Page 1

GIUGNO 20121 n.1째

ARTE+ILLUSTRAZIONE

Artisti

McBess Yellena James Elaine Penwell Randy Otter James Mitchell

Speciali rubriche Ewa Mos Street Art Collage

Illustrazioni su supporto materico e vettoriale


2


3

EDITORIALE Personalmente credo che la cosa più importante che ho siano i miei occhi. Guardare tante cose e osservare.Mangiare con gli occhi, respirare con gli occhi. Ogni giorno trovo grazie ai miei occhi delle cose che sento vitali. L’arte si avvale proprio di questo, di cogliere tante cose vitali e farne una cosa bella e importante per l’artista, che solo con essa può trasmettere qualcosa di vitale su se stesso. Ogni occhio è in continua ricerca visiva. Una ricerca personale o estetica di quel che ci circonda. L’arte vive di emozioni e sensazioni tratte dalla percezione visiva di ciò che ci circonda. Ai giorni d’oggi sono moltissimi gli artisti di vari ambiti. Tutti che nascono però da uno stesso punto di inizio. La famosa carta e matita, con i quali tutti tracciamo qualcosa che viene da dentro di noi. Il disegno prende poi forma, e dalla forma si cercano nuove tecniche illustrative che risaltano e rendono fantastiche figure all’inizio banali. Sono moltissimi i supporti materici da cui può nascere un illustrazione ed inutile dire che il digitale in questo ambito crea una grande svolta, con lavori mozzafiato. FollowArt cerca per i suoi lettori curiosità estetiche e personali di artisti emergenti. Si tratta sopratutto di sperimentatori di supporti che nei loro stili si nota una grande notazione illustrativa. I nostri occhi possono solo che essere affascinati dalle sfaccettature dell’arte, è interessante però conoscere il percorso personale dell’artista, perché è proprio dalla personalità e dalla vita ciò che si trasmette. A noi di FollowArt piace camminare nel fiume dell’arte cercando cose di interessanti e belle per poterle ammirare e assorbire tutto ciò che ci possono dare. Vogliamo condividere l’evoluzione dell’illustrazione perché si ritrova sempre quel sapore di grafite (che magari realmente la matita non c’è ma siamo quasi sempre convinti che ci sia).

GESSICA PADOAN


4

Colophon e Indice

Progetto editoriale per il corso di editoria. Prof. Baroni Corso di laurea: Graphic Design and Art Direction. Anno Accademico 2011/2012. NABA - Nuova Accademia di Belle Arti Milano, Italy Grafiche e impaginazione di Gessica Padoan. PubblicitĂ Bamboo Wacom. PubblicitĂ  Carhartt Streetwear. Fondatore: Gessica Padoan Editore: Baroni Fonti Fotografiche e testuali: pinterest.com abuzeedoo.com google.it facebook.com mcbbess.com yellena.etsy.com elainepenwell.com randyotter.com flickr.com carhartt.com wacom.com COVER IMAGE BY JAMES MITCHELL Stampato nel mese di giugno 2012


5

MATTHIEU BESSUDO

EDITORIALE

3

6 YELLENA JAMES

ELAINE PENWELL

10

14 RANDY OTTER

JAMES MITCHELL

20

24

EVA MOS

STREET ART

30

Indice

32 COLLAGE

36


6

Matthieu Bessudo


7

McBess alias MATTHIEU BESSUDO


8

Matthieu Bessudo

Universo in bianco e nero McBess ricorda molto “old school” cartone animato, il mondo del rock mescolato con l’età moderna.

