Page 1

Si l VIO T REN TIN

STATO - NAZIONE FEDERAUSMO

C ASA ! DIT R IC ti . lA MI L AN O


• ...... T_ .... ,..

__ ...

..-10 _ _ . _ . _ ........ _ Io,.. . . ",

0;.,,_.

_ _ ._

_ _ ,.

.,.... _..p _ _ ...

... _ ......... ._'_ _ ""_U . . _... <101 _ _

._00 . . .

_.......... _-...,.. ... _ '" 'o • ' •...,. ........... ......... ... _. ............___.....__ _.... _ .......... ..... ...... U ...I ...

T_

".--1-"" ... ___ ,Io . . . . ' . . .... .. k _ l i ... _ " .... ,..._,_ _

.....

_ _ _ _ U. _ _ _ _ _ ...r.

_ _ l''!'''''': _ _ _ _ ...... .w. "'.-'ti _ • _ . . - "",'" _ c..1Y _ _ ,,,, , ,

T_.,; _ , . . . d.

lo

,

.,I _ _

. . . ..... ,.,.:...... •

-..,.... __ ,--'> _/-_ . /-...

.J._ •.........._·r . ....-.. . . ,.. ""__ . . ....,_ -,...-.,-...... .io,........ """ T_...

"""" 001 _ " , _ lonc-4o. ,... _ _,....,.". _ _ ..A"1"1__

.... ,.......,.1 ........ -... _ .. .. -,... ..- .... _1 _-"'"

, r........ _.

;,, '

01 .... _ _ poi ...-

,.,............. oor-.......... .J ..........:- .......

,..... ljor..- _

--

.. ,

,lo

T-.. ...... "'P

,../0 ....

"".,; .....

"'-1 ....... ,; ... __ "'l'-' _ _ • _ ..... (>0 _ .. . . . , . . . . -• .... _ _ ........... _

::

- CI

oIon-..I.

,1_.-..1.


" Che libeTtà e gùlStiZia, astrattamente considerate, non

pugnmo, anzi, si noti v' è du.bbio: Ed è divenuta ()tIV$4 la COt1nderaDone che gtuJTda alla l,berla non come ad una sit1Ult1ot1t! di stasi, bensì cerne ad un processo ditutmico di liberazione, rivolto a renJn-e sempre più ampia e conNeta la libertà f'eT il maggior numero possibile di uomini.

Ma nel campo concreto, il terreno della politica e quello delJ'ecooomia inteTjeriscot1o profondamente. Non si compyende alma come si possa attuare il coUrltivismo senza mettere a seno pericolo la libefflÌ, senta inCOTTe1'e in queUa pianificaz.ione ed in quella ycgolamentazione che finirebbero per ledere pro-

fontkmente il senso d'aut<tnOt!'1ia della perscnutlità. Nè si puQ credere che il totalitammo in economia possa coerute're impu-

nemente coll'esercizio della libertà nella vita polttica. Vita poLitica. e vita economica sono solidali: la struttura dittatoriale si afferma dall'una all'altra ed un avvro colkHivista non ben definito entro limiti fWecisi, finirebbe per travolgere tutto il 1'esto sulla sua china. Le forme di combinazione cui si può 4$11'attamente pettS41'e, non hanno avuto la conferma della storia se non in forme troppo limitate e di mO'desta proporzione, perchè sì debbano senllmmte considerare. 1l più delle velte, nei suoi scritti precedenti, T1'entin si è accontentato d'una risoluzione ideale al problema che indubbiamente lo tonnentava; si ha l'impressione che, quasi istintivamente, egli rifuggisse dal vaglia1'e la consistenz.a d'una uUe nsolut.ione sul terreno conc1'eto, per tema di veder S01'gere selve di difficoltà sulLa sua strada. Sicchè una vera soluzione egli non Provava, se non rifacendosi alla fusione, nel campo sentimentale, dei due nwtivi così fortemente innestati nella sua passionalità di uomo politico. Ma tak fusione sentimentale lo ribdttava nel campo aert'ideologia, fuori cklla politica viva. E quegli scritti suggeriscono 'P1'oprio la riseJVa che, sotto il calore della perorazione, non stia ur.a posizione politicamente precisa e definita. In questo volume, al cont1'ario, T1'entin fa un pasm in avanti decisivo, esce dal dilemma e 1'aggiunge un piano prospett:ico verameTlte nuovo e, a nostro avvisO', risoLutive. Pastosi nell'antiwsi suaccennata, egli non poteva che o approtondirta o tenlare di smmuirla e ridurla: in effetti riwc1va e interdipenckntemente. L'antitesi, però, alle due cose

poteva esser superata solo che si conseguisse un nuovo punto di vista; questo fu conquistato da T1'entin nella conceziane federalistica dello Stato. lA sintesi era così data dalla creazio, ne d'una situazion< spirittUÙmente e storicamente più ricca. Questo nucleo ideale e srorico nuovo si può così b)"evemente riassu.mere e definire: il compito profondamente inuo' varo-re c"lli oggi è la democrazia è di cont1'apporre: aUo stato accent1'ato ed accentratore 1.0 stato cooperativo e federalistico, basato sulla pluralità dei bisogni e, conseguentemente, sulla pluralità ed autonomia di istituti ed associazioni. P41'tendo da questo nuovo punto di vista, che gli iUumirnt in una maniera del tutto particola.re la storia, T1'entin riper_ corre il p-rocesso di formazione delle stato accentrato con speciale riferimento alla Germania, alla F,.ancia ed all'Italia. In questi Paesi si ha l'afJel'tn4rsi, nell'epoca moderna, deU'assolu.h.snw nwnarchico, coUa conseguente concentrazione di tutto il potere nel governo del principe. Ad esso è quasi p-repara?:ÌOt1e il totalitar1snw medievale di papato ed impero. T1'entin è tut, ta'llÌa attento anche agli sforzi per sbfcccare tale concent1'azio, ne del pof..e1'e, sforZi che si cklinem-ono precisi fin nell'età medievale, testitmmiando così deUa profonda consistenza del!' esigenza pluralistica della società e dell' aspj,.aZione alt' autonomia. Nessuna rivoluzione è -riuscita fino ad oggi a sbloccare la strot' tU1'a cent-ralizzata dello stato. LA stessa nvoluzione francese, osserva T rentin, sostituendo al principe la nazione, non ha fat, to che consolidare la. st1'uttU1'"a accentrata dello stato e ra{for<:;are il potere del governo, confermarldo la natura motlolitica della società politica. Lo Sf01'ZO cui le energie democratiche si sono rivolte fu queUo di avere nelle mllni direttamente tutto il complesso meccanismo accentratare, per pokrlo fo.r fu nzionare a vantaggio Mi propri punti di vista, anzichè di. q1teUi della monttrchia ormai totalmente separata dalla vita del plU:se. Se si guarda più precisamente all'opera det/a democrazia della seconda metà del secolo XIX, si deve concludere alt1'ettanto, e cioè che essO. ha lasciato intatta la struttura accentratrice dello stato che e-ra stata elab01'ata dall'assolutismo monarchico, vederido solo di impad1-onirserze. Napoleone costruì, sulla di-rettrice della rivoluzione francese, w stato p-refettizio e l" demoCTazia non sblor:cò aDatto l<l stato centralista di Napo leone, ma


.. lo sottomise alla sua volontà e lo adoperò per i suoi fini. Di qui la reÙltiva facilità di trasposizione fra quella democr4Z14 e III dittatura, in quanto nel fOl1do di quella democrazia è tUposto lo strumento statale ideale per "afJermarsi della dittatura; si tratta solo di ripescarlo al di sotto del sottile velo demoCTa.tico che lo ncopre. LA vecchia demOCf'{lzia si rivela pertanto «"a Jemocyazja superfiC1'ale. che nOtI è riuscita ad operare nella profondità tkl, la struttura statale, ma htllasciato intatta la concentra,tione del potere, sovrapponenM a tale meccanismo dittatariale e totdlj, tano, due elementi di sua creazione : il governo ed il controLW su di esso del Parlamento. Così toglieva di metzo il governo assolutista di Imo o di Utul ristretta aristocrazia. Senonchè il governo assolutista si eTa (rftlto un tipo di stato parlico/.arm.e,v te adatto: lo stato accentrato ed accentratore. (nfatti la nega..zione ddl' autonomia ed il rigido inquadramento di tutte le energie della società dentro lo schetm.l di movimento regolato dlI un potere centrllle, erano gli elementi più idonei alL' ciZio assolutistico del potere. E la struttura autoritaria, così conseroata, hll compromesso tutti gli sviluppi successivi del'" costruvone democratica. Infatti, il secolo scorso ed il presente: hanno visto consolidarsi lo stato accentrato, col C're5cere deUe: sue: funzioni, coll' approfondirsi del controllo dlI esso esercitato su tutta la vita dei cittadini; così " autonomia degli individui è andata sempre dimin uendo. Non solo: tm.l tutti i fenomeni politici e sociali affermatisi nei secoli XIX e XX, dovendo care sulla piattaforma autoritaria dello stato, hanno finito per potenziarla ed irrobustirla; di qui aM'unto quel fatto, curioso solo fino ad un CeTto punto, della democrazia che si seppellisce da sì: e che mette in piedi coUe sue mani la dittatura. Trentin ha chiarII coscienza di questo contrasto esistente nel seno della società e vede, con altrettanta chiareUlI, la necessità di instaurare una democrazia nUOVlI, più profonda, so-st:anzjale, tale che pervada in tutte 'e sue artico14zioni la struttura dello stato. Egli formula tale consapt:vok;aa col di.re: o dal'" presente gutn'a nascera la nuova struttura democratica dello stato, cioè lo stato cooperativo e federalistico, oppure sa sarà stata invano e ne55"''' passo in avanti si sarà fatto. T rentin non si femul a considerare come sUl possib-i/,e

." giungere lilla creazione di uno stato jederttlistico vitllle; il suo nl/ovo modo di guardtsre 14 storia, mettendo al centro il blelna del/Il struttura statale e vedendo la successiva elusione dell'esigenta tJl'auton0mÌ4, lo induce, alla fine, dlma visione pessimistica: egli glUJrdando alle prime enunciazioni dei mo· rivi cklla seconda guerra m ondiale d4initi dagli uomini di stato nel 1940, non ha Ilncora modo di osservare il processo di liberazione che la gl/en'a aVTebbe avviato; perciò il suo -ramento e la secca S'Ua enunciazione del dilemma conclusivo; perciò, anche la mancanza di una. sosta S'Ui modi concreti di promllOvere l'attuatione tkt nuovo piano della democrazia cl4 lui cosÌ' luminosamente intuito. Se Trentin aveSSe potuto vivere fino a vedere gli svill/ppi e la eone/mione europea della seconda guerrll mondiale, e, per quanto riguarda l'Italia, l'insurrezione nazionale a to della lotta di resistenza contro il nati-fascismo, av-rebbe raccolto indicazioni più confoTtanti e positive. Egli è giunto intanto, per suo conto, a superare la precedente antitesi in cui si era Il lungo dibattuto il S'Uo animo. E tale supt:Tamenw noi vediamo, anche se Trentin non l'ho. definito, nel modo seguerrte: il collettivismo economico, da liti cori prepotentemente sentito, era per 'ui motivato nella cessità che i diseredati si coaliu.ino per sosteneTsi nei loro bisogni; di qui, lo sfondo accentlUltamente socialistico della sua posiz.ione politica; d'altro canto, T rentin ripudia lo stato autoritario e non p-uò, dunque, ammdtere che l'esigenza sucia. lista finisca per ribadire le catene della dittatura IIttnbuendo allo stato la funzione di unico gestore di tutta la vita economica; la soll/zione vien datll allora da un'oppor/una metodologia illteruenzionistica dello stato che, sbloccato dalla 1,ione mono/i/ica, consenta una iniziativa did bllsso sempre più larga. Cori Trentin non accenna al'" duplice limitazione ed al duplice sblocco dello stato accentrato: quel'" verso il basso nella direzione del comtme o della regione, e quella verso l'idto nella direzione dello stato federale europeo. Ha però il merito di aver indicato il nllOvo piano della democrazia come radice unica, e della democrazia interna degli stati e della federllzione supe-statale. La stessa strnda percorsa da Trentin è stata percorsa, it1


VIU

qUelti ultimi tempi, da vasti movimenti politici; la stusa co" scienza cklla necessità d'un rinnovame1Jto democratico ,"ofon" do si va oggi affermando nelk forz.e poCitiche che si ValltlO ap, prestAndo a seppellire k dittature fascista e nazista. A questa coscienza Mnno portato in pa,rticolare i movSnsenti di resistenza, i partigiani, nei quali Trentin vide un fecondo elemento di rinascita. Appunto in forza àeU' esigenza a tale rinnovamento dernocTatico profonM, è avvertita sempre più largamellte l'a"" gwtia ckne vecchie impostatOtI; di partito che tendono a chiudersi sui vecchi motivi, non cogliendo il centro del nuovo !'io,.. no su cui occorre costruire. Si viene così lentamente operando una redistribuzione àelk forze politiche in due nuovi raggruppdmenti: queflo delta restaura.;::ione pre-fa.scista deciso a lasciar sussiste-re la struttura dello stato, e quello cklla democrazia progressiva deoso a sbloccare tale struttura come fon damento alla realiua,tjone della libertà e della giustizia sociak. Trentin, superando un'impostAzione parziale ed ;nCDa'ente dd problema politico, ha ilato l'indicazione per la creazione di un movimento popolare democratico per la costruzione dello stato coof>erativo e federalistico al posto dello stato dittatoriale e fascista. EfJettivamente, la nostra rinascita politica dipende-rà dal fatto se tal.: movimento si affl!rn1uà o sarà sconfitto daUe forte ddl4 constl'1la<ione. MARIO DAL PRA

Milano, 18 giugno ' 945. (II Sihio Tre"lin neu uhilJl<l.lo Questo volume nel 1910. Lo porlb._ lCriuo. COlI N! qlWlÒo rifllfrb in Italia. dopo il ZS lultlio 1943. A falica. uevl ,.Ivarlo nell. fWJI. dur."le l'occupazione ledesca. clelia Frlne;a. A p". clava, dove e,I; li Kcinlot. dopo 1"8 sellemb.e, ad Ofltanizure le p';",e lor mil ioni P"till'&ne. il SUO m_riuo fu O(!8:etlO di ,inci dilCulSiOll; hl I eom· palflli di lede: de1lò .ubito molto inleICS!e e li peNÒ di ,Iamplrto. Trenli.. al101"' lo .lIidb • me: poco dopo et;li veII;"a a"nlllO .lall. polizia bKil1l e ve"'O I. fine di no-.embre anch'io dovcvo il Veneto per dllllilire .lla callura. Ci\l1lto danclcllinamenle • Mil uo. potei lGUn'i il !MDOtC.iuo di T renlin. che fu conosciuto e moho appluuto d.i comp.gni di 1011. e d.i vecchi lIieUilli Le diftic:oltl per 1• •\.ampl lurono notevoli. Il tip"s"fo Memo iniziò I. eom' pooizioae clallde.lilUl del .... Iume lIel dicembre 1944: 0010 oni e..o può t. luce. Colla pubblicazione inle"diamo rendc.e omll!llio aUa ml8nilic:. 1i8uII di eomb.tlCIIlc PC' I. liber" di T.tnlin che. ulCilo di Pfi8ione. moli" ..d mino 1944. ,enzA poter ,edere I. libe.uiOlle che una IlIIlo delideul • .

CAPITOLO J. LE PREM ESSE STORICHE DELLA CRISI POLITICA CONTEMPORANEA I. - La crisi della società politica cootemporanea la crisi dello stato mODountrlco.

La cri si gigantesca nella quale l'Europa e la società che es5.1. incarna sembra no oggi irrimediabi lmente travolte riesce indedfrabile sia nella s ua portata effett iva che neJ1a sua più intima significazione. se non viene riallacciata. sia pur in maniera estremamente sommaria, alle sue cause più lontane, se non viene inserita nel vasto quadro storico cui si riconducono nel corso di quasi due millenni. le più tipiche manifestazioni delle forze che lentamente e avventu rosamente hanno elaborato la disciplina della vita civile e politica del Continente. Da questo punto di vista. la crisi può essere subito rappresen tata come un momento culminante, anzi come uno sbocco del processo di sviluppo di quella specifica singolare tecnica dell'organizzazione sociale che fu originariamente messa in vigore, e poi sempre più largamente utilizzata, dal sorgere e dal consolidarsi del grande Stato unitario; come cioè il risultato alme_ no apparente. di una improvvisa carenza degli strumenti tradizionali ai quali da secoli han ricorso le classi e le istituzioni volta a volta detentrici del potere po_ litico per meglio assicurare il successo degli sforzi da esse tenacemente perseguiti in vista del conseguimento di una unificazione coattiva, 'u scala territoriale sempre più vasta, del regi me della vita collettiva. Questo processo, nella sua fase più recente, nella fase appunto che oggi se mbra bruscamente toccare il suo punto critico, si inizia con i primi timidi ten tativ i


STATO' NAZIO/<o"E • FEDERALISMO

,

2

di resistenza della mo narchia alle tenden7-C dissociatrici e centrifughe insite nella dialettica medesi ma dell'ordinamento feudale.

2.• La costituzione pluralisliu della società medio-

eule. tI medio evo - quanto meno se si ha riguardo al)'afteggiamenlo delle i:lltes che più caratteristicamente esprimono le tendenze del pensiero politico l'll!ora in onore _ sembra dom in alo dalla preoccupazione. si direbbe a.....";l1ante ed esclusiva, di attribuire allo Stalo una base in un cerio senso universale e totalitaria; esso appare pertanto sensibile solo alla suggestione del dupl ice prestigio dell' I mpero romano, organo dell'unità politica, e del Papato. cen tro dell'unità spi rituale. Eppure i\ medioevo. contro le teQrizzazioni dci dottori, cova e fa presto germinare ed esplodere dd potenti ferm enli di decomposizione delle basi slrSSo! sulle quali dov rebbe prnticamente assidersi ,'escr..:izio autoritario del potere; perciò può a buon ditino raffigurato come l'epiccntro lontano d i tutta quella se_ riC' di sommovimenli d i cui il cataclisma odierno appare ed è la risultante estrema. Mai forse, come in questo periodo, si è vcrifkato nclla storia dei popoli europei, e più speci:.lrnente di quelli occiden tali, contrasto più violento, fra le ideologie cui sembra docilmente ispirarsi, in forma quasi dommatica, ogni atteggiamento dci pe nsiero politico del tempo e i costumi attraverso i quali si fanno in sensibilmente vatere le più incocrcibili tendenze del corpo sociale, e, in altre parole, la pratica istituzionale della vita collettiva . Mai, come in questo periodo, sotto l' ingannevole aspetto superficiale della più rassegnata indifferenza e del più incoerente conformismo , una società storica ha, qU3si senta averne coscienza, realizzato e accumulato net suo seno le premesse d i più formidabili contraddizioni e apprestato la matcria a più durabili e app3rentemente insolubili confl ini. Da un lato. la dottrina celebra, unanime, il trionfo il1contrastato dell'idea de ll'unità politica e religiosa (!ualc direniva suprema e inviolabile di ogni attività ,:o lta ad assicurare il migliore assellO dell'organizza-

t.ione giuridico costituzionale dello Stato; nello s tesso tempo, questo o quel Capo politico, o questo o quel Pontefice sembrano corroborare con l'esempio trallO dall'esito feli ce di una qualche loro effimera impresa, la c redenza, ovunq ue diffusa, che loro sia sempre p0ssibi le , quando essi lo vogliano, grazie all'abile sf ruttamento dei motiv i da quell'idea stessa e nunciati cd illust rati , di galva ni zzare c rendere irresistibi le la fede dci p ropri sudditi e dei propri fedeli nel successo delle proprie p rovvidenzia li missioni. Ma in tanto le forze più impaz ienti e p iù a udaci cu i le concrete esigenze inerenti al funzi onamento del sistema feudale avevano aperto la possibili tà d i conquistare a poco a poco una certa autonom ia di coscienza e di iniziativa, riescono !renza troppa fatica a staccare prog ressivamente la !;Ovranità dalla sua base territoria le ed a determinare la dispersione ed il frazionamento delle S:Drgent i dc.1 tere rra innumere\·oli il mezzi sovrani " I!"l i uni .. gli altr i, da vin col i, sempre piu comp lessi, è vero , altresì per Questo O\ppunto sempre più

1=<:

NOn tarda a g iun gere il momen to in cui l'a mpia facciata monolitica della monarchia, la quale pure spesso si compiace di esibire, non senza fasto, i virtuali suoi ti loli alla dignità imperiale, perviene a mala pena mascherare le innumerevoli crepe che fendono da ogO! lato, nelle sue opere vive, l'imponente edi ficio di cu i essa costituisce il fra gile schermo . Ben presto, anzi, forzando gl i esigui spiragli. improvvisamente apertisi attraverso queste brecce. golari , i Comun i troveranno facilmente tuirsi in focolari sempre più vivaci e fecond i di VIta autonoma alla cui luce ed al cui calore una borghesia, uscita dal' popolo e ancora ad esso per il tramite di molteplici e sempre vigorose radiCI, potrà allenarsi all'esercizio torità delle proprie Cartt!. del propri ongLnah Statuti, e difendere - il pi ù delle vohe con successo la propria indipendenza in confronto dei Duchi e dei Vescov i.


,

SILVIO TREKTlr;

3. - L'idea e la realtà dell' Impero nel Medioevl) e ad Certo il mito , la superstizione dell ' Impero, in quanto unicum e pertanto u niversale. conservano intatte le loro virtù fascinatrici e sempre con tinuano pur tutta via a racchiudere, quanto meno forma lmente. il punto ideale di convt'rgenza delle aspirazioni che sembrano presiedere a quesli così disparati e, in un cerIO senso. nnarchici tentativi di costruzione di un concreto e civile ordinamento della coesistenza, Ma se i nomi c le formule perdurano. e perdura il rispetto reverenziale che una lunga ininterrotta per quanto passiva Ir",dizion e ha saputo suscitare, le ,'ose che essi effettivamente desig nano e delle quali essi pretendono sempre offrire una ch iara defin izione si r ivelano, in realtà, profondamente mutate e ndla I;'ro natura e nella loro struttura. Ieri ancora, l' Impero era l'Impero quale Cicerone aveva designato con tratti indelebili, la costituzione e le prerogative dai testi stessi delle leggi e dall'esempio stesso delle istituzioni di Roma: l'Impero che asside le proprie fondamen ta su l jus gentlum sostituito al jus naturale e che, pur mantenendo in vigore lo jus civile in quanto d iritto particolare di ciascuna città, q uesto subordina nel suo vigore all'a.c\em_ pimento delle esigenze storiche ed t'liche cui la missione imperiale, in quanto autonoma prerogat!va. escl us ivame nte risponde; l' Impero insomma . che pur rivendicando la legiuimità dell'unità poiiti.:a di genti di"erse, afferma pre liminarmente l' inviolabile ncn:5s ità della supremazia morale di una gente, di un popolo eletti o predestinati _ del popolo, della gente romani - sugli altri popoli e le a ltre genli, in nome della Civ iltà, della Cultura, della Pace. L'opposizione fra ciò che è romano e ciò che è straniero, l'antitesi, in altre parole, fra ci,'iltà c barbarie, risultava cosl dissolta e composta nella sottom issione gerarchica della barbarie alla civiltà. Oggi, per con lro, i lineamenti di q uesta vasta contestura organizzativa pare abbiano perdl.i lo d'un colpo, appena si cerchi di approfondirne 1'2.Ulentico s i-

STATO' NAZIONi: • f'(.D[.!IALI5MO

,

gnificato e di arlUarne la Iransposilione sul piano storico istituzionale, ogni loro intrinse<:a aderenza alla realtà. L'Impero non è più che un principio, che una specie di utopia, che un simbolo riceuacolo delle leggi eterne d i Roma. E' il supporto ideale del governo d iretto di tulti i popoli della ci'istianità. Ma esso ha rinunciato da un pezzo a consegu ire la pro p ria incarnazione altraverso la salda intelaiatura dello SlalO unico, dello Stato universale e monocentrico. A I posto dello stato unico, una miriade di stati particolari variamente ordinati monopolizzano in confronto di ci rcoscr izioni territoriali sempre più definite, le prerogative dell'aulO-governo. Il nuovo assetto così praticamente imposto all'esercizio dell ... sovran ità appare o rmai cosI inerente alle esigen7A! più incoercibili della vita collettiva che i risti g ià s i affrettano a teorizzarne i principi i di legittimazione. Sarà ai glossatori italiani, con alla tcsta Bartolo e Baldo, che incomberà il compito di t racelare a largh i tratti le caratteristiche essenziali degli atteggiamenti nuovi secondo cui viene spontaneamente ordinandosi e stabilizzandosi la disciplina della vita collettiva. Nel sistema d i Bartolo , il principio pluralistico. alla cu i stregua la società civile tende ad o rgan izzarsi in armon ia alle più d iverse e particolari situazion i storiche. in cen tri sempre più disinteg rati d i funzioni e di attività pienamente adeguate ai bisogni dei corrispondenti g ruppi territoriali rinviene, pcr la p rima volta. la s ua consacrazione per cosl dire defin itiva. Esso può anzi rappresentarsi come il sistema nel qualc q uel tipo di stato che già si sarebbe tentato d i qualificare vaga mente come stato nazionale e lo statoCittà ncquislano la dignità di cnti dotati della più ampia autonomia giur idico_politica, vere cjvitates superJorem non recognoscentes, in quanto nppuntll esse esrrimono delle perfectae el per se suliitlentes communitates. Il concetto deH'lmpero non sopravvive più per designare programmi st icamente ad memoriam , per i tempi a venire, la su prema autorità interstatuale scatum nle dal potere laico dci popolo cristiano,


6

SILVIO nltNTl1I'

4. - I movimenti ereticali e la crisi dell'unità nella società ecclesiastica . A questo moto d isgregatore che travolge irref renabile la stat ica unità im periale e apre le strade sulte quali vanno ormai affe rmandosi e facendos i valere, con forza ognora accresciuta, le aspirazion i politiche della base, si accompagna subito nel St!no della Chiesa, com promettendone ugua lmente la rigida in fl essi bile unità, l'esplodere tumult uoso di tendenze che semb rano testimoniare di un analogo bisogno di libera r ielaborazione dello statuto dei rapporti sui q ua li si fon da la appartenen7..3 ad una comunità anc he p uramente spirituale. Preceduta e in parte preparata dalle insubordin a_ zioni ereticali dei secol i X II e XI II , la Rifor ma apporterà infatti , alla sua volta , un fudissimo colpo alle dottri ne tradiziona li alle quali cosI d i freque nte a ma richiamarsi l'ideologia, anzi la dommat ica dello stato monarch ico. Come gli scism i e le eresie non avevano, in fo ndo, :.l luo rappresentato se non un a udace tentativo volto ad affermare il diritto delle collettivi tà religiose a modificare secondo i p iù inti m i bisogni del loro sp irito, le credenze, i riti e le gerarchie, la pred icazione d i Lute ro. come in segu ito q uella di Zwingli, d i Calvino e degli altri rifor matori tenderà, con ben più ampie ri percussio ni e più abbonda nte messe d i ris ultati, a p roclamare, a tt raverso la rivendicaz io ne del libero esame in materia rel ig iosa. il p rincipio dell'affrancamento dei popo li da ogni for_ ma di imposizione e da ogni controllo ar bitrari. Da ogni parte , du nque, la compagine dello S tato sembra insid iata nella sua compattezza e la 5tessa au_ tori tà del potere sovrano, sia esso civi le o spirituale, compromessa nel s uo esercizio e messa in causa nelle sue stesse fo ndamenta.

5 . • La reazione viHoriol a della Moaarchia . La Mona rch ia avve rte subi to il pericolo e corre, co· me meglio può, ai ripari.

STAro • 1o'A.Z1O"'E • FI.DElIAl..ISMO

1

Il suo obiettivo è. a nzitutto, di rafforzare a qua lu n_ que costo, anche 3. costo di accettare l'esperienza dei p iù pericolosi compromessi, i poteri del principe, CO R _ nelle mani di f'J l1csto. in forma sempre più diretta, l'alta ed esclusiva giurisdizione s u tutti i g ruppi , le classi c le caste della società, le cui opposizion i. le cui rivalità, i cui confl itl i periodici offrono provvidenzia lmente scmpre nuove e feconde possibili tà di manovra; in secondo luogo, estendere sino ai suoi estrem i lim iti geografici l'area territoriale dello Stato e fonderne in un blocco omogeneo e uniforme - grazie a ll 'esercizio sempre p iù autoritario. cioè sempre p iù arbitra rio, d i tutti gl i attri buti della sov ranità le div<:rsc sezioni provincial i o regio na li. L 'Inghillt·rra, la Spagna, la Francia costituiscono il u:O\lro ddle lotte p iù significat ive che nel corso d i lun g hi secoli, la monarch ia cond usse. attr':lverSO drammalkhe peripezie, per la rt!Sta urazione dci suo p re5t igio e la consolidazione dei sui prh'ilcgi d i deposi taria e beneficiaria esclusiva dell'esercizio del potere politico. L e vicende d i questa lotta var iaro no da paese a paese, ma ovunque, all'in izio del XV II secolo, essa sembrava già viUoriosamente conclusa. D i questo trion fo, la F ra ncia di Luigi X IV , fiera dell'un ità pazientemente creata dalla tenacia di quasi q ua ranta re, offr iva allora la più indisc utibile testimon ianza. E, a vero d ire, sul terreno dell' unità il s uccesso no n polevn concepirsi più evidente e piò completo . Ora, è in questo ! UCUI50 appunto, e nei proudimenU e negli artifici cbe furono messi in opera per conseguirlo , cbe deve , a mio avviso, ricercarsi il « preudente » più pericololo e più contaglo5o, lo spunto e l'occasione più pertinenti, e. ID nn certo senso, l' origine più diretta . per quanto cronologicamente tanto remota, delle tremende e forse mortalì dillleoltà nelle quali oggi la civiltà europea Ita Il confusamente dibattendosi .


STATO' IIAZIONE _

CAP ITOLO IL LA MONAR:CHIA FRANCESE FONDATRICE E OnGANIZZATR:ICE DELLO STATO UNITAIUO I.

L'inquadramento gerarcbico di tutti i centri locali di vita collettiva.

Il piano che, contro le preoccupanti minaccie di d:sgregazione dall'interno, la monarchia franceseche è quella la cui azione si è rivelata più influente. anzi decisiva. per la evoluzione delle istituzioni politiche del con tinente - s i propose subito di elaborare ed alla cui applicazione essa non cessò un istante, con pazienza veramente inesausta e con inflessibile coerenza. dal consacra re ogni sua cura, ebbe per obiettivo non tanto la distruzione o la dissoluzione dei centri locali o corporativi di vita collettiva unitaria, quan IO il loro ferreo inquadramento in un sistema gerarchico minuziosamente regolato, non solo in ogni suo collegamen to funzionale, ma ancora in ogni sua accidentale incidenza, per modo da permettere che, net seno d i ogni gr uppo, te prerogative già da questo a poco a poco conquistate potessero automaticamente trasformarsi in concessioni O investiture graziose concernenti ad personam determ inate categorie di sudditi, e da rendere possibile. in questa guisa, la rigida sottomissione al potere personale del Principe e al diretto suo controllo della legiuimazione e dell'eserci zio di qualsiasi privilegio g iu risdizionale. Grazie all'abile svi luppo d i una politica alternante g iudiziosamente il ricorso alle repressioni , spesso violente e feroci, con l'impiego dci mezzi più spregiudicat i di adescamen to. di accaparramento, di co rruzio ne. questo piano, come è noto. potè conseguire gradual-

,

mente, sia pur auravcrso innumerevoli difficoltà, la sua realizzazione integrale; il che ebbe come naturale conseguenza di determinare presto il costituirsi. al di sopra della g rande massa della popolazione laboriosa, di una fitta rete di magistrature, di prebentle, di uffici parassitari, i cui titolari si trovarono subito, anche loro magrado, costituiti rispetto al Principe in un rap_ porto di solidarietà irrevocabile, e nella v igile intran_ sigente resistenza ad ogni velleità di affrancamento da parte dei sudditi c nel rafforzamento progressivo di tutte le pratiche e di tutle le procedure dirette ad attribuire al governo dello Stato un carattere sempre più unitario. 2. - L'emancipazione della mODarchia da ogni vim:o-

lo di formale soggezione rispetto all'Imperatore . Nello stesso tempo la monarch ia non trascurerà alcuna occasione per emanciparsi, anche formalmente da ogni vi ncolo di dipendenza in confronto dell' I mperatore e per affermare e far valere, a volte con la forza, la pienezza, la compiutezza, la sufficienza del sistema da essa incarnato, sistema al quale recisamente essa rivendica la prerogativa di dar vita ad una vera e propria a utarchia e di legittimare pertanlO l'esercizio di un potere assolutamente sovrano. Ad un certo momento, anzi. per meglio dar risalto all'omogeneità del suo" patrimonio » e alla docile condiscendenza con cui le varie classi delle popola_ zioni pur tanlo diverse sulle q uali si esercitava paterno il suo alto ministero, si piegavano - convinte e riconoscenti! - all'accettazione di un'unica comune disciplina. essa non esiterà ad identificare la nozione di " regno" con quella di <! nazione " . quale q uest'ullima era stata concepila dai teorici medioevali, quale cioè il concreto modo di essere d i una unità geografico-l inguistica e a rappresentare se stessa come il ga_ rante d i una si ffaua, necessaria provvidenziale e inviolabile " determinazione >l della natura e della S{Oria. In Francia, invero, le pregiudizial i politiche della monarchia, suggerite dalle esigenze inerenti alla condotta della lotta che quest:l. dovette rud('menle so-


" stenere

SILVIO TRENTOI

STATO' NAZIONE. FEtlEI!"l.lSMO

"

d i un duplice fro ntc, su l fronte interno contro te te ndenze autonom istiche o separatisliche a carattere fe udale o ci ttadino e sul fronte ester no per l'emancipazione della corona da ogni sudditanza rispet_

P er q uanto la nazione non apparisse e non fosse in fondo a ltro.all'origine, che una finzione astutamente

to a ll ' Impero, non cesseranno di influire in modo de-

prusi della tira nnia, non per questo i diffe rent i grup-

cisivo s ullo svil uppo d i una ideologia elemen tarmen te e subdolamente « patriottica )l.

pi sociali che essa pretendeva s imbolicamente c glo-

SU

3. - L'invenzione della Nazione . T utt i gli espedienti, infatti. ai qual i la monarchia, senza tregua . anà ricorso per meglio perseguire il suo programma di accentramento ad oltranza dei con.fro ll i che permettono la discrezionale e permane nte di _ sposizione del regime della vita collettiva, tenderan no sem p re più ad appoggiarsi su di una dottrina a fondo nazionalitario. Il principio d i nazionalità sarà anzi evocato ad ogn i occasione con ridondante eloquenza, e spes..<;o esso dovrà di buon grado prestarsi a servir di puntello, o meglio di copertura. sul terreno cosi teorico, alle più ci niche in iziat ive int raprese per SCOpi di d omi nazione ncl nome della ragione di stato. Per quanto questa tattica si s ia in pratica risolta nell 'i mpiego di un'arma a doppio taglio, sotto i cui colpi la monarch ia dovrà a non lunga scadenza soccombere, essa eLue per risultato immediato d i favorire il rapido sviluppo della tecn ica dell'organ izzazio. ne dello stato e di dar modo così agli organi di questo di sempre meglio adattare il loro fun zionamento alle esigenze di una manomissione sem pre più e di ff usa, da parte del Governo, in quanto deposltano d i u n ill imi tato potere, s u tutte le manifestaziòni della vita sociale. Comunque sia, è ceriO che !'utilizzazione da parte della monarchia, per la legittimazione della sua propria missione unificatrice, dei moli\·i offerti ficioso riconoscimento e dal conseguente simulato TI _ spetto d i u na cosidetta realtà nazionale, .non no n p ro vocare, date le peculiari condizioOl nelle. venj.,.·ano laboriosamente esprimendosi le nUOViSSLme fo rme dell'economia capital istica, le p iù inaspettate reazion i.

escogitata per avallare a priori, sotto la cauzione del['in teresse pubblico e dcI bene comune, tulti i s0-

balmente rapp resentare e confondere, e dei q uali essa doveva proprio servire a provare in forma peren toria t' in tima reciproca indissol ubile parentela, si trovavano meno costretti ad entrare in contatto fra loro ed a comunicare, via via p iù strettamente, assieme, se non altro graz.ie alla solidarietà che ovunque, per fotu, è generala dalla sopport.1zione delle stesse ang herie, delle stesse oppressioni e dal bisogno istintivo di organiz.zare, su di uno stesso piano, la salvllgUMdia di interessi ugualmente essenziali. A ll' interno dell'unità, pu ramente formale e coatliva imposta dalla monarch ia, le classi sfruttate e sonatu tto quelle che - essendo situate, per effetto del('evoluzione della tecnica economica, all'ava ng uardia del processo produttivo - era no meglio in grado, cioè con p iù chiara coscienza, d i idt-ntifkare e di apprezlare gli ostacoli che il regime politico al q uale erR loro giocoforza d i soggiacere inesorabilmente opponeva all 'esperimento delle loro capacità e pertan to all'adempimento del loro compito storico, si trovarono naturalmente portate a coalizzarsi (' a rivendicare, grado grado, a se stesse, di fronte al potere centrale, il titolo esc1usi\·o di rappresentanza delle forze a utentiche dalle quali $Ollanto l'idea della nazione poteva , in ogni ipotesi, desumere la definizione del proprio contenuto concreto. 4. - Il sollevamento della NaziOne contro la monarcbla . La circosta n7.3 che nel corso del XV III secolo. le élltes europee, quasi per soddisfare ad un irresistibile bisogno d i evasione, si s iano di qua ndo in qua ndo lasciate lenlare dal miraggio, profondamente uman isti . co cosmopolitico generoso e curioso, fondalO sul cu llO della rag ione, sull'aspirazione all'universale, su l cul to della eterna bellezza antica, non contraddice af-


SILVIO TlIEHTIH

" fatto allo sv ilu ppo vieppiù irruente del movimcnlO al quale intendo qui alludere. In un certo senso, lln zi , deuo cosmopolitismo può, a buon diritto, essere cons iderato , così come a volte qualcu no non ha mancato di considerarlo, quale una specie di rcatti vo. di stimolante il quale non servirà che <l re ndere più corrosiv i i ferment i che determineranno a un dato momento l'esplodere improvviso della religione nazionalistico_pat riotticn, della quale appari rà tutta permeata l'epoca immed iatamente s uccessiva. Il dato di fatto, in vcro, \:he meglio caratterizza la situazione politico.-sociale in F rancia alla vigilia della cadu ta della monarchia è che, dentro la rig ida intelaiatura di uno stalo parossisticamentc monocentrico, il quale si lrova"a ogni giorno più costrello. per la legge della propria dinamica istituzionale a molti plicare ed a rnfforziHe senza tregua, sovratutto in tema di fiscalità e di pùlizill, i Quadri e le attribuzioni del proprio ancora rudimentale eserci to burocratico, due grandi g ruppi di for1.c , l' uno all'altro antag onistici, dei quali ciascuno protestava di agi re 11('1 nome di quella stessa misteriosa e sublime e inesorarealtà allora allora scopert:"! che tutti mente avevano convenuto di chiama r " la nazione ". e di interpretarne, per vocazione esclusiva, le esigenze incoercibili, eran ri usciti a costituirsi e ad affro ntarsi, determinando cosi d'un colpo. anche formalmente, una irri med iabi le scissura nel blocco gra nitico s ul quale con tanta fatica era venuto ordinandosi il regi me, cQsi deltQ definiti vo, della sovranità. Dn una parte, i beneficiari dell'ordine costituito attorno a cui grav itano, vo raci, gii t:ffcttiv; - disparati e fhlltuanti - delle innl1merc\'oli clientele di sfruttatori e d i piHassiti continuavano ad identificarc la nazione col patrimonio personale dcI P rincipe c ad accettare e diffondere la parola d'ordine a termini della quale l'adempimento scrupoloso del dovere inderogabile di cicca fedeltà in confronto d i quest i si sarebbe tradotto sempre, necesSilriam('nte, nella più perfetta reali zzazione d i tutt i gl i obbligh i cui dava orig ine, ca tcgoricamente, la appartenenza a quella . Da ll'a llra parte, la massa - ancora disorga nizzata , per quanto g ià vagamente ("osciente del compito imminente che

STATO • loIUIONE • l'EDERALlSMO

"

la storia stava ad essa riservando - dei produttori di ogni ordine e g rado che la sorda, tenace, coerente azione di disgregazione mOlecolare, per cui mezzo il capitalismo da secoli si ostinava ad aprirsi la strada aveva a poco a poco staccato dalla sostanza medesima, con la quale per tanto tempo essi si erano trovati confu s i, dell'ordine feudale j q uesta maSSa fra i c ui clementi la circolazione delle merci veniva istituendo, all'infuori e al di là di ogn i contatto immediato e personale, dci rapporti sempre nuovi e dei vincoli sempre più complessi e durevoli, non temeva di elevar se stessa a materia viva della nazione ed a mutuar a questa, s i può dire integralmente. i propri bisogni . i propri sentimenti, le proprie aspirazioni.

5. - La sostituzione della nazione alla monarcbia qua. le presidio deIJo stato unitario . Alla fine del XVIII secolo, quando stà per scoppiare il dramma grandioso nel corso del q uale tutta l' impa1c:atura del vecchio regime dovrà s profo ndarsi in frantumi, la posta, che i due protagonist i s i disputano in una lotta per la vita e per la morte, è costituit:\ dalla nazione. Questa non è ormai più una semplice entità geografica, ma una imponente e form idabile creazione storica , cioè umana. La mo narchia, acccltando la battaglia su l terreno sul quale l'av\'ersario si oolloca, è pur costretta a rico. nascer lo. Invano, il 19 novembre 187] . Luig i XVI , affermando inn anzi al Parlamento di Parigi Cl q ue le roi est souverain de la Nation et ne fait qu ' un avcc el le n, tenterà di concilia re il rispetto di questo ,( fatto compiuto " con la permanenza delle proprie prerogative di o rigi ne divina. Ne l momento stesso in cui l'essenza della nazione s i trova trasferita dal territorio al popolo essa si pone in certa guisa quale un principio spirituale e perciò stesso si sovrappone trionfalmente alla monarch ia. Per quanti sforzi egli fa ccia, il Re, che ad ogni occasione non s i stancherà di qualificar se stesso H pére du peuple n, non riuscirà più ad impedire che il re


SILVIO Tl'IE/iTI/I

proprietario del regno c garan te .dell'usufruito feudale, abbia cessato per sempre di eSistere. Alla proclamazione del 1787. l'Assemblea si accontenterà , perciò il 14 febbraio 1790, di rispondere con la seguente apostrofe rivolta al popolo francese: " La nation c'est vous; la loi c'est encor vous; le roi n'est que le gardien de la loi ". La battaglia, per il re, è irrim issibilmente perduta. " Alla persona regale, a questo oggetto di sentimenti quasi famigliari si sostituisce un'esistenza collett iva. La ghigliottina c he decapita Luigi XVI consacra la dissociazione del principio moderno dal principio medievale n.

CAPITOLO III LA LEGITTIMAZIONE R:IVOLUZIONAR: IA DELLO STATO UNITARIO - La sopranivenza dello stato unitario ali. monarchia . Ma se la monarch ia assoluta soccombe, non per questo lo stato da essa costruito subisce la minima scalfittura. Grazie alla protezione dell' idolo augusto di recente, con sottile ma imprudente soperchieria messo in onore dai teorici della immanenza e della inviolabile sacertà del regio potere, grazie al prestigio che su di esso riverbera il culto della religione nazionalista, esso non solo perdura , ma si istituisce senza transizione, q\lasi in forma automatica, a puntello. a vero e proprio suppOrto dell'ordine nuovo. Dell'antico ordinamento la rivoluzione tutto ha Iravolto e distrutto fuorchè la struttura costituzionale sulla quale la monarchia era pervenuta nel passato. ad appoggiare saldamente l'organizzazione unitaria della vita collettiva. Da questo punto di vista si può di re, anzi, che, per effetto soltantO della sua instaurazione in quanto organo della nazione sovrana, lo stato repubblicano implicò tosto un accrescimento impressionante di lutti i poteri di controllo e di domesticazione per cui mezzo, nel passato. il Principe aveva avuto cu ra di affermare e di salvaguardare la propria autorità rispetto alle forze social i che comunque rivelassero una p ropria tendenza ad ordinarsi Istituzionalmenle in forma a uto noma. La nazione. sostituita alla monarchia come depositaria della sovranità ed erigentesi ad un tempo, ad


16

SILVIO TRENTlM

STATO' HAZIO"''!: • FEDERAlLSMO

un ica ed immediata sorgente di questa, moltiplica e rende irresistibili i titoli per cui lo stato nel quale essa si esprime sarà abilitato a far valere la subordinazione diretta ed esclusiva dei sudditi, dive nuti cittadini, al potere nel quale gelosamente sono condensati tutti gl i att ribuii inerenti al concreto esercizio del governo.

2.• La nazione assunta dalla

a base In-

distruttibile dell'uDità dello stato. Ormai. fra il cittadino e lo stato, nessu n interme_ dia rio potrà più inserirsi per sforlllalizZ<lre, e in certa gu isa umanizzare, adattandoli ai s in golari aspetti della realtà sociale - sempre differenziantesi nel tempo e nello s pazio, - i stereotipi rapporti che a priori sono assunti come soli e obbligatori veicoli per la comun icaz io ne fra il centro e la base. L e corporazion i e le gilde sono implacabilmente distrutte. I comuni sono spogliati di ogni loro residua, originale ed effett iva, ragione di vita e ridott i alla miserabile " dignità" di semplici ci rcoscrizioni amministrative. Il d iritto di sopravvivere è senza pietà negato a tutt i quei gruppi od associazioni i quali rive nd ichi no una qualsiasi, anche limi talissima, autonomia di determinazione. In nome dell'eguaglianza, sublime princi pio del quale ci si accontenta di consacrare l'enunciazione pu_ ramente formale, la legge si vuole identica per tulti e come suo depositario non si vuoi riconoscere che il cittadino singolo. La " Nazione" è tantO più in transigente nel richiedere che siano escogitate c messe in opera tulte le garanzie che permettano di al nuovo stato la più massiccia compagine che essa. in un batter d'occhio, è diventata già la preda di una sua intraprendente frazione. Nel momento in cui il popolo vittOrioso riesce ad a ffermare solennemente l'intangibilità e l'irrevocabilità del diritto, da esso allora, a prezzo d i lanti sacrifici conquistato, di dispo rre del proprio destino, la classe che il gioco dialettico al q uale obbedisce la !\uccessione apparen temente tumultuosa degli eventi designa a n uova classe dirigente, ha ormai accaparrato

17

al suo servizio tutt i gl i strumenti per cui quel d iritto medesimo potrà praticamente tradursi in atto. Il sovrano, ben inteso, continuerà sempre a identi fi carsi COIl la nazione. Ma per preservare la nazione contro i pericol i che potessero essere in suo confronto susci tati da un demagogico perverti mento della infuocata ideologia il cui prestigio aveva ad essa assicurato u na si sorprendente fortuna, coloro cui dalla sorte e ra stato riservato il compi to delicatissimo di provvedere alla sua salvaguardia, nOn avevano mancato di apprestare ad essa, a tempo, u na base un po' più solida che quella, a d ire il vero p iu ttosto equ ivoca, sino allora ad essa fornita, dall'evocazione puramente astratta d i "un ord ine naturale ed umano Il. A partire dall'anno 1790, 1'« ordi ne natu rale ed umano Il sembra non possa e non debba altrimenti concepirsi che quale l'ordine concreto della proprietà, Nel suo seno, i cittadini s i trovano organicamente ripartit i in due grandi categorie l'una all 'altra sovrapposte: la categoria dei possidenti, sulla q uale s i asside, onnipotente, la cosidelta (( nazione attiva ) l ; la categoria dei n ullatenenti, cu i appartiene l'onore di riempire rassegnatamente le file della cosidetta (t nazione passiva )l. Ben preslO, la proprietà sarà proclamata sacra e p0sta sotto la salvaguardia stessa della nazione. Per la prima volta di questa eccezionale guarantig ia usufr uiranno non soltanto i beni corporali , rap presentati tradizionahnente dal possesso del suolo, ma a ltres\ q uelli il cui valore è espresso dalla moneta, o da un qualsiasi altro segno convenzionale,

3. - L'identificazione sempre più perletta della Na_ zione con la Patria e della Patria con lo Stato. Per proteggere la Nazione - che orma i fa tutt'uno con la P atria, ed alla cu i sorte si trova legata la sorte di tutti i cittadini, per il fatto che a ciasc uno appar_ tiene formalmente l'identica eminente dignità. - contro ogni minaccia suscettibile di comprometterne l'esistenza o di rallentarne la coesione, tutte le facoltà d iscrezionali che sono originaria mente proprie della

,


16

STATO • !i'A.l.IONE " FEOERAI.ISMO

volontà popolare)) sono trasferite subito, senza eccezioni, attravt;rso l'esped iente dcI suffragio, nell'apparato statuale. Poichè lo Stato non è che lo strumento del quale la Nazione si serve per adempiere la propria missione, i suoi poteri diventano illimitati in confronto dei sudditi. Quest i in tanto potranno far valere la lo ro qualità di uomini liberi, in quanto essi preventivamcnte accettino di costituirsi a disposizione esclusiva dello Stalo. Barrère non esiterà a proclamare, impiegando press'a poco le stesse parole di cui un secolo c mezzo dopo si serviranno i teorici dei regimi totalitari, che" les enfants appuTliennent à la Patrie " e che" la Rcpu. blique doil pcnétrer Ics ames cles citoyens par tous Ics Il

sens

H.

°

Nessuno, quasi , avvertirà allora i pericoli di una improvvisa estensione e cent ralizzazione delle attribuzioni del governo dello Stato. L'entusiasmo susc itato dalla caduta della monarchia e le reazioni cui dà immediatamente origine la lega promossa dall'estero per la distruzione di tutte le conquiste rivoluzionarie, bastano da soli a g iustificare H a priori" le più draconiane misure. D'altra parte il patriottismo, una volta scatenato. non tarda ad aver presa sulle più generose passioni delle folle, a eccilarne il fervore e l'immaginazione, a travolgerne le speranze a lungo compresse e le insopportabili impazienze, convertendosi d'un tratto, senza che esse ne prendano coscienza, nella vasta e violenta esplosione di un sentimento a carattere veramente religioso, il quale prende, a poco a poco, in gran parte il posto, - assorbendole, in certa g uisa, ed esaltandole _ delle antiche credenze e delle stesse più radicate superstizioni. La Patria appare allora confusa e consustanziata nella libertà. E al suo fascino contagioso è difficile resistere. La stessa ostinata fedeltà alle più profonde tradizioni regionalis1e, la stessa, ovunque mal repressa, aspirazione all'ind ipendenza, cosi viva ancora alla vigilia nel seno di tanti g ruppi territoriali di cui l'oppressione monarchica in vano aveva tentato di d istruggere la forte personalità etnica e culturale, cedono ora

19

11 passo al desiderio ansioso e istintivo di partecipare subito dei vantaggi che il nuovo regime assicura e distribuisce, di essere ammessi ad entrar subito in comunione con gl i stat i d'animo da esso generati e di viverne le prodigiose esperienze. L'attrazione sarà cosi potente che il movimento rivoluzionario avrà, fra l'altro, per effetto di allargare istantaneamente l'area te rritoriale della Patria. Invocando il diritto di a uto-determinazione c appoggiandosi sui risultati di una libera consultazione popolare. la Franca Contea, la Savoia , Nizza, Avignone" s i an_ nettono " alla Repubblica Più tardi anche quando gli ordinamenit della Hivoluzione saranno spazzat i dall' Impero, l'esempio del la Francia conserverà intatta la sua fOrza suggestiva e la Nazione in quanto Il realtà ideale" continuerà ad apparire ai popoli come un si mbolo e uno strumento di solidarietà ne lla in soffereni!a e di emancipazione.

•. - La centralizzazione deU'cserci:do di tutto il poterc politic;o nel governo dello stato, Ne l fratt empo, però, lo stato borghese sfruttando abilmente i principi i che il trionfo dell'ideologia democratica e nazionalista aveva messo sub itamente in onore, non ha traSCurato un'occasione per perfezionare la propria st ruttura giurid ica e confiscare, a profitto dei suoi organi burocratici, il ferreo controllo di tutte le facoltà implicanti l'esercizio di una parcella, anche minima, del potere politico. Grazie a Bonaparte esso è pervenuto senza fatica ad attuare la più rigorosa centralizzazione delle sue funzioni e ad assicurare la permanente e uniforme subordinazione di tulta la vita amministrativa della società nazLonale, nella quale esso si è sostituito all'autorità esclusiva degl i organi cui dal g overno quelle fun zioni medesime sono volta per volta delegate. E' in questo periodo che, per suggellare la dispersione di ogni vestig io regionalistico e rendere inviolabile, contro ogn i velleità secessionista, il carattere unitario dello stato stesso, il territorio della Francia viene ripartito , con minuziosa s immetria, in circoscri-


SILVIO TlIENTIN

zioni equivalenti di cui l'autentica rappresentanza sarà assunta dal Prefetto, nella sua veste appunto di organo del potere centrale. Il nuovo regime, dunque. si instaura sotto il segno della onnipotenza livellatrice dello stato. Il che non impedirà a questo di praticare in materia economica, allo scopo di meglio compiacere alle esigenze essenziali delle classi dirigenti, il più spregiud icato liberalismo. Un tale atteggiamento. in vero, che è ad esso imposto dalle condizion i stesse di sv iluppo del mondo capi_ talistico, esso saprà sempre in realtà conciliare appieno con l'adempimen to scrupoloso dell'inderogabile compito che ad esso storicamente e costituzionalmente incombe: garantire in ogni evenienza la repressione spietata di tutte le attività che apppaiano s uscettibili , sia pur loro malgrado, di denunziare l'esistenza o la sopravvivenza di una qualsiasi, anche innocua, forma di autonom ia territoriale o istituzionale.

CAPITOLO IV. IL PRINCIPJO UNITARIO DI NAIlON ALITA' E L'UNIVERSALlIZAZJONE DELLO STATO UNITAIUO

I. -

Origine e primi sviluppi del movimento per l'u_ niliçazione della « N azione tedesca ».

Mentre cosi lo stato, al quale la nazione aveva fornito il titolo di legittimazione ideologica, consol ida in Francia le proprie assise e svil uppa il proprio apparato burocratico e coercitivo, negli aliti paesi d'Europa, nel nome del principio di nazionalità, j popoli - prendendo vagamente coscienz.,'l. di una ipotetica specifica loro missione unitaria - si apprestano e si adoprano ovunque a promuovere l'un ione di tutte le loro forze disperse e compresse per impegnarle e piegarle in blocco nella lotta per la conquista della libertà politica. Per una crud,:"ie ironia del d{:stino, bell spiegabile, del resto, se si voglia teLler COllto delle leggi che gover nano lo sviluppo dialettico del processo storico, il pat;SC ncl cui confronto si rivelarono pi ù profonde e durt'!voli le influenze e le ripercussioni delle dottrine rivoluzionarie di cui la Francia era Slata il teatro, fu proprio la Germania. In Germania, all'inizio del XIX secolo, s i ris\'egliò il j s ino allora esso non era riuscilo ad assumere alita forma che quella di un con fuso e a volte incoerente atteggiamento di ostilità verso la monarchia francese, per reazione. in un cerio senso legit. tima, alla politica aggressiva che, a partire da Luigi XIV questa non aveva cessalo di praticare riguardo ai


22

SII.VKI TREKTIII

23

suoi Vlcml dell'est; ma allora acquistò s ubitamcflte

l'importanza di un mov imento dotato delle più larg he possibi lità d i proselitismo, per cHetlQ, appunto. dell'avvenuti! trio nfale consacrazione. ad apern delle COf renti ri volu zionarie che nd 1789 avevano avu\(. il 50pravvcnt(· a Parib'i dl'j principio per cu i ai popoli de _

ve esser riconosciuto, come originario e imprcscrilli. bile, il rliritto di re3lizzarc. anche cont ro i 10l'O sovralli, l'unità de lla loro propria nazione lA storia della g rande Germania è già lulta r<lcc h iu. sa nella fortuna che incontrò allora questa parola d'or.

dine. Per il momento, la beneficiaria della situazione nuova creata dal subito risveglio e dalla conseguente C"spans ione del patriottismo tedesco. ru la Prussia, pert:hè app un to la P russia appariva come la più forte cit tadella ddla Ge mlania contro la Francia . P er la forza delle cose, i paerioli tedesch i furon perciò sospi nti. quali che fossero le classi o le caSle alle qua li essi s i trovavano infeudali e quale che fosse il contenuto concrelO e cosciente del loro pensiero politico. ad attribuire alla loro posizione ideologica un carallere in un cerio senso ri voluzionario, d ato che il conseg uimento dei loro ultimi obiettivi, la ricomposi. zione ad unità della nazione tedesca , avrebbe necess.' riamente implicato la violazione flagrante del princi _ pio di leg ittimità su] quale si appoggiavano i d iritt i degli in nu merevol i principi tedeschi alla conser"'azione dei lo ro troni. Solo se si ha riguardo alle circosta nze cd ai motivi , tutt'a Untto si ngolari, chc determinarono l'csploderc del pat rio ttismo in Germania negli ann i che succedettero allo sfasciamc nto dell' Impero napoleonico. è possibile spiegare q'Jesto avvenimento apparentemen te paradossale: che, al Congresso di Vienna, il rappre_ senta nte di una tra le più brutali autocrazie dell' Eucop.' , il rap presentante dci re di Prussia. osasse atteggiars i a ca mpione p iù o meno conl'; otO del principio delle naziona lità.

