Issuu on Google+

S.M.S. GIACINTO DIANO Via Solfatara Pozzuoli Tel./ Fax 081/5262732

e-mail namm41400b@istruzione.it http://www.smsdiano.it

In copertina: ”La memoria del passato nella costruzione del futuro”. Attraverso la tecnica del collage, rielaborato con nuove tecnologie, sono state assemblate un’opera di Giacinto Diano “Dedicazione del Tempio” (particolare del chierico orante: autoritratto) del 1776 e l’opera del futurista Carlo Carrà “Manifestazione interventista” del 1914. L’impianto compositivo cattura l’attenzione dell’osservatore con una spirale di parole che risucchia lo sguardo al centro e all’interno dell’opera, per sottolinearne l’idea che è fondamentale : saper guardare al passato per costruire il nostro futuro. Progetto e realizzazione copertina: Prof. Loredana Dell’Isola e Gianluigi Prencipe

1


INDICE PREMESSA p.03 ORGANIGRAMMA p.04 DALLA RILEVAZIONE DEI BISOGNI

ALLA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI

ANALISI DEL CONTESTO p.09

SCELTE EDUCATIVE E DIDATTICHE DELLA SCUOLA p.11

Bisogni Formativi

Competenze in uscita

PROGETTARE E VALUTARE LE COMPETENZE p.17 OBIETTIVI individuati per ciascuna disciplina nelle riunioni di dipartimento

STANDARD (livelli di acquisizione degli obiettivi) Valutazione in decimi

VALUTAZIONE INTERNA ED ESTERNA p.42 DALLA SINERGIA TRA IL MONDO DELLA SCUOLA E IL CONTESTO ESTERNO SI GENERA LA MISSION L’OFFERTA FORMATIVA p.45 Le classi I Progetti Piano integrato di interventi ( PON ) RAPPORTO CON ENTI p. 46 LA MISSION DELLA SCUOLA p.47

2


PREMESSA Il POF (Piano dell’offerta formativa) è il piano che ogni scuola predispone come “documento fondamentale”, per definire i propri obiettivi e la propria identità e specificità culturale, con la partecipazione di tutte le sue componenti. Il Collegio dei Docenti della scuola media “Giacinto Diano” ha elaborato il presente documento programmatico che rappresenta lo strumento attraverso il quale realizza il proprio progetto educativo, in linea con le indicazioni nazionali per l’acquisizione di standard cognitivi e formativi, utilizzando modelli organizzativi – curriculari flessibili, aperti alla personalizzazione dei percorsi. Nell’ambito del collegio, i docenti del C.T.P. (Centro Territoriale Permanente) e del C.C.F. (Casa Circondariale Femminile) hanno elaborato piani di offerta formativa specifici.

3


4


DIRIGENTE SCOLASTICO Prof. Dott. Mariarosaria Laloè Vicepreside

Prof. Antonio Manzoni

Collaboratore

Prof. Michele Cioppa

D.S.G.A. Andrea Graziosi Assistenti Amministrativi:

Basile Giuseppina, Carannante Maria, Carrea Vincenza, Di Bonito Salvatore, Tropenscovino Rita

Collaboratori Scolastici:

Bellavista Espedito, Borriello Salvatore, D’Aquino Massimo, Della Ragione Rosario, Gaudino Concetta, Longobardi Vincenzo, Manco Giuseppe, Moio Agostino, Siniscalchi Isabella Angelina, Testa Vincenzo, Testa Raffaele

FUNZIONI STRUMENTALI Area Gestione POF Coordina la stesura del P.O.F. integrandola di volta in volta sulla base delle delibere degli organi collegiali e dei documenti prodotti dalle altre funzioni strumentali. Coordinare la raccolta di documenti interni all'istituto relativi alle attività del POF. Cura inoltre la stesura della sintesi del P.O.F. da distribuire alle famiglie. E’ responsabile della pubblicizzazione del P.O.F. presso il bacino d’utenza dell’Istituto. Sintetizza i progetti approvati in sede collegiale. Cura l’autoanalisi d’Istituto e il monitoraggio del POF. Area Supporto ai processi di innovazione didattica / Ricerca innovazione e valutazione Offrire sostegno e consulenze Avvio alla costruzione dell’archivio didattico di istituto, (percorsi didattici formalizzati, pratiche di qualità, relazioni, articoli e materiali prodotti nei corsi di formazione, ecc.) Conservare in maniera fruibile le diverse produzioni didattiche Area Continuità ed accoglienza Cura l’orientamento degli studenti in ingresso, quindi i rapporti sia con i circoli didattici, che con le famiglie. Svolge attività di pubblicità ed informazione in accordo con le altre funzioni strumentali Cura i progetti finalizzati all’inserimento di nuovi allievi anche di altre culture ed etnie. Coordina le attività di continuità ed accoglienza che coinvolgono altri docenti. Area innovazione tecnologica Coordina e supporta l’utilizzo delle nuove tecnologie come strumenti utili al funzionamento dell’istituto e allo sviluppo dell’offerta formativa. Coordina l’utilizzo delle LIM quale strumento didattico Coordinamento dell’attività di informatica per gli alunni Organizzazione della formazione dei docenti sull’utilizzo delle tecnologie multimediali sulle TIC Supporto all’attività dei docenti. Promozione di innovazioni didattiche. Sovrintende all’aggiornamento dell’inventario delle dotazioni strumentali. Coordinamento visite esterne Collaborare con l’ufficio per la gestione delle visite

Prof. Loredana Dell’Isola

Prof. Anna De Matteis

Prof. Angela Sepe

Prof. Adele Vellecco

Prof. Angela Leone

5


d’istruzione Coordina le visite di studio organizzate dai docenti dei Consigli di classe, in relazione alle attività della scuola, in modo da non creare sovrapposizioni. Verifica la correttezza delle organizzazioni e degli accompagnatori. Definisce l’allegato tecnico del bando per il servizio BUS per le visite di studio, in relazione alle mete decise nei consigli di classe. Area Musicale Coordinamento e Documentazione didattica di tutte le attività musicali e coreutiche della scuola. Coordinamento di attività intese a personalizzare il curriculum, per arricchire l'offerta formativa riguardo ai bisogni degli studenti e alle risorse espresse dal territorio.

Prof. Michele Gaudino

COMMISSIONI Invalsi

Prof. Anna De Matteis Prof. Candida Guida Prof. Loredana Dell’Isola Prof. Anna De Matteis Prof. Gennarina Aversa Prof. Michele Cioppa Prof. Michele Gaudino Prof. Antonio Manzoni Prof. Giovanna Spinosa Prof. Adele Vellecco Sig. Vincenzo Longobardi Sig. Vincenzo Testa Sig.ra Rita Tropenscovino Sig.ra Carrea Vincenza Prof. Buono Margherita Prof. Conte Teresa Prof. Loredana Dell’Isola Prof. Della Vecchia Rosalba Prof. Rispoli Ernesto Prof. Scilla Chiara Prof. Lubrano Maria Teresa Sig. Basile Giuseppina Sig. Della Ragione Rosario

Qualità Addetti sicurezza e prevenzione

Primo Soccorso

REFERENTI Gruppo GHL Supporto alle Difficoltà Specifiche di Apprendimento

Prof. Margherita Buono Prof. Paola Conte

RESPONSABILI AULE LABORATORI Laboratori informatici piano terra e piano superiore, Prof. Michele Cioppa Laboratorio Video TV Laboratorio scientifico Prof. Monica Valore Laboratorio arte Prof. Antonio Manzoni Biblioteca Prof. Maria Savio Gestione Sito WEB Orientamento in uscita Centro Sportivo Scolastico CSS Qualità Sicurezza

Prof. Antonio Manzoni Prof. Gennarina Aversa Prof. Assunta Luongo Prof. Loredana Dell’Isola Arch. Forte Eduardo

DIPARTIMENTI PER AREE DISCIPLINARI AREE DISCIPLINARI COORDINATORE DI AREA Lettere Lingue Comunitarie Matematica e Scienze/ Tecnologia Linguaggi Espressivi (Arte e Immagine, Musica, Strumento Musicale, Scienze Motorie)

Prof. Angela Leone Prof. Giuseppina Sfarzo Prof. Brunella Cosenza Prof. Ernesto Rispoli

6


Coordinatori CONSIGLI DI CLASSE 1B 2B 3B 1C 2C 3C 1D 2D 3D 1E 2E 3E 1F

prof. Cravero prof. Carrino prof. Severino prof. Sordi prof. Scilla prof. Maccario prof. Calò prof. De Martino prof. L’Abbate prof. Vellecco prof. Crispano prof. Franchini prof. Sepe

2F

prof. Carannante

3F

prof. Salvatore

2G 3G 1H 2H 3H 1I

prof. Di Bonito Angela prof. Marchese prof. Cosenza prof. Della Vecchia prof. De Rinaldi prof. Romano

2I 3I

prof. Guillaro prof. Leone

1L

prof. Savio

2L 3L

prof. Guida prof. Di Guida

1O 2O 3O 1P 2P 3P 3M 1Q 1R 1S

prof. Spinosa prof. Dell’Isola prof. Massa P prof. Di Bonito Anna prof. Schiavone prof. Miranda prof. Sfarzo G prof. Valore prof. Aversa prof. Massa E

Rappresentanti dei Docenti prof. Manzoni Antonio prof. Aversa Gennarina prof. De Matteis Anna prof. Severino Delia prof. Guida Candida prof. Sfarzo Giuseppina prof. Albano Mariarosaria

Rappresentanti ATA:

Rappresentanti dei GENITORI Sangiovanni Paola, Policicchio Annamaria Affatato Cinzia, Ciarnelli Maria Cristina Tufo Luisa, Spinelli Anna Di Bonito Maria, Vitolo Rina Ammirati Umberta, Piro Antonia Calabrese Lia, Sorrentino Gabriella Salvo Rossi Giuliana, Guerra Viviana, Cerbone Antonio Alessio Tiziana, Marseglia Elisabetta Tafuto Bianca, Cerbone Antonio Fanni Caterina, Carnevale Tiziana Luzza Anna, Sorgente Maria, Urso Silvia Vanore Antonio, Panzuti Rosaria, Lucignano Carla Nocerino Santa, Trincone Maria Rosaria, Cristiano Concetta Monfregola Teresa, Marcone Flora, Damonte Silvana, Colutta Ester Martinelli Valeria, Nardacchione Manuela, Visone Mariella, Cantone Claudia Scotto Carolina, Cibelli Maria, . Marra Rita De Filippo Maria, Spina Cristina Morrone Cristina Pavone Paola, Fusco Concetta, Andrisani Ornella Saracino Filomena, Ciarlone Rosa, Vellusi Claudia Ciccarelli Angelica, Saglioccolo Claudio, Scutellaro Anna, Impesi Luisa Mercuri Fabio, Cerciello Antonella De Clemente Massimo, Di Nardi Patrizia, Ardore Giuseppina, Cannavacciuolo Rosaria Grieco Elisabetta, Del Pezzo Mariarosaria, Sirignano Antonietta, Iaccarino Antonella Ragozzino Ciro, Cicala Angela, Aragri Maria Sospirato Luciana, Buono Vincenza, Donato Rosaria, Artiaco Isabella Potenza Luigi, Cameretti Maria Cristina Mazzola Cecilia, Cecere Immacolata Grieco Maria Rosaria, Spina Teodora Scarpone Laura, Innocente Immacolata, Tomeio Antonella Gaudino Anna Capuano Silvio, Marrandino Salvina Recano Stefania, Minopoli Maria Siciliano Maria Grazia, Schiano Di Cola Giuseppa Adamo Liana, . De Duonni Rosa Beneduce Mariarosaria, Iossa Rita

CONSIGLIO D’ISTITUTO Rappresentanti dei Genitori

Schiano Di Cola Agostino (Presidente) Buono Ciro Finizio Annamaria Maturi Giovanna Limatola Milena Cammarota Francesca Barretta Carlo Matarazzo Rosa Testa Vincenzo, Siniscalchi Isabella

GIUNTA ESECUTIVA Sig.ra Milena Limatola, Sig. Ciro Buono, Prof. Antonio Manzoni, sig. Vincenzo Testa.

