__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1

Campalto · Malamocco · Marghera · Alberoni · Cipressina Cannaregio · Malcontenta · San Marco · Gazzera · Dorsoduro Trivignano · Giudecca · Mestre · Torcello · Terraglio · Sant'Elena Dese · Murano · Carpenedo · Castello · Chirignago · Lido · Favaro Pellestrina · Asseggiano · San Polo · Catene · Sant'Erasmo · Santa Croce · Bissuola · Mazzorbo · San Pietro in Volta · Burano · Zelarino

IL PROGRAMMA

UN’IMPRESA COMUNE


UN’IMPRESA COMUNE La nostra città sta andando nella direzione sbagliata. È necessario e urgente un rilancio che parta da un grande progetto civico, aperto ai cittadini e trasversale, che si traduca in un buon governo, capace di progettualità, di un pensiero strategico e di concretezza. Bisogna voltare pagina. Questo programma contiene le principali priorità di quell’Impresa comune che ci impegniamo a realizzare per costruire una città nuova, bella e sicura. È il frutto del lavoro di sintesi di tutte le osservazioni, i suggerimenti, i consigli che abbiamo raccolto direttamente dai cittadini, dalle associazioni, dalle categorie sociali ed economiche, da tutti coloro i quali hanno deciso, come noi, di “metterci la faccia” e di “scendere dall’albero”. Per troppo tempo ci siamo girati dall’altra parte, pensando che fosse sufficiente delegare l’Amministrazione della città più bella del mondo ai soliti noti, che vivono di politica, con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti: un disastro economico e sociale.

Per tutta la durata del mandato, devolverò interamente lo stipendio che spetta al primo cittadino a un fondo vincolato per il sostegno delle persone in condizioni di bisogno nel nostro territorio. È venuto il momento di impegnarci, per raggiungere ogni elettore casa per casa, perché tutti si sentano compartecipi di questo progetto. Iniziamo a scrivere insieme una nuova storia delle “Città di Venezia”. Il 31 maggio tracciamo un segno di fiducia sul nuovo inizio. Se vinciamo noi, vince Venezia. E se vince Venezia, riparte anche l’Italia. Luigi Brugnaro

1

Luigi Brugnaro Sindaco: Un’Impresa Comune

Io non ho mai vissuto di politica e non vivrò mai di politica. Mi sono candidato Sindaco per una scelta di coscienza, perché ritengo di dovermi mettere in gioco, a servizio della città che amo con la mia esperienza, le mie competenze e la mia visione di città.


Per la sicurezza Vogliamo una città in cui tutti i cittadini si sentano sicuri nelle proprie case, nel proprio quartiere, lungo le vie e in tutti i luoghi pubblici. Oggi non è così. La criminalità di strada e il degrado urbano e sociale crescono a macchia d’olio. È il risultato di un’Amministrazione comunale che da troppi anni ha sempre lasciato fare, perché non ha voluto intervenire. Non possiamo più affidarci alla parte politica che ha governato la città negli ultimi 20 anni. Tutti assieme, con le persone di buona volontà, le associazioni di volontariato, il mondo dello sport, l’universo della cultura, restituiremo a Venezia la sicurezza che le manca.


Sicurezza Le Azioni  Ordinanze immediate per l’allontanamento dei mendicanti e degli accattoni; il contrasto ai venditori abusivi e ai molesti; il controllo di persone e merci irregolari.  Vigili presenti 24h su 24h sul territorio e non dentro gli uffici per atti amministrativi.  Un’unica centrale interforze, per il controllo coordinato del territorio, dove convergano tutte le telecamere di videosorveglianza per il presidio costante e per l’invio immediato delle squadre di pronto intervento.  Varchi elettronici all’ingresso della città per riconoscere i veicoli rubati.

 Una squadra di ispettori per controllare tutti gli immobili pubblici, gli assegnatari, il numero degli occupanti, le condizioni igieniche, lo stato delle manutenzioni.  Tolleranza zero contro la prostituzione.  Lotta alle infiltrazioni mafiose anche con l’adozione formale della “Carta di Avviso pubblico” – Codice per la Buona Politica e della delibera “trasparenza a costo zero”.

