Issuu on Google+


Serracardill Sp rting club Bar Piscina Solarium Baby Parking Organizza le tue Feste a bordo piscina

EtĂ  min. 7 anni Dal Lun. al Ven. 9.30-19.00

Info:

3881609627

Sono aperte le iscrizioni per la stagione 2012-2013

Per bambini/e di etĂ  compresa tra 5 e 11 anni

Via Peonie C.da Serracardillo (parallela autostrada)

Villagrazia di Carini 091-8660745 -334 5925895 -320 7536029 www.serracardillo.altervista.org mister_77@hotmail.it


Un’estate fa... di Silvia Madonia

Tra amarcord e nuovi propositi

Finalmente è arrivata l'estate!!! Per chi va in vacanza, in ferie; per chi ha finito la scuola e ha già concluso gli esami; per chi parte verso località balneari, preferendo magari la nostra bella terra di Sicilia; per quanti preferiranno un turismo culturale o di montagna; per chi resta, complice la crisi, nel proprio paese; per gli anziani che resteranno soli; per quanti abbandoneranno i loro animali e non verranno puniti…….è comunque estate! Mi accorgo di quanta gente arriva sorridente e allegra, con la speranza di dimenticare per un po' quei problemi soprattutto lavorativi ed economici che per tutto l'inverno hanno dato a tutti, a chi più a chi meno, tanto da pensare. Ma c'è voglia di spensieratezza, di carica positiva che dia la speranza di un autunno all'insegna di un nuovo inizio, magari di nuove

prospettive di lavoro per chi l'ha perso o per chi è alla prima esperienza; l'auspicio di potere pagare sì le tasse ma con la certezza di sapere come poterle pagare: è ancora un diritto avere un lavoro tanto quanto è un dovere pagare le tasse, quelle tasse su servizi che spesso lasciano a desiderare e non poco: certo non è piacevole anzi direi pure imbarazzante ospitare turisti o parenti venuti da tutt'altro luogo e dar loro come benvenuto il belvedere di immondizia, strade sporche e malsane che

“c'è voglia di spensieratezza, di carica positiva che dia la speranza di un autunno all'insegna di un nuovo inizio; l'auspicio di potere pagare sì le tasse ma con la certezza di sapere come poterle pagare”


di certo non fanno da buon biglietto da visita né tantomeno da garanzia di ritorno. E che dire del meteo?!? Si desidera tanto che arrivi l'estate e poi quando all'improvviso arriva, non si è preparati al caldo, questo caldo africano che quest'anno fa proprio sul serio: temperature roventi, tassi elevati di umidità, colpa dell'alta pressione subtropicale, e non sono un caso i nomi dati alle ondate di caldo: Scipione, Caronte e Minosse (sembra di stare all'inferno di Dante)…..e non è ancora arrivato il solleone di ferragosto!!! E' estate…e mi viene da pensare a quante stagioni ormai passate sono rimaste nei ricordi di ognuno di noi, che si è ancora giovani o con qualche anno di più, i ricordi comunque fanno sempre bene: si vive la vita per ricordarla e per raccontarla! E' strano come alcuni

“non è piacevole anzi direi pure imbarazzante ospitare turisti o parenti venuti da tutt'altro luogo e dar loro come benvenuto il belvedere di immondizia, strade sporche e malsane che di certo non fanno da buon biglietto da visita né tantomeno da garanzia di ritorno” sapori, profumi rimangano per sempre associati ad uno specifico periodo della propria vita e molti rimangono indissolubilmente legati ai ricordi di estati passate, quando bisognava organizzarsi la sera prima o al massimo di buon mattino: caricare l'auto con ombrelloni, sedie e sdraio, con tante borse e buste magari con la pasta al forno, la frutta, l'acqua e non mancava mai un thermos di caffè e naturalmente…. pallone super Santos e musica da juke-box….insomma così iniziava l'avventura: tutti pronti a tuffarsi in un'acqua limpida e cristallina. Beh cos'è cambiato? Tanto, direi: le zone balneari garantiscono servizi di ombrelloni e sdraio a prezzi accessibili ma non per tutti, zone di ristoro per il pranzo, gelati, beveraggio e se si arriva in tempo al mattino, si trova anche la colazione;

“è strano come alcuni sapori, profumi rimangano per sempre associati ad uno specifico periodo della propria vita e molti rimangono indissolubilmente legati ai ricordi di estati passate, quando muniti di ombrelloni, sedie e sdraio, con tante borse e buste magari con la pasta al forno, la frutta, l'acqua, l’immancabile manca thermos di caffè e naturalmente…. pallone super Santos e musica da juke-box si partiva all’avventura...” certo, tutto questo, posteggio permettendo e comunque nelle zone blu; è vietato giocare a palla se non nei campetti di beach-volley e la musica è spesso così assordante che non lascia posto al relax; certo anche decidere di fare un bel bagno diventa problematico: tra

alga tossica e acqua sporca e oleosa ci vuole davvero un bel coraggio a tuffarsi. Rimangono uguali nel tempo i gavettoni, i tuffi, i nuovi amori, le nuove amicizie, la prime uscite da adolescenti, le corse in bicicletta, e di tanto in tanto qualche bimbo che distrattamente si allontana allarmando genitori, bagnanti e forze dell'ordine; e non è mai cambiato il bagno a mezzanotte del ferragosto né la notte di san Lorenzo in cui si sta tutti col naso in su a guardare le stelle cadenti per esprimere i desideri più belli ……Tanto ho visto gente arrivare felice e spensierata e tanto vedo la stessa gente andare via con qualche lacrima che scende, gente che si abbraccia davanti a un treno, ad una nave, in aeroporto, gente che porterà nel cuore l'ennesima estate della propria vita! E poi come ogni stagione, il tempo passa e finirà un'altra estate, lasciando sulla pelle ancora per un po' quella bella tintarella presa sotto il caldo sole con creme, oli e spruzzi d'acqua; passerà un'altra estate ricordando quante emozioni ha regalato: amori che magari in inverno sono già finiti, nuove amicizie che si aggiungeranno alla lista di facebook, i balli caraibici che lasceranno il posto alla bombardante musica da discoteca; si conserveranno i costumi e si riprenderanno i libri per nuove avventure; si ritornerà al lavoro sperando che Monti sorrida a tutti (e non solo a Heidi); si ritornerà a fare i conti su quanto c'è ancora da pagare prima di programmare un'altra estate. Ma prima che tutto questo arrivi…..è ancora estate!!!! “Nessuna poesia potrebbe offuscare la bellezza d'una limpida sera di estate, i grilli in lontananza, un buon libro tra le mani, la luce di una candela e quella sensazione che il mondo sia racchiuso in quell'istante”. (Stephen Littleword)


Ampia scelta di Gastronomia

QualitĂ  Risparmio Convenienza VenerdĂŹ e Sabato orario continuato


IL PERCHE’ INSPIEGABILE DI UNA MORTE GIOVANE Perché morire a 29 anni ? Una domanda scontata, a ridosso di un evento che porta dolore... La domanda non è retorica, merita una risposta. La domanda si pone e si impone con prepotenza. Ce la poniamo tutte le volte in simili circostanze, ma forse poi la dimentichiamo. Può una devastante malattia rubare dall’affetto della famiglia, degli amici, da una comunità intera, la giovane vita di un ragazzo che ancora aveva visto relativamente poco della sua esistenza ? Non siamo avvezzi a fare elogi funebri anche quando la morte abbia interessato persone a noi vicine, ma se è vero che la morte è uguale per tutti ed è l’unica cosa sicura della nostra stessa esistenza, riteniamo che quando questa colpisce giovani vite, è giusto fermarsi un attimo, è giusto riflettere, è giusto lasciare una piccola traccia attraverso l’informazione che umilmente cerchiamo di fare mensilmente. In tanti ci hanno chiesto, ci hanno scritto, su chi fosse Alessandro Lombardo e su cosa gli fosse successo. Per questo motivo abbiamo accolto il ricordo di Marco, uno dei tanti amici di Alessandro che brevemente e senza tanti giri di parole ha voluto lasciarci.

