1 minute read

PINZA & COTTO

PINZA & COTTO

Abbinamento che può stupire, ma fino a un certo punto: pinza e prosciutto cotto, possibilmente caldo. — Pinza and baked ham, possibly served hot: it might seem a hazardous match, although only to a certain extent.

Probabilmente non lo troverete nei menù dei ristoranti, ma questo è un piatto che a Trieste (soprattutto durante il periodo pasquale) va provato. L’abbinamento può stupire, ma fino a un certo punto: pinza e prosciutto cotto, possibilmente caldo.

Non poteva mancare, uno dei più antichi dolci cittadini in abbinamento con uno dei simboli gastronomici della città, il prosciutto cotto in crosta. Come detto, farete fatica a trovarlo come proposta nei locali cittadini (il solo “vecchio” Suban, quasi per scherzo, ve lo servirà come entree non richiesta del pranzo pasquale!), ma con un semplice “fai da te” potrete assaggiarlo anche fuori pasto. Sarà sufficiente tagliare delle sottili fette di pinza e adagiarci sopra un’altrettanto sottile fetta di prosciutto: l’abbinamento dolce-salato risulterà gradevolissimo. Le brioche salate che spopolano oggi dì le nostre nonne e bisnonne le avevano inventate tanti, ma tanti anni fa.

ENGLISH TEXT

It may not feature on the menus of renowned restaurants, and yet it must be tried at least once when in Trieste (especially around Easter): Pinza&Cotto, namely pinza [traditional dessert flan] and baked ham, possibly served hot – it might seem a hazardous match, although only to a certain extent.

After all, it was only to be expected that this traditional dessert would eventually meet one of the city’s gastronomic symbols, namely baked ham. Again, you will not find it in local restaurants (except maybe at “old” Suban, where you may be mockingly served this combination as appetizer at Easter lunch), but you can still taste it as a do-it-yourself snack. You only need to cut really thin slices of pinza and gently lay your baked ham on them: this sweet and salty match will make your mouth water. It may remind you of the modern croissant sandwich, except our grandmothers had discovered it way, way before us.