{' '} {' '}
Limited time offer
SAVE % on your upgrade.

Page 118

galleggiare sul limo - lui sa cosa deve fare in queste situazioni, non ti preoccupare. Piuttosto, guarda un po' come si è piantato ‘sto carro! - osservò Umberto, scivolando e allungando le braccia avanti di riflesso per proteggersi dalla caduta. Cadde in avanti immergendo il ginocchio destro ed entrambe le braccia nel fango fino all’altezza del gomito. Schizzi di fango riuscirono ad arrivargli in faccia nonostante l’elmo facendogli borbottare parole indefinibili. Nonostante tutto a Lorenzo sfuggì una mezza risata che si smorzò in un rombo di tuono lontano. - La smetterà prima o poi questo maledetto temporale! no? - gridò lo stalliere guardando verso le cime degli alberi e constatando che la sua imprecazione aveva fatto spuntare, tra i nuvoloni neri, alcuni raggi di sole. D’incanto si placò il vento e la pioggia smise di scendere. - Umberto! - disse meravigliato l’amico - non potevi dirlo prima che avevi i poteri! - Sì! - rispose l’allampanato ragazzo - I poteri un paio di cogl… non farmi parlare male! guarda come mi sono inzaccherato tutto! - Ehi, voi due! - disse un armigero fatto di fango mentre cercava di spingere il carro immerso nella melma - non è il momento di scherzare, dateci una mano a toglierci dalla merda! - Prendi una corda, l’abbiamo una corda? - chiese Lorenzo - attacchiamo al tiro anche i nostri due cavalli, dovremmo riuscire a tirarlo fuori! E così fecero, legarono la corda all’arcione e incitarono i due corsieri a tirare. Con l’aiuto di altre braccia il mezzo si mosse e piano piano uscì dalla morsa del fango in cui era invischiato. Il vento intanto si placò e i raggi del sole prendendo forza emersero dalle nubi che ormai si stavano diradando, e con i raggi caldi del sole, arrivò anche Astore ad ali spiegate, fece alcuni volteggi per farsi notare e si posò dolcemente, sbattendo le ali, sulla spalla di Lorenzo come un mite pappagallo. - Bentornato amico mio! - lo accarezzò il giovane felice di averlo di nuovo accanto a sé - mi hai fatto stare in pensiero! - gli disse sfiorandogli le ali, Astore rispose con un verso stridulo. Presero le accette dal carro delle salmerie e in poco tempo liberarono la strada dai tronchi degli alberi caduti dando modo al drappello di ricongiungersi e di continuare il cammino verso il fiume Po che li stava aspettando, riservando loro alcune amare sorprese. 118

Profile for Nost Munfrà

Nel vortice del tempo  

Nel vortice del tempo la storia dello jus primae noctis che portò all'incendio del castello dei Miroglio nel racconto di Renzo Badiale da Ca...

Nel vortice del tempo  

Nel vortice del tempo la storia dello jus primae noctis che portò all'incendio del castello dei Miroglio nel racconto di Renzo Badiale da Ca...

Profile for ghigiot
Advertisement