“Semplicità è amare senza condizioni. Semplicità è donarsi agli altri con passione. Semplicità è accogliere il dolore con un sorriso. Semplicità è mostrare la propria fragilità senza paure. Semplicità è vivere ogni giorno come un dono. Semplicità è avere sempre il proprio sì da offrire a chi ha bisogno. Semplicità è saper sorridere anche alla morte. Semplicità è andarsene in silenzio, lasciando a chi rimane non solo un grato ricordo, ma una presenza costante, un sostegno tenace, una guida sicura e una certezza: essere semplici è tutto ciò che occorre. Tutto il resto è vanità. Dedicato ad Alex, semplicemente il nostro amico e compagno di avventure”.


Conosciamo l’associazione di promozione Sociale

A cura di Giuseppe Scavo

Per NOI l’associazione è qualcosa di unico

In una società dilaniata da conflitti sociali esasperati c'è chi crede che un futuro migliore possa essere costruito. Non è questo uno slogan d'effetto del politico di turno, ma il proposito di un gruppo di giovani volontari che nel 2009 hanno fatto nascere l'associazione di promozione sociale “ 'a Strùmmula ”. La strùmmula, antichissimo gioco praticato da tantissime generazioni in diverse epoche e culture, rappresenta l'essenza stessa del gioco di strada, quest'ultima intesa come luogo di aggregazione e soprattutto di confronto, aspetti nella maggior parte dei casi ormai scomparsi vista la propensione delle nostre istituzioni a costruire le nostre città senza prevedere spazi per il gioco, per i bambini per quelle giovani menti che se educate al rispetto e ai fieri valori della vita, rappresentano la soluzione delle tante piaghe di cui oggi è oggetto la nostra società. Abbiamo incontrato Salvatore Massa e Rosalba Ruffino, due dei fondatori dell'associazione.

Cosa c'è di nuovo dietro 'a Strùmmula ?

L’esperienza dei vari laboratori che stiamo frequentando, è qualcosa di unico. Ognuno di noi esprime liberamente il suo pensiero cercando di trasferire agli altri il suo sapere; abbiamo avuto modo di conoscere un angolo del nostro paese che non conoscevamo e qui ci divertiamo, discutiamo ci confrontiamo. Alla fine di ogni incontro abbiamo già voglia di rivederci, perché le varie attività che all’interno dell’associazione svolgiamo ci vedono protagonisti; in parole povereci sentiamo importanti malgrado siamo consapevoli della nostra giovane età. Cerchiamo di coinvolgere altri nostri coetanei perché più siamo più idee possiamo realizzare.

“La nostra associazione si pone come obiettivo principale la promozione di valori sociali e culturali che mirano alla creazione nel nostro territorio, di spazi dove far crescere cittadini attivi che vivano il loro tempo senza esserne succubi; alla base delle nostre iniziative c'è sempre la progettualità che riteniamo essere uno strumento fondamentale utile a far prendere coscienza delle risorse del nostro territorio e a contrastare efficacemente il disagio e la marginalità sociale di cui tanto si parla..

A chi sono rivolte le vostre attività ?

“Le nostre attività si rivolgono a giovani tra i 14 e i 28 anni di Palermo, Carini, Cinisi e Terrasini. Quali sono state le difficoltà maggiori che avete incontrato ? “ Il lavoro in rete è senz'altro la modalità più efficace per attivare validi percorsi di partecipazione e cittadinanza attiva Claudio, Domenico, Silvio, Monica, Martina. sul territorio; è evidente però, che questa modalità implica


Che in silenzio sta animando il territorio l'attivazione di processi molto lunghi, faticosi ed estenuanti; fortunatamente la pazienza non manca. E la scuola..... ? “Con le scuole del territorio sono state realizzate diverse attività ludiche ed artistico-espressive incentrate sulla promozione della convenzione ONU sui diritti dei bambini e delle bambine e sui temi ambientali. Abbiamo incontrato validi docenti e dirigenti scolastici, che hanno mostrato grande impegno, professionalità, disponibilità e desiderio di voler realizzare percorsi partecipativi con i ragazzi e con i bambini. Spesso però i programmi scolastici nazionali standardizzati non offrono ai docenti la possibilità di poter sperimentare strumenti e metodologie in grado di cogliere le potenzialità d e l g i o v a n e e d e l b a m b i n o . Come hanno risposto i ragazzi alle vostre iniziative ? Intanto un dato significativo è che in questi mesi grazie all'attivazione del progetto “Comuni in gioco” promosso da 'a Strùmmula e dal Comune di Carini, in partenariato con i Comuni di Cinisi e Terrasini, e con la collaborazione di enti pubblici e privati, sono stati coinvolti numerosi giovani volontari che hanno animato le piazze dei territori di Carini, Cinisi e Terrasini. In totale parliamo di oltre cento volontari nei tre comuni interessati. A tal proposito a settembre organizzeremo un seminario all'interno del quale verranno illustrati i risultati ottenuti durante la durata del progetto. Attualmente nella sede del Chiostro dei Carmelitani concessaci dal Comune, i giovani hanno dato vita a ben cinque laboratori, che promuovono la rivalutazione dei prodotti tipici locali e biologici e la loro valorizzazione, la riscoperta dei beni monumentali, la riqualificazione ambientale. Gli stessi partecipanti non sono solo testimoni dei processi partecipativi, ma ne sono i protagonisti”.


di Daniela Lo Monaco e Donatella Conigliaro

II EDIZIONE GREST

Anche quest'anno si è conclusa a Carini la seconda edizione del GREST, svoltasi dal 25 giugno al 7 luglio. In molti di voi certamente ricorderanno la ventata di aria fresca che l’evento portò l'anno scorso; ancora una volta tanto colore e urla festanti di bambini hanno caratterizzato queste giornate che hanno avuto come tema la famiglia. Ma che cosa è il GREST ? La parola “GREST” sta per Gruppo ESTivo e consiste in una serie di attività attraverso le quali i ragazzi, aiutati dagli animatori, imparano divertendosi. Diverse e numerose anche quest'anno le attività proposte ai ragazzi, dalla recita ai laboratori fino ai giochi. Una piacevole novità è stata la gita fatta a Salemi e Segesta. Quest'anno alla giuda del GREST c'era Don Giuseppe Spera, parroco del Sacro Cuore. Nella serata conclusiva, dopo aver assistito alla messa, i giovani e le famiglie hanno vissuto un momento di agape fraterna, e insieme, hanno condiviso un momento di festa svoltasi dopo cena, in cui i ragazzi hanno presentato alcuni lavori preparati durante la manifestazione. Quello che rimane più impresso nella memoria, è il sorriso e la felicità dei bambini, che alla fine ci hanno ripagato di tutto il lavoro svolto, fatica compresa. E a proposito di sorrisi, mi viene in mente una frase di Gandhi, che credo tutti noi dovremmo farla come nostra filosofia di vita: "Prendi un sorriso e regalalo a chi non l'ha mai avuto scopri la vita, raccontala a chi non sa capirla infine scopri l'amore e fallo conoscere al mondo." Detto ciò, buona estate GREST, al prossimo anno !!!