McBess akas Matthieu Bessudo è una artista molto talentuoso illustratore francese a Londra e ha una padronanza delle sue capacità con le illustrazioni in forte contrasto e di ispirazione retrò. McBess (Matthieu Bessudo), è un illustratore francese, vive a Londra. Il suo stile è un mix di influenze come i vecchi cartoni animati Fleischer Studios, ha attualizza mediante forme contemporanee, simboli e tipi. McBess I disegni spesso si presentano al centro di

un mondo surreale pieno di riferimenti alimentari e musicali, come ad esempio amplificatori, chitarre e dischi. McBess è anche un musicista della band “The Dead Pirates”. Matthieu Bessudo è nato a Cannes e cresciuto a Auribeau-sur-Siagne, una piccola cittadina nei pressi di Cannes, in Francia. Sua madre è un insegnante di scuola elementare di La Roquette-sur-Siagne e suo padre è un designer satellite. Ha trovato subito interesse per la musica, quindi studiato la batteria per 8 anni prima di scegliere la chitarra come suo strumento preferito. Nel 2002, dopo il suo A-level nel Liceo Jules Ferry, a Cannes, ha

frequentato la rinomata scuola Supinfocom Arles multimediale. Lì ha studiato animazione 3D durante 4 anni, e al tempo stesso, ha iniziato a sviluppare un proprio stile illustrazione, al momento più colorato e meno strutturato. Nel 2006, McBess laureato presso Supinfocom con il cortometraggio “Sigg Jones” ha diretto con i suoi due amici Douglas Lassance e Jonathan Vuillemin. Il cortometraggio racconta la storia di una superstar e il suo agente. Inizialmente chiamato Bob Sapp come un riferimento alla Ultimate Fighter, un problema di copyright costretto gli autori a venire con un

nuovo titolo. Douglas Lassance è venuto con il nome “Sigg Jones” pochi giorni prima della laurea, mentre vi lavate i denti, ha poi consegnato. Sigg Jones è diventato rapidamente un punto di riferimento in animazione 3D per il suo design contemporaneo e animazione, e spesso provocato dibattiti per la sua con delle sneakers Nike e Reebok. Dopo la laurea, il trio è stato firmato singolarmente come consiglieri da The Mill, un premio Oscar VFX società con sede a Londra. Allo stesso tempo, Mc Bess ha iniziato una nuova serie di disegno, dando vita a ciò che egli descrive come il “New Mc Bess”.


9

Con la sua illustrazione “My Desk”, ha definito i nuovi codici di sue illustrazioni future: un mix di influenze tra cui i vecchi cartoni animati come Betty Boop e Merrie Melodies, spesso in una vista isometrica, si essere circondati da elementi surrealisti, cibo, e dei suoi propri strumenti. Dal 2007, McBess è stato pubblicato in diverse riviste di fama, come Juxtapoz, Illustrated Ape, e Hi-fruttosio. Lui è molto vicino alla Press Rotopol a Kassel, in Germania, che sono esclusivamente la stampa dei suoi disegni, dopo aver organizzato la sua prima mostra personale nel loro negozio nel maggio 2008. Ha anche fatto

parte di mostre a Londra, Amburgo, Tokyo, Los Angeles e Chicago. McBess ha fondato l’equipaggio figura chiamata “Salle Polyvalente”, con amici intimi della sua. Ha inoltre partecipato al “Gladiators nude” blog. Progetti Musicali: McBess usato per essere il chitarrista di una band locale chiamata “Diztrait”. McBess recentemente collaborato-up con il suo amico Simon Landrein al The Mill, e ha creato la musicavideo “ Wood (Melody Dirty)” per la sua band, i “Dead Pirates”. La clip si diffuse su Internet, ed è stato descritto su Wired e il popolare 3D Motionographer blog.

www.mcbbess.com Foto dell’artista. Le illustrazione portano lo stesso stampo di stile. Le composizioni stanno sugli stessi toni colri. Lavori del 2010,2011 fino al

2012. “Copaias”, “Tu me fatigues vraiment”, “So we Drank rye sunk XXX” su forma circolare.


10

Yellena James


11

YELLENA JAMES la sua flora e fauna


12

Yellena James

La più grande influenza, per quanto riguarda il mio lavoro, è probabilmente Madre Natura ... le parti che cerca di nascondere.

Yellena James crebbe e frequentò la scuola d’arte a Sarajevo. All’età di 18 si è trasferita negli Stati Uniti Dopo aver ottenuto la sua laurea in pittura e grafica a UCF, finalmente ha fatto il suo modo di Portland, OR. Preferendo penne, inchiostri, pennarelli e acrilici, si unisce complesse forme astratte in immagini folgoranti che assumono vita propria. Le sue disposizioni colorate di forme organiche e le linee intricate sono allo stesso tempo floreale e alieno, organico e sci-fi. Ogni mondo intimo che crea sembra possedere

il suo ethos e una sua propria capacità speciale di irradiare emozioni. James ha partecipato a mostre in giro per gli Stati Uniti, così come all’estero, tra cui: mostre personali a Giant Robot (San Francisco e Los Angeles, CA), il qui Gallery (Bristol, UK), la Galleria Hijinks (San Francisco, CA) e più. Ha anche svolto un lavoro illustrazione per Anthropologie, Relatività, Microsoft, Nike, Snowboards K2 e molti altri. Siamo stati da lungo tempo i fan del talentuoso James Yellena. Le sue opere sono dotate di alta tessitura intricati dettagli che prendono spunto dalla natura. Ha già disponibili sul RM più

di una volta. Sapevamo un’intervista con uno dei nostri artisti preferiti era il modo in ritardo. Yellena James: Sono nata a Sarajevo. Sono andata a scuola d’arte per un paio d’anni durante la guerra civile. Quando avevo 18 anni, mi sono trasferita negli Stati Uniti motivata da UCF per il mio studio di graphic design / pittura. Oltre a mostre che si prendono cura del mio negozio Etsy, faccio anche un sacco di lavoro freelance illustrazione. Recentemente ho trasferito a Portland, OR e mi piace qui. Quando non sono nel mio studio di lavoro ho i miei blog preferiti di progettazione, di solito sto per la

città visitando gallerie, mangiare buon cibo, uscire con gli amici nuovi. Amo viaggiare, ogni volta che posso. Avere spettacoli in tutto il paese è un’ottima scusa per visitare nuovi posti. Quali mezzi si usano per creare la tua arte? Mi piace usare penne, pennarelli ed altri inchiostri su carta. Mi piace anche dipingere con gli acrilici. Per questo, preferisco un pannello di legno su una tela per la quantità di controllo mi dà più i colpi. Qual è la tua principale fonte di ispirazione? Mi sono ispirata da tante cose che è difficile per me al pin punto uno principale


13

Yellena realizza tavole completamente libere e personalizzate. Sono di grandi dimensioni con colori ricercati e fantasiosi. Foto di Yellena fatta con Instagram dal suo iphone. Opere del 2008.

fonte di ispirazione. Sono assolutamente affascinato da mondi microscopici. Mi piace scoprire nuove forme di vita strane, piante, funghi, alieni sottomarini, ecc Stimolano la mia immaginazione e spesso mi ispirano per inventare i miei propri flora e fauna. Cerco di creare nuove

forme basate su ciò che mi immagino di far esistere nel mondo invisibile che ci circonda, e tentativo di suggerire i movimenti dei miei disegni che non siamo avvezzi a vedere nella nostra vita quotidiana, a sort-di passaggio quella scintilla di ispirazione ad altri come si completano i movimenti all’interno delle loro menti. Inoltre, muschio. Sono ispirata dal muschio. Non si lavora in qualsiasi altro mezzo? Ho una stampante Gocco che adoro. Ogni volta che alzo lo schermo, è come un piccolo momento zen. Ho anche una vecchia tipografia che sto pensando di inserire nelle mie stampe in

edizione limitata e prodotti di carta. Ho un ossessione leggera con tutto letterpressed ed ero così felice quando mio marito ha trovato uno per me per il mio compleanno l’anno scorso. Dove è il tuo lavoro esposto e venduto? Sono attualmente in Grass Hut in Portland e lavorare su qualche gruppo mostra per la Giant Robot a NY e SF. Inoltre sto sperando in una mostra personale al GR2 di Los Angeles a volte quest’anno, ma ancora nessuna data. Ho un piccolo spettacolo in arrivo a Seattle, una bambola Kokeshi sto lavorando per la JANM, e avrò la mia prima personale nel Regno

