Page 1


Bilancio di mandato

I risultati del mandato amministrativo. Rapolla 2007-2012


Alla fine del mandato è d’obbligo per una amministrazione responsabile, democratica e trasparente, rendere un bilancio di mandato alla popolazione amministrata. Il bilancio di mandato rappresenta il rendiconto di cinque anni di vita democratica, di impegno civile e di crescita sociale. Il 27 e 28 maggio 2007 L’Ulivo candida a Sindaco del Comune di Rapolla Michele SONNESSA. La lista è sostenuta dai seguenti partiti: • Democratici di sinistra; • La Margherita; • Partito della Rifondazione Comunista; • Socialisti Democratici Italiani; • Comunisti Italiani. Gli elettori hanno effettuato una prima selezione eleggendo consiglieri comunali dei Democratici di Sinistra, della Margherita e dei Socialisti Democratici Italiani……..la storia ha poi fatto confluire i Democratici di Sinistra e la Margherita in un unico Partito Democratico. Oggi gli eletti nell’Ulivo hanno costituito nel Consiglio comunale due gruppi distinti: • Gruppo del Partito Democratico; • Gruppo dei Socialisti Democratici Italiani.


Bilancio di mandato Prefazione Cinque anni di governo della Città. Un bilancio di mandato è sì un consuntivo politico ma è soprattutto un resoconto di cose fatte sulla base di un patto d’onore firmato con i cittadini. Meglio di ogni discorso od opinione sono le cifre e i numeri a dare la reale dimensione del lavoro della pubblica amministrazione a beneficio della collettività. Il contenuto di queste pagine, allora, altro non vuole essere che una puntuale ricognizione sui principali risultati dell’attività comunale dal 2007 ad oggi: gli obiettivi centrati e quelli solo parzialmente raggiunti, le luci e le ombre, i pregi e i difetti di un periodo per ognuno di noi non facile ma comunque intenso e capace di portare sensibili cambiamenti nel tessuto della città. Non dunque un bilancio elettorale, ma la spunta quasi ragionieristica su tutto ciò sul quale ci si è impegnati con i rapollesi nel maggio 2007. Da questi numeri emerge bene la quantità e la qualità del lavoro portato avanti, attuando in ogni singola iniziativa le tre priorità di fondo: sviluppo equilibrato di Rapolla, coesione sociale e visibilità a livello territoriale. Il contesto nazionale in cui è collocata questa attività non è stato dei migliori, anzi: la pesante incertezza post 11 settembre e la diffusa crisi economica internazionale hanno certamente rallentato la creazione in Italia di un clima diffuso di fiducia, pietra angolare di ogni positivo cambiamento. Eppure, in questi anni difficili, Rapolla ha camminato e, in molti settori, ha addirittura corso. Soprattutto ha realizzato e messo le basi per guardare al futuro con sobria speranza e prospettiva. Il merito di questo positivo atteggiamento è da individuare nella condivisione di un percorso comune i cui principali strumenti sono stati l’equità fiscale e l’invarianza della pressione tributaria, un piano di investimenti ambizioso a sostegno dello sviluppo, un rafforzamento delle risorse sul sociale e sulla pubblica istruzione, un dialogo continuo con la città e le sue componenti. Da qui ai prossimi anni Rapolla è attesa da sfide importanti. Ma ci sono tutte le condizioni per vincerle. Ci volgiamo al futuro consapevoli delle nostre possibilità e dei nostri limiti. In ogni caso con la testa alta e con la passione che deve necessariamente continuare a contraddistinguere una squadra orgogliosa delle proprie radici e che punta alla crescita ed allo sviluppo della comunità. Il Sindaco Michele SONNESSA


Il Governo della Città Il Sindaco Michele Sonnessa, nato a Melfi il 15 settembre 1977, svolge l'attività di Agente Generale di Assicurazione a Rapolla, Venosa e nel Vulture-melfese. L'età giovanile lo vede coinvolto in varie attività, prima nello sport e poi in particolare nella Banda Municipale "Città di Rapolla", dove diventa in poco tempo primo clarinetto, contribuendo al coinvolgimento di tanti ragazzi; un'esperienza che gli ha permesso di visitare diversi Comuni, di conoscere tanta gente e che ha contribuito alla sua formazione personale e culturale. Politicamente muove i primi passi alla fine degli anni ‘90 nella sinistra giovanile, conseguendo la carica di segretario; in pochissimi mesi arriva la nomina a vice-segretario della locale sezione del P.D.S. e subito dopo nella direzione regionale della Sinistra Giovanile a fianco di Piero Lacorazza. Nel 1998 partecipa alla prima competizione elettorale amministrativa e viene eletto nel Consiglio comunale di Rapolla raccogliendo un ampio consenso, è il primo eletto della lista; per un breve periodo riveste la carica di capogruppo Consiliare dei Democratici di Sinistra (1998-2000), successivamente (2000-2002) viene nominato assessore con delega alle attività produttive, commercio e ambiente, settore nel quale ha profuso un impegno straordinario per la battaglia contro l'elettrodotto degli abissi Matera-S.Sofia (380.000 volt), continuando l'impegno politico nel partito dei D.S. a livello locale e territoriale. Nel 2002 si candida nuovamente alle amministrative nella lista dei Democratici di Sinistra, riconfermandosi il primo eletto, viene nominato vice-sindaco con delega ai lavori pubblici e urbanistica. Riferimento principale del partito, comincia a tessere una rete di rapporti che formeranno degli assi politico-generazionali che lo vedranno successivamente protagonista nel territorio. Nel 2007 l'Ulivo di Rapolla lo propone come Sindaco della città, altissima è la percentuale dei votanti che gli dà fiducia: oltre il 41%. Particolarmente attento a quanto avviene nell'associazionismo cattolico e laico, punto di riferimento dei giovani che vedono in lui un interlocutore attento, ha legato la sua attività politica allo sviluppo sociale e culturale della propria area. Notevoli le rivendicazioni da lui promosse come infrastrutture e opere pubbliche; ha favorito i movimenti culturali offrendo loro aiuto e solidarietà; è impegnato in una serie di contatti, già intrapresi al tempo della precedente amministrazione, con imprenditori locali, per offrire occasioni di sviluppo e di occupazione ad una terra spesso dimenticata dai grandi processi economici che emarginano e riducono l'orizzonte alle giovani generazioni.


Dal 2007 al 2009 è impegnato alla Comunità Montana del Vulture come capogruppo del Partito Democratico, dando avvio al processo di rinnovamento all'interno delle istituzioni. Il 06 aprile 2009 viene eletto presidente della Giunta della Comunità Montana Vulture per essere nominato successivamente Commissario straordinario e Commissario liquidatore dello stesso Ente. La responsabilità di questo incarico è notevole, in un periodo difficile per la scarsa fiducia che la società civile nutre nei confronti delle istituzioni. Utilizzando le sue doti di equilibrio, di attaccamento alle istituzioni, e di passione politica, più volte evidenziate nel corso del suo passato politico, in poco tempo riesce a rappresentare il ruolo di garante di tutto il Consiglio e delle specificità territoriali, interpretando il suo nuovo ruolo con rigore, equilibrio e generosità, nell’esercizio di una delicata funzione di garanzia che costituisce perno essenziale per l’attività territoriale. A conferma dell’impregno profuso a livello territoriale arriva in gennaio 2012 l’elezione a presidente dell’Area Programma Vulture Alto Bradano, una elezione unanime da parte dei diciotto Sindaci facenti parte dell’Area di Programma a conferma dell’ottimo lavoro svolto e della stima da parte di tutti. Un nuovo modello di governance locale che punta all’associazionismo dei Comuni e che coordina e governa una popolazione vicina ai centomila abitanti. Candidato ed eletto, nel maggio 2009, consigliere della Provincia di Potenza per i comuni di Rapolla, Barile, Maschito, Ripacandida e Ginestra, convinto che i piccoli comuni, spesso vittime di un isolamento, devono avere la giusta rappresentanza che gli permetta di partecipare da protagonisti allo sviluppo del territorio. Una scelta condivisa di un uomo che concretamente nel tempo lavorerà producendo azioni dirette ed efficaci che puntano alla crescita dell’area del Vulture e che mettono al centro i cittadini e gli interessi della collettività.


La squadra di governo Una amministrazione si contraddistingue per il suo spessore politico ed istituzionale. La prima impronta, nella prima seduta del Consiglio Comunale, la costituzione dell’ufficio di presidenza e l’elezione a presidente del Consiglio di Massimo LATOCCA. La squadra di governo è stata cosi definitivamente nominata: Biagio COCOLICCHIO - Vice Sindaco ed assessore con delega alla Programmazione, finanze e bilancio; Walter CORDISCO – assessore con delega alle Attività produttive, edilizia scolastica ed edilizia civile; Donato GRIMOLIZZI – assessore con delega all’Agricoltura e politiche del lavoro; Rodolfo MARUGGI – assessore con delega allo spettacolo, turismo, sport, politiche sociali e pari opportunità; Gennaro PALMIERI – assessore con delega alla cultura. Pubblica istruzione, politiche giovanili e tempo libero; Donato BEVILACQUA – assessore con delega alle Politiche giovanili, tempo libero, associazionismo, eventi ed ambiente


Le politiche sociali Situazione di contesto La società rapollese, come quella regionale e nazionale, va rapidamente evolvendosi per: • l’invecchiamento della popolazione; • l’aumento del numero delle famiglie e la progressiva riduzione della loro composizione numerica; • l’aumento del numero di immigrati; • la difficoltà delle famiglie a garantire cura e assistenza ai livelli che erano in grado di prestare negli anni ’70, realtà a cui era stato rapportato il welfare locale e regionale. Dati ed interventi: • • • • •

Famiglie rapollesi Ultrasessantacinquenni nel Comune Assistenza domiciliare anziani Assistenza domiciliare anziani Telesoccorso

n° 1737 n° 759 assistiti n° 19 ore assistenza n° 3994 assistiti n° 10

Azioni svolte e risultati raggiunti Le politiche sociali hanno avuto particolare rilievo nel Programma amministrativo sia per il riguardo posto nei confronti di specifiche categorie di utenti (anziani, giovani, immigrati) che per l’attenzione riservata alle esigenze della popolazione rapollese nel suo complesso (qualità della vita, diritti di cittadinanza, salute, benessere). L’Amministrazione comunale, in questi anni, ha lavorato per lo sviluppo e la qualificazione dei servizi sociali e per raggiungere standard di eccellenza. L’azione amministrativa dispiegata ha dato il visibile e concreto risultato di raddoppiare la presenza dell’assistente sociale e per la prima volta nella storia del Comune la creazione dello sportello immigrati con la figura della mediatrice culturale. In un quadro di costante difficoltà finanziaria sono state quindi aumentate le attività ed il livello di spesa sociale. Gli interventi in campo sociale sono stati rivolti a tutti i soggetti portatori di bisogni, in particolare: agli anziani, ai giovani, ai minori, ai disabili e dipendenti patologici, ai poveri ed emarginati gravi, agli immigrati. Le iniziative sono state attuate con precise strategie: la domiciliarietà, con il sostegno al mantenimento dell’utente nel suo contesto familiare e territoriale e il sostegno economico, con l’erogazione di sussidi.


Da non dimenticare che il Comune di Rapolla ha rafforzato il proprio ruolo nella programmazione territoriale degli interventi del Piano di Zona Vulture quale Comune capofila. Anziani L’invecchiamento della popolazione sta modificando fortemente le reti familiari e l’insieme dei bisogni cui esse tradizionalmente facevano fronte. Rispetto ai crescenti bisogni della popolazione anziana si pone la necessità di differenziare i servizi ad essa rivolti secondo preferenze e situazioni diverse. È stata, pertanto, sviluppata una rete di servizi che ha portato ad evidenti miglioramenti quali l’aumento dell’assistenza domiciliare, la disponibilità di strutture residenziali per centri diurni e ricreativi, la sperimentazione dei servizi di telesoccorso e di teleassistenza, l’incremento dei sostegni economici nonché l’erogazione degli assegni di cura per favorire la permanenza a domicilio delle persone. Da non sottovalutare le numerose occasioni di vita comune con gli anziani e le molte iniziative di tipo sociale quali la riorganizzazione del Centro anziani che conta oggi circa 200 iscritti e l’organizzazione delle elezioni di un direttivo capace di governare “il Centro anziani” e di numerose iniziative di socializzazione in occasione del programma “Estate a Rapolla” e nelle feste natalizie. La concessione da parte dell’Amministrazione comunale dei locali ex sede municipale di Piazza Garibaldi ha favorito decisamente la crescita dell’associazione, non solo dal punto di vista numerico ma soprattutto offrendo la possibilità di una positiva integrazione e partecipazione alla vita sociale, condizione questa fondamentale per superare il dramma dell’emarginazione e dell’isolamento degli anziani.