!!! a i l g i am F o a i C

Alla riscoperta del valore irrinunciabile delle famiglie (in ogni forma) nella società contemporanea. In Famiglia cresciamo, impariamo, apprendiamo, sbagliamo (e dei nostri errori ci ravvediamo), maturando un senso positivo della vita, scoprendo come l’unità familiare sia riposta in una semplice amabile parola: “dono”, pure piacere di donare tutto se stesso agli altri e ricevere in cambio un gesto innocente d’amore da coloro che ci stanno intorno. La Famiglia è il primo sguardo rivolto all'incontaminato mondo dei sentimenti, fiume in piena da cui lasciarsi inerti trascinare tenendo vivo uno dei sentimenti in nome dei quali valga la pena di vivere: l'Amore. Per anni non abbiamo altra guida che la Famiglia che ci istruisca, ci aiuti a trascrivere correttamente i giorni nel “Diario della Vita”. Tua madre, tuo padre, non sono semplici personaggi sul palcoscenico tragicomico di questo mondo ma gli unici protagonisti, le sole figure guida a incoraggiarti, rimproverarti, spiegarti, consigliarti perché tu divenga “buon regista” della tua Vita. Per anni i tuoi genitori hanno ripetuto il gesto di porgerti la mano innanzi con lieto volto, a che tu trovassi conforto nei momenti più tristi ed incomprensibili agli occhi d'una ragione leggera… Queste sono state due settimane, ricche di sorprese, di nuove amicizie, di riscoperte, di ritmi intensi e giornate piene. La nostra famiglia era abbastanza numerosa: più di 230 tra animatori e ragazzi, tutti pronti a mettersi in gioco e a servizio dell'altro. “Ciao Famiglia”rende perfettamente l'idea di quella che poi diventa la famiglia del Grest che collabora e si sostiene a vicenda !!!


Lettera al direttore

Colgo lo spazio che mi concederete per parlare delle vittime dimenticate a questo mondo: gli Animali e della piu' vecchia e forte dipendenza al mondo: "La carne". Non voglio diventare nemico di nessuno, ne cercare di allontanarvi dalla vostra religione. Nessuna religione ordina di mangiare carne ! La regola Aurea afferma "Non fare Agli altri quello che vorresti fosse fatto a te" e Gli animali rientrano negli "altri" e "Non uccidere. Le 4 piu' importanti eppure ignorate parole di tutti gli insegnamenti religiosi. Accanto a quel comandamento non c'e un asterisco che dice: a meno che non cammini a 4 zampe ed ha pelliccia, piume, corna, becchi o branchie. Potete mantenere i vostri amici, le visioni politiche e il patriottismo, continuare a guardare i vostri programmi televisivi preferiti ed ascoltare la musica che amate, però non potete rimanere insensibili al fatto che solo in America ogni anno , senza pietà uccidono 10 milioni di animali di terraferma, e 18 miliardi di animali marini. Non per salute, sopravvivenza sostentamento o autodifesa. Le persone mangiano carne, formaggio, latte e uova per 4 ragioni ABITUDINE, TRADIZIONE, COMODITÀ, SAPORE. Abbiamo tutti diverse preferenze e avversioni, persino diverse nazionalità e religioni, ma c'e una cosa che dovremmo avere in comune con tutti gli altri, ed e' la pace! Una compassione e pace sincera per i nostri compagni di questo pianeta. Contrariamente ai dogmi e religiosi gli animali non ci appartengono. Non sono della merce ! Non sono proprieta nostra ! E non sono stupidi oggetti inanimati che non possono pensare e sentire ! Questa visione di vedere gli animali, come se fossero macchine.. ...e obsoleta e folle al 100%. Perchè , se tutti capiamo che gli animali usano occhi per vedere, le orecchie per ascoltare le bocche per mangiare le gambe per camminare, le piume per volare le pinne per nuotare, gli organi genitali per procreare, l'intestino per defecare.

Ma che colpa abbiamo Rimango sempre perplesso che la maggior parte delle persone non credano che possano anche usare i loro cervelli per pensare, sentire, essere razionali, consapevoli ed auto coscienti ! Dovrei credere che ogni parte del corpo di un animale funziona come dovrebbe, ad eccezione del cervello? Queste menzogne sono davvero grossolane, la propaganda da parte di chi abusa degli animali e enorme! Voglio dire, quando e' stata l'ultima volta che avete acceso la TV e visto una pubblicità sui funghi, persone che cantano e ballano per la strada, divertendosi e mangiando funghi? E che dire dei germogli di soia? dei ravanelli ? Non vediamo queste cose pubblicizzate in TV. Cosa vediamo invece ? Prendi altra carne ! Prendi altro formaggio ! Metti altro formaggio sulla tua carne! Carne, formaggio, doppio formaggio, e che ne direste di un altro pò di formaggio sulla tua carne ? Bevi più' latte di vacca, prendi altre uova ! E poi cosa si vede tra questa pubblicità ? Non vi sentite troppo bene? Avete bisogno di vedere uno specialista sul cancro? Un cardiologo? Siete stati ingannati! Stanno uccidendo voi stanno uccidendo gli animali e stanno uccidendo questo pianeta. E quei paraocchi stanno su ben stretti. Tutto quel che desidero e di ricollegare le persone con gli animali, risvegliare emozioni sentimenti e logica, che


SPETTACOLO DI BENEFICENZA AL “TOTUCCIO AIELLO” “Gigi e la maestra” per gli scout del “Carini 1” Doveva essere una serata all’insegna del divertimento e della beneficenza, ma alla fine è stata molto di più. Il 21 giugno scorso presso il cine-teatro “Totuccio Aiello” si è svolta una serata di beneficenza in favore del gruppo scout “Carini 1”; protagonista è stato il comico palermitano Totò Borgese che con l’inseparabile compagna di palco Daniela Cutrò, ha portato in scena il consolidato spettacolo “Gigi e la maestra”. Battute, ironia, divertimento sono stati gli aspetti predominanti della serata che ha coinvolto il folto pubblico che ha gremito in ogni ordine di posto il teatro. Alla fine il risultato è stato raggiunto, infatti con i 900 euro raccolti si sta procedendo all’acquisto di un gruppo elettrogeno utilissimo quando il gruppo scout si muove per andare a svolgere i suoi tanti “campi” ed escursioni.

