Issuu on Google+


A quanto s(t)iamo? Il codice binario del nostro cervello si destreggia fra il tutto e il niente. Ho provato tutta la vita a non pensare. Niente. Il nulla è pur sempre qualcosa. Lo zero esiste. Dal numero non numero si nasce, si cresce, si riproduce, si muore per poi chiudere il cerchio. Lo zero è una circonferenza. A tutto c’è un perché, anche al nulla. Ammesso che esista. Come facciamo a pensare qualcosa che non è? Nel momento stesso in cui la pensiamo è. Dubbi kanthegelcartesiani a parte, lo zero è indispensabile perché il resto esista. E’ l’inizio, la partenza, la nascita. Un passaggio inevitabile per giungere alla realizzazione. Così, lo zero diventa uno non appena lo si chiama. Zero è l’idea, l’uno è la vita. E così, oggi, 1/1/11, l’uno regna e siamo già qualcosa. Diventiamo uno, perché lo zero ci sta stretto da subito. Ci sta talmente stretto che per poco non diventa un otto. Schizza via il numero non numero. Arriva e parte, subito, veloce, senza pensarci troppo. E’ l’evoluzione naturale delle cose. Sei lì lì per nascere ed ecco che sei già cresciuto. Sei un bambino naturalmente precoce. Un pargolo pensante. Figlio delle nostre menti, voli via in men che non si dica. Il tempo di un nome e già non ci sei più. Lo zero è da creare. Uno è il nome che gli diamo. Zero è l’idea, l’uno è la vita. Scivola via fra le mani, si comunica, si condivide, cerca di insinuarsi nelle vostre menti. Vi rapirà per discernere sullo zero. Non abbiate paura, il vero uno deve ancora arrivare. L’uno, infatti, è la partenza, ma è anche l’arrivo. Roba da paradossi biblici. L’uno è l’obiettivo/traguardo/sogno. L’uno è la paura di non essere uno. E’ la certezza di correre. Così, prendiamo ad esempio gli zero del passato che sono uno nel presente. Gli uno che sono partenza e arrivo insieme. Zero è l’idea, l’uno è la vita. La quintessenza dell’ossimoricità. 01000010 01100101 01101110 01110110 01100101 01101110 01110101 01110100 01101001.

di Rosibetti Rubino

EDITORIALE


01000010 01000001 01001110 01000111 01000001 01010010 01010100

BANG ART #1 www.bangart.it

BANG ART è la nuova rivista trimestrale dedicata all’arte ipercontemporanea edita da Coniglio Editore.BANG ART è l’unica rivista italiana a diffusione da edicola che tratta, con competenza e leggerezza, tutte le nuove realtà del panorama artistico italiano e internazionale: pop-surrealism & lowbrow, art toys e nuova illustrazione, fotografia e design, coolhunting e videoarte di ultima generazione. Tutte le tendenze che trasversalmente ci colpiscono al cuore ogni giorno sono stampate su BANG ART, incastrate tra di loro in un folle patchwork grafico, assumendo così significati tutti nuovi. BANG ART è un’esplosione di interviste esclusive a illustratori, fotografi, pittori, videomaker, designer, toy-maker, stilisti e in generale a chi fa “cose belle”. “Artisti” li chiamano in molti, per noi il termine è quasi riduttivo. BANG ART vi presenta i migliori creativi dell’universo (s)conosciuto, sono quelli che utilizzano ogni mezzo per esprimere se stessi. BANG ART li va a scovare, li coinvolge, li intervista e li stampa sulle sue pagine… al posto dell’inchiostro, la polvere da sparo! Ogni pagina un proiettile ben mirato. Il bersaglio siete voi: i lettori, non necessariamente smaliziati giovinastri esperti d’arte o canuti critici verbosi. Il requisito fondamentale per essere lettori di BANG ART è la curiosità: di sapere cosa c’è oltre al nostro mondo, di navigare le rotte migliori su internet, di sognare a occhi aperti. Ogni pagina un “bang!”, come fosse lo sparo dello start di una corsa. Ma al posto dell’arrivo, in questo caso, c’è la bellezza.


01000010 01000001 01010101 BAU #0 www.bauprogetto.it

BAU è un’Associazione Culturale fondata a Viareggio nel gennaio 2004, autogestita e senza fine di lucro. In ambito locale e mediante collaborazioni nazionali e internazionali, il progetto si propone come centro di incontro e aggregazione che coinvolge le più diverse discipline: pittura, scultura, fotografia, video, installazione, performance, teatro, narrativa, poesia, critica d’arte, fumetto, musica, ma anche ricerca scientifica, gastronomia ed altre attività non umanistiche. BAU produce a cadenza annuale l’omonimo Contenitore di Cultura Contemporanea, un cofanetto in tiratura limitata che racchiude opere originali di autori locali e di diversa provenienza geografica. La pubblicazione raccoglie l’eredità delle riviste d’artista e ad assemblaggio degli anni Sessanta-Ottanta, aggiungendo una originale dimensione di lavoro di gruppo e di condivisione progettuale e di idee, che si esplica anche nell’organizzazione di mostre, letture, convegni, rassegne ed eventi performativi. BAU intende intensificare le relazioni interdisciplinari e ampliare sempre più il numero di partecipanti sia italiani che stranieri, stimolando cooperazioni e sinergie. Il progetto promuove la sperimentazione e la ricerca di nuovi linguaggi ed elabora tesi sui rapporti tra arte, scienza, politica, ambiente e uomo. Opera, inoltre, per la necessaria verifica, lo studio e la sistemazione critica di una storia dell’arte e della produzione poetica degli ultimi decenni in Versilia e nella costa ovest tirrenica. .....


01100010 01101111 01101001 01110100 01100101

BOITE #0 www.boiteonline.org

Boîte è una scatola di pensieri, idee, storie d’arte, sull’arte e intorno all’arte senza la pretesa di definire, limitare, spiegare.È un “gioco in scatola” che ci appassiona e diverte. Nasce nella penombra di un’aula universitaria, in un giorno di novembre quando Milano comincia a raffreddarti le mani e la luce del proiettore genera immagini che catturano magneticamente la tua attenzione. I pensieri si infitt scono intorno a quelle immagini e comprendi che ha ragione chi diceva che ci vogliono almeno cinquant’anni per capire l’arte… Dalla Storia alla Contemporaneità, convinti che tutti i libri studiati servano a comprendere meglio quel che ci circonda e il resto sia da scoprire là fuori, negli studi degli artisti, nei musei, camminando per strada. Il primo numero dedicato a Marcel Duchamp e quattro numeri sulle tecniche artistiche: osservare l’opera, nel suo farsi. Anche se di libri ne leggiamo tanti siamo convinti che il punto di partenza della ricerca e della critica debbano essere le opere e gli artisti, i critici “arrivano” dopo, con quel “quarto d’ora accademico”… Noi abitiamo nelle nostre scatole, non siamo critici ma non siamo nemmeno puntuali, siamo stagionali… ricordando che non ci sono più le mezze stagioni. Boîte si rivolge a chiunque è alla ricerca di nuovi stimoli culturali, a chi pensa che l’arte possa addolcire e far brillare la propria vita, ogni tanto affascinandoci, altre volte irritandoci, facendo muovere le nostre emozioni e i nostri pensieri un pò più in là..........................................................


01000100 01010010 01000001 01000111 01001111

DRAGO #0 www.dragolab.com

The books published by DRAGO are one way that we have managed to infiltrate your hearts and homes, but the Drago Team is not interested solely in resting on your bookshelves and on your coffee tables. DRAGO has grown to be a multi-dimensional system that trascends time, space, and cultural constructs so that we can maximize your Experience, whatever that may be. When it comes to planning an event or re-imaging a brand, the DRAGO Headquarts is where Jimi Hendrix meets Immanuel Kant and while we are all trying to wrap our minds around the Sublime and the Surreal, we all come to the conclusion that, "Damn, I don't know what the hell just happened, but man...It was sic!" From Event Planning to Brand Building our team has the knowhow to party and the ability to look great doing it. So if you want to shake your tail feather and have a hoot with the owls or you are looking to rebuild your (company) image, have a look at some of the projects that we have puppeteered and if you like what you see get in to u c h ...............................................


01000100 01010010 01001111 01001101 01000101

DROME #1 www.dromemagazine.com

DROME magazine rappresenta la nuova generazione delle riviste di arte contemporanea. Bilingue (italiano/inglese) e patinato, DROME è un progetto editoriale d'avanguardia dal respiro internazionale che intreccia arte, fotografia, moda, architettura, design, cinema, musica, video, teatro, letteratura. Attraverso un impianto monografico e all'insegna dell'approfondimento, della trasversalità e della sperimentazione visuale, su DROME si incrociano le più innovative esperienze artistiche contemporanee. Sensibile e attento alla creatività emergente, DROME collabora con numerose realtà italiane e straniere in veste di producer o media partner di eventi, workshop e concorsi internazionali. E' distribuito in Italia e all'estero in edicola, in libreria, nei bookshop dei musei di arte contemporanea, nei più prestigiosi concept store, per abbonamento. E' presente alle più importanti fiere d'arte, di fotografia e di moda del mondo. DROME è la prima rivista italiana di cultura con articoli copyleft.


01000110 01000101 01000110 11101000

FEFE’ #0 www.fefeproject.com

Con l'acronimo FEFÈ un gruppo di professionisti italiani ha creato un magazine internazionale che ospita interventi di artisti e creativi delle arti visive. In ogni numero vengono invitati 25 autori e un bambino che realizzano un’opera esclusiva ispirata alla frase che costituisce il tema dell’issue. L’originalità dell’opera, l’attenta ricerca culturale che è alla base dell’invito a partecipare, rendono FEFÈ un prezioso strumento per essere aggiornati tempestivamente sui fenomeni e i talenti più interessanti della comunicazione visiva........................................


01000111 01010010 01000001 01000010

GRAB #1 www.grabmagazine.it

GRAB Magazine © è una Pubblicazione trimestrale contemporanea, attenta alle contaminazioni artistiche ed alle conseguenti evoluzioni di correnti e di tendenze ; Il filo conduttore è l’ espressione artistica tutto ciò che è arte appunto, grafica, illustrazione, fotografia, animazione, musica, negozi di tendenza e di interesse giovanile, libri, riviste, nuovi Brands, toys, gallerie d’arte eventi culturali ed eventi periodici per vasto pubblico. Grab Magazine © collabora e supporta una serie di artisti, nazionali e internazionali e grazie anche alla sua crescente community web è sempre in contatto con le nuove avanguardie di tutto il mondo. La rivista si presenta in un elegante formato orizzontale, molto manegevole ( 24,5 x 22 cm ).................................................................


01101100 01100101 00100000 01100100 01101001 01100011 01110100 01100001 01110100 01100101 01110101 01110010

LE DICTATEUR #1 www.ledictateur.it

“Le Dictature”is Federico Pepe, a selfproclaimed tyrant who grabbed full power and legitimized himself to begin an ambitious publishing project with the collaboration of Vice Dictateur Pierpaolo Ferrari. The title “Le Dictateur” is in French, it sounds milder this way. In this form, it nearly sounds like a compliment. Le Dictateur is the highest expression of the dominion of personal will: the magazine is to be thought of as a state, a space where artists, photographers, fashion world protagonists live together, arbitrarily selected and invited. Some are famous, some are extremely famous, some are totally unknown: they earned their citizenship because they have been wanted there, and they each became dictators of their own pages. In total freedom and lack of rules the were called to present a new or custom project for “Le Dictateur”: the result isa magazine with an extreme spirit................................................


01001110 01000101 01001111 01001000 01000101 01000001 01000100

NEO-HEAD #1 www.myspace.com/neoheadmagazine

Ciascun numero è realizzato dal solo Enrico che, di volta in volta, si reca in una città e la visita a piedi, esplorandola attraverso le foto che scatta e le chiacchierate con la gente che incontra. Quello che ne esce è l’anima del luogo, raccontata per immagini e trasformata in rivista. Potete usare Neo-Head come un semplice magazine da sfogliare in bagno per visitare comodamente da casa posti lontani o tornare su strade che già conoscete oppure potete usarlo coma una guida turistica alternativa, grazie all’indirizzario dei posti presente in ogni numero. .....


01010011 01010100 01001001 01010010 01000001 01010100 01001111

STIRATO #1 www.stirato.net

E' un postermagazine gratuito dedicato alle arti visive. Si presenta con un agile formato cartolina e una volta apertoesplode in un poster realizzato da un artista internazionale. Ogni mese un singolo tema unisce articoli, interviste e news dedicate al mondo dell'illustrazione e della fotografia, dal fumetto e del webdesign, fino ad arrivare allĂŹ architettura e alle nuove forme di comunicazione visiva. .................................


01010100 01001000 01000101 01000101 01001110 01000100

THE END #0 www.theendmagazine.com

THE END. is a Fashion, Art and Culture magazine that offers a unique editorial playground, based on integrity, creativity and style. The most famous international fashion and luxury brands advertise in THE END. in order to be associated with itยนs unique philosophy and strong creative identity, that bring an independent expression to an homogenous media landscape..................................................................


EHI!ECCO UN ESEMPIO PRIMORDIALE DI COMUNICAZIONE SIMULTANEA. Iniziamo dall'inizio. All'inizio c'era IL PALOMBARO. Un ermetico, pneumatico, assassino. Fatto di linee curve, analogie e disegni di metafore. Il palombaro uccide con agghiacciante consapevolezza, privo di letteraria chiarezza, tutta la letteratura p r e c e d e n t e . Le parole, completamente desemantizzate, assumono valenza comunicativa nell'unione con l'immagine. Testo e disegno esplodono simultaneamente, partorendo un linguaggio nuovo e graffiante. COMUNICAZIONE. Il linguaggio si evolve. Nuovi mostri mai visti. VIA le barriere della retorica. UCCISA la primordial/letteraria scissione tra iconico e verbale, captiamo inconsciamente un messaggio letterario divenuto visivo. DISLOCAZIONE delle coordinate di approccio al reale, in un foglio, una poesia, un Manifesto. EVOLUZIONE. L'uomo e la sua immagine si evolvono. Tutto comunica. Caverne, mura, tele, fogli, foglie, stazioni, metropolitane, case ed alberi, negativi e monitor. Iniziamo dall'inizio. Finiamo nel contemporaneo. Il PALOMBARO insegna, lascia,diventa: FotografiaGraficaIllustrazione SoundInteriorDigital&virtualCinemaStreetart.

di Michela Deidda

RETRO’


DIRETTORE ehi!visualmovement nella sua pi첫 democratica e intera composizione.

CREDITS

EHI! FREEMAG REDAZIONE F O N T R o s i b e t t i . R u b i n o M i c h e l a . D e i d d a I M M A G I N I L u c a . A . C a i z z i C o s i m o . N e s c a R L C R M G

I C E u c a . A . o s i m o . o s i b e t t i i c h e l a . i u s e p p e . P

R C C a i z z N e s c . R u b i n D e i d d a l m i s a n

A i a o a o

COLLABORAZIONI F G U V A A I R I

r a n c e s c o . V a l e r i l o r i a . C a r o v a n d d i n . P a k i s t a i n c e n z o . R u b i n l e k . D o b r o h o l t o n t o n i o . C a m E D . R o m a d i o p h o n i c o . S o n o . P i p

o a n o v a a a o



ehi!mag#0