2.• Filiadone dlretla del nazionalismo tdesco dalla mistica patriottica della rivoluzione rraneese . Comu nque s ia , è certo che il nazionalismo tedesco procede direttamente dalla m istica palrilluica scatenata e diff usa dalla rivoluzione francese. E ' per il tram ite della rivoluziOne francese che esso fece p ro pria la credcnza che i limiti dello debbano coincidere con q uelli della nazione e che la emancipazione dci popoli non possa Iradurs i in atto se non per mezzo e a l coperto di un regime capace di efleuuarne e rende m e indissolubile l'unità. Se è vero. infatti . che le vicende de lla lotta oontro Bonaparte e sovralUtto la campag na dci 1813 contri_ bu irono potentemente a radicare nell'animo della gioventù tedesca la fede nelle virtù superiori della razza teulonica, non è meno vero, d'altra parle, che le infi ammate ora zioni dei grandi convenzionali, cosi come g li scritti dci filosofi che di quest i appa rivano i diretti ispiralo ri , esercitarono su di essa un'inrluenr.a ver.:lrnc nt..: dClt'rminandola .1 poco A poco a con fondere sempre più, con que lla della nazione, la causa. stessa dclla libertà . Scnttl. raasione, al mom":l1lo in cui stav&no rer Aprirs i a Vienne i Cf'Inciliaboli , dai quali, qualche meS(' dopo, la Santa A lei':nza dovel'a desume re le diretli \'e generali per la definizione del pro prio fondame ntale S tatuto, il sig no r De T al1ey rand era stato indotto a gi udicar g li uomini per i quali la di\' isa dell '" unità della Patria ledesca H cost ituiva (t un g rido di battaglia, un dog'ma, una religione esaltata sino a l fanati_ smo ed all 'in tolleranza H , come intossicati delle più pericolose superstizioni giacobine. E tali, in veri tà. t:Ssi si rivelavano, anc he vatore meno accorto, sovratutto ne l pensiero e nella condotta dei loro leaders più ascoltati e più combattivi. A parte ogni altro indizio, sarebbero bastati a prova rlo il fe rvore, l'accani mento anzi, con cui questi s i adoperavano a sbarazzarsi di ogni indulgenza verso le seduzion i d i quello spregiudicato olimpico cosmopolitismo del quale Volfango Goethe aveva saputo fac


SILVIO TlIENTI/1

24

conoscere con tanto splendore le più nobil i espressioni ( I) ed a reagire con ogni mezzo contro le insidie di cui sembrava tutto impregnato quell'entusiasmo irriflessivo per i classici che pur efa npparso tanto legittimo solo pochi anni innanzi. 3. _ L'Idea di nazione secondo il pensiero e la propaganda del romanticismo tedesco . E' questo del resto il tratto che più singolarmente contradistingue il movimento romantico tedesco della prima metà del secolo scorso. Ora, è ad opera appunto dei protagonisti di dellO movimento che "idea di nazi.one, assunta a supremo cri terio per l'indivlduazione dei compiti che incombono o riginariamente ai popoli, viene enunziata e illustrata, e sul piano letterario e su quello filosofi co, quale un'esigenza suscettibile di implicare e imporre i più radicali e insospettati e arbitra ri sovvertimenti dell'ordine politico. Inizialmente per essi - ed è su ques to terreno cht! meglio appare visibile la loro parentela con gl i uomini dell'B9 - il concetto di nazione evoca quello di un gruppo. dotato per intrinseca irrevocabile attitudine, d i un suo proprio diritto d i libertà. " Quel che vale per i singoli uomini - scrive Von Humboldt - vaIe per tulte le nazioni. .. Le nazioni hanno, come gli indiv id ui, le loro di rett ive che nessuna politica può mutare H. E' questo stesso il linguaggio col quale si esprimono Novalis, G neisenau, Miiller. La nazione è già, dunque. una individualità, una realtà specifica, pertanto inconfondibile e nello stesso tempo necessaria. Ma essa è tale ,sovratutto, in quan_ to che, per essa, un modo di essere essenzialmente spirituale denunzia e definisce la propria presenza. Presenza, cioè esistenza, che è tulta interiore, che SI esprime in una forza morale, la quale non :1deriscc l. Ml;onc non ccw di .app, e.Mlare pc!içoI",a. chime... Non è 10'00: lua la celebre a.pothofe , appunto pc! KOIaniare, in anticipo, 03Di tenl., 11\'0 ,,0110 •• UKII.TM: J••ealinaziOlle: " è ;"VatlO che voi .perale , (IJ In fondo. una inlllile, le _ voi per

di COII;lu i,c una nazione. V'è qui un motivo di piil. di . fOlu.tV; • divelli;\! degli uomini libe.i. E quello voi lo

poh:l.o ••. •

STATO' NA.ZIO/'IE • n.DEIIALI5MO

puramente c semplicemente alla natura, ma sulla na. .agisce per adanarla alle proprie tnderogablh, ,ntnn$erhe convenienze. E' questo il punto di vista che Fichle - aCCCllando coscientemente, meditata mente. deliberatamente, l' in. fluenza esaltante della sua famosa dottrina. Di tutti gl i uomini tedeschi il cui des tino si trovi irrimediabilmente çompromesso dalla gestazione irresistibile di quel processo di ricreazione, ideale e con. creta , dello statuto e delle discipline della convivenza che in Francia doveva sboccare nella instaurazione e nella glori fi cazione del regime della sovranità nazionale, Fichtc è, invero, forse, il solo che a buon diriuo possa inorgoglirsi di aver espresso la propria filosofia dalla sostanza stessa - da lui indiv idualmente ed esemplarmente riviSSuta - della priv ilegiata e trion_ fale esperienza collettiva Jell'B9, assunta appunto ad evento capitale nella « storia dell'essere razionale em_ pirico ». NeSsun documento potrebbe Il questo rig uardo meglio illuminarci che la lettera, sì caratteristicamente -ad un tempo- lucida ed entusiasta da lui inviata nell'aprile 1795 a Baggesen. " Il mio _ statava egli, non senza fierezza, in questo suo scritto confidenzi ale - è il primo sistema della libertà. l \ Ila stessa g uisa chc questa nalione (la Francia) ha affran_ cato l'umanità daUe catene materiali. il mio sistema la libera dal giogo della Cosa in sI!:, delle innuenze esterne, ed i suoi prim i principii fanno dell'uomo un es.sere autonomo. La DoHrlna della scienza è nata durante gli anni in cui la nazione francese faceva trion_ fare . a forza di energia, la libertà politica; essa è nata al segu ito di una lotta interna con me stesso e contro tutti i pregiudizi saldamente radicati nel fondo del mio spirito e questa conquista della libertà hn contribuito a far sbocciare la Dottrina della scienza; io son debi_ tore all'eroismo del la nazione francese di aver potuto soHevarmi ancora più in alto; io debbo ad esso <Trati _ • tu d "mc per aver eS50 .slimolalo in mc neces. saria alla comprensione d i queste idee. Meatre io stavo scrivendo un'opera sulla Rivoluzione, le prime Intui. z.ioai, I primi presentimeati del mio sistema si fecero strada ael mio spirito come uaa specie di ricompensa.,


26

SILVIO TR[J(Tlf(

E' per questo che , in un cerio senso, detto sistema ap_ partiene a lla nazione francese. La questione è d i sapere se essa vuole appropriarselo apertamente. uffi_ cialmente, fornendom i i mezzi per edificarlo Il. Ora, anc he per Fichte, i confini de lla nazione non

possono essere che interni , perchè solo la coscienza storica dei popoli è abilitata a fi ssarli , a determinarne le linee concrete. H Da questi confini intern i - egli argomenta - stabiliti dalla natura spirituale deri vano direttamente i confini esterni della terra dove si abita. Se si cons iderano le cose natural mente. gli uomini che abit:lno fra dali fiumi e dali monti non sono per questo un popolo; ma, al contrario, gli uomini vivo_ no assieme e so no difesi da monti e da fiumi perchè già prima , in seguito a una ben più profonda legge nalUrale, era no un popolo:t . Se ben s i ."Ipprofond iscono queste proposizioni , nella pOrl!lla concreia e s<:crt"ta dei lare 1<:rmini apodittici, non durerà fatica a scoprire che è ben lungi dal rispondtrc alla verità, anzi dall'apparire solo vcro<;imigliante, il vecchio dichè "I quale, ancor ogg i, fa semprc ricorso in Francia per rappresentare, in forma stereotip3, l'atteggiamento assunto ollre un .secolo fà, s u questo tema, dalla dottrina tedesca; sulla fede di esso infatti si sarebbe tratti ad ammettere che la nazione, nel pensiero degli uomini più rappresentativi delle corre nti ideologiche dominant i allora in Ger_ mania, è tutto fuorchè un (alto di coscienza, che essa non dipende nè dal consenso nè dalla volontà individuali, che essa è, insomma, un fatto di natura, il più profondo fr a q\mnti {'onc::orrono ad esprimere ed a qual ificare la cond izione umana. A dirt" il vero, una si fa tta schematica rappresentazione forse cOn\'errebbe meglio a caratterizzare alcuni degli as petti di c ui maggiormente si è compiaciuto più tardi il nazionalis mo fran cese; per il Barres per esempio, solo i morti interessano, perchè solo i morti coma ndano, l'uomo, a s uo a\'viso. essendo quasi esclusivamente determinato dal passato, dalla terra e dal sangue; il Maurras poi da tanti anni non s i stanca d i proclamare su tutt i i toni che è soltanto all'esercizio continuo abi le elastico dell'autorità regia che la nazione francese deve la propria esistenza. Ora questa

STATO • NALIONI: _ f'EDERALISMO

"

rappresentazione non sembra aver altro valore documentario che quello eventualmente proprio di una abile e magari incosciente miSlificazionc. Con ben maggior fondamento , s i è polutO anzi a questo proposilo osservare che se si volesse andare proprio in fon do del pens iero tedesco, quale esso è nel pe riodo stato propagato con maggiore che qui ci interessa, non sarebbe affatto diHicile d i di_ mostrare che per esso la nazione finisce per confon df!rs i con lo s pirito e, in quanto spirito, per avocare, in un certo se nso , a se, il privilegio d i " crear la natu ra ". Forma, questa, certo equivoca, o meg lio. a ben riflette re, inconcluden te, il cui merito, però, è di ave r tentato di metttre in evidenza questa preoccupazione che è sem pre stata assai viva negli uomini che s i fecero i banditori del principio dell'unità germanica: che la nazione allora veramente comincia a sussistere quando coloro che ad essa partecipa no prendono coscienza ne lla loro qualità d i me mbri di una def inita col lett ività, della necessità della consociazione e delle esigenze che corrispondono alla s ua conservazione ed a l suo s vil uppo. r n ultima analisi s i sarebbe cosi condott i attraverso il confronto dei testi, a concludere che, in fin dei con ti, una ta le concezione si diffe renzia molto meno di quel che d i solito s i pretende dall'altra famosa che fu pro_ posta ed illustrata, in occasione dci celebre discorso pronunciato alla Sorbona l'I I marzo 1882, da E rnesto Renan, per il quale 11 J'homme est tout dans la formation de cette chose sacrée qu'on appelle un peup le ", e la Nazione, al la sua volta, è accessibile. ne\la sua compiuta sostanza, solo quando è intesa come 11 une ame" come H un pri ncipe spi ri tue! " principio alla cui definizione concor rono" deux chosés qui à vrai dire n'en font qu'une: l'une eSI la possession d' un riche legs de souvenir i l'autre est le co nsentemenl actuel le désir de vivre ensemble, la volonté de continuer à faire va!oir l'h t'ritage q u'on a recu indiviS)l.


28

-4.

SILVIO TRENTIN

La progressiva trasposizione del « oazloDaIe:. Del « totale :I.

Comunque s ia. è indiscutibi le che nella dottrina tedesca il carattere di interiorità auribuito a p riori alla nazione serve ben presto d i spunto o di pretesto per riconoscere ad essa la potenziale virt ù di allargare in-

definitamente le proprie basi, per legittimare pertanto prevent ivamente in suo favore l'esercizio di u na vera e propria prerogativa di illimitata supremazia. P er il fatto solo che essa s i realizza nello spirito e attraverso lo spi rito, la nazione incarna una conquis ta concreta della Libertà, 0, per megl io dire, t raduce in atto, incorporandosela, la Libertà. Perciò stesso, es· sa s i identifica con una morale, con una cultura. O ra, la morale ,la cultura, sono. di per sè medesime. espan. sive. Sono dei semi la cu i vocazione è di germinare su aree sempre più vaste, dei fluidi che s i irradiano in una d ilatazione di onde alle cui ripercussion i non si possono prefiggere dei limiti infrangibili, Il dei fuo-chi)) che accendono semp,e nuovi focQla ri. La nazione spirituale, intesa come la cullura nella quale un popolo esprime la sua più alta allarga cosi _ in opposizione sovente con la geografica. o etnica o lin g uistica - la sua sfera di influenza all'infinito. Come s i vede, quasi senza transizione, l'individuaJe si trasmu ta in totale e dal piano del relatlvo s i passa insensibilmente a quel lo dell'assoluto. La nazione, sor· ta per affermare uno specifico, concretO, limitato di· ritto di libertà, che è assunto come diritto di libertà collettiva perchè ad esso partecipano in uguale misura lulti i membri di un dato gruppo, sorta, dunque, per delimitare, grazie alla rivendicazione ùi adeguate gara nzie una sfera autonoma di esistenza sociale, implicante 'a torziori una coesistenza, è in questa gu isa portata a trasformars i in istrumento il impiego dovrà, in via definitiva, servi re alla negaZIOne e alla distruzione storica delle nazioni.

STATO' NAZIOWE _ fU)DI.u..ISMO

5. - Hegel e la sublimaziooe della nazione nello Stato .

t a queste correnti ideologiche, alla ricerca ancora d i una loro sa lda e coerenle strullura teorica, che si rial!accia la dottrina hegeliana della s toria alla quale Spelterà appunto di celebrare e di consacra re la Irasfusione e la s ublimazione della nazione nello Stato. Per H egel la storia riesce inintelligibile se ci si ri. fiu ta di rivedere le nozioni correnti e pura mente con. venzionali di H popolo n e di Il s tato n, se non s i ha il coraggio di assumere l'oggetto, al quale esse tradizionalmente aderiscono e che esse intendono designare, quale una forza autentica ed esclusiva della creazione umana, se, in altre parole, ad esse non s i è disposti ad attribuire la capacità di esprimere e indi vidualizzare un valore integralmente e connaturai. mente demiurgico. Il u popolo li è la realtà umana elementare, la realtà pri ma. che in sè r.ontiene g ià in a[\o. lo stato. al quale essa arpresta In sostanza et ica e che nello stato attua e rivela in certa gui!>a la s ua esistenza u form a le H. Alla sua volta, lo slato si ntc·tizza ed esprime la realtà immediata di un popolo singolo e naturalmente determi nato, l'azione della natura manifestandosi qui nei suoi speci iici effetti - attraverso la med iazione dello s pirito, vale a dire della storia la quale altro non è che la creazione de llo spirito I n a ltre parole, presto o tardi , per ciascun popolo arriva il momento della s ua maturazione per cosi dire fi s ica, del conseguimento di una sua propria si ngolare individ ualità geografica e climatica dovuta a lla circostanza che, a poco a poco, l'ambiente fin isce per far corpo con esso; ma pur cosi esteriormente defi. nito. esso non cessa d i sussistere solo nel tempo. E, rispetto al suo contenuto (che s i identifica, alla fin e, con la sua vera incomprimi bile ragione di vita) esso si trova costantemente e necessariamente subordinato, in ogni stadio del s uo sviluppo, a un suo principio particolare e deve seguire una evoluzione - determinata da q uesto _ le della sua coscienza e della sua realtà H_ le Il popolo ha una s loria dentro di sè, come spirito limitato; la sua indipendenza implica nello stesso tem-


SILVIO TlIENTIN

po, per quanto ciò possa apparire pa radossa le, un colo inesorabile di subordinazione. Esso si inserisce in'ani, necessariamente, nel q uadro complesso e completo, solo integralmente sufficiente, della storia. universale , le cui vicende sono rappresentate dalla dIa lettica degli spiriti dei \"ari popoli particolari, dal giuditlo del mondo ". Q uesto processo, in forza del quale un popolo detcrm in;lIo, che all'origine è u solo se stesso H, conqui. sta gl i attribut i della cosc ienza e diviene CI auto-cosciente ", si risolve in un vero e proprio movimento di liberazione della sostanza spi rituale, permettendo ad esso di trovar la strada lungo il cui percorso sarà ad esso possib ile, non soltunto di ri velare e aHermare u la reahà della sua assenza, in sè e per sè ma al· tresl di per se stesso come un ti universale n, come « spirito del moadO:t . u In questa liberazione - grazie alla quale lo spirito è messo in condizioni di conoscere sè stesso e di realizzare la sua verità - e nelle metamorfosi che essa opera, risiede il diritto sommo e assoluto n, CI L'autocoscienza di un popolo particolare è portatrice del grado di svolg imento, che, ncl periodo i n cui essa si effettua, è stato consegu ito dallo spirito universale prospettato in un momento della sua esistenza , e pertanto essa include e defin isce la realtà oggettiva in cui si incarna il suo proprio volere. Con tro questa volontà che è assoluta, in quanto essa è la volontà dello spi rito universale, la volontà degli spiriti deg li altri popoli particolari non ha alcun diritto: quel po_ polo t il dominatore del mondo n. Di fronte a questo suo di ritto assoluto di essere g uida dell 'attuale g rado di sviluppo dello spiri to uni. versale, gl i spiriti degl i altri popoli sono senla dirUto, ed essi CI come coloro la cui epoca è paSS.'\13, non contano più nella storia universale n.

CAP ITOLO V. IL CONSOLIDARSI DELLO STATO MONOCENTRICO NEL CORSO DEL SECOLO XIX .

J . - La teoriuazlooe dello Stato sulla falsariga delle ve..:chie premesse dell'assolutismo monarchleo.

)I ,

Questa dOllrina , così profondamente s uggesl i\'a. a buon diritto può considerarsi carne la più g ra nd iosa e la più coerente cost ruzione fm qu :=l le, innumerevoli, cui l'intelligenza umana si è in ogni tempo applicata nell'illusoria speranza di poter a priori - utilizzando le sole riSOrse oHerte da uria argomen tazione puramente tcorica - appresta re, una volta per tutte, una giustificazione definitiva all'ordinamento storico della coesistenza j essa traduce in alto, con logica inesorabile, la più perfetta, la necessa ria illust razione delle esigenze suscitate dalla carenza improvvisa del prin. cipio e dell' idea della Nazione. La persona del Principe, fin tanto che l'autorità da quest i detenu ta conservò il prestigio d i una prerogati va incontestabile e irrevocabi le, aveva concentrato in sè stessa, subordinandone istituzionalmente l'esercizio a l beneplacito della propria volontà, tutte le attribuzioni della società territoriale s ulla quale si estendeva la competenza della regia giurisdizione. Il g iorno in cui la persona del Principe cessò di o..ostituire il fulcro , il centro motore, del s istema dentro il quale trovavano la propria disciplina le manifestazioni moltepl ici della vita collettiva, in q uantO att ività suscett ibile di essere ord inata e coord inata in form a unitaria, la Nasorse d'un co lpo, per dfetto di una pura ma irresistibile funz ione ideologie.. , a reclamarnc, soln, il posto) e il ruolu j .1o\·e\"n essere fatalmente con·


"

SILVIO TRENT \!':

dotta H legiuimart', in forma di un <lTlificio non dissimile da quello di cu i per si erano a \'\'olti i panegirist i del potere sconfinato del Monarca le più arbitrarie e pericolose trasposizioni s ul piano dell'assolu to e dell'astraUo di tutt i i possibili atteggiame nti . anc he I più elementari ed originali, della realtà espressa altraverso il fatto delJa coesistenza. I l re, e prima di lui l'imperatore, era stato costretto. per attribuire un fondamento visibile all'autorità di cui si pretendeva investito, di incorporare il popolo nel s uo demanio e di far di esso l'oggetto di un perso· naie diritto di proprietà, giungendo per questa via insensibilmente a ide ntificare la società con lo Stato c lo Stato con il comp lesso delle cariche e degli istituti per cui mezzo egl i provvedeva a render esecutivi i dettati del proprio vo lere. La Nazione, all'origine, non aveva voluto esser altro se non la rappresentazione sintetica di una solidarietà della quale partedpavano ugualmente tutte le forze individuali e collettive, che dall'oppressione della Monarchia si trovavano in analoga misu ra ostacolate nel perseguimento della propria naturale espansione, Essa doveva necessariamente, a poco a poco, essere messa in condizioni (per il fatto solo che non aveva tardato di accettare, sotto la pressione delle circostanze, di fondar la propria esistenza sull'unificazione coattiva dei centri di vita sociale di cui intendeva far valere la solidarietà) di noI'! poter più sopravvivere, in quanto sorgente ori_ ginaria del potere politico, che a patto di esmlO iarsi dalla realtà s torica della società da essa espressa e di condensarsi nella astrazione dello stato, q uest'ultimo inteso non più come semplice e formal e ordinamento , ma come istituzione totalitaria, Ad opera di Hegel, insomma, quel movimento che in pieno disordi ne medievale si era confusamente delineato, nelle sue più generali sp inte direttrici, atlraverso gli sforzi di unificazione, di livellamento. di comprensione della monarch ia assoluta. viene per la pr ima volta teorizzato, nella pienezza di tutti i suoi sviluppi. nelle s ue più estreme capacità virtuali, quale una legge immanente della storia ai cui imperativi sarà g iocoforza che, presto o tardi, og ni gruppo umano formi il reg ime della propria vita,

STATO' N4Z1OtiE • FtoERAI.I5MO

"

E' precisamente per s ua intima aderenza alle supers tizion i più in voga al momento in cui essa era stata elaborata che la dottrina hegeliana esercitò un 'i nfluenza decisiva s ulla orientazione del pensiero politico nel corso dei secoli XIX e XX c, per contraccolpo imme_ diato delle ideologie da quel pensiero accreditate sulla e\'oluzione della tecnica della organizzazione nei paesi più progrediti di Europa. 2. - La ge nerale falsificaz ione dei termini del proble. ma dello stato , dietro l'Infl uenza della dottrina he_ geliana. tempi del processo di assorbimento progressivo della società. atlraverso la Nazione, nello Stato non hanno cessato di accellerarsi da allora ad oggi , Si può dire, anzi, c he la formidabile e spaventevole crisi della società contemporanea trov i proprio la sua rag ion d'essere e la sua spiegazione nel fatto che la rigida rea lizzazione storica della legge da Hegel enunciata implica sempre, ad un dato momento, il sovvertimento delle basi s tesse d i una convi\'cnza civile e la retrocessione improvvisa dell ' umana società alle forme più arret rate della lOtta per la vita . L'errore d i Hegel è s tato non già di aver sottolineato l'importanza di una indiscu tibile tendenza, sviluppa_ tasi con estremo vigore attraverso le vicende della storia del suo tempo - la tendenza all'unificazione nazionale - ma di aver isolata questa corrente dai motivi occasionali dai quali essa era s tata storicamente p romossa, e che si riconducono tutti a un bisogno sempre più diffuso e sempre più incomprimibile di liberazione, di risorgimento, di emancipazione, e d i aver attribuito ad essa il va lore d i una irrefutabile testimonianza della inderogabilità di una norma posta in astratto , per la quale la volontà dello stato, rivelazione ed effettuazione dello spirito, è assurta a !Ì!olo esc lusi_ vo, a vera e propria fonte d iretta e immediata del regime della conv ivenza , Il corso della sloria, a himè !, non si svolge mai su di un tracciato retti lineo P e r inquadrarlo, bisogna ae-


SILVIO

contellta rsi , d i buon o d i cattivo g rado, di far ricorso a dei punti d i riferimentO assai somma ri e e lastici , i quali no n possono essere forniti che da lla considerazione delle esigen7..è pi ù elementar i ed includi b ili della vit a in società . O ra, sono appu nto queste le esigenze, di cui van za imegrale della legge, da Hegel assunta a CTl terio suprt'mo di interp retazione della dinamica storica , reclama perentoriamente la metodica e inesorabi. . le viokuione. S ul pbno stNk o infatti, l'asSOCiaZione volo nta ria, ben delimita ta ne lle s ue ristrette e v isibili aderenze, è il d.:uo primo , r:lem'!ntare e fondam enta le de lla soci('tà .

3 • L' arbitraria sovrapposizione della ideale costltu· zione unitaria dello stato alla reale costituzione pluralistica dell a societa . La società è, per defin izione, moltepl icità: moltepli . cità di cen tri vit ali , di sfo rzi, d i realizzazio ni, cui corrisponde il sempre mobile e l1«:essario suo fraziona· menta in g ru ppi, in enti, in istituz.io ni . E' così , e solo così, che nasce, del resto, il d iritto: di rittO che, per la s ua esse nza ha immedia tamente vig ore in q Ul'.nto è sociale, in dipende ntemente da una sua statna le consacrnione. Esso alt ro non è che la discipli. na che l'ente o l'istituzio ne dà a se stesso per il governo della pro pria esistenza . Ogni ente singolo, pertanto, il quale, verso l'esterno, per effetto della coesione e della compenetraz ione o rg anica dei s uoi elemcnti costitutivi , si p rospetta me un soggetto di a uto nomia, o meg lio di a utarchia , quale, cioè, una fon te ben definita di as. sumc, verso l'interno, per la circostanza che, g razIe ad esso , un ordine viene ist itui to , il carattere di l ln vero e proprio S tato in nnce . Lo stato, in vero , di per se steso, nella forma storica in cu i si è attuato, non è affatto , necessaria mente, una. istituzio ne, Rigorosamente parla ndo, esso no n può conseguire la sua rea.lizzazione istituzionale se non at-

STA TO· .... AZION'E _ FEDERALISMO

traverso la irrevocab ile consusta n7.itlzione del proprio essere in quello della comunità delle genti, se non quindi ponendosi quale stato uni versale e a lla condi . zione categorica che ad esso aderiscano per esigenza organica , conservando intatta la loro naturale struttura e concorrendo attivamente alla elaborazio ne della sua vita, le mo ltepl ici e cang ianti realtà. collet tive attra· verso le quali si esprimono, nci loro atteggiamenti t.-o ncreti e contingenti . le forze che determ ina il pro· cesso dialettico della storia . In izia lmente, lo stato UOII è che un Mdinilmelllo un s istema c:ostruJto, per garantire La coesistenza delle autonomie . Esso non risponde, in fondo, che ad ulla esigenza di caraltere tecnico, il cui obiettivo specifico e semp licemente di fornire a cinscuno dei seg menti ter. ritoria li nei quali la società umana si è trovata ad un dato momento scomposta, lo strumento capace di contenere le concorrenti man ifestazion i di tuui i centri e di tutti i soggetti di attività in esso r",-cchiusi dentro l'osservanza di una comune regola di condona. Ora, siccome, all'interno di detti segmen ti, ogni si ngolo g ruppo per lu ngo tempo fu tratto a considerart:: se stesso come una società chiusa, integralmente com piuta e suUiciente, non è affatto sorprendente che lo stato nel quale il gruppo realizzava la propria o rg aniz. zazione formale si sia posto subito , alla s ua volta, qua· le un'o rdinamento defin iti vo e ptrfet to ed abbia conseguenteme nte rivendica to per sè la prerogativa suprema della sovranità. Sul terrenO giu ridico che è quello su l quale, soltan · to, la natura dello stato riesce percepibile e nella genesi e nella autent ica sua composizione, la sovranità, in· fatti s i rivela non essere - nè più nè meno _ che un semplice postullto logico , il presupposto e il sostegno di un sistema di norme coerente ed esauriente, Perchè si pOssano avere delle regole generali la cui applica. zione determini delle soluzioni uniformi per tutti i casi è necessario che un orga no supremo venga istitu ito al quale tutti riconoscano o siano tenuti a riconoscere il potere di assicurare la pacifica interferenza fra le diverse categorie di norme particolari e di risolverne g li eventuali con flitt i .


SllVIO TRENTIN

"contentarsi, d i buon o di catt ivo grado, di fa r ricorso a dei punti d i rife rintenro assai somma ri c elastici, i qual i non possono essere forniti che dalla considerazione delle esigenre più elementari ed ineludibili della vita in società . Ora, sono appu nto questt: le esigenze, di cui va nza intcgrnle della legge, da Htgel assu nta a cridi in terpretazione della dinamica stoterio rica, reclama perentoriamente la metodica e inesorabile viol:uionl'. S ul pi 3no storico infatti , l'associazione volontaria, h<:n delimitata nellc sue ristrette e visibili adt"tl'nze, è il dato primo, eleml!ntare e fonda mentale della soc ietÀ. 3 • L' arbitraria sovrapposizione della ideale costltu · lÌone unitaria dello stato alla reale costituzione plurallstlca dell a sod età. La società è. per definizione, molteplicità: molteplicità di ce ntri vi tali , d i sforzi, di realizzazioni , cui corrisponde il sempre mobile e necessario suo frazio namento in gr uppi , in enti. in istituzioni. E ' cOsi, e solo cosi , che nasce, del resto, il d iritto: d iritto che, per la sua essenza ha immediatamente vigore in qU2.nto è sodale, indipendentemente da una s ua statuale consacrazione. Esso altro non è che la discipli. na che l'ente o l' istituzione dà a se stesso per il governo della propria esistenza. Ogni ente singolo, pertanto, il quale. verso l'esterno, per cffelto della coesione e della compenetrazione o rgan ica dci suo i elementi costitutivi, s i prospetta co· me un soggetto di autonomia, o meglio di autarchia, quale, cioè, una fonte be n defin ita di autocomando, as. sume, verso l'i nterno, per la circostanza che. graz ie ad esso, un ordine viene isti tu ito, il carattere di 1m vero e proprio Stato in nuce " Lo stato, invero, di per se steso, nella forma storica in cu i si è attuato, non è affatto, necessariamente, un.:!. istituzione. Rigorosamente parlando, esso non può conseguire la sua realizzazione istituziona le se non at-

STATO ' NAZIOto't • FEDERALISMO

35

traverso la irrevocabile consustanzinzione del proprio essere in quello della comunità delle genti, se non q uindi ponendosi quale stato universale e alla condi_ zione categorica che ad esso aderiscano per esigenza o rganica, conservando intatta la loro naturale struttura e concorrendo attivamente alla elaborazione della sua vita, le molteplici c cangianti realtà collettive attra\"erso le quali si esprimono, nei loro atteggiamenti concreti e contingenti. le forz e che determ ina il processo dialettico della storia. Inizialmente , lo stato non cche un ordi namc:\ to u n s istema costruito, pE'r garanti re la coesistenza delle au tonomie. E sso non risponde, in fondo, che ad ulla esigenza di carattere tecnico, il cui obietti vo specifico e 'iCmplicemt nte di fornire a ciascuno dt:i segmenti kr_ ritoria li nei q ua li la società uma na si è trovata ad un dato momento scomposta, lo stru mento capace d i contenere le concorrenti man ifes tazio ni di tutti i cent ri e di tutt i i soggett i d i attività in esso racchi usi dentro l'osservanza di una comu ne regola di condotta. O ra, siccome . all 'interno d i detti segmenti, ogn i sin · golo gruppo per lungo tempo fu tratto a cons ideraro:: se stesso come una società chiusa, integralmente compiuta e sufficiente, non è affatto sorprendente che lo stato nel quale il g ruppo realizzava la propria o rganiz+ zazio ne formale si sia posto subito, all a sua volta, qua· le un 'ordinamento definitivo e perfetto ed abbia conseguentemente rivendicato per sè la prerogativa suprema della sovranità. S ul terreno g iuridico che è quello sul quale, soltan to, la natura dello stato riesce percepibile e nella gene. si e nella a utentica sua composizione, la sovra nità, in · fatti si rivela non essere - nè più nè meno _ che un sem plice postulato logico , il presup posto e il sostegno di un sistema di norme c:oereote ed esauriente . P erchè si possano avere delle regole generali la cu i applica_ zione determi ni de lle soluz ioni uniformi per tutti i casi è necessario che un organo supremo venga istitu ito al quale tutt i riconoscano o s iano tenu ti a riconosce re il potere di assicurare \a pacifica interferenza fra le diverse categorie di nor me pa rticolari e di risolverne gli eventuali conflitt i .


36

SILV IO TRENTlN

Nella assenza di un tale centro superiore di coordinamento e di arbitrato, la vita sociale sarebbe diabilme nte condannata e dissolversi, attraverso la più sfrenata anarchia, in una perpetua lotta senza quartiere, delle cui sorti solo alla forza materiale , senza tregua messa in opera, spetterebbe sem pre di decidere. La sovranità giuridica così in tesa, concepita cioè come potestà di definizione delle regole del diritto e come au torità capace di delimitare il campo di competenza degli organi chiamati ad appicarle, è venuta cosi, per esigenza si può dire razionale, sovrapponendosi subito _ ma quale una sua irradiazione o un suo riflesso - alla sovranità effettiva, o pratica o politica che dirsi vog lia. L'una e l'altra restano, pur tuttavia, inconfondibili, cosI come è essenzialmente inconfondibile una qualsiasi determinata realtà sociale con la sua superstruttura. La sovranità g iuridica, invero, non esprime, in ultima anal isi, che l'attributo dell'organo costituzionale al quale appartiene, in fo rma incon testabile ed esclusiva, il compito di tracciare la linea di demarcazione, di discrim in azione, fra ciò che è diritto e ciò che non è diritto. La sovranità politi ca, per cont ro, è il potere spettante a que l dato complesso di forze sotto la cui pressione la sovranità si determinn, ovverosia enunzia le sue prescrizion i.

t . - La rappresentazione dello Stato quale « unità» e « sovranità ». Per lunghissimo tempo _ in realtà sino alla fine del XVI Il secolo - lo stato in quanto pu nto ideale di convergenza c di riferimcnto della sov ran ità e convenzionale soggetto della sua detenzione Il, è rimasto praticamente confuso con l'organizzazione concreta per cui mezzo, volta a volta, l'istituzione che era pervenuta a cost itui rsi rispetto alle altre, nel seno di un a definita società terr itoriale, in un a situazione di premazia, provvedeva a far valere le propne prerogative. Ma con la caduta della Monarchia il problema della

STATO ' NAZIONE _ FEDERALISMO

37

individuazione dello stato acquista d'un colpo una im_ portanza ed una urgenza estreme e diviene, per la prima volta, veramente attuale. La Nazione era stata, è vero, sostituita a l monarca quale fonte origi na ria e riserva inesauribile del p0tere politico. Ma, appena si era tentato di dar corpo a qu esto idolo nuovo. non si era tardato ad accorgersi che, per quanto reale e irresistibile fosse la fede s usci. tata dalla sua consacrazione, essa non riusciva a trovare una sua effettiva consistenza se non aderendo indissolubilmente alla collettivi tà sociale da esso rappresentata. Ora, la questione che occorreva risolvere consisteva appunto nella ricerca di un supporto in un certo S<'nso indipendente della sovranità , dotato di una sua propria virtù di auto-legittimazione. per modo da rendere possibilI.". attraverso il suo esercizio. una costante virtuale opposizione della nazione stessa .ai singoli fmmmenti dei quali risultava costituito il corpo sociale. E' in questo periodo che, nell'impossibilità di trovare precosti tuito ncl seno della socictà l'organo na· turalmente designato ad assolvere ad un siffatto compito, i filosofi ed i giuristi si applicarono con molto buon volere a ricostrui re, lo stato sotto la specie di una astratta entità. In un primo tempo, quanto meno sul terreno della scienza pura. lo stato restò subord inato alla nazione, accontentandosi di apprestare a questa g li strumen ti adatti a soddisfarne le esigenze ed a perseguirne gli interessi. Furono specia lmente i giuristi a preoccuparsi, non senza ragione, a causa della loro origine e della loro posizione sociale, di indulgere a qualunque costo, sotto il coperto della obbed ienza a l dogma trion. fante dell'unità sul quale la nazione aveva eretto il pro_ prio prestigio. ai disegni di dominazione delle nuove classi dirigenti . Ben presto quindi delle tendenze assai caratter istiche cominciarono a manifestarsi nella dott ri na, il cui obiettivo cvidente, a nche se spesso subdolamente enunciato, era di aprire la st rada al progres_ sivo svincolamento de llo stato da una troppo rigida 6 intransigente sua subordinazione al diritto.


38

SILV,O T'AENr'H

L'argomento principe al quale si fece in quest'occasione ricorso si riduceva in fin dei conti, alla valorizza_ zione ed allo sviluppo, in forma apodittica, del presunto dualismo in forza del quale il Diritto, in quanto ordine o disciplina o sistema di comandi obbligatori, si scomporrebbe sempre necessariamente, avendo riguar. do alla natura degli imperativi che esso ediua, in due grandi branchie distinte ed irriducibili perchè di essenza assolutamente diversa: il diritto-norma e il diritto--

potere. Alla stregua dei principi i che si ebbe cura di desumere, con particolare minuzia da questa classificazione il diriuo-norma apparterrebbe alle associazioni; il diritto-potere, per contro, sarebbe proprio dello stato. Mentre, perciò, le associazioni devono essere considerate come semplici enti giuridici autarchici, allo stato non sarà possibile mai disconoscere, sotto pena di sottrarre ad esso il s ingolare segno distintivo della sua natura, il carattere, ad un tempo, di cnte giuridit:o t' politico. Queste premesse sembrarono più che sufficienti a giustificare, per illazione gratuita, il collocamento dello stato su di un piano più elevato di quello sul quale si trova inserito l'ordinamento giuridico. Per usar il linguaggio del quale, non molto tempo fa, si è serdto uno scrittore del totalitarismo, nell'intento di attribuire nuovo valore a vecchi argomenti , , ' jndi.scuti· bile evidenza delle verità messe in luce da concezione autorizzerebbe in via definitiva ad affermare, in primo luogo, che Il l'ordinamento giuridico è dato da un complesso di norme ed è di sua natura pluralistico n j in secondo luogo, che lo stato è u unitario >I, la politica essendo u unità e sovranità u. D'onde la formula: pluralità ( nominale I) degli ordinamenti giuridici, unità (effettiva e infrangibile I) dello stato: u unità non indifferenziata, storica, dialettica, che vive del molteplice, che realizza nel!'uno i molti Il!

STATO' MAZJONE _ Ff:.DEJ!ALLSMO

"

5. • Stato t diritto. - IpostatiuuioDt dello stato, quale eDlitA dotata di una sua propria origloaria ,apacità di volere . Non è il caso di discutere qui il fondamento e ,'attendibilità di tali assiomati che proposizioni. Mi accon. tento solo di rilevare, per incidenza , che l'opposizione stato--diritto, norma_potere appare vera storicamente soltanto alla condizione che lo stato cessi di essere un 'astratta entità, un soggetto puramene formale e che esso venga confuso con la istituzione o con le forze sociali al cui servizio esso si pretende, per definizione, preordinato. Sul piano g noseologico e logico, invece, essa si risolve sempre nell'unità e nel primato del Diritto che è insieme norma e potere. Anche storicamente. del resto, se ben si osservi, il potere dello stato non si esaur isce, propriamente, che attraverso la realizzazione di un sistema di norme. Sot. to questo riflesso, lo stato, in quanto potere formai· mente sovrano, non può mai essere opposto o sovrap· posto al Diritto, a questo esso trovandosi necessariamente e permanentemente preordinato e subordinato in quanto organo del Oiritto. In linea teorica. dunque, l'unità del Dirino non sembra potersi a stretto r igore effettuare se non quan · do la società umana - oggi dissolventesi in un numero indefinito di società autarchiche. delle quali eia· scuna, o quanto meno la più gran parte, continua ad ostinarsi a pretendere per se stessa i privilegi dell'autarchia __ si troverà saldamente inquadrata nel seno dello stato universale che è appunto l'istituzione per cui mezzo soltanto il D iritto potrà realizzare, in tutta la pienezza, la sua irriducibile ragion d'essere, che è quella di esplicitare in termin i di comando, dotati di valore e di portata universali, il dovere della convi_ venza. Tali dottrine, sul terreno filosofico e su l terreno giuridico. s i innestarono, fin dalla prima melà del secolo scorso, sul movimento scatenato con tanta violenza dall'improvvisa fortuna conseguita dall'idea c dal mito della nazione. Per conseguenza lo stato - a ttraverso


..

SILVIO TREHTlN

la sua arbitraria sovrapposizione o la sua identificazione col Diritto _ (il più recente e il più celebre sostenitore di questo secondo punto di vista è anch'egli un filosofo_giurista di lingua tedesca; il Kelsen) si trovò d'un tratto, rispetto aHe ideologie dominanti e alle concezioni via via più diffuse fra le masse, con-

,,.

>

vert ito) quasi per sorti legio, da pura astrazione con-

CAP ITOLO VI.

cettuale insensibile realtà, anzi in sola definitiva realtà della v ita collettiva.

Contemporaneamente la sovranità cessava di essere un sC'mplice attributo convenzionale per assumere il carattere di un potere e di una volontà materialmente incoercibi li e irresistibili. In questo modo di concepire lo stato per cu i esso viene ipostatizzato quale en tità in d ipendente, per sè stante, dotata di u na sua propria origin aria capacità di volere, ha senza dubbio influito la pratica del diritto internazionale, alla quale riusciva assai comodo di considerar lo s tato stesso nelle sue relazioni con gli altri stati come una persona giuridica . .ti: solo però con H egel che detta tendenza viene sviluppata sino alle sue conseguenze più estreme ed è solo grazie ad H egel che essa riesce a sboccare nella più imponente e compiu ta e fascinante costrllzione dello spirito. In verità, su ll 'influenza delle correnti filosofiche che si delineano c si sviluppano, numerose e vivaci, attor_ no ai temi proposti dall'idealismo dialettico, l'idea della nazione e il princi p io di nazionalità. quale principio di differenziazione e d i catalizzazione dell'indi. vidualità specifica dei popoli singoli, serviranno pre5tto di spunto e di pretesto alla elaborazione della teo· ria del nazionalismo alla cu i stregua la nazione cessa di essere il soggetto d i un diritto d i libertà per as· s umere la veste di portatrice esclusiva di una prerogll.tiva d i dominazione, La sua forza mocrice diviene così la volontà di pote nza di cui la premessa per farsi valere è il d isconoscimen to sistematico di ogni valore intrinseco al principio di nazionali tà tulte le volte in cui esso venga ri· vendicato dall'esterno in confronto della nazione eIetta, la quale, ben inteso, si identifica semp re con la nazione alla q uale si appartiene .

MA.TERIA.USMO E IDEA.L1SMO NELLA. IMPOSTAZIONE E NELLA SOLUZIONE DEL PROBLEMA DELLO STATO I. - Convergenza di syiluppi, & dispetto di ogni loro formale opposizione, del nazionalismo e della democrazia: l'espansione «irresistibile» dello sta. to, sotto la loro concorrente influenza, sul terreno imperialistico,

,,

La dottrina nazionalista pur traendo origine da una posizione di principio che è la stessa da cui prende le mosse e deriva il proprio fondam ento la dottrina democratica della nazionalità. la posizione, cioè, che si risolve nella consacrazione del diritto dei popoli, in quanto titolari di un concreto, inesorabile compito storico ad esprimere ed a sviluppare secondo la loro originale vocazione la loro propria personalità, conduce ncçessariamente alla negazione integrale dell 'i. deologia democratica, La democrazia asside lo statuto dalla nazione, all'in. terno, sulla consensuale accettazione, da parte di tutti i convi\'enti, di un vincolo redproco di solidarietà. e, all'esterno sul rispetto dell'aulOnomia territoriale e spirituale degli altri popoli; la dottrina nazionalista incarna la permanente rappresentanza della vita collettiva, cos\ come essa si trova ordinata in forma unitarta. sovra un dato territorio, in una élite eretta ad organo costituzionale inamovibi le vero e proprio inteprete e realizzatore di una missione provvidenziale, e regola i rapporti della nazione eletta rispetto alle altre nazioni, in base al preventivo e categorico ricono-


SILVIO TlIENTIN

scimento in fa\'ore di quella di un irr(:\"(x:.1.bilt- pri_ malO . In ahri termini, per la democrazia, il popolo nel quale la nazione si sostanzia e rh-eia la propria unità organica resta un elemento vivo e attivo, il cui concorso condiziona la legittimazione dell'autonomia dello stato. Per il nazionalismo integrale, esso si ridu_ ce invece ad un semplice simbolo del quale ad ogni occasione ci si potrà a buon conto servire come di un titolo bell'e precostituito che permeltl\ allo stato di affermare, sul piano universale, la propria onn ipotenza. Una tale e si profonda differenziazione fra le due dottrine non conserva perÒ senso e valore che nella misura che il loro raffronto sia con ogni cura contenuto dentro i limiti di un'apprez.zamento d'ordine puramente teorico, Per la stessa ragione per cui la democrazia, malgra_ do tanli suoi clamorosi successi, non è ancor riuscita a dar vita che ad un regime essenzialmente formale, cui non han mai repugnato nè rcpugnano le più abili soperchierie e le più candide finzioni, la nazione, in regime democratico non doveva tardare anch 'essa ad esser relegata fra le astrazioni meno accessibili e perciò stesso più compiacentemente servizievoli. Oggi, pur nei paesi dove più vivo sembra esser mantenuto il cu lto dei diritti dell'uomo, la nazione formale non è più altro che il vincolo che collega fra loro degli individu i anch 'essi unicamente formali. Grazie al pre. stigio che non cessano di conferirle il ricordo delle lolle a cu i essa apprestò delle parole d'ordine miracolose e il rispetto dei valori di cui essa si istitul a strumento d i rivendica zione, essa continua ad essere spettacolarmente assunta quale una creazione indistruttibile delle più elementari forme della solidarietà umana e, ad un tempo come l'emblema stesso dell'unità fra tutti i g ruppi che la storia ha associato in uno stesso destino. Ma in questa sua veste, si adatta a dar corso alle più abbaglianti illusioni; essa praticamente non serve che a dissimulare gli scopi reali di alcuni soltanto fra quei gruppi ch'essa ugualmente sembra confondere nel suo seno. E questi gruppi. che ad essa con più

STATO' NAZIO!<"E • fEDERALISMO

intransignza si richiamano, non sono in fOndo che delle coalizioni di interessi, il più delle volte inconfes_ sabili. La nazione risulterà rispetto a dette coaliziOni tanto meglio sottomessa ed asservita in quanto essa sarà situata nell'assoluto, e in quanto si risolverà in una forma incontaminabile. Non deve perciò far meraviglia che. pur seguendo delle strade di ....erse e adottando delle direttive di mar_ cia . spesso apparentemente inconciliabili la democraZI3 borghese capitalist ica attraverso la utilizzazione da essa fatta del pincipio di nazionalità abbia finito per convergere a quello stesso sbocco nel quale si conchiude il nazionalismo messianico ed autoritario: alla consolidazione cioè dello stato monocentrico ed alla sua espansione sempre più aggressiva sul terreno imperia listico.

.

2. - La cOllrulioDe esemplare dello stalo Dalioo,lIsta tedesco.

Bisogna riconoscere, però, che, delle due dottrine, la più coerente, la più dinamica, la più contagiosa è quel. la che più direttamente si riallaccia ai postulati della filosofia tedesca. Anche sotto questo riflesso l'azione esercitata da Hegel appare esser stata decisiva, non solo in Germa_ nia, ma in tutti i paesi d'Europa, in quelli altresl dove maggiormente ancora si ostenta la preservazione vittoriosa del genio nazionale da ogni contaminazione straniera . Naturalmente, però, è in Germania che gli effetti di questa azione si son s ubito rivelati in forma più esemplare. Tutta la storia politica tedesca del XIX secolo porta evidenti e indelebili le traccie di questa impronta, La cultura universitaria e le p iù diverse scuole giuridiche ne sono, ad un tempo, tutte impregnate. La piattaforma teorica forgiata da Hegel servi so. vratutto mirabilmente a Treitschke per l'elaborazione della sua dottrina, ben nota , tendente ad affermare ed a giustificare il primato germanico.


SILVIO TREJn"IN

Pcr Treitschke le nazioni non sono affatto quakhe cosa di immobile, di fi sso, di statico. Esse vivono nclla storia c per la stori a. Ed è lo stato il creatorc della trasformazione dcllo spirito nazionale, in quanto che ogni popolo Il avendo il dirittO di credere chc virtù della ragione divina si palesano proprio in lUI più bellamente che alt rove, può, a buon diritto, assimilare altri popoli per formare un'unica nazione >I. Per questo, Treitschke pensa che la famiglia germanica ha il diritto imprescrittibile di raggruppare assieme tutte le membra sparse del germanesimo, anche quando queste membra non sembrino affatto disposte a ricongiungersi. 11 compito che è riservato alla letteratura per risve· gl iare tra le classi dirigenti la coscienza di questo diritto e preparare gli spiriti ad attuarne osti natamente la realizzazione è, nel suo pensiero, di un 'importanza est rema . Del resto, nel 1813 è stata fatta trionfalmente per lui la prova della forza incomparabile che questo strumento può essere capace di s uscitare quando coloro che lo adoperano si rendono conto appieno della gran. diosità dello scopo che loro incombe di raggiungere. l! I poet i della grande lotla delle nazioni egli scrive _ esalteranno la guerra, la sola forma di attività per litica alla quale pienamente convenga l'esp ressione artistiCa . li loro entusiasmo patriottico infiammerà. i sentimenti più caraueristici i quali in ogn i tempo hanno scatenato le più nobili e grandi passioni degli uomini: la gioia nella b."\.uaglia, la collera verso il ne· mica contro il quale si combatte , l'ebbrezza per il conseguito trionfo ". Essi si adopreranno ad assegnare all'attività dei loro compatrioti un fine ben defin ito che anche le genli più semplici pot ranno intendere: u la liberazione della Pa. tria dal g iogo degli oppressori stranieri n, Naturalmente, per Treitschke, quel che è lecito suoi con nazionali è interdetto agli stranieri; poichè di CI P atrie" non ve n'è che una sola: la Patria germanica. Ment re perciò i tedesch i adempiranno semplicemente il proprio dovere conformandosi in ogni circostanza all'esclusiva preoccupazione dell'interesse della

STAro • t!UIOHf. • fflIERAUSMO

Germania, gli uomini degli altri paesi si riveleranno perversi tutte le volte che oseran no manifestar delle ambizioni prettamente nazionali. La CCI II dizione preliminare tuttaviJ, perchè la nazione tcdesca possa. secondo il d isegno della Prov. videnza, flU valere senza restrizion i le qualità eccezion;rli che w ntradistmguono la sua uaica nat ura, è che essa di uno stl umenlO idoneo ad <4ssicurl'trne il più proficuo e razionale Come ho già rile. \'alo, per T rd tschke come per Hegel, questo strumen_ IO non può ess.!r<.' che lo Stato, uno stato formidabilmeOle forle , nd quale la nazione fi nisca per tro\'arsi indiscutibilmt'nle e indissolubilmente Irasfusa. Docili a questi insegnamenti, un nugolo di giuristi specializzat i, RHa cu i formazione collaborano concordi e la scuola storica del Savig ny e quella pubblici. stica del Laband, fu senza indugio messa all'opera per precostituire allo slato, in tema di dottrina e di principii, dei titoli indiscutibili, in forza dei qua li fosse ad esso. possibile, in ogni evenienza, coprire con le guarantlge che formalmente testimoniano della più stretla conformità al Diritto, le manifestazioni e le applicazioni dell'arbitrio più sfrenato. L 'ordinamento di cui Bismark riuscì a dotare il nuovo Impero germanico costituisce il risultato imponente di questa ostinata e coerente convergenza di sforzi. Risultato tanlo più impressionante in quanto che esso determinò a breve scadenza in tutta l'Europa conti nen_ tale per spirito ad un tempo di reazione e di intima_ zione, una revisione profonda, sulla falsariga tedesca, delle nozioni di stato e di Diritto si no allora correnti e tradizionali.

3. · Matx e il primato genaaaico. Quel che più colpisce, però, quando si voglia misu_ rare la portata del movimento che trasse origine in Germania con la predicazione di Fichte alla nazione tedesca e che culminò con l'idealizzazione della n.. zione nello stato ad opera di Hegel, è che alla mitologia da esso accreditata sembrarono presto o tardi indul-


SilVIO TlttKTIK

gere _ come fascinati _ gli indulgenti per i partiti presi o per le superstiZion i. Una illustrazione particolarmente significativa della cieca violenza delle passioni di cu i detto movimento determinò la subitanea esplosione è offerta dall'attegg iamento assu nto da Marx steSSO nel corso della ri. voluzione tedesca del 1848 e sovratutto dai rabbiosi giudizi da lui espressi qualche anno più tardi in veste di criticO imparziale, s ulle sommosse nazionali scoppiate alla stessa epoca, in concorrenza con quelle germaniche, nei paesi di Boemia e di S iovacchia sottoposti alla dom inazione absburg ica. Negli an ni 1851-52, l'uomo che g ià aveva redatto il M.aUesto con cui. per far diga al nal.ionalis mo ormai già degenerante in imperialismo, veniva lanciato i l molto incendiario: " Prolelari di tutti i paesi , unite. vi 1 li, non temeva di corroborare della propria incon-

dizionata adesione la tesi della quale più si preva leva allora come oggi, nel suo proprio paese, la ortodossia nazionalis ta della supe riorità provvidenziale della raL za germanica. A quell'epoca infaui, in rlvolullone e controrivoluzione. cosI egli commentava felicitandosene il fallimento de l moto di liberazione deg li slavi • di German ia: Il Cosi si terminarono, per il momento e mollo probabilmente per sempre, i tentativi fatti dagli slavi in Germania per la riconquista di un'esistenza nazionale indipendente. Poveri resti dispersi di different i paesi la cui nazionalità e il cui ruolo politiCO erano da molto tempo praticamente inesistenti e che. per conseguenza eran stati obbl igati, du rante quasi un migliaio di an ni, a marciare s ulle tracce di un paese più potente loro do_ minatore alla stessa g uisa che i Galli in Inghilterra , i Baschi in Ispagna, i Breloni in Francia e, in un'epoca più vicina a noi, i creoli spagnuoli e francesi nelle reg ion i dell'America del nord occupate recentemente dal\a raua anglo-americana; questi popoli, sofferenti di deperimento cronico, boemi, dalmati. ecc., avevano cercato di trar profitto dello stato di confusione universale nel quale l'E uropa si trovava nel 1848 per ristabilire lo statu quo politico dell'anno 800 dopo Gesù Cristo. La storia di un migliaio d'anni avrebbe dovuto 10_

STATO' /'IAZIOS'E • FUltRAUSMO

fa mostrare che ogni possibil ità di ritorno all 'antico era irrimediabilmente predusa; che se tutto il terri_ torio all'est dell'Elba e della Saale era s tato occupato un tempo dalle razze slave, questo fatto non poteva servire che a fornir una nuova prova della evoluzione de lla storia e, nello stesso tempo, della potenza psi· chica e intellettuale che la Germania è s tata capace di s prigiona re quando si è trattato di assorbire e di assimilare i s uoi an tich i vicini dell'est; che questa vocadODe del tedesc.hl è stata sempre ed è ancor UDO degll strumenti essenziali per la propagazione della clvilt' occideDtale all'ed del ContlneDle; che essa non p0trebbe restar .senza oggetto che quando il processo di germani zzazione fosse perven uto ad estendere i con. fini della Germania alle front iere di nazioni potenti. compatte, unite , !'i usccttibili di una vita naziu nalt: indipendente. quali l' Ungheria e. in una certa mis ura, la Polon ia; e che , per conseguenza, il destino irrnocabUe di quelle nadool detldeoU era di accettare che quel processo di dissoluziooe e di assorbimento , da parte del loro vicini più potenti , s i compisse indistur_ bato, .. Come sperare che la storia possa svolgersi a ri troso di oltre un millennio per far piacere a qualche aggruppamento anemico di uomini che in ogni parte del ter· ritorio che essi occupano si trovano circondati da te· deschi e confusi con qucsti ? Che, per cosi dire, in IUlli i tempi, non hanno avuto a disposizione per tutti i bisogni della civiltà, altra li ngua che il tedesco; ai quali, infine . le condizioni elementari di un'csistenza nazionale fanno difetto, voglio dire il numero e un territorio tutto d'un pezzo? Cosi, il sollevamento panslavista t.he, ovunque, nei territori slav i, tedeschi e ungheresi, non era che una maschera, la quale meglio potesse permettere di restaurare l'ind ipendenza di tut_ te queste innumerevoli piccole nazioni, sì urtò dappertutto coi movimen ti rivoluzionari europei, e g li s lavi, benchè pretendessero combattere per la libertà. furono invariabilmente (salvo i democratici polacchi ) dalla parte del d ispotismo e della reazione ... traditori de lla causa popolare, sostegno e puntello principali della cricca governativa austriaca, essi furono considerati


.

SILVIO TlIEHT1K

come dei fuor i legge da tutte le nazioni rivoluzionarie. E benché in alcun luogo la massa del popolo non abbia partecipato alle piccole querele di nazionalità sollevate dai capi naziona listi, perchè essa le igno-

rava, DOO 51 dovrà tuttavia dimcotiatr mai che a Pr.· ga città per metà tedesca, dei faoatici slavi baono osato applaudire e urlare: Piuttosto il Kaout russo che la libertà tedesca Il . Come si vede, anche Marx, per quanto eccez ional. mente premunito COnl ro le insidie del dominio nazionalis ta, è stato ben lungi dal condannare, come essa avrebbe meritato, la dottrina insensata _ attraverso la quale, appun to, il nazionalismo si rivelava più esecrabile - al la cu i stregua i popoli civili si troverebbero congenita lmente ripartiti in due grandi e immobi li e chiuse categorie: quella dei popoli s uperiori e q ue lla dei popoli inreriori , quella degli eletti c quella dei reprobi. 4. - La doUrina mlrxlstl dello stato e Il tecoici mlr. xista dell'esercizio del potere. Dove, però. più diretto c, in un certO se nso più per_ nicioso si manifesta, rispetto alla elaborazione dei programmi e delle dirett ive del socialis mo scien. ifico moderno, l' influsso ese rcitato dalle teorie che la filosofia tedesca, speculando s ull'idea di nazione. era riuscita a costruire sotto la guida di Hegel, è nell'atteggiame nto da Marx assu nto in confro nto del problema dello stato; tale atteggiamento, pur implicando la scelta d i pun ti di vista e di metodi ta nto diversi, finisce per con. durre alla consacrazione dei più fondamentali concetti da quella filosofia stessa propugnati a q uesto proposito. Certo, Marx non aveva mancato, a parecchie ri prese, di insorgere, con violenza inaudita, contro lo stato, esso era venuto organizzandosi in E uropa, sotto l'egida del principio di nazionalità, per la migliore gestione degli in teressi delle nuove classi d irigenti. nè aveva temuto. nel corso delle s ue meditazioni volte a prefigurare sommariamenle l'o rdin amento della futura società social ista, di afferma re con intransigenza che , scomparse le classi, sarebbe automaticamente venuta meno la ne<::essità di aver ricorso ad una autorità qual.