Quali sono i motivi che l'hanno spinta a realizzare questo spettacolo di beneficenza ? “Non c'e' un motivo particolare sono cose che faccio abitualmente; nel caso specifico devo ringraziare Graziella Mannino che mi ha dato l’oppurtunità di essere al servizio degli altri. Tutto è nato in occasione della giornata della legalità scout, quando constatando dell’assenza di un punto luce che potesse agevolare le loro attività, decisi di regalare un gruppo elettrogenoo e un tenda da campo che sarà intitolata a “gigi e la maestra”(meglio farsi intitolare le cose da vivo che da morto)”. Lei nei suoi spettacoli intrattiene, fa sorridere e divertire, ma in questo caso ha dimostrato pure di avere un cuore... “Nella vita molti si pregiano di avere un cuore, ma io mi lascio vincere solo dai fatti concreti, questo è un bell'esempio, che mi fa stare bene con me stesso”. Cosa le lasciano dentro questo tipo di eventi che riassumono al meglio la sua arte di fare intrattenimento gioioso senza aspetti economici ? “In questo caso ho coinvolto Daniela Cutrò (persona sensibilissima) che ha fortemente sposato l'iniziativa; certo è molto bello sapere di aver fatto qualcosa per gli altri senza che nessuno te lo abbia chiesto, questo fatto mi gratifica molto. I soldi sono importanti perchè aiutano a vivere meglio, ma regalare un sorriso a chi ne ha bisogno non costa nulla e rende felice chi sta peggio di te”.

Noleggio piattaforma con operatore Montaggio pompe di calore Pulizia appartamenti e uffici Compravendita mobili usati Noleggio furgoni con autista Sbarazzi di ogni genere

www.piccolorigattiere.it Info@piccolorigattiere.it

Lavori Lavori di di idraulica idraulica Piccoli trasporti Magazzino deposito merce


Vedo Topi Antonio Cutietta

Vedo topi dove Icaro scompare, della torre dove l'arabo mi appare, tra i profumi d'una zagara ormai morta io li vedo, oltrepassano la porta. Vedo topi tra gli incensi, nelle chiese, dagli altari di particole indifese, tra le croci di una cupola notturna io li vedo portar via la sacra urna. Vedo topi con le code ben tirate, su balate ora specchio, desolate, tra caduti che il lerciume disonora io li vedo, su quel ciglio han la dimora. Vedo topi del patrono far la festa, sulla gente la cui fine ormai s'appresta, tra quei volti che la sorte non disperda io li vedo, lĂŹ depongono la merda. Vedo topi rosicchiar le mie paure, sul domani lor s'abatton come scure, prima ancor di ritrovarli dritti in seno io trasfondo nel mio sangue del veleno. Per la cronaca i topi li ho visti per davvero in corso Umberto, in Piazza Duomo e penso che tanti altri concittadini abbiano fatto in questi mesi avvistamenti analoghi.


“COLTIVATORI” COL “POLLICE VERDE”: ARRESTATI Sono stati i Carabinieri del Nucleo Operativo della locale Compagnia, a scoprire una maxi piantagione di canapa indiana, circa 500 alberi, abilmente occultata tra la fitta macchia mediterranea di boscaglia e gli alberi di ulivo. Il terreno che si trova in Contrada San Nicola, nota località dell’agro carinese, era coltivato con molta cura e precisione e irrigato attraverso un’estesa rete di canalette. Già da qualche settimana, i militari della locale Compagnia sono impegnati a controllare quella zona, un’estesa vallata ai piedi di Carini caratterizzata da vasti terreni particolarmente fertili, dove vengono piantati perlopiù ulivi ed agrumi. Il territorio, caratterizzato da un clima caldo e umido, si presta in maniera “ottimale” alla coltivazione di piante quali la canapa, così come dimostrano i numerosi sequestri dei Carabinieri che, negli ultimi giorni avevano notato strani movimenti in quella zona, ad opera di soggetti con precedenti specifici legati agli stupefacenti. La svolta il 21 luglio, quando gli uomini dell’Arma, impegnati in una battuta finalizzata alla ricerca di piantagioni di “cannabis indica”, sono giunti in via Brindisi, in un terreno distante dalla strada principale, e circondato da rovi e macchia mediterranea, come a voler proteggere da occhi indiscreti e delimitarne il perimetro, è stato notato un piccolo varco di accesso attraverso il quale si accedeva all’interno di un area di 20 metri per 40 circa. Una volta all’interno è stata trovata la piantagione, circa 500 alberi di “cannabis indica” alti dai 3 metri ai 3 metri e mezzo disposti su 11 filari, circondata da un’altra recinzione, questa volta in metallo, alta 60 centimetri per evitare l’ingresso degli animali. Esternamente era stato creato un canale d’irrigazione che, dalla linea principale deviava il corso dell’acqua verso l’interno dell’area fino alla piantagione. A seguito del sopralluogo, all’interno della piantagione, sono stati rinvenuti e sequestrati 3 paia di guanti da lavoro, 1 matassa di filo di gomma di colore verde per uso agricolo ed uno scontrino fiscale emesso qualche giorno prima da un attività commerciale di Carini, specializzata nella vendita di materiale agricolo. Immediatamente sono scattate le indagini dei Carabinieri per identificare chi avesse effettuato l’acquisto. E’ stato necessario acquisire i filmati delle telecamere di sorveglianza, presenti nel negozio. Grazie all’analisi dei file, è stato riconosciuto l’acquirente della merce, poi ritrovata all’interno della piantagione unitamente allo scontrino. L’uomo ritratto nei frame era, C.C. 30enne carinese con precedenti specifici per coltivazione di canapa indiana, già arrestato nel 2002 per aver realizzato una piantagione nella stessa zona. L’uomo a seguito degli elementi riscontrati è stato deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Palermo perché ritenuto responsabile del reato previsto dall’art.73 del D.P.R. 309/1990.

PRESENTATO “LABORATORIO CENTRODESTRA, CONSERVATORI E RIFORMISTI PER CARINI” Lo scorso 6 luglio presso l’aula consiliare è stato presentato un vero e proprio progetto politico e culturale, volto al superamento dell'attuale centrodestra così come lo conosciamo, per dar vita ad una aggregazione di forze civiche, partitiche, associazionistiche in genere, che prendendo le mosse dagli errori commessi dal centrodestra locale e nazionale, vogliano contribuire con progetti e programmi nuovi e legati strettamente allo sviluppo del territorio, alla formazione di una più fresca e preparata classe dirigente che amministri Carini nel futuro. Il "Laboratorio centrodestra, conservatori e riformisti per Carini" nasce dall'esigenza di presentare alla città una nuova idea di centrodestra, che parta dalla base e che selezioni attraverso i criteri della meritocrazia, della dedizione, dell'amore per il territorio, la nuova classe dirigente per la Carini del futuro. Un "Laboratorio" di idee e programmi, rivolto alla maggioranza silenziosa dei carinesi, alternativa alla sinistra e delusa dalla gestione dell'attuale centrodestra locale. “Attraverso un mezzo facile, comodo e gratuito per comunicare come un Blog, vogliamo arrivare alla gente e a quanti hanno a cuore le sorti di questa città”, a dichiararlo è Luca Tantino, uno dei promotori dell’iniziativa.


