Page 1

3

N° 13 – 1-31 luglio 2010

Sommario

Foto da archivio Il Coltivatore Cuneese “Il Coltivatore Cuneese” Editore Federazione Provinciale Coldiretti Cuneo 1 copia euro 0,77 Direttore Amministrativo Bruno Rivarossa Direttore Responsabile Michelangelo Pellegrino Coordinamento di redazione Viola Carasso Hanno collaborato Sonia Abrate, Marco Benzo, Roberto Bianco, Alberto Burzio, Laura Calcagno, Marcello Cavallo, Mara Chiardola, Davide Costamagna, Simona Daniele, Sara Ferrero, Nicola Fontana, Rosangela Giordana, Silvia Graglia, Roberto Lingua, Paolo Marengo, Livio Minero, Laura Occelli, Nadia Olivero, Lauro Pelazza, Franco Ramello, Fabrizio Rapallino, Enrico Rinaldi, Davide Roà Redazione ed amministrazione Piazza Foro Boario, 18 – 12100 CN Tel: 0171.447211 Fax: 0171.447300 E-mail: ilcoltivatore.cn@coldiretti.it Sito Internet: www.cuneo.coldiretti.it Registrazione del tribunale di Cuneo n. 3296 del 7/12/55 47.000 Copie Il Coltivatore Cuneese viene inviato a tutti i soci della Federazione Provinciale Coldiretti di Cuneo Grafica e stampa: AGAM Via Renzo Gandolfo, 8 Madonna dell’Olmo – Cuneo Tel. 0171.411470 – Fax 0171.411714 E-mail: direzione@agam.it Inserzioni esclusivamente presso la ditta Réclame Via Pilos, 20 – Savigliano Tel. 0172.711279 E-mail: info@reclamesavigliano.it Listino prezzi Il costo di 1/8 (cm 9x6) di pagina a colori è di euro 145 + IVA.  È vietata la riproduzione, anche parziale, delle pubblicità.

Quote latte: emendamento a rischio ingiustizie

3

Una Coldiretti proiettata alla progettualità per la tutela del reddito degli associati

4

Basta con le importazioni di prodotti alimentari esteri. Un messaggio chiaro da Torino, Frejus e Brennero

6

È realtà il progetto latte in polvere Inalpi-Ferrero

8

Storie di vita Giovanni, il musicista quasi cieco che ci insegna a vivere… Determinante il ruolo del Cap Nord Ovest per l’agricoltura piemontese

9

10

Il Corsivo del Coltivatore La signora burocrazia e il signor perditempo

12

Unci-Coldiretti e le energie rinnovabili

12

Moratoria: prorogati i termini di adesione

13

Energie alternative: se ne è parlato con Agrisicura Sviluppo

14

Commercializzazione uova: le ultime novità

16

Abolita la tassa centri imballaggio uova

17

Quando l’assistenza tecnica diventa motore di sviluppo

18

Conoscere la montagna con “benvenuti in alpeggio”

20

Terranostra presenta le nuove guide per gli “agrituristi”

20

Aperto il bando 2010 del programma di meccanizzazione

21

Festeggiati a Frabosa Pensionati e Donne Impresa Coldiretti

22

I prodotti saluzzesi “conquistano” Vienna

24

Raduno A.C.S.T.E.

26

Raduno a Fontana Magnesia

26

Convenzione con Venus Welcome Travel Alpitour e In Terre di Granda 28 Scadenze aziendali

29

Notizie EPACA Studenti: iscrivibilità negli elenchi dei coltivatori diretti

30

Contributi inps dovuti per l’anno 2010

31

Il mercatino del Coltivatore

32

L’

emendamento presentato alla manovra finanziaria sulla proroga del pagamento delle quote latte genererebbe, se approvato, una nuova ingiustizia nei confronti dell’agricoltura in generale e degli allevatori che hanno rispettato le leggi in materia, in particolare. La motivazione che sta alla base di tale proposta di emendamento non ha nulla a che fare con la crisi agricola perché, se così fosse, dovrebbe riguardare tutti i settori produttivi agricoli e tutte le scadenze, dalle cambiali agrarie, ai mutui, ai contributi previdenziali, alle imposte dirette ed indirette. Coldiretti Cuneo evidenzia quanto sottolineato dal presidente nazionale Sergio Marini: “La questione vera, che non si vuole raccontare, è che si cerca di trovare un ulteriore escamotage per allungare i termini di pagamento a chi non ha mai pagato le multe del latte, magari per agganciarsi a quell’improbabile filo di speranza secondo il quale l’Italia non avrebbe mai sforato la propria quota produttiva e pertanto nulla sarebbe da pagare”. Marcello Gatto e Bruno Rivarossa, presidente e direttore Coldiretti Cuneo, dichiarano: “Siamo,come sempre, per il rispetto delle leggi vigenti, ma si sappia fin da ora che altrettanto dovrà fare lo Stato. Se dovessero cambiare le carte in tavola, come ha già ben evidenziato il presidente Marini, non tarderemo un giorno ad utilizzare tutti gli strumenti di cui disponiamo per far restituire i soldi a tutti quegli allevatori che in questi anni hanno pagato le multe e acquistato le quote con tanti sacrifici economici che hanno coinvolto tutte le famiglie imprenditrici”. Intanto la Comunità Europea ha già fatto sapere con lettera del Commissario Ciolos che l'Italia non può adottare tale norma in quanto si configura un aiuto di stato. Mentre andiamo in stampa il dibattito è ancora aperto. Riferiremo sul prossimo numero. i


4

FONDO

N° 13 – 1-31 luglio 2010

Una Coldiretti proiettata alla progettualità per la tutela del reddito degli associati

È

stato un presidente Sergio Marini in grande forma quello che ha incontrato gli imprenditori agricoli all’Assemblea Nazionale Coldiretti, tenutasi al Palalottomatica di Roma venerdì 2 luglio. Coldiretti dunque, a distanza di un anno, torna a Roma per confrontarsi su quanto è stato fatto dopo il lancio, il 30 aprile 2009, del progetto “Per una Filiera Agricola tutta Italiana”: oltre 15 mila imprenditori agricoli, di cui oltre 350 provenienti dal Cuneese, e molti esponenti del mondo politico, sono intervenuti all’importante appuntamento. Nel corso del suo intervento, il presidente Marini ha da subito messo in evidenza come il progetto di Coldiretti, che passa attraverso la valorizzazione del Made in Italy, è condiviso da molti e da altrettanti è stato copiato. “Il futuro della nostra agricoltura - ha dichiarato Marini - sarà nell’essere diversi e migliori e non omologati a quei sistemi produttivi che operano con strutture di costi per noi irraggiungibili. Il problema - ha precisato Marini - è non farsi copiare le nostre eccellenze e non replicare modelli che il mercato ha già abbondantemente bocciato, come nel caso degli Ogm. Sarebbe bene che anche gli altri settori dell’economia trovassero ancoraggi forti per farsi riconoscere quella diversità in mancanza della quale siamo destinati a competere sui costi”. Affrontando poi il tema della crisi economica che l’Italia ed anche il settore agricolo stanno attraversando, il presidente Marini ha evidenziato come “Le difficoltà delle imprese agricole sono il frutto dello stesso arretramento dell’etica sociale nel mercato. La globalizzazione dei mercati, a cui non ha fatto seguito quella

della politica, ha portato ad un deficit di responsabilità e di trasparenza che ha generato la crisi internazionale ed ha drammaticamente legittimato la derubricazione del tema cibo fino a farlo considerare una merce qualsiasi. Con effetti drammatici che vanno dalle speculazioni sulle materie prime agricole al furto di milioni di ettari di terre fertili a danno dei Paesi più poveri, fino alle grandi bugie sul potere salvifico degli organismi geneticamente modificati (Ogm), la cui diffusione sotto il pressing delle multinazionali è aumentata insieme al numero degli affamati”. Il presidente ha poi continuato il suon intervento dichiarando che “La situazione di difficoltà dell’agricoltura italiana non dipende solo dalla crisi generale ma dal fatto che stiamo vivendo i drammatici effetti di quelli che

sono i due furti ai quali sono sottoposte giornalmente le nostre imprese: da una parte il furto di identità e di immagine che vede sfacciatamente immesso in commercio il cibo proveniente da chissà quale parte del mondo come italiano; dall’altra il furto di valore aggiunto che vede sottopagati i nostri prodotti agricoli senza alcun beneficio per i consumatori.”. Per far fronte a questa situazione Coldiretti si è fortemente impegnata con il progetto de “Una filiera agricola tutta italiana”, che si pone proprio come obiettivo sostenere il reddito degli agricoltori eliminando le distorsioni e tagliando le intermediazioni con l’offerta attraverso la rete di consorzi agrari, cooperative, i Mercati di Campagna Amica, agriturismi e imprese agricole di prodotti alimentari al cento

per cento italiani firmati dagli agricoltori al giusto prezzo. Sergio Marini ha poi concluso il suo intervento con un appello alle istituzioni, ribadendo come sia indispensabile che il mondo politico riconosca agli imprenditori agricoli la loro valenza multifunzionale, vale dire di imprenditori da un lato e di custodi del territorio dall’altro e che, cosa fondamentale, faccia delle scelte politiche e amministrative perché i fondi destinati a questi imprenditori ed al settore agricolo tutto, siano distribuiti a chi davvero vive di agricoltura, limitando il più possibili i tempi dilatati dettati dalla burocrazia. Appello che il mondo politico sembra aver accolto. Il ministro all’economia Giulio Tremonti, intervenuto all’Assemblea Coldiretti, ha affrontato il tema della fiscalità in agricoltura, mettendo in evidenza come nel corso degli ultimi anni l’agricoltura abbia dato molto più di quanto abbia ricevuto. Riprendendo la distinzione fatta da Sergio Marini tra “prenditori e veri imprenditori”, il ministro ha dichiarato che non saranno presentati ulteriori appesantimenti fiscali verso il settore agricolo, poiché questo ha già pagato in passato in termini di ambiente e di territorio. Anche il ministro all’agricoltura Giancarlo Galan, ha dimostrato di condividere la linea progettuale intrapresa da Coldiretti: rispetto della normativa vigente per quanto riguarda il pagamento delle quote latte e in attesa di nuove ricerche, nessun utilizzo degli Ogm su territorio nazionale. Affrontando poi il tema dei fondi per l’agricoltura provenienti dall’UE, il ministro ha dichiarato “Attraverso i programmi di


FONDO sviluppo rurale sono stati attivati significativi finanziamenti pubblici che assommano a 17,6 miliardi di euro per l’intero periodo 20072013. Un totale cui contribuiscono l’Unione Europea con circa 9 miliardi, lo Stato italiano con 7,3 miliardi, le Regioni e Province autonome con 1,4 miliardi di euro. Sono disponibilità che devono essere obbligatoriamente utilizzate entro tempi prestabiliti, pena la perdita dei fondi comunitari non spesi. A fronte di questi dati, mi domando con che autorevolezza potrei chiedere soldi a Bruxelles se non abbiamo impegnato quelli avuti, tenendo conto che tra i nuovi criteri della Politica agricola comunitaria c’è la capacità di spesa storica”. L’intervento del ministro del

