{' '} {' '}
Limited time offer
SAVE % on your upgrade.

Page 1

Cutoutmix Calendar Girls written byGiovanna Bosis illustrated byFrancesca Perani & Claudia Manenti


CUTOUTMIX CALENDAR GIRLS Written and translated by Giovanna Bosis Illustrated by Francesca Perani & Claudia Manenti Art Direction Francesca Perani Layout Ilenia Perlotti Silvia Ravelli

Twelve quirky mini-stories, by Giovanna Bosis (Italian/irish creative writer)., bring to life female silhouettes dressed for the appropriate season. These calendar girls belong to the gallery launching Cutoutmix platform, built by Francesca Perani (www.francescaperani.com) in cooperation with visual artist Claudia Manenti ( www. claudiamanenti.com). Cutoutmix supports new galleries of silhouettes promoting a contemporary, diverse and inclusive vision of the world of design. Central to the collection is giving the opportunity to choose strong creative women, being aware of how much the choice of cutouts reveals about social norm. This open source project transcends old clichĂŠs and trite stereotypes to present a collection marked by energy and cutting edge design.

Except where otherwise noted, this work is licensed under a Creative Commons CC BY 4.0 Attribution 4.0 International https://creativecommons.org/licenses/ by/4.0/ Replication and dissemination of this text, even for commercial purposes, is freely permitted and strongly encouraged as long as this source is mentioned CUTOUTMIX CALENDAR GIRLS www.cutoutmix.com 1st Edition published online 13 March 2018 Albino - Bergamo, Italy

The first collection of cutouts was accompanied by a limited series of 150 printed calendars sent far and wide to reach India, Greece, Sweden, Norway, Spain, Lanzarote, and Australia.


CALENDAR CUTOUT GIRLS Scritto e tradotto da Giovanna Bosis Illustrato da Francesca Perani & Claudia Manenti Art Direction Francesca Perani Impaginazione Ilenia Perlotti Silvia Ravelli

Tranne dove diversamente indicato, questo progetto è distribuito con licenza Creative Commons CC BY 4.0 Attribuzione 4.0 Internazionale https://creativecommons.org/licenses/ by/4.0/ La riproduzione e la diffusione anche ai fini commerciali di questo testo è liberamente consentita e vivamente incoraggiata purchè si citi la fonte CALENDAR CUTOUT GIRLS www.cutoutmix.com !a Edizione pubblicato online 13 Marzo 2018 Albino - Bergamo, Italia

Dodici micro-storie bizzarre, scritte da Giovanna Bosis (scrittrice creativa italoirlandese), animano silhouettes femminili con abiti di stagione. Queste ragazze da calendario appartengono alla galleria che lancia la piattaforma Cutoutmix, ideata da Francesca Perani (www.francescaperani.com) in collaborazione con Claudia Manenti visual artist (www.claudiamanenti.com). Cutoutmix supporta nuove gallerie di silhouettes che promuovono una visione contemporanea, diversificata e inclusiva del mondo del design. Di centrale importanza per la collezione è dare l’opportunità di scegliere donne forti e creative, nella consapevolezza di quanto la scelta dei cutout riveli delle norme sociali. Il progetto, in open source, trascende i vecchi cliché e i banali stereotipi presentando una collezione dal design pungente carica di energia. Questa prima raccolta di cutouts è stata accompagnata da una serie limitata di 150 calendari stampati e spediti lontano fino in India, Grecia, Svezia, Norvegia, Spagna, Lanzarote e Australia.


M

abel was on her way wearing her (very expensive) crocodile-toothed platform shoes. She was carrying her portfolio of magic for the Coven in the wild woodland up north. She had a few new spells and some magic. Straightening bananas was her latest, of any use only to fussy bakers with a need for individual identical banana rounds. Turning peaches blue, Mabel had to admit, was no use whatsoever, only very theatrical since it involved a spell, a touch with the wand and a bit of pyrotechnics. Once the smoke dissolved and the bystanders had gone “oooh”, however, nobody would eat the blue fruits. The ace up her sleeve, though, was the parking spell: anywhere anytime, a free parking spot would appear. Brilliant. As Mabel approached her car, she heard rustling at the back of the garage shelves. And there it was, dusting itself down and beckoning to her: grandmother’s broomstick! It twinkled and winked at her and it glided gently to her side. Mabel brandished the broom and declared “To hell with conventions!”, and hopped on board with her clipboard of wonders. On the broomstick she soared above the roofs and veered south, to the bright lights of the Odeon Arena and the glitzy auditions for Witches Have Talent.

