Alberto Sergi & Arakne Group | Nun me scetà

Page 1

Alberto Sergi & Arakne Group

Nun me scetĂ LIVE



Immagino ... seduto vicino al fuoco, il suo calore che riscalda, la sua luce che chiarisce il buio, il crepitio che tiene compagnia e delicatamente si sovrappone e si mescola nei propri pensieri ... lontane persone care, paesaggi impressi nella memoria portatori di piccoli spaccati di vissuto; enfatizzo tutto ciò, mi fa stare bene; ... e guardo la luna, il suo argenteo riflesso che colpisce tutto ciò che mi sta attorno, fa apparire tutto magico, mi illude di poter dare a ciò che guardo la forma che più mi piace, il significato che più aggrada … così comprendo come una cosa non può prescindere dall’altra e tutte e due contribuiscono a dare il giusto senso all’emozione che ti pervade.


Pizzica

Brano celebrativo per lo strumento fondamentale della musica salentina e della musica popolare in genere. E lu tamburreddhu meu vinne de Roma Ca me l’ha nuttu na napoletana E m’ha dittu cu lu cantu e cu lu sonu Ca quannu vene iddha lu pacamu E lu tamburreddhu meu nu viziu tene Tutte le caruse face ballare

Il mio tamburello venne da Roma Me lo portò una napoletana Mi ha detto di cantarlo e di suonarlo Che quando viene lei lo paghiamo Il mio tamburello un vizio tiene Tutte le ragazze fa ballare

E lu tamburreddhu meu vinne de Roma Ca me l’ha nuttu na vecchia macara

Il mio tamburo venne da Roma Me lo portò una vecchia maga

E lu tamburreddhu meu vinne de Roma Cu rami e senza rami ca puru sona

Il mio tamburo venne da Roma con sonagli e senza sonagli pure suona

E lu tamburreddhu meu è de Murcianu Sapiti de c’è fattu è de farnaru

Il mio tamburello è di Morciano Sapete di cosa è fatto? E’ fatto con il setaccio


Terra sospesa

Da una suite composta da Alexsander Ipavec dedicata ai quattro elementi: fuoco, acqua, aria e terra.


Beddha ci dormi

Serenata per tutte le amate: chiede di aprire il loro cuore all’amore ed alla passione. Beddha ci dormi sullu cusciuni Ieu de qua fore minu suspiri Minu suspiri finu a murire Azzate bella e famme trasire

Bella che dormi sui cuscini Io da qua fuori butto sospiri Butto sospiri fino a morire Alzati bella e fammi entrare

Ora si si ora nono sopra l’amore pazienza ci vuol Beddha ci dormi sulla bambace Ca de qua fore nu me dau pace Nu me dau pace finu a murire Azzate bella e famme trasire

Bella che dormi sulla bambace Io da qua fuori non mi do pace Non mi do pace fino a morire Alzati bella e fammi entrare

Ora si si ora nono sopra l’amore pazienza ci vuol Beddha ci dormi intra li lanzuli Ca de qua fore minu suduri Minu suduri sinu a murire Azzate bella e famme trasire

Bella che dormi dentro le lenzuola Io da qua fuori butto sudori Butto sudori fino a morire Alzati bella e fammi entrare

Ora si si ora nono sopra l’amore pazienza ci vuol Beddha ci dormi stiddha de core Ca de qua fore ardu d’amore Ardu d’amore sinu a murire Azzate bella e famme trasire

Bella che dormi stella del cuore Io da qua fuori ardo d’amore Ardo d’amore fino a morire Alzati bella e fammi entrare


Duminica te portu allu sciardinu

Canto d’ amore dove con arguta allegoria l’uomo cerca di redimere gli ultimi dubbi sulla serietà e certezza del suo amore per l’amata. Ci te l’ha dittu beddha can u t’amu Duminaca te portu allu sciardinu Ddha nc’è lu pede de lu verde ramu Li purmanceddhi caccia de oru finu Accorta cu nu tocci cu la manu Se nu cerchi permessu a me lu primu

Chi te l’ha detto bella che non ti amo Domenica ti porto al mio giardino Li c’è l’albero dal ramo verde I bei frutti nascono d’oro fino Attenta a non toccare con la mano Se non chiedi permesso a me per primo

Accorta cu nu cappi commu Adamu Ca pel u fruttu perse lu sciardinu

Attenta a non capitare come Adamo Che per il frutto perse il giardino

Beddha allu tou sciardinu n’ci su statu De la porta segreta su trasutu

Bella al tuo giardino io ci sono stato Dalla porta segreta sono entrato

De mpizzu a mpizzu l’aggiu camenatu No sai l’alberi c’aggiu chiantatu

Da angolo ad angolo ci ho camminato Non sai gli alberi che ho piantato


Nun me scetà

Canto del repertorio musicale napoletano composto da Ernesto Tagliaferri su un testo di Ernesto Murolo. Un amore finito che spinge l’uomo a voler morire nel mare delle sue lacrime traghettato dai canti di Napoli. Quanta varche ‘e marenare ca se vedono stasera, cu na luce sott’ ‘a prora pare ca ‘e stelle só’ cadute a mare.