Giovani Le politiche sociali comprendono anche importanti interventi verso i giovani per favorirne l’aggregazione. Significativa la variazione di destinazione d’uso dell’ex sede municipale e della struttura di contrada Piano di Chiesa a strutture sociali per lo svolgimento di attività giovanili (musica, teatro, ludoteca, cineteca, internet point). L’amministrazione ha lavorato per offrire ai giovani rapollesi nuove strutture dover poter praticare l’attività sportiva ed ha puntato a migliorare l’efficienza di quelle esistenti. Di rilievo sono i progetti finanziati ed appaltati per circa un milione di Euro ( Completamento palestra scuola media, realizzazione bocciodromo comunale, sistemazione campo da tennis e copertura campo da calcetto).


Immigrati L’immigrazione anche nella nostra realtà rappresenta un fenomeno in crescita. A tale mutamento della società e ai bisogni e problemi che esso pone si è risposto con: • un’attività di sostegno all’inserimento territoriale, dal punto di vista delle regolarizzazioni anagrafiche e professionali, tramite l’attivazione di uno sportello di ausilio e consulenza per rinnovi di permessi di soggiorno, iscrizioni anagrafiche e quant’altro. • un’attività di inserimento scolastico dei minori attraverso la fornitura gratuita di testi e materiale scolastico e l’attività di alfabetizzazione degli adulti con l’associazionismo ed il volontariato. Disabili ed utenti in stato di dipendenza patologica Per i disabili sono stati realizzati e continuano a realizzarsi progetti di inserimento lavorativo nonché colonie marine estive. Grande attenzione è rivolta ai soggetti in stato di dipendenza patologica attraverso l’erogazione di contributi mensili in conto spese di frequenza in luoghi di cura e la predisposizione di piani di emergenza che assicurano agli utenti l’assistenza in caso di avversità atmosferiche e/o assenza di mezzi di trasporto per cause diverse. Grossi sforzi finanziari sono altresì destinati al finanziamento di pratiche per la eliminazione di barriere architettoniche nelle abitazioni private. L’Amministrazione ha anche ottenuto il finanziamento di € 300.000,00 per la realizzazione di una nuova struttura in località Piano di Chiesa che verrà destinata all’accoglienza ed alle attività riabilitative e di inserimento dei ragazzi diversamente abili. Eliminazione barriere architettoniche nelle abitazioni private La legge 09/01/1989, n° 13 e la legge regionale 21/01/1997, n° 7 contribuiscono alla spesa per la eliminazione delle barriere architettoniche nelle abitazioni private. L’impegno dell’Amministrazione comunale è stato quello di informare ogni diversamente abile della opportunità, di assisterlo nella predisposizione delle domande e dei progetti e soprattutto di garantire gli stessi a livello regionale al fine di assicurare l’erogazione del contributo. Con soddisfazione registriamo di aver concesso nel quinquennio contributi per tali finalità pari ad € 439.649,00. Minori e Responsabilità familiari L’Amministrazione comunale ha consolidato il livello delle prestazioni sociali e sociosanitarie erogate agli utenti ricompresi in questa area.


Conformemente agli indirizzi regionali le attività e gli sforzi sono concentrati attraverso l’assistenza su tre fronti: • L’assistenza ai minori riconosciuti dalla sola madre; • Gli affidi familiari; • Il ricovero in strutture. Emarginazione e povertà estrema Emarginazione e povertà estrema rappresentano, purtroppo, fenomeni non marginali anche nella nostra realtà. In quest’area operano strutture del privato sociale che hanno una rilevanza nazionale come la Caritas. L’iniziativa di questi anni è stata quella di mettere in rete la grande attività di tali soggetti della società civile riconoscendone l’apporto al governo della città. L’obiettivo perseguito dal Comune è quello di attivare servizi di pronto intervento sociale come servizi “indispensabili”. Concessione assegni familiari e di maternità alle famiglie a basso reddito. Gli assegni familiari sono contributi economici che il Comune concede attraverso l’INPS a sostegno delle famiglie con tre figli minori ed a basso reddito. L’assegno di maternità è un contributo economico che il Comune concede attraverso l’INPS a sostegno della maternità ed a favore delle donne prive di ogni forma previdenziale. L’impegno dell’Amministrazione comunale è stato quello di informare dei contributi ogni avente diritto (nuclei familiari con tre figli minori e madri ad ogni nascita) al fine di non escludere nessun cittadino di Rapolla dai contributi. Con soddisfazione registriamo di aver concesso nel quinquennio contributi per assegni familiari in ragione di € 200.282,00 e contributi per assegni di maternità pari ad € 142.144,00. Progetto Amministrazione Amica “SOCIAL CHECK” Col progetto Amministrazione Amica “Social Check” l’Amministrazione ha fornito un sostegno alle famiglie numerose o in situazione di disagio economico attraverso l’erogazione di un aiuto economico finalizzato ad alleviare il carico di spesa affrontata dalle famiglie, utilizzabile presso gli esercenti commerciali locali convenzionati; La carta è stata configurata come un blocchetto di 30 buoni da 5,00 € cadauno, per un valore complessivo pari ad € 150,00; La “SOCIAL CHECK”, rilasciata dal Comune di Rapolla, è stata utilizzata per l’acquisto di prodotti alimentari presso gli esercenti commerciali nel comune di Rapolla che hanno stipulato l’apposita convenzione.


Progetto inserimento lavorativo disabili ed indigenti. Nel corso del mandato l’Amministrazione ha portato a termine tre progetti di inserimento lavorativo destinati ad indigenti ed a diversamente abili. Il fondo di circa €. 30.000,00 ha contribuito ad alleviare la situazione economica di trentotto famiglie che sono state coinvolte nei progetti. Risultato molto importante in considerazione del grave momento di ristrettezze economiche.

Le politiche per l’infanzia

Situazione di contesto Le variazioni demografiche e sociali dell’ultimo decennio hanno avuto grande impatto sull’organizzazione e sulle condizioni economiche delle famiglie. L’aumento del numero di famiglie con un limitato numero di componenti, la minore possibilità di stretti rapporti parentali, la diffusione della occupazione lavorativa di entrambi i genitori, l’ampliarsi dell’area del disagio sociale e della disabilità sono soli alcuni dei fenomeni che influenzano la crescita della domanda dei servizi educativi, in particolare per la prima infanzia. È una domanda che si colloca nella tradizione dei servizi educativi all’infanzia della nostra regione e quindi una domanda di servizi di qualità; peraltro, per una fascia consistente di utenza il requisito dell’accessibilità economica delle tariffe praticate diventa una condizione essenziale all’utilizzo del servizio stesso. L’offerta dei servizi può dirsi soddisfacente per quanto riguarda le scuole pubbliche e private per l’infanzia (3-6 anni); l’offerta di posti in asilo nido è invece presente solo nel settore privato. Azioni svolte e risultati raggiunti Si è lavorato perché gli ambiti scolastici diventassero sempre più luoghi dove, oltre ad accogliere le attività specifiche legate all’educazione e all’istruzione, anche i genitori potessero trovare occasioni di incontro e di confronto a sostegno delle tante difficoltà che possono determinarsi con i figli. I servizi 0-3 anni L’investimento per migliorare e qualificare le strutture educative/ /pedagogiche comunali ha rappresentato un aspetto di un più vasto e articolato programma che ha permesso di dare risposte efficaci ad una domanda in lenta ma in continua crescita della popolazione residente, in particolare di quella compresa nella fascia di età della prima


infanzia (0-3 anni). L’obiettivo programmatico dichiarato era quello di creare offerte pubbliche. Un primo importante passo è stata l’apertura della ”Sezione primavera”. Un progetto di scuola dell’infanzia che accoglie ed assicura la completa copertura posti/bambini residenti del Comune di Rapolla della fascia d’età compresa fra i due ed i tre anni, per il quale l’Amministrazione oltre ad i finanziamenti regionali ottenuti ha investito fondi comunali al fine di contenere il minimo il contributo a carico delle famiglie, difatti la contribuzione da parte degli utenti di Rapolla è risultata la più bassa di tutto il territorio regionale. Il diritto allo studio Per assicurare a tutti i cittadini che si trovano in particolari situazioni di svantaggio la frequenza ai servizi 0-6 anni e al sistema scolastico di competenza comunale (6-13 anni), l’Amministrazione interviene con azioni di sostegno. Il sostegno economico A tutti gli utenti della scuola primaria il Comune garantisce tutti i testi scolastici. Annualmente, ed in diretta proporzione all’indicatore ISEE delle famiglia, il Comune assicura un contributo a rimborso delle spese sostenute per acquisto libri di testo, per gli alunni della scuola secondaria di primo e secondo grado, che varia fra il 30 e l’80% delle spese effettivamente sostenute. Una borsa di studio annuale premia gli alunni disagiati più meritevoli. La privatizzazione dei trasporti scolastici assicura, infine, un servizio più puntuale e preciso. Il sostegno ai bambini portatori di handicap Per favorire l’integrazione dei bambini portatori di handicap il Comune fornisce personale di sostegno assistenziale e educativo nelle scuole per l’infanzia, in quelle elementari e medie. Si è così garantito l’accesso nelle strutture di prima socializzazione e educazione (0-6 anni) a tutti i bambini portatori di handicap. Per dare la possibilità di accesso alla mensa scolastica e ai piani superiori della scuola primaria ai bambini portatori di handicap, e stato montato un ascensore. Inoltre è stato previsto l’esonero totale dal pagamento dei seguenti servizi: scuola dell’infanzia, mensa nelle scuole statali dell’infanzia e nelle scuole elementari, trasporto scolastico. Sono stati effettuati lavori per adeguare le strutture delle scuole, renderle più sicure e più efficienti dal punto di vista energetico. La politica tariffaria Per consentire l’accessibilità ai servizi erogati sono state congelate le tariffe ai livelli dell’anno 2006 per il trasporto scolastico e mensa scolastica.


PROGETTI SCOLASTICI Le attività svolte sono state molteplici ed hanno impegnato, in un lavoro di continuità, molti docenti dell’Istituto e coinvolto intere classi sia in orario scolastico che extrascolastico. L’Amministrazione Comunale, in collaborazione con l’Istituto comprensivo “MONS. A. CASELLE”, ha messo in cantiere e realizzato, progetti che hanno coinvolto il territorio (associazioni culturali e sportive, mass-media, parrocchia, genitori) e dato un’immagine propositiva e positiva della scuola. Progetti realizzati: Progetto: Dalle olive all’olio; Progetto: La commemorazione della Shoah; Progetto: Natale a scuola; Progetto: Visita pastorale da parte di Sua Eccellenza Mons.Gianfranco Todisco, Vescovo della nostra diocesi; Progetto: Concorso Letterario di poesie “ Laura Tessitore”; Progetto: Rapolla pulita ambiente e riciclaggio; Progetto: Festa dell’albero; Progetto: Educazione stradale Progetti: Rapolliadi e Festa dello studente. Progetto: Puliamo Il Mondo Progetto: 4 Novembre (Caduti di Guerra) Progetto: Comenius

Progetto: Innovascuola La validità delle manifestazioni è certificata dalla partecipazione della comunità Rapollese ed ha portato una ventata di aria nuova nel modo di svolgere le attività, di aprirsi al territorio e coinvolgere positivamente le altre agenzie educative (Parrocchia San Michele Arcangelo, Volontari del Vulture; Cooperativa “Rapolla Fiorente”; Centro anziani e tutte le associazioni Culturali presenti sul territorio). Un grazie particolare va a tutti coloro che hanno creduto nella bontà dei progetti proposti e finanziati dalla Amministrazione Comunale, (Scuola e Associazioni Culturali) che si sono impegnati per la buona riuscita delle iniziative per dare alla nostra comunità e alla scuola un’immagine di quel cambiamento, che il territorio si aspetta. Abbiamo svolto il lavoro con impegno e passione, coinvolgendo la Scuola, le associazioni culturali e i genitori, senza particolare difficoltà. La scuola non è un ambiente solo attento alle attività didattiche, ma anche alla vita civile e culturale della comunità in cui viviamo. Oggi la scuola ha acquistato maggiore credibilità, rispetto e considerazione e questo deve essere lo stimolo giusto per continuare il lavoro fatto ad oggi, proponendo iniziative e/o progetti che ben si sposano con la realtà che ci circonda e della quale siamo parte integrante.


Progetti realizzati Progetto: Dalle olive all’olio. In collaborazione con la scuola dell’Infanzia e la Cooperativa Rapolla Fiorente, è stato realizzato il progetto “Dalle olive all’olio” I docenti e gli alunni di 5 anni hanno animato la giornata con canti, balli e poesie. La raccolta delle olive ha visto come protagonisti gli alunni della scuola dell’infanzia.

Progetto: La commemorazione della Shoah. In Collaborazione con l’Istituto Comprensivo, le associazioni Culturali e la Parrocchia S. Michele Arcangelo, ogni anno si celebra la Commemorazione della Shoah, progetto che ha sensibilizzato molto la comunità e che, attraverso la testimonianza autentica dei sopravvissuti, ha trasmesso ai ragazzi un forte messaggio educativo e culturale, fondamentale per le nuove generazioni affinché quei tragici momenti della storia dell’umanità non “ACCADANO MAI PIU’”

Progetto: Visita Pastorale di Sua Eccellenza Mons. Gianfranco Todisco, Vescovo della Diocesi: Melfi-Rapolla-Venosa. La manifestazione ha coinvolto tutti gli alunni dell’Istituto che hanno accolto Sua Eccellenza e l’Amministrazione Comunale con canti, balli e poesie.


Progetto: Natale a scuola. Ancora una volta protagonisti tutti gli alunni dell’Istituto Comprensivo e dell’Asilo Pio XI. Con l’occasione il Sindaco, a nome di tutta l’Amministrazione comunale ha rivolto gli auguri di un felice Natale e di un sereno anno nuovo ai bambini ed alle famiglie, donando a tutti un panettone, con un messaggio di Auguri a tutte le famiglie in segno di vicinanza dell’Amministrazione comunale.

Progetto: Rapolla pulita e riciclaggio. Progetto di ampio respiro con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica, attraverso gli alunni della scuola Primaria, a comprendere meglio il fenomeno della raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani ed il riciclaggio di materiali. Il progetto si è concluso con un convegno, al quale hanno partecipato: il Sindaco Michele SONNESSA, l’assessore alla pubblica istruzione Gennaro PALMIERI, il Dirigente scolastico Salvatore DODDIS, il presidente del consiglio d’Istituto Alfredo SALVAGO, il Dirigente Scolastico Robertella Giovanni, il responsabile della Consea Danilo Sforza. Gli alunni e i docenti hanno realizzato dei manufatti con materiale di recupero e riciclato giocattoli, è stato allestito una mostra mercato e il ricavato è stato devoluto dagli alunni in beneficenza.


Progetto: Festa degli alberi. Ha visto come protagonisti tutti i docenti e gli alunni dell’Istituto Comprensivo. Nella villa comunale “Francesco Albis” è stata messa a dimora una quercia. Successivamente gli alunni hanno animato l’evento con canti, poesie e racconti. A fine manifestazione l’Amministrazione Comunale nella persona del Sindaco Michele SONNESSA e dell’assessore all’istruzione Gennaro Palmieri hanno distribuito piantine ad ogni alunno ed ai docenti al fine di sensibilizzare al rispetto, alla salvaguardia ed alla rivalutazione dell’ambiente.

Progetto : Educazione stradale. Il progetto ha coinvolto gli alunni della classe terza C, guidati dalle insegnanti Adele Cittadini e Granito Faustina, dal Comandante dei vigili urbani Giuseppe Di Noia e dalla Protezione Civile. Gli alunni sono stati protagonisti nel simulare nella villa comunale “F. Albis”, dei percorsi per dimostrare i corretti comportamenti del perfetto pedone. A fine manifestazione gli alunni hanno ricevuto il patentino del perfetto pedone e il fischietto professionale dei vigili urbani, dalle mani del Dirigente Scolastico, del Sindaco, dell’assessore all’Istruzione e dal comandante dei vigili urbani.


Progetto: Rapolliadi. Le Rapolliadi hanno coinvolto l’Istituto e la comunità di Rapolla. Presso il campo sportivo gli alunni sono stati protagonisti in gare sportive di atletica, corsa veloce, salto in lungo, lancio della pallina, lancio del peso,ecc…..con la premiazione degli atleti partecipanti e con la premiazione dell’atleta dell’anno, cioè, l’alunno che ha superato più gare. La premiazione è avvenuta con medaglie consegnate dal Sindaco, l’assessore all’istruzione e l’assessore allo sport.


Progetto: Concorso letterario di poesia “Laura TESSITORE” In collaborazione con l’Istituto Comprensivo è stato istituito il Concorso letterario “Laura TESSITORE” che ha premiato la Poesia più bella dal punto di vista letterario. L’iniziativa serve ad appassionare i ragazzi alla poesia accrescendo il loro bagaglio culturale. Il concorso premia ogni anno le prime 5 poesie con un buono acquisto di materiale didattico del valore di € 200,00.

Progetto: Puliamo il modo. La manifestazione si è svolta presso la fontana “Convento Vecchio” dove ai ragazzi delle classi IV e V della scuola primaria è stata affidata in adozione da parte dell’Amministrazione Comunale, nella persona del Sindaco Michele SONNESSA, la mitica fontana ospitata in un’ oasi ecologica. E’ stato un momento educativo importante, in quanto i ragazzi hanno dimostrato come si può tenere pulito questo prezioso angolo ecologico della nostra Cittadina

Progetto: 4 Novembre. In collaborazione con l’Istituto Comprensivo, con il Centro Anziani, con il Parroco Don Angelo GRIECO, con i reduci di Guerra della Nostra comunità e con la partecipazione di una folta delegazione militare del 91° Battaglione di Potenza ogni anno si celebra la commemorazione dei caduti in guerra. La manifestazione viene celebrata in presenza degli alunni della scuola Primaria. Il messaggio che viene trasmesso è quello di non dimenticare chi nel passato ha sacrificato la propria vita per garantire l’unità nazionale, la democrazia e la libertà dei popoli.


Progetto: Comenius. Il progetto si è posto come obiettivo, importante per i ragazzi del nostro istituto, lo sviluppo della conoscenza e della comprensione della diversità culturale e linguistica europea e del suo valore. Al progetto hanno partecipato le scuole Italiane (Rapolla), della Germania, della Lituania, della Spagna e del Belgio. Un’occasione di forte integrazione culturale per una comunità sempre più cittadina d’Europa. I dirigenti scolastici degli Stati partecipanti al progetto, alla fine hanno incontrato l’Amministrazione comunale presso la sala consiliare del Palazzo di Città dove c’è stato uno scambio di saluti e di doni.

Progetto: Innovascuola. L’obiettivo del progetto, favorito dall’Amministrazione Comunale, è quello della trasformazione delle pratiche didattiche e dell’apprendimento con l’applicazione della tecnologia.

Festa del DIPLOMA L’Amministrazione comunale, ogni anno, in collaborazione con l’Istituto Comprensivo organizza la Festa del Diploma. In questa manifestazione vengono premiati gli studenti eccellenti della scuola secondaria di primo grado che lasciano le scuole di Rapolla, con l’obiettivo di stimolare i ragazzi allo studio ed all’apprendimento. La manifestazione si conclude con un momento di festa con musica per gli alunni che lasciano il nostro istituto per iscriversi alle scuole superiori.


Le politiche per la Cultura Azioni svolte e risultati raggiunti Sono stati perseguiti gli obiettivi indicati nel programma amministrativo sui “contenitori culturali”, nonché in generale, per quello che riguarda le azioni, la maturazione e sviluppo dei rapporti con altri soggetti, pubblici e privati, in vista del coinvolgimento nel sistema della conoscenza di strati sempre più ampi della popolazione, in particolare di quella giovanile. Inoltre si è arrivati a promuovere Rapolla non solo come città del tempo libero e dell’ospitalità ma anche come città di cultura, come indicato tra gli obiettivi del programma amministrativo. È opportuno rilevare che, in una situazione di crescente difficoltà finanziaria degli enti locali, l’attività del settore è cresciuta per quantità e qualità anche grazie all’apporto proveniente da soggetti pubblici e privati che hanno sostenuto i progetti man mano posti in essere. Festa del S. Patrono S. Biagio La collaborazione fra l’Amministrazione comunale, la Parrocchia S. Michele Arcangelo, il “Comitato San Biagio” e le associazioni Culturali della nostra comunità, ha contribuito ad arricchire il programma delle festività in occasione della ricorrenza del S. Patrono S. Biagio. Tutto ciò ha favorito l’incremento del turismo religioso nella Nostra Rapolla.


S.Maria In Elice Lo sforzo comune fra Amministrazione Comunale e Parrocchia Concattedrale S. Michele Arcangelo ha consentito la restituzione al Culto religioso locale della prestigiosa e preziosa statua lignea di S. Maria Inelice raffigurante la “Madonna col Bambino”. La statua rappresentante la Madonna seduta in trono con il bambino Gesù sulle ginocchia, ignorata dagli studi recenti, era ben nota a metà Ottocento e nei primi decenni del Novecento, già menzionata da Chiaromonte nel 1848, da Arslan nel 1928 e da Valente nel 1948.


L’opera è rimasta in mostra nel museo materano per un lungo periodo. Grazie all’impegno del Sindaco Michele SONNESSA e del Parroco Don. Angelo GRECO, la statua lignea è stata restituita ai fedeli della nostra comunità. Nell’occasione è stato organizzato un convegno intitolato “L’Arte nella memoria della comunità Rapollese” Al convegno hanno presenziato il Sindaco di Rapolla Michele Sonnessa, l’ass. Regionale alla Cultura dott. Antonio Autilio, l’On. Salvatore Margiotta, l’ass. alla Cultura del Comune di Rapolla Gennaro Palmieri, la dott.ssa Maria Frangione per la Soprintendenza dei Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Basilicata-Matera e Don Ciro Guerra, delegato vescovile per i beni culturali.

Rievocazione della Passione di Cristo In collaborazione con le associazioni Culturali, sulla scia degli appuntamenti annuali di tipo turistico-culturale, quali il Parco Urbano delle Cantine, Pane e Olio in Frantoio ed Estate Rapollese, questo appuntamento religioso si inserisce all’interno di un più ampio progetto di sviluppo territoriale integrato. L’evento originariamente organizzato dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con la Scuola Media Statale Mons. Caselle, è stato variato nel corso degli anni. Il messaggio che l’evento vuole trasmettere al suo pubblico è il ricreare, il più fedelmente possibile, la Passione di Cristo e quanto accaduto in quel tempo, così come descritto nei Vangeli. Questo passaggio dalla rappresentazione della Passione di Cristo raffigurata e non vissuta, ad una rappresentazione vissuta, implica l’eliminazione di molti simboli utilizzati all’interno del corteo. Le modifiche hanno introdotto anche molte novità, tra cui la scena


della lapidazione e conversione dell’adultera, dell’ultima cena e dell’ingresso in Gerusalemme. Numerosa la partecipazione della popolazione locale e dei paesi limitrofi, con un numero significativo di comparse e di intere famiglie coinvolte.

Manifestazioni ESTATE RAPOLLESE Con l’ausilio delle associazioni culturali, sportive, sempre sostenute da questa Amministrazione che ha organizzato tutte le estati un corposo programma di spettacoli culturali, teatrali, musicali e sportivi e di rievocazione della tradizione popolare rapollese che hanno intrattenuto con successo i tanti emigranti rientrati per le ferie estive, i rapollesi ed i tanti visitatori dei paesi limitrofi.


Festa di CARNEVALE La manifestazione piÚ gradita ai bambini è decisamente la Festa di Carnevale organizzata dall’Amministrazione in collaborazione con le associazioni presenti sul territorio. Sfilate con i carri, balli e canti presso il salone del Centro Sociale, caramelle e zucchero filato hanno creato un clima festoso per tutti i bambini e le famiglie che hanno partecipato numerose.


Raccolta in dialetto Rapollese L’amministrazione ha patrocinato la pubblicazione di testi e raccolte di momenti di tradizione e in vernacolo rapollese. Tanto nella convinzione che la tradizione popolare rispecchia i momenti storici, culturali e spirituali di una comunità e che la sua conoscenza va salvaguardata e conservata nel tempo. La storia locale e la tradizione popolare testimoniano, inoltre, nei loro multiformi aspetti, la secolare cultura, sino a risalire alle origini della vita comunitaria attraverso un costante aggiornamento dei vari cicli di vita umana. Presso la sala consiliare della sede storica del Comune di piazza Garibaldi si sono svolte diverse iniziative che hanno promosso la divulgazione di questi testi con la presenza degli autori e di tantissimi cittadini. Occasioni piacevoli per ricordare storie passate e momenti vissuti della Comunità rapollese, toccante ed emozionante è stata la testimonianza di chi pur emigrante da diversi anni ha conservato nel proprio cuore la fierezza delle proprie origini.


Piazza Nassiriya L’intitolazione della piazza ai Caduti di Nassiriya è stata sicuramente la più importante manifestazione che si è contraddistinta per la presenza di prestigiose autorità civili, militari e religiose. Un dispiego di forze armate di tutti i corpi guidati dai rispettivi generali e con le note della prestigiosa fanfara dei Carabinieri ha animato la cerimonia fino alla scopertura della lapide fissata in ricordo dei valorosi militari caduti dopo gli interventi delle autorità presenti e l’emozionante testimonianza delle vedove dei caduti. Per non dimenticare chi ha sacrificato la propria vita per la libertà dei popoli e per riconoscere l’alto valore delle missioni umanitarie compiute dall’esercito italiano e dai validi soldati in giro per il mondo.

Visita del Gen. SCAGLIONE Dell’Esercito L’Amministrazione si è sempre distinta per la collaborazione con le Istituzioni militari operanti sul territorio regionale. La visita del Gen. di B. Domenico SCAGLIONE Comandante regionale dell’Esercito “Basilicata” è stata sicuramente un segnale di grande attenzione verso una comunità, un Sindaco ed una Amministrazione che ha ispirato la sua attività ad un sentimento di profonda legalità.


Le politiche giovanili Azioni svolte e risultati raggiunti La scelta di mettere i giovani al centro dei programmi di attività dell’Ente si è concretizzata in numerosi progetti gestiti da una pluralità di settori (Cultura, Servizi Sociali, Pubblica Istruzione, Sport, ecc..). Il ruolo dell’Assessorato alle Politiche Giovanili è quello di coordinare e progettare, nei limiti del possibile, l’ampia ed articolata gamma di interventi. L’azione è incentrata sul progetto “Rapolla, una città per i giovani”, all’interno del quale si sono volute valorizzare le esperienze di aggregazione e di partecipazione giovanile più significative. Nello stesso tempo si sono volute creare le condizioni per intercettare nuove domande e nuovi bisogni, in particolare orientate a dar forma a processi di responsabilizzazione ed anche di autogestione. Attraverso una serie di progetti si è cercato di favorire la creatività, la qualità relazionale e i processi di integrazione dei giovani, inclusi quelli immigrati. Particolarmente significativa è stata la collaborazione di altre amministrazioni pubbliche (in particolare Provincia di Potenza e Regione) che hanno contribuito con numerosi finanziamenti incrementando le risorse a disposizione. Le attività svolte sono finalizzate alla promozione della cultura e dell’identità giovanile nella società e tengono presente la necessità di educare ad una società multiculturale e alla collaborazione e scambio fra le generazioni. Sono stati, infine, organizzati da parte delle associazioni bandistiche locali corsi di musica per allievi.

L’ADSL a Rapolla Dopo alcuni mesi di sforzi e di pressioni da parte di questa Amministrazione comunale abbiamo finalmente………l’ADSL a Rapolla con i seguenti vantaggi per la popolazione: I principali vantaggi per l’utente sono: 1. Possibilità di navigare su Internet e avere al tempo stesso il telefono tradizionale libero 2. Collegamento ininterrotto 24 ore su 24 ad Internet, sempre on-line 3. La connessione ad Internet non si paga, è già inclusa nel canone ADSL 4. Il costo delle normali telefonate rimane invariato, come pure il relativo canone della Telecom


5. Accesso ad altissima velocità (640Kbps in entrata, 10 volte un canale “B” di una linea ISDN) 6. Canone relativamente contenuto, se si considera il servizio offerto Non sappiamo perché le precedenti amministrazioni hanno sottovalutato il problema. Sappiamo di aver dato alla popolazione, soprattutto giovanile, un grande servizio, rendendola più vicina al mondo di internet con vantaggi che a cascata ricadono nell’informazione, nella cultura e nell’economia. Finalmente i nostri giovani, attraverso la rete, possono conoscere il mondo. Finalmente il mondo può conoscere i nostri prodotti, la nostra cultura, le nostre tradizioni.

Rete Wi-fi gratuita a Rapolla Con l’evolversi delle tecnologie, soprattutto legate alla telefonia, questa Amministrazione, sempre vicina ai giovani ed alla loro continua crescita tecnologica ha attivato una rete wifi gratuita che copre tutte le aree pubbliche e la gran parte dell’abitato di Rapolla. L’obiettivo è quello di coprire, in futuro, l’intero territorio comunale. La rete cittadina ha aderito alla rete nazionale Free Italia Wi-fi cosa che consentirà agli utenti locali con il proprio username e password di collegarsi gratuitamente in tutte le Città aderenti al progetto.

Le politiche sportive Situazione di contesto La situazione ad inizio mandato in ambito sportivo si caratterizzava per la necessità di un intervento di adeguamento dell’impiantistica cittadina alle esigenze delle società ed associazioni sportive, della comunità cittadina. Vi sono sport in cui le strutture risultano tendenzialmente adeguate alle richieste di utilizzo come calcetto, calcio e volley ball, altre da migliorare come campo da tennis e palestre. I lavori di ammodernamento del campo da tennis, la copertura del campo di calcetto, la costruzione del bocciodromo comunale ed il completamento della palestra comunale, tutte opere finanziate ed appaltate da questa Amministrazione, colmeranno queste lacune. Il lavoro di sostegno dell’Amministrazione alle associazioni sportive ha favorito la partecipazione di tanti ragazzi di tutte le età che attraverso la pratica sportiva sicuramente crescono meglio sia dal punto di vista fisico che socio-culturale.


Azioni svolte e risultati raggiunti La politica attuata dall’Amministrazione si articola su tre filoni principali: • promuovere lo sport e la cultura sportiva; • rendere agevole la pratica dello sport; • promuovere manifestazioni ed eventi sportivi. Promuovere lo sport e la cultura sportiva La promozione dello sport e della cultura sportiva muove dal convincimento che la pratica sportiva svolge un’insostituibile funzione educativa, diffondendo i valori positivi in essa presenti come la giusta competizione, il rispetto degli avversari, l’impegno, il divertimento, lo spirito di gruppo, il rispetto per le regole. Muovendo da questo valore condiviso sono nate numerose iniziative volte alla promozione dello sport e della cultura sportiva che hanno avuto come destinatari principali i giovani. Sono stati organizzati incontri nelle scuole sui temi dell’educazione, della crescita, del confronto e della responsabilità, Agevolare la pratica dello sport Le difficoltà finanziarie in cui versano gli Enti locali non consentono di elargire sostegni economici alle società sportive. Pur tuttavia l’Amministrazione comunale ha riconosciuto diversi contributi alle associazioni sportive in questi anni, ha messo a loro disposizione gli impianti e le attrezzature sportive a costo zero e soprattutto ha progettato e finanziato diverse nuove strutture ed impianti che favoriranno ancor più la pratica dello sport. Questa forma di sostegno consente alle piccole realtà locali, unitamente ai contributi da privati, di sopravvivere. Promuovere manifestazioni ed eventi sportivi Lo sport rappresenta una potenzialità per la comunità rapallese. L’Amministrazione si è fortemente impegnata sia nello sviluppare direttamente importanti eventi sia nel promuovere e coordinare manifestazioni sportive organizzate e gestite dalle associazioni sportive.

Enrico VARRIALE a Rapolla Tra i tanti eventi, programmati e realizzati dall’Amministrazione, di rilievo la presentazione a Rapolla del libro “A BORDOCAMPO” scritto da Enrico VARRIALE con la prefazione di Marcello LIPPI. Una manifestazione che, grazie alla prestigiosa presenza di un giornalista sportivo di prim’ordine, ha visto la partecipazione di tutte le realtà sportive lucane per un evento


straordinario di natura sportivo-culturale, che ha alimentato un dibattito interessante fra gli appassionati sportivi locali ed Enrico VARRIALE che ha svelato nel suo racconto tanti retroscena del mondo del calcio e soprattutto ha sottolineato l’importanza della serietà , del rigore e della professionalità alla quale tutti gli sportivi dovrebbero ispirarsi.


Le politiche abitative Assegnazione in locazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica Nonostante la forte emergenza abitativa esistevano nella contrada Gianvito di Rapolla alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica non assegnati. Con apposito bando di assegnazione questa Amministrazione comunale è stata in grado di effettuare delle valutazioni puntuali e personalizzate della situazione economica e di disagio dei richiedenti e di assegnare, pertanto, gli alloggi sulla base di criteri precisi e rispondenti alla reale situazione di bisogno. Assegnazione in locazione di alloggi di proprietà comunale Con analoghi criteri ma con maggiore flessibilità si è proceduto all’assegnazione di alloggi e/o strutture residenziali pubbliche quali l’ex GIL, l’ex ufficio di collocamento a quelle famiglie meno abbienti ed ai limiti di sopravvivenza. Avvio a soluzione annosa problematica dei 29 alloggi costruiti a seguito del terremoto del 23/11/1980 I 29 alloggi costruiti a seguito del terremoto del 23/11/1980 erano diventati per il Comune e per gli occupanti un problema annoso difficilmente risolvibile. Il Comune, difatti, li aveva messi in vendita per risollevare le casse comunali e rinnovare investimenti. Gli occupanti, ciascuno per motivazioni diverse, non avevano aderito appieno all’iniziativa. Nel tempo si sono susseguite diverse sentenze del Tribunale di Melfi, spesso in contrasto fra loro, ma che comunque davano ragione al Comune prevedendo lo sfratto delle famiglie. L’Amministrazione comunale, con grande senso di responsabilità, con una deliberazione consiliare assunta all’unanimità ha concesso agevolazioni agli occupanti, uniformando le condizioni, e favorendo il riscatto degli alloggi. Mantenimento dell’incidenza del canone di locazione entro la soglia di sostenibilità del reddito (Fondo Sociale Affitto) L’amministrazione comunale ha attivato tutte le iniziative ed i canali possibili per partecipare al finanziamento del Fondo Sociale Affitto nella misura massima possibile prevista dalla Regione. Mediante tale servizio l’Amministrazione comunale si è prefissa di abbassare l’incidenza canone/reddito al 30% mediante l’erogazione di un sostegno alle famiglie per il pagamento del canone di locazione. Il Consiglio comunale ha adottato provvedimenti finalizzati a portare a termine l’annosa questione degli alloggi realizzati a seguito del terremoto del 23/11/1980.


Il Consiglio Comunale ha, infine, adottato un piano di utilizzo della somma di € 1.100.000,00 assegnata dal CIPE a valere sulla Legge n° 311/2004 (legge finanziaria 2005) per il ripristino di abitazioni ed OO.PP. danneggiate dagli eventi sismici del 1980.

La protezione civile Fra le tante associazioni culturali e di volontariato l’Amministrazione ha fortemente agevolato la formazione di una forte struttura di protezione civile all’interno della Comunità. Azioni svolte e risultati raggiunti La struttura la cui crescita è stata agevolata è oggi in grado di supportare l’Amministrazione nei vari settori di competenza dell’Ente in cui la carenza di personale crea notevoli disservizi. Ma la struttura creata è in grado di assicurare in ogni occasione servizi di viabilità e di supporto in modo da superare ogni emergenza. Di notevole importanza è stato il supporto della locale protezione civile alle popolazioni terremotate dell’Abruzzo. La protezione civile si è distinta, in particolare, nelle eccezionali nevicate del febbraio 2012 con una presenza ed un intervento lodevole al servizio della comunità che ha riscosso l’apprezzamento dell’Amministrazione comunale e di tutti i cittadini.


Accreditamento al SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Per la prima volta nella storia, infine, il Comune di Rapolla è stato accreditato ed autorizzato a presentare progetti di servizio civile nazionale.

Le politiche per la sicurezza. L’amministrazione comunale ha stipulato una convenzione con l’Istituto di Vigilanza privata “Discovery” con sede in Rionero in Vulture per il servizio di vigilanza ispettivo notturno dei beni comunali finalizzato a contrastare e prevenire fenomeni di atti vandalici. Tale convenzione prevede, fra l’altro, la possibilità per tutti i cittadini e le attività produttive e commerciali di accedere allo stesso servizio a condizioni agevolate e vantaggiose. I cittadini ed i titolari di aziende potranno godere, pertanto, del servizio sia fisico che tecnologico con le condizioni vantaggiose previste nella predetta convenzione consultabile presso l’Ufficio Tecnico Comunale. Ancora una volta l’Amministrazione comunale, sempre vicina alle necessità della popolazione, ha previsto misure idonee a prevenire e reprimere comportamenti particolarmente pericolosi ed adotta interventi mirati a rafforzare l’azione di contrasto alla criminalità ed a tutela della sicurezza.

Il commercio e le attività produttive Piano commerciale Questa Amministrazione in perfetta discontinuità con la precedente legislatura ha preferito investire nella razionalizzazione del piano commerciale comunale ed evitare gli inutili contenziosi che nel passato hanno frenato la crescita del commercio nel paese e nell’aumento della concorrenza a beneficio della popolazione.

Piano pubblicitario E’ stato altresì approvato un piano generale degli impianti pubblicitari che oltre a razionalizzare gli stessi hanno abbellito le nostre strade e piazze con panchine ed impianti pregevoli.


Parco Urbano delle cantine Festa della Castagna e dei prodotti tipici locali Questa Amministrazione è orgogliosa di organizzare la manifestazione “Parco Urbano delle Cantine - Sagra della castagna e dei prodotti tipici locali” ormai giunta alla decima Edizione. La manifestazione si è qualificata quale strumento di rilancio dell’economia del territorio attraverso la commercializzazione dei prodotti tipici locali (aglianico, olio, formaggio, castagne ecc….) nonché prodotti artigianali ed artistici. La suggestività del Parco Urbano delle Cantine rappresenta motivo di promozione turistica e momento di valorizzazione del patrimonio storico (cantine in grotte, chiese rupestri, mura di cinta ecc...). Le numerose e contemporanee iniziative di tipo culturale e storico quali convegni, sfilate con costumi d’epoca, esibizione di falconieri, musiche e voci d’epoca fanno rivivere momenti storici dell’area ed assicurano una massiccia partecipazione di visitatori provenienti dalle Regioni limitrofe quali Puglia, Campania e Calabria. Ogni edizione garantisce una maggiore visibilità a livello interregionale per la qual cosa impegna sforzi maggiori sia a livello organizzativo che finanziario.


Pane ed olio in frantoio ……………Dalla Liguria alla Puglia, dalla Toscana alla Sicilia, dall’Umbria alle Marche alla Campania, fino alla nostra Basilicata. Tutta l’Italia dell’olio festeggia l’alimento principe della tradizione gastronomica del Mediterraneo con le varie edizioni di “Pane e Olio in Frantoio”. La manifestazione, organizzata dall’Associazione Nazionale Città dell’Olio con il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali si tiene in centinaia di piazze italiane, compreso quella di Rapolla, proponendo un ricco programma di iniziative tra convegni, visite guidate in aziende e frantoi e momenti di intrattenimento. La manifestazione unisce tutta l’Italia con un ideale filo d’olio. La novità della edizione rapollese è l’abbinamento con i prodotti tipici Dop e Igp insieme ai tanti programmi presentati dalle Città dell’Olio di tutta Italia. Protagonista della manifestazione è il primo olio dell’anno insieme al pane tipico appena sfornato. La manifestazione ha avuto tanto successo che nell’anno 2011, anno in cui l’olio extravergine d’oliva del Vulture ha ottenuto il riconoscimento definitivo della DOP Vulture,

Col supremo patrocinio e la concessione della medaglia d’argento da parte del Presidente della Repubblica per il suo alto valore divulgativo Si è tenuta a Rapolla la tappa lucana di

RAPOLLA HA SALUTATO LA TAPPA LUCANA DI GIROLIO D’ITALIA, QUARTA TAPPA NAZIONALE CON IL REGISTA AGOSTINO FERRENTE Sabato 5 novembre la carovana “verde” si è fermata nella Città dell'Olio della Basilicata per una tappa “invitante” che si è conclusa con un grande spettacolo musicale dei Tetes de Bois Con un testimonial d'eccezione: Agostino Ferrente, regista, sceneggiatore, produttore cinematografico, direttore artistico e produttore musicale italiano.


Tutte le Città dell’Olio lucane si sono raccolte a Rapolla in rappresentanza delle varie cultivar presenti sul territorio – Maiatica, Ogliarola del Bradano, Ogliarola del Vulture a partire dalle ore 9 quando il Vescovo della Diocesi Gianfranco Todisco ha benedetto l'olio novello prima di dare il via alle degustazioni in abbinamento con il pane casereccio, le visite guidate in frantoio per assistere al processo di spremitura delle olive e l'esibizione della Banda Municipale Città di Rapolla per le vie del centro. Dopo l'intonazione dell'inno nazionale e dell'alzabandiera del Tricolore e del vessillo delle Città dell'Olio, l'Assessore Regionale all'Agricoltura Vilma Mazzocco ha firmato la pergamena disegnata dall'artista Ro Marcenaro con i colori del Mediterraneo - dall'azzurro del Mare Nostrum al verde degli oliveti, con una grafica divertente e un richiamo al tricolore dato dalle bandierine posizionate in prossimità delle Città dell'Olio sede di ogni tappa – per rappresentare l'ideale testimone che le varie regioni si sono passate appuntamento dopo appuntamento. Tra gli altri eventi della giornata, la piantumazione della pianta di olivo nel giardino di una scuola di Rapolla, donata dalla Città dell'Olio che l'ha preceduta nel percorso a tappe - ovvero Selci Sabina nel Lazio – la premiazione del migliore olio a cura della Commissione Regionale Assaggiatori di Olio, la rievocazione medievale in costume d'epoca, la rievocazione del rito olivicolo, spettacoli con gruppi folkloristici e di animazione per bambini, laboratori del gusto in collaborazione con Chef lucani su piatti di alta cucina in abbinamento a prodotti oleari e il convegno sul riconoscimento della DOP del Vulture e le opportunità di sviluppo per il territorio. La giornata si è conclusa con uno spettacolo dei Tetes de Bois e Licio Esposito: un percorso di canzoni dedicate alla terra, al lavoro e alla Lucania realizzato sotto la direzione artistica di Timisoara Pinto - giornalista musicale, storica della canzone e Donna Lucana dell'anno per l'Associazione Donne Elettrici – e coadiuvata dal testimonial di tappa Agostino Ferrente, che ha presentato in anteprima nazionale alcune immagini del suo nuovo film documentario. Il progetto fortemente voluto e organizzato dall'Associazione Nazionale Città dell'Olio - in collaborazione con i coordinamenti regionali – è stato insignito, per il suo alto valore divulgativo e il suo percorrere in lungo e in largo lo Stivale attraverso 17 regioni olivetate alla scoperta delle cultivar locali, della cultura olivicola e della sua storia nell'Italia Unita da 150 anni, dell’adesione e una medaglia d’argento dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. E’ stato un orgoglio per l’Amministrazione comunale il fatto che si sia scelta Rapolla per la tappa regionale di Basilicata. L’Associazione Città dell’Olio ha riconosciuto positivamente il lavoro che il Sindaco SONNESSA ha svolto in rappresentanza di tutta la Regione Basilicata, nel consiglio nazionale dell’Associazione nel quale è stato eletto.


RIORGANIZZAZIONE E APPALTO NUOVO SERVIZIO DI GESTIONE E RACCOLTA RIFIUTI SOLI URBANI – RACCOLTA DIFFERENZIATA

A seguito della gara ad evidenza pubblica esperita nel mese di gennaio 2011, il Comune di Rapolla ha affidato la gestione dei rifiuti solidi urbani all’associazione temporanea di imprese, costituita dal Consorzio Seari S.r.l. (impresa Capogruppo) e l’Ecological Systems. Il modello di raccolta dei rifiuti solidi urbani precedente all’attuale gestione era impostato unicamente sui cassonetti stradali e il livello di raccolta differenziato era fermo ad una media del 5%. Al fine di migliorare la qualità delle prestazioni ambientali del territorio e di rispettare la percentuale della raccolta differenziata, che ai sensi del D. Lgs. 152/2000 e s.m.i. deve essere del 60% per i prossimi anni, il servizio affidato alla predetta associazione ha previsto un sistema di conferimento libero in contenitori stradali dei rifiuti differenziati in tre tipologie: seco riciclabile, vetro e indifferenziato residuo. I contenitori sono disposti per isole ecologiche gestite da mezzo mono operatore. Il sistema, essenzialmente, è basato sul riconoscimento cromatico dei contenitori (marrone per il rifiuto indifferenziato, giallo per il multi materiale leggero, verde per il vetro) ed é facilmente comprensibile e fruibile da parte di qualsiasi tipo di utenza. Il passaggio dal vecchio al nuovo sistema di raccolta ha permesso di: - aumentare la differenzazione dei rifiuti. Infatti, confrontando i risultati della differenziata nel primo anno di gestione con l’anno precedente si rileva che la quantità di carta, cartone, metalli, plastica e vetro, ha avuto un incremento del 50%. - rimanere invariati i costi di smaltimento per i prossimi cinque anni, essendo il costo complessivo del servizio, comprensivo anche dei predetti costi di smaltimento, passato dai 650.000 euro/annui (che sarebbero aumentati ad 1.000.000 di euro/annui a causa dei previsti aumenti del costo di smaltimento dei rifiuti nella discarica di Venosa, da € 110/t a 190/t) ai 500.000 euro/annui dell’attuale gestione, con la riduzione dei costi complessivi pari al 50%, e il congelamento della tassa a carico dei cittadini. - predisporre il ritiro a domicilio degli ingombranti senza alcun costo per gli utenti. Inoltre, la nuova gestione prevede i seguenti nuovi servizi per la cittadinanza: - lavaggio delle strade; - lavaggio dei contenitori; - pulizia dei mercati e fiere; - ritiro porta a porta dei rifiuti nel centro storico; - spazzamento zona PIP e zone commerciali. Gli obiettivi: - incrementare la raccolta differenziata fino al raggiungimento dell’80%, con la graduale eliminazione delle postazioni stradali e l’estendimento del sistema porta a porta a tutto il centro abitato di Rapolla; - far pagare il costo dei servizi in base al peso dei rifiuti prodotti da ciascuna utenza, e non in proporzione alla superficie dell’abitazione.


PROGETTO DI REGOLAMENTO URBANISTICO Gli aspetti qualificanti Nel mese di gennaio 2012 sono terminate le attività tecniche di formazione della Proposta del Regolamento Urbanistico (RU) del Comune di Rapolla ed è stato anche predisposto lo Studio per la Verifica di Assoggettabilità alla VAS (Valutazione Ambientale Strategica) del RU. Nei prossimi giorni si darà, quindi, inizio alla procedura di approvazione del Piano, dando inizio alla procedura di VAS “semplificata” e convocando la Conferenza di Pianificazione prevista dalla legge 23/1999. La proposta di RU, costruita con numerosi incontri con la Giunta Comunale e con l’apporto dell’Ufficio Tecnico, contiene numerosi elementi di forte innovazione della pratica urbanistica, finalizzati a favorire lo sviluppo urbanistico, a introdurre maggiore equità nei diritti urbanistici, a salvaguardare gli elementi di identità che il centro esprime, a semplificare l’iter procedurale di attuazione degli interventi ed a promuovere lo sviluppo delle attività produttive, nell’ambito del quadro normativo definito dalla legge 23/1999. La valorizzazione e la tutela degli elementi di valore dell’abitato di Rapolla e delle identità che esso esprime è conseguita con la precisa individuazione dell’”area delle cantine”, del “Parco dei mulini” e del centro storico, la cui riqualificazione è affidata a Piani attuativi che il Comune intende collegare all’acquisizione di idonee risorse finanziarie. Il RU individua e tutela, inoltre, alcune “tipologie di valore testimoniale” costituite da fabbricati dei primi del ‘900, la cui valorizzazione è subordinata alla tutela dei caratteri costitutivi degli edifici. Particolare attenzione viene attribuita alla realizzazione della “città pubblica” ossia al sistema delle attrezzature e delle infrastrutture che, oltre all’edilizia, qualificano la città e ne determinano i valori di qualità urbana. A tal fine si propone il meccanismo della perequazione urbanistica per la realizzazione delle attrezzature pubbliche nei distretti urbani e, talvolta, anche per la possibile realizzazione di edilizia sociale. Sempre con meccanismi perequativi si punta, inoltre, alla valorizzazione urbanistica di aree importanti, fra cui è da ricordare la zona PIP vicino al cimitero nella quale, consentendo la realizzazione di un lotto a destinazione commerciale, si pone a carico privato la realizzazione di un’area di verde attrezzato, posta a ridosso della zona strategica delle cantine. Il progetto di Piano intende introdurre elementi di equità nelle norme urbanistiche e realizza, pertanto, la semplificazione degli indici di edificabilità, attualmente eccessivamente ed ingiustamente differenziati soprattutto nelle zone B del PRG. La semplificazione delle procedure è un ulteriore elemento di peculiarità della proposta di RU e viene perseguita essenzialmente in due modi: aumentano, ove possibile, la previsione degli interventi diretti (da attuarsi, quindi, con ricorso al Permesso a costruire) anche in aree precedentemente sottoposte a Pianificazione attuativa e suddividendo ex


zone C del PRG soggette a pianificazione attuativa in più distretti urbani, al fine di rendere più agevole l’accordo fra i proprietari. Anche le attività produttive sono tenute in considerazione e viene a tal fine proposta la conferma della zona artigianale posta fuori del centro abitato, rivedendone la perimetrazione e privilegiando le aree maggiormente appetibili per morfologia e vicinanza alla strada. Com’è noto la legge regionale n.23/1999 ha eliminato lo strumento del Piano Regolatore Generale (PRG), sostituendolo con il Piano Strutturale Comunale (PSC), con il Regolamento Urbanistico (RU) e con il Piano Operativo (PO). Il PSC è un piano prettamente programmatico e non ha potere conformativo della proprietà, ossia le sue previsioni non divengono immediatamente vincolanti nei confronti della proprietà. Con esso l’Amministrazione definisce le proprie strategie di sviluppo sull’intero territorio comunale. Al momento questo piano è facoltativo ed i Comuni del Vulture, da tempo, hanno attivato iniziative per promuoverne la formazione in modo associato. Il RU è un piano conformativo della proprietà, ossia definisce le regole e le condizioni della trasformazione e conservazione. Si applica con particolare riferimento alla città esistente e, soltanto con norme transitorie – in attesa della formazione del PSC – alle aree rurali. Ai sensi della legge urbanistica regionale può dettare norme per la tutela e sviluppo della città esistente e delle parti programmatiche del PRG non decadute. Esso può quindi confermare i Piani Attuativi ancora in vigore - approvati da non più di 10 anni se di iniziativa pubblica o approvati e con convenzione firmata da non più di 10 anni se di iniziativa privata. Il PO, infine, è “il piano del sindaco”. E’, in sostanza, la proiezione territoriale delle scelte dell’Amministrazione per l’intera durata della consiliatura e contiene, quindi, cosa si intende fare, con chi e in che modo nell’arco dei cinque anni. Il Comune di Rapolla sta affrontando decisamente la formazione di questi nuovi strumenti urbanistici con la presentazione della Proposta di RU. I caratteri più significativi della Proposta possono così riassumersi: semplicità e riordino dei regimi normativi. Il Piano classifica le parti della città che sono già state edificate sulla scorta delle indicazioni del PRG e le classifica “sature”. Riordina, inoltre, le numerose zone di completamento caratterizzate, nel PRG, da indici fortemente differenziati, riducendoli ed unificando gli indici edificatori; tutela e valorizzazione del patrimonio esistente e dell’identità locale. Il Piano salvaguarda gli edifici di interesse architettonico e/o testimoniale – portatori, cioè, di singolarità architettoniche o elementi caratteristiche dell’edilizia locale che meritano di essere conservati per promuovere il mantenimento dell’identità locale e, quindi, della spendibilità anche turistica della città (su cui Rapolla investe tanto, anche con la valorizzazione delle proprie produzioni agroalimentari). Il “Parco delle cantine” ed il centro storico sono necessariamente rinviati a piano attuativo per le problematiche geologiche ed essi connesse; realizzazione della “città pubblica” attraverso lo strumento della perequazione urbanistica. Le zone di nuova edilizia sono individuate dal Piano come “distretti urbani”. In essi


sono consentite nuove edificazioni, ma, in cambio, i proprietari, devono cedere e realizzare gratuitamente ed in contemporanea alle abitazioni le opere di urbanizzazione e le attrezzature di uso pubblico (parcheggi, verde attrezzato). In questo modo si promuove la crescita adeguata della parte pubblica della città senza gravare sulle casse ormai esangui delle Amministrazioni Comunali; rafforzamento e sviluppo delle aree esterne all’abitato, di recente edificazione. Il RU prende atto dell’esistenza di due ambiti urbani ubicati a NORD (località Marciano) ed a SUDEST dell’abitato (località Piano di Chiesa), caratterizzati da edilizia residenziale a carattere rado, e da edilizia in trasformazione verso l’uso residenziale, che vengono definiti perturbano”. In essi vengono consentiti contenuti ampliamenti dei fabbricati esistenti, viene consentito il cambio di destinazione d’uso dei fabbricati realizzati per altri usi a condizione di disporre di una certa quantità di aree libere circostanti di proprietà e, nel contempo, si punta a creare una dotazione minima di servizi (soprattutto parcheggi) attraverso la cessione delle aree e realizzazione degli stessi da parte di chi costruisce, anche utilizzando il meccanismo della compensazione fondiaria; sviluppo del territorio extra-urbano in un corretto rapporto fra spazi liberi e manufatti edilizi. La normativa per il territorio extra-urbano (un tempo definito aree agricole) definisce la possibilità di edificare manufatti edilizi a destinazione residenziale (ivi compresi il bed and breakfast e la ricettività rurale), di attività artigianali compatibili e di pubblici esercizi con l’utilizzo dell’Indice Fondiario di 0,03 mc/mb e di 0,03 mc/mq per l’agricoltura, a condizione che sia possibile disporre di un lotto minimo di terreno di 4000 mq. Il lotto minimo si realizza anche se i terreni sono attraversati da elementi naturali (corsi d’acqua, fossi) o da opere infrastrutturali a rete (elettrodotti, acquedotti, ecc.)


LE OPERE PUBBLICHE REALIZZATE DALL’AMMINISTRAZIONE L’azione condotta sul fronte delle opere pubbliche è il lavoro più importante ed impegnativo che ha impegnato l’Amministrazione comunale in questi cinque anni e che ha portato alla realizzazione di oltre 40 opere. Una programmazione chiara e definita, insieme alla capacità di ottenere finanziamenti, hanno consentito di eseguire un considerevole numero di interventi che hanno investito ogni settore: dagli edifici scolastici agli impianti sportivi, dalla valorizzazione del centro storico e dei siti e dei monumenti di interesse artistico culturale e monumentale, ai parcheggi, dalla viabilità all’arredo urbano, dal gas metano alla pubblica illuminazione, dalle strutture culturali, sociali e sportive, alle opere cimiteriali, dalla riqualificazione delle strade interpoderali alla realizzazione della rete irrigua nelle campagne. Questa Amministrazione, sebbene in un periodo di grave congiuntura economica e di continui tagli alla spesa pubblica, ha profuso ogni sforzo per intercettare ogni possibile finanziamento che consentisse la realizzazione di lavori pubblici. La capacità di tessere relazioni istituzionali importanti e produttive con l’Ente Regione e Provincia e la Presidenza della Comunità Montanta del Vulture assunta da parte del Sindaco, ha favorito questo percorso. Difatti fondamentale è stata la programmazione PO. FESR 2007/2013, asse VI inclusione sociale (P.O.I.S.), ed asse IV – Turismo ( P.I.O.T.) che ha visto riconoscere alla Comunità rapollese il finanziamento di molte opere pubbliche. Un lavoro facilmente riscontrabile che ha portato il nostro paese ad un evidente miglioramento, avviando al tempo stesso una crescita sociale e culturale e ponendo le basi per uno sviluppo economico. Le principali opere finanziate, appaltate e realizzate da questa Amministrazione possono così sintetizzarsi:

Lavori di consolidamento e trasferimento del centro abitato. Importo € 1.214.371,00 L’opera, di rilevante importanza consiste non solo in interventi di consolidamento (paratia a via G. Marconi, muro in via dei Fabbri) e risanamento ambientale (Vallone dei Santi e Fosso Tiglia), ma anche in interventi di: mitigazione della vulnerabilità urbana (consolidamento e chiusura di cavità ipogee, rimozione di superfetazioni percolanti ecc.); di accessibilità carrabile al centro storico (demolizione di alcuni fabbricati). L’obiettivo che l’Amministrazione comunale si è prefisso con la realizzazione dell’opera mira ad ottenere un recupero funzionale e una compiuta riqualificazione del centro storico.


Lavori di valorizzazione e recupero del centro storico via G. Marconi. Importo € 120.000,00 Gli obiettivi che l’Amministrazione Comunale intende perseguire con la realizzazione degli interventi progettati, che prevedono la ripavimentazione di via G. Marconi, sono finalizzati a rendere più fruibile il centro storico del Comune di Rapolla e allo stesso tempo a valorizzare la via principale di accesso alla Cattedrale. Tale intervento rientra nella politica adottata dalla Amministrazione che punta al recupero ed alla valorizzazione di siti e monumenti di interesse storico-artistico-culturale. Questo intervento riqualificherà l’area di maggiore pregio storico del nostro Comune.

Lavori di sistemazione strade interne (Largo Castello e Piazza Nassiriya). Importo € 100.000,00 L’intervento è in linea con l’intervento di valorizzazione del centro storico di Largo Castello e punterà alla riqualificazione della piazza Caduti di Nassiriya e della piazzetta adiacente, con interventi di pavimentazione ed arredo urbano.

Lavori di ripristino via Mazzini, via Cavour e via Mario Pagano. Importo € 51.645,69 L’Amministrazione comunale ha raggiunto, con la realizzazione dell’opera, l’obiettivo di una riqualificazione delle strade del centro storico.


Lavori di ripristino via Regina Elena. Importo € 51.645,69 L’Amministrazione comunale ha raggiunto, con la realizzazione dell’opera, l’obiettivo di una riqualificazione delle strade del centro storico.

L. 32/92 - Lavori di ripristino viabilità via Umberto 1° / Piazza Roma. Importo € 30.000,00 L’opera, consiste nel ripristino di via Umberto 1° e Piazza Roma, che unitamente ad altri interventi già eseguiti hanno riqualificato il centro storico. L’Amministrazione comunale ha raggiunto, con la realizzazione dell’opera, l’obiettivo di riqualificare la viabilità di collegamento tra il centro storico e la piazza principale del Comune di Rapolla.

Lavori di adeguamento immobile Scuola Elementare finalizzati al risparmio energetico - P.O. F.E.S.R. 2007/2013. Importo € 199.564,00 L’Amministrazione Comunale intende raggiungere, con la realizzazione dell’opera, l’obiettivo di contenere i consumi energetici degli edifici pubblici mediante la produzione di energia proveniente da fonti rinnovabili nonché la schermatura del complesso con cappotto termico e la posa in opera di infissi a taglio termico e sostituzione impianto di riscaldamento. L’impegno primario del Sindaco è stato rivolto a garantire agli studenti scuole più sicure e più efficienti.

Lavori di adeguamento immobile Scuola Media finalizzati al risparmio energetico - P.O. F.E.S.R. 2007/2013. Importo € 199.945,00 L’Amministrazione Comunale intende raggiungere, con la realizzazione dell’opera, l’obiettivo di contenere i consumi energetici degli edifici pubblici mediante la produzione di energia proveniente da fonti rinnovabili nonché la schermatura del complesso con cappotto termico e la posa in opera di infissi a taglio termico e sostituzione impianto di riscaldamento. L’impegno primario del Sindaco è stato rivolto a garantire agli studenti scuole più sicure e più efficienti.


Lavori di messa in sicurezza scuola elementare. Importo € 50.000,00 L’Amministrazione Comunale ha raggiunto, con la realizzazione dell’opera, l’obiettivo di adeguare il plesso scolastico alle normative vigenti in materia di sicurezza scolastica. L’impegno primario del Sindaco è stato rivolto a garantire agli studenti scuole più sicure e più efficienti.

Lavori di eliminazione barriere architettoniche scuola elementare. Importo € 29.120,00 L’Amministrazione Comunale ha raggiunto, con la realizzazione dell’opera, l’obiettivo di eliminare le barriere architettoniche in modo da rendere accessibili, in modo autonomo, alle persone diversamente abili tutti i livelli della struttura a partire dal seminterrato (mensa) al 1° livello (aule). L’attenzione ai ragazzi diversamente abili è stata una prerogativa di primaria importanza per l’Amministrazione comunale che ha consentito nelle scuole l’abbattimento di barriere ed ostacoli per questi ragazzi già svantaggiati.

Lavori di costruzione bagno per disabili scuola media. Importo € 9.296,22 L’Amministrazione Comunale ha raggiunto, con la realizzazione dell’opera, l’obiettivo di eliminare i disagi dovuti alla mancanza di servizi igienici idonei per le persone diversamente abili.

Lavori di costruzione palestra della scuola media. Importo € 206.381,80 1° lotto funzionale. L’opera consiste nella realizzazione di una palestra in cui svolgere diverse attività sportive. L’Amministrazione comunale con la realizzazione dell’opera punta alla preparazione agonistica per la pratica sportiva nonché, per le associazioni presenti sul territorio, un punto importante di riferimento e socializzazione. L’opera è in grado di soddisfare pienamente la domanda per attività sportiva oggi carente e sarà in grado di coprire il servizio su tutta la domanda per attività sportiva proveniente dall’intera popolazione comunale.


Lavori di completamento palestra della scuola media. Importo € 450.000,00 L’opera avviata con il 1° lotto necessitava del completamento per evitare che si fosse realizzata la solita incompiuta “Cattedrale nel deserto”. L’Amministrazione sin dall’inizio del proprio mandato ha profuso ogni sforzo per intercettare un finanziamento che consentisse il completamento dell’opera. Finalmente l’intuizione del Sindaco nella programmazione P.O.I.S. (Piani integrati di offerta dei servizi) asse VI inclusione sociale, programmazione PO.FESR 2007/2013 consente al Comune di ottenere un finanziamento complessivo di € 450.000,00 che garantirà la funzionalità dell’opera che è già stata appaltata e i cui lavori sono in fase di inizio. Gli sportivi e gli studenti rapollesi avranno a disposizione un impianto all’avanguardia che agevolerà e promuoverà la pratica sportiva.

Lavori di costruzione bocciodromo comunale – 1° accordo di programma. Importo € 225.000,00 L’Amministrazione comunale con la realizzazione dell’opera punta alla preparazione agonistica per la pratica sportiva nonché per le associazioni presenti sul territorio un punto importante di riferimento e socializzazione. L’opera è in grado di soddisfare pienamente la domanda per attività sportiva oggi scoperta e sarà in grado di coprire il servizio su tutta la domanda per attività sportiva proveniente dall’intera popolazione comunale e regionale. L’investimento programmato e finanziato dall’Amministrazione comunale all’interno della programmazione P.I.O.T. (Piani integrati di Offerta Turistica) asse IV Turismo, PO.FESR 2007/2013 punta a dare una risposta concreta ed a offrire una struttura regolamentare ed all’avanguardia ai tanti amanti dello sport delle bocce, negli ultimi tempi soprattutto giovani ed in particolare rappresenterà un punto di riferimento per gli sportivi professionisti della nostra regione che potranno svolgere a Rapolla tornei a livello professionale. Una occasione questa di promozione del territorio che contribuirà a fare apprezzare ai molti visitatori la nostra Rapolla.


Lavori di completamento campo di calcetto. Importo € 80.000,00 Gli obiettivi che l’Amministrazione Comunale intende raggiungere con la realizzazione degli interventi progettati sono finalizzati ad assicurare un utilizzo continuo della struttura anche nel periodo invernale. Questa scelta è stata portata avanti con convinzione poiché la struttura è stata affidata in gestione all’Associazione sportiva Soccer Five Rapolla che è stata in grado di coinvolgere nelle proprie attività sportive e di formazione calcistica oltre centocinquanta bambini dai 5 ai 15 anni, risultato questo estremamente positivo al fine di una sana crescita dei ragazzi lontani da ogni forma di devianza sociale.

Lavori di adeguamento e messa in sicurezza degli impianti sportivi. Importo € 30.000,00 Gli obiettivi che l’Amministrazione Comunale intende raggiungere consistono nel recupero di una struttura pubblica, di proprietà di questo civico Ente, esistente realizzata negli anni 80 nell’area PEEP del Comune e, precisamente, nell’area di pertinenza della scuola media “Mons. A. Caselle” sita in Corso Italia, da destinare a impianto sportivo minore polivalente “Tennis – Pallavolo”. Il recupero di detta struttura e la sua omologazione da parte del C.O.N.I., consente l’utilizzo della stessa sia da parte degli studenti che frequentano la scuola media che dalle associazioni sportive presenti sul territorio per incontri sia amichevoli che professionistici. Gli interventi sono mirati ad adeguare la struttura e precisamente: a)-adeguamento dell’impianto di illuminazione alla normativa vigente (L. 46/90); - b)– eliminazione di barriere architettoniche (L. 13/89); c)- innovazione tecnologica mediante la realizzazione di un impianto fotovoltaico di 1 kw, per la produzione di energia elettrica per il risparmio energetico, nonché la fornitura di un quadro elettronico segnapunti. Finalmente viene restituito agli amanti del tennis un impianto efficiente che per molti anni è stato impraticabile.


Lavori di costruzione struttura sociale da destinare all’accoglienza, alla cura ed all’integrazione di ragazzi diversamente abili. Importo € 300.000,00 L’Amministrazione comunale attraverso la realizzazione dell’opera punta ad offrire uno spazio finalizzato all’accoglienza, alla cura ed all’integrazione di ragazzi diversamente abili. La struttura avrà una valenza territoriale e rappresenterà una risposta concreta alle sempre più crescenti richieste rivolte al Centro Diurno Disabili di Rionero in Vulture.

Lavori di completamento centro sociale per attività culturali – ex asilo nido. Importo € 300.000,00 L’Amministrazione comunale con la realizzazione dell’opera punta a riqualificare, potenziare l’offerta socio-culturale. Attualmente la struttura oltre ad ospitare la Protezione Civile è stata più volte utilizzata dalle associazioni per attività ludicoricreative ed assembleari che hanno coinvolto molti giovani ed anziani. Il completamento dell’opera garantirà a tutta la Comunità un centro sociale operativo destinato alle associazioni. L’opera prevede, inoltre, la sistemazione e la riqualificazione di tutta l’area circostante dove verrà realizzata una piazza ed infrastrutture a servizio delle famiglie residenti.

Lavori completamento centro sociale per attività per il tempo libero (ex sede municipale). Importo € 300.000,00 L’intervento consiste nella ristrutturazione di una parte del fabbricato, ex sede municipale, destinato a centro sociale e centro anziani. L’Amministrazione comunale con la realizzazione dell’opera punta a creare spazi attrezzati per l’aggregazione giovanile e sociale, ludoteche per attività per il tempo libero. L’intervento sarà in grado di coprire il servizio su tutta la domanda per il tempo libero proveniente dall’intera popolazione comunale. L’opera prevede il recupero del secondo piano dell’ex sede municipale con la realizzazione di diverse spazi separati che verranno destinati a sede di ogni associazione presente sul territorio. Tutto ciò consentirà la collaborazione ed il dialogo positivo e propositivo fra le associazioni, garanzia per la crescita socio culturale della Comunità.


Lavori di ripristino e messa in sicurezza della rete sentieristica e viabilità di penetrazione verso il Monte Vulture. – 2° accordo di programma. Importo € 195.000,00 L’Amministrazione comunale con la realizzazione dell’opera punta a valorizzare le proprie risorse ambientali identificabili come fattori di sviluppo e di qualificazione dell’apparato produttivo e come elementi di distintività, immagine ed attrattiva del territorio mediante una rete sentieristica per escursioni a piedi, a cavallo o in bicicletta nonché della viabilità di penetrazione verso il Monte Vulture.

Lavori di ristrutturazione ambulatorio comunale. Importo € 300.000,00 L’intervento consiste nella ristrutturazione dell’ex ambulatorio comunale che è stato destinato alle attività dell’ASP. L’opera prevede la realizzazione di diversi ambulatori nei quali si svolgeranno attività socio-sanitarie, cosa che assicurerà alla Comunità la presenza di un presidio sanitario attrezzato ed organizzato rispondente alle esigenze delle fasce di popolazione più deboli: anziani, bambini e diversamente abili.

Lavori di recupero architettonico della chiesa di San Biagio e riqualificazione della aree adiacenti. Importo € 500.000,00 L’Amministrazione comunale intende raggiungere, con la realizzazione dell’opera, l’obiettivo non solo di recuperare architettonicamente le facciate esterne della chiesa nonchè revisionare il tetto di copertura, ma anche di creare una illuminazione artistica esterna e riqualificare le aree adiacenti la Chiesa stessa. Tale intervento rientra nella politica adottata dall’Amministrazione che punta al recupero ed alla valorizzazione di siti e monumenti di interesse storico-artisticoculturale.


Lavori di restauro del dipinto murale raffigurante la Madonna della stella. Importo € 13.695,00 L’opera realizzata ha consentito il recupero del dipinto murale presso l’edicola votiva ubicata in via Monastero, raffigurante la “la Madonna della Stella”, la revisione del tetto di copertura, l’installazione dell’illuminazione artistica esterna e la riqualificazione delle aree adiacenti la Chiesa stessa. Tale intervento rientra nella politica adottata dall’Amministrazione che punta al recupero ed alla valorizzazione di siti e monumenti di interesse storico-artistico-culturale.

Lavori di consolidamento Borgo di Fronte. Importo € 126.177,49 L’Amministrazione Comunale ha raggiunto, con la realizzazione degli interventi progettati, l’obiettivo di migliorare le condizioni di sicurezza, efficienza e funzionalità dell’intera zona, attraverso il consolidamento del versante tufaceo sulla ex S.S. n. 93 del Rione Borgo Di Fronte, consentendo il normale traffico sulla via Monastero sulla quale prospettano numerose cantine nonché di collegamento con il cimitero comunale e la zona PIP favorito dal nuovo impianto di pubblica illuminazione installato.

Lavori di bonifica frana e consolidamento strada in c.da Acetosella. Importo € 97.466,84 L’Amministrazione comunale ha raggiunto, con la realizzazione dell’opera, l’obiettivo di consolidare la strada denominata Acetosella nella parte a valle di via Melfi, interessata da un movimento franoso che ha comportato l’evacuazione e la conseguente demolizione di alcune abitazioni a rischio, tale intervento rientra in una politica di prevenzione del dissesto idrogeologico del territorio.


Lavori di ripristino scarpate in via Extramurale. Importo € 100.000,00 L’Amministrazione comunale ha raggiunto, con la realizzazione dell’opera, l’obiettivo di consolidare le scarpate di via Extramurale, principale strada di accesso al centro abitato di Rapolla, che ha sicuramente rappresentato l’opera più urgente ed importante dopo la frana che ha provocato l’interruzione della strada, con forti disagi per la circolazione stradale. L’impegno in prima persona del Sindaco, finalizzato a garantire la sicurezza dei veicoli e dei pedoni circolanti sulla strada, ha consentito l’ottenimento dei finanziamenti da parte della Regione Basilicata, necessari a fronteggiare una imminente situazione di pericolo.

Lavori di “pronto intervento per la messa in sicurezza della parete tufacea di via Extramurale interessata dalla frana. Importo € 55.091,36 L’intervento ha consentito il consolidamento della scarpata di via Extramurale, principale strada di accesso al centro abitato di Rapolla, interessata da un movimento franoso che ha determinato l’interruzione della S.S. 93 con forte disagio alla circolazione veicolare e pedonale. L’impegno in prima persona del Sindaco, finalizzato a garantire la sicurezza dei veicoli e dei pedoni circolanti sulla strada, ha consentito l’ottenimento dei finanziamenti da parte della Regione Basilicata, necessari a fronteggiare una imminente situazione di pericolo e di disagio.

Lavori di risagomatura sezione di deflusso del torrente “Melfia”. Importo € 544.275,69 L’intervento è stato previsto in un programma regionale di difesa del suolo, riguardante gli interventi di cui alla legge 183/1989, approvato con D.G.R. 389 in data 28/02/2000 e successivamente finanziato con decreto del Ministero dei LL.PP. n. 5453 del 23/05/2000. L’Amministrazione comunale ha raggiunto, con la realizzazione dell’opera, l’obiettivo di eliminare i dissesti idrogeologici riscontrati mediante l’utilizzo di tecnologie ecocompatibili di ingegneria naturalistica.


Lavori di sistemazione idrogeologica fosso in dx fiumara Melfia. Importo € 200.000,00 Gli obiettivi che l’Amministrazione Comunale intende raggiungere con la realizzazione degli interventi progettati sono finalizzati ad assicurare un adeguato standard di sicurezza al territorio comunale ed a prevenire fenomeni di dissesto idrogeologico.

Lavori di ampliamento aree cimiteriali e costruzione n° 90 loculi cimiteriali – Padiglione L1 - 2° lotto. Importo € 131.724,00 L’Amministrazione Comunale ha raggiunto, con la realizzazione degli interventi progettati, l’obiettivo di realizzare n. 90 loculi cimiteriali in c.a. (padiglione L1) al fine di ridurre i costi di acquisto dei loculi da parte dei privati cittadini e consentire un’offerta accessibile a tutte le fasce sociali.

Lavori di ampliamento aree cimiteriali – costruzione n. 90 loculi cimiteriali – Padiglione L2 – 3° lotto Importo € 160.560,00 L’intervento progettato è finalizzato a realizzare n. 90 loculi cimiteriali in c.a. (padiglione L2); alla trasformazione alcuni locali da adibire a bagni, distinti per uomini e donne, al fine di consentire ai cittadini un minimo di servizio igienico tutt’ora assente; la realizzazione dell’impianto elettrico nella parte ampliata; la sistemazione interna ed esterna dell’area cimiteriale; la fornitura e posa in opera di arredi (scale – cestini ecc.); la fornitura e posa in opera di verde

Lavori di costruzione 28 box in via Vulture / San Lorenzo. Importo € 219.247,56 L’amministrazione, in considerazione della carenza di parcheggi e box auto su via Vulture e San Lorenzo ha profuso ogni sforzo per completare l’opera di costruzione di 28 box che presentava in corso di esecuzione impedimenti tecnici che ne avrebbero compromesso l’ultimazione. Il suo completamento e la consegna ai cittadini sicuramente ha contribuito a migliorare e riqualificare la problematica dei parcheggi, dei passi carrabili e della circolazione veicolare.


Lavori di costruzione 10 box in via Della Repubblica / F.lli Pittaro. Importo € 183.403,91 L’amministrazione, in considerazione della carenza di parcheggi e box auto su via della Repubblica Fratelli Pittaro ha profuso ogni sforzo per completare l’opera di costruzione di 28 box che presentava in corso di esecuzione impedimenti tecnici che ne avrebbero compromesso l’ultimazione. Il suo completamento e la consegna i cittadini sicuramente ha contribuito a migliorare e riqualificare la problematica dei parcheggi, dei passi carrabili e della circolazione veicolare.

Lavori di costruzione strade interne, via Vulture. Importo € 300.000,00 L’Amministrazione Comunale ha raggiunto, con la realizzazione degli interventi progettati, l’obiettivo di migliorare le condizioni di sicurezza, efficienza e funzionalità dell’intera zona, attraverso il completamento di via Vulture, la quale rappresenta un notevole asse viario di collegamento tra la S.S.V. 658 con il centro abitato nonché di collegamento alla zona di espansione del Comune di Rapolla. Per molti anni la strada percorsa da molti veicoli e pedoni era ridotta ad una mulattiera con i conseguenti problemi lamentati ogni giorno dai cittadini. L’intervento dell’Amministrazione, finalizzato a rendere più decorose e funzionali le strade maggiormente trafficate e di accesso al centro abitato, ha consentito di rendere efficiente l’arteria viabile.

Lavori di sistemazione strade interne – 1° lotto. Importo € 40.000,00 Gli obiettivi che l’Amministrazione Comunale intende raggiungere con la realizzazione dell’intervento progettato è finalizzato ad assicurare un adeguato standard di sicurezza alla circolazione pedonale su via Vulture, interessata da un notevole flusso di traffico in considerazione che la stessa strada collega la S.S.V. n. 658 con il centro abitato e, pertanto, attraversata quotidianamente da molti utenti. L’intervento di sistemazione della gradinata consentirà inoltre la risoluzione dei problemi di infiltrazioni d’acqua nelle case sottostanti.


Lavori di messa in sicurezza strade interne – (Via Dei Platani – via Delle Acacie –via Melfi). Importo € 100.000,00 Gli obiettivi che l’Amministrazione Comunale intende raggiungere con la realizzazione degli interventi progettati sono finalizzati ad assicurare un adeguato standard di sicurezza al flusso di traffico veicolare e pedonale. L’intervento è finalizzato altresì a riqualificare urbanisticamente le aree interessate. Lavori di realizzazione di una rotatoria all’incrocio della SS 93 con via Melfi e Lavori di completamento strade interne – 2° lotto. Importo € 50.000,00 + 100.000,00 Un risultato importante raggiunto dall’Amministrazione comunale in questi anni sul fronte della gestione del traffico veicolare è stato sicuramente la sistemazione dell’incrocio della S.S. n. 93 con la via Melfi con la realizzazione della rotatoria e dei nuovi parcheggi e la riorganizzazione di alcuni componenti fondamentali del traffico: la circolazione dei pedoni – la sosta degli autobus – i parcheggi delle autovetture - oltre a migliorare la fluidità del traffico nell’incrocio e rallentare la velocità dei veicoli nell’incrocio medesimo.

L. 32/92 - Lavori di "Opere di urbanizzazione primaria – ripristino viabilità e sottoservizi via Melfi". Importo € 190.000,00 L’Amministrazione Comunale ha raggiunto, con la realizzazione degli interventi progettati, l’obiettivo di ripristinare la viabilità, le opere di urbanizzazione primaria ed i sottoservizi di via Melfi. La pavimentazione del marciapiede, l’installazione di nuovi pali di illuminazione ed il nuovo arredo urbano (panchine e cestini) ha decisamente riqualificato il corso di Rapolla dedito al passeggio dei cittadini.

L.R. 51/78. Lavori urgenti per il ripristino della viabilità interna tra via Melfi e via Lecce. Importo € 30.000,00 L’Amministrazione Comunale ha raggiunto, con la realizzazione degli interventi progettati, l’obiettivo di ripristinare la strada interna di collegamento tra via Melfi e via Lecce onde consentire una maggiore sicurezza, efficienza e funzionalità ai numerosi studenti e cittadini che giornalmente l’attraversano.


Lavori di sistemazione strade interne, Via Nazioni Unite. Importo € 58.520,21 L’Amministrazione Comunale ha raggiunto, con la realizzazione degli interventi progettati, l’obiettivo di migliorare le condizioni di sicurezza, efficienza e funzionalità dell’intera zona, attraverso il completamento di via Nazioni Unite e la sistemazione di via San Lorenzo, di collegamento con il centro abitato le quali rappresentano un notevole asse viario in quanto, attraverso le stesse si accede ad una zona di espansione ad alta densità abitativa, alle strutture commerciali (ristoranti – palestra ecc.) ivi presenti, alla Scuola Media “Mons. Alfredo Caselle” nonché alla struttura sportiva “Calcetto e Tennis” ecc.

Lavori di sistemazione strade interne, completamento Via Nazioni Unite e via San Lorenzo. Importo € 50.000,00 L’Amministrazione Comunale ha raggiunto, con la realizzazione degli interventi progettati, l’obiettivo di migliorare le condizioni di sicurezza, efficienza e funzionalità dell’intera zona, attraverso il completamento di via Nazioni Unite e la sistemazione di via San Lorenzo, di collegamento con il centro abitato le quali rappresentano un notevole asse viario in quanto, attraverso le stesse si accede ad una zona di espansione ad alta densità abitativa, alle strutture commerciali (ristoranti – palestra ecc.) ivi presenti, alla Scuola Media “Mons. Alfredo Caselle” nonché alla struttura sportiva “Calcetto e Tennis”.

Lavori di costruzione strade interne, c.da Gianvito – tronco “A”. Importo € 150.000,00 L’Amministrazione Comunale intende raggiungere, con l’opera progettata il completamento della strada interna tra la ex S.S. 303 e la nuova zona di espansione. La contrada Gianvito è stata oggetto di diversi interventi infrastrutturali da parte dell’Amministrazione poiché trattasi di una zona di espansione nella quale negli ultimi anni vi è stato un notevole incremento demografico.


Lavori di costruzione strade interne, c.da Gianvito – tronco “B”. Importo € 50.000,00 L’Amministrazione Comunale ha raggiunto, con la realizzazione degli interventi progettati, l’obiettivo di realizzare la strada interna di collegamento tra la ex S.S. 303 e la nuova zona di espansione onde consentire una maggiore sicurezza, efficienza e funzionalità ai numerosi cittadini residenti.

Lavori di realizzazione impianto di pubblica illuminazione in contrada Gianvito. Importo € 50.000,00 L’Amministrazione, al fine di rendere più sicura la Contrada Gianvito ha realizzato un nuovo impianto di pubblica illuminazione nella nuova zona di espansione del P.R.G. ad alta densità abitativa.

Lavori di sistemazione strade interne – 2° lotto. Importo € 50.000,00 Gli interventi da realizzare sono finalizzati a sistemare la strada oggi dissestata, ad installare pali di pubblica illuminazione e a realizzare marciapiedi, interventi questi che riqualificheranno l’intero quartiere rafforzando gli stantard di sicurezza. Il Consiglio comunale ha intitolato la strada al defunto sacerdote Don Giuseppe Fensore, già parroco della Chiesa Cattedrale di Rapolla.

Lavori di costruzione rete irrigua nelle campagne – 1° stralcio funzionale. Importo € 175.388,45 L’Amministrazione Comunale ha raggiunto, con la realizzazione dell’opera, l’obiettivo di costruire una rete di irrigazione a servizio di numerose utenze agricole ivi presenti. L’Agricoltura è sicuramente l’attività economica più importante per l’economia locale e l’Amministrazione ha investito molto anche dal punto di vista infrastrutturale per favorirne la crescita.


L. 225/92 – L.R. 25/98 – Interventi di ripristino viabilità rurale - azioni operative: obiettivo 6). Importo € 25.000,00 L’Amministrazione Comunale ha raggiunto, con la realizzazione degli interventi progettati, l’obiettivo di eliminare lo smottamento del terreno in prossimità del serbatoio nonché a ristrutturare e, quindi, ripristinare il funzionamento del serbatoio di alimentazione dell’acquedotto rurale in contrada Cerro.

Lavori di costruzione rete di pubblica illuminazione rurale. Importo € 105.000,00 L’opera consentirà l’illuminazione delle contrade di Rapolla dove insistono diverse aziende agricole ed abitazioni attraverso l’utilizzo di impianto di pubblica illuminazione con pannelli fotovoltaici a LED a basso impatto ambientale. Oltre ad essere un’opera che garantirà maggiore sicurezza alle famiglie ed alle aziende agricole residenti, è soprattutto un’opera di civiltà nelle campagne.

L.R. N. 23/97 – Completamento opere di viabilità rurale in agro di Rapolla Piano del Cerro. Importo € 149.037,48 Le strade rurali denominate Calderai - Cerro Nuovo – Cerro Cigliano e Strada Maestra del Cerro, a servizio di frazioni rurali appoderate in cui la presenza di aziende agricole e la popolazione residente nelle frazioni, dedita all’attività agricola, è maggiormente diffusa, sono state notevolmente danneggiate a seguito di nubifragi abbattutosi che hanno provocato allagamenti, smottamenti creando forti disagi e gravi difficoltà alla circolazione stradale, dovuti al cedimento della sede stradale. L’Amministrazione comunale ha raggiunto, con l’esecuzione dei lavori, l’obiettivo di ripristinare la funzionalità delle strade interpoderali onde consentire i regolari collegamenti alle abitazioni, alle aziende rurali ed alle aziende dedite all’allevamento esistenti in luogo. L’opera è stata realizzata con i fondi della Comunità Montana del Vulture presieduta dal nostro Sindaco Michele SONNESSA.


Lavori di completamento viabilità rurale. Importo € 100.000,00 Le strade rurali denominate Piano di Ruca e Piano di Croce, a servizio di frazioni rurali appoderate in cui la presenza di aziende agricole e la popolazione residente nelle frazioni, dedita all’attività agricola, è maggiormente diffusa, sono state notevolmente danneggiate a seguito di nubifragi abbattutosi che hanno provocato allagamenti, smottamenti creando forti disagi e gravi difficoltà alla circolazione stradale, dovuti al cedimento della sede stradale. L’Amministrazione comunale ha raggiunto, con l’esecuzione dei lavori, l’obiettivo di ripristinare la funzionalità delle strade interpoderali onde consentire i regolari collegamenti alle abitazioni, alle aziende rurali ed alle aziende dedite all’allevamento esistenti in luogo. L’opera è stata realizzata con i fondi della Comunità Montana del Vulture presieduta dal nostro Sindaco Michele SONNESSA.

Lavori di ripristino viabilità rurale. Importo € 90.000,00 L’Amministrazione comunale ha raggiunto, con l’esecuzione dei lavori, l’obiettivo di ripristinare la funzionalità delle strade interpoderali onde consentire i regolari collegamenti alle abitazioni, alle aziende rurali ed alle aziende dedite all’allevamento esistenti in luogo. L’opera è stata realizzata con i fondi della Comunità Montana del Vulture presieduta dal nostro Sindaco Michele SONNESSA.

Lavori di manutenzione straordinaria viabilità rurale. Importo € 46.282,05 L’Amministrazione comunale ha raggiunto, con l’esecuzione dei lavori, l’obiettivo di ripristinare la funzionalità delle strade interpoderali onde consentire i regolari collegamenti alle abitazioni, alle aziende rurali ed alle aziende dedite all’allevamento esistenti in luogo. L’opera è stata realizzata con i fondi della Comunità Montana del Vulture presieduta dal nostro Sindaco Michele SONNESSA.


Lavori urgenti nelle campagne. Importo € 20.000,00 Le strade rurali denominate Maestra del Cerro – Fontanalba e Braide, a servizio di frazioni rurali appoderate in cui la presenza di aziende agricole e la popolazione residente nelle frazioni, dedita all’attività agricola, è maggiormente diffusa, sono state notevolmente danneggiate a seguito di nubifragi abbattutosi che hanno provocato allagamenti, smottamenti creando forti disagi e gravi difficoltà alla circolazione stradale, dovuti al cedimento della sede stradale. L’Amministrazione comunale ha raggiunto, con l’esecuzione dei lavori, l’obiettivo di ripristinare la funzionalità delle strade interpoderali onde consentire i regolari collegamenti alle abitazioni, alle aziende rurali ed alle aziende dedite all’allevamento esistenti in luogo. L’opera è stata realizzata con i fondi della Comunità Montana del Vulture presieduta dal nostro Sindaco Michele SONNESSA.

L.R. 23-11-1978 N. 51 - Lavori di ripristino in sicurezza del transito lungo la strada rurale in contrada Cerro Nuovo. Importo € 29.000,00 Gli obiettivi che l’Amministrazione Comunale intende raggiungere con la realizzazione degli interventi progettati sono finalizzati a rendere funzionali le strade interpoderali, a riattivare le condizioni di sicurezza della circolazione stradale, alla salvaguardia della pubblica e privata incolumità e consentire i regolari collegamenti alle aziende rurali ivi presenti Lavori di Ampliamento rete gas metano nelle contrade di Piano di Chiesa e c.da Marciano. Importo € 241.610,00 L’Amministrazione comunale ha raggiunto, con la realizzazione dell’opera, un obiettivo di rilevante importanza alla messa in funzione della rete di distribuzione del gas metano in zone ad alta densità demografica. Un risultato che ha consentito di stare al passo con i tempi rispetto all’approvvigionamento energetico di tante famiglie residenti nell’area.


Una politica e un impegno concreto con la gente, tra la gente... PER LA GENTE.

Il Sindaco Michele SONNESSA


“Il nostro impegno per la collettività.”

Amministrazione Sonnessa: bilancio di mandato  

Un bilancio del mandato 2007/2012