Mabel era in partenza con indosso le sue scarpe (carissime) con zeppa coccodril-dentata. Stava portando con sè il suo portfolio di magia per la congrega annuale delle streghe nel bosco selvaggio del nord. Aveva qualche incantesimo nuovo e alcuni sortilegi. La sua idea più recente era di raddrizzare banane, utile solamente a pasticceri puntigliosi che avessero bisogno di rondelle tutte identiche. Mabel doveva ammettere che colorare di blu le pesche era totalmente inutile, era soltanto molto teatrale dato che richiedeva un incantesimo, un tocco con la bacchetta magica e qualche effetto pirotecnico. Una volta che il fumo spariva e i presenti avevano fatto “ooooh”, nessuno le voleva mai mangiare. Il suo asso nella manica però era l’incantesimo del parcheggio: sempre e dovunque far comparire un posto libero. Grandioso. Mentre Mabel si avvicinava alla sua auto, sentì un fruscio da dietro gli scaffali del garage. Ed ecco li la scopa della nonna, che si spolverava e le faceva cenno. Luccicava e ammiccava e le scivolò vicino Mabel brandì la scopa e dichiarò “ Al diavolo le convenzioni!”, e saltò a bordo con il suo raccoglitore di meraviglie. Sulla scopa si alzò sopra i tetti e virò a sud, verso le luci brillanti dell’ Odeon Arena e le sfavillanti audizioni per Witches Have Talent.


January witch pose


L

oretta on her Lambretta is a vision divine.

With a quick move of her hip, pretty Loretta flings her leg over the saddle. Her botanic print, flowing skirt lifts just enough to reveal a tasty morsel of thigh, albeit wrapped in thick thermal leggings to protect her from the biting winter breeze. This is still enough to cause male jaws in the vicinity to drop. This pretty babe wears a black helmet to protect her blond mane from the gifts thrown by admirers along the way. Some shower her with roses, lilies and daises, but more passionate lovers throw ice-cream and strawberries, or even pineapples. She would welcome the gold rings, yet should one strike her on the temple, it could be fatal. Every morning, as she wizzes through traffic, her flowing skirt leaves behind a trail of contorted alluminium, all that is left of cars driven by males drooling at the sight of such motorised beauty.

Loretta in lambretta è una visione da sogno. Con una mossa veloce dell’anca, la bella Loretta balza in sella e la gonna fluente a fantasia botanica si alza quanto basta a rivelare un delizioso bocconcino di coscia, quantunque avvolta in spessi collant termici che la proteggono dal mordente vento invernale. Tanto basta a far cascare aperte le mandibole dei maschi nelle vicinanze. Questa bella ragazza indossa un casco nero per proteggere la sua chioma bionda dai doni gettati lungo la via dei suoi ammiratori. Alcuni la cospargono di rose, gigli e margherite, ma amanti più appassionati le tirano gelato e fragole o persino ananas. Lei accetterebbe degli anelli d’oro, tuttavia se uno le colpisse la tempia potrebbe essere fatale.

Loretta’s destination is her great-aunt’s workshop, where she arrives, ready for another day’s work, just as the large wrought iron gate is opening.

Ogni mattina, mentre sfreccia nel traffico la sua gonna svolazzante lascia dietro a se una scia di alluminio contorto, tutto ciò che rimane delle auto guidate da maschi salivanti alla vista di tal bellezza motorizzata. Loretta prosegue il suo tour giornaliero lungo vicoli e viali, all’apparenza ignara della carneficina alle sue spalle. La sua destinazione è l’officina della prozia, dove arriva pronta per un altro giorno di lavoro, giusto quando viene aperto il grande cancello di ferro battuto.

The sign on the gate says: PANEL BEATERS specialising in car crash repairs.

Sull’insegna all’ingresso si legge: CARROZZERIA specialità riparazioni auto incidentate

Business is booming.

Gli affari vanno alla grande.

She continues her daily round along avenues and alleys, apparently unaware of the carnage in her wake.


