Assistant2

40&2 2  +7#7,&6,%7$#),"4),07,4&%)5

*/..1+% Elena Pasqualini Specialist Erica Risso Specialist Serena Marchi Specialist Camilla Aghilar Specialist 8-6,%4(%62.)422 Assistant2

Tel. 02 8631496 elena.pasqualini@ponteonline.com Tel. 028631497 erica.risso@ponteonline.com Tel. 028631422 serena.marchi@ponteonline.com Tel. 028631410 camilla.aghilar@ponteonline.com 40&2  -6,%4(%6&')4$#),"4),07,4&%)52

+1 -*%.-11111 *06/+7626,)22 Junior Specialist2 !04),)-624%)-727-60+7222 Junior Specialist Claudia Terranova Junior Assistant

40&2 2  %06/+76&6,)$#),"4),07,4&%)52 40&2 2 

eleonora.pecori@ponteonline.com Tel. 02 8631475 claudia.terranova@ponteonline.com

/ +%-+1 +%.+ $- Riccardo Crippa Junior Specialist 60+426(#4-722 Junior Assistant

Tel. 02 8631474 libri.incisioni@ponteonline.com 40&2 2  libri.incisioni@ponteonline.com

FASHION VINTAGE

*-)+%+1+%-11 vintage@ponteonline.com

Tel. 02 8631442

PENDOLE, STRUMENTI SCIENTIFICI E AUTOMI Assistente

+*)%1*+%-1/*% Claudia Miceli Junior Specialist2

Tel. 02 8631439 6--4+7&6,%7$#),"4),07,4&%)5

+1+%#"-11111 *06/+7626,)22 Junior Specialist

40&2 2  gioielli.orologi@ponteonline.com

/ +%1%.*/+1 "-11111 6762.6-'74-722 Assistant Lorenza Scubla Assistant

40&2 2  2 design@ponteonline.com Tel. 02 8631492 design@ponteonline.com

-+&1+% -+% Daniele Amodio Junior Assistant2

Tel. 02 8631476 "6##4&"4((/$#),"4),07,4&%)5

"+.-1&-! /1 -&1/%1/%! +*)%1*+%-1/*% -1 Sara Milone Assistant2

Tel. 02 8631494 ("-/54,&5/(7%607$#),"4),07,4&%)5

"/*1.+1+%+) *-7(6,626,72 Assistant2

40&2 2 

06"4076&,/57(56%6$#),"4),07,4&%)5

*-1*-)+%1+%-*+ *-7(6,626,72 Assistant2

40&2 2 

06"4076&,/57(56%6$#),"4),07,4&%)5

ARTE ORIENTALE Assistente DIPINTI DEL XIX E XX SECOLO Assistente DIPINTI ANTICHI Assistente ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA

 

2

2



GIOIELLI

 

2

2

LIBRI E MANOSCRITTI

  2

2

OROLOGI DA POLSO E DA TASCA Assistente ARTI DECORATIVE DEL ’900 E DESIGN

 

TAPPETI E TESSUTI Assistente 1

STRUMENTI MUSICALI 1 Assistente FILATELIA Assistente NUMISMATICA Assistente FOTOGRAFIA

1

1

0+"/*-+1!11

Tel. 02 8631418 valeria.agosto@ponteonline.com Tel. 02 8631468 marco.redaelli@ponteonline.com Tel. 02 8631439 6--4+7&6,%7$#),"4),07,4&%)5 Tel. 02 8631494 6--4+7&6,%7$#),"4),07,4&%)5 40&2 2  6-4,$#),"4),07,4&%)5

CERAMICHE E ARGENTI

11 HISTORICA Assistente AUTOMOBILIA 1 Assistente VINI E DISTILLATI Assistente Referente per Torino e il Piemonte Referente per Modena ed Emilia Referente per Roma IL PONTE - Casa d’Aste s.r.l.

+*1/.+/""--11

Francesca Carabelli Junior Specialist2 &/*1+&,-11111 7/076284--6-7 Junior Assistant

Tel. 02 8631488 )")-66$#),"4),07,4&%)52 Tel. 02 8631480 historica@ponteonline.com

-+&,+"1 + -%

/ +%1/*/! /11111 Veronica Biondi Assistant

Tel. 02 8631487 automobilia@ponteonline.com

%*-1%-+1/""+1 /+111111 Manfredi Rovella Junior Assistant2

Tel. 02 8631421 7,7&+7(006$#),"4),07,4&%)5

+*"+1-+%1-1 +%1 /%.1 Via Bricherasio 7 - Torino

Tel. 011 541170 - 347 2331123 carola.sansecondo@ponteonline.com

 -+*+1/**+*-11 Rua del Muro 60 - Modena

Tel. 373 872488 chiara.ferrari@ponteonline.com

*+%/+1&+%+1 -%-1 Via della Camilluccia 741 - Roma

Tel. 349 7971390 francescaromana.rocchini@ponteonline.com

+"+##1*-$/""Via Pontaccio 12-20121 Milano Cap. soc. €34,320.00

Tel. +39 02 863 141 - Fax +39 02 720 220 83 info@ponteonline.com - www.ponteonline.com


1° TORNATA Martedì 20 aprile 2021 ore 15.30 dal lotto 1 al lotto 154

1 Poltrona in legno laccato e intagliato a motivi concatenati, schienale squadrato, braccioli terminanti a ricciolo e gambe scanalate. Recante etichetta "Accorsi Pietro Antichità". Rivestimento in Aubusson secolo XVIII, coperture tessute in lana e seta (restauri) € 700/800

6 Manifattura di Limoges, fine secolo XVII. Placca smaltata raffigurante Cristo alla colonna (cm 18x13) (difetti e mancanze)

2 Scuola del secolo XVII, da un stampa di Hendrik Goltzius

Ritratto di Annibale Sommariva Olio su alabastro, cm 20x12,5 circa Iscritto "ITALIAE REGNUM / VICE. SACRA CAESARIS / SUB. IMPERIUM ACCEPIT. PATRIAE . VOTI.s / VICTOR SOSPES. RESTITUTUS / ANNO / MDCCCXIV" In basso al centro stemma della famiglia Sommariva Sull'effigiato decorazione dell'Ordine imperiale di Leopoldo, Croce d'armata del 1813/1814 e decorazione dell'Ordine imperiale della Corona ferrea con scritta "Avita et Aucta" In cornice (lievi difetti) € 1.100/1.300

Homo bulla Olio su tavola, cm 19x15,5 Al verso iscrizione moderna "ca 1620" In cornice in legno intagliato e dorato a volute (difetti) € 1.000/1.200

3 Tabacchiera in argento, coperchio inciso e cesellato a raffigurare scorcio della città di Padova "Prato della Valle". Marcata alla base "Federico Buccellati orafo" (cm 12x3x8) (g 250) € 1.200/1.500

4 Giovan Gioseffo Dal Sole (Bologna 1654 1719) - (attr.) Adorazione dei Magi Olio su tela (bozzetto), cm 33x22 In cornice (difetti e restauri) € 1.400/1.800

5 Scultore della seconda metà del secolo XIX. Altorilievo in bronzo di Papa Innocenzo XI, inscritto "INNOCENTIVS · XI · P · O · M" (d. cm 18) In cornice ottagonale in legno ebanizzato e legno intagliato e dorato con girali stilizzati (d. cm 38) (difetti) € 900/1.000

€ 900/1.000

10 Giovanni Battista Carlone (Genova 1603 Parodi Ligure 1684) - (attr.) Estasi di San Francesco Olio su tela, cm 36x47,5 In cornice (lievi difetti e restauri) € 1.600/2.000

7 Scuola del secolo XIX

8 Scultura in bronzo argentato raffigurante fondale marino, base in marmo (h. tot cm 44) (lievi difetti) € 850/950

9 Tavolino in legno rivestito in ottone sbalzato a motivi vegetali concatenati, piano centrato da rosone, gambe mosse terminanti a piede ad artiglio. India, fine secolo XIX - inzio secolo XX (cm 51x42x51) (difetti) Inscritto sotto il piano "Prepared by Chhaganal & Vraijlal, Sons To Mistry Raghunath Tribhovan, Visnagar N Gujarat, Baroda Stat, India" Per confronto si veda: Christie's, Londra, asta 7586, 22 maggio 2008, lotto 310 € 1.200/1.400

11 Manifattura di Faenza, secolo XVII piatto compendiario in maiolica baccellata, cavetto decorato da Leda e il cigno, (d. cm 45) € 800/1.000

12 Tappeto Schirwan, Caucaso, fine secolo XIX. Decoro con file di Memling Gül policromi su fondo blu notte. Due bordure a nastri e nuvole, bordura principale con garofani su fondo marrone (cm 176x121) (lievi difetti) € 1.100/1.200

13 Pieter Mulier detto il ”Cavalier Tempesta” (Haarlem 1637 - Milano 1701) Marina (notturno) Olio su tela, cm 25x32,5 In cornice (restauri)

€ 1.500/2.500

14 Faldistorio in ferro battuto inciso a motivi concatenati, puntali in bronzo decorati a bugnature. Secolo XVII (l. cm 66) € 900/1.000

15 Turibolo in argento sbalzato a motivi vegetali e inciso a stemma nobiliare. Catene con teste di cherubini a tutto tondo. Napoli, secolo XVIII. Argentiere "·S·" (h. cm 63) (g 600) (difetti e mancanze) € 300/350


4 5

IL PONTE CASA D’ASTE

1

2

Particolare 4

5

7

8

3

Particolare 6

9


16 Manifattura Felice Clerici e Pasquale Rubati, Milano, secolo XVIII. Piatto polilobato in maiolica, bordo mistilineo profilato in rosso bruno con decorazione alla pagoda. Marcato al retro (d. cm 30) (difetti) € 1.000/1.200

17 Calice in avorio tornito e scolpito, decorato a scena di baccanale e tralci d'uva nella fascia. Base a palmette. Secolo XIX (h. cm 16,3) (difetti) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE. € 800/1.000

18 Lanterna di forma ottagonale in ottone con anta centrata da stemma della Famiglia Pollina. Venezia, secolo XVIII (h. cm 40) (difetti) € 550/600

23 Jean Petitot (Ginevra 1607 - Vevey 1691) - (attr.) Miniatura a smalti ritraente Françoise "Athénaïs" di Rochechouart di Mortemart marchesa di Montespan, entro cornice in oro cesellata a volute e montata a scatola in oro e tartaruga del secolo XVIII. Punzoni francesi abrasi (d.cm 8)

30 Arte del secolo XVI. Formella in gesso raffigurante Cristo crocefisso tra la Vergine Maria e San Giovanni Evangelista (cm 38x27) Applicata su pannello (difetti)

Accompagnata da lettera di provenienza firmata e datata Louis Philippe d'Orléans, 28 febbraio 1866 € 1.600/1.800

31 Manifattura di Limoges, secolo XVIII. Placca smaltata raffigurante Diana con ancelle (cm 16,5) (difetti) € 900/1.000

24 Manifattura di Montelupo, secolo XVI. Vaso biansato in maiolica con decoro policromo a foglia gotica e 'all'occhio di penna di pavone' (h. cm 23) (difetti e piccoli restauri) € 1.300/1.400

€ 300/400

32 Intarsiatore del secolo XIX "San Francesco e Santa Chiara in un interno" composizione in legno, avorio, lamina di peltro e rame. Siglata in basso a destra "L E 99" (cm 32x28) In cornice coeva in legno ebanizzato filettato in avorio (difetti)

25 Poltrona inginocchiatoio in noce, braccioli a ricciolo, gambe unite da traverse, seduta e schienale ricoperti in cuoio. Secolo XVII (difetti) € 450/500

Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 850/900

19 Calice in argento sbalzato a motivi fogliati. Base sagomata decorata a bugnature, coppa in vermeille. Genova seconda metà secolo XVIII, punzone Torretta senza datario (h. cm 23,5) (g 410) € 1.200/1.400

26 Poltrona inginocchiatoio in noce, braccioli a ricciolo, gambe unite da traverse, seduta e schienale ricoperti in cuoio. Secolo XVII (difetti) € 450/500

33 Manifattura Ferniani, Faenza, secolo XVIII. Tazza biansata con coperchio in maiolica policroma profilata in rosso bruno e decorata 'al garofano', coperchio con presa in forma di fiori (h. cm 11)

20 Manifattura di Faenza, secolo XVI. Piatto in maiolica smaltata bianca centrato da stemma gentilizio con virtù cardinali e iniziali "PL" (d. cm 38) (difetti e restauri) € 1.600/1.800

27 Gruppo di quattro piatti in argento liscio con bordo cordonato. Iscritti Favany e numeri di collezione incisi al retro. Alexei Kvasnikov, San Pietroburgo 1832 (d. cm 23,5) (g 1720) € 1.100/1.200

21 Manifattura di Murano, secolo XIX. Grande applique a tre fiamme in vetro pagliesco con coprilumi a lanterna, sormontati da bandiere di San Marco. Braccia mosse con cesti di frutta (cm 115x65) (difetti e rotture) € 1.000/1.200

28 Tappeto Moghan, Caucaso, seconda metà Secolo XIX. Decoro con tre medaglioni ottagonali contenenti Memling Gul policromi. La bordura principale è decorata con stelle stilizzate policrome su fondo bianco. (cm 244x107) (difetti, vecchi restauri e cuciture) € 900/1.000

22 Manifattura ligure, secolo XVII. Versatoio ad elmo in maiolica decorata in bianco e blu nel corpo con stemma nobiliare e nel beccuccio a mascherone, ansa mossa (cm 20x25) (difetti) € 1.000/1.200

29 Coppia di torciere in legno laccato a finto marmo, intagliato e dorato a motivi vegetali. Base tripode, piedi ferini. Secolo XVIII (h. cm 192) (difetti) € 1.300/1.400

€ 800/900

34 Manifattura di Deruta, secolo XVI. Saliera a forma di piede in maiolica policroma (l. cm 16) (difetti) € 400/500

35 Albarello farmaceutico compendiario con dipinta a tutta altezza Santa Caterina d'Alessandria. Faenza o Umbria, 1580 ca. (h. cm 31) (difetti) Accompagnato da attestato di autenticità di Mario Vigna, 1973 € 1.300/1.400


6 7

IL PONTE CASA D’ASTE

16

17

18

19

20

21

22

23

24


36 Manifattura di Deruta, secolo XVI. Due piattelli in maiolica decorata nella tesa con 'corona di spine', nel cavetto centrati da medaglioni inscritti uno "Versina", l'altro "Giuliva" (d. cm 20) (restauri) € 1.200/1.400

37 Manifattura di Limoges, secolo XVII "Giona e la balena" placca smaltata (cm 12x15) (difetti, mancanze, due fori laterali) € 900/1.000

38 Manifattura di Deruta, fine secolo XVI. Piatto in maiolica smaltata bianca, decoro compendiario centrato dallo stemma della Famiglia Salviati Strozzi (d. cm 42) (difetti) € 1.200/1.400

39 ANONIMO Pendola con soggetto "Au Sauvage" in bronzo dorato e patinato. La scena, denominata "la Nourrice africaine" è composta da una ragazza mora intenta a trasportare un fascio di canne con il figlio a tracolla. Il disegno preparatorio, depositato nel 1807, è stato realizzato dal bronzista Croutelle. Francia epoca inizio XIX Secolo. Quadrante in smalto bianco a cifre romane Movimento settimanale con suoneria delle ore e mezze su campanello. Misure h. cm 40 (difetti e mancanze) € 1.200/1.500

40 Centrotavola in argento modellato a tutto tondo a "canefora" che sorregge un cestino traforato a tralci di vite. Base a plinto. Vienna, 1818. Argentiere Benedikt Nicolaus Ranninger (h. cm 48,3) (g 1720) € 2.000/2.200

41 Sgabello in noce intagliato, schienale centrato da stemma tra volute, montanti a girali terminanti a mostri marini. Italia centrale, metà secolo XVI. Timbro a fuoco al retro (h. cm 96) (difetti)

47 Vassoio biansato in argento a corpo liscio con bordo mistilineo, cavetto cifrato "GDA" . Roma, secolo XIX. Al retro inciso con stemma nobiliare (l. cm 60) (g 2470) (difetti)

Accompagnato da expertise di Guido Bartolozzi Antichità, Firenze, 30 ottobre 1993 € 1.300/1.400

€ 900/1.000

42 Scultura in argento raffigurante Bacco con corona di vite e uva, reggicandela con serpente. Titolo 800. Su base circolare con piedi a teste leonine terminanti a ricciolo. Inscritta alla base "A. Giacchè Milano" (h. cm 52,5) (g 3348) € 2.200/2.400

43 Calice in rame dorato con coppa baccellata poggiante su base a colonna sbalzata a volute fogliate e decorata con medaglioni argentati e incisi a simboli religiosi. Toscana, secolo XVI (h. cm 20) (difetti) € 1.600/1.800

44 Sgabello in noce intagliato, schienale centrato da stemma tra volute, montanti a girali terminanti a mostri marini. Italia centrale, metà secolo XVI. Timbro a fuoco al retro (h. cm 92) (difetti) € 900/1.000

45 Manifattura di Faenza, seconda metà secolo XVI. Piatto ovale in maiolica di tipo compendiario centrato da stemma nobiliare tra putti e cherubini, falda decorata con girali di foglie e fiori (cm 42x32) (difetti) € 1.800/2.000

46 Coppia di candelabri in bronzo a quattro fiamme sorretti da figure alate su sfere con basamenti a colonna decorati da amorini. Secolo XIX, montate a luce elettrica (h cm 66) (difetti) € 1.200/1.300

48 Frammento architettonico in marmo scolpito a foglie, fiori e volute. Secolo XVII (h. cm 60) (difetti) € 1.100/1.200

49 Scuola romana della fine del secolo XVII Ritratto di cardinale Olio su tela, cm 64x49 (restauri)

€ 1.500/2.000

50 Servizio da tè e caffè in argento composto da teiera, caffettiera, zuccheriera e lattiera sbalzato e cesellato a volute e medaglioni fioriti. Prese squadrate e gambe mosse cesellate. Ghiere in osso. Stato Pontificio, secolo XIX (g 2920) (difetti) € 2.000/2.200

51 Vassoio biansato in argento di forma sagomata, tesa scanalata e anse decorate a motivi fogliati. Malta, fine secolo XIX (cm 64x41) (g 2760) (lievi difetti e ammaccatura) € 1.600/1.800


8 9

IL PONTE CASA D’ASTE

36

Particolare 37

38

39

40

41

42

43


54 53

52

55

52 Tabacchiera "piquè" in tartaruga e oro a volute fogliate e motivi vegetali. Chiusura sagomata. Napoli fine secolo XVIII/inizio secolo XIX (cm 8,5x4x4,5) (lievi difetti) € 1.600/1.800 53 Tabacchiera "piquè" in tartaruga bionda e oro a volute fogliate e motivi vegetali. Chiusura traforata. Napoli fine secolo XVIII/inizio secolo XIX (cm 8,5x4x4,5) (lievi difetti) Numero di collezione e iscrizione ROM sulla cerniera interna € 2.200/2.400 54 Tabacchiera "piquè" di forma mossa in tartaruga e oro a volute fogliate e motivi vegetali. Chiusura sagomata. Napoli fine secolo XVIII/inizio secolo XIX (cm 8,5x6x4,5) (lievi difetti) € 2.200/2.400 55 Tabacchiera "piquè" in tartaruga e oro a volute fogliate e motivi vegetali. Chiusura sagomata. Napoli fine secolo XVIII/inizio secolo XIX (cm 6x3,5x5) (lievi difetti) € 2.200/2.400 56 Scultore napoletano, secolo XIX "San Luigi Gonzaga (?)" figura a tutto tondo in argento sbalzato e cesellato poggiante su base traforata in rame argentato inscritta "SLC" entro cartiglio coronato. Punzone "Partenope N8" e bollo argentiere di difficile lettura (h. cm 41) € 2.000/2.200 56


IL PONTE CASA D’ASTE

10 11

57 Scuola bolognese del secolo XVIII Mercurio rapisce Psiche Olio su tela, cm 93,5x144 Iscritto al retro sul telaio "Charles / Paersor de Loraine" In cornice (difetti e restauri) € 2.800/3.200

57

58 Grande elemosiniere in argento con tesa sbalzata e cesellata a motivi floreali e racemi. Cavetto centrato da stella incorniciata da foglie d'acanto e volute. Inscritto al retro "Arg.to al titolo mill.mi 935". Regno di Sardegna, zecca di Torino argentiere Giuseppe Cepolina (?) secolo XIX (d. cm 61,5) (g 1680) (difetti e ammaccature) € 2.000/2.200

58

59 Piatto da parata in argento dorato sbalzato e inciso nella bordura a foglie e frutti. Cavetto con scena classica in abiti romani in un paesaggio. Secolo XVIII, punzoni di San Marco (?) (cm 52x46) (g 1220) (lievi difetti) € 2.200/2.400

59


60

60 Scuola di Frans Francken II, secolo XVII Scene galanti all'aperto Coppia di dipinti ad olio su rame, cm 21x18 In cornici

€ 3.300/3.800

61 Coppia di tavoli a muro con piani esagonali e fasce intagliate a volute, gambe tornite riunite da traverse. Fine secolo XVII (cm 130x80x60 cad.) (difetti) € 1.200/1.400 62 Libro di documenti tessili contenente un archivio di campioni di pizzi antichi e settantadue foto d'epoca inerenti. (Difetti) € 3.300/3.500 63 Epergne in argento e vermeille con coppa traforata e decorata a volti orientali sulle anse. Sostegno sbalzato a motivi floreali poggiante su quattro piedi a ricciolo tra ghirlande fogliate. Quattro bracci con piattini amovibili. Londra, 1758, argentiere H.M non identificato (cm 54x40x50) (g 4955) (difetti) € 5.500/6.000 63

63 bis Tappeto Keshan, scuola di Motashem, Persia, inizio secolo XX. Tappeto annodato con lane di ottima qualità utilizzando la tipica armatura di telaio caratteristica di questa prestigiosa provenienza. Il decoro riproduce lo schema del tappeto di Ardabil, conservato presso il Victoria and Albert Museum di Londra, utilizzando i colori ciclamino, blu, bianco, camoscio e beige. Ad una testata è presente un cartiglio di grandi dimensioni contenente un'iscrizione in caratteri persiani su fondo bianco. Vi è poi un piccolo cartiglio con caratteri persiani su fondo blu. (cm 716x380) (lievi difetti, piccole aree di usura del vello con alune pennellate di colore) € 5.500/6.000


IL PONTE CASA D’ASTE

64

12 13

65

64 ANONIMO Grande orologio notturno/diurno in cassa a edicola in legno ebanizzato con fregi intagliati e dorati, sormontata da figura di fanciullo a tutto tondo. Quadrante in pergamena a numeri romani con decori floreali policromi, lancetta con puntale in ottone inciso e disco della sveglia. Italia, fine XVII Secolo. Movimento solo tempo a peso con sveglia e scappamento a verga. All'interno della cassa è ancora presente l'apertura del camino oltre che il sistema originale di pulegge in legno per i pesi. Misure h. cm 118 (lievi difetti e piccole sostituzioni al movimento) Gli orologi notturni/diurni con quadrante di questo tipo sono particolarmente rari in quanto la pergamena, a causa dei lumi interni, prendeva fuoco facilmente € 5.000/7.000 65 Due figure in porcellana bianca raffiguranti mori schiavi con mani e piedi incatenati, addossati a speroni rocciosi. Da un modello di Ginori, Doccia (h. cm 24,5) (difetti) € 1.500/2.000 66 Tavolo da parete in legno laccato e intagliato, fascia a motivo concatenato decorata a cesti fioriti e centrata da medaglione con profilo virile. Gambe scolpite all'attacco a testa di cavallo e motivi floreali, riunite da traverse mosse centrate da cesto con frutti. Piedi a zoccolo. Piano lastronato in marmi vari profilato in giallo Siena (cm 158x94,5x78) Secolo XVIII (difetti) € 3.500/4.000 67 Figura di angelo in terracotta. Roma, seconda metà secolo XVII (h. cm 43) (difetti, mancante del piede al retro, restauri al collo) € 4.000/4.500

67


68

69

68 Tappeto Aubusson, Francia, fine secolo XVIII. Tessuto in lana con la tecnica ad arazzo. Decoro floreale su campo color tabacco composto da un medaglione tondeggiante con un bouquet di rose contornato da una ghirlanda d'alloro ed una grande ghirlanda di fiori di varie specie. Ai due lati del medaglione due volute a foglie d'acanto reggono due cesti intrecciati ricolmi di fiori di varie tipologie. Completano la decorazione del campo alcuni ramage con foglie, fiori e foglie d'acanto. Bordura interna, ad imitazione delle cornici dorate dell'epoca, contornata da margherite in sequenza. La bordura principale, a fondo verde, reca rami fioriti con andamento a meandro composti da numerose specie di fiori (cm 482x468) (difetti, scuciture e piccoli vecchi restauri) € 4.500/5.000 69 Scuola bolognese della fine del secolo XVI Flagellazione di Cristo Olio su tavola ridotta, cm 44x32,5 Al verso iscritto "Di mano del Samachini" e inciso "93" (difetti e restauri) € 3.200/3.500

70

70 ANONIMO Orologio ad arpa (Hackbrettuhr) con cassa in legno laccato e dorato a motivi architettonici. Foresta Nera, Epoca fine XVIII Secolo. Quadrante in legno laccato con numeri romani per le ore e arabi per i minuti. Movimento a due treni suonante le ore su campanello e carillon a cilindro su cetra a diciotto note e sette arie. Completo di pesi e pendolo. Cartiglio con firma del costruttore (illeggibile) e lista delle arie. Misure h. cm 127 (difetti) € 2.000/3.000


IL PONTE CASA D’ASTE

74

71 Figura in porcellana policroma raffigurate “Capitan Spacca”. Secolo XIX (h. cm 26) (lievi difetti) € 1.800/2.000 72 Figura in porcellana bianca raffigurante “Capitan Spacca”. Secolo XIX (h. cm 26) (mancanze e restauri) En suite con il lotto precedente 73 Filippo Lauri (Roma 1623 - 1694) Pan e Siringa Olio su tela, cm 40,5x31,5 In cornice dorata (difetti)

€ 1.500/2.000

€ 2.500/3.500

74 Manifattura di Firenze, seconda metà secolo XV. Grande piatto in maiolica con al centro stemma mediceo in sole raggiato (d. cm 42) (difetti e restauri) Un esemplare simile è conservato a Firenze al Museo del Bargello. € 2.800/3.000 75 Manifattura di Venezia, secolo XVI. Vaso a boccia in maiolica policroma con medaglione a foglia centrato da frate (h. cm 30) (difetti) Etichette di collezione alla base

€ 2.200/2.400

14 15

75

76 Manifattura di Faenza, 1450/80. Vaso di tipologia gotico moresca con riserva poligonale con leone rampante in monocromia blu e stemma nobiliare in policromia (h. cm 30) (restauri) Accompagnato da attestato di Autenticità di Mario Vigna, Faenza, Settembre 1973 € 2.200/2.400 77 THO BEST Orologio del tipo "bracket" con cassa in legno impiallacciata ed applicazioni in bronzo dorato. Inghilterra epoca terzo quarto XVIII Secolo. Mostra su base d’ottone dorato con fregi angolari in bronzo dorato. Quadrante a fascia argentata con cifre romane per le ore e arabe per i minuti. Disco centrale per la sveglia, quadrantino per la selezione della suoneria, apertura a finestra per il datario e cartiglio del costruttore "Tho Best London" Movimento in ottone dorato con platina posteriore decorata. Due treni principali più sveglia con suoneria delle ore e dei quarti su campanelli e scappamento a verga. Ricarica della sveglia tramite cordicella. Misure h. cm 53 con maniglia aperta (mancanze e lievi sostituzioni) € 1.400/1.800 78 Frammento architettonico in marmo scolpito a figure che lottano. Secolo XVI (h. cm 47) Su base squadrata in legno (difetti) € 1.900/2.000


79

81 Giuseppe Romani (Como 1654 - Modena 1727) Il ritorno dalla caccia Olio su tela, cm 97x134,5 In cornice (difetti e restauri)

81

79 Giuseppe Bottani (Cremona 1717 - Mantova 1784) - (attr.) Mosè abbandonato nelle acque; Giuda e Tamar Coppia di dipinti ad olio su tela, cm 34x46,5 e cm 33x47,5 In cornici € 3.000/4.000 80 Forziere in legno laccato e dorato, pannello frontale centrato da stemma con volatili tra girali di foglie e fiori. Cornice dentellata, coperchio decorato con motivi vegetali stilizzati. Siena, secolo XV (cm 59x29x31) (restauri) € 1.600/1.800

Di origini comasche, Giuseppe Romani divenne celebre come pittore di genere. Si formò probabilmente in Lombardia, nell'ambito della pittura naturalistica e, successivamente, si trasferì in Emilia, presso la corte degli Este, dove ebbe un discreto successo. A Modena ebbe modo di realizzare opere sacre per il Duomo, la chiesa di San Carlo, la chiesa di San Bartolomeo dei Gesuiti e quella di San Domenico e venne nominato direttore dell'Accademia pubblica di pittura. L'attribuzione della tela raffigurante Il ritorno dalla caccia, qui all'incanto, è stata suggerita per evidenti ragioni stilistiche, come la costruzione della scena e le fisionomie morbide e arrotondate dei personaggi, proprio come nel dipinto Due ragazzi che litigano, conservato nella Pinacoteca Nazionale di Bologna e proveniente dalla collezione Zambeccari. Bibliografia di riferimento A. Mazza, Nuovo collezionismo e antico patrimonio estense. Fratture, relazioni, corrispondenze in Tesori ritrovati. La pittura del ducato estense nel collezionismo privato, catalogo della mostra [Modena, Chiesa di San Carlo, 24 ottobre 1998 - 10 gennaio 1999], a cura di M. Pedrazzoli - M. Borsari, Milano, 1998; A. Mazza "Pitocchi diversi al naturale" Giuseppe Romani, pittore lombardo nel ducato estense, Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena, Cesena, 2012. € 3.000/4.000


IL PONTE CASA D’ASTE

16 17

82 Michelangelo Maestri (attivo a Roma nel secolo XVIII - inizio XIX) - (attr.) Gruppo di sette tempere su carta raffiguranti divinità su bighe, entro cartelle dorate su fondo blu tra amorini (cm 31x38) Sei in cornici (difetti) € 5.500/6.000

82 (uno di sette)

83 Cerchia di Filippo Napoletano, secolo XVII Paesaggio con viandanti presso un fiume Olio su tela, cm 58x73 Al verso etichetta relativa alla provenienza "This picture belongs to the / estate of the late Monsignore / Parfitt deceased / N.o 44" In cornice (difetti) € 2.500/3.000

83

84 Commode di forma mossa lastronata in bois de rose, fronte a due cassetti intarsiati al centro da motivo floreale. Piano in marmo rosso di Verona. Napoli, secolo XVIII. Recante etichetta "Alberto e Michele Subert, Milano" (cm 109x86,5x56) (difetti) € 2.500/3.000

84


85 Gruppo di sette piatti in argento liscio con tesa sagomata e scanalata. Numeri di inventario incisi al retro. Vincenzo Belli, Stato Pontificio, seconda metà secolo XVIII (d. cm 25,5) (g 3860) (segni d'uso) € 2.600/2.800

85

86 Andreas De Islas (attivo dal 1753 al 1776) Madonna de Guadalupe Olio su rame, cm 28,3x21,6 Firmato in basso a sinistra "Andreas ab Islas pinx ... 76" Iscritto in basso "Tocada a fu Sacrado Original, el Ano de 1776" In cornice (difetti e restauri) € 3.500/4.000

86

87 Tappeto Keshan Motashem Persia, fine Secolo XIX . Decoro pittorico raffigurante Madonna col Bambino attorniata da un principe alato ed una principessa genuflessa, ai piedi un fiume con pesci ed un paesaggio con animali. Cartiglio romboidale in lingua persiana antica al di sopra delle figure. Tra le peculiarità di questo tappeto si evidenziano le numerose scritte in lingua persiana antica contenute in cartigli lungo le bordure.(cm 206x130) (difetti) € 3.500/4.000

87


IL PONTE CASA D’ASTE

18 19

88 Cassone nuziale con fronte tripartito e pannellato dipinto in policromia a putti che sorreggono stemma tra due scene differenti. Secolo XVI (cm 160x59x45) (difetti e restauri) € 3.600/3.800

88

89 Maestro dell'Italia settentrionale, fine del secolo XVII Cristo morto Olio su tela, cm 33,5x54,5 In cornice (difetti e restauri) Expertise Giovanni Testori, 15 marzo 1970 (come Alessandro Magnasco) € 3.800/4.000

89

90 Arte romana, secolo XIX. Micromosaico raffigurante i Fori romani, montato su marmo nero e filettato in malachite (cm 24,5x18) In cornice in legno dorato (difetti) € 3.300/3.500

90


91

91 STEINWAY & SONS Pianoforte a coda modello D 274 da concerto con finitura in lacca nera. Lo strumento riporta il numero di matricola 146291 ed è stato fabbricato presso la sede Steinway di Amburgo tra il 1910 ed il 1911. Secondo i registri della fabbrica, il pianoforte è rimasto in uso alla Steinway che probabilmente lo noleggiava per eventi utilizzandolo anche come pianoforte da esibizione fino al 1925. Il 13 febbraio del 1925 viene venduto a Roma dove rimane fino a quando, secondo la testimonianza degli ultimi proprietari, non è acquistato dalla Contessa Ottolenghi di Acqui Terme che lo ha valorizzato creando un raffinato “salotto culturale e musicale” presso la sua villa. Da 40/50 anni appartiene agli attuali proprietari che lo hanno anch’essi valorizzato con eventi musicali di calibro internazionale. Misure: 274 cm (difetti) € 6.600/7.000

92

92 Francesco Pittoni (Venezia, 1645 - 1724) o Giovanni Battista Pittoni (Venezia, 1687 - 1767) San Taddeo Olio su tela, cm 51,5x40,5 (difetti)

€ 2.000/3.000


IL PONTE CASA D’ASTE

93

20 21

94

93 Maestro austro-ungarico della fine del secolo XVII Ritratto di uomo con fucile Olio su tela, cm 75x62 In cornice antica (difetti e restauri)

€ 2.200/2.400

94 Scuola veneta del secolo XVI Madonna con Bambino e San Giovannino Olio su tavola, cm 50x40 In cornice (difetti e restauri) € 3.500/3.800

95 Manifattura di Faenza, secolo XVI. Piatto in maiolica bianca baccellata, cavetto centrato da stemma nobiliare in policromia (d. cm 47) (difetti) € 2.500/3.000 95


Particolare 96

96 Cerchia della famiglia Volò (i Vicenzino), fine del secolo XVII inizio XVIII Composizione con fiori, limoni, cedri e pernici Olio su tela, cm 55x102,5 In cornice (restauri)

97

97 Pittore nordico attivo in Italia nel secolo XVII

€ 3.000/4.000

Annunciazione Olio su tela, cm 36,3x53 Firmato in basso "Salomon de Gencender" (?) (difetti)

€ 1.200/1.500

98

98 Ambito di Alessandro Magnasco e Antonio Francesco Peruzzini, secolo XVIII Paesaggio con figure e frate Olio su tela, cm 73,5x98,5 In cornice (difetti) Expertise Carlo Volpe, 15 febbraio 1966 (con attribuzione a A.Magnasco) € 2.200/2.800

99

99 Scuola dell'Italia centrale, seconda metà del secolo XVII Diana ed Endimione Olio su tela, cm 78x97 In cornice dorata (difetti e restauri)

€ 4.000/4.500


IL PONTE CASA D’ASTE

22 23

100 Tazza da brodo in vermeille sbalzato a foglie e fiori, anse a erme. Fascia e coperchio incisi e datati 1660 DBTW entro volute, Londra 1660 argentiere ET non identificato (cm 14x19) (gr 480) € 4.200/4.400

100

101 Servizio di posate in argento con prese scanalate e cifrate M.F. Composto da ventiquattro forchette, coltelli e diciotto cucchiai grandi, dodici forchette, coltelli e cucchiai piccoli, dodici forchette e coltelli da pesce, dodici cucchiaini da caffè, diciotto cucchiaini, dodici forchettine e coltelli da dolce e sei forchettine piccole, dodici palette da gelato e diciannove posate a servire di diverso uso. Contenuto in cassettiera di epoca posteriore. Titolo 800. Argentiere Calderoni (g 9600) (segni d'uso) € 5.500/6.000 101

102 Scultura di Santa in vesti regali in legno laccato e parzialmente dorato. Francia, secolo XV (h. cm 67) (difetti e mancanze) € 2.800/3.000

103 Coppia di candelieri a cinque fiamme in argento, fusti con putti baccanti e suonatore a tutto tondo, bracci a volute. Base a rocaille. Titolo 800. Argentiere milanese 1940 ca. (h. cm 51,5) (g lordi 8600) € 2.800/3.000 102


104

104 Maestro romano del secolo XVII San Girolamo in meditazione Olio su tela, cm 111x86 In cornice barocca in legno intagliato e dorato del secolo XVII (restauri) € 9.000/10.000

106 Filippo Abbiati (Milano 1640-1715) Salomone sacrifica agli idoli Olio su tela, cm 117x146 In cornice antica (restauri) Il dipinto è citato in F. M. Ferro e M. Dell'Omo, Filippo Abbiati, regista del barocco in Lombardia, Interlinea, Novara 2018, p. 139 e p. 249 € 8.500/9.000

105

105 Trumeau lastronato in radica di noce con profili e cartelle sagomate in legno ebanizzato. Parte superiore a due ante a specchio e due tiretti portacandele nella fascia, cimasa di linea spezzata decorata da pinnacoli. Parte inferiore a tre cassetti di forma mossa, anta ribaltabile celante cassettini e segreto, montanti sagomati. Lombardia, secolo XVIII (cm 119x246x54) (restauri) € 6.500/7.000

107 Tavolo da gioco con piano apribile lastronato e intarsiato in legni vari. Piano centrato da allegoria militare entro bordura filettata ed intarsiata a motivi vegetali. Gambe ad obelisco rovesciato. Lombardia, secolo XVIII (cm 67x78,5x67) (difetti) € 3.300/3.500


IL PONTE CASA D’ASTE

108

24 25

109

108 Manifattura di Faenza, Virgilio Calamelli, detto Virgiliotto Calamelli (Faenza dal 1531 - 1570), 1550/1570 circa. Alzata in maiolica baccellata smaltata bianca in stile compendiario, centrata da stemma gentilizio. Al retro il monogramma "VRAF" di Virgilio Calamelli (d. cm 30) (felature e sbeccature) Alla base etichetta cartacea "Gianetti Antonia Antichità Milano Via Gesù 3" Accompagnata da autentica su foto di Gianetti Antichità, Faenza, 2 ottobre 1988 € 1.800/2.000 109 Manifattura di Faenza, Virgilio Calamelli, detto Virgiliotto Calamelli (Faenza dal 1531 - 1570), 1560 circa. Grande fiasca da pellegrino con tappo in maiolica sbalzata e baccellata con decoro compendiario. Al centro stemma gentilizio con iniziali "P.M." Al retro il monogramma "RAF" di Virgilio Calamelli (h. cm 40) (difetti di cottura e rotture al piede) Accompagnata da due certificati di autenticità rilasciati da Mario Vigna, datati 9 giugno 1972 e 27 aprile 1982 Questa fiasca da pellegrino probabilmente apparteneva ad una nobile famiglia che la volle decorata con il monogramma delle loro iniziali e la sigla del ceramista Virgiliotto Calamelli € 5.500/6.000 110 Acquamanile in avorio scolpito, versatoio estroflesso sostenuto da una coppia di baccanti e centrato da maschera dionisiaca. Corpo ovoidale tripartito e decorato a figure di menadi nella parte superiore, al centro scena di baccanale con processione di satiri, putti e baccanti, e nella fascia inferiore mascheroni grotteschi e busti femminili alati, base con tre figure femminili con zoccoli caprini su piede repoussè. Ansa a guisa di fanciullo a tutto tondo. Base, ghiere e montatura in argento cesellato. Germania, secolo XIX (h. cm 57,5) (difetti) Per confronto si veda: Christie's, New York "19th Century Furniture, Sculpture, Works of Art and Ceramics" 25 ottobre 2005, lotto 308 Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE. € 10.000/12.000

110


111

111 Giacomo Francesco Cipper detto il ”Todeschini” (Feldkirch 1664 - Milano 1736) Il venditore di selvaggina Olio su tela, cm 90x115 (difetti e restauri) Per confronti si rimanda a: Maria Silvia Proni, Giacomo Francesco Cipper detto il "Todeschini", Edizioni dei Soncino, Soncino, 1994, fig. 16, pag. 60 € 4.000/5.000

112 Giacomo Francesco Cipper detto il ”Todeschini” (Feldkirch 1664 - Milano 1736) La truffa Olio su tela, cm 117x92,5 In cornice (difetti e restauri) Si ringrazia la dott.ssa Maria Silvia Proni per la conferma dell'attribuzione in seguito alla visione diretta dell'opera. € 5.000/8.000 112


IL PONTE CASA D’ASTE

26 27

113

113 Giacomo Francesco Cipper detto il ”Todeschini” (Feldkirch 1664 - Milano 1736) La chiromante Olio su tela, cm 90x115 (difetti e restauri) Per confronti si rimanda a: Maria Silvia Proni, Giacomo Francesco Cipper detto il "Todeschini", Edizioni dei Soncino, Soncino, 1994, n. 2 a pag. 40 e n. 27 a pag. 92 € 5.000/7.000

114 Giacomo Francesco Cipper detto il ”Todeschini” (Feldkirch 1664 - Milano 1736) Ritratto del pittore Olio su tela, cm 118x94 In cornice (difetti, restauri e mancanze) Si ringrazia la dott.ssa Maria Silvia Proni per la conferma dell'attribuzione in seguito alla visione diretta dell'opera. € 5.000/8.000 114


115 Cestino ovale da pane in argento con presa a torciglione cesellata all'attacco a mascheroni. Corpo traforato e cesellato a finto vimini e decorato nel bordo a volti femminili e volute fiorite. Argentiere Elizabeth Godfrey, Londra, 1748 (g 2400) (cm 38x32x30) Provenienza: E.T. Biggs & Sons LTD., 28,30 & 32 Maidenhead come da fattura di acquisto € 12.000/14.000

116 Coppia di antichi leoni accovacciati in marmo giallo (cm 61x43x20) (difetti e restauri) € 5.500/6.000

115

117 Ercole Drei (Faenza 1886 - Roma 1973) - "Abbandono" 1913, scultura in marmo bianco statuario (cm 118x93x96) (difetti e restauri) Provenienza: Collezione privata dell'Artista, Villa Strohl-Fern, Roma Collezione Eredi Drei Bibliografia: Catalogo "11. Esposizione internazionale d'arte della città di Venezia" 1914 L’Illustrazione italiana, 3 giugno 1921, Milano, Treves 1875Esposizioni: Esposizione Belle Arti, Milano 1913 XI Biennale d’Arte di Venezia, 1914 Prima Biennale Romana d'Arte, 1921 IV Mostra Sindacato Fascista Belle Arti del Lazio, Roma 1934 € 4.500/5.000 117

118 Gruppo di quattro legumiere di forma polilobata. Coperchi bombati con prese a finti tronchi con foglie e ghiande, incisi a stemma nobiliare con motto "FIDE ET VIRTUTE". Basi concave decorate nella tese a valve di conchiglie, motivi vegetali ed elementi concatenati, incise con leone alato con spada. Argentiere John Bridge. Londra, 1824-25 (cm 27,7x18,5) (g 7100) € 6.500/7.000

118


28 29

IL PONTE CASA D’ASTE

119

119 ANONIMO Grande orologio astronomico da incasso in ferro e ottone. Mostra di forma architettonica divisa in due ordini principali. Parte superiore formata da un quadrante a fascia argentata a due cicli da dodici indicante ore e minuti divisi tra ore di luce e ore di buio. Al centro della fascia sono presenti tre quadrantini indicanti il calendario annuale. Nella parte esterna della fascia sono presenti altri due quadrantini che regolano il ritardo e l'avanzamento e la selezione delle suonerie. Nella parte inferiore della mostra si trovano tutte le funzioni astronomiche divise in quadranti, fasce e dischi concentrici. Nella fascia più esterna è inciso il calendario astronomico e astrologico con indicazioni dei segni zodiacali, dei solstizi, degli equinozi e delle stagioni. Il disco annuale che compie una rivoluzione in 365 giorni è corredato rispettivamente da: un quadrantino indicante l'equazione del tempo (ovvero la differenza tra tempo solare e tempo medio), un quadrantino indicante l'ora siderale, un quadrantino indicante gli anni bisestili e un tellurio dinamico (Orrery) indicante la rotazione terrestre con anche il mantenimento dell’asse rispetto al sole, le fasi e i giorni della luna. Al centro altri due dischi concentrici indicano dinamicamente le orbite di Venere (229 giorni) e di Mercurio (87 giorni) e riportano i loro periodi sinodici (Venere 583 giorni e Mercurio 115 giorni). Al centro della mostra astronomica è rappresentato il sole. Movimento a pendolo suonante ore e quarti con sveglia su campanelli. Italia, epoca XIX Secolo. Misure h. cm 75 Montato su base in legno (difetti, lievi sostituzioni e lievi mancanze)

Particolare 119

Si tratta di un orologio estremamente complicato i cui calcoli e la cui costruzione sono il frutto di moltissimo tempo di lavoro e altrettanta competenza astronomica, geometrica e matematica. La mancanza di un’attribuzione e la tipologia costruttiva non possono che far pensare all’opera di un soggetto estraneo alla professione orologiera ma bensì ad uno studioso (probabilmente un monaco) che si è abilmente arrangiato con i mezzi e le attrezzature di cui disponeva. La struttura ad incasso fa altresì pensare che l’orologio potesse essere stato concepito per essere inserito in un grande mobile (magari da sagrestia). Non sono rari infatti gli esempi di importanti orologi con indicazioni astronomiche all’interno di ambienti "di servizio" per il Culto come ad esempio il grande orologio notturno e astronomico presente nella Sagrestia di Santa Maria delle Grazie a Milano € 10.000/15.000


120

121

120 Kumiya, pugnale tipicamente marocchino eseguito in oro a 18 Kt. Impugnatura in avoriolina arricchita al codolo da inscrizione in arabo <<Da Sua Maestà il re del Marocco>> e arricchita da bordure di diamanti taglio brillante sia sui profili che all'esterno, bottone di codolo con smeraldo cabochon. Al retro cesellature a carattere vegetale, e recante lo stemma reale del Marocco. Al centro rilievo fogliaceo e stella del Marocco con smalto rosso nel terminale. All'innesto cabochon di zaffiri a formare una losanga. Fodero traforato a giorno con seta bianca sottostante e rivestito anteriormente di diamanti taglio brillante, al centro vari motivi geometrici impreziositi da cabochon di zaffiri e smeraldi, al retro cesellature. Due attacchi per il montaggio dei cordoni. Lama probabilmente di produzione europea, decorata su entrambi i lati in oro, smalti e Stemma Reale su fondo rosso. Oggetto di produzione francese eseguito sotto il regno di Hasan II, anni '70/'80 del secolo XX (l. cm 49) (difetti) € 18.000/20.000

121 Nimcha, sciabola della tradizione del Marocco in oro 18 Kt. Impugnatura arricchita da cesellature a motivi vegetali e rilievo incassato in diamanti a taglio brillante e smeraldi, al centro Stemma Reale del Marocco, guardia a staffa e paramani a tre volute. Al retro decorata en suite. Lama di produzione europea ad un filo e mezzo con incisioni e agemine in oro, smalti rossi, iscrizioni coraniche e stemma della Casa Reale del Marocco. Fodero in legno rivestito in velluto di seta rosso carminio, con tre segmenti in oro 18 Kt, traforati e cesellati a giorno con cabochon di smeraldo e contornati da diamanti taglio brillante. Profili in lastra d'oro. Oggetto di produzione francese del Regno di Hasan II, anni '70/'80 del secolo XX. (l. cm 103) (difetti) In custodia di legno rivestita in pelle verde lavorata al piccolo ferro con dorature e stemmi della Casa Reale (cm 113x11x30) € 15.000/18.000

121 (custodia)


IL PONTE CASA D’ASTE

30 31

122

122 Coppia di consolles in legno intagliato, scolpito e dorato, piani in scagliola centrati da mascherone tra ghirlande di foglie e fiori, Carpi, secolo XIX, sostegno in forma di mostro marino affiancato da due putti a tutto tondo che reggono uno una cornucopia, l'altro una conchiglia con grappolo d'uva, poggiante su base a rocailles. Italia Centrale, secolo XIX (cm 177x106x70) (difetti e restauri) € 28.000/30.000

123 Vittore Ghislandi detto "Fra Galgario" (Bergamo 1655 - 1743) - (attr.) Ritratto di giovane Olio su tela, cm 75x60,5 In cornice (estesi restauri e ridipinture) € 6.000/7.000


124 Alessandro Magnasco (Genova 1667 - 1749) Innalzamento della croce Olio su tela, cm 58x47,5 Provenienza Collezione privata, Bergamo; Collezione Franco Steffanoni, Bergamo; Collezione Benno Geiger, Venezia; Collezione Italico Brass, Venezia; Collezione privata, Milano. Bibliografia Cinque pittori del Settecento. Ghislandi, Crespi, Magnasco, Bazzani, Ceruti, catalogo della mostra presso "Antiquaria" a cura di A. Morandotti, Roma 1943, n. 29; M. Pospisil, Magnasco, Firenze 1944, p. LXXXVI, tav. 193; B. Geiger, Magnasco. I disegni, Padova 1945, p. 76; A. Morassi, Mostra del Magnasco, catalogo della mostra di Genova, Bergamo 1949, p. 45, n. 71; B. Geiger, Magnasco, Bergamo 1949, p. 146, tav. 248; G. Nicco Fasola, Libertà e limiti del Magnasco. A proposito della mostra di Palazzo Bianco, in "Commentari", I, 1950, n. 4, p. 232; F. Franchini Guelfi, Alessandro Magnasco, Campomorone, 1977, p. 157 e fig. 180; A. De Bortoli, Aggiunte al Magnasco milanese, in "Arte Cristiana", 739, pp. 272, 274, fig. 3; L. Muti, D. De Sarno Prignano (con la collaborazione di E. Martini), Alessandro Magnasco, Faenza 1994, pp. 260-261, n. 351. € 20.000/25.000

Questo dipinto, e il numero che segue, sempre di Magnasco, costituiscono due prove molto significative della produzione del pittore genovese e al contempo testimoniano, con la loro comune storia critica e di provenienza, l’entusiasmante rilancio di Magnasco nel corso dei primi decenni del Novecento; in quel contesto, un gruppo di sodali, sebbene spesso tra loro concorrenti, se ne occuparono attivamente, tra studi critici, vicende di collezionismo e mercato tra Vienna, Berlino, Parigi, Venezia e Milano: da Benno Geiger a Italico Brass, da Francesco e Maria Pospisil ad Antonio Morassi. Proprio a Brass (Gorizia 1870 – Venezia 1943), pittore e mercante nella Venezia di Giuseppe Fiocco, appartennero a lungo questi due esemplari, di rara conservazione se si pensa alla qualità delicata dei suoi impasti ricchi di terre, colori prediletti da Magnasco per dare vita alla sua pittura visionaria e drammatica, tutta guizzi improvvisi. In questo esemplare le qualità della superficie pittorica sono velate da antichi depositi di sporco e vernici ossidate che andranno rimossi con un restauro. Quella di Magnasco è una pittura di tocco che apre al Settecento e che, proprio negli anni del ‘lancio’ del pittore principalmente per la regia di Geiger e di Brass (come ricorda B. Geiger, Magnasco, Bergamo 1949, p. 31), venne celebrata nelle sale della grande mostra sulla pittura italiana del Sei e Settecento svoltasi a Palazzo Pitti a Firenze nel 1922, dove una seconda versione sempre Brass dei Frati che si scaldano davanti al camino oggi in asta trovò spazio tra le numerose opere del pittore esposte. D’altronde Brass, come pittore, era erede di quei pittori antichi sensualmente innamorati della materia di cui collezionava le opere, da Magnasco a Bernardo Strozzi per ricordare due nomi di artisti da lui particolarmente prediletti, e doveva certo riconoscersi tra quanti rivendicavano allora “italianissima la culla dell’Impressionismo e del gusto moderno”, fondale critico entro il quale va vista la mostra del 1922 (F. Mazzocca, La mostra fiorentina del 1922 e la polemica sul Seicento, in «Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa. Classe di Lettere e Filosofia», serie III, V, 1975, 2, pp.837-901; per i gusti collezionistici di Brass, A. Morandotti, Italico Brass, pittore, conoscitore e mercante nell’età di Giuseppe Fiocco, in Genova e il collezionismo nel Novecento. Studi nel centenario di Angelo Costa, a cura di A, Orlando, Torino 2001, pp. 241-250). Questo innalzamento della croce, forse un soggetto meno tipico

rispetto alla rassegna dei suoi indimenticabili Frati che si scaldano davanti al camino sempre in questa asta, sfata però, nella sua intensità quasi senza tempo, l’idea che Magnasco sia un pittore di soggetti facili, un pittore di scene di genere sempre un poco di maniera. Nella scena serrata si percepisce un pathos che, seppure insedicesimo e in una modalità quasi stenografica, ricorda certe invenzioni di Caravaggio e Van Dyck e, guardando in avanti, di Rodin o del Fontana delle Vie Crucis. Ma è al grande interprete di Michelangelo nella Venezia del Cinquecento, Jacopo Tintoretto, che il dipinto si avvicina particolarmente, come era già chiaro ad Antonio Morassi, che presentò il quadro alla rassegna monografica di Genova del 1949, annotando: “Opera di straordinaria potenza drammatica, in cui le figure, i gesti, i colori sono ridotti alla pura essenzialità. Ricordi del Castiglione genovese si sovrappongono ad elementi d’origine tintorettesca”. Le qualità virtuosistiche dei due dipinti di Magnasco già Brass sono riconosciuti in tutte le voci bibliografiche che li riguardano, da quelle dei primi del Novecento alle più recenti esplorazioni di Fausta Franchini Guelfi, grande interprete dell’arte di Magnasco in molti suoi studi dedicati all’artista a partire dall’ultimo quarto del secolo scorso. Alessandro Morandotti


IL PONTE CASA D’ASTE

32 33


125 Alessandro Magnasco (Genova 1667 - 1749) Frati che si scaldano davanti al camino Olio su tela, cm 56x53,5 Provenienza Collezione Achille Locatelli-Milesi, Bergamo; Collezione Italico Brass, Venezia; Collezione privata, Milano. Bibliografia Alessandro Magnasco, catalogo della mostra presso l'associazione "Amici dell'Arte", Milano 1922, ill.; B. Geiger, Beiträge zum Berliner Magnasco Katalog, in "Belvedere", II, 1922, p. 22; A. Ferri, Alessandro Magnasco, volume per la "Biblioteca d'Arte Illustrata" 1992, tav. XVI; B. Geiger, Magnasco, Wien 1923, p. 55, n. 212, tav XL; Il Settecento italiano, catalogo della mostra, Venezia 1929, p. 66, n. 17; G. Delogu, Pittori minori liguri, lombardi, piemontesi del Seicento e Settecento, Venezia 1931, p. 128, tav. 193; Cinque pittori del Settecento. Ghislandi, Crespi, Magnasco, Bazzani, Ceruti, catalogo della mostra presso "Antiquaria" a cura di A. Morandotti, Roma 1943, n. 29;

M. Pospisil, Magnasco, Firenze 1944, p. LXXXV, tav. 168; B. Geiger, Magnasco. I disegni, Padova 1945, p. 76; A. Morassi, Mostra del Magnasco, catalogo della mostra di Genova, Bergamo 1949, p. 36, n. 43; B. Geiger, Magnasco, Bergamo 1949, p. 146, tav. 433; F. Franchini Guelfi, Alessandro Magnasco, Campomorone, 1977, p. 157 e fig. 180; L. Muti, D. De Sarno Prignano (con la collaborazione di E. Martini), Alessandro Magnasco, Faenza 1994, p. 260-261, n. 353. € 30.000/40.000


IL PONTE CASA D’ASTE

34 35

126

126 Parte di servizio da tavola in argento di gusto Luigi XVI, sbalzato e cesellato nella bordura a profili maschili sorretti da festoni con fiocchi. Composto da: dodici piatti da dolce e da burro, dodici coppette lavadita, una piccola zuppiera biansata con presa del coperchio a pigna a tutto tondo e vasca interna in vetro, un centrotavola e due vassoi, di cui uno biansato di forma rettangolare. Alcuni iscritti alla base "Fannie Kerens , IV Heugasse 28, Vienna". Alcuni con marchi di Alfons Washington Schleissner, Neresheimer Hanau, epoche differenti (d. cm 16,5; d. cm 22) (g 12740) (lievi difetti) € 12.000/15.000

127 Trumeau lastronato, filettato e intarsiato a cartelle in noce, radica di noce e legni vari. Parte superiore a due ante celanti vano, cimasa di linea spezzata. Parte inferiore a tre cassetti di forma mossa e anta ribaltabile celante cassettini e segreti. Montanti a lesena parzialmente scolpiti a riccioli. Piedi squadrati. Marche, terzo quarto del secolo XVIII (cm 160x287x72) (difetti) Accompagnato da expertise di Briganti Sestieri € 35.000/40.000

127


128

128 Commode di forma mossa e bombata lastronata e filettata in bois de rose e bois de violette e intarsiata su fronte e fianchi con il motivo del quadrifoglio, a due cassetti sotto due a mezza lunghezza, montature in bronzo dorato, piano in marmo grigio. Genova, metà del secolo XVIII (cm 128x89x62) (difetti e restauri) Per confronto si veda: L. Caumont Caimi, L'ebanisteria genovese del Settecento, 1995, n. 125, pag. 165 € 12.000/15.000

129 Coppia di vasi biansati in argento sbalzato a foglie d'acanto, decorati a ghirlande vegetali sorrette da fiocchi. Coperchi traforati con prese a pigna, anse squadrate. Milano, all'insegna del cigno secolo XIX (h. cm 40) (g 3320) (lievi difetti e ammaccature) € 4.500/5.000 129


IL PONTE CASA D’ASTE

36 37

130

130 Servizio da té e caffé in argento e vermeille decorato in rilievo a canne e inciso a girali vegetali e cifre. Composto da: teiera, caffettiera, cioccolatiera con presa in avorio, zuccheriera, lattiera, cremiera, alzata e samovar con fornelletto. Gustave Keller, Parigi secolo XIX (g lordi 12200) (lievi difetti) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE. € 14.000/15.000


131

131 Antonio Molinari (Venezia 1655 - 1704) Flagellazione di Cristo Olio su tela (bozzetto), cm 40,5x50,5 In cornice (difetti)

€ 5.000/6.000

132 Giuseppe Baldrighi (Stradella 1723 - Parma 1803) Lupo, 1752- 1756 circa Olio su tela, cm 80,5x64 In cornice Bibliografia G. Montani, scheda in Quadreria 2009. Dalla bizzarria al canone, catalogo della mostra [Roma, Galleria Carlo Virgilio & Co.], a cura di G. Capitelli, Roma 2009, p. 18 € 7.000/8.000

132


IL PONTE CASA D’ASTE

38 39

133 Donato Creti (Cremona 1671 - Bologna 1749) - "Bacco" scultura in terracotta. Siglata "D.C" Bologna, secolo XVII (h. cm 35) (mancanze, piccoli restauri) Esposizioni Mostra della scultura bolognese del Settecento. Bologna, Museo civico, 12 dicembre 1965-12 gennaio 1966 Bibliografia Renato Roli, Dipinti inediti di Donato Creti in "Arte Antica e Moderna" n. 23, Sansoni, Firenze, 1963, pp. 101-102; Renato Roli, Donato Creti: un “Bacco” in terracotta, in "Arte Antica e Moderna" n. 24, Sansoni, Firenze, 1964; Renato Roli, Donato Creti, Milano, 1967, p. 91, figg. 100-101; Eugenio Riccomini "Scultura Bolognese del Settecento" catalogo della mostra, Bologna, Museo Civico, 12 dicembre 1965-12 gennaio 1966, pp. 71-72, fig. 50 Al pari di altri esponenti del Classicismo bolognese, Donato Creti fece continue ricerche di forme ideali, studiando e sperimentando ininterrottamente per soddisfare la sua sete di perfezione. Il “Bacco” qui presentato è l’unica scultura a noi nota realizzata per certo dall’artista, come dimostra la sigla “DC” incisa sul retro della figura e come conferma l’eminente studioso Renato Roli, al quale si deve la fortunata scoperta dell’opera e la prima revisione del catalogo dell’artista, insieme a una compiuta definizione dei suoi caratteri stilistici. Secondo lo studioso, il modellato del busto e la posizione delle gambe di questa scultura rievocano alcuni caratteri presenti nella figura di Paride nel quadro delle Collezioni Comunali d’Arte di Bologna. L’esecuzione accademica, la morbidezza del drappo e della capigliatura, l’assenza dei tagli aguzzi dei modi maturi dell’artista, consentono di collocare il “Bacco” tra le opere del periodo giovanile, quindi ancora entro il grande secolo che fu il Seicento. € 7.000/8.000

Particolare


134 LE ROY & FILS Orologio regolatore da appoggio con calendario perpetuo in cassa di ottone e vetri. Parigi epoca 1870 circa. Mostra in ottone dorato e finemente inciso guarnita da quattro quadranti a fascia in smalto bianco. Quadrante superiore: ore minuti e secondi al centro con scappamento a vista a colpo perduto e firma della manifattura: LE ROY & FILS PAL.s R.al G.ie MONTPENSIER 13-15 Paris. 296 Regent Street London Quadrante secondario di sinistra: Giorni della settimana, giorni del ciclo lunare, fasi lunari digitali a disco rotante. Quadrantino secondario di destra: Giorni e mesi. Quadrantino secondario in basso: È un barometro metallico. Movimento firmato e numerato "5925" costituito da tre sezioni verticali divise rispettivamente in: treni del tempo e della suoneria delle ore e mezze su campanello in alto. Treno del calendario perpetuo con indicazione dinamica degli anni bisestili e delle fasi lunari al centro. Meccanismo del barometro in basso. Pendolo ad asta singola con sospensione a lamella regolabile dal quadrante principale. Misure h. cm 56,5 (lievi difetti)

Il nome Le Roy è molto conosciuto nel mondo dell’orologeria. Il più famoso esponente della dinastia era Julien Le Roy (1686-1759). Da lui in poi ci sono state molte ramificazioni fino ad arrivare a Louis Charles (1794-1866). Quest’ultimo, intorno al 1830 rinomina la sua azienda come "Le Roy et Fils" presso il 13 di Galerie Montpensier. Con questa denominazione partecipa a varie esposizioni fino a che non cede l’azienda al suo collaboratore Casimir Desfontaines (1794-1880 circa), il quale apre anche una succursale a Londra in Regent Street nel 1856. Durante il "periodo Desfontaines" la manifattura partecipa a varie esposizioni tra cui quella di Parigi del 1855, Londra 1861, Parigi 1867, Parigi 1869, Vienna 1873, Parigi 1878. Tra il 1883 ed il 1888 ci sono dei passaggi generazionali fin quando nel 1898 l’ultimo Desfontaines si riassocia con un discendente di Le Roy cambiando di nuovo la ragione sociale € 10.000/12.000


IL PONTE CASA D’ASTE

135 Bottega di Domenico Piola, secolo XVII Santa Elisabetta con San Giovannino Olio su tela, cm 121x89 In cornice intagliata e dorata (difetti e restauri) Provenienza Collezione privata Bibliografia P. Pagano e M. C. Galassi, La pittura del '600 a Genova, Longanesi & c., Milano, 1988, tav. 458 (come Domenico Piola); D. Sanguineti, Domenico Piola e i pittori della sua "casa", Edizioni dei Soncino, Soncino, 2004, I, p. 107, fig. 45 (come collaboratore di D. Piola). € 7.000/9.000

40 41

Il dipinto è pubblicato da Daniele Sanguineti che lo considera opera di un valido collaboratore di Domenico Piola, spesso al suo fianco ma che, discostandosi per caratteri stilistici da tutti gli allievi noti, rimane non identificato. All'anonimo pittore “che spicca per un fare fortemente incisivo e cromaticamente contrastato” (D. Sanguineti, 2004, p. 107), sono assegnate alcune parti di opere dello stesso Piola, per esempio il volto femminile all'estrema destra dell'Abramo caccia Agar e il figlio Ismaele (D. Sanguineti, 2004, I.81, p. 404). Sono, invece, a lui interamente attribuite la tela qui presentata, raffigurante Santa Elisabetta con San Giovannino, e un Cristo e la Samaritana, sempre in collezione privata (D. Sanguineti 2004, p. 107).


136 Donato Creti (Cremona 1671 - Bologna 1749) La famiglia di Dario davanti ad Alessandro Olio su tela, cm 51,5x62,5 In cornice (difetti e restauri) Bibliografia Renato Roli, Dipinti inediti di Donato Creti in "Arte Antica e Moderna" n. 23, Sansoni, Firenze, 1963, p. 248, tav. 107a; Renato Roli, Donato Creti, Mauro Spagnol Editore, Milano, 1967, pp. 25 e 98, n. 104, fig. 6; Marco Riccomini, Donato Creti. Le opere su carta, Allemandi, Torino, 2012, pag. 84, fig. 28. Expertise Renato Roli, 14 febbraio 1966

€ 5.000/6.000

L'opera costituisce probabilmente il bozzetto preparatorio per uno degli affreschi eseguiti da Donato Creti nel palazzo del Conte di Novellara, intorno al 1700 (R. Roli, 1967, pp. 25 e 98). Questo ciclo è oggi perduto ma, grazie alle fonti, sappiamo che era dedicato alle Storie di Alessandro: “Fu chiamato insieme con Giuseppe Carpi dal Conte di Novellara a dipingergli una gran camera, siccome fu fatto. Vi pinse Donato sulle pareti varie imprese d’Alessandro; quando n’andò davanti a lui la famiglia di Dario, quando egli ritrovò il corpo del detto Re, (…). Tanto in questo lavoro studiò, e tanta fatica fece, che s’infermò, e bisognò condurlo a Bologna, donde guarito, tornò a Novellara a terminare affatto il lavoro, e quando l’ebbe terminato, di nuovo s’infermò, e di nuovo fu così infermo condotto a Bologna” (G. P. Zanotti, Storia dell’Accademia Clementina di Bologna, Bologna, 1739, vol. II, p. 106). E’ doveroso segnalare che la tela si pone in stretta relazione con un disegno, anch’esso da considerarsi probabile studio preparatorio per lo stesso affresco di Novellara (M. Riccomini, 2012, p. 84, n. 92.9, fig. 92.9r); infatti, per quanto la composizione complessiva sia differente, nel disegno si ritrovano, pressoché identiche a quelle del dipinto in esame, le due figure centrali.

In cornice


IL PONTE CASA D’ASTE

42 43


137 Donato Creti (Cremona 1671 - Bologna 1749) Concertino Olio su tela, cm 27,5x24,5 Al verso etichetta: "X Biennale d'Arte Antica. L'Arte del Settecento Emiliano / 9 settembre - 25 novembre 1979 / Palazzi del Podestà e di Re Enzo..." In cornice (difetti e restauri) Esposizioni L'arte del Settecento Emiliano. La pittura. L'Accademia clementina, Bologna, Palazzi del Podestà e di Re Enzo, 8 settembre - 25 novembre 1979 Bibliografia Renato Roli, Donato Creti, Mauro Spagnol Editore, Milano, 1967, pp. 33 e 93, n. 62, fig. 35; Renato Roli, Pittura Bolognese 1650-1800. Dal Cignani ai Gandolfi, Edizioni Alfa, Bologna, 1977, p. 253, fig. 193b; Renato Roli, scheda in L'arte del Settecento Emiliano. La pittura. L'Accademia clementina, catalogo della mostra [Bologna, Palazzi del Podestà e di Re Enzo, 8 settembre - 25 novembre 1979] a cura di Andrea Emiliani, Eugenio Riccomini e Renato Roli, Edizioni Alfa, Bologna, 1979, pp. 62 e 63, n. 111, fig. 86; Marco Riccomini, Donato Creti. Le opere su carta, Allemandi, Torino, 2012, fig. 11. Expertise Renato Roli, 14 febbraio 1966

€ 6.000/7.000

Reso noto in letteratura nel 1967 da Renato Roli nella sua monografia dedicata a Donato Creti (R. Roli, 1967, p. 93, n. 62, fig. 35), il dipinto in esame costituisce lo studio preparatorio del Concertino (già in proprietà privata a Genova) segnalato da F. Arcangeli allo stesso Roli, che lo pubblicò per la prima volta sempre nel 1967 (R. Roli, 1967, p. 93, n. 66, fig. 34). Il dipinto, nella sua versione finale, è datato al secondo decennio del Settecento e considerato da Roli uno dei migliori risultati ottenuti dal Creti nel genere “cortese”, la cui descrizione è così efficacemente resa dallo studioso: “un’opera delle più emblematiche dell’arte cretiana, per la sottile e geniale mistura che vi si produce tra il mondo “cortese” di Niccolò dell’Abate (…) e la lucidità di sguardo, la quasi ottica sfaccettatura della forma, colte attraverso la schiettezza di Annibale Carracci e del Cantarini, e persino qualche barlume di un repertorio sentimentale da caravaggismo in provincia e del tutto fuori stagione” (R. Roli, 1967, p. 33). L’alto esito raggiunto dal Creti in questo dipinto è magistralmente anticipato proprio dal delizioso bozzetto qui presentato che “nel timbro affocato e quasi monocromo di rossi e di bruni ostenta il piacevolissimo e inconfondibile tramato pasinelliano, voltato in minuetto pittorico di garbo tutto francesizzante” (R. Roli, 1967, p. 33). Con la medesima composizione è noto un terzo dipinto (già Bologna, collezione Palmirani; R. Roli, 1967, p. 92, n. 58), in origine attribuito al Creti sempre da Renato Roli, ma poi declassato dallo stesso studioso a derivazione di bottega, in ragione della sua più scarsa qualità rispetto a quella “assai più intensa” del nostro bozzetto (R. Roli, 1967, p. 92). In relazione con quest'opera si pone anche un disegno del Creti (R. Riccomini, 2012, p. 46, n. 37.6, fig. 37.6v), nel quale al verso - si trova una raffinata Testa di giovane con cappello piumato, a penna e inchiostro bruno, pressoché identica a quella del suonatore di liuto al centro del Concertino.