Quante barche di marinai che si vedono stasera, con un luce sotto la prua sembra che le stelle sono cadute in mare.

Tutt’ ‘e ccanzone ‘e Napule stanotte, ‘o core mio, vurrìa cantà. Ma addó’ ce stanno lácreme, addio felicità.

Tutte le canzoni di Napoli stanotte, il cuore mio, vorrebbe cantare. Ma dove ci sono lacrime, addio felicità.

Cántame, oje marenà’, tutt’ ‘e ccanzone, n’ora famme durmì sott’a ‘sta luna. Famme sunnà che ancòra mme vò’ bene. Famme ‘nzuonno murì, nun mme scetà. Comm’ ‘o paggio cantatore ch’ ‘a riggina, pe’ na sera, l’addurmette anema e core e po’ ll’abbandunaje, scetáto, a mare, Cántame, oje marenà’, tutt’ ‘e ccanzone, n’ora famme durmì sott’a ‘sta luna. Famme sunnà che ancòra mme vò’ bene. Famme ‘nzuonno murì, nun mme scetà.

Cantami, oh marinaio, tutte le canzoni, un’ora fammi dormire sotto a questa luna. Fammi sognare che ancora mi vuole bene. Fammi, in sonno, morire, non mi svegliare. Come il paggio cantante che la regina, per una sera, gli fece addormentare anima e cuore e poi l’abbandonò, sveglio, in mare, Cantami, oh marinaio, tutte le canzoni, un’ora fammi dormire sotto a questa luna. Fammi sognare che ancora mi vuole bene. Fammi, in sonno, morire, non mi svegliare.


Nunna nunna

Canzone nata sulle strade interregionali del meridione frequentate da lavoratori agricoli che si allontanavano dai loro paesi e famiglie, in cerca di sostentamento economico per il proprio benessere. Nunna nunna è un canto narrativo conosciuto nel Salento grazie a questo fenomeno. Eh nunna nunna chiamate lu cane No lu fa baià menzu la via Lu cane mia no te cerca pane Guarda li muri de la casa mia Guarda li muri de la casa nova Ca ieri sera lu stivale ma muzzicò Pija lu stivale e vattelu cunzare Pija dinaru de la tasca mia No boiu ne dinaru e mancu lu stivale Voiu la padruncella di lu ca La padruncella nu la poti avere Ca è piccineddha e l’amore non la poi fa Se è piccinneddha lei si farà grande Rria lu tiempu e l’aggiu de spusà.

Nonna nonna richiama il tuo cane Non lo far abbaiare in mezzo alla strada Il mio cane non ti chiede da mangiare Guarda i muri della casa mia Guarda i muri della casa nuova Ma ieri sera lo stivale mi mozzicò Prendi lo stivale e vallo ad aggiustare Prendi denaro dalla tasca mia Non voglio né denaro e neanche lo stivale Voglio la padroncella del cane La padroncella non la puoi avere È piccolina e non ci puoi fare l’amore Se è piccolina lei si farà grande Arriverà il tempo e la dovrò sposare.


Balkan blues pizzica

Balkan blues è un brano di Aleksander Ipavec che si pone la domanda: “ e se il blues fosse nato nei Balcani?”. Lo abbiamo fatto incontrare con la pizzica, ritmo arcaico, festoso, sensuale. Ecco il risultato. Amore amore ce m’hai fattu fare De quindic’anni m’hai fattu mpaccire Fattu mpazzire e perdere li sensi Puru la devozione pe li santi Lu sole cu la luna su parenti Cridime beddha mia nui nu simu nenzi Ballati tutti quanti ballati forte Ca la taranta è viva e nu n’è morta

Amore amore che mi hai fatto fare Da quindici anni mi hai fatto impazzire Fatto impazzire e perdere i sensi Anche la devozione per i santi Il sole e la luna sono parenti Credimi bella mia noi non siamo niente Ballate tutti quanti ballate forte Che la taranta e viva e non è morta


No potho reposare

Un canto alla vita, piena di amore incondizionato e integrato.

Non potho reposare amore ‘e coro Pensende a tie so donzi momentu No istes in tristura, prenda ‘e oro Ne in dispiaghere o pensamentu

Non posso riposare, amore del mio cuore, pensando a te sto ogni momento. Non essere triste, gioiello d’oro, né in dispiacere o in pensiero.

T’assicuro ch’ a tie solu bramo Ca t’amo forte t’amo, t’amo, t’amo

Ti assicuro che bramo solo te, che t’amo forte e t’amo, t’amo, t’amo

Si m’essere possibile d’anghelu S’ispiritu invisibile piccabo Sas formas e furabo dae chelu Su sole e sos isteddos e formabo

se mi fosse possibile dell’angelo lo spirito invisibile prenderei le forme ruberei dal cielo il sole e le stelle formerei

Unu mundu bellissimu pro tene Pro poder dispensare cada bene

un mondo bellissimo per te per poter dispensare ogni bene

No potho viver no chena amargura Luntanu dae tene amadu coro A nudda balet sa bella natura Si no est accurtzu su meu tesoro

Non posso viver no senza amarezza Lontano da te cuore amato. A nulla vale la bella natura Se non è vicino a me, il mio tesoro

E pro mi dare consolu e recreu Coro, diosa amada prus ‘e Deus T’assicuro ch’ a tie solu bramo Ca t’amo forte t’amo, t’amo, t’amo

E per darmi consolazione e ristoro Cuore, fortunata amata più da dio Ti assicuro che bramo solo te, che t’amo forte e t’amo, t’amo, t’amo


Tammurriata nera

Brano basato su avvenimenti insoliti per il 1945 a Napoli contesto in cui Edoardo Nicolardi scrive una storia che narra della nascita di un bambino dalla pelle nera. E.A.Mario musica questo testo e nasce la Tammurriata Nera canto ironico ma rappresentativo di un periodo storico in cui di norma i diversi popoli erano costretti ad approdare in terre straniere.

Io nun capisco ‘e vvote che succere e chello ca se vere nun se crere. E’ nato nu criaturo, è nato niro, e ‘a mamma ‘o chiamma Giro, sissignore, ‘o chiamma gGiro. Seh, vota e gira, seh seh, gira e vota, seh ca tu ‘o chiamme Ciccio o ‘Ntuono, ca tu ‘o chiamme Peppe o Giro, chillo ‘o fatto è niro niro, niro niro comm’a cche... S’’o contano ‘e cummare chist’affare sti cose nun so’ rare se ne vedono a migliara. ‘E vvote basta sulo ‘na ‘uardata, e ‘a femmena è rimasta sott’’a botta ‘mpressiunata. Seh, ‘na ‘uardata, seh seh, ‘na ‘mprissione, seh va truvanno mò chi è stato, c’ha cugliuto buono ‘o tiro chillo ‘o fatto è niro niro, niro niro comm’a cche...

Io non capisco a volte che succede, che quello che si vede non si crede! è nato un bambino, è nato nero e la mamma lo chiama Ciro, sissignore, lo chiama Ciro! Rigirala come ti pare, seh, Rigirala come ti pare, seh che tu lo chiami Ciccio o Antonio che tu lo chiami Peppe o Ciro il fatto è che quello è nero, nero come non si sa che! Ne parlano le donne di quest'affare: "Questi fatti non sono rari se ne vedono a migliaia! A volte basta solo una guardata e la femmina è rimasta impressionata per il colpo!" Seh, una guardata, seh seh una impressione seh vai a trovarlo adesso chi è stato che ha fatto il tiro buono il fatto è che quello è nero, nero come non si sa che...


E dice ‘o parulano, Embè parlammo, pecché si raggiunammo chistu fatto ce ‘o spiegammo. Addò pastin’ ‘o grano, ‘o grano cresce riesce o nun riesce, ùsemp’è grano chello ch’esce.

Meh, dillo a mamma, meh meh, dillo pure a me conta ‘o fatto comm’è ghiuto Ciccio, ‘Ntuono, Peppe, Giro chillo ‘o fatto è niro niro, niro niro comm’a che...

Dice il contadino: "Su, parliamo, perché se ragioniamo questo fatto ce lo spieghiamo! Dove si semina il grano, il grano cresce, riesce o non riesce sempre è grano quello che esce." Meh, dillo a mamma, meh meh, dillo pure a me che tu lo chiami Ciccio o Antonio che tu lo chiami Peppe o Ciro il fatto è che quello è nero, nero come non si sa che!

‘E signurine ‘e Caporichino fanno ammore cu ‘e marrucchine, ‘e marrucchine se vottano ‘e lanze, e ‘e signurine cu ‘e panze annanze.

Le ragazze di Capodichino fanno l’amore coi marocchini, i marocchini si buttano lancia in resta le ragazze restano incinte.

American espresso, ramme ‘o dollaro ca vaco ‘e pressa sinò vene ‘a pulisse, mette ‘e mmane addò vò isse.

