Issuu on Google+

Newsletter Speciale Food 18.5.2014

MERCATI ESTERI Aziende e Italia:

tutto possibile tutto difficile Cibus: Export Alimentare italiano da 26 a 70 miliardi Alleanza del Pacifico: 212 milioni di consumatori in Colombia con 200 buyer 23-30 Luglio Ibec Shenzen ecommerce in Cina – 29 Agosto London: SpecialityFood 7-9 settembre Italy Bureau Alliance dal 1986 10mila eur a fondo perduto per digitalizzare ed esportare entrare in ItalyBureau Alliance – CentraleExport Partecipazione condivisa


editoriale

MERCATI ESTERI newsletter

Aziende e Italia: tutto possibile tutto difficile Per le aziende in Italia tutto è piu’ lungo e piu’ difficile, ma tutto è possibile. Almeno fino a quando le piccole e medie aziende italiane riusciranno a portare avanti e mantenere vivo una patrimonio incredibile e universalmente riconosciuto di talenti, valore aggiunto , di cose buone e ben fatte, gusto , cultura tecnologia. Ma tutto è piu’ difficile , tutto è più lungo e più lento a causa di politica , burocrazia , finanza. Sono costoro, prima ancora di quelli che rubano , che stanno devastando una nazione sana fondata sul lavoro di gente capace e creativa. Tutti i giorni siamo alle prese con certificati, tasse , bollette pazze, autorizzazioni inutili che poi non arrivano mai, tempi incredibili di giustizia , per non parlare di credito, equitalia, costo del lavoro. La mission principale di banche burocrati e amministratori è diventata quella di rendere la vita impossibile alle piccole aziende italiane che sono il 96% del totale e generano il lavoro e la ricchezza del paese E devastano anche l’immagine dell’Italia. Prendiamo l’EXPO2015 . Sono stati buttati al vento 14 miliardi di soldi dei contribuenti per una cosa che non serve a niente e di cui nessuno ,a parte le imprese appaltatrici , riconosce la necessità. Ma vi rendete conto cosa si poteva portare nel nostro paese investendo questi soldi per promuovere e valorizzare le piccole imprese italiane, i territori, le eccellenze? Invece strade , infrastrutture, tangenti. E sputtanamento. tanto che il segretario dell’Onu, il birmano BanKiMoon, ha chiesto di rimuovere la sua fotografia dal sito dell’EXPO. Si vergognava. Allora sta a noi reagire. Se come imprenditori abbiamo la capacità di reagire, scrollarci di dosso apparati e burocrazie , muoverci sui mercati esteri con la stessa grinta decisione e motivazione che avevamo quando abbiamo fondato la nostra azienda, allora in Italia tutto è possibile. I buyer Cinesi e Latinoamericani che ho accompagnato a Cibus sono rimasti abbastanza delusi dei grandi marchi ma entusiasti delle eccellenze dei piccoli produttori . La via è concentrarsi su un nuovo modo di lavorare che intercetta i buyer su internet uno per uno, valorizza al massimo la valenza positiva di italianità del nostro prodotto , focalizza la presenza in eventi esteri mirati, solo quando è necessario e quando la presenza in fiera si prolunga con adeguati partner locali. I prossimi mesi le attività food/wine di ItalyBureau alliance si svilupperanno in Colombia, Cina , Londra, oltre che sui canali del business to business onlie, condividendo export officer, fiere, agevolazioni , partner residenti esteri. Tutto è possibile se lo vogliamo, specialmente con l’export del madeinitaly di qualità. Beppe Vargiu Linkedin Mercati Esteri


Cibus 2014: Export Alimentare italiano da 26 a 70 miliardi: possibile?