N° 13 – 1-31 luglio 2010

lavoro Maurizio Sacconi ha invece affrontato la questione dell’utilizzo dei voucher in agricoltura. “I voucher – ha dichiarato il ministro – rappresentano un importante strumento per utilizzare forza lavoro occasionale ma bisogna fare molta attenzione perché non diventino oggetto di una mera speculazione. Non devono assolutamente penalizzare il lavoratore, cosa che invece purtroppo talvolta accade. L’utilizzo dei voucher ad oggi presenta infatti dei divari consistenti da regione a regione, da nord a sud. Divari che devono essere disciplinati per tutelare sia i lavoratori che gli imprenditori onesti”. L’appuntamento con l’assemblea

nazionale Coldiretti ha inoltre coinciso con l’apertura del Salone dell’“Innovazione nella tradizione” dove per la prima volta sono stati mostrati casi esclusivi della dinamicità dell’agroalimentare italiano che in pochi anni da una economia di sussistenza ha saputo conquistare primati mondiali e diventare simbolo e traino del

5 Made in Italy. Un progetto nato nell’ambito dei festeggiamenti dei 150 anni dell’unità d’Italia che coincidono con la ricorrenza dei 100 anni dalla nascita di Paolo Bonomi, fondatore della Coldiretti, ricordato più volte dal presiedente Marini quale simbolo di un’agricoltura fondata su tradizione ed innovazione e fortemente legata al territorio. m


6

AT T U A L I T À

N° 13 – 1-31 luglio 2010

Basta con le importazioni di prodotti alimentari esteri. Un messaggio chiaro da Torino, Frejus e Brennero

A

nche se la stagione non è delle migliori in quanto i lavori in campagna incalzano, la numerosa presenza di dirigenti e soci di Coldiretti alle iniziative di mobilitazione indette da Coldiretti, ha evidenziato che i problemi ci sono e vanno risolti in fretta. Sia a Torino con la vera mucca Lola in Piazza di Città, sia alla frontiera del Brennero, dove era presente una numerosa presenza piemontese, sia al valico del Frejus Coldiretti ha evidenziato il problema che sta mettendo in ginocchio le nostre imprese agricole: troppe importazioni di prodotti agroalimentari che spesso vengono italianizzati con la sola confezione. I numerosi soci presenti alle mobilitazioni, al Frejus erano infatti presenti oltre 1500 imprenditori agricoli piemontesi, hanno potuto constatare come non solo arrivino prosciutti, carni, latte,vino, ortaggi dall’estero, ma anche come questi siano o completamente anonimi, per cui è impossibile capire

se l’origine dichiarata nei documenti fiscali è quella vera, oppure arrivano già confezionati con tanto di bandiera italiana sulla confezione stessa quando ben sappiamo che in Italia saranno solo consumati.

Il successo delle manifestazioni certamente per la presenza numerosa dei soci di Coldiretti, ma anche per il notevole impatto mediatico a livello di giornali e telegiornali, ha l’obiettivo di stimolare

la politica sia europea che nazionale affinché celermente i prodotti siano rintracciabili e l’origine venga chiaramente indicata in etichetta. A scanso di equivoci precisiamo che Coldiretti non mira a


AT T U A L I T À reintrodurre una politica protezionistica, ma l’obiettivo vero è fornire informazioni chiare in modo che il consumatore possa effettuare consapevolmente gli acquisti. Questa strategia dell’organizzazione non è frutto del sogno nel cassetto di qualche dirigente di alto livello. Sono i dati di un’indagine

N° 13 – 1-31 luglio 2010

statistica condotta a livello nazionale e regionale dove i consumatori dichiarano di prediligere i prodotti nazionali a quelli esteri a condizione di poterli meglio individuare, anche sugli scaffali del supermercato. Sono anni che la Coldiretti batte questo tasto: per il latte fresco e l’olio di oliva già la

normativa è stata modificata. Per Coldiretti occorre giungere ad etichettatura e tracciabilità totale per tutti i generi agroalimentari. Solo così si riuscirà a dare prospettive reali alle imprese agricole che sono impegnate nella realizzazione di progetti di filiera con la stessa dignità di tutti gli altri componenti. m

7


8

attualità

N° 13 – 1-31 luglio 2010

È realtà il progetto latte in polvere Inalpi-Ferrero

È

stato firmato lunedì 29 giugno nella sede Coldiretti Piemonte l’importante accordo che prevede la fornitura da parte di Compral-Latte, cooperativa nata in ambito Unci-Coldiretti, alla società In.Al.Pi. di Moretta di latte piemontese destinato alla torre di sprayatura. Presenti alla conferenza stampa il direttore Bruno Rivarossa, il presidente dell’ARAP Roberto Chialva, il direttore della Compral-Latte Bartolomeo Bovetti, l’amministratore delegato di In.Al.Pi. Ambrogio Invernizzi, il direttore generale dell’Aia (associazione Italiana Allevatori) il responsabile degli acquisti di polvere di latte della Ferrero S.p.a. Enrico Scimone e l’Assessore regionale all’Agricoltura Claudio Sacchetto. Direttore Rivarossa, ci può illustrare questo progetto? Come e quanto latte piemontese verrà utilizzato?

“Una parte del latte fornito sarà certificato Italialleva, l’ambito riconoscimento della Associazione Italiana Allevatori che certifica la tracciabilità del latte fin nel minimo dettaglio e verrà utilizzato dall’azienda lattiero casearia In.Al.Pi per la nuovissima area di business. La maggior parte del latte sarà invece destinata alla torre di sprayatura, il progetto che vede In.Al.Pi., Ferrero e Coldiretti lavorare fianco a fianco. Un progetto che significa oltre 5000 mila quintali di latte al giorno, per 365 giorni l’anno per un totale di 180 milioni di litri di latte pari al 20% della produzione. Numeri che fanno certamente riflettere, ma che chiarificano anche la portata di quella che si presenta come un’importante opportunità economica per il settore lattiero caseario provinciale e regionale”. Latte fresco che verrà poi trasformato in polvere per

poter essere utilizzato da una delle maggiori aziende dolciarie mondiali, la Ferrero di Alba. È esatto? “Sì, è esatto. Il latte fresco verrà consegnato presso il complesso In.Al.Pi. di Moretta, all’interno del quale, il polverizzatore sta procedendo alacremente per raggiungere il pieno regime e rispondere alle esigenze della Ferrero di Alba. Si tratta di un impianto all’avanguardia per quanto riguarda le tecnologie adottate dalla ditta costruttrice Tetrapak, la quale si è avvalsa anche di ditte locali per la costruzione di componenti. La localizzazione nel cuneese e in modo particolare a Moretta è determinata dal fatto che esiste un bacino di produttori di latte notevole, collocato tra le province di Cuneo e Torino. E Moretta, essendo situata nelle vicinanze di Alba, consente un facile controllo qualitativo del prodotto da parte della Ferrero stessa”. Come sarà strutturata la gestione di un progetto tanto ambizioso? “Il progetto prevede la gestione dell’impianto da parte della società In.Al.Pi., che gestisce già la produzione e la logistica del latte per il gruppo Ferrero, con un magazzino di stoccaggio/ riconfezionamento. Il costo di realizzazione della sola torre di sprayatura è stato di oltre 10 milioni

di euro. L’investimento complessivo ha superato i 20 milioni di euro”. Un progetto innovativo dunque, che punta a valorizzare una produzione locale. Ma in termini economici? Quale opportunità offre questo progetto agli allevatori piemontesi? “Questo è un accordo che farà scuola. A livello economico questa sinergia ha permesso di mettere in piedi un sistema di filiera ove tutte le componenti della stessa hanno uguale peso e dignità. Applicando il sistema del prezzo indicizzato del latte alla stalla si superano i vecchi concetti di trattativa. In questo progetto, il prezzo del latte viene infatti formato tenendo in considerazione un paniere composto di 15 prodotti di cui 5 di valenza internazionale, 5 di importanza nazionale e 5 legati strettamente ai costi di produzione del settore primario. Tenuto conto delle oscillazioni dei prezzi del paniere, la definizione del valore va dunque a premiare la qualità del prodotto, poiché il prezzo del latte è per il 65% calcolato dal tasso di proteine, e per il restante 35% dal tenore di grasso. Per quanto riguarda la carica batterica e cellule somatiche esse devono rimanere nei termini di legge. Questo significa adottare sistemi diversi e certamente più remunerativi per gli allevatori piemontesi”. m


R I T R AT T I D I I E R I E D I O G G I

L

ui è un uomo che sa sorridere alla vita, pur sapendo bene che una condizione molto difficile lo attende. Oggi vede già pochissimo e nel suo futuro c’è il buio. La storia di Giovanni Vallero, nato a Poirino il 6 aprile del 1937, compositore e musicista di successo, è quella di un uomo veramente innamorato della vita.

N° 13 – 1-31 luglio 2010

Storie di vita a cura di Barba Bertu (info@barbabertu.com)

TANTI MESTIERI Alle spalle, Vallero ha tanti mestieri: «Il pastore-bambino. Poi ho inchiodato anche duemila attaccapanni al giorno. Poi ho lavorato in una fabbrica di piastrelle. Poi il saldatore. A 19 anni suonavo la fisarmonica con un piccolo complesso in Germania e poi mi sono dedicato anche alla composizione di diversi pezzi, anche per la Rai». Cosa è la musica per lei? «Per me è tutto! È come la meraviglia di questi boschi sopra San Mauro di Brossasco, dove vivo. Ho avuto la fortuna di realizzarmi e di vivere grazie alla musica, senza mai scrivere un pezzo pensando al denaro». INNAMORATO DELLE BETULLE Come mai è finito in quest’angolo della Valle Varaita? «La borgata dove vivo è Casale Madonna, a mille metri di quota. Sono il solo residente. Qui ho ritrovato la vita, dopo una brutta esperienza con un tumore alle ghiandole linfatiche, nel 1978, saltato fuori dall’oggi al domani. Sono stato fortunato, ho trovato un medico fantastico che mi ha seguito bene». Le piace vivere qui? «La montagna mi ha aiutato a guarire dal tumore! Qui era disabitato da anni, l’invasione dei rovi e delle ortiche… Sono arrivato in questa borgata nel 1983. La prima volta che sono arrivato, ho notato quel magnifico viale di betulle e ho subito deciso di comprare la casa, anche senza vederla! Il panorama e l’atmosfera di pace mi hanno subito conquistato!». E poi? «Ho acquistato la casa diroccata

9

e sono trent’anni che ci lavoro sopra». Lei è sposato? «Sì, mia moglie si chiama Costanza ed è di origini friulane. L’ho conosciuta sulle piste da ballo, abbiamo due figlie, Tiziana e Manuela, che non vivono qui». 42 SCHEGGE IN CORPO I suoi problemi agli occhi? «Avevo 8 anni e una bomba, su cui armeggiava un ragazzino, è esplosa. Sono stato colpito e avevo 42 schegge in corpo, sono finito all’ospedale e ho perso un occhio. Negli ultimi tempi, un glaucoma ha colpito l’altro occhio, il dottor Caramello di Cuneo mi ha operato cinque volte, oggi vedo veramente poco,

sono quasi cieco. È come vedere il mondo dal buco della serratura, il campo visivo si è notevolmente ristretto». Cosa le dicono i medici? «Uno specialista di Cannes mi ha detto: “Guardi, la sua situazione non è bella. Perderà la vista, a poco a poco, e diventerà cieco”». Come vive lei questa drammatica prospettiva? «Non è facile. Non tanto per me, ma soprattutto per chi mi è vicino. Oggi io ho quattro pecore, lavoro tutto il giorno nel bosco, faccio il fieno… qui a Casale Madonna provo la vera pace! Le pecore mi aspettano e sono animali fantastici, io non le uccido mai e non mangio nemmeno la carne».