February bike pose


E

arly spring inspired Martha Hairy to wear polka-dots, so she walked out of her front door sporting spots in a variety of sizes and colours from top to shoes.

L'inizio della primavera ha ispirato Martha Hairy a vestirsi a pois, ed è così che è uscita di casa esibendo puntini di vari colori e dimensioni dalla testa alle scarpe.

Her orders this morning are to pick up details of the observation mission in the park and camouflage equipment, in the usual secret location.

Gli ordini ricevuti per questa mattina sono di ritirare i dettagli della missione di osservzione ed equipaggiamento per camouflge dal solito posto segreto.

On the way she wonders what camouflage for a small patch of green with a couple of flowerbeds would be like. She pictures herself sitting on a flower dressed as a ladybird. She has now arrived at a scruffy secondhand record shop where Boris stands behind the counter looking like something between an aging hippy and a domesticated biker. He winks at her and adds "the boss is downstairs waiting for you with the Admiral". She is taken aback. She thought it was a run of the mill job, no brass involved. She feels a little unsettled as she descends into the secret basement. "Agent Hairy, you will be on observation and information gathering in the designated park every morning until new orders. Here's your cover: meet Nelson". Martha finds herself holding a squirming, licking bundle of fur in the shape of a black Labrador pup.

Per strada Marta si chiede in cosa potrà consistere un camuffamento adatto a un pezzo di prato con qualche aiuola. Si immagina seduta su un fiore travestita da coccinella. Arrivata a un negozio di dischi di seconda mano piuttosto dimesso, in piedi dietro il banco, c'è Boris, un incrocio tra un hippy invecchiato e un biker addomesticato. Il commesso le fa l'occhiolino e aggiunge: "il capo ti aspetta di sotto con l''Ammiraglio". Marta è sorpresa: pensava fosse un lavoretto qualunque, senza bisogno di pezzi grossi. Un po'stranita scende le scale del seminterrato segreto. "Agente Hairy, lei è assegnata a osservazione e raccolta di informazioni nel parco designato, ogni mattina fino a prossimo ordine. Ecco la sua copertura: le presento Nelson." Martha si trova in braccio una palla di pelo a forma di cucciolo di Labrador nero, che si divincola e che la lecca.

The life of a spy can be hard, however it does sometime have its perks.

La vita di una spia è dura, ma a volte ha i suoi vantaggi.


March dog pose


A

pril offers weather favourable to a break out on foot. Should you wish to take advantage of the season, check out “Escape #0417: Spring clean away” from “A Guide to Creative Prison Breaks”, by renowned escapologist Krysty M.c..

Il clima di aprile è favorevole alle evasioni a piedi. Chi desiderasse cogliere questa occasione può dare un’occhiata a “Evasione n.0417: Libere come Pasque”, da “Guida per evasioni creative”, della nota escapologa Krysty M.c..

Ideal escape conditions can be found when your prison governor initiates great refurbishment projects and brings in architects and their crew. If you have been inside for a while, you may not recognise modern designers and architects. Today they no longer dress formally. They are creative with their attire and so should you.

Condizioni ideali per la fuga si presentano quando il direttore del carcere inizia grandi progetti di ristrutturazione e ingaggia architetti e rispettive squadre. Chi è dentro da un po' potrebbe non riconoscere gli architetti e i designer moderni: non si vestono più in modo formale, anzi , sono creativi con il proprio abbigliamento. E dovrete esserlo anche voi.

Recognisable prison trousers? A permanent marker is the way to freedom. Get your cell mate to cut your hair (if you trust her not to cut your throat as well). You will have to work fast: artists never linger, you don't want to miss your chance! Watch them carefully: identify the pattern in their apparently random movements. You will soon recognise the signal to their departure from their gaze becoming vaguely abstract. That's when you need to spring into action: reveal your disguise from under an old prison uniform. The stripes on your trousers are now a structured grid and years of hair growth are cropped for a funky look.