Export alimentare italiano da 26 a 70 miliardi possibile? I dati finali dell ufficio stampa Cibus fanno registrare un + 12% di visitatori, toccando la cifra record di 67.000 visitatori, 2700 aziende espositrici e 950 giornalisti accreditati e 12 mila buyer esteri. Lo sviluppo della fiera d’altronde è ben illustrato dal numero delle aziende espositrici: 2.100 nel 2010; 2300 nel 2012; 2700 nel 2014. C’erano anche i top buyer mondiali, ma non erano certo interessati alle piccole e medie imprese. E dai grandi espositori qualche mugugno: molti i visitatori, molte le spese, ma compratori inferiori alle aspettative. Va pero’ riconosciuto il grande sforzo organizzativo della struttura Cibus che ha messo in evidenza la fiducia delle aziende alimentari italiane in un possibile ulteriore sviluppo del mercato dell’export. Tutti parlano ora della ipotetica occasione straordinaria rappresentata da EXPO 2015, la esposizione universale che è dedicata proprio ai temi dell’alimentazione nel pianeta, con un padiglione “Federalimentare4Expo”, una struttura di 7000 mq che verrà gestita da Federalimentare con una strategia che vedremo se sarà aperta alle piccole aziende. Alla ripresa delle vendite , nonstante la presentazione a Cibus di centinaia di novità di prodotto, pochi ci credono. E’ possibile fare molto di più sul fronte dell’esportazione. Da uno studio presentato a Cibus risulta che il valore dell’export alimentare ha le potenzialità per passare da 26 a 70 miliardi di euro nei prossimi dieci anni. Molto dipenderà dal sostegno finanziario ed istituzionale alle imprese, soprattutto alal valorizzazione e incentivazione dei piccoli produttori. In questo senso assicurazioni e progetti sono giunti dal Ministro delle Politiche Agricole, Maurizio Martina, e dal Vice Ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, che entrambi hanno visitato Cibus 2014. Intanto aspettiamo che i burocrati del Mise sblocchino le 80 misure previste fin da febbraio dal decreto Destinazione Italia.

Il calendario eventi Italy Bureau Alliance aperti alla partecipazione condivisa: in Colombia con 200 buyer 23-30 Luglio: Cali e Bogotà Incontro buyer – importazione e magazzino – follow up Ibec Shenzen ecommerce in Cina – 29 Agosto Stand condiviso – ecommerce - followup London: SpecialityFood 7-9 settembre Stand condiviso – logistica UK – followup Italy Bureau Alliance dal 1986 10mila eur a fondo perduto per digitalizzare ed esportare 070-503093 o 348781100 email export@italybureau.it..


MERCATI ESTERI newsletter 212 milioni di consumatori L’Alleanza del Pacifico (Ap) è un grande progetto di integrazione regionale, economico e commerciale. Avviato l’estate scorsa tra Cile, Colombia, Perù e Messico, accoglie come osservatori 25 paesi quali Canada e Stati uniti e altri provenienti dall’America latina, dall’Europa o dall’Asia. L’Italia è paese osservatore. Si tratta di un mercato gigante e ricettivo per l’export delle PMI Italiane. Obiettivo dell’Ap è quello di rimuovere le barriere doganali e agevolare il commercio tra i quattro paesi membri (a cui stanno per aggiungersi Costa Rica e Panama), che già a loro volta sono firmatari di trattati di libero commercio (Tlc) con Usa e Ue. Si configura così un’area pari all’ottava economia più forte del mondo Si tratta di un mercato di 212 milioni di abitanti , con tassi di crescita fra i più elevati e soprattutto consumatori particolarmente aperti all’offerta delle PMI italiane. Nello statuto costitutivo, viene ribadito che l’Alleanza del Pacifico: non si pone in contrapposizione con gli altri due blocchi regionali il Mercosur (Argentina, Brasile, Venezuela, Uruguay e Paraguay) e l’Alianza bolivariana per i popoli delle Americhe (Venezuela, Bolivia, Cuba, Ecuador e Nicaragua), è aperta a siglare nuovi accordi ed è anche una piattaforma di articolazione politica, d’integrazione economica e commerciale e di proiezione verso il resto del mondo. La presenza italiana su questo mercato è debole. Ma nessun imprenditore può ignorare un mercato di 212 milioni di persone. Bisogna esserci. E ItalyBureau Alliance ci sarà, con il tipico modello lowcost condiviso particolarmente adatto all’export dei prodotti alimentari italiani . Incontreremo i Buyer AP con una scadenza piu’ adatta agli opertori italiani il 23 luglio a Cali, in Sud Colombia, e il 30 luglio a Bogota, con un progetto che si fa carico non solo di introdurre il made in italy ma anche di assicurarne il successivo sviluppo con una piattaforma logistica e commerciale. A Cibus Parma I giorni scorsi abbiamo raccolto interesse e adesioni: è vitale entrare su nuovi mercati , è importante farlo con partner locali residenti. Link ufficiale alianza del pacifico: http://alianzapacifico.net Info : export@italybureau.it


MERCATI ESTERI newsletter

18maggio 2014 pag 5

200 buyer in Colombia il 23 e il 30 luglio Prosegue

la cooperazione con AdGlobalCorp e gl incontri periodici con I Buyer Allianza del

Pacigico 2 eventi luglio 23 e luglio 30 Location: Cali e Bogotà . SARETE FRA LE PRIME AZIENDE ITALIANE NEL CUORE ECONOMICO DELLA COLOMBIA : PORTATE I VOSTRI PRODOTTI SUL MERCATO CON LA CRESCITA PIU’ RAPIDA DI TUTTA L’AMERICA LATINA, SEDE DELLA ALIANZA DEL PACIFICO, MERCATO COMUNE DI 212 MILIONI DI CONSUMATORI CHE UNISCE COLOMBIA, MESSICO, CILE E PERU. . Chi sono gli espositori? Fabbricanti, produttori e distributori di vini (pregiati, rare, original, terroir), Gourmet Foods, alimenti tipici, bio, attrezzature e design per catering e Horeca, articoli da regalo, e molto altro. more. Chi sono I visitatori? Fine food stores Wine stores Food professions (caterers, cheese makers, pork butchers, confectioners, chocolate makers, etc.) Fine foods for mass & specialized retail Grossisti, Hospitality industry , Professionals (chefs, sommeliers) AD GLOBAL GOURMET AWARDS Al termine dell’evento saranno premiati con medaglia d’oro argento e bronzo 3 prodotti per ogni categoria, scelti attraverso il voto dei 200 buyer professionali e chef presenti all’evento. Saranno presenti fra le altre: COLOMBIAN INDUSTRY ASSOCIATION GASTRONOMICA ( Acodres ) HOTEL AND TOURISM ASSOCIATION OF COLOMBIA ( COTELCO ) WINE CLUB COLOMBIA COSTO DI PARTECIPAZIONE : 435 eur per evento, 2 eventi sconto 15% , con un massimo di 5 referenze (wines and/or foods) Includes: Spese doganali at destinazione Presentazione dei prodotti nel corso dell’evento da parte dello staff ItalyBureau Gestione ordinativii da parte dei buyers Inserimento nei cataloghi internazionali AD Global Group e ItalyBureau Alliance oltre che nel marketplace CentraleExport (businessradar.it). Un programma di viaggio e soggiorno low cost dall’Italia è disponibile per gli espositori che volessero partecipare a uno o a entrambi gli eventi. Agevolabile con digitalybursau voucher destinazione iialia. Per info e registrazioni in Italia: 070-503093 o 348 7811100 ibpacifico@italybureau.it oppure compila il form su italybureau.it/digitalybureau


MERCATI ESTERI newsletter

Progetto SHENZHEN/ IBEC

FWI Italy FWI 意大利

La base operativa è a Shenzhen, 14 milioni di abitanti, 30 minuti da HongKong , tradizionale porta di ingresso per la Cina con showroom dedicato ai prodotti delle aziende aderenti al Progetto FWI-Italy . Food&Wine Importers, capofila YangGe, è una trading formata da operatori industriali cinesi e partner italiani residenti in Cina da anni e perfettamente introdotti nel tessuto sociale. L’attività di vendita è infatti indirizzata soprattutto verso piccoli distributori, rivenditori, alberghi, ristorazione, supportata da attività di promozione che spaziano dalla partecipazione alle maggiori fiere B2B in Cina agli eventi conviviali di presentazione delle aziende, alla possibilità di temporary shop. Servizio Spedizioni Saranno assistite tutte le fasi della spedizione della merce dall’Italia alle strutture in Cina, dove FWI-Italy si occupa dello sdoganamento, ricezione, smistamento degli ordini ed eventuale spedizione della merce direttamente al cliente finale (sia via aerea sia via mare). E-commerce in Cina L’e-commerce in Cina è un vero fenomeno sociale: Taobao, una sorta di e-Bay cinese, con 500 milioni di utenti registrati e 40 milioni di visitatori al giorno è il più grande sito di e-commerce cinese, e forse del mondo. Proprio su Taobao verranno messi in vendita, accompagnati da una breve descrizione, i prodotti delle aziende aderenti al Progetto FWI-Italy. Lo smistamento degli ordini e le spedizioni sul territorio cinese sono gestiti dalla piattaforma FWI di Shenzhen, presso il quale deve essere immagazzinata e quindi disponibile la merce già sdoganata, requisito indispensabile per poter accedere all’ e-commerce in Cina Mainland.. ADESIONE AL PROGETTO FWI Italy I prodotti selezionati sono presentati nel corso di eventi con Grossisti, Distribuzione e Horeca e commercializzati sul web cinese. Include : - Verifiche preliminari di conformità prodotti ed etichette - Assistenza spedizione e stoccaggio presso la piattaforma logistica di Shenzhen di un quantitativo minimo di merce a discrezione dell’azienda Italiana. - Servizio E-COMMERCE con inserimento prodotti selezionati sulla piattaforma eCommerce Taobao, traduzione delle descrizioni in cinese, attività online dello store manager cinese addetto al customer service e alla ricezione degli ordini. - Servizio esposizione dei prodotti dell’azienda presso il nostro spazio all’interno della struttura di Shenzhen (include movimentazione prodotto, stoccaggio a magazzino, assicurazione, servizio di carico e scarico) e la partecipazione a eventi di presentazione/degustazione di prodotti che si svolgono nella struttura. - Attività di promo-commercializzazione presso grossisti, distributori e aziende del canale HO.RE.CA. in Cina - promo punti vendita, eventi eno-gastronomici . -Partecipazione Ibec Shenzen 29- 30 agosto da 350 eur.


MERCATI ESTERI newsletter

IBEC 2014 27-29 agosto SHENZHEN Partecipazione condivisa aziende italiane selezionate ItalyBureau Alliance

La quota include

Piattaforma Logistica Condivisa E.Commerce cinese Showroom Shenzhen Personale italiano e cinese Follow up fiere locali Max 20 aziende A carico aziende

costi prima fornitura etichettatura, spedizione e dogana . Quotazioni da 350 eur export@italybureau.com Info 348.7811100 Fax 070-7731887

food&Wine Importers Italy IBEC 2014


Italy Bureau alliance organizza la partecipazione condivisa alla Speciality Fine Food Fair, si Londra, fiera dedicata alla presentazione dei prodotti gourmet e speciality food a selezionati operatori del trade inglese. La fiera si terrĂ  a presso il London Olympia dal 7 al 9 settembre 2014. Il serrvice include magazzinaggio , followup commerciale e logistica per UK Quotazioni da 400eur *

and


MERCATI ESTERI newsletter

Italy Bureau Alliance best from Italy dal 1986


Italy Bureau alliance opera in 4 dimensioni

18Maggio 2014 pag 10

MERCATI ESTERI newsletter

1 I partner italiani

ItalyBureau Alliance selezionano la migliore offerta delle PMI in Italia, la inseriscono nei cataloghi ufficiali, svolgono funzioni di ufficio estero associato online e di internazionalizzazione finanziata

2 Il marketplace CENTRALE EXPORT

Italybureau (businessradar.it) , accoglie i cataloghi di 60mila aziende italiane e la domanda dei buyer esteri

4

Il programma di missioni eventi business matching e fiere condivise collegato ai progetti del distema DigItalyBureau

3

I partner delle piattaforme logistiche ItalyBureauAlliance e gli affiliati esteri ItalyBureau Espat vendono ai buyer e distributori esteri i prodotti italiani selezionati


MERCATI ESTERI newsletter

18Maggio 2014 pag. 11

10mila eur a fondo perduto per Digitalizzare ed esportare E’ stato pubblicato sulla G.U.R.I. il Dl n. 145/13 coordinato con la legge di conversione 21 febbraio 2014, n. 9 su “Interventi urgenti di avvio del piano 'Destinazione Italia', per l'internazionalizzazione, lo sviluppo e la digitalizzazione delle imprese, nonché misure per Expo 2015”. Tra le misure contenute nella versione definitiva del Dl, si segnalano, in particolare, quelle relative alle piccole e medie imprese - sono previsti voucher di 10 mila euro per le Pmi che investono in tecnologia . Appositi decreti sono in fase di emanazione con le operative di presentazione delle richieste di voucher . Si prevede un click-day che esaurirà rapidamente le risorse e solo le aziende che si preparano per tempo con un apposito progetto di digitalizzazione e internazionalizzazione potranno beneficiare delle risorse che sono comunque cospicue (sono stati allocati 100milioni di eur per questo intervento). Le aziende che volessero fruire di questo beneficio devono quindi organizzarsi per verificare l’ammissibilità, strutturare in modo ottimale il loro progetto e predisporre tutto quanto è necessario per presentare la richiesta di contributo. Il check di ammissibilità Voucher Digitalizzazione è ricompreso nelle attività del checkup Exportagile, un rapido briefing online riservato alle aziende che richiedono di essere ammesse nella CentraleExport ItalyBureau.

Il servizio Internazionalizzazione di ItalyBureau Alliance con i suoi partner ExportOfficer e InfoBroker residenti in tutte le regioni d’Italia rende disponibile un servizio gratuito di orientamento e di alert sulle opportunità di finanziamento dei progetti di innovazione e internazionalizzazione con fondi pubblici Europei (SME Instrument, Cosme, Horizon), Nazionali. Regionali.


MERCATI ESTERI newsletter

Maggio 2014 pag. 11 Con il voucher destinazione Italia

per digitalizzare e esportare

DIGITALY BUREAU Il prodotto e-business innovativo che porta all’estero le aziende italiane Non si è mai visto un software che mette in contatto le aziende italiane con i buyer esteri e le accredita sui canali del commercio internazionale Il sistema viene fornito alle unitamente a 12 mesi di assistenza online degli ExportOfficer e dei partner affiliati Infobroker: un vero e proprio uffico estero a vostra disposizione. Le operazioni sono integrate con le 5 piattaforme internazionali della ItalyBureau Alliance a Miami, Colombia , Londra, Dubay : in collaborazione con AdglobalCorp, YangGe , con il supporto dei programmi EuropeanInnovators beyond the borders, con la partecipazione al programma europeo Trade It , con i partner expat Italybureau associati nel mondo. DigiTalyBureau è fornito in modalità “cloud” con un allestimento ritagliato su misura per il progetto estero di ogni azienda proponente e puo’ essere finanziato con i voucher digitalizzazione con un contributo fino a 10mila eur a fondo perduto


dal 1986 gli esperti di banche dati del commercio estero


MERCATI ESTERI Speciale food Maggio