R.S.U prof. Caiazzo Mariarosaria, Borriello Salvatore, Maccario Rossana

7


Dall’Organigramma descritto si evince la STRUTTURA ORGANIZZATIVA del nostro SISTEMA SCUOLA inteso come Contesto organizzativo centrato su un’azione coordinata a cui contribuiscono vari organi:  CONSIGLI DI CLASSE  DIPARTIMENTI DISCIPLINARI E DI AREA  GRUPPI DI PROGETTO  COLLEGIO DEI DOCENTI distribuito in COMMISSIONI DI LAVORO ciascuno per i relativi ambiti di competenza e gestiti da un Coordinatore.

8


CONTESTO TERRITORIALE Il comune di Pozzuoli, al centro dei Campi Flegrei, è inserito in un contesto territoriale di grande valore storico-archeologico e paesistico-ambientale. Questa particolarità del territorio interagisce strettamente nell’identificazione del percorso formativo che la scuola mette in atto. L’utenza scolastica della scuola proviene non solo da tutto il comune di Pozzuoli, ma anche dai comuni limitrofi (Napoli, Bacoli, Monte di Procida, Quarto), quindi presenta una realtà socio-culturale ed economica eterogenea. CARATTERISTICHE ECONOMICHE E DEMOGRAFICHE. Il tasso di disoccupazione della provincia in cui è situata la scuola è pari al 15,7% (Fonte ISTAT). La percentuale di popolazione di cittadinanza non italiana a livello regionale è pari al 3,4% (Fonte ISTAT). Il numero di alunni con cittadinanza non italiana presenti nella scuola è pari a 6, di cui 4 maschi e 2 femmine. Sono presenti sul territorio aziende agricole, agrituristiche, industriali, artigianali, commerciali, turistiche. La popolazione attiva è prevalentemente impiegata nel terziario. Il livello culturale delle famiglie è diversificato, ma una buona percentuale possiede come titolo di studio un diploma di scuola superiore o una laurea e partecipa di buon grado alla vita scolastica dei propri figli. OPPORTUNITÀ CULTURALI DISPONIBILI SUL TERRITORIO. Biblioteche: Biblioteca Civica “Raffaele Artigliere”, Biblioteca di Storia Patria “ Mario Manduca”, Biblioteca Diocesana. Cinema Multisala Sofia; Drive in.

Associazioni: circa 20 presenti sul territorio (vedi sito ufficiale dell’Azienda Autonoma di Cura Soggiorno e Turismo di Pozzuoli www.infocampiflegrei.it Arte e Archeologia: Museo Archeologico dei Campi flegrei a Bacoli, Parco Archeologico di Baia, Anfiteatro Flavio, Stadio di Antonino Pio, Tempio di Serapide, Rione Terra a Pozzuoli, Parco Archeologico di Cuma.

9


Natura e Parchi: Zona marina protetta Parco Sommerso di Baia, Parco Naturale Regionale dei Campi flegrei, Riserva Naturale Cratere degli Astroni Terme: Stufe di Nerone a Baia, Terme di Agnano, Terme Puteolane a Pozzuoli.

DATI RELATIVI AGLI ALUNNI IN INGRESSO Negli ultimi tre anni la situazione relativa agli alunni in ingresso è stata la seguente: Nell’a. s. 2012/13 si sono formate 13 classi prime. Il numero degli alunni iscritti alla classe prima è risultato di 312, di cui 145 femmine. Nell’a. s. 2011/12 si sono formate 11 classi prime + 1 di Via Pisciarelli . Il numero degli alunni iscritti alla classe prima è risultato di 284 + 17 di Via Pisciarelli, totale: 301, di cui 156 femmine. Nell’a. s. 2010/11 si sono formate 11 classi prime + 1 di Via Pisciarelli . Il numero degli alunni iscritti alla classe prima è risultato di 291 + 19 di Via Pisciarelli, totale: 310, di cui 141 femmine. Oltre alla Rilevazione Integrativa dei Dati condotta annualmente dall’Ufficio di Segreteria e inviata al MIUR ( Dip. per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali), la scuola rileva i bisogni di formazione degli studenti attraverso test d’ingresso trasversali e comuni per aree disciplinari; realizza progetti di continuità e indagini conoscitive sulle aspettative delle parti interessate. I DATI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE, FINANZIARIE E STRUMENTALI interne sono aggiornati annualmente e disponibili sul sito della scuola.

10


SCELTE EDUCATIVE E DIDATTICHE DELLA SCUOLA Come esplicitato nell’organigramma della scuola, le articolazioni funzionali del COLLEGIO DEI DOCENTI sono i DIPARTIMENTI DISCIPLINARI (costituiti da docenti della stessa disciplina) e di AREA (linguistico-espressiva, storico-antropologica, tecnico-scientifica), che lavorano per individuare: • Le finalità di ciascuna disciplina; • I nuclei fondanti e concettuali delle discipline; • Le competenze che devono essere acquisite dagli alunni; • I criteri di verifica e di valutazione delle competenze. per attivare un percorso didattico che, partendo dalle competenze per Aree, passi a quelle disciplinari e confluisca in una programmazione di classe e in una per docente

Articolazione del Collegio Collegio

• Compiti e funzioni (DPR 297/94 art. 7) • Articolazione e competenze (DPR 275/99 art.5.16)

Dipartimenti per Aree

• Progettazione per Aree per competenze

Dipartimenti disciplinari

• Progettazione disciplinare per competenze

Programmazione per competenze per Aree al fine di adeguare le Linee guida e le Indicazioni Nazionali alle esigenze della scuola  Progettazione multidisciplinare per il conseguimento delle competenze chiave di cittadinanza  Determinazione degli standard minimi (competenze) comuni a tutte le classi parallele e dei criteri uniformi di valutazione delle competenze  Attività di ricerca e documentazione di materiale didattico e produzione di tipologie di prove per la valutazione delle competenze Per ciascuno dei 4 assi sono indicate alcune competenze (che rimandano alle competenze chiave), ogni competenza è associata alle abilità corrispondenti, ogni abilità rimanda alle conoscenze di base necessarie per acquisirla.

11


FINALITA’ ISTITUZIONALI ESSENZIALI 

Innalzare il livello di scolarità ed il tasso di successo scolastico perseguendo nel contempo la migliore possibile qualità dell’offerta formativa e l’ottimizzazione dei processi di insegnamento/apprendimento nella prospettiva della massima valorizzazione delle diversità storico-sociali, dell’identità psico-sociale e del potenziale umano di ciascun alunno. Articolare la progettazione nel rispetto della specifica identità storica, culturale, didattica, organizzativa, amministrativa e gestionale dell’istituzione scolastica. Documentare gli obiettivi e successivamente gli esiti del processo educativo ai fini del monitoraggio.

FINALITA’ EDUCATIVE E DIDATTICHE DELLA SCUOLA  SOSTENERE il processo di costruzione dell’identità personale nel segno della continuità pedagogica e nel rispetto degli stili di apprendimento dei singoli alunni  PROMUOVERE attività che compensano gli svantaggi e favoriscono l’integrazione degli alunni stranieri  INDIVIDUARE progetti finalizzati al potenziamento per innalzare il successo scolastico anche attraverso gli insegnamenti integrativi e l’articolazione flessibile del gruppo classe.  VALORIZZARE E POTENZIARE le singole capacità espressive ed il saper fare attraverso laboratori che realizzano attività pratiche per l’acquisizione di abilità e competenze.  UTILIZZARE le caratteristiche del tessuto sociale multi-etnico per promuovere una convivenza di cooperazione.  SVILUPPARE l’orientamento personale e sociale attraverso la promozione delle capacità di gestire in modo attivo il proprio processo formativo nella molteplicità delle attività culturali ed operative offerte,che mettano in luce capacità, interessi ed attitudini di ciascuno.  PROMUOVERE una partecipazione attiva alla vita scolastica come luogo di significati e di valori attraverso attività cognitive, di comunicazione, di memoria e di confronto.  PROMUOVERE l’educazione alla legalità, alla cittadinanza ed alla responsabilità.  ATTUARE l’integrazione con il territorio in collaborazione con enti ed agenzie in esso presenti.  ESPLICARE la sua azione didattico educativa in un contesto che motiva la scelta di progetti molto radicati.  RADICARE conoscenze ed abilità sulle effettive capacità di ciascun allievo.  FAVORIRE l’interiorizzazione di metodologie, strumenti didattici, messaggi culturali, cognitivi ed affettivi, creando un contesto di apprendimento rassicurante e motivante. Nel rispetto della libertà di insegnamento “Le Indicazioni per il curricolo” individuano le 12


seguenti impostazioni metodologiche di fondo per promuovere apprendimenti significativi e garantire il successo formativo per tutti gli alunni:  Valorizzare l’esperienza e le conoscenze degli alunni, per ancorarvi nuovi contenuti;  Attuare interventi adeguati nei riguardi delle diversità;  Favorire l’esplorazione e la scoperta;  Incoraggiare l’apprendimento cooperativo;  Promuovere la consapevolezza del proprio modo di apprendere;  Realizzare percorsi in forma di Laboratorio, per favorire l’operatività e allo stesso tempo il dialogo e la riflessione su quello che si fa. La scuola ha predisposto il curricolo, all’interno del POF, nel rispetto delle finalità, dei traguardi per lo sviluppo delle competenze, degli obiettivi di apprendimento individuati dalle Indicazioni del 4 settembre 2012. Il curricolo si articola attraverso le discipline, che vengono raggruppate in aree disciplinari per promuovere l’organizzazione degli apprendimenti in maniera progressivamente orientata ai saperi disciplinari. Le indicazioni rappresentano delle proposte culturali articolate secondo tre grandi macro-aree in relazione fra loro:  area linguistico - artistico espressiva  area storico - geografica  area matematico - scientifico – tecnologica Il nuovo obbligo di istruzione fa esplicito riferimento ad otto competenze chiave di cittadinanza che tutti, oggi, devono acquisire per entrare da protagonisti nella vita di domani: 1. Imparare ad imparare: ogni giovane deve acquisire un proprio metodo di studio e di lavoro. (Oggi molti di loro si disperdono perché non riescono ad acquisirlo). 2. Progettare: ogni giovane deve essere capace di utilizzare le conoscenze apprese per darsi obiettivi significativi e realistici. Questo richiede la capacità di individuare priorità, valutare i vincoli e le possibilità esistenti, definire strategie di azione, fare progetti e verificarne i risultati. (Oggi molti di loro vivono senza la consapevolezza della realtà e delle loro potenzialità). 3. Comunicare: ogni giovane deve poter comprendere messaggi di genere e complessità diversi nella varie forme comunicative e deve poter comunicare in modo efficace utilizzando i diversi linguaggi. (Oggi i giovani hanno molte difficoltà a leggere, comprendere e a scrivere anche testi semplici in lingua italiana). 4. Collaborare e partecipare: ogni giovane deve saper interagire con gli altri comprendendone i diversi punti di vista. (Oggi i giovani assumono troppo spesso atteggiamenti conflittuali e individualistici, perché non riconoscono il valore della diversità e dell’operare insieme agli altri). 5. Agire in modo autonomo e responsabile: ogni giovane deve saper riconoscere il valore delle regole e della responsabilità personale. (Oggi spesso i giovani agiscono in gruppo per non rispettare le regole e per non assumersi responsabilità). 6. Risolvere problemi: ogni giovane deve saper affrontare situazioni problematiche e saper contribuire a risolverle. (Oggi i giovani tendono, spesso, ad accantonare e a rinviare i problemi per la situazione di malessere esistenziale che vivono nell’incertezza del futuro). 7. Individuare collegamenti e relazioni: ogni giovane deve possedere strumenti che gli permettano di affrontare la complessità del vivere nella società globale del nostro tempo. (Oggi molti giovani non possiedono questi strumenti). 8. Acquisire ed interpretare l’informazione: ogni giovane deve poter acquisire ed interpretare criticamente l'informazione ricevuta valutandone l’attendibilità e l’utilità, 13