Pantaloni da prigione troppo riconoscibili? Un pennarello indelebile è la via verso la libertà. Fatevi tagliare i capelli dalla vostra compagna di cella (se ve ne fidate e non pensate possa tagliarvi anche la gola). Dovrete agire velocemente. Gli artisti non restano mai a lungo. Attente a non perdere la vostra occasione! Identificate la configurazione dei loro movimenti, apparentemente casuali. Riconoscerete il segnale della loro partenza dal loro sguardo che diventa vagamente astratto. Questo è il momento di entrare in azione. Rivelate il vostro travestimento da sotto una vecchia uniforme da galera. I pantaloni a righe ora si presentano con un motivo a griglia ben strutturato; i capelli lasciati crescere per anni ora hanno un taglio perfetto per un look funky.

All that is left for you to do is to join the designers as they exit the building, a sample under one arm, nodding knowingly at patches of peeling wall paint.

Non vi rimane che unirvi ai progettisti e avviarvi all'uscita, con un campione sotto un braccio, annuendo con aria consapevole a macchie di pittura che si scrosta dai muri.


April grid pose


M

ay is the month for stretching. There's a stretch in the evenings, as daylight lingers on the horizon. Cats spread themselves on sun loungers taken out of their winter storage. Queues of children snake around corners waiting patiently for the first ice cream of the season. Leaves unfurl on each and every branch. And what about Fiona? Since sprawling on the couch doesn't count, she has to look into an alternative plan: yoga. First, being a child of the millennium she surfs the internet. The results are mixed: a very entertaining video of two Scottish yogis exercising in kilts (thanks to BBC Scotland http://www.bbc.com/news/ukscotland-39076537 ) and a selection of unachievable poses demonstrated by suave oddballs prancing around in leotards. Next, being a sociable type, Fiona gathers the girls around cappuccino and cake to discuss her search results and her friends' stretching experiences. There are impromptu wobbly demonstrations and a flurry of conflicting notions. All in all, Fiona surmises that you shouldn't do hand stands wearing loose clothing, and if you have no balance, keep both feet firmly on the ground. Once home she digs out a suitably comfortable psychedelic outfit however, having little balance and not being hippie enough, she decides not to take her trainers off. Here she is saluting the sun!

In maggio tutto si allunga. La luce indugia all'orizzonte e fa durare piÚ a lungo le sere. I gatti si spalmano sulle sdraio uscite dagli sgabuzzini dopo l'inverno. Code di bambini in attesa del primo gelato stagionale serpeggiano dietro gli angoli. Le foglie si dispiegano su tutti i rami. E Fiona? Dato che stare stravaccata sul divano non conta, deve darsi da fare a trovare un piano alternativo: lo yoga. Per prima cosa, da figlia del millennio, naviga un po'su internet. I risultati sono misti: un video molto divertente di due yogi scozzesi che fanno esercizio in kilt (grazie a BBC Scotland http://www.bbc.com/news/ uk-scotland-39076537 ) e varie pose irraggiungibili dimostrate da soavi picchiatelli che si si atteggiano a divi in calzamaglia. Poi, essendo un tipo socievole, Fiona raduna le ragazze davanti a un cappuccino e a un dolce per discutere dei risultati della sua ricerca e delle esperienze di stretching delle amiche. Vengono proposte traballanti dimostrazioni estemporanee e una manciata di idee contraddittorie. In fin dei conti Fiona riassume che è meglio non fare la verticale con abiti svolazzanti, e chi non ha equilibrio è bene tenga saldi in terra entrambi i piedi. Arrivata a casa Fiona recupera una mise comoda e psichedelica al punto giusto, tuttavia, avendo poco equilibrio e non essendo abbastanza hippie, decide di non togliersi le scarpe da ginnastica. Eccola che saluta il sole!


May yoga pose


T

he marzipan cottage at the end of the Main Road in Magicland belonged to June. Two deckchairs and an inviting second hand sofa beckoned at strangers passing by. June thought that sometime her furniture’s behaviour didn’t suit her own ladylike demeanour, however she enjoyed surprise visitors. She sat in one of the chairs munching on a chunk of her front door. A lone cloud travelled through the indigo sky with a shopping trolley. Not a lot of rain left in stock, mused June. She set down her morning cup of dew-on-rose-petal tea and swished around the garden in her floral silk kaftan to wake up the butterflies. Then she raised her arms to conjured up all the magic in the air and whispered: “Let there be summer!”. Suddenly the whole place was buzzing. Roadside cafes popped up with mushrooms as table umbrellas and impeccable penguins serving bubbly cocktails. The seafront was crowded with lizards and meerkats basking on beach towels enjoying the spectacle offered by hippos in tutus surfing the waves. The local squirrels had come down from the trees with a stash of their famous hazelnut ice cream, which they were then selling at inflated prices from a low branch nearby. Last but not least Mable came all the way from January to grace them with a spectacular flypast.