IL PONTE CASA D’ASTE

138 Maestro della Santa Caterina Gualino, Umbria, prima metà secolo XIV "Madonna con Bambino" scultura in legno raffigurante la Madonna in piedi che sostiene il bambino seduto (h. cm 71) (difetti e mancanze) Attribuita dal Prof. Giovanni Previtali nel 1966 Bibliografia: Roberto Longhi (a cura di) "Paragone 197", luglio 1966, pp. 51-53, figg. 48b, 49, 51 € 8.000/10.000

L'opera, presa in esame nientemeno che da una penna del calibro di Giovanni Previtali per la nota rivista “Paragone” nel 1966, venne presentata e ricondotta con dovizia filologica dal grande studioso al Maestro della Santa Caterina Gualino.1 Essa, infatti, fu in quel momento la quarta di una serie di sculture che riconducevano, e per stile e per alcune analogie formali, a quel maestro specifico, soprattutto a detta di Previtali per “l'identico modo di intagliare il legno”. Di dimensioni più contenute, (71 cm. di altezza), ha portato lo studioso a ipotizzare una committenza di minor lignaggio e, di conseguenza, di minor rilievo storico-artistico, sebbene decisiva per rimpinguare il catalogo di un allora semi-sconosciuto maestro operante nel centro-Italia. Non è un caso se egli si esprime con toni comunque entusiasti: “Opera di minor impegno, abbiamo detto, e destinata ad un più modesto committente; ma non certo di meccanica riduzione da un modello “maggiore”1, ché anzi la mente dell'artista vi si palesa vivacissima nelle molte, intelligenti varianti”.2 Spicca con maggiore evidenza l’impianto iconografico che, nella

44 45

“Madonna col Bambino”, è “sottilmente variato” rispetto ad altre opere analoghe, per dirla con Previtali; la Madonna è in piedi e sostiene con le mani il Bambino seduto, il quale, con ogni probabilità, benediceva con la mano destra, oggi mancante. Alcuni caratteri invece la accomunano al fare del maestro già analizzato in precedenza dal noto storico dell'arte: la presentazione frontale allo spettatore e l’intaglio ligneo, come si accennava poco sopra. L’artista ha lavorato le superfici senza scavare in profondità, quasi sfiorando il legno senza lederlo. La testa rotonda, gli occhi a grossa mandorla e le mani a massello sono piani larghi, quasi torniti predisposti per ricevere la successiva decorazione pittorica. Completamente perduta la policromia, nel corso del tempo, la scultura si presenta quasi come fosse un primo abbozzo di lavorazione, capace tuttavia di esprimere con forza la straordinaria modernità mentale dell’artista. Il volto intenso di Maria e la splendida modulazione delle pieghe del manto che ricadono dal suo braccio sinistro, affermano in modo chiaro un aspetto molto evidente del suo stile, ossia quella tensione interna tra tradizione e volontà di esprimersi tramite un linguaggio nuovo. Tutti elementi sintomatici della situazione culturale che a partire dal Trecento, in una zona economicamente di secondo piano del Teramano coinvolge chi, pur partecipe e consapevole dell'ondata innovativa, si trova ad operare in un contesto e per un pubblico ancora fortemente legato al passato. Pare infatti che la scultura provenga proprio da quella zona del Centro Italia (umbro-abruzzese) che fu il maggior centro di attività del Maestro della Santa Caterina Gualino. 1 Giovanni Previtali, Una aggiunta al 'Maestro della Santa Caterina Gualino', in "Paragone", 197, luglio 1966, pp. 51-53; ripubblicato in Studi sulla scultura gotica in Italia. Storia e geografia, Torino, Einaudi, 1991, pp. 11-15, in part. p. 12, fig. 9. 2 Ibidem


Firma

139 Cassettone lastronato e intarsiato in bois de rose e bois de violette e altri legni, a due cassetti sotto uno a mezza lunghezza, il fronte centrato da ovale con due amanti e Cupido tra due grifoni entro cornice a motivo concatenato, firmato 'G.B.M. fecit dies...anno 1798, adi 31 dicc', i fianchi centrati da medaglioni uno con Giove e l'altro con Giunone. Il cassetto sottopiano intarsiato da grifoni affrontati con lunghe code a formare girali d'acanto. Montanti intarsiati a motivi neoclassici. Piedi rastremati, piano in marmo. Lombardia, ultimo quarto del secolo XVIII (cm 122x89,5x59) (restauri) € 20.000/22.000


IL PONTE CASA D’ASTE

46 47

140 Scuola fiamminga del secolo XVII Deposizione dalla croce; Nicodemo; Maddalena Trittico ad olio su tavola, cm 71x46 (pannello centrale); cm 53,5x19 e 52,5x20 (pannelli laterali) Al verso del pannello con Nicodemo iscrizione "Mantegna" In cornici intagliate e dorate del secolo XVIII (difetti e restauri) Il pannello centrale è copia da un'opera perduta di Rogier Van der Weyden, nota attraverso varie repliche successive. Il trittico qui presentato deriva, più precisamente, da quello conservato al Metropolitan Museum ed eseguito dal Master of the Holy Blood, il quale copiò la medesima Deposizione di Van der Wayden, aggiungendo i due elementi laterali, di sua invenzione, con Nicodemo e la Maddalena. € 10.000/12.000


141 Stefano Magnasco (Genova circa 1635 - 1672) Adorazione dei Magi Olio su tela, cm 66x50 Siglato "SM" in basso sul gradino In cornice intagliata e dorata (difetti e restauri) Provenienza Collezione privata Bibliografia G. Biavati Frabetti, Preliminari a Stefano Magnasco, in "Paragone", n. 409, Marzo 1984, p. 18, tav. 7, p. 37 nota 23; P. Pagano e M. C. Galassi, La pittura del '600 a Genova, Longanesi & c., Milano, 1988, tav. 409; E. Gavazza, Protagonisti e comprimari. Acquisizioni e interferenze culturali, in E. Gavazza, F. Lamera, L. Magnani, La Pittura in Liguria. Il Secondo Seicento, Sagep Editrice, Genova, 1990, fig. 99, pag. 88; A. Orlando, Stefano Magnasco e la cerchia di Valerio Castello, Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo, 2001, pag. 96, n. 16. € 8.000/10.000

Passata per la prima volta sul mercato antiquario statunitense nel 1980 (Christie’s, New York, 5-6-1980, lotto 208), la tela di Stefano Magnasco, raffigurante l’Adorazione dei Magi, costituisce uno dei dieci dipinti esistenti dell’artista contrassegnati dalla sua tipica sigla: una “S” e una “M” intrecciate, in questo caso, visibili sul gradino del trono della Vergine. In questo dipinto, di piccole dimensioni rispetto al corpus delle opere dell’artista, il giovane Stefano Magnasco, ancora in via di formazione e memore della propria tradizione genovese, sembra ispirarsi notevolmente alla composizione dal medesimo soggetto realizzata dal suo maestro Valerio Castello, di collezione privata (A. Orlando, 2001, p. 96). Calata in un notturno innaturale, dove l’unica fonte di luce è la brillante stella cometa che illumina corone e vasi scintillanti, l’intima Adorazione dei Magi rende palpabile lo spessore dei tessuti e la morbidezza tattile delle vesti dei personaggi in un contesto di “arcaica domesticità” (G. Biavati Frabetti, 1984, p.18). È facile scorgere all’interno di questa tela la lezione di Castello: il maneggiare brillantemente e rapidamente il pennello, rendendo dinamica la scena delle figure in secondo piano, soavi e allungate, è tipico del Valerio parmigianinesco dei murali monocromi del palazzo reale di Genova (G. Biavati Frabetti, 1984, p. 29) o della Madonna della fruttiera (collezione privata, Genova). Allo stesso tempo, però, in quest'opera Stefano Magnasco conduce con successo anche la sua ricerca verso un'eleganza formale e una pienezza delle forme, dimostrando nelle figure in primo piano una maggiore plasticità costruttiva rispetto al modus operandi del suo maestro genovese. Tutto ciò induce ad ancorare cronologicamente l’esecuzione del dipinto agli anni '50, durante la sua giovinezza avanzata e probabilmente subito prima del suo viaggio a Roma (A. Orlando, 2001, p. 96).


IL PONTE CASA D’ASTE

48 49


142 Antonio Molinari (Venezia 1655 - 1704) La morte di Cleopatra Olio su tela, cm 146x115,5 In cornice (difetti e restauri) Bibliografia E. A. Safarik - G. Milantoni, La pittura del Seicento a Venezia, in La pittura in Italia. Il Seicento, a cura di M. Gregori, E. Schleier, Milano, 1988, I, pp. 171 e 174, fig. 238; A. Craievich, Antonio Molinari, Soncino, 2005, p. 163, n. 89, fig. 57 € 9.000/10.000

Ormai sconfitta, a seguito della battaglia di Azio, Cleopatra non volle dare al vittorioso Cesare Ottaviano la soddisfazione di portarla in trionfo come sua prigioniera. La donna riuscì, prendendosi gioco di lui, ad uccidersi nonostante la stretta sorveglianza alla quale era stata sottoposta, proprio per evitare che ciò accadesse. Secondo la versione dello storico Plutarco, dopo aver compiuto libagioni sulla tomba dell’amato Marco Antonio, il quale si era tolto la vita dopo averla creduta morta, l’ultima dei Tolomei gustò un abbondante pasto, dopodiché venne introdotto nella sua stanza, senza sospetti dei carcerieri, un cesto pieno di fichi. Sotto le foglie dei dolcissimi frutti, era stato nascosto un serpente, l’aspide velenoso, che con un morso al seno, uccise la più famosa regina d’Egitto. Così, grazie all’aiuto di alcuni dei suoi fedeli servitori, che ne avrebbero condiviso la sorte, Cleopatra evitò la pubblica umiliazione. Lodato da Zanetti, il quale lo ritiene “genio vigoroso ed originale” (A. Zanetti, Della pittura veneziana e delle opere pubbliche de' veneziani maestri, 1771, libro V, p. 407), Antonio Molinari, pittore di storie allegoriche e pale d’altare, rappresenta magistralmente questa melodrammatica scena. L’opera, datata intorno agli anni '80 del 1600 da Craievich (2005, p. 163, n. 89), tiene visibilmente conto della lezione di Guido Cagnacci. In questa tela, dalle grandi dimensioni, Molinari osserva il tenebrismo del suo maestro Antonio Zanchi e crea un impianto figurale solidamente costruito dai corpi plastici e teatrali dei personaggi che si lasciano alle spalle uno squarcio di cielo e un’architettura ad arco possente e luminosa. La tela comparve con la giusta attribuzione a Molinari sul mercato inglese degli anni '70 (Christie’s, Londra, 9 luglio 1976) e mantiene tutt’oggi intatto il suo fascino sensuale creato dal ritmo incalzante delle ancelle intorno al corpo seminudo ed esanime di Cleopatra (Craievich, 2005, p. 163, n. 89), mentre dietro di loro preme l’ignaro Ottaviano.


IL PONTE CASA D’ASTE

50 51


143 Bernardo Strozzi detto il ”Cappuccino” (Genova o Campo Ligure 1582 - Venezia 1644) L'ultima cena e La lavanda dei piedi Coppia di dipinti ad olio su tela (bozzetti), cm 64x70 Etichette al verso relative alla provenienza "apartene a ... / Malerba ...doria" In cornici (difetti e restauri) Provenienza Collezione privata Bibliografia Descrizione della città di Genova da un Anonimo del 1818, edizione a cura di E. e F. Poleggi, Sagep, Genova, 1969, p. 306 (come scuola bolognese); C. Manzitti, Bernardo Strozzi, Allemandi & C., Torino, 2013, pp. 87-89, n. 35 e 36. € 12.000/15.000


IL PONTE CASA D’ASTE

52 53

I dipinti appartengono a una serie composta da quattro bozzetti, menzionati per la prima volta nella Descrizione della Città di Genova del 1818, il cui anonimo autore li vide nel Palazzo di Giorgio Doria in Strada Nuova e li indicò come opere di scuola bolognese: “quattro quadretti con la Cena del Signore, l'Ingresso in Gerusalemme, il Portar della croce, e la Lavanda dei piedi (...) di scuola bolognese" (Descrizione della città di Genova da un anonimo del 1818 [ediz. 1969], p. 306). Il Cristo cade sotto la croce e l' Entrata di Gesù in Gerusalemme (C. Manzitti, 2013, pp. 87-88, n. 33 e 34) - oggi conservati in Palazzo Bianco a Genova - sono nuovamente segnalati nel 1847, sempre nel medesimo palazzo e, più precisamente, sul "terzo prospetto del salotto", da Alizeri che giustamente attribuisce il primo (ma, stranamente, non il secondo) a Bernardo Strozzi, definendolo "brillantissimo schizzo del Cappuccino” (F. Alizeri, Guida artistica per la città di Genova, 1847, vol. II, parte I, p. 445). Alizeri non menziona però L'ultima cena e La lavanda dei piedi che, destinati a seguire una storia collezionistica diversa dai loro compagni, erano probabilmente già passati ad un'altra collocazione tra il 1818 e il 1846/47 (arco di tempo che intercorre tra le due descrizioni), come ipotizza Camillo Manzitti. Proprio a quest’ultimo si deve l'attribuzione dei due dipinti in esame alla mano di Strozzi e la ricostruzione della loro relazione con la coppia di telette di Palazzo Bianco.


144 Abate Paolo (attivo nel secolo XVIII) Natura morta con funghi, cavolfiore, melagrane, pesci e cavie Olio su tela, cm 113x157 In cornice antica (difetti e restauri) € 16.000/18.000

Già nel 1998 chi scrive aveva identificato una serie di nature morte restituendole ad un’unica mano1, senza poterle riferire ad un autore conosciuto. Il ritrovamento di un’iscrizione indicante l’appartenenza alla collezione del maresciallo Johann Matthias von deer Schulenburg, con relativo numero di inventario, su di una tela transitata sul mercato antiquario, attribuita a Giacomo Recco2, ha permesso ad Alberto Crispo l’identificazione dell’autore sia delle opere sopra citate che di altre3. La composizione Selvaggina di penna, pesci, crostacei, conchiglie, cocomeri, pesche e cesto di fichi infatti risulta inventariata al numero “151” negli elenchi del collezionista tedesco, a uno dei “4. Tableaux, repraès, des oiseaux sauvages, des poissons, et des fruits, ce tout au naturel avec architecture” de “L’Abbé Dito Paul”, che corrispondono ai quattro quadri menzionati nel 1738 come di “Abbate Don Pauolo” 4. Alberto Crispo, nei suoi puntuali articoli sull’Abate Paolo gli addebita, con certezza, due grandi ovali, già attribuiti a Giacomo Ceruti5 e poi in via dubitativa, gli stessi con altre quattro nature morte6. Lo studioso giustifica la propria, condivisibile, cautela proponendo “… due possibilità: che i dipinti in questione appartengano ad una fase tarda dell’Abate Paolo, che però andrebbe meglio correlata, con passaggi intermedi, alla restante produzione dell’artista, o che gli stessi vadano assegnati a un pittore a lui affine”7 . L’attribuzione della inedita natura morta in esame all’ Abate Paolo risulta incontrovertibile nel confronto tra i funghi, porcini ed ovuli riprodotti e gli stessi vegetali presenti nella tela Cacciagione di penna, pesci, crostacei, funghi e sporta, già collezione barone Bartolomeo Vitali8 e nella tela Funghi e fiori su plancia rocciosa, ubicazione ignota9. Anche il grande cavolfiore che si offre sfacciato al centro della composizione, è attore abituale nelle scene dell’Abate Paolo, presente nella natura morta Pesci, crostacei, lumache, asparagi, cavolfiore, limoni e sporta su plancia rocciosa di collezione privata e nel quadro gemello della già citata tela della collezione barone Bartolomeo Vitali, così le triglie, le sardine, le ombrine che però, nei quadri con certezza accreditati al misterioso autore, mostrano una più insistita lenticolarità, una maggior attenzione al disegno, un’esposizione di oggetti pur affastellati ma presentati su rialzi rocciosi in cumuli ordinati a cuneo verso lo spettatore, quasi ad inserirsi di forza nel suo campo visivo. La stessa modalità spaziale nel rapporto con il riguardante ritorna, più contenuta, nella tela in esame che mostra una materia leggermente più corposa e una pennellata più veloce rispetto alle sopracitate tele della collezione Vitali tanto da poter azzardare che forse la Natura morta con funghi, cavolfiore, melagrane, pesci sia l’anello mancante tra le opere certe e il gruppo di tele dubitativamente attribuite all’Abate Paolo. Come dimostrerebbe il confronto tra il cedro presente nella già citata tela della collezione Vitali, l’agrume presente nel quadro in esame e lo stesso dipinto nell’ovale già attribuito al Ceruti10. L’abilità mimetica dell’autore si palesa senza incertezza nella resa del gruppo di funghi che, dal cavolfiore, scivola verso il primo piano della scena, composto da pregiate amanite caesaree, ovuli commestibili, i gambi all’aria, coperti dalla volva, le lamelle ben visibili, le cappelle vermiglie e da saporosi porcini che si adagiano sul terreno pronti a rotolare oltre i due grandi cedri incorniciando i pesci, questi ultimi proposti con l’abilità tecnica, nel renderne la viscida squamosità, degna del miglior interprete napoletano dell’argomento. La luce, dal centro della composizione, evidenzia il gruppo di pesci, indugia sullo scorfano del primo piano, sulle triglie, sulle sarde, piega a sinistra investendo a fiotti i funghi, risale

arrampicandosi sul grande ortaggio bianco, sulle carnose foglie ricadenti fino a spegnersi nel lato destro della composizione dove alle sole melagrane è concessa una luminosità ribassata. L’operato dell’Abate Paolo, come già considerato, muovendosi dagli esiti di Jacob van de Kerckoveen11, Giacomo da Castello, è precedente imprescindibile alle nature morte di Giacomo Ceruti, entrambi artisti presenti nella collezione del maresciallo Schulemburg. Maria Silvia Proni

1 M. S. Proni, Giacomo Francesco Cipper detto il Todeschini in G. Bocchi – U. Bocchi, Naturaliter. Nuovi contributi alla natura morta in Italia settentrionale e Toscana tra XVII e XVIII secolo, 1998, p. 193, nota 30. 2 Selvaggina di penna, pesci, crostacei, conchiglie, cocomeri, pesche e cesto di fichi, olio su tela, cm 109, 8 x 145,4, asta Christie’s, Londra, 7 luglio 2004, n. 78. 3 A. Crispo, Le nature morte dell’”Abate Paolo”: invenzione e imitazione nella pittura di genere in Italia settentrionale tra Sei e Settecento, in “Parma per l’arte”, XI, 2005, pp. 73 – 83 e Ancora su Giacomo Ceruti pittore di natura morta: qualche novità e alcune considerazioni sulla mostra di Bergamo in “Parma per l’arte”, XX, 2014, pp.95- 103. 4 Ivi, p. 75. 5 M. Gregori, Giacomo Ceruti. Nature morte, catalogo della mostra (Bergamo, Palazzo del Credito Bergamasco 5 - 25 novembre 2011) a cura di M. Gregori, p. 79, nn. 32 - 33, tavv. XXX-XXXI. 6 Crispo, Le nature morte …, 2005, nn. 12 e 13 e 2014, nn. 12 e 13 e nn. 11, 14, 15, 16. 7 Crispo, Ancora su Giacomo Ceruti …, 2014, p. 100. 8 La tela ha subito attribuzioni differenti, da Evaristo Baschenis, a Felice Boselli, al Crivellone. Chi scrive l’ha poi assegnata, con altre tele, ad una mano non identi ficata (vedi nota 1), fino al ritrovamento dell’indicazione, da parte di Crispo, dell’operato dell’Abate Paolo e all’inserimento nella sua produzione. 9 Crispo, Ancora su Giacomo Ceruti …, 2014, fig. 7. 10 Vedi nota 5. 11 Vedi nota 1.


IL PONTE CASA D’ASTE

54 55


145 Maestro veneto del secolo XVII San Giovanni Battista Olio su tela, cm 86,5x69,5 Etichetta al verso: "MOSTRA DELLA PITTURA ITALIANA DEL '600 E DEL '700 - 1922" In cornice (restauri) Provenienza Collezione privata Esposizioni Mostra della pittura italiana del Seicento e del Settecento, a cura di Nello Tarchiani, Firenze, Palazzo Pitti, 1922 (come attribuito a Luca Giordano) Bibliografia N. Tarchiani, Mostra della pittura italiana del Seicento e del Settecento, catalogo della mostra, I edizione, Bestetti & Tumminelli, Roma - Milano, 1922, p. 102, n. 486 (come attribuito a Luca Giordano); N. Tarchiani, Mostra della pittura italiana del Seicento e del Settecento, catalogo della mostra, II edizione, Bestetti & Tumminelli, Roma - Milano, 1922, p. 168, n. 915/c (come scuola veneziana); R. Longhi, Note in margine al catalogo della mostra Sei Settecentesca del 1922, in Scritti Giovanili 1912-1922 [edizione Sansoni, Firenze, 1961], p. 503 (come scuola veneziana); U. Ojetti, L. Dami, N. Tarchiani, La pittura italiana del Seicento e del Settecento alla mostra di Palazzo Pitti del 1922, Bestetti e Tumminelli, Milano, 1924, tav. 191 (come Giovanni Liss); O. Ferrari e G. Scavizzi, Luca Giordano, Edizioni scientifiche italiane, Napoli, 1966, p. 286 (tra le opere di attribuzione non accolta). € 16.000/18.000

Il dipinto, da assegnarsi alla mano di un maestro veneziano attivo nella seconda metà del secolo XVII, costituisce un notevole esempio dell'influenza esercitata sui pittori veneziani da Luca Giordano, il cui rapporto con l'arte della Serenissima - compresi i suoi viaggi in laguna e la dibattuta questione sulla discendenza dei "Tenebrosi" proprio da Giordano - è stato al centro di numerosi studi critici. Considerando lo stretto legame dell'opera in esame con i caratteri stilistici del maestro napoletano, la potenza della bellissima invenzione e la qualità pittorica, non stupisce che questo San Giovanni Battista sia stato in passato assegnato alla mano dello stesso Luca Giordano. Con questa attribuzione, infatti, fu esposto alla Mostra della Pittura Italiana del Seicento e del Settecento, tenutasi a Palazzo Pitti nel 1922 (N. Tarchiani, 1922, I ed., p. 102, n. 486). Fu Roberto Longhi (R. Longhi, 1922 [ediz. 1969], p. 503) a riferirlo, successivamente, alla scuola veneziana (ipotizzando anche un'attribuzione a Migliori) e con questa catalogazione, da noi condivisa, fu poi elencato nella seconda edizione del catalogo della stessa mostra (N. Tarchiani, 1922, II ed., p. 168, n. 915/c). Si segnala, infine, anche un'attribuzione a Giovanni Liss, proposta nel volume di U. Ojetti e L. Dami del 1924, sempre dedicato alla celebre mostra di Palazzo Pitti (U. Ojetti, L. Dami, N. Tarchiani, 1924, tav. 191).


IL PONTE CASA D’ASTE

56 57


146 Gaetano Gandolfi (San Matteo della Decima 1734 - Bologna 1802)

Questo straordinario dipinto che reca sull’antico telaio la scritta: “Vero Ritrato di Gaetano Gandolfi Bolog... / Fatto da Esso Anno 1784”, fu concepito dal pittore come probabile studio di carattere.

Busto d'uomo barbuto Olio su tela, cm 47,5x34,5 Al verso iscritto "Vero Ritrato di Gaetano Gandolfi Bolog... / Fatto da Esso Anno 1784" In cornice dorata (difetti e restauri)

La produzione di Gaetano Gandolfi si divide tra una religiosità equilibrata, particolarmente evidente nelle sue pale d’altare, ma anche nei garbati dipinti da stanza, e una più fresca e moderna pittura profana, dove i temi desunti dai grandi scrittori classici si alternano a soggetti mitologici, spia del mutare dei tempi, come nel Diogene e Alessandro di Zurigo, in collezione privata, e la Morte di Socrate a Bologna in collezione Trenta.

Bibliografia D. Biagi Maino, Gaetano Gandolfi, Allemandi, Torino, 1995, pp. 100-101, pag. 388, n. 161, tav. LXXVIII; D. Biagi Maino, Gaetano e Ubaldo Gandolfi, opere scelte, Allemandi, Torino, 2002, pag. 99, fig. 38. € 32.000/38.000

Tra le più intense realizzazioni nel genere degli studi di carattere della pittura dell’epoca, questa tela è il privatissimo esercizio di talento e sorprendente prova della piena maturità dell’artista, dallo stile di assoluta internazionalità. Gaetano dichiara, con il suo particolare taglio compositivo, la “volontà spavalda di restituire del ritrattato un’immagine quanto più possibile sincera” (D. Biagi Maino, 2002, p. 99), dimostrando una estrema abilità nella svelta e audace stesura pittorica. Caratterizzato da un mirabile movimento negli impasti e nel partito luminoso, questo strepitoso dipinto si contraddistingue anche per l’intensità emotiva e la franca resa pittorica che si mostrano nello scatto orgoglioso del torso e del capo dell’effigiato. Nonostante la riluttanza di Gaetano nell’eseguire ritratti, quest’opera è da acquisire al livello più sostenuto della ritrattistica di fine secolo e “non sembra eccessivo sostenere che in dipinti come questo Gaetano anticipa posizioni che saranno della pittura romantica” (D. Biagi Maino, 2002, p. 99).

In cornice


IL PONTE CASA D’ASTE

58 59


147 Giovan Bernardino Azzolino (Cefalù 1598 - Napoli 1645) Gesù Bambino come Redentore e Salvator Mundi Olio su tela, cm. 130x102 In cornice € 36.000/38.000


IL PONTE CASA D’ASTE

60 61


Il dipinto, inedito e in ottimo stato di conservazione, rappresenta, con una rara soluzione iconografica almeno nel campo della produzione pittorica del XVII secolo in Italia, Gesù Bambino che, capelli biondi e ricci, si erge seminudo sullo sfondo di un paesaggio deserto all’imbrunire, con un prezioso manto violaceo sulle spalle che si apre sontuoso al vento con ampio panneggio. Evidente che si presenta nelle apparenze del Redentore come del Salvator Mundi, che, sostenuto da tre biondi cherubini, solleva con la destra una spiga di grano e un ramo di ulivo e con la sinistra si appoggia alla croce lignea conficcata nel terreno accanto allo scheletro di Adamo, il primo uomo (chiare, quindi, l’evocazione della figura e del ruolo di Cristo come Salvatore dell’Umanità), con un serpente dalla bocca di fuoco, evidente allusione al Demonio. Si conoscono pochi dipinti seicenteschi con una rappresentazione di Gesù Bambino simile a quella della tela in esame. Tutti, in ogni caso, oltre ad accentuate e comprensibili differenze nella resa pittorica per appartenere alla mano di ‘scuole’ e pittori diversi, presentano notevoli varianti nella trattazione iconografica del tema illustrato. Sono questi i casi, a esempio e tra i pochi altri, del dipinto riferito a un anonimo collaboratore di Anton van Dick in Italia, anni orsono presso la Galleria Castelbarco a Riva del Garda (Trento); della tela del 1658 di Elisabetta Sirani appartenente alle raccolte della Pinacoteca Nazionale di Bologna; della composizione di grandi dimensioni, sempre su tela, inserita al centro di un monumentale altare ligneo e che, attribuita alla ‘bottega’ di Mattia Preti a Malta, è nella chiesa di San Domenico a Taverna, città natale del pittore di origine calabrese. Quest’ultimo, per soluzioni compositive e iconografiche, è anche il dipinto più vicino alla versione qui in esame. La felice combinazione di soluzioni con una rappresentazione devota dell’immagine sorridente di Cristo Bambino che s’impone sul peccato e sulla morte, momenti e aspetti concomitanti della condizione di ogni essere umano, con la resa concreta e vera, di matrice naturalista e caravaggesca, di panni ed epidermidi, di tratti somatici ed espressivi di stati d’animo e reazioni emotive, suggerisce di ricercare l’autore del dipinto in argomento tra i pittori attivi a Napoli a inizio Seicento. In particolare tra quanti tentarono, quasi contemporaneamente, di conciliare, come documentato da una produzione datata o databile ancora verso la metà del Seicento, aspetti insiti nell’opera del Caravaggio al tempo dei suoi due soggiorni napoletani (1606-1607 e 1609-1610) con la resa addolcita e pacatamente comunicativa, tra il domestico e il familiare, di soggetti sia sacri che profani dipinti nel solco delle tarde tendenze della “Maniera” e, a inizio secolo, soprattutto sull’esempio del Cavalier d’Arpino, impegnato con il fratello Bernardino Cesari e altri della sua cerchia, nel vasto ‘cantiere’ della Certosa di San Martino. Nel tener conto di questi rilievi, ma anche muovendo dal rilievo che la tela in argomento presenta accentuate concordanze, per resa formale e qualità di resa pittorica, con noti dipinti del pittore di origine siciliana Giovan Bernardino Azzolino databili o datati a Seicento ormai inoltrato, dopo che il pittore si era definitivamente trasferito a Napoli, dove risulta documentato dal 1594, e si era già affermato con una produzione di accentuata inclinazione tardomanierista. Sono i casi, questi, a esempio, della tela del 1630 circa con l’Ascensione, comparsa presso la Sotheby’s di New York alla vendita del 5 giugno 2008, lotto 66; della Madonna col Bambino e angeli adoranti della chiesa napoletana di Santa Maria degli Angeli a Pizzofalcone; o della Madonna del Rosario nella Cappella di San Nicola a Mormanno Calabro: dipinti nei quali, oltre a evidenti concordanze cromatiche, anche attraverso una resa delicata di trapassi chiaroscurali, sono marcate le affinità tra l’addolcita e cordiale trattazione dei caratteri somatici ed espressivi del Cristo Bambino e dei cherubini dipinti nella composizione in esame con la resa pittorica degli angioletti presenti nelle varie composizioni dell’Azzolino qui prima segnalate. Concordanze per stesure cromatiche, come per resa delle forme e per trattazione delle reazioni emotive, che oltretutto, proprio nel caso del dipinto in esame, evidenziano accentuate affinità con alcune tele di Jusepe de Ribera dipinte intorno al 1630. Tra le quali qui merita una particolare segnalazione la monumentale e sontuosa ‘pala d’altare’ per la chiesa napoletana della Trinità delle Monache con la Trinitas terrestris, San Benedetto, San Bernardino, San Bonaventura e San Bruno, sormontata dalla tela di ridotte dimensioni con l’Eterno Padre: entrambe rimosse della collocazione originaria ed esposte prima nel Palazzo Reale di Napoli, poi, più di recente, nel Museo di Capodimonte (N. Spinosa, Ribera. L’opera completa, Napoli 2006, pp. 290-291, nn. A76 e A77, tavole a colori alle pp. 72 e 73). Dipinta per essere collocata nel grande retablo scolpito in marmo dall’architetto e scultore d’origine bergamasca Cosimo Fanzago per l’altare maggiore della chiesa annessa al convento delle monache benedettine intitolato alla Santissima Trinità, era stata commissionata, come altre tele dipinte per la stessa chiesa da Giovan

Battista Caracciolo e da Fabrizio Santafede, dalle monache attraverso la intermediazione di Giovan Bernardino Azzolino, allora socio, per varie attività soprattutto di carattere mercantile (come l’acquisto e il trasporto a Napoli di blocchi di marmo di Carrara destinati ai complessi monastici ed ecclesiastici allora in costruzione o in corso di ampliamento), del principe genovese Marcantonio Doria. Quest’ultimo, che nel 1609 aveva commissionato al Caravaggio di ritorno a Napoli da Malta e dalla Sicilia la tela con Il tiranno che trafigge Sant’Orsola oggi nella raccolta napoletana d’Intesa Sanpaolo esposta in Palazzo Zevallos. In aggiunta – ciò che qui più conta – lo stesso principe, già da tempo in società con l’Azzolino, aveva affidato al giovane Ribera nel 1616 la realizzazione di una serie di tele con le ‘mezze figure’ dei quattro Evangelisti (serie completata nel 1619, di cui unico elemento superstite è il San Marco di una privata fondazione a Santiago del Cile). Successivamente, nel 1620, quando il pittore era a Napoli già da quattro anni, lo stesso principe gli aveva commissionato anche la superba Pietà poi entrata nelle raccolte della National Gallery di Londra (Spinosa 2006, cit., p. 275, n. A49, e p. 279, n. A58). Non è improbabile che le affinità ora riscontrate tra il Gesù Bambino come Salvator Mundi qui assegnata all’Azzolino e le due segnalate tele di Ribera a Capodimonte, possano spiegarsi come diretta conseguenza dell’influenza esercitata dal giovane spagnolo una volta a Napoli anche su pittori napoletani di formazione tardomanierista, come Azzolino e Fabrizio Santafede, tra gli altri, e non solo su quelli con orientamenti e preferenze già in direzione naturalista e caravaggesca (come nel caso di Filippo Vitale e non solo). Così come non è meno probabile che la presenza di elementi d’inclinazione naturalista e di matrice riberesca riscontrata nel dipinto dell’Azzolino qui in argomento possa spiegarsi anche quale ‘ricaduta’ degli stretti rapporti di parentela stabiliti dal giovane e già affermato pittore d’origine spagnola e lo stesso Azzolino a seguito del matrimonio di Ribera con la figlia di quest’ultimo, Caterina, sempre alla fine del 1616: matrimonio che avrebbe comportato per lo spagnolo sia la possibilità di ricevere vari altri incarichi di lavoro attraverso la potente mediazione del suocero e, forse, di ereditarne anche l’attivissima ‘bottega’ impegnata in campi diversi del fare artistico. Del resto, risulta evidente quanto gli esempi dello spagnolo abbiano inciso sulle scelte stilistiche operate dall’Azzolino in particolare dalla metà degli anni Venti del secolo, senza per questo del tutto rinunciare alle sue passate e prevalenti inclinazioni in direzione manierista e con esiti da una prevalente e addolcita resa espressiva. Ne sono conferma, infatti, sia le qualità pittoriche, per impreziosita resa materica, del sontuoso manto di Cristo Bambino nella tela in argomento, che risultano non diverse da quelle visibili in noti dipinti giovanili del Ribera tra Roma e Napoli, come la Maddalena in meditazione già Chigi e ora in una privata raccolta romana (Spinosa 2006, cit., p. 278, n. A35), la ‘mezza figura’ della Maddalena penitente del Museo di Capodimonte (Ibidem, p. 279, n. A57) e, ancora, le stesse due tele di Capodimonte prima citate. Ma anche per una quasi identica resa nel modellato delle teste dei cherubini che sostengono Gesù Bambino nel dipinto ora esaminato e degli angioletti inseriti nella segnalata ‘pala d’altare’ per la Trinità delle Monache, con una datazione decisamente più avanzata, che suggerisce di datare anche questo Cristo Bambino come Redentore e Salvator Mundi subito prima o, meglio, subito dopo il 1630, come gli altri dipinti di Azzolino prima citati. Cenni bibliografici: U. Prota-Giurleo, Pittori napoletani del Seicento, Napoli 1953, pp. 123-151. N. Spinosa, Ribera. L’opera completa, Napoli 2006 (edizione italiana della Electa Napoli; edizione spagnola: Madrid 2008, Fundación Arte Hispanico). G. Previtali, La pittura del Cinquecento a Napoli e nel vicereame, Torino 1978, pp. 122 s. figg. 169-173, 157-160 note 97-98. F. Ferrante, Aggiunte all’Azzolino, in Prospettiva, 1979, n. 17, pp. 16-30. F. Ferrante,  Giovan Bernardino Azzolino tra tardomanierismo e protocaravaggismo. Nuovi contributi e inediti, in  Scritti di storia dell’arte in onore di Raffaello Causa, Napoli 1988, pp. 133-141. G. Forgione, Ragano (Azzolino) Giovan Bernardino (ad vocem), in Dizionario Biografico degli Italiani, Enciclopedia Treccani, vol. 86, Torino – Roma 2016 (con completa bibliografia precedente). Nicola Spinosa


IL PONTE CASA D’ASTE

62 63

Particolare


148 Valerio Castello (Genova 1624 - 1659) Pietà Olio su tela, cm 158x175 In cornice (difetti e restauri) Provenienza Collezione privata Bibliografia F. Boggero e C. Manzitti, L'eredità di Van Dyck a Genova in Van Dyck a Genova. Grande pittura e collezionismo, catalogo della mostra, a cura di S. J. Bernes, P. Boccardo, C. Di Fabio, L. Tagliaferro, Electa, Milano, 1997, fig. 113 a pag. 114, p. 123; A. Orlando, Venti dipinti genovesi del XVII e XVIII secolo, Genova, 1999, pp. 18 e 19, n. 4; C. Manzitti, Valerio Castello, Allemandi, Torino, 2008, pp. 98-99, n. 40. € 28.000/30.000

Steso sul bianco e leggiadro sudario nel momento in cui è compianto dalla Vergine, Cristo è raffigurato mentre viene sorretto da un angelo. A suggellare la dimessa scenografia, accanto al braccio destro, compare l’ispida corona di spine con cui, secondo i testi sacri, fu incoronato poco prima della sua condanna a morte per mano dei soldati romani (Giovanni 19, 2-3). Questa tela di carattere marcatamente devozionale, datata intorno al 1648, è probabilmente la prima versione delle Pietà di Valerio Castello. Il successo di quest’opera è infatti largamente testimoniato dalle note e varie repliche della stessa iconografia, eseguite dal pittore in anni presumibilmente compresi tra la fine del quarto decennio e l’inizio di quello successivo (C. Manzitti, 2008, pp. 98 99). In questa composizione ariosa e sintetica, dove il campo dell’azione drammatica è circoscritto a poche figure, troviamo persistenti echi di realismo figurativo che spiccano nella rappresentazione del corpo seminudo del Cristo e nelle mani della Vergine, dove l’effetto della luce emanata dal corpo esanime del figlio le scolpisce le dita intrecciate. La forte dipendenza dalla Pietà vandichiana di Monaco e da altre analoghe dello stesso pittore, come la Pietà del Prado, è particolarmente evidente nella posizione del corpo di Cristo che, disteso, domina la tela lungo la diagonale che attraversa il dipinto (C. Manzitti, 2008, pp. 98 -99). Non mancano suggestioni pittoriche derivate dai lombardi, Procaccini in primis, maestro del giovane Valerio Castello, ma pure Cerano e Morazzone, in particolare negli effetti di “luce radente” e ”della pennellata sfilacciata accanto all’incarnato livido e al complessivo accenno patetico della scena” (A. Orlando, 1999, p. 18). Per l’affilato profilo dell’angelo che sorregge il corpo abbandonato del Cristo, Valerio Castello sembra addirittura guardare ai modelli cinquecenteschi di alcune raffinate ed esili teste che spaziano tra Perin del Vaga e Parmigianino, artisti notoriamente cari al pittore genovese (C. Manzitti, 2008, pp. 98 -99). Si segnala, infine, che in un inventario del 12 agosto del 1696, relativo alle opere di appartenenza di Giovan Battista Rapallo, vi è menzionato un “Nostro Signore morto con Nostra Signora et un angelo, originale di Valerio Castello” (V. Belloni, Penne, Pennelli e quadrerie. Cultura e pittura genovese del Seicento, Genova, 1973, p. 71). Particolare


IL PONTE CASA D’ASTE

64 65


149 Maestro della Cappella Bracciolini (Pistoia, attivo dall'ultimo decennio del secolo XIV al 1426, forse identificabile con Bartolomeo di Giovanni di Bartolomeo Cristiani, 1367-1448) Martirio di San Filippo Tempera e oro su tavola, cm 24,5x31 In cornice (difetti e restauri) Si ringrazia il professore Andrea De Marchi per la conferma dell'attribuzione e per il collegamento con il trittico della Ferruccia/Budapest, 1426 Bibliografia Enrica Neri Lusanna, La pittura in San Francesco dalle origini al Quattrocento, in S. Francesco. La chiesa e il convento in Pistoia, a cura di Lucia Gai, Ospedaletto (PI), 1993, pp. 163-164, fig. 139 € 10.000/12.000

La tavola, raffigurante la lapidazione dell’apostolo Filippo, rappresenta una delle testimonianze più mature e squillanti dell’anonimo pittore tardogotico pistoiese noto come Maestro della cappella Bracciolini, dall’eponima cappella nel transetto sinistro della chiesa di San Francesco a Pistoia, da lui affrescata verso il 1410. Il dipinto è stato reso noto da Enrica Neri Lusanna (La pittura in San Francesco dalle origini al Quattrocento, in S. Francesco. La chiesa e il convento in Pistoia, a cura di Lucia Gai, Ospedaletto (PI) 1993, pp. 81-164, in part. pp. 163-164, fig. 139, come in collezione privata), che giustamente vi riconosceva un pannello della predella sottoposta al trittico con la Madonna col Bambino e quattro santi datato 1426, ora nello Szémüveszéti Múzeum di Budapest (inv. 1036), per cui è stata poi identificata la provenienza dalla chiesa della Ferruccia, fuori Pistoia (Maria Cristina Masdea, Vicende storiche di un trittico quattrocentesco del pistoiese, in “Arte cristiana”, LXXXVII, 1999, pp. 261-266). Si trattava del pannello sottoposto alla parte destra del laterale sinistro, con San Filippo affiancato da Santo Stefano, mentre a destra vi sono San Giacomo maggiore e San Giovanni Battista. Gli altri pannelli con storie di questi santi non sono stati ancora identificati. Le vivaci falcature delle figure dei lapidatori risentano della chiara influenza del linguaggio ghibertiano, innestato sul linguaggio di radice trecentesca e agnolesca, denunciato dalla predilezione per colori particolari, delicati e un po’ acri. Sul pittore si vedano inoltre Andrea G. De Marchi, Il Maestro della cappella Bracciolini e l’avvio del tardogotico a Pistoia, in “Storia dell’arte”, 74, 1992, pp. 5-24; Linda Pisani, Il Maestro della Cappella Bracciolini: proposte per l’attività giovanile e precisazioni sulla cronologia, in “Antichità viva”, XXXVI, 1997, 5/6, pp. 72-81; Giacomo Guazzini, Nuove tracce per il Maestro della cappella Bracciolini, umorista del Tardogotico pistoiese, in Il museo e la città. Vicende artistiche pistoiesi del Quattrocento, Pistoia 2013, pp. 9-37.


IL PONTE CASA D’ASTE

66 67

150 Benvenuto Tisi, detto il "Garofalo" (Ferrara 1481 - 1559) Cristo e la samaritana al pozzo Olio su tavola, cm 56x102 (difetti e restauri) Il dipinto è presente nell'archivio della Fototeca Zeri, catalogato come opera di Benvenuto Tisi detto il "Garofalo" (n. scheda 47205; foto inventario n. 91333) Per confronti si rimanda a: A. M. Fioravanti Baraldi, Il Garofalo. Catalogo generale, Luisè, Rimini, 1993, n. 81 a pag. 148 e n. 95 a pag. 159 € 22.000/28.000


151 Maestro modenese della seconda metà del secolo XV Madonna con Bambino Olio su tavola, cm 54x39 In cornice in legno intagliato e dorato (restauri) Bibliografia Roberto Longhi, Officina ferrarese 1934. Seguita dagli Ampliamenti 1940 e dai Nuovi ampliamenti 1940-55, Firenze, Sansoni, 1956, pp. 185-186, fig. 424. L'opera, pubblicata in Officina Ferrarese, è datata da Roberto Longhi attorno al 1480 e da lui attribuita a un anonimo artista modenese definito "di una così intelligente rustichezza paesana" e non estraneo alle novità pittoriche della Ferrara degli anni di Ercole de Roberti. € 22.000/25.000

In cornice


IL PONTE CASA D’ASTE

68 69


152 Maestro di Montefloscoli (attivo a Firenze nella prima metà del secolo XV) Madonna col Bambino in gloria Tempera e oro su tavola, cm 105x49,5, superficie dipinta cm 78x46 (difetti e restauri) € 40.000/50.000

Questa anconetta va riferita alla fase iniziale del Maestro di Montefloscoli, un petit maître del tardogotico fiorentino, ricostruito a partire da alcune aperture di Richard Offner (The Mostra del tesoro di Firenze Sacra. II, in "The Burlington Magazine", LXIII, 1933, p . 174, nota 23) e di Roberto Longhi (Fatti di Masolino e di Masaccio, in “Critica d'arte”, V, 1940, p. 183, nota 19, che lo chiamava Maestro di Ristonchi) e su cui non esiste ancora uno studio organico, per cui bisogna fare riferimento a una serie di schede di catalogo (vedi ad esempio M. Bietti, Pelago. Arte sacra: allestimento museografico in San Clemente, Pelago 1994, p. 21; A. De Marchi, in Sumptuosa tabula picta. Pittori a Lucca tra gotico e rinascimento, catalogo della mostra di Lucca a cura di M. T. Filieri, Livorno 1998, p. 360-364; L. Sbaraglio, in Legati da una Cintola. L’Assunta di Bernardo Daddi e l’identità di una città, catalogo della mostra di Prato a cura di A. De Marchi e C. Gnoni Mavarelli, Firenze 2017, pp. 176-177, cat. 28). Autore in prevalenza di anconette di devozione come questa (ma più spesso popolate da diversi santi attorno alla Madonna col Bambino in trono), egli realizzò alcuni polittici dislocati nel contado, verso il Pratomagno (polittico di Ristonchi, ora nel Museo di arte sacra di Pelago), in Lunigiana (trittico di San Cipriano e Cornelio a Codiponte) e in Mugello (polittico con l’Assunta e santi di Montefloscoli, ora nel Museo d’arte sacra Beato Angelico di Vicchio). Il primo è l’unico elemento di orientamento cronologico, recando la data 1434, mentre per l’ultimo è stata proposta una committenza Bruni, che comporterebbe una data addirittura dopo il 1446 (L. Sbaraglio, in Legati… cit., p. 176). A questa attività protratta nel tempo corrisponde una produzione che si fece sempre più ripetitiva, ostinatamente fedele alle virgole spiritose di un linguaggio tardogotico ed eccentrico. Questo dipinto, viceversa, si inserisce nel clima più alto di quella stagione particolare dell’arte fiorentina, verso il 1410, in cui l’anonimo deve essersi formato, in rapporto con Lorenzo Monaco e forse ancora più con il Maestro della Madonna Straus (forse identificabile con Ambrogio di Baldese, come proposto da Sonia Chiodo), come attestano i calligrafismi guizzanti e i toni cromatici, azzurro tenue appena violaceo, rosa pallido, verdolino cangiante in giallo. Il rapporto più stringente è allora con due sportelli della Národní Galerie v Praze di Praga (inv. O 682 e O 683, cm 72,5 x 32), raffiguranti Sant’Antonio abate, Santa Margherita d’Antiochia, Santa Caterina d’Alessandria; San Giuliano, San Lorenzo, San Nicola da Bari (cfr. O. Pujmanová – P. Pribyl, Italian painting c. 1330-1550. I. National Gallery in Prague; II. Collections in the Czech Republic, Praha 2008, pp. 136-138, catt. 79-80), opere squisite e luminose già riconosciute all’anonimo maestro, dove troviamo gli stessi calligrafismi, i volti gonfi su cui si incidono le sottili fessure degli occhi, le bocche minute, i nasi esili e allungati. Tipiche sue sono pure le mani lunghe e prensili, dalle dita ossute e filiformi, come si vede ad esempio in un’anconetta passata da Sotheby’s a New York (12 gennaio 1995, lotto 1, cm 76,8 x 39,4), dove è già la gracilità più tipica sua. Nella fototeca Zeri è classificata quasi una cinquantina di opere riferibili al Maestro di Montefloscoli (alcune però vanno dirottate su un altro anonimo tardogotico fiorentino la cui ricostruzione è stata avviata da Lorenzo Sbaraglio col nome di Maestro degli sportelli dell’Accademia: cfr. L. Sbaraglio, in Cataloghi della Galleria dell’Accademia di Firenze. Dipinti. III. Il Tardogotico, a cura di C. Holberg, A. Tartuferi e D. Parenti, Firenze 2020, pp.99-105), ma manca questa tavola, che è assai intrigante per la particolare soluzione iconografica e per la fitta incisione granita del fondo oro, estesa anche all’iscrizione “AVE MARIA GRAÇIA (plena)” sul gradino, che sembra autentico, come i dadi con due stemmi purtroppo illeggibili. La Madonna è seduta direttamente sulle nubi, riproducendo

vagamente una posa simile a quella della Madonna dell’Umiltà; al di là del panneggio sovrabbondante, animato da profili lingueggianti, che si ritrovano in altre opere del pittore, anche se in genere più moderati, si intravvedono delle nuvolette campite sull’oro per la seduta e sotto i piedi della Vergine, oltre ai raggetti incisi che la alonano tutt’attorno. Giusto in un’altra sua anconetta più tarda dell’Art Gallery of Ontario (dono di Gerald R. Larkin del 1961, 74,9 x 44,5 cm, raffigurante la Madonna col Bambino, due angeli, e quattro santi), la Madonna esplicitamente dell’Umiltà, seduta su un cuscino, è posta in cielo e ha le nubi sotto i piedi. Il motivo rimonta a Tommaso del Mazza (alias Maestro di Santa Verdiana), che replicò in più altaroli la raffigurazione della Madonna col Bambino in una mandorla di serafini e cherubini, in cielo, con un ammasso di nuvolette sotto i suoi piedi, e vari santi a terra. Ricordo di lui le tavole seguenti: Atlanta (Georgia), High Museum of Art, inv. 58-49 (K1054); Birmingham Museum of Art, Birmingham (Alabama), inv. 1961.96 (K261); Firenze, Museo Stibbert, inv. 10294; già Roma, Sestieri (fototeca Zeri, scheda 3575); già New York, Julius Weitzner (1960, fototeca Zeri, scheda 4627); già New York, Julius Weitzner (1954, fototeca Zeri, scheda 4613). Lo imitò prontamente il giovane Mariotto di Nardo, negli anni novanta del Trecento (tanto che alcune di queste sue opere sono state riferite allo stesso Tommaso), nelle tavole del Museo Borgogna a Vercelli (inv. 93) e già New York F. Mont (1956) quindi Monaco di Baviera, coll. Scheidwimmer (1957) (fototeca Zeri, scheda 3586). Anche Agnolo Gaddi dipinse almeno due Madonne allattanti come visioni celesti, contro l’oro e sulle nubi - già Londra Sotheby’s 5 luglio 1989, lotto 103; ubicazione ignota (fototeca Zeri, scheda 1965) - e dopo di lui lo stesso Gherardo Starnina, con siglatura più elegante e solenne, nella bellissima anconetta della Galleria dell’Accademia. Anche il Maestro della Madonna Straus stagliò il gruppo dell’Incoronazione della Vergine sopra una distesa di nuvolette, nella raffinatissima anconetta con in basso San Michele e Santa Maria Maddalena del Museo degli Innocenti. In questo dipinto il giovane Maestro di Montefloscoli si rapporta dunque strettamente con questa particolare invenzione compositiva fiorentina tardo-trecentesca. Ricordo che anche in un’opera tarda come il polittico di Montefloscoli ai piedi della Vergine Assunta riemerge un ricordo di quelle soluzioni giovanili, nell’effetto scoppiettante di tante nuvolette. Egli però non incluse la mandorla angelica, come Tommaso del Mazza e Mariotto di Nardo giovane, né adunò santi alla base, come Agnolo Gaddi, ma stagliò il gruppo contro una brulicante operazione del fondo oro, incisa con la punta dello stiletto, con segno rapido e sicuro, ma in realtà determinato dalla granitura, cioè dalla giustapposizione fitta di incisioni puntiformi a illudere tralci dalle foglie carnose, fra cui occhieggiano in alto le figurette dell’arcangelo Gabriele con uno stelo di gigli e l’Annunciata (?) con un libro nella mano sinistra (strana peraltro, coi capelli sciolti), ai lati e in basso sette profeti barbuti e gesticolanti, che impugnano dei rotuli. L’incisione più marcata dei profili lineari è integrata da una granitura più minuta, leggerissima e paziente, come si vede pure nella scritta dello zoccolo. L’intera cornice, inclusi i fogliami superiori e pure quella curiosa modanatura a giorno dal profilo mistilineo inscritta nell’ogiva, sembra infatti originale. Questa operazione dell’oro, decisamente rara, ha però un riscontro puntuale in un’altra anconetta del Maestro di Montefloscoli, conservata alla Pinacoteca nazionale di Bologna (inv. 219, cm 115 x 60) e a lui riconosciuta già da Roberto Longhi (Fatti di Masolino e di Masaccio, in “Critica d'arte”, V, 1940, p. 183, nota 19; M. Minardi, in Pinacoteca Nazionale di Bologna. Catalogo Generale. 1. Dal Duecento a Francesco Francia, Bologna 2004, pp. 186-187, cat. 65), raffigurante la Madonna dell’Umiltà che porge una rosa al Bambino, con un mantello che rimbalza lungo gli orli in onde iterate, come suo tipico, ma caratterizzata da una carnosità più pastosa, legata alla sua evoluzione nel terzo decennio: nello zoccolo infatti sono incisi sull’oro sei busti di profeti sotto arcate, tutto con la granitura. Merita infine un commento la posa del Bambino, col busto e le spalle nude, solo apparentemente composto come nelle solenni Odeghetrie, mentre con una gamba scavalca il braccio della madre (tema vulgatissimo, dalla Madonna di Orsanmichele di Bernardo Daddi in avanti), con la mano sinistra stringe un uccellino, con la destra tira a sé il velo della Madre con gesto pugnace (rendendo omaggio piuttosto a un motivo duccesco senese, replicato in particolare da Ugolino di Nerio, ma pure a Pistoia dal Maestro del 1310), e gli occhietti gli ridono. Andrea De Marchi


IL PONTE CASA D’ASTE

70 71


153 Maestro di San Martino Alfieri (attivo in Piemonte tra il primo e il secondo decennio del XVI secolo) Santi e profeti, 1512-1515 circa Tempera su tavola, cm 106x129 (difetti e restauri) Si ringrazia il professor Andrea De Marchi per la conferma dell'attribuzione Bibliografia Catalogo della galleria di quadri antichi dei baroni Ravicz di Verona. Quadri di celebri autori inglesi, francesi, tedeschi, olandesi e fiamminghi dal secolo 15 al secolo 18, Milano, Genolini, 20 gennaio 1900, p. 18, n. 83, tav. X; Catalogue des tableaux composant la collection Ch. Sedelmeyer. Troisième vente, Paris, Galerie Sedelmeyer, 3-5 giugno 1907, p. 132, n. 116; F. Heinemann, Das Bildnis des Johannes Corvinus in der Alten Pinakothek und die Jugendentwicklung des Jacopo de' Barbari, in "Arte veneta", XV, 1961, p. 50, fig. 51, p. 51, nota 8; Asta di dipinti antichi e di oggetti di antiquariato, Milano, Finarte, 6-7 giugno 1973, p. 8, n. 26, tav. XII; E. M. Dal Pozzolo, Nella selva di Nicolò de Barbari, in "Saggi e Memorie di storia dell'arte", XVIII, 1992, p. 74, nota 9; A. Tempestini, Antonio da Bologna: uno o due?, in "Mitteilungen des Kunsthistorischen Institutes in Florenz", XXV, 1981, pp. 346-347, fig. 8; A. Ugolini, Per Antonio Rimpatta, in "Paragone", XLV, 1994, 535-537, p. 24, nota 50; E. Villata, Macrino d'Alba, Savigliano 2000, pp. 88-91, fig. 89; E. Villata, in Macrino d'Alba protagonista del Rinascimento piemontese, catalogo della mostra (Alba, Fondazione Ferrero), a cura di G. Romano, Alba 2001, p. 69; E. Villata, Postille al Maestro di San Martino Alfieri, in Intorno a Macrino d'Alba, atti della giornata di studi (Alba, Fondazione Ferrero, 30 novembre 2001), a cura di F. Cervini, E. Torchio, Savigliano 2002, pp. 91-93, fig. 11; M. Caldera, Brevi note sul Maestro di San Martino Alfieri, in L'"Assunzione" del Maestro di San Martino Alfieri, catalogo della mostra (Torino, Antichi Maestri Pittori), a cura di G. Gallino, Torino 2003, p. 9 e fig. 12; M. Caldera, Le tavole del Maestro di San Martino Alfieri, in Palazzo Mazzetti ad Asti. L'edificio, il restauro, il museo, a cura di A. Rocco, R. Vitiello, Cinisello Balsamo 2013, pp. 226-227; J. Tanzi, Una nuova proposta per la ricostruzione del polittico del Maestro di San Martino Alfieri nel Museo Civico di Asti, in "Bollettino della Società Piemontese di Archeologia e Belle Arti", LXV-LXVIII, 2018, p. 128, nota 6; E. Villata, Una piccola aggiunta al Maestro di San Martino Alfieri (e a Macrino d'Alba?), in "Bollettino storico vercellese", XLVII, 2018, 91, p. 89. € 45.000/50.000

Questa tavola era appartenuta ai baroni Ravicz di Verona da cui fu alienata nel 1900 con un’attribuzione a Macrino d’Alba (Milano, asta Genolini). Transitata dapprima nella raccolta Fischoff e poi in quella del mercante d’arte Charles Sedelmeyer, l’opera fu messa all’incanto nel 1907 (Parigi, asta Sedelmeyer) con la generica ascrizione a scuola italiana del XVI secolo, per poi riemergere nel 1973 (Milano, asta Finarte) con il nome del bolognese Antonio Rimpatta. Il dipinto era stato pubblicato da Heinemann (1961) che l’aveva riferito al veneziano Nicolò de’ Barbari, proposta respinta, nel merito degli studi sul pittore, da Dal Pozzolo (1992). Tempestini (1981), nel rilanciare l’ascrizione formulata nel catalogo Finarte a Rimpatta in un saggio monografico dedicato al bolognese, era seguito da Tumidei (1988). Tale attribuzione è stata contestata, per comunicazione orale agli attuali proprietari, da Zeri e poi da Ugolini (1994) che ha espunto definitivamente la tavola dal corpus dell’artista. Spetta dunque a Sterling (1979) il merito di aver correttamente restituito l’opera al Maestro di San Martino Alfieri, autore del polittico eponimo già a San Martino Alfieri (ora Asti, Museo Civico) individuato da Romano (1978). La proposta

attributiva, comunicata in via privata a Romano e da questi sostenuta, è stata resa nota e argomentata da Villata (2000, 2002, 2018), quindi accolta dagli studi successivi (Caldera 2003, 2013; Tanzi 2018) dedicati a questo fine pittore di cultura provenzale attivo a inizio Cinquecento in Piemonte, aggiornato sulle novità figurative di Ludovico Brea o Josse Lieferinxe ma in contatto con Macrino d’Alba di cui è debitore di alcune formule fisionomiche. Il dipinto, raffigurante personaggi neo e vetero-testamentari, è in buono stato di conservazione, nonostante un lieve impoverimento della pellicola pittorica. Le fotografie dell’asta Genolini e Sedelmayer rivelano tuttavia la presenza di alcuni nimbi (santi Pietro, Giovanni Evangelista e Giovanni Battista) e di una capigliatura riccia del santo alle spalle di Pietro oggi non più visibili. Inoltre permettono di appurare che i pinnacoli tardogotici, all’epoca non presenti, sono stati applicati, tra l’asta Sedelmeyer e quella Finarte, contro una foglia d’oro occultante la pittura antica che termina, col gesso, sui lati. La tavola, parchettata al tergo, è stata assottigliata nello spessore e segata sui margini inferiore e superiore, diversamente dai lati dove si intravede la battuta della cornice. Essa doveva costituire verosimilmente la porzione inferiore di una pala d’altare a spazio unificato, come suggerisce il raffronto anche di misure con l’Assunzione della Vergine di mercato (210 x 135 cm) dello stesso autore, e culminare in alto con una scena celeste – un’Incoronazione della Vergine, un Cristo o una Trinità in gloria – verso cui protendono, con sguardi e gesti, alcuni santi. L’opera ritrae una nutrita schiera di figure, ginocchioni su un piano di posa ribaltato contro un cielo immoto. Partendo da destra in prima fila si riconosce, intento a pizzicare l’arpa decacorde (Salmo 144,9), re David, che ricalca la fisionomia affilata del Cristo del polittico di Asti e del primo apostolo a destra dell’Assunzione di mercato; seguono il Battista, con il cartiglio dell’“ECCE AGNUS D[EI]”, modellato sui tipi asprigni di Macrino come l’omonimo santo della Cassa di Risparmio di Cuneo, e Mosè, contraddistinto dagli attributi delle tavole della legge e delle corna, a cui alludono in maniera originale i due ciuffi ribelli; tra gli ultimi due si affaccia un anziano barbuto, forse un profeta o Aronne, fratello di Mosè, esemplato sul san Girolamo della pala di Macrino a Neviglie d’Alba. Al centro della composizione è san Pietro, parente del san Giuseppe del polittico astigiano, che fa da raccordo, insieme a san Paolo alle sue spalle, al gruppo dei quattro Evangelisti (tra cui spicca il giovane san Giovanni che replica in controparte la testa di frate Leone nelle Stimmate di san Francesco di Macrino nella Galleria Sabauda di Torino). Sapientemente il pittore li ha ritratti intenti a leggere e a discutere su un unico vangelo – perché d’altronde la parola di Dio è una sola –, mentre gli altri tre vangeli sono riposti a terra come pretesto prospettico. Nelle retrovie si affastellano, secondo una scelta compositiva già adottata per i donatori del retablo di Asti, profili perduti di santi, forse apostoli. Tra di essi si distinguono, sulla destra, i quattro Padri della Chiesa, aperti a ventaglio come un poker di assi. A sinistra, invece, il martire con la mannaia di cui non scorgiamo l’abito, già riconosciuto in Tommaso da Canterbury o nel domenicano Pietro da Verona, potrebbe essere il carmelitano Angelo di Licata, dato che il santo al suo fianco indossava un cappuccio bianco da carmelitano (molto ripulito, di cui restano poche tracce di cromia originale) e che potrebbe identificarsi con sant’Alberto da Trapani, spesso in coppia con sant’Angelo. Questo aprirebbe all’ipotesi di una provenienza della pala da un contesto carmelitano. Infine il quarto santo da sinistra indossa una veste domenicana, mentre nel mezzo spicca un giovane fulvo con la frangia che potrebbe celare un autoritratto dell’artista. L’opera costituisce un fondamentale tassello per la ricostruzione dell’attività del Maestro di San Martino Alfieri, “misterioso e intrigante pittore franco-piemontese” in rapporto di mutuo scambio con Macrino d’Alba a partire dalla pala di Crea datata 1503 (Villata 2000, 2002). Se l’anonimo pittore prende in prestito dall’albese alcune invenzioni già individuate dagli studi e qui segnalate, al contempo egli è capace di imprimere in Macrino una sterzata stilistica in direzione provenzale, consistente nell’adozione di una pittura luminosa e tagliente e in un segno meno grafico. Rispetto alle opere più antiche eseguite verso il 1503-1506, il dipinto in esame presuppone uno sviluppo ulteriore del Maestro di San Martino Alfieri almeno di un lustro, denunciato non solo dalla corporeità più robusta delle figure e dalle ricadute più svelte dei panni policromi, ma anche da un’inedita varietà di umori e di gesti. La datazione sul 1512 circa della pala di Neviglie, in cui si rintraccia il più tardo prototipo macriniano citato nel parterre di santi dal maestro, suggerisce pertanto un valido appiglio cronologico per la nostra tavola. Orazio Lovino


IL PONTE CASA D’ASTE

72 73


154 Andrea De' Passeris (Torno, Como, documentato dal 1488 - Como 1517) San Cassiano vescovo; San Cassiano martire, 1491 Coppia di dipinti a tempera su tavola a fondo oro, cm 98x34; cm 99x34,5 (difetti e restauri) Provenienza Collezione privata, Milano Bibliografia Daniele Pescarmona, Como, Canton Ticino e Sondrio in La Pittura in Lombardia. Il Quattrocento, Electa, Milano, 1993, pp. 102 e 106, fig. 99a e 99c; G. Orsenigo, Per Andrea de Passeris, pittore comasco, in "Arte Cristiana", LXXXV, Amici dell'arte cristiana, Milano, 1997, pp. 348-349, fig. 4b e 4c; Andrea De Marchi, in Pinacoteca di Bologna. Catalogo generale. Dal Duecento a Francesco Francia, a cura di J. Bentini, G. P. Cammarota e D. Scaglietti Kelescian, Marsilio, Venezia, 2004, pp. 298-299. € 62.000/68.000

Il pittore Andrea de’ Passeris va identificato, con grande probabilità, in quell’Andrea giovane comasco che, nel 1471, allievo di Baldassarre Estense a Ferrara, fu più volte presente a Milano e Pavia ritornando occasionalmente nella sua terra natia tra il 1461 e il 1471 (G.Romano, in Zenale e Leonardo. Tradizione e rinnovamento della pittura lombarda, catalogo della mostra, Milano, 1982, p. 84; D. Pescarmona, 1993, p. 106). La sua prima opera firmata e datata risale al 1488 ed è l’Assunta dipinta per la chiesa di Torno (paese natale del pittore, situato sul lago di Como), acquistata nel 1981 dallo stato italiano e oggi presente nella Pinacoteca di Brera a Milano (M. T. Fiorio, in Pinacoteca di Brera. Catalogo generale, Electa, Milano, 1988, pp. 156 - 158). Queste raffinate tavole, rappresentanti San Cassiano (martire e vescovo), sono la seconda opera certa (in ordine cronologico) di Andrea de' Passeris e furono individuate da Laura Mattioli Rossi (D. Pescarmona, 1993, p. 106), in collezione privata, come gli scomparti laterali della Madonna col Bambino in trono (già Oxford, Ashmolean Museum), la quale reca al vertice del trono la targa: “1491 DIE XX MA / RTII ANDRE / AS DE PASSERI / S PINXIT”. Quest'ultima è nota fin dal 1857 quando apparteneva alla collezione di James Morrison (G. Orsenigo, 1997, p. 352, nota 13). Al 12 aprile del 1491 risale il documento scoperto da Antonio Battaglia (A. Battaglia, Il pittore Andrea de Passeris a Piuro: un documento inedito, in “Periodico della Società storica comense”, LVII, 1995, p. 100) che attesta il pagamento di Guglielmo di Vertemate di Piuro in Valchiavenna a Andrea de’ Passeri “pro completa soluzione […] illusi anchone per eum magistrum Andree facte et pinze pro ecclesia Sancti Cassiani de Plurio”. Battaglia ricostruisce, attraverso il suddetto documento, la provenienza del polittico della cappella dei Vertemate, eretta alla fine del secolo XV nella chiesa parrocchiale di San Cassiano a Piuro e dedicata alla Vergine Maria. La cappella andò distrutta a seguito di una frana il 25 agosto del 1618, insieme a tutto il borgo, ma il polittico di de’ Passeris riuscì ad uscirne incolume, probabilmente perché venne sostituito in seguito a una ristrutturazione della cappella. Infatti non è citato nella visita pastorale del 1615 e nemmeno nel poema di Nicolò Pestalozza dedicato alla frana di Piuro (A. De Marchi, 2004, p. 299). Facevano verosimilmente parte del Polittico di Piuro, oltre ai due santi titolari della chiesa, protagonisti di questa asta, e la sopracitata Madonna con Bambino, anche dei Padri della chiesa situati nel registro superiore, da identificarsi con ogni probabilità con i due santi a mezzo busto (San Gregorio e Sant’Agostino) appartenuti all’antiquario Luigi Bellini di Firenze, attribuiti in passato a Bernardino Butinone (foto presso la Fondazione Cini, Venezia, neg.

4128); a coronare il polittico, presumibilmente, un Cristo in pietà o una Crocifissione, come nel Polittico della Rovere di Foppa e Brea del 1490 (Santa Maria del Primar a Savona); mentre uno degli scomparti esterni è stato identificato da Andrea De Marchi nel Sant’Abondio della Pinacoteca Nazionale di Bologna e da lui quindi attribuito a de’ Passeris (A. De Marchi, 2004, p. 299). Queste due tavole raffiguranti San Cassiano martire e San Cassiano vescovo si accomunano agli altri pannelli del polittico per l’iscrizione in rilievo dorato a lettere capitali in pastiglia presente nel nimbo secondo l’usanza che compare in alcune opere tarde di Foppa - e per la “vistosa elaborazione materica, nelle stoffe a vernice sull’oro, negli abbondanti rilievi dorati, del pastorale, dei bordi ricamati del piviale (…) e dei gioielli, completati con pietre incastonate che sono cadute” (A. De Marchi, 2004, p. 300).


IL PONTE CASA D’ASTE

74 75


2° TORNATA Mercoledì 21 aprile 2021 ore 10.00 dal lotto 155 al lotto 325

DISEGNI E INCISIONI DI ANTICHI MAESTRI dal lotto 155 al lotto 209

155 Artista della fine del secolo XVII - inizi XVIII Studio di mano Matita nera su carta tonale incollata su un supporto, mm 170x190 Tracce di iscrizioni non decifrabili sul supporto Sul passepartout attribuzione di Amadore Porcella a Francesco Trevisani In cornice (difetti) € 120/150

158 Gonsalvo Carelli (Napoli 1818 - 1900) Soggetti religiosi Sei disegni a matita su carta controfondata, mm 227x125 (il più grande); mm 113x70 (il più piccolo) Due firmati in basso "G. Carelli" (difetti) € 250/300

159 Artista del secolo XIX 156 Ignoto del secolo XIX Veduta del Colosseo dal versante orientale del Palatino Matita nera e sfumino su carta preparata azzurrina, cm 47,5x73,8 circa Iscritto in basso a destra "Palagio de Cesari Giugno Roma" In cornice (difetti) € 200/300

157 Lorenzo Viani (Viareggio 1882 - Lido Di Ostia 1936) - (attr.) Studi di bimbi Coppia di disegni a matita su carta color nocciola, mm 120x85 circa e mm 125x85 circa Iscritti al verso a matita "Lorenzo Viani" Al verso timbro di galleria "GALLERIA D'ARTE PALAZZO CARMI / PARMA...." In cornici (difetti) € 140/180

Ritratto virile Matita su carta, mm 97x105 In cornice (difetti)

€ 120/150

160 Marcello Dudovich (Trieste 1878 - Milano 1962) Suonatrice di fisarmonica Matita su carta, mm 477x325 In cornice (difetti) Provenienza Collezione Francesco Tursi (timbro di collezione in basso a sinistra) € 180/200

161 Marcello Dudovich (Trieste 1878 - Milano 1962) Ragazza di profilo verso destra Matita su carta, mm 372x202 circa In cornice (difetti) € 140/180

162 Franz Von Defregger (Stronach 1835 Monaco di Baviera 1921) Figura femminile a mezzobusto Carboncino su carta, cm 45,5x31,5 circa Firmato e datato in basso "Defregger 1895" In cornice (difetti) € 180/200

163 Benedetto Eredi (Ravenna 1750 - Firenze 1850) - Gruppo di sei incisioni colorate raffiguranti episodi epici (cm 41x50) in cornici (gravi difetti) € 300/400

164 Giovanni Costa (Roma 1826 - Marina di Pisa 1903) Popolano romano Matita su carta, mm 280x190 circa In passepartout e cornice (difetti) € 300/350


IL PONTE CASA D’ASTE

165 Ignoto del secolo XX Nudo femminile Sanguigna su carta, mm 330x305 circa In cornice (difetti) € 140/180

166 Francesco Londonio (Milano 1723 - 1783) Vecchio seduto; Interno di casa: donna inginocchiata presso bimbo dormiente, dalla serie di dodici incisioni dedicate al Cavalier Dundas Coppia di acqueforti, tutte e due in buona impressione, mm 188x245 Firmate in lastra In cornici (lievi difetti) Bibliografia Scola, n. 45 e n. 46

€ 120/150

167 Gonsalvo Carelli (Napoli 1818 - 1900) Vedute con monumenti commemorativi Nove disegni a matita su carta controfondata, mm 145x88 (il più grande); mm 112x66 (il più piccolo) Otto iscritti in basso con l'indicazione della località (difetti) € 200/300

76 77

170 Giambattista Brustolon (Venezia 1712-1796), da invenzione di Canaletto

172 Agostino Carracci (Bologna 1557 - Parma 1602)

Festa notturna del Redentore, dalla serie Prospectuum Aedium, viarumque insigniorum urbis venetiarum Acquaforte parzialmente acquerellata, I stato su quattro, con l'indirizzo di Furlanetto, mm 320x450 (all'impronta) In cornice (difetti) € 160/200

Le tentazioni di Sant'Antonio Abate (da Tintoretto), 1582 Bulino su carta con filigrana "Piccolo giglio" Eccellente esemplare del I stato di due, con l'indirizzo di Luca Bertelli, mm 500x330 Al verso iscrizioni a penna e matita In cornice (difetti)

171 Lotto composto da un'incisione e un disegno: Jacques Callot (Nancy 1592-1635) Figure, dalla serie dei Capricci Acquaforte, mm 55x85 (all'impronta) In cornice (difetti) Artista della fine del secolo XVII - inizi XVIII Studio di mani Penna e inchiostro bruno su carta, mm 45x105 circa Al retro della cornice attribuzione moderna ad Alessandro Magnasco In cornice (difetti) € 120/150

Provenienza Pierre Mariette (Lugt 1852, al verso sua firma a penna "P. Mariette 1677") Bibliografia De Grazia, n. 101

€ 200/500

173 Giovanni Battista Piranesi (Mestre 1720 Roma 1778) Il molo con catene, dalla serie Carceri d'invenzione, circa 1760 Acquaforte su carta con filigrana indistinta, nel V stato di sei (secondo Robison), mm 405x547 (all'impronta) Firmata in lastra "Piranesi F." In cornice (difetti) Bibliografia Robison, n. 42

€ 200/400

168 Gonsalvo Carelli (Napoli 1818 - 1900) Ritratti Sette disegni a matita su carta controfondata, mm 143x134 (il più grande); mm 107x77 (il più piccolo) Alcuni iscritti con il nome dell'effigiato e datati (difetti) € 250/350

169 Marcantonio Bellavia (Secolo XVII) Santo eremita Acquaforte nello stato finale con l'aggiunta del falso monogramma ''A.C. IN'', mm 189x137 circa In cornice (difetti) € 120/150

173


174 Gaspare Diziani (Belluno 1689 - Venezia 1767) - (attr.)

180 Ignoto del secolo XIX, da invenzione di Samuel Prout

Madonna con Bambino Penna e inchiostro bruno su carta, mm 77x60 In cornice (difetti) € 200/250

Piazza Duomo in Milano Litografia a colori, cm 29,5x41,5 In cornice coeva (lievi difetti) € 330/380

175 Gonsalvo Carelli (Napoli 1818 - 1900) Scene con figure Sette disegni a matita su carta controfondata, mm 268x195 (il più grande); mm 130x73 (il più piccolo) Il più grande firmato in basso "G. Carelli" (difetti) € 450/550

174

176 Giovanni Battista Piranesi (Mestre 1720 Roma 1778) Veduta del Tempio di Ercole nella città di Cora Acquaforte nel II stato su quattro, cm 38,5x53,5 all'impronta In cornice (difetti) Bibliografia Hind, 91

€ 250/300

177 Domenico Campagnola (Venezia 1500 Padova 1564) - (attr.) Paesaggio con figure Penna e inchiostro bruno su carta, mm 210x305 circa Iscritto "21" in basso a destra In passepartout e cornice antica (lievi difetti) Provenienza Federico Falck, Milano

€ 300/400

178 Scuola del secolo XVIII

175 (uno di sette)

Studio di scenografia, atrio con colonne Penna e inchiostro bruno, acquerellato in grigio-bruno su carta, mm 102x155 (il foglio) In cornice (difetti) € 180/200 179 Francisco Josè Goya y Lucientes (Fuendetodos 1746 - Bordeaux 1828) Disparate ridiculo, della serie Los Proverbios Acquaforte e acquatinta, edizione successiva alla seconda, cm 24x35,5 all'impronta Al verso etichetta relativa alla provenienza "Galleria Ciranna / Via Gastone Pisoni, 2 Milano" In cornice (difetti) € 450/500

181 Gaetano Gandolfi (San Matteo della Decima 1734 - Bologna 1802) Adorazione dei pastori Acquaforte e acquatinta, mm 208x166 (il foglio) (difetti) € 250/300 182 Ludovico Pogliaghi (Milano 1857 - Varese 1950) Studio di figura femminile (studio per l'Allegoria della Poesia nel mosaico della Cappella Funeraria di Giuseppe Verdi a Milano) Sanguigna su carta, cm 36,8x24,5 Numerato a matita nell'angolo in basso a destra "475" In cornice (difetti) Studio di figura seduta con panneggio (studio per l'Allegoria della Storia nel mosaico della lunetta centrale del Famedio del Cimitero Monumentale a Milano) Carboncino su carta, cm 30,5x24,8 Numerato a matita nell'angolo in basso a destra "603" In cornice (difetti) Studio di figura con panneggio (probabile studio per la figura di Daniele nella Porta centrale del Duomo di Milano) Carboncino, sanguigna e biacca su carta, cm 32,4x44,8 Numerato a matita nell'angolo in basso a destra "619" In cornice (difetti) € 400/500 183 Giuseppe Costantini (Nola 1844 - San Paolo Belsito 1894) Figure presso l'Arco di Tito Acquerelli su carta, cm 59x46 circa Firmato in basso a destra "Costantini" In cornice (lievi difetti) L'acquerello è accompagnato da un frammento di carta con informazione relativa alla provenienza "This watercolour was brought from Rome in the 1870's by the (...) who spent (...) here. It was given to me Laura Pesel by (...) Elisa (...) about 1920" € 500/600


78 79

IL PONTE CASA D’ASTE

184 Scuola veneta del secolo XVIII Galatea Penna e inchiostro bruno, acquerellato in grigio-bruno su carta con filigrana "Aquila bicipite coronata", mm 208x337 Al verso schizzo di figura femminile a matita In cornice (difetti) Provenienza Ludwig Zatzka (Lugt 2672, timbro di collezione in basso a destra) € 300/350

185 Andrea Appiani (Milano 1754 - 1817) Angeli musicanti Penna, inchiostro bruno e tracce a matita su carta incollata su cartoncino, mm 224x176 Iscritto a matita in basso a destra sul cartoncino "Andrea Appiani" In passepartout e cornice (difetti)

184

€ 800/1.000

186 Rudolf Müller (1802 - 1885) Veduta di Napoli da Capodimonte Penna e inchiostro bruno, acquerelli e tracce a matita su carta controfondata, mm 246x341 Firmato in basso "Muller...." (difetti) € 280/300

187 Artista attivo a Roma nel secolo XVII L'apparato decorativo del cortile del Collegio Romano per la festa del primo centenario dei Gesuiti del 2 agosto 1640 Penna e inchiostro bruno, acquerellato in bruno su carta, mm 450x720 circa In passepartout e cornice (difetti) Bibliografia Disegni antichi. Architettura, scenografie, ornamenti, Firenze 1978, n. 26, illustrato; M. Fagiolo dell'Arco, Corpus delle feste a Roma. I. La festa barocca, Roma 1997, pp. 316-318, illustrato; M. Boiteux, scheda in I Barberini e la cultura europea del Seicento, a cura di F. Solinas, Roma 2007, pp. 352-353, illustrato; Rome 1660. L'Explosion Baroque, catalogo della mostra (Paris, Galerie Tarantino, 18 novembre 2008 - 31 gennaio 2009), a cura di A. Tarantino, cat. 8, p. 24, illustrato. € 600/700

188 Gonsalvo Carelli (Napoli 1818 - 1900)

191 Gonsalvo Carelli (Napoli 1818 - 1900)

Vedute campane Sette disegni a matita su carta controfondata, mm 143x221 (il più grande); mm 73x130 circa (il più piccolo) Alcuni iscritti in basso con il nome della località (difetti) € 400/500

Paesaggi Diciannove disegni a matita su carta controfondata, mm 271x250 (il più grande); mm 38x95 (il più piccolo) Due iscritti in basso con l'indicazione della località Quattro firmati in basso "G. Carelli" (difetti) € 800/900

189 Annibale Carracci (Bologna 1560 - Roma 1609) Madonna con Bambino e un angelo Acquaforte nel II stato di due, rifilata, mm 87x87 In cornice (difetti) Bibliografia De Grazia, n. 15

€ 250/300

190 Giuseppe Cammarano (Sciacca 1766 Napoli 1850) La visita di Gioacchino e Carolina Murat all'Esposizione di Belle Arti al Palazzo degli Studi di Napoli nel 1809 Penna, inchiostro nero e tracce a matita su carta applicata su cartoncino, mm 134x367 Riquadrato a penna e inchiostro nero In cornice (difetti) € 800/900

192 Gonsalvo Carelli (Napoli 1818 - 1900) Figure Nove disegni a matita su carta controfondata, mm 250x167 (il più grande); mm 63x99 (il più piccolo) Uno firmato e datato a penna "Gonsalvo Carelli / 1854"; un altro firmato a matita "G. Carelli" (difetti) € 600/700


194 Artista attivo a Roma nella prima metà del secolo XIX

198 Giambattista Brustolon (Venezia 1712-1796), da invenzioni di Canaletto

Studi di particolari del soffitto di Palazzo Farnese, disegnato da Jacopo Vignola, a Roma (con lo stemma del Cardinale Ranuccio Farnese) Coppia di disegni a penna, inchiostro nero, acquerelli e biacca su carta, mm 307x282 e mm circa 470x410 circa In cornici (lievi difetti) € 900/1.000

Il Doge in Pozzetto in Piazza San Marco; Partenza del Doge sul Bucintoro; Il ricevimento degli ambasciatori; Presentazione del Doge in San Marco; Visita del Doge a San Zaccaria; Processione del Doge nel giorno del Corpus Domini; Ringraziamento del Doge al Consiglio Maggiore; Incoronazione del Doge sulla Scala dei Giganti, tutte appartenenti alla serie Le Feste Ducali Otto acqueforti in stati diversi, rifilate e controfondate, circa cm 44x56,5; cm 45x57,3; cm 44x56,5; cm 44x56,5; cm 43,5x55,5; cm 43x57,5; cm 44,5x57,5; cm 44,5x57,5 (difetti, strappi e mancanze) € 1.700/1.900

195 Adriaen Frans Boudewijns (1644-1719) e Robert Bonnart (1652-1733), da Adam Francois van der Meulen Veuë de la ville, et du port de Calais, du costé de la terre, dalla serie Conquêtes et batailles de Louis XIV Acquaforte su due fogli, cm 51x133,5 In cornice (difetti) € 850/900

196 Gonsalvo Carelli (Napoli 1818 - 1900)

193 (uno di due)

193 Giovanni Volpato (1740 - 1803) e Giovanni Ottaviani (1735 ca. - 1808) Grottesche (pilastro VII e pilastro XII), dalla serie Ornati delle Logge di Raffaello nel Vaticano, da disegni di Ludovico Teseo e Francesco Camporesi Coppia di bulini acquerellati, cm 107x55 circa In cornici (difetti) € 1.200/1.400

Paesaggi Diciotto disegni a matita su carta controfondata, mm 153x249 (il più grande); mm 37x95 (il più piccolo) Quattro iscritti in basso con l'indicazione della località Tre firmati in basso "G. Carelli" Uno siglato in basso "G.C" (difetti) € 800/900

197 Gonsalvo Carelli (Napoli 1818 - 1900) Vedute laziali Dodici disegni a matita su carta controfondata, mm 144x265 (il più grande); mm 101x66 (il più piccolo) Tutti iscritti in basso con l'indicazione della località Due firmati in basso "G. Carelli" Uno siglato in basso "G.C" (difetti) € 700/800

199 Francisco Josè Goya y Lucientes (Fuendetodos 1746 - Bordeaux 1828) El Caballo raptor, della serie Los Proverbios Acquaforte e acquatinta, edizione successiva alla seconda, cm 24x35 all'impronta Al verso etichetta relativa alla provenienza "Galleria Ciranna / Via Gastone Pisoni, 2 Milano" In cornice (difetti) € 450/500

200 Gonsalvo Carelli (Napoli 1818 - 1900) Vedute di Roma Undici disegni a matita su carta controfondata, mm 195x267 (il più grande); mm 163x124 (il più piccolo) Alcuni titolati in basso (difetti) € 600/700


IL PONTE CASA D’ASTE

80 81

201 Felix Vallotton (Losanna 1856 - Parigi 1925) Le Poker Xilografia, circa mm 197x240 (all'impronta) e mm 178x223 (la parte incisa) Firmata e numerata in basso a matita blu "Vallotton / 52" In cornice (difetti) Bibliografia Vallotton-Goerg, n. 170 (tiratura di 80 esemplari, firmati e numerati a matita blu) € 1.800/2.000

202 Giuseppe Pietro Bagetti (Torino 1764 1831) L'armata in movimento Penna e inchiostri bruno e nero, acquerellato in bruno su carta color avorio, mm 193x591 (alla linea di inquadramento) Riquadrato a penna e inchiostro nero In cornice (difetti) € 850/900 201

203 Jacques Callot (Nancy 1592 - 1635) Solimano I atto; Solimano II atto; Solimano IV atto, dalla serie Solimano Tre incisioni all'acquaforte e bulino, mm 190x265 circa In cornici (difetti) Bibliografia J. Lieure, n. 364, 365 e 367

€ 450/500

204 Gonsalvo Carelli (Napoli 1818 - 1900) Vedute di Napoli Sette disegni a matita su carta controfondata, mm 197x267 (il più grande); mm 71x125 (il più piccolo) (difetti) € 400/500

205 Ignoto della fine del secolo XVIII - inizi XIX

208 Gonsalvo Carelli (Napoli 1818 - 1900)

Paesaggio con gallo, tacchini e volatili Tempera su pergamena, mm 180x225 In cornice (difetti) € 650/700

Pastori Dodici disegni, di cui due a penna, inchiostro nero e acquerello e dieci a matita nera su carta controfondata, mm 142x217 (il più grande); mm 66x111 (il più piccolo) Due firmati in basso "G. Carelli" (difetti) € 500/600

206 Gonsalvo Carelli (Napoli 1818 - 1900) Vedute siciliane Otto disegni a matita, di cui uno con tocchi di penna e inchiostro nero, su carta controfondata, mm 289x220 (il più grande); mm 157x136 (il più piccolo) Alcuni iscritti in basso con il nome della località (difetti) € 500/600

207 Volume del secolo XVIII contenente ottanta disegni del secolo XIX di misure e soggetti diversi, prevalentemente religiosi (cm 30,5x23 il volume) € 850/900

209 Gonsalvo Carelli (Napoli 1818 - 1900) Pastori Undici disegni, di cui sette a matita, tre a penna e inchiostro ed uno a matita ed acquerelli, tutti su carta controfondata, mm 247x266 (il più grande); mm 61x131 (il più piccolo) Due firmati in basso "G. Carelli" (difetti) € 600/700


HISTORICA dal lotto 210 al lotto 294

210

210 Giuseppe Modorati (Milano 1827 - Carate Brianza 1905) "Soldati, io esco da Roma...Roma 1849" Alla base della cornice un cartiglio con recante l'iscrizione: "SOLDATI, io esco da ROMA. Chi vuole continuare la guerra contro lo straniero venga con me. Non posso offrirgli né onori, né stpendi, gli offro fame, sete, marcie forzate, battaglie, e morte. Chi ama la patria mi segua" firmato per esteso Giuseppe Garibaldi. Olio su tela. Firmato in basso a sinistra. In cornice di legno dorato. Iscritto sulla base, locato e datato nel cartiglio superiore (cm 140x200) (difetti) Questo quadro, ricco di particolari uniformologici dei volontari che avevano seguito Garibaldi alla difesa della Repubblica Romana, ritrae la partenza da Roma con i sopravvissuti all'indomani della grande battaglia per la difesa de Il Vascello. Da qui inizieranno delle peripezie nell'attraversamento del centro Italia da parte di questi valorosi che culminerà poi nella tragedia delle valle di Comacchio, ove perderà la vita Anita Garibaldi. € 6.000/7.000 211 Giuseppe Patania (Palermo 1780 - 1852) - (Attribuito) Ritratto del re di Prussia "Federico Guglielmo III di Hohenzollern" (1797-1840), olio su tela (cm 85x67) In cornice (difetti)

211

Il re viene qui raffigurato in uniforme da Generale con i suoi ordini cavallereschi, principalmente l'aquila nera e la croce di ferro. Affrontò uno dei periodi più bui e cruciali della storia, a causa delle guerre napoleoniche, e fu uno degli artefici del Congresso di Vienna, 1814-1815. € 1.500/1.800


IL PONTE CASA D’ASTE

82 83

212 Curioso oggetto con grande probabilità contentitore per cariche o palle da arma da fuoco, realizzato in corno bovino intagliato con scene religiose e angeli. Al retro raffigurazione della Crocifissione. Coperchio amovibile unito da catenella recante figure di angeli e di caprone. Manico e ghiera in argento cesellato con mascherone centrale. Fondello con raffigurazione della Madonna assisa. Produzione romana, inizio secolo XVII (h. cm 14) (lievi difetti) Oggetti similari sono presenti in alcuni musei € 700/800

213 Porta polvere costituito da due corna bovine unite tra loro. Parte inferiore squadrettata e zona centrale rivestita in osso bianco decorato da raffinate incisioni di carattere religioso. Coperchio recante inscrizioni e lo stemma della Casa Reale d'Austria con Gran Collare dell'Ordine del Toson d'Oro.Ganci di sospensione in ferro e beccuccio tornito in avorio. Austria, secolo XVIII (h. cm 21) (lievi difetti) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE

212

€ 700/800

214 Polverino in avorio di forma rotonda con foro centrale. Due ganci per la sospensione in ferro e particolare beccuccio estraibile con scanature d'uso. Questa tipologia di oggetti era utilizzata per contenere le polveri più fini e solo per l'innesco e non per il caricamento dell'arma da fuoco. Germania, prima metà secolo XVII (d. cm 7) (segni del tempo) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 500/600

213

215 Trittico in metallo argentato nella parte pittorica centrale Federico il Grande contornato dal suo stato maggiore. Nelle due parti laterali un ussaro della guardia ed un aiutante di campo dall’altra. Bordure in osso inciso. Nella parte anteriore montati su velluto sono presenti in metallo dorato due stemmi nobiliari che portano come cimasa elmi con corone principesche e cimieri uno con un unicorno e l'altro con leone rampante. Nella parte posteriore una corona reale con al centro due stemmi come spesso si vedono presenti in doni nuziali. Uno dei due stemmi è attribuibile alla casa dei Borboni. Seconda metà secolo XVIII (difetti e mancanze) € 900/1.000 214


216 Porta polvere ricavato da un corno bovino, nella parte alta cesellato e inciso a motivo fogliato e nella parte sottostante raffigurate varie divinità e colomba della pace. Sardegna, fine secolo XVIII/ inizio XIX (h. cm 25) (lievi difetti) € 250/300 217 Porta polvere di forma rotonda in legno tornito, su entrambi i lati intarsi in osso a formare cerchi recanti stelle ed altri a formare rose. Bordura a greca centrata da medaglione in avorio raffigurante rispettivamente mascherone alato, e sull'altro lato profilo di personaggio con scritta "ANNO MDLX. Fianchi rinforzati in ferro con viti fatte a mano, anelli di sospensione, beccuccio in legno di bosso con molla a forma di volatile. Germania, 1580/1600 (d. cm 14) (segni del tempo) Oggetti similari sono presenti nelle collezioni di diversi musei. Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 1.100/1.300 218 Fiasca porta polvere in rame argentato di forma trapezoidale con sbalzi e cesellature raffiguranti animali fantastici e al centro scudo nobiliare. Borchie di sospensione a testa leonina, molla di regolazione e becco in ferro. Al retro gancio per l'innesto alla cintura. Italia del Nord, ultimo quarto del secolo XVI (h. cm 20) (in patina) € 1.000/1.200 219 Astuccio contenente insegna da collo e placca da commendatore dell'ordine costantiniano. Produzione Tanfani e Bettarelli, Roma. Metà secolo XIX € 800/900 220 Fiasca porta polvere di forma trapezoidale in legno rivestito in cuoio con bordure in ferro ribadite da rivetti e grande becco con molla di sblocco. Al retro presente grande gancio per l'innesto alla cintura. Porta polvere da guerra in dotazione a tutti i moschettieri. Produzione europea a cavallo tra il secolo XVI e il secolo XVII (h. cm 29) (lievi difetti e segni del tempo) € 900/1.000

221 Porta polvere eseguito con osso interamente inciso con raffigurazione di accampamento romano sul fronte e al retro scena galante con donna al bagno. Fondello in legno e anelli di sospensione e beccuccio in ferro. Germania del sud, fine secolo XVIII (h. cm 24) (difetti e segni del tempo) € 650/700 222 Riserva di polvere da sparo costituita da intero osso bovino cavo inciso in ogni sua parte. Bordure decorate a foglie d'acanto, posteriormente reca stemma nobiliare con cimiero e davanti in un gusto neoclassico raffigurante cacciatore con arco e frecce ed animali entro paesaggio. Germania del sud, Monaco di Baviera, prima metà secolo XIX (h. cm 33) (difetti) € 1.000/1.200 223 Polverino per polvere da sparo, corpo in corno di cervo decorato ad intarsio a rilievo in avorio con scena di caccia alla volpe, nel fondello cane da caccia che afferra una lepre. Oggetto non d'uso, ma tipico regalo ad un cacciatore. Probabilmente Inghilterra, secolo XIX (h. cm 17) (lievi difetti e segni del tempo) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 300/350 224 Polverino costituito da un osso bovino con fondello rivettato e beccuccio in ferro. Osso completamente inciso con foglie d'acanto e linee geometriche, al centro scena di caccia con cane, cervo e cacciatore armato d'arco. Germania del sud, secolo XVIII (h. cm 16) (lievi difetti e segni del tempo) € 300/350 225 Kulan-kud in ferro, puntale aguzzo rivettato, coppo emisferico decorato a motivi vegetali e floreali, sulla fascia versetto coranico, sotto la patina si intravedono agemine in oro. Doppia pennacchiera e nasale mobile, mancante della vite di fissaggio. Camaglio a otto punte. Persia, fine secolo XVIII (h. totale cm 57) (lievi difetti) € 420/470

226 Jambiya arabo-yemenita in metallo dorato con applicazioni di pietre di colore rosso. Ricco lavoro di filigrana. Lama ricurva e nichelata. In astuccio di legno rivestito di velluto. Seconda metà del secolo XX (l. cm 30) (lievi difetti) € 250/300 227 Fiasca da polvere ricavata da una zucca svuotata e seccata, riccamente incisa sul tutti i lati; uno con scena architettonica e cacciatore in San Lorenzo in Roma, fianchi decorati a motivi floreali con riserve di personaggi, sull'altro lato scena classica con motto. Trottole di sospensione in avorio e beccuccio in legno. Tipica produzione romana, secolo XIX (h. cm 14) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 250/300 228 Porta polvere di forma rotonda in legno di noce con filettatura di congiunzione e beccuccio in avorio e al centro su entrambi i lati pastiglia in avorio, molla di apertura a figura di volatile a tutto tondo. Germania, seconda metà secolo XVII (d. cm 12) (segni nel tempo) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 350/400 229 Elmo chiuso da torneo eseguito in legno scolpito e dipinto in un unico pezzo, oggetto di historismus da decorazione. Produzione europea, periodo Neogotico secondo quarto del secolo XIX (h. cm 35) (lievi difetti, alcune mancanze alla goletta) € 400/500 230 Corpo di porta polvere realizzato in osso, mancante del fondello e del beccuccio. Osso interamente inciso con bordure di foglie d'acanto e scena neoclassica con Bacco e baccanti ignudi entro paesaggio. Germania del sud, probabile Scuola di Monaco di Baviera, inizio secolo XIX (h. cm 20) (difetti) € 350/400


IL PONTE CASA D’ASTE

84 85

216

217

218

219

220

221

222

223

224


argentato, completo della catenella di sospensione. Fine secolo XVIII (segni del tempo e d'uso) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 180/220 240 Lotto composto da due acciarini tibetani, uno in argento riccamente decorato da quattro cabochon in corallo per lato con apertura a chiavetta, l'altro con parte superiore in pelle contenente miccia e pietre per l'accensione, unito a fodero di copertura e sospensione in pelle. Secolo XVIII (lievi difetti e segni del tempo) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 140/160 231

231 Portapolvere a "Y" in corno di renna con diverse incisioni di stile geometrico, al centro una rosa dei venti inscritta. Sui fianchi ganci di sospensione e beccuccio in corno bovino. Europa del Nord, XVIII (h. cm 20) (lievi difetti e segni del tempo) Esemplari similari sono presenti in musei europei ed italiani Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 700/800 232 Porta polvere di forma rotonda in legno di radica decorato in rilievo da linee circolari terminanti ad intarsio in ebano e osso. Perni di sospensione di forma mammellare e beccuccio in legno di bosso. Europa, probabilmente Fiandre, seconda metà secolo XVII (d. cm 11) (segni del tempo) € 300/350 233 Grande jambiya arabo yemenita con impugnatura in legno rivestita di lamina d'argento con decori geometrici in rilievo. Larga lama a lingua di bue a doppio taglio con costolatura centrale. Fodero in legno ricoperto di lamina d'argento completamente lavorata in rilievo a simboli geometrici. Fine secolo XIX/ inizio secolo XX (l. cm 38) (usura del tempo) € 250/300

234 Porta miccia in osso con parti in metallo argentato, completo di catenella ma mancante della piastra dell'acciarino. Probabile produzione inglese, inizio secolo XIX (l. cm 8) € 120/150 235 Porta miccia in osso e montato in argento. Completo della sua catenella di sospensione, e terminante con acciarino. Europa (Inghilterra), inizio secolo XIX (l. cm 10) (segni del tempo e d'uso) € 250/280 236 Acciarino decorato da statuetta in bronzo dorato raffigurante "Ercole e l'Idra". Italia, secolo XVII (l. cm 8) (segni del tempo) € 250/300 237 Acciarino a forma di verro contenente miccia. Europa (Inghilterra), secolo XIX (l. cm 7) (segni del tempo e d'uso) € 90/110 238 Ascia rituale del Centroafrica. Ferro lineare con terminale ricurvo, manico in legno africano decorato con borchie in ottone e parti con filo ritorto. Centroafrica, fine secolo XIX (h. cm 43) € 150/200 239 Lotto composto da una scatoletta di metallo in foggia di cartuccera ottomana decorata a sbalzo, probabile custodia per pietre focaie, unita ad un porta miccia nella classica forma a corno in avorio scolpito a figura antropomorfa e parti in metallo

241 Probabile porta miccia in rame argentato decorato dal classico motivo Luigi XVI della fiaccola con arco e freccia incrociata. All'interno meccanismo a ruota e medaglione raffigurante cacciatore con cane. Europa, inizio secolo XIX (h. cm 9) (segni del tempo) € 60/80 242 Porta miccia in argento a forma di cornetto, sbalzato e cesellato. Presa del coperchio a forma di leone a tutto tondo, cifrato “R.C” lungo il bordo. Completo della sua catenella di sospensione per la cintura. Europa, secolo XVIII (l. cm 6) (g 55) (segni del tempo e d'uso) € 180/220 243 Sipar in ferro di forma leggermente bombata con quattro borchie mammellari. Al centro inscrizione coranica con agemine in argento e scene di caccia e figure in costume, suonatori e danzatrici, e tracce di agemine in oro, bordura raffigurante scene di vita. Persia, probabilmente Iraq, secolo XIX (d. cm 47) (in patina) € 250/300 244 Grande acciarino tibetano con parte superiore in pelle arricchita da applicazioni in metallo cesellato e traforato e grosso cabochon di corallo al centro. Recante grossa catena di sospesione. Secolo XIX (l. cm 12) (segni del tempo) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 150/180


IL PONTE CASA D’ASTE

86 87

245 Grande fiasca riserva di polvere ricavata da un intero corno bovino con innesti in avorio. Fondello tornito in legno arricchito da pastiglia in avorio traforato. Becco in corno nero. L'oggetto conserva ancora il cordone di trasporto terminante con nappa. Proveniente da importante casa nobiliare piemontese, fine secolo XVIII/ inizio secolo XIX (h. cm 39) (segni del tempo) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 700/800 246 Portapolvere ricavato da una sezione di corno di capra della Alpi decorato anteriormente e sui fianchi a cerchi ripetuti, completo dei ganci di sospensione. Beccuccio in parte inciso in ottone e dosatore in ferro. Produzione della zona della Alpi piemontesi, fine secolo XVIII/ inizio secolo XIX (h. cm 26) (lievi difetti) € 300/350 247 Fiasca riserva di polvere da sparo di foggia antica e trapezoidale in legno rivestito da placca di rame cesellato con scene neoclassiche. Sui fianchi mascheroni leonini con attacco per sospensione. Spagna, secolo XIX (h. cm 24) (segni del tempo) Anticamente i cacciatori erano seguiti dai paggi durante le loro battute, questi portavano delle grandi fiasche chiamate riserve di polvere dalle varie foggie e che servivano a ricaricare i caricatori dei cacciatori nobili. € 200/250 248 Sipar, scudo in pelle indurita con quattro borchie "mammellari" in bronzo a forma floreale, celanti al retro gli attacchi in ferro per l'impugnatura. India, Moghul, fine secolo XVIII inizio XIX (d. cm 30) (lievi difetti al rivestimento) € 280/300 249 Sipar in ferro di forma leggermente bombata con quattro borchie mammellari. Bordura con riserve contenenti iscrizioni coraniche, al centro decoro a motivi vegetali e floreali, tracce di agemine in oro. Persia, probabilmente Iran, fine secolo XVIII (d. cm 47) (in patina) € 280/300 250 Kulan-kud in ferro, puntale aguzzo rivettato, coppo emisferico decorato con medaglioni raffiguranti personaggi nei loro costumi tradizionali, sulla fascia versetto coranico, sotto la patina si intravedono agemine in oro. Doppia pennacchiera e nasale mobile, mancante della vite di fissaggio. Camaglio a otto punte. Persia, inizio secolo XIX (h. totale cm 57) € 400/450

245

251 Acciarino a forma di elefante contenente miccia. Europa (Inghilterra), secolo XIX (l. cm 7) (segni del tempo e d'uso) € 120/150 252 Grande fiasca porta pallini in metallo giallo completa del suo tappo dosatore. Produzione del Nord Italia, fine secolo XVIII/ inizio secolo XIX (h. cm 20) € 120/150 253 Jambiya arabo-yemenita in argento con impgnatura e fodero in legno rivestito di argento sbalzato e cesellato a motivi geometrici, recante nella parte centrale anelli intrecciati con catenelle. Lama ricurva a doppio taglio con costolatura centrale. Completa della sua cintura di trasporto con fibbia in argento riccamente decorata. Al retro del fodero è presente imbottitura in tessuto per proteggere gli indumenti. Seconda metà secolo XIX (h. cm 35) (lievi difetti) € 250/280 254 Pugnale "Billao" con manico in osso e bottone di codolo a guisa di minareto, lama piatta a doppio filo. Fodero in cuoio con inserti in pelle. Corno d'Africa, fine secolo XIX/inizi XX (h. cm 45) (lievi difetti) € 180/200 255 Sipar in ferro di forma leggermente bombata con quattro borchie mammellari. Decorato da iscrizioni coraniche e otto medaglioni con raffiguraizoni di personaggi e scene di vita. Persia, probabilmente Iraq, secolo XIX (d. cm 47) (in patina) € 220/250

256 Sipar, scudo in pelle indurita con quattro borchie "mammellari" in bronzo a forma floreale, celanti al retro gli attacchi in ferro per l'impugnatura. India, Moghul, fine secolo XVIII/inizio XIX (d. cm 32) € 320/350 257 Rhyton in corno di bovino con rivestimento in argento e incisioni niellate terminante con beccuccio zoomorfo ad animale fantastico e con catenella di sospensione. Oggetto rituale per cacciatori che festeggiavano, bevendo dal manufatto, il successo della battuta. Russia, prima metà del secolo XX (l. cm 16) € 220/250 258 Stiletto con impugnatura in legno esotico culminante con impronta per il pollice. Piccola guardia in metallo e lama acuminata. Fodero in metallo rivestito in pelle. Produzione europea, seconda metà secolo XIX (l. cm 29) € 200/220 259 Sipar, scudo in pelle indurita con quattro borchie "mammellari" in bronzo a forma floreale, celanti al retro gli attacchi in ferro per l'impugnatura. India, Moghul, fine secolo XVIII/inizio XIX (d. cm 28) (lievi difetti) € 220/250 260 Fiasca riserva di polvere da sparo di foggia antica e trapezoidale in legno rivestito da placca di rame dorato con incisioni di figure muliebri e corona. Sui fianchi mascheroni leonini con attacco per sospensione. Spagna, secolo XIX (h. cm 22) (segni del tempo) € 200/250


261 Stiletto con impugnatura in osso scolpita a figure umane, da un lato uomo in armatura e dall'altro raffigurazione della Giustizia. Guardia in ferro lavorata in forma di due draghi. Fodero in legno rivestito in osso decorato ad armature all'antica, armi incrociate e nobildonna. Lama senza filo a losanga acuminata. Produzione fiamminga, fine del secolo XVII inizi secolo XVIII (l. cm 33) (lievi difetti e felature) € 1.200/1.500

262 Jambiya arabo yemenita con impugnatura in legno rivestita di lamina d'argento con decori geometrici in rilievo. Larga lama a lingua di bue a doppio taglio con costolatura centrale. Fodero in legno ricoperto di lamina d'argento completamente lavorata in rilievo a simboli geometrici. Fine secolo XIX/ inizio secolo XX (l. cm 33) (usura del tempo) € 200/250

263 Kindjal russo caucasico in metallo argentato e niello con impugnatura riccamente lavorata a motivi vegetali, lama a doppio taglio a tre scorrimenti. Fodero di simil decoro recante al centro aquila bicefala. Prima metà del secolo XX (l. cm 50) € 280/300

264 Coltella da scalco, forte lama con ossidazioni e tracce di dorature. Impugnatura con parti di noce e parti in argento incise a motivi vegetali e terminante con aquila ad ali spiegate su entrambi i lati. Francia, secolo XVI (lievi difetti) € 600/700

265 Daga da caccia con impugnatura in legno rivestita di pelle. Guardia a "T" in bronzo, lama ad un filo e mezzo. Fodero in cuoio con innesto terminante in metallo bianco. Austria, seconda metà secolo XIX (l. cm 47) (segni del tempo) € 220/250

266 Sipar, scudo in pelle indurita con quattro borchie "mammellari" in bronzo a forma floreale, celanti al retro gli attacchi in ferro per l'impugnatura. India, Moghul, fine secolo XVIII/inizio XIX (d. cm 26) La dimensione di questo sipar lo cataloga come uno scudo da pugno € 200/220

267 Porta polvere in pelle di cammello e inciso in ogni sua parte a motivi geometrici e con due riserve in cui vengono raffigurate due tigri. Gancio di sospensione in ferro forgiato. Persia, probabilmente del Nord, secolo XVIII (h. cm 22) € 250/300

268 Fiasca porta pallini ricavata da una zucca in parte dipinta, al centro beccuccio in legno di bosso comprensivo del suo tappo dosatore a vite. Corsica, inizio secolo XIX (h. cm 13) (lievi difetti) € 90/110

269 Daga da parata da sottoufficiale della Gendarmeria dell'esercito tedesco, datata 1942. Impugnatura in metallo terminante a testa d'aquila a tutto tondo, guancette in corno di cervo e guardia cesellata a foglie di quercia. Forte lama d'ordinanza ad un filo e mezzo, fodero in ferro. Completa dell'attacco in cuoio per la cintura, unitamente a rarissima dragonna d'ordinanza in pelle verde (l. cm 40) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 700/800

270 Fornitura da caccia dell'Isola di Ceylon contenente coltello "Piha-kaetta" con impugnatura in avorio scolpita a motivi geometrici e bottone di codolo in metallo terminante con castone e pietra rossa. Lama in parte rivestita da metallo dorato sbalzato e cesellato. Grande forchettone in bronzo dorato, fodero con la prima parte in metallo e la seconda in avorio lavorato a motivi geometrici come per l'impugnatura. Metà secolo XIX (l. cm 26) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 500/600

271 Stiletto da signora con manico in corno bovino lavorato a tortiglio culminante con impronta per il pollice. Piccola guardia e fortissima lama a losanga con scorrimento centrale. Arma da affondo. Produzione europea, metà del secolo XIX (l. cm 22) € 180/200

272 Grande kumja, pugnale del Marocco con impugnatura in osso arricchita da applicazioni in metallo argentato. Fodero in metallo argentato con guarnizioni in metallo dorato. Lama ad un filo e mezzo con scorrimenti. Kumje di questo tipo vengono definite nuziali in quanto sono un dono di nozze dalla famiglia della sposa allo sposo. Prima metà del secolo XX (l. cm 46) € 250/280

273 Coltello cerimoniale dell'Isola di Ceylon con impugnatura in corno bovino nero scolpito con applicazioni in filigrana d'argento. Lama ad un filo, fodero in legno di teak rivestito in metallo sbalzato e cesellato a motivi vegetali e innesto sempre in corno nero scolpito. Probabile zona dei Tamil, ultimo quarto del secolo XIX (l. cm 30) € 200/250

274 Collezione di otto contenitori, probabilmente porta unguenti, polveri o spezie, con struttura centrale in osso o bambù e basi e coperchi in legno. Sumatra, fine secolo XIX/ inizio secolo XX (h. minima cm 10,5; h. max cm 17,5) (difetti) € 400/500


88 89

IL PONTE CASA D’ASTE

DALLA COLLEZIONE DI VILLA ORLANDO dal lotto 275 al lotto 294 275 Coltello genovese con impugnatura in corno bovino a due fasce con parte centrale in argento arricchita da ovali in argento decorati a figure maschili. Tallone rivestito in argento sbalzato e cesellato a "trionfo d'armi" e medaglione con figura maschile. Lama ad un filo e mezzo che ha subito la asportazione della punta a causa di una legge dell'epoca. Fodero in cuoio con incisioni geometriche. Genova, seconda metà del secolo XVIII (l.cm 32) (lievi difetti) € 330/350

276 Jambiya arabo-yemenita con impugnatura in legno rivestito in lamina d'argento e riccamente lavorata a filigrana. Lama a doppio taglio con rinforzo centrale, fodero in legno ricoperto di cuoio e con parti in lamina d'argento en suite. Inizio secolo XX (l. cm 37) (segni del tempo) € 140/160

277 Jambiya ottomana con impugnatura in avorio marino, lama a doppio taglio e fodero in legno ricoperto in cuoio. Turchia, prima metà del secolo XIX (l. cm 28) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 180/200

279 Stiletto romantico con impugnatura in legno di noce massello arricchita su ambo i lati da intarsio in metallo argentato inciso a motivi geometrici. Guardia a "T" in argento dorato, lama a losanga senza taglio su ambo i lati, quindi utilizzabile solo come affondo. Produzione europea, secondo quarto del secolo XIX (senza fodero) € 100/110

280 Kriss indonesiano con impugnatura in argento a foggia di animale fantastico, lama liscia in damasco. Fodero in legno in parte danneggiato. Sumatra, fine del secolo XIX (l. cm 44) (difetti) € 100/110

281 Daga rituale africana con grossa lama a doppio taglio a forma di losanga, e riportante su ambo i lati incisioni del sole, della luna e di capanne. Impugnatura in cuoio intrecciato e grosso fiocco di pelli varie. Centro Africa, inizio del secolo XX (l. cm 48) (senza fodero, segni del tempo)

€ 150/180 284 Pugnale di probabile origine etiope. Bottone di codolo e impugnatura in metallo con incisioni geometriche, lama piatta a doppio filo. Produzione africana, secolo XIX (l. cm 29) (senza fodero) € 100/110

285 Spada/paloscio da caccia con impugnatura in osso quadrellato e guardia ad "S". Lama ad un filo e un quarto di probabile produzione di Solingen, riccamente incisa a motivi geometrici e scene di caccia. Fodero rivestito in velluto con innesto e puntale in bronzo dorato. Produzione europea, prima metà del secolo XIX (l. cm 66) (difetti all'impugnatura e al fodero) € 180/200

€ 110/130

282 Kriss indonesiano con impugnatura e fodero in legno, lama ondulata in damasco. Giava, fine del secolo XIX (l. cm 49) € 100/110

278 Kindjal caucasico con impugnatura in corno bovino con giraglia di metallo bianco e ornamento in argento riportante al centro castone per pietra, mancante. Forte lama a doppio taglio con al centro scanalatura per scorrimento di sangue. Fodero in legno rivestito in pelle. Caucaso, prima metà secolo XIX (l. cm 42) (lievi difetti) € 180/220

283 Coltello "yataghan" ottomano. Impugnatura ad orecchie con parte centrale in metallo inciso a girali vegetali. Lama diritta e liscia, fodero in metallo argentato riccamente cesellato a trionfi d'armi ed animali, terminante con testa di animale fantastico a tutto tondo. Turchia, prima metà del secolo XIX (l. cm 42)

286 Jambiya arabo-yemenita con impugnatura in legno rivestito in lamina di argento, lama a doppio taglio con rinforzo centrale. Fodero ricoperto in lamina di argento sbalzato e cesellato con terminale a foggia di minareto a tutto tondo. Fine del secolo XIX (l. cm 31) (segni del tempo) € 140/180


287 Kriss da nobile con impugnatura e raro fodero in avorio di origine indiana, nodo in argento cesellato e lama ondulata e scannellata. Sulawesi, prima metà del secolo XIX (l. cm 38) (lievi difetti) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 600/800

287

288

288 Yataghan greco con impugnatura ad orecchie in osso e fascia centrale arricchita da fiori cesellati in argento, lama ad un filo incisa a raffigurare un'arpia, tallone a "T" in argento e riccamente decorato da motivi geometrici. Fodero in argento, prima parte ornata da motivi a greca, seconda parte sbalzata con scene di militari, trionfi di armi e cornucopie, e terminante a foggia di animale fantastico. Pendaglio in argento composto da cinque catene con moneta finale. Probabile origine cretese, prima metà secolo XIX (l. cm 54) (lievi difetti) € 500/600

289 Coltello-pugnale di lusso genovese con impugnatura in corno bovino multicolore di forma ottagonale con bottone di codolo in metallo dorato e frastagliato. Nodo a cipolla schiacciata e lama costolata ad un filo e mezzo, con tallone inciso a motivi di giraglie. Fodero in legno e velluto con innesto e terminale in metallo. Genova, seconda metà del secolo XIX (l. cm 31) € 300/400

289

290 Lotto composto da due bandiere tricolore con ricamato al centro scudo sabaudo coronato, probabilmente di ambito militare. Entro teche in plexiglass. Anni '30 del secolo XX (cm 77x65; cm 78x51) (usura e segni del tempo) € 120/150


IL PONTE CASA D’ASTE

90 91

291 Daghetta con grande bottone di codolo in avorio scolpito a tutto tondo a foggia di testa di Panduro. Impugnatura in osso lavorata a tortiglio, guardia a forma mammellare con incisioni vegetali sul bordo, fine lama a losanga. Produzione del centro Europa, seconda metà del secolo XVIII (l. cm 46) (senza fodero) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 250/300

292 Pugnale coloniale composito, realizzato utilizzando una lama di un katar indiano a lingua di bue, doppio taglio e doppio scorrimento, con agemine in oro e con riportante la data del 1824. Guardia ed impugnatura in avorio massiccio. Fodero coevo, arricchito da lamina di argento sbalzata ad animali fantastici, e rivestimento in micro perline a raffigurare "Ancora ammiragliato", sirto di alloro e la lettera "C". Probabile appartenenza ad un ufficiale inglese di stanza in India. India, 1824 (l. cm 42) (lievi difetti)

291

Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 600/800

293 Daga con impugnatura in corno bovino lavorata a tortiglione, guardia a "S", nodo a cipolla schiacciata. Forte lama a losanga, doppio taglio con rinforzo in punta. Fodero in cuoio con innesto e puntale in metallo con leggere incisioni. Produzione europea, fine secolo XVIII inizio secolo XIX (l. cm 42) (segni del tempo) € 400/500

292

294 Pugnale dei Gurkha chiamato "kukri". Impugnatura in corno bovino arricchita da intarsi metallici, forte lama con incisioni a racemi vegetali, sole e la luna. Fodero in legno e cuoio, con al retro due piccoli coltelli. Nepal, inizi del secolo XX (l. cm 39) (lievi difetti) € 120/150 293


STRUMENTI MUSICALI dal lotto 295 al lotto 325 295 Banjo di costruzione americana, 1970 c. Fondo e fasce in compensato impiallacciato con acero e legno tinto, tavola in pelle, manico in kaya, 6 corde, necessita di restauro, nessuna etichetta (lunghezza della corda vibrante mm 606)

300 Pandora di Juan Estruch, Barcellona 1980 Cassa in acero, tavola in abete, tastiera in ebano, perfette condizioni (lunghezza della corda vibrante mm 651) € 130/150

€ 40/50

296 Banjo di costruzione americana, 1970 c. Fasce e fondo in compensato, tavola in pelle, manico in faggio, 4 corde, in condizioni discrete, nessuna etichetta (lunghezza della corda vibrante mm 532) € 80/90

301 Bandurria di Vicente Tatay Tomas, Valencia 1970 c. Fasce e fondo in legno tropicale, tavola in abete, manico in kaya, in buone condizioni, etichetta «MADE IN SPAIN / VALENCIA / ESPAÑA / FABRICA DE GUITARRAS BANDURRIAS Y LAUDES / VITATO / VICENTE TATAY TOMAS / CARRERA MALILLA, 84 – VALENCIA (España) / MARCA REGISTRADA» (lunghezza della corda vibrante mm 469) € 110/130

297 Violino di scuola boema, 1910-20 ca. Fondo in un sol pezzo con marezzatura stretta discendente verso sinistra, vernice di colore rosso dorato, in buone condizioni, etichetta «Nicolas Lupot, Luthier rue Croix / de petit-Champs, à Paris l’an...» (lunghezza del fondo mm 362). Con arco seriale e custodia di legno € 100/120

298 Violino di scuola boema, 1920-1930 ca. Fondo in due pezzi con marezzatura stretta e profonda discendente dalla giunta, vernice non originale di colore rosso, in ottime condizioni, etichetta «Ch. J.-B. Collin-Mezin Fils / 1915 MAITRE-LUTHIER 23 extra / MEDAILLE D’OR Exposition Universelle 1900 / PARIS» (lunghezza del fondo mm 356). Con un arco seriale e custodia sagomata € 100/120

299 Violino della scuola di Reghin, 1960-70. Fondo in due pezzi con marezzatura larga ed irregolare ascendente dalla giunta, vernice di color marrone dorato, in condizioni perfette, etichetta «Georges Chanot à Paris / 1. Rue Malaquais Année 1855» (lunghezza del fondo mm 354). Con un arco seriale e custodia sagomata € 100/120

302 Violino ¼ di Neuner & Hornsteiner, Mittenwald 1930-40 c. Fondo in due pezzi senza marezzatura, vernice di colore arancio bruno, in perfette condizioni, etichetta «Antonius Stradivarius» (lunghezza del fondo mm 286). Con custodia e due archi da violino ½ € 220/300

303 Violino 7/8 della ditta Mansuy, Mirecourt 1890-1900 c. Fondo in due pezzi con marezzatura stretta ed ascendente dalla giunta, vernice di colore arancio dorato, in ottime condizioni, etichetta «MANSUY» (lunghezza del fondo mm 337). Con custodia e due archi da violino ¾ € 250/350

304 Violino della scuola di Markneukirchen, 1930-40 c. Fondo in un sol pezzo senza marezzatura, filetto disegnato, vernice di colore arancio bruno, in ottime condizioni, senza etichetta (lunghezza del fondo mm 365) € 300/400

305 Violino 7/8 di Neuner & Hornsteiner, Mittenwald 1910-20 c. Fondo in due pezzi con marezzatura leggera discendente dalla giunta, con doppia filettatura, vernice di colore rosso bruno, in ottime condizioni, etichetta «Giovan Paolo Maggini / brescia 1691» (lunghezza del fondo mm 338). Con custodia ed un arco per violino ¾ € 450/550

306 Lotto di 21 archi da violino 16 archi da violino e 5 archi da violino ¾, tutti montati in nickel e con nasetti in ebano, molti necessitano di restauri € 450/550

307 Violino della scuola di Markneukirchen, 1910-20 c. Fondo in due pezzi con marezzatura stretta discendente dalla giunta, vernice di colore rosso bruno, in buone condizioni, etichetta «Antonius Stradivarius Cremonensis / Faciebat Anno 17…» (lunghezza del fondo mm 362). Con custodia ed un arco da violino € 550/650

308 Violino della scuola di Mirecourt, 1890-1900 c. Fondo in due pezzi con marezzatura media discendente dalla giunta, vernice di colore arancio bruno, in ottime condizioni, etichetta «Paolo Maggini in Brescia» (lunghezza del fondo mm 356). Con custodia singola e un arco da violino € 600/700


92 93

IL PONTE CASA D’ASTE

308 bis Violino di Jérôme Thibouville-Lamy, Mirecourt 1910-20 c. Fondo in due pezzi con marezzatura leggera, vernice di colore rosso bruno, in buone condizioni, etichetta «PREMIATA FABBRICA STRUMENTI MUSICALI / BRESCIA / CAV. STANISLAO ROSSETTI» (lunghezza del fondo mm 360). Con custodia e due archi da violino € 550/650

313 Violino della scuola di Mirecourt, 1900-10 c. Fondo in due pezzi con marezzatura stretta e leggermente ascendente dalla giunta, vernice di colore rosso dorato, in discrete condizioni, etichetta «Paul Jombar Luthier / 20 Rue Rochechouart Paris / N°19. An 1899 / PJ» (lunghezza del fondo mm 358) € 400/500

309 Violino della scuola di Schönbach, 1910-20 c. Fondo in due pezzi con marezzatura leggera ed orizzontale, vernice di colore arancio bruno, in discrete condizioni, etichetta «Carlo Ferdinando Landolfi / nella Contrada di Santa Margarita / al Segno della Sirena. Milano 1758» (lunghezza del fondo mm 355) € 450/550

314 Chitarra acustica a 12 corde della ditta Eko, Recanati 1970 c. Modello Ranger XII, fasce e fondo in mogano, tavola in cedro, manico in kaya, palette delle meccaniche in metallo, in ottime condizioni, etichetta «modello RANGER XII / EKO / Guitars / Chitarra originale Eko costruita in Recanati (Italy) dai mi= / gliori liutai e con legni da risonanza accuratamente selezionati / Made in Italy» € 350/450

310 Violino di Neuner & Hornsteiner, Mittenwald 1930-40 c. Fondo in due pezzi con marezzatura irregolare, vernice di colore marrone dorato, in ottime condizioni, etichetta «VUILLAUME à Paris, / Rue Croix des Petits Camps 46» (lunghezza del fondo mm 360). Con custodia € 500/600

311 Violino della scuola di Schönbach, 1890-1900 c. Fondo in due pezzi con marezzatura profonda discendente dalla giunta, vernice di colore rosso bruno, necessita di restauro, etichetta «Antonio … / fabricat in C…» (lunghezza del fondo mm 359) € 350/450

312 Violino della scuola di Markneukirchen 1890-1900 c. Fondo in un sol pezzo senza marezzatura, vernice di colore marrone rossastro, in buone condizioni, senza etichetta (lunghezza del fondo mm 357). Con custodia, un arco da violino ed un arco da violino ¾ € 450/550

315 Violino ¾ della scuola di Markneukirchen, 1910-20 c. Fondo in due pezzi con marezzatura leggera discendente dalla giunta, vernice di colore arancio bruno, in perfette condizioni, etichetta «A. MONZINO & FIGLI – MILANO / PREMIATA LIUTERIA ARTISTICA» (lunghezza del fondo mm 324). Con un archetto per violino ¾ € 500/600

316 Violino della scuola di Markneukirchen, 1930-40 c. Fondo in due pezzi con marezzatura stretta ed orizzontale, vernice di colore rosso bruno, in ottime condizioni, etichetta «Antonius Stradivarius Cremonensis / Faciebat Anno 17…» (lunghezza del fondo mm 358). Con due archi da violino € 550/650

318 Violino di August Clemens Glier, Markneukirchen 1920 Fondo in un sol pezzo con marezzatura leggera discendente verso sinistra, vernice di colore rosso bruno, in ottime condizioni, etichetta «ANNO 1920 / Fabbricato da Glier per Violina Organico tetracordale Perotti / DA FELICE ROVETTA FU ODOARDO / DO SOL IN BRESCIA RE LA» (lunghezza del fondo mm 358). Con custodia ed un arco da violino € 850/950

319 Viola di August Clemens Glier, Markneukirchen 1910 c. Fondo in due pezzi con marezzatura stretta discendente dalla giunta, vernice di colore rosso violaceo, in perfette condizioni, senza etichetta (lunghezza del fondo mm 390). Con custodia ed un arco da viola € 900/1.000

320 Violino attribuito ad Andrea Castagneri, Parigi 1733 Fondo in due pezzi con marezzatura quasi orizzontale, vernice di colore giallo bruno, in discrete condizioni, etichetta «André Castagneri Fait à Paris / à l’Hotel de Soissons 1732», due timbri a fuoco interni «CASTAGNERI». Con custodia e due archi da violino. Con una ricevuta ed un certificato di autenticità di Giuseppe Pedrazzini del 1926 (lunghezza del fondo mm 353) € 1.400/1.600

321 Violino di Nicolas Vuillaume, Mirecourt 1850 c. Fondo in un sol pezzo con marezzatura stretta ed irregolare, vernice di colore rosso dorato, in discrete condizioni, etichetta «Rosadoni Giovanni / Via Fogazzaro, 22 – Como / Fece anno 1936 / Rosadoni Giovanni» (lunghezza del fondo mm 356). Con custodia doppia, 3 archi da violino ed 1 arco da violoncello € 1.700/2.000

317 Violino di anonimo, 1930-40 c. Fondo in un sol pezzo senza marezzatura, vernice di colore rosso bruno, in perfette condizioni, porta un frammento di etichetta illeggibile (lunghezza del fondo mm 362). Con custodia, un arco da violino e la ricevuta di Enrico Ventura per un restauro effettuato nel 1955 € 800/900


322

323

322 Violino di Mathias Hornsteiner, Mittenwald 1790 c. Fondo in due pezzi con marezzatura leggera discendente dalla giunta, vernice di colore rosso bruno, necessita di restauro, etichetta «Mathias Hornsteiner … / … Mittenwald / …» (lunghezza del fondo mm 360). Con custodia e due archi € 4.500/5.500

323 Viola di Alfredo Gianotti, Cusano Milanino 1988. Fondo in due pezzi di acero con marezzatura irregolare quasi orizzontale, vernice di colore rosso bruno, in perfette condizioni, etichetta «Gianotti Alfredo / opus fecit AD 1988 MILANINO / n° 89» (lunghezza del fondo mm 400) € 4.000/5.000

324

325

324 Violino di Alfredo Gianotti, Cusano Milanino 1984. Fondo in due pezzi di acero con marezzatura stretta e profonda discendente dalla giunta, vernice di colore arancio dorato, in perfette condizioni, etichetta «Gianotti Alfredo / opus fecit AD 1984 MILANINO / n° 181» (lunghezza del fondo mm 358) € 3.500/4.000

325 Violino di Luigi Soffritti, Ferrara 1890 c. Fondo in un sol pezzo con marezzatura media ed irregolare, vernice di colore arancio bruno, attacchi di tarlo restaurati in una fascia e nel fondo, ora in buone condizioni, etichetta manoscritta «LUIGI SOFFRITTI fece / Ferrara Anno 1908», esistono almeno due o tre etichette simili a questa, su strumenti originali, ma con date posteriori alla data di morte dell’autore, probabilmente messe dal figlio Ettore (lunghezza della cassa mm 355). Con custodia, un arco da violino di Otto A. Hoyer (Markneukirchen, 1930 c.) ed un arco da violino seriale tedesco € 7.000/8.000


3° TORNATA Mercoledì 21 aprile 2021 ore 15.30 dal lotto 326 al lotto 511

Particolare lotto 471


Lotto 469

Collezioni dalle residenze di Cesare e Gina Romiti

La memoria degli oggetti di cui ci circondiamo è un racconto segreto delle nostre esistenze. Posti l’uno accanto all’altro, gli oggetti emanano una forza enigmatica che ci introduce alla storia di chi li possiede. Muovendosi tra gli arredi e le opere d’arte appartenuti a Cesare e Gina Romiti, si intuisce subito di essere privilegiati spettatori di uno scorcio di vita privata devota a un’incessante ricerca del bello e alla rappresentazione di se stessi attraverso la collocazione delle cose. La loro lunga e importante storia d’amore si è nutrita anche di una passione condivisa per l’arte nelle sue manifestazioni d’avanguardia o tradizionali. La selezione presentata a catalogo è il completamento di una narrazione a quattro mani tra due “amateur” dell’arte per i quali tutto ciò che hanno scrupolosamente raccolto ha in un qual modo qualificato, strutturato e riscritto lo spazio della loro esistenza. Lui, uno dei più noti manager italiani a cavallo degli anni ‘70 e ‘90 - ex amministratore delegato della Fiat e presidente di Rcs - lei, una donna di grande carattere che si è distinta per la riservatezza e il costante aiuto ai più deboli e meno fortunati: personalità diverse ma complementari. Cesare e Gina Romiti hanno saputo trasformare i loro differenti sguardi rivolti alla cultura di quegli anni, in un meticoloso strumento d’indagine che spaziava tra generi artistici e periodi storici anche molto distanti. In questo scambio estetico si lasciavano guidare dall’istinto e dalla fiducia in persone esperte ma più di tutto dal piacere di impreziosire le proprie abitazioni. Le case di Roma, Milano e Cetona erano, per la coppia, come fogli bianchi in cui lasciare di volta in volta traccia di ciò che andava incontro al loro gusto, sia che provenisse dal suggerimento dell’amico antiquario, che dalla visita alla galleria nota e abituale. Lei nostalgica dell’antico, amava molto Roma; a lei si deve il tocco raffinato che attinge dall’eco dei fasti e degli eleganti salotti della capitale, tra preziosi obelischi, colonne, arredi finemente intarsiati e vedute che enfatizzano il fascino scenografico della città eterna. Lui attento osservatore del suo tempo e fine stratega, individuava nell’arte un modo per approcciarsi al presente, al fine di poterlo cogliere nella sua interezza espressiva e meglio comprendere le direzioni e tendenze future. Molti sono i nomi importanti di artisti moderni e contemporanei acquistati nel corso degli anni, sezione all'interno della vendita principale di Arte Moderna e Contemporanea di maggio, che non solo vivacizzano questo dialogo a due voci, ma segnano alcune pagine di una collezione che è prima di tutto l’omaggio e la ricostruzione di due memorie e due identità.


326 Arte russa, secolo XIX "Sacra Famiglia con Santi" icona ad olio su tavola (cm 36x30) In cornice € 180/200

327 Arte russa, secolo XIX "Scene della vita di Cristo" icona ad olio su tavola su fondo dorato (cm 31x36,5) In cornice a teca (difetti) € 400/600

328 Arte russa, secolo XIX "Madonna con Bambino" icona ad olio su tavola con riza in argento cesellata ad angeli negli angoli, inscritta in cirillico e decorata a cabochons in turchese e riquadri smaltati (cm 23x18) (difetti e restauri, aureole probabilmente non coeve) € 350/400

329 Arte russa, secolo XIX. Icona da viaggio tripartita con custodia in vermeille incisa a croce, foglie e inscrizioni sul retro. All'interno Cristo benedicente tra Arcangelo e San Nicola (chiusa: cm 11x7; aperta cm 11x14) € 200/300

330 Arte russa, fine secolo XIX "Cristo pantocratore" icona ad olio su tavola con riza in vermeille e aureola in smalti policromi. Marchi di difficile lettura (cm 27x22,5) (difetti e mancanze) € 350/400

331 Arte russa, seconda metà del secolo XIX. Icona ad olio su tavola raffigurante Madonna con Bambino con riza in argento e vermeille sbalzata a motivi stilizzati e inscrizioni in cirillico, vesti decorate con perle, madreperla, smeraldi, turchesi, ametiste e paste vitree (cm 28x22) (lievi difetti) € 700/800

332 Arte russa, secolo XIX. Icona ad olio su tavola raffigurante santi (cm 35x30) In teca in legno dorato (difetti) € 350/400

333 Arte russa, secolo XVIII. Icona ad olio su tavola raffigurante San Michele Arcangelo (cm 36x31) Su sostegno in metallo dorato di forma mossa, cimasa traforata, piedi a ricciolo (difetti) € 250/300

339 Piccolo vaso in argento e vermeille a corpo liscio. Titolo 925. Argentiere Bulgari (h. cm 8) (g 220) € 120/140

334 Arte russa, inizio secolo XX "Cristo Pantocratore" icona ad olio su tavola con riza in vermeille sbalzata, incisa e traforata a foglie, fiori e perlinature. Punzoni di Mosca, argentiere non identificato (cm 26,5x31) (difetti) € 500/600

340 Lotto composto da due scatole in argento di forma circolare. Titoli 925 e 800 (g lordi 330) (difetti) € 80/100

335 Tabacchiera in corno di ariete con ghiera e tappo in argento e quarzo, cifrata "GC". Secolo XIX (h. cm 8) € 100/150

336 Coppia di candelieri in argento con fusto centrale a colonna scanalata su base squadrata perlinata sbalzata a foglie e festoni. Punzoni della città di Sheffield, 1901. Argentiere Hawsworth Eyre & Co Ltd (h. cm 31) (g lordi 1845) (difetti) Etichetta cartacea di collezione Carla Zandrini, Torino € 150/200

337 Lotto composto da un portamonete, due portasigarette e un portafiammiferi in argento, di epoche e fatture diverse (g 320) € 140/180

342 Portasigarette in vermeille con coperchio con smalti guillochè. Titolo 925, Firenze. Argentiere Salimbeni Renato (cm 9,3x7,5) (g lordi 120) € 100/150

343 Lotto composto da un posacenere di Bulgari in argento con una finta moneta romana (g lordi 240) e un tagliacarte Bulgari inscritto "bike" € 80/100

344

Lotto composto da quattro scatole in argento decorato a rilievo con scene galanti e putti, epoche diverse (g 350)

€ 140/150

345

338 Francois Collignon (Nancy 1610 - Roma 1687) Frontespizio con veduta di Firenze per la serie Diverse vedute designate in Fiorenza di Jacques Callot, edita da Israel Henriet Acquaforte nel II stato su due, mm 118x242 Al verso autentica della galleria L'Arte Antica, Torino, 22 dicembre 1988 In cornice (difetti) Bibliografia Lieure 1924, p. 108

341 Firma indecifrata "Castel Sant'Angelo" acquerello su carta (cm 25x20 circa) In cornice € 150/200

€ 120/140

Anonimo del secolo XVI "Roma vetus Rome ancienne" incisione su rame (cm 65x53) In cornice

€ 70/80

346

Lotto composto da due stampe raffiguranti Veduta del Colosseo (incisa da G. Cottafavi) e Veduta di San Pietro dal Gianicolo (incisa da T. Higham), (cm 20,5x27,5 circa,& i fogli) In cornici (difetti) (g lordi 340)

€ 40/80


IL PONTE CASA D’ASTE

98 99

particolare 326

327

328

329

particolare 330

331

332

333

334


357

Gruppo di quattro ovali in lavagna raffiguranti profili di imperatori romani (cm 7x6 cadauno) montati su pannello in plexiglass

€ 180/200

358

Tabacchiera in argento niellato con vedute di città ortodosse. Punzoni russi, Mosca 1845 (?) (cm 8,5x1,7x5,5) (g 85) Provenienza: collezione Fasano, Torino

€ 120/160

359

364

Tavolo da gioco di forma rettangolare con porta posaceneri a scomparsa e applicazioni in ottone sui montanti e nei piedi. Targhetta inscritta "Corrientes Buenos Aires 1891" (cm 73x72x70) (lievi difetti)

€ 250/300

347

Ciotola in argento liscio di forma polilobata. Titolo 925, Firenze. Argentiere Niccoli Giovanni di Benedetto per Bulgari (cm 20x8) (g 720)

€ 280/300

348

Lotto composto da due conchiglie rivestite in argento di diversa forma. Argentiere Buccellati

€ 150/200

352

Lotto composto da due centrotavola in argento di diversa misura a forma di sacco, Milano, argentiere Vavassori, uniti a due cornetti sbalzati in forma della "Dea Bendata", titolo 800 (g 720)

€ 240/260

353

Lotto composto da due litografie nautiche a colori, raffiguranti rispettivamente le fregate SS Phidias e Prince Potemkin (cm 83x60; cm 88x49) In cornice

360

Tarkard in argento e argento dorato. Titolo 800. Argentiere Tupini, Roma (h. cm 20) (g 700)

€ 320/340

361

Forattini, Giannelli, Pericoli. Tre vignette satiriche inerenti la Fiat e il dott. Cesare Romiti (misure e tecniche diverse) In cornici

€ 70/80

€ 120/140

349

Portasigarette in smalti decorati a foglie sul coperchio e nella base. Fasce a motivi geometrici e interno in vermeille. Titolo 925. Argentiere "G.S". Inghilterra, secolo XX (cm 8,5x7,5) (g lordi 110)

€ 150/200

350

Lotto composto da dodici segnaposto in argento raffiguranti alberi. Milano, argentiere Vavassori (g 120)

€ 120/150

354

Tabacchiera in argento niellato a volute e girali vegetali e cesellato sul coperchio, interno in vermeille. Punzoni francesi (cm 7,5x1,7x4,7) (g 60) (difetti)

362

Grande lanterna da marina in ottone, rame e metallo verniciato. Seconda metà secolo XX (h. cm 54) (difetti)

€ 240/260

€ 120/160 363

355

Lotto composto da una piccola coppa in stile pompeiano, un calice da sposalizio del secolo XIX e un cestino inglese in argento traforato (g netti 300)

€ 180/200

Salsiera in argento decorato a tralci d'uva e baccanale, interno in vermeille. Punzoni di Londra, 1830. Argentiere Joseph Angell II (cm 17,5x12x10) (g 290)

€ 180/220

351

Servizio tête-à-tête in argento liscio composto da caffettiera, lattiera e zuccheriera tripodi e con interni in vermeille. Prese dei coperchi a pigna a tutto tondo e manici in corno. Titolo 800. Milano, argentiere Ditta F.lli di Leone (g lordi 730)

€ 350/400

356

Bacchetta da direttore d'orchestra in legno ebanizzato e argento, inscritta "Presented to Edith Ritchie from Margaret Ormrod, Novembre 1970". Punzoni di Londra (l. cm 48)

€ 120/150

364 Commesso in marmi diversi con piedi in argento sbalzato titolato 925 e marcato Serra, Roma (cm 25x15) (difetti) € 240/260


100 101

IL PONTE CASA D’ASTE

371

365 Scatola portasigari in legno con losanga e bottone in oro monogrammato "GR" e pietra blu cabochon. Orafo Fasano € 120/140

373

369 Alzata in argento traforato a medaglioni e listelli con cavetto monogrammato. Inscritta alla base "Made for Tiffany & Co." (d. cm 34 x h. cm 9) (g 450) € 250/300

366 Lotto composto da un calzascarpe con presa cesellata in argento inglese, un tagliacarte a forma di sciabola unito ad un altro in agata con presa decorata a volute e girali vegetali in argento titolo 800 (difetti) € 150/200

370 Lotto composto da cinque conchiglie di diverse dimensioni rivestite in argento

367 Scatola in argento inciso all'interno con il logo Alitalia e datata Roma, 10 ottobre 1990. Titolo 800 (cm 17,3x3,5x10,7) (g 390) € 150/180

371 [TORINO] "Palatium urbanum cum foro olitorio" tratta da "Theatrum Sabaudiae". Amsterdam, Joannes Blaeu, [dopo il 1682] (mm 500x600) Colorata anticamente, entro cornice € 200/300

368 Etienne Duperac (1535 - 1604)

372 Calice in argento cesellato a scritte ebraiche sulla vasca (h. cm 9,7) (g 120)

Parte del monte Quirinale che guarda verso ponente, dalla raccolta I vestigi dell'antichità di Roma raccolti et ritratti in perspettiva da Stefano Du Perac parisino Acquaforte, mm 238x391 In cornice (difetti) € 140/180

€ 120/140

€ 120/140

373 [TORINO] SEUTTER. Turin ville superbe. Augusta: Lotter, 1756. (mm 500x600) Colorata anticamente, entro cornice € 300/400

374 Scatola con coperchio in argento decorata da due cabochons verdi e centrata da micromosaico a tessere in vetro a margherite. Inscritta alla base "Cafarella" titolo 800 (l. cm 19) (g 112 lordi) (difetti) € 250/300

375 Boccale in argento a corpo liscio, ansa mossa. Punzoni della città di Chester, secolo XVIII/XIX. Argentiere "I.L" (h. cm 14) (g 400) (difetti) € 350/400

376 Tavolo da gioco in ciliegio intarsiato e filettato, piano polilobato centrato da vaso di fiori con volatili e farfalle, un cassetto laterale. All'interno decorato con carte da gioco agli angoli e rivestito in panno. Gambe di forma mossa. Secolo XIX (cm 75x73x37 chiuso) (difetti) € 350/400


377 Tavolo da centro in mogano centrato da ovale entro riserve stilizzate, gambe squadrate unite da traverse. Inghilterra, secolo XIX (cm 74,4x69,5x48) (difetti)

384 Antico mortaio con pestello in bronzo (d. cm 19 x h. cm 17) (difetti) € 120/140

390 Scuola toscana del XIX Secolo "Figure in un cortile" olio su tavola (cm 22x16,5) In cornice (difetti) € 180/200

385 CORONELLI Vincenzo Maria. Parte orientale e Parte occidentale della Spagna descritta. Venezia, 1690. (mm 600x900 circa) Colorata anticamente, entro cornice

391 Bugia in argento decorato a palmette sul bordo. Titolo 800. Alessandria, argentiere Ricci & C. Spa (cm 26x7,8x47) (g 370)

€ 200/300

€ 330/350

€ 350/400

378 Bulgari, tagliacarte in argento decorato nella presa con un sesterzio romano inscritto "PHILIPPVS I CAESAR 244-249 SESTERTIVS". Titolo 925 (l. cm 20,5) (g lordi 200) (difetti) € 200/250

379 Poltrona in mogano intagliato con braccioli scanalati, gambe mosse, piedi anteriori a ricciolo. Rivestita in tessuto. Secolo XIX (difetti) € 320/340

380 Philip Galle (Haarlem, 1537 - Anversa, 1612), da Maarten van Heemskerck Il profeta Jonah osserva la città sotto la pianta di zucca, dalla serie La storia di Jonah Bulino, mm 210x250 (all'impronta) Firmata e datata in lastra "MEEMSKERCK, INVEN / PHLS. GALLE. FE / 1566" La stampa è accompagnata da autentica della galleria Il Calamo In cornice (difetti) € 150/180

381 Scatola con coperchio in argento a finto vimini. Titolo 800. Argentiere VP (cm 16,5x12x4) (g 200) € 100/120

382 Obelisco in agata. Alla base ghiera in argento titolo 925 (h. cm 22) (difetti) € 250/300

383 Coppia di scatole porta tè ottagonali in argento inciso a decoro orientale. Londra, 1918. Argentiere Lionelle Alfred Crichton (h. cm 16) (g 500) € 330/350

386 Lotto composto da due tagliacarte in argento con prese sagomate, uno marcato "BARILLA" e inscritto "1877-1977 Cento anni di lavoro" e l'altro con firma incisa indecifrata (g 220)

392 Lotto composto da una pagnotta, una foglia di quercia e un melograno in argento. Titolo 925 (g 250) € 120/140

€ 120/180

387 Piatto celebrativo di forma ottagonale in argento liscio inscritto "Unione degli industriali di Roma, Cav. Lav. Dott. Cesare Romiti, capitano d'industria, interprete illuminato della storia economica dell'Italia e grande attore delle relazioni internazionali, precursore dei nuovi equlibri del mondo nel rispetto del benessere generale dell'umanità. Roma 13 dicembre 2001". Titolo 800, Treviso. Argentiere Schiavon Angelo (cm 40x30) (g 930) € 450/500

388 Victor-Jean Nicolle (Parigi 1754 - 1826) Veduta dell'Isola Tiberina, Roma Penna e acquerelli su carta, mm 210x315 circa Firmato a destra "V. I. Nicolle" Al verso etichetta relativa alla provenienza "Paolo Antonacci / Antichità" In cornice (difetti) Expertise Paolo Antonacci Antichità

€ 500/600

389 Campanello in argento con stemma inciso. Roma, secolo XIX (h. cm 14) (g 200) € 120/140

393 Lotto composto da due pannocchie, due pigne e un tralcio d'uva in argento. Marcati Fasano (g 720) (difetti) € 330/350

394 Trofeo biansato in argento liscio e inciso nella vasca "Harrow Weald-horticultural Society George Wall Cup" e riportante i nomi dei premiati. Punzoni di Londra, 1945. Argentiere Carrington & Co Ltd (cm 34x17x24) (g 930) € 450/500

395 Scultura in argento raffigurante toro da corrida. Marcato con numero 21. Punzoni abrasi nella coda (cm 20x14x6) (g 580) (difetti) € 250/300

396 Michel Vincent Brandoin (Vevey 1733 1807) Rovine classiche con figure Penna e acquerelli su carta, mm 245x190 Firmato e datato in basso a destra "Brandoin 86" Al verso etichetta relativa alla provenienza "W. Apolloni / arte antica" In cornice (difetti) € 300/400


IL PONTE CASA D’ASTE

102 103

397 Rudolph Wiegmann (Nordstemmen 1804 - Düsseldorf 1865) Veduta di Piazza San Pietro dalle Logge Vaticane con Roma sullo sfondo Penna e inchiostro nero, acquerellato in grigio-rosa e tracce a matita su carta, mm 280x410 Siglato e titolato in basso Al verso etichetta relativa alla provenienza "Paolo Antonacci / Antichità" In cornice del secolo XIX (difetti) Expertise Paolo Antonacci Antichità

€ 500/600

398 Alzata in argento cesellato a volute fiori, e frutti, centrata da stemma con motto "PAVANCE". Birmingham 1890, Argentiere W & S (d. cm 26) (g 420) € 220/240 399 Scatola in argento liscio, coperchio recante monogramma smaltato "CR". Titolo 800, Firenze. Argentiere Pampaloni Ermindo di Pampaloni Franco (cm 15,5x6,5x11) (g 390) € 200/250 400 Coppia di bicchieri decorati a ideogrammi stilizzati dedicati a Cesare da Romilda, Villa Sassi, 22 Maggio '88. Titolo 800. Argentiere C. Turconi. Incisore Capello, Torino (h. cm 9) (g 400) € 140/150 401 Formaggiera in argento con presa a valva di conchiglia, ansa mossa, piedi cesellati e traforati. Titolo 800 (g 300) € 120/140 402 BULGARI Orologio da tavolo in argento titolo 925 su base a colonna scanalata. Quadrante brunito in nero con indici applicati. Misure h. cm 20 (difetti) € 400/500 403 Scatola di forma circolare in argento decorato a fiori entro medaglioni e con presa del coperchio ad anello, interni in vermeille. Argentiere Bointaburet, Parigi, secolo XIX (cm 17x10) (g 400) € 350/400

397

404 Centrotavola biansato in argento con bordura sagomata. Titolo 925. Milano, argentiere Pradella Ilario (cm 38x9,5x22) (g 1050) € 530/580 405 Gruppo di quattro saliere in argento di forma esagonale con tappi a pagoda traforati, corpo cifrato "MPS". Argentiere Tiffany & Co. , New York. Marcati alla base con numerale 17821-24 (g 200) € 120/140 406 Manifattura del secolo XX. Coppia di modellini di carri in argento e oro decorati con perle, rubini, coralli e altre pietre preziose (g 240)

408 Salvator Rosa (Napoli 1615 - Roma 1673) Soldato che cammina, una mano al petto, dalla serie Le figurine Acquaforte nel II stato di due, mm 146x96 Siglata in lastra "SR" L'opera è accompagnata da autentica della galleria L'Arte Antica, Torino, 19 dicembre 1998 In cornice (difetti) € 120/160 409 Centrotavola in argento e vermeille sbalzato a foglie e frutti. Titolo 800. Argentiere Brandimarte (d. cm 30,5xh. cm 13) (g 1200) € 440/460

Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 350/400

410 Lotto composto da una scatola in argento marcata CR e un porta sigarette bipartito con finto laccio sul coperchio decorato a smalti (misure diverse) (g lordi 740) (difetti) € 330/340

407 Scuola dell'inizio del secolo XIX

411 Centrotavola in argento con corpo sbalzato a foglie e frutti. Anse e base traforate e decorate a foglie di vite. Titolo 800, Firenze. Argentiere Alvignani & Galeotti (cm 39,5x18,5x18) (g 800)

Piazza Barberini vista dallo slargo antistante la chiesa di Santa Maria della Concezione dei Cappuccini Acquerelli, penna e inchiostro su carta, mm 205x285 Iscritto in alto a destra "N. 53" Iscritto in basso "Al Piazza Barberina in Roma" Al verso etichetta relativa alla provenienza "Paolo Antonacci / Antichità" In cornice (difetti) Expertise Paolo Antonacci Antichità

€ 180/200

€ 380/420


421

Argentiere del secolo XX "Gallo" scultura in argento a tutto tondo. Titolo 925, argentiere "B.M" (h. cm 23) (g 700) (difetti)

€ 350/400 422

Legumiera biansata in argento decorato sui bordi a palmette, ansa ad anello, manici in legno. Titolo 800 (l. cm 32) (g lordi 1400)

€ 550/600 423

ROUMA GREGOIRE Pendola in bronzo dorato decorata da sculture raffiguranti il tema iconografico de "il Trovatore". Francia epoca 1820/30 circa. Quadrante in smalto bianco con cifre romane e lancette "Breguet". Movimento settimanale a due treni con suoneria delle ore e mezze su campanello. Misure h. cm 41 (difetti)

€ 400/500

412

412

ANONIMO Orologio da appoggio con cassa in bronzo guarnita da decori floreali in porcellana policroma. Epoca seconda metà XIX Secolo. Quadrante in smalto bianco a cifre arabe. Movimento solo tempo. Misure h. cm 36 (difetti)

€ 300/350

413

Scatola in argento con coperchio incernierato sbalzato a motivi floreali. Inciso nella cerniera "Sharman D. Neil Belfast". Chester, 1903. Argentiere G. N. R. H (cm 21x7x18) (g netti 450) (difetti)

€ 220/240

414

Scatola portasigarette in argento fuso. Titolo 800. Argentiere AF (cm 18x9x2) (g 300)

€ 120/140 415

Lotto composto da una tazza sbalzata a cuori e una brocca da acqua ad un'ansa in argento marcata J&B. Titolo 800 (h. max cm 15) (g 825) (lievi difetti)

€ 280/300

424

416

Lotto composto da una bottiglia da liquore in argento sbalzato e cesellato a scena epica e putti danzanti, unita ad una fiaschetta biansata da vino decorata a foglie e tralci di vite, marcata "Dealessandri Giorgio" (g 860) (lievi difetti)

Calamaio in argento con vassoio sagomato e sbalzato a conchiglie, piedi a rocailles. Due contenitori in vetro e uno centrale con ghiere in argento. Punzoni di Birmingham, 1840. Argentiere R.E.A (g netti 900)

417

425

€ 550/600

€ 440/460

Tankard in argento con corpo inciso a fiori stilizzati intervallati da finte monete, ansa mossa. Argenteria De Giovanni, Milano (h. 21,5) (g 1230) (difetti)

Coppia di coprivivande in argento liscio con presa ad anello. Titolo 800 (d. cm 25,7) (g 1320)

€ 550/600

€ 550/600 426

418

Due calici in argento con corpo liscio decorato da motivo a corda intrecciata color oro e oro-rosa. Titolo 925. Argentiere Cartier (h. cm 21) (g 360)

€ 180/200

419

Zuppiera biansata con coperchio in argento di forma sfaccettata, presa del coperchio a trottola. Titolo 800 (h. cm 26) (g 1200)

€ 550/600 420

CARTIER Calendario perpetuo di forma circolare in metallo argentato, ghiera del coperchio girevole incisa. Inscritto al retro "Cartier n° 0015/2000" Misure d. cm 9 (difetti)

€ 120/140

Centrotavola biansato in argento con corpo costolato e piede scanalato. Punzoni di difficile lettura (cm 34x22) (g 820)

€ 320/340

427 Figura di dromedario in lamina d'argento a tutto tondo (l. cm 30) (g 800) € 450/500

428 Tagliacarte in argento martellato e inciso a motivo vegetale e granchi in rilievo. Presa tornita e marcata "Tiffany & Co. 446 makers 2583 sterling silver 1417" (l. cm 34,5) (g 200) € 350/400


104 105

IL PONTE CASA D’ASTE

431

429 Artista attivo a Roma nel secolo XVIII Veduta di Piazza Navona da Palazzo Madama Penna e inchiostro bruno, acquerellato in grigio e bruno, tracce a matita su carta, mm 334x502 Al verso etichetta relativa alla provenienza "Paolo Antonacci / Antichità" In cornice (lievi difetti) Expertise Paolo Antonacci Antichità

€ 450/500

430 Rinfrescatoio biansato in argento a corpo liscio inciso a girali di foglie, bordi decorati a motivi stilizzati, anse cesellate a foglie. Titolo 800 (h. cm 24) (g 1100) (difetti) € 480/500 431 Scuola del secolo XIX "Villa Borghese" acquerello (mm 740x475) In cornice (difetti) Provenienza: Galleria Antonacci Roma € 450/500 432 Alzata in argento con interno in vermeille decorato a fiori e volute fogliate. Piedi sagomati. Argentiere Tiffany & Co. Marcato con numerale 7813M5667 (d. cm 24 x h. cm 10) (g 700) (difetti) € 450/500

434

433 Caffettiera in argento con corpo sbalzato e cesellato a foglie. Ansa e presa in legno ebanizzato (h. cm 32) (g lordi 880) € 450/500

438 Piccolo modello di forziere in argento a due anse. Titolo 800, Milano. Argentiere Eredi Mazzetti di Pandini Evelina (cm 18,2x8,5x12) (g 1150) € 550/600

434 Scuola napoletana del secolo XIX "Vulcano in eruzione" gouache (cm 21x39 circa alla linea di inquadramento) In cornice (difetti) € 350/400

439 Boccale da birra in argento a corpo liscio inciso con stemma sormontato da elmo e volute fogliate. Presa in forma di fiore, ansa mossa. Titolo 925 (h. cm 26) (g 1040) € 550/600

435 Micromosaico del secolo XX raffigurante colonne romane montato su scatola in argento a corpo liscio con interno in vermeille. Petocchi, Roma, secolo XX. Titolo 800 (cm 8x2x6) (g lordi 60)

440 Scatola con coperchio in argento marcata "I torroncini Condorelli Belpasso di Catania Sicily" entro motivo geometrico. Titolo 800. Argentiere Guerci, Alessandria (cm 22x13x14,5) (g 1000) € 550/600

€ 200/250 436 Secchiello portaghiaccio in argento martellato. Marcato Fasano. Titolo 925 (cm 16x15) (g 630) € 330/350 437 Centrotavola in argento con bordura mossa decorata a fiori e volute, interno in vermeille, piedi a fiori e riccioli. Apparentemente privo di punzoni (cm 33x15,5x24,5) (g 1050) € 550/600

441 Coppia di piatti in argento liscio con tesa cesellata a nastri e mazzi fioriti. Francia, secolo XIX (d. cm 24) (g 730) € 280/300 442 Legumiera biansata in argento decorato a palmette lungo il bordo. Anse in bachelite cesellate a volute e presa del coperchio ad anello. Titolo 800, Alessandria. Argentiere Ricci Cesa alla base (cm 37,5x17x29,5) (g lordi 1110) € 450/500


443

443 Scuola del secolo XIX "Veduta di Napoli da Posillipo con Palazzo donn'Anna e Castel Sant'Elmo sullo sfondo" gouache (cm 26x38,7) In cornice (difetti) € 700/800

444 Modello della colonna lateranense e dell'obelisco di Montecitorio in marmo nero inciso sulle basi con inscrizioni in giallo. Roma, secolo XIX (h. cm 38,5) (difetti) € 1.000/1.200

445 Coppia di ventole a due luci di forma mossa in legno intagliato e dorato a volute e fiori sormontate da cimasa a conchiglia. Secolo XVIII (h. cm 80) (difetti) € 650/700

446 Cestino in argento a finto vimini. Titolo 800 (cm 22x22) Unito ad un centrotavola in argento a forma di cuore (l. cm 34) (g 1100) € 450/500

447 Ribalta a rullo lastronata e intarsiata in legni vari, fronte a tre cassetti e un tiretto decorato a vaso fiorito e motivi floreali, fianchi mossi. Anta ribaltabile celante cassettini e vano. Piano decorato da ringhiera in bronzo. Olanda, secolo XIX (cm 120x118x62) (difetti e restauri) € 1.200/1.400

448 Zuppiera biansata con coperchio in argento a corpo liscio con bordi scanalati, presa ad anello. Titolo 800 (h. cm 27) (g 1500) € 550/600

449 Centrotavola in argento costolato in forma di conchiglia. Titolo 925 (l. cm 33) (g 1350) € 650/700

444

451 Cestino in argento traforato e decorato a perlinature. Punzoni di Londra, 1925 (cm 32,5x27x22) (g 700) € 350/400

452 Gruppo di cinque litografie acquerellate del secolo XIX raffiguranti scorci delle città di Livorno, Napoli, Venezia e Londra (cm 33x54) In cornici € 1.100/1.200

453 Zuppiera biansata con coperchio in argento, anse a volute, presa del coperchio ad anello, piede e bordo scanalato. Titolo 925. Argentiere Faraone (l. cm 30) (g 1500) € 750/800

454 Scuola del secolo XIX 450 Scatola di forma ottagonale in argento, coperchio monogrammato "CR". Titolo 925 (cm 24,7x5,5x20) (g 1600) € 750/800

Veduta di Piazza del Pantheon, Roma Olio su tela, cm 94x137,5 In cornice (difetti e restauri) € 1.200/1.400


IL PONTE CASA D’ASTE

106 107

455 Alzata in argento a tre ripiani con bordo polilobato e montanti a figure allegoriche, piatti sagomati. Titolo 800, Vicenza. Argentiere Rossi e Arcandi (cm 42x59x39) (g 4750) (lievi difetti) € 2.500/3.500

456 Lotto composto da due vassoi in argento con bordo mosso di misure differenti. Titolo 800. Argentiere Jacomino Ciro, Napoli, seconda metà secolo XX (cm max 40x28) (g 2200) (difetti) € 900/1.000

457 Lotto composto da una ciotola e un centrotavola in argento liscio e scanalato a torciglione. Titolo 800 (g 1500) € 650/700

458 Scuola di Posillipo, secolo XIX "Tempio di Paestum" e "Isola di Procida" coppia di dipinti ad olio su tela (cm 27x39) In cornici (lievi difetti) € 700/800

459 Coppia di panchetti in legno intagliato a volute e conchiglie nella fascia, braccioli e gambe mosse. Secolo XVIII (cm 180x75x60) (difetti e restauri) Recanti etichetta cartacea € 1.400/1.600

460 Zuppiera biansata in argento a corpo bombato e costolato, anse sagomate, coperchio polilobato con presa a trottola. Titolo 800 (cm 35,5x30,5x27,5) (g 1930) € 900/1.000

455

462 Salver in argento con tesa cesellata a valva di conchiglia e motivi stilizzati. Punzoni di Londra, 1898. Argentiere William Hutton & Sons Ltd (d. cm 42) (g 1800) € 700/800

463 Vaso biansato con coperchio in argento, vasca parzialmente sbalzata, anse a volute decorate a motivo fogliaceo. Punzoni di Londra, 1910. Argentiere Robert Pringle & Sons (h. cm 35) (g 1430) € 700/800

464 Centrotavola in argento liscio di forma sagomata a due prese con interno martellato. Titolo 800. Alessandria, secolo XX (cm 56,5x14x24) (g 1950) € 1.000/1.200

461 Vassoio in argento con tesa cesellata a volute e motivi fogliati. Titolo 800. Argentiere Stefani, Bologna (d. cm 38) (g 1220) € 700/800

465 Grande vassoio in argento di forma quadrilobata. Titolo 800. Alessandria, secolo XX (cm 59,7x45) (g 2810) In custodia € 1.200/1.500

466 Lotto composto da una zuppiera biansata con coperchio e un sottovaso in argento decorato a torchon. Titolo 800 (g 2320) € 1.000/1.200

467 Zuppiera biansata in argento liscio, anse e presa sagomate. Titolo 800. Alessandria, secolo XX (cm 32x17x22) (g 1600) € 750/800

468 Portavivande biansato in argento con coperchio scanalato e presa ad anello a tutto tondo. Titolo 800, marcato "Cesa 1882" (cm 60x20x33,3) (g 2900) € 1.400/1.600


469 Maestro francese del secolo XIX operante a Roma "Processione papale del Corpus Domini in Piazza San Pietro" olio su tela (cm 33x93) Al retro: cartigli e timbro. Provenienza: Paolo Antonacci Antichità, Roma. In cornice dell'epoca. Opera accoampagnata da certificato su fotografia rilasciato da Paolo Antonacci Antichità, Roma € 2.000/3.000


IL PONTE CASA D’ASTE

108 109

470 Carel Max Gerlach Quaedvlieg (Valkenburg 1823 - Roma 1874) "Roma. Viandante presso la tomba di Cecilia Metella" olio su tela (cm 21x36) Firmato in basso a destra. Provenienza: Paolo Antonacci Antichità, Roma. In cornice Opera accompagnata da certificato di autenticità rilasciato da Paolo Antonacci Antichità, Roma € 1.200/1.500


471 Lorenzo Aliani (Firenze 1825 - 1862 "Roma, il Pantheon" 1845 olio su tela (cm 61x87) Firmato e datato in basso a destra. In cornice barocca intagliata del secolo XVII € 3.200/3.800


IL PONTE CASA D’ASTE

110 111

472 Pietro Barucci (Roma 1845 - 1917) "Fori romani" olio su tela (cm 71x132) Firmato e locato Roma in basso a sinistra. In cornice € 1.800/2.200


473 Wilhelm Hopfgarten (1779-1860) e Benjamin Ludwig Jollage (1781-1837) "La colonna Traiana" bronzo cesellato e dorato, base in marmo statuario. Roma, prima metà del secolo XIX (h. tot. cm 86; h. senza base cm 83,5) (difetti) € 1.800/2.000

474 Wilhelm Hopfgarten (1779-1860) e Benjamin Ludwig Jollage (1781-1837) "L'obelisco Lateranense" e "L'obelisco Flaminio" bronzo cesellato e dorato, basi in granito di Assuan. Roma, prima metà del secolo XIX (h tot. cm 75, h. tot. cm 71; senza basi h cm 70, h cm 65,5) (difetti) € 5.000/6.000

Queste tre riduzioni di celebri monumenti dell’antica Roma, eseguite con meticolosa accuratezza fin nei più minuti dettagli, vennero approntate da due bronzisti berlinesi considerati i più esperti maestri nella loro arte nella Roma del primo Ottocento, Wilhelm Hopfgarten (1779-1860) e Benjamin Ludwig Jollage (1781-1837). Le loro trascrizioni delle colonne di Marco Aurelio e di Traiano, insieme a quelle degli obelischi del Laterano e di piazza del Popolo, furono considerate fra i più importanti doni diplomatici e ricercate da alti personaggi del primo Ottocento. I due artefici giunsero a Roma nel 1805 e poco dopo il loro studio e fonderia risulta documentato in via dei Due Macelli, non lontano da piazza di Spagna1. La loro reputazione presso la committenza, sia locale sia straniera, durante gli anni in cui la città era attraversata dalle vicende napoleoniche, crebbe rapidamente anche grazie ai legami che i due artisti stabilirono con la cerchia di connazionali. Il loro mestiere fu apprezzato dai maggiori artisti dell’epoca, primo fra tutti Antonio Canova che commissionò loro la fusione di un busto di Napoleone in previsione della trasposizione in bronzo del suo marmo raffigurante Napoleone come Marte pacificatore. La loro abilità fu premiata nel 1810 con una medaglia di bronzo all’esposizione organizzata in Campidoglio per celebrare l’onomastico dell’Imperatore: in quell’occasione i due tedeschi presentarono due tripodi in bronzo dorato con tazze in lapislazzuli e una scultura bronzea, anch’essa dorata. Negli anni in cui il Palazzo del Quirinale era oggetto di ristrutturazioni e abbellimenti allo scopo di renderlo consono alla residenza di Bonaparte, i due fonditori si assunsero il carico di un enorme quantità di manufatti che spaziavano dai candelabri, alle rifiniture per mobili, ai dettagli dorati che abbellivano le nuove cornici delle porte, eseguite dai marmisti in granito rosa, la stessa pietra su cui poggiano i nostri obelischi. La qualità della doratura nei loro lavori, così come è testimoniata dalle tre opere qui presentate, è sempre altissima e prossima a quella dei coevi bronzi francesi: l’esperienza giungeva ad Hopfgarten da un soggiorno in Francia che risulta, seppur non perfettamente documentato, egli abbia compiuto poco prima di trasferirsi in Italia. I soggetti delle loro fusioni includevano sia antichi esemplari della statuaria di epoca romana sia opere moderne: da Berthel Thorvaldsen, ad esempio, trassero i modelli per una serie di figure che componevano un centrotavola ordinato nel 1820 dal Principe ereditario Cristiano Federico di Danimarca. Altre riduzioni sia da prototipi classici che moderni vennero ordinate da Federico Guglielmo IV di Prussia, in visita a Roma nel 1828, e fra esse figurano quelle della Colonna Traiana, dell’Arco di Costantino e dei due obelischi, quello del Laterano e quello di piazza del Popolo. Non era la prima volta che Hopfgarten e Jollage eseguivano questi soggetti: nel 1817 Pio VII aveva commissionato loro le fusioni delle colonne per offrirle in dono a Massimiliano di Baviera (tuttora sono

custodite nella Residenz di Monaco). Nel periodico cittadino il Diario di Roma del 10 ottobre del 1818 si ricorda come “gli scultori in bronzo Hopfgarten e Jollage” stessero correntemente seguendo le fusioni delle due colonne. Altri doni e commissioni papali si susseguirono e fra questi la cornice in bronzo dorato per un piano di tavolo in mosaico minuto raffigurante lo Scudo di Achille che Leone XII inviò in dono a Carlo X nel 1826. E’ chiaro dunque come i lavori fossero apprezzati non solo dal pontefice che li utilizzava come doni ma furono oggetto di grande interesse per collezionisti e aristocratici di tutta Europa e fra i soggetti prediletti gli obelischi e le colonne imperiali della Città Eterna godettero di grande apprezzamento.

I due obelischi qui presentati rappresentano fedelmente i grandi monoliti conosciuti come Obelisco Lateranense e Obelisco Flaminio, oggi rispettivamente in piazza San Giovanni in Laterano e in piazza del Popolo a Roma. Furono traslati dall’Egitto il primo nel 10 a.C. e il secondo nel 357 d.C. Entrambi vennero posti, seppure con tre secoli di distanza, sulla spina del Circo Massimo dove rimasero, abbattuti e semisepolti per oltre mille anni fino a che il papa Sisto V (Peretti, 1585-1590) li fece porre nelle sedi attuali dall’architetto Domenico Fontana. La Colonna Traiana venne eretta per celebrare le vittorie sulla Dacia dell’imperatore di cui porta il nome e in epoca moderna si succedettero le trascrizioni del lungo fregio che si snoda sulla sua superficie rendendo così possibile ai nostri due fonditori una accurata fedeltà nella riproduzione così come aveva fatto, diversi decenni prima, Luigi Valadier nella sua trascrizione del monumento in marmo, argento dorato e lapislazzuli oggi nella Residenz di Monaco di Baviera2. Una coppia di colonne si trovava anni fa presso Colnaghi’s a Londra, mentre una coppia di obelischi è ancora oggi a Palazzo Pitti: hanno basi in granito rosa come i nostri esemplari e risultano presenti nella Reggia fiorentina dal 1815 ma provenienti da Lucca dove forse giunsero come dono o acquisto di Maria Luisa di Borbone Parma3. Un’ulteriore coppia di colonne è nella Pinacoteca Ambrosiana, donate dal Conte G.E. de Pecis nel 18274. Roberto Valeriani

S. Fox in Il Palazzo del Quirinale, il mondo artistico a Roma nel periodo napoleonico, a cura di M.Natoli e M.A. Scarpati, Roma, 1989, II, pp. 45-47; C. Teolato, Hopfgarten and Jollage rediscovered, Roma, 2016. Emtrambi con l’ampia bibliografia anteriore. 2 A. González-Palacios, I Valadier, Andrea, Luigi, Giuseppe, Milano, 2019, fig. V.7, pp. 95-97. 3 A. González-Palacios, Il Tempio del gusto, Milano, 1984, figg.323326; gli obelischi h. cm.59; le colonne h.cm.87,5. 4 A. Falchetti, La Pinacoteca Ambrosiana, Vicenza, 1969, p.241. 1

Le tre opere presentano l’etichetta cartacea di provenienza, la colonna Alessandra Di Castro, gli obelischi Alberto Di Castro Accompagnati da expertise di Daniela Di Castro Moscati e Francesco Leone


IL PONTE CASA D’ASTE

112 113

3a) Da Alvar Gonzalez-Palacios "Il Tempio del Gusto. Roma e il Regno delle due Sicilie", tomo II, 1984, p. 144, figg. 323, 325, 326

3b) Da Alvar Gonzalez-Palacios "Il Tempio del Gusto. Roma e il Regno delle due Sicilie", tomo II, 1984, p. 144, fig. 324

3c) Uno dei due obelischi di Palazzo Pitti, Firenze


473


IL PONTE CASA D’ASTE

114 115

474


475 Bottega di Giuseppe Maggiolini, fine secolo XVIII. Scrivania a cilindro in legno di pioppo impiallacciato di radica di noce e intarsiato in palissandro, pero e bosso (cm 128x113x65) (difetti) Etichetta cartacea galleria "E. Imbert S. Spirito 3"

€ 55.000/60.000

Il mobile rientra in quella tipologia di scrivanie dette da centro poiché dovevano essere collocate in modo tale da essere viste da tutti e quattro i lati. Proprio per questo la nostra scrivania presenta una raffinata decorazione ad intarsio disposta su una superfice interamente impiallacciata di radica di noce e riquadrata con fasce in palissandro e cornicette geometriche in legno di bosso al cui interno sono disposti ornati a candelabra e degli ovali raffiguranti divinità antiche. Al centro del cilindro si può infatti vedere la raffigurazione della dea Teti, ripresa in una posa che richiama l’analoga scultura presente nella fontana del Nettuno a Firenze, mentre sui tre lati del mobile, procedendo da destra, si trovano gli ovali con le figure di Andromeda, di Venere con Cupido e di una probabile allegoria dell’Architettura. La struttura del presente arredo, la cui parte superiore a forma di cilindro aprendosi lascia vedere un vano con cassetti e divisori per documenti, deriva da modelli francesi in auge a partire dall’ultimo quarto del Settecento ed è ripresa, sul finire del secolo, da diversi ebanisti europei. In Italia furono realizzate alcune varianti di questo tipo di scrivanie a partire dalla fine del XVIII secolo e per parte dell’Ottocento: in particolare il nostro esemplare presenta alcune caratteristiche tipiche della mobilia intarsiata lombarda come ad esempio l’uso di rivestire le superfici di pioppo con impiallacciature in radica di noce e la ricchezza dell’apparato decorativo ad intarsio disposto, in maniera assai sobria, ad abbellire la sagoma del mobile. Questi caratteri, insieme a due progetti per una scrivania con alzata del Fondo Maggiolini (fig. 1-2) conservato presso il Castello Sforzesco di Milano, inducono a pensare che lo scrittoio qui esaminato possa essere uscito dal fiorente laboratorio di Giuseppe Maggiolini dove, proprio sul finire del Settecento, erano all’opera

diversi allievi che nel giro di pochi anni divennero degli abili intarsiatori e i cui arredi furono assai richiesti dalla committenza internazionale. Di alcuni di questi – come ad esempio il figlio Carlo Francesco oppure Giuseppe Colombo detto il Mortarino, Giuseppe Abbiati o Giovan Battista Maroni - si è riusciti a ricostruire in parte il corpus delle opere che nulla hanno da invidiare a quelle del maestro (E. Colle, Il mobile neoclassico in Italia. Arredi e decorazioni d’interni dal 1775 al 1800, Milano 2005). Convinto che la scrivania fosse un’opera autografa di Maggiolini, Giuseppe Morazzoni pubblicò questo scrittoio nella monografia dedicata al maestro (G. Morazzoni, Il mobile intarsiato di Giuseppe Maggiolini, Milano 1953, tavv. LV - LVI), mentre nel suo volume sul mobile neoclassico italiano illustrò un altro esemplare analogo (fig. 3) genericamente assegnato ad un “imitatore di Giuseppe Maggiolini” (G. Morazzoni, Il mobile neoclassico italiano, Milano 1955, tav. CCCXXIII); recentemente Giuseppe Beretti (G. Beretti, A. Gonzàlez – Palacios, Giuseppe Maggiolini. Catalogo ragionato dei disegni, Milano 2014, pp. 146 -147), commentando i due citati disegni, menzionava il nostro mobile e, sebbene ne ravvisasse alcune somiglianze con i progetti del Fondo maggioliniano, ne escludeva l’attribuzione al celebre intarsiatore. Pur tuttavia alcuni particolari della scrivania ci inducono a pensare che essa sia stata concepita e realizzata da un ebanista bene informato su quanto si produceva nel laboratorio di Maggiolini: si vedano ad esempio la forma delle gambe con quel particolare raccordo a voluta che ritroviamo in alcuni disegni per commodes (fig. 4), i motivi a candelabra assai utilizzati nei mobili maggioliniani, ed infine le stesse figure all’antica intarsiate entro gli ovali le quali potrebbero avere dei precedenti in analoghi soggetti presenti nei fogli già appartenuti all’intarsiatore. Si potrebbe quindi supporre con una certa ragionevolezza che l’originale scrittoio possa rientrare in quella produzione della bottega di Maggiolini dove, sotto la guida del maestro, gli allievi più abili portavano a termine le numerose commissioni d’arredi provenienti dalla corte e dalle aristocratiche famiglie lombarde. Enrico Colle


IL PONTE CASA D’ASTE

Fig.1 – Progetto per una scrivania con alzata, Fondo Maggiolini, Milano, Castello Sforzesco

116 117

Fig. 2 – Progetto per una scrivania con alzata, ubicazione sconosciuta

Fig. 4 – Manifattura milanese, scrivania con alzata, già collezione Anna Piatti

Fig. 3 - Particolare di un disegno raffigurante un progetto per cassettone, Fondo Maggiolini, Milano, Castello Sforzesco


IL PONTE CASA D’ASTE

Particolari

118 119


476

476 Credenza in legno intagliato a volute fogliate con fronte a due ante e due cassetti. Italia settentrionale, secolo XVII (cm 158x130x42) (restauri) € 10.000/12.000

477 Grande lampadario a trenta luci con struttura in bronzo dorato, collane e pendenti in cristallo. Secolo XVIII (h. 165 circa) (difetti) € 3.500/4.000

477


IL PONTE CASA D’ASTE

120 121

478 Pseudo Salini (attivo tra il secolo XVII e XVIII) Natura morta di frutta all'aperto su due piani di roccia Olio su tela, cm 73x96,5 In cornice barocca intagliata e dorata a foglie e frutti (lievi difetti e restauri) Bibliografia G. Bocchi e U. Bocchi, Pittori di natura morta a Roma. Artisti italiani 1630-1750, Arti Grafiche, Viadana, 2005, p.190, fig. PS.30, nota 63 a p. 202. Expertise Galleria d'Orlane (come Tommaso Salini) Assegnato da Federico Zeri a Tommaso Salini (per la perizia del 2 febbraio 1998 si rimanda a: Fototeca Zeri perizia NM_0045/6/16-21 e scheda 88512), il dipinto si ritrova con questa stessa attribuzione nell'expertise della Galleria d'Orlane che lo accompagna. In seguito, sulla base di nuovi e più aggiornati studi, fu pubblicato nel 2005 come opera dello Pseudo Salini proprio da Gianluca e Ulisse Bocchi della Galleria d'Orlane che, correggendone la paternità, ricordano anche l'attribuzione precedente (G. Bocchi e U. Bocchi, 2005, p. 190). € 14.000/16.000


479 Mario Nuzzi detto “Mario dei fiori” (Penna San Giovanni 1603 - Roma 1673) Vaso di fiori istoriato con scena classica Olio su tela, cm 65,5x49,5 In cornice barocca intagliata e dorata a foglie e frutti (restauri) Expertise Galleria d'Orlane

€ 10.000/15.000


IL PONTE CASA D’ASTE

122 123

480

480 Vedutista attivo a Roma nel secolo XVIII, ambito di Vanvitelli Veduta del Foro Romano con la Basilica di Massenzio a sinistra e la facciata di Santa Francesca Romana Olio su tela, cm 74x136 In cornice (restauri) Expertise Franco Di Castro, 21 maggio 1999 (con attribuzione a Gaspare Vanvitelli); Prof. Marcel Roethlisberger (con attribuzione a Gaspare Vanvitelli) € 10.000/12.000 481 Felice Casorati (Novara 1883 - Torino 1963) - "Il sonno" 1915 due xilografie, una firmata, titolata e datata, l'altra titolata e datata (cm 17x17 cad.). In un unica cornice (lievi difetti) Provenienza Collezione Luigi Carluccio, Torino Galleria Documenta, Torino € 220/240 482 Fortunato Depero (Malosco 1892 - Rovereto 1960) - "Guappo" 1927 matita su carta. Firmata in basso a destra (cm 27,5x20). In cornice (difetti) Provenienza Galleria d'Arte Cortina, Milano Opera accompagnata da certificato di autenticità su fotografia rilasciato dalla Galleria d'Arte Cavour di Renzo Cortina, Milano € 1.200/1.400 483 Enrico Paulucci (Genova 1901 - Torino 1999) - "Pescatori sul ponte" 1930, tempera su carta (cm 45x60) Firmato in basso a destra. In cornice Opera accompagnata da certificato di autenticità su fotografia rilasciato dall'archivio delle opere di Enrico Paulucci in data 4 ottobre 2010 con il n. 00438 € 350/400

482


484 Alberto Ziveri (Roma 1908 - 1990) - "Autoritratto" 1933, olio su tela (cm 45x35) Firmato e datato in basso a destra. In cornice Opera accompagnata da certificato di autenticità su fotografia rilasciato dagli Archivi della Scuola Romana, Roma in data 2.12.2009 con il n.774/09 € 1.200/1.300 485 Carlo Socrate e Mimì Quilici Buzzacchi "La Via Appia" 1935 olio su tela. Firmato in basso a destra e inscritto al retro (cm 35x43). In cornice (lievi difetti) Provenienza Galleria Netta Vespignani, Roma Opera accompagnata da certificato di autenticità su fotografia rilasciato dall'Archivio della Scuola Romana, Roma, 19-06-2000, con il n. 223/00 € 500/600

486

486 Riccardo Francalancia (Assisi 1886 - Roma 1965) - "Isola Tiberina" 1928, olio su tela (cm 90.5x86) Firmato e datato in basso a destra. Al retro: cartiglio e timbro della Galleria Netta Vespignani, Roma; cartigli Bruno Tartaglia Roma per la mostra "Strade Roma" e "Roma anni '20" In cornice Esposizioni "Riccardo Francalancia" Galleria Il Camino, Roma, 1953; "IX Quadriennale d'Arte Nazionale" Palazzo delle Esposizioni, Roma, 1965, p. 117 n. 9 in catalogo; "I piccoli Maestri del Novecento" Galleria dell'Oca, Roma, 1979; "Francalancia" Accademia Nazionale di San Luca, Roma, 1986, n. 31 in catalogo; "Roma Anni Venti, pittura, scultura, arti applicate" Palazzo Rondanini alla Rotonda, Roma, 1990, p. 72 ill. in catalogo; "Tutte le strade portano a Roma?" Palazzo delle Esposizioni, Roma, 1993, p.110 in catalogo; "Ecole romaine 1925 - 1945" Pavillon des Arts, Parigi, 1997, p. 48 in catalogo Bibliografia D. Guzzi "Riccardo Francalancia" Ed. Esse Arte, Roma, 1978, p. 112 tav. 95 V. Rivosecchi, A. Trombadori "Roma appena ieri" Ed. Newton Compton, Roma, 1986, p. 37 A. Ossicini "Un'Isola sul Tevere. Il fascismo al di là del ponte" 1999, Roma € 1.500/2.000 487 Francesco Menzio (Tempio Pausania 1899 - Torino 1979) "Natura morta" 1931 olio su tela. Firmato in basso a destra (cm 44x56). In cornice (lievi difetti) Provenienza Galleria d'Arte Carlina, Torino Opera accompagnata da certificato di autenticità su fotografia rilasciato dall'Archivio Francesco Menzio, Torino, in data 19-3-1996, con il n. 1315 € 650/700

488

488 Renato Giuseppe Bertelli (1900 - 1974) - "Profilo Continuo" (1933) terracotta (émaillé) (h cm 30) Bottega Galli, Faenza (lievi difetti) € 1.800/2.000


IL PONTE CASA D’ASTE

124 125

492

489 Alessandro Poma (Biella 1874 - 1960) - "La Casina dell'Orologio a piazza di Siena; Villa Borghese" pastelli su carta (cm 26.5x44) Al retro: cartiglio. Provenienza: Paolo Antonacci Antichità, Roma. Esposizione: 2009 "Alessandro Poma 1874 - 1960, Un artista a Villa Borghese. Pastelli carte e olii" Galleria Paolo Antonacci, Roma. In cornice (lievi difetti) Opera accompagnata dalla cartolina della mostra e dal certificato rilasciato da Paolo Antonacci Antichità, Roma. € 250/300 490 Carlo Socrate (Mezzanabigli (PV) 1889 Roma 1967) - "Ponte Cavour" 1935 circa olio su tela. Firmato in basso a sinistra (cm 60x78). In cornice Provenienza: Trombadori, Roma - Galleria Propileo, Roma € 1.200/1.300 491 Massimo Campigli (Berlino 1895 - St. Tropez 1971) - "A Giuditta" 1952 litografia. Firmata, datata e numerata 30/125 in basso (cm 64x48). In cornice (lievi difetti) € 220/240

492 Mario Mafai (Roma 1902 - 1965) - "Tetti da San Michele" 1957 olio su tela. Firmato e datato in basso a destra e in basso a sinistra (cm 54x81). In cornice (difetti) Opera accompagnata da certificato di autenticità rilasciato da Centro Studi Mafai Raphael, Roma, in data 1 luglio 2013, con il n. M 195705P13 (con misure errate) € 3.800/4.000 493 Francesco Tabusso (Sesto San Giovanni (MI) 1930) - "Funghi" 1958 olio su masonite. Firmato e datato in basso a destra (cm 39x54). In cornice (lievi difetti) Esposizioni "Pittori Italiani Contemporanei" Galleria Gissi, Torino Bibliografia "Francesco Tabusso. Catalogo ragionato dei dipinti 1946-2011” a cura di Veronica Cavallaro ed Elena Pontiggia, Silvana Editoriale, Milano, 2019, tav. XVII p.64 ill. a colori Opera accompagnata da certificato di autenticità su fotografia firmato dall'artista, in data 17-6-1981 € 550/600

494 Francesco Menzio (Tempio Pausania 1899 - Torino 1979) - "Natura morta con statua" 1960 olio su tela. Firmato in basso a destra (cm 100x70). In cornice Provenienza Galleria d'Arte Moderna L'Approdo, Torino Il Ridotto Galleria d'Arte Moderna, Torino Galleria Gissi, Torino Galleria d'Arte Portofino, Portofino Galleria d'Arte Moderna Il Traghetto, Venezia Esposizioni Galleria d'arte San Grato, Aosta Bibliografia A. Galvano "Francesco Menzio" Ed. La Bussola, Torino, 1971, p. 146 tav. 198 Opera accompagnata da certificato di autenticità su fotografia rilasciato dalla Galleria Gissi, Torino € 1.300/1.400 495 Francesco Menzio (Tempio Pausania 1899 - Torino 1979) - "Figura" 1963 olio su carta. Firmato in basso a destra; al verso disegno a matita raffigurante donna (cm 102x67). In cornice Opera accompagnata da certificato di autenticità su fotografia firmato dall'artista € 1.000/1.200


497 496

496 Francesco Trombadori (Siracusa 1886 Roma 1961) - "Porta del Popolo, Roma" olio su tela (cm 41x45) Firmato in basso a destra. In cornice Esposizione: "Francesco Trombadori. Paesaggi di Roma" Palazzo Braschi, Roma, dicembre 1979, p. 5 n. 44, p. 48 ill. a colori in catalogo Bibliografia: D. Guzzi "Edita Broglio e Francesco Trombadori: Il palpito del silenzio" in "L'Umanità" 25 gennaio 1980 Opera accompagnata da certificato di autenticità su fotografia rilasciato dall'Archivio della Scuola Romana, Roma in data 15.07.1996, con il n. 155/96 € 2.000/2.500 497 Francesco Trombadori (Siracusa 1886 Roma 1961) - "Santa Maria del Popolo" olio su tela (cm 45x55) Firmato in basso a destra. Al retro: cartiglio Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente in occasione della mostra "Vitalità della figurazione" Milano 21 dicembre 1988/ 29 gennaio 1989 Esposizioni: "Trombadori" Galleria Russo, Roma, aprile - maggio 1961, n. 12 in catalogo "Francesco Trobadori. Paesaggi di Roma" Palazzo Braschi, Roma, dicembre 1979, p. 5, p.58 n. 52 ill. a colori in catalogo In cornice Opera accompagnata da certificato di autenticità su fotografia rilasciato dall'Archivio della Scuola Romana, Roma in data 19.12.1996, con il n. 162/96 € 2.000/2.500

498 Orfeo Tamburi (Jesi 1910 - Parigi 1994) "Case Rue Taitbout" 1984 olio su tela. Firmato in basso al centro (cm 38,5x28,5) In cornice Provenienza Galleria Nuovo Saggitario, Milano Opera accompagnata da certificato di autenticità su fotografia firmato dall'artista Opera accompagnata da certificato di autenticità su fotografia rilasciato dalla Galleria Gioacchini, Ancona, in data 29-05-2015, con il n. 2013 GG € 600/700 499 Remo Squillantini (Stia 1920 - Firenze 1996) - "La strada" 1987 olio su tavola. Firmato in basso a sinistra; firmato, titolato al retro (cm 70x70). In cornice Opera accompagnata da certificato di autenticità su fotografia rilasciato dall'Archivio Fotografico Generale delle Opere di Remo Squillantini, in data 16-01-1987 € 600/700 500 Mario Ceroli (Castel Frentano 1938) "Senza titolo" scultura in bronzo su base in legno. Firmata e numerata 92/200 (cm 23,5x15,7x13 compresa base)(lievi difetti) € 250/300

501 Antonio Ligabue (Zurigo 1899 - Gualtieri 1965) - "Cinghiale" scultura in bronzo su base in legno. Edizioni Sergio Negri. Numerata 391/1200 (cm 17x29x10). (etichetta riportante la dicitura "fusione fedelissima di un'opera autentica di Antonio Ligabue in fede Sergio Negri") € 350/400 502 Concetto Pozzati (Vò 1935 - Bologna 2017) - "Natura prodotta" scultura in bronzo. Firmata e numerata 165/200 (h cm 19,5) € 150/200 503 Augusto Murer (Falcade Di Belluno 1922 Padova 1985) - "La modella" scultura in bronzo (h cm 40) poggiante su base in legno. Firmata e datata '78. Multiplo numerato es. 17/30 € 400/420 504 Gio' Pomodoro (Orciano Di Pesaro 1930 Milano 2002) - "Sole" scultura in bronzo su base in marmo. Firmata e numerata 11/65 (h cm 13,7) € 350/400 505 Ivan Theimer (Olomouc 1944) - "Senza titolo" 1990 scultura in bronzo. Firmata datata e iscritta (h cm 33) (lievi difetti) € 1.000/1.200


IL PONTE CASA D’ASTE

126 127

506

506 Francesco Messina (Linguaglossa 1900 - Milano 1995) "Ballerina" scultura in bronzo su base in legno. Firmata (cm 28x47x26) € 3.200/3.400 507 Igor Mitoraj (Oederan 1944 - Parigi 2014) - "Ikaria" scultura in bronzo. Firmata e numerata 7/8 (h cm 41,5) € 7.500/8.000 508 Sandro Chia (Firenze 1946) - "Senza titolo" scultura in bronzo. Firmata e numerata 15/70 (h cm 35) € 1.200/1.400 509 Sandro Chia (Firenze 1946) - "Offerta d'amore" 2002 scultura in bronzo. Firmata e numerata 3/7 (h cm 48) (lievi difetti) Opera accompagnata da certificato di autenticità su fotografia rilasciato dall'Archivio Sandro Chia e firmata dall'artista € 1.600/1.800 510 Francesco Messina (Linguaglossa 1900 - Milano 1995) "Laura" scultura in bronzo su piedistallo. Firmata (h cm 23x23x11). Multiplo in 149 esemplari € 1.000/1.200 511 Liu Bolin (Shandong 1973) - "Arena" 2008 stampa Lambda su carta fotografica. Firmata, numerata e datata in basso (cm 90x90). In cornice (difetti) Provenienza Box Art Gallery, Verona Opera accompagnata da certificato di autenticità rilasciato dalla Box Art Gallery, Verona € 2.200/2.400 507


4° TORNATA Giovedì 22 aprile 2021 ore 10.00 dal lotto 512 al lotto 764

512 Zuccheriera tripode in argento con sostegni traforati cesellati a mascheroni all'attacco, piedi ferini poggianti su base a mensola, presa del coperchio a guisa di rapace a tutto tondo. Parigi, fine secolo XVIII  inizio secolo XIX. Argentiere A.H. (?) (h. cm 27) (g 540) (difetti) € 200/250 513 Arte del secolo XV. Crocifisso in lamina sbalzata raffigurante Cristo in trono tra quattro angeli, la Vergine Maria e l'iconografia di S. Marco Evangelista (cm 27,5x35). Applicato su pannello ligneo esagonale rivestito in seta rossa. Entro teca (difetti) € 350/400 514 Caffettiera con coperchio in maiolica decorata in policromia. Secolo XVIII (h. cm 20) (rotture alla base e sbeccature) € 350/400 515 Coppia di ampolle da messa in vetro rivestito in lamina di argento sbalzato e inciso a volute, foglie e stemma coronato. Secolo XVIII (h. cm 17) (difetti e restauri) € 220/240 516 Secchiello portaghiaccio in argento a corpo liscio, sbalzato e inciso a motivo del "cane corrente". Piede scanalato, anse in forma di foglie. Titolo 800. Milano, 1940 ca. (h. cm 21) (g 1190) € 380/400

517 Tessuto in garza di cotone stampato con plance in legno a motivo floreale. Fondo dorato tramite apposizione di colla di coniglio e polvere d’oro. Europa, inizio secolo XX, transizione del Liberty (cm 189x65) (lievi difetti) € 550/600 518 Manifattura di Sèvres, fine secolo XIX. Gruppo di quattro piatti in porcellana a bordo mistilineo decorati nella falda a fondo blu e cartelle fiorite entro profili dorati, nel cavetto a scene di genere da David Teniers. Marcati al retro (d. cm 24,3) (lievi difetti) € 450/500 519 Bianca Boni (1786  1857)  "Ritratto di giovane gentiluomo" miniatura ovale (cm 6,5x5,5) Firmata a destra. In custodia in pelle impressa in oro (difetti) € 350/380 520 Composizione in argento sbalzato in forma di miniera con minatori a tutto tondo e quarzi applicati. Punzoni di Hanau, secolo XIX (cm 28x15x20) (g 1130) (difetti e mancanze) € 380/400 521 Ferdinand Barbedienne (Francia 1810  1892)  da JeanPierre Cortot (Francia 1787  1843) "Soldato di maratona annuncia la vittoria" scultura in bronzo (cm 42x40) Firmata al retro Timbro e iscrizione Ferdinand Barbedienne Fondeur (difetti) € 600/700

522 Vaso in argento dorato con corpo sbalzato a motivi stilizzati e fogliacei. Londra, 1889 (h. cm 24) (g 590) (restauri) € 550/600 523 Burriera in argento con bordo decorato a motivi stilizzati e presa del coperchio a volute. Titolo 800 (cm 32x21x15) (g 1300) € 800/900 524 Tessuto in garza di cotone stampata con plance in legno a motivi floreali. Fondo ramato tramite apposizione di colla di coniglio e polvere Metallica color rame. Europa, inizio secolo XX, transizione del Liberty (cm 250x67,5) (Difetti, piccoli buchini) € 550/600 525 Scuola del secolo XVII/XVIII "San Francesco e San Domenico"coppia di miniature ottagonali su rame (cm 6,5x5) In un'unica cornice in ferro € 450/500 526 Cartella rilegata composta da fogli in cartoncino con applicati dei ritagli di pizzo numerati di varie fogge e dimensioni. Campionario d'archivio: Max Allihn ed altri (difetti) € 550/600 527 Centrotavola in argento sbalzato a guisa di foglia di quercia. Piedini a forma di conchiglia a tutto tondo. Marcato "Mario Buccellati", titolo 925 (cm 21x7x25,5) (g 200) In scatola originale € 550/600


128 129

IL PONTE CASA D’ASTE

528 Manifattura di Vienna, secolo XX. Gruppo di quattro piatti in porcellana a bordo dorato mistilineo decorati in policromia a volatili. Marcati al retro (d. cm 24,2) (lievi difetti) € 450/500

534 Specchiera di forma mossa in legno dorato e laccato in policromia a fiori, piedi a ricciolo, cimasa decorata da fregi a volute fogliate. Venezia, secolo XVII (h. cm 70x43) (difetti) € 450/500

529 Zuccheriera biansata in argento incisa a fiori e volute con cifre "GF" entro riserva. Presa del coperchio a fragole a tutto tondo, anse e piedi sagomati. Punzoni non decifrati, secolo XVIIIXIX (cm 19,5x13) (g 490) (difetti) € 450/500

535 Scultura in legno intagliato raffigurante figura femminile poggiata ad una colonna. Centro Italia, fine secolo XVI  inizio secolo XVII (h. cm 24) Su base in onice (difetti e mancanze) € 180/200

530 Ventaglio con pagina in carta dipinta a festoni, figure alate e medaglioni con profili. Al centro rappresentazione di un'eruzione del Vesuvio con iscrizione "Bocca del monte Vesuvio e sua eruzione presa da sopra l'Eremo". Stecche in avorio traforato decorato in policromia (cm 39x64) Secolo XIX. In teca (difetti) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 550/600 531 Maestro del secolo XIX "Ritratto di nobildonna con diadema, collana e orecchini in corallo" miniatura tonda (d. cm 8) In cornice € 850/900 532 Caffettiera da viaggio smontabile in argento sbalzato, presa del coperchio decorata a scoiattolo a tutto tondo, manico scanalato in avorio. Felice Riccò, Modena, secolo XIX (h. tot. cm 16) (g netti 240) In custodia in legno tornito con parte superiore intagliata (mancanze) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE. € 180/200 533 Manifattura di Faenza, secolo XVIII. Zuppiera biansata con coperchio in maiolica con decoro policromo al 'Giardino con vaso e colonna spezzata' (l. cm 29) (felature) € 550/600

541 Specchiera da tavolo di forma mossa in legno intagliato, laccato e dorato a volute fogliate e fiori. Cimasa di linea spezzata sormontata da volto femminile, grembiale con mascherone, piedi ad artiglio su sfera. Secolo XVIII (cm 46x25) (difetti) € 340/350 542 Mortaio biansato in bronzo, fascia centrale con ghirlande di alloro, anse terminanti a teste “fantastiche”. Datato alla base 1797 (cm 34x26,3x28) (difetti) € 750/800

536 Autori diversi, secolo XIX "Marianna figlia del re Guglielmo I dei Paesi Bassi" e "Anna Pavlovna Romanova moglie di Guglielmo II dei Paesi Bassi" due miniature ovali, una con firma indecifrata (cm max 4,5) In cornici in oro € 250/300

543 Caffettiera in argento con corpo sbalzato a nervature, ansa a doppia voluta. Londra 1840. Argentiere non identificato (h. cm 26,5) (g 850) € 550/600

537 Lotto composto da due piatti da portata di diverse misure in argento liscio a bordo mistilineo e scanalato. Titolo 800 (d. max cm 38) (g 1500) € 650/700

544 Volume di documenti tessili contenente numerosi disegni ornati su carta da lucido, archivi Bianchini Fèrier. Secolo XIX/XX € 550/600

538 Lallemand Jean Baptiste (Digione 1710  Parigi 1803)  "Ritratto di gentiluomo 1809" miniatura ovale su avorio (cm 6x4,5) Firma e data incise a destra. In cornice

545 Pier Francesco Gianoli (Campertogno 1624  Milano 1692)

Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 350/400 539 Coppia di candelieri tripodi in argento sbalzato e cesellato a tralci d'uva, fiori e riserve entro volute. Leopoldo Jasenich, Trieste inizio secolo XX (h. cm 28) (g 520) € 420/440 540 Tappeto Daghestan, Caucaso, inizio secolo XX. Decoro a doppia Keyhole (cm 178x108) (lievi difetti) € 450/500

San Girolamo in meditazione Olio su tela, cm 70,5x57,5 In cornice (difetti e restauri)

€ 800/1.000

546 Coppia di specchiere in legno intagliato e dorato a volute fogliate e fiori, cimasa a palmetta. Toscana, secolo XVIII (cm 92x53) (difetti) Provenienza: Sotheby's Firenze, Palazzo Capponi, 1973, lotto 159 € 800/1.000 547 Matthieu Van Plattenberg (Anversa 1608  Parigi 1660)  (attr.) Velieri nella tempesta Olio su tela, cm 19,5x37 In cornice (difetti e restauri)

€ 1.000/1.300

548 Lotto composto da due secchielli biansati portaghiaccio a corpo liscio, con filtro removibile e mestolino in argento. Titolo 800. Uno marcato Stefani, Bologna (h. max cm 13) (g 900) (lievi difetti) € 380/400


553 ANONIMO Orologio con cassa in legno ebanizzato di forma architettonica a edicola. La cassa molto probabilmente in origine conteneva un pregiato orologio notturno. Italia centrale epoca (Cassa fine XVII Secolo), (movimento e mostra XX Secolo). Mostra in metallo sbalzato raffigurante una scena di battaglia. Quadrante con cifre romane. Misure h. cm 94 (difetti e sostituzioni) € 400/500

554 Ignoto della fine del secolo XIX Scena di battaglia Olio su tavola, cm 14x32 In cornice neoclassica

€ 1.100/1.200

555 Manifattura di Faenza, secolo XVI. Ciotola in maiolica decorata in policromia a frutti su fondo azzurro berettino (d. cm 21) (restauri) € 600/700

549

549 L.GOURJEON Grande movimento di orologio morbier con mostra riccamente decorata da fregi in bronzo dorato e quadrante in smalto bianco a numeri romani. Francia, fine XVIII Secolo. Movimento a due treni con suoneria delle ore e mezze su campana. Scappamento a verga rovesciata Misure h. cm 54 (difetti) Le dimensioni particolarmente insolite sia del movimento che della campana, fanno pensare che l’orologio dovesse essere visibile e udibile anche da lontano. Questo fa supporre che non fosse una commissione puramente domestica ma comunitaria € 500/600

550 Miniaturisti del secolo XIX "Federico Guglielmo IV re di Prussia", "Girolamo Napoleone re di Vestfalia" e "Ritratto giovanile di Luigi Bonaparte", tre miniature ovali di diversa misura in cornici in oro (cm max 6) (difetti) € 350/400

551 Specchiera da tavolo in legno intagliato e dorato. Parte superiore a edicola, sostegno tornito su base rettangolare. Inizio secolo XVIII (cm 62x23) (difetti)

556 Zuppiera biansata in argento a corpo liscio, fasce cesellate a palmette, presa del coperchio a pigna a tutto tondo e anse tornite. Titolo 800, Milano. Argentiere Cusi (cm 25,5x17) (g 1350) € 650/700

557 Lotto composto da due alzate in argento con bordi sagomati, piedi a rocailles. Titolo 800. 1940 circa (g 900) (difetti) € 550/600

558 Antico piedistallo in marmo, fusto tornito, fascia scolpita a foglie d'acanto e base scanalata a metope e triglifi (cm 45x110) (restauri) € 1.000/1.200

€ 700/800

552 Antica scultura in ferro battuto raffigurante cicogna (h. cm 45) (difetti)

€ 650/700

559 Arte islamica. Lotto composto da otto antiche scatole in argento sbalzato e inciso ad animali, motivi naturalistici e stilizzati (h. max cm 13; d. max cm 16,5) (g 2000) (difetti) € 700/800


IL PONTE CASA D’ASTE

130 131

560 Scuola lombarda del secolo XVII San Girolamo penitente Olio su tela, cm 38,5x27 (difetti e restauri)

€ 1.000/1.200

561 Manifattura Ferniani, Faenza, fine secolo XVIII. Piatto in maiolica decorata al 'Giardino con vaso e colonna spezzata' (d. cm 35) (sbeccature) € 450/500

562 Scuola europea, secolo XIX "Ritratto di giovane donna con camicia bianca" miniatura ovale (cm 4,5x4) In cornice in argento con punzoni di San Pietroburgo € 550/600

563 Nello stile di Giambattista Piazzetta, secolo XIX Vergine in preghiera Olio su tela, cm 44,5x36,5 In cornice intagliata e dorata (restauri) € 850/900

564 Gruppo di otto piatti tondi in maiolica in stile compendiario recanti emblema sul bordo e data "1576". Probabilmente Deruta (d. cm 23,5) (difetti) € 450/500

565 John Russell (Guildford 1745  KingstonuponHull 1806)  (attr.) "Ritratto di gentiluomo in giacca blu" miniatura ovale (cm 6x4,5) Inscritta al retro. In cornice in avorio decorata a perlinature (difetti) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 550/600

566

566 MICHELE FERARI Orologio a lanterna con telaio in ferro. Italia epoca metà XVIII Secolo. Mostra in lamiera semplice con quadrante a fascia a numeri romani. Movimento a due treni con ruotismi in ottone e suoneria delle ore con ribotta in sei con sistema a ruota partiore su campanello. L’orologio ha un secondo rinvio per il suono di una campana separata (non presente). Tale apparato lascia intendere che l’orologio potesse essere adibito ad uso comunitario. Misure h. cm 38 (difetti) € 400/500

567 Artista del secolo XVI "Ritratto di gentiluomo" miniatura ovale su rame (cm 8,5x6,5) In cornice in legno ebanizzato (difetti) Provenienza: Eredità Trotti, etichetta al retro € 450/500

568 Tavolo basso di forma mossa in legno intagliato e dorato, fascia a volute e fiori, gambe terminanti a ricciolo. Piano decorato da un tessuto sotto vetro dell'Impero Ottomano del XVIII/XIX secolo, ricamato in fili d'argento dorato su fondo seta marezzata color celestino pallido raffigurante fiori e melograni (cm 114x40x54,5) (difetti) € 250/300

569 Centrotavola a cestino di forma mossa in argento decorato a volute, interno martellato. Argentiere Boggiali, titolo 800 (l. max cm 40) (g 850) € 550/600


574 Tappeto Daghestan, Caucaso, inizio Secolo XX. Decoro a griglia azzurra su fondo bianco con ogive contenenti fiori stilizzati. (cm 219x122) (Difetti e rapature) € 650/700

575 Miniaturisti del secolo XIX "Alto Ufficiale dell'Impero d'Austria con l'Ordine di Maria Teresa", "Giovane Alto Ufficiale prussiano" e "Guglielmo II re dei Paesi Bassi e Granduca del Lussemburgo ", tre miniature ovali di diversa misura in cornici in oro (cm max 5,5) € 380/400

576 Scuola veneta del secolo XVIII Ritratto di gentiluomo Olio su tela incollata su compensato, cm 86,5x62,5 Al verso etichetta relativa alla provenienza "Manzoni Galleria d'Arte" In cornice (difetti e restauri) € 1.200/1.300

573

570 ANONIMO Orologio a lanterna in ferro e ottone. Italia del nord XVIII Secolo Mostra in lamiera dipinta con quadrante a fascia a numeri romani. Movimento a due treni con scappamento a verga e suoneria a chiocciola delle ore su campanello. Misure h. cm 25 (difetti) € 500/600

571 Scuola napoletana del secolo XVIII Maddalena penitente Olio su tela, cm 75x60 In cornice (difetti e restauri)

€ 1.200/1.300

572 Gruppo di sei piattini in argento con tesa sagomata e scanalata. Titolo 800. Argentiere Miracoli, Milano (d. cm 21) (g 1536) € 650/700

573 KNIGHT FECIT Quadrante e movimento di orologio musicale a cassalunga. Inghilterra inizio XIX Secolo Mostra argentata con angolari applicati. Quadrante a cifre romane per le ore e arabe per i minuti. Quadrantino per la selezione delle arie e fascia incisa per il datario. Nella parte superiore sono indicate le fasi e i giorni della luna. Movimento a tre treni con carillon a cilindro e 10 campanelli. Misure h. cm 51 (difetti) € 500/600

577 Tappeto Sarouk, Persia, inizio secolo XX. Decoro con medaglione polilobato nei toni del rosa, tabacco, azzurro e blu su fondo beige. Angolari decorati con vasi fioriti su fondo mattone (cm 196x131) (Difetti e lievi mancanze) € 550/600

578 Maestro inglese, secolo XIX "Ritratto di uomo con capelli e baffi rossi" miniatura ovale su avorio (cm 6x5,5) In cornice in metallo con smalti al retro Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 650/700

579 Coppa con coperchio in argento a corpo liscio, bordi e anse scanalate decorate all'attacco con motivo fogliato, presa a trottola a tutto tondo. Punzoni di Londra, 1830. Argentiere Henry Chawnier (h. cm 31,5) (g 900) € 380/400


IL PONTE CASA D’ASTE

132 133

580 Manifattura di Veuve Perrin, Marsiglia, secolo XVIII/XIX. Gruppo di sei cremiere con coperchio in maiolica decorata in policromia a scene di genere, presa del coperchio a frutto. Siglate alla base in rosso ferro "VP" (difetti) € 650/700

581 Tappeto Daghestan, Caucaso, inizio Secolo XX. Decoro Marasali su fondo bianco (cm 179x108) (lievi difetti) € 450/500

582 ANONIMO Orologio a lanterna in ferro e ottone con montanti a base quadrata e pinnacoli. Probabile Emilia metà XVIII Secolo Mostra in ottone sbalzato con alzata traforata e incisa. Quadrante a fascia con numeri romani per le ore e arabi per i minuti. Movimento a due treni con scappamento a verga e suoneria delle ore alla "romana" con ribotta su campanello tramite ruota partiore. Misure h. cm 39 (difetti) € 500/600

583 Volume  campionario di pizzi di varie fogge e dimensioni applicate su pagine azzurre bordate in colore bordeaux (Difetti) € 550/600

584 Maestro del secolo XIX "Ritratto di gentildonna in abito azzurro" miniatura ovale (cm 8x6) In cornice in argento e oro 18K decorata a fiocchi, pietre incolori e diamanti cabochon € 450/500

585 Scuola dell'Italia settentrionale, secolo XVII San Paolo ad Efeso che promuove il rogo dei libri di magia Olio su tela sagomata, cm 155x210 (difetti, restauri e mancanze) € 1.200/1.500

586

586 AD 1750 Orologio a lanterna a tre treni con struttura in ferro e decori in ottone. Italia epoca metà XVIII Secolo. Mostra in ottone inciso a volute con quadrante a fascia a numeri romani per le ore e arabi per i minuti. Movimento con scappamento a verga e pendolo corto anteriore. Suoneria delle ore e dei quarti tramite due ruote partiore su due campane. Misure h. cm 41 (difetti e probabili modifiche al quadrante) € 600/800

587 Scuola della prima metà del secolo XIX "Ritratto di dama con perle tra i capelli" miniatura sagomata (cm 8,5x6) In cornice in oro 9K e pietre verdi decorata al retro con scena galante in grisaille € 550/600

588 Firme indecifrate, secolo XIX "Ritratto di Guglielmo III re dei Paesi Bassi (?)" e "Principe Federico d'Orange Nassau (?)" due miniature ovali (cm 4x3) In cornici in oro € 450/500

589 Bottega di Giuseppe Antonio Petrini, secolo XVIII San Girolamo Olio su tela (frammento), cm 46x37,5 (restauri) € 1.200/1.500

590 Riproduzione della saliera di Francesco I di Benvenuto Cellini in argento, titolo 800, con coppa in oro 18K (l. cm 11,5 x h. cm 9) (g tot 720) (difetti) € 750/800


591 Scuola del secolo XVII "Ritratto di gentiluomo" miniatura ovale su rame (cm 8x7) In cornice dorata del secolo XIX (restauri) € 550/600

592 Scuola emiliana della fine del secolo XVI  inizio XVII Madonna con Bambino e santa Caterina d'Alessandria Olio su tela, cm 36x31 In cornice (restauri) € 1.400/1.800

593 Scuola italiana, secolo XIX "Ritratto di famiglia" miniatura rettangolare su avorio (cm 11x9) In cornice (difetti e restauri) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 550/600

594 Scuola lombarda del secolo XVIII Estasi di santa Chiara d'Assisi Olio su tavola, cm 51,2x39 In cornice (difetti e restauri) € 1.000/1.500

595 Lucerna in forma di volatile in ferro battuto. Secolo XVIII (largh. cm 8) (difetti) € 350/400

596 D'Aquilant (Secolo XVIII)  "Ritratto di architetto 1789" miniatura tonda su avorio (d. cm 6) Firmata e datata a destra. In cornice in bronzo Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 550/600

597 Scuola dell'Italia settentrionale, fine del secolo XVI  inizio XVII Salvator Mundi Olio su tavola, cm 66x51 Al verso etichetta con numero "142/9" (difetti e restauri) € 1.500/2.000

598 Coppia di pescere in argento con bordure mosse e scanalate. Titolo 800. Argentiere Cesa, Alessandria (cm 50x33,5) (g 2900) € 1.600/1.700

599 Artista della prima metà del secolo XIX "Ritratto di gentiluomo in giacca blu" miniatura ovale (cm 6x4,5) In cornice in argento con chiusura in madreperla al retro € 450/500

600 Scuola toscana del secolo XVII Allegoria della scultura Olio su tela, cm 71,5x56,6 In cornice (difetti e restauri)

€ 1.300/1.400

601 Antico raschietto ottomano in giada scolpito e inciso a forma di anatra (cm 10x8) (lievi difetti) € 850/900

602 Scuola austriaca, secolo XIX, ambito di Moritz Michael Daffinger "Ritratto di Maria Luigia d'Asburgo all'età di 48 anni" acquerello su carta (d. cm 7,5) Datato "S.M. 1849" al retro € 450/500

603 Portafiori a forma di cigno in argento sbalzato con occhi in vetro. Titolo 800. Argentiere Fasano (cm 32x23x20) (g 1300) € 750/800

604 Scuola emiliana del secolo XVIII Caino e Abele Olio su tela, cm 44x59 (difetti e restauri)

€ 1.500/2.000

605 Charles Guillaume Alexandre Bourgeois (Parigi 1759  1832)  (attr.) "Ritratto di dama di profilo" miniatura su avorio (cm 3,5x2,8) In cornice a pendente in oro 18K Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 450/500

606 Servizio da caffè in argento con decoro a sbalzo a motivi liberty composto da vassoio, caffettiera, lattiera e zuccheriera. Titolo 800, argentiere "HEINR.MASS" (g 1900) (lievi difetti) € 650/700

607 Seguace di Francesco Francia, fine del secolo XVIII  inizio XIX Madonna con Bambino Olio su tavola, cm 30x30 Al verso etichetta relativa alla provenienza "Proprietà / Prof. M. Matt..." In cornice intagliata e dorata (gravi difetti e restauri) € 1.800/2.000

608 Specchiera in legno intagliato e dorato, con cimasa traforata e decorata a volute, base e montanti scolpiti a foglie e motivi vegetali. Inizio secolo XIX (cm 110x215) (difetti) € 900/1.000


IL PONTE CASA D’ASTE

134 135

609 Tavolo da parete in legno dorato e intagliato a volute e motivi vegetali, fascia centrata da testa di amorino, gambe unite da traverse sagomate centrate da mazzo di fiori a tutto tondo, piano laccato a finto marmo.Secolo XVIII (cm 120x86x48) (difetti e restauri) € 1.400/1.600

609

610 Scuola dell'Italia centrale, fine del secolo XVI  inizio XVII Sant'Onofrio Olio su tela, cm 110x73,5 Etichetta al verso In cornice (difetti e restauri)

€ 1.200/1.400

610

611 Luca Giordano (Napoli 1634  1705)  (attr.) Cristo incontra Santa Veronica sulla via del Calvario Olio su tela, cm 77,5x57 In cornice del secolo XIX in legno intagliato a foglia d'acanto e dorato (difetti e restauri) € 3.000/4.000

611


612 Scuola europea della fine del secolo XVIII  inizi XIX Ritratto di gentiluomo Olio su tela, cm 91x72,5 Al verso etichetta "Collezione privata / Carlo Cassani / Domodossola" In cornice (difetti e restauri) € 1.300/1.500

613 Centrotavola in argento di forma polilobata, fusto decorato a figura di fanciulla a tutto tondo. Piedini ad animali fantastici. Argentiere KK (l. max cm 35) (g 2000) € 1.800/2.000

614 Antica croce copta etiope in argento traforato e inciso sui due lati a scene della vita di Cristo e Santi (h. cm 58) (g lordi 2680) Su base di epoca posteriore € 850/900

615 Secretaire lastronato, filettato e intarsiato in bois de rose e bois de violette a motivi geometrici e coppe fiorite. Parte superiore con cassetto sottopiano e anta ribaltabile decorata a trionfo musicale celante vani e cassettini. Parte inferiore a due sportelli. Piedi mossi muniti di scarpette. Piano in marmo. Francia, fine secolo XVIII (cm 82x137x40) (mancanze e restauri)

618 Specchiera in legno intagliato, dorato e parzialmente bulinato, fregi riccamente scolpiti a volute fogliate e riccioli, cimasa centrata da stemma. Fine secolo XVIII (cm 155x105) (difetti) € 1.000/1.200

624 Specchiera in legno intagliato e dorato a motivi vegetali, fregi traforati a volute e foglie, cimasa centrata da cesto fiorito tra due pinnacoli. Secolo XVIII (cm 165x112) (difetti) € 1.400/1.600

619 Versatoio in argento sbalzato a festoni, fiori e foglie, ansa a voluta e animale fantastico. Londra, 1896. Argentiere "J.C." (h. cm 32) (g 800) € 650/700

625 Gruppo di tre pesciere in argento, bordo cordonato. Titolo 800 (l. max cm 54,5) (g 3900) (difetti) € 1.100/1.200

620 Scuola veneta del secolo XVIII, ambito di Piazzetta Allegoria dell'inverno Olio su tela, cm 73x52 (difetti e tagli alla tela)

€ 1.800/2.200

621 Legumiera in argento a corpo liscio con presa del coperchio ad anello e anse rivestite in avorio tornito. Argentiere Ricci, Alessandria (l. cm 40,5) (g lordi 1180) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE. € 800/900

Provenienza: Giacomo Wannenes, Milano € 1.000/1.200

616 Scuola emiliana del secolo XVII, da un modello di Orazio Samacchini Sacra Famiglia Olio su tela, cm 87x80,5 In cornice antica adattata e ridorata (difetti e restauri) € 2.000/2.400

617 Vaso in argento a corpo martellato con anse in rilievo a fiori decorate da boulle di corallo. Argentiere Giacchè. Milano, 1940 ca. (h. cm 23) (g 850) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 800/900

622 Altarino con struttura in legno intagliato e dorato centrato da scultura di Madonna con Bambino, applicazioni in metallo dorato e argento sbalzato, punzoni indecifrati (cm 72x146x30) (difetti) € 2.000/2.200

626 Stipo lastronato in legno ebanizzato con fronte a otto cassetti e parte centrale di forma architettonica con colonne scanalate che sorreggono timpano e ringhiera con colonnine a tutto tondo. Anta celante cassettini interni. Secolo XVII (cm 59x50x34,5) (mancanze e restauri) € 900/1.000

627 Grande vassoio biansato in argento a bordo mistilineo, cifrato e datato nel cavetto "E.M.V. 29.5.1972". Titolo 800. Argentiere Sandona, Treviso (cm 77x48) (g 3900) In custodia € 2.200/2.400

628 Manifattura di Herend, modello "Apponyi Green". Servizio da tavola in porcellana con decoro a fiori verdi con profilo in oro, composto da: ventiquattro piatti piani, ventiquattro piattini da frutta, dodici piatti fondi, tre centrotavola a forma di foglia, due pescere, una piccola salsiera, piccola zuppiera con coperchio e mestolo, due piatti da portata, un'insalatiera quadrata, dodici tazzine da brodo con coperchio e piattino (difetti e restauri) € 1.400/1.600

623 Servizio di posate in argento con prese cesellate a volute e cifrate, composto da: dodici forchette, coltelli e cucchiai grandi, dodici forchette e coltelli da pesce, undici coltelli da frutta, dodici coltelli da burro, dodici forchettine e cucchiaini da dessert, dodici forchettine da frutta, dodici cucchiai da consommé, dodici forchette, coltelli e cucchiai piccoli. Argentiere Shreve & Co. (g 6650) In custodia in legno € 1.900/2.000

629 Zuccheriera biansata in argento a corpo bombato e a torchon decorata da nastri fioriti a sbalzo. Corpo inciso a stemma nobiliare e cifre"MO". Presa del coperchio a fragole a tutto tondo, piedini a ricciolo. Honorè Burel, AixenProvence 1772 (h. cm 17x16,5) (g 460) (difetti) € 850/900


136 137

IL PONTE CASA D’ASTE

612

615

618

613

Particolare 616

619

614

617

620


630 Maestro emiliano, ambito di Giuseppe Baldrighi (Stradella 1723Parma 1803) "Ritratto di Ferdinando di Borbone Duca di Parma" miniatura tonda su avorio (d. cm 6) In cornice in oro 9K Provenienza: Marchese Francesco Giuseppe Paulucci come da lettera manoscritta allegata Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 1.200/1.400 631 Scuola della fine del secolo XVII  inizio XVIII, copia da Agostino Carracci La visione di San Francesco Olio su tela, cm 40x33 In cornice (lievi restauri) Il dipinto originale è conservato alla National Gallery del Canada, Ottawa € 1.200/1.500 632 Eugène Antoine Aizelin (Parigi 1821  1902)  "Nymphe de Diane" scultura in bronzo (h. cm 77) Titolata in basso, firmata sulla base a destra Al retro iscrizione della fonderia Ferdinand Barbedienne Fondeur € 1.500/2.000 633 François HüetVilliers (Parigi 1772  Londra 1813)  "Ritratto di gentildonna in abito giallo 1807" miniatura ovale su avorio (cm 9x7) Firmata e datata a sinistra. In cornice coeva in bronzo Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 1.500/1.600 634 Versatoio in argento niellato e cesellato a motivi geometrici. Ansa a voluta, il corpo centrale perlinato con girali stilizzati intervallati da coralli e turchesi (h. cm 70) (g 2095) (difetti) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 1.200/1.400

635 Scuola genovese del secolo XVII Ritratto virile Olio su tela, cm 52x40,5 In cornice (difetti e restauri)

€ 1.400/1.800

636 Louis de la Cruz y Riòs (Puerto de la Cruz 1776  Malaga 1853)  "Ritratto di Ferdinando VII di Spagna 1817" miniatura ovale su avorio (cm 6x4) Firmata e datata a sinistra. In cornice in oro 9K Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 850/900 637 Tavolino con piano di forma tonda in commessi di marmi vari, sostegno in legno ebaizzato tornito e intagliato a motivi vegetali e bugnature. Piedi sagomati (d. cm 66 x h. cm 68) (difetti) € 850/900 638 Seguace di Abraham Brueghel, inizio del secolo XVIII Natura morta con scultura femminile a mezzo busto, fiori e frutta Olio su tela, cm 118,5x93 In cornice (restauri) € 4.200/4.800 639 Maestro dell'inizio del secolo XIX "Ritratto di Francesco I Re delle Due Sicilie" miniatura ovale su avorio (cm 4,5x4) In cornice Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 1.000/1.200 640 Servizio da tè e caffè in argento sbalzato e inciso a paesaggi orientali, composto da caffettiera, zuccheriera e due lattiere. Anse sagomate e prese ad elefanti a tutto tondo. Ghiere in osso. Karachi, Pakistan fine secolo XX. Argentiere Manikrai (g 1900) € 1.400/1.500

641 Servizio da tè e caffè in argento composto da teiera, caffettiera, lattiera e zuccheriera, anse in avorio e prese dei coperchi a guisa di rapace a tutto tondo. Alessandria. Argentiere Peruggia (g lordi 2500) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 1.300/1.400 642 Grande tavolo da centro in legno scolpito e dorato con gambe a forma di polene e fasce con decori a volute, amorini e mascheroni, piano sagomato in marmo. Secolo XIX (cm 220x83x140) (difetti e rotture) € 1.200/1.400 643 Rinfrescatoio in argento a forma di cigno. Titolo 800 (cm 25x33x15) (g 1500) € 900/1.000 644 Servizio di posate in argento con presa scanalata e cesellata a volute composto da: dodici forchette, coltelli e cucchiai grandi, dodici forchette, coltelli e cucchiai piccoli, dodici cucchiaini da dolce e sei cucchiaini da caffè, sei posate a servire, tre salierine con due cucchiaini. Titolo 800, Bologna, Fabbrica Argenteria Clementi (g netti 4350) In custodia in legno (difetti e mancanze) € 1.800/2.000 645 Amélie Daubigny Dautel (Parigi 1796  1861)  "Ritratto di gentiluomo" miniatura tonda su avorio (d. cm 6) Firmata a sinistra. In cornice Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 600/700 646 CharlesJoseph de la Celle, Chevalier de Châteaubourg (Nantes 1758  1837)  "Ritratto di gentildonna" miniatura rettangolare su avorio (cm 6,5x5) Firmata e locata "Nantes" a destra. In cornice (restauri) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 900/1.000 647 Artista della fine del secolo XIX "Gioco tra cuccioli" scultura in legno con dettagli ebanizzati (cm 70x31x30) (difetti) € 850/900


IL PONTE CASA D’ASTE

630

138 139

Particolare 631

632

633

634

Particolare 635

636

637

Particolare 638


648 Maestro inglese, inizio secolo XIX "Ritratto di Samuel Potter" miniatura ovale (cm 8x6) in cornice in oro 9K con al retro monogramma "SP" in micro perle. Cartiglio manoscritto "Samuel Potter Esqu.re of mount Potter in the County of Galway painted by Eliza Melsoss" € 900/1.000 649 Tovaglia interamente lavorata in pizzo di Cantù in cotone perlè, composta con un medaglione centrale ovale e varie riserve in cui sono raffigurati cervi. Secolo XIX/XX (Lievi difetti) (cm 239x175) € 2.200/2.400 650 Manifattura tedesca, seconda metà secolo XIX. Paralume tripode in avorio scolpito a volute e scena allegorica, fusto tornito e scanalato. Gambe mosse e piedi zoomorfi (h. cm 44) (difetti e rotture)

654 Maestro francese, secolo XIX "Ritratto di ufficiale della Legion d'onore" miniatura ovale su avorio (cm 6x5) In cornice in bronzo dorato Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 550/600 655 Manifattura di Dieppe, secolo XIX "Allegorie del giorno e della notte" coppia di sculture in avorio. Su basi a colonna (h. cm 23) (difetti) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE. € 900/1.000

Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 650/700

656 Maestro lombardo del secolo XVI "Ritratto di dama in abito bianco" miniatura ovale su rame (cm 9x7) Inscritta al retro "donato dal Padre Riva priore della fontana" In cornice ebanizzata (difetti)

651 Caffettiera tripode in argento con corpo scanalato. Presa del coperchio a fiore a tutto tondo, manico in legno ebanizzato. Napoli, secolo XIX (h. cm 23) (g lordi 800) (difetti) € 550/600

Provenienza: Eredità Trotti, etichetta al retro € 1.000/1.200

652 Composizione in argento su placca in lapislazzuli raffigurante Allegoria della Primavera, titolo 800, argentiere Stefani, Bologna (cm 11,5x10) In cornice del secolo XIX in legno intagliato e dorato a motivi fogliati (cm 33x28) (difetti) € 550/600 653 Coppia di poltrone con schienale squadrato decorato da fregio intagliato e dorato, braccioli mossi, gambe scanalate. Recanti etichette "Alberto e Michele Subert, Milano" (restauri) € 1.600/1.700

657 Centrotavola biansato in argento con interno martellato, corpo costolato e bordo polilobato. Milano, 1940 ca. Argentiere Giordano Banderali (cm 51x20,5x29) (g 1700) (lievi difetti) € 1.100/1.200 658 Maestro del secolo XIX "Gentiluomo e gentildonna" coppia di miniature ovali su avorio (cm 8x6) In cornici Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 550/600 659 Henry Collen (Middlesex 1797  Brighton 1879)  (attr.) "Ritratto di dama con abito rosso" miniatura ovale su avorio (cm 6x5) Siglata "H.C." a sinistra. In cornice Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 350/400

660 Scuola lombardoveneta del secolo XVIII Scene di battaglia Quattro dipinti ad olio su tela, cm 23,5x31,5 circa Uno dei quattro iscritto al verso "4 compagni di Fran.co Monti di Brescia / chiamato perciò il Brescianino" In cornici (difetti e restauri) € 2.800/3.200 661 Servizio da tè e caffè in argento, composto da: caffettiera, teiera, zuccheriera, lattiera con corpi a spiarale sbalzati a motivi floreali. Anse e piedi a volute, inserti in osso, vassoio biansato a bordo mistilineo. Titolo 800. Argentiere "C.A.F" (h. max cm 25; vassoio cm 58x37) (g 4200) (lievi difetti) € 2.200/2.400 662 Monogrammista RD (secolo XVIII/XIX) "Ritratto di Jean Noel Dumolin (17511808)" miniatura tonda su avorio (d. cm 6) Siglata e inscritta "AN II" a destra. Inscrizione al retro "Saepe Regi Simper Republican Dubitus sed non Improbitos Verbigrafia bukingram (?)". In cornice Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 550/600 663 Lotto composto da diciotto piattini in argento con bordo sagomato e scanalato. Titolo 800. Argentiere Ricci, Alessandria (d. cm 16) (g 2400) € 1.300/1.400 664 Manifattura di Murano, secolo XIX. Tazzina con piattino e versatoio in vetro imitante il calcedonio con venature variabili dall'azzurro al blu, dal verde al bruno (mancanze e restauri) Per confronto si veda: Attilia Dorigato "L'arte del vetro a Murano" 2002, pp. 184185 € 500/600 665 Gruppo di tre piatti in argento liscio con tesa decorata a greca classica e medaglioni fioriti. Stato Pontificio, secolo XIX (d. cm 25) (g 1400) € 1.200/1.400


IL PONTE CASA D’ASTE

140 141

648

649

650

651

652

653

654

655

656


666 Scuola lombarda del secolo XVII San Tommaso; San Matteo Coppia di dipinti ad olio su tela, cm 71x60 In cornici dorate (restauri)

€ 2.400/2.800

667 Scuola lombarda del secolo XVII San Pietro; San Filippo Coppia di dipinti ad olio su tela, cm 70,5x56,5 e cm 70,5x60 In cornici dorate (restauri) € 2.400/2.800

667 (uno di due)

668 Scuola lombarda del secolo XVII San Mattia; San Taddeo Coppia di dipinti ad olio su tela, cm 70x59,5 e cm 70x57,5 In cornici dorate (restauri) € 2.400/2.800

669 Scuola lombarda del secolo XVII San Giacomo Minore; San Bartolomeo Coppia di dipinti ad olio su tela, cm 70x60 In cornici dorate (restauri)

€ 2.400/2.800

668 (uno di due)

670 Scuola lombarda del secolo XVII Sant'Andrea; San Simone Coppia di dipinti ad olio su tela, cm 70x60 In cornici dorate (restauri)

€ 2.400/2.800

671 Scuola lombarda del secolo XVII San Paolo; San Giacomo Coppia di dipinti ad olio su tela, cm 70x55,5 e cm 70x60 In cornici dorate (restauri) € 2.400/2.800 671 (uno di due)


IL PONTE CASA D’ASTE

142 143

672

672 Filippo Abbiati (Milano 1640  Milano 1715) Maddalena penitente Olio su tela, cm 107x175 In cornice coeva (difetti e restauri) Il dipinto è citato in F. M. Ferro e M. Dell'Omo, Filippo Abbiati, regista del barocco in Lombardia, Interlinea, Novara 2018, p. 139 e p. 248 € 3.500/4.000 673 Scuola romana del secolo XVIII Ritratto di Clemente XIV Olio su tela, cm 73,5x60 (restauri)

€ 1.400/1.800

674 Scuola dell'Italia settentrionale, secolo XVIII Scena di battaglia Olio su tavola, cm 15x32,3 In cornice neoclassica

€ 1.600/1.800

675 Coppia di vassoi biansati con bordo mosso e anse decorate a motivi vegetali. Titolo 800. Argentiere Ricci, Alessandria (cm 59x36) (g 4500) € 2.400/2.500 673


676 Maestro Toscoemiliano, secolo XVII "Madonna con Bambino e S. Giovannino" altorilievo in terracotta policroma (cm 42x22) (difetti e restauri) € 900/1.000

677 Maestro del secolo XVIII "Ritratto di gentiluomo con manto azzurro" miniatura ovale (cm 8x6) In cornice in argento e oro 18K decorata a fiocchi, pietre incolori e diamanti cabochon € 850/900

682 Artista francese del secolo XIX "Musico" scultura in avorio (h. cm 21) su base scantonata e intagliata in legno (mancanze) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE. € 900/1.000

683 Scuola del secolo XIX "Ritratto di Alexander Konstantin Principe di SalmSalm" olio su avorio (cm 19x13) Inscritto al retro. In cornice

678 Scultore del secolo XIX. Busto in legno di bosso raffigurante gentildonna con ricca acconciatura (h. cm 29) € 2.200/2.400

Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 1.100/1.200

679 Cornice in legno intagliato, dorato e bulinato a volute. Secolo XVII (luce cm 55x43) € 1.100/1.200

684 Antico mortaio polilobato in marmo verde (cm 21,5x12x6x18) (difetti) € 750/800

680 Maestro della fine del secolo XVIII "Madre e figlia in un paesaggio" miniatura tonda su avorio (d. cm 8) In cornice coeva in bronzo cesellato a foglie d'alloro (restauri)

685 Centrotavola biansato in argento con bordura cordonata intervallata a volute fogliate. Anse cesellate a foglie. Base traforata. Titolo 800, Alessandria. Argentiere F.lli Ponzone & Co. (cm 57,7x24x24) (g 1740) (lievi difetti)

Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 650/700

681 Samovar in argento a corpo bombato e godronato, decorato a girali, vegetali e a mazzi di fiori sul versatoio. Presa del coperchio a tutto tondo. Titolo 800. Milano, argentieri F.lli Peruzzi (h. cm 26,5) (g 2000) € 850/900

€ 750/800

686 Tovaglia interamente lavorata in pizzo di Cantù con volute formate dalle serpentine tipiche della provenienza. Medaglione centrale polilobato. Secolo XIX/XX (cm 190x185) (lievi difetti) € 1.600/1.800

687 Manifattura di Montelupo, secolo XVII. Due piatti tondi in maiolica policroma del tipo noto come 'Mostacci' (d. cm 32) (difetti) € 1.200/1.400

688 Commode di forma mossa lastronata in radica di noce, filettata e intagliata, due cassetti sul fronte sotto due a mezza lunghezza, piedi mossi. Secolo XVIII (cm 160x92x68) (difetti e restauri) € 1.300/1.400

689 Grande album di documenti tessili contenente campioni di tulle e garze ricamate d'epoca (Difetti) € 1.100/1.200

690 Scuola romana del secolo XVII Sacra Famiglia Olio su tela, cm 73x93 In cornice (restauri) Al verso perizia firmata dal prof. Carlo Annoni con attribuzione a Valerio Castello € 1.800/2.200

691 Lotto composto da dodici piattini in argento liscio a bordo cordonato. Titolo 800. Marcati Stefani, Bologna. Uniti ad altri sei di simil decoro titolati 800 (d. cm 19,5) (g 3150) € 1.300/1.400

692 Piccola cassapanca con fronte pannellato dipinto in policromia a stemmi. Secolo XVII (cm 90x40x34) (difetti e restauri) € 1.200/1.400

693 Lampadario a sei fiamme con struttura in metallo, bracci sagomati decorati da gocce in cristallo di rocca e cristallo molato (h. cm 62) (difetti) € 1.200/1.400


IL PONTE CASA D’ASTE

144 145

676

677

678

679

680

681

682

683

684


694

695

696

697

694 Lotto composto da cinque miniature montate in un'unica cornice:

695 Lotto composto da tre miniature montate in un'unica cornice:

696 Lotto composto da tre miniature montate in un'unica cornice:

697 Lotto composto da tre miniature montate in un'unica cornice:

Scuola del nord Europa, fine del secolo XVI Ritratto di gentiluomo con gorgiera Olio su metallo ovale, cm 4,6x3,7

Scuola del secolo XVII Ritratto di gentiluomo Olio su rame ovale, cm 8x6,1 Al verso, sulla carta, etichetta "Eredità Trotti"

Scuola lombarda della metà del secolo XVI Ritratto di profilo, volto a sinistra, del cardinale Carlo Borromeo Olio su rame ovale, cm 9x6,7 Al verso, sulla carta, etichetta "Eredità Trotti"

Scuola del secolo XVII Ritratto di gentiluomo Olio su rame ovale, cm 8,4x6,5

Scuola della fine del secolo XVI  inizio XVII Ritratto di uomo con colletto bianco Olio su rame ovale, cm 6,4x4,8 Al verso, sulla carta, etichetta "Eredità Trotti" Artista fiammingo attivo in Italia nel secolo XVII Ritratto di giovane gentiluomo con gorgiera Olio su metallo, cm 9,3x6,7 Al verso, sulla carta, etichetta con timbro di collezione ed etichetta con numero "49" Scuola della fine del secolo XVII  inizio XVIII Ritratto di giovane donna Olio su metallo ovale, cm 5,6x4,5 Scuola del secolo XVIII Ritratto di suora Olio su rame, cm 4,1x3 (difetti) Provenienza Christie's, Roma, 23 e 24 febbraio 1988 € 4.200/4.800

Scuola lombardoveneta, fine del secolo XVI Ritratto di giovane prelato Olio su rame tondo, diam. cm 11,3 Al verso, sulla carta, etichetta con timbro di collezione e moderna iscrizione con attribuzione a Giovanni Battista Moroni Scuola inglese del secolo XVIII Ritratto di giovane gentiluomo Olio su rame ovale, cm 7,2x6,4 Al verso, sulla carta, etichetta con numero "13" (difetti) Provenienza Christie's, Roma, 23 e 24 febbraio 1988 € 4.200/4.800

Scuola del secolo XVI Ritratto di condottiero in armatura Olio su rame, cm 13,7x10,2 Al verso tracce di antica iscrizione non decifrabile Scuola dell'Italia settentrionale, secolo XVII Ritratto di gentiluomo Olio su metallo ovale, cm 8,4x6,4 (difetti) Provenienza Christie's, Roma, 23 e 24 febbraio 1988 € 4.200/4.800

Scuola del secolo XVI Ritratto di un Della Rovere Olio su rame, cm 13,8x10 Antica iscrizione al verso "Friderigus Urbini Dux / Federico duca di Urbino morto / l'anno 1482 / Franc. Maria della Rovere (...) / (...) stretto di Federico anno 1538" Scuola del secolo XVII Ritratto di gentiluomo Olio su rame ovale, cm 7,9x6 (difetti) Provenienza Christie's, Roma, 23 e 24 febbraio 1988 € 4.200/4.800


IL PONTE CASA D’ASTE

146 147

698 Scuola del secolo XVII, copia da Parmigianino Madonna dal collo lungo Olio su tela, cm 218x136,5 In cornice (difetti e restauri)

€ 9.000/10.000


699 Inès D'Esmenard (Parigi 1789  1859)  "Ritratto di dama con rose tra i capelli 1820" miniatura ovale su avorio (cm 8x6) Firmata e datata a sinistra. In bella custodia in bronzo cesellato a palmette con pannelli in madreperla incisa a volute e fiori Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 850/900

699

700 Abraham Daniel (Inghilterra 1750  1806)  (attr.) "Ritratti di fanciulli" coppia di miniature ovali su avorio (cm 4x3) Una siglata "AD" a destra. In custodia in pelle impressa cifrata "JBD" e "AGS" e marcata "Alex Jones & Co 154 Regent street" Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 900/1.000

700

701 Maestro del secolo XIX "Ritratti di fanciulli" coppia di miniature su avorio (cm 5x4,5) In cornici a cavalletto in argento Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 650/700

701


IL PONTE CASA D’ASTE

148 149

702 Cerchia di Antonio Tempesta, secolo XVII Scena di battaglia Olio su rame, cm 42,5x59 In cornice dorata

€ 5.200/5.500

703 Artista fiammingo attivo a Roma nel secolo XVII Veduta capricciosa con il Casino Borghese Olio su tavola, cm 36x60 In cornice (difetti e restauri) € 3.300/3.600

704 Lotto composto da tre sculture in argento raffiguranti un cervo azzannato da un cane, una lotta tra elefanti e un cane assiso. Titolo 800 (h. max cm 16) (g 2050) € 1.000/1.200

702

705 Servizio da tè in argento liscio di forma sfaccettata inciso a greche sui profili e a cavalli sul corpo, composto da: teiera con piattino, lattiera, zuccheriera e scatola con coperchio. Prese in argento e legno tornito. Londra 1785. Argentieri John Wakelin e William Taylor (g lordi 1640) € 1.300/1.400

706 Gruppo di dodici lavadita con piattini in argento con bordi sagomati e decorati a motivi stilizzati, inicisi Aliança (lavadita d. cm 11,5x5,5; piattino d. cm 15,5) (g 4100)

703

€ 2.200/2.300

707 Miniaturisti del secolo XIX "Ritratto dello Zar Alessandro I", "Ritratto di Alto Ufficiale russo" e di "Generale Heinrich Friedrich Karl von Stein di Prussia" tre miniature ovali di diversa misura in cornici in oro (cm max 5) € 550/600

705


717 Vassoio biansato in argento a corpo liscio con bordo decorato a palmette e anse a perlinature e volute fogliate. Titolo 800, Padova. Argentiere F.lli Zaramella Bruno e Cesare (l. cm 64x39) (g 1950) € 800/900 718 Centrotavola in argento con bordo cesellato a palmette e sbalzato a bugnature, fregi a stemmi entro ghirlande vegetali. Titolo 800. Argentiere Russo, Milano (d. cm 40) (g 1600) € 900/1.000 719 Caffettiera in argento sbalzato a valve di conchiglia e volute, ansa in legno, piedi terminanti a ricciolo. Presa del coperchio traforata. Belgio, Mons, 1776 (h. cm 30) (g 1000) € 700/800 720 Vassoio antipastiera in argento liscio con tesa e bordure scanalate. Piedini a valva di conchiglia. Titolo 800. Alessandria, argentiere Cesa (cm 62,5x5,5x44) (g 4100) € 1.300/1.400 708

708 Baldassarre Franceschini detto il “Volterrano” (Volterra 1611  Firenze 1690) San Giovanni Evangelista Olio su tela, cm 58,5x50 In cornice (restauri)

711 Servizio di posate in argento con presa scanalata composto da dodici forchette, cucchiai, coltelli e cucchiaini. Titolo 800 (g netti 1900) € 800/900

Bibliografia M. C. Fabbri, A. Grassi, R. Spinelli, Volterrano, Baldassarre Franceschini (1611 - 1690), Firenze, 2013, p. 306, scheda 113

712 Lotto composto da due piatti in argento a corpo liscio con bordo cordonato. Titolo 800. Argentieri differenti (d. max cm 36) (g 1720) € 650/700

Il dipinto, da datarsi nell'ottavo decennio del XVII secolo, costituisce una rielaborazione della figura in basso a sinistra presente nella pala di Santa Chiara a Volterra. € 3.500/4.000

713 Miniaturisti del secolo XIX "Ritratto di Federico Guglielmo III re di Prussia" e "Alberto di Prussia (?)" due miniature ovali (cm 6x4) In cornici in oro

709 Maestro del secolo XIX "Ritratto di ragazza in abito rosso" miniatura su avorio (cm 12x8) Tracce di sigla in alto a destra. In cornice ebanizzata Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 550/600 710 Servizio da tè e caffè in argento a corpo bombato e costolato, beccuccio zoomorfo, presa a guisa di fiori a tutto tondo, anse in legno ebanizzato, piedi a ricciolo con motivo a volute all’attacco. Composto da caffettiera, teiera, lattiera e zuccheriera. Titolo 800 (g lordi 2330) € 1.000/1.200

€ 350/400 714 Gruppo di sei piatti in argento liscio a bordo mistilineo scanalato. Titolo 800, Vercelli. Argentiere Castaudi e Gautero di Emmanuelli & Pastore. Uniti ad altri due di simil decoro e di diversa misura titolati 800 (d. cm 21,6; d. cm 23) (g 1930) € 750/800

721 Gruppo di tre vassoi di forma rettangolare a bordo mistilineo. Titolo 800 (g 2700) € 1.500/1.600 722 Joseph Wackerle (Partenkirchen 1880  Partenkirchen 1959)  "Ritratto di giovane 1797" miniatura ovale su avorio (cm 8x7) Firmata e datata a sinistra. In cornice Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 450/500 723 Gruppo di dodici piattini da pane in argento con bordo sagomato. Titolo 800 (d. cm 20) (g 2600) € 1.400/1.500 724 Specchiera di forma mossa in legno intagliato e dorato a foglie e fiori (cm 110x84) (restauri) € 1.100/1.200

715 Lampadario a dodici luci in legno argentato, fusto a balaustro, bracci a volute fogliate. Secolo XIX (h. cm 120) (difetti) € 900/1.000

725 Artista del secolo XIX "Ritratto di Generale in uniforme del Regno di Francia con onoreficenze della Legion d'Onore, di San Luigi e ornamento del Fleur de lys" miniatura su avorio (cm 6x4,5) In cornice. Al retro cifre "D.L." entro ghirlanda floreale

716 Orafo del secolo XX "Gallo e Gallina" gruppo in oro 18K smaltato su base in malachite (cm 20x8x12) € 750/800

Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 550/600


IL PONTE CASA D’ASTE

150 151

726 Maestro del secolo XIX "Ritratto di gentiluomo" miniatura su avorio (cm 7x5) In cornice rivestita in carta dorata impressa a palmette. Inscrizione "Appiani" al retro Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 450/500 727 Caffettiera in argento a corpo liscio con cifre incise entro volute. Base circolare baccellata, ansa in legno e presa del coperchio a pigna a tutto tondo. Punzoni di Londra, 1760. Argentiere IB (?) (h. cm 26) (g lordi 770) € 750/800 728 ANONIMO Orologio a "lanterna" in ottone con pinnacoli e montanti in ferro. Quadrante in ottone a cifre romane. Movimento a due treni con scappamento a verga e pendolo corto. Suoneria delle ore alla "romana" con ribotta su campanello tramite ruota partiore. Ambito emiliano epoca metà XVIII Secolo. Misure h. cm 26 (lievi difetti) € 1.000/1.300 729 Scuola del secolo XVIII "Ritratto di gentildonna" miniatura ovale su avorio (cm 5x4) In cornice in metallo dorato (difetti e mancanze) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 350/400 730 Lampada fiorentina in argento con coppa a due fiamme a guisa di aquile. Presa ad anello decorata ad arieti a tutto tondo, ventola con mascherone all'attacco e profilo a foglie d'acanto. Catenelle con utensili. Titolo 800 (h. cm 56) ( g lordi 1790) (lievi difetti) € 850/900 731 Manifattura Ferniani, Faenza, secolo XVIII. Gruppo di otto tazzine con piattino a bordi profilati in rosso bruno in maiolica decorata "al garofano" (difetti) € 850/900 732 Coppia di candelieri in argento a cinque fiamme, base sagomata a volute e palmette, fusto scanalato, braccia a volute fogliate. Titolo 800, Vercelli. Argentiere Castaudi e Gautero di Emmanuelli & Pastore (h. cm 45) (g lordi 2450) € 900/1.000

736

733 Piatto in argento dorato con bordo sbalzato a fiori e foglie. Cavetto inciso a stemma nobiliare entro volute. Londra, secolo XVII/XVIII, marchi di difficile lettura (g 370) (d cm 26) (difetti) € 550/600 734 Scuola dell'inizio del secolo XIX "Ritratto di ufficiale dei Cavalieri San Giovanni di Gerusalemme" miniatura ovale su avorio (cm 6x5) In cornice in oro Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 650/700 735 Manifattura di Ginori, Doccia, secolo XVIII/XIX. Gruppo di sei tazzine con piattini in porcellana a decoro floreale policromo (difetti) € 1.000/1.100 736 EDWARD STANTON Orologio a lanterna in ottone e ferro con montanti laterali a colonna e pinnacoli. Inghilterra seconda metà XVII Secolo Mostra riccamente incisa su ottone con quadrante a fascia argentata a cifre romane al cui interno è inciso il cartiglio del costruttore Edward Stanton di Londra (16411715) rinomato per i suoi orologi a lanterna. Movimento a due treni con suoneria delle ore su campanello e scappamento a verga. Misure h. cm 35 (difetti e sostituzioni) € 1.000/1.500

737 Servizio da tè e caffè in argento composto da due caffettiere, teiera, lattiera ed una zuccheriera con corpi a vaso. Basi, manici e pomoli in legno ebanizzato. Italia, anni '20 (g lordi 1800) (h. max cm 16,5) (difetti) € 600/700 738 Maestro del secolo XVIII/XIX "Gentildonna e Gentiluomo" coppia di miniature ovali (cm 4x3) In cornice a pendente in oro rosa 9K € 550/600 739 Legumiera biansata in argento con coperchio e vassoio decorati con profilo a palmette, anse in avorio tornito. Titolo 800 (d. cm 32) (g lordi 1850) (lievi difetti) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 600/700 740 Zuppiera con vassoio in argento sbalzato a foglie e frutta, mestolo con manico traforato a mascherone e tralci d'uva. Titolo 800. Milano, argentieri Fratelli Cacchione (vassoio d. cm 26,5; zuppiera d. cm 20 x h. cm 14) (g 1560) € 550/600


741 Maestro della prima metà del secolo XIX "Ritratto di gentildonna" miniatura rettangolare su avorio (cm 8x6) In cornice in vermeille incisa a palmette (difetti) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 650/700 742 Manifattura di Meissen. Servizio da tè e caffè in porcellana policroma a fiori composto da caffettiera, lattiera, una ciotola, quattro tazzine da caffè, nove tazzine e quattordici piattini (restauri) € 650/700 743 Vassoio in argento liscio con tesa traforata e cesellata a tralci d'uva. Titolo 800, argentiere Miracoli (cm 43x2x34) (g 1500) € 550/600 744 Secchiello portaghiaccio biansato in argento con corpo decorato a scanalature, anse ad anello sorrette da teste leonine. Titolo 925, argentiere Serra, Roma (h. cm 18,5) (g 1200) € 550/600 745 Manifattura di Meissen, secolo XIX. Gruppo in porcellana decorata in policromia raffigurante personaggi orientali (h. cm 20) (difetti e mancanze) € 650/700 746 Maestro francese, inizio secolo XIX "Ritratto di ufficiale dell'ordine della Legion d'onore" miniatura rettangolare su avorio (cm 4,5x3) Inscritta al retro sul cartoncino "Mademoiselle Moncien, rue St.Honoré n.314 1re porte après la rue Sourdière". In scatola in pelle con ciocca di capelli incorniciata in bronzo (difetti) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 550/600 747 Coppia di candelieri a quattro fiamme in argento con braccia cesellate a volute fogliate poggianti su basi a conchiglia sormontate da figure orientali. Titolo 800 (cm 25x16x10) (g 1000) € 600/700

748 Centrotavola in argento con bordo sagomato inciso e sbalzato a tralci di vite. Titolo 925. Argentiere Pradella Ilario, Milano (d. cm 44) (g 1400) € 750/800 749 Scuola dell'inizio del secolo XIX "Ritratto di dama" miniatura ovale (cm 5x4) In cornice lumeggiata in oro € 550/600 750 Gruppo di tre alzatine in argento martellato a bordo scanalato. Titolo 800. Argentiere Secchi Sergio, Reggio Emilia (d. max cm 29) (g 1500) € 800/900 751 Gruppo di dodici sottopiatti in argento liscio e tesa scanalata. Titolo 800 (d. cm 30) (g 4800) € 2.000/2.200 752 A.T. Bicci (attivo tra il secolo XVIII e XIX)  "Ritratto di gentildonna 1796" miniatura tonda su avorio (d. cm 7,5) Firmata e datata 1796 a sinistra. In cornice Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 650/700 753 Servizio di posate da dodici in metallo argentato, composto da coltelli, cucchiai, cucchiaini e forchette. In custodia in pelle impressa. Secolo XVIII € 850/900 754 Maestro della prima metà del secolo XIX "Ritratto di gentiluomo" miniatura ovale su avorio (cm 6x5) In cornice in oro 18K Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 650/700 755 Gruppo di trenta lavadita in argento con bordo sagomato e scanalato. Titolo 800. Argentiere Cesa, Alessandria (d. cm 13) (g 3600) € 1.900/2.000

756 Gerlando Marsigli (1797  1850)  "Ritratto di donna con copricapo giallo 1816" miniatura rettangolare (cm 7x6) Firmata e datata a destra. In custodia coeva in marocchino rosso impresso in oro € 650/700 757 Vassoio in argento liscio con bordo a ringhiera traforata. Punzoni non decifrati, secolo XIX (cm 33,3x5,3x24) (g 970) € 850/900 758 Tappeto Kazak, Caucaso, seconda metà del XIX Secolo. Decoro a file di medaglioni ottagonali policromi contenenti un fiore stilizzato, su campo bordeaux. Bordura principale a granchi su fondo bianco (cm 195x113) (Difetti e rotture) € 800/900 759 Caffettiera tripode in argento a corpo ovoidale liscio, ansa sagomata in legno ebanizzato, presa del coperchio a pigna a tutto tondo e versatoio zoomorfo. Piedi ferini. Louis Duprè, Francia secolo XIX (h. cm 27,5) (g lordi 560) € 650/700 760 Vassoio biansato in argento con bordura decorata a palmette, anse cesellate a foglie. Milano, argentiere Miracoli (l. max cm 53) (g 1400) € 750/800 761 Gruppo di otto piatti in argento liscio con bordi decorati a palmette. Titolo 800. Alcuni punzonati R. Miracoli e F., Milano (d. cm 19, 21, 29, 30) (g 3000 ca.) (lievi difetti) € 850/900 762 Set da cocktail composto da due shaker di misure diverse, un rinfrescatoio, un versatoio ed un piattino in argento inciso a motivi stilizzati. Titolo 800. Argentiere Calderoni, Milano (h. max cm 22) (g 2600) € 1.400/1.500 763 Lotto composto da due vassoi biansati di forme diverse con bordure scanalate. Titolo 800. Argentiere Zaramella, Padova (cm 56,5x35,5; cm 58,5x38,5) (g 3700) € 1.900/2.000 764 Lotto composto da otto piatti a servire di diversa forma in argento con bordi mossi e scanalati. Titolo 800 (misure diverse) (g 5900) € 3.200/3.300


5° TORNATA Giovedì 22 aprile 2021 ore 15.30 dal lotto 765 al lotto 975


ARREDI E DIPINTI ANTICHI DI VILLA ORLANDO, BELLAGIO

Nacque a Livorno il 9 settembre 1894, figlio del Cav. Ing. Luigi Orlando (Proprietario dei Cantieri Orlando di Livorno e successivamente della Società Metallurgica Italiana – S.M.I Spa) e di Irma Maniscalco. Entrò come Allievo ufficiale nella Regia Accademia Navale di Livorno nel 1912. Promosso Guardiamarina dal settembre 1914, poi Sottotenente di Vascello dal 1 febbraio 1916, divenne Tenente di Vascello il 1 settembre 1917. Collocato in aspettativa poi, su richiesta, dispensato dal servizio permanente attivo fra il 1920 e il 1921, fu richiamato varie volte in temporaneo servizio attivo e salì di grado, fino ad essere nominato Capitano di Fregata di complemento nel 1937 e per essere ancora richiamato in servizio attivo dall’agosto 1939. Ha partecipato alla guerra italo-turca del 1911-1912 e alla Prima Guerra Mondiale. Nel 1917 fu comandante di treni armati. Gli fu conferita una medaglia d’argento al Valor Militare con la seguente motivazione: «Spontaneamente offertosi per una operazione ardua, ottenuto un piccolo e lento motoscafo. Con esso sbarcò un nucleo di militari in località nemica difesa da numerose batterie e mitragliatrici. Illuminato da potenti proiettori rimase per oltre mezz’ora sotto il tiro avversario dando prova di mirabile coraggio e riuscendo a riportare in salvo l’imbarcazione ed il suo equipaggio (3-7-1918).» Dall’agosto 1939 fu al Comando Militare Marittimo a Rodi e nel novembre 1942 fu Capo di Gabinetto nelle isole italiane nell’Egeo (alle dirette dipendenze dell’Ammiraglio Campioni). Il suo incarico proseguì fino all’arresto, dopo l’8 settembre 1943, ad opera dei Tedeschi e alla lunga deportazione nei campi di prigionia, prima in Polonia e poi in Germania a Tscentochau, Norimberga e infine a Gross Hesepe. Solo dopo il 9 settembre 1945 Giuseppe Orlando riuscì a ricongiungersi ai suoi familiari a Firenze. Da allora, nonostante le sue precarie condizioni di salute, si dedicò al lavoro nelle industrie di famiglia. Approfondì gli studi storici, in particolar modo sulle antiche civiltà Inca, Azteche ed Egizie, raccolse tutti quegli oggetti che lo hanno appassionato tutta la vita e sono stati raccolti nella sua Villa a Bellagio sul Lago di Como. La sua ossessione per il collezionismo è ben documentata anche nei due anni di prigionia durante la Guerra. Infatti, mentre era nei campi di prigionia in Germania, al freddo e denutrito, barattava con gli altri ufficiali cibo e sigarette in cambio di oggetti e opere che riuscì a portare in patria. Nell’agosto 1957, Giuseppe Orlando fu collocato dal Ministero della Difesa in congedo assoluto per infermità. Morì a Firenze nel 1977.


IL PONTE CASA D’ASTE

154 155

765

765 Incisione acquerellata del secolo XIX raffigurante scorcio del Lago di Como a volo d'uccello (mm 240x880) In cornice dorata del secolo XIX (difetti) € 120/150

766 Putto alato in metallo argentato (h. cm 33) poggiante su base lignea. 1920 circa (lievi difetti) € 120/140

767 Blocco di quarzo in parte prismatico da latteo a ialino parzialmente avventurinato (cm 30x14x16 circa) Su base lignea (29,5x14,5x19,5) (difetti) € 120/140

768 Scaldino in metallo argentato con bordo scanalato, coperchio sbalzato a volute, fiori e motivi stilizzati con presa ad anello sagomato. Manico in avorio (l. tot. cm 45x d. cm 28,2x h. cm 18) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 180/200

769 Centrotavola in quarzo contenente diverse uova in marmi e pietre dure (centrotavola: cm 34x5,5x21,8) (lievi difetti) € 150/200

770 Lotto composto da un' egoiste in stile Impero ed uno shaker in argento. Titolo 800 (h max cm 22) (g lordi 720) € 280/300

771 Alzatina in porcellana decorata in policromia a fiori nella bordura e a figura maschile con fiore di loto nel cavetto Cina, fine secolo XIX (22x16,5x5 cm.) € 120/150

772 Blocco in quarzo da latteo a fumè (h. cm 35x26 circa) (difetti) € 120/140

773 Egoiste in argento a corpo liscio, beccuccio cesellato a testa equina, piedi ferini decorati all'attacco da volute. Presa a ghianda. Torino, 1820 circa. Argentiere Carlo Balbino (h. cm 22) (g 400) (mancante del manico) € 250/300


774 Scultura a tutto tondo raffigurante aquila ad ali spiegate in metallo argentato poggiante su roccia in legno. Secolo XX (h. cm 39) (lievi difetti) € 150/200

775 Coppia di elementi decorativi in legno scolpito raffiguranti Dante e satiro (cm 6,5x6x9) Poggianti su basi squadrate in bronzo. Fine secolo XIX/inizio secolo XX (lievi difetti) € 120/140

776 Agglomerato di quarzi prismatici diversamente orientati da ialino a fumè con all'interno altri minerali (cm 30x15x25 circa) (difetti) € 120/140

777 Lotto composto da due bacili orientali in rame argentato, uno decorato a inscrizioni, l'altro a figure e motivi stilizzati. Persia, inizio secolo XX (misure diverse, h. max cm 30, d. max cm 39) (difetti) € 250/300

778 Ignoto del secolo XIX, da Carlo Dolci La Poesia Olio su tela, cm 52,5x41 Etichetta al verso "Carlo Dolci / La Poesia / n. 3" In cornice coeva in legno intagliato, traforato e dorato (difetti) € 300/500

779 Lotto composto da un'alzata in argento sbalzato e cesellato ad anfora biansata su plinto. Punzoni di Napoli. Unita a una saliera in argento con bordo traforato e corpo cesellato a ghirlande e medaglioni (h. max cm 19) (g 430) (difetti) € 180/200

780 Tre pennelli in avorio, osso e pietre dure (difetti) Cina, fine dinastia Qing (16441911) (h. max 44,5 cm.) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione Cites di alcuni Paesi extra UE € 200/300

781 Arte popolare del secolo XIX. Dente inciso con il veliero Platina Whaling Bark (cm 6,3x13,5x3,3) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 150/200

786 Due piastrelle decorate in rilievo in policromia con figure a cavallo. Iran, Qajar, secolo XIX (difetti e restauri) (cm max. 23x33) € 250/300

787 Scatola dipinta ad "Arte Povera" a motivi floreali e figure in un paesaggio sul coperchio. Secolo XIX (cm 31,8x14x23) (difetti e mancanze) € 250/300

788 ANONIMO Grande clessidra con struttura in legno laccato e dorato a volute e foglie d’acanto. Fine XIX Secolo. Misure h. cm 46 (difetti e sostituzioni) € 300/400

782 Lotto di sette boccali con bicchiere in vetro e coperchio in peltro decorato con placche in porcellana policroma. Germania, secolo XVIII/XIX (h. max cm 21) (difetti) € 220/250

789 Lotto di quattro boccali in peltro di epoche e decori diversi. Secolo XVIII/XIX (h. max cm 30,5) (difetti) € 180/200

783 Manifattura di Vienna, fine secolo XIX. Gruppo in biscuit raffigurante Venere e Cupido (h. cm 39) € 200/300

790 Manifattura di Delft, secolo XIX. Boccale da birra in maiolica nei toni del bianco e blu, con base, presa e coperchio in peltro cifrato C.P.B. 1804 (h. cm 23) (difetti, ammaccature e cadute di colore) € 120/150

784 Specchio da tavolo con cornice in onice decorato agli angoli da placche smaltate in policromia. Vienna, inizio secolo XX (cm 50x36) (difetti) € 220/240

791 Scatola in ottone inciso a volute decorato sulla fascia e sul coperchio con pietre dure (cm 20x4x16) (difetti) € 120/150

785 Lotto di due boccali con bicchiere in vetro e coperchi in peltro decorati in porcellana dipinta a raffigurare rispettivamente "Scena goliardica" e "Uomo con pipa". Basi incise. Germania, secolo XVIII/XIX (h. max cm 21) (difetti e mancanze) € 180/200

792 Geode in quarzo ametista (cm 50x22x34 circa) (difetti) € 150/200

793 Arte del secolo XVIII. Coppia di sculture in legno raffiguranti San Pietro e San Matteo con vesti dorate (h. cm 30) (difetti) € 200/300


156 157

IL PONTE CASA D’ASTE

794 Arte europea del secolo XIX. Scatola con coperchio in avorio inciso a stemmi nobiliari a volute (cm h. 10x d. cm 5,5) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 120/150

795 Lotto composto da due portasigarette in argento decorato al niello, una datata 912 (misure diverse) (g 230) € 120/150

796 Manifattura di Delft, secolo XVIII. Boccale da birra in maiolica policroma con presa e coperchio in peltro cifrato "CHRITIAN WILSCHCK E 1765" (h. cm 23) (difetti e ammaccature) € 120/150

797 Manifattura di Delft, secolo XVIII/XIX. Boccale da birra in maiolica policroma con base, presa e coperchio in peltro cifrato "N° 30 F.G.L.S." (h. cm 26,5) (difetti, e cadute di colore) € 120/150

798 Arte tedesca del secolo XIX "Compianto su Cristo morto" gruppo in avorio e legno (cm 14x10x9) (difetti) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 150/200

799 Antico frammento in marmo raffigurante testa virile (h. cm 15) (lievi difetti) € 180/200

800 Artista nordico del secolo XIX. Scultura in avorio raffigurante gentildonna (h. cm 14) Poggiante su base in legno tornito (difetti) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 220/240

801 Manifattura di Limoges, secolo XIX "Duello" placca in rame smaltato decorato a grisaille e dorature su fondo blu (cm 15x11,5) (lievi difetti) € 180/200

802 Manifattura di Delft, secolo XVIII. Boccale da birra in maiolica policroma con presa e coperchio in peltro (h. cm 23) (difetti, restauri e cadute di colore) € 120/150

803 Manifattura di Meissen, secolo XVIII. Gruppo di tre tazzine in porcellana dipinta in monocromia a motivi floreali (h. cm 5x d. cm 8,5) (lievi difetti) € 180/200

804 Scultura in bronzo raffigurante Ganesha India, secolo XIX (h. 9 cm.) € 120/150

805 Tappeto Tabriz, Persia, secolo XX. Annodato in seta su ordito e trama in seta, decoro ispirato ai tappeti Bidjar con motivo Garrus. (lievi difetti) (cm 200x129) € 300/400

806 Arte del secolo XVII "Figure virili" coppia di sculture in legno (h. max cm 50) (difetti e mancanze) € 250/300

807 Mortaio biansato in bronzo decorato a mascheroni, inscritto e datato "Gio Batti. Bolla Anno MDCCXV (1715)" (h. cm 14,5) (difetti) € 250/300

808 Coppia di incisioni acquerellate del secolo XIX raffiguranti la visita di Napoleone III a Calais e battelli a vapore della marina francese (mm 500x610 circa) In cornici coeve in legno e pastiglia laccata (difetti) € 120/150

809 Coppia di incisioni acquerellate del secolo XIX raffiguranti il Porto di Londra e il Porto di Rotterdam (mm 500x600) Edizioni Bulla e Jouy da Léon JeanBaptiste Sabatier. In cornici coeve in legno e pastiglia laccata (difetti) € 120/150

810 Centrotavola in quarzo da latteo a ialino, a fumè internamente scolpito a forma di vasca (cm 45x8x34,5 circa) (difetti) € 120/150

811 Cassapanca con fronte intarsiato in osso e legni vari a motivi stilizzati e rami fioriti con volatili. Profili ebanizzati. Medio Oriente, secolo XIX (cm 150x63x58) (difetti) € 250/300

812 Geode in quarzo ametista (cm 40x25x23) (difetti) € 150/200

813 Manifattura orientale, lotto composto da due Buddha assisi, secolo XIX (difetti) (h. 14,5 cm.) € 120/150

814 Ignoto del secolo XIX "Madre con bambino" scultura in alabastro a tutto tondo (h. cm 46) (difetti) € 400/500


822 Coppia di volatili in ceramica smaltata con arti in metallo dorato (h. max. cm 31) Poggianti su basi squadrate (lievi difetti) € 180/200 823 Medio Oriente, secolo XIX. Piccolo monetiere da viaggio in legno filettato e intarsiato a motivi geometrici e stilizzati in osso e madreperla, interno con vano e cassetti (cm 21,5x16,6x16,5) (difetti) € 120/150 824 Gruppo di tre poltrone in rovere, profili, braccioli e fascia intagliati a motivi vegetali. Montanti e gambe scanalate, seduta incannucciata. Francia, secolo XVIII (difetti) € 350/400 825 Rostro di pesce sega (h. cm 86) montato su base in metallo Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 120/150 826 Sezione di tronco fossile (cm 45x40) € 120/150

815

815 Manifattura del SudEst asiatico. Scultura in bronzo raffigurante guerriero, poggiante su base lignea, sec. XIX (h. 61,5 cm.) € 250/300

818 Gruppo di quattro quarzi prismatici da latteo a ialino dei quali uno con avventurinamento più uno in fluorite sui toni del viola (difetti) € 120/140

816 Lotto composto da quattro mortai in bronzo di diversa epoca, due con pestelli (h. max cm 12) (difetti) € 220/240

819 Modello di barca a vela con scafo in legno laccato bianco e verde, vele in tessuto (cm 190x236x37) (difetti) € 350/400

817 Collezione di cinque fischietti da nostromo in argento, uno con punzoni cinesi. Fine secolo XIX  inizio secolo XX (g 100) € 220/240

820 Lotto composto da dieci posaceneri in pietre e quarzi diversi (misure differenti) (difetti) € 220/240

827 Arte cinese, coppia di sigilli in pietra saponaria sormontati da cani di Pho e scolpiti a figure in paesaggi, fasce incise, secolo XX (h. 20 cm.) € 120/150 828 Gruppo di quattro dignitari in legno scolpito, di cui due di essi con occhi in vetro (lievi difetti) Cina, secolo XX (h.max 41 cm.) € 250/300 829 Specchiera di forma rettangolare con cornice a tre ordini in vetri decorati a freddo a volute fogliate e putti alati entro medaglioni. Murano, secolo XIX (cm 80x95) € 250/300

821 Lotto composto da due antiche tartarughe scolpite in pietra dura ed una viennese in metallo smaltato a freddo (l. max cm 33) (difetti) € 120/150

830 Modello di barca a vela ad un albero in legno con scafo laccato e vele in tessuto (cm 160x214) (difetti) € 180/200


IL PONTE CASA D’ASTE

158 159

831 Coppia di candelieri in bronzo con corpo decorato a cherubini a tutto tondo seduti su alligatori. Secolo XIX (h. cm 22) (difetti) € 120/140 832 Blocco irregolare di quarzo da latteo a fumè (cm 32x20x8) (difetti) € 120/140 833 Arte africana inizio secolo XX, collezione di dieci poggiatesta di forme e decori differenti (h. max 22 cm.) € 150/200 834 Poltrona reclinabile in mogano con cimasa intagliata a foglie e volute, braccioli scolpiti a motivi vegetali e terminanti a ricciolo, gambe mosse. Secolo XIX € 200/250 835 Emilio Praga (Gorla 1839  Milano 1875)  "Punta di Bellagio con i monti Procione e Grana da Lierna, Lago di Lecco" 1860, olio su tela (cm 75x55) Firmato e datato in basso a destra. Al retro: iscrizione con cartiglio. Provenienza: Conte Federico e Vittorio Emanuele Borromeo. In cornice dorata (difetti) € 500/600 836 Manifattura orientale, grande vaso in pietra calcarea intagliata, incisa e traforata a foglie di vite (difetti) (h. 40 cm.) € 180/200 837 Scuola del secolo XIX Studi accademici Quattro disegni a matita rossa su carta, circa cm 43x26; cm 39x27; cm 39x26; cm 38x29 In cornici (difetti) € 100/200

831

840 Gerolamo Induno (Milano 1825  1890) Figura virile stante con ombrello Carboncino su carta, mm 300x200 Autenticato a sinistra da Federico Buzzi "Esposizione postuma di Induno  marzo 1891 / disegno di Girolamo Induno / Federico Buzzi" Timbro "Società per le Belle Arti / ed / Esposizione Permanente / Milano" In cornice (difetti) € 180/200

843 Gruppo di quattro mortai biansati in bronzo di epoca e decoro differenti (h. max cm 11) (difetti) € 220/240 844 Lotto composto da dieci sfere in cristallo di rocca e minerali vari con basi in legno, metallo e pietra dura (misure diverse) (difetti e mancanze) € 120/150

838 Ignoto del XIX Secolo "Ritratto di gentildonna" carboncino e matita su carta (cm 53x34) In basso a destra iscritto F.Hayez 1860. In cornice (difetti) € 330/360

841 Collezione di dodici fischietti in argento, corno e metallo di diverse epoche e provenienze (difetti) € 120/150

845 Sezione di quarzo varietà agata (cm 28,5x23,5) poggiante su base in metallo (difetti) € 80/100

839 Vaso in alabastro con ghiere e anse in metallo dorato decorato a mascheroni e ghirlande floreali. Piedi squadrati. Secolo XIX (h. cm 60) € 220/250

842 Lotto composto da quattro vaschette e quattro posaceneri in pietre dure tra le quali agata, occhio di tigre e quarzo occhio di falco (cm max 13x8x3) (difetti) € 150/200

846 Lotto composto da sette mortai in bronzo di diversa epoca (h. max cm 13) (difetti) € 120/150


851 Blocco irregolare di quarzo da latteo a ialino (cm 38x11x20 circa) (difetti) € 120/140

852 Teiera in argento a corpo piriforme e costolato, presa del coperchio in forma di frutto a tutto tondo, ansa sagomata con ghiere in osso (h. cm 21) (g 650) (difetti) € 220/250

853 Blocco in quarzo ialino prismatico (h. cm 16,5) poggiante su base squadrata lastronata in marmo (cm 14x6,5x12,5x6,5) (difetti) € 120/140

854 Lotto di otto boccali in ceramica policroma e terracotta smaltata con coperchio in peltro, di cui due modellati a tutto tondo in forma di soldato a cavallo e cannone. Epoche diverse (h. max cm 27) (difetti) € 220/250

855 Blocco di minerale con caledonite (cm 30x20) (difetti) € 120/140

856 Lotto di quattro boccali in vetro inciso e decorato a paesaggio con animali, con ghiere e coperchi in peltro. Epoche diverse (h. max cm 28) € 120/150 Lotti 847, 848, 849

847 Scrivania da centro a nove cassetti di cui tre in linea con fasce e fronte intarsiati alla certosina, piano sagomato. Secolo XIX/XX (cm 150x80x82) (lievi difetti) € 200/300

848 Poltrona girevole con schienale e braccioli in pelle, gambe riunite da traverse sagomate. Secolo XIX (difetti) € 200/250

849 Leggio con pianetto reclinabile decorato ad animali fantastici, rami fioriti e stemma nobiliare. Fascia intagliata a motivi concatenati. Inizio secolo XX (cm 45x10x37) € 150/200

850 Tavolino con piano in legno di forma tonda su gamba centrale in ghisa modellata ad animali fantastici, tre piedi a ricciolo (cm 58x74) (difetti) € 250/300

857 Acquaforte del secolo XIX raffigurante una veduta a volo d'uccello del Lago di Como con indicate le località. Milano, edizione Ronchi, cm 32x67. In cornice intagliata a motivi geometrici (lievi difetti) € 120/150

858 Blocco in quarzo da latteo a ialino, da irregolare a prismatico (cm 21x13) poggiante su base squadrata in marmo (cm 16,5x19x8) (difetti) € 120/140


IL PONTE CASA D’ASTE

160 161

859

859 Augusto Ferri (Bologna 1829  Pesaro 1895)  "Navi al porto" olio su tela (cm 80x124) Firmato in basso a destra In cornice € 600/700 860 Zuppiera a forma di zucca in vermeille. Titolo 800. Milano. Argentiere B.O.S.S.I. (cm 18x12) (g 600) € 350/400 861 Ignoto del secolo XIX, da Frans Van Mieris il Vecchio Cortigiana dormiente Olio su tavola, cm 27x22 Etichetta al verso "F. Van Mieris / La Lussuria / n. 10" In cornice intagliata e dorata del secolo XIX (difetti) € 300/400 862 Lampada da terra in legno d'acero tornito a costolature orizzontali e buxus con struttura in ottone. Paralume in tessuto. Italia, 1935ca. (h senza paralume cm 193) (lievi difetti) € 210/220 863 Manifattura del secolo XX. Cofanetto in opaline decorato con dorature a motivi floreali, piedi di forma mossa (cm 30,2x19x17) € 220/240

864 Vaso biansato in metallo cloisonné (difetti) Giappone, secolo XIX (h. 29,5 cm.) € 250/300 865 Ignoto del secolo XIX, da Hendrick Gerritsz Pot L'avaro Olio su tavola, cm 28x23,5 Etichetta al verso "L'avaro / Orazio Paulyn / n. 9" In cornice in legno intagliato del secolo XIX (difetti) € 400/500 866 Coppia di vasi in porcellana decorata in policromia a motivi floreali e stilizzati, anse anellate a teste di elefante, basi in legno (difetti) Giappone, secolo XIX (h. 37,5 cm.) € 320/350 867 Centrotavola in quarzo in parte dentritico varietà agata (cm 67,5x17x34,5 circa) (difetti) € 350/400

868 Caffettiera in argento a corpo liscio con bordi decorati a palmette e motivi stilizzati. Versatoio a testa di ariete, piedi ferini cesellati all'attacco a mascheroni e vasi fioriti. Ansa in legno ebanizzato, presa a ghianda. Francia, secolo XIX. Argentiere Naudin Freres (h. cm 30) (g 900 lordi) (lievi difetti) € 650/700 869 Servizio da tè e caffè in metallo argentato inciso a decoro Liberty composto da teiera, samovar, lattiera, zuccheriera e vassoio biansato con bordo a ringhiera. Anse mosse con ghiere in osso. Milano, 1920 circa. Argentiere Broggi € 350/400 870 Tavolo lastronato ad un cassetto nella fascia con piano intarsiato a motivi geometrici. Gambe rastremate, datato 1812 all'interno del cassetto (cm 88x76x88) (restauri) € 350/400 871 Collezione di cinque antichi mortai di epoche e misure differenti. Uno datato 1633 (difetti) € 350/400


872

872 Modello di Aquarama in legno con dettagli cromati (l. cm 90) Contenuto in teca € 450/500 873 Mario Menichetti (Livorno 1889  Milano 1975)  "Bagno alle mura" olio su tela (cm 76x150) Firmato in basso a sinistra Al retro sul telaio: firmato In cornice € 400/500 874 Coppia di pannelli in legno scolpito raffiguranti cacciagione entro cornici intagliate, cimase con teste di animali a tutto tondo. Foresta Nera, secolo XIX (cm 150x110) (difetti e mancanze) € 450/500 875 Lotto composto da una zuccheriera in argento con corpo scanalato, bordo cesellato a fiori e volute, anse mosse e presa a fiore a tutto tondo. Unita ad un calamaio in argento a corpo scanalato, composto da una vaschetta per l'inchiostro e una per la cenere. Secolo XIX/XX (misure differenti) (g 760) € 330/350

876 Vaso in bronzo biansato decorato con tartarughe, manici amovibili (difetti e mancanze) Giappone, periodo Meiji (18681912) (h. 33 cm.) € 320/350 877 Coppia di étagères a quattro ripiani con colonne tornite e scanalate, fasce a perlinature, piani in marmo lumachella. Liguria, secolo XIX (cm 84x135x48) € 450/500 878 Paiola in argento sbalzato a nastri, fiori e frutti, presa a foggia di rosa a tutto tondo. Titolo 800 (l. max cm 29,5) (g 810) € 550/600 879 Mortaio biansato in bronzo decorato a volute e stemma. Datato 1707 e cifrato "AM" (h. cm 33x36) € 550/600 880 Tankard in argento a corpo liscio con presa sagomata. Punzoni di Londra, 1769. Argentiere William Shaw II & William Preist (h. cm 19) (g 780) € 450/500

881 Vaso biansato in metallo cloisonne. Inciso sul bordo Jaipur, India, 1822 (difetti) (h. 36 cm.) € 320/350 882 Scuola dell'Italia settentrionale, secolo XVII Composizione con zucche e cesta di pere e prugne; Composizione con cesta di prugne, fichi e ciliegie, zucche, pere e mele Coppia di dipinti ad olio su tela, cm 55x90 In cornici (difetti e restauri) € 600/800 883 Bacile in porcellana decorata in policromia a figure in un paesaggio con lanterne (difetti) Giappone, inizio secolo XX (d. 42 cm.) € 120/150 884 Lampada da terra con base e struttura in ottone e fusto rivestito in corda. Paralume in tessuto. Italia, 1935ca. (h senza paralume cm 187) (lievi difetti) € 210/220


162 163

IL PONTE CASA D’ASTE

885 Manifattura ligure, secolo XIX. Vaso biansato con coperchio in maiolica decorata in bianco e blu a scena classica. Anse zoomorfe con mascheroni all'attacco. Recante il marchio della lanterna al retro (h. cm 62) (difetti) € 350/400 886 Antico mortaio inscritto e datato lungo il bordo (cm 34x39,5) (difetti) € 550/600 887 Vassoio biansato in argento a corpo liscio con bordo sagomato sbalzato a palmette ed anse cesellate a volute fogliate all'attacco. Titolo 800 (l. cm 58,5) (g 1695) (lievi difetti) € 700/800 888 Dini e Cellai, fine secolo XIX/inizi secolo XX "Discobolo" scultura con basamento in terracotta marcata al retro (h. cm 225) (difetti e restauri) € 600/700 889 Lotto composto da cinque mortai in bronzo di diversa epoca, tre con pestelli (h. max cm 16) (difetti) € 320/350 890 Tankard in argento a corpo liscio con presa sagomata. Coperchio inciso a stemma. Punzoni di Londra, 1860. Argentiere "A.C." non identificato (h. cm 27) (g 1100) € 550/600 891 Ignoto del secolo XIX, da Jan Steen Il pranzo Olio su tela, cm 40x49 Etichetta al verso "Jean Steen / Una taverna / n. 11" In cornice in legno intagliato e dorato del secolo XIX (difetti) € 600/700 892 Tazza da puerpera con piatto in argento con interno in vermeille. Corpo cesellato a stelle con monogramma "C", anse a volute fogliate, presa a fiore a tutto tondo. Francia, prima metà secolo XIX. Argentiere Jean François Veyrat (d. piattino cm 19; h. tazza cm 10) (g 590) (lievi difetti) € 350/400 893 Scuola emiliana del secolo XVIII Lot e le figlie Olio su tela, cm 38x50 In cornice dorata (difetti e restauri) € 600/700

885

894 Tankard in argento a corpo liscio con presa sagomata e ghiere in osso. Punzoni di Londra, 1870. Argentiere Thomas Whitehouse (h. cm 22) (g 740) (difetti) € 450/500 895 Giovanni Fattori (Livorno 1825  Firenze 1908) Bovi al carro Acquaforte su carta con filigrana "Umbria  Italia", mm 240x410 all'impronta Firmata in lastra Iscritta in basso "Acquaforte di Gio Fattori  riposo in maremma" In cornice (difetti) Bibliografia Baboni Malesci, n. CLXVI

€ 180/200

896 Giovanni Fattori (Livorno 1825  Firenze 1908) Cavallo che si impenna al campo Acquaforte su carta con filigrana "Umbria  Italia", mm 290x355 all'impronta Firmata in lastra Iscritta in basso "Acquaforte di Gio Fattori  cavallo che si impenna  (al campo)" In cornice (difetti) Bibliografia Baboni Malesci, n. CLXII

€ 180/200

897 Giovanni Fattori (Livorno 1825  Firenze 1908) Pascolo di cavalli Acquaforte su carta con filigrana "Umbria  Italia", mm 240x415 all'impronta Firmata in lastra Iscritta in basso "Acquaforte di Gio Fattori  cavalli al pascolo" In cornice (difetti) Bibliografia Baboni Malesci, n. CLXIV

€ 180/200


898 Melchiorre Gherardini detto il "Ceranino" (Milano 1607 - 1668) Il suicidio di Porzia Olio su tela, cm 79x65 In cornice coeva in legno dorato (difetti e mancanze) € 1.200/1.300 899 Artista della fine del secolo XIX da Giambologna "Mercurio volante" scultura in bronzo poggiante sul vento che fuoriesce dalla bocca di Zefiro. Marchio della Fonderia Nelli Roma alla base (h. cm 193) € 900/1.000 900 LEPAUTRE A PARIS Pendola di forma mossa ad intarsio del tipo "Tête de poupée" in argento, ottone e tartaruga. La cassa, così come la mostra, ha elementi di fine XVII, inizio XVIII Secolo mentre la meccanica è databile alla seconda metà del XIX secolo Quadrate a fascia argentata con cifre romane applicato su mostra in bronzo dorato e finemente inciso. Sulla mostra è presente un cartiglio con la firma "Lepautre a Paris". Movimento a due treni con suoneria delle ore e mezze su campanello. Misure h. cm 46 (difetti e sostituzioni) € 500/800 901 Emanuele Trionfi (Livorno 1832  Firenze 1900)  "La preghiera" olio su tela (cm 48x40) Al retro: cartiglio. In cornice coeva in legno dorato (difetti) € 400/500 902 PELLEGRINO AMOROTTI ROMA Pendola romana da appoggio con cassa di forma parallelepipeda in radica ed inserti in bronzo dorato. Mostra in bronzo dorato con fregi angolari e quadrante a fascia argentato a cifre romane per le ore e arabe per i minuti. Disco centrale per la sveglia, apertura per il falso pendolo e cartiglio inciso con la firma del costruttore. Roma epoca secondo quarto XVIII secolo. Movimento ad unico treno con sveglia e suoneria delle ore e quarti a chiamata. Misure h. cm 39 (difetti e sostituzioni) Pellegrino Amorotti è considerato un ottimo orologiaio romano. Alcune sue opere si trovano nel Museo di Palazzo Venezia. € 500/1.000

903 Zuppiera biansata in argento con bordi e anse scanalate. Presa ad anello. Cifre incise. Francia, secolo XIX. Argentiere "LL" sormontato da giglio e sotto stella (h. cm 24) (g 2100) € 1.000/1.200 904 [LAGO DI COMO] Grande carta topografica in rilievo raffigurante il Lago di Como. [c.a 18901910]. Cartone stampato ed applicato a rilievo (cm 109x72) entro cornice. € 300/500 905 Tankard in argento con interno in vermeille e corpo sbalzato a fiori e motivi geometrici, ansa sagomata con inserti in osso, presa del coperchio in forma stilizzata. Londra, 1873. Argentiere Frederick Elkington (h. cm 33,5) (g 1500) € 900/1.000 906 Scultura in metallo parzialmente laccato e dorato raffigurante decoratrice di vaso (difetti) Giappone, secolo XX (h. 68 cm.) € 220/250 907 Gruppo di tre cartagloria in argento inciso e cesellato a teste di cherubini, volute e foglie di vite. Inizio secolo XIX (cm max 27x32) (lievi difetti) € 350/400 908 Scuola dell'inizio del secolo XIX Santa Caterina d'Alessandria Olio su tavola, cm 40x30,5 Etichetta al verso "215 / n. 2" Timbro a ceralacca In cornice del secolo XIX (difetti) € 330/380 909 Coppia di vassoi in argento sbalzato con bordo polilobato cesellato a volute. Titolo 800 (d. cm 34,5) (g 1370) (lievi difetti) € 450/500

910 Scuola veronese della fine del secolo XVIII, da un modello di Paolo Farinati Deposizione Olio su tela, cm 118x94 In cornice in legno dipinto e dorato del secolo XVII (difetti e restauri) € 700/800 911 Vaso a base ottagonale in argento con corpo inciso a rami fioriti. Titolo 800. Milano, argentiere Viganò (h. cm 28) (g 1300) (lievi difetti) € 550/600 912 Scuola del secolo XIX Paesaggio fluviale con figure Olio su tela, cm 31,5x40,5 In cornice in legno intagliato e dorato del secolo XIX (difetti) € 400/600 913 Ferdinando Fambrini (attivo nel secolo XVIII)  Gruppo di sei incisioni acquerellate raffiguranti navi mercantili (mm 430x330) In cornici in legno (difetti) € 330/350 914 Lotto composto da dieci clessidre di epoche, materiali e misure diverse (difetti) € 250/300 915 Modello in legno con vele in stoffa della Fregata di primo rango da sessanta cannoni "La belle poule". In teca in legno con targa in metallo inciso (cm 142x103,5x54) (difetti) € 200/300 916 Scuola dell'Italia settentrionale, secolo XVIII Composizione con uva, pere, pesche, fichi e zucca; Composizione con ceste di pere e fichi, mele, melograni e arancia Coppia di dipinti ad olio su tela, cm 73x97 In cornici (difetti, restauri e mancanze) € 800/1.000


IL PONTE CASA D’ASTE

164 165

Particolare 898

899

900

Particolare 901

902

903

904

905

906


917 Ignoto del secolo XIX, da Andrea del Sarto Madonna con Bambino, San Giovannino e Santa Elisabetta Olio su tela, cm 140x105 Etichetta al verso "Andrea del Sarto / Santa Famiglia / n. 1" In cornice coeva in legno intagliato e dorato con teste di cherubini agli angoli (difetti e restauri) € 1.500/3.000 918 WILLIAM SPEAKMAN LONDON Pendola del tipo "Bracket" con cassa di forma architettonica lastronata in radica (probabilmente non originale). Mostra su lastra d'ottone dorato con quadrante argentato a numeri romani ed applicazioni angolari a bassorilievo in bronzo dorato. Al centro si vedono i due fori di carica e l'apertura del "falso pendolo" sotto la quale è riportato il nome dell’orologiaio e la finestra del datario. Sulla sommità arcuata è presente un cartiglio inciso recante anch'esso il nome di William Speakman (probabilmente applicato in epoca posteriore). Inghilterra epoca inizio XVIII Secolo. Movimento a due treni finemente inciso a volute floreali sulla platina posteriore con suoneria e carillon di campanelli. Scappamento a verga. Misure h. cm 34 (difetti e sostituzioni) € 1.000/1.500 919 C.M. GAUDIBERT CAMILLE FLAMMARION Globo lunare su piedistallo in bronzo tornito. Francia epoca 1895 circa. Si tratta di una dettagliata mappa della superficie visibile della luna con la grafica delle due calotte polari, dell’equatore e di numerosi crateri e formazioni geologiche. Nella parte oscura del satellite invece è riportato il cartiglio di produzione: "Globe de la Lune dressé sous la direction de Camille Flammarion par C. M. Gaudibert E. Bertaux editeur a Paris", la lista numerata dei 343 crateri conosciuti all’epoca nonché varie indicazioni sulle dimensioni, sulle coordinate e sull’orbita lunare. Misure h. cm 30 (lievi difetti) Camille Flammarion (18461936) fu un famoso astronomo, scrittore, editore ed autore di un’altra importante e ancor più rara mappa sferica della superficie di Marte. È stato inoltre, già a fine XIX Secolo uno dei primi sostenitori della Vita sul Pianeta Rosso € 500/600 920 Maestro lombardo del XIX Secolo "Ritratto di gentiluomo in armatura" olio su tela (cm 125x90) Inscritto sulla busta in basso a destra. In cornice in legno intagliato e dorato a fiori e frutti € 1.200/1.500

921 Artista del secolo XVIII "San Bartolomeo" scultura in legno dorato intagliato a tutto tondo e scolpito su base in forma di nuvole con cherubini (h. cm 55,5) (mancanze e restauri) € 450/500 922 Lorenzo Trotti Bentivoglio (Milano 1874  1930)  "La lezione di canto" 1893 olio su tela (cm 140x90) Firmato e datato in basso a sinistra In cornice coeva in legno dorato € 900/1.000 923 Grande specchiera in legno scolpito e dorato e pastiglia. Cimasa intagliata con Venere al bagno a tutto tondo al centro e allegorie dei fiumi ai lati entro volute e rami fioriti. Montanti a spighe, delfini e putti alati. Secolo XIX (cm 280x170) (difetti e restauri) € 2.500/3.000 924 Tavolo da parete con specchiera in legno scolpito e dorato decorato a volute e motivi floreali, fascia centrata da medaglione con volto femminile, gambe anteriori ad erme a tutto tondo poggianti su mensola sagomata. Piano in marmo. Fine secolo XVIII/inizio secolo XIX (tavolo cm 115x90x54; specchiera cm 195x113) (mancanze) € 2.500/3.000 925 Giovanni Angelo Borroni (Cremona 1684  Milano 1772) Diana Olio su tela, cm 67x53 In cornice del secolo XIX in legno intagliato e dorato (difetti) € 1.200/1.500 926 Tavolo a biscotto in noce di forma sagomata, fascia a motivo a cordonetto e a quattro cassetti intagliati a valva di conchiglia, profilo a baccellature. Fusto centrale a dado, quattro gambe mosse. Secolo XIX (cm 131,5x77x96,5) (difetti) € 650/700 927 Scuola dell'Italia centrale, fine del secolo XVII  inizio XVIII Lot e le figlie Olio su tela, cm 129,5x187,5 In cornice intagliata e dorata (difetti, mancanze ed estesi restauri) € 900/1.000 928 ANONIMO Clessidra con struttura in avorio finemente inciso e tornito. Epoca XIX Secolo. Misure h. cm 21 (lievi difetti)

In ambito fiorentino, nel XIX fino all’inizio del XX Secolo era nota una produzione di questo genere di manufatti che si ispiravano o addirittura copiavano originali più antichi Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 300/350 929 DELAMARCHE Sfera armillare in legno e carta su piedistallo tornito ed ebanizzato. Parigi epoca secondo quarto XIX Secolo. Misure h. cm 35 (difetti) € 700/800 930 Manifattura di Baccarat, inizio secolo XX. Centrotavola composto da dieci vaschette e cinque candelieri in vetro lumeggiato in oro. Marcato alle basi (difetti e mancanze) € 180/200 931 WILL HALLIWELL BLACKBURN Orologio a cassalunga in piuma di mogano e filetti. Inghilterra epoca fine XVIII, inizio XIX Secolo. Mostra in ottone dorato con quadrante a fascia argentato con numeri romani per le ore e arabi per i minuti ed inserti in bronzo dorato. Apertura per il disco del datario. Movimento a tre treni con suoneria su con carillon di 8 campane. Misure h. cm 240 (lievi difetti e mancanze) € 1.000/1.400 932 Calamaio in corallo decorato a conchiglie, volute e foglie. Trapani, secolo XVIII (h cm 8,5) Poggiante su base in marmo verde alpi (lievi difetti) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 450/500 933 Coppia di vasi in metallo cloisonné con anse a foggia di teste di elefanti. (difetti) Giappone, secolo XIX (h. 33,5 cm.) € 450/500 934 Manifattura del secolo XIX/XX. Cofanetto in bronzo dorato decorato a volute e motivi floreali, montanti a colonna scanalata, piedi a cipolla (cm 41x24,5x23,8) € 350/400


IL PONTE CASA D’ASTE

166 167

Particolare 917

918

919

920

921

922

923

924

Particolare 925


936

935 Anna Rosina Lisiewska (Berlino 1713  Dresda 1783) Scena d'interno con partita a carte Acquerelli, penna e inchiostro nero, tracce a matita e gessetto bianco su carta, cm 46,5x82 Firmato e datato sul tavolo "Desfinè par R. Matthieu nee Lisiewska. 1757." In cornice (difetti e mancanze) € 700/800

936 Versatoio con bacile in argento e vermeille a corpo liscio con ansa cesellata a volute e a foglie nella base mossa. Brocca decorata in rilievo con stemma degli Zar e cifre della Gran Duchessa Olga Nikolaevna (11 settembre 182230 Ottobre 1892) figlia di Nicola I e di Alexandra Feodorovna. Bacile sagomato con bordura scanalata con foglie cesellate, cavetto in vermeille e cifre coronate in rilievo. San Pietroburgo, argentiere Carl Tegelsten, assaggiatore Dimitry Ilych Tverskoy, metà secolo XIX (h. cm 36,5; cm 37,7x10,7) (g 3870) (lievi mancanze) € 2.500/3.000 937 Antico candeliere Mamluk in rame intarsiato in argento a scritte e fiori (h. cm 10) (difetti) € 200/300 938 Manifattura del SudEst asiatico. Scultura in bronzo raffigurante la mano del Buddha. Poggiante su base lignea (lievi difetti) (h. 21 cm.) € 220/250


IL PONTE CASA D’ASTE

168 169

939

939 Rodolfo Claudus (Sopron 1893  Roma 1964)  "Affondamento della Szent Istvan 10 giugno 1918" 33 XI E.F. olio su tela (cm 100x150) Firmato e datato in basso a sinistra In cornice (difetti) € 2.200/2.500

940 Liberale da Verona (Verona circa 1445  1530)  (attr.) Madonna con Bambino Olio su tavola, cm 63x41 Al verso etichetta "Madonna del Liberale" In cornice del secolo XIX rivestita in carta impressa a volute (difetti, estesi restauri e ridipinture) € 1.500/3.000

941 Gruppo di sette piastrelle in terracotta decorata in policromia a rilievo a scene di corte entro cornici in rilievo a fiori e volute. Iran, Qajar, secolo XIX (difetti e restauri) (40 x 42 cm.) € 1.200/1.300

942 Antica scultura in bronzo raffigurante Ibis (h. cm 13) poggiante su base lignea (lievi difetti) € 300/400

940


943 Scuola napoletana del XIX Secolo "Scorcio di Napoli con Castel dell'Ovo sullo sfondo" olio su tela (cm 90x130) In cornice coeva in legno dorato € 700/800

943

944 Calamaio in argento con vassoio di forma ovale a ringhiera traforata, due vaschette porta inchiostro con coperchi sbalzati a foglie con al centro figura di Atene su alto plinto. Piedi a foggia di sfingi alate. Secolo XIX. Punzoni non decifrati (cm 36x23x28) (g 2100) (mancanze) € 1.000/1.200

945 Scuola veneta del secolo XVII Cena in Emmaus Olio su tela, cm 55x69,5 In cornice dorata del secolo XIX (difetti e restauri)

€ 1.000/1.200

944

946 Cassettone lastronato in radica e intarsiato in legni vari con fronte a due cassetti più due sottopiano, gambe rastremate. Secolo XVIII (cm 126x92,5x57) (difetti) € 1.300/1.400

947 Due geodi in quarzo ametista, uno con crescita di quarzi lattei prismatici (cm 53x20x35 circa) 945

€ 250/300


IL PONTE CASA D’ASTE

170 171

948 Scuola dell'Italia settentrionale, fine del secolo XVII Paesaggio con pescatori Olio su tela, cm 148x229 In cornice (difetti e restauri) € 1.400/1.800

949 Scuola dell'Italia settentrionale, fine del secolo XVII Caccia al cervo Olio su tela, cm 148x229 In cornice dorata (difetti e restauri) € 1.400/1.800


950 Scuola dell'Italia settentrionale, inizio del secolo XVII I giocatori Olio su tela, cm 72,5x90 Al verso antica etichetta In cornice antica in legno dorato (difetti)

€ 3.000/3.500

951 Coppia di candelabri in peltro argentato a otto fiamme, bracci a doppia voluta fogliata, reggicandela di forma sagomata decorati a volute sorretti da fauni a tutto tondo poggianti su basi a rocailles. Inizio secolo XX (h. cm 86) (lievi difetti) € 1.200/1.400 950

952 Scuola spagnola della fine del secolo XVII  inizio XVIII Composizione con cesta di frutta, fiori, zucca, pane e bicchieri Olio su tela, cm 104x136 In cornice antica in legno dorato (difetti, restauri e mancanze) € 1.200/1.300

951

953 Coppia di candelieri in argento sbalzato con basi polilobate e fusti scanalati. Italia centrale, secolo XVIII (h. cm 21) (g 600) € 250/300

954 Grande blocco di minerale con quarzo grigionero parzialmente trasparente (cm 56x74x20 circa) Poggiante su sezione di tronco (cm 60x43) (difetti) € 450/500

952


IL PONTE CASA D’ASTE

172 173

955 Arte tedesca, fine secolo XVII  inizio secolo XVIII "L'adorazione dei pastori" gruppo in avorio scolpito (cm 25x40) In cornice a cassetta in legno ebanizzato (mancanze e restauri) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 1.500/1.800

955

956 Artista tedesco del secolo XVIII "San Gerolamo nel deserto" altorilievo in avorio (cm 17,5x11,5) In cornice coeva a cassetta in legno ebanizzato (lievi mancanze) Al retro etichetta cartacea manoscritta Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 1.400/1.600

956

957 Domenico Gavarrone (Genova 1821  1874)  Gruppo di quattro gouaches raffiguranti velieri. Titolate, firmate e datate. In cornici in pastiglia e legno intagliato e dorato (cm 50x70) (difetti) € 4.500/5.000

957 (una di quattro)


I due dipinti qui all’incanto in due lotti distinti (958 e 959) sono accostabili alla produzione di Luti e anzi restituiscono due celebri invenzioni del pittore. La composizione del Narciso e Eco (lotto 958) si pone in stretta relazione con una stampa - incisa da Gaetano Cecchi su disegno di Carlo Bozzolini - pubblicata nel 1795 nel secondo tomo de L'Etruria Pittrice (n. CXIV), nel quale è indicata come riproduzione del quadro Narciso al fonte di Benedetto Luti, al tempo in casa del marchese Feroni, con la precisazione delle misure “alto B.a 3 1/2. largo B.a 2 1/6” (cm 205,1x126,9 circa). Il volume è dedicato proprio al marchese Fabio Feroni che, nell'introduzione, viene ringraziato per aver concesso la pubblicazione di “una Stampa rappresentante il Narciso, copiata dal prezioso quadro del rinomato Pittore Benedetto Luti (...) esistente nel Palazzo di Vostra proprietà” (Marco Lastri, L'Etruria pittrice, ovvero, Storia della pittura toscana, dedotta dai suoi monumenti che si esibiscono in stampa dal secolo X fino al presente, edito da Niccolo Pagni e Giuseppe Bardi, Firenze, 1795). La precedente storia del dipinto, oggi non identificato, si può ricostruire grazie alla testimonianza di Pascoli che nel 1730, nella sua Vita dedicata a Benedetto Luti, segnala in casa del marchese Torri a Roma proprio un Narciso e, curiosamente, anche un'altra opera dello stesso pittore raffigurante Angelica e Medoro: “Due ne ebbe per la sua villa fuori di porta S. Pancrazio il marchese Torri, una di cui rappresenta Angelica, e Medoro, e l'altra un Narciso” (L. Pascoli, Vite de' pittori, scultori, ed architetti moderni, 1730, p. 231). La villa del marchese Torri fu successivamente venduta all'Arcispedale di Santo Spirito in Saxia, per poi passare nel 1734 a monsignor Giuseppe Maria Feroni, nobile fiorentino poi nominato cardinale. Si comprende quindi come il dipinto, rimanendo sempre in collezione Feroni, raggiunse la casa di Firenze, collocazione che, come si è detto, è attestata nell'Etruria Pittrice nel 1795, quindi termine ante quem del trasferimento da Roma a Firenze (R. Maffeis, Benedetto Luti: l'ultimo maestro, Mandragora, Firenze, 2012, pp. 300-301). Come ulteriore testimonianza dell'esistenza di questo Narciso al fonte si pone la Natura morta con trompe d'oeil di Antonio Cioci, al centro della quale spicca, in formato ridotto, proprio il dipinto di Benedetto Luti da cui fu tratta l'incisione. L'Angelica e Medoro (lotto 959) è da accostarsi a una serie di analoghe composizioni, ripetute da Luti con significative varianti, anche di soggetto, come, per esempio, nel Bacco e Arianna di Stamford (Burghley House, inv. 466). Il tema di Angelica e Medoro, tratto dall'Orlando Furioso di Ariosto, si ritrova in due disegni dello stesso Luti, uno conservato al Museo del Louvre (Dipartimento Arti Grafiche, inv. 1272) e l'altro a Holkham Hall, Norfolk (Portfolio III, n. 34), nei quali la struttura compositiva è, nel complesso, analoga a quella della tela in esame ma variata nella posizione del corpo di Angelica che, nei disegni, guarda lo spettatore, mentre nel dipinto osserva la mano di Medoro, impegnata ad incidere i nomi degli amanti sul tronco. Ulteriori varianti del medesimo soggetto sono testimoniate anche da altri disegni (Museo del Louvre, Dipartimento Arti Grafiche, inv. 1271; Firenze, Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi, n. 6862 S.). Si segnala, infine, che una tela del tutto identica a quella in esame, ma di misure significativamente differenti, fu presso la Galleria Canesso di Parigi nel 1999 (olio su tela, cm 44x35), considerata però di dubbia autografia da Rodolfo Maffeis (R. Maffeis, Benedetto Luti: l'ultimo maestro, Mandragora, Firenze, 2012, fig. 1 a pag. 295 e pag. 296).


IL PONTE CASA D’ASTE

174 175

959

958

958 Benedetto Luti (Firenze 1666  1724)  (attr.)

959 Benedetto Luti (Firenze 1666  1724)  (attr.)

Narciso e Eco Olio su tela, cm 186x131 Etichetta al verso "n. 278 / Bened. Luti" In cornice del secolo XVII (difetti, restauri e estese ridipinture) € 2.400/2.800

Angelica e Medoro Olio su tela, cm 187x131 Etichetta al verso "n. 278 / Bened. Luti" In cornice del secolo XVII (difetti, restauri e estese ridipinture) € 2.800/3.000


974

971

960 Scuola emiliana del secolo XVIII Composizione con fiori, salame e fiasco di vino; Composizione con fiori e limoni Coppia di dipinti ad olio su tela, cm 66x97 In cornici (difetti) € 900/1.000 961 Servizio da tè e caffè di simil decoro composto da caffettiera, teiera, lattiera e zuccheriera con corpi sbalzati in epoca successiva a volute e fiori, anse sagomate e prese a campanule a tutto tondo, ghiere in osso. Cifrati EC. Punzoni inglesi, 18311835. Argentieri differenti (g 2400) € 1.200/1.400 962 Ignoto "Madonna con Bambino" antica scultura lignea in rovere (h. cm 113) (difetti e mancanze) € 1.000/1.200 963 JeanBaptiste Stahl (Betschdorf 1869  Mettlach 1932)  Coppia di grandi piatti in porcellana decorata in monocromia a scene classiche su fondo azzurro. Manifattura Villeroy & Boch, Mettlach, Germania, secolo XX. Firmati, marcati e numerati al retro 70407043 (d. cm 52,4) € 330/350 964 Manifattura ligure, secolo XIX. Coppia di vasi biansati con coperchio in maiolica bianca e blu a scene classiche. Recanti il marchio della lanterna e datati 1757 al retro (h. cm 52) (difetti) € 450/500 965 Scuola fiamminga del secolo XVII Ritratto di gentiluomo; Ritratto di gentildonna Coppia di dipinti ad olio su rame ottagonale, cm 37,5x33 Al verso etichette con attribuzione a Theodor Netscher e etichetta "n. 136" In cornici (difetti e restauri) € 900/1.000

966 Gruppo di quattro ventole di forma mossa in legno scolpito e dorato a volute e fiori. Braccia in metallo a due luci. Secolo XIX (h. cm 95) (difetti e restauri) € 1.000/1.200 967 Manifattura ligure, secolo XIX. Vaso con coperchio in maiolica decorata in bianco e blu con Ercole e l'Idra. Anse a serpenti avviluppati con mascheroni all'attacco. Recante il marchio della lanterna e datato 1740 al retro (h. cm 62) (difetti) € 550/600 968 Scuola lombarda, inizio del secolo XVIII Volatili Quattro sovrapporta ad olio su tela sagomata, cm 70x97 In cornici laccate (difetti e restauri) € 1.400/1.800 969 Coppia di vasi biansati in porcellana decorata in policromia a vasi fioriti, forati e montati a luce elettrica in epoca posteriore (difetti) Cina, secolo XIX (h. 60 cm.) € 700/800 970 Scuola emiliana del secolo XVIII Vaso di fiori con cane; Vaso di fiori con pappagallo Coppia di dipinti ad olio su tela, cm 66x97 In cornici (difetti) € 1.200/1.400 971 Vassoio biansato in argento con bordo sagomato e corpo cesellato a fiori e volute centrato da stemma con dedica a Theodore Dickens datata 1844. Secolo XIX. Argentieri Lattery Brothers (cm 79x53) (g 6240) € 1.400/1.600

972 Coppa da tè in argento e vermeille a pianta ottagonale in froma di "isba" decorata con uomini e donne in abiti contadini che si affacciano alle finestre, base sbalzata a trompe l'oeil a rappresentare una staccionata in legno, bordo superiore a guisa di tetto cesellato a falde incrociate, ansa tornita e incisa a modanature. Medaglioni datati "26 mars 1888". Inscritta alla base. Paul Sohlman, San Pietroburgo 1882 (h. cm 15) (g 560) € 500/600 973 Incisione raffigurante scorcio del Lago di Como a volo d'uccello su disegno di Gaetano Gariboldi con indicate località e ville presenti. Edizione Artaria per Vallardi, Milano, secolo XIX (mm 400x120) In cornice € 250/300 974 Coppia di nautilus in metallo argentato raffiguranti Nettuno che sorregge vascello con polena a figura femminile. Basi a volute con piedi a mascheroni stilizzati (h. cm 64) (mancanze) € 1.200/1.400 975 Carlo Nicoli (Carrara 1843  1915)  "Le travail" coppia di sculture in bronzo firmate e titolate in basso (h. cm 90) Poggianti su basi in legno tornito ed ebanizzato € 1.000/1.200


176 177

IL PONTE CASA D’ASTE

6° TORNATA Venerdì 23 aprile 2021 ore 10.00 dal lotto 976 al lotto 1177

976

976 Manifattura di Vinovo (?), secolo XIX. Coppia di piatti in porcellana dipinti nel cavetto con scorcio di Torino con la Gran Madre e la Basilica di Superga. Bordure decorate a rosoni e greche stilizzate in doratura (d. cm 22) (lievi difetti) € 350/380

977 Maestro della fine del secolo XVIII  inizio secolo XIX "Ritratto di gentiluomo in un paesaggio" miniatura su avorio (cm 6x5,5) In cornice ebanizzata Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 330/350

978 Tabacchiera del secolo XVIII/XIX in tartaruga decorata a "vernis Martin" a scena erotica umoristica sul coperchio e a paesaggi nella fascia e nella base (d. cm 8) (mancanze) € 350/400

979 PAILLARD Scatola musicale modello "Fortissimo Piccolo" in cassa di legno ad intarsi e filetti. Svizzera 1880 circa Movimento a cilindro suonante otto arie. Misure cm 68x18x26 (lievi difetti al cilindro) il modello Fortissimo Piccolo è caratterizzato da un’intensità sonora particolarmente elevata e da un timbro pungente nei toni alti € 400/500

980 ANONIMO Officier in ottone e vetro decorato a smalti cloisonnè. Francia inizio XX Secolo Quadrante in smalto bianco a cifre romane. Movimento solo tempo. Misure h. cm 11,5 con maniglia aperta (lievi difetti) € 140/180

981 Scatola di forma sagomata in argento sbalzato, cesellato e decorato a fiori. Coperchio centrato da finto cabochon in smalto. Piedini a ricciolo. Titolo 800 (cm 16x12) (g 360 ca) (lievi difetti) € 180/200


982 Manifattura di Cozzi, secolo XVIII. Ciotola in porcellana decorata in policromia a frutti e a dorature. Marcata in rosso ferro (cm 9x5) (difetti) € 100/120 983 Firma indecifrata, secolo XIX "Ritratto di gentiluomo" miniatura ovale su avorio (cm 5,5x5) Firmata e inscritta al retro. In cornice Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 250/300 984 Tabacchiera di forma ovale in legno scolpito e decorata sul coperchio con lo stemma della Russia dell'aquila bicipite inscritto HI. Nicola I (17961855) Firma incisa all'interno del coperchio (cm 12x3x8,5) (lievi difetti) € 130/150 985 Colino da tè in argento sbalzato e cesellato a fiori e foglie, versatoio scanalato e bordura decorata a dentellature. Londra, 1833 (h. cm 10) (g 100) € 150/200 986 Gruppo di sei bicchieri in cristallo molato decorati ad architetture, marcati con monogramma sul fondo (difetti) € 180/200 987 ANONIMO Officier con cassa in ottone e vetro molato. Quadrante in smalto bianco con cifre romane. Movimento a due treni più sveglia con suoneria delle ore a chiamata. Epoca Fine XIX inizio XX Secolo Misure h. cm 18 con maniglia aperta In custodia in pelle (difetti) € 220/250 988 Sedia a dondolo pieghevole in legno intagliato a motivi geometrici con intarsi in madreperla. Inscritta e datata 1897 (lievi difetti e mancanze) € 300/350 989 Due bugie in argento decorate a motivi vegetali. Napoli, secolo XIX (g 240) (difetti) € 120/140

990 Maestro del secolo XVIII "Ritratto di gentildonna con fiori blu" miniatura ovale su avorio (cm 6x5) In cornice in bronzo Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 350/400 991 JAEGER LE COULTRE Pendoletta da tavolo modello "Baguette" in ottone e vetro. Epoca anni 60’ Quadrante ad indici applicati e lancette a "freccia". Movimento 8 giorni Misure h. cm 18 (lievi difetti) € 350/400 992 Due bugie in argento di diverso decoro. Napoli, secolo XIX (g 240) (difetti) € 120/140 993 Conchiglia tipo "Murice" rivestita in argento. Argentiere Federico Buccellati (cm 29x20x20) € 120/140 994 Svuotatasche in argento liscio con tesa sbalzata a ghirlanda di frutta e conchiglie. Titolo 800. Napoli, argentiere Jacomino Ciro (cm 40x19) (g 700) € 180/200 995 Munz (Secolo XIX)  "Ritratto di gentiluomo in giacca blu" miniatura ovale su avorio (cm 8x6) firmata e datata a sinistra. In cornice Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 330/350 996 Teiera in argento con fascia liscia, profili incisi a palmette e greca di alloro. Versatoio zoomorfo e presa in legno ebanizzato, interno in vermeille. Argentiere non identificato (h. cm 11,5) (g lordi 300) € 150/200

997 Seggiolone in noce intagliato con braccioli terminanti a ricciolo, finali e fascia decorati a volute fogliate. Secolo XVII (cm 62x144x58) (difetti e restauri) € 100/200 998 Versatoio in argento liscio, profili decorati a palmette, ansa a testa di cigno. Stato Pontificio, secolo XIX (h. cm 23,5) (g 350) € 150/200 999 Argentiere del secolo XX "Roberto di Sanseverino" e "Ferdinando Arciduca del Tirolo" due figure a tutto tondo in argento con dettagli in argento dorato. Basi in marmo (h. cm 18,5) (difetti) € 250/300 1000 Candeliere in argento a quattro braccia mosse e intrecciate. Titolo 800. 1940 circa (g 400) € 220/240 1001 Lotto composto da una poltrona e due sedie di forma mossa in noce intagliato a volute e foglie, braccioli e piedi a ricciolo. Secolo XVIII (difetti e restauri) € 200/250 1002 Specchiera da tavolo con cornice in argento riccamente sbalzato a volatili, foglie e fiori. Titolo 925 (h. cm 50) (difetti) € 220/240 1003 Base portatappi in argento cesellato e traforato a fiori e volatili con tappi in sughero sormontati da animali a tutto tondo (cm 15x4x15) (g lordi 300) € 180/200 1004 ANONIMO Orologio misterioso oscillante formato da una scultura in bronzo che sorregge l’orologio/pendolo. Francia ultimo quarto XIX Secolo Quadrante sferico con cifre arabe applicate. Movimento solo tempo. Misure h. cm 70 (difetti) € 400/500


178 179

IL PONTE CASA D’ASTE

1005 Gruppo di tre pesci snodabili in argento con occhi in pasta vitrea. Punzoni con stella di David (l. max cm 25) (g lordi 380) (mancanze) € 220/250 1006 Lotto composto da due bugie in argento di epoche e fatture diverse (g 420) (difetti) € 180/200 1007 Lotto composto da tre alzate in argento con bordure traforate poggianti su piedi mossi con mensola. Titolo 800. Argentiere Wilhem Blinder (g 600) (mancante di una vaschetta) € 350/400 1008 Antico capitello corinzio in marmo (h. cm 36) (difetti e mancanze) € 350/400 1009 Lotto composto da un porta necessaire da viaggio del secolo XIX contenente due boccette portaprofumo con ghiere in oro 18K e un set da manicure (difetti) € 180/200 1010 Ignoto del secolo XIX. Trompe l'oeil a collage con stampe applicate su tavola (cm 50x63) In cornice coeva in legno dorato (difetti) € 220/240 1011 Due bugie in argento. Napoli, secolo XIX, una cifrata "GAM" alla base (g 250) (difetti) € 140/160 1012 Tovaglia in lino. Decoro eseguito con la tecnica dello sfilato con fiori, riserve angolari ovali e motivi floreali ovali. Corredata da undici tovaglioli in lino, lavorati con la stessa tecnica (cm 234x155) (Difetti e macchie) € 220/240 1013 Bianchini (Secolo XIX)  "Ritratto di gentiluomo con lettera in mano" miniatura tonda (d. cm 5) Firmata a destra e inscritta sulla lettera "Pour Mm.me Antini gage d'amitiè" (difetti) € 180/200

1014 Zuccheriera in argento sbalzato a foglie nel coperchio e nella presa, piedi sagomati decorati a mascherone all’attacco. Brescia. Argentiere Antonio Pedrina, secolo XIX (h. cm 16,6) (g 280) (difetti) € 180/200 1015 Quaderno di documenti tessili contenente campionario di pizzi  Dentelle de Calais "Collezione autunno  inverno 97/98" € 330/350 1016 Lucerna fiorentina in argento liscio con base circolare scanalata, presa ad anello zoomorfo. Firenze dal 1832 al 1872 (h. cm 29) (g lordi 580) € 280/300 1017 Lotto di tre bugie in argento decorate a fiori. Napoli, secolo XIX (g 400) (difetti) € 180/200 1018 G. Rolandi  "Ritratto di uomo 1842" miniatura tonda su avorio (d. cm 6) Firmata e datata a sinistra. In cornice Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 150/200 1019 Cestino con manico di forma mossa in argento traforato a motivi stilizzati, poggiante su quattro piedini a sfera. Punzoni di Birmingham, 1912. Argentiere T. Wooley (cm 25x10x17,5) (g 640) € 280/300 1020 Calamaio con base di forma mossa a bordo traforato, candeliere centrale inciso a volute. Ampolle in vetro sfaccettato. Punzoni di Sheffield 1859, argentiere Henry Wilkinson & Co. (l. cm 24) (g netti 330) € 180/200 1021 Scuola italiana del secolo XIX "Ritratto di dama in veste blu" miniatura tonda su avorio (d. cm 7) In cornice ebanizzata Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 120/140

1022 Due bugie in argento di misure differenti del secolo XIX, una con punzoni napoletani (g 250) (difetti) € 120/140 1023 Lucerna a forma di pipa in argento cesellato e traforato a motivi vegetali, presa del coperchio a pomolo a tutto tondo, piedi a volute fogliate. Punzoni di Londra, 1884. Argentiere non identificato (h. cm 18) (g lordi 500) € 180/200 1024 Lotto composto da due scatoline portapillole di diverse dimensioni in tartaruga, una filettata e l'altra marcata "GR" in oro (lievi difetti) € 180/200 1025 Scuola del secolo XIX "Ritratto di gentiluomo" miniatura rettangolare su avorio (cm 5x4) In ghiera ovale e cornice ebanizzata (difetti) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 120/140 1026 Gruppo di documenti tessili, collezione Marco Lagattolla, campioni di pizzi di varie fogge e dimensioni € 220/240 1027 Lotto di tre bugie in argento di diverso decoro del secolo XIX, due con punzoni di Napoli (g 430) (difetti) € 180/200 1028 Salsiera a barca in argento con fascia scanalata e decorata. Gambe squadrate e cesellate all'attacco a pavoni. Prese in legno tornito a ghianda. Genova, punzone Torretta 1799. Argentiere non identificato (g lordi 190) € 200/300


1029 A. Ascanio (prima metà secolo XIX)  "Ritratto di gentiluomo con gilet giallo 1830" miniatura tonda su avorio (d. cm 7,2) Firmata, datata e locata "Arezzo" a sinistra. In cornice Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 250/300 1030 Teiera in argento a corpo costolato recante dedica datata 1854, ansa mossa con ghiere in osso, presa a frutto con foglie a tutto tondo, piedi terminanti a ricciolo. Punzoni di Londra. Argentiere Edward & John Barnard (h. cm 17) (g lordi 730) € 380/400 1031 Manifattura Ferniani, Faenza, secolo XVIII. Due tazzine con piattini in maiolica, decoro policromo al 'Giardino con vaso e colonna spezzata' (restauri) € 280/300 1032 Lotto composto da una coppia di bugie e una di simil decoro in argento con punzoni di Napoli, secolo XIX (g 420) (difetti) € 180/200 1033 Lotto di disegni per tessuti, campioni di pizzi, un quaderno contenente un campionario di pizzi ed un libro in francese "L'art de reconnaitre les Dentelles", Parigi, E. Grund ed., 1924 € 120/140 1034 Manifattura veneta, fine secolo XVIII. Due vassoietti biansati di forma mossa in legno laccato e dorato, decorati da scene all'orientale (il più grande cm 29,3x20,3) (difetti, un'ansa mancante) € 150/200 1035 Frolina Barisoni Ferri (attiva nel secolo XIX)  "Ritratto di donna con collana di perle" miniatura su avorio (cm 8,5x6,5) Firmata a destra. In cornice in bronzo Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 250/300

1036 Scuola del secolo XVI "Santa Margherita o Marina di Antiochia e San Pietro" coppia di tecniche miste su pergamena tonda (d. cm 6) In cornice antica in vermeille (difetti) € 180/200 1037 Manifattura veneta, fine secolo XVIII inizio secolo XIX. Due scatole di forma mossa in legno laccato e dorato. Coperchi centrati da scene all'orientale (la più grande cm 23x14x16) (difetti e mancanze) € 250/300 1038 Coppia di tazzine con piattino in maiolica decorata in policromia a fiori orientali a rilievo, bordo profilato in marrone. Probabilmente Milano, metà XVIII secolo (difetti) € 280/300 1039 Scuola dell'inizio del secolo XIX "Ritratto di fanciullo con decorazione dei Cavalieri di Malta" miniatura ovale su avorio (cm 4x3,5) In cornice coeva in rame dorato (difetti) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 250/300 1040 Manifattura di Dieppe, secolo XIX "Allegoria con putto" scultura in avorio. Su base a colonna (h. cm 16) (difetti e mancanze) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE. € 250/300 1041 Maestro francese del secolo XIX "Ritratto di fanciulla" miniatura tonda su avorio (d. cm 5) In cornice Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 250/300

1042 Modello di poltrona in legno intagliato a volute e argentato, seduta e spalliera rivestite in seta. Secolo XVIII (cm 45x53x28) (difetti) € 250/300 1043 Scuola del secolo XIX "Ritratto di uomo in giacca blu" miniatura ovale su avorio (cm 5x4) In cornice con profilo in bronzo Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 330/350 1044 Modello di credenza in noce di forma sagomata a due ante ed un cassetto sottopiano, montanti intagliati. Secolo XIX (cm 44x53x17) (difetti) € 180/200 1045 Porta documenti a libro con copertina in ottone decorata con tre cerniere applicate e inserti in malachite. Austria, 1920 ca (cm 21,5x28) (difetti) € 180/200 1046 Maestro del secolo XVIII/XIX "Ritratto di donna con cane" acquarello su carta (d. cm 8) In cornice dorata € 330/350 1047 Servizio da toilette in argento, vetro e avorio con cabochon in lapislazzulo composto da una scatola portacipria, due bottiglie portaprofumo, tre spazzole e uno specchio. Titolo 800 (difetti) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 150/200 1048 Artista del secolo XVIII/XIX "Ritratto di uomo in giacca blu" miniatura tonda su avorio (d. cm 5) In cornice del secolo XIX (difetti) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 220/240


IL PONTE CASA D’ASTE

180 181

1049 Crocifisso in argento e vermeille con croce decorata da inserti in cristallo di rocca, uno in vetro. Napoli, secolo XIX (cm 25x15) (lievi difetti) € 200/250

1056 Monogrammista CB (secolo XIX) "Ritratto di gentiluomo in un paesaggio" miniatura tonda su avorio (d. cm 5,5) Siglata a destra, tracce di inscrizioni al retro. In cornice (difetti)

1050 P. Gnaccarini  "Ritratto di gentiluomo" miniatura ovale su avorio (cm 7x5) Firmata a sinistra. In cornice

Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 120/140

Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 280/300 1051 Zuccheriera biansata in argento traforato, anse squadrate e presa del coperchio a rosa a tutto tondo, vaschetta in vetro. Secolo XIX. Punzoni non decifrati (h. cm 15) (g netti 350) € 250/300 1052 Cestino in argento con ansa decorata a losanghe sorretta da mascheroni. Base in legno con ovale cifrato "EC" entro foglie d'edera. Secolo XIX (cm 19,4x18,5x15) (g lordi 237) (difetti) € 150/200 1053 Antoine Trignart (attivo fra il secolo XVIII e XIX)  "Ritratto di dama con orecchini di perle 1786" miniatura tonda (d. cm 5,5) In cornice € 220/240 1054 Psiche da tavolo in ferro laccato e lumeggiato in oro, sostegni e traverse a balaustro. Secolo XIX (h. cm 56x52) (difetti) € 180/200 1055 Artista del secolo XIX "Flora" cammeo in avorio scolpito (cm 4x4,5) (difetti) In cornice in bronzo dorato Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE. € 150/200

1057 Cioccolatiera tripode in argento, corpo pirifome e a spirale, presa del coperchio a trottola e piedi a ricciolo. Punzoni di S. Marco. Argentiere "MP" (h. cm 29) (g 683) (difetti) € 280/300 1058 Alzata in argento, fascia traforata decorata a ghirlande e mascheroni sorretti da nastri, fusto a colonna scanalata poggiante su base squadrata. Germania, inizio secolo XX (h. cm 22,5) (g 594) € 250/300

1063 Lotto composto da una ciotola in argento e vermeille marcata Bulgari 950 e un porta stuzzicadenti sormontato da Ibis con movimento a molla, titolo 800, argentiere Micheletto Milano 1940 circa (g 360) € 250/300 1064 Scultura in argento a tutto tondo con dettagli in vermeille raffigurante un giovane orafo al bancone. Argenteria milanese, seconda metà secolo XX . Base lastronata in marmo con targa "Il 50° di tatino 11101981" (cm 10x10x8) (difetti) € 150/200 1065 Scuola francese del secolo XIX "Ritratto del Conte di Grignon" miniatura ovale su avorio (cm 7x5,6) In cornice in bronzo dorato con cimasa traforata (difetti) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 220/240

1059 Maestro del secolo XIX "Madre con figlio" miniatura ovale su avorio (cm 7x6) In cornice in legno con interno in bronzo cesellato

1066 Scuola del secolo XIX. Tabacchiera in avorio tornito con coperchio decorato da miniatura (d. cm 5)

Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 220/240

Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 150/200

1060 Contenitore in argento sbalzato a forma di stivale. Titolo 800. Argentiere Codognato, Venezia (cm 14x9,5x8,3) (g 279) € 180/200

1067 Icona da viaggio quadripartita in bronzo e smalti policromi decorata a scene della vita di Cristo. Secolo XIX (cm 18x11 chiuso; cm 18x42 aperto) (difetti e mancanze) € 180/200

1061 Lotto composto da sei portatovaglioli in metallo argentato di Jacques Cartier decorati a teste equine e sei segnaposto in argento con cavalli a tutto tondo, titolo 800 (g 120) (difetti) € 150/200 1062 Scuola italiana del secolo XIX "Ritratto di gentiluomo" miniatura ovale (cm 5x4) In cornice in bronzo dorato € 280/300

1068 Servizio di posate in metallo argentato con presa scanalata decorata a gigli e volute composto da dodici cucchiai, coltelli, forchette e cucchiai da frutta. Marcati Christofle. Entro cofanetto rivestito in pelle impressa in oro con monogramma (difetti) € 250/300


1069 Scuola del secolo XIX "Ritratto di bambino con fiori in mano" miniatura tonda su avorio (d. cm 6) In cornice (restauri) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 180/200 1070 Teiera in argento sbalzato a volute fogliate, ansa mossa con ghiere in avorio, presa del coperchio a cesto di frutta a tutto tondo. Titolo 800 (h. cm 20) (g 578) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 250/300 1071 Versatoio in argento a corpo liscio e cesellato a palmette, ansa mossa incisa a motivi vegetali. Titolo 800 (h. cm 30) (g 290) € 150/200 1072 Scuola del secolo XIX "Ritratto di dama" miniatura tonda su avorio (d. cm 5) In cornice ebanizzata (difetti) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 150/200 1073 Teiera in argento con corpo a spirale, decorata a volute e motivi vegetali. Presa del coperchio a pigna a tutto tondo, piedi a ricciolo e ansa sagomata in legno ebanizzato. Argentiere Frey & Fils. Francia, secolo XIX (h. cm 17,5) (g lordi 490) (difetti) € 250/300 1074 Versatoio a corpo piriforme in argento con collo, beccuccio e base sbalzati a volute vegetali. Ansa di forma mossa. Inscritto al retro "Lavorazione a mano". Titolo 800. (h. cm 30) (g 980) € 380/400

1075 Scuola del secolo XIX "Gli amanti" miniatura tonda su avorio (d. cm 7) In cornice Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 220/240 1076 Caffettiera in argento in stile Impero a corpo liscio con presa a pigna e versatoio a testa d'aquila. Titolo 800. Padova, argentiere Fratelli Zaramella (h. cm 26) (g 457) € 200/250 1077 Pietro Gherardi (secolo XIX)  "Ritratto di dama in abito nero 1843" miniatura ovale (cm 7x5,5) Firmata e datata al retro sul cartoncino. In cornice € 220/240 1078 Centrotavola di forma ovale in argento e vermeille, vasca sorretta da due figure alate a tutto tondo, base squadrata con bordo traforato a girali vegetali. Titolo 800 (cm 26,5x10x16,5) (g 690) € 250/300 1079 Sieurac Francois Joseph Juste (Cadiz 1781  Soreze 1832)  "Ritratto di gentiluomo" miniatura ovale su avorio (cm 4x3) Firmata a destra. In cornice Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 220/240 1080 Scuola romana del secolo XVIII Paesaggio con figure Olio su rame ovale, cm 18,5x24 (difetti e restauri)

1082 Ignoto del secolo XIX "Ritratto di gentiluomo in giacca blu" miniatura rettangolare su avorio (cm 5,5x5) In cornice in legno Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 220/240 1083 Cosimo Conti (Firenze 1825  1896)  (attr.) "Ritratto di uomo con baffi" miniatura ovale su avorio (cm 6,5x5) Firmata a destra. In cornice Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 200/250 1084 Alla maniera di Francesco Guardi, secolo XIXXX Capriccio con figure Olio su tela, cm 19x24,5 In cornice (restauri)

1085 Virginie Talairac (Secolo XIX)  "Ritratto di dama 1819" miniatura su avorio (cm 7x6) Firmata e datata a destra. In cornice Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 250/300 1086 Icona russa del secolo XVIII Madonna Olio su tavola, cm 21,5x18,5 (difetti e restauri)

€ 300/400

1081 Gruppo di quattro posaceneri impilabili in argento di forma bombata. Titolo 925. Argentiere Pradella Ilario, Milano (d. cm 9,5) (g 500) € 280/300

€ 400/500

€ 250/300

1087 Maestro del secolo XIX "Ritratto di letterato" olio su cartone pressato (cm 13,5x12) In cornice dorata (restauri) € 220/240 1088 Gruppo di dodici cucchiaini in vermeille con presa sagomata a volute. Punzoni francesi, secolo XIX (g 190) € 150/200


182 183

IL PONTE CASA D’ASTE

1089 J.R. Galland (inizio secolo XIX)  "Ritratto di dama con collana di corallo 1815" miniatura ovale su avorio (cm 8x6,5) Firmata e datata a sinistra. In cornice ebanizzata Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 250/300 1090 Copertina di breviario in argento sbalzato e cesellato raffigurante la Madonna dei sette dolori e gli Strumenti della Passione di Cristo entro medaglioni e volute. Cifrata "AP" sulla costa. Secolo XIX (cm 9x14x4,5) (g 270) € 200/250 1091 Artista del secolo XVIII "Maria Maddalena" miniatura ovale su avorio (cm 9x7,7) In cornice in ottone (difetti) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 220/240 1092 Composizione a tutto tondo raffigurate una carrozza con cocchiere e tiro a sei in argento sbalzato e cesellato. Punzoni di Chester, inizio secolo XX (cm 25x5,3x4,7) (g 265) In custodia originale dell'Argenteria Broggi di Milano € 150/180 1093 Alla maniera di Giovanni Francesco Barbieri, detto il "Guercino", secolo XIX Madonna in preghiera Olio su tavola, cm 33,5x26,5 Al verso iscritto "B" ed etichetta con numero "34" (difetti e restauri) € 300/400 1094 Manifatura francese, Jacob Petit. Servizio da tè in porcellana policroma a fiori e dorature composto da undici tazze con piattini, teiera, zuccheriera e lattiera (difetti e sbeccature) € 400/500

1095 Gruppo di dodici piattini da pane in argento a bordo mistilineo e scanalato. Titolo 800, Alessandria. Argentiere Pietrasanta Gianni & C. Uniti ad un altro di diversa misura di simil decoro, titolato 800 (d. cm 16; d. cm 14,5) (g 1300) € 550/600 1096 Scuola del secolo XIX "La Poesia da Carlo Dolci" acquerello su pergamena rotonda (d. cm 7) In cornice in bronzo cesellato a motivi concatenati € 350/400 1097 Centrotavola biansato in argento di forma sagomata, anse a forma di foglia e fregi a motivo di conchiglia, piedini a ricciolo. Titolo 800 (cm 42x20) (g 750 ca) (lievi difetti) € 320/350 1098 Versatoio con piatto in argento martellato, profili cordonati. Titolo 800. Argentiere Passoni (h. cm 23) (g 900) (lievi difetti) € 450/500 1099 Domenico Ventura (Macerata 1812  Roma 1896)  "Ritratto di gentiluomo" miniatura ovale su avorio (cm 9x7) Firmata a sinistra. In cornice ebanizzata Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 330/350 1100 Spargizucchero in argento sbalzato a fiori e foglie. Londra 1888. Horace Woodward & Co  Edgar Finley & Hugh Taylor (h. cm 22) (g 240) € 350/400 1101 Gaspare Betoldi (Como 1778  Milano 1824)  "Ritratto di gentiluomo" miniatura tonda su avorio (d. cm 7) Firmata a sinistra. In cornice coeva in legno dorato Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 330/350

1102 ANONIMO Grande orologio musicale a scheletro in ottone. Ambito inglese Epoca fine XIX inizio XX Secolo. La struttura si divide in due parti fondamentali: quella alta per il movimento dell’orologio mentre quella bassa racchiude la meccanica della suoneria tradizionale e quella musicale. Quadrante a fascia argentata con cifre romane per le ore e arabi per i minuti. Movimento a cinque treni di cui uno deputato al tempo e gli altri quattro alle suonerie a cilindro su campanelli. In teca di legno e vetro. Misure h. cm 90 (difetti e sostituzioni) Si tratta sicuramente di un orologio costruito in maniera molto ingegnosa da una figura che probabilmente non esercitava la professione di orologiaio o addirittura da uno studente di qualche scuola di orologeria che presentava un saggio dei suoi progressi € 800/1.200 1103 Coppa pompeiana in argento decorata in rilievo a foglie, bacche e motivi stilizzati. Titolo 800 (h. cm 16) (g 720) € 350/400 1104 Scuola del secolo XIX "Ritratto di dama con velo bianco" miniatura ovale (cm 8x6) In cornice in argento e cabochon in turchese (difetti) € 330/350 1105 Centrotavola in argento decorato a bugnature e motivi stilizzati incisi. Anse sagomate. Punzoni di difficile lettura (cm 34x14,5x18,7) (g 800) € 550/600 1106 Zuppiera con coperchio in argento sbalzato a racemi e fiori, piedi ad artiglio che sorregge sfera. Titolo 925 (cm 27,7x16x23,5) (g 1530) € 550/600


1107 Maestro del secolo XIX "Ritratto di gentiluomo con giacca blu" miniatura ovale su avorio (cm 6x4,5) In cornice in ottone Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 330/350 1108 ANONIMO Pendola in bronzo dorato e patinato. Francia epoca 1830 circa Cassa finemente decorata da figura materna nell’atto di proteggere il figlio. Movimento settimanale con suoneria delle ore e mezze su campanello. Quadrante in metallo argentato con numeri romani e lancette modello "Breguet". Misure h. cm 44 (difetti) € 600/800 1109 Maestro dell'inizio del secolo XIX, ambito di Peter Ernst Rockstuhl "Ritratto di giovane donna di profilo"miniatura ovale su avorio (cm 5x4) In cornice Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 330/350 1110 Caffettiera in argento sbalzato a ghirlande e motivi vegetali, ansa mossa con ghiere in avorio e presa del coperchio a trottola, versatoio decorato a valva di conchiglia. Punzoni di Chester, secolo XIX (h. cm 27) (g 1000) (difetti e restauri) Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 400/450 1111 Legumiera di forma quadrata con coperchio e piatto in argento a corpo liscio con bordo scanalato. Titolo 800. Argentiere Ricci & C. S.p.a. (piatto cm 24x24) (g 1046) € 400/450

1112 Scuola del secolo XIX "Ritratto di dama" miniatura ovale su avorio (cm 8x6) In cornice in legno e pastiglia dorata Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 330/350 1113 Lotto composto da un portasigarette in argento decorato a scena di genere sul coperchio, Hanau, inizio secolo XX ed un bauletto con interno vermeille inciso Marquez, Lisbona (g 650) (difetti) € 400/500 1114 Calamaio in porcellana decorata in policromia a guisa di figure orientali (h. cm 9) Secolo XIX (difetti e restauri) € 420/440 1115 Teiera in argento a corpo sbalzato a fiori e inciso a stemma coronato tra due leoni. Presa mossa. Francia, secolo XIX. Argentiere non identificato (h. cm 26) (g 750) € 350/400 1116 Coppia di alzate in argento con coppe baccellate poggianti su basi polilobate. Punzoni di San Marco. Argentiere "FS", secolo XIX (cm 22,5x8,7x12,7) (g 660) € 300/350 1117 Scuola dell'Italia settentrionale, secolo XVII "Ritratto di gentildonna con collana di perle" olio su rame (cm 6,6x5) (difetti) € 330/350 1118 Porta cruet in argento di forma mossa con presa ad anello cesellato a volute, piedi mossi, bottiglie in vetro. Goldsmith and silversmith Company, Londra 1923 (g 585) € 280/300

1119 Monogrammista G.P., secolo XVIII/XIX "Ritratto del musicista Luigi Cherubini" miniatura tonda su avorio (d. cm 5,5) Inscritta e siglata sul cartoncino al retro. In cornice coeva in avorio Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 330/350 1120 Sotirio Bulgari (?) "Vedovella" scultura in argento a tutto tondo. Firmata S. Bulgari "P.A." alla base (h. cm 20) (g 900) € 330/350 1121 Calamaio in rovere ad un cassetto nella fascia, porta vaschette in forma di mostro marino con code in corno di montone, finali e teste in bronzo dorato, contenitori in vetro (cm 44x33x36) (difetti) € 350/400 1122 Zuccheriera biansata in argento a corpo polilobato, bordo e base cesellati a conchiglie, fiori, frutta e volute, presa del coperchio cesellata a foglie e fiore in rilievo, interno in vermeille. Punzoni LombardoVeneto, secolo XIX (h cm 20) (gr 450) (difetti) € 350/400 1123 Tovaglia in organza di cotone rosa, bordata da bisso di cotone bianco ricamata con applicazioni di tessuto e ricami bombati in cotone lucido a formare delle ghirlande di tralci d'uva con foglie e fiori. Secolo XX (cm 256x168) (lievi difetti) € 330/360 1124 Scuola francese della fine del secolo XVIII "Ritratto di ragazza con scialle rosso" miniatura tonda su avorio (d. cm 5,5) In cornice ebanizzata Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 330/350


IL PONTE CASA D’ASTE

1125 ANONIMO Meccanismo di orologio da torretta in ferro e ottone. Movimento a due treni con scappamento ad ancora. Italia del Nord, Epoca fine XVIII Secolo. Suoneria delle ore con sistema a ruota partiore con ribotta. Al movimento sono stati aggiunti un quadrante e una campanella in epoca posteriore. Comprensivo di pendolo, cavalletto in ferro e chiave di carica. Misure del solo movimento h. cm 46; h. tot cm 170 (difetti e sostituzioni) € 600/800 1126 NICOLE FRERES (attr.) Scatola musicale in cassa di legno. Svizzera epoca 1840/50 circa. Misure cm 50x12x16 (lievi difetti e sostituzioni) € 500/700 1127 Tessuto copritavolo, ricamo in fili d'argento e d'oro su velluto di seta color rubino, India islamica, secolo XIX (cm 113x111) (difetti) € 450/500 1128 Jean Baptiste Massè (Parigi 1687  1767)  "Ritratto di mademoiselle de Charolais" miniatura ovale su avorio (cm 5x4)

184 185

1131 Da Donatello, scultura equestre in bronzo di Erasmo da Narni detto il Gattamelata (h. cm 19) su base lastronata in marmo, etichetta "Il Gattamelata  Donatello 1453" € 420/440 1132 DEVON CLOCK’S - (attr.) Orologio con tellurio (orrery) e sfera armillare in ottone dorato e acciaio su piedistallo in legno di mogano. Nella parte inferiore è presente il movimento del tempo che indica le ore e i minuti su due quadranti argentati ad anello scorrevole. Nella parte superiore si trova il meccanismo del tellurio che indica in maniera dinamica il sistema solare con sette pianeti rapportati al sole al centro. I movimenti di rivoluzione esplicati sono quelli della terra: 365 giorni. Mercurio: 87 giorni Venere: 229 giorni Marte: 689 giorni Giove: 4339 Saturno 29 anni e mezzo. Il complicato sistema planetario è racchiuso in una sfera armillare incisa con il calendario dei mesi ed i segni zodiacali. Inghilterra anni 80’ del XX Secolo Misure h. cm 44 (difetti) € 800/1.000

Provenienza: Christie's, Ginevra, 10 maggio 1988, lotto 221

1133 Vassoio biansato in argento liscio a bordo mistilineo scanalato, anse a volute. Titolo 800. Argentiere Cuppini (cm 59x39,5) (g 1600) € 650/700

Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 330/350

1134 Maestro del secolo XIX "Ritratto di gentildonna" miniatura ovale su avorio (cm 14x9,5) In cornice in bronzo cesellato a fiori

1129 JOSEPH BRUMER IN WIEN Pendola in legno di forma architettonica raffigurante "la fonte". Austria inizio XIX Secolo Quadrante in smalto bianco a cifre arabe. Movimento a tre treni con suoneria delle ore e dei quarti su campanelli Misure h. cm 58 (difetti e sostituzioni) € 400/500 1130 Coppia di candelabri a quattro fiamme in bronzo decorato a smalti policromi all'orientale con fiori e volute. Pinnacoli a cigno e basi squadrate sorrette da teste di elefanti. Francia, secolo XIX/XX (h. cm 44,5) € 350/400

Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 450/500 1135 Antico altorilievo in alabastro raffigurante Fabiano I, montato su pannello ovale in porfido inciso con il nome dell'effigiato (cm 8x6) (difetti) € 330/350

1136 Poltrona in noce intagliato di forma mossa, schienale sormontato da conchiglia traforata, braccioli terminanti a ricciolo, gambe sagomate, piedi ferini. Secolo XVIII (cm 88x143x49) (difetti e restauri) € 330/350 1137 Servizio da tè e caffè in argento a corpo liscio, prese dei coperchi a trottola. Alessandria 1940 ca. Argentiere Ricci (g 670) € 450/500 1138 ANONIMO Orologio musicale da appoggio con cassa in legno di forma parallelepipeda. Mostra in lamiera dipinta suddivisa in cinque quadranti, una finestra traforata ed un automa nella parte superiore. Quadrante principale a cifre romane. Quadrante in alto a sinistra per la selezione della suoneria. Quadrante in alto a destra per la regolazione del tempo. Quadrante in basso a sinistra per la selezione del carillon a cilindro a 8 campane regolato da una valvola di Watt. Quadrante in basso a destra per la velocità di esecuzione delle arie. Nella parte inferiore della cassa è presente un vano dove sono raccolti i vari cilindri intercambiabili del carillon. L’orologio è costituito da parti del XIX e XX Secolo. Misure h. cm 73 (difetti) € 500/600 1139 Maestro del secolo XIX "Ritratto di uomo in giacca blu" miniatura ovale (cm 7,5x6) (restauri) € 330/350 1140 Servizio da toilette in lamina d'argento sterling decorato con stemma comitale, composto da tre spazzole e un pettine, specchio, calzascarpe e tiralacci. Titolo 925 (difetti) € 330/350 1141 Centrotavola di forma circolare a bordo mistilineo in argento sbalzato a spirale. Titolo 800 (h. cm 8,5 x d. cm 30,5) (g 830) € 330/350


1142 Legumiera biansata con coperchio in argento, interni in vermeille, piedi a ricciolo. Titolo 800 (cm 29,5x8,5x16,5) (g 850) € 450/500

1149 Coppia di candelieri in argento con fusto a colonna scanalata, base circolare. Secolo XIX (h. cm 33) (g lordi 1500) (difetti) € 450/500

1143 Maestro della prima metà del secolo XIX "Ritratto di Capitano di cavalleria del Regno di Francia e manovre militari nel paesaggio" miniatura ovale su avorio (cm 7x6) In cornice in bronzo

1150 Scuola del secolo XIX

Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 330/350 1144 Coppia di candelieri in argento con fusto scanalato e base quadrata incisa "SB 1792", timbrati Römer sulla base. Argentiere Philipp Friedrich Bruglocher, Augsburg, fine secolo XVIII inizio secolo XIX (h. cm 21,5) (g lordi 700) € 330/350 1145 Alcime Tournant (Secolo XIX)  "Ritratto di dama dagli occhi azzurri 1839" miniatura ovale su avorio (cm 10x8) Firmata e datata ai lati. In cornice Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 330/350 1146 Zuppiera biansata in argento costolato e decorata a torchon. Anse cesellate a volute e motivi fioriti. Presa del coperchio a mazzo di fiori in rilievo. Titolo 800, Milano (cm 30x27) (g 1170) € 450/500 1147 Dodici lavadita in argento sbalzato a bordo mistilineo. Titolo 800, Alessandria. Argentiere Pietrasanta Gianni & C. (h. cm 4,5 x d. cm 12) (g 1050) € 450/500 1148 Shaker in argento con cockatails e ingredienti incisi. Argentiere Miracoli (h. cm 22,5) (g 560) € 420/440

Venezia, veduta della Punta della Dogana Olio su tela, cm 38x62 In cornice (difetti) € 900/1.000 1151 Scuola del secolo XIX Venezia, veduta della chiesa di San Simeon Piccolo Olio su tela, cm 38,5x61,5 In cornice (difetti) € 900/1.000 1152 Scuola napoletana del secolo XVII Martirio di San Bartolomeo (copia da Mattia Preti); Martirio di San Sebastiano Coppia di dipinti ad olio su tela, cm 55,5x57,5; cm 55x58 In cornici (difetti e restauri) € 2.200/2.800 1153 ALESSANDRO COLUZZI ROMA Orologio a lanterna a torre in cassa di legno marmorizzato e mosso sulla sommità. Roma metà XVIII Secolo Mostra in ottone inciso con quadrante firmato in "sei" a numeri romani per le ore e arabi per i minuti. Movimento in ottone e ferro con montanti a base quadrata e pinnacoli a due treni con pendolo corto, scappamento a verga e suoneria variabile delle ore e quarti su due campane situate sulla sommità della cassa. Misure h. cm 278 (difetti) € 1.000/1.500

1154 PAILLARD, VAUCHER, FILS Scatola musicale modello "Sublimette piccolo Zither" in cassa di legno. Svizzera 1880 circa. Movimento a cilindro in ottone e acciaio a due bariletti con lamelle, tamburello, 6 campanelli e "Zither" selezionabile. Sul coperchio è conservato il cartiglio indicante le 8 diverse arie musicali, le quali sono anche numerate su un indicatore dinamico. Misure cm 66x27x35 (lievi difetti) Il modello, oltre che il tamburello e i campanelli racchiude altre tre caratteristiche: "Sublimette" (che nei toni medi crea un leggero battimento), "Piccolo" (che fornisce saltuariamente enfasi grazie alle note più acute che risultano pungenti) e "Zither" (che cambia il timbro del suono grazie ad una striscia di carta che si appoggia sulle lamelle) € 800/1.000 1155 Scuola romana del secolo XVII San Pietro Olio su tela, cm 74x59 In cornice intagliata (difetti e restauri) € 1.000/1.200 1156 Centrotavola in argento a bordo mistilineo, inciso e traforato a motivi fogliati, piedi a rocaille. Titolo 800, punzone dell'argentiere abraso (cm 35x9x23) (g 700) (lievi difetti) € 450/500 1157 Scuola lombarda dell'inizio del secolo XVIII Ritratto di prelato Olio su tela, cm 34x29 (difetti e restauri)

€ 800/1.000


186 187

IL PONTE CASA D’ASTE

1158 ANONIMO Grande pendola in bronzo dorato e patinato e marmo raffigurante l’Allegoria del Progresso. Francia ultimo quarto XIX Secolo La cassa, poggiante su piedistallo in legno di forma mossa, rappresenta una figura femminile trionfante e assisa, che poggia una mano sul globo terrestre e nell’altra sostiene una locomotiva a vapore alludendo ai fasti del progresso tecnologico. Quadrante in smalto bianco con cifre romane e lancette modello "Breguet". Movimento settimanale a due treni con suoneria delle ore e mezze su campanello con ruota partiore. Misure h. cm 63 (difetti) € 1.000/1.500 1159 Vassoio in argento a bordo mistilineo cordonato. Titolo 800 (cm 42x31) (g 1290) € 550/600 1160 Bambocciante attivo a Roma, secolo XVIII  XIX Scena all'aperto con giocatori di carte Olio su tavola, cm 47,5x39 (difetti e restauri) € 800/1.000 1161 Scuola dell'Italia centrale del secolo XVII, da Marcello Venusti Sacra Famiglia Olio su tela, cm 88x74 In cornice (difetti e restauri)

€ 600/800

1162 Lotto composto da tre centrotavola in argento di diversa forma e dimensione. Epoche differenti (g 1600) € 900/1.000 1163 Scuola veneta del secolo XVII Matrimonio mistico di Santa Caterina d'Alessandria Olio su tela, cm 48x60 In cornice dorata (difetti e restauri) € 1.600/1.700

1164 Scuola veneta della fine del secolo XVIII Ritratto di giovane donna con cesta di fiori Olio su tela, cm 52x39 In cornice (difetti e restauri) € 700/800 1165 Divano in legno scolpito e dorato, braccioli retti da polene, rivestito da velluto verde a motivi floreali. Secolo XIX (cm 205x144x70) (lievi difetti) € 500/600 1166 Coppia di poltrone in legno scolpito e dorato, braccioli retti da polene. Secolo XIX (cm 79x132x66) (difetti) € 450/500 1167 Scuola romana del secolo XVIII Compianto su Cristo morto Olio su tela, cm 105x144 In cornice (difetti e restauri)

€ 900/1.000

1168 Gruppo di sei sedie in legno scolpito e dorato, gambe mosse, rivestite da velluto verde a motivi floreali. Secolo XIX (difetti) € 450/500 1169 Scuola veneta del secolo XVII, da Paolo Veronese Il ripudio di Vasti Olio su tela, cm 92x73 In cornice (difetti e restauri)

1172 Lorne McKean (Hindhead 1939)  Scultura in argento a tutto tondo raffigurante cavallo (h. cm 12) (g 600) € 330/350 1173 Cruet stand in argento con base sorretta da piedi ferini, traforata e decorata a mascheroni che sorreggono ghirlande. Presa ad anello con stemma nobiliare inciso. Due ampolle in vetro, saliera, pepiera e spargizucchero in argento sbalzato e traforato. Punzoni di Londra, 1773. Argentiere non identificato "TIDD" (g netti 1050) (cm 18x27,7x15,5) (difetti) € 850/900 1174 Scatola in bronzo di forma ovale incisa a fiori e ghirlande. Coperchio decorato da miniatura con mezzobusto femminile entro cornice in finti brillantini. Secolo XVIII (cm 8x4x4,5) € 650/700 1175 Cartagloria di forma mossa in bronzo decorato a volute e cesellato a teste di cherubini. Secolo XIX (cm 30x25) € 350/400 1176 Coppia di candelieri in argento decorati a ghirlande e festoni. Londra 1926. Argentiere Ellis Jacob Greenberg (h. cm 30,5) (g lordi 3170) € 450/500 1177 Scuola dell'Italia settentrionale, secolo XIX

€ 1.600/1.800

1170 Poltrona "Savonarola" intarsiata in madreperla, schienale curvo con cartella intagliata, braccioli terminanti a teste di cigno. Fine secolo XIX inizio secolo XX (difetti) € 400/500 1171 Tavolino con piano sagomato, sostegno a colonna e gambe mosse. Lombardia, secolo XVII (cm 64x83x49) (difetti) € 450/500

Paesaggio lacustre con figure Olio su tavola, cm 15,5x19,5 (restauri)

€ 200/300


7° TORNATA Venerdì 23 aprile 2021 ore 15.30 dal lotto 1178 al lotto 1305


IL PONTE CASA D’ASTE

188 189

UNA SELEZIONE DI BENI PROVENIENTI DALLA COLLEZIONE PHILIPPE DAVERIO

Nell'approcciarsi alla collezione Daverio occorre distaccarsi da qualunque idea tradizionale di collezione. Essa non presenta opere d'arte nel senso più comune del termine, ma creazioni umane la cui essenza è l'estrosità, vagliata attraverso la lente di un fine e originale osservatore. La collezione Daverio è l’onda anomala della sua enorme cultura, è l'eccezione che conferma la regola: i beni che ha raccolto e selezionato non rappresentano il manifesto di un’epoca, la poetica di un maestro, di una corrente, non sono l'investimento economico di un precursore e profeta. A Philippe Daverio non interessava costruire una collezione personale, quanto personalizzare una collezione: la più esaltante, pirotecnica, insolita testimonianza di quanto riesce ad essere insolito, curioso ed eclettico l’animo umano. Chi cercasse la tela del grande artista scoperto da lui, la scultura omaggiatagli quale critico e conoscitore, l’oggetto-culto simbolo di un’attitudine al bello, si smarrirà in un labirinto di specchi. Possedere un oggetto di Philippe Daverio significa possedere una parte della sua curiosità infinita, condividerne il sorriso ammiccante, sorprendere amici e conoscenti con invenzioni stravaganti che diventano arredamento e parte di un quotidiano non convenzionale. Ed allora ecco l’autoritratto racchiuso in una cornice provocatoria o quello di “Caterina di Russia” trasformata dall’artista Patrizia Medail in nobildonna-orso così carico di simbologia, il flipper anni ‘50 nel centro del salotto, l'automobile in bronzo, la scultura-ragnatela che intrappola schegge deformi, vasi multicolori dalle fogge antiche e moderne. Spaziando da oriente ad occidente, girovagando in un tempo dilatato e indefinito l’animo eternamente bambino di Philippe Daverio trovava il suo appagamento. Egli ha preservato quel fanciullino pascoliano, in cui la capacità di divertirsi è andata a braccetto con la spontaneità del raccontare e del dondolarsi divertito sull’altalena della vita. Ogni oggetto in catalogo è così lontano dall’ordinario concetto di perfezione e di bellezza, eppure così vicino alle infinite sfaccettature dell'icasticità, da risultare quasi un manuale di psicologia, scevro da qualsiasi giudizio, ma carico di quello sguardo sognante e stupefatto di bambino di fronte alla inaspettata e inattesa magia del prestigiatore-artista.


1178 Lotto composto da due composizioni con tessere di vetro (cm 30x30 cad.) e due ritratti di Daverio: Panciroli "Ritratto di Philippe Daverio" 2006, tecnica mista su tela. Firmato e datato in basso a destra (cm 35x45) Carmelo Nino Trovato "Ritratto di Philippe Daverio" 2012, tecnica mista su tavola. Firmato e datato in basso a sinistra. Firmato, datato e titolato al retro (cm 50x70) € 30/50 1179 Riproduzione della scultura in acciaio "Aloe 164" di Giacomo Balla (h. cm 25,5) € 100/120 1180 Remo Bianco (Milano 1922  1988)  Scatola in porcellana smaltata in blu e oro. Esecuzione Rosenthal, Germania, 1986. Multiplo marcato, firmato e numerato 253/500 sotto la base (cm 16x5,5x10) € 60/90 1181 N.B. "Senza titolo" scultura in marmo bianco. Siglata e numerata 15/20 (cm 8x8x8) In scatola "White ST" € 80/100 1182 Ignoto "Senza titolo" stampa su tessuto. Siglata in basso a destra (cm 158x84) In cornice € 60/80 1183 Bruno Bordoli (Porlezza 1943)  "Natura morta con cranio, insetto e sei candele" 2010, olio su tela. Siglato e datato in basso a destra, etichetta autografa al retro (cm 30x40) In cornice € 120/140 1184 Gaetano Pesce (La Spezia 1939)  Centrotavola modello "Papavero" della serie "Edizioni del Pesce". Produzione Meritalia, Como, anni '90/2000. Resina rossa e nera. (h. cm 12 x d. cm 58) (lievi difetti) € 90/100 1185 Seguso Vetri d'Arte  Vaso in vetro soffiato trasparente grigino con corpo bulbiforme a rilievi irregolari e superficie esterna iridata. Murano, anni '50. Forma compatibile con i modelli 8835, 9546, 9743, lavorazione superficiale analoga ai modelli 1381413821 (h. cm 23,5) Bibliografia M. Heiremans, Seguso Vetri d'Arte. Glass Objects from Murano (19321973), Arnoldsche, Stuttgart 2014, pp. 126, 135, 139, 168, 169, 293, 337 € 400/500

1186 Ignoto "Senza titolo" 2002 scultura in marmo nero (h. cm 62) Siglata PN e datata sotto la base € 120/140 1187 Paolo Anselmo (Savona 1961)  "Pesce" scultura in ceramica policroma sotto vetrina. Albisola, anni '90 (cm 42x35x72) (difetti) € 300/400 1188 Armando Riva (San Floriano 1947)  "Automobile" 2004, scultura in bronzo dipinto. Firmata e datata sulla ruota posteriore destra (cm 45x80x145 circa) (lievi difetti) € 250/300 1189 SEEBURG Jukebox modello L100 "selectomatic" del 1957 con dischi da 45 giri. Il modello è stato prodotto in circa 9500 esemplari. Misure cm 78x135x67 Peso 122 kg (difetti e mancanze) € 300/350 1190 Michal "Senza titolo" scultura in terracotta. Firmata e datata 19/4/06 all'interno (h. cm 34) (difetti) € 120/130 1191 Sergio Dangelo (Milano 1932)  "Bautang and song" 1980 scultura in legno e materiali diversi. Firmata, titolata e datata 1980 due volte (cm 32x32x26 circa) (difetti) € 350/400 1192 Manifattura francese  Grande lampada da terra di forma cilindrica in ceramica decorata a rilievi geometrici e smaltata in bianco craquele. Anni '50. Firma indecifrata sotto la base (h. cm 90) (difetti e restauri) € 350/400 1193 Riedizione della poltrona modello "Barcelona" disegnata da Ludwig Mies van der Rohe. Italia, anni '70. Acciaio cromato, vinilpelle nera e cuoio artificiale (cm 67x72x78) (difetti e mancanze) € 220/250 1194 Giorgio Milani (Piacenza 1946)  "Claude Debussy  reflets dans l'eau" 2010 assemblaggio di fregi e caratteri tipografici di legno (cm 94x94) In cornice (lievi difetti) Bibliografia: Giorgio Milani Il libro delle lettere, a cura di Philippe Daverio, Edizioni Skira  pag. 175 € 250/300

1195 Montagna in giada scolpita con pescatore su imbarcazione tra motivi vegetali, base in legno (lievi difetti) Cina, secolo XX (h. 25 cm.) € 200/250 1196 Poltroncina girevole in rovere, seduta regolabile, gambe mosse. Inizio secolo XX € 120/140 1197 Kimono in seta operata ricamata in seta e fili di metallo dorato, Giappone, secolo XX. Decoro floreale nei toni del rosso, rosa e grigio su fondo bianco. (Difetti) € 180/200 1198 Manifattura di Murano  "Pianta grassa" scultura in vetro pulegoso blu opaco iridato sulla superficie esterna. Anni '90ca. (h. cm 28) (gravi difetti e mancanze) € 80/100 1199 Scatola déco a due scomparti in legno e metallo nichelato con prese a forma di farfalle in fusione metallica e smalti policromi. Francia, 1925ca. (cm 27x5x19) (lievi difetti) € 180/200 1200 Ugo Sterpini (Roma 1927  Cavriago 2000)  "Tv" 1954 tecnica mista su carta. Siglato e datato 1954 a destra. Firmato al retro (cm 100x69,5) In cornice (difetti) € 120/140 1201 Silvano Signoretto  "Arlecchino" scultura in vetro soffiato incolore e murrine policrome con applicazione di foglia d'oro e inserti in pasta vitrea nera lattimo. Murano, anni '90/2000. Firmata a punta sotto la base (h. cm 33,5) (difetti e piccole mancanze) € 180/200 1202 Arturo Bonfanti (Bergamo 1905  1978)  "Lane" bozzetto non finito per pubblicità, olio su compensato. Firmato in alto a sinistra (cm 99,7x69,4) In cornice (difetti) € 120/140 1203 Melvin Anderson (Aruba 1944)  Maschera/scultura in vetro sommerso incolore verde, ametista e a canne nere e lattimo. Amsterdam, 2005. Iscritta a punta sotto la base "melvin anderson amsterdam 2005" (cm 34x22) (lievi difetti) € 200/400 1204 Urano Palma (Varese 1936)  "Senza titolo" scultura in legno (cm 5x35x8) € 120/140


190 191

IL PONTE CASA D’ASTE

1205 Silvano Signoretto  Vaso in vetro soffiato ametista scuro trasparente a forma di teschio. Murano, anni 2000. Firmato a punta sotto la base (h. cm 15) € 110/120

1214 Max Marra (1950)  "Cosmos d'oriente" 2006 tecnica mista su tela. Firmata, datata, titolata al retro (cm 33,5x23). In cornice (lievi difetti)

1206 Daniel Spoerri (Galati 1930)  "Watching Napoleon" scultura in bronzo. Firmata e numerata 23/35 sotto la base (h. cm 17,5)

Parere verbale di autenticità rilasciato dall'artista € 120/130

€ 180/200 1207 Ettore Sottsass (Innsbruck 1917  Milano 2007)  Fermacarte in vetro di Murano massello ambra soffiato in stampo e con inclusione di foglia d'oro. Produzione Cenedese per Artenoma, 2003. Edizione limitata di 550 esemplari. Marca incisa a getto di sabbia (h. cm 7 x d. cm 8) € 110/120 1208 Paolo Anselmo (Savona 1961)  "Appoggia Cappelli" ceramica graffita e smaltata in policromia. Albisola, 2005. Firmata, titolata, datata e locata al verso. Dedicata a Philippe Daverio dalla Galleria Blanchaert (cm 12x16x10,5) € 80/100

1215 Banchetto per la trasmissione Rai "Il Capitale" (cm 84x95x60) € 240/250 1216 Vaso a bottiglia sangue di bue Cina, secolo XX (h. 47 cm.)

€ 220/260

1217 Armando Riva (San Floriano 1947)  "Il riso in bocca" potiche/scultura in ghisa rivestita in cemento modellato a rilievo e dipinto in azzurro, rosso, celeste, verde, giallo su fondo beige. Biella, 2009. Firmata e datata alla base (h. cm 54 x d. cm 35) (lievi difetti) € 100/300

1209 Seguso Vetri d'Arte  Calamaio in vetro massello incolore e ottone modello numero 6512. Murano, 1940. Recante etichetta cartacea originale (h. cm 11)

1218 Biliardino elettrico modello "Subway". Produzione D. Gottlieb & Co, USA, anni '70. (cm 66x177x134) (difetti e mancanze) € 550/600

Bibliografia M. Heiremans, Seguso vetri d'arte. Glass Object from Murano (19321973), Arnoldsche, Stuttgart 2014, p. 104

1219 Lampada navale con stemma in metallo cromato (cm 43) € 120/140

€ 110/120

1220 Gaetano Pesce (La Spezia 1939)  Vaso tripode modello "Amazzonia". Produzione Fish Design, anni '90/2000. Resina flessibile nera, blu, rossa, gialla. Marchio e firma impresse nella resina (h. cm 35,5) (difetti) € 120/150 1221 Vaso a balaustro con invetriatura flambè Cina, secolo XX (h. 38 cm.) € 220/260 1222 Arte africana. Coppia di sculture in legno intagliato raffiguranti scimmie con volti laccati (h. 84 cm.)(lievi difetti) € 180/200 1223 Poltrona "Pavone" in midollo e scortecciato di giunco. Produzione orientale. Secolo XX (cm 100x144x65) (difetti) € 220/250 1224 Luminator in ottone nichelato, fusto a sezione ottagonale. Italia, 1930ca. (h. cm 175) (difetti) € 220/250 1225 Armando Riva (San Floriano 1947)  "Senza titolo" scultura in materiali diversi (cm 90x250x60 circa) € 250/300 1226 Arte Africana, strumento a corde in legno (h. 140 cm.) (difetti) € 100/200

1210 Manifattura di Murano  Vaso a tromba in vetro soffiato rosso trasparente. Iscritto a punta sotto la base "Vaso Andrée 35/100 Blanchaert 2008" (h. cm 46) € 220/250 1211 Maria Lola Bueno (1970)  "Kalì rossa" 19972001 olio su tela. Siglato in basso a sinistra. Firmato, titolato e datato 972001 al retro (cm 55x45) (lievi difetti) € 120/150 1212 Manifattura di Murano  Vaso a morise con corpo globulare e collo a balaustro in vetro pulegoso bianco. Secolo XX (h. cm 27,5) (difetti) € 120/150 1213 Manifattura austriaca  Vasetto portapenne di forma parallelepipeda in cristallo nero e incolore inciso alla piccola mola con motivo geometrico a riquadri di gusto Wiener Secession. 1900ca. (h. cm 14) (lievi difetti) € 110/120

1218


1227 Manifattura di Murano  "Pianta grassa" scultura in vetro pulegoso blu scuro opaco fortemente iridato sulla superficie esterna. Anni '90ca. Recante due etichette adesive Venini sul fusto e sotto la base (h. cm 32) € 450/500

1228 Placca in porcellana a soggetto erotico datata 1917, in cornice Cina, secolo XX (30,5x21 cm.) € 350/400

1229 Figura di saggio assiso reggente manoscritto in legno laccato, con tracce di doratura (lievi difetti) Cina, secolo XIX (h. 86 cm.) € 600/800

1230 Credenza Liberty a doppio corpo in legno. Parte inferiore a due cassetti sottopiano e due sportelli decorati da motivo fiorito, parte superiore ad alzata centrata da specchio, montanti intagliati con papaveri, due vani laterali e due ante con risguardi in vetro molato. Guarnizioni e maniglieria in ottone (cm 152x201x61) (difetti) € 450/500

1231 Manifattura di Murano  "Pianta grassa" scultura in vetro pulegoso blu opaco. Anni '90ca. Recante due etichette adesive Venini sul fusto e sotto la base (h. cm 29)

1233 Poltrona imbottita di forma sferoidale rivestita in velluto grigio e bordeaux. Gambe troncoconiche con puntali in ottone. Italia, anni '50 (cm 90x80x85) (lievi difetti) € 500/600

1234 Ophrah Shemesh (Haifa 1952)  "Senza titolo" olio su tela (cm 243,5x122) (lievi difetti) € 550/600

1235 Massimo Micheluzzi (Venezia 1957)  Vaso soliflore a corpo schiacciato tondeggiante in vetro calcedonio screziato in verde, bruno e bianco. Murano, 2004. Firmato e datato a punta sotto la base "Massimo Micheluzzi Murano 2004" e recante lacerti di etichetta cartacea della Galleria Blanchaert di Milano (h. cm 27) € 600/800

1239 Baule in legno contenente le varie suppellettili di una cucina da campo. Oggetti simili facevano parte dei corredi di generali o ammiragli, utilizzati durante le campagne milirati. Italia, prima metà secolo XX (cm 70x56,5x37) (difetti e mancanze) € 450/500

1240 Manifattura di Boemia  Vaso in vetro verdino trasparente con corpo costolato a festoni e tre gocce applicate in vetro arancione fortemente iridato sulla superficie esterna. Austria, anni '20 (h. cm 22) € 300/500

1241 Scrittoio da centro a un cassetto sottopiano e otto nei montanti, fasce intarsiate a motivi geometrici, piano in pelle impressa (cm 80x80x46) € 550/600

1236 Ophrah Shemesh (Haifa 1952)  "Senza titolo" olio su tela (cm 153x183,5) (difetti) € 500/600

1242 Roberto Mangu (1948)  "Tempio" 1991 olio su tela. Firmato, titolato e datato 1991 al retro (cm 70x50) (difetti) € 250/300

1237 Gueridon Art Déco impiallacciato in legno macassar e legni diversi con piano e gamba centrale a sezione ottagonale e intarsio raffigurante fiori e foglie geometrizzate. Francia, 1925ca. (cm 65x71,5x65) (difetti e piccoli restauri)

1243 Cracking Art Group  "Daverio Frozen Sex Portrait" 2004 materiali plastici. Firmata, titolata e datata 2004 al retro (cm 69x69) (difetti)

€ 500/600

Parere verbale di autenticità rilasciato da Cracking Art Group € 250/300

€ 450/500

1232 Manifattura di Murano  Vaso biansato in vetro soffiato pagliesco trasparente con corpo a leggere costolature spiraliformi. Anni '30 (h. cm 33,5) (difetti) € 450/500

1238 Coppia di poltrone in legno di faggio con schienale a legno di cavallo, parte centrale con rosone intagliato (lievi difetti) Cina, secolo XIX (h. 107 cm.) € 800/1.000

1244 Manifattura di Murano  Vaso biansato in vetro soffiato incamiciato lattimo e pagliesco con applicazione di foglia d'oro. Anse a forma di chiocciola e base applicata a caldo. Seconda metà secolo XX (h. cm 27) € 600/700


IL PONTE CASA D’ASTE

192 193

1227

1228

1229

1230

1231

1232

1233

Particolare 1234

1235


1245 Mobile radio a valvole modello "I.F.92 multigamma". Produzione S.A.IMCA RADIO, Alessandria, anni '30. Radica e legno impiallacciato (cm 90x101,5x56) (difetti, mancante del giradischi) € 450/500

1246 Manifattura di Murano  Vaso biansato in pasta vitrea arancione con anse a forma di foglia, collarino e base applicate a caldo e con applicazione di foglia d'oro. Seconda metà secolo XX (h. cm 22)

1251 Tavolo da disegno con base in ghisa e sgabello estraibile. Fine secolo XIX/inizio secolo XX. Marcato "EPDI" (cm 110x101x75) (lievi difetti e mancanze) € 220/250

1258 Panca da cinema a tre posti con struttura in ferro verniciato nero, sedute pieghevoli in listelli di legno, schienali in similpelle rossa con bordo nero. Italia, anni '50 (cm 165x87) (lievi difetti) € 350/400

1252 Seguso Vetri d'Arte  (attr.) Vaso a collo troncoconico in vetro soffiato verde trasparente corroso sulla superficie esterna. Murano, anni '50 (h. cm 28) € 650/750

1259 Vetrofania con inscrizione dorata "timbri e targhe" (cm 290x55) Inizio secolo XX (difetti) € 250/300

€ 450/600

1247 Claudio Massini (Napoli 1955)  "Senza titolo" 2005 tecnica mista su tela. Firmata, dedicata e datata 2005 al retro (cm 50x25,5) In cornice € 550/600

1248 Ettore Sottsass (Innsbruck 1917  Milano 2007)  "Vaso Calice" Vaso in terracotta smaltata in nero e bianco con figurazioni geometriche. Manifattura Bitossi, Firenze, 1986. Firmato "SOTTSASS 1986" e con marchio della manifattura. Riedizione dell'originale prodotto nel 1959 (h. cm 47) (lievi difetti) Bibliografia F. Ferrari, Sottsass. One Thousand Ceramics, AdArte, Torino 2017, pp. 59, 155, 161 € 700/800

1253 Tavolino in legno riccamente traforato e inciso a volute, aquile bicefale e motivi vegetali, gambe diritte unite da pianetto con al centro stemma visconteo. Piano in marmo fior di pesco (cm 50x76x 30) (difetti e restauri) € 220/250

1254 Ophrah Shemesh (Haifa 1952)  "Senza titolo" olio su tela (cm 183x137) (lievi difetti) € 550/600

1255 Dormeuse in noce di forma mossa con montanti intagliati a motivi stilizzati e riccioli, piedi a cipolla con scarpette in metallo. Secolo XIX (difetti) € 350/400

1260 Studio Ducrot  Credenzino in rovere di forma sagomata a due ante e un cassetto con fascia e fronte intagliati a volatili esotici e animali diversi. Palermo, 1922. Iscrizione di provenienza al retro (cm 130x110x51) (difetti) Provenienza Transatlantico Giulio Cesare come scritto al retro "Sala pranzo Bambini G Cesare prua n.13" Bibliografia E. Sessa, Ducrot. Mobili e arti decorative, Novecento, Palermo 1989, p. 78 € 500/600

1261 Scrittoio richiudibile in rovere, gambe scanalate riunite da traverse tornite, piano in pelle impressa in oro. Inghilterra, secolo XIX (cm 123x76x68, chiuso cm 33x76x68) € 350/400

1249 Paravento da tavolo in legno traforato e centrato da placca in marmo recante iscrizione poetica Cina, secolo XIX (h. 62,5 cm.) € 1.200/1.600

1250 Montagna in giada scolpita con pagode e suonatori di liuto, base in legno Cina, secolo XX (h. 24,5 cm.) € 450/500

1256 Coppia di panchetti in stile neogotico intagliati a rosoni con braccioli mossi, rivestiti in stoffa originale (cm 103x93x58 cadauno) Probabile provenienza casa Toscanini (difetti e mancanze) € 500/600

1257 Psiche da tavolo lastronata con specchio basculante scolpito a rami con ghiande, cimasa con volatile, base sagomata a due cassetti. Foresta Nera, secolo XIX (cm 72x75x30) € 250/300

1262 Mobile contenitore Liberty a quattro ante inframezzate da un ripiano a giorno. Legno massello, impiallacciato e intarsiato con motivi vegetali e zoomorfi in legni chiari parzialmente trattati all'anilina, conformati a linea frusta lungo i fianchetti inferiori, geometrizzati sui fianchi superiori e sul fronte delle ante superiori. Guarnizioni in lamina di ottone lavorata a rilievo con motivi vegetali. Italia, 1905ca. (cm 133x144x52) (difetti e mancanze) € 300/500


IL PONTE CASA D’ASTE

194 195

1245

1246

Particolare 1247

1248

1249

1250

1251

1252

1253


1265 RICH. RAYMENT St. EEDMUNDS BURY Orologio a torre con cassa impiallacciata in radica. Mostra composta da 5 quadranti a fascia argentata. Nella parte bassa vi sono 4 quadranti disposti verticalmente a due a due per lato rispettivamente per il datario, la regolazione dei rintocchi primari, la scelta dell’ aria sul carillon e la selezione di quest’ultimo. Al centro spicca una scultura ad altorilievo di Chronos che sovrasta il cartiglio del "Tempus Fugit". Nella parte superiore, il quadrante a cifre romane per le ore e arabe per i minuti con il cartiglio del costruttore Richard Rayment (16861754) L'orologio segna le ore, i minuti (questi ultimi con una lancetta decorata da una piccola figura di Chronos in bronzo dorato) ed i secondi con lancetta centrale. Inghilterra epoca secondo quarto XVIII Secolo. Movimento a tre treni con suonerie selezionabili su carillon a cilindro da 10 campane e quattro arie. Misure h. cm 240 (lievi difetti) € 3.500/4.500 1266 Mobile porta cucito lastronato in radica a forma sferica, con piano apribile, celante tempietto architettonico e scomparto. Gambe mosse con fregi dorati e piedi caprini poggianti su base sagomata decorata al centro da sfera. Secolo XIX (d. cm 50 x h. cm 105) (difetti) € 2.500/3.000 1267 Gaspare Galeazzi (Pavia 1800  Casale Monferrato 1883)  "Ritratto di Ettore de Sonnaz" busto in marmo bianco (h. cm 72) Firmato al retro (difetti) € 2.000/2.500

1263

1263 Sgranariso in legno laccato e dipinto con scene animate e motivi floreali (lievi difetti) Cina, dinastia Qing (16441911) (140x156x50 cm.) € 1.200/1.600

1264 Ludovico Pogliaghi (Milano 1857  Varese 1950)  (attr.) Stipo di forma architettonica con parte superiore decorata da ringhiera e intarsiata nella parte centrale a figure alate e scene classiche. Fronte a cinque ante di cui due a vetri e quella centrale di froma architettonica con colonne in marmo e capitelli in bronzo dorato decorata da scena classica e celante tiretti. Base con pannelli intarsiati a scene classiche e raffaellesche con colonne intagliate, montanti torniti con capitelli in bronzo dorato (cm 150x225x60) (difetti) € 9.000/10.000

1268 Gruppo di sei sedie in legno laccato azzurro e intagliato, schienale decorato a vaso con rami e fiori, gambe e montanti con capitelli e dettagli dorati (difetti e restauri) Ispirate al modello di Palazzo Reale di Monza € 1.400/1.600 1269 Scultura in legno intagliato policromo raffigurante dignitario (lievi difetti) Cina, secolo XIX (h. 120 cm.) € 800/1.200 1270 Caminiera in legno laccato bianco e intagliato, cimasa centrata da rosone entro volute stilizzate, montanti a colonna tornita a motivi neogotici con al centro animali fantastici. Secolo XIX (cm 130x185) (difetti) € 1.200/1.400


IL PONTE CASA D’ASTE

196 197

1264

1265

1266

1267


1271

1271 Camino di forma architettonica in marmo nero del Belgio, montanti scanalati decorati con applicazioni in bronzo a teste leonine e fregi, architrave con volute fogliate. Decorato al centro con orologio solo tempo, meccanismo a bilanciere, quadrante in marmo nero con cifre romane in ottone traforato. Secolo XIX (cm 230x185x60) (difetti) € 9.000/10.000 1272 Quattro poltrone da centro in legno laccato e dorato con schienale di forma squadrata decorato a rosoni, braccioli mossi intagliati a foglie d'acanto e riccioli, piedi a plinto. Secolo XIX (cm 85x97x57) (difetti) € 3.500/4.000

1273 STEINWAY & SONS Pianoforte verticale modello F da 7 ottave (85 note) con cassa in legno di palissandro finemente intarsiata e decorata. Unito a uno sgabello di epoca successiva. Lo strumento, di costruzione particolarmente raffinata, con numero di matricola 42986, secondo i registri della casa costruttrice, è stato fabbricato nel 1880 presso la sede Steinway di New York ed è stato spedito il 16 Settembre 1880 a Matthias Gray di San Francisco CA. USA. Matthias Gray (Manchester GB. 19 Aprile 1829, San Francisco 24 Marzo 1887) è stato il più famoso editore musicale di San Francisco e, grazie anche ad un contratto di collaborazione con la Steinway, uno dei più noti di tutta la California. Iniziò la sua carriera nel 1851 come impiegato presso il primo negozio di musica di San Francisco, Atwill & Co. Già nel 1858 aprì la sua propria attività, la Matthias Gray Co e nel 1860 rilevò la Atwill & Co. (cm 151x133x73) (lievissimi difetti) € 3.000/4.000

1274 DUBUE JEUNE Pendola di forma architettonica in bronzo dorato e patinato. Cassa raffigurante una chiesa con una scena allegorica legata alla vita contadina. Francia epoca inizio XIX Secolo. Quadrante in smalto bianco a numeri romani. Lancette in ottone dorato finemente incise. Movimento settimanale a due treni con suoneria delle ore e mezze su campanello. Misure h. cm 52 (lievi difetti) L’orologio rappresenta un interessante iconografia che anticipa di molto la corrente Neogotica che invece sarà un tema ricorrente nelle casse degli orologi di alcuni decenni più tardi € 1.800/2.200 1275 Figura di dignitario in legno intagliato e laccato in policromia (difetti) Cina, fine dinastia Qing secolo XIX (h. 113,5 cm.) € 1.000/1.500 1276 Secretaire in mogano a un cassetto e un'anta scanalata celante scarabattolo architettonico, montanti a colonna con capitelli dorati (cm 96x146x64) Secolo XIX (difetti) € 900/1.000


IL PONTE CASA D’ASTE

198 199

1272

1273

1274


1277

1278

1277 Tavolo di forma mossa in stile "Boulle" in legno ebanizzato, intarsiato e lastronato a finta tartaruga e ottone a volute e fiori, un cassetto sottopiano, fascia e gambe decorate da fregi e mascheroni in metallo dorato (cm 153x78,5x88) (difetti e mancanze) € 850/900 1278 Scultura in legno intagliato e laccato in policromia raffigurante Wenchang Wang (lievi difetti) Cina, dinastia Ming secolo XVII (h. 120 cm.) € 2.200/2.500 1279 Manifattura di Meissen, secolo XVIII/XIX. Parte di servizio in porcellana bianca decorata a figure e scene portuali in policromia, profilata in oro. Composto da: caffettiera, teiera, dieci tazzine diverse con nove piattini circolari e uno ottagonale. Sei tazzine e nove piattini marcati "K", caffettiera marcata "L" in magenta (mancanze e restauri) € 3.300/3.500 1280 Vetrina in legno ebanizzato, lastronato in legni vari, filettato e intarsiato in avorio. Fronte a due ante a vetri e due sportelli, decorato a raffaellesche e inserti in lapislazzuli. Montanti a colonna a tutto tondo. Cappello di forma architettonica decorato da colonnine in avorio. Piedi "a cipolla". Lombardia, fine secolo XIX (cm 125x226x50) (difetti e mancanze)

1279

Il presente lotto potrebbe essere soggetto a restrizioni di Importazione ed Esportazione a seguito della regolamentazione CITES di alcuni Paesi extra UE € 1.400/1.600


IL PONTE CASA D’ASTE

200 201

1281 Ugo Celada da Virgilio (Virgilio 1895  Varese 1995)  "Tavola imbandita" olio su compensato (cm 77,5x92) Firmato in basso a sinistra. In cornice (difetti) € 2.000/3.000

1281

1282 Ugo Celada da Virgilio (Virgilio 1895  Varese 1995)  "Composizione con frutta e fagiano" olio su masonite (cm 70x100) Al retro: "Vele". In cornice € 2.000/2.500

1282

1283 Ugo Celada da Virgilio (Virgilio 1895  Varese 1995)  "Dolci" olio su masonite (cm 56x65) Firmato in basso a sinistra. In cornice € 1.700/2.000

1283


1284

1285

1284 Manifattura di Murano  Vaso in vetro soffiato pulegoso verde erba decorato con una sequenza di dieci anse a nastro costolate. Applicazione di foglia d'oro sulle anse e sull'orlo applicato a caldo. Secolo XX (h. cm 36) € 700/800

1285 Manifattura di Murano  Vaso in vetro soffiato pulegoso verde erba decorato con una sequenza di dieci anse a nastro costolate. Applicazione di foglia d'oro sulle anse e sull'orlo applicato a caldo. Secolo XX (h. cm 36,3) (difetti e restauri) € 650/750

1286 Manifattura di Murano  Vaso biansato in vetro soffiato pulegoso ametista con orlo, collarino, anse a ricciolo e base applicati a caldo con foglia d'oro. Seconda metà secolo XX (h. cm 36,5) € 600/700

1286

1287 Andrea Zilio (Venezia 1966)  Vaso a calice in vetro soffiato a mezza filigrana rosso e nero opaco. Murano, 2001. Firmato e datato a punta sotto la base (h. cm 39) € 110/120


IL PONTE CASA D’ASTE

1288

202 203

1289

1288 Ettore Sottsass (Innsbruck 1917  Milano 2007)  Vaso modello "Astimelusa". Produzione Memphis, Milano, 1986. Vetro incamiciato lattimo, arancione, ambra, giallo, blu, verde acqua. Firmato a punta alla base "E. SOTTSASS PER MEMPHIS" (h. cm 49) Bibliografia Ettore Sottsass. Il vetro, a cura di L. M. Barbero, Skira, Milano 2017, pp. 34, 197 € 1.200/1.500

1289 Ettore Sottsass (Innsbruck 1917  Milano 2007)  Vaso modello "Erinna". Produzione Memphis, Milano, 1986. Vetro ocra, blu trasparente, arancione opaco e grigio incamiciato. Firmato a punta alla base "E. SOTTSASS PER MEMPHIS" (h. cm 49) Bibliografia Ettore Sottsass. Il vetro, a cura di L. M. Barbero, Skira, Milano 2017, pp. 30, 197 € 1.200/1.500

1290 Ettore Sottsass (Innsbruck 1917  Milano 2007)  Portafrutta modello "Gaya". Produzione Up&Up, Italia, 1983. Marmo di Carrara e maniglie in rame. Recante etichetta della produzione alla base (h. cm 33 x d. cm 38,5) (lievi difetti) € 1.200/1.500

1290


1291

1292

1291 Divano in noce, montanti mossi decorati da fregi intagliati, fascia scanalata e piedi a collo di cigno. Secolo XIX (cm 174x86x60) Rivestito in seta € 650/700

1292 Giovanni Battista Gianotti (Ciriè 1873  1928)  Mobile da studio a due ante in legno di rovere patinato, bordato con profili intagliati a motivi geometrizzati e volatili, prese a mascheroni in ferro battuto. Milano, 1910ca. (cm 120x184x49,5) (lievi difetti e piccole mancanze) Bibliografia per esemplare analogo: L'ambiente moderno. Mobili e decorazione interna, V, Bestetti e Tumminelli, Milano s.d. [1910 ca], tav. 28 € 2.200/2.500

123

1293 Coppia di poltrone da camera Art Nouveau con struttura in legno intarsiato a motivi floreali e con inserti in legno chiaro e madreperla, rivestimento in tessuto color salmone. Italia, 1900ca. (cm 52x76x59) (difetti) € 900/1.200


IL PONTE CASA D’ASTE

1294

204 205

1295

1294 Piero Portaluppi (Milano 1888  Milano 1967)  Coppia di vetrine in legno di rovere massello con fronte a fasce intagliate a motivi romboidali e a volute fortemente geometrizzate. Bocchette in ferro battuto. Milano, 19121915 (cm 99x180x49) (lievi difetti) Accompagnato da dichiarazione di autenticità della Fondazione Piero Portaluppi di Milano € 4.500/5.500 1295 Piero Portaluppi (Milano 1888  Milano 1967)  Vetrina in legno di rovere massello con fronte a fasce intagliate a motivi romboidali e a volute fortemente geometrizzate. Bocchetta in ferro battuto. Milano, 19121915. (cm 99x180x49) (difetti) Accompagnato da dichiarazione di autenticità della Fondazione Piero Portaluppi di Milano En suite con il lotto precedente

€ 1.800/2.000

1296 Gabriel Argy Rousseau (MeslayleVidame 1885  Parigi 1953)  Lampada da tavolo modello "Rosaces". Francia, 1923ca. Pasta vitrea grigio trasparente, blu e verde soffiata in stampo e corrosa all'acido sulla superficie esterna. Base in ferro battuto. Firmato "G. Argy Rousseau" (h. cm 17) (lievi difetti) Bibliografia per esemplari simili: J. BlochDermant, Le verre en France d'Emile Gallé à nos jours, Les éditions de l'amateur, Osny 1983, p. 275 € 900/1.000

1296


1297

1298

1297 Tavolo Art Déco impiallacciato in legno e bordato in ottone. Italia, 1930ca. (cm 179x78x89) (lievi difetti) € 1.800/2.000

1298 Manifattura di Murano  "Scimmia su albero" scultura in vetro sommerso costolato trasparente incolore con canne ametista e inclusione di foglia d'oro, scimmia in vetro nero a fitte bollicine con effetto "fumato". Anni '40 (h. cm 43,5) (difetti e restauri) € 900/1.000

1299 Mobile Liberty a due ante e due cassetti in legno chiaro e radica con intarsi floreali geometrizzati. Maniglie in fusione di ottone. Italia, 1900ca. (cm 76,5x188x38,5) € 1.400/1.800 1299


IL PONTE CASA D’ASTE

1300

206 207

1301

1300 Mario Restelli (Milano 1891  1961)  "Figura" 1925 scultura in bronzo. Firmata e datata 25 sulla base (h. cm 32,5) (lievi difetti) € 1.500/2.000

1301 Roberto Barni (Pistoia 1939)  "Trono" 1987 olio su tela. Firmato, titolato e datato 87 al retro (cm 250x219,5) (difetti) € 900/1.000

1302 Kenjiro Azuma (Yamagata 1926  Milano 2016)  "Mu" anni '70'80 scultura in bronzo. Firmata e numerata 3/3 (h. cm 20) € 900/1.000

1302


1303 Ophrah Shemesh (Haifa 1952)  "Senza titolo" olio su tela (cm 182,5x167) (lievi difetti) € 550/600

1303

1304 Ophrah Shemesh (Haifa 1952)  "Senza titolo" olio su tela (cm 183x306) (difetti e mancanze) € 1.200/1.400

1304


IL PONTE CASA D’ASTE

208 209

1305

1305 Patrizia Medail (Bologna 1945)  "Madre Russia" 2003 antico ricamo ottomano, altri tessuti, frangia di cotone, vetro. Firmato, iscritto e datato "Bologna 2003" al retro (cm 115x135x25) Parere verbale di autenticità rilasciato dall'artista € 11.000/12.000


Indice degli autori Autore A Abate, Paolo

n. di catalogo 144

Celle, Chevalier de Châteaubourg, CharlesJoseph

646

106, 672

Ceroli, Mario

500

Aizelin, Eugène Antoine

632

Chia, Sandro

508, 509

Aliani, Lorenzo

471

Cipper, Giacomo Francesco detto il ”Todeschini”

111, 112, 113, 114

Anderson, Melvin

1203

Claudus, Rodolfo

939

Anselmo, Paolo

1187, 1208

Collen, Henry (attr.)

659

Appiani, Andrea

185

Collignon, Francois

338

Argy Rousseau, Gabriel

1296

Conti, Cosimo (attr.)

1083

Ascanio, A.

1029

Costa, Giovanni

164

Azuma, Kenjiro

1302

Costantini, Giuseppe

183

Azzolino, Giovan Bernardino

147

Cracking Art Group

1243

B Bagetti, Giuseppe Pietro

202

Creti, Donato

133, 136, 137

Baldrighi, Giuseppe

132

Cruz y Riòs, Louis de la

636

Abbiati, Filippo

Barbedienne, Ferdinand

521

Barisoni Ferri, Frolina

1035

Dangelo, Sergio

1191

Barni, Roberto

1301

Daniel, Abraham (attr.)

700

Barucci, Pietro

472

D'Aquilant

596

Bellavia, Marcantonio

169

Daubigny Dautel, Amélie

645

Bertelli, Renato Giuseppe

488

De Islas, Andreas

86

Betoldi, Gaspare

1101

De' Passeris, Andrea

154

Bianchini

1013

Depero, Fortunato

482

Bianco, Remo

1180

D'Esmenard, Inès

699

Bicci, A.T.

752

Diziani, Gaspare (attr.)

174

Bolin, Liu

511

Drei, Ercole

117

Bonfanti, Arturo

1202

Dudovich, Marcello

160, 161

Boni, Bianca

519

Duperac, Etienne

368

Bonnart, Robert

195 1183

E Eredi, Benedetto F Fambrini, Ferdinando

163

Bordoli, Bruno Borroni, Giovanni Angelo

925

Fattori, Giovanni

Bottani, Giuseppe (attr.)

79

Ferri, Augusto

859

Boudewijns, Adriaen Frans

195

Francalancia, Riccardo

486

Bourgeois, Charles Guillaume Alexandre (attr.)

605

Brandoin, Michel Vincent

396

D Dal Sole, Giovan Gioseffo (attr.)

Franceschini, Baldassarre detto ”Volterrano”

G Galeazzi, Gaspare

4

913 895, 896, 897

708 1267

Brustolon, Giambattista

170, 198

Galland, J.R.

1089

Bueno, Maria Lola

1211

Gallè, Philip

380

C Callot, Jacques

171, 203

Gandolfi, Gaetano

146, 181

Cammarano, Giuseppe

190

Gavarrone, Domenico

957

Campagnola, Domenico (attr.)

177

Gherardini, Melchiorre detto il ”Ceranino”

898

Campigli, Massimo

491

Gherardi, Pietro

1077 123

Carelli, Gonsalvo

158, 167, 168, 175

Ghislandi, Vittore detto ”Fra Galgario” (attr.)

188, 191, 192, 196

Gianoli, Pier Francesco

545

197, 200, 204, 206

Gianotti, Giovanni Battista

1292 611

208, 209

Giordano, Luca (attr.)

Carlone, Giovanni Battista (attr.)

10

Gnaccarini, P.

1050

Carracci, Agostino

172

Goya y Lucientes, Francisco Josè

179, 199

Carracci, Annibale

189

H Hopfgarten, Wilhelm

Casorati, Felice

481

HüetVilliers, François

633

Castello, Valerio

148 1281, 1282, 1283

I Induno, Gerolamo J Jollage, Benjamin Ludwig

840

Celada da Virgilio, Ugo

473, 474

473, 474


Indice degli autori

538

Piranesi, Giovanni Battista

173, 176

Lauri, Filippo

73

Pittoni, Francesco o Pittoni, Giovanni Battista

92

Liberale da Verona (attr.)

940

Pogliaghi, Ludovico (attr.)

182, 1264

Ligabue, Antonio

501

Poma, Alessandro

489

Lisiewska, Anna Rosina

935

Pomodoro, Gio'

504

Londonio, Francesco

166

Portaluppi, Piero

1294, 1295

L Lallemand, Jean Baptiste

958, 959

Pozzati, Concetto

502

82

Praga, Emilio

835

Maestro della Cappella Bracciolini

149

Pseudo Salini

Maestro di Montefloscoli

152

Luti, Benedetto (attr.)

M Maestri, Michelangelo (attr.)

Q Quaedvlieg, Carel Max Gerlach R Restelli, Mario

478 470 1300

Maestro di San Martino Alfieri

153

Mafai, Mario

492

Riva, Armando

1188, 1217, 1225

Maggiolini, Giuseppe (Bottega di)

475

Rolandi, G.

1018

Magnasco, Alessandro

124, 125

Romani, Giuseppe

81

Magnasco, Stefano

141

Rosa, Salvator

408

Mangu, Roberto

1242

Russell, John (attr.)

565

Manifattura austriaca

1213

S Seguso Vetri d'Arte

Manifattura di Boemia

1240

1185, 1209, 1252

Shemesh, Ophrah

1234, 1236, 1254

1227, 1231, 1232

Sieurac, Francois Joseph Juste

1079

1244, 1246, 1284

Signoretto, Silvano

1201, 1205

1285, 1286, 1298

Socrate, Carlo

490

Manifattura francese

1192

Sottsass, Ettore

1207, 1248, 1288

Marra, Max

1214

Marsigli, Gerlando

756

Spoerri, Daniel

Massè, Jean Baptiste

1128

Squillantini, Remo

499

Massini, Claudio

1247

Stahl, JeanBaptiste

963

McKean, Lorne

1172

Sterpini, Ugo

1200

Medail, Patrizia

1305

Strozzi, Bernardo detto il ”Cappuccino”

143

Menichetti, Mario

873

Studio Ducrot

1260

Manifattura di Murano

1303, 1304

1198, 1210, 1212,

1289, 1290 1206

Menzio, Francesco

487, 494, 495

T Tabusso, Francesco

493

Messina, Francesco

506, 510

Talairac, Virginie

1085

Micheluzzi, Massimo

1235

Tamburi, Orfeo

498

Milani, Giorgio

1194

Theimer, Ivan

505

Mitoraj, Igor

507

Tisi, Benvenuto detto il ”Garofalo”

150

Modorati, Giuseppe

210

Tournant, Alcime

1145

Molinari, Antonio

131, 142

Trignart, Antoine

1053

Mulier, Pieter detto il ”Cavalier Tempesta”

13

Trionfi, Emanuele

901

Müller, Rudolf

186

Trombadori, Francesco

496, 497

Trotti Bentivoglio, Lorenzo

922

Munz

995

Murer, Augusto

503

V Vallotton, Felix

201

975

Van Plattenberg, Matthieu (attr.)

547

Nicolle, VictorJean

388

Ventura, Domenico

1099

Nuzzi, Mario detto ”Mario dei Fiori”

479

Viani, Lorenzo (attr.)

157

193

Volpato, Giovanni

193

1204

Von Defregger, Franz

162

N Nicoli, Carlo

O Ottaviani, Giovanni P Palma, Urano Patania, Giuseppe

211

Paulucci, Enrico

483

Pesce, Gaetano

1184, 1220

Petitot, Jean

23

W Wackerle, Joseph Wiegmann, Rudolph

Z Zilio, Andrea Ziveri, Alberto

722 397 1287 484


TERMINOLOGIE Ogni asserzione riguardante autore, attribuzione, origine, data, età, provenienza e condizione dei lotti in catalogo, è da ritenersi un dato d’opinione e non un dato di fatto. Il Ponte si riserva il diritto nell’esprimere la propria opinione, di dare piena fiducia agli esperti ed autorità che ritenga opportuno consultare. 1. GIOVANNI PAOLO PANINI (con luogo e data di nascita o secolo di appartenenza) a nostro parere opera dell’artista. 2. GIOVANNI PAOLO PANINI (ATTR.) è nostra opinione che sia probabilmente opera dell’artista, ma con meno sicurezza della categoria precedente. 3. Stile di...; seguace di...; scuola di...; ambito di...; cerchia di GIOVANNI PAOLO PANINI A nostro parere opera di un pittore che lavora nello stile dell’artista, contemporaneo o quasi contemporaneo, ma non necessariamente suo allievo. 4. Maniera di GIOVANNI PAOLO PANINI A nostro parere nello stile dell’artista di epoca più tarda. 5. Da GIOVANNI PAOLO PANINI A nostro parere copia di un dipinto conosciuto dell’artista. 6. Il termine firmato e/o datato significa che, a nostro parere la firma e/o la data sono di mano dell’artista. 7. Il termine “firma non coeva” significa che, a nostro parere, questa sembra aggiunta in epoca successiva all’opera. 8. Le dimensioni dei dipinti indicano prima l’altezza e poi la base, senza l’ingombro della cornice. Le dimensioni di oggetti e arredi indicano prima la lunghezza, poi l’altezza, poi la profondità. (*). Lotto proveniente da impresa, l’IVA verrà esposta in fattura. 9. Il termine DIFETTI nell’ambito del settore TAPPETI segnala che le condizioni del tappeto possono avere una o più delle seguenti caratteristiche: sfrangiature delle testate e bordi, rapature, mancanza dei nodi e conseguente evidenza della trama, mancanza totale di parti più o meno estese, macchie, tagli e strappi, viraggio dei colori del tappeto rispetto al suo rovescio, macchie di ingiallimento, indebolimento della struttura di fondazione, indebolimento delle fibre di filati che lo compongono.

Il Ponte - Casa d’Aste S.r.l. Palazzo Crivelli Via Pontaccio, 12 20121 Milano Tel. +39 02 86 31 41 Fax +39 02 72 02 20 83 info@ponteonline.com www.ponteonline.com C.F., P. IVA 01481220133 C.C.I.A.A. Milano REA 1167476


Condizioni Generali di Vendita 1. Informazioni importanti per i potenziali acquirenti 1.1 I lotti sono offerti in vendita da Il Ponte - Casa d’Aste s.r.l., società con sede legale in Milano, via Pontaccio 12 (20121), P. Iva e Iscrizione Registro Imprese di Milano n. 01481220133, capitale sociale interamente versato pari ad Euro 34.320 (Il Ponte), che agisce in nome e per conto del Venditore in qualità di mandataria con rappresentanza dello stesso, ad eccezione dei casi in cui il Ponte è proprietaria del lotto. Per Venditore si intende la persona fisica o giuridica proprietaria del lotto offerto in vendita in asta da Il Ponte. In ogni caso (anche per le eventuali offerte telefoniche e/o via internet, e/o per le eventuali aste online) la vendita si intende eseguita nell’ambito di una asta pubblica, senza diritto di recesso in favore l’acquirente. 1.2 Le presenti Condizioni Generali di Vendita possono essere modificate mediante un avviso affisso nella sala d’asta o tramite un annuncio fatto dal banditore prima dell’inizio dell’asta. I potenziali acquirenti sono pregati di consultare il sito www.ponteonline.com (Sito) per prendere visione della catalogazione più aggiornata dei lotti presenti in catalogo e delle eventuali diverse condizioni di vendita per la specifica asta. 1.3 La Casa d’Aste agisce in qualità di mandataria del Venditore ed è esente da qualsiasi responsabilità in ordine alla provenienza, stato e descrizione dei lotti nei cataloghi, nelle brochure ed in qualsiasi altro materiale illustrativo; tali descrizioni, così come ogni altra indicazione o illustrazione, devono considerarsi puramente indicative e non possono generare affidamento e/o aspettativa di alcun genere nei potenziali acquirenti. La mancanza di riferimenti espliciti nel catalogo d’asta in merito alle condizioni del lotto non implica che il bene sia senza imperfezioni. Ogni rappresentazione scritta o verbale fornita da Il Ponte, incluse quelle contenute nel catalogo, in relazioni, commenti o valutazioni concernenti qualsiasi caratteristica di un lotto - quale paternità, autenticità, provenienza, attribuzione, origine, data, età, periodo, origine culturale ovvero fonte, la sua qualità, ivi compreso il prezzo o il valore, la stima - riflettono esclusivamente opinioni non vincolanti e possono essere riesaminate da Il Ponte ed, eventualmente, modificate prima che il lotto sia offerto in vendita. Il Ponte, i suoi amministratori, dipendenti, collaboratori o consulenti, non possono ritenersi responsabili degli errori o delle omissioni contenuti nelle suddette descrizioni e/o rappresentazioni. Le stime pubblicate in catalogo sono espresse in euro: il prezzo base d’asta e il Prezzo di aggiudicazione (vale a dire il prezzo a cui il lotto viene aggiudicato in asta dal banditore) possono essere superiori o inferiori alle valutazioni indicate. 1.4 Ogni potenziale acquirente è tenuto a esaminare preventivamente lo stato di ciascun lotto nella esposizione dei lotti organizzata da Il Ponte prima dell’asta, allo scopo di eseguire (anche con propri esperti) un preventivo esame approfondito circa l’autenticità, lo stato di conservazione e le condizioni, la provenienza, il tipo e la qualità dei lotti, su cui esclusivamente i potenziali acquirenti – e l’acquirente finale - assumono ogni rischio e responsabilità. Durante l’esposizione il personale de Il Ponte sarà a disposizione dei potenziali acquirenti per fornire – su richiesta degli stessi - una illustrazione aggiornata dei beni stessi, ove disponibile. 1.5 Ad integrazione delle descrizioni contenute nel catalogo, Il Ponte rende disponibili, a richiesta, condition report sullo stato di ciascun lotto. 1.6 Tutti i beni di natura elettrica o meccanica sono da considerarsi solamente sulla base del loro valore artistico e decorativo e non sono da considerarsi funzionanti. E’ importante prima dell’uso del lotto oggetto di aggiudicazione che il sistema elettrico eventualmente in esso presente sia certificato da un elettricista qualificato, non assumendo Il Ponte alcuna responsabilità al riguardo. 1.7 Né Il Ponte, né suoi amministratori, dipendenti, collaboratori o consulenti saranno responsabili per atti od omissioni relativi alla preparazione o alla conduzione dell'asta o per qualsiasi altra questione relativa alla vendita del lotto. 1.8 Dopo l’aggiudicazione Il Ponte non potrà essere ritenuta responsabile per eventuali vizi dei lotti, relativi tra l’altro anche allo stato di conservazione, all’errata attribuzione, all’autenticità, alla provenienza, al peso o alla mancanza di qualità dei lotti. I potenziali acquirenti e l’aggiudicatario rinunciano espressamente alla garanzia di cui agli artt. 1490 e 1497 c.c., liberando Il Ponte da ogni relativa responsabilità; per l’effetto, né Il Ponte né il suo personale potranno rilasciare una qualsiasi valida garanzia in tal senso. 1.9 In ogni caso, l’eventuale diversa responsabilità de Il Ponte nei confronti dell’Acquirente (la persona fisica o giuridica che fa in asta l’offerta più alta accetta dal banditore e si aggiudica il lotto) in relazione all’acquisto di un lotto da parte di quest’ultimo è limitata al Prezzo di aggiudicazione e alla commissione d’acquisto pagata a Il Ponte dall’Acquirente. 1.10 Il colpo di martello del banditore determina l’accettazione dell’offerta più alta ed il prezzo a cui il lotto viene aggiudicato dal banditore all’Acquirente. Il colpo di martello del banditore determina inoltre la conclusione del contratto di vendita tra il Venditore e l’Acquirente e in particolare dell’obbligo dell’Acquirente di pagare a Il Ponte l’intero ammontare dovuto per l’aggiudicazione del lotto, incluso il prezzo e la commissione; resta espressamente previsto che solo a

seguito dell’integrale pagamento a Il Ponte di tutto quanto dovuto dall’Acquirente la compravendita si intenderà perfezionata e la proprietà e il possesso del lotto aggiudicato potranno passare in capo all’Acquirente (salvo le eventuali diverse disposizioni di cui al D.Lgs. n. 42/04, anche in tema di prelazione dello Stato; si rinvia anche al § 11.4 delle presenti condizioni). 2. Offerte per l’asta 2.1 Le offerte per l’acquisto dei lotti possono essere presentate personalmente in sala durante l’asta, mediante un’offerta scritta prima dell’asta, per telefono oppure via internet (in quest’ultimo caso solo se possibile in relazione alla specifica asta). 2.2 L’incremento delle offerte è del 10% rispetto a quella precedente, salvo diversa scelta del banditore comunicata prima dell’inizio (o nel corso) dell’asta. 2.3 Nell’ipotesi di offerte di pari importo e presentate attraverso la stessa modalità (vale a dire presentate in sala, per telefono, per iscritto oppure online), Il Ponte terrà in considerazione solo l’offerta ricevuta per prima. 2.4 Ove sorga contestazione in merito all’aggiudicazione di un lotto, quest’ultimo, ad insindacabile giudizio del banditore, potrà essere ritirato dall’asta oppure rimesso in vendita all’asta nello stesso giorno (in questa ultima ipotesi le offerte aventi ad oggetto il lotto in precedenza formulate non saranno più tenute in considerazione). 2.5 A sua completa discrezione, Il Ponte ha il diritto di rifiutare a chiunque di partecipare alle aste; in particolare, Il Ponte può rifiutare la partecipazione all’asta di potenziali acquirenti che in precedenza non abbiano puntualmente adempiuto alle proprie obbligazioni, anche a titolo risarcitorio, nei confronti de Il Ponte. 2.6 Il banditore conduce l’asta partendo dall’offerta che considera adeguata. Il banditore può fare offerte consecutive o in risposta ad altre offerte nell’interesse del Venditore, fino al raggiungimento del Prezzo di riserva (il prezzo minimo concordato in via riservata tra Il Ponte e il Venditore al di sotto del quale il lotto non verrà venduto). 2.7 In qualsiasi momento Il Ponte ha facoltà di ritirare dall’asta qualsiasi lotto offerto in vendita. Il banditore ha la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di abbinare o separare i lotti e di variarne l’ordine di vendita rispetto a quanto indicato in catalogo, purché il lotto non sia offerto in asta in una giornata anteriore rispetto a quella indicato nel catalogo d’asta. 2.8 Nei confronti di ciascun potenziale acquirente, Il Ponte si riserva il diritto di subordinare la partecipazione all’asta alla esibizione di una lettera di referenze bancarie, oppure al deposito di un somma a garanzia dell’esatto adempimento delle obbligazioni previste dalle presenti Condizioni Generali di Vendita, la quale verrà restituirà una volta conclusa l’asta. 3. Offerte in sala 3.1 3.1 Per partecipare all’asta in sala è necessario munirsi dell’apposita paletta numerata, che viene consegnata al banco di registrazione dal personale de Il Ponte in seguito alla compilazione del modulo di iscrizione all’asta e alla esibizione di un documento di identità del potenziale acquirente. L’offerta per aggiudicarsi il lotto è espressa mediante alzata della paletta numerata. 3.2 Il Ponte invita i potenziali acquirenti a munirsi per tempo della paletta numerata e informa che è possibile effettuare l’iscrizione all’asta anche nei giorni nei quali si svolge l’esposizione che precede l’asta. Lo smarrimento della paletta numerata dovrà essere immediatamente comunicato a Il Ponte, che provvederà ad attribuire al potenziale acquirente una nuova paletta numerata. La paletta numerata dovrà essere restituita a Il Ponte al termine dell’asta. 3.3 Subito dopo l’aggiudicazione del lotto, l’Acquirente dovrà sottoscrivere un verbale di aggiudicazione. 3.4 Ciascun lotto aggiudicato in sala sarà fatturato in base alle generalità e indirizzo rilasciati al momento dell’assegnazione della paletta numerata. 3.5 E’ possibile partecipare all’asta in qualità di rappresentante di una terza persona. Il rappresentante, in occasione della registrazione all’asta dovrà esibire una delega sottoscritta dal rappresentato con allegati copia del documento di identità e del codice fiscale del rappresentato e del rappresentante; nell’ipotesi in cui il rappresentato sia una società, la delega dovrà essere sottoscritta dal legale rappresentante o da un procuratore dotato di potere di firma, la cui carta di identità e codice fiscale dovranno essere allegati alla procura. In ogni caso, Il Ponte si riserva la facoltà di impedire la partecipazione all’asta al rappresentante quando, a suo insindacabile giudizio, non ritenga dimostrato il potere di rappresentanza. 3.6 In nessun caso verranno accettate offerte “al meglio” o “salvo visione”. 4. Offerte scritte 4.1 E’ possibile presentare offerte scritte mediante la compilazione del “Modulo offerte scritte e telefoniche” (Modulo) allegato al catalogo d’asta o scaricabile dal sito www.ponteonline.com (Sito).


4.2 Il Modulo deve essere inviato a Il Ponte almeno entro 24 ore prima l’inizio dell’asta: via fax al numero +39 02.72022083 (per le aste organizzate presso la sede de Il Ponte di Milano via Pontaccio 12) oppure al numero +39 02.36633096 (per le aste organizzate presso la sede de Il Ponte di Milano via Pitteri 8/10), oppure in formato pdf via email all’indirizzo info@ponteonline.com (ovvero all’indirizzo email del dipartimento di riferimento de Il Ponte come risultante dal Sito ovvero dal catalogo dell’asta) in ogni caso allegando la documentazione richiesta nel Modulo; in difetto Il Ponte non garantisce la partecipazione del potenziale acquirente all’asta, né che darà esecuzione alle offerte indicate nel Modulo. Il Ponte darà esecuzione solo ad offerte che siano pari o superiori all’80% della stima minima indicata in catalogo e riferita al lotto per il quale l’offerta è presentata. 4.3 Le offerte scritte verranno accettate solo se arrotondate alla decina; in caso contrario, Il Ponte considererà l’offerta come fosse arrotondata alla decina per difetto (ad esempio, una offerta scritta pari ad euro 238 verrà considerata da Il Ponte come formulata per euro 230). 4.4 Il Ponte, nel dare luogo ai rilanci per conto del potenziale acquirente, terrà conto sia del prezzo di riserva, sia delle altre offerte, in modo da cercare di ottenere l’aggiudicazione del lotto oggetto della proposta scritta al Prezzo di aggiudicazione più basso. Gli importi indicati nel Modulo verranno intesi come importi massimi. Il Ponte non terrà conto di offerte con importi illimitati ovvero prive di importo. 4.5 Il Ponte non è responsabile di eventuali errori compiuti dal potenziale acquirente nella compilazione del Modulo. Prima di inviare il Modulo a Il Ponte, il potenziale acquirente è tenuto a verificare che la descrizione del lotto indicata nel Modulo corrisponda al bene che si intende acquistare; in particolare il potenziale acquirente è tenuto a verificare che vi sia corrispondenza tra numero di catalogo d’asta dell’opera e descrizione del lotto. In caso di discrepanza tra numero di lotto e descrizione, Il Ponte formulerà l’offerta per conto del potenziale acquirente con esclusivo riferimento al primo. 4.6 Al termine dell’asta, l’Acquirente sarà informato da Il Ponte via email dell’avvenuta aggiudicazione del lotto; in ogni caso, ciascun potenziale acquirente è invitato a contattare Il Ponte ai numeri indicati all’art. 15 per verificare se la propria offerta sia risultata la più alta. 4.7 Nel caso di una offerta scritta e di una offerta in sala, di una offerta telefonica oppure online di pari importo, queste ultime prevarranno rispetto alla offerta scritta. 5. Offerte telefoniche 5.1 Mediante la compilazione ed invio del Modulo, un potenziale acquirente può partecipare all’asta formulando offerte telefoniche. 5.2 Il Modulo deve essere inviato a Il Ponte almeno entro 24 ore prima l’inizio dell’asta via fax al numero +39 02.72022083 (per le aste organizzate presso la sede de Il Ponte di Milano via Pontaccio 12) oppure al numero +39 02.36633096 (per le aste organizzate presso la sede de Il Ponte di Milano via Pitteri 8/10), oppure in formato pdf via email all’indirizzo info@ponteonline.com (o all’indirizzo email del dipartimento di riferimento de Il Ponte risultante dal Sito o dal catalogo dell’asta), in ogni caso allegando la documentazione richiesta nel Modulo. 5.3 A seguito della ricezione del Modulo e della sua corretta compilazione, Il Ponte provvederà a contattare il potenziale acquirente al numero di telefono indicato nel Modulo prima che il lotto per il quale il potenziale acquirente intende formulare offerte telefoniche sia offerto in vendita all’asta 5.4 La stima minima indicata in catalogo riferita a ciascun lotto per il quale si intende formulare offerte telefoniche deve essere pari ad almeno euro 100; in difetto, Il Ponte non ricontatterà il potenziale acquirente e quest’ultimo non potrà formulare offerte telefoniche ad oggetto il lotto. 5.5 Qualora, per qualsiasi motivo, anche di natura tecnica, Il Ponte non riuscisse a contattare telefonicamente il potenziale acquirente, Il Ponte, in relazione a ciascun lotto indicato nel Modulo, avrà facoltà di effettuare offerte per conto del potenziale acquirente sino ad un Prezzo di aggiudicazione pari alla offerta massima indicata dal potenziale acquirente nel Modulo o, in mancanza di questa offerta massima, della stima minima indicata in catalogo con riferimento al lotto. 5.6 Il Ponte non risponde in alcun modo per il ritardo o mancata esecuzione di ordini telefonici derivanti dal malfunzionamento della linea telefonica. 5.7 I collegamenti telefonici durante l’asta saranno registrati. Il personale de Il Ponte è in grado di effettuare telefonate in italiano, inglese, francese, cinese, spagnolo e portoghese. 6. Offerte online 6.1Il Ponte comunicherà sul Sito (almeno 24 ore prima l’inizio dell’asta) e/o sul catalogo d’asta se è possibile formulare offerte anche online, tramite il Sito o siti gestiti da terzi. 6.2 Le offerte online sono disciplinate sia dalle presenti Condizioni Generali di Vendita, sia dalle “Condizioni ulteriori per la presentazione di offerte online”

disponibili sul Sito o su richiesta. In caso di difformità tra le presenti Condizioni Generali di Vendita e le “Condizioni ulteriori per la presentazione di offerte online”, queste ultime prevarranno. 6.3 Per informazioni in merito alla registrazione all’asta e alla presentazione di offerte online si prega di far riferimento al Sito. 6.4 In caso di partecipazione all’asta e offerte formulate attraverso piattaforme e/o siti internet diversi dalla piattaforma Il Ponte Live (si rinvia per ogni altra informazione al sito www.ponteonline.com) sarà applicata e dovuta dall’Acquirente una ulteriore commissione pari al 5% sul Prezzo di aggiudicazione, oltre le commissioni e spese previste dalle presenti Condizioni Generali di Vendita. 7. Pagamento 7.1 In caso di aggiudicazione del lotto, l’Acquirente dovrà corrispondere a Il Ponte il Prezzo di aggiudicazione del lotto, oltre alle commissioni di acquisto pari al 25% (qualora l’asta si sia tenuta presso la sede de Il Ponte sita a Milano in via Pontaccio 12) oppure al 35% (qualora l’asta si sia tenuta presso la sede de Il Ponte sita a Milano in via Pitteri 8/10) del Prezzo di aggiudicazione (in entrambi i casi IVA inclusa se dovuta) e oltre al pagamento di qualsiasi altro importo eventualmente dovuto a Il Ponte ai sensi delle presenti Condizioni Generali di Vendita (v. anche § 6.4) e connesso alla aggiudicazione del lotto (Ammontare dovuto). 7.2 L’Acquirente è obbligato a versare l’Ammontare dovuto entro e non oltre dieci giorni, decorrenti dal giorno successivo a quello della aggiudicazione. 7.3 In caso di mancato o ritardato pagamento da parte dell’Acquirente, in tutto o in parte, dell’Ammontare dovuto entro il predetto termine essenziale, Il Ponte potrà risolvere la vendita ex art. 1456 c.c. mediante semplice comunicazione scritta. In questo caso, Il Ponte avrà comunque diritto al pagamento di una penale pari al doppio delle commissioni di acquisto che l’Acquirente inadempiente avrebbe dovuto pagare, oltre l’eventuale maggior danno, e potrà comunque trattenere gli eventuali acconti versati dall’Acquirente. 7.4 Ciascun lotto può essere pagato a mezzo assegno circolare, carta di credito, bancomat, bonifico e contanti, nel rispetto dei limiti di legge. 7.5 Il pagamento del lotto può essere effettuato a Milano presso la sede de Il Ponte di via Pontaccio 12 o di via Pitteri 8/10 (a seconda del luogo in cui si è svolta l’asta) ai seguenti orari di ufficio: Lun.-Ven. 9:00-13:00; 14:00-17:30 (esclusi i giorni di festività nazionale in Italia). 7.6 Le carte di credito accettate sono le seguenti: American Express, Diners, Visa e MasterCard. Il pagamento può essere disposto solo dal titolare della carta di credito. 7.7 Le coordinate bancarie per i bonifici sono le seguenti: IBAN IT 51H0832950860000000011517; Swift code n. ICRAITRR950; beneficiario Il Ponte - Casa d’Aste s.r.l. Nella causale si prega di indicare il proprio nome, cognome, numero di lotto e asta. 7.8 Il Ponte si riserva la facoltà di controllare la provenienza dei pagamenti ricevuti e di non accettare pagamenti provenienti da persone differenti dall’Acquirente. 7.9 Ai sensi del D.Lgs. n. 231/07 e successive modifiche ed integrazioni e nel pieno rispetto delle disposizioni del D.Lgs. 196/2003 (Codice della Privacy) e del Regolamento UE 2016/679, Il Ponte richiederà a tutti i Clienti i dati necessari ai fini dell'adempimento degli obblighi di adeguata verifica del Cliente e del titolare effettivo. In caso di formale richiesta da parte delle Autorità e della Pubblica Amministrazione, e in ogni altro caso previsto dalla legge, Il Ponte potrà comunicare il nominativo e i recapiti dell’Acquirente. 8. Consegna e ritiro del lotto 8.1 Il lotto sarà consegnato da Il Ponte all’Acquirente solo a seguito dell’intero pagamento dell’Ammontare dovuto (salvo le eventuali diverse disposizioni di cui al D.Lgs. n. 42/04, anche in tema di prelazione dello Stato; si rinvia anche al § 11.4 delle presenti condizioni). 8.2 Il Ponte non assume l’obbligo di provvedere alla spedizione del lotto oggetto di aggiudicazione, il quale dovrà essere ritirato dall’Acquirente a Milano presso la sede de Il Ponte di via Pontaccio 12 o di via Pitteri 8/10 (a seconda del luogo di svolgimento dell’asta), entro dieci giorni successivi al giorno dell’avvenuto pagamento dell’Ammontare dovuto. 8.3 Qualora l’Acquirente non provveda al tempestivo ritiro del lotto saldato entro dieci giorni dall’avvenuto pagamento o dall'ottenimento dell'attestato di libera circolazione e/o della licenza di esportazione, Il Ponte avrà facoltà di procedere all’eliminazione del lotto, previa comunicazione via raccomandata a.r. o Pec. L’acquirente riconosce ed accetta che nell’ipotesi di eliminazione del lotto, non avrà titolo per promuovere alcun tipo di azione o reclamo, innanzi a qualsiasi autorità, nei confronti de Il Ponte, il quale è pertanto manlevato da qualsiasi responsabilità. 8.4 Nel caso in cui l'Acquirente incarichi un terzo di ritirare il lotto, quest'ultimo


dovrà essere munito di delega scritta rilasciata dall'Acquirente nonché fotocopia del documento del delegante e del delegato. 8.5 Su espressa richiesta dell'Acquirente, Il Ponte potrà organizzare, a spese e a rischio dell'Acquirente, l'imballaggio, il trasporto e l'assicurazione del lotto, previa comunicazione e accettazione scritta da parte dell'Acquirente delle relative spese. La spedizione potrà essere effettuata da un trasportatore incaricato da Il Ponte, su indicazione dell’Acquirente, ovvero incaricato direttamente dall’Acquirente, a seconda degli accordi. 8.6 Nell’ipotesi di morte, interdizione, inabilitazione, estinzione/ cessazione, per qualsiasi motivo, dell’Acquirente, debitamente comunicata a Il Ponte, quest’ultima acconsentirà a riconsegnare il lotto previo accordo di tutti gli aventi causa dell’Acquirente ovvero secondo le modalità stabilite dall’autorità giudiziaria. 9. Passaggio del rischio 9.1 Un lotto acquistato è interamente a rischio dell’Acquirente a partire dalla data più antecedente fra quelle in cui l’Acquirente: (i) prende in consegna il lotto acquistato o (ii) paga l’Ammontare dovuto per il lotto; qualora nessuna di queste ipotesi si realizzi, il passaggio del rischio avverrà in ogni caso dalla data in cui è decorso il termine di dieci (10) giorni dalla avvenuta aggiudicazione del lotto. Con il passaggio del rischio in capo all’Acquirente quest’ultimo esonera espressamente Il Ponte da ogni responsabilità circa la sorte del lotto aggiudicato, anche per eventuali danni, furti, incendio, perimento, smarrimento del lotto stesso (totale o parziale). 9.2 L’Acquirente sarà risarcito per qualsiasi perdita o danno del lotto che si verifichi dopo l’aggiudicazione ma prima del trasferimento del rischio, ma il risarcimento non potrà superare il Prezzo di aggiudicazione del lotto, oltre alla commissione d’acquisto ricevuta da Il Ponte. In nessun caso Il Ponte si assume la responsabilità per la perdita o danni di cornici/vetro che contengono o coprono stampe, dipinti o altre opere, a meno che la cornice o/e il vetro non costituiscano il lotto venduto all’asta. 9.3 In nessun caso Il Ponte sarà responsabile per la perdita o il danneggiamento (totali o parziali) del lotto aggiudicato: (i) verificatisi a seguito di un qualsiasi intervento (compresi interventi di restauro, interventi sulle cornici e interventi di pulitura) da parte di terzi da chiunque incaricati; (ii) derivanti, direttamente o indirettamente, da: (a) cambiamenti di umidità o temperatura; (b) normale usura o graduale deterioramento derivanti da interventi sul bene e/o da altri eventi (inclusi i tarli e i parassiti del legno); (c) errori di trattamento; (d) guerra, fissione nucleare, contaminazione radioattiva, armi chimiche, biochimiche o elettromagnetiche; (e) atti di terrorismo; (f) casi di lockdown e simili, disposizioni da parte delle Autorità, ogni altra causa di forza maggiore estranea al controllo de Il Ponte. 10. Contraffazione 10.1 Nel caso in cui, dopo l’aggiudicazione, un lotto risulti essere una contraffazione, Il Ponte rimborserà all’Acquirente che abbia fatto richiesta di risoluzione del contratto di vendita - previa restituzione del lotto a Il Ponte - un importo pari al Prezzo di aggiudicazione e alle commissioni di acquisto corrisposte, in entrambi i casi nella valuta in cui questi importi sono stati pagati dall’Acquirente. L’obbligo de Il Ponte è sottoposto alla condizione che, non più tardi di cinque (5) anni dalla data della aggiudicazione, l’Acquirente: (i) comunichi a Il Ponte per iscritto, entro novanta (90) giorni dalla data in cui ha avuto una notizia che lo induca a ritenere che il lotto sia una contraffazione, il numero del lotto, la data dell’asta alla quale il lotto è stato acquistato e i motivi per i quali l’Acquirente ritenga che il lotto sia una contraffazione; (ii) sia in grado di riconsegnare a Il Ponte il lotto, libero da rivendicazioni o da ogni pretesa da parte di terzi sorta dopo la data della vendita e il lotto sia nelle stesse condizioni in cui si trovava alla data della vendita; (iii) fornisca a Il Ponte le relazioni di almeno due studiosi o esperti indipendenti e di riconosciuta competenza a livello internazionale, in cui siano spiegate le ragioni per cui il lotto sia ritenuto una contraffazione. 10.2 Il Ponte non sarà vincolata dai pareri forniti dall’Acquirente e si riserva il diritto di richiedere l’ulteriore parere di altri esperti a proprie spese. 10.3 Il Ponte non effettuerà il rimborso se: (i) la descrizione nel catalogo era conforme all’opinione generalmente accettata di studiosi ed esperti alla data della vendita o indicava come controversa l’autenticità o l’attribuzione del lotto; o (ii) alla data della pubblicazione del catalogo la contraffazione del lotto poteva essere accertata soltanto svolgendo analisi generalmente ritenute inadeguate allo scopo o difficilmente praticabili, il cui costo era irragionevole o che avrebbero ragionevolmente potuto danneggiare o altrimenti comportare una diminuzione di valore del lotto. Ai sensi del presente articolo, per contraffazione si intende, secondo la ragionevole opinione de Il Ponte, l’imitazione di un lotto offerto in vendita, non descritta come tale nel catalogo d’asta, creata a scopo di inganno su paternità,

autenticità, provenienza, attribuzione, origine, fonte, data, età, periodo, che alla data delle vendita aveva un valore inferiore a quello che avrebbe avuto se il lotto fosse stato corrispondente alla descrizione del catalogo d’asta. Non costituisce una contraffazione un lotto che sia stato restaurato o sottoposto ad opera di modifica di qualsiasi natura (tra cui la ripitturazione o la sovrapitturazione). 11. Esportazione dal territorio della Repubblica italiana. Dichiarazione di interesse culturale 11.1L’esportazione dal territorio della Repubblica italiana di un lotto può essere soggetta al rilascio di un attestato di libera circolazione ovvero di una licenza di esportazione, ai sensi di quanto previsto dagli artt. 68 e ss. del D. Lgs 22 gennaio 2004, n. 42 (Codice Urbani). L’Acquirente sarà tenuto, per i lotti sottoposti al procedimento di dichiarazione di interesse culturale (c.d. “notifica”) ex artt. 13 e ss. D.Lgs. n. 42/2004, all’osservanza di tutte le disposizioni di cui alla legge e di ogni altra normativa speciale applicabile, anche in materia doganale, valutaria, tributaria, e di specie protette. È esclusivo onere dei partecipanti all’asta e dell’Acquirente verificare le eventuali restrizioni alla circolazione e/o esportazione del lotto di proprio interesse e comunque del lotto aggiudicato, ovvero le eventuali licenze o attestati previsti dalla legge, in Italia e nel Paese di destinazione, nonché provvedere alle eventuali formalità e obblighi di legge previsti per la circolazione e/o l’esportazione del lotto aggiudicato, con espresso esonero di ogni eventuale obbligo e/o responsabilità in capo a Il Ponte. 11.2 Il mancato rilascio o il ritardo nel rilascio dell’attestato di libera circolazione e/o della licenza di esportazione non può costituire una causa di risoluzione o di annullamento della vendita, né giustificare il mancato o ritardato pagamento da parte dell’Acquirente dell’Ammontare dovuto. 11.3 Su richiesta e a spese dell’Acquirente, Il Ponte può accettare di presentare la denuncia per ottenere l’attestato di libera circolazione e/o la licenza di esportazione, a condizione che l’Acquirente abbia già corrisposto l’Ammontare dovuto. L’importo che l’Acquirente deve pagare a Il Ponte per la presentazione della denuncia ammonta ad euro 150 (oltre IVA ed eventuali spese di trasporto), per ciascuna opera oggetto della denuncia. In ogni caso Il Ponte non assume alcuna responsabilità, né obbligo, né garanzia, circa il buon esito della relativa pratica e il rilascio di quanto richiesto dall’Acquirente. 11.4 Ciascun lotto offerto in vendita all’asta può essere stato già oggetto di dichiarazione di interesse culturale da parte del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo ai sensi dell’art. 13 del Codice Urbani. In tal caso - o nel caso in cui in relazione al lotto sia stato avviato il procedimento di dichiarazione di interesse culturale ai sensi dell’art. 14 del Codice Urbani - Il Ponte ne darà comunicazione in catalogo e/o mediante un annuncio del banditore prima che il lotto sia offerto in vendita. Nel caso in cui il lotto sia stato oggetto di dichiarazione di interesse culturale precedentemente alla aggiudicazione, il Venditore provvederà a denunciare la vendita al Ministero competente ex art. 59 Codice Urbani. La vendita sarà sospensivamente condizionata al mancato esercizio da parte del Ministero competente del diritto di prelazione nel termine di sessanta giorni dalla data di ricezione della denuncia, ovvero nel termine maggiore di centottanta giorni di cui all’art. 61 comma II del Codice Urbani. In pendenza del termine per l’esercizio della prelazione il lotto non potrà essere consegnato all’ Acquirente in base a quanto stabilito dall’art. 61 del Codice Urbani. In ogni caso, resta inteso che l’eventuale dichiarazione di interesse culturale (o anche solo l’avvio del relativo procedimento) che dovesse intervenire successivamente alla aggiudicazione non potrà inficiare o invalidare l’aggiudicazione, né l’obbligo di pagamento dell’Ammontare complessivo e in generale la compravendita del lotto. 11.5 Il lotto contrassegnato con il simbolo “§” è in temporanea importazione doganale. E’ soggetto ad IVA (secondo legge) sul valore di aggiudicazione solo per gli acquirenti residenti nell’U.E. La chiusura della temporanea importazione doganale del costo di euro 300 è a carico dell’Acquirente. Il Ponte non è responsabile per le tempistiche burocratiche. 11.6 Il lotto contrassegnato con il simbolo “#” è in temporanea importazione artistica. 12. Diritto di seguito 12.1 Qualora dovuto, il pagamento del c.d. “diritto di seguito” (introdotto dal Decreto Legislativo 13 febbraio 2006, n. 118, attuativo della Direttiva 2001/84/CE) sarà corrisposto dal Venditore. 13. Specie protette 13.1 Indipendentemente dall’ottenimento di un attestato o di una licenza di esportazione ex art. 68 e ss. del Codice Urbani, tutti i lotti costituiti da o contenenti parti di piante o animali (es.: ossa di balena, coccodrillo, avorio, corallo, tartaruga), a prescindere dall’età e dal valore, potrebbero necessitare di una licenza o un certificato prima dell’esportazione e/o di ulteriori licenze e/o certificati per l’importazione nei paesi Extra UE. L’ottenimento di una licenza o di


un certificato di importazione non garantisce l’ottenimento di una licenza o di un certificato per l’esportazione e viceversa. Il Ponte consiglia i potenziali acquirenti di controllare le proprie legislazioni circa i requisiti necessari per le importazioni nel proprio Paese di beni fatti o contenenti specie protette. Prima di effettuare qualsiasi offerta, è responsabilità dell’Acquirente ottenere tali licenze/certificati di importazione o esportazione, così come ogni altro documento richiesto, con espresso esonero di ogni eventuale obbligo e/o responsabilità in capo a Il Ponte 14. Garanzia legale di conformità 14.1 Ove previsto per legge, i lotti venduti tramite Il Ponte sono coperti dalla garanzia legale di conformità prevista dagli artt. 128-135 del Codice del Consumo (Garanzia Legale), se applicabili. 14.2 La Garanzia Legale è riservata al consumatore (vale a dire, ai sensi dell’art. 3, I comma, lett. a) del Codice del Consumo, la persona fisica che agisce per scopi estranei all’attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta). 14.3 Il Venditore è responsabile nei confronti del consumatore per un difetto di conformità esistente al momento della consegna del prodotto e che si manifesti entro due anni da tale consegna. Il difetto di conformità deve essere denunciato al Venditore, a pena di decadenza dalla garanzia, nel termine di due mesi dalla data in cui è stato scoperto. Salvo prova contraria, si presume che i difetti di conformità che si manifestano entro i sei mesi dalla consegna del prodotto esistessero già a tale data, a meno che tale ipotesi sia incompatibile con la natura del prodotto o con la natura del difetto di conformità. A partire dal settimo mese successivo alla consegna del lotto, sarà invece onere del consumatore provare che il difetto di conformità esisteva già al momento della consegna dello stesso. Per poter usufruire della Garanzia Legale, il consumatore dovrà quindi fornire innanzitutto prova della data dell’aggiudicazione e della consegna del lotto. E’ opportuno, quindi, che il consumatore, a fini di tale prova, conservi qualsiasi documentazione idonea a dimostrare l’aggiudicazione (ad esempio la fattura di acquisto) e la data di consegna o ritiro del lotto. 14.4 Con riferimento alla definizione di “difetto di conformità”, si rimanda a quanto indicato all’art. 129, comma II, del Codice del Consumo. Sono esclusi dal campo di applicazione della Garanzia Legale eventuali difetti determinati da fatti accidentali o da responsabilità del consumatore ovvero da un uso del lotto difforme rispetto alla sua destinazione d'uso. 14.5 In caso di difetto di conformità debitamente denunciato nei termini, il consumatore ha diritto: (i) in via primaria, alla riparazione o sostituzione gratuita del lotto, a sua scelta, salvo che il rimedio richiesto sia oggettivamente impossibile o eccessivamente oneroso rispetto all’altro; (ii) in via secondaria (nel caso cioè in cui la riparazione o la sostituzione siano impossibili o eccessivamente onerose ovvero la riparazione o la sostituzione non siano state realizzate entro termini congrui ovvero la riparazione o la sostituzione precedentemente effettuate abbiano arrecato notevoli inconvenienti al consumatore) alla riduzione del Prezzo di aggiudicazione o alla risoluzione del contratto, a sua scelta. Il rimedio richiesto è eccessivamente oneroso se impone al Venditore spese irragionevoli in confronto ai rimedi alternativi che possono essere esperiti, tenendo conto: (i) del valore che il bene avrebbe se non vi fosse il difetto di conformità; (ii) dell’entità del difetto di conformità; (iii) dell’eventualità che il rimedio alternativo possa essere esperito senza notevoli inconvenienti per il consumatore. 14.6 Nel caso in cui il lotto, nel corso del periodo di validità della Garanzia Legale, manifesti un difetto di conformità, il consumatore può comunicare la circostanza a Il Ponte ai contatti indicati all’art. 16. Il Ponte darà tempestivo riscontro alla comunicazione del presunto difetto di conformità e indicherà al consumatore la specifica procedura da seguire. 15. Contatti E’ possibile chiedere informazioni, inviare comunicazioni, richiedere assistenza o inoltrare reclami, contattando Il Ponte con le seguenti modalità: - per email: all’indirizzo info@ponteonline.com; - per posta: scrivendo a Il Ponte - Casa d’Aste s.r.l., Milano, via Pontaccio 12 (20121) oppure via Pitteri 8/10 (20134); - per telefono: al numero +39 02.863141 (sede di via Pontaccio 12) oppure +39 02.8631472 (sede di via Pitteri 8/10) (numeri di telefono a pagamento, operativi nei seguenti giorni e orari: Lun.-Ven. 9:00-13.00; 14.00-18.00, per la sede di via Pontaccio 12; 9:00-13:30; 14:00-17:30 per la sede di via Pitteri 8/10, in entrambi i casi esclusi i giorni di festività nazionale in Italia); - per fax: al numero +39 02.72022083 (sede di via Pontaccio 12) oppure +39 02.36633096 (sede di via Pitteri 8/10); Il Ponte risponderà ai reclami presentati entro cinque giorni lavorativi dal ricevimento degli stessi. 16. Foro e legge applicabile 16.1 Il rapporto contrattuale tra Il Ponte e l’Acquirente è regolato dalla legge

italiana. In caso di traduzione in altra lingua delle presenti Condizioni Generali di Vendita, prevarranno e resteranno valide e vincolanti le condizioni di vendita nel testo in lingua italiana in caso di conflitto con la traduzione in lingua straniera. 16.2 Nel caso di Acquirente consumatore, per ogni controversia relativa all’applicazione, esecuzione e interpretazione delle presenti Condizioni Generali di Vendita è competente il foro del luogo in cui il consumatore risiede o ha eletto domicilio. 16.3 Ai sensi dell'art. 141-sexies, comma 3 del Codice del Consumo, ove applicabile, Il Ponte informa l’Acquirente consumatore che, nel caso in cui egli abbia presentato un reclamo direttamente a Il Ponte, a seguito del quale non sia stato tuttavia possibile risolvere la controversia così insorta, Il Ponte fornirà le informazioni in merito all'organismo o agli organismi di Alternative Dispute Resolution per la risoluzione extragiudiziale delle controversie relative ad obbligazioni derivanti da un contratto concluso in base alle presenti Condizioni Generali di Vendita (cc.dd. organismi ADR, come indicati agli artt. 141-bis e ss. Codice del Consumo), precisando se intenda avvalersi o meno di tali organismi per risolvere la controversia stessa. 16.4 Il Ponte informa inoltre l’Acquirente consumatore che è stata istituita una piattaforma europea per la risoluzione online delle controversie dei consumatori (c.d. piattaforma ODR). La piattaforma ODR è consultabile al seguente indirizzo http://ec.europa.eu/consumers/odr/; attraverso la piattaforma ODR l’Acquirente consumatore potrà consultare l'elenco degli organismi ADR, trovare il link al sito di ciascuno di essi e avviare una procedura di risoluzione online della controversia in cui sia coinvolto. Sono fatti salvi in ogni caso il diritto dell’Acquirente consumatore di adire il giudice ordinario competente della controversia derivante dalle presenti Condizioni Generali di Vendita, qualunque sia l'esito della procedura di composizione extragiudiziale delle controversie relative ai rapporti di consumo mediante ricorso alle procedure di cui alla Parte V, Titolo II-bis Codice del Consumo. 16.5 L’Acquirente che risiede in uno stato membro dell’Unione Europea diverso dall’Italia, può, inoltre, accedere, per ogni controversia relativa all’applicazione, esecuzione e interpretazione delle presenti Condizioni Generali di Vendita, al procedimento europeo istituito per le controversie di modesta entità, dal Regolamento (CE) n. 861/2007 del Consiglio, dell’11 luglio 2007, a condizione che il valore della controversia non ecceda, esclusi gli interessi, i diritti e le spese, Euro 2.000. Il testo del regolamento è reperibile sul sito www.eur-lex.europa.eu. Condizioni ulteriori per la presentazione di offerte online Queste Condizioni ulteriori per la presentazione di offerte online (Condizioni) si applicano alle aste per le quali Il Ponte - Casa d’Aste s.r.l., società con sede legale in Milano, via Pontaccio 12 (20121), P. Iva e Iscrizione Registro Imprese di Milano n. 01481220133, capitale sociale interamente versato pari ad Euro 34.320 (Il Ponte), consenta la formulazione di offerte online tramite il sito www.ponteonline.com (Sito) ovvero siti di terzi (Piattaforme). Ciascun lotto è offerto in vendita da Il Ponte. I contratti di vendita all’asta conclusi online mediante il Sito e/o le Piattaforme sono esclusi dalla disciplina del Capo I, Titolo III del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206.in quanto conclusi in occasione di una vendita all'asta. Queste Condizioni si aggiungono (e non si sostituiscono) alle sopra riportate Condizioni Generali di Vendita, le cui definizioni si intendono qui richiamate. Partecipando all’asta tramite il Sito e/o le Piattaforme, l’offerente accetta di essere vincolato alle Condizioni Generali di Vendita applicabili alla vendita ed a queste ulteriori Condizioni. 1. Istantaneità ed irrevocabilità dell’offerta online. Eccezione al diritto di recesso Per registrarsi all’asta è necessario inviare una copia della propria carta di identità in corso di validità all’indirizzo info@ponteonline.com. In difetto, non sarà possibile registrarsi all’asta. Il Ponte si riserva il diritto di rifiutare o revocare la registrazione all’asta a sua esclusiva discrezione. Il procedimento per effettuare un’offerta tramite il Sito e/o la Piattaforma è istantaneo; l’offerta è inviata non appena l’offerente clicca il relativo bottone ed è definitiva. Sottoponendo un’offerta online tramite il Sito e/o la Piattaforma accettate che l’offerta sia finale e che non sia in alcun modo possibile modificarla o revocarla. Inoltre, ai sensi dell’articolo 59, comma 1, lettera m) del Codice del Consumo, qualora il contratto di vendita all’asta sia concluso con un offerente che abbia formulato un’offerta online tramite il Sito e/o la Piattaforma e possa essere qualificato come consumatore in base all’art. 3, comma 1, lett. a) del Codice del Consumo, l’Acquirente non disporrà del diritto di recesso, in quanto il metodo di vendita utilizzato è un’asta pubblica, come definita dall’art. 45, comma 1 lettera o) del Codice del Consumo. Se l’offerta inviata a Il Ponte è la più alta, l’Acquirente irrevocabilmente accetta di pagare l’intero prezzo di acquisto, incluse le


commissioni di acquisto e tutte le tasse applicabili e qualsiasi altro addebito. 2. Modalità di pagamento e di consegna Modalità di pagamento: si rinvia alla clausola 7 delle Condizioni Generali di Vendita. Consegna: si rinvia alla clausola 8 delle Condizioni Generali di Vendita. 3. Offerte incrementali Ogni offerta incrementale comparirà sullo schermo del Sito e/o della Piattaforma. Il banditore ha la facoltà di variare gli incrementi per gli offerenti presenti nella sala d’aste e tramite telefono, ma coloro che formulano un’offerta tramite il Sito e/o la Piattaforma potrebbero non essere in grado di fare un'offerta per un importo diverso rispetto a quello di un’intera offerta incrementale. Tutte le offerte all’asta saranno espresse in Euro. 4. Responsabilità dell’offerente Coloro che formulano offerte tramite il Sito e/o la Piattaforma sono responsabili della loro conoscenza di tutte le comunicazioni e gli annunci effettuati durante l’asta. Tutte le comunicazioni effettuate saranno lette dal banditore, all'inizio, se del caso, o durante l’asta, prima che il lotto rilevante sia offerto in vendita. Il Ponte raccomanda che coloro che formulano offerte tramite il Sito e/o la Piattaforma si autentichino tramite log-in almeno dieci minuti prima dell'inizio dell'asta per assicurarsi di ascoltare tutte le comunicazioni effettuate dal banditore all'inizio dell’asta. Tutte le comunicazioni di modifiche relative all’offerta in vendita del lotto (“sale room notices”) e gli annunci in sala eseguiti dal banditore sono parte delle presenti Condizioni e delle Condizioni Generali di Vendita. Il Ponte si riserva il diritto di rifiutare o revocare il permesso di fare offerte online attraverso il Sito e/o la Piattaforma, nonché di revocare i privilegi di offerta nel corso di una asta. Gli aggiudicatari dei lotti riceveranno una conferma dell’aggiudicazione e l’estratto conto in relazione al loro acquisto dopo la vendita. 5. Esonero di responsabilità de Il Ponte Il Ponte non sarà responsabile per eventuali errori o malfunzionamenti nella presentazione delle offerte tramite il Sito e/o la Piattaforma, inclusi, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, errori o malfunzionamenti causati da: (i) una perdita di connessione a Internet o al software del Sito e/o della Piattaforma da parte de Il Ponte ovvero del cliente; (ii) un malfunzionamento o un problema con il software del Sito e/o della Piattaforma; oppure (iii) un guasto o un problema di connessione internet, rete mobile o computer del cliente. Il Ponte non è dunque responsabile per qualsiasi impossibilità di formulare un'offerta online o per gli eventuali errori o omissioni in relazione ad essa. La partecipazione all’asta tramite il Sito e/o la Piattaforma avviene pertanto a esclusivo rischio degli offerenti e potenziali acquirenti, che assumono ogni rischio e responsabilità sulla ricezione e il buon esito delle offerte formulate e/o da formulare. INFORMATIVA EX ART. 13 del G.D.P.R. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Nuovo Regolamento sulla Protezione del Dati (GDPR 2016/679), s’ informa il Cliente (c.d. interessato) che: 1. Titolare e altri soggetti designati Il Titolare del trattamento è Il Ponte - Casa D'aste S.r.l. , con sede legale in Milano, Via Pontaccio n. 12, nella persona della direttrice, Dott.ssa Rossella Novarini, mail: direzione.generale@ponteonline.com e che, ai fini del riscontro all’interessato in caso di esercizio dei diritti ad opera di quest’ultimo, è possibile rivolgersi alla Dott.ssa Francesca Conte, mail: francesca.conte@ponteonline.com. Il DPO nominato è Programmastudio Spa, nella persona del Dott. Pasquale Iannone, tel. 02 2829389, mail: privacy@programmastudio.it. 2. Trattamenti effettuati e base giuridica I dati di natura personale, liberamente forniti dal Cliente alla società in ragione dell’attività svolta in virtù di apposita regolamentazione contrattuale saranno trattati in modo lecito, secondo correttezza, nonché a norma di quanto stabilito dal Regolamento, per la finalità di: - espletamento del mandato a vendere e/o dell’adesione alla partecipazione alle aste in programma; - per le finalità previste dalla vigente normativa in materia di antiriciclaggio (D.Lgs. 231/07 e successive modifiche). Il conferimento dei dati sopra indicati è obbligatorio affinché il Titolare possa espletare l’incarico affidatogli. In caso di rifiuto a fornire i dati richiesti, il Titolare si troverà nell’impossibilità di eseguire le prestazioni contrattualmente previste,

per fatto e colpa del Cliente interessato. I dati di natura personale quali l’indirizzo e-mail, forniti facoltativamente dal Cliente alla società in ragione di apposito consenso rilasciato dallo stesso, saranno trattati in modo lecito e secondo correttezza, nonché a norma di quanto stabilito dal Regolamento per la finalità d’inoltro di informative, aggiornamenti e novità in merito alle nuove aste e/o eventi futuri. Per tale trattamento la società raccoglierà il consenso con modalità elettroniche e /o cartacee. L’immagine verrà ripresa, mediante sistema di videoregistrazione e come da informativa regolarmente esposta, nell’interesse legittimo del Titolare, ovvero allo scopo di tutelare la sicurezza delle persone e la tutela del patrimonio dell’azienda. 3. Strumenti di trattamento e modalità di conservazione dei dati I dati trattati (che potranno avere natura: comune ed identificativa) sono aggiornati, completi, pertinenti e non eccedenti rispetto alle sopracitate finalità del trattamento. I medesimi dati saranno trattati, nel rispetto della sicurezza e riservatezza necessari attraverso le seguenti modalità: raccolta dei dati presso l’interessato, registrazione e conservazione dei medesimi per gli scopi predeterminati, espliciti e legittimi. Gli stessi dati saranno trattati sia con strumenti cartacei che con mezzi elettronici ed automatizzati. I dati personali saranno trattati dal Titolare del trattamento nonché dai dipendenti e collaboratori autorizzati al trattamento medesimo. I dati potranno essere comunicati, oltre che agli enti pubblici destinatari delle comunicazioni/dichiarazioni oggetto del presente contratto, anche agli organi ispettivi preposti, ove richiesti in seno a fasi di verifiche e controllo, inerenti alla regolarità degli adempimenti. I medesimi dati, oggetto della presente informativa, potranno essere comunicati a professionisti e/o collaboratori del titolare per l’espletamento dell’incarico affidato e per le stesse finalità. Per contro i dati in discorso non saranno oggetto di diffusione, oltre i limiti ivi specificati, salvo diversa indicazione dell’interessato, fornita per iscritto. Non è intenzione del Titolare trasferire i dati oggetto della presente ad un paese terzo o ad una organizzazione internazionale. Si precisa che anche il backup esterno è eseguito da società italiana, quindi tenuta anch’essa al rispetto della normativa privacy in discorso, tramite l’utilizzo di server siti in territorio italiano. Non è presente alcun processo decisionale automatizzato. Infine, si informa l’interessato che Il Titolare ha posto in essere una gran varietà di misure di sicurezza per proteggere i dati contro il rischio di perdita, abuso o alterazione. 4. Periodo di conservazione dei dati I dati, oggetto della presente informativa, saranno conservati: - per 10 anni (dieci anni) dalla conclusione del rapporto contrattuale, per trattamenti aventi base giuridica contrattuale; - 5 anni dalla revoca del consenso per i trattamenti aventi base consensuale - non oltre le 72 ore, relativamente al trattamento delle immagini della videosorveglianza. 5. Diritti dell’interessato L’interessato ha diritto: - di chiedere al Titolare del trattamento la conferma o meno della detenzione di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile, nonché l’accesso ai dati personali, il loro possibile aggiornamento o integrazione, la rettifica o la cancellazione degli stessi, la trasformazione dei medesimi in forma anonima ovvero il blocco di quelli trattati in violazione della normativa, la limitazione del trattamento che lo riguardano o di opporsi al loro trattamento, oltre al diritto alla portabilità dei dati. Ha altresì il diritto di ottenere l’indicazione dell’origine dei dati personali, la loro finalità e le modalità di trattamento, nonché la logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici; - potrà inoltre opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati che lo riguardano ai fini dell’invio di materiale pubblicitario, vendita diretta o ricerche di mercato o comunicazione commerciale; - ha il diritto di revocare il consenso in qualsiasi momento, senza pregiudizio alcuno per la liceità del trattamento eseguito in ragione del consenso prestato prima della revoca, nonché il diritto di proporre reclamo ad una autorità di controllo.


Terms and Conditions of Sale 1. Important information for potential buyers 1.1The lots are offered for sale by Il Ponte - Casa d’Aste Srl, a company with registered office in Milan, Via Pontaccio 12 (20121), VAT and Milan Company Register no. 01481220133, fully paid share capital of Euro 34,320.00 (Il Ponte), acting in the name and on behalf of the Seller as agent with representation of the same, except for the cases in which Il Ponte is the owner of the lot. Seller means any individual or company owning the lot offered for sale by auction by Il Ponte. In any event (bids placed by phone and/or internet and/or online auctions include҂ sales are considered to be carried out within the scope of a public auction, therefore the buyer will not be entitled to any right of withdrawal 1.2 These Terms and Conditions of Sale may be modified by means of a notice posted in the auction room or via an announcement made by the auctioneer before the auction begins. Potential purchasers should consult the site www.ponteonline.com (Website) to review the most current information on the lots in the catalogue and any possible different condition of sales for the specific auction. 1.3 Il Ponte acts as agent of the Seller and is exempt from any responsibility in regard to origin, condition and description of the lots included in catalogues, brochures and any other illustrative material. The aforementioned descriptions, as any other indication or illustration, is to be considered as purely indicative and shall not under any circumstances induce trust and/or expectation of any sort in the potential buyers. The lack of explicit references concerning the lot conditions in the catalogue shall not imply that the asset is without imperfections. Any written or verbal representation provided by Il Ponte, including the ones in catalogues, reports, comments or evaluations concerning any characteristic of a lot - such as authorship, authenticity, provenance, attribution, origin, date, cultural origin or source, its quality, including its price or its value or valuation – merely reflect non-binding opinions and can be reexamined by Il Ponte and possibly modified before the lot is offered for sale. Il Ponte, its administrators, employees, collaborators or consultants, shall not be held responsible for mistakes or omissions included in the aforementioned descriptions and/or representations. The estimates published in the catalogue are expressed in Euro: the starting price for the auction and the Hammer Price (i.e. the price at which a lot is sold at an auction by the auctioneer) can be higher or lower than the evaluations indicated. 1.4 All potential buyers are required to examine in advance the conditions of each lot during the exhibition of the lots organized by Il Ponte before the auction in order to carry out (also with their own experts) a prior in-depth examination concerning the authenticity, preservation, condition, provenance, typology and quality of the lots, on which potential buyers – and the final buyer – shall assume any sort of risk and responsibility. During the exhibition, the staff of Il Ponte will be available to potential buyers to provide – at their own request - an updated illustration of the objects in question, if available. 1.5 To supplement the descriptions contained in the catalogue, Il Ponte makes available, upon request, condition reports on the status of each lot. 1.6 All objects of an electrical or mechanical nature are to be considered solely on the basis of their artistic and decorative value and are not to be considered functional. Before using any such object of a sold lot, it is best to have any electrical system therein certified by a qualified electrician, as Il Ponte shall not assume any responsibility in these regards. 1.7 Neither Il Ponte nor its directors, employees, contractors or consultants shall be liable for acts or omissions relating to the preparation or conduct of an auction or for any other matter relating to the sale of the lot 1.8 Following the adjudication, Il Ponte shall not be held responsible for any fault or defect of the lots, including but not limited to those related to state of preservation, wrong attribution, authenticity, provenance, weight or lack of quality. Potential buyers and successful bidders expressly waive the benefit of all warranties pursuant to Articles 1490 and 1497 of the Italian Civil Code, exempting Il Ponte from any responsibility. Neither Il Ponte or any member of its staff will be able to issue any sort of valid guarantee. 1.9 At all events any different l liability of Il Ponte vis-à-vis the Buyer (the individual or company who makes the highest bid in the auction accepted by the auctioneer and is awarded the lot) in connection with the purchase of a lot is limited to the Hammer Price and the buyer's premium paid to Il Ponte by the Buyer. 1.10 The fall of the auctioneer's hammer determines the acceptance of the highest bid and the price at which a lot is sold by the auctioneer to the Buyer. The fall of the auctioneer's hammer also determines the conclusion of the purchase contract between the Seller and the Buyer and in particular it indicates the obligation of the Buyer to pay to Il Ponte the entire amount due for the purchased lot, including its price and commission. It is expressly provided that the purchase shall be considered finalized, and the ownership of the lot shall be passed to the Buyer, only pursuant to full payment from the Buyer to Il Ponte of the entire amount due (with the exception of different provisions referred to in

the Italian Legislative Decree no. 42/04 and also in the matter of the right of pre-emption of the Government; reference shall be also made to § 11.4 of these Terms and Conditions of Sale). 2. Bids 2.1 Bids for the purchase of lots may be submitted in person in the room during the auction, in a written offer before the auction begins, by phone or via the internet (in the latter case only if the specific auction admits this possibility). 2.2 Bids are increased by 10% (compared to the previous bid) unless otherwise determined by the auctioneer and communicated before the auction begins or during its course. 2.3 In the event bids of an equal amount are submitted through the same method (that is presented in the auction room, by telephone, in writing or online), Il Ponte will take into consideration only the bid received first. 2.4 Where a dispute arises concerning the successful bid, the lot may be withdrawn from the auction - at the sole discretion of the auctioneer - or relisted for auction on the same day (in this case, the bids relating to the lot made previously will no longer be taken into account). 2.5 At its own discretion, Il Ponte has the right to exclude anyone from participating in the auctions; in particular, Il Ponte may refuse to allow any potential buyer who has not previously fulfilled his obligations to Il Ponte, even by way of compensation, to participate in the auction. 2.6 The auctioneer conducts the auction starting from the bid he considers suitable. The auctioneer can put consecutive bids or respond to other bids in the interest of the Seller up to the Reserve Price (the minimum price agreed confidentially between Il Ponte and the Seller, below which the lot will not be sold). 2.7 At any time Il Ponte has the right to withdraw any lot offered for sale. The auctioneer has the right, at his sole discretion, to combine or separate lots and to vary the order of sale from the one indicated in the catalogue, provided that the lot is not offered for sale any day prior to the one indicated in the auction catalogue. 2.8 In regard to each potential buyer, Il Ponte reserves the right to subordinate participation in the auction to the presentation of a letter of bank references or the deposit of a sum that guarantees the proper fulfilment of the obligations laid down in these Terms and Conditions of Sale, which will be returned once the auction has ended. 3. Bids in the auction room 3.1 To participate in the auction in person, it is necessary to have the appropriate numbered paddle, which is issued by the staff of Il Ponte at the registration desk, upon filling in the auction registration form and upon exhibiting the identity document of the potential buyer. Bidders shall place their bids by raising the numbered paddle. 3.2 Il Ponte invites potential buyers to pick up their numbered paddle ahead of time and informs them that they can also register for the auction during the exhibition period held prior to the auction. The loss of a numbered paddle must be reported immediately to Il Ponte, who will give the potential buyer a new numbered paddle. The numbered paddle must be returned to Il Ponte at the end of the auction. 3.3 Immediately after the successful bid, the Buyer shall sign a sale report.. 3.4 Each lot sold in the auction room will be invoiced on the basis of the personal information and address provided when the numbered paddle is issued. 3.5 It is possible to participate in the auction on behalf of a third person. The agent, when registering for the auction, must present a proxy signed by the principal with an attached copy of the identity document and tax code of both the principal and the agent; if the principal is a company, the proxy must be signed by the legal representative thereof or by an agent with power of attorney, whose identity document and tax code must be attached to the proxy. In any case, Il Ponte reserves its right to prevent the agent from participating in the auction when, at its sole discretion, it deems that the power of attorney has not been sufficiently demonstrated. 3.6 Under no circumstances shall bids be accepted “without limits” or “upon examination”. 4. Bids submitted in writing 4.1 Written bids may be submitted by filling in the “Written telephone bid” form (Form) annexed to the auction catalogue or available for download from www.ponteonline.com (Website). 4.2 The Form shall be sent to Il Ponte at least 24 hours before the start of the auction: either i) by fax to +39 02.72022083 (for auctions organized at the Il Ponte offices in Milan, Via Pontaccio 12) or ii) to +39 02.36633096 (for auctions organized at the Il Ponte offices in Milan, Via Pitteri 8/10), or iii) by sending an email in pdf format to info@ponteonline.com (or the email address of the


relevant department of Il Ponte provided on the Website or in the auction catalogue), in all cases the required documentation specified in the Form must be enclosed; in case of failure to provide the required documentation, Il Ponte guarantees neither the participation of the potential Buyer in the auction nor that it will accept the bids indicated in the Form. Il Ponte will accept only bids equal to or higher than 80% of the minimum estimate indicated in the catalogue with respect to the lot for which the bid is submitted. 4.3 Written bids will only be accepted if rounded to a multiple of ten; otherwise, Il Ponte will consider the offer as being rounded down to the nearest multiple of ten (for example, a written offer of € 238.00 will be considered by Il Ponte as a bid of € 230.00). 4.4 Il Ponte, in allowing potential buyers to raise bids, will take into account both the Reserve Price and the other bids, so as to attempt to sell the lot for which a written bid was submitted at the lowest possible Hammer Price. The amounts specified in the Form shall be meant as maximum amounts. Il Ponte will not take into consideration bids for unlimited amounts or bids for an unspecified amount. 4.5 Il Ponte is not responsible for any errors made by the potential buyer in completing the Form. Before sending the Form to Il Ponte, the potential buyer is required to verify that the lot description indicated in the Form corresponds to the good that he intends to buy; in particular, the potential buyer is required to verify that the auction catalogue number and the lot description correspond. In the case of discrepancy between lot number and lot description, Il Ponte will make the bid on behalf of the potential buyer by referring exclusively to the lot number. 4.6 At the end of the auction, the Buyer will be informed by Il Ponte via email that his bid was successful; in any case, each potential buyer is invited to contact Il Ponte at the contact details indicated in Article 15 in order to check if his bid was successful. 4.7 In case a written bid and a bid made in person in the auction room, by telephone or online are placed for the same amount, the latters shall prevail with respect to the written bid. 4.8 Pursuant to Article 59, paragraph 1, letter m) of the Consumer Code, if the auction sale contract is concluded with a Buyer who has made a written offer, and he may be qualified as a consumer under Article 3, paragraph 1, letter a) of the Consumer Code, the Buyer will not have the right of withdrawal, as the selling method used is a public auction, as defined by Article 45, paragraph 1, letter o) of the Consumer Code. 5. Bids submitted by telephone 5.1 By filling in and submitting the Form, a potential buyer can participate in the auction and make telephone bids. 5.2 The Form must be sent to Il Ponte at least 24 hours before the start of the auction - by fax to +39 02.72022083 (for auctions organized at the Il Ponte offices in Milan, Via Pontaccio 12) or to +39 02.36633096 (for auctions organized at the Il Ponte offices in Milan, Via Pitteri 8/10), or by sending an email in pdf format to info@ponteonline.com (or to the email address of the relevant department of Il Ponte provided on the Website or in the auction catalogue), in all cases enclosing the required documentation specified in the Form. 5.3 Following the receipt of the duly completed Form, Il Ponte will contact the potential buyer at the phone number indicated in the Form before the sale of the lot for which the potential buyer intends to make telephone bids. 5.4 The minimum estimate indicated in the catalogue in reference to each lot for which potential buyers intend to make telephone bids must be at least € 100; otherwise, Il Ponte will not contact the potential buyer nor will he be able to make telephone bids for the lot. 5.5 If, for any reason, including technical reasons, Il Ponte is not able to telephone the potential buyer, Il Ponte will have the right to bid on behalf of the potential buyer, in regard to each lot specified in the Form, up to a Hammer Price equal to the maximum bid listed by the potential buyer in the Form, or if that maximum bid is not reached, up to the minimum estimate indicated in the catalogue for that lot. 5.6 Il Ponte is not liable in any way for any delay in or failure to make telephone bids arising from the malfunction of the telephone line. 5.7 Telephone conversations during the auction will be recorded. The staff of Il Ponte is able to make phone calls in Italian, English, French, Chinese, Spanish and Portuguese. 6. Bids submitted online 6.1 1 Il Ponte will give notice on its Website (at least 24 hours before the auction starts) and/or in the auction catalogue if bids can be made online, via the Website or sites operated by third parties. 6.2 Online bids are regulated both by these Terms and Conditions of Sale and by the “Additional conditions for the submission of online bids” available on the Website or on request. In the event of inconsistency between these Terms and Conditions of Sale and the “Additional conditions for the submission of online

bids”, the latter shall prevail. 6.3 For information about registering for the auction and submitting online bids, please refer to the Website. 6.4 In case of participation in the auction and bids submissions carried out by means of platforms and/or websites different from Il Ponte Live platform (for further information reference shall be made to the website www.ponteonline.com) an additional commission corresponding to 5% of the Hammer Price will be applied, as well as the commissions and expenses provided for by these Terms and Condition of Sale. 7. Payment 7.1 1 In the event of a successful bid, the Buyer shall pay the Hammer Price of the lot to Il Ponte, in addition to a buyer's premium of 25% (if the auction was held at the saleroom of Il Ponte in Milan, Via Pontaccio 12) or 35% (if the auction was held at the saleroom of Il Ponte in Milan, Via Pitteri 8/10) of the Hammer Price (in both cases VAT shall be included if applicable) in addition, to the payment of any other amount due to Il Ponte under these General Terms and Conditions (see also § 6.4) related to the lot sold (Amount Due). 7.2 The Buyer undertakes to pay the Amount Due no later than ten days from the day following the date of the sale. 7.3 In the event of failure to pay or delay in payment by the Buyer, in whole or in part, of the Amount Due within the aforementioned imperative time-limit Il Ponte has the right to terminate the sale contract pursuant to Article 1456 of the Italian Civil Code, by giving simple written notice. In this event, Il Ponte shall have in any case the right to receive the payment of a penalty corresponding to the double of the purchase commissions that the defaulting Buyer should have paid, as well as to possible further compensation for greater damages. Il Ponte shall be entitled to retain any advanced payment made by the Buyer. 7.4 Each lot can be paid by cashier’s check, credit card, debit card, bank transfer or cash, within the limits of the law. 7.5 Payment of the lot can be made in Milan at the offices of Il Ponte in Via Pontaccio 12 or in Via Pitteri 8/10 (according to where the auction was held) during the following office hours: Mon-Ven. 9 am to 1 pm; 2 pm to 5:30 pm (excluding public holidays in Italy). 7.6 The following credit cards are accepted: American Express, Diners, Visa and MasterCard. Payment can be made exclusively by the owner of the credit card. 7.7 The bank details for wire transfers are the following: IBAN IT 51H0832950860000000011517; Swift code no. ICRAITRR950; Beneficiary: Il Ponte - Casa d’Aste Srl. In the space for “reason for payment” (causale), please provide your full name and the invoice number. 7.8 Il Ponte has the right to control the source of the payments it receives and to refuse payments from people other than the Buyer. 7.9 Pursuant to the Italian Legislative Decree no.231/07 and subsequent amendments and additions and in full compliance with the provisions of the Italian Legislative Decree 196/2003 (Privacy Code) and EU Regulation 2016/679, Il Ponte will require from all customers the data necessary to the fulfilment of the obligations of adequate verification of the Customer and of the beneficial owner. In the event of formal request from Authorities and Public Administration, and in any other circumstances provided for by law, Il Ponte shall be entitled to provide the name and contact details of the Buyer. 8. Delivery and collection of the lot 8.1 The lot will be delivered by Il Ponte to the Buyer only after receiving full payment of the Amount Due (unless otherwise specified as referred to in the Italian Legislative Decree no. 42/04 and also in the matter of the right of preemption of the Government; reference shall be also made to § 11.4 of these Terms and Conditions of Sale). 8.2 Il Ponte does not undertake the obligation to arrange for shipment of the lot sold, which must be collected by the Buyer in Milan at the offices of Il Ponte in Via Pontaccio 12 or in Via Pitteri 8/10 (depending on where the auction was held), within 10 days following the day the Amount Due is paid. 8.3 If the buyer does not promptly collect the lot he has paid for within 10 days of payment or the issue of the certificate or the export license, Il Ponte will have the right to proceed to the elimination of the lot, subject to prior notification by registered mail with return receipt. The buyer acknowledges and accepts that in the event of elimination of the lot, he will not be entitled to proceed to legal actions or promote any complaint before the authorities, against il Ponte, which is therefore free of any liability. 8.4 In the event that the Buyer entrusts the collection of the lot to a third party, said party must be provided with a written authorization of the Buyer as well as a copy of the identity document of both the represented party and his agent. 8.5 At the express request of the Buyer, Il Ponte can arrange, at the Buyer’s expenses and risk, for the packaging, transport and insurance of the lot, subject to prior notice and written acceptance of the Buyer in relation to the relevant


expenses. The shipping may be carried out by a carrier hired by Il Ponte, in accordance with the instructions of the Buyer, or hired directly by the Buyer, depending on the agreement between the parties 8.6 In the event of death, disqualification, incapacitation or termination, for any reason, of the Buyer, duly notified to Il Ponte, it is agreed that Il Ponte will deliver the lot on the basis of an agreement between all the assignees of the Buyer or in compliance with the procedures established by the judicial authority. 9. Transfer of risk 9.1 A purchased lot is entirely at the risk of the Buyer starting on the earliest of the following: (i) the date the Buyer receives the lot purchased, or (ii) the date the Buyer pays the Amount Due for the lot; if none of these events takes place, the transfer of risk will in any case have effect after the ten (10) day-period of the sale has elapsed. The transfer of risk to the Buyer expressly exonerates Il Ponte from any liability regarding the fate of the adjudicated lot as well as in the event of damages, theft, fire, destruction of loss of the lot itself (partial or total). 9.2 The Buyer will be compensated for any loss of or damage to the lot that occurs after the adjudication but before the transfer of risk, but the compensation may not exceed the Hammer Price of the lot plus the buyer's premium received by Il Ponte. In no event will Il Ponte be responsible for the loss or damage of glass/frames containing or covering prints, paintings or other works unless the frame and/or the glass is part of the auctioned lot. 9.3 In no event will Il Ponte be liable for any loss or damage (partial or total) of the adjudicated lot: (i) that occurs as a result of any action (including restoration or cleaning of the work or the frame) carried out by third parties appointed by anyone; (ii) arising, directly or indirectly, from: (a) changes in humidity or temperature; (b) normal wear and tear or gradual deterioration resulting from interventions on the object and/or other events (including woodworms and wood parasites); (c) errors in treatment; (d) war, nuclear fission, radioactive contamination, chemical, biochemical or electromagnetic weapons; (e) acts of terrorism; (f) in case of lockdowns or similar situations, Authority regulations and any other reason of force majeure outside the control of Il Ponte. 10. Counterfeiting 10.1 If, after the sale, a lot turns out to be a counterfeit, Il Ponte will reimburse any Buyer who has requested termination of the sale contract - upon the return of the lot to Il Ponte - in an amount equal to the Hammer Price and the buyer's premium paid, in both cases in the currency in which these amounts were paid by the Buyer. The obligation of Il Ponte is subject to the condition that, no later than five (5) years from the date of adjudication, the Buyer: (i) gives Il Ponte written notice, within ninety (90) days from the date on which he received information causing him to believe that the lot is counterfeit, of the lot number, the date of the auction where the lot was purchased and the reasons why the Buyer believes that the lot is counterfeit; (ii) is able to return the lot to Il Ponte free from any demands or claims by third parties made after the date of sale, and the lot is in the same condition as at the date of sale; (iii) provides Il Ponte with the reports of at least two scholars or independent experts of internationally recognized competence, in which they explain the reasons why the lot is to be considered a counterfeit. 10.2 Il Ponte will not be bound by the opinions provided by the Buyer, and reserves the right to request additional expert advice at its own expense. 10.3 Il Ponte will not make a refund if: (i) the description in the catalogue was in accordance with the generally accepted opinion of scholars and experts on the date of the sale or indicated that the authenticity or attribution of the lot was controversial; or (ii) on the date of publication of the catalogue the counterfeit nature of the lot could be ascertained only by carrying out analyses generally considered inadequate for that purpose or otherwise not feasible, whose cost was unreasonable or which might reasonably have damaged or otherwise resulted in a decrease in the value of the lot. Under this Article, counterfeit means, in the reasonable opinion of Il Ponte, the imitation of a lot offered for sale, not described as such in the auction catalogue, created for the purpose of deception in regard to the authorship, authenticity, provenance, attribution, origin, source, date, age, period of the lot, which on the date of the sale had a value lower than it would have had if the lot had corresponded to the description in the auction catalogue. A lot that has been restored or modified in any way (including repainting or painting over) does not constitute a counterfeit. 11. Export from the territory of the Italian Republic. Declaration of cultural interest 11.1 The export of a lot from the territory of the Italian Republic may be subject to the issuance of a certificate of free circulation or of an export license, in accordance with the requirements of Article 68 et seq. of the Italian Legislative Decree 22 January 2004 no. 42 (Urbani Code). In the event that lots are subjected

to the process of declaration of cultural interest (the so-called “notification”) pursuant to article 13 and the following Italian Legislative Decree no. 42/2004, the Buyer shall be responsible for the compliance to all the provision of law and of any other applicable special regulation, including customs matter, tax matters, currency regulations and protected species regulations. The responsibility of verifying possible restrictions on movements and/or on export of the lot of interest or the adjudicated lot, that is any licence or certificate provided for by law in Italy and in the country of destination, shall be borne solely by the participants to the auction and the Buyers, as well as any formality and legal requirements provided for by law in the matters of movement and/or export of the adjudicated lot, and Il Ponte shall be expressly exempted from any obligation and/or responsibility. 11.2 The failure to grant or the delay in issuing the certificate of free circulation and/or the export license shall not give rise to the termination or annulment of the sale, nor shall it justify the non-payment or delay in payment of the Amount Due by the Buyer. 11.3 At the Buyer’s request and expenses, Il Ponte may accept to apply for the issuance of the certificate of free circulation and/or the export license, provided that the Buyer has already paid the Amount Due. Il Ponte charges to the Buyer a fee of € 150.00 (plus VAT - as per law if due - and any transportation cost) for each work for which an application is filed. In any case, Il Ponte shall not be held responsible for any obligation or guarantee regarding the good outcome of the pertaining application. 11.4 Each lot offered for sale at auction could already be the subject of a declaration of cultural interest by the Ministry of Culture and Heritage and Tourism in accordance with Article 13 of the Urbani Code. In that case - or if, in relation to the lot, the proceeding of declaration of its cultural interest pursuant to Article 14 of the Urbani Code has commenced - Il Ponte will communicate as much in the catalogue and/or through an announcement made by the auctioneer before the lot is offered for sale. In the event the lot has been the subject of a declaration of cultural interest prior to its sale, the Seller will report the sale to the competent Ministry pursuant to Article 59 of the Urbani Code. The sale is subject to the condition precedent that the relevant Ministry exercises the right of pre-emption within sixty days of receipt of such report, or within a period greater than one hundred and eighty days, pursuant to Article 61 paragraph II of the Urbani Code. During the period provided for the exercise of the right of preemption, the lot cannot be delivered to the Buyer, pursuant to Article 61 of the Urbani Code. In any event, it is understood that any declaration of cultural interest (or even just the commencement of the related procedure) that should occur subsequently to the adjudication of a lot shall not invalidate or nullify neither the adjudication nor the obligation of payment of the total amount due and, in general, the purchase of the lot. 11.5 Please note that the lot marked with“§”symbol has been imported under a temporary customs licence. The hammer price for the lot will be subject to VAT (as per law if due) for EU residents only. The cost of € 300 regarding the final importation will be at the buyer's expense. Il Ponte will not be responsible for the delays in paperwork procedures. 11.6 Please note that the lot marked with “#”symbol has been imported under a temporary artistic importation licence. 12. Resale right 12.1 If due, the payment of the so-called “resale right” (introduced by the Italian Legislative Decree 13 February 2006, no. 118, implementing Directive 2001/84/EC) will be paid by the Seller. 13. Protected species 13.1 Regardless of the issue of a certificate or an export license under Article 68 et seq. of the Urbani Code, all lots consisting of or containing parts of plants or animals (e.g.: whalebone, crocodile, ivory, coral, turtle), regardless of their age or value, may require a permit or certificate before export, and/or additional licenses and/or certificates for importation into non-EU countries. The granting of a license or a certificate for import does not guarantee the issuing of a license or certificate for export, and vice versa. Il Ponte recommends that potential buyers check their own specific national legislation regarding requirements for the imports of goods made of or containing protected species into their country. It is the Buyer's responsibility to obtain these import or export licenses/certificates, as well as any other required supporting document, before making any bid and Il Ponte shall be expressly exempted from any responsibility and/or obligation. 14. Legal Guarantee of Conformity 14.1 When required by law, lots sold through Il Ponte are covered by the legal guarantee of conformity provided for in Articles 128-135 of the Italian Consumer Code (Legal Guarantee), if applicable. 14.2 The Legal Guarantee is given to the consumer (who, pursuant to Article 3,


paragraph I, letter a) of the Consumer Code, is an individual who acts for purposes unrelated to his business, commercial, craft or professional activities). 14.3 The Seller is liable to the consumer for any lack of conformity existing at the time of delivery of the product and that becomes apparent within two years of that delivery. The lack of conformity must be reported to the Seller within two months of the date on which it was discovered, otherwise the guarantee is voided. Unless proved otherwise, it is assumed that any lack of conformity which becomes apparent within six months of delivery of the product already existed on the delivery date, unless this assumption is incompatible with the nature of the product or with the nature of the lack of conformity. From the seventh month following the delivery of the lot, it becomes the consumer's burden to prove that the defect existed at the time of delivery. In order to avail himself of the Legal Guarantee, therefore, the consumer shall first give proof of the date of the sale and of the delivery of the lot. The consumer, in order to be able to provide this proof, should therefore keep all documentation suitable to demonstrate the sale (for example, the purchase invoice) and the date of delivery or collection of the lot. 14.4 With reference to the definition of “lack of conformity”, please refer to the provisions of Article 129, paragraph II, of the Consumer Code. Excluded from the scope of the Legal Guarantee are defects caused by accidental events or by responsibilities of the consumer, or by any use of the lot that is incompatible to its intended use. 14.5 In the event of a lack of conformity duly reported in the appropriate terms, the consumer is entitled: (i) first of all, to the repair or replacement of the lot, at his choice, free of charge, unless the solution requested is impossible or excessively expensive compared to the other; (ii) second, (in cases where repair or replacement is impossible or prohibitively expensive or the repair or replacement did not take place within a reasonable time or the repair or replacement made previously caused significant inconvenience to the consumer) to a reduction in the Hammer Price or the termination of the contract, at his choice. The remedy requested is overly burdensome if it imposes unreasonable costs on the Seller with respect to alternative remedies that may be exercised, taking intoaccount: (i) the value the object would have if there were no lack of conformity; (ii) the nature of the lack of conformity; (iii) the possibility that the alternative remedy could be implemented without significant inconvenience to the consumer. 14.6 If, during the period of validity of the Legal Guarantee, the lot manifests a lack of conformity, the consumer may inform Il Ponte of this fact at the contacts provided in Article 16. Il Ponte will reply promptly to communications of any alleged lack of conformity and indicate to the consumer the specific procedure to be followed. 15. Contacts It is possible to ask questions, send information, request assistance or file complaints to Il Ponte: - by email: info@ponteonline.com; - by mail: Il Ponte - Casa d'Aste srl, Milan, Via Pontaccio 12 (20121) or Via Pitteri 8/10 (20134); - by phone: +39 02.863141 (offices in Via Pontaccio 12) or +39 02.8631472 (offices in Via Pitteri 8/10) (phone numbers are not free of charge and operate at the following times: Mon-Ven. 9 am to 1 pm; 2 pm to 6 pm, for the offices in Via Pontaccio 12; 9 am to 1 pm; 2 pm to 5:30 pm for the offices in Via Pitteri 8/10, in both cases excluding public holidays in Italy); - by fax: +39 02.72022083 (offices in Via Pontaccio 12) or +39 02.36633096 (offices in Via Pitteri 8/10); Il Ponte will reply to complaints within five working days of their receipt. 16. Jurisdiction and applicable law 16.1The contractual relationship between Il Ponte and the Buyer is governed by the Italian Law. These Terms and Conditions of Sale may be translated into other languages, should any conflict arise between the Italian original version and any foreign language translation, the conditions of sale included in the Italian version shall prevail and shall remain valid and binding. 16.2 In the case of consumer Buyers, for any dispute concerning the application, implementation and interpretation of these Terms and Conditions of Sale, the jurisdiction shall be the location where the consumer resides or is domiciled. 16.3 Under Article 141-sexies, paragraph 3 of the Consumer Code, when applicable, Il Ponte informs the consumer Buyer that, in the event he has filed a complaint directly with Il Ponte, after which however it has not been possible to resolve the dispute, Il Ponte will provide information about the Alternative Dispute Resolution entity or entities for the extra-judicial settlement of disputes relating to the obligations arising from any contract concluded under these Terms and Conditions of Sale (so-called ADR entities, as specified in Articles 141-bis et seq. of the Consumer Code), specifying whether or not it intends to make use of

such entities to resolve such dispute. 16.4 Il Ponte also informs the consumer Buyer that a European platform for online dispute resolution of consumer disputes has been established (the so-called ODR platform). The ODR platform is available at http://ec.europa.eu/consumers/odr/; through the ODR platform, the consumer Buyer may consult the list of ADR entities, find the link to the website of each of them and start an online dispute resolution procedure for the dispute in which he is involved. This is without prejudice of the consumer Buyer's right to appeal to a competent ordinary court for settlement of the dispute arising from these Terms and Conditions of Sale, regardless the outcome of the out-of-court dispute settlement procedure pursuant to Part V, Title II-bis of the Consumer Code. 16.5 The Buyer who is resident in an EU member state other than Italy may also have access, for any dispute concerning the application, implementation and interpretation of these Terms and Conditions of Sale, to the minor disputes procedure established by Regulation (EC) No. 861/2007 of 11 July 2007, provided that the value of the dispute does not exceed, excluding interest, fees and expenses, Euro 20.00. The text of the regulation is available on the website www.eur-lex.europa.eu. Additional Terms and Conditions of Sale for Online Bidding The following Additional Terms and Conditions of Sale for Online Bidding (Terms) apply to online auctions where Il Ponte – Casa d’Aste s.r.l., based in Milan, via Pontaccio 12 (20121), VAT no. 01481220133, fully paid-up share capital of Euros 34,320.00 (Il Ponte) allows online bids through the web site www.ponteonline.com (Web Site) and/or web sites of third parties (Platforms). Each lot is offered for sale by Il Ponte. All auction sale contracts concluded via online bidding through the Web Site and/or the Platform are are excluded from the rules of Chapter I, Title III of the Italian Legislative Decree no.206 of 6 September 2005 for the reason that the aforementioned contracts have been concluded at an auction sale. These Terms are in addition to (and do not replace) the above reproduced Terms and Conditions of Sale, whose definitions will be referred to in these Terms. By participating in an auction via the Web Site and/or the Platform, the bidder agrees to be bound by the Terms and Conditions of Sale applicable to the sale and these Terms. 1. One-Step Process and Irrevocability of an Online Bid. Exception to the Right of Withdrawal In order to register for an auction, a copy of a valid ID must be sent to info@ponteonline.com. Failure to do so, will make the registration impossible. Il Ponte reserves the right to refuse or to revoke registration for an auction at its sole discretion. The process for making a bid through the Web Site and/or the Platform is a one-step process; the bid is sent as soon as the bidder clicks the relevant button and it is final. By placing an online bid via the Web Site and/or the Platform, you accept and agree that bids are final and that you are not allowed in any way to amend or revoke it. Moreover, under Article 59, paragraph 1, letter m) of the Consumer Code, if the auction sale contract is concluded with a bidder who made an online bid through the Web Site and/or the Platform and who may be qualified as a consumer pursuant to Article 3, paragraph 1, lett. a) of the Consumer Code, the buyer will not be entitled to a right of withdraw, as the contract is concluded through a public auction, as defined by Article 45, paragraph 1, letter o) of the Consumer Code. If your bid is a successful bid, the Buyer irrevocably agrees to pay the full purchase price including buyer’s premium and all applicable taxes and other applicable charges. 2. Payment and Delivery Payment: please refer to Clause 7 of the Terms and Conditions of Sale. Delivery: please refer to Clause 8 of the Terms and Conditions of Sale. 3. Competing Bids If you have the leading bid this will be indicated on the Web Site and/or the Platform. The auctioneer has discretion to vary bidding increments for bidders in the auction room and on the telephones, but bidders via the Web Site and/or the Platform may not be able to place a bid in an amount other than a whole bidding increment. All bidding for this sale will be in euros. 4. Bidder’s responsibility Bidders on the Web Site and/or the Platform are responsible for making themselves aware of all sale room notices and announcements. All sale room notices will be read by the auctioneer at the beginning, where appropriate, or during the sale prior to a relevant lot being offered for sale. Il Ponte recommends that bidders on the Web Site and/or the Platform log on at least ten minutes before the scheduled start of the auction to ensure that you have heard all announcements made by the auctioneer at the beginning of the sale. All sale


room notices and announcements form part of these Terms and the Terms and Conditions of Sale. Il Ponte reserves the right to refuse or revoke permission to bid online via the Web Site and/or the Platform and to remove bidding privileges during a sale. Successful bidders will be notified about the adjudication and receive the bank statement related to their purchase after the sale. 5. Il Ponte’s responsibility Il Ponte will not be responsible for any errors or failures to execute bids placed via the Web Site and/or the Platform, including, without limitation, errors or failures caused by (i) a loss of connection to the internet or to the Web Site and/or the Platform software by either Il Ponte or the client; (ii) a breakdown or problem with the Web Site and/or the Platform software; or (iii) a breakdown or problem with a client’s internet connection, mobile network or computer. Il Ponte is not responsible for any failure to execute an online bid or for any errors or omissions in connection therewith. When participating to the auction by means of the Website and/or the Platform, bidders and potential buyers exclusively and expressly assume any risk and/or responsibility for the receiving and good outcome of the bids placed and/or to be placed. INFORMATION on ART 13 of the G.D.P.R. Protection Regulation (GDPR 2016/679), we inform the Customer (so-called interested party) that: 1. Owner and other designated persons The data controller is Il Ponte - Casa D'Aste S.r.l. , with registered office in Milan, Via Pontaccio n. 12, in the person of the director, Dr. Rossella Novarini, mail: direzione.generale@ponteonline.com. For the purpose of replying to the interested party in case of exercise of rights by the latter, it is possible to contact Francesca Conte, mail: francesca.conte@ponteonline.com. The appointed DPO is Programmastudio Spa, in the person of the Dr. Pasquale Iannone, tel. 02 2829389, mail: privacy@programmastudio.it. 2. Treatment and legal basis Personal data, freely provided by the Customer to the company on the basis of the activity carried out by virtue of specific contractual regulations, will be treated in a lawful manner, according to correctness, and in accordance with the provisions of the Regulations, for the purpose of: - fulfilling the mandate to sell and / or participating in the scheduled auctions; - for the purposes established by the current anti-money laundering legislation (the Italian Legislative Decree 231/07 and subsequent amendments). The provision of the above data is mandatory for the holder to be able to carry out the task assigned to him. In case of refusal to provide the requested data, the holder will find it impossible to perform the contractually provided services, due to fact and fault of the Customer concerned. Personal data such as e-mail address, provided optionally by the Customer to the company on the basis of a specific consent issued by the same, will be processed in a lawful and correct manner, as well as in accordance with the Regulation for the purposes of forwarding information, updates and news regarding new auctions and / or future events. For this purpose the company will collect the consent with electronic and /or written modalities. The image will be recorded, by means of a video recording system and as per reported information, in the legitimate interest of the Owner, or in order to protect the safety of persons and the protection of the company's assets. 3. Processing tools and data storage methods The The data processed (which may be: common and identifying) are updated, complete, relevant and not excessive with respect to the aforementioned purposes of processing. The same data will be processed, in compliance with the security and confidentiality required through the following procedures: collection of data from the interested party, registration and storage of the same for predetermined, explicit and legitimate purposes. The same data will be processed using both paper and electronic and automated means. Personal data will be processed by the Data Controller as well as by employees and collaborators authorized to process the data. The data may be communicated, to the public bodies recipients of the communications /declarations object of the present contract, as well as to the appointed inspection persons, where required, during the verification and control phases related to the regularity of the fulfilments. The same data, object of this information, can be communicated to professionals and /or collaborators of the holder for the accomplishment of the assigned task

and for the same purposes. Moreover, the data in question will not be disseminated beyond the limits specified therein, unless otherwise indicated by the interested party, provided in writing. It is not the intention of the Data Controller to transfer the data object of this letter to a third country or to an international organization. It should be noted that the external backup is also performed by an Italian company, therefore also required to comply with the privacy legislation in question, through the use of server sites on Italian territory. There is no automated decision making process. Finally, the interested party is informed that the Data Controller has set up a great variety of security measures to protect data against the risk of loss, misuse or alteration. 4. Data retention period The data, subject of this information, will be kept: - for 10 years (ten years) from the conclusion of the contractual relationship, for treatment with a contractual legal basis; - 5 years from the withdrawl of consent for treatment with a consensual basis; - no more than 72 hours, relative to the treatment of images of the video surveillance. 5. Rights of the interested party The interested party has the right: - to ask the Data Controller to confirm or not the possession of personal data concerning himself, even if not yet registered, and their communication in an intelligible form, as well as access to personal data, its possible updating or integration, correction or the cancellation of the same, the transformation of the same in anonymous form or the blocking of those treated in violation of the law, the limitation of the processing that concerns himself or to oppose its treatment, in addition to the right to data portability. The interested party also has the right to obtain an indication of the origin of personal data, its purpose and the methods of treatment, as well as the logic applied in case of treatment carried out with the aid of electronic instruments; - he may also object in whole or in part to the processing of data concerning him for the purpose of sending advertising material, direct sales or market research or commercial communications; - he has the right to withdraw the consent at any time, without prejudice to the lawfulness of the processing performed on the basis of the consent given prior to the revocation, as well as the right to place a complaint with a supervisory authority.


MODULO OFFERTE SCRITTE E TELEFONICHE Io sottoscritto/a

Asta n. 503-504

Nome

Cognome

Residente a

Cap

Via

Cell.

E-mail

Telefono

Fax

Codice fiscale

Nato a

il

ALLEGATI: COPIA DEL DOCUMENTO DI IDENTITA' O DEL PASSAPORTO con la sottoscrizione del presente modulo dichiaro di aver letto e di accettare incondizionatamente e senza riserve le Condizioni Generali di Vendita ricevute da Il Ponte Casa d’Aste (con la sottoscrizione della presente il sottoscritto ne rilascia ricevuta) e pubblicate sul catalogo d’asta de Il Ponte - Casa d’Aste s.r.l. e riferite all’asta n. .................. del ......................... nonché dichiaro (segnare l’opzione rilevante) (A) che, non potendo essere presente all’asta, desidero formulare le seguenti offerte massime per l'acquisto dei lotti qui sotto elencati. (B) di voler essere contattato da Il Ponte Casa d’Aste s.r.l. - ai numeri di telefono da me sopraindicati – nel momento in cui i lotti qui di seguito descritti verranno offerti in vendita al fine di poter partecipare con una o più offerte telefoniche e per i quali formulo fin da subito l'offerta sulla base d'asta di cui dichiaro essere stato informato. Qualora, per qualsiasi motivo, anche di natura tecnica, Il Ponte - Casa d’Aste s.r.l. non riuscisse a contattarmi telefonicamente, la casa d’aste avrà facoltà di effettuare offerta per mio conto sulla base d'asta garantita e sino ad un prezzo di aggiudicazione pari all'offerta massima eventualmente indicata nella colonna specifica. Riconosco e accetto di poter formulare offerte telefoniche solo per lotti per i quali la stima minima indicata in catalogo è pari o superiore ad euro 100. Riconosco e accetto che la telefonata sarà registrata da Il Ponte - Casa d’Aste s.r.l.

LOTTO N.

OFFERTA MASSIMA (in caso di opzione B commissione telefonica - si intende implicitamente formulata l’offerta sulla base d’asta)

DESCRIZIONE

Firma ...................................................................................................... Data ................................................................................... Il Modulo deve essere inviato a Il Ponte almeno entro 24 ore prima l’inizio dell’asta: via fax al numero +39 02.72022083 oppure in formato pdf via email all’indirizzo info@ponteonline.com (ovvero all’indirizzo email dipartimentale di riferimento). Qualora il partecipante all’asta intenda formulare una o più offerte scritte in qualità di rappresentante di una terza persona è pregato di allegare al presente modulo una delega sottoscritta dal rappresentato unitamente a copia del documento di identità e del codice fiscale del rappresentato; nell’ipotesi in cui il rappresentato sia una società, la delega deve essere sottoscritta dal legale rappresentate o da un procuratore dotato di potere di firma, la cui carta di identità e codice fiscale dovranno essere allegati alla procura. In ogni caso, Il Ponte - Casa d’Aste s.r.l. si riserva la facoltà di impedire la partecipazione all’asta al rappresentante quando, a suo insindacabile giudizio, non ritenga dimostrato il potere di rappresentanza. In caso di aggiudicazione del lotto, l’acquirente dovrà corrispondere a Il Ponte Casa d’Aste s.r.l. il prezzo di aggiudicazione del lotto, vale a dire il prezzo a cui il lotto viene aggiudicato in asta dal banditore, oltre alle commissioni di acquisto pari al 25% (IVA inclusa) del prezzo di aggiudicazione, oltre ogni eventuale ulteriore importo previsto dalle Condizioni Generali di Vendita. In relazione ad offerte scritte, non vengono accettate offerte “al meglio” o “salvo visione”; oppure con importi illimitati o prive di importo. Le offerte sono accettate solo se arrotondate alla decina. Il Ponte darà esecuzione solo ad offerte che siano pari o superiori all’80% della stima minima indicata in catalogo e riferita al lotto per il quale l’offerta è presentata. Il Ponte - Casa d’Aste s.r.l., nel dare luogo ai rilanci per conto del partecipante, terrà conto sia del prezzo di riserva, sia delle altre offerte, in modo da cercare di ottenere l’aggiudicazione del lotto oggetto della proposta scritta al prezzo di aggiudicazione più basso. Il Ponte - Casa d’Aste s.r.l. non è responsabile di eventuali errori nella compilazione del presente modulo. Prima di inviare il modulo è necessario verificare che la descrizione del lotto ivi indicata corrisponda al bene che si intende acquistare; in particolare, è necessario verificare che vi sia corrispondenza tra numero di catalogo d’asta del bene e descrizione del lotto. In caso di discrepanza tra numero di lotto e descrizione, Il Ponte - Casa d’Aste s.r.l. formulerà l’offerta con esclusivo riferimento al primo. Accetto e approvo specificatamente, anche ai sensi dell'art. 1341 e 1342 c.c., le seguenti clausole delle Condizioni Generali di Vendita pubblicate sul catalogo d'asta de Il Ponte: 1.3 (esclusione di responsabilità per errori o omissioni); 1.7 (esclusione di responsabilità per atti o omissioni); 1.8 (esclusione di responsabilità per vizi); 1.9 (limitazione di responsabilità); 2.8 (referenze bancarie e deposito); 5.5 e 5.6 (esonero responsabilità offerte telefoniche); 7.3 (termine essenziale, clausola risolutiva espressa, penale); 8.3 (conseguenze del mancato ritiro del lotto); 9.1 (passaggio del rischio); 9.2 (limitazioni al risarcimento del danno); 9.3 (limitazione di responsabilità); 10.1 (conseguenze nel caso di una contraffazione); 10.3 (limitazioni al rimborso nel caso di contraffazione); 11.1 (esonero responsabilità in materia di esportazione e dichiarazione di interesse culturale); 11.3 (esonero responsabilità per pratiche di libera circolazione e/o esportazione); 11.4 (validità dell’aggiudicazione); 13.1 (esonero responsabilità in materia di specie protette); 16 (legge e foro); II-4 (esonero responsabilità offerte online).

Firma ...................................................................................................... Data ................................................................................... Ai sensi e per gli effetti dell'art. 13 del G.D.P.R., Regolamento UE 679/16, il sottoscritto interessato dichiara di aver ricevuto adeguata informativa in merito ai dati forniti che risultano necessari ed indispensabili al fine della corretta esecuzione dell'intesa contrattuale, del loro trattamento, della sua durata, delle indicazioni del Titolare, dell'eventuale Responsabile del Trattamento, del D.P.O., nonché delle modalità concrete di esercizio dei diritti che mi sono riconosciuti dalla normativa in discorso. Dichiaro altresì di avere piena conoscenza della pubblicazione dell'informativa in discorso sul sito http://www.ponteonline.com/, nella sezione G.D.P.R.

Firma ...................................................................................................... Data ................................................................................... Ai fini e per gli effetti del trattamento dei dati personali per la ulteriore finalità d'inoltro d' iniziative pubblicitarie e/o informative, mediante mail o mezzi equivalenti, relative esclusivamente alle aste e/o iniziative organizzate da Il Ponte □ acconsento

□ non acconsento

coscientemente il Titolare al trattamento in discorso.

Firma ...................................................................................................... Data ................................................................................... IL PONTE - CASA D’ASTE S.R.L.

PALAZZO CRIVELLI Via Pontaccio, 12, 20121 Milano Tel. +39 02 86 31 41 Fax +39 02 72 02 20 83 info@ponteonline.com www.ponteonline.com

C.F., P. IVA 01481220133 C.C.I.A.A. Milano REA 1167476


FORM FOR BIDS SUBMITTED IN WRITING AND BY TELEPHONE I, the undersigned,

Sale n. 503-504

Name

Surname

City

Postal code

Street

Mobile

E-mail

Telephone

Fax

Tax code

Birthplace

Identity card/Passport n.

Issued by

Date of issue

ENCLOSED: COPY OF AN IDENTITY DOCUMENT OR PASSPORT by signing this form, I hereby declare that I have read and that I accept unconditionally and unreservedly the Terms and Conditions of Sale received from Il Ponte Casa d’Aste (by signing this form the undersigned acknowledges receipt of the aforementioned Terms and Conditions of Sale) and published in the auction catalogue of Il Ponte – Casa d’Aste s.r.l. and related to auction no. .................. to be held on ........................., and I request (mark the relevant option) (A) to place the following maximum bids for the purchase of the lots listed below, as I am unable to be present at the auction (B)I wish to be contacted by Il Ponte Casa d'Aste at the numbers I have provided above - at the moment in which the lots described hereunder will be offered for sale - so that I may participate with one or more telephone bids for which I am hereby placing an offer for the starting price of which I have been informed. Should Il Ponte for any reason, including technical difficulties, be unable to contact me on the telephone it is understood that Il Ponte will have the faculty to bid on my behalf for the aforementioned starting price or if specified, up to the amount equal to the maximum offer indicated in the specific column. I acknowledge and agree to make telephone bids only for lots for which the minimum estimate indicated in the catalogue is greater than or equal to € 100.00. I acknowledge and agree that the telephone call will be recorded by Il Ponte - Casa d’Aste Srl.

LOT NO.

DESCRIPTION

MAXIMUM BID (if option B -

telephone bid – the reserve price is implicitly guaranteed)

Signature ...................................................................................................... Date ................................................................................... The Form must be sent to Il Ponte at least 24 hours before the auction starts - by fax to +39 02.72022083 or by sending an email in pdf format to info@ponteonline.com (or to the email address of the relevant department). If a bidder wishes to submit one or more bids in writing as the representative of a third party, he must present a proxy signed by the principal with an attached copy of the principal's identity document and tax code; if the principal is a company, the proxy must be signed by the legal representative thereof or by an agent with signing authority, whose identity document and tax code must be attached to the proxy. In any case, Il Ponte - Casa d’Aste Srl has the right to prevent the representative from participating in the auction when, at its sole discretion, it deems that the power of representation has not sufficiently been demonstrated. In the event a lot is awarded, the Buyer shall pay the Hammer Price of the lot to Il Ponte - Casa d’Aste Srl, which is to say the price at which a lot is awarded at an auction by the auctioneer, in addition to the buyer's premium of 25% (including VAT) of the Hammer Price and any other additional amount required by the Terms and Conditions of Sale. No written bids will be accepted for an unspecified or unlimited amount for a given lot, nor bids subject “to inspection” as an attached condition, nor bids for unlimited amounts, nor bids without a specified amount. Bids are accepted only in amounts rounded to the nearest ten. Il Ponte - Casa d'Aste Srl will give effect only to bids equal to or greater than 80% of the minimum estimate indicated in the catalogue for the lot being sold. Il Ponte - Casa d’Aste Srl, in allowing participants to raise bids, will take into account both the Reserve Price and the other bids, so as to attempt to award the lot for which a written bid was submitted at the lowest possible Hammer Price. Il Ponte - Casa d’Aste Srl is not responsible for any errors made in filling out this form. Before sending the Form to Il Ponte, it is necessary to verify that the lot description indicated therein corresponds to the object desired for purchase; in particular, it is necessary to verify that the auction catalogue number and the lot description correspond. In the case of discrepancy between lot number and lot description, Il Ponte - Casa d’Aste Srl will make the bid by referring exclusively to the lot number. I specifically accept and approve, also pursuant to Articles 1341 and 1342 of the Italian Civil Code, the following clauses of the General Terms Conditions of Sale published in the auction catalogue of Il Ponte: 1.3 (exclusion of liability for errors or omissions); 1.7(exclusion of liability for acts or omissions); 1.8 (exclusion of liability for faults or defects) 1.9 (limitation of liability); 2.8 (bank references and deposit); 5.5and 5.6(exclusion of liability for bids submitted by telephone); 7.3 ) imperative time limit, immediate termination clause, penalty); 8.3 (consequences of failure to collect the lot); 9.1 (transfer of risk); 9.2 (limits to damage compensation); 9.3 (limitation of liability); 10.1 (consequences in the case of a counterfeit); 10.3 (limits to refunds in the case of counterfeiting); 11.1(exclusion of liability for matters related to export and declaration of cultural interest); 11.3(exclusion of liability for free circulation related procedures and documents); 11.4 (validity of the adjudication); 13.1(exclusion of liability for protected species related matters); 16 (Jurisdiction and applicable law); II-4(exclusion of liability for online offers).

Signature ...................................................................................................... Date ................................................................................... Pursuant to and for the effects of art. 13 of the G.D.P.R., EU Regulation 679/16, the undersigned declares that he/she has received adequate information regarding the data provided that is necessary and indispensable for the correct execution of the contractual agreement, its duration, the handling of the data, the indications of Il Ponte, where applicable the manager of the handling, of the D.P.O., as well as of the concrete modalities allowing me to exercise my rights as specified by the law in question. I also declare to have full knowledge of the information note specified and printed ,on the website http://www.ponteonline.com/, in the section G.D.P.R.

Signature ...................................................................................................... Date ................................................................................... For the purposes and effects of the processing of personal data for the further purpose of sending advertising and / or information initiatives, by email or equivalent means, related exclusively to auctions and / or initiatives organized by Il Ponte □ I consent

□ I don't consent

In my full conscience to the processing of the data

Signature ...................................................................................................... Date ................................................................................... IL PONTE - CASA D’ASTE S.R.L.

PALAZZO CRIVELLI Via Pontaccio, 12, 20121 Milano Tel. +39 02 86 31 41 Fax +39 02 72 02 20 83 info@ponteonline.com www.ponteonline.com

C.F., P. IVA 01481220133 C.C.I.A.A. Milano REA 1167476


503-504

IL PONTE - CASA D’ASTE S.R.L.

PALAZZO CRIVELLI Via Pontaccio, 12, 20121 Milano Tel. +39 02 86 31 41 Fax +39 02 72 02 20 83 info@ponteonline.com www.ponteonline.com

C.F., P. IVA 01481220133 C.C.I.A.A. Milano REA 1167476


CALENDARIO ASTE I SEMESTRE 2021

Filatelia 27, 28 aprile

11, 12, 13, 14 e 17, 18, 19 maggio Arte Moderna e Contemporanea 25, 26 maggio  15 giugno     

  16 giugno Orologi 17 giugno    17 giugno Gioielli 22, 23 giugno    24, 25 giugno


ASTA LIVE.

.


IL PONTE CASA D’ASTE S.R.L. PA L A Z Z O C R I V E L L I Via Pontaccio, 12 - 20121 Milano Tel. +39 02 86 31 41 Fax +39 02 72 02 20 83 info@ponteonline.com

www.ponteonline.com

Profile for ilpontecasadaste12

Catalogo Asta 20, 21, 22 e 23 aprile 2021  

Arredi e Dipinti Antichi, Argenti, Sculture, Pendole, Tappeti e Tessuti, Historica, Strumenti Musicali, Disegni e Incisioni di Antichi Maes...

Catalogo Asta 20, 21, 22 e 23 aprile 2021  

Arredi e Dipinti Antichi, Argenti, Sculture, Pendole, Tappeti e Tessuti, Historica, Strumenti Musicali, Disegni e Incisioni di Antichi Maes...

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded