Issuu on Google+

CIENTIFICO

MMAGINARIO

VISITA AL MUSEO INTERATTIVO E MULTIMEDIALE

TORRE di PORDENONE 4 DICEMBRE 2013 CLASSE 4^ C Scuola primaria “4 Novembre”


DA DOVE VIENE?

SOLE STELLE ELETTRICITA’

LA DIFFERENZA TRA CORPI LUMINOSI E ILLUMINATI COME VIAGGIA LA LUCE? la direzione è sempre dritta. La velocità è 300.000 Km al secondo. SOLE

DI CHE COLORE E' LA LUCE? (Il disco di Newton) La luce è fatta di tutti i colori ma la loro somma diventa bianco.

LUNA


STRUMENTI ED ESPERIMENTI PER MISURARE I FENOMENI: Per la riflessione della luce: PERISCOPIO, LIBRO A SPECCHIO E CALEIDOSCOPIO.

Per la rifrazione della luce: LA BACCHETTA SPEZZATA, LO SMILE NEL BICCHIERE ,

Per la dispersione della luce: IL PRISMA CHE CATTURA LA LUCE E LA DIVIDE NELL’ARCOBALENO.


ABBIAMO POTUTO OSSERVARE, TOCCARE, DESCRIVERE, DIVERSI TIPI DI SUOLO, ANALIZZANDONE I COMPONENTI; SPERIMENTARE LA POROSITA ' (LA STRUTTURA DEL TERRENO HA PORI PIU’ O MENO GRANDI); LA PERMEABILITA' (OSSIA LA CAPACITA’ DI LASCIARSI ATTRAVERSARE DALL’ACQUA); E Il FENOMENO DELLA TENSIONE SUPERFICIALE (OSSIA IL POTERE CHE HA L’ACQUA DI FUNZIONARE COME LA COLLA)


ALLA FINE, LAVORANDO IN GRUPPO, CI SIAMO MESSI ALLA PROVA IN UN TEST "DA PICCOLI SCIENZIATI“:


COSTE

I terreni lungo le coste sono formati da SABBIE, oppure nelle spiagge ai piedi di coste rocciose, DA CIOTTOLI APPIATTITI

PIANURA Il terreno di una pianura è composto da un MISCUGLIO DI SABBIE, LIMI E ARGILLE COLLINE MORENICHE Le colline moreniche sono composte da SABBIE, LIMI, GHIAIE e CIOTTOLI SPIGOLOSI mescolati in modo disordinato CARSO

Nel Carso si trovano ROCCE EROSE DALL'ACQUA e in alcuni luoghi ricoperte da TERRE ROSSE BOSCO DI MONTAGNA

FIUME

Il terreno nel letto del fiume che dalle montagne si estende sulla pianura, sarà composto da strati ordinati di SABBIE, GHIAIE E CIOTTOLI ARROTONDATI

Scavando nel terreno di un bosco di montagna si troverà prima HUMUS, poi HUMUS mescolato A PEZZI DI ROCCIA SPIGOLOSI, infine ROCCIA


"Il terzo pianeta“ Abbiamo assistito ad una proiezione su tre maxischermi in contemporanea, di immagini relative al pianeta Terra, riprese da navicelle spaziali e satelliti , che nello spazio, attraverso radar e raggi infrarossi, catturano queste immagini che altri strumenti non consentono di riprendere. Alcuni satelliti servono come ripetitori per le telecomunicazioni, altri sono utilizzati per studiare e prevedere lo sviluppo della situazione meteorologica o per fornici immagini nitide di paesaggi e forme della superficie terrestre.


In particolare esistono : - i satelliti ELIOSINCRONICI , che ruotano intorno alla Terra seguendo il sole; - i satelliti GEOSTAZIONARI che ruotano insieme alla Terra (quelli ad esempio per prevedere il tempo). Abbiamo potuto osservare immagini dell'universo e poi immagini dei continenti, degli oceani, ma anche di deserti e ghiacciai, di dighe, di zone coltivate, di foreste, di cittĂ  e persino di cicloni, seguendo il loro movimento dagli oceani, zona in cui si formano, fino alle coste su cui si abbattono.


OMBRE COLORATE

Al museo dell'immaginario scientifico c'è un esperimento che si chiama ombre colorate. Ci sono cinque cerchi bianchi grandi attaccati su una parete. All'opposto di questi cerchi ci sono tre fari di colore rosso, blu e verde. quando si accendono le luci blu e verde la luce diventa lilla; quando si accendono le luci blu e verde la luce diventa gialla. Quando si accendono tutte e tre le luci la luce diventa bianca. Passando davanti alle luci si può vedere un'ombra nera seguita da ombre con i colori dell'ARCOBALENO.


IL MIRAGGIO

Il miraggio è un fenomeno fisico. Quello che abbiamo visto nel museo dell’immaginario scientifico si era formato in un contenitore con due specchi concavi all'interno. Dentro la scatola al centro dello specchio c'era una rosa e la luce la rifletteva su uno specchio concavo in un altro punto e quindi la rosa sembrava fosse all'esterno della scatola. In realtà la rosa era in fondo al contenitore.


IL CALEIDOSCOPIO

Il caleidoscopio è una stanza con all'intero tre specchi. Quando si entra nel caleidoscopio vedi te stesso moltiplicato per infinite volte. Lo strumento caleidoscopio esiste in vari modi: uno a triangolo dove attraverso gli specchi si può vedere infinite forme geometriche formate dalle pailettes riflesse e sembrava che le scatole di pailettes si moltiplicavano; e uno a cilindro con un bastoncino trasparente con dentro un liquido e delle piccole figure di varie forme: cuori, stelle, lune e palline.


FORME DI SAPONE


Gli specchi acustici Gli specchi acustici sono due parabole poste ad una certa distanza una di fronte all'altra. Parlando dentro al fuoco acustico che è un piccolo foro , la parabola riflette le onde sonore che vanno nell'altra parabola. Il bambino che si trova nel'altra parabola può sentire cos'ha detto l'altro bambino, anche se sussurrava da lontano. Questo è il fenomeno della riflessione delle onde sonore.


C' erano 10 scalini rossi e due molle di plastica colorata posti sul gradino più alto, una grande ed una piccola. Quando le molle sono ferme l’energia è statica, la guida ha dato una spinta alla molla più piccola così è caduta sul gradino sotto trascinandosi e rimbalzando la molla continuava a scendere le scale da sola, aveva una carica di energia. Poi Sonia prese la molla più grande e la fece rimbalzare, ma la molla essendo più grande aveva troppa energia e così rimbalzava e saltava anche dei gradini.


TUBI SONANTI

I tubi sonanti sono sei e sono sorretti da una struttura di ferro rossa. Avvicinando l'orecchio al tubo si sente passare l'aria all'interno che crea un suono diverso per ogni tubo, dal pi첫 acuto, al pi첫 suono grave. I tubi erano in ordine dal pi첫 piccolo al pi첫 grande.


TORNADO DI FUOCO Occorre: -alcol -un pentolino -una base -dei fiammiferi -un coperchietto -un tubo a chiocciola aperto sopra, sotto e a lato. Metti sotto al pentolino la base.Poi metti un po' di alcol nel pentolino, accendi un fiammifero e mettilo nell'alcol facendo venire fuoco e facendo attenzione a non scottarti e a non rovesciare il contenuto.Metti il tubo a forma di spirale attorno al pentolino. Ti accorgerai che, dopo un po', l'aria fredda che entra dalla fessura farà diventare il fuoco come un tornado. Può succedere che, quando scoppia un incendio, si forma questo tornado di fuoco e i pompieri devono stare attenti.


PEDANA GIREVOLE

Quando siamo saliti sulla pedana la guida ha messo una ruota a caricare in un motore, la ruota si è caricata e ha cominciato a girare velocemente, poi l'ho presa in mano per i manici. Quando la giravamo a sinistra la pedana si muoveva e mi faceva girare a sinistra, la stessa cosa a destra. La pedana aveva la forma di un ottagono con un cerchio in mezzo che girava.


SFERA FLUTTUANTE Dentro una scatola di ferro cubica grande, c'era un ventilatore che girava e faceva aria. Sopra la scatola di ferro c'era un cono bucato da cui usciva l'aria. Posizionando una palla di plastica l'aria la faceva fluttuare in aria, senza farla cadere. Se si inclina la scatola di ferro, la palla non cadeva, però se si inclina troppo c'è il rischio che cada.


GIROSCOPIO

Il giroscopio è una pedana mobile girevole. Salendoci sopra il movimento delle braccia aumenta o diminuisce la velocità, basta allargarle per rallentare o avvicinarle il più possibile al corpo per girare più velocemente. La forma della pedana del giroscopio è ottagonale. Per aumentare la velocità si possono tenere in mano due pesetti.


IMMAGINARIO SCIENTIFICO