La villetta di marzapane alla fine della Via Maestra di Magicland era di June. C'erano due sdraio e un invitante sofà di seconda mano che facevano cenni a passanti sconosciuti. June riteneva che a volte i suoi mobili si comportassero in un modo poco adatto al suo contegno da signora, ciò nonostante le piacevano visite a sorpresa. Si sedette su una sdraio mangiucchiando un pezzo di porta d'ingresso. Una nuvola solitaria attraversò il cielo color indaco spingendo un carrello della spesa: "è rimasta poca pioggia in giacenza" rifletté June. Appoggiò la tazza di the di rugiadasu-petali-di-rosa e danzò frusciando il suo caftano a fiori nel giardino per svegliare le farfalle. Poi, alzate le braccia, evocò tutta la magia nell'aria e sussurrò: "E sia l'estate!". All'improvviso ogni dove era in fermento. Lungo le strade spuntarono caffetterie con funghi a mo' di ombrelloni sui tavoli e pinguini impeccabili che servivano cocktail frizzanti. La spiaggia era affollata da lucertole e suricati stesi su teli mare a godersi lo spettacolo offerto da ippopotami in tutù che facevano surf sulle onde. Gli scoiattoli del posto erano scesi dagli alberi con una riserva di rinomato gelato alla nocciola che ora vendevano a prezzi esorbitanti da un ramo basso nelle vicinanze. E da ultimo, ma non da meno, Mable arrivò fin da gennaio a elargire uno spettacolare sorvolo sulla sua scopa volante.


June kaftan pose


J

uly is the month for skimpy clothes and dainty sandals. Not for Edith. Busy buzzing around ike a spinning top, she forgot to do the seasonal wardrobe clear out and turnaround. Moreover, she had made being late into an art form: late for breakfast late for work and out late at night. She’d be late for her funeral.

Luglio è il mese giusto per indossare abiti succinti e sandaletti graziosi. Ma non per Edith. Troppo impegnata a girare come una trottola si scordò di fare la pulizia e il cambio guardaroba di stagione. E oltre tutto Edith aveva perfezionato l’arte del far tardi: tardi a colazione, tardi al lavoro e fuori tardi la sera. Potrebbe far tardi anche al proprio funerale.

So it was that on the morning of a friend’s wedding she dived head first into a sea of assorted clothing and fished out an envy green frock, a bit on the heavy side for the season but it’d have to do. Precious little time was left for the hard task of choosing shoes fit for dancing, so she took advantage of the latest trend, laced shoes with dresses: should anybody ask about her footwear, the trainers were, of course, a fashion statement. She tumbled down the stairs with only a few minutes to spare counting on the bride being fashionably late. Keys in one pocket, phone in the other she stretched to gracefully hail a taxi to get her to the church on time.

E così la mattina delle nozze di un’amica, Edith si tuffò a pesce in un mare di abiti assortiti e ne pescò un vestitino verde invidia, un pochino pesante vista la stagione ma bisognava farlo andar bene. Le era rimasto pochissimo tempo prezioso per l’arduo compito di scegliere scarpe per ballare, così Edith pensò di approfittare dell’ultima tendenza, scarpe stringate con abiti eleganti: se qualcuno avesse chiesto delle sue calzature, le scarpe da ginnastica non sarebbero state altro che una dichiarazione di moda. Con solo pochi minuti rimasti, contando anche sul fatto che la sposa fosse elegantemente in ritardo, Edith si precipitò dalle scale. Chiavi in una tasca, cellulare nell’altra, si sporse elegantemente a fermare un taxi che la portasse in chiesa per tempo.