,

STATO' NAZIONE. FE.OEIIALISMO

"

Siasi per assicurare la disciplina dci rapporti sociali. fornendo così lo spunto per rappresentare l'u n iverso che sarebbe sorto dalle rovine dell'ordine capital istico come un mondo dove non avrebbero trovato posto nè le obbligazioni nè le sa nzioni , e pe r assegnare, in conseguenza, all 'uomo, quale obiettivo sinletico e concreto per la realizzaz ione del fin e morale insito in ogni s ua azione rivolu zionaria la distruzione la proscrizio. ne, in eterno, dello stato. Ma questa presa polemica di posizione , la quale servi rà, periodicamente, nella letteratura socialist.'\ di tutti i paesi , a is pirare le p iù infiammate req uisitor ie contro lo stat uto dal capi talismo imposto alla vita colloe-Iti va, per sottometter ne tutte le manifesazioni a l suo ferreo e permanente con trollo, non sarà mantenuta e rispet· tata che nella misura in cui essa possa servire fo rmai· menle ai fin i della lotta che il proletariato deve condurre, con inesorabi le decisione, contro i suoi oppressori T utte le volte, infatt i, in cui Marx si adoprerà ad indicare de lle di reltive un po' precise, alla cui osservanza dovranno esser conformati gli sforzi diretti alla consolidazione di una rivol uzione vittoriosa, saranno i principii della piil rigida ortodossia centra lizzatrice t ' i pregiud izi della pi ù s pietata insofferenza verso ogn i velleità di auto-determinazione collettiva che egli si rassegnerà, alla fine, con non minore dogmat ismo di Hegel, a rimettere in onore, Il regime a cui spetterà di instaurare e di salvaguardare l'ordine nuovo, l'ordi ne socia lista, sa rà un regime dittatoriale, un regime che deriverà la propria legittimità. non g ià da una libera investilura da parte dei cOnventi, ma da una sovrana deliberazione del partito di avanguardia, detentore a priori , in omaggio ad una inelud ibile esigenza dialett ica, di tutte le prerogative implicanti l'esercizio di qualsiasi pur insigni fica nte parcella del potere politico , Nel s istema di Marx è il partito che prende il posto de llo stato,


50

SILV IO TRFJ'TIN

5 . • Ii P artito-Stato In vc ro, se, in un primo tempo, q uello s i istitu isce e si organizza come uno strume nto di liberazione della società da tutti i vincol i pe r cui questa s i trova sal damente aggiogata allo stato borghese . vera ti macch ina per l'opp ressione di classe n, autcntico H comi lalo esecuti vo della classe dom inan te n, ben presto esso non ripugnerà a rivendicare per sè gli a ttribut i per cui lo stato medesi mo, collocato nell'assoluto e inteso quale spirito universale, era apparso sub itamente c defini_ tivamente arr icchilO dalle s pecula zioni della filosofi a idealista. Come lo stato hegeliano, lo stato social ista, nella prefigurazionc auribu itagli dal ma rxismo ortodosso, pone se stesso come un'entità a sè stante, perfetta c au tarchica c confisca a proprio profitto tutte le fonti dell 'autorità e del potere. Cosicchè, d i fronte all'uno come di fronte a n'a ltro. l'attività umana s i trova s pogliata di ogni iniziativa e di ogni autonomia, s ia no esse mate riali o spiritua li . I n questa collus ione incosciente del material ismo dialettico con l' Idealismo nell'impostazione e nella so. luzione del problema dello StalO, ris iedono, ad un tempo, e una nuova causa e un 'occasione nuova del dramma treme ndo che oggi travolge le fondame nta del la civihà occidentale. Essa soltan to può fo rn ire un'attendibile spiegazione delle sorprenden ti analog ie le quali denu nziano ancne all'osservatore meno accorto, l' intima parentela esistente fra la tecnica del regime che Lenin crcò exRO VO in Russia, in nome e per conto della rivoluzione proleta ria c la tecnica del nazionalismo tolalitaristico. Questa collusione si rivelerebbe anche più evidente e persisten te se s i volesse approfondire l' utilizzazione che le due gra ndi correnti filosofic he, ed i mov ime nti polit ici che ad esse si ricollegano, hanno praticamente fatto dell'idea di nazione. La nazione per esse è stat.'\ infatti , sempre ugualmente concepita come una compatta unità, incompatibile per defin irione con la per-

STATO· NAZIONE _ fLDUlALISMO

"

manenza, nel se no del g ruppo da essa espresso, di una pluralità di centr i di vita sociale. Per rendersi conto del ca rattere inde lebile de ll'impronta lasciata anche a s iffatto propos ito dall'insegnamento di Hegel su Marx, basta ricordare le clamorose polemiche da quest'ultimo con tanta violenza sostenute contro Proudhon e Bakunin e tener presenti le osl inate c feroci prevenzioni aoti-anarch iche, si vivaci sempre nella tradizione del rnarxismo più intransi-

gente.


STATO '

CAPITOLO VII. STATO E NAZIONE IN ITALIA DAL PAIlTICOLAIlISMO COMUNALE ALL'UN ITÀ NAZIONALE

l. _ Graduale atllevollmento, attraverso i periodici ton-

fiuti fra Il Papa e l'Imperatore, dell'idea romana dell'unità imperiale. Il processo di rapida degenerazione dell 'idea nazionale. che appare sì manifesto in Germania nella prima metà del secolo XIX. si riproduce con maggiore o minore intensità, in parte in segu ito al\' azione spon. tanea degli stessi motivi ideologici o sentimentali, in parte per contraccolpo d'ordine dottrinale, in quasi tutti gli altri Paesi d'Europa. L'Italia era fo rse il solo paese dove l'idea di nazione avrebbe potuto avere degli sviluppi e delle applicazioni di eccez ionale origi nalità . Eppure anche nella penisola, malgrado l'esistenza di condizioni privilegiate, la lotta per l'affrancamento della nazione non ha, in ultima analisi servito che ad aprire la strada alla campagna antifederalista e alla ins tallazione, a buon mercato, dello stato monoccntrico . Come è noto, fino al medio-evo, il pensiero politico italiano è stato dominato dall'idea romana dell'unità imperiale, dell'organizzazione, quanto meno simbolica, di tutto il genere umano nel seno dell'impero universale. La rappresentazione e l'incarnazione dell'autorità s uprema ed esclusiva sono. in quel tempo, aspramente disputate fra il sommo Pontefice e l'imperatore civile. La lotta tra questi due avversari e fra le scuole impegnate, al loro seguito, a sostenere intrepidamente

NA.l.101IE _ F1:.DElI:AUSMO

e dOtiamenle la causa, assume il suo carattere più acuto e, in un certo senso, più grandioso nel corso del secolo XI, in conseguenza sovratutto dell'atteggiamento e <Ielle in iziative adottate da Gregorio VII nel persegui mento dell'audace suo proposito di ricondurre alla purezza delle origini e di ricomporre ad unità tutti i frammenti dell'intero mondo civile. Pcr quanto inconciliabili appaiano le due posldool che in questa occasione si affrontano, la premessa sulla quale l'una c l'altra fondano rispettivamente ,';ncontestabi li tà e t' esclusività della propria forza è la stessa. Papisti e imperialist i si trovano, infatt i, d'accordo per proclamare che il potere non è susccuibile di frazionamento o di lim itazione e che il suo esercizio non può aver luogo che in forma totalitaria. Poichè tanto il Papa quanto l'Imperatore rivendicano per sè la q uali tà di inviati di Dio in terra, il dovere dell'ab. bedienza nci loro l'onfronti da parte dei sudditi, qualu nquf' sia il comando che a questi è ri volto, s i prospetta nella forma di un imperativo inderogabile. Analogamente, sul piano giuridico. i due partiti fanno valere con uguale fervore e uguale ost inazione la stessa tesi: la tesi dell'universalità immanente de l Diritto, in quanto Diritto di Roma. Per l'uno e per l'altro la coincidenza è perfetta fra l'efficacia un iversale del diritto romano e la piena subordinazione della massa dei conviventi al potere assoluto dell'imperalore o del Papa. Dante è forse lo scrittore che meglio i!\ustra la coin. cidenza ideologica di queste due concorrenti posizioni, che egli. in ullima analisi, non riesce a conciliare se non facendo ricorso, per la pacifica disciplina dei rapporti fra il patere imperiale e il potere ecclesiastico. alla teoria dei due fini: il fine naturale e il fine sovranaturale. Nel pensiero politico di Danle, il fjne naturale scaturisce. alla stessa guisa e allo stesso titolo che quello sovranaturale, dalt'intima essenza della natu ra umana definita originalmente, anche prima del pt..'CC3tO. Per questo, esso, a differenza di quanto pensa San T ommaso, può pienamentl' essere raggiunto in questa vita merc.è la umana tonvlvenza e con l'ausilio della speculazione dei filosofi.


SILVIO T'REIH1M

Dall'autonomia del fine naturale, discende, secondo Dante, direttamente l'autonomia del potere civile di fronte a l potere ecclesiastico. La Chiesa, depositaria della ri velazione di Cristo, g uida l'umanità alla beatitudine celeste. L'Imperatore. interprete delle esigen_ ze mondane, cioè sociali, di tutti i conviventi, guida l'umanità alla felici là terrena j e la guida per pbUolopbita dOtumenta. ti: appunto prendendo le mosse da siffatle premes. se, che Dante è pervenuto ad attribuire alla teoria im_ peria le la s ua più compi uta espressione. Per Dante, infatti, l'Impero, rispetto alle altre comunità che già di per sè sono stati, rappresenta l'unità organica cu i queste con\·crgono naturalmente, Il ,'unità moderatrice dei rapporti fra i vari regni e cillà a l fine della instaurazione della pace universale u. Pertanto l'fmpero appa re a lui quale [o Sfato veramente autarchico, il cui fine sovrasta ogni fine particolare e coincide esatta. mente con il fine naturale dell'umana tivU!tas . Evidentemente, fin ta nto che dura questa specie di fascinaz ione esercitata dal miraggio di poter far rivivere e contin uare la grande esperienza tentata da Roma, sarebbe vano di ricercare nella letteratura pol itica e giu ridica italia na un presentimento o un'intuizione, sia pur vaghi, dell'idea di nazione. Ma il sogno della restaurazione imperiale e gli sforzi disperati nel corso di tanti secoli ripetuti per tradurlo in realtà non durano oltre il ti: il mediooCvo anz{ che quel sogno disperde e di quegli sforzi illuSlra la ormai irrimediabile "anità. 2. - L'esplosione del federalismo dalla rovina delle vec,hie concezioni unitarie.

Menlre la querela fra il Papa e l'Imperatore per l'accaparramento, ciascuno a proprio profitto, dci principii uni ve rsal is tici si eternizza e diviene accadem ica, e mentre; dottori al loro serv izio rinnovano senza fine le loro vane polemiche di scuola, il processo di disg regazione c di riasscstamento dell'Europa, e, nello stesso tempo, l'evoluzione della tecnica della produzione e la t rasformazione conseguente delle ist itu-

STATO • NUIOI!E • FEDERALISMO

"

zioni economiche si accelerano con un moto sempre più rapido. AI concludersi del Medio-Evo, tutto un mondo nuo. va ha già avuto origine in halia le cui esigenze appaiono subito incompatibili COI. la concentrazione dell'autori tà in un unico soggetto, con l'attribuzione di un unico regime a tutte le forze attraverso le quali la vita sociale riesce ad esprimere le sue più incoercibili tendenze. La rovi na delle grandi concezioni unitarie è ormai compiuta e definitiva . Ma è appunto da questa rovina che si sprig ionano e si liberano per la prima volta, determinandosi e divenendo consistenti, quelle aspirazioni e quelle speculazioni d i cu i sarà ben presto impregnata l'ideologia nazionalitaria. Chi vogl ia rimontare alla sorgente più diretta di quei principii ai quali la Convenzione. qualche secolo dopo, darà infine un così formidabile risalto e attri_ buirà una consacrazione tanto solenne, bisogna che assuma ad oggetto delle proprie indagini l'Italia del Rinascimento, t proprio, infalli, attraverso i tentatIvI molteplici, perseguiti con successo in quell'epoca nella penisola, per scuotere e demolire l'oppressione dell' I mpero _ tentativi nci quali si associano variamente combinandosi le forze più d isparate ( la Chiesa, per esempio, con non minore vigore e tenacia che le associazioni cittadine e comunali) _ che deve ricerearsi la genesi vera, j'autentico fermento della rivoluzione moderna, in quanto rivoluzione nazionale. Anche nel campo dottrinale, del resto , il pensiero italiano, nella elaborazione del contenuto delle idee nuove confusamente agitate nel tumulto delle trasformazioni politiche ed economiche, si mostra singola rmente precoce. Già Machiavell i, e nel PrlDclpe e nei Discorsi, dopo essersi senza riguardi sba razzato di ogni convenzionale c superstizioso rispetto verso il dogma medievale dell'unità politica del mondo cristiano, aveva chiaramente intravisto nello stato dina il germe, il nucleo generatore del!o Stato nazio. naie . Ma nessuno prima di Alberico Gentile era riuscito ad adeguare con maggior senso d i misura la de-


\6

SILVIO 1lIE:fr(TLN

finizione della nazione alla rt:altà dei bisog ni che essa era chiamata concretamente il soddisfare. E a lui che si deve di aver enunciato in forma, si può dire definitiva, il principio, oggi ancora attuale e irresistibilmente dinamico ti che anche per i popoli esiste una g iustizia, una libertà, un diritto naturale n, principio

che si pone come fondamento della stessa organiZ23_ zione politica dello stato. Lo stato quale necessaria soprastruttura di qualsiasi gruppo sociale specificamente individuato, ha i suoi propri lim iti naturali e obbedisce, nell' espletamento delle sue funzioni, ad una sua propria legge che è la legge sulla quale pogg ia e dalla quale deriva la propria determinazione. il suo stesso ordinamento costituzionale. In altre paro le, - secondo Alberico _ come gli individui e i popoli, cosi anche gli Stati fruiscono di una loro esiste nza in confondibile i cui caratteri e le cui esigenze nessun artificio e nessuna vio lenza varrebbero a di st ruggere o ad alterare. Mai , prima di a llora, la nazione era stata assunta con maggiore ch iarezza, pur att raverso le insufficienze di una terminolog ia ancora stereotipa , quale ra. gione naturale dello stato. Certo, la discriminazione fra queste due nozioni ap_ pare ancora rudimentale ed essa sembra favorire spes_ so, g razie a ll'abuso del formalismo giuridico, le più pericolose trasposizioni e inversioni di concetti . legittimando alle volte, per questa via, la dissoluzione della nazione nello stato . Ma il suo merito reSta di aver dato un colpo mortale alle residue sopravvivenre del,'universalismo centralizzatore. Più tardi i ce nacoli intellettuali dell'Europa intiera saranno, una volta di più, come travolti da una specie di nostalgia per i vecchi schemi unitari, e per ogni dove fioriranno i più ingegnosi e seducenti progetti volti a permettere _ alla stessa guisa che tutti i fedeli si trovano raccolti attorno ad un unico pastore la riunione di cuui i popoli sotto l'autorità di un unico sovrano. Per contro in Italia gli uomini cui a buon diritto spetta di er igersi ad interpreti delle più profonde tendenze dell'opinione publica che ha corso nella penisola, non dureranno fatica ad opporre alle far-

STATO • NAZIOWE _ n :OtRALJSMO

17

neticazioni dei dottori mobilitati per far trionfare. quanto meno s ul terreno delle idee, il principio della mona rchia universale, il preciso e chiaro disegno di una Lega o Federazio ne la cui esistenza sia istituzionalmente s ubordinata allo scrupoloso ris petto della indiv idualità e della autonomia dei popol i che concor_ rono alla sua formazione. Sotto questo rispetto l'esperienza italiana del Seicento riesce pa rticolarmente istruttiva.

3.

Il contenuto caratteristico dell'utopia italiana del Seicento. Il

è il secolo nel corso del quale, sul ter. POlitICO., la vita intellettuale dell' Europa, per di. fattori di cui non è difficile scoprire le intIme e stoTlche ispirazioni , si trova si ngolarmente dall'inclinazione quasi morbosa e ossessionante per le s peculazioni utopis tiche. Le .due. e inconci liabili utopie che abbaglia_ no gli SPlTlt l In questo periodo sono l'utopia universalisti ca e l'utopia cittadina. anni di inguaribile nostalgia, il mito sembra, d'un tratto, aver riacquistato ogm suo JX>lere suggest ivo e costituire di nuovo la tipica e simbolica esalrazione di un 'asp irazione sem. pre viva ed attuale . In mezzo al divampare delle lotte e delle dispute che si susseguono ardenti frenetiche e spietate allo scoppio della Riforma, mettendo in causa ovunque il dogma dell' obbedienza passiva e della. ci<.'C.:l sottomissione ag li ordini dell'autorità cos tituil:!., il vecchio sogno dell'unità imperiale riprende corpo; cosi offriv;:'!. alla resistenza contro le nuove ere_ sie il concorso e il soccorso di una g rande idea direttrice capace da sola di permettere la preservazione del_ J'ordiM sociale contro ogni colpevole tentativo di sovvertimento. La Riforma, infatti, non tarda a rivelarsi quale un formidabile st rumento fatalmente destinato a diffon_ dere i più pericolosi fermenti di disgregazione della sovranità. Ed è logico che la resurrezione dell'Impero appaia subito come il solo mezzo idoneo ad arginare ed a neutralizzare la minaccia incombente di una

!

J?opo


"

SILVIO T'R[NTIN

profonda a lterazione delle stesse basi tradizionali dr] l'ordinamento sociale. Daltra parte non bisogna d imenticare che la prospcll in\ di tln collegamento permanente _ grazie al. la creazione di un un ico centro di irradiazione delJa sovT;:tnità - fra tutli i popol i rispetto ai quali dei rap_ porti periodici di cambio eran venuti progressivamente istituendosi e svi luppandosi, sembrava ri spondere sempre più e sempre meglio soddisfare, alle esigenze di espansione delle nuove forme di attività suscitate dai rapidi mutamenti intervenuti net frattempo nella Si rultura medesima della vita economica dei paesi più progrediti. Sin dalla fine del cinquecento, numerosi erano stati gli economisti italiani. i quali avevano considerato ed ana li zzato le condizioni che avevano favorito un cosI s ubitaneo e vigoroso e fecondo approfondi mento del_ l'azione prop ria delle forze souo il cui impulso le cofioren!! ogni dove nella penisola, eran TlUSClte a conseguI re In breve volge r d i tempo un'importanza istituzionale ed una capacità di irra_ diazione elle loro j./trml!Uevano spesso di tranar da pari con le g randi monarchie. Cosi essi erano s tati tratti a segnalare la necessita di mohiplicare i contatti fra tutti i popoli civili, compresi quelli che più apparivano distanti nello s pazio e diversi per i cos tumi e d i intensificare g li sforzi per agevolarne la progressiva reciproca intl!rpenetraziolle dd b isogn i e degli interessi. Nello stesso tempo, poi, l' apparizione e l'immediata propagazione della moneta quale strumento rap_ present<ltim dt"1 valore proprio degl i oggeui di scam_ bio. determ ina\'a d'improvv iso il sorgere di re lazion i di una natura tutt 'affa tto speciale ed inedita fra stato e stato. Tali circostanze non avevano mancato di concorrere alla loro volta , a causa sovratulto delle variazioni spesso imprevedibili veriticant isi per effetto della circolazione nel potere di acquisto della moneta medesima. a legittimare e ad incoraggiare ogni ten_ tativo volto ad estendere in modo uniforme, oltre le particolari frontiere politiche, la disciplina dei rap.port i della vita sociale. P er soddisfare a questo vario e ancor conf uso esplo-

STATO' NAZIONE _ FEDERALISMO

"

dere di as pir.u ioni, tutte egualmente dellate dal desiderio di a llargare. indefinitamente, la cerchia delle influenze e delle interferenze fra i diversi g ruppi territorial i partecipant i della stessa civiltà (anche fra Quelli che si erano manten ut i sino allora l'uno all'altrO più estranei) , delle iniziative concrete fu rono di buon 'ora promosse un po ' dappertutt o. La proposta, per esempio, dello Scaruffi - accolta subito COli tanto entusiasmo - per la creazione di una zecca internaziona le data dal 1582. Ed è in quel torno d i tempo che, a più riprese, viene lanciata l'idea di una Dieta universale di Principi per lo studio dei mezzi più acconci ad agevolare lo stabilimento della pace perpetua o - p iù prosaicamente - per d iscutere degli interessi generali del commercio ed elaborare uno statu to g razie al quale potessero essere fac ilmente ri mossi gli innumerevol i Impedimenti che ancora si opponevano alla sua libera espansione. Non vi è dubbio, dunque, che nel seicento l'aspi razione univerMlistica ridi'lenta di g ran moda anche in Ital ia. Ma, a differenza di quello che succede altrove in Europa. quest 'aspi razione in Italia sbocca subito non già alla restaurazione del vecchio mito imperiale. bensl alla propugnazionc di una vera e propria carta federat iva, fondata sull'eguaglianza dei partecipanti, fra tutti i centri di governo locale capaci di esprimere e di far valere un a loro propria autonoma ragione di vita collettiva. Delle due grandi utopie che sbocciano e dilagano ncl Corso del XV lI secolo, quella a sfondo romano, la quale assume .:1 modello la monarchia universale, e Quella a basc cittadina. è quest'ultima che trova nella penisola c magg io ri consensi e più lucide suggestive illustrazion i. vero che anche in Italia non sono mancati in quel tempo, sovralU lIO nel seno dei circoli aulici, dei zelatori appassionati della monarchia . assa i sorprendente anzi. che su1!e traccie del Balera. con ques ti si sia confuso lo stesSO Campanella, al quale la monarchia universa le era ad un IrallO apparsa - tan to anche neg li spiriti più liberi si ri ve lava fo rte la soggezione al simbolis mo dei çlit hb convenzio nali quale una specie di astro a corso irregolare e a soste


..

SILVIO

inlermiUenri che H camminando da Levante a Ponente, per mani di Assiri, Medi, Persiani, Greci e Romllni n... era venuta l' finalmente in mano degli spagnuoli come per il circolo delle cose umane loro spettava u. noto infatti che, secondo il Campanel la del

Proemio alla Monarchia di Spagna e della Monarchia del Messia, l'unificazione del mondo intero avrebbe pOlllto concretamente raggiunge rsi grazie alla filiale collaborazione dell'Imperatore di Spagna col Sovrano Pontefice, attraverso una serie di Crociate contro gli infedeli, sotto gli auspici di una Federazione di popoli costituiti in un rapporto di permanente obbed ienza rispetto al Santo Padre e per mezzo di un Condlio di Principi da convoca rsi a Roma. Ma queste ed altre simili farneticazioni non rappresentavano, in fondo, che un sacrificio di prammatica, superficiale e inoffensivo, faUo alle tradizioni ed ai pregiudizi che le supreme gerarchie della Ch iesa con maggior fervore si adoperavano a mantener vivi fra i chierici chiamati a diffondere e a difendere, in mezzo alla folla dei poslulanti della cultura, la buona parola. Invano, però, si ricercherebbe in sifratti esercizi, in gran parte scolastici, una impronta caratteristica del pensiero italiano del tempo. Questo, in realtà, non si lascia afferrare se non a patto di far ricorso alla diligente esplorazione delle splendide costruzioni abbozzate dall'utopia cittadina. Qui soltanto esso si ritr().. va veramente neHe sue più originali espressioni e qui soltanto esso si rivela sul serio strettamente aderente alle più intime inclinazioni del sentimento popolare. Non è certo nel Campanella della Monarcbia del Messia, ma nel Campanella della Città dei Sole che gli Italiani colti del Seicento rinvengono l'interprete delle loro più assillanti preoccupazioni, il testimone e il commentatore dei sogni e delle fantasie da essi più lungamente e più nostalgicamente accarezzati. Del resto, è tutta la letteratura politica italiana di questo secolo che, nella ricerca dei metodi più adatti per giungere all'attuazione di un perfetto reggimento, si trova orientata ad identificar questo, a priori, con un reggimento a struttu ra cittadina. La scienza politica infatti era nata in halia - sull'influenza dei modeÙi antichi, greci e romani, e sulla

STATO' HA.ZKlH:E • FEOERAUSMO

61

istigazione delle esperienze contemporanee, cui la penisola aveva fornito e forniva tanta abbondanza di materiali _ come studio assumente ad oggetto una piccola Repubblica, di preferenza Firenze e Venezia, e, dentro tali limiti, essa aveva continuato anche in seguito a concentrare il campo delle proprie investigazioni.

4. _ La Repubblica cittadina, modello dello Stato perfetto. I trattatiSli del De Optimo statu civitaUs _ che essi si chiamino Sarpi o Savonarola, Sgualdi o CampaneL la - tengon sempre g li occhi fissi su di una circoscrizione ristreua, repubblica o principato, dove g li abilanti restano sempre in diretto contaUo fra loro, dove l'esercizio del potere subisce in permanenza l' immediato controllo degli amministrat i. Qualunque sia il modello da l quale essi amino trar le proprie ispirazioni/ che le loro simpatie intellettuali siano riservate a Platone o a Tacito. ad Aristotile o a Tito Livio, essi si trovano tutti concordi nel ritenere che la condizione prima di un buon ordinamento dello Stato è la limitazione delle sue basi territorial i e demografiche , e la riconduzione delle dimensioni dello stato medesimo alle nalurali proporzioni di una autonomia is tituzionale fondata s u di un processo di autentica e cosciente unificazione e differen ziazione della vita collett iva. Perciò, tUlli g li scrittori ai quali a ll udo e che figu_ rano ancor oggi fra i più rappresentativi della letteratura pol itica italiana di questo periodo, non solo trascurano di prendere ad oggetto delle loro indagini il problema _ pur tanto alla moda, allora, negli altri paesi, in sede di definizione della missione imperiale - dell'accrescimento dello Stato, ma segnalano, unanimi, come pernicioso l'eccesso di grandezza cosi delle comunità repubbl icane come dei regni. Questo atteggiamento, d'altronde, è comune anche agli uomini ehe maggiormente sembrano risentire l'influenza delle tendenzt: e dei programmi a sfondo universa listico. G ià Tommaso Moro, per esempio, aveva ritenuto opportuno di mettere in guardia il re di Francia contro i pericoli di nuove conquiste, invitandolo


62

SILVIO T'RtHTlK

ad adollarc, stessa guisa degli acoriani, VICin i dell'isola di Utopia, il saggio part ito della rinunzia . sue tracce lo stesso Botero, pur tanto indulgente per ogni tentativo di restaurazione dell'originaria autorità dell'Impero. non esita a riconoscere che quel che più conta per realizzare il buon assetto dello stato non è tanlo l'allargamento del suo u spazio vitale Il , quanto la consolidazione delle sue fondazioni. L'ideale politico italiano, insomma, sino quasi a lla fine del seicento, continua, a questo riguardo, ad incarnarsi nel picco lo siato, nella repubblica comunale, tuntal più regionale, nello Stato-Città. S iccome è s ulla forza che in q uel tempo normalmen_ te s i appoggia la discipli na dei rapporti fra gli Stati, è naturAle che, per assicurare la pace alle loro repubbliche, g li utopisti italiani, CO'sl come gli utopisti degli altri paesi, si preoccupino di ridurre al minimo i rapporti fm q uelle repubbliche medesime e l'esterno. Fin (anto che esistano dei grand i stati. ogni contatto con questi riesce estremamente pericoloso: poichè fra i grandi stati si isti tuisce sempre fatalmente la concorrcnZb, ciascuno di essi essendo portato dalla logica stes.c;a del sistema su l quale esso fonda la propria forza. a far valere con ogn i mezzo, in confronto degli allri, 1<\ propria supremazia. La misura l! il saggio della perfezione sono offerte pertanto dall'isola. Ed è nell'isola appunto che gli pisti rifugiano. c quasi nascondono, le loro istit uzioni modello. Ma non si traUa qui che di una semplice precauzione di carattere provvisorio. A tuui appare, in vero, evidente _ ed è alla realizzazione ultima di una tale situazione di fatto che ciascuno fervidamente intende _ che in una società in _ ternazionale dalla quale i grandi stati, focolari permanenti di aggressioni e di guerre. saranno definitivamente banditi, la pace si trova automaticamente ga. rantita dalla assenza per così dire istituzionale di compet izion i gentrate dal desiderio di espansione, dalla el iminazione irrevocabi le di ogni centro collettivo capace di generare e di al imentare una vera e propria volontà di potenza.

STATO' H,u101fE _ F'E.O(IIALISMO

63

5. . La reazione nazioDalist.-DDU.ria aUe teodenze espansioniste delle gr.odi moou,bie straniere. _ G. B. Vico. Disgraziatamente, mentre gli s piriti più generosi dena penisola, smarritisi nelle regioni dell'utopia, per. seguono. pieni di candido entusiasmo, la .seducente chimera della RepubblicCi perfeUa, le grandi monar_ ch ie continentali non ceS5-'\no di apprestare sempre nuovi strument i per meglio dar soddisfacimento ai l?tO a.ppeti.ti di im pero e di suscitare, nei loro [I reCiprOCI. sernpre nuove occasioni di competizione e di conflitto, nella speranza di trovar modo, per questa slrad<l, di far vale re definiti\'amente, ciascun<l riSpellO alle altre, la prerog.ltiva al l'esercizio di un incontestabile primato. Ora, la preda nci cu i confrOMi con maggiore vio_ len za si manifesta l'urto fra queste passioni e queslt' pol itiche concorrenti è rappresentata appunto dall'Ita_ lia. Non deve perciò stupire che, anche in Italia, per impulsiva reazione di resistenza e di difesa, c ad un tempo per spirito di imitaizone, ben p resto cominci a delinearsi una corrente di pensiero diretta, da. un lato a s"alutare e a superare le vecchie Ci pregiudiziali " cittadine e. dall'altro, a trar subito profitto dell'idea ancor vaga di nazione, allora agitala un po' dappertutto. per promuovere, nel nome di una individualità etnica più vasta e irriducibi le, la coal izione di tutte le forze indigene contro l'oppressore straniero. L'interprete più acuto e conseg uente, e il g rande tcorizzatore di questa tendenza, sarà G. B. Vico. In termini identici rispetto a fulli ugualmente e i governanti e i governati dei vari stati nei quali la penisola era s uddi visa, veniva al lora p roposto in forma sempre più precisa c con ca ratteri di un ' urgenza sempre più grave dalle vicende della lotta nella quale si trovavano in permanenza impegnate le monarchie di Austria, di Francia e di Spag na, per la conquista, eia. scuna a proprio profitto , di una posizione di premi. nen:z.a nel Mediterraneo, il prob\ema della ricerca di una piattaforma, la quak!, promuovendo il sorgere di lIn saldo vincolo di solidarietà, permettesse lo schiera_


S ILVIO TlIENTIN

mento su di un fronte comune d i tutte te frazioni dci pOpolo italiano sulle quali incombeva la stessa mOrtale minaccia di asservimento. Una tale p iattaforma, è vero, appariva g ià lUila dalle conclusion i alle quali, in materia di orga. nizzazione sociale era n già perven uti i g iusnaturalisti del tempo. Essi si erano con successo adoperati a dimostrare che il pOpolo, in quanto lale, assurge alla dignità di un ve'ro e proprio soggetto di diritti, per natura loro imprescriuibili appu nto perchè congeniti all'essenza stessa, permallente e immodi ficabile, dei loro proprii titolari. Ma quel che importava ed urgeva e ra di tra· s ferire questa nozione, dalla categoria dei pOstulati a priori a quella delle manifestazioni defi nite di una coscienza attuale . Ed è questo proprio il compito al quale G. B. Vico si è accin to e cne egli na splendidamente assolto, pre · cedendo di un secolo, non solo nell'originalità della cost ruzione possente ma a nche nella intransige nza dei suoi svil uppi a rbitrari, le g ra ndi speculazioni di He· gel. Per Vico la Nazione costituisce la materia comples· sa, impazie ntemente elaborata attraverso le più varie vicende, coscientemente plasmata dai fatlori attivi della storia, su cu i lo stato finisce per trovare la sua più stabile basco Materia dunque non - a propriamente parlare _ naturale, nè data, ma model!ata g li uomin i, voluta, sentita, attuata da essi. Nella dottr ina di Vico, la presenza della nazione, il compimento del ciclo creat ivo che ad essa dà origine, son denunziati, in modo in un certo senso tangibile, dalla effettiva fomazione di (( proprie relazioni, p roprie lingue, proprie terre, proprie nozze, pro. pri nomi , proprie armi e quindi propri imperi, propri magistrati e, per ultimo, proprie leggi ", La nazione, in alte parole, acquista e sv iluppa la propria individualità nella storia; e dalla storia, soltanto, essa desume la propria defi nizione. Appunto perchè essa è unO stru mento per cui mezzo la storia si altua, la sua essenza è tulta spirituale. La realtà della storia, invero, la quale per Vico non è che un riflesso dell'intelligenza divina, che, anzi, l'intelligen-

STATO • NUIONE • n:.DER.u.ISMO

"

7.a divina in atto, s i riduce sempre ad un aspetto par. ziale e contingente della vita dello spirito. In sifalto sislema, la vita sociale intesa come sto. ria, pur risolvendosi in un processo temporale, incorpora costantemente una parcella della verità etern a, dato che questa non può rivelarsi e dispiega rsi se non attraverso quel processo. Di qui, la fondamentale esigem:a della ricerca (( di una storia ideale eterna s ulla quale corrono, in tempo, le Storie di tutte le nazioni Il • . 5010 con l'ausilio, di una tale ricerca è possibile giungere alla conoscenza del presente storico della civiltà nel suo divenire e cogliere, ne l seno della Cont in_ genza nella quale si fissa il mondo che SOtto la gu ida della Provvidenza noi stessi venia mo creando, la presenza dello Spirito div ino, evidente che, alla stregua di questi principii, la nazIone appare a Vico non già come qualche cosa di immanente e di eterno, ma come un'istitu zione propria di un dato ciclo, di una data effett uazione spaziale della ch·iltà; ogni ciclo comportando un suo proprio in;. zio o principio, un s uo proprio svolgimento o progres. so, una sua stasi, una sua decadenza ,una sua fine. Di tutte le civiltà, ciò non pertanto, la nazione. in quanto processo o.u tonomo secondo cu i si ordino. lo. vita sociale, rimane un fattore elementare e indispensabile. Questa concezione storico-dialetlica non contrasta che apparentemente COn la concezione naturalistica· inf"tti il disegno a cui essa obbedisce è di realizzare', di quest'ultima, in una certa misura, la controprova a posteriori. Il nalUralismo definisce intuitivamente la stessa realtà che Vico si s forza di rappresentare documentalmente, quale essa si prospetta s ul piano sto. rico. La nazione, in fondo, in quanto atteggiamento della vita collettiva volta al soddisfacimen to di una esigenz<l naturale rivela appunto la propria necessità e cessa di essere una pura costruzione dello spirito nel momento stesso in cui essa si IrOva concretamente immersa nella storia, Essa non av rebbe potuto essere voluta od al. tuala se non avesse tradotto e soddisfatto un bisog no veramente naturale, cioè a dire congenito dell'uomo in società, se essa non avesse corrisposto ad una tendenza

E:'

,


..

SILVIO TlIEKTU'

inesorabile di qualsiasi forma di vita sociale alla differenziazione u nit3ria. 6. - Lo stato di Vico, pretursore dello stAto di H egel . Qualunqut: possa essere :l ogni modo, il g iudizio che s i voglia esprime re a l rigua rdo, è C't:rto che la dottr ina di Vico, postu la ndo lo spostamento d i tutto il centro della realtà dalla natu ra allo spirito, non soltanto apre la via alle gmndi correnti idealistiche tedesche del secolo XIX, ma appresta _ definite in ogn i loro dettaglio - tutte le posizioni su lle quali queste, più tardi, si installeranno saldamente, A provare l'esattez:t.a di questo rilievo, sarebbe suffi_ ciente del resto il mettere a confronto con quell:'\ costruita, sull'appoggio dei principii o ra r icordati, dal fil osofo napoletano, la nozione dello stato alla quale Hegel è pervenuto partendo dalle stesse generali premesse. Per Vico, infatti, come più ta rdi per Hegel, lo stato non è soltanto il concreto s istema polit ico-giuridico dentro il quale s i ord ina la vita delle nazion i, ma alt resì, e sovra tutlo, la realtà, in un certo senso unica che condensa ed tsprime e celebra il mondo spirituale degli uomini, Per quanto l' insegnamento di Vico non itbbia avulO subito una eccessiva risonanza, pu re si può affermare , sellza tt:ma di errore, che l'elaborazione del sistt;ma fi losofico, al quale egli cons.,crò tan ta originalità di pen siero, segna e, in un certo senso, suggella il delle dottrine pluralistiche e il sorgere C il diffonderSI, anche in Italia, sotto il coperto di un sincero patri,ottismo, delle tendenze più pericolosamente statolat Tl che, Nella seconda metà del secolo XV II I, l' idea della nazione sarà ov unque teoriz.z.ata nella penisola - cosI dalla scuola napoletana, come dalla scuola lombarda o da quella piemontese _ quale un principio legitti: mamente, in certa qual g uisa a priori, pcr effetto di un postu lato di un diritto naturale, l'unificazione del popolo italiano e il saldo s uo inquadramento le rig ide discipline di uno s tato fortemente cen,trallz,z3tO, istituito razionalmente qua le detentore effettivo di tutte le p rerogative di autonoma sovrana determinazione proprie del gruppo sociale col q uale esso finisce per identificarsi,

STATO ' HUtO".. _ FEDEAAUSMO

"

I n fondo, il vizio di tutte queste specu lazioni filosofi co-politiche è che esse, in luogo di partire da una obiettiva considerazione delle condizioni che so le possono permettere alla \"iI3 della società di assicurare la piena e libera e proficua espansione delle forze delle qual i questa s i al imenta, tendono in realtà a far valere, sia pure con g rande nobihà di intenti , una tesi di pura convenienza tattica, nella quale confusamente concordano le aspirazioni più diffuse nell'opinione pubblica indigena, per contraccolpo delle vicende politiche di cui l'Europa è allora teatro: la tesi che aHerma la necessi tà di fonda re s ulla forza di uno stalO, il più possi_ bile vasto e coerente, ogni tentativo di liberazione del popolo, Le concezioni , invero, che furono elaborate in lIalia verso la fine dci secolo XVIII s u questo tema (c un tale carallere apparirà in segui to anche più manifesto ilO quelle di cui s i a rricchirà la nostra leueratura politica nel corso del secolo successivo) rispondono sovra· tullO p iù che alla preoccupazione filosofico-giuridica precisazione del concello di nazione, al b isogno di di porre delle pregiudiziali teoriche all'azione insurrezionale con sempre più viva insistenza invocata dai " patrioti Il, di precoslitui re, cioè, una g iustificazione d 'ord ine generale all'esigenza pratica che, ad un dato mome nto sbocca sponta neamente all'affermazione, attraverso il principio di nazionalità, di un diritto che sembra connaturato alle condizioni stesse di esistenza e sv iluppo di tutta una serie di g rupp i territoriali fra lOTO Cinicamente e storicamente collegati. Man mano si acçelera il processo di disgregazione del regime feudale e s i fann o più au ivi e i fermenti che prepareranno ,'esplosione delle forze chia_ male ad instaurare l'ordine nuovo; con sempre maggiore precis ione e vigore e, si pro-paga la tendenza, si può dITe Irreslsllblle, a ncercare la definizione dci termini nei quali s i prospetla il pro_ blema della organizzazione della vita sociale e la indi_ cazione delle sue necessarie sol uzion i, non più nelle meditazioni solitar ie di alcuni pensatori dis interessat i, ma nelle stesse vicende concrete de!!a lotta politica, qua le essa s i vien di batte ndo nel seno della conv ivenza,


..

SILVIO TRtNTlloi

7_ . I wntt.ccolpl della Rivoluzione Iruccse lullo n'Uappo del moYimcnto per l'indipendeDza. Lo scoppio e il trionfo della Rivoluzione francese eserciteranno a questo riguardo un ' influenza decisiva su l corso del pensiero italiano. Ormai saranno gli uomin i cui non ripugna di prender pane direlta alla lotta politica o i letterati, i poeti 5Ovratutto - interpreti, questi ulimi, privilegiati del sentimento popolare _ che mostreranno la strada ai filosofi e ai giuristi e loro forgeranno le parole d'ordine cui sarà d 'uopo ad essi di conformare ed adattare i poslu lat i delle loro dottrine. Verso la fine del settecento, mentre )'Alfieri tuona contro il n barbaro li e predica ed auspica la congiun. zione degli s rorzi di tutti gli italiani per la conquista dell'indipendenza, il Verri a Milano più tipicamente incarna le correnti sotto il cui impulso, a poco a poco, in ogni regione della penisola si propugna un raggruppamento in certa guisa unitario del popolo italiano, per modo che esso possa feli cemente resistere a lla pressione dei grandi stati vicini e sovratutto dello stato francese. Sotto questO punto di vista, in verità, il Verri pur restando ostinatamente rinchiuso nella categoria. allora tanto alla moda, dei riformatori illuminati, alla Maria Teresa - appare molto avanzato nella enunciazione delle sue idee, se si tien conto e del momento e delle condizioni in cui esse furono espresse. Egli, a buon d iritto, può davvero qua lificarsi come il primo autentico paladi no dell'unità; dell'unità, anzi. a qua· lunque costo, magari sotto l'Austria,grazie, se occorra, alla relegazione del Papa all'isola d'Elba del Gran Duca di T oscana nelle Fiandre, E' il VeTrI, del resto che in una pubblica seduta della Consu lta a lla osa pro nu nziare nel 1796 questa fra_ se famosa : I< Invito a riflettere che se tutta l' Italia si unisse in una sola repubblica potrebbe gareggiare con la francese in tutti i rapporti della felicità umana n. Quasi contemporaneamente, a Napoli, Vincenzo C uoco, cu i sono presenti allo spirito le istruttive rien7.e napoleoniche, si adoprerà, a sua volta, a rivelare e a commentare l'esige nza ineludibile dello stato

.!ITATO - H,u1ONt • F[.DERAUSMO

.

,

unitario nazionale, fine ultimo ve rso cui tutte le attività dei cittadini, qualunque sia la loro natura, devono inesorabilmente convergere. Come si vede a dispetto di tante illustri tradizioni, anche in Italia":" alla stessa guisa che in tutti g li altri paesi d'Europa _ l'idea di nazione non riesce ad acquistare una sua propria virtù dinamica se non aCCf!ttando arbitrariamente, a priori , come suo contenuto es. senziale, il principio dell'unità, o meglio della totalità, se non legitt imando, in conseguenza, quale s ua sola realizzazione possib ile quella dello stato fone , agguer_ rito, compatto, on nipoten te. E' qu(>sto il cllcbè che, in forma più o meno tica si affan nano concordemente ad abbozzare, ali mfuo;i, d 'a ltronde, d i ogni intento polemico, i nosrri scrittori politici della prima metà dell'800. Il federalismo sembra dunque ben morto. A tal pun . IO che ogni tentativo volto a reSlaurarne il prestigio rischia di tradursi, au tomaticamen te, in una offesa fat la all'augusta maestà della nazione, in un gesto assurdo e insensatO il cu i effetto più sicuro nOn potrebbe essere che quello d i compromettere il successo di ogni generosa iniziativa tendente appunto nel nome di una sol idarietà, che s uperi e condanni le pregiudiziali di ogni g retto pa rticolarismo, l'emanci· pazione della patria. 8 .. Il 1848 e la riDa,cita delta passione federalista .

Ma sopravviene il 1848. l! 1848, che si matura e si annunzia, in ] talia, attra_ verso il significativo risvegl io della coscienza cittadina e della passione com unale, assume, in un primo tempo, il carattere di una vera e propria reazione, tanea ed irrepressibile, da pa rte delle forze che si trovano all'nvanguardia nella condotta della lotta per l'abbattimento del vecch io regime, contro il dogma della s ubordinazione irrevocabile dell'indipendenz..1 al. l' unità. A Roma, a Firenze, a Venezia, a Milano, la ri vol u· zione si scate na e, per un mcmentù, trionfa sotto gli auspici <Iella repubblica regionalista e s ulla b3.se di un program ma {ederativo s uscettibile di realizzare, nel rispetto vigoroso delle partico lari autonom ie, la colla-


70

SILVIO TlIENTlII

borazione fra luui j diversi centri di aui\'ilà politic-a nei qua li la \'ita nazionale variamente si ripartisce. A Venf:zia, queste generali direttive, alle qua li , rer naturale vocazione dei ceti sociali che vi partecipano, l'azione ri\'oluzionaria obbedisce d'istinto, risaltano C'on maggiore evidenza, Sulla laguna, accanto alle milizie di Manin, si battono, in assoluta solidarietà di fede e di propositi, dei battaglioni di napoletani, di romani , dì romagnoli, di toscan i, di lombardi. Ma eiaSC'uno, pur dividendo senza riserve i rischi e le resron<;al)ilità ine renti alla difesa della causa al ('ui servi zio esso si è offerto, tiene a conservare intatte le prerogative della comunita locale della quale c:-;so assume la rappre!'entanza. Il concorso di questi corpi distinti nello schieramen_ to s u di uno s tesso fronte di battagl ia, simbolegg'ia in ctrto qual modo, anticipandone gli atteggiamcnti la Federazior.e italiana in atto, Il partito repubblicano. che già comincia ad organizzarsi su nazionale, incarna allora il pensicro poli tico che presiede al persegui mento di queslo obielli\'o comune a tutt i i gruppi s tatali territoriAli che han lA loro sede nella penisola.

9 .. Manini e il trionfo dell. formula uaitaria, Pt'f disgrazia, una tale posizione cosl pienamenlt' rispondente alle originali caratteristiche della vita politica italiana non può essere mantenuta contro le insidie dei partigiani dell'unità, ai quali apportano candidamente il loro consenso delle schiere sempre più nume. rose di impazienti, in buona fede. La Monarchia piemontese è all'agguato, pronta a mettere in opera tutti i mezzi, dalla seduzione all'inter_ vento armato, dal ricatto alle ritrattazioni più sfrontate, pur di tirar il più alto profitto dano sfruttamento sapiente dei sentimenti d'improvviso suscitati fra le masse dal fascino di cui appare circonfusa ,'idea della nazione; essa è ormai ovunque propagata sotto la specie di un imperativo categorico il cui adempimento non sembra conciliabile che con la conquista dell'unità territoriale o politica da parte del popolo che della na_ zione stessa è assunto a viva e cosciente espressione.

STATO • NAZIONE • fEDERALISMO

71

La battaglia sarà vin la il giorno in cui Mazzini accecato dal suo generoso patriottismo consentirA, in seguito ad una drammatica crisi di coscienza, a immolare, a quelli ch 'egli reputa essere i supremi in teressi dell'Italia, le sue più care predilezioni autonomiste. Una tale conclusione era fatale, non solo perchè essa rispondeva rigorosamente alla dialettica del molo storico cui l'espansione viltoriosa dell' ideologia nazionale aveva dato origine in Europa, ma altresì perchè essa rappresentava lo sbocco necessario e la vera e propria pratica consacrazione della dottrina personale della quale Mazzini stesso s i e ra fatt o l'infaticabile apostolo, sotto la suggestione appunto dei temi da quella ideologia medesima messi in circolazione. ]nve ro, Mazzini, per quanto egli si eriga in spregiatore ostinato della filosofia hegeliana e non perda un 'occasione per mostrare ed illustrare l'opposizione irriducibile che mette a contrasto i principii sui quali essa si fonda con i principii ai quali egli invariabilmente fa appello, ha subito su questo terreno in modo decisivo, l'influenza delle proposizioni di cui si fece proprio banditrice in Germania la scuola di Jena, Si può dire anzi, cne dette proposizioni, da lui dogmatica_ mente incorporate nella sostanza stessa della rt!igione della quale egli s i compiace essere l'infallibile sacerdote, si tramutano, d'un colpo, da semplici corollari razionali, in articoli di fede. Per Mazzini, la nazione non è una creazi(llle della stori<l , un <lcquisto laborioso e paziente dell'attività umana, ma un dato, una realtà tutta fatta nella 4.ui,le !'ioi adempie un disegno imperscrutabile, l'ope ra insomma della Provvidenza , Dio _ egl i afferma _ ha scritto un frammento dci suo pensiero sulla culla di ciascun popolo. Per lui, ogn i nazionalità è congenitamente e definitivamentt! cOlltrassegnata da in teressi speciali, da attitudini speciali, e sovratulto da speciali funzioni. Cioè a dire una "speciale missione 1> che ad essa incombe di adempiere, da un lavoro speciale che essa è chinmala a s\'o:gere per il progresso dell'umanità. Sulla t:.ase di questO principio, i popoli si trovallo, una volta per sempre, ripartit i dentro inC{lI1_ fondibili ; il tedesco, per esempio, sarà colui cne è portato a scrutare le profondità del ciclo; il fran-

ua


12

SILVIO TlIEHTIH

Ct'S<::. per conlro, che egli lo voglia o non lo voglia, sentirà, in ogni evenienza, il bisogno di volger lo sgu.,rdo alle cose terrene con una perspicacia nla; sarà presa in fa llo; j'i taliano, infine, conform:}l1dosi che presiede al destino della sua nazione. sarà al costantemente sospinto a passare dalla cOnlempllzione dell'ideale nll0 studio del reale cercando con ogni mez1'.0 d i un ir la terra al cielo. La vita ellc nazioni , nel pensiero di M3zzini, è, pe r lanlo, del tutto indipendente dall'arbitrari a ('ondotla degli uomini, per quanto potenti e geniuli questi ... iuno, poichè essa non è che una forza e una fun zione il cui impiego trova irrevocabilmente la propria discipli na r.d dist"gno universale della Provvide nza . E' inutile attardarsi a mostrare i vizi insana bili di C]Ut'SI:l concezione e ad analizzare gli errori dci quali essa favorì 1<"1 fio ritura. Basti ricordare che, fuorvialo dalla rigid ità de lle premesse aprioristiche su di cui egl i aveva costruito con tanto fervore, la sua dottrina delle nazionalità, M;zzini è tratto spesso ad esprimere dei giudizi e a difendere delle pos!zioni eccessivi od in_ giusti. E' noto, ad esempio, che mentre egli rifiuta sempre agli irlandesi una propria distinta nazionalità SOltO lo specioso e g ratu ito pn!testo che essi non hanno alcun titolo originale da far valere, non esita ad attri. buire agli italiani, ad ogni piè sospinto, delle virtù singolarissime, le quali sembrano de'st inare, per decreto divino, la sua patria ad assolvere a delle funzion i pri\'ilegiate, non d issimil i da quelle che J-Icgel aveva g ià assegnato alla patria tedesca, L'Italia, purificata dalla sofferenza _ egli scri ve - u sorvola come un angelo di luce fra le nazion i che la credevano morta ", Il destino dell'Italia _ egli soggiunge - Il s i confonde con il destino del mondo" perchè u l' Italia è la terra designata da Dio ]X'r la. nobile missione di dare tlna unità morale all'Europa e attraverso l'Europa, al. l' umanità tutta intera ". Non può apparire, dunque, sorp rendente, se ben si considerino i principi ai quali egli si ispira nella formulazione del suo catechismo politico che, messo di fronte al dilemma di pregiudicare eventualmente il rapido conseguimento dell'unità italiana per rf:star fedele al suo ideale repubblicano e federalista o di subir

STATO • NAZIOt!E _ FED[ltALISMO

)J

la monarchia per affrettar la real izzazione di quell'uni_ tà stessa, Mazzi ni otbbia finito per adOtt.'ue questo secondo partito. La .scelta era virtualmente fatta dal g iorno in cui , cedendo al contagio del momento, egli aveva consentito di adorare la nazione qua le una specie d i entità mistica, come una indiv id ualità, una volontà et ico-sociale, intolleran te di qualsiasi incrinatura e convergente tutta ad un unico fuoco, ad un so lo e indissociab ile centro di vita e di coscien:ta. Non "i era nessuna ragione perchè Mazzin; seguisse una strada diversa da quella percorsa da quanti , prima e dopo di lui, avevano preso le mosse dallo stesso punto di partenza e si erano affidati allo s tesso viatico, Nel corso del XIX sc<:olo, durante il progressivo dilagare della grande potssione che ha animato tutti i popoli europei a costitu irsi in st2t i nazionali, in stat i aven ti per base delle popola,doni etnicamente fuse ed omogenee, il fel'omeno del distacco dal con<,:etlo di n:!.zione dell ' ideologi:!. n<l.zionalitaria , dell'ideologi .. , cioè, che assume la nazione come un ente prt!Costituito e irriducibile, preciso nei suoi limiti, definito nei suoi line2menti fisici e morali, fruente perciò di un inv iolabile diritto al suo riconoscimento politico è un fenomeno generc.le e dappertutto esso si manifesta :\tlraverso le stes!iC \'icr:nde. li prezzo dell'indipendenza è l' insediamento del grande stato accentratore, Prezzo, a dire il \'I;!ro, del quale poch i, sul momento, percepiscono o intuiscono l'eccezionale peso. In fatti questa trasposizione dell'essenza della nazione dai nuclei o centri uman i ai quali essa, in origine, aderisce, allo scopo loro idealmente assegnato e a poco a poco cristalizzantesi in una realtà autonoma puramente concettuale, distaccata dal soggetto chiamato concretamente a perseguirlo e incombente a questo quale un compilO imposto dal di fuori e in un certo senso imperscrutabile e inderogabile, per_ mette e legiuima a priori tutte le falsificazion i, tutti gli arbitri. tutti gli abusi. U no scopo, invero, non ha valore se esso non risulta praticamente integrato colle esigenze vitali e coscienti del soggetto che è chiamato ad adempierlo. Comunque sia, è certo che, con la defezione di Mazzini, la causa federal ista in Italia appare irrimediabil·


"mente compromessa. 01 mai essa non è difesa più che SILVIO llIEKT1M

da una esigua falange di fedeli, che si battono disperatamente, per l'esempio, a dispetto della certezza della sconfitta: la falange che s i stringe attorno a Carlo Cattaneo e a Giuseppe Ferrari. In Cattaneo e Ferrari, dcI resto, e negli uomini dcI loro gruppo, il federalismo trovò in Europa la sua ul. tima e più autentica e coerente incarnazione. L'atteggiamento esemplare di questo manipolo non potrebbe meglio essere messo in r ilievo che, <;onfrontando la posizione da esso assunta con la poSIzIone sulla quale si appoggiò la celebre predicazione di Giuseppe Proudhon che, oggi ancora, ovunque, è considerato come il tipo più perfetto di fede ralista in tegrale .

CAP ITOLO VIII. LE POSIZIONI DEL fEDER:ALISMO EUltO-

PEO NEL con SO DELLA SUA LOTTA CONTno LO STATO UNITAnIO. pnouDHON I. - Le grandi idee direttrici del federalismo prou _

dboniano . Non vi è dubbio che, sul piano puramente ideologico, il contributo apportato da Proudhon alla lotta contro le tendenze accentratrici dello stato nazionale abbia avuto e conservi ancora un carattere di prima grandezza. Se vi è un principio infatti al quale, nel corso della sua vita, in mezzo alle più stravaganti incoerenzt:, Proudhon s ia rimasto ostinatamente fedele, quanto meno a parole, questo principio è appunto quello c he tende a detronizzare lo stato autoritario ed a restituire alla società, attraverso la liberazione dei suoi differenti centri motori, le prerogative di cui, lungo tan ti secoli di subdola falsificazione delle istituzioni civili, essa era s tata progressivamente spogl iata. La grande idea direttrice del sistema nel quale egli si compiaciuto d i condensare la s truttura dell'ordine socialista, a lui con tanto candido fervore auspicato, è l 'idea della sostituzione del governo degli uomill i con l'am ministrazione delle cose. La sua divisa - divisa. purtroppo, se si vuole, di sempl ice a ppa rato. ma agitata. pur tuttavia, stnza interruzione, ad ogni propo_ sito. a guisa di intransigente prt:gilidizialt' tcorica _ è stata sempre questa: plus d'autorlté. Il che voleva dire: u accordo dell'interesse di ciascuno con l'interes-


"

n ATO ' NAZIO)(E _ FEDElIALISMO

SilVIO T'R[J(nll

se di tutti, identità della sov ran ità collettiva e della sovranità individuale n. Il punto di partenza dal q uale prende mosse è costituito invero da una caratte ristica presa di posizione rispetto al problema della. te con.sistenza .c!fettiva>l della vita sociale. Per lui , In ultima anahsl. la realtà della convivenza riesce indecifrabile se si dimentic.:hi di tener conto, anche un istante solta nto, che essa non è che il prodotto e l'espressione di una moltitudine di elementi irriducibili ed antagonisti. E' da questo contrastO, im manente e inconciliabile, che nel seno del mondo morale come nel seno del fi sico si sprigionano il movimento e la vita. Per - e sussistere, nel ling uaggio di Prou_ dhon, significa progredire _ l'universo ha bisogno che la contraddizione senza cessa si alimenti fra le forze che in esso si inseriscono e che senza cessa, un equilibrio, costantemente mobile, si istituisca per tran. la contesa, È in appunto che la dialettica di si differenzia dalla dialettica di H egel e :1 questa anZi si oppone in form a definitiva, Mentre Hegel sbocca, pure seguendo le vie tanto diverse,. alle stesse sioni di Hobbes, cioè alla esaltazIOne della tenza dello s tato alla legittimazione a priori dell'asso. luti smo govern;mentale, all'asservimento dell'individuo (<< gli individui, in quauto individui, esistono » _ Filosofia dello spirito) , alla affermaZIOne gorica di un monismo integrale, Proudhon non riCO nosce a ltrn sorgen te di forza dialett ica di quella che è insita nella essenza stE'ssa della libertà, intesa quale un movimento ascendente, che la necessità non potrà mai addomesticare o rendere automatico. E' avendo riguardo a q uesta sua generale zione del mondo che Proudhon si adopera a deflOlre i rapporti che debbono intercorrere fra lo e la società. rapporti che solo allora, secondo lUI, potran no tradursi in una ga ranzia di s tabilità dell'essere eia le quando essi si trovino espressi da una. OppoSizione di poteri, tendente, per una sua propna legge, alla gent:razione perenne dell'equilibrio,

17

! .. Stato società e governo nella dottrioa di Protldhon , Sin d,dle sue prime meditazioni sull 'organizzazione della " ita propria dei gruppi nei quali la specie umana si trova, ovunque. variamente ri partita, Proudhon è tratto. pena nto, ad insorgere, quasi d'istinto, contro ogni sistema il quale pretenda di fitr regnare l'un ità mediante il ricorso all'autori tà, Ed egli non esita a condannare, si può dire a priori, la dottrina hegeliana - ch'egli del resto non conosce che di seconda mano ed in modo del tutto sommario _ proprio perchè q ues ta risolve il processo dialettico nella celebrazione del_ la CI sintesi u. Il tratto ca ratteristico del pensiero di Proudhon è appunto offerto da questa sua negazione della da l'juesto pertinace rifiuto a ricercar la conci liazione in IIna dissoluzione dei con _ tr3ri. Tutt'al più, come fu giustamente osSt!rvato , egli non t.:onta pervenire 311a <I concilitlzione universale', che aUr.. vcrso ]'universale opposizione-u. Perchè le op_ pOsi1ioni sono eterne e v?no si rivela sempre più ogni tentativo di eliminarle. Le forze sociali hanno, infatti, ciascuna, una loro propria indistruttibile ragion d'essere. per cui 1<1 pace non può esser realizzata se non per mezzo di un loro reciproco CI bilanciamento ", se non in forza dell'applicazione costante della legge suprema della giustizia, la quale soltanto potrà permettere che esse possano mantenersi, le une rispetto alle altre, in equilibrio. La form ula hegeliana - spiega PrOlldhon - non è una Iriade che per il solo piacere o per l'errore del maestro, il quale enumera tre termini là dove , in verità, non ne esistono che due soltanto, e non ha v isto che l'nntinomia non si risolve affatto, ma che essa indica una osci llazione, un antagonismo suscettib il i semplicemente di equi librio :... " l'idea che l'ant inomia debba risolversi in un termine superiore, la sintesi, è un errore non soltanto di logica, ma altresl di espe_ rienza ... u Se l'antinomia è una legge della Mtura e dell'intelligenza, un fenomeno dell'intendimento, essa, cosi come tulte le nozioni che essa implica, non può mal ri solversi. Essa resla eternamente ciò che essa è, C(


"

SILVIO TlI[KTlK

causa prima di ogni movimento, principio di ogni fafw ma d i vita c di ogni grado di evoluzione, per la con· !raddizione stessa dei s uoi termin i. Essa è suscettibile solamente di essere bilanciata s ia per l' equilibrazione dei cont rari, sia per la sua opposizione ad altre anti· nomie n.

La funzione di governo, dunque, per Proudhon, non potrà mai ricallegarsi all'esercizio di un attributo acquisito in via definitiva, imprescrittibile, pertanto e irrevocabile. il Esser governato _ egli scrive - vuoi dire essere guardato a \-ISla, spialO, dire tto. regolamenlatO, indo ttrinato, con trollato, censurato da ge nie sprovvista all'uopo di ogni titolo e di og ni vi rtù .... Esser governatO vuoi dire. sotto pretesto d i utilità pubblica e in nome de ll'i ntert!sse generale esser messo a contribuzione, taglieggiato, sfruttato, monopol izzato, conc ussionato, prcssurato, mistificato, derubato e Poi, alla minima resistenza, al più piccolo lagno. represso, vili peso, ingi uriato, perseguitato. disarmato, imprigionato, fu cilato, mitragliato, g iudicato, condannato, deportalO, sacrificato, venduto, disonorato, EccO il go. verno, ecco la ::oua gi ustizia, ecco la s ua morale Il. Pcr Proudh on, è sacrilegio l'ammettere che lo stato possa esse re co llocato al d i sopra della società e che ne llo stato si possa financo vedere una specie di incarnazione dell'essenza divi na. Per con trO, è la società _ la società civi le, quella che s i organizza sulla base di liberi contratt i di scambio tra lavoratori - che egli vuoi far vivere in faccia e ben presto al disopra dello stato q uale potere di governo, L'obiettivo suo ultimo, il sogno da lu i ardentemente perseguito è " la dei governo nell'organizzazione economica u, Nel sistt:ma che egli costruisce e nel quale. in un certo senso, egli vuoi prospettare, nei loro termini au_ tentici. le esigenze naturali e incoercibili di qualsiasi forma della vita degl i uomini in società, (\ la dign ità ind ividuale e la digni tà collettiva, la coscienza personale e la com unità delle coscienze, la libertù individuale e la libertà del gruppo in q uanto totalità, l' individuo e il gruppo, insomma, non possono a nessu na condizione essere separati, poichè essi s i generano, ,'un l'altra a vicenda nell'attivi tà propriamente morale n.

STATO' NAZIONE _ f"UlERALI5MO

"

L'opposizione ad ogni istante rinovellantesi è la sola gara nzia dell'ordint!, cioè dell 'equilibrio. Ma pe rchè questo equilibr io possa raggiungersi è d' uopo, a nzi tutto, distruggere ogni vin colo arbitra rio, ogn i costrizione abus iva, ogn i soprastruu ura artificiale. E' necessario, pertanto, orgall izzare la società e trasformare lo s tato,

3 .. ]1 c mutualismo ». Il bilanciamento fra la .società e lo stato, la naturale e fomentale d isciplina. cioè, della loro coesistenza, presuppone la rea li zzazione preventiva di una ser ie di equilibri all'interno di ciascuno di ques ti due ordini che si pongono, l'uno rispetto all'altro, in una posi?ione di indipendenza; dis tribuzione dei poteri; equilibrio della autorità e della libertà, el la centralizzazione e del fede ralismo territoriale e funziona le e cosI via. Secondo Proudhon. il principio di una delimitazione dello s tato ad opera dei g ru ppi (cd è a questo proposito eh 'egli pecca sovratutlo di apriorismo, dalO che non s i tratta qui di frazionamento artificiale e, in certo qua l modo, sim metricamente ordinato una volt", per tutte, secondo un imm utabile criterio. ma bensl d i un attO di liberazione di una moheplice e sempre mobile realtà che lo stato moderno violentemente com prime) questo principio che tende ad attribuire alla società organizzata la hlllzionl: di deli mita re ('" definire il com_ pito rlello stato, non soltanto solleva e risolve un a que_ stione che è di \"itlL e di !t'orte JX'r l..: libertà l·ollettive e individual i, ma pt!rmttte 3ltresl di assolwre ad condizione essenzia le al cui adem pimento Iro\'ac;i, per forza, sempre subordinA.ta la stabi lità dello stato stesso. L'i dea c he Praudhon agita quale uno u specifico » infa ll ibile per la preservazione del corpo sociale contro ogni sopruso, è l' ldée ouvrlére, la quale s'incarna nella creazione del diritto economico e il cui sviluppo implica l'unione federativa di g ru ppi integra nti il loro diritto economico-particolaristico in un diritto eeonomka-com une, il quale è precisa mente il diri tto che regge la fede razione industria le-agricola. La s truttura corporat iva, malgrado tutte le Tipu_ gnanze che, s ull'ammaest ramento di un passato re·


80

SILVIO T'REII'TlfI'

cente eS!>a suscita , non spaventa aHatto Proudhon.

Egli è sicuro infatti che, una volla integrate, per la virtù medesima deJla costituzione sociale di carattere mutualistico, nella federazione industriale generale, le corporazioni si troveranno automaticamente spogliate di ogni loro residuo carattere egoistico o sovversivo. pur conservando tutti i vantaggi che esse derivano dal_ la loro potenza economica. Non vi è per lui alcun dubbio che esse $.1.ranno ;'\ poco a poco sospinte a trasformarsi t( in altrettante chiese particolari nel seno della chiesa universale, della quale, anzi, esse sole saranno sempre in grado di assicurare la sopravvivenza, se, per avventura, fosse possibile che quella venisse a sparire u. E' grazie alla combi nazione di queste federazioni particolari all'in_ terno della federazione economica generale, che ogn i specie di asservimento dell'uomo all'uomo potrà essere definitivamente bandito, e che le classi, nate dall'anarchia economica e dall'individualismo speculat ivo c tuttora raggruppantesi SOltO la classificazione corrente di das.o;i supe riori e di classi inferiori, potranno conseguire reciprocamente una perfetta e salda omogeneità. Alla stregua di queste categoriche premesse, e in piena coerenza con queste suggestive antecipazioni, Proudhon è portato a combattere e a condannare con intransigenza uguale c l'universalismo comunista e l'individualismo g rettamente personal ista. L'universalismo invero _ egli ci apprende - conduce all'annientamento della personalità in nome della società, concep ita Cluest'ultima, et pour cause , quale un'unità semplice, ad esso implica inevi tabilmente la disparizionc della va rietà nella uniformità, della pluralità nell'accentramento. Questa sostituzione - come nota un amoroso comme ntatore contemporaneo di Proudhon _ dell'individuo in grande al sistema com_ plèsso deHa società, sost iLUzione che è nella stessa misura caratteristica dell'universalismo tradizionalista come dl"l comunismo, porta con sè, quale conseguenza inesorabile, la gerarchia, la subordinazione, il potere arbitrario e limitato, e, in particolare ['assorbimento della società dello stato, assunto anch 'esso il pitl delle volle quale u nità d'ordine primario e pertanto non suscettibile di scomposizione. Il comun ismo, rer il

STATO' l'IAZlOto'E • FEDERALISMO

81

to 5010 che esso si propone di istituire la proprieL\ col _ lettiva. è, presto o tardi invariabilmen!e trascinato anche senZ:l averne esatta coscienza all'esaltazione dci· l'autorità. u Fanatici del potere u è avendo ricorso alla forza di un governo spietatame nte <!.utoritario, che i comunisti pretendono promuovere e disciplinare ,'organi zzazione del lavoro. (( Il comun ismo - grida Proudhon - è l'idea econom iCa dello s lato spinta s in o all'assorbimento totale della persona e dell'iniziativa I); Il è l'esaltazione dello StalO, la glorificazione della polizia Il. L'individualismo classico, d'altro lato, non si mos tra più sollecito che l'universalismo per la difesa e la garanzia dei valori dei quali la persona è l' inv iolabile depositaria. Esso, invero, legi ttimando la libertà indi. viduale più s frenata, finisce con lo spezzare quel ... incolo di solidarietà per cui ogni uomo si trova legato ai propri s imili e, per questa via, con l'abolire e corrompere la personalità morale, Proudhon non si stanca, a queslo proposito di ricordare <I che l'uomo non è uomo che grazie alla s0cietà, la quale, alla ,<;ua volta non sussiste se no n nel. la misu ra nella quale essa perviene a realizzare l'equilibrio e l'armonia tra g li elementi che la compongono u. Fuori della società _ egli soggiunge CI l'home es une matierè ex ploitable, un istrument ... souvent un meuble, incom mode et inutile u.

4, _ Inconsistenza pratica del programma federalista di Proudbon. Sul piano dell'astratto, sul terreno dei più general i e sommari principii il programma di Proudhon sembra dunque abbastanza organico e coere nte , Purtroppo, però, questi caratteri ci sembra no vieppiù impoverirsi di ogni loro signicazione precisa, man mano che si tenti di saggiare e di approfondire la aderenza. e la rispondenza di dello programma alle esigenze con_ crele d i u na riforma dell'ordinamento della vita sociale, la quale si proponga di demolire sul serio le posizion i s u di cui si trova da tantO tempo solid.. mente installato il moderno stato monocentrico. Non a tOrto, a proposito di Federal ismo, si è di re-


"

SILVIO TREKT1N

eente rilevato che invano si cercherebbe in tutta l'opera di Proudhon, la quale è pur sempre ovunque nota come quella del più celebre federalista, delle indiC3l.ioni non equivoche le quali permettano di rendersi conto del conte nuto effettivo dal Proudhon stesso attribuito a questa noz.ione da lui tanto prediletta cosi nell'ordine della politica interna come nell'ordine internazionale. La Federazione, nel s istema che egli abb01:za, non è altro, in realtà, che una convenzione in virtù della quale uno o più capi di fami glia, uno O pià gruppi di comuni. uno o più Stati si obbligano reciprocamen . te ed egualmente, g li uni rispetto agli altri, in ordine ad uno o più oggetti particolari, il cui carico incombe allora specialmcnlC ed ugualmente ai delegati della Federazione. In questa definizione egli non esita di far consistere tutta la scien za costituzionale la cui materia del reSIO, egli riassume nelle seguenti Ire l - trovare dei g ruppi " mediocri li (sic) rispettivamen. te sovrani ed u unirli 1\ (sic) con un patto di federazione; 2- organizzare il governo all'intern o di ciaseu. no Stato federala secondo il pri ncipio della separazione degli organi; 3e in luogo di assorbire i poteri de. gli Stat i federati e delle autorità provinciali e muni. cipali nella competenza di un 'autorità centrale, prov.metodicamente perchè le attribuzioni di questa s iano nd? lIe ad un semplice compito di iniziativa ge. nera le, d. mutua garanzia, di sorveglianza, e disporre perchè i decreti di delta autorità non debbano ricevere esecuzione se nOn quando siano muniti di un visto dei governi confederati e se non ad opera degli agent i ai loro ordin i : cc comme - egli precisa _ dans la mo. narchie constitutionnelle , lout ordre emanan! du roi du con. doit, pour recevoir son exécution, étre tre.seing d'un ministre,,! In altre parole, per Proudhon, un governo, qualun. que s ia l'estensione del campo su di cui si estendono i suoi poteri, non deve essere nè rappresentare mai altro che un sistema di garanzie o di limitazioni che si affermano e si fanno valere attraverso un processo, per cosi dire, di spontanea ge nerazione .

STAro • Il,u101fl; • FEOtRALISMO

"

Il "mulUa lis mo " per lui, è la chiave di volta del· l'ordine al quale egli aspira. Ad esso egli ha sempre fallO ricorso come ad una forza che basti eVocarE" per ottene re che il regime della vita sociale s ia, d'un colpo e per incanto. purgato di ogni vizio c che la giustiz1:l !>ia trionfalmente instaurata su basi incrollabili. Lo !>tesso principio di mutua ga ranzia - egli scri,·c .. che deve assicurare a ciascuno l'istruzione, il lavof(J, la libera disposizione delle s ue facoltà, il godimento dtlla s ua proprietà , lo scambio dei s uoi prodotti, assic urerà ugualme nte, a (Uui, l'ordine, la giustizia, la pace, l'uguaglianza, la fedeltà dei funz iona ri, la moderazione del potere. il (ervore e l'a pp[icazinne da parltdella collettività tulla intera. A sentirlo sembrerebbe proprio che l'armonia, e la felicità sarebbt'ro a. portata di mano, solo che s i consentisse di non turbare lo spontaneo sv iluppo delle forze che compongono e sostentano [a convivenza. A volte si ha l'impressione che mai l'anarch is mo come in certe pagine di Proudhon _ si sia espresso in forma più ingenua ed idill ica. La formazione spanta· nea e popolare di g ru ppi di raduzione, di ateliers, di (:omagnie, di associazioni di lavoratori che fanno par· tecipare tutti gli associati alla direzione dell'impresa nei limiti e nelle proporzioni determinate dall'_tto so· ciale e che sono fondati s ui nuovi principii del diritto, sconosciuti dal codige, costituisce per Pro udhon il primo passo ,·erso la federazione dei produttori. " Estendete _ egli enfaticamente proclama _ alle associazion i operaie , prese ciascuna come un'unità ben definita, il principio della mutualità che lega assieme gli operai di ogni gruppo e \'oi avrete creato una nuo. \'a forma di civiltà, differente, SOttO tutti i punti di vi· sta, dalle civiltà precedenti; tale civiltà, con tUlle le garanzie possibili di libertà c appoggiandosi ad un rigoroso sistema di reciproche assicurazioni, vi offri· rà, in ogni luogo ed in qualsiasi momento, un diriuo di partecipazione alla vita economica u. Nella dottrina di Proudhon, la federazione si pro· spetta sempre - in termini quasi apocalittici _ co. mc una specie di comandamento volto ad assicurare il rispetto di un a vertl e propria legge di natura.


..

STATO •

S ILVIO TREHTIH

A qu(>sto proposito , vi è una pagina del s uo saggio De la capaclté polltique des classes o.vrierb che meTita di essere cita ta integralmente, IalO essa aprare caratte riSlit.:a per la rivel:'7.ione delle ispirazitmi fondamenta li di delta dottrina . " Alla stessa g uisa -- ilOta qui Proudhon - che il territorio è stato primiti vamentt! diviso dalla nalma e delim itato in un certo numero di regio ni , poi, den tro ciascuna regione s udd iviso, pcr un accordo mutuo , fra i comuni e ri p2rt ito fra le fa migl ie; alla gu isa, a ltresì, che il I<woro e si sono reciproca mente distribu iti i loro compiti rispelli\'i secondo la legge della di,'isione organica ed hanno promosso, aiia loro volta, dci g ruppi e delle corporazioni volonta rie i analogamente, a ter· mini del nuovo patto , la sovranità politica, l'autorità civile e l'influenta corporativa si coordinano fra le regioni, I distretti, J comuni e le altre categorie e, In forza di detta coordinazione, si identificano con la libertà stessa. La \'ecchia legge di unità e di indivisione è abrogala. In virtù del consenso, almeno presunto, del_ le di verse parti dello s tato al patto di unione, il centro politico e dappertutto e la ci rconfere nza in nessun luogo. Ogni g ruppo o varietà. di popolazione, ogni razza , ogn i ling ua è padrona su l s uo territorio i ogni città, garantita da lle sue vicine, è regina nel cerch io costituito dallo sviluppo della sua influenza. L'unità non è più ricordata nel di ritto che per a Hermare la promessa che s i son fatti reciprocamente i divers i grup_ pi sovrani : di governarsi, ciascu no, sov raname nte, di proteggers i, di concertarsi nell'interesse delle loro rispett ive imprese. COSI, trasportato nella sfera politica, il mutualismo prende il nome di federalis mo Il , Per Proudhon, come s i vede; il problema, una volta posto, s i trova, perciò s tesso, istantaneamente risolto. Il federal ismo politico, per lui, si realizzerà, sempre, avendo ragione, se occorra, di tutte le contraddi zio ni, grazie al candido imp iego di una duttile termino logia, non solta nto sotto l'aspetto di una confederazione di stati, ma bensl ancora di una confederazione di g ru ppi autonomi compone nti lo stato. Non deve scupire, perciò , ch'egli, tutte le volte in cui sente il bisogno di dar una g iust ificazione defini_

_

8S

ti va e perentoria dell'ordine da lui propugnato, sia indotto ad accontentarsi, non senza disinvoltura, di e nunciar a lc un e poche formule apodittiche, l'evidenza del c ui assunto è data per incontrovertibile . Queste per esempio: " Il governo più libero e il più morale è quello dove i poteri sono meglio di visi, l'a mminis tra_ zion e meglio riparti ta, l'ndipendenza dei g ruppI rispettata, le autorità prov incia li , cantonali, municipali meg lio servite dall'autorità centrale; è, in una parola, il governo federativo. Così, se si prende in considerazione la rifor ma della rappresentanza politica e la federa lizzazione dello s talO per località e per funzi oni, si a rriva a questa conclusione : che lo s tato s i compone della federazione dei proprietari (e fittavoli) raggruppati per distrett i d ipartimenti e provincie, di associazioni di indus triali, di servizi pubblici. di artig iani c di mercanti liberi. L'amminist razione del comune, d'altro la to, appartiene ai proprietari e fitta voli e agli operai riuniti in consiglio Il. Queste ci tazioni mi sem brano suffi cienti a provare che, in fondo, il federnlismo di Proudhon non acquista pregio se non in quanto esso venga considerato sotto l'angolo di un'a tteggiamento eminentemente morale e sentimen tale , sotto la specie, SO\'fat utto, di un'ardente e generosa - ma cieca e imperturbabile e sommaria - professione di fede. Bi sogna, infani , ben riconoscere che, se a lla streg ua di una espe rienza di oltre un secolo la forza di alcune delle idee generali che esso assu me a sorgente e a s trume nto di orie nt azionc cost rutt iva s i rivela tutt'ora vigorosa ed inesauribile, la sua intrinseca capacità costruttiva appare per contro insignificante e limitata, in ogn i caso, per quanto rig uarda la portata. delle s ue realizzazioni possibili, ad una s fera di azione infini tamen te modesla.

s. - Le

ibsanablli cootraddiziooi fra le quali costanlemente si dibatte Il pensiero di Proudhon .

La posizione di Proudnon resta sempre q uella dell'ideologo che s i di letta di costruzioni impeccabili e rifugge dal laborioso raffron lO deg li schem i s uggestivi


.

SILVIO TlIElI'T1M

nel quali SI proietta la sete di armonia. di perfezione, di gIUst izia con le dure e implacabil i manifestazioni del1e esigenze della realtà umana. Raramente egli riesce a varcare i limiti dell'astratta speculazione ed;l sbarazzarsi dell'in fl uenza di disegni e di categorie preconcetti ed esangui S ul terreno stesso dei prl ncipii, gli accade, anzi spesso di accanirsi con inesauribile buona volontà neL la ricerca dei p iù inverosimili espedien ti per piegarne la interpretazione alla g iustificazione delle che meglio servono a fa r valere la legittimità de lle sue tesi. E difficile immaginare un sistema filosofico che ostenti, con uguale liberalità che quello di Proudhon, una somma più ragguardevole di contradd izioni c d i apostasie. Di Proudhon , Marx ha detto sarcasticame nte che u egli fu la contraddizione fatta persona H . Altri, più di recente, s i è accon ten tato con grande indulgenza di ri le\'are ch'egli evoca, in modo irresist ibile, la figura di un PrOleo inaffer rabile. Comunque s ia. è certo che pochi sono i principii dei quali egli si è fatto volta a volta ba nd itore eh 'egli nOn sia stato indotto presto o tardi a sconfessare. A più riprese, e non senza una certa violenza di linguaggio, Proudhon afferma [a s ua qualità di rivoluziona rio irr iducibi[e e di partigiano intransigente del progresso. Ma quando si tratta di spieg:ue in che cosa consista ia rivol uzione ch'egli auspica e come possa conseguirsi il progresso a l quale egl i vuole aprir la s trada, egli non ha difficoltà ad ammettere che la s ua rivoluzione può ben conciliarsi con il rispetto delle istituzioni esi_ stenti, anche le più e5e(;rate, e ÒC il progresso che egli si propone di promuovere è il progresso lento e senza scosse. Ana!ogamente egli preconizza l'anarc hia c, nello stesso tempo, non fa mistero delle s ue invincibili compiacenze verso le forme autoritarie dell'esercizio del potere. Da un IalO egli si sforza a mettere in rilie\'o la inelu ttabilità della lotta di classe, e, dall'altro egli non sa ala tentazione d i proclamate che la dottri na alla cui demolizione, in q ua nto socialista, egli intenue

STATO' N,uIOi';'E _ FEDE.R"USMO

"

con la sua critica concorrere è proprio quella dt· \I'antagonismo universale. Il s uo stesso federa lismo, al quale egli mostra di atlribuire la virtù di u n esplosivo capace di mettere :\ pezzi la massiccia intelaiatu ra dello stato accentratore, finirà per accomodarsi ed adatt'lrsi a tutt i i pregiudizi che metton capo al mito dell'unità nazionale. L'in stabilità morbosa del di Proudhon lfO. va, del resto. la s ua ill ustrazione più decisiva in questa circostanza singolarissi ma: che oggi, in Francia. a[ SllO pe nsiero con uguale osti nazione si richiamano ad un tp.mpo le correnti politiche più diverse e le dotfriT'f! più divergent i. dal sociologismo radica I-socialis ta . al sindacalismo fascista-rivoluzionario al corporativ is mo dell' AcUon Franeaise.

6. - L'opposizione fra doUril8 e adoae nell'epera e nella ,,!ta di ProudhOD , A questa in stabilità fa riscontro un'opposizione anche più sconcertante fra i principi ai quali Proudhon pensatore mOl'tra più profonuo e s incero attaccame nto e gli atteggiame nti e le iniziative che meglio contraddistinguono e qualificano l'attività nella s i risolve la carriera d i Proudhon uomo di azione, PrOlldhon li bertario non disdegna d i coltivare le p iù cordiali relazioni COn g li uomini più equivoci del s uo tempo, solo che questi risult ino investiti di una bricciola di potere . Non certo, beninteso , per utilizzarle a fini di profitto personale - chè nessuno fu più di lui probo e disinteressato - ma per moltiplicare i mezzi di cui egli può aver bisogno per tradurre in alto, da ll 'alto, per decreto della s ua intelligenza. la vagheggiata riforma della società, Nel 1849, egl i pensa seriamente a rivolgersi a Bonaparte perchè questi consenta a commanditare la Banca del Popolo. Dopo il colpo di stato egli vaghegg ia di d ive ntare uno dei consig lieri del governo dittatoriale e. a questo scopo, egli si affretta a sollecitare un'ud ie nza dal min istro Morny, uno dei responsabili, se non il principale responsabile dei massacri del 2 d icembre. Nel 1852. subito dopo la s ua uscita di pri-


..

SILVIO TRDlTI"

STATO' NAZIONE _ FEDERALISMO

gione, egli non ripren de la pen na che per ch iedere al principe-presiden te d i prender la testa. apportandovi l'appoggio di tutte le fo rzc dello stato oppressore, del movi mento rivoluzionario dci quale egli si erig:e a pr('l(eIa. Proudhon, alfiere c apostolo della g iust izia (' ddla conciliazione, non ha difficoltà a ripre nde re per proprio conto j più abus:ui rumiv i messi in drcola. zionc dal tradizionali smo reazionario, per concludere ad una ditirambiCA esalrazione della g uerr:l. Molte delle pagine che compongono I.a guerre et la p.ix abbondano di apoltemi di cui potrebbe a buon diritto inorgoglirsi un Jo,*,ph De Maistre . I titoli dei primi capitoli di questo libro sono. del resto, di per se stessi abbas tanza s ig nificativi: H La guerre est un fait divin)l - H La guerre revélation réligieusc" - " La g uerre revolation de la just icee" _ H L a guerre revéls_ tion de l'idéa l ll - "L'ho mme de guerre plus g rand que nature >I. Proudhon federali sta accetta reverenle il dog ma dell'un ità nazionale fr ancese, condanna con spietata bru_ talità le aspi razion i del popolo polacco all'indipenden_ za , e non r iserva la s ua passione pluralistica che per a ureolare del prest igio di llfla lotta dis inte ressata, combattuta per il rispetto di sacrosanti principii. la sua campagna contro l' un ità italiana.

Ora. se ben s i tenti di re ndersi conto della fonda_ mentale ispirazione di questo giudizio, non $; Iarda di constatare c he esso ris ulta, in realtà, dettato non tantO da una obiettiva considerazione delle condizion i storiche, geografiche, economiche. c ulturali , etnografiche della pe nisola, quanto dalla preoccupazione. vcramente assillante in lui , come in tutti gli scri ttori del suo tempo e del suo paese, vittime spesso incoscienti della lunga esperienza dell'unità , di preservare, contro og ni ipotetica o puramente immagina ria o lontana minaccia , il primato della Francia nel mondo. di subordina re, sempre e ad ogni proposito, qualsiasi presa di posizione rispetto agli avvenimenti eu ropei all'acce rtame nto pregiudiziale del la sua compat ibilità con le esigenze relative all'adempimento della missione ri voluzionaria della Repubblica o del compito civi lizzatore del l' Impero. E contro questo stato di spi rito, così diffuso anche negli ambienti di estrema avangua rdia e del quale Proudhon incarna. nel modo forse più esemplare, le perversion i, che Mazzini insorgeva quando, in una lettera a Georges Sand , s i lasciava andare a q uesto rude a m moni mento: H Voi non guardale che alla Fran_ cia. dominata anche voi da questo esclusivismo che vede l' iniziativa europea solo presso di voi. Voi ca n_ cellate l'umanità che è a l di sopra della Francia H. Per Proudhon, il 1848 segna la concl usione e il s upetamenlO del ciclo storico che aveva adoltato come diviSi' quella del sollevamento dei popoli per la conquista dell'indipendenza nazionale e prepara la maturazione di una formula politica nuova che megl io aderisce alle tendenze più irresistibili ed ai bisogni più imperiosi della civiltà continentale : la formula rivo lu_ zionaria della Federazione europea. Qual unque inizia. tiva che - riallacciandosi in ritardo alle parole d'ordine cui una serie di condizioni e di circostanze fortuite ed ormai sorpassate aveva assicura to in precedenza fortuna - apparisse susceuibile di distogliere l'attenzione dal l'obie ttivo nuovo che solo ormai importava a qualu nque costo di perseguire, e corresse perciò il rischio di compromettere l'impiego delle forze che all'uopo appariva urgente di mobilitare e di

7. • ProudboD e il Risorgimento. Quest'ultimo fIIteggi<.lmenlo di Proudhon è troppo rivelatore delle ragioni profonde che sole possono s pie. gare le inconseguenze par.,dossali della dottrina sulla quale esso s i appoggia, perché non valga la pena di soffermarci ad a nalizzarlo un po' diffusamente. In confronto del problema del Risorgimen to, f II Ilo l'atteggiamento di Prouùhon resta sem pre influe nzato da una prevenzione irriducibi le, la quale s i espr ime costanteme nte nel seguente giud izio categorico: che l'Italia non è una nazione vera e propria ; che fra le differenti s ue regioni non s ussiste alcuna sostanziale affinità; che il popolo italiano è, in og ni caso. immaturo ad assumere in forma un itaria la gestione del proprio destino.

89


90

S ILVIO Tl'I U TI/1

im pegnare a fo ndo, doveva essere a pr iori e bilmcnte cond an na ta . A questo titolo P roudhon si sente a utorizzato a qualificare, senza possibilità di appello, come anacron istiche e reazio narie le agitazion i che i patrioti polacchi e italia ni s i osti navano a promuovere per realizUlre, a ttraverso l'un ità, la pi ù rapida emanci pazione dei loro ris pettivi paesi dalla soggezione in confronto dei P ri ncipi stranie ri . La polemica ch'egli conduce CO nt ro gli uomini p iù rappresentati,- j delle tendenze che. ncl scno de l R isorgimento, sembra no incoraggiare i tentativ i volt i a pcrmeltere l'immed iato raggruppamento d i t ulti g li stati dell a penisola dentro un solo regi me ribocca d i passione e d i veemenza. Pe r att ribuire ad essa anche maggior forza {' fondarne l'argome ntazione su dati in apparenza irrefutabili ed a tti a prcscrvarlo dall'accusa di obbedire a pregiud izi d 'ordine na7.ionalistico. egli ha cura di utili7.lare a bil me nte i mot ivi che i federalisti ital ian i e specia lme nte il Ferrari, non si stanca no di sviluppare in a ppoggio della loro arden te e te nace ca mpagna repubblicana . Era fatale c he una s iffatta polemica dovesse subito mettere a lle prese Proudhon con Mazzi ni. L 'epistolario dei due agitatori ci ha trasmeSSO a questo riguar_ do dei docu me nti che ancor oggi, a tant i anni di d istanza, conservano intatta la loro potenza d i emozione, perchè è vibrante di attualità il problema che essi evocano e propongono. Nel marzo del 18S2, P roudlton, in una lettera indirizzata a Maz.z in;, in risposti! ad un discorso da questi pron uncia to a Lond ra, qualche mese prima nella sede della « Associazione degli amic i d' I talia" cosi si esprime: "Uomo d'ordine, uomo di governo. uomo di pietà sovratut to, e dittatore aspirante pon tefice voi ci tenete a be n affermare in facc ia al mondo il vostro orrore per i miserabili che hanno osato trarre l'ulti ma conc10sione d al movimento filosofico e sociale com inciato dopo le Crociate. Sulle rovine del socialismo. voi ponete la prima pietra dell<l vostra resta urazione. E scegl iete il momento in cui. per confessione di tutti, il social ismo è d ivenuto l'ultima espressione della ri-

S TATO · NAZIOHt: _ Ff.OERALISMO

"

yoluzione, in cui l'organo più vee mente del1a resi:,,:ten_ la pone con voi il dilemma o teocrazia o anarch ia; in cui i migl iori cittadi ni, qualificat i, a torto o a ragione , socialisti. sono arrestati, espulsi , internat i, deportati a lla Cayen ne e a Sa nterre. Ciò è degno di un pro fo ndo politico e sovratutto d i un gra nde cuore, cittad ino Mauin i Il. /( L 'altro giorno d,l\'anti n un Cl ub onesto e moderalO u nendo il vostra anatema a quello del vostro P io IX , voi mi chia mavate il Mefi stofele della Democrazia. Verame nte io sarei indegno di que_ sto onorevole sopranome, se non osassi, una volta, per riconoscenza dire che \'oi e i \'ostri simili ne siete i pierrob . Ma ch i rispetta oggi la vost ra superb ia feconda? Voi non mi attaccate che per disonorare nella mia persona la vasta corrente d i idee che infl uen za il mio secolo e con ciò anche la Francia. Si , è alla Franda, sonatutto che si indirizzano il vostro di.sprezzo e i vostri sarcasmi. Voi alla F rancia lanciate l'accusa di viltà. E mi è dolce. rispondendo alle vostre provocazioni, pensare che ho una causa. più nobile da di fe ndere, che bo da vendicare la mia infeliu patria. dagli insultI dei suoi bastardI e dalle invettive dello stra· olero :t. l! L'Inglese, purlibondo, a rrossisce del nostro dime nto . G li American i, insolen ti come ogn i p.rveou, ci sputano su l viso. Il T edesco astratto. l'Aust ri aco fe udale ci dichiarano mort i e decaduti. 11 P a pa ci benedice e i re assolutist i ci ballano le mani e d icono : noi li te niamo n. l( E poi, ecco il cittadino Mazzini, pedagogo asinoca l7..ato che per euote il leone col suo zoccolo italico . Ma in nome di che cosa, cittadino Mazzini, prendete la parola a q uest 'ora? Quale de i vostri princi p ii potete invocare che non vi accusi, che non si ri volga contro di voi? A quale sovrano. a quale chiesa, a quale Dio, voi, democratico dell 'ant ica scuola, voi, s tia no, pensate di appellarvi, per la villoria del Papa, per la dis fatta della nazione? Voi, proprio voi, invitate il socialismo a far s ilenzio, a non pi ù comp rometla causa della libertà? tere con le : > ue imprudenti Spetta a voi , uomo di azione per eccellenza, condu r_


92

SILVIO

re l' impresa della emancipazione universale? E' a questo fine che voi domandate al popolo quasi niente: denaro, obbedienza, fede? Cittadino Mazzini, il vo.stro compito, da voi cosi miseramente compreso, è terminato. Voi siete d i impaccio al[a rivoluzione. L 'av_ versione che i partiti hanno riversato s u di me, dà alle mie parole un'autorità mille volte più grande di quella che non s ia la vostra. lo sono s tato, quasi nello stesso tempo, messo a!l'indice dal P apa, denunziato alla democrazia da Mazzin i, all'accademia da ben, al Conservatorio da Dupin )l . 11 ••• E a me, ci u adino Mazzini, ricordate la disciplIna? O io mi inganno molto, o questa u ni versa le contraddizione che ho avuto la fortuna cosI rara di sollevare, se non d imostra che io sono un folle, è un g rave in dice che, fino a questo momento, mi sono sempre ten uto vicino alla verità n. L'assunto di Proudh on è che la Ri voluzione deve cond urs i s ul piano europeo e che essa non può assolvere al proprio obiettivo. che è quello di liberare i po_ poli, se essa. nello stesso tempo. fa dei popoli uno strumento per la propagazione e la legittimazione della menzog na nazionalista . Le guerre nazionali - egli non si sta nca d i predicare _ hann o ormai fatt o il loro tempo ed esse, in ogni caso, non possono condurre ad altro ris ultato che '1uello di fomentare nuovi sopru si, di favorire la perpetntzione di nuove ingiustizie. Mazzin i, perciò, erige ndosi in Ital ia a campione dell'unità, tradisce ad un tempo, i principii repubbl icani e gli stessi più autentici in teressi delle masse nel c ui nome egli pretende parlare. mano, però, che Proudhon è tratto ad approfondire la discussione su questo tema dell'unità, sempre più nettamente affiorano, dal fondo del suo pen_ siero, i mobiles caches ai quali egli, in realtà, obbedisce, quando, nel nome degli inviolabili pri ncipii , lancia l'anatema contro chiunque osi rivendicare al popolo ital iano il diritto di iSliluirsi, grazie alla confusione delle sue differenti propaggin i, a base di un uni_ co e grande stato sovrano. In una lettera a Defomaine, irr itato per la scarsa

STATO - NAZION'E _ FEDERAl.ISMO

9J

risona nza che tro"ano, non solo oltre alpe ma nel suo stesso paese. le sue diatribe infiammate contro la u grande mistificazione " del R isorgmcnto, egli abban_ dena ogni ritegno ed ogni cautela e lascia ingenuamente traspa rire l' intima desolante inconsistenza del s uo inte rnazionalismo federalista. u L 'unità italianaegli persiste, è vero, ad affermare - compromette la pace dell'Europa senza profitto per la libertà dei popoli e solleva fra l' Italia e la Francia un a ntagonis mo pericoloso, utile solo a terzi estranei n. Ma, s ubito dopo, perdendo ogni controllo, egli si lascia trascinare a questa confessione r ivelatrice: (( Riconoscere l'unità d' talia è creare accanto alla Francia una potenza di primo ordine e fare il giuoco dell'Inghilterra, della Germania, della Russia contro di DoL. è maDcare alle aspirazioni dell'Impero. Peggio anCora: è permettere la mise au poiot di una macchina di guerra contro la Francia e l'Austria ". Per evitare che tali disastrose conseguenze possano mai prodursi, Proudhon non indietreggerà neppure di fronte alla prospettiva d i far appello a Napoleone III, perchè, quale capo s upremo di un grande stato, capace, al bisogno, di fa r valere le roprie ragioni con la forza delle armi , opponga un veto inderogabile alla creazione alle pone della Francia di una potenza politica di primo ordine. L'estrema concessione che egli crede s ia possibile fa re agli italiani, se questi proprio persistono a volere emanciparsi , è quella di loro accordar l'onore di far parte di una Federaione che abbia per capoluogo Parig i ... sotto la pres idenza dell' lm perat!,lre dei francesi. Naturalmente, secondo Proudhon, l'assorbimento della competenza e delle prerogative proprie di tulti i par ticolari regimi nei quali si trova allora ripartita la penisola da parte di un solo grande stato unitario deve giudicarsi tanto più pericoloso a lla sicurezza delia F rancia e tanto più pregiudizievole allo sviluppo della rivoluzione federalista in Europa, in quan to che l 'un ità s i prospetta preventivamen te. alla luce dei p iù sicuri insegnamen ti della storia, come il prodotto di un processo cODtro Datura. Gli argomenti che egli fa valere a questo riguardo,


,.

SILVIO TlIENTlfOI

e che egli del resto pre nde a prestito, come ho già osservato, dalla dottrina elaborata dai più autorevoli federalisti italiani, non mancano, di per se stessi, di una certa effi cacia. Da un punto di vista generale, a nzi, se si dimenlichi per un momen to che ad essi Proudhon non ha ricorso se non nell'intento di copri re di una vernice di obiettività la sua astiosa intransigenza. essi si rivelano teoricamente irrefutabili. Il pri ncipio ch 'egli non cessa di enunciare è che l'unità italiana non può, in pratica conseguire altro risullato che quello di annientare arbitrariamente dei centri autonomi di v ila collettiva , fr uenti di una propria speci fi ca ed attiva ragion d'essere, che quello di fondere una ricca e var ia costel1azione di nazionalità pa rtico_ lari, den tro cui vivono e si distinguono i cittadin i, in una nazionalità ast ratta e a rtif iciale d'onde ogn i or iginalità si troverà presto, per semp re, bandita, dove, per meglio dire, verrà, a poco a poco, a mancare, per il rinnovamento e. I'ascesa della vita col1eu iva, ogn i capacità di libera determinazione. Il L'Italia - egl i constata, invocando a dovizia le testimonianze della geografia e della storia - è federale per la costituzione del suo territorio, per la diversità dei suoi abita nti, per il suo spirito, per i suoi costu mi, per la sua storia. Essa è federale in tutto il s uo essere, e da tempo immemorabile; con la F ederazione, la nazionalità ital iana s i re nde omogenea , s i afferma, si consolida, mentre con l'unità soffocatrice di ogni a utonomia e livellatrice di lutti i più diversi bisog ni, s i c reano le condizion i del s uo fa tale e rapido decadimento)). L' Ita lia, egli soggiunge, è sempre stata del resto fede ral ista. "Tale, invero, essa ci appare anche nell'a ntichità fino alla conquista dei romani , la cui mis_ sione storica ben lungi dall'essere quella del1'unificazione nazionale dei popoli stabiliti nella penisola , fu di. convertire il mondo allora conosciuto alla pratica di uno stesso diritto, al culto di una stessa religione n. Il g uaio è c he, pur nell 'ambito del suo programma federalista, Proudhon non riconoSCe vitalità alla federazione italiana se non alla condizione che essa si colloch i sotto la protezione perpetua del1a Francia. Ed il

STATO - N,uION:E _ fEl)ERALISMO

"

g uaio è, altresl, che per lui il regime federale non sembra essere affatto il regime della più piena libertà, il regime meglio conforme al più alto grado di evoluzione dell'organizzazione della vita sociale, ma bensl soltanto l'ordi namento più adatto alla disciplina della vita dei popoli bastardi , dei popoli, che, per nnlura o per disegno della provvidenza, si trovano esclusi, irrevocabilmente. dalle grandi missioni. Nelle s ue Nouvelles observation sur l'unità italien De, Proudhon non si perita infaui di afferma re che CI non s i può parlare dell'Italia come si parla della Francia, della Scandinav ia, della Russia, le qual i poss iedono un nucleo di popolazione autoctona che costi tuisce la vera nazionalità. I n Italia vi sono popolazioni di ogn i provenienza , di ogni ca rattere, di ogni composizione. La razza itali ana è un mito e l'unità Ilon sarà c he una finzione)l. u L 'unità d' Italia - egli prosegue _ non è che un intrigo di Cavour e d ell' Ing hilterra per eliminare ogni possibile influenza di Napoleone III s ugli affari della penisola .. . Queste affermazioni sono di per se stesse abbastanz<\ significative. Esse acq uistano, poi, un vi"llore a nc he più caratteristico quando esse vengano raff rontate a l seguente ovv io rilievo d'ord ine generale a lla cui formulazio ne s i t rova costretto chiunque abbia la curios ità di approfondire la lettura degli scritti di Proudhon : che questi si mostra sempre osti natamente r iluttante ad util izzare il motivo fede ralista da lui, con tanta ossessione, ad ogni proposito, evocalO, tutte le volte in cui si tratti di scatena r una campagna per la riforma concreta dell'organizzazione politica dello slato francese, per una rigenerazion e non superficiale delle ist ituzion i che presiedono alla vita collettiva nel suo proprio paese, dove pur sì abbonda nti e feconde e diverse s i riscontrano le fonti di vita regionale. La passione federalista di Proudhon non trova modo di esplodere che quando è posta s ul tappeto la q ues tione della liberazione dell'Italia (o della Polon ia) ed essa non trova altro alime nto che quello che è offerto dallii preoccupazione di vt:der comunque compromesso il prestigio della Francia , o ridotto il campo di espans ione o di irradiazione della potenza o della c ult ura fra ncesi.


97

S ilVIO TREHTrlf

STATO' ItUlOhT. • fUlElIALISMO

egli ammonisce - può diventarc a breve scadenza un centro di produzione mani_ fatturiera ed a.'Isurgere d'un tratto all'importanza di Unl'I g rande potenza marittima. destinata presto O tardi, a ti IImiliMe l' la potenza fran ctSC. La circostanza che tale ipotesi possa essere considerata come verosimBe, basta da sola a legittimare preventivamente la condanna del programma che i patrioti naliani, SOlCO 1:1 complice g uida di Mazzini e di Cavour, vorrebbero assegnare all'azione del Risorgimento. Per far fronte, del resto, al pericolo rappresentato dall'eventuale s uccesso della propaganda unitaria nel la penisola, Proudhon si crede in dovere di consigliare a Napoleone. quale misura precauzionale e compensatrice, alta in ogni caso a salvaguardare il primato fra!l· cese nel continente, niente di meno che l'annessione pura e sempl ice del Belgio! Eppure, quando tratta in linea teorica il problema dell'organizzazione della vita collett iva, le obiezioni che Proudhon muove ai principii dei quali si prevale lo s talo monoce ntrico sono di una g iustezza e di una portata incontestabili e definitive. Un popolo - per esempio, egli osserv:.. _ è pericoloso ai vicini quanòo la ricchezza è concentrata nelle mani di un gruppo. Le stesse nefaste influenze che l'agglomerazione del1e forze economiche esercita al1'interno in confronto della classe lavoratrice, si riproducono. per l'effetto delle stesse cause, all'esterno, rispelto alle nazioni finitime. Riflessione. questa, senza dubbio esattissima, la cui importanza e la cui pertinenza si rivelano ogni g iorno più decisive ed attuali. lnvero, come. all'interno di ciascun stato, il processo di concentrazione sbocca nel monopol io e nella tirannia. cosI, nei rapporti fra g li stati, l'organizzazione monocentrica del potere, implicando la soppressione, larvata o violenta, di ogni autonomia propri dei cent ri di vita locale suscita la volontà di potenza, eccita lo scovinismo, l'emulazione e la lotta di uno stato contro l'altro, trascina all'imperialismo. provoca l'incubazione dei piani più assurdi di asservimen to e di dominazione. Proudhon meglio forse di ogn i altro suo contemporaneo aveva sentito che i rapporti fra gli stati sono

destinati a mascherare dei conflitti virtuali, temente aperti , fin tanto che uno solo dei soggetti fra i quali essi intercorrono continuerà ad inorgoglirsi della qualità di g rande stato ed a rivendicare per se speciali ed inalienabili missioni. E' sulla fede di questa s ua meditata ed incrollabile convinzione che egli si era srorzato di dimostrare l'in_ tima convergenza della causa del proletariato con quella dello stabile equilibrio europeo. e ntrambe solidali nella uguale irriducibile opposizione alla formula unitaria ed oppressiva; nell'uguale fer vida adesione al principio della collaborazione federali stica. Purtroppo, però questa sua presa di posizione non ha mai avuto altro valore c he quello di un sotti le e ingenuo esercizio di polemica astratta e sovente puramcnte verbale. Ed essa si è rivelata sempre impotente ad ispirare e a disciplinarc una conseguente , coerente e feconda attivi tà pratica .

" L'Italia unitaria -

,


STATO ' W,uIO/'o'E • fUlEAIoUSMO

CAP ITOLO IX . [ FEDEI{ALISTI ITALIANI I. - Federazlooe e Uliti ltaUanl .

Libertà nel pensiero dei federa -

A torto dunque il federalismo ancora s uperstite si ost ine rebbe ad on orare in Proudhon l'ultimo, pitl nu(orevole ed a\ltentico s uo rappresentante ed interprete. Se esso vuoI davvero rimonlare alle s ue sorgenti e prender contatto con la dottrina che. sola, può ad esso permettere di conformar le proprie iniziative alle prescrizioni dei principii di cui pretende propugnar l'applicazione, bisogna che si rassegni a far appello alla scuola italiana del Risorgimeneto. E questa scuola, dopo la defezione di Mau:ini. trova l'espressione più corrella del proprio pensiero sovratutto negli insegnamenti e neg li atteggiamenti di CallanCQ e di Ferrari. P er i federalisti italiani, il problema dei problemi, alla cui sol uzione deve adeguarsi ,'ordi name nto concreto della convivenza, è il problema della libertà . E i l problema della li bertà, per essi, non può risol· versi se non attraverso alla realizzazione deU'autonomia. u La libertà - scrive Cattaneo _ vuole l'uguag lianza nei diritti e nei doveri. Ch i non ha diritti è un oppresso. Ch i non ha doveri un oppressore n. L'unità, per tanto. in quanto livellamento dall'esterno. in quanto assoggetlamento del diverso all'uniforme, si traduce sempre, necessariamente, in una mutilazione dell'essere individuale o collettivo. Questo non può vivere pienamente la s ua vita se non conserva sempre in tatta la prerogativa di poter decidere del proprio desti no. La libertà, dunque. che. su l piano individua le, si aUua per mezw della celebra-

zione della persona, del riconoscimento di sè nel p roprio simi le, si afferma, sul piano colleuivo, innanzitutto nella autonomia municipale o cittadina. per trovare in seguito la propria unive rsale consacrazione nello stabilimento della R e pubblica federale. E' nella Repubblica federale che si conclude il pro-cesso secondo cui la libertà da esigenza s i trasmuta in conquista. Fin tanlo perciò che detto obbìeuivo non sia raggiunto, ogni atto di emancipazione. per quanto grandioso esso appaia, reSta spogliato delle sue indispensabili garanzie. Per i repubblicani italiani del g rup po federalista . "Sg costituisce, a questo proposito, un esempio la cui lezione non deve andare perduta . La Rivoluzione fran cese, infatti, a loro avviso, ha tradito le speranze che. a si buon diritto, aveva susci tate perchè essa non seppe uscire dalla tradizione dei secoli e dalla fede nella on nipolenza dei governami. A i ma ndatari dei re , successero i manda tari delle nazioni. le Il furor della disdplina fece obliare la li bertà. Il popolo ebbe la terra . ma no n ebbe il com une Il. Per rendersi conto della misura dei sacrifici che in quella occasione furono imposti a lla Francia. per permetterle di pagare il prezzo dell'unitA, basta soffermarci un istante a considerare le condizioni nelle qua. li, a dispetto di lame insurrezioni vittoriose contro la tirannia, è costretta a svolgersi la vita collettiva del paese che pu r continua ad ostentare, quale titolo supremo di nobiltà, la Dlcblarazlone del Diritti dell'Uomo . Pochi tratti sono sufficien ti a mettere in luce i risultati nascosti dovuti a ll'azione insidiosa del veleno un itario: (I La moltitudine intende una sola lingua ; adora un solo \'essillo; ambisce una sola gloria; vanta, a un trauo una sola credenza o una sola miscredenza; tiene fissi g li occh i su di una sola città; la quale pensa e vuole per le altre tutte; la quale per tutte si ribella e si arrende per tutte Il . Z. - La loUa ,oafro il pregiudizio dell'unità. Nello spirito e nella dOttrina degli uomini che, in Italia. s i fanno i banditori della crociata federalista,


101

SILVIO TRENTIN

STATO' HAZIONE _ FEDERALISMO

l'opposizione intransigente a qualsiasi programma, il qua le implichi la souoposizione coattiva ad un unico regime di tutti i g ruppi diversi nei quali la famiglia italiana si ripartisce, ben lungi dal procedere da una assurda e g ratuita negazione pregiudiziale del processo di unificazione che è immanente alla storia del siero e delle istituzioni umane, vuoI prospettarsi quale un'attività il cui disegno è, per contro, di r ivendicare il rispetto delle più elementari esigenze al cu i soddisfacimento appunto travasi sempre rigorosamente subordinato lo sviluppo di quel processo stesso. Per Cattaneo, come per Ferrari , l'appetito di libertà, che essi non dimenticano mai di riaccostare alle più profonde sue sorgenti spirituali, è considerato conforme alla radicale uni tà della natura umana, la quale non solo non ripugna alla molteplicità, ma presuppone e reclama la più va:;;ta ricchezza di aspetti e di si tuazioni nella realizzazione concreta dell'esistenza individuale o col lettiva. L'unità, invero, s ul terreno dei rapporti sociali , se non vuoI applicarsi contro natura, cioè ces· sarc d i esprimere una legge cui l'essere tende necessariamente a conformarsi, non ha valore e senso se non in quanto effettuazione concreta della universale vocazione al coordinamento ed alla a rmonia che è propria di tutti i fattori della convivenza, nella loro qualità appunto di "fattori n, vale a dire di centri autonomi di coscienza e di attivi tà. Il suo presupposto è pertanto il pluralismo dei soggetti e delle fonti della \'ila in società. L'unità, in quanto coattiva riduzione del molteplice all'uno, appare, invero, un assurdo, perchè essa è a priori condan nata a risolversi in un tentativo, del resto puramentee formale, volto a violen tar la contestu ra stessa della realtà sociale. a disconoscere pregiudizialmente ogni eff icienza, anzi ogn i ragion d'essere, al processo dialettico, Essa, in altre parole , non potrebbe teoricamente implicare che la consunzione progressiva, che la le nta essicazione delle scaturigin i dalle quali la società deriva la propria vita; che, insomma la morte s torica della società medesima. Pur astenendosi dall'assumere. con inutile pompa il solenne atteggiamento di capi di una nuova scuola

filosofica, di scopri tori geniali di una nuova magica formula suscettibile di svelare il segreto della generazione e del compimento de\la storia, gli uomi ni che accettarono la responsabilità di elaborare le direttive alle quali avrebbe dovuto ispi rarsi, sul terreno infuocato della lotta pol itica, l'azione del movimento federalista italiano, non mancarono su questo punto di ricollegarc sempre, con g rande cura, le loro parole d'ordine aoti-unitarie ai postulati di una dottrina rigidamente coerente. Giuseppe Ferrari come Carlo Cattaneo. non temono, infatti, di affrontare l'errore contro il quale essi insorgono , alla sua radice stessa mettendo in causa la filosofia che a quello tende ad attribuire le apparenze d i una verità evangelica L'uno e l'altro, impregnati del pensiero d i Romagnosi (e in parte di qualche largo generale tratto di quello di Vico), ricercano" nella ragione umana un'arma per la guerra che il popolo combatte n, per modo che ({ la Rivoluzione sia il trionfo della filosofia chiamata a gover nare l'umanità n. Ora, questa loro filosofia, se fonda sulla dialettica il movimento della storia, fonda, alla s ua volta, la dia· lettlCa, In quanto processo attraverso cui quel movI mento si esprime, sull'au tonomia. E' per questa via che essi giu ngono alla refutazione e dell'idealismo di Hegel e del metafisicismo trascendentale di Fichte. E' per questa stessa via che essi sono condotti a de· nunziare senza pietà, con un coraggio che ha rischiato spesso di apparire empio. le aberrazioni cu i fatalmente induce il culto di quella falsa divinità che è la nazione concepita quale compatta e indistruttibile unità spirituale. Solo col rispetto delle dissimilianze nella stor ia un iversale - avverte Cattaneo _ ,( s i distrugge il ricorso delle nazioni, s i spezza il circolo perpetuo e si distende il moto del genere umano sopra una tangente che corre inflessibile nelle profondità dell'avvenire n. La società, il diritto, lo stato sorgono da questo eterno contrasto fra i dissim ili, da questo attrito senza cessa sprigionantes i fra le forze concorrenti e coesistenti, quale una. immensa traosadone. u E come il principio della g iustizia e del progresso è nel contemperamento degli

100


102

SILVIO Tl'IENTIN

interessi, cosI nel loro predominio sta il principio del male; e quando codesta prevalenza s i fa s tabile e diviene s istema, il principio del progresso si reprime e la società gravita ycrso la sua decadenza n. 3. - L' iatlma adereaza dell' azione politica dd federalismo Italiano agII imperati"i della dottrina da esso professata . Alla limpidezza della posizione ideologica, i federalisti italiani accoppiano sempre - differenziandosi in questo, in maniera abbagliante, da P roudhon - il s up remo disinteresse e la serena imperturbabile coerenza dell'azione pratica. Scrupolosamente rispettosi della realtà storica, la quale non si può sopraffare che alla superficie con la violenza e con l'intrigo , e indagatori attenti e fedeli dei fatti quali risultano accertati dall'esperienza, essi rinvengono nel principio federalistico non soltanto \Ina specifica illustrazione di un generale postulato della ragione, ma, altresi, ragguagliato alle condizioni concrete nelle quali g iace la penisola, l'espressione imperativa di una esigenza che s i trova connaturata alle particolari e inconfondibili forme di civiltà che son proprie del popolo italiano. Cammeo e Ferrari adottano questo criterio supremo per la disciplina della loro co ndotta: che l'azione politica deve svilupparsi in piena aderenza con la real_ tà e nel!a obbedienza costante al diritto; essi sono e restano federalisti appunto perchè la realtà italiana è la divisione storica di quella che gli unitari s i affannano a chiamar la nazione in una moltitudine di stati e il dirino di ogni lIaliano è di viver libero nel proprio stato. La battaglia che essi conducono per non tradi re questa regola di vita ed adempiere, sino in fondo, al do\"(;rl· che sembra loro dettato e dalle loro più radicate com·inzion i filosofiche e dall'amore che essi ha nno votato al loro paese, non avrà tregua, nè varranno ad attenuar l'abnegazione e lo slancio con cui ad essa l'uno e l'altro intendono concorrere le minaccie o le lusinghe degli avversari, le apostasie degli amici.

STATO • NAZIONE _ FI.DERALl5MO

10l

l'immaturità dei tempi, l'ostilità degli eventi. l'incom_ prensione dell'opinione pubblica. Repubblicani e federali st i, essi combaUcra nno con uguale violenza e il falso federalismo di Gioberti e l'opportunismo unitario di Mazzini. Di fronte a Gioberti che, dopo aver irriso l'mopia dell'assorbimento in un unico stato della nazione intera sogna di ripartir ,'Italia u in quattro monarchie sorelle ", essi denunziano ,'arbit rar ietà e l'insensatezza di quals ias i piano il quale anteponga alla sollecitudine per gli interessi del popolo la preoccupazione della salvaguardia ad ogni costo di particolari interessi dinastici ed esaltano la purezza e l'eccellenza dell'ideale repubblicano. Di fronte a Mazzini che, accecato dalla sua divorante passione nazionalista, s i sente disposto a far gettito di ogni pregiudiziale pur di favorire e di a{{retlare l'unità, essi si troveranno sem pre concordi per bollare a fuoco il dogmatismo mistico del quale il grande cospiratore troppo volentieri si compiace e per mettere a nudo i mOrtali pe ricoli di un compromesso che mette l'autonomia alla mercè di un sovrano ereditario. E quando nel ,859, sfruttando le eccezionali contingenze, la monarchia dei Savoia metterà tutto in opera per confiscare a propro vantaggio tulti i frutti del Risorgimento, Carlo Cattaneo, non potrà trattenersi dall'esclamare con infinita amarezza: " I piemontesi, procedendo alle annession i, poterono camminare su i vecchi vial i posati lungo tutta l'Italia da Mav zin; H. 4 . • La sconlilta del mo"imento lederalista . Si può dire da\·vero che, :lttraverSQ le vicende della tenr,co.: opposizione con (lii Cuttiuleo, solidale sempre con Ferrari, s i adoperò, in ogni drcost:lnW, a conIrob<1ttere l',,zione e la propag.,nda unitarie di Mazzini, la lona dal feò::rali smo in gagg iata n(,1 secolo scorso ili Italia e in Europa abbia trovato la sua estrema c più dramlllati:a espressionI:!, li conflitto che doveva a popo a poco spezz:lre in due blocchi anersi le fila., ancor pur tanto esigue, del


l"

SILVIO TlIENTlK

STATO' NAZIO!([ _ FE.DF.I!At.ISMO

partito repubblicano italiano si profila di buon'ora, non appena ,'occasione si presenta di passare dalle parole agli atti. Ed esso si polarizza subito, soUa le divise concorrenti da una parte dell'unità, dall'altra della Libertà, attorno alle personalità soverchianti di Mazzini l! di C<lIti,neo. Nel 1848 la rottura fra le due posizioni sembra ormai com pleta e irreparabile. Qualche anno più tardi. sufle pagine dell'Archiv io Trieooale, Cattaneo la evocherà, per scoraggiare in anticipo ogni tentativo di conciliazione, in questi termini durissimi: IL Nel 1831 Giuseppe Mazzini non rivolse le sue prime parole al popolo, ma bensl a un giovRne congiurato divenuto re V'è una corona (gli diceva) più splendida della vostra. Liberate ,' Italia dai barbari: fatela tutta yostra e felice. Siate il Napoleone della libertà italiana. A Mazzini non bastava dunque un Cromwel nè un Vashington: egli in vocava un Napoleone " ... nuovi repubblicani, purtroppo erano propensi a sperare più nell'esercito regio che nella guerra di popolo, perchè la scuola loro era scaturita primamente dall'idea napoleonica Il ••• I! Era quella intorno all'unità, e non già .,lIlla forma di governo la più g rave controver.c;;a che fosse allora (nel 1848) fra g li uomini dell'Italia alta, scrvilmentc principeschi, e gli uomini dell'Italia una, principeschi solo per ripiego e per disperazione di raggiungere per altra via la contemplata unità, posta da loro innanzi ad ogni libertà. A ciò alludeva il loro capo, quando, la sera stessa del suo a rrivo in Milano. dapprima al balcone della sua Ioc.:and:\, poi all'opposto balcone del Palazzo Marino, in mezze ai membri del governo provvisorio, diceva a coloro che i sergenti del governo avevano, a lume di torce, chia· mati Ad udirlo, quanto egli desiderasse eli metter d'ac. corda le sue idee sull'Italia coi membri del governo provvisorio Ii '59 che segna il facile trionfo della tesi unitMiA non serve a scoraggia re il piccolo drappello federalista superstite, nè ad indurlo a rendere omaggio al realismo del quale Mazzini dovrebbe, ma non può, inorgoglirsi. E quando i Mille si accingeranno a sbarcarein Sicilia per sollevare il Mezzogiorno contro i 8 0r-

boni, Cattaneo non esiterà un istante a lanciare una volta ancora un supremo appello nel nome della Federazione italiana. Sarà questo il suo ultimo combattimento che si conch iuderà con la sua definitiva sconfitta. Sconfitta inevitabile perchè il corso degli avvenimenti .weva precluso orm., i, :tlmeno pt'r C]ualche t(;mpo, oglli possibilità di realizzazione al programma alla cui zione ed alla cu i difesa egli aveva consacrato tutta la sua vil:1. L'epi sodio, la cui importanza è accezionalissima per la storia polit ica del nostro paese, è cosI narrato e spiegato da Gaetano Salvemini in una pagina densissima : « L'impresa di Garibaldi nel Mezzogiorno d'Italia sembrò, per un momento. dovesse far trionfare le idee federaliste. E nel settembre 1860. quando Garibaldi trion(:Hore dell'esercito borbonico invitò Cattaneo a venire il Napoli ad assisterlo dei suoi consigli. Cattaneo sentì d i non poter rifiutare la sua opera e abbandonò l'eremo di Castagnola. E a Napoli su lla fine di settembre e su i primi di ottobre 1860, prese parte per quel gruppo di seguaci di Garibaldi che volr-vano l'e·· lezione di parlamenli speciali per la Sicilia e pel napoletano, i quali conservassero le autonomie locali e trattassero col governo di T orino i patti dell'unione nazionale. i\hzziniani e Cavouriani, invece, volevano l'annessione immediata, incondizionata del mezzodì al_ l'Alta It,t!ia. Garibaldi, dopo lunghe penosissi me esitazioni, cedette agli un itari. Nel nord dell 'Italia, a\\a cui realtà lo spirito di Cattaneo aderiva quando discuteva di questo genere di problemi, una numerosa e florida borghesia manifatturiera, commerciale, agra ria , intellettualt', si sentiVi:! capace di inquadrare la maggioranza della popolazione e di govern arsi da sè negli en ti locali; e perciò resisteva con vigore cont ro la tendenza, che s i manifestò subito dopo Villafranca nella bu rocrn.:ia civile c militare piemontese, ad estendl'Tsi sui territori nuovamente annessi con tutte le sue leggi e consuetudini amministrat ive. Nel mezzogiorno, in_ vece, gli esigui g ruppi di borghesi e piccoli borghesi, prevalentemente intellettuali che formavano il nerbo del partito liberale e nazionale anti-borbonico, sì sen-

l0'


106

SILVIO TlIElITIN

tivano impolc nti a tenere il paese con le sole loro forle contro le rivolte dei contadini ". (. Per essi non c'era , ne' sud, speranza di predominio politico, se una forza militare esterna no n venuta a spalleggia rli. Occorreva inoltre cht' gl i :.n_ t ich i fu nzionari borbonici, di fede mal sicura, fossero in parte sostituiti, in parte assorbiti e controllali ùa una nuova gerarch ia fornita della necessari'f. pratica amministrativa: e il s ud non poteva fornire il personale a questo scopo. pur formicolando di in finiti postulanti per un impiego qualunque. L'accentramento amministrativo era quindi per i liberali del mezzog ior. no la sola forza sotto cu i essi potessero concepi re \'tlnità nazionale. E la teoria hegelliana de110 stato, professata da alcuni fra i più autorevoli patrioti meridionali, s i prestava ottimamente a idealizzare come necessi tà immanente la necessità contingente. E la tenace pro paganda di Mazzini contro ogni forma di autonomia legislativa regionale discreditava nelle stesse fila della democrazia le teorie federalistic he. E il bisogno di raccogliere, bene o male, al più presto, SOIl O una direzione unica , tutte le forze disponibili per cond urre a fin e l'indipendenza e l'unificazione politica, fa voriva il movimento accentratore n. II Quan to alla nazione armata, essa nel 1860, nel mezzogiorn o, a\lrebbe dato le armi a un più largo SC8tena mento del brigan taggio. E per la stessa Ita lia settentrionale, esiste\'ano in tutte le classi quell'a lto live llo di civi ltà e quell'alto sentime nto di sol idarietà naziona le senza cui non è attuabi le quell'arma mento a tipo svi?zero che Cattaneo per l'Ital ia ? La rete ferroviaria era appena incominc iata a tracciare; le mo ltit udini rurali , non ancora colleg ate in un sistema di idee nuove dai maeslri, dai medici condotti, dai giornali, vivcvt\llo ovunque sotto il domini o esclusivo del clero. es tranee a tulto c iò che non fosse idea o interesse locale. Il fucile confidato a mani cosi preparate e così g uidate, avrebbe servito a creare il nuovo ordine di cosc o a restaurare Queste cond izioni spiegano perchè Garibaldi, con la sua somma ria ma squisita sensibilità delle reallà immediate, ab-

STATO • NAZIONI:. • F't.l)[JIUISMO

'07

bia riconosciuto la necessità di evitare una lOtta che sarebbe stata d isperata per i federalisti. ed abbia lasciato, ad un tratto , il te rreno libero ai centralisti. La burocrazia piemontese, poi, ingrossata con l'accessione dei fun zionari degli antich i regimi, fece il resto. Tramontò cosi. per Cattaneo, ogni speranza di veder realizzate le sue idee Il .

5. • L'iasl.ur.zlolle dello 51.10 paU.rio U.Ii.ae sul. l. finzione e suli'equlvoco.

La sconfitta di Cattaneo non s ignificò però soltanto la fine improvvisa e c rude le del bel sogno federalistico. Essa costitul ad un tempo "indiretta ma ormai irrefuta bile testimonianza del felice compimento di quel processo di violenta e micidiale, se pur incosciente o ipocrita, deformazione delle genuine vocazioni e del dest ino del popolo italiano che la mitologia nazionalistica, col fanatismo e con l'artifizio, aveva saputo, in un batter d'occhio, fecon dare di I<'Inli germi di fitti zia vitalità. SOltO il coperto e dentro i rigidi quadri di un edificio monolit ico consacrante l'o rdinato raggrupparnen. lo di tutle le membra sparse _ rese alfine interdipendenti - di una stessa e un ani me famiglia, la naz.ione italiana si trovò d'un tratto trionfalmente installata al posto delle vecchie e alla vigilia ancora irriducibil i personalità regiona listiche, a ttraverso cui per secoli le Halie a vevano a vu lo costume c si erano ostinate ad es prime rs i. A Ile esigenze. ognor cang ianti, dei ratti, furon cosi sovrappost i, dall'oggi a ll 'indoman i, g li imperativi sovrani, categorici, inflessibili di un'idea. In_ fall i nel mo mento in c ui no n se nz.:! pompa essa fu assunta a base del nuovo 5talo unitario e a fonte esclusiva di ogni criterio di legittimazione della vita collettiva nella penisola, la nazio ne italiana a ltro mai non è stata c he un 'idea, quanto si vuole gene rosa; peggio: un mito intellettuale generato e nutrito sovratutto da uno sforzo quasi dis perato di pura speculazione, dall'inquietudine e dal tormento di un 'él1le impaziente di soddisfare al proprio angoscioso bisogno di conquistar a qualunque prezzo almeno un bricciolo di li-


""

SILVIO T'RE/(TlN

STATO • HA.Z1Oto'E • FEDERALISMO

bertà. di crear le condizioni per lo sviluppo di un regime della coesistenza s uscettibile di soddisfare. non fosse altro che nelle sue forme es teriori , ai dettami elementari della ragione. 11 giorno in cui questa idea che la nazione in Italia e!oisteva quale autenlica rcailà spirituale fu 3ccetta l.a quale un dogma a l cui ris petto avrebbe dovuto conformarsi ogni manifestazione della correlativa e subordinata realtà storica, la violenlazione metodica di quest' ultima realtà stessa si prospettò subito come una necessità improrogabile. Il dogma, infatti. poslula una ortodossia e i'ortodossia reclama una ce nsura. Ora. la censu ra nazionalistica, in Italia, non cessò. per oltre un secolo , di aver ad oggetto la storia più umile e meno adulterata del paese, quella che sgorga dalle più spontanee gestazioni del suo essere collettivo , la s toria , non solo in quanto passato, ma altresl, e in ispecie, in quanto presente, tutte le volte in cui essa osasse tendere a smentire la verità ufficiale, Il che ebbe per conseguenza ineluttabile e costante l'isolamento progressivo e sempre più çoauivo, da un lato. del p0polo rispetto ai suoi governanti, dall'altra della gene· razione umana sulla quale la nazione era stata a priori eretta rispetto al resto del mondo. Questa situazione, è vero. non costitul, certo, una singolare prerogativa della penisola; chè, ovu nque l'i. dea di nazione riusd a far trionfare il principio dell'u. nificazione forz3la, dentro uno stesso regime, di tutte le autonomie collettive sotto la cu i salvaguardia un popolo era stato dalle circostanze sospinto ad ordinare l'esistenza delle s ue va rie propaggin i, le medesime faI. sificazioni e le medesi me mutilazioni della realtà fu· rono imposte quale condizione slne qua non per il consolidamento delle conquiste conseguite sotto gli au· spici della divisa nazionalista. Ma in Italia, i misfatti dell'accentramen to e della cieca inesorabile livellazio· ne si rivelarono subito più g ravi che altrove per il fatto appunto che qui, dette procedure, per attuarsi, furon costrette ad urtare ed a spezz.are delle tradizioni e delle inclinazioni profondame nte radicate e, in qualche gui. sa, indelebili, corrispondenti cioè, sul terreno etnico. sociale e politico, più che a delle semplici abitudi ni su-

perficiali e conti ngenti , ad una intima eterogeneità d i natura e di costumi. La qual constatazione, beninteso, non implica af_ fatto il disco noscimento del carattere perentorio del\e cond izion i e dci motivi storici e dialettici che resero, nonostante tutto, inevitabile la soluzione unitaria. Lo sta to monocentrico tende per la log ica stessa del suo dinamis mo, a universalizzare senza tregua le proprie esigenze e ad utilizzare per il loro soddisfacimento tutte le corre nti, sian pur esse le più contradditorie, dalle quali, volta a volta, sembrano convogliate le far. ze sociali più cosc ienti ed attive. Quando l'idea della monarch ia mostrerà di aver fatto il suo tempo, sarà l ' idea della nazione che servirà a mobilitare senza che essi se ne accorgano, verso lo stesso ohiettivo le aspi· razioni dei nuovi s trati sociali che muovono all'assalto delle vecchie bastiglie e rivendicano il diritto di concorre re a nch 'ess i all'esercizio del potere politico; cosi come oggi e domani è in vista della glorificazione dello stesso idolo che sono e saranno sfrultati tutti i tentativi che le classi oppresse, spietatamente irrigi_ mentate dentro la disciplina di u n partito, sono e sa· ranno condotte a promuovere per lo scatenamen to del. la Rivoluzione. Non deve dunque stupire che anche in Italia malgrado la profondità delle differenziazioni regionali. stiche qu ivi da lungo vigenti. l'idea nazionale abbia finito per ave r ragione della realtà e della struttura federali. Nè, analogamente, deve stupire che questa me· desima idea nazionale. dopo aver creato, fondandolo sulla finzi one e s ull'equivoco, lo stato unitario, abbia potuto, alla sua volta, per l'azione del mito dal quale aveva un tempo attinto ogni s uo prestigio, deter. mmart'. a poco ti poco, un<l mod ifÌl:azione sensibile dati fondhmE:ntali del problema politico c ui essa avrebbe dovuto appres tarl:o una volta per sempre, una soluzione definitiva, Non bisogna inft,lI i dimenticare che il concetto di nazione non ha mai rappresentato :tltro _ a l momen. IO in cui , per la primto. volta, esso fu assunto a mezzo di t':'ipressione e di rivelazione di una realtà soggia. cente c he le istituzion i in vigore s i ostinavano ad igno.

108


110

SILVIO TRt:NTlI'(

rare _ che un suggerito, dappertutto, dallo sforzo per cosi dire lecn ico volto ad aver meglio ra-

gione degli ostacoli che neut ralizzavano o rallentavano,'azione dispersa e disordinata dei popoli per la conquista della libertà politica. Questa conquista implicando sempre, necessariamente, una lotta, ,' idea di nazione rispondeva mirabilmente al bisogno di offri re ai combattenti che si trovavano impegnali in con_ fronto d i uno stesso avversario, Un segno comune di mobilitazione c di schieramento per la messa in valore di motivi e di ragioni _ concreti e permanenti - di solidarie tà collettiva. La circostanza che la nazione, sovrapponendosi, dal di fuori, come unità perfetta e inscindibile, all'autonom ia individualistica dei gru ppi storici che essa pretendeva aprior isticamente assorbire, abbia apprestato allo stato un form idabile strumento di coartazione e di cOnlrollo, non può affatto aver impedito che quella sol idarietà la cui sola presenza era bastata all'origi ne a far accettare ciecamente un'idea q uale un fatto compi uto, abbia continuato ad agire ed a svilupparsi. generando fra quanti da essa s i trovassero collegati sem_ pre nuovi rapporti e semp re p iù durevoli affinità j determi na ndo eventualmente la lenta e cosciente elaborazione di una comunità spirituale vera e propria, suscettibile per tanto di per se stessa di far finalmente la prova dell'avvenuta prolificazione dal mito, di unA realtà nazionale della quale occorra prender atto. 11 prohlema. dunque, che. per l'Italia. come per ogni altro paese civ ile. si pone oggi come sempre più drammatica urgenza è que1Jo eli sapere se a d ispetto delle fu nzioni e degl i equivoci COn il cui concorso nel postsi è costi tuilO nella penisola , impone nR cio sovrallamente la sua legge, lo stato unitario. all'in_ terno di quella massa complessa e concreta di clem.::nti, di fattori di s ituazioni e di cond izioni che si designa convenzionalmente col nome d'Italia , sussiste davvero una alltenlica rea ltà nazionale e - se essa s ussiste di re ndersi conto delle s ue esigenze. di ricercare in qual modo essa possa farsi riconoscere e farsi valere. Da un punto di vista generale, e alla luce del c ri te_ rio supremo della libertà, porre il problema, è risol-

STATO' PlALIO/,'( _ FEDERALISMO

III

vcrlo. L'Italia è stata ed è sempre, anche dopo quasi un secolo di arbitra ria manomissione da parle dello stato mo noccnl rico, comunale e federalista. L 'ormai lunga esperienza prova che essa non è capace di produrre una ricca e feconda vita sociale e assu rgere, attraverso questa vita a lla effettiva dignità di nazione, allA dignità, cioè, di centro generatore di forze naturalmente solidal i, se non neUa misura in cui essa può esprime re ne ll'autonomia il suo genio poliedrico e forgiare nell'autonomie le istituzioni chiamate che rispondono alla varia e ad assolvere a i composi ta natu ra del suo essere. Da questo stesso punto di vista, che è quello dei più genera li principi i. il compito delle nuove forze politiche dell'antifascismo a ppare precisa mente essere quello di realizzare le co ndizioni che permettano alla nazione italiana di rinascere; di risorgere per questa strada, di spezzare i vin_ coli grazie ai quali lo stato, in quanto burocrazia centralizzatrice, è riuscito ad usurpare g li attributi che soIa ad essa appartengono, di demolire, in una parola, "imponente soprastruttu ra di menzogne e di ipocrisie che la monarchia ha si a lungo messo a profitto per pu ntellare [a sua dominazione e aver modo di sost ituirsi al popolo nella creazione dello stato, sovrappOnendo al popolo, bell'e pronto, il suo proprio stato a rti ficiale . Ma il problema non è cosi semplice. Se i principii generali poSsono servire ad orientarne la soluzione, questa non può essere praticamente control1ata nella s ua gi ustezza e nelle sue possibil ità di realizzazione se non alla stregua della risponde n7..a delle previs ioni e delle misure che essa s uggerisce alle esigenze conna_ turate allo stadio presente di evoluzione della tecn ica della orga nizzazione sociale. Il tema è assai arduo e s u di esso sarebbe d'uopo soffcrmarci. Pcr ora accontentiamoci di constatare che con il compimento dell'unità italiana. il federa lista, qllale spontaneo tentativo di costruziooe dello stato dalla base. sem bra sia stato d'un colpo spo_ g !i;'uo in Europa e ncl mondo, di ogni s ua residua capacità dinamica e condotto praticamente _ per il fatto che le s ue posizion i apparvero presto s uper:lte dagli


11 3

S ILVIO llItllTlK

STATO - H,uIONt • FtDER ....USMO

avvenimenti _ ad abdicare alta sua stessa ragion d'es-

a la propaganda persuasiva delle spedizioni puniti ve da esso gratuitamente organizzate, a disperdere ogn i ed a restaurare e a rinvigorire, in un batter d'occh iO, le \'acil1anti garanzie dell'ordine uni tario.

112

sere. NeIla penisola, il partito repubblicano, accomoda ndosi subito, di buona grazia, anche nelle sue frazioni più intransigenti , al (atto compi uto, non tardò a rassegnarsi ad accettare con beneficio di inventario l'eredi là pur tanto g loriosa di Ferrari e di Cattaneo ed a schierarsi. unanime, in favore della pregiudiziale :tI cui trionfo la corrente mazziniana aveva, a prezzo di tanti compromessi, sì largamente contribuito. Mettere in dubbio la saldezz.a del vincolo unitario o anche soltanto auspicarne un giudizioso rallentame nto signi. ficò, a breve scadenza, negli stessi a mbienti di est rema sini stra, rendersi colpevoli di un cri mine di lesapauia. Per uno strano paradosso, è al partito conservatore che fu riservato, di quando in quando, sul terre no am _ ministrativo, di erigersi ad interprete, ai fin i di una riforma dccentralizzatrice, delle più elemen tari aspirazioni all'autonomia s uscitate in molte parti d'Italia dalla complessità e dalla specialità dei problemi locali ed a farsi il denunziatore delle ingiustizie e delle negl igenu' a piene mani perpetrate nel nome dell'egualitarismo li\'cllatore. Le proposte per una riparti zione (, regionale n del territorio dello s tato son dovute a Farini cd a Afi nghclti , mentre l' illustrazione più documentata e profonda della necessi tà di un regime speciale per il mezzogiorno è offerta dagli studi e dalle inch ieste del Villari, del Francheui, del Turiello, del Sonnino, del Fortunato. Bisogna risalire all'immediato dopo guerra per riIrovare un risveg lio della coscienza federalistica in Italia, ma anche in questa. drcostanza esso non sboccherà nel promuovimento di un 'azione radicale ed organica che in un solo punto perife rico : in Sardegna . I principi i banditi dal partito sardo di azione e le in iziative da esso assunte eran destinati senza dubbio ad aver nel resto della penisola una larga ripercussione e a orientar s u basi nuove la ricostr uzione rivoluzionaria dello stato italiano. Ma il fascismo sopravvenne e la complice monarchia non durò fatica . COn il suo concorso e s fruttando


STATO •

CAPITOLO X. L'UNITA' COME LEGGE DI ORGANIZZAZIONE DELLA VITA SOCIALE I. • L'atcentramento sempre più decisivo del potere politico. Neg li altri paesi. a partire dalla seconda metà. del secolo scorso, la spi nta alla monopolizzazione, da parte dello stato, di ogni parcella del pubblico potere e aJl'asservimento progressivo di tutti i focolari ancora sopravviventi di libera determinazione della volontà colleuiva si persegui ugualmente, a cadenza sempre più accele rata. A poco a poco, l'osservazione del processo secondo c ui , nel corso del lungo periodo di pace che va dalla fine della gue rra di secessio ne e del conflitto francotedesco allo scoppio della grande g uerra, e ran venuti stabilendosi e caratterizzandosi i reggimenti degli stati civili, sembrò suffragare la convinzione che detto processo rispondesse all'azione di una legge costante e uniforme i cui dettati dovessero considerarsi come l'espressione fedele di una necessità inderogabile condi_ zionante il mantenimento dell'ordine cioè l'assegnazione di una disciplina, quale che sia, allo sviluppo dei rapporti della vita sociale. Con fesso che, vittima di una deformazione professionale assai diffuS2. fra i giuristi, e troppo penetrato ancora dei pregiudizi di un inseg nament o eccessivamente rispettoso delle forme pure del diritto, anch'io, per un moml"nlO ho credtlto all'esistenza ed all'autorità di una siffatta sedicente legge regolatrice dell 'evo_

_ FEDERALISMO

Il'

luzione degli istituti g iuridico-pol it ki dei popoli moderni, il cui enunciato, costantemente messo in luce dal giuoco automat ico di ferree sanzioni tenderebbe appunto a dar rilievo a questa evidenza elementare: che il t ipo di stato semplice-unita rio attua il più perfetto equilibrio (assicurandone la pitl razionale coordinazione) fra le forze sociali coesistenti sul medesimo territorio e costituisce perciò la mela fatale verso cui è giuocoforza debbano a poco a poco gravitare, nel loro graduale assestamento, le varie particolari forme di organizzazione adottate nella pratica dalle diverse socie tà politiche. Aggiungo, anzi, che, in quella occasione ero stato tentato a!tresl di formulare in termini gene rali. sulla base degli inseg namenti offerti dalln storia politica contemporanea alcuni c riteri per l'apprezzamento intrinseco della costituzione degli stati , osservando, per esempio, che, alla stregua della legge su enunciata, mentre lo stato composto deve concepi rsi quale un aspetto contingente dell'ordinamento attribuito alla vita collettiva, quale uno stad io intermedio, una fase preparatoria del procedimento attraverso cui viene naturalmente elaborandosi il sistema meglio ido_ neo a conseguire ed a garantire lo statuto normale dei rapporti della coesistenza; lo stato semplice, invece. deve apprezzarsi - quando esso sia legittimo, nazionale ed organico - quale uno strumento di s istemazione definitiva di quei rapporti stessi. Bisogna riconoscere, a giustificazione deJla perentorietà. di Ur'! tale giudizio, che l'esperienza storica di oltre un se<:olo appariva apportare al rig uardo una documentazione decisiva. Appoggiandosi , in vero, sui dati da essa offerti , risu ltava facile il dimostrare come negli stat i composti rossero venut i attenuandosi, ID modo costaDte, l'autonomia ed i poteri dei singoli emi panecipi, a prezzo di un corrisponde nte rafforzamento dei vincol i unitari e come d'altra parte, negli stati semplici _ quando loro costituzione non avesse tratto origine in ispregio al principio di nazionali tà. o quando in loro confronto non avesse potuto influire il diritto di conquista proprio di un altro stato - mai s i fosse manifes tata la necessità. di un frazionamento del potere sovrano.


116

SILVIO 'fRUITIli

2 .• Alpettl delle trasformazioni costituzionali subite Degli ullimi cinquant'anni dagli stati moderni. Questa tendenza evoluti va - o involutiva che d ir si voglia _ delle istilUzioni fondamentali, su di cu i 51 asside l'organizzazione della vita sociale , .. Ila unifica:zione sempre più rigida di tutte le funzioni implicanti comunque "esplclamcnlo d' una prerogativa di governo. si rivela in ogni luogo, nel corso del secolo XIX, con una costanza estremamente significativa. Non vi è un solo Stato che abbia saputo sottrarsi o resistere alla sua pressione. In Francia, a dispetto della lunga predicazione di Proudhan _ i cu i frutt i furon sempre limi tati alla periodica fecondazione di cenacoli puramente intellettua li sfor niti di qualsiasi influenza s ull 'opinion e pubblica e dediti solta nto all a reciproca accademica contraddizione delle rispeltive domine - la Repubblica, succed ula al secondo Impero, non sa affermare la sua orig in alità che nella creazione di una burocrazia onni· potente e dispotica alle cui iniziative ed al cui controllo si troveranno in breve sottomesse tutte, senza eccezione, le manifestazioni della vita pubblica ed in cu i favore saran costreUe via via ad abdica re tulti i centri collettiv i di altività locale ancora {ruenii di un qualche personale attribulo. Da una parte, invero, la s uperstizione diffusa e fa· dicata dal culto inerte dell'ideologia che aveva (ornitO al1'89 le sue parole d'ordine, contribuisce potentemente a mantener vivo il preconcetto che le relazioni di dirittO pubbl ico debbano sempre necessariam ente e di. rettamente intt'rrorrèrc fra lo st •• to e rindi viduo, 'lu:lisiasi inlcrmediazione fra quesli du\! poli dovendos i considerare! a priori lomt. d('stinalh :\ tradurs i, presto n t:udi, in una menom:lziune t'ffcuivi\ di quel dir ittO rii lilx'rtà del Iluale non sa concepi re altro soggetto che 1", persona fisica astraila . Dall'altra parte, il prestigio con rlu isl<HO dR Parig i RtlraVNSO le vicende delle lotte decis ive di cui quella città è stata il teatro - e durante i secoli nei quali si tradusse in atto il pro-g ramma lInifica tore della monarchia , e nei periodi del.

STATO' f'fAlIOra: • FEDEJ!AlISMO

117

le più g ravi ri voluzionarie _ determina la rivend icazione sempre più esigente e la usurpazione sempre più spregiudicata da parte della capitale di una specie di monopolio per la direz ione e la ispirazione di ogni attiv ità politica e amministrativa della Repubblica e per l'accaparramento di qualsiasi sorgente del potere. Mai , come in questi ultimi ci nquant'anni, la vita municipale e regionale è stata più misera e scialba in Francia, nè mai, COn maggior in vadenza oppressiva si in suo confronto esercita ta _ per il tramite del Prefetto, vero millui domlale.1 investito di delegazioni illimitate - l'autorità del governo centrale. In Germania la costitUzione dell'Impero secondo il piano tracciato ed attuato da Bismark, se lascia fo r_ malmente sopravvivere nella loro pompa esteriore le vecch ie monarchie, colloca s ubito e senza riguardi i s ingoli monarchi ed i g ruppi di interessi da essi rap· presentati in una situazione di s ubordinazione assoluta rispetto all'Imperatore e ai suoi gerarchi. Cosie. chè quando, dopo la scon fitta, la Repubblica sorta dalla paura e dal compromesso, si metterà alla ricerca delle basi s ulle qual i dov rà esser cost ruito l'ord ine che essa è chia mata a presiedere, gli antichi stati si troveranno già pronti a mutuare la loro secolare dign ità con quella di docili e uniformi II lerre .. dell'Impero. I n Inghilterra la tradizione del s.elf gonraemeat continua, è vero, in apparenza ad esser rispettata, ma i pubblici servizi ai quali essa dovrebbe assicurare la più ampia libertà di organ izzazione non si trovano per questo, in pratica, meno soggetti a ll'infiltraz.ione pro.. g ressiva dell 'a rbitrio irresponsabile dei poteri cenl ra. li. E anche Londra, sull'esempio di Parigi, non tarda a manifesta rs i nei fa tti il proposito di avocare a sè, con sempre maggiore latitudine, [a prerogativa di det_ tar sola la legge al Regno Unito, Lo stesso renomeno di concentraz.ione intollerante e del potere s i riscontra pur nel seno degli staI! che avevano assunlo a condizione della loro costituzione il rigoroso rispetto della individualità dei gruppi al cui libero concorso ess i dovevano la propria esisten7.3.


Il.

S ILVIO TRElITIII

La Repubblica. per esempio, la quale era sorta embrionalmente SOltO forma di allean · za fra le colonie ri vendicanti, ciascuna, la piena di· g nità di ente sov rano, per la difesa contro i comuni nemici della prop ria indipendenza politica è tratta pur essa nel corso del secolo scorso, attraverso successive variazioni del patto fondamentale, quasi obbedendo all'impulso e alla spin ta d i una naturale fOrza centri. peta, a molt iplicare e ad intensificare, grado a grado, spessa in contraddizione flagrante con la varietà dei bisogni peculiari delle diverse parti del vastissimo ter_ dtorio. i tapporli di s ubordinazione e di mento dei particolari organismi alla potestà unificatrice dello stato federativo. Perfi no la Svizzera che, in omaggio alla netta ferenziazione etnica, storica, culturale dei tre popoli i quali avevano accettato di confondere assieme i\ loro destino, aveva iniziato la propria vita costituz.ionale in veste di Federazione di s tati, non sa resistere al contagio c, in breve volger d'ann i, con la riforma del 29 maggio 1874, si trasforma anch'essa in vero e proprio stato federativo.

1. • l.'iJluslnzionc ideologi,. dcll'csigCDll uaU,ri •. Com'è naturale. questo ge nerale movimento che ca· ratterizza la rapida c ...·oluzione delle ne lle qual i lo stato moderno si {onda e per meuo delle quali esso fa valere la sua forza e le sue attribuzioni. è preceduto ed accompagnato. in quanto esso risponde ap"pieno agl i interessi delle classi dirigenti e alle loro .sempre vigili preoccupazioni di dominazione, da una vasta prepara zione e da una meticolosa esegesi ideologiche. tendenti o a legittimarlo in anticipo alla stregua di imperativi supremi o ad illus trarne sulla fede dE'i risultati conseguiti le provvidenziali benefiche fluenzp. . Il compi to appariva faci le, dato il precoce tramonto dei grand i sogni federalistici e l'oblio in cui presto caddero le generose dottrine che li avevano ispirati. Ciò non pertanto, nel periodo che fa seguito alla vittoriosa affermazione, quali enti sovrani , delle Cf libe-

STAro • NUIOHt: _ fUltRAUSMO

'IO

" comuni tà nazionali, non mancarono, in tutti i paeSI d'Europa, dci filosofi e dei giuristi, i quali, nel timore che il difeuo di opposizione potesse determinare un affievolimento del dinamismo accentratore dello stato unitario, si compiacquero di denunziare periodi. camente degli immaginari pericol i suscettibi li di compromellerne la foga conquistatrice, per aver cosi modo di incoraggiare sempre nUQ\"C compressioni o sempre nuove confische. Tulte le volte in cu i, per cffello appunto della centralizzazione ad allranza, una crisi si è delineata nel funzionamento del complicato appa recchio ch iamato a vegliare alla buona condotta dei rapporti sociali, si è potuto assistere, infatti. a questo spettacolo inverosimile: che (ilosofi e g iurist i, dopo aver tamentc e spregiudicatamente presa in esame la situa. zione, si trovavano conCOrd i nel l'additare nella concezione pluralist ica dello stato la ca usa escl usiva della crisi stessa. Una tale candida finzione permetteva ad essi, per lo meno, di meglio ribadire i postulati del conformismo uHiciale e di condannare una volta di più le .1bcrmzioni autonomistiche. Gli argomenti che in qut'SU: circostan ze sono stati mes..<;j Illnanzi riproducono e ut ili zzano. con ('sasperante monotonia, i vecchi molivi cari a t utli gli tolatri. Il plurali!'mo. seco ndo la tesi rer loro mezzo accreditata, si ril:t lerehhe qualt: un assurdo e un controsolo ch(; si prenda la pena di riflette re alle conclusion . i alle quali esso fatalmente conduce' a lla streg ua, ,"vero, della concezione cui esso fa ca po, l'uomo dOvrebbe entrar a far parte dello stato nelle stesse cond izioni e nella stessa misura in cui esso entra a far parte di ogni allra associazione: familiare , economica, rel igiosa, culturale; e, nel seno di ciascuna conservare intatto il proprio diriuo di conformarsi alle n.orme :tiche particolari ch'egli ha prescelto a da di ogni settore della propria vira. Il pluralismo quindi - a deua di quest i suoi previdenti persecutori, - negando in bocco la pretesa dello s tato di siderare sè e i propri fini come aventi un valore premo. tenderebbe a confinarne l'attività

.


121

SILVIO TlIEKTU'"

STATO· NAZICij,"E _ FEDERALISMO

mento delle funzioni fondamentali e generali della si · curezza e della difesa. E' assioma del resto - si agg iunge _ della scuola pluralistica, che ogn i qual volta lo stato si trovi di fronte a delle associazioni, le quali reclamino di perseguire con mezzi propri, e in autonomia, i propri scopi istituzionali. esso ha il dovere di cedere il passo. Ora - osservano gli stessi critici, - non "i vede come, s(;nZa lo stato, concepilO quale organizzazione suprema, s i possano risolvere i conflitti fra le vMie nMmc e le varie associazion i, dal momento che gi udice di tali conlrasti non può e"sere l' individuo, come i fautori dci pluralismo sostengono, l'individuo, nel sistema che questi propugnano non essendo che un soggetto astratto e sempre rivestendo, in ogni caso, la qualità di membro di una associ:tzione. L'errore capitale del plu ralismo - si conchiude dunque trionfalmentc. usando di un g rossolano giuoco di parole - è di credere che lo stato incarni una associazione avente vita e sostanza proprie, mentre esso esprime solo una unità formale, di g uisa che la sua superiorità rispetto alle altre associazioni ha per sola ragione quella di farle coesistere pacificamente e pertanto di porle meglio in grado di assolvere ai loro fini . La quale ovvia, elementarissima constatazione dimostrerebbe, chiaro come il giorno, che, per curare le malattie di cu i soffre periodicamenle la società moderna, non vi è che un solo rimedio infallibile: quello di restaurare la concezione etico-unitaria e di rafforzare e consacrare, con opportune inesorabili sanzioni la sovranità dello Slato.

me che una unità form ale che esso non ha ragion d'es_ se nOn in quanro risponda ad una esigenza di coordinazione e di sintesi comune a delle forze che, pur individuandosi neH' autonom ia, si trovano reciprocamente collegate da un' intima solidarietà per la realizzazione delle condizioni generali, il cui rispetto garant isce il sodd isfacimenlo dei loro fini particolari. Per la contraddizione che non lo consente, l'etica del. lo stato non può mai essere imposta, dal di fuori, ai cenlri sociali che nel suo seno funzionano, nè ma i trovarsi, con t'etica propria d i questi centri in contrasto. Lo stato cessa di essere Stato nell'atto medesimo in cui esso s i arroga il potere di prescindere, solo che lo voglia, dalla considerazione dei bisogni e degli interessi istituzionali della società della quale esso pretende effettuare l' unificazione g iuridica. Lo stato che rivendica sè stesso, a priori come uno Slalo monocentrico-aulorirario, è uno stato che ri n_ nega la sua propria missione , che fonda programmaticamenle la propria esistenza sulla coazione e sull'artificio, che estrania irrimediabilmente se stesso dalle sorgenti medesime del la propria vita, che, insomma, cessa di essere un ordine, l'ordine umano, non po_ tendo essere che un ordine delle autonom ie. Il formalismo giuridico e l'idealismo filosofico orIOdosso non si impicciano, però, di s iffaltc preoccupazioni. Per essi, il solo ord ine che conti è quello che si istituisce e si fa valere con la forza; per cui l'esistenza dello stato, in tanto appare utile, in quanto essa permetta, con la forza e con la minaccia della forza, di plasmare nell' obbedien7.a uniforme c passiva ogn i aspelto della vita sociale. E ' questa la dottrina al la quale sboccano finalmente all 'alba del secolo XX le successive e sempre più larghe applicazioni della formula unitaria. Ed è di questa dott rina, bandita come un vangelo da quasi tutte le cattedre un iversitarie di Europa, che s i alimentano. sempre più soddisfatte. le giovani generazioni di in_ tellettuali cui incombe quando, d'improvviso, più frenetiche si scatenano le passioni imperialistiche, di illuminare le opinioni pubbliche, di orientare le iniziative degli stati . La grande guerra non può, dunque, tardare ad esplodere.

120

4. • LII grande guerra, sbocco naturale dello statola trismo. Non vale cerIo la pena di soffcrmarci a confutare un ragionamen to cosI inconseguente e arbitrario, per effetto del quale persino le nozioni di forma e di so· staoza riescono a perdere ogn i loro stabile consistenza, per sottrarsi alla fine a qualsiasi defin izione e a qualsiasi gerarch ia. Basta indicare gli sviluppi u logici" perchè di esso sia fatla giustizia. E proprio perchè lo s tato non espri-


STATO - NAZIO,;\: • FEDERALISMO

CAP ITOLO XI. LA RICONSACRAZIONE DEL MITO UNITARIO ATTRAVERSO LA GRANDE GUERRA . LO STATO EUROPEO DEL DOPO .GUF.RRA. , .• La guerra, terreao per l'uperimento dell'onnipoteoza dello ,tato , La guerra determina la vera e propria apoteosi dello 51alO unitario. Per essa delto stato auinge il parossismo della sua potenza ed in essa realizza l'atmosfera che meglio conviene alla esper imentazione esem plare della propria attitudine a tradurre in alto, sotto la specie dell'assoluto, la \"olontà uni versale. Si può dire. in un certo senso, che la guerra è prop rio indispeolabile allo s tato unitario per conseguire formalmen te la consacrazione defin itiva della propria legiu imità. La minaccia ch 'essa sospende sulla vita della nazione spoglia, d'un colpo, i centri particolari di vita collettiva che dentro la nazione ancora sussistono quali soggetti dotati di una propria personalità, di ogni titolo a persegu ire per proprio conto la difeSA dei loro specifi ci nteressi, o anche a concorrere, nel pieno godimento della loro autonomia, all'apprezzamento e alla d ef:nizione dell'i nteresse gene rale. La legge suprema essendo quela che è dettata dalla preoccupazione esclusiva de lla u salvezza della patria Il, i! governo centra le, in quanto organo nel quale la patria stessa _ per gratuita traslazione mitologica e sim_ bolica - trova la sua più alta espressione rappresentativa, si istituisce automaticamente in solo detentore

123

del potere politico e in regolatore c sanzionatore discrezionale d tutte, senza c<::cezzioni, le manifestazioni della vita socia le . Lo stalo unitar io è messo cosi, provvide nzia lmente, in COndizioni di poter conseguire il tipico ordinamento che è postulato dai principii su i quali esso fonda la propria nat ura, l'ordinamento appunto che è proprio del regime dittatoriale. La dittat ura, infatti, rappresenta lo stadio ultimo di c,·oluzione della tecnica accentratrioe e, nello stesso tempo, la sol;1 effetth·a gManzi:. dell'unità: sin tanto che es.c;a non è nltuata, lo SlalO un itario resta islituzion."llmente imperfetto. Era inevitabile. dunqut", che . in conseg uenza dello scoppio dt:llc ostilità, tutti i pnesi di Europa, pur OkIntent:ndo formalme nte inta tti i loro statuti t: le loro carte, facessero s ubito l'esperienza di una rapida e profonda tr;lsformM;;one dell a Inro st ruttura costituzionalc. D:\I1'o!:!!i 311'indomMi , senza transizione, qU3lunque fosse l'intrinseca originalità o I" relativ3 delle loro tr:tdizioni, dei loro costumi, dci loro rt'gg ia,"e!Ostro ordi nato la loro vita ment i polilid _ secondo le:: prescrizioni del modello repubblica no o di quello monarchico _ trovarono s ubito tutti accomun3ti sotto uno stesso regime: quello dell 'esecutivo. Grazie alla mistica unitaria, lo stato non ebbe coltA ad identificarsi istantaneamente col governo, ed il governo 3 requisire ogn i prerogati va della nazione, cioè a costituire, rispetto a sè stesso, in una posiz ione di obb.,jienza ;,ssolu ta , la società. territoriale tutta intera . Qualsiasi traccia di pluralismo fu per questa via in fretta dispersa anche là do\·c più te naci e vivaci s i e ra n conservale le prati che dell'autonomia. E la nomenc1atura region3l istir-a non servì più , ovunque. che 3 designare delle vuote e inanimi circoscrizioni amminist rative. Divenu to per effetto d i q uesta Iranspo.. sizionc giuridica in fealtà lo stato non conobbe più limiti al proprio arbitrio. Non vi fu più, in breve una sola branch ia di attività in cui confronto la s ua ingere nza non potesse incontrollat3mente estendersi. E poichè a salvaguardia della compana omogeneità del


12.

S ilVIO TlIEHTIN

suo essere unitario, esso cr;1 stato costrelto a realizzare preventiv:lmente la piu spietata funzioni in una burocrazia sovrapponentesl al quadra naturali della nazione e fortemente assogettata da un infrangibile vincolo gerarchico, esercizio del potere. d i tutto il potere, si trOvÒ in pratica integralmente deferilo . E' fAcile immaginttrt' qu:\li siano stalt: le conseguen ze di questa coatti'-a (' .\TIificialc e uniforme ricost ruzione dell'ordine delle differenti St>Ciclà nazionali. Esse somm<>.riaml'nle esprimersi nel seguente rilievo d'ordine generale: disarticolat.a nei suoi intimi rapporti funziona li e d i scambio, avulsa dai centri generatori delle proprie determinazioni, la vita co.llettiva ceSSÒ subita mente dì tradursi nella produzIone spontanea di una som ma di attivi tà corrispondent i ai bisogn i, alle tendenze, alle compet izioni delle fo rze che ad essa concorrono, per cristalizzarsi nel perseguimento d i scopi ad essa imposti dal di ruori, nel soddisfacimp.nto di esigenze puramente convenzionali ed estranee alla coscienza di coloro cui esse sono attribuite. l! risultato, p iù certo, dell'avvento, col favore della guerra, del tipo moderno dello stato monocentrico, è di aver restaurata in pieno _ nell ' ipocrito rispetto detle forme con cui furon consacrati dalla Rirvoluzione i diritti di libertà - le più odiose intemperanze dell':lntica sch iavitù. La sola libertà che esso, ormai, riconosce e proteg· ge è la libertà di sfrutlamento e di dominazione che reclamano e rivendicano le classi e le caste comma ndatarie del governo nel quale s i sostanzi" la sua visibile presenza. Tale appare lo stato eu ropeo a l momento in cu i l'Europa, a g uerra finita, si accinge a intrapre ndere, sotto la sua g uida, l'ordine nuovo. La s ituazione che si prospetta in ogni luogo, non appena è giuocoforza _ per permettere alle d iverse società nazionali di regolare, secondo le pratiche c he hanno ordinariamente vigore in tempo di pace, i loro rapporti reciproci - di pocedere allo smontaggio della formi dabile e faragginosa macchina militare alle conrlizioni del .::ui funzionamento h? dovuto per a l-

$TATO • NAZIOJ([ • F'f.l)ERAUSMO

12<

cuni anni ciecamente subordin a rs i ogni forma di attività individua le o collettiva, appare senza indugio estremamente drammatica. I progressi realizzati dallo stato unitario, durante la guerra, nel perfezionamento della tecnica diretta ad assicurare in modo permanente la realizzazione razionale e illimitata, totalitaristica insomma, della propr ia potenza, sono stati cosi profondi ed hanno determinato un sovvertimento cosi radicale delle antiche strutture g iuridico-politiche che qualsiasi auenuazione, sia pur provvisoria, della nuova disciplina della vita del gruppo territoriale in forza di quella tecnica raggiunta, rischia di me ttere in pericolo l'esistenza stessa dell'apparato governativo, in quanto sintesi esclusiva di ogn i rea ltà socialmente rileva nte. La logica dell'unità è inesorabile. Essa non conosce nè arresti, nè incertezze, nè regressi. Ogni ralle ntame nto del processo attraverso cui soltanto l'unità può attuarsi, e che mai è possibile esaurire, può riuscir ad essa mortale. D'altra parte, la lunga e feroce compressione delle e nerg ie umane che sostentano le inizia_ t ive del corpo sociale e permeltono a questo di durare indefin itamen te, ha favorito la sorda accumulazione di una smisu rata riserva di sofferenze, di rancori, la cui oscu ra coscienza fa pesare s ulla vita dei popoli la minaccia di una esplosione improvvisa , suscettibi le di menere in causa, in blocco, nei suoi termini più elementari, il problema medesimo della loro organizzazione,

2.• Il crollo improvvilo dello .tato autocratico iD Russia e l'iDltaurazioDe al i Do pOltO della c: Dittatura del proletariato », In certi momenti si ha davvero l'impressione che la pesante e robusta camicia di Nesso con il cui soccorso lo stato continua a tener a sua mercè la nazione e ad a lime nta r della sostanza di q uesta la propria insaziabile voracità di parassita, sta proprio per esser r idotta in pezzi sotto l'urto delle forze ch 'essa s i most ra impotente a paralizzare. E la rottura dell'instabi le e forzato equilibrio non


127

SILVIO TREII'T111

STATO - NAZIONI: _ FEDERALISMO

tarda infatti a prodursi s ul plinIO di minor resistenza delh contestura unitaria. Prima ancora che la guerra si concluda, quando an_ zi le sue vicende sembrano annunziare ch 'essa tocca il suo punto cr itico, lo stato russo s i sp rofonda in po_ ch i giorni, trascinando nella s ua caduta la s ua g iga n_ tesca s upe:rstruttura. L'occasione appare unica per rompere l'incantesimo millenario del quale si aureola sempre la superstizione dell'unità, per liberare tutte le forze ch'esso ha tanto contribui to a mantenere nella lung a soggezione, per restitui re la vita sociale alla spontanea direzione delle sue sorgenti , per ricostruire ,'ordine daJla base. A prima vista, tutte le condizioni sembra no riunite per l'in izio e la fecon da intransigente prosecuzio.ne della grande impresa emancipatrice. I pun tt:lli secolar i del governo a utor itario e accentratore sono a terra. Gli s trati più profondi e ancor vergi ni della popolazione sono stati proiettati dal l'imponenza e dalla violenza delle ripercussioni provocate dalla catast rofe che ha travolto su bitamente il vecchio regi mc. fuori delle ganghe dent ro c ui per una innumere serie di gene razion i eran s tati condannati a vegetare nella rassegnata sopportazione dei più immodera ti s fruttamenti e stanno r issanguando il corpo s0ciale dell'a pporto prezioso delle loro riserve dinamiche. Pcr ogni dove, nel mondo, una g rande speranza galvanizza, sotto la dura costrizione della disciplina esteriore, le masse insofferenti c impazienti. L'attimo è decisivo appunto pcrchè esso vi rtualme nte permette che sia rimesso in discussio ne, nella legittimità delle s ue stesse fonti, lo statuto dello stato. Per disgrazia , però. la svolta storica della quale esso segna "inizio, lungi dall'opporsi, su questo piano, come un 'ant itesi, a quella che l'ha preceduta, si salda con questa quale un suo coerente sviluppo e il vecchio stato, a dispetto dei nuovi sfolgoranti appellativi di cu i compiacentemenlc esso s i adorna e dell'eretica apparenza dei suoi nuovi attributi formali , fin irà senza sforzo eccessivo ad aver ragione deJ!a rivoluzione. Se ben si rifletta, una tale conclusione, o megl io un tale fallimento, si rivelano assai meno paradossali di

que l che appaia a prima vista. Data la preparazione e l'orientazione ideologiche e tecn iche delle avang uardie ch iamate a dirigerne le sorti, era fatale, invero, che la rivoluzione russa. si mostrasse congenitalmentc incapace, non che di risolvere, di affrontare il problema dell'autonomia. Pe r troppi a nni , in flagrante contraddizione con i principi i medesimi ai gua Ii pur sempre ispiravano le loro infiammate requisitorie d'obbligo contro [a nequizia dello stato borghese, i dottrina ri del bolscevismo si e ran fatti gl i assertori fanatici della necessità di una spietata concentrazione in atto, vert ice del potere e delle iniziative r ivoluzionarie, in quanto potere e iniziat ive politico-economiche, perchè ess i una volta investiti da lle circostanze del l'immane compito storico di deltar le dirett ive per l'elaboraz.ione in condizioni veramente un iche della nuova carta della vita sociale, non fossero stati sosp inti a ritentare, nel nome del proletariato, le più fu neste esperienze dell 'universalismo tradizionalista unitario. Non vi è concezione che più intimame nte s i collegh i a quella del monocentrismo, quale essa a ppare trionfante nelle cassiche e aborrite incarnazioni dello stato assoluto, che la concezione la quale presiede, sin daUa s ua prima cost it uzione clandesti na, all'organiz_ zazione del partito bolscevico. Sotto lo specioso p retesto che per baller l'avversario occorre esser disposti a collocarsi su l suo s tesso terreno e ad impiegare le sue stesse armi, il bolscevismo è stato, infatti , a poco a poco, trascin ato, più o meno consciamente, a far propri i postulati essenzial i, dai quali, in ogni tempo si SOn sforzate di desumere la proprla g iustificazione le dottrine total itarie e ad abbandonars i, con sempre minore resistenza critica, alle più perniciose influenze della mistica statolatra. Il giorno in cui, caduto lo zarismo e fallito misera mente e irresist ibil mente il tentativo dell'instaurazionc di un regime democratico-borghese, la condotta della. Rivoluzione s i trovÒ defi ni tivamente concentrata nelle man i delle sue supreme gerarchie, la part ita doveva dun que considerars i come perduta per i fautori di un 'ordine pluralistico. In realtà, lo stato che cosi ha tratto origine, anzichè

1M


51LVIO TlIElfTIM

STATO - 1tU1OH'E _ FE1>ER/LUSMO

rappresentare _ sul terreno della tecnica della arga-

enunciare i dogmi alla cui enunciazione dovrà consac rarsi ogn i sua 3ui,·ità spi rituale; a formulare le direuive che dOvran no presiedere alla disciplina di ogn i suo comportamento nel commercio della coesistenza ; a regolare l'orientamento e l' impi ego delle sue fa coltà fisiche e intelleuuali: a ordinare rigorosamente la successione delle fas i secondo cui dovrà svolgersi e concludersi la sua carriera umana j a fornir dei criteri categorici , alla cu i stregua. soltanto possono legi ttimarsi le decision i della sua volontà; Il prescrivere, pertanto, a ciascuno, il mestiere o la p rofessione cui gli sarà g iuocoforza dedicarsi j a fi ssare il rito secondo c ui dovrà celebrarsi il SlIO culto; a definir l'essenza stessa della religione della quale egli dovrà esser l'adepto j a prcdeterminare , insomma, in base ad uno schema uniforme, tutti i suoi bisogni eventuali ed a preordinarne in serie tutti i mezzi possibil i di realizzazio ne con riferimento alle ipotes i le più disparate e anche le più bana li - l'ampiezza de ll 'alloggio come la foggia dell'abbigliamento, la quantità e lo stile delle suppellet_ tili come la composizione degti alimenti , l'oggetto dei piaceri materiali come la natura delle distrazioni spirituali _ per modo che in nessu na ora della sua g iornata egli possa aprartenere a sè stesso, egli possa a bbandonars i intero alla ispirazione de l suo estro o ai capricci de l suo genio Il. « A Mosca , come a Ginevra , la vita soçlale non ha che un solo untro di Irradiazione çul Il rieollegano tutte le manifestazioni, tosi individuali che çollettlve,

128 nì7.U1zionc sociale -

un" negazione o un superamenlo

del vec.chio stato del quale esso prende il posto. non costituisce di q uesto che la resurrezione c, ad un tempo, la consolidazione vigorosa. A\c.uni anni fa mi è occorso, a questo proposito, di identifica re il detto stato con , 'effimera repubblica te<>Cfat ica di Calvino. Le successive vicende delle quali s i è arricchita la storia dell'Unione Sovietica non mi sembra possano oggi in alcuna g uisa in firmare la esaltezza c il fondamento di tale g iudizio. Le osservazioni allora fatte per most rare la assoluta coincidenza dei principii , dai quali queste d ue forme stor iche dello stesso tipo di stato s i richiama no, e degli istituti, attraverso i quali esse si SOn tradotte p raticarncnlc in ano, risultano p ienamente pertinenti. li A Mosca, come a G inevra, il cittadino resta perpetuamente schiavo di un ord ine precost itui to, a l quale egli no n può collaborare se non in veste di docile stru _ mento. La legge gli è imposta dal di fuori come una verità che si sottrae al suo esame e che reclama la sua sottomissione completa. Ed è alla legge che spetta di prescrivere arbitrariamente, in ogni evenienza i fini ai quali dovranno ispirarsi tutti i s uoi propositi s uscettibili di tradursi in azione. CI Non vi è un momento della sua vita che si sottragga o sfugga alla vigilanza di questo s uo legislatore implacabile. Dalla sua nascita alla s ua morte, egli è condannato a muoversi e ad agire secondo le segnalazioni intrasgressibili d i un piano prevcntivamen te e minuziosamente tracciato, dove nulla è abbandonato al caso, cioè agli cventu ali superstiti suoi poteri di iniziativa, di apprezzamento, di decis ione. Tutte le più differenti s ituazio ni nelle quali egli verrà, a volta a volta, a trovarsi, nei suoi molteplici e sempre nuovi con tatti con il mondo sociale, vi son disciplinati con Cura gelosa, con riferimento costante a un modellotipo: in fa miglia, in istrada, in ufficio , a teatro , nell'offi ci na, nei campi, dovunque, la sua çODdotta gli è dettata u. u La legge a tutto provvede: a compilare il catechismo secondo cui dovrà formarsi la sua educazione ; a

129

dell'attività multllorme del soggetti Innumerevoli çbe ad essa çollaborano : lo stato 1). « Di fronte a llo stato, cioè a dire al governo dello s tato, il cittad ino è senza difesa alcuna. vera materia inerte nelle mani di un artefice che può disporne a suo talento, Ogni suo tentativo di evasione dalla dominazione onnipresente di questa volontà estranea che pres iede alle sue deliberaz.ioni e contrOlla ogni suo mo gesto o atteggiamento, è represso senza pietà. Gli anzian i della repubblica teocratica d i Calvino e le legion i anonime delle spie invisibi li addestrate ed assoldate a l loro servizio, hanno trovalO nei funziona ri e negli agenti della CI Ceka Il com unista degli imitatori


IlO

SILVI(I TAEKTI,..

impareggiabili. Anche nella Russia del XX ogni angolo d'ombra cela, a tutte le ore, degli occhi e degli orecchi in agguato. Le magistrature han mutato di nome, ma le funzioni che esse assolvono conservano immutate le stesse prerogative u. Certo, dale le condizioni nelle qual i la Rivoluzione russa è stata costretta, in un primo tempo, a provvedere all'assestamento delle proprie basi ed all'inquadramento delle forze imponenti da essi, d'un colpo, liberate, in vista del loro migliore impiego per la c0.struzione del regime proletario da essa espresso contro la coalizione del mondo capital ista, sarebbe stato assu rdo di pretendere che essa avesse dovuto sacrificare, con inflessibile intransigenza, al rispetto scrupoloso dell'autonomia, la saldezza e la capacità di resistenza delle istituzioni sotto il cui coperto doveva perseguirsi l'ntegrale adempimento della sua missione storica. Il momento non permetteva di distrarre l'attenzione dalle minacce e dalle insidie che. da ogni lato, s i acc umulavano attorno alle faticose conquiste. giorno per g iorno strappate, a prezzo di una lotta titanica , alla confusa e pesante eredità di lungh i S<."C01i di Hnarchb e d i o eli abbandonursi alla tranquilla di generose utopie. Quel che urgenl, era di tracciar una direzionE' ge.dle correnti solto la cui pressio ne avrebbero dovuto riuni r;;i. secondo le loro più sostanzi.11i 3ffinità , g li elcmenti ancora dispersi t'ondeggianti dei diversi f!' ruppi sociali solidal mente impeg nati a t rar profitto delle stt"5.o,;c mnt ingt"nze e a realizzare gli stessi obiettivi i e, nello stesso tempo. di accumulare il massimo di pote nza aggressiva per aver ragione d i tutti g li ostacoli s uscitati. all'interno. dalle tenaci sopravvivenzc del passato, e all'esterno, dalla improvvisa rottura dei tradizionali collegamenti. Ora, sotto qusto punto di vista, bisogna riconoscere che il programma inizialmente abbozzato e messo ad esecuzione dal governo rivoluzionario rispondeva, in forma adeguata, a queste più pressanti preoccupazioni e appariva pienamente conforme alle più elementari esigenze di un effettivo sbloccamento dello stato monocentrico. Da un lato, infatti, a pilastro delle orga-

STATO' NAZIONE. FEOLRALlSMO

111

nizzazioni di ogni s in golo g-ruppo territur iale furono eretti i soviets nella loro vesle di centri indi vi dualizzati di vita collettiva, cioè di "ere e proprie autonomie istituzionali. Dall 'altro lato, all' l mpero monolitico de _ gl i Zars fu sostitu ita la società o Federazione delle nazioni sovietiche, cui fll assegnato appunto il compito di far valere la missione. che il proletariato in quanto classe rivendica come sua propria ed esclu· siva, di conci liare armonicamen te la sopravvivenza delle molteplici autonomie elniche o culturali di c ui è ovunque sI ricca la vita sociale di tutti i popoli civili con le esigenze che comandavano, in forma sempre più imperativa, il fu nzionamento organico della co-· munità universale degli stat i. Q uesta duplice serie di istituzioni aderiva alle realtà fondamenta li spontaneamente elaborate, nel territorio al quale la Rivoluzione aveva esteso la propria irresistibile conquista , da l processo medesimo della coesistenza e alle incl inazion i pi ù antiche dei popoli su quel territorio stabiliti; tale aderenza sarebbe stata insufficiente, di per sè stessa, a impedire la resu rrezione delle pratiche accentratrici sulle quali aveva sì a lungo appoggiato il proprio fu nziona me nto il decaduto regime, ed a p romuovere la rapida formazi one di tutta una rete di focolari o centri originali di vita collettiva, s uscettibil i di attribuire, irrevocabilmente, alla costituzione del nuovo stato una base plural is lica. Il Soviet, invero, assunto a cellula per cosi dire di condensazione e di qualificazione delle più varie manifestazion i delle solidarietà social i e delle appl icazioni m utevoli della legge della d ivisione del lavoro, costituiva uno strumento istituzionale mirabilmente atto a porre in essere le premesse essenziali di una organizzazione veramente policentrica, rispettosa cioè d i tutte le fonti di libera iniziativa, dell'ordinamento desti nato a presiedere alla discipli na dei rapporti fra lutti i soggetti - individui od associazioni - conviventi dentro uno stesso g ruppo territoriale . Il principio federativo, d'altra parte, che era slato accolto ed i\lustrato nella Dichiarazione del diritti dei popoli, inserita a guisa d i preambolo e di frontespizio nella carta cositituzionale dell'Unione, attribuiva, in


132

S ILYIO TlIEHTI1'I

forma solenne, un carattere inderogabile al patto per cu i lo stato socialista, rivendica ndo fieramente la qua. lità di libera çoalizione di popoli ugu.1I iD diritto, assicurava a ciascuno dei paesi o nazioni o regioni partecipanti della sua vita, il pieno godimento della prerogativa, connAtu rata all'essenza stessa di ogn i ente autonomo, di svi luppare c soddisfare, secondo il particolare suo genio, le esigenze della propria inconfon_ dibile individualità. Le basi. dunque, erano state cor rettamente poste per un'autentica rielaborazione della s truttura pol ilico-giu ridica dello slalO, in vista della preservazione del paese cl'lntro ogni possibilità di ritorno dei vecchi ed esecrati abusi dell'assolutismo. Il g uaio fu però che tali e('(cllenti precAuzioni non furono formiilmente adotlate che nel deliberato proposito dì precostituirc sotto la specie di omaggio p latonico a dei principii contro i quali, per 'a«k. non si osava ancora insor_ gere, un sempl ice alibi, sotto il c ui coperto riuscisse age,'ole di operare la più tirannica concentrazione del potere politico . III realtà lo stato sovietico, con tutti i suoi maestosi attribut i costituzion ali , non è mai sussistito che quale un immenso paravento eretto a dissimulare agli occhi dei profani l'azione ermetica del partito bolscevico, solo esclusivo detentore della SO\"Tanità. La dottrina leninista della dJrelione rivoluzionaria e della zione professionale escl udeva, del resto, a priori, me un'insensata e resia, che lo stato potesse mai ordinarsi al disopra de l Partito. A partire dall'ottobre 191i, la Russia non ha conosciuto, perciò, a ltro governo che quello di un'élite deri\'ante dall'auto-in vestitura ogni titolo per ident ificare sempre con la s ua propria volontà la volontà generale o quanto meno la volontà della classe più progredita e più sfruuata, a cu i spetta dialettica me nte il compito di coadurre la ri voluzione, Da allora in fatti è a questa élite, cioè al partito oomunista, g ià alt ra VOlta ebbi a rilevare, CI lo stato è devoluto in piena soggezione, quale un vero e proprio strumento di cui esso può, ad ogni ista nte, cieca mente d isporre >I. IC Non vi è ruota dell'ingranaggio costituzionale o

STATO • NAZIONI: • f'El)ERALISMO

ll3

amministrativo o economico che non rinvenga in esso, e in esso soltanto, il suo centro motore. Non vi è attività, collettiva o individuale, che possa, in linea di principio, sottrarsi al suo discrezionale cont rollo. Nel seno di ogni collettività locale, di ogn i impresa economica, di ogni istituto, di ogni associazione, di ogni organ ismo, insomma. piccolo o gra nde, cui ti di collaborare, in una misura qualsiasi, al funzionamento del regime, il partito ha la sua cell ula che è la sede effettiva di ogni volon tà e di ogni potere. Le cellule che funzionano dent ro una determinata circoscrizione sono fra loro reciprocamente c.:ollegate da una serie di rapporli permanenti per cui ogni iniziativa, nell'ambito della loro panicolare competenza, è riservata A un organo fedcratl\o nel quale esse, aUlOmatkamt·nte, s i inst!riscono. l centri delle ci r.;o<;CTIzioni minori !'i trovano. a lla loru \"olta, ullific.:ati, in forza della stessa rigida determinazione, in un organo regionalt:: i centri regionali nel p:milo di ciascuna repubblka; i centri di OR"ni 1-> 1:110, nel p<lrtito cenl r:.I<: dell'U.R.S.s" Grazie a q ucsl<: ram ificazioni e a llllCSIt: articolazioni sapiel\ti, colui o coloro che dirigono il partito possono manonar!: a lor talento garantiti d'avante da una disciplina feroce cont ro ogni possibilità di resisten7.a o di ritardo o di e rrore di interpretazione _ tutte, nessuna esclusa, le for ze nazionali Il. l> Ad ogni a nello della catena corrisponde un C0.mitato. Dentro ciascun comitato agisce un segretariato. Al segretariato della cellula, che rappresenta l'ultimo g rado della gerarchia, fa riscontro, a ll'apice, l' ufficio politico del Panito ... U n pugno di uomini tiene cosi nelle mani e governa il destino di una moltitudine di popoli i cu i effettivi rappresentano p iù del terzo dell'intera popolazione eu ropea u. Bisogna riconoscere che questo nuo,·o tipo di regime che la tecnica bolsccvica, grazic all'i mpiego di drastici innesti, seppe estrarre dell'intima e sempre viva sostanza dello stato tradi zionalista unitario, del quale, invano, la R ivoluzione si era sforzata di cele· brare l'i rrevocabile decesso, ha costituito, in un primo momento lo strumento insostituibile per la difesa


134

S ilVIO nltNTLN

STATO' IU.zIOHE • FEDERALISMO

delle posizioni conquistate dal proletariato e per lo s tabilimento di un ordine sommario dentro il caos provocato dalla guerra civile. E b isogna riconoscere a1tresl. che, in un secondo momento, sfruttando abilmente la mistica suscitata dall'ardente anel ito di libertà di c ui vibravano ancora, al ricordo dei vecchi ceppi infran ti, i popoli ad esso soggetti, lo stesso regime permise la rapida attuazione, sul terreno tecnico, di un g randioso programma di valorizzazione delle forze c delle ricchezze da esso amministrate. Lo stato operaio, infatti, benchè assed ialO, da ogni parte, da una legione di nem ici disparati facenti blocco assieme nel nome degli interessi superiori del capitalismo, non solo tenne fermo s ulle posizioni ini· zialmente occupate, ma duscl ancora ad accrescere prodigiosamente, sovratulto nel campo economico, le proprie riserve ma teriali . Questi risultati. per quanto apprezzabili, non valgono però ad attenuare, come che sia, la grav ità dei vizi, divenuti g ià incurabili, di cui è affetto congenitalmen ti! il sistema is tituzionale alla cui legittimazione - a intendere tanti s uoi zelalori entusiasti - essi dovrebbero bastar a forni re un titolo incontestabile. Poichè il prezzo al quale essi sono stati conseguiti si rivela , malauguratamente, ogni giorno più oneroso ed esorbi tante, Esso p uò commisurarsi, in fondo, al valore di queSia capitale inestimabile rinunzia: la rin unzia a fon_ dare l'organ izzazione della società nuova sul libero equilibrio fra tutte le energie umane che. nel rispetto del comune statulO, liberamente concorrano alla s ua vita; l'accettazione e la legiuimazione, cioè, della fatalità dello stato onnipotente e oppressore. Poichè è proprio questa la conclusione mortificante alla quale la Rivoluzione di ottobre s i è rassegnata di gi un gere attraverso quasi venticinque an ni di lotte, condotte con tanta feroce intransigenza, per preservar da ogni insidiosa deviazione la marcia rettilinea del proletariato verso il suo riscatto. Im'ano, infatti, nella storia delle istituzioni politiche, si ricercherebbe un modello di stato il quale possa competere, per la somma delle potestà arbitrarie da

esso tenute e per il diabolico raffinanH!nto delle procedure e delle garanzie preord inate ad assicurarne l'im placabile esercizio, con lo stato che, a gue rra finita s i affacciò alle frontiere orientali di Europa, portatore di un messaggio di solidarietà e di una sa di liberazione per tutti i popoli ancora asserviti, annunziatore apocalittico del crollo imminente della dominazione capitalistica. Per questo, la sua apparizione improvvisa. anzichè determinare, come da tante parti con tanta fede si attendeva, l'istantanea e incomprimibile propagazione del contagio rivoluzionario, non servirà ben presto che a promuO\'cre, presso coloro stessi rispetto ai quali essa avrebbe dovuto sign ificare una condan na senza appello, a fe rvida iniziazione alla nuova tecnica di go_ verno d i cu i essa in realtà apportava l' impressionante ined ita test imon ianza. SOllo questo riflesso, purtroppo, l'esempio russo sarà ben lu ngi, infatti, dall'andar perduto. 3 . • Lo stato al serviZIO del monopolio flDanziafio io Inghilterra e in Franc:ia. Sole. le democrazie occidenlali si mostreranno, da principio, piuttosto refrattarie a subirne la suggestione. Ma questo a tteggiamento, del resto singolarmente equivoco, non risulta affatto incomprensib ile solo che si rifletta alle cond izi oni particolari neHe quali sono venU le a trovarsi subito dopo la guerra, la F rancia e l'In ghilterra e per effetto della vittoria mili_ tare e per effetto dei trattati d i pace. La demolizione, quanto meno apparente, della polenza tedesca, l'imponenza dei benefizi dai t rattali prodigai mente distribuiti ai vincitori e che le clausole di ferro concernenti le riparazioni sembravano aver munito di garanzie ineludibili, la riconquistata e accresciuta libertà di disposizione della quasi totalità delle immense riserve coloniali su di cui il continente esercitava il proprio controllo, avevano, invero. contribuito, si può dire automaticamente. a rafforzare e ad estendere in quei due paesi e il prestigio e le tribuzioni dello sta[O ..


,,.

57" TO - HA.lIO!<'E _ FEDERALISMO

S ILVIO TlIEKTIN

Così in Fr.. ncia come: in d'altronde. qUf:st'uldmo, in q uanto mpprt.:scntante e m:rndalario rlella borghesia C'''pitalislka detentricE: dci potere, non aveva esi tato un istante ad t1t:c1.Lparrare pt:r sè i meriti e i frutti della feli ce conClusione dci lun go

t:

sa ng ui-

nOSO conflitto. Malgrado, perciò, le infinite difficoltà, sollevate da l problema della smobilitazione c da quello correlativo del promuovimento delle condizioni indispensabi li alla ripresa delle normali relazioni della vita civile, , 'armatu ra politico..amministrativa delle g randi democrazie si ri velava, all'indo mani dell'3rmislizio, sufficientemente robusta per e dominare la situazione ed assicuraie, come per Il passato, ai quadri tradizionali della democrazia il pieno contro110 su tutte le manifestazioni de\la vita della na_ zione. Il lento e laborioso e coerente processo attraverso cui, nel corso dei secoli, presso l'uno e presso l'u no e l'altro popolo. l'unità era stata realizzata aveva corrisposto. da lun ga data, al di qua e a l di à della Manica, al paziente compimento del programma di metodica concentrazione del potere che , nel secolo scorso, era stato propugnato con tanta tenacia dalle più dive rse correnti del cosidelto liberalismo democratico. Lo Slato non trovava o rmai, in faccia a sè stesso, quale antagoni sta possibile che l'ind ividuo . Ma l'antago nis mo che questi, in linea di principio. appariva sempre pienamente idoneo a suscitare non poteva in ogni caso dar vita che ad una opposizione di una forma, che ad un conflino squisitamente e sterilmente giurid ico. L' individuo, in fondo, sov ratutto in Francia . nonos tante i molti e rutilanti attributi dei quali in ogni 0ccasione gli era concesso di inorgoglirsi e di far mostra a buon mercato, continuava a non rappresentare altro che una semplice astrazione costituzionale. L'esercizio di ogni sua no minale prerogativa politica risultava, pe rtanto, sempre subordinato alla s ua effettiva au iwdine a far valere concretamente, in confronto degli altri individui . uno specifico ed attuale potere economico. La legge suprema dell'ordine capitalistico, al quale si adegua e nel quale si inserisce l'ordine democratico _

'"

borg hese. era e resta sempre quella dello sfruttamento di classe. della dominazione degli abbienti sui nul1a tenenti o su i meno tenenti. Lo stato inglese e lo stato francese, in quanto s tati di classe, derivavano appunto tutta la loro fo rza dalla cura gelosa che essi avevano sem pre posto ne l conformare lo sviluppo delle proprie istituzioni alla rigida osservanza degli imperativi da quella legge dettati, e, nello stesso tempo, dal successo delle iniziative che essi si e rano applicati costantemente a promuovere per allargare sempre più le frontie re della classe dirigente . Il problema, dunque, che ad essi era stato proposto dal dopo-guerra, il problema. cioè. dell'adattamento degli s trumenti dei qual essi avevano si no allora disposto alla esigenza imprescindibile di mantener in_ tatta, rispetto a qualsiasi var iazio ne dell'equi librio delle forze sociali, la misu ra e l'efficienz.a della lo ro sovranità, no n poteva avere che una sola sol uzione : il mfforzamento massiccio della classe dirigente per mezzo dell'attribuzione ad essa di un diritto illimitato alla coalizione di tutte le risorse variamente disperse fra le sue differenti frazioni e la corre lativa subordinazione dell'attività del governo alle direuive da detta classe imposte per meglio assicurare la salvaguardia dei propri privilegi. In realtà. è proprio questo il partito che . concordemente. fu adottato dallo st;\to francese e dallo stato inglese nel periodo che fa seguito immediatamente alla. conchlSlone della pace. All'uopo, in nome- de-lla libertà , e nell'onesto intento di favorire la feconda ripresa degli scambi e la rapida inlensificazione della produzio ne, essi si adoperarono, in primo luogo a rimuovere lulli gli ostacoli che potessero comunque limitare o frenare la progressiva manomissione dell'alta finanza su tuUa la ricchezza della nazione, su quella sovratutto detenuta da piccoli risparmiatori, per modo da rendere possibile, a breve scadeoza, il concentramento di ogni funzione direttiva delle attività economiche in un sistema sapientemente articolato di monopoli di fatto ed a permettere a questi di dettar sovranamente la loro legge al mercato interno. Nessun abuso e nessuna ingiustizia. cosI come nes-


138

S ILVIO TRENn,..

su n appello e nessuna protesta \'alscro, in questo periodo a rimuovere lo stato de lla sua attitudine di impassibile com plicità. Il che , be nin teso, non impedl che, una volta conseg uito questo primo o biett ivo, lo stato s tesso non provasse il bisogno di capovolgere subita mente la propria dottrina e s i mostrasse, dall'og_ g i a ll'indoman i, impazien te di fornire ai monopoli nazionali _ con la stessa liberalità con cui a questi esso aveva, prima, fatt o il sacrificio di ogni suo potere di inte rvento e di controllo - tutte le afm i di cui p0tessero aver bisogno per trasferire la lo tta per la difesa del sopra-profiuo dal piano interno a quello internazionale. Per sopravvivere c durare, infatti, i mo nopoli nazionali _ che pur, all'origine. non avevano conosciuto altro scopo che quello di abbattere la concorrenza _ eran stati costretti , subito dopo aver realizzato l'in_ teg rale conquista del loro proprio mercato, e per l'effetto s tesso di questa loro facile vittoria , a trasformarsi, d'un colpo, in istrumenti la cui utilità avrebbe dovuto ormai esclusivamente commisurarsi alla loro lntrinseca attitudine ad accettare la legge della concorre nza ed a soddisfare ad ogni istante a tutte le s ue du re e imprevidibili es igenze. Questa trasformazione e ra stata ad t'ssi inesorabilmente imposta dalla circostanza che la lotta, soppressa all'interno delle frontiere delimitanti il territorio su di cui il monopolio si era costituito, non aveva tardato, per naturale e irriducibile vocazione, a scatenars i più violenta ed aggressiva, al di là di quelle stesse frontiere, Ora per fa rvi fronte, il mo nopolio non disponeva, a piacere, che di un solo mezzo infallibile; quello appunto che era ad esso offertO dalla natura medesima dei rapport i per cui esso si trovava collegato allo stato; ad esso riusciva infatt i ad ogni momento possibile di servirsi dello stato come di un suo proprio organ o esclusivo, o, per meglio dire, di confondersi, di idenificarsi con lo s tato j a tal punto da essere in grado, sempre, di confiscare, per il suo tornaconto, l'esercizio effettivo di tutte le prerogati \'e di dominazione a questi p roprie . P raticamen te, fu grazie p rima all'impiego de ll'ar-

STATO ' NAZIONE. FEDERALISMO

139

ma doganale , strappata alle mani dello s tato , e in seguito g razie alla estorsione , in confronto dello s tato stesso, di sempre più pingui sovvenzioni gravanti esclusivamente sulle spalle dei consumatori, che, nei paesi di democrazia, con non minore disinvoltura che nei paesi di dittatura borg hese, l'élite capitalistica rigente riuscl a mantene r intatto. a dispetto delle successive crisi di produzione e di consumo, il proprio pr ivilegio alla inta ng ibil ità del profitto, cd a trasformar in breve, per questa st rada, ogni si ngola economia nazionale in un vero e proprio feudo, assegnato indefinitivamente in godimento, all'infuori di qualsias i formale investitura , agli uomini ed ai g ruppi (' si trasmettI.' la sua pcrma · Ilei qUllli si Ilen te rappreSenta nza. Il regime cosi realizzato dallo stato unitllrio rlcmoc m tico, non differl !Jl n; iò da qudio proprio dello stato dittatoria le. per qU;LlltO riguarda e l't"stensione delle faco1t fl di intervento .' di conzionE' dd pubblil'i poteri su lk m<inifeSlazion; dcII;, vita collettr:l.tti merament(: s upt::rficiali. La sopravtiva, ..:he \' i\'enza, "Il'int('rno stati che 5effi]Jrc si ostinano a desumere dall'ideologia democratica la qual ifica esteriore dI'Ila loro nat ura, ùd "ccdlio apparnlO costituzion"lE' l(o'gislativo, a..:can\o <ili!! istituzioni nuove nerate d<i l capitali:-.mo p(:r la difesa dei propri inte\' itali, aveva, è vt: ro. detE'rminato il sorgere di lUI .... :-oituazionc parados:,:alc, la qual." pur offren do la 1estimonianza di una dissociazione profonda, di un divorzio vero e proprio fra i fatli e il diritto formale, poteva creare l'illusiont: che i sacri pincipii, custodit; dalle carte e consacrati nei codici e nelle leggi, non avessero ancora esaurito appieno ogni loro fo rza normati va e che le istituzioni sorte sotto i loro auspici fossero sempre in g rado di conte nere le intemperanze del potere economico e di assicurare una certa stabil ità all 'eq uil ibrio della vita socia le. Ma ques ta illusione non poteva impedire che, al coperto dei più innocent i pretesti suggeriti dalla sedicenle preoccupazione del pubblico inte resse, anche lo s tato tico ven isse, per il tramite delle oligarchie al cui servizio esso era s ta to ridotto, moltip licando a dismisura


,.o

SILVIO T1I.EIfTIN

le proprie ingerenze e i propri con lTolli con il risullato inevitabile di a nnettere, a poco a poco, alla s ua oppressiva dominazione, tu tt i i settori -:i più riservati e i meglio protetti - della vita nazionale. Questa evoluzione degli attributi, degli obieuivi e della stessa essenza dello stato in seno alle grandi democrazie _ evolu zione si strettame nte connessa allo svi luppo e alla c ris i del sistema capitalistico - aveva rinvenuto in F rancia ed in Inghilterra un bile incentivo nelle rispettive mist iche patriottiche, nella credenza, abilmente e la rgamen te d iffusa, che ciascuno dei due popoli occupasse, per merito del pra.. prio passato e in conseguenza di una resa d i coscienza g razie ad un eccezionale apporto culturale. un ra ng.o privilegia to rispetto a ogni altro g ruppo umano e n s petto ai valori più ra ppresentati vi della civiltà: mistiche e crede nze che, e ntra mbe, suggeriva no una specie di ipostasi della società nello stato, g iungendo spesso ad assorbire in questo ogni e qualsiasi aspetto della realtà collettiva. Non bisogna dimenticare, infa tti , che og ni q ualvolta s i manifesta rono più intensame nte in F ra ncia ed in I nghiherra delle tendenze espansive ed egem?niche, non è mai sta to difficile di consta ta re che , In realtà, dette tendenze si trovavano invariabilmente. determinate dagli stessi fa ttori; cioè dalla concentrazlOoe sempre più massiocia di t utli i pote ri nelle mani del governo centra le (oltremodo inte ressante si rivelerebbe a questo riguardo la ricostruzione del rico per cui in l ng hi herra _ all'i nfuori di qUa5 lasl . rIforma costituzio na le vera e propria - le pre rogative di cui il parlame nto, in seguito ad una 10lla secolare, era ri uscito a spogliare la Corona si trovarono un bel giorno quasi integra lme nte costituite in a ppannaggio esclusivo della d ignità d i primo ministro); dal soffocame nto metodico di qualsiasi forma di vita locale aspi ra nte a un s uo p ro prio sviluppo autonomo ; da lla proposiz.ione categorica a lle collett ività nazional i, quale obiettivo supremo di ogni loro a ttività, di un compito riso lventesi ne ll'accrescimento ininterrotto del prestig io dello s ta to, in q uanto organi di rcalizzazi?ne della missione incombente al popolo, e della conquista

STUO . N,ulOtlE • FEDERALISMO

'41

da parte d i questo di un perma ne nte primato rispetto agli altri popol i. 4. - La Socid.l dene Nazioal IstUulta ad organo del-

l'imperialil mo fruco -britanalco.

Se si tie n con to d i questi rilievi, non deve dunque sorprendere che la conclusione della guerra europea 1914- 19 18 abbia subito suscitato a Parigi e a Londra l'i llusione che essa dovesse interpretarsi come la consacrazione, in certa gu isa trionfale, della conquista, in fa vore delle gra ndi democrazie , d i un titolo irrevocabile all'esercizio di un a funzione direttrice nella con_ dotta della polil ica mondiale e all 'ident ificazione costan te degli interessi nazionali dei popoli nei quali esse democrazie si incarna no, con gli in teressi s uperiori dell'Europa e della ci viltà. Non vi è dubbio, ad ogni modo, che le iniziati ve assunte in Ing h ilte rra e in F rancia a ll ' indoma ni dell'a rmistizio fu ron tulte e sempre diligentemente ispirate dalla p reoccup3zione di fa r va lere, in ogn i circostanza, questo s ingola rissi mo privilegio e dal proposito correlativo di promuovere e di precost ituire, in confronto di tutte le occasion i possibili di pericolo o d i minaccia, delle Opportune garanzie per la sua migliore salvaguardia . La documentazione tipica di questo sforzo tenace di immobilizzazione perenne dei risul_ tati apparenti della vittoria mi litare del 1918 è sovratutto offerta dalle vicende estre mamente istrutt ive che accom pagnarono il sorgere e determinarono il fall imento della SOCiHà delle Nazioni . Quest' ult ima, invero, se fo rmalmen te trasse origine sotto la specie di un augwao si nedrio, costituitosi in omaggio ad una esigenza di ordine un iversale per p rovare al mondo che ormai i rapporti fra i popoli sarebbero stati regolat i sulla base del pi ù scrupoloso r ispetto dei principi della sol idarietà, dell'uguaglianza, della conciliazione e dell 'arbitrato, e sulla condanna preventiva e categorica del\a g ue rra, prat icame nte non in tese che ad a ttribuire - g razie all 'ostentazione ipocri ta delle più speltarolari pratiche democrat ic he - u n s uggello di legittimità alla pretesa spes-


'"

STATO' NAZIO!IE • f"[DfJt.\l.ISMO

SILVIO T1tENTlII

so reciprocamente disputata ma se,",pre difesa rispetto ai leni, della e dell lnghlitcra a subord inare il concreto funzionamento della ,mun , ità internazionale alla canSO ,'d ' I aZione prog rc sS1va delle loro particolari prerogative nazionali e im-

o::

periali. . ' . Se ben si volessero approfondire le ragioni che resero pOssibile, a rispetto della limpidezza delle fo rm ule enunciate nello statuto, un tale snaturamento delle basi stesse della istituzione nella quale . eD desespoir de cause, le masse europee erano state indotte da\la falsa democrazia pacifista a riporre ogni loro residua speranza, non si durerebbe fat ica ad che esso fu dovuto in gan parte all'influenza di tutti i pregiudizi con naturati alla unitaria e autor itaria dello stato, q uale essa SI trovava con più ostinata intransigenza illustrata e d ifesa dalle storiche democrazie. L'esattezza di questo assu nto, potrebbe, in caso, essere agevolmente e .inoppug nabilmcnte dimostrata sul semplice appoggio della seguente elementare che lega voli: mai essere altro che un aSSOCiaZIOne di govern i anzlchè di nazio ni e che essa si adoperò sempre COn specialissima cura ad affermare, a premessa inderogabile di qualsiasi sua deliberazione e di qualsiasi pur platonico suo volto. il carauere intangibile della s0vranità dello stato. In fondo, non sarebbe neppur paradossale osservare che è proprio "ideologia democratica cosI come essa ha avuto app licazione e fu messa a nei paesi e nelle da essa si pretendono più direttamen te e PiÙ stabilmente governati, che ha permesso la di alcu ne fra le più decisive condizioni occasionah dello scatenamento dell'ideologia totalitaristica. le I nvero da un certO punto di vista e grossomodo, , violente e disordinate reazioni, delle quali SI a convoglialori e ad interpreti il in Ital ia e nazismo in Germania _ a lla stessa gUi sa che, sotto Il riflesso della tecnica cosideua ri vol uzionar ia, esse possono, a buon diritto, essere loro ispirazione, alle fortunate e Inedite del metodo d ittatoriale reali zzato in Russia - sotto Il

.

,

143

riflesso dei motivi cosidelti ideologici, possono rappresentarsi, con non minore fondamento, come un tentat ivo diretto a contrastare e a controbattere la consolidazione della situazione egemonica conquistata dai grandi stati occidentali, e come un'esperienza avente per iscopo di accelerare, g razie all'impiego dei più drastic i mezzi coattivi , quel processo di unificazione e di convergenza cen tripeta di tutte le energie e di tutte le risorse di cui fossero s uscetti bili le più diverse sorgenti di vita colleuiva sgorganti dal seno della società nazionale che, in Fran cia e in Ing hilterra era g rado gra_ do pervenuto a com pimento, in foua d i una lenta ma rigidamente coerente evoluzione de1!e idet' dcgli istituIi e dei costumi. S. - Il regime fuci sta itaUano, modelio dello stato uoitario moderoo. Per quanto rig uarda il fascismo italiano, nessuno può disconoscere che esso abbia desunto dall 'abile impostazione di una si falta piattaforma degli in aprezzabili stimolanti per il rafforzamento delle sue originarie, e. a dire il vero, limitatissime capacità d i proselitismo. Certo. il fasci smo è sempre stata ben alt ra cosa che una spontanea e generosa insurrezione, il cui impulso abbia mai potuto rkollegarsi alla volontà disinteressata di liberare la nazione di tutte le ipoteche che la condannavano a vivere, rispetlo alle altre, in condizion i di diminuita dignità ed a restituire ad essa la fiducia nel proprio destino, la coscienza dell'or iginalità e della espansività del s uo genio. Le sue scaturigin i immediate sono assai più mode· ste e assai più prosaiche. Esse si trovano tutte cong lobate nella crisi da cui fu travolta, nell'immediato dopo-guerra, in Italia l'organizzazione capitalist ica dei rapporti sociali ed esse hanno per sbocco la demoli zione, con la forza, di tulti gli ostacoli - rappresentati dalla sopravvivenza del regime della democrazia far· male e dalle garanzie da questa istituite _ i quali fossero in grado di mettere in pericolo, nella sua du ra la , l'ordine imposto dalle esigenze della difesa di classe. Ma q ueste cause e ques ti obiettivi non potevano. le


,..

'45

SILVIO TRENTlH

STATO' NUION'E _ F[J)ERALISMO

une operare , gli altri consolidarsi, se non in quanto essi fossero riusciti a conseguire il loro stabile collegamento e la loro estrinseca legittimazione in un sistema d i orincipii generali, idonei comuque ad attribui re 'Omogeneità e coerenza alla nuova disciplina dell'esistenza collettiva . Era quindi inevitabile che l'ideologia della" rivoluzione delle Camicie nere" dovesse metter capo - come estremo sviluppo logico di precedenti provvidenziali _ alla ide ntificazione della nazione cioè della società intesa come un tutro inscindibilc. con lo stato e all'i ncameramento dello stato al partito. La dottrina del fasciSmo non poteva essere che la dottrina dello stato totalitario. E' questo del resto, il procedimento classico ed eter_ no secondo cui si traduce in atto, nei rapporti tra g li uomini coesistenti nel seno di uno stesso gruppo la persecuzione della libertà. La prepotenza e l'arbi trio non possono avocare a sè la natura, ad un tempo di fonti un iche del Diritto e di soli strumenli att i ad assicura,re la inesorabile applicazione se non avendo ricorso all'intermediazione simbolica dell'ente nel qua. le il Diritto rim'iene il suo punto ideale di convergenza e il soggetto ipotetico delle sue determinazioni. La strada che doveva condurre all'avvento del fasci smo si trovava dunque nettamente tracciata, su basi si può dire incrollabili, dalla lunga meticolosa inin terrotta azione che, sotto il pungolo della mistica unitaria, era riuscita ad anestizzarc, se non a sopprime re, lutti gli autonomi centri motori della \'ita sociale e ad imporre, a questa le inviolabili diretti\'e di una regola uniforme ed esangue. Il solo problema che ai fasci incombeva di risolvere, nell'interesse dei loro mandanti e dci loro commandatari i, era quello dell'impossessarsi delle leve di comando della macchina po1ilico_ burocratica, della conquista, insomma, del Gover no. U na volta raggiunto questo obiettivo non sarebbe restato più ad essi per assicurare una certa duratura alla loro vittoria. che di portare senza infingimenti alle sue ultime conclusioni il principio, universalmente trionfante pur sotto j più equivoci camuffamenti per cui l'unità di qualsiasi g ruppo sociale territoriale, con dizione sine qua nOD per la sua ulteriore sussistenza

e per il suo progresso, è rappresentata quale uno 1itatus al quale il gruppo stesso non può giungere se non per effetto di un intervento coattivo e, in un certo senso, dal di fuori, da parte della superstruttura c ulminante nell'organo il quale detiene ogni potestà di comando, sulla struttura elementare della società. A questo riguardo non si può. in "'erità, scere che Mussolini abbia avuto, sin da l momento in cui trasse inzio l'avve ntura che doveva riservargl i tan_ t i profitti, un chiaro. benchè sommario, intuito della singolare e precisa limitazione del compito che il fascismo sarebbe stato chiamato ad assolvere, ed abbia saputo, in seguito _ utilizzando al massimo le circostanze eccezionalissime che avevano favorito il successo della sua impresa - sempre evitare, nella sce lta e lo sviluppo delle proprie contradditorie iniziative, di esser mai distratto da' suo implacabi le persegui mento. Nel settembre 1921. alla vigilia della" Marcia su Roma n, quando l'ora sta per suonare di prendere po_ sizione e di fissare all'azione insurrezionale degli obiettivi immediat i, egli non esita ad affermare brutalmente che il solo obiett ivo che conti è quello di prendere il potere. "Ci s i chiede - egli grida a Udine - quale è i! nostro prog ramma. Il nostro programma è ben semplice. Noi vogliamo governare )'1 . talla . Non sono affatto i programm i che mancano al,'Italia. Sono gli uomini e la vo lontà ... H. E' con questa parola d 'ordine che egli si accinge - speculando su l bluff _ a dar l'assalto alla capita le. Qualche giorno dopo, la battagl ia, in apparenza, è già vinta. Ma poichè il potere _ che, senza bisogno di combattere, gli è caduto, d'un colpo, provvide nzialmente, sul capo, attraverso una regolare investitura costituzionale - non può essere gestito, per il momento, che in compartecipazione. egli si guarderà bene da l dichiarare ormai sorpassata la vecchia consegna. La meta da raggiungere resta sempre la stessa. Il potere non serve fin tanto che esso non sia tutto il potere. Tutta ,'attività del fascismo in questo primo periodo in c ui esso è ammesso a dividere le responsabilifà del

••


'46

S ILViO TRENTIN

governo, sarà esclusivamente consacrata all'alla rga_ mento e al rafforzamento incessante delle posizioni inizia lmente occupate. Mussolini non trascurerà mai di is pirare ogni s ua attitudine - come ogni direttiva da lui assegnata al p.' mito _ alla sola preoccupazione di favorire, con ogn i mezzo ed a qualsiasi costo la confisca, da parte del fascismo di tutti , senza eccezione, i tito li s ui quali s i fonda l'eserciz.io della pubblica au tori tà. Certo, a volte, egli sarà costretto a dissimulare il s uo g ioco per non turbare la quiete d i tant i candidi alleati che la demenziale pau ra del comu nis mo ha la ncialo in fretta e in massa nelle sue braccia. All ' ini zio del lungo consolato, egli non temerà neppu re di partir retorica mente in g uerra contro l'on nipotenza. e l'in compete nza dello stato e di farsi il propugnatore d i una pol itica che ne proscriva per sempre tutti g li abusi. Il Bisogna ridurre lo stato _ egli proclame rà allora - alla s ua espressione rigorosamen_ te g iuridica e politica. Che lo s tato ci dia una polizia, g iuridica e politica. Che lo stato ci dia una polizia , una g iustizia, un esercito. una politica estera. il resto, senza ne ppur escludere la scuola secondana, deve rientrare nell'att ività privata dell'indi viduo. Noi ne abbiamo abbastanza del socialismo di s tato n... : Il gove rno ricondu rrà la nostra legislazione finanziaria a ll'osserva nza dei suoi scopi classici, i q ual i esc ludono i pericolosi interventi dell'economia privata, e ch iuderà nello stesso tempo le casse dello stato ai numerosi pamssit i che, in q uest i utimi anni. le hanno vuotate !l. Pe r imped ire, tuttavia , che tali parole possano servire a dar corpo a delle illusioni eccessive, egli si affrettf'rà, alla distanza di soli alcuni giorni, a lanciare al paese questo salutare ammoni mento: H Mi si doma nderà forse: perchè tanti uomini armati ? .. Dich iaro che io voglio governare, se possibile, con il più largo consenso dei cittadi ni . Ma, in attesa che ques to consenso s i form i, si alimenti e si fortifichi , io conservo a mIa dispos izione il massimo delle forze possibili. Poichè, può accade re, per avven tu ra che la forz.1. {accia ritrova re it consenso e poichè, in ogni caso, vi sarà la forza, se il consenso dovesse mancare )l.

STolTO ' NAZIONE · FEDER"'LISMO

'47

La mobilità incessante dei suoi atteggia men ti c le contraddizi oni sempre nuove che sottolin("Cranno la sconcertante (ri volità dei suoi gesti più teatrali non va rranno mai, però, a deflettere la linea d i condotta. s ul terreno dell 'azione concreta i egli s i è proposto. s in dal primo g iorno il consegu ime nto di quell'obbiettivo che egli reputa pregiudiziale alla stabil izzazione e alla leg ittimazione di un a dittatura: l'occupaz.ione effettiva e integrale dello stato. 11 giorno in cui questo obieu ivo sarà raggiunto, il giorno, cioè, in c ui il part ito avrà assorbito in sè stesso tutto lo stato, ogn i mOlivo di contestazione , s uscettibile di intaccare , come si sia, il fondamento del regi me, si troverà a utomaticamente eliminato. Da queSto istante, infatti, la causa del fascis mo si identificherà con la causa stessa dello stalO, p iù precisame nte con quella dello stato moderno , vale a dire dello slato unitario. La Il Rivo luzione Il non avrà più che da fa r appello, restitue ndo ad essi l'autentico loro valore , ai principii comuni che presiedono dovunque al l'organizzazione politica della vita sociale. Non deve me rav ig liare, perciò, che, sotto questo riflesso, la dottrina fascis ta s i presenti qua le una dottrina çonsegucate dello Stato, quale anzi la sola dottrIna che permetta allo Stato di esprimersi ne lla pienezza della sua lDcotrclbUe rultl . E' per questo che , quando il momento arriva di dettare delle istruzioni per la scelta dei materiali che dovranno servire a lla s ua costruzione, Mussolin i si accontenterà di esu mare alcu ne vecch ie formule suggestive e stravaga nti nelle qua li, a ttraverso i secoli, si era cristallizzata la posizione dell'assolutismo dottrinario ed estremista, quelle stesse forme che, nel passato non tanto lontano in cui eg li aveva vibralo della più ardente passione socialista li bertaria, avevano fornito alle sue req uis itorie infia mmate cont ro l'ordine esistente dei temi e degli spunti particola rme nte convenie nti alla più fruttuosa valorizzazione delle s ue demagogiche inclinazioni. Quel che g li importa, è che esse si prestino, ora, a canonizzare il regime, ad att ribu ir a questo un qualche titolo di nobiltà e di g ra ndezza, ad a umentare della


'48

T1If.NTIN

esteriore rispettabilità di atti ispirati dalla piU generosa applicazione o dalla fermezza più e roica, le più basse ed ignobil i operazioni" di prevenzione e di sicurezza n ordinate ed attuate dal suo gover no, dalla sua magistratura, alla sua polizia per la restaurazione della pace sociale della penisola. In seguito, i teorici del partito , al Tiparo come essi si trovano da tutti gli inconvenienti della contraddizione, non avrebbero avut O rena a sviluppare in dcltaglio il suo pe nsiero ed a mettere assieme un sistema equilibrato di principii e di norme pienamente rispondenti al bisogno di celebrar la confusione definitiva della" Rivoluzione" con

10

statQ.

Com'è noto, la divisa che Mussolin; accoglie, per dar rilievo alle inflessibili diretti ve alle cui prescrizioni obbed isce tutta la politica fascista, si compone di tre proposizioni categoriche: per lo s tato; nulla fuori dello stato; nulla con lrO lo stato >l. t su questo Iriuico che il Duce s i sforzerà, ad ogni occasione, di appoggiare le estemporanee giustificazion i di ogni nuova provvidenza imposta dalla necessità di rendere sempre totalitaria la denominazione delle sue bande. Nel discorso da lui pronunciato ali' Assemblea quinquennale del Reg ime. egli all'uopo non teme rli affrontare il problema col quale si trova , ad ogni piè sospinto, alle prese, sullo stesso piano filosofico. Nul1a sp<>.\'enta , infatti, questo autodidatta che possiede il segrNo di tu tto lo sc ibile e che ha sempre ragione. u Per il fascismo - egli spiega - lo stato non è il gua rdian o notturno (sic) che si occupa soltanto della s icu rezza personale dei c iuadini; non è, nemmeno una organ izzazione a fini puramente materiali. come quello di garantire un certo benessere e una relativa pacifica convivenza sociale, nel qua l caso a realizzarlo basterebbe un consiglio di am ministrazione (sic); non è nemmeno una creazione di politica pura senza aderen_ za con la realtà mu tevole e complessa della vita dei singoli e di quella dei popoli. Lo stato - così come il fascismo lo concepisce e lo attua - è un fatto spirituale e morale, poichè concreta l'rganizzazione politica giuridica economica della nazio ne; e tale organizzazione è. nel suo sorgere e nel suo sviluppo, una

STATO - NAZIONE _ fUlERAUSMO

149

manifestazione dello spirito. Lo s tato è garante della s icu rezza in lerna ed esterna; ma è anche il custode e il trasmettitore dello spirito del popolo (sic), cosI come fu dai secoli elaborato nella lingua, nel costume, nella fede. Lo stato no n è soltanto presente. ma è passato e, sovratutto, futuro. E' lo stato che, trascendendo il limi te breve del1e vite individ uali. rappresenta la coscienza immanente della nazione. E' lo stato che in I talia si riassume e si esalta nella dinastia dei Savoia e nella sacra augusta persona del re (sic). Le forme in cui gli stati si esprimono, mutano, ma la necessità rimane. E' lo stato che educa i cittadini alla virtù civile, li rende consapevoli della loro missione, li sollec ita all'unità, armonizza i loro interessi nella g iustizia, tramanda le conquiste del pensiero neHe scienze, nelle art; nel diritto, porta g li uomini dalla vita elementare delle tribù, alla più alta espressione di potenza umana che è l'Impero, affida ai secoli i nomi di coloro che morirono per la Sua integrità o per obbed ire a lle sue leggi e add ita come esemp io. e raccomanda alle generazioni che verranno, i capitani che lo accrebbero di territorio o i geni i che lo illuminarono di g loria. Quando declina il senso dello stato e prevalgono le tende nze dissociatrici degli individui e dci gruppi, le società na_ zionali volgono a l tramonto >l. Ben inteso, perchè lo stato cosi concepito _ e per Mussol;ni, come si è visto, non vi è modo di pirlo altri meni i - possa essere in grado di praticare. scnza mai un 'esi tazione od una lacuna, le sue turgiche virtù, bisogna che la sua materiale struttura abbia consegu ito il massimo della coerenza della omogeneità, della compattezza. Ed è a questo punto che deve intendere il fascismo. la cui missione, per ciò stesso, si rileva indedinab ile e immanente. Ogni s uo sforzo invero sarà da esso lO religiosamente H, u eroicamentel' consacrato al perseguimento d i questo fin e supremo: dotare il governo, nel quale si condensa la persona li tà indissociabile dello stalo, di tutti g li attributi e di tutte le garanzie che valgano ad assicurare a questo, ed a rendere indcfettibile, la realizzazione cessante della sua virluale onnipotenza. I dettagli del piano al quale il fascismo dovrà con-


SILVIO TREHTIH

STATO - NAZIOHE. _ FEDERALISMO

formarsi per meglio assolvere a questo s uo tlugustO dovere son svelati da. Mussolini nel discorso C'he egli pronunzia il 14 Sctlembre 1929 dinnanzi "Assemblea del Parti IO. "Provvedimenti in corso di elaborazio ne _ egli annuncia - porteranno ;tUe mie dirette dipendenze, oltre alla milizia V. S. N., il Consiglio di stalo. la Corle dei ConIi, " 3v\'ocalUra erariale. la Polizia. Quest'ultima è istituto troppo importante c geloso per_ chè non debba dipendere direttamente dal capo del governo. La figura del Primo ministro va cosi prendendo solida consistenza e si realizza non solo nella lettera ma nello spirito, "apposita legge che è tra le più in novat rici e rivoluzionarie della nostra legislazione ... Non mai come in questo momento io ho misurato la miserevole vanità e la patenle menzogna del demoliberalismo. Noo mal come in questo momento bo sentUo tutta la viva attualità della nostra dottrioa dello stato accentrato o autoritario . Questa che g li idolatri del numero informe ch iamano con gesto di vana esecrazione I l dittatura" noi la riconosciamo. La dittatura è nei fatti: cioè nella necessità del comando unico, nella forza politica morale intellettuale dell'uomo che la esercita neg li scopi che si p refigge li . Ncl scnO di questo stato che, grazie al fascismo di· ,'cnta finalmente lo stato, il Partito, il partito unico, sull'esempio orma; provante offerto dal bolscevismo in Russia, assumerà le funzio ni di un formidabile apparecchio pe r la filtrazione e la modellazione di tutte le ener!!ie ne lle quali variamcnte si risolve la vita sociale ai fin i dcI loro più efficace concorso al potcnziamento della grandezza dello stato. H Il partito _ precisa Mussolini - non è che una forl.a civile e volo ntaria agli ordini dello stato; cosi come la M.V.S.N. è una forza armata al servizio dello stato . Il partito è la organizzazione capillare del regime. La s ua importanl.a è fondamentale. Esso arr iva dovunque . Più che esercitare una autori tà esso esercita un apostolato, c, con la sola presenza della sua massa inquadrata, esso rappresenta l'clemento defin ito. caratterizzalO, controllala, in mezzo al popolo. r: il partito, con la massa dei suoi grcgari che dà all'autorità dello stat o il consenso volontario e l'apporto incalcola-

bile di una fede ... Tutto ciò può semhrare originale c nuovo a coloro i quali . per il fallO che si chiami ancora « partito" considerano il nostro organismo pol itico al\a stregua degli alt ri partiti, ma i caratteri, le attrib uzioni, il funzionamento del P. N. F, ne fanno, nel totalitario stato fascista , una istit uzione assolutamente diversa ". La verità è che lo stato da lla cui divina essenza e dal cu i prestigio sovrano il fasc ismo si accanisce a derivare la sua irrevocabile investitura all'esercizio di_ spotico dci potere non è e non vuoi essere che il modello aggiornato del vecchio stato unitario, dello stato che. nelle s ue incarnazioni più diverse, ha sempre avuto per fine l'asservimento, la coartazione, il cieco e passivo conformismo, il modello in una parola, che meg- lio oon viene alla dinamica dei tempi nuov i, ai tempi delle g randi Ilgglomera1.ioni e della macchina. "Siam o i primi - grida Mussolini, squarciando senza rigullrdo ; veli della men zogna democratica _ ad aver rialzato l' idea dello stalo, siamo i primi ad aver detroni zzato la polilica pura. cioè la politica dei partiti, \;l, quale è dovunque in decadenza e non interessa più le masse come forti studiosi di sociologia hanno cons tatato ( !) . Siamo i primi ad aver afferma_ to, di front e all'individualismo demoliberale, che l'individuo non esiste se non in quanto è nello stato e s ubordi nato a lle necessi tà dello stato e che, ma n mano che b civi li :'. aSsume forme sempre più complesse, la liberrà dell'individuo sempre più si res tringe. La liber_ tà di cui parlano le democrazie non è che una illusione verba le offerta intermittentemente agli ingenui. Già si Ic\'ano, 011 re Alpi, voci rinnegatrici del famoso tri· nornio dell 'Sg . Si lancia un Irinomio che . in regime fascisla, non è una formula soltanto, ma una realtà: autorità, ord int:, giustizia . Questo trinomio è il risultato fatale della civiltà contemporanea dominata dal la\'oro e dalla macch ina )l , "Reazionari , noi? No ! ... precursori, a nticipatori, realizzatori di quelle nuove fo rme di vita poli tica-sociale che appaiono tentate - talvolta sotto altre forme - anche nci paesi che rappresentano gli ideali ormai soprafaui del secolo scorso n.

15.

15'


15'

SLLVIO TRENTI"

Sulla traccia di queste folgoranti ri velazioni, riesce subito agevole ai tecnici - cui incombe di dar corpo alla nuova dottrina e d i moltiplicare i motivi di attrazione della mistica nuova _ di a llestire i catc<:hismi nei quali la collettività nazionale possa trovar costantemente r iflesse le intrasgressibili obbligazioni e i pri. vilegi incomparabili che ad essa impone e ad essa conferisce l'acquisita coscienza della maturazione perfetta della propria unità. I n breve, un materiale imponente è messo assieme, il quale permetterà a qualsiasi proposito e da quals iasi punto di vista - fil osofico, giuridico, storico. politico - di fornire una dimostrazone definitiva del valore perentorio e della portata universale dei postulati sui quali il fascismo ha fon dato l'ordinamento permanenle della vita sociale. Gli Italiani saranno cosi messi in grado di apprendere, senza bisogno di lun ghe iniziazioni, alcune semplici verità. la cui sola conoscenza sarà s ufficiente a preservarli, in quanto popolo, dal pericolo di incorrere nei vecch i errori che. pe tanto tempo, loro hanno impedito di adempiere alla loro storica missione. Queste, per esempio: che la società non sussiste che nello stato e che lo stato non s i rivela se non attraverso la forza. Che. dentro lo stato - Leviathan immane che tutto assorbe stritola unifica controll a appropria e immola _ il cittadino non ha altro diritto che quello dell'obbedienza totale, senza limiti e senza pause; che la \'olontà dello stato si concreta sempre nella volontà del governo, orgllno sacerdotale elel Dio inaccessibile che presiede alle fortune del gruppo; che lo stato è il fascismo, poichè è il fascismo, " forza spirituale e, insieme, volontà e pensiero u che ha " creato il sentimento dello stato H , ossia il sentimento dell'unità morale e sociale del popolo; che Cl come è vero che solo le grandi anime ponano i grandi sentimenti e che senza i grand i eroi nazionali non vi sono le nazioni e gli stati >I, cosi è manifesto che è solo Cl all'Eroe nazionale che passa alla storia con il nome unico di Duce), che spetta la gloria immensa" di aver portato come fiaccola ardente per le presenti e per le future generazioni, e per tutti i popoli che a lui guardano, il sentimento dello SlalO e lo stato stesso u.

STATO' NA.ZIO/.'E • fEDERALISMO

'53

Per rendere omaggio a queste patenti verità, il fa scismo non s i darà tregua nello sviluppo delle in iziative che dovranno concorre re alla sempre più inte nsa sublimazione. attraverso all'assoggettamento totalitario, delle forze e delle risorse costituen ti l'incommensurabile patrimono dello stato italiano . E' cosi che inesorabilmente eSso si trova trasci.nato alla conquista dell'Impero e alla creazione dell'au· larchia. Bisog na riconOSCt'fe che la dottrina unitaria non potcv? conseguire, d;>.vvero, una più logica e coerente e intrar.sigentf: applica7.ione. E le grandi democrazie, che quella stessa dottrina hanno sì largamente messo a profitto per costituire la solida assise della loro poJ tenza, hanno proprio torto di mostrarsene scandali z· zate.

6 .• Lo stato oAzista, estremI espressione del mODOcentrismo iotegrale. Non diverse da quelle che si sono verificate in italia, sono state le ripercussioni della g rande guerra sul_ lo st'ltuto tradizionale deIl'organizazzione dello stato in Germania. An che qui .infatti, di fronte alle gravi difficoltà che si accompagnarono, appena concluso l'armistizio, all'esperimento dei prim i tenlativi di smobilizzazione dell 'apparecchio militare e di normalizzazione parallela dei rapporti della vita collettiva, il rafforzamento dell'autorità dello stato e il restringimento dei legam i che saldano assieme, sotto la pressione uniforme di un'unica disciplina i diversi elementi nei quali si fra· ziona la struttura complessa della società nazionale, ap_ pare subito come il solo rimedio il cui impiego possa evitare la rapida decomposizione ne1\'anarchia della fragile trama costituzionale che sola ormai assicura formalmente l'u nità della famiglia tedesca. In confronto della situazione nella quale a quest'epoca si trOva l'Italia, si può dire, anzi, che in Germania le cc:.ndi zioni politico-morali·economiche e il corrispondente clima psicologico, si prescntano, sin dal momento in cui hanno inizio le trattative di pace,


IS.

SILVIO TltENT111'

infinitamente più favorevoli "Ila installazione della dit tatura; per cui non dc\'e stupire che il giorno in cui qut'sta può di fatt o costituila. benchè detto giorno arrivi con qualche anno di ritardo rispetto a quello in cui il fascismo ha conquistato in I lalitl il potere. essa assuma immed iatamente, come per effelto di Un:'l lung':\ e compiuta preparazione ideologica O in conseguenza di uno straordinario fenomeno di suggestione collettiva, il carattere di un vcro e proprio, spietato (' integrale assorbimento da parte dello stato, g uardiano supremo delle prerogative della razza di tutte in distintamente le fonti nazionali di attività ind ividuale o col!ettk:>.. La natur:t e l'i nfluenza di tali fX:Culiari condizioni appaiono a pri 'ha vista, neltam('rHe per.;e tubi li, alla luc:e sona tuttO dell'f!\'cnto capitalI.' da cui Queste risultan o in grnn parte dl·term inatl'. la disfatta . Quel che rappresenta, invero, di singolare la capi lolazione della imperia le. ;:. che essa è dovuta piu che alla sconfilla mililue alla congiuntura. improvvisa di un complesso di sfortunate c in parte eccezionali COnl ingenze. Cosicchè, quando essa sopravviene, :lssume quasi la figura di una assurda e immeritala sanzione. in forza della quale s i Iro"ano, d'un colpo. p:lradossalmente annullati i risultati di tUItO un lu ngo seguito di operazioni mi litari, nel corso delle q ua li l'esercito tedesco ed i serv izi su di cui, all'inierno s i appoggiava il s uo concreto funzi ona_ mento avevano affermato. q uas i sempre, la loro nena super iorità rispetto agli avversari che loro stavano di fro nte. Su i campi di banaglia, i successi consegui ti dalla Germania eran stati di g ran lunga s uperio ri ai rovesci da essa s ubiti. Questa circoslanza è di per sè s tessa particolarmente significativa e le considerazioni che essa s uggeris ce si rivelano a priori essenziali per l'appreuamento delle reazioni determinate s ul paese dalla cessazio ne delle ostilità e, in particolar modo, per la valutazione della intrinseca attitudine del reg ime costituito in fretta per sottoscrivere e dar esecuzione ai trattati di pace, ad ordinare la vita del popolo tedesco in armonia non soltanto con le neces-

STATO' HAl.101fl: • f'EDERAUSMO

Il'

silà materiali condizionanti la s tabile ricostituzione di una civile e feconda e costruUiva coesistenza. ma altresl con le speciali esigenze inerenti alle condizioni psicologiche, de licate e complicate, dei vari ccti s0ciali nei quali s i ri flette lo stato d'animo della na· zione all'i ndomani della catastrofe . La repubblica di Weimar formalmente desu me la sua investitura dalla disfatta e si annunzia quale un nuo\'o ordine cost ituziOl\2le _ da nuova classe dirigente, la dei lavo ratori _ il cui comp it.:> è di consacrare la decadenza definitiva delle veco ligarch ie monarchico-borghesi (colpevoli di una lunga dominAzione parass itaria e responsabi li della guerra imperalistica) e di assicurare al popolo la li bera disposizione del proprio dt!Stino. Questo carat· tere di cui fa s foggio l'o rgano cui ((x:ca in sorte il potere abbandonato dagli Hohe nzollcrn non è però che l'arbitraria ed effimera attribuzione di un'etichetta menzognera. Esso s i rivela praticame nte s prov"islo di ogn i consistenza e di ogni pcn inente sign ificazione perchè appunto la rivoluzione della quale esso dov rebbe dar atto non è mal a vvenuta . perchè la distruzione delle anlichc gerarchie sociali , supporto di tutti i privilegi di cui esso dovrebbe certificare l'avvenuto irrevocabile decesso, DOO ha mai avuto luogo, perchè nel seno della improvvisala o rganizzazio ne repubblicana, la imperiale çontinua a sopruvhere pressocb è intatta. Ma il vizio fondamenta le de lla Repubblica sediccJlte socialista non è tanto di accontentars i nell'esaurire ogni sfof7.Q di creazione nell'elaborazione complicala dI vuote fo rmule sfornite di qualsiasi anche ideale contatto con la realtà, q uanto di non ren_ dersi conto che, dal mo me nto in cui essa ha accettato di faUo di attribuir come base della propria esistenza l'intima collaborazione con i quadri superstit i del regime a l quale essa pretende s uccedere, essa ha perd uto ogni titolo per assumere, quale premessa di ogni o rie ntamenlo de lla s ua politica, la condanna della guerra e J'abbominazione della sconfitta. In fondo Hitle r non avrà del tutto torto q uando,


156

TREHTUI

qualche anno più tardi , ricercando le cause della crisi sulle quali eg li già conta di poter innestare la propria fortuna, sarà tratto a questo proposito ad espri· mere il seguente g iudizio: "" 0 Cerio, in ogni caso, la perdita della guerra fu di un'importanza tragica per ,'avvenire della nostra patria; ma questa perdita non può affatto cons iderarsi come una causa j essa non era, in sè stessa, che la conseguenza di altre cause . Che la fine disgraziata di questo combattimento per la vila e per la morte dovesse provocare delle conseg uenze catast rofiche era perfettamente chiaro per ogn i spirito penetrante ed esente di malevolenza. Disgraziatamente. molti furono coloro ai quali q uesta penetrazione sembrò mancare al buon momento o che, ben sapendo il cont rario, hanno prima to e, in seg uito, negato questa verità •... sono essi i responsabili del nostro s profondamento e non g ià la disfatta come loro piace di immaginare e di asseri re: invero, la disfatta non è stata che la conseguenza delle loro manovre e non il fatto di un u cattivo" comando . Neppure il nemico del resto si componeva di vigliacchi ed anch'esso sapeva morire. Dal primo giorno superiore in numero all'esercito tedesco, esso dispose per il s uo equipaggiamento tecnico degli arsenal i del mondo intero. E' dunque indiscutibile che le viuorie tedesche riportate, durante quattro anni, contro l'universo intero malgrado tanti eroi e una cosi pc'rft'lta organilzazio ne. non sono dovuti che alla superiorità del nostro comando . L 'organizzazione e la direZione dell 'esercito tedesco sono state ciò che la terra ha visto di più g rande. Se si ebbero delle deficienze, è che era uma namente impossibile d i evitarle. La di s locazione di questo esercito non fu afratto la causa della nostra altuate miseria, ma è s tata, essa stessa, la conseguenza di a lt ri crimi ni , conseguenza che, bisogna dirlo. costi tul alla sua volta il principio di un'altra catastrofe ben più visibile ... U na disfatta militare, deve essa condurre a un sovvertimento cosi profondo di una nazione, di uno stato? Da quando in qua, una guerra disgraziata conduce ad un tale risultato ? I popoli muoiono forse per una guerra perduta ? La risposta s u questo punto può essere breve.

STATO • HUIOI'IE _ fUlERAU5 MO

'"

Ciò arriva sempre q uando, con la loro sconfitta mili_ tare, i popoli ricevono il prezzo del loro s tato di corruzione, della loro vig liaccheria, della loro mancanza di carattere. in breve. della loro indegnità. In caso diverse, la disfatta militare agisce piuttosto come stimolanle per una nllova ascensione vtrso un livello più elevato; essa non è mai la pietra sepolcrale dell'esistenza d i una nazione ". Dal punto di vista nazionalista-borghese questo rag ionamento appare impeccabile . La Repuhblica, per ciò soltanto che essa. non osa farlo proprio il g iorno in cui, tradendo miserabilmente le immense speranze in essa riposte dalle classi lavoratrici . essa rinunzia per sempre a trasformar sè stessa in formidabile e affilato str umen to per l'attuazione o, quanto meno, per la preparazione della ri voluzione proletaria segna. senza più possihilità di a ppello. la propria condanna . Condanna, che l'atteggiamen to ch'essa nello stesso tempo assume nella condotta dei suoi rapporti con i vincitori, non farà che confermare ed aggravare ogni g iorno più irremissibilmente . D i fronte ai profillatori di Versailles. g li uomini di Weimar non conoscono e non sa nno praticare altra alternat iva che quella dell'abdicazione forzata o della rasseg nata comp licità . Di g uisa che essi son portati costantemente, a d ispetto di og ni loro candido b uon volere. a provoca re all' interno della collett ività nel cui nome è pur loro g iuocoforza di agire, la moltiplicazione dei risentimenti e la coalizione delle opposizioni. I n breve. non vi è più una sola corrente ideologica. un solo gruppo organico d i interessi. una sola c1llsse, o, meg lio, una sola categoria sociale, che riconosca in essi la propria legittima rappresentanza. La borg hesia non s i stanca di rinfacciar loro la pass iva condiscendenza con cui essi subiscono le tagl ie fe roci imposte a lla Germania dalla voracità e dalla paura delle grand i democrazie occidentali . La g ioven tù nazionalista e le g randi masse degli elt-combat_ tenti non possono loro perdonare d i aver accettato di disciogliere e disperdere il vt..'Cch io esercito. dal quale, per ta nti anni. era stata coreografi camente simboleggiata la potenza della patria e di aver degradato, nel-


''''

SILVIO TIlEt!TlN

la pavida alt itudine di un poslUlante che incassa in silenzio tutti i colpi pur di aver gra zia, la dig nità dell'Impero. Le folle proletarie e contadine, infine, male rep ri mono, in loro confronto, il rancore suscitato dal fallimento di tante illusioni e dal mancamento di tante promesse e nOn cessano di lanciar ad essi l'accusa di nulla aver tentato per a llentare il peso degli antich i g'ioghi. Ad un dato momento, qua.. , senza accorgersene, il

regime si trova s taccato dai suoi iniziali punti di appoggio e resta proprio come campato in aria. Ad esso è sottratto perfino il mezzo di far appello alla libera collaborazione delle comunità territoriali che pur, sino a ieri, nel seno dell'Impero, avevano saputo cus tod ire un sI ricco patrimonio di a utonome vocazioni e d i originali facoltà creatrici, perchè la nuova costituzione che ha messo a morte con un tratto di penna i venerandi principati, non ha saputo collocare al lo ro posto che delle burocratiche It terre n am m in istrative. La spaventevole crisi economica che s i scatena in seguito all 'entrata in vigore del piano insensato e fantastico la cui applicazione dovrebbe provvedere agli Alleati, a spese della German ia, le somme necessarie al risarci me nto integrale delle spese di g uerra, fi nirà presto per ann ientare i residui vincoli che a ncora assicurano alla superficie una certa coesione alla società nazioMle. Le vecchie istituzioni sono tutte crollate, e le nuove s i mostran incapaci di metter radice. 11 disordine è ovunque, e il panico e la disperazione. In testa a coloro che più s i agitano e imprecano e gemono, si segna lano subito degli st rati sempre piò larghi della piccola e de lla media borghesia, ai quati si incorpora no senza tregua tutti i fuori classe, tutte le vittime dell 'inflazio ne, tutti i rottami del vecchio regime - ufficial i cui è stata tolta l'uniforme, fun_ zio nari rimasti senza impiego, monarchici pe r i quali la Repubblica è si nonimo di rovina j - gente tu tta la quale si trova assieme amalgamata sovratutto per questi traui comuni: la sofferenza e l' impmenza, il difetto di qualsiasi istruzione poli tica, il dcsidt'rio

STATO' SAZlOliE _ FE.J)ERo\.llSMO

'"

confuso ma violento di conseg uire, (jualunq u<' pr{'zZO, una certa t!("onomictl. E' l'ora insomma del messia. Perchè il messia abbia ai piedi. esta tica, la m:\ssa imponente dei di· sgraziati e dei malcontenti alla quale la Repubblica di Weimar nulla offre, neppure la den un zia dei responsabili V(; ri delle loro miserie, basta che il messia annun zi d i possedere il segreto il q uale permetterà di por fin e ai suoi tribo li. ' Hitler, che. da uomo prudente, è g ià riuscito ad accaparrare l 'appoggio de ll'industr ia pesante e della Ihichswher, non lascerà certo perder l'occasione. E q ualche a nno di propaganda gli sarà s ufficie nte per oltener la co nsacrazione del titolo ch'egl i rivendita con tanta ispirata passione" patriottica Il di salvatore e conduttore del popolo tedesco. Be ninteso, s ull'esempio di Mussolin;, la parola d'Ordine ch'eg li lancerà con più frequ enza, nel corso della sua lotta per la conquista del potere, sarà sempre la stessa: un ione, messa in comune, messa in fascio di tulte le forze. Perciò, con il suo trionfo è il principio del più rigido monocentrismo che, ancora una volta, pre\'arrà in Eu ropa. A ben sottolinearne, del resto, la precisa sign ifica_ zione, l [itler si affretterà subito ad includere tra i primissimi atti del regime da lui instaurato quello che provvede alla d ist ruzio ne di ogn i vestigio dell'an_ tica organizzazione fede ra listica delJ' Jmpero e a ll 'assoggettamento di lutte le regioni a llo stesso inderogabile statuto. Su questo terreno, anzi, H itler non esita, s in dal momento in cu i egli traccia il disegno della Dittatura che s i propOne di istituire in Germania, di sorpassare le stesse posizioni raggiunte dal fascismo e di attribuire preventivamente e inesorabilmente al!o stato, a fine di escludere a priori ogni pc. ricalo di un suo possibile frazionamento istituzionalt!, una base per così dire a utoctona la cu i concreta sostanza sia, una volta per tutte, offerta da una collettività umana defin itivamente diffe renziata, ins uscellibile, quindi, per definizione, di essere concepita altrimenti che quale un tutto inscindibile e incorru l_ tibile.


''''A differenza, invero, dello slato mussoli niano, Sn.VIO TItO'TIM

lo stato hitleriano non è fine a sè stesso. La dottri na naziona l-socialista è al riguardo perentoria. Per essa, la nozione fo ndamentale è che lo stato "non è uno scopo ma un meZ7-O n, Esso costituisce bens\ la condizione indispensabile c< allo sviluppo di una civiltà umana di qualità superiore ". ma non è, per queslo, la causa diretta. "Quest'ultima risiede , esclusivamente. la razza che riassu me e incarna, in grado sommo, tutte le attitudini civilizzatrici è la razza ariana. Questo principio, posto in forma dogmat ica, au torizza, pertanto. la conclusione seguente: che, a nche nell 'i polesi in cui esistesserO sulla terra " delle centinaia di stati modello Il, basterebbe che )'arinno, " pilastro della civi ltà Il, ven isse a scompari re pcrchè non fossero piò possibil i delle forme d i civiltà corrispondenti nell 'ordine spi rituale al g rado di civi ltà ragg iunto da i popoli di razza superiore. Secondo H itler s i può, anzi , a ndare a nche più in là e affermare che Il l'esisten1.a degli stati umani non escluderebbe affatto l'eventualità dell'annientamento definitivo della razza umana, dal mome nto che la scomparsa del rappre.wntante della razza civilizzatrice implicherebbe necessariamente la perdi ta delle faco ltà intelletuali SU pE:riori di resistenza e di adattamento .. . La condizione fondamentale, dunque, il dell 'esisten za durevole di una umanità superiore .. non è lo s talo, ma la "razza che possiede le qualità richieste Il. Lo Siato, in quanto mezzo, de"c avere appunto per iscopo di "mantenere e favorire lo svi luppo di una comunità di esseri i fl uali appartengano, s ia fis icamente che moralmente, alla stessa specie Il. Esso deve in primo luogo provvedere alla Il conservazione dei caratteri essenzial i della razza, condizione di libero sviluppo di tutte le qualità latenti d i questa !I. Gli stati che non mirano a detto scopo sono degli organismi difettosi, " delle creazioni abortite ". I l fatto che essi esistono non contraddice, neppur in min ima mis ura, l'esattezza di questo g iudizio, "alla stessa guisa che i s uccessi di una associazione di filibustieri non gius tificano affatto la pirateria Il.

STATO' MA.ZIOIo"E _ FEDERALISMO

'6'

Parte ndo da queste premesse e considerando il prob lema dal punto di vista ariano, "lo stato può ra ppresentarsi perciò come l'organismo vivente cost itu ito da un popolo, organismo che non soltanto assic ura l'esistenza di questo popolo, ma ancora, prom uovendo l'aL finame nto progressivo delle sue qualità morali e intellettuali , lo fa pervenire al più alto g rado di liberlà. u. La qual definizione induce ad osservare che q uando si parla di un 'alta missione dello stato, non si deve dimenticar che questa alta missione incombe essenzialmente al popolo, in confronto del quale lo stato non ha altro cOmpito che quello di renderne possibi le la p iena e libera espansione, (! grazie all'esercizio di tutte le prerogative inerenti alla potenza organica dell a sila ". Per Hitle r, quel che occorre prec isare quando si vuoi ri sponde re al la domanda: come deve essere costilUito lo stato tedesco? San questi due punti: qua le specie di uomini detto stato debba raggruppare e quali fini esso debba perseguire. Enunciato il problema in tali termini, la soluzione si prospetla evidente:" Il Reich , in quanto stato, deve comprendere tutti i tedeschi ed assegnare .8. sè quale fine non soltanto di ri unire e di conservare le riserve preziose che questo popolo possiede in elementi primitivi della sua razza, ma di fa rlo g iunge re lentamente e s icuramente ad una situazione predominante Il I n uno stato cosi inteso, l'autorità non sarà piò c0m 'essa è si frequenteme nte concepita, Cl il meccanismo puramente automatico di una organizzazione Il, ma bensl u l'incarnazione sovrana dell'isti nto di conservazione d i un popolo Il . Ora, siccome l'ist into di conservazione di un popolo non s i man ifesta e non si fa valere se non attraverso la privilegiata sensibilità di un élite, ne consegue c he u quando, nel seno del popolo, si uniscono, per l' attuazione di uno s tesso s copo, un certo numero di uom ini dotati al più a lto g rado di energia e di forza attiva , e ch'essi risultano, cosi, definitivamente emancipati dalla p igrizia nella qw.tlc intorpidiscono le masse, questi pocbi uomioi d iven ta no J padroni dell'ASsieme del popolo ». E' in stretta applicazione delle categoriche direttive

"


'63

SILVIO Tl'IEKTlf(

STATO - NAZIONi: • F'EDERALISMO

impos te da questa dottrina che Hitler costruisce lo stato nazional-socialista, giungendo, d'un colpo, col favore dci due miti solidali della razza e della prcdesli nazione. a rea lizzare il più formidabile st rumento di condensazione forzata e di forzata interpenclrazione di lulte le più diverse sorgen ti di vita sociale aventi la loro sede dentro i conCini di un determinato territorio E' di IUlle le manifestazioni delle corrispondenti alli· vità pratiche, che mai la storia abbia conosciuto . Non vi è un solo compartimento dell'esistenza materia le o spirituale dell'essere individuale o collettivo che a ll'interno di delta stato possa sottrarsi a lla lirannica obblig azione di concorrere integralmente, consusta nziandovisi, all'esistenza del tutto, La legge non ha c he un unico supporto: la razza. E , di fronte a que. sta legge, non v i sono istituti che possano vantar un titolo qualsiasi a ll 'autonomo perseguimenlo di una loro propria ragio ne vitale. di un loro proprio compilO singolare c indeclinabile: nemmeno la chiesa. nemmeno la monMchia, le quali pur sopravv ivono in Italia, domesticate quanto si vuole, ma istituzionalmen te in_ tatte, accanto a l totalitarismo mussoliniano. " Lo stato razzista - insegna Hitler _ a partire dal comune per finire al governo del Reich non possiederà alcun corpo rappresentativo che sia abilitato a decidere, per via di magg ioranza, sul benchè minimo soggetto . Nel s uo seno non saranno ammessi che dei corpi consultativi, i quali si troveranno sempre a fianco del Capo e da questi soltanto deri veranno l'investitura delle loro funzioni ". L'esperie nza di quakhe anno di governo esercitato sulla guida d i tali insegnamenti sembra oggi al Or. Ley più che sufficienle per precisare che un tale stato me rita bene di esser definito quale (4 un amico paterno U. et Esso - egli commenta _ è inseparabile dal l'uomo dalla culla s ino alla bara. Noi iniziamo la nostra opera concentrando le nostre cure sul bambi no di Ire anni. Appena egli cominc ia a pensare, noi gli mettiamo fra le mani una piccola bandiera. Poi è la volta della scuo la, delle giovinezze hitleriane, dei S. A., del servizio militare . Noi nOn lo lasciamo un minuto. E quando tutta questa trafila è percorsa, vi è

il Fronte del Lavoro che riprende tUlli g li uomini e non li abbandona più fino alla morte ". Sotto la cauzione g ratuita di Federico Nietz.sche. di q uando in quando umilmente evocato, nel corso dei rili totali tari, per attribuire una parvenza di nobiltà alle ispirazioni del pensiero polit ico cui o bbedisce la marcia irres istibile deila rivolu zione nazis ta, è proprie dunque alla confezione di quel tipo di umanità che Nietzsche ha più spregiato e aborrito che sembra d0ver re ligiosamente applicarsi il regime aaico della razza eletta. Il Tutto mas ticare e tutto digerire, vuoi dire comportarsi come i maiali. Dir sempre I-A, è fa. quello che solo possono appre ndere ,'asi no e le bestie della sua specie n. Non sembra, per questo, eccessivo affermare che, di (une le esperienze delle quali è stato si ricco il dopoguerra europeo, qUista che si conchiude nella creazione dello stato nazional-socialista, è quella, senza dubbio, che meglio mette in risalto le conseguenze aberranti che si trovano sempre fatalmente connaturate a qualsiasi tentativo il quale si proponga, in nome di una mistica unità, di annien tare con la forza, O solo anche di violentare, la naturale s trullura plura_ listica dell'umana coesistenza.

16'


STATO' NAZIOt.' t: _ FEOERALISMO

CAP ITOLO XII . ASPETTI GENEIlALI DELLE ISTITUZIO NI POLITICHE EUIlOPEE ALLA VIGILIA DELLA NUOVA GUEIlIlA

I. - Diflusloue crescente dei regimi autoritari.

Giunti cosi a term ine della rapida rassegna che ci eravamo proposti di compiere delle istituzioni che maggiormen te tendono a caratterizzare l 'ordinamento della vita collettiva s ul con tinente all'indomani della g rande g uerra, nessun dubbio sembra più sussiste re s ulla sig nificazione e s ulla direzione del ge nerale ma-. vimento dal qua le quelle istituzioni stesse appa iono tutte irresistibilmente travolte. Se si volesse riassumere in brevissimi tratti le constatazioni e le impressioni che detta rassegna ci ha dato modo, via via, di notare, si potrebbe, invero, a buon diriuo, accontentarsi di formular il seguente schematico rilievo: che, a soli pochi anni di distanza dalla conclusione dei trattati di Versailles, l'Europa non ha più per protagonista sulla scena dove si dibattono gli interessi fondamentali e il destino medesi. mo dci popoli ai quali incombe la custodia e la difesa della civiltà da essa rappresentata, che degli stati fortemenle centralizzati e , irriducibilmente, l'u no rispetto all'altro rivali. In mezzo ad essi, son le Dittature che sembrano incarnare, con sempre maggior forza suggestiva, il tipo di regime meglio rispondente a lle nuove forme di espressione dei rapporti della vita sociale; il tipo di regime che racchiuda già, iD nuce, i lineamenti essen-

,,,

ziali dello s tato dell'avvenire. Sul loro modello, del resto, tutti i gr uppi nazionali minori si affannaTIo, senza requie, a rifoggiare _ non temendo, all' uopo, di mettere in lunga vacanza la legalità cost ituzionale il loro proprio ordinal'liloento interno. Da l mare del Nord al mar Nero e al Mediterraneo, l'Europa Centrale e Orientale si costella subi tamen te di innumerevoli recinti impermeabili, all'interno dei quali i popoli sono di nuovo addestrati alla pratica dell'automatismo servile e dell 'anoni ma sottomissione alla volontà onn ipotente di un Capo, personificazione e presidio dell 'unitaria e invulnerabile coesione del gruppo; solo la Cecoslovacchia sembra, per un ma-. mento resistere con successo al contagio. Ma, sotto la convergente pressione dell'autoritarismo espansivo e lIggressivo degli s tM i che, da tutte le parti la ci rcondano, la saldezza dei suoi pun1elli costi tuzionali si affievolisce ogni g io rno più, sinchè, d'un tratto , essa finirà per pagare, col sacrificio della propria indipendenza, l'a udacia di non aver voluto riconoscere la fatalità de lla legge che presiede a l processo di cristallizzazione tota litaristica della d isciplina della vita collettiva. 2 .• Carenza generale delle garanzie di cui contiDuano

a far mostra gli ordinamenU democratici ancora for o malmente in I n Occ idente, le grandi Democrazie ostentano sempre, è vero, alla superficie, il più scrupoloso rispetto per i tradizionali principii s ui qU<1 li si fonda lo statuto fo rmale delle libertà. Ma, sotto questa inganne_ vole apparenza, esse non cessano di pe rseguire, con ogni mezw, il rafforzamento, la moltiplicazione di tutte le fneoltà di intervento e di con trollo di cui son già sì l<lrgamt<nte dotate le loro imponenti e massiccc burocrazie. B'!n presto, il presidente del consiglio in Francia, a s uggellare l'avvenuta conqui sta, da parte dell'Esecutivo - doc ile strumento delle grand i oligarchie finan _ ziarie - di tutte le posizion i le qua li pe rmettono di convog liare permanentemente, secondo una condotta


'66

'.7

S ILVIO T'RE/(fl/(

STATO' NA.ZlOh"E _ R::Df.R.U.I$MO

obl>1igala c uniforme, verso degl i obiettivi in precedenza prescelti, le più varie attività, s uscettibili, comunque, di influire sulle cond izioni di svi luppo dell'esistenza nazionale, pre nde ormai l'abitudine di par_ lare ad ogni proposito del popolo e del governo come del suo popolo e del suo governo. In Inghilterra , d 'altra parte, se, formalmente, il governo ed il popolo, cosI come l'Impeto, continuano a restar proprietà della Corona, e se il Parlamento, per suo conto, persiste sempre, nelle g randi occasioni, a far sfoggio di teori ca onn ipotenza, il Primo Ministro non s i trova, per questo, meno imbarazzato ad assommare, sempre più dispoticame nte, neUa propria persona, la disposizione effettiva di tutto il potere. Alla Società delle Nazioni, le nazioni figurano sempre assenti, poichè, all'in terno de l suo sacrario. solo i governi, sian pur essi di mero fauo, hanno diri llO di cittadinanza. Ogni traccia di reg ionalismo all ' interno degli stati particolari sembra d ispersa. Le minoranze ctn icÌle o culturali o politiche che sotto i colpi delle più fe roci persecuzioni s i ostinano ancora, di q uando in quando, a far appello alla coscienza. dell'umanità civile, non IrO\'ano udienza presso gl i areopagi ufficial i, in q uan_ to gruppi fruenti di una loro spL"Cifica ragion d'essere, in quanto colleuività istituzionalmenlc autonome, se non neH.n m isura in cu i le loro rivendicazioni possano forn ir m...teria o pretesto di ba ratto nel le transazion i che mettono alle prese, periodicamente, le concorrenti rapae ità dei grandi stal i.

tura de\I 'mmalHra tradizionale. dello stato unitario, rendendo così possihi le il compimento di un'esperien_ za feli ce le cui ripercuss io ni s i rivelino, a breve SCadenza, incontenibi li. Durante qualche mese la Spagna repubblicana è il teatro di una meravigl iosa fior itura delle p iù origina li e spontanee autonomistiche. Dall' oggi all'indomani, le forze evase dai ri gidi compart imenti disciplinari, dentro cui per tanti secoli esse erano state imprigionate, si disi ntegrano dalle arb itrarie coalizi oni che ancora ne deviano g li impulsi e ne adulterano le attitudini, si ridistribuiscono e si ricompongono secondo le loro intime affi nità, ricostruiscono i centri naturali del le loro solidali collaborazio ni. Si direbbe proprio che, per effello dell'unanime sforzo di tutti i fattori attivi della· vita sociale, un ordine nuovo sta per essere ist ituito, e che, per la prima volta, l'aulorità, anzichè essere im posta dall ' a lto al gruppo, emani dalle viscere s tesse di questo, in certa guisa quale il risulrato di una aUlo-definizione - fondala sul dovere del la cOèsistenza _ di tutte le li bertà che esso racch iude e che concorrono a lla conservazione {' al sostentamento del StiO essere colletti\·o. II tentativo, però. non ha seguito. Esso rapidamente abortisce perchè il vecchio mondo, messo subito in allarme, non tarda a reagire senza pietà, realizzando all'uopo, una volta di più, il concorde e sincronico concorso offensivo delle più diverse sue rappresentanze, qua lunque sia la band iera - democratica o ditta[oriale - della q ua le q ueste si coprono. Basteranno appena due anni pcrchè la Spagna sia saggiamente integrata nel sistema del più ortodosso totalitarismo,

3 . • Il fallimento del generoso e audace tentativo tonomistico promosso attraverso la guerra civile dal popolo spagnolo. Soltanto in Ispagna. pt:r qualche istan!e. si ha l'impressione cbe le profon de e sI a lungo compresse esigenze pluralistiche della vila nazionale, liberate c messe bruscamente a nudo dallo scoppio violento de lla guerra ci,'ile e da lla cOntemporanea propagazione di un g rande fremito rivoluzionario, possano determ inare una g riwissima e non più facilme nte riparabile


STATO' NAZIONE. F'EDEA"LlSMO

CAPITOLO XI II , I CARATTERI DEL FUTURO STATO EUROPEO QUALI POSSONO D ESUMERSI DAGLI SCOPI DI GUERRA DEI BELLIGERANTI.

l , • La pretesa di clasum Stato unitario a essere o a diventar

H

lo Stato n.

O rmai, gli Stati d'Europa, sprezzando le "stupide ideologie n, non si lasciano guidar più che da lIn solo assillo: quello di esser ciascuno _ o in quanto collettività s ingola o in quanto blocco di collettività affin i _ più fo rte dell'altro, Tutte le loro risorse non saranno impiegate che in vista di quest'unico obiettivo: armarsi e difender:;i, in attesa che il g iorno Arrivi della prova decisiva, Ciascun stato unitario per durare, non può non tendere a essere lo stato , Bisogna bene, perciò, che, presto o tardi, la partita venga g iu(){:ata, L'occasione, in verità, per la sollecitazione di C]uesta ordalia g igantesca, di questo s pettacolare giudizio di Dio, non si è lasciata troppo attendere, Ed al mese di settembre 1939, ad appena venti anni di distAnza dall'ultimo arm istizio, l'Europa si ritrova in guerra , Da ollre sei mesi l'ascia è stata dissotterrata e gl i eserciti son costretti quotidianamente a fars i fronte, per saggiare con le armi, in un duello per la vi ta e per la morte, la solidità dei titoli contradditori per cui i governi antagon isti rivendicano, ciascuno per proprio conto, le qualità che sole abilitano all'esercizio del primato e il privilegio pertanto di dettar legge al contine nte.

'69

Ma i popoli, su lle cui spalle grava il peso immane dei st!crifici imposti da questa lotta illimitata e senza quartiere, ancora invano si sforzano di indovinarne lo sbocco, nè ancora sanno rendersi conto dt::1 come e del perchè essa possa, di per sè stessa - quale ne sia il vincitore _ utilmente concorrere alla generazione di migliori e di più umane condizioni della coesisrenza, allo stabilimento, insomma di una pace durevole fon-, data sulla libera collaborazione di tutte le fami glie diVf"fSC fra le quali essi si suddividono e s i raggru ppano, Certo, gli avversari non mancano di far valere, l'uno rispetto alI'altro, degl i scopi di guerra, il c ui consegui_ mento rispeuivo da solo dov(ebbe bast.are a promuovere, come per incanto, la stabile instaurazione dcll'or{!ine e della prosperità, Ma nessuno di detli scopi, appena esso venga analizzato da pre:;so, sembra aver altro contenuto che quello proprio di un vuoto slogan inventato e messo in circolazione al solo fine di ingannare e di illudere e stordire le masse, 2, • Il piano tedesco di ricostruzione dell'Europa , Per la Germania, l'obiettivo c he la villoria delle sue a rmi dovrebbe permettere al fine di raggiu ngere è l'affrancamento dei popoli dell'Europa da tutte le decime oppressive di cui essi son da tanti a nni tributari verso la plutocrazia francO-inglese e l'inserzione definitiva dei popoli stessi in un sistema armonico di gerarchie sovrapposte il cui funzionamento intenda ad assicurare permanentemente alla razza ariana, attraverso l'accrescimento progressivo e indefinito della sua potenza, la libera e piena disposizione di tutti gli attributi che sono connaturati al suo provvidenziale destino di razza eletta, cui appaniene di segnar la Strada alla civiltà e di crear le condizioni che rendano possibile a questa di attingere, con sempre maggior profu sione di doni, delle vette ognor più elevate, Un siffatto programma, al quale non s i può sicuramente far addebito di difettare d i precisione o di eccedere in diSCrezione, ha tuttavia il grande merito di prospettare senza infingimeoti alle popolazioni dei


170

SILYIO TIIElfTIIi

paesi nOn tedesch i la sorte che sarà loro riservata ne l caso che la fo rtuna delle 3fmi sorrida agli eserci ti del III Reich. Il nazional-socia lismo non si imbaraua di compli cate perifrasi. Esso promette, sì . il riscatto della servitù capi tnlistica, cosi come essa è praticata dalla sordida borghesia di Francia e d'Inghilterra , per far del capitale un oggetto il cui possesso sia riservato in forma esclusiva ai cittadini rispetto ai quali lo slato rieonosea la concreia ed att ua le sussistenza di un'apposita dignità. Ma a quella servitù esso intende sostimire, automaticamen te. da un IalO, il ferreo inquadramento dei rapporti indh'idua li dentro le maglie infran. g ibili di una disciplina che, ad ogni momento, consenla di immolare ,inerme, la persona alla discrezione dell'autor ità, da ll'altro la cieca s ubordinazione dei rapporti fra g li stati alle prescrizioni di un giudizio di valore, preventivo ed irrevocabile, in forza del quale s i trov i una volla per sempre, apprezzato il loro g rado specifico di inferiorità in confronto dello stato perfetto, che è lo stato della razza ariana, I nsomma, la propaganda nazional-socia lista non si fà alcu n scr upolo per dichiarare ben alto che il mondo nuovo che, col ferro e col fuoco, la Germ<lnia di Hitler è oggi in procinlO di edificare e che la civiltà nuova della quale essa s ta gettando, con le distruzioni incrollabi li , sa ra nno il mo ndo e la e la morte le della tOlalitaria: un mondo e una civiltà nel cui grembo la vita sociale potrà. una buona volta esser preservata da tutti gli accidenti che si accompagnano sempre a \l'azio ne in sidiosa del " fortuito" e dell'u imprevisto" e messa in g rado di regolare le manifestazioni, anche le più accessorie, di ciascuno dei s uoi inn umerevoli fa tto r i secondo un diseg no e le imperftlive indicazioni di sche mi prestabiliti; un mondo e una ci,' ill à il cui vanto e il cui onore saranno di avere steso d'un colpo, su scala continentale. quel regi me della perpetua unanimità , cioè de lla obbedienza e della pace perpetue, la cui esperienza, sovratutto. rivela ed esalta il pregio incomparabile dello stato tipicamente uni tario, Pcrchè questo statO possa, in ogni circostanza far

STATO .

• rtDERAUSMO

Ili

appello CO n successo agl i in viola bili precelli di una sua adeg uata morale, Hi tler no n ha esi tato, d 'altronde, di proclamare a più riprese che il nuo\'o dovere è " di esser crudel i, di sbarazza rsi di ogni sen timentalismo, di esser duri ", soggiungendo anzi, a guisa di spiegazione, che" la pa rola (rlmiae non è o rmai più che la sopravvivenza di un mondo defunto Il . che, per il nazismo, la sola distinzione che importi u è quella fra attività positiva e au ività negntiva ", che « qua l si vog lia misfatto, nel vecchio senso della parola, deve apparire, infine, quale un allO di un ""Iore ben più gran. de che l'immobil ità borghese n, dal momento che i « germanici ascrivono a titolo d'onore di essere e di voler restare dei ba rb<lri ", E' dub bio che una {[Ile prospettiva, per q uanto seducente, possa basta r a calmare le apprensioni dalle qua.. li, in quest'ora, a nche suo mal!,!rado è se nza trt:gua assalito un qualsiasi europeo che non sia un Mi<lno illumina to, 3, - Le prime antecipazloni di una eventuale bolsce · vizlIzione dell' Europa , Ciò non per tanto, all'al1uazlonc del piano di guerra tedesco, la Russia bolscc\'ica non ha !ldegnato di apportare il proprio concorso, Senza dubbio, il governo di Mosca nega, con len 7.a, di t'SSCr per q uesto \'cnuto meno ai suoi doveri indeclina bili di campione e guida della lotta a nticapitalistica, di fomentatore instancabile di azion i capaci , comunque, di risolversi a profillo della causa della ema ncipazione proletaria, La Russia, a quanto esso afferma. non fa la guerra, Essa si acconten ta di s fru ttare e di a iutare la contingenza, la quale, nella fatt ispecie assegna appun to alla Germania il compito, storicamente decisivo, di di!ìlocare le fondazioni dell'imperialis m o democratico, baluardo supremo del capitalismo internazionale e fo rmidabi le punto di appoggio della reazione anticomunis ta, La sua parola d'ordine cd i suoi obieuivi restano, perciò, malgrado tutto g li s tessi: rivolu zione e sovietismo,


17'

SLLVIO TREIITti'!

Bisog na confessare, tuttavia, che i procedimenti che essa meli e in opera per liberare, in via definitiva, dal giogo feudale e borghese operai ed i contadini della polonia e della Finlandia, si mostrano in pratica a luno idonei fuorchè a far la prova della attitudine del regiole che essa incarna ad assicurare all'Europa di doman i le condizioni che permettano il libero svi luppo di una pacifica convivenza. Neppur il comunismo bolscevico, a parte ogni giudizio sulle prossime e lontane conseguenze dell'attuale sua collusione con il nazismo, sembra dunque in g rado di suggerire, per far fronle al problema al q uale la g uerra offre, in questo momento , un sì tragico risalto, uM qua lsiasi soluzione della quale possa accon. tentarsi chiunque collochi al centro delle s ue preoccupazioni la salvagua rdia dell'umana libertà. 4, - Gli scopi di guerra apparenti delle democrazie. Quanto alle grandi democrazie, i loro scopi di guerrR non sono stati ancora definiti se non in termini estremamente vagh i e generali, Se si vogl ia attene rs i alle sole dichiarazioni degli uomi ni responsabili della condotta della guerra stessa in Francia e in I nghillerra, essi possono rappresentarsi come delle semplici direulve rispondenti, piuttosto che al proposito di fissare all'azione de i governi dei limiti impegnati"i, a delle esigenze d'ordine prevalentemente propagandistico. Anzi IUUO, g li ambienti ufficiali di Parig i e di Londra si sono adoperati dci loro meglio ad attribuire alla partecipazione al conflitto, in veste di protagonisti, delle due democrazie, il carattere di una specie d i crociata promossa ,,1 fine di proscrivere dal seno dena società europea" i regimi di tira nnia che di sconoscono sistemmicamente la legge internazionale, che igno rano il rispetto dei contratti, che erigono lo sperg iuro, la menzogna c l'apostasia a sistema di governo u ; di melte re fine una buona volta alle ingiustizie ed ai soprusi, periodicamente perpetrant isi all'ombra della forza bruta; di rendere a lfine respirabile l'at... mosfera del continente ; di impedire che, sotto i colpi

!TUO' NAZIONI: • FEDERALISMO

della barbarie nuova, SCatenata dall'improvviso risve_ glio CI di tutte le forze del male ", le estreme difese della civiltà occidentale, possano essere travolte ; di ricreare, in una parola, le cond izioni le quali incitino alla mutua fiduciosa collaborazione" tuui g li uomi r\i. di buona fede e di b\Ion volere che non abbiano ancora perduto la nozione dei bisogni spi rituali e il senso della libertà, quale che sia il clima politico nel quale essi si piacciano di vivere l'. La semplice e nunciazione di questo generoso prog ramma il quale implica, per il giorno in c ui esso sarà attualo, CI l'assicurazione del diritto alla vita e all'in_ a .tutte le nazion i. che esse siano grandi o deboli o potenti ", e la fondazione di un ?me di lunga durata g razie al quale I popol! possano eSSt::re solle,'ati s ubito dal pesante fa rdello degli mn:amenli, è naturalmente apparsa subito alle democrazie più che s ufficiente per autorizzarle ad affermare che la causa per la quale esse s i battono è, nello stesso tempo, la causa dell 'uman ità tutta intera dal momento che è s upremo interesse dell'intera nità d i conservare la libertà spir ituale e di mettere per sempre, al sicuro di ogni allen tato ciò che costituisce l'essenza stessa della nostra civilizzazione e che solo ha il privilegio di render la vita degna di esser vissuta, Ben inteso, questi scopi d'ordine si elevato non h<lnno impedi to i govern i francese ed inglese di soggiungere che, in piena armonia con detti obiettivi, essi si propongono pregiudizialmente, l' in tegrità degli Imperi dei qua li loro incombe la rappresentanza e di ricercare, attraverso la vittoria, la conquista di quelle garanzie malerJaU che s iano suscettibili, nell'avvenire, di premunire gli in teressi che in quegli Imperi medesimi si trova no investiti contro la minaccia di nuove aggressioni e di preservar cosI la metropoli Contro ogni pericolo di dislocazione del delicato sistema che raggruppa e salda assieme le diverse e preziose parcelle del loro ricco patrimon io coloniale. Ora, è proprio quando, a proposito delle garanzie in questa occasione evocate, le opinion i pubbliche dei d ue paesi furono necessariamcnle condotte ad


'" di re la dt:lucidazione del piano di guerra e d i pace S ilVIO nlENTIN

dell'Europa, che l'im possibilità di attribuire a questo piano Slesso qualsiasi concreta consistenza non tardò ad esser messa in luce nella sua più sconfortante c rudezza. 5 .• Le profonde divergenze cbe oppongono gli al · leali democratici in tema di garanzie. Una sola settimana di moderate e circospette discuss ioni fi uscl s ufficie nte invero. a dimostrare in maniera !am panfe non solo che i governi dell' In tesa s i tro.vano SE'mpre inca paci di precisa re, S!3 pure in farmtl sommaria, i criteri, in ottemperanza ai quali, a loro avviso, dovrà prov\'ede rsi a g uerra finita, aJ1a elaborazione del nuovo slalllto del contine nte e al ri ordinamento dci s uo assetto te rrilOria le, ma altresì che fra deui gover ni delle profonde divergenze ancora conlinuano a sussis tere in merito alla identificazione delle caus-: s tesse del conflitto e pertanto all'accertamento del le cond izioni prelimina ri e imprescindib ili della pace. In lema di responsabilità, anzi, l'opposizione fra Lo ndra e Par ig i si è prospettata subito come radica le e preswchè inconcil iabile. Mentre a Lond ra Governo e Parlamento s i Irovano concord i nel ritcnert' che l'orig ine delle tremende convulsioni dalle quali l'Europa è st raziata e sconvolta deb_ ba rinlracciarsi nella installazione coattiva, al centro del con tine nte di un regime tecn icamente preordinato a ll 'esercizio della violenza e al metodico ricorso alle depredazion i e al sacch.eggio. per cu i la scomparsa d i dellO regime e forse solta nto del s uo capo - diabolico fomentatore di tutt i i suoi vizi - potrebbe li g iusta ragione a pprezza rsi come un avvenime nto di per se stesso suffi ciente a determin are il ristabili mento dell'ordine; a Parigi, i ci rcoli ufficiali non esitano ad additare nel complesso slOrico-etnico, dal quale la raz.za german ica deriva la propria differenziazione in quanto g ruppo, la fon te effettiva delle depravazioni e dei c rimini di c ui il regime nazista offre oggi il rivol_ tame spettacolo. per cui debba qualificarsi a priori co-

5TU O • N,uIOHE • FUlEflAUSMO

'"

me assurdo e inconclurlc nte quals iasi progello di riorganizzazionc pacific-a dell 'Europa il quale presci nda dalla necessità di rendere pregiudizialmcnte c per sem pre inoffens i\'o il popolo tedesco, in forza dell'appli_ cazione in suo confronto di apposite e infl('ssibili miSure. A questo riguardo è est remamente interessante di rilevare che il regime speciale a l quale secondo l'unanime opinione degli uomin i polit ici responsabili e dei g iuristi specializzati della Repubblica, la Germa nia dovrebbe essere SOttoposta . al fi ne di re ndere ad essa possibile di con forma re le manifestazioni della sua vita collettiva al permanente rispetto dei pri ncipi di una civi le convi venza, è il regime del pluralis mo territoriale Opportunament(' adallato alle congenite insufficienze di un popolo incapace, il regime, cioè, davvero sorprendente del pluralismo non federaUsth:o. Per una volta la nto, gli interpret i autorizzati del pensiero delle classi dirigent i in Francia si sono trovati costretti ad a mme tte re che il tipo classico del g rande sta to unitario non sempre ri sponde al processo idea_ le di evoluzio ne de lle forme politico-socia li della coee può pertantO. in certe condi zio ni essere a bUOn d iritto denunziato quale una forma particolarmente pt'ricolosa di degenerazione organica delle fondaffi.!ntal i ist ilUzioni per il cu i Iramite la civiltà consol ida le proprie acq uisizioni e trasmette i germ i del s uo di ven ire. Per la dottrina , s ulla quale la Francia ufficiale s i sforza di assidere la propria politica di guerra e d i pace, lo s tato unita rio cui spetti virtualmente. per la legge stessa della sua costituzione, il titolo indiscutibile a far va lere un primato traduce in atto un sistema di st!'tbile assestamento dei ra pporti della vita collettiva , il qUllle conviene esclusivamente ai popoli mago giori, il i popoli, vale a dire, la cui coesione sia garantita dal cemento dei secoli e la cui maturità a bbia S 1lbito vi ttoriosame nte tutte le p rove . P er i popol i minori , la c ui esistenza storicamente è venu ta ordi nandosi in modo frammentario, l'esperimen to s u larga base, delJe discipline e degli istit uti che son propri all'orga nizzazione unitaria, ben lungi


176

STATO •

SILYIO TlIEHlIK

dal concorrere alla dilatazione e all'aHinamento dei mezzi per cui ad essi è dato di partecipare alla 1Ulv8_ guardia e all'armonioso incremento dei più ahi ,... alori umani. provoca sempre, a più o meno breve scadenza, l'esplosione violenta dei loro più bassi istinti e l'accecamento prog ressivo di ogni loro vocazione alla solidarietà. Scatenando per la terza volta la guerra, la Germania ha offerto, a quanto afferma la propaganda francese, una dimostrazione irrecusabile dell'esattezza di

questo giudizio. Perciò, se s i vuole aver ragione delle cause alla cui azione è dovuto lo scoppio del conflitto che oggi metle in pericolo l'esistenza Stessa dell'Europa, bisogna rassegnars i a volere, in primo luogo, la demolizione dello s talO tedesco, del Reich pletorico artificialmente s\ISCilalo dalla sete di dominazione della Prussia eternamente feudale e scomporre il popoto che oggi figura costituire un blocco dentro le sue frontiere in una moltitudine di gruppi, indipendenti l'uno dall'altro e l'uno dall'altro impene trabili, cui s ia negato a priori, per il presente e per l'avvenire, la capacità e il diritto di collegare e di coordinare mai, in forma federalica, il perseguimento dei singoli reciproci loro compiti collettivi. 6. - II bluff della c Federazione Europea:t del pro gramma di pau delle Democrazie. Per quantO appassionatamente e quasi direi ferocemcnte difesa una tale posizione non poteva però essere a lungo tenuta senza r ischio di compromettere lutta l'impostazione ideologica della guerra <t democratica ". Una volta ammesso, invero, su l piano nazionale, che l'unità debba celebrarsi come un risultato al cui saggio soltanto possa essere accertata la conclusione felice del processo naturale di evoluzione delle ist ituzioni proprie di una società civi le non poteva non riuscire diffi cile - a meno di voler meritare l'accusa di mala fede e di inconseguenza _ di fonda r su l serio, la condanna senza appello come mostruoSO o con trona.tura, di un dato regime su lla circostanza che esso pcr-

_ fEDERALISMO

17'

mette di rea lizzare, a causa della forte omogeneità etnico-culturale del popolo che ne accetta o ne subisca 1(1 di sciplina, un grado eccessivo di compaUezza, di fusione. di s incronismo. La parola d'ordine della ricostituzione forzata del1e marche germaniche e della loro forzata degradazione definitiva al rango di minuscoli stati, s i rivelava dun_ que arbirraria ed assurda, oltr«hè ad un tempo estremamente pericolosa, al momento stesso in cui essa \'eniva lanciata. Perciò, ben presto eS&"l dovette esser messa in sordina_ E' a questo momento che, per offrire alla propaganda un alimento di ricambio, viene timidamente proposto - prendendolo il prestito dall'utopismo verbale della social-democrazia _ il It!ma della u Federazione europea li. L'ini ziariva stavolta è assunta dal Primo Ministro inglese, il quale, nell'occasione di un suo discorso aHa Camera dci Comuni dopo aver affermato una volta di più, che la Gran Bretagna nOn nutre alcun odio verso il popolo teeesco. riconosce ad un tratto, senza a mb.1g i, che - se si vuoi che la tremenda lezione delta in corso non debba anch 'essa alia stessa guisa dI quella pur tanto esplicita della grande guerra, restar se nza (rurto - è assolutamente necessario di con_ centrare, sin d'ora, ogni sforzo per render possibile che, nell'Euopa di domani tutti i popoli del cotinente si trovino collegali assieme da uno stretto e permanente vincolo di collaborazione, per modo da costituir ciascuno un elemento indissociabile di uno stesso Q'e-ner:de sistema politico. .. All'obiettivo di pace cosI enunciato, non Iarda ad associarsi , sia pur con molta prudenza, a nche il Presi_ dente del Consiglio fra ncese. Le paro le da quest'ultimo pronunciate in proposito, me ri tano del resto di essere integralmente citate: Il Dichiaro formalmente_ così si è espresso il signor Daladier alla sed uta del Senato del 29 dicembre 1939 - che senza gara nzie materiali e posit ive la Francia non deporrà le arm i. Altret_ tanto diffido delle grandi concezioni utopistiche, a ltcellanto io sono partigiano delle garanzie materiali

"


178

SILVIO TRE;tITlN

contro il ritorno di avvenimenti analoghi a quelli di cui ora soffriamo, altrettanto io concepisco che la nuova Europa debba avere una organizzazione più larga di quella che ha avuto vigore sino ad oggi. Bisog na moltiplic:.>.re gli scambi e forse prevedere la creatlone di vincoli federaUvi fra i diversi stati di Europa . Noi, per quanto ci concerne, siamo pronti a collaborare con tutti coloro chf' ha nno di mira i nostri stessi .scopi n. Come si vede , queste prime dichiarazioni ufficiali son ben lun!..'i d,II fornire delle indicazioni pr('Cise s ulla nHtura dd regime che. in C>lSO di vittoria, le dt:mocr?zie si proPQngnnn di in Europa. Esse, però hanno anlto il merito di porre sul tappeto, pur di s fu ggita c contro voglia, il problema j il che ha perm-.:sso alle diverse correnti dell'opinione pubblica di prender, rispetto ad esso, posizione e di approfondirne i termini e la portata, A questo riguardo non è senza interesse di ricercare quale sia il conte.. nuto che, traendo lo spunto dagli accenni ministeriali ora ricordati , in Fra ncia ed in In gh ilterra, negli ambienti che sostengono del loro consenso l'azione dei governi , sia s tato praticamente att ribu ito al principio della Federazione. Il federalismo, come è facile intendere, ha trova to al di quà e al di là della Mallic<t, i s uoi più ardenti difensori verbali nei partiti socialisti. E d'uopo però subito confessare che il programma da detti partiti difeso si è accontentato sempre in fondo, si n 'ora di riprodurre, imperturbabilmente le vecchie e sempre vaghe rivendicazioni del solidari smo pacifista borghese, e che invano , perciò , s i sarebbe tentati di ricercare in esso l'abbozzo di un qualche disegno veramente costruttivo. T ale, per esempio, è l'impressione che ispira l'esame delle proposte senza dubbio le più a udaci fra quante ven ne ro s in ora formulate dai circoli direttamente o indirettame nte investiti di responsabilità o di influenza rispetto al la condotta della guerra, che il maggiore Attlee, per conto del Laboar Party, ha illustralO, or non è molto davanti il Parla mento inglese. Per il maggiore Atlee, la c ris i che l'Europa sta ora attfflversando non può esser superata se non in forz a

,

STATO - HU/ONl: _ FEDERALISMO

"9

di IHl profondo rimaneggiamento della carta cost ituzion:l !C de! con tinente. La tragica e inesorabile alter_ nativa, di fronte alla quale questo si t rova collocato è, a s uo avviso la seguente: o federarsi o perire. Lo scopo, pertanto _ egli rileva _ alla c ui realizzazione le democrazie devono tendere, è di geu are le basi, attraverso la loro vittoria militare di un ordine naIe, il quale pe rmetta ad ogni istante di far valere istituzionalmente, in confronto di tutti g li stati di Europa, l'obbligazione categorica del costante e pacifico coordinamento di ogn i loro attività. Tutto il piano del Labour Party è contenuto nella proclamazione apodittica di questa generale inel udibile eSIgenza. In linea pratica, invero. il capo dell'opposizione di sua Maesd:r, g iud ica che l'ora non sia ancor suonata per preds.1rc s ia il co nt enu to politico s ia le forme di fun zionamelllo tecnico di quest'ord ine federativo da l quale la vita europea può solo attendere la salvezza. La sola cosa eh 'eg li s i rep ut i autorizzato a compiere, per il momento, impegnando all'uopo la responsabilità del StrO partito, è di preconizzare, quale condizione sine qua nOD per la realizzazione di qualsiasi progetto federalistico , la cre2.zione di una for7..3 mil ita re internazionale e la riduzione corrclllliva celie for ze al servizio dci si ngoli stat i per modo che riesc?. sempre facile, al l'organo prepos to all'esercizio del potere esecuti vo della Federazione, di reagire pron tamente, in ogni circostanza , contro qual siasi di ricorso alla violenza. QUilnlo ai problemi han tratto, da un lato, alla defini zion!' dei ra pporti fra le classi e a lla corrispon dente qualificazione dello statuto della vita economica all'in_ terno dei s ingoli stati, e, dall'altro, alla salvaguard ia delle autonomie collettive e delle libertà individuali , il prog etto socialista non conti ene alcun accen no s uscettibile di fornire la minima concludente direttiv(}. Perfino in ordine alle queslioni che s i trovano brutalmente proposte dalle circostan ze stesse s ulle quali i belligeranti si osti nano mutua lmenle ciascuno per proprio conto, a fondare la legi tt imità, quanto meno for_ male della loro causa rispettiva esso si aStie ne dal far


..

,

SILYIO T'RtHTLII'

conoscere mai un suo proprio definitivo punto di vista nella tema evidente di pregiudicare comunque in linea di principio, per l'avvenire, la preziosa risorsa alla quale il part ito del quale esso esprime il pensiero, mostra sovratuUo di tenere, di una costante e i1Iimilata liberlà di o' judizio c di azione. Cosi, per esempio, in materia colon iale il Maggiore Attlee si accontenla di suggerire che sui territori attualmente occupati dalle europee. gli Stati terzi siano ammessi su piede di eguaglianza ad esercita re il commercio e ad IlP ' provisiontlrsi in materie prime, giudicando per o ra inopportuno di prevedere . sia pur in via di massima, una ridistribuzione, seeondo equità, o la restituzione alle popolazioni ind igene di quei territori stessi. Analogamente, se egli chiede che delle speciali precauzioni s iano prese per impedire che la Fedrazione si trovi di fatto collocata a lle dipendenze di quattro o cinque grandi stati, egli considera, per contro, che sarebbe pericoloso di definire sin da adesso, i principii della sua costituzione, o quelli alla cui stregua dovrannO essere delimitate le frontiere particolari di ciascun stato. o quelli infine, secondo cui dovrà essere in pratica ordinato il regime delle minoranze , Alcrettanto vaghe ed elastiche appaiono le proposte contenute negli allri numerosi piani che, in occasione delle pole miche suscitate dalle periodiche dichiarazioni con cui i Gabinetti di Londra e di Parigi S I affannano senza cessa ad att ribuire un contenuto in tell igibile ai loro scopi di guerra, sono stati abbozzati e propugnali dagli altri partiti, o difesi nel corso di speciali campagne di stampa , Detti piani, però, bisogna riconoscerlo, se apprez:.zati dal punlo di vista, che è il solo che loro conviene, degli interessi delle classi attualmente, nell'uno e nel,'altro paese, dirigenti, si differenziano da quello del Labour Party per una maggiore aderenza alla realtà che con la guerra in fatto, quelle classi si illudono di salvaguardare, e nello stesso tempo per una certa (I"ale più limpida ch iarezza e si ncerità d'intenzioni. Il loro comune presupposto riposa s u questa constatazione: che, se non si vuoi fare della demagogia, è necessario riconoscere che i tempi non sono anCG-

STATO - NA.ZIOf;'[. • FEDt:RAL I!MO

,.,

ra matu ri per una piena e' spon tanea fio ritura della auspicata c ivillà. federalista. Il dogma della sovranit" i: ancora ben lungi dall'apparire spogliato di ogni suo prestigio e, d'altra parte. i pregiudizi nazionalistici no n sembrano davvero del tu 110 espu lsi dalla coscienza dei popoli a nche i più evolut i. sperare s ul In queste condizioni come è serio che gli stat i, g ra ndi o piccoli possano venire indotti ad accettar di buona voglia di eSSCr spogliati di ogni mezzo di difesa e ad affidarsi ciecamente alla saggezza dell'Esccurivo federale? Forse che è facile immaginare che l' Inghilterra, ,, responsabile di un simo Impero Il, si adatti allegramente a metter la sua flotta, della quale essa è stata sempre tanto gelosa, al Bri_ servizio di un'autoritn che nOn s ia quello di S. tann ica? Partendo da queste considerazioni , i piani ai quali all udo si limitano perciò a p roporre la cost ituzione in Europa di tutta una serie di g ruppi fed erali fra loro collegat i da un patto di non aggressione, di assistenza e di disarmo, il cui compito dovrebbe esser quello di permettere che ciascu n settore europeo possa disporre di forze sufficien ti per la sua propria difesa, nell'ipolesi che una violazione improvvisa si perpetri della legge internazionale. Un tale sistema di coordinata convivenza dovrebbe, beninteso, ricerca re il proprio rarrorzamento nella pra... tica ininterrotta e feconda di una coraggiosa politica di unione doganale e nella creazione di a pposite c0muni garanzie tendenti a salvaguardare la libertà di opin ione e ad impedire, perciò, che, sull'istigazione di propagande micidiali i popoli possano mai esser trascinati a querelarsi cd a combattersi gli uni gli altri, Non si può certo negare a questi programmi il pregio di un estremo eccletismo. Il gua io è che pe r restar fede li a questa loro ispi razione iniziale, essi finirono, a poco a poco, per perder di vista l'obiettivo ad essi assegnato dalla natura medesima del problema che essi si proponevano di risol_ vere e per ridurre sempre più il loro compito alla esaltazione c alla illustrazione della eccellenza esemplare dell'accordo franco-britannico.


162

S ilVIO TRENTLN

Oggi. invero, il lema federal istico, in q uanto criterio per la determinazione degli scopi di guerra dell'[n_ tesa de mocrat ica. non è ut ilizzato pi ù, in Francia ed. in I ngh ilterra se non al fine ben circoscritto di att ri buire il ca ra ttere e la d ignità di una generosa espcrien7A, compiuta nell' interesse dell'Europa intera. al sistema degli istituti g razie ai quali le due De mocrazie hanno prov\·cduto a tradurre in ano il coordinamento effettivo dei loro mc zzi e delle loro attiv ità per fa r fronte al nemico comune. L'unionc franco-inglese, in altre parole, quale appare oggi nei falti real izzata. è ormai, correntemente, non soltanto offerta a modello della futura Federazione euro pea ma istituita già in anlicipo. di questa. a ccnt ro motore, a nucleo vitale.

7 . . «L'E uropa di domani o sarà franco -inglese o non sarà che un miserabile inferno ». L ' inccntivo a drcoscri vere s ifatt<,.menle la discussione s ul tema di cu i Imuas i è,come ben si può immaginare, venuto anche sta\'olta dall 'alto. Ed a nche s tavolta l' iniziat iva è slata presa dal Primo Ministro inglese. Non è inutile, im·ero. a ques to proposito di ricordare che, nel s uo discorso del 9 gennaio 1940, pronun_ ciato a Mansion House , il s ignor Chambcrlitin . dopo aver osservato che i vincoli che legano la Francia e l'Inghilterra ha nno dato origi ne ad una assoc iazione intima, la quale s i estende a tutti g li aspetti della guerra, mi litare politico. fi nanziario, econom ico, ha sentito il bisogno di soggiungere: « l o non posso far il me no d i pen,5are che l'esperie nza che noi avre mo di questa associa7.ione si dimostrerà a tal punto preziosa c he, quando la guerra sarà terminala nessuno di noi vorrà abband2 narla , Può dars i, anzi, - tutto lo lascia prevedere _ che essa diventi qualche cosa di più largo e di più profondo, poichè nessun altro strumcnto potrebbe meglio faci litare il compito del la ricostruzione pacifica che bisogne rà bene un giorno int raprendere 11. L'cffetto immediato di q ueste parole del Capo del Governo inglese, spettanti con tanta sobrietà, la porlala immensa dei risu ltat i dei q uali porebbe, per 3\1 -

STATO, NAZIONE. F(f)f.II ALISMO

183

....en tura esser ricca la vittoria delle Democrazie sui loro . avversari,_ non poteva essere altro che quello di im pnmere subito una orientazione univoca e precisa a tutt i gl i s forzi, a ncora disordinati e cont radditori, che nei diversi ci rcoli poli tici dell'lntesa si stavano compiendo per slIribuire un contenufO concreto al progra.mma per assegnare perciò una g iust ificazIOne deflmt lva alla prosecuzione della guerra e for_ nire una stabile pia ttaforma per la s ua ulteriore in_ transigente condotta. l'oggi a ll 'i ndomani non di più in Francia ed .In Dal " J nghilterra un solo uomo politico, un solo sedilore, un solo giornalista che non abbia mostrato di essersi, d 'u n colpo, reso co nto quasi colpito da una s ubita illuminazione, che l'un ione franco-britannica aveormai di essere un semp lice s iste ma in pieIn fretta, per far fronte a delle necessità continge nti, per tras forma rsi invece nella coscie;tte anticipazione dell 'ordi ne dentro il quale dovrà ricostitu irs i, a guerra finita, l'Europa di domani, nell'audace translazione in acta, cioè, di quei principii che solo pot ranno un g iorho offrir all'Eu ropa stessa il modo d i conseguire una s ua stabi le organ izzazione unitaria {I capa_ ce, g razie alla messa in com une di tutte le risorse e di luHe le attiv ità dei popoli di buona fede e di buona volontà di assicurare alfi ne quella ricostruzione del la vita internazionale su basi eque e durevoli, all'infuori della quale non vi può essere salvezza per la civiltà nostra n. Per conseguenza, tutti gli ostacoli che sino allora aveva no impedito di scoprire le cause profonde della guerra e di ben discernere alla loro luce le prospettive dell'avvenire, s i trovarono, per incanto, rimossi. Ormai nessun dubbio poteva più s ussistere sia in ordine alla legittimità delle decisioni per cui gli Alleati eran stati condoui a pre nde re le a rmi, sia in ord ine alla via essi avrebbero dov uto seguire per adempiere, sinp In fondo, a lla loro missione . La lC propaganda u non ebbe quindi più alcuna difficoltà a spiegare che se tu tti i tentativi che era n stati promossi, dal 1919 in poi,. per orga nizzare e difendere la pace era n falliti, la ragione doveva esserne ricercata nella ostinata perma-


". nenza d i sordidi egois mi nazionali e nella opposizione irriducibili di dourine a nguste e d i interessi incoo· fess.,bi li. Gli insuccessi che avevano coronato invaria. bilmente, pe r una si lunga successione di a nn i, tutte le iniziative della Società delle Nazioni volte al ristabilimento di un regime normale dei rapporti economici nell'Europa c nel mondo, s i prestavano. del resto in modo mirabile, ad essere evocati al rig uardo l'autorità di una documentazione decisiva appoggiandosi sov ratutto s u questa ovvia , ma estrema mente suggestiva, constatazione, che gli interpreti del pensiero uffi ciale dell'Intesa s i sono in seguito impiegati a dar risalto per l'edificazione di lutti gli zelatori del federal ismo alle magnifiche e s icure pro.. messe conten ute in germe dal nuovo patto franco-i nglese. Per essi l'esempio che offrono oggi la Francia e l' Inghilterra prova, in maniera abbag liante, che ogni ostacolo può essere sormontato in tema di cooperazione internazionale, il g iorno in cui, da una parte e da1l'alun vero spi_ Ira, detta cooperazione è accetlata rilo realistico e avendo a cuore, esclusivamente, il benessere generale. Se è vero, essi osservano che si no a ieri faceva dife uo un qua lsiasi prat ico str ume nlO alto a va lorizzare ed a sorreggere uno sforzO attivo e fecondo di collaborazione e di sol idarietà. no n è meno \·ero che, oggi, l'intima un ione franco-britannic.'\, costit uita in vista della condotta della g ue rra. può fornire, per la costruzione di una solida pace , una u base veramente ideale u. Perciò, _ essi disinteressatamente concludono nessu no dei popol i rimasti al di fu ori del conflitto a ttuale e che sono a lle prese con il diffici le problema d i vivere con i soli loro propri mezzi, non dovrebbe restar indiffe re nte u alla prospeuiva di una vasta asSOCia.zione economica e finanziaria delle nazioni libere, alla quale la Francia e l' I nghilterra assicurerebberO .l'apPOrlO delle immense risorse dei loro due ImpeTI , che possono ce riO bas tare a sè stessi, ma senza il concorso dei quali sarebbe assurdo sperare di poter conseg uire una qualsiasi s tabil ità economico-finanziaria nel mon_ do civile u. Per meg lio vincere ogn i dubbio ed ogni esitazione

STATO' NUIOI"E • FtDLAALlSMO

' 85

da parte dei neutri ben presto - come era da attendersi - eccitati ed accecati dalla scoperta delle insospeltate possibi li tà che la f< Federazione franco-ingle se» permeUe, in potenza , di realizzare, gli specialist i dei due paesi si trovan sospi nti a rompere ogni indugio e ad applicars i con entus iasmo a stud iare in anl icipo le procedure secondo le quali poltò. comp ie rs i quell'allargnmento progressivo del l'area federale, in fo rza e per effello del quale le Democrazie potran no esser messe in grado di assolvere al comp ito che la storia loro assegna di organ i coslilUenti , cui spetta, per la restau raz ione del la pace, di dotare l'Eu ropa del suo nuo\'o sta luto. Le conclusioni, pe rò, alle quali giungono questi ri formator i volonterosi e impazient i e i s uggerimenti che essi presentano, se tradisco no delle lodevoli preoccupazioni patriott iche, son ben lungi , in verità, da l mos trarsi capaci d i far la prova della benchè minima a l. tiludine dei piani ai quali essi si riportano a risolvere in pieno il problema che la guerra drammaticamente propone . Basta in proposito far presente che, mentre, in Inghilterra, degli uomini come Norman Angeli si illudono di agire sul serio in qualità di auten tici europei propone ndo che, per incoraggiare i piccoli star i a far parte del blocco fra nco-inglese sia loro offerta, in seno al nuovo Impero, la stessa s ituazio ne e gl i stessi onori che oggi son {atti , in seno all' Impero brita nn ico, a l Ca nadà, al la Co lonia del Capo, all 'A ustralia o a qual_ siasi altro Domnion ; in Francia _ dove da lunghe settimane senza interru zione, gli organi più a utorevo li della slampa non si stancano di mellere in vedetta. con ossessionante insistenza il " virile e intrasgressi_ bile Il a mmonimento di Foch; " Q uando s i è padroni del R.eno, si è padro.n i di tutta la Germania; quando non SI è s ul R eno, SI ha tutto perduto Il. - degli uc>mini come il s ig nor H end Pichot, direttore de La heure! de guerre, non si peritano d i scri vere, in tutte lettere, c he lo scopo della guerra in corso deve esst!r quello u di assicura re a lla grande alleanza della Fran_ cia e dell'Ing hilterra , posscnte amalgama di due popoli e di due Imperi una incontestabile preminenza sulla


186

TlIEIITIN

com unità europea ", poichè se l'Europa Il non dovesse essere di ispirazione fran co-inglese, essa cesserebbe di essere l'Europa o non sa rebbe, tutt'al più che un miserabile inferno >I. E' forse per radri zzare le impression i suscitate da tali ingenui e pericolosi scanlonamcn ti , che in uno dei suoi più recenti discorsi, quello di Birmingham del 24 febbraio 1940, il Primo Ministro inglese ha creduto opportuno d i non fo rzar più troppo il motivo federalistico. e di contener la definizi one degli scopi di guerra dell'Intesa den tro un quadro estremamente diffuso, a tinle piuttosto sommarie ; quali per esempio: la difesa della cristianità; la riparazio ne dei torti inflilti dalla Germania ai popo1 i, ieri ancora liberi; la salvaguardia del la libertà di coscienza individuale c della libertà di coscienza religiosa j la lotta contro ogni forma di persecuzione; la dispersione dello spirito di militarismo e l'abolizione deg li armamenti.

CAP ITOLO XIV. SOLO LA RIVOLUZIONE ANTI . CAPJTALI. STICA E FEDEIlALlSTlCA PUO' SALVAIlE CON L'EUIlOPA LA L1BEIlTA'

I . • L'universallzzazione dello stato totalitario, risul· tato Inevitabile della vittoria del blocco tedesco . Per quanto grandi siano la si mpatia e l'indu lgenza COn cui si vogliano considerare le pos izioni assunte dai bellig{'ranti ed apprezzare gli obiettivi che, col favore della guerra, g li uni e gli altri si propongono di attingere, sem bra difficile. dunque, di rifiutarci ad ammeltere che _ qualunque possa essere l'esito del confl itto - se dovessero prender vigore i piani ai qual i i due g ruppi antagonistici s i propongono o ra di ispirare la loro futu ra politica di pace , l'Europa sarà condannata a far l'esperienza di situazioni anche più tragiche e di crisi anche piò profonde di quelle che essa abbia sin 'o ra conosciuto. De lle più varie strutture dell 'ordine nuovo di cui , da una parte e dall'altra, si propugna l'avvento, lo stato unitario saldamen te inquad rato nel s is tema capitalistico, ed a questo istituzionalmente asservito. continua a costituire il pilast ro fondamentale. Il ruolo che ad esso sarebbe riservato in caso di vittoria del blocco anti-democratico, ha appena bisogno di esser messo in rilievo. Il trionfo militare del fascismo non può, invero, lasciar s ussistere il minimo dub bio sulla natura de l regi me al quale qupsti sarebbe inesorabilmente portato ad a ifidar la piena valorizzazione del suo successo. La legge della s ua vita è il governo di una. élite che si autoinvesti sce de l potere con la violenza e che


188

SILVIO TRUm..

erige lo stalo a strumento per l'esercizio permanente di una s ua gratu ita prerogativa di dominazione integrale. L'Europa fascistizzata non potrà q uindi ahro significare che l'estensione su scala continentale della disciplina lotalitaria, vale a dire, della disciplina in forza della q uale lo slato è fittiziamente assunto e detentore esclusivo di tutte le facoltà di del gruppo sociale e pertanto a regolalore esclusivo di ogni suo bisogno e di ogni sua attività. Al pesto di un'Europa la cui vita collettiva è ordi· nata secondo le esigenze di Un.<! coesistenza fraz;or.anteSi per settori. ciascuno dei quali corrispon de alla giurisdizione riservata di uno stato sovrano, e lf'. cui vicende rif leltono costantemente le variazioni che senz.a cessa si producono nell' equilibr io, sempre precario ed instabile, dei rapporti reciproci fra gli stati, l'ant i.democrazia installerà una associazione di popoli serVI, la cui esistenza, a tt raverso il discrezionale funzionamento dei centri di comando propri de i singoli stati p:trticolar i dentro i quali quelli si troveranno, d'arbitrio, ripartiti, sarà dispoticamente regolata soltanto in funzione degli interessi e del prestigio dello stato che ra ppresenta ed incarna il popolo eletto, cioè degli interessi e del prestigio delJa casta dillatoriale che di questo stato stesso detiene il governo. Se di un esempio, del resto vi fosse bisogno per illustrare in anticipo i procedimenti che il totali taris mo predilige per ]'universalizzazione dei principii ai quali esso intende ispirare l'adempimento della sua missione civil izzatrice, basterebbe rievocare le iniziative tut_ te recenti pe r merito delle q uali l'Impero mussol iniano riuscì "d estendere i benefizi della legge fascista alle popolazioni dell'Etiopia o dell'Albania, o i provvedimenti amministrativi che hanno permesso al Reich hitleriano di annettere :1110 spazio vitale del polo tedesco i territori dell'Austria, della Cecoslovacchia e della Polonia. Il destino dell'Eu ropa di domani, in caso di vittoria della coalizione antidemocratica. non pot rebbe davvero essere differente da quello che è oggi il destino delle nalioni a\!c quali già è Stato imposto l'onore- di coll;\bora re al conseguimento di quella vittorIa nwdesim:l.

STATO' NAZIONE _ FEOER.l.USMO

18.

2. • La situazione dell'Europa in caso di yittoria del blocco democratico, Ben diversa certo, quanto meno nei suoi a!'petti superficiali e immediati, sarebbe la s ituazione nella qua_ le verrebbe a tro"arsi il cont inente nell ' ipotesi in cui il conflitto dovesse risolversi in favo re delle democrazie. La lunga esperienza che i paesi coi q uali queste si immedesimano hanno fatto de1!e libere istituzioni, l'alto grado di cultura att into dalle élités, in un certo senso - relativamente a q uelli degli altri paesi dalle masse che in essi "ivono, la forza delle tradiz.ioni che ormai si trovano radicate ai costumi popolMi ivi osservati, la stessa relativa attenzione delle opposizioni e dei conflitti di cla<;Se che si è accompagnata a lle condizioni part icolari ivi caratterizzanti lo sviluppo dell'economia capitnlistica, tutto queslO assieme di cir_ costa nze e di e lementi e la speciale atmosfera che essi hanno suscitato e intrattenuto. Cost ituiscono, non sollanlo, dei solidi freni contro ogni interferenza, ma rappresentano, altresì degli stimolanti preziosi per l'approfondimento inesauribile del senso della libertà e l'incubazione perenne, p resso g li oppressi, di germi non facilmente sterilizzabili di azione ri voluzionaria. E' per questa considerazione, d'altronde, che ness uno di noi ha esitato un istante a prender partito il g iorno in cui la guerra è scoppiata. Quali che possano essere le in terpretazioni nascoste ed i piani palesi dei ceti che oggi monopolizzano il potere in Francia ed in I nghilterra e ai quali appartiene pertanto la scelta e l'impiego dei mezzi per la condotta della lotta in corso, il popolo francese e il p0polo inglese, e le masse, specialme nte dei loro combattenti, conservano, malgrado tutto, intatto il diritto di esprimere it loro avviso sulle cond izio ni della pace al momento in cui la prova delle a rmi avrà permesso di designare il vincitore. E basterà, allora, di un gesto da parte di questi popoli per buttare all 'aria e ridu rre in polvere, le più sapienti combinazioni preparate in s ilenzio dai governi e dalle diplomazie.


IO.

STATO' NAZlOtIf: • F[J)[.ltALI5MO

SllYIO TlIt.HTI,.

191

m uto, per un lungo momento, di non esser s tate pi ù in grado di affrontarlo. Ora le garanzie, cosi come le concepiscono _ sin da questo momento - le classi d irigenti dell'Intesa implicano la messa in opera di tuna una serie d i precauzioni che valgano, nella mis ura in cui può va lere uno s tatuto coattivo, ad a ssicurare il primato fran coing lese.

G"''5fO, in rondo, 13nl0 facile. tanto più legittimo. ta nto più uma namente naturale e necessario che. nell'au imo medesimo i n cui t:Sc;() si avvererà sto ricamente possibile. C!>SO troverfl imm<'tOcabilmcn te il proprio in_ cen ti vo e assie me la propri;'! intima rispondenza nel solleva mento g ra nd iow c irresist ibile allraverso cui le nazio ni che la dittatura oggi opprime, sara nno trascinate ad edi fica re, s ulle rovi ne immani ed immo nde de l fascismo e del nazismo. il regime della loro ricon(j uistata li bertà. Se questO gesto sarà compiuto, se grazie ad esso, i popoli potranno alfin e prendere in mano la zione del loro destino, la c iviltà europea potrà forse serio interrompere una buona volta il pr<x:e;;so del la sua lu nga degcner.1Zione mortale e iniziare un c iclo di ancor sconosci uto sp lendore . Là e là so llamo è posta c stà racch iusa l'estrema speranza la chance suprema del la sua salvezza. Ma la rivo luzio ne può a nche non scoppiare e, caso mai essa scoppi può anche non trionfare . O ra , in q uesta ipotesi, l'avvenire non s i prospetterebbe, per la sorte delle istituzioni cui è ancora legata la sopravvivenza ne l continente, di larghe oasi di vita libera, 'Issai d iverso da que llo che deriverebbe la propria ispirazio ne da una vittoria delle fo rze tOla litarie . Le vecchie democ razie, trionfatrici, all'esterno, dci loro concorrenti e consolidale, all 'interno, sulle ioro imponenti assise capitalistiche delle q uali lUtto l'apparecchio burocra tico de l loro tradizionale ordiname n_ to acrentratore continuer.1 a costituire il solido halua rdo, non tarderebbero ad essere trasci n;tte nLl "ortice del loro dissang ua to dinamismo. Esse non potra n_ no avere, allora, ragione di ogni fermento r ivoluzionario se non eccitando fin o al parossismo la passione nazionalista e imperial ista. Ogni loro c ura, ogni lo ro attenzione dovranno per_ ciò esser rivolte e conce ntrate a vegliare a che la vittoria no n s ia mutllat. , a che essa d ia tutti i s uoi fru tti. Il problema che esse dovra nno anzi lutto risolvere sarà il problema delle garanzie ; problema al qua le esse saranno portate ad a pplicarsi con tanto più accanime nto e ta nta più intransigenza che esse avr3nno te-

3 . • La pace democratica, se imposta dalle tlassi oggi dirigeoti, non potrà Don sboccare, ancb'essa al totalitarismo e all'autarchia. Le fo rme della loro pratica realizzazione saranno cosi destinate a tradursi in un rafforzame nto c resceH te delle all ribuzio ni e de lle capaci tà coerci tive del lo stalO e, nello stesso tempo, nella creazione di un s istema di rnpponi internazional i che permena la progressiva sottomissione gerarch ica, ai vincitori, dei vi nti e dei ne utri. L'u nificazione dell'Europa tende rà inesorabilmente a modellarsi s ulle esperienze iStfUUive che il Giappone stà compiendo in Cina con il suo compiacente concorso di Wang-Chin-Wei. Poco a poco, il metodo IOta litario, che è il solo 11 quale convenga quando vi vogl ia far prevalere l'arbitrio cun maggiore pro ba bi lità di s llccesso, finirà per imporre la ferrea s ua log ica . Esso. d'altra parte, troverà presto una nuova, pcculifue e s upple men tHJ'e st ificazione a l suo impiego nelle necessità sempre più urgenti che sara nno messe in luce da lle condizioni ne lle q uali dovrà o rganizzarsi la difesa deU' l mpero. La vittoria, infatti, avrà fra l'altro, per risultato di riconsacra r 1(' Democrazie quali g randi Potenze imperiali e forse di allargare l'estensione già immensa dei loru possessi. Per questo solo fauo, esse s i Iff)Veranno fatalmente costrette, trasc ina ndo a l loro seguito l'E urupa intera, a trasfer ire s ul piano mondiale la lot_ ta pf:r la conservazione della loro supremazia. E, s u ques to piano, la competizione rischierà, a breve scade nza, di assumer proporzioni g igantesche dat i i p rofondi imprevedibili mutamenti che la g uerra avrà determinato nei rapport i d i forze fra i contende nti .

, •

(


SILVIO TAEH TUf

:stATO • NAZIOJo1t • fEDfJtAUSMO

A questO proposito, quel che stà sopravvenendo in America. ad appena qualche mese dall'inizio delle ostilità, e già di per se stesso, per quel che sign ifi cano i falli - nel brutale linguaggio della loro. mera esistenza _ treme ndamente allarmante, mentre l'Europa è costreua a gettare nella 10lla che la strazia, con prodigali tà ogni g iorno più insensata, tutte le sue r icchezze presenti e, in parte. i cespit i stessi di ogni sua ricchezza fut ura, gli Stati Uniti del nuovo mondo, senza bisogno di accettare il minimo rischio, senza muovere un d ito, per la grazia, si può d ire, dell'automat ico contraccolpo di ogni atto di distruzione e di morte c he si compia a l di qua dell'Atlantico, subitamente in..titi de lla facoltà provvidenziale d i alluare. come megl io loro piaccia, la moltiplicazione illimita ta di tutti gli strument i del la loro potenza . I n cambio delle forn itu re d i guerra che essi conse ntono liberamente, ad un ritmo sempre più vasto cd a l più alto p rezzo contante, ai loro insaziab ili client i del vecchio mondo, è l'oro e sono i va lori di c ui questi ancora dispongono c che rappresentano le fondamentali e più cospiq ue r isorse dei paesi più ricchi d 'Eu ropa che loro sono offer ti per esser stabil mente incorporati al loro già imme nso patrimonio. L'impoverimento del CQminente si aggrava così, a beneficio. sovratutlo, rlell'America Settentr ionale, nella. stessa misura in cui s i prolu nga lo s tato di guerra nel quale esso si trova piombato, Ogni gior no che passa apporta spietatamente una spogliazione nuo ...a a\lo stock sempre più modesto dei mezzi sui quali soltanto sarà ad esso possibile far conto per p rovvedere domani alla indispensabi le ricostruzione. Nello stesso tempo, e in proporzion i non molto inferiori che per gli armamenti , gli Stati Un it i si trova no sospin ti, in conseguenza del conflitto, ad aumentare altresì l'esporta:dont: \'eeso l'Europa di tutti gli altri p rodott i d i cu i abbondano i loro mercati. L'ammonta re dcl1e merci a merica ne vendute ai paesi neutri d 'Eu ropa, che era stato di 6 mi liardi e 160 milioni d i franch i neg li ultimi q uattro mesi del 1938 è sali to a 9 mi liard i e t52 mil ioni nel corrispondente periodo del 1939·

D 'altra parte, son sempre gli Stati Uniti che, per la fo rza delle rose, cioè per effetto del giuoco sp ontaneo della tecnica capitalistica della quale nessu n meglio di essi conos-:=ono le più raffinate appl icazioni e più sorprendenti segreti, che son condotti a prendere il posto degli esportatori europei sulle piazze mondiali; non solo dei belligeranti , ma ahresl dei neutri, la cui attività commerciale è sempre più ostacolata e scoraggiata dai blocch i, dai noli , dalle assicurazioni e dalla incertezza dei prezzi. Per questa via, loro riesce, fra l'altro, sempre più agevole d i estendere la loro metodica penetrazione nel Sud America e di consolidare cosi, con in sperata rapidità, quei vincoli per cui mezzo essi intendono da tanto tempo, di consegu ire l'unificaz ione, SOIlO la loro guida, del n uovo con tinente tutto intero. La pol itica inglese del blocco ha servito in questo senso, in modo mirabile i disegni di W ashingto n. I ncludendo nel con trabban do di g uerra le esportazioni tedesche, l' In ghi lterra ha permesso, infatti, agli S tati liniti di prendere, d'un colpo, nel mercato sud-americano il posto che la Germania in q uesti ultim i a nni. a prezzo d i tanti sacrifici era riuscita penosamente a conquistare. Se la guerra dovesse protrarsi a lungo e nessuno, purtroppo. è in grado ancora di escluderlo - e se essa dovesse presto uscire dall 'attu ale s uo stadio letargico ed imporre, come quella che l'ha preceduta, un consumo sempre più mostruoso di armi, di muni zioni , d i uomin i, non vi è dubbio che al momento in cui essa p renderà fine la situazione dell'America d i fronte a U' Europa sarà tale, da ispi ra re al ... incitore le più tremende inquietudini. Basta riflettere che, grazie all 'oro fra ncese ed ing lese, essa è già in procinto, in soli sei mesi, d i raddopp iare il suo potenziale milita re i marittimo, specialmente, ed areonautico. Mentre la flO lla inglese, im peg nata su tutti i mari del globo alla caccia al contrabbando e alla lotta con tro le insidie sottomarine, vede atten ua rsi con sempre maggiore intensità, per effetto del logorio e delle perdite, la s ua intrinseca consistenza quantitativa e qualitat iva, la flotta a mericana si accresce senza tregua in modo prodigioso.

192

,1

193


'94

STATO' NAZIOSE • FEDERALISMO

SILVIO 11I:ENTIN

Il nuovo tipo di coraZlala - armilla di cannoni da 450 _ del qua le quest'ultima s i è già , or non è mollo, arricchita , ecl issa, a gran di stanza, i tipi dci qua li la Gran Bretagna e la Francia più s i inorgogliscono. Per quanto g rand i s iano, perciò, le precauzioni che g li Alleati possano essere indotti a pre ndere, essi si troveranno sempre impotenti a impedire la real izzazione di questo evento ineluttabile: che, al term ine della g ue rra qualunque s ia l'esito di questa, l'America abbia a propria disposizione la flotta più g rande e più poderosa del mondo. Quel che avrà più a temere l' Inghilterra da questo form idabile e vert ig noso accrescimento di potenza è la forza atfattiva del prestig io che essO conferirà a l paese a cui profitto esso s i compie, in particolar modo in confronto delle antiche colonie di civiltà an g losassone, oggi ancora satelliti del sistema planetario britannico. G li attuali ordi namenti della politica econom ica del Canadà non possono. per esem pio, non cost itu ire al riguardo un soggcHo di seria medi tazione . Malg rado le apparenze di un ideal is mo senza c repe ed a dispetto dei benefi zi delle colossali speculazioni a essi abilme nte promosse per per mette re alla fervente solidarietà per c ui le popolazioni canadesi si sentono legate alla madre patria di manifestarsi in tutto il suo genuino sp lendore, il governo di Ottawa, interprete fedele delle classi delle quali è mandatario , sembra, infatt i, non abbia ora a lt ra preoccupazione che quella di conq ui stare ai paese, sul terreno economico, l'assoluta sua indipendenza rispeuo a Londra c di s tabilire, nei falti , una sempre più in ti ma concordanza fra i propri atteggiamenti e quell i del governo di Washing_ to no Alle g ra ndi Democrazie capitalistiche e imperiali, non sarà dato. dunque, in caso d i viUoria di riposar un so l g iorno s ug li allori. nè di tentar neppur a titolo di momentaneo diversivo il più timido esperimento di libera compos izione delle forze dei singoli gruppi nazionali, nel conti nen te, secondo i dettami delle loro pi ù care dottrine di parata. T a nto più che esse non avranno soltanto da che fare con l'A me rica per difendere le loro posizioni tradi-

195

zionali e conservare, in confronto delle loro intransigenti borghesie, integra la loro rispettabilità di regimi pe r bene che tcngono in onore il profitto, e no n ig norano nè dimenticano le speciali attenzioni alle quali, in og ni circostanza e per lunga tradizione questi ha diritto; ma altresl con l'Asia, non è detto, infatti che, in .'\ sia, il Giappone, il quale non manca di continuità nelle idee non riesca oggi o domani , s fruttando i litig i che oppongono, l'uno all'altro i suoi concorrenti, a realizzare l' unità fra i gialli: l'unità dei gialli s' intende , contro i bianchi. P e r restar fedeli al primato e all'impero. sarà giuocoforza allc De mocrazie vittoriose della g uerra militare, di tradire, una volta di più, la Democrazia. E l' Europa, SOtto la loro condotta , non av rà forse altro modo di effettuare la s ua unità che quello di collocar sè stesso sotto il segno, dell'autorità c ... dell'autarchia (sono abbastanza significative al riguardo le discussioni che suscita in questi giorni , in Inghilterra, il progetto di ({ paga differita" proposto per il finan _ ziamento della guerra. sotto g li a uspici i del Tlmes e dell ' EeoDomist da John-May nard Keynes), d i far proprio, cioè. dopo aver avuto l'illusione di ave rle dispe rse per st"mpre, le parole d'ordi ne stesse che fi g urano in cima del catechismo fascista . 4. - Il «Impito immane di una rivoluzione emancipa-

trice. In verità. all' infuori della Rh'o[uzione, della vera Rivoluzione, anti-capital istica e federal istica non s i ve_ de proprio per qual prodigio l'Europa possa salvarsi. Ma è lecito. s ul serio, spera r ogg i ancora, che il federalismo possa t rionfare. che il vecchio s tato possa esser messo a pezzi, che l'autonomia, SOltO tutte le rorme nelle quali essa storicamente s i esprime, possa esser eretta finalmente a istituto fondamentale dell'ordinamento della vita collettiva ? A dire il vero, a prima vista, una tota le speranza sembra insensata e il disegno al quale s i affida ogni sua possibilità di realizzazione è addirittura contro natura.


,o.

STATO - HUIOHE _ J'EDERAUSMO

SilVIO TlIEIfTIN

Se si tengono presenti le circostanze sotto la cui influenza sono venuti, a poco a poco, confusamente rivelandosi - dall'oscuro e grandioso tumulto delle forze, in perpetuo dialettico divenire, che concorrono alla creazione sempre nuova della storia - il senso e rientamento del processo che presiede al\o sviluppo della coesistenza , si sarebbe Iratti anzi a pensare che il tentativo di ricondurre, d'un colpo, le forme di determinazione istituzionale della vita in società alle loro espressioni più spontanee ed elementari, equivarrebbe n,è più, nè m,ena, altro getto fantastico che avesse hne di far nmontar per prodigio, le acque di un fiume alla loro sorgente. La tendenza alla cent ralizzazione progressiva del potere politico e al parallelo incessante allargamento dell'area alla quale il suo esercizio si trova in pratica circoscritto, appare, invero, come la legge costante del progresso della civiltà sotto la specie dell'ordine. Da quando lo stato è sorto, esso non ha mai, concretamente avuto altro obiettivo che quello di conseguire il coordinamento delle att ività coesistenti e concorrenti; la cui esigenza risolve ogn i sua rag ion d'essere, sollanto aUraverso l'unificazione, sotto il suo controllo, di tutti i centri di libera produzione delle norme $e(;ondo cui si stabilizzano i rapporti intcr-individuali . La storia dello stato è la storia della lenta ma indefettibile transposizione della società nello stato, cioè della lenta ma inesorabile transmUtazione dogmatica della realtà istituzionale, rappresentata da una moltitudine di uomini viventi in gruppo, nella finzione puramente conceltuale di un ente che si colloca sul piano dell'assoluto e assegna a sè stesso il com pito di ridurre tulte le manifestazioni e tutti gli aspetti dell'esistenza collett iva alla permanente e automatica composldone di due ordini di attribuzioni tipiche e a ntitetiche, corrispondenti, le une all'esercizio arbitra rio di una potestà di comando, le altre aU'adempimento passivo di un dovere di obbedienza. Man mano che lo s tato (4 progredisce ", il g ruppo. del quale eSso confisca la g lobale rappresentanza, si allarga c, nello stesso tempo, si uniformizza, si depersona lizza, si meccanizza, si estranea, insomma - so-

pe;

19'

vrapponendovisi quale un vuoto stampo art ificiale alla mobile e vari.:! massa umana che ne costituisce la viva sostanza. Nella identica misu ra, nel suo seno, l'individuo e le minori associazioni ch'egli crea per soddisfare ai bisogni della solidarietà elettiva, perdono, ad uno ad uno, g li attributi della loro autonomia e si trasformano. insensibilmente, in semplici elementi inerti di tutto nel q uale essi finiscono, un giorn o o l'altro, per essere, dall'esterno, assorbiti. Noi abbiamo visto quali siano statc, sul terreno sto_o rico, le forme di applicazione di questa legge, la quale sembra presiedere, inesorabile. all'evoluzione tecnic.. degli strumenti _ pur sotto l'apparenza degli aspetti più diversi _ l'organizzazione effett iva della vita s0ciale. E noi sappiamo che, in ogni tempo, dette forme hanno rinvenuto il titolo escl usivo della loro legittimazione e insieme della loro efficacia nel possesso più o meno integrale e uell'impiego più o meno sfrenato della forza. Lo stato ha semprE' avuto per sola funzione quella di abilitare forma lmente la forza e farsi valere quale potere giuridico, fornendo ad essa grazie alla sua propria interposizione, fra i detentori delle prerogative di fatto che essa conferisce e i u pazienti li delle servitù discrezionali che essa impone, un soggetto idealmente preordinato al persegui mento del ubene comune ,,_ E' inutile, perciò, che noi ci attardiamo ad analiz.zare una volta di più questo st raordinario fenomeno di degenerazione cosciente _ progressiva e universale _ della natura dei vincoli sui quali si istituisce la convivenza, ed a mettere in rilievo, una volta di più le costanti sue interferenze decisive e perciò spesSO mortali sulle vicende della lotta perenne che gli uomini conducono per la conqu ista della loro libertà. Quel che interessa piuttosto di notare è che, nel quadro della vita collettiva, quale lo stato è venuto coattivamente ordinando, la civiltà è stata costretta a seguire una marcia obbligata e ad adeguare, senza tregua, i risultati conseguiti attraverso Il !Suo sviluppo incessante, a lle esigenle che sono inerenti alla speci-


l'' fica formazione Slrutt urale de lla società dalla quale essa è, volta a volta , espressa in certa g uisa quale una s ua irradiazione o u n suo riflesso. 5 . • I tenn lni nd qu li si pone, rispetto alla rutti contempora nea, il problema della dislocazione den. stato unitario. P e r qua nto fondato s ulla compressione violen ta o s ulla violenta Oldu lterazione delle più a utentiche SOrgenti della vita sociale, il g rande s tato monocent rko non è me no, per q uesto, ogg i, una <:oncre ta e impone nte rea hà: una rea ltà cu i corrisponde lutta una serie di atteggia menti Ofmlli s tabi lizzali - perchè divenuti , col tempo, vitali - della coesistenza , Un grande stato è sov ratulto una tecnica: una t ei::ni ea del gover no _ secondo uno statuto un iforme -

di gra ndi masse, una tecnica della grande agglomeral.iolle. P e r il solo effetto del suo fu nzionamento, tutta la compagi ne del g rup po al q uale si estende la sua g iurisd izione, s i trova sconvolta e ricostituita su basi nuove.

Il gra nde stato un itario non può invero s ussistere che alla condi zione d i spogliare di ogni capacità nor. mativa tutti i centri periferici d i autonomia istitu· zionale e d i concent rare su di un unico pun lO del ter· ri lorio la sede di tutr i gli orga ni investiti di una origi naria o costituzionale autorità. U n g ra nde s tato è inconcepibile senza un g ra nde capitale. La capi ta le, in un si fatto ordi namento, diviene una specie di lesta mostruosa di tutto il paese, che al paese della legge e che del paese succhia pa· rassitariamen tc le risorse migliori. Oggi, in Europa , due soli capitali, Parig i e Londra raggruppa no una popolazione che è s uperiore al qu into della popola zione totale deg li stati rispetti vi. Non è di fficile immaginare quali profonde ripe rc ussion i il verificarsi di un tale evento abbia alla lung a a vuto s ul natu rale processo di d is tribuzione del le forze nel seno delle s ingole comuni tà nazionali e quali p rofo ndi mutamen ti esso abbia determinato ne ll' intima na tura dei bisogni a queste p ropri e sulle condizioni subordina nti il loro soddisfacimento.

STATO - NAZIONE · FfJI[ RALISMO

199

E' in fun zione della capi tale che, ne ll'in terno del g rande stato, il paese è alla fi ne costrellO di fissare la d isciplin<l. della propria vita e pers ino rimodellare la sua propria essenza fi sica. Su ll'in flue nza devasta trice che da questo centro pletorico si sprigiona con dispotica intollera nza verSO ogni velleità. di preservazione dei più a ute ntici patri· moni regiona list ici , nel corso di poche diecine d 'ann i esso d iviene irriconoscibile. 11 tradizionale e delicato s istema di ra pporti spontaneamente costruito per la coord inazione armonica delle a ttività che in ten dono alla diversa espa nsione dei suoi moltep lici nuclei vi· tal i, a poco a poco s i disarticola e diviene inopera nte, fin chè un bel g iorno esso si trova ridotto in fran tumi , ogni s ua positiva ragio n d 'essere essendo venuta d'u n tratto a ma ncare. Ad un dato momen to, infa tt i. la vi ta dei gruppi cui lo s tato im pone l'ug uale sottomiss ione :tI suo sov rano volere, non ha più. per cen tro ge neratore del1e d irett ive cui ad essa è duopo conformarsi per soddisfare alle più semplici esigen ze della propria conservazione, c he quello attorno a cu; grnvila la capitale. Quest' ultima, perc iò stesso, divenTa pa rte integra nte della s truttu ra gccgrafico-polit ica della nazione, per cu i qua lsiasi atten ua zione dc i grado di unità in fo rza del quale tutto il terrilorio dello Sfato si trova cost it uito perma nen temente in hinterland del capoluogo dove è installato il governo, s i prospetta a priori come est remamente pericolosa. Si può dire proprio che. in s ifatw. deformazione coattiva del naturale eq uil ibrio fra le forze sociali e le risorse materiali di un paese e fra le disparate loro fonti in numerevoli, la qua le consegue sempre alla formazione del grande stato, ri siede la più efficace di fesa di questo contro ogni mi naccia fede ralist ica. U n regime, invero, che prete nda r icosti tu ire l'organizzazione della vita colle ttiva su delle basi p lural is tiche non potrebbe rin ve nire nell 'esistenza d i una gra nde cap itale un ostacolo pressochè insormontabilc al s uccesso dcI proprio esperimento : un ostacolo, per meglio di re, del quale esso non s.1 rebbc in g rado di a ver ragione se non avendo ricorso a delle misure eroi-


200

SILVIO TRE/Hll1

che, per loro natura repugna nti e contradditorie [111;1. sua propria natura, quali, per esempio, il trapianto in massa di popolazioni, la evacuazione e \a demolizione di quartieri intieri, il sovvenimento coattivo di abitudini e di interc5Si il cui rispetto è int imamente legato alla acquisizione di un certo benessere da pllrtc delle classi popolari; m isure, in verità. delle quali solo la civiltà totalitaria potrebbe, a buon dir itto, per_ tinentemente avvantaggiarsi. Alla fine dc\l'altra guerra, l'Austria ha conosciuto questa tragica s ituazione. E l'onore di posseder Vienna costò ad essa più caro che il prezzo stesso della sconfitta. La realtà del grande stato unitario non si mani festa però soltanto nella tronfia esibizione delle sue immenSe capital i. Essa trova sonalutto il proprio riflesso più caratteristico negli istituti e negli atteggiamenti per i quali il s istema econom ico in vigore s i è sforzato costantemente di adeguare la propria evoluzione agli obiettivi da essa perentoriamente proposti. In un certo senso si può dire che l'èra del grande stato coincide in maniera perfetta con l'era della più grande florideZ7.a capital istica, per modo che riusci rebbe davvero di (ficile di precisare quale di questi due fenomeni sia stato la causa dell'altro: se, cioè, è il g rande stato che ha determinato il sorgere dci capitalismo moderno o se sono le esigenze inerenti allo svil uppo del capitalismo che hanno determinato la creazione del g rande stalO. Com unque s ia, è certo che , per il fatto solo che su di un determinato territorio all'origine ripartito fra gruppi diversi, fruenti, ciascuno, di una loro propria spiccata individualità istituzionale, l'organizzazione della vita collettiva sia venuto ordinandosi secondo le prescrizion i di una disciplina uniforme e alla stregua dell' uguale subordinazione di tutte le attività che su di esso si svolgono all 'autorità di uno stesso potere, le basi e la struttura dell ' economia locale, cosi come le forme e gli str umenti del suo concreto sviluppo, hanno dovuto immediatamente subire una trasformazione profonda, L'origine de1Ja grande ind ustria, per esempio, è direttamente collegata all' influenza di queste circostanze che sempre si accompagnano all' insediamento

STATO - l1J.llONr. _ FEOf./U.LlSMO

201

dello stato unitario. E grande industria sign ifica ur+ bani smo, vaste concentrazioni di masse, sconvolgimento nei sistemi della produzione, creazione di nuove corrent i di scambio e generazione di vincoli nuovi di solidarietà fra le diverse comunità o classi o categorie sociali e gli istitut i a ciascuna proprii, fra di cui si ripartisce la popolazione raggruppata dent ro le stesse frontiere politiche. E ' evidente, altresl, che, per l'azione delle antiche delimitazioni regionalistiche abbia dovuto insensibil. mente allentarsi. A analoghi cond ucono, nello stesso tempo, la praticn dei grandi eserciti stanziali e il perfezionamento progressivo del nuovo formidabile apparecch io bu rocratico, dentro i cui tentacoli il paese, anche nelle sue più riservate manifestazioni , si trova in breve tempo tutto rinserrato. Malgrado, dunque, le ostinate resistenze de i focolari più vivaci di coscienza a utonomistica, le cOndizioni materiali che caratterizzano g li aspetti della vita nazionale e ne determina no gli orientamenti e le iniziative, son portate, nel seno dello stato unitario c in conseguenza del regime che esso impone ai rapporti sociali, a modificarsi con crescente celerità rendendo vieppiù inoperanti, nella loro iniziale portata, i motivi intrinsechi di opposizione o di disintegrazione d i ciascun s ingolo e nte o gruppo rispetto agli altri, D'nltra parte, non bisogna dime nticare che, prigioniero della mistica che esso adotta e anzi tutto degli inte ressi al cui servizio esso si costituisce, lo stato centralizzatore è costretto ad impiegare, in proporzioni via via più larghe, le risorse delle quali esso monopolizza , con l' imposta, la disposizione, nella produzione di servizi il cui compito sia quello di com· pensare gradualmente, grazie all' intervento diretto della pubblica ammi nistrazione, gl i squi libri più o meno profondi che, per ragioni geografiche, demografiche, economiche o storiche, possano s ussistere fra le diverse regioni, per modo da giungere, presto o tardi, ad un livellamf:nto approssimativo del loro s tan. dart vitale. l panegirist i dello stato un itario non si stancano infatti di dar risalto a questa permanente missione


202

SILVIO llIENTI!4

di giustizia paternaHslica, alla quale, per intima sua esigenza istituzionale, quello stato steSSO sarebbe sempre condotto a consacrarsi: missione che permetterebbe appun lo alle reg ioni diseredale di compiere il lOro r iscatto, in forza della coattiva c onerosa partecipazio_ ne ai sacri fici da questo reclamati delle region i p iù ricche. T ale è, per esempio, la s ignificazione che in questi g'iomi il fascismo s i sforza di attribuire ai provvediment i coi quali il Duce si è compiaciuto di impostare la s ua e nnesima campagna per la redenzione autarch ica dc!!a penisola; la canlpagna cont ro il latifondo siciliano. Che , ad ogn i modo, queste forme caralteriSli che di interve nto pe r le quali si traduce in alla il programma cOStante dello stato unitario rispondano o non rispondano alla cosciente volontà o al bisogno sciente di ottemperare ad un superiore imperativo di gi ustizia, no n vi è dubbio che la loro adozione e la loro realizzazione s i risolvono sempre, inevitabilmente in una modificazione, più o meno radicale, dei termini conc re ti secondo cu i, volta a volta, si prospetta il problema federalistico. I muta men li sopravvenuti nella s itua zione italia na da un St.'Colo a questa parte, ci sembrano a questo rig uardo particola rme nte istruttivi. Lo stato unitario è, purtroppo, uno stato storico. E della storia non s i ha che a prender atto; c hè ogni sua negazione, per quanIO generosa o indig na ta, non potrebbe mai far si che essa cessi di esser la storia. 6 .• l due obieUi.vi essenziali della rivoluzione: ab-

battimento dell'ordine ,.pitalistico; riorgaoizzazio. De dello stato su basi federaliste . Da ogni parle. dunque, e a lla luce dei dati meno controversi e delle ipotesi meno azzardate, delle ob iezioni formidabili sembrano naturalmente proporsi all'attuabilità di un quals iasi disegno di ricosti tuzione su bé\si federalistiche dell'ordi namento della vita sociale. Eppure, al di fuori del regime del quale detto disegno tratteggia i lineamenti essenz.ia li , non vi è pos-

STATO ' NAZIONE . FEDERA.l..ISMO

203

sibilità di sah-czza. Ogni progresso ulteriore dello sta. to unitario e della sua tecnica di gover no, vuoi dire una degradazione ed un avvilimento ulteriori della condizione umana, un nuovo anello aggiunto alla catena per cu i in ogni tempo l'uomo fu reso schiavo dell'uomo, il compimento d i una nuova tappa forzata verso la catastrofe d i tutti i valori nei q uali ancora sopravvive ,'umana civ iltà. f:: nello stato totalitario che lo s tato unitario rinviene la s ua ultima c più compiuta espressione. E il ti po più perfetto del cittad ino di questo stato è " Italiano di Mussolini (I, meglio ancora, l'uomo massa di Hitler; una povera miserabile caricatura, dunque, della specie umané\, cu i non soltanto fa difetto ogni parvenza di esteriore dign ità, ma son persino irremissi bi lmentr !iOt_ tratti ogni secrela capacità di pensiero e gli .1ttrihUli elementari dell'esistenza cosciente. L 'uman ità invero che lo Stato unitario plasma quale uno s trumento perfetto della sua sconfi na ta potenza e assieme quale una docile materia per le s ue esperienze esemplari, è un'uma nità alla quale, dall'esterno, la propaganda ininterrottamente appresta, bell' c confetutti gli elementi della sua essenza morale; e le ragioni di vita e le inti me incli nazioni, e i criteri di giudizio e i motivi ai quali possa ricondurre ogni anche più piccolo framme nto della sua attività. Ed è appun to per adempiere senza debolezze a q uesto suo compito privilegiato che la Propaganda dello Stato totalitario adotta a fonte inesauribile della propria autorità, la menzogna; (I solo le menzogne misurate _ insegna Hitler - ha nno le virtù di produrre immancabilmente il loro effetto, e menzogne cioè talmente esorbi tanti che a nessuno venga in mente di sospettare che non siano che delle menzogne. Se una mezogna è molto g rande si può esser s icuri che almeno una sua parte sarà creduta. La massa del popolo lascia infatti più facilmente corrompere le più profonde fibre del suo cuore ch 'essa non si lasci trascinare consciamente e volontariamente a compiere il male. Tale è la sempli_ cità primitiva dei s uoi sentimenti ch'essa sarà pi uttosto vittima di una grande menzogna che di una piccola. In generale, essa stessa non commette che delle pic-


SILVIO TlIENTIN

cole menzogne perchè eSsa avrebbe troppo vergogna di commetterne delle g randi Il circolo infernale non può essere spezzato fintanto che non sia distrulto il sistema di fin zioni sul quale si appoggia e si legiltima il potere che ne permerta la saldalUra. 11 prezzo autentico della libertà è pertanto la demolizione dello stato monocentrico. Qualunque rivoluzione che non riesca ad assolvere a questO compito sa rà una rivoluzione fallila. Peggio: sarà una ri_ voluzione la quale nOn avrà servito che a forgiare delle armi nuove per l'annientamento dei valori di cui in· vano essa si sarà illusa di aver perscguito la restaurazione. E' per questo che l'abbattimento dell'ordine capitalistico non è di per sè stesso sufficiente a generare le condizioni di una veramente libera convivenza. Certo essa ne è \a premessa indispensabile; premessa però, che intanto potrà esscr messa a profitto in lo la sua realiz2.azione segua istantaneamenle la npudiazione senta riserve della tecnica di governo della società capitalistica e la violenta e s pietata sovversione di tutte le s ue artificiali soprastrutture. I due obiettivi devono essere perseguiti su llo stesso piano, concorrentemente, e con uguale indefettibile intransigenza. . Bisogna che tutti coloro i quali intendono batterSI per una rivoluzione la cui posta sia, non il trionfo di una selta , di un clan o di un sinedrio di gerarchi. più o meno infnllibili , ma la liberazione dell'uomo, SI mostrino ad ogni istante coscienti della perentorietà di una questa esigenza. Perchè il mondo capitalistico volta per sempre, sradicato dalle sue secolan fondazioni e sprofondato nella rovina, bisogna che il cittadino, in quanto produttore di beni economici,. sia per sempre spogliato di ogni facoltà di accumulaZione pa_ rassitaria e oppressiva. L'accumulazione che esorbiti la misura dentro la quale essa si costituisce naturalmente in garanzia e riflesso ad un tempo della inlCgrità e della inviolabiliti della persona, deve essere perseguita e colpita con la stessa inflessibile durezza con cui viene perseguito il crimine per definizione più inumano. Ma perchè, dai rottami del mondo capitalistico una )I .

STATO ' HAlIOtro"E _ FEDERALISMO

società libera possa a l fi ne sbocciare e ordinar durela sua esistenza secondo le genuine ispiraziom del proprio genio. bisogna che, contemporaneasia n !rantumati senza ecceziOne tutti gli strumenti C'h", smo ad oggi, hanno permesso allo stato di. conçentrare nelle mani del suo governo I eserCIZIO Integrale del potere politico. vi è che un principio la cui giudiziosa apphcazlOne permetta di raggiungere trionfalmente questo fine: il principio federalistico. Guai, però, se il federalismo, anzichè essere utilizzato per l'audace e feconda conquista dell'avvenire, dovesse esser preso a pretesto de l tentativo assurdo di ricondur la civiltà sui suoi passi. Indietro non si torna. E chi sognasse, in odio allo stato monocentrico, di moltiplicate le barriere dentro le quali gli uomml possano, nell' impunità, coltivare i loro più feroci egoismi di g ruppo, mostrerebbe di nulla inten_ dere, nè del problema della storia, nè di quello della libertà. La Rivoluzione potrà tullo (are, fuorchè impedire che che è stato sia stato; potrà tutto negare fuorchè flfmtar al capita lismo ,'eredità che da questo sarà essa. trasmessa, il giorno in cui essa sarà in grado di prcnderne la successione. La dia lettica non può operare nel vuoto, cosi come non potrebbe esservi l'oggi se nOn vi fosse stato l'ieri, nessun arbitrio rivoluzionario potrà per tanto valere a sospendere l'efficacia della legge un iversale che governa lo sv iluppo dell'economia, di quella legge apla azione inesorabi le si ritrova sempre alI ongme di tutte le grand i crisi della società. In .omaggio a detta legge, il nuovo federalismo, ben lungl dal favorire il frazionamento per settori impe_ netrabili dei rapporti economici e la resurrezione dei mercati chiusi, dovrà promuovere un armonico e stabile .coordinamento. dentro un quadro quanto meno contmentale - in attesa di diventar mondiale _ di tutte le economie particolari, messe oggi a si dura prol'a dai micidiali conflitti nazionalistici . A qua!unqpe cosio. esso dovrà evitare di ripetere, sotto questo riflesso, gli errori compiuti con tanta incoscienza dai


'06

SILVIO

pacificatori di Versailles, disinvolt i. S13. ti a buo n mercato c generosi distnbutoTi a tutti 1 p0poli redenti di ermetiche ci nture doganali. . G razie a Dio, il ricordo di quel che è accaduto In Europa centrale, in seguito a tali spensierate ini ziative _ saggiamente, del resto, ouo. Bauer pensato a tramandarne un'impressionante illustraZIone - è ancora troppo vivo perchè delle illusioni possao.o più esser nulrite al riguardo dagli uomin i della R \Voluzione. Non vi è persona oggi che ignori che tanti anni la miseria è la cond izione normale dI vlla per la maggioranza del mezzo miliardo e pi ù di essere umani s tabiliti in Europa, ciò è dov uto sovralutto _ anche tenendo contO degli effetti propri dei vizi pur tanto gravi del sistema capitalistico - alla circostanza che ciascun europeo è costretto a produrre esclusivamente per la sua propria economia nazionale ed a nu trirsi delle sole risorse che essa mette a sua disposizione. Il giorno in cui produrre per l'Europa tutta i.ntera la sua. s ituazIOne verrebbe perciò a trasformarsI. come . . Mentre infatti, l'assieme del singoli paesi di .E uro-pa soffre per eccesso di popolazione, il .europeo, preso in blocco, nOn te alla sussistenza degli abitanti che VI S I sono sta· biliti. anzi , la sottoI n regime di federazione consumazione europea attuale SI trasformerebbe, auto..maticamente a breve scadenza, in una massa g igantesca di biso'gni nuovi di consumazione al c ui soddisfacimento non tarderebbero di esser chiamati a concorrere anche gli altri continenti. Su questo terreno, dunque,. il zionario non potrà essere applicato se non In vista di una sempre più stretta compenetrazione di tutte le forze e di tutti i fattori più diversi che compongono la complessa unità e uropea. Questo suo però, esso non potrà assolvere chc alla condizione di esser pervenuto prima a dislocare il grande stalO, a frammentare, nel seno di questo, le sorgenti potere pOlitico ed i titoli per il suo effettivo esercIZIO. Qu i sta racch iuso il segreto del successo della Ri-

STATO •

• FEDERALISMO

7J)7

voluzione . La cui parola d'ordine perciò non può essere che: autonomia _ cioè: emancipazione brutale da tutte le su perstizioni a lun go intrattenute dalla menzogna nazionalistica ; affrancamento definitivo dalla estatica adorazione della macchina _ simbolo a riproduzione in miniatu ra della struttura stessa de llo stato onnipotente _ c dalla servile obbedienza alle sue leggi; disintossicazione ostinata dei veleni sottili prodigalmente inocu lati dai tenaci pregiudizi sui quali si fondano le nozioni sempre cOrrent i dell'onore c dell'eroismo.

7. - La parola d'ordine della lotta per la conquista della libertà all'Europa. Alla distanza di quasi dieci an ni da altre mie Riflessioni sulla crisi, è con le stesse parole ch'io son tentato di conchiudere questa mia nuova e disordi nata esplorazione de lle cause prossime e lontane cui sembra collega rsi lo scaten amento pauroso dell 'attuale dramma e uropeo. /( Una sola condizione può esser posta a priori alla vitalità dell'ordinamento nuovo che la Rivoluzione vit torios<'l potrà e saprà estrarre dalle sue prop rie viquella per cui l'aderenza dello stato alla realtà umana di cui esso deve esprimere la disciplina e la si ntesi n:sta fatalmente subordinata al trionfo integ ra le del princip io dell'au tonomia. E' per il posto che a questo principio essa assegnerà nel sistema deg li istitu ti che concorrono all'elaborazione della volontà dello stato, che le nuove costituzioni dei popoli e uropei dovranno sovratutto differenziarsi, sotto t'aspella g iu ridico e politico, dalle costituzioni storiche che le hanno precedute, L 'autonomia deve esser posta a lla base di ogn i attività, all'origine di ogni facoltà e di ogni potere. Essa sarà in diriuo così come essa è in (atto, il fermento vitale r:he solo può rendere operant i g li interessi deg li ind ividui come quelli dci g rupp i. Autonomia del cittadino; a utonomia dell' imprenditore: autonomia del l'azienda; autono mia del si ndacato; autonomia delle collettività territorial i, siano esse piccole o gra ndi,


208

SILVIO TRENTIN

ovunque esse dian prova dell'esistenza di un centro unitario di un focolare, per sè stante di vita economica o politica o spirituale; autonomia dello stato. l( L'autonomia dello stato non può sussistere che in d('lI' autonomia dei singoli elementi di quel mondo composito del q uale esso effettua il coordina· mento e in confronto del quale la sua volontà, in quanto intrinseca volontà di questo mondo stesso, diventa legge. Per tanto, essa non puÒ tradursi in essere che sulla base di un denominatore che sia comune a tutte le specie panicolari di autonomia che entrano a far pa rte della sua vita, di un denominatore che d i questa sia in grado di cogliere. non g li scopi parziali e contingenti , ma il fine Identico, di un denominatore, insomma, che possa forni re al gi udizio arbitrale nella cui formulazione s i concretano i momenti essenziali della missione che è propria della vita dello stato, una immutabile unità di misura. Questo denominatore comune non può essere che l'uomo nella complessa poliedricità dei suoi atteggiamenti , dei suoi appetiti , delle sue vocazioni, del suo destinon. Se, in nome e in forza di questa esigenza suprema, la R ivoluzione non saprà aver rag ione della g uerra, o se essa si mOStrerà in seguito inelta a costruire sulle basi che l'adempimenlO di questa stessa esigenza reclaml'l - la pace, l'E uropa per un tempo indefinito sarà votata a far l'esperienza della più spaventcvole barbarie: la barbarie che accopia la morale e i costumi della vita della giungla ai diabolici raffinamenti della tecnica più progredita. E, in questa ipotesi, solo un nuovo gigantesco medio evo nel quale il continente s i trovi un g iorno d'improvviso ripiombato, potrà forse ancora riservare all'uomo una estrema speranza di sal_ vezza c di rivincita. Ma per rimontar, dal fondo dell'abisso, alla luce della ch'i1tà, v,li sarà duopo, allora, di pagar il tributo di una pena di cui l'immaginazione, inorridita, si rifiuta, oggi, di apprezzar com unq\1e la misura.

INDICE

"


Prefazione

pago III

Capitolo l - Le premesse storiche della crisi politica contemporanea

Il

dell. p6litic. eontempor.nea e I. sI.lo monoeentrico - 2. La cOttillilione dell. medioc:".le: - 3. L·ide.a dell'Impero nel Medioevo e nel Rm._ oc;ml:llio. - 4. I moyimenli ereticali Il I. f,ili kJ· l'un;ll nell. JOCielà eGf.lesiul iao. L. ,eniODe y;IIOI' iosl .Idi. Monarchi ....

I. La c,;s; c,;li dello plur.rislic.a e I. re.ahà

Capitolo Il - La monarchia francese fonda trice e org anizzatrice dello Stato unitario l. L·Ìnquadr. mCIIlo ICI ••chieo di 1...li i «aI,i 10000Ii di .,ila colletliy.l. _ 2. L'emncipuione ddr. Il1O . noo ia da oeni ... iDUllo di I_ale 1IOI1";OIIe tpttto .Jt' lmpe,aIOfe .• 3. ddl. Na'I;OIIe. - 4. Il soIlenrnenlo dell. Nuioae (.(l1lI.0 la mon.rchi.. - 5. La _tillnioae .Idi. IInione 114 D:lJWChi. qua le presidio dello "'10 unil.rio.

n-

Capitolo III - La legittimazione rivoluzionaria dello Stato unitario. I . La IoOpruv;.,euu dello sI.1o u.ait.rio .ILa _ Mlchi •. - 2. La ol'liolle _unti dali. • b,se indistruttibile dell' ddlo tUto. - l. L'ideati'iu'l;one sempre piil perfetta Nni_ COlI la P .tri. e della P.tria COlI lo Stal:o. - 4. La cmtralinuioae dell'e.erc:ilio di lullo il potne rlitieo od pnllO dd\o 11110.

"

8


212

l/ollIC(:

]!oII)JCE

Capitolo lV - Il principio un itario di nazIonalità e , 'universalizzazione dello Stato unitario . pago

21

,. Origine e primi ...iluppi del movimento ve' j'u.ni.

kl1iO!le dell. "Nazione lede5oC& » . - 2. Filiazione diretta del nazioaaliln>O ,edei<:o dali. mi.lieo patriotliu d.,II. rivolu zion e " .uJCele. • 3. L ' idea di nazione -=aado il peII';"IO e I. prop.ilgand. del romanticismo led500. - ... L.. progreuiva I.uposizione del" nazio.IIlle» ilei "toCale » • • 5. !-Ieie! e I. lublimuione

W'l;II.ia.

Capitolo VIII _ Le posizioni del federalismo europeo nel corso della s ua lotta contro lo Stato unitario Proudhol1. pago 75 I. Le idee direttriei del fede/aliamo p.oudhoni.ao.. Z. Stato. iOCietà e governo nelll dOll,iM di Prou.

dell. lW.iooe nello stalo.

Capitolo V -

Il consolidarsi dello Stato mO-

nocentrico nel corso del secolo XIX. I. La teoriuuione dello Slato .ulla fallariga delle

" 31

delt'.uolutillllO mona,chieo .• Z. La ;eaeral" lal,ificuion" dei te,mini del problema dello

veedaie

unit ar i. dello Stato alb real e cOrlituzione pluraliatie& della loderà. - 4. La rapp,esenlazione dello Stalo quale U UlUlA n e U 'IOVIanill • . - 5. Stato e di,ilio. . lPOSlltiuazione dello 5lalo, quale entill dotata di una lUI JlC'Op,il ori;ina,i. capaciti di

I. G,adu.le affievolimelllo deU'idea roman. dd· J"mil.l impaiale . . Z. L 'eaplOlione del feder.li.mo dalla rovine delle CODUlioni unitarie. - 3. L'ulopia ital iau del '600 ..... La repubbliu. cittadin. mo· dello dello StltO perfetto. . 5. La ,euione nuio-

H

98

Capitolo X - L 'unità come legge di organizzazione della vita socia le .

volere.

Capitolo VII - Stato e Nazione in Italia Dal particolarismo comunale all' uni tà na· zionale

I federalisti italiani .

I . Federazione e nd pellliero dei federaliMi ilali..ni . . Z. Lotta conl'o il pregiudizio dell'uniti. _ 3. Azione poIilica e dottrina . . 4, La del movilMnlo feder.lllillico . . 5. Lo Wlilario italiano fondato lull'equi\':Kc,

ZKme

l , Conve';erlJ.a di ,viluppi del nazionalilmo e ddl. democ,uia. - Z. La COSl,ulione dello 51110 nnionalit'a ttdesco. . 3. Mux e il primato gelmlJ\ico. ... La dothina man.i" a dello 5tlOto e la teellie, man:ilta dell'aettitio del potere. - 5. Il partitolIalo.

dhon. - 3. Il « mutuali5mo ». _ 4. IncoRsiltenUi PI'" lita del programma federali.la di Proudhoo. _ 5. U corrI/add izioni ilei pellliero di Proudhon. - 6. 0pposizione fra doulina e azione in P/oudhon. 7. p,ou· dhon e il Ri5Of1limento.

Capitolo IX -

Stato, diel70 J'influenu dell. doltrina he;eliana . .

3. L'arb i'rI,i • .sovr'pPOSit.ione dell. ide.le ""ti,u'

Capitolo VI - Materialismo e idealismo ncl_ la impostazione e nella soluzione de l problema dello Stato

M!i.la unitaria nel peI!liero di Viço, • 6. Lo Stato di Vico dello di H ef!eL _ 7. La ,i.,o!uz;one f,an<:ese ed il movimento pe! l' indipen. dau. - 8. Il 1848 e la .u.a.cita della pusione fede.ali.la, - 9. M_uini ed il Irionfo della fO'lDula

))

4'

I. L' K(:etllrameJIto del potere politico. - Z. T/»!",lM1;ioni coctitllzi,)n >lli degli Slali m:>derlli negli ullimi 50 .ani. - 3. L'illustrazione ddl'e. i· gerua Wlita,i.... 4. L. g,ande gue"a e lo llatcl,· trismo.

Capitolo XI - La del mito unitario att raverso Grande Guerra. Lo Stato europeo dci dopo guerra. I. La guerra teneno per l'espe/imento dell'OIIlIipoletlU dello 5talo. - Z. Il crollo dello Slalo au!OC.u,_ 1100 in Russia e la "dittatwa del proleta,ialo l' • • 3. Lo Stato al lCtVilio del monopolio fmaaziuio iD e in Franci • . - -i. r..... SocieU. delle N.tioni

Oliano

dell'irnperi.lilmo fr.nco-bril&Jlllieo, -

5, Il re;ime IlScÌlta modello ddlo St.to \&Ditalio moderno. - 6. 1..0 51.10 lIIlZilta e.lrerna espreqioDe del manOCl'.:lltrilm<> inl.,.,..Ie.

))

122


.

.....;--_ ,;",;-_ ............... -..,. ---- ...--. _..... _........... •, _. _r-" _ _ "' _ _

. """

.c..

* ' --..- ... _ .... -

c..- XiII _ ' __ "'",,_

, ...... >.. _ _ .. _

...,; ......... .......-.

__ .. -- -_ .... ---. . '. _--_ .... ....... -_. __ .....-

.......... . . . . _..... . ,_ ',........ .L, - ..-_._ " ' -'.. ' ....... ...... ..........

• ,601

....

' 'r _ ...... ...C_''''-. .... _ "_ _ .t.""-._ .. ,. .. ,"""--.. .

C. . - l ' >' _ _ .. ri _ _ . .. .. J ........ IO . _

l. L'--o.._ ... _ - . .... _ .... _ ........ _ _

. ,,,"-""""-,"." .... _ _ ........ - - .

co.

'·.............. k _ ... ....

"-

• ,.,

Profile for Centro documentazione e ricerca Trentin

Silvio Trentin, Stato Nazione Federalismo  

Silvio Trentin, Stato Nazione Federalismo  

Advertisement