Issuu on Google+

il

Gallo

Alessandra IL RITORNO Anno 15, n. 2- 23 gennaio/5 febbraio 2010 - www.ilgallo.it - info@ilgallo.it

Sant’Antonio per 5

Festa grande a Veglie, Carmiano, Guagnano, Monteroni e Villa Convento PAGINA

3

RITI

& FOLKLORE

PRIMARIE PD :

operazione scongiurata, torna a cantare

24

Salvemini sposa Vendola LA

SORPRESA

Tra l’identità da proteggere a costo di una sconfitta ed una vittoria che avrebbe il sapore della sconfitta perché condivisa con potenziali avversari, si aggrappa all’istinto e sceglie Nichi Vendola PAGINA

5

POLITICA

GRATIS CINEMA E CENA CON I GALLETTI Cerca i Galletti e telefona lunedì 25 dalle 9. Cena, biglietti per il cinema e tanti altri premi in palio. All’ultimo concorso si è aggiudicato il telefonino la leccese Simona Greco premiata nella nostra redazione di Lecce REGOLAMENTO A PAG. 30

Sport, calcio: intervista ad Antonio Conte - a pag. 28


2

www.ilgallo.it

pubblicità

23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010


Tutti i Sant’Antonio dopo... Novoli folklore & tradizione

23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

Terminati i grandi festeggiamenti di Novoli, che hanno calamitato l’attenzione di migliaia di fedeli, ora Veglie, Carmiano, Guagnano, Monteroni e Villa Convento si apprestano ad onorare il Santo

Si

comincerà sabato 23 gennaio a Veglie: Messe al mattino alle 8 e alle 10 e nel pomeriggio alle 18, dopo la quale si snoderà la Processione (accompagnata dalla locale Banda musicale), al cui termine ci sarà la benedizione e l’accensione del falò. Contemporaneamente avrà luogo il lancio di palloni aerostatici, mentre a fine festa non mancherà lo spettacolo pirotecnico.

Sempre sabato 23 e poi domenica 24 anche Carmiano festeggerà Sant’Antonio Abate. Il primo giorno sono in programma la benedizione degli animali alle 15,30 e la Processione alle 16,30, al rientro della quale sarà dato fuoco alla mole di fascine. Il secondo giorno sarà dedicato alla celebrazione delle varie Messe, fra cui quella

delle 11 officiata dall’Arcivescovo di Lecce, mons. Domenico D’Ambrosio. Alle 15 la gara di fuochi pirotecnici, il cui spettacolo sarà ripetuto in serata. Una settimana più tardi toccherà a Guagnano: alle 19 di sabato 30 si svolgerà la Processione, durante la quale ci sarà la benedizione e l’accensione della “fòcara”. Domenica 31 spazio alla banda musicale ed ai fuochi d’artificio. Anche a Monteroni i festeggiamenti sono in programma sabato 30, quando alle 10 il Sindaco, nel corso di un Consiglio Comunale aperto, darà il benvenuto della città agli ospiti mentre in serata, al Cinema Bolero, si terrà un concerto di musica bandistica, e domenica 31, con la tradizionale Fiera Mercato nei pressi della

Chiesetta di Sant’Antonio e la Processione alle 18,30 “scortata” dal locale Concerto Bandistico. In entrambi i giorni funzioneranno stand gastronomici con prodotti salentini e dei paesi ospiti. Stesse date per la piccola frazione Villa Convento, di cui Sant’Antonio Abate è Patrono. Sabato 30, alle 16,30, la Processione; in serata, alle 20, l’accensione della “Fòcara” e la XXVIII edizione della Sagra “de lu taraddhu cu lu pipe” (taralli al pepe nero e tanto buon vino, oltre alla musica popolare salentino). Domenica 31 la doppia, consueta, benedizione: al mattino quella dei cavalli e nel pomeriggio degli altri animali, dei veicoli e dei mezzi agricoli.

www.ilgallo.it

pia dop zeta

3

Spreconi e affamati Quattro miliardi di euro è il valore dei beni alimentari che finiscono nei rifiuti di ogni anno in Italia. Il 15% di pane e pasta sono gettati via ogni giorno. Il 18% invece della carne e il 12% di verdura ed ortaggi. 1,5 milioni di tonnellate il totale degli alimenti eliminati. Negli Usa il 40-50% del cibo viene sprecato. In Inghilterra il 30-40% dei prodotti alimentari finisce nella spazzatura. 3,4 milioni di tonnellate il cibo sprecato. 20 miliardi di sterline il valore del cibo scartato dalla fattoria al frigorifero, il che corrisponde a 5 volte il valore degli aiuti inglesi ai Paesi poveri. 150 milioni le persone del Terzo Mondo che potrebbero essere sfamate dal cibo gettato. 852 milioni di persone nel Mondo sono sottoalimentate. 5 milioni i bambini che ogni anno muoiono per cause legate alla fame. 24 mila le persone che muoiono ogni giorno per fame.


4

in tv

La fiction Mediaset “I Cesaroni” www.ilgallo.it

CIAK

23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

SI GIRA

UN QUARTA DIETRO LE QUINTE È di CAMPI SALENTINA l’assistente regista sul set della fortunata serie televisiva Tonio Monastero info@ilgallo.it

iccardo Quarta, 27 anni, salentino doc di Campi Salentina, professione assistente regista, aspirante regista, impegnato in questo periodo sul set de “ I Cesaroni”, la fiction Mediaset regina di ascolti. Parliamo con immenso piacere ed un sano orgoglio di e con uno dei tanti giovani talenti salentini sparsi nel resto d'Italia e non solo. Com’è nata questa passione, diventata nel tempo “mestiere”, per il cinema? “Da bambino, all’età di 9 anni, ho avuto la fortuna di vedere un film di Federico Fellini dal titolo ”La strada”. Subito ho cominciato a divorare pellicole su pellicole, da De Sica, Germi, Troisi, Leone, Sordi fino a svariati film dello stesso Fellini. Poi, raggiunti i 13-14 anni, ho iniziato a scrivere dei piccoli soggetti, racconti, fino a quando, intorno ai 17 anni, ho scritto la sceneggiatura del mio primo lungometraggio, “Sarà la vira ed avrà i tuoi occhi”. Credo che sia nato tutto da quel meraviglioso film di Fellini: è stata quella storia a farmi scattare qualcosa dentro, a dare un inizio alla mia carriera di sceneggiatore e aspirante regista”. Qual è stato il percorso che ti ha portato sino ai “Cesaroni”? “In realtà è stato tutto molto naturale, ma per niente semplice: i sacrifici sono stati e sono tutt’ora alla base della mia crescita professionale ed interiore. Prima di tutto l’esperienza maturata sulle altre fic-

R

tion mi ha permesso di farmi conoscere dalle altre case di produzione. Sono stati svariati i set su cui ho lavorato come assistente alla regia: le fiction Rai (“e mi riferisco ad “Incantesimo 9”, “Incantesimo 10”, “Capri 2”), film per il cinema come “35 mm” per la regia di Vito Palumbo, “18 anni dopo”, con la regia di Edoardo Leo. Ho lavorato anche su un set americano con Lawrence Bender, il producer di Quentin Tarantino, e poi numerosi cortometraggi e progetti miei personali che ho sempre portato avanti, lavoro ed impegni permettendo. Ecco, tutto questo mi ha permesso di acquisire delle conoscenze tali e di avere un curriculum di tutto rispetto, così da poter continuare a lavorare in altre fiction e film per il cinema. I “Cesaroni” sono ormai diventati per me come una famiglia, avendo già fatto la terza serie; sono stato confermato anche per la quarta, attualmente in lavorazione, con le riprese cominciate a novembre e che continueranno sino ad agosto inoltrato. Ne vedrete delle belle”. Quali le difficoltà per un giovane cineasta del sud Italia? “Lavorare nel cinema e nella televisione non è per tutti. Ci vogliono testa e fisico: per fortuna credo di avere entrambe le cose ed i risultati me lo stanno confermando. Il cinema è una grande famiglia, ci si mette poco ad entrare, ma allo stesso tempo pochissimo ad uscire, per cui ci vuole costanza, dedizione, forza interiore, rispetto per gli altri e... una buona dose di for-

tuna”. Quando il tuo primo lavoro nella tua terra natìa? “Spero il prima possibile. E’ mia ferma volontà esordire alla regia, ovvero girare la mia opera prima in Puglia e nello specifico nel Nord Salento. La sceneggiatura ormai è pronta da tempo. Attualmente sto cercando dei produttori che intendano investire sulla storia, che parla di un tema sociale molto forte e di attualità. Ho già dei contatti con una casa di produzione romana. Comunque non ho fretta, sono convinto che le cose, avendo la giusta pazienza, prima o poi vadano nella direzione giusta”. Quali passi il nostro territorio è chiamato a compiere per consacrarsi definitivamente sulla scena cinematografica nazionale ed internazionale? “Credo che la Puglia in questi ultimi anni abbia fatto dei passi da gigante. Ormai sono sempre più numerosi i registi e le produzioni italiane e straniere, che scelgono i nostri territori come set “naturali” dei propri film. Bisogna rispettare la nostra terra e coloro che vengono a farvi visita, sia per lavoro che a scopo turistico, e sono sicuro che tale consacrazione prima o poi ci sarà”. Cosa ti aspetti per il tuo futuro? “Voglio diventare un regista ed uno sceneggiatore, fare i film che mi piacciono e poter scrivere e parlare di tutto ciò che voglio. Vorrei che il cinema, in quanto arte, restasse un campo libero da qualsiasi censura o pressione esterna. Spero di poter fare il prima possibile qualcosa di importante anche per la mia Puglia”.


23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

elezioni regionali

www.ilgallo.it

PD, ALTRO GUAIO

Tricase, per Don Antonio

Salvemini va con Vendola libertà dell’anima rivendica la libertà di scelta. E Carlo Salvemini ha scelto di ascoltare la prima per seguire la seconda. Non è un ago della bilancia quello che si sposta verso Nichi Vendola per le Primarie del PD, ma certo una voce importante “di dentro” del partito, voce che rivendica la sua appartenenza alla sinistra più vera, più istintiva. I pragmatici, guidati da Massimo D’Alema, temono la vittoria di Nichi alle Primarie perché potrebbe mettere in crisi patti già scritti, ammiccati ma non dichiarati, con altre compagini che fuori dalla Puglia hanno scelto altri partners e altri carri di vincitori. E allora Salvemini, tra l’identità da proteggere a costo di una sconfitta ed una vittoria che avrebbe il sapore della sconfitta perché condivisa con potenziali avversari, si aggrappa all’istinto e sceglie Nichi Vendola. E attenzione, perché anche questa volta Salvemini potrebbe non sbagliarsi. La storia politica di Lecce l’ha dimostrato molte volte in Consiglio Comunale, tanto da far festeggiare a destra quanto in qualche salotto della sinistra la mancata riconferma della sua voce critica a Palazzo di Città. Ma perché quella del figlio dell’ex compianto Sindaco di Lecce è una voce forte? Semplice: perché non è una voce “potente”, perché è una voce “critica”, perché è una voce che arriva dal basso. Un sussurro, un sospiro educato, uno sbuffo a quello

5

LA

svendere ideali per firmare cambiali in bianco con alleati instabili. Una voce figlia dell’istinto sì, ma del puro istinto di conservazione. Salvemini ha capito ormai che il PD assomiglia sempre più ad una porta girevole: chi entra deposita idee, solo quelle però. Guai a fermarsi invece, le poltrone sembrano ostaggio della vecchia concezione di politica. E chi come lui poltrone non ne cerca, si concede la chance di ripercorrere la storia recente degli ultimi congressi e ravvisare l’illogicità delle scelte ultime rispetto alle strategie iniziali. Non un ago della bilancia, eppure la sua scelta verso Vendola produce l’effetto di risvegliare nel centrosinistra sentimenti intorpiditi dall’inattività alla militanza. Un passo di chiarezza perché un passo di coscienza. Un sasso lanciato in vista delle Primarie, che può far molto male perché forte del peso specifico della libertà. Aldo Mea

Lo vediamo ancora oggi varcare la soglia a giorni alterni, abbozzare un delicato sorriso e salutare in modo semplice e garbato. Lui, sofferente nella sofferenza, era il primo a trasmettere quel messaggio criptato che solo chi soffre riesce bene a interpretare, e gli ammalati gli si facevano intorno perché quello sguardo ben propiziava al prosieguo della terapia. 1…2…3…4 ore, un tempo in cui i suoi compagni di viaggio apprendevano dalla spiritualità delle sue sommesse parole. 1…2…3...4 ore, il tempo in cui gli operatori del reparto amavano “essere protagonisti dell’esperienza dell’umiltà, dell’abbandono e dell’affido”, vicino alle parole vive di don Tonino che dalla “Lettera agli ammalati” amava recitare: “E ora che il nostro lamento si trasforma in danza, vorrei dirvi ancora: non dobbiamo vergognarci della nostra malattia. Non è qualcosa da tenere nascosta. Non è un tabù. E’ quella parte della nostra identità che ci fa rassomigliare di più a Gesù Cristo. Come facciamo a tenerla nascosta? E’ una tessera di riconoscimento incredibile, straordinaria (...). Dobbiamo esserne fieri. La malattia non è frutto dei nostri peccati personali. Perché il Signore non dà la sofferenza e il dolore a seconda dei meriti e dei demeriti di una persona (...)”. E’ così che vogliamo ricordarlo(...). Con devozione e affetto Medici, infermieri e personale del Reparto Emodialisi dell’Ospedale “Panico”.


Tricase: la Villa del Sole ORIZZONTE D’ACCOGLIENZA

6

www.ilgallo.it

l’iniziativa

23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

La Diocesi di Ugento - S. M. di Leuca acquista una struttura per dare accoglienza ai parenti dei lungodegenti dell’Ospedale “Card. Panico”

Diocesi di Ugento - Santa Maria di Leuca ha definito l’acquisto della struttura dell’ex Hotel Villa del Sole a Tricase (già “Stella d’Oro”), situato sulla via per Montesano, nei pressi dell’Ospedale “Cardinal Panico”. L’immobile sarà pagato nei prossimi tre anni con i fondi dell’8 per Mille, dedicati alle opere di carità. La struttura, che è già immediatamente operativa, verrà destinata a casa di accoglienza per i familiari degli ammalati, in particolare i lungodegenti provenienti da lontano per il trapianto del midollo oppure per i malati terminali, che devono trattenersi a lungo e non hanno le possibilità economiche per andare negli alberghi. I familiari dei malati saranno ospitati in stanze da uno, due, tre letti, completamente arredate; previsto anche l’uso della cucina e di un salone per le riunioni. Potranno usufruire della struttura dando un

LA

Mons. De Grisantis ha fortemente voluto la Casa Orizzonti di Accoglienza

minimo contributo giornaliero (ma solo se potranno), risorse che saranno utilizzate esclusivamente per la gestione, in quanto il personale impegnato sarà tutto volontario. “E’ un’opera grande di carità e direi anche di tenerezza”, spiega il Vescovo, mons. Vito De Grisantis, grande “sponsor” dell’iniziativa, “nei confronti di famiglie, quelle degli ammalati, che vivono la gravità del momento in cui la sofferenza bussa alle porte, e naturalmente

anche al portafoglio. E la Chiesa, che è Madre premurosa, non può non venire incontro a questi bisogni”. La struttura sarà chiamata “Casa Orizzonti di Accoglienza” e sarà affidata alla gestione dell’Associazione di volontariato chiamata appunto “Orizzonti di Accoglienza”, che agisce ormai da due anni e di cui è presidente l’ing. Claudio Morciano. Del Consiglio fanno parte di diritto il direttore della Caritas diocesana ed una rappresentante

dell’Ospedale di Tricase. Già due anni fa l’Associazione “Orizzonti di Accoglienza”, sempre con risorse della Diocesi, aveva preso in affitto un appartamento per i familiari dei malati, sempre nelle vicinanze dell’Ospedale, ospitando in totale 571 persone. Ma il bisogno è andato via via crescendo e dunque il Vescovo De Grisantis ha voluto una soluzione stabile e duratura, ma anche efficace rispetto alla domanda. “La Caritas diocesana”, dichiara il direttore don Gianni Leo, “metterà molto impegno per fare in modo che tutto proceda bene; che ci sia accoglienza reale, solidarietà e perfino amore nei confronti dei parenti dei malati”.


riordino scolastico

Scuole a Casarano e Maglie 23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

MAMMA SI SON RISTRETTI I POLI CASARANO

unificazione tra il 3° ed il 4° Polo Didattico di Casarano è una realtà: a renderla ufficiale, una nota della Regione Puglia protocollata negli ultimi giorni dello scorso anno. E nonostante si sia sempre parlato di una sorta di “fusione”, in realtà tecnicamente è il 4° Polo ad avere, per così dire, perso la “personalità giuridica”; in parole povere, è stato soppresso. Ma quali cambiamenti comporterà

L’

questo fatto? I due Istituti una certa peculiarità già ce l’hanno, con l’Istituto di Piazza S. Domenico, da decenni sede di scuola media, e l’Istituto di via IV novembre, progettato e realizzato per ospitare le scuole elementari. Vien da sè quindi che il nuovo 3° Polo punterà verso questo tipo di soluzione con un’eventuale eccezione per le classi quinte, che, ponte naturale fra scuola primaria e secondaria, potrebbero trovare la propria collocazione nel plesso di Piazza S. Domenico. E’ da tenere presente, però, che ciò accadrà lungo un periodo transitorio di qualche anno, partendo quindi dalle nuove iscrizioni alle prime elementari, allo scopo di render meno traumatico, soprattutto per gli alunni, il cambiamento. Ma proprio le nuove iscrizioni (il cui termine è fissato per il 27 febbraio prossimo) costituiscono uno snodo importante soprattutto per il futuro di un certo numero del personale docente. L’unificazione amministrativa dei due

www.ilgallo.it

Poli infatti comporterà inevitabilmente l’unificazione delle graduatorie ed il loro “mescolamento”, per cui, essendo il numero dei docenti legato al numero degli iscritti, diviene ovviamente determinante incentivare le nuove iscrizioni (che comunque non dovrebbero essere inferiori alle 800 unità) affinché questa nuova fase possa risultare indolore anche per maestre e professori. Sull’identità del Dirigente che guiderà la nuova realtà scolastica, si rincorrono le voci che indicando la prof.ssa Concetta Amanti, già designata da tempo a tale ruolo, ed altre che vedono il prof. Franco Danese “più avanti in graduatoria” rispetto alla sua collega e quindi favorito. Tuttavia, bisogna tener conto che la prof.ssa Amanti (vincitrice di concorso) è già titolare del 3° Polo, così come il fatto che il prof. Danese (Preside Incaricato) pare abbia fatto domanda di pensionamento.

Melpignano va con Castrignano Maglie grida allo scippo e BLASI STA.. CON FITTO! LA Regione Puglia toglie all’Istituto Comprensivo di Maglie la Scuola materna ed elementare di Melpignano, accorpandola al Comprensivo di Castrignano dei Greci. Da qui la protesta del sindaco di Maglie, Antonio Fitto, del sindaco di Melpignano, Sergio Blasi, e del dirigente del Comprensivo di Maglie, Gaetano De Vito. “La decisione assunta dalla Regione Puglia”, si legge nella nota congiunta dei sindaci Fitto e Blasi e del dirigente De Vito, “nuoce ad un tessuto connettivo culturale e scolastico ormai fortemente consolidato. Un assetto che ha da sempre risposto all’esigenza di consentire ai giovani, frequentando la scuola secondaria di secondo grado presente a Maglie, di sentirsi facenti parte di una medesima realtà scolastica, essendo già da tempo inseriti in un unico contesto sia organizzativo che istituzionale e non già ospiti di una realtà sconosciuta. La scelta va nella direzione opposta agli obiettivi prefissati dal riordino operato dalla Giunta regionale, cioè di migliorare qualitativamente il servizio scolastico ottimizzandone complessivamente le risorse(...). La decisione è stata assunta dalla

Regione Puglia senza alcun rispetto dei processi partecipativi che prevedono il coinvolgimento attivo di studenti, famiglie, Enti locali e organizzazioni sindacali, nella logica di un percorso di cambiamento condiviso. Tra l’altro”, conclude il documento, “la Regione la deciso tutto ciò in presenza di un parere negativo dell’Ufficio Scolastico regionale e del Consiglio dell’Istituto Comprensivo, senza l’acquisizione di pareri o proposte da parte delle Amministrazioni comunali, nonché della Provincia di Lecce come, invece, erroneamente risulterebbe”. L’Istituto Comprensivo di Maglie, che fa capo alla Scuola elementare “Giulio De Giuseppe”, si compone di tre plessi: quello di via Diaz, via Cubaju e via Cavour, oltre alla Materna ed Elementare di Melpignano. Proprio questi due ultimi plessi dovrebbero essere scorporati dall’istituzione scolastica magliese ed aggregati alla sede di Castrignano dei Greci. Ciò porterebbe ad una diminuzione del numero di alunni che passerebbero dai 700 attuali a poco più di 400 con grave danno per Maglie. Il dirigente De Vito è preoccupato dalla decisione assunta dalla Regione Puglia: “La scelta di

7

Antonio Memmi La Scuola Primaria di Melpignano

accorpare gli studenti di Melpignano e Castrignano dei Greci può sembrare logica dal punto di vista culturale, vista l’appartenenza delle due cittadine ad un territorio con minoranze linguistiche. Ciò però si scontra con la continuità scolastica assicurata in tanti anni dall’operato dell’Istituto, che ha portato a risultati di tutto rilievo, e dal fatto che il Comprensivo perderebbe la propria autonomia senza che i due paesi abbiano un vantaggio reale dall’aggregazione”. Insomma, con il Piano regionale di riordino della rete delle istituzioni scolastiche, la Regione ha inteso mettere insieme due paesi della Grecìa Salentina: Melpignano e Castrignano dei Greci. La decisione però non piace né a Fitto né a Blasi. Il sindaco Fitto si augura che la Regione “voglia tenere in considerazione l’istanza di questo territorio revocando la deliberazione che priva Maglie di quel ruolo che ci ha sempre distinto quale città di cultura, ma soprattutto di servizi”. Cristina Pacella


8

www.ilgallo.it

in poche parole

Botrugno: altre due serate con

Ultimi due appuntamenti con la rassegna “Calici di Carta” a Botrugno, che quest’anno sta registrando un clamoroso successo. Sabato 30 gennaio, alle 19, presso Palazzo Marchesale, “Eneide Libro II, La fuga di Enea”: tema della serata, “Nord/Sud, una questione mondiale”. Si assisterà alla proiezione del film “Come un uomo sulla terra” (autori vari) e alla proiezione del corto “All’America” di Daniele Valdassar Tamborrino. Interverranno il presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone, Paolo Maci e Franco Moretti (direttore di Nigrizia). Poi la serata finale di venerdì 5 febbraio, sempre nella splendida cornice del Palazzo Marchesale, dalle 19, con “Odissea Libro XXI, La gara con l’arco”, sul tema “Nord/Sud, una questione italiana”. Sarà presentato il libro “Tre Modi di vedere il sud” di Franco Cassano. Oltre all’autore, interverrà la Senatrice Adriana Poli Bortone di “IoSud”. Modererà Walter Spennato.

I Lavoratori Adelchi dai Comuni

23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

Tensione durante l’incontro tra il Sindaco, la Giunta ed i cittadini a Palazzo Gallone quando i lavoratori Adelchi in presidio permanente hanno lamentato “scarsa considerazione” nei loro confronti

“DEPUTATI, CHE FATE?” I lavoratori del Gruppo Adelchi, riuniti nel presidio di Piazza Pisanelli, a seguito della presentazione dell’interrogazione parlamentare dall’On Teresa Bellanova, e sottoscritta solo dall’On. Lorenzo Ria, lamentano “la scarsa coerenza dimostrata dal resto della deputazione salentina. Tutti i parlamentari presenti al vertice di lunedì 11 gennaio 2010 avevano manifestato la loro totale disponibilità a sottoscrivere l’interrogazione annunciata dalla parlamentare del Pd; qualcuno, come l’On Lisi, all’uscita dal vertice, e in presenza di un gruppo di lavoratori, aveva perfino annunciato la sua firma prima ancora di quella della stessa Bellanova. Si parlava di condivisione e di unanimità, ma quando si tratta di passare dalle parole ai fatti, si incontrano mille difficoltà: sappiamo che c’è ancora la possibilità di sottoscrivere la stessa interrogazione. Ed è per questo che ci rivolgiamo direttamente ai deputati e ai senatori salentini, affinchè diano semplicemente attuazione agli impegni assunti davanti a noi l’11 gennaio: basta passerelle davanti alla stampa e ai lavoratori. L’interrogazione è solo una minima parte di quello che

Tricase e Melissano ricordano la Shoah

La Città di Tricase e l’Istituto “Don Tonino Bello”, Polo Professionale di Tricase e Alessano, insieme per ricordare la Shoah. Venerdì 29 gennaio, alle 18,30, nella Sala del Trono di Palazzo Gallone a Tricase, la seconda edizione di “Dialoghi della Memoria”. A Melissano, mercoledì 27 gennaio, a cura dell’Amministrazione Comunale, una Mostra in mattinata presso la Scuola Secondaria di 1° grado; poi la proiezione, al Cine Teatro Aurora, del film “Il bambino con il pigiama a righe” (in orario scolastico per gli alunni dell’Istituto Comprensivo e alle 20 per la cittadinanza, con ingresso gratuito).

Il Mese della Memoria

“Shoa, l’infanzia rubata: il gomitolo rosso” è il titolo della Rassegna organizzata da Verbamanent di Aradeo, Sannicola e Tuglie, all’interno del Progetto Regionale “Mese della Memoria”. Venerdì 29 gennaio un Laboratorio sulla Didattica della Shoah condotto da Renato Grilli e rivolto alle docenti della “Manzoni” di ARADEO. Giovedì 4 febbraio, alle 19, al Frantoio Ipogeo di TUGLIE, un Concerto di musiche klezmer e contemporanee (Guido Arbonelli, clarinettista, e Piero Agostini, fisarmonicista). Martedì 9, alle 10,30, al Teatro “Modugno” di ARADEO, il Recital “Shoah, l’infanzia rubata”, di Pier Paolo Pederzini, per gli alunni della “Manzoni”. Lo spettacolo sarà ripetuto alle 17,30 al Museo Civico Messapico di ALEZIO.

si è parlato: se gli altri parlamentari non apporranno quanto prima anche la loro firma, renderanno meno forte il documentato che, se pur rappresenta solo un piccolo passo, noi lo riteniamo importantissimo per aprire la strada ad un risarcimento morale nei nostri confronti e nei confronti di un intero territorio. Facciamo appello anche alle organizzazioni sindacali che nel corso del vertice hanno preannunciato il coinvolgimento dei loro uffici legali per verificare l’applicazione della procedura di amministrazione giudiziaria nei confronti delle aziende del Gruppo Adelchi: è necessario dare attuazione immediatamente a questi impegni, prima che sia davvero troppo tardi, e prima di ritrovarci tutti con un pugno di mosche in mano. I lavoratori non sono stupidi, sanno valutare che si sta impegnando e chi, invece, si riempie la bocca di tante parole: vigileremo nei prossimi giorni e, sin d’ora, annunciamo che manterremo alta la nostra attenzione, pronti a riprendere la lotta, con un unico obiettivo, quello di riconquistare il nostro posto di lavoro e, con esse, la nostra dignità”.


La telefonata che salva la vita Saranno aumentate di altre 45 unità attualità

23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

www.ilgallo.it

9

le apparecchiature destinate agli ultra 65enni dell’Ambito di Poggiardo

A volte una chiamata può salvare la vita. Soprattutto a chi vive da solo ed ha delle difficoltà oggettive con le quali deve fare quotidianamente i conti. Dopo il successo dello scorso anno (ben 200 richieste), viene riproposta ed implementata, con ulteriori 45 apparecchi (di cui 21 audio e 24 audio/video), l’iniziativa del Consorzio per i Servizi Sociali dell’Ambito di Poggiardo, tesa a favorire le esigenze delle persone anziane che magari vivono da sole. Sono stati riaperti,

infatti, i termini per la presentazione delle domande (fino ad esaurimento delle disponibilità) per poter ottenere gratuitamente un comodo dispositivo che può permettere all’anziano di attivare, in caso di bisogno, le operazioni di soccorso necessarie semplicemente premendo il pulsante di un congegno che si indossa come una collana. Tale dispositivo è collegato con una Centrale operativa in possesso dei dati dei soggetti beneficiari ed attiva h24 su h24, la quale, grazie al di-

spositivo del riconoscimento automatico del chiamante, interverrà prontamente. I destinatari di tale servizio sono gli anziani residenti nei Comuni dell’Ambito di Poggiardo, che hanno compiuto i 65 anni, siano in stato di difficoltà psico-fisiche ed in possesso di linea telefonica fissa. “Grazie a questo congegno”, dichiara il presidente del Consorzio, Giuseppe Colafati, “riusciamo a garantire maggiore serenità e sicurezza domiciliare ed a favorire quindi la permanenza

dell’anziano nel proprio contesto sociale. L’obiettivo infatti non è solo quello di fornire assistenza, ma anche e soprattutto di far sentire meno sole le persone più svantaggiate”. Per poter beneficiare del servizio di telefonia e telesoccorso gli interessati possono compilare l’apposita domanda e presentarla presso l’Ufficio di Segretariato Sociale del Comune di residenza o presso la sede del Consorzio per i Servizi sociali, sita in Viale della Repubblica a Poggiardo.

Troppi cani per strada

Condannata. La Asl di Brindisi condannata a risarcire una donna morsa da un randagio

uello del randagismo è una vera emergenza, troppe parole ma nulla viene fatto per migliorare la situazione. La fotografia scattata dall’ A.I.D.A.A (Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente) ne è una chiara dimostrazione: sono oltre 700mila i cani randagi attualmente liberi sul territorio nazionale. Di questi, almeno 500mila sono concentrati nelle regioni del Centro-Sud Italia, con punte di circa 80mila randagi in Puglia, Campania, Sicilia e Calabria. Attualmente in Italia sono attivi circa 500 tra canili comunali e canili rifugio (privati e convenzionati), che ospitano circa 150mila cani, meno di un/quinto del totale dei cani randagi. Un triste primato, quindi, per la Puglia, alla quale viene attribuita la maglia nera per l’elevata presenza di cani randagi per le strade di tutta la regione. La pericolosità del fenomeno è rappresentato proprio dagli incidenti accaduti a molti cittadini, che impauriti camminano per le strade delle nostre città. Ma qualcosa potrà cambiare soprattutto dopo una nuova sentenza che è destinata a costituire un precedente preoccupante per quei Comuni in

Q

“E’ veramente importante che si cominci a punire la disorganizzazione e il lassismo delle Asl, che malgrado le normative vigenti, non provvedono alla cattura e sterilizzazione degli animali vaganti, a rischio della stessa vita dei cittadini” cui il randagismo è diffuso. Infatti, la Asl di Brindisi è stata condannata, con sentenza emessa dal Giudice di Pace, a risarcire i danni ad una donna che era stata morsa da un cane randagio la scorsa estate a Torre Canne (Br): 1000,00 euro la somma stabilita a titolo di risarcimento. “La signora è stata fortunata a non restarne sfigurata come invece capita a molti cittadini del Sud Italia, soprattutto bambini che subiscono attacchi da randagi”, ha dichiarato Valentina Coppola, responsabile

Ambiente dell’Associazione CODICI. “E’ veramente importante che si cominci a punire il lassismo e la disorganizzazione delle Asl, che malgrado le normative vigenti, non provvedono alla cattura e sterilizzazione degli animali vaganti, a rischio della stessa vita dei cittadini”. Il CODICI annuncia che si farà carico di portare davanti al Giudice di Pace tutti i casi analoghi, affinché i cittadini aggrediti vedano finalmente fatta giustizia. Per contatti: codici.taranto@codici.org


10 www.ilgallo.it

pubblicità

23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010


- 23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

Ga llo

Matrimonio il

Speciale Sposi n. 2 - 23 gennaio/5 febbraio 2010 - www.ilgallo.it - info@ilgallo.it

11

all’ italiana


speciale sposi

Sposarsi e risparmiare? Si può

12 www.ilgallo.it

23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

Federconsumatori. La spesa nel 2009 è stata in media di 50.840 euro, oltre il doppio rispetto al 2001, quando costava “appena” 19.527 euro

consigliabile scegliere un giorno infrasettimanale, si arriva a risparmiare fino al 20%.

fatidico sì costa troppo? In tempo di crisi, tante le soluzioni alternative e i suggerimenti per matrimoni originali a prezzi contenuti. Ma quanto costa sposarsi? Troppo, a giudicare da un’indagine realizzata da Federconsumatori. Tra partecipazioni, bomboniere, abito, ricevimento, foto e viaggio di nozze si possono spendere fino a 50mila euro. Per evitare di spendere cifre che siano al di sopra delle proprie possibilità, si consiglia di stabilire un budget per il grande evento. Ecco alcune idee originali per rendere speciale questa giornata, abbattendo i costi.

Il

Automobile e foto

Partecipazioni

Un’idea diversa, moderna, economica e veloce, è quella di comunicare a tutti gli invitati la data del matrimonio con un sms o e-mail. Con soli 15,oo Euro si avviseranno 100 invitati (a 15 euro a sms), e si potranno così risparmiare 300,oo Euro.

Bomboniere e lista nozze

Un’alternativa è quella di rivolgersi a enti benefici e organizzazioni senza scopo di lucro, per realizzare bomboniere solidali, aiutando chi ne ha bisogno. La lista nozze è sempre più orientata su articoli indispensabili ed utili. C’è chi sceglie, inoltre, di farsi regalare il viaggio di nozze, i mobili per la casa.

Abito e ricevimento

In abito classico o moderno, è possibile acquistare il proprio abito negli appositi outlet, scegliendo tra campionari e capi fine collezione, o si può ricorrere al noleggio. Per quanto riguarda il ricevimento, si possono scegliere soluzioni insolite: dal buffet in giardino al pranzo in agriturismo, a contatto con la natura. In ogni caso, se si preferisce il ricevimento tradizionale, è

Non è necessario affittare limousine o carrozze con i cavalli: per risparmiare il noleggio dell’auto basterà chiedere ai propri invitati di prestare l’automobile più elegante o buffa, a seconda dell’impronta che si vuole dare al matrimonio. Per quanto riguarda le foto, poi, domandare ai propri invitati di fare foto in abbondanza potrebbe essere un modo per evitare di ingaggiare fotografi professionisti. La spesa complessiva, secondo Federconsumatori, è stata, nel 2009, in media di 50.840 euro, oltre il doppio rispetto al 2001, quando sposarsi costava “appena” 19.527 euro. Secondo un recente sondaggio realizzato da nozzeclick.com, la disponibilità media delle giovani coppie per l’organizzazione della cerimonia si attesta, nel 2009, attorno ai 20.000 euro. Il 60% delle coppie intervistate, infatti, dichiara di avere a disposizione un budget fino ai 20.000 euro; solo 26% degli utenti nozzeclick.com si dichiara disposto a spendere una cifra compresa tra i 20 e i 30.000 euro, mentre, una percentuale ancora più piccola, pari al solo 15%, ammette di avere disponibilità superiori ai 30.000 euro.


KRISTAL, il tempio della LISTA NOZZE 23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

pubblicità

Nel 2009 oltre 200 coppie lo hanno scelto Professionalità

La Professionalità acquisita nel corso degli anni, è frutto della continua ricerca di prodotti nelle più rinomate Fiere Europee. Kristal dal 1996 propone ai propri clienti i migliori marchi nel settore della casa, rivolgendo particolare attenzione agli sposi che intendono affrontare il loro matrimonio con la massima tranquillità. Proprio per loro, il suo Staff, è a loro completa disposizione guidandoli dalla scelta dei regali da inserire nella Lista Promessa, alle Partecipazione di Nozze, alle Bomboniere e Lista di Nozze.

Assortimento

Da sempre selezioniamo e proponiamo prodotti esclusivi differenziando e mantenendo attuale la nostra esposizione di 900 metri quadri, soddisfacendo le esigenze della nostra clientela e offrendo a quella di possibile acquisizione, prodotti unici ed esclusivi.

Promozione

Agli Sposi che prenoteranno la Lista Nozze sarà riconosciuto uno sconto del 10% e un ulteriore buono spesa pari al 5% della Lista Nozze. Inoltre per tutte le giovani coppie la possibilità di finanziamenti personalizzati.

I marchi

Solo alcuni dei nostri Marchi: Articoli da Regalo: Ivv, Ivat, Nadir, Facciolini, Wald, Alviero Martini, Morinox, Serafino Zani, Foppapedretti, Arredamenti Italia, Rose E Tulipani, Livellara, Richard Ginori, Argenteria Sovrani, Colle Vilca.

Illuminazione

Vistosi, Falb, Micron, Silcom, Sillux, Top Light, Granfo, Surya. Grazie alle oltre 200 coppie che nel 2009 hanno scelto Kristal. Siamo presenti a promessi sposi dal 28 al 31 gennaio 2010 Kristal è in Via Leverano a Carmiano. Per informazioni Tel.: 0832.601657 Fax: 0832.601657; E-mail: info@kristaljn.191.it

www.ilgallo.it

13

Tenuta LA CORTE sulla Novoli-Trepuzzi Nel piccolo Comune di Novoli, immersa in 13 ettari di paradiso, tra palme, campi di grano e ulivi secolari, sorge dall'antica masseria "La Corte" una stupenda e incantevole struttura: Tenuta La Corte. Come la Fenice che rinasce dalle proprie ceneri, la Tenuta rinasce dalla scrupolosa ristrutturazione della "Masseria La Corte o Baronale" con un trappeto cinquecentesco scavato nella roccia. La Tenuta, ricca di memorie storiche, rappresenta uno dei luoghi più affascinanti del Salento, grazie al Frantoio ipogeo situato all'interno della struttura. La cucina coniuga tutte le specialità tipiche del Salento con l'arte culinaria nazionale ed internazionale. Tenuta la Corte offre ai propri ospiti, alloggio in camere elegantemente arredate, dotate di tutti i comforts, dove relax e divertimento si uniscono armoniosamente in questo splendido e sublime paradiso situato nel cuore del Salento.


speciale sposi

14 www.ilgallo.it

Addio al celibato gli scherzi

metà cena levategli i pantaloni e fategli indossare un paio di calze a rete, una minigonna e una parrucca. Cosi conciato dovrà rimanere per tutta la sera, in qualsiasi posto si decida di andare dopo. Prima di lasciare il ristorante portatelo in cucina e fate in modo che dia una mano a lavare i piatti giusto perchè capisca cosa lo attenderà in futuro.

