Page 1

SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1983

Poste Italiane spa - Spedizione in a.p. - D.L. 353/2003 (conv.in l.27/02/2004 n.46) art. 1, comma 1 - DCB Pc

GIOVEDÌ 19 MAGGIO 2011 - ANNO 29 N. 18 - EURO 0,20

Fiorenzuola, è Fiera di Primavera Compiani: “Sarò sindaco di tutti”

Pubblicità inferiore al 45% - Contiene IP www.corrierepadano.it

WEEKEND

Il capoluogo valdardese tra il dopo-elezioni e l’appuntamento del weekend GAZZOLA E IANNOTTA ALL’INTERNO

Concorrenza - Nella lista dei beneficiari associazioni sportive in forte crescita: +33%

5x1000, guerra tra “poveri”

Nada al Fillmore “Vamp” con ironia A PAGINA 10

Tesoretto per Ong e ricerca ambito da società sportive e comuni È tempo di dichiarazioni dei redditi e quindi di 5 per mille, ma l'impressione (con sport, volontariato, servizi sociali e ricerca che sperano di tirare il fiato) è che la torta sia un po' più piccola e le fette molte di più. A Piacenza gli enti che hanno chiesto di beneficiare dei fondi estratti dalle dichiarazioni dei redditi sono in crescita e a far la parte del leone sono le associazioni sportive, che dal 2010 al 2011 sono passate da 54 a 72, aumentando di un 33%. Un dato che ha suscitato perplessità e dubbi in chi vedeva nel 5 per mille una boccata d'ossigeno riservata al volontariato sociale. Ma Teragni (Coni) non è d’accordo

L’INTERVISTA - Rocco Papaleo, il capitano antispaccio

Val d’Arda, in arrivo un’estate super

RIGOLLI A PAGINA 3

A PAGINA 18

ECONOMIA

Parietti: “Commercio, centro storico da rilanciare” A PAGINA 5

Elezioni 2011 CHI VINCE, CHI PERDE

Divisi o uniti: alle urne s’è vista la differenza SERVIZI DA PAGINA 20

Droga: il consumo di cocaina problema numero uno di Piacenza ANDREA DOSSENA A PAGINA 6

Piace in corsa

Salvezza, sfida al “Mondo”

DOPERNI A PAGINA 22


Corriere Padano

19 maggio 2011

2

VILLAGGIO GLOBALE

Federmobilità - Spostamenti tramite ferrovie, quota "tra le più basse in Europa”

Treno, un mezzo in crisi: l’Italia preferisce volare Il trasporto su rotaia perde viaggiatori. Il nodo delle infrastrutture e degli standard insufficienti. Aereo, scelta che cresce al ritmo del 3,9% all’anno "Negli ultimi anni il trasporto ferroviario è la modalita' che ha perso la quota più consistente di traffico. Dal 2000 al 2007 la ferrovia ha perso 1,2 miliardi di viaggiatori/km, circa lo 0,3% all'anno, a fronte dello 0,1% del trasporto stradale (9 miliardi di passeggeri), mentre il trasporto aereo ha proseguito a crescere ad un ritmo sostenuto (3,9% annuo)". Questi i dati del dossier diffuso durante il forum sul treno 'Regole, rete e servizi per i cittadini: un'utopia', organizzato a Roma da Federmobilità, l'associazione dei maggiori assessorati ai Trasporti, con il contributo della Facoltà di Ingegneria dell'Università La Sapienza di Roma. La quota del trasporto di passeggeri su rotaia in Italia "risulta tra le più basse in Europa - segnala il dossier - ed è intorno al 5,7%, minore della media Ue che è di 7,1% e di paesi come Francia (9,8%), Germania (8,1%) o Gran Bretagna (6,6%)". In termini di infrastrutture "l'Italia fa registrare una dotazione pro-capite inferiore rispetto a Francia e Germania sia per la rete ferroviaria (283 km per milione di abi-

tanti, contro, rispettivamente, 481 e 412) che per quella autostradale (110 km per milione di abitanti, contro, rispettivamente, 176 e 153)". Lo stesso può dirsi per l'Alta velocita': "30 km per milione di abitanti in Francia, 16 in Germania ma, soprattutto, 35 in Spagna". L'Italia, con 13 km per milione di abitanti, sta tuttavia accorciando il gap grazie al comple-

tamento delle ultime tratte. "Da solo il mercato non bastasegnalano dal forum 'Regole, rete e servizi per i cittadini: un'utopia'- per dare ai cittadini servizi ferroviari adeguati, in linea con gli standard europei, occorrono risorse economiche certe e un quadro normativo più snello e stabile". La domanda "è statica nonostante un basso livello delle ta-

riffe": analizzando i dati delle sole Ferrovie dello Stato emerge che "biglietti e abbonamenti contribuiscono al finanziamento del servizio per circa il 30% (3,6 centesimi a viaggiatore/km), mentre i trasferimenti pubblici coprono il restante 70% (8,4 centesimi)". "Il convegno di Roma "è stata l'occasione utile per ribadire la necessità di un impegno politico responsabile per regole e finanziamenti certi - ha dichiarato Alfredo Peri, presidente di Federmobilità e assessore alla mobilità dell'Emilia-Romagna - i problemi del sistema sono noti e se non riusciamo a creare posizioni convinte sulle future scelte strategiche per il paese, difficilmente potremmo recuperare un gap che ci pone agli ultimi posti rispetto agli stati europei". La qualita' dell'offerta "deve esser perseguita con ogni strumento - conclude Peri - come dimostrano gli ottimi risultati dell'Alta velocità. Sulla qualità dobbiamo scommettere con finanziamenti puntuali ma anche con una governance di sistema che ne garantisca i risultati". (Agenzia Dire; www.dire.it)

Vetture elettriche, Berlino è l’eco-capitale Berlino fa sul serio: entro il 2020 vuole avere almeno un milione di auto elettriche private in circolazione per andare al lavoro, per portare i figli a scuola e per le gite del fine settimana, su un totale di 40 milioni di auto. Il sogno è diventare capitale europea dell’auto elettrica e lo slogan è “Berlino elettrizza ”: un gioco di parole fra la sfida dell’auto elettrica e ed il fascino della capitale. Il piano è ambizioso e si basa sull’aiuto del governo federale, sugli investimenti nelle nuove tecnologie e sulla sponsorizzazione dei grandi produttori di auto. Daimler (Mercedes) sta già producendo il motore per la Smart elettrica; Continental esegue ricerca e sviluppo per le batterie; BMW ha appena lanciato il suo nuovo marchio BMWL, auto elettrica di domani; anche Opel sta facendo dei negoziati. Svantaggi? Ce ne sono: tempi di ricarica lunghi, costi elevati e scarsa durata delle batterie, autonomia limitata (115 km l’autonomia con una ricarica completa). Ma ci sono anche vantaggi: efficienza del 90% (l’efficienza energetica del motore a benzina è del 25%), non inquinamento, assenza di fumi di scarico e di rumore. I distributori di benzina del futuro saranno le colonnine elettriche e sono previsti incentivi per chi attrezza il proprio garage con delle prese elettriche di adeguata potenza. Il Land di Brandeburgo (l’antica Prussia, Stato attorno a Berlino) fornirà corrente pulita con i suoi campi di pale eoliche e fotovoltaico; l’ex aeroporto di Tempelhof diverrà parco per imparare ad usare i nuovi veicoli. E gli altri paesi europei? In Francia entro il 2025 i veicoli anti-smog dovrebbero essere il 27%; in Spagna il governo ha destinato 590 milioni per 250 mila veicoli elettrici da realizzare entro il 2014; l’Italia, invece, è in ritardo: le auto elettriche sono il 4%. (da www.diregiovani.it)


19 maggio 2011

Corriere Padano

3

IN PRIMO PIANO Il ‘tesoretto’ delle dichiarazioni dei redditi - Anche a Piacenza cresce la concorrenza tra gli enti beneficiari

A caccia del 5 per mille anche sport e comuni. Ong e ricerca, sono guai DARIO RIGOLLI È tempo di dichiarazioni dei redditi e quindi di 5 per mille, ma l'impressione (con sport, volontariato, servizi sociali e ricerca che sperano di tirare il fiato) quest'anno è che la torta sia un po' più piccola e le fette molte di più. Ai contribuenti italiani il 5 per mille è sempre piaciuto, e naturalmente i potenziali beneficiari (oltre 50mila tra Comuni, enti di ricerca e associazioni sportive e di volontariato), si affollano attorno a un "tesoretto" da 400 milioni di euro di cui 100 dedicati alla ricerca sulla SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica). Se a livello nazionale si registra un forte aumento di enti (nel 2010 erano 41mila) a fronte di una riduzione del tetto massimo (nel 2010 erano 420milioni), a Piacenza una leggera crescita c'è, e a trascinarla sono le associazioni sportive. Gli enti (comuni esclusi) che nel 2011 hanno fatto richiesta, nella nostra provincia sono passati da 306 a 327 con

un aumento del 7% circa. Dopo il boom degli scorsi anni la crescita è senza dubbio più contenuta, ma testimonia il fatto che associazioni di volontariato, sportive e di ricerca siano a caccia di fondi per sostenere le proprie attività. "Le vecchie associazioni si sono ripresentate, e qualcuna nuova si è aggiunta -fanno sapere dallo Svep, collettore delle richieste avanzate dal volontariato piacentino- tuttavia è ancora presto per capire l'entità della cifra, teniamo conto -proseguono- che l'importo dei fondi calcolati sulle dichiarazioni 2009 è stato reso noto pochi mesi fa. Per sapere quanto prenderanno queste 327 associazioni, bisognerà attendere un paio d'anni". Se i richiedenti sono aumentati ma non troppo, è particolarmente rilevante il dato delle associazioni sportive, che dal 2010 al 2011 sono passate da 54 a 72, aumentando di un 33%. Un dato che ha suscitato perplessità e dubbi in chi vedeva nel 5 per mille una boccata d'ossigeno riservata al volontariato sociale. A contestare

questa prospettiva, il presidente del Coni di Piacenza Stefano Teragni, che rivendica l'importanza dell'attività sportiva: "Mi sembra evidente che l'attività fisica abbia un'importanza sociale -esordisce- infatti non solo i valori trasmessi dallo sport si dimostrano l'arma migliore per combattere le problematiche giovanili, ma -evidenzia- offrono importanti benefici dal punto di vista sani-

Dal Farnese a Pechino in moto: raid da 6mila km per sei piacentini Seimila chilometri: è la distanza tra Piacenza e Pechino, che sei piacentini - cinque uomini e una donna - stanno percorrendo da alcuni giorni in sella a una moto. Il sestetto è formato da Enzo Menani, Giampietro Mancini e la moglie Lorenza Maccini, Dino Maccini, Pietro Rossi e Pietro Auditore: dopo aver attraversato Grecia, Turchia, Iran, Turkmenistan, Uzbekistan, Kirghizistan e una larga fetta di Cina, i partecipanti al lunghissimo raid, partito da Palazzo Farnese, hanno in programma di arrivare a Pechino il 22 giugno prossimo. Gli ideatori dell’avventurosatraversata sono motociclisti esperti, che hanno alle spalle viaggi in America,

in Africa elungo la Transiberiana, che sono stati tra i primi a percorrere da Tokyo. Dopo

quattro giorni a Pechino, i sei piacentini torneranno - ma in aereo - il 26 giugno. (andre.d)

IN BREVE Centri di aggregazione, nel Piacentino sono 105 Le realtà aggregative giovanili del Piacentino sono 105, e più della metà sono concentrate nel capoluogo: lo attesta un'indagine della regione Emilia Romagna iniziata nel 2007. Un giovane piacentino su quattro predilige i centri dedicati allo sport e uno su cinque sceglie gli oratori, meno ampia è invece l’adesione alle associazioni culturali e di promozione sociale. Il 61,7% dei SAG (Spazi di aggregazione giovanile) è frequentato per lo più da maschi, nel 29,6% è a maggioranza femminile e nel 3,7% dei casi la partecipazione è paritaria. (an.do)

Allergologia trasloca: spazi più confortevoli E’ il primo piano della palazzina che ospitava già il Servizio immunotrasfusionale ad aver ac-

colto da alcuni giorni anche la nuova sede dell'Unità Operativa di Allergologia dell’Ospedale di Piacenza. All’inaugurazione, presenti i vertici Ausl, è stato evidenziato come la nuova location garantirà ai pazienti spazi più ampi e ambienti più confortevoli. La riqualificazione dei locali si inserisce nella più ampia ristrutturazione del nosocomio cittadino. (d.an)

Giro d’Italia donne, tappa a Piacenza per la Bronzini Dopo il Giro d’Italia maschile, Piacenza si prepara ad abbracciare anche la 22esima edizione di quello femminile. In omaggio alla città diGiorgia Bronzini, iridata in Australia ai Campionati del Mondo del 2010, la sesta tappa del Giro Donne - in calendario mercoledì 6 luglio prevede infatti la partenza da Fontanellato (Parma) e l’arrivo a Piacenza sul Pubblico Passaggio, dove avverranno le premiazioni ufficiali. (dox)

tario. I problemi cardiovascolari sono in aumento -prosegue- si parla sempre più di sedentarietà e obesità infantile; come pensiamo di combattere questi fenomeni se non facendo muovere i nostri ragazzi?" Ad ingarbugliare ulteriormente la matassa, nella bagarre per aggiudicarsi i contributi versati nel 2009, entrano anche i comuni (anch'essi gravati da una precaria situazione economica) molti dei quali hanno lanciato una chiamata alle armi per i propri residenti, invitandoli a donare la propria quota di Irpef ai servizi sociali del territorio. Obiettivo: far cassa per non compromettere il bilancio già dissestato di molti comuni italiani, in una prova generale di "federalismo municipale". Nella nostra provincia, gli ultimi dati parlano di 2.700 contribuenti che hanno deciso di donare la propria quota di Irpef ai servizi sociali, cifra che si fa decisamente rilevante se si tiene conto che lo scorso anno i piacentini che hanno compilato il modulo per il 5 per mille, sono stati circa 19mila.

Il “caso” Emergency A livello nazionale è il secondo ente per numero di scelte e contributi versati, ma dal 2008 al 2009 ha perso quasi un milione di euro dal 5 per mille dei contribuenti. Stiamo parlando di Emergency, la celebre "Ong" guidata da Gino Strada, che si occupa di offrire un supporto medico di alta qualità alle vittime civili dei paesi in guerra. "Per un'organizzazione come la nostra questi fondi sono indispensabili -evidenzia Arcangelo Di Maggio, numero uno del gruppo piacentino- circa un quarto delle nostre entrate arrivano dal 5 per mille, e le spese di certo non diminuiscono". Analizzando il dato, la drastica riduzione dei finanziamenti, non sarebbe da imputare a un disinnamoramento degli italiani verso la causa di Emergency; quanto ad un loro impoverimento: "Il numero dei richiedenti è rimasto praticamente lo stesso, evidentemente -considera- a crollare sono stati i redditi. Da quest'anno -prosegue- per noi è stato prio-

Le associazioni sportive in cerca di contributi salite nel 2011 da 54 a 72 ritario investire tempo ed energie su questa questione anche perché dall'anno prossimo la quota totale dovrà essere spartita anche con i Comuni e con un numero sempre crescente di associazioni sportive. Devo dire che per ora i riscontri che ci stanno arrivando per il 2011 sono molto positvi-conclude- solo al Caaf della Cgil in un paio di settimane erano stati destinati ad Emergency circa 14 mila euro"

Sopra, una singolare campagna pubblicitaria per 5x1000 di una onlus e un modello Cud


Corriere Padano

19 maggio 2011

4

ATTUALITÀ POLITICA

Verso il referendum - I piacentini potranno dire la loro il 12 e 13 giugno

Pertite, in Consiglio è muro contro muro Mozione pro-area verde del Pdl bocciata da maggioranza e Ballerini con D’Amo: “Renderebbe impugnabile il referendum”. L’opposizione lascia l’aula per protesta però dato l'idea di una mancanza di volontà del consiglio di affrontare un tema delicato come quello delle aree militari, partita che si complica di giorno in giorno: "L'obiettivo del Pd- sottolinea Luigi Salice (Pdl)- è quello di non parlare né di aprire un dibat-

MASSIMO PARADISO "Il centrosinistra non vuole che si parli della Pertite in consiglio comunale" e la mozione sulla destinazione a verde dell'area a ridosso della via Emilia pavese viene cassata ancor prima della discussione. Muro contro muro tra opposizioni e maggioranza consiliare, lunedì scorso, all'assemblea di palazzo Mercanti sullo spinoso tema della Pertite, l'area di proprietà del Demanio su cui il prossimo 12 giugno la popolazione si esprimerà attraverso un referendum. Nonostante l'esito della consultazione popolare possa non incidere affatto sulla decisione del ministero della Difesa nel concedere l'area al Comune, fra un mese i piacentini saranno comunque chiamati ad esprimersi sulla possibilità di mantenere a verde l'area della Pertite. E proprio in questa direzione andava la mozione presentata dal Pdl sull'area a ridosso della via Emilia pavese: il

ne analoga del Pd, proprio sull'area Pertite, a causa "degli sviluppi del confronto tra l'amministrazione ed il ministero e l'imminenza del referendum" ha spiegato il capogruppo del Pd, Pierangelo Romersi. Tutt'ora, però, la posizione

Pregiudiziale di PiacenzaComune, il voto frena il dibattito prima che inizi Centrodestra furioso: “Imbavagliati”

gruppo dei pidiellini, infatti, dava sì sostegno al referendum di giugno, ma metteva anche in guardia la cittadinanza proprio sulle eventuali difficoltà nell'acquisizione dell'area della Pertite, ancora sotto il vincolo statale. Prima ancora di dibattere la mozione del Pdl, però, Gian-

