Issuu on Google+

3

5

3

6

SECTION AA’ 1:1000

2

SECTION BB’ 1:1000

MARL

CV+PORFOLIO 2016

GIUSEPPE MARCHICA

1

4

“DAS ENDE ALLER DINGE”

1

4

2

2

5

6

3

3

5 6

SECTION AA’ 1:1000

SECTION BB’ 1:1000


First name Last name Phone number E-mail Date of birth Birth location

Giuseppe Marchica +39 380 79 06 215 giuseppe.marchitect@gmail.com 28.11.1989 Castelvetrano, Italy

State Italy Home address Via Trieste 71 Postal code, City, Province 20064, Gorgonzola, MI Age 26 Fiscal code MRCGPP89S28C286Z


EDUCATION EDUCAZIONE

JUL 2015

Qualification Attendance certificate / Certificato di frequenza Lev B2 School British Council, Milan

JUN 2015

Qualification Attendance certificate 3DS MAX / Certificato di frequenza 3DS MAX Lev Intermediate / Intermedio

GEN 2015

Qualification Qualification to the profession of architect / Abilitazione alla professione di architetto

28 APR 2014 MASTER’S DEGREE IN ARCHITECTURE

/

LAUREA MAGISTRALE IN ARCHITETTURA

University POLITECNICO DI MILANO Period 2 years / 2 anni Mark 110L/110 Titol thesis A NEW LIMIT BETWEEN THE CITY AND THE SEA: Project of the Waterfront of Trapani (Sicily) / UNA NUOVA SOGLI TRA CITTA’ E MARE: progetto del Waterfront di Trapani

Mentor Roberto Spagnolo Assistant supervisor Andrea Fradegrada

28 SEP 2011 BECHELOR’S DEGREE IN SCIENCE OF ARCHITECTURE / LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE DELL’ARCHITETTURA

University POLITECNICO DI MILANO Period 3 years / 3 anni Mark 104/110 Titol thesis BUILDING BRIDGES: characteristics and methods of typological classification / IL PONTE ABITATO: caratteristiche e metodi di classificazione tipologica Mentor Eugenio Bellini

JUL 2008 ARTISTIC HIGH SCHOOL GRADUATION QUALIFICATION / DIPLOMA ARTISTICO

School Liceo artistico Caravaggio, Milano Period 5 years / 5 anni Mark 84/100


SKILLS CAPACITA’

How I am Creative Innovative Open minded Competitive Highly motivated Excellent designer Time efficient

Chi sono Creativo Innovativo Mente aperta Competitivo Motivato Eccellente progettatore Veloce

English Certificates Listening Reading Speaking Writing Computer skills Autocad Archicad (BIM) Cinema 4D (V-Ray) 3D Max Sketchup Photoshop Illustrator InDesign Word Excell Power Point Imovie Lumion Twinmotion

Model skills Real models 3D rendering Post-production

Toeic 725/1000 (2011) Attendance certificate Britih Council, Milan (B1)


WORK EXPERIENCE ARCHITECTURE

FEB 2016 Sector Architect

Employer Adress Location During Task

/ architetto

DBS architectes Sàrl Via Trivulzio 30 Milano in progress Planning of 13 student apartment in Nendaz, Switzerland / progettazione di 13 appartamenti per studenti a Nendaz, Svizzera

JUN 2015 Sector Architect

Employer Adress Telephone number Location During Task

/ architetto

EPTA Emilio Pizzi Team Architects Via Arena, 20, 20123 Milan, Italy +39 02 8940 3397 Milano, Italy 2 months Simulation of advertising spaces for promotional purposes for Maxima / simulazioni di spazi pubblicitari per scopi promozionali per MAxima

FEB/NOV 2014 Sector Architect Employer Adress E-mail Location During Task

/ architetto

Morfema Architects Via Arena, 20, 20123 Milan, Italy andrea.fradegrada@morfemaarchitects.com Viale Matteotti 404, sesto san giovanni (MI) 10 months / 10 mesi Web-design: www.morfemaarchitects.com

Planning:

- riqualification of attic in 3 units of abitation /riqualificazione di un attico in 3 unità abitative - design of civic center in Milan / progettazione di un centro civico a Milano

NOV 2014 Sector Architect Employer Location During Task

/ architetto

Arch. Massimiliano roca Milan, Italy 1 month / 1 mese graphic:􏰀

- planning of an hypothesis of requalification for the ex-cement plant cava Monte Fiorin in Monselice, Italy / progettazione di un’ipotesi per la riqualificazione per l’ex cementificio della cava Monte Fiorin a Monselice

JAN/DEC 2013 Sector Architect Employer Location During Task

/ architetto

Engineer studio Esedra S.r.l. Milan, Italy 1 year / 1 anno Rendering


WORK EXPERIENCE TEACHING / INSEGNAMENTO

APR 2016 Subjet Art teacher insegnante di Arte /

Employer Primary school Piazza Unità D’Italia/ scuola media Piazza Unità d’Italia Location Cernusco sul Naviglio (Milan) During 1 months / 1 mesI

NOV/GEN 2015 /16 Subjet Art teacher insegnante di tecnica /

Employer Primary school A. Manzoni/ Scuola Media Statale A. Manzoni Location Cassano D’Adda (Milan) During 3 months / 3 mesi

MAY/JUN 2015 Subjet Support teacher

/ insegnante di sostegno Employer Primary school Mascagni / scuola media Mascagni Location Melzo (Milan) During 2 months / 2 mesi

SET/JUL 2014 /15 Sector Tutor-assistant assistente universitario Subjet Employer Prof During

/

Architectural design / Progettazione architettoniche Politecnico di Milano Roberto Spagnolo 11 months / 11 mesi

SET/JAN 2014 /15 Sector Tutor-assistant assistente universitario Subjet Employer Prof During

/

Architectural design III / Progettazione architettoniche III Politecnico di Milano Massimiliano Roca 5 months / 5 mesi

NOV 2014 Subjet Art teacher insegnante di Arte /

Employer Scientific high school/ Liceo scientifico Macchiavelli Location Pioltello (Milan) During 1 months / 1 mesi


INTERNATIONAL COMPETITION CONCORSI INTERNAZIONALI

MAY 2015

Competition EUROPAN 13 Regeneration of a industrial area / rigenerazione di un area industriale Location MARL, Germany Collaboration MORFEMA architects Task Graphics (design) / grafica (progettazione) During 2 months / 2 mesi

FEB 2015

Competition INTERNATIONAL DESIGN COMPETITION CIVIC CENTER Project of a Civic Center in Milan / CONCORSO INTERNAZIONALE DI UN CENTRO CIVICO A MILANO Location MILANO, Italy Collaboration MORFEMA architects Task Graphics and rendering / grafica e render During 1 month / 1 mese

NOV 2014

Competition PUBBLICO-PRIVATO Public-private, new forms of living / Pubblico-privato, nuove forme dell’abitare Location Paderno Dugnano, MI, Italy Collaboration MORFEMA architects Task Graphics and design / grafica e render During 1 month / 1 mese PRIZE Top ten finalistics *** / tra i primi 10 classificati ***

MAY 2013 EUROPAN 12

Competition Location Collaboration Task During PRIZE

MILAN, Italy MORFEMA architects Graphics (design) / grafica (progettazione) 2 months / 2 mesi Special mention *** / mensione speciale ***


WORK AND TRAVEL VIAGGIO E LAVORO

SEP/NOV 2015 Study Trip Rotterdam

Period 3 month / 3 mese

FEB 2015

Study Trip Los Angeles, California,USA Period 1 month / 1 mese Description English emprovement / Studio della lingua inglese

JUL 2013

Workshop “NEW PORTS FOR NEW PORTS“ / NUOVI PORTI PER NUOVE PORTUALITA’ Place TRAPANI, Sicily, Italy Date 1 month / 1 mese University Politecnico di Milano Supervisor Massimo Novati Studio delle problematiche della città di Trapani con Progetto finale di un waterfront del porto

NOV 2011 Workshop “METROPOLITAN ARCHITECTURE” Place EL CAIRO, Egypt Period 1 month / 1 mese University Politecnico di Milano Supervisor Antonella Contin Progetto diuna stazione ferroviaria polifunzionale nella città del Cairo


SOME PROJECT

Project 01 2014 name A NEW LIMIT BETWEEN THE CITY AND THE SEA Project of the Waterfront of Trapani (Sicily) location Trapani, Italy topic Thesis sector Architect

Project 02 2016 name « Les Jardins de Brice » Student apartment in Nendaz location Nendaz, Swizzerland topic Real project (pending approval) sector Work experience architecture

Project 03 2015 name “DAS ENDE ALLER DINGE” Regeneration of a industrial area location Marl, Germany topic Ideas competition sector Internationa Competition

Project 04 2015 name “Al riparo dal Quadrato” New forms of living location Paderno Dugnano, Italy topic Ideas competition

Project 05 2011 name “Metropolitan architecture” location El Cairo, Egypt topic Workshop sector University of Politecnico di Milano

Project 06 2014 name Casa sul tetto Riqualification of attic in 3 units of abitation location Sesto San Giovanni, Italy topic Real project sector Work experience architecture


APR 2014 Mark 110L/110

01

Titol thesis A NEW LIMIT BETWEEN THE CITY AND THE SEA: Project of the Waterfront of Trapani (Sicily) / UNA NUOVA SOGLI TRA CITTA’ E MARE: progetto del Waterfront di Trapani

Mentor Roberto Spagnolo Assistant supervisor Andrea Fradegrada more info http://divisare.com/projects/258906-giuseppe-marchica-una-nuova-soglia-tra-citta-e-mare The project of the final dissertation aims at redeveloping the southern water- Il progetto di tesi di laurea si pone l’obiettivo di riqualificare il lungo mare front of the city of Trapani; it is closely connected to local reality, to a complex Sud della città di Trapani; esso è strettamente connesso ad una realtà locale, ad un tessuto urbano complesso e problematico. and problematic urban contest. The case of Trapani reveals the problem of two different waterfronts, which have not been integrated. On the one hand there is the south coast, characterized by the presence of craft activities linked to the ancient culture of fishing, which is unfortunately in danger of extinction. On the other hand there is the north coast, which is strongly characterized by outstanding memories of historical value such as the Walls of Tramontana, original of the six- teenth-century. These are strongly connected with the areas of the historic old town, closer to the sea and with large areas of environmental value, which are bounded and threatened by the presence of industrial and shipbuilding activities.

Il caso di Trapani presenta le problematiche di un insieme non integrato di due differenti fronti d’acqua: il litorale nord, fortemente caratterizzato da preesistenze di valenza storica come le Mura di Tramontana, di origine cinquecentesca, e il litorale Sud, contraddistinto dalla presenza di attività artigianali legate all’antica cultura della pesca, comunque in via di estinzione; quest’ultime sono insediate in stretta relazione con le zone del centro storico, più prossime al mare, e con ampie aree di pregio ambientale, dove sono minacciate dalla compresenza di attività cantieristiche e industriali.

The main purpose of the work is the design of a new configuration of living which starts from the historical primary nodes of the north coast and relates to the rest of the city by creating a seam. A new architectural language that puts in close relation the highly stratified and discontinous existing historic structure with the marina.

Scopo primario del lavoro è il disegno di una nuova forma dell’abitare che, partendo dai nodi storici primari della costa di tramontana, si relaziona con il resto della città creando una cucitura. Un nuovo linguaggio architettonico che mette in stretta relazione l’assetto storico preesistente fortemente stratificato e discontinuo con il porto turistico.

Il progetto intende riconfigurare il Lungomare Sud attraverso un processo che potenzi l’immagine turistica della città e che si adatti alle nuove The project aims at reconfiguring the South Waterfront throught a process esigenze di crescita, come la realizzazione di un terminal croceristico o di that enhances the touristic image of the city and adapts to the new demand nuove banchine per l’ormeggio di un numero più consistente di imbarcafor growth, such as the construction of a cruise terminal or new docks for zioni. mooring of a larger number of ships.

The project takes the form of a new draft measures and benchmarks that, in Il progetto si configura come un nuovo disegno di misure e capisaldi che connection with the main axis of the two coasts, “clears up” the waterfront in rapporto con gli assi stradali di connessione delle due coste “riordina” il waterfront Trapanese. of Trapani. A big square designed for the fish market palced at the end of the seafront of Trapani and a new architectural complex of cultural and artistic value that, replacing the old bastion of the sixteenth century walls now destroyed, stands as the primary cornerstone of the project. A system of shelters, designed with the purpose of hosting functions of public interest but above all to generate co- vered and shaded paths, connects these two nodes.

Una grande piazza destinata alla vendita del pesce disposta all’estremità del lungomare trapanese e un nuovo complesso architettonico di valenza artistica culturale che, in sostituzione del vecchio bastione delle mura cinquecentesche ormai distrutto, si pone come caposaldo primario di progetto. Un sistema di pensiline, progettate con lo scopo di ospitare funzioni di interesse pubblico ma soprattutto di generare percorsi coperti e ombreggiati, collegano questi due nodi.


Assonometria Software: SketchUp Photoshop


01

02

03


04

05

06


07

08

09


SOME PROJECT

Project 01 2014 name A NEW LIMIT BETWEEN THE CITY AND THE SEA Project of the Waterfront of Trapani (Sicily) location Trapani, Italy topic Thesis sector Architect

Project 02 2016 name « Les Jardins de Brice » Student apartment in Nendaz location Nendaz, Swizzerland topic Real project (pending approval) sector Work experience architecture

Project 03 2015 name “DAS ENDE ALLER DINGE” Regeneration of a industrial area location Marl, Germany topic Ideas competition sector Internationa Competition

Project 04 2015 name “Al riparo dal Quadrato” New forms of living location Paderno Dugnano, Italy topic Ideas competition

Project 05 2011 name “Metropolitan architecture” location El Cairo, Egypt topic Workshop sector University of Politecnico di Milano

Project 06 2014 name Casa sul tetto Riqualification of attic in 3 units of abitation location Sesto San Giovanni, Italy topic Real project sector Work experience architecture


« Les Jardins de Brice » FEB 2016 Sector Architect Employer DBS architectes Sàrl Site Nendaz, Switzerland During 2 month Project 13 student apartment in Nendaz Software Archicad Cinema 4D Photoshop

Planivolumetrico Software: Archicad

1

02


3

5

4

1

2

6 A06

A08

A09

A10

A07

7

« Les Jardins de Brice » A06 1 A07 2 A08 3 A09 4 A10 5 6 7

« Les Ja

Pianta livello 1

Appartement 06 - 36m2 Balcon - 10m2 Appartement 07 - 36m2 Balcon - 10m2 Appartement 08 - 30m2 Balcon - 7m2 Appartement 09 - 30m2 Balcon - 6m2 Appartement 10 - 30m2 Balcon - 14m2 Cage d'escalier Chemin d'accès

ublisherVersion 0.0.100.100

1

W

W

3

A12

A11 2

A13

GSPublisherVersion 0.0.100.100

4

Appartement 11 - 65m2 Appartement 12 - 36m2 Appartement 13 - 85m2 Balcon - 11m2 Cage d'escalier Buanderie Entrée secondaire

Pianta livello 2

1 6 x 18 = 105

1 2 3

2 3 4 5 6

Render esterno Software: Lumion e Photoshop

0.0.100.100

Render interno di un appartamento Software: Cinema 4D e Photoshop


ardins de Brice »

« Les Jardins de Brice »

GSPublisherVersion 0.0.100.100

assonometria


Sezione

.0.100.100

Prospetto Ovest 0.0.100.100

Render esterno Software: Cinema 4D e Photoshop

Render interno di un appartamento Software: Cinema 4D e Photoshop


« Les Jardins de Brice »

« Les Jardins de Brice »

« Les Jardins de Brice »

GSPublisherVersion 0.0.100.100

Prospetto Nord


SOME PROJECT

Project 01 2014 name A NEW LIMIT BETWEEN THE CITY AND THE SEA Project of the Waterfront of Trapani (Sicily) location Trapani, Italy topic Thesis sector Architect

Project 02 2016 name « Les Jardins de Brice » Student apartment in Nendaz location Nendaz, Swizzerland topic Real project (pending approval) sector Work experience architecture

Project 03 2015 name “DAS ENDE ALLER DINGE” Regeneration of a industrial area location Marl, Germany topic Ideas competition sector Internationa Competition

Project 04 2015 name “Al riparo dal Quadrato” New forms of living location Paderno Dugnano, Italy topic Ideas competition

Project 05 2011 name “Metropolitan architecture” location El Cairo, Egypt topic Workshop sector University of Politecnico di Milano

Project 06 2014 name Casa sul tetto Riqualification of attic in 3 units of abitation location Sesto San Giovanni, Italy topic Real project sector Work experience architecture


03

EUROPAN 13 “MARL” MAY 2015

1

Sector Architect Employer Morfema Architects Task Project and graphic /progettazione e grafica During 1 month /1 mese Project Regeneration of a industrial area / rigenerazione di un area industriale

1 2

3

CURRENT SITUATION

Software SketchUp Autocad 3D Max Photoshop Illustrator 4

5

SELECTION OF EXISTING BUILDINGS

A

6

B’

7

B

PROJECT A’

8

1.WALL LIVEBLE 2.CAVE PARK 3.ARTIFICIAL LAKE _RESEARCH CENTER 4.URBAN WOODS 5.EXPERIMENTAL OPEN SPACES 6.REFUNCIONALIZED INDUSTRIAL ARCHEOLOGY 7.SERVICE SPACES S 8. MULTIPURPOSE PLATES

MASTERPLAN 1:5000

“DAS ENDE ALLER DINGE”


ABSTRACT The theme of the adaptable city becomes central in the redefinition of an area that now requires a rethink and a general conversion, from the point of view of both production and landscape and its habitability. The project examins the issue of new forms of living, focusing on new forms of contemporary production and trade also in relation to the possible re-use of some current industrial artifacts, which we have chosen to maintain because they are representative of a history, an identity and a way of thinking space and workplaces. For this reason the design theme was first developed reading and interpretating the places, in which the identity and remembrance require today a rereading, able to select the characteristic ele ments and then re-interpret and rework new forms and new relationships through the project .

MARL

1

2

3

3

5


4

1

4

2

5

6

Il tema della città adattabile diventa risolutivo nella ridefinizione di un’area che richiede oggi un ripensamento e una riconversione complessiva, sia dal punto di vista produttivo sia da quello del paesaggio e della sua abitabilità. Il progetto si interroga sulla questione delle nuove forme dell’abitare, ponendo l’attenzione sulle nuove forme della produzione contemporanea e del commercio in relazione anche al possibile riutilizzo di alcuni manufatti di archeologia industriale presenti, che si è scelto di mantenere perchè rappresentativi di una storia, di un’identità e di un modo di pensare lo spazio e i luoghi di lavoro. Per questo motivo il tema progettuale è stato sviluppando partendo da una fase di lettura ed interpretazione dei luoghi, in cui l’identità e la memoria di questo luogo impongono oggi una rilettura in grado di selezionare gli elementi caratteristici per poi reinterpretare e rielaborare nuove forme e nuove relazioni attraverso il progetto.

6

assonometria Software Sketchup e Photoshop


1

2

6

3

5

3

“DAS ENDE ALLER DINGE”

Render interno Software: 3DS MAX e Photoshop


4

2

5

Render Software: 3DS MAX e Photoshop

“DAS ENDE ALLER DINGE”

The project wants to read the complexity of the productive sediment, analyze the principles, reinterpret the forms drawing a real new fabric, made of new elements, new writings and large signs at the scale of the landscape, a maze which in terms of spatial rela- tionships remakes to spatiality established in history. In this way a relationship between the built environment, open spaces and spaces of transition of great architectural quality, with squares, open spaces and greenary is generated.

Il progetto vuole leggere la complessità del sedime produttivo, analizzarne i principi, reinterpretarne le forme disegnando un vero e proprio tessuto, fatto di nuovi elementi, nuove scritture e grandi segni alla scala del paesaggio, un labirinto che in termini di rapporti spaziali si rifaccia a spazialità consolidate nella storia. Si genera in questo modo un rapporto tra spazi edificati, spazi aperti e spazi di transizione di grande qualità architettonica, con piazze, spazi aperti e zone boschive. 6

Sezioni Software: Autocad e Photoshop

SECTION AA’ 1:1000

SECTION BB’ 1:1000


SOME PROJECT

Project 01 2014 name A NEW LIMIT BETWEEN THE CITY AND THE SEA Project of the Waterfront of Trapani (Sicily) location Trapani, Italy topic Thesis sector Architect

Project 02 2016 name « Les Jardins de Brice » Student apartment in Nendaz location Nendaz, Swizzerland topic Real project (pending approval) sector Work experience architecture

Project 03 2015 name “DAS ENDE ALLER DINGE” Regeneration of a industrial area location Marl, Germany topic Ideas competition sector Internationa Competition

Project 04 2015 name “Al riparo dal Quadrato” New forms of living location Paderno Dugnano, Italy topic Ideas competition

Project 05 2011 name “Metropolitan architecture” location El Cairo, Egypt topic Workshop sector University of Politecnico di Milano

Project 06 2014 name Casa sul tetto Riqualification of attic in 3 units of abitation location Sesto San Giovanni, Italy topic Real project sector Work experience architecture


Al riparo dal [QUADRATO]

MAY 2015

04

Sector Architect Employer Morfema Architects Task Project and graphic /progettazione e grafica During 1 month /1 mese Project Public-private, new forms of living / Pubblico-privato, nuove forme dell’abitare Software SketchUp Autocad 3D Max Photoshop

“Recintare significa costruire una regione interna rispetto ad una esterna. Tale regione assume caratteristiche particolari; ogni elemento ad essa contenuto prende un valore speciale rispetto agli latri elementi interni che il recinto ha ritagliato. E’ l’intera collezione degli oggetti contenuti a formare un insieme il cui valore viene modificato solo dallo spostamento della reciproca posizione degli elementi o dall’introduzione di un nuovo elemento, anche ogni elemento interno si definisce in rapporto all’andamento del recinto.

Recingere è quindi l’atto costituito dello spazio interno, del rifugio, della casa, della territorialità propria del privato e del gruppo. A sua volta lo spazio interno è vissuto come tensione tra infiniti sottosistemi di recinti che selezionano i luoghi rituali dei comportamenti, stabiliscono rispetto all’esterno una catena privilegiata di relazioni. Ma naturalmente esterno ed interno non sono una pura opposizione geometrica ma si costituiscono in una dialettica complessa di rimandi reciproci.(...)” Dan Flavin , Untitoled (in Loving memory of Toin from leo and Dan, 1987


La proposta progettuale per la trasformazione dell’area industriale MHS “Ribaldi -Toscanini” di Paderno Dugnano parte da una riflessione sullo stato attuale dell’architettura, cercando di elaborare non solo un progetto fisico, ma anche e soprattutto un percorso progettuale, un metodo che cerchi di superare l’attuale crisi disciplinare che è a nostro avviso oggi presente in ambito progettuale. Il tema del progetto d’architettura diviene quindi centrale, assumendo se stesso [il progetto] come elemento risolutivo del rapporto tra il tema del paesaggio in senso teorico, la dimensione territoriale [e quindi di luogo], la cultura disciplinare della progettazione. In questo quadro, diviene centrale la permanenza e variabilità degli assetti legati all’architettura, intesi in primo luogo come elementi legati alla memoria dei luoghi, substrato di cui il progetto si nutre reinterpretandone le tracce nascose e spesso rivelate dalle stratificazioni della città, divenendo in seconda istanza elemento in grado di definire tipologie innovative capaci di rispondere alle esigenze della società contemporanea, arrivando infine ad ipotizzare interventi “reversibili” e dotati della possibilità di essere flessibili e adattabili a seconda delle esigenze della contemporaneità. Il concorso diviene quindi una straordinaria occasione di riqualificazione per l’intero territorio della città di Paderno Dugnano essendo in grado di imprimere una trasformazione su un territorio ben più vasto del perimetro amministrativo entro cui il progetto si costruisce fisicamente. Questa condizione è determinata non solo dal programma progettuale proposto, ma soprattutto dall’importanza che assume l’area di intervento, nell’ambito degli assetti urbani. Tale circostanza fa si che il nuovo principio di disegno della città elaborato aspiri ad essere elemento di nuova centralità. Il percorso progettuale proposto tenta quindi di leggere la forma della città, interpretando i fenomeni urbani per disegnare un progetto in grado di atti-

vare circuiti virtuosi, con influenza ben maggiore rispetto all’area del sito strategico, assumendo il tema della trasformazione e modificazione come occasione fondamentale per il territorio. Partendo dal concetto di modificazione che ne da Vittorio Gregotti, secondo cui “il disegno è un progetto di modificazione della realtà” e affrontando il tema del rapporto tra l’architettura e l’ambiente, in quanto luogo in cui essa si realizza, prende forma, ma anche dal punto di vista di ciò che essa stessa trasmette come valore di comunicazione estetica, l’intervento architettonico cambia il paesaggio, lo modifica, lo stravolge entrando in contatto con esso e costituendone un nuovo carattere. Si attua così una riconfigurazione dell’aspetto urbano che tende a fare emergere altresì la centralità sociale della città, come luogo di incontro degli appartenenti alla comunità sociale. Il progetto cerca di concepire un luogo vivo, che trascenda la normale esperienza architettonica di quartiere prettamente residenziale, immaginando luoghi architettonicamente complessi e socialmente vitali che siano in grado di vivere 365 giorni l’anno, nelle diverse ore del giorno a seconda dei molteplici usi e delle diverse funzioni insediate. L’obiettivo è stato quindi quello di escogitare forme d’uso dello spazio, pubblico e privato, capaci di seguire e simultaneamente indurre culture dell’abitare più sostenibili e dinamiche, ma anche commisurate a criteri di processualità nel tempo. Il progetto di riconversione dell’area attualmente dismessa tra via cardinale Ribaldi e viale Toscanini si caratterizza con una duplice connotazione, da un lato il progetto dello spazio pubblico e dall’altro il progetto degli spazi privati o semi privati che definiscono nuove forme del vivere, dell’abitare e del lavorare.


UN SISTEMA DI NUOVE CENTRALITA’ PER CALDERARA Il progetto è concepito come un tessuto complesso che si articola attraverso un’integrazione tra spazi edificati, spazi aperti e spazi di relazione, reinterpretando il paradigma spaziale del recinto. Recinto che per sua natura è delimitato da muri che nel nostro caso assumono connotazioni diverse in base alle relazioni che instaurano con l’intorno e tra le parti. Il muro diviene quindi, a seconda delle condizioni spaziali circostanti, muro abitato, diaframma permeabile , soglia tra condizioni spaziali diverse. Il progetto lavora sul tema dell’orizzontalità in contrapposizione alla verticalità delle facciate, determinata dalla misura cadenzata dei setti e dalla scansione ritmata dei recinti. MOLTEPLICITA’ DI SPAZI PUBBLICI Se è vero che il recinto delimita lo spazio, lo spazio che è delimitato dal recinto assume il valore di un vero e proprio spazio pubblico nella sua accezione più classica del termine: la piazza. La piazza si moltiplica fino a divenire una vera e propria concatenazione di spazi pubblici che vengono tematizzati con funzioni diverse. Dal recinto civico alla piazza del mercato fino ad arrivare allo spazio pubblico articolato in continuità con il centro di formazione, moderna reinterpretazione del sistema di piazze presenti nella città storica. Il sistema di recinti definisce una molteplicità di spazi che tra loro interagiscono per dare qualità e vivibilità all’area. Il nuovo centro di formazione e sviluppo diventa il fulcro di un sistema capace di attivare lavoro e crescita ricreando vitalità sul territorio Il centro è articolato attraverso spazi di natura e di dimensione diversa che interagiscono con lo spazio pubblico del progetto instaurando rapporti diversi a seconda degli ambiti dei differenti spazi Il centro di formazione e sviluppo è destinato alla formazione, al lavoro e allo sviluppo dell’impresa , al suo interno sono presenti spazi aperti al pubblico destinati alla promozione e alla conoscenza del centro, spazi privati relativi alle attività operative e gestionali del centro e un’area semi pubblica dove saranno presenti spazi dedicati alla formazione e allo scambio di esperienze come elemento basilare per lo scambio e lo sviluppo imprenditoriale. Tra gli ambienti di natura collettiva trova spazio una zona destinata alle attività per la ristorazione, si ritiene necessario che quest’ambito possa essere utilizzato sia dagli addetti del centro di formazione e sviluppo che dai cittadini fruitori dell’area, in modo tale da garantire un utilizzo costante nell’arco dell’intera giornata. AREA POROSA Il progetto prevede un’attraversabilità esclusivamente pedonale alla quota della città, garantendo però un’accessibilità al piano interrato , attraverso un sistema di rampe, in cui sono stati predisposti i parcheggi ad uso privato per le residenze e semi­pubblico per chi usufruisce dei servizi collettivi presenti.


OFFERTA RESIDENZIALE ARTICOLATA Gli edifici sono stati strutturati partendo dal modulo di 1,25 m x 1,25 m che garantisce un’articolazione spaziale variabile e flessibile a seconda delle esigenze che possono mutare nel tempo e a seconda delle utenze. Il progetto lavora su un interpiano di 5,60 m che permette un’articolazione spaziale interna che lavora con alloggi simplex e duplex di metrature variabili in relazione alle diverse necessità dell’utenza. Sono stati ipotizzati diversi modelli abitativi in grado di garantire un mix tipologico e sociale, con molteplici tipologie abitative a seconda delle categorie e degli usi differenti di abitare . Il progetto delle residenze si struttura attraverso la relazione tra condizioni invariabili ed elementi tecnici mutevoli. Le prime determinate da una struttura di travi pilastri solai in cemento armato che scandiscono un principio di misura e determinano il supporto innervato dalle condizioni tecnologiche necessarie ad avere la predisposizione per la messa in opera di elementi tecnologici a secco utilizzati per le partizioni interne delle unità abitative che garantiscono una maggior flessibilità.


SISTEMA DI SERVIZI

3. la definizione del tema e del luogo di concorso come nuovo caposaldo, tipologicamente determinato come un intervento che si elevi per scala ed Il progetto prevede l’inserimento al piede degli edifici di servizi ad uso con- importanza, divenendo elemento di scambio e regolazione dei flussi pedodominiale per i residenti e servizi collettivi per i cittadini con piccole attività nali e ciclabili anche per la posizione strategica dell’area. commerciali e artigianali oltre alla presenza del centro di formazione SPAZI PRIVATI DI QUALITA’ PER IL PUBBLICO Le corti interne degli edifici, elemento reinterpretato dalla memoria storica, divengono veri e propri nuclei di socializzazione riproponendo dei sistemi a ballatoio per la distribuzione ai vari piani. Tutti i servizi di condivisione abitativa e gli spazi collettivi vedono nello spazio aperto interno alla corte l’ideale nucleo spaziale attorno al quale si dipanano. La corte diventa quindi elemento di relazione che mette a sistema una molteplicità di spazi: privati e collettivi. FLESSIBILITA’ DEGLI SPAZI

4. la connotazione urbanistica, che determina l’area di progetto come cardine del sistema degli spazi aperti presenti. ARTICOLAZIONE FUNZIONALE DELL’INTERVENTO Più nello specifico si può rintracciare una logica insediativa che partendo dall’area di progetto si estende al sito strategico instaurando relazioni con il contesto. Più concretamente si possono individuare i seguenti elementi: Il suolo abitato: viene realizzata una piastra interrata abitata che individua un grande spazio pubblico pavimentato che da luogo a piazze, vie pedonali, passaggi, percorribili pedonalmente ed in bicicletta. Ai livelli inferiori, si articolano i livelli di parcheggio per le auto in spazi organizzati da una maglia strutturale 10.00x10.00 m. I livelli inferiori prenderanno luce mediante grandi cavità a cielo aperto in corrispondenza degli spazi del mercato. Le relazioni tra i diversi livelli saranno garantite dagli edifici stessi che si radicheranno al suolo e da passerelle e piani inclinati che metteranno in comunicazione la quota 0.00 a quelle inferiori.

Il sistema degli spazi pubblici e privati è studiato per garantire la massima flessibilità spaziale. Gli spazi delle residenze possono essere utilizzati anche come spazi di lavoro, co-working, e spazi collettivi per tipologie abitative tipo cohousing. Nel corso del tempo è possibile variare le dimensioni degli ambienti grazie alla presenza di elementi a secco mentre gli spazi pubblici sono studiati per garantire una fruibilità molteplice con ambienti open space. Gli spazi commerciali e a servizio della collettività, come anche lo spazio del mercato per la filiera corta, sono predisposti ad usi molteplici , anche I volumi edilizi con funzioni miste: nell’arco della stessa giornata.

all’interno del progetto saranno previsti una serie di volumi con funzioni miste residenziali - pubbliche-commerciali che renderanno possibile un adeguato mix funzionale. Questi edifici realizzeranno prevalentemente un In questa logica il tema progettuale è stato sviluppando partendo da una piano terra/interrato con attività aperte al pubblico e una serie di piani refase di lettura ed interpretazione dei “fatti urbani”, che può essere riassun- sidenziali al di sopra del piano della città. Gli edifici sono concepiti come ta in quattro grandi aree tematiche: un sistema travi e pilastri che strutturano le corti abitate distribuite da un sistema a ballatoio che si articola verso l’interno delle corti. 1. dal punto di vista morfologico l’area appare oggi come un recinto circondato da un tessuto abitativo esteso. La lettura del luogo è posta in atto con IL tre recinti della socialità, del mercato e del centro di formazione e sviun principio multiscalare che determina il nucleo urbano di Calderara cin luppo: cui l’area è posta baricentricamente come primo elemento di confronto alla scala locale, l’abitato di Paderno Dugnano come sistema alla scala urbana il sistema delle piazze tematiche si sviluppa attraverso la definizione spafino ad arrivare ad un’interpretazione alla scala territoriale che vede l’area ziale di nuovi luoghi molteplici. La prima piazza è quella che dialoga magdi progetto inserita nel sistema metropolitano e infrastrutturale del nord giormente con gli spazi pubblici preesistenti essendo collocata in prossiMilano. mità della via Ribaldi, si configura come la vera e propria piazza di pietra QUATTRO TEMI DI LETTURA DEL PAESAGGIO URBANO

2. l’importanza assegnata al tema della memoria e della storia, intesa non come la riproposizione di stili e forme, ma come occasione di lettura del grande libro di pietra della città, che, legandosi a doppio filo con la storia dei suoi abitanti permette di leggerne l’identità, selezionando elementi caratteristici che il progetto ripropone reinterpretandoli attraverso nuove forme e secondo nuove logiche.

della città, punto di incontro e di ritrovo. La seconda piazza è quella del mercato, posta ad una quota inferiore rispetto alla quota della città, costruisce un nuovo spazio per la filiera corta e spazi per la collettività. L’ultima piazza è una piazza d’acqua che definisce un luogo metafisico attorno al quale si articola il nuovo centro di formazione e sviluppo. Gli spazi aperti come spazi pubblici di relazione, le piazze, mercati, portici tornano ad essere gli elementi che caratterizzano la città e la socialità.


PRINCIPI DI SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE Quando negli anni sessanta Le Corbusier viene chiamato a Venezia per elaborare una proposta per la realizzazione del nuovo Ospedale tra lo stupore generale, osservando la città lagunare elabora un efficace programma per la sua futura architettura esclamando “Il faudrait bâtir sans bâtir”. Le corbusier identificava con questo slogan in Venezia una città finita, completa, in cui nulla sarebbe dovuto essere tolto o aggiunto. Elabora quindi il suo celebre progetto strappando porzioni di terra al mare e cercando di riproporre la complessità della città lagunare nella nuova architettura. Partendo da questo aneddoto prende atto la nostra presa di contatto con il tema della sostenibilità ambientale, cercando di “costruire senza costruire”, cercando di limitare gli effetti di un’attività comunque necessaria al genere umano. Questa strategia di progetto si articola in alcuni concetti chiave:

DENSIFICAZIONE: densificare non significa solamente, come già espresso precedentemente, fornire maggiore qualità architettonica, ma anche e soprattutto promuovere il contenimento del consumo di suolo. Il nostro progetto cercando di dare maggior densità edilizia alle aree individua una strategia alla macroscala che impone di restituire al paesaggio agrario vaste porzioni di territorio anche mediante un principio di demolizione di parte delle nostre periferie urbane eccessivamente disperse e causa di problemi infrastrutturali ed inquinamento atmosferico. ADOTTARE UNA FILIERA SOSTENIBILE NEL PROCESSO COSTRUTTIVO: l’utilizzo di materiali con filiera sostenibile, a km zero o comunque riciclabili, è un principio elementare per poter ridurre l’impatto del processo costruttivo sull’ambiente. PROGETTARE CONSAPEVOLMENTE: alcuni accorgimenti progettuali pro-


posti sono orientati al limitamento di dispendio di energia per il raffrescamento ed il riscaldamento degli edifici. I nuovi volumi proposti presentando una struttura esterna al nucleo abitato che risulta arretrato di circa due metri dalla stessa in grado di schermare opportunamente le radiazione solari estive facendo penetrare le radiazioni invernali. Lo spazio pubblico è stato disegnato attraverso l’utilizzo di criteri legati alla sostenibilità ambientale. È stata inserita una vasca d’acqua per la mitigazione climatica nel periodo estivo e come elemento di accumulo per il recupero dell’acqua piovana utile per l’irrigazione del verde di progetto e come acqua di scarico per gli impianti idrico-sanitari. UTILIZZO DI TECNOLOGIE IMPIANTISTICHE ADEGUATE: ultimo elemento legato al tema della sostenibilità ambientale è sicuramente l’utilizzo di tecnologie adeguate. Nel nostro progetto si presuppone di

utilizzare fonti impiantistiche di riscaldamento raffrescamento che utilizzino impianti geotermici in grado di soddisfare il fabbisogno di energia Nella stesura del progetto sono stati utilizzati requisiti che toccano alcune delle principali esigenze di sostenibilità: uso razionale delle risorse energetiche e climatiche, dei materiali e delle risorse idriche, benessere e salute negli spazi interni ed esterni, salvaguardia ambientale, in modo da predisporre il progetto ad una futura certificazione ambientale con standard nazionali/internazionali [ ITACA, Gbtool, LEED o altri]. L’insediamento ha un carattere ambientale urbano che permette di valorizzare a fondo le risorse climatiche locali, in particolare sole e vento per la climatizzazione invernale ed estiva.


SOME PROJECT

Project 01 2014 name A NEW LIMIT BETWEEN THE CITY AND THE SEA Project of the Waterfront of Trapani (Sicily) location Trapani, Italy topic Thesis sector Architect

Project 02 2016 name « Les Jardins de Brice » Student apartment in Nendaz location Nendaz, Swizzerland topic Real project (pending approval) sector Work experience architecture

Project 03 2015 name “DAS ENDE ALLER DINGE” Regeneration of a industrial area location Marl, Germany topic Ideas competition sector Internationa Competition

Project 04 2015 name “Al riparo dal Quadrato” New forms of living location Paderno Dugnano, Italy topic Ideas competition

Project 05 2011 name “Metropolitan architecture” location El Cairo, Egypt topic Workshop sector University of Politecnico di Milano

Project 06 2014 name Casa sul tetto Riqualification of attic in 3 units of abitation location Sesto San Giovanni, Italy topic Real project sector Work experience architecture


NOV 2011 Workshop “METROPOLITAN ARCHITECTURE” Place EL CAIRO, Egypt Period 1 month / 1 mese University Politecnico di Milano

05

Supervisor Antonella Contin Progetto di una stazione ferroviaria polifunzionale nella città del Cairo Situated in a strategic point of West Cairo, the project site is actually an enormous vacuum marking the bound between informal settlements and the edge of the city. Our purpose is to transform that vacuum into a great transport catalyst, from which people can move to the whole city using different layers of mobility: BRT, subway, urban trains, regional trains. In this context, the bordering quarter of Ard El Lewa will be directly affected by the transformations, so the project will not be focused only about the creation of a great polarity for urban mobility, but it must bring with himself many different functions and devices which can improve life conditions and services offered to the quarter; again, it has to represent a strong connection between areas of the city which are actually divided by the existing vacuum. To reach our aim, we made a clear functional and programmatic distinction based on the different morphology in the project site. The first one is the big triangular shaped ground platform located in the north of the area, in which we will find all the functions regarding urban transport, commercial areas, offices and cultural spaces. This huge empty space has to be filled with functions, and then brought to be filled with functions, and then

brought to unity by the central public spaces and by different scale adaptors, matching and harmonizing the way from the nearby urban areas to a big public space. The second area is the long and thin ground strip extending from the south bound of the project area to the big platform. It can acquire different meanings: actually it’s a border, an empty bound dividing formal and informal; in our intentions, it should be a stitching, an urban hinge. To obtain this, our purpose is to use this land to create a linear agripuncture area, which derives from the mixing of “agriculture” and “acupuncture”; it means that we want to establish in the urban fabric an organized agricultural system which can by used by formal and informal areas citiziens both, with a development and research centre to improve their knowledge about agriculture, making sure they can obtain the best from the ground. We also provided different structures for trade, where people can sell and buy what has been cultivated in the agricultural land; these spaces are located in the big public platform, to create a relation between the two areas. This should connect, stitch formal and informal by working on a common ground to obtain sustainment for living.


SOME PROJECT

Project 01 2014 name A NEW LIMIT BETWEEN THE CITY AND THE SEA Project of the Waterfront of Trapani (Sicily) location Trapani, Italy topic Thesis sector Architect

Project 02 2016 name « Les Jardins de Brice » Student apartment in Nendaz location Nendaz, Swizzerland topic Real project (pending approval) sector Work experience architecture

Project 03 2015 name “DAS ENDE ALLER DINGE” Regeneration of a industrial area location Marl, Germany topic Ideas competition sector Internationa Competition

Project 04 2015 name “Al riparo dal Quadrato” New forms of living location Paderno Dugnano, Italy topic Ideas competition

Project 05 2011 name “Metropolitan architecture” location El Cairo, Egypt topic Workshop sector University of Politecnico di Milano

Project 06 2014 name Casa sul tetto Riqualification of attic in 3 units of abitation location Sesto San Giovanni, Italy topic Real project sector Work experience architecture


CASA SUL TETTO FEB 2014 Sector Architect Employer MORFEMA ARCHITECTS Site Sesto San Giovanni, Italy During 2 month Project Riqualification of attic in 3 units of abitation Software Autocad 3DS MAX Photoshop

06



Porfolio Architettura Giuseppe Marchica