A

AL NIGHT Ingaggiate una spogliarellista che dedichi le sue attenzioni al festeggiato, cosicchè per l'ultima volta passa ammirare le grazie di un'altra donna.

DA FARE OVUNQUE Buttatelo dentro la prima fontana che trovate. Ricordatevi però di procurarvi un asciugamano e un cambio asciutto... che non si ammali!!!

L’ULTIMO BACIO Fermate tutte le ragazze che trovate e chiedete un’offerta in cambio di un bacio dello sposo: dite loro che porta bene, vedrete che se ci sapete fare racimolerete un bel po’.

LA SERENATA Se lo sposo è un tipo tranquillo e magari un po’ stonato, bendatelo e portatelo sotto la finestra della futura sposa e obbligatelo a cantarle una serenata.

23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

Matrimoni: alti e

Vita di coppia. Crescono le nozze celebrate con rito Federico Scarascia feder@ilgallo.it

ual è la tendenza dei Matrimoni religiosi nel Salento? Un rapido giro fra le quattro Diocesi della nostra provincia, con la semplice richiesta del dato totale riguardante gli ultimi due anni, ci fa scoprire che, al contrario di quanto ci si attendeva (considerata anche la crisi economica che non ha risparmiato nessuno, figurarsi chi progetta di sposarsi…), la situazione non è poi così negativa. Nel senso che se nel comprensorio di due Diocesi il numero delle celebrazioni delle nozze è effettivamente calato, nelle altre due è invece cresciuto. Si può dunque parlare di una complessiva stabilità, ma certo dai vari Uffici “Pastorale della Famiglia”, a dire il vero molto attivi, non mancano comunque analisi che confermano la delicatezza del momento sia per chi intende sposarsi e sia per chi l’ha già fatto… Tornando alle cifre degli ultimi due anni, nella Diocesi di Nardò-Gallipoli i matrimoni sono stati 788 nel 2008 e sono saliti a 809 nel 2009. Segno positivo anche nella Diocesi di Otranto, con 877 coppie che hanno detto “si” nel 2008 e 930 nel 2009. In dimi-

Q

nuzione, invece, nel bacino dell’Arcidiocesi di Lecce (1142 nel 2008 e 1111 nel 2009) ed in quello della Diocesi di Ugento-Santa Maria di Leuca (553 nel 2008, 543 nel 2009). Crescente, poi, il fenomeno dei matrimoni celebrati in un primo momento solo a livello civile e solo dopo (a distanza di alcuni anni) a livello religioso. Sono le “spese accessorie” (dal ricevimento alle bomboniere, dai servizi fotografici ai vestiti, ecc.) a determinare questa scelta. Dalla Diocesi di Nardò-Gallipoli ci fanno sapere che “i sacerdoti sono incoraggiati a discernere con prudenza e scienza le diverse situazioni, incoraggiando i fedeli ad avvalersi di una consulenza qualificata e gratuita presso le diverse sedi del Consultorio familiare diocesano, con sedi a Nardò, Galatone, Casarano. In Diocesi i casi di grave disorientamento sociale di alcune famiglie, di abbandono degli anziani o di vera povertà ci sono e sono in aumento, anche se spesso rimangono ancora nascosti. Solo in alcune Parrocchie si può parlare di “interi quartieri” ad alto rischio sociale per la precaria situazione economica. Più frequente è invece il caso delle famiglie forte-


23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

speciale sposi

bassi nel Salento

civile: solo dopo alcuni anni si passa a quelle religiose mente scoraggiate per il peggioramento della situazione economica globale, per la mancanza di serie prospettive occupazionali e il declino di alcuni settori del mondo del lavoro. I segni delle difficoltà non si registrano solo nei numeri crescenti delle unioni civili e delle separazioni, ma anche in riferimento all’ambito educativo e ai disagi economici causati da una forte recessione economica. I giovani adulti si presentano fortemente radicati in famiglia anche a causa della crisi occupazionale che li porta a stare per molti anni nelle famiglie d’origine e a rimandare il matrimonio. Anche le giovani famiglie si appoggiano non di rado economicamente ai genitori e alle loro pensioni per far fronte all’economia della vita familiare. Nella nostra Diocesi, grazie ad una catechesi continua per i ragazzi dalla prima elementare fino all’ultimo anno della scuola media inferiore, le famiglie hanno spesso motivi di contatto con le comunità parrocchiali e anche la vita sacramentale è in genere assidua nei fedeli. La nostra Diocesi risponde alle sfide della famiglia con uno specifico settore di pastorale, la cosiddetta pastorale familiare e della vita. Essa si rivolge, attraverso un apposito ufficio, agli portatori della pastorale familiare nelle parrocchie. Questi curano in particolare le coppie dei giovani fidanzati. Molto positivi sono inoltre per i fidanzati i corsi di vita cristiana, realizzati dal Movimento dei Cursillos di cristianità, in collaborazione con diversi sacerdoti”.

15 annunci & annunci www.ilgallo.it

IMMOBILI. Vendesi zona Ospedale, via per Depressa abitazione indipendente, mq 116, cortile antistante, area solare edificabile. € 116.000 328/2329515 AUTO. Vendo Opel Agila 1.0, anno 2.000, km 44.000, accessoriata, colore verde, ottime condizioni, mai incidentata, gomme nuove Good Year. 328/7660003 AUTO. Vendesi Mercedes Classe A Coupè Avantgard 180 CDI, nero, 2006, km 90.000, prezzo Quattroruote 328/2329515 MERCATINO. Vendo costumi di Carnevale e capi firmati per bimbi (3-12 anni), come nuovi, prezzi bassissimi. 328/7660003 INCONTRI. Ciao sono un bel ragazzo 28enne della zona di Lecce, simpatico, dolce, sensibile, affidabile e sportivo. Vorrei conoscere ragazza 20/35enne, carina, dolce, sincera per instaurare una bella amicizia ed eventuale storia d’amore duratura. Astenersi uomini, indecise e curiose. 328/5397800


16 www.ilgallo.it

pubblicità

23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010


speciale sposi

“Itinerari” di PREPARAZIONE AL MATRIMONIO 23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

preparazione al Sacramento del Matrimonio è per la Chiesa “occasione per un risveglio della fede nei nubendi, perché sia una fede “adulta e pensata”, e un aiuto a formare famiglie veramente cristiane, pienamente fedeli al progetto di Dio” (Mons. Vito De Grisantis, “…come Cristo ha amato la Chiesa” - Itinerario di preparazione al Sacramento del Matrimonio - Ugento, 2005 - pag. 3). “Si tratta, quindi”, dichiarano Mario e Giulia Macrì, responsabili della Pastorale Familiare Diocesana di Ugento, “di itinerari di preparazione non solo ad una realtà umana, ma soprattutto ad uno dei sette sacramenti della Chiesa, ai quali si può accedere dopo un tempo di studio, di discernimento, di formazione e di crescita nella fede. Infatti, come per i sacramenti dell’iniziazione cristiana (battesimo, cresima, confessione, prima comunione) sono richiesti anni di studio e di formazione, come per celebrare il sacramento dell’Ordine (sacerdozio) sono richiesti anni di seminario, così, per la celebrazione del sacramento del Matrimonio, la Chiesa richiede un tempo per poter annunciare la verità del matrimonio cristiano e per aiutare i fidanzati a conoscere e a vivere la realtà del matrimonio, che stanno per celebrare, non solo validamente ma anche fruttuosamente. Si potrebbe obiettare che i cosiddetti “Corsi prematrimoniali” non sono veramente

LA

adeguati per garantire una piena consapevolezza del sacramento del Matrimonio, specialmente se si tiene conto che si svolgono nell’imminenza delle nozze e che si rivolgono a giovani che in gran numero dopo la cresima hanno interrotto il loro rapporto con la Chiesa. Certamente”, spiegano Mario e Giulia, “per una maggiore consapevolezza occorre un tempo più lungo. Proprio per questo nel tempo i “corsi” sono diventati “percorsi” o “itinerari”. Il cambiamento del lessico non è un semplice fatto formale. Innanzitutto, il numero di “incontri” è più che raddoppiato; inoltre, l’impostazione ha assunto la forma della catechesi e del cammino di fede: non viene fornito ai nubendi un insieme di prescrizioni normative, morali, giuridiche o un insieme di “ricette” per la buona riuscita del matrimonio, ma si cerca di far fare loro un autentico “itinerario di fede” che, fondandosi sull’ascolto e sulla comprensione di quanto il Signore, attraverso la Sacra Scrittura, dice del matrimonio e dell’amore, li renda capaci di vivere la vita coniugale e familiare alla luce della Parola di Dio integrando e armonizzando i “valori umani” e i “contenuti cristiani” del matrimonio. La nostra pluridecennale esperienza nella conduzione di tali itinerari ci fa constatare come molti giovani inizino tali percorsi un po’controvoglia e con lo stato d’animo di chi subisce qualcosa non desiderata e non li-

www.ilgallo.it

17

beramente scelta, ma dopo le prime serate dimostrano interesse e sono contenti di scoprire cose nuove ed interessanti. Non sono poche le coppie di fidanzati che al termine di un percorso si dichiarano contenti di aver partecipato, anzi spesso si rammaricano perché è terminato. Certamente questo tempo di preparazione non garantisce l’acquisizione o un adeguato raggiungimento di maturità nella fede, ma sono senza dubbio occasione per conoscere la bellezza del Progetto di Dio sul matrimonio e sulla famiglia. Non tutti vivranno un matrimonio in sintonia con tale disegno divino, ma ciò è dovuto in parte alla fragilità umana e in parte alle sollecitazioni di una cultura individualistica e nichilista, come più volte ha detto il Papa. L’obbligatorietà della partecipazione non va vista, quindi, come un’imposizione di natura burocratica limitante la libertà individuale da parte della Chiesa, ma come servizio e bene per l’uomo e per la società civile ed ecclesiale. La Chiesa”, conclude la coppia, “deve essere fedele a Dio e, quindi, deve dire la verità sul matrimonio: se non annunciasse la verità sull’amore come nel progetto divino, tradirebbe Dio e se stessa. E deve essere fedele all’uomo nel senso che non può non aiutarlo a conoscere e a vivere la bellezza e la bontà dell’amore di Dio che si riversa sulla coppia di sposi, che diventano così segno dell’alleanza di Lui con l’umanità”.


Promessi Sposi

18 www.ilgallo.it

speciale sposi

In Fiera a Galatina dal 28 al 31 gennaio orna anche quest’anno “Promessi Sposi - Il Matrimonio in Vetrina”, consolidata Rassegna dedicata al mondo del matrimonio. Da giovedì 28 a domenica 31 gennaio, presso il Quartiere Fieristico di Galatina, la kermesse, giunta alla quindicesima edizione, farà parlare nuovamente di sé per la qualità ed il pregio delle sue proposte. “Promessi Sposi” è un Salone nazionale interamente dedicato al matrimonio, ai suoi momenti più emozionanti, ai suoi mille preparativi, ai suoi incantevoli prodotti. Nato ben oltre un decennio fa, negli anni questo magico Salone ha raccolto il favore delle imprese e del pubblico, tanto che ad oggi annovera ben 300 aziende, dislocate su oltre 8mila mq. di spazio espositivo. “Promessi Sposi” negli anni è cresciuta, diventando, più che un semplice appuntamento fieristico, un volano per il decollo dell’imprenditoria e dell’economia locale, mettendo in moto dei meccanismi di marketing territoriale e confronto merceologico che danno un’identità precisa a più settori: imprenditoriale, artigianale, turistico, sociale, culturale. Tutte le Aziende che espongono in questa manifestazione nuziale hanno un notevole ritorno economico, dal momento che le coppie di futuri sposi confezionano il loro matrimonio praticamente in Fiera, acquistando l’80% dei prodotti e dei servizi loro necessari. I visitatori hanno la possibilità di orientarsi tra diverse fasce di costo, perché l’obiettivo della Pubblivela è quello di soddisfare ogni tipo di domanda e costruire, così, in soli quattro giorni, l’inizio del futuro. Anche quest’anno Pubblivela si spende per il sociale: con l’edizione 2010 dei “Promessi Sposi” si rinnova la collaborazione con la Fondazione Onlus “Amahoro” di Ruffano, alla quale verrà devoluto l’importo di cinquanta centesimi di euro su ogni biglietto emesso al botteghino. “Promessi Sposi” apre le porte ai visitatori tutti i giorni della Rassegna dalle 16,30 alle 22, mentre nella giornata conclusiva di domenica l’apertura sarà anticipata alle 10.

T

F. Spadafora

23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

Galateo per chi si sposa non sono ammessi ritardi, solo la sposa ha un margine di dieci minuti

e’ immancabile l ‘organo che accompagnerà la marcia nuziale. Tutti adorano essere accompagnati da armonie ispirate e delicate, da questa musica che seguirà nel ricordo gli sposi la Chiesa non dovrà presentarsi come una serra di fiori

gli applausi verranno fatti solo al termine della cerimonia, esclusivamente all’uscita della Chiesa

il lancio del riso avverrà fuori dalla Chiesa, all’interno si potranno far distribuire dei fazzolettini con del riso

la toilette nuziale: in passato imponeva il velo e, di conseguenza, i fiori d’arancio. Per l’uomo l’abito nero, il tight, le scarpe nere, la cravatta grigia a nodo lungo. Adesso c’è ampia libertà di scelta sia per la donna che per l’uomo per le fedi c’è una vasta scelta, l’importante è che siano in oro e che portino inciso il nome di lei sulla fede di lui e viceversa, e la data del matrimonio


23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

pubblicità

www.ilgallo.it

19


20 www.ilgallo.it in poche parole

Ato Le/1: nominato comitato esecutivo

L’Assemblea del Consorzio dell’Ato Le/1 ha deliberato la costituzione del Comitato Esecutivo del Consorzio Ato Le/1: ne faranno parte il presidente Gianni Garrisi (vice sindaco e assessore alle Politiche Ambientali del Comune di Lecce) e i Sindaci dei Comuni di Campi Salentina, Cavallino, Copertino, Leverano, Melendugno, Monteroni di Lecce, Squinzano e Surbo. La costituzione di questo organo risulta di fondamentale importanza in quanto, in funzione dei poteri conferiti dallo Statuto, si potranno adottare tutti i provvedimenti tecnicoamministrativi e programmatici utili alla gestione del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti solidi urbani che coinvolge i 27 Comuni appartenenti al neo costituito Consorzio. Il presidente Garrisi ha ringraziato tutti i Sindaci del Consorzio Ato Le/1 ed ha espresso soddisfazione per il senso di responsabilità e rapidità con cui l’Assemblea ha concretizzato la costituzione dell’organo.

attualità

Galatina e la

23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

PUGLIA dei POLACCHI Il Salotto di Cultura “Galatina Letterata” presenta il prossimo 24 gennaio, alle ore 18.30, presso il Museo Civico “Pietro Cavoti” – Palazzo della Cultura di Galatina, sito in P.zza Alighieri, n. 51, la mostra fotografica – documentale ed il convegno ad essa correlato dal titolo: “La Puglia dei Polacchi dal 44 al 46. una storia in bianco e nero”. L’evento ripercorre, attraverso un’inedita serie documentaria, la presenza dei soldati polacchi in Puglie ed a Galatina in particolare. La nostra regione era chiamata la “Piccola Polonia” poiché sede delle retrovie del Corpo d’Armata polacco. Il fil-rouge è una accurata ricostruzione storica, di episodi assai singolari e significativi, dal 1944 al 1946, episodi che valorizzano il gruppo militare polacco in Puglia. L’intento è di riscoprire il legame tra l’Italia, tra la nostra Puglia e la Polonia. Tale legame è sancito nel

nostro Inno Nazionale ed in quello polacco. Infatti nell’ultima strofa leggiamo “… il sangue d’Italia e il sangue polacco…”. Possiamo aggiungere che l’Inno Nzionale Polacco è stato scritto in Italia, a Reggio Emilia; c’è in esso un chiaro riferimento alla nostra Nazione: “… marcia, marcia Dabrowshi dalla terra Italiana in Polonia…”. L’evento è patrocinato dalla Repubblica di Polonia, dalla Regione Puglia, dal Comune di Galatina, dal Comune di Casamassima, dall’Associazione BaoBab, da The news paper.it e dalla Provincia di Lecce che sarà presente con L’Assessore ai Trasporti e alle Politiche Giovanili, il Dr. Bruno Ciccarese. E’ stato realizzato con la collaborazione della Biblioteca “P. Siciliani” e dello sportello Progetto Giovani del Comune di Galatina. La presidente Rosanna Verter


Anche a Tricase il Cinema in 3D attualità

23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

Dallo scorso 20 gennaio, presso il Cinema Moderno di Tricase, viene utilizzato l’innovativo sistema di proiezione Dolby 3D Digital. Dopo Lecce città e Surbo, è l’unico impianto 3D in funzione nella provincia di Lecce, installato con l’obiettivo di fornire anche al pubblico del sud Salento un servizio sempre all’avanguardia ed al

passo con le nuove tecnologie per poter godere degli effetti speciali che questo tipo di proiezione consente di apprezzare. Dolby 3D Digital Cinema è una tecnologia che utilizza occhiali più elaborati, che sono dotati di un infrarosso in grado di sincronizzarsi con le immagini sullo schermo per mostrare le immagini alternate all’oc-

San Giovanni Bosco ad Ugento

Festeggiamenti organizzati dall’omonima Parrocchia guidata da don Stefano Rocca. Oltre ai riti religiosi, con la Processione prevista alle 16 di domenica 31 gennaio, a tenere banco saranno anche eventi di carattere civile davvero gustosi. Si comincerà nella serata di sabato 30 con una commedia dialettale, che sarà portata in scena presso il Teatro “Don Bosco”, e con l’apertura della “Sagra della pittula”, in entrambe le serate nell’atrio dell’Oratorio parrocchiale. Domenica 31, al rientro della Processione, sarà celebrata la Santa Messa e poi ci sarà solo spazio all’intrattenimento con l’irresistibile ritmo della musica popolare e della pizzica in particolare.

chio sinistro e all’occhio destro, creando l’illusione della terza dimensione. La programmazione in 3D al Cinema Moderno di Tricase è iniziata con il kolossal e campione d’incassi planetario, “Avatar” (gli spettacolo sono in programma alle ore 18 ed alle ore 21), firmato dal regista di “Titanic”, James Cameron.

Tricase, musica per i dipendenti Adelchi

Il Centro Culturale “Alfonsina Bertelli” di Alessano organizza per sabato 23 gennaio, alle 19, in Piazza Pisanelli a Tricase, una serata musicale con Antonio Amato tamburellista e cantante, per sostenere la battaglia per la difesa del posto di lavoro e della propria dignità delle lavoratrici e dei lavoratori Adelchi di Tricase, che dopo anni di lotta e da quasi quattro mesi sono in presidio permanente con i loro gazebo.

www.ilgallo.it

21

Omaggio a Mozart Concerto a Tricase

Si svolgerà domenica 31 gennaio, alle 19, presso la Sala del Trono di Palazzo Gallone, la V edizione del Concerto “Omaggio a Mozart”, organizzato dall’Ass. di Alta Cultura Musicale che del genio di Salisburgo porta il nome, in collaborazione con il Comune. Sul palco salirà il Sax-Piano Duo (sassofono e pianoforte) apprezzato per l’affiatamento dei componenti e la freschezza del repertorio. Il presidente dell’Associazione, M° Giovanni Calabrese, è sicuro che “il duo non mancherà di stupire piacevolmente il pubblico, il quale potrà trascorrere una lieta serata all’insegna della cultura e dell’arte, per festeggiare l’anniversario della nascita di uno dei più grandi geni dell’umanità”. In programma l’immancabile “Omaggio a Mozart” e tanta altra buona musica.

L’Elemosiniere... d’inverno A Morciano di Leuca

a distanza di quattro mesi dai festeggiamenti solenni, si celebra la festa religiosa sabato 23 gennaio. La Processione si snoderà per le vie della città a partire dalle 16,30; suonerà il Concerto Bandistico cittadino. In chiusura non mancheranno i fuochi d’artificio, mentre i casaranesi si cimenteranno con i “panitteddhri” di San Giovanni, piccoli pani biscottati che, in base alla tradizione, vengono prima benedetti e poi conservati in casa ed usati nelle giornate di maltempo.

saranno invece due i giorni di festa, anche perché sarà l’occasione per riaprire al culto la Chiesa dedicata a San Giovanni Elemosiniere, dopo cinque anni di restauro. E’ venuta fuori una struttura consolidata ed anche artisticamente migliore, che sarà ufficialmente riaperta sabato 23 gennaio, alle 18 (previsto anche un concerto di musica sacra). Nel pomeriggio di domenica 24 si terrà la Processione ed a fine serata ci sarà la possibilità di ammirare lo spettacolo pirotecnico.

il

Ga l l o

Associati

Direttore Responsabile L UIGI Z ITO (liz@ilgallo.it)

CORRISPONDENTI

Mauro Bortone Antonella Corvino PERIODICO Coordinatore di Redazione Vito Lecci INDIPENDENTE DI Unione Stampa G IUSEPPE C ERFEDA (gicer@ilgallo.it) Vincenzo Longo CULTURA, SERVIZIO Periodici Italiani ED INFORMAZIONE Ilaria Marinaci TESSERA N. 14582 Redazione & Internet: DEL SALENTO Fiorella Mastria F EDERICO S CARASCIA (feder@ilgallo.it) Antonio Memmi REDAZIONE TRICASE via Aldo Moro, 7 Cristina Pacella In Redazione Tel. 0833/545 777 Vito Palanga M ARIA C ONSIGLIA P ODO fax 0833/545 800 FRANCESCA CAPARROTTI (francesca@ilgallo.it) Attilio Palma REDAZIONE LECCE Sandra Papa E LISA B RAMATO (elisa@ilgallo.it) via Fazzi Paola Portaluri Responsabile Distribuzione Tel. 0832/307 369 Carlo Quaranta www.ilgallo.it/info@ilgallo.it Stefano Tanisi PASQUALE Z ITO

La collaborazione sotto qualsiasi forma è Gratuita. La Direzione si riserva di rifiutare insindacabilmente qualsiasi testo e qualsiasi inserzione. Foto e manoscritti, anche se non pubblicati, non si restituiscono. Riproduzione vietata. Stampa: MASTER PRINTING Srl 080/5857439 via delle Margherite 22 70026 Zona Industriale Modugno - Bari Iscritto al N° 648 Registro Nazionale Stampa Autorizzazione Tribunale Lecce del 9.12.1996

DISTRIBUZIONE GRATUITA PORTA A PORTA IN TUTTA LA PROVINCIA DI LECCE

S.r.l.

A Casarano

MARKETING E PUBBLICITÀ Tel 0833/545 777 Fax 0833/545 800 e-mail: info@ilgallo.it

DIRETTORE PUBBLICITÀ Luigi G. Zito tel. 328/2329515 Savio Accoto 349/1430334 Ada Meraglia 348/1044753 Antonio Scarcella 0833/545777


Novità: ossigeno iperbarico puro pubblicità

22 www.ilgallo.it

23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

Solo presso l’Istituto di Bellezza Cleopatra una prima assoluta: ossigeno e ozono, una terapia contro l’invecchiamento della pelle. Tornare giovani è possibile IL LETTINO BENESSERE SUCCESSO ANNUNCIATO

C

os’è tutta questa agitazione? con utilizzo di aghi (botox e mesoteraQual è la novità di cui tanto si pia)”. Cosa avviene durante il trattaparla? La prof.ssa Antonella mento? “Sul viso aumenta la Greco parte “da lontano. Per rispondere microcircolazione locale, che dona viall’esigenza di trattamenti più efficaci, talità alle cellule responsabili della la ricerca Re-Age ha dato vita a Re- produzione degli elementi plastici della Oxy: un potente sistema che pelle: fibrina, elastina, collaattraverso l’uso di ossigene, glicosaminoglicani. geno puro concenIl viso diventa così più trato e l’ozono è la luminoso, il derma E ACQUISTI UN risposta risolupiù forte, più tonitiva ad ogni tificato e rimodelPACCHETTO E GE pologia di lato. Lo stesso trattameno ossigeno, se utidella pelle. lizzato sul Grazie alle corpo, svolge sue molteplici un’azione antifunzioni, il cellulite e moAL RESORT ELLNESS trattamento è dellante, una vera innoelimina le tosDI AN ESARIO vazione per il sine, riduce la riSUL PANARO (MO) settore estetico. E tenzione idrica, aggiungo che tratstimola la circolaWWW.YURESORT.IT tando viso e corpo, l’apzione venosa e linfatica e parecchiatura non ha riduce le smagliature”. Quali sono le proprietà dell’ozono? “Attiva stagionalità e potrà quindi essere utilizzata tutto l’anno”. Come fun- la circolazione sanguinea e prepara così ziona? “L’ossigeno è fondamentale per la pelle a ricevere qualsiasi trattamento il corpo umano ed è alla base di tutte le cosmetico. Inoltre scioglie i grassi prereazioni metaboliche di ogni singola senti nelle cellule adipose riducendole, cellula. L’ossigeno, stimolando il meta- è adatto quindi anche per cellulite e bolismo cellulare, è in grado di rallen- grassi localizzati. Ha un’azione batteritare i processi di invecchiamento cida, funghicida e viruscida, ideale per cutaneo, di combattere stress e stan- trattamenti antiacne e antisebo; infine chezza, di aumentare i livelli di ener- ha un’azione disinfiammante e cicagia e rafforzare il sistema immunitario trizzante.” Cos’ha a che fare la Ri-Age contrastando i danni causati dallo con la Ferrari? “Intanto risiede a Mosmog. Inoltre, veicola i principi attivi dena, nel polo tecnologico in cui nanegli strati più profondi dell’epider- scono Maserati e Ferrari, e il designer è mide, per questo rappresenta un’alter- Dallara, lo stesso che ha lavorato al dinativa estetica ai trattamenti medici segno della Maserati e della Ferrari”.

S

P

resso l’Istituto di Bellezza Cleopatra (con sede a Maglie, in via Ospedale, 30) sta avendo grande successo il lettino ad acqua per il dimagrimento. Lavora anche con la cromoterapia e dà dei risultati ottimali per chi desidera ottenere subito degli effetti per il dimagrimento e per ritrovare una forma perfetta. Il lettino è composto da un materassino trasparente ad acqua riscaldata ed è illuminato a led per un effetto cromorelax. La combinazione di colori dona armonia, energia, vitalità e pieno relax. Il materasso ad acqua può essere utilizzato in estate con un ciclo di acqua fresca e in inverno di acqua calda. Si possono scegliere tre temperature, che con un avvolgente tepore rigenerano il corpo e lo spirito. La temperatura può variare in base al trattamento che si sceglie: tonificante, con temperatura a 26°, ideale per tonificare i muscoli del corpo; rilassante, con temperatura a 32°, per farsi coccolare dal piacere dell’acqua; snellente, con temperatura a 36°, ideale per armonizzare e snellire il corpo. Sdraiatevi e chiudete gli occhi. L’acqua, nelle sue mille forme, vi regala emozioni e benessere con la sua gioiosa danza. L’acqua è vita, purezza e bellezza. L’Istituto di Bellezza per Regine, Principesse e Fate non si smentisce mai, vi dà garanzie di risultati e certezze nei trattamenti! Metteteci alla prova, basta una telefonata. Vi aspettiamo. Istituto Cleopatra Maglie - 0836.484740

R -A

IN REGALO UN WEEK END S

PRIMA

DOPO

&W

C

PRIMA

DOPO


Osteoporosi: prevenire 23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

salute

L’EPIDEMIA SILENZIOSA

terrà venerdì 29 (dalle 15,30 alle 19) e sabato 30 gennaio (dalle 8,30 alle 16,40), all’Hotel Montecallini di San Gregorio di Patù, la II Giornata Reumatologica Salentina “Condizioni di aumentato rischio di fratture a basso trauma dall’infanzia alla terza età”, incontro di esperti dedicato alla prevenzione, alla diagnosi ed alla terapia dell’osteoporosi, promosso dal Day Service di Reumatologia ed Osteoporosi dell’Asl Lecce, diretto dal Dott. Giorgio Carlino. Una sana e continuativa attività fisica, insieme ad un’alimentazione appropriata, sono tra i fattori fondamentali per allontanare il rischio di contrarre questa malattia. Però, nonostante gli avvertimenti lanciati da esperti e ricercatori, non sempre le regole di prevenzione vengono rispettate. Nell’Unione Europea almeno il 40% delle donne e il 13% degli uomini, superati i 50 anni, subisce una frattura causata dalla fragilità ossea e solo in Italia sono circa 4 milioni le persone colpite (di cui 3 milioni donne). Con 250mila fratture da osteoporosi in Italia ogni anno (di cui 70mila del femore), solo le spese ospedaliere per tale affezione ammontano a circa 3,5 miliardi di euro l’anno. E le previsioni future sono allarmanti: nel mondo le fratture di femore per osteoporosi sono state circa 1.660.000 nel 1990 e saranno 6.260.000 nel 2050, con cifre da vertigine per quanto riguarda i costi ospedaliere e della riabilitazione. L’osteoporosi è chiamata “Epidemia Silenziosa” perché quando compaiono i primi sintomi spesso la malattia è già in fase avanzata. A volte il primo sintomo è proprio

Si

una frattura vertebrale, oppure la statura si è ridotta per le alterazioni della colonna e per l’insidiosa tendenza delle ossa a impoverirsi di minerali, sali di calcio e a diventare così fragili da favorire le fratture. La perdita di densità ossea comincia, silente e progressiva, dopo i 50 anni. Colpisce soprattutto le donne (1 su 3 dopo la menopausa), ma anche gli uomini (1 su 5 dopo i 60 anni). L’allungamento della vita ha fatto crescere sempre più il numero di persone con questo problema. Se dopo i 75 anni l’incidenza nella donna è del 43 per cento e nell’uomo è del 20, oltre gli 85 anni interessa addirittura il 60 per cento delle donne e il 40 degli uomini. Una regolare attività fisica e un’alimentazione con cibi ricchi di calcio possono contrastare la perdita di densità ossea. Uomini e donne condividono alcuni fattori di rischio: storia familiare di osteoporosi, precedenti fratture per traumi modesti, eccessiva magrezza, dieta povera di calcio, fumo, alcol, uso prolungato di cortisone, malassorbimento intestinale, malattie del fegato e del rene. L’età poi aumenta, sia nell’uomo che nella donna, il rischio di osteoporosi, anche se nell’uomo il rischio è minore, forse perché il picco di massa ossea che raggiunge è più alto o perché non è sottoposto a diminuzione ormonale rapida come avviene nella menopausa per la donna. Lo sviluppo delle ossa dovrebbe essere curato non solo da adulti, ma già dalla giovane età, in fase di accrescimento e addirittura prima della nascita. “Da un’indagine effettuata presso l’Università di Firenze”, ci dice il Dott. Carlino, “su 224 studenti dai 5 ai 18 anni, è

emerso che solo il 50 per cento dei maschi e il 41 per cento delle femmine beve latte con regolarità, mentre un’altra ricerca sulle abitudini alimentari (110 donne, età media 62 anni, già con diagnosi di osteoporosi) ha messo in evidenza che l’apporto quotidiano di calcio, di circa 808 milligrammi, era molto inferiore al fabbisogno quotidiano, e quello della vitamina D il 15 per cento meno del necessario. La vitamina D”, continua il Dott. Carlino, “è prodotta soprattutto nella pelle, se ci esponiamo ai raggi solari, ed è essenziale per l’assorbimento intestinale del calcio e per la mineralizzazione dell’osso; la carenza è possibile se è ridotta l’esposizione al sole e la vita all’aria aperta. Piccole quantità di vitamina D si trovano anche in alcuni alimenti (il tuorlo d’uovo) e in alcuni pesci: salmone, aringa, tonno; ne è anche ricco l’olio di fegato di merluzzo. Se da giovani si raggiunge un livello di massa ossea elevato e se la perdita di minerali è lenta, più difficilmente la massa ossea diminuirà fino al livello di osteoporosi, ma se il picco raggiunto è basso e la perdita rapida, il rischio è molto più elevato”. L’incontro di Patù, dove interverranno i maggiori esperti italiani di osteoporosi, nasce dalla necessità di individuare dei criteri di selezione per definire l’accesso alla diagnosi e alla terapia del paziente con osteoporosi sulla base del rapporto costo/benefici, per favorire lo scambio di opinioni ed esperienze tra i vari specialisti per una gestione ottimale dei pazienti e delle risorse impegnate, e per fare il punto sulle misure da attuare per mantenere uno scheletro sano.

www.ilgallo.it

23

Tra i più giovani solo il 50 % dei maschi e il 41 % delle femmine beve latte con regolarità

Quando fare la MOC?

La massa ossea si misura con un test, la mineralometria ossea computerizzata (MOC), che si esegue come screening alle dita delle mano, alla colonna lombare o al femore e verifica se l’osso è normale, se c’è osteopenia (inizio di demineralizzazione ossea) o osteoporosi conclamata (demineralizzazione ossea avanzata). Tanto minore è la massa ossea, tanto più è alto il rischio di fratture, che si esprime con il valore di T-score: questo indice confronta la densità minerale ossea della persona esaminata con quella di una popolazione di riferimento considerata normale. Quando fare la Moc? Nelle donne post-menopausa, se ci sono fattori di rischio come: fratture per piccoli traumi; menopausa precoce; osteoporosi nei genitori; dieta povera di calcio. In assenza, non c’è motivo di correre a fare la MOC appena entrate in menopausa: si può aspettare di raggiungere i 60 anni. LA MOC può essere effettuata presso il Day Service di Reumatologia ed Osteoporosi a Gagliano del Capo.


24 www.ilgallo.it

BENTORNATA Alessandra attualità

23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

Paura passata, “nessuna operazione d’urgenza” Serena Mendrano info@ilgallo.it

na grossa cisti nella zona inguinale ha costretto la cantante salentina Alessandra Amoroso ad interrompere il Tour, iniziato circa un mese fa. Con l’umore sottoterra, la giovane vincitrice dell’ultima edizione di “Amici” ha dichiarato di essere molto triste per questo problema che improvvisamente l’ha colpita, precisamente durante un concerto a Chianciano Terme (Si). Alessandra ha raccontato di un dolore fortissimo che le ha impedito perfino di camminare. Avrebbe dovuto poi esibirsi in città importanti come Padova, Roma e Bologna. Un male non solamente fisico quindi, ma anche psicologico per aver lasciato in sospeso i suoi fans. Non pensa ad altro Alessandra. Ma il medico Romano Cataldi Forleo, professore di Ostetricia e

U

Ginecologia all’Università La Sapienza di Roma, ha spiegato che quella capitata ad Alessandra non è una cosa rara: ne possono soffrire molte donne in maniera più o meno grave e va affrontata con tempestività. Ma per ora niente operazione. Nello specifico, la cantante leccese è stata colpita da una infiammazione della ghiandola di Bartolini, che si trova nella zona inguinale. Essa può crearsi ed infiammarsi per vari motivi: sedentarietà o stress psicofisico. Il secondo fattore potrebbe aver creato questo problema ad Alessandra. Dopo la vittoria di “Amici”, infatti, non si è fermata un attimo. Ha scalato le classifiche con i suoi album “Stupida” e “Senza Nuvole”; costanti le presenze in radio e tv nazionali, senza contare l’ultimo successo su Rai 1 al fianco di Gianni Morandi. Da un mese

era iniziato il Tour in tutta Italia, poi però ecco questi guai fisici, che non si sono fermati alla cisti. Ad aumentare l’ansia della nostra giovane cantante si è infatti aggiunta la scoperta di due noduli alle corde vocali. Ma i medici l’hanno rassicurata, dicendole che è normale trovare casi come il suo, soprattutto nel mondo dei cantanti, abituati a sforzare la voce. Ed intanto il Tour, dopo la sospensione di alcune date, solo rimandate, è ripartito proprio da Lecce, dal palazzetto dello sport, il 21 gennaio scorso. “Ci sono stati piccoli problemi”, ha dichiarato Alessandra all’agenzia Ansa, “che però sono stati superati. Non c’è stata nessuna operazione d’urgenza. Sto benissimo. Più avanti verrà risolto anche il problema delle corde vocali, non è una cosa urgente”.