July taxi pose


W

hat with world water shortages and drought warnings, Rosaline’s head is full of climate change and global warming. So she wasn’t caught unawares by August’s sweltering sun. Last spring she had decided to devise a way to have flowers in her garden and save the planet: she searched far and wide for the best and most realistic, environmentally friendly, fake flowers. The graveyard florist only stocked some unattractive, big, blue plastic chrysanthemums with glow-in-the-dark green leaves. Down the road, the hipster craft fair offered novelty posies of recycled thighs on skillfully shaped re-used copper wire. Rosaline turned her nose up at them. Neither did she fancy the oversized silk lilies and realistic orchids displayed in some upmarket stores, too exotic for her garden. She was about to give up, when, around a corner, down a teeny weeny little ally she found a teeny weeny little shop where a teeny weeny little old lady wove wicker baskets. And there they were! In one of the baskets she found dried, long stemmed flowers: roses, irises, thistle and some branches with translucent white leaves. They are now all displayed in Rosaline’s summer garden, in pots and hanging baskets. Earth’s water was saved … but what about some nectar for the bees?

Con la scarsità d’acqua nel mondo e gli allarmi siccità, Rosaline ha in testa solo cambiamento climatico e riscaldamento globale. Quindi la canicola di agosto non l’ha colta di sorpresa. In primavera aveva deciso di ideare un modo per avere un giardino fiorito e salvare il pianeta. Si mise alla ricerca dei migliori fiori finti, i più realistici e i più ecologici. Il fiorista del cimitero teneva solamente dei grossi crisantemi di plastica blu con le foglie verdi fosforescenti. Poco lontano, il mercatino hipster proponeva, come novità, mazzolini di collant riciclati montati su filo di rame riutilizzato e messo in forma con destrezza. Rosaline storse il naso. E non la attirarono nemmeno i lilium di seta giganteschi e le realistiche orchidee messe in mostra nei magazzini di lusso, fiori troppo esotici per il suo giardino. Ormai stava per rinunciare, quando, dietro un angolo, in un vicolo piccino piccino picciò trovò una bottega piccina piccina picciò dove una vecchina piccina piccina picciò intrecciava cesti di saggina. Ed eccoli lí! In uno dei cesti Rosaline trovò fiori a stelo lungo: rose, iris, cardi e rami di foglie bianche traslucide. Ora sono tutti in mostra nel suo giardino d’estate, in ciotole e vasi pensili. L’acqua della Terra è stata salvata… ma dove troveranno il nettare le api?


August flower pose


B

y the way she poses you'd know Aishling loves Rodin, but she is more of a dreamer than The Thinker.

Da come si è messa in posa è chiaro che ad Aishling piace Rodin, ma lei è più una sognatrice che La Pensatrice.

She sits on her invisible chair and her thoughts are visibly lighter than the famous statue's. She is definitely not pondering the stony weight of life yet deciding what to do next is of crucial importance to her, now that summer is at an end and autumn is closing in. She is wearing trainers for running, a little black top for working and a stripy skirt for having fun. Yes, this sums up her vision for the coming months. Truth be told, on a misty September morning she is dreaming of far away places, tropical sea voyages and mysterious jungle trails.

Sta seduta su una sedia invisibile con pensieri visibilmente più leggeri di quelli della famosa statua. Decisamente non sta ponderando la pesantezza della vita tuttavia per lei è di vitale importanza decidere la sua prossima mossa, ora che l'estate sta finendo e l'autunno è ormai alle porte. Si è messa le scarpe da ginnastica per correre, un maglioncino nero per il lavoro e una gonna a righe per un po’ di allegria. Così si riassume la sua visione per i mesi a venire. Una uggiosa mattina di settembre, in realtà, Aishling sogna posti lontani, viaggi per mari tropicali e misteriosi percorsi nella giungla.

This babe has decided: she will work hard all winter to earn her way to a summer filled with adventure in the Pacific. Her plan starts by saving on bus fares so each day she jogs all the way to the dusty office where she works determined to earn enough money for a plane ticket to Bali.

Questa babe ha deciso: lavorerà sodo tutto l’inverno per guadagnarsi un passaggio verso un’estate d’avventura nel Pacifico. Aishling mette in atto il suo piano cominciando a risparmiare il biglietto del bus, quindi ogni giorno fa jogging per andare al vecchio ufficio dove lavora, determinata a guadagnare abbastanza per un biglietto per Bali.


September dreamer pose


E

ileen stands in her thoughtful architect pose admiring her latest plan for the project of a lifetime. She knows and loves every little line intimately. Tender instructions: design for a selfsustaining greenhouse. Eileen’s project title: modern technology meets Victorian retro style. “A micro-farm in a micro-climate with a mega design”.

Eileen, atteggiata ad Architetta che pensa profondamente, ammira l’ultima versione di un progetto da non perdere. Ne ama e conosce intimamente anche le più sottili linee. Tema del concorso : progettare una serra autosufficiente. Titolo del progetto di Eileen: la tecnologia moderna incontra lo stile retro-vittoriano. “Micro-agricoltura, micro-clima, mega design”.

In her mind’s eye Eileen pictures the clean white lines of the frame with no visible door disturbing the ease of vision. Access to the greenhouse is through a trapdoor concealed in the bamboo floor, over there, by the large tropical forest foraging section. The plants will be aligned geometrically yet preserving an unkempt kind of appeal to offer the viewer the feel of rural life. All the high tech equipment is to be concealed so the environment will maintain a natural feel, and one can wander through the rows of suspended strawberries dreaming of a bucolic past. The contrast green/white works well and if you look at it with the earthy orange background of the setting it will be just perfect, especially on Saint Patrick’s Day.

Eileen riesce a visualizzare le linee pulite della cornice bianca, senza un ingresso appariscente che disturba la visione d’insieme. Si accede alla serra attraverso una botola nel pavimento di bambù, proprio lì nella vasta sezione per il foraggiamento nella foresta tropicale. Le piante verranno allineate geometricamente, conservando però un che di scompigliato per dare all’osservatore un senso di atmosfera campestre. L’apparato tecnico deve rimanere nascosto per garantire all’ambiente un aspetto naturale dove si può gironzolare tra i filari di fragole sospesi e sognare un passato bucolico. Il contrasto verde/bianco funziona e se lo si guarda con lo sfondo arancio terracotta dell’ambiente esterno risulterà perfetto. Soprattutto per la festa Irlandese di San Patrizio.

Of Course Eileen will have to be on-site for the construction: one can never trust builders with beauty. And not only will she take unbeatable photographs, she will also be the first architect on Mars.

Naturalmente Eileen ha in programma di essere in cantiere durante la costruzione: non si può affidare la bellezza ai soli muratori. Inoltre, non solo farà foto insuperabili, ma sarà anche la prima architetta su Marte.


October archi pose


D

on't be fooled by Sally's girly dress, her shoes are made for speed! Look at her beckoning the boys with a flirty move! "Go on, lazy bones! Follow me, if you dare!" "Hey lads, listen here, it's autumn, the birds are flying south and so am I! Mark with the Merc, you can make your own way home! I have a yellow bicycle to take me anywhere I want! "Jeff the chef, your culinary delights are delicious, however it's meals in minutes from now on, no time to linger, I am off to new adventures! "Handyman Andy, I need you no more. I have an Ikea electric screwdriver and a Kango hammer, there is no stopping me now!" Sally knows that there is more to life than driving to restaurants in fancy cars with DIY experts. In an old scrap yard she found a yellow cart, perfect match for her bike: attaching them will be a breeze, with her new screwdriver. The Kango and few tools for her first small jobs will fit snugly in it: a bit of path to dismantle, an old brick wall to knock down. In time she will build a reputable business in demolition: houses, palaces and bridges. Her true ambition? Blowing up a bank with a charge of TNT.

Non fatevi ingannare dal vestitino di Sally, ha le scarpe da velocità! Guardate come invita i ragazzi con un gesto da civetta: "Su, lazzaroni! Vi sfido a seguirmi!" "Raga, è autunno, gli uccelli volano a sud, vado anch'io!" "Marcello col Mercedes, torna a casa da solo! io ho una bicicletta gialla per andare dappertutto! "Jeff lo chef, le tue delizie culinarie sono succulente, ma per me d'ora in poi solo quattro salti in padella, non posso aspettare, via, verso nuove avventure!" "Totò tuttofare, non mi servi più. Ho un cacciavite elettrico Ikea e un martello pneumatico. Non mi ferma più nessuno!" Certo Sally sa che nella vita c’è di più che andare al ristorante in auto di lusso con esperti del fai da te. Da un robivecchi ha trovato un carretto giallo, perfetto per la sua bici. Attaccarli sarà un gioco da ragazzi con il cacciavite nuovo. Ci staranno comodi comodi il martello pneumatico e gli attrezzi per i primi lavoretti: un vialetto da smantellare, un vecchio muro da abbattere. Col tempo Sally costruirà un'azienda con una buona reputazione nelle demolizioni: case, palazzi e ponti. La sua vera ambizione? Far saltare una banca con una carica di TNT.