3

Luigi Brugnaro Sindaco: Per la sicurezza

 I principali incaricati dei servizi pubblici saranno le sentinelle della legalità dell’Amministrazione Comunale, con un collegamento privilegiato con la centrale interforze.


Per lo sviluppo economico e il lavoro La nostra Città deve diventare un eccezionale attrattore per investitori nazionali e internazionali e per far arrivare nuove imprese. Tutte insieme diventeranno il motore della ripresa economica creando nuovi posti di lavoro. Venezia finora non ha avuto una classe politica capace di sviluppare le condizioni necessarie per la ripresa economica. Questa classe politica ha fallito. Serve una svolta che consenta alla città di esprimere tutte le sue potenzialità e trasformarle in un benessere per tutti. Noi siamo il “Partito del Lavoro”, oltre i vecchi schemi della politica, per non perdere più nessuna opportunità d’investimento e per crearne di nuove.


Sviluppo Le Azioni  Creare subito un’Agenzia di sviluppo del territorio, che sarà l’interfaccia istituzionale di chi vorrà investire nella nostra realtà.  Aggiornamento della Legge Speciale, anche con la previsione di una fiscalità di vantaggio sugli investimenti.  Garantire tempi, costi e procedure certi per le bonifiche, richiedere al Governo che i protocolli operativi per le bonifiche siano inseriti in un decreto legge e che svincoli Porto Marghera dai siti di interesse nazionale.  Allargare la zona franca ad almeno 110 ettari, per poter accrescere il vantaggio competitivo ai fini dell’attrazione di nuovi investimenti e creare molti nuovi posti di lavoro.

 Un grande piano per la manutenzione urbana che favorisca il recupero degli immobili privati, anche attraverso micro-investimenti, per rendere la città più bella così da rilanciare il settore dell’edilizia.  Riduzione delle tasse comunali per chi riqualifica edifici e capannoni destinati alle attività innovative e del terziario avanzato che creino nuovi posti di lavoro.  Far funzionare lo Sportello unico per le Attività produttive.  Un piano urbanistico per lo sviluppo verticale delle città della terraferma, con il contestuale recupero delle periferie, ricucendo il tessuto urbano e superando le barriere ferroviarie e stradali, i vuoti urbani e i quartieri popolari isolati.  Sostegno al commercio, all’industria, all’artigianato locale, all’agricoltura e alla pesca, anche con la creazione di una consulta permanente.  Sostegno alla nautica, anche con la predisposizione di nuovi approdi in tutta la laguna.

5

Luigi Brugnaro Sindaco: Per lo sviluppo economico e il lavoro

 Revisione integrale del Regolamento Edilizio per favorire la riqualificazione ed il restauro degli edifici.


Per i giovani Realizzeremo un GRANDE PROGRAMMA EDUCATIVO, fondato sullo sviluppo dei talenti, dei saperi e della conoscenza, con la messa in rete di tutti gli Istituti di formazione superiore, delle Università e delle altre realtà dell’istruzione. Il modello di riferimento è quello delle grandi città universitarie, come Boston, che hanno saputo coniugare l’attrattività di un importante polo formativo con un’offerta occupazionale di alto livello. Questo consente di mantenere i caratteri identitari dell’intero ambiente urbano, rendendolo aperto ai contributi degli studenti e delle loro famiglie che provengono dall’Europa e dal mondo.


Giovani Le Azioni  Valorizzazione dei migliori talenti con iniziative che premino l’impegno e i risultati raggiunti.  Sostenere l’imprenditoria giovanile, ad esempio attraverso il recupero di magazzini ed altri immobili pubblici, il loro cambio di destinazione d’uso e il loro affitto ad equo canone, con il vincolo di non cedibilità a terzi.  Nuovi spazi di aggregazione e promozione di eventi, di attività musicali e di spettacolo.  Individuazione di spazi specifici da destinare a luoghi di socializzazione e ricreazione, senza interferire con i residenti, specie nelle ore serali e notturne.