SEBASTIANO FIESCHI "Siamo stanchi di subire prepotenze: vogliamo essere padroni a casa nostra". Così il sindaco di Caorso Fabio Callori aveva tuonato contro gli organizzatori dell'ultima manifestazione contro il nucleare che si è svolta in paese il 23 aprile scorso, alla vigilia di Pasqua, quando circa 500 persone si erano date appuntamento per sfilare nelle vie del centro della cittadina. Molti commercianti, allora, avevano risposto tenendo le serrande abbassate e la mobilitazione ebbe uno strascico polemico con il primo cittadino che si era

ni D'Amo (Cittàcomune) ha sollevato una pregiudiziale sostenendo come il referendum possa essere messo a rischio proprio dall'iniziativa del Pdl: "E' come quando ci sono i referendum sul nucleare e Berlusconi dice che il nucleare, per un po', non si fa più- esplicita D'Amo a margi-

ne dell'assemblea- questo rende la consultazione vana. Come anche la mozione del Pdl potrebbe rendere vano il referendum sulla Pertite perché, se passa, la consultazione potrebbe essere impugnabile". Lo stop preventivo alla discussione della mozione ha

tito attorno al tema della Pertite perché sennò emergerebbero le contraddizioni manifeste di Reggi sull'argomento a meno di un anno dalle prossime elezioni". La tesi di Salice è quella quindi per cui i Democraticied il sindaco in testa- non vorrebbero scatenare su di sé ancora una volta le ire degli ambientalisti che in questi mesi di certo non gliele hanno mandato a dire. La mancata discussione della mozione del Pdl è stata seguita dal ritiro di una mozio-

Callori: “Basta cortei antinucleari non concordati con il territorio” fatto sentire anche con una lettera a questura e prefettura. Ora che siamo alle soglie di un'altra mobilitazione che avrà come teatro sempre il paese della Bassa, sabato 21 con ritrovo alle 14,30 a Zerbio e da lì la composizione di una "Catena Umana di Km. 2,4 tra la ex Centrale ed il Comune di Caorso" come si legge nel volantino messo in rete dal Comitato sì al referendum contro il nucleare di Lombradia ed Emilia Romagna, il primo cittadino appare più accomodante. "Quando si va a casa di qualcun altro si chiede il permesso, cosa che non è avvenuta il 23 aprile, mentre questa volta la manifestazione invece di essere imposta al territorio è stata un minimo concordata - spiega Callori -. Sabato a Caorso ci saranno anche una ga-

E sabato c’è la catena umana: “Questa volta sono venuti a mettersi d’accordo” ra ciclistica e un torneo di calcio di bambini, per questo con Legambiente abbiamo condiviso un itinerario che non intralcia le manifestazioni, cosa che non hanno fatto altri gruppi". Tutto ri-

solto? Macché. Callori denuncia il fatto che "i sindaci hanno le mani legate nove volte su dieci" per quanto concerne le manifestazioni di piazza sul territorio. E non è una questione di libertà di

del consiglio sull'area della Pertite non è ancora chiara: nel momento in cui si invoca "trasparenza, correttezza e gioco di squadra- evidenzia Salice- qui la partita si sta trasformando nel gioco dei bussolotti e questo rende ancora una volta Piacenza un interlocutore debole verso le istituzioni".

Nelle foto: in alto Gianni D’Amo, a sinistra Luigi Salice, al centro Pierangelo Romersi

espressione, diritto costituzionalmente garantito: "Le manifestazioni qui a Caroso le hanno fatte prima e le faranno in futuro, ma noi sindaci abbiamo le mani legati - attacca Caorso - apprendiamo l'occupazione anche se non ci va bene. Penso che in prima battuta, chi organizza la protesta debba concordare sul territorio le modalità, non farle imporre e basta". Ovviamente le manifestazioni le autorizza la questura di Piacenza che dà o meno prescrizioni di pubblica sicurezza. Ma il tema sollevato da Callori è anche politico: "Non mi va bene che vengano qui e lancino accuse a tutto e tutti - conclude il sindaco di Caorso - contro il Comune, le forze dell'ordine, i giornalisti. Manifestazioni di questo tipo a Caorso non vorrei più vederle. Almeno in quella di sabato il messaggio si capisce: sono contro al nucleare". Questo sì, si capisce.

Piacenza, comunali 2012: primarie sì o primarie no? Centrosinistra diviso su come scegliere il dopo Reggi “Sono state le primarie a dare impulso al centrosinistra a queste amministrative”. La Sinistra del centrosinistra – a partire dai vendoliani di Sel – lo hanno ripetuto come un mantra, ad urne chiuse, sotto la Madonnina. Se Giuliano Pisapia, vincitore delle primarie - non di certo per volontà del PD - è andato oltre le più rosee previsioni, nel “nostro piccolo” l'esperimento primarie Rottofreno si è rivelato un flop, ad urne chiuse. Le primarie si sono fatte anche qui, a vincere è stata una candidata non espressione del maggiore partito ma della “base”, tuttavia il risultato è stato modesto. Ed ecco che il primo cittadino di Piacenza, Roberto Reggi, uno dei più strenui sostenitori delle elezioni primarie per decidere i leader del centrosinistra, forse ci ripensa. “A Rottofreno abbiamo avuto la dimostrazione di come non vadano fatte le primarie” ha commentato il sindaco mettendo in qualche modo in discussione la consultazione per decidere il candi-

Reggi: “A Rottofreno la dimostrazione di come non vadano fatte”. “Strumento ideale per trovare il candidato di coalizione 2012” per Sel dato a palazzo Mercanti pe ril centrosinistra nel 2012. Ma se così sarà, Reggi dovrà convincere Sel. A rinunciare alle primarie i vendoaliani non ci pensano: “Le primarie di coalizione sono lo strumento ideale per definire il prossimo candidato sindaco a Piacen-

za – commentano Davide Benedetti e la coordinatrice di Sel Piacenza Emanuela Schaffonati – per aggregare l'elettorato di centrosinistra e renderlo soggetto dell'impegno elettorale”. Ma, chiediamo, come mai a Rottofreno sono state, a conti fatti, un flop nelle urne? “Il flop non sono le primarie in sé – risponde Schiaffonati – ma sono gli atteggiamenti e le scelte che si fanno o meno prima e dopo le primarie”. Messaggio, questo, diretto al Pd a quanto pare. “Chi esce vincente dalle primarie deve avere una squadra coesa: la domanda da porsi – aggiunge Schiaffonati – è questa: ho paura o meno delle primarie? Di certo sottraggono un potere diretto ai vertici e questo fa paura”. E perché a Rottofreno hanno finito per avvantaggiare il centrodestra e hanno acuito le divisioni? “Dipende da come si costruiscono – risponde Benedetti - qualcuno non voleva farle, le ha portate all'ultimo e così sono state un elemento di divisione in più”.


19 maggio 2011

Corriere Padano

5

ATTUALITÀ Fiorenzuola - L’amministrazione di centrosinistra riconfermata con il 52% dei voti

Compiani: "Sarò ancora il sindaco di tutti" Rieletto il primo cittadino uscente: “Qualità sociale con il nuovo pronto soccorso. Riprenderemo le opere bloccate dal Patto di stabilità. Progetto per la Barabasca” MANUELA IANNOTTA "Devo ringraziare tutti i cittadini che mi hanno sostenuto e anche quelli che non l'hanno fatto. In questi anni penso di essere stato un sindaco di tutti i cittadini e lo sarò anche in futuro". È soddisfatto e deciso a continuare a lavorare per la sua città, Giovanni Compiani, il primo cittadino uscente che è stato riconfermato alla guida di Fiorenzuola. È stato rieletto, nella tornata amministrativa svoltasi domenica e lunedì, con 4.224 voti (su un totale di 8.123 voti validi), ottenendo

(Fli e Api), che ha raggiunto il 5,39 %. "In questa vittoria ci sono due componenti: il buon lavo-

"Garantiremo più sicurezza e solidarietà. Le associazioni di volontariato sono una ricchezza” così il 52 % delle preferenze e battendo i tre avversari: Annalisa Guglielmetti (Lega, Pdl e Indaco) ferma al 34,33 %, Roberto Martini (Udc) attestatosi all'8,27 % e Flavio Antelmi

ro condotto in questi anni e riconosciuto dai cittadini e dagli avversari (che hanno votato o si sono astenuti sull'80 per cento degli atti del Comune) e il programma - ha osservato

In aiuto senza magazzino Fiorenzuola Oltre i Confini, solidarietà più difficile Chi offre aiuto non è al riparo da amarezze: l'Associazione "Fiorenzuola Oltre i Confini" da quasi due anni sta cercando un magazzino in cui raccogliere il materiale destinato ai viaggi umanitari che compie in zone colpite da guerre, calamità naturali e miserie. I numerosi appelli lanciati periodicamente anche da Corriere Padano nei mesi scorsi, i tanti annunci e la ricerca a tappeto sul territorio non hanno prodotto gli esiti sperati: i volontari non sono riusciti a trovare nessuno disposto ad affittare gratuitamente un magazzino all'Associazione e hanno così deciso di abbandonare le ricerche: "I pochi soldi di cui disponiamo vogliamo destinarli a chi ha bisogno - spiegano dall'Associazione - : non possiamo permetterci di impegnare fondi nell'affitto annuale di un capannone che utilizzeremmo due o tre volte all'anno". Ne consegue che la quantità di materiale che l'Associazione riuscirà a raccogliere per i prossimi viaggi sarà notevolmente ridotta rispetto al passato e verranno privilegiati beni strettamente indispensabili. I volontari di Fiorenzuola Oltre i Confini non si fanno però scoraggiare dalle difficoltà e tra pochi giorni taglieranno un importante traguardo: la realizzazione di un laboratorio per la produzione di pane destinato ai ragazzi dell'orfanotrofio Dom Porodica di Zenica, che l'Associazione fiorenzuolana supporta da oltre dieci anni. "Nel prossimo viaggio in Bosnia, in programma dall'8 al 14 giugno, - spiega Luigi Danesi, presidente di Fiorenzuola Oltre i Confini - porteremo tutto l'occorrente necessario per il A giugno i volontari porteranno laboratorio: il forno, la un laboratorio per fare il pane all’orfanotrofio di Zenica in Bosnia macchina impastatrice e le altre attrezzature per la produzione di pane". Il progetto nacque alcuni anni fa insieme ai dirigenti dell'orfanotrofio intenzionati ad insegnare un mestiere ai ragazzi che dopo il diciottesimo anno d'età devono abbandonare la struttura. I volontari porteranno anche materiale didattico . L'associazione Fiorenuzola Oltre i Confini sta portando avanti, inoltre, con lo Svep un progetto per rilanciare il volontariato nei giovani: "Lo scorso aprile una trentina di ragazzi dell'Istituto Mattei di Fiorenzuola si sono recati in gita in Bosnia - insieme ad un nostro volontario - a visitare i luoghi in cui interveniamo da quindici anni e per il viaggio di giugno abbiamo riservato due posti gratuiti ai ragazzi che intendono fare un'esperienza sul campo. Il 31 maggio organizzeremo, insieme allo Svep, l'incontro al Teatro Verdi alle 21 con Padre "Kizito" Sesana che opera in Kenja mentre il due giugno consegneremo gli attestati di frequenza al corso per la cittadinanza italiana". Francesca Gazzola

Compiani - Abbiamo proposto un programma sui problemi di Fiorenzuola, non abbiamo parlato di cose generiche, ma di ciò che interessa Fiorenzuola. E abbiamo condotto una campagna elettorale sobria". "Il programma elettorale è "ampio", puntualizza Compiani, ed è concentrato, principalmente, su tre settori: qualità sociale, economia, ambiente. Proprio per favorire la qualità sociale, un obiettivo è la realizzazione del nuovo pronto soccorso dell'ospedale di Fiorenzuola. "Lo faremo insieme con l'Ausl" e "come ci aveva detto il presidente della Re-

gione Emilia Romagna, Vasco Errani, ci sono buone prospettive in questa direzione". "Riprenderemo, inoltre, le due opere rimaste ferme per il Patto di stabilità: cioè il secondo tratto di Corso Garibaldi e la pista ciclabile per Baselica", continua il sindaco, che, sul fronte economia, punta all'attuazione dell'area Barabasca ("è pronta per partire") e "abbiamo un progetto per le giovani imprese", ovvero creare un ponte tra imprese locali e giovani del territorio in sinergia con le associazioni di categoria e con l'ente di formazione professionale Tutor. Compiani assicura che insieme alla sua squadra continuerà a lavorare per la manutenzione e la sicurezza della città. E per la solidarietà: "aiuteremo i più bisognosi, anziani e minori a rischio". "Fiorenzuola è il paese della solidarietà. Una delle sue ricchezze è proprio l'alto numero di associazioni di volontariato. I fiorenzuolani sono un popolo solidale", ci tiene a precisare Compiani. E riserva un plauso alla sua coalizione, per la sua unità e

per il suo modus operandi: "ha lavorato bene e parecchio". Elogia anche il mix di rinnovamento ed esperienza che, a suo giudizio, ha caratterizzato la lista "Fiorenzuola Insieme" e "ha funzionato". "Molti giovani sono stati premiati dall'elettorato - ha aggiunto - Noi abbiamo da imparare dai giovani e allo stesso tempo abbiamo qualcosa da dare loro". Gran parte di questi giovani e della sua compagine sarà con Compiani in Consiglio comunale. In tutto saranno 11 i candidati della lista vincitrice che sono stati eletti consiglieri comunali. Nove saranno del Pd: Paolo Savinelli, Gianfranco Arcari, Nicoletta Barbieri, Giuseppe Brusamonti, Augusto Bottioni, Alessandra Fanti, Angelo Mussi, Santino Bravo, Maurizio Fornasari. David Santi sarà il consigliere di Ri-

fondazione comunista e Sara Felloni di Sel. Non entreranno in Consiglio: i candidati dell'Italia dei valori (Roberta Marchelli e Angelo Iacoppi), del gruppo "Indipendenti per Compiani" (Claudia Merli e Paola Silvotti) ed Enrico Berti del Pd. All'opposizione ci saranno: per la Lega Nord Annalisa Guglielmetti, per il PdL Paola Pizzelli, Alberto Bazzani e Sandro Dialuce, per l'Udc, Roberto Martini. L'altra parte del cosiddetto "Terzo Polo", ovvero Fli e Api, guidati alle comunali da Flavio Antelmi, non avrà, invece, alcun rappresentante tra i banchi del Consiglio comunale.

In alto, Giovanni Compiani: per lui sarà mandato bis. a lato, la sede del Comune


Corriere Padano

19 maggio 2011

6

ATTUALITÀ

L’intervista - Il consumo come stile di vita. I pendolari degli stupefacenti. Gli “uomini-nutria”. Repressione e prevenzione

“Contro la droga missione infinita” Rocco Papaleo, comandante del Nucleo Investigativo dell’Arma: “Ogni fine settimana operazioni contro lo spaccio. Niente allarmismi, ma a Piacenza il fenomeno riguarda ogni età, professione e ceto sociale. Intercettazioni preziose” ANDREA DOSSENA Quella contro lo spaccio di droga “è una missione infinita”, perchè “il consumo di stupefacenti è ormai uno stile di vita”, a Piacenza come nel resto d’Italia e non solo: “Spesso - spiega il capitano Rocco Papaleo, comandante del Nucleo Investigativo dei carabinieri di Piacenza - non è più percepito come un’esperienza deviante, ma è visto come un modo diffuso e socialmente legittimato di trascorrere il tempo, di concepire il lavoro, di pensare al denaro e di spenderlo”. In questo contesto, il capitano Papaleo precisa che “gli allarmismi sarebbero sbagliati, perchè Piacenza rispecchia la realtà nazionale, e direi internazionale”, ma notizie locali come quella dello spacciatore di cocaina sorpreso mentre veniva recitato il rosario per un parente defunto o dello studente che coltivava marijuana nell’armadio, e segnalato ai carabinieri dalla madre, sono lo specchio di un fenomeno che si modifica costantemente, consegnando al passato lo stereotipo del tossicodipendente eroinomane. “Lo spacciatore e l’assuntore di droghe - conferma Papaleo - si trovano ormai in tutte le classi sociali, in qualsiasi professione e in ogni fascia d’età”. Il più grave problema per Piacenza ha però un nome preciso: “Cocaina. Non c’è weekend spiega il comandante del Nucleo Investigativo - in cui non perfezioniamo qualche operazione antidroga. Ciò dipende dall’impegno di chi è “sulla strada”, ma anche dal fatto che il problema è tangibile”. Per rendere il concetto, Papaleo parla

Il capitano: “Gli stereotipi sui tossicodipendenti sono fuorvianti. Genitori, chiedetevi più spesso dove si recano e chi frequentano i vostri figli” esplicitamente di “mare pescoso”: i sentori sono tanti, ma “combattere lo spaccio - spiega il comandante del Nucleo Investigativo - presenta difficoltà nuove perchè anche se i suoi effetti (come gli incidenti stradali collegati alla guida sotto effetto di sostanze stupefacenti) sono per lo più “esterni”, la maggior parte del consumo avviene in modo nascosto, tra gruppi di conoscenti o di assuntori, spesso a casa”. Anche per questo sono preziose le intercettazioni telefoniche, che Papaleo definisce senza esitazioni “mezzo di ricerca della prova determinante”. Pur di assumere droga, ed è una delle “novità” rispetto al passato, si è però disposti anche ad andare “in trasferta”: “Molti piacentini - spiega Papaleo - si sono trasformati in “pendolari della droga” e si spostano nelle province di Lodi e Pavia o nel basso Milanese. Lì, di notte e in aperta campagna, consumano in loco gli stupefacenti forniti da spac-

ciatori “invisibili”, i cosiddetti “uomini-nutria” che, contattati preventivamente via telefono, spuntano dalle boschine o dai canali intorno ai campi”. Se prima era più frequente sorprendere un carico di droga in auto, ora bisogna quindi scovare i singoli componenti di queste bande di spacciatori, la cui comparsa conferma anche come sia cambiato anche il modo di assumere droga da parte di una fetta di piacentini, soprattutto studenti. L’incessante attività dei carabinieri (e delle altre forze dell’ordine) ha assestato negli ultimi anni duri colpi alle bande più importanti, “che - spiega Papaleo - sono ormai polverizzate”, ma restano sacche di piccolo spaccio cui corrisponde comunque un forte consumo: “Chi spaccia a Piacenza lo fa per lo più a pochi clienti fidati, e anche se si fa tutto il possibile sappiamo che non basta mai”. Necessaria è quindi anche la

prevenzione: i carabinieri piacentini - per una precisa indicazione del comandante provinciale, il colonnello Paolo Rota Gelpi - riservano particolare attenzione alla sensibilizzazione dei giovani e degli studenti (in sinergia con le scuole) sul fatto che la droga crea comunque problemi e spesso mette a repentaglio la salute, lasciando danni a volte irreparabili. “Oltre al dilagare della cocaina, a Piacenza e provincia registriamo anche continua il capitano Papaleo - il ritorno dell’eroina (ora spesso fumata) e degli acidi”. Riguardo a marijuana e hashish, i carabinieri mettono in

guardia da un pericolo subdolo: “A volte il loro principio attivo è più alto che in certe partite di cocaina, perchè connesso a piante geneticamente modificate per precisa volontà dei narcotrafficanti di Sud Africa e Sud America”. Droghe “leggere” solo di nome, quindi, la cui pericolosità sembra però spesso sfuggire agli stessi assuntori. “Certi ragazzi - rivela Papaleo mi dicono: non sono mica un drogato, mi faccio solo un paio di volte alla settimana”. A volte il tutto è alimentato anche da un malinteso concetto di “essere figo” che, secondo Papaleo, “dipende anche da “modelli nega-

tivi che influenzano i giovani, portandoli a credere che assumere droghe faccia diventare grandi o attiri le ragazze. Il consumo di stupefacenti è uno stile di vita ed è considerato quasi normale, ma in realtà si traduce spesso in problemi personali gravi e può portare le famiglie a rovinarsi: ecco perchè ai genitori consiglio di chiedersi più spesso dove vanno e chi frequentano i loro figli”.

