Page 1


2:


3: Se non li conoscete guardate il capobanda È un boia o un assassino colui che li comanda Sull'orbace s'è indossato la camicia e la cravatta Perché resti mascherato tutto il sangue che lo imbratta Ha comprato un tricolore e ogni volta lo sbandiera Che si sente un po’ l'odore della sua camicia nera Punta a far l'uomo da bene fino a quando gli conviene Ora lo riconoscete Almirante è sempre quello Con il mitra e il manganello ben nascosti nel gilet (Se non li conoscete- Fausto Amodei)


4: Perchè scrivere un dossier sulle associazioni collaterali di Casapound Italia? La domanda potrebbe sorgere spontanea ad alcuni meno avvezzi a discutere di fascismo, molto meno per chi ormai da decenni deve fare i conti con questi rigurgiti della storia nelle proprie città. Non parliamo solo di Dax o di Valerio Verbano, ma di tutti gli stranieri, gli omosessuali, i militanti aggrediti, feriti o uccisi. Noi che abbiamo più volte, purtroppo, sentito il loro puzzo nelle vicinanze dei nostri interventi non possiamo esimerci dal denunciarli. Dal denunciare la loro vera natura di nostalgici, di fascisti del terzo millennio, che tanto alacremente cercano di nascondere sotto la maschera del volontario di buon animo e disinteressato. Dobbiamo denunciare i loro viscidi tentativi di infiltrarsi nelle lotte sociali, dalle occupazioni di case alle campagne contro Equitalia. Ogni centimetro di agibilità politica che viene loro lasciato diventa spazio di propaganda e aggregazione. Se non è bastato il fascismo storico (italiano, spagnolo, greco, cileno...) a capire il perchè non debbano esistere certe congreghe, potrebbe aiutarci qualche buona lettura su Alba Dorata in Grecia o su Svoboda in Ucraina. Quindi i motivi sono molteplici. Anzitutto occorre ricordare che Casapound, checchè ne dica Iannone (il loro leader) in tv, è una associazione, anzi meglio dire ormai un partito, dichiaratamente fascista. Loro stessi amano definirsi “fascisti del terzo millennio”. Il riferimento temporale al terzo millennio non è secondario: ritengono infatti di aver ammodernato l'impianto classico del partito fascista con nuove forme comunicative e di pratiche sociali. Dalle occupazioni di case per soli italiani, alla costruzione di gruppi di “assistenza e


5: solidarietà”, come La Salamandra, a gruppi di disabili e donne. Hanno infatti scoperto che le pratiche sociali sono un ottimo sistema per conquistarsi legittimità , per sdoganarsi, per costruirsi spazi di agibilità politica in cui aggregare e propagandare il fascismo, sovrapponendosi e “invadendo” un campo che storicamente è stato appannaggio della sinistra. Dal canto nostro, abbiamo rischiato di incappare nei loro gruppi organizzati sia durante il terremoto in Emilia sia in occasione dell'alluvione in Sardegna, dove i camerati hanno ,nel primo caso, gestito insieme alla Protezione Civile i campi di Scortichino e Pilastri (frazione di Bondeno) e nel secondo caso hanno girato armati di pale per mezza Olbia. Sul piano internazionale, la costruzione di fronti di solidarietà, ad esempio, con la Siria o con il popolo Karen in Birmania permette loro di costruirsi relazioni sul piano internazionale con altre realtà dichiaratamente fasciste o naziste, ma non solo (affronteremo il problema dei contatti tra l'estrema destra italiana e lo spaccio internazionale più avanti). Per fare altri esempi citiamo: -di qualche tempo fa è la notizia per cui i No Muos hanno dovuto organizzare un presidio antifascista per denunciare i tentativi di infiltrazioni nere nel loro movimento popolare di difesa del territorio e della salute1. -anche la vicenda dei forconi ha messo bene in evidenza i tentativi

1

http://www.nomuos.info/palermo-presidio-no-muos-a-piazza-verdi-ifascisti-sfilano-in-solitudine-la-polizia-carica-ed-arresta/


6: disperati di Casapound di trovare spazi politici2. Noi ci sentiamo politicamente obbligati a sollevare il problema, a denunciare ogni associazione collaterale di CP Italia, sopratutto in quelle occasioni in cui si sfruttano altri nomi (la Salamandra, la Foresta che avanza, Impavidi destini, Solidarites Identites) in modo da non far risultare in maniera diretta il legame tra queste associazioni e Cp Italia, così da infiltrarsi in contesti favorevoli al radicamento politico con una faccia “ripulita”, da bravi ragazzi, per poi propagandare gradualmente il fascismo, con tutto ciò che si porta dietro: identitarismo, nazionalismo, xenofobia, omofobia, sessismo, violenza squadrista. Spesso infatti la rivendicazione del lavoro svolto come associazione collaterale gira sui canali internet di Cp Italia, ma non è così evidente quando i volontari de La Salamandra girano a ripulire le case dei sardi alluvionati. Che si potrebbe dire contro volontari che armati di pala assistono gli sfollati o organizzano presidi contro le pellicce, il taglio degli alberi o il maltrattamento degli animali nei circhi? Identificarli, denunciarli è una necessità non più rimandabile, fosse anche perchè durante le fasi di crisi economica, certa propaganda sull'italianità, contro i banchieri e i migranti ha effetti potenzialmente davvero penetranti: fare intorno a loro terra bruciata, smascherarli è parte integrante di una sacrosanta necessità di costruire un fronte antifascista capillare che impedisca lo sviluppo e l'apertura di spazi politici utili all'avanzare di concetti e organizzazioni fasciste. 2