GDF: “IL 72% DEI NEGOZI NON RILASCIA LO SCONTRINO FISCALE” Su oltre 200 attività commerciali ispezionate nel palermitano, 145, quasi il 72%, non rilascia lo scontrino. I finanzieri hanno effettuato controlli fiscali nei comuni di Partinico, Bagheria, Termini Imerese, Carini e Cefalù per verificare il rispetto dell'obbligo del rilascio di ricevute fiscali, controlli avviati dopo precedenti attività di intelligence e analisi mediante banche dati. La maggior parte degli interventi è stata concentrata nei mercatini rionali, dove si è registrata la più alta frequenza di violazioni e irregolarità, con un'incidenza pari all'85%: mancato rilascio dello scontrino e omessa installazione del misuratore fiscale. Durante i controlli, negli stessi mercatini, i finanzieri hanno sequestrato ad ambulanti abusivi, circa 500 pezzi contraffatti: cd e dvd, borse, cinture e accessori falsi contrassegnati con il logo di famose griffe. Dall'inizio dell'anno a tutto il mese di maggio, sono stati effettuati 3.035 controlli sul rilascio di scontrini e ricevute fiscali svolti dalla Gdf di Palermo su tutto il territorio provinciale, con una percentuale di irregolarità, di circa il 47%, che sale all'82% nel solo capoluogo. Nello stesso periodo sono stati 12 gli esercizi commerciali chiusi per alcuni giorni per mancato rilascio dello scontrino; 22 le proposte di ulteriore chiusura inoltrate dai finanzieri all'Agenzia delle Entrate per la stessa ragione.

MILLANTA “AGGANCI” ALLA SERIT: ARRESTATO PER TRUFFA Un palermitano è stato truffato da un fantomatico intermediario che prometteva la risoluzione delle pratiche debitorie nei confronti della Serit; a macchiarsi del reato di truffa è stato un 42 enne carinese. L’uomo aveva accumulato cartelle esattoriali per 13 mila euro, al punto che anche una sua proprietà era stata ipotecata, non permettendo la veloce vendita dell’immobile. Il raggiro inizia quando l’uomo fidandosi di un’amico intermediario che “vantava” agganci alla SERIT, consegna allo stesso 5 mila euro come acconto per risolvere la pendenza; sarebbe stato lo stesso conoscente ad integrare, eventualmente, la somma necessaria a sanare il debito, cifra che il debitore gli avrebbe potuto comodamente restituire, dilazionandola nel tempo. Come spesso accade nei raggiri, ottenuto il maltolto, il truffatore, consapevole di come i nodi a breve sarebbero venuti a galla, avrebbe teso a diradare i suoi contatti con la vittima che, dal canto suo, ha cominciato a nutrire dubbi. Dubbi inizialmente fugati da una falsa attestazione di pagamento firmata da un dipendente dell’ente. Scattata la denuncia, la Polizia del Commissariato San Lorenzo ha smascherato la truffa e denunciato a piede libero il truffatore.

NASCITA DI UN FIGLIO: ARRIVA IL BONUS Un milione e duecentoquattro mila euro per le famiglie siciliane per la nascita o l’adozione di un figlio nel 2012. Li ha stanziati la Regione che erogherà queste somme in contributi da mille euro a famiglia attraverso gli enti locali. La domanda va presentata all’Ufficio Promozione Sociale del Comune rispettando le scadenze previste dall’avviso. Per richiedere il bonus, il nucleo familiare non deve superare 5 mila euro di ISEE. Ma ci sono novità anche per gli anziani. Il Distretto Socio Sanitario 34 ha approvato infatti il servizio di Assistenza Domiciliare. Gli interessati possono farne richiesta entro il 31 luglio all’Ufficio Servizi Sociali. Considerate le difficoltà economiche che affrontano i comuni, sono due servizi che rappresentano una boccata di ossigeno per gli enti locali.

FLACCOVIO EDITORE REGALA “LA BARONESSA DI CARINI” Una grande iniziativa editoriale sancisce dal numero di luglio un’intesa fra il mensile “il Sud” e “Flaccovio editore”. Ad agosto, come ogni anno, “il Sud” non uscirà in edicola e per ingannare l’attesa, Flaccovio Editore regalerà un e-book pronto per il download “La Baronessa di Carini” di Luigi Natoli. Sarà sufficiente collegarsi all’indirizzo www.sudmagazine.it/ilibridelsud, riempire il modulo con i propri dati e inviarlo per ricevere una mail con il link da cui scaricare il libro in formato elettronico.


Pubblica utilità

?

Ma chi cavolo sono gli “ESODATI” ? Ormai forse non ci facciamo più caso, rimanendo spesso nell’ignoranza di non conoscere certi termini o neologismi che quotidianamente i mass media ci propinano attraverso telegiornali e quant’altro. Nel nostro consueto spazio di “pubblicautilità” già altre volte abbiamo ospitato termini sconosciuti ai più, e da quando è divampata questa crisi internazionale, certe definizioni tecniche hanno invaso il nostro l i n g u a g g i o . I n quest’appuntamento parliamo degli “esodati”, un termine che d’impatto mi assomiglia molto a “esiliati, esclusi, cacciati”. Ma chi cavolo sono gli “esodati” ? Gli esodati sono quei lavoratori che hanno interrotto il proprio rapporto di lavoro volontariamente per effetto di accordi di ristrutturazione o crisi aziendali contando di andare in pensione con le vecchie norme (vigenti al 31 dicembre 2011) e che invece, a causa della riforma delle pensioni, rischiano di vedere la data

“Gli esodati ? Sembra un termine inventato da Dante per un girone di penitenza - Loro sì che scontano una pena terribile, ma in vita, non da morti”. (Roberto Benigni) di pensionamento slittata. In pratica, rischiano di trovarsi senza stipendio, ma anche senza pensione per un periodo di tempo non indifferente, e cioè anche per 5-6 anni. Da parte dei lavoratori

coinvolti, è stata questa una “scommessa-accordo sancita con l’azienda, senza considerare che le regole potevano cambiare (in Italia accade spesso). La polemica è nata quando il Governo ha emanato un decreto che in Italia riconosceva 65 mila “esodati”, mentre una prima stima dell’Inps parlava di 130 mila e i sindacati hanno invece sempre parlato di 390 mila ex-lavoratori interessati al fenomeno. Ad oggi il Governo sta tutelando solo coloro che hanno lasciato il lavoro entro il 4 dicembre 2011 e che matureranno i vecchi requisiti per il pensionamento entro il 2013 (circa 120 mila), mentre per tutti gli altri sono allo studio delle soluzioni che comunque saranno un grande macigno per le casse dello Stato e per la quale ancora non si è trovata una soluzione.


ANTONINO MILAZZO ORDINATO SACERDOTE

Scopriamo i motivi di questa scelta di vita di Pino Mignano

Il 29 giugno a Gerusalemme presso la chiesa di San Salvatore è avvenuta l’ordinazione di Fra Antonino Milazzo nostro concittadino per mano del Nunzio Apostolico in Israele S. E. Mons. Antonio Franco. Domenica 8 luglio Fra Antonino è stato accolto a Carini dal sindaco presso il palazzo comunale. Da lì il corteo con le le autorità civili e religiose si è diretto in Chiesa Madre, dove Fra Antonino ha celebrato la sua prima messa. L'abbiamo voluto incontrare e conoscerlo un pò meglio...