distinguendo fatti e opinioni. (Oggi molti giovani sono destinatari passivi di una massa enorme di messaggi perché sono sprovvisti di strumenti per valutarli). Queste competenze di cittadinanza possono essere acquisite dai giovani attraverso conoscenze e abilità che si articolano lungo quattro assi culturali cardine: 1. asse dei linguaggi: prevede come primo obiettivo la padronanza della lingua italiana, come capacità di gestire la comunicazione orale, di leggere, comprendere e interpretare testi di vario tipo e di produrre lavori scritti con molteplici finalità. Riguarda inoltre la conoscenza di almeno una lingua straniera; la capacità di fruire del patrimonio artistico e letterario; l’utilizzo delle tecnologie della comunicazione e dell’informazione. 2. asse matematico: riguarda la capacità di utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, di confrontare e analizzare figure geometriche, di individuare e risolvere problemi e di analizzare dati e interpretarli, sviluppando deduzioni e ragionamenti. 3. asse scientifico-tecnologico: riguarda metodi, concetti e atteggiamenti indispensabili per porsi domande, osservare e comprendere il mondo naturale e quello delle attività umane e contribuire al loro sviluppo nel rispetto dell’ambiente e della persona. In questo campo assumono particolare rilievo l’apprendimento incentrato sull’esperienza e l’attività di laboratorio. 4. asse storico-sociale: riguarda la capacità di percepire gli eventi storici a livello locale, nazionale, europeo e mondiale, cogliendone le connessioni con i fenomeni sociali ed economici; l’esercizio della partecipazione responsabile alla vita sociale nel rispetto dei valori dell’inclusione e dell’integrazione. L’obbligo di istruzione è uno strumento in più per un maggior impegno nella formazione dei giovani, per essere più vicini ai loro stili cognitivi e rappresenta una base comune affinché essi siano in grado di muoversi con maggior consapevolezza nella società di domani. Ma, è importante precisare, non significa che gli studenti possano smettere di studiare a 16 anni, il diritto-dovere all’istruzione continua: tutti i giovani devono continuare a studiare fino a 18 anni per conseguire un titolo di studio o una qualifica professionale. All’inizio dell’anno scolastico i docenti della Scuola si sono riuniti per dipartimenti, per definire una strategia didattica organica e condivisa coerente con gli strumenti di valutazione della scuola approvati collegialmente. I docenti hanno individuato per ciascuna disciplina e per ciascun anno del ciclo di studi: finalità educative, criteri di valutazione, nuclei tematici ( articolati in Unità di Apprendimento), metodi e strumenti, forme e modalità di controllo degli apprendimenti (verifiche e valutazione). In relazione a quest’ultimo punto, sono stati definiti gli Obiettivi di Apprendimento, declinati in Conoscenze, Abilità, Competenze da perseguire in ogni classe, con i relativi standard ( livelli di acquisizione) descritti in un prospetto di valutazione in decimi che parte da un livello minimo corrispondente a 4 fino al livello massimo corrispondente a 10. Tale prospetto è stato elaborato altresì per la valutazione del Comportamento. Questa impostazione è stata utilizzata da tutti i docenti per la stesura dei Piani di Lavoro Annuali, che hanno tenuto conto degli Obiettivi individuati e condivisi, trascritti poi sul registro personale, e dei corrispondenti livelli di acquisizione raggiunti dagli alunni, da valutare periodicamente e in fase finale. Gli obiettivi sono infatti congruenti con i criteri descritti nella scheda di valutazione della SMS Diano. 14


15


16


PROGETTARE E VALUTARE LE COMPETENZE

Dall’INSEGNAMENTO all’APPRENDIMENTO. Insegnare per competenze vuol dire mettere in atto un cambio di prospettiva: dalla Scuola del programma alla Formazione per competenze. Nella scuola del programma il focus era puntato sui contenuti, il “programma” doveva essere sostanzialmente svolto per intero seguendo rigidi criteri di sequenzialità. Lo studente era l’oggetto, spesso passivo, dell’azione didattica e acquisiva nozioni, conoscenze, saperi spesso non correlati. La valutazione teneva conto di apprendimenti, conoscenze e abilità, e il docente esplorava solo in parte le capacità e le potenzialità dello studente.

Nella formazione per competenze il focus è puntato sullo studente. Del programma vengono privilegiati i concetti strutturanti, i nuclei fondamentali, le parti qualitativamente fondanti e si privilegia la qualità dell’azione didattica, piuttosto che la quantità dei contenuti. Il docente è un accompagnatore che stimola, guida e accoglie senza pregiudizi le idee degli alunni. Lo studente è il protagonista attivo del proprio apprendimento che organizza costruendo reti concettuali via via più complesse. La centralità dello studente lo porta a rivelare attitudini, motivazioni, capacità di lavoro autonomo e senso di responsabilità.

Nella didattica per competenze, oltre che apprendimenti, si valutano processi e si certificano traguardi di competenza I modelli tradizionali di insegnamento di tipo trasmissivo risultano inadeguati perchè non consentono di porre l’allievo “in situazione” e quindi non permettono di rilevare competenze.

Accogliendo e facendo propri i risultati della ricerca didattica degli ultimi anni, tutti i documenti ministeriali, dalla scuola dell’infanzia alla secondaria di secondo grado, riconoscono all’attività laboratoriale un ruolo fondamentale per un efficace insegnamento/apprendimento.

La didattica laboratoriale auspicata dalle indicazioni ministeriali, e frutto del lavoro di molti docenti ricercatori, passa attraverso la realizzazione di una laboratorio 17


formativo nel quale l’attività prende l’avvio da una situazione problematica che, discussa tra alunni e docente, porta alla progettazione di attività, consente di mettere lo studente al centro del processo di apprendimento ed è strumento principe per costruire sia competenze disciplinari, sia per perseguire competenze di cittadinanza.

In questa nuova metodologia didattica cambia il ruolo del docente: non è più sufficiente che sia un “trasmettitore del sapere”, ma deve assumere diversi ruoli: • propositore: cioè deve presentare un argomento, una situazione, una lettura, un esperimento e creare un ambiente in cui il ragazzo si senta libero di osare e anche di sbagliare; • osservatore: deve osservare con attenzione i propri allievi, nei loro gesti, nel loro modo di porsi, nei movimenti, nelle reazioni, per riuscire ad individuare eventuali indicatori di competenza; • consigliere: il docente deve stimolare, rincuorare, offrire spunti utili, dirigere l’attenzione alle informazioni ignorate o dimenticate, sostenere il ragazzo nel momento della concettualizzazione; • garante del metodo scientifico e sistematore delle conoscenze al termine dell’attività.

18


ITALIANO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO - COMPETENZE Ascolto e parlato CLASSE PRIMA  Ascoltare testi prodotti da altri individuando le informazioni principali  Riferire oralmente su un argomento in modo chiaro COMPETENZE: Interagire in modo idoneo in diverse situazioni comunicative CLASSE SECONDA  Ascoltare testi applicando tecniche di supporto alla comprensione  Riferire oralmente su un argomento utilizzando un registro adeguato COMPETENZE: Interagire in modo pertinente in diverse situazioni comunicative CLASSE TERZA  Ascoltare testi di vario tipo individuando scopo, argomento e punto di vista dell’emittente  Intervenire in una discussione con pertinenza, coerenza, proprietà di linguaggio  Argomentare le proprie tesi su un tema affrontato COMPETENZE: Interagire in modo efficace in diverse situazioni comunicative apportando contributi personali Lettura CLASSE PRIMA  Leggere in modo espressivo testi di tipo narrativo e descrittivo  Ricavare le informazioni principali  Comprendere testi di tipo narrativo e descrittivo individuandone gli elementi caratterizzanti. COMPETENZE: Leggere e comprendere testi narrativi e descrittivi. CLASSE SECONDA  Leggere in modo chiaro testi espressivi e poetici applicando tecniche di supporto alla comprensione  Ricavare le informazioni esplicite e implicite  Analizzare testi espressivi e poetici COMPETENZE: Leggere, comprendere e interpretare testi espositivi, espressivi e poetici. CLASSE TERZA  Leggere applicando diverse tecniche (lettura esplorativa, selettiva, analitica)  Ricavare informazioni esplicite e implicite da testi espositivi, argomentativi e letterari per documentarsi su un argomento  Analizzare e interpretare testi letterari e non COMPETENZE: Utilizzare diverse tecniche di lettura e analizzare testi letterari e non Scrittura CLASSE PRIMA  Conoscere ed applicare le procedure di ideazione, pianificazione, stesura e revisione di un testo  Scrivere testi narrativi e descrittivi corretti dal punto di vista ortografico, lessicale e morfosintattico  Scrivere sintesi di testi ascoltati o letti COMPETENZE:  Scrivere correttamente testi di tipo diverso adeguati ad argomenti e situazioni comunicative  Riconoscere ed utilizzare, guidato, le fondamentali strutture della lingua italiana.

19


CLASSE SECONDA  Conoscere e applicare le procedure di ideazione, pianificazione e stesura di un testo utilizzando strumenti specifici per l’organizzazione delle idee e per la revisione del testo  Scrivere testi espressivi, espositivi e poetici corretti dal punto di vista ortografico, lessicale e morfosintattico, impiegando un registro adeguato a situazioni e scopo della comunicazione  Analizzare, sintetizzare e rielaborare testi ascoltati o letti  Realizzare forme diverse di scrittura creativa in prosa e in versi COMPETENZE: Scrivere correttamente e rielaborare testi espositivi, espressivi e poetici adeguati ad argomenti e situazioni comunicative CLASSE TERZA  Conoscere e applicare le procedure di ideazione, pianificazione e stesura di un testo utilizzando strumenti specifici per l’organizzazione delle idee e per la revisione del testo  Scrivere testi di tipo argomentativo e interpretativo-valutativo corretti dal punto di vista ortografico, lessicale e morfosintattico; coerenti e coesi, impiegando registro adeguato a situazioni e scopo della comunicazione  Analizzare, sintetizzare e rielaborare in modo personale e creativo testi ascoltati o letti  Realizzare forme diverse di scrittura creativa, in prosa e in versi, utilizzando, in maniera autonoma, sistemi di videoscrittura per i propri testi COMPETENZE:  Scrivere in modo corretto, coerente e coeso testi di tipo argomentativo e interpretativo-valutativo  Organizzare testi mono/pluritematici anche in forma multimediale Riflessione sugli usi della lingua e acquisizione del lessico specifico CLASSE PRIMA  Riconoscere in un testo le parti del discorso, o categorie lessicali, e i loro tratti grammaticali  Utilizzare il dizionario come strumento di consultazione e individuare le informazioni utili  Ampliare il lessico di base attraverso letture e attività specifiche COMPETENZE:  Comprendere e analizzare gli elementi fondamentali della frase semplice  Riconoscere e utilizzare in modo appropriato il lessico di base CLASSE SECONDA  Riconoscere le caratteristiche e le strutture dei principali tipi testuali  Rintracciare all’interno del dizionario le informazioni utili su termini di difficile comprensione risolvendo dubbi linguistici  Ampliare il lessico sulla base di letture e attività specifiche; utilizzarlo in modo appropriato in situazioni comunicative diverse COMPETENZE:  Riconoscere l’organizzazione logico-sintattica della frase semplice  Utilizzare il patrimonio lessicale in situazioni comunicative diverse CLASSE TERZA  Riconoscere le caratteristiche e le strutture dei principali tipi testuali  Riconoscere la struttura e la gerarchia logico-sintattica della frase complessa e i gradi della subordinazione  Riflettere sui propri errori tipici, segnalati dall’insegnante allo scopo di imparare ad autocorreggerli nella produzione scritta COMPETENZE:  Padroneggiare e applicare in situazioni diverse le conoscenze fondamentali relative al lessico, alla morfologia, all’organizzazione logico-sintattica della frase semplice e complessa, ai connettivi testuali; utilizzare le conoscenza metalinguistiche per comprendere con maggiore precisione i significati dei testi e per correggere i propri scritti  Riconoscere e usare il lessico specifico delle discipline di studio; realizzare scelte lessicali adeguate alla situazione comunicativa e al tipo di testo

20


OBIETTIVI DIDATTICI DECLINATI PER LIVELLI.

Non ancora pervenuti

STORIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE PRIMA Uso delle fonti  Conoscere alcune procedure e tecniche per porre in ordine cronologico e astrarre informazioni storiche da fonti di diverso tipo Organizzazione delle informazioni  Selezionare e organizzare le informazioni con mappe e schemi Strumenti concettuali  Comprendere aspetti e strutture dei processi storici collegandoli alla conoscenza del patrimonio culturale locale  Utilizzare le conoscenze apprese per comprendere problemi di convivenza civile Produzione scritta e orale

21


 

Produrre schemi e mappe spazio-temporali per organizzare le conoscenze studiate Esporre su conoscenze e concetti appresi usando il linguaggio specifico della disciplina

COMPETENZE:  Organizzare le informazioni raccolte  Conoscere alcuni elementi del patrimonio culturale storico del proprio territorio legati ai temi studiati  Esporre le conoscenze acquisite operando collegamenti semplici  Produrre testi semplici anche digitali

CLASSE SECONDA Uso delle fonti  Conoscere e analizzare fonti di diverso tipo  Orientarsi nella cronologia e nella periodizzazione Organizzazione delle informazioni  Confrontare eventi e fenomeni per cogliere analogie e differenze Strumenti concettuali  Descrivere e confrontare civiltà Produzione scritta e orale  Produrre testi utilizzando conoscenze storiche selezionate da fonti diverse COMPETENZE:  Conoscere i momenti e i processi fondamentali della storia moderna  Esporre le conoscenze storiche acquisite operando collegamenti  Produrre testi sulla storia moderna usando anche strumenti digitali

CLASSE TERZA Uso delle fonti  Usare fonti di diverso tipo (documentarie, iconografiche, letterarie, digitali) per produrre conoscenze su tematiche storiche, sociali e culturali Organizzazione delle informazioni  Confrontare la storia italiana con quella europea e mondiale in base alle informazioni prodotte e alle conoscenze elaborate Strumenti concettuali  Usare le conoscenze apprese per spiegare concetti sociali e istituzionali Produzione scritta e orale  Argomentare su conoscenze e concetti appresi usando il linguaggio specifico della disciplina anche attraverso strumenti digitali COMPETENZE: Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree culturali differenti

22


OBIETTIVI DIDATTICI DECLINATI PER LIVELLI.

Non ancora pervenuti

GEOGRAFIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE PRIMA Orientamento  Orientarsi sulle carte e orientare le carte in base ai punti cardinali e ai punti di riferimento fissi Linguaggio della geo-graficità  Leggere e interpretare carte geografiche, utilizzando la simbologia standardizzata  Utilizzare strumenti tradizionali e innovativi per comprendere i fenomeni territoriali Paesaggio  Interpretare e confrontare alcuni caratteri dei paesaggi italiani, anche in relazione alla loro evoluzione nel tempo  Conoscere temi e problemi di tutela del paesaggio come patrimonio naturale e culturale Regione e sistema territoriale  Introdurre il concetto di regione geografica (fisica e climatica) applicandolo all’Italia  Identificare in termini di spazio le interrelazioni fra fatti e fenomeni demografici, sociali ed economici di portata nazionale anche in relazione alla loro evoluzione storica, politica ed economica COMPETENZE:  Orientarsi nello spazio e sulle carte in base ai punti cardinali

23


 

Riconoscere gli elementi fisici significativi nei paesaggi italiani Riconoscere gli effetti delle azioni dell’uomo sui sistemi territoriali italiani

CLASSE SECONDA Orientamento  Orientare le carte in base ai punti cardinali  Orientarsi sulle carte anche attraverso l’utilizzo dei programmi multimediali Linguaggio della geo-graficità  Leggere e interpretare i vari tipi di carte geografiche  Utilizzare strumenti propri della disciplina Paesaggio  Interpretare e confrontare alcuni caratteri dei paesaggi europei, anche in relazione alla loro evoluzione nel tempo  Conoscere temi e problemi di tutela del paesaggio come patrimonio naturale e culturale Regione e sistema territoriale  Consolidare il concetto di regione geografica (fisica, climatica) applicandolo all’Europa  Analizzare in termini di spazio le interrelazioni fra fatti e fenomeni demografici, sociali ed economici di portata europea COMPETENZE:  Orientarsi sulle carte di diversa scala in base ai punti cardinali e alle coordinate geografiche  Utilizzare opportunamente gli strumenti propri della disciplina  Riconoscere nei paesaggi europei, raffrontandoli a quelli italiani, gli elementi fisici, storici e artistici da tutelare e valorizzare

CLASSE TERZA Orientamento  Orientare le carte a grande scala in base ai punti cardinali e ai punti di orientamento fissi  Orientarsi nelle realtà territoriali mondiali anche attraverso l’utilizzo dei programmi multimediali Linguaggio della geo-graficità  Leggere e interpretare vari tipi di carte geografiche, utilizzando scale di riduzione, coordinate geografiche e simbologia  Utilizzare strumenti tradizionali e innovativi per comprendere e comunicare fatti e fenomeni geografici Paesaggio  Interpretare e confrontare alcuni caratteri dei paesaggi mondiali, anche in relazione alla loro evoluzione nel tempo  Conoscere temi e problemi di tutela del paesaggio come patrimonio culturale e le possibili azioni da valorizzare Regione e sistema territoriale  Consolidare il concetto di regione geografiche (fisica, climatica) applicandolo ai continenti extraeuropei  Analizzare in termini di spazio le interrelazioni tra fatti e fenomeni demografici, sociali ed economici di portata mondiale  Utilizzare modelli interpretativi di assetti territoriali dei principali Paesi dei continenti extraeuropei, anche in relazione alla loro evoluzione storico-politico-economica COMPETENZE:  Ricavare, utilizzare e confrontare informazioni da carte geografiche e fonti varie  Riconoscere nei paesaggi mondiali, raffrontandoli a quelli italiani ed europei, gli elementi fisici, storici e artistici come patrimonio naturale e culturale da tutelare e valorizzare  Valutare gli effetti di azioni dell’uomo sui sistemi territoriali mondiali

24


OBIETTIVI DIDATTICI DECLINATI PER LIVELLI.

Non ancora pervenuti

LINGUE STRANIERE

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE PRIMA  Ascoltare. Comprensione della lingua orale Capire un semplice messaggio orale  Parlare e interagire. Produzione della lingua orale Descrivere,presentare persone con espressioni di uso quotidiano in semplici dialoghi. Interagire con uno o più interlocutori esponendo le proprie idee in modo chiaro  Leggere. Comprensione della lingua scritta Leggere e individuare informazioni concrete in semplici testi di uso quotidiano.  Scrivere. Produzione della lingua scritta Produrre semplici testi seguendo modelli dati .  Riflessione sulla lingua e sull'apprendimento. Leggere e comprendere testi scritti di uso comune e rilevare semplici analogie e/o differenze tra comportamenti ed usi. Riconoscere come si apprendere e cosa ostacola il proprio apprendimento.

CLASSE SECONDA  Ascoltare. Comprensione della lingua orale Capire messaggi orali e individuare le informazioni principali e secondarie  Parlare e interagire. Produzione della lingua orale Parlare e interagire coerentemente in semplici

25


  

dialoghi,rispettare regole fonetiche e intonazione ed usare lessico adeguato,funzioni comunicative appropriate. Leggere. Comprensione della lingua scritta Leggere e identificare informazioni in testi semiautentici e/o di natura diversa Scrivere. Produzione della lingua scritta Produrre testi scritti pertinenti alla situazione proposta usando lessico,strutture e funzioni adeguate Riflessione sulla lingua e sull'apprendimento. Analizzare testi scritti e rilevare analogie e/o differenze tra parole,strutture,comportamenti ed usi. Riconoscere come si apprende e cosa ostacola il proprio apprendimento.

CLASSE TERZA  Ascoltare. Comprensione della lingua orale Ascoltare e comprendere messaggi noti in contesti differenziati o attinenti a contenuti di studio di altre discipline.  Parlare e interagire. Produzione della lingua orale Parlare e interagire in modo coerente in situazioni di vita quotidiana esprimendo le proprie opinioni  Leggere. Comprensione della lingua scritta Leggere e comprendere le informazioni esplicite ed implicite di testi di varie tipologie.  Scrivere. Produzione della lingua scritta Produrre testi scritti coerenti e coesi usando registro, lessico e strutture appropriati ed esprimendo sensazioni ed opinioni.  Riflessione sulla lingua e sull'apprendimento. Confrontare testi scritti di diversa tipologia rilevando analogie e/o differenze tra parole,strutture,comportamenti ed usi. Riconoscere come si apprende e che cosa ostacola il proprio apprendimento.

OBIETTIVI DIDATTICI DECLINATI PER LIVELLI.

CLASSE PRIMA Capire un semplice messaggio orale Voto 10 Comprende bene e con prontezza il contenuto di un messaggio Voto 9 Comprende bene il contenuto di un messaggio Voto 8 Comprende il significato di un messaggio individuando le informazioni principali Voto 7 Comprende il significato globale di un messaggio e riconosce espressioni note Voto 6 Comprende il significato globale di un messaggio Voto 5 Comprende parzialmente il significato globale di un messaggio Voto 4 Non comprende e non individua gli elementi essenziali. Descrivere, presentare persone con espressioni di uso quotidiano in semplici dialoghi. Interagire con uno o più interlocutori esponendo le proprie idee in modo chiaro Voto 10 Produce messaggi più articolati e adeguati alla situazione comunicativa interagendo con prontezza e correttezza con il proprio interlocutore Voto 9 Produce semplici messaggi adeguati alla situazione comunicativa interagendo con prontezza e correttezza con il proprio interlocutore Voto 8 Produce semplici messaggi interagendo con il proprio interlocutore con correttezza Voto 7 Produce semplici messaggi seguendo un modello dato e interagisce in modo sostanzialmente corretto Voto 6 Produce semplici messaggi in modo meccanico e interagisce se sollecitato Voto 5 Produce semplici messaggi non sempre corretti ma comprensibili Voto 4 Produce scarsi elementi linguistici in modo confuso e non appropriato.

26


Leggere e individuare informazioni concrete in semplici testi di uso quotidiano. Voto 10 Legge con intonazione,comprende testi complessi riguardanti argomenti noti e non Voto 9 Legge con intonazione, comprende testi complessi riguardanti argomenti noti Voto 8 Legge con intonazione,comprende il significato di un testo e individua elementi specifici Voto 7 Legge con intonazione,comprende il significato globale di un testo e riconosce espressioni note Voto 6 Legge meccanicamente,comprende il significato globale di un testo Voto 5 Legge meccanicamente e comprende parzialmente il significato di un testo Voto 4 Legge con difficoltà,non comprende e non individua gli elementi essenziali di un testo. Produrre Voto 10 Voto 9 Voto 8 Voto 7 Voto 6 Voto 5 Voto 4

semplici testi seguendo modelli dati . Scrive testi in modo organico, corretti e con lessico appropriato Scrive brevi testi in modo organico,corretti e con lessico appropriato Scrive testi in modo chiaro e corretto nonostante qualche lieve errore e con lessico quasi sempre adeguato Scrive testi con pochi errori ortografici e qualche improprietà lessicale Scrive brevi testi comprensibili con qualche errore ortografico e lessicale Scrive brevi testi comprensibili ma con errori ortografici strutturali e lessicali Scrive brevi testi con errori ortografici,lessicali e strutture non appropriate che ne rendono difficile la comprensione.

Leggere e comprendere testi scritti di uso comune e rilevare semplici analogie e/o differenze tra comportamenti ed usi. Riconoscere come si apprendere e cosa ostacola il proprio apprendimento.

CLASSE SECONDA Capire messaggi orali e individuare le informazioni principali e secondarie Voto 10 Comprende bene e con prontezza il contenuto di un messaggio individuando tutte le informazioni Voto 9 Comprende bene il contenuto di un messaggio individuando tutte le informazioni Voto 8 Comprende il significato di un messaggio individuando le informazioni principali Voto 7 Comprende il significato globale di un messaggio e riconosce espressioni note Voto 6 Comprende il significato globale di un messaggio Voto 5 Comprende parzialmente il significato globale di un messaggio Voto 4 Non comprende e non individua gli elementi essenziali. Parlare e interagire coerentemente in semplici dialoghi,rispettare regole fonetiche e intonazione ed usare lessico adeguato,funzioni comunicative appropriate. Voto 10 Produce messaggi piu’ articolati ed adeguati alla situazione comunicativa interagendo con prontezza e correttezza con il proprio interlocutore Voto 9 Produce semplici messaggi adeguati alla situazione comunicativa interagendo con prontezza e correttezza con il proprio interlocutore Voto 8 Produce semplici messaggi interagendo con il proprio interlocutore con correttezza Voto 7 Produce semplici messaggi seguendo un modello dato e interagisce in modo sostanzialmente corretto Voto 6 Produce semplici messaggi in modo meccanico e interagisce se sollecitato Voto 5 Produce semplici messaggi non sempre corretti ma comprensibili Voto 4 Produce scarsi elementi linguistici in modo confuso e non appropriato. Leggere e identificare informazioni in testi semiautentici e/o di natura diversa Voto 10 Legge con intonazione,comprende testi complessi riguardanti argomenti noti e non Voto 9 Legge con intonazione, comprende testi complessi riguardanti argomenti noti Voto 8 Legge con intonazione,comprende il significato di un testo e individua elementi specifici Voto 7 Legge con intonazione,comprende il significato globale di un testo e riconosce espressioni note Voto 6 Legge meccanicamente,comprende il significato globale di un testo Voto 5 Legge meccanicamente e comprende parzialmente il significato di un testo Voto 4 Legge con difficoltà,non comprende e non individua gli elementi essenziali di un testo. Produrre testi scritti pertinenti alla situazione proposta usando lessico,strutture e funzioni adeguate Voto 10 Scrive testi in modo organico,corretti e con lessico appropriato Voto 9 Scrive brevi testi in modo organico,corretti e con lessico appropriato Voto 8 Scrive testi in modo chiaro e corretto nonostante qualche lieve errore e con lessico quasi sempre adeguato Voto 7 Scrive testi con pochi errori ortografici e qualche improprietà lessicale Voto 6 Scrive brevi testi comprensibili con errori ortografici e improprietà lessicali Voto 5 Scrive brevi testi con errori ortografici e improprietà lessicali ma comprensibili

27


Voto

4 Scrive brevi testi con errori ortografici,lessico e strutture non appropriate che ne rendono difficile la comprensione. Leggere e comprendere testi scritti di uso comune e rilevare semplici analogie e/o differenze tra comportamenti ed usi. Riconoscere come si apprendere e cosa ostacola il proprio apprendimento . CLASSE TERZA Ascoltare e comprendere messaggi noti in contesti differenziati o attinenti a contenuti di studio di altre discipline. Voto 10 Comprende bene e con prontezza il contenuto di un messaggio individuando tutte le informazioni Voto 9 Comprende bene il contenuto di un messaggio individuando tutte le informazioni Voto 8 Comprende il significato di un messaggio individuando le informazioni specifiche Voto 7 Comprende il significato globale di un messaggio e riconosce espressioni note Voto 6 Comprende il significato globale di un messaggio Voto 5 Comprende parzialmente il significato globale di un messaggio Voto 4 Non comprende e non individua gli elementi essenziali. Parlare e interagire in modo coerente in situazioni di vita quotidiana esprimendo le proprie opinioni Voto 10 Produce messaggi piĂš articolati ed esprime le proprie opinioni su argomenti noti e interagisce con prontezza e correttezza con il proprio interlocutore Voto 9 Produce messaggi ed esprime le proprie opinioni su argomenti noti ed interagisce con prontezza e correttezza con il proprio interlocutore Voto 8 Produce messaggi ed esprime opinioni interagendo con il proprio interlocutore con correttezza Voto 7 Produce messaggi ed esprime opinioni seguendo un modello dato e interagisce in modo sostanzialmente corretto Voto 6 Produce semplici messaggi in modo meccanico e interagisce se sollecitato Voto 5 Produce semplici messaggi comprensibili ma non sempre corretti Voto 4 Produce scarsi elementi linguistici in modo confuso e non appropriato. Leggere e comprendere le informazioni esplicite ed implicite di testi di varie tipologie Voto 10 Legge con intonazione e comprende tutte le informazioni esplicite e implicite di un testo su argomenti noti e non Voto 9 Legge con intonazione e comprende tutte le informazioni esplicite ed implicite di un testo su argomenti noti Voto 8 Legge con intonazione e comprende quasi tutte le informazioni esplicite e implicite di un testo Voto 7 Legge con intonazione,comprende le informazioni principali di un testo Voto 6 Legge meccanicamente,comprende il significato globale di un testo Voto 5 Legge meccanicamente e comprende parzialmente il significato di un testo Voto 4 Legge con difficoltĂ ,non comprende e non individua gli elementi essenziali di un testo. Produrre testi scritti coerenti e coesi usando registro, lessico e strutture appropriati ed esprimendo sensazioni ed opinioni. Voto 10 Scrive testi coerenti e coesi esponendo ragioni e opinioni personali con lessico e strutture appropriate Voto 9 Scrive brevi testi coerenti e coesi esponendo ragioni ed opinioni personali con lessico e strutture appropriate Voto 8 Scrive testi sostanzialmente coerenti e coesi ed espone le proprie opinioni in modo appropriato Voto 7 Scrive testi ed espone opinioni con lessico e strutture quasi sempre adeguate Voto 6 Scrive testi semplici con qualche errore ortografico, strutturale e lessicale Voto 5 Scrive brevi testi comprensibili con errori ortografici strutturali e lessicali Voto 4 Scrive brevi testi con errori ortografici,lessicali e strutture non appropriate che ne rendono difficile la comprensione. Confrontare testi scritti di diversa tipologia rilevando analogie e/o differenze tra parole, strutture,comportamenti ed usi. Riconoscere come si apprende e che cosa ostacola il proprio apprendimento.

28


MATEMATICA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE PRIMA       

Rappresenta informazioni con tabelle e grafici. Utilizza in modo corretto i linguaggi specifici. Rappresenta i numeri sulla retta. Conosce le quattro operazioni e le loro proprietà. Conosce le potenze e le loro proprietà. Risolve semplici espressioni. Analizza il testo di un problema. Sceglie strategie risolutive. Utilizza le potenze e le loro proprietà per semplificare calcoli e notazioni. Esprime misure utilizzando anche le potenze del 10. Riproduce figure e disegni geometrici, utilizzando in modo appropriato e con accuratezza opportuni strumenti. Rappresenta punti, segmenti e figure sul piano cartesiano. Conosce definizioni e proprietà degli enti fondamentali della geometria. Individua multipli e divisori di un numero naturale. Scompone numeri naturali in fattori primi e conosce l’utilità di tale scomposizione per diversi fini. Comprende l’utilità del MCD e mcm. Descrive rapporti e quozienti mediante frazioni. Conosce definizioni e proprietà delle principali figure piane.

CLASSE SECONDA    

Opera nell’insieme Q. Utilizza frazioni equivalenti e numeri decimali per denotare uno stesso numero razionale in diversi modi Conosce la radice quadrata come operatore inverso dell’elevamento al quadrato. Dà stima della radice quadrata utilizzando solo la moltiplicazione. Comprende il significato di rapporto, proporzione e percentuale. Utilizza strategie diverse per il calcolo. Descrive costruisce figure geometriche. Riconosce figure simili. Conosce il teorema di Pitagora e le sue applicazioni. Conosce e utilizza le principali trasformazioni geometriche e i loro invarianti. Risolve problemi utilizzando le proprietà geometriche

CLASSE TERZA     

Esegue le 4 operazioni, ordinamenti e confronti tra numeri relativi. Interpreta costruisce e trasforma formule che contengono lettere per esprimere in forma generale relazioni e proprietà. Usa il piano cartesiano per rappresentare relazioni e funzioni. Rappresenta insieme di dati, confronta dati utilizza i concetti frequenza media e mediana. Individua eventi elementari e ne calcola la probabilità. Stima per difetto e per eccesso l’area di una figura delimitata da linee curve. Conosce il numero Π calcola l’area del cerchio e la lunghezza della circonferenza. Rappresenta oggetti e figure tridimensionali. Calcola l’area e il volume delle figure solide più comuni.

29


OBIETTIVI DIDATTICI DECLINATI PER LIVELLI.

Voto 10 Conosce in modo approfondito gli elementi specifici della disciplina. Applica in modo preciso e ordinato relazioni proprietĂ  e procedimenti operativi. Identifica e comprende con consapevolezza e autonomia i procedimenti risolutivi. Usa efficacemente i linguaggi specifici. Stabilisce relazioni anche in problematiche complesse argomentando in maniera critica e personale i vari procedimenti . Voto 9 Conosce in modo approfondito gli elementi specifici della disciplina. Applica in modo preciso e ordinato relazioni proprietĂ  e procedimenti operativi. Identifica e comprende con consapevolezza e autonomia i procedimenti risolutivi. Usa efficacemente i linguaggi specifici. Voto 8 Conosce in modo approfondito gli elementi specifici della disciplina. Applica in modo preciso relazioni proprietĂ  e procedimenti operativi. Identifica e comprende autonomamente i procedimenti risolutivi. Usa in modo preciso i linguaggi specifici. Voto 7 Conosce in modo completo gli elementi specifici della disciplina. Applica correttamente relazioni proprietĂ  e procedimenti operativi. Identifica e comprende correttamente i procedimenti risolutivi. Usa in modo appropriato i linguaggi specifici. Voto 6 Conosce in modo essenziale gli elementi specifici della disciplina. Applica semplici procedimenti operativi. Identifica e comprende semplici procedimenti risolutivi. Usa accettabile dei linguaggi specifici. Voto 5 Conosce in modo parziale gli elementi specifici della disciplina. Applica in modo incerto i procedimenti operativi. Identifica e comprende i procedimenti risolutivi opportunamente guidato. Usa in modo incerto i linguaggi specifici. Voto 4 Conosce in modo frammentario gli elementi specifici della disciplina. Applica in modo errato i procedimenti operativi. Identifica e comprende i procedimenti risolutivi opportunamente guidato. Usa in maniera confusa e imprecisa i linguaggi specifici.

30


SCIENZE

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE PRIMA 

Osserva, analizza e descrive fenomeni naturali attraverso il metodo scientifico

Riconosce le somiglianze e le differenze del funzionamento delle diverse specie di viventi.

Sviluppa la capacità di spiegare il funzionamento dei viventi con un modello cellulare.

Utilizza i concetti fisici fondamentali in varie situazioni di esperienza.

CLASSE SECONDA 

Descrive e interpreta il funzionamento del corpo come sistema complesso situato in un ambiente.

Utilizza i concetti fisici fondamentali in varie situazioni d’esperienza

CLASSE TERZA 

Interpreta i più evidenti fenomeni celesti anche attraverso l’osservazione del cielo notturno e diurno.

Conosce la struttura della terra e i suoi movimenti interni individua i rischi sismici, vulcanici e idrogeolici.

Conosce le basi biologiche della trasmissione dei caratteri ereditari acquisendo le prime elementari nozioni di genetica

Acquisisce corrette informazioni sui danni prodotti da fumo e droghe.

Assume comportamenti e scelte personali ecologicamente sostenibili. Rispetta e preserva la biodiversità nei sistemi ambientali.

31


OBIETTIVI DIDATTICI DECLINATI PER LIVELLI.

Voto 10 Conosce in modo approfondito e organico gli elementi specifici della disciplina. Usa in modo funzionale le conoscenze e le abilità acquisite Usa efficacemente i linguaggi specifici Esprime valutazioni critiche e personali dei contenuti acquisiti. Voto 9 Conosce in modo approfondito e organico gli elementi specifici della disciplina. Usa in modo funzionale le conoscenze e le abilità acquisite Usa efficacemente i linguaggi specifici Voto 8 Conosce in modo organico gli elementi specifici della disciplina. Usa in modo appropriato le conoscenze e le abilità acquisite Usa in modo preciso i linguaggi specifici Voto 7 Conosce in modo completo gli elementi specifici della disciplina. Usa in modo corretto le conoscenze e le abilità acquisite Usa in modo appropriato i linguaggi specifici Voto 6 Conosce in modo adeguato gli elementi specifici della disciplina. Usa in modo corretto le conoscenze e le abilità acquisite Usa adeguatamente i linguaggi specifici Voto 5 Conosce in modo parziale gli elementi specifici della disciplina. Usa in modo approssimativo le conoscenze e le abilità acquisite Usa in modo incerto i linguaggi specifici Voto 4 Conosce in modo frammentario gli elementi specifici della disciplina. Usa in modo confuso e impreciso i linguaggi specifici

TECNOLOGIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE PRIMA   

Osserva, analizza e descrive oggetti, macchine semplici e le procedure costruttive anche in relazione all’uomo e all’ambiente attraverso linguaggi specifici Progetta seguendo uno schema di lavoro prestabilito e realizza un semplice oggetto Rappresenta graficamente forme bidimensionali con gli strumenti tecnici applicando le regole della geometria.

32


CLASSE SECONDA  Analizza e descrive i contesti e i processi di produzione in cui trovano impiego utensili e macchine per la produzione agricola, alimentare ed edilizia.  Progetta seguendo uno schema di lavoro prestabilito e realizza un semplice oggetto  Legge semplici disegni tecnici, impiega gli strumenti e le regole del disegno nella rappresentazione di oggetti. CLASSE TERZA  E’ consapevole della relazione esistente tra la quantità di un bene, la sua utilità e il suo valore economico  Conosce le forme di energia, le modalità di produzione, di trasformazione e riconosce nell’ambiente che lo circonda le modalità di utilizzo  Progetta seguendo uno schema di lavoro prestabilito e realizza un semplice oggetto  Utilizza gli strumenti e le regole del disegno tecnico per la rappresentazione di oggetti e del disegno simbolico per rappresentazione di dati statistici e di fenomeni.

OBIETTIVI DIDATTICI DECLINATI PER LIVELLI.

Voto 10-9 Conoscenza significativa ed approfondita degli elementi specifici della disciplina Applicazione precisa ed ordinata delle regole del disegno tecnico Identificazione e comprensione consapevole ed autonoma di procedimenti operativi Uso efficace dei linguaggi specifici Voto 8 Conoscenza significativa degli elementi specifici della disciplina Applicazione precisa delle regole del disegno tecnico Identificazione e comprensione consapevole ed autonoma di procedimenti operativi Uso preciso dei linguaggi specifici Voto 7 Conoscenza corretta degli elementi specifici della disciplina Applicazione corretta delle regole del disegno tecnico Identificazione e comprensione corretta di procedimenti operativi Uso corretto dei linguaggi specifici Voto 6 Conoscenza essenziale degli elementi specifici della disciplina Applicazione essenziale delle regole del disegno tecnico Identificazione e comprensione essenziale di procedimenti operativi Uso accettabile dei linguaggi specifici Voto 5 Conoscenza parziale degli elementi specifici della disciplina Applicazione parziale ed incerta delle regole del disegno tecnico Identifica e comprende i procedimenti operativi opportunamente guidato Uso incerto dei linguaggi specifici Voto 4 Conoscenza scarsa e frammentaria degli elementi specifici della disciplina Identificazione e comprensione non corretta di procedimenti operativi Uso confuso e impreciso dei linguaggi specifici

33


MUSICA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE PRIMA    

Conoscere le elementari tecniche vocali e strumentali specifiche Riconoscere fondamentali strutture del linguaggio musicale Riprodurre modelli dati con la voce e lo strumento, individualmente e collettivamente Acquisire capacita’ di comprensione e di percezione sonora

CLASSE SECONDA    

Improvvisare, rielaborare, comporre brani musicali vocali e strumentali Conoscere, descrivere e interpretare opere d’arte musicali progettare eventi sonori che integrino altre forme artistiche comprendere e valutare eventi e opere musicali riconoscendone i significati

CLASSE TERZA    

sviluppare capacita’ di analisi e valutazione di brani musicali Saper produrre ed apprezzare i linguaggi espressivo-musicali nelle sue diverse forme saper stabilire relazioni tra linguaggi ed elaborare commenti musicali a testi sonori Riconoscere e classificare, anche stilisticamente, i piu’ importanti elementi costitutivi del linguaggio musicale

OBIETTIVI DIDATTICI DECLINATI PER LIVELLI.

Voto 9-10 Saper produrre complessi modelli ritmici e melodici Saper partecipare in modo coordinato e razionale alle esecuzioni collettive saper argomentare sui significati che l’ascolto di un brano musicale trasmette, instaurando relazioni tra il messaggio sonoro e la propria esperienza culturale e sociale Voto 8 Produrre idee musicali originali Saper realizzare ricerche storiche riferite all’evoluzione di generi musicali, strumenti, pratiche sociali della musica Voto 7 Produrre idee musicalmente valide Saper ascoltare con attenzione e descrivere i brani nelle loro componenti strutturali

34


Voto 6 Tradurre in suoni i simboli della notazione Saper dare forma a semplici idee sonore Voto 5 Tradurre in suoni solo alcuni simboli della notazione conoscere parzialmente i fondamentali elementi del linguaggio musicale Voto 4 Non dare forma a semplici idee sonore Non conoscere i fondamenteli elementi del linguaggio sonoro

ARTE

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

1.Osservare e leggere le immagini   

CONOSCENZE: Conosce i fenomeni della percezione visiva. ABILITÀ: Sa osservare in maniera globale un'immagine. COMPETENZE: Utilizza più metodi ed un linguaggio verbale appropriato nella descrizione di un'immagine osservata e/o rappresentata.

2.Comprendere e apprezzare le opere d’arte   

CONOSCENZE: Riconosce i codici della comunicazione visiva e le linee fondamentali della produzione artistica dei principali periodi storici. ABILITÀ: Sa utilizzare gli elementi della comunicazione visiva nella lettura dell'opera e sa descrivere gli elementi essenziali del contesto storico e culturale a cui appartiene. COMPETENZE: Sa leggere e commentare criticamente beni artistici, culturali ed ambientali, mettendoli in relazione al contesto.

3.Esprimersi e comunicare  CONOSCENZE: Conosce le regole della rappresentazione visiva, gli strumenti, le tecniche e i  

materiali ABILITA’: Sa applicare le conoscenze acquisite. COMPETENZE: Produce e rielabora in maniera personale messaggi espressivi, utilizzando consapevolmente strumenti, tecniche figurative e regole della rappresentazione visiva.

35


OBIETTIVI DIDATTICI DECLINATI PER LIVELLI.

CLASSE PRIMA

Osservare e leggere le immagini Voto 10 : Individua e descrive con sicurezza gli elementi formali, i codici, le regole compositive e le diverse funzioni del linguaggio visivo presenti nelle immagini. Voto 9 : Individua e descrive con sicurezza gli elementi formali, i codici e le regole compositive del linguaggio visivo presenti nelle immagini. Voto 8 : Identifica e descrive gli elementi formali, i codici e le regole compositive del linguaggio visivo presenti nelle immagini. Voto 7 : Riconosce gli elementi formali, i codici e le regole compositive del linguaggio visivo presenti nelle immagini. Voto 6 : Riconosce in maniera essenziale gli elementi formali, i codici e le regole compositive del linguaggio visivo. Voto 5 : Ha una conoscenza frammentaria degli elementi del linguaggio visivo Voto 4 : Riconosce parzialmente elementi del linguaggio visivo

Comprendere e apprezzare le opere d’arte Voto 10: E’ in grado di effettuare autonomamente una lettura denotativa di un’opera d’arte mettendola in relazione con gli elementi essenziali del contesto a cui appartiene e interpretando il significato delle immagini Voto 9 : E’ in grado di effettuare autonomamente una lettura denotativa di un’opera d’arte mettendola in relazione con gli elementi essenziali del contesto a cui appartiene. Voto 8 : E’ in grado di effettuare in maniera precisa una lettura denotativa di un’opera d’arte individuando gli elementi essenziali del contesto storico. Voto 7 : E’ in grado di effettuare una lettura denotativa di un’opera d’arte. Voto 6 : E’ in grado di leggere in maniera complessiva un’opera d’arte. Voto 5 : E’ in grado di leggere in maniera frammentaria un’opera d’arte. Voto 4 : Non è in grado di leggere un’opera d’arte.

Esprimersi e comunicare Voto 10: Produce elaborati in maniera creativa e originale, utilizzando consapevolmente i linguaggi e le tecniche grafiche, pittoriche e plastiche Voto 9 : Produce elaborati in maniera creativa, utilizzando consapevolmente i linguaggi e le tecniche grafiche, pittoriche e plastiche. Voto 8 : Produce elaborati in maniera corretta, utilizzando i linguaggi e le tecniche grafiche, pittoriche e plastiche. Voto 7 : Produce elaborati in maniera adeguata, utilizzando i linguaggi e le tecniche grafiche, pittoriche e plastiche. Voto 6 : Produce elaborati elementari, utilizzando i linguaggi e le tecniche grafiche, pittoriche e plastiche. Voto 5 : Produce elaborati in maniera incompleta e frammentaria. Voto 4 : Produce saltuariamente elaborati, in maniera incompleta e frammentaria.

CLASSE SECONDA

Osservare e leggere le immagini Voto 10: Analizza e descrive autonomamente le caratteristiche formali degli elementi del codice visivo e la funzione del testo osservato e attribuisce un significato. Voto 9 : Analizza e descrive autonomamente le caratteristiche formali degli elementi del codice visivo presenti nel testo osservato e attribuisce un significato.

36


Voto 8 : Analizza e descrive le caratteristiche formali degli elementi del codice visivo presenti nel testo osservato e attribuisce un significato. Voto 7 : Riconosce e definisce le caratteristiche formali degli elementi del codice visivo presenti nel testo osservato e associa loro un significato. Voto 6 : Riconosce e definisce le caratteristiche formali di alcuni elementi del codice visivo presenti nel testo osservato. Voto 5 : Ha una conoscenza frammentaria delle caratteristiche formali degli elementi del linguaggio visivo Voto 4 : Ha una conoscenza lacunosa degli elementi del linguaggio visivo

Comprendere e apprezzare le opere d’arte Voto 10: E’ in grado di leggere autonomamente e criticamente in maniera denotativa e connotativa un’opera d’arte contestualizzandola storicamente e culturalmente. Voto 9: E’ in grado di leggere autonomamente in maniera denotativa e connotativa un’opera d’arte contestualizzandola storicamente. Voto 8 : E’ in grado di effettuare una lettura denotativa e connotativa di un’opera d’arte mettendola in relazione con gli elementi essenziali del contesto a cui appartiene. Voto 7 : E’ in grado di effettuare una lettura denotativa di un’opera d’arte contestualizzandola storicamente. Voto 6 : E’ in grado di leggere in maniera complessiva un’opera d’arte, individuando gli elementi essenziali del contesto storico. Voto 5 : E’ in grado di leggere in maniera frammentaria un’opera d’arte. Voto 4 : Non è in grado di leggere un’opera d’arte.

Esprimersi e comunicare Voto 10: Produce elaborati in maniera creativa e originale, utilizzando consapevolmente i linguaggi e le tecniche grafiche, pittoriche e plastiche Voto 9: Produce elaborati in maniera creativa, utilizzando consapevolmente i linguaggi e le tecniche grafiche, pittoriche e plastiche. Voto 8 : Produce elaborati in maniera precisa, utilizzando i linguaggi e le tecniche grafiche, pittoriche e plastiche. Voto 7 : Produce elaborati in maniera adeguata, utilizzando i linguaggi e le tecniche grafiche, pittoriche e plastiche. Voto 6 : Produce semplici elaborati, utilizzando i linguaggi e le tecniche grafiche, pittoriche e plastiche. Voto 5 : Produce elaborati in maniera incompleta e frammentaria. Voto 4 : Produce saltuariamente elaborati, in maniera incompleta e frammentaria. CLASSE TERZA

Osservare e leggere le immagini Voto 10: Analizza e interpreta autonomamente le caratteristiche della forma e del contenuto, i codici, le regole compositive e le diverse funzioni del linguaggio visivo nella lettura delle immagini. Voto 9: Analizza e interpreta le caratteristiche della forma e del contenuto, i codici e le regole compositive del linguaggio visivo nella lettura delle immagini. Voto 8 : Analizza e commenta le caratteristiche della forma e del contenuto, i codici e le regole compositive del linguaggio visivo nella lettura delle immagini. Voto 7 : Analizza e descrive le caratteristiche formali degli elementi del codice visivo presenti nel testo osservato e attribuisce un significato. Voto 6 : Riconosce e definisce le caratteristiche formali degli elementi del codice visivo presenti nel testo osservato Voto 5 : Riconosce parzialmente le caratteristiche formali di alcuni elementi del codice visivo presenti nel testo osservato. Voto 4 : Ha una conoscenza lacunosa delle caratteristiche formali degli elementi del linguaggio visivo.

Comprendere e apprezzare le opere d’arte Voto 10: E’ in grado di leggere, autonomamente e criticamente in maniera denotativa e connotativa un’opera d’arte contestualizzandola storicamente e culturalmente interpretando il significato delle immagini Voto 9: E’ in grado di leggere autonomamente in maniera denotativa e connotativa un’opera d’arte contestualizzandola storicamente e culturalmente. Voto 8 : E’ in grado di effettuare con precisione una lettura denotativa e connotativa di un’opera d’arte contestualizzandola storicamente. Voto 7 : E’ in grado di effettuare una lettura denotativa e connotativa di un’opera d’arte mettendola in relazione con

37


gli elementi essenziali del contesto a cui appartiene. Voto 6 : E’ in grado di leggere in maniera complessiva un’opera d’arte, individuando gli elementi essenziali del contesto storico. Voto 5 : E’ in grado di leggere in maniera frammentaria un’opera d’arte cogliendo solo aspetti marginali. Voto 4 : Non è in grado di leggere un’opera d’arte.

Esprimersi e comunicare Voto 10: Produce elaborati in maniera creativa e originale, utilizzando consapevolmente i linguaggi e le tecniche grafiche, pittoriche e plastiche sviluppando il lavoro in modo personale e autonomo Voto 9: Produce elaborati in maniera creativa, utilizzando consapevolmente i linguaggi e le tecniche grafiche, pittoriche e plastiche. sviluppando il lavoro in modo autonomo Voto 8 : Produce elaborati in maniera precisa ed originale, utilizzando i linguaggi e le tecniche grafiche, pittoriche e plastiche. Voto 7 : Produce elaborati in maniera adeguata, utilizzando i linguaggi e le tecniche grafiche, pittoriche e plastiche. Voto 6 : Produce semplici elaborati, utilizzando i linguaggi e le tecniche grafiche, pittoriche e plastiche. Voto 5 : Produce elaborati in maniera incompleta e frammentaria. Voto 4 : Produce saltuariamente elaborati, in maniera incompleta e frammentaria.

SCIENZE MOTORIE

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO  Favorire la coscienza di sé, essere consapevole delle proprie competenze motorie.  Utilizzare il linguaggio del corpo per relazionarsi con gli altri praticando attivamente i valori sportivi del fair play (rispetto delle regole.)  Riconoscere, ricercare e applicare a se stesso comportamenti relativi allo “star bene” mantenendo sani stili di vita e prevenendo eventuali malattie e dipendenze.  Rispettare criteri base di sicurezza per se e per gli altri, essere in grado di integrarsi nel gruppo, assumersi responsabilità e impegnarsi per il bene comune.

OBIETTIVI DIDATTICI DECLINATI PER LIVELLI.

Voto 9-10 1. L’alunno conosce ed esegue in maniera accurata gli schemi motori di base 2. Usa efficacemente i linguaggi specifici 3. Conosce e rispetta rigorosamente le regole delle discipline sportive 4. Conosce il corretto rapporto tra esercizio fisico, alimentazione e benessere Voto 8 1. L’alunno conosce ed esegue in maniera accurata gli schemi motori di base

38


2. Usa in modo preciso i linguaggi specifici 3. Conosce e rispetta le regole delle discipline sportive 4. Conosce il corretto rapporto tra esercizio fisico, alimentazione e benessere Voto 7 1. L’alunno conosce in modo corretto gli schemi motori di base 2. Usa in maniera appropriata i linguaggi specifici 3. Conosce e rispetta le regole delle discipline sportive 4. Conosce in maniera abbastanza corretta il giusto rapporto tra esercizio fisico, alimentazione e benessere Voto 6 1. L’alunno conosce in maniera essenziale gli schemi motori di base 2. Usa in maniera semplice i linguaggi specifici 3. Conosce e rispetta le regole delle discipline sportive 4. Conosce sufficientemente il rapporto tra esercizio fisico, alimentazione e benessere Voto 5 1. L’alunno conosce parzialmente gli schemi motori di base 2. Usa in maniera incerta i linguaggi specifici 3. Conosce ma non sempre rispetta le regole delle discipline sportive 4. Conosce in maniera parziale il rapporto tra esercizio fisico, alimentazione e benessere Voto 4 1. L’alunno conosce ma esegue in modo approssimato gli schemi motori di base 2. Usa in modo poco corretto i linguaggi specifici 3. Non conosce e non applica le regole delle discipline sportive 4. Conosce con incertezza il rapporto tra esercizio fisico, alimentazione e benessere

STRUMENTO MUSICALE

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

     

Lettura Ritmica/Melodica complessa applicata allo strumento e alla Pratica d'Insieme; Conoscenza della tecnica strumentale, abilità di Riproduzione di brani allo strumento; Abilità Ritmiche/Melodiche complesse applicate alla Pratica d'Insieme; Abilità nell' Interpretazione Solistica ed in gruppo;

39


OBIETTIVI DIDATTICI DECLINATI PER LIVELLI

LIVELLI DI ACQUISIZIONE DI CONOSCENZE-ABILITÀ-COMPETENZE Voto 10 : Accurate, ben Consolidate, Sicure , Personali ed Originali Voto 9 : Accurate, Consolidate e Sicure Voto 8 : Sicure e Abbastanza Consolidate Voto 7 : Buone, con qualche incertezze Voto 6 : Pienamente Sufficienti Voto 5 : Incerte, con alcune lacune Voto 4 : Non acquisite

COMPORTAMENTO

CRITERI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO

1. 2.

Conoscere e rispettare le regole della vita e dell’ambiente scolastico adempiendo responsabilmente ai doveri dell’alunno nei diversi contesti educativi. Favorire il proprio processo di crescita sviluppando comportamenti di disponibilità, collaborazione, partecipazione alle varie attività scolastiche.

Criterio1 Voto 10 Voto Voto Voto Voto Voto Voto

9 8 7 6 5 4

Ha un atteggiamento responsabile, rispettoso, consapevole nei confronti delle regole e dell’ambiente scolastico. Ha un atteggiamento responsabile e rispettoso nei confronti delle regole e dell’ambiente scolastico. Ha un atteggiamento corretto e rispettoso nei confronti delle regole e dell’ambiente scolastico. Ha un atteggiamento sostanzialmente corretto nei confronti delle regole e dell’ambiente scolastico. Ha un atteggiamento poco responsabile nei confronti delle regole e dell’ambiente scolastico. Ha un atteggiamento poco corretto nei confronti delle regole e dell’ambiente scolastico. Ha un atteggiamento irriguardoso nei confronti delle regole e dell’ambiente scolastico.

Criterio 2 40


Voto 10 Voto Voto Voto Voto Voto Voto

9 8 7 6 5 4

Potenzia forme di collaborazione e partecipa alle varie attività in modo pertinente apportando contributi personali. Disponibile e collaborativo, partecipa in maniera proficua e appropriata alle varie attività. Disponibile e collaborativo, partecipa in modo attento e costante alle varie attività. Partecipa costantemente alle varie attività ma non sempre in modo propositivo. Sufficientemente disponibile alle varie attività ma poco collaborativo e propositivo. Scarsamente interessato e partecipe alle varie attività. Disattento e disinteressato alle varie attività.

RELIGIONE

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

CLASSE PRIMA

 Confrontare le caratteristiche essenziali del Cristianesimo con quelle delle altre religioni.  Riconoscere il messaggio centrale nei testi biblici.  Individuare come Gesù, con la sua vita, ha realizzato il progetto di Dio nella storia. CLASSE SECONDA

 Individuare il messaggio centrale nei testi biblici.  Riconoscere gli elementi e i significati dello spazio sacro. CLASSE TERZA

 Riconoscere le caratteristiche distintive della fede cristiana e dei personaggi biblici in  rapporto alle altre religioni.  Percepire la grande responsabilità di ogni uomo nella realizzazione del proprio progetto di vita.  Mettere a confronto spiegazioni religiose e scientifiche.

41


VALUTAZIONE ESTERNA ED INTERNA Nella scuola dell’autonomia si delineano due principali aspetti della valutazione. 1) La VALUTAZIONE ESTERNA  Realizzata dall’I.N.VAL.S.I. (l’Istituto Nazionale per la Valutazione del sistema di Istruzione), con funzione di supporto alle politiche educative nazionali e alla valutazione interna della scuola

PROVA DI ITALIANO e DI MATEMATICA delle classi terze

__

40,0 20,0 0,0

-20,0 -40,0 -60,0 -80,0 A1 A2 A3 A4 A5 A6 A7 A8 A9 A10 A11_a A11_b A11_c A11_d A11_e A11_f A11_g A12 A13 A14_a A14_b A14_c A14_d A14_e A14_f A15 A16 A17 A18 A19 A20 A21 A22 B1 B2_a B2_b B2_c B2_d B2_e B2_f B2_g B3 B4_1 B4_2 B5 B6 B7 B8 C1_a C1_b C1_c C1_d C1_e C1_f C2 C3 C4 C5 C6 C7 C8 D1_a D1_b D2 D3 D4_a D4_b D4_c D4_d D5_a D5_b D6_a D6_b D6_c D6_d D7_a D7_b D8 D9 D10 D11_a D11_b D11_c D11_d D11_e

Differenza in punti percentuali

Diff PN 2011/2012 Confronto tra risultato di classe e risultato nazionale (item Italia per item) nella prova di Italiano Classe III secondaria di I grado (Classe 215047440801)

Testo Narrativo

Testo Espositivo

Testo non continuo

Grammatica

Come si può notare dai grafici il risultato della scuola Diano è superiore alla media nazionale.

42


Diff PN 2011/2012 Italia Confronto tra risultato di classe e risultato nazionale (item per item) nella prova di Matematica Classe III secondaria di I grado (Classe 215047440806)

__

Differenza in punti percentuali

80,0 60,0

40,0 20,0 0,0 -20,0 -40,0

E2_a E2_b E2_c E2_d E7 E11 E13 E15 E18 E20_a E20_b E20_c E21_a E21_b E21_c E21_d E1 E6 E8_a E8_b E12_a E12_b E14_a E14_b E16_a E16_b E25 E3_a E3_b E10_a E10_b E19_a E19_b E22_a E22_b E24 E4_a E4_b E4_c E5 E9_a E9_b E17_a E17_b E17_c E23

-60,0

Numeri

Spazio e Figure

Dati e Previsioni Relazioni e Funzioni

2) La VALUTAZIONE INTERNA  Condotta, nella SMS DIANO, utilizzando gli Strumenti del Polo Qualità di Napoli che ha messo gratuitamente a disposizione delle scuole che aderivano al Progetto Qualità il software COMETA per l’Autovalutazione d’Istituto. Tale software ha consentito di effettuare in tempo reale un check della nostra scuola, che partendo dai dati generali e dall’ analisi dei processi ha restituito gli esiti: fasi del servizio, criticità fasi, funzioni trasversali, criticità funzioni, lista risposte. I risultati ottenuti dovranno essere sottoposti dalla D.S. ad un Gruppo di Miglioramento per la formulazione di un Piano di Miglioramento dell’Istituzione Scolastica.  Valutazione diagnostica, formativa e sommativa dei singoli allievi, espressa in decimi (D.L. 28/08/08). Le valutazioni fanno riferimento agli obiettivi e ai relativi livelli di acquisizione prefissati per ogni singola disciplina dai vari dipartimenti. Il Collegio Docenti della Diano condivide il concetto di valutazione che si fonda sul principio guida di tutto l’insegnamento: la convinzione che tutti gli allievi possono imparare, pur in presenza di attitudini e intelligenze molteplici. L’insegnamento/apprendimento deve valorizzare le specifiche intelligenze di ciascuno, le quali non rappresentano solo campi diversi, ma anche modalità diverse di apprendere, con 43


inevitabili ricadute sulla valutazione. Il successo scolastico degli allievi dipende notevolmente dalla fiducia che gli insegnanti hanno nella dignità, nel valore e nelle potenzialità di ciascun ragazzo, dal rispetto delle diversità, dal riconoscimento della profonda incidenza che la valutazione ha sulla motivazione e sull’autostima, che a loro volta esercitano un’influenza cruciale sull’apprendimento.

La teoria delle “intelligenze multiple” di H. Gardner risulta molto stimolante in riferimento alla “personalizzazione” degli apprendimenti, aspetto centrale della stessa legge di riforma. Diversamente dall’individualizzazione, imperniata sugli apprendimenti e sulle caratteristiche del singolo studente, la personalizzazione si incentra sull’insegnamento, in particolare sulla predisposizione dei percorsi e delle opportunità formative. In questa prospettiva l’articolazione flessibile dell’offerta ( costruzione dei curricoli, predisposizione degli ambienti di apprendimento, moduli opzionali e facoltativi, ecc.) permette di aderire ad una domanda eterogenea e molteplice. Le affermazioni di Le Boterf ci dicono che per portare lo studente ad “agire con competenza” è necessario che “sappia agire”, cioè che sappia mobilitare le sue risorse (conoscenze, capacità, atteggiamenti, …) in situazione, che “voglia agire”, quindi che sia supportato da motivazioni personali e infine che “possa agire”, cioè che sia inserito in un contesto che gli permetta di assumersi responsabilità e rischi. Ponendo l’attenzione alla competenza come costrutto complesso, si è visto che una valutazione non può basarsi sul risultato di una prestazione, che può essere considerata solo un indicatore di competenza, ma che deve tenere conto anche del percorso che lo studente ha fatto per arrivare a quel risultato, della sua capacità di mobilitare le risorse personali e quindi di trasferire la competenza, cioè di applicarla a casi simili, ma non uguali. In quest’ottica le verifiche di tipo tradizionale possono accertare conoscenze e abilità, ma per far emergere la competenza è necessario proporre agli studenti “compiti autentici”, cioè problemi aperti a più interpretazioni e più soluzioni, agganciati al contesto di vita che pongono lo studente in una situazione impegnativa, in una dimensione di sfida e che lo sollecitano ad attivare conoscenze e a far ricorso a esperienze pregresse. La Didattica laboratoriale diventa una risorsa importante anche in sede di valutazione di competenze perché offre un contesto privilegiato per osservare lo studente “in situazione”.

44


L’OFFERTA FORMATIVA

LE CLASSI

Il curricolo prevede due percorsi formativi

1. percorso formativo con opzione LINGUA STRANIERA II (Francese,Spagnolo, Tedesco)

2. percorso formativo con opzione STRUMENTO MUSICALE (corso E )

materie monte ore Italiano+Storia+Latino 10settimanali Approfondimento(Geografia) Matematica Scienze 6 settimanali Tecnologia ed informatica 2 settimanali Lingua straniera I 3 settimanali Lingua straniera II 2 settimanali Arte ed immagine 2 settimanali Musica 2 settimanali Scienze motorie e sportive 2 settimanali Religione 1 settimanale

materie monte ore Italiano+Storia++Latino 10settimanali Approfondimento(Geografia) Matematica Scienze 6 settimanali Tecnologia ed informatica 2 settimanali Lingua straniera I 3 settimanali Lingua straniera II 2 settimanali Arte ed immagine 2 settimanali Musica 2 settimanali Scienze motorie e sportive 2 settimanali Religione 1 settimanale STRUMENTO MUSICALE Studio di uno strumento tra: 2 ore pianoforte, violino, chitarra e settimanali clarinetto

45


I PROGETTI L’ampliamento dell’offerta formativa intende innanzitutto potenziare i due suddetti percorsi che caratterizzano la scuola: saranno quindi privilegiati progetti che riguardano la musica e gli scambi culturali, e quelli tesi ad incrementare le attività sportive. L’attività progettuale extracurriculare sarà caratterizzata inoltre da un denominatore comune in linea con la MISSION della scuola Diano: scuola di qualità orientata al miglioramento continuo. Pertanto tutti i progetti rivolti alle classi prime e seconde prevederanno ATTIVITA’ DI RECUPERO a partire dalla fine del primo quadrimestre (febbraio-maggio), allorché i Consigli di Classe avranno individuato i destinatari e li avranno segnalati ai docenti referenti. Nei progetti rivolti agli alunni delle classi terze sarà invece previsto un TUTORAGGIO PER L’ESAME nei mesi di aprile e maggio. Le attività interdisciplinari di potenziamento saranno definite all’interno dei Dipartimenti. All’interno delle attività extracurriculari saranno valutati di volta in volta tutti i percorsi volti al potenziamento di ogni area disciplinare. PIANO INTEGRATO DI INTERVENTI ( PON annualità 2012) Il Piano Integrato PON C-1-FSE-20011-1425 prevede: 1. Percorso formativo LETTERANDO 6 (classi prime) 2. Percorso formativo LETTERANDO 7 (classi prime) 3. Percorso formativo MATEMATICANDO 6 (classi prime) 4. Percorso formativo MATEMATICANDO 7 (classi prime) 5. Percorso formativo SCIENZIANDO 6 (classi prime) 6. Percorso formativo BABYLON ENGLISH 1 (classi seconde) 7. Percorso formativo BABYLON FRENCH 4(classi seconde) 8. Percorso formativo BABYLON DEUTSCH 4(classi seconde) 9. Percorso formativo BABYLON SPANISH 3(classi seconde) L’attuazione dei percorsi del suddetto Piano sarà conclusa entro il 31/08/2013. Percorsi formativi di potenziamento: LETTERANDO 6,7, MATEMATICANDO 6,7, SCIENZIANDO 6, per le classi prime, BABYLON SPANISH 3, BABYLON DEUTSCH 4, BABYLON FRENCH 4, per le classi seconde, e di recupero: BABYLON ENGLISH 1 per le classi seconde.

RAPPORTO CON ENTI Le collaborazioni e i rapporti integrati col territorio:  Tutte le scuole del territorio di ogni ordine e grado attraverso progettualità in rete.  Enti Locali ed Aziende Sanitarie Locali.  Istituzioni culturali locali (biblioteche, musei, teatri, cinema, etc.).  Associazioni ( Lega Navale, Associazioni culturali e di volontariato).  Istituti di cultura stranieri.  Scuole di specializzazione linguistica.  FITARCO.

46


LA MISSION DELLA SCUOLA Per migliorare la rispondenza dell'istruzione alla continua evoluzione della domanda occorre offrire all’utenza una PROGETTAZIONE COERENTE ED ADEGUATA AI BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO. A tal fine occorre: 1. Praticare una effettiva revisione degli obiettivi e delle attività sulla base del monitoraggio e della valutazione dei risultati raggiunti 2. Coinvolgere nelle decisioni strategiche tutti i soggetti interessati ai diversi livelli. 3. Promuovere un approccio sistemico alla qualità, considerando tutte le variabili in gioco A seconda del contesto dell'organizzazione, il miglioramento e l'innovazione (dei suoi attuali prodotti, processi, ecc., per svilupparne nuovi) sono necessari per il successo durevole. L'apprendimento costituisce la base per il miglioramento e per l'innovazione efficace ed efficiente. In quest’ottica di miglioramento continuo si colloca la SMS DIANO che ha quindi definito come mission della scuola la qualità:

QUALITÀ dell’istruzione

miglioramento della qualità del processo di apprendimentoinsegnamento

e

del sistema scolastico

monitoraggio e autovalutazione dell’unità scolastica

47


48


Bozza POF 2012-2013