Page 1

Il Traffico Acqueo nella Laguna di Venezia Campagna Festiva Estiva Domenica 12 Luglio 1998

Rapporto sulla campagna di raccolta dati per la

Provincia di Venezia A cura di:

Ing. Fabio Carrera

Venice Project Center

Versione Finale

15 Agosto, 1999


INDICE 1

INTRODUZIONE ................................................................................................................................................... 7

1.1 SCOPI DELLO STUDIO ............................................................................................................................................. 7 1.2 POSSIBILI UTILIZZI DEI DATI ................................................................................................................................... 8 1.2.1 Utilizzi generali dei dati sul traffico acqueo lagunare ............................................................................... 8 1.2.2 Modello di circolazione delle imbarcazioni................................................................................................ 8 1.2.3 Regolamentazione del traffico acqueo lagunare ........................................................................................ 8 1.2.4 Educazione degli operatori di imbarcazioni............................................................................................... 9 1.2.5 Programmazione e razionalizzazione delle concessioni delle licenze ........................................................ 9 1.2.6 Creazione di uno strumento informatico di gestione delle informazioni sul traffico .................................. 9 1.2.7 Approntamento di un “Piano del traffico acqueo nella laguna di Venezia" .............................................. 9 1.3 SINTESI DEI RILEVAMENTI ESEGUITI..................................................................................................................... 10 2 2.1 2.2 2.3 2.4 3

STATO DELLE CONOSCENZE SUL TRAFFICO ACQUEO LAGUNARE ................................................ 11 INDAGINE SUL TRAFFICO ACQUEO (COMUNE 1986) ............................................................................................ 12 IL TRAFFICO ACQUEO NEI CANALI INTERNI DI VENEZIA (CARRERA, 1996) ......................................................... 13 IL TRAFFICO ACQUEO ESTIVO FERIALE NELLA LAGUNA DI VENEZIA (CARRERA, 1997) ........................................ 14 TRAFFICO ACQUEO INVERNALE FERIALE NEI CANALI INTERNI E NELLA LAGUNA DI VENEZIA (CARRERA, 1999) . 15 MATERIALI E METODI .................................................................................................................................... 16

3.1 CAMPAGNA DI RILEVAMENTO .............................................................................................................................. 16 3.2 COPERTURA SPAZIALE ......................................................................................................................................... 16 3.2.1 Stazioni di rilevamento ............................................................................................................................. 17 3.2.2 Definizione di Segmento di Rio e di Canale ............................................................................................. 17 3.2.3 Manovre monitorate ................................................................................................................................. 17 3.2.4 Canali e Segmenti Studiati ........................................................................................................................ 18 3.3 COPERTURA TEMPORALE .................................................................................................................................... 19 3.4 PARAMETRI RILEVATI ......................................................................................................................................... 19 3.4.1 Orario ....................................................................................................................................................... 20 3.4.2 Manovra (Viene DA, Va A) ....................................................................................................................... 20 3.4.3 Tipologie delle imbarcazioni .................................................................................................................... 20 3.4.4 Targa ........................................................................................................................................................ 21 3.4.5 Nome barca ............................................................................................................................................... 22 3.4.6 Carico merci ............................................................................................................................................. 22 3.4.7 Numero passeggeri ................................................................................................................................... 22 3.4.8 Autorizzazione Taxi/Gran Turismo ........................................................................................................... 22 3.4.9 Imbarcazioni di linea ................................................................................................................................ 22 3.4.10 Imbarcazioni Merci autorizzate al trasporto cose .................................................................................... 22 3.5 TASSONOMIE DI IMBARCAZIONI........................................................................................................................... 23 3.5.1 Classi di imbarcazioni .............................................................................................................................. 23 3.5.2 Destinazioni d’Uso delle imbarcazioni ..................................................................................................... 23 3.5.3 Categorie di Mobilità o di Trasporto........................................................................................................ 24 3.6 ARCHIVIAZIONE INFORMATICA DEI DATI .............................................................................................................. 24 3.7 ELABORAZIONE INFORMATICA DEI DATI .............................................................................................................. 24 3.7.1 Determinazione dei transiti per segmento ................................................................................................ 25 3.7.2 Altre elaborazioni dei dati ........................................................................................................................ 25 3.8 PRESENTAZIONE DEI RISULTATI ........................................................................................................................... 25 3.8.1 Numero di passaggi vs. media oraria ....................................................................................................... 25 3.8.2 Manovre vs. segmenti ............................................................................................................................... 25 3.8.3 Tipi vs. classi, destinazioni d’uso o categorie di imbarcazioni ................................................................ 26 3.8.4 Ora del giorno vs. mattina/pomeriggio .................................................................................................... 26 3.8.5 Metodo di analisi e presentazione dei risultati ......................................................................................... 26 3.8.6 Rappresentazione cartografica del traffico .............................................................................................. 26 4 4.1 4.2 4.3 4.4

RISULTATI ED ANALISI ................................................................................................................................... 28 DISTRIBUZIONE TIPOLOGICA DELLE IMBARCAZIONI RILEVATE ............................................................................. 28 RISULTATI PER STAZIONE .................................................................................................................................... 30 RISULTATI PER MANOVRA ................................................................................................................................... 32 RISULTATI PER SEGMENTO .................................................................................................................................. 33

2


4.5 ANALISI TEMPORALE DEL TRAFFICO .................................................................................................................... 34 4.5.1 Distribuzione temporale del traffico ......................................................................................................... 34 4.5.2 Analisi della distribuzione oraria per stazione. ........................................................................................ 35 4.5.3 Analisi della Distribuzione Oraria per Classi di Imbarcazioni. ............................................................... 36 5

DISCUSSIONE ...................................................................................................................................................... 38

5.1 ANALISI DEI FLUSSI DI TRAFFICO PREFERENZIALI................................................................................................ 38 5.1.1 Direttrici Principali .................................................................................................................................. 38 5.1.2 Circolazione attorno a Venezia ................................................................................................................ 39 5.1.3 Bocche di Porto ........................................................................................................................................ 40 5.1.3.1 5.1.3.2 5.1.3.3

5.1.4 5.1.5 5.1.6 5.2 5.3 5.4 5.4.1 5.4.2 5.4.3 5.5 5.5.1 5.5.2 5.5.3 5.5.4 5.5.5 5.5.6 5.6 5.6.1 5.6.2 5.6.3 6

Murano, S. Michele e Sant’Erasmo .......................................................................................................... 41 Burano, Torcello e Mazzorbo ................................................................................................................... 42 Lido ........................................................................................................................................................... 42 ANALISI DEL TRAFFICO SECONDO LE DESTINAZIONI D’USO................................................................................. 43 ANALISI DEL TRAFFICO SECONDO LE CATEGORIE DI MOBILITÀ ........................................................................... 44 ANALISI DELLE TARGHE....................................................................................................................................... 45 Rilevamento delle targhe .......................................................................................................................... 45 Determinazione delle targhe complete e valide ........................................................................................ 46 Analisi delle tipologie di targa ................................................................................................................. 48 ANALISI DEL TRAFFICO EXTRA-LAGUNARE......................................................................................................... 49 Gli Accessi Acquei alla Laguna ................................................................................................................ 49 Monitoraggio degli Accessi Acquei alla Laguna ...................................................................................... 49 Flussi in Entrata ed Uscita dalla Laguna ................................................................................................. 50 Accessi dalla Terraferma .......................................................................................................................... 51 Accessi al Mare ......................................................................................................................................... 52 Analisi del traffico diretto Terra-Mare (Diporto) ..................................................................................... 54 CONFRONTO CON CAMPAGNE PRECEDENTI ......................................................................................................... 55 Traffico Estivo Feriale vs. Festivo ............................................................................................................ 56 Traffico Interstagionale Feriale (Inverno vs. Estate) ............................................................................... 59 Sommario Confronti ................................................................................................................................. 61

CONCLUSIONI .................................................................................................................................................... 62

6.1 6.2 6.3 6.4 6.5 6.5.1 6.5.2 6.6 6.7 7

Bocca di Porto di Lido ........................................................................................................................................... 40 Bocca di Porto di Malamocco ................................................................................................................................ 40 Bocca di Porto di Chioggia .................................................................................................................................... 41

CONCLUSIONI GENERALI SUL TRAFFICO ESTIVO FESTIVO ................................................................................... 62 CONCLUSIONI SULLA COMPOSIZIONE DEL TRAFFICO ESTIVO FESTIVO................................................................. 62 CONCLUSIONI SULLA TEMPORALITÀ DEL TRAFFICO ESTIVO FESTIVO .................................................................. 62 CONCLUSIONI SULLE TARGHE ............................................................................................................................. 62 CONCLUSIONI GENERALI SUL TRAFFICO EXTRA-LAGUNARE ESTIVO FESTIVO .................................................... 63 Conclusioni sul Traffico Estivo Festivo alle Bocche di Porto .................................................................. 63 Conclusioni sul Traffico Estivo Festivo da e per la Terraferma ............................................................... 63 CONCLUSIONI SUI CONFRONTI TRA TRAFFICO ESTIVO FERIALE E FESTIVO .......................................................... 64 CONCLUSIONI SUI CONFRONTI TRA TRAFFICO FERIALE INVERNALE ED ESTIVO................................................... 64

BIBLIOGRAFIA RILEVANTE .......................................................................................................................... 66

3


APPENDICI A B C

D

E

F

G H

MANOVRE, SEGMENTI, ORIGINI E DESTINAZIONI MODULO DI RILEVAMENTO MAPPE DI RIFERIMENTO A TUTTA PAGINA C1 ................................................................................................................................ STAZIONI DI RILEVAMENTO C2 ............................................................................................... SEGMENTI E MANOVRE MONITORATI (VENEZIA) C3 ...................................................................................................... SEGMENTI E MANOVRE MONITORATI (LIDO) C4 ....................................................... SEGMENTI E MANOVRE MONITORATI (MURANO, S.MICHELE E S.ERASMO) C5 .......................................................................... SEGMENTI E MANOVRE MONITORATI (BURANO E MAZZORBO) C6 .............................................................................................. SEGMENTI E MANOVRE MONITORATI (TREPORTI) C7 ..................................................................................... SEGMENTI E MANOVRE MONITORATI (BOCCA DI LIDO) C8 ............................................................................. SEGMENTI E MANOVRE MONITORATI (BOCCA DI ALBERONI) C9 .............................................................................................. SEGMENTI E MANOVRE MONITORATI (CHIOGGIA) TRAFFICO PER STAZIONE D1 ......................................................................TOTALE PASSAGGI GIORNALIERI PER STAZIONE (LAGUNA NORD) D2 ........................................................................ TOTALE PASSAGGI GIORNALIERI PER STAZIONE (LAGUNA SUD) TRAFFICO PER MANOVRA E1 ....................................................... NUMERO DI PASSAGGI GIORNALIERI PER TUTTE LE MANOVRE OSSERVATE. E2 .............................................................................. TOTALE PASSAGGI GIORNALIERI PER MANOVRA (VENEZIA) E3 .................................................................................... TOTALE PASSAGGI GIORNALIERI PER MANOVRA (LIDO) E4 ..................................... TOTALE PASSAGGI GIORNALIERI PER MANOVRA (MURANO, S. MICHELE E S.ERASMO) E5 ........................................................ TOTALE PASSAGGI GIORNALIERI PER MANOVRA (BURANO E MAZZORBO) E6 ............................................................................. TOTALE PASSAGGI GIORNALIERI PER MANOVRA (TREPORTI) E7 .................................................................... TOTALE PASSAGGI GIORNALIERI PER MANOVRA (BOCCA DI LIDO) E8 ............................................................TOTALE PASSAGGI GIORNALIERI PER MANOVRA (BOCCA DI ALBERONI) E9 .............................................................................TOTALE PASSAGGI GIORNALIERI PER MANOVRA (CHIOGGIA) DISTRIBUZIONE TEMPORALE DEL TRAFFICO F1.................................................................................................................... DISTRIBUZIONE ORARIA GENERALE F2...................................................................................................................DISTRIBUZIONE ORARIA PER CLASSE F3................................................................................. TOTALE PASSAGGI ORARI PER STAZIONE (LAGUNA NORD) F4..........................................................................TOTALE PASSAGGI ORARI PER STAZIONE (LAGUNA CENTRALE) F5.................................................................................... TOTALE PASSAGGI ORARI PER STAZIONE (LAGUNA SUD) DISTRIBUZIONE PER CLASSI: DIPORTO, MERCI, TAXI, GRAN TURISMO, ACTV, REMI, NAVI, SERVIZI, ALTRO DISTRIBUZIONE PER DESTINAZIONI D’USO: USO PRIVATO, TRASPORTO MERCI, SERVIZIO DI LINEA, SERVIZIO NON DI LINEA, SERVIZI VARI, SERVIZI PORTUALI

I J

K

L

M

DISTRIBUZIONE PER CATEGORIE DI MOBILITÀ: DIPORTO, MERCI, PERSONE, ALTRO FLUSSI DI TRAFFICO PREFERENZIALI J1 ........................................................................................ FLUSSI DI TRAFFICO PREFERENZIALI (LAGUNA NORD) J2 ........................................................................................... FLUSSI DI TRAFFICO PREFERENZIALI (LAGUNA SUD) TRAFFICO EXTRA-LAGUNARE K1 .............................................................................. DIRETTRICI DI ACCESSO ALLA LAGUNA DI VENEZIA K2 ................................................. BILANCIO ORARIO ENTRATE-USCITE TRA TERRAFERMA E LAGUNA (DIPORTO) K3 ......................................................... BILANCIO ORARIO ENTRATE-USCITE ALLE BOCCHE DI PORTO (DIPORTO) K4 .................................... BILANCIO ORARIO TRAFFICO DIPORTISTICO DIRETTO TERRA-MARE IN LAGUNA NORD CONFRONTI CON CAMPAGNE PRECEDENTI L1 .................................................. CONFRONTO FERIALE/FESTIVO: PASSAGGI TOTALI ESTIVI FERIALI VS. FESTIVI L2 ................................... CONFRONTO FERIALE/FESTIVO PER CATEGORIA: PASSAGGI ESTIVI FERIALI VS. FESTIVI L3 .......................................... CONFRONTO INTERSTAGIONALE: PASSAGGI TOTALI FERIALI INVERNALI VS. ESTIVI L4 ............................ CONFRONTO INTERSTAGIONALE PER CATEGORIA: PASSAGGI FERIALI INVERNALI VS. ESTIVI L5 ..... SOMMARIO CONFRONTI: PASSAGGI FERIALI INVERNALI VS. ESTIVI E PASSAGGI ESTIVI FERIALI VS. FESTIVI PASSAGGI PER SEGMENTO

4


INDICE delle ILLUSTRAZIONI Figura 1. Le stazioni di monitoraggio del traffico (Comune 1986). ............................................................. 12 Figura 2. Copertura spaziale delle rilevazioni di traffico acqueo WPI-UNESCO (1992-94). .................. 13 Figura 3. Le dieci stazioni di rilevamento lagunare (Martedì 29 Luglio, 1997). ......................................... 14 Figura 4. Le ventitré stazioni di rilevamento del COSES (Marzo 1998). .................................................... 15 Figura 5. Le ventuno stazioni di rilevamento del presente studio. ............................................................... 16 Figura 6. Esempio di manovre (stazione 3). .................................................................................................... 18 Figura 7. Distribuzione percentuale delle principali classi considerate. ...................................................... 28 Figura 8. Totale passaggi giornalieri presso le postazioni di Venezia, Lido e Laguna Nord. ................... 30 Figura 9. Totale passaggi giornalieri presso le postazioni della Laguna Sud. .............................................. 31 Figura 10. Totale dei passaggi orari in tutte le stazioni nel giorno di conteggio. ....................................... 34 Figura 11. Passaggi orari per stazione (Laguna Nord). .................................................................................. 35 Figura 12. Passaggi orari per stazione (Laguna Centrale). ............................................................................. 35 Figura 13. Passaggi orari per stazione (Laguna Sud – Chioggia). ................................................................. 36 Figura 14. Totale passaggi orari delle otto principali classi di imbarcazioni. .............................................. 36 Figura 15. Le Manovre più trafficate nella Laguna Nord. ............................................................................. 38 Figura 16. Le Manovre più trafficate nella Laguna Sud. ................................................................................ 38 Figura 17. Flussi di Traffico attorno a Venezia. ............................................................................................... 39 Figura 18. Flussi di Traffico alla Bocca di Lido................................................................................................ 40 Figura 19. Flussi di Traffico alla Bocca di Malamocco. ................................................................................. 40 Figura 20. Flussi di traffico alla Bocca di Chioggia. ....................................................................................... 41 Figura 21. Flussi di Traffico a Murano, S.Michele e Sant’Erasmo. .............................................................. 41 Figura 22. Flussi di Traffico attorno a Burano, Torcello e Mazzorbo. ........................................................ 42 Figura 23. Totale passaggi giornalieri per manovra (Lido). ........................................................................... 42 Figura 24. Composizione del Traffico secondo le Destinazioni d’Uso. ...................................................... 43 Figura 25. Composizione del Traffico secondo le Categorie di Mobilità.................................................... 44 Figura 26. Principali Direttrici di Entrata (ed Uscita) tra Laguna ed Entroterra Veneto e tra Laguna e Mare Adriatico. ............................................................................................................................................ 49 Figura 27. Bilancio Orario di entrate ed uscite tra Terraferma e Laguna (diporto). .................................. 51 Figura 28. Bilancio di entrate ed uscite orarie alle bocche di porto (diporto). ........................................... 52 Figura 29. Traffico Diretto Terra-Mare in Laguna Nord (Diporto). ............................................................ 54 Figura 30. Confronto tra dati estivi Feriali (barre rosse) e Festivi (barre verdi). ......................................... 56 Figura 31. Confronto delle Categorie di trasporto estivo rilevate durante la settimana (torte a sinistra) e nei weekend (a destra). ................................................................................................................................ 57 Figura 32. Distribuzione percentuale estiva per classi: Feriale (sinistra) e Festiva (destra). ..................... 58 Figura 33. Confronto Interstagionale tra dati Feriali Invernali (barre blu) ed Estivi (barre gialle). .......... 59 Figura 34. Confronto Interstagionale per Categorie: Dati Feriali Invernali (torta a sinistra) ed Estivi (destra). .......................................................................................................................................................... 60 Figura 35. Distribuzione percentuale feriale per classi Inverno (sinistra) ed Estate (destra). .................. 60 Figura 36. Sommario Confronti: Interstagionale Feriale (barre blu/gialle) e Feriale/Festivo Estivo (barre rosso/verdi)....................................................................................................................................... 61

5


INDICE delle TABELLE Tabella 1. Sommario generale. ........................................................................................................................... 10 Tabella 2 . Confrontabilità tra le stazioni lagunari del presente studio e quelle monitorate in passato. . 11 Tabella 3 . Stazioni monitorate. ......................................................................................................................... 17 Tabella 4 . Tipologie di imbarcazioni considerate. ......................................................................................... 21 Tabella 5 . Tassonomie di classificazione delle imbarcazioni circolanti. ..................................................... 23 Tabella 6. Classi di imbarcazioni considerate. ................................................................................................. 23 Tabella 7. Destinazioni d’Uso considerate. ...................................................................................................... 23 Tabella 8. Categorie di imbarcazioni................................................................................................................. 24 Tabella 9. Totale passaggi per classe. ................................................................................................................ 29 Tabella 10. Passaggi presso ogni postazione, in ordine decrescente. ........................................................... 30 Tabella 11. Le prime 20 manovre più trafficate. ............................................................................................. 32 Tabella 12. I primi 20 segmenti più trafficati................................................................................................... 33 Tabella 13. Distribuzione oraria dei passaggi complessivi per ciascuna Classe considerata..................... 37 Tabella 14. Sommario del Traffico secondo le Destinazioni d’Uso. ............................................................. 43 Tabella 15. Principali tipologie di targa presenti in Laguna. ........................................................................... 45 Tabella 16. Sommario del rilevamento delle targhe per stazione. ................................................................ 45 Tabella 17. Codici e tipologie di targa. .............................................................................................................. 46 Tabella 18. Sommario della qualità del rilevamento delle targhe per stazione. ........................................... 47 Tabella 19. Frequenze per stazione dei vari tipi di targa ................................................................................ 48 Tabella 20. Direttrici di Accesso alla Laguna e Stazioni e Manovre Corrispondenti. ................................ 49 Tabella 21. Traffico in entrata ed Uscita dalla Laguna. ................................................................................... 50 Tabella 22. Traffico Entroterra-Laguna. ........................................................................................................... 51 Tabella 23. Traffico Mare-Laguna. .................................................................................................................... 52 Tabella 24. Stazioni utilizzabili per confronti Festivo/Feriale e Invernale/Estivo. .................................. 55 Tabella 25. Confronto tra giorno Feriale (Martedì) e Festivo (Domenica) in Estate. ............................... 56 Tabella 26. Confronto per Categoria tra giorno Feriale (Martedì) e Festivo (Domenica) in Estate. ...... 57 Tabella 27. Confronto tra giorno Feriale (Martedì) Invernale ed Estivo. ................................................... 59

6


1 INTRODUZIONE Tra i loro compiti istituzionali, il Comune di Venezia e la Provincia di Venezia hanno giurisdizione sulla gestione ed il controllo dei trasporti acquei di persone e cose nella Laguna di Venezia. La conoscenza dei flussi di traffico acqueo nelle acque comunali e provinciali è di importanza fondamentale per i responsabili degli uffici mobilità del Comune e della Provincia di Venezia, rispetto alle decisioni che essi devono prendere nell’esercizio delle loro funzioni. Solo sei rilevamenti sufficientemente estesi e sistematici sono stati effettuati dal 1986 ad oggi. Cinque di questi studi hanno interessato quasi esclusivamente i canali interni di Venezia: due studi del Comune di Venezia (1986 e 1987), uno studio approfondito commissionato dall’UNESCO (Worcester Polytechnic Institute – Venice Project Center, WPI-VPC, 1992-94), due studi recenti del COSES (1997, 1998). Un solo studio si è concentrato sul traffico prettamente lagunare, attraverso una campagna di rilevazione condotta dal WPI-VPC per conto della Provincia di Venezia, durante una giornata feriale dell’estate del 1997. Questo rapporto presenta i risultati di una seconda campagna estiva di raccolta dati sul traffico acqueo in tutta la laguna, portata a termine dal WPI-VPC durante la seconda domenica del Luglio del 1998 su commissione della Provincia di Venezia. Il conteggio delle imbarcazioni è stato effettuato presso ventuno stazioni distribuite lungo i principali canali di tutta la laguna da Torcello a Chioggia, nella giornata dei Domenica 12 Luglio, 1998, per undici ore continue (ore 8:30-19:30). I capitoli che seguono descrivono le metodologie applicate, presentano i risultati in maniera sintetica ed indicano i possibili utilizzi dei dati per applicazioni modellistiche e soprattutto per il supporto alle decisioni dei tecnici della Provincia di Venezia. 1.1

Scopi dello studio

Lo scopo principale di questo studio è quello di fornire un supporto scientifico alle decisioni dell’Amministrazione della Provincia di Venezia per quanto di sua competenza rispetto alle leggi ed ai regolamenti vigenti. Questa campagna aveva due obbiettivi generali: (i) predisporre una futura raccolta sistematica di informazioni, e (ii) produrre una base di dati omogenea e ripetibile da utilizzare come "baseline" per ulteriori ricerche sul traffico lagunare, per applicazioni modellistiche e per studi comparativi a distanza di alcuni anni. Inoltre, essendo questa la seconda campagna estiva, e la prima in assoluto a rilevare i dati relativi al traffico diportistico domenicale, questo rapporto intende anche: (i) consentire un primo confronto tra dati estivi feriali e festivi, (ii) identificare le direttrici di traffico in entrata ed uscita dalla laguna. I dati qui presentati possono essere di concreta ed immediata utilità operativa per gli addetti alla gestione del traffico e della mobilità della Provincia di Venezia. I principali contributi di questo progetto sono i seguenti: • Definizione di ulteriori segmenti di canali lagunari con codificazione della toponomastica e della cartografia di riferimento per continuare a sviluppare una base standardizzata per future integrazioni dei dati; • Continuazione della predisposizione di una serie di livelli di cartografia numerica di riferimento estendibili a future campagne; • Affinamento di una metodologia facilmente duplicabile per la raccolta di dati sul campo; • Creazione di tutti i supporti informatici necessari per un'efficiente gestione dei dati; • Messa a punto di un sistema G.I.S. per la gestione grafica e spaziale dei dati, come supporto alle decisioni sul breve, medio e lungo periodo; • Supporto alla modellizzazione numerica del traffico acqueo; 7


• Creazione di una base informativa utile alla determinazione della variazione del traffico nel tempo. Il presente rapporto costituisce inoltre un ulteriore tassello di un’auspicabile base informativa integrata sul traffico acqueo lagunare, che dovrebbe raccogliere tutti i dati esistenti nella pubblica amministrazione, ovvero i registri della Motorizzazione Civile e della Capitaneria di Porto; le licenze comunali, provinciali e regionali; le leggi, i regolamenti e le competenze dei vari organi di controllo sui vari segmenti di canali interni e lagunari, oltre che a tutte le informazioni esistenti sui flussi di traffico, come quelle qui discusse. 1.2

Possibili utilizzi dei dati

Elenchiamo, nei paragrafi seguenti, alcuni possibili utilizzi dei dati acquisiti in questa campagna. 1.2.1

Utilizzi generali dei dati sul traffico acqueo lagunare

Senza complicate elaborazioni, i dati raccolti possono essere d'immediata utilità per i seguenti fini: • •

Caratterizzazione del traffico acqueo in ogni segmento studiato Distribuzione temporale e spaziale dei vari tipi di imbarcazioni circolanti

1.2.2 Modello di circolazione delle imbarcazioni I risultati di questa campagna e di quelle che seguiranno in futuro saranno utili per lo sviluppo e la calibrazione di un modello del traffico acqueo, "tarato" sui canali studiati. 1.2.3

Regolamentazione del traffico acqueo lagunare

Un’analisi approfondita dei risultati qui presentati potrebbe suggerire soluzioni normative per alcune problematiche connesse al traffico acqueo. Le imbarcazioni circolanti contribuiscono non poco alla congestione dei canali lagunari e si potrebbe teoricamente regolamentare il loro numero, le loro dimensioni (compresa la potenza del motore e la forma dello scafo), gli orari di navigazione, i sensi di marcia e quant’altro. La quantificazione, attraverso questa campagna domenicale estiva, della consistenza numerica di imbarcazioni prive di targa dovrebbe essere utile a varare un sistema di immatricolazione generale per tutte le imbarcazioni, onde consentirne il controllo e le eventuali responsabilità in caso di infrazioni o incidenti. I motori, gli scafi e le velocità delle imbarcazioni creano moto ondoso che danneggia le sponde dei canali, sia quelle in muratura lungo il perimetro dei centri abitati, che quelle “naturali” di barene o argini. La presenza di alti livelli di traffico motorizzato nei canali monitorati si potrebbe correlare ad un’approfondita analisi dei danni indotti sugli argini, per esplorare le reali correlazioni tra traffico e danni. Tali relazioni di causa ed effetto dovrebbero dare più forza ad eventuali proposte di regolamentazione di scafi e motori. Esiste infine un pericolo sempre più reale per l’incolumità personale di quanti si muovono per le vie acquee lagunari, visto il numero sempre crescente di incidenti, purtroppo anche letali, che si verificano in laguna soprattutto nel periodo estivo. Un’adeguata normativa, basata sui dati raccolti ed accompagnata da appropriate misure di repressione e controllo, potrebbe senz’altro migliorare l’attuale situazione.

8


1.2.4

Educazione degli operatori di imbarcazioni

Programmi educativi per gli addetti ed operatori di imbarcazioni in Laguna potrebbero essere in qualche modo istituzionalizzati e resi obbligatori per quanti frequentano le vie acquee sia per lavoro che per svago. Queste attività educative, che sarebbero complementari alle misure normative e repressive di cui sopra, potrebbero beneficiare dalle conoscenze prodotte da questa campagna, facilitando l’identificazione delle tipologie di utenti a cui indirizzare i servizi educativi obbligatori. L’obbligatorietà della frequenza ai corsi potrebbe essere allacciata a rinnovi di licenze o permessi di vario tipo, oltre che ad esami per la patente e per l’iscrizione ai vari albi professionali od artigiani, oppure a sconti sull’assicurazione delle imbarcazioni o quant’altro. In tutti i casi, sembra abbastanza ovvio che la conoscenza dei flussi di circolazione potrebbe senz’altro aiutare a definire le tipologie dei corsi ed a pianificare il loro contenuto pedagogico. 1.2.5

Programmazione e razionalizzazione delle concessioni delle licenze

I dati qui descritti, con eventuali integrazioni, potrebbero essere utili nel breve termine, per la programmazione del numero di licenze per trasporto di persone o cose, su cui il Comune e la Provincia sono tenuti ad esprimersi. Alternative all’attuale sistema di trasporti di persone o cose, di linea e non, potrebbero essere supportate dai dati qui presentati e da quelli che verranno raccolti in futuro. La consistenza numerica di alcune tipologie di flusso lungo alcune tratte interlagunari potrebbe ad esempio suggerire l’introduzione di servizi di linea tra le due estremità di tali percorsi preferenziali (sia per persone che per cose). 1.2.6

Creazione di uno strumento informatico di gestione delle informazioni sul traffico

I programmi di gestione dei dati utilizzati per la preparazione di questo rapporto potrebbero costituire i primi tasselli di un sistema informativo sulla circolazione delle imbarcazioni nel bacino lagunare. Il sistema attuale si basa su un Geographical Information System (Mapinfo®) collegato a varie banche dati (in Microsoft Access®) opportunamente disegnate in funzione del tipo di analisi da effettuare sul set dei dati di campagna. In futuro, mappe e banche dati potrebbero essere unificate in un’unica applicazione gestionale (in Visual Basic®). 1.2.7

Approntamento di un “Piano del traffico acqueo nella laguna di Venezia"

La Provincia di Venezia, il Comune e le altre autorità competenti potranno tenere conto di tutte le indicazioni che emergeranno da questo studio, e da studi passati e futuri, per approntare un piano globale di gestione della mobilità lagunare in tutti i suoi aspetti: regolamentazione del traffico, metodologie di controllo, frequenze e modalità di aggiornamento dei dati, monitoraggio degli effetti del moto ondoso ed altri ancora.

9


1.3

Sintesi dei rilevamenti eseguiti

I dati qui presentati si riferiscono ai conteggi di imbarcazioni effettuati simultaneamente Domenica 12 Luglio 1998 presso 21 stazioni di rilevamento in tutta la Laguna di Venezia. La Tabella 1 riassume i dati salienti relativamente al lavoro svolto sul campo. Tabella 1. Sommario generale del Traffico Festivo Estivo.

Data Campagna Numero Stazioni Numero Rilevatori Ora Inizio Conteggi Ora Fine Conteggi Totale Ore di Rilevamento

Numero Passaggi Rilevati Numero Passaggi Analizzati Percentuale Imbarcazioni da Diporto Percentuale Imbarcazioni Merci Percentuale Taxi Percentuale Imbarcazioni Gran-Turismo Percentuale Mezzi ACTV Percentuale Unità Servizi, Remi, Navi o Altro Percentuale di Rilevamento Targa Numero Imbarcazioni con Targa Percentuale Targhe Presenti Ora di Punta Totale passaggi all’ora di punta Media passaggi per Stazione all’ora di punta Totale Passaggi Trasporto Pubblico di Linea Totale Passaggi Trasporto Pubblico Non di Linea Totale Passaggi Giornalieri Trasporto Merci Totale Passaggi Giornalieri Trasporto Persone Totale Passaggi Giornalieri Diporto Media Oraria Generale Media Oraria per stazione

12/7/98 21 53 8:30 19:30 11

domenica stazioni rilevatori am pm ore 31.760 passaggi (11 ore) 30.428 passaggi (10 ore) 76% 2% 8% 5% 7% < 1% ciascuna 80% targhe rilevate 7.240 targhe riscontrate 29% targhe presenti 11-12 Mattino 3.995 Passaggi (in tutte le stazioni) 159 Passaggi/stazione 2.128 Passaggi in 10 ore 3.981 Passaggi in 10 ore 653 Passaggi in 10 ore 6.109 Passaggi in 10 ore 23.414 Passaggi in 10 ore 3.043 Passaggi/ora 145 Passaggi/ora/stazione

Come si può notare, questi dati implicano che, in media, i 53 rilevatori impegnati nella campagna festiva estiva del 12 Luglio 1998 hanno rilevato il passaggio di oltre due imbarcazioni al minuto presso ciascuna delle stazioni. Il fatto che sia stato riscontrata una targa solo per il 29% delle imbarcazioni rende inoltre poco plausibile la determinazione, anche parziale, dei percorsi seguiti dalle varie imbarcazioni. L’assenza generalizzata di targhe è da imputare principalmente al fatto che il traffico estivo del fine-settimana è prevalentemente di tipo Diportistico (23.414 passaggi su 30.428, pari al 76%). Il picco massimo di traffico si registra attorno tra le 11 del mattino e mezzogiorno. Nella giornata di rilevamento sono stati registrati più passaggi di imbarcazioni adibite al trasporto non di linea che mezzi di linea presso le 21 stazioni studiate.

10


2 STATO delle CONOSCENZE sul TRAFFICO ACQUEO LAGUNARE Il traffico acqueo nei canali della laguna di Venezia è stato studiato approfonditamente solo a partire dallo studio dell’estate 1997 (Carrera 1997). La comparsa delle imbarcazioni a motore nell’ultimo dopoguerra e la crescita esponenziale della loro presenza, soprattutto nelle calde giornate estive, rende impellente la copertura di questa lacuna. Nel 1986 il Comune di Venezia ha svolto due giornate di rilevazione del traffico acqueo in 24 stazioni. Tre di queste stazioni possono considerarsi “lagunari”: S.Giuliano e Murano (2). Un paio di stazioni sono state in parte duplicate dalla nostra campagna e si prestano quindi ad un confronto sulla crescita dei flussi nel tempo (11 anni). La seconda indagine sul traffico acqueo del Comune, del 1987, non comprende alcuna stazione “lagunare” né “periferica” e non si presta quindi ad alcun confronto diretto. Tra il 1992 ed il 1994, vari gruppi di studenti del Worcester Polytechnic Institute hanno svolto una serie di campagne di conteggio del traffico nei canali di Venezia, nell’ambito del progetto UNESCO Venice Inner Canals, da cui è stato tratto il rapporto intitolato Il Traffico Acqueo nei Canali Interni di Venezia (Carrera, 1996). Benché tali campagne si siano esplicitamente limitate ai soli canali interni alla città, alcune stazioni hanno toccato marginalmente anche alcuni canali lagunari, con almeno una sovrapposizione interessante con una stazione del presente studio (la stazione N. 3, vedi paragrafo 2.2). Nel 1997 il Venice Project Center ha condotto, per conto della Provincia di Venezia, una rilevazione feriale estiva su 10 stazioni lagunari i cui risultati sono stati presentati in un rapporto redatto dal Prof. Carrera (Carrera 1997). Nove stazioni monitorate nell’estate del 1997, ovvero tutte tranne una (la numero 4, che è stata spostata un po’ più a sud), si sovrappongono con altrettante stazioni del presente studio, come indicato nella Tabella 2. Tabella 2 . Confrontabilità tra le stazioni lagunari del presente studio e quelle monitorate in passato. Stazione Festiva Provincia 1998

Nome Sito

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21

Murano Ovest (Venier) Murano Est (Navagero) San Giobbe (ex macello) San Leonardo Malamocco Lido - S.M.Elisabetta Lido - 4 Fontane Mazzorbo Lido - San Nicolò Sant'Erasmo Burano Nord Burano Sud Treporti (Ricevitoria) Canale Pordelio Punta Sabbioni (Bocca) San Michele (Cimitero) Punta Salute Marittima (Scomenzera) Faro Alberoni (Bocca) Chioggia - San Felice (Bocca) Chioggia - Piazza

Stazione Comune 1986 24 23? 25

Stazione WPI 92-94

CN-5

Stazione Feriale Provincia 1997 1 2 3 5 6 7 8 9 10

23?

CN-3? SMZ-4 SC-4

Stazione feriale COSES 1998 20 21 18

19 23

22 3

Infine, nel 1998 il COSES ha condotto, per conto del Comune e della Provincia di Venezia, una rilevazione feriale tardo-invernale su 23 stazioni prevalentemente cittadine, ma con alcune stazioni lagunari. I risultati sono stati presentati in un rapporto redatto dal Prof. Carrera (Carrera 1999). Sei stazioni monitorate nel Marzo del 1998 (numero 18-23) sono state localizzate 11


appositamente per fornire dati confrontabili con lo studio Provinciale del 1997, e quindi si sovrappongono con altrettante stazioni del presente studio, come si vede nella Tabella 2. 2.1

Indagine sul Traffico Acqueo (Comune 1986)

Lo studio del Comune del 1986 (Comune, 1986) comprendeva 24 stazioni a Venezia, piĂš 2 stazioni a Murano ed 1 stazione a punta S.Giuliano (vedi mappa in Figura 1), monitorate per due giorni (MartedĂŹ 30 Settembre e GiovedĂŹ 2 Ottobre, 1986) per 12 ore, dalle 7 alle 19.

Figura 1. Le stazioni di monitoraggio del traffico (Comune 1986).

Le stazioni 23, 24 e 25 dello studio del Comune potrebbero essere confrontate, almeno parzialmente con le stazioni 1, 2 e 3 del presente studio.

12


2.2

Il Traffico Acqueo nei Canali Interni di Venezia (Carrera, 1996)

I rilevamenti del Worcester Polytechnic Institute nellâ&#x20AC;&#x2122;ambito del progetto UNESCO si sono concentrati sui canali interni della cittĂ (Figura 2), toccando solo marginalmente il Canal Grande ed i grandi canali periferici (Fondamente Nuove, Giudecca, ecc.) e sono stati eseguiti per un numero variabile da due a sette giorni nella fascia oraria dalle 6 alle 18, salvo rare eccezioni.

Figura 2. Copertura spaziale delle rilevazioni di traffico acqueo WPI-UNESCO (1992-94).

La stazione CN-5 (sopra) coincide esattamente con la Stazione 3 della campagna discussa in questo rapporto e si presta quindi ad un confronto a distanza di anni.

13


2.3

Il traffico acqueo estivo feriale nella laguna di Venezia (Carrera, 1997)

La prima campagna di rilevamento del traffico acqueo in acque di competenza della Provincia di Venezia ebbe luogo nella giornata di martedì 29 Luglio 1997. Furono coperte in tutto 10 stazioni sparse in tutta la laguna centro-nord, come si vede nella Figura 3. I conteggi ebbero luogo per 11 ore, tra le ore 7 e le ore 18.

Figura 3. Le dieci stazioni di rilevamento lagunare (Martedì 29 Luglio, 1997).

Pressoché tutte le stazioni del 1997 sono state incorporate nel presente studio, come indicato nella Tabella 2. Solo la stazione numero 4 è stata spostata da Fusina a San Leonardo, che è un punto più nevralgico sempre sul Canale dei Petroli.

14


2.4

Traffico acqueo invernale feriale nei Canali Interni e nella Laguna di Venezia (Carrera, 1999)

Una campagna di rilevamento tardo-invernale è stata effettuata dal COSES (Consorzio per la Ricerca e la Formazione) nella giornata di martedì 17 Marzo 1998 su 23 stazioni distribuite lungo i principali rii e canali della città di Venezia e della Laguna. Le 23 stazioni erano sparse per la città e nella laguna centro-nord, come si vede nella Figura 4.

Figura 4. Le ventitré stazioni di rilevamento del COSES (Marzo 1998).

Le sovrapposizioni con il presente studio, anche in questo caso, non sono fortuite, ma pianificate, in quanto la metodologia adottata dal COSES fu suggerita dalla nostra esperienza estiva del 1997 (Carrera, 1997), su cui si basa anche questo studio. Le sovrapposizioni tra stazioni furono concordate con i tecnici della Provincia (vedi Tabella 2) proprio per permettere un confronto feriale inter-stagionale tra Estate (1997) ed inverno (1998) per almeno 6 stazioni.

15


3 MATERIALI e METODI In questo capitolo vengono descritte le Metodologie generali e gli strumenti usati per la raccolta, archiviazione, elaborazione e presentazione dei dati raccolti nella campagna del 12 Luglio 1998, mentre nel capitolo successivo vengono illustrati i Risultati del progetto. 3.1

Campagna di rilevamento

La campagna di rilevamento qui descritta ha avuto luogo nella giornata di domenica 12 Luglio 1998 su 21 stazioni distribuite lungo i principali canali della Laguna di Venezia. La campagna è stata condotta da rilevatori ingaggiati dal WPI Venice Project Center. 3.2

Copertura spaziale

Nella campagna in oggetto, sono state coperte in tutto 21 stazioni sparse per la cittĂ e nella laguna, come si vede nella Figura 4 (vedi anche Appendice C1).

Figura 5. Le ventuno stazioni di rilevamento del presente studio.

16


3.2.1

Stazioni di rilevamento

Le postazioni usate per i rilevamenti (vedi Figura 4, ed Appendice C1) sono elencate nella Tabella 3. Le postazioni sono state selezionate secondo i Tabella 3 . Stazioni monitorate. seguenti criteri: Stazione Numero Nome Stazione 1 Murano Ovest (Venier) 2 Murano Est (Navagero) 3 San Giobbe (ex macello) 4 San Leonardo 5 Malamocco 6 Lido - S.M.Elisabetta 7 Lido - 4 Fontane 8 Mazzorbo 9 Lido - San Nicolò 10 Sant'Erasmo 11 Burano Nord 12 Burano Sud 13 Treporti (Ricevitoria) 14 Canale Pordelio 15 Punta Sabbioni (Bocca) 16 San Michele (Cimitero) 17 Punta Salute 18 Marittima (Scomenzera) 19 Faro Alberoni (Bocca) 20 Chioggia - San Felice (Bocca) 21 Chioggia - Piazza

3.2.2

1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9.

3 stazioni alle bocche di porto (15, 19, 20) 3 stazioni a Burano-Mazzorbo (8, 11, 12) 1 stazione a S.Erasmo (10) 3 stazioni a Murano e cimitero S.Michele (1, 2, 16) 2 stazioni sul litorale di Cavallino (13, 14) 3 stazioni a Venezia (3, 17, 18) 4 stazioni al Lido di Venezia (5, 6, 7, 9) 1 stazione su barca nei pressi di S. LeonardoCanale dei Petroli (4) 1 stazione a Chioggia città (21)

Le stazioni 1-3 e 5-10 si sovrappongono esattamente con le postazioni omonime della campagna estiva del 1997 (feriale) condotta dallo stesso autore sempre per conto della provincia (vedi Tabella 2 e Figura 3).

Definizione di Segmento di Rio e di Canale

Dato che la toponomastica non fornisce una base idonea per una classificazione precisa dei canali lagunari e delle loro estensioni fisiche, si è reso opportuno attribuire codici identificativi a tutti i componenti fisici della rete idrica studiata. Per far questo sono state definite entità fisiche dette segmenti per rappresentare tutti i tratti di canale tra due nodi (intersezioni). In questo modo, le unità fondamentali della rete, cioè i segmenti, sono tutte identificabili in maniera univoca ed inequivocabile. La definizione di segmento usata in questo studio è la seguente: Definizione 3.1

Un segmento è un tratto di rio o di canale lagunare tra due intersezioni idrauliche con altri rii e/o canali lagunari o anche con rii terà. L'appellativo canale o rio verrà da ora in poi usato solo per riferirsi ai corsi d'acqua lagunari (canale) o cittadini (rio) secondo la toponomastica tradizionale, mentre segmento si riferirà ai tratti di rio o canale non ulteriormente divisibili. Ad ogni segmento così definito è stato attribuito un codice identificativo, composto da 4 lettere seguite da un numero di una o due cifre 1. Ogni segmento è anche stato riportato su un livello separato della cartografia elettronica. 3.2.3

Manovre monitorate

Presso ogni postazione utilizzata per i conteggi sono disponibili m manovre, che rappresentano tutti i percorsi che attraversano le intersezioni attorno a tale postazione. I vertici di tutte le manovre sono stati identificati sul campo con lettere dell’alfabeto (A, B, C... nella Figura

1

Il suffisso numerico è utilizzato qualora un unico toponimo di canale venga suddiviso in più segmenti. In tal caso il segmento più a nord riceve il suffisso 1, e poi via via crescendo da Nord a Sud.

17


6) 2. Ogni manovra è stata quindi registrata come spostamento da un vertice ad un altro (da A a B, da B a A, ecc. nella Figura 6) secondo la direzione di moto. In generale, il numero di manovre possibili (m) in un intersezione con n segmenti di entrata/uscita è dato dalla relazione: n m =   =  2

n! ( n - 2 )!

(eq. 1)

Nell'esempio della Figura 6, sono evidenziate le manovre possibili in un'intersezione campione (stazione 3).

Figura 6. Esempio di manovre (stazione 3).

Come si vede, le manovre possibili (m) in questa intersezione sono 12 (AB, BA, AC, CA, BC, CB, AD, DA, BD, DB, CD, DC), come previsto dall’equazione (1) in cui n in questo caso è uguale a 4. Le lettere (A, B,...), che sono chiaramente visibili nelle figure nelle Appendici C2-C9, identificano le manovre considerate. 3.2.4

Canali e Segmenti Studiati

Per estenderne l’utilità, questi dati sono stati successivamente distribuiti algoritmicamente anche ai segmenti toccati dalle manovre registrate sul campo. Per restare all’esempio della Figura 6, il traffico registrato per le dodici manovre sopraccennate verrebbe suddiviso tra i quattro segmenti di canale denominati CANN1, SECO2, CALA1 e SACC2. Ad esempio, una barca merci che avesse effettuato la manovra AC, avrebbe attraversato il segmento SECO2 in direzione Sud ed il segmento CANN1 in direzione Sud. La lista di tutti i canali e segmenti studiati nell'ambito di questo progetto si può consultare in appendice A. I codici di segmento per i rii interni sono gli stessi definiti dal Venice Project Center per conto dell’UNESCO ed adottati recentemente da Insula S.p.A. per il proprio sistema informativo, mentre i segmenti lagunari seguono lo standard adottato nella precedente campagna della provincia di Venezia (Carrera, 1997). Le Appendici C2-C9 contengono mappe più dettagliate che mostrano i codici di tutti i segmenti considerati presso ciascuna stazione. L’Appendice M mostra i risultati dell’estrapolazioni dei dati per manovra a dati relativi ai segmenti di canale.

2

Le lettere sono state assegnate a partire da A, partendo dal segmento più a Nord, e poi via via in ordine alfabetico seguendo un senso Orario attorno all’intersezione studiata.

18


3.3

Copertura Temporale

Questa campagna ha registrato il traffico lagunare nella giornata di domenica 12 Luglio 1998. I conteggi si sono svolti dalle ore 8:30 del mattino fino alle ore 19:30, ininterrottamente per 11 ore. Per facilitare la presentazione dei dati e per eliminare alcune incongruenze all’inizio ed alla fine delle indagini, le analisi dei dati sono state ristrette alle dieci ore tra le 9 e le 19. 3.4

Parametri Rilevati

Per ogni imbarcazione di passaggio attraverso una qualunque postazione sono stati registrati i seguenti dati: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. 16. 17. 18. 19. 20. 21. 22.

Stazione Data Iniziali Rilevatori Orario Origine (Viene DA) Destinazione (Va A) Tipo di Imbarcazione Targa non Rilevata (Sì/No) Assenza di Targa (Sì/No) Prefisso Targa Numero Targa Coda Targa Nome Imbarcazione Carico non Rilevato (Sì/No) Carico a Bordo (in quarti) Passeggeri non Rilevati (Sì/No) N. Passeggeri (compreso equipaggio) Materiale (Ferro, Legno o Plastica/Vetroresina/Gomma) Numero Contrassegno Taxi/G. Turismo Numero Linea di Navigazione Numero Autorizzazione Trasporto Cose Note

I dati sono stati annotati su moduli formato A4 uguali al campione consultabile nell’Appendice B. Tale modulo è anche contenuto nel foglio di Excel® denominato Grafici e Tabelle Estate 1998.xls contenuto nel CD allegato. Di seguito sono elencati e descritti tutti i principali parametri raccolti sul campo e registrati nelle apposite banche dati.

19


3.4.1

Orario

L’ora di passaggio di ogni imbarcazione è stata registrata in intervalli di 15 minuti. L’orario indicato sui moduli rappresenta il quarto d’ora precedente il momento del passaggio, per cui vi può essere uno scarto massimo di 14’ tra l’orario reale e l’orario segnato sui moduli. 3.4.2

Manovra (Viene DA, Va A)

I flussi di traffico sono stati registrati secondo le manovre eseguite dalle imbarcazioni in tutti gli incroci idroviari studiati. Come menzionato nel paragrafo 3.2.3, i rilevatori del VPC hanno usato lettere dell’alfabeto per rappresentare le origini e destinazioni di ogni manovra. L’appendice A elenca tutte le manovre monitorate, con le corrispondenti lettere utilizzate per identificare le origini e destinazioni dei movimenti di imbarcazioni presso ogni stazione. Le Appendici C2-C9 mostrano le lettere corrispondenti alle manovre monitorate. 3.4.3

Tipologie delle imbarcazioni

Nell'effettuare i conteggi e le misure, si è provveduto a classificare tutti i tipi di imbarcazione utilizzando come base le categorie introdotte dagli studi del Comune (1986, 1987), successivamente ampliate dalle campagne WPI/UNESCO (1992-94, vedi Carrera, 1996), e definite in modo più preciso con la campagna feriale estiva lagunare per conto della Provincia (Carrera, 1997). I tipi di imbarcazione considerati sono elencati nella Tabella 4. In alcuni casi, l’appartenenza di un’imbarcazione ad una categoria piuttosto che a un’altra è di difficile determinazione sul campo, soprattutto per imbarcazioni come quelle di trasporto merci, che differiscono tra loro solo nelle dimensioni e non nella tipologia dello scafo. Ancora più difficile è l’attribuzione di alcune tipologie di barche alla classe 2 (Merci Piccole) o alla classe 6 (Barca da Diporto senza cabina)) in quanto la differenza risiede non tanto nella tipologia di imbarcazione, quanto nella sua utilizzazione per scopi di trasporto merci oppure per scopi di diporto.

20


Tabella 4 . Tipologie di imbarcazioni considerate. Tipo

Tipologia

1

Unità merci grande

Lunghezza tipica > 10 m

2

Unità merci piccola

< 10 m

Motoscafo tipo taxi

≈ 9m

3

(con o senza contrassegni)

4

Lancione tipo Gran turismo

> 9 e ≤ 15 m

(con o senza contrassegni)

5

Motoscafo Turistico per Escursioni

> 12

6

Barca da Diporto senza cabina

< 10 m

7

>8m

9

Barca da Diporto con cabina Barca da Diporto a Vela Unità a Remi

≤ 10 m

10

Unità per servizi

< 10 m

11 12

Nave e Navetta Peschereccio e Rimorchiatore Chiatta e Zattera

> 40 m > 20 m

Motonave e FerryBoat ACTV Vaporetto ACTV Motoscafo ACTV Altra unità grande Altra unità Piccola

> 30 m

8

13

14 15 16 17 18

3.4.4

>8m

> 20 m

> 20 m > 20 m > 10 m < 10 m

Imbarcazioni Mototopo, topo grande, motobarca, barcone, topa entrobordo, cofano grande, patana grande, sampierota grande Sampierota, topetta fuoribordo, patanela, barchino, cofanetto, zatterino Lance in legno o vetroresina in servizio pubblico, regolari (con striscia gialla) o abusivi (senza indicazioni di appartenenza a enti pubblici o privati) Grossa lancia con posto di comando centrale, spesso scoperto, e posti per passeggeri a prua e a poppa, normalmente coperti. Mezzi in servizio pubblico, noleggio, regolari (con triangolo rosso) o abusivi, di linea (con tabelle); mezzi in servizio privato per alberghi (CIGA) e attività turistiche (vetrerie di Murano) Motoscafo per comitive turistiche, normalmente a due piani, completamente chiuso o, più frequentemente, con ponte superiore scoperto Barchino, cacciapesca, cofano, zatterino, gommone, unità da diporto a motore o a vela (marche di costruzione più frequenti: Boston Whaler, Brube, Dese, Gobbi, Studio 5) Unità da diporto a motore ad uno o più ponti con cabina. Adatta alla permanenza in mare per più giorni. Unità da diporto a vela di qualsiasi dimensione Barca tipica veneziana (gondola, sandolo, mascaretta, ecc.), più canoa, kayak, iole, veneta Unità militari: Polizia, Pompieri, Carabinieri, Capitaneria di Porto/Guardia Costiera, Guardia di Finanza, Servizio Fari, Esercito, Marina Militare; Unità di servizio: Raccolta Alghe, Piloti Portuali, Ormeggiatori, Vigili Urbani, Servizi Funebri, Servizio Traduzione Carcerati, Ministeri diversi, Università, Magistrato alle Acque, Regione Veneto, ULSS, Comune di Venezia, Provincia di Venezia, Italgas, AMAV, ENEL, Telecom, PPTT, Vigilanza Privata, Ambulanze. Nave marittima in metallo, di grossa stazza Piccole navi da pesca e navi per rimorchio o spinta Natante fluviale o lagunare a basso profilo, eventualmente con gru e natante di metallo rettangolare, solitamente trainato o spinto da altra imbarcazione Motonavi ACTV, a due piani, (Linea 6, 12, 14) o Ferry per trasporto automezzi (Linea 17 o traghetto Linea 11) Motobattelli di Linea (Linea 1 o 82) (Linea 52 ecc.) Tipo merci grande, in caso di difficoltà nella classificazione Tipo merci piccola, in caso di difficoltà nella classificazione

Targa

Utilizzando un binocolo, i rilevatori hanno cercato di registrare il numero di targa delle imbarcazioni di passaggio presso le loro stazioni. Non sempre ciò è stato possibile, a causa delle difficoltà di lettura a grande distanza o anche perché le targhe risultavano spesso occultate, almeno in parte, da parabordi o da altri oggetti. Per differenziare tra imbarcazioni effettivamente senza targa ed imbarcazioni di cui non si poteva rilevare la targa, sono state utilizzate le voci “No” (targa assente) e “n.r.” (Targa Non Rilevata) sotto la voce TARGA nel modulo di campagna (vedi Appendice B). Ove presente e rilevabile, la targa è stata registrata in tre parti: Prefisso, Numero e Coda. 21


Il numero di targa, insieme al nome della barca, permette di identificare le imbarcazioni e di seguirne gli spostamenti tra stazione e stazione durante la giornata di conteggio. I registri informatici delle licenze e delle immatricolazioni si dovrebbero poter intrecciare con questi dati, proprio attraverso il numero di targa o il nome. 3.4.5

Nome barca

Il nome della barca, se leggibile, è stato registrato per permettere una migliore identificazione dell’imbarcazione, come spiegato sopra (3.4.4). 3.4.6

Carico merci

Il carico merci è stato solo rilevato in quarti, relativamente alla capienza massima (1/4, 2/4, 3/4, 4/4). In caso tale determinazione non sia stata possibile, si è fatto ricorso alla voce “n.r.” sotto la voce “merci” nella colonna dedicata al CARICO sul modulo da campo (Appendice B). 3.4.7

Numero passeggeri

Si è cercato di registrare anche il numero di passeggeri a bordo delle imbarcazioni conteggiate. Il numero, che include il guidatore, è stato difficile da rilevare accuratamente a causa della distanza tra osservatore e imbarcazione, ma anche a causa dell’alto numero di passeggeri a bordo di alcuni tipi di imbarcazioni. Un valore di 0, o un campo vuoto (nullo) significano che il dato non è stato rilevato. Per grosse imbarcazioni, come i lancioni Gran Turismo od altri simili tipologie (tipi 4, 8, 11, 12, 13, 14, 15) si è dovuto spesso ricorrere a stime di massima, data la grande capienza di tali imbarcazioni. Se i passeggeri non sono stati proprio rilevati, si è barrata la casella “n.r.” sotto “persone tot.” nello spazio dedicato al CARICO nel modulo di rilevamento (vedi Appendice B). 3.4.8

Autorizzazione Taxi/Gran Turismo

Se un taxi o lancione granturismo è autorizzato al servizio comunale di trasporto non di linea di persone, esso dovrebbe essere dotato di un’insegna con il numero di autorizzazione (gialla rettangolare per i taxi e rossa triangolare per i granturismo). I taxi presentano anche una lunga banda orizzontale gialla affissa al finestrino della cabina. Il rilevatore doveva spuntava la casella se l’insegna o la striscia erano presenti ma non era possibile leggerne il numero, oppure trascriveva tale numero ove possibile. Oltre ad essere d’ausilio per la completa e sicura identificazione delle stesse imbarcazioni in stazioni diverse, questo dato dovrebbe aiutare a valutare l’entità del lavoro abusivo 3. 3.4.9

Imbarcazioni di linea

Qualora il mezzo fosse di Linea (ACTV o simili), il rilevatore cercava di leggere il numero di linea dell’imbarcazione e la trascriveva in questa casella. Se ciò non era possibile, ma il natante era sicuramente di linea, il rilevatore si limitava a barrare la casella apposita. Questo dato dovrebbe aiutare a valutare il rapporto tra trasporto di linea e non. 3.4.10 Imbarcazioni Merci autorizzate al trasporto cose Se un’imbarcazione Merci è autorizzata al servizio comunale di trasporto cose, essa dovrebbe essere dotata di un’insegna gialla in plastica, con la dicitura “Trasporto Cose” ed il numero di autorizzazione. Il rilevatore barrava la rispettiva casella se l’insegna era presente, ma non leggibile, oppure trascriveva il numero di autorizzazione se tale numero era leggibile.

3

Tenendo però conto del fatto che molti taxi e lancioni, pur non dotati di insegne gialle o rosse, sono comunque autorizzati da altri enti o addirittura non soggetti ad alcuna autorizzazione in alcuni canali.

22


3.5

Tassonomie di Imbarcazioni

L’identificazione della tipologia di imbarcazione si base soprattutto sul riconoscimento dello scafo e la determinazione del Tipo di barca. In totale, l’attuale metodologia contempla 18 tipi di imbarcazione Tabella 7. Destinazioni d’Uso considerate. (vedi precedente Tabella 4). Destinazione d’Uso Tipo Barca Per semplificare l’analisi e la sintesi dei risultati, Trasporto Merci 1, 2, 13, 17, 18 in tutti gli studi passati si è fatto uso di un’aggregazione Servizio Non di Linea 3, 4, 5 Uso Privato 6, 7, 8, 9 per Classi che, sempre su base puramente tipologica Servizio di Linea 14, 15, 16 (ovvero basata sui tipi di scafo), riduce il parco barche a Servizi Speciali 10, 12 nove gruppi abbastanza omogenei, come discusso più Servizi Portuali 11 dettagliatamente nel paragrafo 3.5.1. In questo rapporto, vengono introdotte altre due tassonomie, che tentano di cogliere altri aspetti salienti della composizione del parco barche navigante nella laguna attorno a Venezia: la classificazione per Destinazione d’Uso e la classificazione per Categoria di Mobilità (o Trasporto), come si può vedere nella Tabella 5. Tabella 5 . Tassonomie di classificazione delle imbarcazioni circolanti. Tipo Barca 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18

Descrizione Tipo Merci >10m Merci <10m Taxi G. Turismo Turistico 2 piani Diporto senza Cabina (Barchino) Diporto con Cabina (Cabinato) Vela Remi Servizi Nave/Navetta Rimorchiatore/Peschereccio Chiatta/Zattera Motonave/Ferry Vaporetto Motoscafo Altro >10m Altro <10m

Classe B B A D D C

Nome Classe MERCI MERCI TAXI G.TURISMO G.TURISMO DIPORTO

Destinazione d’Uso Trasporto Merci Trasporto Merci Servizio Non di Linea Servizio Non di Linea Servizio Non di Linea Uso Privato

Categoria di Mobilità Merci Merci Persone Persone Persone Diporto

C

DIPORTO

Uso Privato

Diporto

C E F G G G H H H I I

DIPORTO REMI SERVIZI NAVI NAVI NAVI ACTV ACTV ACTV ALTRO ALTRO

Uso Privato Uso Privato Servizi Speciali Servizi Portuali Servizi Vari Trasporto Merci Servizio di Linea Servizio di Linea Servizio di Linea Trasporto Merci Trasporto Merci

Diporto Diporto Servizi Servizi Servizi Merci Persone Persone Persone Merci Merci

Le Destinazioni d’Uso sono discusse nel paragrafo 3.5.2 e le Categorie di Mobilità o di Trasporto nel paragrafo 3.5.3, nelle pagine seguenti. 3.5.1

Classi di imbarcazioni

Come è stato fatto anche nello studio dell’estate precedente (Carrera 1997) e negli studi del Comune e dell’UNESCO, le varie imbarcazioni sono state raggruppate, per tipologie affini, in nove gruppi o classi, etichettate con lettere maiuscole dell’alfabeto da A ad I (Tabella 6). Nel Capitolo 4 verranno presentati i risultati della presente campagna secondo le classi qui definite. 3.5.2

Destinazioni d’Uso delle imbarcazioni

Tabella 6. Classi di imbarcazioni considerate. Classe Nome Classe A TAXI B MERCI C DIPORTO D G.TURISMO E REMI F SERVIZI G NAVI H ACTV I ALTRO

Tipo Barca 3 1, 2 6, 7, 8 4, 5 9 10 11, 12, 13 14, 15, 16 17, 18

Oltre a definire le Classi, si è provveduto a 23


classificare le imbarcazioni anche secondo la loro destinazione d’uso. Sono state identificate sei principali destinazioni d’uso, elencate nella Tabella 7: Trasporto Merci, Servizio Non di Linea, Uso Privato, Servizio di Linea, Servizi Speciali e Servizi Portuali. È probabile che le destinazioni d’uso, una volta predeterminate in maniera finale, obblighino in futuro ad alcuni cambiamenti delle metodologie di rilevazione, in modo da permettere di svincolare le determinazioni di destinazione d’uso dalle tipologie di scafo. 3.5.3

Categorie di Mobilità o di Trasporto

Oltre ai tipi, alle classi ed alle destinazioni d’uso, si è anche, infine, provveduto a classificare le imbarcazioni secondo una categoria più generale, definita in funzione del tipo di mobilità o di trasporto. In tutto, sono state prese in considerazione solo quattro categorie, ovvero: Merci, Persone, Diporto e Altro. La differenza principale Tabella 8. Categorie di imbarcazioni. rispetto alle destinazioni d’uso è Categoria di Mobilità Destinazione d’Uso Tipo Barca l’accorpamento di Servizi di Linea e Merci Trasporto Merci 1, 2, 13, 17, 18 Non in un’unica categoria di Persone Servizio di Linea e Non 3, 4, 5, 14, 15, 16 trasporto persone. Anche i Servizi Diporto Uso Privato 6, 7, 8, 9 Altro Servizi Speciali e Portuali 10, 11, 12 sono stati accorpati in un’unica categoria (“Altro”). 3.6

Archiviazione informatica dei dati

Tutti i dati di traffico sono stati archiviati in un unico database su Microsoft Access 97®, denominato Traffico Lagunare Domenica 12-7-98.mdb. I dati di campagna sono stati dapprima immessi in tabelle separate, identificate attraverso il numero di stazione seguito dal nome (ad es.: _01 - Murano Ovest). Per ogni imbarcazione, sono stati archiviati tutti i parametri elencati nel paragrafo precedente. Tali tabelle sono state sottoposte ad un rigoroso controllo di qualità che ha permesso di ricostruire molti record parzialmente incompleti od erronei, attraverso controlli incrociati, soprattutto sui campi Tipo, Targa, Nome, Contrassegni e Note. Il supporto cartografico consiste nel pacchetto Mapinfo® (v. 5.1), mentre per le immagini si è usato Photoimpact® oppure Adobe Photoshop®, e per la grafica Excel®. I dati grezzi sono stati poi ricompattati in un unica tabella contenente tutte le imbarcazioni registrate presso ogni stazione, denominata 0) Dati di Campagna. Una seconda serie di controlli incrociati è stata effettuata anche sulla tabella integrata per ulteriormente migliorare la qualità dei dati prima delle elaborazioni descritte nel paragrafo seguente. Tutti i file menzionati in questo rapporto sono contenuti nel CD-ROM allegato al rapporto. 3.7

Elaborazione informatica dei dati

Una volta archiviati i dati grezzi, sono state eseguite numerose elaborazioni e manipolazioni per permettere un’analisi accurata del fenomeno. Oltre a numerose mappe tematiche (vedi appendici e paragrafi che seguiranno), una buona parte delle elaborazioni sono state anche eseguite su Excel® e sono principalmente contenute nel denominato Grafici e Tabelle Estate 1998.xls, contenuto nel CD allegato. Tra le varie elaborazioni, si è reso necessario distribuire i dati grezzi (per manovra) tra tutti i canali toccati da ogni manovra. Per poter fare ciò in maniera precisa, si è reso necessario ridefinire il concetto di canale introducendo la definizione di “segmento” di cui al paragrafo 3.2.2.

24


3.7.1

Determinazione dei transiti per segmento

La procedura per “tradurre” i dati grezzi (per manovra) in dati per segmento ruota attorno ad un database di riferimento chiamato R4) Manovre e Segmenti che elenca, per ogni postazione, tutti i segmenti che vengono attraversati effettuando ognuna delle manovre contemplate. Il database R4) Manovre e Segmenti si può consultare in Appendice A. La spartizione dei dati tra i vari segmenti è effettuata dalla procedura (query 7) Totale passaggi per segmento. Il risultato della procedura è contenuto nel database finale 7) Totale passaggi per segmento incluso nel file Traffico Lagunare Domenica 12-7-98.mdb rinvenibile nel CD-ROM allegato. 3.7.2

Altre elaborazioni dei dati

Sia i dati per manovra che i dati per segmento sono stati successivamente elaborati per produrre numerose banche dati sintetiche relative al fenomeno (nel file Traffico Lagunare Domenica 12-7-98.mdb contenuto nel CD allegato). Il potenziale combinatorio di dati orari, secondo la tipologia delle imbarcazioni, secondo la classe, secondo l’ora, ecc., è enorme. In questo rapporto vengono presentate solo le analisi aggregate più importanti per non appesantire troppo il documento, cercando al contempo di dare un contributo sufficiente per la comprensione dei fattori principali che caratterizzano il traffico acqueo lagunare veneziano. Le elaborazioni informatiche sono state eseguite attraverso query in SQL su Access® 97, con esportazioni ed elaborazioni parziali anche in Excel® 97 per poi finire importate in Mapinfo® per la presentazione cartografica o in Word 97® per la predisposizione di questo rapporto. I dettagli delle elaborazioni usate verranno forniti nel capitolo 3, insieme ai risultati ed alle analisi. 3.8

Presentazione dei risultati

Il Comune di Venezia, nei suoi studi del 1986-87 ha adottato una rappresentazione tabulare e grafica dei dati che si basa esclusivamente sulle manovre. Data la metodologia delle rilevazioni, che si svolsero presumibilmente in due soli giorni, i dati del Comune furono presentati secondo il numero totale di imbarcazioni conteggiate per le varie manovre. I nostri precedenti studi per l’UNESCO (Carrera 1996) e per la Provincia (Carrera 1997) non si prestavano ad una rappresentazione così semplice dei risultati. Anche in questo studio, per garantire l’omogeneità dei dati presentati, si è fatto ricorso a varie rappresentazioni ad hoc del fenomeno, che vengono qui descritte e che verranno poi riprese più dettagliatamente nel capitolo 3. 3.8.1

Numero di passaggi vs. media oraria

Il numero totale di passaggi dipende ovviamente dal numero di ore di conteggio, per cui questo parametro non è molto utile per confronti tra stazioni o tra campagne, poiché è possibile, se non addirittura probabile, che il numero di ore di conteggio vari di stazione in stazione e di campagna in campagna, per vari motivi. Benché questo studio fosse stato pianificato nell’intervallo dalle 8:30 alle 19:30, si è preferito eliminare la prima ed ultima mezz’ora, riducendo quindi il totale di ore di conteggio a 10. Pertanto, il numero totale di passaggi e la media oraria differiscono soltanto di una cifra decimale. Si è deciso quindi di presentare i risultati usando il numero totale di passaggi, data la facilità di conversione tra questi valori e le corrispondenti medie orarie. 3.8.2

Manovre vs. segmenti

Una rappresentazione del livello di traffico per ogni manovra continua ad essere uno strumento utile per la determinazione dei flussi di traffico e degli itinerari più o meno preferiti dai conducenti delle varie imbarcazioni nelle varie ore della giornata. 25


La nostra rappresentazione del traffico per segmento di canale permette però ulteriori considerazioni specialmente per quanto riguarda la correlazione del traffico con altri dati riguardanti i segmenti, come i regolamenti, le giurisdizioni ed i danni alle sponde. I nostri risultati perciò sono presentati sia per manovra, per evidenziare i flussi e gli itinerari preferenziali, che colorando ogni segmento secondo il numero di imbarcazioni che lo attraversano, in modo tale da caratterizzare ogni canale secondo il suo livello di traffico. In entrambi i casi però si usano i Passaggi Totali Giornalieri come unità di misura, secondo quanto detto sopra nel paragrafo 3.8.1. 3.8.3

Tipi vs. classi, destinazioni d’uso o categorie di imbarcazioni

Invece di entrare nei dettagli di tutti e 18 i tipi di imbarcazioni da noi schedati (paragrafo 3.4.3), i nostri risultati sono sintetizzati quasi esclusivamente secondo le 9 Classi principali (A-I) descritte nel paragrafo 3.5.1, oppure attraverso le Destinazioni d’Uso discusse nel paragrafo 3.5.2 o le Categorie di Mobilità presentate nel paragrafo 3.5.3. 3.8.4

Ora del giorno vs. mattina/pomeriggio

Per motivi di sintesi, nelle analisi aggregate si ricorrerà occasionalmente alla semplificazione della temporalità del traffico dividendo i dati in: Mattina (ore 9-13) e Pomeriggio (14-19). 3.8.5

Metodo di analisi e presentazione dei risultati

Come già accennato, l’unità di misura fondamentale che verrà usata in queste analisi sarà il Numero di Passaggi. Per caratterizzare più accuratamente possibile il traffico acqueo veneziano, i dati sono ulteriormente articolati secondo le nove principali Classi di Imbarcazioni (A-I), le Destinazioni d’Uso o le Categorie di Mobilità. Su questa base, i dati qui presentati sono essenzialmente analizzati secondo le seguenti categorizzazioni: • per Postazione/Intersezione • per Manovra • per Segmento • per Ora di conteggio • per Classe di Imbarcazione • per Destinazione d’Uso • per Categoria di Mobilità La dimensione temporale e la suddivisione per classi possono essere applicate a tutte le categorizzazioni spaziali (Postazione, Manovra e Segmento) moltiplicando notevolmente le elaborazioni possibili. I risultati per postazione permettono di identificare a prima vista gli snodi viari più intasati, mentre quelli per manovra svelano gli itinerari più frequentati oltre a permettere un confronto con i dati del Comune (1986-87). I dati relativi ad ogni segmento (con o senza direzioni specifiche) forniranno infine una panoramica del carico di traffico nei vari segmenti e canali, evidenziando i percorsi preferenziali di attraversamento e penetrazione nel tessuto lagunare. 3.8.6

Rappresentazione cartografica del traffico

La rappresentazione più immediatamente comprensibile dei dati è quella cartografica. Per questo, si è utilizzato il pacchetto Mapinfo® che permette di collegare i nostri database a mappe digitali della città e della laguna. 26


Le mappe sono tratte da cartografia originale in scala 1:10000 della Regione Veneto, ma la loro visualizzazione è possibile a qualsiasi scala dato il loro formato vettoriale. I seguenti “livelli” (layers) di rappresentazione geografica sono stati ottenuti direttamente dal Servizio Informativo del Magistrato alle Acque (presso il Consorzio Venezia Nuova): 1. Linea delle Terre Emerse della città e della Laguna, 2. Canali lagunari come linee aperte. Per permettere le rappresentazioni dei dati, si è poi provveduto ad aggiungere altri livelli come: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Stazioni Provincia 1998 (Layer Stazioni Provincia Estate 98) Manovre (Vettori Manovre Estate 98)) Segmenti di canale, (Segmenti Laguna Provincia 98) Stazioni Comune 1986, (Stazioni Comune 1986) Stazioni WPI 1992-94, (Stazioni WPI 92-94) Stazioni Provincia 1997, (Stazioni Campagna Estate 1997) Stazioni COSES 1998 (Stazioni Coses Marzo 98)

e molti altri livelli "decorativi" utilizzati per motivi di presentazione. Sono inoltre stati geocodificati i dati di numerose tabelle di Access® per creare layers tematici per la produzione di quasi tutte le mappe presentate nei capitoli che seguono. Si è sempre cercato di presentare una visione di insieme dei dati relativi a Laguna Nord e Laguna nelle analisi tematiche, separando tutte le analisi in due parti. Mappe tematiche e non a tutta pagina sono visibili nelle Appendici C-F e J-L.

27


4 RISULTATI ed ANALISI Come già accennato, l’analisi e la presentazione dei risultati di questi studi sul traffico sono complicate dalla natura polivalente dei dati raccolti sul campo. In questo capitolo si cercherà di esporre in maniera succinta uno spaccato rappresentativo dei risultati più interessanti. Copie a tutta pagina di tutte le mappe e di tutti i grafici in questo capitolo si possono consultare nelle Appendici C-L. Mentre questo capitolo si limita a dare uno sguardo d’insieme ai dati raccolti, il capitolo che segue esplorerà dettagli molto più specifici di particolare interesse per la Provincia di Venezia. Si ricorda che tutte le analisi in questo capitolo si basano sull’intervallo “normalizzato” di dieci ore, dalle 9 alle 19 4. 4.1

Distribuzione tipologica delle imbarcazioni rilevate

Come si è detto in precedenza, i 18 tipi di imbarcazioni schedati sono stati ridotti a nove classi principali su cui sono state concentrate le analisi presentate in questo sotto-capitolo. Nel totale, data la giornata festiva di conteggio, le imbarcazioni da diporto fanno la parte del leone con il 76% dei passaggi, come si vede nella Figura 7. I Taxi sono in seconda posizione, con l’8%, seguiti dai mezzi ACTV con il 7% e dai lancioni Gran Turismo con il 5%. Le imbarcazioni Merci sono pressoché assenti, registrando solo il 2%, ed infine troviamo la classi comprendenti le barche a Remi, i Servizi, le Navi e la classe Altro, ciascuna al di sotto dell’1%.

DIPORTO 76%

MERCI 2%

G.TURISMO 5%

TAXI 8%

REMI 0.8%

ACTV 7%

ALTRO 0.03%

SERVIZI 0.6% NAVI 0.3%

Figura 7. Distribuzione percentuale delle principali classi considerate.

4 Per la precisione, secondo la scansione di 15 minuti utilizzata sul campo, l’intervallo studiato risulta essere 9-18:45, poiché i dati archiviati all’orario “19” corrispondono all’intervallo 19:00-19:15.

28


La Tabella 9 mostra il numero totale di passaggi, per tutte le classi di imbarcazioni, registrati domenica 12 Luglio 1998, su tutte le 21 stazioni, tra le ore 9 e le ore 19. Tabella 9. Totale passaggi per classe.

Classe A B C D E F G H I

Nome TAXI MERCI DIPORTO G.TURISMO REMI SERVIZI NAVI ACTV ALTRO TOTALE

Totale 2525 626 23165 1456 249 174 95 2128 10 30428

Si noti come il numero totale di passaggi sia 30.428 anziché 31.760, poiché non si è tenuto conto dei dati frammentari relativi alla prima ed ultima mezz’ora di conteggio.

29


4.2

Risultati per Stazione

La Figura 8 evidenzia con pallini più grandi le intersezioni del centro storico e della Laguna Nord dove il numero di passaggi totali giornalieri ha raggiunto valori più alti.

Figura 8. Totale passaggi giornalieri presso le postazioni di Venezia, Lido e Laguna Nord.

Dalla Figura 8 e dalla Tabella 10, si nota come la postazione più trafficata risulti la numero 2 a Murano Navagero, che si era già rivelata tra le più congestionate anche nella precedente campagna feriale del 1997. Al secondo posto, un po’ a sorpresa Tabella 10. Passaggi presso ogni postazione, in ordine decrescente. ma non troppo, troviamo la stazione Stazione Totale Nome Stazione numero 8 di Mazzorbo, che, insieme alla Numero Passaggi 2 Murano Est (Navagero) 2261 stazione 11 (quinta in classifica) riceve il 8 Mazzorbo 2177 traffico da e per l’entroterra lungo i fiumi 15 Punta Sabbioni (Bocca) 2090 13 Treporti (Ricevitoria) 2065 Dese e Sile 5. A ribadire la preponderanza 11 Burano Nord 2005 di traffico diportistico festivo nella laguna 21 Chioggia - Piazza 1995 16 San Michele (Cimitero) 1957 Nord, troviamo al quarto posto la stazione 6 Lido - S.M.Elisabetta 1785 numero 13 di Treporti. 3 San Giobbe (ex macello) 1697 La Bocca di Porto di Lido (rilevata 17 Punta Salute 1649 9 Lido - San Nicolò 1599 da Punta Sabbioni) si piazza al terzo posto, 10 Sant'Erasmo 1567 mentre al sesto appare la stazione numero 19 Faro Alberoni (Bocca) 1507 18 Marittima (Scomenzera) 1396 21 di Chioggia (Figura 9). Tutte le prime 14 Canale Pordelio 1250 otto stazioni (che includono anche 20 Chioggia - San Felice (Bocca) 1005 S.Michele-Cimitero e Lido - S.M. 4 San Leonardo 916 12 Burano Sud 911 Elisabetta) hanno un traffico medio orario 7 Lido - 4 Fontane 905 di almeno tre passaggi al minuto. 5 Malamocco 823 1

5

Murano Ovest (Venier)

463

Si veda però il successivo paragrafo 4.3 per altri indizi che sembrano confermare questa tesi.

30


Figura 9. Totale passaggi giornalieri presso le postazioni della Laguna Sud.

La Figura 9 mostra i livelli registrati presso le stazioni in Laguna Sud, dove il traffico è sicuramente meno intenso. Le località più frequentate sono risultate essere presso le stazioni 21 (Chioggia-Piazza) che conta quasi duemila passaggi in dieci ore e la stazione 19 (Faro Alberoni) dove i passaggi hanno superato quota 1500. Osservando attentamente la Tabella 10, si nota come il traffico interno alla città di Venezia nelle domeniche estive risulti molto meno intenso che altrove in laguna. Le prime stazioni prettamente cittadine (escludendo quindi Murano e Cimitero) sono circa a metà classifica (S.Giobbe e Salute), anche se hanno registrato oltre 1650 passaggi ciascuna. Un’altra osservazione interessante riguarda la stazione 1 di Murano Venier, sulla direttrice da e per l’aeroporto, che rivela un traffico pressoché costante sia nei giorni feriali (Carrera 1997), che festivi (presente campagna), sia d’inverno (Carrera 1999) che d’estate. Evidentemente, il traffico, composto quasi esclusivamente di taxi acquei, riflette fedelmente il traffico aereo che, a quanto pare, non subisce drastiche fluttuazioni né settimanali né stagionali. Sulla base dei dati passati e presenti, la stazione di Murano Venier registra circa 45-50 passaggi all’ora durante tutto l’arco dell’anno, sia durante la settimana che durante i week-end. Infine, la scarsità di passaggi a Malamocco e San Leonardo sembra indicare una netta divisione tra Laguna Nord e Laguna Sud, almeno per quel che riguarda il traffico endolagunare. È possibile che molti natanti da diporto saltino il tratto centrale della laguna percorrendo esternamente il tratto di mare tra la Bocca di Porto di Malamocco e quella di Chioggia, ma ciò e difficile da comprovare, mentre non vi sono dubbi sulla modica quantità di traffico interno nella stessa tratta. Le intersezioni studiate hanno livelli di traffico che vanno dalle 2261 imbarcazioni in dieci ore (circa 3.8 imbarcazioni al minuto) di Murano Navagero (stazione 2) fino ai 463 passaggi di Murano Venier (stazione 1), all’estremità opposta dell’isola. In pratica, attraverso gli incroci più trafficati passa un’imbarcazione ogni 15-20”, mentre nelle stazioni meno frequentate si arriva ad un’imbarcazione ogni minuto e mezzo. A parte un interesse generale, questi numeri danno un'indicazione delle difficoltà di conteggio che i rilevatori potranno aspettarsi, in campagne future, presso ogni stazione. 31


Il database 1,1) Totale Passaggi per Stazione (corretto, 10 ore), contenuto nel file Traffico Lagunare Domenica 12-7-98.mdb nel CD allegato, contiene i dati relativi ai passaggi giornalieri presso tutte le stazioni 6. Le figure relative sono consultabili anche nell’Appendice D. 4.3

Risultati per Manovra

Contrariamente al passato, con le nuove versioni di Mapinfo® è ora possibile rappresentare con facilità su mappa i dati relativi a tutte le manovre. Questi risultati sono visibili nella Figura 15 e seguenti e vengono riassunti dalla Tabella 11, che elenca le 20 manovre più trafficate in ordine decrescente secondo il numero totale di passaggi giornalieri. Il database 2) Totale Passaggi per Manovra, archiviato nel file Traffico Lagunare Domenica 12-7-98.mdb nel CD allegato, contiene i dati relativi ai passaggi giornalieri su tutte le manovre monitorate presso tutte le stazioni. Un listato di tale database è Tabella 11. Le prime 20 manovre più trafficate. visibile nell’Appendice E1. Per Stazione Totale comprendere meglio la Nome Stazione Manovra Numero Passaggi collocazione spaziale delle svolte 11 Burano Nord DB 711 più frequentate, identificabili con 9 Lido - San Nicolò BA 625 le lettere che appaiono nella 16 San Michele (Cimitero) DB 597 colonna “manovra” della tabella, 11 Burano Nord BD 562 si consiglia di prendere visione 20 Chioggia - San Felice (Bocca) CB 554 8 Mazzorbo AB 527 delle Appendici C2-C9. 8 Mazzorbo BA 513 Si nota immediatamente 16 San Michele (Cimitero) BD 480 come Burano e Mazzorbo abbiano 14 Canale Pordelio CA 477 ben quattro manovre tra le prime 9 Lido - San Nicolò AB 468 sette più frequenti. 2 Murano Est (Navagero) CB 406 Tutte e tre le Bocche di 17 Punta Salute DA 404 14 Canale Pordelio AC 399 Porto hanno piazzato due manovre 15 Punta Sabbioni (Bocca) BA 398 ciascuna (nei due sensi opposti) tra 13 Treporti (Ricevitoria) DB 390 le prime venti. La manovra BA di 15 Punta Sabbioni (Bocca) CA 387 San Nicolò (traffico in uscita) è 13 Treporti (Ricevitoria) DA 379 risultata la seconda più trafficata 20 Chioggia - San Felice (Bocca) BC 367 in assoluto, sùbito a ruota della 17 Punta Salute CA 348 15 Punta Sabbioni (Bocca) AB 345 direttrice proveniente dall’entroterra tra Dese e Sile, che passa per Burano in direzione Mare (manovra DB, stazione 11). Nel seguente capitolo (par. 5.1) viene fatta un’analisi più dettagliata delle manovre e delle direttrici di flusso da esse evidenziate.

6

I dati sono stati corretti riempendo due lacune nelle ore di pranzo (stazione S.Giobbe e Mazzorbo) utilizzando un fattore di correzione tratto dalle medie su tutte le stazioni relativamente alle ore immediatamente precedenti e successive alla lacuna. La prima mezz’ora di conteggio (8:30-9:00) e l’ultima (19:00-19:30) sono state eliminate per rimediare lacune iniziali e finali nel conteggio.

32


4.4

Risultati per Segmento

LaTabella 12 elenca i 20 segmenti più trafficati in ordine decrescente secondo il numero totale di passaggi giornalieri. Le colonne “Origine” e “Destinazione” denotano il numero di passaggi in cui tale segmento fungeva da punto di partenza o di arrivo delle manovre che lo toccavano (vedi “Viene DA” e “Va A” nel modulo di rilevazione in Appendice B). Tutti i segmenti elencati hanno un traffico orario superiore ai 100 passaggi, cioè più di 1,5 passaggi al minuto, ovvero 3 passaggi ogni 2 minuti. Il database 7) Totale passaggi per segmento, archiviato nel file Traffico Lagunare Domenica 12-7-98.mdb nel CD allegato, contiene i dati relativi ai passaggi giornalieri su tutti i segmenti monitorati presso tutte le stazioni. Un listato completo di tale database è visibile nell’Appendice M. Per comprendere meglio la collocazione spaziale dei segmenti più frequentati, identificabili dai codici che appaiono nella colonna “segmento” della tabella, si consiglia di prendere visione delle Appendici C2-C9. Il segmento più trafficato è Tabella 12. I primi 20 segmenti più trafficati. tra S.Michele (cimitero) e Passaggi Murano Colonna (COLO). Stazione Segmento Origine Destinazione Totali Altri tre segmenti attorno a S.Michele COLO 768 924 1692 Murano (stazioni Murano Est e Mazzorbo BURA2 752 797 1549 San Michele) appaiono in Treporti TREP1 823 593 1416 questa lista (FARO, MARA1 e Murano Est FARO 760 649 1409 P. Sabbioni TREP4 623 785 1408 NAVE1). Burano Nord BURA4 622 776 1398 Moltissimi dei segmenti P. Salute BACI1 628 764 1392 più trafficati si allineano lungo Burano Nord BURA3 756 630 1386 la direttrice Terraferma-Mare in Mazzorbo BORG2 652 708 1360 laguna Nord, come ad esempio: S. Giobbe SACC2 637 722 1359 BURA2, TREP1, TREP4, S.Nicolò NICO2 616 728 1344 P. Sabbioni BOCL 719 601 1320 BURA4, BURA3, BORG2, Murano Est MARA1 477 818 1295 BOCL, BURA6, TREP3 e S. Nicolò NICO1 643 599 1242 TREP2 7. Chioggia PERO5 428 809 1237 In generale, la Bocca di Treporti BURA6 545 619 1164 Porto di Lido è circondata da Alberoni BOCM 543 596 1139 segmenti trafficatissimi: oltre al S.Michele NAVE1 620 510 1130 Pordelio TREP3 562 496 1058 summenzionato BOCL, anche Pordelio TREP2 494 562 1056 NICO2 e NICO1 appaiono nella lista. Anche la bocca di porto di Malamocco (BOCM) ed indirettamente la bocca di Chioggia (PERO5) sono molto trafficate nei weekend estivi. Gli unici segmenti del Centro Storico in questa “top 20” sono BACI1, presso la Punta della Salute, e SACC2 a San Giobbe, segno che il grosso del traffico estivo festivo evita la città e punta più verso il mare aperto.

7

Tale direttrice verrà ampiamente discussa più avanti, specialmente nel paragrafo 5.5.6.

33


4.5

Analisi temporale del traffico

Come constatato nel corso di studi passati, per vari motivi le diverse componenti del traffico acqueo della laguna di Venezia seguono dei cicli temporali sia su scala stagionale, sia a livello settimanale, sia pure durante l'arco della giornata. Ad esempio, il traffico diportistico e turistico si concentra nei mesi estivi e nei week-end, mentre le consegne vengono effettuate quasi esclusivamente nei giorni feriali, con una soglia fisiologica invernale che riflette la popolazione residente e la presenza di studenti e lavoratori pendolari, ed una componente turistica dovuta all'aumento delle consegne per soddisfare la maggiore domanda nei mesi estivi. In funzione di un eventuale confronto a distanza di anni, sarebbe importante determinare con sufficiente certezza quale sia effettivamente il rapporto tra la variazione stagionale del traffico e l'aumento tendenziale dello stesso di anno in anno, anche rispetto al giorno di conteggio. In breve, sarebbe utile capire quanto sensibili saranno i conteggi futuri rispetto al giorno della settimana, alla stagione e ad altri cicli temporali, oltre che alle condizioni meteorologiche durante le giornate di conteggio. Nel paragrafo dedicato ai confronti con studi passati (par. 5.6) vengono presentati i primi risultati relativi alle ciclicità temporali dei flussi di traffico nella Laguna di Venezia. Il resto di questo sotto-capitolo si concentra sull’analisi temporale dei flussi rilevati nella giornata feriale invernale studiata. 4.5.1

Distribuzione temporale del traffico

Il grafico in Figura 10 mostra il totale generale di passaggi orari su tutte le stazioni 8. Si noti come l'ora di punta assoluta (oltre 3 barche/minuto in ogni stazione) si sia verificata tra le ore 11 e le 12. Naturalmente, si osserva il tipico calo durante l'ora di pranzo, tra l'una e le due, mentre nel pomeriggio si nota un livello di traffico costante ed abbastanza sostenuto tra le 16 e le 18. 4500

4000

3500

Totale Passaggi

3000

2500

2000

1500

1000

500

0 9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

Ora

Figura 10. Totale dei passaggi orari in tutte le stazioni nel giorno di conteggio.

8 In tutti i grafici con ascissa temporale, l’ora mostrata sull’asse X rappresenta l’ora di inizio dell’intervallo di registrazione. Quindi l’etichetta 9, rappresenta l’intervallo tra le ore 9 e le ore 10 del mattino, mentre l’etichetta 18 rappresenta l’intervallo 18-19. Vedi nota precedente riguardo alle correzioni apportate per rimediare alle piccole lacune nei dati di San Giobbe e Mazzorbo. Il grafico a tutta pagina è visibile nell’Appendice F1.

34


I paragrafi successivi esplorano le distribuzioni orarie più dettagliatamente. 4.5.2

Analisi della distribuzione oraria per stazione.

La distribuzione oraria dei passaggi presso ogni stazione della laguna Nord è illustrata dalla Figura 11 (vedi anche Appendice F3). Ogni barra rappresenta un’ora, a partire dalle ore 9 (barra rossa a sinistra) e fino alle 18 (barra marron a destra).

Figura 11. Passaggi orari per stazione (Laguna Nord).

I colori più scuri rappresentano la fascia pomeridiana, mentre quelli più vivi la fascia antimeridiana. La Figura 12 mostra la distribuzione oraria dei passaggi presso le tre stazioni più meridionali del Lido (stazioni 19, 5, 7), collocate rispettivamente presso la Bocca di Porto degli Alberoni, a Malamocco ed all’imboccatura del Canale delle Quattro-Fontane/Casinò. La stazione 4 completa il quadro della Laguna Centrale, intercettando i flussi lungo il Canale dei Petroli e quelli provenienti dalle zone vallive della terraferma attorno a Campagna Lupia e Mira. Infine, la Figura 13 mostra i passaggi orari presso le due stazioni della Laguna Sud: Bocca di Porto di Chioggia (n. 20) e Chioggia-Piazza (n. Figura 12. Passaggi orari per stazione (Laguna Centrale). 21). 35


Praticamente tutte le stazioni evidenziano un andamento con due picchi ben distinti, uno in tarda mattinata ed uno nel pomeriggio. Il traffico mattutino è generalmente più alto di quello pomeridiano in quasi tutte le stazioni attorno a Venezia. Man mano che ci si allontana dalla città, si nota un incremento del traffico pomeridiano, come si può osservare presso le stazioni 6 (Lido – SME) e soprattutto 7 (Quattro- Fontane – Casinò 9), e lungo tutto il percorso tra Mazzorbo (stazione 8) e la Figura 13. Passaggi orari per stazione (Laguna Sud – Chioggia). Bocca di Porto del Lido (P.Sabbioni, stazione 15). Una certa prevalenza pomeridiana si nota anche alla postazione di San Nicolò (n. 9) e Sant’Erasmo (10). Il database 3,2) Totale passaggi per stazione per ora (corretto), contenuto nel file Traffico Lagunare Domenica 12-7-98.mdb nel CD allegato, contiene i dati relativi ai passaggi orari presso tutte le stazioni. Le figure in questo paragrafo sono visibili a tutta pagina nelle Appendici F1-F5. 4.5.3

Analisi della Distribuzione Oraria per Classi di Imbarcazioni.

La Figura 14 e la Tabella 13 mostrano la distribuzione oraria 10 del traffico rispetto alle classi principali di imbarcazioni (per una definizione delle classi, si consulti la Tabella 6 a pagina 23). 10000 TAXI

MERCI

DIPORTO

G.TURISMO

REMI

SERVIZI

NAVI

ACTV

17

18

Totale Passaggi . (log)

1000

100

10

1 9

10

11

12

13

14

15

16

Ora

Figura 14. Totale passaggi orari delle otto principali classi di imbarcazioni 11.

9

Il casinò e la vicinanza delle spiagge giustificano una tendenza alla crescita del traffico verso le ore serali. In questo caso, l’andamento orario non è stato “corretto”, essendo difficile stimare i dati mancanti per ogni classe (vedi nota 6 a pagina 28). 11 NOTA: l’asse Y è in scala logaritmica a causa della disparità numerica tra natanti da diporto (sopra i mille passaggi durante tutte le ore del giorno) e tutte le altre categorie (attestate su livelli di centinaia di passaggi all’ora). Si è deciso di escludere la classe ALTRO a causa della sua scarsissima consistenza numerica. Vedi anche Appendice F2 per una visione a tutta pagina dello stesso grafico. 10

36


Innanzi tutto si deve notare la differenza in ordine di grandezza tra i passaggi di natanti diporto e tutti gli altri, che ha obbligato ad una visualizzazione logaritmica dell’ordinata del grafico in Figura 14 (vedi anche nota n.11). Il diporto viaggia sulle migliaia di passaggi orari, mentre tutte le altre classi si mantengono sull’ordine di centinaia di passaggi all’ora. Si nota che, nel complesso, le imbarcazioni delle classi Diporto, ACTV e Merci hanno un andamento pressoché costante durante tutto l’arco della giornata, con una piccola flessione durante i momenti più caldi attorno all’ora di pranzo. Taxi, Gran Turismo, Servizi e Navi sono prevalentemente mattutini, mentre le imbarcazioni a Remi presentano un picco vistoso nel primo pomeriggio, per lo più dovuto al passaggio di lunghe carovane di kayak presso alcune stazioni. Tabella 13. Distribuzione oraria dei passaggi complessivi per ciascuna Classe considerata. Classe A B C D E F G H I

Nome Classe TAXI MERCI DIPORTO G.TURISMO REMI SERVIZI NAVI ACTV ALTRO Totale

9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 Totale 277 394 394 243 240 239 247 182 171 138 2525 60 84 72 62 33 54 62 67 70 62 626 995 2304 3133 2693 1654 1999 2474 2685 2735 2493 23165 159 203 137 118 107 132 154 144 172 130 1456 37 34 19 16 17 4 14 95 5 8 249 38 31 15 9 10 16 19 13 11 12 174 15 19 12 10 7 6 1 4 10 11 95 201 194 213 186 183 221 232 213 236 249 2128 0 4 0 0 0 0 0 2 3 1 10 1782 3267 3995 3337 2251 2671 3203 3405 3413 3104 30428

Probabilmente, l’accentuazione delle presenze di taxi (linea di colore blu in Figura 14) nella prima metà della giornata è dovuta, almeno in parte, al fatto che il traffico aereo in partenza ed arrivo all’Aeroporto “Marco Polo” è concentrato nelle ore antimeridiane. Il fatto che il traffico merci abbia un andamento invece pressoché costante fa supporre che tali imbarcazioni non fossero “in servizio”, ma bensì utilizzate per scopi diportistici, dato che le consegne ai negozi avvengono prevalentemente di mattina ed il traffico merci normalmente cala vistosamente nel pomeriggio, cosa che invece qui non si è riscontrata. Il database 3,3) Totale passaggi per ora per classe, contenuto nel file Traffico Lagunare Domenica 12-7-98.mdb nel CD allegato, contiene i dati relativi ai passaggi orari per classe nel complesso di tutte le stazioni.

37


5 DISCUSSIONE In questo capitolo vengono esplorate più approfonditamente alcune tematiche di particolare interesse per le Amministrazioni del Comune e della Provincia di Venezia che dovrebbero risultare utili per lo studio delle ipotesi di una nuova regolamentazione normativa ed organizzativa. 5.1

Analisi dei Flussi di Traffico Preferenziali

La Figura 15 mostra tutte le direttrici con più di 300 passaggi giornalieri individuate nella Laguna Nord. Similmente, la Figura 16 mostra le manovre con più di 300 passaggi giornalieri in Laguna Sud. Si faccia riferimento all’Appendice J ed E per mappe più dettagliate.

Figura 15. Le Manovre più trafficate nella Laguna Nord.

In tutto, solo 32 su 397 manovre hanno superato la soglia dei 300 passaggi in dieci ore (9-19), equivalenti ad una media di un passaggio ogni 2 minuti. 5.1.1

Direttrici Principali

Osservando attentamente le due figure su questa pagina, si possono notare alcune tendenze evidenziate dalle frecce rosse. Innanzi tutto, sembra evidente come le bocche di porto ed i canali più ampi fungano come sorta di “autostrade” avendo infatti registrato i flussi maggiori.

Figura 16. Le Manovre più trafficate nella Laguna Sud.

38


Di particolare rilevanza, durante questa domenica di luglio, sembra essere la direttrice Sile/Dese – Mare, che si può seguire osservando (in Figura 15) la doppia fila di frecce rosse (nei due sensi) che, partendo dal Canale dei Borgognoni (Torcello), passano a Nord-Est di Mazzorbo, sfilano lungo la costa Nord di Burano, svoltano alla Ricevitoria di Treporti e poi raggiungono Punta Sabbioni per uscire in mare attraverso la Bocca di Porto del Lido (S.Nicolò) 12. Nella Figura 16 si intravede un flusso simile, anche se meno appariscente, proveniente dalla terraferma a Sud di Mestre, attraverso il Canale dei Petroli verso la Bocca degli Alberoni. 5.1.2

Circolazione attorno a Venezia

Attorno a Venezia (Figura 17), sembra esservi un movimento circolare che passa per il Canale della Giudecca ed il Canale del Tronchetto a Sud, per poi riapparire in uscita dal Canale di Cannaregio fino a lambire la costa sud di Murano (Figura 21).Questa circolazione “tangenziale” (già osservata in passato) si sviluppa indistintamente nei due sensi di marcia, con la sola eccezione della manovra in uscita dal Canale di Cannaregio che sembra privilegiare una circolazione in senso “orario” 13.

Figura 17. Flussi di Traffico attorno a Venezia.

Il Canal Grande si conferma comunque l’arteria principale di “attraversamento” del tessuto urbano (vedi frecce attorno alla Salute), soprattutto nella direzione che va da Piazzale Roma/Stazione verso San Marco come indicato nella Tabella 11 (manovra DA, Stazione 17, Punta della Salute). Anche lungo il canale della Giudecca sembra prevalere il senso da Ovest verso Est (manovra CA, stazione 17).

12

Si veda anche il paragrafo 5.5.6 per ulteriori considerazioni al riguardo. Nell’analizzare le mappe relative alle manovre, si tenga sempre presente l’arbitrarietà delle scelte degli intervalli di colorazione. Alcune manovre sembrano avere una direzione prevalente anche se in verità la direzione opposta, benché di un altro colore (verde anziché rosso, ad esempio), rivela, tra una direzione e l’altra, una differenza magari trascurabile nel numero di passaggi. 13

39


5.1.3

Bocche di Porto

I paragrafi che seguono analizzano il traffico osservato presso le tre Bocche di Porto durante la giornata festiva di rilevamento. L’Appendice E1 contiene un listato dei passaggi totali giornalieri su tutte le manovre presso tutte le stazioni di rilevamento. Tale appendice è utile per una quantificazione delle differenze numeriche tra le frecce di diversa colorazione (vedi anche nota n. 13 a pag. 39). 5.1.3.1

Bocca di Porto di Lido

Come si è visto, la Bocca di Porto del Lido (Figura 18) riceve traffico sia da Venezia che dalla Laguna Nord, ed in particolar modo dalla direttrice che collega l’Entroterra a Nord di Mestre (Dese e Sile) con il Mare Adriatico. Come si vede nella Figura 18, il traffico è piuttosto intenso sia da e per Venezia che da e per Treporti, Burano, Dese/Sile. In generale, tutte le manovre presso le stazioni 9 e 15 sono piuttosto trafficate. Si noti la consistenza numerica delle imbarcazioni che attraversano gli stretti canali delle Vignole per raggiungere la Bocca di Porto (stazione 9, frecce verdi, manovre AC e CA). 5.1.3.2

Bocca di Porto di Malamocco

Figura 18. Flussi di Traffico alla Bocca di Lido

La Bocca di Porto di Malamocco (Figura 19) è interessata da traffico da e per Alberoni e Malamocco, lungo il canale che costeggia il lido di Venezia, immediatamente a nord della bocca (stazione 10, manovre BC 14 e CB), con una discreta componente proveniente dalla terraferma lungo il Canale dei Petroli (stazione 4, manovra AC, colore rosso), che però non sembra continuare attraverso i moli foranei (stazione 10, manovra EC, colore azzurro). Il traffico registrato a Malamoccocentro è abbastanza fiacco, come si è già avuto modo di notare nel paragrafo 4.2. Sembra infine esservi anche un discreto traffico che taglia la bocca di porto e sfila lungo il lido di Venezia ed il lido di Pellestrina. Interessanti sono anche i flussi lungo il canale Fisolo (stazione 10, manovre AC e CA) e tra lo snodo di San Leonardo e la terraferma di Campagna Lupia e Vigo, Figura 19. Flussi di Traffico alla Bocca di Malamocco. attraverso le manovre EC e CE della stazione 4.

14

Malgrado l’apparenza, non è detto che la manovra in uscita dalla bocca (BC) sia notevolmente più trafficata della manovra inversa (CB), nonostante la prima sia colorata in rosso e la seconda in verde. Si veda ancora la precedente nota n. 13 a pag. 39.

40


5.1.3.3

Bocca di Porto di Chioggia

La Bocca di Chioggia sembra servire quasi esclusivamente la città omonima (Figura 20, stazione 20, manovre BC e CB). Il traffico che taglia la bocca o che si dirige verso (o proviene da) Pellestrina e San Pietro in Volta (e quindi il Lido e la città di Venezia) è irrisorio rispetto al traffico tra Chioggia ed il Mare. Nonostante la grande distanza dal punto di rilevazione (stazione 21), è interessante notare il notevole traffico che “gira largo” dalla città di Chioggia, lungo l’asse GA e AG 15. Il traffico tra la bocca di porto ed il centro di Chioggia si dirama in una miriade di percorsi, tra i quali i più frequentati sono il canale Vigo (stazione 21, manovre FA e AF), il Canale dei Figura 20. Flussi di traffico alla Bocca di Chioggia. Cantieri (AC, CA), ed il Canale Vena (EA). 5.1.4

Murano, S. Michele e Sant’Erasmo

La Figura 21 evidenzia il traffico attorno all’isola di Murano (stazioni 1 e 2), al Cimitero di San Michele (16) e a Sant’Erasmo (10). Si nota innanzitutto che vi sono manovre altamente frequentate (rosso) che riguardano imbarcazioni provenienti da Venezia in direzione Murano Faro (manovra CB, stazione 16). Poco inferiore (benché di colore verde) risulta la manovra opposta (BC, stazione 16), come pure le manovre che tagliano dritto, da Murano Colonna verso il Canale di Cannaregio, lungo la tratta BD e DB (stazione 16). Degno di nota è soprattutto il traffico (che sembra prevalere) che semplicemente segue l’ansa del Canale delle Navi a mo’ di “circonvallazione” (stazione 2, manovra CB). Infine, sembra permanere un discreto traffico anche di “attraversamento” dell’isola lungo il Canale di San Giovanni (Canal Grande di Figura 21. Flussi di Traffico a Murano, S.Michele e Sant’Erasmo. Murano) soprattutto da e per il Lido (stazione 2, manovre DB e BD). All’estremità opposta il traffico lungo il Canal Grande è sostenuto, ma non intensissimo (manovre AB e BA, stazione 1). Come poco intenso si rivela essere anche il traffico passante che viaggia sulla tratta Aeroporto-Venezia (manovre AC e CA, stazione 1). A Sant’Erasmo, il traffico si concentra lungo gli assi Est-Ovest (manovre BE e EB, stazione 10) e Nord-Sud (manovre AC e CA).

15

Anche se dalla figura potrebbe sembrare che la manovra si chiamasse GC.

41


5.1.5

Burano, Torcello e Mazzorbo

La Figura 22 mostra i movimenti attorno alle isole di Burano, Mazzorbo e Torcello. Al contrario di quanto osservato durante l’inverno (Carrera 1999), il traffico estivo in questa zona settentrionale della laguna è risultato tra i più elevati dell’intera laguna 16. Come si vede distintamente dalla Figura 22, la direttrice principale lambisce la costa settentrionale di Burano (stazione 11, manovre BD e DB) e continua verso Torcello, lungo il canale dei Borgognoni, che confluisce eventualmente su Silone e Siloncello per poi collegarsi con i fiumi Sile e Dese, che innervano l’entroterra tra Treviso e San Donà. Esiste tuttavia anche un discreto traffico locale attraverso il Canale di Mazzorbo (stazione 8, lettera B), Figura 22. Flussi di Traffico attorno a Burano, Torcello e Mazzorbo. come pure all’estremità meridionale (stazione 12) ed anche lungo il Canale de la Dolce (stazione 11, lettera A) che permette un accesso “posteriore”, e più diretto, con la Basilica di S.M. Assunta di Torcello, sfruttato soprattutto da imbarcazioni Gran Turismo per visite guidate (spesso di breve durata). 5.1.6

Lido

La Figura 23 mostra i livelli di traffico per le manovre monitorate presso le stazioni 6 e 7 al Lido (S.M. Elisabetta e Quattro Fontane/Casinò). Il rilevamento della stazione 6 rimane molto ostico, a causa della configurazione dei pontili che non permette di avere una visuale completa del traffico, soprattutto ACTV, lungo l’asse AE e EA. Per ovviare all’impossibilità di contare le imbarcazioni da un unico punto di rilevamento, si è suddiviso il compito tra due gruppi, uno all’estremità Nord (ex pontile Linea 1 17) e uno a sud dei pontili, presso la stazione dei Taxi. Il gruppo stazionato a Nord aveva in carico le manovre A, B e C ed il gruppo a Sud aveva giurisdizione sulle manovre C, D ed E. Figura 23. Totale passaggi giornalieri per manovra (Lido). Il traffico al Lido, in questa domenica estiva, non risulta essere molto intenso. Le tratte importanti attorno alla stazione 6 sono indicate in verde nella mappa in Figura 23 e seguono essenzialmente le rotte dei mezzi pubblici ACTV, che monopolizzano questa località.

16 17

Vedi paragrafi 4.2 e 4.3. Nel 1999 questo pontile è diventato il capolinea delle linee Giracittà 51/52 e 61/62.

42


Le manovre più trafficate un po’ più a sud (stazione 7) sono tangenziali all’isola, sia se provengono da Venezia (manovra DC e CD) sia se semplicemente costeggiano l’isola (manovre AC e CA). Il traffico da e per il Casinò evidenzia un traffico medio lungo il corridoio BD e DB. Tutti i dati relativi alle manovre ed ai flussi preferenziali sono estratte dal database 2) Totale Passaggi per Manovra, contenuto nel file Traffico Lagunare Domenica 12-7-98.mdb nel CD allegato 5.2

Analisi del Traffico secondo le Destinazioni d’Uso

In questo paragrafo, presentiamo un confronto tra le sei componenti del traffico lagunare secondo le Destinazioni d’Uso introdotte nel paragrafo 3.5.2: Uso Privato, Servizio Non di Linea, Servizio di Linea, Trasporto Merci, Servizi Vari e Servizio Portuale. La Tabella 14 sintetizza i dati relativi ai passaggi totali per destinazione d’uso, su tutte le stazioni, in ordine decrescente, secondo i livelli rilevati. Tabella 14. Sommario del Traffico secondo le Destinazioni d’Uso. Bisogna tenere presente che la riga “Servizio Non di Linea” somma i dati delle Destinazione d’Uso Totale Passaggi classi TAXI e GRAN TURISMO, ovvero i tipi Uso Privato 23414 di imbarcazione numero 3, 4 e 5 (vedi Tabella Servizio Non di Linea 3981 Servizio di Linea 2128 7 a pagina 23), la riga “Servizio di Linea” Trasporto Merci 653 contiene i passaggi dei mezzi ACTV (tipi 14, Servizi Vari 232 15 e 16) mentre la riga “Uso Privato” Servizio Portuale 20 rappresenta il diporto, ovvero i tipi 6, 7, 8, e 9, TOTALE 30428 che include quindi le barche a remi ed a vela. La Figura 24 mostra la distribuzione in termini percentuali.

Uso Privato 77%

Servizio Non di Linea 13%

Servizio di Linea 7%

Tras

Servizio Portuale 0,1%

Servizi Vari 1%

Figura 24. Composizione del Traffico secondo le Destinazioni d’Uso.

Il dato più significativo rimane la netta preponderanza dell’Uso Privato, costituito da barche da diporto, ma è anche interessante notare come i passaggi delle imbarcazioni Non di Linea (Taxi e Gran Turismo) siano quasi il doppio di quelli relativi alle imbarcazioni di Linea (ACTV). Il database 5,1) Totale passaggi per Destinazione, contenuto nel file Traffico Lagunare Domenica 12-7-98.mdb nel CD allegato, contiene i dati riportati nella Tabella 14 e nella Figura 24. 43


5.3

Analisi del Traffico secondo le Categorie di Mobilità

I passaggi totali, su tutte le stazioni, sono stati divisi in quattro grandi categorie, le cosiddette “Categorie di Mobilità” introdotte nel paragrafo 3.5.3, ovvero: Diporto, Persone, Merci ed Altro. La Figura 25 mostra la schiacciante maggioranza delle imbarcazioni da Diporto, che compongono il 77% del traffico rilevato 18. La categoria Persone, che raggruppa i Servizi di Linea e Non, si attesta solo al 20%, mentre Merci (2%) ed Altro (1%) hanno un ruolo tutto sommato insignificante nel complesso del traffico domenicale estivo. Il database 5,2) Totale Passaggi per Categoria, contenuto nel file Traffico Lagunare Domenica 12-7-98.mdb nel CD allegato, contiene i dati visualizzati nella Figura 25.

Diporto 77%

Persone 20%

Altro 1%

Merci 2%

Figura 25. Composizione del Traffico secondo le Categorie di Mobilità.

18

Il valore è leggermente più alto di quello riportato nella Figura 7 del paragrafo 4.5.3 a pagina 28 (76%), in quanto la categoria di mobilità “Diporto” include la classe DIPORTO insieme alla classe REMI.

44


5.4

Analisi delle targhe

Un importante aspetto della campagna di raccolta dati qui descritta è stato il rilevamento delle targhe delle imbarcazioni, che è stato effettuato mediante l’uso di binocoli. La Tabella 15 elenca le principali tipologie di targa presenti nella Laguna di Venezia, con i corrispondenti enti responsabili ed i registri di appartenenza. Tabella 15. Principali tipologie di targa presenti in Laguna. Targa V nnnnn VE nnnnn nnnnn VE

Descrizione

Ente

Registro

motoscafo ad uso privato della navigazione interna MCTC Venezia

Registro speciale

nave minore (o impropriamente motoscafo ad uso privato della navigazione marittima) motoscafo ad uso privato per navigazione marittima nave minore della navigazione interna

Cap. di Porto Venezia

Registro navi minori

Cap. di Porto Venezia

Registro Speciale

6V nnnnn N nnnnn VE imbarcazione da diporto della navigazione interna VE nnnn D imbarcazione da diporto della navigazione

Ispettorato di Porto di Venezia Registro navi minori MCTC Venezia

Registro imbarcazioni da diporto

Cap. di Porto Venezia

Registro imbarcazioni da diporto

marittima

I paragrafi che seguono forniscono una prima analisi di questo importante parametro che potenzialmente potrebbe rivelare i percorsi delle imbarcazioni offrendo indicazioni utili alla determinazione di origini e destinazioni dei flussi di traffico. 5.4.1

Rilevamento delle targhe

Come accennato in precedenza, il rilevamento delle targhe non è affatto semplice a causa delle difficoltà di lettura dovute a vari fattori tra cui: la distanza, la scadente definizione grafica delle lettere e dei numeri, la disomogeneità dei colori adottati, lo scarso contrasto tra sfondo e targa, ed il frequente occultamento delle targhe da parte di parabordi, copertoni, teloni ed altro. Bisogna inoltre ricordare che solo una parte delle imbarcazioni circolanti è tenuta all’obbligo della targa. La Tabella 16 riassume i risultati del rilevamento delle targhe presso ogni stazione. Tabella 16. Sommario del rilevamento delle targhe per stazione. Stazione Numero

Nome Stazione

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21

Murano Ovest (Venier) Murano Est (Navagero) San Giobbe (ex macello) San Leonardo Malamocco Lido - S.M.Elisabetta Lido - 4 Fontane Mazzorbo Lido - San Nicolò Sant'Erasmo Burano Nord Burano Sud Treporti (Ricevitoria) Canale Pordelio Punta Sabbioni (Bocca) San Michele (Cimitero) Punta Salute Marittima (Scomenzera) Faro Alberoni (Bocca) Chioggia - San Felice (Bocca) Chioggia - Piazza

% Targhe % Targhe % Totale Targhe Targhe Rilevamento Non Non Targhe Passaggi Rilevate Assenti Targhe Rilevate Rilevate Assenti

463 2.261 1.502 916 823 1.785 905 2.036 1.599 1.567 2.005 911 2.065 1.250 2.090 1.957 1.649 1.396 1.507 1.005 1.995 31.687

452 2.102 1.381 844 743 1.498 824 1.911 1.365 1.488 1.594 820 1.409 938 328 1.810 1.421 942 1.398 837 1.298 25.403

98% 93% 92% 92% 90% 84% 91% 94% 85% 95% 80% 90% 68% 75% 16% 92% 86% 67% 93% 83% 65% 80%

11 190 202 75 83 295 84 128 238 80 412 92 657 316 1765 152 232 457 120 169 697 6.455

2% 8% 13% 8% 10% 17% 9% 6% 15% 5% 21% 10% 32% 25% 84% 8% 14% 33% 8% 17% 35% 20%

93 1290 892 704 651 829 426 1692 1107 1379 1349 725 1276 846 222 1050 286 250 1247 681 1168 18.163

21% 61% 65% 83% 88% 55% 52% 89% 81% 93% 85% 88% 91% 90% 68% 58% 20% 27% 89% 81% 90% 71%

Il file di Excel denominato Grafici e Tabelle Estate 1998.xls contiene (oltre a tutti i grafici in 45


questo rapporto) anche la tabella qui sopra (chiamata T4) Targhe Rilevate), prodotta mettendo insieme i risultati di una serie di queries in Access (in particolare T3,1) Crea Senza targa per stazione ed i seguenti queries numerati T3,2, T3,3 e T3,4). Tutto sommato, i rilevamenti possono considerarsi soddisfacenti, almeno a livello quantitativo, dato che comunque l’80% delle imbarcazioni sono state monitorate per quanto riguarda le targhe (vedi colonna “% Rilevamento Targhe”). Osservando tale colonna si nota, ad esempio, come a Punta Sabbioni sia stato quasi impossibile rilevare le targhe (84% non rilevate) a causa della grande distanza tra la riva ed il canale portuale. Altre zone di difficile rilevazione risultano essere la postazione di Chioggia (Piazza), quella sul Canale della Scomenzera (Marittima), e quelle a Treporti (Ricevitoria), sul Canale Pordelio ed a Burano Nord, tutte con percentuali di non rilevamento superiori al 20%. Ricordiamo che il rilevamento della targa poteva anche risultare nella determinazione dell’assenza della stessa, pertanto le percentuali di rilevamento indicano semplicemente il tentativo di rilevare la presenza o meno della targa. Come si vede dalla Tabella 16, controllando l’80% delle imbarcazioni di passaggio, i rilevatori hanno registrato la totale assenza di una targa nel 71% delle imbarcazioni osservate 19. Anche qui, osservando in dettaglio la colonna “% Targhe Assenti” si notano delle punte in alcune postazioni, che dovrebbero riflettere abbastanza fedelmente la preponderanza di natanti da diporto. Più della metà delle stazioni registrano l’assenza di una targa in oltre l’80% dei passaggi monitorati (stazioni 4, 5, 8-14, 19-21). Più interessanti ancora sono le basse percentuali di targhe assenti (ovvero alte percentuali di imbarcazioni con targa) rilevate presso le stazioni di Murano-Venier (21%), Punta Salute (20%) e Marittima-Scomenzera (27%), tutte stazioni più prettamente cittadine. I paragrafi che seguono si occupano della qualità dei dati relativi alle targhe. Il database T2) Codici Targhe, contenuto nel file Traffico Lagunare Domenica 12-7-98.mdb nel CD allegato, è essenzialmente una copia del database principale (0) Dati di Campagna) con l’aggiunta di un campo “Codice Targa” utilizzato per le analisi descritte qui sotto. 5.4.2

Determinazione delle targhe complete e valide

Benché il numero di rilevamenti positivi (presenza di targa accertata) sia tutto sommato soddisfacente, non tutte le targhe registrate sui moduli di Tabella 17. Codici e tipologie di targa. campagna risultano essere necessariamente complete o valide. È Sintassi Targa Codice Targa infatti plausibile che una targa, benché presente, non fosse, ad V nnnn 1 V nnnn A 2 esempio, leggibile completamente. In questo caso, i rilevatori VE nnnn 3 erano tenuti a trascrivere i frammenti leggibili, ma queste targhe VE nnnn D 4 nnnn VE 5 parziali – insieme a targhe lette, registrate od archiviate nnnn V 6 incorrettamente – costituiscono targhe non valide in quanto non 2V nnnn 7 2VE nnnn 8 corrispondenti alle tipologie descritte nella Tabella 15. Un 3VE nnnn 9 controllo delle targhe rilevate ha evidenziato la presenza di 3VE nnnn D 10 numerose tipologie in aggiunta a quelle nella Tabella 15. 6V nnnn 11 6V nnnn D 12 Tutti i tipi di targa effettivamente riscontrati sul campo N nnnn VE 13 sono stati classificati assegnando loro i codici numerici elencati CI nnnn 20 CI nnnn D 21 nella Tabella 17. Alcuni dei formati appartengono ad 2CI nnnn D 22 imbarcazioni immatricolate al di fuori dell’ambito comunale di XXX nnnn 30 Venezia, altre addirittura al di fuori dell’ambito provinciale. XXX nnnn D 31 N nnnn XX 40 La sintassi “nnnn” nella Tabella 17 indica un numero con XX nnnn 50 un minimo di almeno 4 cifre, mentre nnn indica un numero di 3 XX nnnn D 51 ? nnnn 90 cifre. I codici XXX indicano esattamente 3 lettere di prefisso e ? nnnn ? 91 XX esattamente 2 di prefisso o coda. Il punto di domanda (?) ? nnn (x) 92 19

L’alta percentuale di natanti sprovvisti di targa si spiega facilmente ricordando che il 76% delle imbarcazioni era costituito da natanti privati, che raramente sono dotati di tali contrassegni (vedi Figura 7 a pagina 28).

46


rappresenta un prefisso od una coda non vuota, ma di qualunque sintassi, mentre il codice “(x)” indica che non si è tenuto conto del contenuto della coda (codice 92), che quindi poteva anche essere vuota. Una serie sequenziale di queries è stata usata per assegnare uno dei codici sopraelencati a tutte le targhe registrate nella banca dati, esattamente nell’ordine elencato. Se un record aveva già un codice assegnato da una query precedente, esso non veniva modificato successivamente. Il codice 92 rappresenta sia targhe probabilmente valide, quali quelle di imbarcazioni di pubblica sicurezza (Vigili del Fuoco, Polizia, ecc.), sia targhe anomale a causa di errori di trascrizione, ma probabilmente rappresentative di targhe “vere”. I queries sono anch’essi contenuti nel file Traffico Lagunare Domenica 12-7-98.mdb nel CD allegato, e sono denominati in modo simile, a partire dal query T2,0) Reset Codici Targa; T2,01) V nnnn = 1; T2,02) V nnnn A = 2 e così via. Un apposito macro è stato creato per eseguire in modo automatico tutta la sequenza di queries nell’ordine corretto (macro M1) Predisposizione Codici targhe (su T2)). Alla fine del processo di codificazione, tutti i records ancora senza codice, ma per i quali la targa era stata rilevata 20 ed era risultata presente 21, rappresentano targhe non valide. La Tabella 18 presenta il risultato di questa codifica delle targhe, includendo il totale di targhe rilevate, presenti, valide e non per ogni stazione. Come si vede, sul totale delle targhe presenti, solo il 2,0% è risultato non valido (ovvero non riconducibile ad alcuno dei codici nella Tabella 17), probabilmente a causa della distanza tra il punto di rilevazione ed il canale navigabile (vedi ad es. il 7,5% di errore presso le stazioni di Punta Sabbioni e Treporti). Tabella 18. Sommario della qualità del rilevamento delle targhe per stazione.

20 21

Stazione Numero

Nome Stazione

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21

Murano Ovest (Venier) Murano Est (Navagero) San Giobbe (ex macello) San Leonardo Malamocco Lido - S.M.Elisabetta Lido - 4 Fontane Mazzorbo Lido - San Nicolò Sant'Erasmo Burano Nord Burano Sud Treporti (Ricevitoria) Canale Pordelio Punta Sabbioni (Bocca) San Michele (Cimitero) Punta Salute Marittima (Scomenzera) Faro Alberoni (Bocca) Chioggia - San Felice (Bocca) Chioggia - Piazza

Totale Targhe Targhe Passaggi Rilevate Presenti 463 2.261 1.502 916 823 1.785 905 2.036 1.599 1.567 2.005 911 2.065 1.250 2.090 1.957 1.649 1.396 1.507 1.005 1.995 31.687

452 2.102 1.381 844 743 1.498 824 1.911 1.365 1.488 1.594 820 1.409 938 328 1.810 1.421 942 1.398 837 1.298 25.403

359 812 489 140 92 669 398 219 258 109 245 95 133 92 106 760 1.135 692 151 156 130 7.240

% % Targhe % Targhe Targhe Targhe Non Targhe Valide Presenti Valide Valide Non Valide 79% 358 100% 1 0,3% 39% 809 100% 3 0,4% 35% 485 99% 4 0,8% 17% 133 95% 7 5,0% 12% 86 93% 6 6,5% 45% 660 99% 9 1,3% 48% 398 100% 0 0,0% 11% 211 96% 8 3,7% 19% 247 96% 11 4,3% 7% 104 95% 5 4,6% 15% 228 93% 17 6,9% 12% 91 96% 4 4,2% 9% 123 92% 10 7,5% 10% 88 96% 4 4,3% 32% 98 92% 8 7,5% 42% 757 100% 3 0,4% 80% 1114 98% 21 1,9% 73% 680 98% 12 1,7% 11% 146 97% 5 3,3% 19% 149 96% 7 4,5% 10% 130 100% 0 0,0% 29% 7.095 98% 145 2,0%

Casella “n.r.” non barrata sul modulo di rilevamento, consultabile nell’Appendice B. O meglio “non assente”, in quanto la casella “no” non era stata barrata nella colonna TARGA del modulo suddetto.

47


5.4.3

Analisi delle tipologie di targa

I risultati delle analisi sulla frequenza di ogni formato di immatricolazione sono presentati nella Tabella 19. Tale tabella è il risultato di un query incrociato (crosstab) denominato T4) Totali Tipi Targhe per Stazione contenuto nel file Traffico Lagunare Domenica 12-7-98.mdb nel CD allegato. Il simbolo “#” è usato per brevità per rappresentare una sequenza numerica da 3 a 6 cifre. Come si nota nella tabella, le tipologie di targa più frequenti in assoluto sono le VE# (4.881 su 7.095, ovvero il 69%), seguite, ma a grande distanza, da VE#D (6.4%), 6V# (5.8%) e da targhe di difficile classificazione, come le ?#(x) (5.3%), che potrebbero rappresentare imbarcazioni di servizio (Polizia, Carabinieri, ecc.) o targhe solo parzialmente rilevate. Interessanti sono le tipologie di targa XX# (3.3%), probabilmente provenienti da provincie limitrofe (ad es. PD, TV, MN od altre), e le XXX#D (2.2%) che rappresentano natanti da diporto (suffisso D) anch’essi provenienti da fuori laguna. Insieme, queste ultime due tipologie coprono approssimativamente il 5.5% delle targhe in circolazione e forniscono una prima quantificazione del traffico diportistico esogeno. Hanno una frequenza minima, ma significativa, anche le targhe N#VE e V# (entrambe all’1.5% circa) e le CI#D, prime tra le targhe chioggiotte (anch’esse sull’1,5%). Tutte le altre tipologie di targa sono presenti in modo pressoché irrilevante. Tabella 19. Frequenze per stazione dei vari tipi di targa . Staz. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 Tot.

VE# 323 730 373 15 8 481 244 106 89 26 90 44 37 19 33 632 983 621 9 1 17 4881

VE#D 6V# ?#(x) XX# XXX#D N#VE V# CI#D ?#? XXX# N#XX CI# V#A

13 19 43 38 26 24 20 39 8 32 6 25 19 12 29 6 8 51 15 19

29 29 40 1 5 47 76 20 6 20 10 13 6 10 36 47 19 1

452 415

7 7 13 4 14 9 6 40 7 9 4 7 6 12 9 8 4 15 31 20

2 2 3 18 6 5 6 12 14 2 15 3 13 5 5 8 3 2 11 12 6

378 232

153

7 10 16 10 56 5 13 36 6 24 7 13 10 30 16 31 11 25 30 22

2 2 7 15 5 6 4 5 9 11 9 1 4 6 5 1 13

1 13 2 3 4 14 4 4 12 4 3 3 2 1 7 15 7 5

105 104

1 1 2 4 4 4 2

3 2 1

1 7 3 3 12 6 5 2 5 12 2 5

4 3 3 8 42 20

4 6 2 2 3 4

104

84

2 1 1 1

4 3 4 2 3 8 3 2 3 1 4 6 48

1 3 4 3 2 1 4 2 2 8 2 2 2 2 3 1 1 1 1 45

3

2 1 1

2V# ?# 3VE# #VE 2CI#D #V Totale 2VE# 3VE#D

1 1

4 5 1

2 1 1

1 1

4

1 1

6 3 1

1 1

1

1 1

2 2 1

1 6 1 8 11 28

22

1 2 1 1 1 3 14 14

1

1

3

3

1 2 8

358 809 1 485 133 86 1 660 398 211 247 104 228 91 123 88 98 757 1114 680 146 149 130 2 7095

Come era forse prevedibile, le targhe VE#, di cui è dotata la maggior parte dei taxi acquei, sono più presenti presso la stazione 17 (Punta Salute) e la stazione 2 (Murano Navagero), dove invece sono in minoranza le targhe VE#D, che rappresentano natanti da diporto, presenti soprattutto presso la stazione 19 (Faro Alberoni) e la vicina stazione 4 (San Leonardo).

48


5.5

Analisi del Traffico Extra-Lagunare

In questo capitolo si analizzano le provenienze delle imbarcazioni che entrano in laguna da destinazioni esterne, sia dalla terraferma, attraverso i fiumi, che dal mare, attraverso le bocche di porto. Tutte le mappe e grafici in questo capitolo si possono consultare nelle Appendici K1-K4. 5.5.1

Gli Accessi Acquei alla Laguna

Per questa analisi sono state identificate 8 direttrici principali di entrata/uscita che collegano la Laguna Veneta con il Mare o con l’hinterland veneto (Figura 26). Quattro accessi connettono la laguna con l’entroterra (Dese-Sile, Mestre-Canal Salso, Fusina-Marghera e Mira-Campagna Lupia), tre la mettono in collegamento con il Mare Adriatico (le bocche di Lido, Malamocco e Chioggia), mentre una direttrice (Litoranea Veneta) è un po’ ibrida, in quanto essa mette in comunicazione la laguna con il mare attraverso la foce del Sile a Cavallino, ma allo stesso tempo potrebbe essere considerata un collegamento con l’entroterra, in quanto la penisola del Cavallino fa a tutti gli effetti parte della terraferma 22.

Figura 26. Principali Direttrici di Entrata (ed Uscita) tra Laguna ed Entroterra Veneto e tra Laguna e Mare Adriatico.

5.5.2

Monitoraggio degli Accessi Acquei alla Laguna

Osservando la mappa delle stazioni e manovre monitorate (vedi Appendice C), risulta possibile calcolare i flussi di entrata ed uscita analizzando 12 manovre che raccolgono il traffico lungo tali percorsi, come illustrato dalla Tabella 20. I paragrafi che seguono si basano sulla lista di stazioni e manovre nella Tabella 20 e presentano il numero totale di passaggi registrati sia in entrata che in uscita lungo le otto direttrici. Il paragrafo 5.5.3 presenta una sintesi delle analisi dei flussi in entrata ed uscita, con speciali accenni sugli accessi dall’entroterra e dal mare, mentre i paragrafi 22

Tabella 20. Direttrici di Accesso alla Laguna e Stazioni e Manovre Corrispondenti. Direttrice Canal Salso-Mestre Fusina-Marghera Mira-Campagna Lupia Mira-Campagna Lupia Mira-Campagna Lupia Dese-Sile Litoranea Veneta Litoranea Veneta Bocca di Lido Fusina-Marghera Bocca di Malamocco Bocca di Chioggia

Stazione 3 4 4 4 4 8 13 14 15 18 19 20

Lettera D A D E F A C B B D C B

Nei paragrafi che seguono, la Litoranea Veneta viene inclusa tra i collegamenti con la terraferma.

49


successivi presentano un’analisi oraria di entrate ed uscite in modo di comprendere meglio il comportamento dei diportisti domenicali provenienti da fuori Venezia. 5.5.3

Flussi in Entrata ed Uscita dalla Laguna

La Tabella 21 sintetizza i risultati estratti dal database dei conteggi festivi di traffico secondo lo schema nella Tabella 20, evidenziando i flussi in entrata ed uscita dalla laguna rilevati il 12 Luglio, 1998. I dati sono in ordine decrescente, secondo la colonna “Totale”. Come si può notare, i passaggi più Tabella 21. Traffico in entrata ed Uscita dalla Laguna. numerosi sono stati rilevati sulla direttrice Direttrice Entrata Uscita Totale Perc. Dese-Sile, che collega la Laguna con Dese-Sile 666 753 20% 1419 l’entroterra a nord-est di Venezia, fino a Bocca di Lido 742 615 19% 1357 Treviso e San Donà. Subito a ruota c’è la Bocca di Malamocco 564 609 16% 1173 Bocca di Porto di Lido che collega la Laguna Bocca di Chioggia 405 567 13% 972 con il Mare Adriatico, come pure le altre due Fusina-Marghera 441 400 12% 841 bocche di porto che la seguono nella Litoranea Veneta 367 346 10% 713 graduatoria. La seconda direttrice più Canal Salso-Mestre 252 238 7% 490 trafficata rispetto alla terraferma risulta essere Mira-Campagna Lupia 132 168 4% 300 quella di Fusina-Marghera. In totale, l’interscambio con TOTALI Entrata Uscita Totale Perc. l’entroterra veneto, attraverso i fiumi, supera 1858 1905 52% Totale Entroterra 3763 1711 1791 48% Totale Bocche 3502 di poco quello con il mare (3.763 passaggi TOTALE MOVIMENTI 3569 3696 7265 100% contro 3.502) ed il totale di movimenti in entrata ed uscita si attesta sui 7.265 passaggi. Totali Diporto 3373 3506 6879 95% Questa cifra rappresenta circa un quarto del totale di passaggi rilevati nella giornata di conteggio (24% su 30.428 passaggi nelle 10 ore analizzate). Tenendo conto che le stesse imbarcazioni sono sicuramente state contate anche in altre stazioni oltre a quelle indicate nella Tabella 20, sembra abbastanza chiaro come il traffico extralagunare abbia un peso piuttosto rilevante nel traffico festivo estivo. Tutto sommato, si nota come le entrate e le uscite siano abbastanza bilanciate nel complesso. Le lievi differenze sono forse imputabili agli orari di conteggio che hanno probabilmente comportato la mancata rilevazione di alcune imbarcazioni in entrata dall’entroterra al mattino ed in entrata dalle bocche di porto alla sera. Bisogna tener presente che è altamente plausibile che alcune imbarcazioni che entrano in laguna dalla terraferma proseguano fino al mare aperto 23 e che quindi esse siano contate quattro volte: una in entrata dall’entroterra al mattino e subito dopo in uscita verso il mare, e poi di nuovo alla sera, al rientro dal mare e successivamente in uscita (dalla laguna) verso i fiumi da cui erano partite al mattino. In compenso, il totale dei passaggi in entrata (od uscita) dalla terraferma indica abbastanza chiaramente che le barche provenienti dalla terraferma sono almeno 1,900 (tra 1858 e 1905 per l’esattezza) dato che è altamente improbabile che tali entrate (o uscite) siano state contate due volte. L’ultima riga della tabella indica come il 95% dei movimenti di entrata/uscita dalla laguna sia rappresentato da natanti da diporto. I dati relativi ai flussi extralagunari provengono da una serie di tabelle con il prefisso 6… (ad esempio 6) Totale Entrate ed Uscite Laguna (tutte), oppure 6,01) Totale Entrate ed Uscite Laguna (diporto)) contenute nel file Traffico Lagunare Domenica 12-7-98.mdb nel CD allegato. Similmente, i grafici in questo capitolo si basano sugli stessi files esportati ed elaborati in Excel® nel file denominato Grafici e Tabelle Estate 1998.xls.

23

Vedi infatti la discussione nel precedente paragrafo 5.1.3.1 e soprattutto la discussione che seguirà nel paragrafo 5.5.6 a conferma di tale ipotesi.

50


5.5.4

Accessi dalla Terraferma

La Tabella 21 evidenzia come il traffico da e per la terraferma rappresenti il 52% del totale di movimenti di input ed output in Laguna. La Tabella 22 indica che il 38% di tali flussi entra in Laguna Nord dai fiumi Dese e Sile. Il 22% entra in Laguna Centrale da Fusina-Marghera – dove vi sono varie darsene nautiche – ed in parte probabilmente anche dal Brenta. Il 19% Tabella 22. Traffico Entroterra-Laguna. entra in Laguna Nord attorno a Treporti, Direttrice Entrata Uscita Totale Perc. attraverso il Canale Pordelio, lungo la Dese-Sile 666 753 38% 1419 cosiddetta Litoranea Veneta, che costeggia, Fusina-Marghera 441 400 22% 841 internamente alla laguna, la penisola di Litoranea Veneta 367 346 19% 713 Cavallino-Jesolo. È possibile che una parte Canal Salso-Mestre 252 238 13% 490 Mira-Campagna Lupia 132 168 8% di tali imbarcazioni provenga dal mare 300 Totale Entroterra 1858 1905 3763 100% attraverso la foce del Sile e le Conche di Cavallino. Il 13% arriva a ridosso di Venezia nei pressi di San Giobbe, prevenendo da Mestre attraverso il Canal Salso, e dalla testa di ponte di San Giuliano, dove sono rimessate molte imbarcazioni. Infine solo un 8% delle imbarcazioni di origine terrafermiera entra nella Laguna (Sud) dai vari canaletti che attraversano le valli da pesca a ridosso delle campagne di Mira, Campagna Lupia, Lugo e Lova. 160

Entrate Canal Salso-Mestre Entrate Dese-Sile Entrate Fusina-Marghera Entrate Litoranea Veneta Entrate Mira-Campagna Lupia Uscite Canal Salso-Mestre Uscite Dese-Sile Uscite Fusina-Marghera Uscite Litoranea Veneta Uscite Mira-Campagna Lupia

140

120

Passaggi .

100

80

60

40

20

0 9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

Ora

Figura 27. Bilancio Orario di entrate ed uscite tra Terraferma e Laguna (diporto).

In generale, le entrate ed uscite sono piuttosto simmetriche, come sarebbe da aspettarsi. I diportisti della domenica entrano in laguna alla mattina e ritornano a casa alla sera, come confermato dalla Figura 27. Tutte le linee solide (entrate) mostrano infatti una prevalenza antimeridiana, tranne la Litoranea Veneta, che avevamo già segnalato come direttrice anomala rispetto alle altre. Il traffico presso tale via d’acqua sembra più simile alle bocche di porto, con 51


uscite mattutine e rientri serali, che non alle direttrici che collegano la laguna con la terraferma. La Figura 27 mostra come gli accessi in laguna lungo Dese e Sile continuino anche al pomeriggio, con un secondo picco verso le 14, che probabilmente include tutti coloro che avevano preferito mangiare a casa prima di mettersi in barca. In generale però le entrate in laguna si concentrano prevalentemente verso le 11 e le uscite attorno alle 17. 5.5.5

Accessi al Mare

In totale, il traffico che entra ed esce dalle tre bocche di porto costituisce il 48% del bilancio di movimenti extra-lagunari (Tabella 21). Più specificamente (Tabella 23), il 39% dell’interscambio con il mare avviene attraverso la Bocca di Lido, il 33% attraverso la Bocca di Malamocco ed il 28% attraverso la Bocca di Tabella 23. Traffico Mare-Laguna. Chioggia. Mentre in totale anche gli scambi col Direttrice Entrata Uscita Totale Perc. mare sono abbastanza equilibrati tra entrate ed Bocca di Lido 742 615 39% 1357 uscite, si nota un divario significativo tra le Bocca di Malamocco 564 609 33% 1173 numerose entrate dalla Bocca di Lido (742) e le Bocca di Chioggia 405 567 28% 972 minori uscite (615), mentre il contrario sembra Totale Bocche 1711 1791 3502 100% accadere a Chioggia dove le uscite (567) sopravanzano le entrate (405), cosa che succede anche in minor misura a Malamocco. In sintesi, sembra vi sia una certa tendenza ad uscire da Chioggia e Malamocco per poi rientrare al Lido, anche se ciò non si può provare data la non identificabilità, a causa della mancanza di targa, dei natanti da diporto che, come si è visto nella Tabella 21, compongono il 95% dei movimenti extralagunari. Il grafico nella Figura 28 sembra comunque supportare questa tesi 24. 160

Entrate Malamocco Entrate Chioggia Entrate Lido

140

Uscite Malamocco Uscite Chioggia

120

Uscite Lido

Passaggi .

100

80

60

40

20

0 9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

Ora

Figura 28. Bilancio di entrate ed uscite orarie alle bocche di porto (diporto).

24

Vedi anche il paragrafo 4.2 per ulteriori conferme.

52


La Figura 28 è interessante per vari motivi. Innanzitutto si nota come i picchi mattutini siano prevalentemente in uscita dalla laguna e come i picchi in uscita dalle bocche di Malamocco e Chioggia precedano di circa un’ora il picco di Lido. Al Lido si nota anche come, attorno alle 12 vi siano due picchi, uno di entrate ed uno di uscite, quasi perfettamente sovrapposti. Il picco di entrate a mezzogiorno alla bocca di Lido potrebbe confermare la summenzionata tesi di uscite dalle altre due bocche (verso le 11) e di successivi ingressi al Lido. Una parte degli ingressi mattutini al Lido potrebbe anche provenire da altri porti adriatici vicini a Venezia. In generale però, la prevalenza di uscite antimeridiane, e le corrispondenti entrate dalle ore 16 in poi, fanno supporre che in una calda domenica d’estate, come quella in cui si svolse il conteggio, le bocche fungano per lo più da valvole di sfogo del traffico lagunare e non da ricettori di traffico extralagunare. Osservando più attentamente il grafico, si nota come le uscite da Malamocco comincino prima delle altre (oltre 40 passaggi già dalle ore 9) e come gli ingressi in Laguna al Lido, comincino solo dopo i picchi di uscite dalle altre due bocche, ad ulteriore conferma di una tendenza a saltare fuori dalla laguna a Sud per poi rientrarvi a Nord, evitando i più lenti canali lagunari 25. Le uscite da Lido e Malamocco sono esclusivamente antimeridiane, mentre a Chioggia, dopo una lieve gobba di rientri alle 13 per la pausa pranzo, si rileva un secondo picco di uscite verso le ore 15. Un piccolo picco di rientri a Malamocco, attorno alle 12, sembra confermare anche il fatto che gli utenti della bocca siano più mattinieri, anche se gli ingressi potrebbero rappresentare natanti usciti dalle altre bocche precedentemente. I rientri cominciarono abbastanza presto il 12 Luglio 1998 26, a partire dalla bocca di Lido, con i massimi attorno alle 16, e poi successivamente verso le 17 a Malamocco e verso le 18 a Chioggia.

25 26

Si ricordi il basso numero di passaggi in laguna centrale tra Malamocco e San Leonardo, come accennato nei paragrafi 5.1.3.2 e 4.2. Bisogna tener presente che il 12 Luglio, 1998 si disputava la finale di coppa del mondo di calcio tra Francia e Brasile, che però cominciò alle 20.

53


5.5.6

Analisi del traffico diretto Terra-Mare (Diporto)

Il grafico nella Figura 29 mette a confronto le imbarcazioni da diporto entrate dalla direttrice Dese-Sile con quelle uscite dalla bocca di Lido (e viceversa) per esplorare la possibilità che una fetta del traffico proveniente dall’entroterra che fa ingresso nella Laguna Nord prosegua direttamente verso la bocca di porto più vicina, ovvero quella di Lido, per poi effettuare il percorso inverso in serata. 160 Entrate Dese-Sile Uscite Lido Entrate Lido

140

Uscite Dese-Sile

120

Passaggi .

100

80

60

40

20

0 9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

Ora

Figura 29. Traffico Diretto Terra-Mare in Laguna Nord (Diporto).

In effetti, la traslazione dei picchi di entrata ed uscita sembra confermare tale ipotesi 27. Come si vede nella Figura 29, infatti, il picco di massimo flusso in entrata dal Dese e dal Sile, attorno alle 11 è seguito dopo circa un’ora da un corrispondente picco in uscita dalla laguna Nord attraverso la bocca di Lido. Viceversa, attorno alle 16 si vede un primo picco di rientri dalla stessa bocca di porto a cui corrisponde, dopo un’altra ora, un simile picco in uscita attraverso gli stessi fiumi. Il fatto che il picco in uscita dal Lido al mattino sia leggermente inferiore a quello osservato sulla direttrice Dese-Sile un’ora prima indica che una parte delle imbarcazioni si “perde” per strada e frequenta altre zone della laguna invece di uscire in mare. Comunque sia, la Figura 29 sembra indicare che un notevole numero di imbarcazioni di provenienza fluviale attraversa la laguna nord semplicemente per raggiungere il mare Adriatico.

27

Ipotesi già ventilata nella precedente discussione al paragrafo 5.1.3.1.

54


5.6

Confronto con Campagne Precedenti

In questo paragrafo vengono confrontati i dati raccolti nella presente campagna in data 12 Luglio 1999, con i dati precedentemente raccolti dal Worcester Polytechnic Institute (WPI) nell’estate precedente, il 29 Luglio 1997, e questi ultimi con i dati raccolti dal COSES, ed analizzati dall’Autore, relativi alla campagna tardo-invernale del 17 Marzo 1998. Il primo confronto permette di verificare la differenza tra un giorno feriale estivo (29/7/97) ed uno festivo (12/7/98). Il secondo confronto invece permette di quantificare la differenza stagionale tra inverno (17/3/98) ed estate (29/7/97) nello stesso giorno feriale (entrambi erano infatti Martedì). Come si è visto nei paragrafi 2.3 e 2.4 e come si può vedere nella Tabella 24, le prime 10 stazioni estive del 1997 e del 1998 sono le stesse con la sola Tabella 24. Stazioni utilizzabili per confronti Festivo/Feriale e Invernale/Estivo. eccezione della numero 4 che è Stazioni Estive Stazioni Estive Stazioni Invernali stata spostata da Fusina (1997) a Nome Sito FESTIVE FERIALI FERIALI (Provincia 1998) (Provincia 1997) (COSES 1998) San Leonardo (1998). Il periodo Murano Ovest (Venier) 1 20 1 di conteggio nell’estate del 1997 Murano Est (Navagero) 2 21 2 San Giobbe (ex macello) 3 18 3 fu tra le ore 7 e le 18 (11 ore), San Leonardo 4 mentre il conteggio dell’estate Malamocco 5 5 successiva si estese per 11 ore Lido - S.M.Elisabetta 6 19 6 Lido - 4 Fontane 7 7 tra le 8:30 e le 19:30. Il Mazzorbo 8 23 8 confronto si baserà quindi Lido - San Nicolò 9 9 sull’intervallo comune alle due Sant'Erasmo 10 10 San Michele (Cimitero) 22 16 campagne, ovvero tra le 9 e le Marittima (Scomenzera) 3 18 18 (9 ore). Inoltre, poiché i dati del 1997 relativi ai passaggi dei mezzi ACTV presentano delle lacune, i confronti escluderanno le imbarcazioni del trasporto pubblico di linea gestito dall’ACTV. La Tabella 24 mostra anche le sovrapposizioni tra cinque stazioni rilevate nell’estate 1997 e nell’inverno del 1998 28. I dati tardo-invernali del Marzo 1998 furono collezionati in 10 ore di rilevamento (tra le 7 e le 17), per cui il confronto con i dati feriali estivi del 1997 dovrà basarsi sull’intervallo comune tra le 7 e le 17, sempre con l’esclusione dei mezzi ACTV. Il confronto tra il traffico feriale invernale ed estivo (tra i dati del martedì 29/7/1997 e quelli del Martedì 17/3/1998) è stato già presentato in un precedente rapporto dello stesso autore 29, ma viene qui riproposto in modo più esteso. I dati relativi ai confronti provengono da una serie di tabelle con il prefisso Z… (ad esempio Z1) Totale per Tipo per ora per stazione (estate feriale 97)) per quanto riguarda i confronti estivi (feriale vs. Festivo) e da tabelle con il prefisso Y… (ad esempio Y1) Dati COSES Inverno 98 senza ACTV-st 18-21 e 23), tutte contenute nel file Traffico Lagunare Domenica 12-7-98.mdb nel CD allegato. Similmente, le tabelle in questo capitolo si basano sugli stessi files esportati ed elaborati in Excel® nel file denominato Grafici e Tabelle Estate 1998.xls. Tutte le mappe visibili in questo capitolo sono riportate, a tutta pagina, anche nelle Appendici L1-L5.

28

Esisterebbe anche una sovrapposizione tra Estate 1998 (festivo) ed Inverno 1998 (feriale), per le ultime due stazioni nella Tabella 24 (San Michele e Marittima), ma tale confronto non è stato considerato in quanto poco significativo. 29 Vedi Carrera, 1999a in Bibliografia.

55


5.6.1

Traffico Estivo Feriale vs. Festivo

La Tabella 25 mette a confronto i dati estivi feriali (Martedì 29 Luglio 1997) e festivi (Domenica 12 Luglio 1998), nell’intervallo tra le ore 9 e le ore 18, escludendo i mezzi ACTV. Come si può notare, il traffico festivo estivo è quasi triplicato rispetto al traffico feriale nella stessa stagione 30. Tabella 25. Confronto tra giorno Feriale (Martedì) e Festivo (Domenica) in Estate. Tutte le stazioni mostrano incrementi ingenti, con l’unica Feriale Festivo Differenza Stazione Nome Stazione Percentuale (29/7/97) (12/7/98) (1998-1997) eccezione della stazione 1 1 Murano Ovest (Venier) 468 432 -36 -8% (Murano Venier) che 2 Murano Est (Navagero) 892 2000 1108 124% 3 San Giobbe (ex macello) 970 1415 445 46% permetteva il monitoraggio del 5 Malamocco 138 806 668 484% traffico da e per l’Aeroporto 6 Lido - S.M.Elisabetta 286 1322 1036 362% “Marco Polo”, dove il traffico è 7 Lido - 4 Fontane 379 818 439 116% 8 Mazzorbo 412 1867 1455 353% rimasto pressoché stazionario 9 Lido - San Nicolò 364 1421 1057 290% probabilmente a causa del fatto 10 Sant'Erasmo 217 1475 1258 580% TOTALE 4.126 11.556 7430 180% che i voli aerei feriali sono numericamente costanti rispetto a quelli festivi. Come illustrato visivamente anche dalla Figura 30, le stazioni che hanno subito gli aumenti più rilevanti sono quelle attorno alla bocca di Porto del Lido, ovvero la stazione 10 (S.Erasmo) e la stazione 9 (San Nicolò), oltre alla stazione 8 (Mazzorbo) che, come si è visto, si colloca lungo la direttrice trafficatissima tra l’entroterra dei fiumi Dese e Sile ed il Mare Adriatico. La stazione 6, pur escludendo il traffico ACTV, mostra un aumento significativo dovuto probabilmente, almeno in parte, alla presenza di un distributore di benzina molto frequentato dai diportisti estivi.

Figura 30. Confronto tra dati estivi Feriali (barre rosse) e Festivi (barre verdi).

30

Anche se a distanza di un anno, il rapporto 1:3 è da considerarsi comunque valido e significativo.

56


In effetti, un’analisi comparata delle tipologie di natanti in circolazione nei giorni feriali estivi ed in quelli festivi, visibile nella Figura 31, dimostra chiaramente la preponderanza, già precedentemente segnalata, dei natanti privati da diporto (colorazione viola), soprattutto lungo le direttrici che portano a destinazioni balneari.

Figura 31. Confronto delle Categorie di trasporto estivo rilevate durante la settimana (torte a sinistra) e nei weekend (a destra).

Sempre dalla Figura 31, dove le torte a sinistra rispecchiano i dati feriali e quelle a destra quelli festivi, si nota chiaramente, oltre alla schiacciante superiorità numerica dei dati festivi evidenziata dalle dimensioni delle torte, come le imbarcazioni merci (colore verde) siano quasi inesistenti durante il fine settimana per essere rimpiazzate dai natanti da diporto (viola). Anche il trasporto Persone 31 (fette blu) aumenta, ma di poco, durante il weekend, come si può vedere anche dalla Tabella 26. Tabella 26. Confronto per Categoria tra giorno Feriale (Martedì) e Festivo (Domenica) in Estate. Stazione 1 2 3 5 6 7 8 9 10

Nome Stazione Murano Ovest (Venier) Murano Est (Navagero) San Giobbe (ex macello) Malamocco Lido - S.M.Elisabetta Lido - 4 Fontane Mazzorbo Lido - San Nicolò Sant'Erasmo TOTALE

Feriale 125 248 360 88 100 137 283 188 175 1.704

Diporto Festivo 93 1364 1090 762 1034 500 1751 1335 1407 9.336

% -26% 450% 203% 766% 934% 265% 519% 610% 704% 448%

Feriale 47 235 343 9 58 49 75 43 30 889

Merci Festivo 10 28 48 24 19 39 25 12 56 261

% -79% -88% -86% 167% -67% -20% -67% -72% 87% -71%

Feriale 292 380 221 23 109 176 44 112 6 1.363

Persone Festivo 328 591 261 16 260 278 89 58 8 1.889

% 12% 56% 18% -30% 139% 58% 102% -48% 33% 39%

La Tabella 26 quantifica le differenze rilevate tra giorni feriali e festivi durante il periodo estivo. Come si vede, il traffico diportistico è più che quintuplicato durante il weekend, con 31

Data l’esclusione dei mezzi ACTV, il trasporto persone è essenzialmente rappresentato solo da Taxi e Gran Turismo.

57


aumenti particolarmente significativi al Lido (sia a S.M.Elisabetta che a S.Nicolò), Sant’Erasmo e Mazzorbo. Come prevedibile, invece, il traffico merci è notevolmente diminuito (-71%). Il traffico relativo al trasporto Persone, infine, è aumentato solo di poco (39%), con punte a Santa Maria Elisabetta e Mazzorbo dove sono stati rilevati più del doppio di passaggi. Particolarmente interessante è il calo significativo nel numero di Taxi e, soprattutto, di imbarcazioni Gran Turismo (vedi nota 31) a Malamocco (-30%) ed a San Nicolò (-48%), che a prima vista è senz’altro controintuitivo. In effetti però esistono dati che corroborano l’evidente diminuzione del traffico turistico durante il weekend 32 e le due stazioni in oggetto sono collocate lungo le direttrici di collegamento con siti di alta concentrazione turistica, quali Punta Sabbioni (stazione di San Nicolò) e Chioggia (stazione di Malamocco). È ipotizzabile che tale calo sia dovuto al fatto che probabilmente molti turisti prenotano soggiorni settimanali che cominciano e finiscono proprio nei weekend, per cui i fine settimana sono momenti di “cambio” e come tali non si prestano a gite organizzate in laguna. La Figura 32 mette a confronto le distribuzioni per classi rilevate nella campagna feriale del 29/7/97 (torta a sinistra) e nella campagna festiva oggetto di questo rapporto (torta a destra). È evidente la notevole differenza percentuale nei natanti da Diporto, che sono passati dal 40% al 76% del totale.

TAXI 21%

DIPORTO 76%

MERCI 22%

TURISMO 10%

Altre PICCOLE 5%

DIPORTO 40%

Altre GRANDI 2%

MERCI 2%

TAXI 8% G.TURISMO 5%

REMI 0,8%

ACTV 7%

ALTRO 0,03%

Figura 32. Distribuzione percentuale estiva per classi: Feriale (sinistra) e Festiva (destra).

NAVI 0,3%

SERVIZI 0,6%

Le imbarcazioni Merci al contempo sono passate dal 22% feriale a solo il 2% festivo, ed i Taxi dal 21% all’8%.

32

Ad esempio, un’indagine finanziata dall’Azienda di Promozione Turistica (APT) di Venezia, effettuata nell’estate del 1999 e svolta da un gruppo di studenti del Venice Project Center del Worcester Polytechnic Institute, ha conteggiato il numero di passeggeri sbarcati da imbarcazioni Gran Turismo nel Bacino di San Marco, presso i pontili gestiti dall’Azienda Speciale per la Mobilità (ASM) di Venezia. Anche qui, contrariamente a ciò che ci si potrebbe aspettare, i turisti sbarcati durante il weekend (1.688) sono notevolmente inferiori a quelli contati durante un giorno feriale (4.287), segno che il numero di natanti impiegato per il trasporto di tali turisti era sicuramente molto più basso nel fine settimana (WPI 1999).

58


5.6.2

Traffico Interstagionale Feriale (Inverno vs. Estate)

In questo paragrafo vengono confrontati i dati raccolti nella campagna feriale tardo-invernale in data 17 Marzo 1998, con i dati raccolti, sempre in un giorno feriale, ma in Estate, dal Venice Project Center del Worcester Polytechnic Institute (WPI), il 29 Luglio 1997. Entrambi i giorni erano Martedì. Come si è visto nella Tabella 24, cinque stazioni dell’estate 1997 si sovrappongono abbastanza fedelmente ad altrettante stazioni della campagna tardo-invernale del COSES, analizzata dallo stesso Autore. Le stazioni comuni tra i due studi includono Murano Venier, Murano Navagero, Macello S. Giobbe, S. Maria Elisabetta (Lido) e Mazzorbo. Il confronto si basa sul periodo comune di rilevamento tra le ore 7 e le ore 17, sempre escludendo i mezzi ACTV. La Tabella 27 delucida il generale aumento (26%) di traffico feriale tra inverno ed estate, con una punta massima di quasi il 50% presso la stazione di San Giobbe ed un minimo (7%) presso Murano Navagero, dove comunque il traffico è costantemente tra i più alti in assoluto. Tabella 27. Confronto tra giorno Feriale (Martedì) Invernale ed Estivo. Stazione Stazione Passaggi Passaggi Aumento Aumento Inverno 1998 Estate 1997 Inverno 1998 Estate 1997 Assoluto Percentuale Murano Ovest (Venier) 20 1 400 509 109 27% Murano Est (Navagero) 21 2 840 902 62 7% S.Giobbe (ex macello) 18 3 806 1181 375 47% Lido - S.M. Elisabetta 19 6 242 277 35 14% Mazzorbo 23 8 315 402 87 28% TOTALE 2.603 3.271 668 26% Località

La Figura 33 mostra in modo immediatamente visibile le differenze tra i dati feriali invernali (barre blu) e quelli feriali estivi (barre gialle). Si nota innanzi tutto come il numero di passaggi feriali nelle cinque stazioni considerate non sia, tutto sommato, drasticamente diverso tra inverno ed estate, segno questo di una certa costante di traffico che si potrebbe definire “fisiologica” durante i giorni lavorativi, quando la componente diportistica è per lo più assente, soprattutto d’inverno, come evidente anche dalla Figura 34.

Figura 33. Confronto Interstagionale tra dati Feriali Invernali (barre blu) ed Estivi (barre gialle).

59


La Figura 34 mostra la distribuzione per categorie di mobilità dei passaggi rilevati d’Inverno e d’Estate nelle cinque stazioni comuni ai due studi messi a confronto. Risulta immediatamente visibile l’apparizione estiva dei mezzi da diporto, che erano invece pressoché assenti d’Inverno, nonostante il fatto che il 17 Marzo fosse una data tutto sommato quasi primaverile.

Figura 34. Confronto Interstagionale per Categorie: Dati Feriali Invernali (torta a sinistra) ed Estivi (destra).

La Figura 35 mostra le differenze nelle distribuzioni per classi di imbarcazioni rilevate in un giorno feriale invernale (torta a sinistra) ed estivo (destra). La cosa che più si nota è l’aumento dei natanti da diporto (classe PRIVATE) che passano dal 7% d’Inverno al 40% d’Estate. SERVIZI 11%

TAXI 21%

TAXI 23%

MERCI 22%

ACTV 17% TURISMO 10%

REMI 3% TURISMO 3% PRIVATE 7%

MERCI 36%

PRIVATE 40%

Altre PICCOLE 5% Altre GRANDI 2%

Figura 35. Distribuzione percentuale feriale per classi Inverno (sinistra) ed Estate (destra).

Di conseguenza, le barche Merci calano dal 36% al 22%, mentre la percentuale di Taxi rimane pressoché invariata ed i Gran Turismo salgono dal 3% invernale al 10% estivo 33.

33

I confronti sono meramente indicativi dato che la divisione tassonomica in classi è comunque diversa tra le due compagne.

60


5.6.3

Sommario Confronti

La Figura 36 riassume i due precedenti confronti mostrando le barre relative ai dati estivi feriali (rosso) e festivi (verde), insieme ai dati feriali invernali (blu) ed estivi (giallo). Le barre rosse e gialle, che corrispondono alla stessa campagna feriale estiva (29/7/97) hanno altezze diverse poiché i dati sono stati calcolati in due intervalli orari diversi, come discusso nei paragrafi precedenti.

Figura 36. Sommario Confronti: Interstagionale Feriale (barre blu/gialle) e Feriale/Festivo Estivo (barre rosso/verdi).

Questa visualizzazione conferma il notevole sbalzo numerico tra estate ed inverno, soprattutto nelle stazioni di Mazzorbo e Lido, mentre invece le differenze sono generalmente più contenute a San Giobbe e Murano Navagero. La stazione Murano Venier che intercetta il traffico da e per l’Aeroporto si conferma costante praticamente tutto l’anno anche se il traffico estivo, sia feriale che festivo, è più elevato di quello invernale, probabilmente a causa del corrispondente aumento estivo del traffico aereo.

61


6 CONCLUSIONI Le analisi dei dati relativi ai 31.760 passaggi registrati dalla campagna di rilevamento del traffico acqueo che ebbe luogo il 12 Luglio del 1999 presso 21 stazioni nella città di Venezia e nella Laguna, portano a trarre le conclusioni sul traffico acqueo estivo festivo che presentiamo in questo capitolo finale. 6.1

Conclusioni Generali sul Traffico Estivo Festivo • • • • • •

6.2

Conclusioni sulla Composizione del Traffico Estivo Festivo • • •

6.3

Il traffico prevalente nei weekend estivi è di tipo Diportistico (77%), seguito dal trasporto Persone (20%). Le imbarcazioni Merci sono quasi assenti nei fine settimana (2%). Taxi (8%), Gran Turismo (5%) e mezzi ACTV (7%) sono transitati in numero pressoché uguale presso le stazioni di rilevamento.

Conclusioni sulla Temporalità del Traffico Estivo Festivo • • •

6.4

Durante i weekend estivi il traffico lagunare è sensibilmente più alto di quello nel Centro Storico di Venezia. Il traffico estivo festivo si snoda prevalentemente lungo la direttrice Sile/Dese – Mare ed attorno al Centro Storico di Venezia, ovvero lungo il Canale della Giudecca, il Canale delle Fondamente Nuove ed il Canale della Nave e dei Marani. La stazione più trafficata si è rivelata quella di Murano Navagero, con un totale di 2261 passaggi, seguita da Mazzorbo con 2177 e Punta Sabbioni (Bocca di Lido) con 2090. In tutto, solo 32 su 397 manovre hanno superato la soglia dei 300 passaggi in dieci ore (9-19), equivalenti ad una media di un passaggio ogni 2 minuti. I segmenti più trafficati si trovano attorno Murano Navagero-S.Michele, lungo la tratta Dese/Sile-Mare e generalmente attorno alle bocche di porto, soprattutto presso quella del Lido. I segmenti del Centro Storico sono proporzionalmente meno trafficati e le punte massime sono a Punta Salute e San Giobbe.

Il traffico estivo nei weekend ha un picco in tarda mattinata, tra le ore 11 e mezzogiorno, con circa 4.000 passaggi, con un calo tra le 13 e le 14 ed un secondo picco sostenuto tra le16 e le 18. Nel complesso, le imbarcazioni delle classi Diporto, ACTV e Merci hanno una presenza pressoché costante durante tutto l’arco della giornata, con una piccola flessione durante i momenti più caldi attorno all’ora di pranzo. Taxi, Gran Turismo, Servizi e Navi sono prevalentemente mattutini.

Conclusioni sulle Targhe • •

Circa il 71% dei passaggi di imbarcazioni di cui si è tentato di rilevare la targa è risultato esserne privo, data la massiccia presenza di natanti da diporto che ne sono normalmente sprovvisti. Il 98% delle targhe rilevate è risultato valido. 62


6.5

Conclusioni Generali sul Traffico Extra-Lagunare Estivo Festivo • • • •

• • • •

6.5.1

Sono state identificate 8 direttrici principali di entrata/uscita che collegano la Laguna Veneta con il Mare o con l’hinterland veneto. Quattro accessi connettono la laguna con l’entroterra (Dese-Sile, Mestre-Canal Salso, Fusina-Marghera e Mira-Campagna Lupia). Tre la mettono in collegamento con il Mare Adriatico (le bocche di Lido, Malamocco e Chioggia). Una direttrice (Litoranea Veneta) è un po’ ibrida, in quanto essa mette in comunicazione la laguna con il mare attraverso la foce del Sile a Cavallino, ma allo stesso tempo potrebbe essere considerata un collegamento con l’entroterra, in quanto la penisola del Cavallino fa a tutti gli effetti parte della terraferma. La Litoranea Veneta, seppur trattata in questo rapporto come collegamento con la terraferma, si comporta invece più come una bocca di porto, con uscite mattutine e rientri serali. Il traffico extra-lagunare conta 7,265 passaggi totali (24% del totale rilevato durante le 10 ore di conteggio in tutte le 21 stazioni), di cui il 95% (6.879 passaggi) era costituito da natanti da Diporto. Lo scambio con la laguna è ripartito equamente tra mare (48% dei movimenti) e terraferma (52%), Il bilancio complessivo di entrate ed uscite tra laguna e terraferma e tra laguna e mare è pressoché in pareggio. In totale sono stati rilevati 3569 passaggi in entrata e 3696 in uscita.

Conclusioni sul Traffico Estivo Festivo alle Bocche di Porto • • • • • •

6.5.2

Le targhe del formato VEnnnn sono di gran lunga le più frequenti (69%) durante i weekend estivi, seguite a distanza da VEnnnnD con solo il 6,4% e da 6Vnnnn con il 5,8%.

Tutte e tre le bocche di porto hanno traffico sostenuto ovvero, nell’ordine, la bocca di Lido (39% dei movimenti laguna-mare), di Malamocco (33%) e di Chioggia (28%). Quasi tutte le uscite verso il mare succedono di mattina o nel primissimo pomeriggio e i rientri cominciano verso le 16 per continuare fino alle 18. Le uscite dalle bocche di Malamocco e Chioggia si concentrano tra le 11 e le 12, mentre le uscite dal Lido raggiungono il massimo tra le 12 e l’una. I rientri raggiungono picchi massimi alle 17 a Malamocco e attorno alle 18 a Chioggia, mentre il Lido ha un picco di entrate mattutine attorno a mezzogiorno e poi i rientri pomeridiani tra le 16 e le 17. Il netto dei movimenti alle bocche di porto è essenzialmente nullo (1711 entrate e 1791 uscite), ma sembra esservi una tendenza ad uscire dalle bocche sud per rientrare alla bocca di Lido. Il traffico a Chioggia si muove soprattutto tra la laguna ed il mare, oppure al largo della città, per poi diramarsi in una miriade di percorsi all’interno dei canali della città storica.

Conclusioni sul Traffico Estivo Festivo da e per la Terraferma • •

Quasi tutte le entrate dalla terraferma hanno luogo al mattino, con punte verso le 11, ed i ritorni alla sera, attorno alle 17. Il totale dei passaggi in entrata (od uscita) dalla terraferma indica abbastanza chiaramente che le barche provenienti dalla terraferma sono almeno 1,900 (tra 1858 e 1905 per 63


• • • • • •

6.6

Conclusioni sui Confronti tra Traffico Estivo Feriale e Festivo • • • • •

• • • •

6.7

l’esattezza) dato che è altamente improbabile che tali entrate (o uscite) siano state contate due volte. Il 38% di tali flussi entra in Laguna Nord dai fiumi Dese e Sile. Il 22% entra in Laguna Centrale da Fusina-Marghera – dove vi sono varie darsene nautiche – ed in parte probabilmente anche dal Brenta. Il 19% entra in Laguna Nord attorno a Treporti, attraverso il Canale Pordelio, lungo la cosiddetta Litoranea Veneta, che costeggia, internamente alla laguna, la penisola di Cavallino-Jesolo. Il 13% arriva a ridosso di Venezia nei pressi di San Giobbe, prevenendo da Mestre attraverso il Canal Salso, e dalla testa di ponte di San Giuliano, dove sono rimessate molte imbarcazioni. Infine solo un 8% delle imbarcazioni di origine terrafermiera entra nella Laguna (Sud) dai vari canaletti che attraversano le valli da pesca a ridosso delle campagne di Mira, Campagna Lupia, Lugo e Lova. Le imbarcazioni provenienti dall’entroterra dei fiumi Dese e Sile probabilmente proseguono direttamente verso il mare aperto senza fermarsi in laguna, per poi percorrere l’itinerario inverso alla sera.

Nove stazioni del presente studio sul traffico estivo festivo sono state confrontate con i dati relativi ad una giornata feriale estiva dell’anno precedente (campagna 29/7/97) nell’intervallo 9-18, escludendo i mezzi ACTV. Il traffico festivo estivo è quasi triplicato rispetto al traffico feriale nella stessa stagione. Tutte le stazioni mostrano incrementi ingenti, con l’unica eccezione della stazione 1 (Murano Venier). Il traffico acqueo registrato alla stazione Murano Venier (sulla direttrice da e per Tessera) è rimasto pressoché stazionario probabilmente a causa del fatto che i voli aerei feriali sono numericamente costanti rispetto a quelli festivi. Le stazioni che hanno subito gli aumenti più rilevanti sono quelle attorno alla bocca di Porto del Lido, ovvero la stazione 10 (S.Erasmo) e la stazione 9 (San Nicolò), oltre alla stazione 8 (Mazzorbo) che, come si è visto, si colloca lungo la direttrice trafficatissima tra l’entroterra dei fiumi Dese e Sile ed il Mare Adriatico. Il traffico diportistico è più che quintuplicato durante il weekend, con aumenti particolarmente significativi al Lido (sia a S.M.Elisabetta che a S.Nicolò), Sant’Erasmo e Mazzorbo. Il traffico merci è notevolmente diminuito (-71%). Il traffico relativo al trasporto Persone, infine, è aumentato solo di poco (39%), con punte a Santa Maria Elisabetta e Mazzorbo dove sono stati rilevati più del doppio di passaggi. Particolarmente interessante è il calo significativo nel numero di Taxi e, soprattutto, di imbarcazioni Gran Turismo (vedi nota 31) a Malamocco (-30%) ed a San Nicolò (-48%), che è da considerarsi valido grazie ad altri studi che confermano un calo generalizzato del traffico turistico di gruppo su natanti Gran Turismo durante i weekend estivi.

Conclusioni sui Confronti tra Traffico Feriale Invernale ed Estivo •

I dati relativi a cinque stazioni comuni tra lo studio sul traffico estivo feriale (campagna 29/7/97) ed una campagna feriale tardo-invernale (17 Marzo 1998), sono stati confrontati nell’intervallo 7-17, escludendo i mezzi ACTV. 64


• •

Si è riscontrato un generale aumento (26%) di traffico feriale tra inverno ed estate, con una punta massima di quasi il 50% presso la stazione di San Giobbe ed un minimo (7%) presso Murano Navagero, dove comunque il traffico è costantemente tra i più alti in assoluto. Il numero di passaggi feriali nelle cinque stazioni considerate non è però, tutto sommato, drasticamente diverso tra inverno ed estate, segno di una certa costante di traffico che si potrebbe definire “fisiologica” durante i giorni lavorativi, quando la componente diportistica è per lo più assente, soprattutto d’inverno. I mezzi da diporto erano invece pressoché assenti d’Inverno, nonostante il fatto che il 17 Marzo fosse una data tutto sommato quasi primaverile. La stazione Murano Venier che intercetta il traffico da e per l’Aeroporto si conferma costante praticamente tutto l’anno, ma il traffico estivo, sia feriale che festivo, è più elevato di quello invernale, probabilmente a causa del corrispondente aumento estivo del traffico aereo.

65


7 BIBLIOGRAFIA Rilevante 1.

2. 3.

4. 5.

6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13.

14. 15.

16.

17.

18.

19.

Barbiani, E. e Fabris, L. (1986), Verifica della Congruità della Rete di Trasporto Acqueo nella Venezia Insulare, per ACTV (Azienda del Consorzio Trasporti Veneziano) e COSES (Consorzio per lo Sviluppo Economico e Sociale della Provincia di Venezia), Venezia. Carrera, Fabio (1994), I Rii e la Qualità della Vita a Venezia, in COSES Informazioni, N.8, Settembre 1994, Venezia. Carrera, Fabio (1996), Il Traffico Acqueo nei Canali Interni di Venezia, Rapporto sulle Campagne di Raccolta Dati per il Progetto UNESCO "I Canali Interni di Venezia", Venezia (con Volume di Appendici). Carrera, Fabio (1997), Il Traffico Acqueo nella Laguna di Venezia, Campagna Feriale Estiva (Martedì 29 Luglio, 1997), Provincia di Venezia, Dicembre 1997. Carrera, Fabio (1999), Forma Urbis s.a.s., Il Traffico Acqueo nei principali Rii di Venezia e Canali Lagunari, Campagna Feriale Invernale (Martedì 17 Marzo, 1998), per COSES, Comune di Venezia e Provincia di Venezia, 31 Gennaio 1999. Cavaleri, L., Scibilia, R. e Tosi, R. (1977), Rapporto Tecnico sul Moto Ondoso in Canal Grande a Venezia, Comune di Venezia. Commissione Moto Ondoso, AA.VV.(1994), Relazione Finale, Comune di Venezia, Ass. ai SS.PP., Venezia (27 allegati). Comune di Venezia (1986), Assessorato Trasporti e SS.PP., Indagine sul Traffico Acqueo, Venezia. Comune di Venezia (1987), Assessorato Trasporti e SS.PP., Indagine sul Traffico Acqueo, Venezia. Consorzio Venezia Nuova (1989), Pr ovvedimenti Atti a Ridur r e gli Effetti del M oto Ondoso nel Centr o Stor ico di Venezia, Studio 1.2.4, 1a fase, Venezia. D'Alpaos, L. (1987), Idraulica e Conseguenze dei Moti Ondosi nei Canali, in Giornata di Studio a vent'anni dall'Evento di Marea del 1966, Ist. Ven. Sc., Let. ed Arti, Venezia. Faraguna, G. (1986), Inquinamento da Moto Ondoso della Laguna di Venezia, in ATENA, Atti del Convegno sul Moto Ondoso nella Laguna di Venezia, Venezia. Frassetto, R. (1986), Sul Degrado di Strutture Lapidee e in Laterizio Dovuto al Moto Ondoso nei Canali Veneziani, in ATENA, Atti del Convegno sul Moto Ondoso nella Laguna di Venezia, Venezia. Pulliero, Augusto (1987), Canal Grande Mare Forza Tre, Helvetia, Venezia. Rusconi, A. (1987), Rilevazioni del Moto Ondoso in Alcuni Importanti Canali Lagunari, in Giornata di Studio a vent'anni dall'Evento di Marea del 1966, Ist. Ven. Sc., Let. ed Arti, Venezia. WPI (1992a), Baker, B., Beavis, R., Corey, J., Curria, S., Kirkos, G., Newton, B., Nicolazzo, M., Ormond, P., Zoladz, G., A Static and Dynamic Study of the Canals of Venice (S.Polo/S.Croce Campaign), Worcester Polytechnic Institute, Allegato a Tesi n. 92A003I, Worcester, Massachusetts (USA), Marzo 1992. WPI (1992b), Henricksen, K., Luongo, D., Normandin, H.., A Study of the Canals in the San Marco Area, Worcester Polytechnic Institute, Tesi n. 92A016I, Worcester, Massachusetts (USA), Maggio 1992. WPI (1993), Cooke, K., Ebersole, J., Marrino, H., Rosiello, L., A Data Synthesis of the Worcester Polytechnic Institute Venice Canals Projects, Worcester Polytechnic Institute, Tesi n. 93A005I, Worcester, Massachusetts (USA), Luglio 1993. WPI (1999), Braghin, Eduardo, Calvo, Carlos Roberto, Gozubuyuk, Ark, Hodos, Mark Bartholomew, Estimation of Excursionist Tourists in the City of Venice, Worcester Polytechnic Institute, Tesi Interdisciplinare, Worcester, Massachusetts (USA), Luglio 1999. 66


20.

Zanetto, Gabriele e Lando, Fabio (1992), Il Traffico Acqueo in Venezia Centro Storico. Una Stima della Domanda, Comune di Venezia, Ass. ai Trasporti e SS.PP., UniversitĂ degli Studi di Venezia, Dip. di Scienze Economiche, Venezia.

67

Estate 1998 - Traffico acqueo Laguna di Venezia - Festivo (Domenica 12/7/98)  

Rapporto alla Provincia di Venezia sui rilevamenti di traffico acqueo estivo festivo in tutta la laguna di Venezia (12/7/1998)