Che cosa è la fede e come hai risposto alla “chiamata”? “La fede prima di tutto é un dono di Dio da accogliere nella semplicità del cuore; significa fidarsi di qualcun altro. Avere fiducia nella sua parola e lasciarsi guidare come un bambino dalla sua mano, sapendo di non rimanere deluso, dato che un padre o una madre hanno cura dei propri figli e danno loro le cose migliori. La Sacra Scrittura è piena di esempi di questa determinata fede; in primo luogo Abramo che ne è considerato il padre. Lui per primo ha dovuto fidarsi della parola di Dio e ha lasciato la propria terra, la propria casa e le proprie sicurezze, per recarsi in quella che il Signore stesso gli ha indicato. Per me rispondere alla “chiamata” ha significato proprio questo, uscire dalle mie umane sicurezze dal “mio mondo”, per intraprendere un meraviglioso viaggio

“All’inizio è come lanciarsi nel vuoto, perché è duro lasciare le proprie sicurezze; ma quel salto non è un salto nel nulla è un fiondarsi direttamente nelle mani di Dio dal quale abbiamo e riceviamo ogni cosa” nella conoscenza dell'amore di Dio e del suo disegno per me e per ciascuno di noi. All'inizio è come lanciarsi nel vuoto, perché è duro lasciare le proprie sicurezze; ma quel salto non è un salto nel nulla è un fiondarsi direttamente nelle mani di Dio dal quale abbiamo e riceviamo ogni cosa. Dio mi ha chiesto totale fiducia e abbandono, poi Lui ha fattoil resto. La tua famiglia ha inciso sulle tue scelte? Penso che la famiglia abbia un ruolo fondamentale nell'educazione dei figli nella fede e nella conoscenza di Dio e questo purtroppo oggi è in gran parte dimenticato: manca


un anello nella trasmissione della fede. Dalla mia famiglia sicuramente ho ricevuto con semplicità le prime fondamenta sulle quali poi il Signore ha potuto costruire il suo edificio. La scelta vocazionale comunque rimane sempre una scelta personale. Sei sempre tu che metti in gioco la tua vita e che devi con responsabilità prenderti tutte le conseguenze che quella scelta comporta, come in ogni altra vocazione compresa quella matrimoniale. Il dono è presentato da Dio e l'uomo è sempre libero di accettarlo o rifiutarlo. P e r c h é i “ f r a n c e s c a n i ” ? Come ho già detto, una volta che ci si fida totalmente di Dio è Lui stesso che guida i nostri passi e ci conduce verso quel cammino che da sempre ha pensato per ciascuno di noi. Nel discernimento e nella preghiera il Signore mi ha dato dei piccoli segni tra quali S. Francesco come modello da seguire, assieme ad altre testimonianze di religiosi, che mi hanno aiutato a comprendere il posto nel quale il Signore mi chiamava. Vita fraterna e minorità (vivere da fratelli e stare vicino a chi ha più di bisogno), sono state le linee direttive che mi hanno guidato verso la scelta della vita francescana. A Carini tanti nuovi sacerdoti: da un lato un rinnovato fermento religioso, un bene per la città, da un lato sempre meno giovani in chiesa... Il fatto stesso che a Carini ci siano state in questi ultimi anni 3 ordinazioni sacerdotali, testimonia che Dio continua ancora oggi ha chiamare tanti giovani alla sequela e al servizio della comunità, basta solo che apriamo le orecchie all’ascolto della sua voce che sussurra continuamente al nostro cuore.

“Dalla mia famiglia sicuramente ho ricevuto con semplicità le prime fondamenta sulle quali poi il Signore ha potuto costruire il suo edificio”

ENOTECA CANTINE EUROPA

Bisogna che ci mettiamo nel silenzio e nella VINO-OLIO-PRODOTTI TIPICI preghiera per sentire ciò che Dio ha da dirci, ciò che ha da proporci. Lui, non è un nemico da VINO SFUSO DI MARSALA combattere,colui che mette dei limiti alla nostra libertà, anzi è Colui che ci realizza pienamente PUNTO VENDITA come uomini e come donne, fatti a sua immagine OLEIFICIO GIAMBANCO e somiglianza. Il fatto che non ci siano molti giovani in chiesa, non dipende dal messaggio del Vangelo, che è sempre attuale e vivo, ma della cattiva testimonianza che ciascuno di noi a volte porta, nella chiesa, nelle famiglie, nei rapporti con gli altri, nella nostra relazione con Dio. “Vendiamo male il nostro prodotto” perchè siamo i primi a non credere e a non vivere in conformità con la Parola, con il messaggio di Gesù. Oggi il mondo, i giovani non hanno bisogno di molte parole, ma di testimoni credibili, che sappiano vivere in conformità alla proprie scelte fino alla fine. Via Nazionale 315/A inizio Villagrazia di Carini (lato Palermo)


Lp Service C/so Italia, 184 Carini tel 0918881177 www.licataservizi.com

Noleggio: Audio

Vendita: Strumenti musicali e accessori

Video luci

Luci ed effetti speciali Impianti audio Miss dj manola

i o u T Convetion I R . E . . P i aziendali, T N E EV I NOI compleanni, L addii al celibato, SCEG deejay


r Free music r

ALBERTO GIAMBANCO

Storico dj carinese dagli occhi di ghiaccio di Antonio Cutietta

Nei primi giorni di luglio, con le maglie numero 39, 42 e 46, corrispondenti alle roventi temperature inflitte, l'incandescente tridente d'attacco Scipione-CaronteMinosse detto “l'infernale”, con una manovra corale ed avvolgente, spazzava via come un fuscello la mia glaciale, granitica ma ahimè impreparata difesa a quattro. Difesa formata radunando quattro tra i più gelidi personaggi che il mondo avesse mai conosciuto: Diego, del film “L'era glaciale” tigre siberiana dalle lunghe zanne, Yeti, personaggio leggendario conosciuto anche come “l'abominevole uomo delle nevi, “ il Freddo” spietato protagonista del libro Romanzo criminale e Freezer ostico supercattivo della serie Dragon Ball. Buona difesa, ma non tanto da riuscire ad opporsi al devastante colpo sferratole dagli anticicloni. Sigh!! Settimane roventi si sono succedute, giorni duri, in cui il mio stato fisico e mentale è stato messo a dura prova dall'afa asfissiante. Figuratevi che nel giorno più caldo, in

cui la colonnina di mercurio schizzava a 44 gradi, mi sono ritrovato sul dorso del mio fidato cane Totò, che mi guardava sconvolto, col capo avvolto da una kefiah bianca e coperto da una lunga tunica anch'essa bianca, a gridare “Caricaaaaa!!!”; avevo creduto di essere il colonnello Thomas Edward Lawrence meglio noto come Lawrence d'Arabia, in groppa al suo dromedario alla conquista del porto di Aqaba, sul Mar Rosso. Un secondo dopo, una secchiata d'acqua ghiacciata lanciatami come, incautamente, la si lancia agli sfiniti ciclisti del giro d'Italia, mi riportava alla calda realtà. Fortunatamente in questi giorni di calura la musica ci viene in soccorso, grazie ad artisti come i dj, che con le loro note fresche e spumeggianti rendono più sopportabili e piacevoli le torride giornate estive. Ed è per tale motivo che la nostra rubrica “Free Music” nel numero estivo de “Il Carinese”, ha voluto concedersi una boccata d'aria fresca ospitando Alberto Giambanco, storico Dj carinese dagli occhi di ghiaccio.


Come nasce la passione per la musica? Non so darti una collocazione temporale, ricordo che ero molto piccolo e ricevetti in dono un riproduttore di cassette, per una ricorrenza. Trascorrevo la maggior parte delle ore diurne ad ascoltare qualsiasi genere musicale, quindi penso che questa passione scorreva nelle mie vene. Quando hai scoperto la vocazione per il mixer? Da piccolo ascoltando la radio mi resi conto che rimanevo catturato come un magnete dal sentire tanti brani mixati in maniera limpida e definita, da lì la voglia di provarci. Potresti descrivere come vive un dj la console? Come si muove, cosa pensa, come effettua le scelte Musicali. Credo che siano tre le componenti fondamentali che caratterizzano un Dj e determinino il mix vincente per un evento danzante: orecchie, occhi, e conoscenza musicale. Orecchie in quanto la tecnica è fondamentale, occhi in quanto il dj dovrebbe osservare come risponde il pubblico alla selezione dei brani (è questo avviene raramente), e la conoscenza musicale perche è il mezzo per divertire il pubblico in una serata danzante. Pensi che il lavoro del dj sia sottovalutato? Con molto dispiacere devo ammettere che oggi la figura del Dj ha perso la sua identità. Se prima un evento era determinato dalla performance del Dj, oggi interessa veramente a pochi la professionalità di questo artista. Adesso non voglio sembrare catastrofico, ma si sono alterate tutte le figure professionali della movida notturna. IL Dj viene ingaggiato dall'Organizzatore non per le sue doti artistiche ma per la sua capacità aggregativa... ovvero più gente porta ad un evento più spazio in consolle riceve. Non parliamo delle ricompense economiche che sono del tutto ridicole. Ecco perché assistiamo durante una serata danzante di poche ore ad una turnazione di Dj infinita. I proprietari dei locali dovrebbero essere i coordinatori degli eventi invece danno mandato agli Organizzatori (figura che francamente non capisco)che avvalendosi dei P.R. (pubbliche relazioni) e dei dj, costituiscono la rete per convogliare più gente possibile all'evento. I P.R. si considerano tali solo perchè invitano la cerchia di pochi amici alla serata danzante, invece di pubblicizzare l'evento a persone che non conoscono. Lo dice la sigla stessa “ Pubbliche Relazioni”, o forse

“Private Relazioni”. Oggi sono veramente poche le realtà non contaminate da questo sistema nel territorio provinciale. Un tempo remoto, tecnologicamente parlando, per mixare due dischi bisognava avere un buon orecchio, senso del ritmo e del tempo, oltre a due giradischi, oggi con nuovi software e strumenti questa difficoltà sembrerebbe superata. Questo aspetto lo vedi come un vantaggio o cosa?" Si, la tecnologia può aiutarti nel sincronizzare due brani con lo stesso tempo, ma è solo una piccola parte della tecnica, e poi non esiste nessun software che può sostituire la creatività di un Dj. Non sono le macchine che fanno un Dj ma il mix delle tre componenti di cui ti parlavo prima. Tu che vieni dalla "preistoria" ed hai cominciato col vinile, come vivi il rapporto con la nuova tecnologia? Mi piace misurarmi con tutti i sistemi di mixaggio per selezionare musica, e sottolineo selezionare perchè comunemente si dice suonare ecco questo verbo è inadeguato in quanto il dj non è un musicista. Quest'ultimo manipola la combinazione di suoni concomitanti e affini creando l'armonia, il Dj mixa le composizioni


. Che tipo di sonorità proponi nei tuoi dj set? Le sonorità commerciali ed house sono quelle che più prediligo, anche se dipende dall'evento. Cosa provi quando vedi la pista riempirsi e la gente sorridere ed abbandonarsi a danze scatenate? Riuscire a regalare momenti di spensieratezza alla gente è appagante. Un evento danzante è come raccontare una bella storia dove catturi l'attenzione del pubblico e ti fai seguire lungo tutta la narrazione, ovviamente la musica è l'elemento cardine della storia, e molto spesso anche il pubblico diventa parte integrante del racconto. Qual è la traccia che non deve mancare nella tua v a l i g i a ? Groovejet di Spiller

Uno sguardo in avanti: quali sono i tuoi progetti per il futuro?

Quali altri generi musicali ascolti volentieri? Diciamo che amo tutta la musica

Ci sono due progetti in fase di sviluppo, ma per scaramanzia non voglio dire niente

Possiamo dire che l'estate 2011 è stata la stagione di Don Omar con la sua "danza kuduro". Cosa dobbiamo attenderci dall'estate che stiamo vivendo, quale sarà il nuovo tormentone? Senza ombra di dubbio il brano dell' estate 2012 è Balada di Gustavo Lima.

Dove possiamo vederti esibire? Sicuramente per questa stagione estiva nei locali della nostra costa, poi alcune date programmate sul Trapanese.

Tre canzoni chiave nella tua vita. Non è per niente facile 1) Europe- The final countdown, 1986, 2) Ace of Base, Life is a flower-1998, 3) U2, Beautiful Day-2000….anche se ci sono tantissimi brani stupendi, che hanno un particolare significato nella mia vita. Cosa canta Alberto mentre si rade? Vado dal barbiere quindi non posso permettermi di canticchiare perchè rischio di essere sgozzato.

Cosa consiglieresti a chi vuole addentrarsi in questo Mondo? Di non emulare tutti questi ragazzi che per un momento di gloria, con un software adeguato senza nessuna esperienza si propongono come Dj. La mia esperienza nasce dal fare la gavetta nelle piccole feste private dove, osservando la gente impari come e cosa proporre al fine di divertire. Il tenermi sempre aggiornato sulle tendenze musicali, rischiando alle volte nel proporre sonorità che a mio avviso possono diventare hits. Per quanto riguarda la tecnica, quella la sviluppi con tanti anni di esercizio. Ma la cosa più importante è l'essere umili.