November flirt pose


P

olar Town has been in the grip of fear since Marty the gravedigger first noticed a mysterious animal prowling around the outskirts of town in the early hours of Saturday morning. Described as “very hairy, with a yellow tuft of feathers on top of the head”, it was seen heading east, past the cemetery towards the Forest Inn pub. Later that morning Pat the baker saw a human shape covered head to toe in bear-like fur hurrying towards the bakery. Pat confessed he panicked and bolted into his shop. He reckoned it was a yeti, attracted by the scent of fresh tartlets. The next sighting was outside Maggie’s Boutique. “the yeti looked right into the window, there was no way I would open up” stated Maggie, still shivering. “All that fur and as huge as a gorilla! It certainly was not looking for a coat to wear! It wanted to eat me!” Shortly after, the self-same yeti made its way into the Polar Times canteen. After the initial shock, the members of staff present realised that the yeti was in fact none other than Amanda, the new graphic artist. In an exclusive interview, Amanda revealed her week from hell. First the wrong die turned her hair fluorescent blond, then her winter coat went missing after a night on the tiles with Marty. She went looking for it wrapped in her granny’s bear rug to keep warm. When she decided to treat herself to a nice pastry, that mad baker shut the door in her face. And the boutique was closed for some reason, so she couldn’t get a new coat. As the interview is wrapped up, from the office window Amanda could see Maggie putting a new sign outside her shop...

Polar Town è in preda alla paura da quando Marty il becchino ha notato un animale misterioso che si aggirava in periferia nelle prime ore di Sabato. Descrivendolo come "molto peloso, con un ciuffo di penne gialle in testa", l'ha visto spostarsi verso est, oltre il cimitero verso il pub Forest Inn. Lo stesso giorno, in mattinata, il fornaio Pat ha visto una forma umana coperta di pelo come di orso dalla testa ai piedi, che si avvicinava velocemente alla panetteria. Pat ha confessato che, nel panico, si è rintanato a tutta birra nel negozio. È convinto fosse uno yeti, attirato dal profumo delle crostatine appena sfornate. L'avvistamento successivo è stato fuori dalla boutique di Maggie. "Lo yeti ha guardato proprio dentro la vetrina, non avrei aperto per nessuna ragione al mondo!" Ha dichiarato Maggie ancora tremante. "Con tutto quel pelo e grosso come un gorilla! Non cercava certo un cappotto, voleva mangiarmi!" Poco dopo, proprio lo stesso yeti si è fatto strada fino alla mensa del Polar Times. Dopo lo shock iniziale, i membri del personale presenti hanno riconosciuto lo yeti: non era altro che Amanda, la nuova artista grafica. In un' intervista esclusiva, Amanda ha rivelato la sua settimana infernale. Prima la tinta sbagliata che le ha fatto diventare i capelli biondo fosforescente, poi la scomparsa della giacca invernale dopo una serata fuori con Marty. Per tenersi calda mentre andava a cercarla, si era avvolta nel tappeto di pelle d'orso di sua nonna. Quando poi ha deciso di concedersi una pasta, quel matto del fornaio le ha chiuso la porta in faccia. E la boutique era stranamente chiusa, per cui non ha potuto nemmeno comprarsi una giacca nuova. Eh sì, ci vuole un'artista per lanciare una moda! Proprio alla conclusione dell’intervista, dalla finestra dell’ufficio Amanda ha visto Maggie che installava un cartello nuovo fuori dal negozio...


December yeti pose


C C G

Profile for cutoutmix

Cutoutmixcalendargirls  

Twelve quirky mini-stories, by Giovanna Bosis (Italian/irish creative writer)., bring to life female silhouettes dressed for the appropriate...

Cutoutmixcalendargirls  

Twelve quirky mini-stories, by Giovanna Bosis (Italian/irish creative writer)., bring to life female silhouettes dressed for the appropriate...

Profile for cutoutmix
Advertisement