http://roma.repubblica.it/cronaca/2013/12/17/news/forconi_cresce_l_atte sa_per_il_sitin_di_domani_movimento_spaccato_casapound_sar_in_piazza-73831530/


7: Di chi parleremo? Principalmente de “La Salamandra” e “La Foresta che avanza”che sono le due associazioni, una di protezione civile, l'altra ecologista, con cui Casapound tenta di infiltrarsi entro due campi, la solidarietà e l'ecologismo, tipici della sinistra mondiale. Ma anche di altre realtà e associazioni (ad esempio l'Uomo libero onlus) non direttamente organizzate da Casapound, ma che collaborano strettamente con loro.


8: LA SALAMANDRA associazione di protezione civile di Casapound Italia Pagina nazionale su Facebook: https://www.facebook.com/pages/La-SalamandraCPI/206821346002383 Responsabile nazionale: Pietro Casasanta Cercare Pietro Casasanta su Google apre immediatamente un mondo: si trovano cose molto interessanti. Ad esempio che è stato rinviato a giudizio per aver fornito una carta di identità falsa a Mario Santafede, un grosso spacciatore internazionale legato alla camorra (ma anche con passati contatti sia con i Nar sia con la Banda della Magliana), tra i 100 più pericolosi ricercati d'Italia. Santafede era già stato condannato , alla fine degli anni '70, a otto anni per droga nel processo contro la Banda della Magliana insieme ad ex esponenti dei Nar come Cristiano Fioravanti, Massimo Carminati o Maurizio Lattarulo, nei mesi scorsi salito agli onori della cronaca per la sua "consulenza" con il Campidoglio. Due sono gli indagati nel processo di favoreggiamento a Santafede: Pietro Casasanta e Andrea Antonini3. Antonini,consigliere di CPI del XX Municipio di Roma eletto tra le file de La Destra, avrebbe aiutato a fornire una carta d'identità falsa a Santafede, a nome di un terzo, Filippo Lo Brutto, testimoniando perfino davanti agli impiegati del XX Municipio romano sulla veridicità 3

http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/07/09/antonini-leader-dicasapound-rischia-processo-per-favoreggiamento-a-spacciatore/288601/


9: del documento, ritrovato poi in tasca di Santafede al momento dell'arresto avvenuto a Barcellona. I reati contestati sono favoreggiamento personale e falso materiale4. Antonini balzò alle cronache anche per aver subito una gambizzazione a Roma nell'Aprile del 2011, in quello che pare essere stato un regolamento di conti interno agli ambienti dell'estrema destra romana. Episodio non isolato: nel Febbraio 2012 viene gambizzato sempre a Roma Francesco Bianco, anche lui ex Nar. Il sospettato attentatore sarebbe Carlo Giannotta, responsabile della sede Acca Larentia di Roma, l'ex sede Msi divenuta famosa per il rogo del 1978. Nell'indagine è stato coinvolto anche Gianluca Iannone, responsabile nazionale di Casapound5.

Chi sono, cosa fanno Troviamo traccia di interviste di membri de “la Salamandra” sull'Ideodromo, il forum on line in cui i vertici di Casapound danno la linea politica ai militanti. Contenitore divenuto “famoso” ai tempi della strage di Piazza Dalmazia a Firenze per la “misteriosa scomparsa” ,in fretta e furia, di tutti gli scritti di Gianluca Casseri, il militante di CP Pistoia che ormai due anni fa, ha ucciso a colpi di pistola Samb Modou e Diop Mor, 4

http://archiviostorico.corriere.it/2013/febbraio/10/CasaPound_Nar_favore ggiamento_narcos_co_0_20130210_be92cfba-734f-11e2-b858ce6cba0f662e.shtml 5

http://www.romatoday.it/cronaca/carlo-giannotta-arresto-acca-larentia13-gennaio-2012.html


10: senegalesi venditori ambulanti, e ferito un terzo che ora è paralizzato6.

Ecco alcuni estratti dell'intervista a Casasanta7: “La Salamandra si sviluppa dalla naturale propensione di Cpi a intervenire in soccorso del popolo italiano, là dove più ha bisogno. I volontari, uomini e donne, iniziano a prestare sevizio dopo aver conseguito i brevetti di base (primo soccorso e antincendio), per poi passare all’attività di volontariato, nonché ai brevetti di livello superiore. “

6

http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/12/13/ritratto-gianluca-casseri-killerestrema-destra-pensione-fantasy/177280/ 7

http://www.ideodromocasapound.org/?p=940


11: “Noi prestiamo servizio per le associazioni di volontariato, offrendo il primo soccorso e la logistica, ma interveniamo anche in emergenza. Promuoviamo seminari nelle scuole e partecipiamo ad esercitazioni multidisciplinari in tutta la penisola. Le difficoltà sono sempre presenti nella vita di un soccorritore. Ci si può trovare ad intervenire in presenza di feriti o in situazioni di pericolo come incendi o frane. Proprio in queste situazioni si evidenzia l’importanza dell’addestramento svolto. “ “Tutti coloro i quali sentono di voler prestare un servizio di alto livello a favore della gente anche in situazioni di pericolo o necessità, sono ben accetti. Infatti molti di noi non fanno parte di Cpi. “ Dopo aver collaborato per qualche anno con la Protezione civile, gestendo un campo di terremotati in Abruzzo,si costituiscono ne La Salamandra, presenziando nelle alluvioni ligure, pugliese, sarda e nel terremoto emiliano. Sovrapponendosi in toto con i militanti di CPI sono presenti in tutte le città italiane dove è aperta una sede del partito neofascista. Alcuni esempi, molti dei quali di natura banalmente assistenziale e difficilmente non condivisibili, di cui son stati motore.

Novara: dove hanno avviato una raccolta di coperte per i senza-tetto

Salerno: un guardaroba solidale per l’infanzia, un centro di ascolto per la famiglia e il progetto “Cicogna solidale”. La raccolta di materiale per


12: eventi di protezione civile, il ritiro di rifiuti ingombranti per la salvaguardia dell’ambiente. Hanno organizzato anche corsi di primo soccorso in collaborazione con l'Asad Pegaso, associazione di volontariato, nella sede de “la Salamandra” di Salerno, condivisa anche dall'associazione “federcasalinghe, obiettivo famiglia”. All'inaugurazione della sede hanno presenziato il sindaco Giuseppe Salvioli, l’assessore alle politiche sociali, Massimo Paolini, nonché Giuseppe Alberga, responsabile dell’unità barese di Protezione Civile “La Salamandra”, il dottore Pietro Cosimo Ippolito. Quest'ultimo è responsabile provinciale di Casapound Bari e membro del Grimes, il gruppo di medici e infermieri di Casapound Italia8.

Bari: attività simili a quelle sopra descritte. Colpisce la loro partecipazione, praticamente in incognito, ovvero depurati da ogni richiamo nostalgico, al Meeting del Volontariato, evento organizzato dal Centro di servizio al volontariato “San Nicola” con il patrocinio della Regione Puglia, della Provincia e del Comune di Bari presso la

8

http://www.dentrosalerno.it/web/2013/05/06/bellizzi-inaugurazionesede-provinciale-salamandra-e-federcasalinghe/


13: Cittadella Mediterranea della Scienza di Bari.

Dalla pagina facebook de La Salamanrda: “In occasione della manifestazione,l'associazione di volontariato e di Protezione Civile "La Salamandra" sarà presente con uno stand per illustrare al pubblico le proprie attività di volontariato, grazie anche all'ausilio di dimostrazioni pratiche di Primo e pronto Soccorso e Bls a cura dei medici del Grimes e verrà effettuata una raccolta straordinaria di beni di prima necessità per la popolazione della Sardegna colpita duramente dall'alluvione. Durante la due giorni, inoltre, sarà dedicato uno spazio alla disabilità con l'intervento del presidente nazionale di Impavidi Destini, Serena Grasso. Infine domenica mattina allo Stand n.32 interverrà il Prof. Pasquale Mario


14: Bacco per parlare di Sicurezza sul lavoro e approfondire alcuni aspetti riguardo le attuali norme vigenti. “9

in Sardegna: hanno operato sopratutto a Olbia dove hanno distribuito beni di prima necessità e aiutato nelle operazioni di pulizia. Durante queste iniziative sono entrati in contatto con qualche fascistello del Liceo Scientifico "Mossa" anche questo colpito dalle violenti piogge, per il quale è stata creata una raccolta fondi di sostegno. Sulla pagina facebook appare come una campagna di raccolta fondi chiamata da La Salamandra, ma la pagina da cui si effettuano le donazioni è a nome di “Blocco studentesco Sardegna”, organizzazione degli studenti medi di Casapound10.

Roma: corsi di formazione su primo soccorso all'università Roma 3, raccolte di beni per i senza tetto.

9

https://www.facebook.com/permalink.php?id=206821346002383&st https://fundrazr.com/campaigns/ce8Te/ab/615Rt0

10


15: Il terremoto in Emilia e il “sabba mistoculturale”11 In Emilia hanno collaborato con la Protezione civile nella gestione dei campi di Pilastri e di Scortichino, frazioni di Bondeno. Hanno presenziato assiduamente alle assemblee del Coc (centro operativo comunale) in cui si organizzavano gli aiuti e la gestione dei campi della Protezione civile. Hanno organizzato varie raccolte di beni di prima necessità (e alcuni loro camion sono stati respinti dai terremotati stessi) e distribuito il parmigiano terremotato di alcune società modenesi.

Foto profilo della pagina Facebook del campo di Scortichino

11

https://www.facebook.com/lasalamandra.camposcortichino


16: Ma è proprio nel campo di Scortichino che accade il patatrac: i “nostri” infatti, che si dichiarano “0% razzisti, 100% identitari”, si son trovati a gestire due dei campi a più alta presenza di stranieri.

Da l'Unità del 21 Luglio 2012: “Solo qualche giorno fa nel campo che accoglie gli sfollati dal terremoto in Emilia Romagna, allestito nella località di Scortichino, si è tenuta una festa della comunità musulmana, visto che nel campo è altissima la presenza di migranti provenienti dal nord Africa. A Scortichino sono presenti i militanti di Casa Pound con la loro associazione di protezione civile la Salamandra che con le magliette della loro organizzazione si sono fatti immortalare sorridenti proprio durante la festa, tra scritte in arabo e piatti etnici. Gli scatti sono poi finiti su vivamafarka, e a questo punto è scoppiata feroce la polemica: da una parte chi non ci ha trovato nulla di male, visto anche il contesto in cui la festa si è svolta, e chi, scandalizzato, ha gridato all'eresia e al tradimento “12. Nel forum del movimento, vivamafarka, si scatenano lunghe discussioni. Si parla della festa islamica in tre threads dal titolo esplicativo: 1)ripensare il concetto di razza 2)Casapound e la festa islamica 3)soccorso selettivo ai terremotati Alcuni commenti sono estremamente esplicativi: Matapolis ovvero Gabriele Adinolfi ( fondatore del partito CPI, già

12

http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/08/09/casapound/319567/


17: indagato per la strage di Bologna e per alcuni altri reati associativi, da cui si sottrasse dandosi alla latitanza. Assolto con formula piena , come accade spesso ai fascisti, torna in Italia dove riprende l'esperienza di Terza Posizione, formazione ultrafascista, per poi dedicarsi esclusivamente a Casapound e alla Guardia d'onore alla cripta di Mussolini) scrive: “Mi auguro sia stato un colpo di calore e la mancanza in loco di capi. Perché 1) altro è intendere la questione migratoria diversamente dall'elementare ma cercare di risolverla 2) altro è sostenere le culture esotiche 3) altro è sostenere le identità BEN ALTRO è trasformare il sotto e il sopra, il nord e il sud e andare scriteriati a esprimere buonismo globalista. Ripeto. Mi auguro sia stato un colpo di calore e la mancanza in loco di capi. “ Infine la festa islamica viene definita “sabba mistoculturale”. I commenti son tutti legati intorno al tema del “nei disastri aiutiamo solo gli italiani?” E le risposte sono di questo tipo: “(parlando dell'Islamic relief italia, associazione che ha operato nel cratere terremotato) Mi sembra che il colore della pelle degli oggetti di questi aiuti umanitari sia più scuro di quello del modense medio, ma è pur vero che io sono pallido stile postpunk.


18: Fanno bene, hanno le loro priorità . Ma ti assicuro che ci sono almeno un paio di associazioni nel territorio che stanno raccogliendo aiuti da destinarsi esclusivamente ad italiani, bypassando quindi la Protezione Civile�.


19: Lecce e Napoli: collaborazione con l'Ail13: “L’A.I.L. onlus Napoli, in collaborazione con l’Associazione “La Salamandra Napoli”, è impegnata per la vendita delle Uova Pasquali per raccolta fondi e sensibilizzazione alle problematiche legate alla leucemia, linfomi e mieloma. Il ruolo dell’A.I.L. è fondamentale per il miglioramento dei servizi e dell’assistenza socio-sanitaria in favore dei leucemici ed altri emopatici e delle loro famiglie, privilegiando il volontariato senza fini di lucro. “

13

https://www.facebook.com/lasalamandranapoli


20: Collaborazione col Comune di Surbo (Lecce)1415: Pare che l'associazione di protezione civile di Casapound goda di ampio rispetto in quel di Surbo, piccolo comune leccese il cui sindaco è Fabio Vincenti, quarataduenne imprenditore eletto tra le file della lista civica Surbo, rimpastone di pdl e destra locale, già assessore nella precedente Giunta. Infatti il comune di Surbo, con delibera della giunta comunale n°23 del 31/01/2013 ha concesso un tributo di 300 euro a La Salamandra “ - Vista ed esaminata la richiesta datata 24/01/2013 prot.n.1272 presentata dal signor Pierluigi Annicchiarico, Responsabile Regionale per la Puglia del gruppo di Protezione Civile “La Salamandra”- via Sozzo,39 – Lecce, tendente ad ottenere la concessione di un contributo straordinario, avendo svolto servizio d’ordine durante le manifestazioni Natalizie 2012 presso l’IPERCOOP ed il Presepe vivente Ma la collaborazione non finisce al presepe vivente: spunta una dimostrazione di tecniche di primo soccorso nella Sala consiliare del comune di Surbo16. “Si è svolta oggi pomeriggio nella SALA CONSILIARE DEL COMUNE DI SURBO una dimostrazione di primo soccorso, BLS e disostruzione in 14

https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=309016135886986 &id=147402368658228 15 http://www.comune.surbo.le.it/documenti/amministrazioneaperta/101677_DelGC_2013_23_v3.pdf 16 https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=309016135886986 &id=147402368658228


21: età pediatrica organizzata dalla protezione civile La SalamandraLecce. Un ringraziamento all'amministrazione comunale e all'assessore alla protezione civile Andrea Conte. “

La Salamandra e il premio del XX Municipio di Roma: La Salamandra ha anche ricevuto una onoreficenza dal XX Municipio di Roma (si quello dove è consigliere Antonini) e dall'Associazione nazionale degli alpini per aver partecipato all'organizzazione della commemorazione per i 70° anni della battaglia di Russia, riferendosi nel dettaglio alla battaglia di Nikolajewka in cui l'esercito nazista, quello fascista e quello ucraino subirono gravissime perdite dopo l'attacco sferrato dall'Armata Rossa per sfondare la linea sul Don e iniziare la penetrazione verso l'Europa.


22: La Salamandra in Birmania:

E' da metà della estate 2012 che spuntano sulla pagina di Iannone, il gerarca di Casapound, una serie di post sulla situazione in Birmania. Si viene a scoprire che la Salamandra ha spedito una squadra di camerati a organizzare una “missione umanitaria” assieme a Solidarité Identités, altra onlus legata a Casapound. Da contropiano.org “Fra le varie attività dell'associazione La Salamandra legata a Casa Pound, da tempo si segnala quella a favore della popolazione Karen in Birmania, una minoranza etnica che dal 1948 conduce la lotta armata contro il governo centrale gestito da una giunta militare. Una causa, quella del Knla (Karen Nation Liberation Army) che incontra "aiuti"


23: stranieri, non sempre disinteressati visto che la zona del conflitto è anche al centro della produzione di anfetamine e del traffico di eroina. Negli ultimi anni diversi gruppi neofascisti italiani hanno fatto della lotta dei Karen una loro bandiera nella rappresentazione dell'autodeterminazione dei popoli. Anche Casapound ha promosso iniziative con raccolte fondi, in collaborazione con l'associazione Popoli, fondata dal fascista veronese Franco Nerozzi. Questa 'comunità solidarista', come si definisce, ha fondato un ospedale da campo in un villaggio Karen e distribuito medicinali alla popolazione, due attività chiaramente solidali e benefiche. Ma la Procura di Verona sembra aver scoperto che queste attività non si limitassero all'ambito umanitario. Secondo le risultanze processuali la Birmania è stato infatti il luogo di addestramento per un gruppo di volontari reclutati dallo stesso Nerozzi per realizzare un golpe nelle Isole Comore, vicino al Madagascar, . Nel computer di Nerozzi i magistrati hanno trovato foto che lo ritraevano assieme ad alcuni “avventurieri” accanto a mitragliatori, granate, mortai, bombe e grazie anche alle intercettazioni telefoniche i magistrati si sono convinti che le missioni di Popoli siano anche una copertura per un campo d'addestramento. Nerozzi, è stato arrestato con l'accusa di terrorismo internazionale ma si è sempre proclamato vittima di un equivoco, ma alla fine ha patteggiato una condanna a un anno e dieci mesi. Una volta scontata la pena, ha ripreso l'attività in Birmania e da qualche anno anche col supporto di Casapound. Dal 2008 a oggi – secondo quanto ha ricostruito il settimanale 'l'Espresso' - sono almeno quattro le missioni svolte da Casapound in Birmania fra i guerriglieri karen. In un paio di occasioni della delegazione di Casa Pound in Birmania ha fatto parte anche Alberto Palladino detto Zippo, arrestato a fine 2011


24: per un'aggressione ad alcuni militanti del Pd proprio di rientro dalla Birmania e poi condannato a due anni e otto mesi. Nel 2010 anche Gianluca Iannone, presidente di Casapound è entrato clandestinamente in Birmania dalla Thailandia insieme ad altri fascisti. Per una settimana ha girato per i villaggi Karen insieme a Nerozzi, al colonnello Nerdah Mya e alle sue Black Special Forces “ Da l'Espresso: “Mentre resta un mistero come sia possibile che le divise nuove di zecca delle Black Special Forces, che combattono nella giungla birmana, abbiano come distintivo il fascio littorio, un simbolo presumibilmente sconosciuto nel sud-est asiatico. “ La magistratura, ha indagato sulla questione: all'inizio abbiamo ricordato che Antonini, è indagato assieme a Casasanta (responsabile nazionale de La Salamandra”) per favoreggiamento nei confronti di Santafede, spacciatore internazionale camorrista. Dalle indagini è emerso un legame tra Casapound italia e i produttori di eroina e anfetamina birmani. Il dubbio era legittimo visto che Birmania, Thailandia e laos formano il tirangolo d'oro della droga e che Antonini è sotto processo per copertura verso un trafficante internazionale. Ma i legami tra fascismo e spaccio affondano già negli anni 70, ai tempi dei contatti tra Nar e Banda della Magliana: sul legame tra estrema destra e droga stavano indagando proprio Fausto e Iaio1718, uccisi barbaramente da 17

Sulla morte di Fausto e Iaio consigliamo: http://www.ecn.org/leoncavallo/faja/dossier.htm


25: un commando fascista di cui faceva parte anche Massimo Carmnati, esponente della Banda.

Aggiungiamo anche che, insieme a loro , in Birmania c'era un'altra Onlus, l'Uomo libero. Qui il sito: http://www.luomolibero.it/ I legami con Casapound italia qui son del tutto nascosti. Nulla del sito fa pensare ad un possibile legame con CPI. Sembra una normalissima onlus, fin quando non si approfondiscono meglio i contenuti del sito. Spuntano quindi: Mostra sul “genocidio degli italiani in Crimea”: “ Con la pubblicazione di questo video si intende confermare l’impegno di solidarietà a favore di una comunità nazionale -la nostrache, ingiustamente deportata e genocizzata rivendica con forza la sua origine ed identità italiana” E una commemorazione, dal titolo “nel cuore nessuna croce manca” di alcuni soldati nazisti e fascisti morti in un assalto in un bunker, avvenuto il 28 Aprile 1945 a Torbole. Ma anche una raccolta fondi, di 100.000 euro, per la realizzazione di un film su “una storia dimenticata avvenuta a Codevigo (Padova), tra l’aprile e il maggio 1945, dove una brigata partigiana si rese protagonista di una 18

e il più recente articolo http://www2.radio24.ilsole24ore.com/blog/biacchessi/?p=377


26: vendetta cruenta, passando per le armi 150 fascisti -o presunti talirastrellati nella zona. La storia ha inciso profondamente nella coscienza e nella memoria della popolazione locale, tanto da voler essere dimenticata -a tutti i costi- ancor oggi; al punto che quando si è saputo che cosa volesse raccontare Belluco, tutte le porte gli si sono chiuse e un velo d’omertà è calato implacabile, come la nebbia in quella pianura. “

PER LA SEZIONE MISTERI: Nella succitata intervista per l'Ideodromo Casasanta si vanta che la Salamandra sia stata riconosciuta dall’Osce (Organization for Security and Co-operation in Europe). Non si trova traccia di ciò da altre fonti. In secondo luogo non si riesce a capire se La Salamandra sia un gruppo accreditato (quindi che gode di tutti i benefit e delle protezioni legali) alla Protezione civile nazionale o meno. Dopo la strage di Piazza Dalmazia persino i quotidiani nazionali si occuparono della vicenda. Tra una polemica e l'altra sul 5xmille a Casapound (in quanto associazione di promozione sociale legalmente riconosciuta, ne ha facoltà) spunta un dibattito sulla sua adesione o meno alla Protezione Civile. La Prociv ha negato l'accreditamento, che di fatto non risulta negli archivi, eppure i “bravi ragazzi” di CPI vanno in giro col logo della Prociv cucito sulle divise. Ci sono comunque molte foto, sui vari profili facebook di casapound e de La Salamandra, di esercitazioni assieme alla Protezione


27: Civile


28: Le foto si possono trovare qui: Savignano- 30 settembre, 1 e 2 ottobre 2011 https://www.facebook.com/media/set/?set=a.206835436000974.54 805.206821346002383&type=1 qui: Arzano (Napoli)- 20 Novembre 2012 http://cpicampania.altervista.org/arzano-na-esercitazione-dellasalamandra-con-la-protezione-civile/ e qui, dove La Salamandra Napoli riassume le esercitazioni e sfoggia nell'header del sito (sotto) il simbolo della Protezione Civile Nazionale e della Presidenza del Consiglio dei ministri http://lasalamandranapoli.jimdo.com/2003adoggives/


29: LA FORESTA CHE AVANZA Responsabile nazionale: Alberto Mereu, candidato per Casapound alle regionali nel Lazio Il programma nazionale si conclude così: La Foreste che Avanza, forte delle esperienze di lotta precedentemente acquisite in altri ambiti, vuole distanziarsi dai soliti parolai peace and love, usando come metro di valutazione la battaglia indefessa e costante, affinché ai manifesti e alle parole seguano le azioni. Per un regime della natura. Il programma è un misto di condanne a speculazione e profitto/mercificazione degli animali, lotta al baronato della ricerca, rigetto della dieta americana che ha surclassato quella italica facendo schizzare alle stelle il consumo di carne, difesa indefessa degli alberi, contro il giro d'affari dietro il randagismo. Arrivano quuasi a suggerire il vegetarianesimo, poi virano verso un “vabbè riduciamo la carne”. Tra le loro inziative da ricordare: -Flash mob in un campo rom a Roma, per sensibilizzare sulla violenza che gli animali subiscono dentro i campi rom: appesi peluche gocciolanti di sangue finto con uno striscione “la nostra fine nei campi rom”. -Sportello di servizi veterinari gratuiti. -Flash mob contro le pellicce. -Flash mob contro il maltrattamento degli animali. -Contestazioni ai circhi


30:

Il più grande evento di cui si rendono protagonisti è la “festa dell'albero”, che pare avere in Italia una “nobile tradizione”. Scrivono dal blog laforestacheavanza.org Ambiente: La Foresta che Avanza celebra la Festa dell’Albero, un arbusto in ogni Comune per dire ‘Mai più alluvioni’ Roma, 21 novembre – Un albero piantato in ogni Comune e striscioni con su scritto ‘’Amate gli alberi come amereste i vostri figli". Così la Foresta che Avanza ha ricordato anche quest’anno, come ogni 21 di Novembre, la Festa dell'Albero istituita in Italia da Arnaldo Mussolini. Una ricorrenza che il gruppo ambientalista ha voluto dedicare al popolo sardo, che, spiega in una nota il responsabile nazionale dell’associazione, Alberto Mereu, ‘’si trova ad affrontare con grande dignità una situazione tragica causataanche dall'incuria ambientale e da un dissesto idrogeologico provocato da chi sul grigio altare del profitto sacrifica il nostro patrimonio ambientale". La “festa dell'Albero” fu invenzione per l'appunto di Arnaldo


31: Mussolini, fratello del duce, amante della natura e professore di agraria, direttore de “Il popolo d'Italia� e correttore delle bozze dei discordi di Benito.

Finanziamenti: ma come si mantengono? 5xmille: Casapound nel 2009 è diventata una associazione di promozione sociale regolarmente riconosciuta. Ha quindi diritto al 5xmille. Nel dettaglio i camerati prendono dallo stato: Nel 2010: 14mila euro Fra il 2010 e il 2011 oltre 41 mila euro del 5 per mille come si legge dalle liste dell'Agenzia delle Entrate: 27 mila è la somma indicata dagli ultimi dati diffusi - del 2011 - frutto della libera scelta fatta davanti al commercialista da un migliaio di italiani. Sulla questione sono stati sollevati diversi problemi: Nel 2011, dopo la strage di Piazza Dalmazia, Idv, Prc e anche una parte di Pd chiesero l'eliminazione, mai avvenuta, di Casapound Italia dalle liste del 5xmille. Ma anche giuridicamente si pone il problema:


32: se partiamo dall'assunto che Casapound sia un partito e non una associazione, dato che si candida alle elezioni, in teoria non avrebbe diritto al 5xmille perchè questo è riservato alle associazioni e non ai partiti. La legge Zamagni sul 5xmille parla chiaro: "Non si considerano in ogni caso ONLUS [...] i partiti e i movimenti politici". - decreto legislativo 460 del 1997, all'articolo 10. Ma l'inganno è presto spiegato: casapound non risulta in nessun elenco del 5xmille. Risulta però “L'isola delle tartarughe” registrata come “associazione per attività di intrattenimento e divertimento. Non si trova traccia in giro di questa organizzazione, che risulta avere due dipendenti, finchè non ci si concentra sul codice fiscale: 09301381001. Perchè questo codice fiscale risulta in tutti i manifesti in cui Casapound chiede il 5xmille. Nella vicenda che raccontiamo capita a pennello una inchiesta dell'Huffington post che comincia a pubblicare le prime informazioni sul giochino di Casapound per ricevere i finanziamenti. Interviene così il Ministero dello sviluppo economico insieme all'Agenzia delle entrate, che ispeziona i locali della cooperativa “l'Isola delle Tartarughe”19.

Ecco il risultato dell'ispezione: “Una sede facile da raggiungere – essendo situata ad appena a sei 19

http://www.huffingtonpost.it/2013/05/16/5x1000-a-casapoundispezione-ministero-sviluppo_n_3286344.html


33: isolati, cioè 800 metri, da CPI – che però poco aveva a che spartire con i soliti locali da ufficio. Fonti riservate del ministero, infatti, raccontano di “un appartamento in parziale stato di abbandono, con tanto di brandine”, che poco corrisponde alle aspettative degli uffici di una società cooperativa. “

E la decisione del Ministero: “Da oggi il ministero per lo Sviluppo Economico rompe il salvadanaio di CasaPound, negando al movimento politico che si richiama esplicitamente all'esperienza fascista gli oltre 41 mila euro del 5 per mille che dovevano arrivargli direttamente dalle casse dello stato per il biennio 2010-2011. Soldi pubblici che CasaPound Italia continua formalmente a chiedere, come si può leggere ancora oggi sul loro sito. Ma che in realtà vedono come corretto destinatario una società cooperativa onlus a responsabilità limitata, “L’isola delle tartarughe”.”20

I regali di Alemanno: Siamo nel 2009 e i consiglieri di opposizione di diversi municipi accusano Alemanno di aver sottratto più di 2 milioni di euro da regala e ad amici e parenti. Lo fa tramite un bando per “attività folkloristiche, sportive, culturali” e ovviamente i soldi finiscono in parte anche nella borsa di Ca$$aPound. Oltre ovviamente ad aver finanziato il Gruppo Escursionistico Orientamenti, emanazione

20

http://www.huffingtonpost.it/2013/06/17/casapound-italia-5-per-millenegato-partito-neo-fascista_n_3453862.htm


34: dell'associazione neofascista Raido.21 Dal Fatto Quotidiano, edizione cartacea, del 24 Settembre 2009 “Al sesto posto, con 70 punti, c’è il Gruppo Escursionistico Orientamenti, associazione culturale che fa parte di “Raido”, una comunità militante ispirata alla destra radicale che, tra le tante attività, ha organizzato per il 26 settembre un incontro dal titolo “Volontari. L’epoca dei combattenti europei nelle Wlafen SS”. L’iniziativa - scrive ancora ‘il Fatto quotidiano’ - cui parteciperanno lo storico Massimiliano Afiero e il combattente SS Leibstandarte Ferdinando Gandini (si legge nel volantino), è organizzata insieme alla Fondazione RSI, che si occupa di divulgare documenti e studi storici sulla Repubblica sociale italiana, il fascismo e la seconda guerra mondiale” “

Ma questi sono ancora bruscoletti, se pensiamo che Iannone ha rischiato di ricevere in dono da Alemanno nientedimenoche un palazzo storico in via Napoleone III a Roma. Nel bilancio del Comune di Roma spunta infatti l'acquisto dei locali di via Napoleone III occupati dall'associazione di estrema destra CasaPound. Da paesesera.it : "E' un'aberrazione, una follia e una provocazione", secondo il 21

http://www.romatoday.it/politica/finanziamenti-casa-pound-soldi-lottegladiatori-proteste-municipi-sinistra.html


35: segretario romano del Pd Marco Miccoli che sottolinea come l'operazione avvenga "in un bilancio di lacrime e sangue, che contempla ad esempio la vendita del 21% di Acea per ricavare 200 mln di euro, per poi spenderne 11 per acquistare e donare un palazzo all'associazione fascista capitanata da Iannone"22. Miccoli aggiunge: "Stiamo parlando di una cifra enorme dentro un bilancio che taglia i servizi, taglia il sociale, non si occupa della crescita e dello sviluppo, aumenta le tariffe, vende Acea… ma compra Casapound! E poi ci si lamenta se gli antifascisti romani accusano il sindaco di essere ambiguo sul suo modo di essere antifascista". Tutto naufraga in mezzo alle polemiche, finchè nel Dicembre del 2012 Alemanno fa marcia indietro, affermando che lo stabile in via Napoleone III non è più una priorità.

Infine ci sono varie istituzioni (sopratutto regioni) che, chi sa se consapevolmente o meno, han finanziato Ca$$apound. L'onlus “l'uomo libero” di cui abbiamo parlato prima, ha ricevuto finanziamenti dalla regione Trentino Alto Adige per il loro progetto “terra e identità” in Birmania in sostegno dei Karen2324.

22

http://www.paesesera.it/Politica/Bilancio-11-mln-per-comprare-la-sededi-CasaPound 23

http://www.luomolibero.it/2010/03/birmania-conclusa-la-missionecongiunta-popoli-%E2%80%90-luomo-libero-onlus/ 24 http://www.luomolibero.it/progetti/birmania


36:


37:

Le associazioni collaterali di cpi v 1 0  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you