American Express, dammi il dollaro ché vado di fretta, che sennò viene la Police e fa quello che vuole lei.

Aieressera a piazza Dante ‘o stommaco mio era vacante, si nun era p’’o contrabbando, ì’ mò già stevo ‘o campusanto.

Ieri sera in piazza Dante avevo la pancia vuota, non ci fosse stato il contrabbando sarei già andato al camposanto.


E levate ‘a pistuldà uè e levate ‘a pistuldà, e pisti pakin mama e levate ‘a pistuldà. ‘E signurine napulitane fanno ‘e figlie cu ‘e ‘mericane, nce verimme ogge o dimane mmiezo Porta Capuana.

Lay that pistol down, babe, Lay that pistol down. Pistol packin’ mama, Lay that pistol down. Le ragazze napoletane fanno figli con gli americani, ci vediamo oggi e domani a Porta Capuana.

Sigarette papà caramelle mammà, biscuit bambino dduie dollare ‘e signurine.

Le sigarette per il babà le caramelle per mammà, il biscuit per il bambino e due dollari per le segnorine.

A Cuncetta e a Nanninella ‘e piacevan’e caramelle, mò se presentano pe’ zitelle e vann’a fernì ‘ncopp’e burdelle.

A Concetta e a Nanninella gli piacevan le caramelle, ora si presentan come zitelle, e vanno a finire nei bordelli.

O Ciurcillo ‘o viecchio pazzo s’’è arrubbato ‘e matarazze e ll’America pe’ dispietto ce ha sceppato ‘e pile ‘a pietto.

E Churchill, quel vecchio pazzo si è rubato i materassi, e l’America, per dispetto gli ha fregato i peli dal petto.


Aieressera magnai pellecchie ‘e capille ‘ncopp’’e recchie e capille e capille e ‘o recotto ‘e camumilla...

Ieri sera mangiavo bucce coi capelli sulle orecchie, i capelli, i capelli il decotto di camomilla…

‘O recotto,’o recotto e ‘a fresella cu ‘a carna cotta, ‘a fresella ‘a fresella e zì moneco ten’’a zella.

il decotto, il decotto e la frisella con la carne cotta la frisella, la frisella, e zi’ frate ci ha la rogna.

tene ‘a zella ‘nnanze e arreto uffa uffa e comme fete e lle fete e cane muorto uè pe ll’anema e chillemmuorto. E levate ‘a pistuldà uè e levate ‘a pistuldà, e pisti pakin mama e levate ‘a pistuldà.

ci ha la rogna di dietro e davanti, uffà, uffà come puzza, gli puzza di cane morto, all’anima de li mortacci sùi. Lay that pistol down, babe, Lay that pistol down. Pistol packin’ mama, Lay that pistol down.



Luna otrantina

Canto d’autore di Rina e Daniele Durante. L’Amore per la propria terra testimone di tanti importanti avvenimenti... ancora oggi visibili sotto la magica luce della Luna. Luna otrantina, chissà quante cose hai visto tu: pescatori che affondavano le reti lunghe come i capelli di una donna; alla Torre del Serpe il timoniere drizzò la prua drizzò la prua nell’onda e il suo cuore ancora affonda; e il saraceno che venne dall’Oriente a rapirci le stelle; e il monaco pittore che una nave crociata dipinse nella grotta. Luna luna otrantina chissà quante cose hai visto tu: l’agonia del delfino, ultimo pescatore di corallo, e del mio sogno e del mio sogno più dolce più acerbo e più selvaggio. Luna luna otrantina, la speranza è appesa ad un oleandro e le notti di Puglia sono lunghe, troppo lunghe a finire.



Grazie di cuore a tutti coloro che hanno partecipato attivamente a questo progetto: Alessio, Alessia, Alicia, Chiara, Roberto, Fabiana, Eleonora, Elisa, Giorgio, Carlotta, Laura, Manuela, Mario, Pasquale, Selena, Rossella, Angela, Sofia, Cosimo e Sandra, Gino e Tonia. Anna Rita, Domenico, Annalisa, Ottavia, Paola e Paola, Elena, Marco e Michela. Grazie


1.Intro 2.Pizzica | tradizionale salentino 3.Terra sospesa | Aleksander Ipavec 4.Beddha ci dormi | tradizionale salentino 5.Duminica te portu allu sciardinu | tradizionale salentino 6.Nun me scetĂ | E.Murolo, E.Tagliaferri 7.Nunna nunna | tradizionale sud Italia 8.Balkan blues pizzica | Aleksander Ipavec 9.No potho reposare | tradizionale sarda 10.Tammurriata nera | E.Nicolardi, E.A.Mario