Unito presso la Galleria Qui Shop in Bristol. Ce ne sono altri, ma questo è ciò che viene in mente per primo. Il modo migliore per tenere traccia è attraverso il mio sito, www.yellena. com / blog. Non faccio un sacco di “blogging”. Naturalmente, per stampe a prezzi accessibili e molto altro ancora, visitare il sito www.yellena.etsy.com. Quali sono le prospettive all’orizzonte? Un sacco di mostra quest’anno. Sto anche progettando per l’abbigliamento. Sto anticipando con impazienza l’uscita del mio nuovo snowboard K2 e alcuni modelli che ho fatto per Nike / ACG.


14

Elaine Penwell


15

ELAINE PENWELL e le illustrazioni di carta


16

Elaine Penwell

Adoro la carta... il peso, l’odore, la consistenza. Quindi, anche nella sua forma base, proprio come un materiale, mi ispiro ad usarlo in tanti modi diversi. Ii taglio è ancora il mio preferito ed è la tecnica più soddisfacente per l’espressione di me stessa.


17

Speciale intervista all’ artista più talentuosa del paper cut là fuori: Elaine Penwell. 1) Presentiamo più su di te ai nostri lettori. Vorrei iniziare chiedendoti quando il vostro interesse per l’illustrazione e il taglio della carta? Grazie a voi! Davvero, non c’è mai stato un momento nella mia vita in cui non ero creativa. Ho iniziato a disegnare appena ho potuto tenere

una matita o un pennello in mano, ma il taglio della carta è venuto dopo, nei miei anni dell’adolescenza, dopo mi sona reso conto che non ero come “collegato” alla pittura come se fossi alla carta. Adoro la carta ... il peso, odore, consistenza. Quindi, anche nella sua forma base, proprio come un materiale, mi ispiro ad usarlo in tanti modi diversi. Di taglio è ancora il mio preferito ed è la più soddisfacente per la mia espressione di sé. 2) Quali sono gli artisti si usa come riferimento? Ammiro molti illustratori antichi, incisori e tagliablocchi in legno con una curva verso favole-Dore, Wulfring,

Dulac, Rackham, ecc stampe giapponesi blocco di legno, tessuti, di riferimento storico e libri di moda per le donne del 1800 è sempre ispirare nuove idee. Per quanto riguarda il lavoro moderno, mi piace Marek Colek e Pat collegamento Shewchuk: http://tincanforest. com (notare la fiaba e l’influenza mitica)il lavoro è stupendo e ci sono molti altri stencil di cui ammiro il lavoro oltre ad alcune delle sorprendenti, taglio della carta intricata e scultura gli artisti, come Brian Dettmer. Internet, ha alcuni riferimenti grande animale, ma ho anche alcune delle enciclopedie dei miei figli.

3) Descrivici un po ‘del tuo processo creativo durante la creazione di un pezzo. Per pezzi di animali, ho bisogno di fare un po ‘di ricerca e di studio prima di iniziare, ma per tutti gli altri disegni di solito mi ci infilo dentro e vedere cosa esce. A volte Si inizia con una telefonata scarabocchio, o dire il modello sulle tende di qualche parte che ho visitato come il lodge Yosemite o addirittura una puntata di “Dexter” ispirerà. Il disegno è in realtà la parte più difficile, perché devo pensare al pezzo un po ‘come uno stencil. Il mio modo di disegnare un pezzo tagliato è quasi opposto di come avrei potuto attingere per


18

Elaine Penwell

un’illustrazione. Quando illustra, è l’ombra o l’evidenziazione che definirà la forma, con ombreggiatura, e lavorano insieme per fare un tutto. Ma nel taglio, devo decidere, è la luce o il buio è che definirà il pezzo? Deve essere un disegno molto bianco e nero. Mi piace la rimozione di parti di rivelare il tutto, così l’ultima cosa che voglio avere è il pezzo cadendo a pezzi dopo che l’ho tagliata, perché ho avuto troppo entusiasta con la mia ombra. Così mi hanno veramente a concentrarsi sul disegno. Dopo aver completato il taglio, mi capovolgere il pezzo sopra in modo

che le linee di trazione non mostrano. Detto questo, mi piace vedere processo di un artista, quindi mi piace che si possono vedere alcuni dei miei disegno originale sul retro. 4) Come si fa a descrivere la vostra routine quotidiana? Devo essere creativi ogni giorno, se è in azione, di ricerca, o pensiero. Mi piacciono le persone e co-creatività, ma mi piace lavorare da solo e per lunghi tratti di tempo, preferibilmente. Perché io ho una famiglia, ho bisogno di fare la maggior parte del mio lavoro durante il giorno quando è tranquilla (o

quando posso saltare la mia musica con nessun reclamo o guardare film scuri e inappropriato) e si può concentrare senza distrazioni. Ho autodisciplina abbastanza buona e una forte etica del lavoro, così posso tenermi a lavorare non-stop e fortunatamente c’è ancora una lunga lista di idee nella mia mente per i progetti futuri. Prima di avere figli, avrei potuto lavorare giorno e notte, per giorni e giorni, con appena una pausa o di alimenti, e io ero come contenuto, come può essere. Ho dovuto fare un po ‘di ri-imparare a usare il mio tempo come una madre lavoratrice

che era anche un artista. Questa sfida su di essa proprio mi ha spinto ad essere ancora più produttivo ed inventivo con la mia routine creativa. 5) Qual è il tuo pezzo preferito finora? Hmmmm .... mi piace la dimensione e la fluidità del mio pezzo peonia, ma continuo a tornare i gufi come pezzi ho amato molto fare. Penso che il mio preferito è ancora venire però. 6) Raccontaci cinque lezioni si ritiene veramente importante per ogni illustratore. Usa i tuoi cinque sensi per disegnare. Non tutto


19

deve essere perfetto. Strabismo i tuoi occhi. Osservare osservare osservare. Practice. Direi che si applica a chiunque, davvero. Inoltre io in realtà non mi considero un illustratore, anche se è metà del lavoro che faccio e altrettanto piacevole. Gufi, elefanti, cervi, tanti tanti fiori, pappagalli nel loro ambiente naturale. Vediamo anche la foto del suo tavolo di lavoro, pieno zeppo di utensili e materiali di ogni tipo. Lavori di cut paper del 2007 e 2012. www.elainepenwell. com


20

Randy Otter


21

RANDY OTTER alias Aron Jay


22

Randy Otter

Idee che portano a immagini capricciose e originali. Questi sono fattori che non hanno prezzo.


23

www.randyotter.com Lavori degli anni 2011-2012. Foto di Randy nella sua scrivania con i suoi colleghi di lavoro e amici. Pupazzo dai denti pupazzi. Bomboletta imbarazzata. Anguria che sorride. Team di falegnami. Navi di caffèlatte. Mamma e figlio donuts.

Ciao! Il mio nome è Aron Jay e mi sono laureato ALLA Coventry University con una laurea con lode in Illustrazione e attualmente risiedo a Southampton. Per me l’illustrazione è più di un semplice lavoro, è un hobby. Con ogni pezzo di lavoro che creo cerco di ritrarre il piacere e l’entusiasmo che ho quando la resa delle immagini mi rende fiero. I miei punti di forza sono il mio stile inconfondibile che è facilmente riconoscibile e la mia reale volontà di avere successo e fare un nome per me nel settore creativo, oltre a questo ho una forte capacità per il disegno dei caratteri, dalla concettualizzazione

alla la pagina, questa è in combinazione con un talento per la teoria del colore e trovare toni che lavorano per un esempio specifico. Con ogni progetto mi avvicino portare un “modo definito e unico di visualizzazione e illustrare le idee che porta alle immagini che più intriganti” per stare in piedi fuori da altri professionisti in questo campo del lavoro. Trascorro quasi tutto il mio tempo libero la creazione di immagini e idee di disegno, abilità come anche procedendo con una serie di diversi mezzi di comunicazione e programmi creativi per assicurare che sto producendo sempre più forte il mio lavoro.


24

James Mitchell


25

JAMES MITCHELL alias Nas Chompas


26

James Mitchell

Personaggi fuori dalle righe abitano nei colori della terra. Tra musica e illustrazioni l’esplosione di questo artista.

James Mitchell viene da Portland, è un illustratore e musicista. Crea arte visiva sotto il nome Chompas Nas, e suona le percussioni in Nurses band. Recentemente ha risposto ad alcune domande fresco di un tour di un altro paese. Intervista al nostro particolare artista: 1)Uno stile unico nei personaggi, tra colore e linea. Come lo

descriveresti? Hmmmm. Beh, è difficile dirlo, soprattutto perché sto iniziando a sentire come capire le cose. Il mio lavoro sulla linea ha sicuramente un sacco di strada, sia l’arte e l’influenza dei fumetti, che è qualcosa che probabilmente non avrei potuto scrollarmi di dosso se volessi. Ma è più di una sensazione naturale che si fa strada nelle mie illustrazioni e ultimamente penso che di solito è indicato nei colori della terra e dei soggetti strani. 2)Disegna un sacco? On e off. Non ho abbozzato in questi mesi a causa del tour, ma di solito disegno tonnellate. Ho usato

per “disegnare” molto di più, dove, come ora per lo più solo delineare forme molto grezze e poi l’inchiostro li trasformano in illustrazioni a colori. Mi piacerebbe davvero rispolverare le mie capacità di disegno però. 3)Da dove viene il nome di Nas Chompas? Il mio cervello tende a fondere accidentalmente parole e frasi in nuove parole o frasi prive di senso. L’altro giorno per esempio, piuttosto che ordinare un “ginger whisky” Ho ordinato un “baffo gingey”. “Nas Chompas” è solo una frase che continuava ad emergere nella mia testa per un pò e non aveva niente a che fare con un

moniker. Se non altro, era uno strano miscuglio di Nag Champa e Natas Kaupas. Mi piace molto l’idea di trattare ogni cosa che faccio come un progetto a tempo indeterminato, così ho pensato che avere un moniker mi avrebbe aiutato a pensare più liberamente in questi termini con meno pressione su me stesso. Nas Chompas sembrava una scelta rad, e mi piace il riferimento skateboarding. È più divertente. 4)L’audio e le arti visive hanno trovato una sovrapposizione nell’illustrare per band e festival. Come sono collegati questi due campi si sia a livello


27 creativo e professionale? Entrambi sono strettamente legati in un sacco di modi, soprattutto perché si tende a chiamare naturalmente per l’assistenza degli altri. Essere coinvolti in entrambi sicuramente mi ha pensare in modi diversi e ognuno trae influenza l’altra. Ma alla fine, mi fanno sempre un lavoro migliore se riesco a concentrarsi su uno alla volta per un pò. Cicli di spendere un paio di settimane solidi su arte e poi qualche settimana di musica funzionano davvero bene. Cercando di fare entrambe le cose possono davvero mi impedisce di avere

qualsiasi creatività vale la pena. 5)Come hai fatto a entrare nella musica? Ho fatto musica on e off da quando ero un ragazzino. Alcuni amici e vorrei sempre avviare un progetto di qualche tipo, e ci piacerebbe raccogliere tutto ciò strumenti abbiamo potuto mettere le mani su, anche se non siamo riusciti a giocare bene. A volte ci erano terribili. A volte ha funzionato bene e abbiamo avuto un esplosione. Ultimamente con le infermiere ho sicuramente lavorato meglio di quanto chiunque di noi avrebbe potuto sperare.

6)C’era un progetto di illustrazione particolare che è stato avviato nel campo? Sicuramente. Nel 2007, il mio amico Adam Baz mi invitò alla “Galleria Block Breeze” a Portland. Era sempre molto solidale di me disegnare di più. Paige, che possiede la galleria, visto il mio sketchbook ed era super favorevole, oltre. Ho fatto le mie prime pitture acriliche pochi in assoluto per due spettacoli lì. Più tardi ho iniziato a illustrare con gouache come raccomandazione dal mio amico Aidan Koch, e dopo la gente da Galleria Insieme mi ha chiesto di mettere in opera in una

manciata di spettacoli lì, ho cominciato a prendere molto più sul serio. Da allora ho lavorato davvero duramente per opere d’arte. 7)Chi e / o quali sono alcune delle tue influenze? Penso che in primo luogo, skateboarding, fumetti, arte di strada, e gli anime sono i motivi principali che stava disegnando in primo luogo. Anche se il mio gusto si è spostata verso una estetica più folk, penso che quelli saranno sempre grandi influenze. Brendan Monroe è sempre stato uno dei miei preferiti pure. Mi piace come il suo lavoro


28

James Mitchell

è fantasioso e mi piace l’interazione delle cose con il loro ambiente. Alcuni altri, la cui arte ho sempre amato sono Thomas Campbell, Michael Sieben, e Barry McGee. 8)Quali altri talenti vorresti avere in più? Mi piacerebbe essere in grado di cantare molto bene di sicuro. Non è assolutamente il mio forte. 9)Raccontaci un pò su The Watchers. Gli Osservatori sono questi personaggi che tenevano spuntando nelle mie idee di schizzi per un pò, soprattutto perché mi piacciono le cose che sono per metà sommersi o


29

stanno emergendo dalla terra. Ho continuato a disegnare le teste giganti che spuntano dal terreno foresta che sembrava questi grandi, custodi benevoli o qualcosa del genere. Alla fine ho creato una storia su di loro di essere sentinelle del territorio e vanno e vengono in forme diverse, ma alla fine penso solo che si guardano amichevole ed

impressionante. 10)Cosa c’è sul ponte per Nas Chompas? Ho alcuni spettacoli in programma per il prossimo futuro, che sono veramente entusiasti di. La prima è una collettiva alla White Gallery Walls in SF nel mese di dicembre, e la seconda è al piano di sopra da lì alla galleria Tre nel mese di gennaio

con due amici da casa. Ho sicuramente un sacco di idee per nuovi lavori. Mostre e attività: dicembre 2009 - mostra collettiva invernale @ White Gallery mura, san francisco. gennaio 2010 - TBA mostra collettiva presso la Galleria tre, san francisco, ca.

Quattro foto di nas che lo rappresentano in modo divertente. Lavori del 2011. “Orso portami a caccia”, Scontro di montagne” “Mangio case”, “Io sono Fur”, “Immerso nei colori”, “L’amore uccide”.


30

RUBRICA: Ewa Moss

EWA MOS Il mio nome è Ewa Mos per gli amici Moscva. Sono freelance illustratrice /graphic designer/ fotografa. Abito nel Regno Unito. Nelle illustrazioni e nella fotografia mi piace prendere cose bizzarre. Amo teschi, cuori e teschi! Proprio cosÏ. Le mie illustrazioni sono tutte a mano, disegno e colorato in modo digitale. Mi piace unire foto e illustrazione insieme. Ha lavorato per molti dj, agenzie di eventi, clubmaking manifesti e loghi ha collaborato con Niente panico, MISBHAVE, DesignWars, SUPERSWEET, parete-over, MGZ BOLO, ALCUNI MGZ, DIM MAK.. Siti: http://www.flickr.com/ moscva/ http://www.facebook.com/ moscvaillustrations


31


32

RUBRICA: La Street Art

STREET ART Arte di strada è il nome mezzo di comunicazione di massa con forme d’arte che si manifestino in luoghi pubblici, spesso illegalmente, nelle tecniche più disparate: spray, sticker art, stencil, proiezioni video, sculture ecc. La sostanziale differenza tra la street art e i graffiti si riscontra nella tecnica non per forza vincolati all’uso di vernice spray e al soggetto non obbligatoriamente legato allo studio della lettera. Alcuni la praticano come forma di sovversione, di critica o come tentativo di abolire la proprietà privata, rivendicando le strade e le piazze con la propria arte.La street art offre infatti la possibilità di avere un pubblico vastissimo, spesso molto maggiore di quello di una tradizionale galleria d’arte.

Poland’s Katowice Street Art Festival Valencia, Spagna 2012


33 Street Art by Blu Serbia 2009

Liu Bolin & JR NYC Mural Collaboration 2012


34

RUBRICA: La Street Art

Opere di Bansky. Stencil Pulp Fiction. Park-ing. Cameriera.

Banksy (Bristol, 1974) è un artista inglese. È uno dei maggiori esponenti della street art. Si sa di lui che è cresciuto a Bristol ma la sua vera identità è tenuta nascosta. Le sue opere sono spesso a sfondo satirico e riguardano argomenti come la politica, la cultura e l’etica. La tecnica che preferisce per i suoi lavori di guerrilla art è da sempre lo stencil.

I suoi stencil hanno cominciato ad apparire proprio a Bristol, poi a Londra, in particolare nelle zone a nordest. Gli stencil di Banksy sono caratterizzati da immagini singolari ed umoristiche, a volte accompagnate da slogan. Il messaggio di solito è contro la guerra, anti-capitalistico, anti-istituzionale e a favore della pace.


35

Crevasse di Edgar Mueller nel Festival of culture 2008 Laoghaire, Irland.

Aryz Spagna 2011

Facciate di strada in decomposizione di Nikita Nomerz Russia, 2012


36

RUBRICA: Collage

COLLAGE Il termine collage indica la tecnica utilizzata per la realizzazione di opere di ogni livello prodotte per mezzo di sovrapposizione di carte, fotografie, oggetti, ritagli di giornale o di rivista. Con il tempo il termine ha iniziato ad indicare non solo la tecnica ma anche le opere stesse per metonimia. Queste opere o composizioni sono realizzate con l’utilizzo di materiali diversi incollati su un supporto che può essere di vario tipo ma generalmente rigido. La tecnica del collage venne adottata agli inizi del Novecento per la creazione di opere d’avanguardia, principalmente da esponenti del Cubismo ed in particolare Braque e Picasso. Si concretizzò una sorta di ‘polimaterismo’ che condusse sia ad una corrente Collage classica sfociante nel Futurismo e nell’Astrattismo di tendenza geometrica, sia ad una corrente collage a tre dimensioni, chiamata più esattamente assemblage che trovò grande spazio nei movimenti Neodada, nella Pop art e nel Nouveau realisme. Secondo molti il primo in assoluto a trasformare questa tecnica in una forma d’arte e a presentarla al pubblico fu John Heartfield. Come spesso succede nella vita eravamo inciampati in un filone d’oro senza nemmeno accorgercene». Tra gli altri precursori ricordiamo Raoul Hausmann, Hanna Höch, Paul Citroen, Michael Mejer e in genere tutti gli artisti di riferimento di movimenti come Bauhaus e Dada e addirittura il Surrealismo: Max Ernst, ad esempio utilizzava per i propri lavori incisioni b/n di inizio secolo. Il collage viene utilizzato anche dai futuristi italiani e da numerosi artisti lungo il corso del ventesimo secolo, tra questi è giusto ricordare Robert Rauschenberg, uno dei principali maestri di questa tecnica, denominata più precisamente combines e nome di spicco della Pop Art che mette in evidenza oggetti e frammenti della vita quotidiana nello spirito del movimento stesso.

Vediamo ora lavori del’artista belga Sammy Slabbinck. Tra vintage e contemporaneo


37

Sammy Slabbinck Belgio 2007


38


39


40

FollowArt  

Academic project created for the publishing course at NABA in Milan. The brief was to create a magazine at our leisure. I created "FollowArt...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you