VOLTARSI INDIETRO Si è mai chiesto: “Perché è proprio toccato a me”? «No, perché mi volto indietro e riesco a pensare tutti quelli che stanno peggio!». La vita come è? «Per me è bella, ma è fatta di alti e bassi. D’estate un merlo alle 4 del mattino dà la sveglia a tutti, ed io mi alzo: una melodia fantastica! Io respiro l’aria fresca, mi godo il panorama e so di essere davvero fortunato, e penso a tutti quelli che, in città, sono stressati, litigano per un parcheggio, respirano smog… Io sono davvero felice di poter vivere nella Natura!». Compone ancora? «Sì, scrivo musiche, cose classiche e anche melodie strane». Come vede il suo futuro? «Ho una bella età, mi fa paura la cecità. Spero di non essere di peso agli altri. Ho i miei dubbi sull’esistenza di Dio, pensando a come va il mondo. Se io avessi la potenza di Dio, fermerei certe tragedie e le cattiverie degli uomini! Non so proprio se vorrei vivere un’altra volta». Ha dei crucci? «Sì, quello di essere stato poco vicino a mia moglie e alle mie figlie. Ero sempre in giro a suonare, per settimane. La valigia ce l’avevo sempre in mano, con il mio gruppo Vallero Folk, ho inciso dieci dischi con la Rca e i successi non sono mancati. Diversi amici musicisti vengono a trovarmi». I suoi sogni nel cassetto? «Diventare cieco il più tardi possibile. A tutti quelli che attraversano momenti di difficoltà nella vita, consiglio caldamente di non abbattersi mai». i


10

AT T U A L I T À

N° 13 – 1-31 luglio 2010

Determinante il ruolo del Cap Nord Ovest per l’agricoltura piemontese

P

residente, si conclude un anno finanziario complesso e difficile. Com’è lo stato di salute del Cap Nord Ovest? La crisi che sta attanagliando tutti i comparti economici non poteva risparmiare la nostra Azienda: il bilancio 2009, presentato all’Assemblea dei Soci il 30 giugno scorso, ha segnato una consistente perdita di esercizio, frutto del momento particolarmente difficile ma anche di alcuni problemi strutturali che vanno rapidamente affrontati. Per questo il Direttore ed il suo staff hanno immediatamente approntato un “Business Plan” incentrato soprattutto su un diverso approccio al socio ma, più in

generale, al cliente che non deve essere più aspettato passivamente nel Punto Vendita ma contattato invece direttamente, utilizzando tutti i mezzi di comunicazione; anche il mondo agricolo è

cambiato ed ha bisogno di interlocutori moderni e tempestivi come vuol essere il Consorzio Agrario delle Province del Nord Ovest. Lei fa parte del comitato

di controllo della società Consorzi agrari d’Italia. Quale progettualità è stata realizzata a livello nazionale per valorizzare la filiera agricola tutta italiana di cui al progetto economico di Coldiretti? In pochi mesi di attività molto è stato fatto da Consorzi Agrari d’Italia: dall’accordo con Maccaferri per lo sviluppo delle filiere agroenergetiche alla costituzione del Fondo Immobiliare fino al coordinamento dei Consorzi Agrari che, nel quadro del grande progetto della Filiera Agricola Tutta Italiana, fortemente voluto da Coldiretti, si stanno trasformando in piattaforme


AT T U A L I T À logistiche infrastrutturali dell’agricoltura nazionale. Inoltre, il Presidente Marini, durante i lavori dell’Assemblea Nazionale di Coldiretti ha annunciato la costituzione di una Società di Scopo, denominata Filiera Italiana Trading Seminativi S.p.A., partecipata da 18 Consorzi Agrari, 4 Cooperative, 2 Organizzazioni Produttori ed una società di Legacoop, con un potenziale contrattuale di oltre 20 milioni di quintali di cereali. Il lavoro, che i nostri Consorzi Agrari avevano individualmente sviluppato sui contratti di filiera e sulla fidelizzazione di una gran parte dei coltivatori italiani, oggi trova finalmente espressione in una concreta azione di mercato, unitamente ad altre realtà del mondo cooperativistico; su questo innovativo strumento contiamo davvero molto soprattutto per risollevare i magri bilanci delle nostre Aziende Agricole. Il nostro Direttore, per il ruolo di rappresentanza dell’agricoltura piemontese e per le sue specifiche esperienze

11

N° 13 – 1-31 luglio 2010

di settore, è stato nominato Consigliere nel C.d.A. della nuova ambiziosa formazione. Siamo certi che già dal prossimo autunno si potranno vedere i primi concreti risultati, facendo pesare il forte potere contrattuale nei confronti dei grandi gruppi industriali. Direttore, a pochi mesi dal suo insediamento, Lei già ha individuato alcuni settori di particolare impegno del Cap Nord Ovest. Vuole descriverci su cosa punterà nell’immediato futuro? Il presidente Giordano ha già ben descritto il carattere saliente dell’azione di rilancio del nostro Consorzio ma aggiungerei che una logistica agile ed informatizzata consentirà di rispondere velocemente alle richieste del mondo agricolo, abbassando inoltre in modo consistente le scorte di magazzino. Potremo così ridisegnare, dove necessario, la nostra rete di copertura territoriale, individuando i punti strategici dove strutturare nuove e più efficienti Agenzie. Molto incoraggianti sono i

segnali che ci giungono dal mondo bancario che sembra aver apprezzato la tempestività e la trasparenza con la quale stiamo affrontando il problema ma ci conforta soprattutto la piena accettazione del Piano da parte di tutto il Consiglio di Amministrazione del Consorzio e delle Organizzazioni di Categoria che lo esprimono. Ci sembra di capire che il Cap, prima ancora di essere un’azienda che distribuisce servizi e mezzi tecnici, punti forte sulla commercializzazione del prodotto dei suoi soci e clienti, ancorandosi saldamente ad un percorso di qualità con un’assistenza tecnica nel settore cerealicolo di grande capillarità. Ce ne descriva i particolari. La nuova società “Filiera Italiana Trading Seminativi” è la conclusione di un percorso che ha preso le mosse dal cambio operato nella coltivazione dei cereali che oggi sempre più sono espressione di qualità certificata, costante ed offerta in dimensioni adeguate alle richieste

di un mondo industriale che ha fatto della standardizzazione un punto imprescindibile. Il Consorzio Agrario si è proposto da tempo come partner del moderno agricoltore, dalla scelta della varietà più appropriata, alla fornitura di mezzi tecnici efficacemente applicati fino alla raccolta ed allo stoccaggio delle produzioni, ma oggi completa la propria azione gestendo la commercializzazione che rappresenta la fase più delicata e che ci vede più deboli. Siamo ragionevolmente ottimisti sul futuro di tutto il comparto e senza troppe velleità, ma sicuri della qualità della filiera pazientemente elaborata negli anni, ci candidiamo ad un ruolo di interlocutore privilegiato tra il mondo della produzione, che nel “Made in Italy” e nelle sicurezze qualitative che lo contraddistinguono trova il suo carattere peculiare, e quello del consumo industriale che potrà scoprire, nel marchio di origine dei nostri cereali, elementi di competitività sconosciuti al “banale” mondo globalizzato. m

Macchine per l’agricoltura specializzata Via Neive 16/A, Castagnito (CN) - Tel. 0173 211986

www.antoniocarraro.com

La Serie Ergit 100 è frutto di una filosofia costruttiva basata sulla selezione di componenti di altissima qualità, fattori che determinano i 2 anni di garanzia. I motori, dai 70 ai 100 CV, offrono prestazioni di coppia e potenza con minori consumi di carburante. Ogni soluzione tecnica è frutto di scelte che guardano ai benefici di minor inquinamento e rumorosità.


12

U nci - coldiretti

N° 13 – 1-31 luglio 2010

Il Corsivo del Coltivatore La signora burocrazia e il signor perditempo

L

’arte di complicarsi la vita. In Italia si tratta di una prerogativa diffusa, insita nel dna di chiunque abbia qualche interesse per la vita amministrativa, sindacale, politica. C’è un’iniziativa che sta per produrre qualcosa di concreto, che cerca di risolvere un problema, che risponde alle istanze della gente? Anziché gonfiarsi di speranza e farsi partecipe di un percorso prospettato in positivo, il cittadino medio e l’amministratore parlavanvera partono in quarta con l’analisi critica, cercano il pelo nell’uovo, fanno sfoggio delle loro presunte conoscenze normative. Passa qualche ora e si allineano obiezioni, perplessità, riserve e contrapposizioni. Chi sarà a pagare? Non sarebbe meglio fare diversamente? Questo per qualsiasi soluzione, dalla più ovvia alla più impegnativa. Il buonsenso non conta. Ha valore solo l’analisi spietata dei possibili risvolti negativi, la ricerca automatica di alternative. E più la soluzione appare intelligente, opportuna e razionale al giudizio iniziale, più si scava per individuare le pecche. Lo Stato, o meglio la sua deprimente impalcatura burocratica, meritano il nobel in proposito. Ogni innocua operazione è gravata da una serie di condizioni, di dispositivi, dall’obbligo di incartamenti e da un marasma di impegni burocratici. Un disastro, capace di scoraggiare chiunque, fuorché i lestofanti di professione. Vai all’ufficio imposte e ti senti in sospetto di delinquenza aggravata e continuata. Vengono richiesti moduli, domande, attestazioni, certificazioni, liberatorie, contratti: una valanga di cartacce, espressioni di ore ed ore perse negli uffici, di fronte a funzionari ed impiegati che si arroccano dietro impalcature burocratiche pazzesche, ma ufficialmente ineccepibili. Si calcola che un agricoltore debba spendere annualmente intere giornate per mettere insieme dossiers complessi e, a volte, inutili. Mi vien da ridere, quando il ministero invita a fare la raccolta differenziata o a risparmiare qualche risma di carta, salvo poi seppellirci sotto valanghe di moduli! E dire che io sono di quelli che, ogni volta che compro i rotoli per il bagno, penso alla foresta amazzonica. Sta a vedere che non esiste più, distrutta e trasformata in metri cubi di circolari e pratiche, abbattuta dalla burocrazia e dal presupposto che si è tanto più importanti quanta più carta c’è sulla scrivania dell’ufficio. m Bastian Contrari

Unci-Coldiretti e le energie rinnovabili Partecipazione al convegno presso la Bcc di Cherasco

A

nche Unci-Coldiretti era presente al seminario, dal programma Le Energie Rinnovabili e il Territorio, intitolato “Biogas e biomasse legnose: due vie per le agronergie di filiera corta”, organizzato dal Distretto EnergEtica, sotto il patrocinio della Provincia di Cuneo. L’evento, a cui ha partecipato tra gli altri anche Dario Armando, presidente provinciale Unci-Coldiretti, si è svolto mercoledì 30 giugno presso l’Auditorium della Bcc di Cherasco ed ha proposto l’attualissimo tema della produzione energetica e della cogenerazione da fonti rinnovabili, non soltanto attraverso il biogas, ma anche attraverso altre tecnologie per la valorizzazione delle biomasse legnose. Il meeting è stato caratterizzato da una buona partecipazione di pubblico e soprattutto dall’elevata caratura dei relatori, i quali hanno consentito di spaziare a trecentosessanta gradi la materia e, conseguentemente, di generare un proficuo dibattito in sala. Tra i relatori anche Mario Rosso, membro del Consiglio Direttivo provinciale Unci-Coldiretti, che nel suo intervento ha argomentato in particolare sulla “Disponibilità biomassa forestale e scelte di mercato strategiche” grazie alla sua esperienza diretta all’interno della cooperativa Alpiforest. A conclusione del seminario si è infine svolta una visita guidata ad una struttura costruita seguendo strettamente i canoni del risparmio energetico. m


AT T U A L I T À

N° 13 – 1-31 luglio 2010

13

Moratoria: prorogati i termini di adesione

A

fronte della grave crisi che ha interessato l’economia reale, lo scorso 3 agosto 2009, il Ministero dell’Economia e delle Finanze, l’ABI e le principali Associazioni Imprenditoriali (compresa Coldiretti) hanno sottoscritto uno specifico “Avviso Comune”, avente l’obiettivo di favorire la continuità dell’afflusso di credito al sistema delle piccole e medie imprese con adeguate prospettive economiche. L’iniziativa avente natura straordinaria, in riferimento alla quale sono attualmente oltre 180 mila le domande presentate (di cui il 54% riferito ad imprese del NordItalia) per un controvalore complessivo di finanziamenti in

essere pari a 55 miliari di Euro, consente di sospendere, per la durata massima di 12 mesi, il pagamento della quota capitale dei finanziamenti a medio e lungo termine contratti con il sistema bancario, a condizione che siano rispettati specifici requisiti (per quanto concerne i contratti di locazione finanziaria, la sospensione della quota capitale implicita nei canoni, è di 6 o 12 mesi a seconda che si tratti di un leasing mobiliare o immobiliare). In tal senso per garantire un più ampio “respiro finanziario”, stante il perdurare di una

situazione di incertezza economico/finanziaria, è stata approvata la proroga che prevede l’introduzione di un ulteriore periodo di 7 mesi per poter presentare la richiesta di adesione alla moratoria. La nuova scadenza, quindi, è stata fissata al 31 gennaio 2011 (dal 30 giugno 2010 in precedenza previsto). Al riguardo si precisa come possano usufruire di tale maggior periodo, esclusivamente le piccole e medie imprese che non abbiano già fatto ricorso alla procedura. Per eventuali maggiori

informazioni in merito, è possibile contattare la segreteria dell’AGRICOLFIDI Nord-Ovest s.c., al numero 0171 447350/447297. m


14

attualità

N° 13 – 1-31 luglio 2010

Energie alternative: se ne è parlato con Agrisicura Sviluppo

O

ggi più che mai si guarda con estremo interesse alle energie rinnovabili e soprattutto al fotovoltaico. Risulta però indispensabile che l’azienda agricola valuti con attenzione i rischi a cui potrebbe essere sottoposta a seguito della realizzazione di tali impianti come quelli derivanti dalla responsabilità civile o ancora danni materiali diretti agli impianti fotovoltaici come rotture o furti che potrebbero determinare l’annullamento o la riduzione del guadagno. Considerando l’importante investimento fatto in termini economici diventa fondamentale per

l’imprenditore agricolo poter scegliere la polizza assicurativa più idonea a garanzia del proprio investimento. Si è discusso di questi argomenti

nel corso di un interessante incontro a Fossano nella serata del 23 giugno, organizzato da Agrisicura sviluppo srl, società nata in seno alla Coldiretti

che ha acquisito il portafoglio FATA da sempre in capo al Consorzio, dove si è parlato di energie rinnovabili fotovoltaico e biomasse, dei rischi in cui può incorrere l’azienda e delle possibili coperture assicurative. L’energia solare rappresenta ormai una concreta alternativa alle fonti energetiche tradizionali per la caratteristica di essere pulita e rinnovabile, nel rispetto dell’ambiente. La tecnologia fotovoltaica è ormai una concreta realtà che interessa un crescente numero di operatori. FATA, da sempre punto di riferimento nel settore agricolo, ha ideato una soluzione


attualità assicurativa a protezione degli impianti fotovoltaici. Nel corso dell’incontro i tecnici di FATA hanno illustrato le caratteristiche di SOLARIA polizza chiara, semplice e trasparente destinata a chiunque possieda impianti fotovoltaici, sia aziende sia privati. Questo tipo di polizza può coprire i rischi di impianti di valore superiore a e 100.000. Le tipologie dei danni oggetto di copertura assicurativa possono essere di tipo diretto e di tipo indiretto. Cosa garantisce questo tipo di polizza Danni Diretti FATA indennizza i danni materiali e diretti causati all’impianto fotovoltaico, completato e collaudato, nell’ambito della o delle ubicazioni dichiarate in polizza, da qualsiasi evento improvviso ed accidentale, qualunque ne sia la causa, salvo quanto stabilito dalle esclusioni e con i limiti previsti in polizza. Sono parificati ai danni materiali

N° 13 – 1-31 luglio 2010

diretti i guasti causati alle cose assicurate per ordine dell’Autorità e quelli non inconsideratamente arrecati dall’Assicurato e da terzi allo scopo di impedire od arrestare qualsiasi evento dannoso indennizzabile a termini di polizza. Sono comprese, le spese necessariamente sostenute per demolire, sgombrare e trasportare al più vicino scarico i residuati del sinistro, sino alla concorrenza del 10% del danno indennizzabile, (con il massimo

di e 50.000,00). Sono altresì incluse le garanzie: - Guasti alle macchine e fenomeno elettrico; - Atti dolosi; - Furto; - Ricorso Terzi. Danni Indiretti FATA indennizza le perdite di profitto che possono derivare dall’interruzione o diminuzione della produzione di energia elettrica a causa di un danno materiale e diretto all’impianto fotovoltaico sempre che: - il sinistro sia indennizzabile

15 come danno materiale e diretto; - l’impianto sia collegato alla rete; - l’impianto sia dotato di sistema di telecontrollo; salvo quanto stabilito dalle esclusioni di polizza. Nel corso delle discussione è emerso come la chiarezza di linguaggio, la modularità ed i costi di sicuro interesse, rendono estremamente competitivo tale prodotto. Non va, infine, trascurato l’aspetto legato al mondo bancario e connesso al processo di installazione di impianti di elevata potenza da produrre. Gli Istituti di credito stanno ponendo sul tema assicurativo una massima attenzione; non si potrà infatti prescindere da un’adeguata copertura assicurativa per accedere al necessario finanziamento. Gli uffici zona della Coldiretti ed i subagenti sono a disposizione per le informazioni del caso. m


16

AT T U A L I T À

N° 13 – 1-31 luglio 2010

Commercializzazione uova: le ultime novitĂ Approfondimento per le uova di categoria “Aâ€?

S

empre a seguito del Decreto Mipaaf dell’11 dicembre 2009, recante “ModalitĂ per l’applicazione di disposizioni comunitarie in materia di commercializzazione delle uova, ai sensi dei Regolamenti (CE) n. 1234/2007 del Consiglio e n. 589/2008 della Commissione e del Decreto Legislativo 29 luglio 2003, n. 267â€? e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 111, del 14 maggio 2010, si riassumono in sintesi alcuni aspetti riguardanti la commercializzazione delle uova di categoria “Aâ€?. Marchiatura Tutte le uova di categoria “Aâ€? devono essere marchiate con il codice del produttore (ad eccezione di quelle provenienti

da allevamenti con meno di 50 galline, nel caso il nome e l’indirizzo del produttore sono indicati al consumatore nel punto vendita o comunicati all’acquirente nella vendita porta a porta). Le uova vendute direttamente dal produttore al consumatore finale al luogo di produzione o nell’ambito della “regione di produzioneâ€?, in un mercato pubblico locale o nella “vendita porta a portaâ€? sono esonerate dagli obblighi di commercializzazione, tali uova non sono classificate in base a qualitĂ e peso. Le uova di categoria “Bâ€? destinate all’industria per la sgusciatura sono esonerate dall’obbligo di marchiatura. I centri di imballaggio sono

autorizzati/revocati dagli organi regionali. I raccoglitori sono autorizzati/ revocati dalle Asl. Le uova destinate all’industria, inadatte al consumo umano, debbono essere commercializzate in imballaggi contraddistinti da una etichetta di colore rosso con indicazione: UOVA INDUSTRIALI (caratteri di colore nero alti almeno 20 mm); Inadatte al consumo umano (caratteri di almeno 8 mm); Nome e indirizzo dell’operatore di destino; Nome e indirizzo dell’operatore che spedisce. Diciture Le diciture che devono essere apposte obbligatoriamente

sugli imballaggi, riguardano la quantitĂ netta di prodotto, che può essere espressa in peso o in numero di uova, il codice distintivo del centro d’imballaggio, il sistema di allevamento (“uova da allevamento all’apertoâ€?, “uova

RIMOZIONE AMIANTO #)6),) ).$5342)!,) !'2)#/,) 2)34254452!:)/.))--/"),) #)6),)%15!,3)!3)!44)6)4° $%,,%$),):)!).'%.%2% "/.)&)#!4%22%.)%$!.!,)3)

02%6%.4)6)'2!45)4)).3%$%

$ITTA5L%RSRLDI2ACCA'"ATTISTA 4ELs


AT T U A L I T À da allevamento a terra”, uova da allevamento in gabbia”, “uova biologiche”) I soggetti interessati possono apporre sulle uova e sugli imballaggi, diciture/simboli facoltative riguardanti l’origine delle uova, purché tale origine sia rilevabile dal codice del produttore stesso e le diciture sul tipo di alimentazione. I centri d’imballaggio possono riportare sugli imballi la dicitura “Extra” e “Extra fresche”, a condizione che venga indicato in maniera visibile la data di deposizione e tale dicitura può rimanere fino al nono giorno successivo alla data di deposizione. Trascorso tale periodo, le uova debbono essere ritirate dagli scaffali di vendita al pubblico oppure essere rimossa la dicitura “Extra”. L’utilizzo delle diciture facoltative non necessita di autorizzazione ministeriale, ma è sufficiente una comunicazione al Mipaaf con almeno 30 giorni di anticipo rispetto all’utilizzo, al fine di consentire la verifica della compatibilità.

N° 13 – 1-31 luglio 2010

Registri I produttori devono tenere una registrazione delle informazioni relativamente ai metodi di allevamento e indicare per ognuno la data di introduzione della galline, il numero di galline eliminate, la produzione giornaliera di uova, il numero e/o il peso delle uova vendute o consegnate ogni giorno, il nome e l’indirizzo degli acquirenti. I centri di imballaggio aggiornano settimanalmente le scorte fisiche. I raccoglitori registrano separatamente i quantitativi di uova raccolti (ripartiti per produttore, con il nominativo, il codice produttore la data o il periodo di deposizione) e i quantitativi di uova consegnati ai centri d’imballaggio (ripartiti per produttore , con l’indicazione del nome, del codice produttore, della data o del periodo di deposizione). I registri devono essere aggiornati settimanalmente e conservati per almeno 12 mesi. È consentito utilizzare anche la registrazione di tipo informatico.

I registri delle consegne e delle vendite possono essere sostituiti dalla raccolta della documentazione fiscale riportanti tutte le informazioni prescritte. Il nuovo decreto consente alle Regioni e alla Province Autonome di mettere a disposizione dei consumatori, direttamente nei punti vendita, le informazioni

17 che consentono di interpretare correttamente i codici distintivi del produttore e che riguardano lo Stato membro o il Paese terzo di produzione, il sistema di allevamento, la denominazione e la sede dell’azienda in cui ha avuto luogo la produzione, e l’Asl competente per l’allevamento di produzione. m

Abolita la tassa centri imballaggio uova Con l’approvazione della Legge Comunitaria 2009

T

ra le disposizioni previste dalla Legge 96 del 4 giugno 2010, detta più comunemente Legge Comunitaria 2009, approvata lo scorso 14 maggio (la stessa che ha abolito i controlli sanitari del D.Lgs 194/2008), è stata inserita anche la soppressione della tassa di concessione dovuta ogni anno solare per l’iscrizione nell’apposito elenco ministeriale

dei centri di imballaggio, calcolata in base alla potenzialità lavorativa giornaliera. La Legge Comunitaria infatti, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 146 del 25 giugno 2010, all’articolo 12 comma 3, ha previsto l’abrogazione della precedente Legge n. 137 del 10 aprile 1991 che disciplinava tale adempimento. m


18

attualità

N° 13 – 1-31 luglio 2010

Quando l’assistenza tecnica diventa motore di sviluppo diversi divertimenti popolari, come l’ambita lotteria e il ballo campagnolo con orchestra. I

C

ome tutti gli anni anche quest’anno si è rinnovato il tradizionale momento di festa organizzato dal CATACAGENZIA 4A per i propri soci. La ricorrenza, tenutasi a Demonte in località Perdioni e giunta ormai alla 18° edizione, ha festeggiato la maturità rispettando tutte le migliori previsioni e riscontrando anche questa volta una cospicua partecipazione: erano infatti presenti oltre 500 persone. Accompagnati dal bel tempo e dalla frescura pedemontana, sono stati serviti centinaia di piatti di polenta e spezzatino e organizzati

ringraziamenti d’obbligo vanno alle cuoche, al parroco, alle ditte, ai tecnici e a tutti coloro che si sono

prodigati affinchè i 18 anni della festa del socio Catac si svolgessero nel migliore dei modi. m


attualità

N° 13 – 1-31 luglio 2010

... mentre a Fossano... Si è ripetuto anche quest’anno il grande successo della XI° edizione della Sagra d’Estate, evento organizzato dal CATAC Agenzia 4A di Fossano e da Coldiretti, con il patrocinio del Comune di Fossano. Cena a base di piatti cucinati utilizzando rigorosamente prodotti del territorio, forniti dalla Soc. Coop. Agr. Suingranda, dall’Az. Agr. Mario Panero, dalla Soc. Coop. Agr. O.D.C., dalla Compral e dall’ Az. Agr. Aldo Giordano.

“La Sagra d’Estate – spiega il presidente del CATAC di Fossano Raffaele Tortalla – è come sempre un appuntamento immancabile per il CATAC e per Coldiretti”. La serata si è aperta come di consuetudine con il conferimento del riconoscimento “Galant’om” a. Giovanni Battista Mellano di San Martino di Fossano. Un riconoscimento creato per dare valore ed importanza a persone comuni, la cui vita si è contraddistinta per correttezza, impegno, integrità. Oltre ai dirigenti e funzionari

MICRO PLANT

Coldiretti ed al Comune di Fossano si ringraziano le ditte che hanno contribuito alla riuscita della manifestazione: Integra s.r.l., Fratelli Randazzo Fossano,

di AGR. Ivon Disderi Servizio Fitosanitario Nazionale Passaporto delle piante Cee Servizio Fitosanitario Regionale di: Piemonte codice produttore: 02603970043 cod. iscrizione registro nazionale fornitori CN 0004

MICROPROPAGAZIONE DI POTINNESTI IBRIDI CAC - VIRUS E NEMATODI ESENTI

GF 677 - MRS 2/5

ISHTARA FERCIANA® - CADAMAN AVIMAG® Disponibili in florpak - vaso e innestati - epoca di impianto no stop

SELEZIONE DI ACTINIDIA HAYWARD E TOMURI

MIRTILLI DUKE

MICRO PLANT - Revello - Tel. 0175.259049 - 333.8686366 - Fax 0175.259991 e-mail: microplant@gmail.com www.micro-plant.it

19

Cassa Di Risparmio Di Fossano, Tecnozoo s.n.c., Vetefar S.r.l., C.A.P. Nord Ovest, Biotrade di Malavasi C., Agri Sicura s.r.l., Mondo Servizi s.r.l. m


20

VA R I E

N° 13 – 1-31 luglio 2010

Conoscere la montagna Terranostra presenta le con “benvenuti in nuove guide alpeggio” per gli “agrituristi”

A

lla scoperta delle meravigliose alture cuneesi e della tradizione dei margari con “Benvenuti in alpeggio”, l’originale iniziativa fissata per sabato 31 luglio a Oncino, in Alta Valle Po. La montagna, risorsa inestimabile del nostro territorio, come luogo di incontro fra i cittadini e i margari, in una giornata dedicata alla conoscenza del lavoro e delle tradizioni degli alpeggi. Sarà possibile effettuare escursioni per ammirare la bellezza del paesaggio alpino e assistere in presa diretta alla mungitura manuale, ai processi di caseificazione, condividere un pasto insieme ai margari stessi, all’insegna della semplicità e dell’allegria. Si tratta di un’occasione imperdibile per poter apprendere i segreti di una tradizione antichissima che caratterizza le tecniche di lavoro “in quota”, direttamente da chi è “custode” della montagna. Chi fosse interessato può richiedere ulteriori informazioni o prenotarsi entro mercoledì 28 luglio telefonando allo 0171.447287. m

uti in Alpeg n e v gio Ben

I

l vademecum completo per il turista: è questa l’ultima iniziativa promozionale realizzata dall’Associazione Terranostra Piemonte, presentata nel corso dell’Assemblea regionale di martedì 22 giugno. Un cofanetto nel quale il pubblico potrà trovare le cartine con un elenco esaustivo e aggiornato degli agriturismi del circuito Terranostra e dei punti di interesse in regione, suddivisi per provincia. Per il cuneese, è stata predisposta una cartina con i 73 agriturismi della Granda e 12 luoghi di rilevanza storico-culturale, ambientale e paesaggistica, insieme alle schede descrittive dei principali prodotti enogastronomici del territorio. In pratica, una mappa a “tutto tondo” per la valorizzazione delle eccellenze locali, all’insegna della tutela del paesaggio e della valorizzazione degli agriturismi, punto di contatto imprescindibile fra il mondo agricolo e la società. È possibile richiedere le guide Terranostra presso gli agriturismi del circuito Terranostra o presto gli uffici segreteria allo 0171.447287. m


AT T U A L I T À

N° 13 – 1-31 luglio 2010

Aperto il bando 2010 del programma di meccanizzazione

T

erzo atto del Programma di Meccanizzazione Agricola; per effetto, infatti, delle decisioni assunte dalla Giunta della Provincia di Cuneo, fino al prossimo 31 agosto è possibile presentare, attraverso il CAA Coldiretti, le domande per richiedere il riconoscimento dell’agevolazione prevista dall’articolo 10 della Legge Regionale n. 12/2008. L’intervento prevede la possibilità di usufruire di un contributo in conto interessi a carico della Regione Piemonte, in misura pari al 60% del tasso di riferimento (Credito Agrario di Esercizio per operazioni di durata superiore ai 18 mesi) vigente

alla data di presentazione della citata domanda. Ne consegue che l’aiuto in oggetto può essere concesso esclusivamente nel caso in cui il soggetto beneficiario (impresa agricola “professionale” avente sede operativa in provincia di Cuneo, che risulti iscritta al registro delle imprese e che abbia costituito il fascicolo aziendale) intenda stipulare, per l’acquisto di macchine ed attrezzature ad uso agricolo (di nuova costruzione), un finanziamento quinquennale. Al riguardo stante l’attuale andamento del mercato finanziario, la riduzione ordinaria del tasso d’interesse applicato

dalla banca finanziatrice è pari (per quanto riguarda il mese di luglio 2010) a 2,568 punti percentuali; misura che può essere incrementata di ulteriori 0,60 punti (potendo usufruire di un contributo complessivo pari a 3,168 punti percentuali) qualora il prestito a medio termine sia garantito da un confidi operante in agricoltura, in misura non inferiore al 50%. Nel caso in cui, inoltre, la sede aziendale sia ubicata in zona montana, l’aiuto è ulteriormente incrementato di un punto percentuale. Attraverso l’AGRICOLFIDI NordOvest s.c., quindi, l’impresa agricola avente la necessità

21 di rinnovare o diversificare il proprio parco macchine (non sono ammessi gli investimenti di semplice sostituzione), ha l’opportunità di usufruire di un intervento che consente di abbattere in misura sensibile l’incidenza degli oneri finanziari gravanti sull’operazione di finanziamento. In termini economici, la spesa massima ammissibile è stata fissata in euro 125 mila per le imprese individuali, euro 150 mila per quelle costituite in forma associata (società di persone o capitali) ed euro 250 per le cooperative. Oltre alle caratteristiche soggettive dell’azienda agricola richiedente il contributo in conto interessi, il bando stabilisce un vincolo di destinazione d’uso e di mantenimento (per un periodo non inferiore a cinque anni) del bene acquistato usufruendo dell’agevolazione in oggetto, in riferimento alla quale può essere presentata una sola domanda entro i limiti di spesa sopra indicati. m


22

N° 13 – 1-31 luglio 2010

AT T U A L I T À

Festeggiati a Frabosa Pensionati e Donne Impresa Coldiretti

U

n mix riuscitissimo, tra profondi momenti di riflessione e divertimento puro, giovedì 24 giugno alla festa Pensionati e Donne Impresa Coldiretti a Frabosa Sottana. Centinaia i partecipanti all’evento, che ha avuto inizio in mattinata con la S. Messa celebrata nella Parrocchia di San Giorgio da Mons. Luciano Pacomio, Vescovo di Mondovì, seguita dal saluto dei Dirigenti Coldiretti nazionali, regionali e provinciali. Quindi spazio alla buona tavola con l’appuntamento conviviale all’interno del “Palasagra”, appositamente allestito per l’occasione, dopodiché

il pomeriggio è proseguito all’insegna dei giochi e del ballo con numerosi premi in palio. Nel positivo bilancio dei festeggiamenti, infine, è doveroso rilevare la grande sensibilità dimostrata dai partecipanti nel sostenere, con le loro offerte, il progetto solidale a favore del Congo, finalizzato alla creazione di un percorso professionale nella comunità di Mawete a Selembao, gestito dalle suore di S. Giuseppe di Cuneo, in modo da insegnare ai giovani locali le pratiche necessarie alla coltivazione di orti ed all’allevamento. Arrivederci al 2011! n


AT T U A L I T À

23

N° 13 – 1-31 luglio 2010

Il privi le degli an gio ni che passano nel pote consiste r la prop esprimere ri autentic a ità! Jeanne

More

au Dalla ra ccolta d aforism i i Enrica T e citazioni di Fulcher avecchio i


24

AT T U A L I T à

N° 13 – 1-31 luglio 2010

I prodotti saluzzesi “conquistano” Vienna

L

e eccellenze enogastronomiche del saluzzese conquistano Vienna. Martedì 8 giugno, una serie di incontri nella capitale austriaca fra una delegazione di Saluzzo, composta dal Presidente della Fondazione Amleto Bertoni Michele Fino e dal funzionario di Coldiretti Vittorio Marabotto, ha sviluppato una serie di contatti con la stampa straniera e le istituzioni, in particolare con la dottoressa Cristina del Gobbo, della società Dante Alighieri, e il direttore dell’Ente Nazionale Italiano del Turismo, dottor Giovanni Manzo. L’occasione ha permesso di offrire una vetrina di prestigio per i produttori agricoli del Saluzzese, ospitati nel “Italienische Delikatessen” Melissa Food,

presente nel centro commerciale del “Gasometer”. A riscuotere un notevole apprezzamento da parte di un qualificato pubblico composto da operatori austriaci del settori enogastronomico e commerciale, i veri protagonisti dell’evento, vale a dire le prelibatezze del “Marchesato”:

la Gallina bianca di Saluzzo, i tumin dal Mel, i salumi, le tisane alle erbe di montagna, i prodotti trasformati, i vini delle Colline saluzzesi e una “new entry” che ha destato grande interesse fra gli esperti, cioè la birra “Martina”, nata da un’idea di Giovani Impresa Coldiretti,

prodotta con pere “Martin Sec” in collaborazione con la cooperativa sociale “Pausa Cafè” e con la Casa di reclusione “Morandi” di Saluzzo, che ha incassato un apprezzamento ancora più gradito perché i “palati” austriaci, in tema di birre, certo non sono sprovveduti. L’obiettivo di lungo periodo della trasferta viennese consiste nel creare uno scambio proficuo e sistematico con l’Austria, sotto il profilo turistico e quello commerciale, promuovendo naturalmente i prodotti enogastronomici saluzzesi. m


varie

N° 13 – 1-31 luglio 2010

I.P.

25


26

N otizie dal mondo dei cavalli

N° 13 – 1-31 luglio 2010

Raduno a Fontana Magnesia

I Raduno A.C.S.T.E.

P

er il secondo anno l’ACSTE rilancia con un’iniziativa che nelle intenzioni originarie del direttivo voleva essere aggregativa per tutta l’associazione. L’anno scorso si era tentato con il raduno dei Forti di Vinadio (una ventina i partecipanti), quest’anno si è pensato di proporre qualcosa di più performante, quindi si è organizzato un trekking di due giorni in quota. Risultato, ventuno

partecipanti di cui cinque ritirati per cause di forza maggiore, tant’è… Comunque, a parte recriminazioni e piccole delusioni, è stata una bella “due giorni”, paesaggi meravigliosi, come quelli che si possono trovare sulla Via del Sale, tra il Colle di Tenda e Monesi, una serata a Rifugio don Barbera, in allegria, un tranquillo ritorno, e un arrivederci al prossimo anno, forse.

l circolo Ippico Cavalieri del Drago, con la collaborazione del gruppo Alpini, organizza il secondo raduno alla Fontana Magnesia di Bernezzo sabato 31 luglio e domenica 1° agosto. Il programma prevede: sabato 31 luglio: arrivo e accoglienza cavalli e cavalieri; ore 20: cena con polenta, spezzatino e peperonata; a seguire serata danzante con musica country; domenica 1° agosto: prima colazione; ore 9,30 circa: passeggiata per i sentieri della zona con aperitivo lungo il percorso, offerto dal Barbourbar di Bernezzo; ore 13,00: pranzo, e a seguire lotteria, come primo premio soggiorno di 3 giorni per una persona, distribuzione gadget ricordo per tutti i partecipanti.

Sarà a disposizione un ampio spazio per i cavalli e campo tende. È gradita la prenotazione entro il 28 luglio. Ivo 335 6874008 Debora 333 5825948 Barbara 333 9369933


N° 13 – 1-31 luglio 2010

27

Ancoraggi per vigneti e frutteti


28

AT T U A L I T À

N° 13 – 1-31 luglio 2010

Per i soci Coldiretti

Convenzione con

È

stata confermata la convenzione con Venus Welcome Alpitour – Piazza Europa, 9 – Cuneo – Tel. 0171.696256 – e-mail: cuneo.piazzaeuropa@ wtg.alpitourworld.it per i viaggi individuali (soggiorni, crociere, viaggi in tutto il mondo) e per la biglietteria che prevede:

VIAGGI INDIVIDUALI (Venus Welcome Travel Alpitour) • Accesso dedicato al sito aziende.welcomeonline.it (username: dipcoldiretti password: dipviaggi5712), per conoscere e consultare in tempo reale le migliori proposte di Welcome Travel Group, che prevedono riduzioni fino al 30%. • Riduzione dell’8% sulle quote indicate nei cataloghi Alpitour, Villaggi Bravo Club, Francorosso, Viaggidea; la disponibilità dei servizi è da intendersi su richiesta. • Riduzione del 5% sulle quote indicate nei cataloghi di Costa Crociere, Valtour, Veratour, Club Mediterranee, Gruppo Hotelplan, MSC, non cumulabile con iniziative promozionali di prenotazione anticipata, la disponibilità dei servizi è da intendersi su richiesta. • Le offerte saranno valide per i soci ed i loro accompagnatori. • Le richieste di prenotazioni dovranno pervenire in tempo utile alla normale espletazione delle procedure ed effettuate presso l’agenzia Venus Welcome Travel, Piazza Europa, 9 Cuneo. • Le prenotazioni dovranno essere interamente saldate prima della partenza e comunque nel rispetto delle condizioni generali di contratto pubblicate nei singoli cataloghi dei tour operator di riferimento. Validità della Riduzione La riduzione concordata sarà applicata alla quota individuale di partecipazione del catalogo di riferimento e non sarà cumulabile con le offerte/promozioni extra-catalogo. Saranno da considerarsi escluse le quote di iscrizione, gli

e eventuali noleggi auto o traghetti, visti turistici, escursioni, assicurazioni integrative, supplementi carburante, diritti di agenzia. Biglietteria Welcome Travel Group (di seguito WTG) si impegna ad erogare ai soci un servizio così come di seguito specificato: • Prenotazioni di viaggi aerei, ferroviari, marittimi, sia nazionali sia internazionali ed emissione della relativa biglietteria; • Prenotazioni di vetture a noleggio, con o senza autista, ed emissione di vouchers; • Prenotazioni alberghiere in Italia e nel mondo ed emissione di vouchers. Il servizio è comprensivo di qualsiasi operazione accessoria relativa, compreso lo svolgimento delle pratiche relative ai rimborsi, all’ottenimento dei visti, ecc. Il servizio verrà svolto attraverso Venus Viaggi Welcome Travel – Piazza Europa, 9 – 12100 Cuneo – Tel. 0171.696256 – e.mail: cuneo.piazzaeuropa@wtg.alpitourworld.

VIAGGI DI GRUPPO (Agenzia “In Terre di Granda”) È stata, inoltre, sottoscritta una convenzione con “In Terre di Granda” – Piazza Europa, 9 – Tel. 0171.67575 – e.mail: staff@interredigranda.com, per i viaggi di gruppo (soggiorni, tour). La riduzione per i Soci Coldiretti e famigliari (coniuge e figli) sui viaggi da catalogo è pari al 5%. Tali riduzioni non vengono applicate sui viaggi speciali e sui soggiorni organizzati in collaborazione con “Donne Impresa” e la “Associazione Pensionati” per i quali vengono applicate quote già ridotte. I signori Soci possono continuare a far riferimento ai Tourist point operativi presso gli Uffici Zona Coldiretti.


S caden z e a z iendali

26 LUGLIO (essendo il 25 domenica) ACQUISTI – CESSIONI E PRESTAZIONI DI SERVIZI INTRACOMUNITARI – mese di giugno e 2 trimestre 2010

Scade il termine per i contribuenti mensili e trimestrali per la trasmissione, in via telematica, all’Agenzia delle Dogane dell’elenco riepilogativo degli acquisti e delle cessioni intracomunitarie di beni e servizi resi e ricevuti rispettivamente nel mese di giugno e nel 2 trimestre 2010.

31 LUGLIO DENUNCIA DELLE RETRIBUZIONI DEGLI OPERAI AGRICOLI

Entro tale data devono essere inviate in via telematica all’INPS ex Scau le denunce delle retribuzioni (modello DMAG) corrisposte agli operai a tempo determinato ed indeterminato nel trimestre aprile-maggio-giugno 2010. IVA REGISTRAZIONE FATTURE

Per le fatture di vendita il termine per effettuare la registrazione è stabilito in 15 giorni dal momento in cui sono state emesse. Le fatture d’acquisto devono essere annotate in apposito registro entro l’anno nella cui dichiarazione viene esercitato il diritto alla detrazione della relativa imposta. IVA ESPORTATORI

I contribuenti che si avvalgono della facoltà di acquistare o importare beni e servizi senza pagamento dell’imposta devono annotare nei registri di cui agli articoli 23 o 24 ovvero 39, secondo comma, entro ciascun mese, l’ammontare di riferimento dell’esportazione e quello degli acquisti effettuati senza pagamento dell’imposta. Il tutto risulta dalle fatture e bollette doganali registrate entro il mese precedente.

2 AGOSTO TRASMISSIONE TELEMATICA MODELLO 770 SEMPLIFICATO

Entro tale termine deve essere inviato in via telematica all’amministrazione finanziaria il modello 770 semplificato. Sono obbligati alla presentazione di tale modello i datori di lavoro che hanno assunto manodopera nel corso dell’anno 2009 ed i soggetti che hanno versato ritenute d’acconto per prestazioni professionali.

N° 13 – 1-31 luglio 2010

29

16 AGOSTO (essendo il 15 festivo) IVA FATTURAZIONE DIFFERITA

A seguito delle modifiche apportate all’art. 21 del D.P.R. 633/72 deve essere emessa, entro tale data, la fattura per le cessioni di beni effettuate nel mese di luglio, la cui consegna o spedizione risulta da idoneo documento. La fattura differita deve essere registrata entro la stessa data e con riferimento al mese di consegna, cioè luglio. VERSAMENTO RITENUTE FISCALI IRPEF

Scade il termine per i versamenti delle ritenute effettuate nel mese di luglio sui redditi di lavoro autonomo e di lavoro dipendente. IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO (contribuenti trimestrali)

Entro tale data i contribuenti che esercitano l’attività agricola, d’impresa o di lavoro autonomo che hanno realizzato nell’anno 2009 un volume d’affari inferiore a e 309.874,14, se esercitano l’attività di prestazioni di servizi, ed arti e professioni e inferiore a e 516.456,90 se esercitano l’attività agricola o di impresa ed hanno optato ai sensi dell’art .66 L.427/93 per la liquidazione trimestrale devono annotare sul registro delle vendite la liquidazione periodica dell’imposta relativa al trimestre aprile-maggio-giugno 2010 ed effettuare il versamento IVA mediante modello F24 telematico. IMPOSTA VALORE AGGIUNTO (contribuenti mensili)

Annotazione di liquidazione per il mese di luglio e versamento dell’eventuale imposta, tramite modello F24 telematico, da parte dei contribuenti, che esercitano attività agricola d’impresa o di lavoro autonomo che nell’anno 2009 hanno realizzato un volume d’affari superiore a e 309.874,14, se prestazione di servizio o di € 516.456,90 per le altre attività. Devono inoltre effettuare la liquidazione tutti i soggetti con volume d’affari inferiore al limite suddetto che non hanno effettuato l’opzione ai sensi dell’art. 66, legge 427/93. IVA COMUNICAZIONE DEI DATI CONTENUTI NELLE DICHIARAZIONI D’INTENTO

Entro tale data deve essere trasmessa telematicamente la comunicazione dei dati contenuti nelle dichiarazioni d’intento, ricevute nel mese di luglio 2010, Sono obbligati a tale adempimento le ditte IVA che emettono fatture nei confronti di esportatori abituali ai sensi dell’art. 8 lettera c) del D.P.R. 633/72. m


30

N oti z ie E P A C A

N° 13 – 1-31 luglio 2010

Studenti: iscrivibilità negli elenchi dei coltivatori diretti partecipa all’attività aziendale. Inoltre, occorre tener presente che l’iscrizione negli elenchi dei CD effettuato oltre i termini di legge, 90 giorni dall’inizio dell’attività, comporta un onere aggiuntivo rappresentato dalle sanzioni ed interessi legali in base all’anno di tariffazione. Studi in corso Partendo da una delle condizioni previste per l’iscrizione negli elenchi CD e cioè l’abitualità, si può affermare che tale requisito si soddisfa quando un’attività è svolta con continuità e non in maniera occasionale. Si deve, inoltre, tener presente che il nucleo coltivatore diretto si regge sulla parentela e sull’apporto lavorativo di tutte le unità presenti in tale nucleo, nei limiti delle disponibilità di ciascuno di essi. In considerazione delle predette valutazioni, si possono identificare due ordini di situazioni. La prima riguarda l’ipotesi che gli impegni di studio non richiedano

l’allontanamento dello studente dall’azienda familiare, circostanza che, unita a tutti gli altri requisiti previsti dalla legge per essere considerati coltivatori, consente di procedere all’inclusione dello studente nel nucleo di appartenenza. Studente fuori del nucleo Nei casi di soggiorno in collegi, frequenza obbligatoria ai corsi di studio universitari o a corsi di specializzazione, con prolungata permanenza in località diverse dal luogo ove si trova l’azienda è evidente che tali situazioni contrastano con la possibilità dello studente di partecipare abitualmente all’attività del nucleo familiare, con la conseguenza che non può essere riconosciuta l’appartenenza e l’iscrizione al nucleo diretto coltivatore. Attività limitata In precedenza abbiamo esaminato situazioni diametralmente opposte, che creano o meno le condizioni di

iscrivibilità negli elenchi dei CD. Tuttavia esiste anche un’ipotesi intermedia, che consente l’iscrizione a periodi determinati di una persona che si dedica agli studi e cioè l’arco di tempo rappresentato dallo svolgimento di attività durante i mesi estivi, i quali, com’è noto, sono normalmente liberi da impegni scolastici. Come comportarsi Il futuro pensionistico, specialmente delle persone in giovane età, è sempre più legato all’entità dei contributi che riuscirà a versare all’INPS, pertanto, tenuto conto di ciò, è opportuno sfruttare tutte le possibilità che lo svolgimento di un’attività lavorativa, pur contestuale agli studi, offre. Si suggerisce, a coloro che si trovano o si troveranno in una delle condizioni considerate, di mettersi in contatto con gli Uffici EPACA della Coldiretti, per valutare con tempestività la possibilità di iscrizione negli elenchi dei CD. m

Réclame

La condizione dell’abitualità Tra i presupposti richiesti dalla legge per l’iscrivibilità negli elenchi dei coltivatori diretti, riveste particolare rilievo quello della abituale e manuale coltivazione del fondo. Requisito che si soddisfa quando le attività connesse al fondo vengono svolte in modo esclusivo o prevalente. Iscrizione al termine degli studi L’iscrizione può avvenire non prima del momento in cui il minore ha concluso il periodo di istruzione obbligatoria, cioè i 16 anni di età. Considerato che il termine per essere iscritto negli elenchi dei coltivatori diretti è di 90 giorni dell’inizio dell’attività, ne consegue che per evitare un vuoto contributivo, difficilmente colmabile e, spesso, decisivo per un futuro pensionamento, è importante valutare con tempestività la posizione assicurativa di colui che, facente parte di un nucleo CD, cessa gli studi e

LA TERMO IDRAULICA BELTRANDO & DURANDA

Serra a Tunnel per deposito rotoballe di varie misure.

Novità

Vendita, assistenza e installazione caldaie a legna e pellet delle migliori marche: UNICAL Pannelli solari per produzione acqua ARCA ICI calda sanitaria e compatibili con impianti STEP di riscaldamento a pavimento.

Bomboloni Gpl a norma di legge. Impianti a gas civili e industriali PREVENTIVI gRATUITI! Sede Piasco Tel. 0175.79508 - 347.5417067

Via Gramario, 3 - Levaldigi (Cn) - Tel./Fax 0172.374114

SNC

Verzuolo

Tel. 0175.86760

Saluzzo

Tel. 348.0053487


notizie epaca

31

N° 13 – 1-31 luglio 2010

Contributi inps dovuti per l’anno 2010 L’INPS ha comunicato i nuovi importi dei contributi dovuti dai Coltivatori Diretti per l’anno 2010. I termini di scadenza per il pagamento sono il 16 luglio, il 16 settembre, 16 novembre 2010 e 17 gennaio 2011. L’INPS ha inviato a domicilio di ogni titolare d’azienda i modelli F24 tramite posta ordinaria. Nelle tabelle sottostanti sono indicati gli importi da corrispondere. Gli Uffici Zona e di recapito del Patronato EPACA della Coldiretti sono a disposizione per la

compilazione dei modelli e la verifica degli importi.

Maggiori di 21 anni - Zona Pianura

Maggiori di 21 anni - Zona Montana e Svantaggiata

Ultrasessantacinquenni - Zona Pianura

Ultrasessantacinquenni - Zona Montana e Svantaggiata

DICHIARAZIONE REDDITI LAVORO AUTONOMO (Mod 503 AUT)

Epaca in pillole

Entro la data del 31 Luglio 2010 i titolari di pensione od assegno di invalidità sono tenuti a produrre all’ente erogatore delle predette prestazioni pensionistiche la dichiarazione dei redditi da lavoro autonomo in via consuntiva, per l’anno precedente, e presuntiva per l’anno in corso. Dal 1 Gennaio 2009 la legge 6 Agosto 2008, n. 133 ha invece previsto l’abolizione del divieto di cumulo per le altre prestazioni pensionistiche. Il Patronato Epaca della Coldiretti è a disposizione per fornire assistenza in merito.


32

P R O P O S T E D ’A F F A R I

N° 13 – 1-31 luglio 2010

ERMES GOMMISTA snc Via Carmagnola, 5 - 10046 POIRINO (TO) Tel. 011.9450558 - Fax 011.9451972 e-mail: ermesgommista@tiscalinet.it

VENDO H Gruppo diserbo per seminatrice Gaspardo 4 file mais tel. 3292176648

Il mercatino del Coltivatore

H Cimatrice BMV, imballatrice Sgorbati, autocaricante Supertino, girello e cerco portone in legno con portina tel. 3289355750 H Raccogli nocciole a tubi TR211, pari al nuovo tel. 3282194810

H Fiat 1300, doppia trazione, cabinato con attacco per lama tel. 3468797906

H Imballatrice a formato piccolo in buono stato tel. 0174244432 ore pasti

H Fieno vecchio balle piccole tel. 3315832794 ore pasti

H Motopompa diam. cm. 2 a benzina autopescante m. 6 come nuova e terreno vicino campo sportivo a Monchiero tel. 3383008818

H Atomizzatore Turbo d’occasione tel. 3295962882 H Trattore Fend 305 LSA DT, caricatore frontale, rimorchio 2 ruote 60 q.li 190x305, come nuovo, coclea per cereali, elevatore mais e legna tel. 3293335962 H Fiat 1180, doppia trazione, 118 CV, cabinato con caricatore frontale SVA e pinza rotante tel. 3381235786 H Caricatore frontale con attacchi rapidi su trattore e attrezzo per potenze da 60 a 100 CV tel. 3398971017 H Uve Dolcetto d’Alba D.O.C. , bella posizione, viti vecchie, anche suddivise tel. 3355653602 H Essicatoio mais Law in buone condizioni, prezzo conveniente, per cessata attività tel. 0171380530 H Girello Morra 4 giranti tel. 0171384948 H Imballatrice John Deere 336 e elevatore mais tel. 0171689207 H Distributore latte e cercasi operaio agricolo esperto trattorista tel. 3474892113 3474994879 H Carica letame Jumbo con pinza e benna scavo, buono stato tel. 3333207092 H Aratro fuori solco tutto idraulico 80-90 CV tel. 0173615169 ore pasti

H Rimorchio omologato 280x160, non ribaltabile, vera occasione tel. 3394229171 H Falciacondizionatrice larghezza 2,65 e fresa Pasquali 14 CV tel. 3337969232 H Botte spandiliquame “Crosetto”, collaudata, 140 q.li, braccio carico idraulico, anno 2006, come nuova tel. 3889427172 H Trattore Deuz 52 CV e Scooter nero Kimko, 7.300 km tel. 0172490189 H Per cessata attività trattore Massey Ferguson per frutteto, 4 RM HP 75 cabina originale e trincia Breviglieri tel. 3384990516 ore serali H Trattore vecchio, livellatore, trattorino 4x4, mini escavatore e attrezzature varie tel. 3385483995 H Legna da ardere di Faggio, Rovere, Frassino e Gaggia, segata e spaccata, consegna a domicilio tel. 3387453766 H Bigoncia carrellata completa di coclea per scarico tel. 3391468060 H Rimorchi a trazione per Goldoni tipo special 14 CV con guida volante tel. 3392717848

H Motofalciatrice rotante tipo Giralda da 6 CV semovente tel. 3392717848 H Pesa bestiame portata kg. 1.500 tel. 0119278260 H Attrezzature agricole varie per cessata attività e affitto capannone anche predisposto per stoccaggio cereali tel. 3402420286

H Falciatrice Bartolini, motore Lombardini, mulino per cereali, 16 martelli, rullo m. 2x0,80 a sollev., elevatore da fieno e mais 220 volt tel. 0172488560 H Motocoltivatore Pasquali 18 CV, 4 ruote e 4 ruote Michelin 105/65 R13 tel. 017143058 ore pasti

H Piantine nocciole di 2 anni “Tonda gentile delle Langhe” di vivaio certificato tel. 3387767674

H Terna Fai 96 DT Turbo, ottime condizioni con documenti, escavatore EX 22 SR q.li 25 con 730 ore tel. 3200809674

H Fornisco sansa gusci, pelletes e legna da ardere tel. 017370322 3395663451

H Trattore Landini R 5000 perfettamente funzionante con documenti, euro 1.500 tel. 3287616665 3482360014

H Legna da ardere tel. 3288986613

H Due botti 2.500 l. abbeveraggio bestiame, 1 biga trasporto bestiame a sollevamento tel. 3402543916

H Desilatore carica erba, abbeveratoio per pascolo, frigo latte l. 700, 3 bidoni per mungitura tel. 3496038164 H E regalo casse legno frutta, ottimo stato tel. 3477152077 H Erpice disco 29 cm diam., piastrelle veneziane, 2 porte m. 5 cadauna, 11 porte interne, travi vecchi tel. 337211431 H 2 silos da 40 q.li e 1 da 60 q.li tel. 3402638919 H Trattore Fiat 9090 DT tel. 3383773882 H Centrifica a sommersa, tubo da 20 cm di diametro a cardano tel. 011974236

H Autocatturanti 38 posti con mangiatoia prefabbricata e spandiletame Crosetto 4,50x2 m. tel. 3333458816 H Girello voltafieno e attrezzo per pulire i fossi tel. 0171938195 H Autocar. Riberi omol., desilatore Giordano, trasporto latte Alfa Laval 6 gruppi, gomme e cerchi invern. 175/65/R14 e cerco 4 dischi dm 15 tel. 017267725 H Imballatrice balle piccole funzionante tel. 3348144060 ore pasti H Coclea per granaglie tel. 3331783754

H Trattore Fiat 640, 64 CV, anno 1978, buone condizioni, cabinato con idroguida, euro 4.500 trattabili tel. 3383216062

H Sala Tecnozoo 6 più 6 a spina di pesce, gabbione per rotoballe e Vespa anni 70 funzionante tel. 3384403167 3339417953

H Trattore Carraro TGF 1.300 ore tel. 3381567515

H Trattore Lamborghini 50 CV 4 RM, Same Corsaro Frutteto 4 RM, ottimi tel. 3356698997

H Taglia balloni, usato poco, ottime condizioni, ottimo affare tel. 3339075692

H Bivomero “Segala” in ottimo stato tel. 3333102257


P R O P O S T E D ’A F F A R I H Fiat 415 con barra falciante, erpice 25 dischi, aratro rastrellina a nastro tel. 3333320397 H Trebbiatrice trifoglio, Ruston con alimentatore funzionante, euro 1.000 tel. 017442734 H Tino in legno mg. 100, cisterna in acciaio sempre pieno l. 700, pompa per vigna capacità l. 200 tel. 3397816112 H Silos per cereali 60 più 60 q.li e cerco silos da 30/40 q.li tel. 3397521508 H Anche separatamente circa 15 anatre mute, nate inizio giugno, zona Caraglio tel. 3388426760 H Capretto per monta o macello, vitelli Piemontesi per ingrasso e bascula media tel. 3487641335 H Toro Piemontese iscritto di 2 anni e mezzo, prezzo interessante tel. 3332134636 H Cuccioli di Border Collie da lavoro senza pedegree vaccinati, sverminati, con microchips, euro 250/300 cadauno, zona Saluzzo tel. 3493312703

H Villa bifamiliare, recintata, 2 garage, cantina, alloggio più mansarda, prato verde e 1.700 mq. di terreno tel. 3495837444

H VW Golf 1.9 TDI, 130 CV, grigia, molto accessoriata e bella, km 159.000, anno 2007, vero affare, euro 5.500 tel. 017544487 ore pasti

H Bosco ceduo, località Vamarone Vezza d’Alba tel. 3400570914

H Freelender 2 HSE 2.2 cc, 2007, km 63.000, arancione metallizzato, bollo fino a maggio 2011, nessun difetto, euro 26.000 tel. 3479608810

H Savigliano: porzione di casa bifamiliare, in buone condizioni, prezzo trattabile tel. 3295741412 H Casa rurale e adiacente mezza giornata P.se di terreno in Busca via Conti della Morra tel. 0171944204 H Terreni coltivati a Barbera, Nebbiolo da Barbaresco e Moscato e noccioleto (25 anni), macchine agricole come nuove, comune Neive tel. 0173677155 H Centallo, rustico ristrutturato, cortile recintato, cantina, legnaia, posto su 2 piani, 120 mq. per piano, vero affare, euro 150.000 tel. 3383930239 H Cravanzana, bilocale arredato e restaurato tel. 3385865201 H Azienda per allevamento ovino/bovino e terreno in affitto tel. 3343198975

H Asino grigio crociato, mesi 20, dolcissimo adatto per maneggio tel. 3355365232 ore serali

H Moretta: casa indipendente su 2 piani con cortile, giardino, orto, cucina, 2 camere, 2 bagni, garage, volendo 1 giornata P.se di terreno tel. 3346115526

H Cuccioli Volpini bianchi tel. 3398222577

H Scooter come nuovo tel. 017546061

H Cuccioli Pastore Tedesco e 8 gabbie parto scrofe tel. 3356099640

H Fiat 600 ottime condizioni e gabbie conigli per fattrici e ingrasso tel. 017267781

H Cuccioli di Border Collie pura razza, genitori visibili tel. 3386765636

H Piaggio Ape Porter, cassone fisso, catalitico, occasione tel. 3332385390

33

N° 13 – 1-31 luglio 2010

H Ape 50, anno 1994 con motore nuovo del 2008, revisionato con roll-barr, euro 1.400 trattabili tel. 0173796275 ore pasti H Scooter Malaguti F 15 50 cc, anno 2006, km 5.250, come nuovo, vero affare tel. 0175343149 3386416927 H Moto Yamaha 20 KF 600, anno immatricolazione 1989, gomme nuove, prezzo interessante tel. 3355380011 H Mazda Tremacy SW 2000 CC diesel, anno 2003, sempre tagliandata, ottime condizioni tel. 0171383733 H Ape Cross 50 doppio faro motore nuovo tel. 3461887973 H Quad motore Yamaha 260 cc (guidabile 16 anni) km 530, omologato 2 posti, anno 2008 tel. 017466452 H Mitsubishi Pajero GLS 2.500, 7.000 euro trattabili tel. 0172694575 H Nissan Navarra Pick up 2.5 TD 136 CV, double cable super accessoriato, ottime condizioni tel. 3392610489 H Fiat Scudo 2000 collaudato anche per trasporto animali tel. 3355476672 H Fiat 500 d’epoca tel. 017461124 ore pasti

H Ciclomotore Zip marca Piaggio, color nero, buono stato, prezzo interessante tel. 3388264648 H Fucile Benelli M 1 Super 90, canna cilindrica con bindella, euro 500 tel. 0173790332 H Portone sezionale, come nuovo con porta e vetrata h.m. 2,80 x largh. 4,60, a euro 500, affarone tel. 3393123292 H 7 porte interne tel. 3381905700 H Palline da golf usate, di qualsiasi marca tel. 3495065905 H Sala stile Barocco piemontese, ottimo stato, vero affare tel. 3396258002 H Mobili cucina, porta televisore, mobili camera da letto tel. 0171699616 3496337670 H Portone basculante 275x240, buone condizioni e Scooter Aprilia a euro 200 tel. 3343677355 H Mulino “Cravero” con coclea di carico e scarico produzione 150 q.li/ora, euro 2.500 non trattabili tel. 3334752630 H Prezzo modico, portoncino in ferro (2,20 h.x 1,40 largh. circa), 1 porta finestra, 2 portoncini in legno, 8 finestre diverse misure tel. 3403258412 H Botte tipo Bossini 2 assi con pescante laterale tel. 3403015649 H Impagliatrice Bravo usata funzionante tel. 3355452236 H Carro da buoi in legno e torchio diametro 50 cm. tel. 3805185511


34

P R O P O S T E D ’A F F A R I

N° 13 – 1-31 luglio 2010

H Doccia, bidet, WC, lavandino con mobiletto, porte interne e porta basculante tel. 0174244149 ore serali

H Appartamento a Madonna delle Grazie con cantina e garage, ottima posizione tel. 3396258002

H Generatore di corrente 10 kw, 2 raschiatori con catena 80 m. circa, 60 battifianchi per cuccette in opera tel. 3395815412

H Alloggio arredato in Savigliano e vendo caldaia per riscaldamento acqua vitelli tel. 3385262729

H Circa 400 coppi vecchi tel. 0171682317

CERCO H Operaio agricolo per raccolta mele da fine agosto a inizio ottobre, zona Busca tel. 3490975120 H Per acquisto azienda agricola, capannoni per allevamento bestiame tel. 3345007331 H Catena letame m. 70 con palette cm. 30 tel. 0171902129 H Vespa PX 125, anno da 1980-84 in buono stato e prezzo ragionevole tel. 3493763180 ore pasti

AFFITTO H Vicinanze Cuneo cascina con 3,50 g.te Piemontesi di terreno da orto e/o vigneto tel. 0173721263 0172425320 H 4,50 g.te terreno irriguo, Fossano Fraz. Murazzo tel. 0172641060 H Antibes ampio e luminoso monolocale max 3 posti letto, vicinanze spiagge e centro storico, tutti i confort tel. 3356778973 H Vignolo alloggio in villa tel. 3356778973

H Ad amanti animali, magnifici cuccioli incrocio pastore Tedesco e cuccioli di piccola taglia tel. 0172716434 H Gattini bellissimi tel. 0171214553 ore pasti

H Bilocale arredato a Fossano tel. 017262977

H Cuccioli taglia piccola, solo amanti animali tel. 3387427768

H Alloggio in Moretta, zona centrale tel. 3487498373

H Cagnolina razza piccola incrociata con un bassotto tel. 3480561968

H In casa di montagna, bella tavernetta per feste e ricorrenze, volendo 10 posti letto tel. 3475825566 H Bordighera alloggio 4-5 posti letto, vicino mare, libero agosto-settembre, mensilmente o quindicinale tel. 3386147354 H Affitto box per cavalli o custodia tel. 3339445455 H Alloggio vicino mare a Cannes tel. 0175278688 3398563846

REGALO H 6 graziosi micini di 60 gg., di diversi colori a veri amanti animali, preferibilmente per vita in casa tel. 337234447 H Cuccioli incrocio Pastore Tedesco-Lessie, 2 maschi e 1 femmina, accettasi offerta tel. 0172655340 3388349529 H Gattini, 2 maschi e 2 femmine, zona Caraglio tel. 3280191199 H Cuccioli cani taglia piccola meticcia (incrocio volpino) tel. 3290641102 H Gattini affettuosi ad amanti animali tel. 3396341109

H Cuccioli taglia piccola, meticci ad amante animali tel. 017461325 3386727686 H Cucciolo di cane da pastore maschio, taglia media tel. 0175977490

VARIE H 45enne rumena cerca lavoro come badante tel. 0172643226 3296674775 H Eseguiamo raccolta nocciole con semovente tel. 3339908511 H Casaro apprendista piemontese volenteroso cerca lavoro in caseifici tel. 3332969608 ore serali H Cerco lavoro in agricoltura, regolare permesso di soggiorno, automunito, nella provincia di Cuneo tel. 3392753291 H Artigiano edile piemontese esegue, ristrutturazioni tetti, intonaci e rifiniture, zona Langhe e Roero tel. 017333459 3388870912 H Pierin l’imbianchin piemunteis esegue lavori di tinteggiatura muri interni ed esterni, prezzi onesti tel. 3342323917

H F.lli piemontesi eseguono lavori di intonaco (trabucant), prezzi modici tel. 3407751771 3407751772 H Cedesi autonegozio salumi -formaggi, 35 anni attività, 6 posti fissi mercati CN, guadagni verificabili tel. 3387420848 H Offresi per traslochi, restauro mobili, sverniciatura e verniciatura porte e finestre tel. 3409837026 H Decoratore piemontese esegue lavori tinteggiatura interno ed esterno tel. 3351450488 H Ditta edile esegue accurati lavori di vario genere, costruzioni e ristrutturazioni tel. 3356919348 H Impresa edile specializzata in rifacimenti tetti cerca tetti da rifare e/o ristrutturare tel. 3392821572 H Coppia cerca lavoro per raccolta frutta tel. 3395815343 H Cerco lavoro part-time come domestica, pulizie, baby sitter, zona Busca tel. 3475659229 H Decoratore esegue a prezzi modici ottimi lavori tel. 3458072636 H A famiglia con parziale occupazione offro appartamento nuovo, spesato in cambio custodia in agriturismo, zona Monteu Roero tel. 3357205718 H Richieste autorizzazioni pozzi idrici ed eseguo ispezioni con video telecamere tel. 0172642184 3386890923 H Abbattimento piante e pini pericolosi presso abitazioni tel. 0174787134 H Cerco lavapiatti automunita, per locale sito in Murazzano tel. 3398130207

Il Coltivatore Cuneese n.13 luglio 2010  

Il Coltivatore Cuneese quindicinale edito da Federazione Provinciale Cuneo

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you