Page 1

volando fra romagna e marche


Luciano Liuzzi

volando fra romagna e marche


Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata Deroga a quanto sopra potrà essere fatta secondo le seguenti modalità di legge: • Fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume dietro pagamento alla siae del compenso previsto dall’articolo 68, comma 4, della legge 22 aprile 1941 n. 633 ovvero dall’accordo stipulato tra siae, aie, sns e cna, confartigianato, casa, claai, confcommercio, confesercenti il 18 dicembre 2000 • Le riproduzioni per uso differente da quello personale potranno avvenire solo a seguito di specifica autorizzazione rilasciata dagli aventi diritto/dall’editore • Per le immagini contenute in questo volume l'editore rimane a disposizione degli eventuali aventi diritto che non sia stato possibile rintracciare Direttore editoriale: Roberto Mugavero Testi: Pier Giorgio pasini Editor: Paolo Tassoni In copertina: Ombrelloni Copyright © 2012 Minerva Soluzioni Editoriali s.r.l., Bologna Copyright © 2012 Luciano Liuzzi per le fotografie isbn 978-88-7381-476-4 Minerva Edizioni Via Due Ponti, 2 – 40050 Argelato (Bologna) Tel. 051.6630557 – Fax 051.897420 info@minervaedizioni.com – www.minervaedizioni.com Copyright © 2012 Banca Popolare Valconca, Morciano di Romagna


“Dolce paese onde portai conforme /l’abito fiero e lo sdegnoso canto/ e il petto ov’odio e amor mai non s’addorme,/ pur ti riveggo e il cuor mi balza tanto…” Le immagini di questo libro non raccontano la Maremma del Carducci ma il nostro amato territorio fra Romagna e Marche. Eppure le parole del poeta descrivono i nostri sentimenti molto meglio di quello che potrebbe fare ognuno di noi. Questi sono i luoghi che conosciamo fin da bambini, “il natio borgo selvaggio” di leopardiana memoria. Il ventunesimo volume della Collana Editoriale della Banca Popolare Valconca raccoglie alcune fotografie di Luciano Liuzzi scattate a bordo di un elicottero. Sono immagini inusuali, riprese non da terra ma neppure dal satellite e che offrono questa strana prospettiva “a mezz’aria”. Noi viviamo di solito affaccendati nelle cose di tutti i giorni, tutti i giorni sfioriamo case, palazzi, monumenti a cui gettiamo uno sguardo distratto; a volte l’impressione è quella di vivere come formiche in un cunicolo di strade. Il nostro sguardo è miope, non riusciamo ad avere una visione d’insieme. Poche volte riusciamo a guardare la realtà con un’ottica diversa. Troppo spesso, come scrive Montale noi apparteniamo tristemente alla “razza di chi rimane a terra” (d’altra parte “vola solo chi osa farlo”, come afferma Sepulveda). Eppure dovremmo cambiare prospettiva. Enzo Piccinini, grande medico modenese prematuramente scomparso, raccontava di sé: “La fisica sostiene che l’orizzonte cambia variando il punto di osservazione. Se volessi trovare una metafora che descrive la mia vita, dovrei paragonarla ad una mongolfiera che si sta alzando dal suolo, e per questo l’orizzonte si allarga sempre più. Così ogni giorno che passa scopro aspetti della vita […] che non avrei mai potuto immaginare.” E anche Benedetto XVI nel suo discorso al Bundestag tedesco afferma che “la nostra vita somiglia agli edifici di cemento armato senza finestre, in cui ci diamo il clima e la luce da soli […]. Bisogna tornare a spalancare le finestre, dobbiamo vedere di nuovo la vastità del mondo, il cielo e la terra ed imparare ad usare tutto questo in modo giusto.” Le fotografie di Luciano Liuzzi sono un’occasione che ci viene offerta, un aiuto ad evocare un orizzonte più ampio per imparare uno sguardo più umano.