 Avviare il progetto “prendi in casa uno studente”, che promuove la coabitazione tra pensionati che hanno necessità di piccole attenzioni quotidiane e studenti universitari fuori sede che cercano alloggi a costi contenuti.  Sviluppo progressivo del Wifi gratuito su tutto il territorio comunale.

7

Luigi Brugnaro Sindaco: Per i giovani

 Una cabina di regia unica per la promozione a livello mondiale delle nostre eccellenze a partire dall’Università di Ca’ Foscari, lo IUAV, l’Accademia delle Belle Arti, il Conservatorio di Musica e le altre eccellenze formative.


Per gli anziani e il sociale Vogliamo prenderci cura delle molte persone anziane che vivono nel nostro territorio, ampliando le forme di assistenza domiciliare per quelle che vivono da sole e coinvolgendo quelle ancora attive nella vita sociale della città. La famiglia costituisce ancora oggi il luogo prima di educazione alla relazione, all’accettazione dell’altro e dev’essere consultata riguardo alle politiche scolastiche: affermiamo la nostra netta contrarietà alla “teoria del gender” ritenendo che papà e mamma e non genitore 1 e genitore 2 siano dei punti di riferimento irrinunciabili per la crescita e lo sviluppo dei figli.


Anziani Le Azioni  Difendere e migliorare il livello dei servizi sanitari e sociali.  Dare precedenza ai veneziani sui pontili di accesso ai vaporetti.  Far tornare le giovani famiglie in centro storico e nelle isole, attivando politiche di incentivazione all’arrivo di aziende e posti di lavoro.  Rafforzare i collegamenti con l’ospedale e i distretti sanitari.  Assicurare un’adeguata manutenzione dei marciapiedi e delle strade e un’adeguata illuminazione dei luoghi pubblici.

 Facilità di concessione ad associazioni di volontariato per la cura degli spazi verdi di prossimità.  Applicazione del “Fattore Famiglia” alle addizionali comunali, alle imposte locali e alle tariffe dei servizi, tenendo conto dei carichi familiari.

9

Luigi Brugnaro Sindaco: Per gli anziani e il sociale

 Incentivazione dei progetti di orto urbano.


Per una migliore qualità della vita Vogliamo una città che torni a essere il luogo dove far crescere i nostri figli e far invecchiare bene i nostri genitori e i nostri nonni, in cui i servizi sociali accompagnino i cittadini lungo tutto il percorso di vita, anticipandone e sostenendone i bisogni con diverse forme e modalità. Presteremo particolare attenzione alle politiche per la famiglia e alle fasce più deboli della popolazione, garantendo in sinergia con gli Enti competenti ed anche con il volontariato il massimo livello dei servizi sociali e sanitari e la semplificazione dell’accesso ad essi.

Q


Qualità Le Azioni I centri dei quartieri devono tornare ad essere luoghi di socializzazione e catalizzatori di eventi, con una programmazione che preveda le distribuzione lungo tutto l’anno in tutto il territorio, di iniziative da Pellestrina a Trivignano. Sostenere un piano del commercio che stabilisca orari di apertura legati alle necessità delle donne e delle famiglie, disincentivando le aperture domenicali dei centri commerciali. Recupero degli spazi verdi e delle aree attrezzate per praticare lo sport all’aria aperta e favorire i giochi per i bambini, mettendoli in sicurezza e tenendoli vigilati per allontanare malintenzionati, delinquenti e spacciatori.

Migliorare su tutto il territorio l’accessibilità per i diversamente abili e per persone a ridotta mobilità. Rendere gli uffici comunali accoglienti per i cittadini, con servizi dedicati per le giovani mamme (nursery), la connessione ad Internet gratuita e un sistema automatico per i certificati. Riorganizzazione dei servizi di pulizia urbana, con la figura dell’operatore ecologico di quartiere, che con i cittadini e le attività economiche, sia protagonista della zona assegnata e responsabile del mantenimento del decoro. Revisione delle agevolazioni economiche in rapporto all’utilizzo dei mezzi pubblici, non solo legati all’età, ma ai reali bisogni dei cittadini.

11

Luigi Brugnaro Sindaco: Per una migliore qualità della vita

Attivare e coordinare una campagna sul senso di appartenenza civica a partire dalle scuole, attraverso le Istituzioni, associazioni sportive, culturali e di volontariato che operano in città.