Il capitano Rocco Papaleo, comandante del Nucleo Investigativo dell’Arma di Piacenza

VENDITA Æ RIPARAZIONE Æ ASSISTENZA ASSISTENZA 24 H 329.3340910 FIORENZUOLA D ARDA (PC) Via Giovanni XXIII, 3/5 - Tel. e Fax 0523.941875


19 maggio 2011

Corriere Padano

7

ATTUALITÀ Fiorenzuola - Stanza per l'osservazione dotata di specchio unidirezionale

Neuropsichiatria infantile, sede nuova con restyling Trasloco negli spazi riqualificati del nucleo antico dell'ospedale, lungo Corso Garibaldi: i locali sono più spaziosi e forniti di attrezzature innovative zio l'Unita operativa "Neuropsichiatria, psicologia dell'infanzia e adolescenza", sono stati oggetto di un restyling per una spesa pari a 120mila

MANUELA IANNOTTA Locali spaziosi e idonei, dotati di attrezzature innovative. Si presenta così la nuova sede dell'Unità operativa "Neuropsichiatria, psicologia dell'infanzia e adolescenza" del distretto di Levante, che dalla vecchia sede in via Scapuzzi (edificio ex Omni) è stata definitivamente trasferita (e inaugurata nel mese scorso) negli spazi riqualificati del nucleo antico dell'ospedale di Fiorenzuola, lungo Corso Garibaldi, 33. Fornendo un servizio di cura e di riabilitazione, rivolto ai minori (0-17 anni) e alle loro famiglie, la Neuropsichiatria infantile di Fiorenzuola è attiva da molti anni, avvalendosi della qualità professionale della sue equipe, che ora, nei nuovi locali, si trova ad operare in condizioni strutturali di gran lunga migliori. La nuova sede è, infatti, dotata di: studi di psicologia, ambulatori di neuropsichiatria, stanze per riabilitazione di logopedia, di fisioterapia, di psicomotricità, di educazione

Spesa totale pari a 120mila euro, finanziati grazie alle risorse dell'Azienda Usl di Piacenza strutturata e di una stanza per l'osservazione, con specchio unidirezionale, predisposta per registrazioni audio/video. A seguire i minori (le linee patologiche seguite sono: disturbi neurologici dell'infanzia, i disturbi neuromotori, p-

sichiatrici, del linguaggio e legati all'apprendimento scolastico) è una schiera di professionisti e di operatori: logopediste, psicologi, fisioterapiste, neuropsichiatri, educatori professionali. I locali, in cui ha trovato spa-

euro, finanziata con le risorse dell'Ausl di Piacenza. E questo nuovo servizio si inserisce all'interno della cittadella sanitaria di Fiorenzuola.

Nelle foto due immagini dei nuovi locali in corso Garibaldi, all’interno del vecchio ospedale


Corriere Padano

19 maggio 2011

8

ECONOMIA E LAVORO

Economia da rilanciare - Indagine di Confcommercio sul cuore di Piacenza

Parietti: “Centro storico volano di sviluppo”

PRENDI NOTA Borgotrebbia, La Casa sul Fiume

Piatti biologici, merende e relax per bimbi e famiglie

Il presidente dell’Unione Commercianti: “Necessario coordinare strategie di comunicazione e di marketing e progettare eventi che richiamino visitatori” A CURA DELLA REDAZIONE L'azienda Italia continua ad andare avanti piano. L'Ufficio studi di Confcommercio non è molto ottimista sul trend dell'economia nazionale.L'indicatore dei Consumi rilevato dall'Associazione indica, per il primo trimestre 2011, un calo del 2,5 per cento su base annua. Da un anno i consumi sono costantemente "sotto zero". Resistono tempo libero, comunicazioni e le tecnologie domestiche. Insomma, non si riesce a catturare pienamente il rafforzamento dell'attivita' economica in corso in Europa anche per la probabile ulteriore riduzione a causa dell'inflazione del reddito reale delle famiglie che frenera' il fondamentale contributo dei consumi alla crescita dell'economia italiana. Le chance di sviluppo sono pertanto più che mai da cogliere a livello locale. Ma come? Ripartendo non solo dal centro storico, ma dai centri storici, dove essi siano. Lo spiega il Presidente dell'Unione Commercianti di Piacenza, Alfredo Parietti, affrontando un tema su cui l'associazione si è sempre impegnata. "Proprio per questo, premette, ci siamo resi conti che il centro storico non va più inteso nel senso medie-

questa riflessione l'Unione Commercianti ha ritenuto utile sviluppare un dialogo aperto, leale e costruttivo con i vari Comitati di Via che ora rappresentano un trait d'union strategico tra la nostra organizzazione e gli operatori, uno strumento indispensabile per coordinare strategie di comunicazione, di marketing e per progettare eventi

“Urgenti più posti auto facilmente usufruibili, segnaletica più chiara e trasporti pubblici più efficienti” vale del termine, ma deve essere concepito come tale da includere tutte le aree dove vivono i negozi di vicinato, in città, come in provincia: solo con il riconoscimento del ruolo degli operatori che con dedizione e professionalità da tante generazioni agiscono sul mercato è possibile ricostruire quel clima di fiducia con i consumatori che la crisi ha appannato. Partendo da

ad hoc che richiamino i consumatori e li spingano a visitare i negozi di vicinato. Anche le iniziative contro la crisi devono ripartire da questo spirito pragmatico e fattivo, ripartire dalla base, insomma, intendendo l'attività commerciale a 360 gradi su tutto il territorio provinciale". E' recente l'esempio positivo dato dal Comitato Commercianti di Viale Dante che

ha ideato ed organizzato, l'evento "Settimana dello Shopping" un'operazione che ha previsto cinque giorni di offerte, promozioni e sconti da scoprire nell'ottantina di esercenti che hanno deciso di aderire alla proposta del presidente del Comitato Alessandra Tampellini. "Un successo, sottolinea il presidente Parietti : è' stata una manifestazione che ha richiamato consumatori anche dalle zone limitrofe, in tanti piacentini sono entrati nei vari negozi di Viale Dante, decorati dalle piantane alle quali sono stati appesi palloncini bianchi ed arancioni. Ma il rilancio del commercio, prosegue Parietti, è certamente un problema complesso dove conta la volontà raggiungere insieme questo obiettivo di rivitalizzazione. La facile accessibilità dall'esterno costituisce una condizione indispensabile per la vitalità del sistema. Ciò significa: aree di parcheggio, incremento del numero di posti auto e loro fruibilità, percorsi pedonali gradevoli, segnale-

tica efficace, oltre all' aumento dell'efficienza del trasporto urbano pubblico. Poi a nostro avviso è necessario un incremento delle funzioni terziarie e tempo libero: va rafforzata la configurazione multifunzionale dell'area centrale attraverso il potenziamento del polo universitario, l'incremento dei luoghi di ritrovo e per il tempo libero, il mantenimento di uffici e funzioni terziarie in centro. Va favorita l'integrazione ed il potenziamento dell'offerta commerciale, stimolando anche la crescita dimensionale degli esercizi e l'insediamento di nuovi laddove sussistano locali sfitti (utilizzando anche formule di temporary shop), cercando però di evitare la sovrapposizione con l'esistente e vanno maggiormente supportati gli investimenti nella qualificazione degli esercizi commerciali, anche tramite finanziamenti regionali". Ma l'Unione ha davvero un progetto per trasformare piazza Cavalli e dintorni in una "calamita" per i turisti e in un vero salotto commerciale per i piacentini? "Stiamo ormai completando, risponde Alfredo Parietti - un'indagine sullo stato di salute del Centro Storico di Piacenza attraverso un progetto di Iscom Group, società che opera nel marketing territoriale urbano a cui seguiranno azioni mirate per far conoscere la nostra città e renderla più accogliente. Telecamere per verificare i flussi dei pedoni in centro, analisi scientifiche sulla frequentazione dell'area storica e poi strade caratterizzate dallo stesso arredo urbano, campagne di comunicazione su Internet e il recentissimo QR code in giro per la città il codice a barre che dà accesso a informazioni se inquadrato con cellulare o smartphone".

Nella foto il presidente dell’Unione Commercianti di Piacenza, Alfredo Parietti

Piacenza Expo, Manfredini presidente

Nei primi giorni d'aprile a Borgotrebbia è stato inaugurato il ristorante La Casa del Fiume. In un ambiente accogliente e familiare, immerso nel verde, i bambini potranno godere non solo di un parco giochi, che si trova a solo 50 metri dalla struttura, ma anche di una zona ricreativa a loro riservata. La filosofia dei titolari può sintetizzarsi nel motto "mangiare bene pagando onestamente" e pertanto il ristorante offre una selezione dell'enogastronomia tipica piacentina a prezzi assolutamente ragionevoli. L'ottima tagliata fiorentina, i prodotti biologici, i bolliti e gli arrosti sono solo alcune delle prelibate specialità che gli ospiti potranno assaporare. Il ristorante organizza periodicamente delle serate a tema (per la stagione estiva sono in via di definizione serate in cortile con musica dal vivo), feste di compleanno e merende. La Casa del Fiume dispone di un salone congressi e di convenzioni aziendali ed offre sconti alle comitive particolarmente numerose. La struttura, che ha una capienza di 46 posti a sedere, è inoltre dotata di servizi per disabili e accetta animali di piccola taglia. Il ristorante è aperto tutti i giovedì e venerdì sera, sabato a pranzo e cena e la domenica a pranzo mentre il bar rimane aperto tutti i giorni tranne il lunedì. Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito www.lacasadelfiume.com o telefonare al numero 0523-498237.

San Giorgio, Il Pallino Rosa

Le farine alternative protagoniste nella pasta fresca Il Pallino Rosa di San Giorgio, laboratorio di pasta fresca prodotta con il solo impiego di farine alternative, costituisce l'avventura imprenditoriale delle sorelle Nicoletta e Federica Pagliughi. Nei loro prodotti, la farina tradizionale di frumento cede il posto a mix di farine differenti. Le specialità offerte dal Pallino Rosa sono rappresentate, oltre che dalle tipicità piacentine, da panzerotti, crespelle, prodotti di pasticceria da forno e dolci di stagione. I ripieni sono prodotti direttamente nel laboratorio con l'utilizzo di carni, latticini e frutta e verdura locale. Il confezionamento dei prodotti in vaschette monoporzione, adatte ad essere riscaldate in microonde, predilige la praticità e la velocità della preparazione e risponde ad un'esigenza specifica della clientela. Nicoletta e Federica preparano i loro prodotti previa prenotazione che può essere effettuata al numero 348-3465567.

Ad Alseno

Per il dopo-Bisotti l’attuale Caposervizio Affari Generali della Cattolica. Franco Spaggiari vice

Il Risparmio, assortimento a prezzi vantaggiosi

Angelo Manfredini è il nuovo presidente di Piacenza Expo. Il 45 piacentino, Caposervizio Affari Generali della sede di Piacenza-Cremona dell’Università Cattolica, è stato eletto lunedì 16 maggio per acclamazione al vertice dell’ente fieristico e succede a Silvio Bisotti, in carica per nove anni e tre mandati consecutivi. Vice di Manfredini sarà l’imprenditore Franco Spaggiari. Si è chiusa con queste attese nomine, accolte da un applauso finale, la recente riunione del cda di Piacenza Expo, composto - oltre che da Manfredini e Spaggiari - da Antonio Resmini, Massimo Bergamaschi, Marisa Savi, Annalia Reggiani, Silvia Testa, Mariangela Spezia e Maria Cristina Ferrari. Per l’indimenticato Luigi Gatti (storico presidente della Camera di Commercio e dell’Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti, cui è stato intitolato l’Auditorium

In località Villaggio di Alseno, sulla via Emilia, si trova il negozio il Risparmio. Nel vasto assortimento di prodotti offerti si trovano casalinghi, giochi, articoli da regalo, cancelleria, prodotti tessili e attrezzi per il giardinaggio ed il bricolage. Tra le ultime novità, un'ampia scelta di articoli di bigiotteria, attrezzature per la pesca quali retini, ami e galleggianti e prodotti di informatica. Il negozio è aperto tutti i giorni, anche la domenica, dalle 09,00 alle 12,00 ed il pomeriggio dalle 15,00 alle 19,30, mentre rimane chiuso nella giornata di martedì. Le offerte sono delle più vantaggiose: sconti del 40% su cosmetici e articoli per il giardinaggio e riduzioni del 10, 20 e 30% su tutti gli altri prodotti. Ad oggi è possibile contattare il negozio allo 0523-949656 ma è in progettazione un sito web su cui reperire tutte le informazioni relative a Il Risparmio ed ai suoi prodotti.

la designazione alla presidenza, nonchè il presidente uscente Bisotti e il direttore in carica Lenarduzzi, Manfredini ha promesso il massimo impegno “per sviluppare Piacenza Expo come patrimonio del nostro territorio e vetrina privilegiata per prodotti, imprese ed eccellenza piacentine”. Leva per crescere sarà - secondo il manager - la capacità di “fare davvero gioco di squadra”. Riguardo alle chance legate all’Expo milanese, Manfredini considera il grande evento del 2015 “un’occasione fondamentale per guadagnarci visibilità a livello internazionale”, una chance irripetibile da sfruttare realizzando “eventi mirati”. Andrea Dossena di Piacenza Expo) le prime parole dopo l’elezione di Manfredini, che lo ha citato come “grande esempio”. Ringraziati il sindaco Reggi e l’assessore Fellegara per

Nella foto: a destra Angelo Manfredini, neo presidente di Piacenza Expo; a sinistra il vice Franco Spaggiari


19 maggio 2011

Informazione e Tv tra digitale e web

Corriere Padano

9

CASTELL’ARQUATO - "La sfida dell'informazione televisiva Scenari e prospettive nell'era del digitale terrestre e di internet". Questo il titolo della "conversazione aperta", moderata dal giornalista di Libertà Michele Borghi, conLuciano Ghelfi, capo della redazione politica del Tg2, Fabrizio Binacchi, direttore Rai Emilia Romagna e Nicoletta Bracchi, vicedirettore Telelibertà. L’appuntamento è sabato 21 maggio alle ore 18 al Palazzo del Podestà a Castell'Arquato. Ingresso libero

Gli appuntamenti della tua agenda su Facebook, seguici! guida allo spettacolo, cultura e tempo libero

Nada a Cortemaggiore con il “Vamp Tour”

Venerdì 20 maggio

Milestone, tre volte festa per la School of Music La stagione è agli sgoccioli e il Milestone jazz club fa 3 volte festa, offrendo al pubblico le perfomance dei gruppi vocali della Milestone School of Music e ricordando il compianto maestro Dino D'angelantonio. Venerdì 20 sarà "Pop Vocal Night" con le allieve di canto pop guidate dalla docente e direttore dell'esecuzione Miriam Amato e accompagnate da Andrea Fiordaliso (tastiere), Andrea Barbieri (chitarra), Massimo Braghè (basso), Alessandro Verzella e Luca Guagnini (batteria). Repertorio gustoso, da "Killing me softly" a "Sunrise" di Norah Jones, da "Enjoy the silence" dei Depeche Mode a "Time is running out" dei Muse. Sabato 21, "Jazz Vocal Night" con le allieve di canto jazz dirette dalla docente Debora Lombardo e accompagnate da Mario Zara (piano), Matteo Trogu (contrabbasso) e Luca Mariani (batteria). Domenica 22, tanta musica per ricordare D'angelantonio: compositore, musicista e insegnante (co-direttore della scuola del Milestone) ha forgiato gran parte dei musicisti piacentini. Suoneranno Alberto Molinaroli (armonica), Mario Troletti (chitarra), Apollo Negri (tastiere), Michele Mazzoni (basso) e Max Pieri (batteria), il trombettista Davide Cattaneo col suo gruppo, il quartetto chitarristico Exacorde diretto da Bruno Costa, l'amico chitarrista Pitacco, Erminio Cella e diversi altri docenti della scuola.