Gelardi Vincenzo Esclusivista: Maniglieria: Mandelli Colori: Max Meyer e Duco Caldaie: Vaillant e Bosch Utensileria: Pastorino-Beta-Usag

Tutti i tipi di colore su sistema tintometrico

Ferramenta Colori Idraulica materiale elettrico

Via Roma 77/79 carini tel 091 8688665


Presentata la nuova collezione di gioielli della designer locale Laura Buffa Parola d’ordine: colore ! Il vero protagonista della prima interessante collezione di gioielli presentata dalla designer carinese Laura Buffa. Presente in tutte le sue varianti, una palette ariosa e originale che va dalle tinte fluo alle tonalità più naturali della terra. Una collezione ispirata al mare, che spazia dall’azzurro verde acqua, alle tonalità del corallo. Un lavoro realizzato per la tesi di laurea in “Design e tessuto” conseguita a Milano dopo il triennio in “Fashion Designer” svolto a Palermo. Un’ intensa opera di ricerca che ha portato alla realizzazione di 30 diverse parure rappresentanti tre aspetti della nostra tradizione marinara: la fauna marina, la flora marina e gli ormeggi. Cento “pezzi” realizzati con quel materiale di molteplice utilizzo come le passamanerie ed in collaborazione con “Forza Giovane”, azienda marchigiana che da un trentennio opera nel settore tessile, specializzata nella

Realizzazione di ricami, decorazioni, punti di alta moda di rifinitura. Da questa unione nasce una collezione ricca di suggestioni e per una donna di personalità che non tralascia l’emozione di abbandonarsi alla vivacità dei colori. Si tratta di gioielli che parlano di mare, di onde, di schiuma e di trame preziose, come quelle che costituiscono le reti dei marinai della sua terra d'origine, quest’ultima abbandonata perché povera di opportunità ma che intimamente “legherà” Laura (come tanti altri emigranti in cerca di fortuna lavorativa) a sé come uno di quegli intrecci che ne definiscono la sua arte. Dal 10 al 12 settembre questa collezione sarà esposta alla fiera “Milano Unica” dove saranno presenti tutte le aziende del settore moda; intanto è possibile ammirarla attraverso una pagina web “Laura Buffa Gioielli” attivata su facebook.

Ph matteo Bardi

Ph matteo Bardi

Ph matteo Bardi

Mare da Amare.. .


“LP SERVICE” Quando una passione diventa un sogno realizzato Questo mese parliamo di un mestiere ai più sconosciuto, ma non a chi lavora nel mondo della musica e dei locali in genere: parliamo del “service musicale”. Per parlarne abbiamo scelto una giovane azienda che nel palcoscenico regionale si è ritagliata una fetta importante di mercato: la “LP Service”. L’azienda nata nel 2004 da un’idea di Aurelio Licata, fin da subito ha portato a Carini qualcosa di innovativo, se si considera che in quell’angolo di via Roma dove l’attività ebbe la sua prima sede locale, in tanti giornalmente si chiedevano cosa fossero quelle sfere rotanti proiettate su di un palazzo adiacente. Erano semplicemente effetti speciali. Oggi la “LP Service” grazie alla professionalità maturata negli anni, fornisce un servizio “tagliato su misura” salvaguardando lo stato dell’arte e avvalendosi di tecnici specializzati. Un servizio completo, dagli impianti audio a quelli video, dalle luci agli allestimenti fieristici, dal noleggio palchi e strutture al noleggio sedie e transenne, fino ad arrivare alla vendita di impianti di amplificazione e accessori, insomma dove c’è una manifestazione sportiva, culturale, sociale lo staff è sempre pronto a mettersi in moto per offrire quanto di meglio sappia fare. Tutti questi aspetti hanno

traghettato l’azienda di Aurelio Licata da una ditta individuale quasi casalinga, ad essere riconosciuti non solo in ambito locale e regionale ma anche a livello nazionale. I risultati e le soddisfazioni non sono certo mancate se si scorre velocemente gli eventi organizzati in questi anni: ad agosto 2004 “Miss Muretto”, nel 2005 l’allestimento dell’impianto elettrico per il concerto di Vasco Rossi presso il velodromo, le video-proiezioni per il concerto di Antonello Venditti in Piazza Duomo, la serata “Zelig” in occasione della “Notte Bianca” sempre a Carini, nel 2007 il service audio e luci per la mostra di architettura la “Biennale di Venezia” e l’allestimento illumino-tecnico per la manifestazione “Lighting Bonaria”, il concerto di Nada a Favignana, l’allestimento per le riprese del film “Achab Film” girato al porto di Palermo del regista pluri-premiato Wim Wenders, il service audio e luci per “Telethon” e per il congresso nazionale delle Chiese Evangeliche svoltosi all’hotel Saracen di Capaci, il concerto di “Toquinho”, di Al Di Meola e di “Buena Vista Social Club” presso l’anfiteatro di Palmi, la conferenza islamica sull’ambiente in Tunisia presso l’Hotel Tunisi, il convegno mondiale degli “Agostiniani” realizzato con la traduzione simultanea, e non per ultime le

commemorazioni per Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, che hanno visto salire sul palco Daniele Silvestri. Questi appuntamenti rappresentano solo una parte dell’impegno lavorativo quotidiano che inizia dalla nuova sede di Corso Italia; infatti da qui partono le realizzazioni di tante altre serate private che vedono protagonisti dj locali e non solo e chi come tanti bambini si avvicinano al mondo della musica magari con l’acquisto del loro primo strumento. E’ questa la storia di un’azienda giovane e dinamica nata dalla passione di unire musica ed elettronica che può essere da viatico per tutti coloro che lasciano i sogni chiusi nel cassetto. Perseverare, credere in se stessi, avere umiltà possono anche bastare per mettere a frutto le proprie idee e crescere sia umanamente che Professionalmente.


UN’ ESTATE DA GUSTARE .... Viaggio alla ricerca delle piu’ interessanti sagre della nostra provincia

Sarà questa un’estate all’insegna dell’austerity per ciò che concerne le manifestazioni estive nel nostro Comune, e per questo vi proponiamo un interessante viaggio alla ricerca degli 27 luglio CASTELBUONO

Festa di Sant'Anna - Cerimonia della consegna della chiavi e Corteo Storico Ventimigliano.

appuntamenti più interessanti della nostra provincia, soffermandoci su gli eventi culinari che rievocano tante tradizioni della nostra terra di Sicilia.

11-12 agosto GANCI

Festa dei Burgisi e sagra della Spiga 11-12 agosto CEFALU’

Sagra della pasta “a taianu” 12 agosto CHIUSA SCLAFANI

Sagra delle Pesche. 14 agosto BUSETO PALIZZOLO

Sagra della pasta cu l’agghia e ra sasizza arrustuta 15 agosto BLUFI 01 agosto PALAZZO ADRIANO

Sagra della Cuccia. 04 agosto CAMPOFIORITO

Sagra della fava 04-05 agosto VENTIMIGLIA DI SICILIA

XXIV edizione della "Giostra dei Ventimiglia" a Geraci Siculo, manifestazione Storicoculturale, con tradizionali giochi cavallereschi in costume. 05 agosto CASTELBUONO

Rassegna "Paese Divino", l’eccellenza delle manifestazioni enogastronomiche in Sicilia.

Festa Madonna dell'Olio, tradizionale rappresentazione "A Spartenza dell'urtima aria" e "Ballo Pantomima della vendemmia". Dal 16 al 19 agosto

21-24 agosto VICARI

Festival Internazionale del Folklore "VICARI APRE LE PORTE AL MONDO" 25 agosto PETRALIA SOPRANA

Sagra della salgemma 27 agosto POLLINA

Sagra della Manna 06-09 settembre

POLIZZI GENEROSA

CEFALU’

Sagra delle nocciole.

Festival internazionale del gelato

16-22 agosto TERMINI IMERESE

"Termini Romana", un salto indietro di 2000 anni per rivivere gli usi e i costumi dell'antica Roma.



IL CARINESE n° 35