Per risanare il bilancio Il rilancio della città passa per la capacità non solo di amministarla, ma anche di governarla, puntando sull’efficienza organizzativa e l’efficacia degli interventi. Servono, con urgenza, misure eccezionali e lungimiranti per non tagliare i servizi, non aumentare le tasse ai cittadini e garantire e sviluppare l’occupazione. Il Commissario prefettizio ha rappresentato una situazione drammatica, con un buco di bilancio spaventoso. Amministrare una città in piena emergenza è un’impresa difficile, ma se la trasformiamo in un’impresa comune coinvolgendo le migliori risorse possiamo ottenere i risultati sperati. Non serve tagliare se non si riorganizza la struttura della spesa. Servono rigore e trasparenza. Inefficienza e mancanza di merito fanno crescere la cattiva politica e mortificano la professionalità: l’efficienza crea invece sviluppo per tutti.

R


Risanare Le Azioni Risaneremo il bilancio senza mettere le mani nelle tasche dei cittadini del Comune di Venezia, anzi l’impegno è di ridurre l’ormai insostenibile carico fiscale che grava sui residenti e le imprese. Riorganizzeremo la macchina comunale e le società partecipate, con un grande piano di valorizzazione dei dipendenti per dar loro la possibilità di esprimere al meglio le proprie capacità e potenzialità. Attueremo una grande operazione verità con massima trasparenza su tutti gli atti pubblici e i bilanci.

Rilancio del Casinò, che non dev’essere privatizzato ma deve tornare ad essere una risorsa importante per la nostra città. Realizzeremo progetti strategici capaci di accedere ai fondi europei destinati le città metropolitane.

13

Luigi Brugnaro Sindaco: Per risanare il bilancio

Ridefiniremo i premi di risultati dei dipendenti pubblici su criteri condivisi oggettivi e non più soggettivi, premiando le buone pratiche e l’efficienza dei servizi.


Una città che ritrova il sorriso la speranza l’entusiasmo e la voglia di fare


Per lo sviluppo delle infrastrutture Venezia è capitale dell’umanità per definizione, crocevia naturale tra il Nord ed il Sud, tra l’Est e l’Ovest, lungo i principali corridoi europei. Le ultime Amministrazioni comunali hanno contrastato le iniziative di maggiore successo, come il Porto e l’Aeroporto, ma anche di chi vuole investire in altri settori, come il turismo e la logistica. Occorre definire le condizioni essenziali e i relativi piani attuativi per consentire che lo snodo infrastrutturale veneziano possa crescere e svilupparsi a servizio della ripresa economica.


Infrastrutture Le Azioni  Mantenere l’arrivo delle navi da crociera alla Stazione Marittima attraverso Malamocco, la variante delle Trezze e il Canale Vittorio Emanuele.  Connessione della stazione ferroviaria di Mestre e dell’aeroporto con l’Alta Velocità.  Valorizzazione dell’aeroporto Marco Polo, che già nel nome si qualifica come porta naturale verso l’Est e l’Oriente, promuovendo nuove rotte internazionali. Sviluppo dell’area attorno all’aeroporto (Quadrante di Tessera), integrandolo con la vocazione agricola del territorio circostante.

 Promozione del District Park, che renderà Porto Marghera il polo logistico a maggior valore del Mediterraneo, con benefici diretti e indotti sul territorio retrostante e l’intero Nordest.  Connessione con la fibra ottica in tutta la città metropolitana per garantire l’accesso veloce ad Internet a tutte le famiglie e a tutte le imprese, per restare al passo con la competizione globale.  Sperimentazione con la partnership delle grandi aziende dell’ICT perché Venezia sia progetto pilota a livello mondiale per le smart-city.  Completamento delle opere ancora in corso di esecuzione, a partire dalla rete tramviaria cittadina.  Eliminazione delle ZTL in centro a Mestre, promozione delle aree pedonali e completa revisione del sistema di parcheggi per i clienti dei negozi dei centri urbani. 17

Luigi Brugnaro Sindaco: Per lo sviluppo delle infrastrutture

 Attività di controllo nelle fasi di completamento e gestione del Mose e del sistema di salvaguardia della Laguna secondo i criteri di efficienza e sostenibilità.