Fiorenzuola, Festa di Primavera


Corriere Padano

10

19 maggio 2011

VIVIPIACENZA

Hospice e Risorgimento in Fondazione

Amnesty e L’A.t.omo, cineforum a Spazio 4

Storie di oggi e di ieri all'Auditorium della Fondazione di Piacenza e Vigevano. Giovedì 19 alle 17.30 si presenta il volume "I racconti dell'Hospice" (ed. Berti) di Fausto Fiorentini e Itala Orlando. Letture di Tiziana Mezzadri; interventi dei sindaci di Piacenza, Roberto Reggi, e Borgonovo, Domenico Francesconi; modera il direttore di Libertà, Gaetano Rizzuto. Mercoledì 25 alle 17.30 con "La solita storia" proseguiranno gli incontri del ciclo "Ora che l'Italia è fatta - La letteratura racconta il Risorgimento" a cura del prof. Salvatore Mortilla.

La pena di morte e la dignità degli omosessuali sono al centro delle ultime due proiezioni del Cineforum di Spazio 4 (il centro aggregativo comunale di via Manzoni) dedicato ai diritti umani promosso dal Gruppo Giovani Piacenza di Amnesty International, tutte alle ore 21. Giovedì 19 si vedrà "L'angolo rosso" di Jon Avnet, 1998, e interverrà Paolo Cifariello di Amnesty. Giovedì 26 invece, spazio a "Milk" di Gus Van Sant, 2008; interverrà Valeriano Scassa come rappresentante dell'associazione Arcigay L'A.t.omo di Piacenza.

WEEKEND “Pre/Visioni”, Gioco Vita offre il palco ai giovani Al via il mini-cartellone "Pre/Visioni" di Teatro Gioco Vita, coda e sigillo della Stagione di Prosa "Tre per te", in 4 appuntamenti dedicati a giovani artisti delle scuole di teatro, laboratori, azioni teatrali ed esperienze di residenza artistica. Venerdì 20 alle ore 21 al Teatro Comunale Filodrammatici tocca per primi a Marco Cacciola, piacentino, e Francesco Villano, registi, e interpreti insieme a Lucia Mascino, di "Piccoli pezzi poco complessi", un omaggio a Michel Houellebecq e alle sue "Particelle elementari" su un testo di Magdalena Barile: la compagnia "InBalìa", residente al CRT di Milano, propone una riflessione sulla riproduzione e il terrore di scoprirsi inefficaci, sterili, poco rappresentativi di se stessi e del tempo in cui si vive, una drammaturgia di corpi e parole sulle possibilità riproduttive della specie e i suoi effetti collaterali. Sabato 21 poi, dalle ore 17 pomeriggio con "Il gioco dell'ombra" dedicato ai bambini di 5 ai 10 anni, a cura di Nicoletta Garioni (illustratrice e scenografa di TGV) e Fabrizio Montecchi: all'Officina delle Ombre (via Fulgonio 7) si affronterà un suggestivo percorso a tappe alla scoperta della propria ombra e delle sue potenzialità metamorfiche attraverso giochi e improvvisazioni, fino all'incontro finale con il teatro d'ombre.

Rumors: Quarta Parete si muove lungo la “Linea di confine” A mettere in ridicolo ipocrisia e falsità di certi strati della borghesia è, venerdì 20 e sabato 21 alle ore 21, il piacentino Gruppo Teatrale Quarta Parete, che con "Rumors" - commedia brillante del grande drammaturgo statunitense Neil Simon, 1988 - va in scena al Teatro San Matteo chiudendo la rassegna "Linea di confine". Per la regia di Tino Rossi saliranno sul palco Elvino Barazzoni, Fabio Camoni, Lorelle Carini, Anna Gallazzi, Stefania Gennari, Guglielmo Pozzi, Daniele Righi, Mara Tutone e Paola Vincini; scene di Guglielmo pozzi, luci e musiche di Stefania Benedetti, Luca Isidori e Sara Massimiliani. La pièce racconta la strana serata di festa che Charlie Brooke, vicesindaco di New York, e la moglie Mira hanno organizzato per il 10° anniversario di matrimonio: ma non vi parteciperanno e le coppie di invitati saranno coinvolte in un tourbillon di equivoci, colpi di scena e menzogne.

Nada, “Vamp” con ironia sul palco del Fillmore Live il 20 maggio, e il 21 tutti in pista con Dj Ralf e Dj Giava PIETRO CORVI Non poteva chiudere la stagione live della sua rinascita senza lasciare un segno forte, il Fillmore Club di Cortemaggiore. E allora, eccolo qui l'arrivederci a settembre che farà contento un pubblico molto numeroso e quanto mai trasversale: venerdì 20 arriva Nada, Nada Malanima, quella che vinse il Sanremo del '71 con "Il cuore è uno zingaro" in coppia con Nicola di Bari, quella di "Ma che freddo fa" e "Pà diglielo a mà", di "Amore disperato" e "Bolero", che non ha mai smesso di scrivere, cantare e pubblicar dischi fino agli anni 2000, quelli di "L'amore è fortissimo il corpo no", "Tutto l'amore che mi manca" e "Luna in piena", fino all'ultimissimo "Vamp", che porta appunto in concerto al Fillmore accompagnata dalla amatissima band indie-rock toscana degli Zen Circus. Sabato 21, poi, tutti in pista a sgambettare. Il Fillmore si fa discoteca, piazzando in consolle due pesi massimi della scena house-electro italiana: Dj Ralf e Dj Giava, scortati dai piacentini Techfood e, da Parma, Giuseppe Biondo e la crew di dj parmigiani Quia Mobile Disco. Appena partito da Livorno, il "Vamp Tour" di Nada vede protagonista il nuovo disco, 10 brani inediti di cui Nada è autrice sia dei testi che delle musiche e in cui è ben sintetizzato il suono dell'artista livornese di oggi: un mix di rock, suoni sintetici e la sfrontata attitudine pop che da sempre accompagna il suo percorso artistico, storicamente condotto alla ricerca di sempre nuove soluzioni: da anni le frequentazioni fanno venire a galla una propensione a scavare in territori rock-indie, non stupisce dunque che "Vamp" nasca dall'incontro con uno dei produttori più stimati della scena rock italiana, Manu "Max Stiner" Fusaroli. Accanto a Nada, oltre a Manu e Gerri Manzoli, hanno suonato Appino & Karim Qqro (Zen Circus), Jack Tormenta (Don Vito e Veleno), Fabiano Marcucci & Ludovica Valori & Marco Gasbarro (Ardecore), Fabrizio Perdomi & Macho alla tromba, trombone e basso tuba. Gli Zen Circus al completo, insieme a Francesco Motta dei Criminal Jokers, saranno la backing band di Nada per tutte le date del tour.

“Wannabe”, sabato al Chikos grande festa electro-hip-hop Spolverate bandane stile ''gang'', cappellini da camionista, bermuda, catene dorate, scarpe modello campaccio e canotte di Michael Jordan, meglio se unte. Sabato 21 alla discoteca Chikos di Borgotrebbia, la party-crew "WannaBe" presenta la festa più electro-hip-hop di sempre, mettendo sul palco i rapper Dargen D'amico e il duo Two Fingerz, oltre ai dj Tajamon e Frankie S. Dopo l'esperienza con Sacre Scuole, il milanese di origini eoliane Dargen D'Amico ha iniziato un percorso da solista che l'ha visto seguire una strada personale e a suo modo distante dai clichè dell'hip hop italiano, con un suono ricco di aperture sperimentali tra l'uso creativo dell'elettronica e la tensione verso la canzone italiana classica. Quanto ai milanesi Two Fingerz (in foto), Dan-T (voce/autore) e Roofio (musica), anche grazie alla collaborazione e supervisione di artisti affermati come Big Fish (Fabri Fibra, Sottotono), pubblica nel 2007 l'album Figli del Caos (Sony Music), cui sono seguiti "Ai prima delle 6.10", ep in free-download, lo street-album "Il disco finto" e l'ultimo album ufficiale "Il disco nuovo".


19 maggio 2011

Corriere Padano

11

VIVIPIACENZA Castelsangiovanni, al Verdi rivive Di Stefano

BAF, note magiche da Mozart a Schumann

Ultimo appuntamento con la stagione concertistica al Teatro Verdi di Castelsangiovanni. Sabato 21 alle 21 il maestro e musicologo Giancarlo Landini conduce una serata interamente dedicata a Giuseppe di Stefano, con la partecipazione di alcuni artisti del Laboratorio Lirico dell'Istituto Musicale Palestrina, accompagnando il pubblico in un affascinante viaggio attraverso proiezioni, video, ascolti e commenti volti a ricordare uno dei più grandi tenori del '900, fulgido esempio della più pura tradizione belcantistica itlaliana, a 3 anni dalla sua scomparsa.

W. A. Mozart, P. Tagliaferri, C. A. Landini, M. Bruch e R. Schumann sono al centro del sesto appuntamento del BAF - Bibiena Art Festival 2011 del Gruppo Strumentale Ciampi. Domenica 22 alle 17.30 nell'Oratorio di San Cristoforo si esibirà un trio con Pietro Tagliaferri al clarinetto (in foto, diplomato al Nicolini, quotato produttore, ingegnere del suono e regista), Filippo Milani alla viola (dalla Filarmonica de La Scala, e primo violino ne I solisti di Pavia) e Siro Saracino al pianoforte (docente al Conservatorio di Brescia oltre che ospite regolare delle principali orchestre italiane).

A CURA DI PIETRO CORVI

WEEKEND Red: Willis, Freeman e Malkovich ex agenti Cia di nuovo insieme

Baciccia: musica, fumetti e la festa di Emergency Riecco il Caffè Baciccia con due ghiottissimi appuntamenti tra musica, solidarietà, fumetto e promozione del territorio: domenica 22 è festa grande per Emergency, con maxi-aperitivo dalle 18.30, stand, gadget e banchetti, il latin-folk del valido trio piacentino Grigo, Jordi & Eliana e la canzone sperimentale francese del raggiante duo Ilhaam Project di buskers parigini Nina e Omri (in foto). Martedì 24 alle 21, spazio alla presentazione del 1° numero del bimestrale di fumetti "Surus, Trebbia's last hero" a cura del fotografo Paolo Guglielmetti e del fumettista Franco Garioni, promosso da Piacenzacomics e Surus Production (www.suruspoint.com). Poi suoneranno i The Clover, con il loro festoso carico di musica irlandese. L'ormai tradizionale festa di Emergency domenica 22 vedrà presenti i volontari del gruppo di Piacenza con raccolta fondi per il Centro Pediatrico di Mayo in Sudan. L'aperitivo lungo inizierà alle 18.30. Poi salirà sul palco il trio acustico piacentino con Matteo Grigolini alla voce&chitarra, Eliana Cruz al clarinetto e Jordi Tagliaferri alle percussioni, tra canzoni originali e un repertorio di musica popolare sudamericana. Alle 20.30, il magico duo elettro-acustico di folk, pop e world music Ilhaam Project. Dalla Francia parigina, Nina e Omri, due raggi di sole del Ferrara Busker Festival 2010, sono trovatori dei tempi moderni. E poiché le canzoni viaggiano a piedi, le loro parlano tutte le lingue e si nutrono di tutte le arie. Autori e compositori, cantastorie e clown danzatori per un viaggio intimo attraverso i paesaggi dell'immaginario.

Nome, disco e sound nuovi: gli Erica’s ripartono da Montale Asciugano il loro nome, passano all'italiano e presentano in concerto il frutto del nuovo corso venerdì 20 alle 21.30 al nuovo Soda Bar & Restaurant (in via Villani, zona industriale di Montale, di fronte al Pepe Nero). Il pop-rock alternativo piacentino porta il nome di "Una nuova metà": questo il titolo del nuovo EP dei giovani, energici Erica's, che hanno sottoposto a un riuscito lifting il loro nome (prima Erica's Fall) e l'appeal del loro sound, non tanto nelle sonorità, ancora brillantemente in bilico tra hard-rock, pop e funky, quanto nella scelta di cantare finalmente nell'idioma natale. Così, "Una nuova metà", "A meno che", "Esseri come te" e "Come ti va" - i 4 brani del disco in uscita - ci consegnano una band che, riecheggiando Negrita e Timoria, si dimostra musicalmente e tecnicamente dotata: da tenere d'occhio.

Municipale, la Toscanini con Brahms e Strauss Sono il Brahms del "Concerto per violino e orchestra in re maggiore, op.77" e lo Strauss della "Fantasia sinfonica da Die Frau ahne Schatten" e della Suite da "Der Rosenkavalier" a chiudere la stagione concertistica del Teatro Municipale di Piacenza. Sul palcoscenico, venerdì 20 alle ore 20.30, salirà ancora una volta la Filarmonica Arturo Toscanini, guidata da Asher Fisch - direttore della New Israeli Opera - con il moscovita Sergej Krylov (nella foto)al violino, forte di una prestigiosa carriera che lo ha portato ad esibirsi nelle sale da concerto più importanti d'Europa, Giappone e America Latina. Quanto al programma, la prima parte dedicata a Brahms offrirà atmosfere intimiste, solennità ed energia prorompente. Quella dedicata a Strauss, momenti complessi e timbricamente molto ricchi, dunque un lavoro orchestrale di grande fascino dominato dal valzer, la danza che Strauss aveva eletto a incarnare la mitica Vienna del Settecento.

Arnold’s, concerti e cabaret: si ride con Eugenio Chiocchi Musica dal vivo e cabaret nel weekend dell'Arnold's di via Emilia Parmense 104. Se domenica 22 alle 22 sarà jam session live con l'Arnold's Group, sabato 21 dalle 21, largo al cabaret di Colorado Cafè con Eugenio Chiocchi. Il comico di natali napoletani ed esordito nell'ormai lontano 1977 con "Gli insopportabili" ha partecipato a Zelig Off nel 2005, è stato il bidello di "Passami la gomma", sit commedy di 60 puntate in onda su Happy Channel, dove è stato apprezzato per l'interpretazione e la spontanea gestualità. La sua versatilità l'ha reso prezioso nelle ultime edizioni di Scherzi a Parte così come, nell'estate 2004, su Canale 5 in "Arrivano i nostri" con Pippo Franco e Natalia Estrada nei panni di Anas Stasio. Qualcuno lo ricorderà anche ne "La squadra" (Rai3) e come attore brillante nella serie "Andata e ritorno" su Rai2.

Concerto

A Rivalta 7pm, Infernal Quinlan al Nina: omaggio a Tosti largo all’indie-rock di frontiera Si terrà sabato 21 maggio (ore

"7PM": tocca al bar Nina e all'indie-rock di frontiera degli Infernal Quinlan. Prosegue con successo la rassegna di musica live itinerante in centro storico "Piacenza si muove alle 7" del Collettivo 51 (anticipiamo che l'affollato e bagnato concerto dei Tryptamin di sabato scorso a La Muntà sarà recuperato domenica 29, a formare una entusiasmante doppietta con quello dei Tough, previsto sabato 28 all'Irish Pub). Ad attrarre occhi e orecchie di chi aperitiveggerà sabato 21 dalle 18.30 al Nina ecco il folk-rock degli Infernal, con la superba voce di Silvia Molinari (in foto) in odore di Portishead, le miscele chitarristiche di marca Calexico, tex-mex e dintorni del fondatore Andrea Cravedi, e la perfetta, pulsante amalgama ritmica stesa dalla batteria e dal basso dei fratelli Federico e Nino Rivoli. Sussulto emotivo garantito.

19, ingresso libero) all'interno del Castello di Rivalta un concerto per voce, viola e piano, organizzato da Franca Fiorin, dal titolo "Le Romanze di Sir Francesco Paolo Tosti per strumento ad arco, baritono e piano" che verterà sull'esecuzione integrale del "corpus" di composizioni vocali con una parte aggiuntiva per uno strumento ad arco (viola, in questo caso) aggiunta sia da Tosti stesso, sia da altri compositori. La serata sarà presentata da Elisabetta Rausa e vedrà come esecutori al piano ed alla voce il m° Mario Genesi, accompagnato dalla viola della prof.ssa Serena Perfetti.