Porto, Castello e Fossati delle Torri

6 MILIONI PER OTRANTO tranto sorride grazie alla Regione Puglia, che nelle scorse settimane ha erogato, attraverso l’Area Vasta, oltre sei milioni di euro da investire nella riqualificazione del porto e nel recupero del Castello Aragonese, dei Fossati delle Torri e delle aree contermini. Un risultato importante, di cui si dice soddisfatto il sindaco Luciano Cariddi, che sottolinea i meriti della sua Amministrazione, capace, in un organismo come Area Vasta, dove confluiscono ben 66 Comuni, di ricevere attenzione a due propri progetti. “Ciò è dovuto”, ha spiegato il primo cittadino, “all’ottima progettualità della nostra Amministrazione, che ha vista accogliere la bontà dei progetti “Portualità turistica” e “Valorizzazione del Castello”, soprattutto in termini di valenza strategica per il territorio”. Nello specifico, il progetto interno di porto turistico, quello su cui lavora con una propria proposta il Comune, prevede 3 milioni e 780mila euro al porto. “Oltre alla valenza di nautica da diporto, per attrarre i flussi turi-

O

stici del mare e realizzare servizi turistici di livello internazionale, l’infrastruttura”, precisa Cariddi, “permette una riqualificazione urbanistica di alcuni spazi cittadini”. Il riferimento speciale è al pontile del porto interno, sotto il Bastione dei Pelasgi, che dovrà collegare l’area portuale al retro molo, per realizzare quella passeggiata a mare che ad Otranto finora manca: si procederà, inoltre, al recupero del Bastione stesso, che mostra collassi dei conci di rivestimento e smottamenti del costone naturale. Per quel che riguarda il Castello, per Otranto ci sono altri 2 milioni e 700mila euro, con i quali si procederà alla messa a norma degli impianti in funzione della musealizzazione dell’area e per un percorso nei fossati, che li renda utili alla fruizione turistica e alla rifunzionalizzazione per gli spettacoli estivi. Cariddi ritiene necessario connettere l’area portuale (di fatto area parcheggio per gli abitanti del centro storico) al Castello, come già iniziato con l’intervento di Interreg III sull’Area Fabbriche. Attenzione verrà

prestata anche al ponte di legno, che ha dimostrato, a detta del primo cittadino, “una carente funzionalità e che potrebbe essere sostituito con soluzioni più sicure e durature”. Interessante anche l’idea di ricostruire alcuni vani, con l’aiuto di Virginia Valzano, della grotta Cervo e della grotta della Poesìa di Roca. “La Regione si è dimostrata generosa ed attenta ad Otranto”, conclude Cariddi, “ascoltando, anche al di fuori di Area Vasta, le nostre preoccupazioni sull’erosione costiera, prevedendo un milione e 800mila euro per intervento di consolidamento e restauro del costone che porta al Fascio e 500mila euro per il territorio di Alimini”. Mauro Bortone


23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

pubblicità

www.ilgallo.it

25


26 www.ilgallo.it

attualità

Elezioni, Neviano: il PdL candida Silvana Cafaro

Il

centrodestra di Neviano ha ufficializzato la candidatura a sindaco di Silvana Cafaro. La quale manifesta il nuovo orientamento da intraprendere, “basato sulla sincerità e la stretta collaborazione: gli incontri istituzionali dovranno essere corretti ed incentrati al bene di tutta la cittadinanza. I piccoli paesi hanno bisogno di collaborazione, anche con gli avversari, per creare un clima di concordia, anche se non di condivisione politica”. Nel suo programma, l’importanza della conoscenza del territorio e le esigenze primarie dei cittadini e delle attività che sul territorio svolgono “perché solo così si potranno affrontare i grandi problemi dello sviluppo, della partecipazione e del lavoro. Il lavoro e l’economia confluiranno nelle attività che al commercio possono produrre beneficio e quindi nella cultura e nello sport”. Altro punto fondamentale, i giovani, ai quali sarà rivolta un’attenzione particolare: “Una piccola comunità può pensare a sviluppo e benessere economico, sociale e culturale solo se i giovani sono sul territorio e decidono di renderlo migliore”. Ma tutti saranno coinvolti per la realizzazione del programma, “ascoltando le categorie produttive ed i semplici cittadini che vorranno avanzare particolari proposte dalle quali ricavare interventi utili per tutti”. Silvana Cafaro ed i suoi alleati intendono affrontare la campagna elettorale “con entusiasmo e collaborazione, essenziali per proporre un cambiamento nella politica e nel suo modo di manifestarsi per risolvere i problemi”. Sul fronte del centrosinistra, l’attuale sindaco Giorgio Cuppone sta lavorando affinché il suo nome venga riconfermato e ribadisce “la mia disponibilità alla candidatura nel continuare il percorso amministrativo. Il programma con il quale ci siamo presentati cinque anni fa lo abbiamo rispettato. In futuro, intendiamo sviluppare e valorizzare maggiormente le zone industriali, per un paese migliore”.

23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

La mia tesi per la Biblioteca RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO un intervento del vice sindaco ed assessore a Cultura e Pubblica Istruzione del Comune di Montesano Salentino

“Il progetto “La mia tesi per la Biblioteca Comunale” consiste nella donazione di una copia della tesi di laurea alla Biblioteca da parte dei giovani montesanesi che si sono laureati nel 2009. I giovani laureati hanno esposto brevemente la propria tesi di laurea in presenza dell’A.C. e dei cittadini e poi ne hanno donato una copia. L’A.C. ha ringraziato il neodottore attraverso una pergamena-ricordo dell’evento. La serata si è rivelata estremamente interessante e assai partecipata; i laureati sono stati una ventina e le tesi spaziavano dal settore umanistico, a quello scientifico e soprattutto a quello economico-giuridico che si è rivelato il settore predominante. Per l’A.C. e per i numerosi cittadini presenti è stato veramente un piacere prendere atto dell’ottimo livello di preparazione dimostrato dai neo-dottori e dalla capacità degli stessi di spiegare e presentare le proprie tesi ad un pubblico che inevitabilmente era eterogeneo. Se questo è il livello dei nostri ragazzi possiamo essere tranquilli per il futuro; da qui certamente verrà fuori la futura classe dirigente che dimostra già di essere all’altezza di ricoprire ruoli importanti per il


attualità

27

Corso on line. Europrogettazione con ItalMediaForm, II edizione

Nozze d’oro a Lucugnano Speciale traguardo dei 50 anni di matrimonio a Lucugnano di Tricase, lo scorso 20 gennaio, per Biagio Chiarello, 80 anni, e Marina De Francesco, di 75.

“Carissimi genitori, siamo molto felici per il mezzo secolo che avete trascorso insieme. Siamo felici di essere i vostri figli e speriamo che la nostra vita sia come la vostra…lunga e soprattutto insieme ai nostri sposi. L’anniversario dei 50 anni di matrimonio è un privilegio che non tutti riescono a

www.ilgallo.it

P

raggiungere: siate davvero orgogliosi del vostro cammino insieme. Cari mamma e papà, vi auguriamo ogni bene e tanti anni ancora di unione e felicità”. Donato, Evelina e Antonella

nostro paese e non solo. Le finalità del progetto sono essenzialmente due: quella di aprire, nella Biblioteca, una sezione delle tesi di laurea, che potranno poi essere consultate e utilizzate da tutti i cittadini; le tesi peraltro verranno messe in rete e saranno accessibili tramite internet collegandosi col sito della Biblioteca Comunale. La seconda finalità è quella di far conoscere i neo-laureati all’intera collettività e far condividere con essa, non solo la gioia del risultato ottenuto, ma anche e soprattutto, il lavoro svolto dal neo-dottore nella preparazione e nella redazione della propria tesi. Tale evento si ripeterà ogni anno nel periodo compreso tra Natale e Capodanno. Mi piace sottolineare l’impegno di questa A.C. a favore della cultura. Questa iniziativa, che ovviamente si riproporrà anche negli anni avvenire durante le festività natalizie, segue i progetti “Corti sotto le stelle”, quest’anno finanziato dalla Regione Puglia, e il progetto culturale “I viaggi di Erodoto” che mira a far conoscere libri, autori, scrittori e artisti, possibilmente del nostro territorio, e si propone anche come momento di confronto e di dibattito”. Giuseppe Maglie

renderà avvio il prossimo 15 febbraio la seconda edizione del Corso on-line in Europrogettazione, organizzato da ItalMediaForm. La prima edizione del corso, della durata di due mesi, progettata per l’Agenzia degli Enti Locali della Provincia di Lecce, ha visto il coinvolgimento di 38 partecipanti tra dipendenti e dirigenti comunali appartenenti a ben 22 Comuni della stessa provincia. Le iscrizioni alla seconda edizione del Corso sono aperte anche ai liberi professionisti e a quanti vogliano accrescere le proprie competenze in materia, in modo veloce e con un apprendimento del tutto autonomo. Il corso si concluderà il 30 marzo con la presentazione di un project work che vedrà i partecipanti confrontarsi concretamente nella stesura di un progetto comunitario. Il termine per le iscrizioni è fissato per il 13 febbraio 2010. Per info: tel/fax 0833/691143; www.italmediaform.com.

Matino Convegno Santa Inquisizione e Giulio Cesare Vanini “La Santa Inquisizione e Giulio Cesare Vanini” è il titolo del convegno organizzato a Matino dall’Amministrazione Comunale per domenica 24 gennaio, a partire dalle 18,30, presso le Scuderie “Ascanio Del Tufo”, in Piazza San Giorgio. Due importanti relazioni, quelle di Fra Francesco La Vecchia (O. P. Sup. dei Padri Domenicani della Basilica Santuario M. SS. Coltura di Parabita) e del prof. Francesco Paolo Raimondi, rappresenteranno il clou dell’incontro, che sarà aperto dai saluti del sindaco di Matino, Giorgio Primiceri; dell’assessore comunale ai Beni Culturali, Antonio Costantino; dell’assessore alla Cultura della Provincia di Lecce, Simona Manca.

la pubblicità elettorale su “il Gallo” La BluMedia Srl, società editrice de “il Gallo”, vista la Legge n. 28 del 22/02/2000 e delibere n. 58/’04 e 60/’04 della Commissione dell’Autorità per le Garanzie della Comunicazione, COMUNICA di aver redatto un documento analitico messo a disposizione, presso la Redazione di Via Aldo Moro a Tricase, di quanti volessero diffondere “messaggi politici elettorali” a pagamento per l’election days del 28 e 29 marzo 2010. Termine per la prenotazione e la consegna dei materiali

In tutta la Provincia SPAZIO

COSTO

1/4 DI PAGINA

€ 390,00

MEZZA PAGINA

€ 650,00

PAGINA INTERA

€ 950,00

almeno 8 giorni prima della pubblicazione. Saranno pubblicati tutti gli annunci pervenuti nei termini indicati, nel rispetto delle condizioni stabilite nel documento analitico. Le tariffe verranno applicate a tutti i partiti e movimenti politici e ai rispettivi candidati. Il pagamento dovrà essere sempre anticipato. Il criterio di accettazione delle prenotazioni si basa sul principio della progressione temporale. Agli aventi diritto sarà assicurata la parità di accesso agli spazi. * posizione di rigore +30%

23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

Edizione locale SPAZIO

COSTO

1/4 DI PAGINA

€ 350,00

MEZZA PAGINA

€ 500,00

PAGINA INTERA

€ 850,00

“il Gallo” - info@ilgallo.it VIA ALDO MORO, TRICASE TEL. 0833/545 777, FAX 0833/545 800/ VIA FAZZI, LECCE - TEL.0832/ 307 369


spinge il

LECCE IN

Giorgio Coluccia info@ilgallo.it

- 23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

A

Anche Conte D

28

opo l’addio dall’Atalanta, Antonio Conte non è certo andato “in pensione”. Anzi, ad appena 40 anni, è solamente all’inizio, anche se adesso disoccupato. Occasione per riflettere sulla recente e non felice avventura con la Società bergamasca, delusione vera dopo la portentosa cavalcata della scorsa stagione con il Bari. Ma anche occasione per guardarsi attorno, imparare ancora, confidando di ritrovare nella massima serie pure la squadra della sua città. Quel Lecce con cui il rapporto è stato un tantino travagliato, ma che, in fin dei conti, non ha mai dimenticato. Lecce primo in classifica: era difficile aspettarselo ad inizio stagione... “Stanno meravigliando, anche se non troppo. Io già l’estate scorsa, quando mi venne chiesto un parere, parlai a favore d’una squadra la cui ossatura mi ha sempre convinto. E’ rimasta una base solida, da Giacomazzi a Munari, passando per Fabiano e Vives: sono tutti giocatori che in serie B ti danno sempre un contributo importante. Nonostante la retrocessione, la “vecchia guardia” è rimasta ben solida e sta dimostrando di voler saldare il conto della passata stagione. Inoltre ha facilitato l’inserimento dei nuovi: Corvia, Defendi e Marilungo possono far fare il salto di qualità decisivo”. Lei viene dalla pro-

mozione in A con il Bari: come si resta lassù fino alla fine di maggio? “Innanzitutto mantenendo intatta la mentalità che ha caratterizzato questi primi cinque mesi, perchè da questa prerogativa dipende la continuità di rendimento, ossia quei risultati positivi che alla fine ti fanno fare classifica. Ormai non ci si può più nascondere, il Lecce deve chiaramente ambire ai primi due posti per la promozione diretta”. Come vede il suo collega Gigi De Canio alle prese con questo inedito ruolo di allenatore-manager? “E’ una assoluta novità per il calcio italiano, ma lui è un tecnico competente e validissimo, che ho avuto il piacere di conoscere a Siena, facendo il suo vice nella stagione 2005/2006. Complimenti anche al presidente Giovanni Semeraro, che ha di fatto svoltato in maniera decisa verso una direzione del tutto nuova. Ha intuito di poter assegnare certi importanti poteri alla persona adatta e i risultati lo stanno ripagando. E’ stata una mossa azzeccata”. Per la corsa alla massima serie chi saranno le principali concorrenti dei giallorossi? “E’ un campionato non facile, le insidie sono ovunque, come dimostrano le profonde sofferenze di tre squadre ben attrezzate come Reggina, Brescia e Torino. Ma credo che alla fine Brescia e Torino verranno fuori in virtù dei loro ottimi valori, reinserendosi nella lotta per le prime posizioni. E almeno una delle rivelazioni, fra Ancona e Cesena, riuscirà a centrare i play off”.


in città

200mila € a Lecce 23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

RESTYLING DEGLI IMPIANTI SPORTIVI

aranno appaltati in brevissimo tempo lavori di manutenzione dell’impiantistica sportiva cittadina per un valore di oltre 200mila euro”. Ad annunciarlo è stato l’assessore al Turismo ed allo Sport del Comune di Lecce, Massimo Alfarano. Che ha poi spiegato: “Cominceremo con la piccola manutenzione e poi prenderemo il largo con un autentico restayling delle strutture sportive. A cominciare dal Campo Coni di Santa Rosa, che è ad oggi la struttura per eccellenza in cui tantissimi nostri concittadini esercitano la loro attività sportiva. Proprio a tal proposito, mi sia consentito sottolineare che creare, come fanno alcuni, un clima di inutile allarmismo intorno a quell’impianto (“che va certamente migliorato ed adeguato”) significa non fare un buon servizio alla nostra città. Se poi questa critica non è finalizzata a risolvere i problemi, ma ha l’unico scopo di reperire una manciata di

“S

visibilità, il danno è ancora maggiore. Destituite di fondamento sono, per fare un solo esempio, le critiche circa l’inesistenza di un regolamento per la fruizione del Campo Coni di Santa Rosa. Esiste un regolamento, eccome! Un regolamento ben pensato e ben scritto, inerente l’utilizzo degli spazi delle strutture sportive. Certamente quel regolamento, come tutti i regolamenti, può essere migliorato in ordine alla gestione delle entrate o delle uscite. Ma sostenere che addirittura esso non esista, è fuori dalla realtà dei fatti. Provvederò io stesso a portarne copia a chi parla a sproposito! Pur non avendo la delega all’impiantistica sportiva”, conclude l’assessore Alfarano, “sono stato incaricato dal Sindaco di interessarmene e posso già comunicare ai cittadini, come detto in premessa, che sono stati stanziati oltre 200mila euro per risolvere i tanti piccoli problemi delle strutture sportive della nostra città, a cominciare dal Coni”.

www.ilgallo.it

29

Lecce: Sosta sempre più selvaggia

Si sa che la ricerca di un posteggio auto quanto più vicino al luogo di destinazione e per di più gratuito, rappresenti oggigiorno quasi una necessità per il cittadino che, pur di ottenerlo, si sente quasi autorizzato a parcheggiare anche nelle aree di sosta riservate esclusivamente ai mezzi pubblici e a disabili (zone delimitate appositamente dalle “strisce gialle”). “E’ quello che accade a Lecce, dove”, dichiara Sara Francesca De Giorgi, responsabile della Delegazione di Cursi del CODICI Centro per i Diritti del Cittadino, “sempre più frequenti sono le occupazioni selvagge di parcheggi che dovrebbero essere utilizzati solo da mezzi pubblici (bus, taxi) o da diversamente abili. Il comportamento indisciplinato degli automobilisti, forse dipende dalla fastidiosa onnipresenza dei parchimetri che, stando ad una graduatoria nazionale relativa all’uso di aree di sosta a pagamento pubblicata nel 2008, assegna a Lecce il terzo posto tra le città italiane con più parcheggi a pagamento rispetto al numero degli abitanti. Aumentare i parcheggi gratuiti, o l’utilizzo del disco orario,”, continua De Giorgi, “permetterebbe al cittadino di non trasgredire il codice della strada o quanto meno di non usufruire illegalmente di aree a lui non assegnate. Ciò non toglie un giro di vite, da parte delle Autorità Municipali, per intensificare l’attività di monitoraggio e punire, con provvedimenti sanzionatori, chi viola le norme di comportamento e chi non espone o utilizza impropriamente il contrassegno speciale, di circolazione e sosta, per i disabili”.


30 www.ilgallo.it

tempo libero

23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

in mazione program LECCE - MULTISALA MASSIMO TEL. 0832/307433 Sala 1

17,30 - 21

Al cinema

SURBO - MULTICINEMA MEDUSA TEL. 0832/254411 Sala 1

15,25 - 18,35 - 21,45

GALLIPOLI - CINEMA ITALIA TEL. 0833/266940 Sala 1

15,45 (dom.) - 18 - 21,15

Avatar in 3D

Avatar

Sala 2 16,20 (sab. e dom.)-18,25-20,30-22,35

Sala 2

La prima cosa bella

Sherlock Holmes

Io loro e Lara

Sala 3 16,15 (sab. e dom.)-18,25-20,30-22,35

Sala 3

Sala 3 16 (dom.) - 18 - 20,15 - 22,30

Tra le nuvole

Avatar 3D

Sala 4 16,10 (sab. e dom.)-18,15-20,25-22,35

Io loro e Lara Sala 5

Avatar 16,35 - 19,30 - 22,25

15,30 - 18,50 - 22,10

Sala 4

Nine

17,05 - 19,50 - 22,30

Io loro e Lara

15,50 (sab. e dom.) - 19 - 22

Avatar in 3D

Sala 5

20,30 - 22,45 - 01,00

Il quarto tipo

LECCE - DON BOSCO D’ESSAI TEL. 0832/390557 19 - 21

Cado dalle nubi

Sala 6

17,30 - 22,10 - 0,50

La prima cosa bella Sala 7

15,25-17,45-20,10-22,35

LECCE - CITY PLEX SANTA LUCIA TEL. 0832/343479

Tra le nuvole - Up in the air

Sala 1 Non pervenuto

Avatar

Sala 2 Non pervenuto Sala 3 Non pervenuto Sala 4 Non pervenuto

o Il libr il Gallo consiglia “ C’era una volta...” di Antonio Penna Edizioni: Libellula

Sala 8

Sala 9

17,25 - 20,45 - 0,05

15,25-17,50-20,15-22,45

GALLIPOLI - CINEMA SCHIPA TEL. 0833/266940 16 (dom.) - 18 - 20,15 - 22,30

Tra le nuvole TRICASE - CINEMA MODERNO TEL. 0833/545855 18 - 21

Avatar in 3D TRICASE - CINEMA AURORA TEL. 0833/544113 17,15 (sab. e dom.) - 19,30 - 21,45

Nine

Nine GALATINA - CINEMA TARTARO TEL. 0836/568653 18 - 21

Avatar

Sala 2 16 (dom.) - 18 - 20,15 - 22,30

TRICASE - CINEMA PARADISO TEL. 0833/545386 17,15 (sab. e dom.) - 19,30 - 21,45

La prima cosa bella

Questo libro dello specchiese Antonio Penna racconta la storia del complesso bandistico ritenuto dagli esperti una delle formazioni musicali più importanti del territorio pugliese. Non semplici nomadi del pentagramma, ma ambasciatori della cultura musicale nell’Italia meridionale. Anche a Specchia la banda nacque nell’Ottocento. Nel 1911 venne chiamata presso la Stazione ferroviaria di Lecce per suonare alla partenza dei soldati che raggiungevano il territorio libico per combattere. Nel maggio 1928 a Bologna il “Grande Concerto di Specchia”, diretto dal Maestro Alfredo Visconti, partecipò ad un concerto bandistico nazionale vincendo la medaglia d’oro.

TROVA I GALLETTI,

IL REGOLAMENTO

T ra i primi 50 che prenderanno la linea sarà sorteggiata una cena con MENÙ COMPLETO presso il Ristorante LA TERRAZZA a SAN CATALDO. Cerca tra le pubblicità e individua i 3 galletti “mimetizzati”. Telefona lunedì 25 gennaio dalle ore 9. In palio anche: i BIGLIETTI per i CINEMA di LECCE, GALLIPOLI e TRICASE; due consumazioni di 5 CONI GELATO presso ROXY BAr di LECCE; una MANICURE, una PEDICURE ed una SEDUTA TRUCCO presso l’ISTITUTO DI BELLEZZA CLEOPATRA a MAGLIE; una CREMA CORPO IDRATANTE ALL’ALOE VERA offerta da ACCOTO COSMESI ad Andrano; 5 CONI DI GELATO ARTIGIANALE da DOLCE ARTE a CUTROFIANO; due aperitivi al BAR MAL GLEF a MIGGIANO; Pizza e bevanda da BORGO VECCHIO a MIGGIANO; un PUPAZZO DI PALLONCINI da BALLON SHOP a RUFFANO; un contenitore TUPPERWARE offerto da CONCESSIONARIA IVANA GRECUCCIO (0833/524018); DUE APERITIVI presso DOLCI FANTASIE di SAN CASSIANO; 1 BUONO SCONTO DI EURO 50 da applicare sull’acquisto di occhiali da sole o da vista presso OTTICA MORCIANO TRICASE, TIGGIANO E CASTRO; una BOTTIGLIA DI VINO offerta da LE VIGNE DEL SALENTO di SALVE; UNA SACCA offerta da IMPERIAL JOLLY LIGHT CASINÒ di TRICASE, un KG DI MIGNON presso PASTICCERIA PIAZZA VITTORIA a SQUINZANO; una PIZZA presso RISTORANTE PIZZERIA L A BELLA VITA di CARMIANO. NON SONO AMMESSI GLI STESSI VINCITORI PER ALMENO 3 CONCORSI CONSECUTIVI. NON SI ACCETTANO NOMINATIVI DELLA STESSA FAMIGLIA TELEFONA LUNEDÌ 25 GENNAIO DALLE ORE 9 ALLO 0833/545777


tempo libero

23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010

sù la cresta - il personaggio NOME E COGNOME: Daniela Olimpio NATA A: Zurigo VIVI A: Acquarica del Capo SEGNO ZOD.: Gemelli la prima cosa che ti salta in mente se parliamo di... MATRIMONIO: “Ponte magico che unisce il sole e la luna” DIO: “Esiste dentro di noi” ALCOL: “Mi piace... in compagnia” SIGARETTA: “Compagna... infedele” IL LAVORO: “Da inventarselo, ogni giorno” L’UOMO: “Un pensiero ricorrente, una realtà assente” LA PRIMA VOLTA: “Ho raccolto una rosa e mi sono punta con una spina”

l’artista giramondo A LETTO: “Sogno di condividere il mio sogno d’amore” LA POLITICA: “Un’invenzione umana per uccidere il tempo” IN CUCINA: “Adoro cucinare per gli altri” ALLO STADIO: “Urlerei: stop al calcio!” LA VACANZA: “Mi basta guardare la luna” IN UN INCUBO: “Perdere la libertà di amare” IN UN SOGNO: “Svegliarmi e scoprire che è stato tutto un sogno”

VUOI ESSERE IL PERSONAGGIO DEL PROSSIMO NUMERO? CHIAMACI:

lo dicono le stelle di Eugenio Musarò (www.myspace.com/eugeniomusaro)

ETE

Mercurio ancora in quadratura può rendervi un po’ impazienti e poco lucidi. Buona la forma fisica grazie al trigono di Marte, già attivo da molte settimane. CRO

CAN

dal 23 gennaio al 5 febbraio 2010 ELLI

O

TOR

ARI

0833/545777

GEM

Mercurio in trigono può aiutarvi nelle scelte e nelle decisioni importanti. Non cedete troppo alla pigrizia tipica del vostro segno, a causa di Marte in quadratura. NE

Solo i nati negli ultimi giorni del segno sono messi alle corde da Urano negativo. Gli altri possono godere di una bella Venere in trigono e del costruttivo Saturno. E

GIN

LEO

VER

Dopo un anno, Giove ha terminato l’opposizione negativa al vostro segno, che ha già cominciato a riprendersi grazie al concreto sestile di Saturno.

I nati negli ultimi sei giorni del segno saranno ancora alle prese con l’opposizione di Urano, quindi niente colpi di testa, pazientate. Mercurio rende lucidi tutti gli altri.

A

NE PIO R O SC

RIO TTA I G SA

I nati in settembre sono con le spalle al muro a causa di Saturno e Plutone: non combinate casini. Gli altri sono in forma grazie a Marte e creativi grazie a Nettuno.

A parte la quadratura di Marte, che può indurvi alla stanchezza fisica, è iniziato per voi lo splendido trigono di Giove che vi porterà un pizzico di fortuna. Approfittatene.

Per voi Giove ha iniziato una quadratura negativa che durerà molti mesi e toccherà un po’ alla volta i 30 gradi del segno. Solo la prima decade è favorita, per ora.

Solo la terza decade viaggia in autostrada grazie al potente trigono di Urano. Tutti gli altri, con Mercurio opposto, dovrebbero rimandare le decisioni importanti. NCI

BILA

O ORN C I R CAP

La prima decade non dovrebbe per ora prendere iniziative serie o rischiose: con Saturno negativo, per mesi non si scherza. Gli altri sono favoriti da Mercurio.

O

ARI

U ACQ

Giove questo mese abbandonerà il vostro segno dopo un anno: fate un bilancio se avete ottenuto effetti positivi. Inoltre, i bei transiti per voi continuano ancora. Ottimo.

CI

PES

Il pianeta della fortuna (Giove) è entrato nel vostro segno: è opportuno osare,approfittare, fare progetti, anche perché ci saranno anche Mercurio ed Urano ad aiutarvi.

www.ilgallo.it

31


32 www.ilgallo.it

ultima

23 GENNAIO/5 FEBBRAIO 2010


Numero 03 NordSalento