Avv. Massimo Lazzarini Presidente Banca Popolare Valconca


Indice

I. Il litorale II. La pianura

15

III. L'entroterra: le valli dell’Uso e del Marecchia

55

IV. L'entroterra: le valli del Conca, del Foglia e del Metauro

71

Didascalie

29

119


volando fra romagna e marche

Come tutti anch’io per molti anni ho desiderato volare. Dall’alto si vede di più e si vede meglio, pensavo, e forse si possono cogliere aspetti del mondo (ma in realtà pensavo alle città) che da una visione ravvicinata e da dentro, o dal basso, si possono appena intuire. Debbo confessare che i miei pochi viaggi in aereo sono stati, in questo senso, delle esperienze del tutto deludenti. Ricordo bene il mio primo volo su un aereo di linea. Nebbia fitta alla partenza, poi cielo limpido lastricato di nubi compatte, impenetrabili. Uno squarcio sulle prealpi e le alpi, che permetteva una veduta nitidissima di monti e di un poco di pianura con paesi e città. Tutto mi era irriconoscibile e incomprensibile: non mi sembrava di vedere un paesaggio, bensì una carta geografica priva di punti di riferimento, una carta “muta” e parziale, e più difficile da interpretare di quella che a scuola un caparbio e un po’ sadico insegnante talvolta ci costringeva a “leggere”; con sottili nastri percorsi da tanti puntini in movimento: automobili scure e piccolissime e in fila come tante formiche. Poi ancora nubi sotto un cielo limpido. E delusione; accompagnata appena da una maggior consapevolezza di quanto sono piccoli gli uomini e di quanto è vana la loro presunzione. Per le città meglio le cupole, dunque, e i campanili e le torri. E per la campagna meglio le colline. Effettivamente rimane, però, il desiderio di vedere meglio e di più, da un alto più alto. Tanto tempo fa – ero molto giovane allora - qui a Rimini è esistito per un certo tempo un servizio di elicotteri che portava dal mare a San Leo, e ritorno naturalmente. Quando ebbi la possibilità di usufruirne, vincendo le contrarietà che si erano manifestate in famiglia («- Solo per guardare il paesaggio?»), il servizio era stato sospeso; e non fu mai più ripristinato. Peccato: un volo a mezz’aria, pensavo, deve essere sicuramente più interessante di uno sguardo da un campanile o da una collina. Ora credo sia più interessante anche di un volo a grande altezza. Però non sono mai stato in elicottero di persona, e oggi non m’importa più andarci. Ma ogni tanto mi ci porta Luciano Liuzzi, con le sue belle fotografie appunto dall’elicottero, nitide e oneste. Mi piacciono perché schivano accuratamente ogni retorica di effetti speciali; cioè niente cortine di nuvole che sfumano misteriosamente i paesi, niente colori rosati dell’alba, niente ombre lunghe di tramonti per far emergere le architetture e per annerire i fossi e le valli. Solo la luce ferma del giorno pieno forma e informa le sue immagini, che permettono di rimanere come sospesi a riflettere su case e paesi e campi e monti, e di coglierne con uno sguardo umanamente oggettivo, oltre la disposizione e la forma, la consistenza materiale, il volume e lo spessore, e i rapporti col luogo; con uno sguardo fermo, che permette di godere di una geografia umana piena si storia, e di scoprirne aspetti inconsueti o addirittura inediti, e talvolta di verificare concretamente le ragioni di vicende mutevoli altrimenti note. Tutte le fotografie di questo libro sono di Luciano Liuzzi e riguardano una parte dei territori romagnoli e marchigiani, e specificatamente il loro confluire e il loro saldarsi l’uno nell’altro. Ed ecco il lungo litorale variamente “arredato” e variamente assediato dalla moderna edificazione; ed ecco il regolare disegno dei campi che muta all’esaurirsi della pianura; ed ecco l’entroterra ricco di borghi e di memorie medioevali sacre e profane, e la disposizione delle città e delle cittadine dense di edifici vecchi e nuovi, e l’irregolare corso dei fiumi. Si tratta di fotografie che raffigurano territori diversi e pure uguali, in cui è difficile tracciare confini e individuare la linea di congiunzione dei lembi delle due regioni, che in effetti hanno molto in comune nonostante la loro diversità di conformazione e di storia. E suggeriscono motivi di riflessione e di meditazione, e raccontano storie che vale sempre la pena ascoltare, e sempre affascinanti per chi vorrà guardare, anzi volare a mezz’aria, con pazienza e attenzione. Buon viaggio, amici! Pier Giorgio Pasini

9


10


I. Il litorale

Ecco, da Cesenatico a Senigallia, una lunga striscia di territorio fra il mare e la Romea e l’autostrada: con alcune antiche città, qualche paese che si è sviluppato in epoca moderna e una striscia di sabbia: più o meno larga, più o meno insidiata dalle correnti marine e protetta da scogliere artificiali, interrotta solo dalle foci di qualche fiume e torrente che si è fatto porto (e che va orgoglioso delle sue piccole nuove darsene). E variamente “arredata” da cabine e ripari e ombrelloni disposti con regolarità geometrica e con fantasia, ancora in attesa della folla estiva. Ma soprattutto variamente insidiata da strade e costruzioni (spesso ingombranti e in alcuni casi bizzarre) che quasi ovunque hanno cancellato la vegetazione e la conformazione naturale del territorio. Come è ben noto si tratta di uno dei comparti vocati al turismo estivo più importanti d’Italia e d’Europa 11


Volando fra Romagna e Marche

12


Il litorale

13


Volando fra Romagna e Marche

14


Il litorale

15


Volando fra Romagna e Marche

16


Il litorale

17


Volando fra Romagna e Marche

18


Il litorale

19


Volando fra Romagna e Marche

20


Il litorale

21


Volando fra Romagna e Marche

22


Il litorale

23


Volando fra Romagna e Marche

24


Il litorale

25


Volando fra Romagna e Marche

26


Il litorale

27


Volando fra Romagna e Marche

28


Il litorale

29


Volando fra Romagna e Marche

30


Il litorale

31


Volando fra Romagna e Marche

32


La pianura

33


Volando fra Romagna e Marche

34


Il litorale

35


Volando fra Romagna e Marche

36


Il litorale

37


Volando fra Romagna e Marche

38


Il litorale

39


Volando fra Romagna e Marche

40


Il litorale

41


Volando fra Romagna e Marche

42


Il litorale

43


Volando fra Romagna e Marche

44


Il litorale

45


Volando fra Romagna e Marche

46


Il litorale

47


Volando fra Romagna e Marche

48


Il litorale

49


Volando fra Romagna e Marche

50


Il litorale

51


Viaggio nella valle del conca

52


Il litorale

53


Volando fra Romagna e Marche

54


II. La pianura

L’ultimo lembo della pianura padana finisce con il finire della Romagna, poco oltre Cattolica, a Gabicce e ai piedi di Gradara. è una pianura che si fa sempre più piccola, prima regolarmente scompartita da una geometria rigorosa ancora tributaria dell’antica centuriazione romana, poi mossa secondo l’andamento del suolo ormai collinare. Con case sparse e qualche villa settecentesca, e belle città e cittadine che non disdegnano prolungarsi in moderni quartieri residenziali e industriali e che spesso ospitano una modesta collina, vantando su di essa una fortezza medievale. L’agricoltura, il commercio, l’industria caratterizzano l’economia del territorio e definiscono la forma del paesaggio, vario e ovunque, fin dove è possibile, coltivato con cura, come un giardino. 55


Volando fra Romagna e Marche

56


La pianura

57


Volando fra Romagna e Marche

58


La pianura

59


Volando fra Romagna e Marche

60


La pianura

61


Volando fra Romagna e Marche

62


La pianura

63


Volando fra Romagna e Marche

64


La pianura

65


Volando fra Romagna e Marche

66


La pianura

67


Volando fra Romagna e Marche

68


La pianura

69


Volando fra Romagna e Marche

70


La pianura

71


Volando fra Romagna e Marche

72


La pianura

73


Volando fra Romagna e Marche

74


La pianura

75


Volando fra Romagna e Marche

76


La pianura

77


Volando fra Romagna e Marche

78


La pianura

79


Volando fra Romagna e Marche

80


La pianura

81


Volando fra Romagna e Marche

82


La pianura

83


Volando fra Romagna e Marche

84


III. L'entroterra: le valli dell'uso e del marecchia

Un territorio di colline, per lo più domestiche, dominato dall’ “azzurra vision di San Marino” e caratterizzato da numerosi e modesti corsi d’acqua che vengono detti fiumi, ma che in realtà sono dei torrenti asciutti per gran parte dell’anno; e che tuttavia hanno nomi gloriosi e vantano grandi meriti storici, come il sempre discusso Rubicone, per via della marcia su Roma di Cesare, o come il Marecchia, perché nasce sul Fumaiolo accanto ad un collega “sacro ai destini di Roma” e perciò ben più importante di lui. Fiumi modesti, e modeste valli, con paesi sovrastati da castelli pittoreschi che spesso hanno perso ogni impronta guerresca. Fa eccezione la parte media e alta della valle del Marecchia, che sente la vicinanza del territorio marchigiano e che ospita grandi massi rocciosi, pittoreschi e fortificatissimi. 85


Volando fra Romagna e Marche

86


L'entroterra: le valli dell'uso e del marecchia

87


Volando fra Romagna e Marche

88


L'entroterra: le valli dell'uso e del marecchia

89


Volando fra Romagna e Marche

90


L'entroterra: le valli dell'uso e del marecchia

91


Volando fra Romagna e Marche

92


L'entroterra: le valli dell'uso e del marecchia

93


Volando fra Romagna e Marche

94


L'entroterra: le valli dell'uso e del marecchia

95


Volando fra Romagna e Marche

96


L'entroterra: le valli dell'uso e del marecchia

97


Volando fra Romagna e Marche

98


L'entroterra: le valli dell'uso e del marecchia

99


Volando fra Romagna e Marche

100


L'entroterra: le valli dell'uso e del marecchia

101


Volando fra Romagna e Marche

102


L'entroterra: le valli dell'uso e del marecchia

103


Volando fra Romagna e Marche

104


L'entroterra: le valli dell'uso e del marecchia

105


Volando fra Romagna e Marche

106


L'entroterra: le valli dell'uso e del marecchia

107


Volando fra Romagna e Marche

108


L'entroterra: le valli dell'uso e del marecchia

109


Volando fra Romagna e Marche

110


L'entroterra: le valli dell'uso e del marecchia

111


Volando fra Romagna e Marche

112


L'entroterra: le valli dell'uso e del marecchia

113


Volando fra Romagna e Marche

114


L'entroterra: le valli dell'uso e del marecchia

115


Volando fra Romagna e Marche

116


L'entroterra: le valli dell'uso e del marecchia

117


Volando fra Romagna e Marche

118


L'entroterra: le valli dell'uso e del marecchia

119


Volando fra Romagna e Marche

120


L'entroterra: le valli dell'uso e del marecchia

121


Volando fra Romagna e Marche

122


L'entroterra: le valli dell'uso e del marecchia

123


Volando fra Romagna e Marche

124


L'entroterra: le valli dell'uso e del marecchia

125


Volando fra Romagna e Marche

126


L'entroterra: le valli dell'uso e del marecchia

127


Volando fra Romagna e Marche

128


IV. L'entroterra:

le valli

Conca, del Foglia e del Metauro

Oltre la placida valle del Conca, posta tra quelle del Marecchia e del Foglia e in parte ancora romagnola, il territorio più lontano dal mare e più vicino alla Toscana è dominato dalla mole del Carpegna; e si inasprisce, come è giusto che sia per un territorio che almeno in parte aspira a diventare montano. Lo caratterizzano, oltre a boschi e a pascoli, situazioni naturalistiche di grande fascino, come i sassi Simone e Simoncello. Ma per gran parte si tratta di un suolo collinare dolcissimo, spesso presidiato da rocche e da torri, verde e ben coltivato, costituito dalle valli del Foglia e del Metauro. Ospita quella perla di inestimabile valore che è la città di Urbino, uno dei centri più importanti del primo Rinascimento e capitale storica e morale di tutto il territorio. 129


Volando fra Romagna e Marche

130


L'entroterra: le valli del conca, del foglia e del metauro

131


Volando fra Romagna e Marche

132


L'entroterra: le valli del conca, del foglia e del metauro

133


Volando fra Romagna e Marche

134


L'entroterra: le valli del conca, del foglia e del metauro

135


Volando fra Romagna e Marche

136


L'entroterra: le valli del conca, del foglia e del metauro

137


Volando fra Romagna e Marche

138


L'entroterra: le valli del conca, del foglia e del metauro

139


Volando fra Romagna e Marche

140


L'entroterra: le valli del conca, del foglia e del metauro

141


Volando fra Romagna e Marche

142


L'entroterra: le valli del conca, del foglia e del metauro

143


Volando fra Romagna e Marche

144


L'entroterra: le valli del conca, del foglia e del metauro

145


Volando fra Romagna e Marche

146


L'entroterra: le valli del conca, del foglia e del metauro

147


Volando fra Romagna e Marche

148


L'entroterra: le valli del conca, del foglia e del metauro

149


Volando fra Romagna e Marche

150


L'entroterra: le valli del conca, del foglia e del metauro

151


Volando fra Romagna e Marche

152


L'entroterra: le valli del conca, del foglia e del metauro

153


Volando fra Romagna e Marche

154


L'entroterra: le valli del conca, del foglia e del metauro

155


Volando fra Romagna e Marche

156


L'entroterra: le valli del conca, del foglia e del metauro

157


Fra Carpegna e Macerata Feltria

100/105

San Marino

10

Rimini

106

Montescudo

12/17

Cesenatico

107

Monte Colombo

18/19

Bellaria, Igea Marina

108

Secchiano

20/21

Viserba

22/32

Rimini

109

Campagna della Valmarecchia Perticara

33/36

Riccione

110

Dintorni di Novafeltria

37

Misano Adriatico

38/41

Cattolica e Gabicce Mare

111

Talamello Novafeltria

42/43

Pesaro

112

Rocca di Maioletto

44

Fra Pesaro e Fano

113

Sant’Igne e San Leo

45/48

Fano

114/116

San Leo

49

Fra Fano e Marotta

117

Santa Maria di Antico

50

Marotta Fra Marotta e Senigallia

118/119

Sant’Agata Feltria

120

Pennabilli

51/53

Senigallia

121

Il Marecchia a Ponte Messa

54

Fra Cesenatico e Cesena

122

Alta Valmarecchia Bascio

56/57

Campagna cesenate

123

Gattara

58/61

Cesena

124

Casteldelci Senatello

62

Fra Cesena e Savignano sul Rubicone

125/127

alta Valmarecchia

63/64

Savignano sul Rubicone

65/66

Santarcangelo di Romagna

67

Santarcangelo di Romagna Poggio Berni

128

fiume Conca

130/131

Campagna del Conca e San Marino

68

Coriano

69

Dintorni di Coriano

132

Gemmano Montefiore Conca

70/72

San Giovanni in Marignano

133

Montefiore Conca

73/75

Fra Pesaro e Gradara

134/135

Saludecio

75/78

Gradara

136

Fra Saludecio e Mondaino

79/81

Morciano di Romagna

137/139

Mondaino

82

Monteciccardo Mombaroccio

140

Tavoleto

83

Cartoceto

141

Mercatino Conca Monte Grimano Terme

142

Fra Monte Grimano e Monte Cerignone

84

Fiume Marecchia

143

Monte Cerignone Fiume Conca

86/87

Montiano

144/145

Simone, Simoncello

88/90

Longiano

91

Roncofreddo Sogliano al Rubicone

146

Macerata Feltria Campagna della valle del Conca

147

Carpegna

92/93

Sogliano al Rubicone

148/150

Sassocorvaro

94

Montetiffi

95

Torriana

151

Sassocorvaro Fra Sassocorvaro e Fermignano

96

Montebello

97

Saiano

152

Fossombrone Fiume Metauro

98

Pietracuta Verucchio

153

Orciano di Pesaro Fermignano

99

Verucchio e dintorni

154/157

Urbino

8

159


finito di stampare nel mese di novembre 2012 per i tipi della SATE - Ferrara

Volando tra Romagna e Marche  

Le immagini di questo libro non raccontano la Maremma del Carducci ma il nostro amato territoriofra Romagna e Marche. Eppure le parole del p...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you