Il film, basato sull'omonimo romanzo grafico di Warren Ellis, vanta un supercast comprendente Bruce Willis, Morgan Freeman, John Malkovich, Helen Mirren (premio Oscar per The Queen - La regina), Julian McMahon (Fantastici 4, Nip/Tuck), Richard Dreyfuss. Paul Moses è un ex agente della CIA che vive a Cleveland, isolato dal resto del mondo. Nasconde scottanti segreti sulla sua ex occupazione ed entra in contatto con pochissime persone. Tra queste c'è Sarah, che vive a Kansas City, di cui è innamorato ma con cui comunica solo telefonicamente. Quando Michael Beesley, il nuovo capo della CIA, scopre il nascondiglio di Moses, decide di eliminarlo mettendo sulle sue tracce un killer aggressivo e iper-tecnologico. Moses ricompone la sua vecchia squadra per difendere se stesso e la ragazza. In programmazione all'Uci Cinema Piacenza e al cinema Politeama. (dm)

Jolly, dall’Iran arriva “Offside”: tifose camuffate per il calcio Arriva dall'Iran il film in programmazione mercoledì 25 alle 21.30 al Cinema Jolly di San Nicolò. "Offside" di Jafar Panahi, Gran Premio della Giuria al Festival di Berlino del 2006, è ambientato a Teheran. Nella capitale si disputa la partita decisiva per la qualificazione ai mondiali di calcio 2006. L'accesso agli stadi in Iran è vietato al gentil sesso ma un centinaio di donne, sfidando la polizia dispiegata in modo massiccio di fronte allo stadio e noncurante delle manganellate, si camuffa con abiti di foggia maschile riuscendo ad arrivare sugli spalti. La macchinazione viene smascherata dalle forze dell'ordine: dopo una trattativa le ragazze vengono rinchiuse in un recinto da cui possono seguire l'incontro solo attraverso le reazioni degli uomini, liberi di assistere alla sfida.

FUORINGIRO Caparezza e Cristicchi al Fuori Orario Caparezza e Cristicchi, colonna sonora del weekend "Festa antinucleare" al Fuori Orario di Reggio Emilia. Venerdì 20, protagonista il rapper di Molfetta, in scena alle 22 - prima del progetto brit-rock Karbonio 14 - con il nuovo album "Il sogno eretico", subito in testa alle classifiche. Sabato, testimone a Simone Cristicchi, impegnato nel suo "All inclusive live tour 2011", concerto antologico dall'animo rock; prima di lui, la new-wave degli Atomika Kakato e i Trenincorsa con "Verso casa", disco cui hanno collaborato De Sfroos e Carotone.


Corriere Padano

12

AGENDA

19 maggio 2011

TEMPO LIBERO

CUCINA DI CASA Risotto con fave e piselli Ingredienti per 4 persone: 350 g di riso fino o semifino, 500 g di piselli freschi, 600 g di fave piccole e freschissime, 2 cucchiai d'olio extravergine d'oliva, 1 noce di burro, 40 g di parmigiano grattugiato, ½ bicchiere di vino bianco, 2 o 3 cipollotti freschi, prezzemolo e sale. PER IL BRODO VEGETALE: 2 carote, 2 coste di sedano, 1 cipolla, 1 spicchio d'aglio, qualche gambo di prezzemolo, 3 o 4 foglie da basilico, sale e pepe in grani.

CASTEL SAN GIOVANNI - ROCK IN VILLA Sabato 21 maggio Villa Braghieri ospiterà la manifestazione concertistica giunta alla sua terza edizione, organizzata dai giovani di Castel San Giovanni con il supporto della Pro Loco. Ad esibirsi saranno i "Di maggio connection".

RIVALTA - BORGO IN FESTA Sabato 21 e domenica 22 maggio Rivalta si trasforma in un 'Borgo in Festa', con un ricchissimo programma di spettacoli, appuntamenti e gastronomia. I locali e i negozi del paese rimarranno aperti ed esporranno i propri prodotti, sono previste tra l'altro: degustazioni di prodotti tipici, la Festa della Pancetta, bancarelle di vestiti e accessori vintage e molto altro.

GRAZZANO VISCONTI - VOCI NELLA CORTE Sabato 21 maggio si terrà la rassegna corale che si svolge annualmente nella Corte Vecchia di Grazzano Visconti ed è organizzata dal Coro di Carmiano di Vigolzone "Eco della Valle" che ospita,in questa occasione, il coro Monte Alben di Lodi, e il coro Acqua Ciara di Recoaro Terme.

PIZZIGHETTONE - ALLA SCOPERTA DI MURA E CASTELLI Sabato 21 e domenica 22 Maggio a Pizzighettone avrà luogo la manifestazione "Alla scoperta di mura e castelli". L'iniziativa è rivolta a ragazze e ragazzi dai 10 ai 20 anni che possiedono voglia di esplorare e comprendere le architetture fortificate del Medioevo, del Rinascimento e dell'Età Moderna. L'evento inizierà alle ore 15,30 (10-14 anni) ed alle 17,30 (dai 14 anni in su) presso l'Ufficio Informazioni GVM.

FORNELLO DI ZIANO - FORNELLO MEDIEVALE Il 22 maggio dalle ore 10,00 alle 19,00 avrà luogo a Fornello una manifestazione in costume con: truppe in movimento, dimostrazione di combattimento, giochi medievali, sfilata storica in centro paese. Verrà servito un pranzo a tema medievale.

NIBBIANO- MULINI IN FESTA Il 22 maggio dalle ore 10, per tutta la giornata, Mulino Rizzo, Mulino Ceppetto e Mulino Borgo Lentino ospiteranno: il raduno delle "Vespe d'epoca", l'esposizione di plastici riguardanti battaglie storiche, la degustazione di vini e prodotti tipici del territorio, le divulgazioni didattiche sull'olio della Val Tidone, l'esposizione di prodotti biologici, artigianato e antiquariato. Alle ore 15 presso il Mulino Borgo Lentino ci sarà la Cerimonia della Benedizione del pane, ore 19 chiusura della manifestazione presso il Mulino Ceppetto con rappresentazione dialettale di attimi di vita rurale Valtidonese.

GRAZZANO VISCONTI - RADUNO NAZIONALE DI MOTO D'EPOCA BIANCHI Il 22 maggio nella Cortevecchia di Grazzano Visconti si svolgerà un raduno nazionale di moto d'epoca di marca Bianchi. E' prevista la partecipazione di un centinaio di soci provenienti da varie regioni d'Italia e dall'estero. Dopo le iscrizioni i partecipanti partiranno in moto per un giro turistico in vallata. Rientro nel pomeriggio a Grazzano e consegna del ricordo ai partecipanti.

FOSSADELLO DI CAORSO - A CENA CON LA SCIENZA Confagricoltura ed Agriturist organizzano, anche per il 2011, il ciclo d'incontri scientifici con cena annessa in agriturismo. Giovedì 26 maggio 2011 presso l'Agriturismo Boschi Celati a Fossadello di Caorso si terrà: "Nucleare: perché dire no" che avrà come relatore Walter Ganapini, storico esponente dell'ambientalismo scientifico italiano, tra i fondatori di Lega Ambiente e Presidente di Greenpeace Italia.

FIORENZUOLA - FOTO DI FAMIGLIA Domenica 22 maggio il Club cinefotografico fiorenzuola invita le famiglie che lo desiderano a presentarsi, dalle 10,00 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 19,00, presso la sede di Piazza dei Caduti per farsi immortalare in una foto. La stampa formato cartolina, a cura di Arda Case, rigorosamente in bianco e nero, potrà essere ritirata circa tre settimane più tardi. La foto di famiglia, realizzata da valenti fotografi, è completamente gratuita.

Preparazione: Per il brodo vegetale, versate circa un litro e mezzo di acqua fredda in una casseruola e unite tutte le verdure mondate e spezzettate grossolanamente. Unite anche sei o sette grani di pepe, i gambi di prezzemolo e le foglie di basilico. Salate e fate alzare il bollore quindi abbassate la fiamma al minimo e lasciate sobbollire per un'oretta. A fine cottura, filtrate il brodo che dovrà risultare limpido e profumato. Sgusciate i piselli e le fave (scartate quelle grosse), lasciandoli cadere in una ciotola di acqua fresca. Mondate i cipollotti, affettateli sottili e fateli appassire dolcemente in una casseruola con l'olio senza che prendano colore. Unite le fave e i piselli e mezzo cucchiaio di prezzemolo tritato, saltate e lasciate stufare per una decina di minuti. Versate il riso e, sempre mescolando, fatelo insaporire per due o tre minuti. Bagnate con il vino, fatelo sfumate quindi cominciate ad aggiungere il brodo caldo, un mestolo alla volta, continuando a mescolare. Fate cuocere il riso al dente lasciandolo piuttosto morbido, quindi spegnete la fiamma e mantecatelo con il burro e il formaggio. Lasciatelo riposare, coperto, per mezzo minuto prima di servirlo spolverato di prezzemolo tritato.

Filetto di maiale in crosta Ingredienti per 6 persone: 1 Kg di filetto di maiale, 400 g di pasta sfoglia già pronta, 150 g di pancetta, foglie di alloro, olio di oliva, 1 uovo, sale. Preparazione: Avvolgete il filetto di maiale, dopo averlo leggermente salato, con le fettine di pancetta, alternandole con qualche foglia di alloro. Ungete una pirofila con poco olio di oliva, ponetevi il filetto così bardato e passatelo in forno preriscaldato a 200° C per 15 minuti. Sfornate la carne e fatela leggermente intiepidire. Stendete bene la pasta sfoglia in uno strato piuttosto sottile, quindi ponete al centro il filetto di maiale dopo averlo privato di pancetta e alloro. Avvolgete bene il tutto nella pasta e sigillatene i bordi premendoli con la punta delle dita. Spennellate sulla superficie del rotolo l'uovo sbattuto. Praticate due buchi nella parte superiore della sfoglia e introducetevi due cartoncini arrotolati, così da formare una sorta di camino che permetta la fuoriuscita del vapore che si formerà durante la cottura. Infornate nuovamente il tutto su una placca foderata con carta da forno e fate cuocere a 180° C per altri 20 minuti o finché la crosta sarà ben dorata. Sfornate e servite.

Frittata di asparagi Ingredienti per 4 persone: 600 g di asparagi verdi di Altedo, 6 uova, 80 g di pancetta piacentina tagliata a dadini, 40 g di grana grattugiato, 10 g di burro, sale. Preparazione: Mondate gli asparagi, eliminando la parte legnosa del gambo, e lavateli in acqua corrente raschiandoli se necessario. Tagliate le punte, che dovranno avere una lunghezza di 2-3 cm, e fatele cuocere in acqua bollente salata per 6-8 minuti (il tempo cambia a seconda del calibro degli asparagi). Scolatele e asciugatele con un canovaccio. Con i restanti gambi potrete preparare una crema o un'altra portata. Sgusciate le uova in una terrina, salatele, sbattetele con una frusta quanto basta per amalgamarle, aggiungete le punte degli asparagi, quindi il grana e mescolate. Scaldate il burro in una padella antiaderente e, quando comincia a spumeggiare, unite la pancetta lasciandola rosolare per 4-5 minuti. Versate quindi il composto di uova e fatelo cuocere per circa 3-4 minuti o finché gli orli della preparazione si saranno addensati, muovendo la padella per evitare che possano attaccarsi. Voltate la frittata aiutandovi con un coperchio o un piatto e proseguite la cottura per altrettanto tempo. Servitela calda o fredda.


19 maggio 2011

Corriere Padano

13

BUONO COME IL PANE

Pane, che piacere: mille tipi diversi e appetitose novità Ogni regione produce varietà differenti in base a cultura e tradizioni. Aumentano i fans dell’integrale. Farine speciali per venire incontro alle esigenze dei celiaci Sul territorio italiano, dalle Alpi alle isole, si possono contare oltre 250 tipi diversi di pane e ben mille varianti. Ogni regione in base al retaggio culturale, alle tradizioni ed agli ingredienti a disposizione ne produce delle varietà differenti. Nelle regioni del Meridione si può trovare il pane di farina di grano duro, il pane di semola aromatizzato con cumino, sesamo o anice e quello con le olive. Il pane di riso, il pane giallo e quello di segale costituiscono le tipicità diffuse nell'Italia settentrionale. Particolarmente energico e adatto alla merenda e alla prima colazione è il pane preparato con la frutta come uva passa, fichi secchi, noci e mosto d'uva. Negli ultimi anni si è assistito ad un notevole incremento delle persone affette da celiachia e pertanto i panifici dedicano parte della proprie energie alla produzione di pane con farine senza glutine Tra queste le più utilizzate sono la farina di mais, quella di

soia e quella di grano saraceno. Una variante di pane che sta raccogliendo un crescente numero di estimatori è quella integrale. Un recente studio, condotto in Europa, ha dimostrato che i cereali integrali sono protettivi nei confronti delle malattie cardiovascolari, del diabete e di vari tipi di tumore. La fibra alimentare, in particolare quella dei cereali,

sembra inoltre aiutare a prevenire l'aumento di peso e della circonferenza vita. Il pane integrale, rispetto a quello bianco, è meno calorico, più ricco di fibra e contiene una maggiore quantità di vitamine e di minerali. Il pane è da sempre una delle basi alimentari ed anche culturali della società italiana. A Roma, nei pressi della Porta Maggiore, è visibile ancora oggi il monumento che venne eretto alla gloria dei fornai. Si tratta di una torre formata dai tre grandi vasi ,in cui nell' antichità si lasciava il pane a lievitare, sormontata da un affresco che ritrae le varie operazioni che rendevano possibile la trasformazione del chicco di grano in pane. L'incessante evoluzione delle tecniche produttive e l'inesorabile incedere del tempo non hanno in alcun modo scalfito la posizione preminente che il pane, in tutte le sue varianti, ricopre nella nostra alimentazione. sb

Festa nazionale del pane fresco, laboratori per capire come si prepara Giovedì 26 maggio , in occasione della Festa nazionale del pane fresco, i panifici piacentini sveleranno, a tutti coloro che ne saranno interessati ed affascinati, i segreti della propria arte. La festa, giunta ormai alla nona edizione, è promossa dalla Federazione Italiana Panificatori (Fippa) e dalle 26.000 aziende che ne fanno parte. Anche a Piacenza, i forni degli operatori aderenti all'associazione panificatori provinciale si preparano ad accogliere clienti e curiosi al fine di mostrare le tecniche di panificazione. Per l'occasione, verranno allestiti dei

laboratori che permetteranno di vivere in diretta le fasi salienti della preparazione del pane. Sarà possibile inoltre degustare le specialità gastronomiche artigianali dei vari forni. Ai bambini, che parteciperanno all'evento, verrà donato un kit promozionale dei panificatori. Lo scopo della manifestazione, che verrà organizzata in modo differente in tutte le principali città italiane, è quello di far conoscere l'abissale differenza tra un prodotto industriale ed uno artigianale. Quella del pane è una vera e propria cultura che necessita di essere continuamente alimentata e diffusa. In particolar modo i giovani devono assimilare e comprendere l'importanza e la ricchezza della lavorazione artigianale di questo prodotto che costituisce una vera e propria eccellenza gastronomica italiana. sb

Tele per telai per tutti i tipi di forno Copertine per ceste trasporto pane Cuffie su misura per carrelli porta telai e porta teglie Accessori e macchine per panifici - pasticcerie - pizzerie NUOVA CASERINI S.r.l. - Corno Giovine (LO) - Viale J.F. Kennedy, 5 Telefono: 0377.67732 - Fax 0377.67827


Corriere Padano

14

19 maggio 2011

FIORENZUOLA - FESTA DI PRIMAVERA

Festa di Primavera, Fiorenzuola fiorisce La Via Francigena al centro della XXXIII edizione del tradizionale appuntamento, tra radici storiche e tipicità FRANCESCA GAZZOLA Riappropriarsi del centro cittadino per un intero weekend passeggiando lungo le strade chiuse al traffico ed invase da miriadi di bancarelle. Abbandonare i ritmi frenetici della settimana lavorativa per incontrarsi e trascorrere belle giornate insieme, lasciandosi cullare dalle numerose iniziative pensate dalla Pro Loco che organizza la 33esima Festa fiorenzuolana di Primavera, dal 20 al 22 maggio. Il primo fine settimana "post-elezioni" rappresenterà per Fiorenzuola anche l'occasione per discutere sulla conferma dell’amministrazione uscente che guiderà la città anche nei prossimi cinque anni. Tra un giro sul mercatino dell'artigianato locale ed una sosta agli stand gastronomici, i turisti potranno anche farsi coinvolgere nell'originale iniziativa della "foto di famiglia" del Circolo fotografico fiorenzuolano: le famiglie saranno invitate a presentarsi al gran completo per farsi immortalare in una foto d'epoca in stile primo Novecento, con i genitori al centro con attorno i figli. Ma la Festa di Primavera di Fiorenzuola offre soprattutto la possibilità di co-

noscere da vicino la Via Francigena che sarà al centro della kermesse: da dieci anni la Pro Loco fiorenzuolana invita in fiera tutti i comuni e le Pro Loco delle trentatrè località che si affacciano lungo l'antica strada di pellegrinaggio che da Canterbury giunge a Ro-

tuffo nel passato e di rivivere le tradizioni medievali tra antichi mestieri, costumi rinascimentali, giochi e battaglie medievali. Il comune di Fiorenzuola è, infatti, impegnato da anni nella valorizzazione della Via Francigena che gli amministratori intendono promuotimo tratto di percorso ciclopedonale lungo l'Arda, e che da San Protaso giunge a Fiorenzuola: il percorso consenti-

Dal 20 al 22 maggio stand gastronomici, artigianato, bancarelle e duelli medievali

ma, passando per Fiorenzuola. L'iniziativa intende valorizzare il percorso francigeno e la cultura medievale attraverso degustazioni dei prodotti tipici della Via Francigena e la promozione turistica delle località situate lungo il percorso. Il weekend di festa offrirà anche la possibilità di fare un

vere turisticamente sia dal punto di vista religioso che culturale, paesaggistico ed enogastronomico. "La prima domenica di maggio - ricorda l'assessore alla Cultura uscente Nicoletta Barbieri - ricorre la Giornata europea dei Cammini Francigeni che abbiamo festeggiato inaugurando l'ul-

rà anche ai 12 pellegrini che arriveranno in Valdarda il 24 maggio, (e che saranno ospitati dal Comune di Fiorenzuola), di percorrere il tragitto in tutta sicurezza, fino alla prestigiosa Collegiata di Fiorenzuola". Prosegue intanto l'attività di sinergia tra i comuni piacentini della Via Francigena uniti insieme nella promozione del percorso attraverso la realizzazione di pacchetti turistici completi capaci di coniugare insieme storia, natura, cultura e gastronomia. "Stiamo discu-


and o, evali

19 maggio 2011

Corriere Padano

FIORENZUOLA - FESTA DI PRIMAVERA

“Sapori e Cultura”, Pro Loco protagonista

tendo varie proposte, tra le quali la valorizzazione dei percorsi tramite ippovie con il coinvolgimento di agriturismi e maneggi della Valdarda. A luglio - ricorda Barbieri - visiteremo il centro storico-multimediale di Monteriggioni (Siena) che ha trasformato l'abbazia in un importante archivio multimediale, intercettando fondi europei: tra le numerose idee che stiamo valutando - insieme agli altri comuni- rientra la proposta di una rete multimediale unitaria tra le biblioteche di Fiorenzuola, Alseno, Castellarquato e altre località della strada medievale per l'elaborazione di una proposta all'Associazione europea della Via Francigena. A settembre è infine in programma un convegno riservato agli amministratori delle località collocate lungo la Via Francigena per lo sviluppo di programmi di valorizzazione turistica comuni.

Da dieci anni la Pro Loco di Fiorenzuola organizza l'iniziativa "Sapori e Cultura lungo la Via Francigena", manifestazione diventata il clou della Festa di Primavera, che si svolge dal 20 al 22 maggio. Quasi una trentina di banchi provenienti dalle località dell'antica strada di pellegrinaggio giungeranno a Fiorenzuola a promuovere le specialità culinarie tipiche di ciascuna terra insieme alle offerte turistiche. La Festa di Primavera si apre con la "serata giovani" dedicata alle band giovanili con cena in piazza Molinari presso lo stand della Pro Loco attivo fino a domenica sera. Particolarità di quest'anno sarà la serata di sabato con musica e specialità culinarie in perfetto stile country. Non mancheranno le esposizioni di artigianato locale e gli hobbisti creativi. Ci sarà grande attesa per gli spettacoli medievali della "Schola Hominum Burgi" di Ravenna e della scuola d'arme "Gens Innominabilis" di Castellarquato che proporrà sfilate e duelli secondo le tecniche medievali. La Festa di Primavera ospiterà anche una tappa del campionato italiano "Hi-Fi Car" e non mancherà il tradizionale spazio dedicato all'"Arte in piazza". "Sabato sera - spiegano dal direttivo - ricorderemo il nostro socio Renzo Delfanti scomparso recentemente e prezioso collaboratore del Gruppo". Giunto all'ultimo anno di mandato il direttivo traccia il bilancio del triennio: tra le iniziative più apprezzate si colloca la "Magnalonga" in versione diurna (a settembre) e notturna (in luglio). "Il 16 luglio - spiega il direttivo Pro Loco - partiremo dal campo sportivo alle ore 18,30 in direzione Baselicaduce con numerose tappe gastronomiche effettuate di cascina in cascina, per poi terminare il percorso in un magnifico podere con danze fino a tarda notte". La Pro Loco organizza anche numerose gite, (tra le quali anche il pullman per l'Oktoberfest di Monaco) ed iniziative per S.Fiorenzo e Natale (mercatino, cascata luminosa e discesa della Befana dalla Torre Campanaria). Il direttivo: Bragalini Giuseppe (presidente), Ferrarini Gianluca (vicepresidente), Gerini Tiziana (segretaria). I consiglieri: Marchesi Giuseppina, Fanti Adriano, Franchi Emanuele, Conti Gaetano, Buschi Roberto, Sozzi Andrea, Macchetti Fabio, Biselli Fabio, Pizzelli Gabriella, Porcari Daniele. Revisori dei conti: Guazzi Vincenza, Gilardoni Giorgia, Baggio Achille. fg

15


Corriere Padano

16

19 maggio 2011

FIORENZUOLA - FESTA DI PRIMAVERA

Arti, mestieri antichi, giochi: le tradizioni da riscoprire Sono il filo conduttore delle manifestazioni fiorenzuolane di primavera ed estate Riscoprire le proprie tradizioni per mantenerle vive nel tempo e per trasmettere la propria identità alle generazioni future. E' questo il filo conduttore del programma di eventi predisposto dal Comune di Fiorenzuola e che comprende mostre e mercati, spettacoli e feste nei quartieri. L'Associazione Terre Traverse ha predisposto ben 17 eventi: le cascine e gli antichi poderi dei soci ospiteranno - fino a dicembre mostre, lirica, poesia e momenti legati al gusto e ai profumi della terra. Fondata nel 2009 l'Associazione è costituita da 14 imprenditori agricoli e dai sette comuni piacentini collocati tra la via Emilia e il Po

(Fiorenzuola, Alseno, Besenzone, Cortemaggiore, San Pietro in Cerro, Villanova e Monticelli) uniti insieme per sviluppare sinergie comuni. Questi i prossimi appuntamenti: giovedì 2 giugno l'iniziativa "Mestieri in bicicletta" all'azienda agricola "I Ronchi" di Baselicaduce; il 23 giugno la "Notte di San Giovanni. Teatro da mangiare" all'azienda agrituristica La Rondanina di Castelnuovo Fogliani. Tra le novità della rassegna segnaliamo l'incontro "Storie di altopiano: racconto di una transumanza italo-bosniaca" alla Cascina Casella del Frascale (San Protaso) il 24 luglio. (Il programma completo è consulta-

bile al nostro sito internet www.vivipiacenza.it/societa/item/diciassette-eventi-per-terre-traverse.html). Tra le iniziative da evidenziare ricordiamo la 21esima edizio-

ne di "Arti e mestieri e giochi del passato" al Parco Lucca di Fiorenzuola il 28 e 29 maggio con dimostrazioni degli antichi mestieri come la lavorazione del ferro e la produzione di

pane fatto in casa. Verranno anche riportati alla luce i giochi e le discipline scolastiche

”Simbolo e visione”, personale di Zerbi e Zoppi La Festa di Primavera offre anche l'occasione di visitare la suggestiva mostra "Simbolo e visione" della scultrice Roberta Zoppi e del pittore Vittorio Zerbi che sarà inaugurata il 21 maggio alle 10,30 all'Ex macello di Fiorenzuola. Uniti non solo nell'arte ma anche nella vita, i coniugi Zerbi e Zoppi perseguono da tempo e con tenacia un comune ideale artistico: lei scultrice e lui

pittore, i due artisti - che espongono insieme dal 1993 - indagano l'inconscio, raffigurano un mondo onirico e surreale, esplorano esoterismo e magia senza sacrificare le singole personalità, trascendendo la materia verso una solidissima intesa spirituale. La mostra sarà visitabile nei giorni 21, 22, 28 e 29 maggio dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 15,30 alle 19,30.

di inizio secolo. Da non dimenticare l'appuntamento del sabato con gli "Affari in centro" e i prestigiosi eventi culturali al Teatro Verdi: dagli spettacoli teatrali alle commedie dialettali. Spazio anche ai concerti con i "Canti sotto le stelle" del Coro Folk (19 giugno), il Concerto della Corale di Fiorenzuola (18 giugno) e la "Big Astronomy Band" a cura della Banda di Fiorenzuola, il 26 giugno. Spazio anche alle sagre: dalla Festa della rana (27-29 maggio e 2-5 giungo) alle numerose feste di quartiere. Francesca Gazzola

“Foto di famiglia”, in posa con i parenti Nell'era del digitale la fotografia ha perso quella magia che la contraddistingueva in passato: le recenti tecnologie hanno portato alla sua diffusione tra il grande pubblico sottraendole però quell'alone di ufficialità che si respirava nello studio di un fotografo quando - visibilmente impacciati - i nostri nonni posavano in occasione di ricorrenze speciali. Una di queste occasioni era la "foto di famiglia", immagine che viene ancora oggi custodita gelosamente su comò e comodini e che raffigura figli e nipoti a fare da corona ai "patriarchi". Domenica 22 maggio, in occasione della Festa di Primavera, il Club Cinefotografico Fiorenzuola offrirà a tutte le famiglie la possibilità di posare per la foto di famiglia realizzata in perfetto stile di inizio secolo, rinverdendo una tradizione iconografica familiare ormai perduta. "Da quegli scatti - spiega Guido Decrema del Ccf - nasceranno fotografie rigorosamente in bianco e nero che i partecipanti potranno ritirare gratuitamente dopo circa tre settimane. La società Arda Case di Fiorenzuola ricorda Decrema - ha confermato anche quest'anno il patrocinio all'importante e longeva manifestazione del CCF, che giunge alla 26esima edizione". Le immagini scattate durante la manifestazione compongono un archivio di oltre 4mila ritratti a dimostrazione del successo ottenuto negli anni dall'originale iniziativa del sodalizio fiorenzuolano, che ha compiuto quest'anno il 55° anno di attività. "L'immagine che abbiamo scelto come emblema della manifestazione - spiega Decrema - ha una composizione sicuramente non usuale, dettata dalla mancanza di un soggetto basilare, il capofamiglia. La foto è stata infatti scattata nel 1917 non per una speciale ricorrenza ma per poterla inviare al capofamiglia Enrico Aliani, a quel tempo arruolato sul fronte della Iª guerra mondiale. "Ringraziamo Alfonso Aliani per aver concesso la splendida foto della famiglia del nonno. Riteniamo doveroso un breve cenno sulla figura del padre Guido (il bimbo piccolo con la vestina nella foto): moltissimi fiorenzuolani, non proprio adolescenti, ricorderanno con stima e affetto il Maestro Guido Aliani che ha infuso con pazienza i primi rudimenti della musica a tanti nostri concittadini". Il CCF attende con simpatia i fratelli Alfonso e Alberto Aliani con le rispettive famiglie per il ritratto di rito presso la sede del Circolo in piazza Caduti 1 a Fiorenzuola. Nella sala di posa verranno anche esposte le 25 foto di famiglia emblema delle passate edizioni per una panoramica sui costumi locali che abbraccia tutti i ceti sociali e si spinge indietro fino agli inizi del '900. L'orario di apertura sarà il seguente: mattino dalle 10 alle 12.30 - pomeriggio dalle 14.30 alle 19. fg


19 maggio 2011

Corriere Padano

FIORENZUOLA

17

Valdarda spicca il volo sulle ali di Indacoo La storica cooperativa fiorenzuolana non dimentica le sue radici e il territorio Coop Valdarda vola sulle ali di Indacoo e si pone ambiziosi obiettivi in Italia e all’estero, ma non dimentica il proprio inscindibile legame con le sue radici fiorenzuolane. Dopo la fusione (ratificata dai rispettivi soci nel marzo scorso) con Piacenza 74, che ha dato vita all’inedita supercooperativa che unisce soci abitanti e soci lavoratori, le persone e il bagaglio di conoscenze e di realizzazioni della storica cooperativa Valdarda (il cui ex presidente Aldo Pallastrelli è ora vicepresidente e amministratore delegato di Indacoo) continueranno infatti a garantire importanti apporti al territorio che oltre quarant'anni fa ha visto nascere Coop Valdarda. Oltre ai numerosi lavori realizzati nel corso di questi quattro decenni nel capoluogo e nel suo territorio, e ben noti a tutti i cittadini fiorenzuolani, l'ala valdardese di Indacoo punta infatti a realizzare numerosi altri interventi, soprattutto nel settore del social housing, a fornire nuovi servizi e ad investire sulle energie alternative. Basti pensare al fatto che Coop Valdarda è uno dei soci di capitale di Punto Zenith, società nata nel 2008 per proporre impianti energetici innovativi (soprattutto fotovoltaico e solare termico, ma anche geotermia) che ha già installato 2 megawatt (a terra e su tetto) e prevede una costante crescita di fatturato in un mercato sempre più interessante. L’ala valdardese di Indacoo intende inoltre continuare a garantire quell'attenzione alla cultura e al sociale che ha sempre rappresentato una costante nella vita della Cooperativa. “Il sociale - come si legge nel libro sui 40 anni della coop a cura di Franco Sprega e Filippo Ballerini - inteso come coesione tra i soci e tra le altre realtà cooperative del comprensorio della Val d'Arda; e come sensibilità nei confronti del territorio”. Sostegno ad iniziative culturali e di solidarietà, promozione di eventi propri (negli anni Ottanta la Val d'Arda lanciò quattro edizioni della Festa della Cooperazione, alla quale aderirono le principali realtà cooperative del territorio), vicinanza al teatro Verdi e costante attenzione a quanto accade sul territorio sono un impegno di lunga data e resteranno anche ora che Valdarda e Piacenza 74 sono fuse in una sola realtà, appunto Indacoo. Non da meno è l’importanza della coesione interna, quella tra i soci: risalgono alla seconda metà degli anni Settanta, ad esempio, le prime gite con cui Valdarda portava i soci a girare il globo in lungo e in largo. Dal Monte Bianco a Roma, fino alle trasferte più lunghe (da Cuba alla Thailandia, dal Messico e a Santo Domingo, da Mosca a Parigi), i viaggi per i soci erano occasione di svago, divertimento e coesione, ma non solo: diventavano a volte l’occasione per visitare cantieri e costruzioni di alcune delle più importanti città del mondo. “Una delle cose di cui vado più fiero del mio primo anno da presidente - ha dichiarato qualche tempo fa Aldo Pallastrelli - è il recupero di alcuni appuntamenti di aggregazione che, negli anni scorsi, si erano persi: occasioni per parlare e confrontarci senza le tensioni delle giornate lavorative". (doss)

a destra: l’amministratore delegato di Indacoo Aldo Pallastrelli, già presidente di Valdarda. sopra, la storica sede negli anni ‘80


Corriere Padano

18

FRANCESCA GAZZOLA Il fascino medievale di Castellarquato, che quest'anno ospiterà il "Festival dei Borghi più belli d'Italia" - manifestazione itinerante capace di catturare 35mila turisti - e il sito archeologico di Velleia - scenario ideale per il Festival di Teatro antico - rappresentano i luoghi simbolo della Valdarda e del suo patrimonio storico-culturale. L'intatta atmosfera medievale che vi si respira, la Rocca viscontea e il centro abitato che ha mantenuto la sua struttura originaria, rendono Castellarquato il Borgo più caratteristico dell'intera provincia piacentina e importante membro del "Club dei Borghi più belli d'Italia". Terra ricca di fossili e di ritrovamenti geologici ben testimoniati dal Museo Geologico Cortesi, Castellarquato è meta di numerose gite scolastiche e punto di arrivo di comitive di turisti provenienti anche dall'estero. Da ammirare anche la riserva geologica del Piacenziano caratterizzata dalla presenza di formazioni calanchive anche imponenti e l'ampia distesa naturale del Parco del Monte Moria, ideale punto di ritrovo per glia manti delle escursioni. Situato tra i comuni di Morfasso e Lugagnano il Parco Provinciale ospita anche la sede dell'Adventure Academy, la scuola di Orienteering che propone avvincenti prove di allenamento come percorsi di equilibrio, arrampicate e prove di agilità con tronchi e corde che riscuotono grande successo. Ampio il ventaglio di eventi pensato dagli amministratori e dalle associazioni della Valdarda:

Castellarquato Fino al 29 maggio sarà possibile visitare la mostra fotografica "Am ricord. Un po' di passato" a Palazzo Podestà. Si prosegue il 2 giugno con la camminata lungo il percorso francigeno "Per viam - On the road", alla scoperta di paesaggi, antichi borghi e

19 maggio 2011

PRIMAVERA IN VAL D’ARDA

Val d’Arda, calendario ricco per un’estate da ricordare Tra gli eventi più attesi il Festival dei borghi più belli a Castell’Arquato, la Silver Flag e i Bascherdeis a Vernasca e la festa al Parco Provinciale di Morfasso

del 19 e 26 giungo a Vigoleno. Spazio anche alla gastronomia con la Tortellata di San Giovanni a Vigoleno e a Vernasca e con la Festa del Vino di Bacedasco Basso a giugno. Si aggiungono la festa del Borgo di Pione, la Festa della Polenta di Castelletto, la Festa dell'Emigrante. Il 7 agosto Sagra di San Pellegrino, e poi Festa della Patata di Vezzolacca e Festa di San Genesio al Parco dello Stirone.

Lugagnano Lugagnano si prepara a ripetere il successo della "notte bianca" della scorsa estate con cena lungo le vie centrali del paese e manifestazioni per tutte le età nelle piazze. E' in programma anche la Festa Tricolore mentre gli appuntamenti già fissati sono: Festa del Crocione (2 giugno); festa della Birra (1-3 luglio) e la festa di Rustigazzo "Paese in festa" dal 23 al 25 giugno.

Morfasso Aspettando il tradizionale appuntamento con la Festa al Parco Provinciale (14-16 agosto), Morfasso apre al stagione turistica con il Concerto jazz della Big Astronomy Band del 18 giugno, seguito dalla rassegna corale "Un canto con gli Alpini" il 25 giugno. Si prosegue con la Festa della birra di San Michele (9 luglio), con la fiera paesana di Mofasso (15-17 luglio), con le serate danzanti della festa a San Michele (4-8 agosto) e con la Festa di Santa Franca (7agosto). Appennino Folk (11 agosto), Festa dell'Emigrante (17 agosto) e 32esima Marcia di Casali di Ferragosto. tradizioni musicali. Dal 5 al 6 giugno, Festa della Sportiva e Partita Benefica mentre il 12 giugno si svolgerà la 35esima Castellarquato-Vernasca -Viale Remondini e passaggio provinciale per Lugagnano- Vernasca. Nella stessa giornata verranno riproposte le splendide iniziative del "Curiosando

sotto il castello" con mercatino di artigianato e biologico e le "Fiabe in Castello". Il 18 e il 19 giugno "Festa insieme", al Parco delle Driadi e poi rassegna di commedie dialettali (21-23-28-30 giugno e primo luglio). Il 9 luglio cena medievale in piazza Municipio, il 16 luglio torna il Premio Illica e dal 2 al

4 settembre il Festival dei Borghi più belli d'Italia, con tappa anche a Vigoleno.

Vernasca In attesa del Bascherdeis di Vernasca, il Festival Internazionale degli artisti di strada (30 e 31 luglio) divenuto evento clou dell'estate dei gio-

vani piacentini, la stagione si apre con la prestigiosa Vernasca SilverFlag di giugno (24 e 25 giugno). Il raduno internazionale per auto da competizione sarà dedicato quest'anno alla Ferrari, la più famosa, la più bella e la più amata delle automobili. Si prosegue con la rassegna "Invito all'Opera"

Nelle foto, da sinistra in alto in senso orario: l’Antica Pieve di Vernasca nel corso dei Bascherdeis, uno scorcio della Rocca di Castell’Arquato, un momento della Silver Flag


19 maggio 2011

Corriere Padano

PRIMAVERA IN VAL D’ARDA

Emozioni nel verde al “Golf Club Castell’Arquato” La struttura comprende il percorso golfistico, l'elegante foresteria ed il luminoso ristorante “Nona Buca”: dalla terrazza estiva si può apprezzare uno splendido panorama A poche decine di chilometri da Piacenza, immerso nel verde delle splendide vallate, sorge il Golf Club Castell'Arquato. La struttura, nata nel 1991, ospita un campo da golf, un' elegante foresteria ed un luminoso ed accogliente ristorante. Il percorso golfistico, che si snoda lungo 18 buche di campionato, comprende una superficie di 64 ettari e scaturisce da un progetto della Cotton & Pennick. Il Club vanta anche la presenza di un attrezzato campo pratica dotato di 20 postazioni di cui 6 coperte. Il bar ristorante "Nona Buca" è aperto non solo ai golfisti bensì a tutti coloro che desiderano trascorrere una piacevole giornata attorniati dalla quiete della natura. La cucina tipica e tradizionale affiancata agli splendidi scorci della vallata danno vita alla location ideale per ospitare qualsiasi tipo d'evento. Le specialità della casa, di grande qualità ed offerte a prezzi modici, sono rappresentate da: salumi della zona, pisarei, tortelli d'erbetta ed anolini in brodo. I dolci sono di produzione casalinga e la cantina offre una vasta gamma di vini locali e nazionali. Il ristorante è aperto tutti i giorni, ad eccezione del martedì, dalle 10,00 alle 23,00. I servizi offerti dal Golf Club sono completati dalla presenza di un foresteria costituita da sei camere (climatizzate e dotate di minibar, tv e terrazzo con vista) e sei mini-appartamenti (climatizzati e dotati di cucina attrezzata, tv, mini bar, asciugacapelli, 4 posti letto, terrazza). Il listino prezzi varia da un minimo di 40 euro per pernottamento e prima colazione in camera singola ad un massimo di 140 euro per pensione completa in camera doppia. I servizi offerti dal Golf Club Castell'Arquato sono a disposizione di chiunque lo desideri pertanto chi fosse interessato non esiti a citofonare all'imponente cancello della struttura (la cui funzio-

ne è solo quella di proteggere le autovetture della clientela) o telefonare ai numeri 0523-895557 o 0523-895112

(ristorante). E' inoltre possibile visitare il sito: www.golfclubcastellarquato.com.

COME ARRIVARE: da Alseno imboccare la strada provinciale dell'Agola, proseguire sulla provinciale Salsediana, dirigersi verso strada di Cortina d'Alseno e poi sulla Fellegara.

19


Corriere Padano

19 maggio 2011

20

DALLA PROVINCIA

Elezioni, vince chi sa restare unito: Rottofreno e Gropparello insegnano A Fiorenzuola confermata l’amministrazione uscente. Agazzano decisa da una manciata di voti. A Cadeo la civica sostenuta anche dalla Lega Nord batte a sorpresa Pdl e Udc. Tutto come previsto a Borgonovo e Cortemaggiore FRANCESCA GAZZOLA Il centrosinistra perde Rottofreno ed Agazzano, conferma Fiorenzuola e vince Gropparello. Il centrodestra mantiene Cortemaggiore e Borgonovo e conquista Rottofreno. Ad Agazzano vince la lista civica e a Cadeo il Pdl passa il testimone alla civica sostenuta dalla Lega. Questo l'esito della tornata elettorale che si è appena conclusa e che si caratterizza in particolare per i ribaltoni di Rottofreno e Gropparello che hanno invertito la rotta. A Rottofreno vince il giovane candidato del centrodestra, il ventinovenne Raffaele Veneziani, che sbaraglia gli avversari del centrosinistra divisi in due liste. Stessa sorte - ma ribaltata - per Gropparello dove a stravincere è Claudio Ghittoni (lista civica sostenuta da forze di centrosinistra) che batte i candidati di Pdl e Lega che si sono presentati con due diverse liste. Trionfa Giovanni Compiani a Fiorenzuola, sindaco uscente che si riconferma per altri cinque anni di mandato; nel segno della continuità anche i risultati di Cortemaggiore e Borgonovo dove si riconferma il centrodestra. Sorpresa a Cadeo dove l'ex sindaco Angelo Cardis non riesce a spuntarla sul candidato della civica, Marco Bricconi, sostenuto anche dalla Lega Nord. Amarezza ad Agazzano dove il centrosinistra perde il Palazzo per una manciata di voti e a trionfare è Lino Cignatta, candidato della lista civica con soli 11 voti di scarto su Adele Martello.

Fiorenzuola Il sindaco uscente Giovanni Compiani "fa il bis" e si conferma alla guida del comune più popoloso della provincia piacentina per altri cinque anni. Trionfo per Compiani che ha conquistato 4.224 voti pari al

52% delle preferenze. La colazione di centrosinistra (Pd, Idv, Rifondazione, Sinistra ecologia e libertà e Indipendenti per Compiani) ha staccato di quasi 18 punti percentuali il candidato sostenuto da Pdl, Lega e Indaco, Annalisa Guglielmetti ferma al 34,33% (con 2.789 voti). Seguono Roberto Martini (Udc) con 672 voti (8,27%) e Flavio Antelmi (Api-Fli) con 438 voti (5,39%).

Rottofreno Ribaltone a Rottofreno che, dopo dieci anni di amministrazione Maserati, cambia colore ed elegge a sindaco Raffaele Veneziani, sostenuto da Pdl, Lega e civica di centrodestra. Una coalizione unita che ha consentito al giovane avvocato 29enne - che è il più giovane sindaco di questa tornata elettorale - di conquistare 2.485 voti, trionfando con il 41,02%. Le divisioni tra l'area moderata e l'area progressista non hanno premiato: Simona Bellan e il vicesindaco Giovanni Perotti hanno chiuso rispettivamente con il 26,84% (1.626 voti) e con il 22,63% (1.371 voti). Spicca il risultato di Eduardo De Luca del Movimento 5 Stelle di Grillo pari al 9,49% (575 voti).

Gropparello Svolta anche a Gropparello che, dopo una lunga amministrazione di centrodestra, elegge Claudio Ghittoni (lista civica sostenuta da forze di centrosinistra) con il 41,69% delle preferenza. Niente da fare per il centrodestra che si è presentato diviso causa il mancato accordo raggiunto tra Pdl e Lega, perdendo così il Comune: a Giuseppe Previdi, coordinatore locale del Pdl sono andati 428 voti (27,24%), all'assessore uscente Marco Canavesi sostenuto dalla Lega, 285 preferenze (18,14%). Damiano Gallinari, quarto candidato in lizza

ha ottenuto 203 voti (12,92%).

Cadeo Sorpresa a Cadeo dove l'ex sindaco Angelo Cardis (appoggiato da Pdl e Udc) non è riuscito a riconquistare la poltrona di sindaco. A vincere è stato il candidato della lista civica sostenuta anche dalla Lega nord Marco Bricconi che ha conquistato il 43,26% delle preferenze con 1.506 voti rispetto a Angelo Cardis che si ferma al 39,38% (1.371 voti) mentre il candidato del Pd, Luigi Ertiani si ferma a 17,35% con 604 voti.

Cortemaggiore In continuità con l'amministrazione uscente, invece, la vittoria di Gabriele Girometta, assessore all'Agricoltura uscente che si è affermato con il 41,39%. Sostenuto da Pdl e Lega, Girometta ha conquistato 1.085 voti seguito dal candidato Federico Ferri al 31,40% (823 voti) e da Egidio Bandini (27,20%) e 713 voti.

Borgonovo Si conferma al centrodestra il comune di Borgonovo: Roberto Barbieri raccoglie l'eredità dell'amministrazione uscente e diventa sindaco con il 45,36% pari a 1.940 voti. Sconfitta per il candidato di centrosinistra Giuseppe Braga (40,83%, 1.746 voti). La Terza lista di Guido Guasconi ottiene il 13,79% con 590 voti.

Agazzano Per 11 voti il centrosinistra perde Agazzano conquistato dalla lista civica di Lino Cignattache vince con 501 voti su Adele Martello, ferma a 490 voti. Niente da fare per Pieraugusto Zambianchi (Pdl e Lega) che si ferma a 290 voti (22,63%).


19 maggio 2011

Corriere Padano

CITTÀ UTILE

Mercati settimanali Lunedì: Bettola, Borgonovo Val Tidone, Caorso, San Nicolò, Castell’Arquato, Castelvetro Martedì: Ferriere, Nibbiano, Piacenza Farnesiana, Pontedellolio, Pontenure, Travo, Vernasca Mercoledì: Carpaneto, Marsaglia, Piacenza, Pianello, Vigolzone Giovedì: Agazzano, Castelsangiovanni, Fiorenzuola, Gossolengo, Gropparello, Perino, Piacenza Farnesiana, Podenzano, Villanova Venerdì: Cortemaggiore, Lugagnano, Monticelli, San Giorgio, Rivergaro, Roveleto Sabato: Bobbio, Fiorenzuola, Piacenza, PC Besurica Domenica: Agazzano, Alseno, Borgonovo, Caminata, Carpaneto, Castelsangiovanni, Cortemaggiore, Gragnano, Gropparello, Monticelli, Morfasso, Nibbiano, Pianello, Pontedellolio

Avis, i prelievi PRELIEVI ITINERANTI MESE MAGGIO 2011 21/05/2011 - VIGOLZONE (sabato) 22/05/2011 - FARINI-PIOZZANO-VIGOLZONE-ZIANO UNITA' DI RACCOLTA VAL D'ARDA 20/05/2011 - MONTICELLI D'ONGINA (venerdì) 21/05/2011 - LUGAGNANO VAL D'ARDA (sabato) 22/05/2011 - MONTICELLI D'ONGINA

(Info a cura del Settore Servizi Sociali e Abitativi Comune di Piacenza)

CENTRO PER LE FAMIGLIE Il Centro per le Famiglie del Comune di Piacenza comunica le seguenti iniziative previste per il mese di maggio: AVVENTURA NASCITA: in data 21 maggio alle ore 17.00 presso i locali del Centro per le Famiglie si svolgerà la festa conclusiva del percorso Avventura nascita. Una festa rivolta ai futuri e ai neo genitori dove si potrà assistere ad una dimostrazione gratuita dell'antica arte del massaggio al neonato, una dimostrazione gratuita dell'uso della fascia porta neonati; saranno inoltre allestiti banchetti informativi sull'utilizzo dei pannolini biologici e verrà offerto un aperitivo con lettura in collaborazione con la Libreria Matilda che leggerà poesie e racconti sul tema della genitorialità. POMERIGGI ANIMATI- Spettacoli gratuiti per famiglie: - venerdì 20 maggio: LA STAGIONE DELLE FIABE alle ore 17.00, Parco giochi di viale Pubblico Passeggio - venerdì 27 maggio: IL FILO ROSSO alle ore 17.00, Parco giochi del quartiere Besurica SERATE PER GENITORI in data 20 maggio alle ore 20.45, presso i locali del Centro per le Famiglie si terrà l'incontro dal titolo "Non sono più figlio unico. Gelosia e dintorni", conversazione con la psicologa Danila Fornari.

PREVENZIONE INCIDENTI DOMESTICI

Farmacie FARMACIE DI SERVIZIO A PIACENZA DAL 20.5.2011 AL 26.5.2011 TURNO DIURNO: dalle 8,30 alle 22 BESURICA - Via Malaspina, 2/A DR. MARCELLO CROCI - P.zza Cavalli, 29 TURNO NOTTURNO: dalle 22 alle 8,30 20.05 DR. LANERI - C.so V. Emanuele, 64/66 21.05 CAMILLO CORVI - Via XX Settembre, 106 22.05 DANTE - Via Nasolini, 56 23.05 DR. BERTUZZI - Via Roma, 141 24.05 DR. DALLAVALLE - Rotonda Viale Dante, 34 25.05 DR. BONORA - Via Genova, 20 26.05 DR. AMBROGI - Stradone Farnese, 48 27.05 COMUNALE DI P. VELLEIA - Via Farnesiana, 6 IL NUMERO TELEFONICO 330033 DA' INDICAZIONE DELLE FARMACIE DI TURNO NEL CAPOLUOGO.

sabato 28 maggio 2011 dalle ore 9.30 alle ore 11.30 gli operatori del dipartimento di Sanità Pubblica dell'Azienda usl di Piacenza in collaborazione con il Centro per le Famiglie organizzano incontri dedicati alla prevenzione degli incidenti dei bambini in ambiente domestico, tutti gli incontri si terranno l'ultimo sabato di ogni mese.

21


Corriere Padano

19 maggio 2011

22

SPORT

La salvezza è una sfida al "Mondo" Il Piacenza prova a chiudere i conti in casa contro l'Albinoleffe di Mondonico GIOVANNI DOPERNI La lamentatio o "piagnucolatio" è noto non essere fenomeno tipico della nostra gente. Non c'è l'autocommiserazione e neppure il moto di rivolta. Un po' di nausea dopo il secondo cartellino rosso, un peso sullo stomaco dopo il gol di Dionisi, ma bastano un po' di citrato e una pasticca di Maalox per trangugiare l'ennesimo rospo. A Torino il signor Nasca, a Livorno il signor Tommasi: arbitri giovani con tanta voglia di mettersi in mostra a scapito dei veri attori in campo. A rimetterci è il Piacenza che da Livorno è tornato senza punti e con tre squalifiche da presentare alla cassa. Contro l'Albinoleffe fuori Anaclerio, che ha cercato di giocare sui nervi con l'imprendibile D'Alessandro, Rickler, punito con eccessivo zelo in occasione del secondo giallo, ma anche Cassano per aver cerca-

novaccio della sfida fratricida tra Genoa e Sampdoria. Gli uomini di Mondonicohanno subito sei gol nelle ultime due gare, sono stati rimontati nel recupero dalla Reggina e sono stati

I biancorossi di mister Madonna sono in formazione di emergenza: scontro diretto decisivo, da vincere con il cuore ma usando la testa to di rubare spiccioli di tempo al cronometro. Si aggiunga pure la perdurante assenza di Cacia ed ecco che il quadro si fa a tinte fosche. Non fosse che l'Albinoleffe è uscito suonato forte dal derby con l'Atalanta sul ca-

schiantati nel faccia a faccia con i cugini bergamaschi. Difficile stabilire chi stia peggio in questo momento. La classifica dice l'Albinoleffe che con tre punti in meno dovrebbe cercare di vincere al Garilli, ma an-

Scritto coi piedi (di Cesare R.)

Bello veder tornare quelle sparite genti Tutto cambia. Anche il rito dell'ultima partita di campionato casalinga. Il primo che ho visto era un Piacenza - Atalanta. C'era una retrocessione già sancita, eppure il pubblico a pochi minuti dalla fine si assiepò in prossimità degli accessi al campo. Invasione. Pacifica. Caccia aperta al trofeo ricordo. I calciatori allora stavano al gioco, indossavano maglie logore e fingevano la fuga verso gli spogliatoi. A me dedicarono una foto in prima pagina; foto scattata sul prato della Galleana al termine di Piacenza - Spal del 1985. Luca invece ha la maglia numero 16 di Cappellini, frutto dell'invasione datata 1991. È sdrucita sotto le ascelle e presenta qualche buco sparso: unica nel suo

genere. In seguito han preso il sopravvento i motivi di ordine pubblico. Fu deciso di bandire l'invasione di campo a priori, anche quella per l'ultima partita di campionato casalinga. I commiati con la squadra che gira sulla pista d'atletica, premiano l'arte di arrangiarsi, ma la sapidità è compromessa. Sabato pomeriggio sarà l'ultima in casa del torneo 2010-11 e il Piacenza Calcio contenderà una grossa porzione di salvezza all'Albinoleffe. Quando nell'ultima in casa ci si gioca la stagione, è bello veder tornare allo stadio tutte quelle sparite genti che per anni han vissuto con i biancorossi. Da noi la passione non è di moda. E non si smette.

che il Piacenza ha l'obbligo di timbrare i tre punti per raggiungere il salvagente a quota 49 ed evitare di rinviare tutto a una difficile impresa nel giorno del congedo sul campo del Varese. L'Albinoleffe è anche la formazione che detiene il primato della difesa più battuta in assoluto con 65 reti al passivo, tuttavia su questo fronte non è che i biancorossi vantino statistiche migliori. E' una partita chiave, che si vincerà con il cuore, ma usando la testa. Buon per Madonna il rientro di Antonio Piccolo, il cui genio è già stato determinante contro il Sassuolo. Avanza una candidatura a un impiego nell'undici iniziale anche Mattia Graffiedi, ma il tecnico difficilmente sceglierà un attacco privo di punti riferimento. E Guerra a Livorno ha disputato una buona gara. Non solo per buona lena, ma pure per qualità. Uno tra Piccolo e Graffiedi, dunque, con Guzman e Guerra nel trio offensivo. In difesa Conteh oZammuto al posto di Rickler e Avogadri dirottato a sinistra come bene aveva fatto pure contro il Sassuolo. In mediana Cofie, Catinali e Bianchi. E il "deb" Donnarumma tra i pali. La formazione non dovrebbe essere tanto diversa, più che altro per un evidente problema di organico. Acceleratore e freno da dosare in una gara che stavolta non ha un'etichetta diversa dallo spareggio salvezza.

In foto: a sinistra un momento del match d’andata, a destra Madonna

IL MIO SPORT MARCE NIBBIANO - 3° MARCIA STRADA DEI MULINI L'associazione "La strada dei mulini" in collaborazione con l'Atletica Campana organizza, venerdì 20 maggio, la IIIa marcia podistica Strada dei Mulini. Si parte dalle ore 18,00 alle 19,00 da Località. Mulino Lentino di Nibbiano. la manifestazione prevede due percorsi ondulati collinari, uno da 6 e uno da 10 Km. La chiusura dell'evento alle ore 21,00.

cotto, bevande, in funzione ogni sera. Il ricavato del torneo sarà devoluto per la costruzione di pozzi d'acqua a Sokourà (Mali), località gemellata con Vigolzone. Venerdì 20 maggio Categoria allievi '95 nazional Ore 19,00 Parma - Piacenza Ore 20,40 Crociati Noceto - Pavia

BORGONOVO - IA CAMMINATA DELLA SCUOLA PRIMARIA Sabato 22 maggio il Gruppo Podistico Borgonovese organizza la IIa camminata della scuola primaria. Il ritrovo è alle 8,00 presso Piazza Garibaldi a Borgonovo mentre la chiusura dell'evento è stabilita alle ore 10,00. La camminata di 5,5 Km è riservata ai bambini delle primarie e alle loro famiglie. Il percorso è il seguente: Borgonovo- Bruso- Borgonovo.

PIACENZA- 36° EDIZIONE TROFEI ALLA MEMORIA DI ANGUISSOLA E SOPRANI Il G.M. Club internazionale nati stanchi di Piacenza organizza, domenica 22 maggio, la 36a edizione dei trofei alla memoria di M. Anguissola e G. Soprani. Sia la partenza che l'arrivo sono fissati presso il quartiere Besurica precisamente in via Grazioli. L'orario di inizio della podistica è dalle 07,30 alle 08,30 mentre la chiusura è stabilita con l'arrivo dell'ultimo partecipante.

ADDESTRAMENTO CANI GIORNATA DEL SEGUGIO - CASE BIANCHE BADAGNANO Nella giornata del 22 maggio, alle ore 07,00, la Federcaccia organizza la giornata del segugio a cui seguirà una gara.

CALCIO II° TORNEO DELLA VAL NURE - VIGOLZONE A partire dal 16 maggio fino al 4 giugno, presso lo stadio comunale di Vigolzone si svolgerà il 2° Torneo della Valnure in memoria di Giovanni Poggioli. Sarnno presenti stand gastronomici con spiedini, panini, patatine, salame

TRIATHLON PIACENZA - 12° TRIATHLON CITTÀ DI PIACENZA Domenica 22 maggio il Raschiani Triathlon CE.MS. e la Croce Rossa Italiana organizzano la 12a edizione del triathlon città di Piacenza. Il programma della manifestazione, che si aprirà alle ore 09,00, prevede la gara Sprint sulle distanze di 750 m di nuoto, 20 Km di ciclismo e 5 Km di corsa. L' evento è già alla sua dodicesima edizione e tutti gli anni il numero degli atleti partecipanti varia da 400 a 500. Sarà il centro polisportivo E.Franzanti ad ospitare la partenza e la frazione in acqua. La tangenziale sud, chiusa al traffico per l'occasione, fungerà da circuito ciclistico mentre la corsa si svolgerà lungo le vie cittadine. Le premiazioni sono previste alle ore 14,00.

SEGNALA IL TUO EVENTO A redazione@corrierepadano.it


19 maggio 2011

Corriere Padano

SPORT FIORENZUOLA

23

Sei Giorni delle Rose, in pista solo i migliori La XIV edizione vedrà al via alcuni tra i più quotati specialisti al mondo: l’olimpionico Perez, l’iridata Hammer, 4 campioni europei e 3 tricolori (dr)La 14esima edizione della "6 Giorni delle Rose Internazionale" ospiterà tanti campioni, ma sarà dedicata a due "operai" del ciclismo valdardese: Pasquale e Rolando Tosi. Quella dei Tosi è una famiglia che fa parte della storia del ciclismo e soprattutto di quella di Fiorenzuola, meccanico, progettista e direttore di corsa Pasquale, promessa dello sport il figlio Rolando. Le loro sono storie di una passione vera autentica e bruciante, di vite umili trascorse tra le biciclette, che si incrociano con quelle gloriose di chi ha fatto la storia del ciclismo e del nostro paese, da Costante Girardengo ad Attilio Pavesi (a cui il veoldromo fiorenzuolano è dedicato). Straordinario il livello sportivo raggiunto da questa edizione, che porterà a Fiorenzuola d'Arda circa 140 atleti provenienti da 21 nazioni, tra cui spiccano un campione olimpico (Walter Perez), una campionessa del mondo e primatista mondiale (Sarah Hammer), quattro campioni europei (Blaha, Hochman, Dostal e Paolo Simion), tre campioni italiani (Masotti, Ciccone e Ignazio Moser), oltre a numerosi podi mondiali e continentali. Sono sportivi di questo calibro quelli che si sfideranno nel ve-

lodromo Pavesi di Fiorenzuola dal 27 giugno al 2 luglio. Tra i big gli occhi di tutti saranno puntati sulla coppia formata dal quattro volte campione del mondo, lo svizzero Franco Marvulli (vincitore di quattro edizioni della Sei Giorni delle Rose) e dall'asso tedesco Leif Lampater. Campione tedesco in carica della gara regina, la "madison", grande specialista delle sei giorni, 28 anni, Lampater nel corso della propria carriera ha conquistato vittorie importanti tra le quali le sei giorni di Brema e Dortmund

nel 2009 gareggiando in coppia con Erik Zabel, oltre a quelle di Stoccarda, Berlino e Rotterdam. Tra gli altri favoriti figurano indubbiamente i rappresentanti della Repubblica Ceca, Martin Blaha e Jiri Hochman che ai recenti campionati del mondo di Apeldoorn (Olanda) hanno conquistato la medaglia d'argento nell'americana, la stessa specialità nella quale hanno conquistato lo scorso anno il titolo europeo. I colori italiani saranno difesi da tre coppie: quella dei cam-

Basket: Rossetti Market Macro, un’annata tutta da raccontare

Raccontare la stagione 2010-2011, del Basket Club Val d'Arda non è semplice visto il succedersi degli eventi, si apre all'insegna della conferma degli sponsor storici: Macro srl e Rossetti Market che nel ridare fiducia allo staff fiorenzuolano condividono un progetto iniziato la scorsa stagione e che vede Fiorenzuola cercare di valorizzare le più giovani facendole crescere a fianco di atlete più navigate e di sicuro affidamento. Parte il Campionato Nazionale di serie "B" ecc. con alcune incognite, viste le tante novità, e con l'ambizione di raggiungere anche quest'anno i play off. L'inizio di stagione è scintillante, nonostante Lionetti non sia in condizione di sostenere la preparazione fisica, la sua sarà una stagione di alti e bassi a causa dei guai fisici. "Le nuove" cercano subito di mettersi in mostra e le più esperte devono sudare per poter dare il contributo che la società chiede alla loro esperienza. Panchina molto corta ma voglia di combattere tanta. I risultati sono buoni fino a Natale poi Pentucci e Michela Rossi vengono meno ed il coach deve riscoprire assetti e reinventarsi la squadra anche in funzione degli infortuni nel frattempo occorsi a Scarpa e Villa. L'andamento agonistico è senz'altro positivo, i risultati ci sono e nessuno li può ignorare.

Fa capolino anche Rossi Rossella, che in alcune occasioni smetterà i panni del preparatore atletico per dare la solita mano nelle emergenze, rientra Rossi Michela, un contributo lo da anche Arianna Badalato che riprende le scarpe da gioco, le giovani Bonomini, Khalef, Contini e Gramigna fanno il loro; Claudia Cavenaghi tiene bene la regia, Leonarduzzi e Sordelli sono una garanzia. Villani guida con sicurezza il gruppo e la squadra raggiunge l'obiettivo: play off centrati! La sfortuna di non poter utilizzare proprio Rossella e le forze che nel finale cominciano a mancare, portano la squadra fiorenzuolana a chiudere la stagione nei play off contro il carro armato San Raffaele Roma proprio in questi giorni. Si avvicina quindi il periodo di programmazione per il futuro. La stagione proseguirà poi con alcuni tornei (su tutti quello di Borgonovo). Le soddisfazioni per la dirigenza ed il Presidente Tribi sono venute anche dalle squadre giovanili: l'Under 17 che ha chiuso al 2° posto del proprio girone e l'Under 14 che ha mostrato grandi miglioramenti ed ha avuto un momento significativo nella visita che ha fatto il tecnico della Nazionale Giovanile, Giovanni Lucchesi, venuto a dirigere un allenamento proprio di queste ragazze. Le premesse ci sono ed il Basket Club Val d'Arda sa che può contare su di loro per il prossimo futuro!

pioni nazionali dell'americana Fabio Masotti e Angelo Ciccone, quella formata da Elia Viviani (argento mondiale nello scratch e vincitore su strada in questa stagione del GP Costa degli Etruschi) e Davide Cimolai e quella dei giovanissimi Paolo Simion (campione europeo omnium juniores nel 2010) e Ignazio Moser, campione italiano e quinto al mondiale nell'inseguimento individuale juniores nel 2010. Il ventiduenne neozelandese Shane Archbold, argento al mondiale nell'omnium, gareggerà in coppia con il connazionale Myron Sympson. Il campione olimpico dell'americana, l'argentino Walter Perez, gareggerà con il connazionale Sebastian Donadio. Di particolare interesse tecnico è anche la presenza dei sudafricani Nolan Hoffmann e Dean Edwards, degli ex campioni europei dell'americana Jan Dostal e Vojtec Haceski (Repubblica Ceca) e del tedesco Christian Grasmann, campione nazionale in carica nell'americana con Leif Lampater. Parallelamente alla Sei Giorni dei big si disputeranno anche l'International Track Young (under 21) e Women che gareggeranno con le stesse maglie e gli stessi numeri dei big.

Fiorenzuola Calcio, epilogo con salvezza Un epilogo da ricordare per la stagione 2010/2011 del Fiorenzuola Calcio, che non solo riesce ad ottenere una comoda salvezza, dopo essere stata in zona play out per oltre due terzi del campionato, ma riconferma mister William Viali in panchina (alcune voci davano il ct verso la Lega Pro con la Cremonese) e registra il ritorno dell'amatissimo direttore sportivo Marzio Merli. Tre colpi inattesi che hanno risollevato il morale di una società storica per la nostra provincia come l'U.S. Fiorenzuola (indimenticabile l'annata 94/95, quando solo una sconfitta ai rigori nei play off impedì alla compagine valdardese di approdare in serie B). Particolarmente esaltante è stato un finale di campionato da incorniciare, con 6 risultati utili consecutivi (4 vittorie e 2 pareggi), interrotti solo da una sconfitta all'ultima giornata, che hanno trascinato i rossoneri da play out ormai certi a un'insperata salvezza raggiunta ad una giornata dal termine. Da qui i tifosi sperano si possa ripartire per togliersi qualche soddisfazione in più l'anno prossimo, quando tra gli sfidanti dei rossoneri ci sarà anche il neopromosso BettolaPonte. Un'estate di grande attesa, per il primo derby della storia del calcio piacentino in serie D (ex Interregionale).


Corriere Padano

19 maggio 2011

24

CHI CERCA TROVA

ANNUNCI LAVORO Autista patenti D, E, CQC e patentino cerca lavoro. Disponibilità immediata anche per trasporti all'estero. Cell. 366.4144568 Elettricista esperto in civile, industriale, cablaggio quadri, domotica, automazioni, manutenzione, cerca lavoro qualsiasi. Cell. 334.8996356 - Email: brunoven@live.it Cerco lavoro come badante, pulizia appartamenti, scale, uffici. Cell. 348.7050732 Donna 30enne, molto seria, cerca lavoro come assistente anziani, pulizie casa e scale, con esperienza, zona Monticelli, Caorso, Castelvetro, Pc. Cell. 320.1147479

VARIE Materasso matrimoniale a molle (2 anni di vita) vendo a Euro 70. Due materassi singoli ben tenuti e sempre incelofanati vendo a Euro 30 l'uno. A Piacenza cell. 339.6278355 - Email: molokoplus79@yahoo.it Specchio con mensola, profilo in acciaio (alt. 58 - larg. 45) vendo a Euro 20. Cell. 339.4714039 ore pasti o serali. Volante Playstation a comandi digitale con pedali vendo a Euro 65. Cell. 339.4714039 ore pasti o serali. Griglia elettricacon 2 intensità di cottura, vassoio, piedini antisdrucciolo vendo a Euro 15. Cell. 339.4714039 ore pasti o serali. Vendesi accendino Cartier argento al miglior offerente. Per info: 329.7898591 Vendo porta computer/scrivania, molto robusto e spazioso, con rotelle, piano estraibile, mensole, come nuovo (alt. 77 - larg. 110 - prof. 51) foto via email. Cell. 339.4714039 ore pasti. Vendo oggetti per mercatino dell'usato: cianfrusaglie, giocattoli, cose vecchie… tutti i pezzi a soli 0.40 cent. l’uno. Cell. 366.2714574 Vendo muta da sub Cressi, tg. 42 donna, composta da salopette intera, giacca maniche lunghe, muta corta + cintura pesi 8 kg. + borsone a soli Euro 60. Cell. 366.2714574 Fallimento (Tribunale di Pc - n. 25/10) cedesi in blocco beni (arredi, tv, Pc) richiedere elenco al Curatore. Tel. 0523.315429 - Fax 0523.315437 Vendo credenza Salvarani, ottima, con forno cucina e tavolo allungabile a 30 Euro. Tel. 0523.613990 Collezionista cerca fumetti dagli anni ‘60 ad oggi (Tex, Zagor, Kriminal, Satanik ecc...). Marco: 335.7292086 Acquisto dischi di tutti i generi musicali. Cell. 349.3659853 Banco bar nuovi, varie metrature, vendo causa utilizzo fiera campionaria con possibilità di modifiche su richiesta. Euro 12.500. Cell. 338.7590448 Vendo 3 biglietti da Lire mille, anno 1947, perfetti. Cell. 333.4183928 Vendo paranco da edilizia, portata tiro diretto Kg. 150, completo di attacco rotante e motore elettrico. Cell.333.4183928

AFFITTO E VENDITA Privato affitta magazzino in città zona San Lazzaro, mq. 500 con servizi e cortile. Euro 1.500 mensile. Cell. 339.1782645 Vendo a 2 Km da Carpaneto appartamento in piccola palazzina composto da salone, cucina, bagno, disimpegno, camera, balcone, garage doppio, cantina a soli Euro 125.000. Cell. 340.2649718 Vendesi appartamento a Piacenza in via Sanzio nr. 32, box, cantina, soffitta, cucina, soggiorno, due letto, bagno, due balconi. Euro 130.000. Cell. 0372.744318 Affittasi ad Alghero 2 villette immerse nel verde con ingresso indipendente: una di 5/6 posti letto, l'altra di 8/9 posti letto, con ampio parcheggio e tutti i comfort. Affittasi da maggio a settembre anche per brevi periodi, prezzi modici. Cell. 347-0068076

AUTO E MOTO Biciclette d'epoca, varie marche, restaurate e non, inoltre mosquito e velosolex a prezzi modici. Cell. 328.8824730

Avviso ai lettori Ricordiamo che per il servizio di pubblicazione degli annunci la redazione non riceve alcun compenso sulle transazioni commerciali, non effettua vendite dirette, non è responsabile per la qualità, la provenienza o la veridicità delle inserzioni né dell'esito della transazione oggetto dell'inserzione stessa. Le richieste di inserzioni sono espressamente subordinate al consenso dell'Editore alla pubblicazione ed alla disponibilità di spazi La Direzione pertanto si riserva il diritto di modificare rispettando il messaggio, rifiutare o sospendere una inserzione a proprio insindacabile giudizio, nonché di effettuare dei controlli sull'inserzionista. L'editore non risponde per eventuali ritardi rispetto alla data indicata dall'inserzionista, o perdite causate dalla non pubblicazione dell'inserzione per qualunque motivo e non è responsabile per eventuali errori di stampa. Gli inserzionisti sono responsabili di quanto indicato nella richiesta di inserzione e sono obbligati a risarcire all'editore ogni pregiudizio, di qualsiasi tipo, eventualmente da esso sopportata in relazione all’inserzione commissionata ed al suo contenuto.

COME TRASMETTERE L’ANNUNCIO GRATUITO Compila in stampatello la cedola pubblicata a fianco e spediscila a: CORRIERE PADANO VIA XXIV MAGGIO, 4 29122 PIACENZA Oppure trasmettila via fax al numero: 0523 754369 Inoltre è possibile inviare una e-mail all’indirizzo: annunci@corrierepadano.it


CORPAD 19-05-11  

5X1000, guerra tra "poveri"

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you