Per una cittadinanza partecipe Noi crediamo che possa nuovamente emergere un futuro di qualità e benessere. La partecipazione attiva dei cittadini è il cardine del vivere la città: la comunità si compone dal nucleo originario delle famiglie a quello più organizzato delle associazioni, dei sindacati, delle categorie, ciascuna portatrice di interessi, ma con un impegno comune che è il bene della città. Riteniamo fondamentale realizzare una rivoluzione culturale, per cui si passi da una visione statalista della città a una visione che valorizzi e incentivi le libere iniziative private secondo il principio costituzionale di sussidiarietà.

C


Cittadinanza Le Azioni Sostenere tutte le politiche di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, allargando gli orari di apertura dei servizi all’infanzia, con l’integrazione tra le scuole statali e quelle paritarie.

Censimento – in modo completamente cristallino - di tutti gli immobili del Comune di Venezia, per dare le giuste risposte ai ceti sociali più deboli che da anni attendono soluzioni concrete. Revisione completa dei servizi cimiteriali, a cominciare dalla riduzione delle tariffe e dall’eliminazione dei posteggi a pagamento. Riscoperta del ruolo dei “maestri”, dei “talenti” e delle “attività storiche” con la creazione di premi annuali per la loro valorizzazione. Sperimentare “nidi part-time” e “nidi ad ore” aperti alle mamme in cerca di lavoro.

19

Luigi Brugnaro Sindaco: Per una cittadinanza partecipe

Revisione trasparente degli appalti e della gestione dei 37 milioni di euro per il sociale, per migliorare la qualità dei servizi per i cittadini, dando maggiore cura per chi ha bisogno.


Per la tutela dell’ambiente, del paesaggio e degli animali La nostra amministrazione sarà molto determinata nel garantire la massima qualità dell’ambiente naturale e del paesaggio, uno degli indicatori più importanti della qualità della vita. L’educazione ambientale, l’attenzione al riciclaggio, la gestione dei rifiuti, il consumo consapevole dell’acqua, il risparmio energetico saranno inseriti in tutti i percorsi formativi e saranno oggetto di campagne di sensibilizzazione, sia per i residenti che per i milioni di turisti. Dal punto di vista ambientale, la raccolta differenziata è fondamentale per rendere più vivibile la città, ma l’obiettivo dovrà essere, diversamente da oggi, un utile economico che riduca i costi di gestione che hanno raggiunto livelli insostenibili.

A


Ambiente Le Azioni  Un grande piano per i parchi pubblici, spazi fondamentali per il benessere cittadino: organizzazione di eventi, chiusura di alcuni di notte, illuminazione delle vie di accesso, videosorveglianza diffusa, controllo costante e aree attrezzate per i cani.  Completa trasparenza nella concessione degli spazi comunali (parchi e Forti) con le organizzazioni, profit e non profit, che vorranno gestirli.

 Maggiori risorse – non solo economiche – per la cura degli animali domestici, tramite convenzioni con gli operatori del settore.  Revisione del Regolamento comunale di igiene urbana veterinaria e sul benessere degli animali, ormai obsoleto, e la previsione di un nuovo canile, del servizio di cremazione e del cimitero per gli animali da compagnia.  Blocco e ritiro del progetto del Parco della Laguna Nord;  Sviluppo dei progetti a consumo zero di territorio e di utilizzo delle tecnologie di risparmio energetico e /o con fonti rinnovabili.  Promozione della mobilità ciclopedonale, con un continuo confronto tra le associazioni e l’Amministrazione per programmare gli interventi di sviluppo e manutenzione, collegando tutte le piste ciclabili in un’ottica di città metropolitana.  Strategia per il potenziamento di attività complementari alla pesca in Laguna come ad esempio il pescaturismo e l’ittiturismo.  Un piano di sviluppo rurale per riscoprire e valorizzare le tradizioni agricole della terraferma e delle isole, come fonte di nuova occupazione.

21

Luigi Brugnaro Sindaco: Per la tutela dell’ambiente, del paesaggio e degli animali

 Creazione della figura del Garante per la Tutela degli Animali per coordinare le iniziative e le associazioni.


Per il turismo e il glamour Turismo e cultura, attività da sempre veneziane, sono sinonimo anche di divertimento. Venezia è romantica. La storia ci ha raccontato una città unica. La bellezza è riconosciuta dai milioni di turisti che ogni anno la visitano. Ma il turismo, una delle motrici dell’economia veneziana, rischia di trasformarsi nel suo più grande limite: per ogni abitante del Centro storico ci sono quasi 400 turisti ogni anno, dei quali quasi 300 mordi-e-fuggi. È come se ogni giorno un veneziano accogliesse un nuovo ospite. Siamo già oltre la sostenibilità. L’assenza di una regia ha portato ad un turismo di qualità sempre più bassa, alla pari con il sorgere di un risentimento diffuso dei residenti verso i visitatori. È evidente che il contributo dei turisti per la gestione della città deve equilibrare quanto Venezia offre loro, ma non deve trasformarsi in un biglietto di ingresso ad un parco di divertimenti. Il turismo, da secoli specialità veneziana, ha da tempo ricadute dirette, indirette e indotte in Terraferma e nell’intera area metropolitana e si declina ormai in molti modi.


Turismo Le Azioni  Regolamentare i flussi turistici, rimodulando la tassa di soggiorno, ed organizzare servizi e trasporti per evitare congestioni, creando nuovi itinerari.  Offerta personalizzata al turista per suscitare emozioni, con l’esperienza diretta nelle attività tipiche quali ad esempio la voga, la vela, i laboratori artigiani del vetro di Murano, del merletto, delle maschere, la cucina e la pesca.  Trasformare i turisti in “amici di Venezia”, legarli con un sistema di card per i servizi che comprenda non solo i trasporti, ma che consenta l’accesso privilegiato ad una Venezia che sia in grado di farli sentire ospiti graditi.  Tolleranza zero chi considera Venezia uno spazio dove bivaccare.  Favorire lo sviluppo di nuova occupazione e di nuova imprenditoria nel turismo.

 In ogni piazza, cinema, spazio pubblico da Pellestrina a Trivignano, da Malcontenta a Burano, si deve aver la possibilità di sentirsi partecipi delle attività della Biennale, della Mostra del Cinema, della Fenice e degli altri eventi.  Far tornare il glamour internazionale al Lido e nelle isole, non solo durante la Mostra del Cinema, ma in ogni stagione, in accordo con le strutture alberghiere e ricettive per promuovere l’ospitalità di personaggi famosi.  Creazione di eventi anche in periodi di “bassa stagione” per valorizzare il fascino della città tutto l’anno.

23

Luigi Brugnaro Sindaco: Per il turismo e il glamour

 Una campagna promozionale a livello internazionale anche per il turismo nella terraferma.


Per le nostre eccellenze Le produzioni culturali sono un campo nel quale la Città ha un potenziale ancora inespresso di livello mondiale, sempre retoricamente evocato e mai tradotto in specifici impegni dalle amministrazioni che si sono succedute negli ultimi decenni. Non sono significative solo per se stesse ma per il contributo indiretto che portano allo sviluppo di capacità innovativa, anche in campi diversi, nel territorio di riferimento. Offriremo spazi alle professioni creative che si muovono tra arte, innovazione, cultura e turismo, alle start-up del settore e alle diverse forme di imprenditorialità che le caratterizzano: per rilanciare non solo il brand di Venezia, ma anche le eccellenze metropolitane, prima tra tutte l’artigianato del Vetro di Murano e i merletti di Burano.

E


Eccellenze Le Azioni  Realizzare grandi eventi per promuovere a livello mondiale i prodotti e le eccellenze frutto della nostra manifattura industriale e artigianale.  Sostenere attivamente la realizzazione di iniziative quali festival, concorsi, mostre e fiere in ogni quartiere del territorio, con la compartecipazione delle associazioni.  Accelerazione dei processi di innovazione dell’offerta turistica e culturale. L’intervento sull’Arsenale e l’M9 a Mestre, sono esempi che si muovono proprio in questa logica.

 Riorganizzare gli spazi culturali museali per favorirne l’utilizzo, la gestione e il rilancio su scala internazionale.  Coinvolgimento di tutti i soggetti promotori di cultura, tutti i cittadini appassionati di qualsiasi forma d’arte per trasformare dei luoghi abbandonati in luoghi di produzione culturale.

25

Luigi Brugnaro Sindaco: Per le nostre eccellenze

 Un Hub Lab di cultura e arte per sollecitare le produzioni locali e internazionali che si radichino stabilmente nel tessuto cittadino, con le conseguenti ricadute occupazionali.


Per lo sport e i valori Promuoveremo l’esperienza e la cultura dello sport, che insegna a lavorare in squadra, ascoltare i bisogni di tutti, affrontare i problemi e poi prendere le decisioni necessarie per ottenere il successo. Lo sport insegna a vincere nel rispetto dell’avversario e a rialzarsi dopo una sconfitta, facendo tesoro dell’esperienza. Grande attenzione sarà data anche al mondo del volontariato, strutturato in numerosissime associazioni che si attivano quotidianamente con migliaia di cittadini. È una grandissima risorsa per tenere unito il tessuto sociale. La cultura del volontariato è un valore nelle città di Venezia e va preservata in tutte le sue forme. Intendiamo sostenere le organizzazioni terzo settore che combattono l’esclusione agendo sullo sviluppo del “capitale sociale” in tutti i suoi aspetti, con particolare attenzione anche alle realtà legate a gruppi religiosi e pastorali.

S


Sport Le Azioni  Massimo sostegno alle associazioni di tutte le discipline sportive, soprattutto quelle che sono rivolte ai giovani, ai diversamente abili, alle persone svantaggiate, alla terza età.  Grande piano di ristrutturazione e valorizzazione degli impianti sportivi esistenti, facilitando la loro concessione alle diverse realtà, associative, parrocchiali, di promozione sociale, che ne sostengono l’investimento e la gestione.  Realizzazione di nuove strutture, dalle piccole palestre alle piscine, dallo stadio in terraferma al Palasport multifunzionale, facendo leva sul principio di sussidiarietà.  Accordi con le Federazioni Sportive ed Enti di promozione per l’avvio di un grande progetto di diffusione di tutte le discipline sportive nelle scuole di ogni ordine e grado, a cominciare da quella primaria, in modo da far sperimentare tutte le diverse attività.

 Favorire l’avvio dei licei sportivi per facilitare la continuità tra scuola e sport e la vicinanza degli atleti con le proprie famiglie;  Promuovere l’avvicinamento alle attività sportive anche per i diversamente abili, con agevolazioni per la realizzazione di campus e strutture adeguate.  Tutela dei Centri estivi e degli spazi di aggregazione, dall’infanzia fino ai giovani, valorizzando le esperienze già presenti da anni nel territorio, come i Grest parrocchiali.  Con le istituzioni preposte, avvio del progetto di recupero e di inclusione sociale di minori e giovani attraverso lo sport ed il volontariato.

27

Luigi Brugnaro Sindaco: Per lo sport e i valori

 Valorizzazione dei campioni a livello nazionale e internazionale di tutti gli sport per farli diventare testimonial di una città dinamica ed attiva.


Guida al voto Domenica 31 maggio Venezia sceglie il suo nuovo Sindaco.


SI VOTA SOLO DOMENICA 31 MAGGIO DALLE 7:00 ALLE 23:00

Se non sei in possesso di un Certificato Elettorale valido richiedilo subito all’Ufficio Elettorale del Comune di Venezia

Per eleggere Sindaco

LUIGIBRUGNARO

traccia una croce sul simbolo della lista.

A

SC

URR Z Z A A D HE


“Ghea podemo far� Luigi Brugnaro 31TVB13 Committente responsabile: Luigi Brugnaro

Candidato Sindaco di Venezia

www.brugnarosindaco.it

Profile for Attiva attiva

Le città di Venezia  

Le città di Venezia  

Profile for attivaspa
Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded