Page 1

Campo Santi Giovanni e Paolo Dolce Venezia


Riutilizzo dei cantieri Dall’analisi delle caratteristiche di campo SS. Giovanni e Paolo si nota la forte presenza dei cantieri per il restauro della parete esterna della Basilica, con dei pannelli che occupano parte dello spazio pubblico.Ancor più invasivi nello spazio pubblico sono i plateatici. Questo ha portato alla necessità di non aggiungere nuovi elementi ma di utilizzare quelli presenti, reinventandone nuovi utilizzi. I cantieri, dalla forte imponenza scenica, nel campo è data dai cantieri i quali si pongono ora come grandi pareti bianche, sopratutto nella parte laterale del campo. La volontà di agire su questi ampi spazi vuoti ha portato alla riflessione su come solitamente vengano sfruttati.

prevede invece uno sconvolgimento di questa visione, in relazione ad una possibilità di utilizzare questi cantieri come luoghi di condivisione di conoscenze. Sopra: descrizione delle strutture permanenti (verdi), semipermanente (gialle) e dei lavori in corso (rosso). Al centro: immagine dello spazio pubblico del campo occupato dai plateatici. Sotto: panoramica del campo, osservata di fronte dei cantieri.

Nei casi più usuali per tutta la durata dei lavori questi elementi dell’arredo urbano vengono acquistati da ditte esterne per proporre i loro cartelli pubblicitari, che rimangono come enormi dipinti del mondo consumistico per tutta la durata di lavori. In altri casi si preferisce l’apposizione di un’immagine fittizia dell’edificio stesso ristrutturato. La nostra proposta

2

Dolce Venezia


Pasticceria Veneziana Nella ricerca dell’identità del campo è emerso subito il diretto collegamento del luogo con la presenza dell’antica pasticceria Rosa Salva. Nota attività della città non solo per la rinomata qualità dei suoi prodotti, questa pasticceria storica ha acquistato il titolo di vera autorità per i veneziani, affezionati frequentatori di questo goloso luogo di ritrovo. Questa forte presenza, e la rinomata tradizione dolciaria di Venezia, antica e variegata, ha indirizzato il nostro progetto verso un itinearario che riunisse le maggiori pasticcerie storiche della città.

Condividere un antico sapere Da subito il nostro progetto ha cercato di collegare l’itinearario al suo luogo di partenza, campo SS. Giovanni e Paolo. La natura stessa del luogo, come spazio di passaggio continuo, ha condotto la nostra proposta verso un progetto di condivisione ed informazione. Il campo e le sue numerose impalcature diventano quindi il perfetto foglio bianco da cui diffondere e pubblicizzare la tradizionale pasticceria veneziana. Il perimetro del cantiere diventa così la base delle affissioni, mentre i teli bianchi che copriranno per cinque anni la superificie esterna della Basilica verrano usati come catalizzatori visivi del progetto stesso: l’imponente scenografia con cui attirare il passante, cittadino o turista che sia, e invogliarlo a fermarsi per conoscere o riscoprire i segreti culinari e i luoghi della loro massima espressione.

Concept

3


Ricerca dello stile Nella creazione della brand identity la ricerca si è naturalmente indirizzata verso caratteri cosiddetti Veneziani o Umanistici. Fra gli aspetti caratterizzanti: > la linea di base leggermente concava > le differenze di spessore tra le aste verticali e le aste oblique > la tipica inclinazione della lettera “e”

Dolce Venezia La tradizione dolciaria veneziana

Logo La creazione del logo si è basata su una delle forme presenti nel campo stesso: il motivo geometrico di decorazione dei portoni.

Goudy Regular abcdefghilmnopqrstuvwxyz abcdefghilmnopqrstuvwxyz 1234567890

C 44% M 80% Y 82% K 68% #33140E

4

Dolce Venezia


Font F. H. Ernst Schneidler, type designer e insegnante, originariamente progettò nel 1936 l’Old Style Schneidler per la fonderia Bauer. Il carattere Stempel Schneidler si basa sui caratteri tipografici degli stampanti veneziani del periodo rinascimentale e possiede la grazia, la bellezza, e le proporzioni classiche. Stempel Schneidler è un carattere fine, che mantiene una buona leggibilità anche se visualizzato a display.

Stempel Schneidler Light abcdefghijklmnopqrstuvwxyz ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ 1234567890èéòàù& Stempel Schneidler Roman abcdefghijklmnopqrstuvwxyz ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ 1234567890èéòàù& Stempel Schneidler Medium abcdefghijklmnopqrstuvwxyz ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ 1234567890èéòàù& Stempel Schneidler Bold abcdefghijklmnopqrstuvwxyz ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ 1234567890èéòàù&

Dimensioni titolo: 19 pt

La tradizione dolciaria veneziana

Dimensione testo: 11 pt

La tradizione dolciaria veneziana

Dimensione legenda: 9 pt

La tradizione dolciaria veneziana

Dimensione ricette: 8 pt

La tradizione dolciaria veneziana

Palette colori Utilizzati per la mappa

C 18% M 9% Y 12% K 0%

C 20% M 23% Y 30% K 3%

C 35% M 0% Y 16% K 0%

C 64% M 3% Y 35% K 0%

C 6% M 68% Y 62% K 0%

C 10% M 82% Y 69% K 2%

#D8DEDF

#D0BFB0

#B1DCDD

#58B9B2

#E46D59

#D64945

Utilizzati per le illustrazioni

C 0% M 15% Y 37% K 0%

C 0% M 8% Y 42% K 19%

C 0% M 19% Y 47% K 14%

C 0% M 47% Y 34% K 34%

C 0% M 19% Y 47% K 64%

C 25% M 53% Y 91% K 17%

#FEDEAE

#DBC993

#E2C089

#BAA073

#7B6A4B

#AE7327

Strumenti

5


Pasticcerie storiche Queste sono state scelte attraverso una ricerca che incrociasse la qualità dei prodotti offerti, la notorietà, e la genuina venezianità dell’attività. Per connotare il progetto è stato adottato uno stile illustrato e geometrico. Le facciate dei palazzi di ogni pasticceria, a partire dalle fonti fotografiche, sono state semplificate seppur mantenendo la propria riconoscibilità, non solo in funzione di una coerenza nella grafica, ma anche in previsione di un’utilità per un turista che non conosca la meta nell’identificare ogni singolo edificio.

6

Rosa Salva

Ponte alle Paste

Marchini

RIzzardini

Bucintoro

Tonolo

Dal Mas

Nobile

Dolce Venezia


Come arrivare in campo Le prime due colonne della parte frontale della mappa sono dedicate ad una spiegazione che permetta all’utente di giungere al campo, partendo da piazzale Roma o dalla stazione, sia via acqua che via terra. Si trova poi una parte dedicata alla spiegazione del progetto in campo, con una rappresentazione illustrata della Basilica con l’indicazione di dove è possibile ritrovare le informazioni.

Contenuti fronte

7


8

Dolce Venezia


9


Pittogrammi Il linguaggio adottato per illustrare il procedimento delle ricette è stato il pittogramma, scelto per la sua essenzialità e per la chiarezza comunicativa. Alla base del progetto c’è il tentativo di semplificare il messaggio per renderlo immediato e facilmente comprensibile indipendentemente dalla provenienza. Ingredienti ed azioni sono facilmente riconoscibili grazie alla distinzione cromatica.

Ingredienti

Azioni

10

Dolce Venezia


Anatomia di una ricetta

Titolo

Illustrazione Mostra all’utente il risultato finale della preparazione del dolce.

Indicazioni In questa sezione sono indicati: il numero di persone, il tempo necessario, la difficoltà della ricetta.

Ingredienti Gli ingredienti sono identificati con il colore rosso. I quantitativi sono indicati in grammi e litri, seguendo il sistema internazionale.

Preparazione Nello schema di preparazione la scelta è stata quella di non inserire alcun testo, in modo che chiunque possa comprenderne i contenuti. Il codice di lettura prevede una temporalità dall’alto verso il basso. Un altro aiuto nella comprensione è dato dai box in cui sono inseriti gli alimenti (identificati in rosso) che conducono, attraverso una linea, ai pittogrammi riguardanti le azioni (identificati in azzurro). Nel caso in cui vi siano dei dubbi nell’interpretazione, sulla mappa e nelle affissioni in campo è prevista una legenda, nel primo caso in italiano e nel secondo anche in inglese.

Contenuti retro

11


Perchè mangiare dolci Ad avvalorare il goloso itinerario, una parte del retro della mappa tematica è dedicata ad una spiegazione scientifica dei benefici dati dall’apporto di zuccheri.

La tradizione dolciaria veneziana Sempre sul retro della mappa tematica si trova una spiegazione storica della tradizione legata alle origini contadine e alle festività liturgiche che scandivano il susseguirsi dei dolci veneziani. Nella stessa pagina possiamo trovare anche un calendario che riassume gli originari periodi dell’anno in cui era possibile ritrovare tali dolci. Un’altra pagina è dedicata all’abbinamento tra le pasticcerie storiche ed un dolce ritenuto, da essi stessi, la loro specialità.

12

Dolce Venezia


13


14

Dolce Venezia


15


Impalcature comunicative In campo l’utente potrà trovare una scenografia allestita sul cantiere laterale della Basilica. Non volendo essere di eccessivo impatto visivo, sulla facciata sono stati applicati solamente il brand con il nome del progetto. Sulla parete laterale sono state identificate tre zone d’intervento: la prima ad altezza d’uomo è costituita dai pannelli in legno che perimetrano il cantiere ed ospita i contenuti del progetto con la mappa, la spiegazione di “Dolce Venezia”, le ricette illustrate. La seconda area ha un’altezza di 7 m ed ospita il brand in grandi dimensioni per attirare l’utente. La terza e più ampia zona d’intervento è costituita dalla creazione di una scenografia caratterizzata dai pittogrammi ripresi dalle ricette, che ha il compito di catalizzatore visivo per l’utente.

Altezza Basilica 30 m

Altezza impalcatura visibile: 18 m

Altezza impalcatura sagrestia: 7m Altezza manifesti: 3m

16

Dolce Venezia


Affissione in ambiente

Focaccia

Il formato per le ricette affisse sui cantieri è di 120 x 300 cm e prevede una base di 70 cm lasciata bianca per ovviare ad eventuali problemi di difficile lettura e facile deterioramento.

Golosi Greedy

Lo schema è simile a quello riportato sulla mappa tematica, con l’aggiunta di indicazioni testuali in italiano ed inglese per aggiungere dettagli utili ai procedimenti e comunicare al maggior numero possibile di utenti. I testi sono previsti nella dimensione di 40 pt per essere leggibili ad una distanza massima di 3 m, e quindi consultabili contemporaneamente da più utenti.

Tempo preparazione Preparation time

Difficoltà Difficulty

160 gr

500 gr

60 cl

10 gr

Zucchero Sugar

Farina di grano Wheat flour

Latte Milk

Lievito di birra Brewer’s yeast

120 gr

n. 4

Burro Butter

Uova Eggs

Vaniglia Vanilla

Sale Salt

Mescolare 100 gr di farina e 30 gr di zucchero ed aggiungere il lievito di birra, precedentemente sciolto in latte tiepido. Dissolve the yeast in a glass of lukewarm water and pour it into 500 gr. of flour.

Mescolare energicamente e lasciar lievitare per un’ ora circa. Knead energetically and let rise for about an hour.

Coprite con un panno e fate nuovamente lievitare per circa 2 ore Cover it with a dishcloth and let it rise again for about 2 hours.

Lasciar lievitare per circa 8 ore. let it rise for about 8 hours. Trascorso questo tempo unite la farina, lo zucchero e il burro rimasti con 2 uova e la vaniglia. After this time, add flour, sugar and remaining butter, the other 2 eggs, vanilla and some salt.

Progetto in ambiente

Unite la pasta già lievitata con 200 gr di farina con 80 gr di zucchero, il burro e 2 tuorli d'uovo e impastate il composto con energia. Combine the dough already risen with 250 gr. of flour, 250 gr. of sugar and 100 gr. of melted butter and 6 yolksand knead it.

Lavorare l'intero impasto per dargli la forma della focaccia, da disporre su una teglia imburrata, a piacere ricoprire con la granella di zucchero. Cuocere in forno già caldo a 180° C per circa 50 minuti. Knead the whole mixture in order to give it the shape of a focaccia, put them on a greased baking pan, cover with sugar. Bake it in preheated oven at 180° C for about 1 hour.

17


18

Dolce Venezia


19


Cartoline Per la pubblicizzazione del progetto sono state ideate delle cartoline formato 100x210mm pensate per essere lasciate nelle pasticcerie dell’itinerario dell’itineriario, nei bar e negli uffici del turismo, per incuriosire gli utenti e spingerli a recarsi in campo. Sul fronte si trova una delle dieci ricette delle spiecialità dolciarie e sul retro una breve spiegazione del progetto affiancata da un’indicazione per arrivare a Campo SS. Giovanni e Paolo.

20

Dolce Venezia


Packaging Un altro gadget, maggiormente legato alle pasticcerie, consiste nella fornitura di sacchetti riportanti il marchio “Dolce Venezia” nella parte superiore ed e le informazioni della singola pasticceria nella parte inferiore. Questi sacchetti sono pensati per contenere unicamente la spiecialità della pasticceria stessa, come indicato dalla mappa nalla sezione dedicata alle accoppiate tra dolci e pasticcerie. I sacchetti sono pensati in un’unica misura, che renda possibile il confezionamento tutte le singole specialità presenti all’interno del progetto, misura trovata in una confezione di 140x240mm. Alle pasticcerie aderenti a “Dolce Venezia” saranno infine forniti adesivi che riprendono il marchio del progetto, da applicare a tutte le confezioni che sono soliti utilizzare

Gadget

21


22

Dolce Venezia


23


Università Iuav di Venezia Corso di laurea magistrale in design della comunicazione Laboratorio di Information design 1 Emanuela Bonini Lessing / Gianluigi Pescolderung Giorgio Cedolin /Elisa Pasqual /Daniele Savasta /Nicola Vettori Federica Drago / Giulia D’Angelo / Ilaria Zomer

Dolce Venezia  

Progetto di D'Angelo Giulia, Drago Federica, Zomer Ilaria. Dolce Venezia nasce come ricerca per la valorizzazione del campo SS. Giovanni e...